Sei sulla pagina 1di 90

ENRICO CORNELIO AGRIPPA. LA FILOSOFIA OCCULTA O LA MAGIA. Prima traduzione italiana di Alberto Fidi. LIBRO PRIMO. LA MAGIA NATURALE.

CAPITOLO I. In ue!ti tre libri !i mo!trer" in uale modo i Ma#$i ra%%ol#ano le &irt' del tri(li%e mondo. Come &)$anno tre !orta di mondi* l)Elementale* il Cele!te e l)intellettuale* e %ome o#ni %o!a in+eriore , #o&ernata dalla !ua !u(eriore e ne ri%e&e le in+luenze* in modo %$e l)Ar%$eti(o !te!!o e O(eratore !o&rano %i %omuni%a le &irt' della !ua onni(otenza a mezzo de#li an#eli* dei %ieli* delle !telle* de#li elementi* de#li animali* delle (iante* dei metalli e delle (ietre* %o!e tutte %reate (er e!!ere da noi u!ate- %o!.* non !enza +ondamento* i Ma#i %redono %$e noi (o!!iamo a#e&olmente ri!alire #li !te!!i #radini* (enetrare !u%%e!!i&amente in %ia!%uno di tali mondi e #iun#ere !ino al mondo ar%$eti(o animatore* %au!a (rima da %ui di(endono e (ro%edono tutte le %o!e* e #odere non !olo delle &irt' (o!!edute dalle %o!e (i' nobili* ma %on ui!tarne nuo&e (i' e++i%a%i. Per%i/ e!!i %er%ano !%o(rire le &irt' del mondo elementale a mezzo della Medi%ina e della Filo!o+ia naturale* !er&endo!i dei di++erenti mi!%u#li delle %o!e naturali e le %onnettono (oi alle &irt' %ele!ti attra&er!o i ra##i e le in+luenze a!trali e mer%0 le di!%i(line de#li A!trolo#$i e dei Matemati%i. Forti+i%ano in+ine e %on+ermano tutte ue!te %ono!%enze %on le !ante %erimonie della Reli#ione e %on la (otenza delle intelli#enze !u(eriori. In ue!ti miei tre libri io mi !+orzer/ di %omuni%are l)ordine ed il (ro%edimento di tutte ue!te %o!e. Il (rimo libro %onterr" la Ma#ia Naturale* il !e%ondo la Cele!te e il terzo la Cerimoniale. Non !o (er/ !e !i (otr" (erdonare ad un uomo %ome me* di in#e#no e %a(a%it" letterarie non e%%el!i* d)a&er o!ato a++rontare !in dalla mia adole!%enza un %om(ito %o!. di++i%ile e o!%uro. Per %on!e#uenza non (retendo %$e !i (re!ti +ede a uanto dir/ in mi!ura ma##iore di uella %$e non !ia (er e!!ere a((ro&ata dalla C$ie!a e dai !uoi +edeli !e#ua%i. CAPITOLO II. C$e %o!a !ia la Ma#ia* in al uante (arti !i di&ida e uali re ui!iti debba (o!!edere %$i la (ro+e!!a. La Ma#ia , una !%ienza (odero!a e mi!terio!a* %$e abbra%%ia la (ro+ondi!!ima %ontem(lazione delle %o!e (i' !e#rete* la loro natura* la (otenza* la ualit"* la !o!tanza* la &irt' e la %ono!%enza di tutta la natura- e %i in!e#na in uale modo le %o!e di++eri!%ano e !i a%%ordino tra loro* (rodu%endo (er%i/ i !uoi mirabili e++etti* unendo le &irt' delle %o!e %on la loro mutua a((li%azione e %on#iun#endo e di!(onendo le %o!e in+eriori (a!!i&e e

%on#ruenti %on le doti e &irt' !u(eriori. La Ma#ia , la &era !%ienza* la +ilo!o+ia (i' ele&ata e (er+etta* in una (arola la (er+ezione e il %om(imento di tutte le !%ienze naturali* (er%$0 tutta la +ilo!o+ia* re#olare Si di&ide in Fi!i%a* Matemati%a e Teolo#ia. La Fi!i%a %i !&ela. la e!!enza delle %o!e terrene* le loro %au!e* i loro e++etti* le loro !ta#ioni* le loro (ro(riet"* ne anatomizza le (arti e ri%er%a uanto (o!!o %on%orrere a renderle (er+ette* !e%ondo ue!ti interro#ati&i1 2uali elementi %om(on#ono le %o!e naturali3 2uale , l)e++etto del %alore* Co!a !ono la terra e l)aria e %o!a (rodu%ono3 2ual), l)ori#ine dei %ieli3 4a %$e di(endono le maree e l)ar%obaleno3 C$i (re!ta alle nubi il (otere di #enerare i +ulmini %$e +endono l)aria3 2ual), la +orza o%%ulta %$e +a errare (ei %ieli le %omete e +a entrare la terra in %on&ul!ione3 4onde tra##ono ori#ine le miniere d)oro e di +erro3 La Fi!i%a* %$e , la !%ienza !(e%ulati&a di tutte le %o!e naturali* ri!(onde a tutte ue!te domande. La Matemati%a (oi %i +a %ono!%ere le tre dimen!ioni della natura e %i +a %om(rendere il mo&imento e il %ammino dei %or(i %ele!ti. E* %ome di%e 5ir#ilio* .....(er%$0 il Sole #o&erni %oi dodi%i !e#ni il mondo* (er%$0 le Pleiadi e le due Or!e e tutte le altre !telle (er%orrano le &ie del %ielo* (er%$0 %i !ia dato &edere le e%li!!i di Sole e di Luna* (er%$0 il Sole tramonti (re!to d)in&erno e renda %o!. lun#$e le notti. 4i (i' la Matemati%a %i (ermette (re&edere i %ambiamenti del tem(o e %i +a %ono!%ere le !ta#ioni (i' (ro(izie alla !emina e al ra%%olto e uando !ia o((ortuno* %orrere i mari %on le na&i o abbattere #li alberi nelle +ore!te. La Teolo#ia %i +a %om(rendere %o!a , 4io* la mente* #li an#eli* le intelli#enze* i demoni* l)anima* il (en!iero* la reli#ione* i !a%ramenti le %erimonie* i tem(li* le +e!te e i mi!teri. E!!a tratta della +ede* dei mira%oli* della &irt' delle (arole e delle imma#ini* delle o(erazioni !e%rete e dei !e#ni mi!terio!i e* %ome di%e A(uleio* %i in!e#na le re#ole dei %erimoniali e uanto la Reli#ione %i ordina %i (ermette e %i &ieta. La Ma#ia ra%%$iude in !e ue!te tre !%ienze %o!. +e%onde di (rodi#i* le +onde in!ieme e le tradu%e in atto. Per%i/ a ra#ione #li anti%$i l)$anno !timata la !%ienza (i' !ublime e (i' de#na di &enerazione. Gli autori (i' %elebri &i !i !ono a((li%ati e l)$anno (o!ta in lu%e e tra e!!i !i !ono a!!ai di!tinti 6amol7i! e 6oroa!tro* %o!. da e!!er (oi re(utati da molti #l)in&entori di ue!ta !%ienza. Abbari!* C$armonda!* 4ami#eron* Eudo!!o* 8ermi((o $anno !e#uito le loro tra%%e* non%$0 altri illu!tri autori* +ra %ui %itiamo Tri!me#i!to Mer%urio. Por+iria* Giambli%o* Plotino* Pro%lo* 4ardano* Or+eo di Tra%ia* il #re%o Go#* Germa il babilone!e* A(ollonio di Tiana e O!t$ane* di %ui 4emo%rito Abderita $a %ommentato e (o!to in lu%e le o(ere %$e

erano !e(olte nell)oblio. 4i (i' Pita#ora* Em(edo%le* 4emo%rito* Platone* e altri !ommi +ilo!o+i* $anno %om(ito lun#$i &ia##i (er a((renderla e una &olta di ritorno in (atria $anno dimo!trato uanto la !tima!!ero e l)$anno tenuta na!%o!ta #elo!amente. Si !a an%$e %$e Pita#ora e Platone in&itarono (re!!o loro (er a((renderla !a%erdoti di Mem+i e %$e &i!itarono ua!i tutta la Siria* l)E#itto* la Giudea e le !%uole Caldea (er non i#norarne i #randi e mi!terio!i (rin%i(i e (er (o!!edere una tale !%ienza di&ina. Coloro dun ue %$e &orranno dedi%ar!i allo !tudio della Ma#ia* do&ranno %ono!%ere a +ondo la Fi!i%a* %$e ri&ela le (ro(riet" delle %o!e e le loro &irt' o%%ulte- do&ranno e!!er dotti in Matemati%a* (er !%rutare #li a!(etti e le imma#ini de#li a!tri* da %ui tra##ono ori#ine le (ro(riet" e le &irt' delle %o!e (i' ele&ate- e in+ine do&ranno intendere bene la Teolo#ia %$e d" la %ono!%enza delle !o!tanze immateriali %$e #o&ernano tutte %ote!te %o!e. Per%$0 non &i (u/ e!!er al%una o(era- (er+etta di Ma#ia* e ne((ure di &era Ma#ia* %$e non ra%%$iuda* tutte e tre ue!te +a%olt". CAPITOLO III. 4ei uattro elementi delle loro ualit" e della loro mutua me!%olanza. 5)$anno uattro elementi %$e %o!titui!%ono la ba!e di tutte le %o!e materiali* e %io, il +uo%o* la terra* l)a% ua e l)aria* %$e %om(on#ono tutte le %o!e terrene* non (er +u!ione* ma (er tra!mutazione e (er a##ru((amento e in %ui tutte le %o!e !i ri!ol&ono uando !i %orrom(ono. Ne!!uno di tali elementi !i tro&a allo !tato di (urezza- e!!i !ono (i' o meno amal#amati tra loro e !ono !u!%ettibili di tra!mutar!i l)un l)altro. Co!. la terra tra!mutando!i in +an#o e diluendo!i !i %an#ia in a% ua e una &olta !e%%ata e i!(e!!ita ritorna a e!!ere terra e e&a(orando!i (el %alore di&enta aria e ue!t)aria* !urri!%aldata* !i %ambia in +uo%o e ue!to +uo%o* una &olta !(ento* ridi&iene an%ora aria e ra++reddando!i an%ora (i' !i metamor+o!a in terra* in (ietra* o in zol+o* %ome a&&iene a e!em(io della +ol#ore. Platone %rede %$e la terra non !ia a++atto tra!mutabile e %$e #li altri elementi !ieno tra!mutabili in e!!a e tra loro re%i(ro%amente. Pertanto la terra non tra!mutata , !e(arata dalle %o!e (i' Sottili* ma , !%iolta e me!%olata in ue!te %$e la !%iol#ono e di nuo&o mi#ra in !, !te!!a. Cia!%un elemento $a due ualit" !(e%i+i%$e* di %ui la (rima #li , %aratteri!ti%a e in!%indibile e l)altra , tran!atti&a e %omune a un altro elemento. Co!. il +uo%o , %aldo e !e%%o* la terra , !e%%a e +redda* l)a% ua , +redda e umida e l)aria , umida e %alda. 2uando le due ualit" !ono tutte e due o((o!te* #li elementi !ono %ontrari +ra loro* %ome il +uo%o e l)a% ua* la terra e l)aria. 5), an%ora un)altra !(e%ie d)o((o!izione tra #li elementi* (er%$0 al%uni* la terra e l)a% ua* !ono (e!anti e altri* l)aria e il +uo%o* le##ieri. Per%i/ #li !toi%i %$iamano (a!!i&i i (rimi due elementi e atti&i #li altri due. 4i (i' Platone !tabili!%e un)altra di!tinzione e d" tre ualit" a %ia!%un elemento* o!!ia1 la %$iarezza* o (enetrazione* la rare+azione e il moto al +uo%o- l)ottu!it" la den!it" e l)immobilit" alla terra. E (er ue!te ualit" la terra e il +uo%o !ono %ontrari. Gli altri elementi (rendono da

ue!ti le loro ualit"1 l)aria in+atti (rende due ualit" dal +uo%o* la rare+azione e il moto* e una dalla terra* l)ottu!it"- in&e%e l)a% ua ne (rende due dalla terra* l)o!%urit" e lo !(e!!ore* e una dal +uo%o* il moto. Per/ il +uo%o , due &olte (i' rare+atto dell)aria* tre &olte (i' mobile e uattro &olte (i' atti&o- l)aria , due &olte (i' atti&a dell)a% ua* tre &olte (i' rare+atta e uattro &olte (i' mobile- l)a% ua , due &olte (i' atti&a della terra* tre &olte (i' rare+atta e uattro &olte (i' mobile. Co!. il +uo%o $a lo Ste!!o ra((orto %on l)aria* %$e l)aria %on l)a% ua e l)a% ua %on la terra e re%i(ro%amente la terra %on l)a% ua* l)a% ua %on l)aria e l)aria %ol +uo%o. E ue!ta , la radi%e ed il +ondamento di tutti i %or(i* nature* &irt' ed o(ere ammirabili. Per%i/ %$iun ue %ono!%er" le (ro(riet" de#li elementi e le loro me!%olanze* (otr" a#e&olmente o(erare (rodi#i e e%%ellere nella Ma#ia naturale. CAPITOLO I5. 4ei tre modi di&er!i di %on!iderare #li elementi. Per o(erare al%un%$0 di e++i%a%e in Ma#ia* o%%orrer" dun ue (o!!edere la %ono!%enza (er+etta dei uattro elementi indi%ati. Cia!%uno di tali elementi (o!!iede tre ualit" di++erenti- %o!.%%$0 il uaternario !i %om(leta nel duodenario e* (ro#redendo attra&er!o al !ettenario e al denario* #iun#e a uella !u(rema unit" da %ui deri&ano tutte le &irt' e tutte le mera&i#lie. Gli elementi del (rimo ordine !ono uelli (uri* non %om(o!ti* non tra!mutabili* non !u!%ettibili di me!%olanze e in%orruttibili e non da e!!i* ma (er e!!i* le &irt' delle %o!e naturali ri&elano i loro e++etti* (er%$0 (o!!ono tutto in tutto- e %olui %$e le i#nora non (otr" o(erare nulla di mera&i#lio!o. Gli elementi del !e%ondo ordine !ono %om(o!ti di++erenti e im(uri. Si (u/ (ertanto ridurli %on l)arte alla !em(li%it" e alla (urezza e uando !iano re!tituiti alla loro !em(li%it"* la loro &irt' , !o&ra o#ni %o!a e d" il %om(lemento di tutte le o(erazioni o%%ulte e della natura delle o(erazioni. E ue!ti !ono i +ondamenti di tutta la Ma#ia naturale. Gli elementi del terzo ordine non !ono elementi nella loro e!!enza e (er !e !te!!i* ma !ono de%om(o!ti* di!!imili* (ro&&i!ti di (i' !orta di ualit" e (o!!ono %ambiar!i re%i(ro%amente l)uno nell)altro. E!!i !ono un mezzo in+allibile e (er%i/ !i %$iamano la natura di mezzo* o l)anima della natura mediana. Po%$i ne intendono i (ro+ondi mi!teri- da e!!i di(ende* (er %erti numeri ordini e #radi* la (er+ezione d)o#ni e++etto- (er e!!i !i (o!!ono o(erare mera&i#lie in tutte le %o!e naturali %ele!ti e !u(er%ele!ti* non%$0 nella Ma#ia* tanto naturale %$e di&ina. Per%$0 (er e!!i Si %om(iono i le#ami* le di!!oluzioni e le tra!mutazioni di tutte le %o!e* !i (er&iene a %ono!%ere e (redire l)a&&enire* e da e!!i di!%ende lo !terminio dei %atti&i demoni e la %on%iliazione dei buoni !(iriti. Ne!!uno dun ue !)illuda di (oter o(erare al%un%$0 nelle !%ienze !e#rete ma#i%$e e naturali* !enza ue!te tre !(e%ie di elementi e !enza ben %ono!%erli. Ma %olui %$e !a(r" ridurli e tra!+ormarli l)uno nell)altro* #li

im(uri in (uri* i %om(o!ti in !em(li%i* e di!%ernerne la natura intima e la &irt' e (o!!anza in numero #rado e ordine* (er&err" a#e&olmente alla (er+etta %ono!%enza delle %o!e naturali e dei !e#reti %ele!ti. CAPITOLO 5. 4elle mirabili nature del +uo%o e della terra. Ermete di%e %$e (er ottenere e++etti mera&i#lio!i ba!tino il +uo%o e la terra* (a!!i&a ue!ta* atti&o uello. Il +uo%o* di%e 4ioni!io* a((are in tutte le %o!e e (er o#ni %o!a e non , in ne!!una %o!a a un tem(o* (er%$0 illumina tutto* (u/ re!tando o%%ulto e In&i!ibile uando e!i!te (er !0 !te!!o e non !i a%%om(a#na alla materia !ulla uale e!er%ita la !ua azione e (er mezzo della uale !i ri&ela. E!!o , immen!o e in&i!ibile* atto (er !ua &irt' alla (ro(ria azione* mobile* %a(a%e di %omuni%ar!i a uanto #li !i a&&i%ini- e!!o rinno&a le +orze e %on!er&a la natura* ri!%$iara* , in%om(ren!ibile (el +ul#ore %$e lo %ir%onda e %$e lo %o(re- e!!o , %$iaro* di&i!o* tendente a !alire* ele&ato !enza diminuzione* atto a muo&ere non a((ena , mo!!o- e!!o %om(rende #li altri elementi* re!tando in%om(ren!ibile* !enza a&er bi!o#no di al%uno di e!!i* , atto a %re!%ere (er (ro(ria &irt' e a %omuni%are la !ua #randezza a#li o##etti %$e riem(ie di !0- e!!o , atti&o* (odero!o* (re!ente in&i!ibilmente in o#ni %o!a- e!!o non &uol e!!ere ne#letto* e!!o ridu%e la materia* e!!o , im(al(abile e indiminuibile* uantun ue !i %omuni%$i (rodi#almente. Il +uo%o* di%e Plinio* , una (arte immen!a e illimitatamente atti&a delle %o!e naturali e non , a#e&ole #iudi%are !e !ia (i' +e%ondo nel (rodurre o (i' (o!!ente nel di!tru##ere. Il +uo%o (enetra o&un ue e (re!enta la (ro(riet"* indi%ata dai (ita#ori%i* di dilatar!i in alto e ri!%$iarare* di re!trin#er!i in ba!!o* do&e re!ta tenebro!o* e di (re!tare alla !ua (arte mediana un (o) di %ia!%una delle !ue (ro(riet". E!!o , uni%o nella !ua !(e%ie* a#i!%e in modo di&er!o !ui !o##etti a %ui !i %omuni%a e !i di!tribui!%e di++erentemente !ulle &arie %o!e* %ome Cleante dimo!tra in Ci%erone. Il +uo%o di %ui noi %i !er&iamo , latente in o#ni !o!tanza1 nella (ietra* da %ui !(rizza %ol !em(li%e %ol(o d)un martello* nella terra* %$e +umi#a o&e la !i +ru#$i- nell)a% ua* %$e ri!%alda le +ontane e i (ozzi- nell)aria* %$e %o!. di +re uente &ediamo in+iammar!i. E o#ni e!!ere &i&ente e o#ni animale e o#ni (ianta !i nutrirono di %alore e uanto &i&e* non &i&e %$e (er il +uo%o %$e ra%%$iude. Le (ro(riet" del +uo%o !u(erno !ono il %alore %$e +e%onda tutte le %o!e e la lu%e %$e a tutto d" &ita. Le (ro(riet" del +uo%o terreno !ono l)ardore %$e tutto %on!uma e l)o!%urit" %$e tutto I!terili!%e. Ma il +uo%o %ele!te e lumino!o +u#a #li !(iriti delle tenebre e im(re#na il no!tro +uo%o terreno della !ua e!!enza e di uella di %olui %$e di!!e1 9 Io !ono la lu%e del mondo 9 e %$e , il &ero +uo%o e il (adre d)o#ni lu%e* da %ui noi abbiamo tutto ri%e&uto* %$e , di!%e!o a ri!(andere in terra il +ul#ore del !uo +uo%o e %$e l)$a %omuni%ato (rima al !ole e a#li altri %or(i %ele!ti* in+luenzandoli delle !ue (ro(riet". Co!.* %ome #li S(iriti delle tenebre !ono (i' +orti in mezzo alle tenebre intere* #li !(iriti beni#ni* %$e !ono #li an#eli della lu%e* di&entano (i' +orti non

!olo nella lu%e di&ina !olare o %ele!te* ma benan%o +ra uella deri&ata dal no!tro +uo%o terreno. Per tale moti&o %oloro %$e (rimi $anno trattato di %o!e di reli#ione e di %erimonie* $anno !tabilito %$e non debbano (rati%ar!i orazioni* !almodie* ne al%una !orta di %erimonia* !enza a&ere in (rimo luo#o a%%e!o ual%$e %ero :nello !te!!o modo Pita#ora $a detto non do&er!i (arlare di 4io !enza a&er lu%e; e $anno &oluto %$e !i tene!!ero %eri e +uo%$i a%%e!i (re!!o i %ada&eri (er allontanarne #li !(iriti mali#ni. E l)Onni(o!!ente !te!!o &ole&a* nell)anti%a Le##e* %$e tutti i !a%ri+i%i #li &eni!!ero o++erti %ol +uo%o e %$e il +uo%o bru%ia!!e (erennemente !ull)altare* %ome le 5e!tali del re!to (rati%a&ano (re!!o i Romani* %on!er&andolo e &i#ilandolo di %ontinuo. Per/ la ba!e d)o#ni elemento , la terra* %$e , l)o##etto* il !o##etto e il ri%etta%olo di tutti i ra##i e di tutte le in+luenze %ele!ti. E!!a ra%%$iude le !emenze d)o#ni %o!a e %ontiene tutte le &irt' !eminali* il %$e l)$a +atta %$iamare animale &e#etale e minerale* (er%$0 una &olta +e%ondata da#li altri elementi e dai %ieli* , %a(a%e di (er !0 !te!!a di #enerare o#ni %o!a. E!!a , !u!%ettibile d)o#ni !orta di +e%ondit" e* %ome la (rima madre* %a(a%e di e!!ere il (unto di (artenza d)un a%%re!%imento illimitato d)o#ni %o!a* in modo %$e , il +ondamento il %entro e la madre di tutto. Per uanti !e#reti naturali &oi (o!!iate %ar(irle* (ur%$0 le !ia %on%e!!o di ri!torare le !ue +orze e di re!tare e!(o!ta all)aria* e!!a non tarda a ridi&entare +ertile e +e%onda !otto #l)in+lu!!i a!trali e (rodu%e da !ola (iante* &ermi* animali* (ietre e metalli. E una &olta (uri+i%ata dal +uo%o* %$e le rende la &e%%$ia !em(li%it" e (urezza* rinno&ella ine!auribile i !uoi (ro+ondi !e%reti* %o!. %$e re!ta la materia (rima della no!tra %reazione il &ero rimedio (er la no!tra re!taurazione e %on!er&azione. CAPITOLO 5I. 4elle mirabili nature dell)a% ua dell)aria e dei &enti. Gli altri due elementi* l)a% ua e l)aria* non !ono meno (o!!enti e la natura non %e!!a di o(erare (er e!!i e++etti mirabili. L)a% ua , tanto ne%e!!aria %$e ne!!un animale (u/ &i&ere !enza di e!!a* e ne!!una erba o (ianta (u/ !(untare !e l)a% ua non la irrora. E!!a rin!erra la &irt' !eminale d)o#ni %o!a* non e!%lu!i #li animali di %ui il !eme , a% uo!o in modo e&idente* ne le +rutta e le erbe* (er%$0 uantun ue le loro !ementi !ieno terre!tri* non (otrebbero %erto di&enire +e%onde* !e l)a% ua non le inumidi!!e* !ia %on l)imbe&er!i dell)umidit" della terra* della ru#iada* o della (io##ia* !ia %on l)inna++iarle e!(re!!amente. Mo!, di%e %$e !olo la terra e l)a% ua !ono %a(a%i di (rodurre la &ita e attribui!%e all)a% ua la +a%olt" di #enerare i (e!%i e i &olatili. An%$e la S%rittura %on+erma %$e l)a% ua (rende (arte alla (roduzione della terra* %$iedendo1 9(er%$0 #li alberi e le (iante non danno +rutto3 Per%$0 4io non a&e&a an%ora +atto (io&ere !ulla terra9. La (otenza dell)a% ua , tanto #rande* %$e !enza di e!!a , im(o!!ibile o#ni rina!%ita !(irituale* %ome Cri!to !te!!o $a te!timoniato %on le !ue (arole a Ni%odemo. I !uoi e++etti !ono an%$e rile&anti nelle e!(iazioni e nelle (uri+i%azioni* in %ui non , meno utile del +umo e tutto uanto in natura $a il (otere di #enerare* di nutrire e di +ar %re!%ere* trae le !ue &irt' da ue!to elemento. Per%i/ Talete Mile!io e E!iodo l)$anno (ro%lamata il (rin%i(io

d)o#ni %o!a* il (i' anti%o e il (i' (o!!ente de#li elementi* uello %$e $a il (redominio !u#li altri* (er%$0* %ome di%e Plinio* l)a% ua in#$iotte la terra* !(e#ne il +uo%o* !i ele&a nell)aria* in +orma di nube !i rende (adrona del %ielo e ri!ol&endo!i in (io##ia +a na!%ere tutto %i/ %$e (rodu%e la terra. Plinio e molti altri !tori%i $anno de!%ritto un)in+init" di mera&i#lie dell)a% ua e an%$e O&idio ne menziona le &irt'1 Per%$0 l)a% ua del +iume 8ammon , #elata a mezzod. e %alda al mattino e alla !era3 Si di%e %$e le a% ue dell)At$amante !ieno %a(a%i d)in%endiare il bo!%o* uando la luna !ia nuo&a. 5)$a (re!!o i Ci%onii un +iume* le %ui a% ue induri!%ono %ome (ietre #l)inte!tini di %$i le abbia be&ute e rendono !imili al marmo #li o##etti %$e &i !iano !tati immer!i. Lun#o le %o!te di Sibari &)$anno a% ue %a(a%i di dare ai %a(elli il %olore dell)ambra e dell)oro e* %o!a (i' !or(rendente* altre %a(a%i di %ambiare non !olo il %or(o ma an%$e l)anima. C$i non $a udito (arlare delle a% ue di Salma! e dei la#$i d)Etio(ia3 C$i abbia be&uto di tali a% ue* di&enta +reneti%o o %ade in letar#o. Le a% ue della +onte Clitoria +anno (rendere in a&&er!ione il &ino. In&e%e uelle del +iume L<n%e!te inebriano %ome il &ino (i' #enero!o. 5)$a in Ar%adia il la#o Feneo* di %ui le a% ue !ono inno%ue be&ute durante il #iorno e danno!e !e be&ute di notte. Giu!e((e (arla d)un %erto +iume !ito tra Ar%ea e Ra($anea* %itt" della Siria* %$e !trari(a la domeni%a e di&enta a!%iutto durante #li altri !ei #iorni della !ettimana* %ome !e le !ue !or#enti &eni!!ero a un tratto a inaridir!i* (er abbondare an%ora di a% ue nel !ettimo #iorno. Le Sante S%ritture menzionano la (i!%ina di Geru!alemme* nella uale %olui %$e di!%ende&a (er (rimo do(o %$e l)an#elo ne a&e&a turbato le a% ue* #uari&a d)o#ni malanno. La !te!!a &irt' !i narra a&e!!e una +onte dedi%ata alle Nin+e Ioni%$e nei (re!!i del &illa##io d)Era%lea* lun#o le ri&e del +iume C<t$erone. Pau!ania ra%%onta %$e &)$a una +ontana !ul monte L<%aeu!* in Ar%adia* %$iamata A#ria* a %ui !i rende&a do(o i !a%ri+i%i il mini!tro di Gio&e in tem(i di !i%%it". Immer#endo allora nelle !ue a% ue un ramo di %a!ta#no e a#itandole* !i ele&a&ano dalla +onte !(e!!i &a(ori %$e non tarda&ano a %onden!ar!i in nubi a %o(rirne il %ielo e al ri!ol&er!i in (io##ia abbondante e bene+i%a. Fra molti altri autori* %iteremo altre!. Ru+u!* medi%o d)E+e!o* %$e $a !%ritto %o!e !or(rendenti !ulle mera&i#lie delle a% ue e %$e* a mia* %o#nizione* non !i tro&ano in ne!!un altro autore. Re!ta ora da (arlare dell)aria* %$e , uno !(irito &itale %$e (enetra o#ni e!!ere e tutti li +a &i&ere* a#itando tutto e tutto riem(iendo di !e. Per%i/ i dottori ebrei non la %la!!i+i%ano tra #li elementi* ma la #iudi%ano un le#ame tra i di++erenti e!!eri e una e!!enza %$e toni+i%a #l)in#rana##i della natura. L)aria , la (rima a ri%e&ere le in+luenze %ele!ti* %$e (oi %omuni%a a#li altri elementi !em(li%i e a uelli mi!ti- e!!a ri%e&e altre!.* %ome uno !(e%%$io di&ino* le im(re!!ioni di tutte le %o!e* naturali e %ele!ti* non e!%lu!e le (arole e i di!%or!i* !e ne im(re#na e a mi!ura %$e (enetra nei %or(i de#li uomini e de#li animali* +orni!%e loro materia (ei !o#ni* (ei (re!a#i e (er #li au#uri. Per%i/ a%%ade %$e %oloro %$e (a!!ino (er i luo#$i o&e !ia !tato u%%i!o un uomo* o interrato di +re!%o un %ada&ere* !i !entano in&adere dal timore o dallo !(a&ento. Per%$0 l)aria in %ote!ti luo#$i !), im(re#nata de#li e++lu&i delittuo!i* o delle emanazioni %ada&eri%$e* e di&enta #eneratri%e di terrore. Tutto %i/ %$e a#i!%e (rontamente e (rodu%e una im(re!!ione &iolenta* %ommuo&e

la natura e (er tale +enomeno molti +ilo!o+i $anno ritenuto l)aria la %au!a dei !o#ni e in #enere d)o#ni im(re!!ione !(irituale. L)aria !i %ari%a delle ra!!omi#lianze (ro&enienti da#li o##etti e dalle (arole* %$e !i ri&erberano (er i !en!i !ino all)imma#inazione e all)anima di %$i le ri%e&e (el tramite dell)e(idermide* di!(o!ta a((unto %o!. da (oter e!!ere un buon mezzo ri%etti&o. 4i (i' l)aria re!ta in+luenzata dalle emanazioni a!trali* ri!entite (i' o meno dai di++erenti !o##etti* a !e%onda della di!(o!izione naturale. In tal modo un uomo (u/* in modo naturale e !enza il !%or!o d)al%un altro S(irito* %omuni%are a un altro uomo il (ro(rio (en!iero* (er uanto #rande !ia la di!tanza %$e inter%orra +ra loro* e in meno di un #iorno* ben%$0 non !i (o!!a (re%i!are il tem(o o%%orrente alla %omuni%azione. E) %o!a %$e $o &i!to +are e %$e $o +atto io !(e!!o e %$e #i" +u +atta dall)abate Tritemio. Plotino %)in!e#na an%$e il modo %on %ui #li o##etti* !ia !(irituali %$e %or(orali* (rodu%ono %erte emanazioni* (er e!em(io (er in+luenza dei %or(i !ui %or(i* e %ome tali emanazioni !i +orti+i%$ino nell)aria e !i (re!entino e !i mo!trino ai no!tri !en!i e ai no!tri o%%$i* tanto (er mezzo della lu%e %$e del moto. Co!. noi &ediamo* uando !(ira il &ento del mezzo#iorno* l)aria %onden!ar!i in lie&i nubi in %ui* %ome in uno !(e%%$io* !i ri+lettono imma#ini lontani!!ime di %a!telli* di monta#ne* di %a&alli e d)uomini* imma#ini %$e !&ani!%ono a mi!ura %$e le nubi !i di!(erdono nella lontananza. Ri#uardo alle meteore* Ari!totile dimo!tra %$e l)ar%obaleno !i +orma (er ri&erbero !u una nu&ola* in ual%$e modo %ome in uno !(e%%$io. E Alberto il Grande di%e %$e le imma#ini dei %or(i (o!!ono +ormar!i +a%ilmente nell)aria %$e , umida* nel modo i!te!!o %$e le imma#ini delle %o!e !ono nelle %o!e. Ra%%onta altre!. Ari!totile d)un uomo* debole di &i!ta* a %ui l)aria !er&i&a da !(e%%$io- il !uo ra##io &irtuale !i ri+lette&a !o(ra lui* !enza %$)e#li #iun#e!!e a render!i %onto del +enomeno* e #li !embra&a !%or#ere la (ro(ria ombra (re%ederlo. Nello !te!!o modo !i (o!ano tra!mettere nell)aria o#ni !orta di imma#ini* (er uanto lontane* a mezzo di %erti !(e%%$i e +uori di ue!ti !(e%%$i* imma#ini %$e da#li i#noranti !ono re(utate +i#ure di demoni o di !(iriti* abben%$0 non !ieno in e++etti %$e imma#ini inanimate di %o!e &i%ine. E) an%$e noto %$e (rati%ando in un luo#o o!%uro un (i%%olo +orellino attra&er!o al uale (o!!a +iltrare un ra##io di !ole* e !otto(onendo al +a!%io lumino!o un +o#lio di %arta bian%a* o uno !(e%%$io* !i rende &i!ibile !ul +o#lio o !ullo !(e%%$io uanto a&&iene all)e!terno. E++etto an%ora (i' mera&i#lio!o * !ebbene noto a (o%$i* !i ottiene di(in#endo un)imma#ine o !%ri&endo (arole e e!(onendole di notte* %on tem(o !ereno e %on la luna (iena* ai ra##i della luna. Le imma#ini* molti(li%ate!i nell)aria* tratte in alto e ri+le!!e in!ieme ai ra##i lunari* !aranno attra&er!o #randi di!tanze da un altro %on!%io della %o!a &edute lette e %ono!%iute nel di!%o o %ir%olo della luna- il uale arti+i%io , utili!!imo (er %omuni%are Se%reti alle %itt" e (ae!i a!!ediati e una &olta era (rati%ato da Pita#ora* ed an%ora o##i da al%uni* e (arimente a me non , i#noto. Tutti ue!ti +enomeni* non%$0 altri an%ora (i' %on!idere&oli* ri(o!ano !ulla natura dell)aria e deri&ano le loro a((li%azioni dalla Matemati%a e dall)otti%a. E non !olo tali ri+le!!ioni im(re!!ionano la &i!ta* ma benan%o l)udito* %om), dimo!trato dall)e%o* e &)$anno !e#reti mer%0 i uali un uomo (u/ udire uanto , detto da un altro* an%$e di na!%o!to. L)aria ori#ina i &enti* %$e non !ono %$e aria %ommo!!a e e%%itata* e di %ui i

(rin%i(ali* %$e !(irano dai uattro an#oli del %ielo* !ono uattro1 Noto dal mezzodi* Borea dal !ettentrione* 6e+iro dall)o%%idente e Euro dall)oriente* %o!. (re!entati nei !e#uenti due &er!i di Pontanu!1 A !ummo Borea!* Notu! imo !(irat Ol<m(o. O%%a!um in!edit 6e($<ru!* &enit Euru! ab ortu. Noto , nebulo!o e umido* %aldo e malati%%io e San Girolamo lo %$iama datore di (io##ie. O&idio %o!. lo de!%ri&e1 Il &ento Noto !(i%%a il &olo %on ali umide* %o(rendo!i il &olto* terribile d)o!%urit"* %ome d)una ma!%$era di (e%e. La +olta !ua barba la!%ia #o%%iolare l)a% ua lun#o i +ili d)ar#ento. Le nubi !)indu#iano !ulla !ua +ronte. 4alle ali e dal !eno la!%ia %adere a% ua. Ma Borea* il &ento del !ettentrione* &iolento e rumoro!o* !%a%%ia le nubi* ra++rena l)aria e +a #elare l)a% ua. O&idio lo +a %o!. (arlare di !e1 Io $o una mia (o!!anza (er la uale +o tremare e +u#o le nubi tri!ti* %$e mi !ono !omme!!e. Io atterro #li alberi* %onden!o i &a(ori e %o(ro la terra di #$ia%%io. Io !on !em(re lo !te!!o uando in%ontro #li altri &enti !otto la &olta dei %ieli* %$e , il mio (ianoro- io mi batto %o!. &i#oro!amente* %$e l)aria %$e di&ide i no!tri %or(i ne rimbomba e %$e !(rizzano !%intille dal %a&o delle nubi. 2uando io !ono rientrato e me ne !to %$iu!o nel +ondo de#li antri della terra* i mani !e ne !tanno in uieti e la terra !u!!ulta. 6e+iro* %$iamato an%$e Fa&onio* , un &ento le##eri!!imo %$e !o++ia dall)o%%idente ed , dol%e +reddo e umido. Raddol%i!%e i ri#ori in&ernali e (rodu%e tutte le erbe e tutti i +iori. Euro* %$e #li , %ontrario e %$e !i %$iama altre!. Sub!olare ed A(oleote dall)Oriente* , un &ento a% uo!o* nebulo!o e di&orante. O&idio (arla %o!. di tutti ue!ti &enti1 Euru! ad Auroram* Naba$ae ue re#na re%e!!it* Per+ida ue* radii! +u#a !ubdita matutini!. 5e!(er et o%%iduo uae littora !ole te(e!%unt* Pro7ima !unt 6e($<ro. S%<t$iam !e(tem ue trione! 8orri+er in&a!it Borea! %ontraria tellu! Nubibu! a!!idui!* (lu&io ue made!%it ab Au!tro.

CAPITOLO 5II. 4ei %or(i %om(o!ti dei loro ra((orti %on #li elementi e dei

ra((orti +ra #li elementi e l)anima* i !en!i e i %o!tumi. Ai uattro elementi !em(li%i !u%%edono immediatamente i uattro %or(i %om(o!ti (er+etti* %io, le (ietre* i metalli* le (iante e #li animali e uantun ue tutti #li elementi %on%orrano alla %om(o!izione di %ia!%uno di ue!ti %or(i* %ia!%un %or(o , ma##iormente in+luenzato da un dato elemento. In+atti le (ietre (ro&en#ono dalla terra* e!!endo (e!anti e tendendo al ba!!o e %o!. im(re#nate di !e%%$ezza %$), im(o!!ibile li ue+arle. I metalli !ono a% uo!i e +u!ibili e* %om), ri%ono!%iuto dai +i!i%i e dai %$imi%i* !ono #enerati da un)a% ua den!a e &i!%$io!a o dal mer%urio %$e an%$e e!!o , a% uo!o. Le (iante $anno tali ra((orti %on l)aria* %$e non (otrebbero !(untare e !&ilu((ar!i %$e in (iena aria. Tutti #li animali in+ine tra##ono la loro +orza dal +uo%o e la loro ori#ine dal %ielo e il +uo%o , tanto naturale in e!!i* %$e non (otrebbero &i&ere !enza. Cia!%uno di ue!ti %or(i , (oi %ontraddi!tinto dalle di&er!e ualit" de#li elementi. Co!.* +ra le (ietre* uelle o!%ure e (i' (e!anti deri&ano dalla terra- uelle tra!(arenti (ro&en#ono dall)a% ua e %itiamo +ra ue!te il uarzo* il berillo e le (erle- uelle %$e #alle##iano !ull)a% ua e !ono !(u#no!e* %ome la (ietra (omi%e e il tu+o* !ono materiate di aria- e al%une* %ome la (irite l)a!be!to e la (ietra +o%aia* !ono %om(o!te di +uo%o. An%$e tra i metalli* al%uno* %ome il (iombo e l)ar#ento* , %om(o!to di terra* altri* %ome il mer%urio* d)a% ua e %o!. (ure il rame e lo !ta#no deri&ano dall)aria e l)oro e il +erro dal +uo%o. Nelle (iante le radi%i tra##ono ori#ine dalla terra (el loro !(e!!ore* le +o#lie dall)a% ua (el !u%%o* i +iori dall)aria (er la !otti#liezza* le !ementi dal +uo%o (er lo !(irito #enerati&o. Inoltre &e n)$anno di %alde* di +redde* di umide e di !e%%$e* %$e (rendono i loro nomi dalle ualit" de#li elementi. Fra #li animali al%uni !ono dominati dalla terra e &i !)annidano* i &ermi* ad e!em(io* e le tal(e- altri* i (e!%i* dall)a% ua- altri* #li u%%elli* dall)aria- altri dal +uo%o* %ome le !alamandre e le %i%ale* non%$0 i (i%%ioni lo !truzzo ed i leoni* %$e !on (ieni di %alore e %$e il !a##io %$iama be!tie dall)alito in+uo%ato. 4i (i' ne#li animali le o!!a $anno ra((orto %on la terra* la %arne %on l)aria* lo !(irito &itale %ol +uo%o e #li umori %on l)a% ua. E la %ollera , %ome il +uo%o* il !an#ue %ome l)aria* la (ituita %ome l)a% ua* la bile %ome la terra. In+ine nell)anima* !e%ondo il (arere di Sant)A#o!tino* l)intelletto , !imile al +uo%o* la ra#ione all)aria* l)imma#inazione all)a% ua e i !entimenti alla terra. La !te!!a di!(o!izione !i o!!er&a nei !en!i* (er%$0 la &i!ta* %$e , atti&a mer%0 la lu%e %$e deri&a dal +uo%o* (arte%i(a del +uo%o- l)udito dell)aria* il !uono (ro&enendo dalla (er%u!!ione dell)aria- l)odorato e il #u!to dell)a% ua* !enza la %ui umidit" non (otrebbero e!i!tere i !a(ori e #li odori- e il tatto , a++atto terre!tre e !i ri+eri!%e (re%i(uamente ai %or(i (i' !(e!!i. 2ue!ta analo#ia non man%a nean%$e ne#li atti umani* (er%$0 il moto tardo e #ra&e $a della terra- il timore la lentezza e la (i#rizia $anno ra((orto %on l)a% uala #aiezza e l)amabilit" %on l)aria- e l)im(eto e l)ira ra!!omi#liano al +uo%o. Gli elementi dun ue (rime##iano in tutte le %o!e e in tutti #li e!!eri* ne %o!titui!%ono l)intera %om(o!izione e le (ro(riet" e %omuni%ano loro le (ro(rie &irt'.

CAPITOLO 5III. 4ella maniera %on %ui #li elementi !i ritro&ano nei %ieli* ne#li a!tri* nei demoni* ne#li an#eli e in 4io !te!!o. E) o(inione %omune +ra i (latoni%i %$e %ome nel mondo ar%$eti(o tutto !i tro&i in tutte le %o!e* lo !te!!o a&&en#a nel mondo %or(orale* %on la !ola di++erenza %$e &i !i tro&a in modo di&er!o* a !e%onda %io, la di++erente natura dei !o##etti %$e ri%e&ono le in+luenze o le im(re!!ioni. Co!. #li Elementi !ono non !olo in tutte le %o!e terrene* ma an%$e nei %ieli* nelle Stelle* nei demoni* ne#li an#eli e in 4io Ste!!o* %$e , il %reatore e l)animatore di tutte le %o!e. Ma !e #li elementi !)in%ontrano in ue!to mondo in+eriore !otto +orme #ro!!olane e materializzate* nei %ieli in&e%e !ono allo !tato di (urezza e in tutta la loro (otenza. Co!. la !olidit" della terra non a&r" nulla di #ro!!olano e di materiale* l)a#ilit" dell)aria non !ar" &elata da al%una nebulo!it"* il %alore del +uo%o non a&r" ardori* ma !olo !(lendori e &i&i+i%azioni. Tra #li a!tri Marte e il Sole (arte%i(ano del +uo%o* Gio&e e 5enere dell)aria* Saturno e Mer%urio dell)a% ua e uelli dell)otta&o %ielo della terra* %o!. %ome la Luna :%$e altri non(ertanto %redono e!!ere %om(o!ta d)a% ua*; (er la ra#ione %$e a !imi#lianza della terra attrae le a% ue %ele!ti e imbe&uta di e!!e %e le tra!mette e %omuni%a (er la !ua &i%inanza. Tra le %o!tellazioni al%une !ono dominate dal +uo%o* altre dall)aria* dalla terra e dall)a% ua* (er%$0 #li elementi #o&ernano i %ieli e &i di!tribui!%ono le loro uattro ualit" !e%ondo i loro tre ordini di++erenti e il (rin%i(io il mezzo e la +ine di %ia!%uno di e!!i. Co!. l)Ariete (rende il !uo (rin%i(io dal +uo%o* il Leone il !uo (ro#redire e il !uo a%%re!%imento* il Sa#ittario la !ua +ine- il Toro trae il !olo (rin%i(io dalla terra* la 5er#ine il !uo (ro#re!!o* il Ca(ri%orno la !ua +ine- i Gemelli (rendono il loro (rin%i(io dall)aria* la Bilan%ia il (ro#re!!o* l)A% uario la +ine- il Can%ro (rende il (rin%i(io dall)a% ua* lo S%or(ione il !uo (ro#re!!o* i Pe!%i la +ine. Gli elementi +ormano dun ue e %om(on#ono %on la loro me!%olanza tutti i %or(i* non e!%lu!i i (ianeti e i !e#ni zodia%ali. Lo !te!!o di%a!i de#li !(iriti* di %ui al%uni ra!!omi#liano al +uo%o o alla terra e altri all)aria o all)a% ua* e lo !te!!o , detto da al%uni dei uattro +iumi in+ernali* di %ui Fle#etonte (arte%i(a del +uo%o* Co%ito dell)aria* Sti#e dell)a% ua e A%$eronte della terra. La Santa S%rittura (arla del +uo%o %$e !o++rono i dannati e l)A(o%ali!!e menziona uno !ta#no di +uo%o. I!aia di%e %$e i dannati !aranno (er%o!!i da 4io %on aria %orrotta* Giobbe di%e %$e dal tormento delle a% ue #elate (a!!eranno a uello d)un e!tremo %alore e %$e &)$a una terra di tenebre e di !o++erenze %o(erta dall)o!%urit" della morte. Gli elementi !i tro&ano e#ualmente in tutto %i/ %$e a((artiene al %ielo. 4e#li an#eli* %$e !ono i !aldi !#abelli del Si#nore* !)in%ontrano la !tabilit" dell)e!!enza e la +orza della terra* unita alla %lemenza e all)amore* %$e !ono le &irt' dell)a% ua (uri+i%atri%e. Per%i/

il Salmi!ta li %$iama le a% ue* uando di%e a 4io1 5oi %$e #o&ernate le a% ue %$e !tanno al di!o(ra dei %ieli. E in e!!i &)$a l)aria d)una intelli#enza !ublimata e l)amore del +uo%o %$e brilla* %o!. %$e le Sante S%ritture li %$iamano le ali dei &enti e il Salmi!ta* +a%endo altro&e menzione di e!!i* di%e1 Tu %$e +ai !(iriti #li an#eli tuoi e +uo%o ardente i tuoi mini!tri. Fra #li an#eli al%uni (arte%i(ano della natura del +uo%o e !ono i Sera+ini* le 5irt' e le Potenze- i C$erubini (arte%i(ano della terra* i Troni e #li Ar%an#eli dell)a% ua* le 4ominazioni e i Prin%i(ati dell)aria. E del Su(remo Fattore non , +or!e detto %$e la terra !)a(ra e #eneri il Sal&atore e non , e#li %$iamato nelle Sante S%ritture !or#ente di a% ua &i&a* (ari+i%ante e ri#eneratri%e* e !o++io &itale3 Mo!, e San Paolo non di%ono an%$e %$e e#li , un +uo%o di&orante3 Ne!!uno (u/ dun ue ne#are %$e #li elementi non !i tro&ino o&un ue e in (rimo luo#o in tutte le %o!e di ue!to mondo in+eriore* !ebbene im(uri e #ro!!olani* non%$0 nelle %o!e %ele!ti in %ui !)in%ontrano (i' (uri e (i' nitidi e in+ine in %i/ %$e , al di!o(ra dei %ieli allo !tato della (er+ezione a!!oluta. Gli elementi dun ue !ono1 nell)ar%$eti(o le idee di tutto %i/ %$e !i (rodu%e* nelle intelli#enze le (otenze* nei %ieli le &irt' e !ulla terra le +orme (i' %ra!!e.

