Sei sulla pagina 1di 46
- COGEO Studio Geologico - Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO) -

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

COGEO STUDIO GEOLOGICO Dott. Cocetti Marcello - Dott. Cocetti Pier Luigi Via Giardini Sud n°
COGEO STUDIO GEOLOGICO
Dott. Cocetti Marcello - Dott. Cocetti Pier Luigi
Via Giardini Sud n° 127 - 41026 Pavullo nel Frignano (MODENA)
TEL. 0536/324537 - FAX. 1782200007 - E-MAIL cogeo@tiscali.it
(CONFORME AI PUNTI 6.1, 6.2, 6.3 DELL'ALLEGATO B.2.1 DEL BURERT N° 153)
OGGETTO
:
INTERVENTO RESIDENZIALE “LA VILLA”
LOCALITÀ
:
PIANTACROCE
COMUNE
:
PAVULLO NEL FRIGNANO
COMMITTENTE
:
IMMOBILIARE I CARRUGI
PROGETTO
:
BASCHIERI GEOM SIMONE
1 Km
UBICAZIONE DELL'INTERVENTO
SCALA 1:50'000
TAV. F236
COORDINATE UTM
Est: 644525
Nord: 907880

5L-I7-LO-L6

Pagina 1

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - INDICE 1. RELAZIONE GEOLOGICA (punto 6.1,

INDICE

1. RELAZIONE GEOLOGICA (punto 6.1, allegato B.2.1 del BURERT n°153)

1.1 INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

1.2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

1.3 IDROLOGIA E IDROGEOLOGIA

1.4 PROCESSI EROSIVI E GRADO DI STABILITA'

1.5 INDAGINI GEOGNOSTICHE E PARAMETRI NOMINALI

2. CALSSIFICAZIONE SISMICA (punto 6.3, allegato B.2.1 del BURERT n°153)

2.1 CLASSIFICAZIONE SISMICA (DM 14/01/2008)

2.1.1 Classificazione del Suolo in base alle Vs30

2.2 SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO (DM 14/01/2008)

3. RELAZIONE GEOTECNICA (punto 6.2, allegato B.2.1 del BURERT n°153)

3.1 DATI DI PROGETTO

3.1.1 Opera in progetto

3.1.2 Spettro di progetto

3.1.3 Parametri caratteristici e di progetto

3.1.4 Carichi trasmessi al terreno di fondazione

3.2 VERIFICHE AGLI STATI LIMITE

3.3 PRESCRIZIONI E MOVIMENTI TERRA

4. CONCLUSIONI

RIFERIMENTI NORMATIVI

Circ. 07/03/08 - Istruzioni per l’applicazione delle “Norme tecniche per le costruzioni” di cui al D.M. 14 gennaio 2008. DM 14/01/2008 (Norme Tecniche per le Costruzioni) DAL RER 112/2007 (Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica) O.P.C.M. n° 3274 del 20 Marzo 2003 (Normativa antisismica) D.M.LL.PP. 11/03/1988 D.M. 21/01/1981 Circ. LL.PP. n° 21597/81 Circ. R.E.R n° 12831 R.D. 03/12/23 n° 3267 e succ. mod. e integr. T.L. 27/06/1985 n° 312

RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI

-La Geologia del versante Padano dell'Appennino Settentrionale Università degli Studi di Modena - Istituto di Geologia -Appennino Tosco-Emiliano. Guide Geologiche Regionali. A cura della Società Geologica Italiana -Schema Introduttivo alla Geologia delle Epiliguridi dell'Appennino Modenese e delle Aree Limitrofee Mem.Soc.Geol. It 39 (1987), 215-244, 21 ff. -Schema Introduttivo alla Geologia delle Liguridi dell'Appennino Modenese e delle Aree Limitrofee Mem.Soc.Geol. It 39 (1987), 91-125, 27 ff. -I Melange dell'Appennino Settentrionale dal T.Tresinaro al T.Sillaro. Mem.Soc.Geol. It 39 (1987), 187-214, 19 ff.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

RIFERIMENTI CARTOGRAFICI

CARTOGRAFIA CTR Scala 1:25000.

TAVOLA 236-NO

CARTOGRAFIA CTR Scala 1:10000.

SEZIONE 236060

CARTOGRAFIA CTR Scala 1:5000.

ELEMENTO 236062

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

1:5000. ELEMENTO 236062 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - ESTRATTO CATASTALE Scala 1:2000.PAVULLO NEL FRIGNANO. FOGLIO

ESTRATTO CATASTALE Scala 1:2000.PAVULLO NEL FRIGNANO.

FOGLIO 100;

MAPPALE 536, 537, 538.

CARTA GEOLOGICO-SCHEMATICA DELL'APPENNINO MODENESE E ZONE

LIMITROFE. Scala 1:100000. Istituto di Geologia dell'Università di Modena

CARTA GEOLOGICA DELL'APPENNINO EMILIANO-ROMAGNOLO 1:10000.

SEZIONE 236060

CARTA GEOLOGICA PROGETTO CARG a Scala 1:10000.

SEZIONE 236060

CARTA DEL DISSESTO (PTCP).

SEZIONE 236060

ALLEGATI

TAV.

1,

2

- Localizzazione del sito su cartografia CTR

TAV. 3

- Morfometria del Versante a scala 1:5000

TAV. 4

- Carta Geologica CARG a scala 1:10000

TAV.

5

- Carta del Dissesto a scala 1:10000

TAV.

6

- Carta del Rischio Sismico a scala 1:10000

TAV.

7

- Carta Forestale a scala 1:10000

TAV.

8

- Estratto Catastale a scala 1:2000

TAV.

9

- Pianta del Fabbricato

TAV. 10

- Sezioni del Fabbricato

TAV. 11

- Analisi Strutturale

ALLEGATO A - Prove Penetrometriche Dinamiche

ALLEGATO B - Registrazione Sismica, Spettro Elastico e di Progetto

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

CARTOGRAFIA C.T.R.

Scala 1:25'000

TAVOLA 236no

TAV. 1

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

TAVOLA 236no TAV. 1 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTOGRAFIA C.T.R. Scala 1:10'000 SEZIONE 236060 TAV.
TAVOLA 236no TAV. 1 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTOGRAFIA C.T.R. Scala 1:10'000 SEZIONE 236060 TAV.

CARTOGRAFIA C.T.R.

Scala 1:10'000

SEZIONE 236060

TAV. 2

cogeo@tiscali.it - CARTOGRAFIA C.T.R. Scala 1:10'000 SEZIONE 236060 TAV. 2 UBICAZIONE DEL SITO 5L-I7-LO-L6 Pagina 4
cogeo@tiscali.it - CARTOGRAFIA C.T.R. Scala 1:10'000 SEZIONE 236060 TAV. 2 UBICAZIONE DEL SITO 5L-I7-LO-L6 Pagina 4

UBICAZIONE DEL SITO

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

CARTOGRAFIA C.T.R.

