Sei sulla pagina 1di 1

16

I primi dodici mesi


Papa Francesco affacciato dalla finestra dello studio nellappartamento papale per la recita dellAngelus Decine di migliaia di fedeli riempiono piazza San Pietro per partecipare alla preghiera mariana
(LOsservatore Romano)

Gioved 13 Marzo 2014

Francesco il 14 novembre si recato in visita ufficiale al Quirinale, dove ha voluto incontrare anche le famiglie dei dipendenti, inclusi i bambini. Ad accoglierlo il presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano accompagnato dalla moglie Clio
(Ansa)

Abbiate lodore delle vostre pecore ha detto il Papa ai vescovi. E cos visitando il 6 gennaio scorso il presepe vivente allestito nella parrocchia romana di SantAlfonso si visto mettere sulle spalle proprio un agnellino da uno dei figuranti vestito da pastore
(Lapresse)

In quei gesti ad Assisi la voce del suo cuore


MATTEO LIUT
o scorso 4 ottobre stata una giornata storica che ci ha fatto conoscere il cuore di papa Francesco e offerto un piccolo "compendio" dei temi a lui pi cari. Quel giorno Bergoglio lo ha passato tra i luoghi del santo a cui deve il nome da Pontefice, parlando al mondo intero soprattutto attraverso i gesti, come sottolinea il vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, Domenico Sorrentino. Quali i gesti pi significativi di quella visita del Papa ad Assisi? Il primo lo ha compiuto proprio allinizio della giornata restando quasi unora allIstituto Serafico, che si occupa di ragazzi pluridisabili. In questo modo ha voluto quasi percorrere litinerario di san Francesco, il quale nel suo testamento ricorda che la sua conversione inizi quando apr il cuore ai lebbrosi, gli ultimi del suo tempo. Il Papa ha voluto cominciare con i malati, i sofferenti, e lo ha fatto mettendoci dentro tutto il suo cuore: stato un vero pellegrinaggio da ragazzo a ragazzo, abbracciando ciascuno, toccando ciascuno dei disabili, scambiando qualche parola con loro e i loro assistenti. Ci ha ricordato cos che occorre saper ascoltare le piaghe di Cristo nei fratelli. Questo primo momento ha dato il tono allintera giornata e ha mostrato lanima del suo pontificato. Con le sue parole e i suoi gesti tra i quali anche il pranzo con i poveri e linvito a non cadere nella mondanit assieme allitinerario classico attraverso i luoghi della memoria francescana, papa Francesco ha voluto esprimere il suo cuore e ripercorrere le orme di san Francesco per spiegare in maniera concreta perch ne ha scelto il nome. Per Assisi e per la famiglia francescana che significato ha avuto questo incontro?

Larcivescovo Domenico Sorrentino

Domenico Sorrentino, il vescovo della diocesi umbra, ricorda la visita del 4 ottobre: Partendo dagli ultimi ha ripercorso i passi del santo da cui ha preso il nome
stato un evento che ha segnato la comunit locale. Alla Chiesa di Assisi, Chiesa madre di san Francesco, e ai figli del santo patrono dItalia, i francescani, il Papa ha voluto porre degli interrogativi forti sulla fedelt al messaggio di san Francesco e, attraverso lui, sulla fedelt al Vangelo. In Cattedrale, in particolare, reagendo alle informazioni che ha ricevuto sul cammino di preparazione al Sinodo diocesano, Francesco ha dato delle indicazioni molto puntuali, invitando tutti i battezzati ad essere protagonisti e i pastori a dedicarsi totalmente al cammino del popolo. Per noi stato importante anche ci che ha detto a Santa Maria per i giovani, insegnandoci ad avere per loro unattenzione tutta speciale e facendo ai giovani lappello alla capacit di scelte definitive nel superamento della cultura

delleffimero. Come ha riecheggiato ad Assisi la parola armonia, pi volte pronunciata dal Papa? stata una parola forte: Assisi una realt ecclesiale dalle anime molteplici dentro lunico grande orizzonte segnato dalla spiritualit francescana. E c un cammino dintegrazione, di sinergia, dintesa, che si sta svolgendo positivamente. Il Papa ha sottolineato lesigenza della comunione: si tratta per tutti di valorizzare la propria identit convergendo verso lunica appartenenza alla Chiesa, perch la testimonianza cristiana sia veramente credibile. cambiato qualcosa nella vita della Chiesa di Assisi dopo la visita? C un impulso che ci mette le ali. Il ricordo dellevento rimane vivo e in alcuni incontri stiamo rimettendo in moviola delle scene particolarmente significative di quel giorno. La visita, inoltre, ha dato un grande impulso al Sinodo che stiamo preparando e ci ha imposto di rivisitare tutta quanta la nostra azione pastorale. E lei personalmente cosa ricorda con maggiore gratitudine di quel giorno? Ho avuto il privilegio di vivere dodici ore fianco a fianco con il Papa: quello che mi ha particolarmente impressionato la sua capacit di stabilire rapporti, di incontrare gli occhi, le mani, il cuore delle persone, facendo attenzione a ciascuno anche in una situazione cos affollata come quella della visita. Mi ha colpito come il Papa fosse alla ricerca delle persone e sapesse prestare cos tanta attenzione a ognuno. Per me la cosa pi importante e toccante stata proprio questa sua capacit, che contiene un messaggio: luomo via della Chiesa, diceva Giovanni Paolo II, unindicazione che anche papa Francesco ci ha mostrato attraverso i suoi gesti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La Messa celebrata da Francesco ad Assisi durante la visita del 4 ottobre (foto Epa)

