Sei sulla pagina 1di 31

Open Source World

Raccolta OpenSource

Indice
1

Linux

1.1

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.1

La nascita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.2

Il rapporto con la rete . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.3

La versione 1.0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.1.4

Gli ambienti desktop e gli anni 2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2

1.3

1.4

Caratteristiche

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.1

Il kernel

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.2

File system . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.3

Installazione

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.4

Utilizzo ed applicazioni pratiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.5

Amministrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.2.6

Vantaggi e svantaggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Le distribuzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.1

Distribuzioni pi diuse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.2

Distribuzioni completamente libere

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.3

Distribuzioni per bambini

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.4

Distribuzioni per PC datati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.5

Gestori di pacchetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.3.6

Versioni embedded . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Sviluppo e promozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4.1

La Linux Foundation e il Linux Standard Base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.4.2

I LUG

1.4.3

Il Linux Day

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.5.1

La denizione GNU/Linux . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.5.2

Gli scontri legali SCO-Linux . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.6

Riviste dedicate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.7

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

1.8

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.9

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

10

1.5

Controversie

1.10 Altri progetti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
i

10

ii

INDICE
1.11 Collegamenti esterni

10

GIMP

13

2.1

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

2.2

Caratteristiche

13

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.2.1

Spazio colore supportati

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

13

2.2.2

Strumenti di Selezione e Maschere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

2.2.3

Tracciati

14

2.2.4

Eetti, ltri e script

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

14

2.3

Sviluppo

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

2.4

Distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

2.4.1

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

15

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

Progetti derivati

2.5

Interfaccia ed usabilit

2.6

Wilber

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.7

Comparazione (e compatibilit) con Adobe Photoshop . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.8

Formati supportati

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

16

2.9

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.10 Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

2.11 Altri progetti

17

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

2.12 Collegamenti esterni


3

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

17

Inkscape

19

3.1

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

3.2

Strumenti presenti in Inkscape . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

19

3.3

Altre operazioni possibili con Inkscape . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

3.4

Interazione di Inkscape con altri software

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

3.4.1

GIMP

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

3.4.2

Blender . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

3.5

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

21

3.6

Altri progetti

21

3.7

Collegamenti esterni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Nvu

21
22

4.1

Caratteristiche

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

4.2

Sponsor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

4.3

KompoZer e BlueGrion . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

22

4.4

Storia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

4.5

Curiosit

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

4.6

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

4.7

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

4.8

Altri progetti

23

4.9

Collegamenti esterni

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

23

INDICE

iii

Apache OpenOce Writer

24

5.1

Estensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

5.2

Note . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

5.3

Voci correlate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

5.4

Altri progetti

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

24

5.5

Fonti per testo e immagini; autori; licenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

5.5.1

Testo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

25

5.5.2

Immagini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

26

5.5.3

Licenza dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

27

Capitolo 1

Linux

Tux, la mascotte del kernel Linux, nata mediante uno scambio di


e-mail in una mailing list pubblica.

Linux (/linuks/[1] , pronuncia inglese [lnks][2] ) una


famiglia di sistemi operativi di tipo Unix-like, rilasciati
sotto varie possibili distribuzioni, aventi la caratteristica
comune di utilizzare come nucleo il kernel Linux.
Linus Torvalds
Oggi molte societ importanti nel campo dell'informatica
come IBM, Sun Microsystems, Hewlett-Packard, Red
Hat, Canonical e Novell hanno infatti sviluppato e
poich supportava male la nuova architettura i386 a 32
pubblicato, e continuano a farlo, sistemi Linux.
bit, all'epoca tanto economica e popolare. Cos Torvalds
decise di creare un kernel unix con lo scopo di divertirsi
e studiare il funzionamento del suo nuovo computer, che
1.1 Storia
era appunto uno 80386.

1.1.1

Inizialmente, Linux (il sistema operativo basato sul kernel programmato da Torvalds) per girare utilizzava, oltre
al kernel di Torvalds, l'userspace di Minix. Successivamente, Linus decise di rendere il sistema indipendente
da Minix, anche perch non ne gradiva la licenza che lo
rendeva liberamente utilizzabile solo a ni didattici, e decise, quindi, di sostituire quella parte del sistema operativo col software del progetto GNU. Per fare ci, Torvalds
cambi la licenza e adott la GPL, che tra l'altro conside-

La nascita

Il kernel Linux vede la luce nell'agosto 1991 grazie al giovane studente nlandese Linus Torvalds che, appassionato di programmazione, era insoddisfatto del sistema operativo Minix (sistema operativo unix-like destinato alla
didattica, scritto da Andrew Tanenbaum, professore ordinario di Sistemi di rete all'universit di Amsterdam),
1

CAPITOLO 1. LINUX

rava buona per il suo sistema operativo a prescindere dal Window e quindi un primo livello socket sul quale venne
software GNU stesso.
poi costruita tutta l'infrastruttura di rete di Linux.
Linux, all'inizio, era un semplice emulatore di terminale
scritto in C e assembly, e non aveva bisogno di appoggiarsi a un sistema operativo. L'emulatore di terminale
avviava e gestiva due thread: uno per mandare segnali alla porta seriale, uno per riceverli; quando poi Linus ebbe
bisogno di leggere e scrivere le su disco, questo emulatore fu esteso in modo che potesse gestire un le system.
Lentamente, questo programma si trasform in un intero
kernel in grado di gestire un sistema operativo e Linus
inizi a documentarsi sulle speciche POSIX, chiedendo
assistenza sul newsgroup[3] . La prima versione del kernel
Linux, la 0.01, fu pubblicata su Internet il 17 settembre
1991 e la seconda nell'ottobre dello stesso anno.

In realt, il tutto era imbastito in maniera un po' caotica


e non era ben integrato all'interno del kernel, ma Linus
accett comunque la patch perch con essa era possibile
sia utilizzare X, sia utilizzare tale infrastruttura per dotare
Linux di uno stack di rete.
Entusiasta della novit, Linus rilasci, dopo la versione
0.13, la versione 0.95, senza pensare a tutti i problemi di
sicurezza che la rete avrebbe comportato. Per rimediare
alla leggerezza, nei due anni che trascorsero dalla 0.95 alla 1.0, Linus dovette utilizzare sia un ulteriore numero per
indicare il livello di patch sia le lettere dell'alfabeto (sino
alla versione 0.99.15Z, 0.99 15 livello di patch, revisione
Z).

Torvalds preferiva chiamare Freax il kernel a cui stava lavorando ma Ari Lemmke, assistente alla Helsinki
University of Technology che gli aveva oerto lo spazio 1.1.3 La versione 1.0
FTP per il progetto (ftp.funet.), prefer assegnare alla
subdirectory dedicata il nome alternativo di lavorazione
Il 12 marzo 1994 il 16 livello di patch del kernel 0.99 diLinux[4] .
venne Linux 1.0. Fu lo stesso Linus Torvalds a presentare
Sin dalla versione 0.01 si poteva compilare e far partire la la prima versione stabile all'Universit di Helsinki.
shell GNU Bash. Fino alla versione 0.10 era richiesto un
computer con Minix per congurare, compilare e installare Linux perch quest'ultimo usava il lesystem del si- 1.1.4 Gli ambienti desktop e gli anni 2000
stema sul quale si appoggiava; dalla versione 0.11 poteva
essere compilato da Linux stesso. Presto i sistemi Linux
superarono Minix in termini di funzionalit: Torvalds ed
altri sviluppatori della prima ora di Linux adattarono il loro kernel perch funzionasse con i componenti GNU ed i
programmi in user-space per creare un sistema operativo
completo, pienamente funzionante e libero.

1.1.2

Il rapporto con la rete

Desktop KDE SC 4.10

Nel 1996 fu scelto come logo uciale di Linux un


pinguino disegnato da Larry Ewing, chiamato Tux come
abbreviazione di Torvalds Unix.
Il compito di fornire un sistema integrato, che combini tutte le componenti di base con le interfacce grache
(come per esempio GNOME o KDE, basate a loro volta
sulla presenza dell'X Window System) e con il software
applicativo, svolto dalle distribuzioni GNU/Linux.
Per quanto riguarda il kernel vero e proprio, Torvalds gi
nel settembre 2009 dichiar che esso diventato gono e
grosso, non cos veloce e scattante come quando l'aveva
Nella primavera del 1992 l'hacker Orest Zborowski riu- progettato[5] . Riconosce, per, che questo ingrassamensc a rendere eseguibile il server X sulla versione 0.12 to non va visto solo come una cosa negativa, perch sidi Linux. Per far ci, Orest dovette implementare tutta gnica che Linux ha molta pi compatibilit rispetto al
la struttura degli Unix Domain Socket indispensabili a X passato[6] .
Richard Stallman

1.2. CARATTERISTICHE

Nel luglio del 2011, per festeggiare il 20 anniversario


della nascita di Linux, Torvalds decise di rilasciare il kernel Linux, passando ad un sistema di numerazione a 2 cifre, pubblicando la versione 3.0 del kernel. L'ultima release della serie 2.6 stata la 2.6.39. Il 12 aprile 2015 stata
pubblicata la versione 4.0 che oltre a risoluzioni di bug aggiunge supporto a nuovo hardware (come intel quark) e le
live patching, ovvero la possibilit di aggiornare il kernel
e aggiornare punti critici del sistema senza riavviare, questa feature dovuta anche alla collaborazione di RedHat
e SUSE.
L'ultima versione stabile del kernel Linux la 4.3.3 ed
stata resa disponibile al pubblico il 12 dicembre 2015.
L'ultima versione attualmente in sviluppo del kernel Linux la 4.4; il suo sviluppo sostenuto dalla Linux Foundation, un'associazione senza ni di lucro nata nel 2007 Caricamento del kernel Linux 2.6.24.4 su Knoppix 5.3.1
dalla fusione di Free Standards Group e Open Source
Development Labs.[7]
Il kernel Linux fu inizialmente creato nel 1991 da alcuni
studenti di informatica nlandesi[16] tra cui Linus Torvalds, il capogruppo. Linux aument in modo repentino i
1.2 Caratteristiche
suoi sviluppatori ed utilizzatori che aderivano al progetto del software libero e contribuivano allo sviluppo del
Grazie alla portabilit del kernel Linux sono stati svi- nuovo sistema operativo.[17]
luppati sistemi operativi Linux per un'ampia gamma di
Il ramo di sviluppo principale del kernel Linux prevede
dispositivi:
che esso contenga anche alcune parti non-libere, ouscate od oscurate come ad esempio alcuni driver. Il proget personal computer
to Linux-libre si propone come variante completamente libera di Linux, da cui sono nate diverse distribuzioni
cellulari
completamente libere.[18]
tablet computer e console
mainframe
supercomputer

1.2.2 File system

Esistono inoltre sistemi Linux installabili anche come Il le system utilizzato dai sistemi Linux fa riferimento al Filesystem Hierarchy Standard, uno standard per server, router e sistemi embedded.[8][9][10][11][12]
le system per sistemi Unix e Unix-like di tipo ad albero
Attualmente Linux molto usato, soprattutto come si- gerarchizzato.
stema operativo su server, in ambienti di produzione o
in dispositivi embedded (PVR, telefoni ecc.), e ha una
discreta diusione in ambiente desktop (circa il 3% dei
PC). Anche l'iniziale ampia diusione sui netbook ha la- 1.2.3 Installazione
sciato il passo a Windows, pur mantenendo una quota di
penetrazione signicativamente superiore a quella dei pc Un sistema Linux pu essere installato stand-alone su
desktop/notebook.
disco rigido oppure su partizione primaria e logica per
un hard-disk precedentemente partizionato. Alternativamente pu essere installato su chiavetta USB o CD ed
1.2.1 Il kernel
avviato opportunamente in fase di boot del computer. Tipicamente distribuzioni Live CD e Live USB una volta
Il kernel Linux, uno dei pi riusciti esempi di software avviate dal loro supporto di memorizzazione forniscono
open source,[13] costituisce il nucleo dei sistemi operativi supporto all'utente per l'installazione permanente su disco
della famiglia di Linux.[14] .
sso nelle modalit di cui sopra. Opzionalmente, i sisteIl kernel Linux stato rilasciato sotto la licenza libera mi Linux utilizzano anche di una partizione di swap per
GNU GPL,[15] (insieme ad alcuni rmware con varie li- la memoria virtuale utile per situazioni dove la memoria
cenze) ed sviluppato da collaboratori di tutto il mondo. RAM non suciente o anche per l'ibernazione. Altra
Ogni giorno lo sviluppo avviene sfruttando la mailing list modalit tipica di installazione comune anche agli altri
di Linux.
sistemi operativi il ricorso alla virtualizzazione.

1.2.4

CAPITOLO 1. LINUX

Utilizzo ed applicazioni pratiche

di provare la distribuzione ed eventualmente procedere


all'installazione del sistema sul proprio computer.

Il kernel Linux gira su svariate architetture[19] : dai


cellulari ai PC, ai supercomputer[20] . Speciali distribuzioni esistono per piccole architetture per mainstream. Il 1.3.1 Distribuzioni pi diuse
fork del kernel ELKS pu girare su un Intel 8086 o su un
Intel 80286 con microprocessore a 16-bit, mentre il fork In ordine alfabetico, segue la lista delle distribuzioni pi
del kernel Clinux pu girare su sistemi senza MMU. Il diuse e conosciute:
kernel gira anche su architetture che erano state progettate per utilizzare il proprio sistema operativo, come i com Android - una distribuzione per dispositivi moputer Macintosh della Apple (con architetture PowerPC
bili (principalmente touch screen) inizialmente svie Intel), PDA, console, lettori MP3 e telefoni cellulari.
luppata dalla Startup Android Inc. e poi nel 2005
acquistata dalla Google Inc. che la supporta tuttora.