Scala 1:5'000 ELEMENTO 236062

TAV. 3

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

C.T.R. Scala 1:5'000 ELEMENTO 236062 TAV. 3 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - B A 5L-I7-LO-L6 Pagina
B A
B
A

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

SEZIONE TOPOGRAFICA

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

(MO) SEZIONE TOPOGRAFICA - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - Scala X = 1:5000 Scala Q = 1:5000

Scala X = 1:5000 Scala Q = 1:5000

B

Ubicazione del sito

A
A
1 2 4 5 6 7 8 9 10 12 14 16 18 19 21
1 2 4 5 6 7 8 9 10 12 14 16 18 19 21
1
2
4
5 6
7
8 9
10 12
14 16
18 19
21 23 24
26
28 29
30 32
33
34 36
37
38 39

DIST.PROGRESS.

DIST. PARZIALE

0.0_

12.7_

90.4_

136.7_

178.9_

194.7_

226.8_

251.2_

276.6_

296.9_

312.8_

335.6_

356.3_

373.7_

398.6_

420.1_ 433.0_

453.4_

490.5_

520.0_

596.7_

626.4_

644.3_ 659.7_

691.1_

711.7_

735.9_

762.8_

0.0

12.7

68.4

46.3

42.2

15.8

32.1

24.4

25.3

8.0

8.7

12.9

9.5

17.4

13.8

9.9

12.8

9.4

27.6

29.5

76.7

19.5

17.9

15.4

19.4

20.6

24.2

26.9

76.7 19.5 17.9 15.4 19.4 20.6 24.2 26.9 QUOTA _625.0 _630.0 _640.0 _645.0 _650.0 _655.0
76.7 19.5 17.9 15.4 19.4 20.6 24.2 26.9 QUOTA _625.0 _630.0 _640.0 _645.0 _650.0 _655.0
QUOTA _625.0 _630.0 _640.0 _645.0 _650.0 _655.0 _660.0 _665.0 _670.0 _680.0 _690.0 _700.0 _710.0 _715.0
QUOTA
_625.0
_630.0
_640.0
_645.0
_650.0
_655.0
_660.0
_665.0
_670.0
_680.0
_690.0
_700.0
_710.0
_715.0
_725.0
_735.0
_740.0
_750.0
_758.0
_757.0
_755.0
_760.0
_765.0
_770.0
_780.0
_785.0
_790.0
_795.0

MORFOMETRIA DEL VERSANTE

RILEVATO DALLA CARTA TECNICA REGIONALE

Scala 1: 5000

--------------------------------------------------------------

Pun.n°

D.Prog.

D.Parz.

Quota

Acc.%

Acc.°

--------------------------------------------------------------

0002.0

|

0012.7

|

0012.7

|

0630.0

|

039.2

|

021.4

0003.0

|

0022.0

|

0009.3

|

0635.0

|

053.9

|

028.3

0004.0

|

0090.4

|

0068.4

|

0640.0

|

007.3

|

004.2

0005.0

|

0136.7

|

0046.3

|

0645.0

|

010.8

|

006.2

0006.0

|

0178.9

|

0042.2

|

0650.0

|

011.8

|

006.8

0007.0

|

0194.7

|

0015.8

|

0655.0

|

031.6

|

017.5

0008.0

|

0226.8

|

0032.1

|

0660.0

|

015.6

|

008.9

0009.0

|

0251.2

|

0024.4

|

0665.0

|

020.5

|

011.6

0010.0

|

0276.6

|

0025.3

|

0670.0

|

019.7

|

011.2

0011.0

|

0288.9

|

0012.3

|

0675.0

|

040.5

|

022.1

0012.0

|

0296.9

|

0008.0

|

0680.0

|

062.6

|

032.0

0013.0

|

0304.1

|

0007.2

|

0685.0

|

069.0

|

034.6

0014.0

|

0312.8

|

0008.7

|

0690.0

|

057.6

|

029.9

0015.0

|

0322.7

|

0009.9

|

0695.0

|

050.4

|

026.8

0016.0

|

0335.6

|

0012.9

|

0700.0

|

038.8

|

021.2

0017.0

|

0346.9

|

0011.3

|

0705.0

|

044.4

|

023.9

0018.0

|

0356.3

|

0009.5

|

0710.0

|

052.8

|

027.9

0019.0

|

0373.7

|

0017.4

|

0715.0

|

028.7

|

016.0

0020.0

|

0384.8

|

0011.0

|

0720.0

|

045.3

|

024.4

0021.0

|

0398.6

|

0013.8

|

0725.0

|

036.2

|

019.9

0022.0

|

0410.2

|

0011.6

|

0730.0

|

043.0

|

023.3

0023.0

|

0420.1

|

0009.9

|

0735.0

|

050.4

|

026.8

0024.0

|

0433.0

|

0012.8

|

0740.0

|

039.0

|

021.3

0025.0

|

0444.0

|

0011.0

|

0745.0

|

045.3

|

024.4

0026.0

|

0453.4

|

0009.4

|

0750.0

|

053.0

|

027.9

0027.0

|

0462.8

|

0009.4

|

0755.0

|

053.3

|

028.1

0028.0

|

0490.5

|

0027.6

|

0758.0

|

010.9

|

006.2

0029.0

|

0520.0

|

0029.5

|

0757.0

|

003.4

|

001.9

0030.0

|

0596.7

|

0076.7

|

0755.0

|

002.6

|

001.5

0031.0

|

0607.0

|

0010.2

|

0755.0

|

000.0

|

000.0

0032.0

|

0626.4

|

0019.5

|

0760.0

|

025.7

|

014.4

0033.0

|

0644.3

|

0017.9

|

0765.0

|

027.9

|

015.6

0034.0

|

0659.7

|

0015.4

|

0770.0

|

032.4

|

018.0

0035.0

|

0671.7

|

0011.9

|

0775.0

|

041.9

|

022.7

0036.0

|

0691.1

|

0019.4

|

0780.0

|

025.8

|

014.5

0037.0

|

0711.7

|

0020.6

|

0785.0

|

024.2

|

013.6

0038.0

|

0735.9

|

0024.2

|

0790.0

|

020.6

|

011.7

0039.0

|

0762.8

|

0026.9

|

0795.0

|

018.6

|

010.5

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

CARTA GEOLOGICA CARG

Scala 1:10'000

TAV. 4

Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA GEOLOGICA CARG Scala 1:10'000 TAV. 4 5L-I7-LO-L6
Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA GEOLOGICA CARG Scala 1:10'000 TAV. 4 5L-I7-LO-L6
Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA GEOLOGICA CARG Scala 1:10'000 TAV. 4 5L-I7-LO-L6
Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA GEOLOGICA CARG Scala 1:10'000 TAV. 4 5L-I7-LO-L6

