Sei sulla pagina 1di 5

Diritto internazionale ed europeo

Orale di internazionale a fine gennaio


Il diritto internazionale: questo corso a carattere istituzionale. Vuole fornire
gli elementi delle regole giuridiche di un determinato ordinamento
Il manuale il Conforti-Diritto internazionale X edizione
il diritto internazionale una materia giuridica, si occupa di norme giuridiche.
I documenti citati nel manuale possono essere scaricati da internet, oppure si p
ossono consultare sul sito dell'onu.
Altrimenti bisogna utilizzare un codice recente di diritto internazionale
Che cos' il diritto internazionale?
Il diritto internazionale pu essere definito come l'insieme delle regole giuridic
he che disciplinano i rapporti tra i soggetti
della comunit internazionale.
Gli elementi di questa definizione sono in grado di fornirci anche un quadro gen
erale della situazione.
Il diritto internazionale un diritto ma con elementi di originalit rispetto agli
altri diritti gi affrontati.
Avere un quadro di riferimento generale allora utile.
Possiamo allora vedere come, in ambito internazionale, il diritto coincida con l
'ordinamento
dire diritto internazionale significa dire ordinamento internazionale e vicevers
a
Negli ordinamenti interni c' una settorialit del diritto: diritto privato, diritto
pubblico ecc
Il diritto internazionale invece monolitico: il contenuto delle sue norme pu rigu
ardare sia profili di carattere pubblicistico che privatistico
cio sia il comportamento di soggetti pubblici(stati), che di individui(ad esempio
per quello che riguarda i diritti umani)
C' una differenza tra diritto internazionale e diritto internazionale privato
Il secondo una branca del diritto privato. Si occupa delle fattispecie che rispe
tto ad un determinato ordinamento giuridico
presentano elementi di estraneit
Ad esempio: se X italiano, Y francese, si sposano in spagna. Quale ordinamento g
iuridico si applica al matrimonio?
il diritto internazionale privato che se ne occupa.
Come funzionano queste norme? Stabiliscono quanto deve essere applicato di dirit
to interno a fattispecie del genere.
Esempio art. 20 della legge 218/1995(legge italiana che contiene norme di diritt
o internazionale)
la capacit giuridica delle persone disciplinata dalla loro legge nazionale.
Se il cittadino italiano si applica la legge italiana, se inglese quella inglese
ecc.
Le norme di diritto internazionale privato non sono norme interne.
Inoltre, prima di applicare l'ordinamento dei singoli stati, bisogna andare a ve
dere se l'individuo soggetto alle leggi dell'ordinamento nazionale.
In ogni caso, diritto internazionale privato non sar oggetto dei nostri studi.
Molte volte il diritto internazionale viene indicato come pubblico, per distingu
erlo dal diritto internazionale privato.
Ma non ha senso, perch il secondo fa parte dell'ordinamento interno.
Il diritto internazionale si occupa dei rapporti tra i soggetti della comunit int
ernazionale

L'espressione comunit internazionale viene spesso equiparata all'espressione comu


nit degli stati, sebbene non ci sia una precisa coincidenza
tra le due espressione. L'espressione comunit internazionale pi ampia rispetto a c
omunit degli stati.
tuttavia in questo primo momento possiamo considerarli sinonimi.
Il diritto internazionale si indirizza agli stati, nasce in funzione dello stato
.
Lo stato moderno si caratterizza per due requisiti fondamentali:
lo stato un ente sovrano e indipendente, per definizione.
Sovrano perch rappresenta l'espressione massima del potere in un determinato terr
itorio e nei riguardi della comunit di individui stanziata in quel territorio.
Indipendente, perch la sua sovranit assoluta e primordiale. Lo stato non dipende d
a altri nella gestione del territorio, altrimenti rinuncerebbe alla sua sovranit.
Lo stato moderno nasce quando vengono meno i due centri di potere, papato e impe
ro.
La nascita dello stato moderno iene fatto coincidere con il trattato di Westfali
a.
Dalla disgregazione del sacro romano impero, nascono entit poliitiche che non ric
onoscono centri di potere superiori.
Lo stato si autolegittima.
La comunit degli stati un ambiente sociale caratterizzato dalla presenza di stati
sovrani e indipendenti.
La caratteristica che questa comunit piatta, anorganica. Non c' un centro di poter
e superiore, altrimenti verrebbe meno la loro sovranit.
Questo almeno sul profilo formale. SUl profilo materiale le cose ovviamente sono
diverse.
gli stati agiscono intrattenendo rapporti tra di loro. Si formano poi delle rego
le, si tratta di capire se sono regole giuridiche o di altra natura.
La politica internazionale la scelta di quei principi che uno stato intende pers
eguire nelle sue relazioni con altri stati.
queste relazioni con altri soggetti danno luogo a regole di comportamento.
quando queste forme di relazione tra stati diventano particolarmente intense, al
punto tale che per il conseguimento di un determinato obiettivo
sono richiesti sforzi congiunti, allora gli stati si aggregano tra di loro.
Nella comunit internazionale, accanto agli stati, operano anche le organizzazioni
internazionali
Mettono insieme esigenze pi disparate: obiettivi politici, sanitari, militari ecc
La presenza delle organizzazioni internazionali contribuisce a dare maggiore aut
onomia alla comunit degli stati(o meglio, internazionale)
Per, mentre lo stato un soggetto originario, l'organizzazione internazionale un s
oggetto derivato( infatti un'unione tra stati)
Il fenomeno dell'organizzazione internazionale nasce prima del WWI(societ delle n
azioni), ma si sviluppa nel secondo dopoguerra.
le organizzazioni internazionali sono molto pi numerose degli stati.
Possiamo fare un'ulteriore precisazione: vero che la comunit internazionale sempr
e pi organizzata, ma ci non vuol dire che si sia creato un centro di potere superi
ore agli stati.
La comunit internazionale resta sempre piatta, sprovvista di un centro di potere
Questo riguarda anche l'onu, che la pi ampia organizzazione, sebbene non l'unica.
spesso si tende a sovrapporre l'ordinamento dell'onu all'ordinamento del diritto
internazionale.
Sono affermazioni errate.
L'onu nasce per volont degli stati: accordo di San Francisco.
Gli stati non hanno obbligo di partecipazione, possono uscirne quando vogliono.

La comunit internazionale quindi composta da stati e da organizzazioni internazio


nali.
Tutti gli stati hanno un loro ordinamento giuridico nazionale.
Lo stato partecipe del suo ordinamento giuridico, ma anche dell'ordinamento giur
idico della comunit nazionale.
Ma a condizioni diverse. Nell'ordinamento interno, lo stato espressione massima
del potere, l'organo di vertice dell'ordinamento giuridico interno.
Nell'ordinamento internazionale lo stato soggetto di base dell'ordinamento, sta
alla base.
Lo stesso soggetto compartecipe a due distinti ordinamenti giuridici.
I due ordinamenti giuridici devono essere in armonia.
Dunque l'ordinamento interno deve adeguarsi all'ordinamento internazionale. Lo s
tato pu infatti modificare l'ordinamento interno
ma non l'ordinamento internazionale
Art 10 primo comma costituzione un articolo di recepimento e apertura nei confro
nti dell'ordinamento internazionale.
Negli ordinamenti di common law questa norma una norma implicita.
Dicevamo che ci sono anche le organizzazioni internazionali, vincolate da un pro
prio ordinamento giuridico interno.
Il trattato istitutivo indica i caratteri generali dell'organizzazione
l'organizzazione internazionale nasce su base volontaria degli stati-> il tratta
to gi in sintonia con l'ordinamento internazionale.
il livello in cui opera l'ordinamento interno dell'organizzazione lo stesso dell
'ordinamento internazionale.
LA composizione sociale della comunit internazionale dunque non riguarda solo gli
stati, ma anche le organizzazioni. Vedremo in seguito se ci sono altri membri.
Un altro elemento che abbiamo visto nella definizione che il diritto internazion
ale un insieme di regole giuridiche strutturato in ordinamento
Significa che dobbiamo ricostruire gli elementi caratteristici di qualsiasi ordi
namento giuridico.
Sono il profilo relativo alla produzione delle norme e il profilo relativo all'a
ccertamento del contenuto della norma
infine il profilo di garanzia o di attuazione coercitiva della norma stessa.
Negli ordinamenti giuridici interni il potere statale che si occupa di tutto que
sto.
Nell'ordinament internazionale non c' un potere, tuttavia questo non vuol dire ch
e questi poteri manchino.
C' una funzione legislativa, una di accertamento e una di garanzia.
Come vengono prodotte le norme nell'ordinamento internazionale?
Tramite due meccanismi
1)Accordo tra due o pi soggetti. l'accordo un meccanismo di produzione normativa
conosciuto anche negli ordinamenti interni.
ad esempio il contratto un accordo. La produzione di norme giuridiche che si ha
mediante l'accordo una produzione in autonomia.
Nel momento in cui viene stipulato un accordo si producono delle norme giuridich
e, che sono scelte liberamente dagli stati, non sono imposti.
L'accordo pu funzionare se la sua nascita e i suoi effetti sono previsti da una n
orma giuridica.
Nell'ordinamento internazionale qual la norma di riferimento? una norma di carat
tere consuetudinario. "pacta sunt observanda"
le libere manifestazioni di volont tra due o pi soggetti di diritto internazionale
sono obbligatorie e devono essere rispettate
Pacta sunt observanda una norma consuetudinaria, cio che si forma grazie all'uso
continuo nel tempo di un determinato comportamento.
Le consuetudini sono riconosciute da tutti gli ordinamenti giuridici.

importante sottolineare che la norma consuetudinaria si forma in assenza di auto


rit superiore agli stati.
la norma consuetudinaria diversa dall'accordo.
occorre stabilire se essa sia potenzialmente idonea a colpire una cerchia di des
tinatari maggiore dell'accordo.
Il trattato crea diritto tra le parti, ma qual l'ambito di destinatari della nor
ma consuetudinaria?
Nella giurisprudenza internazionale, i giudici internazionali affermano che la n
orma consuetudinaria esiste nel momento in cui la maggioranza dei soggetti si co
mporta in un determinato modo.
Si richiede la non contestazione della norma consuetudinaria.
L'onere della prova invertito.
La norma consuetudinaria una norma generale, pu colpire qualsiasi soggetto della
comunit internazionale.
Se uno stato vuole sottrarsi alla norma consuetudinaria ha l'onere di mostrare c
he quella norma non rispettata dalla maggioranza degli stati.
Da un lato abbiamo le norme pattizie, quelle del trattato. Sono norme particolar
i, colpiscono solo i soggetti che partecipano al trattato.
Le norme consuetudinarie sono diritto generale, possono colpire qualsiasi sogget
to.
LA norma pacta sunt observanda una norma consuetudinaria.
c' una gerarchia tra le fonti.
Le consuetudinarie sono di primo grado, le regole di trattato stanno sotto le no
rme consuetudinarie.
Ci sono altre fonti nel diritto internazionale.
Nella comunit nazionale manca un centro di potere, ma c' un meccanismo che svolge
funzione di produzione legislativa.
Sono meccanismi coerenti con iil carattere orizzontale della comunit.
Il diritto che nasce da consuetudine o accordo non imposto da centri di potere,
il diritto nazionale invece imposto(dallo stato)
Nel diritto internazionale la funzione legislativa ha carattere autonomo.
Come si pone allora il problema della giustizia?
Il problema nell'ordinamento interno viene risolto dal legislatore, la norma si
impone al destinatario.
Ma nell'ordinamento internazionale le cose sono differenti.
Il problema di giustizia si pone e viene risolto in modo diverso e in modo diret
to.
Chi fa la norma chi la utilizza.
I meccanismi di ricambio del contenuto delle norme sono molto pi rapide nel quadr
o internazionale.
Il diritto internazionale ha carattere autonomo e soddisfa il problema di risolu
zione della funzione legislativa in assenza di centro di potere.
Ora vediamo il profilo dell'accertamento del diritto internazionale.
ci significa stabilire in modo preciso il contenuto di una norma giuridica con ri
ferimento ad un determinato comportamento concreto
Le norme giuridiche hanno un grado di astrattezza non indifferente.
la norma deve essere calata in un contesto concreto.
In genere, stabilire qual il contenuto di una norma giuridica rispetto ad un det
erminato comportamento contribuisce a stabilire una garanzia della norma stessa.
Quando si pone un problema di accertamento del diritto?
Quando esistono pretese tra i soggetti. Nel diritto internazionale ci sono contr
oversie tra stati.
Nel piano interno il giudice interno a risolvere la controversia, cercando una n
orma o applicandone altre per analogia o ricorrendo ai principi generali dell'or
dinamento.

Se non trova nulla dichiara che il caso non coperto da alcuna norma.
In diritto internazionale la controversia si risolve sulal base del diritto esis
tente, per in diritto internazionale il destinatario della norma colui che la fa.
In caso di controversia gli stati in questione possono, essendo legislatori e fr
uitori al tempo stesso, creare un nuovo accordo che supera il dato normativo esi
stente e poter
risolvere la controversia.
La soluzione delle controversie si pu risolvere anche applicando il diritto gi esi
stente.
Se scelgo di risolvere la controversia sulla base del diritto esistente allora m
i rivolgo ad un giudice internazionale.
Se voglio modificare il diritto non devo rivolgermi al giudice, mi metto d'accor
do con la controparte e si stabilisce un nuovo accordo bilaterale per la risoluz
ione delle controversie.
Per l'ordinamento internazionale conta solo che la controversia venga risolta in
maniera pacifica, non conta come venga risolta.
I diversi metodi sono esposti, in maniera orizzontale, nella carta di risoluzion
e delle controversie(cercare legge)
Metodo giudiziario: ricorso ad un terzo, il giudice o arbitro internazionale.
Gli stati in lite si spogliano della controversia, ora tocca al giudice risolver
e la controversia
L'esito probabile del successo della controversia legata alla certezza del conte
nuto della norma.
Se la norma redatta in modo chiaro la possibilit che il giudice sbagli molto limi
tata.
I margini ci sono invece quando la norma costruita in modo ambiguo ed equivoco.
In diritto internazionale abbiamo da un lato le norme consuetudinarie, che sono
norme chiare.
Il ricorso al metodo giudiziario pu essere incerto, in ragione della chiarezza o
meno della norma applicata.
Metodo diplomatico/politico: gli stati in lite sono padroni della controversia.
Anche se interviene un terzo soggetto esso non ha un comportamento vincolante pe
r gli stati.
Tuttavia spesso non si hanno notizie di questo metodo, poich la diplomazia si bas
a molto sulla riservatezza.
LA soluzione riguarda solo gli stati che sono parte in causa.
in diritto internazionale non vale il principio dello stare decisis(https://it.w
ikipedia.org/wiki/Stare_decisis
) cio il precedente giudiziario non vincolante