Sei sulla pagina 1di 2

Menzione speciale Inshallah Beijing di Francesco Cannito e Luca Cusani Inshallah Beijing di Francesco Cannito e Luca Cusani riuscito

o a presentare una proposta diversa trasformando un documentario in un film drammatico, presentando personaggi particolari in una realt palestinese difficile. La squadra palestinese che partecipa alle olimpiadi doveva gareggiare senza avere nessuna possibilit logistica, senza palestre, strumenti, senza nulla in confronto alle altre squadre partecipanti. I membri della squadra insistono a voler sognare e si incamminano verso il sogno nonostante siano consapevoli della distanza che li separa dal sogno. Premio del pubblico Il premio del pubblico andato a This is my land Hebron, film italiano di Giulia Amati e Stephen Natanson, che racconta la condizione della citt di Hebron dove 600 coloni hanno occupato il centro della citt rendendo la vita impossibile ai 160.000 abitanti palestinesi; Premio sezione registi emergenti Ex aequo a: This is my Land... Hebron di Giulia Amati A New Day Has Com di Emiliano Sacchetti A This is my Land... Hebron di Giulia Amati e Stephen Natanson per la capacit di rendere palpabile il muro di odio e di razzismo che circonda gli abitanti palestinesi di Hebron. Mostrando in modo diretto e coinvolgente il fluire quotidiano delle prevaricazioni da parte dei coloni, il fanatismo delle loro parole, l'acquiescenza dei militari e i turbamenti della societ israeliana, il film colloca la tragedia di Hebron al centro della questione dei territori occupati, in cui emerge la volont di resistenza della popolazione palestinese della citt. A A New Day Has Com di Emiliano Sacchetti per essere riuscito a descrivere la vicenda del campo profughi di Al Tanf, tra Siria e Iraq, e a raccontare con grande naturalezza e con forza problematica il destino di un popolo a cui negata l'esistenza. La nitida fotografia e la testimonianza dei protagonisti colpiscono il cuore dello spettatore, comunicando un forte senso di partecipazione e di coinvolgimento. Premio Al Ard Gaza... Strophe di Samir Abdallah e Kheridine Mabrouk A Gaza... Strophe di Samir Abdallah e Kheridine Mabrouk perch denuncia i crimini della guerra catastrofrica a Gaza, l'Operazione piombo fuso dell'inverno 2008/2009, con un linguaggio cinematografico poetico, dando voce alla resistenza di un popolo che non vuole abbandonare le proprie radici Premio Miglior documentario Gaza hospital di Marco Pasquini

A Gaza hospital di Marco Pasquini per aver saputo raccontare con un solido linguaggio cinematografico la storia dei profughi palestinesi a Beirut e la tragedia di Sabra e Chatila, sottolineando nella metafora architettonica di un ospedale la drammatica vicenda di un intero popolo: i muri, i gesti della quotidianit, le strade, diventano testimoni di una memoria collettiva che il cinema tiene viva e fa rivivere sullo schermo con forte emozione. La giuria composta da: Monica Maurer - presidente Antonello Zanda Giuseppe Pusceddu Felice Tiragallo Ibrahim Nasrallah