Sei sulla pagina 1di 64

SERIE GENERALE

abb.post.
Spediz. abb. post.- art.
45%1, -comma
art. 2,1 comma 20/b Anno 153 - Numero 293
Legge 27-02-2004,
23-12-1996,n.n.46662 - Filiale
- Filiale di Roma
di Roma

GAZZETTA UFFICIALE
DELLA REPUBBLICA ITALIANA
SI PUBBLICA TUTTI I
PA R T E P R I M A Roma - Luned, 17 dicembre 2012 GIORNI NON FESTIVI
DIREZIONE E REDAZIONE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - UFFICIO PUBBLICAZIONE LEGGI E DECRETI - VIA ARENULA, 70 - 00186 ROMA
DIREZIONE E REDAZIONE
AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESSO
LISTITUTOILPOLIGRAFICO
MINISTERO EDELLA
ZECCA GIUSTIZIA - UFFICIO
DELLO STATO PUBBLICAZIONE
- VIA SALARIA, LEGGI
1027 - 00138 ROMAE - DECRETI - VIA
CENTRALINO ARENULA
06-85081 70 - 00186
- LIBRERIA ROMA
DELLO STATO
AMMINISTRAZIONE
PIAZZA G. VERDI, 1 -PRESSO L'ISTITUTO POLIGRAFICO E ZECCA DELLO STATO - LIBRERIA DELLO STATO - PIAZZA G. VERDI 10 - 00198 ROMA - CENTRALINO 06-85081
00198 ROMA
La Gazzetta Ufficiale, Parte Prima, oltre alla Serie Generale, pubblica cinque Serie speciali, ciascuna contraddistinta
da autonoma numerazione:
1 Serie speciale: Corte costituzionale (pubblicata il mercoled)
2 Serie speciale: Comunit europee (pubblicata il luned e il gioved)
3 Serie speciale: Regioni (pubblicata il sabato)
4 Serie speciale: Concorsi ed esami (pubblicata il marted e il venerd)
5 Serie speciale: Contratti pubblici (pubblicata il luned, il mercoled e il venerd)
La Gazzetta Ufficiale, Parte Seconda, Foglio delle inserzioni, pubblicata il marted, il gioved e il sabato

AVVISO AGLI ABBONATI


Si informano i Gentili Abbonati che dal 3 dicembre i canoni di abbonamento per lanno 2013 sono pubblicati nelle
ultime pagine di tutti i fascicoli della Gazzetta Ufficiale. Si ricorda che labbonamento decorre dalla data di attivazione
e scade dopo un anno od un semestre successivo a quella data a seconda della tipologia di abbonamento scelto. Per
il rinnovo dellabbonamento i Signori abbonati sono pregati di usare il modulo di sottoscrizione che verr inviato per
posta e di seguire le istruzioni ivi riportate per procedere al pagamento.

SOMMARIO
LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI Ministero della salute

LEGGE 10 dicembre 2012, n. 219. DECRETO 6 novembre 2012.


Disposizioni in materia di riconoscimento dei Modifica del testo delletichetta relativamen-
figli naturali. (12G0242) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1 te allintervallo di sicurezza su patata a 30 gior-
ni, dei prodotti fitosanitari EMME H 60 WG
e PATAGERM. (12A13160) . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 18
LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220.
Modifiche alla disciplina del condominio negli
edifici. (12G0241) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 6 DECRETO 27 novembre 2012.
Permesso di commercio parallelo del prodotto
fitosanitario RAMESSE, proveniente dalla Spa-
DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI gna ed ivi autorizzato con la denominazione XA-
NILO 45 WG. (12A13146) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 21

Ministero delleconomia e delle finanze


DECRETO 28 novembre 2012.
DECRETO 7 dicembre 2012.
Ri-registrazione di prodotti fitosanitari, a base
Disposizioni per le operazioni di separazione, di 2,4D, sulla base del dossier BATON TAPPETI
negoziazione e ricostituzione delle componenti
cedolari, della componente indicizzata allinfla- ERBOSI 800g/Kg PB di All. III alla luce dei prin-
zione e del valore nominale di rimborso dei titoli cipi uniformi per la valutazione e lautorizzazio-
di Stato (stripping). (12A13163) . . . . . . . . . . . . . Pag. 16 ne dei prodotti fitosanitari. (12A13039) . . . . . . . Pag. 23
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 4 dicembre 2012. DECRETO 6 novembre 2012.


Riconoscimento dellacqua minerale Divina Scioglimento della Edil 2008 societ coo-
in comune di Tempio Pausania al fine dellimbot- perativa, in Latina e nomina del commissario
tigliamento e della vendita. (12A13161) . . . . . . . Pag. 26 liquidatore. (12A13036) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 31

Ministero delle politiche agricole DECRETO 6 novembre 2012.


alimentari e forestali
Scioglimento della Sww Service Work World
- societ cooperativa, in Genova e nomina del
DECRETO 16 novembre 2012. commissario liquidatore. (12A13041). . . . . . . . . Pag. 32
Iscrizione di variet ortive nel relativo registro
nazionale. (12A13038) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 26
DECRETO 6 novembre 2012.
Scioglimento della Rinascita societ coopera-
DECRETO 28 novembre 2012. tiva, in San Severino Marche e nomina del com-
missario liquidatore. (12A13042) . . . . . . . . . . . . Pag. 32
Iscrizione di una variet ortiva nel relativo regi-
stro nazionale e variazione del relativo responsa-
bile della conservazione in purezza. (12A13037) Pag. 27 DECRETO 6 novembre 2012.
Scioglimento della Europa 2000 societ co-
Ministero operativa, in Roma e nomina del commissario
dello sviluppo economico liquidatore. (12A13043) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 33

DECRETO 31 ottobre 2012. DECRETO 6 novembre 2012.


Scioglimento della Delta societ coopera- Scioglimento della Agenzia 4 societ coope-
tiva, in Pontevico e nomina del commissario rativa, in Ottaviano e nomina del commissario
liquidatore. (12A13047) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 28 liquidatore. (12A13044) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 34

DECRETO 31 ottobre 2012. DECRETO 6 novembre 2012.


Scioglimento della Sani A.C.S. Cooperativa Scioglimento della Servizio 2003 - societ co-
Sociale Onlus, in Vigevano e nomina del com- operativa a r.l., in Saviano e nomina del com-
missario liquidatore. (12A13139) . . . . . . . . . . . . Pag. 28 missario liquidatore. (12A13045) . . . . . . . . . . . . Pag. 34

DECRETO 31 ottobre 2012. DECRETO 6 novembre 2012.


Scioglimento della Euro Coop. Service Socie- Sostituzione del commissario liquidatore della
t Cooperativa, in Viadana e nomina del com- Murelle Societ Cooperativa Edilizia a r.l., in
missario liquidatore. (12A13140) . . . . . . . . . . . . Pag. 29 Casaluce. (12A13046). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 35

DECRETO 31 ottobre 2012. DECRETO 6 novembre 2012.


Scioglimento della Circolo Cooperativo di Sostituzione del commissario liquidatore del-
Consumo di Cassano Valcuvia - Soc. Coop. a la Verde Ambientale Societ Cooperativa, in
r.l., in Cassano Valcuvia e nomina del commis- Pattada. (12A13137) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 35
sario liquidatore. (12A13141) . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 30

DECRETO 6 novembre 2012.


DECRETO 6 novembre 2012.
Revoca dellincarico, senza contestuale sosti-
Scioglimento della Iglesarda societ coopera- tuzione, del commissario liquidatore della Pia-
tiva edilizia a r.l., in Roma e nomina del com- neta Lavoro Societ Cooperativa Sociale a r.l.,
missario liquidatore. (12A13034) . . . . . . . . . . . . Pag. 30 in Cerignola. (12A13142) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 36

DECRETO 6 novembre 2012. DECRETO 14 novembre 2012.


Scioglimento della Star Shadow societ co- Scioglimento della LIdea - societ cooperati-
operativa, in Roma e nomina del commissario va a responsabilit limitata, in Genova e nomi-
liquidatore. (12A13035) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 31 na del commissario liquidatore. (12A13150) . . . Pag. 37

II
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 20 novembre 2012. DELIBERA 3 agosto 2012.


Scioglimento della Coop. Camitalia Societ Fondo per lo sviluppo e la coesione Regione
Cooperativa, in Ferrara e nomina del commis-
sario liquidatore. (12A13143) . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 37 Umbria - programmazione delle residue risorse
2000-2006. (Delibera n. 95/2012). (12A13149) . . Pag. 44

DECRETO 20 novembre 2012.


Scioglimento della Cooperativa Prepo Socie- DELIBERA 26 ottobre 2012.
t Cooperativa Sociale, in Perugia e nomina del Fondo per lo sviluppo e la coesione 2000-2006 -
commissario liquidatore. (12A13144). . . . . . . . . Pag. 38
riprogrammazione parziale a favore dellinterven-
to Giustizia civile celere per la crescita di una quo-
DECRETO 23 novembre 2012. ta dellassegnazione di cui alla delibera n. 98/2007
Nuova metodologia di calcolo del prezzo me- a favore del Dipartimento per linnovazione e le
dio settimanale dei carburanti. (12A13145). . . . Pag. 38 tecnologie. (Delibera n. 111/2012). (12A13148) . . . . Pag. 47

DECRETO 30 novembre 2012. DELIBERA 26 ottobre 2012.


Aggiornamento del tasso da applicare per le Individuazione delle amministrazioni respon-
operazioni di attualizzazione e rivalutazione ai
fini della concessione ed erogazione delle agevo- sabili della gestione e dellattuazione di program-
lazioni a favore delle imprese. (12A13138) . . . . Pag. 41 mi/interventi finanziati nellambito del piano di
azione coesione e relative modalit di attuazione.
(Delibera n. 113/2012). (12A13162) . . . . . . . . . . . Pag. 49
DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORIT
Commissione di vigilanza
Comitato interministeriale sui fondi pensione
per la programmazione economica
DELIBERA 27 novembre 2012.
DELIBERA 11 luglio 2012.
Modifiche e integrazioni alla delibera 31 gen-
Contratto di programma ANAS 2011 - parte naio 2008 recante: Istruzioni per la redazione
servizi e atto aggiuntivo al contratto di program-
ma ANAS 2011 parte investimenti. (Delibera del Progetto esemplificativo: Stima della pensio-
n. 67/2012). (12A13147) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 41 ne complementare. (12A13040). . . . . . . . . . . . . Pag. 53

III
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI


LEGGE 10 dicembre 2012, n. 219. 3. Larticolo 251 del codice civile sostituito dal se-
guente: Art. 251 (Autorizzazione al riconoscimento).
Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli natu-
rali. Il figlio nato da persone, tra le quali esiste un vincolo di
parentela in linea retta allinfinito o in linea collaterale nel
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica secondo grado, ovvero un vincolo di affinit in linea retta,
hanno approvato; pu essere riconosciuto previa autorizzazione del giudice
avuto riguardo allinteresse del figlio e alla necessit di
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA evitare allo stesso qualsiasi pregiudizio.
PROMULGA Il riconoscimento di una persona minore di et auto-
rizzato dal tribunale per i minorenni.
la seguente legge:
4. Il primo comma dellarticolo 258 del codice civi-
Art. 1. le sostituito dal seguente: Il riconoscimento produce
effetti riguardo al genitore da cui fu fatto e riguardo ai
Disposizioni in materia di filiazione parenti di esso.
1. Larticolo 74 del codice civile sostituito dal se- 5. Larticolo 276 del codice civile sostituito dal se-
guente: Art. 74 (Parentela). La parentela il vincolo guente: Art. 276 (Legittimazione passiva). La do-
tra le persone che discendono da uno stesso stipite, sia nel manda per la dichiarazione di paternit o di maternit
caso in cui la filiazione avvenuta allinterno del matri- naturale deve essere proposta nei confronti del presunto
monio, sia nel caso in cui avvenuta al di fuori di esso, genitore o, in sua mancanza, nei confronti dei suoi eredi.
sia nel caso in cui il figlio adottivo. Il vincolo di paren- In loro mancanza, la domanda deve essere proposta nei
tela non sorge nei casi di adozione di persone maggiori di confronti di un curatore nominato dal giudice davanti al
et, di cui agli articoli 291 e seguenti. quale il giudizio deve essere promosso.
2. Allarticolo 250 del codice civile sono apportate le Alla domanda pu contraddire chiunque vi abbia
seguenti modificazioni: interesse.
a) il primo comma sostituito dal seguente: Il fi- 6. La rubrica del titolo IX del libro primo del codice ci-
glio nato fuori del matrimonio pu essere riconosciuto, vile sostituita dalla seguente: Della potest dei genitori
nei modi previsti dallarticolo 254, dalla madre e dal pa- e dei diritti e doveri del figlio.
dre, anche se gi uniti in matrimonio con altra persona 7. Larticolo 315 del codice civile sostituito dal se-
allepoca del concepimento. Il riconoscimento pu avve- guente: Art. 315 (Stato giuridico della filiazione).
nire tanto congiuntamente quanto separatamente; Tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico.
b) al secondo comma, le parole: sedici anni sono 8. Dopo larticolo 315 del codice civile, come sostitui-
sostituite dalle seguenti: quattordici anni; to dal comma 7 del presente articolo, inserito il seguen-
c) al terzo comma, le parole: sedici anni sono so- te: Art. 315-bis (Diritti e doveri del figlio). Il figlio
stituite dalle seguenti: quattordici anni; ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito
d) il quarto comma sostituito dal seguente: Il con- moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacit,
senso non pu essere rifiutato se risponde allinteresse del delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni.
figlio. Il genitore che vuole riconoscere il figlio, qualora Il figlio ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere
il consenso dellaltro genitore sia rifiutato, ricorre al giu- rapporti significativi con i parenti.
dice competente, che fissa un termine per la notifica del
ricorso allaltro genitore. Se non viene proposta opposi- Il figlio minore che abbia compiuto gli anni dodici, e
zione entro trenta giorni dalla notifica, il giudice decide anche di et inferiore ove capace di discernimento, ha di-
con sentenza che tiene luogo del consenso mancante; se ritto di essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure
viene proposta opposizione, il giudice, assunta ogni op- che lo riguardano.
portuna informazione, dispone laudizione del figlio mi- Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire,
nore che abbia compiuto i dodici anni, o anche di et in- in relazione alle proprie capacit, alle proprie sostanze e
feriore, ove capace di discernimento, e assume eventuali al proprio reddito, al mantenimento della famiglia finch
provvedimenti provvisori e urgenti al fine di instaurare convive con essa.
la relazione, salvo che lopposizione non sia palesemen- 9. Nel titolo XIII del libro primo del codice civile, dopo
te fondata. Con la sentenza che tiene luogo del consenso larticolo 448 aggiunto il seguente: Art. 448-bis (Ces-
mancante, il giudice assume i provvedimenti opportuni in sazione per decadenza dellavente diritto dalla potest
relazione allaffidamento e al mantenimento del minore sui figli). Il figlio, anche adottivo, e, in sua mancanza,
ai sensi dellarticolo 315-bis e al suo cognome ai sensi i discendenti prossimi non sono tenuti alladempimento
dellarticolo 262; dellobbligo di prestare gli alimenti al genitore nei con-
e) al quinto comma sono aggiunte, in fine, le seguen- fronti del quale stata pronunciata la decadenza dalla po-
ti parole: , salvo che il giudice li autorizzi, valutate le test e, per i fatti che non integrano i casi di indegnit di cui
circostanze e avuto riguardo allinteresse del figlio. allarticolo 463, possono escluderlo dalla successione.

1
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

10. abrogata la sezione II del capo II del titolo VII del d) estensione della presunzione di paternit del ma-
libro primo del codice civile. rito rispetto ai figli comunque nati o concepiti durante
il matrimonio e ridefinizione della disciplina del disco-
11. Nel codice civile, le parole: figli legittimi e fi- noscimento di paternit, con riferimento in particolare
gli naturali, ovunque ricorrono, sono sostituite dalla se- allarticolo 235, primo comma, numeri 1), 2) e 3), del co-
guente: figli. dice civile, nel rispetto dei princpi costituzionali;
e) modificazione della disciplina del riconoscimento
Art. 2. dei figli nati fuori del matrimonio con la previsione che:
Delega al Governo per la revisione delle disposizioni 1) la disciplina attinente allinserimento del figlio
vigenti in materia di filiazione riconosciuto nella famiglia delluno o dellaltro genitore
sia adeguata al principio dellunificazione dello stato di
1. Il Governo delegato ad adottare, entro dodici mesi figlio, demandando esclusivamente al giudice la valuta-
dalla data di entrata in vigore della presente legge, uno o zione di compatibilit di cui allarticolo 30, terzo comma,
pi decreti legislativi di modifica delle disposizioni vi- della Costituzione;
genti in materia di filiazione e di dichiarazione dello sta- 2) il principio dellinammissibilit del riconosci-
to di adottabilit per eliminare ogni discriminazione tra mento di cui allarticolo 253 del codice civile sia esteso
i figli, anche adottivi, nel rispetto dellarticolo 30 della a tutte le ipotesi in cui il riconoscimento medesimo in
Costituzione, osservando, oltre ai princpi di cui agli arti- contrasto con lo stato di figlio riconosciuto o giudizial-
coli 315 e 315-bis del codice civile, come rispettivamente mente dichiarato;
sostituito e introdotto dallarticolo 1 della presente legge,
i seguenti princpi e criteri direttivi: f) modificazione degli articoli 244, 264 e 273 del co-
dice civile prevedendo labbassamento dellet del mino-
a) sostituzione, in tutta la legislazione vigente, dei re dal sedicesimo al quattordicesimo anno di et;
riferimenti ai figli legittimi e ai figli naturali con ri- g) modificazione della disciplina dellimpugnazione
ferimenti ai figli, salvo lutilizzo delle denominazioni del riconoscimento con la limitazione dellimprescrittibi-
di figli nati nel matrimonio o di figli nati fuori del ma- lit dellazione solo per il figlio e con lintroduzione di un
trimonio quando si tratta di disposizioni a essi specifica- termine di decadenza per lesercizio dellazione da parte
mente relative; degli altri legittimati;
b) modificazione del titolo VII del libro primo del h) unificazione delle disposizioni che disciplinano i
codice civile, in particolare: diritti e i doveri dei genitori nei confronti dei figli nati nel
1) sostituendo la rubrica del titolo VII con la se- matrimonio e dei figli nati fuori del matrimonio, deline-
guente: Dello stato di figlio; ando la nozione di responsabilit genitoriale quale aspetto
dellesercizio della potest genitoriale;
2) sostituendo la rubrica del capo I con la seguen-
te: Della presunzione di paternit; i) disciplina delle modalit di esercizio del diritto
allascolto del minore che abbia adeguata capacit di di-
3) trasponendo nel nuovo capo I i contenuti della scernimento, precisando che, ove lascolto sia previsto
sezione I del capo I; nellambito di procedimenti giurisdizionali, ad esso prov-
4) trasponendo i contenuti della sezione II del vede il presidente del tribunale o il giudice delegato;
capo I in un nuovo capo II, avente la seguente rubrica: l) adeguamento della disciplina delle successioni e
Delle prove della filiazione; delle donazioni al principio di unicit dello stato di figlio,
prevedendo, anche in relazione ai giudizi pendenti, una di-
5) trasponendo i contenuti della sezione III del sciplina che assicuri la produzione degli effetti successori
capo I in un nuovo capo III, avente la seguente rubrica: riguardo ai parenti anche per gli aventi causa del figlio na-
Dellazione di disconoscimento e delle azioni di conte- turale premorto o deceduto nelle more del riconoscimento
stazione e di reclamo dello stato di figlio; e conseguentemente lestensione delle azioni di petizione
6) trasponendo i contenuti del paragrafo 1 della di cui agli articoli 533 e seguenti del codice civile;
sezione I del capo II in un nuovo capo IV, avente la se- m) adattamento e riordino dei criteri di cui agli arti-
guente rubrica: Del riconoscimento dei figli nati fuori coli 33, 34, 35 e 39 della legge 31 maggio 1995, n. 218,
del matrimonio; concernenti lindividuazione, nellambito del sistema di
7) trasponendo i contenuti del paragrafo 2 della diritto internazionale privato, della legge applicabile, an-
sezione I del capo II in un nuovo capo V, avente la se- che con la determinazione di eventuali norme di applica-
guente rubrica: Della dichiarazione giudiziale della pa- zione necessaria in attuazione del principio dellunifica-
ternit e della maternit; zione dello stato di figlio;
8) abrogando le disposizioni che fanno riferimen- n) specificazione della nozione di abbandono morale
to alla legittimazione; e materiale dei figli con riguardo alla provata irrecupera-
bilit delle capacit genitoriali in un tempo ragionevole
c) ridefinizione della disciplina del possesso di stato da parte dei genitori, fermo restando che le condizioni di
e della prova della filiazione prevedendo che la filiazione indigenza dei genitori o del genitore esercente la potest
fuori del matrimonio pu essere giudizialmente accertata genitoriale non possono essere di ostacolo allesercizio
con ogni mezzo idoneo; del diritto del minore alla propria famiglia;

2
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

o) previsione della segnalazione ai comuni, da par- Sono emessi dal tribunale ordinario i provvedimenti re-
te dei tribunali per i minorenni, delle situazioni di indi- lativi ai minori per i quali non espressamente stabilita la
genza di nuclei familiari che, ai sensi della legge 4 mag- competenza di una diversa autorit giudiziaria. Nei pro-
gio 1983, n. 184, richiedano interventi di sostegno per cedimenti in materia di affidamento e di mantenimento
consentire al minore di essere educato nellambito della dei minori si applicano, in quanto compatibili, gli articoli
propria famiglia, nonch previsione di controlli che il tri- 737 e seguenti del codice di procedura civile.
bunale per i minorenni effettua sulle situazioni segnalate
agli enti locali; Fermo restando quanto previsto per le azioni di stato, il
tribunale competente provvede in ogni caso in camera di
p) previsione della legittimazione degli ascendenti a consiglio, sentito il pubblico ministero, e i provvedimenti
far valere il diritto di mantenere rapporti significativi con emessi sono immediatamente esecutivi, salvo che il giu-
i nipoti minori. dice disponga diversamente. Quando il provvedimento
2. Il decreto o i decreti legislativi di cui al comma 1 emesso dal tribunale per i minorenni, il reclamo si propone
provvedono, altres, a effettuare, apportando le occorren- davanti alla sezione di corte di appello per i minorenni.
ti modificazioni e integrazioni normative, il necessario
coordinamento con le norme da essi recate delle dispo- 2. Il giudice, a garanzia dei provvedimenti patrimoniali
sizioni per lattuazione del codice civile e disposizioni in materia di alimenti e mantenimento della prole, pu
transitorie, di cui al regio decreto 30 marzo 1942, n. 318, imporre al genitore obbligato di prestare idonea garanzia
e delle altre norme vigenti in materia, in modo da assicu- personale o reale, se esiste il pericolo che possa sottrarsi
rare il rispetto dei princpi e criteri direttivi di cui al citato alladempimento degli obblighi suddetti. Per assicurare
comma 1 del presente articolo. che siano conservate o soddisfatte le ragioni del creditore
in ordine alladempimento degli obblighi di cui al periodo
3. Il decreto o i decreti legislativi di cui al comma 1 precedente, il giudice pu disporre il sequestro dei beni
sono adottati su proposta del Presidente del Consiglio dei dellobbligato secondo quanto previsto dallarticolo 8,
Ministri, del Ministro dellinterno, del Ministro della giu- settimo comma, della legge 1 dicembre 1970, n. 898. Il
stizia, del Ministro per le pari opportunit e del Ministro giudice pu ordinare ai terzi, tenuti a corrispondere anche
o Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio periodicamente somme di denaro allobbligato, di versare
dei Ministri delegato per le politiche per la famiglia. Sugli le somme dovute direttamente agli aventi diritto, secondo
schemi approvati dal Consiglio dei Ministri esprimono il quanto previsto dallarticolo 8, secondo comma e seguen-
loro parere le Commissioni parlamentari competenti en- ti, della legge 1 dicembre 1970, n. 898. I provvedimenti
tro due mesi dalla loro trasmissione alle Camere. Decorso definitivi costituiscono titolo per liscrizione dellipoteca
tale termine, i decreti legislativi sono emanati anche in giudiziale ai sensi dellarticolo 2818 del codice civile.
mancanza dei pareri. Qualora il termine per lespressione
dei pareri parlamentari, di cui al presente comma, scada
nei trenta giorni che precedono la scadenza del termine Art. 4.
previsto dal comma 1 o successivamente, questultimo
termine prorogato di sei mesi. Disposizioni transitorie
4. Entro un anno dalla data di entrata in vigore di cia-
scun decreto legislativo adottato ai sensi del comma 1, il 1. Le disposizioni di cui allarticolo 3 si applicano ai
Governo pu adottare decreti integrativi o correttivi, nel giudizi instaurati a decorrere dalla data di entrata in vigo-
rispetto dei princpi e criteri direttivi di cui al citato com- re della presente legge.
ma 1 e delle disposizioni del comma 2 e con la procedura 2. Ai processi relativi allaffidamento e al mantenimen-
prevista dal comma 3. to dei figli di genitori non coniugati pendenti davanti al
tribunale per i minorenni alla data di entrata in vigore del-
Art. 3. la presente legge si applicano, in quanto compatibili, gli
articoli 737 e seguenti del codice di procedura civile e il
Modifica dellarticolo 38 delle disposizioni per comma 2 dellarticolo 3 della presente legge.
lattuazione del codice civile e disposizioni a garanzia
dei diritti dei figli agli alimenti e al mantenimento
Art. 5.
1. Larticolo 38 delle disposizioni per lattuazione del
codice civile e disposizioni transitorie, di cui al regio Modifiche alle norme regolamentari in materia di stato
decreto 30 marzo 1942, n. 318, sostituito dal seguen- civile
te: Art. 38. Sono di competenza del tribunale per i
minorenni i provvedimenti contemplati dagli articoli 84, 1. Con regolamento emanato, su proposta delle ammi-
90, 330, 332, 333, 334, 335 e 371, ultimo comma, del nistrazioni di cui al comma 3 dellarticolo 2 della presen-
codice civile. Per i procedimenti di cui allarticolo 333 te legge, ai sensi dellarticolo 17, comma 1, della legge
resta esclusa la competenza del tribunale per i minorenni 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, entro
nellipotesi in cui sia in corso, tra le stesse parti, giudizio sei mesi dalla data di entrata in vigore del decreto o dei
di separazione o divorzio o giudizio ai sensi dellartico- decreti legislativi di cui al citato articolo 2 della presente
lo 316 del codice civile; in tale ipotesi per tutta la durata legge, sono apportate le necessarie e conseguenti modifi-
del processo la competenza, anche per i provvedimenti che alla disciplina dettata in materia di ordinamento dello
contemplati dalle disposizioni richiamate nel primo pe- stato civile dal regolamento di cui al decreto del Presiden-
riodo, spetta al giudice ordinario. te della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396.

3
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

2. Larticolo 35 del regolamento di cui al decreto del NOTE


Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396,
sostituito dal seguente: Art. 35 (Nome). 1. Il nome AVVERTENZA:
imposto al bambino deve corrispondere al sesso e pu
essere costituito da un solo nome o da pi nomi, anche Il testo delle note qui pubblicato stato redatto dallamministrazio-
ne competente per materia, ai sensi dellart. 10, commi 2 e 3, del testo
separati, non superiori a tre. unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sullemana-
2. Nel caso siano imposti due o pi nomi separati da zione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni
virgola, negli estratti e nei certificati rilasciati dallufficia- ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre
1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni di leg-
le dello stato civile e dallufficiale di anagrafe deve essere ge modificate o alle quali operato il rinvio. Restano invariati il valore
riportato solo il primo dei nomi. e lefficacia degli atti legislativi qui trascritti.

Art. 6. Note allart. 1:

Clausola di invarianza finanziaria Si riporta il testo dellart. 250 del codice civile, come modificato
dalla legge qui pubblicata:
1. Dallattuazione delle disposizioni di cui alla presen- Art. 250. Riconoscimento.
te legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri a Il figlio nato fuori del matrimonio pu essere riconosciuto, nei
carico della finanza pubblica. modi previsti dallart. 254, dalla madre e dal padre, anche se gi uniti
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar in matrimonio con altra persona allepoca del concepimento. Il rico-
inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della noscimento pu avvenire tanto congiuntamente quanto separatamente.
Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di Il riconoscimento del figlio che ha compiuto i quattordici anni non
osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. produce effetto senza il suo assenso.
Il riconoscimento del figlio che non ha compiuto i quattordici anni
Data a Roma, add 10 dicembre 2012 non pu avvenire senza il consenso dellaltro genitore che abbia gi
effettuato il riconoscimento.
NAPOLITANO Il consenso non pu essere rifiutato se risponde allinteresse del
figlio. Il genitore che vuole riconoscere il figlio, qualora il consenso
MONTI, Presidente del Con- dellaltro genitore sia rifiutato, ricorre al giudice competente, che fissa
un termine per la notifica del ricorso allaltro genitore. Se non viene
siglio dei Ministri proposta opposizione entro trenta giorni dalla notifica, il giudice decide
Visto, il Guardasigilli: SEVERINO con sentenza che tiene luogo del consenso mancante; se viene proposta
opposizione, il giudice, assunta ogni opportuna informazione, dispone
laudizione del figlio minore che abbia compiuto i dodici anni, o anche
di et inferiore, ove capace di discernimento, e assume eventuali prov-
vedimenti provvisori e urgenti al fine di instaurare la relazione, salvo
che lopposizione non sia palesemente fondata. Con la sentenza che
LAVORI PREPARATORI tiene luogo del consenso mancante, il giudice assume i provvedimenti
opportuni in relazione allaffidamento e al mantenimento del minore ai
sensi dellart. 315-bis e al suo cognome ai sensi dellart. 262.
Camera dei deputati (atto n. 2519):
Il riconoscimento non pu essere fatto dai genitori che non abbiano
Presentato dallOn. Alessandra Mussolini ed altri il 17 giugno 2009. compiuto il sedicesimo anno di et , salvo che il giudice li autorizzi,
Assegnato alla II commissione (Giustizia), in sede referente, il valutate le circostanze e avuto riguardo allinteresse del figlio..
15 luglio 2009 con parere della commissione I.
Si riporta il testo dellart. 258 del codice civile, come modificato
Esaminato dalla II commissione (Giustizia), in sede referente, il dalla legge qui pubblicata:
28 gennaio 2010; il 4, 9, 11, 16 e 23 febbraio 2010; il 10 giugno 2010;
il 2 e 8 febbraio 2011; il 3 e 8 marzo 2011; il 18 maggio 2011; il 15, 21, Art. 258. Effetti del riconoscimento.
22 e 23 giugno 2011. Il riconoscimento produce effetti riguardo al genitore da cui fu fat-
Esaminato in Aula il 28 e 29 giugno 2011 e approvato, il 30 giugno to e riguardo ai parenti di esso.
2011, in un testo unificato con gli atti n. 3184 (On. Rosy Bindi ed altri),
n. 3247 (On. Federico Palomba e On. Antonio Borghesi), n. 3516 (On. Latto di riconoscimento di uno solo dei genitori non pu contenere
Cinzia Capano e On. Donatella Ferranti), n. 3915 Governo (On. Silvio indicazioni relative allaltro genitore. Queste indicazioni, qualora siano
Berlusconi), n. 4007 (On. Paola Binetti ed altri), n. 4054 (On. Siegfried state fatte, sono senza effetto.
Brugger e On. Karl Zeller). Il pubblico ufficiale che le riceve e lufficiale dello stato civile che
le riproduce sui registri dello stato civile sono puniti con lammenda
Senato della Repubblica (atto n. 2805): da euro 20 a euro 82. Le indicazioni stesse devono essere cancellate..
Assegnato alla 2 commissione (Giustizia), in sede referente,
il 5 luglio 2011 con pareri delle commissioni 1 e 5. Note allart. 2:
Esaminato dalla 2 commissione, in sede referente, il 13, 14 e
21 marzo 2012; il 3 e 16 maggio 2012. Si riporta il testo dellart. 30 della Costituzione:
Esaminato in aula l8 e 15 maggio 2012 e approvato, con modifi- Art. 30.
cazioni, il 16 maggio 2012. dovere e diritto dei genitori mantenere istruire ed educare i figli,
anche se nati fuori del matrimonio.
Camera dei deputati (atti nn. 2519-3184-3247-3516-3915-4007-4054-B):
Nei casi di incapacit dei genitori, la legge provvede a che siano
Assegnato alla II commissione (Giustizia), in sede referente, il assolti i loro compiti.
23 maggio 2012 con pareri delle commissioni I, V e XII.
Esaminato dalla II commissione, in sede referente, il 20 giugno La legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela
2012; l11 e 25 luglio 2012; il 3 e 10 ottobre 2012; il 22 novembre 2012. giuridica e sociale, compatibile con i diritti dei membri della famiglia
legittima.
Esaminato in Aula il 26 novembre 2012 e approvato il 27 novem-
bre 2012. La legge detta le norme e i limiti per la ricerca della paternit..