1.2.5

Amministrazione

L'amministrazione, da parte di un utente o un sistemista,


di un sistema Linux pu avvenire per via graca attraverso un pannello di controllo dell'interfaccia graca del
distribuzioni lato desktop oppure direttamente da riga di
comando o terminale virtuale tramite ricorso ad un serie
di comandi. Quest'ultima modalit tipica delle distribuzioni server che per motivi di semplicit e di carico non
presentano interfaccia graca (per l'elenco e descrizione
dei comandi vedi fondo voce).

1.2.6

Vantaggi e svantaggi

Numerose distribuzioni sono completamente gratuite, per


l'utente privato e per le aziende. Esistono societ (Red
Hat, Canonical, e altre) che, dietro compenso, forniscono
supporto tecnico per le proprie distribuzioni.
A questo si aggiunge la possibilit di modicare il sistema
migliorando in proprio il codice sorgente, fornito con la
licenza GPL, e di distribuirlo gratuitamente e legalmente,
sotto forma di nuove versioni.
Il dibattito sui vantaggi e svantaggi di Linux spesso
ricompreso all'interno della comparazione tra Microsoft
Windows e Linux, molto nota agli addetti ai lavori.

1.3 Le distribuzioni
Non esiste un'unica versione di Linux ma esistono diverse
distribuzioni (chiamate anche distro), solitamente create da comunit di sviluppatori o societ, che scelgono,
preparano e compilano i pacchetti da includere. Tutte le
distribuzioni condividono il kernel Linux (sia pur in versioni diverse e spesso personalizzate), mentre si dierenziano tra loro per il cosiddetto parco software, cio i
pacchetti preparati e selezionati dagli sviluppatori per la
distribuzione stessa, per il sistema di gestione del software
e per i servizi di assistenza e manutenzione oerti.
Esistono distribuzioni eseguibili direttamente da CD o
pennetta USB: sono chiamate distribuzioni live o desktop CD. Una distribuzione live su CD o USB consente

Arch Linux - leggera, veloce, estremamente scalabile e adattabile alle proprie esigenze. Ottimizzata
per i686 e X86-64.
Backtrack - Ore tools per fare test di penetrazione.
Fino alla versione 3.0 derivava dalla distro WHAX,
dalla versione 4.0 invece basata su Ubuntu. Dopo
l'ultima versione, pubblicata nell'agosto 2012, il progetto viene fermato a causa della sua architettura ormai datata e il progetto continua nella nuova distribuzione Kali Linux, pi performante, pi intuitiva e
inoltre basata su Debian.
CentOS - una distribuzione basata sui sorgenti di
Red Hat Enterprise Linux, quindi uguale ad essa in
tutto e per tutto se non per i loghi e il nome che vengono cambiati in quanto marchi registrati. usata
per lo pi in ambito server.
Debian - Ore un ottimo sistema di gestione dei
pacchetti software (in formato deb), compilati per
11 architetture dierenti: Alpha, AMD64, ARM,
HP PA-RISC, Intel x86, Intel IA-64, MIPS (big endian), MIPS (little endian), PowerPC, IBM S/390,
SPARC. Viene denita per questo il sistema operativo universale. Ha un'installazione disponibile sia
in modalit testuale che graca. I repository di Debian generalmente contengono solo software libero, ma possibile attivare repository per installare
software proprietario.
Fedora - Distribuzione non commerciale sponsorizzata da Red Hat. Piuttosto curata nell'aspetto, viene
aggiornata frequentemente con le ultime novit. Il
sistema di pacchettizzazione basato su RPM Package Manager e l'installazione disponibile sia in
modalit testuale che graca.
Gentoo Linux - Distribuzione non commerciale basata sui sorgenti che permette di ottimizzare e rendere estremamente essibile il sistema. Implementa un
sistema di porting derivato da *BSD. L'installazione
avviene manualmente, seguendo l'apposito manuale. Ulteriori punti di forza della distribuzione sono l'ottima documentazione e la comunit molto
disponibile.

1.3. LE DISTRIBUZIONI
Knoppix - La distribuzione live CD pi famosa. Nata per uso forense, deriva da Debian. Molto indicata per i principianti, permette di avere un sistema completo avviabile direttamente da CD-ROM o
DVD che permette, tra i vari usi, l'utilizzo dimostrativo, come tool di diagnostica, come test di compatibilit hardware, ecc. Presenta alcune varianti come
Eduknoppix.
Linspire - Era una distribuzione commerciale derivata da Debian che puntava alla facilit d'installazione e d'utilizzo anche da parte di
principianti.
Mandriva - Conosciuta come Mandrake no al
2005, anno in cui la Mandrakesoft ha acquisito Conectiva. una tra le distribuzioni pi diffuse e maggiormente orientate all'utente desktop.
distribuita sia in forma gratuita che come prodotto commerciale (in questo caso include alcuni
pacchetti proprietari), con nuove release a cadenza approssimativamente annuale. Ha un sistema di
pacchettizzazione basato su RPM.
Mint - Derivata da Ubuntu, comprende alcuni software personalizzati per installazione e gestione, un
men principale che richiama quello di Windows
Vista, e comprende codec multimediali preinstallati
per DVD, MP3 ecc.

5
SLAX - Deriva direttamente da Slackware e ne
conserva le caratteristiche di velocit, stabilit, leggerezza e ampia congurabilit in base alle varie
esigenze del singolo utente. Adotta un approccio
modulare avanzato.
SUSE - Celebre distribuzione europea, molto usata a livello aziendale ma rivolta anche all'utente
Desktop. Anch'essa basata su RPM, un prodotto commerciale. basata sul lavoro del progetto
OpenSUSE.
Ubuntu - Distribuzione derivata da Debian, salita
alla ribalta per la facilit d'installazione e d'utilizzo e
per la disponibilit di frequenti aggiornamenti della
versione stabile. Utilizza il gestore pacchetti APT,
come Debian, e i desktop Unity e GNOME. Ne esistono numerose varianti uciali, tra cui Kubuntu,
Xubuntu, Lubuntu, Edubuntu e la variante non ufciale Ubuntu-Mate (mate un fork di Gnome 2 il
quale ne riprende quasi fedelmente le impostazioni
di Desktop Enviroment)

1.3.2 Distribuzioni completamente libere

La maggioranza delle distribuzioni Linux non contiene


esclusivamente software libero ma anche, in misura ridotta, software proprietario (ad esempio driver, codec,
tool e applicazioni), spesso per mancanza di software li OpenSUSE - una distribuzione non commercia- bero ugualmente funzionale. Tuttavia alcune distribuziole nata dall'apertura allo sviluppo comunitario di ni hanno scelto di non includere software proprietario e di
SUSE.
utilizzare Linux-libre, una versione del kernel Linux completamente libera. Infatti Linux contiene parti di codice
Puppy - Distribuzione molto leggera, disponibile
oscurate e sotto licenze non libere.
in versione Live CD. Occupa poche risorse e spazio
su disco ed adatta a PC poco potenti o datati. Se la La Free Software Foundation (FSF), sulla base delle Guiquantit di RAM suciente (256 MB o pi), pu delines for Free System Distributions[21] , ha stilato una lista di distribuzioni Linux che contengono esclusivamente
girare integralmente in memoria.
software libero[22][23] .
Red Hat Linux Enterprise - la distribuzione commerciale pi diusa. Leggera, non viene aggiorna- Lista in ordine alfabetico:
ta alle ultime novit ma predilige versioni di ker gNewSense - Distribuzione basata su Debian e
nel e componenti stabili e collaudate. Gli sviluppaUbuntu e supportata dalla FSF.
tori di Red Hat hanno realizzato il diuso sistema
di pacchetti RPM.
BLAG[24] (le Brixton Linux Action Group) - Distri Sabayon - Sabayon una distro basata su Gentoo
che si caratterizza per la compresenza di due package manager (binario e sorgente). disponibile in diverse versioni con KDE, GNOME, XFCE, LXDE,
Enlightenment, Fluxbox.
Slackware - Creata nel 1993, viene spesso considerata la distribuzione pi vicina a Unix e agli standard
Linux. molto stabile, versatile e mira alla semplicit: gli interventi sul codice sono minimi, nel rispetto delle intenzioni degli autori originali. Il sistema di
gestione dei pacchetti ada all'utente la risoluzione
delle dipendenze, mentre il software non incluso va
compilato dai sorgenti.

buzione Linux basata su Fedora.


Dragora[25] - Distribuzione indipendente basata sul
concetto di semplicit.
Dynebolic - Distribuzione specializzata nell'editing
di audio e video.
Kongoni[26] - Distribuzione africana.
Musix[27] - Distribuzione basata su Knoppix, rivolta
alla produzione audio.
Parabola GNU/Linux-libre[28] - Distribuzione basata su Arch che cura particolarmente la semplicit
della gestione dei pacchetti e del sistema.

CAPITOLO 1. LINUX
Trisquel[29] - Distribuzione orientata alle piccole imprese, agli usi domestici e ai centri educativi. Basata
sui rilasci LTS di Ubuntu, facile da usare, installare
e congurare.
Ututo[30] - Distribuzione basata su Gentoo, stato il primo sistema Linux completamente libero
riconosciuto dal Progetto GNU.
Venenux[31] - Distribuzione rivolta principalmente
ad utenti latinoamericani.

1.3.3

Distribuzioni per bambini

Si tratta di distribuzioni che forniscono raccolte preinstallate di giochi educativi in ambienti adatti a bambini a
partire dall'et prescolare (in alcuni casi a partire dai due
anni) no agli inizi dell'adolescenza. Tutte le distribuzioni di questo tipo adattano l'ambiente da un punto di vista
graco, ed alcune semplicano anche in maniera consistente le modalit di utilizzo dell'ambiente. Normalmente
vengono fornite anche delle raccolte di giochi di esclusivo divertimento, ma a volte vengono preinstallati anche
dei programmi per sviluppare la creativit.
Non di rado vengono integrati dei ltri famiglia per proteggere i bambini dall'ottenimento di pagine inappropriate durante la navigazione in Internet. I giochi educativi inclusi non dieriscono molto tra una distribuzione e l'altra,
e comprendono giochi per l'apprendimento dell'uso del
mouse e della tastiera, dell'alfabeto e delle sillabe, dei numeri e delle operazioni, di abilit di memorizzazione e ragionamento, no ad attivit pi complesse come lo studio
della geograa e delle scienze.

PaiX - Distribuzione basata su Mandriva, in fase


sperimentale.
Qiko Junior - Distribuzione basata su QiLinux (trasformatasi in Tuga). La casa madre che la rilasciava
(non scaricabile gratuitamente e provvista anche di
un manuale d'uso cartaceo) fallita.
Qimo 4 kids - Distribuzione basata su Ubuntu e multilingue, una distribuzione completa ed in avanzato stadio di sviluppo, che pu essere anche installata
come desktop environment aggiuntivo su una distribuzione Ubuntu preesistente. Non avendo sviluppato consistenti semplicazioni dell'interfaccia e delle
modalit d'uso potrebbe per risultare un po' ostica
per i bambini pi piccoli.
Trisquel EDU[32] - Versione di Trisquel GNU/Linux
progettata per essere usata in qualsiasi scuola.
Trisquel TOAST - TOAST, o Trisquel On A
Sugar Toast, un'edizione del sistema operativo completamente libero Trisquel GNU/Linux che
usa l'ambiente didattico Sugar. Sugar l'interfaccia
utente sviluppata da SugarLabs per i laptop di "One
Laptop per Child XO e progettata sui concetti di
apprendimento interattivo attraverso l'esplorazione.
stata impiegata con successo in molti paesi e contiene al suo interno un vasto catalogo di attivit
didattiche.
UKnowforkids - Distribuzione basata su Arch Linux, disponibile solo in inglese ma con requisiti
minimi hardware bassi.

Ecco alcune delle distribuzioni per bambini attualmente Anche pensate per i bambini sono le distribuzioni appositamente concepite per le scuole, ma esse non sono
esistenti:
espressamente concepite per l'uso sul singolo calcolatore
domestico, ma piuttosto su reti scolastiche di calcolato DoudouLinux - Distribuzione basata su Debian e ri ed inoltre si rivolgono a bambini in et scolare. A tal
multilingue, fa della semplicit d'uso e della adat- proposito si veda la pagina Edutainment, dove si trover
tabilit all'et del bambino i suoi punti di forza. Le anche una lista delle distribuzioni ad uso scolastico.
attivit pi semplici sono utilizzabili a partire dai
due anni, mentre i bambini pi grandi troveranno
tra le altre cose semplici programmi per lo sviluppo 1.3.4 Distribuzioni per PC datati
della creativit e navigheranno in internet protetti da
un ltro famiglia. In arrivo anche uno strumento per
Puppy Linux
la limitazione da parte dei genitori del tempo di uso
Debian LXDE
del PC. Non richiede l'installazione, potendo essere
usata da CD o da chiave USB.
Lubuntu
Edubuntu - Distribuzione basata su Ubuntu e
supportata da Canonical.
Edupup - Distribuzione basata su Puppy Linux.

Arch Linux

1.3.5 Gestori di pacchetti

Foresight kids - Distribuzione basata su Foresight


Le distribuzioni Linux sono normalmente composte da
Linux.
pacchetti (packages), ed ognuno di essi contiene una spe Linux KidX - Distribuzione basata su Slackware, cica applicazione o componente: ad esempio, ci possono
disponibile in portoghese ed inglese.
essere pacchetti contenenti una libreria per la gestione di

1.4. SVILUPPO E PROMOZIONE


un formato di immagini, oppure una serie di font, oppure
un browser web cos come un qualsiasi altro programma.
Un pacchetto fornito normalmente come codice compilato, e la sua installazione o rimozione gestita in maniera pi sosticata rispetto ad un semplice programma
di archiviazione come tar.
Il programma preposto a queste funzioni detto il sistema
di gestione dei pacchetti (package management system o
PMS) della distribuzione. Ogni pacchetto dedicato ad un
PMS contiene delle meta-informazioni come descrizione,
versione, dipendenze, ecc. Il sistema di gestione dei pacchetti tiene in considerazione queste meta-informazioni
per permettere ricerche, aggiornamenti automatici a versioni pi aggiornate, per controllare che tutte le dipendenze di un pacchetto siano soddisfatte e/o soddisfarle
automaticamente.