CAPITOLO I=. In %$e modo i (oteri delle %o!e naturali di(endano immediatamente da#li elementi. Al%uni dei (oteri naturali* %ome uelli di ri!%aldare* di ra++reddare* d)inumidire e di !e%%are* !ono (uramente elementari e !i %$iamano o(erazioni (rimordiali o ualit" %$e !e#uono l)atto* (er%$0 di (er !e !te!!i !on %a(a%i di tra!+ormare la !o!tanza di tutte le %o!e* il %$e ne!!un altra ualit" !a(rebbe +are. Altri ri!iedono nelle %o!e* (ro&en#ono da#li elementi %$e li %om(on#ono e (o!!iedono ma##iori atti&it" delle &irt' (rimordiali* %ome uelli %$e maturano* %$e +anno di#erire* %$e ri!ol&ono* %$e rammolli!%ono* %$e indurirono* %$e deter#ono* %orrodono* bru%iano* %$e !ono a(eriti&i* e&a(orati&i* %on+ortanti* leniti&i* %om(re!!i&i* attratti&i* dilatanti e &ia di%endo. Cia!%una ualit" elementare %om(ie* una &olta amal#amata* (i' o(erazioni %$e non (otrebbe %om(iere rimanendo i!olata e ue!te o(erazioni !i %$iamano ualit" !e%ondarie* !em(re !e%ondo la natura e in (ro(orzione del mi!%u#lio delle &irt' (rimordiali* %ome &iene trattato am(iamente nei libri di medi%ina. I %ambiamenti %$e !i o(erano nella !o!tanza della materia* !ono %au!ati !ia dal %alore naturale %$e dal +reddo. Talora ue!te o(erazioni !i %om(iono !o(ra un membro determinato* %ome uelle %$e (ro&o%ano le orine* o il latte* o i me!trui nella donna* e ue!te ualit" !i %$iamano terze e !e#uono le !e%onde %ome le !e%onde !e#uono le (rime. Per%i/ &)$anno malattie %au!ate %o!. dalle (rime %$e dalle !e%onde e terze ualit"* le uali !i #uari!%ono %on ue!te ualit" !te!!e. 5)$anno an%$e molte %o!e !tu(e+a%enti* %$e !i (o!!ono +are arti+i%ialmente

%ome il +uo%o %$e !tral%ia l)a% ua* %$iamato +uo%o #re%o* di %ui Ari!totile %i $a la!%iato di&er!e ri%ette nel trattato (arti%olare %$e ne $a %om(o!to. Nello !te!!o modo !i (u/ (re(arare un +uo%o %$e !i !(e#ne %on l)olio e %$e !i a%%ende %on l)a% ua +redda* +uo%o %$iamato a% ua ardente* di %ui la (re(arazione , ben %ono!%iuta e %$e non %on!uma %$e !0 !te!!o- e !i +anno +uo%$i %$e non !i !(en#ono* oli in%ombu!tibili* lam(ade (er(etue %$e non (o!!ono e!!ere !(ente ne dal &ento n0 dall)a% ua* Co!a a++atto in%redibile !e non &i +o!!e la te!timonianza di uella +amo!a lam(ada a%%e!a una &olta nel tem(io di 5enere* nella uale bru%ia la (ietra a!be!to* %$e non (u/ (i' !(e#ner!i una &olta a%%e!a. Al %ontrario !i (u/ (re(arare il le#no* o ualun ue altra %o!a %ombu!tibile* in modo %$e non (o!!a e!!ere atta%%ato dal +uo%o- alle!tire mi!%ele %$e %on!entano di !trin#ere im(unemente +ra le mani il +erro ro&ente o d)immer#ere le mani entro un metallo +u!o e (er+ino di (a!!are attra&er!o il +uo%o !enza (eri%olo di !orta. In+ine &i , una !(e%ie di lino %$iamato da Plinio a!be!tum* %$e , a!!olutamente re+rattario all)azione del +uo%o e Ana7ilao di%e %$e l)albero %$e ne !ia a&&ilu((ato* (u/ e!!ere abbattuto* !enza %$e !ia (o!!ibile (er%e(ire al%un rumore.

CAPITOLO =. 4ei (oteri o%%ulti delle %o!e. Oltre i %itati* le %o!e ra%%$iudono altri (oteri non deri&ati da#li elementi* uali il neutralizzare l)e++etto d)un &eleno* il %ombattere #li antra%i* l)attirare il +erro e altri. Tali (oteri deri&ano dalla !(e%ie e dalla +orma delle %o!e %i/ %$e +a !. %$e le (i%%ole uantit" non (rodu%ono !em(re (i%%oli e++etti %ome a&&iene (er la ualit" d)un elemento* (er%$0 tali (oteri e!!endo +ormali (o!!ono (rodurre #randi e++etti %on (o%a materia* mentre le ualit" elementari* (er a#ire molto* ri%$iedono molta materia. E !i %$iamano (oteri* o (ro(riet"* o%%ulti* (er%$0 le loro %au!ali %i !+u##ono e lo !(irito umano non (u/ (enetrarli. Per%i/ !olo i +ilo!o+i $anno (otuto* (el lun#a e!(erienza (iutto!to %$e (er ra#ionamento* a% ui!tarne in (arte la %ono!%enza. Per e!em(io i %ibi &en#ono di#eriti entro lo !toma%o mer%0 il %alore* %$e noi %ono!%iamo* ma &en#ono tra!+ormati non (er mezzo del %alore* (er%$0 in tal %a!o !i tra!+ormerebbero me#lio al +uo%o anzi%$0 nello !toma%o* ma (er una %erta &irt' o%%ulta* %$e i#noriamo. Co!. &)$anno nelle %o!e ualit" elementari e %o#nite e &irt' naturali e in!ite in loro %$e ammiriamo (ur Senza (oterle (enetrare. 4i %i/ %i da) un e!em(io la Feni%e* %$e , un u%%ello %$e rina!%e dalle !ue %eneri %ome narr/ O&idio. Matreo !)era +atto ammirare a!!ai dai #re%i e dai romani alle&ando una be!tia !el&a##ia %$e di&ora&a !e !te!!a. C$i non !i mera&i#lierebbe* a((rendendo %$e &)$anno (eS%i %$e &i&ono !otterra* menzionati da Ari!totile* da Teo+ra!to e dallo !tori%o Polibio non%$0 (ietre %$e %antano de!%ritte%i da Pau!ania3 E++etti tutti dei (oteri O%%ulti. Co!. lo !truzzo (u/ di#erire il +erro (el nutrimento del !uo %or(o e il (e!%iolino %$iamato e%neide +rena l)im(etuo!it" dei &enti* doma l)ira dei +lutti e arre!ta le na&i (er uante &ele e!!e (o!!ano (ortare. Co!. le !alamandre e le be!tiole dette (<rau!tae &i&ono nel +uo%o e non ne !ono

%on!umate e le Amazzoni !tro+ina&ano le loro armi %on un %erto bitume atto a (re!er&arle da O#ni lo#orio e dall)azione del +uo%o* bitume ado(erato da Ale!!andro il Grande (er le (orte %a!(ie %$e erano di bronzo. Si di%e altre!. %$e l)ar%a di No,* %o!trutta tanti !e%oli addietro e %$e e!i!te tuttora !ui monti dell)Armenia* +o!!e !tata !(almata di detto bitume. Altre !imili mera&i#lie !ono a((ena %redibili. Gli !tori%i anti%$i menzionano i Satiri* %$e a&e&ano +i#ura met" umana e met" be!tiale e %$e nondimeno erano e!!eri ra#ione&oli. San Girolamo !te!!o ri+eri!%e %$e un Satiro (arl/ un #iorno a Sant)Antonio eremita* %ondannando in !0 l)errore dei #entili d)adorare #li animali e !%on#iurandolo a (re#are Iddio (er lui* e %$e un altro Satiro &enne o++erto in dono all)im(eratore Co!tantino.

CAPITOLO =I. In %$e modo i (oteri o%%ulti &en#ano in+u!i nelle %o!e (er mezzo delle idee* mediante l)Anima del mondo e i ra##i delle !telle* e delle %o!e %$e (o!!iedono tali (oteri in #rado ma##iore. I (latoni%i di%ono %$e tutte le %o!e terrene ri%e&ono le loro idee dalle idee !u(eriori e de+ini!%ono l)idea una +orma uni%a* !em(li%e* (ura* immutabile* indi&i!ibile* in%or(orea* eterna* %$e , !u(eriore alle anime e alle intelli#enze. La natura di tutte le idee , uni%a e tutte le idee deri&ano dal bene i!te!!o* &ale a dire da 4io* e !olo di++eri!%ono tra loro (er %erte ra#ioni relati&e. Tutto uanto &)$a al mondo , immutabile e uni%o e tutte le %o!e !i a%%ordano tra loro (er%$0 4io non !ia una !o!tanza di++erente* %o!. %$e in 4io tutte le idee !ono una +orma* e (er%$0 l)intelli#enza* o!!ia l)anima del mondo* !ia imbe&uta di e!!e e (er%$0 la natura ri%e&a dalle +orme in+u!e (er le idee %ome una !(e%ie di #ermi in+eriori. In+ine e!!e mettono %ome ombre nella materia. Si (u/ a##iun#ere %$e nell)anima del mondo &)$anno tante +o##e !eminali delle %o!e* uante idee &)$anno nello !(irito di&ino* (er le uali ue!to $a im(re!!o nei %ieli ne#li a!tri e nelle imma#ini le loro (ro(riet". Tutti i (oteri e le (ro(riet" delle !(e%ie in+eriori di(endono dun ue da#li a!tri* dalle imma#ini e dalle (ro(riet"* in modo %$e %ia!%una !(e%ie di(ende da una data imma#ine %ele!te da %ui trae il (otere (er a#ire* ualit" %$e le , (ro(ria e %$e ri%e&e dalla !ua idea mer%0 le +o##e !eminali dell)anima del mondo. Per%$0 le idee non !olo !ono la %au!a dell)e!!ere* ma an%$e la %au!ale delle di&er!e &irt' %$e !)in%ontrano in una data !(e%ie e i +ilo!o+i di%ono %$e le &irt' %$e e!i!tono nella natura delle %o!e a#i!%ono !otto l)im(erio di altre &irt' (i' !tabili* %$e non !ono +ortuite* ma e++i%a%i* (odero!e* in+allibili e %$e non (rodu%ono nulla d)inutile o di &ano. 2ue!te &irt' !ono o(erazioni delle idee e non errano %$e a%%identalmente e !olo (er im(urit" o ine#ua#lianza della materia e in tal modo le %o!e della !te!!a !(e%ie !ono dotate di &irt' ma##iore o minore !e%ondo la (urezza o l)im(urit" della materia. Co!. %$e i (latoni%i $anno (otuto enun%iare %$e le &irt' %ele!ti !ono in+u!e !e%ondo i meriti della materia e 5ir#ilio lo ri%orda uando %anta1

I#neu! e!t olli! &i#or* et %oele!ti!o ori#o !eminibu!* uantum non no7ia %or(ora tardant. Per%i/ le %o!e %$e ri%e&ettero in #rado minore l)idea della materia* &ale a dire uelle %$e ri%e&ettero a (re+erenza la ra!!omi#lianza dei %or(i !e(aranti* (o!!iedono &irt' ma##iori e (i' e++i%a%i* !imili all)o(erazione delle idee !e(arate. 4un ue ora noi !a((iano %$e la !ituazione e la +i#ura dei %or(i %ele!ti !ono la %au!a d)o#ni &irt' atti&a %$e !i ri!%ontra nelle !(e%ie in+eriori.

CAPITOLO =II. Come !o(ra indi&idui di&er!i* an%$e della !te!!a !(e%ie* i (oteri e!er%itino &aria in+luenza. L)a!(etto e la !ituazione dei %or(i %ele!ti (re!tano ad al%uni indi&idui (oteri !in#olari %o!. mera&i#lio!i %ome alle !(e%ie* (er%$0 non a((ena al%un indi&iduo !ubi!%a l)in+luenza d)un oro!%o(o +i!!o o d)una %o!tellazione* ri%e&e un %erto (otere (arti%olare e mirabile di a#ire* di !o++rire* o di ri%e&ere* oltre uello %$e #li (ro&iene dalla !ua !ituazione e dalla !(e%ie a %ui a((artiene e %i/ tanto (er l)in+luenza dei %or(i %ele!ti* %$e (er la %orri!(ondenza* la !ottomi!!ione e l)obbedienza della !o!tanza delle %o!e (rodotte e #enerate dall)anima del mondo* (ro(rio nel modo i!te!!o %ome i no!tri %or(i obbedi!%ono alle no!tre anime* (er%$0 noi !entiamo %i/ %$e %ia!%una +orma %i +a %on%e(ire. I no!tri %or(i !ono mo!!i dalle %o!e a##rade&oli e ne !ono attratti o re!(inti e lo !te!!o a%%ade !o&ente delle anime %ele!ti* uando e!!e %on%e(i!%ono idee di++erenti. Co!. in natura &)$anno a!!ai %o!e %$e !embrano e!!ere (rodi#i dell)imma#inazione dei mo&imenti !u(eriori* il %$e +a !. %$e non !olo le %o!e naturali ma an%$e a!!ai !(e!!o uelle arti+i%iali* ri%e&ano &irt' di++erenti* !o(rattutto uando l)anima di %$i o(era !i !+orza in tal !en!o. Ci/ $a +atto dire ad A&i%enna %$e tutto uanto !i o(era ua##i' e!i!te in (re%edenza nei moti e nelle idee delle !telle. Co!. in tutte le %o!e !i e!(li%ano e++etti in%linazioni e abitudini di++erenti* non !olo (er le di++erenti di!(o!izioni della materia* ma an%$e (er le di&er!e in+luenze %$e ri%e&ono e (er le +orme di&er!e non (er di++erenza !(e%i+i%a ma (arti%olare. 4io !te!!o* %$e , la %au!a (rima d)o#ni %o!a* di!tribui!%e tali di&er!it" e le %au!e !e%onde* an#eli%$e e %ele!ti* %oo(erano %on lui* di!(onendo la materia %or(orea e le altre %o!e %$e &i !i ri+eri!%ono. E 4io %omuni%a tutte le &irt'* (er mezzo dell)anima del mondo* %on la (otenza (arti%olare delle idee o imma#ini e delle intelli#enze !u(eriori e %ol %on%or!o dei ra##i e de#li a!(etti delle !telle* mer%0 una %on%ordanza armoni%a e (arti%olare. CAPITOLO =III. 4onde (ro&en#ano i (oteri o%%ulti delle %o!e.

Tutti !anno %$e la %alamita $a il (otere !(e%iale di attrarre il +erro* (otere %$e (erde uando &iene in+luenzata dal diamante. Nel modo i!te!!o l)ambra e il bala!%io* !tro+inati e ri!%aldati* attirano la (a#lia. La (ietra a!be!to* una &olta a%%e!a* non !i !(e#ne (i'* o almeno non , (o!!ibile !(e#nerla !enza !+orzo. L)aetite +orti+i%a il +rutto delle donne e delle (iante. Il dia!(ro arre!ta il !an#ue. La remora , %a(a%e di arre!tare un &a!%ello in moto. Il rabarbaro (la%a l)ira. Il +e#ato del %amaleonte* bru%iato* e%%ita la (io##ia e i +ulmini. Il %arbon%$io lu%%i%a nell)o!%urit". La (ietra eliotro(io limita la &i!ta e rende in&i!ibile %$i la (orta. La !ino%$itide e&o%a i demoni. L)ana%$ite +a a((arire #li !(iriti %ele!ti. L)enne%ti! in+onde &irt' di&inatorie in %olui %$e l)abbia %on !e dormendo. 5)$a in Etio(ia una %erta erba %$e !i di%e (ro!%iu#$i #li !ta#ni e +a%%ia a(rire tutto %i/ %$e , %$iu!o. I re di Per!ia u!a&ano munire i loro amba!%iatori dell)erba lata%e* a++in%$0 non a&e!!ero man%ato di nulla o&un ue +o!!ero andati. Un)altra erba di S(arta* o della Tartaria* man#iata o !oltanto me!!a in bo%%a* rende (oi (o!!ibile il re!i!tere dodi%i #iorni !enza man#iare ne bere. A(uleio ri+eri!%e in (ro(o!ito a&er#li ri&elato #li dei %$e &)$anno (i' !orta di erbe e di (ietre* mer%0 le uali l)uomo (otrebbe !em(re %on!er&ar!i in &ita* ma %$e non #li , (erme!!o di %ono!%erle* (er%$0* uantun ue la !ua &ita !ia bre&e* e#li non !i !tan%a di %on!a%rarla al male. Ne!!uno de#li !%rittori %$e !i Sono o%%u(ati delle (ro(riet" delle %o!e* Ermete* Aron* Bo%$u!* Or+eo* Teo+ra!to* Tebit$* 6enot$emi* 6oroa!tro* E&a7* 4io!%oride* I!a%%o l)ebreo* 6a%%aria il babilone!e* Alberto* Arnaldo* $a !(ie#ato l)ori#ine di tali (ro(riet". Tutti* non(ertanto* $anno a!!erito uello %$e 6a%%aria !%ri&e a Mitridate* %$e nelle &irt' delle (ietre e delle erbe , in!ita una #rande +orza ed il de!tino umano. Nondimeno Ale!!andro il Peri(ateti%o o(ina %$e tali (oteri (ro&en#ono da#li elementi e dalle loro ualit"* il %$e (otrebbe e!!er %redibile* !e le loro ualit" non +o!!ero d)una !te!!a !(e%ie. Per tal moti&o #li A%%ademi%i* !e#uendo la o(inione di Platone attribui!%ono tali (oteri alle idee %$e +ormano le %o!e. A&i%enna (retende in&e%e %$e (ro&en#ano dalle intelli#enze* Ermete da#li a!tri e Alberto dalle +orme !(e%i+i%$e delle %o!e. Tali di++erenze di o(inioni !ono in +ondo (i' a((arenti %$e reali* o&e !i ri+letta %$e 4io* %$e , il (rin%i(io e la +ine di o#ni &irt'* d" l)im(ronta delle !ue idee alle intelli#enze* le uali* e!e#uendole +edelmente* le %omuni%ano ai %ieli e alle !telle* dalle uali !i ri&erberano (oi !ulle %o!e e %$e le +orme !ono da lui di!tribuite (el mini!terio delle intelli#enze* %reate (er in&i#ilare !ulle o(ere !ue* %o!. %$e tutti i (oteri delle (ietre* delle erbe e dei metalli &en#ono %on+eriti a mezzo di tali intelli#enze. La +orma e i (oteri (ro&en#ono dun ue anzitutto dalle idee* (oi dalle intelli#enze %$e #o&ernano e #uidano* (oi dall)a!(etto dei %ieli e in+ine dalla di!(o!izione de#li elementi %orri!(ondenti alle in+luenze a!trali. Le o(erazioni &anno dun ue %om(ite !ulle %o!e &i!ibili in terra* mer%0 le +orme e!(re!!e- nei %ieli* mer%0 le &irt' %$e di!(on#ono !ulle intelli#enze* o(erando (er una !orta di mediazione- (re!!o l)ar%$eti(o* (er mezzo delle idee e delle +orme e!em(lari. Co!. in o#ni erba e in o#ni (ietra !ono ra%%$iu!i (oteri e &irt' mirabili e altri an%ora (i' #randi nelle !telle e inoltre o#ni %o!a ri%e&e al%un%$0 dalle intelli#enze !u(eriori* e !o(rattutto dalla (rima %au!a* %$e tutte le %o!e !i uni!%ono (er e!altare in un %on%erto armonio!o* !imile a %erti inni !%iolti in

onore del !o&rano (adrone. Tale l)in&ito dei !anti +an%iulli della +orna%e di Caldea1 9Benedite il Si#nore* o %o!e tutte %$e #erminate !ulla terra* e uanto (o(ola le a% ue e #li u%%elli del %ielo e le be!tie e le (e%ore* ed a!!ieme i +i#li de#li uomini9. L)a%%ordo e il le#ame di tutte le %o!e %on la %au!a (rima e la loro %orri!(ondenza %on #li e!em(lari di&ini e %on le idee eterne* %o!titui!%ono dun ue e!%lu!i&amente la %au!a ne%e!!aria de#li e++etti. O#ni %o!a $a il !uo (o!to +i!!o e determinato nell)ar%$eti(o* (er %ui &i&e e da %ui trae ori#ine* e tutte le &irt' delle erbe* delle (ietre* dei metalli* de#li animali* delle (arole e di uanto altro e!i!ta* di(endono e (ro&en#ono dalla di&init"* la uale* !ebbene o(eri a mezzo delle intelli#enze e dei %ieli* (ure talora %om(ie da !e le !ue o(erazioni* !enza ri%orrere al mini!terio di tali +orze. 2ue!te o(erazioni !i %$iamano mira%oli. Le %au!e (rime a#i!%ono (er una !(e%ie di %omando o di ordine e le %au!e !e%onde* %$e Platone e altri %$iamano mini!tri* (er una !(e%ie di ne%e!!it". La di&init" le !u!%ita e le !o!(ende a !uo (ia%ere e in tali !ue di!(o!izioni Si %om(endiano i !uoi ma##iori mira%oli. Co!. il +uo%o (ot0 e!!ere inno%uo ai !anti +an%iulli nella +orna%e di Caldea- %on il !ole !i arre!t/ (er un #iorno al %omando di Gio!u, e indietre##i/ di die%i linee* o die%i ore* alla (re#$iera di Eze%$ia- %o!.* durante la (a!!ione del Cri!to* il !ole Si o!%ur/ di (ieno #iorno. Ne , (o!!ibile %on al%una inda#ine o ra#ionamento* %on al%una ma#ia* %on al%una !%ienza* (er uanto !e#rete e (ro+onde* (enetrare e %ono!%ere i modi di tali o(erazioni- ma bi!o#na a((renderli e ri%er%arli a mezzo de#li Ora%oli di&ini.

CAPITOLO =I5. Co!a !ia lo S(irito del Mondo e uale !ia il le#ame dei (oteri o%%ulti. 4emo%rito* Or+eo e molti (ita#ori%i* %$e $anno ri%er%ato a%%uratamente le &irt' dei %or(i %ele!ti e dei %or(i in+eriori* $anno detto %$e in o#ni Co!a !i ra%%$iude al%un%$0 di di&ino e non !enza ra#ione* (oi%$0 non &)$a %o!a al%una* (er uante &irt' e!!a !)abbia* %$e (o!!a e!!er %ontenta della (ro(ria natura !enza il !o%%or!o della (otenza di&ina. Ora e!!i %$iama&ano dei le &irt' di&ine di++u!e nelle %o!e* &irt' %$e 6oroa!tro %$iama attrattori di&ini* Sine!io attratti&e !imboli%$e* altri &ite* altri an%ora anime* da %ui di%ono di(endere le &irt' delle %o!e* o an%$e una materia %$e !i di++onde !(iritualmente !ulle altre materie !u %ui o(era* nel modo i!te!!o %on %ui l)uomo e!tende il !uo intelletto !ulle %o!e intelli#ibili e la Sua imma#inati&a !ulle %o!e imma#inabili e ue!to intende&ano dire uando* (er e!em(io* a!!eri&ano %$e l)anima u!%i&a da un e!!ere (er entrare in un altro e!!ere allo !%o(o di a++a!%inarlo e di immobilizzarlo* nel modo i!te!!o %$e il diamante im(edi!%e alla %alamita di attrarre il +erro. Per%i/* e!!endo l)anima il (rimo mobile* %$e a#i!%e e !i muo&e &olentieri da !e !te!!a e (er !e !te!!a e il %or(o* o la materia* e!!endo inabile o in!u++i%iente a muo&er!i da !e !te!!o* !i di%e e!!er ne%e!!ario un mediatore (i' e%%ellente %a(a%e di riunire

il %or(o all)anima. E ue!ti , lo S(irito del mondo* %$e !i di%e e!!ere la uinta e!!enza* (er%$0 non (ro&iene dai uattro elementi* ma , %ome un uinto elemento !u(eriore ad e!!i e %$e !u!!i!te !enza di e!!i. 5i , dun ue a!!oluto bi!o#no d)un tale !(irito a++in%$0 le anime %ele!ti #iun#ano a (enetrare in un %or(o #ro!!olano e a %omuni%ar#li le loro mera&i#lio!e ualit" e %i/ tanto nella materia del mondo %$e in uella del %or(o umano. E %ome le anime no!tre %omuni%ano mer%0 lo !(irito le loro +orze alle no!tre membra* %o!. la &irt' dell)anima del mondo !i ri!(ande !o(ra tutte le %o!e mer%0 la uintae!!enza* #ia%%$0 non e!i!te nulla nell)uni&er!o %$e non !ia in+luenzato da ual%$e (arti%ella della !ua &irt' e %$e !ia a++atto (ri&o del !uo (otere. In &irt' di tale !(irito* tutte le ualit" o%%ulte !i di++ondono !ulle erbe* !ulle (ietre* !ui metalli e !u#li animali* attra&er!o il !ole* la luna* i (ianeti e le !telle %$e !ono !u(eriori ai (ianeti. E tale !(irito %i !ar" tanto (i' utile* uanto (i' !a(remo !e(ararlo da#li altri elementi e uanto me#lio !a(remo !er&ir%i delle %o!e in %ui !ar" (enetrato %on (i' abbondanza* %ontenendo e!!o o#ni &irt' (rodutti&a e #enerati&a. Per%i/ #li al%$imi!ti %er%ano e!trarre o !e(arare ue!to !(irito dall)oro* (er a((li%arla in !e#uito a o#ni !orta di altre materie !imili* &ale a dire ai metalli* %o!. da tra!mutarle in oro o in ar#ento. Come noi abbiamo +atto e %ome abbiamo &i!to +are* (ur non (otendo (rodurre una uantit" ma##iore di oro di uella ori#inaria da %ui a&e&amo e!tratto lo !(irito. Ci/ (er%$0* non e!!endo ue!to !(irito %onden!ato* non (u/ %ontro le !ue (ro(orzioni e dimen!ioni rendere (er+etto un %or(o im(er+etto. Non ne#o (er/ %$e la %o!a !i (o!!a ottenere %on altri arti+i%i.

CAPITOLO =5. In %$e modo o%%orra ri%er%are e %ontrollare i (oteri delle %o!e (er mezzo della ra!!omi#lianza. E) dun ue (ro&ato %ome le %o!e (o!!iedano (ro(riet" o%%ulte non deri&ate dalla natura elementare* ma in!ite in modo %ele!te* o%%ulte ai no!tri !(en!i e %$e la ra#ione !tenta a %om(rendere* le uali (ro&en#ono dallo !(irito del mondo (el tramite dei ra##i !te!!i delle !telle e non (o!!ono e!!ere %ono!%iute %$e %on l)e!(erienza e le %on#etture. Per%i/* &olendo %ono!%erle* o%%orrer" %on!iderare %$e tutte le %o!e !ono in mo&imento e !i %on&ertono in %o!e !imi#lianti e in%linano &er!o !0 !te!!e tanto in (ro(riet"* &ale a dire in &irt' o%%ulta* %$e in ualit"* o!!ia in &irt' elementare* non%$0 talora in !o!tanza* %ome !i (u/ %on!tatare di tutto %i/ %$e !ia immer!o a lun#o nel !ale %$e !i tramuta in !ale* (er%$0 o#ni %or(o a#ente* una &olta %$e abbia in%omin%iato ad a#ire* non !i tramuta in un %or(o in+eriore* ma* in un %erto modo e (er uanto #li !ia (o!!ibile* in un %or(o !imi#liante e %$e abbia ra((orto %on e!!o. Co!a %$e (o!!iamo %on!tatare ne#li animali !en!iti&i* nei uali la &irt' nutriti&a non tra!+orma la %arne o #li alimenti in erba o in (ianta* ma ben!. in %arne !en!ibile. Co!. nelle %o!e o&e &)abbia ual%$e e%%e!!o di ualit" o di (ro(riet" %ome %alore* ardire* +reddo* timore* tri!tezza* %ollera* amore* odio* o ual%$e (otere* !ia naturale %$e (ro%urato (er arti+izio o a% ui!ito (er azzardo a%%idente o abitudine* %ome la !(udoratezza in una meretri%e* tali %o!e e%%itano #randemente a una mede!ima

ualit" (a!!ione o (otenza* e in tal modo il +uo%o !u!%ita il +uo%o* l)a% ua l)a% ua* una (er!ona ardita l)arditezza. I medi%i !anno %$e un %er&ello ne aiuta un altro* un (olmone un altro (olmone e (er%i/ di%ono %$e la (er!ona %$e abbia #li o%%$i %i!(o!i !i #uari!%e %ol !o!(enderle al %ollo in&olto in un dra((o bian%o* l)o%%$io de!tro di una rana o di un #ran%$io* !e l)o%%$io ammalato , il de!tro* e l)o%%$io !ini!tro (el !ini!tro. U#ualmente le zam(e d)una tartaru#a #uari!%ono i mali dei (iedi* !em(re a((li%ando al (iede o++e!o l)arto %orri!(ondente dell)animale e %o!. (ure #li animali !terili %au!ano la !terilit" e i +e%ondi la +e%ondit"* %o!e %$e !i mani+e!tano !o(rattutto a mezzo dei te!ti%oli* della matri%e e delle orine e %$e !(ie#ano %ome una donna %$e (renda tutti i me!i orina di mulo* o al%un%$0 %$e &i !ia !tato la!%iato a ma%erare* non (o!!a %on%e(ire. 5olendo dun ue %om(artire ual%$e (ro(riet" o ual%$e &irt'* bi!o#ner" %ono!%ere in uali animali o in uali %o!e !i ri!%ontri (i' a%%entuata tale (ro(riet" o &irt' e +are u!o della (arte in %ui la (ro(riet" abbia ma##iore &i#ore. Per +ar!i amare* ad e!em(io* o%%orre !%e#liere +ra #li animali (i' %aldi* %olombo* tortora* (a!!ero* rondine e u!arne le (arti in %ui (redomina lo !timolo &enereo* %uore* te!ti%oli* matri%e* &er#a* !(erma* me!trui* e %i/ nella !ta#ione (ro(izia alla +re#ola* (er%$0 allora le (ro(riet" di tali (arti !ono molto (i' ener#i%$e. E#ualmente* (er aumentare l)ardire* o%%orre munir!i de#li o%%$i* del %uore* o della +ronte d)un leone o d)un #allo. In ue!to !en!o &a inte!o %i/ %$e di%e P!ello (latoni%o* %$e i %ani* i %or&i* i #alli aiutano a &e#liare- e %o!. (ure l)u!i#nuolo* il (i(i!trello e la %i&etta e di ue!ti !(e%ialmente il %a(o* il %uore e #li o%%$i. C$i (orta !e%o il %uore d)un %or&o* non (u/ dormire- la te!ta del (i(i!trello* atta%%ata al bra%%io de!tro* (rodu%e lo !te!!o e++etto- la rana e il #u+o +anno (arlare molto* !o(rattutto o&e !e ne u!i la lin#ua o il %uore* e la lin#ua di una rana* %ollo%ata !otto il %a(o d)un dormente* lo la !o#nare e (arlare nel !o#no. Si di%e (ure %$e il %uore d)un #u+o* %ollo%ato !ulla mammella !ini!tra d)una donna addormentata* le +a%%ia ri&elare tutti i !uoi !e#reti e %$e lo !te!!o ri!ultato !i otten#a %on il %uore d)una %i&etto o %on #ra!!o di le(re a((li%ati !ul (etto della dormente. Gli animali di lun#a &ita %ontribui!%ono a +ar &i&ere lun#amente e tutte le %o!e %$e ra%%$iudono in !e la &irt' di rinno&ar!i %ontribui!%ono a rinno&are i no!tri %or(i e a rin#io&anirli* %o!a e&idente nei %on+ronti della &i(era e in #enerale dei !er(enti e ne!!uno i#nora %ome il %ibar!i di !er(i &al#a a rin#io&anire i %or&i. U#ualmente la +eni%e !i +a rina!%ere dalle (ro(rie %eneri e dalla zam(a de!tra d)un (elli%ano* tenuta immer!a (er tre me!i in letame %aldo* !i #enera un (elli%ano. I medi%i !+ruttano tali (oteri e %on mi!ture di %arni di tali animali e elleboro !anno re!tituire talora a un %or(o la !te!!a #io&inezza (rome!!a e (ro%a%%iata da Medea alla &e%%$ia Pelia. Si , in+ine an%$e o(inato* %$e il !u##ere il !an#ue %aldo %$e !#or#a da una +erita in+erta a un or!o* (o!!a a%%re!%ere le +orze* dato %$e tale animale , a!!ai &i#oro!o.

CAPITOLO =5I. In ual modo i di++erenti (oteri !i tra!+ondano dall)una alla altra %o!a e

!)in+luenzino re%i(ro%amente. Le %o!e naturali $anno tanto (otere* %$e non !olo lo e!er%itano &er!o le %o!e %on %ui &en#ono a %ontatto* ma %omuni%ano addirittura a ue!te %o!e il loro !te!o (otere. Co!. la %alamita non !olo attira #li anelli e le %atene di +erro* ma li rende %a(a%i di attrarre a loro &olta altri o##etti di +erro. Per%i/ !i di%e %$e una donna (ubbli%a in+etti della !ua im(udenza uanti le !i a&&i%inano e %$e indo!!andone le &e!ti o la %ami%ia o !(e%%$iando!i in uno !(e%%$io in %ui !ia !olita rimirar!i* !i di&en#a arditi im(udenti e lu!!urio!i. Co!. (ure un !udario +unebre !ar" im(re#nato di ualit" !aturniane e la %orda dell)im(i%%ato $a (ro(riet" mera&i#lio!e. Plinio a!!i%ura %$e* ri%o(rendo di terra una lu%ertola &erde do(o a&erle %re(ato #li o%%$i e mettendo in!ieme in un re%i(iente di &etro al%uni anelli o %atene %on +erro o oro* allor%$0 la lu%ertola abbia ri%u(erato la &i!ta* !i (o!!ano e++i%a%emente ado(erare #li anelli o le %atene a #uarire le %i!(o!it" de#li o%%$i o a (re!er&arne. La !te!!a %o!a !i (rati%a %on la donnola. 4o(o a&erle %a&ato #li o%%$i* !i %ollo%ano (er un %erto tem(o #li anelli in nidi di (a!!eri o di rondini e do(o !i im(ie#ano a !u!%itare l)amore o la bene&olenza.

CAPITOLO =5II. Come !i (o!!ano %ono!%ere e !(erimentare i (oteri delle %o!e mer%0 la loro %on%ordanza e la loro %ontrariet". Ci re!ta da %onnotare %ome tutte le %o!e abbiano tra loro !im(atie e %ontrariet"* %o!. %$e non &)$a nulla %$e non abbia da temere al%una %o!a* la uale le , o!tile e no%i&a* e al %ontrario non abbia ual%$e altra %o!a %$e le , #radita e #io&e&ole. Tra #li elementi il +uo%o , %ontrario all)a% ua* l)aria alla terra e !on tra loro d)a%%ordo. Tra i %or(i %ele!ti Mer%urio* Gio&e* il Sole e la Luna !ono ami%i di Saturno e Marte e 5enere #li !ono %ontrari- tutti i (ianeti* Marte e%%ettuato* !ono ami%i di Gio&e e u#ualmente tutti odiano Marte* e%%etto 5enere- Gio&e e 5enere amano il Sole- Marte Mer%urio e la Luna #li !ono %ontrari- tutti amano 5enere* !al&o Saturno- ami%i di Mer%urio !ono Gio&e 5enere e Saturno* nemi%i il Sole la Luna e Marte- della Luna !ono ami%i Gio&e 5enere e Saturno e Marte e Mer%urio !ono nemi%i. Un)altra inimi%izia o %ontrariet" +ra i (ianeti !i ri!%ontra uando abbiano domi%ili o((o!ti* %ome tra Saturno e il Sole e la Luna* tra Gio&e e Mer%urio* tra Marte e 5enere e la %ontrariet" , tanto (i' #rande* uanto (i' i (ianeti $anno o((o!te le e!altazioni* %ome Saturno e il Sole* Gio&e e Marte* 5enere e Mer%urio. In&e%e l)ami%izia , tanto (i' #rande* uanto (i' i (ianeti abbiano la !te!!a natura* ualit"* !o!tanza* (otenza* o &irt'* %ome tra Marte e il Sole* tra 5enere e la Luna* tra Gio&e e 5enere. Co!. di%a!i dei (ianeti %$e abbiano la loro e!altazione nel domi%ilio di un altro* %ome Saturno e 5enere* Gio&e e la Luna* Marte e Saturno* il Sole e Marte* la Luna e 5enere. Le ami%izie e le %ontrariet" dei %or(i !u(eriori !i ri&erberano identi%$e !ui %or(i in+eriori loro !o##etti. Tali ami%izie e inimi%izie non !ono altro %$e %erte in%linazioni %$e le %o!e $anno mutuamente l)una (er l)altra* de!iderio re%i(ro%o %$e non !i a((a#a %$e

(el (o!!e!!o* o&&ero anti(atia (er la %o!a %ontraria* %$e , abborrita e a%%anto alla uale non , (o!!ibile tro&ar ri(o!o. Ba!ando!i !u tale %on%ezione* Era%lito $a (rete!o %$e tutte le o(erazioni Si %om(iano (er %ontrariet" e (er !im(atia. Le in%linazioni dei %or(i &e#etali e minerali !ono della natura di uelle nutrite dalla %alamita (el +erro* dallo !meraldo (er la ri%%$ezza* dal dia!(ro (er la (roduzione e (er la #enerazione* dall)a#ata (er l)elo uenza. Co!. la na+ta attrae il +uo%o e &i !i (re%i(ita dentro uando e!!o le !i a&&i%ina- la radi%e dell)erba a(ro7i!* %ome la na+ta* attrae il +uo%o da lun#i- la (alma ma!%$io e la (alma +emmina !i de!iderano tanto* %$e non a((ena un ramo dell)una !+iora un ramo dell)altro* !i (ie#ano e !i alla%%iano e l)albero +emmina non d" +rutto !enza dell)albero ma!%$io e l)ami#dale !olitaria , meno +e%onda. L)olmo e l)o((io amano la &ite- l)oli&o e il mirto* il +i%o e l)oli&o !i amano re%i(ro%amente. Ne#li animali !i ri!%ontra !im(atia tra il merlo e il tordo* tra la %orna%%$ia e lo !tornello* tra il (a&one e il %olombo* tra la tortora e il (a((a#allo* %ome do%umenta Sa++o nei !uoi &er!i a Faone1 e le bian%$e %olombe !i dilettano !(e!!o dei (a&oni &ario(inti e il (a((a#allo &erde ama la nera tortorella. An%$e l)ar!ella e la balena !ono ami%$e* ne l)ami%izia !i ri!%ontra !olo tra animali* ma altre!. tra i metalli e i %or(i &e#etanti. Le #atte amano tanto il (ule##io !el&ati%o* %$e lo !tro+inar!i %ontro una tal (ianta &ale a +arle %on%e(ire* an%$e !enza l)inter&ento del ma!%$io. E le %a&alle di Ca((ado%ia !)e!(on#ono al !o++io del &ento* %$e le alletta tanto da +e%ondarle. Le rane* i ro!(i* i !er(i e o#ni !orta d)animali e d)in!etti !tri!%ianti* amano un)erba %$iamata !edano del ri!o* %$e i medi%i di%ono +a%%ia morire ridendo %$i !e ne !ia %ibato. La tartaru#a mor!i%ata da un !er(ente* !i #uari!%e %ibando!i d)ori#ano- la %i%o#na %$e abbia man#iato ual%$e !er(e* tro&a nell)ori#ano un e++i%a%e %ontra&&eleno- la donnola* (rima di a!!alire il reattino* !i (a!%e di ruta. Ci/ %i indi%a %$e l)ori#ano e la ruta (o!!iedono &irt' %ontro i &eleni e %$e %erti animali $anno una %a(a%it" i!tinti&a %$e li aiuta a !%o(rire i rimedi !aluti+eri. Il ro!(o* (er e!em(io* mor!o o a&&elenato da ual%$e altra be!tia* &a a %er%are la ruta o la !al&ia %on %ui !tro(i%%ia la +erita. Stolti rimedi !ono !tati %o!. ri&elati all)uomo dalle be!tie. Le rondini %i $anno +atto %ono!%ere %$e la %elidonia , e++i%a%e (er le malattie dell)o%%$io* !er&endo!ene e!!e (er #uarire #li o%%$i dei (ro(ri (i%%oli e uando la #azza !i !ente male* !i %ura %on una +o#lia di lauro %$e (orta nel !uo nido. An%$e i %olombi !el&ati%i* le #azze* le (erni%i e i merli +anno u!o delle +o#lie di lauro (er %ombattere #li a%%ia%%$i de#li anni e i %or&i le u!ano (er neutralizzare il &eleno del %amaleonte. Il leone %$e $a la +ebbre* !i #uari!%e di&orando una !%immia- l)u(u(a in%omodata dall)e!!er!i %ibata di u&a* !i ri!tabili!%e %on l)adianta o %a(el&enere. Il %er&o e le %a(re di Candia %i $anno in!e#nato %$e il dittamo , atto a +ar u!%ire i dardi dalle +erite* liberando!ene %ol %ibar!i di tale erba. Le %er&e* (rima di (artorire* !i (ur#ano %on la !a!!i+ra#a- %oloro %$e !ono !tati mor!i dalla tarantola* !i %urano man#iando #amberi e le troie mor!i%ate da un !er(e u!ano lo !te!!o rimedio- i %or&i %$e !i !entono a&&elenati* &anno in %er%a di +o#lie di uer%ia- #li ele+anti u!ano le +o#lie d)oli&o do(o a&ere in#oiato un %amaleonte- #li or!i in%omodati dalla mandra#ora* !i (a!%ono di +ormi%$e- Le

o%$e le anitre e #li altri u%%elli a% uati%i !i %urano %on l)erba !iderite. I (i%%ioni* le tortore e le #alline non u!ano altro rimedio %$e l)erba (arietaria* le #ru !i !er&ono del #iun%o* le (antere de#li e!%rementi umani (er #uarire dal &eleno dell)a%onito* i %in#$iali dell)edera* le %er&e del %ar%io+o.

CAPITOLO =5III. 4elle in%linazioni ne#ati&e. 5)$anno in&e%e in%linazioni ne#ati&e* %$e %reano uno !tato di &era inimi%izia e di a&&er!ione +ra l)una e l)altra %o!a e le !(in#ono a +u##ir!i re%i(ro%amente. Tali !ono le in%linazioni del rabarbaro %ontro il %olera* della teria%a %ontro il &eleno* dello za++iro %ontro il %arbon%$io le +ebbri e le a++ezioni dell)o%%$io* dell)ameti!ta %ontro l)ubria%$ezza* del dia!(ro %ontro i +lu!!i !an#ui#ni e i +anta!mi notturni* dello !meraldo e dell)a#no%a!to %ontro la libidine* dell)a#ata* %ontro il &eleno* della (eonia %ontro l)e(ile!!ia* del %orallo %ontro le illu!ioni della bile nera e i dolori di !toma%o* del to(azio %ontro l)a&arizia la lu!!uria e o#ni !orta di e%%e!!i (a!!ionali* delle +ormi%$e %ontro l)ori#ano le ali del (i(i!trello e il %uore della u(u(a* di %ui e&itano l)in%ontro e al %o!(etto dei uali +u##ono. L)ori#ano , an%$e %ontrario alla !alamandra e +ra tale erba e il %a&olo e!i!te tanta anti(atia* %$e !i !tru##ono mutuamente. La zu%%a odia tanto l)olio* %$e !i %ontor%e al !uo %ontatto e !i di%e %$e il +iele del %or&o allontani l)uomo dai luo#$i o&e !ia !tato na!%o!to. Co!. (ure il diamante , tanto %ontrario alla %alamita* da im(edirle di attrarre il +erro e le (e%ore +u##ono il !edano ranino %ome morti+ero* a&endo la natura (er+ino im(rontato il !e#no di tale morte nel loro +e#ato. Le %a(re abborrono tanto dal #rano !ara%eno* %$e non &)$a nulla %$e !ia loro (i' (erni%io!o. Tra #li animali* i to(i e le donnole !i odiano %o!.* %$e* !i di%e* ba!ta !tro(i%%iare i +orma##i %on %er&ello di donnola* (er%$0 i to(i !e ne ten#ano lontani. Lo !tellione* be!tiola male+i%a !imile alla lu%ertola* trema alla &i!ta dello !%or(ione* %ade tramortito e !uda +reddo e an%$e tra #li !%or(ioni e i to(i re#na #rande anti(atia* %o!. %$e l)a((li%azione di un to(o ba!ta a #uarire dal mor!o d)uno !%or(ione. S%or(ioni* !talabori* a!(idi e %a&ie !ono tra loro nemi%i e %ontrari. Si di%e (ure %$e non e!i!tano animali %$e (i' !)a&&er!ino dei #amberi e dei !er(enti- %$e il maiale mor!i%ato da un !er(e* !i %uri man#iando un #ran%$io- %$e uando il !ole !i tro&a nel !e#no del Can%ro* i !er(enti !i tor%ano. Lo !%or(ione e il %o%%odrillo !i %ombattono l)un l)altro e !e !i to%%a un %o%%odrillo %on una (enna d)un %erto u%%ello d)E#itto detto u%%ello del Sole* o ibi!* il uale !i (a!%e di !er(enti* e!!o !)immobilizza. L)ottarda !)in&ola alla &i!ta del %a&allo e il %er&o +u##e !%or#endo il montone e la &i(era. L)ele+ante $a (aura udendo #ru#nire un maiale* %ome il leone in (re!enza del #allo* e la (antera non o!a to%%are %$i !i !ia !tro(i%%iato %on brodo di #allina* !(e%ialmente !e aromatizzato %on a#lio. Tra le &ol(i* i %i#ni* i tori e le %orna%%$ie e!i!te !%ambie&ole anti(atia e tra #li animali %$e !i +anno #uerra %ontinua (o!!iamo anno&erare1 il nibbio e il %or!o* il %loriu! e la tortora* il #$e((io e l)a uila* il %er&o

e il dra#o* il del+ino e la balena* la murena e il %on#ro. L)ara#o!ta $a tanta (aura del (oli(o* da morire al !olo !uo a%%o!tar!i- la (antera teme la iena* %o!. da non (oterle re!i!tere e da non o!are to%%arla e ba!ta unire le (elli dei due animali (er +ar %adere il (elo della (antera. Oru! A(ollo di%e %$e indo!!ando la (elle di una iena* !i (u/ (a!!are im(unemente attra&er!o un)armata nemi%a. L)a#nello non &a mai d)a%%ordo %ol lu(o* lo $a in orrore* lo +u##e e lo teme e !i di%e %$e le (e%ore !i rattri!tino e non man#ino (i' !e !. !o!(ende nella !talla la %oda* la te!ta o la (elle d)un lu(o. Plinio narra %$e l)e!al/n* %$e , un u%%elletto %$e !i (a!%e delle uo&a del %or&o* uando !%or#e la &ol(e in!idiare i (i%%oli del %or&o* #li (re!ta !o%%or!o %ome %ontro un nemi%o %omune. Il %ardellino* u%%elletto %$e &i&e tra i ro&i* odia l)a!ino %$e !e ne %iba e tale odio , di&i!o da un altro u%%elletto* %$iamato e#<t$u!. Fra l)oli&o e una donna !%o!tumata re#na tanta anti(atia* %$e !e ue!ta ne (ianta al%uno* non d" +rutto o !e%%a. Il leone teme !o(ra o#ni Co!a le +a%i a%%e!e e !i %rede %$e lo !i (o!!a domare %on tal mezzo. Il lu(o non teme le armi* ma la (ietra* %$e (u/ (rodur#li una (ia#a &ermino!a- il %a&allo (a&enta il %ammello %o!. da non (oterlo #uardare- l)ele+ante irato !i (la%a alla &i!ta d)un ariete- il %olubro teme l)uomo nudo e lo (er!e#ue uando , &e!tito. Si doma l)im(etuo!it" del toro in%ollerito* le#andolo a un +i%o- l)ambra attrae o#ni %o!a* tranne l)erba detta %on+etto di %a&allo e %i/ %$e !ia !tato untato d)olio* (el uale nutre una naturale a&&er!ione.