4
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Si riporta il testo dellart. 235, primo comma, numeri 1), 2) e 3), Art. 35.Riconoscimento di figlio naturale.
del codice civile: 1. Le condizioni per il riconoscimento del figlio naturale sono re-
Art. 235. Disconoscimento di paternit. golate dalla legge nazionale del figlio al momento della nascita o, se pi
Lazione per il disconoscimento di paternit del figlio concepito favorevole, dalla legge nazionale del soggetto che fa il riconoscimento,
durante il matrimonio consentita solo nei casi seguenti: nel momento in cui questo avviene.
1) se i coniugi non hanno coabitato nel periodo compreso fra il 2. La capacit del genitore di fare il riconoscimento regolata dalla
trecentesimo ed il centottantesimo giorno prima della nascita; sua legge nazionale.
2) se durante il tempo predetto il marito era affetto da impotenza, 3. La forma del riconoscimento regolata dalla legge dello Stato in
anche se soltanto di generare; cui esso fatto o da quella che ne disciplina la sostanza.
3) se nel detto periodo la moglie ha commesso adulterio o ha Art. 39. apporto fra adottato e famiglia adottiva.
tenuto celata al marito la propria gravidanza e la nascita del figlio. In tali 1. I rapporti personali e patrimoniali fra ladottato e ladottante o gli
casi il marito ammesso a provare che il figlio presenta caratteristiche adottanti ed i parenti di questi sono regolati dal diritto nazionale delladot-
genetiche o del gruppo sanguigno incompatibili con quelle del presunto tante o degli adottanti se comune o, in mancanza, dal diritto dello Stato
padre, o ogni altro fatto tendente ad escludere la paternit. nel quale gli adottanti sono entrambi residenti ovvero da quello dello Sta-
2. 3. (Omissis).. to nel quale la loro vita matrimoniale prevalentemente localizzata..
Si riporta il testo dellart. 253 del codice civile: La legge 4 maggio 1983, n. 184 reca: Diritto del minore ad una
Art. 253. Inammissibilit del riconoscimento. famiglia..
In nessun caso ammesso un riconoscimento in contrasto con lo Il regio decreto 30 marzo 1942, n. 318 reca: Disposizioni per lat-
stato di figlio legittimo o legittimato in cui la persona si trova.. tuazione del codice civile e disposizioni transitorie..
Si riporta il testo degli articoli 244, 264 e 273 del codice civile:
Note allart. 3:
Art. 244. Termini dellazione di disconoscimento.
Lazione di disconoscimento della paternit da parte della madre Si riporta il testo dellart. 8 della legge 1 dicembre 1970, n. 898
deve essere proposta nel termine di sei mesi dalla nascita del figlio. (Disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio):
Art. 264. Impugnazione da parte del riconosciuto. Art. 8.
Colui che stato riconosciuto non pu, durante la minore et o lo (In vigore dal 12 marzo 1987)
stato dinterdizione per infermit di mente, impugnare il riconoscimento. 1. Il Tribunale che pronuncia lo scioglimento o la cessazione degli
Tuttavia il giudice, con provvedimento in camera di consiglio su effetti civili del matrimonio pu imporre allobbligato di prestare idonea
istanza del pubblico ministero o del tutore o dellaltro genitore che abbia garanzia reale o personale se esiste il pericolo che egli possa sottrarsi
validamente riconosciuto il figlio o del figlio stesso che abbia compiuto alladempimento degli obblighi di cui agli articoli 5 e 6.
il sedicesimo anno di et, pu dare lautorizzazione per impugnare il 2. La sentenza costituisce titolo per liscrizione dellipoteca giudi-
riconoscimento, nominando un curatore speciale. ziale ai sensi dellart. 2818 del codice civile.
Art. 273. Azione nellinteresse del minore o dellinterdetto. 3. Il coniuge cui spetta la corresponsione periodica dellassegno,
Lazione per ottenere che sia giudizialmente dichiarata la paternit dopo la costituzione in mora a mezzo raccomandata con avviso di rice-
o la maternit naturale pu essere promossa, nellinteresse del minore, vimento del coniuge obbligato e inadempiente per un periodo di almeno
dal genitore che esercita la potest prevista dallart. 316 o dal tutore. trenta giorni, pu notificare il provvedimento in cui stabilita la misura
Il tutore per deve chiedere lautorizzazione del giudice, il quale pu dellassegno ai terzi tenuti a corrispondere periodicamente somme di
anche nominare un curatore speciale. denaro al coniuge obbligato con linvito a versargli direttamente le som-
Occorre il consenso del figlio per promuovere o per proseguire me dovute, dandone comunicazione al coniuge inadempiente.
lazione se egli ha compiuto let di sedici anni. 4. Ove il terzo cui sia stato notificato il provvedimento non adem-
Per linterdetto lazione pu essere promossa dal tutore previa au- pia, il coniuge creditore ha azione diretta esecutiva nei suoi confronti
torizzazione del giudice.. per il pagamento delle somme dovutegli quale assegno di mantenimento
Si riporta il testo dellart. 533 del codice civile: ai sensi degli articoli 5 e 6 .
Art. 533. Nozione. 5. Qualora il credito del coniuge obbligato nei confronti dei sud-
detti terzi sia stato gi pignorato al momento della notificazione, allas-
Lerede pu chiedere il riconoscimento della sua qualit ereditaria segnazione e alla ripartizione delle somme fra il coniuge cui spetta la
contro chiunque possiede tutti o parte dei beni ereditari a titolo di erede o corresponsione periodica dellassegno, il creditore procedente e i cre-
senza titolo alcuno, allo scopo di ottenere la restituzione dei beni medesimi. ditori intervenuti nellesecuzione, provvede il giudice dellesecuzione.
Lazione imprescrittibile, salvi gli effetti dellusucapione rispetto 6. Lo Stato e gli altri enti indicati nellart. 1 del testo unico delle leg-
ai singoli beni.. gi concernenti il sequestro, il pignoramento e la cessione degli stipendi,
Si riporta il testo degli articoli 33, 34, 35 e 39 della legge salari e pensioni dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni, appro-
31 maggio 1995, n. 218 (Riforma del sistema italiano di diritto inter- vato con decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1950, n. 180,
nazionale privato): nonch gli altri enti datori di lavoro cui sia stato notificato il provvedi-
Art. 33. Filiazione. mento in cui stabilita la misura dellassegno e linvito a pagare diret-
1. Lo stato di figlio determinato dalla legge nazionale del figlio al tamente al coniuge cui spetta la corresponsione periodica, non possono
momento della nascita. versare a questultimo oltre la met delle somme dovute al coniuge ob-
bligato, comprensive anche degli assegni e degli emolumenti accessori.
2. legittimo il figlio considerato tale dalla legge dello Stato di cui
uno dei genitori cittadino al momento della nascita del figlio. 7. Per assicurare che siano soddisfatte o conservate le ragioni del
creditore in ordine alladempimento degli obblighi di cui agli articoli 5
3. La legge nazionale del figlio al momento della nascita regola i e 6, su richiesta dellavente diritto, il giudice pu disporre il sequestro
presupposti e gli effetti dellaccertamento e della contestazione dello dei beni del coniuge obbligato a somministrare lassegno. Le somme
stato di figlio. Lo stato di figlio legittimo, acquisito in base alla legge spettanti al coniuge obbligato alla corresponsione dellassegno di cui al
nazionale di uno dei genitori, non pu essere contestato che alla stregua precedente comma sono soggette a sequestro e pignoramento fino alla
di tale legge. concorrenza della met per il soddisfacimento dellassegno periodico di
Art. 34. Legittimazione. cui agli articoli 5 e 6..
1. La legittimazione per susseguente matrimonio regolata dalla
legge nazionale del figlio nel momento in cui essa avviene o dalla legge Note allart. 4:
nazionale di uno dei genitori nel medesimo momento.
Si riporta il testo dellart. 737 del codice di procedura civile:
2. Negli altri casi, la legittimazione regolata dalla legge dello
Stato di cui cittadino, al momento della domanda, il genitore nei cui Art. 737. Forma della domanda e del provvedimento.
confronti il figlio viene legittimato. Per la legittimazione destinata ad I provvedimenti, che debbono essere pronunciati in camera di con-
avere effetto dopo la morte del genitore legittimante, si tiene conto della siglio, si chiedono con ricorso al giudice competente e hanno forma di
sua cittadinanza al momento della morte. decreto motivato, salvo che la legge disponga altrimenti..

5
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Note allart. 5: 3) le opere, le installazioni, i manufatti di qualun-


Si riporta il testo del comma 1 dellart. 17 della legge 23 agosto
que genere destinati alluso comune, come gli ascensori,
1988, n. 400 (Disciplina dellattivit di Governo e ordinamento della i pozzi, le cisterne, gli impianti idrici e fognari, i sistemi
Presidenza del Consiglio dei Ministri): centralizzati di distribuzione e di trasmissione per il gas,
Art. 17.Regolamenti. per lenergia elettrica, per il riscaldamento ed il condizio-
namento dellaria, per la ricezione radiotelevisiva e per
1. Con decreto del Presidente della Repubblica, previa deliberazio-
ne del Consiglio dei ministri, sentito il parere del Consiglio di Stato che laccesso a qualunque altro genere di flusso informativo,
deve pronunziarsi entro novanta giorni dalla richiesta, possono essere anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino
emanati regolamenti per disciplinare: al punto di diramazione ai locali di propriet individuale
a) lesecuzione delle leggi e dei decreti legislativi, nonch dei dei singoli condomini, ovvero, in caso di impianti unitari,
regolamenti comunitari; fino al punto di utenza, salvo quanto disposto dalle nor-
b) lattuazione e lintegrazione delle leggi e dei decreti legisla- mative di settore in materia di reti pubbliche.
tivi recanti norme di principio, esclusi quelli relativi a materie riservate
alla competenza regionale; Art. 2.
c) le materie in cui manchi la disciplina da parte di leggi o di
atti aventi forza di legge, sempre che non si tratti di materie comunque 1. Dopo larticolo 1117 del codice civile sono inseriti
riservate alla legge; i seguenti:
d) lorganizzazione ed il funzionamento delle amministrazioni Art. 1117-bis. (Ambito di applicabilit). Le di-
pubbliche secondo le disposizioni dettate dalla legge; sposizioni del presente capo si applicano, in quanto com-
e). patibili, in tutti i casi in cui pi unit immobiliari o pi
(Omissis)..
edifici ovvero pi condominii di unit immobiliari o di
edifici abbiano parti comuni ai sensi dellarticolo 1117.
Il decreto del Presidente della Repubblica 3 novembre 2000, n. 396
reca: Regolamento per la revisione e la semplificazione dellordina- Art. 1117-ter. (Modificazioni delle destinazioni
mento dello stato civile, a norma dellart. 2, comma 12, della L. 15 mag- duso). Per soddisfare esigenze di interesse condomi-
gio 1997, n. 127. niale, lassemblea, con un numero di voti che rappresenti
i quattro quinti dei partecipanti al condominio e i quattro
12G0242 quinti del valore delledificio, pu modificare la destina-
zione duso delle parti comuni.
La convocazione dellassemblea deve essere affissa
per non meno di trenta giorni consecutivi nei locali di
LEGGE 11 dicembre 2012, n. 220.
maggior uso comune o negli spazi a tal fine destinati e
Modifiche alla disciplina del condominio negli edifici. deve effettuarsi mediante lettera raccomandata o equipol-
lenti mezzi telematici, in modo da pervenire almeno venti
La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica giorni prima della data di convocazione.
hanno approvato; La convocazione dellassemblea, a pena di nullit,
deve indicare le parti comuni oggetto della modificazione
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA e la nuova destinazione duso.
La deliberazione deve contenere la dichiarazione
espressa che sono stati effettuati gli adempimenti di cui
PROMULGA ai precedenti commi.
Sono vietate le modificazioni delle destinazioni duso
la seguente legge: che possono recare pregiudizio alla stabilit o alla sicurez-
za del fabbricato o che ne alterano il decoro architettonico.
Art. 1. Art. 1117-quater. (Tutela delle destinazioni duso).
In caso di attivit che incidono negativamente e in
1. Larticolo 1117 del codice civile sostituito dal modo sostanziale sulle destinazioni duso delle parti co-
seguente: muni, lamministratore o i condomini, anche singolar-
Art. 1117. (Parti comuni delledificio). Sono mente, possono diffidare lesecutore e possono chiedere
oggetto di propriet comune dei proprietari delle singole la convocazione dellassemblea per far cessare la viola-
unit immobiliari delledificio, anche se aventi diritto a zione, anche mediante azioni giudiziarie. Lassemblea de-
godimento periodico e se non risulta il contrario dal titolo: libera in merito alla cessazione di tali attivit con la mag-
1) tutte le parti delledificio necessarie alluso comu- gioranza prevista dal secondo comma dellarticolo 1136.
ne, come il suolo su cui sorge ledificio, le fondazioni, i
muri maestri, i pilastri e le travi portanti, i tetti e i lastrici Art. 3.
solari, le scale, i portoni di ingresso, i vestiboli, gli anditi, 1. Larticolo 1118 del codice civile sostituito dal
i portici, i cortili e le facciate; seguente:
2) le aree destinate a parcheggio nonch i locali per i Art. 1118. (Diritti dei partecipanti sulle parti co-
servizi in comune, come la portineria, incluso lalloggio del muni). Il diritto di ciascun condomino sulle parti comu-
portiere, la lavanderia, gli stenditoi e i sottotetti destinati, ni, salvo che il titolo non disponga altrimenti, proporzio-
per le caratteristiche strutturali e funzionali, alluso comune; nale al valore dellunit immobiliare che gli appartiene.

6
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Il condomino non pu rinunziare al suo diritto sulle che siano state attribuite in propriet esclusiva o destinate
parti comuni. alluso individuale, il condomino non pu eseguire opere
Il condomino non pu sottrarsi allobbligo di contri- che rechino danno alle parti comuni ovvero determinino
buire alle spese per la conservazione delle parti comuni, pregiudizio alla stabilit, alla sicurezza o al decoro archi-
neanche modificando la destinazione duso della propria tettonico delledificio.
unit immobiliare, salvo quanto disposto da leggi speciali.
Il condomino pu rinunciare allutilizzo dellimpianto In ogni caso data preventiva notizia allamministrato-
centralizzato di riscaldamento o di condizionamento, se re che ne riferisce allassemblea.
dal suo distacco non derivano notevoli squilibri di funzio-
namento o aggravi di spesa per gli altri condomini. In tal
caso il rinunziante resta tenuto a concorrere al pagamento Art. 7.
delle sole spese per la manutenzione straordinaria dellim-
pianto e per la sua conservazione e messa a norma. 1. Dopo larticolo 1122 del codice civile sono inseriti
i seguenti:
Art. 4.
1. Al primo comma dellarticolo 1119 del codice civile Art. 1122-bis. (Impianti non centralizzati di rice-
sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: e con il con- zione radiotelevisiva e di produzione di energia da fonti
senso di tutti i partecipanti al condominio. rinnovabili). Le installazioni di impianti non centra-
lizzati per la ricezione radiotelevisiva e per laccesso a
Art. 5. qualunque altro genere di flusso informativo, anche da sa-
tellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino al punto di
1. Dopo il primo comma dellarticolo 1120 del codice diramazione per le singole utenze sono realizzati in modo
civile sono inseriti i seguenti: da recare il minor pregiudizio alle parti comuni e alle
I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo unit immobiliari di propriet individuale, preservando
comma dellarticolo 1136, possono disporre le innovazioni in ogni caso il decoro architettonico delledificio, salvo
che, nel rispetto della normativa di settore, hanno ad oggetto: quanto previsto in materia di reti pubbliche.
1) le opere e gli interventi volti a migliorare la sicu-
rezza e la salubrit degli edifici e degli impianti; consentita linstallazione di impianti per la produzio-
2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le ne di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di
barriere architettoniche, per il contenimento del consumo singole unit del condominio sul lastrico solare, su ogni
energetico degli edifici e per realizzare parcheggi destinati altra idonea superficie comune e sulle parti di propriet
a servizio delle unit immobiliari o delledificio, nonch individuale dellinteressato.
per la produzione di energia mediante lutilizzo di impianti
di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinno- Qualora si rendano necessarie modificazioni delle parti
vabili da parte del condominio o di terzi che conseguano comuni, linteressato ne d comunicazione allammini-
a titolo oneroso un diritto reale o personale di godimento stratore indicando il contenuto specifico e le modalit di
del lastrico solare o di altra idonea superficie comune; esecuzione degli interventi. Lassemblea pu prescrive-
3) linstallazione di impianti centralizzati per la rice- re, con la maggioranza di cui al quinto comma dellar-
zione radiotelevisiva e per laccesso a qualunque altro ge- ticolo 1136, adeguate modalit alternative di esecuzione
nere di flusso informativo, anche da satellite o via cavo, e o imporre cautele a salvaguardia della stabilit, della si-
i relativi collegamenti fino alla diramazione per le singole curezza o del decoro architettonico delledificio e, ai fini
utenze, ad esclusione degli impianti che non comportano dellinstallazione degli impianti di cui al secondo comma,
modifiche in grado di alterare la destinazione della cosa provvede, a richiesta degli interessati, a ripartire luso del
comune e di impedire agli altri condomini di farne uso lastrico solare e delle altre superfici comuni, salvaguar-
secondo il loro diritto. dando le diverse forme di utilizzo previste dal regolamen-
to di condominio o comunque in atto. Lassemblea, con la
Lamministratore tenuto a convocare lassemblea medesima maggioranza, pu altres subordinare lesecu-
entro trenta giorni dalla richiesta anche di un solo con- zione alla prestazione, da parte dellinteressato, di idonea
domino interessato alladozione delle deliberazioni di garanzia per i danni eventuali.
cui al precedente comma. La richiesta deve contenere
lindicazione del contenuto specifico e delle modalit di
esecuzione degli interventi proposti. In mancanza, lam- Laccesso alle unit immobiliari di propriet individuale
ministratore deve invitare senza indugio il condomino deve essere consentito ove necessario per la progettazione
proponente a fornire le necessarie integrazioni. e per lesecuzione delle opere. Non sono soggetti ad auto-
rizzazione gli impianti destinati alle singole unit abitative.
Art. 6.
Art. 1122-ter. (Impianti di videosorveglianza sulle
1. Larticolo 1122 del codice civile sostituito dal parti comuni). Le deliberazioni concernenti linstal-
seguente: lazione sulle parti comuni delledificio di impianti volti
Art. 1122. (Opere su parti di propriet o uso indi- a consentire la videosorveglianza su di esse sono appro-
viduale). Nellunit immobiliare di sua propriet ov- vate dallassemblea con la maggioranza di cui al secondo
vero nelle parti normalmente destinate alluso comune, comma dellarticolo 1136.

7
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Art. 8. il tramite dellamministratore, pu chiedere di prendere


visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicon-
1. Allarticolo 1124 del codice civile sono apportate le tazione periodica.
seguenti modificazioni:
a) il primo comma sostituito dal seguente: Alla cessazione dellincarico lamministratore tenuto
alla consegna di tutta la documentazione in suo possesso
Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai afferente al condominio e ai singoli condomini e ad ese-
proprietari delle unit immobiliari a cui servono. La spesa guire le attivit urgenti al fine di evitare pregiudizi agli
relativa ripartita tra essi, per met in ragione del valore interessi comuni senza diritto ad ulteriori compensi.
delle singole unit immobiliari e per laltra met esclu-
sivamente in misura proporzionale allaltezza di ciascun Salvo che sia stato espressamente dispensato dallassem-
piano dal suolo; blea, lamministratore tenuto ad agire per la riscossione
b) la rubrica sostituita dalla seguente: Manuten- forzosa delle somme dovute dagli obbligati entro sei mesi
zione e sostituzione delle scale e degli ascensori. dalla chiusura dellesercizio nel quale il credito esigibile
compreso, anche ai sensi dellarticolo 63, primo comma,
delle disposizioni per lattuazione del presente codice.
Art. 9.
Lincarico di amministratore ha durata di un anno e si
1. Larticolo 1129 del codice civile sostituito dal intende rinnovato per eguale durata. Lassemblea convo-
seguente: cata per la revoca o le dimissioni delibera in ordine alla
Art. 1129. (Nomina, revoca ed obblighi dellam- nomina del nuovo amministratore.
ministratore). Quando i condomini sono pi di otto, La revoca dellamministratore pu essere deliberata in
se lassemblea non vi provvede, la nomina di un ammini- ogni tempo dallassemblea, con la maggioranza prevista
stratore fatta dallautorit giudiziaria su ricorso di uno o per la sua nomina oppure con le modalit previste dal
pi condomini o dellamministratore dimissionario. regolamento di condominio. Pu altres essere disposta
Contestualmente allaccettazione della nomina e ad dallautorit giudiziaria, su ricorso di ciascun condomino,
ogni rinnovo dellincarico, lamministratore comunica i nel caso previsto dal quarto comma dellarticolo 1131, se
propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, o, non rende il conto della gestione, ovvero in caso di gravi
se si tratta di societ, anche la sede legale e la denomina- irregolarit. Nei casi in cui siano emerse gravi irregolarit
zione, il locale ove si trovano i registri di cui ai numeri 6) fiscali o di non ottemperanza a quanto disposto dal nume-
e 7) dellarticolo 1130, nonch i giorni e le ore in cui ogni ro 3) del dodicesimo comma del presente articolo, i con-
interessato, previa richiesta allamministratore, pu pren- domini, anche singolarmente, possono chiedere la con-
derne gratuitamente visione e ottenere, previo rimborso vocazione dellassemblea per far cessare la violazione e
della spesa, copia da lui firmata. revocare il mandato allamministratore. In caso di manca-
Lassemblea pu subordinare la nomina dellammini- ta revoca da parte dellassemblea, ciascun condomino pu
stratore alla presentazione ai condomini di una polizza rivolgersi allautorit giudiziaria; in caso di accoglimento
individuale di assicurazione per la responsabilit civile della domanda, il ricorrente, per le spese legali, ha titolo
per gli atti compiuti nellesercizio del mandato. alla rivalsa nei confronti del condominio, che a sua volta
Lamministratore tenuto altres ad adeguare i massi- pu rivalersi nei confronti dellamministratore revocato.
mali della polizza se nel periodo del suo incarico lassem- Costituiscono, tra le altre, gravi irregolarit:
blea deliberi lavori straordinari. Tale adeguamento non 1) lomessa convocazione dellassemblea per lap-
deve essere inferiore allimporto di spesa deliberato e deve provazione del rendiconto condominiale, il ripetuto rifiuto
essere effettuato contestualmente allinizio dei lavori. Nel di convocare lassemblea per la revoca e per la nomina del
caso in cui lamministratore sia coperto da una polizza nuovo amministratore o negli altri casi previsti dalla legge;
di assicurazione per la responsabilit civile professiona-
le generale per lintera attivit da lui svolta, tale polizza 2) la mancata esecuzione di provvedimenti giudiziari
deve essere integrata con una dichiarazione dellimpresa e amministrativi, nonch di deliberazioni dellassemblea;
di assicurazione che garantisca le condizioni previste dal 3) la mancata apertura ed utilizzazione del conto di
periodo precedente per lo specifico condominio. cui al settimo comma;
Sul luogo di accesso al condominio o di maggior uso 4) la gestione secondo modalit che possono gene-
comune, accessibile anche ai terzi, affissa lindicazione rare possibilit di confusione tra il patrimonio del condo-
delle generalit, del domicilio e dei recapiti, anche telefo- minio e il patrimonio personale dellamministratore o di
nici, dellamministratore. altri condomini;
In mancanza dellamministratore, sul luogo di accesso 5) laver acconsentito, per un credito insoddisfatto,
al condominio o di maggior uso comune, accessibile an- alla cancellazione delle formalit eseguite nei registri im-
che ai terzi, affissa lindicazione delle generalit e dei mobiliari a tutela dei diritti del condominio;
recapiti, anche telefonici, della persona che svolge fun-
zioni analoghe a quelle dellamministratore. 6) qualora sia stata promossa azione giudiziaria per
Lamministratore obbligato a far transitare le som- la riscossione delle somme dovute al condominio, laver
me ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, omesso di curare diligentemente lazione e la conseguen-
nonch quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del con- te esecuzione coattiva;
dominio, su uno specifico conto corrente, postale o ban- 7) linottemperanza agli obblighi di cui allartico-
cario, intestato al condominio; ciascun condomino, per lo 1130, numeri 6), 7) e 9);

8
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

8) lomessa, incompleta o inesatta comunicazione richiesta; allo stesso registro allegato il regolamento di
dei dati di cui al secondo comma del presente articolo. condominio, ove adottato. Nel registro di nomina e revo-
In caso di revoca da parte dellautorit giudiziaria, ca dellamministratore sono annotate, in ordine cronolo-
lassemblea non pu nominare nuovamente lammini- gico, le date della nomina e della revoca di ciascun ammi-
stratore revocato. nistratore del condominio, nonch gli estremi del decreto
Lamministratore, allatto dellaccettazione della no- in caso di provvedimento giudiziale. Nel registro di con-
mina e del suo rinnovo, deve specificare analiticamente, tabilit sono annotati in ordine cronologico, entro trenta
a pena di nullit della nomina stessa, limporto dovuto a giorni da quello delleffettuazione, i singoli movimenti in
titolo di compenso per lattivit svolta. entrata ed in uscita. Tale registro pu tenersi anche con
modalit informatizzate;
Per quanto non disciplinato dal presente articolo si ap-
plicano le disposizioni di cui alla sezione I del capo IX 8) conservare tutta la documentazione inerente alla
del titolo III del libro IV. propria gestione riferibile sia al rapporto con i condo-
Il presente articolo si applica anche agli edifici di al- mini sia allo stato tecnico-amministrativo delledificio e
loggi di edilizia popolare ed economica, realizzati o recu- del condominio;
perati da enti pubblici a totale partecipazione pubblica o
con il concorso dello Stato, delle regioni, delle province o 9) fornire al condomino che ne faccia richiesta atte-
dei comuni, nonch a quelli realizzati da enti pubblici non stazione relativa allo stato dei pagamenti degli oneri con-
economici o societ private senza scopo di lucro con fi- dominiali e delle eventuali liti in corso;
nalit sociali proprie delledilizia residenziale pubblica.
10) redigere il rendiconto condominiale annuale del-
Art. 10. la gestione e convocare lassemblea per la relativa appro-
vazione entro centottanta giorni.
1. Larticolo 1130 del codice civile sostituito dal
seguente:
Art. 1130. (Attribuzioni dellamministratore). Art. 11.
Lamministratore, oltre a quanto previsto dallartico-
lo 1129 e dalle vigenti disposizioni di legge, deve: 1. Dopo larticolo 1130 del codice civile inserito il
1) eseguire le deliberazioni dellassemblea, convo- seguente:
carla annualmente per lapprovazione del rendiconto con-
dominiale di cui allarticolo 1130-bis e curare losservan- Art. 1130-bis. (Rendiconto condominiale). Il
za del regolamento di condominio; rendiconto condominiale contiene le voci di entrata e di
uscita ed ogni altro dato inerente alla situazione patrimo-
2) disciplinare luso delle cose comuni e la fruizione niale del condominio, ai fondi disponibili ed alle even-
dei servizi nellinteresse comune, in modo che ne sia as- tuali riserve, che devono essere espressi in modo da con-
sicurato il miglior godimento a ciascuno dei condomini; sentire limmediata verifica. Si compone di un registro
3) riscuotere i contributi ed erogare le spese occor- di contabilit, di un riepilogo finanziario, nonch di una
renti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni nota sintetica esplicativa della gestione con lindicazio-
delledificio e per lesercizio dei servizi comuni; ne anche dei rapporti in corso e delle questioni pendenti.
4) compiere gli atti conservativi relativi alle parti co- Lassemblea condominiale pu, in qualsiasi momento o
muni delledificio; per pi annualit specificamente identificate, nominare
5) eseguire gli adempimenti fiscali; un revisore che verifichi la contabilit del condominio.
La deliberazione assunta con la maggioranza prevista
6) curare la tenuta del registro di anagrafe condomi- per la nomina dellamministratore e la relativa spesa
niale contenente le generalit dei singoli proprietari e dei ripartita fra tutti i condomini sulla base dei millesimi di
titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, propriet. I condomini e i titolari di diritti reali o di go-
comprensive del codice fiscale e della residenza o domi- dimento sulle unit immobiliari possono prendere visio-
cilio, i dati catastali di ciascuna unit immobiliare, non- ne dei documenti giustificativi di spesa in ogni tempo ed
ch ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza. Ogni estrarne copia a proprie spese. Le scritture e i documenti
variazione dei dati deve essere comunicata allammini- giustificativi devono essere conservati per dieci anni dalla
stratore in forma scritta entro sessanta giorni. Lammi- data della relativa registrazione.
nistratore, in caso di inerzia, mancanza o incompletezza
delle comunicazioni, richiede con lettera raccomandata le Lassemblea pu anche nominare, oltre allamministra-
informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagra- tore, un consiglio di condominio composto da almeno tre
fe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta condomini negli edifici di almeno dodici unit immobi-
risposta, lamministratore acquisisce le informazioni ne- liari. Il consiglio ha funzioni consultive e di controllo.
cessarie, addebitandone il costo ai responsabili;
7) curare la tenuta del registro dei verbali delle as-
semblee, del registro di nomina e revoca dellamministra- Art. 12.
tore e del registro di contabilit. Nel registro dei verbali
delle assemblee sono altres annotate: le eventuali manca- 1. Al primo comma dellarticolo 1131 del codice civile,
te costituzioni dellassemblea, le deliberazioni nonch le le parole: dallarticolo precedente sono sostituite dalle
brevi dichiarazioni rese dai condomini che ne hanno fatto seguenti: dallarticolo 1130.

9
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Art. 13. Le deliberazioni di cui allarticolo 1120, primo com-


ma, e allarticolo 1122-bis, terzo comma, devono essere
1. Larticolo 1134 del codice civile sostituito dal approvate dallassemblea con un numero di voti che rap-
seguente: presenti la maggioranza degli intervenuti ed almeno i due
Art. 1134. (Gestione di iniziativa individuale). terzi del valore delledificio.
Il condomino che ha assunto la gestione delle parti co- Lassemblea non pu deliberare, se non consta che tutti
muni senza autorizzazione dellamministratore o dellas- gli aventi diritto sono stati regolarmente convocati.
semblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di
spesa urgente. Delle riunioni dellassemblea si redige processo verba-
2. Allarticolo 1135 del codice civile sono apportate le le da trascrivere nel registro tenuto dallamministratore.
seguenti modificazioni:
a) al primo comma, il numero 4) sostituito dal Art. 15.
seguente: 1. Larticolo 1137 del codice civile sostituito dal
4) alle opere di manutenzione straordinaria e seguente:
alle innovazioni, costituendo obbligatoriamente un fondo Art. 1137. (Impugnazione delle deliberazioni
speciale di importo pari allammontare dei lavori; dellassemblea). Le deliberazioni prese dallassem-
b) aggiunto, in fine, il seguente comma: blea a norma degli articoli precedenti sono obbligatorie
Lassemblea pu autorizzare lamministratore a par- per tutti i condomini.
tecipare e collaborare a progetti, programmi e iniziative Contro le deliberazioni contrarie alla legge o al rego-
territoriali promossi dalle istituzioni locali o da soggetti lamento di condominio ogni condomino assente, dissen-
privati qualificati, anche mediante opere di risanamento ziente o astenuto pu adire lautorit giudiziaria chie-
di parti comuni degli immobili nonch di demolizione, dendone lannullamento nel termine perentorio di trenta
ricostruzione e messa in sicurezza statica, al fine di favo- giorni, che decorre dalla data della deliberazione per i dis-
rire il recupero del patrimonio edilizio esistente, la vivibi- senzienti o astenuti e dalla data di comunicazione della
lit urbana, la sicurezza e la sostenibilit ambientale della deliberazione per gli assenti.
zona in cui il condominio ubicato.
Lazione di annullamento non sospende lesecuzione
della deliberazione, salvo che la sospensione sia ordinata
Art. 14. dallautorit giudiziaria.
1. Larticolo 1136 del codice civile sostituito dal Listanza per ottenere la sospensione proposta prima
seguente: dellinizio della causa di merito non sospende n inter-
Art. 1136. (Costituzione dellassemblea e validit rompe il termine per la proposizione dellimpugnazione
delle deliberazioni). Lassemblea in prima convocazio- della deliberazione. Per quanto non espressamente pre-
ne regolarmente costituita con lintervento di tanti con- visto, la sospensione disciplinata dalle norme di cui
domini che rappresentino i due terzi del valore dellintero al libro IV, titolo I, capo III, sezione I, con lesclusione
edificio e la maggioranza dei partecipanti al condominio. dellarticolo 669-octies, sesto comma, del codice di pro-
cedura civile.
Sono valide le deliberazioni approvate con un numero
di voti che rappresenti la maggioranza degli intervenuti e
almeno la met del valore delledificio. Art. 16.
Se lassemblea in prima convocazione non pu delibe- 1. Allarticolo 1138 del codice civile sono apportate le
rare per mancanza di numero legale, lassemblea in se- seguenti modificazioni:
conda convocazione delibera in un giorno successivo a
quello della prima e, in ogni caso, non oltre dieci giorni a) il terzo comma sostituito dal seguente:
dalla medesima. Lassemblea in seconda convocazione Il regolamento deve essere approvato dallassemblea
regolarmente costituita con lintervento di tanti condomi- con la maggioranza stabilita dal secondo comma dellar-
ni che rappresentino almeno un terzo del valore dellin- ticolo 1136 ed allegato al registro indicato dal numero 7)
tero edificio e un terzo dei partecipanti al condominio. dellarticolo 1130. Esso pu essere impugnato a norma
La deliberazione valida se approvata dalla maggioranza dellarticolo 1107;
degli intervenuti con un numero di voti che rappresenti
almeno un terzo del valore delledificio. b) aggiunto, in fine, il seguente comma:
Le deliberazioni che concernono la nomina e la revoca Le norme del regolamento non possono vietare di
dellamministratore o le liti attive e passive relative a ma- possedere o detenere animali domestici.
terie che esorbitano dalle attribuzioni dellamministratore
medesimo, le deliberazioni che concernono la ricostru- Art. 17.
zione delledificio o riparazioni straordinarie di notevole
entit e le deliberazioni di cui agli articoli 1117-quater, 1. Al numero 1) del primo comma dellarticolo 2659
1120, secondo comma, 1122-ter nonch 1135, terzo com- del codice civile sono aggiunte, in fine, le seguenti paro-
ma, devono essere sempre approvate con la maggioranza le: . Per i condominii devono essere indicati leventuale
stabilita dal secondo comma del presente articolo. denominazione, lubicazione e il codice fiscale.

10
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Art. 18. Art. 21.


