Sei sulla pagina 1di 2

IL FIUME SERIO

CARATTERISTICHE DEL BACINO IDROGRAFICO


Il fiume Serio ha origine dalle Alpi Orobiche e propriamente dal bacino formato dalle alte giogaie nevose dei Monti Pizzo del Diavolo (q. !"# s.l.m.$% &leno (q. ''( s.l.m.$ e Pizzo di )oca (q. (*+ s.l.m.$. Il fiume% che costituisce il principale corso della valle Seriana% percorre la zona centrale della provincia bergamasca fino al suo confine sud in corrispondenza dell,abitato di Mozzanica- da qui entra nel territorio cremonese dove sfocia nel fiume Adda poco pi. a sud di Montodine. /a lunghezza del corso del fiume Serio 0 di circa " * chilometri di cui circa (' chilometri in zona montana% che si chiude idrologicamente alla stazione idrometrografica di Ponte )ene% e ' chilometri in zona di pianura che si chiude con l,immissione in Adda. Di questi " * chilometri% (! corrono in territorio cremonese ed i rimanenti in provincia di 1ergamo. Il fiume Serio presenta caratteristiche di natura eminentemente torrentizia in quanto nelle stagioni estive ed invernali l,alimentazione 0 sostanzialmente limitata alle sorgenti ed al tenue contributo di scarsissimi nevai% di minimo rilievo% mentre durante le piene primaverili ed autunnali la portata ascende a volumi di #* volte la portata di magra e% per piene eccezionali% anche di "** volte la portata di magra. Il bacino imbrifero% dalla sorgente alla foce% 0 di circa " ** chilometri quadrati e pu2 considerarsi diviso in due porzioni3 > di montagna della superficie di #++ chilometri quadrati% giacente per +* chilometri quadrati sopra quota "***4" ** metri sul livello del mare e *+ chilometri quadrati compresi fra le quote di "***4" ** e #** metri sul livello del mare% con chiusura alla sezione di Ponte )ene- si pu2 ritenere che il fiume raggiunga qui il modulo massimo alpino in quanto 0 impinguato da tutte le sue confluenze montane e non ha subito alcun impoverimento per derivazioni di canali artificiali> di pianura della superficie di 5#+ chilometri quadrati% giacente su quota compresa fra.#** e +* metri sul livello del mare% con chiusura in corrispondenza dello sbocco in Adda. Il bacino imbrifero della zona di pianura da Ponte )ene alla sezione di )rema 0 di +6* chilometri quadrati. Per quanto attiene al regime delle precipitazioni si pu2 affermare che il bacino del fiume Serio 0 soggetto al regime sublitoraneo alpino caratterizzato da un minimo nei mesi invernali% da un minimo secondario nei mesi estivi e da due massimi nelle stagioni intermedie. /e precipitazioni sono per la maggior parte sotto forma di pioggia% ad eccezione dei mesi invernali e delle zone a quota pi. elevata in cui possono presentarsi a carattere nevoso. 7uttavia i territori che si innevano vanno considerati di limitata entit8 per cui il trasferimento delle precipitazioni invernali al successivo periodo primaverile4estivo 0 di modesto apporto. 9ell,ambito della pluviometria% agli effetti delle piene% vanno considerati di preponderante importanza% gli effetti relativi alla distribuzione ed all,entit8 delle piogge intense di breve durata che% dato il carattere torrentizio del fiume% provocano improvvise ed impreviste situazioni di precariet8.

Il regime di deflusso 0 influenzato dalla notevole difformit8 delle pendenze longitudinali del fiume che a fronte di una asta montana a forte pendenza% che supera su un tratto di 6* :m un dislivello di 5** metri circa% prosegue con un tronco di pianura fino alla foce% con valori di minima pendenza e pu2 considerarsi suddiviso in tre tronchi3 >di montagna e pedemontano con chiusura a Ponte )ene% nel quale il regime di deflusso 0 decisamente caratterizzato dalla pendenza dell,alveo fluviale dove il tempo di corrivazione 0 estremamente breve>di pianura% da Ponte )ene a Mozzanica% nel quale l,alveo fluviale 0 caratterizzato da una larghezza notevole% con vaste zone golenali di fondo permeabilissimo% e la velocit8 della corrente si riduce notevolmente con considerevoli depositi di materiale alluvionale% sabbia% ghiaia% e ciottoli. In questa porzione l,attivit8 estrattiva 0 stata di notevole rilievo. 9otevole la capacit8 di riduzione delle piene% sia per la possibilit8 di espansione delle portate su vastissima area% sia per la notevole capacit8 di disperdimento in sottosuolo% a ricarica delle falde sotterranee che costituiscono una enorme ricchezza per il rifornimento idrico a scopo plurimo della Pianura 1ergamasca>di pianura% da Mozzanica all,immissione in Adda% nel quale l,alveo del fiume Serio 0 caratterizzato da un andamento sinuoso meandriforme ed il regime di deflusso da un andamento uniforme con pendenze costanti ed alveo capace di contenere piene non eccedenti i **4 +* metri cubi al secondo massimi. Sotto l,aspetto che considera la natura dell,alveo% il fiume Serio pu2 considerarsi diviso in tre tratti3 >di a ta! "a##a e media montagna nonch; pedemontano per il tratto compreso fra la sua origine% in )omune di <albondione% ed il )omune di <illa di Serio 4 localita, )orna dei Dragoni% per una percorrenza di #5 chilometri ove il fiume corre su un fondo in roccia e quindi decisamente impermeabile>di pede$o ina e di pianura per il tratto compreso fra le )orna dei Dragoni ed il territorio di Mozzanica% per una percorrenza di (# chilometri ove il letto del fiume corre sulla conoide di deiezione del fiume Serio dello spessore oscillante fra pochi metri e ""** metri% costituito da materiale alluvionale% sabbia% ghiaia% ciottoli di estrema permeabilit8% tali da formare il fiume Serio% per il tratto in esame% in subalveo che riemerge nel suo corso naturale a valle del territorio di Mozzanica% dopo aver alimentato le falde acquifere sotterranee che interessano l,intera estensione della conoide di deiezione del fiume% dell,ampiezza di circa (** chilometri quadrati. >de$i#amente di pianura per il tratto a valle di Mozzanica sino all,immissione in Adda% della lunghezza di (! chilometri% ove il fiume stesso corre su un letto decisamente argilloso ed impermeabile. Il fiume Serio% nel tratto che corre su materasso alluvionale% impingua in modo determinante il fiume sotterraneo e le notevoli risorse di acque sotterranee delle falde acquifere che costituiscono una notevole ricchezza della pianura bergamasca e cremasca. Infatti nella bassa pianura bergamasca e nella pianura cremasca sono in atto numerose teste di fontanili che vanno poi a formare una fitta rete di canali% di minor o maggior interesse% che costituiscono tutt,oggi la rete irrigua del territorio cremasco. /a pianura bergamasca di contro attinge ed utilizza a scopo irriguo le scarse risorse idriche defluenti nell,alveo del fiume Serio. /a portata massima attinta a tale scopo raggiunge i "' mc=s con un minimo di +46 mc=s.