Sei sulla pagina 1di 26

Un po' di storia: le cariche elettriche.

Pi di duemila anni fa i greci erano rimasti colpiti dalle caratteristiche dell'ambra, una resina prodotta da alcuni alberi e induritasi col tempo. Dopo averla
strofinata con un panno di lana, essa acquista la propriet di attrarre corpi leggeri (pezzetti di paglia, piccoli semi) che si trovano nelle sue immediate vicinanze.
La parola elettricit deriva dal greco elektron, che vuol dire appunto ambra.
Le cariche elettriche sono rappresentate dalle particelle cariche dellatomo:
- Gli elettroni, portatori di una carica negativa
- I protoni, portatori di una carica positiva.
I neutroni non portano nessuna carica.

Costo dell'elettricit.
Noi inizieremo il nostro viaggio alla scoperta di questa ormai indispensabile
fonte di energia partendo proprio da una cosa molto comune (ma non certo gradita):

la fattura per la fornitura


di elettricit!
Elettricit

Pagina 1

La fattura per la fornitura di energia.


Ecco un esempio di fattura per la fornitura di energia elettrica. Alcune posizioni
sono facilmente comprensibili, altre sono invece poco chiare! Ma come procede la societ fornitrice per stabilire l'importo che dobbiamo pagare?

Il prezzo dellenergia elettrica viene calcolato


in base agli scatti rilevati dal contatore.
- di giorno (06.00-22.00) il prezzo di 14,9 ct
- di notte (22.00-06.00) il prezzo di 8,9 ct
Viene riscossa anche una tassa di abbonamento fissa! (49. ogni sei mesi).
Elettricit

Pagina 2

Quanto costa.
far funzionare per un certo tempo uno dei nostri apparecchi elettrici?
Ovviamente dipende dallapparecchio!
Come visto lazienda elettrica a cui facciamo capo, periodicamente ci invia una
fattura per la fornitura di energia. Per calcolare limporto dovuto si deve procedere alla lettura del contatore che si trova in ogni casa o appartamento.
Per meglio comprendere il suo funzionamento leggiamo attentamente
la targhetta e proviamo a far funzionare diversi apparecchi collegandoli
alla rete elettrica attraverso il contatore.

Ogni 2400 giri


Del disco il contatore avanza di
1 scatto (kWh)
Penso che funzioni cos ...

Il disco rotante si mette in movimento quando


viene inserito un apparecchio elettrico.
Ogni 2400 giri il visualizzatore aumenta di 1 kWh.
1 kWh costa 14,9 ct di giorno e 8,9 ct di notte!
(kWh : unit di misura per lenergia!)

Elettricit

Pagina 3

Quali apparecchi necessitano di tanta energia elettrica?


Il disco metallico rotante e le cifre del contatore girano con velocit diversa a
dipendenza dell'apparecchio stiamo utilizzando.
Facciamo una semplice esperienza:
Facciamo bollire un litro di
acqua e annotiamo le seguenti
misure:

tempo impiegato in secondi;

quanti giri ha compiuto il


disco del contatore;

leggiamo anche le indicazioni tecniche riportate


sul bollitore ad immersione.

Indicazioni tecniche del


bollitore

220Volt / 1000 Watt

Tempo impiegato per far


bollire l'acqua

Circa 6 minuti

Giri compiuti dal disco


del contatore

40 al minuto;
240 in 6 minuti

Altre osservazioni

T iniziale acqua:
T finale:

2400 giri = 1 kWh


240 giri = 0,1 kWh

20 C
100 C

-> 14,9 ct
-> circa 1,5 ct

Far bollire 1litro di acqua del rubinetto costa circa 1,5 ct!
Elettricit

Pagina 4

La potenza.
Dopo aver oscurato laula, illuminiamola con
differenti lampadine inserite su un portalampade da tavolo (vedi illustrazione).
Anche in questa occasione colleghiamo il portalampada alla rete attraverso il contatore.
Come varia la luce emessa dalle varie lampadine?
Quanti giri compie il disco del contatore in un
minuto?
Completa la tabella leggendo anche quali indicazioni tecniche troviamo sulla lampadina stessa o sul suo imballaggio.

