Sei sulla pagina 1di 859

Il Conte di Montecristo Alexandre Dumas Pubblicato su www.booksandbooks.it Grafica copertina Mirabilia www.mirabiliaweb.

eb.net Booksandbooks fa parte del network Coonet www.coonet.it

VOLUME PRIMO. Capitolo 1. L !RRIVO ! M!R"I#LI!. Il $% febbraio 1&1' la (edetta della Madonna della #)ardia dette il se*nale della na(e a tre alberi il +araone,c-e (eni(a da ".irne, /rieste e 0apoli. Co. 1 d )so, )n pilota costiere part2 s)bito dal porto, pass3 (icino al Castello d If e sal2 a bordo del na(i*liofra il capo di Mor*io) e l isola di Rion. Conte.poranea.ente co. 1 )*)al.ente d )so, la piattafor.a del forte "an #io(anni si ricopr2 di c)riosi4poic-5 1 se.pre )n a((eni.ento di *rande interesse a Marsi*lia l arri(o di 6)alc-e basti.ento, in particolare poi 6)ando 6)esto le*no, co.e il +araone, si sape(a costr)ito, arredato e sti(ato nei cantieri della (ecc-ia P-oc5e e appartenente ad )n ar.atore della citt7. +rattanto il na(i*lio a(an8a(a ed a(e(a felice.ente s)perato lo stretto, for.atosi da 6)alc-e scossa ()lcanica fra l isola di Casarei*ne e 6)ella di 9aros. !(e(a oltrepassato Po.1*)e, a(an8ando il s)o *ran corpo sotto le s)e tre *abbie .a tanto lenta.ente, e con anda.ento cos2 .esto, c-e i c)riosi con 6)ell istinto c-e presa*isce le dis*ra8ie, si do.anda(ano 6)ale infort)nio fosse accad)to a bordo. /)tta(ia *li esperti alla na(i*a8ione riconosce(ano c-e se )n 6)alc-e accidente era a((en)to, 6)esto non era al .ateriale del basti.ento, poic-5 se procede(a lenta.ente, lo face(a nelle condi8ioni di )n na(i*lio eccellente.ente *o(ernato. La s)a 7ncora era *ettata, i pennoni di bo.presso abbassati, e (icino al pilota c-e s appresta(a a diri*ere il +araone nella stretta entrata del porto di Marsi*lia c era )no s(elto *io(ane, c-e con occ-io atti(o sor(e*lia(a ciasc)n .o(i.ento del na(i*lio, e ripete(a ciasc)n ordine del pilota. La (a*a in6)iet)dine c-e co..o(e(a la folla a(e(a particolar.ente a*itato )no de*li accorsi alla spianata di "an #io(anni, c-e non (olle attendere l entrata del basti.ento nel porto, .a salt3 in )na barc-etta e ordin3 di (o*are (erso il +araone, c-e ra**i)nse diri.petto all ansa di riser(a. Il *io(ane .arinaio, (edendo *i)n*ere 6)est )o.o, lasci3 il s)o posto a lato del pilota, e (enne col cappello in .ano ad appo**iarsi al parapetto del basti.ento. Era )n *io(ane di (ent anni circa, alto, snello, con occ-i neri, e capelli color dell ebano. "i scor*e(a in t)tta la persona 6)ell aspetto di cal.a e di risol)8ione c-e sono proprie de*li )o.ini a((e88i fin dalla loro infan8ia a lottare coi pericoli. :!- siete (oi ;ant1s<: escla.3 l )o.o della barca. :E c-e 1 accad)to, e perc-5 6)est aria di triste88a s)lla (ostra na(e<: :Una *ran dis*ra8ia, si*nor Morrel: rispose il *io(ane, :*ran dis*ra8ia particolar.ente per .e. !ll alte88a di Ci(ita(ecc-ia abbia.o perd)to il bra(o capitano Leclerc...: :Ed il carico<: do.and3 con pre.)ra l ar.atore. :E *i)nto a b)on porto, si*nor Morrel, e sono pers)aso c-e sotto 6)esto aspetto sarete contento. Ma il po(ero capitano Leclerc...: :C-e *li 1 d)n6)e accad)to<: do.and3 l ar.atore note(ol.ente ralle*rato. :C-e accadde a 6)esto bra(o Capitano<: := .orto.: :Cad)to in .are<: :0o, .orto di )na febbre cerebrale, tra orribili pati.enti.: Poi (oltandosi (erso l e6)ipa**io disse> :Ol7 e-? Ciasc)no al s)o posto per l ancora**io.: L e6)ipa**io obbed2. 0el .edesi.o istante *li otto o dieci .arinai c-e lo co.pone(ano si slanciarono alc)ni s)lle scotte, altri s)i bracci, tal)ni s)lle dritte, altri ancora s)l carico abbasso del trinc-etto, e il ri.anente infine, a*li i.bro*li delle (ele. Il *io(ane .arinaio *ett3 )no s*)ardo nonc)rante a*li ini8i della .ano(ra e (edendo c-e si ese*)i(ano i s)oi ordini ritorn3 al s)o interloc)tore. :E co.e accadde d)n6)e 6)esta dis*ra8ia<: contin)3 l ar.atore riprendendo la con(ersa8ione al p)nto o(e il *io(ane .arinaio l a(e(a interrotta. :Mio ;io, si*nore, nel .odo pi@ i.pre(isto. ;opo )n l)n*o collo6)io col co.andante del porto, il capitano

Leclerc abbandon3 0apoli .olto a*itato> in capo a (enti6)attr ore f) colto dalla febbre e tre *iorni dopo era .orto. #li abbia.o resi *li ordinari f)nerali, ed e*li riposa, decente.ente a((il)ppato in )na branda, con )na palla da AB ai piedi ed )na alla testa, all alte88a dell isola del #i*lio. 0oi riportia.o alla (edo(a la s)a croce d onore e la s)a spada. Vale(a ben la pena: contin)a(a il *io(ane con )n sorriso .alinconico, :di fare per dieci anni la *)erra a*l In*lesi per arri(are poi a .orire, co.e t)tti *li )o.ini, nel s)o letto.: :Peccato? C-e (olete, Ed.ondo: riprese l ar.atore c-e se.bra(a consolarsi se.pre pi@, :sia.o t)tti .ortali, e biso*na bene c-e i (ecc-i cedano il posto ai *io(ani4 sen8a 6)esto, non (i sarebbe pi@ pro*resso, ed al .o.ento c-e (oi .i assic)rate c-e il carico...: := in b)ono stato, si*nore Morrel, (e lo *arantisco. Ecco )n (ia**io c- io (i consi*lio di non scontare per .eno di $' .ila franc-i di *)ada*no.: Poi co.e era passata la /orre Rotonda> :!tten8ione a caricare le (ele dei pennoni, il fiocco e la bre*antina: co.and3 il *io(ane .arinaio, :fate atten8ione?: L ordine (enne ese*)ito 6)asi colla stessa celerit7 c-e sopra )n basti.ento da *)erra. :!..aina, e carica in o*ni l)o*o?: !ll )lti.o co.ando t)tte le (ele si abbassarono, ed il na(i*lio si a(an83 in )n .odo 6)asi insensibile, non ca..inando pi@ c-e per l i.p)lso rice()to. :Ora se (olete .ontare, si*nor Morrel: disse ;ant1s, (edendo l i.pa8ien8a dell ar.atore, :ecco 6)i il (ostro scri(ano si*nor ;an*lars c-e esce dal s)o ca.erino, e (i dar7 t)tti *li sc-iari.enti c-e potete desiderare> 6)anto a .e biso*na c-e sor(e*li l ancora**io e c-e .etta la na(e a l)tto.: L ar.atore non se lo fece ripetere d)e (olte, afferr3 )na *o.ena c-e *li *ett3 ;ant1s, e con )na s(elte88a c-e a(rebbe fatto onore ad )n )o.o di .are, sorpass3 *li scalini inc-iodati s)l fianco spor*ente del basti.ento, .entre l altro, ritornando al s)o posto di secondo, cede(a la con(ersa8ione a col)i c-e a(e(a ann)n8iato sotto il no.e di ;an*lars, il 6)ale )scendo dalla s)a cabina si a((icina(a all ar.atore. Il sopra((en)to era )n )o.o di (enticin6)eC(entisei anni, di fi*)ra .olto c)pa, osse6)ioso (erso i s)oi s)periori, insolente con i sottoposti4 cosicc-5, oltre il s)o )fficio di co.p)tista, di per s5 .oti(o di a((ersione per i .arinai, era tanto .al(ed)to dall e6)ipa**io, 6)anto al contrario Ed.ondo ;ant1s era a.ato. :Ebbene si*nor Morrel: disse ;an*lars, :(oi sapete *i7 la dis*ra8ia, non 1 (ero<: :"2, s2, po(ero capitano Leclerc? Era )n bra(o ed onest )o.o.: :E sopratt)tto )n eccellente )o.o di .are, in(ecc-iato fra il cielo e l ac6)a, co.e si con(iene ad )n )o.o incaricato de*li affari di )na casa cos2 i.portante co.e 6)ella Morrel e fi*lio: rispose ;an*lars. :Ma: disse l ar.atore tenendo *li occ-i ri(olti a ;ant1s, c-e cerca(a il p)nto del s)o ancora**io, :.i se.bra c-e non occorre essere tanto (ecc-io .arinaio 6)anto (oi dite, ;an*lars, per conoscer bene il .estiere. Ecco il nostro a.ico Ed.ondo c-e fa il s)o, e .i se.bra )n )o.o c-e non -a biso*no di c-ieder consi*li ad alc)no.: :"2: disse ;an*lars *ettando s) ;ant1s )no s*)ardo obli6)o in c)i balen3 )n la.po d odio> :s2, 6)esti 1 *io(ane e perci3 non te.e n)lla. !ppena il Capitano f) .orto, prese il co.ando sen8a cons)ltare alc)no, e ci -a

fatto perdere )n *iorno e .e88o all isola d Elba, in(ece di ripie*are diretta.ente a Marsi*lia.: :D)anto a prendere il co.ando del na(i*lio: disse l ar.atore, :era s)o do(ere farlo co.e secondo4 6)anto al perdere )n *iorno e .e88o all isola d Elba, -a fatto .ale, a .eno c-e il na(i*lio non a(esse a()to 6)alc-e a(aria da riparare.: :Il na(i*lio sta(a bene co.e sto io, e co.e desidero c-e (oi stiate se.pre, si*nor Morrel, e 6)esta *iornata e .e88o f) perd)ta per )n capriccio, per il solo piacere di andare a terra, ecco t)tto.: :;ant1s: disse l ar.atore, ri(ol*endosi (erso il *io(anotto, :(enite 6)i.: :"c)sate, si*nore: disse ;ant1s. :sar3 da (oi fra )n istante.: Poi indiri88andosi all e6)ipa**io> :;ate fondo?: diss e*li. ")ll istante l 7ncora cadde, e la catena sci(ol3 con r).ore. ;ant1s rest3 al s)o posto, .al*rado la presen8a del pilota, fino a c-e f) co.pi)ta la .ano(ra, 6)indi disse> :!bbassate la fia..a a .e88 albero, la bandiera in derno, incrociate le antenne?: :Voi (edete: disse ;an*lars, :e*li si crede, s)lla .ia parola, *i7 capitano.: :E lo 1, difatti: disse l ar.atore. :"i, si*nor Morrel, sal(o la (ostra fir.a e 6)ella del (ostro associato.: :;ia.ine? Perc-5 non lo lascere.o noi a 6)esto posto<: disse l ar.atore. := *io(ane, lo so bene, .a .i se.bra adatto alla biso*na, e .olto esperto nel s)o .estiere.: Una n)be pass3 s)lla fronte di ;an*lars. :Io (ole(o do.andar(i perc-5 (i siete fer.ato all isola d Elba.: :Lo i*noro io stesso> f) per ese*)ire )n )lti.o co.ando del capitano Leclerc, c-e .orendo .i a(e(a confidato )n plico per il *ran Maresciallo Bertrand.: :L a(ete d)n6)e (ed)to, Ed.ondo<: :C-i<: :Il *ran Maresciallo.: :"2.: Morrel si *)ard3 attorno e tir3 da parte ;ant1s. :E co.e (a l I.peratore<: do.and3 e*li (i(a.ente. :Bene, per 6)anto -o pot)to *i)dicare coi .iei occ-i.: :!(ete d)n6)e (ed)to anc-e l I.peratore<: :Entr3 dal Maresciallo .entre (i ero io.: :E *li a(ete parlato<: :Cio1, f) e*li c-e parl3 a .e: rispose ;ant1s, sorridendo. :E c-e (i disse<: :Mi -a fatto delle do.ande s)l basti.ento, s)ll epoca della s)a parten8a da Marsi*lia, s)l (ia**io c-e a(e(a fatto, e s)l carico c-e porta(a. Credo c-e se 6)esto fosse stato ()oto, e io ne fossi stato il padrone, la s)a inten8ione sarebbe stata 6)ella di farne ac6)isto. Ma *li dissi c- io non ero c-e )n se.plice secondo, e il basti.ento appartene(a alla casa Morrel e fi*lio. !-? C diss e*li, Cla conosco. I Morrel sono ar.atori di padre in fi*lio, ed -o conosci)to )n Morrel, c-e ser(i(a nello stesso re**i.ento con .e, 6)ando ero in *)arni*ione a Valen8a.: :E (ero, 1 (ero?: escla.3 l ar.atore t)tto contento. :Era Policarpo Morrel, .io 8io, c-e di(enne capitano4 ;ant1s, (oi direte a .io 8io c-e l I.peratore si 1 ricordato di l)i, e (oi (edrete pian*ere il (ecc-io brontolone. !ndia.o, andia.o: contin)3 il (ecc-io ar.atore battendo a.ic-e(ol.ente la .ano s)lla spalla del *io(ane, :(oi a(ete fatto bene ad ese*)ire le istr)8ioni del capitano Leclerc, e fer.ar(i all isola d Elba, 6)ant)n6)e, se si (enisse a sapere c-e (oi a(ete conse*nato )n plico al Maresciallo e parlato coll I.peratore, ci3 potrebbe sen8a d)bbio co.pro.etter(i.: :Co.e (olete (oi c-e ci3 co.pro.etta: disse ;ant1s, :io non so nepp)re ci3 c-e -o e l I.peratore non .i -a fatto c-e 6)elle do.ande c-e a(rebbe indiri88ate al pri.o arri(ato... Ma sc)sate: riprese

;ant1s, :ecco la "anit7 e la ;o*ana c-e *i)n*ono. Voi per.ettete, non 1 (ero<: :+ate, fate p)re, .io caro ;ant1s.: Il *io(ane si allontan3, e a .is)ra c-e si allontana(a, ;an*lars si accosta(a. :Ebbene: c-iese, :-a addotto b)one ra*ioni s)lla s)a fer.ata a Portoferraio<: :Eccellenti, .io caro ;an*lars.: :!-, tanto .e*lio: rispose 6)esti, :poic-5 1 se.pre cosa spiace(ole (edere )n ca.erata c-e non fa il proprio do(ere.: :;ant1s -a fatto il s)o: rispose l ar.atore, :e non (i 1 n)lla da ridire. +) il capitano Leclerc c-e *li ordin3 6)esta fer.ata.: :! proposito del capitano Leclerc, (i -a e*li ri.essa )na s)a lettera<: :! .e< 0o. 0e a(e(a d)n6)e<: :Io crede(o c-e oltre il plico, il capitano Leclerc *li a(esse confidata 6)esta lettera.: :;i 6)ale plico intendete parlare<: :;i 6)ello c-e ;ant1s -a depositato nel passare da Portoferraio.: :E co.e sapete c- e*li a(e(a )n plico per Portoferraio<: ;an*lars arross2. :Passa(o da(anti alla porta del capitano, c-e era socc-i)sa, e (idi ri.ettere a ;ant1s il plico e la lettera.: :0on .e ne -a parlato: disse l ar.atore, :.a se -a 6)esta lettera, .e la conse*ner7.: ;an*lars riflett5 )n istante. :!llora, si*nor Morrel, (i pre*o: disse, :di non parlare di ci3 a ;ant1s4 .i sar3 in*annato.: In 6)el .o.ento il *io(ane fece ritorno4 ;an*lars si allontan3. :Ebbene, .io caro ;ant1s, siete libero<: do.and3 l ar.atore. :"2, si*nore.: :La cosa non 1 stata l)n*a.: :0o, -o conse*nato alla ;o*ana la lista delle (ostre .ercan8ie4 e, 6)anto alla conse*na, 1 arri(ato col pilota costiere )n )o.o al 6)ale -o ri.esso le .ie carte.: :!llora non a(ete pi@ niente a fare 6)i<: ;ant1s *ett3 )no s*)ardo rapido intorno a s5. :0o, 6)i t)tto 1 in ordine.: :Potete d)n6)e (enire a pran8o con noi<: :"c)sate.i, si*nor Morrel, sc)sate.i, (e ne pre*o, .a la pri.a .ia (isita la debbo a .io padre. 0on sono per3 .eno riconoscente all onore c-e .i fate.: := *i)sto, ;ant1s, 1 *i)sto> so c-e siete )n b)on fi*lio.: :E...: do.and3 ;ant1s con )na certa esita8ione, :sta bene .io padre, c-e (oi sappiate<: :Io credo di s2, .io caro Ed.ondo, 6)ant)n6)e non l abbia (ed)to.: :"2, e*li si tiene ritirato nella s)a ca.eretta.: :Ci3 pro(a, per lo .eno, c-e non -a a()to biso*no di n)lla d)rante la (ostra assen8a.: ;ant1s sorrise. :Mio padre 1 altero, si*nore, e 6)and anc-e fosse spro((isto di t)tto, non si sarebbe ri(olto a c-iedere cosa alc)na a c-icc-essia, eccetto a ;io.: :Ebbene, dopo 6)esta pri.a (isita, noi contia.o s) (oi.: :"c)sate.i di n)o(o, si*nor Morrel, .a dopo 6)esta pri.a (isita, io ne far3 )n altra c-e non .i sta .eno a c)ore.: :!-, 1 (ero, ;ant1s, di.entica(o c-e (i 1 ai Catalani 6)alc)no c-e de(e aspettar(i con non .inor i.pa8ien8a di (ostro padre. = la bella Mercedes.: ;ant1s arrossi. :!-? a-?: disse l ar.atore. :0on .i sorprende pi@ c-e sia (en)ta tre (olte a do.andare noti8ie del +araone. Perbacco, Ed.ondo, (oi non siete da co.pian*ere, (i ritro(ate ad a(ere )na *ra8iosa a.ica.: :0on 1 .ia a.ica, .a: disse con *ra(it7 il .arinaio, :1 .ia fidan8ata.:

:D)alc-e (olta 1 t)tta )na cosa: disse ridendo l ar.atore. :Ma non per noi: rispose ;ant1s. :!ndia.o, andia.o? Mio caro Ed.ondo: contin)3 l ar.atore, :non (o*lio trattener(i di pi@. Voi a(ete fatto abbastan8a bene i .iei affari, perc-5 io (i debba lasciare il co.odo di fare i (ostri. !(ete biso*no di denaro<: :0o, si*nore, -o t)tti i .iei stipendi del (ia**io, cio1 6)asi tre .esi di soldo.: :Voi siete )n *io(ane pre(idente, Ed.ondo?: :!**i)n*ete c-e -o )n padre po(ero, si*nor Morrel.: :"2, s2, so bene c-e siete )n b)on fi*liolo? !ndate d)n6)e a (eder (ostro padre. Io p)re -o )n fi*lio, e non saprei perdonare a col)i c-e dopo tre .esi di (ia**io lo trattenesse lontano da .e.: :;)n6)e .i per.ettete<: disse il *io(ane sal)tandolo. :"2, se (oi non a(ete niente altro da dir.i.: :0o.: :Il capitano Leclerc non (i -a dato, .orendo, alc)na lettera per .e<: :#li sarebbe stato i.possibile scri(ere, .a ci3 .i ricorda c-e a(rei )n con*edo di 6)alc-e *iorno da do.andar(i.: :Per prender .o*lie<: :Pri.a di t)tto per 6)ello, poi per andare a Pari*i.: :Bene, bene? Prenderete il te.po c-e (orrete, ;ant1s. 0on ci (orranno .eno di sei setti.ane per scaricare il basti.ento, e non ri.ettere.o in .are pri.a di tre .esi. "ar7 opport)no c-e (i tro(iate 6)i fra tre .esi. Il +araone: contin)3 l ar.atore battendo s)lla spalla del *io(ane .arinaio, :non potrebbe .ettere alla (ela sen8a il s)o capitano.: :"en8a il s)o capitano?: escla.3 ;ant1s co*li occ-i sfa(illanti di *ioia. :Ponete ben .ente a ci3 c-e dite, si*nore, poic-5 (oi rispondete alle pi@ se*rete speran8e del .io c)ore4 a(reste inten8ione di no.in ar.i capitano del +araone<: :"e fossi solo, (i stenderei la .ano, .io caro ;ant1s, e (i direi> 1 fatto4 .a -o )n socio, e (oi sapete l antico pro(erbio italiano, -a )n padrone c-i -a )n co.pa*no. Ma la .et7 della faccenda 1 fatta4 poic-5 sopra d)e (oti (oi ne a(ete di *i7 )no4 fidate(i di .e per a(ere l altro, far3 6)anto potr3 di .e*lio.: :O-, si*nor Morrel: escla.3 il *io(ane .arinaio, strin*endo colle lacri.e a*li occ-i le .ani dell ar.atore, :si*nor Morrel, io (i rin*ra8io in no.e di .io padre e di Mercedes.: :Va bene, (a bene Ed.ondo4 (i 1 )n ;io in cielo per la bra(a *ente4 andate a (edere (ostro padre, andate a (edere Mercedes, poi ritornate da .e.: :0on (olete c-e (i ricond)ca a terra<: :0o, *ra8ie, ri.an*o a re*olare i .iei conti con ;an*lars. "iete ri.asto contento di l)i d)rante il (ia**io<: :"econdo il senso c-e (oi date a 6)esta do.anda4 se co.e b)on ca.erata no, perc-5 io credo c- e*li non .i a.i, dal *iorno in c)i ebbi la debole88a, in conse*)en8a d )na contesa, di propor*li c-e ci fer.assi.o dieci .in)ti all isola di Montecristo per ter.inare 6)esta contesa, proposta c-e io ebbi torto di far*li e c-e e*li ebbe ra*ione di rifi)tare se 1 poi co.e scri(ano c-e .i fate 6)esta do.anda, credo c-e non (i sia n)lla da dire, e (oi sarete contento del .odo con c)i -a disi.pe*nato il s)o do(ere.: :Ma: do.and3 l ar.atore, :se foste capitano del +araone conser(ereste (oi ;an*lars con piacere<:

:Capitano, o secondo: rispose ;ant1s, :a(r3 se.pre i pi@ *randi ri*)ardi per coloro c-e *odono la fid)cia dei .iei ar.atori.: :!ndia.o, andia.o, ;ant1s, (edo bene c-e siete )n bra(o *io(ane sotto t)tti i rapporti. 0on (o*lio pi@ a l)n*o trattener(i4 andate, poic-5 siete s)lla brace.: :!rri(ederci, si*nor Morrel, e .ille rin*ra8ia.enti.: :!rri(ederci, .io caro Ed.ondo, e b)ona (ent)ra?: Il *io(ane .arinaio bal83 s)lla lancia, and3 a sedersi a poppa e ordin3 di approdare alla Canebi1re. ;)e .arinai si pie*arono s)i loro re.i e la barca f)**2 con 6)ella rapidit7 c-e 1 possibile in .e88o a .ille barc-e c-e in*o.brano 6)ella specie di an*)sta strada c-e cond)ce, fra d)e file di na(i*li, dall entrata del porto allo scalo di Orl5ans. L ar.atore sorridendo lo se*)2 co*li occ-i fino alla spia**ia, lo (ide saltare s)i *radini dello scalo e perdersi s)bito in .e88o alla folla (ariopinta, c-e dalle cin6)e del .attino alle no(e della sera in*o.bra 6)esta fa.osa strada della Canebi1re, di c)i i P-oc5ens .oderni sono tanto or*o*liosi, c-e dicono, con la pi@ *ran seriet7 del .ondo e con 6)ell accento c-e i.pri.e tanto carattere a ci3 c-e dicono> :"e Pari*i a(esse la Canebi1re, Pari*i sarebbe )na piccola Marsi*lia:. Vol*endosi, l ar.atore (ide ;an*lars, c-e in apparen8a se.bra(a attendere i s)oi ordini, .a in realt7 se*)i(a co.e l)i il *io(ane .arinaio collo s*)ardo. "oltanto (i era )na *randissi.a di(ersit7 nella espressione di 6)esto doppio s*)ardo diretto s)l .edesi.o indi(id)o. Capitolo $. P!;RE E +I#LIO. Lascia.o c-e ;an*lars, alle prese col *enio dell odio, cerc-i di *ettare contro il s)o ca.erata 6)alc-e .ali*na s)pposi8ione all orecc-io dell ar.atore, e se*)ia.o ;ant1s, c-e dopo a(er percorsa la Canebi1re in t)tta la s)a l)n*-e88a, prende la r)e 0oaille, entra in )na piccola casa sit)ata alla sinistra dei (iali di Meillan, .onta presta.ente i 6)attro piani di )na scala osc)ra e tenendosi con )na .ano alla rin*-iera co.pri.e coll altra i battiti del s)o c)ore, si arresta da(anti a )na porta socc-i)sa, c-e lascia (edere sino al fondo )na piccola ca.era. D)esta ca.era era 6)ella del padre di ;ant1s. La noti8ia dell arri(o del +araone non era ancor *i)nta al (ecc-io, c-e sopra )na cassa, era occ)pato a piantare delle cann)cce sopra c)i adatta(a con .ano tre.ante alc)ni nast)r8i .isti a cle.atidi c-e si arra.pica(ano l)n*o la per*ola della finestra. !d )n tratto si sent2 circondare il corpo da d)e braccia, ed )na (oce ben conosci)ta *ridare dietro di s5> :Padre? Mio b)on padre?: Il (ecc-io *ett3 )n *rido e si (olt3, poi (edendo il fi*lio, si lasci3 cadere tra le s)e braccia, t)tto tre.ante e pallido. :C-e a(ete d)n6)e, padre: escla.3 il *io(ane co..osso, :sareste a..alato<: :0o, .io caro Ed.ondo, .io caro fi*lio, no4 .a non ti aspetta(o, e la *ioia, la sorpresa di ri(ederti cos2 all i.pro((iso... .io ;io?... .i se.bra di .orire...: :Cora**io, ri.ettete(i, padre. "ono io, proprio io. "i dice se.pre c-e la *ioia non n)oce ed 1 perci3 c-e sono

entrato cos2 sen8a far(i preparare4 *)ardate.i, sorridete.i, in(ece di osser(ar.i con occ-i spa(entati. Io ritorno e noi sare.o felici.: :!-, tanto .e*lio, fi*lio: riprese il (ecc-io. :Ma in 6)al .odo possia.o noi essere felici< /) d)n6)e non .i abbandoni pi@< Vedia.o, racconta.i le t)e fort)ne.: :C-e il "i*nore .i perdoni: disse il *io(ane, :di ralle*rar.i di )na fort)na c-e faccio col l)tto di )na fa.i*lia> .a ;io sa c-e non -o desiderato 6)esta fort)na? Essa .i *i)n*e ed io non -o la for8a di affli**er.ene. Il bra(o capitano Leclerc 1 .orto, ed 1 probabile c-e colla prote8ione del si*nor Morrel io (ada al s)o posto... Capitano a (ent anni? Con cento l)i*i di stipendio ed )na parte nell interesse? 0on 1 assai pi@ di ci3 c-e pote(a sperare )n po(ero .arinaio co.e sono io<: :"2, fi*lio .io, s2, infatti 6)esta 1 )na felicit7.: :E perci3 (o*lio c-e col pri.o denaro c-e risc)oter3 (oi abbiate )na casetta con )n *iardino per piantare le (ostre cle.atidi, i (ostri nast)r8i ed il (ostro caprifo*lio. Ma c-e a(ete, padre< "i direbbe c-e state .ale?: :Pa8ien8a, pa8ien8a, non sar7 n)lla.: E, .ancando*li le for8e, il (ecc-io cadde. :Vedia.o, (edia.o: disse il *io(ane, :)n b)on bicc-iere di (ino, caro padre, (i riani.er7. ;o(e .ettete il (ostro (ino<: :0o, *ra8ie, non lo cercare, non ne -o biso*no: disse il (ecc-io, tentando di trattenere il fi*lio. :Lasciate fare, lasciate fare, padre.: Ed e*li apr2 d)e o tre ar.adi. := in)tile: disse il (ecc-io, :non (i 1 pi@ ( ino.: :Co.e, non (i 1 pi@ (ino: disse ;ant1s, i.pallidendo a s)a (olta e *)ardando alternati(a.ente le *)ance s.)nte ed increspate del (ecc-io, e *li ar.adi ()oti. :Co.e non (i 1 pi@ (ino? "areste ri.asto pri(o di denaro, padre<: :0on son ri.asto pri(o di n)lla poic-5 t) sei 6)i.: :+rattanto: balbett3 ;ant1s, asci)*andosi il s)dore c-e freddo *li cola(a dalla fronte, :a(e(o lasciato $EE franc-i, tre .esi fa, partendo.: :"i, s2, Ed.ondo, 1 (ero, .a t) a(e(i di.enticato nel partire )n piccolo debito col (icino Cadero)sse4 e*li .e lo -a ricordato, dicendo.i c-e se non pa*a(o per te, anda(a a farsi pa*are dal si*nor Morrel. !llora co.prenderai bene... per ti.ore c-e non ti facesse torto...: :Ebbene<: :Ebbene, -o pa*ato per te.: :Ma: escla.3 ;ant1s, :il .io debito con Cadero)sse era di 1%E franc-i?... E (oi li a(ete pa*ati coi $EE franc-i c-e (i -o lasciati<: Il (ecc-io fece )n se*no affer.ati(o con la testa. :;i.odoc-5 (oi a(ete (iss)to: .or.or3 il *io(ane, :per tre .esi con solo BE franc-i?: :/) sai 6)anto poco .i abbiso*ni e .i basti.: :O- .io ;io? Mio ;io? Padre, perdonate.i: escla.3 Ed.ondo, *ettandosi ai piedi del b)on (ecc-io. :C-e fai adesso<: :!-, (oi .i a(ete trafitto il c)ore?: :/) sei 6)i: disse il (ecc-io, sorridendo, :ora t)tto 1 di.enticato, poic-5 t) stai bene.: :"2, io son 6)i4 ecco.i con )n bell a((enire e con )n poco di denaro. Prendete, padre: disse, :prendete e

in(iate s)bito 6)alc)no a co.prare 6)alc-e cosa.: E ()ot3 s)lla ta(ola la borsa c-e contene(a )na do88ina di .onete d oro, cin6)e o sei sc)di da cin6)e franc-i e della .oneta .in)ta. Il (iso del (ecc-io si ann)(ol3. :;i c-i 1 6)el denaro<: :Mio, t)o, nostro, prendete, co.prate delle pro((iste, siate felice, do.ani (e ne sar7 dell altro.: :!da*io, ada*io: disse il (ecc-io sorridendo, :col t)o per.esso far3 )so della t)a borsa, .a con .odera8ione. Le persone c-e .i (edessero fare *randi pro((iste direbbero c-e ero obbli*ato ad aspettare il t)o ritorno per far de*li ac6)isti.: :+ate co.e (i a**rada, .a pri.a di o*ni altra cosa pro((edete(i )na persona di ser(i8io, non (o*lio pi@ c-e )sciate di casa solo. Fo del caff1, e dell eccellente tabacco di contrabbando in )na cassetta nel fondo della sti(a4 l a(rete do.ani. Ma 8itto, sento arri(are 6)alc)no.: :"ar7 Cadero)sse, c-e a(endo sap)to del t)o arri(o (iene a darti il ben(en)to.: :Bene, ecco altre labbra c-e dicono di(ersa.ente da ci3 c-e pensa il c)ore. Ma non ser(e: .or.or3 Ed.ondo, :1 )n (icino c-e ci -a reso )n fa(ore4 c-e sia il ben(en)to?: ;ifatti al .o.ento in c)i Ed.ondo ter.ina(a la frase a (oce bassa, si (ide co.parire la testa nera e barb)ta di Cadero)sse s)l li.itare della porta. Era )n )o.o di (enticin6)eC(entisei anni, a(e(a fra le .ani )n pe88o di panno, c-e da b)on sarto si accin*e(a a tra.)tare nei ris(olti di )n abito. :!-, eccoti d)n6)e di ritorno, Ed.ondo?: disse con )n accento .arsi*liese pron)nciato, e con )n lar*o sorriso c-e *li scopri(a dei bellissi.i denti, bianc-i co.e l a(orio. :Co.e (edi, (icino Cadero)sse, e pronto a ser(irti in 6)al)n6)e cosa: rispose ;ant1s, dissi.)lando .ale la s)a fredde88a nel far 6)esta offerta. :#ra8ie, *ra8ie, fort)nata.ente io non -o biso*no di n)lla, an8i sono 6)alc-e (olta *li altri c-e -anno biso*no di .e.: ;ant1s fece )n .o(i.ento d i.pa8ien8a. :0on dico per te, *io(anotto4 ti prestai del denaro, t) .e lo -ai reso, ci3 si pratica fra b)oni (icini e noi sia.o pari.: :0on si 1 .ai pari con 6)elli c-e ci -anno fa(orito: disse ;ant1s, :6)ando non *li si de(e pi@ danaro si de(e riconoscen8a.: :Perc-5 parlare di ci3< D)el c-e 1 passato, 1 passato, parlia.o del t)o felice ritorno, *io(anotto. Ero andato al porto per tro(are da co.prare del panno color .arrone, 6)ando -o incontrato l a.ico ;an*lars. :/)? ! Marsi*lia<: *li dissi. :"i, io stesso: rispose. :/i crede(o a ".irne?: :Potrei ancora esserci, (en*o di l7.: :E Ed.ondo, do( 1 il bra(o *io(ane<: :Certa.ente presso s)o padre: rispose ;an*lars. :Ed allora son (en)to 6)a per a(ere il piacere di strin*ere la .ano ad )n a.ico.: :D)esto b)on Cadero)sse: disse il (ecc-io, :ci a.a .olto.:

:Certo (i a.o e (i sti.o ancora, tanto pi@ c-e *li )o.ini onesti sono cos2 rari... Ma se.bra c-e t) ritorni ricco...: contin)3 il sarto, (ol*endo )no s*)ardo bieco s)ll oro e l ar*ento c-e ;ant1s a(e(a posto s)lla ta(ola. !l *io(ane .arinaio non sf)**2 il la.po di c)pidi*ia del s)o (icino. :E-, .io ;io: disse con nonc)ran8a, :6)esto danaro non 1 .io4 a(e(o .anifestato a .io padre il ti.ore c-e nella .ia assen8a *li fosse .ancato 6)alc-e cosa, ed e*li, per rassic)rar.ene -a ()otata la s)a borsa s)lla ta(ola. !ndia.o, padre: contin)3 ;ant1s, :ri.ettete il (ostro denaro nel tiretto, a .eno c-e il (icino Cadero)sse non ne abbia a s)a (olta biso*no, nel 6)al caso 1 se.pre a s)a disposi8ione.: :0o, *io(anotto: disse Cadero)sse, :non -o biso*no di niente. #ra8ie a ;io lo stat)s .antiene l )o.o... Conser(a il t)o danaro, conser(alo, poic-5 non se ne -a .ai troppo4 ci3 non to*lie c-e ti sia obbli*ato della t)a offerta, nello stesso .odo co.e ne a(essi approfittato.: :Era di b)on c)ore...: disse ;ant1s. :0on ne d)bito. Ebbene, eccoti d)n6)e di bene in .e*lio col si*nor Morrel, f)rbo c-e sei?: :Il si*nor Morrel -a se.pre a()to .olta bont7 per .e...: rispose ;ant1s. :In 6)esto caso t) -ai a()to torto a rifi)tare il s)o pran8o.: :Co.e, rifi)tare il s)o pran8o?: riprese il (ecc-io. :E*li d)n6)e ti a(e(a in(itato a pran8o<: :"2, padre .io: riprese Ed.ondo sorridendo della .era(i*lia c-e ca*iona(a a s)o padre l eccessi(o onore c)i lo crede(a so**etto. :E perc-5 d)n6)e -ai ric)sato, fi*lio .io<: do.and3 il (ecc-io. :Per ritornare pi@ presto (icino a (oi, padre: rispose il *io(ane, :a(e(o fretta di (eder(i.: :Per3 sar7 dispiaci)to a 6)el b)on )o.o del si*nor Morrel: so**i)nse Cadero)sse4 :6)ando )no aspira a di(enir capitano, -a torto a non fare la corte al s)o ar.atore.: :#li -o spie*ato la ca)sa del .io rifi)to: rispose ;ant1s, :e sono certo c-e l -a intesa.: :!-, per di(entar capitano biso*na accare88are )n poco pi@ i padroni.: :"pero di(entar capitano anc-e sen8a di ci3.: :/anto .e*lio, tanto .e*lio4 ci3 far7 piacere ai t)oi (ecc-i a.ici. "o c-e (i 1 6)alc)no la**i@ dietro alla cittadella "an 0icola c-e ne sar7 .olto contento.: :Mercedes<: disse il (ecc-io :"2, padre .io: disse ;ant1s, :e col (ostro per.esso, ora c-e (i -o (ed)to, e so c-e (oi state bene, e a(ete t)tto ci3 c-e abbiso*na, (i c-iederei il consenso di fare )na (isita ai Catalani.: :Va , fi*lio .io, (a : disse il (ecc-io ;ant1s, :e ;io benedica te nella t)a donna, co.e benedisse .e nel fi*lio?: :")a donna<: disse Cadero)sse. :Voi andate tropp oltre, pap7 ;ant1s4 non lo 1 ancora, io credo.: :0o: rispose Ed.ondo, :.a non tarder7 .olto a di(enirlo.: :0on i.porta, non i.porta: disse Cadero)sse, :-ai fatto bene a spicciarti.: :E perc-5<: :Perc-5 Mercedes 1 )na bella ra*a88a, e le belle ra*a88e non .ancano d inna.orati, 6)ella particolar.e nte? La se*)i(ano a do88ine?: :;a((ero?: disse Ed.ondo con )n sorriso, sotto c)i traspari(a )n o.bra d in6)iet)dine. :O- s2?: rispose Cadero)sse. :E anc-e bei partiti? Ma capisci t)< ;i(enta capitano e si *)arder7 bene dal rifi)tarti.: :Ci3 e6)i(ale a dire: disse ;ant1s con )n sorriso c-e .al dissi.)la(a la s)a in6)iet)dine, :c-e se io non

di(entassi capitano...: :E-? e-?: escla.3 Cadero)sse. :!ndia.o, andia.o: disse il *io(ane, :io -o .i*liore opinione c-e (oi delle donne in *enerale, e di Mercedes in particolare, e sono con(into c-e, di(enti o no capitano, lei .i rester7 )*)al.ente fedele.: :/anto .e*lio? /anto .e*lio?: disse Cadero)sse. := se.pre )na b)ona cosa c-e i *io(ani 6)ando si .aritano siano forniti di b)ona fede4 .a non ser(e, credi.i ;ant1s, non perdere te.po nell andare ad ann)n8iarle il t)o arri(o, e a .etterla a parte delle t)e speran8e.: :Vado: disse Ed.ondo. !bbracci3 s)o padre, sal)t3 con )n .oto di testa Cadero)sse e part2. Cadero)sse rest3 ancora )n istante, poi, prendendo con*edo dal (ecc-io ;ant1s, discese a s)a (olta e and3 a ra**i)n*ere ;an*lars, c-e lo aspetta(a all an*olo della r)e "enac. :Ebbene: disse ;an*lars, :l -ai (ed)to<: :L -o lasciato ora.: :/i -a parlato della s)a speran8a di di(enir capitano<: :E*li ne parla co.e se lo fosse *i7.: :Pa8ien8a, pa8ien8a?: disse ;an*lars. :Mi se.bra c-e si solleciti troppo.: :;ia(olo? "e.bra c-e il posto *li sia stato pro.esso dallo stesso si*nor Morrel.: :Perci3 sar7 .olto contento.: :Cio1, 1 .olto insolente. Mi -a *i7 offerti i s)oi ser(i8i co.e fosse )n persona**io d i.portan8a4 .i -a offerto inoltre denaro in prestito, co.e fosse )n banc-iere.: :E t) a(rai rifi)tato.: :Certa.ente, 6)ant)n6)e a(essi pot)to accettare, *iacc-5 sono stato io c-e *li -o .esso fra le .ani le pri.e .onete bianc-e c-e -a toccato4 .a ora ;ant1s non a(r7 pi@ biso*no d alc)no, di(entando capitano.: :Baie?: disse ;an*lars. :0on lo 1 ancora.: :In fede .ia sarebbe )na bella cosa non lo fosse pi@: disse Cadero)sse, :altri.enti non (i sarebbe pi@ .odo di poter*li parlare.: :"e non lo (o*lia.o (era.ente: disse ;an*lars, :rester7 ci3 c-e 1, e forse di(enter7 ancora .eno di 6)ello c-e 1.: :C-e dici t)<: :0iente, parlo a .e stesso. E se.pre inna.orato della catalana<: :Inna.orato pa88o4 1 andato da lei. Mi sba*lier3 .a a(r7 dei dispiaceri da 6)ella parte.: :"pie*ati.: :! c-e ser(e.: := pi@ i.portante di 6)ello c-e credi. /) non a.i certa.ente ;ant1s.: :Io non a.o *li arro*anti.: :Ebbene, di..i allora ci3 c-e sai relati(a.ente alla catalana.: :0on so niente di positi(o soltanto -o (ed)to cose c-e .i fanno credere, co.e ti dice(o, c-e il f)t)ro capitano a(r7 dei dispiaceri nei dintorni delle Vecc-ie Infer.erie.: :C-e -ai (isto< Via, di..elo.: :Ebbene, -o (isto c-e t)tte le (olte c-e Mercedes entra in citt7, 1 se.pre acco.pa*nata da )n rob)sto e .inaccioso catalano co*li occ-i neri, la pelle rossa, .olto sc)ro, ardentissi.o, e c-e lei c-ia.a .io c)*ino.: :!-, (era.ente, e credi c-e 6)esto s)o c)*ino le faccia la corte<: :Lo s)ppon*o. C-e dia(olo ()oi c-e faccia )n *io(anotto di (ent)n anni con )na bella ra*a88a di diciassette<: :E dici c-e ;ant1s 1 andato ai Catalani<:

:= )scito da casa s)a poco pri.a di .e.: :"e andia.o dalla .edesi.a parte ci fer.ere.o all osteria della Riser(a di pap7 Panfilo, e be(endo )n bicc-iere di (ino di Mala*a, attendere.o noti8ie.: :E c-i ce le porter7<: :"tare.o s)lla s)a strada, e (edre.o s)l (iso di ;ant1s ci3 c-e sar7 a((en)to.: :!ndia.o...: disse Cadero)sse. :Ma sei t) c-e pa*-i<: :Certa.ente...: rispose ;an*lars. E t)tti e d)e s inca..inarono con passo rapido (erso il l)o*o indicato. #i)nti l7 si fecero portare )na botti*lia e d)e bicc-ieri. Pap7 Panfilo a(e(a (ed)to passare ;ant1s, c-e non erano dieci .in)ti. Certi c-e ;ant1s era ai Catalani, si assisero tra i banc-i di (erd)ra ai piedi delle piante di sico.ori4 s)i ra.i )na sc-er8osa 6)antit7 di )ccelli sal)ta(a i pri.i *iorni della pri.a(era. Capitolo A. I C!/!L!0I. ! cento passi dal l)o*o do(e i d)e a.ici, con lo s*)ardo all ori88onte e l orecc-io all erta, ()ota(ano lo sp).oso (ino di La.a l*)e, s innal8a(a, dietro )n .onticello n)do ed arido per il sole e per il .aestrale, il piccolo (illa**io dei Catalani. In )n bel *iorno, )na colonia .isteriosa part2 dalla "pa*na, (enne ad approdare alla lin*)a di terra c-e abita anc-e o**i*iorno. #i)n*e(a non si sa da do(e, e parla(a )na lin*)a sconosci)ta. Uno dei capi, c-e capi(a il pro(en8ale, do.and3 alla Co.)ne di Marsi*lia di ceder loro 6)el pro.ontorio n)do ed arido, s) c)i essi a(e(ano, co.e *li antic-i .arinai, ritirati i loro na(i*li. La loro do.anda f) accordata, e tre .esi dopo si ele(a(a )n piccolo (illa**io attorno ai dodici o 6)indici basti.enti c-e erano stati tirati a terra da 6)esti 8in*ari. Il (illa**io, costr)ito in .odo bi88arro e pittoresco, di stile .et7 .oresco, .et7 spa*nolo, 1 6)ello o**i abitato dai discendenti di 6)e*li )o.ini, c-e parlano ancora la lin*)a dei loro padri. ;opo tre o 6)attro secoli essi sono ri.asti fedeli a 6)esto piccolo pro.ontorio, in c)i si erano i.batt)ti, co.e )no stor.o di )ccelli di .are, sen8a .isc-iarsi alla popola8ione .arsi*liese, .aritandosi fra di loro, e conser(ando )si e cost).i della loro .adre patria, co.e ne -anno conser(ata la fa(ella. I nostri lettori ci se*)ano attra(erso )na strada di 6)esto (illa**io ed entrino con noi in )na di 6)este cas e, alle 6)ali il sole f)ori -a dato il bel colore di fo*lia secca, co.e ai .on).enti del paese, e dentro )no strato di tinta *ialla, c-e for.a l )nico orna.ento delle Posadas spa*nole. Una bella ra*a88a coi capelli neri co.e l ebano, co*li occ-i (ell)tati co.e 6)elli della *a88ella, sta(a ritta e appo**iata ad )n assito sfrondando tra le s)e dita profilate co.e )n dise*no antico, )n innocente erica di c)i strappa(a i fiori, le fronde *i7 sparse s)l terreno4 le s)e braccia n)de fino al *o.ito, braccia bron8ine .a c-e se.bra(ano .odellate s) 6)elle della Venere d !rles, fre.e(ano con i.pa8ien8a febbrile, e lei batte(a la terra col piede a*ile e c)r(ato, in .odo da fare apparire la for.a p)ra e s)perba della *a.ba, serrata da )n cal8a di cotone rosso ad an*oli *ri*i e a88)rri. ! tre passi da lei, sopra )na cassa c-e dondola(a con )n .o(i.ento ro88o, appo**iando il *o.ito ad )n

(ecc-io .obile tarlato, sta(a )n rob)sto *io(ane di (enti (entid)e anni, c-e la *)arda(a con )n aria da c)i si capi(a l interno contrasto tra l in6)iet)dine e il dispetto. I s)oi occ-i interro*a(ano4 .a lo s*)ardo fer.o e fisso della ra*a88a do.ina(a il s)o interloc)tore. :Vedia.o, Mercedes: dice(a il *io(ane, :fra poco sar7 Pas6)a, ecco )n epoca propi8ia ad )n .atri.onio.: :Vi -o risposto cento (olte, +ernando, e biso*na per (erit7 c-e (oi siate ne.ico di (oi stesso, perc-5 rinno(iate 6)esta do.anda.: :Ebbene, ripetetelo ancora, io (e ne s)pplico, ripetetelo ancora, affinc-5 *i)n*a a crederlo4 dite.i per la centesi.a (olta c-e rifi)tate il .io a.ore, .al*rado l appro(a8ione di (ostra .adre4 fate.i ben co.prendere c-e (i prendete *ioco della .ia felicit7, e c-e la .ia (ita e la .ia .orte sono )n n)lla per (oi. !-, .io ;io? !(er so*nato per dieci anni di essere (ostro sposo, Mercedes, e perdere 6)esta speran8a c-e era la sola .eta della .ia (ita?: :0on c-e abbia *ia..ai incora**iata 6)esta speran8a, +ernando: rispose Mercedes. :0on a(ete )na sola l)sin*a a ri.pro(erar.i, a (ostro ri*)ardo. Vi -o se.pre detto> :Io (i a.o co.e )n fratello4 .a non esi*ete .ai da .e altra cosa c-e 6)esta a.ici8ia fraterna, poic-5 il .io c)ore 1 dato ad )n altro?:. 0on (i -o se.pre detto ci3, +ernando<: :"2, lo so bene, Mercedes: rispose il *io(ane, :(i siete co.piaci)ta a .io ri*)ardo del .erito cr)dele della franc-e88a. Ma di.enticate c-e esiste fra i catalani )na le**e sacra, c-e ordina di .aritarsi fra loro.: :Voi ( in*annate, +ernando, non 1 )na le**e, 1 )na cons)et)dine, ecco t)tto4 e credete.i, non (i *io(a in(ocare 6)esta cons)et)dine in (ostro fa(ore? "iete entrato nella coscri8ione, l arbitrio c-e (i lascia non 1 c-e )na se.plice tolleran8a. ;a )n .o.ento all altro potete essere c-ia.ato al ser(i8io .ilitare, ed )na (olta soldato, c-e farete (oi di .e, cio1 di )na po(era orfanella, infelice, sen8a beni, c-e in t)tto possiede )na capanna 6)asi in ro(ina, alla 6)ale sono attaccate alc)ne reti )sate, .iserabile eredit7 lasciata da .io padre a .ia .adre, e da .ia .adre a .e< ;a )n anno 1 .orta, pensate, +ernando, e io (i(o 6)asi di p)bblica carit7. D)alc-e (olta fin*ete c-e io (i sia )tile, e ci3 1 per dar.i il diritto di di(idere la (ostra pesca4 io accetto, perc-5 siete il fi*lio del fratello di .io padre, perc-5 noi sia.o stati alle(ati assie.e, e pi@ ancora sopratt)tto, perc-5 (i ca*ionerei troppo dispiacere s io rifi)tassi. Ma capisco bene c-e il pesce c-e (ado a (endere e dal 6)ale tra**o il denaro per co.prare la canapa c-e filo, capisco bene, +ernando, c-e non 1 c-e ele.osina.: :E c-e i.porta, Mercedes? Cos2 po(era e sola co.e siete .i piacete assai pi@ c-e la fi*lia del pi@ s)perbo ar.atore, o del pi@ ricco banc-iere di Marsi*lia. ! noi c-e abbiso*na< Una donna onesta ed atta alle faccende do.estic-e. C-i potrei tro(ar .e*lio di (oi da 6)esto p)nto di (ista<: :+ernando: rispose Mercedes, sc)otendo la testa, :si di(iene inette alle faccende do.estic-e e non si p)3 *arantire di restar fe..ine oneste, 6)ando si a.a )n altro )o.o, c-e non 1 il .arito. Contentate(i della .ia a.ici8ia4 perc-5, (e lo ripeto, ci3 1 t)tto 6)anto posso pro.etter(i, ed io non pro.etto c-e 6)anto sono sic)ra di .antenere.:

:"2, lo co.prendo, (oi sopportate pa8iente.ente la (ostra .iseria, .a a(ete pa)ra della .ia. Ebbene, Mercedes, a.ato da (oi, io tenter3 la fort)na4 (oi .i porterete felicit7, ed io di(enter3 ricco. Posso estendere il .io stato di pescatore, posso entrare co.e co..esso in )n banco, posso di(entare ne*o8iante.: :Voi non potete tentar niente di t)tto ci3, +ernando, (oi siete soldato, e se siete ancora ai Catalani 1 perc-5 non (i 1 *)erra4 restate d)n6)e pescatore, non fate dei so*ni, c-e farebbero ancora pi@ terribile la realt7, e contentate(i della .ia a.ici8ia, *iacc-5 io non posso dar(i altro.: :!(ete ra*ione, Mercedes, io sar3 .arinaio4 a(r3, in(ece del cost).e dei padri nostri, c-e dispre88ate, )n cappello col fiocco, )na ca.icia a ri*-e ed )na *iacca t)rc-ina con le ancore s)i bottoni... 0on 1 cos2 c-e biso*na essere (estito per piacer(i<: :C-e intendete dire<: do.and3 Mercedes con )no s*)ardo i.perioso. :C-e intendete dire< 0on (i capisco.: :Vo*lio dire, Mercedes, c-e siete cos2 inflessibile e cr)dele con .e, perc-5 attendete 6)alc)no cos2 (estito. Ma 6)ello c-e (oi aspettate 1 forse incostante4 e se non lo 1, il .are lo 1 per l)i.: :+ernando: escla.3 Mercedes, :io (i crede(o b)ono e .i sono in*annata4 +ernando, a(ete )n c)ore catti(o, in(ocando ad ai)to della *elosia la collera di ;io. Ebbene s2, non (i nascondo n)lla, aspetto, ed a.o col)i c-e dite, e s e*li non ritorna, in(ece di acc)sarlo di incostan8a dir3 c-e 1 .orto a.ando.i.: Il *io(ane Catalano fece )n *esto di rabbia. :Vi capisco, +ernando, (i ri(arreste s) di l)i perc-5 non (i a.o, (oi incrocereste il coltello catalano col s)o p)*nale. Ma a c-e ser(irebbe< ! perdere la .ia a.ici8ia se ri.aneste (into, a (eder ca.biarsi in odio la .ia a.ici8ia se (incitore. Credete.i, il .)o(ere contesa con )n )o.o 1 )n catti(o .e88o per piacere alla donna c-e a.a 6)est )o.o. 0o, +ernando, (oi non (i lascerete trasportare da cos2 per(ersi pensieri4 se non .i potete a(ere in .o*lie, (i contenterete di a(er.i a.ica e sorella. ; altronde: so**i)nse co..ossa e co*li occ-i ba*nati di lacri.e, :aspettate, aspettate, +ernando, (oi lo a(ete detto or ora, il .are 1 perfido e sono *i7 6)attro .esi c-e -o contate .olte b)rrasc-e?: +ernando rest3 i.passibile. 0on cerc3 di asci)*are le lacri.e c-e scorre(ano s)lle *)ance di Mercedes, anc-e se a(rebbe dato )na libbra del s)o san*)e per ciasc)na di 6)elle lacri.e c-e scorre(ano per )n altro. "i al83, fece )n *iro nella capanna, ritorn3, si fer.3 da(anti a Mercedes coll occ-io c)po, e coi p)*ni forte.ente serrati. :Vedia.o, Mercedes: disse, :ancora )na (olta rispondete... "iete ben decisa<: :Io a.o Ed.ondo ;ant1s: disse fredda.ente la ra*a88a, :e ness)n altro f)orc-5 Ed.ondo sar7 il .io sposo?: :E l a.erete se.pre<: :+inc-5 a(r3 (ita?: +ernando c-in3 la testa scora**iato, e.ise )n sospiro c-e se.br3 )n *e.ito4 poi ad )n tratto al8ando la fronte, coi denti serrati e le narici socc-i)se> :Ma s e*li 1 .orto<: disse. :"e 1 .orto, io .orr3?: :Ma se (i di.entica<: :Mercedes: escla.3 )na (oce es)ltante al di f)ori della capanna, :Mercedes?: :!-: escla.3 la ra*a88a arrossendo di *ioia, es)ltando d a.ore, :t) (edi bene c-e non .i -a di.enticata,

eccolo 6)a...: "i slanci3 (erso la porta e apr2 *ridando> :! .e, a .e, Ed.ondo, ecco.i?: +ernando pallido e fre.ente indietre**i3 co.e fa )n (ia**iatore alla (ista di )n serpente, e )rtando nella cassa (i ricadde a sedere. Ed.ondo e Mercedes erano tra le braccia l )na dell altro. Il sole ardente di Marsi*lia c-e penetra(a per l apert)ra della porta, li inonda(a di )n torrente di l)ce. ")lle pri.e non (idero niente di ci3 c-e li circonda(a, )na felicit7 i..ensa li isola(a da 6)esto .ondo4 non si parla(ano c-e con 6)elle parole tronc-e c-e sono lo slancio della pi@ (i(a *ioia, e se.brano accostarsi all espressione del dolore. !d )n tratto Ed.ondo si accorse della fi*)ra c)pa di +ernando nell o.bra, pallida e .inacciosa4 per )n .o(i.ento, di c)i e*li stesso non si sarebbe forse data ra*ione, il catalano tene(a la .ano s)l coltello posto alla cint)ra. :"c)sate: disse ;ant1s, inarcando a s)a (olta le sopracci*lia, :non a(e(o notato c-e era(a.o in tre.: Poi (ol*endosi a Mercedes do.and3> :C-i 1 6)esto si*nore<: :"ar7 il (ostro .i*liore a.ico, *iacc-5 1 il .io4 1 .io c)*ino e .io *er.ano4 1 +ernando, l )o.o, c-e dopo (oi, Ed.ondo, a.o di pi@ s) 6)esta terra.: Ed.ondo, sen8a abbandonare Mercedes di c)i tene(a )na .ano, stese, con )n .o(i.ento di cordialit7, l altra .ano al catalano. Ma +ernando in(ece di corrispondere al *esto a.ic-e(ole, rest3 .)to ed i..obile co.e )na stat)a. !llora Ed.ondo port3 il s)o s*)ardo scr)tatore da Mercedes, co..ossa e tre.ante, a +ernando c)po e .inaccioso. D)esto solo s*)ardo *li fece t)tto co.prendere. La collera sal2 alla s)a fronte. :0on sarei (en)to con tanta fretta da (oi, Mercedes, se a(essi sap)to di ritro(ar(i )n ne.ico.: :Un ne.ico?: escla.3 Mercedes con )no s*)ardo corr)cciato ri(olto al c)*ino. :Un ne.ico presso di .e, t) dici, Ed.ondo< "e lo credessi, ti darei s)bito il .io braccio e .e ne andrei a Marsi*lia, abbandonando 6)esta casa per non ripor(i .ai pi@ il piede.: L occ-io di +ernando ebbe )n la.po. :"e ti accadesse )na dis*ra8ia, .io Ed.ondo: contin)3 lei col .edesi.o i.placabile san*)e freddo, c-e pro(a(a a +ernando c-e la ra*a88a a(e(a sap)to le**ere fin nel profondo dei s)oi sinistri pensieri, :se ti accadesse 6)alc-e dis*ra8ia, salirei s)l capo di Mor*io) e .i *etterei s)*li sco*li con la testa in a(anti.: +ernando di(enne spa(entosa.ente pallido. :Ma t) t in*anni, Ed.ondo: contin)3 ancora, :t) 6)i non -ai ne.ici> 6)i non c 1 c-e +ernando, .io fratello, c-e ti strin*er7 la .ano co.e ad )n a.ico, di c)ore.: ! 6)este parole la ra*a88a fiss3 il s)o s*)ardo i.perioso s)l catalano, il 6)ale, co.e se fosse stato affascinato da 6)esto s*)ardo, si accost3 lenta.ente a Ed.ondo, e *li stese la .ano. Il s)o odio, pari ad )n fl)tto i.potente 6)ant)n6)e f)rioso, (eni(a ad infran*ersi contro l ascendente c-e 6)esta donna esercita(a s) l)i. Ma appena ebbe toccata la .ano di Ed.ondo, sent2 di a(er fatto t)tto ci3 c-e

pote(a, e, slanciandosi f)ori della capanna correndo co.e )n insensato e intrecciandosi le .ani nei capelli escla.a(a> :O-, c-i .i liberer7 da 6)est )o.o< Me infelice? Me infelice?: :E-i, catalano? E-i, +ernando, do(e corri<: disse )na (oce. Il *io(ane si arresta ad )n tratto, *)arda attorno a s5 e riconosce Cadero)sse sed)to a ta(ola con ;an*lars sotto )n per*olato di fo*lie di (ite. :E-i?: disse Cadero)sse. :Perc-5 non (ieni 6)i< Fai d)n6)e tanta fretta da non a(ere il te.po di dire b)on *iorno a*li a.ici<: :Particolar.ente 6)ando -anno ancora )na botti*lia 6)asi piena da(anti...: so**i)nse ;an*lars. +ernando *)ard3 6)ei d)e )o.ini con occ-i assent2 e non rispose n)lla. :"e.bra proprio stordito: disse ;an*lars, )rtando il *inocc-io di Cadero)sse. :Possibile c-e ci sia.o sba*liati, e c-e ;ant1s trionfi in barba a 6)anto pre(isto<: :;ia(olo, 1 da (edersi?: disse Cadero)sse. E (ol*endosi (erso il catalano> :Ebbene, ti decidi<: +ernando asci)*3 il s)dore c-e *li *ronda(a dalla fronte, entr3 lenta.ente sotto il per*olato, l o.bra se.bra(a rendere )n po di cal.a ai s)oi sensi, e la fresc-e88a )n poco di sollie(o al corpo spossato. :B)on *iorno: disse. :Mi a(ete c-ia.ato, non 1 (ero<: E f) pi)ttosto )n cadere c-e il sedersi sopra )na delle panc-e attorno alla ta(ola. :/i -o c-ia.ato perc-5 corre(i co.e )n pa88o, e perc-5 -o a()to pa)ra c-e andassi a *ettarti in .are: disse ridendo Cadero)sse. :C-e dia(olo? D)ando )no -a de*li a.ici, non 1 soltanto per offrir loro )n bicc-iere di (ino, .a anc-e per i.pedir*li di andare a bere tre o 6)attro pinte d ac6)a.: +ernando .and3 )n *e.ito c-e se.bra(a )n sin*)lto, e lasci3 cadere la testa sopra i d)e p)*ni incrociati s)lla ta(ola. :Ebbene? V)oi c-e lo dica io, +ernando: riprese Cadero)sse inta(olando la con(ersa8ione con 6)ella (illana br)talit7 della *ente del popolo, alla 6)ale la c)riosit7 fa di.enticare o*ni specie di diplo.a8ia. :Fai l aria di )n a.ante sconfitto.: E acco.pa*n3 6)esto sc-er8o con )na forte risata. :Baie: inter(enne ;an*lars, :)n *io(anotto della for8a di cost)i non 1 fatto per essere dis*ra8iato in a.ore4 t) ti b)rli di l)i, Cadero)sse.: :0iente affatto: riprese 6)esti. :0on senti co.e sospira< Cora**io, +ernando: disse Cadero)sse, :al8a in alto il naso e rispondi. 0on 1 cortese non rispondere a*li a.ici c-e do.andano co.e (a la sal)te.: :La .ia sal)te (a bene: disse +ernando serrando i p)*ni, .a sen8a al8ar la testa. :!-, (edi, ;an*lars: disse Cadero)sse, stri88ando )n occ-io all a.ico, :ecco 6)a co.e sta l affare> +ernando, c-e (edi 6)i, e c-e 1 )n b)ono e bra(o catalano, )no dei .i*liori pescatori di Marsi*lia, 1 inna.orato di )na bella ra*a88a c-e si c-ia.a Mercedes, .a dis*ra8iata.ente se.bra c-e la bella ra*a88a sia inna.orata del secondo del +araone, e sicco.e 6)esto battello 1 entrato o**i stesso nel porto, t) capisci<...: :0o, io non capisco niente: disse ;an*lars. :Il po(ero +ernando a(r7 rice()to il s)o con*edo.: :Ebbene<: disse +ernando al8ando la testa e *)ardando Cadero)sse co.e in cerca di 6)alc)no con c)i

sfo*are la s)a collera. :Mercedes non dipende da alc)no, non 1 (ero< ;)n6)e 1 libera di a.are c-i ()ole.: :!-? "e t) la prendi cos2: disse Cadero)sse, :1 )n altro affare. /i crede(o )n catalano, e .i era stato detto c-e i catalani non eran tali da lasciarsi soppiantare da )n ri(ale, e .i si era fatto credere c-e particolar.ente +ernando fosse )n )o.o terribile nella (endetta.: +ernando sorrise con )n sorriso di piet7. :Un inna.orato non 1 .ai terribile: disse. :Po(ero ra*a88o: riprese ;an*lars, fin*endo di co.pian*erlo dal pi@ profondo dell ani.a, :c-e ()oi t)< L)i non si aspetta(a di (edere ritornare ;ant1s cos2 presto. = forse infedele, o c-e so io< D)este cose sono tanto pi@ scon(ol*enti 6)anto pi@ ci accadono ad )n tratto, e all i.pensata.: :In fede .ia: disse Cadero)sse c-e be(e(a parlando, e s) c)i il (ino di Mala*a co.incia(a a fare il s)o effetto, :+ernando non 1 il solo c-e (iene afflitto dal felice arri(o di ;ant1s. 0on 1 (ero, ;an*lars< :0on i.porta: so**i)nse Cadero)sse, (ersando )n bicc-iere di (ino a +ernando, e rie.piendo il proprio per l otta(a o deci.a (olta, .entre ;an*lars a(e(a appena assa**iato il s)o, :non i.porta, frattanto e*li sposa Mercedes> al.eno ritorna per 6)esto.: ;an*lars fissa(a )no s*)ardo scr)tatore per scoprire il c)ore del *io(ane, s)l 6)ale le parole di Cadero)sse cade(ano co.e pio.bo li6)ido. :E 6)ando si faranno le no88e<: do.and3 :O-, non sono ancor fatte: .or.or3 +ernando. :0o, .a si faranno: disse Cadero)sse. :Cos2 co.e ;ant1s sar7 capitano del +araone. 0on 1 cos2, ;an*lars<: ;an*lars rabbri(id2 a 6)esto colpo inatteso, e si (olt3 (erso Cadero)sse di c)i st)di3 i linea.enti per capire se era stato pre.editato, .a e*li non lesse c-e l in(idia s) 6)el (iso fattosi 6)asi ebete dall )briac-e88a. :Ebbene: disse, rie.piendo i bicc-ieri, :be(ia.o d)n6)e alla sal)te del capitano Ed.ondo ;ant1s, .arito della catalana?: Cadero)sse port3 il bicc-iere alla bocca, e con .ano pesante lo tracann3 in )n fiato. +ernando prese il s)o e lo r)ppe *ettandolo a terra. :E-? e-? e-?: disse Cadero)sse. :Cosa (edo s)ll alto del pro.ontorio, la**i@, (erso i Catalani< #)arda t), +ernando, c-e -ai .i*lior (ista della .ia4 credo di co.inciare a (eder doppio, e t) sai c-e il (ino 1 )n traditore... "i direbbe c-e i d)e a.anti passe**ino, tenendosi (icini (icini?: :Il cielo .i perdoni? 0on sanno d esser (ed)ti... Eccoli?: ;an*lars non perde(a alc)na delle an*osce c-e soffri(a +ernando, il c)i (iso si sco.pone(a palese.ente. :Li riconoscete, +ernando<: disse. :"2: rispose 6)esti, con sorda (oce, :sono Ed.ondo e Mercedes.: :!-, (edete: disse Cadero)sse, :li a(e(o riconosci)ti? C-e bella ra*a88a? E diteci 6)ando si faranno le no88e, poic-5 +ernando si 1 ostinato a non (olercelo dire.: :V)oi tacere: disse ;an*lars, si.)lando di trattenere Cadero)sse, c-e colla tenacia dell )briaco si sfor8a(a di pie*arsi f)ori del per*olato. :Cerca di tenerti dritto, e lascia *l inna.orati a.arsi tran6)illa.ente. #)arda +ernando, e prendi ese.pio da l)i, 1 )n )o.o ra*ione(ole.: +orse +ernando, ridotto a*li estre.i, e p)nto da ;an*lars co.e il toro dai *iostratori, sta(a per slanciarsi,

perc-5 si era *i7 al8ato e se.bra(a racco*liersi per sca*liarsi contro il s)o ri(ale, .a Mercedes, ridente e accorta, al83 la s)a bella testa e fece brillare il s)o li.pido s*)ardo. !llora +ernando si ricord3 la .inaccia c-e a(e(a fatto di .orire se Ed.ondo fosse .orto, e ricadde scora**iato s)l s)o sedile. ;an*lars *)ard3 6)ei d)e )o.ini> l )no i.bestialito dall )briac-e88a, l altro do.inato dall a.ore. :0on ne ca(er3 niente da 6)esti i.becilli: .or.or3, :ed -o *ran pa)ra di essere 6)i fra )n )briaco ed )n poltrone. Ecco )n in(idioso c-e si )briaca con del (ino, .entre do(rebbe farlo col fiele4 ecco )n *rande i.becille al 6)ale (ien tolta la s)a bella di sotto al naso, e si contenta di pian*ere e di la.entarsi co.e )n ra*a88o> nonostante abbia occ-i f)l.inanti co.e *li spa*noli, i siciliani e i calabresi, i 6)ali sanno (endicarsi cos2 bene, e dei p)*ni c-e infran*erebbero la testa a )n bo(e co.e la .a88a del .acellaio? ;ecisa.ente il destino di Ed.ondo la (ince> sposer7 la ra*a88a, sar7 fatto capitano, e si rider7 di noi, a .eno c-e...: Un sinistro sorriso affior3 alle labbra di ;an*lars. :! .eno c-e io non (i prenda parte...: so**i)nse. :Ol7?: contin)a(a a *ridare Cadero)sse, a .et7 al8ato e coi p)*ni s)lla ta(ola. :Ol7, Ed.ondo, non (edi d)n6)e *li a.ici, o sei di(entato *i7 tanto s)perbo da non poter parlar loro<: :0o, .io caro Cadero)sse: rispose ;ant1s, :io non sono s)perbo, sono felice, e la felicit7 acceca, credo, assai pi@ della s)perbia.: :!lla b)on ora, ecco )na bella spie*a8ione: disse Cadero)sse. :E-i? B)on *iorno, si*nora ;ant1s.: Mercedes sal)t3 con *ra(it7. :D)esto ancora non 1 il .io no.e: disse, :e nel .io paese porta catti(o a)*)rio c-ia.are le ra*a88e col no.e del fidan8ato, pri.a c-e sia loro .arito. Vi pre*o d)n6)e di c-ia.ar.i Mercedes.: :Biso*na perdonare il b)on (icino: disse ;ant1s, :e*li si sba*lia di poco.: :;)n6)e le no88e cadranno 6)anto pri.a, ;ant1s<: disse ;an*lars sal)tando i d)e *io(ani. :Il pi@ presto possibile, si*nor ;an*lars> o**i si prenderanno t)tti *li accordi con .io padre, e do.ani al pi@ tardi il pran8o di fidan8a.ento, 6)i alla Riser(a. "pero c-e *li a.ici (i saranno, e ci3 ()ol dire c-e siete in(itato, si*nor ;an*lars, e t), Cadero)sse, non .anc-erai.: :+ernando: disse Cadero)sse ridendo, :sar7 in(itato anc-e l)i<: :Il fratello della .ia sposa 1 p)re .io fratello: disse Ed.ondo, :e tanto Mercedes c-e io (edre..o con so..o dispiacere c-e e*li si allontanasse da noi in 6)esta circostan8a.: +ernando apr2 la bocca per rispondere, .a la (oce *li si estinse in *ola, e non pot5 articolar parola. :O**i *li accordi, do.ani o dopo il fidan8a.ento?... C-e dia(olo? Capitano, (oi a(ete .olta fretta.: :;an*lars: rispose Ed.ondo sorridendo, :(i dir3 ci3 c-e Mercedes dice(a or ora a Cadero)sse> non .i date )n titolo c-e non .i appartiene... Mi porterebbe catti(o a)*)rio.: :"c)sate: precis3 ;an*lars, :dice(o se.plice.ente c-e (oi a(ete .olta fretta. C-e dia(olo? 0oi abbia.o te.po4 il +araone non .etter7 la (ela c-e fra tre .esi.: :"i -a se.pre fretta di esser felici4 6)ando )no -a sofferto l)n*a.ente, si pena a credere alla felicit7. Ma non 1 il solo e*ois.o c-e .i fa a*ire in tal .odo4 occorre c-e io (ada a Pari*i.:

:!- da((ero< ! Pari*i< = la pri.a (olta c-e ci andate, ;ant1s<: :"2.: :Vi a(ete de*li affari<: :0on per conto .io4 1 )n )lti.a co..is sione del nostro capitano Leclerc da ade.piere4 (oi capirete, ;an*lars, c-e 6)esta 1 cosa sacra. ; altronde, state tran6)illo, io non prender3 c-e il te.po necessario per l andata e il ritorno.: :"2, s2 capisco: disse ad alta (oce ;an*lars, poi so**i)nse fra s5 abbassando la (oce> :! Pari*i, sen8a d)bbio, per ri.ettere al s)o indiri88o la lettera c-e *li conse*n3 il Capitano. !-, perbacco? D)esta lettera .i fa nascere )n idea, )n eccellente idea, perbacco? "i*nor ;ant1s, a.ico .io, non -ai ancora dor.ito a bordo del +araone nella cabina n).ero 1.: Poi (ol*endosi a Ed.ondo c-e *i7 si allontana(a> :B)on (ia**io...: *li *rid3 dietro. :#ra8ie...: rispose Ed.ondo (oltando la testa, acco.pa*nando 6)esto .o(i.ento con )n *esto a.ic-e(ole. D)indi i d)e inna.orati contin)arono la loro strada lieti e tran6)illi co.e d)e ani.e c-e sal*ono al cielo. Capitolo %. IL COMPLO//O. ;an*lars se*)2 Ed.ondo e Mercedes collo s*)ardo finc-5 i d)e si dile*)arono per )no de*li an*oli della porta "an 0icola4 poi (ol*endosi s a((ide c-e +ernando era ricad)to s)lla s)a panca pallido e fre.ente, .entre Cadero)sse balbetta(a le parole di )na can8one da osteria. :Ecco 6)a: disse ;an*lars a +ernando, :)n .atri.onio c-e se.bra non faccia la felicit7 di t)tto il .ondo.: :D)esto 1 la .ia dispera8ione.: :Voi d)n6)e a.ate Mercedes<: :;al .o.ento c-e la conobbi l a.ai4 l -o se.pre a.ata?: :E (oi state l7 a strappar(i i capelli in(ece di cercare )n ri.edio< C-e dia(olo? Io non crede(o c-e fosse 6)esto il .odo con c)i a*iscono 6)elli della (ostra ra88a.: :C-e cosa (olete c-e faccia<: do.and3 +ernando. :E c-e so io< = forse cosa c-e .i ri*)arda< 0on sono io, .i se.bra, l inna.orato di Mercedes, .a (oi.: :Io (ole(o p)*nalar l :-o.bre:, .a lei .i -a detto c-e se a((eni(a )na dis*ra8ia al s)o fidan8ato si sarebbe )ccisa.: :Baie? D)este son cose c-e si dicono se.pre, e non si fanno .ai.: :"i*nore, (oi non conoscete Mercedes> 6)ando .inaccia, ese*)e.: :I.becille?: .or.or3 ;an*lars. :C-e lei si )ccida o no a .e poca i.porta p)rc-5 ;ant1s non di(enti capitano.: :E pri.a c-e Mercedes .)oia: so**i)nse +ernando, coll accento di )na fer.a risol)8ione, :.orirei io stesso.: :D)esto si c-ia.a a.ore?: disse Cadero)sse con (oce a((ina88ata. :"e 6)esto non 1 (ero a.ore, da((ero non lo so pi@ conoscere.: :Vedia.o: disse ;an*lars, :(oi .i se.brate )n *entil *io(ane, e (orrei, c-e il dia(olo .i porti, to*lier(i d i.bara88o, .a...: :"2, s2: disse Cadero)sse, :(edia.o il .odo.: :Mio caro: so**i)nse ;an*lars, :t) sei per tre 6)arti )briaco4 ter.ina la botti*lia e lo sarai del t)tto. Be(i, e non .isc-iarti di ci3 c-e faccia.o, perc-5 biso*na a(er libera la testa.:

:Io )briaco<: disse Cadero)sse. :E- (ia? Io delle t)e botti*lie ne berrei altre 6)attro? 0on sono pi@ *randi di )na boccetta d ac6)a di Colonia?... Pap7 Panfilo, del (ino?: E per dare effetto alle parole, Cadero)sse batt5 il bicc-iere s)lla ta(ola. :;)n6)e dice(ate, si*nore<: riprese +ernando, aspettando con i.pa8ien8a il se*)ito della frase interrotta. :C-e dice(o< 0on .e ne so((en*o. D)esto )briacone di Cadero)sse .i -a fatto perdere il filo delle idee.: :Ubriaco 6)anto (orrai. /anto pe**io per 6)elli c-e -anno pa)ra del (ino? Ci3 perc-5 -anno 6)alc-e catti(o pensiero e te.ono c-e il (ino lo tol*a dal c)ore.: E Cadero)sse si .ise a cantare *li )lti.i (ersi di )na can8one .olto in (o*a a 6)ei te.pi> !c6)a be(on color c-e fan del .ale> 0 e )na pro(a il dil)(io )ni(ersale? :;ice(ate, si*nore: riprende(a +ernando, :c-e .i (orreste le(ar di pena, .a a**i)n*este...: :"2, a**i)n*e(o c-e per le(ar(i di pena basta c-e ;ant1s non sposi 6)ella c-e (oi a.ate, ed il .atri.onio p)3 benissi.o non effett)arsi anc-e sen8a c-e ;ant1s .)oia.: :La .orte sola p)3 separarli: disse +ernando. :Voi ra*ionate co.e )n ra*a88o, a.ico .io: disse Cadero)sse, :e sicco.e ;an*lars 1 )n f)rbo, )n .ali*no, )n *reco, (i .ostrer7 in 6)al .odo (oi a(ete torto. Pro(alo, ;an*lars, io -o *arantito per te. ;i*li c-e non (i 1 biso*no c-e ;ant1s .)oia... ; altronde .i dispiacerebbe c-e .orisse, ;ant1s4 1 )n b)on *io(ane... io l a.o... io ti a.o ;ant1s... alla t)a sal)te ;ant1s?: +ernando si al83 con la .assi.a i.pa8ien8a. :Lasciatelo dire: riprese ;an*lars, trattenendo il catalano, :sebbene )briaco non dice )n *rande sproposito> l assen8a separa d)e indi(id)i tanto bene 6)anto la .orte... ")pponete per ese.pio c-e (i fosse fra Ed.ondo e Mercedes la .)ra*lia di )na pri*ione4 essi sarebbero di(isi n5 pi@ n5 .eno c-e se (i fosse la lapide di )na to.ba.: :"2, .a di pri*ione si esce: disse Cadero)sse, c-e con *li )lti.i spra88i della s)a intelli*en8a, si anda(a fra..isc-iando alla con(ersa8ione, :e 6)ando si esce di pri*ione, e si porta il no.e di Ed.ondo ;ant1s, )no si (endica.: :C-e i.porta?: .or.or3 +ernando. :E poi: rispose Cadero)sse, :perc-5 si .etterebbe in pri*ione ;ant1s< E*li non -a n5 r)bato, n5 a..a88ato, n5 assassinato.: :/aci )na (olta?: disse ;an*lars. :Io non (o*lio tacere4 pretendo c-e .i si dica perc-5 si ()ol far .ettere in pri*ione ;ant1s. !.o ;ant1s? !lla t)a sal)te ;ant1s?: E ()ot3 d )n fiato )n altro bicc-iere di (ino. ;an*lars se*)2 con lo s*)ardo i pro*ressi dell )briac-e88a del s)o co.pa*no, e (ol*endosi a +ernando> :Ebbene, co.prendete c-e non (i 1 biso*no di )cciderlo<: :0o certo, se, co.e (oi dice(ate poco fa, si potesse tro(are il .odo di farlo arrestare.: :Cercando bene: disse ;an*lars, :lo si potrebbe tro(are... Ma di c-e dia(olo (ado io ad i..isc-iar.i< = forse cosa c-e .i ri*)arda<: :0on so se ci3 (i ri*)ardi: disse +ernando afferrando*li )n braccio, :.a ci3 c-e so 1 c-e (oi a(ete 6)alc-e

.oti(o particolare di odio contro ;ant1s> c-i odia se stesso, non s in*anna s)i senti.enti de*li altri.: :Io?... dei .oti(i di odio con ;ant1s< 0ess)no, s)lla .ia parola? Io (i -o (isto infelice e la (ostra infelicit7 .i -a co..osso, perci3 -o preso interesse per (oi, ecco t)tto. Ma dal .o.ento c-e (oi cre dete c-e a*isca per conto .io, addio, a.ico caro> le(ate(i d i.bara88o co.e potete.: E ;an*lars fece atto a s)a (olta d al8arsi. :0o: disse +ernando trattenendolo, :restate4 in fin dei conti, poco . i.porta c-e (oi odiate o no ;ant1s> io l odio e lo confesso alta.ente. /ro(ate il .e88o ed io l ese*)o, p)rc-5 non ca)si la .orte dell )o.o poic-5 Mercedes si )cciderebbe se ;ant1s fosse )cciso.: Cadero)sse c-e a(e(a lasciato cadere la testa s)l ta(olo rial83 la fronte e *)ardando +ernando e ;an*lars, con occ-i appesantiti e spenti> :Uccidere ;ant1s...: disse. :C-i parla di )ccidere ;ant1s< Io non (o*lio c-e sia )cciso, io?... = .io a.ico... Mi -a offerto 6)esta .attina di di(ider con .e il s)o denaro, co.e io -o di(iso il .io con l)i... 0on (o*lio c-e si )ccida ;ant1s?...: :E c-i ti parla di )cciderlo, i.becille: riprese ;an*lars, :si parla di )n se.plice sc-er8o. Be(i alla s)a sal)te: so**i)nse rie.piendo*li il bicc-iere, :e lasciaci tran6)illi.: :"2, s2, alla sal)te di ;ant1s: disse Cadero)sse, ()otando il bicc-iere, :alla s)a sal)te... alla s)a sal)te... al... la...: :Ma il .e88o<... Il .e88o<: disse con i.pa8ien8a +ernando. :Voi non lo a(ete ancora tro(ato<: :0o, (oi (e ne siete incaricato.: := (ero: rispose ;an*lars, :i francesi -anno 6)esta s)periorit7 sopra *li spa*noli> *li spa*noli r).inano, e i francesi in(entano.: :In(entate d)n6)e, in(entate: disse +ernando con i.pa8ien8a. :Ca.eriere?: disse ;an*lars, :carta, penna e cala.aio.: :Carta, penna, cala.aio<: .or.or3 +ernando. :"2, io son scri(ano co.p)tista, la penna, l inc-iostro e la carta sono i .iei str).enti, e sen8a di 6)esti non saprei fare cosa alc)na.: :Carta, penna e cala.aio?: *rid3 ad alta (oce +ernando. :Ecco t)tto: disse il ca.eriere portando *li o**etti ric-iesti. :D)ando si pensa: disse Cadero)sse, lasciando cadere la .ano s)lla carta, :c-e con 6)esta carta si p)3 a..a88are )n )o.o con pi@ facilit7 c-e se si attendesse all an*olo di )n bosco per assassinarlo. Fo se.pre a()to pi@ pa)ra di )na botti*lia d inc-iostro, di )na penna e di )n cala.a io, c-e non di )na spada o di )na pistola.: :Il b)ffone non 1 ancora )briaco 6)anto se.bra: disse ;an*lars. :Versate*li d)n6)e da bere, +ernando.: +ernando rie.p2 il bicc-iere di Cadero)sse4 e 6)esti, da 6)el bra(o be(itore c-e era, le(3 la .ano dalla cart a, e la port3 al bicc-iere. Il catalano se*)2 i .o(i.enti fino a c-e Cadero)sse, 6)asi sopraffatto da 6)esto n)o(o attacco, lasci3 cadere il s)o bicc-iere s)lla ta(ola. :Ebbene...: riprese il catalano, (edendo c-e il poco della ra*ione c-e resta(a a Cadero)sse co.incia(a a sparire sotto l infl)en8a di 6)est )lti.o bicc-iere di (ino.

:Ebbene dice(o d)n6)e, per ese.pio: riprese ;an*lars, :c-e se dopo )n (ia**io co.e 6)ello c-e -a fatto ;ant1s e in c)i -a toccato 0apoli e l isola d Elba, 6)alc)no lo den)nciasse...: :Lo den)n8ier3 io: disse con (i(acit7 il *io(ane. :"2, .a allora (i si fa fir.are la (ostra dic-iara8ione, e (i si confronta con 6)ello c-e a(ete den)nciato. Io (i so..inistro di c-e sostenere la (ostra acc)sa, lo so bene. Ma ;ant1s non p)3 restare eterna.ente in pri*ione4 )n *iorno o l altro ne )scir7, e il *iorno in c)i esce sar7 terribile con 6)ello c-e lo -a fatto entrare.: :O-, io non desidero c-e )na cosa: disse +ernando, :c-e e*li (en*a a pro(ocare )n d)ello.: :"2, e Mercedes< Mercedes (i prender7 in odio se (oi a(rete soltanto la dis*ra8ia di scalfire la pelle al s)o diletto Ed.ondo?: := *i)sto: disse +ernando. :0o, no: riprese ;an*lars, :se si decide )na cosa si.ile, (edete bene, 1 .e*lio prendere bonaria.ente, cos2 co.e faccio io, 6)esta penna, ba*narla nell inc-iostro e scri(ere con la .ano sinistra, affinc-5 il carattere non sia indi(id)ato, la piccola se*)ente den)ncia.: E ;an*lars, )nendo l ese.pio all inse*na.ento, scrisse con la .ano sinistra e con )n carattere ro(esciato, c-e non a(e(a alc)na analo*ia col s)o carattere ordinario, le parole c-e e*li pass3 a +ernando e 6)esti lesse a .e88a (oce. :Il si*nor Proc)ratore del Re 1 a((isato, da )n a.ico del trono e della reli*ione, c-e )n tale, no.inato Ed.ondo ;ant1s, secondo del basti.ento il +araone *i)nto 6)esta .attina da ".irne, dopo a(er toccato 0apoli e Portoferraio, f) incaricato da M)rat di )na lettera per l )s)rpatore, e dall )s)rpatore di )na lettera per il Co.itato bonapartista di Pari*i. "i a(r7 la pro(a del s)o delitto arrestandolo poic-5 si tro(er7 6)esta, o nelle s)e tasc-e, o in casa di s)o padre, o nella s)a cabina a bordo del +araone.: :!lla b)on ora: contin)3 ;an*lars, :in tal .odo la (ostra (endetta sar7 attrib)ita alle circostan8e, e sarete sic)ro c-e non ricadr7 sopra di (oi, e la cosa andr7 da sola. Perci3 non (i resterebbe pi@ c-e pie*are la lettera co.e faccio io, scri(erci sopra> :!l Proc)ratore del Re:, e t)tto sarebbe fatto.: E ;an*lars fece la soprascritta co.e se a(esse sc-er8ato. :"2, t)tto sarebbe fatto: *rid3 Cadero)sse, c-e con )n )lti.o sfor8o d intelli*en8a a(e(a se*)ito la lett)ra, e c-e co.prende(a per istinto t)tto il .ale c-e a(rebbe pot)to apportare )na si.ile den)ncia. :"2, t)tto sarebbe fatto, soltanto sarebbe )n infa.ia.: Ed all)n*3 il braccio per prendere la lettera. :Per tal .odo: disse ;an*lars, allontanando la lettera, :per tal .odo t)tto ci3 c-e -o detto e fatto non 1 c-e )no sc-er8o, ed io sarei il pri.o ad esserne afflitto se accadesse 6)alc-e dis*ra8ia a ;ant1s, a 6)esto b)on ;ant1s? Cos2 osser(ate...: E*li prese la lettera, la spie*a883 fra le .ani e la *ett3 in )n an*olo del per*olato. :!lla b)on ora: disse Cadero)sse. :;ant1s 1 .io a.ico, e non (o*lio c-e *li si faccia del .ale.: :E c-i dia(olo pensa a far*li del .ale< Certa.ente n5 io n5 +ernando: disse ;an*lars al8andosi, e s6)adrando il catalano ri.asto sed)to, c-e non perde(a d occ-io il fo*lio den)nciatore *ettato nell an*olo.

:In 6)esto caso: riprese Cadero)sse, :c-e ci portino del (ino, io (o*lio bere alla sal)te di Ed.ondo e della bella Mercedes.: :/) -ai anc-e troppo be()to, )briacone?: disse ;an*lars. :E se contin)i sarai obbli*ato a dor.ir 6)i, poic-5 non potrai re**erti in piedi.: :Io?: disse Cadero)sse, al8andosi colla fat)it7 dell )o.o )briaco, :io non potr3 tener.i in piedi< "co..etto c-e .onto s)l ca.panile de*li !cco)l1s anc-e sen8a il bilanciere?: :"ia?: disse ;an*lars. :Io sco..etto, .a per do.ani4 o**i 1 ora di ritornare a casa. ;a..i il braccio e andia.o.: :!ndia.o: disse Cadero)sse, :.a non -o biso*no del t)o braccio. Vieni anc-e t), +ernando< Rientri con noi a Marsi*lia<: :0o: disse +ernando, :io ritorno ai Catalani.: :/) fai .ale, (ieni con noi a Marsi*lia. (ieni.: :0on -o da fare a Marsi*lia, e non ci (o*lio andare.: :Co.e -ai detto< 0on (ieni *alant)o.o< Ebbene a t)o co.odo. Vieni ;an*lars, lascia.o rientrare il *io(anotto ai Catalani, poic-5 ()ole cos2.: ;an*lars approfitt3 del .o.ento di b)ona (olont7 di Cadero)sse per trascinarlo alla (olta di Marsi*lia4 e solo per lasciare la strada pi@ corta e pi@ facile a +ernando, in(ece di ritornare per la ri(iera della n)o(a Ri(a, ritorn3 per la porta "an Vittore4 Cadero)sse lo se*)2 barcollando attaccato al s)o braccio. D)ando f) ad )na (entina di passi, ;an*lars si (olt3 e (ide +ernando precipitarsi s)l fo*lio e .etterlo in tasca4 poi s)bito bal8are f)ori dal per*olato, e andarsene dalla parte del Pilone. :Ebbene, c-e fa d)n6)e<: disse Cadero)sse. :Fa .entito> ci -a detto c-e anda(a ai Catalani ed -a (oltato dalla parte della citt7. Ol7? +ernando, t) ti sba*li, caro ra*a88o?: :"ei t) c-e (edi .ale: disse ;an*lars, :e*li se*)e diretta.ente la strada delle Vecc-ie Infer.erie.: :;a((ero<: disse Cadero)sse. :Epp)re *i)rerei c-e -a (oltato a destra? ;ecisa.ente il (ino 1 )n traditore?: :!ndia.o, andia.o: .or.or3 ;an*lars, :credo c-e l affare sia bene a((iato e non resti altro da fare c-e lasciarlo pro*redire da s5.: Capitolo '. IL PR!0GO ;I +I;!0G!ME0/O. Il *iorno dopo f) )n bel *iorno, il sole si al83 p)ro e ril)cente, e i s)oi pri.i ra**i di )n rosso p)rp)reo scre8ia(ano le ci.e dei fl)tti di )n bel color r)bino. Il pran8o era stato preparato al pri.o piano di 6)ella stessa Riser(a col per*olato, di c)i noi face..o *i7 conoscen8a. Era )na *ran sala ill).inata da cin6)e o sei finestre, e al di sopra di ciasc)na, sen8a sapersi il perc-5, sta(a scritto il no.e di )na delle *randi citt7 della +rancia4 )na terra88a in le*no )ni(a le finestre. D)ant)n6)e il pran8o non fosse fissato c-e per .e88o*iorno, fino dalle )ndici del .attino 6)esta terra88a era so(raccarica di persone c-e (i passe**ia(ano con i.pa8ien8a. Erano i .arinai pri(ile*iati del +araone e 6)alc-e a.ico di ;ant1s. /)tti, in onore del fidan8ato, erano (estiti dei loro .i*liori abiti. Corre(a (oce fra i con(itati del pro.esso sposo, c-e *li ar.atori del +araone a(rebbero onorato il fidan8a.ento del loro secondo. Ma 6)esto, a loro pensare, era )n onore cos2 *rande per ;ant1s, c-e ness)no

osa(a crederci. Per3 ;an*lars, c-e *i)n*e(a in co.pa*nia di Cadero)sse, confer.3 la noti8ia. La .attina a(e(a (isto lo stesso si*nor Morrel, e 6)esti lo a(e(a assic)rato c-e sarebbe (en)to a pran8o alla Riser(a. ;ifatti, poc-i .o.enti dopo il si*nor Morrel fece il s)o in*resso nella sala e f) sal)tato dai .arinai del +araone con )n e((i(a e )nani.i appla)si. La presen8a dell ar.atore era )na confer.a della (oce c-e *i7 corre(a c-e ;ant1s sarebbe stato no.inato capitano4 e sicco.e ;ant1s era .olto a.ato a bordo, 6)esta bra(a *ente face(a capire in tal .odo all ar.atore c-e )na (olta tanto la no.ina del capitano era in ar.onia coi desideri dei s)bordinati. !ppena il si*nor Morrel f) entrato, ;an*lars e Cadero)sse f)rono )nani.e.ente incaricati di andare incontro ai fidan8ati. ;o(e(ano a((ertirli dell arri(o del persona**io i.portante, la c)i (en)ta a(e(a prodotto )na cos2 forte i.pressione, e dir loro c-e si affrettassero. ;an*lars e Cadero)sse partirono di corsa4 .a non ebbero fatto cento passi c-e scorsero la piccola co.pa*nia c-e (eni(a alla loro (olta. D)esta piccola co.pa*nia si co.pone(a di 6)attro ra*a88e a.ic-e di Mercedes, catalane co.e lei, c-e acco.pa*na(ano la fidan8ata alla 6)ale Ed.ondo da(a il braccio. Vicino alla f)t)ra sposa ca..ina(a il (ecc-io ;ant1s, e dietro loro (eni(a con sinistro so**-i*no +ernando4 i po(eri *io(ani erano cos2 felici, c-e non (ede(ano c-e se stessi e il bel cielo c-e li benedice(a. ;an*lars e Cadero)sse disi.pe*narono la loro .issione di a.basciatori4 6)indi dopo a(er sca.biato con Ed.ondo )na stretta di .ano (i*orosa ed a.ic-e(ole, andarono, ;an*lars a prender posto (icino a +ernando, Cadero)sse a .ettersi a fianco del padre di ;ant1s, centro dell atten8ione *enerale. Il (ecc-io era (estito del s)o bell abito di taffet7 .isto, *)arnito con lar*-i bottoni di acciaio ta*liati a faccette. Le s)e *a.be sottili, .a nerbor)te, erano ricoperte da )n .a*nifico paio di cal8e di cotone operato, di contrabbando in*lese. ;al s)o cappello a tre pi88i pende(a )na fett)ccia bianca e t)rc-ina. "i appo**ia(a sopra )n bastone di le*no tornito e ric)r(o in alto co.e il :ped).: de*li antic-i. "i sarebbe detto )no di 6)e*li 8erbinotti c-e face(ano la loro parata nel 1HIB nei *iardini n)o(a.ente riaperti del L)sse.b)r*o e delle /)ileries. Vicino a l)i, co.e *i7 detto, si era introdotto Cadero)sse, c-e la speran8a di )n b)on pran8o a(e(a riconciliato con ;ant1s, Cadero)sse al 6)ale resta(a nella .ente )na (a*a .e.oria di ci3 c-e era accad)to il *iorno innan8i, co.e 6)ando nello s(e*liarsi la .attina si ritro(a l o.bra del so*no c-e si 1 fatto nella notte. ;an*lars nell a((icinarsi a +ernando a(e(a *ettato s)l catalano i.bara88ato )no s*)ardo profondo. +ernando ca..ina(a dietro ai fidan8ati, co.pleta.ente trasc)rato da Mercedes, c-e, con 6)ell e*ois.o *io(anile caro all a.ore, non a(e(a occ-i per altri c-e per Ed.ondo4 +ernando era pallido, con i.pro((isi rossori c-e lascia(ano il posto a )n pallore se.pre pi@ crescente. O*ni tanto *)arda(a (erso Marsi*lia, ed allora )n tre.ito ner(oso ed in(olontario *li scorre(a per le .e.bra.

+ernando se.bra(a attendere o per lo .eno pre(edere )n a((eni.ento. ;ant1s era (estito con se.plicit7. !ppartenendo alla .arina .ercantile, a(e(a )n abito fra l )nifor.e .ilitare ed il cost).e bor*-ese, e sotto 6)esto abito il s)o porta.ento, eccitato anc-e dalla *ioia e dalla belle88a della s)a fidan8ata, era s)perbo. Mercedes era bella co.e )na di 6)elle *rec-e di Cipro o di Ceos, da*li occ-i d ebano e dalle labbra di corallo. Ca..ina(a col passo franco e libero delle andal)se. Una ra*a88a di citt7 a(rebbe forse cercato di nascondere la s)a *ioia sotto )n (elo o al.eno sotto il (ell)to delle palpebre4 .a Mercedes sorride(a e *)arda(a t)tto ci3 c-e la circonda(a, e il s)o sorriso ed il s)o s*)ardo dice(ano franca.ente 6)anto a(rebbero pot)to dire le s)e parole> :"e (oi .i siete a.ici ralle*rate(i, poic-5 in (erit7 io sono .olto felice:. ;al .o.ento c-e i fidan8ati e coloro c-e li acco.pa*na(ano f)rono in (ista della Riser(a, Morrel discese, e a(an83 (erso di loro, se*)ito dai .arinai e dai soldati coi 6)ali era ri.asto ed a c)i a(e(a rinno(ato la pro.essa, *i7 fatta a ;ant1s, c-e 6)esti sarebbe s)cced)to al capitano Leclerc. Ed.ondo, (edendolo (enire, lasci3 il braccio della fidan8ata e lo cedette a Morrel. L ar.atore e la ra*a88a dettero allora l ese.pio e salirono per pri.i la scala di le*no c-e .ette(a alla stan8a o(e era preparato il pran8o. La scala scricc-iol3 per cin6)e .in)ti sotto i pesanti passi dei con(itati. :Padre .io: disse Mercedes, fer.andosi a .et7 della ta(ola, :(oi starete alla .ia destra, alla sinistra porr3 col)i c-e fin 6)i .i -a fatto da fratello: e lo disse con )na dolce88a c-e penetr3 nel pi@ profondo del c)ore di +ernando co.e )n colpo di p)*nale. Le s)e labbra s incresparono e, sotto la tinta li(ida del s)o (iso .asc-ile, si pot5 (edere il san*)e ritirarsi a poco a poco, per affl)ire al c)ore. ;)rante 6)esto te.po ;ant1s a(e(a ese*)ita la stessa .ano(ra> alla s)a destra a(e(a posto Morrel, alla sinistra ;an*lars4 6)indi a(e(a fatto se*no con la .ano c-e ciasc)no prendesse posto a s)o piacere. #i7 circola(ano intorno alla ta(ola i sala.i di !rles colle carni br)ne e aff).icate, le ara*oste ricoperte della loro rosea cora88a, i ricci di .are c-e se.bra(ano casta*ne circondate dalla loro scor8a spinosa, le cappe c-e presso i *-iottoni del .e88o*iorno sono (al)tate pi@ delle ostric-e del nord4 e t)tti 6)ei crostacei, c-e i fl)tti *ettano s)lla ri(a sabbiosa e c-e i pescatori riconoscenti desi*nano col no.e *enerico di fr)tti di .are. :Bel silen8io?: disse il (ecc-io, assa**iando )n bicc-iere di (ino *iallo topa8io, c-e pap7 Panfilo in persona a(e(a portato a Mercedes. :"i direbbe c-e 6)i ci sono trenta persone c-e non desiderano altro c-e ridere...: :E-, )n .arito non 1 se.pre alle*ro: disse Cadero)sse. :Il fatto 1: disse ;ant1s, :c-e sono troppo felice in 6)esto .o.ento. "e 1 cos2 c-e (oi la intendete, caro (icino, a(ete ra*ione> la *ioia 6)alc-e (olta fa )n effetto strano> essa oppri.e co.e il dolore.: ;an*lars osser(3 +ernando la c)i nat)ra i.pressionabile rice(e(a e riflette(a ciasc)na e.o8ione.

:!ndia.o d)n6)e: disse, :a(reste forse pa)ra di 6)alc-e cosa< Mi se.bra al contrario c-e (ada t)tto secondo i (ostri desideri.: :Ed 1 precisa.ente 6)esto c-e .i spa(enta: disse ;ant1s, :.i se.bra c-e l )o.o non sia fatto per essere cos2 facil.ente felice. La felicit7 1 co.e 6)ei pala88i delle isole incantate le c)i porte sono *)ardate dai dra*-i, biso*na co.battere per con6)istarli, ed io per dir la (erit7 non so 6)al .erito .i abbia (also la felicit7 di di(entare il .arito di Mercedes.: :Marito, .arito?: disse Cadero)sse ridendo, :non ancora, caro capitano. Pro(ati )n poco a fare da .arito e t) (edrai co.e sarai rice()to.: Mercedes arross2, +ernando si a*ita(a s)lla sedia, rabbri(idi(a al pi@ piccolo r).ore, e di tanto in tanto si asci)*a(a *rosse *occe di s)dore s)lla fronte, co.e le pri.e *occe di )n )ra*ano. :In fede .ia: disse ;ant1s ca(ando l orolo*io, :(icino Cadero)sse, non (al la pena di dar.i )na s.entita per cos2 poco. Mercedes non 1 ancora .ia .o*lie, 1 (ero, .a fra )n ora e .e88o lo sar7.: Ciasc)no fece )n *rido di sorpresa, eccetto il padre di ;ant1s il c)i lar*o riso .ostra(a dei denti se.pre belli. Mercedes sorrise e non arross2 pi@. +ernando afferr3 con()lsa.ente il .anico del s)o coltello. :+ra )n ora: disse ;an*lars i.pallidendo anc- e*li, :e co.e<: :"2, a.ici .iei: rispose ;ant1s, :*ra8ie al credito del si*nor Morrel, l )o.o al 6)ale dopo .io padre io debbo pi@ a 6)esto .ondo, t)tte le difficolt7 f)rono appianate4 noi abbia.o pa*ato le p)bblica8ioni, e alle d)e e .e88o il "indaco di Marsi*lia ci aspetta al Pala88o di citt7. Essendo l )na e )n 6)arto, credo di non esser.i sba*liato dicendo c-e tra )n ora e trenta .in)ti Mercedes si c-ia.er7 si*nora ;ant1s.: +ernando c-i)se *li occ-i4 )na n)be di f)oco br)ci3 le s)e palpebre, si appo**i3 alla ta(ola per non cadere in deli6)io, e .al*rado t)tti i s)oi sfor8i non pot5 ritenere )n sordo *e.ito c-e si perdette fra il r).ore delle risa e le felicita8ioni dell asse.blea. := )n bel fare, e-<: disse il padre di ;ant1s. :Vi se.bra c-e 6)esto si c-ia.i perder te.po< !rri(ato ieri .attina, .aritato o**i? Parlate.i di .arinai per andar dritti alla .eta.: :Ma le altre for.alit7<: obbiett3 ti.ida.ente ;an*lars. :Il contratto: disse ;ant1s ridendo, :il contratto 1 fatto. Mercedes non -a niente ed io lo stesso, noi ci .aritia.o sotto il re*i.e della co.)nione, (edete c-e 6)esto non 1 l)n*o a scri(ere e non sar7 costoso a pa*arsi.: D)esta face8ia eccit3 )na n)o(a esplosione di *ioia e di e((i(a. :Per tal .odo 6)ello c-e noi credia.o )n pran8o di fidan8a.ento: disse ;an*lars, :1 in(ece )n pran8o di no88e<: :0o: disse ;ant1s, :state tran6)illo, non perdete niente. ;o.ani .attina parto per Pari*i> cin6)e *iorni per andare, cin6)e *iorni per tornare, )n *iorno per ese*)ire coscien8iosa.ente la co..issione di c)i sono incaricato, e il dodici .ar8o sono di ritorno. Per il dodici di .ar8o d)n6)e (i aspetto al (ero pran8o di no88e.: La prospetti(a di )n n)o(o festino raddoppi3 l ilarit7 al p)nto c-e ;ant1s padre, c-e al principio del pran8o si la.enta(a del silen8io, face(a ora, in .e88o alla con(ersa8ione *enerale, (ani sfor8i per fare intendere il s)o (oto di prosperit7 in fa(ore dei pro.essi sposi.

;ant1s indo(in3 il pensiero del padre e rispose con )n sorriso pieno d a.ore. Mercedes co.inci3 a *)ardare l orolo*io della sala e fece )n piccolo se*no a Ed.ondo. Re*na(a intorno alla ta(ola 6)ella *ioia fra*orosa, propria della fine dei pran8i della *ente po(era. D)elli c-e erano .alcontenti del loro posto si erano al8ati da ta(ola, ed erano andati a cercare altri (icini. /)tti co.incia(ano a parlare in )na (olta e ness)no si occ)pa(a di rispondere a ci3 c-e *li do.anda(a il s)o interloc)tore. Il pallore di +ernando era passato 6)asi e*)ale s)lle *)ance di ;an*lars4 in 6)anto a +ernando stesso non (i(e(a pi@ e se.bra(a )n dannato in )n la*o di f)oco. E*li si era al8ato tra i pri.i e passe**ia(a in l)n*o e in lar*o nella sala, cercando d isolare il s)o orecc-io dal r).ore delle can8oni e dal toccarsi dei bicc-ieri. Cadero)sse si a((icin3 a l)i nel .o.ento in c)i ;an*lars, c-e e*li se.bra(a f)**ire, lo ra**i)n*e(a in )n an*olo della sala. :In (erit7: disse Cadero)sse, a c)i il (ino di pap7 Panfilo a(e(a tolto t)tti i resti di 6)ell odio di c)i l inattesa fort)na di ;ant1s a(e(a *ettato i *er.i nella s)a ani.a, :in (erit7, ;ant1s 1 )n *entil)o.o, e 6)ando lo *)ardo sed)to presso la s)a fidan8ata, .i (ado dicendo c-e sarebbe stato (era.ente .ale far*li 6)ella catti(a b)rla c-e tra.a(ate ieri.: :/) -ai (ed)to: disse ;an*lars, :c-e la cosa non -a a()to ness)na conse*)en8a. D)esto po(ero +ernando era cos2 scon(olto c-e .i a(e(a s)lle pri.e fatto pena4 dal .o.ento c-e -a preso il partito di essere il pri.o testi.one alle no88e del s)o ri(ale, non (i 1 pi@ niente a ridire.: Cadero)sse *)ard3 +ernando4 era li(ido. :Il sacrificio 1 tanto pi@ *rande: contin)a(a ;an*lars, :in 6)anto la ra*a88a 1 .olto bella. C-e f)rbo felice 1 il .io f)t)ro capitano? Io (orrei c-ia.ar.i ;ant1s, solo per dodici ore.: :Partia.o<: do.and3 la dolce (oce di Mercedes. :")onano le d)e e sia.o aspettati alle d)e e )n 6)arto.: :"2, s2, partia.o: disse (i(a.ente ;ant1s. :Partia.o: ripeterono in coro t)tti i con(itati. 0el .edesi.o istante ;an*lars c-e non perde(a di (ista +ernando assiso al parapetto della finestra, lo (ide aprire d)e occ-i spa(entati, al8arsi co.e per )n s)ss)lto e ricadere s)l s)o posto. In 6)ello stesso .o.ento )n sordo r).ore rintron3 s)lle scale, )n fra*ore di passi ed )n .or.orio di (oci, conf)so all )rtarsi di ar.i, s)per3 le escla.a8ioni dei con(itati per 6)anto fossero c-iassose e attir3 l atten8ione *enerale, c-e si .anifest3 in )n istante con )n in6)ieto silen8io. Il r).ore si a((icina, tre colp i perc)otono la porta, ciasc)no *)arda il s)o (icino con sorpresa. :In no.e della le**e?: *rid3 )na (oce, a c)i ness)no rispose. La porta si apri, e )n co..issario, cinto della s)a sciarpa, entr3 nella sala se*)ito da 6)attro soldati ar.ati, condotti da )n caporale. L in6)iet)dine diede posto al terrore. :C-e c 1<: do.and3 l ar.atore, facendosi a(anti, al co..issario c-e conosce(a. :Certa.ente, si*nore, 6)i c 1 )no sba*lio.: :"e c 1 )no sba*lio, si*nor Morrel: rispose il co..issario, :state sic)ro c-e lo sba*lio sar7 riparato. +rattanto sono portatore di )n .andato di arresto, e, 6)ant)n6)e ese*)a l ordine con dispiacere, sono obbli*ato ad

ese*)irlo. C-i di (oi si c-ia.a Ed.ondo ;ant1s<: /)tti *li s*)ardi si (oltarono (erso il *io(ane, c-e, .olto co..osso, .a conser(ando la s)a di*nit7, fece )n passo a(anti e disse> :"ono io, si*nore. C-e si ()ole da .e<: :Ed.ondo ;ant1s:: riprese il co..issario, :in no.e della le**e (oi siete in arresto.: :Voi .i arrestate?: disse Ed.ondo con )n le**ero pallore. :Ma perc-5 (en*o arrestato<: :Io, si*nore, non lo so, .a (oi lo saprete certa.ente nel (ostro pri.o interro*atorio.: Morrel cap2 bene c-e non c era n)lla da fare contro la inflessibilit7 della sit)a8ione, )n co..issario cinto di sciarpa non 1 pi@ )n )o.o, 1 l esec)tore della le**e. Il (ecc-io in(ece si precipit3 (erso l )fficiale, (i sono cose c-e il c)ore di )n padre o di )na .adre non capiscono .ai. E*li pre*3 e s)pplic3, .a lacri.e e pre*-iere non ebbero alc)n potere4 e la s)a dispera8ione era cos2 *rande c-e il co..issario ne f) persino co..osso. :"i*nore: disse, :state cal.o, forse (ostro fi*lio a(r7 trasc)rato 6)alc-e for.alit7 di do*ana o di sanit7, e secondo t)tte le probabilit7, allorc-5 si saranno rice()ti da l)i *li sc-iari.enti c-e si desiderano, sar7 .esso in libert7.: :C-e si*nifica t)tto 6)esto<: do.and3 Cadero)sse, a**rottando le sopracci*lia, a ;an*lars c-e fin*e(a di esser sorpreso. :Lo so io forse<: disse ;an*lars. :Io son co.e te, *)ardo ci3 c-e accade, .i confondo e non ci capisco niente.: Cadero)sse cerc3 con *li occ-i +ernando> era sparito. /)tta la scena del *iorno a(anti si present3 allora a Cadero)sse con )na spa(ente(ole c-iare88a. "i sarebbe detto c-e la catastrofe (eni(a ad al8are il (elo c-e l )briac-e88a del *iorno innan8i a(e(a posto fra l)i e la s)a .e.oria. :O-, o-?: diss e*li con (oce ra)ca. :"arebbe 6)esta la conse*)en8a dello sc-er8o di c)i parla(ate ieri, ;an*lars< In 6)esto caso *)ai a col)i c-e l a(esse fatto, perc-5 1 ben tristo?: :0iente affatto: rispose ;an*lars, :t) sai bene c-e al contrario -o stracciato il fo*lio.: :/) non l -ai stracciato: *rid3 Cadero)sse, :t) l -ai spie*a88ato e *ettato in )n an*olo, ecco t)tto.: :/aci, t) non -ai (ed)to n)lla4 t) eri )briaco.: :;o( 1 +ernando<: do.and3 Cadero)sse. :E c-e so io?: rispose ;an*lars. :"ar7 andato per i fatti s)oi probabil.ente. Ma in(ece di occ)parci di ci3, andia.o pi)ttosto a portare 6)alc-e consola8ione a 6)esti po(eri afflitti.: Infatti, d)rante 6)esta con(ersa8ione, ;ant1s a(e(a stretta la .ano sorridendo ai s)oi a.ici, e si era costit)ito pri*ioniero, dicendo> :"tate tran6)illi, ben presto si spie*-er7 l errore, e probabil.ente non andr3 nepp)re fino alla pri*ione.: :O-, s2 certa.ente, io ne risponderei: disse ;an*lars, c-e in 6)esto .o.ento si a((icina(a, co.e f) detto, al *r)ppo principale. ;ant1s discese la scala preced)to dal co..issario di poli8ia, e circondato dai soldati. Una carro88a con lo sportello aperto aspetta(a alla porta4 (i .ont3, d)e soldati ed il co..issario di poli8ia .ontarono dopo di l)i. Lo sportello si c-i)se, e la carro88a riprese la strada di Marsi*lia. :!ddio ;ant1s, addio Ed.ondo?: *rida(a Mercedes spor*endosi f)ori dalla terra88a. Il pri*ioniero intese 6)est )lti.o *rido )scito co.e )n sin*-io88o dal c)ore lacerato della fidan8ata4 si sporse

dalla portiera, *rid3> :!rri(ederci, Mercedes?: e sco.par(e dietro )no de*li an*oli del forte "an 0icola. :!spettate.i 6)i: disse l ar.atore, :prendo la pri.a carro88a c-e incontro, corro a Marsi*lia, e (i porter3 s)e noti8ie.: :!ndate: *ridarono t)tte le (oci, : andate e ritornate presto.: ;opo 6)esta d)plice parten8a ci f) )n .o.ento di st)pore terribile c-e in(ase t)tti coloro c-e erano ri.asti> il (ecc-io e Mercedes ri.asero 6)alc-e te.po isolati, ciasc)no nel proprio dolore. Ma infine i loro occ-i s incontrarono, si riconobbero d)e (itti.e colpite dallo stesso colpo, s)bito si *ettarono nelle braccia l )na dell altro. In 6)el .o.ento +ernando rientr3, (ers3 )n bicc-iere d ac6)a, lo be((e e and3 a sedersi s) )na sedia. Il caso (olle c-e Mercedes, s(incolandosi dalle braccia del (ecc-io, (enisse a sedere in )na sedia (icina. +ernando rabbri(id2 e con )n .o(i.ento affatto istinti(o tir3 indietro la propria sedia. :E l)i: disse Cadero)sse a ;an*lars c-e non a(e(a perd)to di (ista )n .o.ento il catalano. :0on lo credo: rispose ;an*lars, :1 troppo bestia. In o*ni caso il colpo ricada s)lla testa di c-i lo (ibr3?: :/) non parli di col)i c-e lo -a consi*liato: disse Cadero)sse. :In fede .ia: disse ;an*lars, :se si do(esse esser responsabili di t)tto 6)ello c-e si dice all aria...: :"2, allorc-5 ci3 c-e si dice all aria, ricade s)lla testa di )n innocente.: ;)rante 6)esto te.po *li altri con(itati, ri)nitisi in *r)ppi, co..enta(ano l arresto, ciasc)no secondo la s)a opinione. :E (oi, ;an*lars: disse )na (oce, :c-e pensate di 6)anto accad)to<: :Io: disse ;an*lars, :io credo c-e abbia portato 6)alc-e pacco di .erce proibita.: :In 6)esto caso (oi lo a(reste do()to sapere, c-e siete lo scri(ano.: :"2, 1 (ero .a lo scri(ano non conosce c-e i colli c-e *li (en*ono dic-iarati. "o c-e abbia.o )n carico di cotone, ed ecco t)tto4 c-e abbia.o preso il carico in !lessandria dal si*nor Pastret e a ".irne dal si*nor Pascal4 e non .e ne do.andate di pi@.: :O- .e ne ricordo bene: .or.or3 il po(ero padre, :.i -a detto ieri c-e a(e(a per .e )na cassa di caff1 ed )na di tabacco.: :Vedete d)n6)e: disse ;an*lars, :1 6)esto. 0ella nostra assen8a la do*ana a(r7 fatto )na (isita a bordo del +araone, e a(r7 scoperto il contrabbando.: Mercedes non crede(a niente di t)tto ci3. Co.presso il dolore fino a 6)el .o.ento, scoppi3 ad )n tratto in sin*)lti. :Cora**io, cora**io, speria.o?: disse il padre di ;ant1s. :"peria.o?: ripet5 ;an*lars. :"peria.o: tent3 di .or.orare +ernando, .a 6)esta parola lo soffoca(a, le s)e labbra si a*itarono, e non ne )sc2 alc)n s)ono. :!.ici?: *rid3 )no dei con(itati c-e era ri.asto di (edetta s)lla terra88a. :!.ici, )na carro88a... !-? = il si*nor Morrel? Cora**io? "en8a d)bbio ci porta )na b)ona noti8ia.: Mercedes ed il (ecc-io padre corsero (erso l ar.atore, c-e incontrarono s)lla porta4 il si*nor Morrel era pallidissi.o. :Ebbene<...: *ridarono ad )na (oce.

