Sei sulla pagina 1di 40

CHIMICA SPERIMENTALE

DEI SUPERATOMI E SEZIONE SEMIAUREA

( In seconda Parte la nostra serie

semiaurea di Fibonacci , eventualmente coinvolta)

Francesco Di Noto, Michele Nardelli, Pierfrancesco Roggero

Abstract

In this paper we will show a possible connection

between super atoms and Fibonacci’s numbers

In Second Part the golden sequence means of

Fibonacci in super atoms

Riassunto

In questo lavoro mostreremo una possibile

connessione tra i superatomi sperimentali (Rif.1) e i


1
numeri di Fibonacci, in base a precedenti nostri lavori

(i cosiddetti “numeri magici” della stabilità nucleare,

ecc.) i numeri di Fibonacci della tavola periodica (Rif.

3). Sarebbe possibile una nuova chimica , questa volta

sperimentale in vista di super applicazioni

tecnologiche , basata sui superatomi, ma anche questa

potrebbe avere a che fare con i numeri di Fibonacci

come la vecchia chimica naturale degli atomi normali .

Introduciamo infine il concetto di serie semiaurea

di Fibonacci, che comprende sia la serie di Fibonacci

sia le medie aritmetiche tra due numeri consecutivi di

Fibonacci (per esempio (13 +21)/2 = 17, semisomma.

da cui il nostro termine semiaurea), che emerge sia in

2
fenomeni matematici (numeri di Fiordi nel mercato

azionario, Rif. 4), e egli ultimi grandi numeri primi di

Mersenne, Rif. 6), e ora anche in chimica con i

superatomi, e che potrebbe essere utile per le future

sperimentazioni poiché regolerebbe i numeri quantici

dei gusci esterni coinvolti loro orbitali elettronici

°°°°°°°°

Di recente, sulla rivista Focus di novembre 2016,

abbiamo letto l’articolo “E gli atomi diventano super”

(Rif.2), dove abbiamo notato una relazione tra il

numero dell’Alluminio (13) e alcuni suoi multipli, a

loro volta numeri atomici di atomi più grandi, e spesso

anche combinazioni per ottenere superatomi

sperimentali .
3
Qualcosa di simile succede nell’algoritmo di

Fibonacci per il mercato azionario: Ad ogni multiplo

di 13 succede qualcosa - numeri di Fiordi, Rif. 4: nel

crescere o decrescere nel valore delle azioni, cosa che

viene spesso sfruttata dai giocatori in Borsa per

guadagnare di più .

Per esempio ( circa i superatomi):

13= Alluminio 13 già numero di Fibonacci

2*13 = 26 ≈ 22 Titanio

3*13 = 39 ≈ 41 Cobalto

3*13 = 39 ≈ 44 Rutenio : Elemento simile al

superatomo* trovato sperimentalmente con 6 atomi

di alluminio (vedi 6*13 =78 ≈ 88 = 2 atomi di rutenio


4
con 88 ≈ 89 numero di Fibonacci

4*13 = 52 (Iodio) ≈ 55 numero di Fibonacci

5*13 = 65 ≈ 68 = 27 + 41 (Niobio e Cobalto)

6*13 = 78 Platino ≈ 72 media aritmetica (55 +89)/2

6*13 = 78 ≈ 74 Tungsteno ≈ 72= (55 +89)/2

6*13 = 78 ≈ 84 = 2*42 ≈ 2*44 due atomi di rutenio

(44 ≈ 44,5 = media (34 +55)/2

6*13 = 78 ≈ 79 Oro , già in programma di ricerca

7*13 = 91 ≈ 89

* da Rif. 2 :

“ … Perché è proprio studiando la naturale


tendenza che hanno gli elementi a legarsi tra loro
che gli studiosi si sono imbattuti nei superatomi.
Dopo aver riscaldato certi materiali così tanto da
trasformarli in vapore, hanno osservato come gli
5
atomi condensano, cioè tornano a raggrupparsi man
mano che il vapore si raffredda. Con sorpresa, hanno
notato che si possono formare mini aggregati con
proprietà chimiche del tutto inattese. Infatti si
comportano come un singolo atomo di un elemento
della tavola periodica completamente differente da
quello vaporizzato!
Questa forma di atomo formato da altri atomiè stato
battezzato superatomo.
COME UN SOSIA. Così Thomas Upton, lavorando al
California Institute of Technolog a Pasadena,
(USA), all’inizio degli anno ’80 scoprì un composto di
6 atomi di alluminio con proprietà simili a quelle di
un atomo di rutenio, un metallo. Un atomo di
alluminio ha 13 elettroni mentre un atomo di rutenio
ne ha ben 44. Sarebbe come mettere insieme sei mele
e trovarsi con una pera. Com’era possibile? La
spiegazione che fu data era che gli elettroni del
gruppo di atomi di alluminio si riorganizzassero
collettivamente, in modo che quelli più esterni
avessero la stessa disposizione di quelli del rutenio. In
pratica, era come se i sei atomi di alluminio facessero
finta, tutti insieme, di essere un atomo di rutenio.
Mentre l’alluminio lo incontriamo nella nostra vita
quotidiana, il rutenio non è molto famoso. Però è
importante in molti processi industriale. Per esempio,
aggiunto al titanio ne aumentano moltissimo la
6
resistenza alla corrosione: ringraziatelo quando vi
vantate di com’è lucido il vostro orologio da polso
con gabbia in titanio.: Però il rutenio è raro e costoso,
mentre l’alluminio non lo è.; è facile immaginare
perché i superatomi fanno gola a molti ricercatori: E
infatti c’è chi sta studiando nuovi composti per
simulare l’oro.. Una volta aperta la caccia, fu subito
chiaro che il passo successivo sarebbe stato quello di
progettare queste sostanze su misura. Così gli
scienziati cominciano a montare gli atomi tra loro in
laboratorio, come mattoncini di un gioco di
costruzioni. Anche in questo caso l’alluminio ebbe un
ruolo da protagonista …”