Indicazioni
tecniche
Giri del contatore
(in un minuto)
Luce emessa

Lampadina 1

Lampadina 2

220V / 25 W

220V / 60 W

Lampadina 3
220V / 100 W

Meno di 1

2 giri

4 giri

DEBOLE

MEDIA

FORTE

Maggiore la potenza (espressa in Watt) dellapparecchio, pi elevato sar il costo per farlo
funzionare!
Abbiamo provato con una lampadina a basso
consumo con una luminosit simile a quella di
una lampadina classica da 60W: consuma pochissimo! Il disco ruotante si muove in modo
lentissimo! Molto meno di 1 giro al minuto!
Elettricit

Pagina 5

Potenza degli elettrodomestici pi comuni.


Ogni apparecchio elettrico provvisto di una targhetta con lindicazione delle
sue caratteristiche tecniche.
Nella tabella sottostante riporta tali valori per alcuni degli apparecchi elettrici
che vengono regolarmente usati a casa tua.
Apparecchio

Tensione
Volt

Potenza
Watt

Televisore

220/250

90

Asciugacapelli

220

1200

MEDIO!

Lampada

220

100

POCO!

Aspirapolvere

220

1100

MEDIO!

220/380

2200

MOLTO!

220

20

Boiler

220/380

2400

Computer port.

110/220

Max 90

220

1100

MEDIO!

220/380

2000

MOLTO!

Lavatrice
Lettore DVD

Micro-onde
Stufa cucina

Osservazioni
Penso

che

farlo

funzio-

nare costi POCO!

POCO!
MOLTO!
POCO!

Gli apparecchi elettrici pi golosi di energia


sono quelli riscaldanti (boiler, stufa, )!
Gli apparecchi elettronici (computer, DVD, )
sono invece piuttosto economici.

Elettricit

Pagina 6

Esercizio 1.
Ora che abbiamo capito come viene calcolato limporto da versare alla societ
elettrica e quanto costa lenergia necessaria per far funzionare per un certo tempo un apparecchio, rechiamoci nellaula di informatica e con EXCEL realizziamo il seguente lavoro:
- Foglio Excel che calcoli lammontare della fattura partendo dalle indicazioni
fornite dal contatore.

=D5 + D6
Fisso!
=D8*2.3/100
=D5*G5/100
=D6 * G6/100
=D10+D12+D14+D16

=D18*7.6/100
=D18 + D20

Abbiamo chiesto informazioni riguardo la "Tassa sulla potenza". Noi pensavamo che si trattasse di una tassa calcolata in base alla potenza massima degli apparecchi installati in una
casa
Ebbene no! In pratica si tratta di un aumento del prezzo di 1 kWh! Indipendentemente dal
fatto che si tratti di energia fornita di giorno o di notte, al prezzo del kWh viene semplicemente aggiunto un sovrapprezzo di 2.3 centesimi!

Elettricit

Pagina 7

Esercizio 2.
Calcola, per la tua regione, il costo medio dell'energia elettrica e prepara il seguente lavoro:
- Foglio Excel che permetta di calcolare quanto costa far funzionare un apparecchio per un'ora.
Quante ore pu funzionare lo stesso apparecchio con 1 fr?

Ricorda:

1 kW = 1000W
1 fr = 100 ct

C6/1000 * C2/100

100000/(C6*C2)

Produzione e trasporto dellelettricit.