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

CARTA DEL DISSESTO PTCP

Scala 1:10'000

TAV. 5

n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL DISSESTO PTCP Scala 1:10'000 TAV. 5 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL DISSESTO PTCP Scala 1:10'000 TAV. 5 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL DISSESTO PTCP Scala 1:10'000 TAV. 5 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL DISSESTO PTCP Scala 1:10'000 TAV. 5 5L-I7-LO-L6

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

CARTA DEL RISCHIO SISMICO

Scala 1:10'000

TAV. 6

n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL RISCHIO SISMICO Scala 1:10'000 TAV. 6 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL RISCHIO SISMICO Scala 1:10'000 TAV. 6 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL RISCHIO SISMICO Scala 1:10'000 TAV. 6 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL RISCHIO SISMICO Scala 1:10'000 TAV. 6 5L-I7-LO-L6
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA DEL RISCHIO SISMICO Scala 1:10'000 TAV. 6 5L-I7-LO-L6

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

CARTA FORESTALE PTCP

Scala 1:10'000

TAV. 7

n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA FORESTALE PTCP Scala 1:10'000 TAV. 7 5L-I7-LO-L6 Pagina
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA FORESTALE PTCP Scala 1:10'000 TAV. 7 5L-I7-LO-L6 Pagina
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA FORESTALE PTCP Scala 1:10'000 TAV. 7 5L-I7-LO-L6 Pagina
n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - CARTA FORESTALE PTCP Scala 1:10'000 TAV. 7 5L-I7-LO-L6 Pagina

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

ESTRATTO CATASTALE

Scala 1:2000

TAV. 8

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

Scala 1:2000 TAV. 8 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - COMUNE DI PAVULLO n/F FOGLIO 1 00
Scala 1:2000 TAV. 8 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - COMUNE DI PAVULLO n/F FOGLIO 1 00

COMUNE

DI

PAVULLO n/F

FOGLIO

100

MAPPALI

536, 537, 538

SCALA

1:

2000

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

PIANTA DEL FABBRICATO

Scala 1:200

TAV. 9

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

- Pavullo n/F (MO) PIANTA DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 9 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it -
- Pavullo n/F (MO) PIANTA DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 9 - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it -

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

SEZIONI DEL FABBRICATO

Scala 1:200

TAV. 10

cogeo@tiscali.it - SEZIONI DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 10 SEZIONE A-A SEZIONE B-B SEZIONE C-C 5L-I7-LO-L6
cogeo@tiscali.it - SEZIONI DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 10 SEZIONE A-A SEZIONE B-B SEZIONE C-C 5L-I7-LO-L6

SEZIONE A-A

cogeo@tiscali.it - SEZIONI DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 10 SEZIONE A-A SEZIONE B-B SEZIONE C-C 5L-I7-LO-L6

SEZIONE B-B

cogeo@tiscali.it - SEZIONI DEL FABBRICATO Scala 1:200 TAV. 10 SEZIONE A-A SEZIONE B-B SEZIONE C-C 5L-I7-LO-L6

SEZIONE C-C

ANALISI STRUTTURALE

(Piani di stratificazione)

TAV. 11

ANALISI STRUTTURALE (Piani di stratificazione) TAV. 11 Proiezione dei poli dei piani di stratificazione sul reticolo

Proiezione dei poli dei piani di stratificazione sul reticolo di SCHMIDT. (Emisfero inferiore).

sul reticolo di SCHMIDT. (Emisfero inferiore). Diagramma di densità relativo ai poli dei piani di

Diagramma di densità relativo ai poli dei piani di stratificazione.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - FIG. 1: Affioramento nei pressi del
127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - FIG. 1: Affioramento nei pressi del

FIG. 1: Affioramento nei pressi del sito in oggetto: si tratta di arenarie calcaree e calcareniti fini e medie a cemento calcareo di color grigio o giallastre con frequenti bioclasti e intensa- mente bioturbate. I piani di stratificazione immergono verso Nord (N 80 - 25°). Sono presenti tracce di laminazione obliqua.

(N 80 - 25°). Sono presenti tracce di laminazione obliqua. FIG. 2: Affioramento arenaceo poco più

FIG. 2: Affioramento arenaceo poco più a Sud (50-60m) dell’affioramento precedente. In que- sto caso i piani di stratificazione sono più netti. La roccia risulta ricoperta da muschi e licheni. L’assetto del piano di stratificazione immerge verso Nord–Est (N 140-32°).

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

1. RELAZIONE GEOLOGICA (6.1)

- cogeo@tiscali.it - 1. RELAZIONE GEOLOGICA (6.1) 1.1 INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO Il sito si colloca ad una

1.1 INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO

Il sito si colloca ad una quota di 760 m s.l.m., in prossimità della linea di crinale che con direzione Nord-Sud collega Renno di Sopra (784 m s.l.m.) con Piantacroce (760 m s.l.m.). Morfologicamente il sito si colloca su di una dorsale struttural- mente costituita da un litotipo calcareo-arenaceo appartenente alla Formazione di Pantano (Membro di Montecuccolo PAT2). La Formazione di Pantano si presenta in quest’area con disloca- zioni e linee di faglia a disposizione radiale. Dagli affioramenti disponibili si ricava, per la porzione di area in questione, una im- mersione prevalente del substrato verso Nord/Est con inclinazione dei piani di stratificazione di circa 25-30 gradi. Le altre strutture di discontinuità (fratture) hanno un angolo mol- to alto e non creano problemi alla stabilità globale del versante. Le pendici sono state modellate dai processi periglaciali che hanno agito durante il Wurm. La geomorfologia del territorio è sempre strettamente collegata con la litologia e con gli assetti strutturali delle unità geologiche presenti: nell’area studiata il passaggio fra le marne della Forma- zione di Antognola (ANT) e le arenarie della medesima formazione (ANT 2 ) risulta molto evidente e viene sottolineato da un brusco cambio di acclività mentre molto meno netto risulta il passaggio fra ANT 2 ed Formazione di Pantano. Questa situazione strutturale porta ad un accumulo dei depositi di versante (a3), provenienti soprattutto dal Gruppo di Bismantova, sia a Ovest, lungo la fascia compresa fra il cimitero di Renno e la località Borgheggiara, che a Sud del Sito (presso Renno di Sopra). Sono presenti numerose vallecole dal fondo concavo o piatto che costituiscono la testa di piccoli rivoli che solcano i versanti. Nell’area di intervento la degradazione risulta comunque limitata per le buone caratteristiche geomeccaniche dei materiali e per la bassa acclività dell’area.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

1.2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

- cogeo@tiscali.it - 1.2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO Dal punto di vista geologico nel sito affiora la Formazione

