Sei sulla pagina 1di 7

Emittente TV

VIDEO
Canale 286

Canale 678

Quotidiano della Provincia di Siracusa

Sicilia

66

mail: libertasicilia@gmail.com
Fondatore Giuseppe Bianca nel 1987
marted 14 giugno 2016 Anno XXix N. 140 Direzione, Amministrazione e Redazione: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 FAX 0931 60.006 Pubblicit locale: via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 60.006 1,00
www.libertasicilia.it

Da marted 21 decadono gli organismi direttivi e accorpamento con Catania e Ragusa Lo affermano Marziano e Greco

Camera di Commercio addio!


Da marted calderone unico
Tutto gestir Catania come sta accadendo in tutti i settori
Marted prossimo il termi-

pachino

ne ultimo per la decadenza


degli organismi direttivi degli enti camerali siciliani per
fare spazio al nuovo assetto
amministrativo delle camere
di commercio unificate o, in
subordine, a una forma di
gestione commissariale in
attesa di definire la questione sotto tutti i punti di vista.
Si avvia cos lo scioglimento
della giunta della camera di
commercio di Siracusa. La
Camera di Commercio ed
Arti di Siracusa.

Assemblea
non richiesta
Il sindaco poteva
stare zitto

Cattiva pseudo politica


quella che prova a riversare

sugli altri le proprie responsabilit e le proprie incapacit. Ancor peggio quando


si affida alla calunnia e alla
diffamazione. La manifesta
incapacit di risolvere i problemi esige, molto spesso,
ununica cosa: le dimissioni. Questo il commento del
segretario generale della FP
Cisl Ragusa Siracusa, Daniele Passanisi, intervenuto
a difesa della delegazione
sindacale aziendale del Comune di Pachino attaccata
dal sindaco del paese, Roberto Bruno. Il primo cittadino, con una nota inviata l1
giugno scorso, aveva denunciato a suo dire i rappresentanti sindacali Rsu/Rsa
della Fp Cisl colpevoli.

iamo giunti a quasi tre


anni dallinsediamento della
giunta Garozzo e tra le diverse
importanti questioni.

A pagina dodici

A pagina tre

A pagina dodici

politica

cultura

La totale assenza Lannunciazione


di una strategia
a Palazzolo e si scatena
produttiva
il fronte del No
S

Formazione: Riforma
figlia del confronto,
niente blitz

politica

Circoscrizione
Belvedere, aprite
quellOstello
Il

Consiglio di circoscrizione Belvedere storce il naso


contro la chiusura e lo stato
di abbandono in cui versa
l'Ostello della Giovent. L'edificio stato recentemente
ristrutturato da parte.

Sopra, Bruno Marziano e Marcello Greco.

Lapprovazione del ddl di riforma un segnale di at-

tenzione verso il mondo della Formazione professionale


e non un blitz dagli obiettivi oscuri. A dichiararlo sono
stati lassessore regionale allIstruzione ed alla Formazione professionale, Bruno Marziano, e il presidente.
A pagina quattro

A pagina quattro

20 mila piante di marijuana in serra


il gip convalida larresto dei tre
I

litiche relative alla fruizione dei beni culturali.

eri mattina sono


comparsi dinanzi al
gip del tribunale di
Siracusa, Andrea Migneco, che ha convalidato larresto, le tre
persone che coltivavano piante di canapa
indiana nelle serre.

A pagina due

A pagina cinque

N
on nostra intenzione censurare le scelte po-

Commenti 2

Sicilia 14 giugno 2016, marted

LAnnunciazione a Palazzolo
Si scatena il fronte del no
Non nostra in-

tenzione censurare
le scelte politiche
relative alla fruizione dei beni culturali
sul territorio e non
crediamo che sia
solo il capriccio di
un assessore o di
un deputato a poter privare una Galleria, come quella
di Palazzo Bellomo
di Siracusa, di uno
dei principali beni
pittorici della sua
sezione espositiva come lAnnunciazione di Antonello da Messina,
proprio nei mesi
(giugno-agosto)
di maggiore affluenza turistica a
Siracusa lo afferma Ezechia Paolo
Reale, portavoce di
Progetto Siracusa.
Il
trasferimento
temporaneo
dellopera rientrer
certamente in un
accurato programma e sar anche
frutto di una scelta
politica ponderata
ma, tecnicamente,

Uiltec Sicilia

Emanuele
Sorrentino il
nuovo segretario
generale

La mostra prevista a Palazzo Cappellani, Antonello


e Laurana: due capolavori del Rinascimento
a Palazzolo Acreide. Unoccasione o un rischio inutile?

LAnnunciazione di Antonello da Messina.

Sopra la sala di esposizione presso il museo Bellomo.

ci permettiamo di
chiedere su tale
scelta unattenta riflessione al Soprintendente Rosalba
Panvini, affinch
verifichi con scrupolo le condizioni
di sicurezza del
dipinto, non solo

nella fase del suo


trasporto ma, ancor pi, nella sede
della sua esposizione temporanea,
sapendo gi che
stiamo parlando di
uno dei pi fragili
e, al tempo stesso,
unici elementi del-

la collezione della
Galleria Museale.
1. Siamo convinti
che lo scambio tra
poli museali possa
solo arricchire lofferta culturale della provincia ma, in
questo caso, non
possiamo non ri-

cordare che lopera


di cui si parla costituisce uno dei beni
essenziali
della
Galleria di Palazzo
Bellomo.
2. Al rientro dal
delicatissimo
restauro, nel 2007,
per opera del prof.
Giuseppe
Basile
dellIstituto Superiore Conservazione e Restauro di
Roma, nel 2007,
lopera venne accompagnata
da
un documento di
prevenzione
del
degrado che, date
le sue condizioni
di estrema fragilit,
richiedeva che lopera non potesse
essere
spostata,

Sul trasferimento dellAnnunciazione di Antonello da Messina, per lesposizione in una mostra

Siracusa: la tutela dei Beni


culturali, questa sconosciuta

Lintervento del consiglio direttivo di Italia Nostra

Nellimminente

inizio
di questa strana estate
non passa giorno in cui
le cronache cittadine
non riportino notizie riguardanti i nostri amministratori, i politici, i
dirigenti o gli imprenditori che operano un
sistematico assalto a
quanto di bello e pregevole ed importante
esiste ancora nella
nostra citt.
Decisioni
illogiche
maturate nottetempo
riguardano
progetti
incuranti
della difesa e dellincolumit di:
opere darte, ambiente,
paesaggio, monumenti
ecc. Dopo lassalto a
Cala rossa, il degrado
della Fontana di Diana, la distruzione del
mascherone apotropaico di via Picherali e la

distesa di legname che


ricopre gran parte dei
Sette Scogli, notizia
recente il progetto di trasferimento a Palazzolo,
per lesposizione in una
mostra, dellAnnunciazione di Antonello da
Messina custodita alla
Galleria Regionale di Palazzo Bellomo.
Non ci stancheremo
mai di ripetere quanto
Siracusa sia una citt
immemore, che relega
nel dimenticatoio tutto
quanto stato oggetto di
discussioni e di decisioni
che hanno poi codificato
comportamenti e norme
a cui attenersi nel tempo.
E questo il caso dellAnnunciazione di cui tutti
conosciamo il travagliato iter del restauro documentato nella mostra,
che crediamo sia ancora

Sicilia 3

14 giugno 2016, marted

esposta al Bellomo, e
le pressanti raccomandazioni da parte dei responsabili
dellIstituto
Centrale del Restauro a
non procedere ad alcuno spostamento, pena
il distacco delle precarie
superfici dipinte. Ora,
perfino le Istituzioni preposte alla tutela, incuranti di tale raccomandazione, progettano il
trasferimento dellOpera a Palazzolo per una
mostra che , con tutto il
rispetto per tale Comune, non ci sembra possa
giustificare la messa a
repentaglio dellincolumit del preziosissimo
dipinto.
Ricordiamo
perfettamente quali e quante
precauzioni si ebbero
nel trasferimento dal laboratorio di restauro e

quanta attenzione fu posta nel costruire il contenitore che avrebbe garantito la sicurezza del
trasporto eseguito da
una Ditta specializzata
e quello che fu fatto per
collocare il quadro nella
sala del Bellomo, nelle
migliori condizioni, in un
contenitore particolare
ancorato al pavimento
che garantisce sia la climatizzazione della teca
che ladeguamento delle fonti luminose, indispensabili allincolumit
del dipinto.
E stato valutato tutto
questo? Si chiesto il
parere dei tecnici di laboratorio di restauro ?
Il trasferimento consentito dalle normative vigenti? Non esiste
presso
lAssessorato
un elenco delle opere

se non per inderogabili e impellenti


motivi.
3. LAnnunciazione
di Antonello al Bellomo di Siracusa
stata appositamente conservata
in una struttura di
acciaio ancorata al
pavimento e schermata da una ampia
vetrata, appositamente creata per
la massima tutela,
conservazione
e
protezione del dipinto, in una condizione
climatica
e di illuminazione
ideale difficilmente riproducibile sia
durante il trasporto che a Palazzo
Cappellani.

inamovibili di cui fa
parte lAnnunciazione
di Antonello da Messina, delle quali vietata
luscita anche temporanea? E che le eventuali deroghe devono
avere il parere della
Giunta di Governo e
devono essere supportate da straordinari
motivi di valorizzazione
dei Beni culturali?
Una simile operazione che, riteniamo abbia un costo notevole
e altrettanto notevoli
rischi, quali finalit culturali si prefigge vista la
modesta distanza che
intercorre tra Siracusa
e Palazzolo ? Ed infine, si pensato al
danno che lassenza
dellOpera di maggiore attrazione arrecher
alla struttura museale
in un periodo dellanno
in cui concentrato il
maggior flusso turistico
nelle nostra citt?
Ci auguriamo che queste nostre riserve siano
prese in considerazione
prima di rendere
operativa limprovvida
decisione.
Il Consiglio Direttivo
di Italia Nostra SR

E
manuele Sorrentino il nuovo Segretario Generale della Uiltec Sicilia.