1.3.6 Versioni embedded


La possibilit di intervenire sul kernel Linux e la comparsa di molti appassionati ne hanno suggerito l'utilizzo
nell'elettronica dei dispositivi integrati. Infatti a partire dal 2009, possibile reperire apparecchiature commerciali (quali router, smartphone o tablet) dotate di sistemi Linux fortemente ridotti. Esistono anche distribuzioni Linux pensate per essere utilizzate su tali sistemi
embedded, ad esempio OpenWRT, FreeWRT, Android
(sviluppato da Google), MeeGo o ngstrm.

1.4 Sviluppo e promozione

Distribuzioni diverse hanno gestori di pacchetti diversi,


1.4.1
ed i principali sono:

La Linux Foundation e il Linux


Standard Base

rpm, adesso RPM Package Manager ma in origine Red Hat Package Manager, originariamente in- La Linux Foundation un'organizzazione formata dai
trodotto da Red Hat ma adesso usato in molte maggiori produttori di software ed hardware il cui
obiettivo di migliorare l'interoperabilit tra le diverse
distribuzioni.
distribuzioni.
deb, Debian package, originariamente introdotto da Allo scopo, essa ha proposto una standard aperto e graDebian, usato anche dalle sue distribuzioni derivate. tuito, chiamato Linux Standard Base (ucializzato con
lo standard ISO/IEC 23360) che denisce una comune
.txz (sostituisce il precedente .tgz o tar.gz), standard
ABI (Interfaccia Binaria per le Applicazioni), un unico
tar + xz, a volte con ulteriori le di controllo, usato
sistema di pacchettizzazione ed una struttura per il le
da Slackware ed altri, o a volte per la distribuzione
system che preveda le stesse convenzioni sui nomi e le
di pacchetti molto semplici fatti in casa.
stesse directory basilari in ogni sistema Linux.
ebuild, le contenente informazioni su come ottenere, compilare ed installare un pacchetto nel sistema Portage di Gentoo Linux attraverso il comando
emerge. Tipicamente queste sono installazioni basate sulla compilazione di sorgenti, nonostante anche alcuni pacchetti binari possano essere installati
in questo modo.

Esso al momento costituisce lo standard con maggiore


appeal, al quale tutte le maggiori distribuzioni si stanno
adeguando.

Le distribuzioni possono essere specializzate per dierenti utilizzi: supporto a particolari architetture, sistemi
embedded, stabilit, sicurezza, localizzazione per una
particolare regione o lingua o il supporto per le applicazioni in real-time. In pi, alcune distribuzioni inclu recipe, le contenente informazioni su come ot- dono solamente software libero. Attualmente, oltre tretenere, decomprimere, compilare ed installare un cento distribuzioni sono sviluppate attivamente, con cirpacchetto nella distribuzione Gobo Linux. Questo ca una dozzina di esse che sono pi famose per l'utilizzo
sistema simile a quello di Gentoo.
giornaliero[33] .
Autopackage, un gestore per creare un sistema di
installazione indipendente ed uguale per tutte le
distribuzioni Linux.
presente inoltre la possibilit di compilare in proprio
le applicazioni direttamente dai sorgenti disponibili, qualora non siano disponibili i binari precompilati. Sebbene la compilazione possa comportare alcune dicolt,
l'applicazione sar sicuramente ottimizzata per il sistema sulla quale viene eseguita. Seguendo questa logica alcune distribuzioni (es. Gentoo) orono la possibilit di
compilare l'intero sistema operativo.

1.4.2 I LUG
Un Linux User Group (LUG), o anche Linux Users
Group e Linux Users Group un gruppo formato da
sostenitori e promotori del sistema operativo Linux.
I LUG sono spesso organizzati come associazioni senza
scopo di lucro e la loro principale missione contribuire alla diusione del software libero e in particolare dei
sistemi operativi basati sul kernel Linux.

1.4.3

CAPITOLO 1. LINUX

Il Linux Day

I LUG italiani ogni anno promuovono ed organizzano il


Linux Day, una manifestazione che ha lo scopo di promuovere il sistema operativo Linux e il software libero,
ed avvicinare ed aiutare i nuovi utenti, con un insieme di
eventi contemporanei organizzati in diverse citt d'Italia.

che utilizzano software GNU sarebbe erronea, in quanto il nome Linux attribuibile al solo kernel e il sistema, strutturato a partire dai componenti dell'originale
progetto GNU, dovrebbe pi propriamente chiamarsi
GNU/Linux[39][40] . Secondo l'uso della maggior parte degli utenti, degli sviluppatori e delle societ coinvolti nello sviluppo del sistema operativo e del software ad esso
collegato, il nome Linux ormai divenuto sinonimo di
sistema Linux based, cio di sistema basato sul kernel
Linux.

La Italian Linux Society (ILS) stabilisce la data del Linux


Day e, a volte, fornisce proprio materiale pubblicitario.
La responsabilit dei singoli eventi locali lasciata ai rispettivi gruppi organizzatori, che hanno libert di scelta Sebbene non sia insostituibile per questo scopo, Linux
per quanto riguarda i dettagli delle iniziative locali, nel anche il sistema operativo pi comunemente usato per
eseguire Apache, MySQL e PHP, i software alla base delrispetto delle linee guida generali denite da ILS.
la maggior parte dei server web di tutto il mondo. Le iniGiornate tematiche sul software libero e l'open source
ziali di questi tre progetti, insieme all'iniziale della parola
erano gi state sperimentate in Italia sin dal 1999, grazie
Linux, hanno dato origine all'acronimo LAMP.
alle iniziative del gruppo ErLug (Emilia-Romagna Linux
User Group). Fu grazie a queste esperienze, e i dibattiti Con l'evoluzione di ambienti desktop come KDE e
che ne seguirono, che vennero denite le linee guida dei GNOME, sono state sviluppate distribuzioni che orono
LinuxDay, successivamente gestite da ILS sul territorio interfacce grache simili a quelle di Microsoft Windows
nazionale. Le prime manifestazioni in questa nuova ve- o di Mac OS X, pi vicine alle esigenze degli utenti meste vennero proposte a partire dal 2001, per iniziativa di no esperti, rendendo il passaggio da un sistema all'altro
Davide Cerri di ILS[34] , con lo scopo di valorizzare la re- meno traumatico.
te dei LUG italiani organizzando una manifestazione di
portata nazionale ma allo stesso tempo delocalizzata sul
territorio. Il ruolo di ILS, tuttavia, stato sempre secon- 1.5.2 Gli scontri legali SCO-Linux
dario rispetto allo sforzo profuso dai LUG, veri arteci
Con il termine causa legale tra SCO e IBM si fa riferimendella manifestazione.
to ad una serie di cause legali e pubbliche tra la societ
La prima edizione del Linux Day si tenuta il 1 dicembre produttrice di software e sistemi operativi SCO Group ed
2001 in circa quaranta citt sparse su tutto il territorio alcuni utenti Linux.
nazionale[35] . Il Linux Day divenuto il principale evento
italiano no prot dedicato a Linux ed al software libero. SCO sostenne che gli accordi di licenza con IBM, che
donarono alcuni codici sorgente per essere incorporati in
Linux, violassero i diritti contrattuali. Molti membri della
comunit Linux non furono d'accordo con SCO e IBM,
1.5 Controversie
Novell e Red Hat vinsero il processo contro SCO Group.

1.5.1

La denizione GNU/Linux

Linux il nome del kernel, sviluppato da Linus Torvalds


a partire dal 1991, che stato utilizzato come base per
la realizzazione di vari sistemi operativi. In particolare
molti progetti open source hanno scelto di sviluppare sistemi operativi con kernel Linux e software sviluppato
dal progetto GNU. Tutti questi sistemi sono per comunemente chiamati col nome del loro kernel (Linux), senza
specicare di che tipo il resto del software utilizzato.
L'utilizzo della parola Linux da attribuire a Ari Lemmke, l'amministratore che rese per primo disponibile Linux
su Internet via FTP il 17 settembre 1991[36] . In particolare, Linux era il nome della directory, la pub/OS/Linux,
in cui risiedevano i le del nuovo sistema operativo.[37]
Il nome scelto da Torvalds e che dur per sei mesi era
Freax, ovvero Freaks con la x d'ordinanza.[38]
Secondo Richard Stallman, fondatore del progetto GNU,
e secondo la Free Software Foundation, la dicitura Linux (senza presso GNU/") per i sistemi operativi

1.6 Riviste dedicate


Linux & C. in italiano
Linux Magazine in italiano
Linux Magazine in inglese

1.7 Note
[1] Luciano Canepari, Dizionario di pronuncia italiana
(PDF), venus.unive.it, agosto 2008, p. 167. URL consultato il 25 dicembre 2012.
[2] Linus Torvalds us /lnks/ in inglese.
(EN) Re: How to pronounce Linux"?, su comp.os.linux,
23 aprile 1992. URL consultato il 9 gennaio 2007.
Torvalds si registr pronunciando tale nome negli anni novanta. /lnks/
(EN) How to pronounce Linux?, paul.sladen.org. URL

1.7. NOTE

consultato il 17 dicembre 2006.) e in svedese (/lnks/:


(EN) Linus pronouncing Linux in English and Swedish,
kernel.org. URL consultato il 20 gennaio 2007.
[3] (EN) Linus Torvalds, What would you like to see most in
minix?, comp.os.minix, 25 agosto 1991. URL consultato
il 9 gennaio 2011.
[4] Linus Torvalds, David Diamond, Rivoluzionario per caso. Come ho creato Linux (solo per divertirmi), Garzanti,
2011, pp. 101, 105, 109, ISBN 88-11-73896-2.
[5] Alfonso Maruccia, Linus attacca Linux, Punto Informatico, 22 settembre 2009. URL consultato il 17 febbraio
2011.
[6] (EN) Linus calls Linux bloated and huge, theregister.co.uk. URL consultato il 9 gennaio 2011.
[7] (EN) New Linux foundation Launches - Merger of Open
Source Development Labs and Free Standard Group, Linux Foundation, 21 gennaio 2007. URL consultato il
6 ottobre 2007 (archiviato dall'url originale il 2 luglio
2007).
[8] (EN) Linux Watch, trl.ibm.com, ottobre 2001. URL
consultato il 29 settembre 2009.
[9] (EN) Trolltech rolls complete Linux smartphone stack,
linuxfordevices.com, gennaio 2010. URL consultato il 20
settembre 2009.
[10] (EN) Patrick Thibodeau, IBMs newest mainframe is
all Linux, computerworld.com. URL consultato il 22
febbraio 2009.

[19] The linux-kernel mailing list FAQ


[20] (EN) Prakash Advani, If I could re-write Linux, freeos.com, 8 febbraio 2004. URL consultato il 23 gennaio
2007.
[21] (EN) Guidelines for Free System Distributions, gnu.org.
URL consultato il 9 gennaio 2011.
[22] (EN) List of Free GNU/Linux distributions, gnu.org.
URL consultato il 9 gennaio 2011.
[23] (EN) 9 Free Linux Distributions: A Linux Free For All,
daniweb.com. URL consultato il 9 gennaio 2011.
[24] (EN) BLAG: Sito uciale, blagblagblag.org. URL
consultato il 9 gennaio 2010.
[25] Dragora: sito uciale, dragora.org. URL consultato il 9
gennaio 2010.
[26] (EN) Kongoni: Sito uciale, kongoni.co.za. URL consultato il 9 gennaio 2010.
[27] Musix: sito uciale, musix.org.ar. URL consultato il 9
gennaio 2010.
[28] Parabola
GNU/Linux:
sito
uciale,
lagnulinux.org. URL consultato il 4
2012.

parabogennaio

[29] (ES, EN) Trisquel: Sito uciale, trisquel.info. URL


consultato il 9 gennaio 2011.
[30] (ES) Ututo: sito uciale, ututo.org. URL consultato il 9
gennaio 2011.

[11] (EN) Daniel Lyons, Linux rules supercomputers, forbes.com. URL consultato il 22 febbraio 2007.

[31] Venenux: sito uciale, venenux.org. URL consultato il 9


gennaio 2011.

[12] OpenWrt

[32] Trisquel EDU sul sito di Trisquel GNU/Linux

[13] (EN) Linus Torvalds, Re: GPLv3 Position Statement,


lkml.org, 25 settembre 2006.

[33] (EN) The LWN.net Linux Distribution List, lwn.net. URL


consultato il 19 maggio 2006.

[14] (EN) File README, git.kernel.org. URL consultato il 12


novembre 2010.

[34] Email di lancio del Linux Day, lists.linux.it. URL


consultato il 9 gennaio 2011.

[15] (EN) File COPYING, git.kernel.org. URL consultato il 16


febbraio 2011.

[35] Si avvicina Linux Day 2005, Punto Informatico, 20


settembre 2005. URL consultato il 9 gennaio 2011.

[16] (EN) Marjorie Richardso, Intervista: Linus Torvalds, Linux Journal, 1 novembre 1999. URL consultato il 20
agosto 2009.

[36] Linus Torvalds, David Diamond, Rivoluzionario per caso. Come ho creato Linux (solo per divertirmi), Garzanti,
2011, pp. 108-109, ISBN 88-11-67859-5.

[17] (EN) Sam Williams, Chapter 9: The GNU General Public License, su Free as in Freedom, O'Reilly Media. URL
consultato il 16 febbraio 2011.

[37] Linus Torvalds, David Diamond, Rivoluzionario per caso. Come ho creato Linux (solo per divertirmi), Garzanti,
2011, p. 109, ISBN 88-11-67859-5.