Dal punto di vista geologico nel sito affiora la Formazione di Pantano (PAT2) del Gruppo di Bismantova e più a valle, l’unità più arenacea della Formazione di Cigarello (CIG2). Seguendo la recente classificazioni introdotta nella Carta Geolo- gica del CARG nell’area affiorano le seguenti unità:

CIG - Formazione di Cigarello

Marne siltoso-sabbiose, talora argillose, grigie, grigio scure o beiges se alterate, bioturbate e fos- silifere. Stratificazione generalmente poco evidente per l'assenza di livelli grossolani e per la bio- turbazione. Localmente affiorano intervalli di strati sottili arenaceo-pelitici tabulari con A/P < 1 o litofacies marnose franche. Ambiente di sedimentazione di piattaforma esterna e scarpata-bacino. Il limite inferiore è per alternanza o sfumato con PAT. Lo potenza varia da qualche decina di metri a circa 200 m. Langhiano - Serravalliano

CIG1 - Formazione di Cigarello - membro di Montalto Nuovo

Alternanze di arenarie finissime bioturbate e siltiti o peliti marnoso-sabbiose in strati da sottilissi-

mi a medi; verso l'alto arenarie bioturbate in strati metrici e peliti marnose. Potenza massima di

poche decine di metri. Ambiente di piattaforma esterna. Passaggio sfumato su PAT. Langhiano - Serravalliano

PAT - Formazione di Pantano

Areniti siltose fini e finissime, grigie (beige se alterate), alternate a peliti marnose e siltose grigio -chiare; stratificazione generalmente poco marcata o addirittura impercettibile a causa dell'intensa bioturbazione; sono presenti resti di Echinidi, Gasteropodi e Lamellibranchi. Alla base talora affiorano delle areniti glauconitiche. Localmente si intercalano strati arenacei risedimentati medi, mal strutturati, di colore nocciola. Verso l'alto affiorano livelli di marne siltose grigio-azzurre laminate. Il limite inferiore è netto, discordante, su CTG e su ANT. Sedimentazione in ambiente

da litorale a piattaforma esterna. La potenza è fino a circa 500 m.

Burdigaliano sup. - Langhiano inf.

PAT2 - Formazione di Pantano - membro di Montecuccolo

Biocalcareniti ed areniti ibride giallastre da fini a grossolane, localmente microconglomeratiche, con stratificazione prevalentemente obliqua a grande scala; verso l'alto e verso nord areniti piu' fini e piu' bioturbate. Alla base può essere talora presente una lente di spessore massimo di circa 10m costituita da brecce in prevalebza calcaree (bc1) a stratificazione mal visibile. Contatto infe- riore su PAT1, localmente su CTG. Ambiente di piattaforma interna con influssi di marea. Poten- za da 0 a 150 m.

1.3

IDROGEOLOGIA

 

La

permeabilità

dei

terreni

è

secondaria

e

limitata

dalla

fes-

surazione delle rocce calcaree e arenacee affioranti.

 

Le

acque

superficiali

sono

convogliate

in

una

serie

di

fossi

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - sottostanti che con direzione prevalente Est-Ovest

sottostanti che con direzione prevalente Est-Ovest dirigono le loro acque verso il Rio del S.Michele. Non si esclude una modesta cicolazione sotterranea dovuta a limitati processi di dissoluzione carsica. Per la sua collocazione l’intervento non potrà turbare il regime delle acque superficiali e/o sotterranee.

1.4

PROCESSI EROSIVI E GRADO DI STABILITA’

I processi erosivi sono limitati dalla natura del litotipo af fiorante e in generale dalle caratteristiche morfologiche, geologiche e strut- turali dell’intera dorsale. Solo nel settore più nord-occidentale dell’area, lungo le rive del Rio S.Michele, si hanno processi erosivi concentrati. Tali fenomeni concorrono a riattivare alcuni fenomeni franosi presenti in queste aree. Viste le caratteristiche litologiche di cui è costituita la dorsale in oggetto si possono avere solo locali fenomeni di dissoluzione carsica (paracarsismo), ma con entità e modalità che non possono interferire con l’opera in progetto. In prossimità del sito non si ha erosione concentrata o diffusa. Nella Carta delle frane e della stabilità dei terreni del bacino del Fiume Panaro l’area esaminata e le circostanti sono classificate come: “Terreni molto stabili o sufficientemente stabili”. Nella Carta del Dissesto, estratta dal PTCP, non vengono segna- lati fenomeni di dissesto e/o instabilità nelle immediate vi cinanze dell’area in oggetto (vedi tavola 5). L’analisi geomorfologica e geologica unitamente all’osservazione dei numerosi affioramenti e dei loro assetti, consentono di affer- mare che l’entità dell’intervento e la corretta esecuzione delle opere, non pregiudicheranno il grado di stabilità del versante. L’analisi strutturale mostra una immersione dei piani di strati fica- zione verso Est mentre le strutture di discontinuità, con assetto ad alto angolo, non influiscono sulla stabilità dei fronti di scavo. Le operazioni di sbancamento e rimodellamento dell’area cortili- va andranno tuttavia effettuate con prudenza.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

1.5

INADAGINI E RILEVAMENTO

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

5 INADAGINI E RILEVAMENTO - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - E’ stata eseguita una indagine sul posto

E’ stata eseguita una indagine sul posto per caratterizzare dal punto di vista geologico e geomorfologico l’area interessata dal- l’intervento in progetto.

Il rilievo dell’area non ha mostrato nessun fenomeno di asse-

stamento o cedimento per le struture murarie degli edifici esistenti. Nelle vicinanze del sito sono presenti affioramenti arenacei e cal- carei e piccole scarpate naturali nelle quali l’integrità del litotipo arenaceo risulta discreta. Nel sito stesso, ove è previsto l’intervento,affiorano masse litoidi

di notevoli dimensioni che rendono, se non impraticabili, di scarsa

utilità le usuali prove penetrometriche dinamiche.

La formazione litotide risulta a limitata profondità con uno strato

alterato e/o di suolo valutabile in di circa 1 m di spessore.

Per il carico di esercizio non sussistono problemi in quanto quello

di progetto è compatibile con le caratteristiche meccaniche delle

arenarie affioranti nell’area. Per quanto riguarda lo studio strutturale delle unità qui affioranti

si sono presi in considerazione due principali tipi di discon tinuità:

i joints (fratture) e i piani di stratificazione. Dallo studio dei joints

si è potuto constatare che essi hanno un assetto prevalentemente

perpendicolare al piano di stratificazione, con due massimi relativi

in corrispondenza dei poli N 0-0° e N 280-0° (vedi tav. 10).

Per quanto riguarda invece gli assetti dei piani di stratificazione che sono stati anch’essi riportati sul reticolo di Schmidt si può osservare un massimo attorno al polo N 290-60 ed un massimo at-

torno al polo N 160-65.