1. Larticolo 63 delle disposizioni per lattuazione del 1. Larticolo 67 delle disposizioni per lattuazione
codice civile e disposizioni transitorie, di cui al regio de- del codice civile e disposizioni transitorie sostituito
creto 30 marzo 1942, n. 318, sostituito dal seguente: dal seguente:
Art. 63. Per la riscossione dei contributi in base Art. 67. Ogni condomino pu intervenire allas-
allo stato di ripartizione approvato dallassemblea, lam- semblea anche a mezzo di rappresentante, munito di de-
ministratore, senza bisogno di autorizzazione di questa, lega scritta. Se i condomini sono pi di venti, il delegato
pu ottenere un decreto di ingiunzione immediatamente non pu rappresentare pi di un quinto dei condomini e
esecutivo, nonostante opposizione, ed tenuto a comuni- del valore proporzionale.
care ai creditori non ancora soddisfatti che lo interpellino
i dati dei condomini morosi. Qualora ununit immobiliare appartenga in propriet
indivisa a pi persone, queste hanno diritto a un solo rap-
I creditori non possono agire nei confronti degli obbli- presentante nellassemblea, che designato dai compro-
gati in regola con i pagamenti, se non dopo lescussione prietari interessati a norma dellarticolo 1106 del codice.
degli altri condomini.
In caso di mora nel pagamento dei contributi che si sia Nei casi di cui allarticolo 1117-bis del codice, quan-
protratta per un semestre, lamministratore pu sospende- do i partecipanti sono complessivamente pi di sessanta,
re il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comu- ciascun condominio deve designare, con la maggioranza
ni suscettibili di godimento separato. di cui allarticolo 1136, quinto comma, del codice, il pro-
prio rappresentante allassemblea per la gestione ordina-
Chi subentra nei diritti di un condomino obbligato so- ria delle parti comuni a pi condominii e per la nomina
lidalmente con questo al pagamento dei contributi relativi
allanno in corso e a quello precedente. dellamministratore. In mancanza, ciascun partecipan-
te pu chiedere che lautorit giudiziaria nomini il rap-
Chi cede diritti su unit immobiliari resta obbligato so- presentante del proprio condominio. Qualora alcuni dei
lidalmente con lavente causa per i contributi maturati fino condominii interessati non abbiano nominato il proprio
al momento in cui trasmessa allamministratore copia au- rappresentante, lautorit giudiziaria provvede alla no-
tentica del titolo che determina il trasferimento del diritto. mina su ricorso anche di uno solo dei rappresentanti gi
Art. 19. nominati, previa diffida a provvedervi entro un congruo
termine. La diffida ed il ricorso allautorit giudiziaria
1. Larticolo 64 delle disposizioni per lattuazione sono notificati al condominio cui si riferiscono in persona
del codice civile e disposizioni transitorie sostituito dellamministratore o, in mancanza, a tutti i condomini.
dal seguente:
Ogni limite o condizione al potere di rappresentanza si
Art. 64. Sulla revoca dellamministratore, nei casi considera non apposto. Il rappresentante risponde con le
indicati dallundicesimo comma dellarticolo 1129 e dal regole del mandato e comunica tempestivamente allam-
quarto comma dellarticolo 1131 del codice, il tribunale ministratore di ciascun condominio lordine del giorno e
provvede in camera di consiglio, con decreto motivato, le decisioni assunte dallassemblea dei rappresentanti dei
sentito lamministratore in contraddittorio con il ricorrente. condominii. Lamministratore riferisce in assemblea.
Contro il provvedimento del tribunale pu essere pro-
posto reclamo alla corte dappello nel termine di dieci Allamministratore non possono essere conferite dele-
giorni dalla notificazione o dalla comunicazione. ghe per la partecipazione a qualunque assemblea.
Lusufruttuario di un piano o porzione di piano delledi-
Art. 20. ficio esercita il diritto di voto negli affari che attengono
1. Allarticolo 66 delle disposizioni per lattuazione del allordinaria amministrazione e al semplice godimento
codice civile e disposizioni transitorie, il terzo comma delle cose e dei servizi comuni.
sostituito dai seguenti: Nelle altre deliberazioni, il diritto di voto spetta ai pro-
Lavviso di convocazione, contenente specifica indica- prietari, salvi i casi in cui lusufruttuario intenda avvalersi
zione dellordine del giorno, deve essere comunicato alme- del diritto di cui allarticolo 1006 del codice ovvero si
no cinque giorni prima della data fissata per ladunanza in tratti di lavori od opere ai sensi degli articoli 985 e 986
prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, po- del codice. In tutti questi casi lavviso di convocazione
sta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, deve essere comunicato sia allusufruttuario sia al nudo
e deve contenere lindicazione del luogo e dellora della proprietario.
riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convo- Il nudo proprietario e lusufruttuario rispondono soli-
cazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare dalmente per il pagamento dei contributi dovuti allam-
annullabile ai sensi dellarticolo 1137 del codice su istanza ministrazione condominiale.
dei dissenzienti o assenti perch non ritualmente convocati.
Lassemblea in seconda convocazione non pu tenersi Art. 22.
nel medesimo giorno solare della prima.
Lamministratore ha facolt di fissare pi riunioni con- 1. Larticolo 68 delle disposizioni per lattuazione del
secutive in modo da assicurare lo svolgimento dellas- codice civile e disposizioni transitorie sostituito dal
semblea in termini brevi, convocando gli aventi diritto seguente:
con un unico avviso nel quale sono indicate le ulteriori Art. 68. Ove non precisato dal titolo ai sensi
date ed ore di eventuale prosecuzione dellassemblea va- dellarticolo 1118, per gli effetti indicati dagli articoli
lidamente costituitasi. 1123, 1124, 1126 e 1136 del codice, il valore proporzio-

11
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

nale di ciascuna unit immobiliare espresso in millesimi c) che non sono stati sottoposti a misure di preven-
in apposita tabella allegata al regolamento di condominio. zione divenute definitive, salvo che non sia intervenuta
Nellaccertamento dei valori di cui al primo comma non la riabilitazione;
si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e del- d) che non sono interdetti o inabilitati;
lo stato di manutenzione di ciascuna unit immobiliare.
e) il cui nome non risulta annotato nellelenco dei
Art. 23. protesti cambiari;
1. Larticolo 69 delle disposizioni per lattuazione
del codice civile e disposizioni transitorie sostituito f) che hanno conseguito il diploma di scuola secon-
dal seguente: daria di secondo grado;
Art. 69. I valori proporzionali delle singole uni- g) che hanno frequentato un corso di formazione ini-
t immobiliari espressi nella tabella millesimale di cui ziale e svolgono attivit di formazione periodica in mate-
allarticolo 68 possono essere rettificati o modificati ria di amministrazione condominiale.
allunanimit. Tali valori possono essere rettificati o mo-
dificati, anche nellinteresse di un solo condomino, con I requisiti di cui alle lettere f) e g) del primo comma
la maggioranza prevista dallarticolo 1136, secondo com- non sono necessari qualora lamministratore sia nominato
ma, del codice, nei seguenti casi: tra i condomini dello stabile.
1) quando risulta che sono conseguenza di un errore; Possono svolgere lincarico di amministratore di condo-
2) quando, per le mutate condizioni di una parte minio anche societ di cui al titolo V del libro V del codice.
delledificio, in conseguenza di sopraelevazione, di incre- In tal caso, i requisiti devono essere posseduti dai soci illi-
mento di superfici o di incremento o diminuzione delle mitatamente responsabili, dagli amministratori e dai dipen-
unit immobiliari, alterato per pi di un quinto il valo- denti incaricati di svolgere le funzioni di amministrazione
re proporzionale dellunit immobiliare anche di un solo dei condominii a favore dei quali la societ presta i servizi.
condomino. In tal caso il relativo costo sostenuto da chi
ha dato luogo alla variazione. La perdita dei requisiti di cui alle lettere a), b), c), d) ed e)
Ai soli fini della revisione dei valori proporzionali del primo comma comporta la cessazione dallincarico. In
espressi nella tabella millesimale allegata al regolamento tale evenienza ciascun condomino pu convocare senza for-
di condominio ai sensi dellarticolo 68, pu essere con- malit lassemblea per la nomina del nuovo amministratore.
venuto in giudizio unicamente il condominio in persona A quanti hanno svolto attivit di amministrazione di
dellamministratore. Questi tenuto a darne senza indu- condominio per almeno un anno, nellarco dei tre anni
gio notizia allassemblea dei condomini. Lamministrato- precedenti alla data di entrata in vigore della presente
re che non adempie a questobbligo pu essere revocato disposizione, consentito lo svolgimento dellattivit di
ed tenuto al risarcimento degli eventuali danni. amministratore anche in mancanza dei requisiti di cui alle
Le norme di cui al presente articolo si applicano per la ret- lettere f) e g) del primo comma. Resta salvo lobbligo di
tifica o la revisione delle tabelle per la ripartizione delle spe- formazione periodica.
se redatte in applicazione dei criteri legali o convenzionali.
Art. 71-ter. Su richiesta dellassemblea, che delibera
Art. 24. con la maggioranza di cui al secondo comma dellartico-
lo 1136 del codice, lamministratore tenuto ad attivare
1. Larticolo 70 delle disposizioni per lattuazione del co- un sito internet del condominio che consenta agli aventi
dice civile e disposizioni transitorie sostituito dal seguente: diritto di consultare ed estrarre copia in formato digita-
Art. 70. Per le infrazioni al regolamento di condo- le dei documenti previsti dalla delibera assembleare. Le
minio pu essere stabilito, a titolo di sanzione, il paga- spese per lattivazione e la gestione del sito internet sono
mento di una somma fino ad euro 200 e, in caso di recidi- poste a carico dei condomini.
va, fino ad euro 800. La somma devoluta al fondo di cui
lamministratore dispone per le spese ordinarie. Art. 71-quater Per controversie in materia di con-
dominio, ai sensi dellarticolo 5, comma 1, del decreto
Art. 25. legislativo 4 marzo 2010, n. 28, si intendono quelle de-
rivanti dalla violazione o dallerrata applicazione delle
1. Dopo larticolo 71 delle disposizioni per lattuazione disposizioni del libro III, titolo VII, capo II, del codice
del codice civile e disposizioni transitorie sono inseriti i e degli articoli da 61 a 72 delle presenti disposizioni per
seguenti: lattuazione del codice.
Art. 71-bis. Possono svolgere lincarico di ammi-
nistratore di condominio coloro: La domanda di mediazione deve essere presentata, a
a) che hanno il godimento dei diritti civili; pena di inammissibilit, presso un organismo di media-
zione ubicato nella circoscrizione del tribunale nella qua-
b) che non sono stati condannati per delitti contro le il condominio situato.
la pubblica amministrazione, lamministrazione della
giustizia, la fede pubblica, il patrimonio o per ogni altro Al procedimento legittimato a partecipare lammi-
delitto non colposo per il quale la legge commina la pena nistratore, previa delibera assembleare da assumere con
della reclusione non inferiore, nel minimo, a due anni e, la maggioranza di cui allarticolo 1136, secondo comma,
nel massimo, a cinque anni; del codice.

12
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Se i termini di comparizione davanti al mediatore non Art. 30.


consentono di assumere la delibera di cui al terzo comma,
il mediatore dispone, su istanza del condominio, idonea 1. I contributi per le spese di manutenzione ordinaria
proroga della prima comparizione. e straordinaria nonch per le innovazioni sono prededu-
cibili ai sensi dellarticolo 111 del regio decreto 16 mar-
La proposta di mediazione deve essere approvata zo 1942, n. 267, e successive modificazioni, se divenute
dallassemblea con la maggioranza di cui allartico- esigibili ai sensi dellarticolo 63, primo comma, delle di-
lo 1136, secondo comma, del codice. Se non si raggiun- sposizioni per lattuazione del codice civile e disposizioni
ge la predetta maggioranza, la proposta si deve intendere transitorie, come sostituito dallarticolo 18 della presente
non accettata. legge, durante le procedure concorsuali.

Il mediatore fissa il termine per la proposta di concilia- Art. 31.


zione di cui allarticolo 11 del decreto legislativo 4 marzo 1. Allarticolo 23, primo comma, del codice di procedura
2010, n. 28, tenendo conto della necessit per lammini- civile, dopo le parole: per le cause tra condomini sono in-
stratore di munirsi della delibera assembleare. serite le seguenti: , ovvero tra condomini e condominio,.
Art. 32.
Art. 26.
1. Le disposizioni di cui alla presente legge entrano
1. Dopo larticolo 155 delle disposizioni per lattua- in vigore dopo sei mesi dalla data di pubblicazione della
zione del codice civile e disposizioni transitorie inserito medesima nella Gazzetta Ufficiale.
il seguente: La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sar
inserita nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della
Art. 155-bis. Lassemblea, ai fini delladeguamen- Repubblica italiana. fatto obbligo a chiunque spetti di
to degli impianti non centralizzati di cui allarticolo 1122- osservarla e di farla osservare come legge dello Stato.
bis, primo comma, del codice, gi esistenti alla data di
entrata in vigore del predetto articolo, adotta le necessarie Data a Roma, add 11 dicembre 2012
prescrizioni con le maggioranze di cui allarticolo 1136,
commi primo, secondo e terzo, del codice. NAPOLITANO
MONTI, Presidente del Con-
Art. 27. siglio dei Ministri
1. Allarticolo 2, comma 1, della legge 9 gennaio 1989, Visto, il Guardasigilli: SEVERINO
n. 13, le parole: con le maggioranze previste dallartico-
lo 1136, secondo e terzo comma, del codice civile sono
sostituite dalle seguenti: con le maggioranze previste dal
secondo comma dellarticolo 1120 del codice civile. LAVORI PREPARATORI

Senato della Repubblica (atto n. 71):


Art. 28. Presentato dal sen. GIOVANNI LEGNINI ed altri, il 29 aprile 2008.
Assegnato alla 2 Commissione (giustizia), in sede referente, il
1. Allarticolo 26, comma 2, della legge 9 gennaio 1991, 24 settembre 2008, con pareri delle Commissioni 1, 6, 8, 10 e 13.
n. 10, le parole: semplice delle quote millesimali rap- Esaminato dalla 2 Commissione, in sede referente, il 24 settembre
presentate dagli intervenuti in assemblea sono sostituite 2008; il 12 novembre 2008; il 21 aprile 2009; il 29 luglio 2009; il 2 e
24 febbraio 2010; l8 giugno 2010; il 13 e 21 luglio 2010; il 2 agosto
dalle seguenti: degli intervenuti, con un numero di voti 2010; il 28 settembre 2010; il 5 ottobre 2010 e il 17 novembre 2010.
che rappresenti almeno un terzo del valore delledificio. Esaminato in Aula il 19 e 25 gennaio 2011 e approvato il 26 genna-
io 2011 in un testo unificato con gli atti n. 355 (sen. ANDREA PASTORE ed
2. Allarticolo 26, comma 5, della legge 9 gennaio altri), n. 399 (sen. FRANCO MUGNAI), n. 1119 (sen. VALERIO CARRARA ed
1991, n. 10, le parole: lassemblea di condominio decide altri) e n. 1283 (sen. GIUSEPPE VALENTINO).
a maggioranza, in deroga agli articoli 1120 e 1136 del Camera dei deputati (atto n. 4041):
codice civile sono sostituite dalle seguenti: lassemblea Assegnato alla II Commissione (giustizia), in sede referente, il
di condominio delibera con le maggioranze previste dal 31 gennaio 2011 con pareri delle Commissioni I, V, VI, VIII, IX e X.
secondo comma dellarticolo 1120 del codice civile. Esaminato dalla II Commissione, in sede referente, l8 marzo 2011;
il 5 aprile 2011; il 12 gennaio 2012; il 29 febbraio 2012; il 23 maggio
2012; il 14, 19 e 20 giugno 2012; il 5, 11 e 12 luglio 2012; il 2 agosto
Art. 29. 2012; il 6, 12 e 13 settembre 2012.
Esaminato in Aula il 17 e 26 settembre 2012 e approvato, con mo-
1. Allarticolo 2-bis, comma 13, del decreto-legge dificazioni, il 27 settembre 2012.
23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, Senato della Repubblica (atti nn. 71 - 355 - 399 - 1119 - 1283-B):
dalla legge 20 marzo 2001, n. 66, le parole: lartico- Assegnato alla 2 Commissione (giustizia), in sede deliberante, il
lo 1136, terzo comma, dello stesso codice sono sosti- 28 settembre 2012 con pareri delle Commissioni 1, 5, 6, 8, 10 e 13.
tuite dalle seguenti: larticolo 1120, secondo comma, Esaminato dalla 2 Commissione, in sede deliberante, il 23 ottobre
dello stesso codice. 2012 e il 13 novembre 2012 e approvato il 20 novembre 2012.

13
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

NOTE Note allart. 8:


Si riporta il testo dellarticolo 1124 del codice civile, come modifi-
AVVERTENZA:
cato dalla legge qui pubblicata:
Il testo delle note qui pubblicato stato redatto dallamministrazio- Art. 1124. Manutenzione e sostituzione delle scale e degli
ne competente per materia, ai sensi dellart.10, commi 2 e 3, del testo ascensori.
unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sullemana-
Le scale e gli ascensori sono mantenuti e sostituiti dai proprietari
zione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni
delle unit immobiliari a cui servono. La spesa relativa ripartita tra
ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre
essi, per met in ragione del valore delle singole unit immobiliari e
1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni di leg-
per laltra met esclusivamente in misura proporzionale allaltezza di
ge modificate o alle quali operato il rinvio. Restano invariati il valore
ciascun piano dal suolo.
e lefficacia degli atti legislativi qui trascritti.
Al fine del concorso nella met della spesa, che ripartita in ra-
gione del valore, si considerano come piani le cantine, i palchi morti,
Note allart. 4:
le soffitte o camere a tetto e i lastrici solari, qualora non siano di pro-
Si riporta il testo dellarticolo 1119 del codice civile, come modifi- priet comune..
cato dalla legge qui pubblicata:
Note allart. 12:
Art. 1119. Indivisibilit.
Si riporta il testo del primo comma dellarticolo 1131 del codice
Le parti comuni delledificio non sono soggette a divisione, a civile, come modificato dalla legge qui pubblicata:
meno che la divisione possa farsi senza rendere pi incomodo luso Art. 1131. Rappresentanza.
della cosa a ciascun condomino e con il consenso di tutti i partecipanti
al condominio.. Nei limiti delle attribuzioni stabilite dallarticolo 1130 o dei mag-
giori poteri conferitigli dal regolamento di condominio o dallassem-
blea, lamministratore ha la rappresentanza dei partecipanti e pu agire
Note allart. 5:
in giudizio sia contro i condomini sia contro i terzi.
Si riporta il testo dellarticolo 1120 del codice civile, come modifi- (Omissis)..
cato dalla legge qui pubblicata:
Note allart. 16:
Art. 1120. Innovazioni.
Si riporta il testo dellarticolo 1138 del codice civile, come modifi-
I condomini, con la maggioranza indicata dal quinto comma cato dalla legge qui pubblicata:
dellarticolo 1136, possono disporre tutte le innovazioni dirette al
miglioramento o alluso pi comodo o al maggior rendimento delle Art. 1138. Regolamento di condominio.
cose comuni. Quando in un edificio il numero dei condomini superiore a dieci,
deve essere formato un regolamento, il quale contenga le norme circa
I condomini, con la maggioranza indicata dal secondo comma luso delle cose comuni e la ripartizione delle spese, secondo i diritti e
dellarticolo 1136, possono disporre le innovazioni che, nel rispetto gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonch le norme per la tute-
della normativa di settore, hanno ad oggetto: la del decoro delledificio e quelle relative allamministrazione.
1) le opere e gli interventi volti a migliorare la sicurezza e la salu- Ciascun condomino pu prendere liniziativa per la formazione del
brit degli edifici e degli impianti; regolamento di condominio o per la revisione di quello esistente.
2) le opere e gli interventi previsti per eliminare le barriere archi- Il regolamento deve essere approvato dallassemblea con la mag-
tettoniche, per il contenimento del consumo energetico degli edifici e gioranza stabilita dal secondo comma dellarticolo 1136 ed allegato
per realizzare parcheggi destinati a servizio delle unit immobiliari o al registro indicato dal numero 7) dellarticolo 1130. Esso pu essere
delledificio, nonch per la produzione di energia mediante lutilizzo di impugnato a norma dellarticolo 1107.
impianti di cogenerazione, fonti eoliche, solari o comunque rinnovabili Le norme del regolamento non possono in alcun modo menomare
da parte del condominio o di terzi che conseguano a titolo oneroso un i diritti di ciascun condomino, quali risultano dagli atti di acquisto e
diritto reale o personale di godimento del lastrico solare o di altra ido- dalle convenzioni, e in nessun caso possono derogare alle disposizio-
nea superficie comune; ni degli articoli 1118, secondo comma, 1119, 1120, 1129, 1131, 1132,
3) linstallazione di impianti centralizzati per la ricezione radiote- 1136 e 1137.
levisiva e per laccesso a qualunque altro genere di flusso informativo, Le norme del regolamento non possono vietare di possedere o de-
anche da satellite o via cavo, e i relativi collegamenti fino alla dirama- tenere animali domestici..
zione per le singole utenze, ad esclusione degli impianti che non com-
portano modifiche in grado di alterare la destinazione della cosa comu- Note allart. 17:
ne e di impedire agli altri condomini di farne uso secondo il loro diritto. Si riporta il testo del numero 1) del primo comma dellartico-
Lamministratore tenuto a convocare lassemblea entro trenta lo 2659 del codice civile, come modificato dalla legge qui pubblicata:
giorni dalla richiesta anche di un solo condomino interessato allado- Art. 2659. Nota di trascrizione.
zione delle deliberazioni di cui al precedente comma. La richiesta Chi domanda la trascrizione di un atto tra vivi deve presentare al
deve contenere lindicazione del contenuto specifico e delle modalit conservatore dei registri immobiliari, insieme con la copia del titolo,
di esecuzione degli interventi proposti. In mancanza, lamministratore una nota in doppio originale, nella quale devono essere indicati:
deve invitare senza indugio il condomino proponente a fornire le ne-
1) il cognome ed il nome, il luogo e data di nascita e il numero di
cessarie integrazioni.
codice fiscale delle parti, nonch il regime patrimoniale delle stesse, se
Sono vietate le innovazioni che possano recare pregiudizio alla sta- coniugate, secondo quanto risulta da loro dichiarazione resa nel titolo o
bilit o alla sicurezza del fabbricato, che ne alterino il decoro architetto- da certificato dellufficiale di stato civile; la denominazione o la ragione
nico o che rendano talune parti comuni delledificio inservibili alluso o sociale, la sede e il numero di codice fiscale delle persone giuridiche,
al godimento anche di un solo condomino.. delle societ previste dai capi II, III e IV del titolo V del libro quinto e

14
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

delle associazioni non riconosciute, con lindicazione, per queste ultime (Omissis).
e per le societ semplici, anche delle generalit delle persone che le 5. Per le innovazioni relative alladozione di sistemi di termore-
rappresentano secondo latto costitutivo. Per i condominii devono esse- golazione e di contabilizzazione del calore e per il conseguente riparto
re indicati leventuale denominazione, lubicazione e il codice fiscale. degli oneri di riscaldamento in base al consumo effettivamente registra-
(Omissis).. to, lassemblea di condominio delibera con le maggioranze previste dal
secondo comma dellarticolo 1120 del codice civile.
Note allart. 20:
(Omissis)..
Si riporta il testo del terzo comma, dellarticolo 66 delle disposi-
zioni per lattuazione del codice civile e disposizioni transitorie, come Note allart. 29:
modificato dalla legge qui pubblicata:
Si riporta il testo dellarticolo 2-bis, comma 13, del decreto leg-
Art. 66. ge 23 gennaio 2001, n. 5, convertito, con modificazioni, dalla legge
(Omissis). 20 marzo 2001, n. 66 (Disposizioni urgenti per il differimento di termini
Lavviso di convocazione, contenente specifica indicazione dellor- in materia di trasmissioni radiotelevisive analogiche e digitali, nonch
dine del giorno, deve essere comunicato almeno cinque giorni prima per il risanamento di impianti radiotelevisivi.), come modificato dalla
della data fissata per ladunanza in prima convocazione, a mezzo di legge qui pubblicata:
posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite conse- Art. 2-bis. Trasmissioni radiotelevisive digitali su frequenze terre-
gna a mano, e deve contenere lindicazione del luogo e dellora della stri. Sistemi audiovisivi terrestri.
riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione de-
gli aventi diritto, la deliberazione assembleare annullabile ai sensi (Omissis).
dellarticolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perch 13. Al fine di favorire lo sviluppo e la diffusione delle nuove tec-
non ritualmente convocati. nologie di radiodiffusione da satellite, le opere di installazione di nuovi
Lassemblea in seconda convocazione non pu tenersi nel medesi- impianti sono innovazioni necessarie ai sensi dellarticolo 1120, primo
mo giorno solare della prima. comma, del codice civile. Per lapprovazione delle relative deliberazio-
ni si applica larticolo 1120, secondo comma, dello stesso codice. Le
Lamministratore ha facolt di fissare pi riunioni consecutive in
disposizioni di cui ai precedenti periodi non costituiscono titolo per il
modo da assicurare lo volgimento dellassemblea in termini brevi, con-
riconoscimento di benefci fiscali.
vocando gli aventi diritto con un unico avviso nel quale sono indicate
le ulteriori date ed ore di eventuale prosecuzione dellassemblea vali-
damente costituitasi.. (Omissis)..

Note allart. 27: Note allart. 30:


Si riporta il testo dellarticolo 2, comma 1, della legge 9 gennaio Si riporta il testo dellarticolo 111, del regio decreto 16 marzo 1942,
1989, n. 13 (Disposizioni per favorire il superamento e leliminazione n. 267 (Disciplina del fallimento, del concordato preventivo, dellammi-
delle barriere architettoniche negli edifici privati.), come modificato dal- nistrazione controllata e della liquidazione coatta amministrativa.):
la legge qui pubblicata:
Art. 111. Ordine di distribuzione delle somme.
Art. 2. 1. Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni
da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architetto- Le somme ricavate dalla liquidazione dellattivo sono erogate nel
niche di cui allarticolo 27, primo comma, della legge 30 marzo 1971, seguente ordine:
n. 118, ed allarticolo 1, primo comma, del decreto del Presidente della 1) per il pagamento dei crediti prededucibili;
Repubblica 27 aprile 1978, n. 384, nonch la realizzazione di percorsi
attrezzati e la installazione di dispositivi di segnalazione atti a favorire 2) per il pagamento dei crediti ammessi con prelazione sulle
la mobilit dei ciechi allinterno degli edifici privati, sono approvate cose vendute secondo lordine assegnato dalla legge;
dallassemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, 3) per il pagamento dei creditori chirografari, in proporzione
con le maggioranze previste dal secondo comma dellarticolo 1120 del dellammontare del credito per cui ciascuno di essi fu ammesso, com-
codice civile. presi i creditori indicati al n. 2, qualora non sia stata ancora realizzata la
(Omissis).. garanzia, ovvero per la parte per cui rimasero non soddisfatti da questa.
Sono considerati crediti prededucibili quelli cos qualificati da una
Note allart. 28: specifica disposizione di legge, e quelli sorti in occasione o in funzione
Si riporta il testo dellarticolo 26, commi 2 e 5, della legge 9 gen- delle procedure concorsuali di cui alla presente legge; tali crediti sono
naio 1991, n. 10 (Norme per lattuazione del Piano energetico nazionale soddisfatti con preferenza ai sensi del primo comma n. 1)..
in materia di uso razionale dellenergia, di risparmio energetico e di
sviluppo delle fonti rinnovabili di energia.), come modificato dalla legge Note allart. 31:
qui pubblicata: Si riporta il testo dellarticolo 23, primo comma, del codice di pro-
Art. 26. Progettazione, messa in opera ed esercizio di edifici e di cedura civile, come modificato dalla legge qui pubblicata:
impianti.
Art. 23. Foro per le cause tra soci e tra condomini.
(Omissis).
Per le cause tra soci competente il giudice del luogo dove ha sede
2. Per gli interventi sugli edifici e sugli impianti volti al conteni- la societ; per le cause tra condomini, ovvero tra condomini e condo-
mento del consumo energetico ed allutilizzazione delle fonti di energia minio, il giudice del luogo dove si trovano i beni comuni o la maggior
di cui allarticolo 1, individuati attraverso un attestato di certificazione parte di essi.
energetica o una diagnosi energetica realizzata da un tecnico abilitato, le
pertinenti decisioni condominiali sono valide se adottate con la maggio- (Omissis)..
ranza degli intervenuti, con un numero di voti che rappresenti almeno
un terzo del valore delledificio. 12G0241

15
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI


MINISTERO DELLECONOMIA Decreta:
E DELLE FINANZE
Art. 1.
DECRETO 7 dicembre 2012. Definizioni
Disposizioni per le operazioni di separazione, negoziazio- 1. Ai fini dellapplicazione del presente decreto, si intende:
ne e ricostituzione delle componenti cedolari, della compo- per separazione loperazione di separazione, dal
nente indicizzata allinflazione e del valore nominale di rim- mantello del titolo, delle componenti cedolari e, nel caso
borso dei titoli di Stato (stripping). dei titoli indicizzati allinflazione, della componente indi-
cizzata allinflazione;
IL MINISTRO per mantello il valore di rimborso del titolo a sca-
DELLECONOMIA E DELLE FINANZE denza privato delle componenti cedolari; per i titoli indi-
cizzati allinflazione, per mantello si intende il valore di
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 30 di- rimborso del titolo a scadenza privato delle componenti ce-
cembre 2003, n. 398, recante il testo unico delle disposizio- dolari e al netto della componente indicizzata allinflazione;
ni legislative e regolamentari in materia di debito pubbli- per componenti cedolari le cedole rappresentative
co e successive modificazioni (di seguito Testo Unico), degli interessi pagabili sul titolo;
in particolare, gli articoli 3 e 31 concernenti rispettiva- per indicizzata allinflazione la parte del valore di
mente, lautorizzazione per il Ministro dellEconomia e rimborso dei titoli indicizzati allinflazione dovuta allin-
delle Finanze allemanazione di decreti che consentano flazione maturata dalla data di godimento alla data di sca-
di effettuare operazioni di indebitamento definendone, tra denza del titolo; in caso di deflazione essa ha valore nullo;
laltro, le caratteristiche e le modalit, e lorganizzazione per ricostituzione del titolo loperazione di riunio-
e gestione dei mercati allingrosso dei titoli di Stato; ne del mantello con le componenti cedolari gi separa-
Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58, te, anche se originate da titoli diversi, al fine di ottenere
recante il testo unico delle disposizioni in materia di in- nuovi titoli; per i titoli indicizzati allinflazione la ricosti-
termediazione finanziaria ed, in particolare, lart. 61, tuzione del titolo prevede anche la riunione della compo-
comma 10, il quale prevede che il Ministero dellEcono- nente indicizzata allinflazione.
mia e delle Finanze, sentite Banca dItalia e CONSOB, Nel caso di titoli legati allinflazione, si intende:
individua le caratteristiche delle negoziazioni allingros- per inflazione di riferimento si intende il livello
so di strumenti finanziari; dellindice dei prezzi al consumo di riferimento, appli-
Visto il decreto ministeriale del 22 dicembre 2009, cabile a una certa data, calcolato ai sensi dei decreti di
n. 216, Regolamento recante norme sullindividuazio- emissione dei titoli di Stato indicizzati allinflazione;
ne delle caratteristiche delle negoziazioni allingrosso di per coefficiente di rettifica si intende il rapporto
strumenti finanziari e sulla disciplina delle negoziazioni tra 100 e linflazione di riferimento alla data di godimento
allingrosso dei titoli di Stato, ed in particolare lart. 3, il originaria del titolo;
quale disciplina lindividuazione delle caratteristiche del- per tasso reale annuo si intende il tasso cedolare
le negoziazioni allingrosso di strumenti finanziari; base annuo, definito ai sensi dei decreti di emissione dei
Visti, altres, gli articoli 11, 24, 25, 26, 27 e 80 del cita- titoli di Stato indicizzati allinflazione.
to Testo Unico recanti la disciplina della gestione accen-
trata dei titoli di Stato; Art. 2.
Visto il decreto del Direttore Generale del Tesoro del Oggetto delle operazioni
23 agosto 2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 204
del 1 settembre 2000, con cui stato affidato alla Monte ti- 1. Le operazioni di separazione di cui al presente de-
toli S.p.A. il servizio di gestione accentrata dei titoli di Stato; creto possono avere per oggetto titoli di Stato a tasso
fisso, ovvero indicizzati allinflazione, non rimborsabili
Visti, altres, gli articoli 53 e 54 del ripetuto Testo Uni- anticipatamente, depositati presso il sistema di gestione
co, recanti aspetti connessi alle modalit di applicazione accentrata dei titoli di Stato.
delle norme di ridenominazione in euro dei titoli di Stato;
2. Loperazione di ricostituzione di cui al presente de-
Vista la legge 23 luglio 2012, n. 116, avente ad oggetto creto pu essere effettuata sui titoli di Stato che sono stati
Ratifica ed esecuzione del Trattato che istituisce il Mec- oggetto delle operazioni di separazione di cui al comma 1.
canismo europeo di stabilit (Trattato MES), con Al- 3. Le operazioni di cui ai commi 1 e 2 vengono effet-
legati, fatto a Bruxelles il 2 febbraio 2012 e successive tuate dai soggetti nei confronti dei quali non si applica
modifiche e integrazioni; limposta sostitutiva, di cui allart. 2, comma 1, del decre-
Visto il comma 3 dellart. 12 del Trattato MES, con il to legislativo 1 aprile 1996, n. 239.
quale si prevede che, a partire dal 1 gennaio 2013, siano 4. Con i singoli decreti di emissione dei titoli di Sta-
incluse in tutti i titoli di Stato della zona euro di nuova emis- to viene autorizzata loperazione di separazione di cui al
sione, con scadenza superiore ad un anno, clausole dazione presente decreto e, per ciascuna di esse, leventuale im-
collettiva che garantiscano un impatto giuridico identico; porto minimo del capitale nominale in circolazione oltre
Considerata lopportunit, al fine di sviluppare il mer- il quale loperazione effettuabile nonch lammontare
cato dei titoli di Stato, di favorire la negoziazione in for- complessivo del capitale nominale in circolazione che
ma separata dei titoli del debito pubblico; pu formarne oggetto.

