Sei sulla pagina 1di 4

Intesa, il terremoto di Messina le mosse per smantellare la banca di sistema e i suoi ...

Pagina 1 di 4

Home

Finanza con Bloomberg

Calcolatori

Finanza Personale

PRIMO PIANO

Intesa, il terremoto di Messina le mosse per smantellare la banca di sistema e i suoi costi
UN PIANO STRATEGICO DA CONDIVIDERE CON TUTTO IL MANAGEMENT (SQUADRA COESA E MOTIVATA IL SUO SLOGAN). VIA 5 SU 7 SOCIET DI PRODOTTO, RIDUZIONE SOSTANZIALE DELLE 16 BANCHE DI TERRITORIO. POI PASSER A SFOLTIRE LE SPINE, OSSIA LE PARTECIPAZIONI
Andrea Greco

Lo leggo dopo

Milano L asciarsi alle spalle la banca di sistema, costruire quella di domani. Intesa Sanpaolo cambia pelle. Oggi facile datare levento ai due consigli di mercoled, quando nellarchiviare un altro trimestre complesso si aperto il quaderno del piano industriale, che sar presentato nella primavera 2014. Lultimo documento strategico con annessa ricapitalizzazione da 5 miliardi - fu il 6 aprile 2011. Un altro mondo, in cui la parola spread la conoscevano forse un migliaio di italiani, e gli ottimisti intravedevano gli albori della ripresa dalla crisi subprime. Le cose sono andate altrimenti. La pi radicata banca del paese, se da un lato s trovata esposta sul famigerato sistema sui suoi network, non s per fatta sorprendere su un aspetto oggi centrale come la solidit patrimoniale. Un common equity Basilea 3 dell11,2% a settembre - e in crescita - le consente di affrontare i necessari cambiamenti senza scossoni. Di seguito quel che si prospetta nei prossimi mesi, a giudicare da dichiarazioni, numeri e quel che si muove dietro le quinte. Piano strategico e nuova centralit dei territori Si racconta in banca che gioved, lindomani dei consigli, arrivata via mail a 6mila responsabili la survey con cui lad Carlo Messina intende consultare i livelli operativi della piramide interna. Una sorta di referendum per ascoltare la base e istruire il piano strategico. Che sar annunciato a primavera, ma si scrive adesso: a dicembre potrebbe gi essere agganciato al budget 2014 da diffondere a inizio anno. Lindiscrezione fa il paio con la prima slide della presentazione contabile scelta mercoled dal capoazienda: un tavolone di 19 manager (squadra coesa e motivata), claim le nostre persone sono il principale fattore di successo. Sfrangiato del marketing interno, emerge lo sforzo di Messina di ricompattare le righe, dopo lannata di Enrico Cucchiani, uomo solo al comando che ha mandato in tilt i primi riporti della banca. Squadra qui vuol dire soprattutto territori: leader per distacco del

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2013/11/18/news/intesa_il_terrem... 18/11/2013

Intesa, il terremoto di Messina le mosse per smantellare la banca di sistema e i suoi ...

Pagina 2 di 4

retail banking italico che arranca con rese poco sopra zero e che Messina vuol rilanciare con vigore. Da quanto detto in trimestrale, le principali azioni saranno la riduzione da 7 a 2 delle societ prodotto del credito industriale (ci saranno solo Mediofactoring e Mediocredito italiano) e la significativa riduzione delle 16 banche locali (spesso con distinti cda e direzioni generali). Le strutture centrali saranno snellite e gli attuali 22 riporti di sede scenderanno a 6. Stanti le gi annunciate chiusure di 1.300 filiali, e lapertura di 500 filiali fino a sera e il sabato, potrebbe vedersi anche un rilancio del progetto multicanale, con nuovi investimenti assenti da tempo. Poich gli impieghi di Bdt rappresentano il 61% del totale (con l82% delle rettifiche su crediti), e vi lavorano tre quarti dei dipendenti totali, evidente che riportare Bdt a una redditivit linea con il costo del capitale sar la vera sfida futura. Oggi il Roe dei territori sotto il 2%, come quello medio di gruppo. Merrill Lynch ha stimato che proiettando i dati dei nove mesi su un costo del rischio normale (indicato in 75 punti base, met dellattuale) il traguardo del 10% di redditivit non appare cos remoto. Tuttavia il costo del credito non variabile in mano a Messina & C, come mostra la trimestrale e come scrive Kepler Chevreux, che ha tagliato le stime di utile 2013-2015 temendo ricavi e costo del rischio presumibilmente sotto pressione per altri due anni. Lo stesso management sembra puntare pi su ulteriori tagli di costi e sulla spinta a fonti commissionali di ricavo. Meno lavoro si prevede sulle altre divisioni di business, meno tormentate negli ultimi anni e meno esposte alla congiuntura. A partire dal Corporate investment banking, che contribuisce per circa met dei risultati pre-tasse di gruppo (3,56 miliardi nei nove mesi), a partire dai 390 milioni di netto realizzati da Banca Imi. Via dalla banca di sistema La disputa di sapore vagamente nomina-listico tra banca di sistema (conio geronziano, forse assimilabile al banca per il paese adottato anni fa da Corrado Passera) o banca nel sistema e per il sistema - puntualizzazione recente di Giovanni Bazoli - gi materia da storici. un fatto che nella funzione di primo istituto del paese Intesa Sanpaolo si sia affastellata di crediti e partecipazioni che in cinque anni di crisi hanno creato svalutazioni e problemi. Nellottobre 2008, a un mese dal crac di Lehman, Repubblica segnalava dieci spine per la banca citando Safilo, Stefanel, Pininfarina, Risanamento, Ipi, Aedes, Tassara, Tiscali, Telco, Coin come partite a rischio. Diversi di quei dossier ancora pesano sulla redditivit del gruppo: tra 2011 e 2012 lavventura telefonica costata 367 milioni di svalutazioni, 113 milioni laver puntato sullimmobiliarista Zunino (Risanamento). Va aggiunto un centinaio di milioni di svalutazioni Alitalia, ultima avventura di sistema del Passera banchiere, e di cui rimane un 10% azionario. Anche il 27% di Sirti, il 20% di Ntv e le quote in Nh Italia hanno portato, o provocheranno, stralci di crediti o capitale. Poi c il 5% di Rcs, da poco ricapitalizzato e in cerca di nuovi assetti stabili. Certo ci sono anche dossier a lieto fine: il 5% di Prada accompagnata in Borsa a Hong Kong la pi citata dai manager, ma non lunica. Al di l delle dichiarazioni - che rivelano un approccio pi distaccato al portafoglio per lad Messina e il presidente del Cdg Gian Maria Gros-Pietro, di fianco a rivendicazioni di

