Sei sulla pagina 1di 18

Proseguiamo con l'approfondimento di una grande rivista

di satira politico-sociale, L'Assiette au Beurre, i cui numeri


illustrati da un solo autore, come quelli che abbiamo
presentato sinora, sembrano proprio delle vere e proprie
sequenze a fumetto dotati però didascalie invece che dei
più ortodossi balloons. Il presente numero illustrato da
Jossot rappresenta in una sequenza temporale in 16
quadri, come avveniva con altri autori del recente
passato, penso soprattutto a Hogard o Daumier, una vera
e propria narrazione di una vita, fallita, ma sempre una
vita, narrata dalla nascita alla morte, violente entrambe e
contrassegnate da violenza fisica o morale per il suo
intero decorso.

Il titolo di questo numero infatti non lascia scampo,


l'esistenza secondo Jossot è scandita tutta da un processo
continuo ed ininterrotto di doma, dalla famiglia, alle
istituzioni educative al lavoro. Tutti i numeri illustrati da
Jossot, persino quelli puramente umoristici, narrano di
questo trionfo della violenza nelle relazioni umane,
scoperte o meno che esse siano. Gli altri autori che
abbiamo presentato, non sono comunque da meno. La
vocazione di questi artisti che ebbero la fortuna di
incontrarsi e spesso collaborare con questa grande
rivista, possiede questo infatti di notevole, e cioè la loro
opera quasi militante di demistificazione delle
rappresentazioni ideologiche del sistema di dominio che si
pretenderebbe addirittura democratico se non umanitario.
[Traduzione di Massimo Cardellini]

Link all'opera originale:


Dressage

LINK interni:

Il Credo
Panurgismo
La Doma
Il Rispetto
Cra
Gli Ubriaconi

LINK ad un saggio scritto dal massimo specialista su Jossot:


Henri Viltard, Gustave Henri Jossot: biografia

Un breve ma acuto saggio su Jossot a firma di Felip Equy:


Jossot