Sei sulla pagina 1di 3

Luxury

in steel
di Marco Clozza

Il progetto nasce per rispondere allesigenza di creare una struttura ri-


cettiva inserita in unarea a forte vocazione commerciale e in un contesto
in progressiva espansione e riqualificazione del tessuto urbano. Ledificio
sorge in unarea strategica per la creazione di un centro con funzioni
alberghiere e congressuali poich si colloca a diretto contatto con le zone
di FieraMilanoCity, FieraMilano e del futuro sito dellExpo 2015.
Il complesso alberghiero stato sviluppato nellottica di comunicare
attraverso larchitettura i valori e lesperienza del brand Hilton nel setto-
re dellaccoglienza, creando una struttura con standard di offerta molto
elevati e di carattere internazionale, senza rinunciare ad alcuni elementi
che caratterizzano il contesto milanese: sia il disegno dellarchitettura,
sia quello degli interni riescono a conciliare lusso e sobriet.
Il nuovo edificio si colloca allinterno di una vecchia area industria-
le dismessa dove attualmente convivono situazioni di degrado e nuovi
interventi di riqualificazione. Si tratta di un tessuto periferico ibri-
do, frutto della spinta dellespansione della citt su aree periferiche a
destinazione produttiva. Lopera cerca il dialogo con il contesto e si
pone come elemento urbano che ricostruisce, con il fronte principale
sulla via di Breme, un brano di citt. Costruito recuperando parzial-
mente un capannone industriale, del quale viene mantenuto solo il
piano interrato, si compone di due volumi parallelepipedi connessi
tra loro da una passerella completamente vetrata. Al piano terra sono
stati collocati gli spazi comuni come le sale conferenza, il bar e il
ristorante che, aperti verso lesterno, divengono un polo di attrazione
per larea. Anche la corte interna si apre alla citt come spazio pub-
blico, partecipe del sistema del verde urbano. Ai piani superiori sono
presenti 240 stanze, mentre nel piano interrato sono stati previsti la
sala fitness, gli uffici amministrativi, il parcheggio, le cucine, i locali
tecnici e la lavanderia.
La struttura stata realizzata con telai in acciaio perimetrali su cui so-
no stati posati dei pannelli alveolari in cemento armato precompresso.

1 1
36 Aa Estate 2012 Aa Estate 2012 37
2 4

Questa soluzione ha permesso la


costruzione dei due corpi di fabbri-
ca principali con luci libere impor- Italia 2009
Milano
tanti e un ridotto ingombro degli
elementi strutturali. Anche gli ele- Hilton Double Tree
menti di controvento sono metallici Complesso Alberghiero
e sono costituiti da tipiche croci di Committente
G&W Invest
SantAndrea inserite nelle tampona-
Progetto architettonico
ture perimetrali. Goring & Straja Studio,
Le facciate ripropongono lorditu- Studio Tecnico PLG
ra degli elementi strutturali, rivelando Progetto strutturale
la serialit imposta dalla destinazione Studio Tecnico PLG
duso delledificio e la volont di una Carpenteria metallica
comunicazione immediata del lin- 3 Astron Buildings S.A.

guaggio compositivo architettonico. sistema dei collegamenti verticali. Impresa


Teorema srl
Realizzate con un sistema costruttivo I pannelli in legno utilizzati per le por-
Foto
a secco, sono finite con materiali na- zioni di tamponamento opaco delle Stefano Gusmeroli
turali e di tradizione lombarda, quali facciate maggiori, spezzano il ritmo 5
il legno e il cotto, e neutri, come le imposto dagli elementi metallici che
4. Vista della corte interna
grandi vetrate trasparenti. La pietra nervano con eleganza i prospetti.
5. Prospetto principale
dorata impiegata nello zoccolo un Lacciaio impiegato sia a livello di
riferimento alla tradizione milanese struttura che come elemento espres- 1. Il nuovo elemento urbano nel contesto
cittadino
cos come il colore giallo-milano sivo e architettonico, ha contribuito
2. Vista esterna del complesso
e luso del cotto posato a secco per alla realizzazione di un edificio per 3. Vista dal corridoio di accesso
le facciate cieche che schermano il laccoglienza dagli standard elevati. alle camere

38 Aa Estate 2012 Aa Estate 2012 39