In conclusione le misure dei piani di stratificazione indicano un

doppia direzione di piano: N 190° con inclinazione di 25°/35°ed una direzione del piano N 70° con inclinazione di 20/25° .

Ci si riserva comunque di esaminare gli affioramenti al momento

dello sbanco, per prescrivere eventuali ulteriori accertamenti. Nell’area è stata eseguita una registrazione sismica a stazione singola (tromografo) che ha permesso di ricostruire la stratigrafia del sito e di ricavare la velocità delle onde S nel terreno (Vs 30 ).

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - 1.5.1 Classificazione del suolo in base

1.5.1 Classificazione del suolo in base alle Vs30

Le misure delle Vs sono state ottenute dalla frequenza di oscil - lazione del sito misurata con tromografo Micromed. La misura si basa sulla registrazione dei microtremori tramite i rapporti spettrali (H/V) fra le componenti orizzontali e verticali del moto (Noghoshi e Igarashi 1970).La frequenza fondamentale di risonanza (Fr) dello strato relativa alle onde S è pari a:

Fr = Vs /

(h)

Nel grafico in basso, il confronto fra la curva H/V teorica (blu) e quella sperimentale (rosso).

la curva H/V teorica (blu) e quella sperimentale (rosso). Estendendo il ragionamento a tutti gli strati

Estendendo il ragionamento a tutti gli strati ed eseguendo l’inver- sione della velocità con ricostruzione teorica del grafico delle fre - quenze si ottinene la ricostruzione stratigrafica e la velocità delle onde S nei diversi strati.

e la velocità delle onde S nei diversi strati. Thickness Vs [m] [m/s] 0.20 75 0.60

Thickness

Vs

[m]

[m/s]

0.20

75

0.60

135

0.70

180
180

0.80

220

3.00

280

2.00

230

8.00

480

6.00

580

10.00

660

inf.

660

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - Nella tabella seguente si riportano alcune

Nella tabella seguente si riportano alcune interessanti correla zio- ni fra le Vs, le Qc (C.Madial&G.Simonini) e le Nspt (Hasancebi & Ulusay).Si presuppone che la fondazione sia collocata ad una pro - fondità h~1/1.5 m dal p.c. con g=1.9 T/m³. La Vs ~ 220 m/s.

CORRELAZIONI Vs - Qc - N spt

Vs = 220

Q c = (Vs / a ) 1/ b

Nspt = (Vs / a ) 1/ b

(Madiai M. & Simoni G., 2002)

(Hasancebi & Ulusay, 2006)

 

ARGILLE

 

SABBIE

a

= 211.2

a

= 229.7

b

= 0.231

b

= 0.253

Qc = 1.19 MPa

Qc = 0.84 MPa

Qc = 1190 kPa

Qc = 840 KPa

Cu 1 =

83 kPa

f 1 =

33.4

Nq = 1,

Nc = 5.14

Nq = 27.3

Qa = 142 kPa

Qa = 260 kPa

 

ARGILLE

 

SABBIE

a

= 97.89

a

= 90.82

b

= 0.269

b

= 0.319

N spt = 20.3

N spt = 16.0

Ed = 11170 kPa

Mo = 11360 kPa

Cu 2 =

81 kPa

f 2 = 31.8

Nq = 1,

Nc = 5.14

Nq = 22.6

Qa = 139 kPa

Qa = 215 kPa

Nota: h = 1.5 m

dal

g = 1.9 T/m²

LEGENDA

Qc = Resistenza alla punta del penetrometro statico (dipartimento Ingegneria civ.-Firenze)

N spt = Numero dei colpi della prova NSPT

Ed = Modulo edometrico [Ed = (55·N spt ), Strud & Butler, argille medio-bassa plasticità]

Mo = Modulo Confinato [Mo = (71·N spt ), Farrent, per tutte le sabbie]

Cu 1 = Coesione non drenata [ Cu = (Qc - s v ') / 14 ]

f 1 = Angolo di attrito interno [Robertson P.K. & Campanella R.G. 1983]

Cu 2 = Coesione non drenata [ Cu = 0.4 N spt ], Design Manual for Soli Mechanichs]

f 2 = Angolo di attrito interno (Japanese National Railway)

Qa = Carico ammissibile [Qa = (Cu·5.14) / 3, coesivo; Qa = (Nq· s v ') / 3, incoerente]

Esaminate le prove sismiche eseguite in sito e verificato lo spes- sore dei depositi più superficiali si ritiene che per la costruzione del fabbricato in progetto siano adottabili i seguenti parametri meccanici (parametri nominali):

Cu =80 kN/m²;

C’

f =32-33°; Ed ~11000 Kn/m²

=20-30 Kn/m²;

Per i parametri caratteristici si veda il paragrafo 3.2.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

2. RELAZIONE SISMICA (6.3)

2.1

CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRENO

-

SISMICA (6.3) 2.1 CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRENO - In base alla classificazione contenuta nell’ordinanza del

In base alla classificazione contenuta nell’ordinanza del PCM. n° 3274 del 20 Marzo 2003, il comune di Pavullo nel Frignano ricade nella Zona Sismica n° 3 con ag = 0.15 g.

ricade nella Zona Sismica n° 3 con a g = 0.15 g. Nelle recenti Norme Tecniche

Nelle recenti Norme Tecniche per le Costruzioni (DM 14/01/ 2008) l’accelerazione orizzontale massima su sito di riferimento rigido orizzontale, non viene più riferita ai territori comunali ma ad una griglia di riferimento specifica. Quindi per ottenere i parametri di riferimento bisogna introdurre la latitudine e la longitudine del luogo e il tempo di ritorno; ad e- sempio, per il sito in questione, con un Tr = 475 anni si ottiene una accelerazione massima a g = 0.163 g. Il suolo viene ancora suddiviso in cinque classi principali (A, B, C, D, E) più due categorie aggiuntive S1 e S2 (vedi nota 1).

———————————————————————————–——–—————————

NOTA 1: Categorie del suolo di fondazione

A - Formazioni litoidi o suoli omogenei molto rigidi caratterizzati da valori di Vs30 superiori a 800 m/s, comprendenti

eventuali strati di alterazione superficiale di spessore massimo pari a 5 m.

B - Depositi di sabbie o ghiaie molto addensate o argille molto consistenti, con spessori di diverse decine di metri, carat-

terizzati da un graduale miglioramento delle proprietà meccaniche con la profondità e da valori di Vs30 compresi tra 360

m/s e 800 m/s (ovvero resistenza penetrometrica NSPT > 50, o coesione non drenata Cu > 250 kPa).

C - Depositi di sabbie e ghiaie mediamente addensate, o di argille di media consistenza, con spessori variabili da diverse

decine fino a centinaia di metri, caratterizzati da valori di Vs30 compresi tra 180 e 360 m/s (15 < NSPT < 50, 70 < Cu <

250 kPa).