CAPITOLO =I=. In ual modo !ia dato %ono!%ere e !(erimentare nelle %o!e i (oteri do&uti a tutta la !(e%ie* o %onnaturati a ual%$e %o!a (er dono (arti%olare indi&iduale. Bi!o#na inoltre %on!iderare %$e in %erte %o!e &)$anno (ro(riet" %$e !ono %omuni a tutta la S(e%ie* %ome l)ardire e il %ora##io nel leone e nel #allo* la timidit" nella le(re e nell)a#nello* la ra(a%ia nel lu(o* l)a!tuzia nella &ol(e* l)adulazione nel %ane* l)a&arizia nel %or&o e nella %orna%%$ia* l)alterezza nel %a&allo* la +ero%ia nella ti#re e nel %in#$iale* la melan%onia nel #atto* la libidine nel (a!!ero e %o!. &ia. In+atti la ma!!ima (arte delle &irt' naturali !i a%%om(a#na alla !(e%ie. Altre (ro(riet" !ono nelle %o!e !e%ondo l)indi&iduo* %ome di ual%$e uomo %$e nutre a&&er!ione (el #atto* a&&er!ione %$e non !i ri!%ontra in lui !e%ondo la !(e%ie umana. A&i%enna narra di un uomo !u %ui il &eleno non a&e&a al%un (otere* (er lo %$e i mor!i delle be!tie &eleno!e non lo in%omoda&ano a++atto e Alberto ri+eri!%e di a&er %ono!%iuto a Colonia una ra#azza* %$e !i %iba&a di ra#ni e &eni&a !u a!!ai robu!ta. Co!. !i (u/ ri!%ontrare la !+rontatezza in una libertina e la timidit" in un ladro e (er%i/ i +ilo!o+i di%ono %$e un %or(o %$e non !ia !tato mai atta%%ato dal male* %ontribui!%e molto a %ombattere ualun ue malattia* in modo %$e la bo%%a di un uomo morto %$e non abbia mai a&uto +ebbre* a((li%ata a un malato* &ale a liberarlo dalla uartana.

Gli indi&idui (o!!iedono altre!. molti altri (oteri !in#olari (rodi#ati loro da#li a!tri* %ome (i' !o(ra mo!trammo.

CAPITOLO ==. 4ei (oteri naturali %$e Si ri!%ontrano in tutta la !o!tanza* d)un indi&iduo e !olo in ual%$e !in#ola (arte di altri indi&idui. Bi!o#na an%$e %on!iderare %$e in al%uni indi&idui i (oteri naturali !ono in+u!i in tutta la !ua !o!tanza* o in tutte le !ue (arti. Co!. la remora non im(edi!%e alle na&i di a&anzare in &irt' d)una !ola (arte del !uo %or(o* ma dell)intera !ua !o!tanza e la iena $a il (otere di +ar ta%ere i %ani %$e !%or#ono la !ua ombra %on tutta la !ua !o!tanza. E#ualmente la %elidonia #uari!%e le malattie dell)o%%$io non (er mezzo di !(e%iali !ue (arti* ma indi++erentemente !ia %on la radi%e* %$e %on le +o#lie i +iori e i !emi. In&e%e &)$anno (oteri ri!%ontrabili !olo in !in#ole (arti delle %o!e. Gli o%%$i del ba!ili!%o e del %atable(o $anno il (otere di u%%idere l)uomo !u %ui !i !o++ermano e una &irt' !imi#liante !i ri!%ontra nella iena* %$e %on lo !#uardo immobilizza e !tordi!%e ualun ue animale. Co!. di%a!i dell)o%%$io di ual%$e lu(o* %$e , %a(a%e di to#liere l)u!o della &o%e a %oloro %$e li +i!!ano* %ome di%e 5ir#ilio1 Moeri! $a (erduto la &o%e* (er%$0 i lu(i l)$anno #uardato. In Tartaria* in Illiria e (re!!o i Triballi* &)erano donne %$e +a%e&ano morire %oloro !u %ui +i!!a&ano #li !#uardi %orru%%iati. An%$e i Tel%$ini* abitatori di Rodi* re%a&ano no%umento %on #li o%%$i e (er%i/ Gio&e li !ommer!e. Gli !tre#oni* a !u!%itare (a!!ioni !imilari* im(ie#ano (ei loro %olliri #li o%%$i di al%uni animali. La +ormi%a +u##e innanzi al %uore di una u(u(a e non da&anti al !uo %a(o* alle !ue zam(e* o ai !uoi o%%$i- il +iele d)una !(e%ie di ra#no &eleno!o* diluito %on a% ua* attrae la donnola e non #i" la !ua %oda o la !ua te!ta- il +iele della %a(ra* %$iu!o in un re%i(iente di rame e !otterrato* +a a%%orrere le rane e il +e#ato di %a(ra , %ontrario alle +ar+alle e alle ti#nuole- i %ani +u##ono %$i (orta un %uore di %ane- le &ol(i non azzannano il (ollame (a!%iuto %on +e#ato di &ol(e. Co!. le &arie %o!e (o!!iedono +a%olt" di&er!e !(ar!e di++erentemente in (arti di++erenti* %ome &en#ono loro in+u!e dall)alto a !e%onda della di++erenza dei !o##etti %$e le ri%e&ono* %ome (er e!em(io nel %or(o umano #li o%%$i non ri%e&ono %$e la &i!ta e le ore%%$ie l)udito. Nel %or(o umano !i tro&a un %erto o!!o minu!%olo* %$iamato luz da#li ebrei* #ro!!o %ome un %e%e mondato* %$e non , !o##etto ad al%una %orruzione* %$e non , &into dal +uo%o* ma !i %on!er&a !em(re ille!o* dal uale* %ome di%ono* %ome una (ianta da un !eme* nella ri!urrezione dei morti il no!tro %or(o umano ri(ullula e ue!te &irt' non !i di%$iarano %ol ra#ionamento ma %on la e!(erienza.

CAPITOLO ==I. 4ei (oteri (o!!eduti dalle %o!e &i&enti e di uelli %$e (erman#ono in e!!e do(o la morte. Bi!o#na an%ora %ono!%ere %$e %erte (ro(riet" delle %o!e non durano %$e mentre ue!te !ono in &ita ed altre (erman#ono an%$e do(o la loro morte. Co!. la remora arre!ta le na&i e il ba!ili!%o e il %atable(o u%%idono %on lo !#uardo !olo mentre !ono &i&enti e una &olta morti !ono inno%ui- %o!. !i di%e %$e un)o%a &i&a a((li%ata !u un &entre malato lo #uari!%e e %$e l)o%a ne muoia. Ar%$ita di%e an%$e %$e l)a((li%azione del %uore d)un animale* !tra((ato a((ena dal %or(o e an%ora %aldo e (al(itante* #uari!%e la +ebbre uartana. U#ualmente il %uore d)una u(u(a o d)una rondine* d)una donnola o d)una tal(a* man#iati (al(itanti* %ontribui!%e a +orti+i%are la memoria l)imma#inazione e l)intelli#enza e +a a% ui!tare la +a%olt" di&inatoria. Si (u/ enun%iare (ertanto %$e uanto !i (rende da#li animali* !iano (ietre* membra* e!%rementi* (eli* un#$ie* o altro* o%%orra (renderlo da animali an%ora &i&i e da la!%iar!i &i&enti an%$e do(o* !e (o!!ibile. Per%i/ !i (re!%ri&e di la!%iar libera in a% ua la rana* do(o a&erle tolto la lin#ua e di non u%%idere il lu(o a %ui !i !ia !tra((ato un dente o un o%%$io e %o!. &ia. 4emo%rito %i $a in!e#nato a %ollo%are la lin#ua d)una rana* la!%iata &i&a e ri#ettata in a% ua* !ul %uore d)una donna addormentata* (er +ar !. %$e e!!a ri!(onda nel !onno a o#ni no!tra domanda. Si a!!i%ura (ure %$e #li o%%$i d)una rana* a((li%ati a un malato a&anti %$e !or#a il !ole* &al#ano a #uarire dalla +ebbre terzana e %$e #li !te!!i* uniti a %arne di u!i#nuolo dentro una (elle di %er&o* im(edi!%ano di dormire. La !(ina del (e!%e (a!tina%a* tolta#li &i&ente* a((li%ata !ull)ombeli%o* do(o a&er ri#ettato in mare il (e!%e* +a%ilita i (arti. L)a((li%azione dell)o%%$io de!tro d)un !er(ente la!%iato &i&o #uari!%e le +lu!!ioni- l)o%%$io tratto da un (e!%e o !er(ente marino %$iamato m<ra* le#ato !ulla +ronte d)un !o++erente* #uari!%e l)o+talmia ed al (e!%e rina!%e l)o%%$io* ma l)ammalato non $a libera la &i!ta !e non la!%ia in &ita l)animale. Tutti i denti tolti a un !er(ente &i&o #uari!%ono la +ebbre uartana- tutti i denti d)una tal(a &i&a #uari!%ono i mali dei denti- i %ani non abbaiano dietro %olui %$e (orti una %oda di donnola la!%iata &i&ente. E 4emo%rito di%e %$e la lin#ua !tra((ata a un %amaleonte &i&o !er&e ad a!!i%urar!i !entenze +a&ore&oli e a +a%ilitare #li !#ra&i* !e %ollo%ata nelle &i%inanze dell)abitazione* ma bi!o#na #nardar!i dal (ortarla in %a!a* (er%$0 riu!%irebbe (erni%io!a. Altre (ro(riet" non !%om(aiono %on la morte e i (latoni%i di%ono %$e %i/ %$e &)$a d)immortale in un %or(o non %e!!a di o(erare in e!!o %o!e mirabili. Co!. o#ni &i#ore (ermane nelle erbe e nelle (iante* (ur do(o a&erle %olte e !e%%ate* e le &irt' in+u!e in e!!e (rodu%ono (ur !em(re i loro e++etti* dal %$e deri&a %$e %ome l)a uila in &ita (rime##i/ !o(ra tutti #li u%%elli* %o!. (ur uando , morta le !ue (enne e le !ue ali %orrodono e di!tru##ono le (enne e le ali di tutti #li altri u%%elli. Co!. (ure la (elle del leone lo#ora tutte le altre (elli* uella della iena di!tru##e uella del lu(o e la (elle del

lu(o uella dell)a#nello. Un tamburo di (elle di lu(o* (er%o!!o* $a la &irt' di im(edire il rullo di un altro tamburo di (elle d)a#nello e %o!. (ure un tamburo +atto %on la (elle d)un ri%%io di mare +a !%a((are tutti #li animali %$e !tri!%iano %ol !uo !uono. In+ine !e in uno !trumento a %orda* liuto %$itarra o altro* !i uni!%ono inte!tini di lu(o e inte!tini di (e%ora* !ar" im(o!!ibile trarne al%una %on!onanza.

CAPITOLO ==II. Come le %o!e in+eriori !iano !otto(o!te ai %or(i %ele!ti e %ome i %or(i umani e uanto altro Si ri+eri!%e all)uomo (ro&en#ano dalla di!tribuzione dei (ianeti e dei !e#ni. E) %erto %$e le %o!e in+eriori !ono !otto(o!te alle !u(eriori e %$e in un %erto modo* %ome di%e Pro%lo* le une !i ritro&ino nelle altre* %o!. %$e le %o!e terre!tri !i ri!%ontrano nel %ielo* ma in un modo %ele!te* e uelle %ele!ti Si (o!!ono tro&are in terra* ma in un modo terre!tre. 5ale a dire a !e%onda dei loro e++etti. Per%i/ noi di%iamo e!!er&i ua##i' e!!eri !olari e lunari* nei uali il Sole e la Luna $anno im(rontato al%un%$0 dei loro (oteri e in tal #ui!a le %o!e ri%e&ono al%une (ro(riet" dalle !telle a %ui !ono !otto(o!te e dai loro a!(etti. Noi !a((iamo %$e tutto %i/ %$e , !olare a#i!%e !ul %uore e !ulla te!ta* (er%$0 il domi%ilio o la %o!a del Sole , il Leone e l)Ariete ne , l)e!altazione. Co!. (ure i !e#ni di Marte dominano la te!ta e i te!ti%oli* a %au!a dell)Ariete e dello S%or(ione e (er%i/ l)immer#ere in a% ua +redda i te!ti%oli di un uomo (re!o dai +umi del &ino e &a%illante e il la&arli %on a%eto %o!titui!%e un (ronto rimedio. E) a!!ai utile il %ono!%ere in %$e modo le &arie (arti del %or(o umano Siano attribuite ai (ianeti e ai !e#ni zodia%ali. Se#uendo le tradizioni de#li Arabi* il Sole domina il %er&ello* il %uore* le %o!%ie* le midolla* l)o%%$io de!tro e lo !(irito &itale. Mer%urio la lin#ua* la bo%%a e #li altri or#ani dei !en!i %o!. interni %$e e!terni* le mani* le #ambe* i ner&i* la +anta!iaSaturno la milza* il +e#ato* lo !toma%o* la &e!%i%a* la matri%e* l)ore%%$io de!tro e la +a%olt" ri%etti&a- Gio&e il +e#ato e la (arte (i' %arno!a dello !toma%o* il &entre e l)ombeli%o :e (er%i/ #li anti%$i $anno (o!to l)imma#ine d)un ombeli%o nel tem(io di Gio&e Ammone;* le %o!tole* il (etto* #l)inte!tini* il !an#ue* le bra%%ia* la mano de!tra* l)ore%%$io !ini!tro e la &irt' naturale- Marte il !an#ue* le &ene* le reni* il %$ilo* il +iele* le nari%i* il dor!o* l)e++u!ione dello !(erma e le &irt' ira!%ibili o (a!!ioni- 5enere le reni* i te!ti%oli* la 5ul&a* la matri%e* la &irt' !eminale* la %on%u(i!%enza* la %arne* il #ra!!o* il &entre* il (ube* l)ombeli%o e tutto %i/ %$e !er&e all)atto &enereo* %ome l)o!!o !a%ro* la !(ina dor!ale* i lombi* la te!ta e la bo%%a (er %ui !i (rodi#ano i ba%i- la Luna in+ine* a %ui !)attribui!%e l)intero %or(o e tutte le membra* (er la #ran &ariet" dei !e#ni* domina (urtutta&ia !(e%ialmente il %er&ello* i (olmoni* il midollo !(inale* lo !toma%o* i me!trui* #li e!%rementi* l)o%%$io !ini!tro e la (otenza di

%re!%ere. Ermete di%e %$e la te!ta d)un animale $a !ette +ori* di!tribuiti ai !ette (ianeti* %io,1 l)ore%%$ia de!tra a Saturo la !ini!tra a Gio&e* la nari%e de!tra a Marte* la !ini!tra a 5enere l)o%%$io de!tro al Sole* il !ini!tro alla Luna e la bo%%a a Mer%urio. Co!. (ure o#ni !e#no zodia%ale $a un (redominio (arti%olare. L)Ariete #o&erna la te!ta e il &i!o* il Toro il %ollo* I Gemelli le bra%%ia e #li omeri* il Can%ro il (etto i (olmoni lo !toma%o e i mu!%oli delle bra%%ia* il Leone il %uore lo !toma%o il +e#ato e la !%$iena* la 5er#ine #l)inte!tini e l)interno dello !toma%o* la Bilan%ia le reni il +emore e le nari%i* lo S%or(ione i #enitali* il Sa#ittario l)e!terno delle %o!%ie la (arte in+eriore delle un#$ie e #l)inte!tini* il Ca(ri%orno le #ino%%$ia* l)A% uario #li !tin%$i e le tibie* i Pe!%i i (iedi. Si%%ome ue!ti ultimi tre !e#ni !ono in %on%ordanza tra i %or(i %ele!ti* %on%ordano altre!. tra le membra* %o!a %$e !i dimo!tra (er l)e!(erienza* (oi%$0 il +reddo ai (iedi in%omoda il &entre e il (etto* il %$e +a !i %$e a((ortando rimedio a#li uni !i #uari!%ano an%$e #li altri e ri!%aldando i (iedi %e!!i il mal di &entre. Le %o!e %$e !ono !ottome!!e ad al%uno dei (ianeti $anno (er%i/ relazione %on le membra* in+luenzate dallo !te!!o (ianeta* !o(rattutto uando ue!to !i tro&i nel !uo domi%ilio e nella !ua e!altazione* #ia%%$0 le altre di#nit"* %ome le terne i termini e #li a!(etti* !otto tal ri#uardo non $anno im(ortanza. Co!. la (eonia %$e $a il %olore del limone* il %$iodo di #aro+ano* le bu%%e del limone* la ma##iorana* il dori%nio* la %annella* lo za++erano* l)aloe* l)in%en!o* l)ambra* il mu!%$io e in (arte la mirra !ono rimedi e++i%a%i (er la te!ta e (er il %uore a %au!a del Sole dell)Ariete e del Leone. Co!. la (ianta##ine* erba di Marte* , e++i%a%e al %a(o e ai te!ti%oli a %au!a dell)Ariete e dello S%or(ione. Inoltre i !e#ni di Saturno %ontribui!%ono alla tri!tezza e alla melan%onia* uelli di Gio&e alla #ioia e a#li onori* uelli di Marte all)ardimento alle lotte e all)ira* uelli del Sole alla #loria alla &ittoria e al %ora##io* uelli di 5enere all)amore alla &olutt" e alla %on%u(i!%enza* uelli di Mer%urio all)elo uenza* uelli della Luna alla &ita &ol#are- e i %o!tumi e le o%%u(azioni umane !ono di!tribuiti e ri(artiti in %orri!(ondenza %oi (ianeti. Per%$0 Saturno #o&erna i &e%%$i e i mona%i* le melan%onie* i te!ori na!%o!ti e uelli %$e Si %on ui!tano %on di++i%olt" e mer%0 lun#$i &ia##i- Gio&e domina #li uomini (ii* i (relati* i re* i nobili e i %a(i* i beni a% ui!tati le%itamente e one!tamente- Marte #o&erna i barbieri* i %$irur#$i* #li uomini d)arme* i %arne+i%i* i ma%ellai* i (anettieri* i (a!ti%%ieri. In modo !imile le altre !telle mani+e!tano la loro azione* %ome , de!%ritto nei libri di A!trolo#ia.

CAPITOLO ==III. In %$e modo !i (o!!a %ono!%ere da uali a!tri di(endono le %o!e naturali e uali %o!e !ieno !otto(o!te al Sole.

E) a!!ai di++i%ile ri%ono!%ere da uale (ianeta o !e#no di(enda una data %o!a. Pure (u/ %ono!%er!i %on la imitazione dei ra##i* %oi moti o +i#ure delle %o!e !u(eriori- (er al%une an%$e %oi %olori e #li odori- in altre an%ora %on #li e++etti delle loro o(erazioni %on!onanti a %erte !telle. Ci/ (reme!!o* !ono !olari1 tra #li elementi il +uo%o e la +iamma* tra #li umori il !an#ue e lo !(irito &itale- tra i !a(ori uelli &iolenti* o a%ri* o +orti tem(erati di dol%ezza- tra i metalli l)oro (el !uo %olore e (el !uo !(lendore- tra le (ietre uelle %$e imitano i ra##i del !ole (er lo !%intillio dorato* %ome l)aetite %$e #uari!%e l)e(ile!!ia e debella il &eleno e l)o%%$io di !ole* !imile a una (u(illa ra##iante* %$e +orti+i%a il %er&ello e arrobu!ti!%e la &i!ta. Il brillante* %$e rilu%e +ra le tenebre* (re!er&a dalle in+ezioni e dai &a(ori (e!tilenti- il %ri!olito* di %olore &erde (allido e rilu%ente e %$e e!(o!to al !ole !embra una !tella d)oro* +orti+i%a lo S(irito* %ombatte l)a!ma e* +orato nel mezzo riem(ito il +oro %on (elo d)a!ino e atta%%ato al bra%%io !ini!tro* +a dile#uare le &i!ioni* i +anta!mi* i !o#ni e la (azzia. L)iride* !imile al %ri!tallo e !(e!!o e!a#onale %ome ue!to* e!(o!to ai ra##i del Sole* li a!!orbe e nel (roiettarli (er ri+le!!ione +a a((arire l)ar%obaleno !ul muro o((o!to. L)eliotro(o o #ira!ole* %$e , &erde e !%reziato di ro!!o ed , una !(e%ie di dia!(ro o di !meraldo* rende #lorio!o re(utato e lon#e&o %$i lo (orta e !tro+inato %on la (ianta dello !te!!o nome immer!o in un re%i(iente (ieno d)a% ua ed e!(o!to al !ole* +a a((arire l)a% ua del %olore del !an#ue. 4i (i'* %o!a an%ora (i' mera&i#lio!a* rende in&i!ibile %$i lo (orti in!ieme alla (ianta %$iamata an%$)e!!a #ira!ole e Alberto il Grande e Gu#lielmo di Pari#i %on+ermano ue!te &irt'. An%$e il #ia%into ri%e&e dal !ole &irt' %ontro i &eleni e le e!alazioni (e!tilenziali- di (i' rende #radito e !im(ati%o %$i lo (orti* (ro%a%%ia ri%%$ezze* arrobu!ti!%e il %uore e tenuto in bo%%a rallieta lo !(irito. La (ietra (<ro($ilo!* %$e , di un ro!!o brizzolato e di %ui (arla E!%ula(io nel libro delle !ue E(i!tole a Otta&io Au#u!to* !e%ondo la te!timonianza d)Alberto* , un to!!i%o tanto +reddo %$e im(edi!%e al %uore d)un uomo morto di %arbonizzar!i* %o!. %$e e!(onendolo all)azione del +uo%o (er ual%$e tem(o* !i %on&erte in (ietra. 2ue!ta (ietra (o!!iede una &irt' mirabile %ontro tutti i &eleni e rende #lorio!o e temuto %$i la (orti. La (antaura :!meraldo;* %$e , la (ietra !olare (er e%%ellenza* !%o(erta* !i di%e* da A(ollonio* attira a !e le altre (ietre %ome la %alamita il +erro. E) e++i%a%i!!ima %ontro o#ni !orta di &eleni e !i %$iama an%$e (ant$era o (anto%r$a!* (er%$0 , !%reziata di mille %olori. Aaron la %$iatta e&ant$um. Fra le altre (ietre !olari &)$anno il to(azio* il %ri!o(ra!o* il rubino e* %ome l)or(imento* (are%%$i altri minerali !ono !olari e in #enerale uelli %$e $anno il %olore e il +ul#ore dell)oro. Tra le (iante !ono !olari tutte uelle %$e !i &ol#ono &er!o il !ole* %ome il #ira!ole* e %$e ri(ie#ano o %$iudono le +o#lie al tramontare del !ole (er ria(rirle al !uo le&ar!i* %ome il loto* la (eonia* la %elidonia* il limone* il #ine(ro* la #enziana* il dittamo* la &erbena %$e +a &ati%inare e !%a%%ia i demoni* l)alloro* il %edro* la (alma* il +ra!!ino* l)edera* la &ite e le (iante %$e (re!er&ano dalla +ol#ore e non temono i ri#ori in&ernali. Sono an%$e !olari molte dro#$e* %ome la menta* la la&anda* il ma!ti%e* lo za++erano* il bal!amo* l)ambra* il mu!%$io* il miele #iallo* il le#no d)aloe* il #aro+ano* la %annella* il %alamo aromati%o* il (e(e* l)in%en!o* la ma##iorana e il ro!marino* %$e Or+eo %$iama !oli! t$<miama.

Tra #li animali !ono !olari uelli ma#nanimi %ora##io!i e amanti della &ittoria e della #loria* uali il leone %$e , il re de#li animali* il %o%%odrillo* la lin%e* l)ariete* la %a(ra* il toro #uidatore di armenti* %$e a Elio(oli +u da#li E#iziani %on!a%rato al !ole e %$e* %ome il bue A(i a Mem+i e il toro Pat$i! a Erminto* +u %$iamato &erit". Il lu(o , !tato an%$e %on!a%rato ad A(ollo e a Latona. E) an%$e !olare il %ino%e+alo* %$e latra dodi%i &olte durante il #iorno ed al tem(o dell)e uinozio orina dodi%i &olte nelle !in#ole ore ed altrettante di notte* (er %ui #li E#iziani lo in%ide&ano !u#li orolo#i. Tra #li u%%elli !ono !olari la +eni%e* uni%o della !(e%ie* l)a uila* re#ina dei &olatili* l)a&&oltoio* il %i#no e tutti uelli %$e !embrano inne##iare al !ole al !uo le&ar!i* %ome il #allo il %or&o e lo !(ar&iero* %$e i teolo#i E#iziani $anno %on!iderato %ome il !imbolo della lu%e e %$e Por+irio $a anno&erato tra i !olari. Inoltre tutti #li animali %$e (o!!ono ri%ordare il brillare del !ole* %ome la lu%%iola- lo !%arabeo* detto an%$e %antaride* %$e arrotonda (allottole e &i !i ada#ia !o(ra e uelli* !e%ondo il (en!iero di A((ione* %$e %an#iano #li o%%$i a !e%onda del %or!o del !ole. Fra i (e!%i !ono !o(rattutto !olari il &itello marino* %$e re!i!te alla +ol#ore* il dattilo e il (olmone marino %$e brillano di notte e uelli %$e ra%%$iudono le (erle* %$e !e%%ando!i !i ridu%ono in una (ietra del %olore dell)oro.

CAPITOLO ==I5. 4elle %o!e %$e di(endono dalla Luna. Tra #li elementi di(endono dalla Luna la terra* l)a% ua del mare e dei +iumi e i !u%%$i e #li umori delle (iante e de#li animali* e !o(rattutto uelli bian%$i* %ome l)albume delle uo&a* i #ra!!i* il !udore* le (ituite e le !u(er+luit" dei %or(i. Tra i !a(ori il !alato e l)in!i(ido. Tra i metalli l)ar#ento- tra le (ietre il uarzo* la mar%a!!ite ar#entata e tutte uelle %$e !ono bian%$e o &erdi. Co!. (ure la (ietra !elenite* o (ietra lunare* tra!(arente* bian%a!tra* %$e nel brillare imita il moto della luna* %$e (orta in !e l)imma#ine dell)a!tro e %$e ne !e#ue le +a!i. E le (erle* %$e Si #enerano nelle %on%$i#lie dalle #o%%iole d)a% ua* e il %ri!tallo e il berillo. Tra le (iante !ono lunari il !elenotro(io %$e !i &ol#e &er!o la luna* %ome il #ira!ole &er!o il !ole- la (alma* %$e ram(olla un ramo a o#ni le&ar!i della luna- l)i!!o(o* !(e%ie di ro!marino* il (i' (i%%olo de#li alberi e la (i' #rande delle erbe* %$e (arte%i(a de#li uni e delle altre- l)oli&o e l)$a#nu! %a!tu!* o albero %a!to- l)erba %$ino!tate* %$e %re!%e e de%re!%e %on la luna in !o!tanza e in numero di +o#lie e non !olo in umori e &irt'* %o!a %$e alle !in#ole (iante , %omunte* ad e%%ezione delle %i(olle di Marte* le uali !ole $anno la +orza di %re!%ere e diminuire all)in&er!a de#li in%rementi e de%rementi della Luna- %ome tra #li u%%elli l)ori#e Saturnia , nemi%i!!ima

tanto della Luna %$e del Sole. Gli animali lunari !ono uelli %$e &i&ono %on l)uomo e $anno nature o((o!te di amore e di odio* %ome i %ani di tutte le razze. An%$e il %amaleonte , lunare* (er%$0 %ambia !e%ondo il !e#no in %ui !i tro&a. Sono altre!. lunari le !%ro+e* le %er&e* le %a(re e ue#li animali %$e o!!er&ano e !e#uono i moti della luna* %ome il %ino%e+alo e la (antera. Si di%e %$e ue!t)ultima abbia !ulla !(alla una ma%%$ia !imile alla luna* %$e !i dilata e !i re!trin#e a !e%onda delle +a!i lunari. Sono lunari i #atti* %$e dilatano e re!trin#ono la (u(illa- il !an#ue dei me!trui* %$e !)a%%om(a#na al %i%lo della luna e %on %ui i ma#i o(erano (rodi#i o %o!e mo!truo!e- la iena %$e %ambia di !e!!o e %$e , !o##etta ai &eleni e tutti ue#li animali %$e !i %$iamano an+ibi* (er%$0 (o!!ono !o##iornare tanto !ulla terra %$e nell)a% ua* %ome il %a!toro e la lontra* non%$0 uelli %$e Si %ibano di (e!%i. Inoltre #li animali mo!truo!i e uelli #enerati da !%ono!%iute !emenze* %ome i to(i* %$e na!%ono dalla (utredine del !uolo. Tra #li u%%elli !ono lunari le o%$e* le anitre* i tu++atori* #li a% uati%i* uelli %$e Si %ibano di (e!%i* uelli %$e !i #enerano ambi#uamente* %ome le mo!%$e e le &e!(e* nate dalle %ar%a!!e e uine* le a(i* %$e na!%ono dalla %orruzione e dalla (utredine dei bo&ini* i mo!%erini dal &ino #ua!to* lo !%ara+a##io dalle %aro#ne a!inine. So(rattutto , lunare ue!to ultimo %$e , munito di due %orna e %$e &iene %$iamato tauri+orme. E!!o !otterra una (allottolina durante i &entotto #iorni in %ui la luna %om(ie il #iro dello zodia%o e nel &entino&e!imo* nella %on#iunzione dei luminari* la di!!otterra e la #etta nell)a% ua* +a%endo !%$iudere %o!. i !uoi (i%%oli. Tra i (e!%i il #atto di mare* da#li o%%$i mute&oli %ol mutar della luna* e tutti uelli %$e !e#uono i mo&imenti della luna* %ome la tor(edine* la remora* il #ran%$io* l)o!tri%a* i %on%$i#lia%ei e le rane.

CAPITOLO ==5. 4elle %o!e %$e di(endono da Saturno. Tra #li elementi !ono !aturniani la terra e l)a% ua- tra #li umori la bile nera* tanto naturale %$e (ro&o%ata* e%%etto uella ben ri!%aldata e bru%iatatra i !a(ori uelli a%idi e a%ri e uelli (e!anti e #ro!!olani. Tra i metalli il (iombo e l)oro* !otto il ra((orto della (e!antezza* e la mar%a!!ite d)orotra le (ietre la %orniola* lo za++iro* il dia!(ro bruno* la %al%edonia* il ma#nete e tutte le %o!e terre!tri o!%ure e (e!anti. Tra le (iante l)a!+odelo* la !er(entaria* la ruta* il %imino* l)elleboro* il benzoino* la mandra#ora* il (a(a&ero- uelle %$e !tordi!%ono e %$e non !ono #erminate- uelle %$e non danno +rutto* uelle %$e (rodu%ono radi%i +o#lie rami +rutti neri* %ome il +i%o nero il (ino e il %i(re!!o- tutti #li alberi danno!i* %ontorti* amari* dall)odore &iolento* dall)ombra in#rata* dalle re!ine a%ri* (ri&i di +rutto* di lun#a &ita- uelle +une!te e %on!a%rate a Plutone* %ome il !edano* di %ui #li anti%$i u!a&ano %in#ere le !e(olture (rima di de(or&i #li e!tinti e %$e (er%i/ non imbandi&ano !ulle loro men!e* (er%$0 ,

tri!te e non !i %on&iene al tri(udiare. Tra #li animali uelli %$e !tri!%iano* i !olitari* i notturni* i tri!ti* i %ontem(lati&i* i !el&a##i* i timidi* uelli lenti a muo&er!i* i laborio!i* #l)immondi nel &itto e %$e di&orano la loro (role* %ome la tal(a* l)a!ino* il lu(o* la le(re* il mulo* il #atto* il %ammello* l)or!o* il maiale* la !%immia* il dra#o* il ba!ili!%o* il ro!(o* tutti i !er(enti* lo !%or(ione* la +ormi%a e tutti uelli #enerati dal (utridume %o!. in terra %$e nelle a% ue e tra le ro&ine* %ome i to(i e di&er!e !(e%ie di &ermi. Tra #li u%%elli !ono !aturniani uelli dal %ollo lun#o e dalla &o%e #ro!!a* %ome la #ru* lo !truzzo e il (a&one %on!a%rato a Saturno e a Giunone* non%$0 il #u+o* la %i&etta* il (i(i!trello* l)u(u(a* il %or&o e l)ori#e. Tra i (e!%i l)an#uilla %$e &i&e !olitaria* la %i&etta* %$e (reda i to(i e i %a#nolini e %$e di&ora i !uoi (i%%oli. Inoltre le tartaru#$e* le o!tri%$e* i %on%$i#lia%ei* le !(u#ne.

CAPITOLO ==5I. 4elle %o!e %$e di(endono da Gio&e. Tra #li elementi di(ende da Gio&e l)aria- tra #li umori il !an#ue* lo !(irito &itale e uelli %$e (rolun#ano %on!er&ano e %on!olidano la &italit" e la &e#etazione- tra i !a(ori tutti uelli dol%i e #rade&oli. Tra i metalli lo !ta#no l)ar#ento e l)oro (er la !ua tem(eranza- tra le (ietre il #ia%into* il berillo* lo za++iro* la tut$ia* lo !meraldo* il dia!(ro &erde e in #enerale tutte uelle di %olor &erde e %ele!te. Tra le (iante la barba di Gio&e- il %on+etto e uino* la bu#lo!!a* la no%e mo!%ata* il +rumento* la menta* il ma!ti%e* l)inula %am(ana** la &iola* il lo#lio* il #iu! uiamo e #li alberi +au!ti* uali la uer%ia* il ro&ere* il le%%io* il +a##io* il no%%iuolo* il (io((o* il !orbo* il +i%o bian%o* il (ero* il melo* la &ite* il !u!ino* il +ra!!ino* l)oli&o e l)olio e inoltre le biade* l)orzo* la li uerizia* lo zu%%$ero e tutte le %o!e dal #u!to dol%e e +ine* uali le no%i* le mandorle* i (i#nuoli* le no%%iuole* i (i!ta%%$i* le radi%i di (eonia* il rabarbaro e la manna. Or+eo #li attribui!%e an%$e lo !tora%e. Tra #li animali uelli %$e non man%ano di di#nit" e di !a##ezza e uelli man!ueti e do%ili* %ome il %er&o* il toro l)ele+ante* la (e%ora e l)a#nello. Tra #li u%%elli uelli di %om(le!!ione tem(erata* uali i (olli* la (erni%e* il +a#iano* la rondine* il (elli%ano la %u%u($a e la %i%o#na* %$e !ono a!!ai !en!ibili e ri%ono!%enti. E #li , an%$e %on!a%rata l)a uila* %$e , in%i!a !ulle im(re!e dei re e %$e , il !imbolo della #iu!tizia e della %lemenza. Tra i (e!%i il del+ino* l)an%$ia e una !(e%ie di #ro!!o (e!%e del Nilo* detto +iluru!* a %a#ione della loro man!uetudine.

CAPITOLO ==5II.

4elle %o!e %$e di(endono da Marte. Tra #li elementi il +uo%o e tutto %i/ %$e $a %alore e %$e , ardente o bru%iante- tra #li umori la %ollera. Tra i !a(ori uelli amari* #li a%ri* uelli %$e +anno bru%iare la lin#ua e uelli %$e !i uali+i%ano la%rimo!i. Tra i metalli il +erro* il rame ro!!o e uanto %ontiene +uo%o e zol+o- tra le (ietre il diamante* il ma#nete* la !an#uinaria* tutte le !(e%ie di dia!(ro e l)ameti!ta. Tra le (iante l)elleboro* l)a#lio* l)eu+orbia* la %artabana* il na&one* la ra(a* il (i%%olo lauro* la !%amonea- tutte uelle no%i&e (er e%%edenza di %alore* o !(ino!e* o danno!e alla (elle* %ome il %ardo* la +iammula e l)orti%a- tutte uelle %$e +anno la%rimare nel man#iarle* %ome la %i(olla* lo !%alo#no* il (orro* la !ena(e e in+ine #li alberi !(ino!i e il %orniolo %$e , %on!a%rato a Marte. Tra #li animali uelli belli%o!.* ra(a%i* arditi e d)imma#inazione ardente* %ome il %a&allo* il mulo* il be%%o* il lu(o* il leo(ardo* l)a!ino !el&ati%o* i !er(enti e i dra#$i &eleno!i e tutti uelli %$e rie!%ono mole!ti all)uomo* uali la (ul%e* la mo!%a* il %ino%e+alo* o !%immia a te!ta di %ane* (el !uo %arattere irritabile. Tutti #li u%%elli da (reda %$e !i %ibano di %arne e rodono le o!!a* %ome l)a uila* il +al%o* lo !(ar&iero e l)a&&oltoio- tutti #li u%%elli %rudeli e !el&a##i* %ome la %i&etta* la nottola* i tinnun%uli* i +al%$i* e tutti uelli &ora%i e dalla &o%e !tridula rude e !trozzata* %ome il %or&o* la %orna%%$ia e la #azza* %$e , (arti%olarmente %on!a%rata a Marte. Tra i (e!%i il lu%%io* il barbio* la (a!tina%a e uelli %$iamati ariete* be%%o* lu(o e #lau%o* %$e !ono ra(a%i e +ameli%i.

CAPITOLO ==5III. 4ello %o!e %$e di(endono da 5enere Tra #li elementi di(endono da 5enere l)aria e l)a% ua- tra #li umori la (ituita* il !an#ue* lo !(irito e la !emente #enitale- tra i !a(ori il dol%e* l)untuo!o e l)a##rade&ole. Tra i metalli l)ar#ento e il rame #iallo e ro!!o- tra le (ietre il berillo* il %ri!olito* lo !meraldo* lo za++iro* il dia!(ro &erde* la %orniola* l)aetite* il la(i!lazzuli* il %orallo e tutte uelle belle %an#ianti e di %olore bian%o e &erde. Tra le (iante la &ioletta* la &erbena* il %a(el&enere* la &aleriana* detta in arabo ($u* il timo* il ladanum* l)ambra* il mu!%$io* il !andalo* il %oriandolo e tutte uelle dol%i (ro+umate e a##rade&oli* uali le (ere* i +i%$i e #li aran%i* di %ui i (oeti di%ono 5enere a&er !eminato il (rimo e!em(lare a Ci(ro.

Inoltre le !ono %on!a%rate le ro!e mattutine e il mirto !erotino. Tra #li animali uelli lu!!urio!i* %ome il #atto* il %oni#lio* le (e%ore* la %a(ra* e !(e%ie il be%%o di %ui !i di%e %$e in%omin%i a dar!i al %oito !in dal !ettimo #iorno do(o la na!%ita* il tordo (er la Sua ma#ni+i%enza* e il &itello (er la !ua la!%i&ia. Tra #li u%%elli il %i#no* la rondine* il (elli%ano* la %$enalo(e7 o o%a !el&ati%a* i uali amano a!!ai i loro (i%%oli- il %or&o* la %olomba %$e , %on!a%rata a 5enere* la tortora di %ui un tem(o !i ordina&a il !a%ri+i%io (er (uri+i%ar!i do(o il (arto* il (a!!ero an%$)e!!o %on!a%rato a 5enere* e %$e la le##e ordina&a !ommini!trare (er mondare dalla lebbra* male di(endente da Marte* e!!endo!i ri%ono!%iuto %ome il rimedio (i' a%%on%io. Gli e#iziani ri%ono!%ono an%$e l)a uila %ome !o##etta a 5enere (el !uo %alore* %$e la !o!(in#e ine!au!ta &er!o il ma!%$io. Tra i (e!%i 5enere domina la #ru* a!!ai la!%i&a* il %an%$aru! %$e !i batte (er la !ua %om(a#na* il titimallo (er la* dol%ezza del !uo odore* #li !%ari !ala%i!!imi* i merli %$e !i battono (er amore del +eto.

CAPITOLO ==I=. 4elle %o!e %$e di(endono da Mer%urio Tra #li elementi , mer%uriana l)a% ua %$e tra!%ina %on+u!amente ed a#ita %o!e di!(arate- tra #li umori !ono !(e%ialmente dominati da Mer%urio uelli mi!ti* non%$0 lo !(irito animale e u#ualmente tra i !a(ori uelli !trani e %om(o!ti. Tra i metalli #li a((arten#ono l)ar#ento &i&o* lo !ta#no e la mar%a!!ite ar#entea. Tra le (ietre lo !meraldo* l)a#ata* il (or+ido* il to(azio* uelle &arie#ate* uelle %$e $anno naturalmente a!(etti di&er!i* uelle arti+i%iali* %ome il &etro* e uelle mi!te di &erde e di #iallo. Tra le (iante il no%%iuolo* il (enta+illo* la mer%orella* la (im(inella* la ma##iorana* il (rezzemolo e uelle %$e (i' $anno le +o#lie %orte e !trette* nature mi!te e %olori di++erenti. Tra #li animali* uelli !%altri* !&e#li* a!tuti* atti alla %or!a e a %ontatto %on l)uomo* %ome i %ani* le !%immie* le &ol(i* le donnole* il %er&o e il mulo* non%$0 uelli erma+roditi e %$e %an#iano &olta a &olta di !e!!o* %ome la le(re* la iena e !imili. Tra #li u%%elli uelli naturalmente in#e#no!i* dalla &o%e mu!i%ale* e &er!atili* uali il %ardellino* il be%%a+i%o* il merlo* il tordo* l)allodola* l)u!i#nuolo* la %alandra* il (a((a#allo* la #azza* l)ibi!* il (or+irione e lo !%ara+a##io uni%orno. Tra i (e!%i il tro%$u!* %$e !i +e%onda da !0 !te!!o- il (ol<(u!* +raudolento e %$e %an#ia di %olore* la (a!tina%a a %au!a della !ua indu!trio!it"* e il mu##ine %$e %on la !ua %oda !tra((a l)e!%a dall)amo.

CAPITOLO ===. Come il mondo !ublunare e uanto in e!!o , %ontenuto !ia di!tribuito ai (ianeti. Oltre alle %o!e indi%ate* tutto uanto !i ritro&a nel mondo , !otto la dominazione dei &ari (ianeti e non &)$a &irt' %$e da ue!ti non !ia deri&ata. Co!. !i attribui!%e al Sole la lu%e &i&i+i%ante del +uo%o* a Marte il %alore* alla Luna* a Mer%urio e alle !telle tutta la !u(er+i%ie della terra e a Saturno la !ua (e!antezza. L)umore dell)aria !o##ia%e a Gio&e* uello dell)a% ua alla Luna e uello mi!to a Mer%urio e a 5enere. Le %au!e a#enti nella natura !e#uono il Sole* la materia !e#ue la Luna* la +e%ondit" delle %au!e a#enti Gio&e* la +e%ondit" della materia 5enere* la (ronta e!e%uzione o %om(imento de#li e++etti Marte e Mer%urio* il (rimo (el !uo ardore e il !e%ondo (er la !ua abilit" e (er la !ua &irt' (rotei+orme e la (er!e&eranza o %o!tanza e il %ontinuar!i delle %o!e !e#uono Saturno. Nel re#no &e#etale (ro&iene di Gio&e tutto %i/ %$e (orta +rutto* da 5enere tutto %i/ %$e (orta +iori* da Mer%urio o#ni !emente e o#ni %orte%%ia* da Saturno o#ni radi%e* di Marte o#ni le#no e dalla Luna o#ni +o#lia. 4al %$e deri&a %$e %i/ %$e da +rutto e non +iori!%e a((artiene a Saturno e a Gio&e* %i/ %$e +iori!%e e (rodu%e !ementi* ma non +rutto* a((artiene a 5enere e a Mer%urio* %i/ %$e !i (rodu%e (er #erminazione !(ontanea e !enza !emente a((artiene alla Luna e a Saturno. O#ni bellezza (ro%ede da 5enere e la +orza da Marte e o#ni (ianeta re##e e di!(one tutto %i/ %$e #li , !imile. Co!. nelle (ietre il (e!o il le#ame e l)immobilit" &en#ono da Saturno* il bene+i%io e il tem(eramento da Gio&e* la durezza da Marte* la &ita dal Sole* la #razia e la bellezza da 5enere* la &irt' !e%reta da Mer%urio e il bene+i%io %omune dalla Luna.

