Sei sulla pagina 1di 49

Università degli Studi di Trieste

Facoltà di Ingegneria
Corso di INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI

Lezione 12: Caratteristiche superficiali delle


pavimentazioni

Roberto Roberti
Tel.: 040/558.3588
E-mail: roberti@dica.units.it

Anno accademico 2010/2011


Argomenti
Importanza aderenza
Scorrimento
Ellisse di aderenza
Fattori da cui dipende l’aderenza: Caratteristiche strada, Aderenza e la presenza
d’acqua, I pneumatici
Gli indicatori di tessitura (ed i valori limite)
Gli indicatori di aderenza (ed i valori limite)
L’indice IFI
I materiali
Gli interventi di ripristino dell’aderenza
La regolarità superficiale

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 2


Proprietà funzionali degli strati superficiali
Drenabilità
SICUREZZA
Aderenza

Vibrazioni
AMBIENTE
Rumore

Consumo
carburante
COSTO
Consumo
pneumatici

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 3


Aderenza e distanza di arresto
0.6

0.5

AUTOSTRADE [A]

0.4

ALTRE STRADE [B-C-D-E-F]


0.3

0.2

0.1
QUOTA DELL' ADERENZA DISPONIBILE LONGITUDINALMENTE PER LA FRENATURA

0
20 40 60 80 100 120 140
VELOCITA' [km/h]

V1
V0 1 V
D A = D1 + D 2 = ⋅τ − ⋅ ⋅ dV
3,6 3,6 2 V∫0 ⎡ i ⎤ R a (V )
g ⋅ ⎢f L (V )± + +r0 (V )
⎣ 100 ⎥⎦ m

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 4


Aderenza e stabilità in curva

V2
= 127 ⋅ (f T + e )
R

V (km/h) 25 40 60 80 100 120 140


Strade D, E, F urbane 0,22 0,21 0,20 0,16
Strade A, B, C, F extr. 0,21 0,17 0,13 0,11 0,10 0,09

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 5


Aderenza (1)
A=f*P
A è chiamata aderenza, “f” è il coefficiente di ADERENZA, P è il peso aderente cioè il peso che grava
sulla ruota soggetta al momento di trazione o al momento frenante.

Si definisce SCORRIMENTO
ψ = (V - ω* r)/V in fase di frenatura
ψ = (ω* r - V)/ω* r in fase di accelerazione
f Per ψ = 0 rotolamento puro,

per ψ = 1 ruota bloccata (strisciamento)

fL,max

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 6


Aderenza (2)
VALORE DESIDERABILE 30%-
30%-ile
VALORE DI ATTENZIONE 85%-
85%-ile
VALORE DI SOGLIA 95 %-
%-ile

Pavement condition Maximum Slide


Good, dry 1.00 0.80
Good, wet 0.90 0.60
Poor, dry 0.80 0.55
2 Poor, wet 0.60 0.30
⎛ V ⎞ V
f L ,max = µG = 0,241⋅ ⎜ ⎟ − 0,721⋅ + 0,708
⎝ 100 ⎠ 100 Packed snow and Ice 0.25 0.10

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 7


Aderenza (3)

FT

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 8


Aderenza (4)

FL(max)

FL

A
fL=FL/Q fT = FT/Q f < fmax
FT(max)
FT f 2 = f L2 + fT2
f coeff. aderenza totale, fL coeff.aderenza
longitudinale, fT coeff. aderenza trasversale.