D - Depositi di terreni granulari da sciolti a poco addensati oppure coesivi da poco a mediamente consistenti , caratteriz-

zati da valori di Vs30 < 180 m/s (NSPT < 15, Cu < 70 kPa).

E - Profili di terreno costituiti da strati superficiali alluvionali, con valori di Vs30 simili a quelli dei tipi C o D e spessore

compreso tra 5 e 20 m, giacenti su di un substrato di materiale più rigido con Vs30 > 800 m/s.

In aggiunta a queste categorie, per le quali nel punto 3.2 vengono definite le azioni sismiche da considerare nella proget-

tazione, se ne definiscono altre due, per le quali sono richiesti studi speciali per la definizione dell’azione sismica da

considerare:

S1 - Depositi costituiti da, o che includono, uno strato spesso almeno 10 m di argille/limi di bassa consistenza, con eleva-

to indice di plasticità (PI > 40) e contenuto di acqua, caratterizzati da valori di Vs30 < 100 m/s (10<Cu<20 kPa)

S2 - Depositi di terreni soggetti a liquefazione, di argille sensitive, o qualsiasi altra categoria di terreno non classificabile nei tipi precedenti Nelle definizioni precedenti Vs30 è la velocità media di propagazione entro 30 m di profondità delle onde di taglio.

———————————————————————————–——–—————————

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - La classificazione avviene in base alla

La classificazione avviene in base alla velocità delle onde S nel terreno, entro i primi 30 m di profondità dal p.c. Se non si è in possesso della velocità delle onde S la normativa prevede ancora la correlazione fra la velocità delle onde S (Vs) e il numero dei colpi dello Standard Penetration Test (N spt ) oppure fra le Vs e le Cu.

2.1.1 Classificazione del suolo in base alle Vs30

Per

il

calcolo

delle

Vs

equivalenti,

rappresentative

dell’intero

pacco di strati di 30 m di spessore, si ricorre alla relazione:

Vs 30 = 30 /

(h i / Vs i )

Se eseguiamo il calcolo prendendo come riferimento i risultati ot- tenuti dalla registrazione sismica otteniamo (vedi allegato:

Bottom of the layer [m] 0.20 0.80 1.50 2.30 5.30 7.30 15.30 21.30 31.30 inf.
Bottom of the layer [m] 0.20 0.80 1.50 2.30 5.30 7.30 15.30 21.30 31.30 inf.

Bottom of the layer [m]

0.20

0.80

1.50
1.50

2.30

5.30

7.30

15.30

21.30

31.30

inf.

Thickness [m]

Vs [m/s]

0.20

75

0.60

135

0.70

180

0.80

220
220

3.00

280

2.00

230

8.00

480

6.00

580

10.00

660

inf.

660

Elaborando le varie velocità secondo la formula precedente si ot- tengono, per una profondità h = 0 m dal p.c.:

Vs 30 = 404 m/s

Quindi sulla base delle ordinanze viste, si conclude che l’a rea in oggetto ricade nella classe di suolo B.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - 2.2 SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO (DM

2.2 SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO (DM 14/01/2008)

Ai fini del DM 14/09/2005 e successive modifiche e dell’OPCM 3274 va definito lo spettro di risposta elastico, in accelerazione, per il sito in esame. Tale spettro indica, per ciascuna frequenza, la risposta allo scuotimento massimo (da terremoto) di un oscillatore elastico smorzato semplice (che rappresenta un edificio teorico ‘tipo’) con frequenza propria pari alla frequenza consi derata. Secondo l’ultima versione del DM 14/01/2008 (§ 3.2.3.2.2) tale spettro va calcolato secondo le formule sottostanti che valgono per le componenti orizzontali del moto del suolo.

valgono per le componenti orizzontali del moto del suolo. Con T si intende il periodo fondamentale

Con T si intende il periodo fondamentale di risonanza dell’edi fi- cio (espresso in secondi) e con ag l’accelerazione massima di pic co del sottosuolo (PGA) in caso di terremoto (m/s²). Dalla lettura sismica e dalla registrazione a stazione singola si ottiene un suolo B; per questo tipo di suolo, con un tempo di ritor- no Tr=475 anni (vita nominale 50 anni e classe d’uso II), una am- plificazione topografica St=1.2 e un coefficiente di smorzamen- to=5%, si ottengono le seguenti forme spettrale:

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - Quindi dalla sintesi dei dati (vedi
127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - Quindi dalla sintesi dei dati (vedi

Quindi dalla sintesi dei dati (vedi ALLEGATO) è possibile forni- re per il sito in oggetto il seguente quadro:

1) La categoria del suolo di fondazione è la B. 2) L’accelerazione orizzontale di picco PGA (Peak Ground Ac ce- leration) è di 0.59 con Tr = 475 anni (dove g = accelerazione di gravità = 9.81 m/s²). 3) Il coefficiente di amplificazione stratigrafica Sc e il coef fi- ciente Cc sono quelli relativi alla categoria di suolo di fondazione B descritti nella tabella 3.2.5. del DM 14/01/2008.

B descritti nella tabella 3.2.5. del DM 14/01/2008. Per i dettagli si veda l’ ALLEGATO e

Per i dettagli si veda l’ ALLEGATO e il DM 14/01/2008.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

3. RELAZIONE GEOTECNICA (6.2)

3.1 DATI DI PROGETTO

3.1.1 Opera in progetto

(6.2) 3.1 DATI DI PROGETTO 3.1.1 Opera in progetto Il progetto è relativo alla costruzione di

Il progetto è relativo alla costruzione di un fabbricato ad uso resi- denziale in località PiantacroceRenno di Sopra, identificato al catasto di Pavullo n/F al foglio 100 mappali 537, 538 e 536 sub 1. Nella tavola 8 viene riportata l’ubicazioni del fabbricato, nella ta- vola 9 la pianta e nella tavola 10 le sezioni. La struttura si presenta in pianta a forma irregolare e si sviluppa su tre livelli: un piano terra, un primo piano ed un secondo piano per una altezza alla gronda fuori terra di circa 9 m. L’edificio è costituito da una struttura in c.a. e laterizio.

3.1.2 Spettro di Progetto

Adottando, un fattore di struttura così calcolato Q = (1.8·2·0.8) = 2.88 si ottengono i seguenti spettri di progetto:

= 2.88 si ottengono i seguenti spettri di progetto: Utilizzeremo nei calcoli quindi Khi=0.20 e Kv=0.1.

Utilizzeremo nei calcoli quindi Khi=0.20 e Kv=0.1. Il Fattore di Struttura adottato è abbastanza cautelativo ma co- munque è facoltà dello strutturista utilizzare un fattore di struttura più preciso calcolato con gli appositi programmi di calcolo.