16
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Art. 3. 7. Il taglio minimo dei titoli risultanti dalloperazione


di separazione pari a un centesimo di euro.
Modalit delle operazioni
8. La convenzione da utilizzare per il calcolo dei ratei di
1. Le operazioni di separazione e ricostituzione di cui interesse per i titoli originati dalle operazioni di separazione
al presente decreto hanno luogo mediante annotazioni di cui al presente decreto giorni effettivi/giorni effettivi.
contabili su richiesta dei soggetti aderenti al sistema di
gestione accentrata dei titoli di Stato. Art. 5.
2. Ciascuna operazione di separazione e ricostituzione
di cui al presente decreto ammessa per un importo no- Lotti minimi di negoziazione
minale pari o multiplo di 1.000.000 Euro.
1. Ai sensi dellart. 3, comma 3, del Decreto ministeria-
Art. 4. le 216/2009, le sedi di negoziazione allingrosso prevedo-
no lotti minimi di contrattazione adeguati alle caratteristi-
Caratteristiche dei titoli che di questa tipologia di titoli.
1. Ciascun titolo risultante dalle operazioni di cui al pre- Art. 6.
sente decreto rappresenta un autonomo titolo di Stato, qua-
lificabile come zero coupon, e ha circolazione solo allin- Disposizioni finali e transitorie
terno del sistema di gestione accentrata dei titoli di Stato.
2. Per ciascun titolo di cui al comma precedente, il 1. Con lentrata in vigore del presente decreto abro-
prezzo di emissione si intende pari al prezzo di acquisto, gato il decreto del Ministro dellEconomia e delle Finan-
mentre per data di emissione si intende la data di acqui- ze, del 28 dicembre 2007, n. 127167, Disposizioni per le
sto. Nel caso di pi acquisti operati dal medesimo sogget- operazioni di separazione, negoziazione e ricostituzione
to sullo stesso titolo si assume come data di acquisto la delle componenti cedolari, della componente indicizzata
data media ponderata di acquisto e come prezzo di acqui- allinflazione e del valore nominale di rimborso dei titoli
sto il prezzo medio ponderato di acquisto. Linteresse su di Stato. Le procedure operative e contabili inerenti le
tali titolo dato dalla differenza tra il valore di rimborso innovazioni introdotte con il presente decreto, in parti-
e il prezzo di acquisto. La maturazione avviene in regime colare quella di cui allart. 4 comma 3, che introduce la
di capitalizzazione composta. fungibilit tra componenti cedolari e mantello per i titoli
3. Per i titoli di Stato a tasso fisso, le componenti cedo- a tasso fisso, sono affidate alla societ incaricata del servi-
lari ed il mantello, originati dalla separazione dello stes- zio di gestione accentrata dei titoli di Stato, cui deman-
so titolo o di titoli diversi, aventi la medesima scadenza, data anche la gestione della transizione per le componenti
sono tra loro fungibili. Per i titoli indicizzati allinflazione separate (cedole e mantello) in circolazione al momento
ammessa la fungibilit delle sole componenti cedolari, dellentrata in vigore del presente decreto.
che si ottiene dividendo per due il tasso reale annuo del 2. Il presente decreto si applica a tutti i BTP nomina-
titolo da cui sono originate e moltiplicando il risultato per li ammissibili alle attivit di separazione e ricostituzione
il prodotto tra il coefficiente di rettifica e limporto no- (c.d. coupon stripping) di cui allart. 2 del presente decre-
minale minimo di cui allart. 3 comma 2; limporto cos to e ai BTP indicizzati allinflazione dellarea delleuro
determinato arrotondato alla decima cifra decimale ed con esclusione dei prodotti a base di tabacco (BTPi). Ove
definito valore aggiustato della componente cedolare. non sia espressamente previsto nei decreti di emissione
Per un dato importo nominale oggetto della separazione, dei BTPi in circolazione al momento dellentrata in vigo-
il valore aggiustato delle componenti cedolari determi- re del presente decreto, le operazioni di separazione hanno
nato arrotondando alla seconda cifra decimale il prodotto ad oggetto il mantello, le componenti cedolari e la compo-
tra il valore aggiustato di cui sopra e limporto nomina- nente indicizzata allinflazione e per ciascun titolo lam-
le separato diviso per 1.000.000. montare complessivo massimo che pu essere oggetto di
4. Le componenti cedolari dei titoli indicizzati allin- operazioni di coupon stripping non pu superare il 50%
flazione non sono fungibili con le componenti cedolari ed del capitale nominale circolante. Infine, le disposizioni di
il mantello dei titoli a tasso fisso. cui allart. 3, comma 2, del presente decreto, per quanto
5. Le componenti cedolari ed il mantello di titoli emessi attiene agli importi minimi delle richieste di separazione e
con clausole di azione collettiva di cui al Trattato MES, ci- ricostituzione, e di cui allart. 4, comma 7, del presente de-
tato nelle premesse, non sono fungibili con le componenti creto, per quanto attiene agli importi unitari delle singole
cedolari ed il mantello di titoli non emessi con tali clausole. componenti, si applicano a tutti i BTPi e i BTP nominali
6. Per i titoli indicizzati allinflazione, il pagamento a ammissibili allattivit di coupon stripping in circolazio-
scadenza determinato: ne, anche in deroga ai rispettivi decreti di emissione.
(i) nel caso di componenti cedolari, moltiplicando 3. Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uf-
limporto (valore) nominale della componente cedolare ficiale della Repubblica italiana.
per linflazione di riferimento alla data di scadenza e di-
videndo il risultato per 100; Roma, 7 dicembre 2012
(ii) nel caso della componente indicizzata allinflazio- Il Ministro delleconomia
ne, sottraendo 1 dal coefficiente di indicizzazione alla data e delle finanze
di scadenza e moltiplicando il risultato per limporto no- GRILLI
minale della componente indicizzata. Qualora il valore del
coefficiente di indicizzazione relativo al giorno di scaden-
za sia minore dellunit, detto pagamento risulter nullo. 12A13163

17
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

MINISTERO DELLA SALUTE Visti i decreti con i quali sono stati registrati i prodotti
fitosanitari elencati nel presente dispositivo, contenenti la
DECRETO 6 novembre 2012. sostanza attiva idrazide maleica, a nome dellimpresa Agri-
co S.r.l., con sede legale in viale Masini n. 22 - Bologna;
Modifica del testo delletichetta relativamente allinter-
vallo di sicurezza su patata a 30 giorni, dei prodotti fitosani- Considerato che, i prodotti fitosanitari in questione ri-
tari EMME H 60 WG e PATAGERM. portano, in paragrafi diversi, delle etichette, un intervallo
di sicurezza per la coltura patata non uniformi;
IL DIRETTORE GENERALE
PER LIGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Considerato che, gli stessi prodotti fitosanitari sono
E DELLA NUTRIZIONE stati ri-registrati alla luce dei principi uniformi, sulla base
del fascicolo conforme allallegato III del citato decreto
Visto lart. 6 della legge 30 aprile 1962, n. 283, modifi- legislativo 194/1995, i cui studi depongono per un inter-
cato dallart. 4 della legge 26 febbraio 1963, n. 441; vallo di sicurezza su patata pari a trenta giorni;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che
detta norme generali sullordinamento del lavoro alle di- Ritenuto di modificare le etichette di cui trattasi unifor-
pendenze delle amministrazioni pubbliche; mando lintervallo di sicurezza su patata a trenta giorni;
Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172, concernente
Istituzione del Ministero della salute e incremento del
numero complessivo dei sottosegretari di Stato; Decreta:
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 mar-
zo 2011, n. 108, recante il regolamento di riorganizzazio-
ne del Ministero della salute; autorizzata la modifica del testo delletichetta relati-
Visto il decreto del Ministro della salute 2 agosto 2011, vamente allintervallo di sicurezza su patata a trenta gior-
concernente la disciplina transitoria dellassetto organiz- ni, dei prodotti fitosanitari elencati nella seguente tabella,
zativo del Ministero della salute; registrati con decreti ai numeri e alle date ivi riportati a
nome dellimpresa Agrico S.r.l., con sede legale in viale
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, con- Masini n. 22 - Bologna, preparati negli stabilimenti e nel-
cernente lattuazione della direttiva 91/414/CEE in ma- le taglie gi autorizzati:
teria dimmissione in commercio di prodotti fitosanitari;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 apri-
le 2001, n. 290, concernente il regolamento di semplifica- NUMERO
zione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione, REGI- PRODOTTO DATA AUTO- SOSTANZA
STRA- FITOSANITARIO RIZZAZIONE ATTIVA
allimmissione in commercio e alla vendita di prodotti fi- ZIONE
tosanitari e relativi coadiuvanti, come modificato dal de-
creto del Presidente della Repubblica 28 febbraio 2012, EMME H 60 17 maggio Idrazide
n. 55, concernente il regolamento di modifica del decreto 10931
WG 2001 maleica
del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n. 290;
13 febbraio Idrazide
Visto il regolamento (CE) n. 1107/2009 del parlamento 15301 PATAGERM
2012 maleica
europeo e del consiglio del 21 ottobre 2009, relativo allim-
missione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che abroga
le direttive del Consiglio 79/117/CEE e 91/414/CEE ed in
particolare lart. 80 concernente Misure transitorie;
Sono approvate quale parte integrante del presente
Visti i regolamenti (UE) della commissione n. 540/2011, decreto lallegato fac-simile delle etichette con le quali i
541/2011, 544/2011, 545/2011, 546/2011, 547/2011, di prodotti devono essere posti in commercio.
attuazione del regolamento (CE) n. 1107/2009;
Visti il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, cor- Entro trenta giorni dalla notifica del presente decreto, il
retto ed integrato dal decreto legislativo 28 luglio 2004, titolare dellautorizzazione tenuto a rietichettare il prodot-
n. 260, e il decreto ministeriale 3 aprile 2007, concernen- to fitosanitario non ancora immesso in commercio e a for-
ti lattuazione delle direttive 1999/45/CE, 2001/60/CE e nire ai rivenditori un facsimile della nuova etichetta per le
2006/8/CE, relative alla classificazione, allimballaggio e confezioni di prodotto giacenti presso gli esercizi di vendita
alletichettatura dei preparati pericolosi; al fine della sua consegna allacquirente/utilizzatore finale.
Visto il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento altres tenuto ad adottare ogni iniziativa, nei confronti de-
europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e il suc- gli utilizzatori, idonea ad assicurare un corretto impiego del
cessivo regolamento di adeguamento al progresso tecnico prodotto fitosanitario in conformit alle nuove disposizioni.
e scientifico n. 790/2009 della commissione del 10 ago-
sto 2009, relativi alla classificazione, alletichettatura e Il presente decreto sar notificato in via amministrativa
allimballaggio delle sostanze e delle miscele; allimpresa interessata.
Visto il regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento
europeo e del Consiglio del 23 febbraio 2005 e successi-
vi aggiornamenti concernenti i livelli massimi di residui Roma, 6 novembre 2012
di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi
di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva
91/414/CEE del Consiglio; Il direttore generale: BORRELLO

18
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

ALLEGATO

19
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

12A13160

20
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 27 novembre 2012. Visto il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento


Permesso di commercio parallelo del prodotto fitosanita-
Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e il suc-
rio RAMESSE, proveniente dalla Spagna ed ivi autorizzato cessivo regolamento n. 790/2009 della Commissione del
con la denominazione XANILO 45 WG. 10 agosto 2009 di adeguamento al progresso tecnico e
scientifico, relativi alla classificazione, alletichettatura e
IL DIRETTORE GENERALE allimballaggio delle sostanze e delle miscele;
PER LIGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI
Vista la domanda del 7 luglio 2009, e successive inte-
E LA NUTRIZIONE
grazioni di cui lultima in data 21 novembre 2012, con cui
con cui lImpresa Rocca Frutta S.r.l., con sede in Gaiba-
Visto lart. 6 della legge 30 aprile 1962, n. 283, modifi- na (FE), via Ravenna n. 1114, ha richiesto il permesso di
cato dallart. 4 della legge 26 febbraio 1963, n. 441; commercio parallelo dalla Spagna del prodotto XANILO
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che 45 WG, ivi registrato al n. 24128 a nome dellImpresa
detta norme generali sullordinamento del lavoro alle di- Sipcam Inagra S/A, con sede legale in Valencia (ES);
pendenze delle amministrazioni pubbliche;
Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172 concernente Vista lautorizzazione allimmissione in commercio
Istituzione del Ministero della Salute e incremento del del prodotto di riferimento VITENE 45 WG autorizzato
numero complessivo dei Sottosegretari di Stato; in Italia al n. 11197 a nome dellImpresa Sipcam S.p.a.;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 mar- Accertato che sono rispettate le condizioni di cui
zo 2011, n. 108, recante il Regolamento di riorganizzazio- allart. 52, par. 3, lettera a), b), c), del regolamento (CE)
ne del Ministero della Salute; n. 1107/2009;
Visto il decreto del Ministro della salute del 2 agosto
2011 concernente la disciplina transitoria dellassetto or- Considerato che lImpresa Rocca Frutta S.r.l. ha chie-
ganizzativo del Ministero della Salute; sto di denominare il prodotto importato con il nome
RAMESSE;
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, con-
cernente lattuazione della direttiva 91/414/CEE in ma- Accertata la conformit delletichetta del prodotto og-
teria dimmissione in commercio di prodotti fitosanitari; getto di commercio parallelo da apporre sulle confezioni
nonch la circolare del 10 giugno 1995, n. 17 (S.O. G.U. importate, alletichetta del prodotto fitosanitario di riferi-
n. 145 del 23 giugno 1995) concernente Aspetti appli- mento autorizzato in Italia;
cativi delle nuove norme in materia di autorizzazione di
prodotti fitosanitari; Visto il versamento effettuato dal richiedente quale ta-
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 apri- riffa per gli accertamenti conseguenti al rilascio del pre-
le 2001, n. 290 concernente il regolamento di semplifica- sente permesso;
zione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione,
allimmissione in commercio e alla vendita di prodotti fi- Decreta:
tosanitari e relativi coadiuvanti, come modificato dal de-
creto del Presidente della Repubblica 28 febbraio 2012,
n. 55, concernente il regolamento di modifica del decreto 1. rilasciato, fino al 30 giugno 2013, allImpresa
del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n. 290; Rocca Frutta S.r.l., con sede in Gaibana (FE), il permesso
n. 15645 di commercio parallelo del prodotto fitosanitario
Visto il regolamento (CE) n. 1107/2009 del parlamen- denominato RAMESSE proveniente dalla Spagna ed ivi
to europeo e del consiglio del 21 ottobre 2009 relativo autorizzato al n. 24128 con la denominazione XANILO
allimmissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che 45 WG.
abroga le direttive del Consiglio 79/117/CEE e 91/414/
CEE ed in particolare larticolo 52 concernente il com- 2. approvata, quale parte integrante del presente de-
mercio parallelo; creto, letichetta con la quale il prodotto deve essere posto
Visti i regolamenti (UE) della Commissio- in commercio.
ne nn. 540/2011, 541/2011, 544/2011, 545/2011,
546/2011, 547/2011 di attuazione del regolamento (CE) 3. Il prodotto sottoposto alle operazioni di riconfezio-
n. 1107/2009; namento e rietichettatura presso gli stabilimenti riportati
nellallegata etichetta.
Visti il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, cor-
retto e integrato dal decreto legislativo 28 luglio 2004 4. Il prodotto verr posto in commercio in confezio-
n. 260, e il decreto ministeriale 3 aprile 2007, concernen- ni pronte per limpiego nelle taglie da g 100-250-500,
ti lattuazione delle direttive 1999/45/CE, 2001/60/CE e kg 1-5-10.
2006/8/CE, relative alla classificazione, allimballaggio e
alletichettatura dei preparati pericolosi; Il presente decreto verr notificato, in via amministrati-
Visto il regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento va allImpresa interessata e sar pubblicato nella Gazzetta
Europeo e del Consiglio del 23 febbraio 2005 e successi- Ufficiale della Repubblica italiana.
vi aggiornamenti concernenti i livelli massimi di residui
di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi Roma, 27 novembre 2012
di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva
91/414/CEE del Consiglio; Il direttore generale: BORRELLO

21
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

ALLEGATO
Prodotto posto in commercio a seguito di importazione parallela dalla Spagna, ai sensi del Regolamento 1107/2009, Art. 52

Epoche, dosi e modalit d'impiego


RAMESSE Vite: impiegare 40 - 50 g di prodotto per ettolitro d'acqua.
Anticrittogamico in granuli idrodispersibili Iniziare i trattamenti preventivi non appena inizia il pericolo
di infezioni peronosporiche e proseguire fino alla fine della
Composizione fioritura; dall'allegagione, e per il resto della stagione,
Cimoxanil g 45 impiegare il prodotto miscelandolo con prodotti di contatto
Coformulanti e inerti q.b. a g 100 quali rameici, ditiocarbammati, e folpet ad una dose ridotta
rispetto a quella comunemente impiegata. La dose minima di
FRASI DI RISCHIO prodotto per ettaro non deve comunque essere inferiore a
Pu provocare sensibilizzazione 250 g.
per contatto con la pelle.
Altamente tossico per gli Patata :
organismi acquatici. Pu provocare impiegare 40-60 g di prodotto per ettolitro dacqua (max 260
a lungo termine effetti negativi g/ha). Iniziare i trattamenti preventivi al verificarsi delle
per l'ambiente acquatico condizioni di infezione favorevoli alla malattia proseguendo
CONSIGLI DI PRUDENZA IRRITANTE per il resto della stagione. Nel caso vi possano essere delle
Conservare fuori dalla portata dei infezioni in atto effettuare due trattamenti ravvicinati alla
bambini. Conservare lontano da dose pi alta. E possibile ridurre la dose a 25 g/hl se si
alimenti o mangimi e da bevande. effettuano trattamenti in miscela con prodotti di contatto. La
Non mangiare, n bere, n fumare dose minima di prodotto per ettaro non deve essere inferiore
durante l'impiego. Evitare il contatto a 250 g.
con la pelle. Non gettare i residui
nelle fognature. In caso d'ingestione PERICOLOSO Pomodoro, tabacco, carciofo, cipolla, melone, pisello,
consultare immediatamente il medico PER lattuga, spinacio, zucchino,cetriolo, aglio, porro, girasole,
e mostrargli il contenitore o l'etichetta. LAMBIENTE soia, rosa:
Questo materiale e il suo contenitore impiegare 40 - 50 g di prodotto per ettolitro d'acqua. Iniziare
devono essere smaltiti come rifiuti pericolosi. Non disperdere i trattamenti preventivi al verificarsi delle condizioni di
nell'ambiente. Riferirsi alle istruzioni speciali / schede infezione favorevoli alla malattia proseguendo per il resto
informative in materia di sicurezza. Non contaminare l'acqua della stagione. Nel caso vi possano essere delle infezioni in
con il prodotto o il suo contenitore Non pulire il materiale atto effettuare due trattamenti ravvicinati alla dose pi alta.
d'applicazione in prossimit delle acque di superficie. Evitare E' possibile ridurre la dose a 25 g/hl se si effettuano
la contaminazione attraverso i sistemi di scolo delle acque trattamenti in miscela con prodotti di contatto. La dose
dalle aziende agricole e dalle strade. minima di prodotto per ettaro non deve comunque essere
Titolare della registrazione: inferiore a 250 g.
SIPCAM INAGRA, S.A., c/ Prof. Beltrn Bguena, 5 - Preparazione della poltiglia: sciogliere la dose di prodotto
Edificio Nuevo Centro VALENCIA (Spagna) in poca acqua; indi portare a volume aggiungendo l'acqua
Numero di registrazione 24128 occorrente e tenendo la miscela in costante agitazione.
Importato dalla Spagna da: Compatibilit: il prodotto compatibile con tutti gli
Rocca Frutta S.r.l. via Ravenna, 1114 antiparassitari a reazione neutra o acida. Si sconsiglia di
44040 Gaibana (FE) - Tel +39 0532 718186 usarlo in associazione a prodotti con reazione alcalina ed oli
minerali. In caso di miscela con altri formulati si suggerisce
Officine di riconfezionamento / rietichettatura:
di accertare preventivamente la compatibilit fisica di
Chemark Kft. Peremarton-gyrtelep (Ungheria), San Alf ciascuna miscela, preparandone a parte una piccola
Quimicas s.a. Cabanes, Castelln (Spagna), Farma-Chem quantit prima dell'impiego.
SA Thessaloniki (Grecia) Avvertenza: in caso di miscela con altri formulati deve
essere rispettato il periodo di carenza pi lungo. Devono
Registrazione n. 15645 / I.P. del 27/11/2012 inoltre essere osservate le norme precauzionali prescritte
Contenuto Netto: g 100, 250, 500; kg 1, 5, 10 per i prodotti pi tossici. Qualora si verificassero casi di
intossicazione informare il medico della miscelazione
Partita n. compiuta.
INFORMAZIONI PER IL MEDICO Sospendere i trattamenti 7 giorni prima della raccolta
Cimoxanil (derivato dell'urea). Sintomi: durante l'impiego pu per patata; 10 giorni per vite, lattuga, spinacio,
causare congiuntivite, rinite nonch irritazione della gola e pomodoro, melone, zucchino, cetriolo, pisello, cipolla,
della cute. Lingestione pu causare gastroenterite, nausea, aglio, porro, tabacco; 21 giorni per il carciofo e 28 giorni
vomito e diarrea. Sono citati subittero ed ematuria. Terapia: per girasole e soia.
sintomatica. Controindicazioni: nessuna. Attenzione: da impiegare esclusivamente in agricoltura.
AVVERTENZA: consultare un Centro Antiveleni Ogni altro uso pericoloso. Chi impiega il prodotto
Caratteristiche responsabile degli eventuali danni derivanti da uso improprio
Il prodotto un fungicida ad azione citotropica del preparato. Il rispetto delle suddette istruzioni
translaminare, efficace contro la peronospora; agisce per condizione essenziale per assicurare l'efficacia del
contatto sulle zoospore germinanti e, penetrando nei tessuti trattamento e per evitare danni alle piante, alle persone ed
vegetali, anche in grado di colpire il micelio nei primissimi agli animali.
stadi di sviluppo. Da non applicare con i mezzi aerei. Per evitare rischi per
l'uomo e per l'ambiente seguire le istruzioni per l'uso.
Non contaminare altre colture, alimenti, bevande e corsi
d'acqua. Da non vendersi sfuso. Il contenitore
completamente svuotato non deve essere disperso
nell'ambiente. Non operare contro vento. Il contenitore
non pu essere riutilizzato.

Etichetta autorizzata con Decreto Dirigenziale del 27/11/20112

12A13146

22
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 28 novembre 2012. Visto il regolamento (CE) n. 1272/2008 del Parlamento


Europeo e del Consiglio del 16 dicembre 2008 e il suc-
Ri-registrazione di prodotti fitosanitari, a base di 2,4D, cessivo regolamento n. 790/2009 della Commissione del
sulla base del dossier BATON TAPPETI ERBOSI 800g/Kg 10 agosto 2009 di adeguamento al progresso tecnico e
PB di All. III alla luce dei principi uniformi per la valutazio- scientifico, relativi alla classificazione, alletichettatura e
ne e lautorizzazione dei prodotti fitosanitari. allimballaggio delle sostanze e delle miscele;
Visto il regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento
IL DIRETTORE GENERALE Europeo e del Consiglio del 23 febbraio 2005 e successi-
PER LIGIENE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI vi aggiornamenti concernenti i livelli massimi di residui
E DELLA NUTRIZIONE di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi
di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva
91/414/CEE del Consiglio;
Visto lart. 6 della legge 30 aprile 1962, n. 283, modifi-
cato dallart. 4 della legge 26 febbraio 1963, n. 441; Visto il decreto ministeriale 9 agosto 2002 di recepi-
mento della direttiva 2001/103/CE della Commissione
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, che del 28 novembre 2001, relativo alliscrizione di alcu-
detta norme generali sullordinamento del lavoro alle di- ne sostanze attive nellallegato I del decreto legislativo
pendenze delle amministrazioni pubbliche; 17 marzo 1995, n. 194, della sostanza attiva 2,4D;
Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172 concernente Visto in particolare, lart. 1 del citato decreto ministe-
Istituzione del Ministero della salute e incremento del riale 9 agosto 2002 che indica il 30 settembre 2012 quale
numero complessivo dei Sottosegretari di Stato; scadenza delliscrizione della sostanza attiva 2,4D nellal-
legato I del decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 11 mar-
zo 2011, n. 108, recante il Regolamento di riorganizzazio- Visto il decreto ministeriale 30 dicembre 2010 di rece-
ne del Ministero della salute; pimento della direttiva 2010/77/UE della Commissione
del 10 novembre 2010, che proroga la scadenza delliscri-
Visto il decreto del Ministro della salute 2 agosto 2011 zione in allegato I della sostanza attiva 2,4D fino al 31 di-
concernente la disciplina transitoria dellassetto organiz- cembre 2015;
zativo del Ministero della salute;
Visto il decreto di autorizzazione allimmissione in
Visto il decreto legislativo 17 marzo 1995, n. 194, commercio e allimpiego del prodotto fitosanitario ripor-
concernente lattuazione della direttiva 91/414/CEE in tato nellallegato al presente decreto;
materia dimmissione in commercio di prodotti fitosani- Vista listanza presentata dallimpresa titolare intesa
tari, nonch la circolare del 10 giugno 1995, n. 17 (S.O. ad ottenere la ri-registrazione secondo i principi uniformi
Gazzetta Ufficiale n. 145 del 23 giugno 1995) concernenti del prodotto fitosanitario riportato nellallegato al pre-
Aspetti applicativi delle nuove norme in materia di auto- sente decreto sulla base del fascicolo BATON TAPPETI
rizzazione di prodotti fitosanitari; ERBOSI 800g/Kg PB conforme allallegato III del citato
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 23 apri- decreto legislativo194/1995, relativo al prodotto fitosani-
le 2001, n. 290, concernente il regolamento di semplifica- tario BATON TAPPETI ERBOSI, presentato dallimpre-
zione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione, sa Nufarm Italia S.r.l.;
allimmissione in commercio e alla vendita di prodotti fi- Vista, inoltre, la domanda intesa ad ottenere lautoriz-
tosanitari e relativi coadiuvanti, come modificato dal de- zazione alla modifica di composizione in adeguamento
creto del Presidente della Repubblica 28 febbraio 2012, alla composizione oggetto degli studi costituenti il fasci-
n. 55, concernente il regolamento di modifica del decreto colo di allegato III sopra indicato, presentata dallimpresa
del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n. 290; titolare per il prodotto fitosanitario di cui trattasi, e indi-
cato nellallegato al presente decreto;
Visto il regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento
Europeo e del Consiglio del 21 ottobre 2009 relativo allim- Considerato che limpresa titolare della autorizzazione
missione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che abroga del prodotto fitosanitario di cui trattasi ha ottemperato a
le direttive del Consiglio 79/117/CEE e 91/414/CEE ed in quanto previsto dallart. 2, comma 4, del citato decreto
particolare lart. 80 concernente misure transitorie; 9 agosto 2002, nei tempi e nelle forme da esso stabiliti
ed in conformit alle condizioni definite per la sostanza
Visti i regolamenti (UE) della Commissione attiva 2,4D;
n. 540/2011, 541/2011, 542/2011, 544/2011, 545/2011,
546/2011, 547/2011, di attuazione del regolamento (CE) Considerato che la Commissione consultiva dei pro-
n. 1107/2009; dotti fitosanitari di cui allart. 20 del decreto legislativo
17 marzo 1995, n. 194 ha preso atto della conclusione
Visti il decreto legislativo 14 marzo 2003, n. 65, cor- della valutazione del sopracitato fascicolo BATON TAP-
retto ed integrato dal decreto legislativo 28 luglio 2004, PETI ERBOSI 800g/Kg PB, ottenuta dallUniversit di
n. 260, e il decreto ministeriale 3 aprile 2007, concernen- Milano, al fine di ri-registrare i prodotti fitosanitari di cui
ti lattuazione delle direttive 1999/45/CE, 2001/60/CE e trattasi fino al 31 dicembre 2015, alle nuove condizioni di
2006/8/CE, relative alla classificazione, allimballaggio e impiego e con eventuale adeguamento alla composizione
alletichettatura dei preparati pericolosi; del prodotto fitosanitario di riferimento;

23
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Vista la nota con la quale lImpresa titolare della registrazione del prodotto fitosanitario riportato nellallegato al
presente decreto, ha ottemperato a quanto richiesto dallUfficio;
Ritenuto di ri-registrare fino al 31 dicembre 2015, data di scadenza dellapprovazione della sostanza attiva 2,4D,
il prodotto fitosanitario indicato in allegato al presente decreto alle condizioni definite alla luce dei principi uniformi
di cui allallegato VI del citato decreto legislativo 17 marzo 1995, n.194 sulla base del fascicolo BATON TAPPETI
ERBOSI 800g/Kg PB conforme allallegato III;
Visto il versamento effettuato ai sensi del decreto ministeriale 9 luglio 1999;

Decreta:

ri-registrato fino al 31 dicembre 2015, data di scadenza dellapprovazione della sostanza attiva 2,4D, il prodotto
fitosanitario indicato in allegato al presente decreto registrato al numero, alla data e a nome dellimpresa a fianco indi-
cata, autorizzato con la nuova composizione, alle condizioni e sulle colture indicate nelle rispettive etichette allegate
al presente decreto, fissate in applicazione dei principi uniformi.
Sono autorizzate le modifiche di composizione in adeguamento a quella del prodotto di riferimento nonch le
modifiche indicate per ciascun prodotto fitosanitario riportate in allegato al presente decreto.
fatto salvo ogni eventuale successivo adempimento ed adeguamento delle condizioni di autorizzazione dei
prodotti fitosanitari, anche in conformit a provvedimenti comunitari e ulteriori disposizioni riguardanti le sostanze
attive componenti.
La commercializzazione e limpiego delle scorte giacenti, sono consentiti secondo le seguenti modalit:
8 mesi, a decorrere dalla data del presente decreto per la commercializzazione da parte del titolare delle auto-
rizzazioni e la vendita da parte dei rivenditori e/o distributori autorizzati;
12 mesi, a decorrere dalla data del presente decreto per limpiego da parte degli utilizzatori finali.
approvata quale parte integrante del presente decreto letichetta allegata con la quale il prodotto deve essere
posto in commercio.
Il presente decreto sar notificato in via amministrativa allImpresa interessata e sar pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 28 novembre 2012

Il direttore generale: BORRELLO

ALLEGATO

Prodotti fitosanitari a base della sostanza attiva 2,4D ri-registrati alla luce dei principi uniformi
sulla base del dossier BATON TAPPETI ERBOSI 800g/Kg PB di All. III fino al 31
dicembre 2015 ai sensi del decreto ministeriale 9 agosto 2002 di recepimento della direttiva di
inclusione 2001/103/CE della Commissione del 28 novembre 2001e del decreto ministeriale 30
dicembre 2010 di recepimento della direttiva 2010/77/UE della Commissione del 10 novembre
2010.

N. Data
Nome prodotto Impresa Modifiche autorizzate
reg.ne reg.ne
-Modifiche di composizione
- Nuova classificazione:Xn
1. 12620 Baton tappeti erbosi 20/04/2005 Nufarm Italia S.r.l. (nocivo), N (pericoloso per
lambiente) R22-R41-R51/53;
S2-S13-S20/21 -S29-S36/39-
S46-S61

24
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

12A13039

25
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 4 dicembre 2012. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE


Riconoscimento dellacqua minerale Divina in co-
ALIMENTARI E FORESTALI
mune di Tempio Pausania al fine dellimbottigliamento e
della vendita. DECRETO 16 novembre 2012.

Iscrizione di variet ortive nel relativo registro nazionale.


IL DIRETTORE GENERALE
DELLA PREVENZIONE
IL DIRETTORE GENERALE
DELLO SVILUPPO RURALE
Vista la domanda in data 15 maggio 2011, con la qua-
le la societ A.L.B. S.r.l., con sede in Tempio Pausania
(Olbia-Tempio), localit Monti di Deu, ha chiesto il rico- Vista la legge 25 novembre 1971, n. 1096, e successive
noscimento dellacqua minerale naturale Divina, sgor- modifiche ed integrazioni, che disciplina lattivit semen-
gante dallomonima sorgente nellambito del permesso di tiera ed in particolare gli articoli 19 e 24 che prevedono
ricerca Monte Firruloni sito nel territorio del comune listituzione obbligatoria, per ciascuna specie di coltura,
di Tempio Pausania (Olbia-Tempio), al fine dellimbotti- dei registri di variet aventi lo scopo di permettere liden-
gliamento e della vendita; tificazione delle variet stesse;
Esaminata la documentazione prodotta e lulteriore do- Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 otto-
cumentazione trasmessa con note del 2 maggio 2012 e del bre 1973, n. 1065, recante Regolamento di esecuzione
16 ottobre 2012; della legge 25 novembre 1971, n. 1096;
Visto il decreto del Capo del Governo 7 novembre Vista la legge 20 aprile 1976, n. 195, che modifica la
1939, n. 1858; citata legge n. 1096/1971 ed in particolare gli articoli 4 e
Visto il decreto legislativo 8 ottobre 2011, n. 176, di 5 che prevedono la suddivisione dei registri di variet di
attuazione della direttiva 2009/54/CE sulla utilizzazione specie di piante ortive e la loro istituzione obbligatoria;
e la commercializzazione delle acque minerali naturali; Visto il decreto ministeriale 17 luglio 1976, che istitui-
Visto il decreto ministeriale 12 novembre 1992, n. 542, sce i registri di variet di specie di piante ortive;
come modificato dal decreto ministeriale 29 dicembre 2003;
Visto il decreto ministeriale 25 agosto 1998, che istitui-
Visto il decreto interministeriale salute-attivit produt- sce il registro volontario delle variet di basilico;
tive 11 settembre 2003;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300,
Visti i pareri della III sezione del Consiglio superiore di riforma dellorganizzazione di Governo a norma
di sanit espressi nelle sedute del 18 luglio 2012 e del dellart. 11 della legge 15 marzo 1997, n. 59;
15 novembre 2012;
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, rela-
tivo alle norme generali sullordinamento del lavoro alle
dipendenze delle amministrazioni pubbliche, in partico-
Decreta: lare lart. 4, commi 1 e 2 e lart. 16, comma 1;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica del
Art. 1. 22 luglio del 2009, n. 129, concernente il regolamento
di riorganizzazione del Ministero delle politiche agricole
1) riconosciuta come acqua minerale naturale, ai sen- alimentari e forestali;
si dellart. 2, del decreto legislativo 8 ottobre 2011, n. 176,
lacqua denominata Divina, sgorgante dallomonima Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole
sorgente nellambito del permesso di ricerca Monte Fir- alimentari e forestali n. 12081 del 2 agosto 2012, regi-
ruloni sito nel territorio del comune di Tempio Pausania strato alla Corte dei conti, recante individuazione degli
(Olbia-Tempio). uffici dirigenziali non generali;
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uf- Considerato che la Commissione sementi, di cui
ficiale della Repubblica italiana e comunicato alla Com- allart. 19 della citata legge n. 1096/1971, nella riunio-
missione europea. ne del 1 marzo 2011, ha espresso parere favorevole
Copia del presente decreto sar trasmesso alla societ alliscrizione nel relativo registro delle variet di specie
titolare ed ai competenti organi regionali per i provvedi- ortive indicate nel presente dispositivo;
menti di cui allart. 6, del decreto legislativo n. 176/2011.
Considerato che liscrizione delle variet era stata
Roma, 4 dicembre 2012 temporaneamente sospesa per lespletamento di controlli
tecnico-amministrativi delle domande discrizione;
Il direttore generale: RUOCCO Ritenuto concluso positivamente il procedimento re-
lativo alla richiesta di iscrizione avanzata dal costitutore
12A13161 delle variet suddette;

26
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Decreta: Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 otto-


bre 1973, n. 1065, recante Regolamento di esecuzione
Articolo unico della legge 25 novembre 1971, n. 1096;
Ai sensi dellart. 17 del decreto del Presidente della Vista la legge 20 aprile 1976, n. 195, che modifica la
Repubblica 8 ottobre 1973, n. 1065, sono iscritte nel regi- citata legge 1096/71 ed in particolare gli articoli 4 e 5 che
stro delle variet dei prodotti sementieri, fino alla fine del prevedono la suddivisione dei registri di variet di specie
decimo anno civile successivo la pubblicazione del pre- di piante ortive e la loro istituzione obbligatoria;
sente decreto, le variet di specie ortive sotto elencate, le Visto il decreto ministeriale 17 luglio 1976, che istitui-
cui sementi possono essere certificate in quanto semen- sce i registri di variet di specie di piante ortive;
ti di base, sementi certificate o controllate in quanto Visto il decreto ministeriale n. 4629 del 10/03/2010
sementi standard e la cui descrizione e i risultati delle con il quale stata cancellata, dal registro nazionale delle
prove eseguite sono depositati presso questo Ministero: variet di specie di piante ortive, la variet indicata nel
presente dispositivo per mancata presentazione della do-
Specie Variet Codice SIAN Ibrido Responsabile Lista manda di rinnovo delliscrizione;
Anguria Bud 3157 H La semiorto sementi s.r.l. A Vista la nota n. 17864 del 10/08/2011 con la quale
Anguria Delis 3158 H La semiorto sementi s.r.l. A stata comunicata la fusione per incorporazione della so-
La semiorto sementi s.r.l.
Anguria Scuisit 3159 H
La semiorto sementi s.r.l.
A
ciet Petoseed Co. Inc. con la societ Monsanto Agri-
Basilico Grande Liscio 3160 A
Basilico Italiko 3161 La semiorto sementi s.r.l. A
coltura Italia S.p.A.;
Basilico Valentino 3162 La semiorto sementi s.r.l. A Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, di ri-
Melanzana Goffa 3163 H La semiorto sementi s.r.l. A forma dellorganizzazione di governo a norma dellart. 11
Melanzana Purple Queen 3164 H La semiorto sementi s.r.l. A della legge 15 marzo 1997, n. 59;
Melone Magreb 3165 H La semiorto sementi s.r.l. A
Melone Master 3166 H La semiorto sementi s.r.l. A
Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, rela-
Peperone Cono 3168 H La semiorto sementi s.r.l. A tivo alle norme generali sullordinamento del lavoro alle
Peperone Puparulillo 3169 La semiorto sementi s.r.l. A dipendenze delle amministrazioni pubbliche, in partico-
Pomodoro Belfagor 3170 H La semiorto sementi s.r.l. A lare lart. 4, commi 1 e 2 e lart. 16, comma 1;
La semiorto sementi s.r.l.
Spinacio Strongher 3057 H A
Visto il decreto del Presidente della Repubblica del
14 febbraio del 2012, n. 41, recante il Regolamento di
Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo riorganizzazione del Ministero delle politiche agricole
a quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della alimentari e forestali;
Repubblica italiana. Visto il decreto del Ministro delle politiche agricole
Roma, 16 novembre 2012 alimentari e forestali n. 12081 del 2 agosto 2012, regi-
strato alla Corte dei Conti, recante individuazione degli
Il direttore generale: CACOPARDI uffici dirigenziali non generali.
Considerato che la Commissione sementi, di cui
allart. 19 della citata legge n. 1096/71, nella riunione del
AVVERTENZA: Il presente atto non soggetto al visto di controllo 15 marzo 2012, ha espresso parere favorevole al reinse-
preventivo di legittimit da parte della Corte dei conti, art. 3, legge rimento, nel relativo registro nazionale, della variet in-
14 gennaio 1994, n. 20, n alla registrazione da parte dellUfficio cen- dicata nel presente dispositivo, precedentemente cancel-
trale del bilancio del Ministero delleconomia e delle finanze, art. 9 del lata per mancata presentazione della domanda di rinnovo
decreto del Presidente della Repubblica n. 38/1998. delliscrizione;
Considerato che liscrizione della variet era stata
12A13038 temporaneamente sospesa per lespletamento di controlli
tecnico-amministrativi della domanda discrizione;
Ritenuto concluso positivamente il procedimento rela-
DECRETO 28 novembre 2012. tivo alla richiesta di iscrizione della variet suddetta;

Iscrizione di una variet ortiva nel relativo registro nazio- Decreta:


nale e variazione del relativo responsabile della conservazio-
ne in purezza.
Articolo unico
IL DIRETTORE GENERALE Ai sensi dellart. 17 del decreto del Presidente del-
DELLO SVILUPPO RURALE la Repubblica 8 ottobre 1973, n. 1065, la sotto elencata
variet, precedentemente iscritta con decreto ministeria-
Vista la legge 25 novembre 1971, n. 1096, e successive le del 20 giugno 1977 e successivamente cancellata con
modifiche ed integrazioni, che disciplina lattivit semen- decreto ministeriale del 10 marzo 2010, le cui sementi
tiera ed in particolare gli articoli 19 e 24 che prevedono possono essere controllate in quanto sementi standard
listituzione obbligatoria, per ciascuna specie di coltura, e la cui descrizione e i risultati delle prove eseguite sono
dei registri di variet aventi lo scopo di permettere liden- depositati presso questo Ministero, nuovamente iscrit-
tificazione delle variet stesse; ta nel registro nazionale delle specie ortive, fino alla fine

27
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

del decimo anno civile successivo la pubblicazione del Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale per
presente decreto, con il nuovo responsabile della conser- le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito allado-
vazione in purezza a fianco indicato. zione dei provvedimenti di scioglimento per atto dautorit
con nomina di commissario liquidatore nei casi di mancato
Codice
Vecchio responsabile Nuovo responsabile deposito del bilancio per almeno due esercizi consecutivi;
Specie Variet Ibrido Lista conservazione in conservazione in
SIAN
purezza purezza Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
Melanzana
Black
Bell
1405 H B Petoseed Co. Inc.
Monsanto Agricoltura
Italia S.p.A. scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
tiesdecies del codice civile, con contestuale nomina del
Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo commissario liquidatore;
a quello della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana. Decreta:

Roma, 28 novembre 2012 Art. 1.


Il direttore generale: CACOPARDI La Cooperativa Delta Societ Cooperativa con sede
in Pontevico (Brescia), costituita in data 24 giugno 2005,
codice fiscale 02665280984, sciolta per atto dautorit ai
AVVERTENZA: Il presente atto non soggetto al visto di controllo
sensi dellart. 2545-septiesdecies del codice civile e il dott.
preventivo di legittimit da parte della Corte dei conti, art. 3, legge Pierfranco Giovanni Risoli, nato a Bernezzo (Cuneo) il
14 gennaio 1994, n. 20, n alla registrazione da parte dellUfficio cen- 4 aprile 1945, residente a Cuneo in Via Meucci, 3 - 12100
trale del bilancio del Ministero delleconomia e delle finanze, art. 9 del Cuneo, ne nominato commissario liquidatore.
decreto del Presidente della Repubblica n. 38/1998.
Art. 2.
12A13037 Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
MINISTERO ciale della Repubblica italiana.
DELLO SVILUPPO ECONOMICO Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale amministrativo
regionale ovvero straordinario al Presidente della Repub-
DECRETO 31 ottobre 2012. blica nei termini e presupposti di legge.
Scioglimento della Delta societ cooperativa, in Pontevico Roma, 31 ottobre 2012
e nomina del commissario liquidatore.
Il direttore generale: ESPOSITO
IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 12A13047
E GLI ENTI COOPERATIVI

Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,


n. 220; DECRETO 31 ottobre 2012.
Visto lart. 2545-septiesdecies del codice civile; Scioglimento della Sani A.C.S. Cooperativa Sociale Onlus,
in Vigevano e nomina del commissario liquidatore.
Visto lart. 1 legge n. 400/1975 e lart. 198 R.D.
16 marzo 1942, n. 267; IL DIRETTORE GENERALE
Viste le risultanze della relazione di mancata revisione PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
del 12 luglio 2010, effettuate dal revisore incaricato dal E GLI ENTI COOPERATIVI
Ministero dello sviluppo economico e relative alla societ
cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si inten- Visto lart.12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
dono richiamate; n. 220;
Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dalluffi- Visto lart. 2545-septiesdecies del Codice civile;
cio presso il Registro delle imprese, che hanno confer- Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 regio decreto
mato il mancato deposito di bilanci per pi di due anni 16 marzo 1942 n. 267;
consecutivi; Viste le risultanze della relazione di mancata revisione
Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu- del 17 febbraio 2011, effettuate dal revisore incaricato dal
nicazione ai sensi degli articoli 7 e 8 legge n. 241/1990, Ministero dello Sviluppo Economico e relative alla so-
prot. n. 0237376 del 13 dicembre 2011, non ha prodotto ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si
alcuna documentazione attestante lavvenuta regolarizza- intendono richiamate;
zione delle difformit; Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies del codice civile; cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;

28
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu- Viste le risultanze della relazione di mancata revisione
nicazione ai sensi degli artt. 7 e 8 legge n. 241/90, prot. del 18 novembre 2011, effettuate dal revisore incaricato
0076260 del 26 marzo 2012, non ha prodotto alcuna dal Ministero dello sviluppo economico e relative alla so-
documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si
delle difformit; intendono richiamate;
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies del Codice civile; Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
per le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito
alladozione dei provvedimenti di scioglimento per atto Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu-
dautorit con nomina di commissario liquidatore nei nicazione ai sensi degli artt. 7 e 8 legge n. 241/90, prot.
casi di mancato deposito del bilancio per almeno due n. 0076351 del 26 marzo 2012, non ha prodotto alcuna
esercizi consecutivi; documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di delle difformit;
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
tiesdecies del Codice civile, con contestuale nomina del Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio-
commissario liquidatore; ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.;
Visto il parere espresso dalla Commissione centrale
Decreta: per le cooperative in data 28 settembre 2011 in merito
alladozione dei provvedimenti di scioglimento per atto
Art. 1. dautorit con nomina di commissario liquidatore nei casi
di mancato deposito del bilancio per almeno due esercizi
La Societ Sani A.C.S. Cooperativa Sociale Onlus consecutivi;
con sede in Vigevano (PV), costituita in data 26 maggio
2005, codice fiscale n. 02109600185, sciolta per atto Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesdecies del Codice scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
civile e il dott. Risoli Pierfranco Giovanni, nato a Ber- tiesdecies c.c., con contestuale nomina del commissario
nezzo (CN) il 4 aprile 1945, residente in via Meucci n. 3 liquidatore;
- 12100 Cuneo, ne nominato commissario liquidatore.
Decreta:
Art. 2.
Al predetto commissario liquidatore spetta il trattamen-
to economico previsto dal decreto ministeriale 23 febbra- Art. 1.
io 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- La Cooperativa Euro Coop. Service Societ coope-
ciale della Repubblica italiana. rativa con sede in Viadana (Mantova), costituita in data
Avverso il presente provvedimento possibile propor- 15 dicembre 2004, c.f. 03456090236, sciolta per atto
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesdecies c.c. e il
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- Dott. Pierfranco Giovanni Risoli, nato a Bernezzo (Cu-
pubblica nei termini e presupposti di legge. neo) il 4 aprile 1945, residente a Cuneo in Via Meucci,
3 - 12100 Cuneo, ne nominato commissario liquidatore.
Roma, 31 ottobre 2012
Il direttore generale: ESPOSITO Art. 2.

12A13139 Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-


mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
DECRETO 31 ottobre 2012. ciale della Repubblica italiana.
Scioglimento della Euro Coop. Service Societ Coopera- Avverso il presente provvedimento possibile propor-
tiva, in Viadana e nomina del commissario liquidatore.
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
IL DIRETTORE GENERALE pubblica nei termini e presupposti di legge.
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI

Roma, 31 ottobre 2012


Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220;
Visto lart. 2545-septiesdecies c.c.; Il direttore generale: ESPOSITO
Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 R.D. 16 marzo
1942 n. 267; 12A13140

29
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 31 ottobre 2012. Art. 2.


Scioglimento della Circolo Cooperativo di Consumo di Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
Cassano Valcuvia - Soc. Coop. a r.l., in Cassano Valcuvia e mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
nomina del commissario liquidatore.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
IL DIRETTORE GENERALE ciale della Repubblica italiana.
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002, Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
n. 220; pubblica nei termini e presupposti di legge.
Visto lart. 2545-septiesdecies c.c.; Roma, 31 ottobre 2012
Visto lart. 1 legge n. 400/75 e Iart. 198 R.D. 16 marzo
1942 n. 267; Il direttore generale: ESPOSITO
Visto il D.D. 15 settembre 2010 con il quale la Societ
Circolo Cooperativo di Consumo di Cassano Valcuvia 12A13141
- Soc. Coop. a r.l. con sede in Cassano Valcuvia (Vare-
se) stata posta in gestione commissariale con nomina di
commissario governativo nella persona del dott. Marco
Casero; DECRETO 6 novembre 2012.
Vista la mancata regolarizzazione dellente da parte Scioglimento della Iglesarda societ cooperativa edilizia
del commissario governativo, che sebbene sollecitato, a r.l., in Roma e nomina del commissario liquidatore.
con nota del 2 settembre 2011 prot. n. 161954 e nota del
10 luglio 2012 prot. n. 155027, da questa Autorit, non ha
prodotto alcuna relazione sul suo operato; IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI
Visto il parere espresso dalla Commissione centrale
per le cooperative in data 28 settembre 2011 in merito Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
alladozione dei provvedimenti di scioglimento per atto n. 220;
dautorit con nomina di commissario liquidatore nei casi
di mancato deposito del bilancio per almeno due esercizi Visto l art. 2545-septiesdecies c.c.;
consecutivi; Visto l art. 1 legge n.400/75 e lart.198 regio decreto
Viste le risultanze degli ulteriori accertamenti duffi- 16 marzo 1942 n.267;
cio presso il Registro delle Imprese, che hanno attestato il
deposito dellultimo bilancio relativo allesercizio 2009; Viste le risultanze della relazione di mancata revisione
del 3 giugno 2011 effettuata dal revisore incaricato dal
Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu- Ministero dello Sviluppo Economico e relativi alla so-
nicazione ai sensi degli artt. 7 e 8 legge n. 241/90 prot. ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si
n. 254150 del 22 dicembre 2011, non ha prodotto alcuna intendono richiamate;
documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione
delle difformit; Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio
presso il Registro delle Imprese, che hanno conferma-
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- to il mancato deposito dei bilanci per pi di due anni
ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.; consecutivi;
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di Considerato che la cooperativa, a seguito della comu-
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep- nicazione ai sensi degli art.7 e 8 L.241/90, non ha prodot-
tiesdecies c.c., con contestuale nomina del commissario to alcuna documentazione attestante lavvenuta regolariz-
liquidatore; zazione delle difformit;
Decreta: Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.;
Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale
Art. 1. per le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito
La Societ Circolo Cooperativo di Consumo di Cas- alladozione dei provvedimenti di scioglimento per atto
sano Valcuvia - Soc. Coop. a r.l. con sede in Cassano dautorit con nomina di commissario liquidatore nei
Valcuvia (Varese) costituita in data 24 gennaio 1925, casi di mancato deposito del bilancio per almeno due
c.f. 00257550129, sciolta per atto dautorit ai sensi esercizi consecutivi;
dellart. 2545-septiesdecies c.c. e lAvv. Francesca Cri- Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
vellari, nata ad Avellino il 12 maggio 1974, con studio in scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
Via Tupini, 103 - 00144 Roma, ne nominata commissa- tiesdecies c.c., con contestuale nomina del commissario
rio liquidatore. liquidatore;

30
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Decreta: Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di


scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
tiesdecies c.c., con contestuale nomina del commissario
Art. 1. liquidatore;
La Societ Cooperativa Iglesarda societ cooperativa
edilizia a r.l con sede in Roma, costituita in data 13 di- Decreta:
cembre 1990, Codice fiscale n. 03986891004, sciolta
per atto dautorit ai sensi dell art. 2545-septiesdecies
c.c. e il Dr. Antonio di Paola, nato a LAquila il 29 giugno Art. 1.
1957, con studio in Roma, via Anastasio II n.442, ne La Societ Cooperativa Star Shadow societ coope-
nominato commissario liquidatore. rativa con sede in Roma, costituita in data 27 febbraio
2008, Codice fiscale n. 09885011008, sciolta per atto
Art. 2. dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesdecies c.c. e
Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta- lAvv. Massimo Mannocchi, nato a Roma il 17 novem-
mento economico previsto dal D.M.23 febbraio 2001. bre 1960, con studio in Roma, Lungotevere Arnaldo da
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- Brescia n. 9/10, ne nominato commissario liquidatore.
ciale della Repubblica italiana.
Art. 2.
Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
pubblica nei termini e presupposti di legge. Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
Roma, 6 novembre 2012 ciale della Repubblica italiana.
Avverso il presente provvedimento possibile propor-
Il direttore generale: ESPOSITO re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
12A13034 pubblica nei termini e presupposti di legge.
Roma, 6 novembre 2012
DECRETO 6 novembre 2012. Il direttore generale: ESPOSITO
Scioglimento della Star Shadow societ cooperativa, in
Roma e nomina del commissario liquidatore. 12A13035

IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI DECRETO 6 novembre 2012.

Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002, Scioglimento della Edil 2008 societ cooperativa, in
n. 220; Latina e nomina del commissario liquidatore.
Visto l art. 2545-septiesdecies c.c.;
Visto l art. 1 legge n.400/75 e lart.198 regio decreto IL DIRETTORE GENERALE
16 marzo 1942 n. 267; PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI

Viste le risultanze del verbale di ispezione straordinaria Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
del 21 dicembre 2011 effettuate dal revisore incaricato n. 220;
dal Ministero dello Sviluppo Economico e relative alla
societ cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui Visto l art. 2545-septiesdecies c.c.;
si intendono richiamate; Visto l art. 1 legge n. 400/75 e lart.198 regio decreto
Considerato che dalle succitate risultanze ispettive 16 marzo 1942 n. 267;
emerso che la cooperativa in oggetto non persegue lo Viste le risultanze della relazione di mancata revisione
scopo mutualistico come indicato nel verbale di ispezione del 15 marzo 2011 effettuata dal revisore incaricato dal
straordinaria del 21 dicembre 2011 che qui si richiama; Ministero dello Sviluppo Economico e relativi alla so-
Considerato che la cooperativa, a seguito della comuni- ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si
cazione ai sensi degli art. 7 e 8 L. 241/90 del 31 msggio 2012 intendono richiamate;
prot. n. 127451, non ha prodotto alcuna documentazione Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
attestante lavvenuta regolarizzazione delle difformit; so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.; Considerato che la cooperativa, a seguito della comu-
Visto il parere favorevole del 13 settembre 2012 nicazione ai sensi degli art. 7 e 8 L.241/90, non ha prodot-
espresso dal Comitato Centrale per le Cooperative di cui to alcuna documentazione attestante lavvenuta regolariz-
agli articoli 18 e 19 della legge 17 febbraio 1971, n. 127; zazione delle difformit;

31
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.; so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
per le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito Considerato che la cooperativa, a seguito della comu-
alladozione dei provvedimenti di scioglimento per atto nicazione ai sensi degli artt. 7 e 8 legge n. 241/90, non
dautorit con nomina di commissario liquidatore nei casi ha prodotto alcuna documentazione attestante lavvenuta
di mancato deposito del bilancio per almeno due esercizi regolarizzazione delle difformit;
consecutivi; Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio-
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di ni previste dallart. 2545-septiesdecies del Codice civile;
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep- Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale per
tiesdecies c.c., con contestuale nomina del commissario le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito allado-
liquidatore; zione dei provvedimenti di scioglimento per atto dautorit
con nomina di commissario liquidatore nei casi di mancato
Decreta: deposito del bilancio per almeno due esercizi consecutivi;
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
Art. 1. scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
tiesdecies del Codice civile, con contestuale nomina del
La Societ Cooperativa Edil 2008 societ cooperati- commissario liquidatore;
va con sede in Latina, costituita in data 5 giugno 2008,
Codice fiscale n. 02441320591, sciolta per atto dauto- Decreta:
rit ai sensi dell art. 2545-septiesdecies c.c. e il Dr. An-
tonio Di Paola, nato a LAquila il 29 giugno 1957 con Art. 1.
studio in Roma, via Anastasio II n.442, ne nominato La Societ Cooperativa SWW Service Work World -
commissario liquidatore. Societ cooperativa con sede in Genova, costituita in data
17 luglio 2008, codice fiscale n. 01824580995, sciolta
Art. 2. per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesdecies del
Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta- Codice civile e il Dott. Pierfranco Giovanni Risoli, nato a
mento economico previsto dal D.M.23 febbraio 2001. Bernezzo (CN) il 4 aprile 1945, residente in Cuneo, Via
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- Meucci n. 3, ne nominato commissario liquidatore.
ciale della Repubblica italiana.
Art. 2.
Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
pubblica nei termini e presupposti di legge. Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
Roma, 6 novembre 2012 ciale della Repubblica italiana.
Avverso il presente provvedimento possibile propor-
Il direttore generale: ESPOSITO re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
12A13036 pubblica nei termini e presupposti di legge.
Roma, 6 novembre 2012

DECRETO 6 novembre 2012. Il direttore generale: ESPOSITO


Scioglimento della Sww Service Work World - societ co- 12A13041
operativa, in Genova e nomina del commissario liquidatore.

IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DECRETO 6 novembre 2012.
E GLI ENTI COOPERATIVI Scioglimento della Rinascita societ cooperativa, in San
Severino Marche e nomina del commissario liquidatore.
Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220; IL DIRETTORE GENERALE
Visto lart. 2545-septiesdecies del Codice civile; PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart.198 R.D. 16 marzo E GLI ENTI COOPERATIVI
1942 n. 267;
Viste le risultanze della relazione di mancata revisione Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
del 23 settembre 2011 effettuata dal revisore incaricato n. 220;
dal Ministero dello Sviluppo Economico e relativi alla so- Visto lart. 2545-septiesdecies del Codice civile;
ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 R.D. 16 marzo
intendono richiamate; 1942 n. 267;

32
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Viste le risultanze del verbale di revisione del 18 otto- DECRETO 6 novembre 2012.
bre 2011 e successivo accertamento del 18 novembre 2011
effettuato dal revisore incaricato dal Ministero dello Svi- Scioglimento della Europa 2000 societ cooperativa,
luppo Economico e relativo alla societ cooperativa sotto in Roma e nomina del commissario liquidatore.
indicata, cui si rinvia e che qui si intendono richiamate;
IL DIRETTORE GENERALE
Tenuto conto che dai succitati accertamenti ispettivi PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
risultato che la cooperativa non pi in grado di raggiun- E GLI ENTI COOPERATIVI
gere lo scopo sociale, come indicato nei punti 39 e 55 del
verbale di revisione del 18 ottobre 2011 qui richiamato; Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220;
Considerato che la cooperativa, a seguito della comu-
nicazione ai sensi degli artt. 7 e 8 legge n. 241/90 del Visto l art. 2545 septiesdecies c.c.;
29 maggio 2012 prot. n. 125258, non ha prodotto alcuna Visto lart. 1, legge n. 400/75 e lart. 198, regio decreto
documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione 16 marzo 1942 n. 267;
delle difformit;
Viste le risultanze del verbale di revisione del 25 luglio
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- 2011 e successivo accertamento del 5 ottobre 2011 effet-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies del Codice civile; tuati dal revisore incaricato dal Ministero dello Sviluppo
Economico e relativi alla societ cooperativa sotto indica-
Visto il parere favorevole del 13 settembre 2012 ta, cui si rinvia e che qui si intendono richiamate;
espresso dal Comitato Centrale per le Cooperative di cui
agli artt. 18 e 19 della legge 17 febbraio 1971, n. 127; Considerato che dalle succitate risultanze ispettive
emerso che la cooperativa in oggetto non persegue lo
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di scopo mutualistico come indicato al punto 55 del verbale
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep- di revisione del 25 luglio 2011 qui richiamato;
tiesdecies del Codice civile, con contestuale nomina del Considerato che la cooperativa, a seguito della comu-
commissario liquidatore; nicazione ai sensi degli art. 7 e 8, legge n. 241/90 del
15 marzo 2012 prot. n. 66260, non ha prodotto alcuna
Decreta: documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione
delle difformit;
Tenuto conto che lente risulta trovarsi nelle condizioni
Art. 1. previste dallart. 2545 septiesdecies c.c.;
Visto il parere favorevole del 13 settembre 2012
La societ cooperativa Rinascita Societ cooperativa espresso dal Comitato Centrale per le Cooperative di cui
con sede in San Severino Marche (MC), costituita in data agli articoli 18 e 19 della legge 17 febbraio 1971, n. 127;
12 ottobre 2000, codice fiscale n. 02050700422, sciol-
ta per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesdecies Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento
del Codice civile e il Dott. Vito Puce, nato a Taranto il di scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545
22 dicembre 1964, con studio a Roma, Via Etna n. 14, ne septiesdecies c.c.. con contestuale nomina del commissa-
nominato commissario liquidatore. rio liquidatore;

Decreta:
Art. 2.

Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta- Art. 1.


mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
La Societ Cooperativa Europa 2000 Societ Coo-
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- perativa con sede in Roma. costituita in data 1 giugno
ciale della Repubblica italiana. 2000, codice fiscale n. 06132911006, sciolta per atto
dautorit ai sensi dell art. 2545 septiesdecies c.c. e lavv.
Avverso il presente provvedimento possibile propor- Massimo Marmocchi nato a Roma il 17 novembre 1960,
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo con studio in Roma, Lungotevere Arnaldo da Brescia
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- n. 9/10, ne nominato commissario liquidatore.
pubblica nei termini e presupposti di legge.
Art. 2.
Roma, 6 novembre 2012
Al predetto commissario liquidatore spetta il trattamen-
to economico previsto dal decreto ministeriale 23 febbra-
Il direttore generale: ESPOSITO io 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
12A13042 ciale della Repubblica italiana.

33
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Avverso il presente provvedimento possibile propor- Art. 2.


re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- Al predetto commissario liquidatore spetta il trattamen-
pubblica nei termini e presupposti di legge. to economico previsto dal decreto ministeriale 23 febbra-
io 2001.
Roma, 6 novembre 2012
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
Il direttore generale: ESPOSITO ciale della Repubblica italiana.
12A13043 Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
DECRETO 6 novembre 2012. pubblica nei termini e presupposti di legge.
Scioglimento della Agenzia 4 societ cooperativa, Roma, 6 novembre 2012
in Ottaviano e nomina del commissario liquidatore.

IL DIRETTORE GENERALE Il direttore generale: ESPOSITO


PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
E GLI ENTI COOPERATIVI 12A13044

Visto lart. 12, del decreto legislativo 2 agosto 2002,


n. 220;
Visto art. 2545 septiesdecies c.c.; DECRETO 6 novembre 2012.
Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 regio decreto Scioglimento della Servizio 2003 - societ cooperativa
16 marzo 1942 n. 267; a r.l., in Saviano e nomina del commissario liquidatore.
Visto il decreto dirigenziale 30 settembre 2010 con il
quale la Soc. Cooperativa Agenzia 4 Societ Cooperati-
va con sede in Ottaviano (NA) stata posta in gestione IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
commissariale con nomina di Commissario Governativo
E GLI ENTI COOPERATIVI
nella persona del prof. Nicola Bruni;
Visto il decreto dirigenziale 1 dicembre 2010 con il
quale il dott. Attilio De Nicola stato nominato com- Visto lart. 12, del decreto legislativo 2 agosto 2002,
missario governativo in sostituzione del prof. Nicola n. 220;
Bruni, rinunciatario; Visto art. 2545 septiesdecies c.c.;
Vista la relazione del Commissario Governativo dott.
Attilio De Nicola, pervenuta in data 10 febbraio 2011, con Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 regio decreto
la quale lo stesso propone ladozione del provvedimento 16 marzo 1942 n. 267;
di scioglimento dufficio art. 2545 septiesdecies c.c.; Viste le risultanze del verbale di revisione del 17 set-
Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres- tembre 2010 effettuato dal revisore incaricato dal Mini-
so il Registro delle Imprese che hanno confermato il man- stero dello Sviluppo Economico e relativo alla societ
cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi; cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si inten-
Tenuto conto che lente risulta trovarsi nelle condizioni dono richiamate;
previste dallart. 2545 septiesdecies c.c.; Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
Visto il parere favorevole del Comitato Centrale per le so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
Cooperative di cui agli artt. 18 e 19 della legge 17 febbra- cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
io 1971, n. 127;
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento Considerato che la cooperativa, a seguito della co-
di scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545 municazione ai sensi degli art. 7 e 8 legge n. 241/90 del
septiesdecies c.c.. con contestuale nomina del commissa- 1 luglio 2011 prot. n. 124824, non ha prodotto alcuna
rio liquidatore; documentazione attestante lavvenuta regolarizzazione
delle difformit;
Decreta:
Tenuto conto che lente risulta trovarsi nelle condizioni
previste dallart. 2545 septiesdecies c.c.;
Art. 1.
Visto il parere favorevole del 7 dicembre 2011 espresso
La Societ Cooperativa Agenzia 4 Societ Cooperati- dal Comitato Centrale per le Cooperative di cui agli arti-
va con sede in Ottaviano (NA), costituita in data 27 set- coli 18 e 19 della legge 17 febbraio 1971, n. 127;
tembre 2007, codice fiscale n. 05844831213, sciolta per
atto dautorit ai sensi dellart. 2545 septiesdecies c.c. e Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento
il dott. Giulio Trimboli nato a Salerno il 17 ottobre 1973, di scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545
con studio in Salerno, via Francesco Paolo Volpe n. 19 ne septiesdecies c.c.. con contestuale nomina del commissa-
nominato commissario liquidatore. rio liquidatore;

34
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Decreta: Decreta:

Art. 1. Art. 1.
La Societ Cooperativa Servizio 2003 - Soc. Coop. a Il dott. Giulio Trimboli nato a Salerno il 17 ottobre
r.l. con sede in Saviano (NA), costituita in data 6 mag- 1973, con studio in Salerno, Via Francesco Paolo Volpe
gio 2003, codice fiscale n. 04472341215, sciolta per n. 19, nominato commissario liquidatore della societ
atto dautorit ai sensi dellart. 2545 septiesdecies c.c. e Murelle Societ Cooperativa Edilizia a r.l., con sede
il dott. Giulio Trimboli, nato a Salerno il 17 ottobre 1973, in Casaluce (Caserta), codice fiscale 01231510619, gi
con studio in Salerno, via Francesco Paolo Volpe n. 19, ne sciolta ai sensi dellart. 2545-septiesdecies del codice ci-
nominato commissario liquidatore. vile, con precedente D.M. 18 settembre 2007 in sostitu-
zione dellavv. Giuseppe Guadagno, rinunciatario.
Art. 2.
Al predetto commissario liquidatore spetta il trattamen- Art. 2.
to economico previsto dal decreto ministeriale 23 febbra-
io 2001. Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana. Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana.
Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo Avverso il presente provvedimento possibile propor-
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- re ricorso amministrativo al Tribunale amministrativo
pubblica nei termini e presupposti di legge. regionale ovvero straordinario al Presidente della Repub-
blica nei termini e presupposti di legge.
Roma, 6 novembre 2012
Roma, 6 novembre 2012
Il direttore generale: ESPOSITO
Il direttore generale: ESPOSITO
12A13045
12A13046

DECRETO 6 novembre 2012.

Sostituzione del commissario liquidatore della Murelle DECRETO 6 novembre 2012.