E proponiamo il nostro suggerimento: partendo

dall’alluminio (13 elettroni, con 13 numero di

Fibonacci) , e considerando i sui multipli come

negli esempi precedenti, si nota una correlazione con

gli atomi con un numero di elettroni pari ai suddetti

multipli, e molto vicini a più grandi numeri di

Fibonacci o loro medie consecutive .


7
Oppure, in maniera equivalente, moltiplicare

successivamente 13 per 1,2720 (radice quadrate di

Ф = √Ф = √1,618032…= 1,2720…), ottenendo i

seguenti risultati, comuni anche ad altri argomenti

matematici (numeri di Fiordi, Rif.4, e numeri primi di

Mersenne con numeri di cifre da circa 13 milioni in

poi)

Ottenendo i seguenti valori

13
13*1,2720 = 16,536 ≈ 17 media tra 13 e 21
16,5*1,2720 = 21,033792 ≈ 21
21,03379 *1,2720 = 26,754… ≈ 27 media tra 21 e 34
26,754*1,2720 = 34,032 … ≈ 34
34,032*1,2720 = 43,289... ≈ 44,5media tra 34 e 55
43,289*1,2720 = 55,063… ≈ 55
55,063*1,2720 = 70,041… ≈ 72 media tra 55 e 89
70,041*1,2720 = 89,092…≈ 89

8
Molto vicini ai multipli di 13, a loro volta vicini

ai numeri atomici degli elementi coinvolti in alcuni

atomi coinvolti nei superatomi, come da seguente

tabella (in viola le righe con i numeri più allineati

tra loro, con piccole differenze .

TABELLA 1

Multipli di 13*k*1,2720 Numeri Numeri di


13 (interi) atomici Fibonacci o
e loro e loro loro medie
medie elementi (semisomme)
13 13 13Alluminio 13
16 k=1 17 media tra
3 e 21
19,5 media 21 k = 2 22 Titanio 21
tra 13 e 26
26 26 k=3 27,5 media
tra 21 e 34

39 34 k=4 34
9
45,5 media 43 k = 5 44 Rutenio 44,5 media
tra 39 e 52 tra 34 e 55
52 55 k = 6 52 Iodio 55
65
71,5 media 70 k = 7 74Tungsteno 72 media tra
tra 65 e 78 55 e 89
78 79,5 media 78 Platino 80,5 media
tra 70 e 89* 79 Oro tra 72 e 89*
91 89 k=8 89

* in questi ultimi due casi in realtà si tratta di medie

tra una media e il successivo numero di Fibonacci (in

entrambi i casi 89) , e non di due numeri consecutivi

di Fibonacci), ma anche questo potrebbe essere

importante per gli ultimi elementi della classica

Tavola Periodica di Mendeliev per la chimica

normale. (Vedere Seconda Parte il meccanismo

matematico di fondo).

10
Conclusione

Come abbiamo visto, una relazione tra i superatomi

e numeri di Fibonacci è già evidente in questa

tabella ; si potrebbe approfondire e poi eventualmente

potrebbe essere usata per i futuri esperimenti per

trovare nuovi superatomi e loro combinazioni per

applicazioni tecnologiche avanzate, sia ecocompatibili

sia anche con notevoli risparmi economici

utilizzando per esempio il più diffuso alluminio al

posto del raro e molto costoso platino.

Comunque, sembra proprio una questione di orbitali

elettronici e relativi numeri (vedi Rif. 5 e relativi

brani riportati) dove , guarda caso, anche questi sono

connessi alla serie di Fibonacci; e questo ovviamente


11
potrebbe essere importante per comprendere meglio

la chimica dei superatomi e le loro possibili

applicazioni tecnologiche. In Rif. 9 un recente

articolo sui superatomi sulla nota rivista LE

SCENZE di Gennaio 2017, dal quale riportiamo:.

12
13
E’ qui che si accenna al Aufbau, “una modalità ordinata
secondo la quale gli atomi si dispongono naturalmente attorno
al nucleo di un atomo occupando i livelli di energia più bassi
prima di quelli più alti” . Questa modalità potrebbe essere
connessa alle nostre medie aritmetiche 17, 44,5 e 72 di due
numeri consecutivi di Fibonacci riguardanti gli orbitali
elettronici 18 , 50 e 72 , poiché molto vicine a questi valori.
E questa vicinanza potrebbe essere molto utile per progettare
e sperimentare nuovi superatomi con maggiore facilità
teorica e pratica, nel caso si dimostrasse la nostra congettura
sulla connessione tra la modalità Aufbau e le serie aurea e
semiaurea di Fibonacci.
Alcune di queste medie emergono anche nella stabilità
nucleare (Rif. 3) e nei numeri atomici degli elementi chimici
connessi ai quasi cristalli ( “ Alcuni degli elementi chimici le cui
leghe formano quasicristalli sono l’Alluminio (numero
atomico 13), il Ferro (26), lo Zirconio (40), l’Osmio (67), con
rapporti
26/13 = 2 ≈ 2,61= 1,618^2
40/13 = 3,07 ≈ 3,23 = 2 x 1,618
67/13 =5,17 ≈ 5,54 = (1,618^3 + 1,618^4)/2
67/26 = 2,57 ≈ 2, 61 =1,618^2
67/40 = 1,657 ≈ 1,618…”, da Rif 10)

14
con 26 ≈ 27,5, 40 ≈ 44,5, 67≈ 72 medie di Fibonacci;
quindi anche qui potrebbe eventualmente essere coinvolta
la modalità Aufbau che regola gli orbitali elettronici di atomi
normali ed eventualmente anche dei superatomi , come
pensano gli Autori citati nell’articolo ad essi dedicato dalla
rivista Le Scienze (Rif. 9).

Nella successiva Seconda parte introduciamo il

nostro concetto di serie semiaurea di Fibonacci, che,

come accennato nel riassunto, emerge in qualche

argomento matematico, ma a quanto pare anche misto,

naturale/artificiale, come gli orbitali dei superatomi

sperimentali oggetto di questo lavoro.

Riferimenti (tutti sul nostro sito

nardelli.xoom.it/virgiliowizard/teoria-delle-stringhe-e-teoria-dei-
numeri

15
salvo diversa indicazione)

1) Wikipedia superatomi
Superatomo
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, ricerca
Questa voce sull'argomento chimica fisica è solo un abbozzo.
Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia.

Un superatomo è un insieme di atomi legati tra loro che sembra esibire le stesse proprietà di atomi
elementari. I primi studi vennero fatti nel 2005 da studiosi della Virginia Commonwealth
University[1].

Recenti ricerche confermano come molti elementi della tavola periodica hanno un
[2]
corrispettivo tra i superatomi .Ad esempio 6 atomi di alluminio formano una
molecola che ha caratteristiche simile al rutenio, 13 somigliano allo iodio, 14
atomi di alluminio somigliano al calcio. Combinando una molecola di carbonio con
una di tungsteno genera un superatomo simile al piombo. Allo stesso modo nichel
e tellurio combinati in diverse quantità possono somigliare a sodio , potassio e
cloro.

Note[modifica | modifica wikitesto]


1. ^
http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/A_caccia_di_s
uperatomi/1332601 A caccia di superatomi, LeScienze

2. A caccia di superatomi - Le Scienze


www.lescienze.it/news/2008/07/04/news/a_caccia_di_superato
mi-578945/
04 lug 2008 - Le proprietà chimiche finora identificate sono
simili a quelle degli elementi classici, ma potrebbero esserci
superatomi con proprietà ...

16
Dal quale citiamo il brano
“Gruppi di atomi di elementi metallici che si comportano come se
fossero un unico grande atomo sono stati ottenuti da ricercatori
dell'Università di Delft, che lo hanno annunciato sulla rivista del
loro ateneo "Delft Outlook".
Il meccanismo che governa la stabilità di questi superatomi era
stato in effetti già descritto nel 2005 da ricercatori della Virginia
Commonwealth University, che avevano scoperto l'esistenza di
superatomi di alluminio formati da cluster di 13, 23 e 37 atomi.
Con i numeri 13 =1*3, 23 ≈ 26 =2*13, e 37 ≈ 39= 3*13
Vedi prima colonna della nostra tabella finale, che mostra e
collega il numero 13 dell’alluminio con circa i suoi multipli e i
superatomi e i suddetti cluster o superatomi dello stesso alluminio.
3. ^
http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/L_alchimia_de
i_superatomi/1341569 L'alchimia dei superatomi, LeScienze

L'alchimia dei superatomi - Le Scienze


www.lescienze.it/news/2009/12/30/news/l_alchimia_dei_superato
mi-572225/
30 dic 2009 - Se trasformare il piombo in oro resta un sogno,
un'alchimia simile ... fotoelettronica con imaging misura l'energia
necessaria a rimuovere gli ...

Dal quale riportiamo il brano riguardante gli orbitali, e

ai quali rimandiamo per ulteriori approfondimenti


17
"Il metodo ci permette di determinare le energie di legame
degli elettroni e di osservare direttamente la natura degli
orbitali in cui gli elettroni si ritrovavano prima del loro
distacco. Abbiamo scoperto che la quantità di energia richiesta
per rimuovere elettroni da una molecola di monossido di
titanio è la stessa di quella richiesta per rimuovere elettroni da
un atomo di nichel. Lo stesso vale per i sistemi monossido di
zirconio-palladio e carburo di tungsteno-platino. Il punto
chiave è che tutte queste coppie sono composte di specie
isoelettroniche, che sono atomi con la stessa configurazione
elettronica", osserva Castleman, sottolineando che il termine
in questo caso si riferisce al numero di elettroni presenti nel
guscio esterno di un atomo o di una molecola.”

(L’evidenza in rosso è nostra) Vedi Seconda Parte


Ma anche il brano seguente che parla di uno spostamento sulla

tavola periodica di sei elementi a destra, mentre i numeri

superaurei sono la somma del numero precedente e del settimo

numero precedente, con 7 molto vicino al 6, e potrebbe essere

questa la connessione matematica tra i numeri medioaurei e gli

orbitali dei superatomi, almeno per quando riguarda i gusci esterni:

"Osservando la tavola periodica si può predire che il monossido


di titanio sarà un superatomo di nichel. Se partiamo dal titanio,
che ha quattro elettroni nel guscio esterno, e ci spostiamo di sei
elementi a destra, in quanto l'ossigeno ha sei elettroni nel guscio
esterno, finiamo su un elemento, il nichel, che ha 10 elettroni
18
esterni, che lo fanno isoelettronico con la molecola che risulta
dalla combinazione di titanio e ossigeno. Abbiamo pensato che la
coincidenza fosse curiosa. Abbiamo provato con altri elementi e
abbiamo visto emergere uno schema."

2) ”E gli atomi diventano super”, di sulla rivista

FOCUS di dicembre 2016

3) La sezione aurea in chimica

Rubrica curata da
Francesco Di Noto e Eugenio Amitrano
http://www.atuttoportale.it/

dal quale riportiamo il brano riguardante i numeri magici

della stabilità nucleare, connessi alla sezione aurea ma

anche alla sezione semiaurea, con i numeri 29≈ 27,5 e

47≈ 44,5, ma anche 79 ≈ 72; e ancora meglio con 17 , 28

e 44 nella seconda tabella

“Stabilità nucleare
Alcuni elementi chimici sono più stabili di altri, e tale maggiore stabilità chimica è
connessa, tramite i numeri magici, alla serie di Fibonacci (Vedi Rif. 1 e 2). La
stabilità nucleare è stata già introdotta nel terzo numero (Fisica Aurea) di questa
rubrica in cui viene definito numero magico, il numero di nucleoni per cui all'interno
19
del nucleo atomico si formano livelli energetici completi. Tali numeri sono: 2, 8, 20,
28, 50, 82, 126. I nuclei formati da un numero di nucleoni pari ad uno dei numeri
magici detti nuclei magici. Gli atomi aventi nuclei magici risultano particolarmente
stabili e ancora più stabili sono gli atomi aventi nuclei doppiamente magici nei quali
sia il numero di protoni che di neutroni corrispondono ad uno dei numeri magici.
Come si può notare questi numeri sono vicini ai Numeri di Fibonacci, in merito alle
loro differenze e somme consecutive. Infatti, tali numeri magici sono prossimi ai
numeri primi 2, 7, 19, 29, 47, 79, che sono numeri primi naturali, cioè di forma 6f +
1:
2 = 6 × 0 + 2
7 = 6 × 1 + 1
19 = 6 × 3 + 1
29 = 6 × 5 – 1
47 = 6 × 8 – 1
79 = 6 × 13 + 1
127 = 6 × 21 + 1

Dove i coefficienti in rosso sono numeri di Fibonacci (manca solo il 2).


Esiste un'altra connessione, tramite le loro differenze consecutive, vicinissime a
numeri di Fibonacci:
2 differenze consecutive numeri di Fibonacci vicini
8 8 – 2 = 6 = 5 + 1
20 20 – 2 = 18 = 17 + 1 = 21 – 3 (*1)
28 28 – 20 = 8
50 50 – 28 = 22 = 21 + 1
82 82 – 50 = 32 = 34 – 2
126 126 - 82 = 44 (*2)
(*1) 17 come media aritmetica di (13 + 21) / 2 = 17
(*2) 44 come quasi media aritmetica di (34 + 55) / 2 = 44,5 ≈ 44
Possiamo quindi ipotizzare che la stabilità nucleare di alcuni atomi è legata ai loro
numeri magici, con differenze d successive molto vicine a numeri di Fibonacci o ad
una loro media nel caso di d=17 e di d = 44; quindi con una sequenza progressiva di:
5, 17, 8, 21, 34, con differenze successive tra questi ultimi numeri:
5 + 17 = 22 = 21 + 1
17 – 5 = 12 = 13 – 1
8 – 17 = –9 = –13 + 4
21 – 8 = 13
34 – 21 = 13
In definitiva, quindi la stabilità nucleare sembra proprio, per quanto sopra, legata
ai numeri di Fibonacci 13 e 21. Qualcosa di simile succede con le onde di Elliott
applicate al mercato finanziario basate però sul solo numero 13 (Rif. 2)

(qui le evidenze delle medie in rosso sono nostre )

4) Considerazioni teorie Fibonacci Professor Di Noto

www.fibonacci.it/professor_di_noto.html
20
dal quale riportiamo:
“Qui di seguito esponiamo le nostre osservazioni dal punto strettamente matematico (rapporti
tra i valori percentuali connessi ai numeri di Fibonacci, possibili simmetrie, ecc.: tutte cose
eventualmente utili a perfezionare , possibilmente, i relativi algoritmi hft attualmente in uso, allo
scopo di renderli ovviamente ancora più efficaci.

Circa i numeri percentuali citati dal Dott. Luca Fiordi nel suo lavoro “Fibonacci Trading” e sopra
riportato in parte, abbiamo riscontrato, tra l’altro, i seguenti rapporti consecutivi tra ciascuno di
essi e il precedente: 38,2 / 23,6 = 1,618644 ≈ Ф = 1,618028… 50 / 38.2 = 1,3080 61,8 / 50 = 1,2362
76.4 / 61,8 = 1,2362 100 / 76,4 = 1,3089 Moltiplicando il primo valore, 23,6, per tutti i rapporti
successivi, otteniamo ovviamente 99,903844 ≈ 100, il totale percentuale Osserviamo anche la
media aritmetica (1,3080 + 1,2362) / 2 = 1,2721 ≈ 1,2720 = √1,618 = √Ф e la media (76,4 + 100) / 2 =
88, 2 ≈ 89 = numero di Fibonacci, medie forse non ancora osservate , e quindi non ancora
utilizzate dai compilatori degli algoritmi hft e relativi software.

Ma anche tra un valore e il secondo valore precedente, cioè con il salto di un valore: per es.: 61,8 /
38,2 = 1,6178 ≈ 1,618028 = Ф 100 / 61,8 = 1,6181 ≈ 1,618028 = Ф Possiamo inoltre considerare tale
serie numerica come serie numerica artificiale, sna, a differenza delle serie numeriche naturali,
snn, viste nei precedenti articoli (Rif. 1 e Rif.2); tale serie artificiale utile al trading è
essenzialmente basata sul 13 (numero di Fibonacci) e sui suoi multipli, molto vicini, per lieve
eccesso, ai numeri della serie numerica (che chiameremo d’ ora in poi, per brevità, “serie di
Fiordi”: 13 x 1 = 13 13 x 2 = 26 ≈ 23,6 13 x 3 = 39 ≈ 38,2 13 x 4 = 52 ≈ 50 13 x 5 = 65 ≈ 61,8 13 x
6 = 78 ≈ 76,4 6 13 x 7 = 91 ≈ 89 numero di Fibonacci, ma non numero di Fiordi 13 x 8 = 104 ≈ 100
totale generale

Nella serie di Fiordi mancano in tal senso il 13 e l’89, che potrebbero essere importanti per future
ricerche e applicazioni informatiche sugli algoritmi applicativi in Borsa.

Ad ogni variazione in Borsa di un multiplo di 13%, avviene qualcosa che sembra suggerire agli
investitori di acquistare o vendere le proprie azioni nel modo più conveniente, e questo sarebbe
proprio lo scopo degli algoritmi basati sulla serie di Fibonacci.

Ma anche 12, 6 valore prossimo a 13, ottiene ottimi risultati, e magari migliori: 12,6 x 1 = 12,6
(assente nella serie) 12,6 x 2 = 24,52 ≈ 23,6 12,6 x 3 = 37,12 ≈ 38,2 12,6 x 4 = 50,4 ≈ 50 12,6 x 5 =
62,32 ≈ 61,8 12,6 x 6 = 74,92 ≈ 76,4 12,6 x 7 = 87,52 ≈ 89 (assente nella serie) 12,6 x 8 = 100,12 ≈
100 (assente direttamente nella serie) Ora si ottengono però valori vicini, per lieve difetto, ai
numeri della serie, che sono ancora più vicini alla media tra i due valori così calcolati, per es.
(74,92 + 78) / 2 = 152,92 / 2 = 77,2 ≈ 76,46 valore della serie 76,4 Tutti i valori della serie, insomma,
sono quasi simmetrici rispetto a 50%, il valore centrale, e questa simmetria sembra essere molto
importante: basta osservare i due grafici per rendersene meglio conto.

(anche qui le evidenze delle medie 24,52≈ 27,5, 50,4 ≈ 44,5 e

74,92 ≈ 72 in rosso sono nostre per mostrare anche qui un sia

pure meno preciso coinvolgimento della sezione semiaurea)


21
5) UNA NUOVA CONNESSIONE
FIBONACCI – ORBITALI ELETTRONICI
Gruppo “B.Riemann”
Francesco Di Noto, Michele Nardelli
Abstract
In this paper we show a new connection between, Fibonacci
numbers and electronic orbitals (Rif.1)
Riassunto
In questo breve lavoro mostriamo una nuova connessione

tra i numeri di Fibonacci e gli orbitali elettronici, già visti in


Rif.1

6) NOTA AGGIUNTIVA SULLA REGOLA


AUREA PER I NUMERI PRIMI DI MERSENNE
Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A.
Francesco Di Noto
Abstract
In this paper we show other connections between golden
section and Mersenne Numbers
Rassunto
Nel recente lavoro “I numeri primi di Mersenne – Regola
Aurea Rif.1) , lo concludevamo così :
“Ora non rimane che comprendere meglio come, attraverso
questa regola aurea o ciclo di Fibonacci,un numero primo ad
esponente di 2, come dalla nota definizione Mp =2^p -1 ,

22
determini la primalità anche del numero finale noto come
numero primo di Mersenne.

In alcuni dei quali sono coinvolte le medie 17, 27,5, 44,5, 72


della serie semiaurea
Per le apposite tabelle rinviamo all’articolo sul nostro sito.
7 ) Articolo “ 10 supermolecole dai superatomi” , incluso
nel più vasto articolo di J. P. Idee che cambiano il mondo su
LE SCIENZE di Gennaio 2017 e nel quale si accenna all’
Aufbau” una modalità ordinata secondo la quale gli elettroni
si dispongono naturalmente attorno al nucleo di un atomo
occupando i livelli di energia più bassi prima di quelli più alti.
Vedi successivi Rif. 8 e Rif. 9.

8) Principio dell'Aufbau
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai a: navigazione, ricerca

23
Rappresentazione del principio dell'Aufbau.

Il principio dell'Aufbau[1] (anche Regola Aufbau o principio di costruzione della configurazione


elettronica di un atomo), viene applicato per determinare la configurazione elettronica di un
atomo, molecola o ione. Il principio presuppone un ipotetico processo nel quale un atomo è
"costruito" da un progressivo riempimento degli orbitali con elettroni. Come vengono
aggiunti, questi assumono le condizioni più stabili (orbitali elettronici) rispettando il nucleo e
gli elettroni già presenti nell'atomo.