Monete. Bergoglio si fa in tre nelle immagini per leuro vaticano


ENRICO LENZI
collezionisti hanno dovuto attendere un anno I per poter avere leuro con il volto di papa Francesco. Limprovvisa rinuncia al ministero petrino di Benedetto XVI colse di sorpresa anche la zecca che stava realizzando le monete del 2013, che cos riportano ancora limmagine di papa Ratzinger. Un po come accadde nel 2005, quando leuro vaticano continu ad avere quella di Giovanni Paolo II morto il 2 aprile di quellanno e si dovette aspettare il 2006 per leuro con Benedetto XVI. Lattesa per Francesco terminata lo scorso 3 marzo con la messa in vendita della divisionale 2014, cio le otto monete di diverso taglio di cui composto leuro. E anche in questo campo Bergoglio ha introdotto una novit: non pi la stessa immagine per tutti e otto i valori, bens tre immagini differenti del Papa. Cos sulle monete da 1, 2 e 5 centesimi appare il profilo sinistro del Papa (lo stesso utilizzato per esempio nelle monete di Giovanni Paolo II, durante il cui pontificato stato introdotto leuro) realizzato da Gabriella Titotto. Il Papa appare di fronte nellimmagine scelta per le monete da 10, 20 e 50 centesimi. In questo caso il bozzetto stato realizzato da Orietta Rossi. La terza immagine, infine, realizzata da Patrizio Daniele, ritrae Francesco rivolto di tre quarti a destra e compare sui due valori maggiori della divisionale: 1 e 2 euro. Tutte e tre le immagini hanno ben presente la scritta Citt del Vaticano. In tutte papa Francesco appare sorridente, con lo zucchetto e la talare bianca. Gi nel 2013 il Vaticano ha emesso monete e medaglie con limmagine di Bergoglio, ma si tratta di tagli non destinati alla circolazione: monete da 5 e 10 euro, che nella quotidianit sono invece banconote di carta. E non mancato lincidente numismatico proprio con la dicitura della prima medaglia, che invece della parola latina Jesus riportava la parola Lesus. Errore rilevato solo a vendita iniziata (solo da poche ore) e subito bloccata. Ultima curiosit relativa agli euro nella faccia nazionale: il Vaticano il terzo Paese che nel 2014 cambier limmagine. Gli altri due Paesi sono Belgio e Olanda, Nazioni che lo scorso anno hanno cambiato sovrano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lampedusa. Prima che per parlare venuto ad ascoltare