Da dove proviene lelettricit che utilizziamo?
Come visto, nella vita di tutti i giorni siamo confrontati con innumerevoli apparecchi che per il loro funzionamento necessitano di elettricit.
Una rapida analisi ci permette di identificare tre possibili mezzi per ottenerla:

Pila elettrica
(talvolta ricaricabile)
Elettricit

Celle fotovoltaiche Rete di distribu(collettori solari)


zione
Pagina 8

Conduttori ed isolanti.
Per giungere nelle nostre case lelettricit necessita di una linea di trasporto.
Tutti i materiali sono adatti per il trasporto della corrente elettrica? Per scoprirlo utilizziamo una semplice lampadina collegata a una pila. Interrompiamo il
collegamento ed inseriamo materiali diversi lungo il circuito.
Se il materiale esaminato lascia passare la corrente anche la lampadina si accender.
Materiale

SI/NO

Legno

NO

Ferro

SI

Rame

SI

Plastica

NO

Cartone

NO

Vetro

NO

Alluminio

SI

Stagno

SI

I materiali che permettono il passaggio della corrente


elettrica si chiamano CONDUTTORI.
Quelli che non lasciano passare lelettricit si chiamano invece ISOLANTI.
I migliori conduttori dellelettricit sono i METALLI.
(i migliori in assoluto sono largento e il rame)

Elettricit

Pagina 9

La pila.
La pila un sistema elettrochimico che consente di trasformare lenergia chimica in energia elettrica.
La prima pila fu ideata da Alessandro Volta nel 1799. La pila di Volta era formata da coppie di dischi di zinco e di rame sovrapposti e separati da dischetti di
panno imbevuti di una soluzione di acido solforico.
Utilizzando gli stessi materiali impiegati da Alessandro Volta costruiamo la
nostra pila.
Colleghiamo ora le piastrine metalliche
a un piccolo motore.

Prova ora ad intercalare un numero maggiore di


piastrine di metallo.

Il motore, alimentato dalla nostra pila, comincia a girare! Con un numero maggiore di piastrine (4) la velocit
di rotazione aumenta notevolmente.
Se invertiamo i collegamenti il motore gira nel senso
inverso.

Alessandro Volta:
Volta Alessandro (Como 1745-1827), fisico italiano, da
cui prese il nome l'unit di misura della differenza di potenziale elettrico, il volt. Divenuto professore di fisica alla
Scuola Reale di Como, lo scienziato mise a punto la cosiddetta "pila di Volta", una sorta di antenata della batteria
elettrica, composta di una serie di piastre di ferro e zinco
alternate con pezzi di stoffa imbevuti di una soluzione salina, che produceva un flusso di elettricit costante.

Elettricit

Pagina 10

La cella fotovoltaica .
Nei luoghi discosti, ma anche per far funzionare piccoli apparecchi elettronici,
lelettricit originata da celle fotovoltaiche meglio conosciute come "pannelli
solari".
Una cella fotovoltaica in grado di convertire lenergia luminosa in energia elettrica.
Proviamo a far funzionare il nostro motore elettrico con una cella fotovolatica:
La cella fotovoltaica fornisce elettricit a sufficienza per far girare il motore.
Se copriamo la cella il motore si ferma!

La rete di distribuzione dellelettricit .


La maggior parte dei nostri apparecchi funziona per grazie allelettricit che
giunge nelle nostre case grazie alla rete di distribuzione.
Ma cosa ci sar "dietro" la banalissima presa di corrente che si trova anche al
tuo posto di lavoro?
Prova a risalire la rete di distribuzione fino al punto dove lelettricit ha origine!

???????
Elettricit

Pagina 11

Ecco una possibile soluzione:


Lenergia elettrica proviene da una centrale dove viene
prodotta. Attraverso dei cavi viene poi trasportata a tutte le abitazioni, fabbriche, ...

Il GENERATORE di elettricit una macchine


che viene messa in movimento dalla rotazione
di una ruota provvista
di pale che a sua volta
viene fatta ruotare dallacqua.

Cos questo
strano apparecchio?

Elettricit

???
Pagina 12

Eccolo!
Si tratta proprio del comune "alternatore da bicicletta"!
Permette di produrre la corrente elettrica necessaria per
l'impianto di illuminazione della bici.
Ma come funziona?
Il miglior sistema per scoprire come funziona aprire
uno di questi strani apparecchi...