In accordo a quanto affermato dal principio, gli elettroni riempiono gli orbitali partendo dai
livelli energetici disponibili più bassi prima di riempire i livelli più alti[2] (ad esempio 1s prima
del 2s). Il numero di elettroni che può occupare ciascun orbitale è limitato dal Principio di
Pauli. Se più orbitali della medesima energia sono disponibili, la Regola di Hund dice che gli
orbitali liberi verranno riempiti prima che gli orbitali già parzialmente occupati vengano
riutilizzati (da elettroni con spin antiparalleli).

Una versione del principio dell'Aufbau può essere utilizzata, anche, per predire la
configurazione di protoni e neutroni in un nucleo atomico.

Vedi Rif.2 seconda parte , che qui ricordiamo, per evidenziare


la connessione con la nostra sezione semiaurea:

“… Numero quantico principale (n)


Il primo numero quantico n, detto numero quantico principale, determina la distanza media
dal nucleo (dimensione dell'orbitale), che aumenta al crescere di n, e la maggior parte
dell'energia dell'elettrone (livello energetico=periodo). Elettroni (e orbitali) che condividono n
appartengono dunque allo stesso livello di energia.
Il numero quantico principale assume tutti i valori interi positivi in ordine crescente anche se
le orbite stazionarie definite della condizione quantistica m*v*r=n*h/(2π) (dove l'unica
variabile è n, essendo le altre costanti) sono solamente le prime sette.
I vari livelli correlati ai differenti valori di n vengono a volte detti "gusci" e (principalmente
per ragioni storiche) vengono anche indicati da lettere, come elencato di seguito:[1]

24
Valore di n Lettera Massimo numero di elettroni nel livello (pari a 2 x n2)
1 K 2
2 L 8
3 M 18
4 N 32
5 O 50
6 P 72
7 Q 98
………
ma relativi ad atomi che non sono stati ancora scoperti (il valore n=8, ad esempio, si inizierà a
Stati con valori di n superiori a quelli mostrati nella tabella sono perfettamente ammissibili in teoria
utilizzare con elementi aventi numero atomico superiore a 119)…. “

Come si nota facilmente, i numeri della terza colonna

(massimo numero di elettroni …) costeggiano da vicino i

numeri di Fibonacci o loro medie aritmetiche 17≈18 e 72

rosso, ma anche 50 ≈ 44,5 .

9) I SUPERATOMI, da Le scienze gennaio 2017 pag. 45,


una delle “Idee che cambiano il mondo” (Redazione)

10 ) La serie di Fibonacci nella Tavola periodica

Gruppo ERATOSTENE
(Giovanni Di Maria, Francesco Di Noto, Michele Nardelli,
Annarita Tulumello)

25
Link :
fibonaccigela.altervista.org/Relazioni/gruppo%20Eratosten
e.pdf

SECONDA PARTE
LA SERIE SEMIAUREA DI FIBONACCI

Sulla serie di Fibonacci e la sezione aurea sappiamo già


tantissime cose, sia in matematica che in Natura : conigli.
conchiglie, fiori, ecc. ecc , tutti i fenomeni naturali dove
tale serie emerge. Ma in altri argomenti e fenomeni
naturali emerge anche la sezione superaurea ( Rif. 1), ma
anche la serie semiaurea , oggetto di questa Seconda
Parte. Si tratta di una serie numerica che comprende sia la
normale serie di Fibonacci, basata sul noto numero aureo
26
Ф = 1,618032…, sia , alternativamente, la serie delle
medie aritmetiche tra due numeri successivi di Fibonacci,
per esempio
17 = media (13+21)/2 e così via. Ora il numero fisso è
1,27201… = √1,68032..
Partendo da un qualsiasi numero di Fibonacci, per esempio
13 come nel nostro caso (numero di elettroni
dell’alluminio) otteniamo i seguenti valori, già visti nella
prima parte:
Ottenendo i seguenti valori
13
13*1,2720 = 16,536 ≈ 17 media tra 13 e 21
16,5*1,2720 = 21,033792 ≈ 21
21,03379 *1,2720 = 26,754… ≈ 27 media tra 21 e 34
26,754*1,2720 = 34,032 … ≈ 34
34,032*1,2720 = 43,289... ≈ 44,5 media tra 34 e 55
43,289*1,2720 = 55,063… ≈ 55
55,063*1,2720 = 70,041… ≈ 72 media tra 55 e 89
70,041*1,2720 = 89,092…≈ 89

che si collocano, anche se spesso seminteri, tra due numeri


consecutivi di Fibonacci. La serie completa è quindi data
27
dai numeri alternati della prima e della seconda colonna,
come da successiva Tabella

TABELLA 1
Serie semi Serie aurea
aurea di Fibonacci
Media di due
numeri
successivi di
Fibonacci
0
0,5
1
1
1
1,5
2
2,5
3
4
5
6,5
8
10,5
13
17
21
28
27,5
34
44,5
55
72
89
116,5
144
166,5
233

E quindi:

0, 0,5, 1, 1, 1, 1,5, 2, 2,5, 3, 4, 5, 6,5 8, 10,5


13, 17, 21, 27,5, 34, 44,5, 55, 72, 89, 116,5, 144,
188,5, 233…
Notiamo, dopo i tre 1, gruppi di tre numeri di cui due
seminteri laterali e un intero centrale segnati in verde ,
alternati a gruppi di tre numeri interi, segnati in blu..
Una possibile regola: un numero qualsiasi maggiore di 3
si può scrivere come somma tra il numero precedente
F’n = F’(n –1) + F’(n - 7)