dellEuropa. Parole e sguardi che don Stefano Nastasi non dimenticher mai. Ripercorre ogni attimo di quel isitare le periferie, toccare con mano i problemi giorno il parroco che ha accolto papa Francesco sullidi chi in difficolt, mettersi in ascolto. Il mesola e lo ha guidato sui luoghi che hanno segnato le todo Bergoglio leredit pi bella che la visita tappe della sofferenza, a volte della morte, ma anche di papa Francesco a Lampedusa ha lasciato alla comudella speranza di migliaia di migranti. Porter sempre nit di quellisola bagnata dal Mediterraneo, che appena con me limmagine di papa Francesco che si mette in tre mesi dopo lo storico viagascolto confida don Stefano gio del nuovo Pontefice si ri. Prima che per parlare, il Patrov a vivere la tragedia del- Don Stefano: leredit pi bella pa venuto per ascoltare, per limmigrazione pi grande de- il metodo Bergoglio, cio toccare capire cosa accaduto, attragli ultimi anni. verso il nostro racconto. L8 luglio 2013 e rester im- con mano i problemi di chi in unimmagine molto paterna, presso nella memoria dei lam- difficolt. Dal Papa unimmagine attenta, non distratta. E poi ci pedusani come il giorno del risono le parole dette quel giormolto paterna, attenta, non distratta scatto, il momento in cui la no, quando Bergoglio parla periferia dellimpero di- Don Mimmo: una memoria viva della vostra accoglienza tanto ventata centro, grazie al gesto umana e tanto cristiana, risemplice ma denso di significorda don Stefano: Ha cercacato di quelluomo vestito di bianco e di umilt. A pato di incontrare la comunit e leggere la storia a partipa Francesco Lampedusa ha raccontato ci che lisola re dal basso. Una cosa che spesso abbiamo dimenticaha fatto per accogliere chi approdato in cerca di speto. Il Papa con i migranti a Lampedusa lo scorso 8 luglio (foto Ap) ranza, tutte le volte che la storia ha bussato alla porta Ma cera anche una grande preoccupazione di come quella giornata si sarebbe sviluppata. Allinizio, quando abbiamo saputo della visita, tutti siamo stati presi da un sentimento di incredulit racconta don Stefano . Un sogno coltivato da tempo, ma che era di difficile realizzazione, si stava invece compiendo. Era lincontro di una parte di gregge col suo pastore. Per la coto il "Cenacolo di Papa Francesco", unimunit stata unesperienza che non si interrotta, cora il rettore ci si domanda cosa sia ROBERTO COMPARETTI niziativa della parrocchia di Bonaria che ma continuata nel tempo, grazie alla grande compossibile fare per i vicini di casa, per chi ssieme ai suoi confratelli ha acci vede impegnati nel ravvivare la fede prensione e alla vicinanza che papa Francesco ha ganel quartiere ha qualche necessit. Da colto papa Francesco a Bonaria lo nel nostro quartiere. rantito anche dopo. Quando avvenuta la tragedia del questi momenti emersa la disponibiscorso 22 settembre. Per padre I religiosi e i fedeli pi vicini alla co3 ottobre, in cui morirono centinaia di migranti, il Palit anche ad attivare degli abbonamenti Giovannino Tolu, religioso mercedario, munit hanno individuato un gruppo pa mand lelemosiniere. Ecco, la comunit adesso non ad alcune riviste per i carcerati di Carettore del Santuario Nostra Signora di di famiglie che vive nello stesso palazsi sente pi distaccata da tutti, non si sente pi perifegliari, in modo che, come dice il Papa, Bonaria a Cagliari, quella domenica eria. Avverte la vicinanza della Chiesa molto pi preanche loro siano avvicinati alle cose che ra stata una giornata di grazia anche se sente. quotidianamente interessano ciascuno Il rettore del Santuario mariano di noi, in particolare quei fratelli hanil Papa rimasto qui per poche ore diDon Stefano non pi parroco di San Gerlando a Lamce abbiamo vissuto momenti intesi ed pedusa, al suo posto subentrato don Mimmo Zamno bisogno della luce e della Parola del padre Tolu: la visita del 22 ancora oggi continuiamo a pregare sebito, che sta continuando il lavoro avviato. Nel cuore Signore. Il Papa quindi pi che mai visettembre resta scolpita nella condo la formula che lui stesso ci ha ladella gente rimasto il metodo impresso dal Papa, vo nei nostri cuori e nelle nostre mensciato. La gente ha scolpito nel cuore e quello di verificare di persona, di incontrare le perifeti: tanta gente, che ogni giorno viene mente e nel cuore della gente nella mente il passaggio di papa Franrie, di ascoltare chi in difficolt, soprattutto chi vive qui, trova una parola di conforto e quanIl Cenacolo di papa Francesco cesco, anche perch se il Santo Padre situazioni familiari e matrimoniali difficili dice Zamdo possiamo anche un aiuto materiale, devoto alla Madonna di Bonaria, i fedeli bito, ricordando che l8 luglio la ricorrenza dei santi la crisi si acuita e sempre pi gente esprime limpegno diretto della sono fortemente legati a lui. Il 22 setAquila e Priscilla. La Caritas diocesana e italiana fanno bussa alla nostra casa. parrocchia a fianco degli ultimi Una realt, quella del Santuario di Notembre 2013 la definiamo una giornasentire costantemente la loro presenza. LAi.Bi ha avta "memoranda", nel senso che una viato un programma di formazione per le famiglie che stra Signora di Bonaria a Cagliari, nella giornata da ricordare. Spesso nelle nozo o nella stessa zona, e si riunisce per vogliono accogliere minori stranieri non accompagnaquale la gioia del passaggio di papa stre predicazione ai giovani, ai bambitre momenti specifici. Il primo di preti. Curare, custodire e piangere aggiunge don MimFrancesco ancora presente e si manini o alle famiglie facciamo esplicito righiera con la recita del Rosario, oppure mo Zambito sono le linee guida su cui la comunit festa concretamente in preghiere e serferimento alla visita del Papa, tanto la lettura di un brano della Sacra Scritsi ritrovata a riflettere e che hanno ispirato lagire vervizio agli ultimi, proprio come il Ponvero che abbiamo stampato unimmatura, il secondo un momento di formaso chi si trova in difficolt, soprattutto quelle coppie, e tefice aveva chiesto ai sardi lo scorso 22 gine a ricordo di quella giornata. Dopo zione ed un terzo di informazione. In sono tantissime, che vivono situazioni irregolari. settembre. la venuta del Pontefice abbiamo istituiquestultimo appuntamento dice an-

ALESSANDRA TURRISI

Cagliari. Da Bonaria una spinta alla preghiera

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA