Sei sulla pagina 1di 33

Tipi di documento di controllo

Norma EN 10204:2004 - Prodotti metallici - Tipi di documenti di


controllo
Tipo di Validato da
Tipo Designazione Contenuto
controllo
Dichiarazione di Asserzione di conformit
2.1
conformit con lordine con lordine

Non specifico Asserzione di conformit Il fabbricante


con lordine, con
2.2 Rapporto di prova lindicazione dei risultati di
ispezione non specifica
Rappresentante autorizzato
del fabbricante,
3.1 Certificato di ispezione 3.1 indipendente dal reparto
produttivo
Asserzione di conformit Rappresentante autorizzato
con lordine, con del fabbricante,
Specifico lindicazione dei risultati di indipendente dal reparto
ispezione specifica produttivo ed inoltre, il
3.2 Certificato di ispezione 3.2 Rappresentante autorizzato
dallacquirente o lIspettore
designato dalle direttive
ufficiali
Requisiti aggiuntivi
Certificato di controllo di tipo 3.1 secondo Norma EN
10204:2004 - Prodotti metallici - Tipi di documenti di
controllo
Il Certificato di controllo di tipo 3.1 prevede unattestazione di
conformit allordine, basata su un controllo specifico della
fornitura
I campioni su cui si eseguono le prove sono prelevati
direttamente dagli oggetti consegnati
Il controllo non copre necessariamente il 100% dei prodotti
consegnati
Linsieme delle propriet da sottoporre a controllo indicato
nelle norme di prodotto, ma pu essere raccomandabile una
menzione specifica nellordine

2
Azioni da compiere
Identificazione e rintracciabilit in uscita
Il Centro di Trasformazione stabilisce e mantiene attive
procedure che assicurano la rintracciabilit dei prodotti finiti
partendo dalla documentazione di origine
Ogni collo di prodotti viene identificato con un cartellino
riportante:
Il nome o marchio dellAzienda e lidentificazione del Centro di
Trasformazione rilasciata dal Servizio Tecnico Centrale del Consiglio
Superiore dei Lavori Pubblici
Il riferimento allordine del Cliente (commessa e posizione, disegno
esecutivo o altro dato significativo che correla il prodotto allordine)
Problematiche aperte:
Smarrimento o degrado dei cartellini a seguito del trasporto o
dellazione degli agenti atmosferici

3
Requisiti aggiuntivi
Identificazione e rintracciabilit in uscita
Ogni lotto di spedizione deve essere accompagnato dai
documenti di trasporto contenenti almeno i seguenti elementi:
Il nome o il marchio dellAzienda e il luogo di produzione.
Lelencazione dei prodotti con lindicazione dei riferimenti allordine
del cliente (commessa e posizione, disegno esecutivo o altro dato
significativo che correla il prodotto allordine)
Gli estremi dellAttestato di avvenuta Dichiarazione di Attivit
rilasciata dal Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei
Lavori Pubblici
Lattestazione dellesecuzione delle prove del controllo interno con
lindicazione dei giorni nei quali la fornitura stata lavorata e dei
riferimenti ai tipi di acciaio impiegati

4
Requisiti aggiuntivi
Piano dei controlli di prodotto nei Centri di trasformazione
Schemi diversi a seconda del tipo di lavorazioni effettuate:
Acciai per cemento armato ordinario barre e rotoli 11.3.2.10.3
Acciai per cemento armato precompresso 11.3.3.5.3
Acciai per strutture metalliche e per strutture composte 11.3.4.11.2
Operativit: criteri comuni
Il Direttore Tecnico cura il prelievo dei campioni e la loro identificazione
(mediante sigle, etichettature indelebili, ecc.) per documentare che i
campioni inviati per le prove al laboratorio incaricato sono
effettivamente quelli da lui prelevati
I controlli consistono in prove meccaniche, e in controlli non distruttivi
dopo piegatura, per documentare che le piegature non alterino le
caratteristiche meccaniche originarie del prodotto

5
Requisiti aggiuntivi
Piano dei controlli nelle officine per la produzione di
carpenterie metalliche ( 11.3.4.11.2.3) (barre e rotoli)
I controlli sono obbligatori e sono effettuati a cura del Direttore
Tecnico
Per ogni fornitura minimo 3 prove, di cui almeno una sullo spessore
massimo ed una sullo spessore minimo
I dati sperimentali ottenuti devono mostrare la conformit alle norme
EN di riferimento o ai valori indicati nelle NTC
Ogni singolo valore della tensione di snervamento e di rottura non
deve risultare inferiore ai limiti tabellari
Verifica delle tolleranze di fabbricazione rispetto ai limiti indicati nelle
norme europee applicabili, e di quelle di montaggio rispetto ai limiti
indicati dal progettista