:Ebbene, a.ici .iei: rispose l ar.atore, sc)otendo la testa, :l affare 1 pi@ *ra(e di 6)ello c-e noi possia.o pensare.: :O- si*nore: *rid3 Mercedes, :e*li 1 innocente?: :Lo credo: rispose Morrel, :.a 1 acc)sato...: :;i c-e d)n6)e<: do.and3 il (ecc-io ;ant1s. :;i essere )n a*ente bonapartista?: D)elli dei lettori c-e -anno (iss)to nell epoca di c)i tratta 6)esta storia, si ricorderanno 6)ale terribile acc)sa era allora 6)ella riferita da Morrel. Mercedes *ett3 )n *rido e il (ecc-io si lasci3 cadere s)lla sedia. :!-: .or.or3 Cadero)sse, :(oi .i a(ete in*annato, ;an*lars, 6)ello c-e (oi c-ia.ate sc-er8o, f) fatto. Ma io non (o*lio lasciar .orire di dolore 6)esto (ecc-io e 6)esta ra*a88a, (ado a spie*ar loro o*ni cosa.: :/aci, dis*ra8iato?: escla.3 ;an*lars, afferrando la .ano di Cadero)sse, :o io non rispondo della t)a (ita. C-i ti dice c-e ;ant1s non sia (era.ente colpe(ole< Il basti.ento si 1 fer.ato all isola d Elba, e*li 1 disceso4 1 ri.asto )n *iorno intero a Portoferraio. "e si 1 tro(ata 6)alc-e lettera co.pro.ettente, potrebbero essere definiti s)oi co.plici coloro c-e (olessero sostenerlo.: Cadero)sse a(e(a l istinto rapido dell e*ois.o, e cap2 t)tta la solidit7 di 6)esto ra*iona.ento4 *)ard3 ;an*lars con occ-i ebeti dal ti.ore e dal dolore, e per )n passo c-e a(e(a fatto in a(anti, ne fece d)e indietro. :!spettia.o allora: .or.or3. :!spettia.o: disse ;an*lars, :se 1 innocente sar7 .esso in libert74 se 1 reo, 1 in)tile co.p ro.ettersi per )n cospiratore.: :!llora partia.o, io non posso restare 6)i pi@ a l)n*o.: :"2, (ieni: disse ;an*lars, contento di tro(are )n co.pa*no nella ritirata, :(ieni, e lascia.oli )scire d i.paccio co.e potranno.: Essi partirono. +ernando, ridi(en)to il soste*no della ra*a88a, prese Mercedes per la .ano, e la ricond)sse ai Catalani. #li a.ici di ;ant1s ricond)ssero il (ecc-io 6)asi s(en)to ai (iali di Meillan. Ben presto la noti8ia c-e ;ant1s era stato arrestato co.e a*ente bonapartista, si sparse per t)tta la citt7. :L a(reste cred)to, caro ;an*lars<: disse Morrel ra**i)n*endo il s)o co.p)tista e Cadero)sse, (olendo rientrare in fretta in citt7, per a(ere 6)alc-e noti8ia diretta di Ed.ondo dal sostit)to del Proc)ratore del Re, si*nor Villefort, c-e e*li conosce(a )n poco. :Lo a(reste .ai cred)to<: :;ia.ine si*nore: rispose ;an*lars, :io (i a(e(o detto c-e ;ant1s non si sarebbe fer.ato sen8a )n .oti(o all isola d Elba, e 6)esta fer.ata, (oi lo sapete, .i era se.brata sospetta.: :Ma a(ete detto a 6)alc)no, oltre c-e a .e, di 6)esto (ostro sospetto<: :Me ne sarei ben *)ardato: so**i)nse a bassa (oce ;an*lars, :(oi sapete bene c-e a ca*ione di (ostro 8io, Policarpo Morrel, c-e -a ser(ito sotto l altro e c-e non nasconde il s)o pensiero, (oi siete sospetti di a.are 0apoleone, e a(rei a()to pa)ra di far torto ad Ed.ondo, non .eno c-e a (oi. Vi sono cose, c-e 1 do(ere del s)bordinato dire al s)o ar.atore, e tenere se(era.ente celate a*li altri.: :Bene, ;an*lars, bene?: disse Morrel. :Voi siete )n bra( )o.o? Cos2 a(e(o pensato a (oi nel caso in c)i

6)esto po(ero ;ant1s fosse di(en)to capitano del +araone.: :Co.e, si*nore<: :"2, a(e(o *i7 do.andato a ;ant1s cosa pensa(a di (oi, e se a(esse a()to obie8ioni a conser(ar(i il posto4 non so perc-5 .i era se.brato scor*ere 6)alc-e scre8io fra (oi d)e.: :E c-e (i -a risposto<: :C-e crede(a effetti(a.ente a(ere a()to, in )na circostan8a c-e non -a (ol)to precisare, 6)alc-e torto (erso di (oi4 .a c-e c-i)n6)e a(esse a()to la fid)cia dell ar.atore, a(rebbe anc-e a()to la s)a?...: :Po(ero ra*a88o: disse Cadero)sse, :1 )n fatto c- e*li era )n eccellente *io(ane.: :"2, .a frattanto: disse Morrel, :ecco il +araone sen8a capitano.: :O-, biso*na sperare, poic-5 non possia.o ripartire c-e fra tre .esi, c-e di 6)i a 6)ell epoca ;ant1s sia .esso in libert7.: :"en8a d)bbio. Ma fino a 6)ell epoca<: :Ebbene, sino a 6)ell epoca, ecco.i 6)a si*nor Morrel: disse ;an*lars. :Voi sapete c-e conosco il .odo di tenere )n basti.ento, 6)anto )n capitano (en)to da )n l)n*o (ia**io. Ci3 (i offre nello stesso te.po il (anta**io di ser(ir(i di .e, e, allorc-5 Ed.ondo )scir7 di pri*ione, non do(rete licen8iare ness)no e*li riprender7 il s)o posto ed io il .io.: :#ra8ie, ;an*lars: disse l ar.atore, :ecco difatti il .odo di conciliare t)tto. Prendete d)n6)e il co.ando, io (e ne a)tori88o, e sor(e*liate lo sbarco4 non biso*na .ai, per la dis*ra8ia di )n indi(id)o, c-e *li affari ne soffrano.: :"tate tran6)illo, si*nore... "i potr7 al.eno (ederlo il b)on Ed.ondo<: :Vi risponder3 in bre(e. Vado a cercare di parlare col si*nor Villefort ed intercedere il s)o fa(ore per il pri*ioniero. Io so bene c-e 1 di parte re*ia4 .a, c-e dia(olo, 6)ant)n6)e re*io e proc)ratore del Re, 1 t)tta(ia )n )o.o e non lo credo catti(o.: :0o: disse ;an*lars, :.a -o inteso dire c-e 1 a.bi8ioso, e l a.bi8ione 1 .olto (icina al cinis.o.: :Infine: disse Morrel con )n sospiro, :stare.o a (edere, andate a bordo c-e (i ra**i)n*er3 in bre(e.: Ed abbandon3 i d)e a.ici per prendere la strada del Pala88o di #i)sti8ia. :/) (edi: disse ;an*lars a Cadero)sse, :il *iro c-e prende l affare> -ai ancora l inten8ione di andare a difendere ;ant1s<: :0o certa.ente. Ci3 nonostante 1 )na cosa assai terribile c-e )no sc-er8o abbia conse*)en8e cos2 tristi.: :;ia.ine? E c-i lo -a fatto< 0on sia.o stati n5 t) n5 io, non 1 (ero< +) +ernando. /) sai c-e in 6)anto a .e -o *ettato il fo*lio, an8i crede(o di a(erlo lacerato.: :0o, no: disse Cadero)sse, :in 6)anto a ci3 ne sono sic)ro> lo (edo ancora nell an*olo del per*olato t)tto spie*a88ato, t)tto accartocciato, e (orrei an8i c-e fosse ancora l7 do(e .i se.bra di (ederlo.: :E c-e ()oi farci< +ernando lo a(r7 raccolto, +ernando lo a(r7 copiato o fatto copiare, o forse non si sar7 preso nepp)re 6)esta pena. Ora c-e ci penso, .io ;io? E*li a(r7 forse .andato la .ia lettera. +ort)nata.ente per3 a(e(o ca.biato il carattere.: :Ma t) sape(i d)n6)e c-e ;ant1s cospira(a<: :Io non lo sape(o affatto. Co.e ti dissi, -o cred)to di fare )no sc-er8o e niente altro. "e.bra c-e sc-er8ando,

co.e fa !rlecc-ino, io abbia detto la (erit7.: :/ant 1: so**i)nse Cadero)sse, :io pa*-erei 6)alsiasi cosa p)rc-5 la b)rla non fosse accad)ta, o al.eno per non esser.ene i..isc-iato. Vedrai c-e 6)est affare non p)3 c-e ca)sarci 6)alc-e dis*ra8ia.: :"e de(e portare dis*ra8ia a 6)alc)no, sar7 al (ero colpe(ole e il (ero colpe(ole 1 +ernando, non noi. D)ale dis*ra8ia ()oi c-e ci accada< 0oi non dobbia.o c-e starcene c-eti, e non dire )na parola s) 6)anto 1 a((en)to4 il te.porale passer7 sen8a c-e cada il f)l.ine.: :!.en?: disse Cadero)sse, facendo )n sal)to di addio a ;an*lars e diri*endosi (erso i (iali di Meillan, sc)otendo la testa e brontolando con se stesso, co.e fanno di solito le persone .olto preocc)pate. :Bene: disse ;an*lars, :le cose prendono 6)ell a((io c-e a(e(o pre(isto. Ecco.i capitano pro((isorio, e se 6)esto i.becille di Cadero)sse sa tacere, ben presto capitano effetti(o. Vi sarebbe d)n6)e solo il caso c-e la *i)sti8ia rilasciasse ;ant1s. O-, .a: so**i)nse con )n sorriso, :la *i)sti8ia 1 *i)sti8ia ed io .i ri.etto ad essa.: Ci3 dicendo salt3 in )na barca dando ordine al battelliere di portarlo a bordo del +araone, do(e l ar.atore *li a(e(a dato app)nta.ento. Capitolo B. IL "O"/I/U/O ;EL PROCUR!/ORE ;EL RE. 0el #ran Corso, diri.petto alla fontana delle Med)se, in )na di 6)elle (ecc-ie case c-e -anno l arc-itett)ra aristocratica, fabbricata da P)*et si celebra(a p)re nello stesso *iorno e nella stessa ora )n pran8o di fidan8a.ento. "ola.ente, in(ece c-e *ente del popolo, .arinai e soldati *li in(itati appartene(ano alla pi@ alta societ7 di Marsi*lia. Erano (ecc-i .a*istrati c-e a(e(ano c-iesto la di.issione dai loro i.pie*-i sotto l )s)rpatore4 (ecc-i )fficiali disertati dalle nostre file per passare in 6)elle dell ar.ata di Cond5, *io(ani alle(ati dalle loro fa.i*lie ancor incerte della propria sic)re88a, .al*rado i .olteplici scotti c-e essi a(e(ano pa*ato in odio di 6)ell )o.o. Erano a ta(ola, e la con(ersa8ione (ol*e(a ardente s) t)tte le passioni dell epoca4 passioni .olto pi@ terribili, (i(e ed accanite nel .eridione. L I.peratore, Re dell isola d Elba, dopo essere stato so(rano di )na parte del .ondo, re*na(a s) )na popola8ione di $' .ila ani.e, e dopo a(ere sentito *ridare :Vi(a 0apoleone: da 1$E .ilioni di s)dditi, e in dieci lin*)e di(erse, era l7 trattato co.e )n )o.o perd)to per se.pre, per la +rancia e per il trono> i .a*istrati riaccende(ano le loro contese politic-e, i .ilitari parla(ano di Mosca e di Lipsia, le donne del s)o di(or8io da #i)seppina. ! t)tta 6)esta *ente alle*ra e trionfante, se.bra(a, non dalla cad)ta dell )o.o .a dall annienta.ento del principe, c-e la (ita rico.inciasse per loro, e c-e )scissero da )n so*no penoso. Un (ecc-io decorato della croce di "an L)i*i si al83 e propose ai con(itati di bere alla sal)te di L)i*i ;iciottesi.o> 6)esti era il Marc-ese di "aintCM5ran. ! 6)esto brindisi c-e ricorda(a ad )n te.po l esiliato di Fartwel e il pacificatore della +rancia, )n

*ran n).ero di bicc-ieri si al8arono all )so in*lese4 e le donne staccarono i loro .a88etti di fiori e li app)ntarono alle decora8ioni. +) )n ent)sias.o 6)asi poetico. :0e con(errebbero, se fossero 6)a: disse la Marc-esa di "aintCM5ran, donna dall occ-io secco, con le labbra sottili, il porta.ento aristocratico ed ancora ele*ante, .al*rado i s)oi cin6)ant anni, :ne con(errebbero, t)tti 6)elli c-e ci cacciarono e lascia..o a nostra (olta tran6)illa.ente cospirare nei nostri (ecc-i castelli, c-e -anno ac6)istato per )n to88o di pane sotto il re*i.e del /errore4 ne con(errebbero, c-e il (ero ent)sias.o era dalla nostra parte, poic-5 noi ci attacca(a.o alla .onarc-ia c-e crolla(a, .entre essi, al contrario, sal)ta(ano il sole nascente c-e face(a la loro fort)na perdendo la nostra4 essi ne con(errebbero, c-e il nostro Re era per noi il (ero L)i*i prediletto, .entre il loro )s)rpatore non 1 stato per loro c-e il 0apoleone .aledetto, non 1 (ero, Villefort<: :C-e dite, si*nora Marc-esa<: disse il *io(ane al 6)ale era ri(olta 6)esta do.anda. :Perdonate.i, io non bada(o alla con(ersa8ione.: :E-, lasciate in pace 6)esti ra*a88i, Marc-esa: riprese il (ecc-io c-e a(e(a proposto il brindisi, :6)esti *io(ani debbono sposarsi fra poco, e nat)ral.ente -anno t)tt altro da parlare c-e di politica.: :Vi c-iedo perdono, .adre .ia: disse )na bella ra*a88a dai capelli biondi, :io (i rendo Villefort, c-e a(e(o accaparrato per )n istante. "i*nor Villefort, .ia .adre (i parla...: :Ed io son pronto a rispondere alla si*nora, se ()ol a(ere la bont7 di rinno(ar.i la do.anda c-e io non -o bene inteso.: :Vi si perdona, Renata: disse la Marc-esa, con )n sorriso di tenere88a c-e face(a .era(i*lia (eder co.parire s) 6)ella secca fi*)ra, .a il c)ore della donna 1 cos2 fatto, c-e per 6)anto arido di(en*a al soffio dei pre*i)di8i o alle esi*en8e dell etic-etta, -a se.pre )n an*olo fertile e ridente ed 1 6)ello c-e ;io -a consacrato all a.ore .aterno. :;ice(o d)n6)e, Villefort, c-e i bonapartisti non a(e(ano n5 la nostra con(in8ione, n5 il nostro ent)sias.o, n5 il nostro attacca.ento a t)tta pro(a.: :O-, si*nora, essi -anno al.eno 6)alc-e cosa c-e co.pensa t)tto ci3? Per loro, 0apoleone 1 il Mao.etto dell Occidente4 e*li 1 per 6)esti )o.ini (ol*ari, .a di so..a a.bi8ione, non solo )n le*islatore ed )n padrone, .a anc-e )n .odello...: :;i c-e<: escla.3 la Marc-esa. :0apoleone )n .odello? E c-e direte d)n6)e di Robespierre< Mi se.bra c-e *li r)biate il s)o posto per darlo al Corso, e 6)esta .i se.bra )na *rossa )s)rpa8ione.: :0o, si*nora, io lascio s)l s)o piedistallo Robespierre, nella pia88a di L)i*i D)indicesi.o, s)l s)o patibolo4 0apoleone nella pia88a Vendo.e, s)lla s)a colonna. Ci3 per3 non ()ol dire: a**i)nse Villefort, sorridendo, :c-e t)tti e d)e non siano d)e infa.i ri(ol)8ionari, c-e il I ter.idoro e il % aprile 1&1% non siano d)e *iorni felici per la +rancia, e de*ni di essere )*)al.ente feste**iati da*li a.ici dell ordine e della .onarc-ia4 .a ci3 spie*a )*)al.ente co.e 0apoleone, cad)to per non rial8arsi .ai pi@, sia ancor ricordato. Ma c-e (olete, Marc-esa, Cro.well, c-e non era nepp)re la .et7 di ci3 c-e 1 stato 0apoleone,

a(e(a anc- e*li de*li a.ici?: :"apete c-e ci3 c-e dite, Villefort, p)88a di ri(ol)8ione lontano )na le*a< Ma (i perdono> 1 i.possibile esser fi*lio di )n *irondino, e non conser(are 6)alc-e rispetto per il /errore.: Un (i(o rossore pass3 s)lla fronte di Villefort. :Mio padre era *irondino, si*nora: diss e*li, :1 (ero4 .a .io padre non -a dato il s)o (oto per la .orte del Re4 .io padre 1 stato proscritto da 6)ello stesso /errore c-e proscri(e(a (oi p)re, e poco 1 .ancato c-e non portasse la s)a testa s)llo stesso patibolo do(e cadde 6)ella di (ostro padre.: :"2: disse la Marc-esa sen8a c-e 6)esto san*)inoso pensiero portasse la .ini.a altera8ione alla s)a fisono.ia, :sola.ente era per principi dia.etral.ente opposti c-e (i sarebbero saliti t)tti e d)e4 e la pro(a 1 c-e t)tta la s)a fa.i*lia 1 ri.asta affe8ionata ai principi esiliati, .entre (ostro padre si 1 affrettato ad acco.odarsi col n)o(o *o(erno, e c-e il cittadino 0oirtier, dopo essere stato *irondino, di(enne il conte di 0oirtier senatore.: :Madre .ia, .adre .ia: disse Renata, :(oi sapete c-e f) con(en)to c-e non si sarebbe *ia..ai parlato di 6)esti catti(i ricordi.: :"i*nora: rispose Villefort, :io .i )nisco alla si*norina di "aintCM5ran per do.andar(i ).il.ente l oblio del passato. Con 6)al (anta**io recri.inare s) cose da(anti a c)i la stessa (olont7 di ;io 1 i.potente< ;io p)3 ca.biare l a((enire4 e*li stesso per3 non p)3 .odificare il passato. Ci3 c-e possia.o noi .ortali 1, se non rinne*arlo, al.eno *ettar(i sopra )n (elo. Ebbene io non solo .i sono di(iso dalle opinioni di .io padre, .a anc-e dal s)o no.e. Mio padre 1 stato, e forse 1 ancora bonapartista e si c-ia.a 0oirtier4 io sono re*io, e .i c-ia.o Villefort. Lasciate .orire nel (ecc-io tronco )n relitto ri(ol)8ionario, e non badate, si*nora, al ra.o c-e si allontana da 6)esto tronco, sen8a potere, e dir3 6)asi sen8a (olere, staccarsene del t)tto.: :Bra(o Villefort: disse il Marc-ese, :bra(o? Bella risposta? Fo se.pre predicato alla Marc-esa la di.entican8a del passato sen8a a(erla .ai pot)ta ottenere4 spero c-e (oi sarete pi@ fort)nato di .e.: :"2, sta bene: disse la Marc-esa, :di.entic-ia.o il passato, io non do.ando di .e*lio, ci3 1 con(en)to4 .a c-e al.eno Villefort sia inflessibile per l a((enire. 0on di.enticate, Villefort, c-e noi abbia.o *arantito di (oi a ")a Maest7, e c-e il Re stesso -a (ol)to di.enticare t)tto, dietro le nostre racco.anda8ioni, co.e io di.entico t)tto alla (ostra pre*-iera.: Cos2 dicendo *li stende(a la .ano. :"oltanto se (i cade fra le .ani 6)alc-e cospiratore, pensate c-e si -anno *li occ-i aperti s) (oi4 tanto pi@, in 6)anto si sa c-e (oi siete di )na fa.i*lia c-e non p)3 essere in rela8ione alc)na con tal *ente.: :P)rtroppo, si*nora: disse Villefort, :la .ia professione, e sopratt)tto il te.po in c)i (i(ia.o, .i ordinano di essere se(ero, e lo sar3. Fo *i7 a()to 6)alc-e acc)sa politica da sostenere, e sotto 6)esto rapporto -o dato le .ie pro(e. ;is*ra8iata.ente per3, noi non sia.o ancora alla fine.: :Voi lo credete<: disse la Marc-esa. :0e -o ti.ore. 0apoleone all isola d Elba 1 troppo (icino alla +rancia, la s)a presen8a 6)asi in (ista delle

nostre coste ris(e*lia la speran8a nei s)oi parti*iani. Marsi*lia 1 piena di )fficiali a .e88a pa*a, c-e t)tti i *iorni sotto 6)alc-e fri(olo pretesto cercano contesa coi re*i. ;i 6)i d)elli fra le persone della classe ele(ata, di l7 *li assassini nella classe del popolo.: :! proposito: disse il conte de "er(ie)J, (ecc-io a.ico di "aintC M5ran e cia.bellano del conte !rtois, :(oi sapete c-e la "anta !llean8a lo le(er7 di l7.: :"2, si 1 ten)to discorso s) 6)esto ar*o.ento 6)ando sia.o entrati in Pari*i: disse "aintC M5ran. :Ma do(e lo .anderanno<: :! "ant Elena.: :! "ant Elena< C-e cosa 1<: disse la Marc-esa. :Un isola sit)ata a d)e.ila le*-e da noi, al di l7 dell E6)atore: rispose il Conte. :!lla b)on ora? E )na *ran follia a(er lasciato )n si.ile )o.o fra la Corsica, do( 1 nato, e 0apoli.: :;is*ra8iata.ente: disse Villefort, :noi abbia.o i trattati del 1&1%, e non si p)3 toccare 0apoleone sen8a infran*ere 6)esti trattati...: :Ebbene, s infran*eranno: disse de "er(ie)J. :Vi -a l)i *)ardato tanto per il sottile 6)ando si tratt3 di far f)cilare l infelice d)ca d En*-ien<: :"2: disse la Marc-esa, :1 stabilito, la "anta !llean8a liberer7 l E)ropa da 0apoleone, e Villefort liberer7 Marsi*lia dai s)oi parti*iani. Il Re, o re*na o non re*na... "e re*na il s)o *o(erno de( essere forte e i s)oi a*enti inflessibili> 6)esto 1 il solo .e88o per pre(enire il .ale.: :;is*ra8iata.ente, si*nore: disse Villefort, :)n sostit)to del Proc)ratore del Re *i)n*e se.pre 6)ando il .ale 1 fatto. !llora sta a l)i ripararlo. Potrei a**i)n*ere ancora, si*nora, c-e noi non riparia.o il .ale, .a soltanto lo (endic-ia.o.: :O-, si*nor Villefort: disse )na bella *io(ane fi*lia del conte de "er(ie)J e a.ica di Renata, :cercate d)n6)e di farci a(ere )n bel processo fino a c-e noi sare.o a Marsi*lia4 io non -o .ai (ed)to )na sed)ta al trib)nale e .i si dice c-e sia )na cosa .olto bella e c)riosa?: :C)riosissi.a da((ero, si*norina: disse il sostit)to, :perc-5 in l)o*o di )na finta tra*edia si rappresenta )n dra..a (ero e reale4 in l)o*o di dolori rappresentati, sono dolori sentiti. D)ell )o.o c-e si (ede l7, in(ece di ritornare a casa s)a dopo calato il sipario, di andare a cena con la s)a fa.i*lia, e di dor.ire tran6)illa.ente, per rappresentare all indo.ani la stessa scena, rientra in pri*ione do(e tro(a il pi@ delle (olte il carnefice. Vedete bene c-e per le persone eccitabili c-e cercano e.o8ioni non (i 1 spettacolo c-e possa para*onarsi a 6)esto4 state tran6)illa, si*norina, se la circostan8a si presenter7, pro(er3 la (erit7 del .io asserto.: :Ci fa rabbri(idire... ed e*li ride?: disse Renata, i.pallidendo. :C-e (olete: riprese Villefort, :6)esto 1 )n d)ello... Io -o *i7 otten)to cin6)e o sei (olte la pena di .orte contro alc)ni acc)sati politici... Ebbene, c-iss7 6)anti p)*nali a 6)est ora si arrotano nelle tenebre o sono *i7 diretti sopra di .e?: :O-, .io ;io: disse Renata, i.pallidendo se.pre pi@, :parlate seria.ente, Villefort<: :0on si p)3 parlare pi@ seria.ente, si*norina: rispose il *io(ane .a*istrato con )n sorriso s)lle labbra. :E

con 6)esti bei processi c-e la si*norina desidera per soddisfare la s)a c)riosit7, e c-e io bra.o per soddisfare la .ia a.bi8ione, la sit)a8ione delle cose non far7 c-e pe**iorare. /)tti 6)esti soldati di 0apoleone abit)ati ad andar co.e ciec-i incontro alle pallottole ne.ic-e, credete (oi c-e ci penseranno d)e (olte a br)ciare )na cart)ccia, o a .arciare a passo di carica colla baionetta abbassata< Credete (oi c-e ci penseranno d)e (olte di pi@ ad )ccidere )n )o.o c-e credono loro ne.ico personale, c-e ad )ccidere )n r)sso, )n tedesco o )n )n*-erese c-e essi non -anno .ai (ed)to< ; altronde biso*na a..etterlo, altri.enti non (i sarebbe p)nto di difesa. Io stesso, 6)ando (edo l)ccicare nell occ-io dell acc)sato il la.po l).inoso della rabbia, .i esalto t)tto e . incora**io> non 1 pi@ )n processo, .a )n co.batti.ento4 io lotto contro di l)i, e*li risponde4 io raddoppio il co.batti.ento c-e finisce co.e t)tti *li altri, o con )na (ittoria o con )na sconfitta. Ecco ci3 c-e si c-ia.a dibatti.ento? = il pericolo c-e fa l elo6)en8a. Un acc)sato c-e sorride dopo )na .ia replica .i fa conoscere c-e -o parlato .ale4 e ci3 c-e -o detto 1 sner(ato, sen8a (i*ore, ins)fficiente4 i..a*inate d)n6)e 6)ale de( essere la sensa8ione d or*o*lio di )n proc)ratore del Re con(into della reit7 dell acc)sato, allor6)ando (ede a((ilirsi ed annientarsi il reo sotto il peso delle pro(e e sotto i f)l.ini della s)a elo6)en8a? D)ella testa si abbassa, d)n6)e cadr7.: Renata *ett3 )n le**ero *rido. :Ecco ci3 c-e si c-ia.a saper parlare: disse )no dei con(itati. :Ecco l )o.o c-e ci abbiso*na in te.pi co.e i nostri?: disse )n altro. :Cos2: disse )n ter8o, :nel (ostro )lti.o affare, (oi sarete ri.asto s)perbo, .io caro Villefort. Parlo di 6)ell )o.o c-e -a )cciso s)o padre. Ebbene alla lettera (oi lo a(ete )cciso pri.a c-e il carnefice lo toccasse.: :O-, per i parricidi: disse Renata, :poco i.porta, non (i sono s)ppli8i abbastan8a *randi per tal ra88a di *ente, .a *li infelici acc)sati politici?...: :#li acc)sati politici?: escla.3 la Marc-esa. := ancor pe**io4 perc-5 il Re 1 padre della na8ione, e (olere ro(esciare od )ccidere il Re 1 lo stesso c-e (olere )ccidere il padre di A$ .ilioni di )o.ini.: :O-, non 1 lo stesso? Villefort: disse Renata, :.i pro.ettete di a(ere ind)l*en8a per 6)elli c-e (i racco.ander3<: :"tate tran6)illa: disse Villefort con )n sorriso affett)oso, :noi fare.o assie.e le nostre re6)isitorie.: :Cara .ia: disse la Marc-esa, :occ)pate(i dei (ostri pi88i, dei (ostri a*-i, dei (ostri nastri, e lasciate il (ostro f)t)ro sposo disi.pe*nare il s)o )fficio. O**i*iorno le ar.i sono in riposo, e la to*a 1 in credito4 (i 1 a 6)esto proposito )n .otto latino.: :Codant ar.a to*o: interr)ppe inc-inandosi Villefort. :Io a(rei preferito c-e (oi foste stato )n .edico: rispose Renata> :l an*elo ster.inatore, per 6)anto sia )n an*elo, fa se.pre pa)ra.: :B)ona Renata?: .or.or3 Villefort, accare88ando la *io(ane con )no s*)ardo d a.ore. :+i*lia .ia: disse il Marc-ese, :Villefort sar7 il .edico .orale e politico di 6)esta pro(incia, 6)esta 1 )na bella parte da rappresentare, credete.i.:

:E sar7 )n .e88o per far di.enticare la parte c-e -a rappresentato s)o padre: so**i)nse l incorre**ibile Marc-esa. :"i*nora: riprese Villefort, con )n .esto sorriso, :-o di *i7 a()to l onore di dir(i c-e .io padre a(e(a, spero al.eno, abi)rati *li errori del te.po passato, c-e era di(en)to )n a.ico 8elante della reli*ione e dell ordine, .i*liore forse di .e stesso, poic-5 lo 1 stato con penti.ento, ed io non lo sono c-e con passione.: E dopo 6)esta frase a.pollosa Villefort, per *i)dicare dell effetto della s)a facondia, *ir3 intorno lo s*)ardo s)i con(itati, co.e dopo )na frase e6)i(alente a(rebbe *)ardato l )ditorio dal s)o se**io in trib)nale. :Ebbene, .io caro Villefort: disse il Conte "er(ie)J, :1 app)nto ci3 c-e io risposi l altro *iorno alle /)ileries al .inistro della casa del Re, c-e .i do.anda(a conto di 6)esta sin*olare allean8a tra il fi*lio di )n *irondino e la fi*lia di )n )fficiale dall ar.ata di Cond5 e il .inistro l -a inteso .olto bene. D)esto siste.a di f)sione 1 p)r 6)ello di L)i*i ;iciassettesi.o. Cos2 il Re, c-e sen8a c-e noi lo sapessi.o, ascolta(a la nostra con(ersa8ione c interr)ppe dicendo> :Villefort: notate bene c-e il Re non -a pron)n8iato il no.e 0oirtier an8i -a insistito al contrario s) 6)ello di Villefort, :Villefort: -a d)n6)e detto il Re, :far7 )na bella carriera4 1 )n *io(ane *i7 .at)ro e c-e 1 di .io *enio. Fo (isto con piacere c-e il Marc-ese e la Marc-esa di "aintC M5ran lo prendono per *enero ed a(rei loro consi*liata 6)esta allean8a io stesso, se essi non fossero stati i pri.i a c-ieder.i il per.esso di contrarla:.: :Il Re -a detto 6)esto<: escla.3 con ent)sias.o Villefort. :Io -o riferito le s)e stesse parole e, se il Marc-ese ()ol esser sincero, (i confesser7 c-e ci3 c-e -o riferito in 6)esto .o.ento co.bina perfetta.ente con 6)anto il Re disse a l)i stesso, son circa sei .esi, 6)ando *li parl3 di )n pro*etto di .atri.onio fra s)a fi*lia e (oi.: :"2, 1 (ero: disse il Marc-ese. :!-, d)n6)e io do(r3 t)tto a 6)est otti.o Principe? Perci3 c-e cosa non far3 p)r di ser(irlo bene<: :!lla b)on ora: disse la Marc-esa, :ecco co.e io (i desidero4 (en*a ora )n cospiratore e sar7 il ben(en)to.: :Ed io, .adre .ia: disse Renata, :pre*o il cielo c-e non (i ascolti4 c-e e*li non in(ii a Villefort c-e dei ladroncelli, dei piccoli falli.enti, dei ti.idi scrocconi4 in 6)esto .odo soltanto potr3 dor.ire tran6)illa.: :"arebbe: disse ridendo Villefort, :co.e se (oi a)*)raste ad )n .edico c-e *li capitassero soltanto delle e.icranie, delle fl)ssioncelle, delle p)n8ecc-iat)re di api, t)tte cose c-e non co.pro.ettono .ini.a.ente. Ma se (olete (eder.i proc)ratore del Re, a)*)rate.i il contrario> (ale a dire c-e abbia da c)rare 6)elle .alattie c-e fanno onore al .edico.: In 6)el .o.ento, co.e se il destino a(esse inteso il (oto di Villefort per esa)dirlo, )n ca.eriere entr3 e *li disse 6)alc-e parola all orecc-io. Villefort lasci3 la ta(ola sc)sandosi e ritorn3 dopo bre(i istanti col (iso aperto e le labbra sorridenti. Renata lo *)ard3 con a.ore4 perc-5 (ed)to cos2, coi s)oi be*li occ-i a88)rri, il colorito .asc-io e i neri fa(oriti c-e *li

contorna(ano il (iso, era (era.ente )n bello ed ele*ante *io(anotto. /)tta l ani.a della *io(ane se.bra(a dipendere dalle s)e labbra, aspettando c-e spie*asse la ca)sa della s)a .o.entanea assen8a. :Ebbene: disse Villefort, :(oi desidera(ate, si*norina, a(ere )n .edico per .arito. Io -o coi .edici 6)esta so.i*lian8a, c-e .ai 1 .ia l ora c-e corre, e .i si (iene a dist)rbare anc-e (icino a (oi, anc-e al pran8o del fidan8a.ento.: :E per 6)al cosa (enite d)n6)e dist)rbato<: do.and3 la bella *io(ane con )na le**era in6)iet)dine. :!-i.1, per )no c-e, a 6)anto se.bra, se debbo credere a 6)ello c-e .i 1 stato detto, si tro(a a*li estre.i4 6)esta (olta 1 )n caso *ra(e, e la .alattia striscia (icino al patibolo.: :O-, .io ;io?: escla.3 Renata i.pallidendo. :;a((ero<: disse ad )na (oce t)tta l asse.blea. :"e.bra si sia scoperto niente .eno c-e )n co.plotto bonapartista.: :"arebbe possibile?: escla.3 la Marc-esa. :Ecco la den)n8ia: e Villefort lesse ad alta (oce ci3 c-e il lettore conosce *i7, (ale a dire la lettera di ;an*lars. :Ma: disse Renata, :6)esta non 1 c-e )na lettera anoni.a, diretta al Proc)ratore del Re e non a (oi.: :"2, .a il Proc)ratore del Re 1 assente, in s)a assen8a la lettera 1 stata portata al s)o se*retario, c-e 1 a)tori88ato ad aprire le lettere. E*li d)n6)e -a aperto 6)esta, .i -a fatto cercare, e non a(endo.i tro(ato, -a dato *li ordini necessari per l arresto.: :Il colpe(ole d)n6)e 1 *i7 stato arrestato<: disse la Marc-esa. :Cio1 l acc)sato: so**i)nse Renata. :"2, si*nora: disse Villefort, :e co.e a(e(o l onore di dire or ora alla si*norina, se la lettera si rin(iene, il .alato 1 co.pro.esso *ra(e.ente.: :E do( 1 6)est infelice<: do.and3 Renata. :! casa .ia c-e aspetta.: :!ndate d)n6)e, a.ico .io: disse il Marc-ese, :non .ancate al (ostro do(ere per trattener(i con noi4 andate, poic-5 il ser(i8io del Re (e lo i.pone.: :!-, si*nor Villefort, siate ind)l*ente: disse Renata *i)n*endo le .ani, :ricordate(i c-e 6)esto 1 il *iorno del (ostro fidan8a.ento.: Villefort fece )n *iro intorno alla ta(ola, e a((icinatosi alla sedia della *io(ane, appo**iandosi alla spalliera, disse> :Per rispar.iar(i )n in6)iet)dine, far3 t)tto ci3 c-e potr3, .ia cara Renata4 .a se *li ini8i sono sic)ri, e l acc)sa 1 (era, biso*ner7 ben ta*liare 6)esta catti(a erba bonapartista.: Renata rabbri(id2 a 6)esta parola ta*liare, poic-5 6)ell erba c-e si tratta(a di ta*liare era la testa di )n )o.o. :E- (ia?: disse la Marc-esa. :0on date ascolto a 6)esta ra*a88ina, Villefort4 si abit)er7.: E la Marc-esa stese a Villefort )na secca .ano c-e e*li baci3, se.pre *)ardando Renata e dicendole co*li occ-i> := la (ostra .ano c-e io intendo baciare in 6)esto .o.ento, o al.eno desidererei c-e fosse.: :D)esti sono tristi a)spici: .or.or3 Renata. :In (erit7, si*norina: disse la Marc-esa, :(oi siete di )na p)erilit7 disperante. Io (i do.ando c-e p)3 a(er a c-e fare il destino dello "tato con le (ostre fantasie senti.entali, e con la (ostra sensibilit7 di c)ore...: :O-, .adre .ia: .or.or3 Renata.

:#ra8ie si*nora Marc-esa: disse Villefort. :Io (i pro.etto di fare il .io .estiere di sostit)to proc)ratore del Re coscien8iosa.ente, (ale a dire di essere orribil.ente se(ero.: Ma nel .edesi.o te.po c-e il .a*istrato indiri88a (a 6)este parole alla Marc-esa, il fidan8ato *etta(a di nascosto )no s*)ardo alla s)a bella, e 6)esto s*)ardo dice(a> :"tate tran6)illa, Renata, per il (ostro a.ore io sar3 ind)l*ente.: Renata corrispose a 6)esto s*)ardo col pi@ dolce sorriso, e Villefort se n and3 col paradiso nel c)ore. Capitolo H. L I0/ERRO#!/ORIO. 0on appena Villefort f) f)ori dalla sala da pran8o, lasci3 la s)a .asc-era alle*ra per prendere l aria *ra(e di )n )o.o c-ia.ato al s)pre.o )fficio di pron)nciarsi s)lla (ita del s)o si.ile. Ora, .al*rado la .obilit7 della s)a fisono.ia, .obilit7 c-e il sostit)to a(e(a st)diata, co.e de(e fare o*ni abile attore, pi@ di )na (olta innan8i allo specc-io, 6)esta (olta d)r3 .olta fatica ad a**rottare le sopracci*lia ed a rendere se(eri i s)oi linea.enti. Prescindendo dalle .e.orie di 6)ella linea politica se*)ita dal padre c-e pote(a, se non se ne allontana(a co.pi)ta.ente, inceppare il s)o a((enire, #-erardo Villefort era in 6)esto .o.ento tanto felice, 6)anto 1 concesso ad )n )o.o di esserlo. #i7 ricco per se stesso, a (entisette anni occ)pa(a )n posto ele(ato nella .a*istrat)ra, sposa(a )na bella ra*a88a, c-e a.a(a4 e, oltre la belle88a, c-e era note(ole, la si*norina di "aintC M5ran appartene(a ad )na delle fa.i*lie pi@ fa(orite alla corte di 6)ell epoca4 infine l infl)en8a del padre e della .adre di lei, non a(endo fi*li .asc-i, pote(a essere consacrata t)tta intera al loro *enero4 lei porta(a inoltre al .arito )na dote di cin6)anta.ila sc)di c-e, *ra8ie alle :speran8e: Kparola atroce in(entata dai sensali di .atri.onioL, pote(a )n *iorno a).entare con )na eredit7 di .e88o .ilione. /)tti 6)esti ele.enti ri)niti co.pone(ano d)n6)e per Villefort )n 6)adro di felicit7 abba*liante, tanto c-e *li se.bra(a di (edere delle .acc-ie nel sole 6)ando troppo l)n*a.ente *)arda(a la s)a (ita con lo s*)ardo dell ani.a. !lla porta tro(3 il co..issario di poli8ia c-e lo aspetta(a. La (ista dell )o.o in nero lo fece s)bito ricadere dall alte88a del ter8o cielo s)lla terra do(e noi ca..inia.o4 e*li rico.pose il s)o (iso nel .odo c-e abbia.o indicato, ed a((icinandosi all )fficiale di *i)sti8ia> :Ecco.i, si*nore: disse, :-o letto la lettera, e (oi a(ete fatto benissi.o ad arrestare 6)est )o.o> ora date.i s) di l)i e s)lla cospira8ione t)tti i particolari c-e a(ete raccolto.: :"i*nore, della cospira8ione noi non sappia.o ancora n)lla: rispose il co..issario, :.a t)tte le carte c-e sono state tro(ate presso 6)est )o.o, sono t)tte poste sotto )n le*accio, e stanno si*illate s)l (ostro scrittoio. D)anto al pre(en)to, (oi lo a(rete (isto dalla lettera stessa c-e lo den)n8ia> si c-ia.a Ed.ondo ;ant1s, ed 1 secondo a bordo del basti.ento a tre alberi il +araone, c-e fa co..ercio di cotone con !lessandria e ".irne, e appartiene alla casa Morrel e +i*li di Marsi*lia.:

:Pri.a di ser(ire nella .arina .ercantile -a ser(ito nella .arina .ilitare<: do.and3 Villefort. :O- no, si*nore, 1 .olto *io(ane.: :D)al 1 la s)a et7<: :;icianno(e o (enti anni al pi@.: "icco.e Villefort, se*)endo la strada *rande era *i)nto all an*olo della (ia dei Consoli, )n )o.o c-e se.bra(a aspettarlo al s)o passa**io, *li si fece incontro. D)esti era Morrel. :!-, si*nor Villefort: escla.3 il bra( )o.o, riconoscendo il sostit)to. :I..a*inate(i c-e si co..ette lo sba*lio pi@ strano, pi@ ina)dito4 1 stato arrestato il secondo del .io basti.ento, Ed.ondo ;ant1s.: :Lo so, si*nore: disse Villefort, :ed io entro in casa per interro*arlo.: :!-, si*nore: contin)3 Morrel, trasportato dalla s)a a.ici8ia per il *io(ane, :(oi non conoscete col)i c-e (iene acc)sato, io s2 c-e lo conosco. I..a*inate(i l )o.o pi@ probo ed oserei 6)asi dire l )o.o c-e conosce .e*lio il .estiere di t)tta la .arina .ercantile. O-, si*nor Villefort, io (e lo racco.ando calda.ente e con t)tto il .io c)ore.: Villefort, co.e si 1 pot)to (edere, appartene(a al partito nobile della citt7 e Morrel al partito plebeo4 il pri.o era )ltrare*io, il secondo sospetto bonapartista. Villefort *)ard3 sde*nosa.ente Morrel e *li rispose con fredde88a> :Voi sapete c-e si p)3 essere dolci nella (ita pri(ata, probi nelle rela8ioni co..erciali, sapienti nel proprio .estiere, e t)tta(ia *randi colpe(oli, politica.ente parlando... Voi lo sapete, non 1 (ero<: E il .a*istrato calc3 6)este )lti.e parole co.e se a(esse (ol)to riferirle allo stesso ar.atore, .entre col s)o s*)ardo scr)tatore si sfor8a(a di penetrare fino in fondo al c)ore di 6)est )o.o, ardito abbastan8a da intercedere per )n altro, 6)ando do(e(a sapere c-e a(e(a biso*no e*li stesso d ind)l*en8a. Morrel arross2, poic-5 non senti(a la coscien8a netta ri*)ardo alle s)e opinioni politic-e4 e d altronde la confiden8a c-e *li a(e(a fatta ;ant1s del collo6)io ten)to col *ran Maresciallo e delle poc-e parole c-e *li a(e(a dirette l I.peratore, *li t)rba(a )n poco lo spirito. /)tta(ia a**i)nse con l accento del pi@ profondo interesse> :Ve ne s)pplico, si*nor Villefort, siate *i)sto co.e do(ete esserlo, b)ono co.e lo siete se.pre, e rendete a noi ben presto 6)esto po(ero ;ant1s.: Il :rendete a noi: ris)on3 spiace(ole all orecc-io del sostit)to proc)ratore del Re. :E-? e-?: si disse :rendete a noi:< D)esto ;ant1s sarebbe forse affiliato a 6)alc-e setta di carbonari, perc-5 il s)o protettore i.pie*-i cos2, sen8a pensarci, la for.)la colletti(a< = stato arrestato in )n osteria .i disse il co..issario, e in n).erosa co.pa*nia, .i so**i)nse4 forse sar7 stata...: Poi prose*)endo ad alta (oce rispose> :"i*nore, potete stare perfetta.ente tran6)illo, e non (i sarete appellato in)til.ente alla .ia *i)sti8ia, se l i.p)tato 1 innocente4 .a se al contrario 1 reo, (i(ia.o in te.pi cos2 difficili c-e l i.p)nit7 sarebbe )n ese.pio fatale4 ed io sarei obbli*ato a fare il .io do(ere.: E sicco.e era arri(ato alla porta della s)a casa, atti*)a al Pala88o di #i)sti8ia, e*li (i entr3 .aestosa.ente, dopo a(er sal)tato con )na *entile88a *laciale l infelice ar.atore, c-e ri.ase co.e pietrificato s)l posto o(e lo

lasci3 Villefort. L antica.era era piena di *endar.i e di a*enti di poli8ia. In .e88o ad essi, *)ardato a (ista, circondato da s*)ardi f)l.inanti d odio, sta(a cal.o, i..obile e ritto in piedi il pri*ioniero. Villefort tra(ers3 l antica.era, diede )no s*)ardo obli6)o a ;ant1s dopo a(er preso )n plico c-e *li (enne ri.esso da )n a*ente, dicendo> :Mi si cond)ca il pri*ioniero.: Per 6)anto rapido f) lo s*)ardo, 6)esto bast3 a Villefort per farsi )n idea dell )o.o c-e sta(a per interro*are. E*li a(e(a riconosci)to l intelli*en8a in 6)ella fronte lar*a ed aperta, il cora**io nell occ-io fisso e nel sopracci*lio corr)*ato, e la franc-e88a nelle labbra *rosse e se.iaperte c-e lascia(ano (edere d)e file di denti co.e l a(orio4 la pri.a i.pressione era stata d)n6)e fa(ore(ole per ;ant1s4 .a Villefort a(e(a inteso dire spesso, in se*no di profonda politica, c-e biso*na diffidare del pri.o i.p)lso, allorc-5 sia fa(ore(ole, per c)i applic3 la senten8a all i.p ressione rice()ta, sen8a tener conto della differen8a c-e passa fra d)e i.pressioni. E*li soffoc3 d)n6)e i b)oni istinti c-e pre.e(ano il s)o c)ore per liberare lo spirito dalla (iolen8a, acco.od3 da(anti allo specc-io il s)o porta.ento co.e nei *iorni dei *randi processi, e si sedette c)po e .inaccioso dietro lo scrittoio. Un istante dopo entr3 ;ant1s. Il *io(ane era se.pre pallido, .a cal.o e sorridente. E*li sal)t3 il s)o *i)dice con )na deferen8a non affettata, poi cerc3 con *li occ-i )na sedia, co.e si fosse tro(ato nella ca.era del si*nor Morrel. +) allora soltanto c-e incontr3 lo s*)ardo di Villefort, s*)ardo particolare de*li )o.ini di pala88o c-e non (o*liono c-e si le**a il loro pensiero, e fanno del loro occ-io )n cristallo appannato. D)esto s*)ardo *li fece capire c-e era da(anti alla *i)sti8ia, si.bolo di sinistre .aniere. :C-i siete (oi, e co.e (i c-ia.ate<: do.and3 Villefort sfo*liando le note c-e l a*ente *li a(e(a ri.esse entrando, e c-e da )n ora erano di(en)te (ol).inose, tanto la corr)8ione si attacca presto al corpo dis*ra8iato di col)i c-e si definisce i.p)tato. :"i*nore, .i c-ia.o Ed.ondo ;ant1s: rispose il *io(ane con (oce cal.a e sonora, :sono secondo a bordo del basti.ento il +araone, c-e appartiene ai si*nori Morrel e +i*li.: :La (ostra et7<: contin)3 Villefort. :;icianno(e anni: rispose ;ant1s. :C-e face(ate, al .o.ento c-e foste arrestato<: :!ssiste(o al pran8o del .io fidan8a.ento: disse ;ant1s, con )na (oce le**er.ente co..ossa, tanto era doloroso il contrasto fra i .o.enti di *ioia e la l)*)bre ceri.onia c-e si co.pi(a, e tanto il (iso c)po di Villefort face(a brillare di l)ce la ra**iante fi*)ra di Mercedes. :Voi assiste(ate al pran8o del (ostro fidan8a.ento<: disse il sostit)to, rabbri(idendo s)o .al*rado. :"2, si*nore, sono s)l p)nto di sposare )na donna c-e a.o da tre anni?: Villefort, sebbene d ordinario i.passibile, f) colpito da 6)esta coinciden8a4 e 6)ella (oce co..ossa di ;ant1s sorpreso in .e88o alla s)a felicit7, and3 a s(e*liare )na fibra si.patica nel fondo della s)a ani.a. E*li p)re si a..o*lia(a, e*li p)re era felice e si (eni(a a dist)rbare la s)a felicit7 perc-5 contrib)isse a

distr)**ere la *ioia di )n )o.o, c-e, co.e l)i, *i7 tocca(a la felicit7? D)esto ra((icina.ento filosofico, pens3, far7 *rande effetto al .io ritorno nel salone del Marc-ese di "aintCM5ran, ed e*li acco.oda(a *i7, .entre ;ant1s attende(a n)o(e do.ande, le parole contrastanti con c)i *li oratori costr)iscono 6)elle frasi c-e strappano appla)si e 6)alc-e (olta fanno pres).ere in essi )na (era elo6)en8a. !llorc-5 il s)o piccolo dialo*o interiore f) sedato, Villefort sorrise del s)o effetto, e ritornato a ;ant1s> :Contin)ate: disse. :C-e (olete c-e contin)i<: do.and3 ;ant1s. :!d ill).inare la *i)sti8ia.: :C-e la *i)sti8ia .i dica s) 6)al p)nto ()ol essere risc-iarata, ed io le dir3 t)tto 6)ello c-e so. "oltanto: a**i)nse con )n sorriso, :la pre(en*o c-e so ben poc-e cose.: :!(ete ser(ito l I.peratore<: :E*li cadde app)nto 6)ando sta(o per essere incorporato nella .arina .ilitare.: :"i dice c-e le (ostre opinioni politic-e siano esa*erate: disse Villefort, al 6)ale ness)no a(e(a detto )na parola di ci3, .a non pote(a fare a .eno di porre )na do.anda co.e si pone )n acc)sa. :Le .ie opinioni politic-e< Le .ie, si*nore< E 6)asi (er*o*noso dirlo, .a io non -o .ai a()to ci3 c-e si c-ia.a )n opinione. Fo dicianno(e anni appena, co.e ebbi l onore di dir(i> non so niente, non sono destinato a rappresentare alc)na parte4 il poco c-e sono e c-e sar3, se .i si accorda il posto c-e desidero, lo do(r3 solo al si*nor Morrel. Per tal .odo t)tte le .ie opinioni, non dir3 politic-e, .a pri(ate, si li.itano a 6)esti tre senti.enti> io a.o .io padre, rispetto il si*nor Morrel e adoro Mercedes. Ecco, si*nore, t)tto ci3 c-e posso dire alla *i)sti8ia. Voi (edete c-e 6)esto p)3 interessarle ben poco.: ! .is)ra c-e ;ant1s parla(a, Villefort *)arda(a il s)o (iso dolce ad )n te.po ed aperto, e senti(a ritornare alla .e.oria le parole di Renata, c-e sen8a conoscere l i.p)tato, *li a(e(a do.andato ind)l*en8a per l)i. Coll abit)dine c-e a(e(a a trattare i delitti e i delin6)enti il sostit)to (ede(a ad o*ni parola di ;ant1s le pro(e della s)a innocen8a. D)esto *io(ane, c-e si sarebbe pot)to c-ia.are ancora ra*a88o, se.plice, in*en)o, elo6)ente, di 6)ella elo6)en8a del c)ore c-e non si tro(a .ai 6)ando si cerca, pieno d affe8ione per t)tti perc-5 era felice, poic-5 la felicit7 rende b)oni anc-e *li stessi .al(a*i, (ersa(a s)l s)o *i)dice la dolce affabilit7 del s)o c)ore. Ed.ondo non a(e(a nello s*)ardo, nella (oce, nel *esto, per 6)anto ro88o e se(ero fosse stato con l)i Villefort, c-e affabilit7 e bont7 per c-i lo interro*a(a. :Perbacco?: disse tra s5 Villefort, :ecco )n b)on *io(ane ed io non pener3 .olto, lo spero, a far.i )n .erito con Renata, co.piacendo la s)a pri.a racco.anda8ione. Ci3 .i fr)tter7 )na b)ona stretta di .ano in presen8a di t)tti, ed )n bacio ineffabile di nascosto.: ! 6)esta doppia speran8a la fi*)ra di Villefort si abbell2, di.odoc-5 6)ando ri(olse *li s*)ardi dai s)oi pensieri sopra ;ant1s, 6)esti c-e a(e(a se*)ito t)tti i .o(i.enti della fisono.ia del s)o *i)dice, sorride(a 6)asi al s)o pensiero. :"apete di a(ere 6)alc-e ne.ico<: disse Villefort.

:Io dei ne.ici<: rispose ;ant1s. :Fo la fort)na di essere ancora ben poca cosa perc-5 la .ia posi8ione .e ne faccia. D)anto al .io carattere forse )n poco troppo (i(ace, -o se.pre cercato di addolcirlo (erso i .iei s)bordinati. Fo dieci o dodici .arinai sotto i .iei ordini4 c-e (en*ano p)re interro*ati, si*nore, ed essi (i diranno c-e .i a.ano e .i rispettano, non co.e padre, perc-5 sono troppo *io(ane, .a co.e )n fratello .a**iore.: :Bene: contin)3 Villefort, :(edia.o ora se in(ece di ne.ici poteste a(ere 6)alc-e in(idioso, o 6)alc-e *eloso. Voi state per essere no.inato capitano a dicianno(e anni, il c-e 1 )n posto ele(ato nella (ostra condi8ione. Voi state per sposare )na *io(ane c-e (i a.a il c-e 1 )n bene raro in o*ni circostan8a. D)este d)e preferen8e del destino, a(rebbero pot)to proc)rar(i 6)alc-e in(idioso.: :"2, a(ete ra*ione, (oi do(ete conoscere *li )o.ini .e*lio di .e> ci3 1 possibile4 .a se 6)esti in(idiosi do(essero essere tra i .iei a.ici, (i confesso c-e preferisco non conoscerli, per non esser costretto a odiarli.: :Voi a(ete torto4 biso*na se.pre, per 6)anto 1 possibile, tener *li occ-i aperti intorno a s5, e in (erit7 (oi .i se.brate )n cos2 bra(o *io(ane, c-e per (oi contra((en*o alle re*ole ordinarie della *i)sti8ia e ad ill).inar(i, co.)nicando(i la den)n8ia c-e (i cond)ce dinan8i a .e. Ecco il fo*lio acc)satore, ne conoscete il carattere<: e Villefort ca(3 dalle s)e tasc-e la lettera, e la present3 a ;ant1s. ;ant1s la *)ard3 e la lesse. Un n)be osc)r3 la s)a fronte, e disse> :0o, si*nore, io non conosco 6)esto carattere, c-e 6)ant)n6)e alterato p)re 1 scritto con .olto (i*ore. In o*ni caso 1 )na .ano .olto abile c-e lo -a (er*ato. Io sono ben fort)nato: so**i)nse *)ardando con riconoscen8a Villefort, :di a(ere a trattare con )n )o.o 6)ale (oi siete, poic-5 il .io cal)nniatore 1 )n (ero ne.ico.: !l la.po c-e sfol*or3 ne*li occ-i del *io(ane pron)nciando 6)este parole, Villefort pot5 conoscere 6)anta (iolenta ener*ia sta(a nascosta sotto 6)ella apparente dolce88a. :Ora: disse Villefort, :rispondete.i franca.ente, non co.e farebbe )n pre(en)to al s)o *i)dice, .a co.e )n )o.o c-e si tro(i in )na falsa posi8ione risponde ad )n altro )o.o c-e prenda interesse per l)i... C-e (i 1 di (ero in 6)esta anoni.a acc)sa<: E Villefort *ett3 con dispre88o s)llo scrittoio la lettera c-e ;ant1s *li a(e(a restit)ito. :/)tto, e niente> ecco(i la p)ra (erit7, s)l .io onore di .arinaio, s)l .io a.ore per Mercedes, s)lla (ita di .io padre.: :Parlate, si*nore: disse ad alta (oce Villefort, poi fra s5 so**i)nse> :"e Renata potesse (eder.i, io spero c-e sarebbe contenta di .e, e non .i c-ia.erebbe pi@ ta*liatore di teste:. :Ebbene, lasciando 0apoli, il capitano Leclerc cadde .alato di )na febbre cerebrale4 sicco.e noi non a(e(a.o .edico a bordo, ed e*li non (olle fer.arsi in alc)n p)nto della costa, sollecito co.e era di portarsi all isola d Elba, la s)a .alattia pe**ior3 in .odo c-e (erso la fine del ter8o *iorno, sentendosi (icino a .orire, .i c-ia.3 a s5> :Mio caro ;ant1s: .i disse, :*i)rate.i s)l (ostro onore di fare t)tto ci3 c-e (i dir3, trattandosi di affare del pi@ alto interesse.:

:Ve lo *i)ro, capitano: risposi io. :Ebbene, sicco.e dopo la .ia .orte spetta a (oi il co.ando del basti.ento nella (ostra 6)alit7 di secondo, (oi prenderete 6)esto co.ando, e .etterete capo all isola d Elba, sbarc-erete a Portoferraio, cerc-erete del *ran Maresciallo, *li ri.etterete 6)esta lettera, e ( incaric-er7 di 6)alc-e .issione. D)esta .issione, c-e era riser(ata a .e, (oi l ese*)irete, ;ant1s, in .ia (ece, e t)tto l onore sar7 (ostro.: :Lo far3, capitano, .a forse non potr3 per(enire fino al *ran Maresciallo tanto facil.ente 6)anto (oi credete.: :Ecco(i )n anello c-e (i far7 *i)n*ere facil.ente a l)i: disse il capitano, :e c-e to*lier7 t)tte le difficolt7.: ! 6)este parole .i conse*n3 l anello, e f) appena in te.po, perc-5 poco dopo *li prese il delirio e l indo.ani era .orto.: :E c-e faceste allo ra<: :Ci3 c-e do(e(o fare, si*nore, e c-e ciasc)n altro a(rebbe fatto al .io posto. In o*ni circostan8a le pre*-iere dei .oribondi sono sacre, .a presso i .arinai le pre*-iere d )n s)periore sono ordini c-e si debbono ese*)ire. +eci d)n6)e (ela (erso l isola d Elba o(e *i)nsi l indo.ani4 conse*nai a bordo t)tto l e6)ipa**io, ed io solo discesi a terra. Co.e a(e(o pre(isto, .i si fecero s)lle pri.e delle difficolt7 nell introd)r.i dal *ran Maresciallo, .a io *li in(iai l anello c-e do(e(a ser(ir.i per far.i riconoscere, e t)tte le porte si aprirono a(anti a .e. E*li .i rice(ette, . interro*3 s)lle )lti.e circostan8e della .orte del dis*ra8iato Leclerc4 e co.e 6)esti a(e(a pre(isto .i (enne conse*nata )na lettera incaricando.i di portarla di persona a Pari*i. #lielo pro.isi poic-5 6)esto era )n co.piere l estre.a (olont7 del .io capitano. Ritornai a bordo, feci (ela per Marsi*lia o(e *i)nsi ieri, acco.odai rapida.ente t)tti *li affari colla ;o*ana e la "anit7, corsi ad abbracciare .io padre, (olai a (edere la .ia fidan8ata, c-e tro(ai pi@ bella e pi@ inna.orata c-e .ai. Col fa(ore del si*nor Morrel f)rono s)perate t)tte le difficolt7 ecclesiastic-e4 e final.ente, si*nore, assiste(o, co.e (i -o detto, al pran8o del .io fidan8a.ento4 fra )n ora do(e(o essere a..o*liato, e conta(o di partir do.ani per Pari*i, allor6)ando per 6)esta acc)sa, c-e se.bra (oi p)re dispre88iate 6)anto .e, io f)i arrestato.: :"2, s2: .or.or3 Villefort, :t)tto ci3 .i se.bra esser la (erit7, e se (oi siete colpe(ole lo siete soltanto d i.pr)den8a4 ed anc-e 6)esta i.pr)den8a potrebbe essere le*itti.ata da*li ordini c-e rice(este dal (ostro capitano. Rendete.i 6)ella lettera c-e (i 1 stata conse*nata all isola d Elba, date.i la (ostra parola d onore di rico.parire alla pri.a re6)isitoria, ed andate a ra**i)n*ere i (ostri a.ici.: :In tal .odo io sono libero, si*nore<: escla.3 ;ant1s al col.o della *ioia. :"2, soltanto date.i 6)ella lettera.: :Essa de(e essere innan8i a (oi, poic-5 .i f) tolta con t)tte le altre carte, ed io ne riconosco 6)alc)na sotto 6)el le*accio.: :!spettate: disse il sostit)to a ;ant1s, c-e prende(a i *)anti ed il cappello, :a c-i era diretta<: :!l si*nor 0oirtier, r)e F5ron a Pari*i.: "e la fol*ore fosse cad)ta sopra Villefort non lo a(rebbe percosso con )n colpo pi@ rapido e pi@ inatteso. "i

lasci3 cadere s)lla se**iola dalla 6)ale si era per .et7 al8ato per prendere il plico delle carte confiscate a ;ant1s, le sfo*li3 precipitosa.ente, e ne ca(3 la lettera fatale, s)lla 6)ale *ett3 )no s*)ardo carico di pa)ra. :"i*nor 0oirtier r)e F5ron n).ero 1A: .or.or3, i.pallidendo se.pre pi@. :"2, si*nore: rispose ;ant1s .era(i*liato, :lo conoscete<: :0o: rispose pronta.ente Villefort, :)n ser(o fedele del Re non conosce i cospiratori.: :"i tratta d)n6)e di )na cospira8ione<: do.and3 ;ant1s c-e (eni(a ripreso, dopo essersi cred)to libero, da )n terrore pi@ *rande del pri.o. :In o*ni .odo, si*nore, io (e l -o detto, i*nora(o co.pleta.ente il conten)to del dispaccio di c)i ero portatore.: :"2: riprese Villefort, con sorda (oce, :.a (oi sapete il no.e di 6)ello a c)i era diretto<: :Biso*na bene c-e lo sapessi se do(e(o conse*narlo nelle s)e .ani.: :E (oi non a(ete .ostrato 6)ella lettera ad alc)no<: disse Villefort c-e se.pre pi@ i.pallidi(a a .is)ra c-e le**e(a la lettera. :! ness)no, s)l .io onore.: :/)tti d)n6)e i*norano c-e (oi era(ate portatore di )na lettera c-e (eni(a dall isola d Elba, ed era indiri88ata al si*nor 0oirtier<: :/)tti lo i*norano, .eno c-i .e l -a conse*nata.: :D)esto 1 troppo, 6)esto 1 ancora troppo?: .or.or3 Villefort. La fronte di Villefort si osc)ra(a se.pre pi@ .an .ano c-e le**e(a4 le s)e labbra bianc-e, le s)e .ani tre.anti, i s)oi occ-i ardenti face(ano passare nello spirito di ;ant1s le pi@ dolorose apprensioni. ;opo la lett)ra di 6)esta lettera, Villefort si lasci3 cadere la testa fra le .ani e ri.ase )n istante co.e annientato. :O-, .io ;io? C-e 1 d)n6)e, si*nore<: do.and3 ti.ida.ente ;ant1s. Villefort non rispose, .a dopo 6)alc-e istante rial83 la testa pallida e sco.posta e rilesse )na seconda (olta la lettera. :E (oi dite c-e non sapete n)lla di ci3 c-e contiene 6)esta lettera<: riprese Villefort. :")l .io onore, (i ripeto non ne so n)lla. Ma c-e a(ete (oi stesso< Mio ;io? Voi state .ale? Volete c-e s)oni il ca.panello< Volete c-e c-ia.i 6)alc)no<: :0o: disse Villefort al8andosi pronta.ente, :no, non fate r).ore, non dite )na parola4 sta a .e il dare de*li ordini 6)i e non a (oi.: :"i*nore: disse ;ant1s .ortificato, :era per (enire in (ostro soccorso4 sc)sate.i, (e ne pre*o, ri*)ardo all inten8ione.: :0on -o bis o*no di niente4 )no sconcerto passe**ero, ecco t)tto. Occ)pate(i di (oi e non di .e> rispondete.: ;ant1s aspetta(a la do.anda ann)n8iata da 6)est )lti.a parola, .a in)til.ente. Villefort ricadde s)l s)o se**io, pass3 la .ano a**-iacciata s)lla fronte c-e *ronda(a s)dore, e per la ter8a (olta si .ise a rile**ere la lettera. :O-? se l)i sa il conten)to di 6)esta lettera: .or.or3, :se (enisse a sapere )n *iorno c-e 0oirtier 1 il padre di Villefort, io son perd)to, perd)to per se.pre?...: e di tanto in tanto *)arda(a Ed.ondo co.e se col s)o s*)ardo a(esse pot)to infran*ere 6)ella barriera in(isibile c-e racc-i)de nel c)ore i se*reti, c-e dalla bocca non (en*ono palesati. :O-, non esitia.o pi@: escla.3 ad )n tratto, :non (i 1 c-e 6)esto .e88o.:

:Ma, in no.e del cielo, si*nore: riprese il dis*ra8iato *io(ane, :se (oi d)bitate di .e, se a(ete dei sospetti, interro*ate.i, io sono pronto a risponder(i.: Villefort fece )n (iolento sfor8o s) se stesso, e con )n tono di (oce c-e (ole(a rendere sic)ro> :"i*nore: disse, :dal (ostro interro*atorio ris)ltano a (ostro danno i sospetti pi@ forti> non sono d)n6)e padrone, co.e a(e(o poco fa sperato, di .etter(i in libert7 in 6)esto .edesi.o istante4 io debbo, pri.a di prendere 6)esta .is)ra, cons)ltare il *i)dice istr)ttore. +rattanto (oi a(ete (ed)to co.e (i -o trattato.: :O-, s2, si*nore: escla.3 ;ant1s, :io (i rin*ra8io poic-5 siete stato per .e pi@ c-e )n *i)dice, )n a.ico.: :Ebbene, io (i tratterr3 ancora per 6)alc-e te.po pri*ioniero, il .eno c-e .i sar7 possibile. Il principale atto d acc)sa c-e esiste contro di (oi 1 6)esta lettera, e (oi (edete...: Villefort si a((icin3 al ca.inetto, *ett3 la lettera s)l f)oco e rest3 i..obile fino a c-e f) ridotta in cenere. :E (oi (edete: contin)3 e*li, :io l -o annientata.: :O-?: escla.3 ;ant1s, :si*nore, (oi siete pi@ c-e la *i)sti8ia4 (oi siete la bont7 in persona.: :Ma ascoltate.i: contin)a(a Villefort, :dopo 6)est atto (oi co.prendete bene c-e potete a(ere t)tta la fid)cia in .e, non 1 (ero<: :!-, si*nore, ordinate, e io ese*)ir3 i (ostri ordini.: :0o: disse Villefort a((icinandosi al *io(ane, :non sono ordini c-e (o*lio dar(i, (oi capirete, sono consi*li.: :;ite, io .i confor.er3 co.e fossero ordini.: :Vi far3 trattenere fino a 6)esta sera al Pala88o di #i)sti8ia, forse 6)alc)n altro (err7 ad esa.inar(i. ;ite t)tto ci3 c-e a(ete detto a .e, .a non dite )na parola s) 6)ella lettera.: :Ve lo pro.etto, si*nore.: Era Villefort, c-e se.bra(a s)pplicare4 era l i.p)tato c-e tran6)illi88a(a il *i)dice. :Voi capirete: diss e*li *ettando )no s*)ardo s)lle ceneri c-e conser(a(ano ancora la for.a della carta e (eni(ano al8ate in aria ed a*itate dalla fia..a, :ora c-e 6)esta lettera 1 annientata, (oi ed io soltanto sappia.o c-e 1 esistita4 essa non (i sar7 pi@ ripresentata4 ne*atela d)n6)e se 6)alc)no (e ne parla, ne*atela ardita.ente, e con 6)esto .e88o soltanto sarete sal(o.: :0e*-er3, si*nore, state tran6)illo: disse ;ant1s. :Bene, bene: rispose Villefort portando la .ano al cordone del ca.panello. Poi fer.andosi al .o.ento c-e sta(a per s)onare> :D)esta era la sola lettera c-e a(e(ate<: disse. :La sola: rispose ;ant1s. :#i)ratelo.: ;ant1s stese la .ano> :Lo *i)ro?: Il ca.panello s)on3> il co..issario di poli8ia entr3. Villefort si a((icin3 al p)bblico )fficiale e *li disse 6)alc-e parola all orecc-io. Il co..issario rispose con )n se.plice se*no di testa. :"e*)itelo, si*nore: disse Villefort a ;ant1s. ;ant1s s inc-in3, *ett3 )n )lti.o s*)ardo di riconoscen8a a Villefort ed )sc2. !ppena la porta f) c-i)sa dietro di l)i, le for8e .ancarono a Villefort, c-e cadde 6)asi s(en)to s)l s)o se**io. Poi dopo )n istante> :O-, .io ;io, da c-e dipende la (ita e la fort)na? "e il Proc)ratore del Re fosse stato a Marsi*lia, se il *i)dice istr)ttore fosse stato c-ia.ato in .ia (ece, io sarei perd)to, e 6)esto fo*lio, 6)esto .aledetto fo*lio .i a(rebbe precipitato nell abisso. !-, padre .io, padre .io, sarete (oi d)n6)e se.pre )n

ostacolo alla .ia felicit7 in 6)esto .ondo e do(r3 io lottare eterna.ente col (ostro passato<: Poi, t)tto ad )n tratto, )na l)ce inattesa par(e passare innan8i al s)o spirito e risc-iar3 il s)o (iso, )n sorriso si deline3 s)lla s)a bocca ancora increspata, i s)oi occ-i stra(olti di(ennero fissi, e par(ero soffer.arsi s) )n pensiero. :"2: disse, :6)esta lettera do(e(a perder.i, far7 forse la .ia fort)na. !ndia.o, Villefort, all opera?: E dopo essersi assic)rato c-e l i.p)tato non si tro(a(a pi@ nell antica.era, il sostit)to Proc)ratore del Re )sc2 a s)a (olta, inca..inandosi rapida.ente (erso la casa della s)a fidan8ata. Capitolo &. IL C!"/ELLO ; I+. /ra(ersando l antica.era, il co..issario di poli8ia fece )n se*no a d)e *endar.i, i 6)ali si posero )no a destra e l altro a sinistra di ;ant1s4 f) aperta )na porta c-e co.)nica(a con il Pala88o #i)sti8ia, e contin)arono per 6)alc-e te.po in )no di 6)ei l)n*-i corridoi c-e fanno tre.are 6)elli c-e (i passano, anc-e 6)ando non -anno alc)n .oti(o di tre.are. 0ello stesso .odo c-e l apparta.ento di Villefort co.)nica(a col Pala88o di #i)sti8ia, 6)est edificio co.)nica(a colla pri*ione, tetro .o n).ento addossato al pala88o e c-e *)arda in .odo strano da t)tte le s)e apert)re *)arnite di sbarre il ca.panile de*li !cco)l1s c-e *li sor*e da(anti. ;opo )na 6)antit7 di s(olte nel corridoio c-e percorre(a, ;ant1s si (ide innan8i )na porta col catenaccio di ferro. Il co..issario di poli8ia batt5 col .artello tre colpi c-e si ripercossero per ;ant1s co.e se *li fossero stati batt)ti s)l c)ore. La porta si apr2, i d)e *endar.i spinsero le**er.ente il pri*ioniero c-e esita(a4 ;ant1s oltrepass3 il li.itare terribile, e la porta si ric-i)se s)bito con fracasso dietro a l)i. E*li respira(a )n altra aria, )n aria .efitica e pesante4 era l aria della pri*ione. Venne condotto in )na stan8a abbastan8a p)lita, .a con l inferriata a catenaccio. L aspetto della s)a n)o(a di.ora non *li ca*ion3 *ran ti.ore. ; altronde le parole del sostit)to proc)ratore del Re, pron)n8iate con )na (oce c-e era se.brata a ;ant1s ricol.a di tanto interesse, ris)ona(ano al s)o orecc-io co.e )na dolce pro.essa di speran8a. Erano *i7 6)attro ore da c-e ;ant1s era stato introdotto in 6)ella stan8a. Era(a.o, co.e abbia.o detto, al pri.o di .ar8o, ed il *iorno declina(a presto> il pri*ioniero si tro(3 s)bito nella notte. Il senso dell )dito a).enta(a in l)i a .is)ra c-e la (ista si atten)a(a. !l pi@ piccolo r).ore c-e per(eni(a fino a l)i, con(into c-e sarebbe stato .esso in libert7, si al8a(a (eloce.ente e face(a )n passo (erso la porta. Ben presto il r).ore anda(a a perdersi in )n altra dire8ione, e ;ant1s ricade(a s)l s)o s*abello. +inal.ente, (erso le dieci di sera, al .o.ento in c)i ;ant1s co.incia(a a perdere la speran8a, )n n)o(o r).ore si fece intendere, e 6)esta (olta *li se.bra(a a((icinarsi alla s)a stan8a. Infatti dei passi ri.bo.barono nel corridoio e si fer.arono da(anti alla s)a porta. Una c-ia(e *ir3 d)e (olte nella serrat)ra, i catenacci ci*olarono, la .assiccia barriera di 6)ercia si apr2, lasciando penetrare ad )n tratto nella stan8a osc)ra l abba*liante l)ce di d)e torce.

! 6)esta l)ce ;ant1s (ide brillare le sciabole ed i f)cili di 6)attro *endar.i. E*li a(e(a fatto d)e passi in a(anti4 ri.ase i..obile al s)o posto (edendo 6)est a).ento di for8a. :Venite a cercar .e<: do.and3 ;ant1s. :"2: rispose )no dei *endar.i. :Per parte del si*nor sostit)to proc)ratore del Re<: :Ma... cos2 credo.: :Bene: disse ;ant1s, :sono pronto a se*)ir(i.: La con(in8ione c-e si (eni(a a cercarlo per parte di Villefort, to*lie(a o*ni ti.ore all infelice *io(anotto. E*li si a(an83 d)n6)e con spirito cal.o, con andat)ra tran6)illa, e si pose da s5 in .e88o alla s)a scorta. Una carro88a aspetta(a alla porta di strada, il cocc-iere era al s)o posto, )n bri*adiere era assiso presso il cocc-iere. := d)n6)e per .e 6)esta carro88a<: do.and3 ;ant1s. :E per (oi: rispose )no dei *endar.i, :salite.: ;ant1s (ole(a fare 6)alc-e osser(a8ione, .a lo sportello si apr2, si sent2 spin*ere. 0on a(e(a n5 la possibilit7 n5 l inten8ione di far resisten8a. "i tro(3 in )n istante nel fondo della carro88a fra d)e *endar.i, *li altri d)e sedettero nel posto da(anti, e il pesante (eicolo si .ise in .oto con sinistro r).ore. Il pri*ioniero (olse *li occ-i s)lle apert)re, esse erano c-i)se con le *ri*lie. E*li non a(e(a fatto c-e ca.biar di pri*ione. "oltanto, 6)esta corre(a, e lo trasporta(a (erso )na .eta non conosci)ta. !ttra(erso le sbarre, c-i)se in .odo da lasciar(i appena passare la .ano, ;ant1s riconobbe c-e si passa(a per la r)e Caisserie e c-e dalla r)e "aintCLa)rent e dalla r)e /a.aris si discende(a (erso lo scalo. Presto (ide, attra(erso le sbarre, brillare i l).i della Conse*na. La carro88a si fer.34 il bri*adiere discese e si a((icin3 al corpo di *)ardia4 )na do88ina di soldati )scirono e si disposero in d)e ran*-i in .odo da lasciare )no stretto passa**io. ;ant1s (ede(a al c-iarore dei fanali dello scalo ril)cere i loro f)cili. :"arebbe per .e: si do.anda(a, :c-e si spie*a )na si.ile for8a .ilitare<: Il bri*adiere, aprendo lo sportello della carro88a c-e era stato c-i)so a c-ia(e, 6)ant)n6)e non pron)n8iasse )na parola dette la risposta alla do.anda c-e si era fatta ;ant1s, perc-5 (ide fra le d)e file di soldati il sentiero c-e era stato preparato per l)i dalla carro88a al porto. I d)e *endar.i c-e erano a sedere nel posto da(anti f)rono i pri.i a scendere, 6)indi f) fatto scendere ;ant1s final.ente s.ontarono 6)elli c-e *li sta(ano ai fianc-i e ca..inarono (erso )na barc-etta, c-e )n .arinaio di do*ana tene(a fer.a allo scalo con )na catena. I soldati osser(arono ;ant1s passare con )na st)pita c)riosit7. In )n .o.ento e*li f) siste.ato alla poppa del battello, se.pre tra i s)oi 6)attro *endar.i, .entre il bri*adiere si tene(a a pr)a. Una scossa (iolenta stacc3 il battello dalla ri(a e 6)attro (i*orosi re.atori (o*arono (erso il Pilone. ! )n *rido dalla barca, la catena c-e c-i)de il porto si abbass3, e ;ant1s si tro(3 f)ori nel porto. Il pri.o i.p)lso del pri*ioniero ritro(andosi all aria aperta era stato )n i.p)lso di *ioia. L aria 1 6)asi la sal(e88a? Respir3 d)n6)e a pieni pol.oni la bre88a (i(ace c-e apporta t)tti *li ole88i sconosci)ti della notte o

del .are. ")bito per3 e.ise )n sospiro> passa(a da(anti all osteria della Riser(a do( era stato cos2 felice la .attina stessa nell ora c-e a(e(a preced)to 6)ella del s)o arresto, e, attra(erso la c-iara apert)ra di d)e finestre, *i)nse fino a l)i il lieto r).ore di )n ballo. ;ant1s incroci3 le .ani, le(3 *li occ-i al cielo e pre*3. La barca contin)ando il s)o ca..ino, a(e(a *i7 oltrepassata la /esta di Moro, e si tro(a(a in faccia all ansa del faro. Essa anda(a a borde**iare di fianco alla batteria, e 6)esta era )na .ano(ra inco.prensibile per ;ant1s. :Ma do(e .i cond)cete<: do.and3 e*li. :Voi lo saprete ben presto.: :Ma p)re...: :Ci 1 proibito dar(i alc)na spie*a8ione.: ;ant1s era per .et7 soldato4 fare delle do.ande a dei s)bordinati ai 6)ali era proibito di rispondere, *li par(e )na cosa ass)rda e tac6)e. I pensieri pi@ strani *li passarono per la .ente. 0on si pote(a fare )na l)n*a na(i*a8ione con )na si.ile barc-etta, non (i era alc)n basti.ento all 7ncora dalla parte (erso c)i si diri*e(ano. !llora pens3 c-e sarebbe stato depositato sopra )n p)nto lontano della costa per dir*li c-e era libero> infatti non era incatenato, non era stato fatto alc)n tentati(o per .etter*li le .anette, e ci3 *li se.bra(a di b)on a)*)rio. ; altronde il sostit)to, cos2 ).ano con l)i, a(e(a detto c-e 6)alora non pron)n8iasse )na parola s)lla lettera diretta a 0oirtier, e*li non a(e(a n)lla da te.ere? Villefort non a(e(a in s)a presen8a annientata 6)ella pericolosa lettera, )nica pro(a c-e esistesse contro di l)i< E*li aspetta(a d)n6)e, .)to e pensieroso, e cerca(a di discernere coll occ-io da .arinaio esercitato alle tenebre, ass)efatto allo spa8io, l osc)rit7 della notte. "i era lasciata a destra l isola Ratonnea) s) c)i ril)ce(a il faro e se.pre coste**iando si era arri(ati all alte88a della baia dei Calalani. L7 *li s*)ardi del pri*ioniero raddoppiarono di ener*ia4 era l7 c-e sta(a Mercedes e *li se.bra(a ad o*ni istante (edere delinearsi s)lla ri(a osc)ra la for.a (a*a e indecisa di )na donna. Co.e .ai )n presenti.ento non dice(a allora a Mercedes c-e il s)o adorato passa(a in 6)el .o.ento a trecento passi da lei< Un sol l).e brilla(a ai Catalani. "t)diando la posi8ione di 6)esto l).e, ;ant1s riconobbe c-e risc-iara(a la ca.era della s)a fidan8ata. Mercedes era la sola c-e (e*lia(a in t)tta la piccola colonia. !l8ando )n *rido il *io(ane pote(a essere inteso dalla fidan8ata. Una falsa (er*o*na lo trattenne, c-e a(rebbero detto coloro c-e lo c)stodi(ano sentendolo *ridare co.e )n insensato< Rest3 d)n6)e .)to co*li occ-i fissi s) 6)el l).e. +rattanto la barca contin)a(a il s)o ca..ino4 .a il pri*ioniero non pensa(a alla barca, e*li pensa(a a Mercedes. Una d)na del terreno fece sparire il l).e. ;ant1s si (olt3 e allora (ide c-e la barca prende(a il lar*o Mentre *)arda(a il l).e, assorto nei propri pensieri, non si era accorto c-e ai re.i erano state sostit)ite le (ele, e la barca ca..ina(a spinta dal (ento. Mal*rado la rip)*nan8a a fare n)o(e do.ande al *endar.e, p)re ;ant1s *li si appress3, e strin*endo*li la .ano disse> :#endar.e, in no.e della (ostra coscien8a, e per la (ostra 6)alit7

di soldato, (i scon*i)ro di a(er piet7 di .e, e di risponder.i. Io sono il capitano ;ant1s, leale e b)on francese, 6)ant)n6)e acc)sato di non so 6)al tradi.ento. ;o(e .i cond)cete< ;itelo, e s)lla fede di .arinaio io .i adatter3 al .io do(ere, e .i rasse*ner3 al .io destino.: Il *endar.e si *ratt3 l orecc-io, e *)ard3 il s)o ca.erata. D)esti fece )n .o(i.ento, 6)asi a(esse (ol)to dire> :Mi se.bra c-e al p)nto in c)i sia.o non (i sia da te.ere alc)n incon(eniente:. Il *endar.e allora si ri(olse (erso ;ant1s e *li disse> :Voi siete .arsi*liese e .arinaio e do.andate a .e do(e andia.o<: :"2, poic-5 s)l .io onore non lo so.: :0on ne a(ete alc)n sospetto<: :0ess)no.: :E possibile<...: :Io (e lo *i)ro per 6)anto (i 1 di pi@ sacro al .ondo. Rispondete.i d)n6)e, di *ra8ia?: :Ma la conse*na<: :La conse*na non (i proibisce ci3 c-e sapr3 fra dieci .in)ti, fra .e88 ora, forse fra )n ora. "oltanto (oi .i rispar.ierete secoli di incerte88a. Ve lo c-iedo co.e se foste )n a.ico. Osser(ate, non (o*lio n5 ri(oltar.i, n5 f)**ire4 d altronde non posso. ")((ia, do(e andia.o<: :! .eno c-e non abbiate la benda a*li occ-i o non siate .ai )scito dal porto di Marsi*lia, (oi do(reste indo(inare do(e andia.o.: :Epp)re...: :!llora *)ardate(i attorno.: ;ant1s si al83, tese lo s*)ardo (erso il p)nto a c)i se.bra(a diri*ersi il battello e (ide a cento tese lontano innal8arsi la nera e scoscesa roccia s)lla 6)ale sor*e co.e )na escrescen8a di silice il nero Castello d If. D)esta for.a strana, 6)esta pri*ione s)lla 6)ale re*na(a )n s2 profondo terrore, 6)esta forte88a c-e face(a da trecent anni parte delle l)*)bri tradi8ioni, co.par(e ad )n tratto innan8i a ;ant1s c-e non pensa(a p)nto ad essa, e *li fece l effetto c-e fa ad )n condannato a .orte la (ista del patibolo. :!-, .io ;io?: *rid3, :il Castello d If? E c-e andia.o a fare l7<: Il *endar.e sorrise. :Ma non .i si cond)rr7 l7 per esser(i i.pri*ionato...: contin)3 ;ant1s. :Il Castello d If 1 )na pri*ione di "tato, destinata soltanto ai *randi colpe(oli politici. Io non -o co..esso alc)n delitto. Ma, dite.i> (i sono forse dei *i)dici istr)ttori, dei .a*istrati 6)al)n6)e al Castello d If<: :0on (i sar7, io s)ppon*o: disse il *endar.e, :c-e )n *o(ernatore, dei carcerieri, )na *)arni*ione e delle otti.e .)ra. !ndia .o, andia.o a.ico, non .i fate tanto il sorpreso, poic-5 in (erit7 .i farete credere c-e (oleste rico.pensare la .ia co.piacen8a col b)rlar(i di .e.: ;ant1s strinse la .ano del *endar.e si forte c-e pare(a (olesse infran*er*liela. :Voi pretendete d)n6)e c-e .i si cond)ca al Castello d If per esser(i i.pri*ionato<: :Probabil.ente: disse il *endar.e, :.a in o*ni .odo, ca.erata, 1 in)tile strin*er.i la .ano cos2 forte.: :"en8 altra for.alit7<: :Le for.alit7 sono co.pi)te, l istr)ttoria 1 fatta.: :Cos2 ad onta della pro.essa del si*nor Villefort...: :Io non so se Villefort (i -a fatto )na pro.essa: disse il *endar.e, :6)ello c-e so, 1 c-e noi andia.o al Castello d If.

Ebbene, c-e fate adesso< Ol7 ca.erati, a .e?: Con )n .o(i.ento pari al la.po, .a c-e per3 era stato pre(isto dall occ-io esercitato del *endar.e, ;ant1s a(rebbe (ol)to slanciarsi in .are, .a 6)attro .ani (i*orose lo trattennero nell istante in c)i i s)oi piedi lascia(ano il fondo del battello. E*li ricadde nella barca )rlando di rabbia. :Bra(o?: escla.3 il *endar.e, .ettendo*li )n *inocc-io s)l petto. :Ecco co.e (oi .antenete la (ostra parola da .arinaio? +idate(i delle persone .ellifl)e? Ebbene ora .io caro, se fate )n .o(i.ento, )n sol .o(i.ento, io (i pianto )na pallottola nella testa. Fo tradito la pri.a .ia conse*na, .a (i assic)ro c-e non .anc-er3 alla seconda.: Ed effetti(a.ente abbass3 la carabina (erso ;ant1s, c-e sent2 appo**iarsi co.e )n anello di *elo l estre.it7 della canna alla te.pia. Per )n atti.o ebbe l idea di ese*)ire il proibito .o (i.ento e finirla cos2 (iolente.ente coll inattesa infelicit7 c-e era calata sopra di l)i coi s)oi arti*li d a((oltoio. Ma app)nto perc-5 6)esta infelicit7 era inattesa, ;ant1s pens3 c-e non pote(a d)rare. #li tornarono al pensiero le pro.esse di Villefort . E poi, biso*na anc-e dirlo, 6)esta .orte nel fondo di )n battello, dalle .ani di )n *endar.e *li par(e s6)allida e cr)dele. Ricadde d)n6)e s)l ta(olato della barca, .andando )n )rlo di rabbia, e rodendosi con f)rore le .ani. D)asi nel .edesi.o istante )n )rto (iolento percosse il battello, )no dei battellieri salt3 s)lla roccia c-e era stata toccata dalla piccola barca, )na corda si s(olse da )na p)le**ia. ;ant1s s accorse c-e erano arri(ati, e c-e si attracca(a lo scafo. Infatti i *)ardiani, c-e lo tene(ano per le braccia e il colletto dell abito, lo spinsero a rial8arsi, lo costrinsero a discendere a terra, e lo trasportarono (erso *li scalini c-e .ette(ano alla porta della cittadella, .entre il bri*adiere li se*)i(a ar.ato di .osc-etto con la baionetta innestata. ;ant1s del resto non fece pi@ alc)na in)tile resisten8a4 la s)a lente88a pro(eni(a pi@ da iner8ia c-e da opposi8ione. Era stordito e barcolla(a co.e )n )briaco. Vide di n)o(o i soldati c-e si sc-iera(ano s)lla rapida c-ina, sent2 alc)ni scalini c-e lo for8arono ad al8are i piedi, si accorse c-e passa(a sotto )na porta, e c-e 6)esta porta si c-i)de(a dietro di l)i> .a t)tto ci3 .acc-inal.ente co.e attra(erso )na densa nebbia sen8a distin*)er n)lla di reale. E*li non (ede(a nepp)re pi@ il .are, cotesto i..enso dolore dei pri*ionieri c-e *)ardano lo spa8io col terribile senti.ento d essere i.potenti a s)perarlo. Vi f) )na fer.ata di )n .o.ento, d)rante la 6)ale cerc3 di racco*liere i s)oi sospiri. #)ard3 intorno a s5, era in )n cortile 6)adrato for.ato da 6)attro *randi .)ra*lie. "i senti(ano i passi lenti e re*olari delle sentinelle, e o*ni (olta c-e passa(ano da(anti al riflesso proiettato s)lle .)ra*lie dalla l)ce di d)e o tre l).i accesi all interno del castello, si (ede(a scintillare la canna dei loro f)cili. D)i attese dieci .in)ti circa. Certi c-e ;ant1s non pote(a pi@ f)**ire lo a(e(ano lasciato, se.bra(a c-e aspettassero de*li ordini, e 6)esti ordini *i)nsero. :;o( 1 il pri*ioniero<: do.and3 )na (oce.

:Eccolo: risposero i *endar.i. :C-e .i se*)a> lo cond)rr3 al s)o allo**io.: :!ndate?: dissero i *endar.i, dando )na spinta a ;ant1s. Il pri*ioniero se*)2 la s)a *)ida, c-e lo cond)sse effetti(a.ente in )na cella 6)asi sotterranea, le c)i .)ra*lie n)de e *occiolanti se.bra(ano i.pre*nate dell ).idit7 delle lacri.e. Una specie di lanterna, posata sopra )no s*abello ed il c)i l)ci*nolo n)ota(a in )n *rasso fetido, ill).ina(a le pareti l)cide di 6)esto spa(entoso antro. ;ant1s (ide il s)o carceriere, c-e era )na specie di s)balterno, .al (estito e di l)rido aspetto. :Ecco la (ostra cella per 6)esta notte: disse. := tardi e il si*nor #o(ernatore 1 andato a letto4 do.ani 6)ando si sar7 al8ato, ed a(r7 conosci)to *li ordini c-e (i concernono, forse (i ca.bier7 do.icilio. +rattanto ecco(i del pane. C 1 dell ac6)a in 6)esta brocca, della pa*lia la**i@ in 6)el cantone. Inso..a c 1 t)tto 6)ello c-e )n pri*ioniero p)3 desiderare. B)ona notte.: E pri.a c-e ;ant1s a(esse pensato ad aprir bocca per risponder*li, pri.a c-e a(esse (ed)to do(e il carceriere a(esse posto il pane, pri.a c-e si fosse reso conto del posto o(e sta(a la brocca, pri.a c-e a(esse (oltato *li occ-i (erso l an*olo do(e l aspetta(a 6)ella pa*lia destinata a ser(ir*li da letto, il carceriere a(e(a preso la lanterna e c-i)dendo la porta a(e(a tolto al pri*ioniero 6)ella l)ce incerta c-e *li a(e(a .ostrato, co.e al c-iarore di )n la.po, le ).ide .)ra*lie della s)a pri*ione. !llora si tro(3 solo nelle tenebre e nel silen8io .)to e tetro 6)anto le (olte di c)i e*li senti(a il freddo a**-iacciante abbassarsi s)lla fronte c-e br)cia(a. D)ando i pri.i ra**i del *iorno ebbero ricondotto )n poco di l)ce in 6)est antro, il carceriere ritorn3 coll ordine di lasciare il pri*ioniero do( era. ;ant1s non a(e(a ca.biato posto, )na .ano di ferro se.bra(a a(erlo inc-iodato nel p)nto stesso in c)i si era fer.ato entrando. Il s)o occ-io profondo si nasconde(a sotto )n *onfiore ca*ionato dall ).ido (apore delle s)e lacri.e> era i..obile e *)arda(a il terreno. !(e(a passato cos2 t)tta la notte, in piedi, sen8a dor.ire )n solo istante. Il carceriere si a((icin3 a l)i, *li *ir3 attorno, .a ;ant1s non pare(a (ederlo4 *li batt5 s)lla spalla e ;ant1s rabbri(id2 sc)otendo la testa. :0on a(ete dor.ito<: do.and3 il carceriere. :0on lo so: rispose ;ant1s. Il carceriere lo *)ard3 con .era(i*lia. :0on a(ete fa.e<: contin)3. :0on lo so: rispose ancora ;ant1s. :Volete 6)alc-e cosa<: :Vorrei (edere il #o(ernatore.: Il carceriere al83 le spalle ed )sc2. ;ant1s lo se*)2 co*li occ-i, stese le .ani (erso la porta socc-i)sa4 .a 6)esta (enne sbarrata. !llora il s)o petto se.br3 s6)arciarsi in )n l)n*o sin*)lto. Le lacri.e c-e *li *onfia(ano le palpebre scorsero co.e d)e r)scelli, e*li si precipit3 colla fronte per terra e pre*3 l)n*o te.po, esa.inando in spirito t)tta la s)a (ita passata, e c-iedendo a se stesso 6)al delitto a(e(a

co..esso in 6)esta (ita ancora cos2 *io(ane, c-e potesse .eritar*li )na tal cr)dele p)ni8ione. La *iornata pass3 cos2. +) .olto se .an*i3 6)alc-e boccone di pane, be(ette 6)alc-e *occia d ac6)a4 ora resta(a sed)to, assorto nei s)oi pensieri, ora *ira(a intorno alla s)a cella co.e )na bestia feroce c-i)sa in )na *abbia di ferro. Un solo pensiero lo face(a sopratt)tto trasecolare, ed era c-e, d)rante 6)ella tra(ersata, in c)i i*norando il l)o*o o(e era condotto, era ri.asto cal.o e tran6)illo, a(rebbe pot)to ben dieci (olte *ettarsi in .are, ed )na (olta in ac6)a, *ra8ie all esperien8a c-e face(a di l)i )no dei pi@ abili n)otatori di Marsi*lia, sparire sott ac6)a, sf)**ire ai s)oi *)ardiani, *)ada*nare la costa, sal(arsi, nascondersi in 6)alc-e l)o*o deserto, attendere )n basti.ento *eno(ese o catalano, ra**i)n*ere l Italia o la "pa*na, e di l7 scri(ere a Mercedes c-e (enisse da l)i. D)anto alla s)a (ita, in 6)alsiasi contrada pote(a stare tran6)illo4 in o*ni l)o*o i b)oni .arinai sono rari4 parla(a l italiano co.e )n toscano, e lo spa*nolo co.e )n fi*lio della (ecc-ia Casti*lia. "arebbe (iss)to libero, felice con Mercedes, con s)o padre, perc-5 s)o padre sarebbe (en)to a ra**i)n*erlo. In(ece ora era pri*ioniero, c-i)so nel Castello d If, in 6)ella troppo sic)ra pri*ione, non sapendo cosa accade(a a s)o padre, cosa accade(a a Mercedes, e t)tto ci3 perc-5 a(e(a cred)to alla parola di Villefort. C era da di(entare pa88i. ;ant1s si rotola(a f)rioso s)lla pa*lia fresca c-e il carceriere *li a(e(a portato. L indo.ani alla stess ora il carceriere ritorn3. :Ebbene: *li do.and3, :o**i siete pi@ ra*ione(ole di ieri<: ;ant1s non rispose parola. :+ate(i d)n6)e: disse, :)n po di cora**io... ;esiderate 6)alc-e cosa c-e sia in .io potere< ;ite.: :;esidero parlare al #o(ernatore.: :E-<: disse il carceriere con i.pa8ien8a. :Vi -o *i7 detto c-e 6)esto 1 i.possibile...: :Perc-5 1 i.possibile<: :Perc-5 nei re*ola.enti della pri*ione c 1 scritto c-e ness)n pri*ioniero -a il per.esso di do.andarlo.: :E 6)ali sono i per.essi c-e 6)i si possono a(ere<: :Un .i*lior (itto, pa*ando, la passe**iata, e 6)alc-e (olta dei libri.: :Io non -o biso*no di libri4 non .i c)ro di fare passe**iate4 tro(o b)ono il .io (itto. In tal .odo non -o biso*no c-e di )na cosa, 6)ella cio1 di parlare al #o(ernatore...: :"e .i annoiate ancora )na (olta con 6)esta do.anda: disse il carceriere, :non (i porter3 pi@ da .an*iare.: :Ebbene: disse ;ant1s, :se t) non .i porterai pi@ da .an*iare, .orir3 di fa.e, ecco t)tto.: L accento col 6)ale ;ant1s pron)nci3 6)este parole, pro(3 al carceriere c-e il pri*ioniero si sarebbe sti.ato felice di .orire. Cos2, sicco.e o*ni pri*ioniero, fatti i conti, fr)tta(a al s)o carceriere circa dieci soldi al *iorno, 6)ello di ;ant1s fece il calcolo della perdita per la s)a .orte 6)indi riprese con tono pi@ addolcito> :!scoltate.i, ci3 c-e (oi desiderate 1 i.possibile4 non lo do.andate d)n6)e pi@ perc-5 non (i 1 ese.pio c-e per ric-iesta di )n pri*ioniero il #o(ernatore sia (en)to nel carcere a tro(arlo4 soltanto coll essere sa(io (i si potr7 per.ettere la

passe**iata, ed allora sar7 possibile c-e )n *iorno o l altro, d)rante 6)esta, possa passare (icino a (oi il #o(ernatore, nel 6)al caso, (oi lo potrete interro*are4 ed e*li, se ()ole, (i risponder7.: :Ma: disse ;ant1s, :6)anto te.po potr3 io aspettare pri.a c-e 6)esto caso si presenti<: :;ia.ine: disse il carceriere, :)n .ese, tre .esi, sei .esi e forse )n anno.: := troppo: disse ;ant1s, :io (o*lio (ederlo s)bito.: :!-: disse il carceriere, :non (i lasciate infat)are cos2 da )n desiderio solo ed i.possibile, o pri.a di 6)indici *iorni (oi di(enterete pa88o.: :!-, t) lo credi<: disse ;ant1s. :"2 pa88o, e se.pre cos2 co.incia la pa88ia4 noi 6)i ne abbia.o a()ti e ne abbia.o t)ttora de*li ese.pi. !llo scien8iato c-e abita(a 6)esta cella pri.a di (oi dette di (olta il cer(ello per essersi .esso in testa di (oler esser .esso in libert7, .ediante )n .ilione c-e incessante.ente offri(a al #o(ernatore.: :E 6)anto te.po 1 c-e -a lasciato 6)esta cella<: :;)e anni.: :E f) .esso in libert7<: :0o, f) .esso in se*reta.: :!scolta: disse ;ant1s, :io non sono )no scien8iato, io non sono )n pa88o. +orse la perder3, .a dis*ra8iata.ente in 6)esto .o.ento -o t)tta la .ia ra*ione4 (o*lio farti )na proposta...: :E 6)ale<: :0on ti offrir3 )n .ilione, non potrei dartelo, .a ti offrir3 cento sc)di se, la pri.a (olta c-e andrai a Marsi*lia, ai Catalani, porterai )na lettera ad )na *io(ane c-e si c-ia.a Mercedes... Ma neanc-e )na lettera, appena d)e ri*-e.: :"e io portassi d)e ri*-e, e fossi scoperto, perderei il .io posto, c-e 1 di .ille lire l anno, sen8a contare *li incerti. Voi (edete d)n6)e c-e io sarei )n *rande i.becille se (olessi risc-iare di perdere .ille lire per *)ada*narne trecento.: :Ebbene: disse ;ant1s, :ascolta e tieni bene a .ente 6)el c-e ti dico se t) rifi)ti di a((ertire il #o(ernatore c-e desidero parlar*li, se t) ric)si di portare d)e ri*-e a Mercedes o di a((ertirla al.eno c-e io sono 6)i, )n *iorno o l altro io ti aspetto nascosto dietro la porta, e nel .o.ento c-e t) entri ti spacco la testa collo s*abello.: :;elle .inacce?: escla.3 il carceriere, facendo )n passo indietro e .ettendosi s)lla difesa. :Infallibil.ente la testa (i *ira> lo scien8iato -a co.inciato co.e (oi, e fra tre *iorni (oi sarete pa88o co.e l)i. +ort)nata.ente nel Castello d If (i sono delle se*rete.: ;ant1s prese lo s*abello, e lo fece (eloce.ente *irare intorno alla s)a testa. :"ta bene, sta bene: disse il carceriere, :poic-5 (oi lo (olete assol)ta.ente, andr3 ad a((ertire il #o(ernatore.: :!lla b)on ora?: disse ;ant1s, posando lo s*abello e sedendo(i sopra con la testa bassa e *li occ-i stra(olti, co.e real.ente di(entasse pa88o. Il carceriere )sc2 e dopo poc-i .in)ti rientr3 con 6)attro soldati ed )n caporale. :Per ordine del #o(ernatore: diss e*li, :fate discendere il pri*ioniero nel piano sotto a 6)esto.: :0ella se*reta d)n6)e<: disse il caporale. :0ella se*reta. Biso*na .ettere i pa88i coi pa88i.: I 6)attro soldati s i.padronirono di ;ant1s c-e cadendo in )na specie di atonia, li se*)2 sen8a resisten8a4 *li

f)rono fatti scendere 6)indici scalini, dopo i 6)ali f) aperta )na se*reta in c)i entr3 .or.orando> :Fa ra*ione, biso*na .ettere i pa88i coi pa88i?: La porta f) c-i)sa, e ;ant1s ca..in3 con le .ani stese innan8i a s5 fino a c-e )rt3 nel .)ro4 allora si sedette in )n an*olo e rest3 i..obile, .entre i s)oi occ-i, abit)andosi )n poco per (olta all osc)rit7 co.inciarono a distin*)ere *li o**etti. Il carceriere a(e(a ra*ione, .anca(a ben poco a ;ant1s per di(entare pa88o. Capitolo I. L! "ER! ;EL +I;!0G!ME0/O. Villefort, co.e abbia.o detto, a(e(a ripreso la strada della pia88a del #ran Corso e rientrando nella casa del Marc-ese di "aintCM5ran, tro(3 i con(itati c-e a(e(ano lasciata la ta(ola ed erano passati nella sala di con(ersa8ione a prendere il caff1. Renata lo attende(a con i.pa8ien8a, condi(isa da t)tti. Cos2 f) accolto da )na escla.a8ione *enerale. :Ebbene, ta*liateste, soste*no dello "tato, Br)to re*io: escla.3 )no, :c-e abbia.o di n)o(o< "entia.o.: :"ia.o .inacciati n)o(a.ente dal re*i.e del /errore<: do.and3 )n altro. :Il l)po della Corsica 1 )scito dalla s)a ca(erna<: c-iese )n ter8o. :"i*nora Marc-esa: disse Villefort accostandosi alla f)t)ra s)ocera, :(i pre*o di (oler.i perdonare se f)i costretto lasciar(i cos2... "i*nor Marc-ese, posso a(er l onore di dir(i d)e parole in disparte<: :!-, d)n6)e si tratta di )n affare *ra(e: constat3 la Marc-esa, osser(ando la n)be c-e osc)ra(a la fronte di Villefort. :/anto *ra(e, c-e sono costretto a prendere )n con*edo di 6)alc-e *iorno da (oi. Cos2: contin)3 (oltandosi a Renata, :potrete capire c-e si tratta di )n affare serio?: :Voi partite: escla.3 Renata, incapace di nascondere l e.o8ione c-e le ca*iona(a 6)esta inattesa no(ella. :!-i.1, si, si*norina?: rispose Villefort, :e ci3 1 indispensabile.: :E do(e andate d)n6)e<: do.and3 la Marc-esa. :D)esto 1 )n se*reto della *i)sti8ia, si*nora. Ci3 nonostante se 6)alc)no di 6)esti si*nori -a delle co..issioni per Pari*i, -o )n a.ico c-e parte 6)esta sera e c-e se ne incaric-er7 (olentieri.: /)tti lo *)ardarono con sorpresa. :Voi .i a(ete do.andato )n collo6)io particolare<: disse il Marc-ese. :"2, passia.o nel (ostro st)dio, se per.ettete.: Il Marc-ese prese il braccio di Villefort, e )sc2 con l)i. :Ebbene<: do.and3 entrando nello st)dio. :C-e 1 a((en)to< Parlate?: :Cose credo della pi@ alta i.portan8a, e c-e necessitano c-e parta all istante per Pari*i. +rattanto, Marc-ese, sc)sate l indiscrete88a della do.anda, a(ete delle rendite di "tato<: :/)tta la .ia fort)na 1 in cartelle dello "tato, seiC settecento.ila franc-i circa.: :Ebbene (endete, Marc-ese, o siete ro(inato?: :Ma, co.e (olete c-e io possa (endere 6)i<: :Voi a(ete )n banc-iere<: :"2.: :;ate.i )na lettera per l)i, e c-e e*li (enda sen8a perdere )n .in)to? "en8a perdere )n secondo? +orse anc- io non arri(er3 c-e troppo tardi?: :;ia(olo?: disse il Marc-ese. :0on perdia.o d)n6)e te.po.:

E si .ise a ta(olino, scrisse )na lettera al s)o a*ente di ca.bio, al 6)ale ordina(a di (endere ad o*ni costo. :Ora c-e possiedo 6)esta lettera: disse Villefort, c-i)dendola con o*ni c)ra nel s)o portafo*li, :.e ne abbiso*na )n altra.: :Per c-i<: :Per il Re.: :Per il Re<: :"2.: :Ma io non oso prender.i l ardire di scri(ere cos2 a ")a Maest7.: :Perci3 non 1 a (oi c-e la do.ando, .a ( incarico di c-iederla al Conte "er(ie)J. Biso*na c-e e*li .i dia )na lettera, per .e88o della 6)ale io possa *i)n*ere fino a ")a Maest7.: :Ma, non a(ete (oi il #)ardasi*illi, c-e -a facile entrata alle /)ileries e per .e88o del 6)ale potete *i)n*ere fino al Re di *iorno e di notte<: :"2, sen8a d)bbio, .a 1 in)tile c-e io di(ida con )n altro il .erito della noti8ia c-e porto. Capite< Il #)ardasi*illi .i porrebbe nat)ral.ente in secondo piano e .i to*lierebbe il beneficio del .io (ia**io. Vi dico )na cosa sola, Marc-ese, la .ia carriera 1 assic)rata se per il pri.o *i)*no potr3 essere alle /)ileries, per rendere al Re )n fa(ore c-e non *li sar7 pi@ per.esso di.enticare.: :In 6)esto caso, .io caro, andate a fare la (ostra (ali*ia, io c-ia.o "er(ie)J, e *li faccio scri(ere la lettera c-e de(e s er(ir(i da lasciapassare.: :Bene, non perdete te.po, perc-5 fra )n 6)arto d ora biso*na c-e io sia s) )na carro88a.: :+arete fer.are la (ostra carro88a alla porta della .ia casa<: :"en8a d)bbio (oi farete le .ie sc)se alla Marc-esa, ed alla si*norina di "aintCM5ran, c-e io lascio in )n si.ile *iorno col pi@ profondo dispiacere.: :Voi le tro(erete entra.be nel .io st)dio, e potrete far loro i (ostri addii.: :Mille *ra8ie4 occ)pate(i della .ia lettera.: Il Marc-ese s)on3, )n ser(o co.par(e. :;ite al conte de "er(ie)J c-e lo aspetto: disse il Marc-ese. :Ora andate: contin)3, indiri88andosi a Villefort, :siete libero.: :"ta bene, non faccio c-e andare e tornare.: Villefort )sc2 correndo4 .a *i)nto alla porta pens3 c-e )n sostit)to proc)ratore del Re se fosse stato (isto ca..inare con passo precipitato, corre(a risc-io di t)rbare il riposo di t)tta la citt74 riprese d)n6)e il s)o .odo ordinario di andare c-e era in t)tto da .a*istrato. !lla porta intra(ide nell osc)rit7 )na persona c-e, co.e )n bianco fantas.a, lo aspetta(a ritto ed i..obile. Era la bella catalana, c-e non a(endo a()to noti8ie di Ed.ondo era f)**ita dal +aro s)l co.inciar della notte per (enir a sapere di persona la ca)sa dell arresto del s)o fidan8ato. !ll a((icinarsi di Villefort, si stacc3 dal .)ro contro c)i era appo**iata, e (enne a sbarrar*li il ca..ino. ;ant1s a(e(a parlato della fidan8ata al sostit)to, e Mercedes non ebbe biso*no di no.inarsi, per esser riconosci)ta da Villefort. E*li f) sorpreso della belle88a di 6)esta donna, ed allorc-5 lei *li do.and3 c-e cos era a((en)to del s)o inna.orato, *li se.br3 d esser l)i l acc)sato, e lei il *i)dice. :L )o.o di c)i .i parlate: disse br)sca.ente Villefort, :1 )n *ran colpe(ole, io non posso far niente per l)i.:

Mercedes si lasci3 sf)**ire )n sin*)lto, e sicco.e Villefort cerca(a di passare oltre, lo fer.3 )na seconda (olta. :Ma al.eno do( 1<: do.and3 la *io(ane, :c-e io possa infor.ar.i se 1 (i(o o .orto.: :Io non lo so, e*li non .i appartiene pi@?: rispose Villefort. E i.bara88ato da 6)ello s*)ardo fisso e da 6)ella attit)dine s)pplic-e(ole, respinse Mercedes, ed entr3 c-i)dendo forte la porta, co.e per lasciar f)ori 6)el dolore c-e *li (eni(a ca*ionato. Ma il dolore non si lascia respin*ere in tal .odo> co.e la freccia .ortale di c)i parla Vir*ilio, l )o.o ferito lo porta con s5. Villefort rientr3, c-i)se la porta, .a *i)nto nella sala le *a.be *li (ennero .eno, .and3 )n sospiro c-e se.br3 )n sin*)lto, e si lasci3 cadere sopra )n di(ano. !llora nel fondo di 6)el c)ore .alato nac6)e il pri.o *er.e di )n )lcera .ortale> 6)est )o.o c-e e*li sacrifica(a alla s)a a.bi8ione, 6)est innocente c-e sconta(a la pena di s)o padre colpe(ole, *li appar(e pallido e .inaccioso dando la .ano alla s)a fidan8ata, pallida anc- essa co.e l)i, trascinando dietro i ri.orsi, non 6)elli c-e fanno (acillare il .alato co.e le +)rie dell antica fatalit7, .a 6)el tintinnio sordo e doloroso c-e in certi .o.enti colpisce diritto al c)ore e lo lacera col ricordo di )n a8ione passata4 lacera8ione, i c)i (i(i dolori corrodono, .ale, c-e si approfondisce se.pre pi@ fino al *iorno della .orte. !llora ebbe nell ani.a )n .o.ento di esita8ione. #i7 parecc-ie (olte lo a(e(a pro(ato, e ci3 sen8a altra e.o8ione c-e 6)ella lotta tra il *i)dice e l acc)sato. La pena di .orte contro *li i.p)tati e la .e.oria di 6)esti dis*ra8iati, *i)sti8iati dalla s)a f)l.inante elo6)en8a, c-e a(e(a abba*liato i *i)dici o i *i)rati, non a(e(a nepp)re lasciato )na n)be s)lla s)a fronte, perc-5 *li i.p)tati erano rei o tali al.eno li crede(a Villefort. Ma 6)esta (olta era ben altra cosa> la pena del carcere perpet)o era stata inflitta ad )n innocente, c-e era s)l p)nto di essere felice e del 6)ale e*li non solo distr)**e(a la pace .a anc-e la felicit7. D)esta (olta non era pi@ )n *i)dice, era )n carnefice? Pensando a t)tto ci3, sent2 6)el battito sordo, c-e abbia.o descritto, e c-e *li era sconosci)to fino allora, riperc)otersi nel fondo del s)o c)ore e rie.pire il s)o petto di (a*-e apprensioni. Cos2, per )n (iolento soffrire istinti(o, il ferito 1 a((ertito di non a((icinare .ai, sen8a tre.are, il dito alla s)a ferita aperta e *rondante san*)e, pri.a c-e 6)esta ferita non sia cicatri88ata. Ma la ferita c-e a(e(a rice()to Villefort era di 6)elle c-e non si c-i)dono .ai, o se si c-i)dono, 1 solo per riaprirsi pi@ san*)inose e pi@ dolorose di pri.a. "e in 6)esto .o.ento la dolce (oce di Renata a(esse ris)onato al s)o orecc-io per do.andar*li *ra8ia, se la bella Mercedes fosse entrata e *li a(esse detto> :In no.e di 6)el ;io c-e ci *)arda e c-e sar7 nostro *i)dice, rendete.i il .io fidan8ato?:, s2, 6)esta fronte per .et7 pie*ata sotto la necessit7, si sarebbe pie*ata del t)tto, e colle s)e .ani *-iacciate a(rebbe sen8a d)bbio, anc-e col risc-io di t)tto ci3 c-e pote(a a((enir*li, se*nato l ordine c-e fosse .esso in libert7 ;ant1s. Ma ness)na (oce .or.or3

nel silen8io, e la porta non si apr2 c-e per dare adito ad )n ca.eriere di Villefort, il 6)ale (eni(a ad ann)n8iare c-e i ca(alli di posta erano attaccati alla carro88a da (ia**io. Villefort si al83 o pi)ttosto bal83 co.e )n )o.o c-e trionfa di )n interna lotta4 corse al s)o scri*no, (ers3 nelle bisc-e t)tto l oro c-e (i si tro(a(a, *ir3 )n istante s.arrito per la stan8a con la .ano s)lla fronte e articolando parole sconnesse4 poi final.ente sentendo c-e il s)o ca.eriere *li a(e(a posato s)lle spalle il .antello, )sc2, si slanci3 nella carro88a, e ordin3 con (oce sorda di passare per il #ran Corso e di fer.arsi alla porta del Marc-ese di "aintCM5ran. Villefort tro(3 la Marc-esa e la fi*lia nello st)dio. Vedendo Renata, il sostit)to rabbri(id2, perc-5 ebbe ti.ore c-e la *io(ane *li do.andasse )n altra (olta la libert7 di ;ant1s. Ma p)rtroppo, biso*na dirlo, la *io(ane non era preocc)pata c-e da )na cosa> della parten8a di Villefort. Lei a.a(a Villefort4 Villefort parti(a nel .o.ento c-e do(e(a di(enire s)o .arito, Villefort non pote(a dire 6)ando sarebbe ritornato. Renata in(ece di perorare per ;ant1s, .aledice(a l )o.o c-e per il s)o delitto la separa(a dal fidan8ato. E Mercedes< C-e do(e(a d)n6)e dire Mercedes c-e a(e(a ritro(ato +ernando all an*olo della strada della Lo**ia do(e l a(e(a se*)ita< Era rientrata ai Catalani, e per il dolore, .oribonda e disperata si era *ettata s)l s)o letto. +ernando si era .esso in *inocc-io e strin*endo la *elida .ano di Mercedes c-e non pensa(a a ritirarla, la copri(a di ardenti baci, c-e Mercedes non senti(a. Ella pass3 la notte cos24 la la.pada si spense 6)ando non (i f) pi@ olio e lei non (ide l osc)rit7, co.e non a(e(a (isto la l)ce. Il *iorno ritorn3 sen8a c-e se ne accor*esse. Il dolore a(e(a posto innan8i a*li occ-i )na benda c-e non lascia(a (edere c-e Ed.ondo. :!-, (oi siete 6)i<: disse final.ente, (oltandosi (erso +ernando. :;a ieri sera non (i -o pi@ lasciata: disse +ernando con )n doloroso sospiro. In 6)anto a Morrel non si era dato per (into. !(e(a sap)to c-e ;ant1s dopo il pri.o interro*atorio era stato tradotto in pri*ione4 allora corse da t)tti i s)oi a.ici. "i era presentato a t)tte 6)elle persone di Marsi*lia c-e pote(ano a(ere 6)alc-e infl)en8a s)l proc)ratore. Ma *i7 corre(a (oce c-e il *io(ane era stato arrestato sotto l i.p)ta8ione di essere )n a*ente bonapartista4 e sicco.e a 6)ell epoca i pi@ a)daci crede(ano )n so*no insensato o*ni tentati(o di 0apoleone per ritornare s)l trono, cos2 Morrel in o*ni l)o*o a(e(a tro(ato fredde88a, ti.ore, rifi)to, ed era tornato a casa disperato, con(enendo c-e la posi8ione era *ra(e, e c-e ness)no pote(a farci niente. Cadero)sse da parte s)a era .olto in6)ieto e tor.entato. In(ece di )scire co.e a(e(a fatto Morrel, in(ece di tentare 6)alc-e cosa in fa(ore di ;ant1s, per il 6)ale d altronde non pote(a far niente, si era rinc-i)so nella s)a ca.era con d)e botti*lie di (ino di Cassis ed a(e(a cercato di anne*are la s)a in6)iet)dine nell )briac-e88a. Ma nello stato di spirito in c)i si tro(a(a d)e botti*lie erano poca cosa per assopire la s)a ra*ione. Era troppo )briaco per poter andare a cercare altro (ino4 poco )briaco perc-5 l )briac-e88a potesse estin*)ere la s)a .e.oria. !ppo**iato coi *o.iti ad )na ta(ola di le*no, in faccia alle d)e botti*lie ()ote, (ede(a ron8are al riflesso

della candela a l)ci*nolo t)tti 6)e*li spettri c-e Foff.ann -a sparsi nei s)oi .anoscritti in).iditi dai :p)nc-:, co.e )na pol(ere nera e fantastica. ;an*lars solo non era n5 tor.entato n5 in6)ieto. ;an*lars era an8i alle*ro, poic-5 si era (endicato di )n ne.ico, ed a(e(a assic)rato a bordo del +araone la carica c-e te.e(a di perdere. ;an*lars era )no di 6)e*li )o.ini di calcolo c-e nascono con )na penna dietro l orecc-io e )n cala.aio al posto del c)ore4 per l)i a 6)esto .ondo t)tto era sottra8ione e .oltiplica8ione, e )na cifra *li se.bra(a .olto pi@ pre8iosa di )n )o.o, 6)ando 6)esta cifra pote(a a).entare il totale dei s)oi (anta**i. ;an*lars era d)n6)e andato a letto co.e se.pre, e dor.i(a tran6)illa.ente. Villefort, dopo a(er rice()to dal conte de "er(ie)J )na lettera diretta al conte de Blacas, baci3 la .ano alla si*nora di "aintC M5ran, strinse 6)ella del Marc-ese e corse la posta s)lla strada d !iJ. Il padre di ;ant1s .ori(a dal dolore e d in6)iet)dine. ;i Ed.ondo abbia.o *i7 (ed)to ci3 c-e accadde. Capitolo 1E. IL #!BI0E//O ;ELLE /UILERIE". Lascia.o Villefort s)lla (ia di Pari*i, do(e *ra8ie al triplicare delle .ance di(ora(a la strada, e penetria.o attra(erso d)e o tre saloni nel piccolo *abinetto delle /)ileries, ben noto per essere stato il *abinetto fa(orito di 0apoleone e di L)i*i ;iciottesi.o. L7 in 6)el *abinetto, da(anti ad )na ta(ola di noce c-e era stata trasportata da Fartwel, e alla 6)ale, per )no di 6)ei capricci fa.iliari ai *ran persona**i, e*li porta(a )na particolare affe8ione, Re L)i*i ;iciottesi.o ascolta(a con poca atten8ione )n )o.o dai cin6)anta ai cin6)antad)e anni, coi capelli *ri*i, di fi*)ra nobile e se(era, facendo delle postille s)l .ar*ine di )n (ol).e di Ora8io, in edi8ione del #rMp-i)s, .olto scorretta, 6)ant)n6)e sti.ata, e c-e si presta(a .olto alle sa*aci osser(a8ioni filosofic-e di ")a Maest7. :Voi dice(ate d)n6)e, si*nore<: disse il Re. :C-e io sono *rande.ente in6)ieto, da non poterlo essere di pi@, "ire.: :;a((ero< !(ete (is to in so*no sette (acc-e *rasse, e sette (acc-e .a*re<: :0o, "ire, perc-5 ci3 non ci ann)n8ierebbe c-e sette anni di fertilit7 o sette anni di carestia, e, con )n Re pre(idente, co.e Vostra Maest7, la carestia non sarebbe da te.ersi.: :;i 6)ale altro fla*ello si tratta d)n6)e .io caro Blacas<: :"ire, te.o 6)alc-e tentati(o disperato.: :E per parte di c-i<: :Per parte del Bonaparte o al.eno dei s)oi parti*iani.: :Mio caro Blacas: disse il Re, :coi (ostri terrori . i.pedite di la(orare.: :Vostra Maest7 .i ordina forse di non insistere s) 6)esto ar*o.ento<: :0o, caro conte. Ma all)n*ate la .ano, la**i@, a sinistra> (oi do(ete tro(ar(i il rapporto del Ministro di poli8ia in data di ieri... Ma osser(ate, eccolo... 0on 1 (ero c-e ann)n8iate il Ministro di poli8ia<: interr)ppe L)i*i ;iciottesi.o (oltandosi all )sciere. :Entrate, barone, e raccontate al conte ci3 c-e (oi sapete di pi@ recente s)l conto del Bonaparte. 0on ci dissi.)late niente della sit)a8ione, per 6)anto *ra(e essa sia. "entia.o> l isola d Elba 1 )n ()lcano, e stia.o noi per (ederne )scire la *)erra t)tta fia..e**iante, bella, orrida.ente bella<:

:Vostra Maest7: disse il Ministro, :a(r7 cons)ltato il rapporto di ieri.: :"2, s2, .a dite al conte, c-e non -a pot)to tro(arlo, ci3 c-e contiene 6)esto rapporto, spie*ate*li ci3 c-e fa l )s)rpatore nella s)a isola.: :"i*nore: disse il barone al conte, :t)tti i b)oni ser(itori di ")a Maest7 non -anno c-e da ralle*rarsi delle recenti noti8ie c-e ci *i)n*ono dall isola d Elba. Bonaparte si annoia .ortal.ente4 passa delle intere *iornate a (edere la(orare alle .iniere di Porto Lon*one. Vi 1 di pi@> noi sia.o 6)asi sic)ri c-e fra poco te.po l )s)rpatore di(enter7 pa88o.: :Pa88o<: :Pa88o da le*are. La s)a testa s indebolisce. Ora pian*e calde lacri.e ora ride a *ola aperta4 altre (olte passa delle ore intere s)lla ri(a a *ettar sassi nell ac6)a e 6)ando il sasso -a fatto cin6)e o sei bal8i, se.bra cos2 contento co.e se a(esse (into )n altra Maren*o, o )na n)o(a !)sterlit8. Ecco, (oi ne con(errete, 6)esti son se*ni di pa88ia.: :O di sa**e88a, si*nor barone, o di sa**e88a: disse ridendo L)i*i ;iciottesi.o. :I *randi capitani dell antic-it7 si di(erti(ano anc-e a *ettare sassi in .are. Vedete Pl)tarco nella (ita di "cipione !fricano. Ebbene Blacas, c-e ne pensate (oi<: disse il Re, sospendendo )n istante di cons)ltare il (ol).inoso libro scolastico c-e tene(a aperto innan8i a s5. :;ico, "ire, c-e il Ministro di poli8ia o io ci sba*lia.o. Ma sicco.e e i.possibile c-e sia il Ministro di poli8ia, poic-5 -a in c)stodia l onore e la sal)te di Vostra Maest7, 1 probabile c-e sia io in errore. Ciononostante "ire, al posto di Vostra Maest7 (orrei interro*are la persona c)i ordina4 di (i*ilare la contrada del s)d, e c-e *i)nse per la posta a dir.i> )n *ran pericolo .inaccia il Re. Ecco perc-5 bra.erei c-e Vostra Maest7 facesse 6)esto onore.: :Volentieri, conte, sotto i (ostri a)spici rice(er3 c-i (orrete> .a (o*lio rice(erlo colle ar.i alla .ano. "i*nor .inistro, a(ete )n rapporto pi@ recente di 6)esto< Perc-5 6)esto porta la data del $E febbraio e noi siano al % di .ar8o.: :0o, "ire, .a io ne attendo )no da )n ora all altra. "ono )scito da 6)esta .attina e in .ia assen8a p)3 esser *i)nto...: :!ndate alla prefett)ra, e se ce n 1 )no portatelo, se poi non c 1...: :Ebbene<: :Ebbene: contin)3 ridendo L)i*i ;iciottesi.o, :se non c 1, fatene )no. 0on 1 forse cos2 c-e si pratica<: :O-, "ire: disse il .inistro, :*ra8ie a ;io sotto 6)esto rapporto non c 1 biso*no d in(entare niente. O*ni *iorno i nostri )ffici sono in*o.bri di )na 6)antit7 di den)n8ie circostan8iate, c-e per(en*ono da )na folla di po(eri dia(oli c-e sperano )n poco di riconoscen8a per i ser(i8i c-e essi non rendono, .a c-e (orrebbero rendere. Essi *iocano d a88ardo, e sperano c-e )n *iorno )n 6)alc-e inatteso a((eni.ento (en*a a dare )na specie di realt7 alle loro predi8ioni.: :Va bene, andate, si*nore: disse L)i*i ;iciottesi.o, :e pensate c-e io (i aspetto.: :0on faccio c-e andare e tornare, "ire, fra dieci .in)ti sar3 ai (ostri co.andi.:

:Ed io, "ire: disse Blacas, :(ado a cercare il .io .essa**ero c-e -a fatto $$E le*-e in A *iorni.: := bene prendersi della fatica e dell inco.odo, .io caro conte, 6)ando abbia.o i tele*rafi c-e c i.pie*ano tre o 6)attro ore, e ci3 sen8a c-e il proprio fiato ne soffra .ini.a.ente...<: :!-, "ire, (oi rico.pensate ben .ale 6)esto po(ero *io(ane c-e *i)n*e cos2 di lontano e con tanto ardore per recare )n )tile a((iso a Vostra Maest7? 0on fosse c-e per il conte de "er(ie)J c-e .e lo racco.anda, (i s)pplico di rice(erlo bene.: :;e "er(ie)J, il cia.bellano di .io fratello<: :E*li stesso, c-e ora si tro(a a Marsi*lia.: :Ed 1 di l7 c-e .i scri(e<: :"2, Maest7.: :Vi parla anc-e l)i di 6)esta cospira8ione<: :0o, .a .i racco.anda il si*nor Villefort e . incarica d introd)rlo presso Vostra Maest7.: :Villefort?: escla.3 il Re, :e perc-5 non .e lo a(ete detto s)bito: so**i)nse lasciando scor*ere s)l s)o (iso )n principio d in6)iet)dine. :"ire, crede(o c-e 6)esto no.e fosse sconosci)to a Vostra Maest7.: :0o, no da((ero, .io caro Blacas, e*li 1 )no spirito serio, ele(ato, e sopratt)tto a.bi8ioso. E-, perbacco? Voi conoscerete il no.e di s)o padre, 0oirtier.: :0oirtier, il *irondino< 0oirtier il senatore<: :Precisa.ente.: :E Vostra Maest7 -a i.pie*ato il fi*lio di )n tal )o.o<: :Mio caro conte, (i -o *i7 detto c-e Villefort 1 a.bi8ioso e, per innal8arsi, Villefort sacrific-er7 t)tto... anc-e s)o padre.: :!llora, "ire, debbo d)n6)e farlo entrare<: :")ll istante, conte. ;o( 1<: :Mi aspetta *i@ nella .ia carro88a.: Il conte )sc2 con la (i(acit7 di )n *io(anotto4 l ardore sincero per la ca)sa re*ia *li da(a la s(elte88a dei (ent anni. L)i*i ;iciottesi.o rest3 solo, riportando *li occ-i s)l s)o Ora8io .e88o aperto e .or.orando :9)st). et tenace. propositi (ir).:. Blacas ri.ont3 con la stessa (elocit7 con c)i era disceso. Ma nell antica.era f) costretto a in(ocare l a)torit7 del Re. L abito pol(eroso di Villefort, il s)o cost).e per niente confor.e alla ten)ta di corte a(e(a eccitato la s)scettibilit7 del .aestro di ceri.onie, c-e f) ben .era(i*liato di tro(are in 6)esto *io(ane la pretesa di presentarsi al Re (estito in 6)el .odo. Il conte appian3 le difficolt7 con le se.plici parole> :Ordine di ")a Maest7: e .al*rado le osser(a8ioni c-e contin)3 a fare il .aestro di ceri.onie per l onore del Principe, Villefort f) introdotto. Il Re era nello stesso posto in c)i lo a(e(a lasciato il conte. !prendo la porta Villefort si tro(3 precisa.ente in faccia a l)i e il pri.o .o(i.ento del *io(ane .a*istrato f) di fer.arsi. :Entrate, si*nor Villefort: disse il Re, :entrate.: Villefort sal)t3, fece 6)alc-e passo in a(anti, aspettando c-e il Re lo interro*asse. :"i*nor Villefort: contin)3 L)i*i ;iciottesi.o, :ecco il Conte de Blacas, c-e pretende abbiate 6)alc-e cosa di i.portante da dirci.:

:"ire, il si*nor conte -a ra*ione, e spero c-e Vostra Maest7 lo riconoscer7.: :Per pri.a cosa, il .ale 1 cos2 *rande, a (ostro a((iso, 6)anto .i si ()ole far credere<: :"ire, lo credo pressante, .a, *ra8ie alla .ia dili*en8a, spero non sia irreparabile.: :Parlate 6)anto (olete: disse il Re, c-e co.incia (a a lasciarsi prender dall e.o8ione c-e a(e(a alterato il (iso del si*nor de Blacas e c-e altera(a la (oce di Villefort. :Parlate e sopratt)tto co.inciate dal principio4 io a.o l ordine in t)tte le cose.: :"ire: disse Villefort, :io far3 a Vostra Maest7 )n rapporto fedele, .a pre*o frattanto di (oler.i sc)sare se, per la conf)sione in c)i .i tro(o, do(essi .ettere 6)alc-e osc)rit7 nelle .ie parole.: Un occ-iata *ettata s)l Re dopo 6)esto esordio insin)ante assic)r3 Villefort della bene(olen8a del s)o a)*)sto )ditore, e contin)3> :"ire, io sono *i)nto il pi@ rapida.ente possibile a Pari*i per ann)n8iare a Vostra Maest7 c-e -o scoperto, con le risorse delle .ie f)n8ioni, non *i7 )no di 6)ei co.plotti (ol*ari e sen8a conse*)en8a, co.e se ne tra.ano o*ni *iorno fra i ran*-i del popolo e dell esercito, .a )na (era cospira8ione, )na te.pesta c-e .inaccia il trono di Vostra Maest7. "ire, l )s)rpatore ar.a tre (ascelli, e*li .edita 6)alc-e pro*etto, forse insensato, .a fors anc-e terribile per 6)anto insensato. ! 6)est ora de( essere partito dall isola d Elba per andare, do(e non so, .a a colpo sic)ro per tentare )na discesa, o a 0apoli, o s)lle coste della /oscana, o anc-e nella stessa +rancia. Co.e certa.ente Vostra Maest7 sapr7, il so(rano dell isola d Elba -a conser(ato delle rela8ioni con l Italia e con la +rancia.: :"2, si*nore, lo so: disse il Re .olto co..osso, :e )lti.a.ente ancora si ebbero de*li a((isi c-e si tene(ano delle ri)nioni bonapartiste in r)e "aintC9ac6)es. Ma contin)ate (i pre*o> co.e a(ete a()te 6)este infor.a8ioni<: :"ire, esse ris)ltano dall interro*atorio c-e -o fatto s)bire ad )n )o.o di Marsi*lia, c-e da .olto te.po face(o sor(e*liare e c-e -o fatto arrestare il *iorno della parten8a. D)est )o.o, .arinaio t)rbolento e d )n bonapartis.o sospetto, 1 stato se*reta.ente all isola d Elba. E*li -a (ed)to il *ran Maresciallo, c-e lo -o incaricato di )na co..issione (erbale per )n bonapartista, di c)i non .i 1 ri)scito di far*li dire il no.e4 .a 6)esta .issione era di preparare *li spiriti ad )n ritorno. 0oti Vostra Maest7, c-e 1 l interro*ato c-e parla. Un ritorno c-e non p)3 .ancare di essere (icino.: :E do( 1 6)est )o.o<: disse L)i*i ;iciottesi.o. :In pri*ione, "ire.: :E la cosa (i 1 se.brata *ra(e<: :/anto *ra(e, "ire, c-e 6)esto a((eni.ento a(endo.i sorpreso in .e88o ad )na festa di fa.i*lia, il *iorno stesso del .io fidan8a.ento -o t)tto lasciato, fidan8ata, e a.ici, t)tto differito ad altro te.po, per (enire a depositare, ai piedi di Vostra Maest7, i ti.ori da c)i ero preso e le assic)ra8ioni della .ia de(o8ione.: := (ero: disse L)i*i ;iciottesi.o, :non c era contratto di .atri.onio fra (oi e la si*norina di "aintCM5ran<: :La fi*lia di )no dei pi@ fedeli ser(itori di Vostra Maest7.: :"2, s2, .a ritornia.o al co.plotto.: :"ire, te.o c-e non sia pi@ )n co.plotto, .a pi)ttosto )na cospira8ione.: :Una cospira8ione in 6)esti te.pi: disse L)i*i

;iciottesi.o sorridendo, :1 cosa facile a pensarsi, .a ben difficile a cond)rsi a ter.ine. Ristabilito da ieri s)l trono dei nostri antenati, noi abbia.o *li occ-i aperti allo stesso te.po s)l passato, s)l presente e s)ll a((enire. ;a dieci .esi i .iei .inistri raddoppiano la sor(e*lian8a perc-5 il litorale del Mediterraneo sia ben *)ardato. "e Bonaparte discende a 0apoli, la coali8ione t)tta intera sar7 in piedi, pri.a c-e e*li *i)n*a a Pio.bino4 se scende in /oscana, .etter7 il piede in )n paese ne.ico4 se scende in +rancia lo far7 con )n p)*no d )o.ini, e noi ne a(re.o facil.ente ra*ione, esecrato co.e 1 dalla popola8ione. Rassic)rate(i d)n6)e, si*nore, .a non contate per3 .eno s)lla nostra reale riconoscen8a.: :!-, ecco 6)i il Ministro di poli8ia: escla.3 il conte de Blacas. In 6)el .o.ento infatti il Ministro di poli8ia appar(e s)lla so*lia della porta pallido, tre.ante e coll occ-io (acillante, co.e se fosse stato colpito da (i(issi.a l)ce. Villefort fece )n passo per ritirarsi, .a de Blacas lo trattenne per la .ano. Capitolo 11. IL LUPO ;I COR"IC!. L)i*i ;iciottesi.o all aspetto di 6)el (iso sco.posto, spinse (iolente.ente innan8i a s5 la ta(ola presso c)i sede(a. :C-e a(ete d)n6)e, si*nor barone<: escla.3. :Mi se.brate .olto preocc)pato4 6)este esita8ioni -anno rapporto con ci3 c-e dice(a de Blacas, e con ci3 c-e .i (ien confer.ato da Villefort<: ;e Blacas si accosta(a al barone, .a il rispetto del corti*iano i.pedi(a di trionfare dell or*o*lio dell )o.o di stato4 infatti in si.ile circostan8a era assai .e*lio essere ).iliato dal Prefetto di poli8ia, c-e (edersi ).iliato s) 6)esto ar*o.ento. :"ire...: balbett3 il barone. :Ebbene, sentia.o: disse L)i*i ;iciottesi.o. :O- "ire, 6)ale spa(entosa dis*ra8ia? "ono abbastan8a da co.pian*ere. 0on .e ne consoler3 .ai...: :"i*nore: disse L)i*i ;iciottesi.o, :(i ordino di parlare.: :Ebbene, "ire, l )s)rpatore -a lasciato l isola d Elba il $B febbraio ed 1 sbarcato il pri.o .ar8o.: :E do(e .ai< In Italia<: do.and3 i.pa8iente.ente il Re. :In +rancia, "ire, in )n piccolo porto presso !ntibes nel *olfo 9)an.: :L )s)rpatore 1 sbarcato in +rancia (icino ad !ntibes, nel *olfo 9)an, a d)ecentocin6)anta le*-e da Pari*i, il pri.o .a r8o, e (oi sapete 6)esta noti8ia soltanto o**i, 6)attro .ar8o?... E-, si*nore, ci3 c-e .i dite 1 i.possibile4 (i sar7 stato fatto )n falso rapporto.: :!-i.1, "ire, ci3 c-e (i ann)n8io 1 p)rtroppo (ero?: L)i*i ;iciottesi.o ebbe )n *esto di collera e di spa(ento, si dri883 in piedi, co.e se )n colpo i.pre(isto lo a(esse percosso nello stesso te.po nel c)ore e nel (iso. :In +rancia?: escla.3. :L )s)rpatore in +rancia? 0on era d)n6)e sor(e*liato 6)est )o.o< O((ero, c-iss7?, si era d accordo con l)i<: :O-, "ire: escla.3 il conte de Blacas, :non 1 )n )o.o co.e il Ministro di poli8ia 6)ello c-e p)3 essere acc)sato di tradi.ento. "ire, noi era(a.o t)tti ciec-i ed il barone s)bi(a l acceca.ento *enerale, ecco t)tto.: :Ma...: disse Villefort.