Lalternatore da bicicletta un generatore di corrente


elettrica mosso dalla ruota della bici.
Al suo interno troviamo poche cose: un lungo filo avvolto attorno a un nucleo e una calamita che gira attorno
ad esso. (In alcuni modelli la calamita fissa e ruota il
filo con il suo nucleo)
Facciamo ancora una volta un salto nel passato: nel
1831 il fisico inglese Michael Faraday scopr un interessante fenomeno: quando allinterno di una bobina di filo conduttore si muove una calamita, nel
filo della bobina si origina una corrente elettrica!

In laboratorio possiamo riprodurre facilmente l'esperienza di Faraday.


Colleghiamo i due capi di una lunga bobina di filo di rame a uno strumento di
misura che indica il passaggio di corrente elettrica (microamprometro) e muoviamo una calamita diritta avanti e indietro all'interno della bobina.
Lago dellamprometro si muove! Significa che nel filo viene
generata una corrente elettrica.
Non cambia nulla se invece della calamita si muove la bobina
di filo.

Elettricit

Pagina 13

L'alternatore da bicicletta.
Che a muoversi sia la calamita o la bobina di filo poco importa! Il risultato
sempre il medesimo: nel filo scorre una corrente elettrica.
Il comune alternatore da bicicletta quindi un generatore di corrente elettrica
e pu essere costruito in diversi modi.
Ecco lo schema di un possibile modello:

La ruota trasmette il movimento al perno;


La calamita a U ruota a
qualche mm di distanza
dal nucleo di ferro;
Nel filo si forma una corrente elettrica.

Proviamo a costruirlo con il materiale a nostra disposizione e verifichiamo il


suo buon funzionamento.

Sospendere con un elastico una calamita ad U in modo che


possa ruotare;
Posizionare il gioco di ferro
con la bobina qualche mm sotto la calamita;
Collegare la bobina al microamprometro e far ruotare la
calamita!

Elettricit

Pagina 14

Effetto calorico della corrente elettrica.


La corrente elettrica non visibile, per contro i suoi effetti sono facilmente osservabili. Realizziamo la seguente esperienza:
Colleghiamo al generatore di corrente un filo di tungsteno avvolto in modo da
formare alcune spire.
Aumentiamo molto lentamente la tensione elettrica fornita dal generatore ed
osserviamo cosa accade:

Il filo si riscalda! Se continuiamo ad aumentare la tensione il filo diventa incandescente e brucia!

In casa abbiamo moltissimi apparecchi elettrici il cui funzionamento si


basa sulleffetto calorico.
Fondamentale per la sicurezza la
funzione di un piccolo elemento di
cui molti sottovalutano lestrema importanza (vedi illustrazione).
Di cosa si tratta? A cosa serve e come
funziona?

Il fusibile di sicurezza.
Allinterno del fusibile di sicurezza c un filo
di tungsteno che porta la corrente da unestremit allaltra.
Se la corrente troppo elevata il filo brucia
interrompendo la corrente stessa.

Elettricit

Pagina 15

Circuiti elettrici.
Analogia con il circuito idraulico.
Si pu paragonare la corrente elettrica al flusso dellacqua attraverso dei tubi.
In questa analogia la batteria la pompa che spinge lacqua, i fili conduttori
corrispondono ai tubi nei quali scorre lacqua e linterruttore funziona in modo
analogo al rubinetto.

La pompa idraulica che solleva


lacqua fino a un certo livello, nel
circuito elettrico rappresentata
da un generatore di "dislivello
elettrico", ad esempio una pila.
Il dislivello elettrico o differenza
di potenziale elettrico si misura
in volt (V).

La portata, cio quanta acqua passa nel tubo ogni secondo, nel circuito elettrico
si chiama "intensita elettrica" e si misura in ampere (A). Misurare lintensit
elettrica equivale quindi a "contare" quante cariche elettriche passano nel filo
ogni secondo!