Societ Cooperativa Edilizia a r.l., in Casaluce.
Sostituzione del commissario liquidatore della Verde
Ambientale Societ Cooperativa, in Pattada.
IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
E GLI ENTI COOPERATIVI IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
E GLI ENTI COOPERATIVI
Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220;
Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
Visto lart. 2545-septiesdecies del codice civile; n. 220;
Visto lart. 1 legge n. 400/1975 e lart. 198 R.D.
16 marzo 1942, n. 267; Visto lart. 2545-septiesdecies del Codice civile;
Visto il D.M. 18 settembre 2007 del Ministero dello Visto lart. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 regio decreto
sviluppo economico, con il quale la societ Murelle So- 16 marzo 1942 n. 267;
ciet Cooperativa Edilizia a r.l., con sede in Casaluce Visto il decreto ministeriale 25 novembre 2011 del Mi-
(Caserta) stata sciolta si sensi dellart. 2545-septiesde- nistero dello Sviluppo Economico, con il quale la societ
cies del codice civile e lavv. Giuseppe Guadagno ne Verde Ambientale Societ Cooperativa con sede in Pat-
stato nominato commissario liquidatore; tada (SS), stata sciolta ai sensi dellart. 2545-septiesde-
Vista la nota del 16 gennaio 2012 con la quale il com- cies del Codice civile e il dott. Andrea Tommaso Accardo
missario liquidatore avv. Giuseppe Guadagno dichiara di ne stato nominato commissario liquidatore;
rinunciare allincarico;
Vista la nota del commissario liquidatore dott. Andrea
Ravvisata la necessit di provvedere alla sua sostitu- Tommaso Accardo, del 17 novembre 2011, con la quale
zione nellincarico di commissario liquidatore; dichiara di rinunciare allincarico;

35
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Visto il decreto ministeriale 9 gennaio 2012 del Mini- Tenuto conto che stato dato avvio allistruttoria, ai
stero dello Sviluppo Economico, con il quale lAvv. Giu- sensi della legge n. 241/90 e dellart. 37 LF, per la revoca
seppe Farris viene nominato commissario liquidatore del- dellincarico con diffida prot. 101545 del 27 aprile 2012;
la societ Verde Ambientale con sede in Pattada (SS) in Dato atto che il predetto Commissario liquidatore non
sostituzione del dott. Andrea Tommaso Accardo; ha fatto pervenire alcuna controdeduzione;
Vista la nota del commissario liquidatore Avv. Giusep- Visto che lultimo bilancio approvato dallente risale
pe Farris, del 2 febbraio 2012, con la quale dichiara di allesercizio 2002 e che lo stesso presenta solo valori mo-
rinunciare allincarico. biliari ormai prescritti per legge;
Ritenuto che non vi sono prospettive di realizzo di atti-
Decreta: vo per soddisfare creditori;
Rilevata la necessit di revocare la figura del commis-
Art. 1. sario liquidatore, senza procedere alla sua sostituzione,
per le ragioni sopra esposte;
Il dott. Andrea Interlandi nato a Sassari il 10 novem- Visto il decreto del Ministero dello sviluppo economi-
bre 1976 con studio in Viale Italia, n. 3 - 07100 Sassari, co in data 17 gennaio 2007 concernente la determinazio-
nominato commissario liquidatore della societ Ver- ne dellimporto minimo di bilancio ai fini dello sciogli-
de Ambientale Societ Cooperativa con sede in Pattada mento dufficio ex art. 2545-septiesdecies c.c. senza che
(SS), codice fiscale n. 01850690908, gi sciolta ai sensi si proceda alla nomina del liquidatore;
dellart. 2545-septiesdecies del Codice civile, con prece- Rilevata la necessit di revocare il dott. Raffaele Di Ru-
dente decreto ministeriale 25 ottobre 2011, in sostituzione berto dallincarico di commissario liquidatore, senza pro-
dellAvv. Giuseppe Farris. cedere alla sua sostituzione, per le ragioni sopra esposte;
Art. 2. Decreta:
Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001. Art. 1.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana. Il dott. Raffaele Di Ruberto, nominato commissario li-
quidatore della societ Pianeta Lavoro Societ Cooperati-
Avverso il presente provvedimento possibile propor- va Sociale a r.l. con sede in Cerignola (Foggia) con D.M.
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo 17 gennaio 2007 revocato dallincarico, senza sostituzione.
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
pubblica nei termini e presupposti di legge. Art. 2.
Roma, 6 novembre 2012 Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana.
Il direttore generale: ESPOSITO
Art. 3.
12A13137
I creditori o altri soggetti interessati possono presenta-
re formale e motivata domanda allautorit governativa,
intesa ad ottenere la prosecuzione della liquidazione con
DECRETO 6 novembre 2012.
nuova nomina del commissario liquidatore entro il termi-
ne perentorio di gg. 30 decorrenti dalla data di pubblica-
Revoca dellincarico, senza contestuale sostituzione, del zione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della
commissario liquidatore della Pianeta Lavoro Societ Repubblica italiana.
Cooperativa Sociale a r.l., in Cerignola.
Art. 4.
IL DIRETTORE GENERALE Qualora nei termini sopra indicati, non pervengano
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI osservazioni o richieste motivate ai sensi dellart. 3 del
presente decreto, la societ Pianeta Lavoro Societ Coo-
Visti gli artt. 2545-septiesdecies c.c. e 223-septiesde- perativa Sociale a r.l. con sede in Cerignola (Foggia), gi
cies disp. att. al c.c.; sciolta con D.M. 17 gennaio 2007, sar cancellata senza
Visto lart. 12 del d.lgs. n. 220/2002; ulteriori formalit dal registro delle imprese.
Visto il D.M. 17 gennaio 2007 con il quale la socie- Avverso il presente provvedimento possibile propor-
t Pianeta Lavoro Societ Cooperativa Sociale a r.l. re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
con sede in Cerignola (Foggia) stata sciolta ai sensi Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
dellart. 2545-septiesdecies c.c. e il dott. Raffaele Di Ru- pubblica nei termini e presupposti di legge.
berto ne stato nominato commissario liquidatore; Roma, 6 novembre 2012
Considerato che il predetto dott. Raffaele Di Ruberto
non ha ottemperato alla richiesta di notizie sullo svolgi- Il direttore generale: ESPOSITO
mento della procedura formulata con ministeriale prot.
253995 del 22 dicembre 2011; 12A13142

36
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 14 novembre 2012. DECRETO 20 novembre 2012.


Scioglimento della LIdea - societ cooperativa a re- Scioglimento della Coop. Camitalia Societ Cooperativa,
sponsabilit limitata, in Genova e nomina del commissa- in Ferrara e nomina del commissario liquidatore.
rio liquidatore.
IL DIRETTORE GENERALE
IL DIRETTORE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI E GLI ENTI COOPERATIVI

Visto lart. 12 del D.lgs. 02.08.2002, n. 220; Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220;
Visto l art. 2545-septiesdecies c.c.; Visto lart. 2545-septiesdecies del codice civile;
Visto l art. 1 legge n. 400/75 e lart. 198 R.D. 16 marzo Visto lart. 1 legge n. 400/1975 e lart. 198 R.D.
1942 n. 267; 16 marzo 1942, n. 267;
Viste le risultanze del verbale di revisione del 07.06.2012 Viste le risultanze del verbale di mancata revisione del
effettuate dal revisore incaricato dalla Lega Nazionale Co- 23 giugno 2011, effettuate dal revisore incaricato dal Mi-
operative e Mutue e relative alla societ cooperativa sotto nistero dello sviluppo economico e relative alla societ
indicata, cui si rinvia e che qui si intendono richiamate; cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si inten-
Considerato che dalle succitate risultanze ispettive dono richiamate;
emerso che la cooperativa in oggetto non persegue lo Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres-
scopo mutualistico come indicato al punto 55 del verbale so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man-
di revisione del 07.06.2012 che qui si richiama; cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
Considerato che la cooperativa, a seguito della comu- Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu-
nicazione ai sensi degli art. 7 e 8 L. 241/90 del 17.09.2012 nicazione ai sensi degli articoli 7 e 8 legge n. 241/1990,
prot. n. 192387, non ha prodotto alcuna documentazione prot. 237474 del 13 dicembre 2011, non ha prodotto alcu-
na documentazione attestante lavvenuta regolarizzazio-
attestante lavvenuta regolarizzazione delle difformit; ne delle difformit;
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio-
ni previste dallart. 2545-septiesdecies c.c.; ni previste dallart. 2545-septiesdecies del codice civile;
Visto il parere favorevole del 08.10.2012 espresso dal Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale per
Comitato Centrale per le Cooperative di cui agli artt. 18 e le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito allado-
19 della legge 17.02.1971, n. 127; zione dei provvedimenti di scioglimento per atto dautorit
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di scio- con nomina di commissario liquidatore nei casi di mancato
glimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-septiesde- deposito del bilancio per almeno due esercizi consecutivi;
cies c.c., con contestuale nomina del commissario liquidatore; Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep-
Decreta: tiesdecies del codice civile, con contestuale nomina del
commissario liquidatore;

Art. 1. Decreta:
La Societ Cooperativa LIDEA - SOCIETA COOPE- Art. 1.
RATIVA A RESPONSABILITA LIMITATA con sede in
Genova, costituita in data 15.11.2000, C.F. 01174110997, La Societ Coop Camitalia Societ Cooperativa
sciolta per atto dautorit ai sensi dell art. 2545-septie- con sede in Ferrara, costituita in data 10 aprile 2003,
C.F. 01591170384, sciolta per atto dautorit ai sensi
sdecies c.c. e il Dr, Michele Condomitti, nato a Cittanova dellart. 2545-septiesdecies del codice civile e la dott.ssa
(RC) il 06.12.1949 con studio in Genova, Via XX Settem- Irene Bertucci, nata a Roma il 26 marzo 1982, residente
bre, 3/24, ne nominato commissario liquidatore. in Via Claudio Monteverdi n. 20 - Roma, ne nominata
commissario liquidatore.
Art. 2.
Art. 2.
Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta- Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta-
mento economico previsto dal D.M. 23.02.2001. mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001.
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi-
ciale della Repubblica italiana. ciale della Repubblica italiana.
Avverso il presente provvedimento possibile propor- Avverso il presente provvedimento possibile propor-
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re- Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
pubblica nei termini e presupposti di legge. pubblica nei termini e presupposti di legge.
Roma, 14 novembre 2012 Roma, 20 novembre 2012
Il direttore generale: ESPOSITO Il direttore generale: ESPOSITO

12A13150 12A13143

37
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 20 novembre 2012. DECRETO 23 novembre 2012.


Scioglimento della Cooperativa Prepo Societ Cooperativa
Sociale, in Perugia e nomina del commissario liquidatore. Nuova metodologia di calcolo del prezzo medio settimanale
dei carburanti.
IL DIRETTORE GENERALE
PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE
E GLI ENTI COOPERATIVI
IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO
Visto lart. 12 del decreto legislativo 2 agosto 2002,
n. 220; Vista la Decisione del Consiglio 1999/280/EC del
Visto lart. 2545-septiesdecies del codice civile; 22 aprile 1999 concernente la procedura comunitaria di
Visto lart. 1 legge n. 400/1975 e lart. 198 R.D. informazione e consultazione sui costi dellapprovvigio-
16 marzo 1942, n. 267; namento di petrolio greggio e sui prezzi al consumo dei
Viste le risultanze del verbale di mancata revisione del prodotti petroliferi, e della successiva Decisione della
26 ottobre 2011, effettuate dal revisore incaricato dalla Commissione 1999/566/EC del 26 luglio 1999;
Conferederazione Cooperative Italiane e relative alla so-
ciet cooperativa sotto indicata, cui si rinvia e che qui si Visto il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante
intendono richiamate; disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle
Visti gli ulteriori accertamenti effettuati dallufficio pres- infrastrutture e la competitivit, convertito, con modifica-
so il Registro delle Imprese, che hanno confermato il man- zioni, in legge del 24 marzo 2012, n. 27;
cato deposito dei bilanci per pi di due anni consecutivi;
Considerato che la Cooperativa, a seguito della comu- Visto lart. 19 del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1,
nicazione ai sensi degli articoli 7 e 8 legge n. 241/1990, convertito, con legge 24 marzo 2012, n. 27, recante dispo-
prot. 187404 del 10 settembre 2012, non ha prodotto al- sizioni per il miglioramento delle informazioni al consuma-
cuna documentazione attestante lavvenuta regolarizza- tore sui prezzi dei carburanti, che dispone al comma 1 che il
zione delle difformit; Ministero dello sviluppo economico adotti con proprio de-
Tenuto conto che lEnte risulta trovarsi nelle condizio- creto la nuova metodologia di calcolo del prezzo medio del
ni previste dallart. 2545-septiesdecies del codice civile; luned da comunicare alla Commissione Europea ai sensi
Visto il parere espresso dalla Commissione Centrale per della Decisione del Consiglio 1999/280/CE del 22 apri-
le Cooperative in data 28 settembre 2011 in merito allado- le 1999 e della successiva Decisione della Commissione
zione dei provvedimenti di scioglimento per atto dautorit 1999/566/CE del 26 luglio 1999, basata sul prezzo offerto
con nomina di commissario liquidatore nei casi di mancato al pubblico con la modalit di rifornimento senza servizio
deposito del bilancio per almeno due esercizi consecutivi; per ciascuna tipologia di carburante per autotrazione;
Ritenuta lopportunit di disporre il provvedimento di
scioglimento per atto dautorit ai sensi dellart. 2545-sep- Vista la circolare del 14 agosto del 2008 del Ministe-
tiesdecies del codice civile, con contestuale nomina del ro dello sviluppo economico, recante indicazioni urgenti
commissario liquidatore; in merito alla rilevazione statistica settimanale dei prezzi
medi nazionali dei prodotti petroliferi, criteri per la deter-
Decreta: minazione del Prezzo Italia, con la quale sono stati resi
noti i criteri operativi a cui attenersi per la rilevazione
Art. 1. statistica settimanale dei prezzi medi nazionali dei pro-
La Societ Cooperativa Prepo Societ Cooperativa dotti petroliferi;
Sociale con sede in Perugia, costituita in data 9 novem-
bre 1987, C.F. 01684830548, sciolta per atto dautorit Visto il decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322,
ai sensi dellart. 2545-septiesdecies del codice civile e il recante norme sul sistema statistico nazionale ed in par-
dott. Enrico Guarducci, nato a Perugia il 26 maggio 1958, ticolare lart. 7 concernente lobbligo di risposta, per i
Strada Pian della Genna n. 5 - 06128 Perugia, ne nomi- soggetti privati, per le rilevazioni statistiche rientranti nel
nato commissario liquidatore. Programma Statistico Nazionale;
Art. 2. Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Mini-
Al predetto commissario liquidatore spetta il tratta- stri 31 marzo 2011 di approvazione del Programma Stati-
mento economico previsto dal D.M. 23 febbraio 2001. stico Nazionale per il triennio 2011-2013;
Il presente decreto sar pubblicato nella Gazzetta Uffi- Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 set-
ciale della Repubblica italiana.
tembre 2011 di approvazione dellelenco delle rilevazioni
Avverso il presente provvedimento possibile propor- statistiche rientranti nel Programma Statistico Nazionale per
re ricorso amministrativo al Tribunale Amministrativo il triennio 2011-2013, per le quali la mancata fornitura dei
Regionale ovvero straordinario al Presidente della Re-
pubblica nei termini e presupposti di legge. dati configura violazione dellobbligo di risposta, a norma
dellart. 7 del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322;
Roma, 20 novembre 2012
Considerato che nellelenco di cui al decreto del Presi-
Il direttore generale: ESPOSITO dente della Repubblica 14 settembre 2011 rientra, in par-
ticolare, la rilevazione MSE 00012 Prezzi settimanali di
12A13144 alcuni prodotti petroliferi;

38
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Ravvisata lopportunit di configurare una rilevazione 2. Nelle more della emanazione del decreto previsto
statistica dei prezzi dei prodotti petroliferi praticati in Ita- dallart. 17 della legge di conversione 24 marzo 2012,
lia che fornisca risultati comparabili e metodologicamen- n. 27, comma 10, che dovr individuare criteri e modalit
te omogenei con i prezzi medi calcolati a livello europeo per lerogazione self service negli impianti di distribuzio-
da parte degli altri Paesi membri dellUnione Europea; ne del GPL, nel rispetto degli standard di sicurezza e della
normativa tecnica in vigore a livello dellUnione Europea
Considerato che la rilevazione statistica viene effettua- nonch nel rispetto dellautonomia delle regioni e degli
ta secondo la metodologia di cui alla Decisione del Con- enti locali, il prezzo medio nazionale per il GPL sar co-
siglio 1999/280/EC del 22 aprile 1999, secondo la quale municato facendo riferimento alla modalit servito.
i prezzi da rilevare si riferiscono ai carburanti benzina,
gasolio da autotrazione e GPL; Art. 2.
Considerato che lart. 17 della legge di conversione Metodologia di calcolo del prezzo medio
24 marzo 2012, n. 27, comma 10, prevede che il Ministe-
ro dellinterno di concerto con il Ministero dello sviluppo 1. Il prezzo medio nazionale viene calcolato prendendo
economico, con decreto da adottare entro tre mesi dalla in considerazione il prezzo effettivamente offerto al pub-
data di entrata in vigore della legge di conversione, nel blico con la modalit di rifornimento senza servizio per
rispetto degli standard di sicurezza e della normativa tec- ciascuna tipologia di carburante per autotrazione; in parti-
nica in vigore a livello dellUnione Europea nonch nel colare si deve tener conto, sia per le compagnie petrolifere
rispetto dellautonomia delle regioni e degli enti locali, che per le societ commerciali operanti nel settore petro-
individua criteri e modalit per lerogazione self service lifero comprese quelle della GDO, dei seguenti elementi:
negli impianti di distribuzione del metano e del GPL; a) delle diverse modalit di self service, pre-pay e
post-pay, ponderando i prezzi con i relativi volumi di ven-
Considerato che la commercializzazione dei carburan- dita registrati nel corso dellanno precedente;
ti benzina e gasolio autotrazione avviene sia in modalit
servito che self service, mentre la commercializzazione b) dei differenziali di prezzo, in aumento o in dimi-
del GPL avviene solamente in modalit servito, nelle nuzione, determinati da situazioni logistiche particolari
more dellattuazione di quanto previsto dallart. 17 della quali ad esempio isole minori, zone montane o simili;
legge di conversione 24 marzo 2012, n. 27, comma 10, in c) delle politiche di sconto o di fidelizzazione, anche
base al quale dovr essere emanato un decreto che indi- di durata inferiore allanno, e delle campagne promozio-
vidui criteri e modalit per lerogazione self service negli nali legate alle carte commerciali ed alle diverse forme di
impianti di distribuzione del GPL, nel rispetto degli stan- buoni commerciali, nonch delle iniziative praticate sia
dard di sicurezza e della normativa tecnica in vigore; nei confronti dei consumatori finali che nei confronti di
particolari operatori economici (trasportatori, agenti di
Considerata lopportunit di tener conto dellevoluzio- commercio o simili);
ne registrata nel mercato dei carburanti con lattuazione d) della componente fiscale calcolata al netto degli
di politiche commerciali che determinano una variabili- incrementi di accisa regionale e dei conseguenti aumenti
t nei prezzi nel corso delle ventiquattro ore e nellarco di IVA.
dellintera settimana;
2. Il prezzo medio nazionale sar rilevato da parte del
Ministero, sulla base della seguente formula:
Decreta:

Art. 1.

Prodotti petroliferi oggetto della rilevazione

1. Le compagnie e le societ commerciali operanti nel Dove:


settore petrolifero sono tenute a comunicare al Ministero PI = prezzo medio nazionale, denominato Prezzo
dello sviluppo economico, Dipartimento per lEnergia, Italia;
Direzione Generale per la Sicurezza dellApprovvigio- VCOMP = volumi di carburante commercializzato in
namento e le Infrastrutture Energetiche, di seguito Mi- modalit self service da parte delle compagnie petrolifere
nistero, un unico prezzo medio settimanale, calcolato nel corso dellanno precedente;
su base nazionale, per i prodotti benzina senza piombo
e gasolio da autotrazione commercializzati sulla rete di- PCOMP = prezzo medio in modalit self service offerto
stributiva al dettaglio facendo riferimento esclusivamente dalle compagnie petrolifere nel corso della settimana di
al prezzo praticato in modalit self service a partire dalle rilevazione;
ore 00,01 del luned alle ore 24,00 della domenica suc- VPB = volumi di carburante commercializzato in
cessiva. Tale prezzo medio sar comunicato al Ministero modalit self service da parte delle aziende petrolifere
entro le ore 16,00 del luned successivo a quello della set- no-logo, denominate pompe bianche, nel corso dellanno
timana di riferimento. precedente;

39
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

PPB = prezzo medio in modalit sef service offer- 4. Per quanto riguarda il prezzo medio praticato dalle
to dalle pompe bianche nel corso della settimana di Pompe Bianche (Ppb) il Ministero proceder ad una stra-
rilevazione; tificazione territoriale del campione rappresentativo delle
compagnie no-logo operanti nelle diverse macroregioni
VGDO = volumi di carburante commercializzato in
del Paese (Nord-Ovest, Nord-Est, Centro, Sud-Isole).
modalit self service da parte della Grande Distribuzione
Organizzata nel corso dellanno precedente; 5. Nelle more di una autonoma rilevazione statistica
PGDO = prezzo medio self sevice offerto dalla Gran- sulle Pompe Bianche e sulla Grande Distribuzione Or-
de Distribuzione Organizzata nel corso della settimana di ganizzata, il Ministero procede ad una stima dei prezzi
rilevazione. offerti anche tramite accordi da definire con apposito pro-
tocollo di intesa con le associazioni di categoria.
3. Per quanto riguarda il prezzo medio praticato dal-
le compagnie petrolifere (Pcomp) il Ministero ponderer i 6. In applicazione di quanto disposto, con successiva
prezzi comunicati dalle singole compagnie con i quanti- circolare della Direzione Generale per la Sicurezza degli
tativi immessi al mercato da parte delle medesime com- Approvvigionamenti e le Infrastrutture Energetiche, ver-
pagnie nel corso dellanno precedente. Le compagnie pe- ranno determinati i criteri e le modalit con le quali le
trolifere e le societ denuncianti dovranno comunicare al compagnie petrolifere sono tenute a comunicare al Mini-
Ministero il prezzo medio nazionale da loro offerto nel stero il prezzo dei carburanti commercializzati al di fuori
corso della settimana di rilevazione. della rete stradale ed autostradale (c.d. prezzo extrarete).

In sede di prima applicazione della metodologia, le


compagnie petrolifere e le societ denuncianti sono altre- Art. 3.
s tenute a comunicare al Ministero i volumi di carburan-
te commercializzati in modalit self-service, nel periodo Verifiche sulla metodologia
compreso tra il 1 gennaio 2012 e la data di entrata in vi-
gore del presente decreto. La metodologia di calcolo deve Le compagnie petrolifere sono tenute a inviare al Mi-
essere conforme alla seguente formula: nistero un documento esplicativo della metodologia di
calcolo da esse adottato, ivi compresi i dati del relativo
campione utilizzato, al fine di giungere alla determinazio-
ne dei prezzi medi comunicati al Ministero. Tale nota me-
todologica dovr essere aggiornata e comunicata al Mini-
stero in caso di variazione del metodo di calcolo adottato.
Il Ministero controlla a campione i dati comunicati dal-
Dove: le compagnie petrolifere al fine di verificare la corretta
applicazione della metodologia di calcolo adottata e la
VPRE = volumi di carburanti commercializzati sua corrispondenza con quanto indicato allart. 2 del pre-
nel corso dellanno precedente in modalit self service sente decreto.
pre-pay;
VPRE = prezzo offerto nella settimana di rilevazione Art. 4.
in modalit self service prepay;
Decorrenza
VPOST = volumi di carburante commercializzato
nel corso dellanno precedente in modalit self service
1. Il presente decreto pubblicato nella Gazzetta Uffi-
post-pay;
ciale e nel sito internet del Ministero.
PPOST prezzo offerto nella settimana di rilevazione in
modalit self service post-pay; 2. La metodologia di calcolo del prezzo medio di cui al
presente decreto dovr essere adottata trascorsi 30 gior-
VS = volumi di carburante commercializzato nel ni dallentrata in vigore del presente decreto, coincidente
corso dellanno precedente tramite forme particolari di con la data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.
sconti, buoni, promozioni o carte rilasciate da parte delle
compagnie petrolifere; Roma, 23 novembre 2012
PS = prezzo offerto nella settimana di rilevazione re-
lativo ai volumi commercializzati tramite forme partico- Il Ministro: PASSERA
lari di sconti, buoni, promozioni o carte rilasciate da parte
delle compagnie petrolifere. 12A13145

40
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DECRETO 30 novembre 2012. Considerato che la Commissione europea rende pub-


blico il predetto tasso base su Internet allindirizzo: http://
Aggiornamento del tasso da applicare per le operazioni
di attualizzazione e rivalutazione ai fini della concessione ed ec.europa.eu/competition/state_aid/legislation/referen-
erogazione delle agevolazioni a favore delle imprese. ce_rates.html;
Considerato che la citata comunicazione della Com-
IL MINISTRO missione europea 2008/C 14/0 prevede che laggiorna-
DELLO SVILUPPO ECONOMICO mento del tasso effettuato su base annua e che, per tener
conto di variazioni significative e improvvise, viene effet-
Visto il decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 123 re- tuato un aggiornamento ogni volta che il tasso medio, cal-
cante disposizioni per la razionalizzazione degli interven- colato nei tre mesi precedenti, si discosti di pi del 15%
ti di sostegno pubblico alle imprese; dal tasso valido in quel momento;
Considerato che lart. 2, comma 2, del suddetto decreto Considerato che il predetto tasso base stato aggiorna-
legislativo n. 123/1998 prevede che il Ministro dellindu- to dalla Commissione europea, con decorrenza 1 dicem-
stria, del commercio e dellartigianato con proprio decre- bre 2012, nella misura pari al 0,76%;
to in conformit con le disposizioni dellUnione europea
indichi e aggiorni il tasso da applicare per le operazioni di Decreta:
attualizzazione e rivalutazione;
Art. 1.
Vista la comunicazione della Commissione europea
2008/C 14/0 (G.U.U.E. n. C14 del 19 gennaio 2008) rela- 1. A decorrere dal 1 dicembre 2012, il tasso da appli-
tiva alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di ri- care per le operazioni di attualizzazione e rivalutazione ai
ferimento e attualizzazione, con la quale sono state altres fini della concessione ed erogazione delle agevolazioni in
sostituite le precedenti comunicazioni relative al metodo favore delle imprese pari all1,76%.
di fissazione dei tassi di riferimento e attualizzazione;
Roma, 30 novembre 2012
Considerato che il nuovo metodo prevede che il tasso
di riferimento e attualizzazione venga determinato ag- Il Ministro: PASSERA
giungendo al tasso base fissato dalla Commissione euro-
pea 100 punti base; 12A13138

DECRETI E DELIBERE DI ALTRE AUTORIT


COMITATO INTERMINISTERIALE Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289, che, allart. 76,
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA trasferisce ad Anas S.p.A., in conto aumento capitale, la
rete stradale e autostradale individuata con il decreto le-
DELIBERA 11 luglio 2012. gislativo 29 ottobre 1999, n. 461, e s.m.i., fermo restando
il regime giuridico previsto dagli articoli 823 e 829, com-
Contratto di programma ANAS 2011 - parte servizi e atto ma 1, del Codice civile per i beni demaniali;
aggiuntivo al contratto di programma ANAS 2011 parte
investimenti. (Delibera n. 67/2012). Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante disposi-
zioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale
IL COMITATO INTERMINISTERIALE dello Stato (legge finanziaria 2007) e visti in particolare i
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA commi 1018 e seguenti dellart. 1, concernenti disposizioni
relative alla Societ Anas S.p.A. prevedendo tra laltro la
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 mar- corresponsione alla Societ di parte dei canoni provenienti
zo 2001, con il quale stato approvato il Piano Generale dai pedaggi delle societ concessionarie autostradali;
dei Trasporti e della Logistica (PGTL) e che definisce il Visto il decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito
quadro delle priorit nellambito del Sistema Nazionale dalla legge 3 agosto 2009, n. 102, che allart. 19, com-
Integrato dei Trasporti (SNIT); ma 9-bis, ha recato ulteriori misure concernenti il canone
Visto il decreto legge 8 luglio 2002, n. 138, convertito annuo corrisposto direttamente ad Anas S.p.A.;
con modificazioni nella legge 8 agosto 2002, n. 178, Visto il decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, converti-
e con il quale lEnte nazionale per le strade stato tra- to in legge, con modificazioni, dallart. 1, comma 1, della
sformato in Societ per azioni con la denominazione di legge 30 luglio 2010, n. 122, che allart. 15, al fine di
ANAS Societ per azioni (da qui in avanti Anas S.p.A.); contenere gli oneri a carico dello Stato per investimenti

41
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

relativi a opere e interventi di manutenzione straordinaria Visto il Contratto di programma 2003/2005, stipulato
e per corrispettivi del contratto di servizio: in data 25 maggio 2005 dal Ministero delle infrastrutture
e dei trasporti con Anas S.p.A., sul quale questo Comita-
al comma 1 dispone che, con decreto del Presidente to ha espresso parere favorevole con delibera 27 maggio
del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro delle 2005, n. 72 (Gazzetta Ufficiale n. 244/2005), e che stato
infrastrutture e dei trasporti, di concerto con il Ministro poi approvato con decreto del Ministro delle infrastruttu-
delleconomia e delle finanze, sono stabiliti criteri e mo- re e dei trasporti emanato il 15 giugno 2005 di concerto
dalit per lapplicazione di pedaggi su autostrade e rac- con il Ministro delleconomia e delle finanze per quanto
cordi autostradali in gestione diretta dellAnas S.p.A. in attiene agli aspetti finanziari;
relazione ai costi di investimento e di manutenzione stra-
ordinaria e ai costi di gestione, ed definito lelenco delle Vista la delibera 20 luglio 2007, n. 64, con la quale
tratte da sottoporre a pedaggio; questo Comitato ha espresso parere favorevole sullac-
cordo integrativo al Contratto di programma 2003-2005
al comma 2 autorizza lAnas S.p.A., in fase transi- (esercizio 2006);
toria, sino alla data di applicazione dei pedaggi di cui al Visto il Contratto di programma 2007 stipulato in data
comma 1 e comunque non oltre il 31 dicembre 2011, ad 30 luglio 2007 tra il Ministero delle infrastrutture e Anas
applicare una maggiorazione tariffaria presso le stazioni S.p.A., previo parere favorevole di questo Comitato for-
di esazione delle autostrade a pedaggio assentite in con- mulato con delibera 20 luglio 2007, n. 65, e che stato
cessione che si interconnettono con autostrade e raccordi successivamente approvato con decreto dellallora Mini-
autostradali in gestione diretta dellAnas S.p.A. medesi- stro delle infrastrutture emanato il 21 novembre 2007 di
ma, stazioni da individuare con il menzionato decreto del concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze per
Presidente del Consiglio dei Ministri; quanto attiene agli aspetti finanziari;
al comma 4, lettere a) e b), introduce integrazioni Considerato che in data 9 novembre 2007 questo Co-
al canone annuo corrisposto ad Anas S.p.A. ai sensi mitato ha preso atto dellaccordo tra lallora Ministero
dellart. 1, comma 1020, della citata legge n. 296/2006 delle infrastrutture e Anas S.p.A., nel quadro del Con-
e dellart. 19, comma 9-bis, del decreto legge 1 luglio tratto di programma 2007, per la finalizzazione dei fondi
2009, n. 78, convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. 102 assegnati alla societ dallart. 2 del decreto legge 1 otto-
per un importo calcolato sulla percorrenza chilometrica bre 2007, n. 159, convertito in legge, con modificazioni,
e differenziato tra le diverse classi di pedaggio; dallart. 1 della legge 29 novembre 2007, n. 222, e pari a
215 milioni di euro;
Visto il decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito Visto il Contratto di programma 2008 stipulato in data
in legge, con modificazioni, dallart. 1, comma 1, della 27 marzo 2008 tra il Ministero delle infrastrutture e Anas
legge 15 luglio 2011, n. 111, che allart. 32, comma 1, S.p.A., sul quale questo Comitato ha espresso parere
prevede che nello stato di previsione del Ministero delle favorevole con delibera 27 marzo 2008, n. 23, e che
infrastrutture e dei trasporti sia istituito il Fondo infra- stato successivamente approvato con decreto dellallora
strutture ferroviarie, stradali e relativo a opere di interesse Ministro delle infrastrutture emanato il 4 aprile 2008 di
strategico con una dotazione di 930 milioni per lanno concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze per
2012 e 1.000 milioni di euro per ciascuno degli anni dal quanto attiene agli aspetti finanziari;
2013 al 2016 e che le risorse del Fondo siano assegnate da
questo Comitato, su proposta del Ministro delle infrastrut- Visto lo schema di Contratto di programma 2009, sul
ture e dei trasporti, di concerto con il Ministro dellecono- quale questo Comitato si espresso con delibera 26 giu-
mia e delle finanze, e siano destinate prioritariamente alle gno 2009, n. 46 (Gazzetta Ufficiale n. 6/2010), e che
opere ferroviarie da realizzare ai sensi dellart. 2, commi stato poi approvato con decreto del Ministro delle infra-
232, 233 e 234, della legge 23 dicembre 2009, n. 191, strutture e dei trasporti n. 568, emanato il 13 luglio 2009
nonch ai contratti di programma con Rete ferroviaria ita- di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze
liana S.p.A. e Anas S.p.A.; per quanto attiene agli aspetti finanziari;
Visto lo schema di Contratto di programma tra Mini-
Vista la Convenzione di concessione stipulata tra il Mi- stero delle infrastrutture e dei trasporti e Anas S.p.A. rela-
nistero delle infrastrutture e dei trasporti e Anas S.p.A. tivo allanno 2010 sul quale questo Comitato si espres-
il 19 dicembre 2002, e in particolare lart. 5, ai sensi del so con delibera 22 luglio 2010, n. 65 (Gazzetta Ufficiale
quale i rapporti tra concessionario e Ministero delle in- n. 3/2011), e che stato poi approvato con decreto del Mi-
frastrutture e dei trasporti, che opera di concerto con il nistro delle infrastrutture e dei trasporti n. 33, emanato il
Ministero delleconomia e delle finanze per quanto attie- 1 febbraio 2011 di concerto con il Ministro delleconomia
ne agli aspetti finanziari, sono regolati da un Contratto di e delle finanze per quanto attiene agli aspetti finanziari;
programma, di durata non inferiore a tre anni, predisposto
sulla base delle previsioni dei piani pluriennali di viabili- Vista la delibera 5 maggio 2011, n. 13 (Gazzetta Ufficia-
t, aggiornabile e rinnovabile a seguito della verifica an- le n. 254/2011), con la quale questo Comitato ha espresso
nuale sullattuazione; parere favorevole in merito allo schema di Contratto di
programma tra Ministero delle infrastrutture e dei traspor-
Visti il Piano pluriennale della viabilit nazionale ti e Anas S.p.A. relativo allanno 2011, limitatamente alla
2003-2012 e la delibera 18 marzo 2005, n. 4 (Gazzetta parte investimenti, prendendo atto che la prestazione dei
Ufficiale n. 165/2005), con la quale questo Comitato ha servizi cui era tenuta la Concessionaria per lanno 2011
espresso il proprio parere in merito al suddetto Piano; sarebbe stata disciplinata con contratto separato;