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 9


Aderenza (5)
f T max
= 0,925⋅ f
L max
2 2 fT fT
⎛ f ⎞ ⎛ f T L
⎞ fT , Max f L , Max
⎜ ⎟ +⎜ ⎟ ≤1
⎜f ⎟ ⎜f fT

⎝ T max
⎠ ⎝ L max ⎠
fT ,max

f = n ⋅ 0,925 ⋅ f
T L max

Coefficiente di utilizzazione
dell’aderenza trasversale fL
f L , Max
fT
n= = 0,40 ÷ 0,45
fT ,max

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 10


Fattori da cui dipende l’aderenza
RELATIVI ALL’INFRASTRUTTURA: Caratteristiche
superficiali della pavimentazione;

RELATIVI ALL’AMBIENTE:
presenza di sostanze contaminanti
(acqua, neve, gomma);

RELATIVI AL VEICOLO: velocità,


pneumatici, dispositivi antiskid (ABS).

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 11


Caratteristiche superficiali e aderenza (1)
TESSITURA: è la deviazione della superficie reale della
pavimentazione da un ideale piano di riferimento (ISO 13473-1)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 12


Caratteristiche superficiali e aderenza (2)

MACROTESSITURA

MICROTESSITURA

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 13


Macrotessitura e Microtessitura (1)

MICROTESSITURA:
scabrezza superficiale MACROTESSITURA:
degli inerti sporgenti in asperità intergranulari
superficie del manto d’usura

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 14


Macrotessitura e Microtessitura (2)
MICROTESSITURA
Dimensioni Dipende da: Influenza:
1 µm < λ < 0.5 mm • Caratteristiche petrografiche • Aderenza a media e bassa velocità su
1 µm < h < 0.2 mm degli aggregati lapidei superficie stradale asciutta e bagnata:
• Metodo di produzione degli componente di adesione molecolare
aggregati lapidei • Usura dei pneumatici
• Rumore ad alte frequenze

MACROTESSITURA
Dimensioni Dipende da: Influenza:

0.5 mm < λ < 5 cm • Metodo di produzione degli • Aderenza a media ed elevata velocità su
aggregati lapidei superficie bagnata: componente di
0.2 mm < h < 1 cm
• Dimensioni degli aggregati isteresi
• Metodo di posa in opera dello • Proiezioni d’acqua
strato di usura (compattazione) • Rumore ad alte e basse frequenze
• Resistenza al rotolamento
• Proprietà ottiche dello strato d’usura

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 15


Macrotessitura e Microtessitura (3)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 16


Aspetti fisici legati alla tessitura (1)
ADESIONE MOLECOLARE:

• Legame temporaneo tra le molecole della


gomma e quelle della superficie stradale

• Forze ritardatrici Fa

• Necessità di un contatto asciutto

ISTERESI DELLA GOMMA:

• Dovuta alle deformazioni elasto – viscose del


pneumatico nel superamento delle asperità

• Distribuzione asimmetrica di pressioni

• Forza Fh che si oppone allo slittamento

• Avviene anche in presenza d’acqua

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 17


Aspetti fisici legati alla tessitura (2)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 18


La presenza d’acqua sulla pavimentazione
TEORIA DI GOUGH E MOORE

Zona “A” di penetrazione; Zona “B” di


transizione; Zona “C” di contatto.

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 19


L’aquaplaning (1)
ALTA VELOCITÀ SPESSORE D’ACQUA

Incapacità a drenare
efficacemente il velo idrico

1/ 2

d = 0,015 ⋅
( c⋅ L⋅ I)
S 1/ 5
Formula di Ross e Russam

MANCANZA DI CONTATTO TRA


PNEUMATICO E SUPERFICIE STRADALE

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 20


L’aquaplaning (2)

V = 34 P V in nodi, P in kg/cm2

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 21


Pneumatici (1)
Fattori legati alle caratteristiche
del pneumatico che influenzano
l’aderenza:
Scolpitura e mescola;

Rigidità della carcassa;

Pressione

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 22


Pneumatici (2)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 23


Indicatori di tessitura
Esistono numerosissimi metodi per misurare la
tessitura superficiale, usualmente si suddividono in:

• Metodi volumetrici (HS, drenabilità, ecc.)