Poi arrestandosi d )n tratto> :!-, perdono, perdono, "ire: disse inc-inandosi, :il .io 8elo .i trasporta(a4 c-e Vostra Maest7 si de*ni sc)sar.i.: :Parlate si*nore, parlate con ardire: disse L)i*i ;iciottesi.o, :(oi solo ci a(ete pre(en)ti del .ale, ai)tateci a por(i ri.edio.: :"ire: disse Villefort, :l )s)rpatore 1 detestato in t)tto il .eridione, e .i se.bra c-e se si a88arda in 6)alc-e tentati(o, si p)3 facil.ente solle(are contro di l)i la Pro(en8a, e la Lin*)adoca.: :"2, sen8a d)bbio: disse il .inistro, :.a a(an8a dalla parte di #ap e "isteron.: :Co.e a(an8a<: disse L)i*i ;iciottesi.o. :Marcia d)n6)e (erso Pari*i<: Il Ministro di poli8ia tac6)e, il s)o silen8io e6)i(ale(a ad )na confer.a. :E il ;elfinato, si*nore: do.and3 il Re, :credete c-e possa esser solle(ato co.e la Pro(en8a<: :"ire, sono dolente di do(er dire a Vostra Maest7 )na (erit7 cr)dele> lo spirito del ;elfinato 1 ben l)n*i da 6)ello della Pro(en8a e della Lin*)adoca. "ire, t)tti i .ontanari sono bonapartisti.: :Ecco: .or.or3 L)i*i ;iciottesi.o, :0apoleone era bene infor.ato. E 6)anti )o.ini -a con s5<: :"ire, non lo so: disse il Ministro di poli8ia. :Co.e non lo sapete? Voi a(ete di.enticato d infor.ar(i di 6)esta circostan8a< = (ero, 1 di poco interesse: so**i)nse il Re con )n sorriso oppri.ente. :"ire, il dispaccio porta se.plice.ente l ann)n8io dello sbarco e la strada c-e -a preso l )s)rpatore.: :E co.e d)n6)e (i 1 *i)nto 6)esto dispaccio<: do.and3 il Re. Il Ministro abbass3 la testa, e )n (i(o rossore si sparse s)lla s)a fronte. :;al tele*rafo, "ire.: L)i*i ;iciottesi.o fece )n passo a(anti ed incroci3 le braccia s)l petto co.e a(rebbe fatto 0apoleone. :E cos2: disse i.pallidendo di collera, :sette eserciti coali88ati -anno ro(esciato 6)est )o.o, )n .iracolo del cielo .i -a ri.esso s)l trono dei .iei padri dopo (enticin6)e anni d esilio, io -o per (enticin6)e anni st)diato, esplorato, anali88ato *li )o.ini e le cose di 6)esta +rancia c-e .i era stata pro.essa, perc-5 *i)nto poi alla .eta di t)tti i .iei (oti, )na for8a c-e tene(o stretta fra le .ani, scoppi ad )n tratto e .i stritoli?: :"ire, 1 )na fatalit7: .or.or3 il .inistro, accor*endosi c-e )n si.ile peso, le**ero in apparen8a, era s)fficiente a sc-iacciare )n )o.o. :Cadere?: contin)3 L)i*i ;iciottesi.o, c-e al pri.o colpo d occ-io a(e(a esplorato il precipi8io s)ll orlo del 6)ale sta(a la .onarc-ia. :Cadere, ed essere a((isati dal tele*rafo della propria cad)ta? O-, 6)anto preferirei salire s)l patibolo di L)i*i "edicesi.o, c-e discendere le scale delle /)ileries scacciato dal ridicolo. Il ridicolo, si*nore, (oi non sapete c-e cosa 1 in +rancia?: :"ire? "ire?: .or.or3 il .inistro, :per piet7?: :!((icinate(i, si*nor Villefort: contin)3 il Re, (ol*endosi al *io(ane c-e, ritto, i..obile )n po indietro, considera(a l anda.ento di 6)ella con(ersa8ione, o(e si a*ita(ano i perd)ti destini di )n re*no, :a((icinate(i, e dite al si*nor .inistro c-e si pote(a saper .olto te.po pri.a, t)tto ci3 c-e non -a sap)to.: :"ire, era .aterial.ente i.possibile indo(inare i pro*etti di 6)est )o.o, nascosti a t)tti: balbett3 il .inistro. :Material.ente i.possibile? Ecco l7, si*nore, )na *ran parola.

;is*ra8iata.ente (i sono dei *rand )o.ini co.e (i sono delle *randi parole, io li -o .is)rati. Material.ente i.possibile ad )n .inistro c-e -a )n dicastero, de*li )ffici, de*li a*enti ed )n .ilione e .e88o di franc-i per i fondi delle spese se*rete, di sapere ci3 c-e s)ccede a sessanta le*-e dalle coste di +rancia? Ebbene, ecco 6)i 6)esto si*nore c-e non a(e(a alc)na di 6)este risorse a s)a disposi8ione, se.plice .a*istrato, c-e ne sape(a pi@ di (oi con t)tta la (ostra poli8ia e c-e .i a(rebbe sal(ata la corona, se a(esse a()to, co.e (oi, il diritto di fare a*ire )n tele*rafo.: Lo s*)ardo del Ministro di poli8ia si (olt3 con )na espressione di profondo rispetto s) Villefort, c-e abbass3 la testa colla .odestia del trionfo. :Io non dico ci3 per (oi, .io caro de Blacas: contin)3 il Re, :poic-5 se non a(ete scoperto niente, a(ete a()to al.eno il b)on senso di conser(ar(i nel (ostro sospetto. Un altro forse a(rebbe considerata la rela8ione di Villefort co.e insi*nificante o s)**erita da )n a.bi8ione (enale, e a(rebbe atteso i se*ni del tele*rafo?...: D)este parole face(ano all)sione a ci3 c-e il Ministro di poli8ia a(e(a pron)nciato con tanta sic)re88a )n ora pri.a. Villefort co.prese lo stato d ani.o del Re. Un altro forse si sarebbe lasciato trasportare dall ebbre88a delle lodi, .a e*li te.e(a di farsi )n ne.ico .ortale nel Ministro di poli8ia, 6)ant)n6)e (edesse c-e 6)esti era irre(ocabil.ente perd)to. Infatti il .inistro, c-e nella piene88a del s)o potere non a(e(a sap)to indo(inare il se*reto di 0apoleone, pote(a nelle con()lsioni della s)a a*onia penetrare il se*reto di Villefort< Per far ci3 non *li sarebbe abbiso*nato altro c-e interro*are ;ant1s. E*li d)n6)e (enne in soccorso del .inistro, in(ece di a**ra(arne la posi8ione. :"ire: disse Villefort, :la rapidit7 dell e(ento de(e pro(are alla Maest7 Vostra c-e il cielo solo pote(a i.pedirlo, s)scitando )n b)rrasca. Ci3 c-e Vostra Maest7 crede in .e l effetto di )na profonda perspicacia 1 do()to ad )n p)ro e se.plice caso. 0e -o approfittato di 6)esto caso co.e )n ser(o fedele, ed ecco t)tto. 0on .i attrib)ite pi@ di 6)el c-e .erito, per non a(er .ai a pentir(i della pri.a idea c-e a(ete concepito di .e.: Il Ministro di poli8ia rin*ra8i3 il *io(ane con )no s*)ardo elo6)ente, e Villefort cap2 di essere ri)scito nel proprio dise*no> (ale a dire c-e, sen8a perder niente della riconoscen8a del Re, si era proc)rato )n a.ico s)l 6)ale pote(a contare alla circostan8a. :"ta bene: disse il Re, :e frattanto, si*nori: (oltandosi (erso de Blacas ed il .inistro, :io non -o pi@ biso*no di (oi4 ci3 c-e resta da fare, spetta al Ministro della *)erra.: :+ort)nata.ente, "ire: disse de Blacas, :noi possia.o contare s)ll esercito4 Vostra Maest7 sa co.e t)tti i rapporti ce lo dipin*ono de(oto al (ostro *o(erno.: :0on .i parlate di rapporti, conte, ora so la fid)cia c-e si p)3 a(ere in essi. E, a proposito di rapporti, si*nor barone, cosa a(ete sap)to s)ll affare di r)e "aintC9ac6)es<:

:")ll affare di r)e "aintC9ac6)es?: escla.3 Villefort, sen8a poter trattenere )n escla.a8ione. Ma fer.andosi ad )n tratto> :Perdono, "ire: disse, :la .ia de(o8ione a Vostra Maest7 .i fa incessante.ente di.enticare, non il rispetto c-e -o per essa, perc-5 6)esto 1 troppo profonda.ente scolpito nel .io c)ore, .a le re*ole dell etic-etta.: :;ite e fate, si*nore: so**i)nse L)i*i ;iciottesi.o, :(oi o**i a(ete ac6)istato il diritto d interro*are.: :"ire: inter(enne il Ministro di poli8ia, :o**i (eni(o precisa.ente per dare a Vostra Maest7 le )lti.e noti8ie c-e sono state raccolte s) 6)esto a((eni.ento, allorc-5 l atten8ione di Vostra Maest7 si 1 ri(olta alla terribile catastrofe del *olfo 9)an. Ora 6)este infor.a8ioni non a(ranno forse alc)n interesse per il Re.: :!l contrario, si*nore, al contrario: disse L)i*i ;iciottesi.o, :6)esto affare .i se.bra a(ere )n rapporto diretto con 6)ello c-e ci occ)pa, e la .orte del *enerale EpinaM ci .etter7 forse s)lla strada di )n *ran co.plotto interno.: !l no.e del *enerale EpinaM, Villefort rabbri(id2. :Effetti(a.ente, "ire: riprese il Ministro di poli8ia, :t)tto ci cond)rrebbe a credere c-e 6)esta .orte non fosse il ris)ltato di )n s)icidio, co.e si era cred)to dappri.a, bens2 di )n assassinio. Il *enerale EpinaM )sci(a, a ci3 c-e se.bra, da )na ri)nione bonapartista, 6)ando dispar(e. Un )o.o sconosci)to era stato nella stessa .attina a cercarlo in casa s)a, e *li a(e(a dato app)nta.ento in r)e "aintC 9ac6)es. Per dis*ra8ia il ca.eriere c-e lo pedina(a al .o.ento in c)i 6)esto sconosci)to era stato introdotto nel salotto, -a bene inteso no.inare r)e "aintC9ac6)es, .a non si 1 ricordato bene il n).ero.: ! .is)ra c-e il Ministro di poli8ia da(a al Re 6)este infor.a8ioni Villefort, c-e se.bra(a pendere dalle s)e labbra, arrossi(a e i.pallidi(a. Il Re si (olt3 a l)i> :0on pensate al pari di .e, si*nor Villefort, c-e il *enerale EpinaM, c-e si face(a credere del partito dell )s)rpatore, .a c-e real.ente era t)tto a .e de(oto, sia perito (itti.a di )n insidia bonapartista<: := probabile, "ire: rispose Villefort. :Ma non se ne sa altro<: :"i sta s)lle s)e tracce<: c-iese il Re. :"2, il ca.eriere ne -a dati i connotati. = )n )o.o dai cin6)anta ai cin6)antad)e anni, br)no, co*li occ-i neri coperti da folte sopracci*lia, porta le basette, (este con )n soprabito t)rc-ino abbottonato, ed -a s)lla bottoniera il nastro di )fficiale della Le*ion d Onore. Ieri f) se*)ito )n indi(id)o i c)i connotati corrispondono perfetta.ente a 6)elli c-e -o detto, .a 1 stato perd)to di (ista all an*olo di r)e 9)spine con r)e F5ron.: Villefort si era appo**iato allo sc-ienale di )na sedia, poic-5, a .is)ra c-e il Ministro di poli8ia parla(a, senti(a le s)e *a.be (enir*li .eno4 .a 6)ando sent2 c-e lo sconosci)to era sf)**ito alle ricerc-e dell a*ente c-e lo se*)i(a, respir3. :Voi farete t)tte le ricerc-e possibili di 6)est )o.o: disse il Re al Ministro di poli8ia, :perc-5, se co.e o*ni cosa fa credere, il *enerale EpinaM, c-e in 6)esto .o.ento ci sarebbe stato tanto )tile, 1 cad)to (itti.a di )n assassinio, bonapartista o no, (o*lio c-e i s)oi assassini siano cr)del.ente p)niti.:

Villefort ebbe biso*no di t)tto il s)o san*)e freddo per non tradire il terrore c-e *li (eni(a ispirato da 6)esta racco.anda8ione del Re. :Cosa strana: contin)3 il Re, con b)on).ore, :la poli8ia crede di a(er detto t)tto 6)ando -a detto> := stata co..essa )n )ccisione:, e t)tto fatto 6)ando so**i)n*e> :"i 1 s)lle tracce dei colpe(oli:.: :"ire, Vostra Maest7, io spero, s) 6)esto p)nto al.eno, sar7 soddisfatta.: :Va bene, (edre.o. Io non (i tratten*o di pi@, barone. "i*nor Villefort, (oi do(ete essere stanco di 6)esto l)n*o (ia**io, andate a riposar(i. "en8a d)bbio a(rete preso allo**io da (ostro padre<: Un la.po pass3 innan8i a*li occ-i di Villefort. :0o, "ire: diss e*li, :sono sceso all alber*o Madrid, r)e /o)rnon.: :Ma a(ete (ed)to il si*nor 0oirtier<: :Io .i sono fatto cond)rre s)ll istante presso il Conte de Blacas.: :Ma (oi lo (edrete al.eno<: :0on lo penso, "ire.: :!-, 1 *i)sto: disse L)i*i ;iciottesi.o sorridendo, in .odo da pro(are c-e t)tte 6)este reiterate do.ande non erano state fatte sen8a )n perc-5. :;i.entica(o c-e (oi siete freddo col si*nor 0oirtier, e sicco.e 6)esto 1 )n n)o(o sacrificio c-e fate alla ca)sa reale, fa d )opo c- io (i co.pensi.: :"ire, la bont7 c-e .i di.ostra la Maest7 Vostra 1 )na rico.pensa c-e sorpassa tanto i .iei desideri, c-e non .i resta pi@ n)lla da c-iedere al Re.: :0on i.porta, si*nore, noi non (i di.entic-ere.o, state tran6)illo.: E cos2 dicendo il Re stacc3 la croce della Le*ione d Onore c-e porta(a d ordinario s)l s)o abito (icino alla croce di "an L)i*i e la diede a Villefort. :0el fratte.po: disse, :portate se.pre 6)esta croce.: :"ire: disse Villefort, :Vostra Maest7 s in*anna, 6)esta croce 1 6)ella di )fficiale.: :In fede .ia, si*nore: disse il Re, :prendetela tale 6)ale 1, io non -o il te.po di farne ric-iedere )n altra. ;e Blacas, (oi sor(e*lierete affinc-5 sia spedito il bre(etto a Villefort.: #li occ-i di Villefort si ba*narono di )na or*o*liosa *ioia, e*li prese la croce e la baci3. :Ora 6)ali sono *li ordini c-e .i fa l onore di dar.i la Maest7 Vostra<: :Prendete il riposo c-e (i 1 necessario, e pensate c-e se non potete *io(ar.i a Pari*i, t)tta(ia potrete esser.i di *randissi.a )tilit7 a Marsi*lia.: :"ire: rispose Villefort inc-inandosi, :fra )n ora sar3 partito da Pari*i.: :!ndate: disse il Re, :e se )n *iorno (i di.enticassi, non abbiate alc)n ri*)ardo a ric-ia.ar(i al .io pensiero... "i*nor barone, date ordine perc-5 si (ada a cercare il Ministro della *)erra.: :!-, si*nore: disse il Ministro di poli8ia a Villefort, )scendo dalle /)ileries, :(oi entrate per la porta b)ona, la (ostra fort)na 1 fatta?: :;)rer7 a l)n*o<: .or.or3 Villefort, sal)tando il .inistro, la c)i carriera era finita, e cercando co*li occ-i )na carro88a per ritornare all alber*o. Una (ett)ra passa(a s)lla strada, Villefort (i si *ett3 dentro, lasciandosi trasportare dai s)oi so*ni d a.bi8ione. ;ieci .in)ti dopo Villefort era rientrato all alber*o. ;ispose c-e i ca(alli da posta fossero in ordine dopo d)e ore e frattanto *li si ser(isse la cola8ione. "ta(a per .ettersi a ta(ola, 6)ando il s)ono del ca.panello (ibr3 a*itato da )na .ano franca e fer.a. Il ca.eriere and3 ad aprire, e Villefort intese pron)nciare il s)o no.e. :C-i p)3 *i7 sapere c- io sono 6)i<: si do.anda(a il *io(ane. In 6)el .entre entra(a il ca.eriere.

:Ebbene<: disse Villefort. :C-e c 1< C-i -a s)onato< C-i c-iede di .e<: :Uno straniero c-e non -a (ol)to dire il s)o no.e.: :E 6)ali apparen8e -a 6)esto straniero<: :Ma... 1 )n )o.o di )na cin6)antina di anni.: :#rande< piccolo<: :Press a poco della (ostra stat)ra, si*nore, br)no, .olto br)no, capelli neri, occ-i neri, sopracci*lia nere e basette nere.: :Co. e (estito<: do.and3 a*itato Villefort. :Con )n *ran soprabito t)rc-ino abbottonato dall alto al basso, e fre*iato della decora8ione della Le*ion d Onore.: := l)i?: .or.or3 Villefort i.pallidendo. :E-, perbacco: disse co.parendo s)lla porta l )o.o di c)i abbia.o dato i connotati, :ci (o*liono d)n6)e .olte ceri.onie? C 1 forse il cost).e a Marsi*lia c-e i fi*li facciano fare antica.era al padre<: :Mio padre: escla.3 Villefort. :0on .i ero d)n6)e sba*liato, sospetta(o foste (oi.: :!llora se t) sospetta(i c-e fossi io: riprese il n)o(o arri(ato, deponendo il bastone in )n an*olo e il cappello s) )na sedia, :per.etti.i di dirti, .io caro #-erardo, c-e non 1 )na bella cosa far.i aspettare in tal .odo.: :Lasciateci, #er.ano: disse Villefort. Il ca.eriere )sc2, dando se*ni (isibili di .era(i*lia. Capitolo 1$. P!;RE E +I#LIO. 0oirtier, poic-5 infatti era l)i stesso, se*)2 co*li occ-i il do.estico fino a c-e f) c-i)sa la porta4 poi, te.endo sen8a d)bbio c-e stesse ad ascoltare nell antica.era, and3 a riaprirla ed a *)ardare> la preca)8ione non era stata in)tile, e la rapidit7 colla 6)ale #er.ano si ritir3, pro(a(a c- e*li non era esente dal peccato c-e perdette i nostri pri.i padri. 0oirtier si prese allora la pena di andare e*li stesso a c-i)dere la porta dell antica.era, rinc-i)se 6)ella in c)i erano, e stese la .ano a Villefort, c-e a(e(a se*)ito t)tti 6)esti .o(i.enti con )n sorpresa da c)i non si era ancora ri.esso. :"ai t), .io caro #-erardo: disse il padre *)ardandolo con )n sorriso di c)i era difficile definire l espressione, :c-e non .i se.bri .olto contento di ri(eder.i<: :!l contrario, padre .io, ne sono incantato4 soltanto ero cos2 lontano, (e lo confesso, dall attendere )na (ostra (isita c- essa .i -a in 6)alc-e .odo .era(i*liato.: :Mio caro: rispose 0oirtier sedendosi, :.i se.bra c-e io potrei dirti altrettanto. Co.e? /) . -ai ann)n8iato il t)o fidan8a.ento a Marsi*lia per il *iorno $& febbraio, e il % .ar8o sei a Pari*i<: :"e io (i sono, padre .io: disse #-erardo a((icinandosi a 0oirtier, :non (e ne la.entate4 perc-5 1 per (oi c-e son (en)to 6)i, e il .io (ia**io forse (i sal(er7.: :!-, da((ero?: disse 0oirtier all)n*andosi con nonc)ran8a nella sedia s)lla 6)ale si era assiso. :;a((ero?< Racconta.i d)n6)e co. 1, si*nor .a*istrato< ;e( essere )na cosa c)riosa?: :Padre .io, do(ete certa.ente a(ere sentito parlare di )n co.plotto bonapartista c-e tiene le s)e ri)nioni in r)e "aintC 9ac6)es<: :0).ero A', s2, io ne sono il (iceCpresidente.: :Padre .io, il (ostro san*)e freddo .i fa fre.ere.:

:C-e ()oi .io caro, 6)and )no 1 stato proscritto da 6)elli della Monta*na, 6)ando 1 )scito da Pari*i in )n carretta di fieno, 6)ando 1 stato attorniato nelle lande di Bordea)J da*li s*-erri di Robespierre, ci3 a**)errisce a ben .olte cose. Ma contin)a d)n6)e. Ebbene, cosa 1 accad)to in 6)esta ri)nione di r)e "aintC9ac6)es<: := accad)to c-e (i si fece (enire il *enerale EpinaM, e il *enerale EpinaM, )scito alle no(e di sera da casa s)a, f) ritro(ato l indo.ani nella "enna.: :E c-i ti -a raccontato 6)esta bella storia<: :Il Re stesso, si*nore?: :Ebbene, in co.penso della t)a storia ti dar3 )na noti8ia.: :Padre .io, credo *i7 di saper ci3 c-e (olete dir.i.: :!-, t) sai dello sbarco di ")a Maest7 l I.peratore?: :"ilen8io, padre .io, (i pre*o, pri.a per (oi e poi per .e4 si, sape(o 6)esta noti8ia, e la sape(o ancora pri.a di (oi, poic-5 1 da tre *iorni c-e (olo s)lla strada da Marsi*lia a Pari*i, colla rabbia di non poter lanciare a d)ecento le*-e innan8i a .e il pensiero c-e .i br)cia cer(ello.: :"ono tre *iorni? Ma sei pa88o< /re *iorni fa l I.peratore non era ancora sbarcato.: :0on i.porta4 sape(o il s)o pro*etto.: :E co.e<: :Per .e88o di )na lettera c-e (i era stata indiri88ata dall isola d Elba, e c-e -o sorpresa nel portafo*lio di )n .essa**ero. "e 6)esta lettera fosse andata nelle .ani di )n altro, a 6)est ora, padre .io, forse sareste f) stato f)cilato.: Il padre di Villefort si .ise a ridere. :!ndia.o, andia.o: disse, :se.bra c-e la Resta)ra8ione abbia appreso dall I.pero il .odo di risol(ere *li affari... +)cilato? Caro .io, e co.e pote(i crederlo< E 6)esta lettera do( 1< /i conosco troppo per credere c-e t) l abbia lasciata perdere.: :L -o br)ciata per ti.ore c-e ne ri.anesse )n sol fra..ento4 perc-5 6)ella lettera era la (ostra condanna.: :E la perdita dell a((enire: rispose fredda.ente 0oirtier. :"2, lo capisco4 .a ora io non -o pi@ n)lla a te.ere, p)rc-5 t) .i prote**a.: :Io faccio anc-e pi@ di 6)esto. Vi sal(o.: :O- dia(olo? Ci3 di(enta pi@ dra..atico> spie*ati.: :"i*nore, ritorno s)ll ar*o.ento delle ri)nioni in r)e "aintC 9ac6)es.: :"e.bra c-e 6)este ri)nioni stiano a c)ore alla poli8ia. Perc-5 non le -anno cercate .e*lio< Le a(rebbero tro(ate.: :Essi non le -anno tro(ate, .a ne sono s)lla traccia.: :D)esta 1 la parola d )so, lo so bene> 6)ando la poli8ia non sa niente, dice c-e essa 1 s)lle tracce, ed il #o(erno aspetta tran6)illa.ente il *iorno in c)i essa (en*a a dire, colle orecc-ie basse, c-e 6)es te tracce sono perd)te.: :"2, .a f) ritro(ato )n cada(ere> il *enerale 1 stato a..a88ato, e in t)tti i paesi del .ondo 6)esto si c-ia.a )n assassinio.: :Un assassinio, dici? !ndia.o, (ia, niente pro(a c-e il *enerale sia stato (itti.a di )n assassinio4 t)tti i *iorni si ritro(a *ente nella "enna c-e (i si *etta per dispera8ione, o (i si anne*a, non sapendo n)otare.: :Padre .io, (oi sapete benissi.o c-e il *enerale non si 1 anne*ato per dispera8ione, e c-e non si (a a fare )n

ba*no nella "enna nel .ese di *ennaio. 0o, no, non (i ill)dete, 6)esta .orte 1 stata 6)alificata co.e )n assassinio.: :E c-i l -a 6)alificata in tal .odo<: :Il Re stesso.: :Il Re? V)oi sapere co.e sono andate le cose< Ebbene, te lo dir3. "i crede(a di poter contare s)l *enerale EpinaM c-e ci era stato racco.andato di la**i@. Uno dei nostri (a da l)i in(itandolo a inter(enire a )n asse.blea di a.ici in r)e "aintC9ac6)es. E*li (iene, e l7 *li si spie*a t)tto il piano4 la parten8a dall isola d Elba, lo sbarco pro*ettato. Poi 6)ando -a )dito t)tto, inteso t)tto, e non *li resta pi@ niente da sapere, dic-iara c-e 1 realista. !llora ciasc)no si .ette in *)ardia, *li si fa prestare *i)ra.ento4 e*li lo presta, .a di .ala(o*lia. Ebbene, .al*rado t)tto ci3 il *enerale f) lasciato )scire libero, perfetta.ente libero. 0on 1 tornato a casa s)a. C-e ()oi< Mio caro, si allontan3 da noi (i(o. !(r7 sba*liato strada, ecco t)tto. Un assassinio? In (erit7, Villefort, t) sostit)to proc)ratore del Re i.bastire )n acc)sa s) pro(e cos2 .esc-ine? Fo io forse .ai pensato di dirti, 6)ando esercita(i il t)o .estiere di realista, e face(i ta*liar la testa a )no dei .iei> :+i*lio .io, -ai co..esso )n assassinio?:< 0o, io -o detto> :Benissi.o? O**i -ai co.batt)to (ittoriosa.ente4 a do.ani la ri(incita:. :Padre .io, state in *)ardia, perc-5 6)esta ri(incita sar7 terribile 6)ando la prendere.o noi.: :0on ti co.prendo.: :Voi contate s)l ritorno dell )s)rpatore<: :Lo confesso.: :V in*annate, padre .io, e*li non far7 dieci le*-e nell interno della +rancia, sen8a essere perse*)itato, circondato, e preso co.e )na bestia feroce.: :Mio caro, in 6)esto .o.ento 1 s)lla strada di #renoble. Il 1E o il 1$ sar7 a Lione, e il $E o il $' a Pari*i.: :Le popola8ioni si .)o(eranno: :Per andare a incontrarlo.: :E*li non p)3 a(er con s5 c-e poc-i )o.ini, e *li (erranno in(iati contro de*li eserciti...: :C-e *li ser(iranno di scorta per entrare nella capitale. In (erit7, .io caro #-erardo, non sei c-e )n ra*a88o. /i credi bene infor.ato perc-5 il tele*rafo -a detto tre o 6)attro *iorni dopo lo sbarco> :L )s)rpatore 1 sbarcato a Cannes con poc-i )o.ini4 si sta isolandolo. Ma do( 1< C-e fa< 0on si sa niente. Lo si isola, ecco t)tto ci3 c-e si sa4 ebbene, sar7 in tal *)isa isolato fino a Pari*i, sen8a br)ciare )na cart)ccia.: :#renoble e Lione sono d)e citt7 fedeli, *li opporranno )na barriera ins)perabile.: :#renoble *li aprir7 le s)e porte con ent)sias.o, e la popola8ione di Lione t)tta intera )scir7 per andar*li incontro. Credi.i, noi sia.o tanto bene infor.ati 6)anto (oi, e la nostra poli8ia (al .o lto pi@ della (ostra. 0e ()oi )na pro(a< Essa sa c-e t) (ole(i nasconder.i il t)o (ia**io e io -o sap)to del t)o arri(o .e88 ora dopo c-e a(e(i passato la barriera. 0on -ai dato l indiri88o ad alc)n altro c-e al t)o posti*lione4 ebbene io -o conosci)to l indiri88o e la pro(a 1 c-e *i)n*o app)nto nel .o.ento in c)i ti .etti a ta(ola. ")ona d)n6)e ed ordina c-e portino )n altro coperto, pran8ere.o insie.e.: :Infatti: rispose Villefort, *)ardando s)o padre con st)pore, :infatti .i se.brate bene infor.ato.:

:E-, .io ;io, la cosa 1 se.plicissi.a> (oi realisti a(ete il potere, non a(ete c-e 6)ei .e88i c-e p)3 fornire il denaro, .a noi c-e lo aspettia.o, abbia.o 6)elli c-e ci so..inistra la de(o8ione e l attacca.ento.: :La de(o8ione<: disse Villefort ridendo. :"2, la de(o8ione> 1 in tal .odo c-e in ter.ini onesti (iene c-ia.ata )n a.bi8ione c-e spera.: Cos2 dicendo il padre di Villefort stese la .ano s)l cordone del ca.panello per c-ia.are il ser(itore, c-e non (eni(a c-ia.ato da s)o fi*lio. Villefort *li trattenne il braccio. :!spettate, padre .io: disse il *io(ane, :)na parola ancora...: :;i ...: :Per 6)anto sia .al or*ani88ata la poli8ia realista, t)tta(ia, sa )na cosa terribile.: :D)ale<: :I connotati dell )o.o c-e la .attina del *iorno in c)i sco.par(e il *enerale EpinaM si era presentato in casa s)a.: :!-, sa 6)esta b)ona poli8ia< E 6)esti connotati 6)ali sono<: :Colorito br)no, capelli, baffi ed occ-i neri, soprabito t)rc-ino abbottonato fino al .ento, nastro d )fficiale della Le*ion d Onore attaccato alla bottoniera, cappello a lar*a tesa, e bastone di *i)nco.: :!-, a-, essa sa t)tto ci3: disse 0oirtier, :e perc-5 d)n6)e non -a .esso la .ano s) 6)est )o.o<: :Perc-5 ieri l altro l -a perd)to di (ista presso l an*olo della (ia F5ron.: :;ice(o bene, 6)ando asseri(o c-e la (ostra poli8ia 1 st)pida?: :0on ne dissento, .a da )n .o.ento all altro p)3 ritro(arlo.: :"2: disse 0oirtier, *ettando )no s*)ardo di nonc)ran8a intorno a s5, :s2, se 6)est )o.o non fosse stato a((ertito, .a e*li lo 1, e: contin)3 ridendo, :ca.bier7 di (iso e di cost).e.: ! 6)este parole, si al83, e le(atosi il soprabito e la cra(atta, and3 (erso la ta(ola s)lla 6)ale erano preparate t)tte le cose necessarie alla toilette di s)o fi*lio. Preso )n rasoio, insapon3 il (iso e con )n polso perfetta.ente fer.o ta*li3 6)ei baffi c-e lo co.pro.ette(ano, dando alla poli8ia )n indi8io pre8ioso. Villefort lo *)arda(a con )n ti.ore non esente da a..ira8ione. /a*liati i baffi, 0oirtier diede )n altra pie*a ai capelli, prese, in(ece della cra(atta nera, la pri.a cra(atta di colore c-e tro(3 nel ba)le aperto di s)o fi*lio, indoss3, al posto del s)o soprabito t)rc-ino e abbottonato, )n abito di s)o fi*lio color .arrone e di ta*lio aperto, si pro(3 da(anti allo specc-io il cappello ad ali ristrette del *io(ane, e parendo soddisfatto del .odo con c)i *li anda(a, lasci3 il bastone di *i)nco nel canto del ca.inetto o(e l a(e(a deposto e fece sibilare nella s)a .ano ner(osa )na piccola .a88a di ba.b@ colla 6)ale l ele*ante sostit)to da(a al s)o .odo di ca..inare la disin(olt)ra c-e era )na delle s)e principali 6)alit7. :Ebbene: disse, (oltandosi (erso il fi*lio st)pefatto di 6)esto ca.bia.ento 6)asi a (ista, :ebbene, credi c-e la poli8ia potr7 riconoscer.i<: :0o, padre: balbett3 Villefort, :o al.eno lo spero.: :Ora .io caro #-erardo: contin)3 0oirtier, :ri.etto alla t)a pr)den8a fare sparire t)tti *li o**etti, c-e ti lascio in c)stodia.: :O-, state tran6)illo, padre: disse Villefort. :"2, s2, ora credo c-e t) abbia ra*ione, e possa dire di a(er.i effetti(a.ente sal(ato la (ita. Ma stai tran6)illo, ti render3 6)esto ser(i8io 6)anto pri.a.:

Villefort scosse la testa. :0on ne sei con(into<: :"pero al.eno c-e (i sba*liate.: :Ri(edrai il Re<: :+orse?: :V)oi passare ai s)oi occ-i per )n profeta<: :I profeti delle dis*ra8ie sono se.pre .al(isti a corte.: :"2, .a )n *iorno o l altro (iene loro resa *i)sti8ia> s)pponi )na seconda Resta)ra8ione, allora passerai per )n )o.o ben pi@ *rande di /alleMrand del 6)ale t)tti conoscono la sa*acia politica.: :Infine c-e do(rei dire al Re<: :D)esto solo> :"ire, (oi siete in*annato s)lle disposi8ioni della +rancia, s)ll opinione della citt7, s)llo spirito dell esercito. D)ello c-e (oi c-ia.ate a Pari*i il l)po della Corsica, c-e si c-ia.a ancora l )s)rpatore a 0e(ers, si c-ia.a *i7 Bonaparte a Lione, e i.peratore a #renoble. Voi lo credete circondato, perse*)itato, in f)*a, ed e*li ca..ina rapido co.e l a6)ila c-e porta4 i s)oi soldati c-e (oi credete .orti di fa.e, stanc-i dalla fatica e (icini a disertare, a).entano co.e le falde di ne(e intorno alla (alan*a c-e precipita. "ire, partite, abbandonate la +rancia al s)o (ero padrone, a 6)ello c-e l -a con6)istata, partite, "ire. 0on c-e (oi corriate alc)n pericolo> il (ostro ri(ale 1 abbastan8a forte per far(i *ra8ia, perc-5 1 ).iliante per )n nipote di "an L)i*i do(ere la (ita all eroe d !rcole, di Maren*o e d !)sterlit8:. ;i*li t)tto ci3 #-erardo. O pi)ttosto, non dir*li niente, dissi.)la il (ia**io, non ti (antare di ci3 c-e sei (en)to a fare a Pari*i4 riprendi la posta, e se -ai (olato s)lla strada per (enire, di(ora lo spa8io per tornare4 rientra a Marsi*lia di notte, (ai in casa dalla porta di dietro e resta l7 ben tran6)illo, ben ).ile, ben se*reto, e sopratt)tto ben inoffensi(o, perc-5 6)esta (olta, io lo *i)ro, noi a*ire.o da persone ri*orose, c-e conoscono i loro ne.ici. Va fi*lio .io, caro #-erardo, e .ediante 6)esta obbedien8a a*li ordini paterni, o, se preferisci, 6)esta deferen8a per i consi*li di )n a.ico, noi ti lascere.o al t)o posto. Ci3 sar7: so**i)nse 0oirtier sorridendo, :il .e88o per sal(ar.i )na seconda (olta, se la bilancia politica )n *iorno ri.etter7 te in alto, e .e in basso. !ddio, .io caro #-erardo, al prossi.o ritorno allo**erai a casa .ia.: E 0oirtier )sc2 con la tran6)illit7 c-e non lo a(e(a abbandonato )n istante d)rante 6)esta difficile con(ersa8ione. Villefort, pallido e a*itato, corse alla finestra, ne al83 la tenda, e lo (ide passare cal.o ed i.passibile in .e88o a d)e o tre )o.ini di catti(o aspetto, i.boscati a*li an*oli della strada, c-e erano forse l7 per arrestare l )o.o dai baffi neri, dal soprabito t)rc-ino e dal cappello a lar*-e tese. Villefort rest3 cos2 in piedi ed anelante fino a c-e s)o padre dispar(e alla crociera B)ssM. !llora si lanci3 s)*li o**etti da l)i lasciati> pose nel fondo del s)o ba)le la cra(atta nera, e il soprabito t)rc-ino, contorse il cappello c-e cacci3 sotto )n ar.adio, r)ppe il bastone di *i)nco in tre pe88i c-e *ett3 s)l f)oco, lacer3 )na berretta da (ia**io, c-ia.3 il s)o ca.eriere, e con )no s*)ardo *li proib2 le .ille do.ande c-e a(rebbe a()to (olont7 di

far*li, sald3 il conto dell alber*o, sal2 nella carro88a c-e l aspetta(a. "eppe a Lione c-e Bonaparte era entrato a #renoble, e in .e88o all a*ita8ione c-e re*na(a l)n*o t)tta la strada, *i)nse a Marsi*lia, in preda a t)tti i terrori c-e entrano nel c)ore dell )o.o a.bi8ioso c-e rice(e i pri.i onori. Capitolo 1A. I CE0/O #IOR0I. 0oirtier era )n b)on profeta, e le cose andarono ben presto co.e a(e(a detto. Ciasc)no conosce il ritorno dall isola d Elba. Ritorno strano, .iracoloso, sen8a ese.pio nel passato, probabil.ente sen8a i.ita8ione nell a((enire. L)i*i ;iciottesi.o tent3 assai debol.ente di riparare a )n colpo cos2 forte. La s)a poca confiden8a ne*li )o.ini *li to*lie(a la confiden8a ne*li a((eni.enti. Il re*no, o pi)ttosto la .onarc-ia riconosci)ta in l)i, tre.3 s)lla s)a base ancora incerta. Villefort non ebbe d)n6)e dal s)o Re c-e )na riconoscen8a non solo in)tile per il .o.ento, .a ben anc-e pericolosa, e 6)ella croce di )fficiale della Le*ion d Onore otten)ta, ebbe la pr)den8a di non .ostrarla, 6)ant)n6)e de Blacas, co.e *li a(e(a racco.andato il Re, ne a(esse fatto spedire sollecita.ente il bre(etto. 0apoleone certa.ente a(rebbe destit)ito Villefort sen8a la prote8ione di 0oirtier, di(en)to onnipossente alla corte dei cento *iorni, sia per i pericoli c-e a(e(a affrontato, sia per i ser(i8i c-e a(e(a resi. Co.e *li era stato pro.esso, il *irondino del IA e il senatore del 1&EB protesse col)i c-e lo a(e(a protetto il *iorno innan8i. /)tta la poten8a di Villefort si li.it3 d)n6)e, d)rante 6)esta bre(e e(oca8ione dell I.pero di c)i f) facile pre(edere la seconda cad)ta, a nascondere il se*reto c-e ;ant1s era stato s)l p)nto di di()l*are. Il solo Proc)ratore del Re f) destit)ito, essendo sospetto di fredde88a in bonapartis.o. Il potere i.periale f) ristabilito appena l I.peratore abit3 le /)ileries abbandonate da L)i*i ;iciottesi.o, ed ebbe lanciati inn).ere(oli ordini da 6)el piccolo *abinetto o(e noi abbia.o introdotto i nostri lettori con Villefort, e do(e s)l ta(olino di noce, a .et7 aperta e ancora piena, f) la tabacc-iera di L)i*i ;iciottesi.o. Marsi*lia, .al*rado l attit)dine dei s)oi .a*istrati, co.inci3 a sentir fer.entare nel s)o seno i *er.i della *)erra ci(ile se.pre .ale spenti nel .e88o*iorno. Poco .anc3 allora c-e le rappresa*lie non andassero al di l7 di 6)alc-e sc-ia.a88ata, da c)i f)rono assediati i realisti c-i)si nelle loro case, o di p)bblici affronti a coloro c-e si a88ardarono ad )scire. Per )na nat)rale (irata di bordo, il de*no ar.atore, c-e *i7 abbia.o desi*nato co.e appartenente alla fa8ione popolare, si tro(3 a s)a (olta, non dir3 onnipossente, perc-5 Morrel era )n )o.o pr)dente e le**er.ente ti.ido, co.e t)tti 6)elli c-e -anno fatto )na faticosa e lenta fort)na co..erciale, .a a((anta**iato. E*li era in *rado, d)n6)e, di fare intendere i s)oi recla.i. D)esti recla.i, co.e s indo(iner7 facil.ente, erano in fa(ore di ;ant1s. Villefort era ri.asto in piedi ad onta della cad)ta del s)o s)periore, e il s)o .atri.onio, 6)ant)n6)e ri.anesse deciso, p)re (enne ri.andato a te.pi pi@ felici.

"e l I.peratore si conser(a(a in trono, era )n altra allean8a c-e occorre(a a #-erardo, e s)o padre sarebbe stato incaricato di tro(arla. "e )na seconda Resta)ra8ione ricond)ce(a L)i*i ;iciottesi.o in +rancia, l infl)en8a di "aintCM5ran raddoppia(a, )nita.ente alla s)a, e la pro*ettata )nione ritorna(a pi@ con(ene(ole di pri.a. Il sostit)to proc)ratore del Re era d)n6)e .o.entanea.ente il pri.o .a*istrato di Marsi*lia, allorc-5 )na .attina la porta s apr2 e *li (enne ann)n8iato il si*nor Morrel. Un altro sarebbe andato sollecito incontro all ar.atore, e con tal sollecit)dine a(rebbe tradita la s)a debole88a. Villefort era )n )o.o s)periore c-e a(e(a, se non la pratica, al.eno l istinto di t)tte le cose. E*li fece fare antica.era a Morrel, co.e se fosse stato sotto la Resta)ra8ione. Morrel in(ece di tro(are Villefort abbatt)to, lo ritro(3 co.e lo a(e(a (ed)to sei setti.ane pri.a, cio1 cal.o, fer.o e pieno di 6)ella fredda *entile88a, la pi@ insor.ontabile di t)tte le barriere, c-e separa l )o.o ele(ato dall )o.o (ol*are. Era penetrato nello st)dio di Villefort con(into c-e il .a*istrato a(rebbe tre.ato alla s)a (ista, e f) l)i in(ece c-e si tro(3 t)tto tre.ante e co..osso da(anti a 6)esto in6)isitore, c-e lo aspetta(a col *o.ito s)llo scrittoio e il .ento appo**iato alla .ano. E*li si fer.3 s)lla porta. Villefort lo *)ard3 co.e se a(esse a()to 6)alc-e difficolt7 a riconoscerlo. +inal.ente, dopo 6)alc-e secondo di esa.e e di silen8io, d)rante c)i il de*no ar.atore *ira(a il s)o cappello fra le .ani> :Il si*nor Morrel, credo<: disse Villefort. :"2, si*nore, in persona: disse l ar.atore. :!((icinate(i d)n6)e: contin)3 il .a*istrato, facendo con la .ano )n se*no di prote8ione, :e dite.i a 6)ale circostan8a debbo l onore di )na (ostra (is ita.: :0on (e lo i..a*inate, si*nore<: do.and3 Morrel. :0o, non saprei affatto. Ci3 per3 non i.pedisce c- io sia disposto ad esser(i fa(ore(ole se la cosa 1 in .io potere.: :D)esta dipende intera.ente da (oi, si*nore: disse Morrel. :!llora spie*ate(i.: :"i*nore: contin)3 l ar.atore riprendendo la s)a sic)re88a .an .ano c-e parla(a, e incora**iato d altronde dalla *i)sti8ia della s)a ca)sa e dalla c-iare88a della s)a posi8ione, :(i ricordate c-e 6)alc-e *iorno pri.a c-e si sapesse dello sbarco di ")a Maest7 l I.peratore, ero (en)to a recla.are la (ostra ind)l*en8a per )n dis*ra8iato *io(ane, )n .arinaio, secondo a bordo del .io brick. +) acc)sato, se (i ricordate, di rela8ioni con l isola d Elba. D)este rela8ioni, c-e erano delitti in 6)ell epoca, o**i sono titoli di fa(ore. Voi ser(i(ate L)i*i ;iciottesi.o allora, e non *li )saste ness)n ri*)ardo, si*nore, ed era (ostro do(ere4 o**i ser(ite 0apoleone e do(ete prote**erlo, 6)esto p)re 1 (ostro do(ere. Ven*o d)n6)e a do.andar(i c-e cosa a((enne di l)i<: Villefort fece )no sfor8o (iolento sopra se stesso. :E il no.e di 6)est )o.o<: do.and3. :!bbiate la bont7 di dir.elo...: :Ed.ondo ;ant1s.: E(idente.ente Villefort sarebbe stato pi@ contento di .is)rare la pallottola di )n a((ersario in )n d)ello, c-e

sentirsi pron)nciare 6)esto no.e a cos2 poca distan8a4 ciononostante non .osse tratto del (iso. In 6)esto .odo, dice(a a se stesso, non potr3 essere acc)sato nell arresto di 6)est )o.o di affare personale. :;ant1s: ripet5 forte, :Ed.ondo ;ant1s, diceste<: :"2, si*nore.: Villefort apr2 allora )n *rosso re*istro posto in )n cassetto e scorso )n indice tro(3 la pa*ina indicata, 6)indi ri(ol*endosi all ar.atore> :"iete ben sic)ro di non sba*liar(i, si*nore<: disse nel .odo pi@ nat)rale. "e Morrel fosse stato )n )o.o pi@ f)rbo o .e*lio ill).inato s) 6)esto affare, a(rebbe tro(ato cosa bi88arra c-e il sostit)to proc)ratore del Re si fosse de*nato risponder*li in tal .aniera sopra .aterie estranee al s)o )fficio, e si sarebbe do.andato perc-5 Villefort non lo .anda(a pi)ttosto ai re*istri dei deten)ti, al *o(ernatore delle pri*ioni, o al prefetto del diparti.ento. Ma Morrel cercando in(ano la ca)sa del ti.ore in Villefort non (i osser(3 n)ll altro c-e )n tratto di pre.)rosa condiscenden8a. Villefort a(e(a colto nel se*no. :0o, si*nore: disse Morrel, :io non .i sba*lio. ; altronde, conosco il po(ero *io(ane da dieci anni, ed 1 i.pie*ato da 6)attro anni sotto di .e. Io (enni, (e ne ricordate<, circa sei setti.ane fa a pre*ar(i di esser *i)sto. Voi .i rice(este .olto .ale, rispondendo.i seccato... !-, allora i re*i erano ben se(eri coi bonapartisti?: :"i*nore: disse Villefort con la presen8a di spirito ed il san*)e freddo ordinario, :io ero re*io allora, perc-5 crede(o i Borboni non sola.ente *li eredi le*itti.i del trono, .a *li eletti della na8ione. Il ritorno di c)i sia.o stati testi.oni .i -a sorpreso, il *enio di 0apoleone -a (into.: :!lla b)on ora: escla.3 Morrel con la s)a b)ona e ro88a franc-e88a, :.i fa piacere sentir(i parlare in tal .odo, e io ne a)*)ro bene per la sorte di Ed.ondo.: :!spettate d)n6)e: riprese Villefort, sfo*liando )n altro re*istro, :l -o tro(ato... Un .arinaio, non 1 cos2, c-e sposa(a )na catalana< "2, s2, ora .e ne ricordo. Ma la cosa era .olto *ra(e.: :Co.e<: :Voi sapete c-e )scendo dal .io apparta.ento (enne condotto alle pri*ioni del Pala88o di #i)sti8ia<: :"2, ebbene<: :Ebbene, feci il .io rapporto a Pari*i, .andai le carte tro(ate presso di l)i, 6)esto era .io do(ere, c-e (olete... e otto *iorni dopo il s)o arresto f) portato (ia.: :Portato (ia?: escla.3 Morrel. :Ma cosa a(ranno pot)to fare di 6)esto *io(anotto<: :O-, state tran6)illo, sar7 stato trasportato a +enestrelle, a Pinerolo, o alle isole di "anta Mar*-erita. Ci3 c-e si c-ia.a trasferito, in ter.ini di )fficio. E )na bella .attina lo ri(edrete tornare a prendere il co.ando del (ostro basti.ento.: :C-e (en*a 6)ando ()ole, il s)o posto *li sar7 se.pre conser(ato. Ma co.e .ai non 1 ancora ritornato< Mi se.bra c-e la pri.a c)ra della *i)sti8ia a(rebbe do()to essere 6)ella di .ettere in libert7 coloro c-e erano stati incarcerati dalla *i)sti8ia realista.: :0on acc)sate te.eraria.ente, .io caro Morrel: rispose Villefort, :in t)tte le cose biso*na procedere le*al.ente. L ordine d arresto (enne dall alto4 biso*na c-e dall alto p)re (en*a l ordine della libert7. Ora

0apoleone 1 rientrato c-e sono appena 6)indici *iorni, e le lettere di aboli8ione non possono ancora essere state spedite.: :Ma: do.and3 Morrel, :non (i sarebbe .odo di passar sopra a t)tte le for.alit7< Ora c-e trionfia.o io *odo di 6)alc-e infl)en8a, e posso ottener l ordine di ann)llare il decreto.: :0on -a a()to l)o*o ness)n decreto.: :;ell ordine d arresto, allora.: :Il siste.a peniten8iario in (i*ore sotto L)i*i "edicesi.o contin)a p)re o**i*iorno, eccetto la Basti*lia, c-e per )n incidente f) spianata. L I.peratore 1 se.pre stato pi@ ri*oroso per il re*ola.ento delle s)e pri*ioni, di 6)ello c-e non lo 1 stato lo stesso *ran Re, e il n).ero dei carcerati di c)i non si conser(a ness)na traccia s)i re*istri 1 incalcolabile.: /anta bene(olen8a a(rebbe .esso f)or di d)bbio delle certe88e, e Morrel non a(e(a nepp)re dei sospetti. :Ma, infine, si*nor Villefort: diss e*li, :6)al consi*lio potreste dar.i per affrettare il ritorno di ;ant1s<: :Uno solo, si*nore, fate )na peti8ione al Ministro della *i)sti8ia.: :O- si*nore, noi sappia.o ci3 c-e sono le peti8ioni> il .inistro rice(e $EE peti8ioni al *iorno.: :"2: rispose Villefort, :.a e*li le**er7 )na peti8ione in(iata*li da .e, postillata da .e, indiri88ata diretta.ente da .e.: :E (oi ( incaric-eres te di far *i)n*ere 6)esta peti8ione<: :Col pi@ *rande piacere del .ondo. ;ant1s pote(a essere allora colpe(ole, .a o**i 1 innocente, ed 1 .io do(ere rendere la libert7 a col)i c-e f) .io do(ere far .ettere in pri*ione.: Villefort pre(eni(a in tal .odo il pericolo di )na ricerca poco probabile, .a possibile, c-e lo a(rebbe perd)to sen8a risorse. :Ma co.e scri(ere al .inistro<: :Mette(i l7, si*nor Morrel: disse Villefort cedendo il s)o posto all ar.atore, :io (i detter3. 0on perdia.o te.po, ne abbia.o *i7 perd)to abbastan8a.: :"2, si*nore, pensia.o c-e il po(ero ;ant1s aspetta, soffre e forse si dispera.: Villefort rabbri(id2 all idea c-e 6)esto pri*ioniero lo .aledicesse nell osc)rit7 e nel silen8io4 .a e*li era troppo co.pro.esso per potere tornare indietro> ;ant1s do(e(a essere stritolato fra *li sco*li della s)a a.bi8ione. Villefort dett3 )na do.anda in c)i, per )no scopo eccellente, esa*era(a il patriottis.o di ;ant1s, e i ser(i8i da l)i resi alla ca)sa bonapartista. In 6)esta peti8ione, ;ant1s co.pari(a co.e )no de*li a*enti pi@ atti(i per il ritorno di 0apoleone. Era e(idente c-e (edendo )na tal s)pplica, il .inistro do(e(a fare *i)sti8ia all istante, se *i)sti8ia non era ancora fatta. +inita la peti8ione, Villefort la rilesse ad alta (oce. :E fatto: disse, :ora contate tran6)illa.ente s) di .e.: :E la peti8ione partir7 presto, si*nore<: :O**i stesso.: :E (oi (i farete delle postille<: :La postilla c- io posso .etter(i 1 6)ella di certificare per (erit7 t)tto ci3 c-e (oi dite nella peti8ione.: Villefort a s)a (olta si sedette, e sopra )n lato della peti8ione estese il s)o certificato. :Ora c-e resta da fare, si*nore<: do.and3 Morrel. :!spettare: riprese Villefort, :io rispondo di t)tto.: D)esta assic)ra8ione rese la speran8a a Morrel. E*li

lasci3 il sostit)to proc)ratore incantato, ed and3 ad ann)nciare al (ecc-io padre di ;ant1s c-e non a(rebbe tardato .olto a ri(edere s)o fi*lio. D)anto a Villefort, in(ece d in(iarla a Pari*i, conser(3 nelle s)e .ani 6)esta peti8ione, c-e per sal(are ;ant1s nel presente lo co.pro.ette(a orribil.ente per l a((enire, s)pponendo )na cosa c-e l aspetto d E)ropa e la pie*a de*li a((eni.enti per.ette(ano *i7 di s)pporre, cio1 )na seconda Resta)ra8ione. ;ant1s ri.ase d)n6)e pri*ioniero. Perd)to nel profondo della s)a se*reta, non intese il r).ore for.idabile della cad)ta del trono di L)i*i ;iciottesi.o n5 6)el r).ore pi@ spa(ente(ole ancora del crollo dell I.pero. Ma Villefort a(e(a t)tto se*)ito con )n occ-io (i*ilante, a(e(a t)tto ascoltato con orecc-io attento. ;)e (olte, d)rante 6)esta bre(e appari8ione i.periale c-e f) c-ia.ata :cento *iorni:, Morrel era tornato alla carica, insistendo se.pre per la libera8ione di ;ant1s, e o*ni (olta, Villefort lo a(e(a cal.ato con pro.esse e con speran8e. #i)nse final.ente la batta*lia di Naterloo. Morrel non rico.par(e pi@ da Villefort. L ar.atore a(e(a fatto per il s)o *io(ane a.ico t)tto ci3 c-e era stato possibile. Pro(are n)o(i tentati(i sotto la seconda Resta)ra8ione era )n co.pro.ettersi in)til.ente. L)i*i ;iciottesi.o ri.ont3 s)l trono, Villefort, per c)i Marsi*lia era piena di tristi .e.orie di(en)te ri.orsi, do.and3 ed ottenne il posto (acante di proc)ratore del Re a /olosa. D)indici *iorni dopo la s)a installa8ione nella n)o(a residen8a e*li spos3 la si*norina Renata di "aintCM5ran il c)i padre era fa(orito a corte pi@ c-e .ai. Ecco co.e ;ant1s, d)rante i cento *iorni e dopo la batta*lia di Naterloo, rest3 sotto catenaccio di.enticato da*li )o.ini, se non da ;io. ;an*lars co.prese t)tto il (alore del colpo con c)i a(e(a percosso ;ant1s, (edendo ritornare 0apoleone in +rancia. La s)a den)n8ia a(e(a colpito *i)sto e, co.e t)tti *li )o.ini con )na certa attit)dine al delitto, c di .e88ana intelli*en8a per la (ita ordinaria, c-ia.3 6)esta bi88arra coinciden8a :)n decreto della Pro((iden8a:. Ma 6)ando 0apoleone ritorn3 a Pari*i, e la s)a (oce rintron3 n)o(a.ente i.periosa e potente, ;an*lars ebbe pa)ra. ! o*ni istante si aspetta(a di (eder rico.parire ;ant1s4 ;ant1s infor.ato s) t)tto, ;ant1s .inaccioso e terribile nelle s)e (endette. !llora .anifest3 a Morrel il desiderio di lasciare il ser(i8io di .are, e si fece racco.andare ad )n ne*o8iante spa*nolo, presso il 6)ale entr3 co.e co..esso d ordine alla fine di .ar8o, (ale a dire dieci o dodici *iorni dopo la rico.parsa di 0apoleone alle /)ileries. Part2 d)n6)e per Madrid, e non s intese pi@ parlare di l)i. +ernando non cap2 niente. ;ant1s era ri.asto assente, c ci3 era 6)anto *li interessa(a. C-e era accad)to di l)i< 0on cerc3 di saperlo. ;)rante t)tto il te.po di 6)esta assen8a, si in*e*n3 ora ad in*annare Mercedes s)i .oti(i dell assen8a, ora a .editare dei piani di e.i*ra8ione e di ratto. O*ni tanto, nelle ore tetre della s)a (ita, si sede(a alla p)nta del capo +aro, e da 6)esto l)o*o donde si distin*)e(a ad )n te.po Marsi*lia ed il (illa**io dei Catalani, *)arda(a triste ed i..obile co.e )n )ccello da

preda se a(esse (ed)to, per )na di 6)este strade, il *io(ane dal passo sciolto e dalla testa alta c-e per l)i p)re pote(a essere .essa**ero di )na cr)da (endetta. Il dise*no di +ernando era fissato> spaccare la testa di ;ant1s con )n colpo di f)cile, e dopo )ccidersi. E ci3 lo dice(a a se stesso per colorire il s)o delitto. Ma +ernando s in*anna(a4 non si sarebbe .ai )cciso, poic-5 spera(a se.pre. +rattanto, in .e88o a tante fl)tt)a8ioni dolorose, l I.pero c-ia.3 )n )lti.o bando di soldati, e t)tti *li )o.ini c-e erano in *rado di portare le ar.i si slanciarono f)ori della +rancia alla (oce for.idabile dell I.peratore. +ernando part2 co.e *li altri, lasciando la s)a capanna a Mercedes, rodendosi col terribile pensiero c-e dietro a l)i forse sarebbe tornato il ri(ale a sposare colei c-e a.a(a. In 6)anto alla ra*a88a, la piet7 c- e*li se.bra(a pro(are per la s)a infelicit7, la c)ra c-e prende(a di pre(enire anc-e i pi@ piccoli s)oi desideri, a(e(a prodotto l effetto c-e prod)cono se.pre s) c)ori *enerosi le apparen8e di affetto a t)tta pro(a. Mercedes a(e(a se.pre a.ato +ernando con a.ici8ia, alla s)a a.ici8ia si a**i)nse )n n)o(o senti.ento, 6)ello della riconoscen8a. :+ratello .io: disse nell adattare il sacco da coscritto s)lle spalle del catalano, :fratello .io, .io solo a.ico, non (i fate )ccidere, non .i lasciate in 6)esto .ondo o(e pian*o, e do(e sar3 sola 6)ando (oi non ci sarete pi@?: D)este parole, dette al .o.ento della parten8a, resero 6)alc-e speran8a a +ernando. "e ;ant1s non ritorna(a, Mercedes pote(a d)n6)e )n *iorno esser s)a. Mercedes rest3 sola s) 6)esta n)da terra, c-e non le era se.brata .ai cos2 arida, e col .are i..enso per ori88onte. /)tta ba*nata di lacri.e co.e 6)ella pa88a di c)i si racconta la dolorosa storia, la si (ede(a incessante.ente (a*are intorno al piccolo (illa**io dei Catalani, ora fer.andosi sotto il sole ardente del .e88o*iorno, ritta, i..obile, .)ta co.e )na stat)a e *)ardando Marsi*lia, ora assisa s)lla spia**ia, ascoltando il .or.orio del .are, eterno co.e il s)o dolore, e do.andandosi sen8a posa, se era .e*lio *ettarsi in a(anti, lasciarsi cadere, lanciarsi nell abisso per esserne in*-iottita, pi)ttosto c-e soffrire in tal .odo t)tte 6)este alternati(e di )n attendere sen8a speran8a. 0on f) il cora**io c-e .anc3 a Mercedes per co.piere il s)o pro*etto, .a f) la reli*ione c-e (enne in s)o ai)to, e la sal(3 dal s)icidio. Cadero)sse, co.e +ernando, (enne p)re c-ia.ato nella coscri8ione4 e sicco.e a(e(a otto anni pi@ del catalano ed era .aritato, cos2 fece parte del ter8o bando e f) in(iato s)lle coste. Il (ecc-io ;ant1s, c-e non era pi@ sosten)to dalla speran8a, la perse del t)tto alla cad)ta dell I.peratore. Cin6)e .esi dopo, nella stessa *iornata in c)i era stato separato dal fi*lio, e 6)asi nella stessa ora in c)i (enne arrestato, rese l )lti.o sospiro fra le braccia di Mercedes. Morrel pro((ide a t)tte le spese della sepolt)ra, e pa*3 i piccoli debiti c-e il (ecc-io a(e(a fatto d)rante la s)a .alattia. 0ell a*ire in tal .odo (i era, pi@ c-e beneficen8a, cora**io. Le pro(ince del .e88o*iorno erano in f)oco ed il soccorrere, anc-e al letto di .orte, il padre di )n bonapartista cos2 pericoloso co.e ;ant1s, era )n delitto.

Capitolo 1%. I ;UE PRI#IO0IERI. Circa )n anno dopo il ritorno di L)i*i "edicesi.o, (i f) )na (isita dell ispettore *enerale delle pri*ioni. D)esto Ispettore si c-ia.a(a si*nor de Bo(ille. ;ant1s intese *irare e stridere c-ia(i, sbattere porte, ascolt3 dal fondo della s)a se*reta t)tti 6)ei preparati(i. In alto face(ano .olto fracasso, .a in basso sarebbero stati r).ori i.percettibili per t)tt altre orecc-ie c-e 6)elle di )n pri*ioniero a((e88o a discernere nel silen8io della notte il ra*no c-e tesse la s)a tela, e la cad)ta periodica della *occia d ac6)a, c-e i.pie*a )n ora a for.arsi sotto il soffitto della se*reta. Indo(in3 c-e fra i (i(i accade(a 6)alc-e cosa di straordinario. E*li c-e da s2 l)n*o te.po abita(a )na to.ba, pote(a bene considerarsi co.e )n .orto. Infatti, l Ispettore (isita(a, )na dopo l altra, stan8e, celle e se*rete. Molti pri*ionieri f)rono interro*ati, ed erano 6)elli c-e per la loro st)pidit7 si racco.anda(ano alla bene(olen8a dell a..inistra8ione> l Ispettore do.anda(a ad essi co.e erano n)triti e 6)ali erano i recla.i c-e a(e(ano da fare. Essi risposero )nani.e.ente c-e il n)tri.ento era detestabile, e c-e recla.a(ano la loro libert7. L Ispettore do.and3 se a(e(ano altra cosa da c-iedere. Essi scossero la testa> 6)al altro bene oltre la libera aria p)3 recla.are )n pri*ionie ro< Il si*nor de Bo(ille si (olt3 sorridendo, e disse al #o(ernatore> :0on so perc-5 ci facciano fare 6)esti in)tili *iri4 c-i (ede )na pri*ione, ne (ede cento4 c-i ascolta )n pri*ioniero ne ascolta .ille. = se.pre la stessa cosa> .al n)triti ed innocenti. Ve ne sono altri<: :"2, abbia.o pri*ionieri pericolosi o pa88i c-e tenia.o in se*reta.: :Vedia.o: disse l Ispettore, con )n aria di profonda stanc-e88a, :faccia.o il nostro .estiere fino al ter.ine, discendia.o nelle se*rete.: :!spettate: disse il #o(ernatore, :c-e si .andino al.eno a prendere d)e )o.ini. I pri*ionieri co..ettono 6)alc-e (olta, non fosse c-e per il dis*)sto della (ita e farsi condannare a .orte, de*li atti d in)tile dispera8ione. Potreste cader (itti.a di )no di 6)esti eccessi.: :Prendete d)n6)e le (ostre preca)8ioni: so**i)nse l Ispettore. "i .andarono a c-ia.are d)e soldati, e si co.inci3 a discendere per )na scala cos2 ).ida, cos2 infetta, cos2 a..)ffita, c-e niente 6)anto il passa**io in )n si.ile l)o*o offende(a cos2 s*rade(ol.ente ad )n te.po la (ista, l odorato e la respira8ione. :O-?: fece l Ispettore fer.andosi a .et7 della scala. :C-i dia(olo p)3 allo**iare 6)i<: :Un cospiratore dei pi@ pericolosi, e ci 1 stato racco.andato particolar.ente co.e )n )o.o capace di t)tto.: := solo<: :Certa.ente.: :;a 6)anto te.po<: :;a circa )n anno.: :E f) .esso 6)i fin dal s)o entrare<: :0o, si*nore, .a soltanto dopo a(er tentato di )ccidere il c)stode incaricato di portar*li il n)tri.ento4 6)ello stesso c-e ci fa l).e. 0on 1 (ero, !ntonio<: :Cerc3 di )ccidere .e: rispose il c)stode. :!-, 1 d)n6)e pa88o 6)est )o.o.: :E anc-e pe**io...: disse il c)stode, :1 )n de.onio.: :Volete c-e si faccia 6)erela<: do.and3

l Ispettore al #o(ernatore. := in)tile, si*nore4 1 abbastan8a p)nito cos2> d altronde tocca or.ai 6)asi la follia e, secondo l esperien8a, pri.a c-e co.pia )n altr anno, sar7 co.pleta.ente pa88o.: :In fede .ia, tanto .e*lio per l)i: disse l Ispettore, :)na (olta pa88o del t)tto, soffrir7 di .eno.: Co.e si (ede bene l Ispettore era )n )o.o pieno d ).anit7, e ben de*no delle f)n8ioni filantropic-e c-e esercita(a. :!(ete ra*ione, si*nore: disse il #o(ernatore, :e la (ostra riflessione pro(a c-e a(ete profonda.ente st)diato la .ateria. !bbia.o, in )na se*reta c-e 1 lontana da 6)esta )na trentina di passi, e nella 6)ale si discende per )n altra scala, )n (ecc-io scien8iato, antico capo di partito in Italia, c-e 1 6)i fin dal 1&11, ed al 6)ale -a dato di (olta il cer(ello (erso la fine del 1&1%, per c)i da 6)ell epoca, non 1 pi@ fisica.ente riconoscibile> pian*e, ride, di.a*risce, in*rassa. Volete (eder 6)ello, pi)ttosto c-e 6)esto< La s)a pa88ia 1 di(ertente e non ( attrister7.: :Vedr3 l )no e l altro: rispose l Ispettore, :biso*na fare il proprio do(ere coscien8iosa.ente.:. L Ispettore face(a allora il s)o pri.o *iro e (ole(a lasciare )na b)ona idea della propria a)torit7. :Entria.o d)n6)e pri.a 6)i...: so**i)nse. :Volentieri: rispose il #o(ernatore. !llo stridere delle .assicce serrat)re, al ci*olare dei catenacci arr)**initi, ;ant1s acco(acciato in )n an*olo della s)a se*reta, o(e rice(e(a con *ioia indicibile il ten)issi.o ra**io di l)ce c-e filtra(a attra(erso *li stretti spira*li della s)a inferriata, rial83 la testa. !lla (ista di )n )o.o sconosci)to, ill).inato dalle torce c-e porta(ano i d)e c)stodi, acco.pa*nato da d)e soldati, e al 6)ale il #o(ernatore parla(a col cappello in .ano, ;ant1s indo(in3 di c-i si tratta(a, e (edendo final.ente presentarsi )na occasione per i.plorare )n a)torit7 s)periore, bal83 in a(anti con le .ani *i)nte. I soldati abbassarono s)bito la baionetta perc-5 credettero c-e il pri*ioniero si lanciasse (ero l Ispettore con catti(a inten8ione, e de Bo(ille stesso fece )n passo indietro. ;ant1s s accorse c-e era stato descritto co.e )n )o.o da te.ersi. Ri)n2 d)n6)e nel s)o s*)ardo t)tto ci3 c-e il c)ore dell )o.o p)3 contenere di .ans)et)dine e di ).ilt7, ed espri.endosi con )na specie di elo6)en8a pietosa c-e .era(i*li3 *li astanti, cerc3 di toccare l ani.a del s)o (isitatore. L Ispettore ascolt3 il discorso di ;ant1s sino alla fine, poi (ol*endosi (erso il #o(ernatore> :"i pie*-er7 alla de(o8ione: disse a .e88a (oce, :1 *i7 disposto a senti.enti pi@ dolci. Vedete, la pa)ra fa il s)o effetto s) l)i4 -a indietre**iato in faccia alle baionette. Ora )n pa88o non si ritrae da(anti a niente. ! 6)esto proposito -o fatto delle c)riose osser(a8ioni a C-arenton.: Poi (olto (erso il pri*ioniero> :In s)ccinto: disse, :c-e (olete<: :Io c-iedo 6)ale delitto -o co..esso? ;o.ando c-e .i sia istit)ito )n processo? ;o.ando infine di essere f)cilato se reo, .a di essere .esso in libert7 se innocente?: :"iete ben n)trito<: do.and3 l Ispettore. :"2, credo... 0on ne so niente... Ma ci3 poco . i.porta. D)ello c-e de(e i.portare, non solo a .e dis*ra8iato pri*ioniero, .a a t)tti i f)n8ionari c-e a..inistrano la *i)sti8ia, 1 c-e )n innocente non sia (itti.a di )n infa.e

den)n8ia e non .)oia in catene .aledicendo i s)oi carnefici.: :Voi siete .olto ).ile o**i: disse il #o(ernatore, :per3 non siete stato se.pre cos2. Parla(ate altri.enti, .io caro a.ico, il *iorno c-e tentaste di )ccidere il (ostro c)stode.: := (ero, si*nore: disse ;ant1s, :e ne do.ando ).il.ente perdono a 6)est )o.o, c-e 1 se.pre stato b)ono con .e... Ma c-e (olete< Ero pa88o... ero f)rioso...: :E ora non lo siete pi@<: :0o, si*nore, perc-5 la pri*ionia .i -a pie*ato, ).iliato, annic-ilito4 1 cos2 l)n*o il te.po 6)i dentro...: :L)n*o te.po< Ed in 6)ale epoca foste arrestato<: disse l Ispettore. :Il $& febbraio 1&1', alle d)e dopo .e88o*iorno.: L Ispettore calcol3. :0oi sia.o al AE l)*lio 1&1B. C-e dite d)n6)e< 0on sono c-e diciassette .esi c-e siete pri*ioniero.: :Co.e diciassette .esi<: riprese ;ant1s. :!-, si*nore, (oi non sapete cosa sono diciassette .esi di pri*ionia? "ono diciassette anni, diciassette secoli, particolar.ente per )n )o.o c-e, co.e .e, era (icino a toccare la s)a felicit7, per )n )o.o c-e, co.e .e, era s)l p)nto di sposare )na donna a.ata4 per )n )o.o c-e (ede(a da(anti a l)i aprirsi )na carriera onore(ole e al 6)ale t)tto .anc3 in )n istante4 c-e dal .e88o del *iorno pi@ bello cadde nella notte pi@ profonda4 c-e (ede la s)a carriera distr)tta, e c-e i*nora se colei c- e*li a.a lo a.i se.pre, c-e i*nora se il s)o (ecc-io padre 1 .orto o (i(o? "i*nore, diciassette .esi di pri*ione per )n )o.o abit)ato all aria .arina, all indipenden8a del .arinaio, allo spa8io, all i..ensit7, all infinito... diciassette .esi di pri*ione, ripeto, sono pi@ c-e non .eritino t)tti i delitti c-e (en*ono .en8ionati dalla lin*)a ).ana coi pi@ odiosi no.i? !bbiate d)n6)e piet7 di .e, si*nore, e do.andate per .e non l ind)l*en8a .a il ri*ore, non )na *ra8ia, .a )na senten8a? ;ei *i)dici, si*nore? Io non do.ando c-e dei *i)dici... 0on si possono ne*are i *i)dici ad )n acc)sato.: :Va bene: disse l Ispettore, :si (edr7.: Poi (ol*endosi (erso il #o(ernatore disse> :D)esto po(ero dia(olo .i fa pena. Ritornando di sopra .i farete (edere il re*istro de*li arrestati.: :"2, certo: disse il #o(ernatore, :.a credo c-e ritro(erete delle annota8ioni terribili s)l conto s)o.: :"i*nore: contin)3 ;ant1s, :so bene c-e non potete far.i )scire di 6)i con la (ostra a)torit7, .a (oi potete tras.ettere la .ia do.anda a*li )ffici co.petenti, potete pro.)o(ere )n inc-iesta, potete far.i sotto.ettere ad )n *i)di8io... Un processo, 1 t)tto ci3 c-e do.ando> c-e io sappia 6)ale delitto -o co..esso, a 6)ale pena sono condannato, poic-5 l incerte88a 1 il pe**iore di t)tti i s)ppli8i.: :M infor.er3...: disse l Ispettore. :"i*nore: escla.3 ;ant1s, :co.prendo dal s)ono della (ostra (oce c-e siete co..osso... "i*nore, dite.i c-e posso sperare<: :Io non posso dir(i 6)esto: rispose l Ispettore, :posso soltanto pro.etter(i di esa.inare il (ostro re*istro e ci3 c-e (i sta a carico.: :O-, allora, si*nore, sono sal(o?: :C-i (i fece arrestare<: do.and3 l Ispettore. :Il si*nor Villefort. Vedetelo, e parlate con l)i.:

:= *i7 )n anno c-e il si*nor Villefort non 1 pi@ a Marsi*lia, .a a 0i.es.: :!-, ci3 non .i sorprende pi@, il .io solo protettore si 1 allontanato.: :Il si*nor Villefort a(e(a 6)alc-e .oti(o di odio contro di (oi<: do.and3 l Ispettore. :0ess)no, si*nore, an8i era .olto bene(olo con .e.: :Mi potr3 d)n6)e fidare delle note c-e -a lasciato s)l conto (ostro, o c-e possa tras.etter.i<: :Intera.ente.: :"ta bene, aspettate.: ;ant1s cadde in *inocc-io, le(ando le .ani (erso il cielo e .or.orando )na pre*-iera, nella 6)ale racco.anda(a a ;io 6)est )o.o sceso nella s)a pri*ione. La porta si rinc-i)se, .a la speran8a scesa con de Bo(ille, era ri.asta nella se*reta di ;ant1s. :Volete (edere il re*istro di conse*na s)bito: do.and3 il #o(ernatore, :o passare alla se*reta dello scien8iato<: :+inia.ola pri.a con le se*rete: rispose l Ispettore, :se ritornassi o(e fa *iorno, forse non a(rei pi@ il cora**io di tornare a scendere 6)i per co.piere la .ia triste .issione.: :O-, 6)est altro non 1 )n pri*ioniero co.e 6)ello c-e abbia.o lasciato, e la s)a pa88ia rattrista .eno c-e la ra*ione(ole88a del s)o (icino.: :E 6)al 1 la s)a pa88ia<: :O-, )na pa88ia strana. "i crede possessore di )n i..enso tesoro. Il pri.o anno della s)a pri*ionia, -a fatto offrire al #o(erno )n .ilione, se il #o(erno (ole(a .etterlo in libert74 il secondo anno d)e .ilioni, il ter8o tre .ilioni, e cos2 (ia... Ora, al s)o 6)into anno di pri*ionia, c-ieder7 di parlar(i in se*reto per offrire cin6)e .ilioni.: :!-? a-? 1 c)riosa infatti...: disse l Ispettore, :e co.e si c-ia.a 6)esto .ilionario<: :+aria.: :Il n).ero $H<: do.and3 l Ispettore, le**endo 6)esta cifra sopra )na porta. :Precisa.ente... !ntonio, aprite.: Il c)stode obbed2, e de Bo(ille entr3 nella se*reta dello scien8iato pa88o co.e (eni(a *eneral.ente c-ia.ato il pri*ioniero. In .e88o alla stan8a, in )n cerc-io tracciato s)l pa(i.ento con )n pe88o d intonaco staccato al .)ro, era sdraiato )n )o.o 6)asi n)do, tanto le s)e (esti erano lacerate. E*li dise*na(a in 6)esto cerc-io delle linee *eo.etric-e diritte e parallele, e pare(a in tal .odo occ)pato a risol(ere il s)o proble.a, co.e !rc-i.ede nel .o.ento c-e f) )cciso da )n soldato di Marcello. 0on si .osse al r).ore c-e fece la porta nell aprirsi e non se.br3 s(e*liarsi c-e allorc-5 la l)ce delle torce ill).in3 d )n forte c-iarore l ).ido s)olo s) c)i la(ora(a. !llora si (olt3 e (ide con sorpresa la *ente c-e era scesa nel s)o carcere. "i al83 prese )na coperta *ettata s)l .iserabile letto, e si coperse s)bito per co.parire in stato pi@ decente a*li occ-i di 6)e*li estranei. :0on c-iedete niente<: disse l Ispettore sen8a (ariare la for.)la. :Io, si*nore: disse +aria con sorpresa, :io non do.ando niente.: :0on .i capite: disse l Ispettore, :io sono )n .esso del #o(erno, ed -o la co..issione di scendere in t)tte le pri*ioni, per ascoltare i recla.i dei pri*ionieri.: :O-, allora, si*nore, 1 )n altra cosa: escla.3 (i(ace.ente +aria, :e spero c-e ce la intendere.o.: :Vedete: disse a bassa (oce il #o(ernatore, :non co.incia co.e (i a(e(o detto<:

:"i*nore: contin)3 il pri*ioniero, :io sono +aria, nato in Ro.a nel 1HB&. "ono stato (enti anni se*retario del conte "pada, l )lti.o dei principi di 6)esto no.e. "ono stato arrestato, e non so il perc-5, (erso il principio dell anno 1&E&. ;opo 6)esto te.po -o se.pre recla.ato la .ia libert7 dalle a)torit7 italiane e francesi...: :Perc-5 dalle a)torit7 italiane<: do.and3 il #o(ernatore. :Perc-5 sono stato arrestato a Pio.bino, e pres).o c-e, co.e +iren8e, Pio.bino sia di(en)to capol)o*o di 6)alc-e diparti.ento francese.: L Ispettore ed il #o(ernatore si *)ardarono ridendo. :;ia(olo, .io caro: disse l Ispettore, :le (ostre noti8ie s)ll Italia non sono di fresca data.: :Portano la data del *iorno in c)i sono stato trasportato da +enestrelle a 6)i, si*nore: disse +aria. :Era il 1&11 e, a(endo l I.peratore dato il no.e di re di Ro.a al fi*lio c-e il cielo *li a(e(a concesso, pres).e(o c-e, contin)ando il corso delle s)e con6)iste, (a*-e**iasse il so*no di Mac-ia(elli e di Cesare Bor*ia.: :"i*nore: disse l Ispettore, :la Pro((iden8a -a fort)nata.ente arrecato tali ca.bia.enti nella penisola c-e 6)ello ri.arr7 )n so*no.: :"ar7. Ma 6)ante cose non sono possibili s)lla terra<: rispose +aria. :"2, .a non *i7 i so*ni: riprese l Ispettore, :n5 sono (en)to 6)i per inta(olare con (oi )n discorso di politica )ltra.ontana, .a soltanto per do.andar(i, co.e -o *i7 fatto, se (oi a(ete 6)alc-e recla.o da indiri88ar.i s)l .odo col 6)ale siete n)trito ed allo**iato.: :Il n)tri.ento: disse +aria, :1 catti(issi.o. D)anto all allo**io, co.e (edete, 1 ).ido e .alsano, .a ci3 nonostante 1 con(eniente abbastan8a per )na se*reta. Ora non 1 di ci3 c-e si tratta, .a bens2 di ri(ela8ioni della pi@ alta i.portan8a e del pi@ *rande interesse, c-e -o da fare al #o(erno.: :Eccoci...: disse a bassa (oce il #o(ernatore a de Bo(ille. :D)esto 1 il .oti(o per c)i sono fort)nato di (eder(i, 6)ant)n6)e .i abbiate distratto da )n calcolo .olto i.portante c-e, se riesce, ca.bier7 forse del t)tto il siste.a planetario di 0ewton. Potete accordar.i il fa(ore di )n collo6)io particolare<: :E-, c-e (i dice(o<: fece il #o(ernatore all Ispettore. :Voi conoscete bene la persona...: rispose 6)esti, sorridendo. Poi (ol*endosi a +aria> :"i*nore: disse, :ci3 c-e .i c-iedete 1 i.possibile.: :Ci3 nonostante: riprese +aria, :si potrebbe anc-e dare )na so..a enor.e, )na so..a, per ese.pio, di cin6)e .ilioni?: :In fede .ia: disse l Ispettore, (ol*endosi al #o(ernatore, :a(ete predetto perfino la cifra.: :Vedia.o: riprese +aria, accor*endosi c-e l Ispettore face(a )n .o(i.ento per ritirarsi, :non 1 poi assol)ta.ente necessario c-e noi sia.o soli> il si*nor #o(ernatore potr7 assistere al nostro collo6)io.: :;is*ra8iata.ente, .io caro si*nore: disse il #o(ernatore, :sappia.o *i7 a .e.oria 6)ello c-e (olete dirci. "i tratta dei (ostri tesori, non 1 (ero<: +aria *)ard3 6)est )o.o con occ-i s) c)i )n osser(atore disinteressato a(rebbe certa.ente (ed)to risplendere il la.po della ra*ione e della (erit7. :"en8a d)bbio: disse. :;i c-e (olete c-e (i parli, se non di ci3<: :"i*nor Ispettore: contin)3 il #o(ernatore, :(i posso raccontare 6)esta storia tanto bene 6)anto +aria, essendo *i7 6)attro o cin6)e anni c-e .e la sento ris)onare alle orecc-ie.:

:Ci3 pro(a, si*nor #o(ernatore: disse +aria, :c-e (oi siete di 6)ella *ente di c)i parla la "critt)ra, i 6)ali -anno *li occ-i e non (edono, -anno le orecc-ie e non sentono.: :Mio caro si*nore: disse l Ispettore, :il #o(erno 1 ricco, e *ra8ie a ;io non -a biso*no dei (ostri .ilioni. Conser(ateli d)n6)e per il *iorno in c)i )scirete di pri*ione.: L occ-io di +aria si dilat3. !fferr3 la .ano dell Ispettore e a**i)nse> :Ma se io non esco di pri*ione, se .i si tiene in 6)esta se*reta, se (i debbo .orire sen8a a(er lasciato il .io se*reto ad alc)no, 6)esto tesoro andr7 d)n6)e perd)to< Io dar3 sino a sei .ilioni, si*nore... si, lascer3 sei .ilioni, e .i accontenter3 del resto, se .i si (orr7 rendere la libert7.: :")lla .ia parola: disse l Ispettore a .e88a (oce, :se non si sapesse c-e 6)est )o.o 1 pa88o, parla con tanta con(in8ione, da far credere alla (erit7 del s)o dire.: :Io non sono )n pa88o, si*nore, e dico precisa.ente la (erit7...: disse +aria c-e, con 6)ella fine88a di )dito c-e 1 particolare ai pri*ionieri, non a(e(a perd)to )na sola delle parole dell Ispettore. :Il tesoro di c)i (i parlo esiste real.ente, e sono pronto a fir.are )n contratto, in (irt@ del 6)ale (oi .i cond)rrete al l)o*o c-e (err7 da .e indicato4 si sca(er7 la terra sotto i nostri occ-i, e se io .ento, se non (iene ritro(ato niente, se sono )n pa88o co.e (oi dite, ebbene, .i ricond)rrete in 6)esto .edesi.o carcere o(e io rester3 eterna.ente, e do(e .orir3 sen8a do.andar pi@ niente n5 a (oi, n5 a ness)no.: Il #o(ernatore si .ise a ridere. := lontano 6)esto (ostro tesoro<: do.and3. :! cento le*-e di 6)i circa: disse +aria. :La cosa non 1 .ale i..a*inata: disse il #o(ernatore. :"e t)tti i pri*ionieri (olessero di(ertirsi a farsi )na passe**iata coi loro *endar.i per 1EE le*-e, o se i *)ardiani acconsentissero a fare )na si.ile passe**iata, 6)esto sarebbe )n eccellente pretesto per prendere la (ia dei ca.pi alla pri.a occasione, e, d)rante )n si.ile (ia**io, l occasione si presenterebbe certa.ente. ;is*ra8iata.ente per3 6)esto 1 )n pretesto troppo conosci)to: disse de Bo(ille, :ed il si*nor +aria non -a nepp)re il .erito dell in(en8ione.: Poi (ol*endosi allo scien8iato disse> :Vi -o c-iesto se siete ben n)trito.: :"i*nore: rispose +aria, :*i)rate.i s)l (ostro onore di liberar.i se dico la (erit7, e (i indic-er3 il l)o*o preciso do(e 1 nascosto il tesoro.: :"iete contento del n)tri.ento<: ripet5 l Ispettore. :"i*nore, cos2 non correte alc)n risc-io, e (edete bene c-e non 1 per proc)rar.i )n e(ent)alit7 di f)*a. Io rester3 pri*ioniero fino a c-e abbiate fatto il (ia**io...: :Voi non rispondete alla .ia do.anda: disse con i.pa8ien8a l Ispettore. :05 (oi alla .ia: escla.3 +aria. :"iate d)n6)e .aledetto co.e t)tti *li altri insensati c-e non .i -anno (ol)to credere. Voi non (olete il .io oro, io lo c)stodir3, (oi ric)sate d ai)tar.i, ;io .i ai)ter7. !ndate, non -o pi@ n)lla da dir(i.: E +aria, *ettando la s)a coperta, raccolse il s)o pe88o d intonaco, ed and3 a sedersi di n)o(o in .e88o al cerc-io do(e contin)3 le s)e linee e i s)oi n).eri. :C-e fa l7<: disse l Ispettore ritirandosi. :Conta i s)oi tesori: rispose il #o(ernatore. +aria rispose a 6)esto sarcas.o con )n occ-iata del pi@ s)pre.o dispre88o.

Essi )scirono. Il carceriere c-i)se la porta dietro loro. :!(r7 forse real.ente possed)to 6)alc-e tesoro: disse l Ispettore ri.ontando la scala. :O a(r7 so*nato di possederlo: disse il #o(ernatore, :e il *iorno dopo si sar7 s(e*liato pa88o.: Cos2 ter.in3 la (icenda per lo scien8iato +aria. Ri.ase pri*ioniero, e dopo 6)esta (isita la s)a rep)ta8ione di pa88o f)rioso a).ent3 se.pre pi@. In 6)anto a ;ant1s, l Ispettore .antenne la parola. Ri.ontando nell )fficio del #o(ernatore si fece .ostrare il re*istro di conse*na. Una nota era scritta diri.petto al s)o no.e. E;MO0;O ;!0/O". Bonapartista arrabbiato, -a preso parte atti(a al ritorno dall isola d Elba. ;a tenersi in se*reta, e sotto la pi@ stretta sor(e*lian8a. D)esta nota era di )n altro carattere, e di )n inc-iostro di(erso dal ri.anente del re*istro4 ci3 pro(a(a c- era stata a**i)nta dopo l incarcera8ione di ;ant1s. L acc)sa era troppo positi(a per tentare di co.batterla. L Ispettore d)n6)e s crisse a .ar*ine> :Vista la nota a fronte, niente si p)3 fare:. D)esta (isita a(e(a per cos2 dire ra((i(ato ;ant1s. ;a 6)ando era entrato in pri*ione a(e(a di.enticato di contare i *iorni, .a l Ispettore l a(e(a fornito di )na n)o(a data, ed e*li non l a(e(a di.enticata. "crisse s)l .)ro, con )n pe88o di *esso staccato dalla (olta> AE l)*lio 1&1B4 e da 6)el .o.ento face(a o*ni *iorno )n se*no affinc-5 la .is)ra del te.po non *li sf)**isse pi@. I *iorni passarono, poi le setti.ane, 6)indi i .esi. ;ant1s aspetta(a se.pre. !(e(a co.inciato col fissare la s)a libera8ione a 6)indici *iorni. I.pie*ando soltanto la .et7 dell interesse c-e a(e(a di.ostrato, l Ispettore do(e(a a(erne abbastan8a di 6)indici *iorni. Passati 6)esti 6)indici *iorni, si disse c-e era )n ass)rdit7 il credere c-e l Ispettore si sarebbe occ)pato di l)i pri.a del s)o ritorno a Pari*i. Il s)o ritorno a Pari*i non pote(a a(er l)o*o c-e 6)ando il s)o *iro fosse finito, e il s)o *iro pote(a d)rare )n .ese o d)e> fiss3 d)n6)e tre .esi in(ece di sedici *iorni. Co.pi)ti i tre .esi, )n altro ra*iona.ento (enne in s)o ai)to, c-e *li fece concedere sei .esi, .a finiti anc-e 6)esti sei .esi, .ettendo i *iorni )no dopo l altro si ritro(3 c-e e*li a(e(a aspettato dieci .esi e .e88o. ;)rante 6)esti dieci .esi e .e88o, niente f) ca.biato nel re*i.e della s)a pri*ione4 e non era *i)nta alc)na noti8ia consolante. Interro*ato il carceriere, 6)esti f) .)to secondo il solito. ;ant1s co.inci3 a d)bitare dei s)oi sensi, a credere c-e ci3 c-e prende(a per )n ricordo della s)a .e.oria, non fosse niente altro c-e )na all)cina8ione, e c-e 6)ell an*elo consolatore, apparso nella s)a pri*ione, non (i fosse disceso se non sopra le ali di )n so*no. In capo a )n anno il #o(ernatore f) ca.biato. E*li a(e(a otten)to la dire8ione del forte di Fa.4 cond)sse con s5 .olti dei s)oi s)bordinati, e fra *li altri il carceriere di ;ant1s. Un n)o(o #o(ernatore *i)nse. "arebbe stato troppo l)n*o per l)i i.parare a .e.oria il no.e di t)tti i s)oi pri*ionieri, e si fece presentare soltanto i loro n).eri. D)esto orribile carcere si co.pone(a di 'I celle. I loro abitanti f)rono c-ia.ati col n).ero della cella c-e abita(ano, e il dis*ra8iato *io(ane cess3 di essere c-ia.ato ancora col no.e di Ed.ondo o col co*no.e di ;ant1s, .a si c-ia.3 il n).ero A%.

Capitolo 1'. IL 0UMERO A% E IL 0UMERO $H. ;ant1s pass3 per t)tti i *radi d infelicit7 c-e s)biscono i pri*ionieri di.enticati in )na pri*ione. Co.inci3 dall or*o*lio, c-e 1 )na conse*)en8a della speran8a e )na coscien8a dell innocen8a4 poi (enne al d)bbio della s)a innocen8a4 ci3 c-e *i)stifica(a le idee del #o(ernatore s)lla s)a aliena8ione .entale4 final.ente cadde dall alto del s)o or*o*lio, non pre*3 ;io ancora, .a *li )o.ini, ;io 1 l )lti.a risorsa 4 il dis*ra8iato, c-e do(rebbe co.inciare dal "i*nore, non *i)n*e a sperare in l)i c-e dopo a(ere esa)rite t)tte le altre dis*ra8ie. ;ant1s d)n6)e pre*3 affinc-5 lo to*liessero da 6)el carcere, per .etterlo in )n altro, fosse anc-e stato il pi@ nero, il pi@ profondo4 )n ca.bia.ento, 6)ant)n6)e pe**iore, era se.pre )n ca.bia.ento c a(rebbe proc)rato a ;ant1s )na distra8ione di 6)alc-e *iorno. Pre*3 c-e *li (enisse accordata )na passe**iata, dell aria, dei libri, de*li str).enti. 0iente di t)tto ci3 *li (enne accordato4 .a non i.porta, do.anda(a se.pre. E*li si era a((e88ato a parlare col n)o(o carceriere, 6)ant)n6)e 6)esti fosse, se si p)3 dire, pi@ .)to del pri.o, .a parlare ad )n )o.o, per 6)anto .)to, era ancora )n piacere. ;ant1s parla(a per sentire la propria (oce, si era pro(ato 6)and era solo, .a allora *li face(a pa)ra. "pesso pri.a di essere fatto pri*ioniero, ;ant1s si era fatto )no spa)racc-io di 6)elle pri*ioni, co.poste di (a*abondi, di banditi, e di assassini fra i 6)ali )n i*nobile solidariet7 fa nascere or*e inintelli*ibili e a.ici8ie spa(entose. #i)nse a desiderare di esser .esso in )no di 6)esti peniten8iari per poter (edere 6)alc-e altro (iso oltre 6)ello del carceriere i.passibile c-e non (ole(a parlare. E*li desidera(a la *alera, col s)o (estito infa.ante, con la s)a catena al piede, col s)o .arc-io s)lla spalla. I for8ati al.eno *ode(ano la societ7 dei loro si.ili, respira(ano l aria, (ede(ano il cielo> i for8ati per ;ant1s erano esseri fort)nati. ")pplic3 )n *iorno il carceriere di do.andare per l)i )n co.pa*no 6)al)n6)e, fosse p)r anc-e stato lo scien8iato pa88o di c)i a(e(a inteso parlare. "otto la scor8a di carceriere per 6)anto sia ro88a, resta se.pre 6)alc-e cosa dell )o.o. D)esti, 6)ant)n6)e il s)o (iso non dicesse niente, a(e(a spesso nel fondo del s)o c)ore co.pianto 6)esto dis*ra8iato *io(ane, il c)i carcere era cos2 d)ro. Pass3 d)n6)e la do.anda del n).ero A% al #o(ernatore, .a 6)esti, pr)dente co.e )n )o.o politico, s i..a*in3 c-e ;ant1s (olesse a..)tinare i pri*ionieri, tra.are 6)alc-e co.plotto, ai)tarsi con 6)alc-e a.ico per tentare )na e(asione e ric)s3. ;ant1s a(e(a esa)rito il cerc-io delle risorse ).ane. Co.e dice..o ci3 do(e(a accadere. "i ri(olse allora a ;io. /)tte le idee pietose sparse nel .ondo, c-e (en*ono raccolte da*li infelici c-e sono c)r(ati sotto il peso della s(ent)ra, (ennero allora a rappresentarsi al s)o spirito> si ricord3 le pre*-iere c-e *li a(e(a inse*nato s)a .adre, e ritro(3 in esse dei sensi fino allora i*norati4 perc-5 per l )o.o felice, la pre*-iera ri.ane )n assie.e

.onotono e ()oto di senso, finc-5 il *iorno del dolore (iene a spie*are all infelice 6)esto lin*)a**io per .e88o del 6)ale parla a ;io. Pre*3 d)n6)e con fer(ore4 e pre*ando ad alta (oce non si spa(enta(a pi@ delle s)e parole. !llora cade(a in )na specie di estasi> (ede(a ;io risplendere a ciasc)na parola c-e pron)ncia(a. /)tte le a8ioni della s)a (ita ).ile e perd)ta le rapporta(a alla (olont7 di 6)esto ;io onnipossente, proponendosi de*li obbli*-i da ade.piere. Mal*rado 6)este pre*-iere fer(enti, ;ant1s ri.ase pri*ioniero. !llora il s)o spirito si fece tetro, )na n)be s addens3 da(anti ai s)oi occ-i. ;ant1s era )n )o.o se.plice e sen8a ed)ca8ione4 il passato era ri.asto per l)i coperto da 6)el (elo denso, c-e la sola scien8a solle(a. 0on pote(a nella solit)dine della s)a se*reta e nel deserto del s)o pensiero, riani.are i popoli estinti, rifabbricare le antic-e citt7 c-e l i..a*ina8ione e la poesia in*randiscono, e c-e passano da(anti a*li occ-i, *i*antesc-i ed ill).inati dal f)oco del cielo, co.e i 6)adri babilonici di Martino. 0on a(e(a c-e il s)o passato cos2 bre(e, il s)o presente cos2 triste, il s)o a((enire cos2 incerto> dicianno(e anni di l)ce da .editarsi forse in )na eterna notte? 0ess)na distra8ione pote(a (enir*li in ai)to> il s)o spirito ener*ico, c-e forse non a(rebbe a.ato c-e di prendere il (olo attra(erso le et7, era for8ato a restar pri*ioniero co.e )n a6)ila nella *abbia. E*li si a**rappa(a ad )na sola idea, 6)ella della s)a felicit7, distr)tta sen8a )na ca)sa apparente, e, per )na fatalit7 ina)dita, si attacca(a a 6)est idea, la *ira(a, la ri*ira(a sotto t)tti i rapporti, di(orandola per cos2 dire a denti a*)88i co.e nell Inferno di ;ante l i.placabile U*olino di(ora il cranio dell arci(esco(o R)**ieri. ;ant1s non a(e(a a()to c-e )na fede passe**era4 la perdette co.e altri la perdono nei felici e(enti. La rabbia s)ccesse all ateis.o. Ed.ondo e.ette(a delle beste..ie c-e inorridi(ano il carceriere, feri(a il s)o corpo contro i .)ri della pri*ione, s inferoci(a contro t)tto ci3 c-e lo circonda(a, e sopra t)tto contro se stesso, alla .ini.a contrariet7. D)ella lettera den)n8iatrice c-e a(e(a (ed)to, c-e *li a(e(a .ostrato Villefort, c-e a(e(a toccato, *li ritorna(a al pensiero4 ciasc)na linea fia..e**ia(a s)l .)ro co.e il :Mane, /ekel, P-ares: di Baldassarre. E*li dice(a a se stesso c-e era l odio de*li )o.ini e non la *i)sti8ia di ;io c-e lo a(e(a i..erso nell abisso in c)i si tro(a(a. I.preca(a per 6)esti )o.ini sconosci)ti t)tti i s)ppli8i di c)i la s)a ardente i..a*ina8ione pote(a farsi )n idea, e tro(a(a c-e i pi@ terribili erano ancora troppo deboli, e troppo bre(i per loro4 perc-5 dopo il s)ppli8io (eni(a la .orte e nella .orte era, se non il riposo, al.eno l insensibilit7 del corpo c-e a 6)ello so.i*lia. ! for8a di dire a se stesso, a proposito dei s)oi ne.ici, c-e nella .orte (i era la cal.a e c-e col)i c-e ()ole p)nire cr)del.ente i s)oi ne.ici de(e ser(irsi di t)tt altro .e88o c-e della .orte, cadde nell i..obilit7 della scia*)rata idea del s)icidio> dis*ra8iato col)i c-e, s)l decli(io dell infelicit7, si fer.a a 6)esta triste idea? = )no di 6)ei .ari .orti c-e si estendono co.e l a88)rro delle onde p)re, .a nelle 6)ali il n)otatore sente lenta.ente

le*arsi i piedi, in )na terra bit).inosa c-e lo attrae a s5, lo assorbe, lo in*-iotte. Una (olta preso in tal .odo, se il soccorso di(ino non lo ai)ta, t)tto 1 finito, e 6)al)n6)e sfor8o tenti affonda se.pre di pi@. D)esto stato di .orale a*onia 1 .eno terribile dei penti.enti c-e lo -anno preced)to e del casti*o forse c-e lo se*)ir7> 1 )na specie di consola8ione (erti*inosa c-e ci .ostra il precipi8io, .a nel fondo del precipi8io, il niente. !rri(ato a 6)esto p)nto, Ed.ondo tro(3 6)alc-e consola8ione in 6)esta idea> t)tti i s)oi dolori, t)tte le s)e sofferen8e, 6)esto corte**io di spettri c-e dietro si trascina(ano, par(ero in(olarsi dalla pri*ione o(e l an*elo della .orte pote(a posare il s)o piede silen8ioso. ;ant1s *)ard3 con cal.a la s)a (ita passata, con terrore la s)a (ita f)t)ra, e scelse 6)esto p)nto di .e88o c-e *li se.br3 essere )n l)o*o d asilo. :D)alc-e (olta: dice(a a se stesso, :6)ando nei .iei lontani (ia**i allorc-5 ero ancora )n )o.o, e 6)ando 6)est )o.o libero e possente da(a ad altri )o.ini dei co.andi, c-e erano ese*)iti, -o (ed)to il cielo coprirsi, il .are fre.ere e .or.orare, l )ra*ano nascere da )n p)nto del cielo, e co.e )n a6)ila *i*antesca battere colle s)e ali i d)e ori88onti e allora io senti(o c-e il .io (ascello non era c-e )n rif)*io i.potente poic-5, le**ero co.e )na pi).a nella .ano del *i*ante, tre.a(a e rabbri(idi(a. Ben presto al r).ore del (ento fisc-iante, delle .onta*ne d ac6)a c-e si ro(esciano s)lla .ia testa, il r).ore spa(ente(ole delle onde, l aspetto de*li sco*li .i ann)n8ia(ano la .orte, e la .orte .i spa(enta(a, ed io face(o t)tti *li sfor8i per sf)**irla, e ri)ni(o t)tte le for8e dell )o.o e t)tta l intelli*en8a del .arinaio per lottare contro il cielo ed il .are?... Ci3 accade(a perc-5 allora ero felice, perc-5 ritornare alla (ita, era )n ritornare alla felicit7, a((eni(a perc-5 non a(e(o in(ocato la .orte, non l a(e(o scelta, a((eni(a perc-5 il sonno .i se.bra(a d)ro sopra 6)el letto di al*-e e di sassi4 a((eni(a final.ente perc-5 io, c-e .i crede(o )na creat)ra fatta ad i..a*ine di ;io .i sde*na(o di do(er ser(ire dopo la .ia .orte di pasto alle foc-e ed a*li a((oltoi. Ma o**i 1 )n altra cosa. Fo perd)to t)tto ci3 c-e pote(a far.i a.are la (ita. O**i la .orte .i sorride co.e )na n)trice al ba.bino c-e (a c)llando o**i .)oio a .odo .io e .i addor.ento stanco ed affranto, co.e .i addor.enterei dopo )na di 6)elle sere di dispera8ione e di rabbia nelle 6)ali -o contato AEEE *iri intorno alla .ia ca.eretta, cio1 AE.EEE passi, (ale a dire circa dieci le*-e.: ;acc-5 6)esto pensiero era *er.o*liato nello spirito del *io(ane, *li si fece pi@ dolce e pi@ ilare4 si acco.od3 .e*lio al s)o letto, al s)o pane nero4 .an*i3 .eno, non dor.2 pi@, e tro(3 6)asi sopportabile 6)esto a(an8o di esisten8a c-e era certo di poter lasciare 6)ando a(esse (ol)to, co.e si lascia )n (estito lo*oro. !(e(a d)e .e88i per .orire> )no era se.plice, basta(a attaccare il fa88oletto alla sbarra della finestra e i.piccarsi4 l altro consiste(a nel fin*ere di .an*iare e lasciarsi .orire di fa.e. Il pri.o rip)*na(a .olto a ;ant1s. Era stato alle(ato nell orrore per i pirati appesi ai pennoni dei basti.enti.

L i.piccarsi d)n6)e era per l)i )na specie di s)ppli8io infa.ante c-e non (ole(a applicare a se stesso. !dott3 il secondo, e ne co.inci3 l esec)8ione nel secondo *iorno. Circa 6)attro anni erano passati nelle tra(ersie c-e raccontia.o. !lla fine del secondo, ;ant1s a(e(a cessato di contare i *iorni, ed era ricad)to nell i*noran8a del te.po, dalla 6)ale era stato )na (olta liberato dall Ispettore. ;ant1s a(e(a detto> Io (o*lio .orire, e si era scelto il s)o *enere di .orte. Lo a(e(a bene esa.inato, e per ti.ore di retrocedere dalla s)a decisione, a(e(a fatto *i)ra.ento a se stesso di .orir cos2. :D)ando .i (err7 portato il pasto della .attina ed il pasto della sera: a(e(a pensato, :*etter3 il cibo dalla finestra, e fin*er3 d a(erlo .an*iato. Ese*)i 6)anto a(e(a pro.esso di fare. ;)e (olte al *iorno, per la piccola apert)ra spran*ata c-e non *li lascia(a scor*ere il cielo, e*li *etta(a i s)oi (i(eri4 s)l principio con alle*ria, poi con riflessione, 6)indi con dispiacere. #li abbiso*n3 di ricordarsi il *i)ra.ento, per a(ere la for8a di contin)are il s)o terribile dise*no. D)esti ali.enti, c-e altre (olte *li rip)*na(ano, la fa.e dai denti a*)88i *lieli face(a co.parire appetitosi allo s*)ardo e s6)isiti all odorato. D)alc-e (olta tene(a per pi@ di )n ora il piatto, con occ-io fisso sopra 6)el pe88o di carne p)trida o sopra 6)el pesce infetto, o sopra 6)el pane nero ed a..)ffito. Erano *li )lti.i istinti della (ita, c-e lotta(ano ancora in l)i e c-e per )n atti.o .ina(ano la s)a risol)8ione. !llora il s)o carcere *li se.bra(a .eno disperante> era ancora *io(ane, pote(a a(ere (enticin6)e o (entisei anni, *li resta(ano forse ancora cin6)ant anni. ;)rante 6)esto te.po i..enso, 6)anti a((eni.enti pote(ano atterrare le porte, ro(esciare le .)ra del Castello d If, e render*li la libert7? !llora a((icina(a i denti al cibo c-e, /antalo (olontario, allontana(a dalla s)a bocca. Ma la .e.oria del *i)ra.ento *li torna(a, e 6)ella nat)ra *enerosa a(e(a troppo ti.ore di a((ilire se stessa per .ancare al *i)ra.ento. Cons).3 d)n6)e, ri*oroso ed i.placabile, il poco d esisten8a c-e *li resta(a, e (enne il *iorno c-e non ebbe pi@ la for8a di al8arsi per *ettare dal finestrino della pri*ione la cola8ione c-e *li era stata portata. Il *iorno dopo non ci (ede(a pi@, senti(a appena. Il carceriere sospett3 )na *ra(e .alattia. Ed.ondo spera(a in )na .orte (icina. La *iornata pass3 cos2. Ed.ondo senti(a )n (a*o stordi.ento, c-e non era pri(o di )n certo benessere, (incerlo a poco a poco. Lo spas.o ner(oso dello sto.aco si era assopito, *li ardori della sete si erano cal.ati4 allorc-5 c-i)de(a *li occ-i, (ede(a brillare intorno )na 6)antit7 di fia..elle )*)ali a 6)ei f)oc-i fat)i c-e corrono la notte s)i terreni pal)dosi> era il crep)scolo di 6)el paese sconosci)to c-e si c-ia.a .orte. ; )n tratto, )na sera (erso le no(e, intese )n sordo r).ore alla parete del .)ro contro la 6)ale era steso. /anti ani.ali i..ondi erano (en)ti in 6)ella cella, c-e )n poco alla (olta Ed.ondo a(e(a ass)efatto il s)o sonno a non t)rbarsi per cos2 poco. Ma 6)esta (olta sia c-e i sensi fossero esaltati dall astinen8a, sia c-e real.ente il r).ore fosse pi@ forte c-e d ordinario, sia c-e in 6)est )lti.o e s)pre.o .o.ento t)tto ac6)isti i.portan8a, Ed.ondo si a*it3 per 6)esto r).ore e solle(3 la testa per .e*lio ascoltarlo. Era )n *raffiare c-e

se.bra(a d )n )n*-ia enor.e, o d )n dente possente, o l )so d )no str).ento s) delle pietre. Benc-5 indebolito, il cer(ello del *io(ane f) colpito da 6)ella (a*a idea costante.ente fissa nello spirito del pri*ioniero, la libera8ione. D)esto r).ore *i)n*e(a cos2 precisa.ente al .o.ento in c)i o*ni altro r).ore anda(a a cessare per l)i, c-e *li se.br3 c-e Iddio si .ostrasse alla fine placato delle s)e sofferen8e, e *li in(iasse 6)el r).ore per a((ertirlo di fer.arsi s)ll orlo della to.ba, s) c)i *i7 (acilla(a il s)o piede. C-i pote(a sapere se )no dei s)oi a.ici, )no di 6)e*li esseri prediletti ai 6)ali a(e(a pensato spesso, non si occ)passe di l)i in 6)el .o.ento e non cercasse di accorciare la distan8a c-e li separa(a< Ma no, Ed.ondo sen8a d)bbio si sba*lia(a> non era c-e )na aberra8ione c-e fl)tt)a(a alla porta della .orte. Per3 Ed.ondo senti(a se.pre 6)esto r).ore. ;)r3 circa tre ore, poi Ed.ondo intese )na specie di crollo, dopo il 6)ale, il r).ore cess3. D)alc-e ora dopo riprese pi@ forte e pi@ (icino. Ed.ondo *i7 prende(a interesse a 6)esto la(oro c-e *li face(a co.pa*nia> d )n tratto il carceriere entr3. ;a otto *iorni a(e(a preso la risol)8ione di .orire, da 6)attro *iorni a(e(a co.inciato a .etterla in esec)8ione. Ed.ondo non a(e(a pi@ indiri88ato la parola a 6)est )o.o, non rispondendo*li ne..eno 6)ando 6)esti *li do.anda(a di 6)al .alattia si crede(a affetto, e si (olta(a dalla parte del .)ro 6)ando crede(a di essere osser(ato troppo attenta.ente. Ma o**i il carceriere pote(a intendere il sordo r).ore, allar.arsene, .etter(i fine e dist)rbare cos2 forse 6)ella speran8a, la c)i sola idea l)sin*a(a *li )lti.i .o.enti di ;ant1s. Il carceriere porta(a la cola8ione. ;ant1s si solle(3 dal s)o letto ed al8ando 6)anto pi@ pote(a la (oce si .ise a parlare di t)tti *li ar*o.enti possibili, s)lla catti(a 6)alit7 dei (i(eri c-e *li porta(ano, s)l freddo c-e si soffri(a in 6)ella se*reta, .or.orando e brontolando per a(er diritto di *ridare pi@ forte, e stancando la pa8ien8a del carceriere c-e precisa.ente 6)el *iorno a(e(a otten)to per il pri*ioniero .alato )n brodo pi@ sano e )n pane pi@ fresco, e c-e *li porta(a 6)el brodo e 6)el pane. +ort)nata.ente credette c-e ;ant1s delirasse. ;epose i (i(eri s)lla ta(ola o(e era abit)ato a depositarli e si ritir3. Ed.ondo allora si ri.ise ad ascoltare con *ioia. Il r).ore di(eni(a cos2 distinto c-e ora il *io(ane lo )di(a sen8a sfor8o. :0on ci sono pi@ d)bbi: disse a se stesso, :poic-5 6)esto r).ore contin)a anc-e di *iorno, 1 6)alc-e pri*ioniero c-e la(ora per la libera8ione. O-, fossi (icino a l)i, co.e lo ai)terei?: ; )n tratto )na tetra n)be pass3 sopra 6)ell a)rora di speran8a in 6)el cer(ello abit)ato alla .alasorte, e c-e non pote(a attaccarsi c-e con so..a difficolt7 alle *ioie ).ane> sor*e(a l idea c-e il r).ore pote(a essere ca)sato dal la(oro di 6)alc-e operaio c-e il *o(erno i.pie*a(a alle ripara8ioni di )na pri*ione (icina. Era facile assic)rarsene. Ma co.e arrisc-iare )na do.anda< Era cosa se.plicissi.a aspettare l arri(o del carceriere, far*li ascoltare 6)esto r).ore, e (edere co.e a(rebbe rea*ito4 .a prendersi )na si.ile certe88a non era tradire interessi pre8iosi per )na soddisfa8ione incerta< La testa di Ed.ondo, ca.pana ()ota, era assordata

dal ron8io di )n idea, era cos2 debole c-e il s)o spirito fl)tt)a(a co.e )n (apore e non pote(a condensarsi attorno ad )n pensiero. Ed.ondo non (ide c-e )n .e88o per rendere c-iare88a alla s)a riflessione e l)cidit7 al s)o *i)di8io> *)ard3 il brodo ancora f).ante c-e il carceriere a(e(a deposto s)lla ta(ola, si al83, and3 barcollando fino a 6)ella, prese la ta88a, la port3 alle labbra, ed in*-iotti il be(era**io c-e contene(a, con )na sensa8ione indicibile di benessere. Ebbe anc-e l accorte88a di fer.arsi> a(e(a inteso dire c-e alc)ni na)fra*-i, raccolti, esten)ati dalla fa.e, erano .orti per a(ere di(orato )n n)tri.ento troppo sostan8ioso. ;epose s)lla ta(ola il pane c-e tene(a *i7 (icino alla bocca, e and3 a ri.ettersi s)l letto. Ed.ondo non (ole(a pi@ .orire. Ben presto sent2 c-e la (ita rientra(a nel s)o cer(ello, t)tte le idee (a*-e ed incerte riprende(ano il loro posto in 6)esta .acc-ina .era(i*liosa. E*li pot5 pensare, e fortificare il s)o pensiero col ra*iona.ento. !llora disse> :Biso*na tentar la pro(a, .a sen8a co.pro.ettere alc)no. "e il la(oratore 1 )n operaio ordinario, non do(r3 c-e battere contro il .io .)ro allora e*li cesser7 s)bito di la(orare, per cercare d indo(inare c-i 1 c-e batte e con 6)ale scopo. Ma sicco.e il s)o la(oro sar7 non sola.ente lecito .a co.andato, lo riprender7 ben presto. "e, al contrario, 1 )n pri*ioniero, il r).ore c-e far3, lo spa(enter74 te.er7 di essere scoperto tralascer7 il la(oro e non lo riprender7 c-e 6)esta sera 6)ando creder7 c-e o*n)no sia a letto e addor.entato.: Ed.ondo si al83 di n)o(o. D)esta (olta, le s)e *a.be non (acilla(ano pi@, i s)oi occ-i non erano pi@ abba*liati. !nd3 (erso )n an*olo della pri*ione, stacc3 )na pietr)88a isolata dall ).idit7, e ritorn3 a battere tre colpi contro il .)ro nella stessa dire8ione in c)i l interno r).ore era pi@ sensibile. ;opo il pri.o colpo il r).ore cess3 co.e per incanto. Ed.ondo ascolt3 con t)tta l ani.a s)a. Pass3 )n ora, ne passarono d)e e ness)n n)o(o r).ore si fece intendere. Ed.ondo a(e(a fatto nascere dall altra parte della .)ra*lia )n assol)to silen8io. Pieno di speran8a, .an*i3 6)alc-e boccone del s)o pane, be(ette )n po d ac6)a e *ra8ie alla forte costit)8ione di c)i era dotato ritro(3 ben presto l ener*ia perd)ta. Pass3 la *iornata, il silen8io d)ra(a se.pre. Venne la notte sen8a c-e rico.inciasse il r).ore. := )n pri*ioniero: disse Ed.ondo con )na *ioia indicibile. ;a 6)el .o.ento la s)a testa s infer(or3 la (ita ritorn3 (iolenta e atti(a. La notte pass3 sen8a c-e il .ini.o r).ore si facesse sentire. Ed.ondo non c-i)se occ-io t)tta la notte. Ritorn3 il *iorno4 il carceriere rientr3 portando *li ali.enti. Ed.ondo a(e(a *i7 di(orato 6)elli del *iorno innan8i, di(or3 p)re 6)esti. !scolta(a attenta.ente, te.endo c-e il r).ore fosse cessato per se.pre, ca..ina(a a(anti e indietro nella s)a cella, sc)ote(a per ore intere le sbarre di ferro del s)o spira*lio, rende(a l elasticit7 ed il (i*ore alle .e.bra con )n eserci8io tralasciato da l)n*o

te.po, disponendosi a lottare corpo a corpo col s)o destino, co.e fa stendendo le braccia e spar*endo il corpo d olio il *ladiatore c-e sta per entrare nell arena. D)indi, ne*li inter(alli di 6)esta febbrile atti(it7, e*li ascolta(a se il r).ore si rinno(a(a, s i.pa8ienti(a della pre(iden8a di 6)esto pri*ioniero c-e non indo(ina(a c-e era stato distratto dalla s)a opera da )n altro pri*ioniero c-e a(e(a, perlo.eno al pari di l)i, la stessa fretta di essere liberato. /re *iorni passarono, settantad)e ore .ortali, contate .in)to per .in)to? +inal.ente )na sera, dopo c-e il carceriere a(e(a fatto la s)a (isita, e dopo c-e per la centesi.a (olta ;ant1s a(e(a attaccato l orecc-io al .)ro, *li se.br3 c-e )no scroscio i.percettibile si riperc)otesse sorda.ente nella s)a testa, .essa a contatto con le pietre silen8iose. ;ant1s indietre**i3 per ben racco*liere il s)o pensiero a*itato, fece 6)alc-e passo nella ca.era, e ri.ise l orecc-io nella stessa dire8ione. 0on c era d)bbio, si la(ora(a dall altra parte. Il pri*ioniero a(e(a riconosci)to il pericolo della s)a .ano(ra e ne a(e(a adottato certa.ente )n altra, e per contin)are la s)a opera con .a**ior sic)re88a, a(e(a sostit)ito allo scalpello la le(a. +atto ardito da 6)esta scoperta, Ed.ondo risolse di (enire in ai)to all infaticabile operatore. Co.inci3 con lo spostare il s)o letto, dietro il 6)ale *li se.bra(a c-e l opera di libera8ione si co.pisse e cerc3 co*li occ-i )n o**etto con c)i intaccare la .)ra*lia, far cadere il ce.ento ).ido e spostare final.ente )na pietra. 0iente si presenta(a al s)o s*)ardo, e*li non a(e(a n5 coltello. n5 str).enti ta*lienti. ;el ferro non (e n era c-e alle sbarre. Ma le sbarre erano troppo bene assic)rate, erano troppo solide e non (ale(a nepp)re la pena di pro(are a spostarle. Unici .obili della s)a pri*ione erano il letto, )na sedia, )na ta(ola, )n secc-io ed )na brocca. Il letto a(e(a le tra(erse di ferro4 .a erano incastrate nel le*no e fer.ate con delle (iti. "arebbe occorso )n caccia(ite per le(are 6)este (iti e prendere le tra(erse. !lla ta(ola ed alla sedia niente. Il secc-io )na (olta a(e(a il .anico, .a 6)esto era stato tolto. 0on resta(a pi@ a ;ant1s c-e )na risorsa, 6)ella cio1 di ro.pere la brocca, e coi pe88i di coccio .ettersi al la(oro. Lasci3 cadere la brocca s)l pa(i.ento, e la brocca and3 in pe88i. ;ant1s scelse d)e o tre pe88i ac)ti, li nascose nel s)o pa*liericcio, lasci3 *li altri per terra. La rott)ra di )na brocca era troppo nat)rale perc-5 potesse destare sospetti. Ed.ondo a(e(a (e*liato t)tta la notte per la(orare, .a nell osc)rit7 l affare anda(a .ale, poic-5 biso*na(a la(orare a tastoni, e sent2 ben presto c-e s.)ssa(a l infor.e str).ento contro )na .ateria pi@ d)ra di 6)ello. Risospinse d)n6)e il s)o letto, e aspett3 il *iorno. Con la speran8a *li era tornata la pa8ien8a. /)tta la notte ascolt3, e cap2 c-e lo sconosci)to .inatore contin)a(a la s)a opera sotterranea. Venne il *iorno, entr3 il carceriere. ;ant1s disse c-e il *iorno innan8i nel bere *li era sf)**ita dalle .ani la brocca, c-e si era rotta cadendo.

