Sei sulla pagina 1di 2

| noiseFromAmeriKa

Pagina 1 di 2

iscrizione bollettini - login

EX-KATHEDRA

BIBLIOTEKA

CHI SIAMO

PAROLE

DONAZIONI

BIBLIOTEKA - SCIENZE SOCIALI

La Guerra Bianca
13 luglio 2010 sabino patruno Una narrazione della Grande Guerra e dei soldati che l'hanno combattuta. Ante scriptum: non necessario, ma la per la lettura del post consiglio questo ascolto musicale. La prima guerra mondiale passata di moda. Pochi, oggi, hanno idea di cosa abbia significato quella 'inutile strage', quali terribili prove abbiano dovuto sopportare i combattenti, le sofferenze che hanno patito nel fango delle trincee o tra i ghiacci dei monti. Le memorie familiari svaniscono, la toponomastica delle nostre citt richiama luoghi come Podgora, Sabotino, Bainsizza, San Gabriele, Isonzo, che in pochi sanno associare a battaglie nelle quali in una decina di giorni morivano decine di migliaia di uomini. Tra le nevi del Trentino e dellAlto Adige, dove a pi di duemila metri di quota Alpini e Alpenejager si ammazzavano a vicenda, oggi sciano ignari i loro discendenti. Schiacciata, anche mediaticamente, dagli eventi della seconda guerra mondiale, la Grande Guerra si perde nel ricordo. Eppure, molto del nostro attuale carattere nazionale nato l, tra i bersaglieri mandati al massacro contro le mitragliatrici austriache, tra i soldati in rotta dopo Caporetto e infine vittoriosi sulla linea del Piave. La storiografia e la memorialistica italiana sulla Grande Guerra spesso oscillante tra linsulsa retorica nazionalistica e la critica feroce alla ottusit dei generali Cadorna tra tutti e ai politici che trascinarono in guerra il paese, contro la volont della maggior parte della sua popolazione. Questo libro, scritto da un inglese e quindi con maggior distacco dalle polemiche o glorificazioni italiane, descrive gli eventi, alternando pagine di storia prettamente militare, ad altre che invece gettano lo sguardo agli uomini che in quella guerra vissero e morirono e, pi in generale, alla societ italiana del tempo. Con uno stile che deve molto a Martin Gilbert, autore de "La grande storia della prima guerra mondiale", Thompson d la voce ai diari ed alle lettere dal fronte dei soldati, alle loro poesie, alle canzoni scritte in trincea, alle interviste dei reduci. Molto bello, in particolare il capitolo dedicato ad Ungaretti ed alle poesie ispirate ai suoi combattimenti sul Carso, cos diverse dalle pagine gonfie di retorica di Dannunzio, il 'poeta soldato' per eccellenza, che tuttavia, contrariamente ad altri vuoti parolai, quanto meno rischiava in proprio. Insomma non tanto la narrazione di una guerra, ma, in senso pi ampio, di come quella guerra cambi e forgi una nazione, gettando le basi, per esempio, del suo sviluppo industriale, avvicinando per la prima volta le masse contadine alla tecnologia ed alla produzione di massa, sia pure a fini bellici. Una nazione, tra laltro, andata molto vicino al tracollo dopo la sconfitta di Caporetto e tenuta tuttavia insieme, non solo dalle esecuzioni sommarie dei disertori, ma anche, forse, dalla sua democrazia parlamentare. Il Parlamento e il governo civile, infatti, nonostante la loro debolezza nei confronti della casta militare, furono tuttavia capaci di impostare su basi diverse la condotta della guerra e la gestione del 'fronte interno', facendo resistere il paese un secondo di pi degli austro ungheresi, sino alla vittoria finale, con ci riuscendo in quello che non riusc invece al fascismo venticinque anni dopo, ossia reagire alla sconfitta. Come detto, per, gli aspetti politici e militari di quegli eventi sono oramai lontani, ma ci che deve essere ricordato, con assoluto rispetto, sono le fatiche e le sofferenze che i soldati di tutti gli schieramenti dovettero affrontare, vivendo in una condizione che Ungaretti ha perfettamente descritto: La guerra bianca. Vita e morte sul fronte italiano 1915 1919 Mark Thompson Il Saggiatore, 2009

Si sta, come dautunno sugli alberi le foglie

http://noisefromamerika.org/recensione/guerra-bianca

26/08/2013

| noiseFromAmeriKa

Pagina 2 di 2

24 commenti (espandi tutti)


Like 1 0
0

24

La Guerra Bianca marcodivice 13/7/2010 14:16 La Guerra Bianca Corrado Ruggeri 13/7/2010 14:43 La Guerra Bianca Enrico "bzbiz" Bizzarri 13/7/2010 15:02 La Guerra Bianca Michele Rozzi 13/7/2010 15:14 La Guerra Bianca luzo48 luigi zoppoli 13/7/2010 15:20 Re: La Guerra Bianca luciano pontiroli (gi luponti) 13/7/2010 15:38 Re(1): La Guerra Bianca luzo48 luigi zoppoli 13/7/2010 18:34 Re: La Guerra Bianca marcodivice 13/7/2010 15:49 La Guerra Bianca marco esposito 14/7/2010 10:54 Re: La Guerra Bianca Mario Puppo 14/7/2010 11:38 Qualche dato statistico sabino patruno 14/7/2010 12:56 fuoco amico Marco Boleo 14/7/2010 13:03 Re: fuoco amico Corrado Ruggeri 14/7/2010 13:15 Re: fuoco amico sabino patruno 14/7/2010 13:20 Re: Qualche dato statistico marco esposito 14/7/2010 15:57 Re(1): Qualche dato statistico Corrado Ruggeri 14/7/2010 16:14 La Guerra Bianca filippo bruno 14/7/2010 13:40 Re: La Guerra Bianca Corrado Ruggeri 14/7/2010 13:59 Re(1): La Guerra Bianca marcodivice 14/7/2010 14:12 Re: La Guerra Bianca paolamanzini 14/7/2010 16:47 Re(1): La Guerra Bianca filippo bruno 14/7/2010 17:19 La Guerra Bianca Emiliano Panizon 14/7/2010 14:08 La Guerra Bianca spaziamente 14/7/2010 18:35 La Guerra Bianca Monica Giambitto 15/7/2010 15:23

Inizia una nuova discussione


Login o registrati per inviare commenti

Copyright 2006-2012 noiseFromAmeriKa.org I contenuti di noiseFromAmeriKa.org sono riproducibili a norma della licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 anche senza il consenso di noiseFromAmeriKa.org, seguendo le indicazioni aggiuntive elencate in questa pagina

GUIDA AL SITO

ARCHIVIO

CONTATTI

RSS FEED

Designed by Locus Assistenza tecnica e drupal consulting: Yoolab

http://noisefromamerika.org/recensione/guerra-bianca

26/08/2013