[18] (EN) GNU Linux-libre, Free as in Freedo, su Free Software Foundation Latin America. URL consultato il 21
gennaio 2015.

[38] Linus Torvalds, David Diamond, Rivoluzionario per caso. Come ho creato Linux (solo per divertirmi), Garzanti,
2011, p. 105, ISBN 88-11-67859-5.

Linux, the kernel developed and distributed by Linus Torvalds et al, contains non-Free
Software, i.e., software that does not respect
your essential freedoms, and it induces you
to install additional non-Free Software that it
doesn't contain..

[39] (EN) Alex Weeks, 1.1, in Linux System Administrators


Guide, versione 0.9, 2004. URL consultato il 18 gennaio
2007.
[40] (EN) GNU/Linux FAQ by Richard Stallman, gnu.org.
URL consultato il 9 luglio 2014.

10

1.8 Bibliograa
Daniele Medri. Linux facile (copyleft)
Daniele Masini. Informatica e GNU/Linux (copyleft)
Daniele Giacomini. Appunti di informatica libera
(copyleft)
Linus Torvalds e David Diamond, Rivoluzionario
per caso. Come ho creato Linux (solo per divertirmi),
Garzanti, 2001. ISBN 88-11-73896-2.
Machtelt Garrels. Introduzione a Linux (trad.
Andrea Montagner) (copyleft)

1.9 Voci correlate


Android
Controversia sul nome GNU/Linux
Comparazione tra Microsoft Windows e Linux
Distribuzione GNU/Linux
Free Software Foundation
GNU
Halloween Documents
Linus Torvalds
Linux (kernel)

CAPITOLO 1. LINUX

1.10 Altri progetti

Wikibooks contiene testi o manuali su Linux

Wikinotizie contiene notizie di attualit su


Linux

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su Linux

1.11 Collegamenti esterni


(EN) Sito uciale della Linux Foundation, linuxfoundation.org.
Linux, in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento
pertinente all'argomento Linux)

Linux.it sito della Italian Linux Society. Contiene


un elenco dei Linux user group italiani, molta documentazione in italiano e altre informazioni su
Linux.
(EN) kernel.org Il sito uciale del kernel di Linux
(EN) Il post di Tanenbaum Linux is obsolete,
educ.umu.se.
(EN) Il progetto GNU, gnu.org.

Linux-libre (kernel)

(EN) Distrowatch - Una lista esaustiva di distribuzioni aggiornata continuamente.

Linux Foundation

(EN) The Linux Documentation Project, tldp.org.

Linux Standard Base


Linux User Group
Linux Professional Institute
Lista di videogiochi per Linux
MINIX
Novell
Produzione paritaria
Red Hat
Revolution OS
Richard Stallman
Sistema operativo
Single UNIX Specication
The Linux Documentation Project
Tux (mascotte)
Unix-like

1.11. COLLEGAMENTI ESTERNI


1992

1993

1994

1995

1996

1997

1998

1999

2000

2001

2002

2003

2004

2005

2006

11

2007

2008

2009

2010

2011

2012

2013

2014

2015

2016

2017

Libranet
Omoikane (Arma)

Linux Distribution Timeline

Quantian
DSL-N

Version 16.1.1

Damn Small Linux


Hikarunix

A. Lundqvist, D. Rodic - futurist.se/gldt


Maintained by Konimex - github.com/konimex/gldt
Published under the GNU Free Documentation License

Damn Vulnerable Linux

KnoppMyth
Danix
Parsix
Kanotix
Auditor Security Linux

Influence, developer switching


Rebasing, substantial code flow, project overtaking
Developer & code sharing, project merging

Backtrack

Kali

Bioknoppix
MAX
Kaella
ParallelKnoppix
Musix
Knoppix
Symphony OS
Whoppix

WHAX

B2D
Joatha
Shabdix
Feather
Medialinux Mediainlinux

ArtistX

INSERT
Aquamorph
Dreamlinux
Morphix
ZoneCD
Hiwix Hiweed

Deepin

Kalango
Kurumin
Poseidon
Dizinha
NeoDizinha Patinho Faminto
Progeny
DeMuDi
64Studio
gnuLiNex
Lihuen
BlackRhino
MEPIS

SimplyMEPIS
antiX
Impi

Swift

Bluewall
K-DEMar

kademar

Euronode
DeadCD

Olive

Underground Desktop
UserLinux
BeatriX
MoLinux
Tirwal
BlankOn
Trisquel
VENENUX
Tuquito
ThinClientOS
Epidemic
Librassoc
sidux

aptosid
siduction
Webconverger
GALPon MiniNo
Estrella Roja
Metamorphose
Canaima
Matriux
DoudouLinux
Progress
SalineOS
Liquid Lemur
Snowlinux
srvRX live

Debian
Xamin
OpenMediaVault

La scrivania della versione 4.00 della distribuzione Trisquel,


completamente libera.

Red Ribbon
Conducit
GNUGuitarINUX
Linux Mint Debian
Semplice
Tails
Nova
Inquisitor
Proxmox
PelicanHPC
BOSS
PureOS
Vyatta
NepaLinux
OS2005

Maemo

Meego Harmattan

Elive
LliureX
Voyage
Resulinux
Arco-Debian

Arc-Live
Ulteo
Polippix

Kubuntu
Asturix
DEFT
Bardinux
nUbuntu
Christian Edition
Commodore OS
Mint
quantOS
Satanic Edition
Uberyl ComFusion
Ubuntu Studio
Moblin
Geubuntu OpenGEU
Kiwi
gOS
CrunchBang

Bunsen Labs
CrunchBang++

Ubuntu Rescue Remix


Ubuntu eee Easy Peasy
Leeenux
MoonOS
eBox

Zentyal

Newtoos
Vibuntu VINUX
Qimo
Lubuntu
Peppermint OS
Chromium OS
Ylmf

StartOS

Netrunner
Dax OS
AriOS
Tango Studio
Dream Studio
Bodhi
Elementary OS
Descent|OS
Mandragora
Santoku
Ubuntu Kylin
Ubuntu
Vulnix
Airinux
TorBOX Whonix
Pear OS
P@xtreme
Pinguy OS
BackBox
SecUntu
Jolicloud
GnackTrack
Element
Zenix OS
wattOS
Monomaxos
A/V AV
XBMC Live
CAINE
Zorin OS
Maryan
Ultimate Edition
Zebuntu

ZevenOS

Eeebuntu

Aurora OS

Fluxbuntu
Greenie
Ubuntulite

U-lite

Mythbuntu
Madbox
Muslim Edition

Sabily

gNewSense
PUD

xPUD

Xubuntu
Edubuntu
Arabian
grml

La nestra del sistema di gestione dei pacchetti di Ubuntu e


Trisquel

Clonezilla Live
DRBL
Guadalinex
Amber
Xebian
ASLinux
miniwoody Bonzai
Rxart
Lindows

Linspire
Freespire

Skolelinux
LEAF
Gibraltar
Storm
Corel

Xandros
Ophone
Android
CyanogenMod
Cyanogen OS

Bogus

Trans-Ameritech

webOS

Mini

Monkey

Yggdrasil

Openwall

Linux Universe

TAMU

DILINUX

OpenWRT
DOSLINUX

Tinfoil Hat

Craftworks

Devil

Midori

Tiny Core

MCC Interim
Xdenu
SmoothWall GPL

SmoothWall Express
IPCop
IPFire
Macpup
Puppy
Sage Live CD
TEENpup

Legacy OS

BluePoint

Quirky
Beehive

Mamona

eIT easyLinux

Yoper
Leka Rescue Floppy

Pardus

EnGarde
4M
Jarro Negro
Project Ballantin
FREESCO
LinuxConsole
Source Mage
Sorcerer
Lunar
GoboLinux
GeeXboX
Paldo
Dragora
Qubes OS
UHU
RIP
NixOS
KaOS
SliTaz
Tiny SliTaz
Ophcrack
Syllable Server
Exherbo
Hadron
OpenELEC
Bedrock
Solus
Ututo

Ututo XS
Ututo-e
Jollix
VidaLinux

VLOS

epiOS
Bintoo
Papug
Toorox
Funtoo
AnikOS
Enoch

Gentoo
CoreOS
Libert
SystemRescueCD
Calculate
Kororaa
RR4

Sabayon

Pentoo
Navyn OS
Gentoox
SLS

MNIS
Stampede
VectorLinux
Wolvix
Gnu-HALO
Slax
SLAMPP
DNALinux
DeLi

ConnochaetOS
DeLi(cate)
Kwort
AUSTRUMI
GoblinX

Imagineos

HostGIS
NimbleX
Frugalware
NetSecL
Slackintosh
Voltalinux
Bluewhite64
Wifislax
Draco
Wifiway
Kongoni
Lin2Go
SlaXBMC
Slackware
Porteus
Salix
Linvo
PLATYPUX
SMS

Superb Mini Server

ARMedslack

Slackware ARM
SL4P

Absolute
How-Tux
Sauver
pQui
Slamd64
MOPSLinux
Kate

AgiliaLinux

KateOS

Slack/390
Minislack

Zenwalk

DARKSTAR
Stux STUX
Topologilinux
EvilEntity
Tiny
Burapha
Caixa Mgica
Sun JDS
Linkat
S.u.S.E

SuSE

SUSE

openSUSE
NLD

SLED

SLES
Astaro
Jurix

Alpine
openmamba
QiLinux
ROCK
T2
NuTyX
Linux From Scratch
ZENIX

KaarPux

tomsrtbt

0
dyne:bolic
Ark
NetStation
Thinstation
LPS
Octoz

Weaver

Hedinux

Igelle

Nitix

PLoP

Clinux
Coyote
BrazilFW
Zeroshell
Natures Linux
ELinOS
OpenEmbedded
ngstrm
KaeilOS
Peanut

aLinux
CRUX
Chaox
FireFly
CTKarchLive

CTKArch

ArchBang
LDR
Bridge
BlackArch
Arch
AL-AMLUG

Archie

Cinnarch

Antergos

Manjaro
Parabola
Arch Linux ARM
KahelOS
LinHES
mkLinux

Chakra
Oz
Specifix

rPath
Foresight

LST

Openfiler

DLD

Everest
Linux-FT

Qomo

United Linux

Unifix
Caldera

SCO
UltraPenguin

Redmond Lycoris

Buhawi
Eurielec
ALT
Granular
Phinx
PCLinuxOS
Garuda
TinyMe
blackPanther
Unity
ChameleonOS
ROSA
Mandrake

Mandriva
Virtual

OpenSLS Annvix

Demolinux

La classica schermata iniziale di un sistema operativo Android

Mageia

SAM

SAMity

KRUD
Eridani
Vine
Armed
Kondara
ELX
Finnix
Miracle
Asianux
Pingo
Rocks
ASP
Independence
HP Secure
Haydar
BLAG
LinuxInstall
AnNyung
SuliX
PUIAS
White Box
CERN
StartCom
Oracle Enterprise
ServOS
Red Hat

Red Hat Enterprise


Tao

FrameOS

Scientific
BioBrew

Elastix
OpenNode

CentOS
BlueOnyx
Asterisk@Home

trixbox

Momonga
MythDora
Ekaaty
Vixta

Simplis

Xange

Moblin 2

Tizen
MeeGo
Mer
Hanthana
Fusion
Parsidora

Fedora Core

Fedora
Viperr
Fuduntu
Synergy

12

Logo uciale del Linux Day.

GNOME 2.20 desktop.

CAPITOLO 1. LINUX

Capitolo 2

GIMP
GIMP (GNU Image Manipulation Program) un
programma per la creazione e modica di immagini
digitali.
un programma multipiattaforma: ci sono versioni per
la maggior parte dei sistemi operativi, tra cui Linux, OS
X e Microsoft Windows ed uscito con la licenza GNU
GPLv3+ ed quindi software libero[4] .
utilizzato principalmente per la realizzazione di loghi
ed operazioni di fotoritocco. Oltre a ridimensionamento e
ritaglio di immagini, permette di eettuare fotomontaggi,
conversioni tra formati ed animazioni (ad esempio in
formato GIF).[7]
Viene spesso utilizzato come sostitutivo del programma
commerciale Adobe Photoshop, pi noto per il suo uso
in ambito professionale, per la modica e la stampa di
immagini digitali (anche se GIMP non un clone di
Photoshop).[8]
Il progetto stato iniziato nel 1995 da Spencer Kimball e
Peter Mattis ed mantenuto da volontari sotto il patrocinio del Progetto GNU.[1][2] Il logo la mascotte Wilber,
un coyote.

2.1 Storia
I creatori di GIMP (GNU Image Manipulation Program),
Spencer Kimball e Peter Mattis svilupparono inizialmen- Finestra di dialogo dei Pennelli in GNOME
te il progetto come tesina semestrale per un corso per
l'Universit della California, Berkeley nel 1995.[9] Erano entrambi membri del Computing Facility, associazione nelli). Questi strumenti includono ltri, pennelli oltre a
trasformazioni, selezione, livelli di immagine e strumenti
studentesca a Berkeley.
per creare maschere.
Nel 1997, dopo la loro laurea, cambiarono il nome in
GNU Image Manipulation Program ed entrarono u- Ad esempio GIMP possiede 48 pennelli classici a cui
cialmente nel Progetto GNU[10] . La versione 2 stata ne possono essere aggiunti altri. Questi pennelli possono avere il bordo morbido (con antialiasing) o rigido (con
pubblicata nel 2004[11] .
aliasing), o usati in sottrazione di colore o con diverse
opacit, o ancora con molti altri metodi di composizione.