Il carceriere and3 brontolando a cercare )na brocca n)o(a, sen8a nepp)re prendersi l inco.odo di portar (ia i cocci della (ecc-ia. Ritorn3 dopo )n istante, racco.and3 .a**ior preca)8ione al pri*ioniero, ed )sc2. E*li ascolt3 con )na *ioia indicibile lo stridere della serrat)ra, c-e pri.a o*ni (olta c-e si c-i)de(a *li serra(a il c)ore. !scolt3 l allontanarsi del r).ore dei passi. Poi, 6)ando 6)esto r).ore f) spento, bal83 dalla s)a c)ccetta c-e spost3, e al debole ra**io del *iorno c-e penetra(a nella s)a cella, pot5 (edere *li in)tili tentati(i fatti nella notte precedente contro il corpo di )na pietra, in(ece di la(orare s)l ce.ento c-e la c irconda(a. L ).idit7 a(e(a reso il ce.ento friabile. ;ant1s, con )n battito di alle*re88a nel c)ore, s accorse c-e 6)esto ce.ento si stacca(a a pe88etti. D)esti pe88etti erano .in)scoli, 1 (ero4 .a ciononostante, in capo ad )na .e88 ora, ;ant1s ne a(e(a staccato )n bel p)*no. Un .ate.atico a(rebbe pot)to calcolare c-e con d)e anni circa di 6)esto la(oro, s)pponendo c-e non si fosse incontrato alc)n pe88o di .aci*no, si pote(a sca(are )n passa**io di d)e piedi 6)adrati e di $H piedi di profondit7. Il pri*ioniero si ri.pro(er3 allora di non a(ere i.pie*ato in 6)est opera le l)n*-e ore trascorse, e c-e a(e(a perd)te nella speran8a, nella pre*-iera e nella dispera8ione. ;opo sei anni circa, dacc-5 era c-i)so in 6)el carcere, 6)al la(oro, per 6)anto fosse lento non a(rebbe pot)to co.piere< D)esta idea *li inf)se )n n)o(o ardore. In tre *iorni *i)nse, in .e88o ad ina)dite preca)8ioni, a to*liere t)tto il ce.ento e a .ettere allo scoperto il .aci*no> il .)ro era for.ato di frant).i di pietra in .e88o ai 6)ali per a).entare la solidit7 era, di tratto in tratto, posto )n .aci*no. +) )no di 6)esti .aci*ni, scoperto in t)tto il s)o contorno, c-e ora si tratta(a di to*liere dal s)o al(eolo. ;ant1s dappri.a pro(3 con le )n*-ie, .a le s)e )n*-ie erano ins)fficienti. I frant).i della brocca, introdotti nelle conness)re, si ro.pe(ano allorc-5 ;ant1s (ole(a ser(irsene co.e le(a. ;opo )n ora di in)tili tentati(i, si rial83 col s)dore dell an*oscia s)lla fronte. "ta(a forse per fer.arsi s)l principio, o((ero biso*na(a aspettare inerte ed in)tile il s)o (icino, c-e forse si sarebbe anc-e e*li stancato, pri.a di a(ere co.pi)to l opera< !llora *li (enne )n idea. Ri.ase in piedi sorridendo> la s)a fronte, ).ida per il s)dore, si secc3. Il carceriere porta(a t)tti i *iorni la .inestra di ;ant1s in )na casser)ola di latta4 6)esta casser)ola contene(a la s)a .inestra e 6)ella di )n altro pri*ioniero. ;ant1s a(e(a notato c-e 6)esta casser)ola era se.pre o intera.ente piena o piena a .et7, secondo c-e il carceriere co.incia(a la distrib)8ione dei (i(eri da l)i o dal s)o co.pa*no. D)esta casser)ola a(e(a )n .anico di ferro. Era 6)esto .anico c-e ;ant1s anela(a di a(ere, e c-e e*li a(rebbe pa*ato, se *li fosse stato c-iesto, dieci anni della s)a (ita. Il carceriere (ersa(a il conten)to di 6)esta casser)ola nel piatto di ;ant1s. ;opo a(er .an*iato la s)a .inestra con )n c)cc-iaio di le*no, ;ant1s la(a(a 6)esto piatto, c-e ser(i(a cos2 o*ni *iorno.

La sera ;ant1s pose il s)o piatto per terra a .e88a strada fra la porta e la ta(ola4 il carceriere entrando .ise il piede s)l piatto e lo r)ppe in .ille pe88i. D)esta (olta non (i era niente da dire contro ;ant1s. !(e(a fatto .ale a lasciare il s)o piatto per terra, 1 (ero, .a il carceriere a(e(a il torto di non a(er *)ardato do(e .ette(a i piedi. Il carceriere si content3 d)n6)e di brontolare, poi *)ard3 intorno a s5 do(e pote(a .ettere la .inestra> il ser(i8io da ta(ola di ;ant1s si li.ita(a a 6)el solo piatto. :Lasciate la casser)ola: disse ;ant1s, :la riprenderete do.ani 6)ando .i porterete la cola8ione.: D)esto consi*lio anda(a d accordo con la pi*ri8ia del carceriere, c-e per tal .odo non a(e(a biso*no di ri.ontare, riscendere e tornare a ri.ontare. Lasci3 la casser)ola. ;ant1s trasal2 di *ioia. D)esta (olta .an*i3 sollecita.ente la .inestra e la carne, c-e secondo l )so delle pri*ioni, (iene .essa in .e88o alla .inestra. Poi, dopo a(ere aspettato )n ora per esser certo c-e il carceriere non si sarebbe pentito, allontan3 il letto, prese la casser)ola, introd)sse l estre.it7 del .anico nel ce.ento, fra il .aci*no ed i rotta.i di pietra (icini, e co.inci3 a farlo a*ire da le(a. Una le**era oscilla8ione assic)r3 ;ant1s c-e il la(oro prende(a b)ona pie*a. Infatti in capo a )n ora la pietra era tolta dal .)ro, do(e lascia(a )na b)ca del dia.etro di )n piede e .e88o. ;ant1s raccolse con .olta c)ra il calcinaccio e lo port3 ne*li an*oli della cella, *ratt3 la terra *ri*iastra con )n fra..ento della s)a brocca e ricoperse il calcinaccio di terra. Poi, (olendo .ettere a profitto 6)esta notte, in c)i lo strata*e..a c-e a(e(a i..a*inato *li da(a fra le .ani )n )tensile cos2 pre8ioso, contin)3 a sca(are con t)tta l ener*ia. !ll alba ripose la pietra nel s)o foro, respinse il letto contro il .)ro e si coric3. La cola8ione consiste(a in )n pe88o di pane> il carceriere entr3, e pos3 6)esto pe88o di pane s)lla ta(ola. :Ebbene, non .i portate )n altro piatto<: do.and3 ;ant1s. :0o: disse il carceriere, :siete )n ro.pit)tto. !(ete rotto la brocca, e rotto il piatto. "e t)tti i pri*ionieri facessero tanti .alanni 6)anto (oi il #o(erno a ca)sa (ostra andrebbe in .alora. Vi si lascia la casser)ola dentro c)i d ora in a(anti si (erser7 la (ostra .inestra, ed in tal .odo forse, non ro.perete pi@ )tensili.: ;ant1s le(3 *li occ-i al cielo, e *i)nse le .ani al disotto della coperta. D)esto pe88o di ferro di c)i resta(a padrone, fece nascere nel s)o c)ore )no slancio di riconoscen8a (erso il cielo, co.e .ai *li era accad)to nel te.po della passata (ita per t)tti i benefici otten)ti. "oltanto a(e(a notato c-e dal .o.ento in c)i a(e(a co.inciato a la(orare, l altro pri*ioniero non la(ora(a pi@. 0on i.porta4 non era )na ra*ione per s.ettere. "e il (icino non pro*redi(a (erso di l)i, l)i sarebbe andato t)tta(ia (erso il s)o (icino. In t)tta la *iornata ;ant1s la(or3 sen8a sosta4 la sera, *ra8ie al n)o(o str).ento, a(e(a le(ato dal .)ro pi@ di dieci p)*ni di calcinaccio, rotta.i e ce.ento. D)ando *i)nse l ora della (isita, raddri883 alla .e*lio il .anico della casser)ola c-e a(e(a storto, e ri.ise il recipiente al posto cons)eto. Il carceriere (ers3 l ordinaria ra8ione di .inestra e carne, o pi)ttosto di .inestra e pesce, perc-5 6)ello era )n

*iorno di .a*ro, e tre (olte la setti.ana face(ano far di .a*ro ai pri*ionieri. !(rebbe pot)to essere ancora )n .e88o per .is)rare il te.po, se ;ant1s non a(esse da .olto abbandonato 6)esto calcolo. Versata la .inestra, il carceriere si ritir3. D)esta (olta ;ant1s (olle assic)rarsi se il s)o (icino a(esse cessato real.ente di la(orare4 e si .ise in ascolto. /)tto era silen8ioso co.e in 6)ei tre *iorni nei 6)ali f) interrotto il la(oro. ;ant1s sospir34 era e(idente c-e il s)o (icino non si fida(a di l)i. Ci3 nonostante non si perdette di cora**io, e contin)3 a la(orare t)tta la notte. Ma dopo d)e o tre ore di la(oro, incontr3 )n ostacolo> il s)o ferro non intacca(a pi@ e scorre(a sopra )na s)perficie piana. ;ant1s tocc3 l ostacolo con la .ano, e s accorse c-e a(e(a ra**i)nto )na tra(e. D)esta tra(e attra(ersa(a o pi)ttosto sbarra(a del t)tto il foro inco.inciato da ;ant1s. Ora biso*na(a sca(are dal sotto in s). Il dis*ra8iato *io(ane non a(e(a pensato a )n si.ile ostacolo. :O-, .io ;io: escla.3, :a(e(o tanto pre*ato, c-e spera(o .i a(este ascoltato...? Mio ;io, dopo a(er perd)to la libert7 della .ia (ita... .io ;io, dopo a(ere s.arrito la cal.a della .ente... .io ;io, dopo a(er.i ric-ia.ato all esisten8a... .io ;io, abbiate piet7 di .e, non .i lasciate .orir disperato?...: :C-i parla di ;io e di dispera8ione nello stesso te.po<: articol3 )na (oce c-e se.bra(a (enire di sottoterra e c-e, atten)ata dall opacit7, *i)n*e(a a Ed.ondo con accento sepolcrale. Ed.ondo sent2 dri88arsi i capelli s)lla testa, indietre**i3 cadendo in *inocc-io. :!-: .or.or3, :final.ente sento parlare )n )o.o?: Erano *i7 6)attro o cin6)e anni c-e non a(e(a sentito parlare altri c-e il s)o carceriere, ed il carceriere non 1 considerato )o.o dal pri*ioniero .a )na porta (i(a a**i)nta alla porta di 6)ercia, o )na sbarra di carne e d ossa a**i)nta alle sbarre di ferro. :In no.e del cielo: *rid3 ;ant1s, :(oi c-e a(ete parlato, contin)ate a parlare, 6)ant)n6)e la (ostra (oce .i abbia spa(entato. C-i siete<: :C-i siete (oi pi)ttosto<: do.and3 la (oce. :Un dis*ra8iato pri*ioniero...: rispose ;ant1s, c-e non a(e(a alc)na difficolt7 a farsi conoscere. :;i 6)ale paese<: :+rancese.: :Il (ostro no.e<: :Ed.ondo ;ant1s.: :La (ostra professione<: :Marinaio.: :;a 6)anto te.po siete 6)i<: :;al 1 .ar8o 1&1'.: :Il (ostro delitto<: :Io sono innocente.: :Ma di 6)al delitto siete acc)sato<: :;i a(er cospirato per il ritorno dell I.peratore.: :Co.e? per il ritorno dell I.peratore< L I.peratore non 1 d)n6)e pi@ s)l trono<: :E*li -a abdicato a +ontaineblea) nel 1&1% ed 1 stato rele*ato all isola d Elba. Ma (oi c-e i*norate t)tto 6)esto, da 6)anto te.po siete 6)i<: :;al 1&11.: ;ant1s rabbri(id24 6)est )o.o a(e(a 6)attro anni di pri*ionia pi@ di l)i. :"ta bene, non sca(ate pi@: disse la (oce, parlando in fretta, :soltanto dite.i a 6)ale alte88a si tro(a lo sca(o

c-e fate.: :Rasente terra.: :;a c-e cosa 1 nascosto<: :;al .io letto.: :Fanno s.osso .ai il (ostro letto da c-e siete in pri*ione<: :Mai.: :;o(e i..ette la (ostra cella<: :!d )n corridoio.: :E il corridoio<: :Mette capo ad )n cortile.: :!-i.1?: .or.or3 la (oce. :O-, .io ;io c-e cosa a(ete<: *rid3 ;ant1s. :C 1 c-e -o sba*liato, c-e l i.perfe8ione dei .iei dise*ni .i -a in*annato, c-e la .ancan8a di )n co.passo .i -a perd)to, c-e )na linea sba*liata s)l .io piano -a e6)i(also a 6)indici piedi e c-e io -o preso il .)ro c-e (oi sca(ate per 6)ello della cittadella.: :Ma allora (oi sareste )scito s)l .are.: :Era ci3 c-e ( ole(o?: :E se foste ri)scito<: :Mi sarei *ettato a n)oto, sarei approdato a )na delle isole c-e circondano il Castello d If, sia l isola di ;a).e, sia l isola di /ibo)len, o ancora la spia**ia, ed allora sarei stato sal(o.: :E a(reste pot)to n)otare fin l7<: :;io .e ne a(rebbe dato la for8a. Ma ora t)tto 1 perd)to?: :/)tto<: :"2, ric-i)dete il (ostro foro con preca)8ione, non la(orate pi@, non (i occ)pate di .ente, e aspettate .ie noti8ie.: :Ma al.eno dite.i c-i siete...: :"ono... io sono il n).ero $H.: :Vo i d)n6)e non (i fidate di .e<: do.and3 ;ant1s. Ed.ondo credette intendere )n a.aro sorriso penetrare per la (olta e *i)n*ere fino a l)i. :O-, io sono )n b)on cristiano: escla.3, indo(inando per istinto c-e 6)ell )o.o pensa(a di abbandonarlo. :Vi *i)ro per 6)anto c 1 di pi@ sacro, c-e .i far3 pi)ttosto )ccidere c-e far scoprire ai (ostri carnefici ed ai .iei l o.bra della (erit7. In no.e del cielo, non .i pri(ate della (ostra presen8a, non .i pri(ate della (ostra (oce, o, (e lo *i)ro, perc-5 sono all estre.o delle .ie for8e, .i ro.per3 la testa contro le .)ra*lie, e (oi a(rete a ri.pro(erar(i la .ia .orte.: :D)anti anni a(ete<: riprese l inco*nito interloc)tore. :La (ostra (oce se.bra 6)ella di )n *io(ane: :0on so 6)ant anni abbia perc-5 non -o .is)rato il te.po dacc-5 sono 6)i. "o c-e il pri.o .ar8o 1&1', 6)ando f)i arrestato, a(e(o circa 1I anni.: :0on ancora $B anni?: .or.or3 la (oce. :! 6)esta et7 non si p)3 essere )n traditore.: :O-, no, no... (e lo *i)ro: ripet5 ;ant1s. :Ve l -o *i7 detto, e (e lo ridico> .i farei ta*liare a pe88i pi)ttosto c-e tradir(i.: :!(ete fatto bene a parlar.i, a(ete fatto bene a pre*ar.i: riprese la (oce, :perc-5 a(rei pensato )n altro piano, e .i sarei separato da (oi. Ma la (ostra et7 .i tran6)illi88a4 (i ra**i)n*er3, aspettate.i.: :E 6)ando<: :Biso*na c-e io calcoli i pericoli, lasciate.i, (i far3 )n se*nale.:

:Ma non .i abbandonerete, non .i lascerete solo, (errete da .e, o .i per.etterete di (enire da (oi< 0oi f)**ire.o assie.e e, se non potre.o f)**ire, al.eno parlere.o, (oi delle persone c-e a.ate, io di 6)elle c-e a.o. !.ate 6)alc)no<: :Io sono solo al .ondo.: :!llora a.erete .e... "e siete *io(ane, sar3 (ostro co.pa*no, se siete (ecc-io, sar3 (ostro fi*lio... Fo )n padre c-e de(e a(ere HE anni se (i(e ancora4 non a.a(o c-e l)i, ed )na ra*a88a c-e si c-ia.a(a Mercedes. Mio padre non .i a(r7 certo di.enticato, ne sono sic)ro, .a lei, ;io sa, se lei pensa ancora a .e... Vi a.er3 co.e a.a(o .io padre...: :"ta bene: disse il pri*ioniero4 :addio, a do.ani.: D)este poc-e parole f)rono dette con )n accento c-e con(inse ;ant1s. 0on c-iese di pi@, si al83, prese le solite preca)8ioni per i rotta.i tolti dal .)ro, e ri.ise il letto al s)o posto. ;a 6)el .o.ento ;ant1s si abbandon3 del t)tto alla s)a felicit7, pensando c-e non sarebbe stato certa.ente pi@ solo, fors anc-e sarebbe stato libero. !l pe**io fosse ri.asto pri*ioniero, a(rebbe a()to )n co.pa*no. La pri*ionia di(isa non 1 c-e )n .e88o casti*o. I la.enti c-e si e.ettono in co.)ne sono 6)asi pre*-iere, e le pre*-iere c-e si fanno in d)e sono atti di rin*ra8ia.ento. Per t)tta la *iornata ;ant1s passe**i3 nella s)a pri*ione> il c)ore *li batte(a di *ioia. ;i tanto in tanto 6)esta *ioia lo soffoca(a. "i sede(a s)l letto pre.endosi con )na .ano il petto. !l pi@ piccolo r).ore c-e senti(a nel corridoio, bal8a(a alla porta. Una (olta o d)e, il ti.ore c-e lo a(essero separato da 6)ell )o.o c-e non conosce(a, e c-e *i7 a.a(a co.e )n a.ico, *li pass3 per il cer(ello. !llora era deciso> al .o.ento c-e il carceriere a(esse scostato il s)o letto ed abbassata la sc-iena per esa.inare l apert)ra, *li a(rebbe fracassato la testa s) 6)ello stesso pa(i.ento do(e a(e(a rotto la brocca. "arebbe stato condannato a .orte, lo sape(a, .a non sta(a forse per .orire di noia e di dispera8ione al .o.ento in c)i 6)esto r).ore .iracoloso lo a(e(a reso alla (ita< La sera (enne il carceriere. ;ant1s era steso s)l letto4 *li pare(a c-e cos2 a(rebbe .e*lio fatto la *)ardia alla s)a b)ca. "en8a d)bbio *)arda(a il s)o (isitatore i.port)no con )no s*)ardo stra(a*ante, perc-5 6)esti *li disse> :O-, (edia.o? "tate per tornar pa88o<: ;ant1s non rispose parola, ebbe pa)ra c-e l e.o8ione della (oce lo tradisse. Il carceriere si ritir3 sc)otendo la testa. #i)nta la notte, ;ant1s pens3 c-e il s)o (icino a(rebbe approfittato del silen8io e dell osc)rit7 per riprendere il dialo*o, .a s in*ann3. La notte pass3 sen8a c-e alc)n r).ore rispondesse alla s)a febbrile aspettati(a. Ma l indo.ani, dopo la (isita del .attino, e .entre a(e(a allontanato il s)o letto dal .)ro, sent2 battere tre colpi distinti ad inter(alli )*)ali. "i precipit3 in *inocc-io. :"iete (oi< disse. :Ecco.i.: :Il (ostro carceriere se n 1 andato<: do.and3 la (oce. :"2: rispose ;ant1s, :non ritorner7 c-e 6)esta sera... !bbia.o dodici ore di libert7?: :Posso d)n6)e a*ire<: disse la (oce.

:"2? s2? s2? sen8a ind)*io, s)ll istante, (e ne s)pplico?: La por8ione di terra s)lla 6)ale ;ant1s, per .et7 introdotto nell apert)ra, appo**ia(a le .ani, se.br3 cedere. "i *ett3 indietro .entre )n a..asso di terra e di rotta.i precipit3 nel foro c-e (eni(a ad aprirsi sotto lo sca(o da l)i fatto. !llora, dal fondo di 6)esto foro osc)ro, e di c)i non si pote(a .is)rare la profondit7, (ide apparire )na testa, poi d)e spalle e final.ente )n )o.o t)tto intero c-e )sc2 con .olta a*ilit7. Capitolo 1B. LO "CIE0GI!/O. ;ant1s rice(ette fra le braccia il n)o(o a.ico aspettato da tanto e con tanta i.pa8ien8a, e lo tir3 (erso la finestra, affinc-5 6)el poco di l)ce c-e penetra(a nel carcere potesse ill).inarlo. Era )n persona**io di piccola stat)ra, coi capelli incan)titi pi)ttosto dai pensieri c-e dall et7, co*li occ-i penetranti, nascosti sotto folti sopracci*li *ri*i, colla barba ancor nera c-e *li discende(a fino a .et7 del petto> la .a*re88a del (iso, solcato da profonde r)*-e, le forti linee della s)a fisono.ia, s(ela(ano )n )o.o pi@ atto ad esercitare le s)e facolt7 .orali c-e le for8e fisic-e. La fronte era coperta di s)dore. D)anto alle (esti era i.possibile distin*)erne la for.a pri.iti(a poic-5 cade(ano a brandelli. "e.bra(a a(ere sessantacin6)e anni al.eno, 6)ant)n6)e )na certa (i*oria nei .o(i.enti tradisse )n et7 .inore di 6)ella c-e den)ncia(a la l)n*a pri*ionia. !ccolse con .olto piacere l ent)sias.o del *io(ane. La s)a ani.a di *-iaccio se.br3 )n istante riscaldarsi e dilatarsi al contatto di 6)ell ani.a ardente. Lo rin*ra8i3 della s)a cordialit7 con )n certo calore, 6)ant)n6)e il disin*anno fosse stato *rande4 ritro(are )n altra cella laddo(e crede(a di tro(are la libert7. :Pri.a di t)tto: disse, :(edia.o se c 1 .e88o di fare sparire alla (ista dei nostri carcerieri le tracce del .io passa**io. /)tta la nostra tran6)illit7 f)t)ra dipende dalla loro i*noran8a di ci3 c-e abbia.o fatto.: !llora s inc-in3 (erso l apert)ra, solle(3 facil.ente la pietra ad onta del s)o peso, e la .ise da(anti al foro. :D)esta pietra 1 stata spostata con .olto ne*li*en8a: disse sc)otendo la testa. :Voi d)n6)e non a(ete )tensili<: :E (oi<: do.and3 ;ant1s con sorpresa, :ne a(ete (oi<: :Me ne sono fabbricato 6)alc)no. Eccetto )na li.a, -o t)tto ci3 c-e .i abbiso*na> scalpello, coltello e le(a.: :O-, sarei ben c)rioso di (edere 6)esti prodotti della (ostra pa8ien8a e della (ostra ind)stria: disse ;ant1s. :Prendete, ecco lo scalpello.: #li present3 )na la.a forte ed a*)88a adattata ad )n pe88o di le*no arrotondato. :E con c-e l a(ete fatto<: disse ;ant1s. :Con )na delle tra(erse del .io letto4 1 con 6)esto str).ento c-e .i sono sca(ato t)tto il sentiero c-e .i -a portato fin 6)i> circa 'E piedi.: :Cin6)anta piedi?: escla.3 ;ant1s, con )na specie di terrore. :Parlate a bassa (oce, ra*a88o, parlate pi@ piano: disse lo sconosci)to *)ardandosi intorno. :"pesso accade c-e alle porte delle pri*ioni si stia in ascolto.: :Ma si sa c-e io son solo.: :0on . i.porta?: :E dite c-e a(ete sca(ato 'E piedi per *i)n*er 6)i<: :"2, 6)esta 1 circa la distan8a c-e separa la .ia cella dalla (ostra. "oltanto -o .al calcolato la c)r(a, per .ancan8a di str).enti di *eo.etria, per potere fare )na scala di propor8ioni> in l)o*o di 6)aranta piedi di ellissi, ne -o

incontrati cin6)anta. Crede(o, co.e (i dissi ieri, di *i)n*ere sino all esterno, traforare 6)esto .)ro, e *ettar.i a .are. Fo se*)ito la l)n*-e88a del corridoio c-e .ette nella (ostra cella in(ece di passar(i sotto. /)tto il .io la(oro 1 perd)to, poic-5 6)esto corridoio d7 in )n cortile pieno di *)ardie.: := (ero: disse ;ant1s, :.a 6)esto corridoio non se*)e c-e )n lato della .ia cella c-e ne -a 6)attro.: :"2, sen8a d)bbio. Ma )no 1 for.ato dallo sco*lio> occorrerebbero dieci anni di la(oro o dieci .inatori forniti di t)tti *li )tensili per traforare la roccia. D)est altro de(e essere addossato ai fonda.enti dell apparta.ento del #o(ernatore> )scire..o nelle cantine c-e certa.ente sono c-i)se a c-ia(e, e sare..o presi. L altro lato d7... aspettate... e do(e .ette 6)est altro lato<: Era il lato in c)i era sca(ata la feritoia, attra(erso c)i penetra(a la l)ce. D)esta feritoia, c-e anda(a restrin*endosi fino al p)nto in c)i da(a passa**io al *iorno, e per c)i ne..eno )n ba.bino a(rebbe pot)to passare, era per di pi@ fornita di tre sbarre di ferro c-e pote(ano rassic)rare il carceriere pi@ sospettoso s)l ti.ore di )na e(asione. /)tta(ia il n)o(o arri(ato, facendo 6)esta do.anda, trascin3 la ta(ola sotto la finestra. :"alite sopra 6)esta ta(ola: disse a ;ant1s. ;ant1s obbed2, sal2 s)lla ta(ola, e indo(inando il pensiero del s)o co.pa*no, appo**i3 il dorso al .)ro e *li present3 le d)e .ani incrociate. Il co.pa*no .ont3 allora pi@ lesta.ente di 6)ello c-e a(rebbe pot)to far credere la s)a et7, e con )n a*ilit7 da *atto, bal83 s)lla ta(ola, poi dalla ta(ola s)lle .ani di ;ant1s, 6)indi dalle .ani s)lle s)e spalle. Cos2 c)r(ato in d)e, perc-5 la (olta del carcere *li i.pedi(a di dri88arsi, introd)sse la testa tra le sbarre e pot5 allora fissare il s)o s*)ardo dall alto in basso. Un istante dopo, ritir3 rapido la testa. :O-? o-?: disse, :ne d)bita(o.: E si lasci3 andare l)n*o il corpo di ;ant1s s)lla ta(ola e dalla ta(ola bal83 a terra. :E di c-e cosa d)bita(ate<: do.and3 Ed.ondo saltando dalla ta(ola dopo di l)i. Il (ecc-io pri*ioniero .edita(a. :"2: disse, :1 cos2> il 6)arto lato della (ostra cella .ette sopra )na *alleria esterna, )na specie di strada di perl)stra8ione, per la 6)ale passano le patt)*lie do(e sono poste le sentinelle.: :0e siete ben sic)ro<: :Fo (isto il cappello del soldato e la p)nta della s)a baionetta, e non per altro .i sono ritirato cos2 in fretta.: :E cos2<: disse ;ant1s. :E cos2, (oi (edete bene, c-e 1 i.possibile f)**ire da 6)esto carcere.: :!llora<: contin)3 il *io(anotto con )n .esto accento interro*atore. :!llora: disse il ( ecc-io pri*ioniero, :sia fatta la (olont7 di ;io?: Ed )n aria di profonda rasse*na8ione ind)r2 i linea.enti del (ecc-io. ;ant1s *)ard3 6)est )o.o c-e rin)ncia(a in tal .odo e con tanta filosofia ad )na speran8a n)trita per l)n*o te.po, con )na sorpresa .is ta ad a..ira8ione. :Volete dir.i c-i siete<: do.and3 ;ant1s. :O-, .io ;io, s2, se ci3 (i p)3 interessare, ora c-e non posso pi@ esser(i )tile.: :Voi potete consolar.i e sostener.i, poic-5 .i se.brate forte in .e88o ai forti.: Lo scien8iato sorrise triste.ente. :Io sono +aria: disse, :pri*ioniero fino dal 1&11, co.e (oi sapete, in 6)esto Castello d If4 .a erano *i7 tre

anni c-e .i si tene(a rinc-i)so nella forte88a di +enestrelle. 0el 1&11 f)i trasportato dal Pie.onte in +rancia. !llora seppi c-e il destino in 6)ell epoca sorridente a 0apoleone, *li a(e(a concesso )n fi*lio al 6)ale era stato dato il titolo di Re di Ro.a. Ero ben lontano dal d)bitare allora ci3 c-e .i a(ete detto ieri4 cio1 c-e 6)attr anni dopo, 6)esto *ran colosso sarebbe stato ro(esciato. E c-i re*na adesso in +rancia< forse 0apoleone "econdo<: :0o 1 L)i*i ;iciottesi.o.: :L)i*i ;iciottesi.o? Il fratello di L)i*i "edicesi.o< I decreti del cielo sono ben reconditi e .isteriosi? D)al 1 d)n6)e la .ente della Pro((iden8a, 6)ando abbassa l )o.o c-e a(e(a esaltato, ed esalta 6)ello c-e a(e(a abbassato<: ;ant1s se*)i(a con lo s*)ardo 6)est )o.o c-e di.entica(a )n istante il proprio destino, per preocc)parsi cos2 dei destini del .ondo. :"2, s2: contin)3, :1 co.e in In*-ilterra> dopo Carlo Pri.o, Cro.well, dopo Cro.well Carlo "econdo, e forse dopo #iaco.o "econdo, )n principe d Oran*e... I se*reti di ;io sono i.perscr)tabili, e la serie delle ).ane (icende i.pre(edibile. Voi siete ancor *io(ane, e potrete (edere...: :"2, se esco di 6)i.: :!-, 1 *i)sto: disse +aria, :noi sia.o pri*ionieri4 6)alc-e (olta lo di.entico, perc-5 i .iei occ-i penetrano al di f)ori di 6)este .)ra*lie, ed io .i credo libero.: :Ma (oi, perc-5 siete in pri*ione<: :Perc-5 -o so*nato nel 1&EH il pro*etto c-e 0apoleone -a tentato di reali88are nel 1&11.: E il (ecc-io abbass3 la testa. ;ant1s non capi(a co.e )n )o.o pote(a arrisc-iare la s)a (ita per si.ili interessi. E (ero per3 c-e, se e*li conosce(a 0apoleone per a(er*li parlato )na (olta, non sape(a 6)ali fossero stati i s)oi pro*etti. :0on siete (oi... .alato<: do.and3 ;ant1s c-e co.incia(a a partecipare dell opinione *enerale c-e si a(e(a di l)i nel Castello d If. :Malato< Pa88o (orrete dire, c-e co.e tale son ten)to in 6)esto l)o*o...: :0on osa(o dirlo: disse ;ant1s sorridendo. :"2, s2: contin)3 +aria con a.aro sorriso, :sono io c-e t)tti dicono pa88o4 sono io c-e di(erto da l)n*o te.po *li ospiti di 6)esta pri*ione, e c-e ralle*rerei i ba.bini, se (i fossero ba.bini nel so**iorno del dolore sen8a speran8a.: ;ant1s ri.ase )n istante i..obile e .)to. :Cos2 ora rin)nciate alla f)*a<: disse. :Credo c-e la f)*a sia i.possibile, )n ri(oltarsi contro ;io tentando ci3 c-e ;io non ()ole si co.pia.: :Perc-5 scora**iar(i< "arebbe troppo do.andare alla Pro((iden8a di ri)scire al pri.o tentati(o? 0on potete rico.inciare da )n altra parte ci3 c-e a(ete fatto da 6)esta<: :Ma sapete ci3 c-e -o fatto, per parlare in tal .odo di rico.inciare< "apete c-e .i sono occorsi 6)attro anni per fabbricare *li )tensili c-e possiedo< C-e da d)e anni io *ratto, raspo e foro )na terra d)ra co.e il *ranito< "apete c-e 1 stato necessario ro.pere delle pietre tali c-e .ai a(rei cred)to di essere atto a .)o(ere< C-e *iornate intere sono passate in 6)esto la(oro *i*antesco, e certe sere .i ritene(o felice solo per a(er pot)to

le(are )n pollice di (ecc-io ce.ento di(en)to d)ro 6)anto la pietra stessa< "apete c-e per riporre t)tta 6)esta terra, t)tti 6)esti rotta.i, e 6)este pietre c-e sposta(o, do(etti fare )n apert)ra sotto la (olta di )na scala, nel c)i ()oto -o nascosto t)tto 6)anto sca(a(o dal foro, ed ora 6)esto ()oto 1 pieno e non saprei pi@ do(e .ettere )n p)*no di pol(ere< "apete final.ente, c-e crede(o di toccare la fine d )n la(oro per c)i senti(o appena le for8e per co.pierlo, ed ecco c-e ;io non solo -a allontanato la .eta, .a l -a spostata non so do(e< Ve l -o detto, e (e lo ripeto, d ora innan8i non far3 pi@ niente per tentare di riac6)istare la libert7, poic-5 (edo c-iaro c-e la (olont7 di ;io 1 c- io ri.an*a 6)i per se.pre.: Ed.ondo abbass3 la testa per non confessare a 6)est )o.o c-e la *ioia di a(ere )n co.pa*no, *li i.pedi(a di prendere la parte do()ta al dolore del pri*ioniero per non essersi pot)to sal(are. +aria si lasci3 andare s)l letto di Ed.ondo, e Ed.ondo rest3 in piedi. Il *io(ane non a(e(a .ai pensato alla f)*a. Vi sono di 6)elle cose c-e se.brano tal.ente i.possibili, c-e non si -a nepp)re l idea di tentarle e si e(itano co.e per istinto. "ca(are 'E piedi sotto terra, consacrare a 6)esta opera8ione )n la(oro di d)e anni per *i)n*ere, ri)scendo, sopra )n precipi8io a picco s)l .are4 precipitarsi da 'E, BE,1EE piedi d alte88a, per infran*ersi forse sopra )no sco*lio, se la pallottola di )na sentinella non (i -a colto pri.a4 essere obbli*ato, *i)n*endo a s)perare t)tti 6)esti pericoli, a fare )na le*a n)otando, t)tto ci3 era troppo, perc-5 )no non si rasse*nasse, e noi abbia.o (isto c-e ;ant1s a(e(a *i7 spinto 6)esta rasse*na8ione fino alla .orte. Ma ora c-e il *io(ane a(e(a (ed)to )n (ecc-io attaccarsi alla (ita con tanta ener*ia e dar*li l ese.pio delle risol)8ioni disperate, e*li si .ise a riflettere e a .is)rare il s)o cora**io. Un altro a(e(a tentato ci3 c-e e*li non a(e(a a()to nepp)re l idea di pensare, )n altro .eno *io(ane, .eno forte, .eno destro di l)i, si era proc)rato a for8a di criterio e di pa8ien8a t)tti *li str).enti di c)i abbiso*na(a per 6)esta incredibile opera8ione c-e era andata a ()oto solo per )na .is)ra .al presa4 )n altro a(e(a fatto t)tto ci3, niente d)n6)e do(e(a essere i.possibile a ;ant1s. +aria a(e(a traforato per 'E piedi, e*li ne traforerebbe per 1EE4 +aria a cin6)ant anni a(e(a i.pie*ato d)e anni al s)o la(oro, e*li c-e non a(e(a la .et7 de*li anni di +aria, ne i.pie*-erebbe 6)attro4 +aria scien8iato, )o.o di st)di, non a(e(a ti.ore di arrisc-iare la tra(ersata dal Castello d If all isola di ;a).e, di Ratonnea) o di Le.aire4 Ed.ondo .arinaio, ;ant1s, l ardito n)otatore c-e era stato tante (olte a cercare corallo nel fondo del .are, esiterebbe d)n6)e a fare )na le*a n)otando< D)anto te.po occorre per fare )na le*a n)otando< Un ora. Ebbene, non era stato tante (olte ore intere in .are sen8a toccar ri(a< 0o, no, ;ant1s non a(e(a biso*no c-e di essere incora**iato dall ese.pio4 ;ant1s a(rebbe fatto t)tto ci3 c-e )n altro a(e(a fatto, o a(rebbe pot)to fare. Ed.ondo riflett5 )n istante. :Io -o tro(ato ci3 c-e (oi cercate...: disse al (ecc-io. +aria rabbri(id2. :Voi<: disse, rial8ando la testa in .odo c-e face(a capire c-e, ;ant1s dice(a la (erit7, lo scora**ia.ento del

s)o co.pa*no non sarebbe stato di l)n*a d)rata. :Voi< Vedia.o d)n6)e, cosa a(ete tro(ato.: :Il corridoio c-e a(ete fianc-e**iato per (enire dalla (ostra pri*ione fin 6)i, si estende nella stessa dire8ione della *alleria esterna, non 1 (ero<: :"2.: :0on de(e d)n6)e esserne lontano c-e )na 6)indicina di passi<: :! dir .olto.: :Ebbene, (erso la .et7 del corridoio noi fare.o )n ca..ino c-e lo attra(ersi a *)isa di croce. D)esta (olta (oi prenderete .e*lio le (ostre .is)re e noi .ettere.o capo nella *alleria, )ccidere.o la sentinella, e ce ne andre.o. Perc-5 6)esto piano riesca non ci ()ole c-e cora**io, e (oi ne a(ete4 c-e (i*ore, ed io non ne .anco4 di pa8ien8a non parlo, (oi a(ete dato le (ostre pro(e, io dar3 le .ie.: :Un .o.ento: rispose +aria, :(oi non sapete, .io caro co.pa*no, di 6)al *enere 1 il .io cora**io e 6)al )so io conti di fare della .ia for8a4 6)anto alla pa8ien8a, io credo di essere stato abbastan8a pa8iente rico.inciando o*ni .attina il la(oro di o*ni notte, ed o*ni notte il la(oro del *iorno. Ma allora, ascoltate.i bene, ra*a88o .io, era perc-5 .i se.b ra(a c-e a(rei ser(ito ;io liberando )na delle s)e creat)re, c-e essendo innocente, non a(e(a pot)to essere condannata.: :Ebbene: do.and3 ;ant1s, :la cosa 1 allo stesso p)nto. Vi ritenete forse colpe(ole da c-e .i a(ete incontrato< ;itelo...: :0o, .a non (o*lio di(entarlo. +in 6)i crede(o di a(ere a c-e fare con le cose, ora .i proponete di a(ere c-e fare con *li )o.ini. Fo pot)to traforare )n .)ro e distr)**ere )na scala, .a non potrei trafi**ere )n petto, n5 estin*)ere )n esisten8a.: ;ant1s fece )n le**ero .oto di sorpresa. :Co.e: disse, :potendo di(entar libero, (e ne asterreste per )n si.ile scr)polo<: :E (oi: disse +aria, :perc-5 non a(ete )na sera accoppato il carceriere con )n piede del (ostro ta(olino, e ri(estito dei s)oi abiti non a(ete tentato di f)**ire<: :Perc-5 non .e n 1 (en)ta l idea: disse ;ant1s. := perc-5 (oi sentite per )n si.ile delitto )n tale orrore istinti(o, c-e non ci a(ete ne..eno pensato: rispose il (ecc-io, :perc-5 nelle cose se.plici e per.esse i nostri nat)rali istinti ci a((ertono c-e non )scia.o dalla linea del nostro do(ere. La ti*re c-e (ersa il san*)e per nat)ra, non -a biso*no c-e di )na cosa ed 1 c-e il s)o odorato l a((erta c-e (i 1 preda alla s)a portata, si lancia (erso 6)esta preda, (i pio.ba sopra e la sbrana> 6)esto 1 il s)o istinto, lei obbedisce... Ma all )o.o, al contrario, rip)*na il san*)e> non solo le le**i sociali proscri(ono l o.icidio, sono le le**i nat)rali c-e lo ri*ettano.: ;ant1s ri.ase conf)so. Ci3 spie*a(a perfetta.ente 6)anto era passato nella s)a ani.a a s)a insap)ta. :E poi: contin)3 +aria, :da dodici anni circa c-e sono in pri*ione, -o riesa.inato t)tte le pi@ celebri e(asioni4 le (iolente non sono ri)scite c-e .olto rara.ente. Le e(asioni fort)nate, le e(asioni coronate da pieno s)ccesso, sono 6)elle .editate con *i)di8io e preparate con lente88a. +) cos2 c-e il ;)ca di Bea)fort f)**2 dal castello di Vincennes, ;)bo6)oi dal forte l E(P6)e, e Lat)de dalla Basti*lia. Vi sono 6)elle c-e possono essere offerte dal

caso4 6)este sono le .i*liori. !spettia.o )n occasione, credete.i, e se 6)esta occasione si presenta, approfittia.one.: :Voi a(ete pot)to aspettare: disse ;ant1s sospirando. :D)esto l)n*o la(oro (i tene(a occ)pato in t)tti *li istanti, e 6)ando (oi non a(e(ate la(oro per distrar(i, a(e(ate le (ostre speran8e per consolar(i.: := (ero: disse +aria sorridendo, :poi d altronde a(e(o )n altra occ)pa8ione.: :C-e face(ate d)n6)e<: :"t)dia(o o scri(e(o.: :Vi da(ano d)n6)e carta, penne e inc-iostro<: :0o, .a li face(o.: :Voi face(ate carta, penne e inc-iostro<: escla.3 ;ant1s, incred)lo. :"2.: ;ant1s *)ard3 6)est )o.o con a..ira8ione4 .a stenta(a a credere ci3 c-e dice(a. +aria si accorse di 6)esto d)bbio. :D)ando (oi (errete a tro(ar.i: disse, :(i .ostrer3 )n opera intera, ris)ltato dei pensieri, delle ricerc-e e delle riflessioni di t)tta la .ia (ita, opera c-e a(e(o .editato all o.bra del Colosseo di Ro.a, ai piedi della colonna di "an Marco a Vene8ia, s)lle ri(e dell !rno a +iren8e, e non a(rei .ai pensato c-e i .iei carcerieri .i a(rebbero )n *iorno lasciato ese*)ire fra le 6)attro .)ra del Castello d If. = )n opera e.inente.ente filosofica c-e for.er7 )n *rosso (ol).e in 6)arto.: :E (oi l a(ete scritta<...: :"opra d)e ca.icie. Fo in(entato )n li6)ido c-e rende la tela liscia co.e la per*a.ena.: :"iete c-i.ico<: :Un poco. Fo conosci)to La(oisier e sono stato a.ico di Cabanis.: :Ma per )na si.ile opera a(reste do()to cons)ltare .olti a)tori. !(e(ate d)n6)e dei libri<: :! Ro.a a(e(o 6)asi cin6)e.ila (ol).i nella .ia biblioteca, ed a f)ria di le**ere e d i rile**ere, -o scoperto c-e con centocin6)anta opere ben scelte si -a, se non il riass)nto co.pi)to delle ).ane co*ni8ioni, al.eno t)tto ci3 c-e 1 )tile all )o.o a sapersi. Fo consacrato tre anni della .ia (ita a le**ere e rile**ere 6)esti centocin6)anta (ol).i, di .odo c-e li sape(o a .e.oria 6)ando f)i arrestato. Con )n le**ero sfor8o, .e li sono ric-ia.ati t)tti alla .ente ed ora potrei 6)asi recitar(i alla lettera "enofonte, Pl)tarco, /ito Li(io, /acito, "trada, ;ante, Montai*ne, "-akespeare, "pino8a, Mac-ia(elli e Boss)et, e non (i cito c-e i pi@ i.portanti.: :;)n6)e conoscete di(erse lin*)e<: :Parlo cin6)e lin*)e (i(enti> il tedesco, il francese, l italiano, l in*lese e lo spa*nolo4 coll ai)to del *reco antico, intendo bene il *reco .oderno4 solo lo parlo .ale, .a lo st)dio adesso.: :Lo st)diate<: disse ;ant1s. :"2, .i sono fatto )n di8ionario delle parole c-e sape(o4 le -o distrib)ite, co.binate, *irate e ri*irate in .odo c-e esse possano bastare per espri.ere il .io pensiero. Conosco circa .ille parole4 a t)tto ri*ore sono abbastan8a, 6)ant)n6)e (e ne siano cento.ila, credo, nel di8ionario. 0on sarei elo6)ente, .a .i farei capire benissi.o, e ci3 .i basta.: Ed.ondo, se.pre pi@ .era(i*liato, co.incia(a 6)asi a tro(are soprannat)rali le facolt7 di 6)est )o.o straordinario. Volendo speri.entarlo sopra )n p)nto 6)al)n6)e, contin)3> :Ma se non (i -anno dato delle penne:

disse, :co.e a(ete pot)to scri(ere )n opera cos2 (ol).inosa<: :0e -o fatte di eccellenti, c-e sarebbero preferite alle penne ordinarie, 6)ando fosse nota la .ateria c-e )so, cio1 le cartila*ini delle teste di 6)ei *rossi .erl)88i c-e 6)alc-e (olta ci danno nei *iorni di .a*ro. Io (ede(o *i)n*ere i .ercoled2, i (enerd2 e i sabati con *randissi.o piacere, perc-5 essi .i da(ano la speran8a d a).entare la .ia pro((ista di penne4 e i .iei la(ori filosofici, (e lo confesso, sono la .ia pi@ cara occ)pa8ione. Pensando all ideale, di.entico il presente, e ca..inando nella filosofia, di.entico di esser pri*ioniero.: :Ma l inc-iostro<: disse ;ant1s. :Con cosa face(ate l inc-iostro<: :0ella .ia cella c era )n te.po )n ca.inetto .)rato poco pri.a del .io arri(o in pri*ione. Per .olti anni (i si 1 do()to far f)oco per t)tto l in(erno, per c)i 1 t)tto tappe88ato di f)li**ine. Io faccio scio*liere 6)esta f)li**ine in )na por8ione di 6)el (ino c-e ci danno la do.enica e ci3 .i ser(e da eccellente inc-iostro per t)tta la setti.ana. Per le note particolari, c-e -anno biso*no di essere distinte e scorte s)bito, .i p)n*o le dita e scri(o col .io san*)e.: :E 6)ando potr3 (edere t)tto 6)esto...<: do.and3 ;ant1s. :D)ando (orrete...: rispose +aria. :O-, s)bito? s)bito?: escla.3 il *io(ane. :"e*)ite.i d)n6)e...: disse +aria. E*li s introd)sse nel corridoio sotterraneo, entro c)i dispar(e4 ;ant1s lo se*)2. Capitolo 1H. L! CELL! ;ELLO "CIE0GI!/O. ;opo essere passato, c)r(andosi, .a con abbastan8a facilit7, per il passa**io sotterraneo, ;ant1s *i)nse all estre.it7 opposta del corridoio c-e i..ette(a nella ca.era di +aria. L7 il passa**io si restrin*e(a, e presenta(a appena lo spa8io s)fficiente perc-5 )n )o.o potesse strisciare a**rappandosi. La cella del n)o(o a.ico a(e(a il pa(i.ento for.ato di pietre 6)adrate, e solle(ando )na di 6)este pietre in )n an*olo, il pi@ osc)ro della stan8a, si (ede(a do(e +aria a(e(a inco.inciato la laboriosa fatica, di c)i ;ant1s a(e(a (ed)to la fine. Ri.essa la pietra al s)o posto, +aria (i stende(a sopra )n pe88o di (ecc-ia st)oia e 6)esta preca)8ione basta(a a nasconderla a*li occ-i dei carcerieri. !ppena entrato ed in piedi, il *io(ane esa.in3 6)esta cella .isteriosa con la pi@ *rande atten8ione. !l pri.o aspetto, la stan8a non presenta(a niente di particolare. :Bene: disse +aria, :non 1 c-e .e88o*iorno e )n 6)arto, ed abbia.o ancora 6)alc-e ora per noi.: ;ant1s *)ard3 intorno cercando a 6)ale orolo*io +aria a(e(a pot)to le**er l ora in )n .odo cos2 preciso. :Vedete 6)esto ra**io di l)ce c-e (iene dalla .ia finestra: disse +aria, :*)ardate s)l .)ro le linee c-e (i -o tracciate. #ra8ie a 6)este linee, c-e sono co.binate col doppio .o(i.ento della terra e l ellissi c-e descri(e intorno al sole, io so l ora pi@ esatta.ente c-e se a(essi )n orolo*io, poic-5 )n orolo*io p)3 *)astarsi, .entre la terra e il sole non si *)astano .ai.: ;ant1s non ri)sci(a a capire 6)esta spie*a8ione. Vedendo il sole al8arsi dietro le .onta*ne e t)ffarsi nel Mediterraneo, a(e(a se.pre cred)to c-e fosse 6)ello c-e ca..inasse, e non la terra.

D)esto doppio .o(i.ento del *lobo da l)i abitato, e di c)i non si accor*e(a, *li se.bra(a 6)asi i.possibile. In ciasc)na parola del s)o interloc)tore (ede(a .isteri di scien8a cos2 a..irabili ed approfonditi, 6)anto 6)elle .iniere d oro e di dia.anti c-e a(e(a (isitate in )n (ia**io fatto, .entre era ancora 6)asi ba.bino, a #)8erat e a #ol*onda. :Vedia.o: disse a +aria, :-o s.ania di esa.inare i (ostri tesori.: +aria and3 (erso il ca.inetto, e con lo scalpello c-e tene(a se.pre in .ano, spost3 la pietra c-e altre (olte for.a(a il focolare e c-e nasconde(a )na ca(it7 abbastan8a profonda4 in 6)esta ca(it7 sta(ano rinc-i)si t)tti *li o**etti di c)i a(e(a parlato a ;ant1s. :C-e (olete (edere per pri.o<: do.and3. :Mostrate.i la (ostra *rande opera filosofica.: +aria ca(3 dal pre8ioso ar.adio tre o 6)attro rotoli di tela ra((olti co.e fo*li di papiro4 erano strisce lar*-e circa 6)attro pollici, e l)n*-e circa diciotto. D)este strisce, n).erate, erano coperte da )na scritt)ra c-e ;ant1s pot5 le**ere perc-5 era scritta nella lin*)a .aterna di +aria, (ale a dire in italiano, idio.a c-e ;ant1s co.prende(a perfetta.ente nella s)a 6)alit7 di pro(en8ale. :Vedete: disse, :t)tto 1 6)i> sono circa tre *iorni c-e -o scritto la parola fine nella sessantottesi.a striscia. ;)e delle .ie ca.icie e t)tti i .iei fa88oletti (i sono i.pie*ati4 se )n *iorno tornassi libero e potessi tro(are in Italia )no sta.patore per p)bblicarla la .ia rep)ta8ione sarebbe fatta.: :"2: rispose ;ant1s, :lo (edo bene. Ora .ostrate.i, (e ne pre*o, le penne con c)i a(ete scritto 6)est opera.: :Eccole...: disse +aria. E .ostr3 )n bastoncello l)n*o sei pollici, *rosso 6)anto )n .anico di pennello, e attorno ad )na delle estre.it7 era le*ata con )n filo )na di 6)elle cartila*ini, ancora .acc-iata d inc-iostro, di c)i +aria a(e(a parlato a ;ant1s, ta*liata a becco, e spaccata co.e )na penna ordinaria. ;ant1s l esa.in3, cercando con lo s*)ardo lo str).ento col 6)ale era stata ta*liata in )n .odo cos2 preciso. :!-, s2: disse +aria, :il te.perino, non 1 (ero< = il .io capola(oro4 l -o fatto co.e 6)esto coltello, col (ecc-io candeliere di ferro.: Il te.perino ta*lia(a co.e )n rasoio. D)anto al coltello a(e(a il doppio (anta**io di poter ser(ire ad )n te.po, a seconda del biso*no, da coltello e da p)*nale. ;ant1s esa.in3 6)esti differenti o**etti con la stessa atten8ione c-e a(rebbe )sata in )na botte*a di c-inca*lierie a Marsi*lia. !(e(a esa.inato altre (olte e*)ali str).enti ese*)iti da sel(a**i e portati dal Mare del ")d dai capitani di l)n*o corso. :In 6)anto all inc-iostro: disse +aria, :sapete 6)ale .etodo i.pie*o, lo faccio 6)ando ne -o biso*no.: :Ci3 di c)i .i .era(i*lio 1: disse ;ant1s, :c-e (i siano bastati i *iorni per 6)esti la(ori.: :Ma a(e(o le notti: rispose +aria. :Le notti? "iete d)n6)e della nat)ra dei *atti e ci (edete c-iaro anc-e la notte<: :0o, .a Iddio -a dato all )o.o l intelli*en8a per (enire in ai)to alla po(ert7 dei s)oi sensi> .i sono proc)rato della l)ce.: :E co.e<:

:;alla carne c-e ci portano separai il *rasso, lo feci fondere e ne ca(ai )na specie di olio co.patto. #)ardate, ecco 6)a la .ia b)*ia.: E +aria .ostr3 a ;ant1s )na specie di lanterna )*)ale a 6)elle c-e si adopera(ano nelle p)bblic-e ill).ina8ioni. :Ma il f)oco<: :Ecco delle pietr)88e e della tela br)ciata.: :Ma *li 8olfanelli<: :Fo finto di a(ere )na .alattia c)tanea, e -o do.andato dello 8olfo c-e .i 1 stato accordato.: ;ant1s depose s)lla ta(ola *li o**etti c-e tene(a in .ano, e abbass3 la testa, a((ilito da(anti alla perse(eran8a ed alla for8a di 6)ello spirito. :D)esto non 1 t)tto: contin)3 +aria, :poic-5 non biso*na .ettere t)tti i tesori in )n solo nascondi*lio4 c-i)dia.o ora 6)esti.: Riposta la pietra al s)o posto, +aria (i sparse sopra )n poco di terra, (i strisci3 il piede per fare sparire o*ni traccia, a(an83 (erso il s)o letto e lo spost3. ;ietro al cape88ale, nascosto con )na pietra c-e lo c-i)de(a 6)asi er.etica.ente, c era )n foro, ed in 6)esto foro )na scala a corda l)n*a da $' a AE piedi. ;ant1s l esa.in3, era di )na solidit7 a t)tta pro(a. :C-i (i -a fornito la corda necessaria a 6)est opera .era(i*liosa<: do.and3 ;ant1s. :;appri.a 6)alc-e ca.icia, poi 6)alc-e len8)olo del .io letto sfilato nei tre anni di pri*ionia a +enestrelle. D)ando sono stato trasportato al Castello d If -o tro(ato il .e88o di portare 6)esto filo4 e -o contin)ato il .io la(oro.: :Ma non si accor*e(ano c-e le (ostre len8)ola erano sen8 orlo<: :Le ric)ci(o.: :Con c-e<: :Con 6)est a*o.: E +aria al8ando )na falda del s)o abito, .ostr3 )na spina l)n*a, ac)ta e ancora affilata c-e (i porta(a attaccata. :"2: contin)3 +aria, :dappri.a a(e(o pensato di s.)ssare 6)este sbarre, e f)**ire dalla finestra, )n poco pi@ lar*a della (ostra, co.e (oi (edete, e c-e a(rei allar*ata di pi@ all istante della .ia e(asione4 .a .i accorsi c-e 6)esta finestra da(a in )n cortile interno, e rin)n8iai a 6)esto pro*etto essendo troppo incerto. Ci3 nonostante conser(ai la scala per )na di 6)elle circostan8e i.pre(iste, per )na di 6)elle e(asioni di c)i (i -o parlato e c-e solo il caso 6)alc-e (olta proc)ra.: ;ant1s, .entre se.bra(a c-e esa.inasse la scala, pensa(a a t)tt altra cosa4 )n idea *li si era affacciata allo spirito. D)est )o.o cos2 intelli*ente, cos2 in*e*noso, cos2 profondo a(rebbe pot)to forse c-iarire la ca)sa della s)a infelicit7, nella 6)ale e*li non a(e(a .ai pot)to scor*ere n)lla. :! c-e pensate (oi<: do.and3 +aria ridendo e prendendo la distra8ione di ;ant1s per )n atto di a..ira8ione. :Pensa(o ad )na cosa, alla 6)antit7 enor.e d intelletto c-e a(ete do()to i.pie*are per *i)n*ere al p)nto a c)i siete arri(ato. C-e a(reste d)n6)e fatto se foste stato libero<: :+orse niente. Il .io cer(ello 1 troppo pieno, e forse sarebbe e(aporato in cose f)tili4 occorre dis*ra8ia per

sca(are certe .iniere .isteriose nascoste nell ).ano intelletto4 occorre la pressione per far scoppiare la pol(ere... La pri*ionia -a ri)nito in )n sol p)nto t)tte le .ie facolt7 fl)tt)anti ed )rtandosi esse in )n an*)sto spa8io, co.e nello scontro delle n)(ole, pro(oca l elettricit7, dall elettricit7 il la.po, dal la.po la l)ce.: :0o, io non so niente: disse ;ant1s a((ilito dalla propria i*noran8a, :)na 6)antit7 delle (ostre parole per .e sono ()ote di senso, (oi siete ben felice di essere in tal .odo istr)ito?: +aria sorrise. :Voi pensa(ate a d)e cose, .i diceste poco fa< Ma non .i a(ete fatto conoscere c-e la pri.a4 6)al 1 la seconda<: :C-e (oi .i a(ete raccontata la (ostra (ita, ed io non (i -o raccontato la .ia.: :La (ostra (ita, caro ra*a88o, 1 tanto bre(e c-e non p)3 racc-i)dere a((eni.enti di *rand i.portan8a.: :Essa racc-i)de )na i..ensa dis*ra8ia, )na .aledi8ione c-e io non -o .eritato. Vorrei poter.ela prendere con *li )o.ini per la .ia infelicit7.: :!llora (i ritenete innocente del fatto c-e (i (iene i.p)tato<: :Innocente del t)tto? Lo *i)ro s)lla testa dei d)e esseri c-e .i sono cari, s)lla testa di .io padre e di Mercedes.: :Vedia.o: disse +aria c-i)dendo il s)o nascondi*lio e respin*endo il letto al s)o posto, :raccontate.i la (ostra storia.: ;ant1s allora raccont3 ci3 c-e e*li c-ia.a(a s)a storia, e c-e si li.ita(a ad )n (ia**io nell India, e a d)e o tre (ia**i in Le(ante. +inal.ente arri(3 all )lti.a tra(ersata alla .orte del capitano Leclerc al plico destinato al *ran Maresciallo, al collo6)io a()to con l)i, alla lettera rice()ta per il si*nor 0oirtier e infine narr3 l arri(o a Marsi*lia, la (isita al padre, i s)oi a.ori con Mercedes, il pran8o del fidan8a.ento, l arresto, l interro*atorio, la pri*ionia pro((isoria nel Pala88o di #i)sti8ia, e la pri*ionia definiti(a al Castello d If. #i)nto a 6)esto p)nto, ;ant1s non sape(a pi@ niente, nepp)re il te.po da c-e era pri*ioniero. /er.inato il racconto +aria riflett5 profonda.ente. :C 1: disse dopo )n istante, :)n assio.a in diritto di *rande profondit7, e c-e coincide con ci3 c-e (i dice(o, c-e il catti(o pensiero non nasce da )na b)ona indole. !lla nat)ra ).ana rip)*na il delitto. /)tta(ia la ci(ilt7 ci -a dato dei (i8i, dei biso*ni, de*li appetiti fitti8i, c-e 6)alc-e (olta -anno l infl)sso di soffocare i nostri b)oni istinti e di cond)rci al .ale. D)indi ne nasce 6)esta .assi.a> :"e (oi (olete scoprire il colpe(ole, cercate pri.a col)i al 6)ale p)3 essere )tile il delitto. La (ostra spari8ione a c-i pote(a essere )tile<: :! ness)no, .io ;io? Ero cos2 poca cosa.: :0on rispondete cos2, perc-5 la risposta .anca ad )n te.po di lo*ica e di filosofia. /)tto 1 relati(o, .io caro a.ico. ;al re c-e ostacola il s)o s)ccessore, fino all )lti.o i.pie*ato c-e intralcia l apprendista, ciasc)no infastidisce col)i c-e (ien dopo o *li ca..ina a lato. "e il re .)ore, il s)o s)ccessore eredita )na corona, se l i.pie*ato .)ore l apprendista eredita il s)o i.pie*o e lo stipendio di d)ecento lire. D)este d)ecento lire di stipendio sono per l)i la s)a identit7 ci(ile e *li sono tanto necessarie per (i(ere, 6)anto i .ilioni di )n re.

