Sei sulla pagina 1di 3

IL RELATIVISMO DEL PAPA?

di GLG, 11 ottobre 13
Scritto da: Gianfranco La Grassa (11/10/2013) [Santit, chiede per esempio Scalfari nella sua intervista, esiste una visione del Bene unica? E chi la stabilisce?. Ciascuno di noi, risponde il Papa, ha una sua visione del Bene e anche del Male. Noi dobbiamo incitarlo a procedere verso quello che lui pensa sia il Bene. Lei, Santit, incalza gesuiticamente Eugenio, al quale non pare vero, laveva gi scritto nella lettera che mi indirizz. La coscienza autonoma, aveva detto, e ciascuno deve obbedire alla propria coscienza. Penso che quello sia uno dei passaggi pi coraggiosi detti da un Papa. E qui lo ripeto, ribadisce il Papa, al quale non pare vero neanche a lui. Ciascuno ha una sua idea del Bene e del Male e deve scegliere di seguire il Bene e combattere il Male come lui li concepisce. Basterebbe questo per migliorare il mondo.]. (dal Foglio)
Object 1

Non mi interessa star qui a discutere di Bene e di Male. Leggendo la frase del Papa che sembra non solo giustificare, ma considerare decisamente positivo (il mondo sarebbe migliore) che i diversi singoli individui (ciascuno) li concepiscano differentemente, secondo la loro coscienza sarebbe facile obiettare che vi erano nazisti profondamente convinti di un avanzamento del mondo se si fosse imposta la loro visione dello stesso. E sarebbe difficile sostenere che la signora Goebbels, nel mentre avvelenava i quattro figli, non fosse sinceramente convinta dellimpossibilit di vivere in un mondo futuro privo di quella luce e di quella speranza. Considerazioni simili valgono per coloro che buttarono le bombe atomiche sulla popolazione civile giapponese (centinaia di migliaia di morti con la scusa di salvare la vita ad alcune migliaia di soldati statunitensi accorciando la guerra) e che in seguito hanno massacrato milioni di altre persone, aggredendo un po dappertutto, sempre per per salvare le popolazioni di questo o quel paese dalla dittatura, da unesistenza priva di libert (quella che loro ritenevano la migliore libert possibile). Noi abbiamo il dovere di denunciare le immonde menzogne dette per coprire simili infamie; tuttavia, dobbiamo sapere e capire che una parte (e non piccola) degli autori di queste ultime, commesse in ogni dove ieri, oggi e pure domani, soggettivamente convinta della giustezza di certe scelte. Noi condanniamo le colpe, i delitti dei vari individui o gruppi organizzati, perch andiamo oltre le convinzioni soltanto personali, sforzandoci invece di afferrare le funzioni da essi esplicate in diverse congiunture storiche. Siamo interessati a indagare la direzione impressa alla storia dallo svolgimento di dette funzioni; cerchiamo, in definitiva, di emettere dei giudizi sui processi che esse mettono in moto. Anche Papa Francesco svolge una funzione. E pienamente convinto di quanto dice o si comporta furbescamente per recuperare la fiducia di tanta parte di popolazioni varie, rimaste disorientate negli ultimi anni? E rilevante scoprire se c o ci fa? Come fine secondario, si pu ammettere un qualche interesse alla cosa; ma si tratta decisamente di una valutazione accessoria. Oggettivamente, egli compie delle mosse che appaiono furbe, ma un po limitate al qui ed ora, al recupero di coscienze ormai guastate dalla decadenza irreversibile della cosiddetta civilt occidentale. Il relativismo che di fatto propone quello banale di coloro che non vogliono sentirsi colpevolizzati per nessuna delle loro scelte, anche quando mutano opinioni e decisioni nel giro di pochissimo tempo e con tranquilla indifferenza rispetto alle conseguenze del loro agire appena appena oltre lorizzonte del loro immediato interesse (e appetito). Si tratta in poche parole di un relativismo del tutto individuale, teso al giudizio sul presente o comunque su di un segmento temporale da isolare, con perfetta ignoranza (perdita di memoria) in merito a tutto ci che lo ha preceduto. E ovvio, ad es., che a Scalfari e a tutti gli antifascisti del

