Sei sulla pagina 1di 3

E Coaching solo se ci sono questi 3 fattori

ifeelgood.it/blog/coaching-3-fattori/

REDAZIONE

7/9/2015

Il Wellness Coaching, per come lo interpretiamo noi, comprende al suo interno una vasta serie di attivit che
possiamo denire in base alla funzione, al destinatario e al contenuto.

1. FUNZIONE
In base alla funzione, come abbiamo visto, il Wellness Coach pu indossare sia il cappello del Coach,
dellallenatore vero e proprio, sia quello del Trainer o del Consulente.

2. CONTENUTO
In base al contenuto, rientra nel Wellness Coaching ogni attivit mirata ad amplicare il senso di benessere
percepito dal nostro Coachee.
Il Wellness, in questo caso,
Lespressione responsabile dellamore per noi stessi (corpo, mente e spirito) attraverso uno stile di
vita che privilegi la prevenzione senza rinunciare al godimento del momento presente

3. DESTINATARIO
1/3

In base al destinatario, un Wellness Coach pu dedicarsi a supportare/formare una parte di se stesso, un altro
individuo oppure un gruppo di individui.

Ma quello che contraddistingue in modo peculiare lottica del Coach rispetto ad altri
proli professionali, che magari possono avere stessa funzione, destinatario e
contenuto, la certezza della possibilit.
Un vero Coach sa, crede fortemente no in fondo che chiunque pu modicare il suo stato, se lo vuole, in
qualsiasi condizioni o et si trovi, per realizzare qualsiasi tipo di obiettivo, materiale o spirituale che sia
(ammesso
che ci sia dierenza!)

Il Coach un agente consapevole del cambiamento.


Quale cambiamento?
Ogni trasformazione che si possa denire evolutiva dal punto di vista del soggetto che la vive e che ne
responsabile. Ogni cambiamento che in un modo o nellaltro ci possa portare ad essere pi liberi, felici ed
appagati. Concettualmente, ricordiamoci sempre che laddove c un cambiamento, l ci sar uninterazione
Fisica, chimica, relazioni umane

Senza interazione non possibile presupporre il cambiamento. ()


Nella vita questo qualcosa che ci cambia sempre un sistema dinamico di informazioni.
Ne abbiamo identicate di 3 tipi: tipicamente possono essere altri individui, ma possono essere testi o anche
singole parti di noi stessi (tanto per usare una diusa e funzionale denizione metaforica).
Nel primo caso rientrano i consigli degli amici, le frasi sentite occasionalmente da qualcuno, i corsi di formazione e
chiaramente! tutte le attivit di assistenza alla persona che si basano sulla comunicazione, come il nostro
beneamato Wellness Coaching.
Nel secondo caso rientrano invece tutti i messaggi che lessere umano ha in qualche modo ssato su un testo:
letteratura, losoa, musica, arte visiva, cinema, foto, design sono tutti testi che veicolano informazioni in grado
talvolta di cambiare anche drasticamente la nostra esistenza.
Nel terzo caso inne rientrano tutti i tentativi di Self-Coaching, di attivit cio in cui una parte di noi porta al
cambiamento unaltra parte di noi.
Come dice Bolstad,
lidea delle parti ha la sua origine psicoterapeutica nel modello dinamico della psicoanalisi. In esso,
le principali parti della psiche considerate sono id (che Freud aerma essere basato su
passioni incontrollate), ego (area basata su ragione e circospezione) e superego (che difende
e mantiene le norme comportamentali morali
richieste dalla societ.
La Pnl ha recuperato il concetto di parte inquadrandola come

2/3

una rete neurale capace di mettere in atto strategie in modo autonomo rispetto al resto del cervello.

Quando ci autoboicottiamo, o viviamo situazioni che creano conitti tra 2 o pi


parti di noi stessi, questa situazione pu essere sciolta integrando le diverse parti
tra loro, dunque permettendo a noi stessi di trovare un nuovo equilibrio. ()

[Estratto da La Logica delle Strategie Rappresentazionali, Ebook n.5 del Corso da Wellness Coach
Professionista del Weco Club, il Wellness Coaching Club di I Feel Good www.wecoclub.it]

3/3