Sei sulla pagina 1di 43

TIME AND SPACE IN THE INFINITELY SMALL AND IN THE INFINITELY LARGE

Ing. Pier Francesco Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A. Francesco Di Noto

Abstract: In this paper we focus attention on the behavior of space and time at the subatomic level and astronomical scale.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 2 di 43

Index:
1. ELENCO DI ORDINI DI GRANDEZZA PER LA LUNGHEZZA ................................................... 3 1.1 OSSERVAZIONI SUGLI ORDINI DI GRANDEZZA PER LA LUNGHEZZA .............. 17 2. COME SI MISURA LA VELOCITA .............................................................................................. 18 2.1 COMPOSIZIONE RELATIVISTICA DELLE VELOCIT .............................................. 20 2.1.1 ESEMPIO DI COMPOSIZIONE DELLE VELOCIT ................................................... 22 3. LATOMO VISTO A SCALA UMANA .......................................................................................... 23 3.1 VELOCITA DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO .............................. 25 3.2 RAGGIO DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO .................................... 27 3.3 ENERGIA DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO .................................. 28 5. OSSERVAZIONI IMPORTANTI ..................................................................................................... 30 5.1 LA LEGGE ASTRONOMICA DI BODE E I NUMERI DI FIBONACCI ........................ 33 6. SPAZIO E TEMPO NELLE DIVERSE SCALE DI LUNGHEZZA ................................................ 39 7. CONCLUSIONI ................................................................................................................................ 40 8. RIFERIMENTI .................................................................................................................................. 41

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 3 di 43

1. ELENCO DI ORDINI DI GRANDEZZA PER LA LUNGHEZZA


TAB. 1

Ordine

Prefisso SI

Lunghezza dell'oggetto

Oggetto

10

35

1,6 10

35

Lunghezza di Planck; lunghezze inferiori a questa non hanno alcun senso fisico, secondo le attuali teorie della fisica

... 1024 m 1 yoctometro (ym) 1021 m 1 zeptometro (zm)

dimensione di un quark 1018 m 1 attometro (am) sensibilit del rilevatore LIGO per le onde gravitazionali

dimensione di un protone 10
15

m 1 femtometro (fm) l'elettrone classico

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 4 di 43

scala del nucleo atomico 1014 m 10 fm raggio d'azione della forza nucleare debole 1013 m 100 fm

lunghezza d'onda di Compton dell'elettrone

distanza tra i nuclei atomici in una nana bianca 1012 m 1 picometro (pm)

lunghezza d'onda dei raggi gamma

5 pm

lunghezza d'onda dei raggi X pi corti

25 pm 1011 m 10 pm 31 pm 1010 m 100 pm

raggio dell'atomo di idrogeno

raggio dell'atomo di elio

lunghezza d'onda dei raggi X

100 pm

1 ngstrm

100 pm (0,1 nm)

raggio covalente dell'atomo di zolfo

126 pm (0,126 nm)

raggio covalente dell'atomo di rutenio

135 pm (0,135 nm)

raggio covalente dell'atomo di tecnezio

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 5 di 43

153 pm (0,153 nm)

raggio covalente dell'atomo di argento

154 pm (0,154 nm)

lunghezza di un tipico legame covalente (CC).

155 pm (0,155 nm)

raggio covalente dell'atomo di zirconio

175 pm (0,175 nm)

raggio covalente dell'atomo di tulio

225 pm (0,225 nm)

raggio covalente dell'atomo di cesio

500 pm (0,50 nm) 109 m

larghezza dell'elica alfa di una proteina

1 nanometro (nm) 2 nm

diametro dell'elica del DNA

20 nm

spessore di un flagello batterico

32 nm

dimensione di un transistor realizzato con le ultime tecnologie disponibili

108 m

10 nm

40 nm

lunghezza d'onda degli ultravioletti (limite inferiore)

90 nm

Il virus dell'AIDS (in genere i virus vanno da 20 nm a 450 nm)

100 nm

il 90% delle particelle del fumo di legno sono inferiori a questa misura

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 6 di 43

107 m

100 nm

dimensioni dei cromosomi

100 nm

dimensione massima di una particella che pu passare attraverso una mascherina da chirurgo

120 nm

dimensione massima di una particella che pu passare attraverso un filtro ULPA

280 nm

lunghezza d'onda degli ultravioletti (limite superiore)

300 nm

dimensione massima di una particella che pu passare attraverso un filtro HEPA

380-430 nm

lunghezza d'onda della luce viola -- si veda colore e spettro ottico

430-450 nm

lunghezza d'onda della luce indaco

450-500 nm

lunghezza d'onda della luce blu

500-520 nm

lunghezza d'onda della luce azzurra

520-565 nm

lunghezza d'onda della luce verde

565-590 nm

lunghezza d'onda della luce gialla

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 7 di 43

590-625 nm

lunghezza d'onda della luce arancione

625-740 nm

lunghezza d'onda della luce rossa

1-10 m

diametro tipico di un batterio

1,55 m

lunghezza d'onda della luce usata nelle fibre ottiche

6-8 m 106 m 1 micrometro, micron (m) 6 m

diametro di un globulo rosso umano

spora dell'antrace

7 m

spessore di un filo di ragnatela

7 m

diametro del nucleo di una tipica cellula eucariota

105 m

10 m

10 m

dimensione tipica di una goccia d'acqua di nebbia, rugiada o delle nuvole

10 m

larghezza di una fibra di cotone

10,6 m

lunghezza d'onda della luce emessa da un laser al diossido di carbonio

12 m

larghezza di una fibra di acrilico

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 8 di 43

13 m

larghezza di una fibra di nylon

14 m

larghezza di una fibra di poliestere

15 m

larghezza di una fibra di seta

17 m

escrementi dell'acaro della polvere

20 m

larghezza di una fibra di lana

25,4 m

1/1000 di pollice, comunemente chiamato 1 mil

50 m

lunghezza tipica dell'Euglena gracilis, un protista flagellato

80 m

spessore medio di un capello umano (varia da 18 a 180 m)

