Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.it http://twitter.com/fiscoediritto facebook.

com/fiscoediritto

COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI TORINO SENTENZA DEL 10 AGOSTO 2012, N. 67/18/12 Svolgimento del processo La societ ricorrente impugna l'avviso di irrogazione sanzioni n. ....... notificato il 7 giugno 2011 e concernente violazioni IVA per l'anno 2006. Sulla base del PVC redatto dalla Guardia di finanza di ....... in data 27 novembre 2008, l'Agenzia delle entrate ha rettificato la dichiarazione IVA presentata per l'anno 2006 recuperando una maggior imposta per euro 502.020,00. Conseguentemente con l'avviso sono state contestate le violazioni di infedele dichiarazione, fatturazione senza l'indicazione dell'imposta e irregolare tenuta della contabilit. L'art. 13, comma 1, del D.Lgs. n. 471/1997 riguardante ritardati od omessi versamenti diretti non pu essere applicato nel caso di specie in quanto il contribuente ritenendo per errore che talune operazioni non fossero imponibili ai fini IVA e di conseguenza le abbia fatturate senza applicare l'imposta omettendo quindi di riportarle nella denuncia IVA, irrogabile la sanzione (gi irrogata con l'avviso di accertamento) per l'infedele dichiarazione e non quella prevista per omessi versamenti diretti. In breve la violazione attiene alla dichiarazione e non al successivo versamento dell'imposta. .......... LA VERSIONE INTEGRALE E DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK: http://www.fiscoediritto.it/?page_id=17426
Tutto il materiale contenuto nel presente documento reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso. FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, cos come gratuito tutto il materiale presente. FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo sito contattaci a info@fiscoediritto.it