6
Azioni da compiere
Piano dei controlli di prodotto nei Centri di trasformazione

Procedura documentata per le modalit di gestione delle prove


di prodotto, con particolare riferimento ai seguenti aspetti:
I documenti di domanda al Laboratorio per lesecuzione delle prove,
completi dei dati di identificazione del prodotto, che dovranno
essere sottoscritti dal Direttore Tecnico
I criteri e le modalit dinvio dei campioni, compresa la loro
identificazione per data o periodo di produzione oltre che per
acciaieria di provenienza
La registrazione dei risultati delle prove
Le modalit di gestione dei certificati dei Laboratori
Il trattamento delle eventuali non conformit

7
Azioni da compiere
Qualificazione dei processi
I processi di lavorazione eseguiti sui semilavorati devono
essere opportunamente qualificati una prima volta al fine di
assicurare la non alterazione delle caratteristiche meccaniche
e geometriche dei materiali
Occorre anche dare evidenza che il personale che esegue
attivit rilevanti ai fini della qualit del prodotto dispone delle
competenze e delle conoscenze adeguate allo scopo
Tali processi riguardano:
Raddrizzatura dei rotoli di acciaio
Sagomatura a freddo
Saldatura

8
Azioni da compiere
Qualificazione del processo di raddrizzatura
Da effettuare:
Per ciascuna macchina installata
Per ciascun tipo di acciaio e produttore
Per ciascun diametro raddrizzato
Necessit di ripetere la qualificazione in caso di:
Impiego di nuovi impianti di raddrizzatura aventi criteri e
modalit di raddrizzatura sostanzialmente diversi da quelli
degli impianti gi qualificati
Modifiche sostanziali degli impianti
Prassi operativa
Controllo dellintegrit dopo raddrizzatura mediante liquidi
Servizio o
penetranti Tecnico visivo CSLP Incontro NTC
esameCentrale
Giugno 2009
Controllo del mantenimento delle caratteristiche
meccaniche (aderenza) dopo raddrizzatura
9
Azioni da compiere
Qualificazione del processo di sagomatura
Conformemente a quanto indicato nella norma ENV 13670, i
dimensioni minime per i mandrini di piegatura per i processi di
sagomatura

I parametri indicati e le dimensioni minime di ingombro realizzabili


sono da considerarsi vincolanti per tutte le operazioni di sagomatura
Le modalit operative devono essere definite nelle
procedure/istruzioni di lavorazione
Generalmente non ammessa la piegatura a caldo

10
Azioni da compiere
Qualificazione del processo di sagomatura
Prassi operativa
Controllo del mantenimento delle caratteristiche
meccaniche dopo raddrizzatura
Controllo dellintegrit dopo piegatura mediante liquidi
penetranti o esame visivo
Controllo dimensionale della corretta geometria di piega
ottenuta

Servizio Tecnico Centrale CSLP Incontro NTC


Giugno 2009

Linee guida per la valutazione del sistema di controllo della produzione nei Centri di
Trasformazione di acciaio per calcestruzzo armato, ANSFER, rev. 00/09 11
Svantaggi del metodo
Occorre fare attenzione a taluni
prodotti che possono risultare
nocivi o dannosi per contatto,
inalazione, ingestione
Talune lavorazioni superficiali
prima del controllo possono
diminuire la sensibilit
dellesame
La pulitura finale pu essere
necessaria (e complessa) per
eliminare ogni traccia di
prodotti

12
Ritornando ai centri di trasformazione
Limpiego dei controlli con liquidi penetranti pu
risultare complesso, al di fuori delle fasi di qualifica
dei processi:
Superfici grezze e naturalmente corrugate, nel caso delle
barre
Operazioni di pulizia e di svolgimento del controllo che
possono notevolmente appesantire il ciclo di lavorazione
Consigliabile quindi di:
Formare il personale per lo svolgimento di esami visivi nei
vari stadi del processo (accettazione, durante le lavorazioni,
in fase di confezionamento per la spedizione)
Definire degli standard di accettazione (con ausilio di foto)
Limitare il controllo non distruttivo ai soli casi di dubbio, e
per le riqualifiche di impianto/processo

13
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
Qualificazione del personale e dei procedimenti di saldatura
utilizzati
Si tratta dei processo di fabbricazione che pu avere i maggiori rischi di
insuccesso a seguito di:
Carenze esecutive
Progettazione del giunto non ottimale
Variabili aleatorie (es. sbalzi nellalimentazione dellimpianto)
Si tratta anche di una disciplina in cui ormai stato ampiamente
riconosciuto che il ruolo delloperatore determinante per ottenere
buoni risultati
Esigenze di competenza tecnica
Esigenze di esperienza pratica