• Metodi statistici (MPD, RMS, ecc.)
• Metodi frequenziali (PSD)

Si differenziano anche a seconda della classe di


tessitura da misurare:

• Microtessitura
• Macrotessitura
• Megatessitura
• Irregolarità

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 24


Indicatori di macrotessitura (1)

Tra i metodi più semplici e diffusi vi sono i


metodi volumetrici dell’altezza in sabbia e del
drenometro

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 25


Indicatori di macrotessitura (2)
NORMA CNR N. 94 15 OTTOBRE 1983
METODO DI PROVA PER LA MISURA DELLA
MACRO-RUGOSITÀ SUPERFICIALE CON IL
SISTEMA DELLA ALTEZZA DI SABBIA

V V = 25 ± 0,15 cm3
HS = [mm ] D
π ⋅ D2
4
> 0,50 m
Altezza di sabbia macrorugosità

> 0,50 m HS ≤ 0,20 mm molto fina


0,20 < HS ≤ 0,40 fina
0,40 < HS ≤ 0,80 media
0,80 < HS ≤ 1,20 grossa
20 m
1,20 < HS molto grossa

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 26


Indicatori di macrotessitura (3)
Allineamento Trasversale 1 Trasversale 2

Punto di misura 01 02 03 04 05 01 02 03 04 05

Distanza longitudinale dal P.R: [m]

Distanza dal bordo destro della corsia [m]

Valore misurato diametro D1 [mm]

Valore misurato diametro D2 [mm]

Valore medio calcolato del diametro [mm]

Valore altezza in sabbia HS [mm]

Media altezza in sabbia degli allineamenti HS (1): HS (2):

> 0,50 m

> 0,50 m

20 m

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 27


Indicatori di macrotessitura (4)
Tra i metodi statistici più diffusi,
ottenuto mediante profilometro
laser, c’è:
MPD (Mean Profile Depth) Norma
ISO 13473-1

HS ≅ ETD = 0,2 + 0,8 MPD [mm]

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 28


Indicatori di microtessitura
METODI DIRETTI METODI INDIRETTI

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 29


BPN - British Portable Number (1)
0,80 m
Allineamento 1
2,20 m
10 m
Allineamento 2
Punti di misura 5 4 3 2 1

Temperatura C° 5-7 8-10 11-13 14-16 17-20 21-24 25-29 30-40


Correzione -3 -2 -1 0 +1 +2 +3 +4

Categoria Tipologia di zona valore minimo


Rotatorie, Curve con R<150m
A Pendenze long. > 5%, in prossimità 65
di semafori su strade senza limiti di vel.
B Autostrade, strade extraurbane principali 55
e strade urbane con traffico > 2000 veic./g
C Tutti gli altri siti 45

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 30


BPN - British Portable Number (2)
Allineamento 1 2

Punto di misura 01 02 03 04 05 01 02 03 04 05

Distanza longitudinale dal P.R. [m]

Distanza dal bordo destro della corsia [m]

Pendenza trasversale (%)

Pendenza longitudinale (%)

valori BPN misurati lettura 1

valori BPN misurati lettura 2

valori BPN misurati lettura 3

valori BPN misurati lettura 4

Valori BPN misurati lettura 5

valori BPN misurati letture supplementari

Media BPN ultime 3 letture utili

Temperatura pavimentazione (° C)

Fattore di correzione

Valori BPN medi corretti

Media BPN corretta degli allineamenti BPN (1): BPN (2):

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 31


Metodi di misura dell’aderenza (1)
Le diverse apparecchiature per misurare l’aderenza
possono essere classificate secondo tre modalità di
prova:

1. Metodo con ruota bloccata


- Skid Number, CAL

2. Metodo con forza trasversale


- Side force coefficient SFC, CAT

3. Metodo con scorrimento della ruota


- Brake slip number BSN

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 32


Metodi di misura dell’aderenza (2)
N
CAT =
P
CATt °
CAT20° =
45,2
0,548 ⋅
t + 80
CNR B.U. n.147/92 - Metodo di prova per la CNR B.U. n.125/88 Istruzioni sulla
misura del coefficiente di aderenza con pianificazione della manutenzione stradale
l’apparecchi S.C.R.I.M.
Grado di gravità Parametri ausiliari Indicazioni per la
manutenzione
3 CAT = 0,40 – 0,50 Tasso di incidenti sulla Sorveglianza della
VALORI GIUDIZIO OPERAZIONI strada superiore alla sezione
media
CAT < 0,35 Aderenza mediocre Necessità controlli molto
2 CAT = 0,35 – 0,40 Condizioni sfavorevoli Sorveglianza della
frequenti
dei luoghi e dei sezione o rinnovo dello
0,35 < CAT < 0,45 Aderenza discreta Necessità controlli tracciati. Incidenti strato superficiale, a
frequenti seconda della sua età
0,45 < CAT < 0,55 Aderenza soddisfacente Sorveglianza periodica 1 CAT = 0,35 – 0,28 Rinnovo dello strato
della pavimentazione (*) superficiale
0,55 < CAT Aderenza buona Sorveglianza diradata
(*) 40% delle misure ≤ 0,30 oppure 60% delle misure
sono ≤ 0,35

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 33


Metodi di misura dell’aderenza (3)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 34


Modelli di previsione dell’aderenza
Sono modelli che considerano l’aderenza come funzione della velocità del veicolo: la
caratterizzazione della pavimentazione viene eseguita attraverso una misura di aderenza e
di tessitura superficiale.

PGN
− V
100
SN V = SN 0 e
SN 0 = 1,32 BPN − 34,9
PGN = 0,45 MTD −0 , 47
Modello di Leu-Henry
S

SP
F (S) = F 0 e
Penn State Model

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 35


Indici IFI e IRFI (1)

60− S
Sp
F ( S ) = F60 ⋅ e
Misurato = S
60 − S
GS k
GF ( S ) k = GF (60) k ⋅ e

Misurato = FRS Costanti calcolati dall’analisi di regr.

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 36


Indici IFI e IRFI (2)
6
“k” valori per ogni dispositivo “i”
5
[Tx(i,k); GS(k)] Sp(i) = a(i)+ b(i)*Tx(i)
4

Sp(i)
2 b(i)

1
a(i)

0
0 2 4 6 8 10 12
60 − S
GS1 Tx(i)
GF ( S )1 = GF (60)1 ⋅ e
60 − S
GS 2
Misurato Txi,k
GF ( S ) 2 = GF (60) 2 ⋅ e
S Pi = GS = ai + bi ⋅ Txi
...............
60 − S GSk calcolati da Costanti calcolati dall’analisi di regr.
GS k
GF ( S ) k = GF (60) k ⋅ e Pagina precedente Valide per il dispositivo “i”

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 37


Indici IFI e IRFI (3)

S Pi = a i + b i ⋅ Tx i

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 38


Indici IFI e IRFI (4)
6

Velocità di misura reale 5


[FR(60),j,k; GF(k)] F60,j = A,j+ B,j*FR(60),j
4

S − 60 3

F60,j
SP
F 60 = F ( S ) ⋅ e B,j
2

1
A,j
Riferiti al dispositivo “j”
S − 60 0
0 2 4 6 8 10 12
Sp1
FR(60) j ,1 = FR( S ) j ,1 ⋅ e FR(60)j
S − 60
Sp 2
FR(60) j , 2 = FR ( S ) j , 2 ⋅ e Misurato = FR(60)j,k

F 60 j = GF (60) = A j + B j ⋅ FR(60) j
...............
S − 60
Sp k
FR(60) j ,k = FR ( S ) j ,k ⋅ e Calcolati = GF(60)k Costanti calcolate dall’analisi di regr.
Riferito al sito “k”

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 39


Indici IFI e IRFI (5)
F 60 j = A j + B j ⋅ FR (60) j

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 40


Indici IFI e IRFI (6)