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - 3.1.3 Parametri Caratteristici e di Progetto

3.1.3 Parametri Caratteristici e di Progetto

Seguono alcune tabelle dei parametri geotecnici ricavati dalle correlazioni esistenti in letteratura fra i depositi di versante e/o la roccia alterata e la velocità delle onde S. A favore della sicurezza i dati riportati in tali tabelle, e che ver- ranno utilizzati nei calcoli, si riferiscono ai depositi di versante (Vs~220 m/s) che giacciono al di sopra della roccia fratturata. Lo spessore massimo di tali depositi può essere calcolato, in base alla stratigrafia sismica e all’analisi geomorfologica,in circa 1 -2m:

al di sotto di questi depositi si rinviene la roccia in posto. E’ comunque probabile che le fondazioni possano raggiungere la roccia in posto per cui si potranno avere parametri meccanici anche molto più alti di quelli sotto indicati. I dati sono stati rielaborati al 5° percentile di distribuzione della media così da ottenere i valori caratteristici (Xk). Il valori di progetto (Xd) vengono ricavati da quelli caratteristici secondo il DM 14/01/2008 (vedi tabella 6.2.II).

secondo il DM 14/01/2008 (vedi tabella 6.2.II). Seguono le elaborazioni dei parametri nominali,

Seguono le elaborazioni dei parametri nominali, caratteristici e di progetto nel caso le fondazioni si collochino sui depositi di versan- te come da registrazioni sismiche eseguite nell’area:

F 32 Fk 29.9 F caratteristico COV F % 4 F d 24.7 F di
F
32
Fk
29.9
F
caratteristico
COV F %
4
F d
24.7
F
di progetto
c'
15.0
Ck
12.5
C
caratteristico
COV c' %
25
Cd
10.0
C
di progetto
RHO c,f -0.47 Correlazione tra F e c
RHO c,f
-0.47
Correlazione tra F e c
Cu 80 Cuk 66.4 Cu caratteristico COV Cu % 25 Cud 47.4 Cu di progetto
Cu
80
Cuk
66.4
Cu caratteristico
COV Cu %
25
Cud
47.4
Cu di progetto
RHO Cu,f
-0.47
Correlazione tra F e Cu

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - Mo 11000 Mok 9009.7 F caratteristico
Mo 11000 Mok 9009.7 F caratteristico COV F % 11 Mod 9009.7 F di progetto
Mo
11000
Mok
9009.7
F
caratteristico
COV F %
11
Mod
9009.7
F
di progetto

La coesione (Cu, C’) e il modulo di compressibilità (Mo) sono e- spressi in kN/m² (KPa) mentre l’angolo di attrito interno del mate- riale è espresso in gradi sessagesimali (°).

Quindi per il terreno più superficiale, a seconda delle varie com- binazioni di calcolo e del tipo di terreno, si possono utilizzare i se- guenti parametri meccanici:

STRATO

PARAMETRI GEOTECNICI CONSIGLIATI PER IL TERRENO DI FONDAZIONE

PARAMETRI GEOTECNICI CONSIGLIATI PER IL TERRENO DI FONDAZIONE

TIPO DI

VER. A BREVE TER.

VERIFICHE A LUNGO TERMINE

MATERIALE

APP

COMB

Cun

Cuk

Cud

f'n

f'k

f'd

C'n

C'k

C'd

 

[kN/m 2 ]

[kN/m 2 ]

[kN/m 2 ]

[°]

[°]

[°]

[kN/m 2 ]

[kN/m 2 ]

[kN/m 2 ]

13 13 DEPOSITI A1+M1+R1 1 80 66 66 32.0 29.9 29.9 15 1 COMPATTI A2+M2+R2
13
13
DEPOSITI
A1+M1+R1
1
80
66
66
32.0
29.9
29.9
15
1 COMPATTI
A2+M2+R2
80
66
47
32.0
29.9
24.7
15
13
10
(circa 1-2 m)
2 A1+M1+R3
80
66
66
32.0
29.9
29.9
15
13
13
A1+M1+R1
1
-
-
-
45.0
40
40.0
60
50
50
2 ROCCIA
A2+M2+R2
-
-
-
45.0
40
33.9
60
50
40
2 A1+M1+R3 - - - 45.0 40 40.0 60 50 50

2 A1+M1+R3

-

-

-

45.0

40

40.0

60

50

50

3.1.4 Carichi trasmessi al terreno di fondazione:

Prendiamo in esame una porzione di fabbricato. Per una profondi- tà media D=1.0 m, si ottengono i seguenti carichi:

Parametri per il calcolo dei carichi

Perimetro Edificio:

34.8

m

Superficie solaio:

70.4

Superficie copertura:

77.4

Numero solai:

2

Altezza

Muri in c.a.

3.00

m

Altezza

Muri in laterizio

6.00

m

Peso copertura:

0.40

T/m²

Peso solaio:

0.50

T/m²

Peso specifico c.a.

2.50

T/m³

Peso specifico muratura:

1.55

T/m³

Spessore del muro c.a.:

0.30

m

Spessore muro laterizio:

0.30

m

Fondazione a nastro

SI

Larghezza fondazione nastriforme

1.00 m

Spessore della fondazione a nastro

0.30 m

Profondità g medio del med. terreno piano asportato fondazione

1.90 1.00 T/m³ m

Peso della neve secondo DM 14/01/2008

Qs

mu

Qsk

Ce

Ct

as

[Kn/m 2 ]

[m]

2.8

0.8

3.5

1.0

1.0

760

Qs = mu x Qsk x Ce x Ct

Qsk = 1.35 x (1 + (as/602) 2 )

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

127 - Pavullo n/F (MO) - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it -   Carichi Permaneti Strutturali [G1]  
 

Carichi Permaneti Strutturali [G1]

 

Peso copertura (strutturale):

 

77.4

x

0.40

=

31.0 T

= 310 kN

Peso di num

2 solai

 

70.4

x

0.50

x

2

=

70.4 T

= 704 kN

Muri in laterizio :

 

34.8

x

0.30

x

6.00

x

1.55

=

97.1 T

= 971 kN

Muri in c.a. :

34.8

x

0.30

x

3.00

x

2.50

=

78.3 T

= 783 kN

Fondazione Nastriforme:

 

34.8

x

0.30

x

1.00

x

2.50

=

26.1 T

= 261 kN

Peso totale della struttura

 

=

302.9 T

= 3029 kN

Peso del terreno ( 34.8 m³ )

=

66.1 T

= 661 kN

Peso netto sul piano fondazione

=

236.7 T

= 2367 kN

Pressione di esercizio della struttura

 

=

8.7 T/m² = 87 kN/m²

Pressione netta sul piano di fondazione

=

6.8 T/m² = 68 kN/m²

 

Carichi Permanenti non Strutturali [G2]

 

Peso della Caldana+Intonaco+Pavimento

 

70.4

x

0.12

x

3

=

25.3 T

= 253 kN

Peso dell'Intonaco muri laterizio

 