14
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
Procedimenti di saldatura ad arco elettrico manuali o

Considerare la EN ISO 15614-1:2008


semiautomatici
Considerare la EN 287-1:2007

I saldatori dovranno essere qualificati secondo la norma UNI


EN 287-1:2004 da parte di un Ente terzo
Procedimenti di saldatura ad arco elettrico robotizzati
o automatici
Gli operatori dovranno essere certificati secondo la norma UNI
EN 1418:1999
Tutti i tipi di procedimento ad arco elettrico
Tutti i procedimenti di saldatura dovranno essere qualificati
secondo la norma UNI EN ISO 15614-1:2005

15
Qualifica Processi e addetti alla saldatura
Valutare la correttezza e la qualit rispetto a norme di riferimento delle giunzioni
saldate che riguardano Operatori e Processi.

necessario un riesame delle reali esigenze di copertura della qualifica, entrando nel
merito delle variabili essenziali richieste dalle norme di riferimento:
- Norma tecnica di riferimento per la qualifica
- Tipologia dei materiali base impiegati
- Gamma di spessori e diametri (in caso si tubi) che viene normalmente
saldato
- Processi di saldatura impiegati
- Tipologia di connessioni (BW, FW)
- Posizioni di saldatura

16
Acciai da costruzione per uso generale
Normati dalla UNI EN 10025:2005
Norma in 6 parti
Parte 1: requisiti generali
Parte 2: requisiti specifici per gli acciai non legati
Parte 3: requisiti specifici per acciai laminati e normalizzati a
grano fine e saldabili
Parte 4: requisiti specifici per acciai laminati e sottoposti a
trattamento termomeccanico a grano fine e saldabili
Parte 5: requisiti specifici per acciai a resistenza a corrosione
atmosferica migliorata (+Cr e Cu)
Parte 6: requisiti specifici per acciai ad alta resistenza allo stato
temprato e rinvenuto

17
Acciai da costruzione per uso generale
Caratteristiche degli acciai non legati
8 livelli di caratteristiche tensili
S 185
S 235
S 275
S 355
S 450
E 295
E 335
E 360
Sono tuttora di uso comune le precedenti
designazioni
Fe 37 Fe 360 S 235
Fe 42 Fe 430 S 275
Fe 52 Fe 510 S 355 18
Acciai da costruzione per uso generale
EN 10025-2
Suffissi per la designazione:
JR = resilienza garantita a t = 20C
J0 = resilienza garantita a t = 0C
J2 = resilienza garantita a t = -20C
K2 = resilienza garantita a t = -20C (valori pi elevati di J2,
applicabile solo al tipo S355)
Materiali a tenacit maggiore = migliore saldabilit
Per il tipo S185 non previsto un livello minimo garantito
di resilienza
Le propriet tensili non cambiano rispetto ai minimi
tabellari

19
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
Ente terzo ( 11.3.4.5)
Il concetto guida espresso nelle NTC in questo modo:
Le prove di qualifica dei saldatori, degli operatori e dei
procedimenti dovranno essere eseguite da un Ente terzo
In assenza di prescrizioni in proposito lEnte sar scelto dal
costruttore secondo criteri di competenza e di indipendenza

Le NTC non forniscono alcuna prescrizione in merito ai


riconoscimenti che lEnte terzo deve avere per potere operare

20
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
Qualit della gestione del processo di saldatura
11.3.4.5
In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante
giunzioni saldate, il costruttore deve essere certificato secondo
la norma UNI EN ISO 3834:2006 parti 2 - 4; il livello di
conoscenza tecnica del personale di coordinamento delle
operazioni di saldatura deve corrispondere ai requisiti della
normativa di comprovata validit

La certificazione dellazienda e del personale dovr essere


operata da un Ente terzo, scelto, in assenza di prescrizioni, dal
costruttore secondo criteri di indipendenza e di competenza

21
UNI EN ISO 3834:2006
descrizione e parti di norma
Norma di riferimento per la gestione in qualit dei processi di
saldatura che giocano un ruolo importante ai fini della qualit del
prodotto:
ISO 3834-1: Linee guida per lapplicazione e lutilizzo
ISO 3834-2: Requisiti completi
ISO 3834-3: Requisiti intermedi
ISO 3834-4: Requisititi elementari
ISO 3834-5: Riferimenti documentali per soddisfare i requisiti
delle parti 2, 3 e 4
22
ISO 3834:2006
Principali differenze
Le Parti 2 e 3:
Requisiti completi per la
rintracciabilit (dal riesame
dellofferta alle registrazioni)