S P = a + b ⋅ Tx
Valore indipendente dal
dispositivo di misura, più Curva aderenza
prossimo al valore di del dispositivo di
aderenza vero misura reale

Curva aderenza vera,


o Golden Curve

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 41


Indici IFI e IRFI (7)
International Friction Index IFI (F60, Sp)

International Runway Friction Index IRFI (sperimentazione in corso; le costanti


saranno legate alla tipologia e allo stato della pavimentazione e allo strumento di misura

S p = a + b ⋅ TX

60 sen 20°−60
Sp
FR60 = CAT60 ⋅ e

F60 = A + B ⋅ FR60

60− S
Sp
F ( S ) = F60 ⋅ e

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 42


Valori di soglia
0.9

60− S 0.8

A M PD di s og lia
( F60 * − A) a +b⋅TX
FRS min = ⋅e B
0.7
INC REM EN T A RE
V A L O R I O T T IM A L I
B LA M A CRO T ESSIT U RA

0.6

( S p * −a ) 0.5

CAT min
TX min =
0.4
b C
0.3
INC REM EN T A RE F 60* = c os t
M ICRO T ESSIT U RA D
0.2 E M A C RO T ESSIT U RA

I N C R E M E N T A R E L A M IC R O T E S S I T U R A

0.1
0 0.5 1 1.5

M PD [mm]

S tra d a "A " - d ire zio ne S U D (co rs ia d i m a rcia )


−S 0.8

= ⋅e b
( F60 * − A) a+60
⋅ MPD M PD di s oglia
0.7 I N C REM EN T A R E
CATmin LA M A C R O T ESSI T U RA
B V A LO R I O T T IM A LI

0.6

0.5

F 60 * = 0.31

0.4

CAT min
F 60* = 0.26

0.3
F 60* = 0.20
I N C R EM EN T A R E
M I C R O T ES SIT U R A
0.2 E M A C RO T ESSI T U R A

I N C REM EN T A R E LA M I C RO T ESSI T U R A

0.1
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4

MPD [mm]

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 43


I materiali

Gli aggregati costituiscono più del 90 % in peso dei conglomerati


bituminosi impiegati nelle pavimentazioni stradali

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 44


Caratteristiche petrografiche degli inerti
Provengono dalla frantumazione
delle rocce presenti in natura:

• Eruttive
• Metamorfiche
• Sedimentarie

Le rocce più resistenti hanno grana


fina e porosità quasi nulla

Strati della sovrastruttura


Tipi di roccia
usura base e fondazioni
Rocce eruttive 50 % 12.5 %
Rocce metamorfiche 28 % 14 %
Calcari 2% 25 %
Alluvionali calcaree 0% 3.8 %
Alluvionali silico-calcaree 8% 23 %
Alluvionali silicee 12 % 21.7 %
Totale 100 % 100 %

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 45


La resistenza all’usura (1)
USURA PER ATTRITO

Test CLA

Superficie dell’inerte prima e dopo il test CLA


(secondo la norma CNR B.U. n. 140/92)

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 46


La resistenza all’usura (2)
USURA PER FRAMMENTAZIONE

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 47


La granulometria
La curva granulometrica determina la porosità finale del manto d’usura influenzandone:
• Capacità di drenaggio superficiale
• Aderenza (specialmente sul bagnato)
• Inquinamento acustico
• Condizioni di visibilità in presenza di pioggia

TRADIZIONALE DRENANTE FONOASSORBENTE

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 48


Gli interventi di ripristino dell’aderenza
Interventi a caldo: Strati di usura drenanti;
Microtappeti;
Splittmastix;

Interventi a freddo: trattamenti superficiali


di irruvidimento
(monostrato o bistrato);
Microtappeti (Slurry –
Seal);
Irruvidimenti: Striature;
Pallinature;

Roberto Roberti e-mail: roberti@dicar.units.it 49