2.2 Caratteristiche
2.2.1 Spazio colore supportati
Gli strumenti di manipolazione di GIMP possono essere
raggiunti con Barre degli Strumenti, tramite men o con - GIMP pu usare come tavolozza dei colori il modello
nestre di dialogo (che possono essere raggruppate in pan- RGB, HSV, la ruota dei colori oppure il modello CMYK.
13

14

CAPITOLO 2. GIMP

Esempio di una semplice immagine ottenuta con lo strumento


Sfumatura

Video sulla regolazione del colore tramite GIMP

Pu mischiare questi modelli ed ha strumenti per la selezione del colore con molte opzioni (come ad esempio
l'utilizzo dei codici esadecimali dei colori, come usato nei
CSS ed HTML). Bisogna notare che il modello CMYK
solo simulato: viene immediatamente tradotto in RGB
in memoria. GIMP non ha ancora un supporto per quelle combinazioni CMYK che non possono essere rappresentate come RGB, come i neri saturi, che possono per
essere estesi (limitatamente) con plugin aggiuntivi.
GIMP supporta i gradienti di colore che pu essere integrato in altri strumenti, come riempimenti e pennelli,
per avere aree coperte con merging automatico dei colori.
Include molti gradienti gi pronti all'utilizzo e permette
l'inserimento o la modica degli stessi.

2.2.2

Strumenti di Selezione e Maschere

Si possono eseguire selezioni circolari o rettangolari, a


mano libera, per colore o, alternativamente, con lo strumento Selezione Intelligente (la bacchetta magica di
alternative commerciali), si possono selezionare regioni
uniformi di colore. Le forbici intelligenti possono essere usate per creare automaticamente percorsi (path) tra
regioni a forte contrasto.

Animazione che mostra tre schede in una nestra di dialogo:


livelli, canali e tracciati.

Supporta anche immagini trasparenti o semi-trasparenti.


Con i canali si possono modicare un singolo spazio colore di un'immagine (per esempio modicare solo i toni rossi di una immagine RGB senza toccare le altre
componenti).

2.2.3 Tracciati
I tracciati contengono segmenti o curve di Bzier e possono essere creati con uno strumento apposito. Oltre a poter
essere nominati, salvati e colorati (o dipinti) con pennelli
o motivi o stili diversi di linee, i tracciati possono essere
usati per eettuare selezioni complesse.

2.2.4 Eetti, ltri e script


GIMP possiede circa 150 eetti standard e ltri, incluso
Drop Shadow (ombreggiatura), Blur, Motion blur e Noise
(rumore digitale).

Il programma supporta anche script in vari linguaggi:


Gimp-fu (linguaggio Scheme integrato) o esternamente
Perl, Python o Tcl. allo studio l'integrazione di Ruby.
GIMP usa i livelli (anche trasparenti) che possono esse- Questi linguaggi permettono di scrivere script o plugin
re mostrati, nascosti, opacizzati e variamente modicati. che possono essere eseguiti interattivamente. possibile

2.4. DISTRIBUZIONE

15

creare immagini in modo completamente non interattivo,


come per esempio generare immagini per pagine web al
volo attraverso programmi che usino l'interfaccia CGI o
la modica sequenziale del colore e la dimensione di un
gran numero di immagini. Per questi compiti non interattivi programmi come ImageMagick sono per di gran
lunga pi semplici da utilizzare.

GIMP 2.2.8 in esecuzione sotto X11 su Mac OS X

2.3 Sviluppo

2.4 Distribuzione

GIMP sviluppato principalmente da volontari, come progetto di software libero nell'ambito del progetto
GNU[12] . Usa un ramo instabile (di sviluppo) per aggiungere nuove caratteristiche e un ramo stabile per correggere bug tra le varie versioni. Come tanti altri software
open source usa un numero pari per indicare le versioni
stabili (per esempio 2.6.X) ed un numero dispari per le
versioni instabili (ultimamente 2.7.x).

Il programma disponibile in molteplici sistemi operativi


e architetture di computer. Esistono anche molti progetti
derivati. Sul sito uciale sono disponibili oltre ai codici sorgenti anche molti binari (le eseguibili) per svariati
sistemi operativi.

L'interfaccia di GIMP stata costruita usando GTK+ (the


GIMP Toolkit), originariamente scritta appunto per questo programma. Con il tempo la libreria GTK+ stata
usata, data la sua bont, per creare il desktop environment GNOME. Questa libreria altro non che il rimpiazzo open source di una libreria commerciale, Motif, usata
nei primi tempi con GIMP.

GIMPshop

GIMP viene incluso in molte distribuzioni Linux come


editor d'immagini standard. Bisogna ricordare in particolare le distro Debian GNU/Linux, Fedora, Mandriva
Tra la versione 1.2 e 2.2 ci sono stati molti cambiamen- Linux, OpenSUSE, Ubuntu.
ti nell'interfaccia, oltre all'introduzione di pennelli multiIl porting su sistemi Microsoft Windows esiste dal 1997
pli che al tempo venivano usati solo da Photoshop. Tra
per opera di un programmatore nlandese, Tor tml
la versione 2.2 e la 2.4 sono state introdotte molte miLillqvist.[15]
gliorie signicative, come la gestione digitale dei colori, pennelli scalabili, nuovi strumenti di selezione e un
miglioramento dell'interfaccia utente.[13] Nella versione 2.4.1 Progetti derivati
attuale (2.6) c' stato un completo ripensamento, e conseguente ristrutturazione, dell'interfaccia utente (seguen- GIMP, essendo open source, ha avuto molti fork e vari
do un percorso cominciato con la versione 2.4) introdu- porting nel tempo:
cendo un gruppo di lavoro dedicato esclusivamente allo sviluppo dell'interfaccia uomo, oltre all'introduzione e
parziale integrazione della nuova libreria graca GEGL, Porting per Mac OS X
nata per risolvere alcune importanti limitazioni, come
Gimp.app il porting su Mac OS X pi completo
l'impossibilit di usare nativamente colori CMYK e la
di GIMP.[16]
gestione di piani di colore di profondit maggiore di 8
bit, introducendo al contempo una potentissima funzione
OSX-GIMP un porting su Mac OS X usandi modica dell'immagine non distruttiva, che sar attido Quartz, ha molte funzionalit ma ancora
va solo una volta completata l'integrazione della libreria,
considerato una versione beta, sperimentale.[17]
probabilmente per la versione 3.0 di GIMP.
Seashore una programma per Mac basato su GIMP
L'implementazione dell'integrazione della libreria GEGL
che usa l'interfaccia nativa Cocoa in Mac OS X.
slittata dal 2000 no all'ottobre del 2006, data in cui
ancora in versione beta (0.1.9) e manca di molti ltri
yvind Kols ha dato dimostrazione di una libreria GEstandard.
GL parziale con la interfaccia graca, sviluppata da Sven
[14]
Neumann, Michael Natterer e Kols.

GIMPshop una modicazione di GIMP che dispone gli


elementi dell'interfaccia per assomigliare ad Adobe Photoshop, inclusa l'interfaccia a documenti multipli, funzioni rinominate e men riorganizzati, multipiattaforma.
Basato su GIMP 2.2

16
GimPhoto e GimPad
GIMPhoto una versione modicata di GIMP che
dispone gli elementi dell'interfaccia per assomigliare
ad Adobe Photoshop, inclusa l'interfaccia a documenti multipli, funzioni rinominate e men riorganizzati,
multipiattaforma. Basato su GIMP 2.4.3
CinePaint

CAPITOLO 2. GIMP
per Wilber si trovano nel Wilber construction kit, incluso
nel codice sorgente di GIMP.[19]

2.7 Comparazione (e compatibilit) con Adobe Photoshop


GIMP spesso descritto come un'alternativa al prodotto
commerciale Adobe Photoshop, un paragone che scatena
sul web accesi dibattiti[20] .

CinePaint, prima conosciuto come Film Gimp, una fork


di GIMP 1.0.4 ed uno strumento disegnato specicata- Ci sono importanti dierenze tra i due pacchetti:
mente per la modica e il ritocco di lm in ambito pro Photoshop non compatibile con i plugin e script
fessionale grazie ad un frame manager. Fornisce inoltre
per GIMP, mentre GIMP ore una limitata compaanche una profondit di colore di GIMP di 32 bit per catibilit (con il plugin PSPI) ai plugin progettati per
nale e fornisce un supporto per il management del colore
Photoshop, come i ltri 8BF.[21]
ed HDR.
stato usato in diversi lm, tra cui Harry Potter e la pietra
losofale, il dottor Dolittle 2, Grinch, Stuart Little e Stuart
Little 2, il pianeta delle scimmie.

Photoshop non supporta il formato nativo di GIMP


(XCF), mentre GIMP pu leggere e scrivere il formato nativo di photoshop se con metodo di colore
CMYK (PSD).

2.5 Interfaccia ed usabilit

GIMP e Photoshop hanno dierenti caratteristiche


nelle gestione dei colori. Photoshop supporta immagini a 16 bit, 32 bit e a virgola mobile, gli spazi
colori Pantone, CMYK e CIE XYZ. GIMP, invece, supporta solo limitatamente lo spazio CMYK
con un plugin aggiuntivo limitato.[22] . GIMP non
pu supportare, per motivi legali, lo spazio colore
commerciale Pantone.[23]

L'interfaccia classica di GIMP, prima dell'arrivo della


versione 2.8, seguiva un paradigma a nestre multiple
per i vari documenti e strumenti; ci dierisce da molte
altre applicazioni grache commerciali, che utilizzano il
modello inverso: una sola nestra con all'interno tutti gli
strumenti e varie sotto-nestre per ogni documento aperto. Il modello usato da GIMP essibile, permettendo di
avere nestre non costrette a contenitori pi grandi, ma
ha lo svantaggio di essere complicato da usare con sistemi operativi, come Microsoft Windows, che non hanno
desktop virtuali o un eciente window manager. Infatti
gli sviluppatori di GTK+, il toolkit usato da GIMP, hanno
sempre denigrato l'uso del modello MDI per lo sviluppo
di applicazioni.
GIMP spesso stato criticato per problemi di
usabilit[18] , anche se nelle ultime versioni l'interfaccia
stata semplicata e migliorata.
Dalla versione 2.8 possibile scegliere se usare la
modalit nestra singola o quella a nestre multiple.
Una speciale edizione, chiamata Instrumented GIMP,
infatti stata creata dell'Universit di Waterloo per tracciare l'utilizzo del programma e generare linee guida per
future migliorie nell'interfaccia.

2.6 Wilber

GIMP necessita di una minima conoscenza di programmazione per programmare gli script Python-Fu
o Script-Fu, mentre Photoshop ha la possibilit di
programmare macro (le azioni) e ripeterle con un
tasto play (bisogna notare che questo meccanismo
meno essibile degli script).[24]
Photoshop dispone di alcune funzionalit di produzione non implementate in GIMP, come il supporto
nativo per i livelli di correzione colore (Adjustment
layers, livelli che agiscono da ltri)[25] e una cronologia di annullamenti che persiste tra le sessioni di
lavoro.
Il modello di sviluppo open source di GIMP comporta una maggiore velocit di implementazione e
un costo zero su pi sistemi operativi.

2.8 Formati supportati

GIMP sopporta l'importazione e l'esportazione di un


gran numero di formati di le dierenti,[26] mentre
La mascotte uciale di GIMP, Wilber stata creata da l'XCF, ne rappresenta il formato nativo, utilizzato per
Tuomas Kuosmanen (tigert) a un certo punto prima del immagazzinare i dati relativi all'immagine.
25 settembre 1997; da allora, Wilber ha ricevuto ritocchi
supplementari da altri sviluppatori di GIMP. Accessori

2.10. VOCI CORRELATE

2.9 Note
[1] (EN) GIMP - The Team, GIMP. URL consultato il 29
novembre 2013.

17

[24] (EN) Mike Kuniavsky, Bring Out the GIMP, su Web


Monkey, Lycos, Inc, 12 marzo 1999. URL consultato il
3 gennaio 2008.

[2] (EN) GIMP - Una breve (ed antica) storia, GIMP. URL
consultato il 29 novembre 2013.

[25] (EN) Un plugin disponibile con queste caratteristiche ed


il supporto nativo dovrebbe essere implementato in GIMP
dalla versione 2.6 con la libreria GEGL

[3] GIMP manuale utente: Esecuzione di GIMP, GIMP. URL


consultato il 29 novembre 2013.

[26] File formats supported by the GIMP, gimphelp.org, 2007.


URL consultato il 2 luglio 2009.

[4] GIMP manuale utente: Cosa c' di nuovo in GIMP 2.8,


GIMP. URL consultato il 29 novembre 2013.
[5] (EN) GIMP - documentation, GIMP. URL consultato il
29 novembre 2013.
[6] GIMP :statistiche di traduzione, GIMP. URL consultato
il 29 novembre 2013.
[7] GIMP - Manuale Utente. Capitolo 1. Introduzione
[8] (EN) Uno sviluppatore GIMP commentando su Photoshop
[9] (EN) GIMP - Preistoria - Prima di GIMP 0.54
[10] (EN) GIMP - Documentazione
[11] (EN) GIMP - Storia
[12] (EN) GIMP - Development, GIMP. URL consultato il 29
novembre 2013.

2.10 Voci correlate


Gestione digitale del colore
Krita

2.11 Altri progetti

Wikibooks contiene testi o manuali su GIMP

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su GIMP

2.12 Collegamenti esterni

[13] (EN) GIMP 2.4 Note di pubblicazione, gimp.org.


[14] (EN) The GIMPs next-generation imaging core demonstrated, linux.com.
[15] (EN) Installers for GIMP for Windows, gimpwin.sourceforge.net. URL consultato il 28 luglio
2011.
[16] GIMP.app
[17] (EN) GIMP nativo per Mac OS X
[18] (EN) Dave Neary, The GIMP usability, su Safe as Milk
blog, 18 settembre 2006. URL consultato il 29 luglio
2007.
[19] (EN) GIMP - linking to us
[20] (EN) The Gimp from the Eyes of a Photoshop User, slashdot.org, 30 aprile 2004. URL consultato il 12 gennaio
2008.
[21] Il plugin (EN) PSPI per Windows e GNU/Linux permette
l'utilizzo dei ltri 8BF in GIMP. Richiede per l'uso del
SDK Adobe per la compilazione, l'utilizzo del quale demandata ad Adobe, anche se versioni precompilate sono
liberamente distribuibili.
[22] (EN) Separate+, il nuovo plugin per simulare il colore
CMYK in GIMP
[23] (EN) Nathan Willis, Pantone and free software, Linux.com, 21 novembre 2005. URL consultato il 21
gennaio 2008.