La nomina avvenuta oggi a Pergusa


dove si riunito il Consiglio regionale,
alla presenza del Segretario nazionale Uiltec, Paolo Pirani e del Segretario organizzativo, Rosaria Pucci. Un
riconoscimento al territorio ed alla
carriera di Sorrentino per un ruolo
che aveva gi ricoperto in passato.
Sorrentino attualmente il Segretario

SiracusaCity

Generale della macro area Sud est


Sicilia (che comprende Siracusa, Ragusa, Enna e Caltanissetta), incarico
che continuer a ricoprire fino a fine
anno. "Metter a disposizione la mia
esperienza - ha dichiarato il neo Segretario regionale - per creare il futuro
della Uiltec in Sicilia, in un momento
di grande difficolt economica e di
problemi da affrontare per il futuro e lo
sviluppo dell'Isola".

La totale assenza di una strategia


produttiva per il medio periodo

Edilizia popolare e periferia. Bandiera (Fi): Sicilia


al collasso. Siracusa in coma irreversibile per
colpa di amministrazione comunale assente

iamo giunti a quasi


tre anni dallinsediamento della giunta Garozzo e tra le diverse
importanti questioni,
che necessitavano
di essere immediatamente affrontate e che
invece appaiono giacere nel dimenticatoio
emerge, sempre con
maggiore problematicit e allarme sociale,
la problematica del diritto alla casa e lormai
improcrastinabile tema
della riqualificazione
dei contesti periferici.
Territori e persone che
cercano la possibilit
di riscatto, ma che
restano relegate alla
marginalit e allabbandono sociale. Una
emergenza determinata anche dallassenza
di interventi organici di
riqualificazione nelle
aree pubbliche, di un
piano di edilizia popolare per la costruzione
di nuovi alloggi, di
significativi interventi
di manutenzione e
dalla crescente crisi
economica, che causa
migliaia di fratti, lo dichiara lonorevole Edy
Bandiera, commissario
provinciale di Forza
Italia a Siracusa.
Ogni anno in Sicilia
sono circa 10 mila le
famiglie sfrattate o
prossime allo sfratto,
le liste di attesa per un
alloggio contano qualcosa come 30.000 famiglie prosegue Bandiera . Interi contesti
di edilizia economica e
popolare sono al tempo
stesso abbandonati al
degrado per una non
gestione di problematiche e territori e per
lincuria in cui vengono
lasciati.

La crescente povert
delle famiglie e la
continua emorragia di
posti di lavoro hanno
aggravato la condizione economica sociale
e abitativa di molti
cittadini, mentre i flussi
migratori con i conseguenti cambiamenti
demografici hanno creato nuovi incrementi
delle necessit abitative. Siracusa, in linea
con questi allarmanti
indicatori, addirittura
indietro rispetto ad
altre provincie siciliane, con minori potenzialit di sviluppo,

Sopra, Palazzo Vermexio dove risiede il governo della citt.

non sta brillando per


la messa in campo di
iniziative tampone di

breve periodo, ma cosa


ancora pi grave, la
totale assenza di una

strategia per il medio


periodo, che consenta
di normalizzare quella

Scelte le scuole e i lavori vincitori del concorso


Vai col Vento! 2016 di ERG Renew

Assegnati a tre scuole italiane i premi VCV


School of the Year 2016 ed i premi VCV Award
2016 a 15 ragazzi di terza media che hanno
partecipato al concorso indetto dal progetto di
educazione ambientale Vai col Vento!, organizzato da ERG Renew col patrocinio del Ministero dellAmbiente e la collaborazione dellArma dei Carabinieri.
Il premio VCV School of the Year stato assegnato alle scuole delle regioni italiane sui cui
territori operano parchi eolici di ERG Renew che
hanno meglio interpretato lo spirito del progetto e che, attraverso la partecipazione a Vai col
Vento! hanno conseguito gli obiettivi di condivisione del valore dellenergia rinnovabile e della
protezione ambientale rispetto agli effetti del climate change.
Schools of the year per il 2016 tra le 35 partecipanti al progetto dellanno scolastico 201516- sono state designate l Istituto Comprensivo
Carlo V di Carlentini (SR), l Istituto Comprensivo Virgilio di Troia (FG) e lIstituto Comprensivo Serra - Fais di Ploaghe (SS).
Col VCV Award 2016 sono stati premiati quattro lavori realizzati dagli oltre 1400 studenti che
hanno preso parte al concorso del progetto Vai
col Vento!, il cui tema era linterpretazione della
presenza dei parchi eolici nel territorio e lutilit
dellutilizzo dellenergia eolica rispetto agli effetti
del climate change.

Nel premiare i quattro elaborati si tenuto presente della capacit di esprimere con fantasia
il tema proposto e la consapevolezza delle caratteristiche delle fonti energetiche rinnovabili,
anche in relazione al territorio in cui i ragazzi
vivono.
I lavori vincitori sono:
1) La voce del vento (Power point multimediale
sul rapporto tra persone del territorio e parchi
eolici in Val Fortore)
Studenti: Ilaria Bianco, Sabina Casamassa, Miriam Anna Clienti, Francesca Martucci
Classe IIIC dell I.C. San Marco dei Cavoti
Plesso di Foiano Val Fortore (BN)
2) Immagini digitali: energie verso una nuova
vita (immagini da un presente di energie fossili
ad un futuro di energie rinnovabili sui rispettivi
telefonini)
Studenti: Elena Alberghina e Daniele Condello
Classe IIIB dell I.C. Carlo V di Carlentini
(SR)
3) Modellino ambiente eolico rurale - Fotolibro
didattico documentale (mini aerogeneratore
funzionante realizzato su un diorama composto da piante vere e ricerca/raccolta di immagini sul mondo delleolico).
Studenti: Mariangela Di Gioia, Rosa Di Tullio,
Francesco Lo Drago, Maria Speranza Manna,
Maria Grazie Moneta, Flavia Pannese
Classe III B dell I.C. Virgilio di Troia (FG)

che oggi una pesante emergenza, che


manifester purtroppo
i suoi effetti, sempre
pi gravi, nei prossimi
anni. LAmministrazione comunale, insieme
al Governo regionale,
ammettano la totale
disattenzione e inerzia
su questa prioritaria
problematica conclude il commissario
azzurro . Ci dica cosa
ha fatto il comune, o se
ha uno straccio di idea
da mettere in campo
immediatamente.
Noi a tuttoggi abbiamo registrato il nulla.
Forza Italia a fianco
di cittadini e residenti, vittime di cotanta
disattenzione e denuncia disinteresse e
incapacit dellAmministrazione Comunale
e del Governo Regionale, nonch lassenza
nellagenda politica
di un piano strategico
sul diritto allabitare
dignitoso. Forza Italia,
inoltre, condivide le linee programmatiche e
le giuste rivendicazioni
delle parti sociali e degli
organismi di categoria.
Dinnanzi a tanta emergenza sociale, che piega cittadini e famiglie,
assurdo dover registrare lassenza di misure
efficaci per sostenere
gli sfrattati, i senza tetto
e le famiglie in grave
disagio; labbandono,
la pessima gestione
e lincuria in cui sono
lasciati il patrimonio
abitativo pubblico e
le aree circostanti; lo
spreco dei fondi comunitari, regionali e
comunali; la mancanza
nel bilancio comunale
e nella finanziaria regionale di adeguate
risorse destinate allemergenza e al disagio
abitativo e lassenza
di qualsiasi progetto
per aumentare lofferta
di alloggi pubblici e a
canone accessibile;
diviene altres necessaria e urgente una
norma organica sul
diritto allabitazione
ed una programmazione coordinata degli
finanziamenti e delle
iniziative di settore.

SiracusaCity 4

Sicilia 14 giugno 2016, marted

14 giugno 2016, marted

Marziano e Greco: Riforma figlia


del confronto, niente blitz

A dichiararlo sono stati lassessore regionale


allIstruzione ed alla Formazione, Marziano,
e il presidente della Quinta commissione

L approvazione

del ddl di riforma un


segnale di attenzione
verso il mondo della Formazione professionale e non un
blitz dagli obiettivi
oscuri. A dichiararlo
sono stati lassessore regionale allIstruzione ed alla Formazione professionale,
Bruno Marziano, e
il presidente della
Quinta commissione
Cultura, Formazione
e Lavoro dellArs,
Marcello
Greco.
Solo una fantasiosa
e strumentale polemica hanno dichiarato Marziano e Greco quella sollevata
riguardo all'approvazione in commissione
del ddl di riforma della Formazione professionale. Anzi, si
voluto rimarcare una
sua forte attenzione
sul tema. Lassessore Marziano e il
presidente
Greco

smentiscono le modalit da blitz per


un presunto mancato
confronto con le parti
sociali. Niente segreti hanno continuato - poich le audizioni e il confronto
con le parti sociali e
le associazioni degli
enti di formazione si
sono sviluppate prima dellapprovazione dei singoli articoli.
Inoltre, la decisione
di procedere all'approvazione del dise-

Sopra, Bruno Marziano e Marcello Greco.

gno di legge stata


annunciata tramite

linserimento allordine del giorno per

Domani il bando per i nuovi corsi di Formazione prossionale


Il bando da 168 milioni di euro, lAvviso

8 che dovr sostituire lavviso 3, dovrebbe essere pubblicato domani sul sito della Regione. Mentre i formatori stringono
i denti e in un primo momento avevano
pensato si trattasse di una nuova debacle, di un nuovo capitolo di attesa e delusione, Marziano ha provveduto a svelare
larcano del rimando della pubblicazione
on line, ovvero lindisposizione, a causa di
un intervento chirurgico non programmato, del direttore del dipartimento regionale.
Latteso avviso 8 sostituir il contestatissi-

mo avviso 3, finito nelle maglie del Tar, e


che di fatto aveva bloccato liter per lanciare il nuovo bando che dovrebbe riaprire le
danze lavorative nel comparto della formazione professionale e rimettere in moto le
centinaia di operatori da tempo bloccati e
preoccupati per il loro futuro occupazionale. Da parte loro gli operatori della formazione restano in attesa, e si dicono scottati
dallesperienza dei mesi scorsi, quando
pi volte hanno partecipato a riunioni programmatiche e tavoli tecnici senza mai ottenere per rassicurazioni che definissero