Obbligo di avere un coordinatore di


saldatura, con adeguate
caratteristiche di competenza,
esperienza e professionalit

Esistenza di riesami di progetto e


di piani di produzione analitici

Parte 4
Requisiti elementari (operatori
qualificati, CND eseguiti da
personale qualificato)

Non specificatamente richiesto


ne il coordinatore di saldatura ne le
WPS e relativa qualifica 23
ISO 3834:2006
parte 2 parte 3 o parte 4?
Nella serie ISO 3834 sono definiti requisiti di qualit specifici differenziati
per livelli di capacit. Spetta al Fabbricante selezionare il livello di qualit
pi consono al tipo di attivit svolta, tenendo conto di requisiti
contrattuali e/o cogenti e delle seguenti considerazioni relative ai prodotti
fabbricati (rif. 5 ISO 3934-1):
Il campo di prodotti fabbricati
Il campo di materiali base e di processi di saldatura diversi impiegati
La complessit dei cicli di fabbricazione adottati
Le problematiche relative ai prodotti critici per la sicurezza
Il livello a cui problematiche metallurgiche e difetti di saldatura possono
impattare sulla sicurezza

24
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
382 11.3.4.5 Processo di saldatura
In relazione alla tipologia dei manufatti realizzati mediante
giunzioni saldate, il costruttore deve essere certificato secondo
la norma UNI EN ISO 3834:2006 parti 2 e 4; il livello di
conoscenza tecnica del personale di coordinamento delle
operazioni di saldatura deve corrispondere ai requisiti della
normativa di comprovata validit. I requisiti sono riassunti nel
Tab. 11.3.XI di seguito riportata
La certificazione dellazienda e del personale dovr essere
operata da un Ente terzo, scelto, in assenza di prescrizioni, dal
costruttore secondo criteri di indipendenza e di competenza

25
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura
Mutuati dalla
norma ISO
3834-2

26
La EN 719:1996 stata sostituita
dalla EN ISO 14731:2007
il processo di saldatura
Requisiti aggiuntivi per

27
ISO 3834:2006
coordinatore di saldatura
Pu essere interno o esterno allazienda,
Pu essere qualificato sulla base di evidenze che attestino la
competenza e lesperienza professionale e/o sulla base di percorsi di
certificazione professionale
Esiste una corrispondenza tra i tre livelli di competenza definiti nella
ISO 14731 e le certificazioni professionali corrispondenti:
Comprehensive technical knowledge: IWE (Engineer)
Specific technical knowledge: IWT (Technologist)
Basic technical knowledge: IWS (Specialist)
Deve avere un grado adeguato di coinvolgimento nella gestione del
reparto di saldatura,
Deve avere una conoscenza tecnica adeguata su materiali, processi,
CND in riferimento alle caratteristiche di performance e di servizio del
prodotto fabbricato,

28
Requisiti aggiuntivi per
il processo di saldatura (ISO 3834-2)

29
Requisiti organizzativi per la saldatura

11.3.4.5 Processo di saldatura


Considerare la EN 473:2008-11

Tutti gli operatori che eseguiranno i controlli dovranno essere


qualificati secondo la norma UNI EN 473:2001 almeno di
secondo livello
Da applicare ai controlli in cantiere, in fase di qualifica, o a
quelli richiesti per produzioni particolari

30
Taratura Apparecchiature
di misura in ambito saldatura
(UNI EN ISO 3834-2:2006 al punto 16) il costruttore deve essere responsabile
delladeguata taratura o convalida delle attrezzature per le misure, lispezione e le prove.
Tutte le attrezzature usate per valutare la qualit della costruzione devono essere
adeguatamente controllate e devono essere tarate o convalidate a intervalli specificati .

La serie ISO 3834 per quanto sopra richiamano come norma di riferimento la norma:
UNI EN ISO 17662:2007 : Taratura, verifica e validazione delle attrezzature utilizzate per
la saldatura, inclusi i procedimenti connessi

31
Riassumento
per una carpenteria che realizza
elementi saldati strutturali
organizzare lazienda in conformit alla ISO 9001 + ISO
3834
Qualificare i processi e addetti di saldatura
Qualificare personale per controlli non distruttivi
nominare il direttore Tecnico
Presentare la domanda al Servizio Tecnico Centrale
(STC)

32
GRAZIE PER LATTENZIONE

Rossella Ricciardelli
Tel. 051 / 764.822
Mobile: 346 / 0049555
e-mail: rossella.ricciardelli@cermet.it

33