(EN) Il sito web del progetto GIMP, gimp.org.


(EN) Il sito web del manuale utente del progetto
GIMP, docs.gimp.org.
The Gimp (IT), in Open Directory Project,
Netscape Communications. (Segnala su DMoz un
collegamento pertinente all'argomento The Gimp (IT) ")

The Gimp (EN), in Open Directory Project,


Netscape Communications. (Segnala su DMoz un
collegamento pertinente all'argomento The Gimp (EN)
")

18

CAPITOLO 2. GIMP

Capitolo 3

Inkscape
Inkscape un programma libero per il disegno vettoriale
basato sul formato Scalable Vector Graphics (SVG). un
programma alternativo ad Adobe Illustrator, Macromedia
FreeHand, Corel Draw e Xara Xtreme.
L'obiettivo del progetto quello di fornire un potente
strumento graco, che ora una piena compatibilit con
gli standard XML, SVG e CSS.
Inkscape inoltre un'applicazione multipiattaforma, che
pu essere eseguita sui sistemi operativi Microsoft Windows, Mac OS X e Unix-like, ma lo sviluppo particolarmente focalizzato sulla piattaforma GNU/Linux.
Lo sviluppo di Inkscape cominci nel 2003, come un fork
del programma Sodipodi.
Pur essendo adatto ad una vasta gamma di applicazioni,
Inkscape non ha ancora raggiunto, al momento, il livello
dei prodotti commerciali. L'attuale implementazione degli standard SVG e CSS incompleta; nello specico, non
sono stati ancora implementati tutti i ltri SVG, le animazioni, e i font SVG.[1] Altre importanti lacune riguardano
la stampa, poich il software utilizza unicamente il metodo RGB, quindi non consente la stampa in quadricromia..
L'ultima versione stabile di questo software vettoriale la
versione 0.91.

3.1 Storia
Lo sviluppo di Inkscape inizia nel 2003, basato su un fork
del progetto Sodipodi, causato dalle divergenze sullo sviluppo futuro del progetto. Sodipodi esso stesso fork di
Gill, un software di graca creato da Raph Levien per le
applicazioni da ucio per GNOME.

Disegno promozionale per il lancio di Inkscape 0.44

per l'interfaccia umana del desktop GNOME, usando le


scorciatoie da tastiera universale, ecc.
Dopo l'annuncio di Xara, in ottobre 2005, della liberazione dei sorgenti del proprio software di disegno vettoriale
Xara Xtreme, con il loro rilascio sotto licenza GPL, nata una volont di lavoro in collaborazione con il team di
sviluppo di Inkscape. Entrambi i software intendono condividere il loro codice e coordinare i loro sforzi al ne di
raggiungere il livello di sviluppo dei software di disegno
vettoriale commerciali.

3.2 Strumenti presenti in Inkscape

Inkscape dotato di strumenti molto potenti che, inolInkscape , tra l'altro, passato dal linguaggio di program- tre, migliorano di qualit e aumentano di numero ad ogni
mazione C a C++, e ai binding C++ della libreria graca versione. Al momento gli strumenti che il software ore
GTK+ (Gtkmm).
sono:
Delle modiche sono state fatte a livello di interfaccia utente e nuove funzionalit sono state aggiunte (lo
Crea rettangoli e quadrati: con questo strumensviluppo tuttora attivo).
to si ha la possibilit di creare rettangoli e quadrati; di essi si possono gestire, oltre alle dimensioni,
L'attenzione stata messa particolarmente sull'ergonomia
e la facilit d'uso dell'interfaccia del programma, ananche il parametro che regola lo smussamento deche attraverso una maggiore conformit con la Guida
gli spigoli in corrispondenza dei vertici. Ognuna di
19

20

CAPITOLO 3. INKSCAPE
l'angolazione, Incidenza per impostare l'ampiezza
del tratto rendendolo irregolare, Estremi per impostare l'eetto alle estremit della linea, Tremore
per rendere irregolare il tratto nella forma, Ondulazione per rendere maggiormente ondulato il tratto, Inerzia che rallenta la formazione della traccia
e altri strumenti che riguardano l'uso di dispositivi
input esterni (ad esempio una tavoletta graca)

Inkscape in azione

queste operazioni pu essere eseguita direttamente sull'oggetto, oppure da riga di comando, con la
modica del parametro corrispondente.
Crea cerchi, ellissi e archi: con questo strumento si
ha la possibilit di creare cerchi, ellissi, archi. Anche
questo strumento dispone delle stesse possibilit di
intervento di quello precedente, con la gestione da
riga di comando o direttamente sull'oggetto.
Crea poligoni e stelle: con questo strumento si ha
la possibilit di creare poligoni e stelle. Lo strumento dotato di righe di comando che permettono di
regolare gli Angoli del poligono (che si traducono in punte per le stelle), le forme Stella con il
Rapporto raggi (distanza dei punti pi interni da
quelli pi esterni. Vi inoltre anche in questo caso
l'"Arrotondamento per regolare la smussatura degli
angoli che permette di ottenere varie forme. Inoltre dotato della riga Casuale per permettere di
controllare l'irregolarit delle forme
Crea spirale: con questo strumento si ha la possibilit di creare delle spirali regolandone il numero
di archi con il parametro Rivoluzione, la distanza
tra questi con Divergenza e con Raggio interno
si regola il protrarsi degli archi verso l'interno.
Crea solido 3D: permette la creazione di semplici gure 3D sia assonometriche che prospettiche
regolando gli assi
Disegna linee a mano libera: uno strumento che
serve a tracciare le linee a mano libera
Disegna tracciati: lo strumento permette di
creare tracciati rettilinei e curvilinei posizionando
semplicemente dei nodi a cui si collegano le rette
Crea linea calligraca: permette di creare linee
calligrache che simulano l'azione dell'inchiostro su
carta; lo strumento in questione e regolabile da riga di comando con Larghezza per impostare la
dimensione del pennello, Diradamento per impostare lo spessore dei tratti regolandoli con la velocit di tracciamento della linea, Angolo per

Ritocca oggetto: questo strumento permette di ritoccare sia il colore che la forma come fosse un pennello di cui si regola anche la grandezza e l'intensit;
per quanto riguarda il colore d la possibilit di applicare i colori anche in modalit gradiente colore
multiplo e di sfasarli, mentre per la forma consente
degli eetti di scultura con l'opzione Sposta parti
per spostare delle zone dell'oggetto, Riduce per ridurre l'ampiezza delle zone considerate, Accresce
per aumentarne l'ampiezza, Attrarre per avvicinare al centro del cursore le zone circoscritte dal pennello, Respinge per allontanare dal centro del cursore le zone circoscritte dal pennello e Increspa
per increspare i bordi.
Seleziona e trasforma oggetto: questo strumento permette di selezionare uno o pi oggetti e di
cambiarne l'altezza e larghezza e inoltre la rotazione e l'inclinazione se si clicca una volta sopra all'oggetto; ci sono righe di comando per una
maggiore precisione
Modica tracciati nodi: questo strumento rende
lavorabile qualsiasi oggetto convertendo il contorno
in tracciato e permettendo di spostare, aggiungere
ed eliminare i nodi, oltre a unirli e separarli; permette inoltre di spostare le rette sia direttamente che attraverso maniglie regolabili che possono essere simmetriche e non, e di incurvarle; inoltre permette di
crea ed eliminare rette tra due nodi
Ingrandisce e rimpicciolisce: lo strumento pu selezionare un'area da lavoro per visionarla ingrandita.
Colora aree: lo strumento permette di riempire di
colore con poligoni vettoriali colorati le zone di colore simili; esso pu agire su poligoni monocromi e
spazi aperti di tali poligoni, su sfumature e anche su
bitmap importati regolando anche la soglia oltre ad
un'opzione intrudere o estrudere regolabile.
Crea e modica Gradiente: con questo strumento si possono inserire nei poligoni monocromi dei
gradienti sia lineari che radiali avente pi colori anche sfumati; tale strumento si usa tracciando una linea che regola il gradiente stesso; con la creazione
di pomelli sulla linea possibile aggiungere altri
colori nella posizione voluta
Preleva colore immagine: questo strumento preleva un colore da un oggetto o una gura bitmap per

3.4. INTERAZIONE DI INKSCAPE CON ALTRI SOFTWARE

21

darla all'oggetto selezionato, e permette di prelevare dicare l'ordine con cui vengono disegnati gli elementi,
le propriet della trasparenza alpha.
riordinando i corrispettivi nodi XML; eccetera).
Crea connettori di diagrammi: questo strumento facilita la creazione di diagrammi (anche se non
permette un controllo analogo a programmi appositi per la creazione di diagrammi, ad esempio Dia) e
permette di creare linee che evitano in automatico
gli oggetti.

3.4 Interazione di Inkscape con


altri software
3.4.1 GIMP

Crea e modica gli oggetti testuali: questo strumento crea e modica il testo, che resta sempre edi- Con Gimp possibile aprire un le SVG, importandolo
tabile se non convertito in tracciato, e permettere come immagine raster o estraendone i singoli tracciati, i
di scegliere il font, la dimensione, l'allineamento, quali sono modicabili e si possono riesportare da Gimp.
di crearlo in corsivo e in grassetto e di disporlo in
orizzontale o in verticale.

3.4.2 Blender

3.3 Altre operazioni possibili con


Inkscape

Il formato SVG importabile sia in Blender, grazie al ltro Paths che converte il tracciato in curva Bezier, che in
Scribus, un software di desktop publishing.

Inkscape permette, come altri programmi simili, un gran


numero di operazioni sugli oggetti e ha diversi strumenti
utili.

3.5 Note

Possono essere create delle guide, di cui si possono


regolare la posizione (in diverse unit di misura) e
l'inclinazione; possono anche essere create a partire da
un poligono. Il programma permette di gestire oggetti su
diversi livelli.
Le operazioni possibili con gli oggetti in Inkscape sono di
Unione (anche multipla), Dierenza, Intersezione, Esclusione, Divisione, Taglia tracciato, Combina e Separa;
inoltre si possono applicare azioni come Intrudi, Estrudi,
Proiezione dinamica, Proiezione collegata e operazioni
come Semplica tracciati o inverti. Gli oggetti si possono
raggruppare, allineare, distribuire, incolonnare, selezionare, spostare, riettere, duplicare, clonare, trasformare
in altezza, larghezza, inclinazione e rotazione.
Inkscape permette di gestire il colore e di creare gradienti con singoli colori in percentuale di trasparenza alpha. Permette di diminuire l'opacit dell'intero oggetto
e di sfocarlo in percentuale. Questa opzione utile per
creare gure curve pi realistiche. Lo strumento eetto
su tracciato permette di deformare l'oggetto e di creare
duplicazioni di oggetti lungo una tracciato.
Inkscape pu gestire il testo, che pu essere disposto
lungo un tracciato anche curvo, ma non ha un controllo
ortograco.
Dispone di un editor XML che permette di modicare a
mano i nodi che compongono il documento. Questo rende
possibile l'utilizzo di trucchi che non sono possibili con il
solo editor graco, a patto di conoscere la sintassi XML
e quella SVG ( utile anche conoscere lo standard CSS).
Tuttavia, anche una persona non esperta in questi linguaggi pu intuitivamente eseguire alcune operazioni comuni
(ad esempio controllare le propriet del documento; mo-

[1] (EN) FAQ - Inkscape Wiki, wiki.inkscape.org. URL


consultato il 27 novembre 2009.

3.6 Altri progetti

Wikibooks contiene testi o manuali su


Inkscape

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su Inkscape

3.7 Collegamenti esterni


Sito uciale, inkscape.org.
Guida a Inkscape su html.it
Forum Italiano, inkscapeforum.it.

Capitolo 4

Nvu
Nvu un editor web che si aanca a Mozilla Firefox e
Mozilla Thunderbird per sostituire la suite Mozilla.

interpretare il linguaggio che sta in mezzo. Quindi sono


possibili fraintendimenti nel tag di chiusura (?>).

La pronuncia dovrebbe essere "enview", che sta per new


view.
L'editor da molti anni non pi sviluppato. L'ultima versione uscita nel 2005 la 1.0 Release candidate dato che il
principale progettista, Daniel Glazman, ha abbandonato
il suo sviluppo. Un editor html nato dalle ceneri di Nvu
KompoZer che stato nel frattempo interamente riscritto e che ha molte caratteristiche che Nvu non aveva (vedi
pi avanti).

4.2 Sponsor
Il progetto sponsorizzato da Micheal Robertson di
Linspire. Lo stesso Robertson ha contattato Glazman,
esortandolo a far partire il progetto Nvu (o N|vu). Glazman ha poi formato la Disruptive Innovation in cui sono
sviluppati vari progetti, tra cui quello dell'editor.

