Sei sulla pagina 1di 3

208

Guida di sci alpinismo dei Lagori - Cima dAsta

stra mta. Dopo poco lo stesso diventa pi ripido: lo si affronta senza particolari problemi con varie serpentine passando fra delle rocce affioranti, indi si affronta un breve tratto in leggera salita. Con un ultimo tratto ripido (attenzione: rimanere al centro della cresta - sulla sx pareti a strapiombo) si raggiunge il Colbricn Punta Sud Ovest m. 2601 ore 0.45-4.15. Discesa: lungo lit. di salita.

Alternativa: Cavallazza m. 2324


(disl. m. 694 - tempo di salita: ore 3.15 - diff. B.S.). Salita: dalla piana a q. m. 1830 ca. ore 1.30 si prosegue in falsopiano (SE) attraversando una vasta zona priva di vegetazione e si raggiunge, da ultimo con salita pi ripida, il piccolo Passo del Colbricn m. 1908. Poi, piegando a sx, si aggira una piccola elevazione m. 1957, compiendo poi un ampio giro verso dx fino a raggiungere il pi grande (q. m. 1922) dei due Laghi del Colbricn: si costeggia la sponda merid. con tratto piano fino a giungere al Rif. Laghi del Colbricn m. 1927 ore 0.30-2.00, sito sulla riva orient. Da qui si prosegue come descritto nellit. n. 83 fino in vetta alla Cavallazza m. 2324 ore 1.15-3.15. Discesa: si ripercorre lit. di salita.

83

Cavallazza m. 2324
dalla S.S. del Passo di Rolle
Tempo di salita: ore 2.00. Difficolt: B.S. Cartografia: Trekkart f. 135|136.

Dislivello: m. 468.

Accesso: da Predazzo in Val di Fiemme si seguono le ind. per il Passo di Rolle. Si percorre cos la S.S. 50 lungo la Val Travignolo oltrepassando Bellamonte

Catena dei Lagori

209

e Paneveggio. Si tralascia a sx la deviaz. per il Passo di Valls: seguendo sempre la S.S. si giunge in un tratto rettilineo nei pressi dellAgr. M.ga Rolle tel. 0439 768859, sito alla sx della strada ca. 1 km. prima di giungere al Passo di Rolle. Partenza: dal parcheggio m. 1904 dellAgr. M.ga Rolle: sulla dx si dirama una S.F. (raccordo pista da sci) con ind. per Rif. e Laghi del Colbricn . Note: it. breve, ma che riveste una sua particolare importanza per la zona in cui si svolge, ricca di panorami incantevoli ed indimenticabili nel Parco Naturale Paneveggio - Pale di San Martino. La mta lultima elevazione importante dellestremit orient. della Catena dei Lagori, ed proprio grazie a questa sua posizione marginale che si ha modo di ammirare vari gruppi dolomitici: in particolare limponente Gruppo delle Pale di San Martino ad oriente. La salita necessita di neve assestata (preferibilmente in primavera); la discesa, seppur breve, non mancher di soddisfare.

Salita: seguendo la pista battuta (S.F. Busa Ferrari), ci si abbassa in direz. S fino a q. m. 1880 ca.: alla sx si nota la stazione a valle di una seggiovia. Si prende a dx e ci si inoltra con direz. S-SO nella sempre suggestiva Foresta di Paneveggio; necessario ora cercare di non perdere quota, ma tagliare in piano le varie piccole ondulazioni del terreno localIn primo piano il Rif. Laghi del Colbricn e uno dei Laghi del Colbricn; A) Colbricn Quota m. 2602; B) posizione del Passo del Colbricn; C) Colbricn Piccolo; D) C. Stradn. A

C B

210
B A C

Guida di sci alpinismo dei Lagori - Cima dAsta


D

E F

Dalla Cavallazza: A) Passo della Rosetta; B) La Rosetta; C) Pala di San Martino; D) C. di Ball; E) Sass Mar; F) C. della Madonna.

mente denominate Piano dei Tiri, fino a raggiungere senza possibilit di errori il Rif. Laghi del Colbricn m. 1927 ore 0.45 (qui giunge lalt. dellit. n. 82), posto sulla riva orient. del pi grande dei due Laghi del Colbricn m.1922. Questo tratto quasi sempre battuto - facendo attenzione si possono intravvedere le tracce di sentiero che conducono al rifugio. Dal rifugio per comodit conviene puntare a E e salire fra bosco rado e ripido, per poi portarsi verso sx ed uscire cos in un bel valloncello a q. m. 2050 ca. Ora verso S-SE si guadagna quota (fra balze) fino a raggiungere la dorsale occid. della mta a q. m. 2210 ca. Di qui verso E, con prudenza specialmente in caso di nebbia, senza portarsi mai sulla dx (versanti strapiombanti) si prosegue rimanendo al centro della dorsale; in basso a sx sotto di noi, il L. Cavallazza m. 2138. Da ultimo si piega sulla sx per pochi metri, fino a raggiungere la piccola croce posta sulla Cavallazza m. 2324 ore 1.15-2.00, mta anche dellalt. dellit. n. 82. Discesa: dalla vetta si cala direttamente (con prudenza i primi metri) in direz. N-NO nel valloncello sottostante, dove facilmente si trover neve polverosa. Poi con veloce scivolata, seguendo senza possibilit di errori landamento della valle, si raggiungono a q. m. 1920 ca. le tracce di salita e, seguendo queste, a ritroso fino al punto di partenza.