104 m

100 m

125 m

acaro della polvere

200 m

lunghezza tipica di un Paramecium caudatum, un protista cigliato

300 m

diametro del Thiomargarita namibiensis, il pi grosso batterio mai scoperto

500 m

micro motori MEMS

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 9 di 43

500 m

diametro di un ovulo umano

500 m

lunghezza tipica di un Amoeba proteus, un ameboide protesta

2,54 mm

distanza tra i pin nei vecchi componenti elettronici DIP (dual in-line package)

103 m

1 millimetro (mm) 5 mm

lunghezza media di una formica rossa

7,62 mm

calibro comune delle pallottole delle armi da guerra

1,5 cm

lunghezza di una grossa zanzara

2,54 cm 10 m
2

1 pollice 1 attoparsec (1018 parsec)

1 centimetro (cm) 3,1 cm

4,267 cm

diametro di una pallina da golf

101 m

1 decimetro (dm)

10 cm

lunghezza d'onda delle pi alte frequenze radio UHF, 3 GHz

10 cm

diametro della cervice all'inizio della seconda fase del travaglio

12 cm

lunghezza d'onda della banda radio 2,45

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 10 di 43

GHz ISM

15 cm

altezza di un lillipuziano (da I viaggi di Gulliver)

30,48 cm

1 piede

50-65 cm

la coda del Pizote

66 cm

dimensioni delle pigne pi lunghe

89 cm

altezza media di uno Hobbit adulto

90 cm

lunghezza della lama del fioretto

91 cm

1 iarda

1m

1 metro

1m

lunghezza d'onda delle pi basse frequenze UHF e pi alte frequenze VHF, 300 MHz

1,435 m

scartamento standard dei binari ferroviari

1,7 m

altezza media di una persona adulta

2,77 - 3,44 m

lunghezza d'onda delle radio in modulazione di frequenza 108 - 87 MHz

3,048 m

altezza del canestro nella pallacanestro

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 11 di 43

5,5 m

altezza dell'animale pi alto, la giraffa

10 m

1 decametro (dam) 10 m

lunghezza d'onda delle frequenze radio a onde corte pi alte, 30 MHz

11 m

distanza del dischetto del calcio di rigore dalla linea di porta

21 m

altezza della cascata High Force in Inghilterra.

23 m

altezza dell'obelisco di Place de la Concorde, a Parigi.

27,43 m

distanza tra le basi su un campo da baseball

30 m

lunghezza di una balenottera azzurra, l'animale pi grande

40 m

profondit media sotto il letto del mare dell'Eurotunnel

49 m

larghezza di un campo da football americano (53 iarde e 1/3)

52 m

altezza delle Cascate del Niagara

55 m

altezza della Torre di Pisa

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 12 di 43

60 m

altezza della Piramide di Djoser

70 m

larghezza di un campo di calcio

70 m

lunghezza dell'Arazzo di Bayeux

91,44 m

lunghezza di un campo da football americano (100 iarde misurate tra le due linee di meta)

100 m

1 ettometro (hm)

100 m

lunghezza d'onda delle frequenze radio a onde corte pi basse e di quelle a onde medie pi alte, 3 MHz

105 m

lunghezza di un campo di calcio

112,34 m

altezza dell'albero pi alto del mondo

137 m

altezza della Grande Piramide di Giza

147 m

altezza originale della Grande Piramide di Giza

168 m

altezza del punto pi alto dello SchleswigHolstein (Germania)

193 m

lunghezza della nave da trasporto UND Adriyatik

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 13 di 43

244 m

altezza dell'edificio del City Gate di Ramat Gan (Israele)

300 m

altezza della Torre Eiffel

340 m

distanza percorsa dal suono nell'aria in un secondo; si veda velocit del suono

400-500 m

altezza dei grataceli pi alti degli ultimi 70 anni.

541 m

altezza prevista della Freedom Tower sul luogo dove sorgeva il World Trade Center

553,33 m

altezza della CN Tower

647 m

altezza dell'antenna radio di Varsavia, crollata nel 1991

1 km

lunghezza d'onda delle pi basse frequenze radio in onde medie, 300 kHz

1609 m 1,000 m 1 chilometro (km) 1852 m

1 miglio internazionale

1 miglio nautico

8850 m

altezza della montagna pi alta, l'Everest

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 14 di 43

10 540 m 10 000 m 10 km = 1 Miriametro (Mm) 33 km

Fossa di Mindanao

punto pi stretto della Manica, nello stretto di Dover

100 000 100 km m

111 km

un grado di latitudine della Terra

3 480 km 10 m
6

diametro della Luna

1 000 km = 1 megametro (Mm) 8 851 km lunghezza della Grande muraglia cinese

107 m

10 000 km

12 756 km 40 075 km

diametro equatoriale della Terra lunghezza dell'equatore terrestre

108 m

100 000 km

384 000 km = 384 Mm

distanza orbitale tra Terra e Luna

109 m

1 milione di km = 1 390 000 km = 1,39 Gm 1 gigametro (Gm)

diametro del Sole

1010 m

10 milioni di km

1011 m

100 milioni di km

150 milioni di km = 150 Gm 1,4 109 km

1 unit astronomica (UA); distanza media tra Terra e Sole.

distanza orbitale di Saturno dal Sole

1012 m

1 miliardo di km = 1 terametro (Tm) 5,9 Tm distanza orbitale di Plutone dal Sole

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 15 di 43

1013 m

10 Tm

13,8 Tm

distanza della Voyager 1 dal Sole (maggio 2004)

1014 m 1015 m

100 Tm

1 petametro (Pm)

9,46 Pm = 1 anno luce

distanza percorsa dalla luce in un anno

3,2616 anni luce = 30,8568 1 parsec Pm 1016 m 10 Pm 4,22 anni luce = 39,9 Pm distanza della stella pi vicina (Proxima Centauri)

1017 m 1018 m 1019 m 1020 m

100 Pm

1 exametro (Em)

10 Em

100 Em

10 000 anni luce

52 chiloparsec (1,6 10 m = 1,6 Zm) 1021 m 1 zettametro (Zm)

21

distanza dalla Grande Nube di Magellano (una galassia nana che orbita attorno alla Via Lattea) distanza dalla Piccola Nube di Magellano (un'altra galassia nana che orbita attorno alla Via Lattea)

54 kiloparsec (1,66 1021 m = 1,66 Zm)

100.000 anni luce 1021 m Diametro della via Lattea

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 16 di 43

1022 m

10 Zm

22,3 Zm (2,36 milioni di anni luce = 725 kiloparsec distanza dalla Galassia di Andromeda = 22,3 Zm)

50 Zm (1,6 Mpc)

diametro del gruppo locale di galassie

1023 m

100 Zm

300-600 Zm (10-20 megaparsec)

distanza dall'ammasso della Vergine

200 milioni di anni luce (2 diametro del Superammasso Locale Ym, 60 megaparsec) 1024 m 1 yottametro (Ym) lunghezza della Grande Muraglia, la 500 milioni di anni luce (5 seconda pi grande superstruttura osservata Ym, 150 megaparsec) dell'universo 1025 m

10 Ym

1010 anni luce 1026 m 100 Ym 1,37 1010 anni luce = 1,3 1026 m = 130 Ym

distanza stimata da alcune quasar, gli oggetti pi lontani osservati nell'universo

distanza che la radiazione cosmica di fondo ha percorso dal Big Bang

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 17 di 43

1.1 OSSERVAZIONI SUGLI ORDINI DI GRANDEZZA PER LA LUNGHEZZA


Uninteressante osservazione che deriva dallanalisi della TAB. 1 che laltezza media di un uomo rappresenta lo spartiacque ovvero il valore della media di tutte le lunghezze sia infinitesimali che infinitamente grandi. Ricorda la celeberrima rappresentazione delluomo vitruviano di Leonardo da Vinci delle proporzioni ideali del corpo umano, che dimostra come esso possa essere armoniosamente inscritto nelle due figure "perfette" del cerchio e del quadrato. Laltezza media delluomo, che per semplicit poniamo uguale a 1 metro per semplificare i calcoli successivi, come lo 0 su una retta reale dove a sinistra dello 0 possiamo immaginare valori pi piccoli di 1 metro e sulla destra dello 0 valori pi grandi di un metro (0 = 1m)

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 18 di 43

2. COME SI MISURA LA VELOCITA


La terra gira su se stessa ad una velocit di circa 1700 km/h che dovuta al moto di rotazione terrestre. La Terra ruota attorno al proprio asse in quasi 24 ore. Considerando che il raggio equatoriale 6378 km, un punto sull'equatore compie un intero giro, pari a 2 r = 40053 km, in 24 ore e questo corrisponde a 1670 km/h. Ma avvicinandoci ai poli il raggio compiuto si riduce progressivamente, finch la velocit dei poli, dovuta alla rotazione terrestre, nulla. L'Italia, pi o meno a met strada, viaggia a circa 1180 km/h, pari a 0.33 km/s (con Reggio Calabria un po' pi veloce di Bolzano). Si tratta comunque del valore meno cospicuo, visto che la Terra, tutta quanta, ruota attorno al Sole. In un anno compie una circonferenza (rigorosamente si tratta di un ellisse) di raggio pari a 150 milioni di km. Fatti i conti si tratta di una velocit pi di 60 volte superiore all'altra, mediamente pari 29,8 km/s. Ed anche questo non il movimento pi consistente. La Terra, trascinata dal Sole, partecipa del moto dell'intero Sistema Solare intorno alla Galassia. Si stima che la velocit sia di circa 220 km/s. Pertanto un uomo sulla Terra, quando sta fermo, sottoposto ai tre moti sopra menzionati, che sommandosi vettorialmente possono fargli sfiorare anche i 250 km/s. A voler essere ancora pi generali dovremmo pure aggiungere il moto della Galassia che si muove a circa 1.000 km/s rispetto al riferimento dato da unaltra galassia qualsiasi, ad esempio la galassia Sombrero. Questo significa che la Terra compirebbe uno spostamento nello spazio di 86, 4 milioni di km al giorno, o pi di 31,536 miliardi di km all'anno, circa 7 volte la distanza minima da Plutone. La nostra Galassia si starebbe muovendo in un punto di Spazio visibile nella costellazione dell'Idra, e potrebbe col tempo diventare un membro dell'Ammasso della Vergine. Secondo la teoria della Relativit ristretta di Einstein, il movimento infatti deve essere SEMPRE necessariamente specificato in rapporto ad un altro oggetto. Com' possibile che non avvertiamo nessuno di questi moti? La ragione da ricercarsi in una legge della fisica, detta principio d'inerzia: "un corpo non sottoposto a forze

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 19 di 43

permane nel proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme finch non interviene una forza esterna ad interromperlo". La Terra, l'atmosfera e tutte le cose poste in superficie sono animate dallo stesso moto rettilineo uniforme. Prendendo a termine di paragone un qualunque oggetto fisso terrestre, essendo animato dello stesso moto della Terra, si muove come noi (se stiamo fermi), alla medesima velocit, nella medesima direzione. In quanto corpi fisici tutte le cose sono quindi sensibili alle accelerazioni, ma del tutto indifferenti alle velocit. Ci accorgiamo quando parte o si ferma un ascensore ma senza guardare fuori del finestrino non potremo dare neanche l'ordine di grandezza della velocit di un'auto sulla strada. Questo il principio di relativit classico di Galileo secondo cui tutti i sistemi di riferimento in moto rettilineo uniforme sono equivalenti. Anche il calcolo della velocit della Terra lo si deve riportare sempre ad un determinato sistema. Quando ad esempio ho accennato ai moti della Galassia, mi sono riferito, come usualmente si fa, ad un sistema di riferimento (inerziale) nel quale la radiazione cosmica di fondo risulta isotropa. Si potrebbe obiettare che in realt il moto della Terra combinazione di moti curvilinei e non rigorosamente rettilinei, ma per brevi intervalli temporali lo scostamento fra l'arco compiuto e la direzione rettilinea minimo, non si percepisce a sensazione. Tuttavia lo scostamento c' ed il responsabile di effetti quali la deriva dei gravi verso oriente, la deflessione del piano di oscillazione dei pendoli di Foucault.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 20 di 43

2.1 COMPOSIZIONE RELATIVISTICA DELLE VELOCIT


La luce si propaga a una velocit finita. Questo un postulato, quindi indimostrabile, ed alla base di tutta la teoria della relativit sia ristretta che generale di Einstein. Anche gli osservatori in movimento misurano sempre lo stesso valore di c, la velocit della luce nel vuoto, dove c 300.000 km/s (c implica di default la velocit della luce nel vuoto). Quando per la luce passa attraverso una sostanza trasparente, come l'aria, l'acqua o il vetro, la sua velocit c si riduce a v=c/n (dove n il valore dell'indice di rifrazione del mezzo) ed sottoposta a rifrazione. In altre parole, n = 1 nel vuoto e n > 1 nella materia. L'indice di rifrazione dell'aria di fatto molto vicino a 1, e in effetti la velocit della luce nellaria un po meno di c nel vuoto. Ricordiamo che un corpo si muove di moto rettilineo ed uniforme se mantiene una velocit costante in modulo, direzione e verso (la velocit un vettore). Inoltre un sistema di riferimento inerziale un sistema di riferimento caratterizzato dalla seguente condizione: se un punto materiale libero, cio non sottoposto a forze oppure sottoposto ad una risultante nulla di forze, allora perseverer nel suo stato di quiete finch esso non viene perturbato. In altre parole un osservatore S o sistema di riferimento si dice inerziale se, di un punto materiale isolato misura accelerazione nulla, qualunque sia l'istante t in cui si effettua tale misura. semplice verificare che gli osservatori, che di un punto materiale isolato misurano accelerazione nulla, sono tutti e solo quelli che si muovono di moto traslatorio, rettilineo uniforme rispetto all'osservatore S sopra citato. La composizione delle velocit un insieme di equazioni che descrivono il legame tra le velocit di un oggetto in due sistemi di riferimento diversi, l'uno in moto rettilineo uniforme rispetto all'altro.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 21 di 43

Nella teoria della relativit ristretta esse tengono conto, in particolare, dell'insuperabilit della velocit della luce e della sua costanza indipendentemente dal sistema di riferimento inerziale scelto. Se le velocit in gioco sono molto grandi e si avvicinano a circa un 1/10 della velocit c della luce nel vuoto, dobbiamo tener conto delle trasformazioni di Lorentz: Passando da un sistema inerziale S ad un altro sistema inerziale S* con velocit relativa v rispetto al primo, si ha la seguente formula:

v w= u uv 1 c2
La formula semplificata perch si considera solo una direzione nel moto delle velocit u e v in un sistema di riferimento inerziale S e w la velocit nel nuovo sistema di riferimento inerziale S* In questo modo le velocit sono dei scalari (ovvero dei numeri) e non dei vettori.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 22 di 43

2.1.1 ESEMPIO DI COMPOSIZIONE DELLE VELOCIT


Sia dato un sistema di riferimento inerziale S, dove due astronauti U e V viaggiano lungo l'asse x con velocit rispettivamente di uguali in modulo. Qual la velocit dell'astronauta U visto nel sistema di riferimento S* solidale con l'astronauta V? Applicando la formula precedente si ha:

2 u= c 3

2 v = c, 3

cio opposte e

2 2 c c 12 w= 3 3 = c 2 2 13 c c 1 3 3 c 2che il modulo della nuova velocit w minore di c, come prevede la Possiamo notare
relativit ristretta.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 23 di 43

3. LATOMO VISTO A SCALA UMANA

Il modello planetario stato il primo proposto da Rutherford dove quasi tutta la massa dell'atomo concentrata in una porzione molto piccola, il nucleo (caricato positivamente) e gli elettroni gli ruotano attorno cos come i pianeti ruotano attorno al Sole. L'atomo quindi largamente composto da spazio vuoto e il nucleo cos concentrato che gli elettroni gli ruotano attorno a distanze relativamente enormi, aventi un diametro da 10.000 a 100.000 volte maggiore di quello del nucleo. Lanalogia con il nostro sistema solare evidente. Siccome per il modello planetario portava delle incongruenze con le leggi della fisica classica, ben presto fu abbandonato il concetto di orbita e fu introdotto il concetto di orbitale. Nasce cos anche la meccanica quantistica. Non ha pi senso infatti parlare di traiettoria di una particella: da ci discende che non si pu neanche definire con certezza dove un elettrone si trova in un dato momento. Ci che si poteva conoscere era la probabilit di trovare l'elettrone in un certo punto dello spazio in un dato istante di tempo. Un orbitale quindi non una traiettoria su cui un elettrone (secondo le idee della fisica classica) poteva muoversi, bens una porzione di spazio intorno al nucleo definita da una superficie di equiprobabilit, ossia entro la quale c' il 95% della probabilit che un elettrone vi si trovi. Fu Erwin Schrdinger con la sua equazione di Schrdinger, a ipotizzare la struttura dell'atomo come costituita da un nucleo centrale carico di energia positiva circondato da una nuvola di elettroni. Alla luce delle ultime ricerche, sfruttando sofisticate e potenti apparecchiature elettroniche, stato possibile determinare in modo pi completo anche la struttura del nucleo. In particolare si scoperto che i protoni e i neutroni sono a loro volta formati da particelle pi piccole: i quark.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 24 di 43

L'atomo composto principalmente da tre tipologie di particelle subatomiche (cio di dimensioni minori dell'atomo): i protoni, i neutroni e gli elettroni. In particolare:

i protoni (carichi positivamente) e i neutroni (privi di carica) formano il "nucleo" (carico positivamente); protoni e neutroni sono detti quindi "nucleoni"; gli elettroni (carichi negativamente) sono presenti nello stesso numero dei protoni e ruotano attorno al nucleo senza seguire un'orbita precisa (l'elettrone si dice quindi "delocalizzato"), rimanendo confinati all'interno degli orbitali (o "livelli energetici").

In proporzione, se il nucleo atomico fosse grande quanto una mela, gli elettroni gli ruoterebbero attorno ad una distanza pari a circa un chilometro; un nucleone (protone o neutrone) ha massa quasi 1800 volte superiore a quella di un elettrone. Gli atomi non hanno quindi un contorno ben definito, in quanto la distanza degli elettroni rispetto al nucleo varia in ogni istante ed influenzata dalle condizioni energetiche dell'atomo, in particolare aumenta all'aumentare della temperatura e diminuisce in seguito alla formazione di un legame chimico. In proporzione se una mela diventasse della dimensione della Terra, gli atomi nella mela avrebbero approssimativamente le dimensioni della mela originale.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 25 di 43

3.1 VELOCITA DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO


La velocit dellelettrone nellatomo di idrogeno, nel modello di Bohr, data dalla seguente formula:

c vn = n
la costante di struttura fine adimensionale n = 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7 livello energetico dove si pu trovare lelettrone dove =

1 137,03599

= 0,0072973

nello stato fondamentale n=1 si ha: v1 = 2.188 km/s La scelta dell'atomo di idrogeno dovuta perch il pi semplice sistema studiabile in 3 dimensioni, poich possiede un nucleo con un protone e ha un solo elettrone. A livello energetico n=5 si ha una velocit dellelettrone attorno al nucleo pi piccola e precisamente di: v5 =

2188 5

437 km/s

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 26 di 43

Il numero quantico n pu assumere tutti i valori interi da 1 fino al valore massimo di n=7 perch in questo modo vengono sistemati tutti gli elettroni degli elementi della tavola periodica attualmente conosciuti. E interessante osservare che la velocit dellelettrone attorno al proprio nucleo sempre inferiore o uguale al valore di: v1 = c = 2.188 km/s Questo vale per qualsiasi atomo anche molto pi complesso. Di conseguenza le velocit degli elettroni in un qualsiasi atomo sono sempre inferiori o uguali a

1 137,03599

della velocit della luce, ovvero meno dell1% (precisamente del

0,72973%). Ovviamente la formula

c vn = n

non vale pi per atomi che non siano di idrogeno ma

siccome le massime velocit degli elettroni sono proprio nellatomo di idrogeno, per tutti gli altri atomi le velocit degli elettroni sono comunque inferiori (gi con 2 elettroni attorno al nucleo come per latomo di elio).

Osserviamo anche che le leggi della relativit non servono per calcolare queste velocit, NON SI HA NESSUN AUMENTO DI MASSA DELLELETTRONE perch le velocit sono comunque inferiori al 10% della velocit della luce c, e quindi valgono le leggi della fisica classica.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 27 di 43

3.2 RAGGIO DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO


Nel modello di Bohr dell'atomo di idrogeno, il raggio di Bohr (simbolo spesso usato a0) il raggio dell'orbita pi interna, ed pari a: a0 = 5,29110-11 m (circa 0,53 Angstrm). Le altre orbite si trovano su orbite circolari di raggio:

rn = n 2a 0
Quindi per n=2 abbiamo, ad esempio: r2 = 2,12 Per gli atomi il raggio compreso tra 0,25 e 3 e il raggio dipende soprattutto dalla carica efficace dell'elemento: all'aumentare della stessa, il raggio atomico diminuisce. La carica si dice "efficace" perch, a causa dell'effetto di schermo degli altri elettroni degli strati pi interni negli atomi con pi elettroni (e quindi tutti meno lidrogeno), l'elettrone all'ultimo strato non risente totalmente della carica nucleare. Il raggio atomico pi piccolo l'atomo di elio (con raggio atomico di 0,25 A), mentre uno degli atomi pi grandi l'atomo di cesio (con raggio atomico di 2,6 A) Si vede che gi per n 3 il raggio rn calcolato di Bohr con orbite circolari non va gi pi bene ma si tratta di una buona approssimazione.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 28 di 43

3.3 ENERGIA DELLELETTRONE NELLATOMO DI IDROGENO


Lenergia dellelettrone che occupa diversi raggi di orbite circolari data dalla seguente formula:

En = 0 n2
Dove E0 lenergia della prima orbita di Bohr e vale: E0 = 2.18 x10#18J = 13.61 eV Ad esempio per n=2 si ha: E2 = E0

1 4

= 3,4 eV

Lo straordinario successo del modello di Bohr laver riprodotto con incredibile precisione la lunghezza donda delle righe di emissione dellidrogeno. Infatti dalla formula precedente deriva immediatamente che le energie dei fotoni emessi a seguito della transizione dellelettrone da uno stato di numero quantico n1 ad uno di numero quantico n2 dovranno essere: Efotone = E0
1 1 2 2 n2 n1

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 29 di 43

Ad esempio per un elettrone che passa dallo stato quantico n1=1 allo stato quantico n2=2, ovvero dalla prima orbita circolare alla seconda orbita circolare viene emesso un fotone di energia pari a: Efotone = E0

3 4

= 10,2 eV

Ricordiamo che la luce visibile, dal blu al rosso, ha i seguenti parametri: = 400 nm (blu) - 700 (rosso) nm, lunghezza donda f = 750 THz (blu) - 430 (rosso) THz, frequenza E = 3,1 eV (blu) - 1,8 (rosso) eV, Energia del fotone Con h costante di Plank:

(essendo 1 eV = 1,6021765310-19 J).

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 30 di 43

5. OSSERVAZIONI IMPORTANTI
Circa la costante di struttura fine possiamo aggiungere le considerazioni RIF: Michele Nardelli in Sistema Musicale Aureo Phi (n/7) e connessioni matematiche tra numeri primi e Paesaggio della Teoria delle Stringhe, Christian Lange1, Michele Nardelli e Giuseppe Bini, sul sito xoomer.virgilio.it/stringtheory/Nardlanbin01.pdf, dove gli Autori mostrano le connessioni tra il numero 432, la costante di struttura fine e la sezione aurea, ma anche con .

Vediamo ora langolo aureo , dal primo volume La sezione aurea il linguaggio matematico della bellezza della collana matematica Il mondo matematico, pag. 131:

Bravais scopr che le nuove foglie si sviluppano ruotando di uno stesso angolo, approssimativamente 137,35,: Se calcoliamo: 360 * ^2 = 360/^2 I 360 corrispondono ad un giro completo per il limite a cui converge la successione precedente) si ottiene appunto137,35, chiamato a volte angolo aureo Dividendo infatti 360 per 2,6180307 abbiamo 137,50793, numero vicinissimo a quello della costante di struttura fine = 137,03599, con differenza 137,50793137,03599 = 0,47194 e rapporto 137,50793/137,03599 = 1,0034439, molto vicino a

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 31 di 43

128

1,61803398... = 1,0037665

con una differenza di circa 3 millesimi tra il valore reale e il valore stimato di tale rapporto. Poich il diametro di un ramo circolare e anche lorbita di un elettrone anchessa circolare, e nella formula della costante di struttura fine compare , possibile che tra il valore della costante di struttura fine e langolo aureo ci sia qualche relazione, confermata indirettamente anche dal suddetto lavoro di Nardelli, Lange e Bini, a pag. 23 e seguenti, anche in relazione al numero 432, somma di 267 e 165 : Vi sono ulteriori connessioni matematiche che vale la pena di andare a descrivere ed analizzare. LIng. Christian Lange ha ottenuto alcuni risultati lavorando sul numero 432, corrispondente alla frequenza del La naturale (ricordiamo che 432 = 24 33). Dividendo 432 per , si ottiene 137,5 un valore molto vicino a quello della Costante di Struttura Fine,di importanza fondamentale nella fisica teorica e nella cosmologia, in quanto ha un ruolo di primo piano nelle teorie delle stringhe e del multiverso. Inoltre, dividendo 432 per e per ^2 si ottengono rispettivamente i numeri 267 e 165. Le somme di tali numeri forniscono nuovamente 432Si osserva anche che i numeri 267 e 165 sono dati da somme di numeri di Fibonacci. Infatti:267 = 233 + 34 e 165 = 144 + 21 (233 = 89 + 144; 144 = 55 + 89). (E anche le formule per ottenere i numeri 267 = 432/ e 165=432/^2 sono connessi alla sezione aurea) Ora per il numero 137,5796 si ottiene da 432/. Ma 432 connesso anche ad alcuni numeri di Fibonacci, dalle relazioni di cui sopra. Quindi anche , gi presente nella formula della costante di struttura fine, potrebbe essere connesso allangolo aureo 137,5 (ma per angolo aureo si intendono anche altri angoli, come 36, ecc. ; noi in questo lavoro ci riferiremo sempre allangolo 137,5 , molto prossimo allinverso della costante di struttura fine, 137,035) Quindi, sarebbe possibile una connessione tra 432, , , e = costante di struttura fine . Infine ricordiamo che, come prima detto,