Nvu funziona sui vecchi sistemi operativi datati 2005, sui Nel 2006 il progetto stato abbandonato da Daniel che ha
nuovi sistemi potrebbe non funzionare.
ritenuto nita la sua esperienza con Nvu, intraprendendo
La versione 1.0, basata su Gecko, il motore di Firefox, la progettazione di un nuovo programma BlueGrion che
utilizzabile per progettare il proprio sito web. Nvu si ri- si propone di superare le limitazioni tecniche del precevolge, comunque, ad un'utenza che fa della progettazione dente. stata recentemente distribuita la prima versione
web il suo hobby, o, al massimo, a un livello semiprofes- stabile di BlueGrion Gudea 1.1.1, (11 luglio 2011).
sionale: non mira quindi a sostituire Adobe Dreamweaver
quanto piuttosto Microsoft FrontPage.
In particolare Microsoft FrontPage non pi sviluppato 4.3 KompoZer e BlueGrion
dal lontano 2003 ed stato ucialmente abbandonato a
se stesso dal 2006[1] . Nvu diviene cos l'unico software in KompoZer nato inizialmente come il proseguimento di
questa fascia di utilizzo, multipiattaforma e gratis.
Nvu, dato che quest'ultimo stato abbandonato nel 2005
da Daniel Glazman. Negli anni il principale programmatore Kaz ha riscritto quasi interamente il codice che era
di Nvu facendo di KompoZer un editor html molto potente che include le ultime tecnologie software. Kompo4.1 Caratteristiche
Zer distribuito sotto le licenze libere MPL/GPL/LGPL.
L'editor continuamente sviluppato e funziona su tutti
Il punto di forza di Nvu l'aderenza agli standard del gli ultimi sistemi operativi come Windows, Linux e Mac
W3C: gi in questa versione si possono evidenziare i punti Os X. Sono disponibili le versioni nazionalizzate nelle
in cui il codice non rispetta gli standard, avendo la pos- maggiori lingue (compreso l'italiano).
sibilit di seguire le istruzioni e i suggerimenti forniti dal
BlueGrion, distribuito nell'estate del 2011, l'ultima
programma stesso per rimediare agli errori.
creazione di Daniel Glazman. Presenta un'organizzazione
Un'altra caratteristica la gestione dei CSS con un ap- molto simile a quella di Nvu e di KompoZer allo scoposito tool. Glazman ha fatto parte del gruppo di lavoro po di facilitare la transizione degli utenti gi abituache formava le speciche dei fogli di stile e attualmente ti all'interfaccia graca di Nvu. BlueGrion supporta
si chiede nel suo blog che cosa ci sia di buono e cosa sia HTML 4.0, HTML5, XHTML 1.0 e XHTML5. Supporta
invece da cestinare del lavoro fatto negli anni passati.
inoltre CSS 2.1 e tutte le funzionalit di CSS 3 gi introNvu ha un supporto limitato (non ha un parser php) per dotte in Gecko. Sono attualmente disponibili tre versioi siti dinamici con pagine .php. In pratica il codice PHP ni: per Windows, Mac Os X e Linux. Sono disponibili
che compreso tra il tag di inizio (<?php) e il tag di - pacchetti di supporto e dizionari per le maggiori lingue
ne (?>) codice php viene riconosciuto come tale senza (compreso l'italiano).
22

4.9. COLLEGAMENTI ESTERNI

4.4 Storia
L'editor Nvu nasce dapprima come Composer integrato
nella Mozilla Suite e poi diventa un progetto separato per
merito di Robertson. Il Composer vede Glazman come
principale artece del sottoprogetto, per Nvu Daniel il
capoprogettista e programmatore principale.
La nascita di Nvu pu essere datata il 30 settembre 2003,
giorno in cui si annuncia nel Blog di Glazman la partenza
del progetto:

4.5 Curiosit
Un particolare sul lavoro di Glazman e dei suoi sovvenzionatori: un'azienda, che ha chiesto l'anonimato, gli
ha fornito un ristretto numero di macchine con il sistema operativo Solaris 8, chiedendo in cambio porting su
Solaris 8 di Nvu.

4.6 Note
[1] FrontPage 2003 Help and How-to - Frontpage - Oce.com
[2] Glazblog

4.7 Voci correlate


KompoZer
BlueGrion
Mozilla Suite
Mozilla Firefox
Mozilla Thunderbird
Adobe Dreamweaver
Microsoft FrontPage
Linspire
Daniel Glazman
Lista di editor HTML

4.8 Altri progetti

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su Nvu

23

4.9 Collegamenti esterni


(EN) - Sito uciale
X-Nvu versione portatile sviluppata da winPenPack

Capitolo 5

Apache OpenOce Writer


Sun Weblog Publisher: per creare/pubblicare Blog[3] .

5.2 Note
[1] (EN) OpenOce Extensions
[2] (EN) Estensione Sun Wiki Publisher
[3] (EN) Estensione Sun Weblog Publisher

5.3 Voci correlate


Apache OpenOce

OpenOce.org Writer 2.0.4 su Ubuntu Linux

File supportati da Apache OpenOce

Apache OpenOce Writer, in precedenza OpenOce.org Writer, un software libero per l'elaborazione di
testi; fa parte della suite Apache OpenOce.

LibreOce Writer
AbiWord

Writer un elaboratore di testi simile a Microsoft Word,


con funzionalit praticamente analoghe, presenta inoltre
alcune caratteristiche non presenti nelle versioni di word
precedenti alla 2007 come la possibilit di esportare i
documenti direttamente in formato PDF.
Il programma in grado di leggere numerosi formati, incluso il formato OpenDocument, il formato word, RTF e
XHTML.

KWord
Lista di editor HTML

5.4 Altri progetti

Cos come l'intera suite OpenOce, Writer pu essere


utilizzato su molte piattaforme dierenti, come Mac OS
X, Microsoft Windows, GNU/Linux, FreeBSD e Solaris.
Esiste anche una versione portabile del programma
capace di funzionare da un dispositivo di memoria USB.

5.1 Estensioni
Le funzionalit di OpenOce Writer possono essere
estese tramite l'installazione di estensioni[1] .
Tra le numerose estensioni, ci sono:
Sun Wiki Publisher: che permette l'esportazione dei
documenti in formato MediaWiki (Wikipedia)[2] ;
24

Wikimedia Commons contiene immagini o


altri le su Apache OpenOce Writer

5.5. FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

25

5.5 Fonti per testo e immagini; autori; licenze


5.5.1

Testo

Linux Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Linux?oldid=78387855 Contributori: Alo, Iron Bishop, Frieda, Twice25, Snowdog, Fmulas,
Tomi, MikyT, Hashar, LapoLuchini, Davide, Blakwolf, Gianfranco, Baclan, Duskdruid, .mau., Laurentius, Hellis, Frack, Madaki, Scaforchio, DonPaolo, Lornova, Iskander, Parerga, Moliva, Marius~itwiki, Salvatore Ingala, Mecha, Bippi, Carnby, Gian, Sante Caserio, Aka,
Grifone87, Ilario, Emes, MiGz, Tanarus, FrAnCiS, Luisa, Abassign, Helios, Elcaracol, Moroboshi, Sbaush, Ippatsu, Mitchan, Blackdesert7, Fredericks, Freedaisy, Diano, Fabiob, Paulatz, Dapal, Pietrodn, Cryptex, Stemby, Wizard~itwiki, Vipera, Maslura, Feddar, Pelrouge, Sinigagl, Cuci, Imorgillo, Alessandro Astarita, Panther~itwiki, Lillolollo, Gelma, SunBot, CruccoBot, Alz, Michele.lazzarini, Senpai, Caesar 808, Giacomo Ritucci, Drizzt, Flooding, Agente Roger, Shatsar, Tafano~itwiki, Valepert, Comio, Dzag, Dudo1985, Basilero,
.snoopy., Mauro742, Elwood, Kiado, Ncrfgs, Soujak, Brodo, Ekerazha, Qbert88, Rojelio, Giancarlo Rossi, Eumolpo, Raldo, Giancy, Lusum, Amarvudol, Ssspera, Alleborgo, Rollopack, Moloch981, Paulatz bot, Windowsuninstall, Pequod76, Klaudio, PertBot, Giannizx1,
Sythos, Luckyz, Alnews, Arc~itwiki, Piracmone, Trixt, Servator, V074g3r, Gelaslean, Momet, Llorenzi, Kar.ma, Larry Yuma, Barravince, Vininche, Polinux, Assianir, Flea~itwiki, Vaccaricarlo, Andreabont, Marcuscalabresus, Binhos, AttoRenato, Cauleld, Jacklab72,
Furriadroxiu, %Pier%, Fale, Gacio, Escarbot, Mat Smoke, AliIsingor, Fu90, Mazz, Giovannigobbin, .anaconda, Mr buick, Sirabder87,
Gpx~itwiki, .anacondabot, Olando, Borgolibero, Pumax84, Nicoli, Afullo, Raaespo, Brownout, JAnDbot, Vituzzu, TekBot, Francescobrisa, Giulianorock, Neminis, Piega, Whexel, Adelchi, Alexamici, Ranma25783, Lcmirko, Sumail, Rael, BetBot~itwiki, Ragnarok666, F&F,
Deus Ex~itwiki, CommonsDelinker, Gianluca Grossi~itwiki, MelancholieBot, Soletto75, Balabiot, Waddle, Miles83, Castagna, Snow Blizzard, Bot-Schafter, Mpitt, Andrew w, Goozer, Bort 83, Rmih, Alkalin, RoboticalMind, Anakletos, DanySK, Centrifuga, OpenThinking,
TXiKiBoT, Aibot, VolkovBot, LukeWiller, Stezano, Elbloggers, Avesan, Fradeve11, Ripepette, BetaBot, Popop, Olympicmew, Abisys,
Mediano88, Idioma-bot, Synthebot, Faustin, BPsoftware, Wisbot, Beechs, Incola, Permaurizio, SieBot, Nikbot, Ramac, KiaBot, Phantomas, Pracchia-78, Wedran~itwiki, KingFanel, Tyzershady, Astroganga, Conte91, A7N8X, Airon90, Utonto, Ask21, Ranmamez, Ithunn,
Hamlet80, Buggia, Massimozanardi, Nulier, DragonBot, Bios1973, Mikelo Gulhi, DnaX, Bottuzzu, Gigoachef, Sandrobt, No2, Edosaba, Alexbot, Marco Plassio, Ticket 2010081310004741, Skymen, ^musaz, Pcgenius, Freepenguin, Actam, FixBot, Marce 89, Lcm, Zippit,
Leo45555, Chiosso, CarsracBot, Antenor81, Manuel84xyz, Demart81, Guidomac, Marco 27, Tino, Vincenzodentamaro~itwiki, Nallimbot,
FrescoBot, Meirut, Jotterbot, Ercolinux, ArtAttack, AttoBot, Davide89v, Guignol, Manfre87, 4ndr34, ArthurBot, Marco27Bot, FaleBot,
SassoBot, Xqbot, GhalyBot, Sergio Cannata, Luptor, MauritsBot, Ansolid, Caig, Conde Lucanor, BokimBot, Roliasite, TobeBot, RedBot, Dega180, Flavio.troia, Vdfn, Matrobriva, Plastique, Gibix, Ale2695, LoStrangolatore, Nicoldv, Tuomagazine, Davidbottan, Nubifer,
Bebabi34, EmausBot, ZroBot, Neperiano, Massimogioia, Kill o, Luc nig, Taueres, Shivanarayana, Tommaso Ferrara, ChuispastonBot,
Theridel, Nandhp, Bradipo Lento, WikitanvirBot, Mjbmrbot, SlimShady313, Informatico97, Sostenibilista, Tristano Manna, Massimiliano Panu, MerlIwBot, Ca96, Omnissystems, Marchack, Vagobot, Atarubot, Plcn, Aplasia, Giacomo78, Pil56-bot, Niculinux, Botcrux,
AlessioBot, Philip Lacroix, Addbot, Valerio Bozzolan, Elia D'Amato, Euparkeria, Carlodoro88, Scarlin2, Emanuele Antonio Faraone,
Giulio1996Cordignano, Palmas2012, Amforna, Folto82, Anulare, AlePart, Dan Kenshi e Anonimo: 425
GIMP Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/GIMP?oldid=77753361 Contributori: Alo, Iron Bishop, Sbisolo, PiKey, Suisui, Robbot, Gac,
Leonard Vertighel, Laurentius, Ary29, Hellis, Frack, Paolo da Reggio, Nihil, Iskander, Stefano Ferri, Marcok, Viames, GinkyBiloba, Shaka,
Alobot, Simone, JD82, Cruccone, ZeroBot, Ciampix, C1PB8, Helios, Luki-Bot, YurikBot, Nick1915, Delian Ashkly, Fabiob, Stemby,
Sinigagl, Zwobot, LeonardoRob0t, Moongateclimber, Lupastic, CruccoBot, Herman~itwiki, Rutja76, Eskimbot, Valepert, Jacopo, Dudo1985, Basilero, .snoopy., Broc, PaneBiancoLiscio, Ggg, Pikappa, Dch, Bultro, Alleborgo, Moloch981, SashatoBot, PertBot, Tamburrino Roberto, Losgi, Ale-sandro, Toobaz, Gianluca Varisco, Jacklab72, Thijs!bot, Furriadroxiu, Lecter~itwiki, Fale, .jhc., F l a n k e r,
Escarbot, Giorgian, Derfel74, JAnDbot, Poweruser, LucAndrea, Giulianorock, Gaux, Ranma25783, Hrundi V. Bakshi, CommonsDelinker,
MelancholieBot, Numbo3, Giambrox, Marioquark, Bertulot, Andrew w, Mau db, Orson69, TXiKiBoT, VolkovBot, Gdevitis, Elbloggers,
Avesan, Ripepette, Abbot, Marcol-it, Sockpuppet~itwiki, Frankthequeen, Mjfan80, Wisbot, Ontoraul, Superfranz83, BotMultichill, Gerakibot, SieBot, Sonic89, DaBot~itwiki, DorganBot, GiulianiVitoIvan, BerserkerWelding, KiaBot, OKBot, TheLazza, Airon90, Buggia,
KSBot, ToePeu.bot, BotSimo82, DragonBot, Estirabot, DnaX, No2, Alexbot, Darkicebot, Mixer1, BodhisattvaBot, Freepenguin, Actam,
Luigi.tuby, IagaBot, LaaknorBot, BRG~itwiki, Guidomac, Massic80, Martin Mystre, Ittakezou0, NuclearBot, Lutooth, FrescoBot, AttoBot, 4ndr34, Fraxav, Xqbot, Nickotte, Chpfeier, Rubinbot, RibotBOT, GiacomoV, P398, Jack21, Torque, B3t, Caig, MaxDel, Ivanomi,
TobeBot, Antonell, Dega180, DixonDBot, Blueduster, LoStrangolatore, Paroledisfogo, Gianfranco Turco, HRoestBot, Taueres, Pbkw257,
ZimbuBot, Rikky, WikitanvirBot, Marc-Andr Abrock, Vincent Simar, Fiodorik, Kky, Massimiliano Panu, GraphicDesigner~itwiki, Cellistbot, Atarubot, C.Nilsson, Patrias, Ossistyl, AlessioMela, Mattiamoa, Botcrux, Stefano iobbi, AlessioBot, Pts-bot, ValterVBot, !
e Anonimo: 81
Inkscape Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Inkscape?oldid=78018024 Contributori: Ary29, OliverZena, Emc2, Grifone87, Tooby, YurikBot, Marce79, Cryptex, Stemby, Zwobot, FlaBot, CruccoBot, Eskimbot, Nicolaesse, Valepert, Moaiamorfo, Sir marek, RebelRobot,
Tamburrino Roberto, Ale-sandro, Patrick.arminio, ColdShine, Gianluca Varisco, Thijs!bot, Fale, F l a n k e r, Escarbot, Tassobot, .anaconda, .anacondabot, TekBot, Soulbot, Giulianorock, Sumail, Nrykko, Marioquark, RolloBot, Commodore64, DodekBot, Orson69, TXiKiBoT, RanZag, Aibot, JackintheBot, Elbloggers, Faco, Avesan, AlnoktaBOT, Calabash, SieBot, Oni link, Wiki.edoardo, Airon90, Buggia,
No2, Alexbot, BOTarate, Actam, Chopin271, Goemon, IagaBot, Ianezz, LaaknorBot, Massic80, Luckas-bot, Omino di carta, Nallimbot,
FrescoBot, Dome, Xqbot, TheMrK, B3t, Caig, TobeBot, Antonell, Dega180, LoStrangolatore, GrouchoBot, EmausBot, HRoestBot, Tomchen1989, ZimbuBot, Massimiliano Panu, Inkscapeforumit, Cellistbot, Vagobot, Atarubot, Ossistyl, The Polish Bot, AlessioMela, Botcrux,
AlessioBot, ValterVBot, GLB001, XCloudx, Sitenne e Anonimo: 32
Nvu Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Nvu?oldid=76990829 Contributori: Gac, Hellis, Merto, Marius~itwiki, ZeroBot, Sandro kensan,
Alec, YurikBot, Contezero, Nick1915, Stemby, Qualc1, Luc4, FlaBot, CruccoBot, Eskimbot, Valepert, Sassospicco, .snoopy., Alleborgo,
Lucas, Zago84, Ale-sandro, Thijs!bot, Fale, JAnDbot, Poweruser, MelancholieBot, Giambrox, Rei-bot, VolkovBot, JackintheBot, Avesan, BetaBot, Gliu, Abisys, Polytropos, Airon90, AnjaManix, Kaspobot, BotSimo82, Alexbot, BOTarate, SilvonenBot, Beren94, FrescoBot, Ptbotgourou, Marco27Bot, AushulzBot, Samu97, Pasqui23, RedBot, Iscrittomail, Zandet2, EmausBot, GnuBotmarcoo, ZimbuBot,
Danielemedda, Cellistbot, Atarubot, Lcd1964, Pil56-bot, Botcrux, AlessioBot, Addbot, Rotbot e Anonimo: 7
Apache OpenOce Writer Fonte: https://it.wikipedia.org/wiki/Apache_OpenOffice_Writer?oldid=74312799 Contributori: MM, Marce79, Zinn, FlaBot, Kaspo, Valepert, Learts, Zago84, Superchilum, Thijs!bot, Fale, Filbot, JAnDbot, Poweruser, MalafayaBot, VolkovBot, JackintheBot, Elbloggers, Abbot, Idioma-bot, Aracuano, Airon90, LeoPi, FixBot, DumZiBoT, Vantey, Discanto, MagnusA, IagaBot,
FiriBot, StigBot, Luckas-bot, Riad.Bot~itwiki, FrescoBot, Freenker, ArthurBot, Xqbot, Rubinbot, Caig, Dega180, EmausBot, Max98,
ChuispastonBot, Cellistbot, CortoFrancese, Botcrux, ValterVBot, Rotbot e Anonimo: 8

