Sei sulla pagina 1di 4

Latte di soia

Ingredienti per circa 800ml di latte:


-100gr di fagioli di soia (meglio se bio)
-1litro di acqua
-zucchero di canna o vaniglia a scelta
Procedimento:
Lasciate in ammollo i fagioli di soia per 24 ore avendo cura di cambiare l'acqua per 3
volte almeno. Ecco come sono appena messi
E come sono dopo 24 ore
Una volta trascorso il tempo fate bollire un litro d'acqua in una pentola abbastanza
capiente, nel frattempo frullate i fagioli con un p d'acqua calda (su alcuni siti
consigliano un frullatore ad immersione, l'ho usato normale ed andato benissimo) fino
ad ottenere una crema.
Una volta che l'acqua bolle aggiungete la soia frullata e lasciate sul fuoco per 15 minuti
mescolando (ho aggiunto un cucchiaio di zucchero di canna). Procuratevi uno scolapasta
e un canovaccio pulito (mi raccomando che non abbia tracce di detersivo o altro) e
stendetelo dentro lo scolapasta.
E mettete lo scolapasta dentro un recipiente capiente
Una volta passati i 15 minuti lasciate raffreddare e poi scolate il composto nello
scolapasta, nel canovaccio rimarr la parte solida, strizzate bene per fare uscire tutto il
latte! Meglio travasarlo in una bottiglia di vetro (potete riciclarne una di sugo di
pomodoro), si conserva in frigo chiuso per 4-5 giorni
La parte solida si chiama okara, non buttatela, pu essere usata per un sugo o come
ripieno!
Se volete aggiungere la vaniglia fatelo bollire per altri 5 minuti o aggingete delle gocce
di vaniglia

Come preparare in casa il latte di riso


Latte di riso fatto in casa. Il latte di riso rappresenta, insieme al latte di soia, di mandorle ed agli
altri latti vegetali, una delle possibilit di sostituzione del latte vaccino, nel caso di intolleranze
ad esso o nell'eventualit in cui si preferisca orientarsi verso una dieta priva di derivati animali.
Il latte di riso pu essere preparato in casa ad un costo davvero contenuto e decisamente
inferiore rispetto a quello venduto nei supermercati e nei negozi di prodotti naturali, solitamente
contenuto in brick di tetrapak.
Il latte di riso in commercio, anche se naturale, pu presentare delle aggiunte come oli vegetali,
zuccheri o addensanti che non sempre lo rendono gradito. La sua autoproduzione piuttosto

semplice e rapida, richiede pochissimi strumenti ed attenzioni e vi garantir di avere a disposizione


una bevanda multiuso da utilizzare per la preparazione di ricette dolci o salate o da consumare a
colazione. Il latte di riso fonte di zuccheri naturali, vitamina A e sali minerali.
Si consiglia di utilizzare riso biologico per ottenere una bevanda priva di qualsiasi eventuale
residuo chimico.

Per la preparazione del vostro latte di riso vi occorreranno (dosi per 1


litro):

50 gr di riso bianco del tipo Ribe


Zucchero di canna, malto di riso o altro dolcificante naturale a piacere
Frullatore ad immersione
1 pizzico di sale fino
1 litro d'acqua
1 bottiglia di vetro
Colino ed imbuto

Cominciate con l'occuparvi di portare ad ebollizione l'acqua in cui verserete il riso, che dovr
continuare a cuocere almeno dai cinque ai dieci minuti oltre il tempo di cottura segnalato sulla
confezione, indicativamente fino al momento in cui i chicchi inizieranno a spappolarsi e
risulteranno quindi molto morbidi. A questo punto potrete iniziare ad agire utilizzando il vostro
frullatore ad immersione.
A seconda dei tempi di cottura e del tipo di riso utilizzato potrebbe essere necessario aggiungere
dell'altra acqua, portata ad ebollizione a parte, per ottenere un latte pi liquido. Frullate finch
acqua di cottura e riso non si saranno ben amalgamati. Si tratta di un'operazione che dovrebbe
richiedere pochissimi minuti tenendo il frullatore regolato a potenza medio-alta.
A questo punto lasciate raffreddare il vostro latte di riso per almeno una mezzora e, se vi
accorgete della presenza di residui, frullate di nuovo. Solo quando sar a temperatura ambiente vi
consiglio di addolcirlo addizionandolo con un cucchiaino o pi di zucchero di canna, di malto di
riso o di mais.
A seconda dei vostri gusti e dell'utilizzo che farete del latte potrete decidere di regolarne il sapore.
Tenete presente, ad esempio, se esso vi servir come bevanda da bere a colazione o a merenda o
come base per la preparazione di creme, torte o biscotti, con l'eventuale aggiunta di altri ingredienti
dolci,
Potrete anche decidere di non dolcificare per nulla il latte di riso, nel caso vogliate impiegarlo
per preparazioni salate, come la besciamella. Nel caso di preparazioni salate, vi consiglio di
sostituire al riso bianco il riso integrale, che dar al vostro latte un sapore molto meno dolce gi in
partenza.
Dopo aver regolato il gusto del vostro latte, potrete passare al suo imbottigliamento. Vi consiglio
di posare un colino sopra l'imbuto che utilizzerete, in modo da filtrare eventuali piccoli residui.
In generale, se avrete frullato il vostro riso nella maniera corretta, non ne dovrebbe rimanere alcun
rimasuglio, ma se dovesse rimanere, non buttatelo ed utilizzatelo per la preparazione di minestre e
creme di verdure o per preparare il ripieno di frittelle dolci.