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 32 di 43

La velocit orbitale della Terra RIMANE di 30 km/s allincirca quella di un elettrone attorno ad un nucleo ad un certo livello energetico molto basso di un atomo complesso. Essendo allincirca uguale le due velocit orbitali della Terra attorno al Sole e di un elettrone intorno al nucleo atomico, possiamo ipotizzare una possibile relazione tra le orbite dei pianeti solari (Terra compresa), e gli orbitali o numeri quantici, con la serie di Fibonacci e quindi con la sezione aurea. Per le orbite planetarie, nota la legge di Bode , che misura le distanze planetari dal Sole in termini di unit astronomiche (U.A.), con connessione con i numeri di Fibonacci, idem se si usano milioni d chilometri (Rif. 13, La serie di Fibonacci nel microcosmo (effetto Hall quantistico, cariche frazionarie, masse dei quark, numeri quantici, stabilit nucleare) Gruppo B. Riemann*Francesco Di Noto, Michele Nardelli ) al quale rimandiamo Idem per i numeri quantici e gli orbitali elettronici

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 33 di 43

5.1 LA LEGGE ASTRONOMICA DI BODE E I NUMERI DI FIBONACCI

In questo lavoro mostriamo la connessione con la legge astronomica empirica di Bode sulle distanze planetarie dal Sole con i numeri di Fibonacci.

Da Il libro della Fisica di Gifford A. Pickover ( ed.Logos) riportiamo la pag. 128 dedicata alla Legge delle distanze planetarie di Bode, che sar poi seguita da nostre osservazioni e tabelle numeriche riguardanti la connessione con i numeri di Fibonacci ( avevamo gia trattato largomento in Rif.1)

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 34 di 43

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 35 di 43

Nostre osservazioni e tabelle

La serie numerica empirica 0 3 6 12 24 si potrebbe benissimo completare con 1,5 compreso tra 0 e 3 e 48, 92 e 188 dopo 24, in modo da avere una serie (che poi una progressione geometrica con numero fisso 2)

0 1,5 3 6 12 24 48 92 184 Notiamo anzitutto che essa rispecchia grosso modo la successione di Fibonacci: TABELLA 1

Serie di completa

Bode

pi Serie di Fibonacci

Differenza Bode Fibonacci Prossima a numeri di Fibonacci 0 0,5 0 0 1 -1 3 14 13

0 1,5 3 6 12 24 48

0 1 2 3 5 13 21 34

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 36 di 43

92 184

44, 5 media tra 3,5 3 34 e 55 89 3 188,5 media tra 144 e -4,5 5 2332

Una leggera connessione quindi c, tra le due serie numeriche: la prima progressione geometrica con numero fisso 2, la seconda progressione geometrica con numero fisso 1,618 non molto lontano da 2. La correzione apportata da Bode ( aggiungendo 4 alla progressione iniziale e dividendo per 10), avvicina ancora di pi le due progressioni: TABELLA 2

Bode

Fibonacci

0 0,55 0,7 1,0 1,6

0 1 1 1 2

Rapporti successivi nella serie di Bode (nella serie di Fibonacci 1,618 0,7/0,55 = 1,2727 1,618 = 1,2720 1/0,7 = 1,4285 1,6/1 =1,6 1,618

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 37 di 43

2,8 5,2 10,0 19,6 38,8 77,2

3 5 8 21 34 72 media tra 55 e 89

2,8/ 1,6 =1,75 1,618 5,2/2,8 = 1,857 10,0/5,2= 1,9230 19,6/10=1,96 38,8/19,6=1,97 77,2/19,6=1,98

Come si nota, la vicinanza con i numeri di Fibonacci pi marcata, ma ora manca il 13 e il 55. Con i rapporti successivi, essi sono minori di 2, quindi mediamente pi vicini a 1,618 = rapporto aureo, e questo spiega la maggiore vicinanza della seconda serie con i numeri di Fibonacci.

Conclusioni Esiste quindi una connessione tra la progressione geometrica originale di Bode 0 3 6 12 24 , le sue e le nostre modifiche mostrate in questo lavoro, e la successione di Fibonacci, in merito alle distanze dei pianeti dal Sole espresse in Unit Astronomiche (U.A.). In Rif. 1) avevamo gi trovato altre connessioni sullargomento. Rif. 1) La sezione aurea in astronomia sul sito www.attuttoportale.it sezione OLTRE LA BOTANICA LA SEZIONE AUREA -DAGLI ATOMI ALLE STELLE, Rubrica curata da Francesco Di Noto e Eugenio Amitrano

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 38 di 43

http://www.atuttoportale.it/ , dal quale riportiamo la parte iniziale, con le distanze in milioni di km anzich in U.A., e rispunta anche qui la serie di Fibonacci : Di seguito sono riportate le distanze medie dal Sole in milioni di km: Pianeti interni (pianeti terrestri) Mercurio 58 Venere 108 Terra 150 Marte 228 Fascia degli asteroidi 420 Pianeti esterni (pianeti gioviani, giganti gassosi) Giove 778 Saturno 1426 Urano 2870 Nettuno 4497 Se dividiamo tutti i numeri per 50 otteniamo la seguente sequenza che risulta essere molto vicina alla Successione di Fibonacci: Mercurio: 1,16 1; Venere: 2,16 2; Terra: 3,00 = 3; Marte: 4,56 5; Asteroidi: 8,40 8; Giove: 15,56 13; Saturno: 28,52 27,5 = (21 + 34) / 2; Urano: 57,40 55; Nettuno: 89,94 = 89 Qui per mancano il 21 e il 34, ma sono coinvolti nel numero 28,52 molto vicino alla media 27.5 = (21+34)/2

