Sei sulla pagina 1di 1
www.fiscoediritto.it CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 11 FEBBRAIO 2010, N. 3173 Svolgimento del processo Con

www.fiscoediritto.it

CORTE DI CASSAZIONE - SENTENZA 11 FEBBRAIO 2010, N. 3173

Svolgimento del processo Con avviso di accertamento parziale del 9 aprile 1992 l'Ufficio IIDD di (xxxx) recuperava a

tassazione, ai fini ILOR per l'anno di imposta 1986, l'ammontare delle deduzioni di cui all'art.7 del

in liquidazione. L'avviso in

questione si fondava sulla segnalazione del 29.10.91 del centro informativo Imposte dirette, dalla quale risultava che il socio amministratore aveva dichiarato nel mod. 440/87 redditi di lavoro autonomo pari a 63 milioni. L'Ufficio, traendo la conclusione che l'occupazione prevalente attestata dal socio in dichiarazione non era quella derivante dalla partecipazione in società, aveva

determinato una maggiore imposta ILOR pari a lire 1.944.000 oltre sanzioni per 3.888.000, disconoscendo le deduzioni effettuate dalla società.

Avversò tale avviso la Società contestando la legittimità dell'avviso sia perché mai notificatole sia per inesistenza dei presupposti impositivi presentava ricorso alla Commissione tributaria provinciale di (xxxx), la quale lo rigettava. Proponeva appello ribadendo le tesi esposte in primo grado, vale a dire la mancata motivazione dell'accertamento con conseguente violazione del diritto di difesa del contribuente e l'inesistenza del presupposto impositivo in quanto la prevalenza della qualità di socio rispetto all'attività di lavoro autonomo non doveva essere commisurata ad un mèro criterio economico fondato sul reddito percepito bensì sulla quantità dì tempo dedicato all'attività produttiva di reddito. La Commissione tributaria regionale del Lazio rigettava il gravame compensando le spese di giudizio.

proponeva ricorso per cassazione articolato in 5 motivi,

Avverso la detta sentenza la (

d.p.r. 599/73, pari a lire 12 milioni nei confronti della (

)

S.a.s. di (

)

)

depositando successivamente memoria ex art.378 cpc. Nell'udienza del 21 aprile 2009 la Corte, ritenuto che il ricorso fosse stato proposto, irritualmente nei soli confronti dell'Agenzia delle Entrate che non aveva partecipato a nessuna fase del giudizio di merito in quanto il procedimento di appello, introdotto il 9 novembre 2000, si era svolto correttamente nei soli confronti di un ufficio periferico del Ministero dell'Economia e delle Finanze, disponeva l'integrazione del contraddittorio nei confronti del prefato Ministero. Provvedutosi a tale adempimento, si costituiva l'Agenzia delle Entrate resistendo con controricorso. (………….)

°°°°°°°°°°°° LA VERSIONE INTEGRALE E’ DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK:

http://www.fiscoediritto.it/page/CORTE-DI-CASSAZIONE---SENTENZA-11-FEBBRAIO-

20102c-N-3173.aspx

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso. FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente. FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo sito contattaci a info@fiscoediritto.it