CAPITOLO ===I. In %$e modo le (ro&in%e e i re#ni !ieno di!tribuiti ai (ianeti. Il mondo intero* nei !uoi re#ni e nelle !ue (ro&in%ie* , an%$e di!tribuito ai (ianeti e ai !e#ni. Sono !o##etti a Saturno %ol Ca(ri%orno1 la Ma%edonia* la Tra%ia* l)Illiria* l)India* l)Arriana* la Gordiana* %ontrade !ite ua!i tutte nell)A!ia Minore- allo !te!!o %on l)A% uario1 la Sarmazia* l)O7iana* la So#diana* l)Arabia* la Fazania* la Media e l)Etio(ia* (ae!i ua!i tutti della #rande A!ia. Sono !o##etti a Gio&e %ol Sa#ittario1 la To!%ana* il (ae!e dei Celti* la S(a#na e l)Arabia +eli%e- allo !te!!o %on i Pe!%i1 la Li%ia* la Lidia* la Cili%ia* la Pam+ilia* la Pa+la#onia* la Na!amonia* la Garamanti%a. Marte %on l)Ariete #o&erna la Breta#na* la Gallia* la Germania* la Bar!tania* il %entro della Siria* l)Idiumea e la Giudea- %on lo S%or(ione1 la Siria* la Coma#enia* la Ca((ado%ia* la Meta#onitide* la Mauritamia e la Getulia. Sono !o##etti al Sole %ol Leone1 l)A(ulia* l)Italia* la Si%ilia* la Feni%ia* la Caldea* l)Or!enia* o Or%$enia. 5enere %ol Toro #o&erna le Ci%ladi* i (ae!i

%o!tieri dell)A!ia Minore* l)i!ola di Ci(ro* il (ae!e dei Parti e dei Medi e la Per!ia- %on la Bilan%ia1 il (ae!e de Battriani* la re#ione Ca!(iana* la Siria* la Tebaide* l)Oa!ide e il (ae!e dei Tro#loditi. Mer%urio %oi Gemelli domina l)Ir%ania* l)Armenia* la Mantinea* la Cirenai%a* la Marmari%a e il Ba!!o E#itto- %on la 5er#ine1 la Gre%ia* l)A%aia* Candia* Babilonia* la Me!o(otamia* l)A!!iria e il (ae!e de#li Elamiti* di %ui (arlano le S%ritture. La Luna %ol Can%ro domina la Bitinia* la Fri#ia* la Col%$ide* la Numidia* l)A+ri%a* Carta#ine e la Car%$edonia. Tutto %i/ , ri+erito da Tolomeo* a %ui (o!!ono attribuir!i (are%%$ie o(inioni de#li altri a!trolo#$i. Coloro %$e !a(ranno %ombinare ue!te di&i!ioni %on l)a!!i!tenza delle intelli#enze %$e le #o&ernano* %on le benedizioni delle trib' d)I!rael* %on le mi!!ioni de#li a(o!toli e %on i !e#ni ti(i%i delle !a%re lettere* (otranno ri%a&arne #randi %o!e e (ro+ezie e ora%oli !o(ra o#ni re#ione.

CAPITOLO ===II. 4elle %o!e %$e di(endono dai !e#ni e dalle !telle +i!!e e dalle loro imma#ini e ra!!omi#lianze. Le !telle +i!!e #o&ernano le loro imma#ini terre!tri e (er%i/ l)Ariete %ele!te #o&erna uello terre!tre* il Can%ro i #amberi* il Toro %ele!te il toro e il bue terre!tre* il Leone i leoni* la 5er#ine le &er#ini* lo S%or(ione #li !%or(ioni* il Ca(ri%orno le %a(re* il Sa#ittario i %a&alli* i Pe!%i #li animali a% uati%i. Co!. (ure l)Or!a %ele!te (re!iede a#li or!i* l)Idra ai !er(enti e la %o!tellazione del Cane ai %ani. A(uleio attribui!%e ai !e#ni e ai (ianeti %erte erbe (arti%olari- (er e!em(io all)Ariete la !al&ia* al Toro la &erbena ma!%$ile* ai Gemelli la &erbena +emina* al Can%ro la bu#ola o erba mora* al Leone il %i%lamino* alla 5er#ine il (ule##io !el&ati%o* alla Bilan%ia il #ira!ole* allo S%or(ione l)artemi!ia* al Sa#ittario l)ana#allide* al Ca(ri%orno il la(azio* all)A% uario la !er(entaria* ai Pe!%i l)erba !ara%ena* a Saturno il !em(re&i&o* a Gio&e l)a#ri+o#lio* a Marte il (e%eudano* al Sole l)eliotro(io* a 5enere il %a(el&enere* a Mer%urio il &erba!%o* alla Luna l)a#loo+otide. Ma Ermete* %on+ortato da Alberto il Grande* d" a Saturno l)a!+odelo* a Gio&e il #iu! uiamo* a Marte la (ianta##ine* al Sole la (oli#onia* a 5enere la &erbena* a Mer%urio il (enta+illo* alla Luna la %$ino!tate. Noi %ono!%iamo (er e!(erienza %$e #li a!(ara#i !ono !o##etti all)Ariete e il ba!ili%o allo S%or(ione. Inoltre* !e%ondo la dottrina d)Ermete e di T$ebit$* menzioner/ ui al%una delle ma##iori !telle* di %ui la (rima* Al#ol* (re!iede tra le (ietre al diamante e tra le (iante all)elleboro nero e all)artemi!ia. Se#uono le Pleiadi %$e (re!iedono tra le (ietre al uarzo e tra le (iante all)erba dia%edon all)in%en!o e al +ino%%$io e inoltre $anno dominio !ul mer%urio. La terza** Aldebaran* $a !otto di !0 il brillante e il rubino e tra le (iante l)erba titimala e il %a(ri+o#lio. La uarta !i %$iama il Ca(rone e tra le (ietre $a

lo za++iro e tra le (iante il marrobbio* la menta* l)artemi!ia e la mandra#ora. La uinta* il Cane ma##iore* #o&erna il berillo +ra le (ietre e +ra le (iante l)erba Sa&ina l)artemi!ia e la !er(entina. La !e!ta* il Cane minore* $a %ome (ietra l)a#ata e +ra le (iante il #ira!ole e il +iore del (ule##io. La !ettima* il %uore del Leone* +ra le (ietre $a la #ranata e +ra le (iante la %elidonia l)artemi!ia e il ma!ti%e. La otta&a* la %oda dell)Or!a ma##iore* $a %ome (ietra il ma#nete* %ome (iante la %i%oria* %$e &ol#e a !ettentrione i +iori e le +o#lie* l)artemi!ia e il +iore di (er&in%a e +ra #li animali il dente del lu(o. La nona !i %$iama l)ala del Cor&o e +ra le (ietre $a la %orniola nera* +ra le (iante l)a%eto!a* il uadra#enum* il #iu! uiamo e +ra #li animali la lin#ua della rana. La de%ima* la S(i#a* #o&erna lo !meraldo e tra le (iante la !al&ia* il tri+o#lio* la (er&in%a* l)artemi!ia e la mandra#ola. La undi%e!ima !i %$iama Al%$ame%$ e (re!iede tra le (ietre al dia!(ro e tra le (iante alla (ianta##ine. La dodi%e!ima* El($eia* $a %ome (ietra il to(azio e %ome (iante il ro!marino* il tri+o#lio e l)edera. La tredi%e!ima !i %$iama il %uore dello S%or(ione e domina tra le (ietre la !ardoni%a e l)ameti!ta e tra le (iante l)erba !ara%ena e lo za++erano. La uattordi%e!ima* l)A&&oltoio %adente* #o&erna +ra le (ietre il %ri!olito e +ra le (iante la !erretta. La uindi%e!ima* la %oda del Ca(ri%orno* $a +ra le (ietre la %al%edonia e +ra le (iante la ma##iorana* l)artemi!ia* la &aleriana* un)erba !imile al (ule##io e la radi%e della mandra#ora. Bi!o#na inoltre !a(ere %$e le %o!e* (ietre (iante animali o altro* non !ono #o&ernate da un !olo a!tro* ma !(e!!o ri%e&ono l)in+luenza di (i' a!tri* non tanto !in#olarmente uanto %on#iuntamente. Co!. tra le (ietre la Cal%edonia , !o##etta a Saturno e Mer%urio* %on la %oda dello S%or(ione e del Ca(ri%ornolo za++iro a Gio&e e a Saturno Con la !tella Al$a<ot$- la* tut$ia a Gio&e al Sole e alla Luna- lo !meraldo a Gio&e a 5enere e a Mer%urio %on la S(i#al)ameti!ta* !e%ondo Ermete* a Marte a Gio&e e al Cuore dello S%or(ione- il dia!(ro a Marte a Gio&e e alla !tella Al%$ame%$- il %ri!olito al Sole a 5enere e a Mer%urio %on l)A&&oltoio %adente- il to(azio al Sole e a El($eia- il diamante a Marte e ad Al#ol. Tra i &e#etali la !er(entaria , !ottome!!a a Saturno e al Ser(entario %ele!te- il ma!ti%e e la menta a Gio&e e al Sole* ma il ma!ti%e !i ri%olle#a altre!. al %uore del Leone e la menta al Ca(ronel)elleboro a Marte e alla te!ta d)Al#ol- il mu!%$io e il !andalo al Sole e a 5enere- il %oriandolo a 5enere e a Saturno* ai uali , %on!a%rato. Tra #li animali in+ine il &itello marino , !o##etto al Sole e a Gio&e- la &ol(e e la !%immia a Saturno e a Mer%urio- i %ani dome!ti%i a Mer%urio e alla Luna.

CAPITOLO ===III 4elle im(ronte e dei %aratteri delle %o!e naturali. Tutti #li a!tri (o!!iedono una loro natura (arti%olare e (ro(riet" %aratteri!ti%$e %$e ri&erberano e im(rontano !ui %or(i in+eriori* !u#li elementi* !ulle (ietre* !ulle (iante* !u#li animali. Per%i/ o#ni %o!a ri%e&e una im(ronta !(e%iale* a !e%onda della (ro(ria di!(o!izione armoni%a* dalla !tella %$e la irradia* la uale le %on+eri!%e un %arattere %$e la ri%orda e la &irt' %$)e!!a a% ui!ta in tal modo , di++erente in #enere in i!(e%ie e in numero dalla natura !ua (ro(ria. O#ni %o!a (ertanto $a un !uo %arattere*

deri&ato dalle in+luenze de#li a!tri e !(e%ialmente di uell)a!tro %$e (redomina in e!!a e i &ari %aratteri %onten#ono e riten#ono le &arie &irt' !tellari* ri&erberandoli a loro &olta !ulle altre %o!e !u %ui !i ri+lettono. Per%i/ , dato attrarre le in+luenze !u(eriori* !ia %on le !telle +i!!e %$e %oi (ianeti e %oi !e#ni e %on le loro imma#ini* u!ando materie adatte* !%e#liendo il tem(o (ro(izio e mettendo in o(era il %erimoniale %on&eniente. Gli anti%$i !a(ienti* %$e !i !ono a lun#o o%%u(ati a ri%er%are le %ondizioni o%%ulte delle %o!e* $anno o!!er&ato #li a!(etti* le +i#ure* i !e#ni* i !i#illi e i %aratteri de#li a!tri* %o!e tutte %$e la natura !te!!a $a im(re!!o !ulle %o!e di ua##i'* al%une !ulle (ietre* altre !ulle (iante e !ulle #iunture dei ramo!%elli* altre !ulle di++erenti membra de#li animali. In+atti l)alloro* il #iu##iolo il #ira!ole e tutte le (iante !olari mo!trano i %aratteri del !ole nelle loro radi%i e nella !truttura dei nodi. Io !te!!o !i ri!%ontra nelle o!!a e nelle !(atule de#li animali* donde $a a&uto ori#ine la di&inazione !(atulare. An%$e nelle (ietre , dato ritro&are i %aratteri e le imma#ini dei %or(i %ele!ti- ma !i%%ome +ra tanta di&er!it" di %o!e non !arebbe (o!!ibile enun%iare !i%uri (rin%i(i !%ienti+i%i* trala!%eremo di (arlare dei !e#ni %$e !i (o!!ono ri!%ontrare !ulle altre %o!e* (er !o++ermar%i a e!aminare uelli relati&i alla natura umana* imma#ine (er+etta e %om(leta %$e ri!(e%%$ia in !0 tutto l)uni&er!o e %$e %ontiene tutta l)armonia %ele!te* in %ui !enza dubbio %i !ar" dato tro&are tutti i !e#ni e tutti i %aratteri di tutte le !telle e in modo tanto (i' e++i%a%e* uanto meno e!!i !ono lontani dalla natura %ele!te. Si%%ome (er/ il numero delle !telle non , %ono!%iuto %$e da 4io* lo !te!!o do&r" dir!i dei loro !e#ni* non%$0 dei loro e++etti !ulle %o!e di ua##i' e (er%i/ ne!!un intelletto umano (otrebbe a((ro+ondir&i!i e (er %on!e#uenza an%ora (o%$e %o!e !ono !tate a% ui!ite (er ra#ionamento o (er e!(erienza da#li anti%$i +ilo!o+i e %$iromanti e molti te!ori naturali riman#ono i#norati. Ci/ (reme!!o* noi ui tra!%ri&eremo !olo i !e#ni e i %aratteri d)al%un (ianeta* %ono!%iuti da#li anti%$i %$iromanti attra&er!o la mano dell)uomo. Giuliano li %$iama lettere !a%re o di&ine* (er%$0* !e%ondo le Sa%re S%ritture* , detto %$e la &ita de#li uomini , im(re!!a !ulle loro mani e ue!te !ono !imili (re!!o tutti i (o(oli* ualun ue lin#ua e!!i (arlino. Tali %aratteri !ono tanti* %$e #li anti%$i e i moderni %$iromanti ne $anno riem(ito (are%%$i &olumi. Ba!ter" mo!trare ui l)ori#ine dei %aratteri naturali e indi%are in uali %o!e !ia dato ritro&arli E%%o* nella ta&ola* i #ra+i%i dei %aratteri !a%ri o di&ini* o!!ia le lettere o %aratteri dei !ette (ianeti.

Lettere o %aratteri di Saturno. Lettere o %aratteri di Gio&e Lettere o %aratteri di Marte Lettere o %aratteri del Sole

Lettere o %aratteri di 5enere. Lettere o %aratteri di Mer%urio. Lettere o %aratteri della Luna.

CAPITOLO ===I5 Come !i (o!!ano attrarre le in+luenze e i (oteri dei %or(i %ele!ti a mezzo delle %o!e naturali. 5olendo %ono!%ere la +orza o la (ro(riet" d)al%una !tella bi!o#ner" !er&ir!i delle %o!e %$e le !i ri+eri!%ono e %$e ri%e&ono la !ua in+luenza e %ome %on la (e%e %on lo zol+o e %on l)olio !i (re(ara il le#no a ri%e&ere la +iamma* Co!. im(ie#ando %o!e %on+ormi all)o(erazione e alla !tella* !i (u/ %on!tatare %ome un bene+i%io (arti%olare !i ri&erberi !ulla materia a%%on%iamente di!(o!ta a mezzo dell)anima del mondo. 4i%o a%%on%iamente* (er%$0 o%%orre %$e la materia im(ie#ata !ia in armonia %on le !ue ualit" naturali e tali ualit" !ono tanto deli%ate e im(onderabili* %$e !olo %on #ran (ena !i rie!%e a %om(iere un)o(era (er+etta %ol loro mezzo. Ma!ti%ando un #ranello di !ena(e* !i a&&erte un !a(ore (enetrante e +orte* %$e +a !(untare le la%rime a#li o%%$i- il %alore del +uo%o +a a((arire uanto !i , !%ritto %on latte o %on !u%%o di %i(olla- le lettere tra%%iate !ulla (ietra %on #ra!!o di be%%o* totalmente in&i!ibili %om(aiono %ome !%ol(ite uando !)immer#e la (ietra nell)a%eto. In tal modo l)armonia %ele!te mo!tra la &irt' na!%o!ta nella materia* l)e%%ita* la +orti+i%a e (er %o!. dire* dallo !tato di (otenza la ridu%e ad atte##iamento uando le %o!e !ieno e!(o!te &anta##io!amente e nel tem(o o((ortuno ai %or(i %ele!ti. 2uando (er e!em(io !i &uol trarre ual%$e &irt' dal Sole* bi!o#na %er%are al%un%$0 di !olare tra le (iante* i metalli* le (ietre e #li animali e (arti%olarmente %i/ %$e +ra tali %o!e !ia !u(eriore nell)ordine !olare. Co!.* a mezzo dello !(irito del mondo* !i ritrarranno ma##iori bene+izi dal Sole.

CAPITOLO ===5 4ei mi!%u#li delle %o!e naturali e della loto utilit". Noi !a((iamo %$e la natura delle %o!e terrene non %om(rende in %ia!%un %or(o tutte le ualit" dei %or(i %ele!ti* di!!eminate in&e%e in i!(e%ie di&er!e* e!!endo&i* (er e!em(io* (i' %o!e !olari di %ui %ia!%una non %om(rende tutti i (oteri del Sole. Per%i/ talora , ne%e!!ario nelle o(erazioni ri%orrere a me!%olanze* in modo %$e !e il Sole a&e!!e di!!eminato %ento o mille !ue &irt' +ra altrettante (iante* animali* o !imili* %i %on&errebbe ra%%o#liere tutte ue!te %o!e e me!%olarle

(er (oter !+ruttare e++i%a%emente l)unione di tante &irt'. Nei mi!%u#li &)$anno due !orta di (oteri- l)uno (ro(rio delle !in#ole (arti* %$e , %ele!te* l)altro a% ui!ito arti+i%ialmente (er la riunione e il do!a##io e++ettuati in %on%ordanza %ol %ielo !otto una data %o!tellazione. 2ue!t)ultimo (otere (ro%ede dal ra((orto mutuo* dalla ra!!omi#lianza delle !in#ole %o!e %on le !u(eriori o %ele!ti* dalla %on!onanza del !o##etto %$e ri%e&e %on uello %$e a#i!%e. Co!. da una data mi!%ela di erbe di &a(ori e !imili* ri!ulta un %or(o %om(o!to in modo +i!i%o e a!tronomi%o* %$e (o!!iede molte delle (ro(riet" (o!iti&e ri%e&ute da#li a!tri* %ome il miele nelle a(i* %$e (ro&iene da !&ariati !u%%$i di +iori e %$e , ridotto in una +orma %$e ne %ontiene tutte le &irt' mer%0 un)o(erazione ammirabile e un %erto arti+i%io ua!i di&ino. N0 , meno ammirabile %i/ %$e di%e Eudo!!o di Gnido del miele arti+i%iale* (re(arato in Libia da un (o(olo di #i#anti e (er nulla di&er!o da uello delle a(i. Per%$0 o#ni me!%olanza , (er+etti!!ima* uando la riunione delle !in#ole (arti !ia +atta in modo da ottenere un tutto non +a%ilmente S%indibile* %ome (o!!iamo %on!tatare nelle (ietre e in %or(i di++erenti %om(o!ti e riuniti talora da una %erta +orza naturale* in modo %$e !embrano +ormare un uni%o %or(o. Come %on!tatiamo di due alberi inne!tati a!!ieme e delle o!tri%$e unite %on le (ietre da una %erta &irt' !e#reta della natura. Si !ono &i!ti in+atti animali %an#iar!i in (ietra e talmente unir!i alla !o!tanza della (ietra* da non +ormare (i' %on e!!a %$e un !ol %or(o omo#eneo. E l)ebano* tra le (iante* ora , le#no* ora , (ietra. Per%i/ i mi!%u#li +atti !otto le in+luenze %ele!ti* (er la &ariet" delle azioni !u(eriori e (er la (o!!anza naturale* (rodu%ono ri!ultati mera&i#lio!i* %ome , de#li un#uenti* dei %olliri* delle +umi#azioni* e !imili* di %ui tro&iamo menzione nei libri di C$iramide* d)Ar%$ita* di 4emo%rito e di (are%%$i altri autori* non e!%lu!o Ermete nel &olume intitolato Al%$orat.

CAPITOLO ===5I 4ell)Unione delle %o!e mi!te e dell)introduzione di una +orma di &ita (i' nobile e !en!ibile. Pi' la +orma d)una %o!a , nobile* (i' , (ronta e di!(o!ta a ri%e&ere e (i' $a (otenza d)a#ire ed , %o!. %$e #li e++etti in%om(ren!ibili delle %o!e a((aiono mera&i#lio!i uando ue!te !ono im(ie#ate nel momento (ro(izio e (re(arate in mi!%u#li atti a %on%iliare loro le !telle* la &ita e l)anima !en!ibile. Le materie (re(arate* do(o a&er ri%e&uto la do&uta +orma* a% ui!tano un !o&rano (otere* %an%ellando %on la (er+etta me!%olanza la %ontrariet" ordinaria e la loro %om(le!!ione di&enta tanto (i' (er+etta* uanto (i' la me!%olanza , lontana dalla %ontrariet". Ora il %ielo* %$e , onni(o!!ente* uando #enera al%un%$0 %on la di#e!tione (er+etta della materia* %omuni%a in!ieme alla &ita le %ele!ti in+luenze e ualit" tanto (i' mera&i#lio!e* uanto (i' nella &ita !te!!a e nell)anima !en!ibile del nuo&o e!!ere !i ri!%ontrino %a(a%it" e di!(o!izione a ri%e&ere le (i' nobili e !ublimi &irt'. Inoltre talora la (ro(riet" %ele!te , a!!o(ita* %ome , nello zol+o lontano dal +uo%o o dalla +iamma* e talora altre!. arde nel %or(o &i&ente* %ome lo zol+o a%%e!o %$e ri!(ande i !uoi &a(ori !u tutto uanto #li , &i%ino. In tal modo !i rendono

(o!!ibili %erte o(erazioni %o!. mera&i#lio!e %ome uelle %$e !i le##ono nel libro di Nemit$* detto an%$e le Le##i di Plutone* (er%$0 !imili #enerazioni !ono mo!truo!e e non !i %om(iono !e%ondo le le##i naturali. E) noto %$e i &ermi #enerano le zanzare* i %a&alli le &e!(e* %$e le a(i (ro&en#ono dai bo&ini* %$e il #ran%$io (ri&ato delle zam(e e !e(olto (rodu%e lo !%or(ione* %$e l)o%a in%enerita e S(ar!a nell)a% ua #enera le rane e* %otta intera ta#liata a (ezzi e ri(o!ta in luo#o umido !otterra* #enera i ro!(i* %$e il ba!ili%o !%$ia%%iato +ra due (ietre #enera !%or(ioni* %$e i %a(elli d)una donna %$e abbia le !ue re#ole* na!%o!ti !otto il letame* di&entano !er(enti%$e un (elo della %oda d)un %a&allo* #ettato nell)a% ua* (rende &ita e Si tra!+orma in un &erme &ene+i%o e %$e in+ine (er arti+i%io !i (u/ +ar #enerare da un uo&o di #allina un e!!ere di +orma umana* %o!a %$e io !te!!o $o &i!to e %$e $o !a(uto %om(iere e %$e i ma#i %$iamano la &era mandra#ora. Bi!o#na dun ue %ono!%ere uali !ieno le materie re!e (er+ette dalla natura o dall)arte* o uelle %om(o!te dalla riunione di (i' materie %$e (i' !ieno %a(a%i di ri%e&ere le in+luenze %ele!ti* (er%$0 il ra((orto o la %on#ruenza delle %o!e naturali alle %ele!ti , !u++i%iente ad attirare le in+luenze !u(eriori e tutto %i/ %$e , (er+etto e (uro non (u/ e!!ere in%a(a%e di ri%e&ere le loro &irt'. E &)$anno tali le#ami e %onne!!ioni tra la materia e l)anima del mondo* la uale in+lui!%e uotidianamente !ulle %o!e naturali e !u tutto %i/ %$e la natura $a elaborato* %$e , im(o!!ibile %$e la materia (redi!(o!ta non (o!!a ri%e&ere una &ita e una +orma (i' nobile.

CAPITOLO ===5II In %$e modo* %on %erte (re(arazioni naturali e arti+i%iali* %i !ia dato attrarre dall)alto al%uni bene+i%i %ele!ti e &itali. 4i%ono #li A%%ademi%i %on Tri!me#i!to e %on Iar%$a! il bramano* e %on+ermano i Me%ubali ebrai%i* %$e tutto uanto !i tro&a in ue!to mondo !ublunare e in+eriore , !o##etto alla #enerazione e alla %orruzione e lo !te!!o a&&iene nel mondo %ele!te* ma in un %erto modo %ele!te e an%$e nel mondo intellettuale* !ebbene in modo (i' (er+etto* e +inalmente in modo (er+etti!!imo nell)ar%$eti(o. E di%ono %$e o#ni %o!a in+eriore %orri!(onde !e%ondo il (ro(rio #enere alla !ua !u(eriore e ri%e&e da e!!o e dai %ieli uella +orza %ele!te %$e !i %$iama uintae!!enza o S(irito del mondo* o natura mediana* e dal mondo intellettuale il &i#ore !(irituale e &i&ente* %$e !u(era o#ni &irt' (ro&eniente da ual!i&o#lia ualit" e in+ine dall)ar%$eti(o* attra&er!o i !uoi intermediari e !e%ondo il !uo #rado* la &irt' ori#inale di o#ni (er+ezione. In ue!to modo o#ni %o!a (u/ e!!ere ridotta dalle %o!e in+eriori a#li a!tri* da#li a!tri alle loro intelli#enze e di l" ual!ia!i %o!a (u/ in modo a%%on%io e!!ere ridotta al !uo ar%$eti(o- dalla !erie delle uali %o!e o#ni ma#ia e o#ni (i' o%%ulta +ilo!o+ia (ro%ede (oi%$0 uotidianamente !i +orma al%un%$0 di naturale mer%0 l)arte e al%un%$0 di di&ino a mezzo del naturale. Ci/ %on!iderando* #li E#iziani $anno %$iamato ma#a la natura* &ale a dire

+orza ma#i%a* (er%$0 e!!a attira le %o!e !imili (er mezzo delle !ue !imili e le %o!e %on&enienti mer%0 le %on&enienti. E i Gre%i $anno %$iamato !im(atia ue!ta attrazione mutua delle %o!e tra loro* &ale a dire delle !u(eriori &er!o le in+eriori e &i%e&er!a. In tal modo la terra %on&iene all)a% ua (er la +re!%$ezza* l)a% ua all)aria (er l)umore* l)aria al +uo%o (el %alore* il +uo%o al %ielo (er la materia e il +uo%o non !i mi!%$ia all)a% ua %$e mer%0 l)aria ne l)aria alla terra %$e (er l)a% ua. L)anima %o!. non !i me!%ola al %or(o %$e (er lo S(irito e l)intelletto Si me!%ola allo !(irito (er l)intermediario dell)anima. Ci/ +a !. %$e la natura* nel dar +orma al +eto* tra##a lo !(irito dall)uni&er!o* e ue!to !(irito , l)e!%a nello !(irito e nel %or(o (er %on!e#uire di&inamente l)intelli#enza e la mente* %ome nel le#no !i $a la !e%%$ezza (er a#e&olare la (enetrazione dell)olio. L)olio imbe&uto nel le#no , l)e!%a (er il +uo%o ed il +uo%o , il &ei%olo della lu%e. Tali e!em(i %i mo!trano %ome mer%0 %erte (re(arazioni naturali e arti+i%iali !i (o!!ano attrarre a noi al%uni bene+i%i %ele!ti. Per%$0 le (ietre e i metalli %on&en#ono alle erbe* le erbe a#li animali* #li animali al %ielo* il %ielo alle intelli#enze* le intelli#enze alle (ro(riet" di&ine e a#li attributi della di&init"* non%$0 alla !te!!a di&init"* a imma#ine e !omi#lianza della uale tutte le %o!e !ono !tate %reate. Ora la (rima imma#ine della di&init" , il mondo* uella del mondo , l)uomo uella dell)uomo l)animale* uella dell)animale il zoo+ito* uella del zoo+ito la (ianta* uella della (ianta i metalli* uella dei metalli le (ietre. La (ianta !i a%%omuna all)animale (er la &e#etazione* l)animale all)uomo (ei !en!i* l)uomo ai #eni (er l)intelletto* i #eni alla di&init" (er l)immortalit". La di&init" !i %on#iun#e alla mente* la mente all)intelletto* ue!to all)intenzione* l)intenzione all)imma#inazione* l)imma#inazione alla !en!azione* la !en!azione ai !en!i* i !en!i alle %o!e. 5i , un tale le#ame e una tale %ontinuit" nella natura* %$e o#ni &irt' !u(eriore* di++ondendo i !uoi ra##i %on una !e uela %on#rua e %ontinua !u tutte le %o!e in+eriori* %ol" !ino alle ultime e le in+eriori attra&er!o alle !in#ole loro !u(eriori (er&en#ono alle !u(eriori. Poi%$0 le %o!e in+eriori (er&en#ono mutuamente alle !u(eriori* in modo %$e le in+luenze %$e (ro&en#ono dalla (rima %au!a &anno !ino alle in+ime %ome (er una %orda te!a* di %ui to%%ando un)e!tremit" !ubito +reme tutta* dimodo%$0 ue!to to%%amento !i (ro(a#a !ino all)altra e!tremit" e muo&endo una %o!a in+eriore* an%$e la !u(eriore* a %ui e!!a ri!(onde* !i muo&e %ome le %orde in uno !trumento bene a%%ordato.

CAPITOLO ===5III In %$e nodo (o!!iamo ri%e&ere dall)alto non !olo doni %ele!ti e &itali* ma intellettuali e di&ini. Riten#ono i ma#i %$e !ia (o!!ibile* (er la %on+ormit" delle %o!e in+eriori %on

le !u(eriori* trarre %on o((ortuni in+lu!!i del %ielo le %o!e %ele!ti- e %o!. (ure mediante ue!te %o!e %ele!ti render%i ben di!(o!ti e &i%ini i demoni %ele!ti* (edi!!e ui delle !telle. Per%i/ Giambli%o Pro%io e Sine!io a!!i%urano %$e !i (o!!ono ri%e&ere non !olo doni %ele!ti e &itali* ma an%$e intellettuali e di&ini* mer%0 al%une materie %$e $anno un (otere di&ino naturale* &ale a dire %$e !)a%%ordano naturalmente %on le %o!e !u(eriori* una &olta ben riunite in!ieme e %om(o!te in (arte in modo +i!i%o e in (arte in modo a!tronomi%o. E Ermete Tri!me#i!to !%ri&e %$e un %on#ruo demone anima immediatamente un)imma#ine o una !tatua ben %om(o!ta di %o!e %on#ruenti %on tale demone* +atto menzionato an%$e da Sant)A#o!tino nell)otta&o libro della !ua Citt" di 4io. Per%$0 nel mondo e!i!tono tali ra((orti %$e le %o!e %ele!ti attirano le !u(er%ele!ti (er la &irt' atti&a e (er la (arte%i(azione delle !(e%ie di++u!e uni&er!almente. E ue!ta &irt' atti&a o (rin%i(ale muta le %o!e na!%o!te in mani+e!te e (er mezzo di ue!t)ultime attrae uelle !e#rete* o(erando (er e!em(io a mezzo dei ra##i delle !telle* delle +umi#azioni* delle lu%i* dei !uoni* delle %o!e naturali %$e %on&en#ono alle %ele!ti* nelle uali* oltre le ualit" %or(orali* !i ri!%ontrano maniere d)e!!ere* %au!e* !en!i* numeri e mi!ure in%or(oree e di&ine. 4i tal%$0 noi le##iamo %$e #li anti%$i o(era&ano !(e!!o %o!e di&ine e ammirabili a mezzo delle %o!e naturali. Co!. la (ietra %$e !i tro&a nella (u(illa dell)o%%$io della iena* (o!ta !otto la lin#ua* +a di&inare. La (ietra lunare !elenite (rodu%e lo !te!!o e++etto%on l)ana%$ite !i e&o%ano le imma#ini di&ine- %on la !ino%$itide !i +anno a((arire le ombre in+ernali. An%$e la (eonia* %$iamata altre!. marmoritide* (er%$0 %re!%e +ra i marmi dell)Arabia %olle +rontiere della Per!ia* , ado(erata !(e!!o dai ma#i* %$e &o#liono +ar a((arire le di&init". Si di%e %$e un)erba detta t$ean#elida +a%%ia (ro+etare e %$e &)abbiano erbe %a(a%i di +are re!u!%itare #li e!tinti. Lo !tori%o =antu! narra di un dra#one* %$e re!e la &ita a un !uo (i%%olo %on l)erba bale e di un %erto Tillone* !tato u%%i!o da un dra#o* re!u!%itato %on la !te!!e erba. E Giuba ra%%onta %$e in Arabia +u re!a la &ita a un uomo %on un)erba. E!amineremo in !e#uito* !e tali %o!e !ieno (o!!ibili in +a&ore dell)uomo mer%0 erbe o altre %o!e naturali* ma , %erto %$e !imili e++etti !ono ottenibili nei %on+ronti de#li animali. Per%$0* %ollo%ando +ra %eneri %alde* o in !u%%o di (a(a&ero !el&ati%o o di erba #attaria* una mo!%a anne#ata o un)a(e* ue!ti in!etti ritornano in &ita e mettendo !otto il letame %on !an#ue di a&&oltoio un)an#uilla morta (er man%anza di a% ua* in (o%$i #iorni la !i &ede ri%u(erare la &ita. E !e !i ta#lia a (ezzi una remora e la !i ri#etta in mare* i (ezzi !i ri%om(on#ono e l)animale torna a &i&ere. E) noto in+ine %$e %ol !uo !an#ue il (elli%ano +a ri&i&ere i (ro(ri (i%%oli morti.

CAPITOLO ===I=. Come %on %erte !o!tanze !i (o!!ano attrarre le di&init" %$e #o&ernano il mondo e i demoni loro mini!tri.

Ne!!uno i#nora %ome !i (o!!ano attrarre #li S(iriti mali#ni %on arti+i%i mal&a#i e (ro+ani e P!ello (arla dei ma#$i #no!ti%i* %$e ordinariamente (rati%a&ano i riti e!e%rabili u!ati #i" in onore di Pria(o o dell)idolo Panor* in %ui i !a%ri+i%i erano %om(iuti %on le (arti !e!!uati denudate. Se (ur non , +a&ola* %o!e !imili !i narrano della tri!ta !etta dei Tem(lari e !ono note le de(ra&azioni della !tre#oneria* in %ui la debolezza e la +ollia +emminile !o#liono tradurre in atto &er#o#no!i e%%e!!i. Con tali mezzi dun ue , dato attrarre #li !(iriti mali#ni. Tutta la (otenza di Satana>di%e&a a San Gio&anni lo !(irito mali#no (arlando del ma#o Cino(o>, in lui ed e#li %on#iura %on noi e noi %on lui e Cino(o %i obbedi!%e* %ome noi #li obbediamo. Parimente ne!!uno i#nora %$e %i , dato attrarre #li an#eli %ele!ti %on le o(ere buone* %on la (urezza dell)animo* %on le orazioni* %on le (ie morti+i%azioni e altre !imili %o!e. Non bi!o#na dun ue dubitare %$e* nello !te!!o modo* a mezzo di %erte !o!tanze* non !ia (o!!ibile attrarre an%$e le di&init" %$e dominano la terra* o almeno #li !(iriti loro mini!tri* i #eni dell)aria* %ome li %$iama Ermete. Co!. noi le##iamo %$e #li anti%$i !a%erdoti +orma&ano !tatue e imma#ini %$e in+luenzate da#li !(iriti !tellari* (redi%e&ano l)a&&enire.

CAPITOLO =L 4ei le#amenti* di %$e !(e%ie e!!i !iano e %ome !i tradu%ano in atto. Abbiamo (arlato delle &irt' e dell)e++i%a%ia mera&i#lio!a delle %o!e naturalidobbiamo ora intrattener%i dei mezzi (er %o!trin#ere #li uomini ad amar!i o a odiar!i* (er (ro%a%%iare le malattie e la !alute* (er im(edire ai ladri di rubare in un dato (o!to* o ai ne#ozianti di &endere o %om(rare in un altro luo#o* (er im(edire a un e!er%ito di oltre(a!!are %erti limiti* (er %o!trin#ere le na&i a non u!%ire dal (orto (er uanto il &ento !ia +a&ore&ole e le &ele ben di!te!e* (er +ar !i %$e un mulino non (o!!a #irare. Il mezzo d)in%antare un (ozzo o una +ontana* %o!. da non (oter&i attin#ere a% ua- o un %am(o a++in%$0 non (rodu%a (i' nulla* o una lo%alit" (er%$0 non &i !i (o!!a edi+i%are* o il +uo%o (er%$0 non !ia (o!!ibile a%%enderlo in un dato luo#o o (er%$0 un dato %ombu!tibile %a%%iato entro un +ornello bene a%%e!o non (o!!a bru%iare. U#ualmente il mezzo (er in%antare la +ol#ore e le tem(e!te* (er%$0 non abbiano da nuo%ere- (er im(edire ai %ani di abbaiare- (er %o!trin#ere #li u%%elli a non &olare e le be!tie !el&ati%$e a non +u##ire e altre %o!e !imili %on+ermate dall)e!(erienza %ontinua. Tali in%anti o le#amenti !i e++ettuano %oi &eleni* %oi %olliri* %on #li un#uenti* %on le (ozioni o +iltri* %on le %o!e %$e !i atta%%ano o !i !o!(endono* %on #li anelli* %on le imma#ini e i %aratteri %on #l)in%ante!imi e

le im(re%azioni* %on le lu%i* %oi !uoni* %oi numeri* %on le (arole e i nomi %on le in&o%azioni* %oi !a%ri+i%i* %on #li !%on#iuri* %on #li e!or%i!mi* %on le %on!a%razioni* %on i riti le !u(er!tizioni e le o!!er&azioni.

CAPITOLO =LI 4ei &eleni e del loro (otere. Si di%e %$e i &eleni abbiano tanto (otere* da +are a&&izzire %an#iare e &enire meno tutto %i/ %$e , loro in+eriore %ome ne (arla 5ir#ilio1 Moeri! m)$a dato ue!te erbe &eleno!e ra%%olte nel mare* %$e ne (rodu%e di (i' !(e%ie e mer%0 le uali !(e!!o io l)$o &i!to %an#iar!i in lu(o e na!%onder!i nelle +ore!te. S(e!!o an%$e l)$o &i!to +are u!%ire i morti dalle loro !e(olture e tra!(ortare le me!!i dall)uno all)altro %am(o. E* (arlando dei %om(a#ni d)Uli!!e1 La %rudele ma#a Cir%e %an#i/ %oloro %$e a&e&ano +orma umana in &ere be!tie. Lu%ano* (arlando di uella !tre#a Te!!ala %$e +a%e&a a((arire i Mani* di%e1 Si me!%ola %i/ %$e la natura $a (rodotto di (i' (eri%olo!o* %ome la ba&a dei %ani %$e ri+u##ono dall)a% ua* le budella della lin%e* il midollo d)una iena %rudele* uello d)un %er&o nutrito di !er(enti* !enza trala!%iare la remora* uel (e!%iolino %$e +erma le na&i* n0 #li o%%$i del dra#o. A(uleio (arla della !tre#a Pam+ilia* !(e%ializzata nelle o(erazioni d)amore* a %ui l)an%ella Foti! a((ort/ i (eli del &entre d)una %a(ra (re#na in&e%e dei %a(elli del #io&ane Beota. La uale* im(ie#ando di&er!e !(ie di ma#ie e mer%0 la &iolenza %ie%a de#li S(iriti %$e la !er&i&ano* +a%e&a a!!umere ai %a&alli a!(etto umano. E Sant)A#o!tino di%e a&er udito e!!er&i in Italia donne %a(a%i di %ambiare a &i!ta #li uomini in be!tie %on un (ezzo di +orma##io e* do(o a&erne u!ato a loro %a(ri%%io di +arli ritornare uomini.

CAPITOLO =LII 4ei mirabili (oteri di %erti &eleni. Ora narrer/ di al%uni bene+i%ii* a++in%$0 %on il loro e!em(io !ia (re(arata la &ia a tutta ue!ta %on!iderazione. Tra ue!ti , il !an#ue dei me!trui* %a(a%e di +ar ina%idire tutte le nuo&e (roduzioni. Co!. una &ite !u %ui %ada re!ta (er !em(re in+ruttuo!a* #li alberi (iantati o inne!tati muoiono e le +rutta !e%%ano* i #ermi bru%iano nei #iardini* #li !(e%%$i le lame dei ra!oi e la (urezza dell)a&orio !i a((annano* il +erro !i arru##ini!%e. Il rame (rodu%e un &eleno mi%idiale* i %ani !i arrabbiano e (rodi#ano mor!i in#uaribili* le a(i (eri!%ono* la tela anneri!%e al bu%ato* le %a&alle aborti!%ono* le a!ine non

(o!!ono #enerare durante tanti anni (er uanti #rani d)orzo #ua!tati dal +lu!!o abbiano man#iati* la %enere delle !to++e !u %ui e!!o +u !(ar!o +a %an#iar %olore alla (or(ora e im(allidire i +iori. Si di%e an%$e %$e #uari!%a la uartana* im(re#nandone la lana d)un ariete nero e %ollo%andola entro un bra%%ialetto di ar#ento. Oltre la uartana #uari!te la terzana* !tro(i%%iandone la (ianta dei (iedi del !o++erente e riu!%endo ben (i' e++i%a%e !e (ro&iene da una donna %$e i#nori d)a&ere le !ue re#ole. Combatte altre!. l)e(ile!!ia e diluito in a% ua o in ual%$e (ozione* immunizza della rabbia %anina. Una donna %$e abbia le !ue re#ole %$e %ammini nuda in un %am(o* +ar" (erire le ti#nuole* le luma%$e* le %antaridi e uanti altri in!etti no%i&i &i !i annidino. Bi!o#na (er/ a&er %ura a %$e %i/ non a&&en#a al le&are del !ole* altrimenti !e%%$erebbero le me!!i. Plinio %i narra molte %o!e intorno a tal &eleno* %$e $a (otere ma##iore uando la luna , %alante o nuo&a* e durante i (rimi anni* uando la donna , an%ora #io&anetta e &er#ine. In tal %a!o !(ar!o !ul limitare della %a!a* $a il (otere di rendere nullo o#ni !ortile#io. Si di%e %$e i +ili d)una !to++a %$e ne !iano !tati im(re#nati non (o!!ano bru%iare e abbiano il (otere di e!tin#uere un in%endio. Si di%e an%$e %$e* !ommini!trati in!ieme a radi%e di (eonia e %a!toro* &al#ono a #uarire dalla ti!i. Inoltre* +a%endo arro!tire lo !toma%o d)un %er&o* mi!%$iando&i ual%$e brandello di detta !to++a e (ortando il tutto addo!!o* non !i (u/ e!!er +eriti da al%un dardo. I %a(elli d)una donna me!truante* me!!i dentro il letame* #enerano !er(i e il bru%iarli +a +u##ire %ol loro odore i !er(enti* (er%$0 $a tale &irt' &ene+i%a da a&&elenare an%$e le be!tie &eleno!e. Il (olledro (orta in +ronte na!%endo una e!%re!%enza %arno!a della* #ro!!ezza di un +i%o !e%%o e di %olor nero* %$e la %a&alla $a %ura di di&orare !ubito do(o la na!%ita del (i%%olo e o&e omette!!e di +ar %i/* %on%e(irebbe tanta a&&er!ione (el !uo (uledro* da ri+iutar#li il nutrimento. Tale e!%re!%enza* detta i((omane* !i di%e abbia #ran &irt' a !u!%itare l)amore* !e !e ne +orma una (ozione %on !an#ue dell)amante. Un altro &eleno detto an%$e e!!o i((omane , uello %$e !e%erne la #iumenta in %aldo e di %ui (arla 5ir#ilio1 8in% demum $i((omane!* &ero uod nomine di%unt (a!tore!* lentum di!tillat ab in#uine &iru!. 8i((omane! uam !ae(e male le#ere no&er%ae* mi!%ente! $erba! et non inno7ia &erba. E il !atiri%o Gio&enale1 8i((omane! %armen ue lo uar* %o%tum ue &enerum (ri&i#no datum. A(ollonio narra nei !uoi Ar#onauti %$e l)erba di Prometeo* #enerata dal !an#ue #emuto in terra mentre l)a&&oltoio rode&a il +e#ato del !u(erbo* %$e (orta un +iore !imile a uello dello za++erano* !e%erne dalla (ro+onda radi%e un !u%%o nero %ome uello del +a##io* %$e rende in&ulnerabile al +erro e al +uo%o il %or(o umano untato di tal !u%%o* do(o a&er %om(ito l)o(era di&ina di Pro!er(ina. Sa!!one il #rammati%o !%ri&e %$e un %erto Frotone a&e&a un abito im(enetrabile

alle +re%%e. La iena* al dire di Plinio* $a di++erenti &eleni. Stro(i%%iando del !uo !an#ue i battenti d)una (orta* non , (i' (o!!ibile e&o%are le di&init" e intrattener!i %on e!!e. Be&endo una de%ozione del !uo o%%$io in !an#ue di donnola* %i !i +a odiare da tutti. La (arte e!trema del !uo inte!tino &ale a #arantire dalle &e!!azioni dei (otenti e ad a!!i%urare il !u%%e!!o nelle liti e nei (ro%e!!i* (ortandone !em(re un (o%o %on !0- e (ortandolo le#ato al bra%%io !ini!tro %i !i +a amare e !e#uire da una donna %$e %i !%or#a. Il !an#ue di ba!ili!%o* detto an%$e !an#ue di Saturno $a tanto (otere da +ar ottenere dai #randi %i/ %$e loro !i ri%$iede e dalle di&init" la !alute e o#ni #razia. Si di%e %$e la ze%%a tratta dall)ore%%$io !ini!tro d)un %ane nero e a((li%ata a un malato* &al#a a +ar (rono!ti%are intorno alla durata della !ua &ita* ba!tando do(o l)a((li%azione interro#arlo e !e l)in+ermo ri!(onde* &)$a !(eranza %$e #uari!%a mentre !e ta%e , indizio di morte. 4i%ono altre!. %$e una (ietra mor!i%ata da un %ane rabbio!o abbia (otere di di!%ordia !e me!!a in una be&anda. La lin#ua d)un %ane* me!!a nella %al%e e atta%%ata al (olli%e %on l)erba dello !te!!o nome* o!!ia. la %ino#lo!!a* im(edi!%e ai %ani d)abbaiare e lo !te!!o e++etto !i ottiene %on la (la%enta d)una %a#na. I %ani +u##ono %$i (orti un %uore di %ane. Plinio ra%%onta %$e %erte rane %$e &i&ono +ra i %e!(u#li !(ino!i* $anno un &eleno tanto atti&o da o(erare %o!e mera&i#lio!e. Un o!!i%ino* %ollo%ato nella (arte !ini!tra del loro %or(o* &ale a +ar entrare in ebollizione l)a% ua +redda* a +renare le &iolenze %anine* a e%%itare l)amore e l)odio !e (re!o in de%ozione. E!tratto in&e%e dalla (arte de!tra del %or(o* arre!ta il bollore dell)a% ua e la +a ra++reddare* im(edi!%e l)amore* !morza le %on%u(i!%enze* e %$iu!o entro una (elle di !er(ente !%uoiata di +re!%o #uari!%e la uartana e le altre +ebbri. In+ine la loro milza e il loro +e#ato !ono e++i%a%i antidoti ai &eleni dell)animale !te!!o. Si di%e an%$e %$e il +erro %$e abbia !er&ito a !(ar#ere il !an#ue umano* abbia &irt' !(e%iali. Per%$0 +o##iandone e mor!o e !(roni , (o!!ibile montare e amman!are il %a&allo (i' indomito e +errando#liene le zam(e lo !i rende ra(ido nella %or!a e in+ati%abile. O%%orre (er/ in%ider&i !o(ra %aratteri e nomi a((ro(riati. Il &ino in Cui !ia !tato immer!o un +erro %ol uale !ia !tato ta#liato il %ollo umano* be&uto* #uari!%e dalla uartana. In+ine una (ozione di %er&ello d)or!o be&uto nel %ranio dell)or!o rende +ero%e %ome un or!o e %$i l)abbia tran#u#iata* !i %rede tramutato in tale animale e o(era %ome ue!to* !in%$0 almeno non !ia +inito l)e++etto della (ozione* !enza tutta&ia ri!entirne in !e#uito danno +i!i%o. CAPITOLO =LIII. 4elle +umi#azioni e del loro (otere. Al%une +umi#azioni %$e $anno ra((orto %on #li a!tri* &al#ono a %omuni%are le ualit" %ele!ti di++ondendo!i nell)aria e nello !(irito* &a(ori l)una e

l)altro. L)aria %o!. !)im(re#na +a%ilmente delle ualit" della %o!e in+eriori e delle %ele!ti e (enetrando nel no!tro !(irito %i +a a% ui!ire di!(o!izioni mera&i#lio!e. Per%i/ le +umi#azioni !ono a!!ai indi%ate a %$i abbia da &ati%inare* (re(arando a ri%e&ere le i!(irazioni di&ine. Si di%e %$e i (ro+umi del !eme del lino e dello (!illo* delle radi%i della &ioletta e del !edano +a%%iano !%or#ere le %o!e +uture e %ontribui!%ano alla (ro+ezia. Por+irio o(ina %$e #li !(iriti dell)aria !)attra##ano e !)in!inuino %on i &a(ori dei (ro+umi loro a((ro(riati e %$e %on lo !te!!o mezzo !i (o!!ano e%%itare la +ol#ore e i nembi. E) noto in+atti %$e il +e#ato del %amaleonte bru%iato !ui tetti e%%ita le (io##ie e i tuoni* mentre il bru%iare la !ua te!ta e la !ua #ola di!!i(a #li ura#ani. I (ro+umi %om(o!ti !otto le in+luenze %on&enienti de#li a!tri +anno a((arire imma#ini e !(iriti* (er e!em(io una mi!%ela di %oriandolo* di !edano o di #iu! uiamo e di %i%uta. Per%i/ tali erbe !ono %$iamate erbe de#li !(iriti. An%$e un (ro+umo %om(o!to di radi%i di +erula %ol !uo !u%%o di %i%uta* di #iu! uiamo* di ta!!o barba!!o* di !andalo ro!!o* di (a(a&ero nero* +a a((arire i demoni* mentre a##iun#endo (a(a&ero !i di!%a%%iano #li !(iriti da o#ni luo#o* ri!ultato %$e !i ottiene an%$e %on un (ro+umo di (ule##io !el&ati%o* di (eonia* di menta e di ri%ino. Con %erti (ro+umi !i attra##ono o !i +u#ano %erti animali. Le o!!a bru%iate del %ollo d)un %er&o +anno radunare i !er(enti e le %orna del %er&o li +anno +u##ire. Lo !te!!o e++etto (rodu%ono le ali del (a&one. Il (olmone dell)a!ino bru%iato allontana tutte le be!tie &eleno!e* l)un#$ia del %a&allo o del mulo +a +u##ire i to(i e uella del (iede !ini!tro del mulo an%$e le mo!%$e. Una +umi#azione di +iele di !e((ia di!!e%%ato* %on timo ro!e e aloe* +ar" a((arire la !tanza (iena d)a% ua o di !an#ue* !(ruzzandola d)a% ua di mare o di !an#ue* e il !uolo tremer" !e &i !i !(ar#er" un (o) di terra la&orata. N0 bi!o#na %redere %$e #li e++etti delle +umi#azioni !ieno (a!!e##ieri* non (i' del re!to di uanto non a%%ada dei &a(ori dei %onta#i e %ome a&&iene (er la lebbra ad e!em(io* di %ui re!ta (er !em(re al%un%$0 ne#li abiti del !o++erente* %o!. da in+ettare an%$e molto (i' tardi %olui %$e li indo!!a!!e. Per%i/ %i !i !er&e dei (ro+umi nella (re(arazione de#li anelli e in molte altre %o!e ma#i%$e e te!ori a!%o!. in %ui rie!%ono molto utili* al dire di Por+irio. Co!. !e al%uno a&e!!e na!%o!to ual%$e te!oro nel momento in %ui la Luna +o!!e %on#iunta al Sole e !i +umi#a!!e il luo#o %on %oriandolo za++erano #iu! uiamo !edano e (a(a&ero nero in (arti e#uali* ridotti in (ol&ere e amal#amati %on SUCCO di %i%uta* non !arebbe (o!!ibile ad al%uno !%o(rirlo e im(adronir!ene* (er%$0 #li !(iriti lo &i#ilerebbero a!!iduamente e tormenterebbero %olui %$e &ole!!e render!ene (adrone. Ermete di%e %$e lo !(erma di mar!uino o di balena non $a ri&ali (er attrarre i demoni. Lo !i (re(ara mi!to a le#no d)aloe* mu!%$io* za++erano* timo e !an#ue di u(u(a e %oi !u++umi#i !ubito %on#re#a #li !(iriti aerei e !e Si +anno %on e!!o !u++umi#i &i%ino ai !e(ol%ri dei morti* %on#re#a i mani e le ombre dei morti. Similmente (er le o(erazioni !otto #li au!(i%i del Sole (ro+umiamo %on !o!tanze !olari* (er uelle !otto #li au!(i%i della Luna %on !o!tanze lunari e %o!. &ia. E bi!o#na !a(ere %$e %ome &)$anno %ontrariet" tra #li a!tri e tra #li !(iriti* %o!. &e n)$anno tra i (ro+umi. L)aloe e lo zol+o* l)in%en!o e il mer%urio !ono o((o!ti e %ontrari e #li !(iriti %$e !i attra##ono %ol le#no d)aloe !ono +u#ati dallo zol+o. Pro%lo ne d" un e!em(io* %itando %$e lo

!(irito %$e !i a&e&a abitudine di +ar %om(arire !otto l)a!(etto d)un leone* !(ari&a mo!trando#li un #allo* (er%$0 ue!ti due animali !ono %ontrari tra loro.

CAPITOLO =LI5. 4ella %om(o!izione di %erte +umi#azioni adatte ai (ianeti. Si %om(one un (ro+umo (el Sole %on za++erano* ambra* mu!%$io* le#no d)aloe e di Bal!amo* ba%%$e di lauro* #aro+ani* mirra e in%en!o* (ro(orzionando a !e%onda della minore inten!it" di aroma* in%or(orando %er&ello d)a uila- o !an#ue di #allo bian%o* e ridu%endo in (illole o (a!ti%%$e. Un (ro+umo alla Luna %on la te!ta d)una rana di!!e%%ata e #li o%%$i di un toro* !emi di (a(a&ero bian%o* in%en!o e %an+ora* il tutto in%or(orato %ol !an#ue delle me!truazioni d)una donna* o %on !an#ue d)o%a. Un (ro+umo a Saturno %on !emi di (a(a&ero nero e di #iu! uiamo e radi%i di mandra#ora* ma#nete e mirra* amal#amando %on %er&ello di #atto o !an#ue di (i(i!trello. Un (ro+umo a Gio&e %on !emi di +ra!!ino* le#no d)aloe* !tora%e* #omma di benzae* la(i!lazzuli e S(untature di ali di (a&one* in%or(orati %on !an#ue di %i%o#na o di rondine* o %er&ello di %er&o. Un (ro+umo a Marte %on eu+orbio* radi%i di un albero nero %$iamato bdellio e di ra(a !el&ati%a* %on elleboro* ma#nete e (o%o zol+o* il tutto in%or(orato %on %er&ello di %or&o* !an#ue d)uomo e !an#ue di #atto nero. Un (ro+umo a 5enere %on mu!%$io* ambra* le#no d)aloe* ro!e ro!!e e %orallo ro!!o* amal#amati %on %er&ello di (a!!ero e %on !an#ue di %olombo. Un (ro+umo a Mer%urio %on ma!ti%e* in%en!o* %$iodi di #aro+ano* (enta+illo e (ietra d)a#ata* in%or(orando %on %er&ello di &ol(e o di donnola e !an#ue di #azza. Inoltre i (ro+umi di Saturno (o!!ono e!!ere +ormati d)o#ni !orta di radi%i aromati%$e %ome uelle del %o!to e dell)in%en!o- uelli di Gio&e %on tutti i +rutti odoro!i* %ome la no%e mo!%ata e i %$iodi di #aro+ano- uelli di Marte %on tutti i le#ni odori+eri* !andalo* %i(re!!o* bal!amo* aloe- uelli del Sole d)o#ni !orta di #omme* in%en!o* ma!ti%e* benzae* !tora%e* ladanum* ambra* mu!%$io- uelli di 5enere %oi +iori* ro!e* &iole* za++erano e !imili- uelli di Mer%urio %on tutte le %orte%%e odoranti dei le#ni e della +rutta* non%$0 %on tutti i !emi aromati%i* %ome la %annella* la %a!!ia* la no%e mo!%ata* la !%orza di %edro* le ba%%$e di alloro- uelli della Luna %on tutte le +o#lie (ro+umate* %ome la +o#lia d)India* uelle del mirto e del lauro. Bi!o#na inoltre !a(ere* %$e in tutte le o(erazioni beni#ne la +umi#azione do&r" e!!ere buona odoro!a e (rezio!a e nelle o(erazioni male+i%$e la

+umi#azione do&r" e!!ere in&e%e +etida e (o%o %o!to!a. An%$e i dodi%i !e#ni dello zodia%o $anno i loro (ro+umi. L)Ariete $a la mirra* il Toro il %o!to* i Gemelli il ma!ti%e* il Can%ro la %an+ora* il Leone l)in%en!o* la 5er#ine il !andalo* la Bilan%ia il #albano* lo S%or(ione l)o(o(ona%o* il Sa#ittario l)aloe* il Ca(ri%orno l)a!!a* l)A% uario l)eu+orbio* i Pe!%i il timo. Ermete de!%ri&e il (i' e++i%a%e dei (ro+umi %om(o!to di !ette dro#$e in %orri!(ondenza del (otere e della &irt' dei !ette (ianeti* (rendendo da Saturno il %o!to* da Gio&e la no%e mo!%ata* da Marte l)aloe* dal Sole il ma!ti%e* da 5enere lo za++erano* da Mer%urio la %annella e dalla Luna il mirto.

CAPITOLO =L5. 4ei %olliri de#li Un#uenti e dei +iltri e dei loro (oteri. I %olliri e #li un#uenti* %$e o(erano in &irt' delle %o!e naturali e delle %ele!ti* (o!!ono %an#iare tra!+i#urare e inten!i+i%are il no!tro !(irito in modo da (oter a#ire non !olo !ul (ro(rio %or(o* ma an%$e !o(ra un %or(o &i%ino* mer%0 i ra##i &i!uali i !ortile#i e il %ontatto. Ed e!!endo il no!tro !(irito un &a(ore del !an#ue !ottile* (uro* brillante* aereo e untuo!o* , indi%ato %om(orre i %olliri di uei !imi#lianti &a(ori %$e abbiano ma##ior ra((orto %on la !o!tanza del no!tro !(irito e (o!!ano me#lio allettarlo e tra!+ormarli %on la loro !omi#lianza. Certi un#uenti (o!!iedono tale &irt' e le malattie* i &eleni* #li amori (o!!ono e!!ere e%%itati e %omuni%ati !tro(i%%iando!ene le mani* o #li abiti* e an%$e %oi ba%i , (o!!ibile i!(irare l)amore* a&endo al%un%$0 in bo%%a* %ome le##iamo in 5ir#ilio %$e 5enere %on!i#lia!!e a Cu(ido1 2uando la +eli%e 4idone ti a%%o#lie +ra le !ue bra%%ia e ti !trin#e e ti (rodi#a teneri ba%i* in!tillale un +uo%o na!%o!to e a++a!%inala %ol &eleno. La &i!ta (er/* il (i' (er+etto dei no!tri !en!i* %$e im(rime in noi in modo (i' (enetrante e (i' (ro+ondo l)imma#ine delle %o!e* %on&iene me#lio %on lo !(irito +anta!ti%o* il %$e Si ri&ela !(e%ialmente nei !o#ni* nei uali %i !i (re!enta me#lio uanto abbiamo #i" &i!to* %$e uanto abbiamo udito o (er%e(ito %on le altre no!tre !en!azioni. Per%i/ uando i %olliri modi+i%ano i +luidi &i!uali* ue!ti %omuni%ano (i' +a%ilmente le loro im(re!!ioni all)imma#inazione* la uale le ri+lette al !en!o e!teriore della &i!ta. E in ue!ta !i +orma una !en!azione a imma#ine di date !(e%ie e +orme %$e !u!%ita &i!ioni !trane e in%on!uete* in modo %$e !i %rede !%or#ere imma#ini terribili* demoni e altre !imili %o!e. Co!. %on +iele umano* o%%$i di #atto nero e %erte altre !o!tanze !i (re(arano i %olliri %$e (o(olano l)aria di ombre. O&&ero %on !an#ue di u(u(a di (i(i!trello e di be%%o e !i di%e %$e uno !(e%%$io d)a%%iaio unto di e!tratto di artemi!ia e (ro+umato* mo!tri #li !(iriti in&o%ati. Si (re(arano e#ualmente (ro+umi e unzioni* %$e +anno (arlare %amminare e a#ire %ome !e +o!!ero de!ti %oloro %$e dormono e %$e obbli#ano anzi a %om(iere %o!e di %ui !arebbe in%a(a%e un uomo de!to. Altre unzioni %i +anno intendere !uoni !o&rumani*

orribili o a##rade&oli* e &edere %o!e mai &i!te e (er%i/ i melan%oni%i %redono &edere e intendere uanto l)imma#inazione e!altata %rea loro internamente. Co!. %$e temono %i/ %$e non , da temere* +u##ono !enza %$e li !i (er!e#uiti* &anno in %ollera e !i a%%a(i#liano %on il &uoto. Le o(erazioni della ma#ia (o!!ono !u!%itare tutte ue!te (a!!ioni %oi (ro+umi* %on #li un#uenti* %oi &eleni* %on le lam(ade e %on le lu%i* %on #li !(e%%$i* %on le imma#ini* %on #l)in%ante!imi e le (arole* %on i !uoni di %erti !trumenti* %on di++erenti %erimonie* %oi %ulti* %on le !u(er!tizioni e di tutto %i/ !i tratter" (artitamente a !uo luo#o. E %on tali arti+i%i non !olo !i !u!%itano le (a!!ioni le a((arizioni e le imma#ini* ma !i %an#iano (er+ino le %o!e e #li uomini* tran!mutandoli in +orme a++atto di++erenti e i (oeti ri%ordano Proteo* Peri%limene* A%$eloo e Metra* la +i#lia di Eri!i%$ton. Co!. Cir%e tramut/ i %om(a#ni di Uli!!e e un tem(o #li uomini !i %an#ia&ano in lu(i do(o a&er #u!tato di %i/ %$e &eni&a !a%ri+i%ato a Gio&e L<%eu!* %o!a %$e Plinio narra e!!ere a%%aduto a un %erto 4emar%o. An%$e A#o!tino ne (arla e di%e a&ere a((re!o %$e in Italia &)erano donne %$e tramuta&ano #li uomini in be!tie* !ommini!trando loro nel +orma##io un %erto &eleno* e do(o a&erli #ra&ati di %ome !e%ondo il loro bi!o#no* li +a%e&ano ritornare uomini* %ome a&&enne a un %erto Pre!tanzio. In+ine nelle Sa%re S%ritture !i le##e %$e i ma#i di Faraone tramuta&ano in dra#$i le loro &er#$e e il !an#ue in a% ua. CAPITOLO =L5I. 4elle le#ature e delle !o!(en!ioni +i!i%$e. 2uando l)anima del mondo +e%onda %on le !ue &irt' tutte le %o!e* !ia #enerate naturalmente !ia +abbri%ate arti+i%ialmente* in+ondendo loro le (ro(riet" %ele!ti (er o(erare al%uni mirabili e++etti* allora le !te!!e %o!e %i %omuni%ano le loro &irt'* non !olo uando !ono !+ruttate %on le +umi#azioni le de%ozioni e !imili* ma an%$e uando* do(o a&erle a&&ilu((ate in al%un%$0 di a%%on%io* %e le !o!(endiamo al %ollo o altro&e e le !+ioriamo in al%un modo. Co!. e!!e %i rendono la !alute* %i danno l)ardire o il timore o la tri!tezza o la #ioia* %i +anno amabili o terribili o #raditi o di!(rezzabili o ri!(ettati o temuti o odiati. Ci/ a%%ade an%$e in ri#uardo a#li alberi* uando !ono inne!tati l)uno all)altro* e (er tale arti+i%io l)a#ri%oltore le#a la (alma ma!%$io alla +emina* uando ue!ta %ur&a i !uoi rami &er!o il +e%ondatore* a%%e!a dal de!iderio. Nello !te!!o modo %on!tatiamo %$e il (e!%e tor(edine* !+iorato da lontano %on un ba!tone* !tordi!%e la mano %$e (ur lo to%%a indirettamente e to%%ando una le(re marina* !e ne ri%e&e danno. Si di%e an%$e %$e una !tella di mare* intinta in !an#ue di &ol(e e in%$iodata !u un u!%io %on un %$iodo di rame* (re!er&i l)abitazione da o#ni &eleno. E un uomo non (u/ #ia%er!i %on una donna* %$e (orti !e%o un a#o me!!o (re&iamente nel letame* %o(erto (oi di terri%%io tratto da una tomba e a&&ilu((ato in un dra((o +unerario. 4a tali e!em(i &ediamo dun ue %$e !i (o!!ono ri%e&ere %erti (oteri mediante i le#amenti le !o!(en!ioni e i %ontatti di %erte %o!e. O%%orre (er/ %$e i

le#amenti e le !o!(en!ioni !i %om(iano !otto l)in+lu!!o delle %o!tellazioni %on&enienti* u!ando determinati +ili di metallo o di !eta* %a(elli* budella* ner&i e (eli o !etole di %erti animali* in&ilu((ando le !o!tanze in a((ro(riate +o#lie d)erba* o (elli di be!tie e !imili. Co!.* (er attrarre il (otere del Sole o d)un %or(o !olare !u al%una %o!a* bi!o#ner" ado(erare +ilo d)oro o di !eta* %olor za++erano* a&&ol#ere in +o#lia d)alloro o (elle di leone e (rati%are la !o!(en!ione uando il Sole domini nel %ielo. E (er a!!i%urar!i il (otere di al%un%$0 di !o(rannaturale* o%%orre a&&ilu((are la %o!a* !otto la dominazione di Saturno* in una (elle d)a!ino o in un dra((o +unerario* !o(ratutto (er le o(ere tri!ti* e a((enderla %on +ilo nero. CAPITOLO =L5II. 4e#li anelli e del modo di (re(ararli. Gli anelli* !em(re a!!ai %on!iderati da#li anti%$i* +atti nel tem(o do&uto e nei do&uti modi* lar#i!%ono le loro (ro(riet" a %oloro %$e li (ortano e li rendono alle#ri o tri!ti* %almi o terribili* arditi o timidi* amati o odiati* (re!er&andoli dalla malattia* dai &eleni* dai nemi%i* da#li !(iriti mali#ni e da uanto (o!!a nuo%ere. Il modo di %o!truire tali anelli , il !e#uente. 2uando ual%$e !tella (ro(izia , in a!%en!ione ed in a!(etto +a&ore&ole %on la Luna* o in %on#iunzione %on e!!a* !i (rende una (ietra e erba !o##etta a ue!ta !tella (onendo&i la (ietruzza %on l)erba o la radi%e !o##etta* !enza trala!%iare la i!%rizione delle imma#ini* dei nomi* dei %aratteri e i !u++umi#i. Ma di ue!te %o!e ne (arleremo altro&e* do&e tratteremo delle imma#ini e dei %aratteri. Le##iamo in Filo!trato %$e Iar%$a!* il mi#liore dei !a(ienti dell)India* don/ a A(ollonio !ette anelli %$e a&e&ano i (oteri dei !ette (ianeti* (er%$0 ne (orta!!e uno (er %ia!%un #iorno della !ettimana e %on tal mezzo ue#li &i!!e ben %entotrenta anni* %on!er&ando !em(re il &i#ore #io&anile. Si le##e an%$e %$e Mo!,* le#i!latore de#li Ebrei* a&endo a((re!o le !%ienze o%%ulte* (re(ara!!e anelli (er l)amore e (er l)oblio. Ari!totile menziona l)anello di Batto* Cireneo* %$e indi%a&a la ri%ono!%enza e l)onore. Si le##e an%ora de#li anelli di un %erto +ilo!o+o %$iamato Eudamo* e++i%a%i %ontro le mor!i%ature dei !er(enti e i !ortile#i. Giu!e((e di%e lo !te!!o di Salomone e Platone %i (arla di Gi#e* (o!!e!!ore di un anello %$e a&e&a il (otere di rendere in&i!ibile %$i lo a&e!!e a&uto al dito. Co!tui* mer%0 tale anello* (ot0 #ia%er!i %on la re#ina* +ar (erire il (rin%i(e !uo %on!orte e di&enire re della Lidia.

CAPITOLO =L5III. 4elle (ro(riet" dei luo#$i e delle !telle %$e dominano %ia!%un luo#o. I luo#$i $anno an%$)e!!i (oteri mirabili* %$e ri%e&ono dalle in+luenze delle !telle. In+atti* %ome narra Plinio* !e udendo %antare il %u%ulo %i !i +erma*

!i !%a&a il !uolo nel (unto (re%i!o in %ui !i , arre!tato il (iede de!tro* !e ne a!(orta il terri%%io e lo !i !(ar#e in un luo#o ual!ia!i* i&i non alli#neranno mai (i' (ul%i. Co!. una man%iata di terra !u %ui abbia !tri!%iato ual%$e !er(e* #ettata addo!!o alle a(i* &ale a +arle tornare al nido e la (ol&ere in %ui !i !ia a&&oltolata una mula* &ale a !o(ire l)ardore dei !en!i !(ar#endo!ela !ul %or(o. Si ritiene an%$e %$e la terra in %ui !i !ia a&&oltolato un u%%ello da (reda* ra%%olta entro un (annolino ro!!o* #uari!%a la +ebbre uartana e %$e un uomo di +re!%o !ala!!ato* (a!!ando a di#iuno o&e un e(iletti%o !ia %aduto di re%ente* !i %onta#i di e(ile!!ia. Plinio ri+eri!%e %$e un %$iodo di +erro %on+i%%ato nel (o!to do&e un e(iletti%o abbia (o!ato il %a(o* di&enti un rimedio !o&rano (er tale male. Un)erba ual!ia!i %re!%iuta !ul %a(o di una !tatua* atta%%ata %on +ilo ro!!o a un (unto ual!ia!i del %or(o* +a %e!!are !ubito il mal di te!ta. 2ualun ue erba %$e %re!%a lun#o le ri&e dei ru!%elli e dei +iumi* %olta (rima %$e !(unti il !ole !enza e!!er &i!ti da al%uno e a((li%ata all)in!a(uta del malato !ul !uo bra%%io !ini!tro* libera dalla terzana. Ri#uardo ai luo#$i a((ro(riati alle !telle* uelli male odoranti* tenebro!i* !otterranei* tri!ti* reli#io!i e +une!ti* %ome i %imiteri* le abitazioni abbandonate* le &e%%$ie %a!e %adenti* #li antri !olitari* le %a&erne* i (ozzi* non%$0 le (i!%ine* #li !ta#ni e le (aludi !ono attribuiti a Saturno. A Gio&e !i attribui!%ono tutti i luo#$i (ri&ile#iati* le aule dei tribunali dei %on!i#li e delle a!!emblee dei (rin%i(i e dei ma#i!trati* le tribune* le a%%ademie* le !%uole e tutti i (o!ti netti +a!to!i e olezzanti. Marte domina i luo#$i di +uo%o e di !an#ue* le +orna%i e i +orni* le ma%ellerie* le %ro%i* i (atiboli* i %am(i di batta#lia di e!e%uzione e di ma!!a%ri. Il Sole $a i luo#$i %$iari e !ereni* i (alazzi dei re* le %orti (rin%i(e!%$e* le aule* i (ul(iti* i teatri* i troni e uanto &)$a di re#ale e di ma#ni+i%o. 5enere (o!!iede e anima le +ontane #rade&oli* i (rati &erde##ianti* i #iardini !maltati di +iori* i letti bene adorni* i lu(anari e* %ome di%e Or+eo* le &erdi ri&e e i ba#ni* le !ale da ballo e tutto uanto $a relazione %on la donna. Mer%urio $a i ne#ozi* le !%uole* le ta&erne* i mer%ati* le +iere. La Luna i de!erti* le +ore!te* le ro%%e* i luo#$i !a!!o!i* le monta#ne* i bo!%$i* le +ontane* le a% ue* i +iumi* i mari le ri&e e le na&i* e !i di%e (o!!ieda &ari bo!%$i !a%ri* le !trade (ubbli%$e* i #ranai. Per%i/ %oloro %$e &o#liono %om(iere o(ere d)amore* na!%ondono d)ordinario #li !trumenti dell)arte* anelli imma#ini o !(e%%$i* in ual%$e lu(anare* %$e in+onde in e!!i (otere (er una %erta +a%olt" &enerea. Co!. (ure le %o!e a% ui!tano il %atti&o odore dei luo#$i male odoranti e &i !i %orrom(ono e &)im(utridi!%ono* %ome altre !)im(re#nano di aromi nei luo#$i bal!ami%i. Per le !te!!e ra#ioni %oloro %$e &o#liono !er&ir!i di erbe di Saturno di Marte o di Gio&e* #uardano all)oriente o al mezzo#iorno. Ad oriente* (er%$0 tali (ianeti #odono !or#endo dal !ole- a mezzo#iorno* (er%$0 i loro (rin%i(ali domi%ili !ono i !e#ni meridionali* o!!ia l)A% uario* lo S%or(ione* il Sa#ittario* il Ca(ri%orno e i Pe!%i. E %oloro %$e &o#liono !er&ir!i di al%un%$0 di &enereo* di mer%uriale* o di lunare* #uardano a o%%idente* (er%$0 tali (ianeti #odono di e!!ere o%%identali o a !ettentrione (er%$0 i loro (rin%i(ali domi%ili !ono i !e#ni !ettentrionali e %io, il Toro* i Gemelli* il Can%ro e la 5er#ine. Co!. in+ine (er le o(erazioni !olari*

bi!o#na #uardare a oriente e a mezzo#iorno* o an%$e al Sole i!te!!o e alla !ua lu%e.

CAPITOLO =LI=. 4ella lu%e e dei %olori* delle tor%e e delle lam(ade e dei %olori attribuiti a#li a!tri e ai loro domi%ili* non%$0 a#li elementi. La lu%e* %$e , una ualit" +ormale un)atto intelletti&o e un)imma#ine* %$e , di++u!a dallo !(irito di&ino !u tutte le %o!e* %$e in 4io Padre , la (rima e &era lu%e* nel Fi#lio lo !(lendore illuminante* nello S(irito Santo un ardore %$e !u(era o#ni %om(ren!ione* non e!%lu!a uella dei Sera+ini* %ome di%e 4ioni#i- una &olta di++u!a ne#li an#eli di&iene una intelli#enza &i&a* una #ioia %$e dila#a oltre i limiti della ra#ione. E!!a &iene ri%e&uta (er #radi di++erenti !e%ondo la natura del !o##etto ri%e&ente e nei %or(i %ele!ti di&iene un)abbondanza e una (ro(a#azione e++i%a%e della &ita e uno !(lendore &i!ibile- nel +uo%o un &i#ore naturale* in+u!o dai %or(i %ele!ti- nell)uomo un ra#ionamento +ul#ido e una %ono!%enza ra#ione&ole delle %o!e di&ine* ma e!(li%abile in modo di&er!o* !e%ondo le &arie di!(o!izioni dei %or(i* %ome &o#liono i (eri(ateti%i o* %o!a (i' &ero!imile* !e%ondo l)intenzione della %au!a di!tributri%e* %$e la !%om(arti!%e a !uo talento. 4i l. (a!!a alla +anta!ia* ma !o(ra il !en!o1 ma in+ine !oltanto imma#inabile (a!!a al !en!o* a uello de#li o%%$i !o(rattutto* o&e di&enta una %$iarezza &i!ibile* e !i %omuni%a alternati&amente ai %or(i lumino!i* nei uali di&iene il %olore e la bellezza %$e ri+ul#e* e ai %or(i o!%uri* in %ui , una %erta &irt' bene+i%a e #enerante %$e (enetra !ino al %entro* o&e* %onden!ando!i* !i tra!+orma in %alore tenebro!o %$e (un#e e bru%ia. Ci/ (er%$0 o#ni %o!a* !e%ondo la !ua %a(a%it"* ri!ente la &i#oria della lu%e* %$e tutto ra%%o#lie a !e %ol %alore &i&i+i%ante e* (enetrando in tutti #li e!!eri* +a a#ire le loro ualit" e le loro &irt'. Per%i/ i ma#i non (ermettono %$e al%una %o!a !ia %o(erta dall)ombra d)un malato* ne %$e le !ue orine &en#ano e!(o!te alla lu%e del !ole o della luna* (er%$0 i loro ra##i (enetranti !)im(re#nerebbero delle loro %atti&e ualit" e di&errebbero no%i&i ad altri %or(i Per la !te!!a ra#ione #li !tre#oni !i (reo%%u(ano di (roiettare la loro ombra !u %olui %$e intendono a++a!%inare e in &irt' dello !te!!o (rin%i(io la iena +a ta%ere i %ani !+iorandoli %on la !ua ombra. La lu%e !i (rodu%e arti+i%ialmente a mezzo di lam(ade* di tor%e* di %andele* di %erte !o!tanze e di %erti li uidi !%elti !e%ondo l)in+lu!!o a!trale e %ombinati nel do&uto modo* %o!e tutte %$e (er !olito (rodu%ono e++etti ammirabili e !(e!!o ammirati dal &ol#o. Plinio %ita !ulla te!timonianza di Ana!ilao* %$e bru%iando in a((o!ite tor%e il li uore !eminale del %a&allo o dell)a!ino* !i rendano &i!ibili mo!tri e te!te di %a&allo o di a!ino- %$e i mo!%erini !tem(erati nella %era e bru%iati* +a%%iano &edere le mo!%$e- %$e la (elle d)un !er(ente bru%iata in una lam(ada* +a%%ia a((arire !er(enti. Si di%e %$e l)u&a in +iore* la!%iata al ma%ero in un re%i(iente (ieno d)olio* %omuni%$i all)olio tale &irt' %$e* alimentandone una lam(ada* uel +a%%ia &edere la !tanza %olma di #ra((oli d)u&a. Ci/ rie!%e e#ualmente %on le altre +rutta. Un mi!%u#lio d)erba %entaurea miele e !an#ue di u(u(a* (rodu%e in una

lam(ada l)e++etto di +ar !embrare i %ir%o!tanti (i' #randi e di notte* %on tem(o !ereno* +a &edere le !telle %orrere all)im(azzata (el %ielo. Il nero di !e((ia me!!o in una lam(ada* $a la &irt' di +ar a((arire neri #li a!tanti. Si di%e %$e una %andela +ormata di !o!tanze !aturniane e !(enta nella bo%%a d)un morto da (o%o* +a%%ia di&entar tri!ti tutti i (re!enti le uante &olte in !e#uito &en#a a%%e!a. Ermete Platone e C$iranide* e Alberto +ra i (i' moderni in uno !(e%iale trattato* de!%ri&ono (i' !(e%ie di !imili lam(ade e tor%e. An%$e i %olori !ono lu%i me!%olate %on le %o!e %$e d)ordinario le !otto(on#ono a#li a!tri e ai %or(i %ele!ti (i' %on#ruenti e noi diremo in !e#uito uali %olori (re!entino le lu%i de#li a!tri* %ome (er e!!i !i %ono!%a la natura delle !telle +i!!e e %o!a bi!o#ni im(ie#are (er +are ardere !imili lam(ade e !imili lu%i. Ora mo!treremo in %$e modo i %olori delle %o!e terrene e delle %o!e mi!te !ieno di!tribuiti ai (ianeti. Tutti i %olori %$e %on&en#ono a Saturno o lo ra((re!entano !ono neri* #ri#i* terrei* (lumbei e o!%uri- uelli %$e a((arten#ono a Gio&e !ono azzurrini* aerei* &erde##ianti !em(re o &erdi* %$iari* (or(orini* mi!ti d)oro e d)ar#ento. I %olori ro!!i* ardenti* +lammei* &iola%ei* (ur(urei* San#ui#ni e +erri#ni ra((re!entano Marte- uelli d)oro* #ialli o +ul#idamente (or(orini il Sole. Tutti i %olori bian%$i* &a#$i* mute&oli* %an#ianti* &erdi* ro!!i* un (o) #iallo#noli e (or(orini ra((re!entano 5enere Mer%urio e la Luna. Co!. (ure la (rima e la !ettima %a!a del %ielo $anno il %olore bian%o* la !e%onda e la dodi%e!ima il &erde* la terza e la unde%ima il #iallo* la uarta e la de%ima il ro!!o* la uinta* e la nona il %olore del miele* la !e!ta e la otta&a il nero. An%$e #li elementi $anno i loro %olori* (er mezzo dei uali i +i!i%i #iudi%ano della %om(le!!ione e delle (ro(riet" della natura* (er%$0 il %olore della terra* %$e (ro&iene dal +reddo e dal !e%%o* , +o!%o e nero e !i#ni+i%a la bile nera e natura !aturniana- l)azzurro %$e &ol#e al bian%o di!tin#ue la (ituita* (er%$0 il +reddo rende bian%o l)umido e nero il !e%%o- il ro!!a!tro o il ma%ulato di ro!!o %ontra!!e#na il !an#ue- il %olore del +uo%o o della +iamma ardente la %ollera* la uale* (otendo!i me!%olare a#e&olmente (er la !ua !otti#liezza %on tutte le %o!e* #enera in !e#uito di++erenti %olori. Per%$0* mi!ta %ol !an#ue* domina il ro!!o !e il !an#ue , in abbondanza* !e la %ollera , in e%%edenza !i +orma un %olore un (o) meno ro!!o e !e il mi!%u#lio , e#uale un ro!!o uni+orme- !e la %ollera , bru%iata %ol !an#ue +orma un #ri#io* %$e &ol#e al ro!!o de%i!o !e domina il !an#ue e al ro!!o attenuato !e domina la %ollera- !e la %ollera , mi!ta d)umore melan%oni%o* !i +orma un %olor nero e !e , mi!ta di melan%onia e di +le#ma un #ri#io* %$e a!!ume toni +an#o!i !e domina la +le#ma* toni &erda!tri !e domina la melan%onia %$e !i &ol#ono al %olor del limone !e la %ollera non , me!%olata %$e in e#uali (ro(orzioni alla +le#ma* e !i !biadi!%ono !e &)abbia e%%e!!o dell)una o dell)altra. Tutti i %olori in+ine !i a%%entuano nelle !ete e nei metalli* nelle !o!tanze lumino!e* nelle (ietre (rezio!e* nelle %o!e %$e (i' ra!!omi#liano ai %or(i %ele!ti e !o(rattutto nei %or(i &i&enti.

CAPITOLO L.

4ella +a!%inazione e del !uo arti+i%io. Il +a!%ino , un le#ame o in%anto* %$e dallo !(irito dello !tre#one entra nel %uore di %olui %$e !i !tre#a attra&er!o i !uoi o%%$i. Lo !trumento della +a!%inazione , uno !(irito* &ale a dire un &a(ore (uro* lu%ente* !ottile* (ro&eniente dal !an#ue (i' (uro #enerato dal %alore del %uore* il uale emette %ome ra##i attra&er!o #li o%%$i* ra##i %$e tra!%inano !e%o un &a(ore !(irituale im(re#nato di !an#ue* %ome %on!tatiamo ne#li o%%$i %i!(o!i e ro!!i* %$e in+ettano dello !te!!o male #li o%%$i !ani a %au!a del loro ra##io %$e di++onde i &a(ori del !an#ue %orrotto. Co!. un o%%$io bene a(erto (roietta* mer%0 una +erma &olont"* i !uoi ra##i !u al%uno e lo !(irito del +a!%inatore (enetra attra&er!o #li o%%$i dell)a++a!%inato !ino al !uo %uore* !e ne rende (adrone* lo +eri!%e* ne in+etta lo !(irito. Il %$e +a dire ad A(uleio1 i &o!tri o%%$i !ono (enetrati attra&er!o i miei nel mio interno e $anno a%%e!o un #ran +uo%o nella mia %arne e nelle mie midolla. Gli uomini &en#ono !tre#ati da uno !#uardo +i!!o e +re uente e i le#ami (i' +orti !i annodano %on #li o%%$i* (er%$0 allora lo !(irito dell)uno !i %on#iun#e a uello dell)altro e il %ontatto !(irituale de#li o%%$i !(ri#iona !%intille. Gli amori (i' ardenti !)a%%endono %o!. %on una !ola o%%$iata* %$e* !imile a un dardo* tra+i##e un %uore. Lu%rezio $a %antato1 L)anima no!tra +erita dalla (a!!ione +a dolorare il %or(o e il !an#ue ri+lui!%e !ubito &er!o la (arte (ia#ata. La +orza del !ortile#io (u/ e!!ere a%%re!%iuta %on l)u!o di un#uenti* di le#ami e di altre %o!e !imili* ado(erate ad arrobu!tire &ie((i' la &olont". Co!. #li !tre#oni* (er !u!%itare l)amore* u!ano i %olliri &enerei* +atti %on l)i((omane il !an#ue delle %olombe o dei (a!!eri- (er in%utere timore #li un#uenti marziali* %ome uelli +atti %on #li o%%$i del lu(o o della iena e !imili- (er arre%are no%umento* o (er (ro%a%%iare le malattie* le !o!tanze !aturniane. E %o!. &ia. CAPITOLO LI. 4i al%une o!!er&anze atte a (rodurre e++etti mera&i#lio!i. Certe azioni ra%%$iudono tanto (otere naturale* da (oter (ro%a%%iare o #uarire %erte malattie. Co!. !i di%e %$e %i !i liberi dalla uartana* le#ando al %ollo d)un)an#uilla* dentro un (ezzo di tela* la !mozzi%atura delle un#$ie del malato e rimettendo &i&o nell)a% ua l)animale. Plinio di%e %$e la !mozzi%atura delle un#$ie della mano o del (iede del !o++erente* mi!te a %era e a((i%%i%ate a un u!%io &i%ino (rima %$e !(unti il !ole* liberino da tutte le !(e%ie di +ebbri* !ia %ontinue %$e intermittenti. O&&ero la !i %ollo%a in un +ormi%aio* !i (rende la (rima +ormi%a %$e !e ne im(adroni!%e* e %$e (er%i/ !i %onta#ia del male* e la !i le#a al %ollo del !o++erente. Si di%e %$e il (rendere un le#no %ol(ito dalla +ol#ore e lo !%a#liarlo lontano %on le mani dietro il dor!o* liberi da ualun ue male. Contro la uartana , e++i%a%e il !o!(ender!i al %ollo* a&&olto in una !%iar(a di lana* un %$iodo !ottratto a una +or%a* o an%$e il na!%onderlo in un bu%o o in una %a&erna o&e il !ole non (o!!a (enetrare. Le !%ro+ole #uari!%ono al %ontatto della mano d)una (er!ona morta

d)im(ro&&i!o. Si +a%ilita il (arto !tentato d)una donna %ollo%ando nel !uo letto una (ietra o una +re%%ia %on %ui !ieno !tati u%%i!i a %ia!%un %ol(o !u%%e!!i&amente un uomo un %in#$iale e un or!o* o&&ero la (unta d)un alabarda tratta dal %or(o d)un uomo !enza %$e abbia !+iorato il !uolo. Le +re%%e* tratte nello !te!!o modo da un %or(o !enza a&er to%%ato la terra e %ollo%ate in un letto* rendono innamorati. Si #uari!%e dall)e(ile!!ia* man#iando la %arne d)una be!tia !el&a##ia abbattuta %on la !te!!a arma %on %ui !ia !tato u%%i!o un uomo. Ci !i (re!er&a dai mali de#li o%%$i* umettandoli tre &olte %on l)a% ua %on %ui %i !i la&i i (iedi. Al%uni #uari!%ono le malattie in#uinali* +a%endo in una !tri!%ia di tela !ette o no&e nodi e (ronunziando a %ia!%un nodo il nome d)una &edo&a. I mali della milza !i #uari!%ono a((li%ando&i !o(ra la milza d)una be!tia* e murandola (oi nella (arete o nel !o++itto della !tanza dell)ammalato* ri(etendo le (arole a%%on%e no&e &olte. An%$e l)orina d)una lu%ertola &erde #uari!%e da tali mali* !e !o!(e!a dentro un re%i(iente da&anti alla %amera del !o++erente* %o!. %$e ue!ti* u!%endo o rientrando* (o!!a to%%arla %on la mano. Si ritiene %$e %olui %$e +a%%ia morire una lu%ertola anne#andola in orina di &itello* !enta !morzare o#ni !ua %on%u(i!%enza. Il me!%olare la (ro(ria orina a uella d)un %ane* +a di&enire lenti nell)o(era &enerea e intor(idire le reni. Il la!%iare !%orrere tutte le mattine ual%$e #o%%ia della (ro(ria orina !ull)uno dei (ro(ri (iedi* &ale a &alorizzare ualun ue %atti&o rimedio. Lo !(utare nella #ola d)una %erta minu!%ola rana %$e !)arram(i%a !u#li alberi* la!%iandola libera in !e#uito* +a (a!!are la to!!e. S(utare nella !%ar(a del (iede de!tro (rima di %alzarla (re!er&a da o#ni (eri%olo in ualun ue luo#o !i (a!!i. Lo !(uto , an%$e e++i%a%e %ontro l)e(ile!!ia e i %onta#i in #enere. Al%uni* !(utando!i in #rembo* domandano e otten#ono dalle di&init" il (erdono delle &iolenze %omme!!e. Era an%$e %o!tume rendere (i' e++i%a%i le medi%azioni* !(utando e +ormulando una tri(li%e im(re%azione. Per liberare dai lu(i una data %ontrada* ba!ta (rendere le zam(e rotte di uno di %ote!ti animali* tra(a!!arle %on un %oltello e !(anderne il !an#ue ai limiti del terreno o del luo#o da (re!er&are dalle loro !%orrerie. Gli abitanti di Trezeno* (er (re!er&are le loro &i#ne dal &ento notu!* $anno !(erimentato e!!ere molto e++i%a%e l)a++errare in due un #allo mentre il &ento !(ira* tirarlo da ambo le e!tremit" !in%$0 non Si ! uarti nel mezzo* &ol#er!i le !(alle* +are il #iro del (odere re%ando in mano o#nuno la met" dell)animale* in%ontrar!i an%ora nello !te!!o (o!to in %ui %i !i , !e(arati e ui&i !otterrare i re!ti del &olatile. Si di%e %$e il tenere e!(o!to a %erti &a(ori un ba!tone a %ui !ia attorta una &i(era* aiuti a &ati%inare e %$e un ba!tone %$e abbia !er&ito a +ar la!%iare una rana a un !er(ente* !ia e++i%a%e ne#li !#ra&i. Tutto %i/ , ri+erito da Plinio* %ome (ure %$e il ra%%o#liere erbe e radi%i* il !e#narle tre &olte %on un %oltello e il !otterrarle &al#a a (re!er&are dai &enti %ontrari. Si di%e %$e !e %on una %orda !i mi!ura un %ada&ere* (rima dal #omito all)anulare* (oi dalla !(alla allo !te!!o dito e in+ine dalla te!ta ai (iedi (er tre &olte* mi!urando nello !te!!o modo e %on la !te!!a %orda un &i&ente lo !i renda in+eli%e di!#raziato e malin%oni%o. E Alberto ri+eri!%e %$e (er di!tru##ere la malia amoro!a e!er%itata da una donna* ba!ta a++errarne la %ami%ia dalla (arte !u(eriore e orinar&i attra&er!o la mani%a de!tra. Plinio a!!i%ura %$e !i (u/ +are abortire una donna in%inta %ori%ando!ele allato e tenendone alla%%iate le dita %on le (ro(rie. 5eleno !(erimentato* allor%$0 Al%umena #ener/ Er%ole. Il &eleno , (i' atti&o a&&i%inando le #ino%%$ia* o a((li%ando i #arretti ora !ull)uno* ora

!ull)altro #ino%%$io. Per%i/ tali atti !ono &ietati. Si di%e in+ine %$e re!tando in (iedi dietro l)u!%io* %$iamando (er nome un uomo %$e !ia %ori%ato %on una donna e* allor%$0 ue!to ri!(onda* %on+i%%ando un %oltello o un a#o nel le#no della (orta e S(ezzando&i dentro la (unta* l)uomo non (otr" #ia%er!i %on la donna !in%$0 il +erro re!ter" %on+i%%ato nel le#no. CAPITOLO LII. 4el &i!o* dei #e!ti* della %om(le!!ione del %or(o e de#li atte##iamenti e della %orri!(ondenza %on le !telle e della Fi!io#nomia della Meto(o!%o(ia e della C$iromanzia e de#li arti+i%i di&inatori. Il &olto* i #e!ti* i mo&imenti* #li atte##iamenti del %or(o* %o!e tutte %$e %i !ono lar#ite dall)alto* %i aiutano a ri%e&ere i bene+izi %ele!ti e (rodu%ono in noi dati e++etti* %ome ra%%o#liendo l)elleboro* a !e%onda %$e la +o#lia !ia !tra((ata dalla (arte !u(eriore o dalla in+eriore* il !u%%o ne #eme di!o(ra o di!otto. Si !a %ome il &i!o e i #e!ti di!(on#ano la &i!ta l)imma#inazione e lo !(irito de#li animali e %o!. al na!%ituro !)im(rontano (er lo (i' durante il %oito i lineamenti %$e !i $anno o %$e %i !i imma#ina di a&ere. Co!. un &olto amabile di (rin%i(e +a e!ultare i !udditi* mentre un &olto rude e ar%i#no li !bi#otti!%e. E l)atte##iamento e il &i!o d)un uomo %$e (ian#a e%%itano !olo la %om(a!!ione e un &olto amabile i!(ira l)amore. Tali !orta di atte##iamenti e di a!(etti* %$e %o!titui!%ono l)armonia del %or(o* &al#ono a !otto(orlo ai %or(i %ele!ti* nello !te!!o modo dei (ro+umi e dei +arma%i* dello !(irito e delle (a!!ioni interiori dell)anima. Per%$0 %ome i +arma%i e le (a!!ioni !i ri%olle#ano a %erte di!(o!izioni del %ielo* %o!. #li atte##iamenti e i mo&imenti del %or(o !i rendono e++i%a%i in &irt' di %erte in+luenze dei %or(i %ele!ti. I #e!ti lan#uidi e tri!ti* uali il (ian#ere e il (i%%$iar!i il (etto o la te!ta* !i ri+eri!%ono a Saturno* e %o!. (ure i #e!ti (ii* le #enu+le!!ioni* lo !#uardo abba!!ato al !uolo in atto di (re#$iera %om(unta e altri !imi#lianti* %$e %aratterizzano l)uomo a((artato au!tero e !aturniano* uale , di(into dal (oeta !atiri%o1 E#li mormora %ol %a(o %$ino e #li o%%$i +i!!i al !tuolo e !i rode in !ilenzio e rabbia e la !ua (arola , (ar!imonio!a e mi!urata. I &olti alle#ri e one!ti* i #e!ti onore&oli* la %on#iunzione delle mani %ome uando !i a((laudi!%e o !i loda al%uno o al%un%$0* le #enu+le!!ioni %ol %a(o eretto %ome uando !i adora* !i ri+eri!%ono a Gio&e. A Marte in&e%e i #e!ti &iolenti o +ieri* +ero%i* %rudeli* o %olleri%i. I #e!ti !olari !ono uelli %ora##io!i e onori+i%i* %ome le #enu+le!!ioni in (re!enza d)un !o&rano. A 5enere !i ri+eri!%ono le danze* #li abbra%%i* le ri!a* i &olti amabili e lieti. A Mer%urio i #e!ti in%o!tanti* mute&oli* a!tuti e lubri%i. I #e!ti lunari !ono an%$e e!!i mute&oli &eleno!i e (uerili. Lo !te!!o de&e dir!i dell)a!(etto. Per%$0 Saturno %aratterizza un uomo %ol %olorito tra il nero e il #iallo* %on la ma#rezza* %ol rattra((imento* %on la (elle rude e !ol%ata da &ene a((ari!%enti* %on l)abbondanza di (eli* %on la

(i%%olezza de#li o%%$i dalle !o(ra%%i#lia %on#iunte* %on la !%ar!it" della barba* %on la tur#idezza delle labbra* %on l)andatura (e!ante e #ro!!olana e %o!. malde!tra da +ar !i %$e i (iedi !i urtino a &i%enda nel %amminare* %on l)a!tuzia* %on l)in#e#no!it"* %on la !edizio!it"* %on la tendenza a !(ar#ere il !an#ue. Gio&e d" %olorito bian%o %$iazzato di ro!!o* bel %or(o* alta !tatura* %al&izie* o%%$i ua!i neri e un (o) #randi* (u(illa lar#a* nari%i !trette e ine#uali* denti da&anti un (o) #randi* barba %re!(a* %uore e%%ellente e ottimi %o!tumi. Marte %on+eri!%e %olorito a%%e!o* (elame ro!!a!tro* &i!o rotondo* o%%$i #iallo#noli* !#uardo +iero e (enetrante* ardimento* !u(erbia* #io&ialit"* +inezza. Il Sole d" %olorito +o!%o tra il #iallo e il nero e !+umato di ro!!o* (i%%ola !tatura* %or(o !+ornito di (eli* %a(elli %re!(i* o%%$i #iallo#noli* !a##ezza* +edelt"* (ro(en!ione alle adulazioni. 5enere %ontra!!e#na un %olorito ro!!o bruno (iutto!to %$iaro* bella %a(i#liatura* o%%$i belli e a!!ai !%uri* bel %or(o* &i!o bello e rotondo* e%%ellenti %o!tumi* buoni !en!i di ami%izia* bene&olenza* (azienza e #io%ondit". Mer%urio lar#$e##ia %olorito n0 de%i!amente %$iaro n0 de%i!amente !%uro* &i!o lun#o* +ronte ele&ata* be#li o%%$i non tro((o !%uri* na!o dritto e lun#o* barba rada* dita a++u!olate* !(iritualit"* %urio!it"* +inezza* de!iderio di a&&enture. La Luna %ontraddi!tin#ue %arna#ione %$iara e ro!ea* bell)a!(etto* &i!o tondo e (i%%$iettato* o%%$i non tro((o !%uri* !o(ra%%i#lia a&&i%inate* bene&olenza* !o%ie&olezza. An%$e i !e#ni zodia%ali e le loro imma#ini $anno i loro a!(etti e (er %ono!%erli ba!ter" %on!ultare le o(ere !(e%iali di A!trolo#ia. La Fi!io#nomia* la Meto(o!%o(ia e la C$iromanzia !i ba!ano !u tali imma#ini !e#ni e a!(etti e (redi%ono le %o!e +uture non %ome %au!e* ma %ome e++etti (ro&enienti da una !te!!a ori#ine. E uantun ue !imili di&inazioni !i %om(iano a mezzo delle %o!e in+eriori e (i' deboli* tutta&ia non !i de&ono di!(rezzare o ri+iutare i loro re!(on!i* uando non deri&ano dalla !u(er!tizione ma dalla %on%ordanza armoni%a di tutte le (arti del %or(o. E %$iun ue me#lio imiti le %o!e %ele!ti %on la natura* lo !tudio* l)azione* il mo&imento* il #e!to* il &olto* #li a++etti dell)anima e l)o((ortunit" del tem(o* %ome #li e!!eri !u(eriori !ar" (i' !imile ad e!!e e ne (otr" ri%e&ere ma##iori doti.

CAPITOLO LIII. 4e#li au!(i%ii e de#li au#uri. Altre !(e%ie di di&inazioni di(endono da %au!e naturali* (er mezzo delle uali* mer%0 la (ro(ria e!(erienza e !(e%iali arti+i%i* %ia!%uno* medi%o* (a!tore* marinaio* %ontadino* (rono!ti%a l)a&&enire. In (ro(o!ito Ari!totile !i di++onde am(iamente nel !uo libro dei tem(i e ri%orda %$e #li au!(i%ii e #li au#uri erano tanto !timati dai Romani* da non intra(rendere e!!i %o!a al%una* (ubbli%a o (ri&ata* !enza a&erli in (re%edenza %on!ultati. S(e%ialmente #li Etru!%$i e%%elle&ano in tali +orme di &ati%inio. An%$e Ci%erone narra molte %o!e al ri#uardo nel !uo libro delle 4i&inazioni. I &ati%ini !i trae&ano in &arii modi e a!!ume&ano nomi di&er!i. Al%uni erano

%$iamati (ede!tri* (er%$0 tratti da#li animali uadru(edi- altri au#urii (er%$0 !i ri%a&a&ano da#li u%%elli- altri* detti %ele!ti* dal tuono e dalla +ol#ore- altri* detti !anti* dai !a%ri+i%i. Tra ue!ti ultimi !i %$iama&ano e!(iatori uei &ati%ini tratti durante i !a%ri+i%i dallo !%am(are della &ittima all)immolazione* o dalla !ua +u#a dall)altare* o dalle !trilla %$e emette&a (rima di !o%%ombere* o dal %adere !u un lato del %or(o (iutto!to %$e !ull)altro. A ue!ti !i a##iun#a l)e7au#urazione* uando %io, dalle mani dell)au#ure %ade&a la &er#a %on la uale era !olito %ontem(lare e (rendere l)au!(i%io. Mi%$ele S%oto numera dodi%i !(e%ie di (re!a#i- !ei a de!tra1 +erno&a* +er&etu!* %on+ert* emn(onent$* !onna!arno&a* !onna!ar&etu! :?;- !ei a !ini!tra1 %on+erno&a* %on+er&etu!* &iaram* $errenam* !%a!!arno&a e !%a!!ar&etu!. Nota ?1 :?; Il te!to dell)edizione ori#inale re%a !onna!arno&a* !onna!ar&etu! e (i' oltre !%ima!arno&a* !%ima!ar&etu!* %orrettamente e %on+orme alla #ra+ia ado(erata da Mi%$ele S%oto :Liber P$i!ionomiae @ 5enezia ?ABC* %a(. AD;. In&e%e , %orretta la dizione $errena e !%orretta uella $artena* u!ata (i' oltre* in&e%e di $arrena e ui&alente a $errena. :Nota del Traduttore;. E !(ie#ando tali nomi di%e1 la +erno&a , un (re!a#io di buon !u%%e!!o in un a++are* allor%$0* u!%endo di %a!a !)in%ontra un uomo o un u%%ello* %$e (a!!a o %$e (rende il &olo dal (ro(rio lato !ini!tro. Il +er&etu!* (re!a#io di %atti&o e!ito dell)a++are intra(re!o* , l)in%ontrare nell)u!%io di %a!a un uomo o un u%%ello* %$e %i !i +ermino da&anti dal lato !ini!tro. Il &iaram* !e#no di buon !u%%e!!o in un a++are* , l)in%ontrare %amminando un uomo o un u%%ello* %$e* nel (a!!are o nell)in&olar!i* (ro%edano &er!o la no!tra de!tra (er ritornare &er!o la no!tra !ini!tra (rima di allontanar!i. Il %on+erno&a* an%$)e!!o !e#no di buon !u%%e!!o* , l)in%ontrare (er (rima %o!a un uomo o un u%%ello* i uali !ieno in moto e !i +ermino nel &eder%i Sulla no!tra de!tra. Il %on+er&etu!* (re!a#io di %atti&o !u%%e!!o* , l)in%ontrare un uomo o un u%%ello %$e !i %ur&ino dal no!tro lato de!tro. Il !%ima!arno&a* (re!a#io buono* , il &edere un uomo o un u%%ello %$e %i arri&ino alle ter#a e !i +ermino alla no!tra de!tra. Il !onna!ar&etu! , un %atti&o (re!a#io e %on!i!te nello !%or#ere dietro di noi un uomo o un u%%ello +ermi !ul no!tro lato de!tro. Lo !%a!!arno&a , un buon (re!a#io e !i &eri+i%a nello !%or#ere dietro noi un uomo o un u%%ello* i uali* !ia %$e noi !i &ada &er!o di loro !ia %$e e!!i &en#ano &er!o di noi* !i +ermino allor%$0 li #uardiamo. Lo !%a!!ar&etu!* %atti&o (re!a#io* , il &eder (a!!are un uomo o un u%%ello e +ermar!i !ulla no!tra !ini!tra. Lo em(onent$ , un buon (re!a#io* %$e !i &eri+i%a nello !%or#ere un uomo o un u%%ello #iun#ere dalla no!tra !ini!tra e allontanar!i &er!o la no!tra de!tra !enza +ermar!i. Lo $artena , un %atti&o (re!a#io %$e !i &eri+i%a nello !%or#ere un uomo o un u%%ello #iun#ere dalla no!tra de!tra* (a!!ar%i dietro a !ini!tra e +ermar!i un momento. Gli anti%$i (re!a#i&ano an%$e mer%0 #li !ternuti* %ome ne +a menzione Omero nel !uo di%ia!!ette!imo libro dell)Odi!!ea* %on!iderandoli (ro&enienti da un luo#o %on!a%rato* la te!ta* !ede dell)intelletto. Per%i/ !i di%e %$e tutto %i/

%$e (a!!i (er la mente al mattino a((ena de!ti* !ia un (re!a#io e un au#urio.

CAPITOLO LI5. 4ei di++erenti animali e del loro !i#ni+i%ato nei &ati%inii. I (re!a#i &anno tratti dall)inizio di o#ni atto e di o#ni data im(re!a. Per e!em(io* !e nell)iniziare un la&oro ual!ia!i a&&eni!!e %$e i !or%i ro!i%%$ia!!ero i &o!tri abiti* bi!o#nerebbe interrom(ere l)o(era in%omin%iata!e nell)u!%ire di %a!a* o !trada +a%endo* in%e!(i%a!te* de!i!tete da uanto &i era&ate (ro(o!to di %om(iere e %ambiate !trada- !e al (rin%i(io d)una &o!tra intra(re!a* &i %a(ita!!e d)in%ontrare ual%$e di++i%olt"* abbandonatela* o almeno di++eritela a tem(i (i' +a&ore&oli e a (re!a#i mi#liori. Molti animali $anno &irt' naturali tali da renderli a!!ai atti al (re!a#ire e al &ati%inare. Il #allo %ol %anto !e#na le ore molto a (ro(o!ito e !tarnazzando %on le ali (one in +u#a il leone. Pare%%$i u%%elli %ol #or#$e##io e le mo!%$e %ol render!i (i' atta%%ati%%e indi%ano la (io##ia. I del+ini (re!a#i!%ono &i%ina la tem(e!ta %ol balzare +uori delle a% ue. E tro((o %i !i dilun#$erebbe a ri+erire tutti i (re!a#i %$e i Fri#i* i Cili%i* #li Arabi* #li Umbri e #li Etru!%$i ritrae&ano da#li u%%elli e da#li animali. Per%$0 o#ni %o!a* e !o(rattutto #li u%%elli* ra%%$iude in !0 un (otere mi!terio!o* %a(a%e di (redire #li e&enti +uturi. Co!. bi!o#na a!%oltare attentamente il #ra%%$iare della %orna%%$ia* o!!er&are il !uo %om(ortar!i uando !e ne !ta a((ollaiata in ual%$e (o!to* badare !e &ola &er!o la &o!tra de!tra o &er!o la &o!tra !ini!tra* !e #rida +orte* !e ta%e* !e &i (re%ede o &i !e#ue* !e &i a!(etta o !e &i !or(a!!a* !e !i allontana ra(ida o !e (ro%ede tran uilla. Oru! A(ollo di%e nei !uoi Gero#li+i%i* %$e due %orna%%$ie !i#ni+i%ano matrimonio* (er%$0 tale u%%ello +a due uo&a (er &olta* da %ui !i #enerano un ma!%$io e una +emmina e !e* %a!o raro* ne !%$iudono due ma!%$i o due +emmine* %ote!ti u%%elli non !i a%%o((iano (i'* ma %ondu%ono &ita !olitaria. Per%i/ imbatter!i in una !ola %orna%%$ia (re!a#i!%e &edo&anza. Un (i%%ione nero indi%a la !te!!a %o!a* (er%$0 una &olta orbata del !uo ma!%$io la +emmina &i&e !ola. Non bi!o#na o!!er&are meno attentamente i %or&i* %$e !i ritiene (re!a#i!%ano %o!e im(ortanti!!ime ed E(itetto* +ilo!o+o !toi%o e #rande !%rittore* o(ina %$e uando un %or&o #ra%%$ia in%ontrando al%uno* #li (rono!ti%$i e&enti %ontrari alla !ua !alute %or(orale* alla !ua +ortuna* al !uo onore* alla mo#lie !ua e ai !uoi +i#liuoli. N0 bi!o#na tra!%urare i %i#ni* %$e %ono!%ono i !e#reti delle a% ue e %$e uando !ono ilari indi%ano +eli%i e&enti non !olo ai marinai ma a tutti i &ia##iatori* !al&o %$e il loro (re!a#io non !ia di!trutto dall)in%ontro di ual%$e animale (i' +orte e di !i#ni+i%ato di&er!o. L)a uila* ad e!em(io* u%%ello ben (i' (o!!ente e mae!to!o* %$e &ola molto (i' in alto* %$e $a &i!ta (i' a%uta e (i' (enetrante e %$e non , mai %om(letamente all)o!%uro dei !e%reti dello !te!!o Gio&e. L)a uila (rono!ti%a ele&azioni e &ittorie* ma %on!e#uite %ol !an#ue* (er%$0 e!!a non !i abbe&era d)a% ua* ma di !an#ue. Un)a uila* &olando !ui Lo%ren!i %$e !i batte&ano %ontro i Crotonien!i* dette loro la &ittoria- una a uila* (o!ando!i !ullo !%udo d)8ierone durante la !ua (rima %am(a#na* #li (redi!!e la di#nit" re#ale- due a uile* %$e !i trattennero l)intero #iorno !ulla %a!a o&e na!%e&a Ale!!andro il Ma%edone* #li

(redi!!ero i due im(eri d)A!ia e di Euro(a- un)a uila* a&endo (rima ra(ito il %o(ri%a(o di Lu%io Tar uinio Pri!%o* +i#lio di 4emarat$o di Corinto* %$e in Se#uito a una !edizione la!%ia&a il (ae!e nati&o (er ri(arare in Etruria e (oi a Roma* e a&endo#lielo ri(ortato in !e#uito #li (redi!!e %$e !arebbe di&enuto re dei Romani. Gli a&&oltoi !i#ni+i%ano (ene* di++i%olt"* !a%%$e##i o de&a!tazioni* %ome , (ro&ato dalla +ondazione di Roma. La di!+atta d)un)armata , &ati%inata dal trattener!i di tali u%%elli (er !ette #iorni nei (re!!i dei luo#$i o&e de&e a&&enire un %ombattimento e dal loro ri#uardare dalla (arte o&e !ia attendata l)armata (i' debole* ua!i in atte!a di (a!%er!i di ue#li uomini %$e la %om(on#ono e %$e !ono de!tinati a !o%%ombere. La +eni%e indi%a il !u%%e!!o. Per la &i!ta della +eni%e la nuo&a Roma +u +ondata %oi mi#liori au!(i%i. Il (elli%ano* %$e !i !a%ri+i%a (ei !uoi (i%%oli* indi%a %ru%%i %au!ati dalla bont" del (ro(rio animo. Il (a&one* %$e $a dato il !uo nome alla %itt" di Poitier! e (ro&in%ia* (el %olore e (er la &o%e* !i#ni+i%a dol%ezza. L)airone indi%a a++ari irti di di++i%olt". La %i%o#na* %$e ama la uiete e l)unione* !i#ni+i%a %on%ordia. La #ru* %o!.ddetta dalla &o%e anti%a #ruere %$e !i#ni+i%a andare d)a%%ordo* indi%a !em(re al%un%$0 di %on&eniente e %i (re!er&a dalle imbo!%ate di %$i %i , nemi%o. II %u%u($a indi%a la ri%ono!%enza* (er%$0 , il !olo animale non in#rato &er!o i #enitori una &olta di&enuti &e%%$i. Al %ontrario l)i((o(otamo (arri%ida %ontra!!e#na l)in#ratitudine e la in#iu!tizia. L)ori#e* u%%ello a!!ai in&idio!o* indi%a l)in&idia. Fra #li u%%elli minori* la #azza %iarliera annunzia #li o!(iti o !i#ni+i%a %om(a#nia. La !tri#e e la %i&etta !ono !em(re di %atti&o au#urio e (oi%$0 a!!al#ono la notte e u%%idono all)im(ro&&i!o i (olli* (re!a#i!%ono la morte. Nondimeno* in ra#ione del loro &eder%i al buio* indi%ano talora dili#enza e &i#ilanza* %o!a (ro&ata dalla !tri#e %$e !i (o!/ !ull)a!ta d)8ierone. 4idone* #ia%endo!i %on Enea* !)a%%or!e %$e il #u+o era di %atti&o au#urio. Il %$e $a +atto dire al (oeta1 Il #u+o !olitario Si a##ira !(e!!o !ui tetti delle %a!e e modula la !ua nenia lenta e tri!te* (rolun#ando il !uo %anto a !omi#lianza di lun#$i #emiti. E!!o , +une!to (re!a#io ai mortali. Il #u+o !i +e%e udire !ul Ca(itolino* uando i Romani ebbero la (e##io a Numanzia* e uando Fre#elle &enne di!trutta* (er la %on#iura +atta %ontro i Romani. 4i%e Almadel %$e i #u+i e #li allo%%$i* uando +anno una di&er!ione in re#ioni e %a!e in!olite* indi%ano %$e i&i de&on morire uomini* (er%$0 ue!ti u%%elli amano i %ada&eri e ne $anno il (re!entimento- uindi tali uomini !ono #i" %ada&eri in (otenza. O&idio %o!. (arla de#li u%%elli da (reda* %$e %ontra!!e#nano i (ro%e!!i e i liti#i1 !i odia lo !(ar&iero* %$e non !i %om(ia%e %$e della lotta. Lelio* amba!%iatore di Pom(eo* +u u%%i!o in I!(a#na da !oldati addetti al !er&izio di ri+ornimento delle tru((e e !imile !orte #li era !tata (redetta da uno !(ar&iero %$e #li a&e&a &olte##iato intorno. E Almadel di%e %$e due !(ar&ieri %$e Si battono in!ieme* o %omun ue due u%%elli da (reda* annunziano il di!+a%imento d)un reame. Ma trattando!i di due u%%elli di !(e%ie di&er!a* i uali do(o e!!er!i %ombattuti !i ra((a%i+i%$ino* !e ne ri%a&a (rono!ti%o di

nuo&a era (ro!(era (el (ae!e. I (a!!erotti* %on la loro (re!enza o %on l)a&&i%inar!i e l)allontanar!i* indi%ano l)a%%re!%er!i e il diminuire d)una +ami#lia e (i' il loro &olo , !i%uro e #io%ondo (i' il (re!a#io , +eli%e. 4onde il &ati%inio dell)au#ure Melam(o* %$e annunzi/ la (erdita e la ro&ina dei Gre%i1 O!!er&ate %ome uell)U%%ello !&olazzi tri!temente. Le rondini* %$e %o!trui!%ono il nido ai loro (i%%oli uando !ono &i%ine a morire* indi%ano beni di +ortuna o eredit". Imbatter!i in un (i(i!trello mentre !i +u##e* indi%a +eli%e riu!%ita del (ro(rio allontanar!i* (er%$0 !ebbene ue!t)animale non abbia ali* (ure non !i !tan%a dal &olare. Il (a!!ero , in&e%e di %atti&o au#urio all)uomo %$e +u##e e di buon au#urio (er #li amori* (er%$0* uando , in %aldo* !i a%%o((ia !ette &olte all)ora. Le a(i !ono di buon au#urio ai !o&rani e indi%ano l)obbedienza dei !udditi. Le mo!%$e !i#ni+i%ano mole!tia e im(udenza* (er%$0 (er uanto le !i !%a%%ino ritornano !em(re. An%$e #li u%%elli dome!ti%i (o!!ono +ornir%i (re!a#i e i #alli %ol %anto in+ondono la !(eranza e indi%ano l)inizio d)un (ro!!imo &ia##io. Li&ia* madre di Tiberio* uand)era in%inta di %o!tui* !erb/ in !eno un uo&o di #allina !ino a !%$iu!ura di un #alletto dalla %re!ta (ronunziata a!!ai* il %$e +u inter(retato da#li indo&ini indizio %$e il na!%ituro +o!!e de!tinato al trono. Ci%erone !%ri&e nella !ua Tebaide* %$e al%uni #alli %ol %antare tutta notte a&e!!ero (rono!ti%ato la &ittoria ri(ortata dai Beoti !ui La%edemoni* #li indo&ini !tabilendo il (re!a#io !ul +atto %$e il #allo non %anta uando , &into e !tre(ita in&e%e uando , &in%itore del ri&ale. In modo %on!imile !i tra##ono (rono!ti%i an%$e da#li animali e dalle be!tie. L)in%ontro d)una donnola , di %atti&o au#urio e lo !te!!o di%a!i d)una le(re uando !i , in (ro%into d)intra(rendere ual%$e &ia##io* ammeno%$0 non %i !e ne im(adroni!%a. An%$e il mulo , da temere* (er%$0 !terile e il maiale , (erni%io!o %ome il !uo naturale. Il %a&allo !u!%ita le liti e la di!%ordia e An%$i!e* a&endo !%orto al%uni %a&alli bian%$i* e!%lam/* %ome ri(orta 5ir#ilio1 Bellum o terra $o!(ita (orta!* bello armantur e ui* bella $ae% armenta minantur. Nondimeno l)in%ontro di %a&alli atta%%ati a una &ettura (rono!ti%a (a%e. L)a!ino non !er&e a nulla- (ure +u utile a Mario %$e* e!!endo !tato di%$iarato nemi%o della (atria* &ide un a!ino %$e ri+iuta&a tutto il %ibo %$e #li !i (re!enta&a* indirizzando!i &i&amente &er!o un %or!o d)a% ua. Tale &i!ta #li !embr/ un (re!a#io di !al&ezza* e in!i!t0 (re!!o #li ami%i (er ottenere un na&i#lio* %ol uale in+atti (ot0 !ottrar!i alle ire del ri&ale e &in%itore Silla. In%ontrare un a!ino !i#ni+i%a la&oro* (azienza* !tenti. L)in%ontro d)un lu(o , di buon au#urio e ne , (ro&a 8ierone il Si%ulo a %ui un lu(o indi%/ la re#alit" %ol !ottrar#li le !ue ta&olette in un %on%or!o letterario. Nondimeno im(edi!%e di (arlare a %olui %$e lo $a &i!to (er (rimo e !i#ni+i%a an%$e (er+idie e %atti&a +ede* %o!a %on+ermata!i nella di!%endenza di Romolo e Remo* %$e +urono allattati da una lu(a* i uali !i addimo!trarono a &i%enda di %atti&a +ede e tra!mi!ero tale ualit" ne#ati&a ai loro ne(oti. Al tem(o del %on!olato di Publio l)A+ri%ano e di Caio Ful&io Minturno un lu(o !trozz/ una !entinella* uando l)armata romana +u di!+atta in Si%ilia. In%ontrare un leone , di buon au#urio* e!!endo il (i' +orte di tutti #li animali e tale da intimorire o#ni altro. Per/ l)in%ontro d)una leone!!a , di

%atti&o au#uro a una donna e le mina%%ia !terilit"* (er%$0 la leone!!a non #enera (i' d)una &olta. Pe%ore e %a(re !ono di buon au#urio. Si le##e an%$e nell)O!tentario de#li Etru!%$i %$e !e uno di ue!ti animali (re!enti un manto %$e e!%a dal %omune* !e ne (u/ (rono!ti%are abbondanza in tutto. Lo !te!!o di%e 5ir#ilio1 I(!e !ed in (rati! arie! Eam !ua&e rubenti nutri%e* Eam %ro%eo mutabit &ellera luto. E) an%$e buon (re!a#io in%ontrare buoi %$e !i azzu++ino* o an%ora me#lio* o%%u(ati in la&ori a#ri%oli* (er%$0* uantun ue o!ta%olino i &ia##i e il %ammino* %om(en!ano il ritardo %ol loro buon au#urio. L)in%ontro d)un %ane lun#o il (ro(rio %ammino (re!a#i!%e bene* (er%$0 Ciro* abbandonato nei bo!%$i e allattato da una %a#na* di&enne re e l)an#elo %$e #uid/ Tobia non ri+iut/ di a%%om(a#nar!i a un %ane. Il %a!toro* %$e la!%ia ai !uoi (er!e%utori i (ro(ri te!ti%oli do(o e!!er!eli !tra((ati %oi denti* , di %atti&o au#urio e indi%a %$e %i !i arre%$er" danno da !e !te!!i. Tra #li animali minori* i !or%i !ono di %atti&o au#urio* (er%$0 a&endo e!!i ro!i%%$iato l)oro del Ca(itolino* nello !te!!o #iorno i due %on!oli %addero in (otere di Annibale nelle &i%inanze di Taranto. Le %a&allette* %$e di!tru##ono tutto %i/ %$e tro&ano e ua!i ardono i luo#$i* !ono di %atti&o au#urio e o!ta%olano le im(re!e- in&e%e le %i%ale (re!a#i!%ono i &ia##i e il !u%%e!!o. Si di%e %$e il ra#no %$e te!!a dall)alto la !ua tela annun%i #uada#ni (ro!!imi. Co!. (ure le +ormi%$e* (re&identi e a%%umulatri%i* indi%ano !i%urezza e ri%%$ezze e armate numero!e. Per%i/* a&endo le +ormi%$e di&orato il dra#o addome!ti%ato dell)im(eratore Tiberio* #li +u a&&i!ato e!!ere ue!to un indizio di (ro!!ima !edizione. Se !i in%ontra un !er(e* o%%orre di++idare d)un maldi%ente* (er%$0 tutta la +orza e tutto il &eleno di ue!to animale !i ra%%ol#ono nella !ua bo%%a. Un !er(ente introdotto!i nella re##ia di Tar uinio (redi!!e a ue!to re la !ua de%adenza. 4ue !er(enti +urono tro&ati nel letto di Sem(ronio Gra%%o* (er il %$e #li +u annunziato %$e il ri!(armiare il ma!%$io o la +emmina a&rebbe im(li%ato la morte !ua o della mo#lie. E Sem(ronio Gra%%o* %$e ama&a la mo#lie (i' di !e !te!!o* u%%i!e il !er(e ma!%$io e la!%i/ libera la +emmina* morendo ual%$e #iorno di (oi. La &i(era !i#ni+i%a %atti&e +emmine e %atti&i +an%iulli e l)an#uilla un uomo dete!tato da tutti* (er%$0 , un animale %$e &i&e in di!(arte e !olitario. Ma il (re!a#io (i' +orte e (i' !i%uro , dato dall)uomo e in%ontrandone al%uno o%%orrer" o!!er&arne la %ondizione* la et"* il !e!!o* la (ro+e!!ione* la %om(le!!ione* i #e!ti* i %o!tumi* le o%%u(azioni* la %o!tituzione* le abitudini* il nome* le (arole e #li atte##iamenti. Per%$0* tro&ando!i ne#li altri animali tante lu%i di (re!a#i* non &i , dubbio %$e a!!ai (i' e++i%a%i e (i' %$iare debbano e!!ere in+u!e nell)anima umana* (oi%$0* %ome di%e lo !te!!o Ci%erone* non &)$a dubbio %$e !ia inerente all)anima umana un %erto au!(i%io di eternit"* %$e le %on!ente %om(rendere le %au!e delle %o!e. Nel %o!truire Roma +u rin&enuta una te!ta umana dai lineamenti ben %on!er&ati* %$e (re!a#. la #randezza del !uo im(ero e dette il Nome al Ca(itolino. L)amata di Bruto* (rima di !%ontrar!i %on uella di Otta&io e di Mar%o Antonio* !)imbatte in un Etio(e* %$e +u me!!o a morte (er%$0 %on!iderato di %atti&o au#urio. La batta#lia +u (erduta e i !uoi due %a(i* Bruto e Ca!!io* morirono entrambi. Il (o(olino !tima di %atti&o au#urio l)in%ontro dei mona%i !o(rattutto al mattino* (er%$0 %ote!ta #ente non

&i&e (er lo (i' %$e di +unerali e di %or(i morti* %ome #li a&&oltoi.

CAPITOLO L5. In ual modo i (re!a#i !i realizzino mer%0 la lu%e del !en!o della natura e delle re#ole (er +arne l)e!(erienza. I (re!a#i %$e indi%ano #li e&enti +uturi a mezzo de#li animali e de#li u%%elli* %i +urono da((rima in!e#nati* %ome ri!ulta dalla !toria* da Or+eo il teolo#o e !i (rodu%ono mer%0 la lu%e del !en!o della natura %$e !embra ri&erberar!i !u#li animali (er (rono!ti%are l)a&&enire de#li uomini. Tale , !tato il (arere di 5ir#ilio* %$e di%e1 8aud e uidem %redo* uia !it di&iniu! illi! in#enium* aut rerum +ato (rudentia maEor. Ora ue!to !en!o della natura* %ome di%e Gu#lielmo di Pari#i* , al di !o(ra d)o#ni %om(ren!ione umana e a!!ai &i%ino alla (ro+ezia a %ui , a++atto !imile e lar#i!%e naturalmente una mirabile %$iaro&e##enza di&inatoria a ual%$e animale* %ome , e&idente in ual%$e %ane* %$e , %a(a%e di ri%ono!%ere mer%0 tale !en!o i ladri e %oloro %$e !i na!%ondono* %o!. da %er%arli* da !%o&arli* da a++errarli* da trattenerli* da morderli. Mer%0 lo !te!!o !en!o #li a&&oltoi (re&edono le %arne+i%ine e le batta#lie e !i radunano nei luo#$i in %ui tali a&&enimenti do&ranno (rodur!i (er ritrarne (ro+itto %ol (a!%er!i dei numero!i %ada&eri. E il (erni%iotto %ono!%e la madre %$e non a&e&a an%ora &eduta e !i allontana dalla (erni%e %$e $a rubato le uo&a alla &era madre e le $a %o&ate %ome !ue. E l)anima umana* in%on!%iamente* (re!ente %erte %o!e no%e&oli e !i riem(ie talora di terrore o di orrore i!tinti&o* %$e !embra irra#ione&ole* ma %$e $a un +ondamento di realt"* (re!to %on+ermato dai +atti. Co!. un ladro na!%o!to in un)abitazione di++onde intorno a !0 il timore e l)in uietudine* %$e !i im(adroni!%ono* a loro !te!!a in!a(uta* de#li abitatori della %a!a* di al%uni almeno* (er%$0 %erto %ote!ta lu%e non !i ri&erbera !u tutti #li uomini. E una meretri%e na!%o!ta in una %a!a* la!%ia indo&inare la !ua (re!enza* uantun ue i#norata. Si le##e d)un %erto 8erai!%o* e#iziano* il uale %ono!%e&a tutte le donne immonde non !olo al #uardarle* ma udendone !em(li%emente da lun#i la &o%e* (er%$0 !ubito ne ri!enti&a un +orte mal di %a(o. Gu#lielmo di Pari#i narra di una donna innamorata %$e !enti&a l)a&&i%inar!i del !uo amante* allor%$0 !i re%a&a a &i!itarla* !in da due le#$e di!tante e (arla di una %i%o#na ma!%$io* %$e mer%0 l)odorato !%o(r. l)adulterio della %om(a#na* %$e lo denunzi/ ai %om(onenti lo !tormo da e!!o !te!!o radunati in a!!emblea e %$e ne ottenne la %ondanna della %ol(e&ole* la uale +u !(iumata e +atta a (ezzi da#li ine!orabili #iudi%i. E narra an%$e d)un %a&allo* %$e a&e&a montato la madre !enza !a(erlo* il uale* !%o(rendolo in !e#uito* !i mozz/ %oi denti i #enitali (er (unir!i dell)in%e!to* +atto %on+ermato da altre narrazioni di Ari!totile di 5arrone e di Plinio. Plinio ri+eri!%e (ure %$e un a!(ide* %$e &i&e&a in dome!ti%it" in %a!a d)un e#iziano* a&endo &i!to uno dei !uoi (i%%oli u%%idere un +i#lio dell)o!(ite* mi!e !(ontaneamente a morte la (role %ol(e&ole e abbandon/ (er !em(re la %a!a +une!tata.

2ue!ti e!em(i mo!trano %ome in %erti animali (o!!ano (enetrare ba#liori di (re!a#i e mani+e!tar!i attra&er!o i loro atte##iamenti* le &o%i* il &olo* l)in%edere* i %olori e il %ibar!i. Per%$0* !e%ondo le dottrine dei Platoni%i* le %o!e in+eriori (o!!iedono %erte &irt' %$e le +anno %orri!(ondere in tutto %on le %o!e !u(eriori e in tal modo #li animali $anno !e#rete %on%ordanze %oi %or(i di&ini o%%ulti le#ami %$e li +anno &ibrare all)uni!ono %on le ri!(etti&e %o!tellazioni. Bi!o#na dun ue %ono!%ere uali animali !ieno !aturniani* uali #io&iani o marziani e %o!. &ia e ritrarne i (re!a#i %orri!(ondenti alle loro (ro(riet". Co!. di(endono da Saturno e da Marte tutti #li u%%elli +ero%i e !el&a##i* %ome le %i&ette* i barba#ianni e !imili e il #u+o* u%%ello !aturniano !olitario e notturno* #ode meritata +ama d)e!!ere di %atti&o au#urio* %ome %on+erma il (oeta1 2uel &ile u%%ello* me!!a##ero dei mali +uturi* %$e (re!a#i!%e la %atti&a !orte ai mortali. Ma il %i#no* u%%ello delizio!o e %on!a%rato a 5enere e al Sole* , di buon au#urio* !o(rattutto a %i/ %$e !i ri+eri!%e al na&i#are* (er%$0 non !i tu++a mai !ott)a% ua. O&idio lo uali+i%a1 u%%ello di +eli%i!!imo au#urio. Al%uni u%%elli* %ome il %or&o la #azza e la %orna%%$ia* indi%ano i (re!a#i %on le !trida e %ol %anto* %ome di%e 5ir#ilio1 una %orna%%$ia +une!ta %i $a !(e!!o (redetto tal di!#razia dal !ommo del !uo albero. Ali u%%elli %$e (rono!ti%ano l)a&&enire %ol &olo !ono il bozza#ro* l)o!!i+ra#a* l)a uila* l)a&&oltoio* la #ru* il %i#no e !imili. Bi!o#na o!!er&are !e il &olo ne , lento o &elo%e* !e !i diri#ono a de!tra o a !ini!tra* di uanti indi&idui , %om(o!to il #ru((o. Le #ru %$e &olano ra(idamente* indi%ano l)ura#ano e uando &olano lentamente e in !ilenzio* (rono!ti%ano bel tem(o. 4ue u%%elli +erali %$e &olino in!ieme !ono di %atti&o au#urio. La uantit" de#li u%%elli intra&i!ti , an%$e %o!a im(ortanti!!ima (el !i#ni+i%ato del (re!a#io e o%%orre an%$e (or mente alla %on%ordanza delle %on#etture* %ome in 5ir#ilio 5enere !imulatri%e in!e#na al +i#lio Enea1 Se non in&ano #li a&i no!tri %i $anno le#ato la !%ienza dei (re!a#i* o!!er&a uei dodi%i %i#ni ra##ru((ati %$e !i tra!tullano e %$e un)a uila di!%e!a attra&er!o l)aria , &enuta a turbare. Ora e!!i !embrano #uardare !marriti in alto e in ba!!o (er !%or#ere un luo#o di !%am(o e o!!er&a %ome #iunti in !al&o !embrano (laudire %on le ali e %antano in %oro. Lo !te!!o , delle +lotte ra%%olte nei (orti* o %$e &i entrano a &ele !(ie#ate. Ma il (i' e++i%a%e #enere di (rono!ti%i , ri%a&abile dalla %ono!%enza del lin#ua##io de#li animali* %ono!%enza %$e +ra #li anti%$i !i ebbero Melam(o* Tire!ia* Talete e A(ollonio di Tiana. 4i ue!t)ultimo* %$e e%%elle&a in tale %ono!%enza* Filo!trato e Por+irio narrano %$e un #iorno in %ui %on al%uni ami%i o!!er&a&a uno !tormo di (a!!eri %in#uettanti !u#li alberi &i%ini* !o(ra##iun!e uno di tali u%%elli %$e !i dette a !tridere %on +o#a. A(ollonio* interro#ato* !(ie#/ %$e il (a!!ero a&&i!a&a i %om(a#ni %$e un a!ino %ari%o di +rumento era %aduto alle (orte della %itt" e %$e il +rumento !)era !(ar!o al !uolo. Punti dalla %urio!it"* tutti !i re%arono !ul (o!to e (oterono &eri+i%are %$e A(ollonio a&e&a detto il &ero. Por+irio il (latoni%o*

nel terzo libro dei Sa%ri+izi* di%e in&e%e %$e !i tratta&a di rondinelle. Certo ne!!una &o%e di ual!i&o#lia animale non , (ri&a di ual%$e !i#ni+i%ato e non indi%a ual%$e (a!!ione* ual%$e di!(o!izione alle#ra o tri!te o %olleri%a e non de&e re%ar mera&i#lia %$e %$i !i dedi%$i a tale %ono!%enza non +ini!%a (er intenderne il lin#ua##io. E 4emo%rito* %ome a!!eri!%e Plinio* $a indi%ato il modo (er a% ui!tare tale %ono!%enza* menzionando #li u%%elli di %ui me!%olando il !an#ue !e ne #enera un !er(ente* %ibando!i del uale tutti (o!!ono intendere il lin#ua##io de#li u%%elli. Ermete di%e %$e do(o e!!ere !tati a %a%%ia in un dato #iorno delle %alende di no&embre e a&er +atto %uo%ere in!ieme %ol %uore di una &ol(e il (rimo u%%ello (re!o* tutti %oloro %$e !e ne %iberanno (otranno intendere il lin#ua##io de#li u%%elli. Gli Arabi %i $anno a((re!o %$e riu!%i&ano a %a(ire #li animali %ol man#iare il %uore o il +e#ato dei dra#$i e Pro%lo il (latoni%o $a %reduto e %i ri+eri!%e %$e il %uore d)una tal(a aiuti nel (re!a#ire. Altre !(e%ie di (re!a#i e di di&inazioni erano ri%a&ati dalle &i!%ere delle &ittime !a%ri+i%ate* di&inazioni in&entate la Ta#ete* %ome menziona Lu%ano1 et +ibri! !it nulla +ide!* !ed %onditor arti! +in7erit illa Ta#e!. La reli#ione dei Romani ritene&a %$e il +e#ato +o!!e il &i!%ere %a(itale. Per%i/ #li au#uri e!amina&ano anzitutto il +e#ato* +a%endone due %a(i* di %ui uno a!!e#na&ano al nemi%o l)altro ai %ittadini e* riuniti i %a(i* (redi%e&ano la &ittoria dell)una o dell)altra (arte. La di!+atta delle tru((e di Pom(eo e la &ittoria delle armate im(eriali* (rono!ti%ata mer%0 le &i!%ere* , %o!. %antata da Lu%ano1 2uod ue ne+a! nulli! im(une a((aruit e7ti!* e%%e &iditi %a(iti +ibrarum in%re!%ere molem* alteriu! %a(iti! (ar! ae#ra et mar%ida (endet* (ar! mi%at et %eleri &ena! mo&et im(roba (ul!u. 4o(o il +e#ato* il %uore era ritenuto il &i!%ere (i' (er+etto e uando la %o!a !a%ri+i%ata ri!ulta&a (ri&a di %uore e il +e#ato era !(ro&&i!to di &entri%oli* i (re!a#i erano %atti&i ed erano %$iamati e!(iatori. Lo !te!!o a%%ade&a uando la &ittima !i !ottrae&a dall)altare* o #rida&a nel %ol(irla* o !i abbatte&a !u un lato di&er!o dal normale. E) noto %$e il #iorno in %ui Ce!are u!%. in abito di (or(ora* il %uore man%/ due &olte tra le &i!%ere nel !a%ri+i%io %$)e#li o++er!e. Mario a Uti%a* nell)immolare* non tro&/ +e#ato e lo !te!!o a%%adde a Caio (rin%i(e e a M. Mar%ello* allor%$0 Caio Claudio e Lu%io Petellio erano %on!oli* l)uno ammalando!i ua!i !ubito e l)altro re!tando !%on+itto dall)armata dei Li#uri. Per%i/ #li anti%$i %on!idera&ano di #rande im(ortanza i re!(on!i delle &i!%ere* !(e%ie uando !i o!!er&a&a ual%$e %o!a %$e u!%i!!e dal %omune* %ome a&&enne a Silla %$e e!tor!e una !(e%ie di %orona !u un +e#ato nel !a%ri+i%are. L)aru!(i%e Po!tumio lo inter(ret/ %ome un (re!a#io di &ittoria e un %ontra!!e#no di re#alit" e ordin/ %$e il !olo Silla !i %iba!!e di tale &i!%ere. An%$e il %olore delle &i!%ere merita attenta %on!iderazione. Lu%ano +a menzione di tutto %i/1 Terruit i(!e %olor &atem* nam (allida tetri! &i!%era tin%ta noti!* #elido ue in+e%ta %ruore* (lurimu! a!(er!o &ariabat !an#uine li&or.

Tali arti erano un tem(o tanto %on!iderate* %$e #li uomini (i' dotti le %olti&a&ano e n0 il Senato ne i re im(rende&ano %o!a al%una !enza a&er o!!er&ato !e i (re!a#i +o!!ero +a&ore&oli. Tutto %i/ , (o!to o##i in dimenti%anza* !ia (er l)in%uria de#li uomini %$e (er l)autorit" dei (adri della C$ie!a.