42
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Vista la delibera 6 dicembre 2011, n. 84, con la qua- che anche lo schema di Atto aggiuntivo al Contrat-
le questo Comitato, per il finanziamento dei Contratti di to di programma - Parte investimenti allesame - come i
programma tra il Ministero delle infrastrutture e dei tra- precedenti relativi agli anni 2007, 2008, 2009 e 2010 e
sporti e Anas S.p.A., annualit 2010 e 2011, ha disposto 2011 - nel limitare la propria vigenza al 2011 conferma,
lassegnazione, a favore di Anas S.p.A., dellimporto di per quanto non espressamente convenuto, la validit e
598 milioni di euro, da imputare a carico delle risorse di lefficacia del contratto 2007;
cui allart. 32, comma 1, del decreto legge n. 98/2011;
che lo schema di Contratto di programma - Parte ser-
Vista la nota 10 maggio 2012, n. 17526, con la quale vizi allesame elenca in uno specifico allegato i servizi
il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha richiesto cui tenuta la Concessionaria per lanno 2011, indicando
liscrizione allordine del giorno della prima seduta uti- per le tre tipologie della manutenzione e sicurezza, del-
le di questo Comitato dello schema di Atto aggiuntivo al la vigilanza e del monitoraggio strade e infomobili-
Contratto di programma 2011 - Parte investimenti e dello t, le finalit, la descrizione del servizio e le modalit e i
schema di Contratto di programma 2011 - parte servizi, e tempi di erogazione, nonch precisando le sottocategorie
ha trasmesso la relativa documentazione istruttoria; in cui articolato ciascun servizio;
Viste le note 19 giugno 2012, n. 23211, e 25 giugno
2012, n. 23922, con le quali il Ministero delle infrastrutture che stata trasmessa una tabella in cui la conces-
e dei trasporti ha trasmesso documentazione integrativa ri- sionaria espone, a consuntivo, lutilizzo delle risorse
spetto a quella di cui alla sopracitata nota 10 maggio 2012; destinate ai servizi, riportando la ripartizione territoriale
e settoriale effettuata in funzione dei costi sostenuti ed
Vista la nota 11 luglio 2012, n. 2956, predisposta con- evidenziando che risulta riferito al Mezzogiorno il 37 per
giuntamente dal Dipartimento per la programmazione cento delle risorse, mentre con riferimento alle tipologie
economica della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di servizi, i costi risultano disaggregati tra le varie sotto-
dal Ministero delleconomia e delle finanze e posta a base categorie, per la voce manutenzione e sicurezza;
dellodierna seduta del Comitato, contenente le valutazio-
ni e le prescrizioni da riportare nella presente delibera; che ai sensi dellart. 11 del Contratto di programma
2007 stata costituita la Commissione paritetica tra il Mi-
Considerato che in data 9 maggio 2011 stato stipulato nistero delle infrastrutture e dei trasporti e la Societ con-
il Contratto di programma per lanno 2011 relativo alla cessionaria avente il compito di individuare misuratori di
parte investimenti e, in particolare, a interventi di manu- risultato per le attivit della Societ stessa;
tenzione straordinaria, integrazione/completamento di la-
vori in corso e contributi; che la predetta Commissione paritetica ha assolto ai
Considerato che in data 29 febbraio 2012 stato sti- propri compiti solo con riferimento allindividuazione di
pulato latto di rettifica al Contratto di programma 2011 indicatori relativi alle attivit riferite agli investimenti di
- parte investimenti, al fine di recepire la diversa imputa- competenza della concessionaria stessa e che il Ministero
zione della copertura finanziaria del medesimo Contratto delle infrastrutture e dei trasporti ha comunicato di avere
di programma; concordato con Anas S.p.A. di definire il sistema di in-
dicatori per misurare la performance nellerogazione dei
Considerato che con decreto interministeriale, in cor- servizi e di trasmetterlo a questo Comitato entro la fine
so di perfezionamento, sono stati approvati il Contratto di del 2012;
programma 2011 e latto di rettifica al medesimo contratto;
Su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti; che lo schema di Atto aggiuntivo al Contratto di
programma - Parte investimenti, regolamenta la realiz-
zazione di interventi di manutenzione straordinaria per
PRENDE ATTO: limporto di 33.721.000, da avviare nel 2012 a seguito
dellapprovazione del bilancio 2011 della Societ conces-
delle risultanze della istruttoria condotta dal Ministero sionaria, a integrazione di quelli gi previsti nel Contratto
delle infrastrutture e dei trasporti, e in particolare: di programma 2011 - Parte investimenti;
che Anas S.p.A. ha quantificato in 642.280.665,62, che la quota riferita al Mezzogiorno sullammontare
per il 2011, le risorse acquisite ai sensi del decreto legge delle risorse complessive destinate al Contratto di pro-
n. 78/2009, art. 19 comma 9-bis ed integrate dal decreto gramma 2011 - Parte investimenti e allAtto aggiuntivo
legge n. 78/2010, art. 15, comma 4, a titolo di integrazio- in esame, per la manutenzione straordinaria e per altri in-
ne del canone annuo corrisposto ai sensi del comma 1020 terventi diffusi, pari al 36 per cento;
dellart. 1 della legge, n. 296/2006 e s.m.i.;
che la stessa Societ ha comunicato che, della pre-
detta somma, 608.559.665,62 sono stati destinati ai ser- ESPRIME:
vizi stabiliti per lanno 2011 e 33.721.000 sono stati
destinati alle attivit di manutenzione straordinaria, ad parere favorevole in merito allo schema di Contratto
integrazione di quelle gi previste nellambito del Con- di programma tra Ministero delle infrastrutture e dei tra-
tratto di programma 2011 - Parte investimenti, da avviare sporti e Anas S.p.A. 2011 - Parte servizi e allo schema di
nellanno 2012 a seguito dellapprovazione del bilancio Atto aggiuntivo al Contratto di programma 2011 - Parte
2011 della Concessionaria; investimenti, nella stesura acquisita agli atti;

43
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

INVITA: Vista la legge 6 agosto 2008, n. 133, che ha converti-


to, con modificazioni, il decreto-legge 25 giugno 2008,
Il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti a: n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo eco-
nomico, la semplificazione, la competitivit, la stabilizza-
adempiere agli obblighi previsti per la fase attuativa zione della finanza pubblica e la perequazione tributaria;
dal Contratto di programma 2007 e da considerare tuttora
validi per le considerazioni esposte nella presa datto Vista la legge 5 maggio 2009, n. 42, recante la delega
e persegua gli obiettivi generali in tema di contenimento al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione
dei costi, di efficienza gestionale e di trasparenza, provve- dellart. 119 della Costituzione;
dendo anche ad assicurare flussi costanti di informazioni Visto in particolare lart. 16 della predetta leg-
a questo Comitato con modalit coerenti con il sistema di ge n. 42/2009 che, in relazione agli interventi di cui
monitoraggio degli investimenti pubblici di cui allart. 1 allart. 119 della Costituzione, diretti a promuovere lo
della legge 17 maggio 1999, n. 144; sviluppo economico, la coesione e la solidariet sociale,
trasmettere a questo Comitato, entro la fine del a rimuovere gli squilibri economici e sociali e a favorire
2012, il sistema di indicatori per misurare la performance leffettivo esercizio dei diritti della persona, ne prevede
nellerogazione dei servizi. lattuazione attraverso interventi speciali organizzati in
piani organici finanziati con risorse pluriennali, vincolate
Roma, 11 luglio 2012 nella destinazione;
Vista la legge 31 dicembre 2009, n. 196, recante dispo-
Il Presidente: MONTI sizioni in materia di contabilit e finanza pubblica;
Il segretario: BARCA Visto lart. 7, commi 26 e 27, della legge 30 luglio
Registrato alla Corte dei conti il 5 dicembre 2012 2010, n. 122, che ha attribuito al Presidente del Consi-
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero delleconomia e delle glio dei Ministri la gestione del FAS, prevedendo che lo
finanze, registro n. 11 Economia e finanze, foglio n. 114 stesso Presidente del Consiglio dei Ministri o il Ministro
delegato si avvalgano, nella gestione del citato Fondo, del
12A13147 Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del
Ministero dello sviluppo economico;
Vista la legge 13 agosto 2010, n. 136 e in particolare gli
DELIBERA 3 agosto 2012. articoli 3 e 6 che per la tracciabilit dei flussi finanziari a
fini antimafia, prevedono che gli strumenti di pagamento
Fondo per lo sviluppo e la coesione Regione Umbria - riportino il CUP ove obbligatorio ai sensi della sopracita-
programmazione delle residue risorse 2000-2006. (Delibera ta legge n. 3/2003, sanzionando la mancata apposizione
n. 95/2012). di detto codice;
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, re-
IL COMITATO INTERMINISTERIALE cante disposizioni in materia di risorse aggiuntive e in-
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA terventi speciali per la rimozione di squilibri economici
e sociali, in attuazione dellart. 16 della richiamata leg-
Visti gli articoli 60 e 61 della legge 27 dicembre 2002, ge delega n. 42/2009 e in particolare lart. 4 del mede-
n. 289 (legge finanziaria 2003) e successive modificazioni, simo decreto legislativo, il quale dispone che il FAS di
con i quali vengono istituiti, presso il Ministero delleco- cui allart. 61 della legge n. 289/2002 assuma la denomi-
nomia e delle finanze e il Ministero delle attivit produt- nazione di Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC), e
tive, i Fondi per le aree sottoutilizzate (coincidenti con sia finalizzato a dare unit programmatica e finanziaria
lambito territoriale delle aree depresse di cui alla legge allinsieme degli interventi aggiuntivi a finanziamento
n. 208/1998 e al Fondo istituito dallart. 19, comma 5, del nazionale, che sono rivolti al riequilibrio economico e so-
decreto legislativo n. 96/1993), nei quali si concentra e si ciale tra le diverse aree del Paese;
d unit programmatica e finanziaria allinsieme degli in- Vista la legge 12 novembre 2011, n. 183, recante dispo-
terventi aggiuntivi a finanziamento nazionale che, in attua- sizioni per la formazione del bilancio annuale e plurien-
zione dellart. 119, comma 5, della Costituzione, sono ri- nale dello Stato (legge di stabilit 2012);
volti al riequilibrio economico e sociale fra aree del Paese;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Mini-
Visto lart. 11 della legge 1 gennaio 2003 n. 3, il quale stri del 13 dicembre 2011, con il quale stata conferita la
prevede che ogni progetto dinvestimento pubblico debba delega al Ministro per la coesione territoriale ad esercita-
essere dotato di un codice unico di progetto (CUP); re, tra laltro, le funzioni di cui al richiamato art. 7 della
Visto lart. 1, comma 2, della legge 17 luglio 2006, legge n. 122/2010 relative, fra laltro, alla gestione del
n. 233, di conversione del decreto-legge 8 maggio 2006, FAS, ora Fondo per lo sviluppo e la coesione;
n. 181, che trasferisce al Ministero dello sviluppo econo- Vista la delibera 27 dicembre 2002, n. 143 (G.U.
mico il Dipartimento per le politiche di sviluppo e di co- n. 87/2003, errata corrige in G.U. n. 140/2003), con la
esione e le funzioni di cui allart. 24, comma 1, lettera c), quale questo Comitato ha definito il sistema per lattri-
del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, ivi inclusa buzione del Codice unico di progetto (CUP), che deve
la gestione del Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS) di essere richiesto dai soggetti responsabili di cui al punto
cui al citato art. 61; 1.4 della delibera stessa;

44
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Vista la delibera 29 settembre 2004, n. 24 (G.U. Vista la nota n. 3324-P del 2 agosto 2012, predisposta
n. 276/2004), con la quale questo Comitato ha stabilito congiuntamente dal Dipartimento per la programmazione
che il CUP deve essere riportato su tutti i documenti am- e il coordinamento della politica economica della Presi-
ministrativi e contabili, cartacei ed informatici, relativi a denza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero delleco-
progetti di investimento pubblico, e deve essere utilizzato nomia e delle finanze, con le osservazioni e prescrizioni
nelle banche dati dei vari sistemi informativi, comunque poste a base della presente delibera;
interessati ai suddetti progetti; Su proposta del Ministro per la coesione territoriale
sulla quale viene acquisito in seduta laccordo dei Mini-
Vista la delibera di questo Comitato 22 dicembre 2006, stri e Vice Ministri presenti;
n. 174 (G.U. n. 95/2007), con la quale stato approvato
il QSN 2007-2013 e la successiva delibera 21 dicembre
2007, n. 166 (G.U. n. 123/2008) relativa allattuazione Delibera:
del QSN e alla programmazione dellora denominato 1. Programmazione delle risorse residue FSC.
FSC per il periodo 2007-2013;
1.1 approvata, in linea con la proposta richiama-
Vista la delibera 11 gennaio 2011, n. 1 (G.U. n. 80/2011) ta in premessa, la programmazione delle risorse residue
concernente Obiettivi, criteri e modalit di programma- del FSC 2000-2006 relative alla regione Umbria, pari a
zione delle risorse per le aree sottoutilizzate, selezione e 17.415.000 euro, secondo larticolazione finanziaria per
attuazione degli investimenti per i periodi 2000-2006 e ambiti strategici riportata nella tabella seguente:
2007-2013;
(euro)
Vista la delibera di questo Comitato 23 marzo 2012,
n. 41 (G.U. n. 138/2012) recante la quantificazione delle Ambiti strategici Importi
risorse regionali del FSC per il periodo 2000-2006 dispo- Tutela delle acque e gestione inte-
nibili per la riprogrammazione e la definizione delle mo- grata delle risorse idriche 7.940.000,00
dalit di programmazione di tali risorse e di quelle relati-
ve al periodo 2007-2013; Viabilit 5.435.063,52
Infrastrutture aree industriali 2.539.936,48
Vista la delibera di questo Comitato 11 luglio 2012,
n. 78 (in corso di formalizzazione) che prevede, tra laltro, Difesa del suolo 1.500.000,00
al punto 3.2 lettera A, la possibilit di applicare le nuove Totale risorse FSC 2000-2006 17.415.000,00
modalit di programmazione ivi definite anche alle risor-
se FSC 2000-2006 di cui alla citata delibera n. 41/2012;
Visto il Piano di azione coesione concordato con le 1.2 Gli interventi finanziati con le risorse di cui al pre-
Regioni del Mezzogiorno e inviato alla Commissione eu- cedente punto 1. sono indicati nellelenco allegato che
ropea il 15 novembre 2011, nonch i successivi aggiorna- costituisce parte integrante della presente delibera.
menti del 3 febbraio e dell11 maggio 2012, allodierno 2. Modalit attuative.
esame di questo Comitato per la relativa presa datto; 2.1 Il Dipartimento per lo sviluppo e la coesione eco-
nomica, nellambito degli adempimenti di competenza
Vista la proposta del Capo di Gabinetto, dordine del Mi- relativi alle programmazioni regionali del FSC allodier-
nistro per la coesione territoriale, n. 1643 del 5 luglio 2012 no esame di questo Comitato, chiamato a garantire:
e lallegata documentazione concernente la richiesta di ri-
programmazione della regione Umbria di una quota delle il ricorso, in via generale, allAccordo di programma
risorse residue del FSC 2000-2006, positivamente istruita quadro rafforzato (punto 3.2 della delibera n. 41/2012 e
dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica; punto 3.2.B2 della delibera n 78/2012) per lattuazione
degli interventi, in particolare, in materia di sanit, grandi
Considerato in particolare che le risorse oggetto della infrastrutture (portuali, viarie e altre), universit e ricerca,
richiesta regionale di riprogrammazione del FSC 2000- beni culturali, nonch altre infrastrutture le cui caratteri-
2006 sono pari ad un importo complessivo di 31,3 milioni stiche richiedono la verifica della sostenibilit gestionale;
di euro, di cui 1 milione destinato alla copertura di san- con riferimento al sistema di governance, la previ-
zioni maturate per la mancata assunzione di obbligazioni sione dellautorit di audit per lattuazione degli interven-
giuridicamente vincolanti nei termini dobbligo previsti; ti finanziati dal FSC, in analogia con quanto previsto per
i programmi comunitari e per gli altri programmi FSC gi
Considerato in particolare che, a fronte di tale richiesta esaminati da questo Comitato;
regionale, la proposta in esame concerne la sola ripro-
grammazione dellimporto di 17,4 milioni di euro, corri- la verifica dellefficace funzionamento dei sistemi di
spondente alla quota eccedente il 5 per cento delle risorse gestione e controllo, anche con riferimento al rispetto del-
relative alla regione Umbria complessivamente disponi- le norme nazionali e regionali relative allammissibilit e
bili per la riprogrammazione di cui alla tabella allegata congruit delle spese.
alla delibera n. 41/2012; 2.2 Lapprovazione delle programmazioni regionali del
FSC allodierno esame di questo Comitato riferita esclu-
Tenuto conto dellesame della proposta svolto ai sensi sivamente a richieste delle Regioni in ordine alla necessi-
del vigente regolamento di questo Comitato (art. 3 della t di assegnare risorse a una determinata opera/fornitura,
delibera 30 aprile 2012, n. 62); in relazione agli obiettivi da conseguire attraverso la sua

45
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

realizzazione. Non sono pertanto oggetto di approvazione da parte di questo Comitato riferimenti al finanziamento di
perizie/atti aggiuntivi/finanziamenti integrativi, relativi ad affidamenti in essere, anche in ambito di project financing.
3. Trasferimento delle risorse.
Le risorse assegnate con la presente delibera a favore della regione Umbria sono trasferite alla medesima Regione
secondo le disposizioni normative e le procedure vigenti nellambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione e utiliz-
zate nel rispetto dei vincoli del patto di stabilit interno.
4. Monitoraggio e pubblicit.
4.1 Gli interventi oggetto della presente delibera sono monitorati nella Banca dati unitaria per le politiche regio-
nali finanziate con risorse aggiuntive comunitarie e nazionali in ambito QSN 2007-2013, istituita presso il Ministero
delleconomia e delle finanze.
Linserimento degli aggiornamenti sui singoli interventi avviene a ciclo continuo e aperto secondo le vigenti mo-
dalit e procedure concernenti il monitoraggio delle risorse del FSC, utilizzando il Sistema di gestione dei progetti
(SGP) realizzato dal Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica.
4.2 A cura del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica e del citato Di-
partimento per lo sviluppo e la coesione economica sar data adeguata pubblicit allelenco degli interventi, nonch
alle informazioni periodiche sul relativo stato di avanzamento, come risultanti dal predetto sistema di monitoraggio.
Tutti gli interventi saranno oggetto di particolare e specifica attivit di comunicazione al pubblico secondo le
modalit di cui al progetto Open data.
5. Assegnazione del codice unico di progetto (CUP).
Il CUP assegnato agli interventi di cui alla presente delibera va evidenziato, ai sensi della richiamata delibera
n. 24/2004, nella documentazione amministrativa e contabile riguardante i detti interventi.
6. Norma finale.
Per quanto non espressamente previsto dalla presente delibera si applicano le disposizioni normative e le proce-
dure vigenti nellambito del Fondo per lo sviluppo e la coesione.
Roma, 3 agosto 2012
Il Presidente: MONTI
Il segretario: BARCA
Registrato alla Corte dei conti il 5 dicembre 2012
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero delleconomia e delle finanze, registro n. 11 Economia e finanze, foglio n. 115

ALLEGATO
REGIONE UMBRIA - PROGRAMMAZIONE DELLE RESIDUE RISORSE FSC 2000-2006

RISORSE
PRESENTE
COSTO TOTALE DISPONIBILI DA
AMBITO STRATEGICO/INTERVENTO ASSEGNAZIONE FSC
(euro) ALTRE FONTI
2000-2006 (euro)
(euro)

1 Infrastrutture aree industriali - Piattaforma logistica di Citt di Castello 19.287.961,47 16.748.024,99 2.539.936,48

Totale infrastrutture aree industriali 19.287.961,47 16.748.024,99 2.539.936,48


Viabilit - SS 3 Flaminia: eliminazione incroci a raso mediante costruzione di due svincoli
2 23.335.063,52 17.900.000,00 5.435.063,52
e adeguamento viabilit esistente
Totale viabilit 23.335.063,52 17.900.000,00 5.435.063,52
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Agglomerato Assisi-Bastia:
impianto di depurazione consortile di Bastia-Costano Realizzazione collettori fognari in
3 1.020.000,00 20.000,00 1.000.000,00
loc.Palazzo e Tordibetto 2stralcio - fosso Cagnola ed adeguamento canale di uscita e
sistemazione by-pass
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Agglomerato Umbertide:
4 Realizzazione collettore fognario zona Faldo ed adeguamento impianto (centrifuga, 1.180.000,00 180.000,00 1.000.000,00
denitrificazione, campionatori e realizzazione terziario compreso UV) 1 stralcio
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Passignano sT:
5 Adeguamento impianto Le Pedate ed adeguamento depuratore Borghetto (terziari ed 950.000,00 950.000,00
adeguamento area sensibile Trasimeno)
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Massa Martana:
6 950.000,00 50.000,00 900.000,00
Adeguamento impianto di depurazione in Loc. Sarrioli
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Agglomerato Foligno-Spello:
7 Adeguamento e potenziamento impianto di depurazione a servizio dellagglomerato di 2.000.000,00 2.000.000,00
Foligno-Spello - 1 stralcio
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Comune di Spoleto-
8 1.000.000,00 1.000.000,00
Valnerina: Acquedotto Argentina - I lotto
Tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche - Agglomerato di Terni:
9 1.120.000,00 30.000,00 1.090.000,00
Depuratore Terni 1 - Completamento I lotto
Totale tutela delle acque e gestione integrata delle risorse idriche 8.220.000,00 280.000,00 7.940.000,00
Difesa del suolo - Completamento interventi di messa in sicurezza dell'abitato di Ciconia e
10 1.500.000,00 1.500.000,00
Orvieto Scalo
Totale difesa del suolo 1.500.000,00 1.500.000,00

TOTALI 52.343.024,99 34.928.024,99 17.415.000,00

TOTALE GENERALE RISORSE FSC 17.415.000,00

12A13149

46
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

DELIBERA 26 ottobre 2012. Vista la legge 13 agosto 2010, n. 136 e in particolare gli
articoli 3 e 6 che per la tracciabilit dei flussi finanziari a
Fondo per lo sviluppo e la coesione 2000-2006 - ripro- fini antimafia, prevedono che gli strumenti di pagamento
grammazione parziale a favore dellintervento Giustizia riportino il CUP ove obbligatorio ai sensi della sopracita-
civile celere per la crescita di una quota dellassegnazione ta legge n. 3/2003, sanzionando la mancata apposizione
di cui alla delibera n. 98/2007 a favore del Dipartimento per di detto codice;
linnovazione e le tecnologie. (Delibera n. 111/2012).
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, re-
IL COMITATO INTERMINISTERIALE cante disposizioni in materia di risorse aggiuntive e in-
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA terventi speciali per la rimozione di squilibri economici
e sociali, in attuazione dellart. 16 della richiamata leg-
ge delega n. 42/2009 e in particolare lart. 4 del mede-
Visti gli articoli 60 e 61 della legge 27 dicembre 2002, simo decreto legislativo, il quale dispone che il FAS di
n. 289 (legge finanziaria 2003) e successive modificazioni, cui allart. 61 della legge n. 289/2002 assuma la deno-
con i quali vengono istituiti, presso il Ministero delleco- minazione di Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC)
nomia e delle finanze e il Ministero delle attivit produt- e sia finalizzato a dare unit programmatica e finanziaria
tive, i Fondi per le aree sottoutilizzate (coincidenti con allinsieme degli interventi aggiuntivi a finanziamento
lambito territoriale delle aree depresse di cui alla legge nazionale, che sono rivolti al riequilibrio economico e so-
n. 208/1998 e al Fondo istituito dallart. 19, comma 5, del ciale tra le diverse aree del Paese;
decreto legislativo n. 96/1993), nei quali si concentra e si
d unit programmatica e finanziaria allinsieme degli in- Vista la legge 12 novembre 2011, n. 183, recante dispo-
terventi aggiuntivi a finanziamento nazionale che, in attua- sizioni per la formazione del bilancio annuale e plurien-
zione dellart. 119, comma 5, della Costituzione, sono ri- nale dello Stato (legge di stabilit 2012);
volti al riequilibrio economico e sociale fra aree del Paese; Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Mini-
Visto lart. 11 della legge 1 gennaio 2003 n. 3, il quale stri del 13 dicembre 2011, con il quale stata conferita la
prevede che ogni progetto dinvestimento pubblico debba delega al Ministro per la coesione territoriale ad esercitare,
essere dotato di un Codice unico di progetto (CUP); tra laltro, le funzioni di cui al richiamato art. 7 della legge
n. 122/2010 relative, fra laltro, alla gestione del FSC;
Visto lart. 1, comma 2, della legge 17 luglio 2006,
n. 233, di conversione del decreto-legge 8 maggio 2006, Vista la delibera 27 dicembre 2002, n. 143 (G.U.
n. 181, che trasferisce al Ministero dello sviluppo econo- n. 87/2003 ed errata corrige in G.U. n. 140/2003), con
mico il Dipartimento per le politiche di sviluppo e di co- la quale questo Comitato ha definito il sistema per lat-
esione e le funzioni di cui allart. 24, comma 1, lettera c), tribuzione del Codice unico di progetto (CUP), che deve
del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, ivi inclusa essere richiesto dai soggetti responsabili di cui al punto
la gestione del Fondo per le aree sottoutilizzate (FAS) di 1.4 della delibera stessa;
cui al citato art. 61; Vista la delibera di questo Comitato 9 maggio 2003,
Vista la legge 6 agosto 2008, n. 133, che ha converti- n. 17 (G.U. n. 155/2003), concernente la ripartizione delle
to, con modificazioni, il decreto-legge 25 giugno 2008, risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate, che ha as-
n. 112, recante disposizioni urgenti per lo sviluppo eco- segnato complessivamente, a favore del Ministro per lin-
nomico, la semplificazione, la competitivit, la stabilizza- novazione e le tecnologie, limporto di 376 milioni di euro
zione della finanza pubblica e la perequazione tributaria; per il periodo 2003-2005, comprensivo della destinazione
programmatica di una quota di 100 milioni di euro per il
Vista la legge 5 maggio 2009, n. 42, recante la delega conseguimento di obiettivi relativi al rafforzamento della
al Governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione societ dellinformazione individuati in concertazione tra
dellart. 119 della Costituzione e, in particolare, lart. 16 le strutture dello stesso Ministro per linnovazione e le
che, in relazione agli interventi di cui allart. 119 della tecnologie, il Ministero delleconomia e delle finanze e le
Costituzione diretti a promuovere lo sviluppo economico, Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria,
la coesione e la solidariet sociale, a rimuovere gli squi- Campania, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna);
libri economici e sociali e a favorire leffettivo esercizio
dei diritti della persona, ne prevede lattuazione attraver- Vista la delibera di questo Comitato 13 novembre 2003,
so interventi speciali organizzati in piani organici finan- n. 83 (G.U. n. 48/2004) che ha ripartito laccantonamento
ziati con risorse pluriennali, vincolate nella destinazione; di 900 milioni di euro per interventi nelle aree sottouti-
lizzate di cui al punto 1.1, della citata delibera 17/2003
Vista la legge 31 dicembre 2009, n. 196, recante dispo- assegnando, tra laltro, limporto di 150 milioni di euro a
sizioni in materia di contabilit e finanza pubblica; favore del Dipartimento per linnovazione e le tecnologie;
Visto lart. 7, commi 26 e 27, della legge 30 luglio Vista la delibera di questo Comitato 29 gennaio 2004,
2010, n. 122, che ha attribuito al Presidente del Consi- n. 8 (G.U. n. 137/2004), concernente lassegnazione de-
glio dei Ministri la gestione del FAS, prevedendo che lo finitiva dellimporto di 100 milioni di euro, di cui alla
stesso Presidente del Consiglio dei Ministri o il Ministro citata delibera n. 17/2003, a favore del Dipartimento per
delegato si avvalgano, nella gestione del citato Fondo, del linnovazione e le tecnologie per il finanziamento del pro-
Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economica del gramma definitivo degli interventi relativi allICT per
Ministero dello sviluppo economico; leccellenza del territorio;

47
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Vista la delibera 29 settembre 2004, n. 24 (G.U. Vista la delibera di questo Comitato 3 agosto 2012, n. 96,
n. 276/2004), con la quale questo Comitato ha stabilito in corso di registrazione alla Corte dei conti, concernente
che il CUP deve essere riportato su tutti i documenti am- la presa datto del Piano di azione coesione concordato con
ministrativi e contabili, cartacei ed informatici, relativi a le Regioni del Mezzogiorno e inviato alla Commissione
progetti di investimento pubblico, e deve essere utilizzato europea il 15 novembre 2011, nonch dei successivi ag-
nelle banche dati dei vari sistemi informativi, comunque giornamenti del 3 febbraio e dell11 maggio 2012;
interessati ai suddetti progetti;
Vista la delibera di questo Comitato 18 marzo 2005, Vista la proposta n. 21002 del 12 ottobre 2012 del Capo
n. 14 (G.U. n. 203/2005), concernente lapprovazione del di Gabinetto, dordine del Ministro dellistruzione, uni-
programma definitivo degli interventi relativi allICT versit e ricerca e lallegata nota informativa concernente
per leccellenza del territorio che ha destinato un impor- la riprogrammazione di una quota di 2,8 milioni di euro a
to pari a 90 milioni di euro alle Regioni per lattuazione favore dellintervento Giustizia civile celere per la cre-
dei Piani regionali e un importo pari a 10 milioni di euro scita, a valere sulle risorse inizialmente destinate dalla
per il monitoraggio e per le azioni di sistema di compe- citata delibera n. 14/2005 ad azioni di sistema nellambito
tenza del Dipartimento per linnovazione e le tecnologie; del programma definitivo degli interventi ICT per lec-
Vista la delibera di questo Comitato 23 marzo 2006, cellenza dei territori, come da ultimo confermate con la
n. 1 (G.U. n. 142/2006), e in particolare il punto 2.2 che ha citata delibera n. 98/2007;
assegnato limporto di 20 milioni di euro a favore del Mi- Considerato che il detto programma ha destinato gli
nistro per linnovazione e le tecnologie per il finanziamen- importi di 90 milioni di euro al finanziamento di 11 pro-
to delliniziativa Competenza in cambio di esperienza: i getti regionali e di 10 milioni di euro alle attivit di moni-
giovani sanno navigare, gli anziani sanno dove andare; toraggio e alle azioni di sistema;
Vista la delibera di questo Comitato 22 dicembre 2006,
n. 179 (G.U. n. 118/2007), recante lapplicazione del pun- Tenuto conto che la proposta citata sottolinea che tali
to 6.4 della delibera CIPE n. 17/2003, che ha, fra laltro, risorse sono state integralmente trasferite alla Presiden-
disposto la decurtazione a carico del Dipartimento per za del Consiglio dei Ministri e risultano iscritte in conto
linnovazione e le tecnologie di un importo complessivo residui, per il corrente esercizio 2012, nel bilancio del
di 149.624.973 euro a valere sulle assegnazioni preceden- Dipartimento per la digitalizzazione della pubblica am-
temente disposte a favore dello stesso Dipartimento per la ministrazione e linnovazione tecnologica e sono pertanto
realizzazione di programmi nazionali per lo sviluppo del- attualmente disponibili;
la societ dellinformazione con la delibera di questo Co- Considerato che nella medesima proposta viene inol-
mitato n. 17/2003 e con le successive delibere n. 83/2003, tre evidenziato che la maggior parte dei progetti regionali
n. 8/2004 e n. 14/2005, per limporto complessivo di 376 risulta ultimata, mentre per quanto riguarda il monitorag-
milioni di euro sopra richiamato; gio e le azioni di sistema leffettivo fabbisogno risultato
Vista la delibera di questo Comitato 28 giugno 2007, inferiore allimporto programmato di 10 milioni di euro e
n. 50 (G.U. 253/2007), che ha disposto tra laltro, al punto non si prevedono ulteriori interventi in tale ambito;
3, la riassegnazione a favore del Ministro per le riforme
e le innovazioni nella pubblica amministrazione dellim- Considerato inoltre che, nellambito di tali disponibi-
porto di 119.016.181 euro per lattuazione di programmi lit, la proposta prevede lutilizzo di una quota pari a 2,8
nazionali in materia di societ dellinformazione, a fronte milioni di euro per il cofinanziamento, nelle Regioni del
delle revoche disposte con la citata delibera n. 179/2006; Mezzogiorno non ricadenti nellObiettivo convergenza,
Considerato che, a seguito della predetta riassegnazione dellintervento Giustizia civile celere per la crescita
disposta dalla citata delibera n. 50/2007, lentit delle de- previsto dalla Fase II del citato Piano di azione coesione;
curtazioni complessive di risorse a carico del Ministro per Considerato infine che il detto intervento, gi benefi-
le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazio- ciario di un finanziamento di 4,4 milioni di euro a va-
ne, a fronte delle pregresse assegnazioni di cui alle citate lere sulle risorse inizialmente destinate al Programma
quattro delibere di questo Comitato n. 17/2003, 83/2003, operativo interregionale Energie rinnovabili e risparmio
8/2004 e 14/2005, risulta ridotta a 30.608.792 euro; energetico 2007-2013 oggetto di riprogrammazione nel
Vista la delibera di questo Comitato 28 settembre 2007, citato Piano, ha come obiettivi lattivazione del processo
n. 98 (G.U. n. 77/2008), con la quale stata disposta civile telematico nel Mezzogiorno attraverso due azioni
a valere sullassegnazione complessiva di 20 milioni di mirate alla diffusione del sistema di notifiche telematiche
euro di cui al punto 2.2 della citata delibera n. 1/2006 e allattivazione del sistema di gestione del flusso di la-
la riprogrammazione di una quota di 17 milioni di euro voro dei decreti ingiuntivi in formato digitale telematico,
a ulteriore parziale copertura dei programmi nazionali nonch lindividuazione delle cause tecniche e organiz-
per lo sviluppo della societ dellinformazione di cui alle zative che concorrono a determinare i tempi lunghi nella
quattro delibere sopra citate; definizione delle cause civili nel Mezzogiorno;
Considerato che la richiamata delibera n. 98/2007
stata adottata da questo Comitato sulla base della relativa Tenuto conto che lintervento appare coerente con il
proposta del Ministro per linnovazione e le tecnologie, programma definitivo degli interventi ICT per leccel-
di cui alla nota n. 8129/GAB-U del 25 luglio 2007, che lenza dei territori di cui alla citata delibera n. 14/2005,
nel dettagliare gli impieghi delle risorse da riassegnare, in quanto linnovazione e la semplificazione del sistema
ha previsto fra laltro il reintegro completo delle risorse giudiziario rappresentano un elemento di rottura in grado
destinate dal programma ICT per leccellenza dei terri- di generare processi virtuosi che possono aumentare la
tori alle attivit di monitoraggio e alle azioni di sistema; competitivit dei territori;

48
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Considerato che la proposta prevede, al fine di assicura- 4. Il CUP assegnato allintervento di cui alla presente
re la gestione unitaria delle risorse in argomento con quelle delibera va evidenziato, ai sensi della richiamata delibera
gi destinate dal Piano di azione coesione al Ministero del- n. 24/2004, nella documentazione amministrativa e con-
la giustizia per lattuazione dellintervento, che le stesse tabile riguardante i detti interventi.
risorse siano versate sul Fondo di rotazione per lattuazio-
ne delle politiche comunitarie di cui allart. 5 della legge Roma, 26 ottobre 2012
16 aprile 1987, n. 183 per il loro utilizzo nelle Regioni del Il Presidente: MONTI
Mezzogiorno non ricadenti nellObiettivo convergenza;
Il segretario: BARCA
Tenuto conto dellesame della proposta svolto ai sensi Registrato alla Corte dei conti il 7 dicembre 2012
Ufficio di controllo sugli atti del Ministero delleconomia e delle
del vigente regolamento di questo Comitato (art. 3 della finanze, registro n. 11 Economia e finanze, foglio n. 158
delibera 30 aprile 2012, n. 62);
12A13148
Vista la nota n. 4353-P del 25 ottobre 2012, predisposta
congiuntamente dal Dipartimento per la programmazione
e il coordinamento della politica economica della Presi-
denza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero delleco- DELIBERA 26 ottobre 2012.
nomia e delle finanze, e posta a base della presente seduta; Individuazione delle amministrazioni responsabili della
gestione e dellattuazione di programmi/interventi finanziati
Su proposta del Ministro dellistruzione, universit e nellambito del piano di azione coesione e relative modalit
ricerca; di attuazione. (Delibera n. 113/2012).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
Delibera: PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

1. approvata, in linea con la proposta richiamata in Visto il regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio
premessa, la riprogrammazione di una quota di 2,8 mi- dell11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fon-
lioni di euro a favore dellintervento Giustizia civile ce- do europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale eu-
lere per la crescita, a valere sulle risorse inizialmente ropeo e sul Fondo di coesione, che abroga il regolamento
destinate dalla delibera n. 14/2005 ad azioni di sistema (CE) n. 1260/1999 e visto in particolare lart. 33 che pre-
nellambito del programma definitivo degli interventi vede la revisione dei Programmi operativi cofinanziati dai
ICT per leccellenza dei territori di cui alle premesse. detti Fondi strutturali comunitari;
Visto il Quadro strategico nazionale Italia (QSN) 2007-
2. Al fine di assicurare la gestione delle risorse in ar- 2013, adottato con la decisione della Commissione euro-
gomento unitamente a quelle gi destinate dal Piano di pea n. C(2007)3329 del 13 luglio 2007;
azione e coesione a favore del Ministero della giustizia
per lattuazione dellintervento di cui al precedente punto Visto in particolare il punto VI.2.1 del QSN che preve-
1, il citato importo di 2,8 milioni di euro sar versato sul de listituzione del Comitato nazionale per il coordina-
Fondo di rotazione per lattuazione delle politiche comu- mento e la sorveglianza della politica regionale unitaria,
nitarie di cui allart. 5 della legge n. 183/1987 per il rela- per lespletamento delle funzioni di accompagnamento
tivo utilizzo nelle Regioni del Mezzogiorno non ricadenti allattuazione dello stesso QSN;
nellObiettivo convergenza. Vista la proposta di regolamento (COM 2011 615 fi-
nal/2) della Commissione europea del 14 marzo 2012 re-
3. Lintervento Giustizia civile celere per la crescita cante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo
di cui al punto 1 viene monitorato nellambito della Ban- regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coe-
ca dati unitaria per le politiche regionali finanziate con sione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale
risorse aggiuntive comunitarie e nazionali in ambito QSN e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca
2007-2013, istituita presso il Ministero delleconomia e compresi nel quadro strategico comune, che abroga il re-
delle finanze. Linserimento degli aggiornamenti relativi golamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio e che preve-
all intervento avviene a ciclo continuo e aperto secondo de, allart. 13 e successivi, ladozione, da parte degli Stati
le vigenti modalit e procedure concernenti il monitorag- membri di un documento nazionale (Contratto/Accordo)
gio delle risorse del FSC. di Partenariato quale strumento di programmazione dei
suddetti fondi per il periodo 2014-2020, stabilendone i
A cura del Dipartimento per la programmazione e il relativi contenuti;
coordinamento della politica economica e del citato Di-
partimento per lo sviluppo e la coesione economica sar Visto lart. 24, comma 1, lettera c), del decreto legisla-
data adeguata pubblicit allintervento, nonch alle in- tivo 30 luglio 1999, n. 300, che definisce le funzioni di
formazioni periodiche sul relativo stato di avanzamen- spettanza statale in materia di programmazione econo-
to, come risultanti dal predetto sistema di monitoraggio. mica e finanziaria, coordinamento e verifica degli inter-
Lintervento sar oggetto di particolare e specifica attivit venti per lo sviluppo economico territoriale e settoriale e
di comunicazione al pubblico secondo le modalit di cui delle politiche di coesione, anche avvalendosi delle Ca-
al progetto Open data. mere di commercio, con particolare riferimento alle aree

49
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

depresse, esercitando a tal fine le funzioni attribuite dalla Visto il documento Iniziative di accelerazione e di
legge in materia di strumenti di programmazione nego- miglioramento dellefficacia degli interventi approvato
ziata e di programmazione dellutilizzo dei fondi struttu- in data 27 febbraio 2012 dal richiamato Comitato nazio-
rali comunitari; nale per il coordinamento e la sorveglianza della politica
Visto lart. 7, comma 26, del decreto legge 31 mag- regionale unitaria e visti in particolare i punti 4 e 7 che
gio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge dettano le condizioni attraverso cui le risorse provenien-
30 luglio 2010, n. 122, che attribuisce al Presidente del ti dalla riduzione del tasso di cofinanziamento naziona-
Consiglio dei Ministri le funzioni di cui allart. 24, com- le dei Programmi operativi 2007-2013 sono utilizzabili
ma 1, lettera c), del decreto legislativo 30 luglio 1999, nellambito del Piano di azione coesione;
n. 300, ivi inclusa la gestione del Fondo per le aree sot- Visto il decreto del Ministro per la coesione territoria-
toutilizzate, fatta eccezione per le funzioni di program-
mazione economica e finanziaria non ricomprese nelle le del 1 agosto 2012 che individua la composizione e i
politiche di sviluppo e coesione; compiti del Gruppo di azione previsto dal citato Piano di
azione coesione cui demandata lidentificazione degli
Visto il decreto legislativo 31 maggio 2011, n. 88, re- interventi in attuazione del Piano con definizione dei loro
cante disposizioni in materia di risorse aggiuntive e in- risultati espressi in termini di indicatori e target, laccerta-
terventi speciali per la rimozione di squilibri economici mento della sussistenza delle pre-condizioni di efficacia,
e sociali, in attuazione dellart. 16 della legge 5 maggio lindividuazione di responsabilit, modalit attuative e
2009, n. 42; tempi di attuazione, lanalisi e il monitoraggio dei pro-
Vista la legge 12 novembre 2011, n. 183 recante gressi del percorso di attuazione;
Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e
pluriennale dello Stato (legge di stabilit 2012), in cui Considerato in particolare che nel citato documento
allart. 23, comma 4, stabilisce che le risorse provenienti Iniziative di accelerazione e riprogrammazione dei Pro-
da una riduzione del tasso di cofinanziamento naziona- grammi comunitari 2007-2013 viene previsto, relativa-
le dei programmi cofinanziati dai fondi strutturali 2007- mente al vincolo di destinazione territoriale delle risorse
2013, sono destinate alla realizzazione di interventi di rivenienti dalla riduzione del cofinanziamento nazionale,
sviluppo socio-economico concordati tra le Autorit ita- che le stesse siano reinvestite nei medesimi territori inte-
liane e la Commissione europea; ressati dai Programmi che le hanno generate, sulla base
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Mi- dei fabbisogni delle Regioni e in stretto partenariato con
nistri del 13 dicembre 2011 che ha delegato al Ministro le Amministrazioni nazionali capofila dei Fondi struttura-
per la coesione territoriale lesercizio delle funzioni di cui li, con la Commissione europea e con le altre Amministra-
allart. 7, commi 26, 27 e 28, del decreto legge 31 mag- zioni centrali interessate - compresi gli Organismi dalle
gio 2010, n. 78, convertito con modificazioni dalla legge stesse vigilati - responsabili dellavvio e/o attuazione di
30 luglio 2010, n. 122, ivi comprese le connesse iniziative specifici interventi previsti dal Piano di azione coesione;
di carattere amministrativo e normativo; Considerato inoltre che nel Piano di azione coesione
Visto lart. 1, comma 3, del predetto decreto del Pre- sono individuati i programmi e gli interventi da realizza-
sidente del Consiglio dei Ministri del 13 dicembre 2011 re con la relativa dotazione finanziaria rinveniente dalla
che, ai fini dellesercizio delle funzioni di cui allart. 7, riduzione della quota del cofinanziamento nazionale dei
comma 26, del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, pone Programmi operativi 2007-2013, cofinanziati dai Fondi
alle dipendenze funzionali del Ministro per la coesione strutturali dellUnione europea, di cui al Quadro finanzia-
territoriale, il Dipartimento per lo sviluppo e la coesione rio del medesimo Piano;
economica del Ministero dello sviluppo economico;
Tenuto conto che tale dotazione finanziaria potr es-
Vista la delibera di questo Comitato 22 dicembre 2006, sere integrata con ulteriori risorse provenienti dalle ri-
n. 174 (G. U. n. 95/2007), con la quale stato approvato programmazioni ancora in corso di definizione, ovvero
il QSN 2007-2013; con quelle che si rendono disponibili in applicazione di
Vista la delibera di questo Comitato n. 1/2011, recante quanto previsto dal richiamato documento Iniziative di
Obiettivi, criteri e modalit di programmazione delle ri- accelerazione e riprogrammazione dei programmi comu-
sorse per le aree sottoutilizzate e selezione ed attuazione nitari 2007-2013 e ritenuto necessario che, nel caso di
degli investimenti per i periodi 2000-2006 e 2007-2013; riduzione della quota di cofinanziamento dei Programmi,
Vista la delibera di questo Comitato 3 agosto 2012, sia resa tempestiva informativa a questo Comitato in or-
n. 96, in corso di registrazione alla Corte dei Conti, con- dine alla detta integrazione di risorse;
cernente la presa datto del Piano di azione coesione e Considerato che listruttoria in ordine allindividuazione
considerati in particolare i risultati attesi e le azioni in esso
previste, nonch le responsabilit istituzionali e attuative, di responsabilit, modalit attuative e tempi di attuazione
le modalit ed i tempi ivi stabiliti e le risorse finanziarie del Piano di azione coesione stata condotta dal richiama-
individuate e allocate tra i diversi settori di riferimento; to Gruppo di azione e dalle strutture tecniche del Diparti-
mento per lo sviluppo e la coesione economica, unitamen-
Vista la proposta del Capo di Gabinetto, dordine del te alle Amministrazioni centrali di settore competenti;
Ministro per la coesione territoriale, n. 4024 del 4 ottobre
2012, con la quale stata trasmessa la nota informativa Considerato che il Piano di azione coesione comprende
del Dipartimento per lo sviluppo e la coesione economi- anche interventi la cui riprogrammazione, pur continuan-
ca concernente lindividuazione delle Amministrazioni do a essere disciplinata secondo le responsabilit e le re-
responsabili dellattuazione dei programmi di intervento gole proprie dei Programmi operativi 2007-2013 e quindi
finanziati nellambito del Piano di azione coesione; non direttamente da quanto previsto con la presente deli-

50
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

bera, deve avvenire in coerenza con i principi e i metodi rizzato a disimpegnare, per la parte eccedente tali quote,
del medesimo Piano; le risorse gi assegnate sulle pregresse annualit in favore
Ritenuto necessario, per ciascun programma/intervento dei Programmi operativi interessati nelle more dellado-
che concorre alla realizzazione del Piano di azione coesio- zione delle decisioni comunitarie di rimodulazione finan-
ne, di dover individuare lAmministrazione responsabile ziaria degli stessi Programmi.
della gestione, del monitoraggio e del controllo degli in-
terventi stessi, nonch lindividuazione dellAmministra- 4. A valere sulle risorse riassegnate ai sensi della pre-
zione o dellOrganismo responsabile della loro attuazione; sente delibera, il Ministero delleconomia e delle finan-
Ritenuto necessario, nelle more delladozione delle ze - Ragioneria generale dello Stato, IGRUE - provve-
decisioni comunitarie di rimodulazione finanziaria dei de, secondo le procedure previste dalla richiamata legge
richiamati Programmi operativi 2007/2013, definire le n. 183/1987, a effettuare le erogazioni in favore degli
modalit di riassegnazione, in favore dei programmi/ aventi diritto sulla base di apposite richieste presentate
interventi ricompresi nel Piano di azione coesione, del- dalle Amministrazioni responsabili della gestione degli
le risorse rivenienti dalla riduzione della quota del cofi- interventi di cui al Piano di azione coesione come indi-
nanziamento nazionale dei Programmi comunitari 2007- viduate nella allegata tabella 1. Prima dellinvio delle ri-
2013, in attuazione di quanto previsto dal citato art. 23, chieste di erogazione, le predette Amministrazioni prov-
comma 4, della legge n. 183/2011; vedono a effettuare i controlli previsti dalla normativa
vigente, a supporto della fondatezza e della legittimit
Tenuto conto dellesame della proposta svolto ai sensi delle richieste di erogazione in favore degli aventi diritto.
del vigente regolamento di questo Comitato (art. 3 della
delibera 30 aprile 2012, n. 62); 5. Entro sessanta giorni dalla data di adozione della
Vista la nota n. 4353-P del 25 ottobre 2012, predisposta presente delibera, ciascuna Amministrazione responsabi-
congiuntamente dal Dipartimento per la programmazione le della gestione degli interventi individuati dal Piano di
e il coordinamento della politica economica della Presi- azione coesione individua, con atto formale, le strutture
denza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero delleco- deputate a dare esecuzione a tali interventi, con lattri-
nomia e delle finanze, e posta a base della presente seduta; buzione delle relative responsabilit di gestione, monito-
Su proposta del Ministro per la coesione territoriale; raggio e controllo. Tali atti sono trasmessi, da ciascuna
Amministrazione, al Ministro per la coesione territoriale,
Delibera: al Ministero dello sviluppo economico - Dipartimento
sviluppo e la coesione economica, DGPRUC, nonch al
1. Alla realizzazione dei programmi/interventi ricom- Ministero delleconomia e delle finanze - Ragioneria ge-
presi nel Piano di azione coesione - inviato il 15 novem- nerale dello Stato, IGRUE, unitamente al piano annuale
bre 2011 al Commissario europeo per la politica regionale indicativo di realizzazione degli interventi e di utilizzo
e successivamente modificato e integrato - finanziati con delle relative risorse.
le risorse provenienti dalla riduzione della quota del cofi-
nanziamento nazionale dei Programmi comunitari 2007- 6. Le predette Amministrazioni, attraverso le struttu-
2013, provvedono le Amministrazioni e gli Organismi re di cui al punto 5, trasmettono al sistema nazionale di
individuati, in relazione a ciascun programma/intervento, monitoraggio del QSN 2007/2013, i dati relativi allat-
nella tabella di cui allallegato 1 che forma parte integran- tuazione degli interventi di rispettiva competenza, se-
te della presente delibera. condo le modalit e i tempi gi definiti con la circolare
2. Al fine di consentire la tempestiva attuazione del n. 5 dell8 febbraio 2010 del Ministero delleconomia e
Piano di azione coesione - nelle more delladozione da delle finanze - Ragioneria Generale dello Stato, IGRUE.
parte dellUnione europea delle decisioni di rimodula- Le stesse Amministrazioni forniscono, altres, le informa-
zione dei piani finanziari dei corrispondenti Programmi zioni necessarie ad assicurare la sorveglianza e la valu-
operativi cofinanziati dai Fondi strutturali 2007-2013 - le tazione dello stato di avanzamento del Piano di azione
risorse finanziarie provenienti dalla riduzione della quota coesione, con particolare riferimento al rispetto del cro-
di cofinanziamento statale dei predetti Programmi pari, noprogramma di attuazione, allavanzamento delle atti-
alla data della presente delibera, a complessivi 5.007,30 vit e delle realizzazioni e al percorso di conseguimento
milioni di euro, sono riassegnate, nellambito del Fondo degli obiettivi e dei risultati attesi.
di rotazione di cui allart. 5 della legge 16 aprile 1987,
n. 183, in favore dei singoli programmi/interventi ricom- 7. La presente delibera sar trasmessa, per informativa,
presi nel Piano di azione coesione, con imputazione alle alla Conferenza Stato - Regioni.
quote di cofinanziamento statale relative alle annualit
2012 e 2013 dei predetti Programmi operativi, fino a con- Roma, 26 ottobre 2012
correnza degli importi per ciascuno indicati nella tabella
di cui allallegato 2 che forma parte integrante della pre-
sente delibera. Il Presidente: MONTI
3. Nel caso in cui le quote di cofinanziamento statale
relative alle annualit 2012 e 2013 dei predetti Program- Il segretario: BARCA
mi operativi non siano sufficienti ad assorbire le risorse Registrato alla Corte dei conti il 10 dicembre 2012
da riassegnare ai sensi del punto 2 della presente delibera, Ufficio di controllo sugli atti del Ministero delleconomia e delle
il Fondo di rotazione di cui alla legge n. 183/1987 auto- finanze registro n. 11 Economia e finanze foglio n. 173

51
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Allegato 1

Amministrazioni e Organismi responsabili della gestione e dellattuazione dei programmi e degli interventi
del Piano di azione coesione
(importi in milioni di euro)
Programmi ed interventi del Piano
di Azione Coesione finanziati con
la riduzione del cofinanziamento Amministrazioni responsabili Amministrazioni/Enti
nazionale della gestione responsabili dell'attuazione Importi

Ferrovie Ministero delle Infrastrutture Rete Ferroviaria Italiana 1.502,6


Servizi di Cura 730,0
- Infanzia Ministero dell'Interno Enti Locali 400,0
-Anziani non autosufficienti 330,0
Interventi di legalit nelle aree ad
Ministero dell'Interno Enti Locali
elevata dispersione scolastica 77,0
PCM/Ministro per la
Progetti promossi da giovani del Cooperazione internazionale e
Dipartimento della giovent e
privato sociale (Giovani del non lIntegrazione/Dipartimento
del servizio civile nazionale
profit per lo sviluppo del della giovent e del servizio
mezzogiorno) civile nazionale 37,6
Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
Autoimpiego e autoimprenditorialit Economico Economico 50,0
Apprendistato e uscita da n allo Ministero del Lavoro e delle Ministero del Lavoro e delle
studio n al lavoro Politiche Sociali Politiche Sociali 50,0
Promozione metodi applicati di
studio/ricerca nelle Universit
attraverso ricercatori italiani Ministero dell'Istruzione, Ministero dell'Istruzione,
allestero (Messaggeri della dell'Universit e della Ricerca dell'Universit e della Ricerca
conoscenza nelle Universit
meridionali) 5,3
Ministero dell'Istruzione, Ministero dell'Istruzione,
Ricerca e innovazione dell'Universit e della Ricerca dell'Universit e della Ricerca 115,5
Promozione sviluppo e innovazione Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
imprese Economico Economico 436,2
Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
Promozione innovazione via Economico Economico 50,0
domanda pubblica Ministero dell'Istruzione, Ministero dell'Istruzione,
dell'Universit e della Ricerca dell'Universit e della Ricerca 100,0
Valorizzazione aree di attrazione Ministero per i Beni e le Attivit Ministero per i Beni e le
culturale culturali Attivit culturali /Regioni 130,0
Riduzione tempi giustizia civile Ministero della Giustizia Ministero della Giustizia 4,4
Interventi efficienza energetica aree Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
urbane e naturali Economico Economico 124,0
Piano giovani Sicilia Regione Siciliana Regione Siciliana 452,0
Totale 3.864,6
Interventi gi individuati nei programmi operativi la cui attuazione proseguir fuori dal programma originario
Ministero dell'Istruzione, Ministero dell'Istruzione,
Ricerca dell'Universit e della Ricerca dell'Universit e della Ricerca 546,0
Sicurezza Ministero dell'Interno Ministero dell'Interno 103,0
Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
Imprese Economico Economico 178,0
Ministero dello Sviluppo Ministero dello Sviluppo
Energia Economico Economico 198,0
Altri interventi PAC Regione Sardegna Regione Sardegna 117,7
Totale 1.142,7
Totale PAC 5.007,3

52
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Allegato 2

Risorse derivanti dalla riduzione del cofinanziamento statale di cui al Fondo di rotazione ex articolo 5 della legge
n. 183/1987 destinate ad attuare il Piano di azione coesione

(importi in milioni di euro)

Programmi operativi regionali FESR FSE Totale


Calabria 80,0 80,0
Campania 600,0 600,0
Puglia 100,0 100,0
Sicilia 500,0 452,0 952,0
Sardegna 340,3 340,3
Totale 1.620,3 452,0 2.072,3

Programmi operativi nazionali FESR FSE Totale


Ricerca e competitivit 1.781,0 1.781,0
Sicurezza per lo sviluppo 180,0 180,0
Governance e assistenza tecnica 50,0 50,0
Attrattori culturali, naturali e turismo 330,0 330,0
Energie rinnovabili e risparmio energetico 504,0 504,0
Governance e azioni di sistema 90,0 90,0
Totale 2.845,0 90,0 2.935,0

Totale generale 4.465,3 542,0 5.007,3

12A13162

COMMISSIONE DI VIGILANZA
SUI FONDI PENSIONE

DELIBERA 27 novembre 2012.


Modifiche e integrazioni alla delibera 31 gennaio 2008 recante: Istruzioni per la redazione del Progetto esemplificati-
vo: Stima della pensione complementare.

LA COMMISSIONE DI VIGILANZA
SUI FONDI PENSIONE

Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante Disciplina delle forme pensionistiche complemen-
tari (di seguito, decreto n. 252/2005);
Visto lart. 19, comma 2, del decreto n. 252/2005, che prevede che la COVIP esercita la vigilanza su tutte le forme
pensionistiche complementari anche mediante lemanazione di istruzioni di carattere generale e particolare;
Visto lart. 19, comma 2, lett. g), che attribuisce alla COVIP il potere di dettare disposizioni in materia di tra-
sparenza delle forme pensionistiche complementari, sia per la fase inerente alla raccolta delle adesioni sia per quella
concernente linformativa periodica agli aderenti;

53
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

Visto il decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, recante Ritenuto di dover adottare le necessarie modifiche e
Disposizioni urgenti per la crescita, lequit e il consoli- integrazioni in ordine allevoluzione nel tempo della po-
damento dei conti pubblici, convertito con modificazioni sizione individuale e dellimporto iniziale della presta-
dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, (di seguito, decreto zione complementare;
n. 201/2011);
Considerata lesigenza di dare tempestiva attuazione
alle norme nazionali e comunitarie pi sopra richiamate:
Visto lart. 24 del decreto n. 201/2011, che ha introdotto
nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici;
Delibera:
Visto il decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198, re-
cante il Codice delle pari opportunit tra uomo e donna Art. 1.
(di seguito, decreto n. 198/2006);
1. La Deliberazione del 31 gennaio 2008, recante Istru-
Visto in particolare lart. 30-bis del citato decreto zioni per la redazione del Progetto esemplificativo: Sti-
n. 198/2006, introdotto dal decreto legislativo 25 gennaio ma della pensione complementare, cos modificata:
2010, n. 5, in attuazione della Direttiva 2006/54/CE relati- 1) nella sezione B) intitolata Variabili utilizzate per la
va al principio delle pari opportunit e della parit di trat- costruzione del Progetto
tamento fra uomini e donne in materia di occupazione e a) la voce Et di pensionamento sostituita dal-
impiego, che disciplina il divieto di discriminazione nelle
forme pensionistiche complementari e individua le con- la seguente: Et di pensionamento: si fa riferimento
dizioni in presenza delle quali sono ammessi livelli diffe- allipotesi che il pensionamento avvenga, per la genera-
renti di prestazioni per le prestazioni a donne e a uomini; lit degli iscritti, allet di 66, 67, 68, 69 e 70 anni; per
gli iscritti che raggiungano il 66esimo anno di et entro il
Visto inoltre il successivo art. 55-quater del medesi- 2018, allet di 62, 63, 64, 65 e 66 anni. Qualora liscrit-
mo decreto n. 198/2006, introdotto dal decreto legislativo to, nellanno di riferimento della simulazione, abbia gi
6 novembre 2007, n. 196, in attuazione della Direttiva compiuto let minima sopra indicata per la relativa fa-
2004/113/CE sul principio della parit di trattamento tra scia di appartenenza, si fa riferimento allipotesi che il
uomini e donne per quanto riguarda laccesso a beni e pensionamento avvenga nei cinque anni successivi.
servizi e la loro fornitura; b) La sottovoce basi demografiche sostituita dal-
la seguente: basi demografiche: la tavola di mortalit la
Vista la propria Deliberazione del 31 gennaio 2008, re- IPS55, ove la forma pensionistica preveda una differen-
cante Istruzioni per la redazione del Progetto esemplifi- ziazione per sesso, e, negli altri casi, la IPS55U (IPS55
cativo: Stima della pensione complementare;
indifferenziata per sesso), corrispondente alla combina-
zione 60 per cento maschi, 40 per cento femmine;
Vista la propria Deliberazione dell8 settembre 2011,
recante Regolamento di attuazione dellart. 23 della leg- 2) nella sezione C) intitolata Istruzioni per lelabora-
ge n. 262 del 28 dicembre 2005 concernente i procedi- zione del Progetto
menti per ladozione degli atti di regolazione di compe- a) al terzo paragrafo le parole il coefficiente di con-
tenza della COVIP; versione, calcolato sulla base delle ipotesi tecniche sopra
riportate, relativo allet di 60 anni per le donne e 65 anni
Visto in particolare lart. 9, comma 1, della citata De- per gli uomini sono sostituite con le seguenti: i coef-
liberazione dell8 settembre 2011, relativa alle situazio- ficienti di conversione calcolati sulla base delle ipotesi
ni nelle quali possibile derogare alla disposizioni in tecniche sopra riportate
essa contenute;
b) alla voce Esemplificazione della prestazione pen-
Rilevato che le nuove disposizioni in materia di trat- sionistica le parole: per le ipotesi di pensionamento a 60
tamenti pensionistici comportano linnalzamento dellet e 65 anni di et sono sostituite con le seguenti: per cia-
pensionabile dal 1 gennaio 2012; scuna delle et di pensionamento previste nel paragrafo
B) Variabili utilizzate per la costruzione del Progetto.
Considerati gli effetti dellinnalzamento dellet pen- 3) nella sezione D) intitolata Istruzioni per la rappre-
sionabile sulla stima dellevoluzione nel tempo della po- sentazione del Progetto
sizione individuale e dellimporto iniziale della prestazio- a) al primo paragrafo la parola esemplificato so-
ne complementare; stituita con la seguente esemplificativo;
Considerate altres le previsioni di cui ai citati artt. 30- b) alla fine inserito il seguente paragrafo Indicare
bis e 55-quater del decreto n. 198/2006 circa i limiti alla in forma di Avvertenza che let di possibile pensionamen-
possibilit di differenziazione per sesso delle prestazioni to delliscritto dipende dal relativo regime previdenziale
di previdenza complementare e delle prestazioni assicu- di base e dalla normativa tempo per tempo vigente e che,
rative e le possibili conseguenze sulle basi demografiche ad et inferiori a quelle rappresentate corrispondono, a pa-
utilizzabili dalle forme pensionistiche complementari; rit di altre condizioni, rate di rendita pi basse. Indicare

54
17-12-2012 GAZZETTA UFFICIALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Serie generale - n. 293

inoltre che possibile effettuare simulazioni personaliz- Art. 2.


zate mediante un motore di calcolo messo a disposizione
1. Le forme pensionistiche complementari sono tenu-
sul web, precisando lindirizzo del relativo sito internet.
te ad adeguare i Progetti esemplificativi alle indicazioni
4) nella sezione E) intitolata Progetto esemplificativo contenute nella presente Deliberazione, nel rispetto delle
standardizzato seguenti scadenze:
a) al primo paragrafo sono eliminate le parole: dif- a) i Progetti standardizzati, entro il 31 marzo 2013;
ferenziate per sesso e b) i Progetti personalizzati, a partire da quello relati-
vo allanno 2012. In via transitoria, i Progetti personaliz-
b) al primo paragrafo le parole: 60 anni per le don-
zati relativi allanno 2012 possono limitarsi ad assumere,
ne e 65 anni per gli uomini sono sostituite con le seguen-
quale et di pensionamento, 66 anni sia per gli uomini che
ti 67 anni,
per le donne.
c) dopo il secondo paragrafo inserito il seguente: 2. I motori di calcolo implementati sui siti web de-
Qualora la forma pensionistica adotti basi demografiche vono consentire simulazioni coerenti con le presenti
differenziate per sesso, il Progetto esemplificativo stan- indicazioni.
dardizzato riporta, per ogni figura-tipo, il valore della
prima rata annuale di rendita distintamente per maschi e Roma, 27 novembre 2012
femmine. Il presidente: FINOCCHIARO
5) nella sezione F) intitolata Altre procedure di stima
delle prestazioni attese eliminato lultimo paragrafo. 12A13040

M ARCO M ANCINETTI , redattore DELIA CHIARA, vice redattore

(WI-GU-2012-GU1-293) Roma, 2012 - Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. - S.

55
MODALIT PER LA VENDITA

La Gazzetta Ufficiale e tutte le altre pubblicazioni dellIstituto sono in vendita al pubblico:

presso lAgenzia dellIstituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A. in ROMA,


piazza G. Verdi, 1 - 00198 Roma 06-85082147
presso le librerie concessionarie riportate nellelenco consultabile sui siti www.ipzs.it
e www.gazzettaufficiale.it.
LIstituto conserva per la vendita le Gazzette degli ultimi 4 anni fino ad esaurimento. Le richieste per
corrispondenza potranno essere inviate a:
Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato
Direzione Marketing e Vendite
Via Salaria, 1027
00138 Roma
fax: 06-8508-3466
e-mail: informazioni@gazzettaufficiale.it
avendo cura di specificare nell'ordine, oltre al fascicolo di GU richiesto, l'indirizzo di spedizione e di
fatturazione (se diverso) ed indicando i dati fiscali (codice fiscale e partita IVA, se titolari) obbligatori secondo il
DL 223/2007. Limporto della fornitura, maggiorato di un contributo per le spese di spedizione, sar versato
in contanti alla ricezione.
* $ = = ( 7 7$       8 ) ) , & , $ / (
'(//$5(38%%/,&$,7$/,$1$

CANONI DI ABBONAMENTO (salvo conguaglio)


validi a partire dal 1 GENNAIO 2013

GAZZETTA UFFICIALE - PARTE I (legislativa )


CANONE DI ABBONAMENTO
Tipo A Abbonamento ai fascicoli della serie generale, inclusi tutti i supplementi ordinari:
(di cui spese di spedizione  257,04) - annuale  438,00
(di cui spese di spedizione  128,52) - semestrale  239,00
Tipo B Abbonamento ai fascicoli della serie speciale destinata agli atti dei giudizi davanti alla Corte Costituzionale:
(di cui spese di spedizione  19,29) - annuale  68,00
(di cui spese di spedizione  9,64) - semestrale  43,00
Tipo C Abbonamento ai fascicoli della serie speciale destinata agli atti della UE:
(di cui spese di spedizione  41,27) - annuale  168,00
(di cui spese di spedizione  20,63) - semestrale  91,00
Tipo D Abbonamento ai fascicoli della serie destinata alle leggi e regolamenti regionali:
(di cui spese di spedizione  15,31) - annuale  65,00
(di cui spese di spedizione  7,65) - semestrale  40,00
Tipo E Abbonamento ai fascicoli della serie speciale destinata ai concorsi indetti dallo Stato e dalle altre pubbliche amministrazioni:
(di cui spese di spedizione  50,02) - annuale  167,00
(di cui spese di spedizione  25,01)* - semestrale  90,00
Tipo F Abbonamento ai fascicoli della serie generale, inclusi tutti i supplementi ordinari, e dai fascicoli delle quattro serie speciali:
(di cui spese di spedizione  383,93)* - annuale  819,00
(di cui spese di spedizione  191,46) - semestrale  431,00

N.B.: Labbonamento alla GURI tipo A ed F comprende gli indici mensili

CONTO RIASSUNTIVO DEL TESORO


Abbonamento annuo (incluse spese di spedizione)  56,00

PREZZI DI VENDITA A FASCICOLI


(Oltre le spese di spedizione)
Prezzi di vendita: serie generale  1,00
serie speciali (escluso concorsi), ogni 16 pagine o frazione  1,00
fascicolo serie speciale, concorsi, prezzo unico  1,50
supplementi (ordinari e straordinari), ogni 16 pagine o frazione  1,00
fascicolo Conto Riassuntivo del Tesoro, prezzo unico  6,00
I.V.A. 4% a carico dellEditore

PARTE I - 5 SERIE SPECIALE - CONTRATTI PUBBLICI


(di cui spese di spedizione  128,06) - annuale  300,00
(di cui spese di spedizione  73,81)* - semestrale  165,00

GAZZETTA UFFICIALE - PARTE II


(di cui spese di spedizione  39,73)* - annuale  86,00
(di cui spese di spedizione  20,77)* - semestrale  55,00

Prezzo di vendita di un fascicolo, ogni 16 pagine o frazione (oltre le spese di spedizione)  1,00
( 0,83+ IVA)
Sulle pubblicazioni della 5 Serie Speciale e della Parte II viene imposta I.V.A. al 21%.

RACCOLTA UFFICIALE DEGLI ATTI NORMATIVI


Abbonamento annuo  190,00
Abbonamento annuo per regioni, province e comuni - SCONTO 5%  180,50
Volume separato (oltre le spese di spedizione)  18,00
I.V.A. 4% a carico dellEditore

Per lestero i prezzi di vendita (in abbonamento ed a fascicoli separati) anche per le annate arretrate, compresi i fascicoli dei supplementi ordinari e
straordinari, devono intendersi raddoppiati. Per il territorio nazionale i prezzi di vendita dei fascicoli separati, compresi i supplementi ordinari e
straordinari, relativi anche ad anni precedenti, devono intendersi raddoppiati. Per intere annate raddoppiato il prezzo dellabbonamento in corso.
Le spese di spedizione relative alle richieste di invio per corrispondenza di singoli fascicoli, vengono stabilite, di volta in volta, in base alle copie richieste.
Eventuali fascicoli non recapitati potrannno essere forniti gratuitamente entro 60 giorni dalla data di pubblicazione del fascicolo. Oltre tale periodo questi
potranno essere forniti soltanto a pagamento.

N.B. - La spedizione dei fascicoli inizier entro 15 giorni dall'attivazione da parte dell'Ufficio Abbonamenti Gazzetta Ufficiale.

RESTANO CONFERMATI GLI SCONTI COMMERCIALI APPLICATI AI SOLI COSTI DI ABBONAMENTO

* tariffe postali di cui alla Legge 27 febbraio 2004, n. 46 (G.U. n. 48/2004) per soggetti iscritti al R.O.C.
1,00

*45-410100121217*