Per preparare una bevanda dal gusto speciale, vi consiglio di aggiungere al vostro latte di riso uno o
due cucchiai di cacao in polvere, da mescolare quando il liquido si trova ancora nella pentola ed
ancora tiepido, oppure di lasciar riposare all'interno di esso mezza bacca di vaniglia durante il
raffreddamento. La bacca dovr essere estratta con l'aiuto di un cucchiaio prima di procedere
all'imbottigliamento.
Il latte potr essere conservato in frigorifero per circa due o tre giorni in una bottiglia di vetro
ben chiusa e potr essere riscaldato in un pentolino prima di essere bevuto. Se si desidera ottenere
un latte pi denso, la quantit di riso indicata tra gli ingredienti pu essere gradualmente aumentata
fino ai 100 grammi.

Latte di Miglio
1) Ingredienti:
80 gr di semi di miglio;
acqua di ammollo;
2,5 lt di acqua;
aromi a piacere (limone, vaniglia, facoltativi);
5/6 cucchiai di malto o miele (facoltativi).

Preparazione:
Sciacquare i semi di miglio e porli in una pentola con 1 lt dellacqua totale e gli eventuali aromi,
portare a bollore e far cuocere a fuoco basso per 20 minuti.
Togliere dal fuoco e mettere a scaldare la rimanente acqua fino al bollore e poi spegnere tenendo la
pentola coperta.
Intanto frullare il miglio cotto con un frullatore ad immersione fino a tritare il cereale il pi
finemente possibile.
Aggiungere il restante litro e mezzo dacqua bollente e frullare ancora per ben amalgamare il tutto.
Filtrare attraverso un colino su cui si posto un panno a maglie fitte.
Dolcificare col malto e conservare in frigo solo la quantit che si consuma nei successivi due giorni,
il restante latte, suddividerlo a porzioni e congelarlo.
Lo scarto residuo davvero minimo.

Note e Suggerimenti:
In questa ricetta ho omesso lammollo poich ho notato che, a differenza degli altri cereali, il miglio
non si ammorbidisce.
Agitare bene prima delluso. Il cereale ridotto in farina tende a separarsi dallacqua.
Se risulta essere troppo denso per i propri gusti, basta allungarlo con tanta acqua calda fino al
raggiungimento del proprio gradimento.
2) Ingredienti:
100 grammi di miglio
1 litro dacqua pura
una presa di sale marino integrale
succo dagave o miele, o zucchero grezzo, a piacere

Sciacquate (ma anche no) il miglio, mettetelo in una pentola media, aggiungete lacqua e una presa
di sale, mescolate e mettete sul fuoco; inizialmente potete anche metterlo a fiamma alta, poi quando
comincia a diventare bello caldo abbassate la fiamma al minimo.
Lasciate cuocere il miglio per una mezzoretta o pi, fino a quando non si spappola completamente
(assaggiate per provare il sale, nel caso aggiungetene un pizzico). Man mano che si forma la
schiuma in superficie asportatela con una schiumarola e buttatela.
Quando il miglio pronto frullate il tutto con il frullatore a immersione; cercate di fare in modo che
il composto diventi pi liscio possibile. Poi munitevi del colino a maglie strette pi grande che
avete, posizionatelo su un recipiente atto alluopo e versateci dentro il tutto.
Agguantate un cucchiaio di legno e mescolate il miglio nel colino per far scendere pi latte
possibile. Se usate un colino piccolo ci vorr un po, e dovrete passare solo qualche cucchiaio alla
volta, svuotandolo man mano che si riempie. Non gettate lo scarto: come vi dicevo potete rifilarlo
con molta soddisfazione ai bimbi di casa.
Dopo aver passato il composto e aver ottenuto il vostro latte, potete dolcificarlo come vi pare e
diluirlo a piacere con acqua, oppure versarlo in una tazza o una cocotte o uno stampo da budino,
coprirlo con la pellicola e metterlo in frigo per una notte. Il giorno dopo vi baster rovesciarlo su un
piattino e aggiungere frutta secca, zucchero, cacao o quello che vi pare, sar ottimo comunque.
3) Avete mai assaggiato il latte di miglio? Vi proponiamo oggi questa alternativa al latte
tradizionale che offre numerosi vantaggi perch ricco di antiossidanti, contiene proteine
vegetali, aiuta a ridurre il colesterolo. Inoltre si pu consumare in caso di diabete e contiene
anche un enzima che aiuta leliminazione dei grassi. Agisce anche sullipertensione.
Se vi serve ancora qualche incentivo per decidervi ad inserirlo nella vostra alimentazione, ecco la
ricetta che permette di prepararlo in casa a bassissimo costo, con pochi ingredienti e un
procedimento elementare. A fronte di tante propriet salutari vale la pena provare, non vi pare?
Mettete a bagno in acqua per tutta una notte cinque cucchiai di semi di miglio, che si trovano
facilmente in erboristeria o nei reparti bio dei supermercati o dei negozi specializzati. La mattina
dopo scolate lacqua, frullate i semi e allungateli poi con un litro di acqua bollita ma fredda. Infine
filtrate. Il latte pronto.
Le informazioni nutrizionali non fanno che confermare le propriet positive del latte di miglio. Con
100 ml. di prodotto assumerete 300 mg. di fosforo e 50 mg. di calcio a fronte di 212 calorie. Si
suggerisce di berne un bicchiere la sera prima di andare a letto, ma sar ottimo anche da sostituire al
latte vaccino la mattina a colazione, specialmente per chi intollerante al lattosio. Consumandosi
freddo, sar una piacevole bevanda anche durante lestate.