34.8

x

6.00

x

0.04

=

8.4 T

= 84 kN

Peso copertura (Es:coppi)

 

77.4

x

0.10

x

1

=

7.7 T

= 77 kN

Peso totale

=

41.4 T

= 414 kN

Pressione di esercizio

=

1.2 T/m² = 12 kN/m²

Carichi Accidentali o Variabili (Neve e altri) [Q2]

Peso della Neve (Qs = mi x Qsk x Ce x Ct)

 

77.4

x

0.28

=

21.7 T

= 217 kN

Altri carichi accidentali

=

0.0 T

= 0 kN

Peso totale = 21.7 T = 217 kN Pressione di esercizio = 0.6 T/m² =
Peso totale
=
21.7 T
= 217 kN
Pressione di esercizio
=
0.6 T/m² = 6 kN/m²

Seguono, nel paragrafo 3.2, le verifiche di capacità portante per fondazioni a nastro. A favore della sicurezza si considera che le fondazioni siano poste su dei depositi di versante e non su roccia. Considerando la tabella a pag.29, seguendo l’approccio 1 e la com- binazione 2 (GEO), utilizzeremo i seguenti parametri di progetto:

Cu d =47 kPa;

C’ d =10;

f d =24.7;

- COGEO Studio Geologico

-

Via Giardini Sud n° 127 - Pavullo n/F (MO)

3.2 VERIFICHE STATI LIMITE

- 0536/324537 - cogeo@tiscali.it

-

VERIFICHE STATI LIMITE - 0536/324537 - cogeo@tiscali.it - 3.2.1 Verifiche agli Stati Limite per Fondazione a

3.2.1 Verifiche agli Stati Limite per Fondazione a Nastro

In relazione alla normativa vigente per ogni stato limite ultimo deve essere rispettata la condizione Ed ≤ Rd valore di progetto dell’azione o dell’effetto dell’azione < valore di progetto della re- sistenza del sistema geotecnico (terreno). La verifica di detta con- dizione deve essere effettuata impiegando diverse combinazioni di gruppi di coefficienti parziali rispettivamente definiti:

- per le azioni (A1 e A2)

- per i parametri geotecnici (M1 e M2)

- per le resistenze (R1, R2 e R3).

In questa sede si e scelto l’approccio 1 combinazione 2.

Azioni di Progetto

SLU COMBINAZIONE FONDAMENTALE

APPROCCIO 1 (DA1) COMBINAZIONE 1 (A1+M1+R1) γ G1 G 1 +γ G2 G 2 +γ

APPROCCIO 1 (DA1) COMBINAZIONE 1 (A1+M1+R1)

γ G1 G 1 G2 G 2 P P+ γ Q1 Q k1 Q2 ψ 02 Q k2 …

coeff

γ G1

carico azione

G1

γ G1 ·G1

1.3 3029 3938

Perm. strutturali

coeff

carico

azione

coeff precomp azione

γ G2

G2

γ G2 ·G2

γ P

P

γ P ·P

1.5

414

621

1

0

0

Perm. non strutturali

Precompressione

coeff

esercizio

azione

coeff

neve

coef

azione

 

γ Q1

Q k1

γ Q1 Q k1

γ Q2

Q k2

ψ 02

γ Q2 ψ 02 Q k2

Ed

1.5

0

0

1.5

217

0.5

163

4721

Carichi Variabili (lunga durata)

Carichi Variabili (berve durata)

Kn

APPROCCIO 1 (DA1) COMBINAZIONE 2 (A2+M2+R2) γ G1 G 1 +γ G2 G 2 +γ

APPROCCIO 1 (DA1) COMBINAZIONE 2 (A2+M2+R2)

γ G1 G 1 G2 G 2 P P+ γ Q1 Q k1 Q2 ψ 02 Q k2 …

coeff

γ G1

carico azione

G1

γ G1 ·G1

1 3029 3029

Perm. strutturali

coeff

carico

azione

coeff precomp azione

γ G2

G2

γ G2 ·G2

γ P

P

γ P ·P

1.3

414

538

1

0

0

Perm. non strutturali

Precompressione

coeff

esercizio

azione

coeff

neve

coef

azione

 

γ Q1

Q k1

γ Q1 Q k1

γ Q2

Q k2

ψ 02

γ Q2 ψ 02 Q k2

Ed

1.3

0

0

1.3

217

0.5

141

3708

Carichi Variabili (lunga durata)

Carichi Variabili (berve durata)

Kn

APPROCCIO 2 (DA2) - (A1+M1+R3) γ G1 G 1 +γ G2 G 2 +γ P

APPROCCIO 2 (DA2) - (A1+M1+R3)

γ G1 G 1 G2 G 2 P P+ γ Q1 Q k1 Q2 ψ 02 Q k2 …

coeff

γ G1

carico azione

G1

γ G1 ·G1

1.3 3029 3938

Perm. strutturali

coeff

carico

azione

coeff precomp azione

γ G2

G2

γ G2 ·G2

γ P

P

γ P ·P

1.5

414

621

1

0

0

Perm. non strutturali

Precompressione

coeff

esercizio

azione

coeff

neve

coeff

azione

 

γ Q1

Q k1

γ Q1 Q k1

γ Q2

Q k2

ψ 02

γ Q2 ψ 02 Q k2

Ed

1.5

0

0

1.5

217

0.5

163

4721

Carichi Variabili (lunga durata)

Carichi Variabili (berve durata)

Kn

VALORI IN KN;

ψ 02 per neve = 0.7 > 1000 m , 0.5 < 1000 m

SLE COMBINAZIONE QUASI PERMANENTE, lungo termine (cedimenti)

G 1 +G 2 +P+ ψ 21 Q k1 +ψ 22 Q k2 … carico

G 1 +G 2 +P+ ψ 21 Q k1 22 Q k2

carico

G1

3029

Perm. strutturali

carico

 

G2

P

414

0

Perm. non strutturali

Precompressione

esercizio

coeff

azione

neve

coeff

azione

 

Q k1

ψ 21

Q k1 ψ 21

Q k2

ψ 22

Q k2 ψ 22

Ed

0

0.8

0

217

0

0

3443

Carichi Variabili (lunga durata)

Carichi Variabili (berve durata)

Kn

VALORI IN KN;

ψ 22 per neve = 0.2 > 1000 m , 0.0 < 1000 m

SLV COMBINAZIONE SISMICA (SLU con sisma)

E+G 1 +G 2 +P+ ψ 11 Q k1 +ψ 22 Q k2 …

E+G 1 +G 2 +P+ ψ 11 Q k1 22 Q k2

carico

G1

3029

Perm. strutturali

carico

 

G2

P

414

0

Perm. non strutturali

Precompressione

eserc.

coeff

azione

neve

coeff

azione

Kv = 0.1

Q k1

ψ 21