Sei sulla pagina 1di 2

Fohlen(termine)

Itinerario del significato. Rivoluzione, prima solo


astronomico,la lenta e graduale evoluzione economica
contrapposta agli accesi scontri politici. Attribuita ad
Adolphe Planqui, in realtà il termine ha seguito un complesso
iter di formazione, ad una concezione sempre più dolce
e mite dei cambiamenti economici. Ma Planqui solo economico,
difatti sottolineava il salto netto operato nell'industria dalle
nuove macchine. L'accostamento del termine "Industriale" nasce dal
nesso fondamentale alla precedente rivoluzione
scientifica, che n'era causa necessaria e indispensabile: cio è dovuto
a Natalis Briavoine, nondimeno meritorio della lucida analisi del fenomeno
come parallelo tra aumento dei bisogni e di mezzi per soddisfarli,
una lapidaria interpretazione dell'istinto alla miglioria naturalmente
insito nell'uomo. FATTA TUTTAAAAAAAAA
AAAAAAAAAAAXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXXX
Deane(contrapposizione)
osserva la necessità dell'industrializzazione per un progressivo miglioramento
della vita, riconoscendo numerose similitudini tra questa e altre "rivoluzioni":
applicazione scientifica al mercato, specializzazioni mirate di produzioni e com
merci,
urbanizzazione, spersonalizzazione delle imprese, variazioni nelle classi social
i, ecc.

Hudson(analisi quantitativa)
predica la necessità di un'analisi capillare sociale, che ancora più dell'approc
cio
macroeconomico delineerebbe i contorni effettivi del fenomeno, la diffusione e l
'importanza
su tutti i livelli sociali.
Polanyi(conflitto sociale-libero mercato)
osserva l'innaturalità dell'economia, confutando difatto la tesi base del liberi
smo fondata
sull'idea che l'uomo vi sia naturalmente portato. I mercati nazionali, e tutte l
e regolazioni
che difatto si sono rivelate efficaci provano la natura utopica del liberismo e
dell'atomismo
sociale, la cui presenza indicherebbe debolezze statali e vulnerabilità a totali
tarismi.
Williams(mutazioni della mentalità sociale)
concetti basi come democrazia e industria, pervengono al giorno d'oggi permeati
di significato
delineato con precisione solo con la rivoluzione industriale, chiaro indice di q
uanto abbia
cambiato le più svariati istituzioni ed i loro fini, il loro rapporto con la soc
ietà.

Thompson(proletariato contro capitalisti)


ideologica e "passionale" divisione tra classi, identità di interessi e caratter
izzazione in particolare
per antitesi a classi opposte, in questo caso i capitalisti. La visione prettame
nte politica
di Thompson lo porta a considerare artigiani e professionisti in generale il ver
o motore del proletariato,
più che gli operai di fabbriche (ai tempi, poco più che macchine loro stessi).
Marx(la forza-lavoro: analisi GENERALE del capitalismo)
forza lavoro= potenziale produttivo fisico di un uomo= MERCE, venduta quindi dal
lo stesso uomo (deve
esserne quindi LIBERO PROPRIETARIO). Così come l'uomo pagante, è egualmente in p
ossesso di merci da scambiare;
la condizione è una determinazione del tempo. La vendita in blocco della propria
forza-lavoro è eterna, dunque
schiavizzazione. L'altra condizione è l'impossibilità, dell'uomo, di vendere mer
ci prodotte dalla forza-lavoro;
la forza-lavoro è l'unico bene che può vendere. Duplice libertà: l'uomo vuole e
può dare la propria forza lavoro,
al possessore che trasforma denaro in capitale.
Ma la differenza tra i due è semplice eredità di vicessitudini sociali preesiste
nti, e il concetto di "merce"
esiste solo nel capitalismo, grazie alla divisione del lavoro e dei valori d'uso
e di scambio delle merci.