CAPITOLO L5I. 4elle (redizioni tratte dai baleni e dalle +ol#ori e %ome bi!o#ni inter(retare i (re!a#i e i (rodi#i. Gli indo&ini e i !a%erdoti etru!%$i %i $anno in!e#nato a inter(retare i (re!a#i dei baleni* delle +ol#ori* dei (ortenti e dei (rodi#i. E!!i $anno ri(artito l)aria e il %ielo in !edi%i re#ioni attribuendo a %ia!%una il !uo nome- $anno %la!!i+i%ato undi%i !(e%ie di +ol#ori e no&e di&init" %$e le !%a#lia&ano e ne $anno !(ie#ato i !i#ni+i%ati. Certo i (rodi#i %ontra!!e#nano !em(re al%un%$0 di #rande e d)inu!ato* ma o%%orre %$e %oloro %$e li inter(retano !a((iano &alutare a%%on%iamente i ri+erimenti e le ra!!omi#lianze* %$e ne %ono!%ano i (rin%i(i in+ormatori* %$e !ieno al %orrente de#li a++ari e de#li intere!!i della nazione* non%$0 dell)indole dei !uoi #o&ernanti* (er%$0 #li a!tri le %o!tellazioni e i (rodi#i !o#liono a&&ertire in (re%edenza i (rin%i(i i (o(oli e le nazioni de#li e&enti +uturi. Bi!o#na uindi %on!iderare uanto di !imile !ia #i" a%%aduto in (a!!ato e le %on!e#uenze %$e ne deri&arono e (er ri+erimento (redirre e&enti !imi#lianti* #ia%%$0 a&&enimenti !imili o++rono le mede!ime (arti%olarit"* #li !te!!i ra((orti* identi%$e %on%ordanze. Co!. !e#ni (remonitori e (rodi#i $anno a%%om(a#nato la na!%ita e la morte d)illu!tri (er!ona##i e Ci%erone %ita l)e!em(io di Mida +an%iullo* nella bo%%a del uale* mentre dormi&a le +ormi%$e de(o!ero #ranelli di +rumento* %$e (rono!ti%a&ano ri%%$ezze +uori del %omune. Nello !te!!o modo le a(i %$e !i (o!arono !ulle labbra di Platone dormente* ne (redi!!ero l)elo uenza. E%uba* uando era in%inta di Paride* %$e do&e&a (oi (orre a +uo%o Troia e l)A!ia intera* !i &ide #enerare in !o#no una tor%ia a%%e!a. La madre di Falaride &ide un Mer%urio !(ar#ere tanto !an#ue da riem(ire tutta la %a!a. La madre di 4ioni#i !o#n/ di (artorire un !atiro. La mo#lie di Tar uinio Pri!%o* a&endo &i!to una +iamma %oronare il %a(o di Ser&io Tullio* #li (redi!!e il trono. Co!. (ure* do(o la (re!a di Troia* mentre Enea di!(uta&a %ol (adre An%$i!e (er de%idere !e to%%a!!e re!tare nel re#no a lui o ad A!%anio* a((ar&e una +iamma !ul %a(o di ue!t)ultimo ad annunziar#li il trono* de%idendo Enea ad e!(atriare. Tutti #li a&&enimenti e le di!+atte e%%ezionali !ono !tate (re%edute da (arti%olari !e#ni e da (rodi#i. Si le##e in Plinio %$e !otto il %on!olato di Mar%o Attilio e di Caio Porzio una (io##ia di latte e di !an#ue a&e&a (redetto la (e!te di Roma dell)anno !e#uente. Co!. (ure* al tem(o del %on!olato di Lu%io Paolo e di Gaio Mar%ello* !i (ot0 &edere una (io##ia di lana %$e (redi!!e la morte di Tito Annio Milone* a&&enuta nell)anno !u%%e!!i&o. All)e(o%a della #uerra dei Cimbri* !i ud. in %ielo !tre(ito d)armi e %lan#ore

di trombe. E Tito Li&io* (arlando della #uerra di Ma%edonia* di%e %$e nell)anno in %ui !e ne allontan/ Annibale* !i &eri+i%/ una (io##ia di !an#ue durata due #iorni. E nel (arlare della !e%onda #uerra Carta#ine!e* ri+eri!%e %$e mentre Annibale de&a!ta&a l)Italia* %adde dal %ielo a% ua mi!ta a !an#ue. In La%edemonia* un (o) a&anti la di!#razia to%%ata a Leu%tria* !i ud. !tre(ito di armi nel tem(io d)Er%ole e ua!i %ontem(oraneamente le (orte del tem(io d)Er%ole a Tebe* %$e erano %$iu!e* !i !(alan%arono da !ole e le armi !o!(e!e alle (areti del luo#o !a%ro ro&inarono !tre(ito!amente al !uolo. I (rono!ti%i da ritrarre da !imili a&&enimenti &anno modellati !u a&&enimenti !imi#lianti. Per/ o%%orre %ono!%ere bene le in+luenze dei %or(i %ele!ti* di %ui di!%orreremo (i' di++u!amente in a((re!!o. CAPITOLO L5II. 4ella #eomanzia* dell)idromanzia* dell)aeromanzia e della (iromanzia* %$e !ono uattro maniere di&er!e di di&inazione mer%0 #li elementi. Gli !te!!i elementi %i (redi%ono !&ariati a&&enimenti e tra e!!i deri&ano la #eomanzia* l)idromanzia* l)aeromanzia e la (iromanzia* arti di&inatorie %$e in Lu%ano !i &anta&a (o!!edere una %erta !tre#a1 La terra* l)aria* l)etere* il %$ao!* il Mare* i Piani e le ru(i di Rodo(e %i (ale!eranno il &ero. La #eomanzia (redi%e le %o!e +uture mer%0 i moti della terra* i !uoi rumori* le !ue %on&ul!ioni* le !ue e!alazioni e tutti #li altri a!(etti di %ui l)arabo Almadel %i $a ri&elato il lin#ua##io. 5i , (oi un)altra !(e%ie di #eomanzia* in %ui la di&inazione a&&iene %on l)im(ie#o di %erte +i#ure tra%%iate o im(re!!e in un determinato modo e di tale !(e%ie di #eomanzia (arleremo in !e#uito. L)idromanzia +a di&inare %on #li a!(etti delle a% ue* il +lu!!o e il de+lu!!o* l)a%%re!%er!i e lo !trari(are o il de%re!%ere* la %olorazione e !imili altra %o!e* a %ui !i (o!!ono a##iun#ere le &i!ioni %$e !i %om(iono nelle a% ue* #enere di di&inazione ue!to tro&ato dai Per!iani e di %ui 5arrone d" un e!em(io (arlando di uel +an%iullo %$e a&e&a &i!to +ormar!i nell)a% ua Una imma#ine di Mer%urio* %$e %on %ento%in uanta &er!i (redi!!e o#ni e&ento della #uerra di Mitridate. An%$e Numa Pom(ilio %olti&a&a l)idromanzia* e&o%ando (er mezzo delle a% ue le imma#ini de#li dei %$e #li (redi%e&ano il +uturo. E Pita#ora* molto tem(o do(o di lui* $a e!er%itato la !te!!a arte. Gli A!!iri a&e&ano in (re#io una !(e%ie di idromanzia %$iamata le%anomanzia* in %ui !i +a%e&a u!o d)un re%i(iente %olmo d)a% ua e !i ado(era&ano lamine d)oro o d)ar#ento tem(e!tate di (ietre (rezio!e* !ulle uali !)in%ide&ano dati nomi e %aratteri. Alla le%anomanzia !i (u/ an%$e ri%olle#are l)arte di di&inare mer%0 il (iombo e la %era +u!i &er!ati in a% ua +redda* in %ui !i ra((rendono in determinate +orme* %$e rendono mani+e!te le %o!e %$e de!ideriamo %ono!%ere. Anti%amente e!i!te&ano !or#enti* da %ui !i ri%a&a&ano (re!a#i delle %o!e +uture* %ome uella %$e an%ora !i tro&a a Patra!!o* in A%aia* e uella %$e E(idauro %$iama +ontana di Giunone* di %ui (arleremo a lun#o in !e#uito nel

trattare de#li ora%oli. Citiamo altre!. i (re!a#i tratti dai (e!%i* %ome !i (rati%a&a una &olta in un luo#o %$iamato 4ina in Li%ia. Si !%a&a&a un +o!!atello nella !abbia in un dato luo#o del bo!%o di A(ollo nelle &i%inanze del mare e (er %ono!%ere l)a&&enire ba!ta&a #ettar&i %o(ia di %ibarie. L)e!%a&azione !i riem(i&a d)a% ua e !i (o(ola&a di (e!%i ammirabili e !%ono!%iuti e dalle loro +orme #l)indo&ini ritrae&ano i loro (re!a#i. Ateneo* nelle i!torie dei Li%ii di Poli%armo* ne %ita (are%%$i e!em(i. L)aeromanzia +a di&inare %on #li a!(etti dell)aria* la direzione dei &enti* #li ar%obaleni* #li aloni lunari* le nu&ole* le imma#ini %$e !i delineano nelle nu&ole* le &i!ioni aeree. La (iromanzia +a di&inare %on #li a!(etti del +uo%o* le %omete* i %olori del +uo%o* le &i!ioni %$e !i +ormano nel +uo%o. La mo#lie di Ci%erone (redi!!e in tal modo al marito %$e l)anno a((re!!o !arebbe !tato eletto %on!ole e %i/ (er%$0 nel +i!!are lo !#uardo !ulle %eneri di un !a%ri+i%io* la +iamma !e ne !(ri#ion/ re(ente. Plinio di%e %$e i +uo%$i terre!tri un (o) !biaditi e rumoro!i (rono!ti%ano le tem(e!te e uando (io&e* !e la +iamma o!%illa* , !e#no di &ento. Lo !te!!o di%a!i uando* nel to#liere una (entola dal +uo%o* &i !i atta%%$i ual%$e (o) di bra%e* o uando un +uo%o e!tinto tramandi im(ro&&i!e !%intille* o uando la %enere !i a%%umuli in un +ornello* o uando il %arbone rilu%a molto. Menzioniamo an%$e la %a(nomanzia* %o!. %$iamata dal +umo e deri&ata dall)o!!er&azione %ontem(oranea della +iamma e del +uo%o* nei loro %olori !uoni e mo&imenti* non%$0 nella loro direzione* %ome Stazio de!%ri&e nei !e#uenti &er!i1 5in%atur (ieta!* (one eia altaria &ir#o* uaeramu! !u(ero!* +a%it illa a%ie ue !a#a%i !an#uineo! +lammarum a(i%e!* #enitum ue (er aura! i#nem* et %lara tamen mediae +a!ti#ia lu%i! orta* do%et tun% in !(e%iem !er(enti! inanem an%i(iti #<ro &ol&i* +ran#i ue rubore. Gi" (re!!o #li A(olloniati &eni&ano tratti (re!a#i dai %rateri dell)Etna e dai %am(i delle Nin+e* dal +uo%o e dalle +iamme %$e !i#ni+i%a&ano #ioia !e a%%etta&ano uanto &i !i #etta&a e tri!tezza !e ri+iuta&ano %omuni%ar!i al %ombu!tibile lar#ito. Ne ri(arleremo (i' di++u!amente nel trattare de#li ora%oli.

CAPITOLO L5III. 4el modo di +ar ri&i&ere i morti del (rolun#ato dormire e dell)inedia. I +ilo!o+i arabi !ono %on%ordi nel %on&enire %$e &)abbiano uomini %a(a%i di ele&ar!i !o(ra le +orze del %or(o e !o(ra uelle !en!iti&e e* a&endole !or(a!!ate* %a(a%i di ri%e&ere la &irt' e il (otere di&ino %on l)au!ilio della (er+ezione %ele!te e delle intelli#enze !u(eriori. Le anime de#li uomini e!!endo eterne e o#ni !(irito obbedendo alle anime (er+ette* i ma#i !timano %$e #li uomini (er+etti (o!!ano* %on le +orze della loro anima* re!tituire ai %or(i moribondi le anime in+eriori e +arle ri&i&ere* nello !te!!o modo %$e una donnola

morta ritorna in &ita alla &o%e del (adre o della madre e i leoni ri&i&i+i%ano i loro (i%%oli %ol loro +iato. E !i%%ome* %ome e!!i ri+eri!%ono* tutto %i/ %$e &)$a di !imile a((li%ato a %o!e !imi#lianti ne rende e++i%a%e la natura e tutto %i/ %$e ri%e&e al%un a#ente a!!ume i %aratteri di tale a#ente* %o!. e!!i !timano %$e %erte erbe (o!!ano %ontribuire non (o%o a &i&i+i%are* o %erte %om(o!izioni ma#i%$e* %ome uelle %$e !i (re(arano %on le %eneri della +eni%e e %on le !(o#lie dei !er(enti* %o!e %$e !embrerebbero +a&ole e im(o!!ibili a molti* !e la !toria non %e le %on+erma!!e. Per%$0 ue!ta %i do%umenta %ome non (o%$e (er!one* do(o e!!ere !tate anne#ate* #ettate nel +uo%o* u%%i!e in %ombattimento* o in %ento altri modi* !ieno (oi ritornate in &ita. Plinio %i (arla del %on!ole A&iola* di Lu%io Lamia* di Celio Tuberon* di Cor!idio* di Gabieno e di molti altri. Le##iamo (ure %$)E!o(o* il +amo!o +a&oli!ta* Tindoride* Er%ole e i #emelli Pali%i* +i#li di Gio&e e di Talia* +urono ri!u!%itati e di altri molti a %ui i ma#i e i medi%i $anno re!o la &ita* %ome le i!torie di%ono di E!%ula(io e %ome noi #i" abbiamo ri+erito da Giuba di =anto* di Tillone* d)un %erto Arabo e di A(ollonio di Tiana. E) an%$e noto %$e un %erto Glau%o ri!u!%it/ mer%0 l)erba detta del dra#o e altri a&endo #u!tato d)una %erta dro#a mielata. A(uleio (arla di 6a%$la* (ro+eta e#iziano* %$e %ollo%/ un)erba !ulla bo%%a del %ada&ere e un)altra !ul (etto e do(o a&er +i!!ato il !ole le&ante e im(lorato ta%itamente l)a!tro* di!(o!e il &i!o del de+unto %o!. %$e +a%e!!e +ronte ai ri#uardanti e allora il !uo (etto %omin%i/ a #on+iar!i e a !olle&ar!i* il %uore a battere e* lo !(irito e!!endo rientrato nel %or(o* il %ada&ere !i le&/ !u e il +an%iullo (arl/. Se tali %o!e !ono &ere* bi!o#na ritenere %$e ual%$e &olta le anime dei moribondi !ieno immer!e in e!ta!i a%%entuate e (ri&ate d)o#ni !timolo %or(orale* %o!. %$e la &ita i !en!i e il mo&imento abbandonino il %or(o* (ur non e!!endo l)uomo %om(letamento e!tinto* ma !olo #ia%ente e!anime. E) noto %ome in tem(i di (e!tilenza !ia a%%aduto %$e non (o%$e (er!one %$e !i (orta&ano a !e((ellire* ritorna!!ero in &ita nelle loro tombe e %ome %i/ !ia an%$e !u%%e!!o a (are%%$ie donne in !e#uito a !trozzamento della matri%e. Rabi Mo<!e* nel libro di Galeno* di%e %$e un uomo* (er !o++o%azione* rima!e durante !ei #iorni !enza man#iare n0 bere e %$e le !ue arterie !)indurirono. 4i%e an%$e nello !te!!o libro %$e in !e#uito a una re(lezione un uomo (u/ (erdere il battito del (ol!o e o#ni mo&imento del %or(o* il !uo %uore (u/ arre!tar!i e di&entare %ome morto. Co!. (ure una (er!ona %$e %ada da un luo#o ele&ato* o %$e !ia rima!ta a lun#o nell)a% ua* (u/ re!tare immer!a in una !in%o(e della durata di uarantotto ore* durante la uale , %ome un %ada&ere e il &olto le !i %o(re d)una (ol&ere &erde. E narra d)un tale %$e +u !e((ellito !ettantadue ore do(o la morte e %$e (ure era &i&o e indi%a il modo (er (oter ri%ono!%ere tali (er!one &i&e e tanto !imili a (er!one morte* le uali +ini!%ono (er e!tin#uer!i realmente !e non &en#ono !o%%or!e %on la +lebotomia o %on altri rimedi. Son %o!e ue!te (er/ %$e a%%adono a!!ai di rado. In tal modo noi intendiamo la (o!!ibilit" (oi ma#i e (ei medi%i di +ar ri&i&ere #li e!tinti* %ome un tem(o %oloro %$e a&e&ano (erduto la &ita (er e!!ere !tati mor!i%ati da ual%$e !er(ente* la ria% ui!ta&ano (er o(era dei Mar!i e dei P!illi. Ne bi!o#na %redere %$e !imili e!ta!i (o!!ano (rotrar!i a lun#o !enza tron%are de+initi&amente la &ita. E* !ebbene !ia a((ena %redibile* le##iamo ne#li !torio#ra+i (i' re(utati %$e al%une (er!one $anno dormito (er

(are%%$i anni* de!tando!i (oi %o!. #io&ani %ome lo erano al momento di addormentar!i. Plinio %ita l)e!em(io di uel #io&anetto %$e e!!endo tra&a#liato dal %aldo e a++ati%ato dal lun#o %ammino* !i addorment/ dentro una %a&erna e !i de!t/ do(o %in uanta!ette anni. La !te!!a %o!a !i le##e d)E(imenide Gno!io* da %ui , deri&ato il detto1 dormire (i' di E(imenide. 4ama!%eno di%e %$e ai !uoi tem(i un %ontadino* in Alema#na* !i (o!e a #ia%ere !tan%o !u un mu%%$io di +ieno e &i re!t/ a dormire durante tutto l)autunno e l)in&erno !u%%e!!i&o* de!tando!i !olo all)e!tate !e#uente. Le i!torie !a%re +anno menzione dei !ette dormenti %$e dormirono (er %entono&anta!ei anni. In Nor&e#ia* !otto una ri(a !%o!%e!a* e!i!te un antro* in %ui* !e%ondo Paolo 4ia%ono e Metodio Martire* !ette uomini rima!ero a dormire allun#o !enza %orrom(er!i e %oloro %$e &i entra&ano (er arre%ar loro no%umento ne a&e&ano !ubito le membra rattratte* tanto %$e #li abitanti del (ae!e* !(a&entati* !mi!ero dal mole!tarli. =eno%rate* %$e non o%%u(a uno dei (o!ti in+eriori tra i +ilo!o+i* o(ina %$e !onni %o!. lun#$i !ieno un %a!ti#o in+litto dall)Eterno. 4ama!%eno* %on molte ar#omentazioni* (ro&a %$e %i/ (u/ a&&enire naturalmente e la !ua o(inione non , !ra#ione&ole* (er%$0 !e la %o!a , (o!!ibile a#li animali* %$e (are%%$i me!i (o!!ono re!tare addormentati !enza (render %ibo o be&anda e !enza ri!(andere deiezioni o %orrom(er!i* (otr" e!!erlo (ur an%o (er l)uomo* !ia in !e#uito all)a!!orbimento di ual%$e &eleno* !ia (er malattia !o(ori+era* !ia (er ual%$e !(a&ento* (er (are%%$i #iorni o me!i od anni* !e%ondo l)intenzione o la remi!!ione delle +orze e delle (a!!ioni della !ua anima. I medi%i a++ermano %$e l)u!o di %erte !o!tanze (o!!a +ar re!i!tere a lun#o l)or#ani!mo !enza in!erimento di al%un %ibo* %ome a&&enne a Elia* %$e* do(o a&er man#iato una %erta %o!a a((ortata#li da un an#elo* (ot0 %amminare e di#iunare (er lo !(azio di uaranta #iorni in &irt' di tale nutrimento. Gio&anni Bo%%a%%io di%e %$e al tem(o !uo &)era un tale a 5enezia %$e u!a&a di#iunare o#ni anno uaranta #iorni e* %o!a an%ora (i' !or(rendente* %$e una donna della Ba!!a Germania a&e&a &i!!uto !ino ai trenta anni !enza a&er (re!o al%un %ibo. Il %$e !embrerebbe in%redibile* !e non +o!!e %on+ermato dall)e!em(io dello !&izzero Ni%ola 4i Sa!!o* &i!!uto notoriamente in un eremo (er &entidue anni nel di#iuno (i' a!!oluto* !ino alla !ua morte. Teo+ra!to %i (arla di un %erto Filino* %$e non a&e&a mai in#erito altro %ibo o be&anda all)in+uori del latte e autori illu!tri e de#ni di +ede a!!i%urano %$e &)$a un)erba detta di S(arta* di %ui u!ano #li S%iti* la uale* #u!tata o !em(li%emente tenuta in bo%%a* %on!ente di re!tar dodi%i #iorni !enza bere e !enza man#iare.

CAPITOLO LI=. 4ella di&inazione a mezzo dei !o#ni. 5)$a una !(e%ie di di&inazione %$e !i %om(ie dormendo o !o#nando* la uale , (ro&ata dalla tradizione dei +ilo!o+i* dall)autorit" dei teolo#i* dalle narrazioni de#li !tori%i e dall)e!(erienza #iornaliera. Per !o#no io non intendo #i" una &i!ione o un)a((arizione* %o!e &ane e (ri&e di !i#ni+i%ato di&inatorio* ori#inate dai re!idui della &e#lia e dal

turbamento del %or(o* tutte le &olte %$e (er la (o!izione %omoda o !%omoda del %or(o e le &i%ende della +ortuna l)anima !i o%%u(a dormendo di uanto lo $a a++ati%ato da !&e#lio. Ma %$iamo !o#no le &i!ioni %au!ate da#li in+lu!!i dei %or(i %ele!ti !o(ra lo !(irito +anta!ti%o* uando anima e %or(o !ono in buona !alute. Gli a!trolo#$i* nei loro trattati* in!e#nano a inter(retarli- ma le re#ole enun%iate non !ono !u++i%ienti* (er%$0 tali !o#ni (ro&en#ono da %au!e di++erenti e !ono lar#iti a di++erenti (er!one* !e%ondo le di!(er!e ualit" dello !(irito +anta!ti%o e la !ua di!(o!izione momentanea. Per%i/ non , (o!!ibile enun%iare re#ole %o!tanti e uni%$e d)inter(retazione* a((li%abili uni+ormemente a tutti i !o#ni di %ia!%un uomo* ma !olo* !e%ondo l)o(inione di Sine!io* uando le %ir%o!tanze !ieno identi%$e nelle %o!e e !imili in uelle !imili* dimodo%$0 %$i !(e!!o !i imbatte nella !te!!a* o in %on!imile &i!ione* de!i#ni la !te!!a o %on!imile !entenza* (a!!ione* +ortuna* azione* e&ento. Come di%e Ari!totile la memoria , rin!aldata dalla !en!azione* dalla memoria deri&a la %ono!%enza e da (i' %ono!%enze a% ui!ite (ro%edono e (ro!(erano le arti e le !%ienze. In ri#uardo ai !o#ni il (ro%edimento , identi%o e (er%i/ Sine!io e!orta ad analizzare i (ro(ri !o#ni e a rile&arne le %on!e#uenze* &ale a dire a !tabilire i ra((orti inter%orrenti tra la %au!a e l)e++etto. Per%i/ o%%orre ri%ordar!i bene i (arti%olari dei !o#ni* (orli a ra++ronto %on le &i!ioni !u%%e!!i&e e dall)a%%umulazione metodi%a delle (ro(rie o!!er&azioni %ia!%uno (otr" (er&enire (o%o a (o%o a inter(retare i (ro(ri !o#ni e a ri%a&arne e!atti (re!a#i. I !o#ni (i' e++i%a%i e di (i' !i%ura realizzazione !i $anno uando la luna (er%orre il !e#no in %ui era nella nona radi%e della nati&it" o della ri&oluzione di uell)anno* o nel nono !e#no dal !e#no della (er+ezione. E la (i' e++i%a%e di&inazione dei !o#ni non (ro&iene dalla natura o dalla !%ienza de#li uomini ma* (uri+i%ate le menti* dall)i!(irazione di&ina. Ma di!%uteremo altro&e uanto !(etta ai &ati%ini e a#li ora%oli.

CAPITOLO L=. 4el +urore e delle di&inazioni %om(iute allo !tato di &e#lia e del (otere dell)umore melan%oni%o* %ol uale , (o!!ibile talora +ar !. %$e i demoni !)introdu%ano nel %or(o umano. E) (o!!ibile di&inare il +uturo an%$e de!ti* (ur%$0 lo !(irito &en#a e!altato da dati (en!ieri e Ari!totile %$iama +urore !imile !(e%ie di di&inazione e l)attribui!%e all)umore melan%oni%o* di%endo nel !uo trattato 4ella 4i&inazione1 I melan%oni%i* (er la loro &eemenza* %on#etturano e di&inano beni!!imo e ri%e&ono +a%ilmente le im(re!!ioni dei %or(i %ele!ti. E nei Problemi di%e %$e le Sibille* le Ba%%anti* Ni%erato di Sira%u!a e Amone $anno (oetato e (re!a#ito il +uturo (er la +orza del loro umore melan%oni%o. Non !i tratta (er/ di uell)umore melan%oni%o %$iamato bile nera* %$e i +i!iolo#$i e i medi%i a!!i%urano %a(a%e di !er&ire da ri%$iamo ai demoni mali#ni* ma !ibbene di uell)umore detto bile naturale bian%a* %$e* entrando in %ombu!tione* e%%ita il +urore %$e %i %ondu%e alla !%ienza e alla di&inazione* !o(ratutto !e

+orti+i%ato da al%una in+luenza %ele!te e in (arti%olare da uella di Saturno %$e* e!!endo +reddo e !e%%o %ome , lo !te!!o umore* &ale ad aumentarlo a %on!er&arlo e ad e!altarlo. Inoltre Saturno* e!!endo l)autore !te!!o della %ontem(lazione ar%ana ed alieno da#li a++ari (ubbli%i e il (i' alto dei (ianeti* !torna le anime dalle o%%u(azioni e!teriori* le tra!%ina &er!o le meditazioni interiori* le attira &er!o le %o!e +uture* %ome intende Ari!totile nel !uo libro dei Problemi. In &irt' della melan%onia* e#li di%e* molti uomini !on di&enuti indo&ini e $anno (re!a#ito il +uturo e altri $anno (oetato. 4i (i' di%e %$e tutti %oloro %$e !i !ono di!tinti nelle !%ienze erano (er lo (i' melan%oni%i. 4emo%rito e Platone %ondi&idono tale o(inione e a!!eri!%ono %$e molti melan%oni%i $anno tanta !(iritualit" da !embrare (i' %$e uomini di&init". Al%uni melan%oni%i* d)ordinario #ro!!olani inabili e dotati di !%ar!o !(irituali!mo* uali E!iodo* Ione di C$io* Tinni%o* il Cal%idi%o* Omero e Lu%rezio* tra!(ortati da im(ro&&i!o +urore* di&entano (oeti e %reano o(ere tanto ammire&oli %$e a((ena e!!i !te!!i #iun#ono a intenderle* %ome a!!eri!%e il di&ino Platone nell)Ione. 2ua!i tutti i (oeti* e#li di%e* !&anito %$e !ia il loro tra!(orto* non %om(rendono uanto $anno !%ritto* uantun ue abbiano !%ritto bene e %on %om(etenza !ulle (i' !&ariate materie. Si di%e an%$e %$e l)umore melan%oni%o abbia tanto (otere da %o!trin#ere #li !(iriti %ele!ti a in%arnar!i nel %or(o umano* %o!. %$e #li uomini melan%oni%i (arlano e a#i!%ono !otto la loro i!(irazione !u(eriore* !e%ondo le tre modalit" dell)anima* l)imma#inati&a la razionale e la mentale. L)anima* e!altata dall)umore melan%oni%o* rom(e le (a!toie delle membra e del %or(o e !i e++onde tutta nel dominio della imma#inazione* di&enendo ri%etto dei demoni di ordine in+eriore* da %ui !(e!!o a((rende le arti (i' !ottili. Per%i/ !(e!!o , dato &edere un uomo i#norante e #ro!!olano tra!+ormar!i in abile (ittore* in e%%ellente ar%$itetto* o in altro arti!ta di &a#lia. E uando tali !orta di !(iriti &ol#ono la no!tra imma#inati&a &er!o il +uturo* %i %on!entono &edere i %an#iamenti del tem(o* %ome la (io##ia* #li ura#ani* le inondazioni* i terremoti* le mortalit"* le %are!tie* i ma!!a%ri e altre !imili %o!e. Le##iamo in Aulo Gellio* %$e il (rete Cornelio* in&a!ato a Pado&a da tale !(e%iale +urore nel tem(o in %ui le armate di Ce!are e di Pom(eo !ta&ano a +ronte* a&e&a (ro+etato in anti%i(o l)e(o%a e l)e!ito della batta#lia. 2uando l)anima !i %on&erte nella (arte razionale* e!!a di&iene ri%etto a#li !(iriti aerei del !e%ondo ordine e %ol loro au!ilio a% ui!ta la %ono!%enza e il dominio delle %o!e naturali e umane* non%$0 la !a##ezza. Co!. un uomo di&iene d)un tratto un #ran +ilo!o+o* un abile medi%o* o un elo uente oratore e la !te!!a %au!a +a %$e altri (o!!a (redire uanto ri#uarda l)a!!etto e le &i%ende dei reami e dei (o(oli. 2uando (oi l)anima !i ele&a tutta nella mente* di&enendo %o!. la dimora de#li !(iriti !u(eriori e !ublimi* ne trae la %ono!%enza dei !e%reti delle %o!e di&ine* %io, la le##e eterna* le #erar%$ie an#eli%$e* la !al&ezza delle anime* (re!a#endo %i/ %$e di(ende dalla (ro&&idenza %ele!te* &ale a dire i (rodi#i e i mira%oli* i (ro+eti +uturi* i %an#iamenti di +ede.

In tal modo le Sibille $anno (otuto (redire %on #rande anti%i(o la &enuta del Cri!to e 5ir#ilio* ri%ordando la Sibilla Cumana e !entendo (ro!!imo l)a&&ento di Ge!'* %ant/ a Pollione1 Ultima Cumaei Eam &enit %armini! aeta!* ma#nu! ab inte#ro !e%lorum na!%itur ordo. Fam redit et 5ir#o* redeant Saturnia re#na* Eam no&a (ro#enie! %oelo dimittitur alto. Pi' a&anti (arla del ri!%atto del (e%%ato ori#inale1 Te du%e Si ua manent !%eleri! &e!ti#ia no!tri irrita* (er(etuo !ol&ent +ormidine terra!. Ille deum &itam a%%i(iet* di&i! ue &idebit (ermi7to! $eroe! et i(!e &idebitur illi!* (a%atum ue re#et (atrii! &irtutibu! orbem. E a%%enna alla di!truzione del !er(ente e del &eleno dell)albero morti+ero della !%ienza del bene e del male1 O%%idet et !er(en! et +alla7 $erba &eneri. Come (ure all)im(ronta del (e%%ato ori#inale* %$e non (otr" e!!ere del tutto %an%ellata1 Pau%a tamen !uberunt (ri!%ae &e!ti#ia +raudi!. In+ine* inne##iando i(erboli%amente alla &enuta del Sal&atore* %o!. rende onore al Fi#liuolo di 4io1 C$ara deum !obole! ma#num Fo&i! in%rementum a!(i%e %on&e7o nutantem (ondere mundum et terra!* tra%tu! ue mari!* %oelum ue (ro+undum* a!(i%e &enturo laetentur ut omnia !e%lo. O mi$i tam lon#e maneat (ar! ultima &itae* !(iritu! et uantum !at erit tua di%ere +a%ta. 5)$anno an%$e (redizioni %$e (o!!ono %la!!i+i%ar!i tra la di&inazione naturale e la !o(rannaturale* %ome uelle di %oloro %$e* #iunti alla (i' tarda et" e in (ro%into di morire $anno la &i!ione del +uturo* (er%$0* !e%ondo Platone nella !ua Re(ubbli%a* %oloro %$e $anno i !en!i meno e%%itati intendono me#lio e (enetrano (i' le %o!e e i loro le#ami e!!endo #i" %ome rilan%iati e non e!!endo (i' !o##etti all)im(a%%io del %or(o* ri%e&ono (i' +a%ilmente la lu%e delle ri&elazioni di&ine.

CAPITOLO L=I. 4ella +onazione dell)uomo* dei !en!i e!teriori e interiori* della mente* delle tre !(e%ie di a((etenze dell)anima e delle (a!!ioni della &olont". Al%uni teolo#i %redono %$e 4io non abbia %reato dal nulla il %or(o del (rimo uomo* ma %$e !i !ia &al!o (er +ormarlo dei %ieli e de#li elementi. Al%inoo* %$e !e#ui&a la dottrina di Platone* , an%$)e!!o di tal (arere e %rede Iddio %reatore !o(rano dell)uni&er!o delle di&init" e dei demoni* e!!e tutte %$e

!ono immortali* mentre le di&init" in+eriori $anno %reato il re!to e tutti #li animali* i uali* !e +o!!ero !tati %reati da Lui* !arebbero Stati e#ualmente immortali. Le di&init" minori dun ue* me!%olando elementi tratti dalla terra* dal +uo%o* dall)aria e dall)a% ua e amal#amandoli* ne $anno %om(o!to un in&olu%ro (er l)anima* attribuendo a %ia!%una %aratteri!ti%a dell)anima una data (arte del %or(o* %ome la %ollera al %uore e la %on%u(i!%enza al &entre* e ri!er&ando alla te!ta i !en!i (i' nobili e #li or#ani della (arola. I !en!i !i di&idono in e!teriori e in interiori. Gli e!teriori !ono %in ue e ben noti a tutti e i (i' (uri !ono uelli %ollo%ati nelle (arti (i' ele&ate del Cor(o. Primo +ra tutti la &i!ta* %$e !i e!er%ita mer%0 #li o%%$i* (o!ti nel luo#o (i' ele&ato del %or(o e alimentati naturalmente dalla lu%e e dal +uo%o naturale. Se#uono le ore%%$ie* %om(arabili all)aria- (oi le nari%i %$e o%%u(ano il terzo (o!to tra l)aria e l)a% ua- (oi l)or#ano del #u!to* (i' #ro!!olano e a++atto !imile all)a% ua* in+ine* all)ultimo (o!to* il tatto %$e , di++u!o a tutto il %or(o e a %ui !i attribui!%e la #ro!!olanit" e la (e!antezza della terra. I !en!i (i' (uri !ono uelli %$e* !enza a%%o!tar!i tro((o alle %o!e naturali* ne $anno la (er%ezione e ne re!tano im(re!!ionati. Tali la &i!ta e l)udito. An%$e l)odorato +unziona !enza %ontatto immediato* ma il #u!to in&e%e non (er%e(i!%e nulla di %i/ %$e #li , lontano. Il tatto $a le due ualit" (er%$0 e!!o !ente i %or(i %$e #li !i a&&i%inano e %ome la &i!ta !%or#e le %o!e da lontano* %o!. (ure e!!o* %on l)aiuto d)una &er#a o d)un ba!tone* (er%e(i!%e !enza %ontatto immediato le %o!e dure o molli o umide. Il tatto , %omune a tutti #li animali* ma nell)uomo , (i' !i%uro e lo !te!!o di%a!i del #u!to %$e nell)uomo , (i' deli%ato. Molti altri animali (er/ $anno #li altri tre !en!i (i' !&ilu((ati %$e nell)uomo. Co!. il %ane &ede ode e odora me#lio dell)uomo e le lin%i e le a uile $anno la &i!ta (i' a%uta di uella di altri animali e dell)uomo. I !en!i interiori* !e%ondo l)o(inione di A&erroe* !ono uattro e il (rimo , detto !en!o %omune* (er%$0 ri%e&e ra%%o#lie e (er+eziona tutte le imma#ini (er%e(ite %oi !en!i e!teriori. Il !e%ondo , la &irt' imma#inati&a* %$e $a il %om(ito di ritenere le imma#ini ri%e&ute dai (rimi !en!i e di tra!metterle a una terza !(e%ie di !en!o* %$e , la +anta!ia* o la +orza e il (otere di %re!%ere e di (en!are. La +anta!ia $a il %om(ito* una &olta ri%e&ute le imma#ini* di %om(renderle e di #iudi%arne la (ro&enienza* %on+idando (oi alla memoria* %$e , il uarto !en!o interiore* le !en!azioni %oordinate %om(re!e e #iudi%ate. La +anta!ia %i +a !%or#ere in !o#no #li e&enti +uturi. E!!a %o!titui!%e l)ultima orma dell)intelli#enza* (er%$0* %ome di%e Giambli%o* e!!endo nata da tutte le +orze dello !(irito* %rea o#ni !orta d)imma#ini di ra!!omi#lianze e di atte##iamenti e +a %redere %i/ %$e &ien mo!trato dai !en!i e %i/ %$e (ro&iene dall)intendimento. E!!a ri%e&e da tutti #li altri !en!i le imma#ini* le riuni!%e* le a&&i&a* le (one a %on+ronto* (la!ma o %rea tutti i moti dell)anima* %oordinando uelli e!teriori %on #li interiori* e im(re!!iona i %or(i. Tutti ue!ti !en!i $anno i loro or#ani nella te!ta. Il !en!o %omune e l)imma#inazione o%%u(ano le (rime %ellule %erebrali* uantun ue Ari!totile abbia (rete!o e!!er il %uore l)or#ano #enerati&o del !en!o %omune- il (en!iero* o la +a%olt" di (en!are* o%%u(a la !ommit" e il mezzo del %er&ello e

la memoria la (arte (o!teriore. Gli or#ani della &o%e !ono multi(li1 l)interno del (etto tra le %o!tole* i mu!%oli* il tora%e* il (olmone* la tra%$ea* la #ola. La bo%%a , l)or#ano #enerati&o della (arola- la lin#ua arti%ola il !uono %on lo !%$iuder!i dei denti e delle labbra* a !omi#lianza delle %orde della lira. Il na!o in+ine %ontribui!%e alla +ormazione di un !uono buono o %atti&o. Al di !o(ra dell)anima %$e e!(li%a le !ue +orze (er mezzo de#li or#ani del %or(o* il (o!to !u(remo , tenuto dalla mente in%or(orea !te!!a. Tale !(irito $a due !orta di nature. L)una* %$e ri%er%a le %o!e %ontenute nell)ordine della natura* !%rutandone le %au!e le (ro(riet" e i (ro#re!!i* %$e %on!i!te nella %ontem(lazione e nella ri%er%a della &erit" e %$e (er tal moti&o &iene %$iamata lo !(irito %ontem(lati&o. L)altra %$e di!%erne le %o!e da %om(iere o da e&itare* %$e non , intenta %$e a %on!ultare e ad a#ire e %$e (er%i/ &ien %$iamata l)intelletto lo !(irito o l)intendimento atti&o. La natura $a dun ue +atto !i %$e mer%0 i !en!i e!teriori !ia (o!!ibile %ono!%ere le %o!e %or(orali e mer%0 i !en!i interiori an%$e le !imilitudini dei %or(i ed in+ine (er mezzo della mente o intelletto le %o!e %$e non !ono %or(i n0 al%un%$0 di !imi#liante a un %or(o. Se#uendo ue!te tre !(e%ie d)ordini di (o!!anze dell)anima* na!%ono nell)anima tre !orta di a((etenze. La (rima , naturale ed , una %erta in%linazione della natura a tendere alla !ua +ine* %o!. %ome la (ietra tende a %adere al ba!!o* in%linazione %$e !i ri!%ontra in tutte le %o!e- la !e%onda , animale* !e#ue i !en!i e !i di&ide in ira!%ibile e %on%u(i!%ibile- la terza , intellettuale* !i %$iama &olont"* , di++erente dal !en!iti&o in uanto non e!i!te %$e (er !0 !te!!a e non a((eti!%e nulla di %i/ %$e !i o++re ai !en!i !enza a&erlo in ual%$e modo %om(re!o. Nondimeno* e!!endo libera di !ua natura* la &olont" (u/ an%$e &ol#er!i &er!o l)im(o!!ibile* %ome &ediamo nei demoni %$e $anno a!(irato a di&enire e#uali alla di&init". Per%i/ !)altera di %ontinuo e !i de(ra&a %on la &olutt" e %ol dolore* %edendo alla (otenze in+eriori. 4e(ra&ata in tal modo* tale a((etenza +a %$e in !e !te!!a na!%ano uattro (a!!ioni* da %ui an%$e il %or(o , talora o!!e!!ionato* di %ui la (rima !i %$iama dilettazione ed , una %erta mollezza o arrende&olezza dello !(irito o della &olont"* (er %ui entrambi !i la!%iano attrarre &olentieri &er!o le dol%ezze (rome!!e loro dai !en!i. Per%i/ &iene de+inita una. in%linazione dello !(irito al (ia%ere %$e !ner&a e a&&ili!%e. La !e%onda !i %$iama e++u!ione ed , un rila!%iamento o una di!!oluzione della &irt' e della +orza* %$e !i (rodu%e allor%$0 lo !(irito !i abbandona (er intero alla dol%ezza d)un bene (re!ente e !e ne e!alta (er #ioirne. La terza !i %$iama iattanza ed , un tra!(orto di #ioia (er l)a% ui!izione imma#inaria o reale di ual%$e #ran bene. La uarta e ultima , la male&olenza ed , un %erto diletto %$e !i (ro&a (er le !&enture e (er i mali altrui* !enza ri%a&arne al%un (ro+itto (er!onale. Per%$0 !e al%uno !i ralle#ra del male altrui in &i!ta d)un (ro(rio &anta##io* tale !entimento (ro&errebbe (iutto!to da una bene&olenza &er!o !0 !te!!o* %$e da una male&olenza &er!o altri. Il dolore (oi #enera uattro (a!!ioni %ontrarie a uelle #enerate dall)a((etenza !re#olata del (ia%ere* o!!ia l)orrore* la tri!tezza* il timore e il di!(etto o di!(ia%ere %$e !i %on%e(i!%e nell)o!!er&are un bene %$e !i ri&er!a !u altri !enza %$e noi !e ne abbia danno e %$e !i %$iama in&idia* &ale

a dire una tri!tezza (er la +eli%it" altrui* o((o!ta alla mi!eri%ordia* %$e , una a++lizione (ei mali altrui.

CAPITOLO L=II. 4elle (a!!ioni dell)anima* della loro ori#ine* della loro di++erenza e delle loro !(e%ie. Le (a!!ioni dell)anima non !ono %$e %erti mo&imenti o in%linazioni (ro&enienti dal %on!iderare al%un%$0 %ome buono o %atti&o* %ome %on&eniente o no. Tali in%linazioni !ono di tre !(e%ie1 !en!uali razionali e mentali* %$e !u!%itano tre !orta di (a!!ioni nell)anima. S(e!!o e!!e !e#uono un)a((ren!ione !en!iti&a e allora %on!iderano un bene o un male tem(orale !otto l)a!(etto della %omodit" o dell)in%omodit"* del dilette&ole o del danno!o e &en#ono %$iamate (a!!ioni naturali o animali. Talora (ro&en#ono da un)a((ren!ione razionale e &edono il bene e il male %ome &irt' o &izio* lu!in#a o bia!imo* utilit" o inutilit"* one!t" o di!one!t"* e &en#ono %$iamate (a!!ioni razionali o &olontarie : ual%$e &olta !e#uono l)a((ren!ione mentale e !%rutano il bene e il male* il #iu!to e l)in#iu!to* il &ero e il +al!o e allora !i %$iamano (a!!ioni intellettuali* o !indere!i. Ci/ %$e , o##etto delle (a!!ioni dell)anima , la +orza %on%u(i!%ente dell)anima* %$e !i di&ide in %on%u(i!%ibile e in ira!%ibile e entrambe !%rutano il bene e il male* ma in modo di&er!o. Per%$0 la (arte %on%u(i!%ibile o!!er&a talora il bene e il male in modo a!!oluto e %i/ %au!a l)amore* o in%linazione &iolenta* e al %ontrario l)odio- o&&ero #iudi%a un bene irra##iun#ibile o lontano e ne deri&a la %u(idi#ia* o il de!iderio e il male non (re!enti ma (ro!!imi a #iun#ere* e ne deri&a l)orrore la +u#a e l)abbominazione- o&&ero in+ine %on!idera il bene e il male %ome (re!enti e a% ui!iti e ne deri&ano il (ia%ere* la #ioia e le delizie da un lato e dall)altro la tri!tezza la (ena e il dolore. La (arte ira!%ibile in&e%e %on!idera il bene il male %ome al%un%$0 di di++i%ile a% ui!izione o d)ine&itabile e da %i/ deri&a la !(eranza e l)ardire* talora la di++idenza %$e ori#ina la di!(erazione e la (aura o il timore. 2ual%$e &olta la +orza ira!%ibile da) luo#o alla &endetta ori#inata da un male (a!!ato o da un torto o da un)in#iuria (atita* da %ui (ro&iene la %ollera. In tal modo nello !(irito* noi (o!!iamo ri!%ontrare undi%i (a!!ioni1 l)amore* l)odio* il de!iderio* l)orrore* la #ioia* la tri!tezza* la !(eranza* la di!(erazione* l)ardimento* il timore e la %ollera.