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2013/11/18/news/intesa_il_terrem... 18/11/2013

Intesa, il terremoto di Messina le mosse per smantellare la banca di sistema e i suoi ...

Pagina 3 di 4

continuit espresse da Giovanni Bazoli - contano i fatti. E un fatto la cessione dell1,3% di Generali, che approfittando del rally borsistico garantir 82 milioni di plusvalenza, buoni per dare sostanza alle promesse sul dividendo 2013. Se il recupero delle quotazioni proseguisse sarebbe pi facile liquidare anche altre partecipate: Telco in fase di smontaggio, la holding di Zaleski sta per chiudere il terzo riassetto debitorio, Risanamento attende compratori esteri. Il nuovo vertice di Ca de Sass cercher di alleggerire il portafoglio, vincolando a criteri economici ogni partecipazione e introducendo nei modelli valutativi scenari di choc. Solo le quote che resistono a questi due test non saranno messe in discussione. I rapporti interni tra manager e fondazioni Lavvicendamento Cucchiani-Messina e la nuova agenda promossa dal nuovo ad saranno anche un banco di prova dei nuovi equilibri tra i manager, e tra loro e gli azionisti di peso. La semplificazione di strutture e marchi sul territorio fatta per non piacere a quegli enti che vi trovano supporti di residuo potere locale, su poltrone e crediti. I pi sensibili al vecchio campanilismo dovrebbero essere le fondazioni che hanno mantenuto una loro banca, tipo Bologna, Firenze, Rieti, Viterbo. Ma anche a Milano, dove operano i gran lombardi Bazoli e Guzzetti, non si sta del tutto tranquilli. Il passo falso su Cucchiani, che la componente torinese della banca cerca di addebitare a Bazoli (formalmente fu lui a sceglierlo) apre la via al ritorno della governance tradizionale retta dal cda. I tempi non saranno brevi: si tratta di capire se la scadenza naturale di met 2015 sar adeguata, o se avr la meglio chi tra le fondazioni vorrebbe abbreviare la fine del duale, convinto che stia alla banca di sistema come il cda unico alla banca nuova. In un tale scenario, il presidente del Cdg Gian Maria Gros-Pietro si muove gi con lautorevolezza del leader. Il lungo curriculum, i pubblici apprezzamenti e il sostegno della Compagnia Sanpaolo potrebbero valergli la futura presidenza unica. Il cortile interno di Ca de Sass, la sede di Intesa Sanpaolo a Milano UN VERTICE PER DUE il presidente di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli e lad Carlo Messina
(18 novembre 2013)

RIPRODUZIONE RISERVATA

SULLO STESSO ARGOMENTO La galassia di Intesa tutte le partecipazioni che Cucchiani vender 23 settembre 2013 Cucchiani in bilico ma si parla di Intesa-Mps di ANDREA GRECO 26 settembre 2013 Banca Marche al bivio: c' tempo fino a fine ottobre 27
settembre 2013

La squadra di Cucchiani largo ai giovani per crescere allestero 17 settembre 2012

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2013/11/18/news/intesa_il_terrem... 18/11/2013

Intesa, il terremoto di Messina le mosse per smantellare la banca di sistema e i suoi ...

Pagina 4 di 4

Intesa, Cucchiani ridisegna i territori 23 luglio 2012 Intesa, cautela per il 2012 La raccolta coperta dalle filiali
28 maggio 2012

Intesa Sanpaolo, dg Morelli lascia A Cucchiani interim per i Territori 16 luglio 2012

http://www.repubblica.it/economia/affari-e-finanza/2013/11/18/news/intesa_il_terrem... 18/11/2013