26

CAPITOLO 5. APACHE OPENOFFICE WRITER

5.5.2

Immagini

File:A004base.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/74/A004base.png Licenza: Apache License 2.0 Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Adjusting_photo_with_levels.ogg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/da/Adjusting_photo_with_levels.
ogg Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Nessuna fonte leggibile automaticamente. Presunta opera propria (secondo quanto aermano i diritti d'autore). Artista originale: Nessun autore leggibile automaticamente. OsvaldoGago presunto (secondo quanto aermano i diritti
d'autore).
File:Android-2.3.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b2/Android-2.3.png Licenza: Apache License 2.0
Contributori: Android SDK Artista originale: Android Developers http://developer.android.com/index.html
File:Aoo4calc.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/9/96/Aoo4calc.png Licenza: Apache License 2.0 Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Aoo4draw.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ee/Aoo4draw.png Licenza: Apache License 2.0 Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Aoo4impress.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/50/Aoo4impress.png Licenza: Apache License 2.0
Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Aoo4math.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/dc/Aoo4math.png Licenza: Apache License 2.0 Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Aoo4writer.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/a8/Aoo4writer.png Licenza: Apache License 2.0
Contributori: Program icon extracted from Apache OpenOce 4.0.0 soce.exe binary Artista originale: Apache Software Foundation
File:Aoo_writer_3.4.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/87/Aoo_writer_3.4.png Licenza: Public domain
Contributori: Opera propria Artista originale: 123465421jhytwretpo98721654
File:Apache_OpenOffice_logo_and_wordmark_(2014).svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/70/Apache_
OpenOffice_logo_and_wordmark_%282014%29.svg Licenza: Apache License 2.0 Contributori: http://www.openoffice.org/marketing/
art/galleries/logos/main/aoo4-main-tm-logo-rgb.svg Artista originale: Chris Rottensteiner
File:Applications-internet.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/70/Applications-internet.svg Licenza: Public
domain Contributori: The Tango! Desktop Project Artista originale: The people from the Twango! project
File:Broom_icon.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/2c/Broom_icon.svg Licenza: GPL Contributori: http://
www.kde-look.org/content/show.php?content=29699 Artista originale: gg3po (Tony Tony), SVG version by User:Booyabazooka
File:Commons-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/4a/Commons-logo.svg Licenza: Public domain Contributori: This version created by Pumbaa, using a proper partial circle and SVG geometry features. (Former versions used to be slightly
warped.) Artista originale: SVG version was created by User:Grunt and cleaned up by 3247, based on the earlier PNG version, created by
Reidab.
File:Esempio_gimp.jpg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/0/06/Esempio_gimp.jpg Licenza: Public domain Contributori:
autoproduzione Artista originale: Jack21
File:Exquisite-kfind.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f1/Exquisite-kfind.png Licenza: GPL Contributori:
www.kde-look.org Artista originale: Guppetto
File:GIMPLogo.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/40/GIMPLogo.png Licenza: GPL Contributori: Transferred from en.wikipedia
Artista originale: The GIMP Developer Team.
File:GIMP_2.8.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ea/GIMP_2.8.png Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori:
Opera propria Artista originale: C.Nilsson
File:Gimp_2.2.8_Mac.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/c/c7/Gimp_2.2.8_Mac.png Licenza: CC-BY-SA3.0 Contributori: ? Artista originale: ?
File:Gimp_brushes.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b5/Gimp_brushes.png Licenza: CC-BY-SA-3.0
Contributori: ? Artista originale: ?
File:Gnome-2.20-screenshot.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fd/Gnome-2.20-screenshot.png Licenza:
GPL Contributori: Trasferito da ca.wikipedia su Commons. Artista originale: L'utente che ha caricato in origine il le stato Ermey di
Wikipedia in catalano
File:Gnome-utilities-terminal.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/da/Gnome-utilities-terminal.svg Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: ? Artista originale: ?
File:Heckert_GNU_white.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/22/Heckert_GNU_white.svg Licenza: CC
BY-SA 2.0 Contributori: gnu.org Artista originale: Aurelio A. Heckert <aurium@gmail.com>
File:Inkscape0.45.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/8d/Inkscape0.45.png Licenza: FAL Contributori: Car
image retained from Inkscape source package. Artista originale: Konstantin Rotkevich / User:Rugby471
File:Inkscape_0.44_promotional_banner.svg
Fonte:
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/0f/Inkscape_0.44_
promotional_banner.svg Licenza: GPL Contributori: Windows package of Inkscape 0.44. Artista originale: none
File:Inkscape_Logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/0/0d/Inkscape_Logo.svg Licenza: GPL Contributori: Inkscapes ocial Bazaar repository, revision 7832: ~inkscape.dev/inkscape/trunk/inkscape.svg Artista originale: <a
href='//validator.w3.org/' data-x-rel='nofollow'><img alt='W3C' src='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/
65/Invalid_SVG_1.1_%28red%29.svg/88px-Invalid_SVG_1.1_%28red%29.svg.png' width='88' height='30' style='vertical-align:
top'
srcset='https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/65/Invalid_SVG_1.1_%28red%29.svg/132px-Invalid_SVG_
1.1_%28red%29.svg.png 1.5x, https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/6/65/Invalid_SVG_1.1_%28red%29.svg/
176px-Invalid_SVG_1.1_%28red%29.svg.png 2x' data-le-width='91' data-le-height='31' /></a>iIl codice sorgente di questo le SVG
non valido a causa di un errore.

5.5. FONTI PER TESTO E IMMAGINI; AUTORI; LICENZE

27

File:Inkscapepiom1.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b4/Inkscapepiom1.png Licenza: CC-BY-SA-3.0


Contributori: Opera propria, Inkscape programm, made in GIMP Artista originale: P. Jaworski ( PioM ),POLAND/Pozna; , inkscape
devolpers
File:KDE_4.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/54/KDE_4.png Licenza: GPL Contributori: Self-made
screenshot Artista originale: KDE
File:KNOPPIX_booting.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/10/KNOPPIX_booting.png Licenza: GPL
Contributori: http://hacktolive.org/images Artista originale: http://hacktolive.org/
File:Layers_Channels_Paths.gif Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/ec/Layers_Channels_Paths.gif Licenza:
CC-BY-SA-3.0 Contributori: ? Artista originale: ?
File:Linus_Torvalds.jpeg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/69/Linus_Torvalds.jpeg Licenza: CC-BY-SA-3.0
Contributori: Linuxmag.com; The image is from an article in a December 2002 issue of Linux Magazine[1] Artista originale: Unknown
photographer who sold rights to the picture to linuxmag.com
File:Linux_Distribution_Timeline.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/1/1b/Linux_Distribution_Timeline.
svg Licenza: GFDL 1.3 Contributori: http://futurist.se/gldt/ Artista originale: Andreas Lundqvist
File:Linuxday06.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/e/e0/Linuxday06.png Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: http://www.linux.it/LinuxDay/main.shtml Artista originale: www.linux.it
File:NewTux.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/b0/NewTux.svg Licenza: Attribution Contributori: Based on
original image by Larry Ewing, created using Sodipodi Artista originale: gg3po (kde-look.org source)
File:Nuvola_apps_emacs.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/6a/Nuvola_apps_emacs.png Licenza: LGPL
Contributori: http://icon-king.com Artista originale: David Vignoni
File:Nvu.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/5/5a/Nvu.png Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: ? Artista
originale: ?
File:Openoffice.orgWriter@Ubuntu.PNG Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/it/e/ee/Openoffice.orgWriter%40Ubuntu.
PNG Licenza: ? Contributori: ? Artista originale: ?
File:Richard_Matthew_Stallman.jpeg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/f7/Richard_Matthew_Stallman.jpeg
Licenza: CC-BY-SA-3.0 Contributori: Taken from the cover of the O'Reilly book w:Free as in Freedom: Richard Stallmans Crusade for
Free Software Artista originale: Sam Williams
File:Synaptic_Package_Manager.png Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/8/87/Synaptic_Package_Manager.png
Licenza: GPL Contributori: http://hacktolive.org/images Artista originale: http://hacktolive.org/
File:The_GIMP_icon_-_gnome.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/4/45/The_GIMP_icon_-_gnome.svg Licenza: GPL Contributori: The GIMP package Artista originale: The GIMPs art/developer team
File:Trisquel_GNU_Linux_4.0_LTS_Taranis_screenshot.png
Fonte:
https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/6/69/
Trisquel_GNU_Linux_4.0_LTS_Taranis_screenshot.png Licenza: GFDL Contributori: Opera propria Artista originale: olofolleola4
File:Tux.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/35/Tux.svg Licenza: Attribution Contributori: [1] Artista
originale: Larry Ewing, Simon Budig, Anja Gerwinski
File:Wikibooks-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fa/Wikibooks-logo.svg Licenza: CC BY-SA 3.0
Contributori: Opera propria Artista originale: User:Bastique, User:Ramac et al.
File:Wikinews-logo.svg Fonte: https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/2/24/Wikinews-logo.svg Licenza: CC BY-SA 3.0 Contributori: This is a cropped version of Image:Wikinews-logo-en.png. Artista originale: Vectorized by Simon 01:05, 2 August 2006 (UTC)
Updated by Time3000 17 April 2007 to use ocial Wikinews colours and appear correctly on dark backgrounds. Originally uploaded by
Simon.

5.5.3

Licenza dell'opera

Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0