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 39 di 43

6. SPAZIO E TEMPO NELLE DIVERSE SCALE DI LUNGHEZZA


Abbiamo visto che la velocit deve essere sempre necessariamente specificata in rapporto ad un altro oggetto e inoltre che in base alla composizione delle velocit qualunque oggetto non pu mai superare la velocit della luce c. Ma immaginiamo di cambiare scala e di passare a dimensioni molto maggiori, anzi supponiamo di avere le dimensioni di una galassia ovvero di 1021 m e di vivere nelluniverso e non sulla Terra. Se avessimo queste dimensioni come apparirebbe il nostro sistema solare con la Terra e gli altri suoi 8 pianeti orbitanti? Avrebbe approssimativamente le dimensioni di un atomo con il sole che rappresenta il nucleo e i pianeti gli elettroni e si avrebbe un modello planetario con le leggi della fisica e relativit di Einstein perfettamente funzionanti. La velocit orbitale della Terra RIMANE di 30 km/s allincirca quella di un elettrone attorno ad un nucleo ad un certo livello energetico molto basso di un atomo complesso. Non si avrebbe pi bisogno di una nuova teoria come quella basata sulla meccanica quantistica. Quindi non solo importante stabilire i parametri di spazio e di tempo relativamente alla velocit di un oggetto in un certo sistema di riferimento inerziale ma fondamentale anche stabilire qual la scala di dimensioni a cui si fa riferimento. Se avessimo le dimensioni mostruose di una galassia non ci sarebbe nessun bisogno di scomodare o inventare una nuova teoria come quella meccanica quantistica. Notiamo anche che le velocit degli oggetti non cambiano se cambiamo di scala. Questo fondamentale perch se le velocit rimangono le stesse sono quindi sono invarianti e costanti indipendentemente dal cambio di scala.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 40 di 43

7. CONCLUSIONI
Osserviamo che insieme alla velocit ecc. alle diverse scale, non cambiano neanche le relazioni con la sezione aurea e i numeri di Fibonacci, molto presenti sia a scala microcosmica e nucleare (stringhe, masse di quark, stabilit nucleare, ecc.) sia macroscopica (livello umano, tipo fiori, pigne, conigli, ecc.) sia anche astronomica (orbite planetarie con la legge di Bode, bracci a spirale in galassie particolari, dette appunto a spirale). Abbiamo gi visto le possibili connessioni tra sezione aurea e costante di struttura fine. Lanalogia dei sistemi orbitanti attorno ad un nucleo si verificano sia a livello subatomico che a livello cosmologico. Tutto in continuo movimento e in trasformazione nel tempo e le forze che intervengono sono anchesse simili nella forma con forze repulsive ed attrattive.

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 41 di 43

8. RIFERIMENTI
Tutti sul nostro sito , salvo diversa indicazione. 1) Teoria matematica dei nodi, fisica quantistica, teoria di stringa (connessioni con i numeri di Fibonacci, di Lie e i numeri di partizione) Parte Prima Michele Nardelli, Francesco Di Noto Gruppo B. Riemann

2) Osservazioni sul nuovo numero magico 34 della nucleosintesi stellare Gruppo B.Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto (connessione con i numeri di Fibonacci e la stabilit nucleare) 3) Teoria delle stringhe, effetto entanglement e fotosintesi clorofilliana Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele 4) I numeri fibonoriali F!(n), 2 parte (numeri primoriali #(n) come loro fattori e numeri di Fibonacci come esponenti, es. F!(19) Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele Nardelli 5) I numeri Fibonoriali e i numeri di Lie Gruppo B. Riemann* Michele Nardelli Francesco Di Noto

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 42 di 43

6) MUSICA AUREA E FISICA TEORICA (Da Pitagora al bosone di Higgs) Gruppo B. Riemann* Nardelli Michele, Francesco Di Noto 7) STUDY ON INFINITY IN MATHEMATICS AND PHYSICS Pier Francesco Roggero, Michele Nardelli, Francesco Di Noto 8) La matematica dellevoluzione naturale (Proposta di considerare la sezione aurea nella simulazione informatica del DNA e nella futura dimostrazione matematica della teoria evoluzionistica) Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele Nardelli 9) DALLE TEORIE DI STRINGA AI MATERIALI SUPERCONDUTTORI TRAMITE LA SEZIONE AUREA Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele Nardelli 10) WORMHOLES, UNIVERSO E STRINGHE Ing. Pier Francesco Roggero, Dott. Michele Nardelli, Francesco Di Noto 11) Percorso riepilogativo Teoria dei Numeri Teorie di stringa effetti quantistici realt fisica Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele Nardelli 12) REPULSIVE GRAVITATIONAL INTERACTION BETWEEN MATTER AND ANTIMATTER Pier Francesco Roggero, Michele Nardelli, Francesco Di Noto 13) La serie di Fibonacci nel microcosmo (effetto Hall quantistico, cariche frazionarie , masse dei quark, numeri quantici, stabilit nucleare) Gruppo B. Riemann* Francesco Di Noto, Michele Nardelli

Versione 1.0 21/01/2014 Pagina 43 di 43

14) - NOTA AGGIUNTIVA SUL GRUPPO DI LIE E8 Francesco Di Noto, Michele Nardelli 15) Studi ed osservazioni sul Gruppo di Lie E8 Gruppo B. Riemann* Michele Nardelli, Francesco Di Noto 16) LEQUAZIONE PREFERITA DALLA NATURA E I RELATIVI GRAFICI PARABOLICI Gruppo B. Riemann Francesco Di Noto, Michele Nardelli 17)DAI NUMERI COMPLESSI ALLA REALTA FISICA (in particolare gli ottonioni) Gruppo B. Riemann Michele Nardelli, Francesco Di Noto 18) FIBONACCI, DIMENSIONI, STRINGHE: NUOVE INTERESSANTI CONNESSIONI Francesco Di Noto e Michele Nardelli Sul sito: eprints.bice.rm.cnr.it/640/1/Nardinot02.pdf