Ex Provincia: Non in stato di abbandono e la situazione costantemente monitorata

Circoscrizione Belvedere: Ostello


della Giovent versa in stato di abbandono

Il Consiglio di circoscrizione Belvedere


storce il naso contro
la chiusura e lo stato
di abbandono in cui
versa l'Ostello della
Giovent. L'edificio
stato recentemente
ristrutturato da parte
dellex Provincia regionale di Siracusa,
oggi Libero consorzio, ma a oggi rimasto chiuso per
ragioni burocratiche
e amministrative che
provocano ritardi e
rendono in condizioni di quasi abbandono la struttura.
"Si tratta di unopera - afferma Enzo
Pantano, presidente
della Circoscrizione
Belvedere - che la
nostra circoscrizione e Siracusa tutta
aspetta da oltre 20
anni e che rappre-

pi di un mese dello
stesso e in questa
fase non pervenuta alla commissione
alcuna richiesta di
audizione.
Per questo si ritenuta esaustiva la
fase di confronto.
E chiaro che, alla
luce delle novit del
sistema
regionale di certificazione
delle
competenze
approvato a seguito
della pubblicazione
dell'articolo 30 della
legge finanziaria bis
e della trattativa con
il Governo nazionale
sulla dichiarazione
dello stato di crisi del

settore e sulle proposte di risanamento e


stabilizzazione
del
sistema formativo, alcuni articoli possano
oggi apparire obsoleti
o superati.
Nulla vieta, per, che
nel lungo iter della
legge nel passaggio
alla commissione Bilancio e poi a in aula
si possano apportare
ulteriori modifiche migliorative o eliminare
aspetti controversi.
Lobiettivo della commissione e dell'assessorato unicamente quello di
avviare liter per dotare la Regione di uno
strumento normativo
che sia in sintonia
con il percorso di risanamento, razionalizzazione e stabilizzazione avviato gi
con il Governo nazionale e in sintonia con
le nuove norme europee che regolano
il sistema formativo.

senta un simbolo
di Belvedere e una
occasione
fondamentale di rilancio
economico
legato
al turismo perch si
trova a pochi passi
dal sito archeologico del Castello Eurialo".

Su questultimo monumento si sono


riaccesi i riflettori
dellamministrazione regionale dopo
gli appelli per la sua
manutenzione
ma
certo non baster ripulire dalle erbacce
il sito archeologico

per dare il via a un


turismo culturale degno di questo nome.
"Occorrono servizi prosegue Pantano
- , cure quotidiane,
manutenzione ordinaria e strutture a
corredo. In questo
contesto, certo, lO-

con certezza la data della ripresa dei corsi.


Prima che Marziano specificasse le cause
dellultimo ritardo, il comitato siracusano
dei formatori aveva annunciato una nuova
eclatante protesta, e aveva definito oscena laccusa rivolta ad oltre 8.000 formatori
di lasciarsi strumentalizzare dalla politica.
Adesso una data c, e dopo la pubblicazione online programmata per mercoled
ci sar da attendere solo quella sulla Gazzetta Ufficiale, venerd, passaggio necessario perch il bando da 168 milioni di euro
diventi effettivo.

stello della Giovent


rappresenta unopera fondamentale
sulla quale occorre
fare chiarezza una
volta per tutte. Restaurare la struttura
e lasciarla chiusa
significa danneggiare parte del lavoro
fatto."
La
comunit
di
Belvedere
chiede
quale sia il destino
dellOstello e quando potr aprire le
sue porte non solo
ai turisti ma anche
alla citt ospitando
eventi e manifestazioni come era nelle
intenzioni dell amministrazione provinciale.
"Il nostro auspicio
agli enti pubblici
coinvolti - conclude
il presidente di circoscrizione - quello di valorizzare, ma
seriamente e senza
proclami,
questa
zona della citt di
Siracusa ricca di
storia e potenzialit
ma dove mancano
i servizi turistici primaria
nonostante

la presenza di un
sito archeologico di
fama mondiale qual
il Castello Eurialo
e le Mura Dionigiane".
Intanto da parte del
Libero
Consorzio
Comunale in una
nota fanno sapere
che la struttura non
si trova in stato di
abbandono anche
perch viene costantemente monitorata e custodita
dopo l'edificazione
cui stata oggetto. Peraltro proprio
nei giorni scorsi da
parte dell'Amministrazione stata
disposta l'ennesima
pulizia del sito. Malgrado le difficolt in
cui versa oggi il Libero Consorzio Comunale di Siracusa
per la prolungata attesa della riforma e
dei trasferimenti da
parte della Regione Siciliana attualmente si in attesa
dell'agibilit ed in
via di elaborazione il
Bando per la gestione della struttura.

Sicilia 5

SiracusaCity

20 mila piante di marijuana in serra


il gip convalida larresto dei tre

I tre si sono sottoposti a interrogatorio


di garanzia, ammettendo di avere innaffiato
quelle piante non sapendo dellerba

Ieri

mattina sono
comparsi dinanzi al
gip del tribunale di
Siracusa,
Andrea
Migneco, che ha
convalidato larresto, le tre persone
che
coltivavano
piante di canapa
indiana nelle serre
di contrada Renna,
nelle
campagne
di Noto. Il giudice
per le indagini preliminari, davanti al
quale sono comparsi i tre indagati, ha
disposto la misura
cautelare degli arresti domiciliari nei
confronti di Mario
Costa di 54 anni,
originario di Vittoria,
la romena Muj Lenuta di 47, e il tunisino Brahmi Samir
Ben Sghaier di 41.
I tre si sono sottoposti a interrogatorio di garanzia,
ammettendo di avere innaffiato quelle
piante da cui si produce la marijuana
ma di averlo fatto
come hanno curato le altre piante e
gli ortaggi presen-

ti nelle serre, non


sapendo,
quindi,
di coltivare illecitamente erba.
La scoperta stata
fatta la scorsa settimana dai poliziotti
del commissariato
di pubblica sicurezza di Avola, guidati
dal dirigente Fabio
Aurilio, i quali, dopo
una serie di servizi
di appostamento,
hanno scoperto che
in un appezzamento di terreno di circa

Lenuta Muj

Sopra, le serre coltivate a marijuana.

15 mila metri quadri, sito nel territorio di Noto, vi era


una coltivazione di

circa 20 mila piante


di marijuana, alte in
media 1 metro e 70
centimetri, distribu-

Mario Costa

ite in 53 serra-tunnel, ciascuno dei


quali lungo tra i 35
e i 70 metri.

BrahmiSamir Ben

Un 26enne deve rispondere reati di lesioni personali, oltraggio e resistenza


Un 26enne deve adesso rispondere dei re-

Una Volante.

ati di lesioni personali, oltraggio e resistenza


a pubblico ufficiale. Il giovane aveva provocato un incidente autonomo e, allintervento
della pattuglia, in evidente stato di ebbrezza
alcolica si scagliato contro i poliziotti. Protagonista della vicenda un avolese, G.N. di
26 anni, gi noto gli ambienti giudiziari.
Da quanto hanno ricostruito gli investigatori
del commissariato di pubblica sicurezza di
Avola, luomo si era messo alla guida della
propria automobile scorrazzando a tutto gas
per le vie del centro avolese. Dopo diverse
segnalazioni su quelluomo che procedeva
ad alta velocit, lo stesso conducente ha
perso il controllo della vettura, finendo fuo-

ri strada e danneggiando la carrozzeria del


proprio mezzo.
Tanto bastato perch sul posto si recasse una pattuglia degli agenti, per accertarsi
delle condizioni di salute del conducente e
per identificarlo, visto che fino a poco prima
dellincidente autonomo aveva seminato il
panico tra i passanti e gli altri automobilisti
che si sono imbattuti sul suo cammino.
Alla vista della pattuglia, che si fermata
a ridosso del luogo dellincidente, luomo
andato in escandescenze cominciando a minacciare i poliziotti. Gli agenti hanno tentato
di ricondurlo alla calma, ma lo stato di ebbrezza alcolica ha fatto alterare lindagato, il
quale, per tutta risposta li ha aggrediti.

Voto di scambio, tre testi scagionano


lex sindaco di Melilli Sorbello

Augusta, picchia la nonna per soldi:


arrestato dai Carabinieri

Ortisi, ritenuto dagli inquirenti il referente del clan Nardo nel territorio di
Augusta, tre testi, tutti citati dalla difesa, hanno escluso che il parlamentare regionale Giuseppe Sorbello, (in
foto) abbia mai avuto contatti o abbia
mai incontrato il referente megarese.
Lelemento di novit emerso alludienza di ieri al processo a carico
del deputato ed ex sindaco di Melilli,
dello stesso Ortisi, di Maria Concetta
Ciulla e di Carmelo Trovato, accusati a vario titolo del reato di voto di
scambio aggravato dai presunti collegamenti con il clan Nardo di Lentini,
con loperazione Morsa 2, portata a
compimento nel dicembre 2012 dai
carabinieri del reparto operativo di
Siracusa, che provoc lo scioglimento del consiglio comunale di Augusta
per infiltrazioni mafiose.
Rispondendo alle domande del pubblico ministero Andrea Ursino della
direzione distrettuale antimafia di
Catania, Carmelo La Ruota, ex consigliere comunale di Melilli, ha riferito
di non avere mai avuto contezza che
Sorbello avesse intrattenuto rappor-

e Radiomobile di Augusta, stamane,


hanno tratto in arresto, per maltrattamenti in famiglia e tentata estorsione Giovanni Musumeci, 31enne,
(in foto) disoccupato, pregiudicato. I
militari sono intervenuti su segnalazione al 112 di una violenta lite tra
3 persone in Vicolo Marcellino ad
Augusta. Giunti sul posto, hanno
accertato che il Musumeci, pretendendo del denaro, aveva aggredito
la propria anziana nonna e, il fratello
gemello, intervenuto in difesa della
donna. Lanziana donna ed il fratello,
nel corso della colluttazione, hanno
riportato alcune lesioni alle braccia
per le quali sono stati giudicati guaribili in 5 giorni dal pronto soccorso
dellOspedale di Augusta. Larrestato stato tradotto alla casa circondariale Cavadonna di Siracusa, a disposizione dellAutorit Giudiziaria.
Lintervento dei carabinieri ha consentito di sedare gli animi e riportare
la calma in una abitazione del centro
a Palazzolo Acreide, a causa di una
lite tra due fratelli. Lepisodio avvenuto di sera, quando una donna,

Nellelezioni regionali del 2008, Tony

ti con Ortisi. Stessa cosa ha detto


Massimo Marchese e, soprattutto,
Giampaolo Fazzino, lautista personale del deputato allArs. Questultimo ha ribadito di non avere mai
accompagnato Sorbello a incontri
o appuntamenti con Tony Ortisi o
con altri personaggi che ruotavano
attorno al clan dei lentinesi.
Il processo stato aggiornato alludienza del 5 dicembre prossimo,
per lescussione di altri tre testi citati
dalla difesa di Sorbello.