tradimento a coloro che imposero questa corrente nel corso degli anni 70 e poi la portarono a piena realizzazione negli ultimi venti tale impostazione va benissimo: chi ha avuto, ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, ha dato, scurdammoce o passato, simmo e Napule, pais. Non va bene a molti altri, fra cui noi, perch vogliamo ricordare e combattere quelli che a noi appaiono quali rinnegati e traditori per le funzioni oggettivamente svolte. Questo il nostro giudizio. Ma vale quanto quello degli altri, dir Papa Francesco; certamente rispondiamo noi, solo che per noi i traditori e rinnegati sono da disprezzare e, se e quando sia appena possibile (politicamente e sensatamente possibile), da spazzare via radicalmente. E loro la pensano allo stesso modo di noi; ci odiano perch sentono il nostro disprezzo, la nostra irriducibilit ai loro disegni infami, e fanno gi tutto il possibile per cancellarci. Predicare il relativismo in modo cos ingenuo e superficiale come fa Papa Francesco ma vera ingenuit o si vuol adattare alla ormai piatta mentalit dellepoca? E di decisivo interesse soffermarsi su tale problema? A me sembra che no! non mi sembra mossa di grande respiro. Pu servire in unepoca cos superficiale, vuota, senza pi punti daggancio n forti convinzioni; unepoca priva di speranze di nuovi e pi entusiasmanti approdi. Si procede forse lentamente, ma si avanza verso una nuova epoca di tragedie, di aperture di nuovi scontri. Tutto sembra oggi marciume, pullulare di vermi su carne ormai putrida; eppure si riaprir il confronto e non sar possibile cavarsela con uno crede cos, laltro cos, c posto per tutti, tutti si debbono guardare con amore, comprensione e sopportazione. Comprensione e sopportazione, mentre taluni massacrano, assassinano, aggrediscono, calpestano i diritti di intere popolazioni, ecc.? Nemmeno per sogno, caro Papa. E anche tu, un domani (e dico tu ancora una volta per indicare una funzione, che sar magari svolta da un altro individuo) dovrai deciderti a gridare per il bene in cui credi, dovrai batterti per le convinzioni profonde che si saranno radicate in te e che sentirai offese da altri. Perch anche questa una forma di relativismo. Uno avverte ad un certo punto, cosa non accaduta fino ad allora che non si pu pi indietreggiare di fronte alla prepotenza dellaltro; uno non sopporta pi che lautonomia del popolo di cui fa parte sia conculcata da chi in nome di convinzioni evidentemente non pi tanto relative proclama la bont e giustezza delle sue scelte, da imporre al mondo. Daltra parte, chi si crede nel giusto invocher, anzi pretender, la pace per portare avanti i suoi disegni senza ostacoli; ma assai poco relativisticamente sar sicuro che pace ed armonia regneranno quando tutti si saranno acconciati al suo modo di pensare, quando saranno eliminati o ridotti allimpotenza i recalcitranti. Forse, lattuale indigestione papesca di buonismo e panciafichismo questione tattica, serve in un momento che stato, e probabilmente ancora in buona parte, di grave crisi della Chiesa. Non sono in grado di emettere un giudizio secco sulla questione. Tuttavia, ritengo che tale atteggiamento non dovrebbe durare troppo a lungo. Intendiamoci bene, non mi metter qui a sostenere che esistono principi Assoluti, da definire Bene e Male senza alcuna limitazione (spazio-temporale, in definitiva sociale). Credo che ogni principio debba subire adattamenti di pi o meno lungo (anche lunghissimo) periodo. Tuttavia, difficilmente si pu fare a meno della predicazione che da parte di molti singoli individui viene svolta sinceramente di alti valori ideali, da molti creduti altrettanto sinceramente. Oggettivamente, predicazione e valori hanno quasi sempre finalit molto pratiche, spesso consustanziali agli interessi di dati gruppi sociali; finalit che necessario realizzare se le diverse forme di societ (o loro sezioni rilevanti) vogliono permanere secondo peculiari strutture (di rapporti) e non declinare e poi scomparire, sommerse da altre societ di diversa forma e struttura. In ogni caso, sia lintento di conservare determinate forme sociali, sia la volont di mutarle (gradualmente o rivoluzionariamente) pur non assegnando n alla conservazione n alla trasformazione valore assoluto e quasi trascendente hanno bisogno della massima tensione e di forti credenze, che non vanno mai conciliate in un assurdo e pantanoso calderone; se si agisce cos, salvo che in brevi periodi di transizione, ci si immerge nel processo di piena dissoluzione. Non do quindi un giudizio assoluto dellatteggiamento del Papa, ma certamente non sollecita molto i miei entusiasmi. Mi sembra, come gi detto, panciafichista, quindi un po adattativo nel senso delle

amebe. Il guaio per la Chiesa che abbastanza giovane come Papa e potrebbe durare troppo, oltre i limiti di eventuale blanda positivit transitoria di certi comportamenti.