CAPITOLO L=II In %$e modo le (a!!ioni dell)anima #iun#ano a modi+i%are il %or(o i!te!!o e a %ommuo&ere lo !(irito. 2uando le (a!!ioni dell)anima (ro&en#ono da un)a((ren!ione !en!uale* e!!e !ono

#o&ernate dall)imma#inazione o +anta!ia. E la +anta!ia* o &irt' imma#inati&a* %ol dominio %$e e!er%ita !ulle di&er!e (a!!ioni* altera in modo !en!ibile lo !te!!o %or(o* (roiettando lo !(irito in alto o in ba!!o* all)e!teriore o all)interiore e (rodu%endo ualit" di++erenti nelle &arie membra. Co!. la #ioia e!alta #li !(iriti* il timore li de(rime* la &er#o#na li +a a++luire al %er&ello. Nella #ioia il %uore !i dilata (o%o a (o%o &er!o l)e!teriore* nella tri!tezza !i re!trin#e (o%o a (o%o &er!o l)interiore e lo !te!!o a&&iene nella %ollera e nel timore* ma bru!%amente. L)ira e il de!iderio della &endetta (rodu%ono an%$e il %alore* il ro!!ore* l)amarezza* i +lu!!i del &entre. Il timore a((orta il +reddo* la (al(itazione del %uore* la (erdita della &o%e e il (allore. La tri!tezza +a !udare e di&entare li&idi. La %om(a!!ione* %$e , una !(e%ie di tri!tezza* atte##ia !(e!!o il %or(o %o!. da !embrar ua!i di&enire il %or(o del %om(a!!ionato ed , %omune +ra #li amanti &eramente a((a!!ionati %$e uanto !o++ra l)uno !ia e#ualmente !o++erto dall)altro. L)an!iet" di!e%%a e anneri!%e* ne i medi%i i#norano #li a%%re!%imenti di tem(eratura del +e#ato e del (ol!o %$e a%%om(a#nano il mal d)amore. In tal modo Nau!i!trato (ot0 ri%ono!%ere l)amore a((a!!ionato di Antio%o (er Stratoni%e. E) an%$e a%%ertato %$e le (a!!ioni* e!altate !ino alla &iolenza* (o!!ano %au!are la morte ed , ben noto %$e talora !i (o!!a morire (er e%%e!!o di #ioia* di (aura* d)amore e d)odio. Si le##e nell)i!toria* %$e So+o%le e 4ioni!io* tiranno di Sira%u!a* morirono d)im(ro&&i!o nell)a((rendere la nuo&a della loro di!+atta. Una madre !i !(en!e (er la #ioia d)a&er &eduto il +i#lio ritornare dalla batta#lia di Canne. Numero!i %ani !ono morti (el di!(ia%ere di a&er (erduto il loro (adrone. Le (a!!ioni #enerano an%$e lun#$e malattie da %ui !i #uari!%e talora. 5)$a %$i trema nel #uardare da un luo#o molto ele&ato* di&entando %ome in!en!ato e !marrendone i !en!i. E dalle (a!!ioni (ro&en#ono i !in#ulti* le +ebbri* l)e(ile!!ia e tal&olta e!!e (rodu%ono e++etti mera&i#lio!i* %ome a%%adde al +i#lio di Cre!o* nato muto* a %ui una (aura &iolenta diede la +a&ella. S(e!!o %o!. le (a!!ioni %i !or(rendono d)im(ro&&i!o e la &ita* i !en!i* il moto e le membra %i abbandonano e %i &en#ono meno d)un tratto e !(e!!o altre!. %i &en#ono re!i di botto. Ale!!andro il Grande %i $a la!%iato e!em(io di %i/ %$e (o!!a l)ira1 a%%o((iata all)e!tremo ardire* allor%$0* a%%er%$iato durante uno !%ontro* in India* !%$izz/ +iamme dal %or(o. La !toria %i (arla an%$e del (adre di Teodori%o* %$e emana&a dalla (er!ona !%intille lumino!e %$e !)irra##ia&ano d)o#ni lato. E %o!e !imili (are %$e Sia (o!!ibile ri!%ontrare tra #li animali* %itando!ene ad e!em(io il %a&allo di Tiberio* %$e erutta&a +iamme dalla bo%%a. CAPITOLO L=I5 Come le (a!!ioni dell)anima modi+i%$ino il %or(o %on la ra!!omi#lianza e l)imitazione* delle tra!+ormazioni e tran!lazioni umane e del &i#ore %$e $a il (otere imma#inati&o non !olo !ul %or(o ma an%$e !ull)anima. Le (a!!ioni alterano talora un %or(o (er &irt' imitati&a e%%itata da un)imma#inazione &i&a e &iolenta* %ome uando !i $anno i denti alle#ati (er a&er &i!to altri man#iare al%un%$0 di a#ro. Lo !te!!o a&&iene uando !i !badi#lia o!!er&ando altri !badi#liare e &)$anno (er!one a %ui la lin#ua

di&enta a%ida udendo nominare ual%$e !o!tanza a%ida. Co!. la &i!ta di al%una %o!a di!#u!to!a (ro&o%a la nau!ea e molti !i !entono &enir meno nel &eder !%orrere il !an#ue umano e altri nel &eder (re!entare ad al%uno ual%$e %ibo amaro* !entono la loro !ali&a di&enire amara. Gu#lielmo di Pari#i narra di a&er %ono!%iuto una (er!ona* la uale* uand)era in+erma* non (rende&a materialmente le medi%ine del %a!o* ma ne ri%e&e&a bene+izio* in &irt' della ra!!omi#lianza* !olo (en!ando a e!!e. Per la !te!!a ra#ione %oloro %$e !i !%or#ono bru%iare in !o#no* o e!!ere attorniati dal +uo%o* !o++rono !(e!!o in!o((ortabilmente %ome !e in e++etti bru%ia!!ero e %i/ (er la !em(li%e ra!!omi#lianza imma#inati&a. Tal&olta (ure i %or(i umani !i tra!+ormano* !i tra!+i#urano e !i tra!latano* !(e!!o in !o#no e (i' raramente allo !tato di &e#lia. Co!. Ci((o* %$e do&e&a e!!ere eletto re d)Italia* do(o a&er o!!er&ato %on e%%e!!i&o intere!!e un %ombattimento di tori e a&endo !e#uitato a (en!ar&i in !o#no* !i de!t/ all)indomani munito di %orna* il %$e a&&enne (er la &irt' &e#etati&a e%%itata dall)imma#inazione e!altata* %$e !o!(in!e #li umori +ino al !uo %a(o* ori#inando&i le %orna. Per%$0 uando un)imma#inazione &i&a%e e &eemente %ommo&e &iolentemente un e!!ere* !u!%ita in e!!o l)imma#ine della %o!a (en!ata* %$e !i ri(rodu%e nel !an#ue* il uale a !ua &olta la im(rime in tutte le membra %$e nutri!%e. In tal modo l)imma#inazione d)una donna in%inta im(rime !ul na!%ituro l)im(ronta della %o!a de!iderata e l)imma#inazione d)un uomo mor!o da un %ane arrabbiato im(rime nella !ua orina l)imma#ine di un %ane arrabbiato. Per le !te!!e %au!e molti in&e%%$iano ra(idamente e un bimbo* nello !(azio d)una notte* di&enne un uomo maturo. Molti &o#liono ri+erire a %i/ le %i%atri%i di 4a#oberto e le !timmate di San Fran%e!%o* il (rimo (er a&er a lun#o (a&entato un atta%%o e il !e%ondo (er a&er %ontem(lato ardentemente le (ia#$e del Cri!to. E &)$anno non (o%$i uomini %$e !on tra!(ortati dall)uno all)altro luo#o attra&er!o i +iumi* le +iamme e i luo#$i (i' ina%%e!!ibili e %i/ a&&iene uando al%una %on%u(i!%enza &iolenta* o ual%$e timore* o uno !modato ardire* im(rimendo di !0 #li !(iriti e #enerando &a(ori* abbia e!altato l)or#ano del tatto %on la +anta!ia* %$e , il (rin%i(io del mo&imento lo%ale. Per%i/ le membra e #li or#ani del mo&imento !ono e%%itati al moto e !on %ommo!!i e !o!(inti &er!o il luo#o imma#inato non dalla &i!ta ma dalla +anta!ia interiore e tale , l)im(ero e!er%itato dall)anima !ul %or(o* da (oterlo tra!%inare o&un ue e!!a &o#lia imma#inando o !o#nando. Numero!i e!em(i (o!!ono dimo!trar%i tal dominio dello !(irito !ul %or(o. A&i%enna %i (arla d)un uomo %$e (ote&a di&enire (araliti%o a (ia%imento. Gallo 5ibio* &olendo !imulare la (azzia* di&enne realmente +olle e Sant)A#o!tino di%e %$e &i !ono !tati uomini %a(a%i di muo&ere a (ia%ere le loro ore%%$ie e altri %a(a%i di !udare a &olont". Molti (ian#ono uando lo &o#liono* molti ri#ettano a (ia%imento %ome da un !a%%o tutto il %ibo in#erito* molti !anno %ontra++are %o!. bene le &o%i de#li u%%elli de#li animali e de#li !te!!i uomini da de!tar mera&i#lia. Plinio ra%%onta di donne %an#iate in uomini* %itandone (i' %a!i e Pontano di%e %$e %i/ , a%%aduto ai !uoi tem(i a due donne* una %erta Gaetana e una %erta Emilia* le uali* (are%%$i anni do(o il matrimonio* +urono tra!+ormate in uomini. Ne!!uno i#nora uanto (o!!a !ull)anima la +orza dell)imma#inazione* %$e , (i' (ro!!ima dei !en!i alla !ua !o!tanza e %$e uindi a#i!%e (i' !ull)anima %$e !ui !en!i. E) +a%ile (er%i/ %o!trin#ere una donna ad amare a((a!!ionatamente al%uno mer%0 le imma#inazioni i !o#ni e le !u##e!tioni e !i di%e %$e un !olo !o#no !ia !tato !u++i%iente a

innamorare Medea di Gia!one. U#ualmente !(e!!o* (er e++etto di un)atti&i!!ima imma#inati&a* l)anima (u/ a!trar!i a++atto dal %or(o e Cel!o ri+eri!%e d)un e%%le!ia!ti%o %$e u!%i&a +uor di !), tutte le &olte %$e &ole&a* la!%iando la !(o#lia %or(orea %ome (ri&a di &ita* in modo da re!tare in!en!ibile all)azione del +uo%o e delle (unture e da non re!(irare (i'. 4urante tale !uo !tato d)in!en!ibilit" +i!i%a* e#li (oi di%$iara&a di (er%e(ire le &o%i dei %ir%o!tanti %ome (ro&enienti da luo#$i lontani!!imi. Ma nel %or!o dell)o(era (arleremo (i' di++u!amente di ue!te a!trazioni.

CAPITOLO L=5 In %$e modo le (a!!ioni dell)anima a#i!%ano +uori di !0 !u un altro %or(o. Le (a!!ioni dell)anima %$e !ono !ubordinate alla +anta!ia* uando !ono &eementi* (o!!ono o(erare non !olo !ul (ro(rio %or(o ma an%$e !u un %or(o e!traneo* in modo da im(re!!ionare #i" #li elementi e #uarire o (ro%urare le in+ermit" !(irituali e %or(orali. Co!. un)anima +orte e e!altata (u/ lar#ire la !alute o la malattia* oltre %$e al (ro(rio %or(o an%$e ai %or(i e!tranei. A&i%enna %rede %$e un %ammello %ada &edendone %adere un altro e nelle orine di %$i !ia !tato mor!o da un %ane arrabbiato !i delineano imma#ini di %ani. Similmente la &o#lia d)una donna in%inta a#i!%e !u un %or(o e!traneo e ne im(rime l)imma#ine !ul na!%ituro* deri&andone %o!. buon numero di #enerazioni mo!truo!e. Mar%o 4ama!%eno narra d)una ra#azza nati&a di Pietra!anta* &illa##io in territorio di Pi!a* %$e +u (re!entata a Carlo re di Boemia e im(eratore* la uale era !tata #enerata tutta %o(erta di (elo %ome una be!tia !el&ati%a (er a&er la madre a&uto %o!tantemente !otto o%%$io un di(into di San Gio&anni Batti!ta* %ollo%ato di +ronte al !uo letto. Ca!i !imili !i ri!%ontrano an%$e tra #li animali. Co!. a((rendiamo %$e le &er#$e #ettate nell)a% ua dal (atriar%a. Gia%obbe* &al!ero a +ar %ambiare %olore alle (e%ore di Labano- %o!. la +orza imma#inati&a dei (a&oni e de#li altri u%%elli in %o&a &ale a %olorirne le ali e !+ruttando tal (otere !i rie!%e a (rodurre (a&oni tutti bian%$i* ta((ezzando di bian%o l)interno delle !tie d)in%ubazione. E da ue!ti e!em(i #i" , mani+e!to in ual modo #li a++etti della +anta!ia a#i!%ano non !olo !ul (ro(rio %or(o ma !ull)altrui* o&e (i' &eementemente intendano. Per%i/ #li !tre#oni* !olo #uardando +i!!amente al%uno* rie!%ono ad a++a!%inare e A&i%enna* Ari!totile* Al#azel e Galeno !ono %on%ordi in tale o(inione. Per%$0 , e&idente %$e il &a(ore d)un %or(o in+ermo , no%i&o e ne in+etta un altro %on +a%ilit"* %ome %on!tatiamo (er la lebbra e (er la (e!te. I &a(ori %$e !i !(ri#ionano da#li o%%$i $anno tanta (o!!a da in+ettare e !tre#are +a%ilmente i %ir%o!tanti e un e!em(io %e ne o++rono il ba!ili!%o e il

%atoble(a!* %$e u%%idono %on lo !#uardo* non%$0 %erte donne della S%izia dell)Illiria e del (ae!e dei Triballi. Non bi!o#na dun ue !tu(ire !e uno !(irito rie!%e ad a#ire !ul %or(o e !ull)anima di un altro e!!ere ed , reale l)in+luenza %$e un uomo e!er%ita !u un altro uomo mer%0 il !uo a!(etto e la (otenza delle !ue (a!!ioni. Per%$0 l)animo , a!!ai (i' (otente (i' +orte +er&ido e &alente nel moto* %$e non !iano i &a(ori e!alanti dai %or(i e non man%ano i mezzi (er o(erare- e inoltre il %or(o !i !ottomette all)animo altrui non meno %$e al %or(o altrui. In ue!to modo !i di%e %$e l)uomo (er mezzo del !olo a++etto e dell)abito a#i!%a !u altri. Per tale ra#ione i +ilo!o+i !%on!i#liano dal +re uentare i mal&a#i e i di!#raziati %$e $anno l)anima ri(iena di %atti&i e++lu&i %omuni%abili (er %onta#ione e ra%%omandano al %ontrario di ri%er%are la %om(a#nia dei buoni e dei +eli%i. Per%$0 %ome %i !i im(re#na +a%ilmente del (ro+umo dell)a!!e +etida o del mu!%$io* %o!. al%un%$0 di %atti&o o di buono !i ri!(ande (ur !em(re dall)a&&i%inamento de#li e!!eri umani e %i/ %$e &iene in+u!o (ermane !(e!!o a lun#o. Ora !e le (a!!ioni $anno tanto (otere !ulla +anta!ia* %ertamente ne a&ranno a!!ai (i' !ulla ra#ione* %$e !ta al di!o(ra della +anta!ia* e an%ora (i' !ulla mente* la uale in&ero* uando %on tutta l)inten!it" dell)animo !i ri&ol#e ai !u(eri (er ual%$e bene+i%io* !(e!!o a((orta un ual%$e di&ino dono tanto al (ro(rio %or(o %$e all)altrui* %ir%a uello di %ui , a++etta. In tal modo %on!tatiamo %ome A(ollonio* Pita#ora* Em(edo%le* Filolao e non (o%$i (ro+eti (er+ino della no!tra !anta reli#ione abbiano (otuto o(erare mira%oli* di %ui (arleremo in !e#uito nel trattare della reli#ione. CAPITOLO L=5I Come i %or(i %ele!ti a%%re!%ano il (otere delle (a!!ioni dell)anima e %ome la %o!tanza !ia ne%e!!ari!!ima in o#ni #enere di o(erazione. Le (a!!ioni dell)anima !ono &alidamente aiutate dai %or(i %ele!ti* %$e in+lui!%ono !ul loro o(erare uanto (i' e!!e !)a%%ordino %ol %ielo !ia in un %erto modo naturale* !ia (er !%elta &olontaria o libero arbitrio* (er%$0* %ome di%e Tolomeo* !embra non e!!er&i di++erenza di ri!ultati tra la libera !%elta e la di!(o!izione naturale. E) dun ue utile* a ri%e&ere i bene+i%i del %ielo in o#ni !orta d)o(erazioni* il (or!i in i!tato di %on%ordanza %on e!!o e il ri!(ondere ai !uoi in+lu!!i %oi no!tri (en!ieri* %on le no!tre (a!!ioni* %on le no!tre imma#inazioni* %on le no!tre deliberazioni* %on le no!tre %ontem(lazioni e altri !imili atte##iamenti !(irituali. Per%$0 tali (a!!ioni +anno in%linare il no!tro !(irito &er!o uanto ra!!omi#lia a e!!o e lo e!(on#ono a ri%e&er me#lio le in+luenze %ele!ti. In modo %$e lo !(irito* !ia mer%0 l)imma#inazione* !ia in &irt' d)una !(e%iale iniziazione* (u/ tanto %on+ormar!i a un dato a!tro da im(re#nar!i a++atto dei !uoi bene+i%i e da di&enire il ri%etta%olo delle !ue in+luenze. Tale ri!ultato non , (er/ ra##iun#ibile a mezzo del (en!iero %ontem(lati&o* %$e !i !e(ara da o#ni !en!o dall)imma#inazione e dalla natura* !al&o %$e e!!o non !i &ol#a &er!o Saturno. Il no!tro !(irito o(era (rodi#i mer%0 la +ede* %$e , un +ermo atta%%amento una intenzione +i!!a e una +orte a((li%azione dell)o(eratore al %oo(eratore* la uale rin&i#ori!%e uanto abbiamo in animo di %om(iere* in modo %$e !i +orma in noi un)imma#ine della &irt' %$e de&e e!!ere ri%e&uta e della %o!a %$e de&e

e!!ere +atta da noi ed in noi. O%%orre (er%i/ e!!er %o!tanti nelle no!tre o(erazioni la&orare inde+e!!amente* imma#inare* !(erare e a&ere robu!ta la +ede* %$e molto (u/ +are (er aiutar%i. I medi%i $anno %on!tatato %$e una +erma %redenza* una !(eranza %$e !ia %ertezza* la +idu%ia nell)uomo di !%ienza e nel rimedio* %ontribui!%ono a!!ai al ri!anare* talora (i' %$e non il rimedio !te!!o. In e++etti lo !(irito a#ente del medi%o (u/ (er+ino modi+i%are le ualit" %or(orali del malato* il uale tanto (i' !i di!(one a ri%e&ere la &irt' del medi%o e del rimedio* uanto (i' $a %on+idenza nell)abilit" di %$i lo %ura. Per o(erare e++i%a%emente in Ma#ia* , dun ue indi!(en!abile a&er +ede %o!tante e %on+idenza* non dubitar mai della riu!%ita* non e!itare %on l)animo. Per%$0 %ome una +erma +ede (rodu%e e++etti mera&i#lio!i an%$e nelle o(erazioni +al!e* %o!. la !+idu%ia e l)e!itazione* %$e !ta in mezzo tra l)uno e l)altro e!tremo* di!!i(a e rom(e la &irt' dell)animo dell)o(eratore. 2uindi a%%ade %$e ne &iene +ru!trato e di!(er!o il de!iderato in+lu!!o delle in+luenze %ele!ti* le uali* !enza una &irt' !alda e %o!tante dell)anima* non (o!!ono unir!i alle %o!e e alle o(erazioni.

CAPITOLO L=5II Come lo !(irito umano (o!!a %on#iun#er!i alle intelli#enze !u(eriori e im(rimere in!ieme %on e!!i %erte &irt' alle %o!e in+eriori. I +ilo!o+i* e (rin%i(almente #li arabi* di%ono %$e uando lo !(irito umano !ia +ortemente e%%itato dalle (a!!ioni &er!o al%una o(era* !i %on#iun#e %on le intelli#enze !u(eriori* deri&andone alle %o!e e alle o(erazioni una %erta &irt' ammirabile* !ia (er%$0 in tal modo e!!o tutto di!%erne e tutto (u/* !ia (er%$0 naturalmente tutto #li obbedi!%e. Ci/ , &eri+i%abile nell)arti+i%io dei %aratteri* delle imma#ini* de#li in%ante!imi* de#li !%on#iuri e di molte altre !(e%ie d)e!(erienze mera&i#lio!e e ne deri&a %$e tutto %i/ %$e (en!a lo !(irito d)un uomo %$e ami ardentemente* abbia e++i%a%ia (er l)amore e %i/ %$e (en!a lo !(irito d)un uomo %$e molto odii* &al#a a nuo%ere e a di!tru##ere. Lo !te!!o di%a!i d)o#ni altro !entimento a %ui lo !(irito !)atta%%$i +ortemente. Per%$0 tutto %i/ %$)e!!o (en!i e +a%%ia e %$e (ro&en#a dai %aratteri* dalle imma#ini* dalle (arole* dai #e!ti e da !imili altre %o!e* %oadiu&a le bramo!ie dell)anima e ri%e&e &irt' rimar%$e&oli tanto dall)anima dell)o(eratore* allor%$0 ue!ta (i' ri!ente tale !(e%ie d)a((etenza* %$e dall)in+lu!!o %ele!te %$e (i' allora e!alta lo !(irito. E uando il no!tro !(irito !i tra!(orta !ino all)e%%e!!o di al%una (a!!ione o &irt'* !a !%e#liere i!tinti&amente l)ora (i' (ro(izia e l)o((ortunit" mi#liore* %ome di%e San Tomma!o d)A uino nel !uo terzo libro %ontro i Gentili. Ne deri&ano %erte mera&i#lio!e o(erazioni (er le #randi a++ezioni in uelle %o!e %$e l)anima in uell)ora detta in e!!e. Ma le %o!e di ue!to #enere non #io&ano* o #io&ano (o%o* !e non al loro autore* o a %$i &i (ro(ende talmente da e!!erne ua!i l)autore- e ue!to , il modo %ol uale !e ne tro&a l)e++i%a%ia ed , re#ola #enerale %$e lo !(irito %$e e%%elle nel !uo de!iderio e nella !ua (a!!ione* renda (er !0 (i' adatte e (i' e++i%a%i* &er!o %i/ %$e

de!idera* le %o!e di ue!to #enere. C$iun ue &uole o(erare in ma#ia , ne%e!!ario !a((ia e %ono!%a la (ro(riet" della !ua (ro(ria anima* la !ua &irt'* mi!ura* ordine e #rado nella (otenza dell)uni&er!o !te!!o.

CAPITOLO L=5III In %$e modo lo !(irito (o!!a %an#iare le %o!e in+eriori e !ottometterle al de!iderio (er!onale. Lo !(irito umano $a una %erta &irt' di %an#iare* d)attrarre e di !ottomettere le %o!e e #li uomini al (ro(rio de!iderio e tutto #li obbedi!%e uando !ia e!altato %o!. da al%una (a!!ione o &irt' da !u(erare in (otenza la %o!a da !ottomettere. Ci/ %$e , !u(eriore !ottomette %i/ %$e , in+eriore e lo %on&erte a !ua imma#ine* e l)in+eriore (er la !te!!a ra#ione !i %on&erte nel !u(eriore* o &iene in altro modo a#itato o a++etto. Per%i/ le %o!e %$e $anno un #rado !u(eriore di (otenza a!trale le#ano attra##ono o re!(in#ono uelle %$e ne (o!!iedono in uantit" in+eriore* a !e%onda della loro %on%ordanza di!(o!izione o di++erenza. Co!. il leone teme il #allo* (er%$0 la &irt' !olare %on&iene (i' a ue!t)ultimo animale- la %alamita attrae il +erro* (er%$0* e!!endo %ollo%ata !otto l)Or!a %ele!te* $a un #rado !u(eriore di (otenza- il diamante annulla il (otere della %alamita* tro&ando!i Sotto l)e++lu&io (i' +orte del (ianeta Marte. Un uomo* !ia (er le di!(o!izioni e le (a!!ioni del !uo !(irito %$e (er l)im(ie#o delle %o!e naturali* il uale !a((ia trar (ro+itto dalle ualit" dei %or(i %ele!ti* !ottomette e %o!trin#e l)in+eriore all)ammirazione e all)obbedienza* uando , il (i' +orte nella &irt' !olare- alla di(endenza e alle in+ermit" nell)ordine della Luna- al ri(o!o e alla tri!tezza nell)ordine di Saturno- alla &enerazione in uello di Gio&e- al timore e alla di!%ordia in uello di Marte- all)amore e alla #ioia in uello di 5enere- alla (er!ua!ione e all)o!!e uio in uello di Mer%urio. La (a!!ione ardente e !terminata dell)anima* %$e %oo(era %on l)ordine %ele!te* , la !%aturi#ine di tal !orta di le#ame e #l)im(edimenti a tal !orta di le#ami !i otten#ono in&e%e %on l)a++etto %ontrario e ue!to (i' e%%ellente e (i' +orte. Co!. uando !i teme 5enere* bi!o#na o((orle Saturno- uando Saturno o Marte* o((orre loro 5enere o Gio&e. Gli a!trolo#$i di%ono %$e tali a!tri !ono a!!ai %ontrari tra loro* &ale a dire %$e ori#inano o((o!te (a!!ioni nelle %o!e di ua##i'* (er%$0 in %ielo* o&e tutto , #o&ernato dall)amore* non (u/ e!i!tere l)odio* l)inimi%izia* o la !em(li%e %ontrariet".

CAPITOLO L=I= 4ei di!%or!i e del (otere delle (arole.

Le (arole e i nomi delle %o!e non $anno minori &irt' delle (a!!ioni dell)anima e i di!%or!i %om(le!!i* %$e !tabili!%ono la (rin%i(ale di++erenza tra l)uomo e le be!tie e %$e noi %$iamiamo ra#ione&oli* non%$0 le (re#$iere* (o!!iedono un (otere an%ora (i' #rande. Non intendiamo ui (arlare di uel razio%inio %$e deri&a dall)anima e %$e , una ualit" o una %a(a%it" %$e abbiamo %omune %on #li animali* !ebbene in #rado di&er!o- ma ben!. di uella ra#ione %$e !i e!(li%a mer%0 la &o%e nelle (arole e nel di!%or!o e %$e , %$iamata ra#ione enun%iati&a* in %$e noi e%%elliamo !o(ra tutti #li animali* (er%$0 lo#o! in #re%o !i#ni+i%a la ra#ione il di!%or!o e la (arola. Il &erbo , du(li%e* %io, interiore e (ro+erito. La (arola interiore , la %on%ezione dello !(irito e il mo&imento dell)anima %$e !i (rodu%e nella (otenza a++ine !enza la &o%e* %ome uando in !o#no (arliamo e di!(utiamo e de!ti* !enza (ro++erir motto* di%iamo mentalmente una (re#$iera. La (arola (ronun%iata !%aturi!%e dalla (ro(riet" (ronun%iati&a e !i (rodu%e %ol re!(iro* %on lo !%$iudere delle labbra* %ol mo&imento della lin#ua* a&endo &oluto madre natura dar%i il mezzo di mani+e!tare il no!tro (en!iero a %oloro %$e !on %a(a%i di intenderlo. Le (arole dun ue %o!titui!%ono un le#ame tra %olui %$e (arla e %olui %$e a!%olta e tra!%inano !e%o non !olo il %on%etto ma !ino la &irt' di %olui %$e (arla* &irt' %$e !i %omuni%a all)a!%oltatore !(e!!o %on tal &i#ore da in+luenzarlo e %on e!!o altri %or(i e (er+ino le %o!e inanimate. Le (arole !ono (i' e++i%a%i* uanto me#lio e!(rimono e ra((re!entano le %o!e (i' #randi* %io, le intellettuali le %ele!ti e le !o(rannaturali e uelle !tabilite e ordinate nella lin#ua (i' de#na e ri&e!tite della (i' !anta di#nit". Per%$0 tali ra((re!entazioni o !a%ramenti ritra##ono il loro (otere dalle %o!e %ele!ti e !o(rannaturali* tanto in &irt' delle %o!e %$e e!(li%ano e di %ui %o!titui!%ono il &ei%olo* uanto (er la +orza im(rontata loro dalla &irt' di %olui %$e le $a !tabilite e (ronun%iate.

CAPITOLO L== 4el (otere dei nomi (ro(ri. I nomi (ro(ri !ono ne%e!!ari!!imi nelle o(erazioni ma#i%$e* (er%$0 la +orza o &irt' naturale delle %o!e (a!!a anzitutto da#li o##etti ai !en!i* (oi dai !en!i all)imma#inazione e da ue!ta alla mente* in %ui (rimieramente &iene %on%e(ita e di (oi !i e!(rime %on la &o%e e le (arole. Per%i/ i (latoni%i di%ono %$e la +orza d)una %o!a , na!%o!ta nella &o%e o nella (arola !te!!a e nel nome* %on%e(ito da((rima dal (en!iero* %ome , della !emente delle %o!e* maturato (oi %ome un +rutto dalla &o%e e dalle (arole e %on!er&ato in+ine dalla !%rittura. Ci/ +a dire al ma#o %$e i nomi (ro(ri delle %o!e !ono ra##i o&un ue (re!enti* %$e !erbano la loro (o!!a !in%$0 l)e!!enza della %o!a !e#nata in e!!i domini e !ia di!%ernibile e %$e rendono ri%ono!%ibili le %o!e %ome %on+i#urazioni reali e &i!ibili. Per%$0 %ome il !u(remo arte+i%e (rodu%e %on le in+luenze del %ielo

e de#li elementi e %on le &irt' dei (ianeti !(e%ie di&er!e e %o!e (arti%olari* %o!. i nomi (ro(ri delle %o!e* %$e !ono la ri!ultante delle (ro(riet" delle loro in+luenze !(e%i+i%$e e dei %or(i %$e le in+luenzano* !ono lar#iti loro da %olui %$e numera le !telle* %ome di%e Cri!to !te!!o1 I &o!tri nomi !ono !%ritti nelle !telle. Il (roto(late (ertanto* %ono!%endo ue!ti in+lu!!i e ue!te !in#olari (ro(riet" delle %o!e %ele!ti* im(o!e alle %o!e nomi !e%ondo le loro uiddit"* %ome , !%ritto nella Gene!i1 (er%$0 Iddio (ort/ a&anti ad Adamo tutte le %o!e %$e a&e&a %reato* a++in%$0 le nomina!!e- e %ome e#li %$iam/ le %o!e* %io, ne (ro++er. i nomi* (er%i/ ue!ti nomi %onten#ono in !0 le +orze mirabili delle %o!e !i#ni+i%ate. Per%i/ o#ni &o%e !i#ni+i%ati&a !i#ni+i%a anzitutto (er l)in+luenza dell)armonia %ele!te* (oi (er l)im(o!izione dell)uomo e uando i due !i#ni+i%ati !i riuni!%ono in ual%$e &o%e o nome %$e !iano !tati im(o!ti a un tem(o dall)armonia %ele!te e dall)uomo* allora un tal nome a#i!%e a!!ai e++i%a%emente (er la do((ia !ua &irt'* la naturale e la &olontaria* le uante &olte !ia (ro++erito in tem(o e luo#o %on&enienti %ol %erimoniale l)intenzione e la natura %$e debbono e!!er#li a((ro(riati. Co!. , dato le##ere in Filo!trato %$e una ra#azza* morta nel #iorno delle !ue nozze* +u (re!entata a Roma ad A(ollonio* il uale %$ie!e uale +o!!e il !uo nome* to%%/ il !uo %or(o* la %$iam/ a #ran &o%e* (ronun%i/ al%un%$0 di !e#reto e la re!u!%it/. I Romani* nell)a!!ediare ual%$e %itt"* a&e&ano %o!tume di %$iederne il nome e uello della di&init" a %ui era %on!a%rata e %on o((ortune %erimonie obbli#a&ano le !ue di&init" tutelari a ritirar!i (er al%un tem(o* riu!%endo in tal modo a render!i (adroni della %itt" durante la loro a!!enza* %ome di%e 5ir#ilio1 Tutte le di&init" %$e !i#nore##ia&ano uei luo#$i !i !ono ritirate e $anno abbandonato i loro tem(li e i loro altari. Ma%robio e Tito Li&io ri(ortano il %erimoniale !e#uito dai Romani (er ra##iun#ere lo !%o(o e an%or me#lio Sereno Samoni%o nei !uoi libri dei Se%reti.

CAPITOLO L==I 4ei di!%or!i %om(le!!i dei %armi e delle &irt' e dei &in%oli de#li in%ante!imi. Un (otere ma##iore di uello delle (arole e dei nomi , ra%%$iu!o nei di!%or!i %om(le!!i. E!!o (ro&iene dalla &erit" %$e %onten#ono* la uale $a #rande e++i%a%ia (er im(rimere* %an#iare* le#are e !tabilire* &erit" %$e (i' brilla uanto (i' la !i &o#lia o++u!%are e %ombattuta !)a++erma e !i %on!olida. Ne la &irt' della &erit" !i tro&a nelle !in#ole (arole* ma nelle enun%iazioni (er %ui !i a++erma o !i ne#a al%una %o!a e di tal !orta !ono i (oemi* le in%antazioni* le im(re%azioni* le (re#$iere* le de(re%azioni* le in&o%azioni* #li !%on#iuri* le adiurazioni* #li e!or%i!mi e !imili. Nel %om(orre %anti e orazioni %on l)intento di a!!i%urar!i il +a&ore di al%un a!tro o di al%una di&init"* bi!o#na %on!iderare le &irt' !(e%i+i%$e dell)a!tro o della di&init" e i loro e++etti e o(erazioni e mi!%$iare nei &er!i* lodando* am(li+i%ando* e!altando* ornando* le %o!e %$e l)a!tro o la di&init" !o#liono

lar#ire o in+luenzare* !enza tra!%urare di di!a((ro&are uanto , da loro di!trutto o a&&er!ato* !u((li%ando (er uanto %i au#uriamo ottenere* bia!imando e di!(rezzando %i/ %$e noi &o#liamo di!trutto od im(edito* ridu%endo il tutto a +orma ter!a ed ele#ante e a (ro(orzioni %on&enienti. Inoltre i ma#i (re!%ri&ono %$e !)in&o%$i e !i !%on#iuri (ei nomi dell)a!tro o della di&init" (re!%elta* non%$0 (ei !uoi e++etti mirabili* (ei !uoi (ortenti* (er la !ua lu%e* (er la nobilt" del !uo im(erio* (er la !ua bellezza* (el !uo +ul#ore* (er le !ue (o!!enti &irt'. In A(uleio P!i%$e (re#a Cerere %o!.1 9Io t)in&o%o e ti !u((li%o !enza (o!a (er la mano tua +rutti+era* (er le tue %erimonie %$e +anno ri#o#liare le me!!i* (ei !e%reti ta%iti delle %e!te* (ei %arri a%uti dei dra#oni tuoi !er&i* (er le (olle della terra di Si%ilia* (el %arro ra(itore e la terra +erma* (er la di!%e!a delle nozze abba#lianti di Pro!er(ina e le &e!ti#ia delle !ue lumino!e in&enzioni* (er tutto uanto ra%%$iude nel !ilenzio il tem(io d)Eleu!i in Atti%a9. 5o#liono altre!. i ma#i %$e !)in&o%$i (ei nomi delle intelli#enze %$e (re!iedono a#li a!tri e di tali nomi (arleremo di++u!amente (i' oltre. Si (otranno an%$e %on!ultare #li inni d)Or+eo* %$e %o!titui!%ono uanto &i !ia di (i' e++i%a%e nella Ma#ia naturale* !e ado(erati %on le armonie a%%on%e e %on la indi!(en!abile attenzione e %on le adatte %erimonie* note ai !a(ienti. Tali !(e%ie di %anti %om(o!ti in modo a%%on%io e ritualmente a norma delle !telle* (ieni!!imi di !en!o e intelli#enza* (ronun%iati o((ortunamente %on inten!o a++etto* tanto !e%ondo il numero e la (ro(orzione dei loro arti%oli* uanto !e%ondo la +orma ri!ultante da#li arti%oli* e %on l)im(eto della imma#inazione* &al#ono a in+ondere #randi!!imo (otere in %olui %$e in%anta e a tra!metterlo alla %o!a in%antata (er diri#erla e le#arla !e%ondo il &olere dell)in%antatore. Lo !trumento !te!!o dell)in%ante!imo , un %erto (uri!!imo !(irito armoni%o &i&ente e !(irante* a((ortatore di mo&imenti a++etti e !i#ni+i%ati* %om(o!to %oi !uoi arti%oli* +ornito di !en!o e %on%e(ito !e%ondo la ra#ione. E (er la loro ra!!omi#lianza %ele!te* tali (oemi &al#ono ad attrarre dal %ielo &irt' molto (i' e%%ellenti ed e++i%a%i de#li !(iriti e dei &a(ori (ro&enienti dalla &ita &e#etante* dalle erbe* dalle radi%i* dalle re!ine* dai (ro+umi* dalle +umi#azioni e !imili. Per%i/ i ma#i in%antano %ol !o++io le %o!e e %on le (arole del loro (oema e !)in%itano le &irt' %ol diri#ere tutta la (otenza dell)anima &er!o la %o!a in%antata %$e , di!(o!ta a ri%e&erla. Si rimar%$i in+ine %$e o#ni !%rittura e o#ni di!%or!o attirano i mo&imenti ordinari %on la di!(o!izione normale e le #iu!te (ro(orzioni non%$0 %on la +orma e %$e (ronun%iando o !%ri&endo %ontro la di!(o!izione ordinaria o in ordine retro#rado* !i otten#ono e++etti in!oliti.

CAPITOLO L==II 4ella (otenza mera&i#lio!a de#li in%ante!imi.

Si di%e %$e il (otere delle in%antazioni !ia tanto #rande da (oter !%on&ol#ere tutta la natura e A(uleio a!!i%ura %$e un mormorio ma#i%o (u/ +are indietre##iare i +iumi* %$etare o en+iare i mari* e%%itare i &enti* arre!tare il !ole e la luna +ar &a%illare le !telle* %an#iare il #iorno in notte. Lu%ano %anta in (ro(o!ito1 Ce!!a&ere &i%e! rerum* dilata ue lon#a $ae!it no%te die!* non (aruit aet$er. Tor(uit et (rae%e(! audito %armine mundu!. GGGGGGGGGGGGG Carmen T$e!!alidum dura in (rae%ordia +lu7it* non !ati! addu%tu! amor. GGGGGGGGGGGGGG Meu! $au!ti nulla !anie (olluta &eneni e7%antata (erit. E 5ir#ilio in 4amone1 Carmina &el %oelo (o!!unt dedu%ere lunam. Carminibu! Cir%e !o%io! muta&it Ul<!!i!. Fri#idu! in (rati! %antando rum(itur an#ui!. At ue !ata! alio &idi tradu%ere me!!e!. O&idio* in Sin% titulo* di%e1 Carmine lae!a Cere! !terilem &ane!%it in $erbam* de+i%iunt lae!i %armine +onti! a uae. Ili%ibu! #lande! %antata ue &itibu! u&a de%idit* et nullo (oma mo&ente +luunt. Se %i/ non +o!!e &ero* le le##i non a&rebbero %omminato (ene %o!. !e&ere %ontro %oloro %$e in%anta&ano i +rutti della terra. E Tibullo di%e d)una %erta in%antatri%e1 8an% e#o de %oelo du%entem !<dera &idi* +lumini! $ae% ra(idi %armine &ertit iter. 8ae% %antu +indit ue !olum* mane! ue !e(ul%$ri! eli%it* et te(ido de&o%at o!!a ro#o. Cum libet $ae% tri!ti de(ellit nubila %oelo. Cum libet ae!ti&o %on&o%at orbe ni&i!. In O&idio udiamo la ma#a &antar!i di tutto %i/1 Cum &olui ri(i! i(!i! mirantibu! amne! in +onte! redire !uo!* %on%u!!a ue !i!to* !tantia %on%utio %antu +reta* nubila (ello* nubila ue indu%o* &entu! abi#o ue &o%o ue* &i(era! rum(o &erbi! et %armine +au%e!* &i&a ue !a7a !ua %on&ul!a ue robora terra* et !<l&a! mo&eo* Eubeo ue tremi!%ere monte!* et mu#ire !olum* mane! ue e7ire !e(ul%$ri!* te uo ue luna tra$o. Tutti i (oeti di%ono* e i +ilo!o+i non lo ne#ano* %$e i (oemi o in%antazioni (o!!ono (rodurre #randi e++etti* %ome +ar #erminare i ra%%olti* (ro&o%are la +ol#ore o !tornarla* #uarite le malattie. Catone* nella !ua &ita ru!ti%a* im(ie#a&a al%une %anzoni %$e !i tro&ano nei !uoi !%ritti (er #uarire le malattie del be!tiame. Giu!e((e di%e %$e an%$e Salomone %ono!%e&a tali !orta

d)in%antazioni e Cel!o l)A+ri%ano* !e#uendo la dottrina de#li E#izi* narra %$e* !e%ondo il numero delle imma#ini dei !e#ni zodia%ali* trenta!ei !(iriti $anno %ura del %or(o umano. Cia!%uno di tali !(iriti $a (arti%olari attribuzioni e #o&erna una data (arte del %or(o e in&o%andoli* mer%0 le in%antazioni* e!!i rendono la !alute alle &arie (arti in+erme del %or(o.

CAPITOLO L==III 4el (otere della !%rittura* delle im(re%azioni e delle i!%rizioni Le (arole e il di!%or!o !ono la mani+e!tazione dei !entimenti dello !(irito* dei !e%reti del (en!iero* della &olont" di %$i (arla- ma la !%rittura , l)ultima e!(re!!ione dello !(irito* il numero della (arola e della &o%e e tutto %i/ %$e &)$a nello !(irito* nella &o%e* nella (arola* nella (re#$iera* nel di!%or!o !i tro&a nella !%rittura e %ome la &o%e non e!(rime nulla Come non !ia %on%e(ito dallo !(irito %o!. niente !i e!(rime %$e non !i (o!!a !%ri&ere. Per%i/ i ma#i ordinano di +are im(re%azioni e i!%rizioni (er %adauna o(erazione* in modo %$e l)o(eratore (o!!a %on e!!e e!(rimere la !ua (a!!ione o il !uo de!iderio. Co!.* nel ra%%o#liere un)erba o una (ietra* bi!o#na enun%iare a %o!a debba !er&ire e nel tra%%iare un)imma#ine o una +i#ura dire e !%ri&ere a uale e++etto. Alberto* nel !uo S(e%%$io* (arla di ue!te im(re%azioni e i!%rizioni* !enza le uali le no!tre o(erazioni non &errebbero %ondotte a buon +ine* (er%$0 non , la di!(o!izione %$e (rodu%e l)e++etto* ma l)atto della di!(o!izione. N0 #li anti%$i tra!%ura&ano !imili (re%etti* %antati da 5ir#ilio1 Terna tibi ae% (rimum tri(li%i di&er!a %olore li%ia %ir%undo* ter ue $ae% altaria %ir%um e++i#iem du%o. GGGGGGGGGGGGGG Ne%te tribu! nodi! terno! Amar<lli %olore!* ne%te Amar<lli modo et 5eneri!* di%* &in%ula ne%to. GGGGGGGGGGGGGG Limu! ut $i% dure!%it et $ae% ut %aera li ue!%it una %odem ue i#ni* !i% no!tro 4a($ni! amore.

CAPITOLO L==I5 4ella (ro(orzione e della %orri!(ondenza e riduzione delle lettere %oi !e#ni %ele!ti e %oi (ianeti nelle &arie lin#ue. 4io $a dato all)uomo lo !(irito e il di!%or!o* %$e !ono* %ome di%e Ermete* l)im(ronta della !ua &irt' della !ua (otenza e della !ua immortalit" e %on la !ua onni(otenza e (ro&&idenza $a !tabilito di&er!e +a&elle* le uali* !e%ondo le loro di++erenze* $anno %aratteri (ro(ri e di&er!i di !%rittura* e!(re!!i %on !e#ni %$e non +urono !tabiliti dall)azzardo o dal %a(ri%%io dell)uomo* ma ben!. dall)inter&ento di&ino* %o!a %$e li +a %on&enire e %on%ordare %oi %or(i %ele!ti e di&ini e %oi loro (oteri. Fra tutte la !%rittura de#li Ebrei , la

(i' au#u!ta la (i' !anta e la (i' !a%ra* nelle +i#ure dei %aratteri nei (unti delle &o%ali e ne#li a(i%i de#li a%%enti* %ome %on!i!tente nella materia nella +orma e nello !(irito e!!endo !tata (rimamente +ormata nel !o##iorno di 4io* %$e , il %ielo* %ollo%ando&i #li a!tri* dei uali le lettere ritra##ono le imma#ini* %ome di%ono i rabbini* %o!. da e!!ere (iene dei mi!teri tanto (el loro a!(etto +orma e !i#ni+i%ato* %$e (er i numeri %$e ra((re!entano e la di&er!a armonia del loro le#ame. Per%i/ le (i' !e#rete Me%ubali de#li Ebrei* dalla +i#ura di uelle lettere* dalle +orme dei %aratteri* dalla loro !e#natura* !em(li%it" e (i%%olezza* %om(o!izione* !e(arazione* tortuo!it"* direzione* di+etto* abbondanza #randezza e (i%%olezza relati&a* %oronamento* a(ertura %$iu!ura* ordine* tra!mutazione* %olle#amento ri!oluzione delle lettere dei (unti e de#li a(i%i e %al%olo dei numeri !i#ni+i%ati %on le lettere* (romettono !(ie#are tutte le %o!e* in ual modo (ro&en#ano dalla (rima %au!a e in %$e modo &i (o!!ano ritornare. Gli Ebrei (er%i/ di&idono in tre (arti il loro al+abeto e %io, in dodi%i lettere !em(li%i* !ette do((ie e tre madri e ra((re!entano* %ome %aratteri delle %o!e* i dodi%i !e#ni dello zodia%o i !ette (ianeti e i tre elementi* +uo%o terra e a% ua* non %on!iderando e!!i l)aria %ome un elemento* ma %ome il le#ame e lo !(irito de#li elementi. I (unti e #li a%%enti &en#ono %oordinati alle lettere e !i%%ome tutto , !tato (rodotto e !i (rodu%e (er &olere dello !(irito !u(remo e (el (otere dei (ianeti e delle irradiazioni dei !e#ni %on#iunti a#li elementi* %o!. da ue!ti %aratteri e (unti delle lettere* %$e !i#ni+i%ano ue!ti (rodotti* !i %o!titui!%ono i nomi di tutte le %o!e* a #ui!a di Sa%ramenti e &ei%oli delle %o!e !(ie#ate* %$e a((ortano %on !e do&un ue la loro +orza ed e!!enza. I ma##iori !e%reti i %on%etti mi!terio!i e i !i#ni+i%ati ammirabili !i tro&ano ra%%$iu!i in tali %aratteri* nei loro #ra+i%i* nel loro numero ordine e ri&oluzione* %o!. %$e Ori#ene ritiene %$e #li !te!!i nomi e!(re!!i in un)altra lin#ua (erdono il loro (otere* non %on!er&ando (i' il loro !i#ni+i%ato naturale. Lo !te!!o non , di uei nomi %$e !i#ni+i%ano %i/ %$e !i &uole* i uali non !ono atti&i nel loro !i#ni+i%ato. Ed , indubitabile %$e la lin#ua madre !ia l)ebrai%a e %$i ne %ono!%e a +ondo il me%%ani!mo e !a di!(orne le lettere %on ordine e (ro(orzione* tro&a il modo e la re#ola d)a((rendere o %reare o#ni !orta d)altre lin#ue. 5entidue lettere uindi %o!titui!%ono la ba!e del mondo e di tutte le !ue %reature- tutto uanto , !tato detto e %reato (ro&iene da e!!e e tutto ritrae il nome e la &irt' dalle loro ri&oluzioni. Per (enetrarne #li ar%ani ne%e!!ita e!aminare %o!. a +ondo le loro %ombinazioni* %$e ne !%aturi!%a la &o%e della di&init" e ne balzi il te!to delle !a%re lettere. E!!e rendono e++i%a%i la &o%e e le (arole nelle o(erazioni ma#i%$e* (er%$0 la &o%e di&ina , la (rima %o!a in %ui la natura e!er%ita la ma#ia. Ma tutto %i/ $a un %arattere !(e%ulati&o %o!. (ro+ondo* da non (oterne (arlare in ue!to libro e %i %on&iene ritornare alla di&i!ione delle lettere. L)ebrai%o dun ue $a tre lettere madri1 !ette lettere do((ie1 e dodi%i lettere !em(li%i1

La !te!!a di&i!ione !i ri!%ontra nella lin#ua %aldai%a* a imitazione della uale le lettere delle altre lin#ue !ono di!tribuite ai !e#ni ai (ianeti e a#li elementi. Co!.* (re!!o i Gre%i* A E 8 I O U H %orri!(ondono ai !ette (ianeti- B G 4 6 I L M N P R S T !ono attribuite ai dodi%i !e#ni zodia%ali e le altre %in ue 2 = F C J ra((re!entano i uattro elementi e lo !(irito del mondo. Pre!!o i Latini in&e%e le !te!!e %o!e &en#ono indi%ate %on un altro ordine. Le %in ue &o%ali A E I O U e la F e la 5* %on!onanti* !ono attribuite ai !ette (ianeti- le %on!onanti B C 4 F G L M N P R S T (re!iedono ai dodi%i !e#ni- I 2 = 6 ra((re!entano i uattro elementi- 8* %$e , a!(irata* indi%a lo !(irito del mondo- J* %$e , lettera #re%a e non latina e non , ado(erata %$e nelle (arole #re%$e* !e#ue la natura della !ua lin#ua. I dotti $anno (er/ %on!tatato %$e le (i' e++i%a%i e le (i' !i#ni+i%ati&e !ono le lettere ebrai%$e* a&endo ma##iori ra((orti %oi %or(i %ele!ti e %ol mondo* mentre le lettere delle altre lin#ue* %$e ne !ono (i' lontane* non !ono tanto e++i%a%i. La ta&ola anne!!a dimo!tra l)ordine e la di!(o!izione delle &arie lettere de#li al+abeti1 ebrai%o* %aldai%o* #re%o e latino. Tutte le lettere in+ine $anno altre!. do((i numeri del loro ordine* o!!ia1 numeri e!te!i* %$e e!(rimono !em(li%emente la uantit" delle lettere !e%ondo il loro ordine- numeri %om(o!ti* %$e ra%%ol#ono in !0 i numeri delle lettere (re%edenti- numeri inte#rali* %$e ri!ultano dai nomi delle lettere !e%ondo maniere di&er!e di %ontare. La %ono!%enza del (otere di tali numeri* ri&ela* mer%0 le lettere* mi!teri mera&i#lio!i %elati in o#ni lin#ua e a!!i%ura la di&inazione delle %o!e +uture e delle %o!e (a!!ate. 5)$anno altri %onnubi mi!terio!i +ra le lettere e i numeri* ma %i ri!er&iamo (arlarne abbondantemente nei libri !u%%e!!i&i (er (oter (orre +ine al (re!ente. Ta&ola anne!!a %on l)ordine e la di!(o!izione delle &arie lettere de#li al+abeti1 ebrai%o* %aldai%o* #re%o e latino. FINE 4EL 5OLUME PRIMO.