I Carabinieri della Nucleo Operativo

con voce scossa e impaurita, ha


chiamato il numero di emergenza
per richiedere lintervento di una
pattuglia. Sul posto sono accorsi i
militari della locale stazione e quelli
di Canicattini Bagni che hanno trovato la donna, in lacrime, che riferiva loro della accesa lite intercorsa
tra i suoi due figli di 22 e di 24 anni,
entrambi con precedenti di polizia. I
due fratelli avrebbero litigato per futili motivi riconducibili a motivi di carattere privato, senza passare alle
vie di fatto. Lintervento dei militari
ha evitato che la vicenda potesse
avere pi gravi conseguenze.

Nel

Siracusano 6

14 GIUGNO 2016, marted

Sicilia 14 GIUGNO 2016, marted

Pensiamo che
Ulisse e i suoi
valorosi compagni possano insegnare il valore
del coraggio, il
coraggio inteso
non come sprezzo del pericolo,
ma come impegno ad andare
sempre avanti
In foto, un momento
dello spettacolo

Lo spettacolo Odissea del 4 I.C. Verga


presentato allantico mercato di Ortigia

Tanti

piccoli attori
della quarta primaria
dellistituto Verga di
Siracusa si sono cimentati in attivit teatrale lodevole allantico mercato di Ortigia.
I ragazzini hanno potuto avvicinarsi all'epica classica e scoprire
che i valori piu' importanti trasmessi da
omero sono ancora attuali grazie al lavoro certosino delle insegnanti. La storia di
Ulisse e del suo viaggio di ritorno alla sua
amata "Itaca" ricco di
avventure e sorprese.
La versione teatrale,
pur fedele alla storia,
arricchita da scene
e canzoni inedite in
modo da aver reso lo
spettacolo godibile a
tutti. I ragazzini sono
giunti al momento
conclusivo del percorso della scuola primaria, cos come Ulisse
che ha viaggiato, per
lungo tempo, anche
loro simbolicamente
hanno affrontato una
tappa del loro lungo
viaggio che la vita.
Pensiamo che Ulisse e
i suoi valorosi compagni possano insegnare
il valore del coraggio,
il coraggio inteso non
come sprezzo del pericolo, ma come impegno ad andare sempre
avanti, a migliorare, a
non arrendersi di fronte alle difficolt

La storia di Ulisse e del suo viaggio di ritorno


alla sua amata Itaca ricco di avventure e sorprese
Omero pu far riflettere anche sul valore
dell'intelligenza, che
spesso supera le doti
fisiche e la forza. Nella nostra societ si
d grande importanza all'esteriorit, ma
siamo ancora capaci
di "curare" la nostra
mente, di impegnarci a
farla crescere?
L'Odissea ci richiama
spesso al valore della
fedelt: Ulisse fedele
ai suoi compagni, fe-

esidero
ringraziare dichiara
Maurizio Cappuccio, presidente dell
Associazione Io e
il mio pap - tutte
le scuole che hanno
aderito alliniziativa
in oggetto e mi congratulo con tutti gli
alunni delle Scuole
Secondarie di Primo
Grado della Provincia
di Siracusa che hanno
partecipato con le
proprie opere.
Personalmente avrei
fatto vincere tutti i
partecipanti in quanto
ciascun lavoro esprime delle emozioni
forti che dimostrano
come sia intenso il
legame dei figli con il
proprio padre, il quale viene definito un

dele alla sua famiglia,


fedele ai suoi ideali.
Anche la sua sposa
Penelope diventata
un esempio unico di
fedelt e il cane Argo
rappresenta la fedelt
infinita, assoluta.
Che cosa pu significare per noi oggi la
fedelt? Siamo capaci
di difendere le nostre
idee o ci lasciamo "trascinare" come banderuole al vento?
Ulisse fedele anche

alla sua patria. L'amore


per la patria un altro
tema dominante, che
pu farci riflettere
"patria" una parola
ormai fuori moda? Ci
vengono in mente tutte quelle persone che
a causa delle guerre
o della povert devono lasciare la propria
patria e, come Ulisse,
non vedono l'ora di potervi ritornare.
Il tema della Patria
pu essere collegato a

quello dell'ospitalit.
Tante volte nel libro
viene detto che "l'ospite sacro" per i Greci e
quindi l'accoglienza
uno dei primi doveri di
un uomo. Per noi chi
l'ospite"? Pu essere il
nuovo compagno che
arriva da un paese straniero? Complimenti
al Dirigente scolastico
Annalisa Stancanelli, ai docenti: Ornella
Acresti, Maria Bordieri, Rita Calderaro,
Clorinda Coppa, Mariuccia Cirinn, Oriana Gilotti, Massimo
Latina.

La giuria ha stabilito, per, quali elaborati godano, solo tecnicamente, di una classifica migliore

Prima edizione del concorso Io e il mio pap


A settembre la cerimonia di premiazione

supereroe in grado di
essere autorevole, giocherellone oltre che

sensibile ed attento ai
bisogni della prole.
La giuria ha stabilito,

per, quali elaborati


godano, solo tecnicamente, di una classifica migliore.
Per motivi organizzativi, purtroppo, abbiamo dovuto rimandare la cerimonia di
premiazione al mese
di settembre, alla riapertura
dellanno
scolastico, cerimonia
durante la quale la
scrivente ha deciso
di premiare comunque tutti gli alunni
partecipanti, anche se
classificati in qualsiasi posizione.

Ricevimento
dellAmbasciatore
USA a Catania

Sicilia 7

Nel

Aperta dal venerd alla domenica dalle ore 10.00 alle 18.00

La Silva dei padri Cappuccini: da Latomia


ad hortus conclusus a giardino pubblico

I frati trasformarono la latomia in giardino e orto per il sostentamento della comunit


religiosa, realizzando sistemi di irrigazione con pozzi, cisterne e anche una noria
di Laura Cassataro

Domenica

12 giugno, l'Assessore alle


Attivit produttive del
Comune di Siracusa
Teresa Gasbarro e il
Presidente dell'associazione Sicilia Turismo Per Tutti Bernadette Lo BiancoTeresa
Gasbarro hanno partecipato al tradizionale ricevimento, tenutosi al Castello Ursino
di Catania , con l'Ambasciatore americano,
John Phillips e il Console Generale USA del
Sud Italia, Colombia
Barrosse, organizzato
dal Consolato USA di
Napoli per festeggiare
in anticipo il 240 anniversario della dichiarazione d'Indipendenza americana. Sono
intervenuti all'evento
il sindaco della citt
metropolitana Enzo
Bianco e le principali
autorit civili e militari
etnee e della base USA
di Sigonella. L'Ambasciatore Phillips, di
origine italiana, ha ricordato gli ottimi rapporti di amicizia che
intercorrono tra i due
paesi ed ha passato in
rassegna tutti i grandi
successi della presidenza Obama in politica estera e interna.
Il Comune di Siracusa
gode di ottimi rapporti
con la vicina comunit
americana di Sigonella
grazie a diversi progetti di volontariato
ambientale e culturale
nei preziosi siti storici e archeologici che
i militari americani
hanno effettuato negli
ultimi anni grazie alla
collaborazione dell'associazione
Sicilia
Turismo Per Tutti
ed alla partecipazione
di altre associazioni
locali (Associazione
Nazionale Carabinieri,
Lamba Doria ecc.).

Lordine

mendicante dei
Cappuccini ebbe la sua prima sede a Siracusa presso la
chiesa di S. Maria della Misericordia vicino allAnfiteatro.
Nel 1580 Fra Giovanni Maria da Tusa, Generale dellOrdine, si prodig affinch i
frati potessero avere un sito
migliore per edificare il convento e la chiesa. LUniversit don ai Cappuccini la latomia del Palombino (detta
anche a pirriera - la pietraia)
che da allora venne denominata Silva dei PP. Cappuccini in Akradina. Sulla parte a
mezzogiorno che la sovrasta
edificarono il loro complesso
conventuale. I frati trasformarono la latomia in giardino e
orto per il sostentamento della comunit religiosa, realizzando sistemi di irrigazione
con pozzi, cisterne e anche
una noria (ruota idraulica per
il sollevamento dellacqua).
Nel corso del XIX secolo verr arricchita di un monumento a Mazzini e di un busto di
Archimede. Nel 1866, in virt
delle leggi eversive la latomia
divenne demaniale e pass
in propriet del Comune di

In foto, Latomia dei Cappuccini

Siracusa. Giardino comunale


sino agli anni Settanta rappresentava per i cittadini luogo
dove trascorrere piacevoli
serate poich era tradizione
assistere a spettacoli nel Teatro di Verdura sul cui palcoscenico si esibivano attori del
Teatro Greco come Vittorio
Gassman, Elena Zareschi ...
Chiusa al pubblico per motivi di sicurezza stata riaperta
alla pubblica fruizione grazie
allintervento di Italia Nostra
e attualmente gestita dalla
Societ Erga ed utilizzata anche per eventi culturali. Una
esperienza da non perdere
quindi la visita di un sito
particolarmente suggestivo

come la Latomia dei Cappuccini, allinterno del quale si


respira non solo la millenaria
storia della citt, ma anche
la particolare bellezza della
natura mediterranea. I Greci
la utilizzarono come cava di
pietra e forse prigione di Stato di quei 7000 soldati Ateniesi fatti prigionieri dopo la
sconfitta del 413 a.C., come
tramandatoci da Tucidide.
Lintervento delluomo del
periodo paleocristiano visibile nelle superstiti tracce
di arcosolia scavati nella roccia. Con la trasformazione da
parte dei Cappuccini in vero
e proprio hortus conclusus, cio giardino recintato,

ha raggiunto il culmine della


suggestione poich il recinto
costituito dalle pareti a strapiombo della cava profonde
sino a 40 metri. Il notevole
sviluppo apicale raggiunto
dalle piante, a volte 20-30
metri, alla ricerca del sole
costituisce la peculiarit della
vegetazione, che ammali i
famosi viaggiatori del Grand
Tour, i quali ne fecero una
tappa obbligatoria. Senza
dubbio uno dei luoghi pi
belli e romantici che io abbia
mai veduto (Patrick Brydone, A tour trough Sicily and
Malt, 1773).
Le particolari condizioni climatiche venutesi a creare, il
fertile humus esistente hanno dato vita a un tripudio di
piante che suscita ammirazione e stupore. Piante di olivi,
noci, allori, agrumi, nespoli,
albicocchi, palme, pitosfori,
oleandri, cipressi, carrubbi,
lecci, miopori, alberi di Giuda e uno straordinario bagolaro che, sebbene abbattuto,
come araba fenice, ha trovato il modo di rigenerarsi con
rami germogliati dal tronco,
ne fanno uno dei giardini storici pi importanti della Sicilia Orientale.