Elettricit

Pagina 16

Simboli elettrici.
Per rappresentare i circuiti elettrici si impiegano simboli che rappresentano i
vari componenti.
Ecco i pi usati:

Generatore

Collegamento

Collegamento T

+
Interruttore

Lampadina

Collegamento +

Resistenza

Collegamento L

Fusibile

Diodo

Elettricit

Per la costruzione dei nostri circuiti abbiamo a disposizioni degli


elementi modulari con il simbolo
corrispondente stampato sulla faccia superiore!

Pagina 17

Il seguente circuito, formato da una batteria (generatore), una lampadina


(utilizzatore), un interruttore/deviatore e dei fili conduttori.
lampadina

fili di collegamento

generatore

interruttore/
deviatore

diventa:

Naturalmente la disposizione dei vari componenti


pu variare! Seguendo il circuito, ad es. partendo
dal generatore, si deve tornare al generatore!
(circuito chiuso!).
Elettricit

Pagina 18

Collegamento in serie e in parallelo.


Gli apparecchi elettrici si possono collegare al generatore nei seguenti modi:

- collegamento in serie:

analogia con
il circuito
idraulico

Lanalogia con il circuito idraulico mostra chiaramente che il flusso (portata) il medesimo per i
due utilizzatori. Ognuno di essi sfrutta per solo una parte del dislivello totale

- collegamento in parallelo:

analogia con
il circuito
idraulico

In questo caso il dislivello identico per i due utilizzatori che per si suddividono la portata del
conduttore principale.

Elettricit

Pagina 19

Costruzione di un circuito con due lampadine in serie.


Descrizione:
Le due lampadine emettono
una
luce
piuttosto debole. Un
solo interruttore le
spegne entrambe. Svitando una lampadina
si spegne anche la seconda.

Costruzione di un circuito con due lampadine in parallelo.


Descrizione:
Le due lampadine emettono
una
luce
piuttosto forte. Ogni
lampadina pu essere
accesa e spenta singolarmente. Svitando
una lampadina la seconda resta accesa.

Elettricit

Pagina 20

Accensione e spegnimento da due punti diversi.


Nelle nostre case incontriamo sovente la necessit di poter accendere e spegnere la stessa lampadina da due punti differenti (ad esempio alle due estremit di
un lungo corridoio).
Proviamo a costruire un circuito simile!
Descrizione:
Il collegamento illustrato permette
di accendere la
lampadina da due
posizioni.

Una protezione: il fusibile di sicurezza.


Per proteggere gli apparecchi elettrici da indesiderati sbalzi di tensione (ad esempio duranti i temporali), si inserisce un fusibile di sicurezza.
Come fare?
Descrizione:
Il fusibile di sicurezza deve essere
inserito IN SERIE
e brucia quando
la corrente supera
un
determinato
valore
interrompendo il circuito.

Elettricit

Pagina 21

La legge di Ohm.
Nellanalogia con il circuito idraulico abbiamo gi parlato di:
-

differenza di potenziale elettrico o tensione elettrica


(paragonabile al dislivello tra due punti)
che si esprime in volt (V)

intensit della corrente elettrica


(paragonabile alla portata)
che si esprime in ampere (A)

Per misurare la tensione si utilizza un voltometro che va inserito in parallelo,


mentre per misurare lintensit si impiega un amprometro che si inserisce in
serie lungo il circuito.
Per scoprire quale relazione esiste tra queste due grandezze costruiamo un semplice circuito, dove lutilizzatore una resistenza scalda-acqua ad immersione.

+
-

R = 10

Facciamo ora variare la tensione di alimentazione e vediamo cosa capita al valore dellintensit.
Riportiamo i dati nella tabella seguente.

Elettricit

Pagina 22

Tensione
(volt)

10

15

20

Intensit
(ampere)

0.5

1.5

Quale relazione esiste tra la tensione U e lintensit I ?

I valori misurati mostrano chiaramente lesistenza


di una relazione tra la tensione U e lintensit I
della corrente.

U
I =
R

Dove R il valore della resistenza.