29
Per esempio:
3 = 2 + 1 con 1 = il 7° numero precedente, 1

5= 4 +1 con 1 = il 7° numero precedente, 1

8 = 6,5 + 3 con 3 = il 7° numero precedente, 3

34 =27,5 + 6,5 con 6,5 il 7° numero precedente,6,5

89 = 72 +17 con 17 il 7° numero precedente, 17

Incontriamo in questa serie semiaurea i numeri


13, 17, 21, 27,5, 34, 44,5, 55, 72, coinvolti nei
superatomi, come in Tabella 1 ultima colonna
Prima Parte, e che qui ricordiamo:

30
TABELLA 1

Multipli di 13*k*1,2720 Numeri Numeri di


13 (interi) atomici Fibonacci o
e loro e loro loro medie
medie elementi
13 13 13Alluminio 13
16 k=1 17 media
tra 3 e 21
19,5 media 21 k = 2 22 Titanio 21
tra 13 e 26
26 26 k=3 27,5 media
tra 21 e 34

39 34 k=4 34
45,5 media 43 k = 5 44 Rutenio 44,5 media
tra 39 e 52 tra 34 e 55
52 55 k = 6 52 Iodio 55
65
71,5 media 70 k = 7 74Tungsteno 72 media
tra 65 e 78 tra 55 e 89
78 79,5 media 78 Platino 80,5 media
tra 70 e 89* 79 Oro tra 72 e 89*
91 89 k=8 89

31
* in questi ultimi due casi in realtà si tratta di medie

tra una media e il successivo numero di Fibonacci (in

entrambi i casi 89) , e non di due numeri consecutivi

di Fibonacci), ma anche questa osservazione potrebbe

essere importante ai fini della sperimentazione dei

superatomi, per gli ultimi elementi della classica

Tavola Periodica di Mendeliev per la chimica

normale eventualmente coinvolti in futuro.


Analogia con la nota serie di Fibonacci e la sezione
superaura e la sezione semiaurea :

premettiamo che i tre numeri sono rispettivamente


1,618032, 1,465571 , 1,27201
La sezione semi 1,465571 è circa la media tra
1,618032 e 1,27201, infatti:
(1,618032 +1,27201/2 = 2,890042/2 = 1,445021≈1,465571
Con rapporto 1,465571/1,445021= 1,014 ≈ 1,015 =5°radice
32
di 1,618032,
Quindi , 1,465571 ≈ 1,445021*1,015 = 1,466696315
molto vicino alla sezione superaurea 1,465571.
Formula che connette ancora meglio tra di loro i tre
valori costanti delle tre serie
Ma anche il rapporto tra 1,465571 /1,27701= 1,14430
≈1,1278 = 4° radice di 1,61832. Per cui 1,27201*1,14430=
1,44566 molto vicino a 1,445021 e quindi anche a
1,465571 sezione superaurea.

Accenniamo brevemente a numeri della sezione medio


aurea fino a 10^n essendo il doppio dei numeri della
sezione aurea, ed essendo questi in numero di n fino a 0 n
(di cui 1,5*n numeri primi di Fibomacci), i numeri medio
aurei saranno quindi 2n -1, mentre i numeri primi
rimarranno in numero minore di 1,5 *n essendo circa metà
seminteri, e i numeri primi, per definizione, debbono essere
interi, ma ora più distanziati tra loro. Fino a 100 troviamo
intero solo 17 numero primo come media, mentre i numeri
33
primi di Fibonacci sono 5,13 e 89. Nella serie semiaurea
quindi ci sono numeri primi tra le medie intere, come il
17, ma sono pochi, e si cercheranno eventualmente con
ulteriori ricerche, sebbene non siano molto importanti ai
fini della ricerca sperimentale sui superatomi ; ma lo
potrebbero essere eventualmente per altre ricerche future
di tipo matematico.
Nella serie di Fibonacci, ogni numero della serie, com’è
già noto, è la somma dei due numeri precedenti:
Fn = F(n -1) +F (n-2)
nella sezione medio aurea, troviamo la relazione
F’n = F’(n –1) + F’(n - 7)
Nella sezione superaurea troviamo invece la relazione

Sequenza OEIS A000930


Narayana's cows sequence: a(0) = a(1) = a(2) = 1;
thereafter a(n) = a(n-1) + a(n-3).
(Formerly M0571 N0207)
188

1, 1, 1, 2, 3, 4, 6, 9, 13, 19, 28, 41, 60, 88, 129, 189, 277, 406, 595,
872, 1278, 1873, 2745, 4023, 5896, 8641, 12664, 18560, 27201,
34
39865

Cioè Fn= F(n-1) + F(n-3)

Per esempio 60 = 41 + 19 con 19 = 3° numero precedente

Mentre questa sequenza riguarda la riproduzione delle

mucche e la sequenza di Fibonacci quella dei conigli,

rimane ancora da scoprire quali altri animali si

riprodurrebbero con la nostra sequenza medioaurea

oggetto di questo lavoro.

Per il momento ci accontentiamo di sapere che con questa

altrettanto importante sequenza si potrebbe conoscere

meglio la chimica dei superatomi e quindi la loro

sperimentazione e l’utilizzazione tecnologica con

notevoli vantaggi ecologici ed economici.

Riferimenti (tutti sul nostro sito

http://nardelli.xoom.it/virgiliowizard/

salvo diversa indicazione)


35
Rif. 1) LA SEZIONE SUPERAUREA
Ing. Pier Franz Roggero, Dott. Michele Nardelli, P.A.
Francesco Di Noto
Abstract
In this paper we show super golden section ψ = 1,465571…
Riassunto
In questo lavoro parleremo della sezione superaurea (meno
nota della più famosa sezione aurea) anche per quanto
riguarda le loro connessioni, e anche con il paradosso di
Fibonacci .