Siracusano
TERRITORIO

Italia Nostra :
Porto Stentino:
evoluzione della costa
emersa e sommersa

n altro incontro da incorniciare tra quelli proposti questanno nel programma sociale della sezione di
Siracusa di Italia Nostra,
che ha avuto il merito di
affascinare i presenti per
il suo contenuto insolito e
spettacolare e di ribadire,
ancora una volta, come
questo angolo di Sicilia, in
cui abbiamo il privilegio
di abitare, racchiuda segni
eccezionali che la natura, la
storia e le capacit umane
ci hanno lasciato.
Enzo Bongiovanni appassionato cultore delle nostre
memorie archeologiche da
parecchi anni, con la fondazione dellassociazione
Trireme , si occupa pi
specificatamente di ricerche subacquee sulle orme
del famoso archeologo e
ricercatore Kapiten vissuto
a lungo a Siracusa, a cui si
devono molte scoperte e ritrovamenti di reperti archeologici .
Largomento della relazione verteva su un particolare fenomeno geologico
individuato al largo della
costa del golfo Stentino, a
Santa Panagia che Kapiten
aveva individuato senza
darne molte spiegazioni.
Le ricerche specifiche fatte da Enzo Bongiovanni e
altri sub con la direzione
della Soprintendenza del
Mare, hanno individuato
perfettamente la zona e il
fenomeno che la caratterizza. Dalle bellissime immagini dei filmati proiettati
si sono potuti seguire i momenti del ritrovamento di
queste enormi strutture che
a prima vista danno limpressione di muri a secco
per la posizione regolare
dei blocchi perfettamente
allineati
ma che abbiamo invece appreso essere
emanazioni di magma vulcanico consolidato nel corso di milioni di anni.
Particolarmente
suggestivo lincrocio a crociera dellultima parte della
struttura.
Si rimane veramente esterrefatti davanti a questi fenomeni di cui si stenta a
credere che non siano stati opera delluomo per
la perfezione dellallineamento dei materiali.

Nel

Siracusano 8

SiciliAntica e ATC in visita a Reggio Calabria


Al Museo archeologico per ammirare i Bronzi di Riace
Nellambito del Cor-

so di Archeologia Subacquea SiciliAntica


e ATC lAssociazione
che viaggia organizzano per sabato 25 e
domenica 26 Giugno
2016, una visita guidata a Reggio Calabria.
Allarrivo nel capoluogo calabro prevista la
visita guidata al Museo
del Bergamotto. Oltre a tracciare un vero
excursus sul prezioso
agrume, lesposizione
mostra unampia rassegna dellarcheologia
industriale con le macchine da estrazione che
risalgono allinizio del
Settecento, le prime a
vapore degli anni Ottocento e quelle che
applicano i motori elettrici nei primi del Novecento, per poi giungere
allindustria degli anni
Sessanta e al suo boom
economico. Nel pomeriggio visita guidata al
Museo Archeologico
nazionale uno tra i pi
importanti musei archeologici dedicati alla
Magna Grecia, in possesso di una delle pi
ragguardevoli collezioni di reperti provenienti
dalla Magna Grecia.
Formato inizialmente
da un nucleo di materiale ceduto dal museo

Venerd

civico della citt, sorto


nel XIX secolo, il Museo archeologico cresciuto poi con i molti
reperti, frutto delle varie campagne di scavo
condotte fino ad oggi
dalla Soprintendenza
archeologica della Calabria. Allinterno sono
custoditi i celebri Bronzi di Riace, due statue
di bronzo di et greca
databili al V secolo a.C.
pervenute in eccezionale stato di conservazione. Le due sculture,

Marina, in provincia di
Reggio Calabria, sono
considerate tra i capolavori scultorei pi significativi dellarte greca, e
tra le testimonianze dirette dei grandi maestri
scultori dellet classica. Inoltre il nuovo
Museo Archeologico,
con il suo eccezionale
allestimento ospita, oltre ai Bronzi di Riace,
il Kouros, la Testa del
Filosofo, la Testa di
Basilea e altri magnifici reperti archeologici

prevista la visita guidata aReggio Calabria,


tra le pi antiche citt
dEuropa, Rhegion fu,
dopo Cuma, la seconda
colonia greca fondata
in Italia meridionale.
Si inizia con la Cattedrale, considerata la pi
ampia della Calabria,
la cui origine si fa risalire a San Paolo, che
sost a Reggio durante
il viaggio che in catene
lo portava a Roma nel
56 d.C. Sulla scalinata
antistante la facciata del
Duomo si trovano le
monumentali statue di
S. Paolo e S. Stefano da
Nicea, opere dello scultore Francesco Jerace.
Linterno, a tre navate,
custodisce elementi di
una certa rilevanza, tra
i quali spicca la Cappella del Sacramento,
realizzata nel 1539, uno
dei pochi esempi di arte
barocca nella Calabria
meridionale. Tutta rivestita in marmi intarsiati,

Visita ai resti del Teatro greco scoperti in via XXIV


Maggio nel 1920. Lallora Soprintendente alle antichit, Paolo Orsi, che rifer della scoperta, dat i resti
alla met del IV inizi del III sec a. C. Le visite saranno
guidate dallarcheologo Francesco Laratta
ritrovate il 16 agosto
1972 nei pressi di Riace

scorso presso laula


consiliare del Comune di Priolo
G. si tenuta la conferenza stampa alla quale hanno preso parte
il Sindaco Antonello Rizza e la
presidente dell INBAR Siracusa
Francesca Pedalino, per esporre I
temi delliniziativa. Loccasione
l11esima edizione dellEUSEW
Settimana Europea dell'Energia
Sostenibile
Ieri mattina a Priolo presso il Ciapi
alle 9,00 e nel pomeriggio a Villa Reimann stata inaugurata la
Spring School BIOARCHITETTURA: Waste Material ZEMPH
un progetto che nasce in sinergia
con il Comune di Priolo Gargallo
e il Consorzio universitario CUA.
Il sindaco Antonello Rizza, molto
entusiasta della proficua collaborazione con lente, ha dichiarato:
per me motivo dorgoglio vedere, ancora una volta, la comunit priolese coinvolta in un cos
importante avvenimento e veder-

14 GIUGNO 2016, marted

Sicilia 14 GIUGNO 2016, marted

della Magna Grecia.


Il giorno successivo

detti mischi, sulla parete absidale ospita un

altare monumentale in
marmo policromo circondato da colonne di
pregiato porfido nero.
presente, inoltre, il
pergamo monumentale,
scampato al terremoto
del 1908. Allinterno
del Duomo sono custoditi, inoltre, sepolcri seicenteschi e i resti della
colonna di San Paolo.
Anche del vicino Castello Aragonese, uno
dei simboli della citt
di Reggio Calabria, restano solo due torri e la
cortina che li collega.
Si pu affermare che il
Castello esisteva gi nel
sec. XI, ma probabile
che sussistesse sin dal
IV-V sec. d.C.
Purtroppo, dopo la ricostruzione della citt
a causa del sisma del
1908, gran parte della
fortezza, venne demolita. La visita procede
nella vicina Chiesa
degli Ottimati, lunico edificio religioso in
stile arabo-normanno
della citt. La chiesa
originaria aveva una
pianta quadrangolare,
tre absidi orientate nascoste esternamente da
un muro rettilineo; le
tre navate erano coperte da cinque cupolette
secondo un modello
bizantino. Infine visita
alla Reggio Archeologica. Si inizia da Piazza
Italia, luogo in cui sono
venute alla luce preziose tracce di ferventi
attivit commerciali e
in sei metri di stratificazioni si sovrappongono
ben undici fasi di edi-

ficazioni databili tra il


VII a. C. e il XIX secolo
d.C., inoltre alle Mura
Greche probabilmente
costruite nella seconda
met del IV secolo a.C.,
quando Dionisio II rifond la citt di Reggio
col nome di Febea, la
citt di Apollo. La cinta muraria era costituita
da un muro a doppia
cortina solo nella parte bassa, mentre quella
superiore costruita
con blocchi isodomi di
arenaria locale, disposti
su due file parallele, con
tratti perpendicolari.
Inoltre visita alle Terme
Romane sul lungomare di Reggio Calabria.
I resti presentano pi
fasi edilizie e, per lungo
tempo, furono coperti da un torrione della
cinta muraria spagnola
che ne garant la conservazione. Delle terme
oggi sono visibili: una
vasca ellittica per bagni caldi preceduta da
una serie di ambienti
riscaldati (tepidarium e
calidarium), una vasca
quadrata per bagni freddi ed un piccolo spogliatoio semicircolare
pavimentato a mosaico
in bianco e nero, ed
infine visita ai resti del
Teatro greco scoperti in
via XXIV Maggio nel
1920. Lallora Soprintendente alle antichit,
Paolo Orsi, che rifer
della scoperta, dat i resti alla met del IV inizi
del III sec a. C. Le visite
saranno guidate dallarcheologo
Francesco
Laratta.