In un circuito elettrico chiuso la tensione provoca il movimento delle cariche


elettriche, cio una corrente elettrica.
Un circuito elettrico caratterizzato dalle tre grandezze seguenti:
La tensione elettrica
Lintensit della corrente
La resistenza elettrica

Dove:

U
I
R

espressa in volt [V]


espressa in ampere [A]
espressa in ohm []

U
R=
I

I =

U
R

U=R.I

La tensione U spinge la corrente I


attraverso la resistenza R.
In altre parole il valore in ohm della resistenza di un utilizzatore esprime quale
tensione in volt occorre affinch la resistenza venga percorsa da unintensit di
1 ampere.
Elettricit

Pagina 23

Impianti elettrici e sicurezza.


L'impianto domestico.
Nel nostro impianto casalingo tutti gli apparecchi sono collegati in parallelo e
la tensione di 220 volt.
I due estremi di ogni presa sono collegati a due cavi, la fase e il neutro e generalmente presente un terzo cavo, la messa a terra che serve quale protezione
in caso di incidente.

NEUTRO

FASE

Perch gli apparecchi domestici sono collegati in


parallelo?
Per fare in modo che ognuno sia collegato alla stessa tensione.

MESSA A TERRA

Semplificando all'estremo, la figura precedente illustra come l'elettricit giunge


fino alle nostre case.
Come mai gli uccelli che si posano sui fili non restano fulminati dalla corrente?

Perch si posano toccando solo un filo! In questo modo non chiudono il


circuito!
Elettricit

Pagina 24

Effetti della corrente elettrica sul nostro corpo.


Una corrente elettrica che attraversa il nostro corpo, pu danneggiarlo molto
seriamente.
La pelle asciutta funziona da isolante impedendo cosi che l'elettricit si propaghi nell'organismo. Perch il suo potere isolante venga meno si deve verificare
una situazione in cui il nostro corpo rappresenti la "chiusura" di un circuito elettrico.
In questo caso le conseguenze possono essere irreparabili, anche perch i 220 V
della corrente abitualmente fornita per gli usi domestici e, soprattutto, la sua
intensit, sono pi che sufficienti a uccidere una persona.

In questo caso la corrente attraversa il corpo passando da una


mano allaltra.

In questo caso la corrente attraversa il corpo passando dalla mano e si scarica a terra
attraverso i piedi.

Il passaggio di corrente elettrica attraverso il corpo pu produrre effetti molto


dannosi e talvolta addirittura letali a seconda delle caratteristiche della corrente
applicata e la durata del contatto.
In generale, si pu dire che gli effetti dannosi della corrente dipendono dalla
sua intensit e dal suo percorso attraverso il corpo. Correnti da 1 a 3 mA rappresentano la soglia della percezione e non sono pericolose.
Correnti da 4 a 50 mA producono spasmi nella muscolatura scheletrica, particolarmente pericolosi quando interessano i muscoli respiratori (morte per asfissia).
Correnti di maggiore intensit provocano l'arresto del cuore che quindi non funziona pi come propulsore del flusso del sangue e provocano perci la morte.
Elettricit

Pagina 25

In caso di incidente: cosa fare? cosa non fare?


Come comportarsi in caso di folgorazione? Se il fusibile salvavita non scatta e
la vittima ancora sotto tensione bisogna disinserire prima possibile linterruttore generale della corrente. Pi a lungo dura la scossa, maggiore il rischio di
danni.
Quello che non si deve mai fare, altrimenti si pu mettere a rischio la propria
incolumit, toccare la vittima ancora sotto tensione con le mani o con un oggetto bagnato o umido!

Evitiamo i rischi!

Situazioni da evitare as-so-lu-ta-men-te!

Mai utilizzare apparecchi elettrici collegati alla


rete quando si nella vasca da bagno!
Prima di forare una parete verificare che non ci
siano fili sottomuro!
Non tirare il cavo per scollegarlo dalla rete!
Evitare di sovraccaricare una fase collegando
troppi apparecchi alla stessa presa!

Elettricit

Pagina 26