Sei sulla pagina 1di 1

Basciu D_Saw.

docx

Saw (voglio fare un gioco con te)

di Daniele Basciu

Oggi necessario scrivere due parole su Cottarelli, che lex direttore affari fiscali del FMI ora
incaricato dal Governo Letta di preparare i tagli alla spesa pubblica. Sulle testate web non ne
parlano tanto, ha due righe di spazio sulla home di Repubblica e sulla home di Corriere.it non
compare proprio, la sensazione che loro preferiscano mantenere un basso profilo, per poter
procedere senza intoppi. Tuttal pi decidono loro se e come apparire nei media, ora inizieranno
a fare le cose sul serio, siamo alla resa dei conti finale. Questo Cottarelli ovviamente non un
improvvisato come gli altri che ci son stati prima di lui, un professionista.
Quando era ancora nel FMI dava dei numeri soft; ad Aprile ad esempio diceva che lItalia non
avrebbe avuto bisogno di manovre correttive, perch aveva un deficit del 2.6% rispetto al PIL,
per cui era fuori pericolo. Queste sono le cose che dicono quando vanno a Ballar, per
tranquillizzare i gonzi. In realt nel 2013 il deficit dellItalia del 3% sul PIL, come era
prevedibile sarebbe stato perch si tratta di un rapporto deficit/PIL, per cui se il PIL si
disintegra (come sta accadendo in Italia) il rapporto deficit/PIL aumenta anche se il deficit come
valori assoluti per ipotesi resta invariato. Quindi Cottarelli ad Aprile dichiara che tutto ok per
lItalia, ma dopo sette mesi lo trovi incaricato della spending review, con Saccomanni che
dichiara un obiettivo di circa 15-30 miliardi di tagli alla spesa in tre anni.
Cos alla fine della fiera il Governo: 1. ha appena avviato il pagamento di circa 15 miliardi di
arretrati ai fornitori della P.A., 2. non ha ancora liquidato tutti questi pagamenti fino ad ora
congelati ma progetta via spending review un taglio di 30 miliardi di spesa su tre anni. Cio con
una mano spendono 15 miliardi (erano gi spesi, ma non ancora versati, in realt, e in buona
parte sono ancora da versare), e con laltra mano ne taglieranno 30, per cui il risultato finale
sar che le cose saranno un popeggio di come sono ora, ovvero un po peggio di un disastro. Ma
perch Cottarelli un fuoriclasse, e non uno come quelli che cerano prima di lui? Ha gi
spiegato che occorre creare un clima di sostegno alla spending review, e cos gioved sera era
in TV su La7 ad illustrare come funzioner il meccanismo.
Diceva che non sar lui a scegliere, ma saranno le P.A. che devono subire i tagli a decidere cosa
tagliare: sanit, istruzione, welfare. un sistema rivoluzionario che ricorda molto Saw, quel film
horror del 2004: il protagonista legava un piede delle vittime predestinate con una catena, e gli
lasciava una sega a disposizione. Per liberarsi e non essere uccise, le vittime dovevano tagliarsi
da sole il piede con la sega. Prima di iniziare, Saw spiegava tutto alle sue vittime: Ciao, voglio
fare un gioco con te, tu non mi conosci, ma io ti conosco. La sensazione, fino a che vedi solo un
signore distinto che parla con Lilli Gruber, che in fondo il gioco non tocchi a te. In realt
prima o poi arriver anche il momento in cui tocca anche a te, e allora non sarai pi
spettatore, ma sarai dentro il film. La serie di Saw andata avanti per sette anni, qui siamo solo
al trailer, ancora.

www.retemmt.it