A curare gli aspetti pi tecnici della Spring School stata la dott.ssa Francesca Pedalino

La Casa Mediterranea:
un prototipo abitativo a Bruxelles

la proiettata alla realizzazione della


Casa del futuro! Gli obiettivi che
l'UE si fissata per il 2020: ridurre
del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio
energetico e aumentare al 20% il
consumo di fonti rinnovabili, sono
certo di grandissima importanza
anche per questa amministrazione. A curare gli aspetti pi tecnici
della Spring School stata la dott.
ssa Francesca Pedalino, riportiamo
le sue parole: la mission delloperazione il trasferimento tecnologico e la realizzazione di STARTUP nel settore della bioarchitettura.
IL tema proposto per questa nuova
edizione prende corpo dalla consapevolezza che la compromissione

di una gran parte della costa e il


progressivo depauperamento delle
risorse naturali locali deve portare
ad un azione di formazione professionale sulle questioni ambientali
attraverso un'attenta valutazione
degli ecosistemi e alla loro difesa,
considerando anche il fatto che
l'ambiente delle isole del Mediterraneo negli ultimi anni ha subito
profondi cambiamenti che hanno
avuto un impatto negativo sul cambiamento climatico e ambientale.
L'obiettivo generale del progetto
stato quello di fornire una guida
per la Commissione europea con
la quale esaminare gli ostacoli e le
soluzioni per giungere ad una pi
ampia efficienza energetica negli

edifici che si affacciano nel bacino


del Mediterraneo; la Spring School
rivolta a laureandi, neolaureati e
professionisti di tutte le discipline;
un luogo di sperimentazione progettuale che vuole indicare soluzioni concrete ai problemi complessi
di questo territorio; cimentarsi nella progettazione e realizzazione di
una "Casa Passiva", la ZEMPH
(Zero Emission Mediterranean
Passive House), cercher di coniugare il progresso tecnologico con
la necessit di definire l'impatto
sull'ambiente.
Cinque gli obiettivi di bioarchitettura: 1. Un prototipo, la Zero Emission Mediterranean Passive House
2. Attenzione al ciclo di vita dei
materiali; 3. Rafforzamento della
coesione sociale; 4. Porre le basi
per distretti produttivi di settore; 5.
Applicazione del protocollo energetico-ambientale INBAR

Larte non pu piegarsi


a ragioni di propaganda
D

ue sono le ragioni
che dissuadono dalla trasferta dellAnnunciazione di Antonello da Messina,
esposta alla Galleria Regionale di
Palazzo Bellomo a
Siracusa nella sede
di Palazzo Cappellani a Palazzolo Acreide: una normativa,
laltra
culturale.
Premesso che il percorso della Regione
Siciliana in materia
di mostre e attivit culturali stato
sempre incoerente,
perch dettato pi
dallesigenze immediate della politica
che da una visione
lungimirante, lontana da atteggiamenti
ondivaghi, oscillanti
fra una cieca chiusura e il pi incontrollato permissivismo,
il problema dei prestiti dei capolavori
dellisola ha dietro
di s una lunga storia che ben conosce
chiunque si occupi
di beni culturali siciliani. Limiti alluscita
temporanea
dei beni culturali siciliani: questo il
titolo del decreto del
22 aprile 2013 che
contiene
lelenco
di 23 opere, tra cui
ovviamente anche
lAnnunciazione di
Palazzo Bellomo,
per le quali il prestito autorizzato solo
in casi eccezionali e
in base ad uno specifico tariffario o a
rapporti di reciprocit. Il decreto parte dallassunto che
a fronte dei rischi
cui vanno incontro
i beni esposti in sedi
diverse da quelle
delle collezioni museali cui afferiscono,
a causa dei trasporti
e dei periodi di stazionamento in condizioni ambientali
differenti da quelle
in cui sono normalmente conservati,
non si palesano vantaggi n in termini di
crescita culturale del
nostro patrimonio,

Limiti alluscita temporanea dei beni culturali siciliani: questo il titolo


del decreto del 22 aprile 2013 che contiene lelenco di 23 opere

n rispetto al miglioramento dei flussi


turistici. A parte
le 23 opere particolarmente tutelate, le
altre possono esse-

esposizioni d'arte, di
cui sia accertato, nel
rispetto delle procedure di legge, l'alto profilo sociale e
culturale dell'evento

sulla valorizzazione del bene esposto


e sull'incremento di
risorse da destinare
alla tutela del patrimonio culturale si-

Due sono le ragioni che dissuadono


dalla trasferta dellAnnunciazione di
Antonello da Messina, esposta alla
Galleria Regionale di Palazzo Bellomo a Siracusa nella sede di Palazzo
Cappellani a Palazzolo Acreide
re prestate solo per
rilevanti manifestazioni, mostre o

nonch le sue positive ricadute, anche


di tipo economico,

ciliano. Con questo


decreto si affrontava
anche il tema delle

Sicilia 9

Nel

Siracusano

ricadute nel settore


turistico ed economico quando le naturali sedi espositive
vengono private per
lungo tempo dei reperti pi significativi. Qualche anno fa
il direttore generale
del Patrimonio francese, Vincent Berjot,
economista, non archeologo, ha negato
a Firenze il prestito
temporaneo
della Gioconda per le
difficolt logistiche
dello spostamento
e per non privare il
Louvre del dipinto,
meta di interminabili processioni da parte dei visitatori.
S, vero, si potrebbe dire, ma il quadro
dellAnnunciazione
gi stato prestato, a ottobre 2013,
al MART, Museo
dArte Moderna e
Contemporanea di
Trento e Rovereto,
con sede a Rovereto, una punta di
diamante dellofferta culturale in Italia non solo per le
collezioni ma anche
per le mostre tematiche di grande impatto mediatico. Il
progetto espositivo
del MART era stato avanzato al servizio museografico
dellAssessorato dei
Beni Culturali prima
della moratoria decisa in aprile e la grande mostra su Antonello da Messina (5
ottobre 2013 al 12
gennaio 2014), curata da Ferdinando
Bologna e Federico
De Melis, compren-

deva la gran parte


delle opere di Antonello, disseminate
nei musei di tutto il
mondo, e rispondeva
ad un progetto scientifico e culturale di
altissimo profilo. Si
rispettato il principio di reciprocit,
previsto dal decreto,
dato che il MART
ha inviato 100 opere (dipinti su tavola
e tela, grafiche, fotografie, manufatti,
arredi e bozzetti) di
Fortunato Depero,
esposte in Sicilia,
a Messina, in una
mostra organizzata
a ottobre-novembre
2015. E passiamo
alla seconda ragione, quella culturale.
Anni e anni di incertezza decisionale e
di vuoto istituzionale alla Regione Siciliana pesano sulla
calendarizzazione
degli eventi e sulla
valutazione dei progetti; bisogna infatti
sempre chiedersi se
un progetto espositivo merita o meno
di essere sostenuto,
sia di alta qualit e
non improvvisato.
Questo vale per le
mostre blockbuster,
spesso dedicate ad
autori e temi stranieri e realizzate in
fretta e furia, senza indagini degne
di nota e autentici
progetti
culturali,
mostre che le analisi pi recenti hanno
messo in discussione quale leva di
valorizzazione culturale e promozione
territoriale, e vale
anche, a maggior
ragione, per un progetto di spostamento
di una tela, delicata e
a rischio danneggiamento, nel raggio di
40 chilometri, allinterno di un progetto frettoloso e non
calendarizzato, che
priverebbe, nei prossimi mesi estivi, la
Galleria di Palazzo
Bellomo e lintera
Siracusa di uno dei
suoi attrattori culturali pi importante
nel periodo di massima affluenza turistica.
Mariarita Sgarlata
Presidente Associazione Democratici
per la citta

Societ 10

14 giugno 2016, marted

Sicilia 14 GIUGNO 2016, marted

Presentato il volume
Lultimo viaggio del Conte Rosso

Presso la Capitaneria

di Porto di Siracusa,
Piazzale IV Novembre, venerd scorso,
sotto lAlto Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei
Ministri, il Comandante
Capitaneria
di Porto di Siracusa
Domenico La Tella,
Alberto Moscuzza
Presidente Associazione Lamba Doria e
Antonello Forestiere,
Museo della Piazzaforte Augusta e Carlo Morrone Editore
in occasione del 75
anniversario dellaffondamento del transatlantico, avvenuta
la presentazione del
volume
Lultimo
Viaggio del Conte
Rosso. La vera storia dellaffondamento del Conte Rosso al
largo di Capo Murro
di Porco. Era presente lautore Concetta
Santangelo.
L'affondamento della
nave passeggeri Conte Rosso, adibita al
trasporto truppe verso
l'Africa Settentrionale, provoc il pi alto
numero di vittime
umane in un singolo
bastimento di tutta
la Seconda Guerra
Mondiale all'interno
della Marina Italiana. La nave faceva
parte di un convoglio
formato dai seguenti
bastimenti: Piroscafo passeggeri Conte Rosso, Piroscafo
passeggeri Esperia
Motonave passeggeri Victoria, Piroscafo
misto Marco Polo.
Il Conte Rosso era
una nave di 17.879
tonnellate di stazza lorda e di circa
22.000 tonnellate di
dislocamento, la pi
grande nave del convoglio, e per questo
fu lei a imbarcare circa 2.729 degli 8.500
uomini destinati alla
Libia.
La scorta diretta era
assicurata dal cacciatorpediniere Freccia,
e dalle torpediniere
Procione, Orsa e Pe-

La vera storia dellaffondamento del Conte Rosso al largo


di Capo Murro di Porco. Presente lautore Concetta Santangelo

gaso.
Il convoglio lasci
Napoli alle 04.40 del
24 maggio, e grazie
alla elevata velocit
di 17 nodi (si trattava di un convoglio

cariche di profondit
che danneggiarono
seriamente il sommergibile.
8 minuti dopo essere stato colpito da
due dei siluri lan-

fronti, dall'Africa alla


Russia dove patirono
altre drammatiche
prove.
La memoria della
citt, una lapide per
ricordare il silura-

no. Lex transatlantico si trova ancora in


fondo al mare a circa
2 chilometri e mezzo
di profondit ricordando a distanza di
66 anni uno dei pi