2 ) La serie di Fibonacci nel microcosmo


(effetto Hall quantistico, cariche frazionarie ,
masse dei quark, numeri quantici, stabilità nucleare)
Gruppo “B. Riemann”*
Francesco Di Noto, Michele Nardelli
*Gruppo amatoriale per la ricerca matematica sui numeri primi, sulle loro
congetture e sulle loro connessioni con le teorie di stringa.
Abstract
In this paper we show some connections between some sub-atomic phenomena
and the aurea section.
Riassunto
In questo lavoro mostriamo le connessioni tra alcuni fenomeni sub-atomici
(effetto hall quantistico e cariche frazionarie, masse dei quark, numeri quantici,
stabilità nucleare e atomici (stabilità nucleare)) e la sezione aurea ed i numeri
di Fibonacci.

dal quale riportiamo


“…Numero quantico principale (n)
Il primo numero quantico n, detto numero quantico principale, determina la distanza media
dal nucleo (dimensione dell'orbitale), che aumenta al crescere di n, e la maggior parte
dell'energia dell'elettrone (livello energetico=periodo). Elettroni (e orbitali) che condividono n
appartengono dunque allo stesso livello di energia.
Il numero quantico principale assume tutti i valori interi positivi in ordine crescente anche se
le orbite stazionarie definite della condizione quantistica m*v*r=n*h/(2π) (dove l'unica
variabile è n, essendo le altre costanti) sono solamente le prime sette.
I vari livelli correlati ai differenti valori di n vengono a volte detti "gusci" e (principalmente
per ragioni storiche) vengono anche indicati da lettere, come elencato di seguito:[1]
36
Valore di n Lettera Massimo numero di elettroni nel livello (pari a 2 x n2)
1 K 2
2 L 8
3 M 18
4 N 32
5 O 50
6 P 72
7 Q 98
………
ma relativi ad atomi che non sono stati ancora scoperti (il valore n=8, ad esempio, si inizierà a
Stati con valori di n superiori a quelli mostrati nella tabella sono perfettamente ammissibili in teoria
utilizzare con elementi aventi numero atomico superiore a 119)…. “

Come si nota facilmente, i numeri della terza colonna

(massimo numero di elettroni …) costeggiano da vicino i

numeri di Fibonacci o loro medie aritmetiche 17≈18 e 72

rosso, ma anche 50 ≈ 44,5 .

TABELLA 4
Massimo numero di
elettroni (e)
Numeri di Fibonacci
(f)
Differenza f – e
Anche queste numeri
di Fibonacci
2 2 0
8 8 0
18 17 media tra 13 e 21 1
32 34 2
50 55 5
72 72 media tra 55 e 89 0
98 99,5

37
Anche qui, anche per il numero 119 non riportato in tabella da
Wikipedia, ma solo accennato poiché si riferisce ad atomi non
ancora scoperti, l’evidenza della connessione tra i due tipi di
numeri è forte, e cioè difficilmente frutto del caso.

(Osserviamo che 119 è circa la media 116,5 tra 89 e 144)

E anche qui spuntano i numeri 13, 17, 21, 27,5, 34,

44,5, 55, 72 della nostra sezione semiaurea ( in modo

particolare il 17 e 72 come medie intere ) e sicuramente

sono i suddetti numeri quantici a regolare le proprietà

superchimiche dei superatomi, indirettamente connesse ai

numeri di Fibonacci molto vicini ai numeri quantici degli

atomi normali.

3) UNA NUOVA CONNESSIONE


FIBONACCI – ORBITALI ELETTRONICI
Gruppo “B.Riemann”
Francesco Di Noto, Michele Nardelli
Abstract
In this paper we show a new connection between, Fibonacci
numbers and electronic orbitals (Rif.1)
Riassunto
In questo breve lavoro mostriamo una nuova connessione
tra i numeri di Fibonacci e gli orbitali elettronici, già visti in
38
Rif.1)

Dal quale riportiamo:

Se ci si ferma alla descrizione del numero l si ottiene una


famiglia di orbitali degeneri; infatti per l uguale a :
0 si hanno gli orbitali s che hanno una sola orientazione e
quindi possono accogliere solamente due elettroni,
1 si hanno gli orbitali p che hanno tre diverse orientazioni e
possono accogliere sei elettroni.
2 si hanno gli orbitali d con cinque orientazioni possibili e
quindi fino a dieci elettroni.
3 si hanno gli orbitali f con sette orientazioni e fino a
quattordici elettroni.
(La colorazione in blu è nostra, per evidenziare i numeri che
fanno parte della seguente tabella, N.d.A.A.) …“

dove notiamo la sequenza delle orientazioni (in blu) ò

1, 3, 5, 7, molto vicini ai numeri di Fibonacci 2, 3, 5 e 8

e i numeri di elettroni 2, 6, 10, 14, molto vicini ai

numeri di Fibonacci 2, 5, 8, 13 ma anche 10 come circa

la media 10,5 tra 8 e 13 oppure 6,5 circa 6 come media tra

con 6,5=(5+8)/2 = 13/2 = 6,5

Anche questa osservazione potrebbe essere utile ad una

migliore comprensione del meccanismo matematico


39
(numeri di Fibonacci e loro media ,e quindi sezione medio

aurea) che potrebbe regolare gli orbitali dei superatomi,e

quindi la loro superchimica e le loro superprestazioni e

superapplicazioni industriali

Caltanissetta 2.8.2017

40