Il Conte
Rosso era
una nave di
17.879 tonnellate di
stazza lorda
e di circa
22.000 tonnellate di
dislocamento
veloce), alle 15.15 le
unit iniziarono l'attraversamento dello
Stretto di Messina,
mentre da Messina
venivano fatte uscire le torpediniere
Calliope, Perseo e
Calatafimi per incrementare la vigilanza
antisommergibile.
Alle 16.00 inoltre usc, sempre da
Messina, la scorta
indiretta del convoglio, formata dagli
incrociatori pesanti
Bolzano e Trieste
e dai caccia Ascari,
Corazziere e Lanciere, mentre il cielo del
convoglio era
percorso da aerei da
caccia e idrovolanti.
Alle 20.33 il sommergibile Upholder,
della Royal Navy,
lanci i suoi siluri
contro il convoglio a
37 gradi nord
e 15 gradi circa est
del capo Murro di
Porco. Subito il Freccia fu sull'unit nemica e, con il Corazziere e il Lanciere, diede
inizio alla caccia che
pot durare solo 19
minuti, durante i quali furono lanciate 37

ciati dall'Upholder il
Conte Rosso, erano
le 20.41, si inabiss.
Ora iniziava il recupero dei naufraghi,
espletato dal Corazziere, dal Lanciere,
dal Pegaso e dal Procione, mentre le altre
navi proseguivano
con il convoglio,
che giunse indenne a
Tripoli il mattino seguente.
Fortuna volle che il
bastimento affondasse a breve distanza
dalla costa, cosa che
rese pi veloci i soccorsi.
Sui 2.729 uomini
presenti a bordo se ne
salvarono solamente
1.432.
Il
comandante
dell'Upholder fu decorato, per questo
siluramento, con la
Victoria Cross. Sparir in mare il 14 aprile
1942, affondato dalla
torpediniera Pegaso
mentre cercava di attaccare un altro convoglio italiano nella
zona di Tripoli.
Gli uomini del Conte Rosso furono in
seguito mandati a
combattere in tutti

mento della nave nel


41: il "Conte Rosso"
fu affondato dal sommergibile Upholder
la sera del 24 maggio
1941 mentre stazionava al largo di Capo
Murro di Porco.
Domenica la manifestazione per ricordare levento in cui
persero la vita 1.297
persone.
La tragedia del "Conte Rosso" e i caduti in
mare saranno ricordati con una manifestazione, domenica
alle 18 al monumento dei Caduti in Africa di piazza dei Cappuccini: uniniziativa
dellassociazione
culturale
Lamba
Doria nellambito
del programma Siracusaricorda.
La tragedia risale alla
sera del 24 maggio
del 1941 quando due
siluri lanciati da un
sommergibile inglese
colpirono la nave diretta a Tripoli che in
quel momento si trovava al largo di Capo
Murro di Porco: affond in soli otto minuti con buona parte
del suo carico uma-

struggenti momenti
della Seconda guerra mondiale che ha
coinvolto le coste del
Siracusano.
E non pu esserci
luogo migliore come
il monumento ai
Caduti dAfrica per
commemorare i tanti morti del Conte
Rosso. Monumento
che ancora attende
interventi di restauro
e di valorizzazione.
Ad un tratto - si
legge nella nota della testimonianza del
superstite Angelo Padello - si sent la voce
del capitano che grid "Si salvi chi pu".
Io non volevo morire
perch mio fratello
era gi morto nella
guerra del 15-18.
Ma non sapevo nuotare e nel gettarmi
in acqua cominciai a
bere fino allaiuto di
un ufficiale che mi
disse: "Calma ragazzo".
Una sintesi della
storia del Conte
Rosso la racconta
il consulente storico
per la manifestazione, Cesare Sam: Il
transatlantico, 180

metri di lunghezza,
22 di larghezza e 17
mila tonnellate di
stazza lorda, fu varato nel 1921 insieme
al gemello "Conte
Verde". Dopo un
utilizzo civile, i due
transatlantici furono
requisiti, come molte
altri navi passeggeri,
dalla Regia Marina
per il trasporto delle truppe. Il "Conte
Rosso", requisito il 3
dicembre del 1940,
era utilizzato lungo la
rotta Napoli-Tripoli.
Allalba del 24 maggio 1941 il "Conte Rosso", insieme
alle navi "Victoria",
"Marco Polo" ed
"Esperia", salp dal
porto di Napoli. Nel
pomeriggio, passato
lo Stretto di Messina,
si unirono al convoglio come scorta gli
incrociatori "Bolzano" e "Trieste". La
tragedia si consum
alle 20.41 dello stesso giorno per opera
del sommergibile inglese "Upholder" che
utilizz gli ultimi due
siluri rimasti.
Sul "Conte Rosso
viaggiavano 2.729
uomini dei quali
1.432 si salvarono e
1.297 morirono o furono allora dispersi.
I caduti del "Conte
Rosso" - commenta
Alberto Moscuzza rappresentano lennesima incuria nei confronti della memoria
storica della citt. La
Sicilia e Siracusa non
possono essere considerate solamente
luoghi incantevoli,
ricchi di sole, mare e
bellezze paesaggistiche, archeologiche e
architettoniche. Sono
state teatro di episodi anche drammatici
che devono essere
considerati parte integrante della nostra
storia patria. In ricordo di quei caduti non
posso che ringraziare
con il cuore tutti coloro che hanno reso
possibile la manifestazione.

Acque agitate nelle tre siciliane di Lega Pro per il rischio di assenza dei derby

S
e era lecito attendersi che le quattro

societ siciliane di
Lega Pro, Siracusa,
Catania, Messina e
Akragas,
facessero fronte comune di
fronte al rischio di
una composizione dispersiva dei gironi, si
sbagliava di grosso,
perch al momento
di dimostrare questa
unit di vedute, una
di loro, lAkragas,
sorretta da considerazioni dettate dalla
posizione geografica,
ha preferito se non
proprio
dissociarsi,
quanto meno defilarsi, lasciando che le
altre tre se la sbrigassero da sole. La rottura del fronte comune,
ipotizzato, per la verit, pi dagli osservatori che dalle societ,
ha indotto la Lega a
rivedere i suoi orientamenti e a rendere
incerta una decisione
che fino a qualche
settimana fa sembrava scontata. Da
qui gli allarmismi che
cominciano a serpeggiare negli ambienti
etnei, aretusei e peloritani che, superfluo
aggiungerlo, contano
molto sui maggiori incassi dei derby, che,
a dire il vero, interessano pi le citt della
fascia orientale della Sicilia che la Citt
dei Templi, ubicata
al centro e quindi in
posizione geografica
infelice per gli spostamenti in pullman che
comporterebbero per
la societ biancoazzurra due, tre ore di
viaggio in pi. Tanto
vale, hanno pensato
dalle parte di Agrigento, spostarsi in
aereo, caldeggiando
quindi la composizione verticale dei gironi,

Composizione dei gironi e spezzatino


timori per Siracusa, Catania e Messina
Meno apprensioni dalle parti di Agrigento, conseguenza della diversa posizione
geografica - Altra novit la collocazione, non pi solo domenicale, degli incontri

Il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina


anzich quella della
vicinanza regionale
che avrebbe dovuto
accorpare le societ siciliane, calabre,
pugliesi e campane.
Comunque vada non

per solo questo


il rischio che pende
come una spada di
Damocle sul prossimo
campionato.
Se, infatti, i diritti televisivi
porteranno

nei giorni di venerd,


sabato, domenica e
luned, con riflessi
non proprio positivi
sulle radicate abitudini dei tifosi e sulle
loro attivit lavorative. Da Firenze se la
cavano con linvito a
pedalare rivolto a chi
ha voluto la bicicletta.
Da Siracusa, Catania
e Messina, i centri in
cui pi radicata la
tradizione dei derby,
pur dichiarandosi disposti ad una bella
pedalata, si augurano che, grazie al nuovo vento che spira in
Lega, le scelte che
verranno fuori siano
quanto pi oculate e
ispirate ad equit e
buon senso.
Armando Galea

Guidata dall allenatore Ernesto Maiorca e dal direttore tecnico Agata Fiorito

Pattinaggio corsa: olimpiade pattinatori Siracusa vice campione dItalia

Si svolto a Terni

il 9, 10 e 11 giugno il Campionato Italiano assoluto di pattinaggio corsa su


strada e l associazione sportiva Olimpiade Pattinatori Siracusa ha confermato limportante risultato ottenuto a marzo ai campionati italiani indoor
svolti a Pesaro il titolo di vice campione nazionale
a squadre. LOlimpiade Pattinatori, guidata dall
allenatore Ernesto Maiorca e dal direttore tecnico
Agata Fiorito, presente a Terni con 30 atleti in rappresentanza delle categorie Ragazzi Allievi Junior
e Senior maschili e femminili ha ottenuto piazzamenti rilevanti in tutte le categorie consentendo il
raggiungimento del prestigioso risultato. In partico-

Vice presidente rosso-azzurro scomparso improvvisamente due anni fa

7 Scogli Under 11, terza classificata


al II Memorial Tommaso DArrigo
Si conclude in festa
il secondo torneo,
riservato alla categoria Under 11, organizzato dalla Nuoto
Catania, per ricordare l'indimenticato
Vice Presidente del
sodalizio rosso-azzurro scomparso improvvisamente due
anni fa. Bellissima
atmosfera
questa
mattina presso la
piscina "Francesco
Scuderi" grazie alla
presenza di tantissimi giovanissimi appartenenti alla Nuoto
Ct, al Telimar Pa, al

risorse preziose alle


casse delle societ,
comporteranno, quasi
certamente, il cosiddetto
spezzatino,
cio la necessit di
spalmare gli incontri

C.C. 7 Scogli, ai Muri


Antichi Ct, alla Guinness Ct, che si sono
affrontati con ardore,
sano agonismo, rispetto e correttezza.
Per la cronaca, ha
vinto la manifestazione la Nuoto Ct A
che ha preceduto in
classifica il Telimar
Palermo.
Terza classificata la
7 Scogli in virt dei
successi per 9 a 3
contro la Guiness
B, per 5 a 1 contro i
Muri Antichi Ct, per 5
a 0 contro la Guiness
A e per 9 a 1 contro

la Nuoto Ct B. I giovanissimi
aretusei
hanno subito soltanto
due sconfitte contro
il Telimar Palermo,
per 4 a 0, e contro la
Nuoto Ct A per 5 a 1.
Il torneo di oggi stato molto utile perch
ha dato la possibilit
agli Under 11 biancoblue di affinare i sincronismi e migliorare
l'intesa di squadra in
vista dell'ultima tappa di categoria che
si svolger domenica
prossima, a Catania,
presso la piscina "La
Playa".

lare Cristina Comitini medaglia doro nella specialit roller cross junior femminile; Vincenzo Maiorca
medaglia dargento specialit 10.000 metri a punti
junior maschile; Mattia Miceli, Joel Diana, Roberto Maiorca e Daniele Cavalcante medaglia doro
specialit 5.000 metri americana a squadre allievi
maschile. Lappuntamento per luglio quando i
ragazzi di Ernesto Maiorca e Agata Fiorito saranno impegnati a Scaltenigo per i campionati italiani
assoluti su pista, l proveranno ad assaltare il titolo di campione dItalia a squadre, potendo contare
anche sulla Dea Bendata che a Terni non stata
generosa nei riguardi del sodalizio Siracusano.

Sport
Il Tennis Club
Siracusa
promosso
nel campionato
di serie A 2

Sicilia 11

Giornata

storica nel suo 56


compleanno,
Finalmente
anche
il
Tennis
Club
Siracusa si Potra
Fregiare di disputare nel 2107 il
Campionato di A
2. Obiettivo mai
raggiunto dal Tennis Club Siracusa
che oggi supportato dai tanti soci
e sportivi sopraggiunti in massa
hanno sostenuto
i ragazzi: Alessio
Di Mauro, Eros Siringo, Alessandro
Ingarao, Gabriele
Lumera, Laerte Di
Falco,
Pierfrancesco Prudentini
che Capitanati da
M Enrico Sfriso,
hanno letteralmente travolto il Circolo Tennis Trento
con un secco 4/0
ai singolari senza
lasciare
minimamente speranze ai
seppur forti Trentini. Cosi anche da
poter anticipare la
festa.
DI MAURO vs
Candioli 6/1 6/0
PRUDENTINI vs
Rampazzo 6/2 7/5
INGARAO
vs
Weiss 6/3 7/5
SIRINGO vs Wolf
6/3 7/5

SiracusaCity 12

Sicilia 14 giugno 2016, marted

Camera di Commercio addio!


Da marted calderone unico

Marted

prossimo
il termine ultimo per la
decadenza degli organismi direttivi degli enti
camerali siciliani per
fare spazio al nuovo
assetto amministrativo
delle camere di commercio unificate o, in
subordine, a una forma
di gestione commissariale in attesa di definire
la questione sotto tutti i
punti di vista.
Si avvia cos lo scioglimento della giunta della
camera di commercio
di Siracusa. La Camera
di Commercio ed Arti di
Siracusa fu istituita con
il R.D. 5 ottobre 1862,
n.872 e ad essere insignito della carica di
Presidente fu Pasquale
Midolo. Dopo 154 anni
finisce lautonomia della
Camera di Commercio
di Siracusa accorpata
a Catania e Ragusa.
L'edificio, dove ancora oggi risiede l'Ente,
fu realizzato nel 1895
e sub successive modifiche nel 1931. Sulla
precedente ubicazione
dell'Ente non sono sta-

Da marted 21 decadono gli organismi direttivi e accorpamento con Catania


e Ragusa. Tutto gestir Catania come sta accadendo in tutti i settori. E finito tutto.

te rinvenute notizie.
Il 21 prossimo si presenta come uno spartiacque, sancendo sulla carta la fine dellente
pubblico
economico
siracusano che ha fatto
storia e che, con lattuale assetto, destinato
ad andare in pensione.
Una data, per, che potrebbe non essere nei
fatti quello della sca-

denza definitiva, visto


che pur in presenza del
decreto regionale, non
sono stati definiti tutti
gli aspetti giuridici e legali per dare vita allunificazione delle camere
di commercio.
Ieri mattina si tenuta
allo storico palazzo di
via Duca degli Abruzzi,
una riunione della giunta camerale, coordinata

dal presidente dellente


camera
siracusano,
Ivan Lo Bello. Si trattato di uno degli ultimi
incontri nel corso del
quale si sono affrontate
alcune problematiche
compresa quella della
poca chiarezza nel decreto, emesso dallassessore regionale alle
Attivit produttive, Mariella Lo Bello, e che

prevede la nomina del


cosiddetto super commissario.
Stiamo
affrontando
lattivit di chiusura
esercizio dice Massimo Franco, ex presidente di Coldiretti,
componente della giunta camerale siracusana
In questa condizione
di assoluta incertezza
si lavora male. La nostra preoccupazione
che, alla luce di quanto
si sta prospettando, le
camere di commercio,
facciano la stessa fine
delle Province regionali, lasciate in mano a
improvvisatori che annunciano cose eclatanti
per il futuro del paese
ma che poi, ai fini pratici, non sono affatto conseguenziali. Vergogna.
Fra le ultime incombenze che la giunta
camerale dovr espletare, quella relativa alla
partecipazione allassociazione Siracusa

Turismo, della quale


lente possiede una
quota pari al sessanta
per cento. Nellottica
di contenimento della
spesa pubblica e per
procedere a una nuova
riorganizzazione
delle societ partecipate regionali, avendo
riguardo a mantenere
esclusivamente quelle societ partecipate
dedicate a quei settori
in cui la Regione Siciliana persegue le proprie finalit istituzionali, lindirizzo quello
di dismettere la partecipazione dellente
camerale da Siracusa
Turismo. Ma sullo
specifico discorso non
stata presa ancora
lultima decisione. Il
tema stato affrontato nel corso della riunione di ieri ma senza
assumere alcun provvedimento. Ma una
decisione
potrebbe
avvenire gi in occasione della prossima
seduta della giunta
camerale, prevista per
venerd.

Assemblea non richiesta e autorizzata a Pachino

Badge regolare, in entrata e in uscita, con il tasto assemblea

attiva pseudo politica quella che prova


a riversare sugli altri le
proprie responsabilit
e le proprie incapacit.
Ancor peggio quando
si affida alla calunnia
e alla diffamazione. La
manifesta
incapacit
di risolvere i problemi
esige, molto spesso,
ununica cosa: le dimissioni.
Questo il commento
del segretario generale
della FP Cisl Ragusa
Siracusa, Daniele Passanisi, intervenuto a difesa della delegazione
sindacale aziendale del
Comune di Pachino attaccata dal sindaco del
paese, Roberto Bruno.
Il primo cittadino, con
una nota inviata l1 giugno scorso, aveva denunciato a suo dire i
rappresentanti sindacali
Rsu/Rsa della Fp Cisl
colpevoli sempre a
detta del sindaco di
essere riuniti in assemblea non richiesta e autorizzata.
Il tenore della nota inviata, addirittura, alla
Commissione di Garanzia sciopero di Roma e
alla Procura della Repubblica di Siracusa

FP Cisl: Lonest intellettuale di questi lavoratori che, in virt delle mancate risposte
da parte dellamministrazione, stanno continuando ad operare nei loro uffici

continua Passanisi
mostra chiaramente il
tentativo scomposto di
chi, invece di occuparsi
dei problemi dellEnte
che prova ad amministrare, cerca di distrarre
lattenzione della pubblica opinione.
Il signor sindaco del
Comune di Pachino
dichiara ancora il segretario generale della
FP Cisl territoriale -,
dovrebbe
dimostrare
identica solerzia nel
verificare quanto prova

ad affermare nelle note


ufficiali e, soprattutto,
sbloccare i pagamenti
dei quattro stipendi arretrati che attendono i
dipendenti dellamministrazione pachinese.
Tutti i dipendenti riuniti
avevano regolarmente timbrato il badge, in
entrata e in uscita, con
il tasto assemblea.
Questo, come ovviamente dimostrabile, aggiunge il segretario
Passanisi conferma
la regolarit e lonest

intellettuale di questi
lavoratori che, in virt
delle mancate risposte
da parte dellamministrazione, stanno continuando ad operare nei
loro uffici e avvalersi
delle funzioni di rappresentanza che la legge,
quindi lo Statuto dei lavoratori, consente loro.
Il sindaco Bruno, affidandosi tristemente ad
un potenziale ritorno
mediatico che, invece,
non fa altro che danneggiare il suo stesso

Comune, dovrebbe attivarsi per dare risposte


ai dipendenti dellEnte
amministrato. Il suo modus operandi continua
Passanisi assai in
voga tra quanti non riescono ad ammettere
le proprie difficolt e la
stessa incapacit a risolvere problemi.
Le rappresentanze sindacali della FP Cisl
vogliamo
rassicurare
il sindaco Bruno non
intendono farsi coinvolgere in questa melina

Da Cisl solo attacchi politici, io difendo chi lavora

Un

violento attacco politico


nei miei confronti: ma io difendo
i lavoratori mentre la Cisl tenta di
difendere lindifendibile.
Il sindaco, Roberto Bruno, ha risposto alle polemiche sollevate
dai rappresentanti sindacali della
Cisl riguardo ai dipendenti riuniti
in assemblea non autorizzata.
Io difendo chi lavora ha precisato il sindaco Bruno -, mentre
c chi chiamato a difendere i
lavoratori ma tenta maldestra-

mente di ammantare con il nobile


strumento della difesa del lavoro
chi, invece, sottrae il proprio tempo lavorativo poich impegnato
in fantomatiche riunioni, in spregio alla legge. Riguardo alla
situazione di grave sofferenza
delle casse comunali, il sindaco
ha detto che per conoscere le
reali motivazioni, la Cisl chieda a
coloro che oggi milita tra le proprie file e sino a qualche anno
fa occupava posti dirigenziali, di

responsabilit o di vicinanza
politica a chi governava prima.
Non si capisce, inoltre, se la Cisl
distratta o in malafede perch
proprio con i suoi rappresentanti sono state concordate le modalit di coinvolgimento diretto
dei sindacati nelle procedure
di risanamento dellente, che
con grande impegno e sacrifici
stiamo portando avanti da due
anni, nonostante qualcuno sta
tentando di sottrarsi.

di dubbio gusto. Continueranno nel loro compito, garantendo i diritti


inalienabili per tutti i
lavoratori. Una su tutte
linadempienza contrattuale principe, quella
che riguarda la mancata corresponsione degli
stipendi. Queste sono
le norme che dovrebbe
ripassare il sindaco di
Pachino. Queste sono
le norme che lo vedono come principale responsabile. A tutela di
tutto ci ha concluso
il segretario generale
della FP Cisl Ragusa
Siracusa siamo costretti a proclamare lo
stato di agitazione di
tutto il personale del
Comune di Pachino
e contestualmente a
chiedere lattivazione
della procedura di raffreddamento e conciliazione, presso la Prefettura di Siracusa, per
affrontare lirregolare
e ritardato pagamento
degli stipendi ai dipendenti del Comune di
Pachino ed il ripristino
delle corrette relazioni
sindacali dellAmministrazione comunale di
Pachino nei confronti
della CISL FP.