Ciasc)n indi(id)o, dal pi@ basso al pi@ alto *rado della scala sociale, ri)nisce intorno a s5 )n piccolo .ondo d interessi, a(endo i s)oi t)rbini ed i s)oi ato.i co.e i .ondi di ;escartes. "oltanto 6)esti .ondi (anno se.pre pi@ allar*andosi a .is)ra c-e si .onta. = )na scala a c-iocciola ro(esciata, c-e si tiene ritta alla p)nta per for8a d e6)ilibrio. Ritornia.o d)n6)e al (ostro .ondo. Voi era(ate s)l p)nto di essere no.inato capitano a bordo del +araone<: :"2.: :Era(ate s)l p)nto di sposare )na bella ra*a88a<: :"2.: :Esiste(a 6)alc)no c-e a(esse interesse perc-5 non di(entaste capitano del +araone< D)alc)no c-e a(esse interesse perc-5 non sposaste Mercedes< Rispondete intanto alla pri.a do.anda, l ordine 1 la c-ia(e di t)tti i proble.i. Ripeto d)n6)e, c era ness)no a c)i potesse interessare c-e (oi non foste no.inato capitano del +araone<: :0o, ero .olto a.ato a bordo. "e i .arinai a(essero pot)to ele**ere )n capo, son certo c-e sarei stato l eletto. Un solo )o.o pote(a in 6)alc-e .odo esser in6)ieto, perc-5 tre .esi pri.a a(e(o a()to con l)i contesa, e *li a(e(o proposto )n d)ello c-e rifi)t3.: :!(anti d)n6)e?... Co.e si c-ia.a 6)ell )o.o<: :;an*lars.: :C-e cosa era a bordo<: :"cri(ano co.p)tista.: :"e (oi foste di(en)to capitano l a(reste conser(ato al s)o posto<: :0o, se la cosa fosse dipesa da .e, perc-5 .i era se.brato di scor*ere 6)alc-e infedelt7 nei s)oi conti.: :Bene. Ora, c-i -a assistito al (ostro )lti.o collo6)io col capitano Leclerc<: :0ess)no, era(a.o soli.: :Ma 6)alc)no pote(a sentire la (ostra con(ersa8ione<: :"2, perc-5 la porta era socc-i)sa, e an8i... aspettate... "2, s2, ;an*lars 1 passato precisa.ente nel .o.ento in c)i il capitano Leclerc .i ri.ette(a il plico per il *ran Maresciallo.: :Bene, noi sia.o s)lla strada. !(ete condotto con (oi ness)no, 6)ando siete disceso a terra all isola d Elba<: :0ess)no.: :Vi f) ri.essa )na lettera<: :"2, dal *ran Maresciallo.: :C-e a(ete fatto (oi di 6)esta lettera<: :L -o riposta nel .io portafo*li.: :!(e(ate d)n6)e indosso )n portafo*li. Co.e .ai )n portafo*li c-e do(e(a contenere )na lettera )fficiale, pote(a stare nella tasca di )n .arinaio<: !(ete ra*ione, il .io portafo*li era a bordo.: :+) d)n6)e a bordo c-e (oi c-i)deste la lettera nel portafo*li<: :"2.: :;a Portoferraio al battello, do(e riponeste la lettera<: :L -o ten)ta in .ano.: :;)n6)e 6)ando (oi siete ri.ontato a bordo del +araone t)tti -anno pot)to (edere c-e a(e(ate )na lettera, ;an*lars e t)tti *li altri... Ora ascoltate bene, ri)nite t)tta la (ostra .e.oria> (i ricordate in 6)ali ter.ini era for.)lata la den)n8ia<: :O-? s2, l -o riletta tre (olte e .i 1 ri.asta nella .ente parola per parola.: :Ripetete.ela d)n6)e.: ;ant1s si raccolse )n istante. :Eccola: disse, :parola per parola> :Il "i*nor Proc)ratore del Re 1 a((isato da )n a.ico del trono e della reli*ione, c-e il no.inato Ed.ondo ;ant1s, secondo s)l basti.ento il

+araone, *i)nto 6)esta .attina da ".irne dopo a(er toccato 0apoli e Portoferraio, 1 stato incaricato da Marat di )na lettera per 0apoleone, e da 6)esto di )na lettera per il co.itato bonapartista di Pari*i. "i a(r7 pro(a del s)o delitto arrestandolo, poic-5 si tro(er7 6)esta lettera o nelle s)e tasc-e, o presso s)o padre, o nella s)a cabina a bordo del +araone.: +aria al83 le spalle. :Ci3 1 c-iaro co.e la l)ce del *iorno: disse, :e biso*na ben dire c-e (oi abbiate a()to il c)ore .olto b)ono e .olto in*en)o, per non indo(inare la cosa al pri.o .o.ento.: :Voi credete<: escla.3 ;ant1s. :!-, 6)esta sarebbe )n infa.ia.: :Co. era il carattere ordinario di ;an*lars<: :Un bel corsi(o.: :D)al era il carattere della lettera anoni.a<: :Un carattere ro(esciato.: +aria sorrise. :Contraffatto, non 1 (ero<: :Ma .olto franco per essere contraffatto.: :!spettate?: disse +aria. E presa la penna, o ci3 c-e cos2 c-ia.a(a, la ba*n3 nell inc-iostro e scrisse con la .ano sinistra sopra )n pe88o di tela preparato, le pri.e d)e o tre ri*-e della den)n8ia. ;ant1s fece )n bal8o e *)ard3 +aria 6)asi con ti.ore. :O-? 1 .era(i*lioso, 1 sorprendente: escla.3, :co.e 6)esta scritt)ra asso.i*lia a 6)ella.: :Perc-5 la den)n8ia f) scritta con la .ano sinistra4 ed io -o osser(ato )na cosa, c-e t)tti i caratteri fatti con la .ano destra sono di(ersi, .a 6)elli c-e sono fatti con la .ano sinistra si asso.i*liano.: :Voi a(ete d)n6)e (ed)to t)tto, osser(ato t)tto<: :Contin)ia.o... passia.o alla seconda do.anda. C era ness)no a c)i potesse interessare c-e (oi non sposaste Mercedes<: :"2, )n *io(ane c-e l a.a(a...: :Il s)o no.e<: :+ernando.: :D)esto 1 )n no.e spa*nolo.: :Era catalano.: :Credete c-e sia stato capace di scri(ere la lettera<: :0o, era pi)ttosto capace di piantar.i )n coltello nel c)ore.: :Bene, 6)esto 1 nella nat)ra spa*nola4 )n assassinio, s2, )na (ilt7, no.: :; altronde: contin)3 ;ant1s, :i*nora(a t)tti i particolari riportati nella den)n8ia.: :0on li a(e(ate raccontati a ness)no<: :! ness)no.: :0epp)re alla (ostra a.ica<: :0epp)re alla .ia fidan8ata.: :+) ;an*lars?: :O-, adesso ne sono sic)ro.: :Ma aspettate... ;an*lars conosce(a +ernando<: :0o... si, cio1... ora .i ricordo...: :C-e cosa<: :La (i*ilia del .io fidan8a.ento li -o (isti assie.e ad )na ta(ola sotto il per*olato di pap7 Panfilo. ;an*lars era a.ic-e(ole e sc-er8oso, +ernando era pallido e scon(olto.: :Erano soli<: :0o, c era con loro )n ter8o )o.o, c-e sen8a d)bbio era stato 6)ello c-e li a(e(a fatti conoscere, )n sarto di no.e Cadero)sse4 .a 6)esti era *i7 )briaco. !spettate... aspettate...: :Cosa c 1<: :Co.e .ai non .e ne sono ricordato pri.a< ")lla ta(ola do(e be(e(ano c era )n cala.aio, della carta, e delle penne?: ;ant1s, battendosi con la .ano la fronte, escla.3> :O-, 1 cos2, f) l7 c-e scrisse 6)ella lettera. O- infa.i? o- infa.i?: :Volete sapere 6)alc-e altra cosa<: disse

sorridendo +aria. :"2, s2, poic-5 (oi approfondite t)tto, poic-5 (edete c-iaro in o*ni cosa. Vorrei sapere perc-5 non sono stato interro*ato c-e )na sola (olta, perc-5 non -o a()to i *i)dici e in 6)al .odo sono stato condannato sen8a )na senten8a.: :O-, 6)esto: disse +aria, :1 )n affare )n poco pi@ *ra(e. La *i)sti8ia 6)alc-e (olta -a delle proced)re c-e se.brano c)pe e .isteriose. Ci3 c-e noi abbia.o int)ito fin 6)i per i (ostri d)e ne.ici 1 )n *ioco da ra*a88i, ora occorrono .a**iori sc-iari.enti per 6)esto ar*o.ento.: :Vedia.o, interro*ate.i, perc-5 (oi (edete nella .ia (ita pi@ c-iaro di .e.: :C-i (i -a interro*ato< +) il Proc)ratore del Re, il sostit)to, o il *i)dice istr)ttore<: :Il sostit)to.: :#io(ane o (ecc-io<: :#io(ane, tra i $H e i $& anni.: :Bene, non ancora corrotto, .a a.bi8ioso. D)ali f)rono i .odi c-e )s3 con (oi<: :!.ic-e(oli pi)ttosto c-e se(eri.: :#li a(ete raccontato t)tto<: :/)tto.: :E i s)oi .odi ca.biarono .ai d)rante l interro*atorio<: :Un istante si sono alterati, 6)ando lesse la lettera c-e .i co.pro.ette(a. "e.br3 oppresso dalla .ia dis*ra8ia.: :;alla (ostra dis*ra8ia<: :"2.: :"iete ben sic)ro c-e si affli**e(a per la (ostra dis*ra8ia<: :Per lo .eno .i -a dato la pi@ *ran pro(a di si.patia.: :E 6)ale<: :Fa br)ciato 6)el solo doc).ento c-e pote(a certa.ente co.pro.etter.i.: :D)ale doc).ento< La den)n8ia<: :0o, la lettera.: :0e siete ben sic)ro<: :Lo fece sotto i .iei occ-i.: :Ora 1 )n altro affare, 6)est )o.o potrebbe essere )no scellerato .a**iore di 6)ello c-e a(e(o cred)to.: :")l .io onore, (oi .i fate fre.ere: disse ;ant1s. :Il .ondo d)n6)e 1 popolato di ti*ri e di coccodrilli<: :"2 con 6)esta differen8a, c-e le ti*ri e i coccodrilli a d)e *a.be sono pi@ pericolosi de*li altri. ;)n6)e, .i dice(ate, -a br)ciato 6)ella lettera<: :"2, dicendo.i> :Voi (edete, non esis te c-e 6)esta pro(a contro di (oi, ed io l anniento.: :D)esta condotta 1 troppo s)bli.e per essere nat)rale.: :Credete<: :0e sono sic)ro. ! c-i era diretta 6)ella lettera<: :!l si*nor 0oirtier, (ia F5ron, n).ero 1A, Pari*i.: :Potete pres).ere c-e il (ostro sostit)to a(esse 6)alc-e interesse a far sparire 6)el fo*lio<: :+orse, perc-5 .i -a fatto pro.ettere d)e o tre (olte, dice(a nel .io interesse, di non parlare ad alc)no di 6)ella lettera> an8i .i -a fatto *i)rare di non pron)nciare .ai a c-icc-essia il no.e c-e sta(a scritto s)ll indiri88o.: :0oirtier?: disse +aria. :0oirtier? Fo conosci)to )n 0oirtier alla corte della (ecc-ia d)c-essa di /oscana, )n 0oirtier c-e nella ri(ol)8ione era stato *irondino. Co.e si c-ia.a(a il sostit)to<: :Villefort.: +aria scoppi3 in )na risata. ;ant1s lo *)ard3 con st)pore. :C-e a(ete<: do.and3.

:Vedete 6)esto ra**io di sole<: c-iese +aria. :"2.: :Bene, t)tto adesso 1 pi@ c-iaro di 6)esto ra**io trasparente e l).inoso. Po(ero *io(ane? E 6)esto .a*istrato era b)ono con (oi< Fa b r)ciato, annientato la lettera< Vi -a fatto *i)rare di non pron)nciare .ai il no.e di 0oirtier<: :"2.: :0oirtier, po(ero cieco c-e siete, sapete c-i era 6)esto 0oirtier<... Era s)o padre?: Un f)l.ine cad)to ai piedi di ;ant1s, c-e *li a(esse spalancato )n abisso in fondo a c)i si fosse aperto l inferno, non a(rebbe prodotto )n effetto cos2 pronto, cos2 elettrico, cos2 oppri.ente 6)anto 6)este inattese parole. "i al83, afferrandosi la testa fra le .ani 6)asi a(esse (ol)to i.pedire c-e scoppiasse. :")o padre?... ")o padre?...: escla.3. :"2, s)o padre... c-e si c-ia.a 0oirtier Villefort: so**i)nse +aria. !llora )na l)ce fol*orante pass3 per la .ente del pri*ioniero> t)tto ci3 c-e *li era ri.asto osc)ro (enne ill).inato da )na c-iare88a risplendente. Le ter*i(ersa8ioni di Villefort d)rante l interro*atorio, la lettera distr)tta, il *i)ra.ento ric-iesto, la (oce 6)asi s)pplicante del .a*istrato, c-e in l)o*o di .inacciare se.bra(a i.plorare, t)tto, t)tto *li ritorn3 al pensiero. #ett3 )n *rido, traball3 co.e )n )briaco, poi slanciandosi all apert)ra c-e .ette(a dalla cella di +aria alla s)a> :O-: disse, :de(o star solo, per poter pensare a t)tto ci3.: E arri(ando nella s)a cella cadde s)l letto, do(e il carceriere lo ritro(3 la sera sed)to con *li occ-i fissi, i linea.enti contratti, i..obile e .)to co.e )na stat)a. 0elle ore di .edita8ione, c-e per l)i erano passate co.e .in)ti secondi, a(e(a preso )na terribile risol)8ione e fatto )n for.idabile *i)ra.ento. Per .antenere 6)esto *i)ra.ento e .andare ad effetto 6)es ta risol)8ione biso*na(a s)pporre c-e )n *iorno sarebbe stato libero? Una (oce (enne a to*liere ;ant1s da 6)esta estasi, era 6)ella di +aria c-e dopo la (isita del carceriere, (eni(a ad in(itare ;ant1s a cena con l)i. La s)a riconosci)ta 6)alit7 di pa88o e particolar.ente di pa88o di(ertente, proc)ra(a al (ecc-io pri*ioniero 6)alc-e pri(ile*io, co.e a(ere il pane )n poco pi@ bianco, ed )na piccola botti*lia di (ino alla do.enica. Ora era precisa.ente )na do.enica, e +aria (eni(a ad in(itare il s)o *io(ane co.pa*no a far parte del (ino e del pane. ;ant1s lo se*)2> t)tte le linee del s)o (iso si erano rico.poste, .a con )na d)re88a e fer.e88a c-e .anifesta(ano )na risol)8ione. +aria lo *)ard3 fissa.ente. :"ono .ortificato di a(er(i ai)tato nelle (ostre ricerc-e e di a(er(i detto ci3 c-e (i -o detto.: :Perc-5<: do.and3 ;ant1s. :Perc-5 (i -o inoc)lato nel c)ore )n senti.ento c-e pri.a non c era> la (endetta.: ;ant1s sorrise. :Parlia.o d altro: disse. +aria lo *)ard3 ancora )n istante e scosse ra..aricato la testa4 6)indi, co.e a(e(a pre*ato ;ant1s, parl3 di altre cose. Il (ecc-io pri*ioniero era )no di 6)e*li )o.ini la c)i con(ersa8ione, co.e 6)ella di coloro c-e -anno .olto

sofferto, contiene .olti inse*na.enti, e racc-i)de )n interesse contin)o4 .a non era e*ois ta, 6)esto infelice non parla(a .ai delle s)e dis*ra8ie. ;ant1s ascolta(a ciasc)na delle s)e parole con a..ira8ione> alc)ne corrisponde(ano alle idee c-e *i7 a(e(a, ed alle conoscen8e del s)o stato di .arinaio4 altre appartene(ano a cose a l)i sconosci)te, e co.e le a)rore boreali c-e risc-iarano i na(i*atori a)strali, parla(ano al *io(ane di paesi sconosci)ti e di n)o(i ori88onti ill).inati da l)ci fantastic-e. ;ant1s concep2 la felicit7 di c)i do(e(a *odere )n )o.o intelli*ente a se*)ire 6)esto spirito ele(ato s)lle (ette .orali, filosofic-e e sociali, c)i d abit)dine per(eni(a. :Voi do(reste inse*nar.i )n poco di 6)anto sapete: disse ;ant1s, :non fosse altro c-e per non annoiar(i con .e. Mi se.bra c-e dobbiate preferire la solit)dine ad )n co.pa*no sen8a ed)ca8ione e sen8a c)lt)ra co.e sono io. "e acconsentite, (i pro.etto di non parlar(i pi@ di f)*a.: +aria sorrise. :!-i.1, fi*lio .io: disse, :la scien8a ).ana 1 .olto li.itata, e 6)ando (i a(essi inse*nato le .ate.atic-e, la fisica, la storia e le tre o 6)attro lin*)e (i(e c-e io parlo, (oi sapreste 6)ello c-e so io. /)tta 6)esta scien8a potrei farla passare dal .io spirito nel (ostro in d)e anni.: :;)e anni?: disse ;ant1s. :Credete c-e io possa i.parare t)tte 6)este cose in d)e anni<: :0ella loro applica8ione no4 nei loro principi s2. L i.parare non 1 lo stesso c-e sapere> (i sono *li er)diti e *li scien8iati, la .e.oria for.a i pri.i, la filosofia i secondi.: :Ma la filosofia non si p)3 i.parare<: :La filosofia non s i.para, la filosofia 1 la ri)nione delle scien8e i.parate nel *enio c-e le applica.: :Vedia.o: disse ;ant1s. :C-e cosa . inse*nerete per pri.o< Fo s.ania di co.inciare, -o sete di scien8a.: :/)tto?: disse +aria. +in da 6)ella sera i d)e pri*ionieri stabilirono )n piano c-e co.inci3 ad essere .esso in esec)8ione il *iorno dopo. ;ant1s a(e(a )na .e.oria prodi*iosa, )na estre.a facilit7 di concetto4 la disposi8ione .ate.atica del s)o spirito lo rende(a atto a co.prender t)tto per .e88o del calcolo, .entre la poesia del .arinaio corre**e(a t)tto 6)anto pote(a esser(i di troppo .ateriale nella di.ostra8ione ridotta all aridit7 delle cifre e alla precisione delle linee. ; altronde sape(a *i7 l italiano e )n poco l arabo c-e a(e(a i.parato (ia**iando in Oriente. Con 6)este d)e lin*)e i.par3 ben presto il .eccanis.o di t)tte le altre, e in capo a sei .esi co.inci3 a parlare l in*lese ed il tedesco. Co.e a(e(a detto a +aria, sia c-e la distra8ione proc)rata*li dallo st)dio *li paresse *i7 libert7, sia c-e fosse, co.e abbia.o *i7 (ed)to ri*ido osser(atore della s)a parola, ;ant1s non parla(a pi@ di f)**ire, e le *iornate per l)i passa(ano rapide ed istr)tti(e. In capo a )n anno era *i7 )n altro )o.o. D)anto a +aria, Ed.ondo osser(a(a c-e, .al*rado la distra8ione arrecata*li dalla s)a presen8a, di(enta(a o*ni *iorno pi@ tetro4 )n pensiero incessante ed eterno se.bra(a occ)pare il s)o spirito4 era preso da profonde distra8ioni, si al8a(a d )n tratto, incrocia(a le braccia e passe**ia(a nella cella .editando.

Un *iorno si fer.3 d )n tratto nel .e88o di )no dei cerc-i cento (olte ripet)ti e descritti, ed escla.3> :!-, se non ci fosse la sentinella.: :0on ci sar7 sentinella 6)ando non la (orrete: disse ;ant1s c-e a(e(a se*)ito il s)o pensiero co.e attra(erso )na botti*lia di cristallo. :!-, io (e l -o detto> -o rip)*nan8a all idea d )n o.icidio.: :D)esto o.icidio, se (enisse co..esso, sarebbe per istinto di conser(a8ione, per difesa personale.: :0on i.porta... io non saprei...: :Ci3 nonostante (oi ci pensate<: :"en8a posa, sen8a posa: .or.or3 +aria. :E a(ete tro(ato )n .e88o, non 1 (ero<: do.and3 ;ant1s. :"2, se .ettessero di *)ardia )na sentinella sorda e cieca.: :"ar7 cieca, sar7 sorda: *rid3 il *io(ane con )n accento risol)to c-e spa(ent3 +aria. :0o, no: escla.3, :1 i.possibile.: ;ant1s (olle trattenerlo sopra 6)esto ar*o.ento, .a +aria scosse la testa, e ric)s3 di contin)are a rispondere. ;opo ci3 passarono altri tre .esi. :"iete forte<: do.and3 )n *iorno +aria a ;ant1s. ;ant1s sen8a rispondere prese lo scalpello, lo pie*3 a ferro di ca(allo, e lo raddri883. :Vi i.pe*nereste a non )ccidere la sentinella c-e in caso di estre.a necessit7<: :"2, s)l .io onore.: :!llora: disse +aria, :noi potre.o ese*)ire il nostro pro*etto.: :E 6)anto te.po ci (orr7 per ese*)irlo<: :!l.eno )n anno.: :;obbia.o d)n6)e .etterci al la(oro<: :")bito.: :O-, (edete d)n6)e, abbia.o perd)to )n anno.: :Credete c-e 6)est anno sia stato perd)to<: :O-, perdono, perdono?: escla.3 Ed.ondo arrossendo. :Gitto?: disse +aria. :L )o.o non 1 c-e )n )o.o, e (oi siete ancora )no dei .i*liori c-e abbia conosci)to. Prendete, 6)esto 1 il .io piano.: +aria .ostr3 allora a ;ant1s )n dise*no c-e a(e(a tracciato> era la pianta della s)a cella, di 6)ella di ;ant1s, e del corridoio c-e le )ni(a l )na all altra. 0el .e88o di 6)esto corridoio stabili(a )n condotto )*)ale a 6)ello c-e si pratica per le .iniere. D)esto condotto a(rebbe portato i d)e pri*ionieri sotto la *alleria o(e passe**ia(a la sentinella. Una (olta *i)nti l7, a(rebbero sca(ato di n)o(o, a(rebbero tolto )na delle pietre 6)adrate c-e for.ano il soffitto della *alleria4 la pietra l a(rebbero fatta sprofondare sotto il soldato c-e sarebbe cad)to nel b)co. ;ant1s si sarebbe precipitato sopra di l)i nel .o.ento in c)i, ancora stordito per la cad)ta, non a(rebbe pot)to difendersi, lo a(rebbe le*ato, *li a(rebbe t)rato la bocca, ed allora t)tti e d)e passando da )na finestra di 6)esta *alleria, sarebbero discesi l)n*o la .)ra*lia esterna coll ai)to della scala di corde, e si sarebbero sal(ati. ;ant1s batt5 le .ani, e i s)oi occ-i sfa(illarono di *ioia4 6)esto piano era cos2 se.plice, c-e era i.possibile non ri)scisse. 0el .edesi.o *iorno i d)e .inatori si .isero all opera e con )n ardore tanto pi@ *rande, in 6)anto 6)esto la(oro co.incia(a dopo )n l)n*o riposo, e non face(a, secondo t)tte le probabilit7, c-e secondare il pensiero inti.o e se*reto d entra.bi. 0iente l interro.pe(a, se non l ora nella 6)ale ciasc)no era obbli*ato a rientrare nella propria stan8a, per rice(ere la (isita del carceriere. ; altronde, a(e(ano preso l abit)dine di distin*)ere cos2 facil.ente il r).ore

i.percettibile dei passi, al .o.ento in c)i 6)est )o.o discende(a, c-e .ai n5 l )no n5 l altro f) preso alla spro((ista. La terra estratta dalla n)o(a *alleria, s)fficiente per rie.pire l antico corridoio, (eni(a *ettata a poco a poco, e con ina)dite preca)8ioni dall )na o dall altra delle finestre della cella di ;ant1s o di +aria, pol(eri88ata con o*ni c)ra, e il (ento della notte la disperde(a sen8a lasciarne traccia. Pi@ d )n anno pass3 in 6)esto la(oro c-e (enne ese*)ito con )no scalpello, )n coltello ed )na le(a di le*no. ;)rante 6)est anno e .entre la(ora(ano +aria contin)3 ad istr)ire ;ant1s, parlando*li ora in )na lin*)a, ora in )n altra4 inse*nando*li la storia delle na8ioni, e di 6)ei *rand )o.ini c-e di te.po in te.po lasciano dietro a s5 )na di 6)elle l).inose tracce, c-e si c-ia.a *loria. +aria )o.o di .ondo, e di *ran .ondo, a(e(a nelle s)e .aniere )na specie di .aest7 .alinconica, da c)i ;ant1s per spirito d i.ita8ione seppe trarre profitto, e rica(arne 6)ell ele*ante tratto di c)i .anca(a e 6)ei .odi aristocratici c-e *eneral.ente non si ac6)istano c-e con(ersando con classi ele(ate o )o.ini s)periori. ;opo 6)indici .esi, il foro era finito, lo sca(o sotto la *alleria fatto. "i senti(a passare e ripassare la sentinella, e i d)e operai, obbli*ati ad aspettare )na notte osc)ra e sen8a l)na per rendere pi@ sic)ra la loro e(asione, non a(e(ano c-e )n ti.ore, c-e la botola sprofondasse sotto i piedi del soldato. Venne o((iato a 6)esto incon(eniente .ettendo a p)ntello )na specie di tra(icello c-e a(e(ano tro(ato ne*li sca(i. ;ant1s era occ)pato a siste.arlo 6)ando sent2 +aria, ri.asto in cella a preparare ca(icc-i per fissare la scala di corda, c-e lo c-ia.a(a con accento di dispera8ione. ;ant1s rientr3 sollecita.ente, e (ide +aria ritto in .e88o alla stan8a, pallido, col s)dore alla fronte, e le .ani intiri88ite. :O-, .io ;io?: *rid3 ;ant1s, :c-e c 1< c-e cosa a(ete<: :Presto, presto: disse +aria, :ascoltate.i.: ;ant1s *)ard3 il (iso li(ido di +aria, i s)oi occ-i con )n cerc-io a88)rro*nolo, le labbra bianc-e, i capelli irti, e dallo spa(ento lasci3 cadere a terra lo scalpello c-e tene(a in .ano. :C-e c 1 d)n6)e<: *rid3 Ed.ondo. :"ono perd)to: disse +aria, :ascoltate.i. Un .ale terribile, )n .ale forse .ortale .i prende in 6)esto .o.ento. L attacco 1 co.inciato, lo sento. 0e f)i *i7 colpito l anno pri.a della .ia carcera8ione. ! 6)esto .ale non c 1 c-e )n ri.edio. Correte presto nella .ia cella, to*liete )n piede al letto, 6)esto piede 1 ca(o> (i tro(erete dentro )na piccola boccetta di cristallo piena per .et7 d )n li6)ido rosso4 portate.ela, o pi)ttosto... no, no... potrei essere sorpreso 6)i... ai)tate.i a rientrare nella .ia cella fino a c-e .i resta 6)alc-e for8a. C-iss7 ci3 c-e p)3 accadere, e 6)anto te.po d)rer7 l attacco.: ;ant1s sen8a .olto a*itarsi, 6)ant)n6)e la dis*ra8ia c-e lo colpi(a fosse i..ensa, discese nel corridoio, e trascin3 l infelice co.pa*no cond)cendolo con pena infinita sino alla cella, do(e lo coric3 s)l letto :#ra8ie: disse +aria, tre.ando co.e )scisse dall ac6)a *-iacciata, :ecco il .ale c-e cresce, sto per cadere in )na crisi epilettica.

+orse non far3 )n .o(i.ento, forse non .ander3 )n *e.ito, .a forse .i contorcer3, *rider3, sp)ter3 ba(a. +ate in .odo c-e non siano intese le .ie *rida, 6)esto sopratt)tto i.porta, perc-5 potrebbero ca.biar.i la cella e noi sare..o di(isi per se.pre. D)ando (oi .i (edrete i..obile freddo e .orto, allora soltanto sc-i)dete.i i denti col coltello, fate colare nella .ia bocca otto o dieci *occe di 6)el li6)ore, e forse .i ri.etter3.: :+orse<: escla.3 dolorosa.ente ;ant1s. :! .e, a .e?: *rid3 +aria, :io .i... .i... .i...: L attacco f) cos2 rapido e (iolento, c-e il dis*ra8iato pri*ioniero non pot5 finire la parola> )na n)be pass3 s)lla s)a fronte contratta e tetra co.e le te.peste del .are. La crisi dilat3 *li occ-i, contorse la bocca, i.porpor3 le *)ance. "i a*it3, r)**24 .a co.e a(e(a racco.andato e*li stesso, ;ant1s soffoc3 6)este *rida sotto la coperta. /)tto ci3 d)r3 d)e ore. Poi pi@ inerte d )n .asso, pi@ pallido e pi@ freddo del .ar.o, pi@ a((i88ito di )na rosa calpestata, cadde, si contorse in )n )lti.a con()lsione e di(enne li(ido. Ed.ondo aspett3 c-e 6)esta .orte apparente a(esse in(estito t)tto il corpo, e lo *-iacciasse fino al c)ore, allora prese il coltello, introd)sse la la.a fra i denti, disserr3 con )na pena infinita le ri*ide .ascelle, e, contate )na dopo l altra le dieci *occe del rosso li6)ore, aspett3. Pass3 )n ora sen8a c-e il (ecc-io facesse il pi@ piccolo .o(i.ento. ;ant1s te.e(a di a(ere aspettato troppo e lo *)arda(a con le .ani nei capelli. +inal.ente )n le**ero colorito appar(e s)lle s)e *)ance4 i s)oi occ-i, costante.ente ri.asti aperti e attoniti, ripresero il cons)eto s*)ardo, )n debole sospiro sf)**2 dalla s)a bocca4 fece )n piccolo .o(i.ento. := sal(o? = sal(o?: *rid3 ;ant1s. Il .alato non pote(a ancora parlare, .a stese con ansia (isibile la .ano (erso la porta. ;ant1s ascolt3 e intese i passi del carceriere. Erano 6)asi le sette> ;ant1s non a(e(a a()to .odo di .is)rare il te.po. Il *io(ane si lanci3 (erso l apert)ra, (i si precipit3, ri.ise la pietra al di sopra della testa e rientr3 nella s)a stan8a. Un istante dopo la s)a porta si apr2, ed il carceriere ritro(3, secondo il solito, il pri*ioniero s)l letto. !ppena ebbe (oltate le spalle, appena il r).ore dei s)oi passi si perse nel corridoio, ;ant1s, di(orato dall in6)iet)dine, sen8a pensare a .an*iare, riprese il ca..ino sotterraneo e, solle(ando la pietra, rientr3 nella stan8a di +aria. D)esti a(e(a ripreso conoscen8a, .a era se.pre steso s)l s)o letto, inerte e sen8a for8e. :0on conta(o pi@ di ri(eder(i: disse a ;ant1s. :E perc-5<: do.and3 Ed.ondo. :Conta(ate d)n6)e di .orire<: :0o, .a t)tto 1 in ordine per la f)*a, ed ero certo c-e sareste f)**ito.: L indi*na8ione color3 le *)ance di ;ant1s. :"en8a di (oi?: *rid3. :Mi a(ete (era.ente cred)to capace di ci3<: :!desso . accor*o c-e .i sono in*annato: disse il .alato. :!-, sono .olto debole, .olto abbatt)to.: :Cora**io, le (ostre for8e ritorneranno: disse ;ant1s, sedendosi (icino al letto di +aria e prendendo*li le .ani. +aria tentenn3 la testa.

:L )lti.a (olta: disse, :l attacco non d)r3 c-e )na .e88 ora, dopo la 6)ale ebbi fa.e e .i rial8ai. O**i non posso .)o(ere n5 la *a.ba, n5 il braccio destro4 la .ia testa 1 oppressa, e ci3 pro(a c-e c 1 stato )n (ersa.ento nel cer(ello4 al ter8o rester3 co.pleta.ente parali88ato o .orir3 s)l colpo.: :0o, no, tran6)illi88ate(i, (oi non .orirete. "e 6)esto ter8o attacco de(e colpir(i (i tro(er7 libero4 io (i sal(er3 co.e 6)esta (olta, e .e*lio ancora, perc-5 a(re.o t)tti i necessari soccorsi.: :!.ico .io: disse il (ecc-io, :non (i l)sin*ate. La crisi passata .i -a condannato ad )n carcere perpet)o. Per f)**ire biso*na poter ca..inare.: :Ebbene, noi aspettere.o otto *iorni, )n .ese, d)e .esi se occorre4 le (ostre for8e ritorneranno. /)tto 1 pronto per la nostra f)*a, e abbia.o la libert7 di sce*liere a nostro piacere l ora e il .o.ento. Il *iorno in c)i (i sentirete abbastan8a for8a per n)otare, 6)el *iorno .ettere.o in esec)8ione il nostro pro*etto.: :0on n)oter3 pi@: disse +aria, :6)esto braccio 1 parali88ato non per )n *iorno, .a per se.pre4 solle(atelo (oi stesso e sentite 6)anto 1 pesante.: Il *io(ane solle(3 il braccio, c-e ricadde .orto ed insensibile. ;ant1s .and3 )n profondo sospiro. :Ora sarete con(into, non 1 (ero Ed.ondo<: disse +aria. :Credete.i, so 6)ello c-e dico. ;opo il pri.o accesso di 6)esto .ale, non -o .ai cessato di st)diar(i e rifletter(i sopra> lo aspetta(o perc-5 1 )na eredit7 di fa.i*lia. Mio padre 1 .orto al ter8o attacco, .io nonno )*)al.ente4 il .edico c-e .i co.pose 6)esto li6)ore, c-e non f) altri c-e il celebre Cabanis, .i predisse la stessa sorte.: :Il .edico si sba*lia: *rid3 ;ant1s. :In 6)anto alla (ostra paralisi, essa non .i s*o.enta> (i prender3 s)lle .ie spalle e n)oter3 sostenendo(i.: :!.ico .io: disse +aria, :(oi siete .arinaio, siete n)otatore4 do(ete per conse*)en8a sapere c-e )n )o.o caricato di )n si.ile fardello non potrebbe fare cin6)anta braccia in .are. Cessate d ill)der(i, non lasciate(i in*annare dall otti.o (ostro c)ore. Io rester3 6)i fino a c-e s)oni l ora della .ia libera8ione, c-e non p)3 pi@ essere c-e 6)ella della .orte. In 6)anto a (oi, partite, f)**ite. "iete *io(ane e forte, non (i occ)pate di .e, io (i rendo la (ostra parola.: :"ta bene: disse ;ant1s, :allora...: :Ebbene, allora<: :Io p)re rester3.: Poi le(andosi e stendendo )na .ano s)l (ecc-io> :Per 6)anto (i 1 di pi@ sacro, *i)ro di non lasciar(i c-e alla (ostra .orte.: +aria consider3 6)esto *io(ane cos2 nobile, se.plice e ele(ato, e lesse s)i tratti ani.ati dalla de(o8ione pi@ p)ra, la sincerit7 della s)a affer.a8ione, e la lealt7 del s)o *i)ra.ento. :!ndia.o...: disse il .alato. :Io accetto, e (i rin*ra8io.: Poi stendendo*li la .ano> :+orse sarete rico.pensato di 6)esto attacca.ento disinteressato: *li disse. :Poic-5 non posso e (oi non (olete partire, 1 necessario c-e interria.o il sotterraneo sotto la *alleria. Il soldato c-e ca..ina p)3 scoprire la sonorit7 dello sca(o, ric-ia.are l atten8ione di )n ispettore, e

allora sare..o scoperti e separati. !ndate a fare 6)esta faccenda nella 6)ale dis*ra8iata.ente non posso ai)tar(i4 i.pie*ate(i t)tta la notte se abbiso*na, e non ritornate da .e c-e do.attina dopo la (isita del carceriere. !(r3 6)alc-e cosa di so..a i.portan8a da co.)nicar(i.: ;ant1s prese la .ano di +aria c-e lo rassic)r3 con )n sorriso e )sc2 con 6)ell obbedien8a e 6)el rispetto c-e senti(a per il s)o (ecc-io a.ico. Capitolo 1&. IL /E"ORO. !llorc-5 l indo.ani .attina ;ant1s rientr3 nella cella del s)o co.pa*no di pri*ionia, tro(3 +aria sed)to, col (iso cal.o. Un ra**io penetra(a attra(erso la stretta finestra della cella. +aria tene(a aperto nella .ano sinistra, la sola di c)i *li era ri.asto l )so, )n pe88o di carta c-e, per l abit)dine di restare a((olto se.pre nello stesso .odo, a(e(a preso la for.a di )n rotolo. Mostr3 a ;ant1s la carta sen8a dire )na parola. :Cos 1<: do.and3 6)esti. :#)ardate bene...: disse +aria sorridendo. :#)ardo con t)tta l atten8ione possibile: disse ;ant1s, :e non (edo altro c-e )n pe88o di carta .e88a br)ciata e s)lla 6)ale sono tracciati dei caratteri *otici con )n inc-iostro particolare.: :D)esta carta, a.ico .io: disse +aria, :ora (e lo posso confessare perc-5 (i -o conosci)to .e*lio, 6)esta carta 1 il .io tesoro, di c)i, da 6)esto .o.ento, la .et7 1 (ostra?: Un freddo s)dore pass3 s)lla fronte di ;ant1s. +ino a 6)el *iorno, e per )no spa8io l)n*o di te.po, a(e(a se.pre e(itato di parlare a +aria di 6)esto tesoro, ori*ine dell acc)sa di pa88ia c-e *ra(a(a s)l po(ero a.ico. Con la s)a istinti(a delicate88a, Ed.ondo a(e(a preferito non toccare 6)esta corda dolorosa, e +aria a(e(a taci)to. ;ant1s a(e(a preso il silen8io del (ecc-io per )n ritorno alla ra*ione. :Il (ostro tesoro<: balbett3 ;ant1s. +aria sorrise. :"2: disse, :in o*ni occasione (oi siete )n nobile c)ore, Ed.ondo, e dal (ostro pallore e dal (ostro fre.ito co.prendo ci3 c-e passa per la (ostra .ente in 6)esto istante. 0o, state tran6)illo, non sono pa88o. D)esto tesoro esiste, ;ant1s, e se non .i 1 stato concesso di possederlo, (oi lo possederete per .e. 0ess)no -a (ol)to ascoltar.i, n5 creder.i, f)i *i)dicato pa88o. Ma (oi do(ete sapere c-e non lo sono> ascoltate.i, e dopo credete.i se (olete.: :!-i.1: .or.or3 Ed.ondo fra s5, :il .alato ricade. Mi .anca(a 6)esta dis*ra8ia...: D)indi al8ando la (oce> :!.ico .io: dis se a +aria, :il (ostro attacco (i -a stancato> non (olete prendere )n poco di riposo. ;o.ani, se lo desiderate, sentir3 la (ostra storia, .a o**i do(ete c)rar(i, do(ete a(er(i dei ri*)ardi4 d altronde: contin)3 sorridendo, :)n tesoro non de(e ora *ran c-e interessarci.: :;e(e interessarci .oltissi.o, Ed.ondo: rispose il (ecc-io, :c-iss7 c-e do.ani o dopo do.ani non *i)n*a il ter8o attacco4 allora t)tto sarebbe finito... "2, 1 (ero, 6)alc-e (olta -o pensato con a.aro piacere a 6)este ricc-e88e c-e farebbero la fort)na di dieci fa.i*lie, fort)ne perd)te per coloro c-e .i perse*)itano. D)est idea .i ser(i(a di (endetta ed io l assapora(o lenta.ente nell osc)rit7 della .ia se*reta e nella dispera8ione della .ia pri*ionia4 .a ora c-e (i (edo *io(ane e pieno di speran8a, ora c-e penso a t)tto ci3 c-e p)3 (enirne di felicit7 a

(oi in conse*)en8a della .ia ri(ela8ione, io fre.o per il ritardo, e tre.o di non potere assic)rare )n proprietario de*no 6)anto (oi siete a 6)este i..ense ricc-e88e nascoste.: Ed.ondo (olt3 altro(e la testa sospirando. :Voi persistete nella (ostra incred)lit7, Ed.ondo: contin)3 +aria, :la .ia (oce non (i -a con(into. Vedo c-e (i abbiso*nano delle pro(e. Ebbene le**ete 6)esto fo*lio c-e io non -o fatto (edere .ai ad alc)no.: :;o.ani, a.ico .io: disse Ed.ondo, dispiacendo*li assecondare la follia del (ecc-io. :Crede(o fosse *i7 stabilito fra noi c-e non ne a(re..o parlato c-e do.ani...: :Ebbene, ne parlere.o do.ani, .a o**i le**ete 6)esto fo*lio.: :0on l irritia.o di pi@...: pens3 Ed.ondo. E prendendo la carta di c)i .anca(a .et7 cons)nta dal f)oco, e*li lesse. :Ebbene<: disse +aria, 6)ando il *io(ane ebbe finito la lett)ra. :Ma: rispose ;ant1s, :non le**o c-e ri*-e tronc-e, c-e parole sen8a senso4 i caratteri sono interrotti dall a8ione del f)oco e restano inintelli*ibili.: :Per (oi, a.ico .io, c-e li le**ete per la pri.a (olta, .a non per .e c-e (i -o i.pallidito sopra per .olte notti, e -o ricostr)ito o*ni frase, e co.pletato o*ni pensiero.: :E (oi credete di a(er ritro(ato 6)esto senso nascosto<: :0e sono sic)ro4 ne *i)dic-erete (oi stesso. Ma pri.a ascoltate la storia di 6)esta carta.: :"ilen8io?: escla.3 ;ant1s. :;ei passi? D)alc)no si a((icina... io (ado... addio?: E ;ant1s, lieto di poter e(itare la storia e la spie*a8ione c-e non *li a(rebbero c-e .a**ior.ente confer.ato l infelice condi8ione del s)o a.ico, f)**i per lo stretto andito, .entre +aria ac6)istando )na specie di ener*ia dalla pa)ra, spinse col piede la pietra c-e ricopri con la st)oia. Era il #o(ernatore, c-e a((isato dal carceriere dell incidente di +aria, (eni(a ad assic)rarsi della s)a *ra(it7. +aria lo rice(ette sed)to, e(it3 6)al)n6)e *esto c-e potesse co.pro.etterlo, e ri)sc2 a nascondere al #o(ernatore di essere stato colpito da )na paralisi, c-e *li a(e(a bloccato .et7 della persona. Il s)o ti.ore era c-e il #o(ernatore, .osso a piet7, (olesse farlo trasportare in )na pri*ione pi@ sana e lo separasse in tal .odo dal s)o *io(ane co.pa*no> fort)nata.ente non f) cos2. Il #o(ernatore si ritir3 con(into c-e il po(ero pa88o, per il 6)ale senti(a nel fondo del c)ore )n po d affe8ione, non era affetto c-e da )na le**era indisposi8ione. Intanto Ed.ondo, sed)to s)l letto e con la testa fra le .ani, cerca(a di riordinare le idee. ;acc-5 conosce(a +aria, a(e(a se.pre scorto in l)i tanta ra*ione e tanta lo*ica, c-e non pote(a co.prendere co.e 6)esta s)pre.a sa**e88a s) t)tti i p)nti, potesse poi colle*arsi all aliena8ione sopra )n sol p)nto. Era +aria c-e s in*anna(a s)l s)o tesoro, o erano *li )o.ini c-e s in*anna(ano s)l conto di +aria< ;ant1s rest3 nella s)a cella t)tto il *iorno, non osando ritornare a (isitare l a.ico. Cerca(a di allontanare cos2 il .o.ento in c)i a(rebbe ac6)istato la certe88a c-e il s)o co.pa*no era pa88o4 e 6)esta con(in8ione lo inti.ori(a .olto. Ma (erso sera, dopo l ora dell ordinaria (isita, +aria, non (edendo pi@ tornare il *io(ane, tent3 di s)perare lo spa8io c-e lo di(ide(a da l)i. Ed.ondo rabbri(id2 sentendo *li sfor8i dolorosi c-e face(a il (ecc-io per trascinarsi> la s)a *a.ba era inerte e non pote(a ai)tarsi c-e con )n sol braccio.

Ed.ondo f) obbli*ato a tirarlo a s5, poic-5 da solo non sarebbe ri)scito ad )scire per la stretta apert)ra c-e i..ette(a nella stan8a di ;ant1s. :Ecco.i i.placabil.ente a perse*)itar(i: disse con )n sorriso di bene(olen8a. :!(ete cred)to di potere sf)**ire alla .ia .)nificen8a, .a ci3 non (i 1 ser(ito a niente. !scoltate.i d)n6)e...: Ed.ondo (edendo c-e non pote(a pi@ e(itarlo, fece sedere il (ecc-io s)l letto e si pose (icino a l)i s)llo s*abello. :Voi sapete: disse +aria, :c-e io ero il se*retario, il fa.i*liare, l a.ico del conte "pada, l )lti.o dei principi di 6)esto no.e. ;e(o a 6)esto de*no persona**io t)tto ci3 c-e -o pro(ato di felicit7 in 6)esta (ita. E*li non era ricco, benc-5 le ricc-e88e della s)a fa.i*lia fossero pro(erbiali, e abbia spesso inteso dire> :ricco co.e )no "pada:. E*li (i(e(a sotto 6)esta rep)ta8ione di op)len8a> il s)o pala88o f) il .io Eden. Ed)cai i s)oi nipoti, c-e .orirono, e allora dedicando.i con de(o8ione a t)tte le s)e (olont7, cercai di render*li t)tto ci3 c-e a(e(a fatto per .e. !(e(o so(ente (isto lo "pada scartabellare dei libri antic-i di fa.i*lia t)tti ricoperti di pol(ere. Un *iorno c-e *li ri.pro(era(o 6)este in)tili (e*lie, e l abbatti.ento c-e le se*)i(a, .i *)ard3 sorridendo a.ara.ente, e .i apr2 )n libro> era la storia d Italia. !l (entesi.o capitolo sta(a scritto> :Cesare Bor*ia prese d assalto "eni*allia, c-e appartene(a a +rancesco Maria della Ro(ere4 il *iorno della (ittoria c-ia.3 a pala88o t)tti i condottieri del s)o esercito ed a .is)ra c-e entra(ano nella sala del con(ito, non a(endo pi@ biso*no di loro e te.endo 6)alc-e le*a c-e potesse inceppare le s)e (ittorie nella Ro.a*na, fece a t)tti l )n dopo l altro ta*liar la testa s)l li.itar della porta. Cos2 .or2 Vitello88o Vitelli si*nore di citt7 di Castello, Oli(erotto, si*nore di Ber.o, Paolo Orsini, d)ca di #ra(ina, +rancesco di /odi, #)ido "pada ecc. :;opo 6)esta lett)ra, e*li .i rifer2 cos2> :#)ido "pada non a(e(a pot)to disi.pe*narsi dal colle*are le s)e bande con 6)elle di Cesare Bor*ia, 6)ando si port3 ad in(adere la Ro.a*na, te.endo c-e )n rifi)to non solo *li potesse costar la (ita, .a la perdita di 6)e*li i..ensi beni di c)i era riten)to possessore, e c-e conser(a(a *elosa.ente per tras.etterli ad )n nipote c-e a.a(a 6)al fi*lio. :D)ando #)ido "pada, dopo la (ittoria di "eni*allia, rice(ette l in(ito a pran8o del Bor*ia, sospett3 il tradi.ento c-e (eni(a ordito, ed accor*endosi c-e anc-e se non fosse andato al con(ito la s)a (ita sarebbe ri.asta se.pre in balia del Bor*ia, si li.it3 a spedire )n .essa**io al nipote in Ro.a per a((ertirlo del l)o*o o(e tene(a il s)o testa.ento. :Il .essa**ero, la c)i parten8a era stata spiata, f) )cciso in ca..ino, .a non *li f) ritro(ato altro fo*lio se non )no scritto dello "pada in c)i dice(a> :Lascio al .io nipote a.atissi.o le .ie sto(i*lie ed i .iei libri, fra i 6)ali la .ia bibbia ad an*oli d oro, desiderando c-e e*li la conser(i 6)ale ricordo del s)o affe8ionatissi.o 8io.: :#li eredi cercarono in o*ni l)o*o, a..irarono la Bibbia, fecero .an bassa s)i .obili, e si .era(i*liarono c-e "pada, l )o.o ricco, non fosse effetti(a.ente c-e il pi@ .iserabile de*li 8ii. 0ess)n tesoro f) rin(en)to, se

p)re si ()ole c-ia.are tesori le scien8e racc-i)se nella biblioteca e nel laboratorio c-i.ico. :Il .essa**ero assassinato d)rante il (ia**io, ebbe il te.po pri.a di .orire, di dire ad )n sacerdote, c-e *li a(e(a so..inistrato i conforti della reli*ione da(anti alla c-iesetta presso la 6)ale f) a**redito, c-e facesse sapere al nipote di #)ido "pada in t)tta se*rete88a, c-e fra le carte dello 8io a(rebbe certa.ente tro(ato il s)o testa.ento. :Il sacerdote ese*)2 6)esto estre.o desiderio del .orente4 e dopo 6)esto ann)n8io si raddoppiarono ancora le ricerc-e4 .a t)tto f) in(ano. 0on restarono al nipote c-e d)e pala88i, )na (illa dietro al Palatino, ed )n .i*liaio circa di sc)di in ar*enteria, ed altrettanto in .oneta contante. :La fa.i*lia "pada non riprese pi@ il l)stro di pri.a e ri.ase d)bbia la loro fort)na. Un .istero eterno pes3 sopra 6)esto affare e la p)bblica fa.a fece credere c-e Cesare Bor*ia a(esse tro(ato i tesori della fa.i*lia "pada nella tenda di #)ido sotto le .)ra di "eni*allia. :+in 6)i: s interr)ppe +aria sorridendo, :non (i se.brer7 c-e 6)esto racconto sia pri(o di senno.: :O-, a.ico .io: disse ;ant1s, :.i se.bra, al contrario, di le**ere )na cronaca piena d interesse. Contin)ate.: :Contin)o. La fa.i*lia si adatt3 a 6)esta osc)rit74 *li anni trascorsero. +ra i discendenti, alc)ni f)rono soldati, altri diplo.atici4 alc)ni f)rono ecclesiastici, altri banc-ieri4 alc)ni si arricc-irono, altri finirono per ro(inarsi. :Ma (enia.o all )lti.o della fa.i*lia, a 6)ello di c)i f)i se*retario, al conte "pada. :Io lo a(e(o spesso sentito la.entarsi della sproposi8ione del s)o ran*o con la s)a fort)na, per c)i lo a(e(o consi*liato di porre i poc-i beni c-e *li resta(ano in rendita (itali8ia> ascolt3 il .io consi*lio, e in tal .odo raddoppi3 le s)e entrate. :La fa.osa Bibbia da*li an*oli d oro era ri.asta in fa.i*lia, ed era il conte "pada 6)ello c-e la possede(a> f) conser(ata di padre in fi*lio, perc-5 la cla)sola bi88arra del solo testa.ento ne a(e(a for.ata )na (era reli6)ia, c)stodita con (enera8ione in fa.i*lia. Era )n libro ill)strato da .a*nific-e .iniat)re *otic-e e cos2 pesanti d oro, c-e ci (ole(a )n le**2o per poterla )sare. :!lla (ista delle carte di o*ni specie, titoli, contratti, per*a.ene, c-e (eni(ano c)stodite ne*li arc-i(i della fa.i*lia e c-e deri(a(ano da #)ido "pada, .i .isi a .ia (olta, co.e (enti ser(itori, (enti intendenti e (enti se*retari c-e .i a(e(ano preced)to, ad esa.inare 6)este fil8e di scartafacci. :!d onta dell atti(it7 e della precisione delle .ie instancabili ricerc-e, non tro(ai assol)ta.ente niente. :+rattanto a(e(o letto ed anc-e scritto )na storia esatta delle *enealo*ie della fa.i*lia Bor*ia, al solo scopo di assic)rar.i se fosse stata a**i)nta alla fa.i*lia di 6)esti Principi 6)alc-e *ran fort)na dopo la .orte di #)ido "pada, e non potei notare altro se non l addi8ione dei beni de*li altri condottieri con l)i decapitati, c-e f)rono ben presto esa)riti nelle *)erre di Ro.a*na. :Ero d)n6)e sic)ro c-e n5 Cesare Bor*ia, n5 la s)a fa.i*lia si erano i.padroniti delle i..ense fort)ne di

c)i si crede(ano possessori *li "pada, .a c-e 6)este, se esiste(ano, erano ri.aste sen8a padrone, co.e 6)ei tesori delle fa(ole arabe c-e dor.ono nel seno della terra, sotto la c)stodia di )n *enio. :"fo*liai, contai, calcolai .ille e .ille (olte le rendite e le spese della fa.i*lia da trecento anni in poi, e t)tto f) in)tile. Confrontai 6)esti calcoli con le spese e rendite pri.a dell a((eni.ento di #)ido, e (i ritro(ai )na incalcolabile differen8a. Ci3 nonostante t)tto ri)sc2 in)tile, io restai nella .ia i*noran8a, ed il conte "pada nella s)a .iseria. :Il .io padrone .or2. :;al s)o contratto (itali8io non a(e(a escl)so c-e le s)e carte di fa.i*lia, la s)a biblioteca co.posta di cin6)e.ila (ol).i e la s)a fa.osa Bibbia4 .i lasci3 le*atario di t)tto 6)esto, )nita.ente ad )n .i*liaio di sc)di ro.ani c-e possede(a in denaro contante, con la condi8ione di far*li dire delle .esse nell anni(ersario della s)a .orte, di for.are )n albero *enealo*ico della s)a fa.i*lia e di scri(ere )na storia della .edesi.a, il c-e -o fatto esatta.ente...: E 6)i sicco.e ;ant1s face(a 6)alc-e .oto d i.pa8ien8a, +aria s interr)ppe dicendo> :/ran6)illi88ate(i, Ed.ondo, noi ci accostia.o alla fine. :0el 1&EH, )n .ese pri.a del .io arresto, e 6)indici *iorni dopo la .orte del conte "pada, era il $' di dice.bre, e (edrete fra poco in 6)al .odo 6)esta data .e.orabile .i sia ri.asta in .ente, rile**e(o per la centesi.a (olta 6)este carte c-e .ette(o in ordine perc-5, appartenendo ora.ai il pala88o ad )no straniero, io sta(o per lasciare Ro.a e stabilir.i a +iren8e portando con .e )na 6)antit7 di libri, la .ia biblioteca e la .ia fa.osa Bibbia, allorc-5 stanco di 6)esto contin)o st)dio, e indisposto per )n pran8o indi*esto, abbandonai la testa sopra le .ani e .i addor.entai. :Erano le tre dopo .e88o*iorno. Mi s(e*liai c-e l orolo*io batte(a le sei. !l8ai la testa e .i ritro(ai nella pi@ profonda osc)rit7. ")onai perc-5 .i si portasse il l).e> non (enne alc)no. Mi risolsi allora a ser(ir.i da .e4 6)est era d altronde )n abit)dine da filosofo c-e a(e(o adottato. Presi con )na .ano la b)*ia c-e era s)l ta(olo, coll altra, non tro(ando 8olfanelli, cercai )n pe88o di carta c-e pensai d accendere ad )n resto di f)oco nel ca.inetto4 .a nell osc)rit7, te.endo di prendere )na carta pre8iosa, in(ece di )n fo*lio in)tile, esitai4 allora .i riso((enni di a(er (ed)to nella fa.osa Bibbia c-e era s)lla ta(ola, (icino a .e, )n (ecc-io fo*lio t)tto in*iallito c-e se.bra(a fosse ser(ito di se*no nella pa*ina o(e cessa(a la lett)ra, e c-e a(e(a tra(ersato i secoli, .anten)to al s)o posto dalla (enera8ione de*li eredi. :Cercai a tastoni 6)est in)tile fo*lio, lo tro(ai, lo contorsi, lo accostai alla fia..a .oribonda e lo accesi4 .a sotto le .ie dita, co.e per .a*ia, a .is)ra c-e il f)oco a(an8a(a (idi dei caratteri *iallastri )scire dalla carta ed apparire s)l fo*lio. !llora f)i preso dal terrore4 serrai tra le .ani il fo*lio, spensi il f)oco, accesi la b)*ia alla brace4 riaprii con indicibile e.o8ione il fo*lio ripie*ato, e capii c-e )n inc-iostro .isterioso e si.patico a(e(a

tracciato 6)elle lettere apparse soltanto al contatto del (i(o calore> poco pi@ di )n ter8o del fo*lio era stato cons).ato dalla fia..a. Le**etelo, ;ant1s, poi 6)ando lo a(rete riletto, (i co.pleter3 le frasi interrotte e il senso inco.pi)to.: E +aria, trionfante, offr2 il fo*lio a ;ant1s c-e 6)esta (olta lesse a(ida.ente le parole se*)enti, tracciate con )n inc-iostro color r)**ine. :O**i $& .ar8o 1%I$, essendo costretto per lo .io .e... di se*)ire in )n con le... *ia nella *)erra di Ro.a*na, e... parato a 6)al)n6)e tradi.ento p... cipe, dic-iaro a .io nipote... erede )ni(ersale, c-e -o... per a(er (isitato con .e... isola di Monte Cristo t)tto 6)anto... pre8iose dia.anti, ar*enterie... per il (alore circa di d)e... tro(er7 passando la (entesi.a... dell Est in linea retta. ;)e aper... in 6)este *rotte> il tesoro sta nell an*olo... 6)al tesoro lascio a l)i e cedo... solo erede. $& .ar8o 1%I$, #UI;... :Ora: riprese +aria, :le**ete 6)est altra carta.: E present3 a ;ant1s )n altro fo*lio, con altri fra..enti di ri*-e. :!desso: disse, dopo a(er (isto c-e ;ant1s a(e(a letto fino all )lti.a ri*a, :a((icinate i d)e fra..enti, e *i)dicate.: ;ant1s obbed24 a((icinati i d)e fra..enti da(ano il se*)ente assie.e. :O**i $& .ar8o 1%I$, essendo costretto per lo .io .e*lio di se*)ire in )n con le .ie *enti Cesare BorC *ia nella *)erra di Ro.a*na, e do(endo essere preC parato a 6)al)n6)e tradi.ento per parte di 6)esto prinC cipe, dic-iaro a .io nipote #i)lio "pada, .io erede )ni(ersale, c-e -o nascosto in )na dire8ione c-e e*li conosce per a(er (isitato con .e, cio1 nella isola di Monte Cristo t)tto 6)anto io posse**o in pietre pre8iose, dia.anti, ar*enterie, c-e solo io conosco 6)esto tesoro per il (alore di d)e .ilioni di sc)di ro.ani e c-e e*li tro(er7 passando la (entesi.a pietra della roccia a partirsi dal seno dell Est in linea retta. ;)e apert)re sono state praticate in 6)este *rotte> il tesoro sta nell an*olo pi@ lontano della seconda, il 6)al tesoro lascio a l)i e cedo in t)tto co.e .io solo erede. $& .ar8o 1%I$, #UI;O "P!;!: :Ebbene, capite final.ente<: disse +aria. := la dic-iara8ione di #) ido "pada, 1 il testa.ento c-e f) cercato per tanto te.po: disse Ed.ondo ancora incred)lo. :"2, .ille (olte s2.: :E c-i l -a ricostr)ito in tal .odo<: :Io, c-e coll ai)to del fra..ento ri.asto, -o indo(inato il resto .is)rando la l)n*-e88a delle linee con 6)ella della carta e penetrando nel senso nascosto col .e88o del senso (isibile, co.e )no si *)ida in )n sotterraneo con )n resid)o di l)ce c-e *li (en*a dall alto.: :E c-e faceste 6)ando a(ete cred)to di ac6)istare 6)esta co*ni8ione<:

:Vole(o partire s)bito ed an8i sono partito s)l .o.ento portando con .e il principio della .ia *rand opera filosofica, .a la poli8ia i.periale c-e conosce(a le .ie idee tene(a *li occ-i aperti s) di .e. La .ia parten8a precipitosa, della 6)ale non pote(a conoscere la ca)sa, s(e*li3 dei sospetti e al .o.ento in c)i sta(o per i.barcar.i a Pio.bino, (enni arrestato. Ora: contin)3 +aria *)ardando ;ant1s con )n espressione 6)asi paterna, :ora, a.ico .io, (oi ne sapete 6)anto .e. "e noi ci sal(ia.o assie.e la .et7 del .io tesoro 1 (ostra, se io .)oio 6)i, e (oi (i sal(ate solo, (i appartiene in totalit7.: :Ma: do.and3 ;ant1s con esita8ione, :6)esto tesoro non -a nel .ondo possessori pi@ le*itti.i di noi<: :0o, no, rassic)rate(i. La (era fa.i*lia "pada 1 estinta del t)tto. ; altronde, l )lti.o dei conti "pada .i -a dic-iarato s)o erede, e nel lasciar.i per le*ato 6)esta Bibbia si.bolica, .i -a p)r lasciato t)tto ci3 c-e contene(a. 0o, no, tran6)illi88ate(i, se )n *iorno potre.o .etter le .ani s) 6)esta fort)na, potre.o *oderne sen8a ri.orso.: :E dite c-e 6)esto tesoro a..onta...<: :! d)e .ilioni di sc)di ro.ani, circa tredici .ilioni di lire di +rancia.: :I.possibile?: disse ;ant1s colpito dall enor.it7 della so..a. :I.possibile, e perc-5<: rispose il (ecc-io. :La fa.i*lia "pada era )na delle pi@ antic-e e delle pi@ possenti del secolo D)indicesi.o. ; altronde in 6)ei te.pi, in c)i era sospesa o*ni spec)la8ione ed o*ni ind)stria, non erano rari 6)esti a..assi di oro e di pietre4 anc-e o**i*iorno in Ro.a (i sono delle fa.i*lie c-e .)oiono di fa.e, e c-e -anno 6)asi )n .ilione in dia.anti e pietre pre8iose tras.esse per .a**iorasco, c-e non possono essere alienate.: Ed.ondo c-e crede(a di so*nare, onde**ia(a fra l incred)lit7 e la *ioia. :0on -o c)stodito per si l)n*o te.po tal se*reto con (oi: contin)3 +aria, :se non perc-5 pri.a (i (ole(o conoscere .e*lio, e poi (ole(o far(i )na sorpresa. "e noi fossi.o e(asi pri.a del .io attacco di epilessia, (i a(rei condotto a Montecristo4 ora: a**i)nse con )n sospiro, :siete (oi c-e .i cond)rrete. Ebbene, ;ant1s, non .i rin*ra8iate<: :D)esto tesoro 1 (ostro, a.ico .io: disse ;ant1s4 :appartiene a (oi solo, e io non (i -o alc)n diritto4 io non sono nepp)re (ostro parente.: :"iete .io fi*lio, ;ant1s?: escla.3 il (ecc-io. :Voi siete il fi*lio della .ia pri*ionia. ;edito intera.ente a*li st)di, ;io (i -a in(iato a .e per consolare l )o.o, c-e non 1 stato padre, il pri*ioniero, c-e non pote(a essere libero.: E +aria tese il braccio c-e *li resta(a al *io(ane, c-e si *ett3 al s)o collo pian*endo. Capitolo 1I. IL /ERGO !//!CCO. Ora c-e 6)esto tesoro, per l)n*o te.po o**etto delle .edita8ioni di +aria, pote(a assic)rare la felicit7 di col)i c-e e*li (era.ente a.a(a co.e s)o fi*lio, 6)esto tesoro era raddoppiato di (alore ai s)oi occ-i> t)tti i

*iorni si di(erti(a a ricontarlo, spie*ando a ;ant1s t)tto ci3 c-e pote(a fare di bene ai s)oi a.ici 6)ell )o.o c-e ai nostri *iorni possedesse )na fort)na di trediciC6)attordici .ilioni. !llora il (iso di ;ant1s si face(a tetro, perc-5 il *i)ra.ento di (endetta c-e a(e(a fatto si presenta(a al s)o pensiero, e riflette(a 6)anto .ale pote(a fare ai s)oi ne.ici )n )o.o c-e ai nostri *iorni possedesse trediciC6)attordici .ilioni. +aria non conosce(a l isola di Montecristo, .a ;ant1s la conosce(a4 (i era spesso passato da(anti. D)est isola 1 posta a (enticin6)e .i*lia da Pianosa fra la Corsica e l Elba, ed )na (olta (i a(e(a preso anc-e terra. D)est isola era, 1 stata se.pre, ed 1 ancora co.pleta.ente deserta4 1 )na roccia di for.a 6)asi conica c-e se.bra essere stata sospinta da 6)alc-e cataclis.a ()lcanico dal fondo dell abisso alla s)perficie del .are. ;ant1s face(a il piano dell isola a +aria, e +aria da(a dei consi*li a ;ant1s s)i .odi per ritro(are il tesoro. Ma ;ant1s era ben lontano dall essere cos2 ent)siasta e cos2 fid)cioso 6)anto lo era il (ecc-io. Certa.ente era ben sic)ro c-e +aria non era pa88o, ed il .odo con c)i era *i)nto alla scoperta c-e a(e(a fatto credere alla s)a follia, raddoppia(a ancora la s)a a..ira8ione per l)i, .a non pote(a )*)al.ente credere c-e 6)esto deposito, dato c-e )n *iorno fosse esistito, esistesse ancora, e 6)ando non *)arda(a 6)esto tesoro co.e )na c-i.era, lo *)arda(a co.e .olto lontano. +rattanto, co.e se il destino a(esse (ol)to to*liere ai pri*ionieri l )lti.a speran8a, e far credere loro c-e erano condannati ad )n perpet)o carcere, )na n)o(a dis*ra8ia (enne a colpirli. La *alleria c-e da(a s)l .are, .inacciando r)ina da l)n*o te.po, era stata ricostr)ita, f)rono sostit)iti ai soffitti e ai tra(i de*li enor.i dadi di roccia s)l foro *i7 per .et7 interrato da ;ant1s. "en8a 6)esta preca)8ione, c-e f) s)**erita dal (ecc-io al *io(ane, il loro infort)nio sarebbe stato ancora .a**iore, perc-5 si sarebbe scoperto il tentati(o di e(asione e sarebbero stati sen8 altro di(isi. Una n)o(a porta pi@ forte e pi@ inesorabile delle altre si era c-i)sa ancora )na (olta sopra di loro. :Vedete bene: dice(a ;ant1s con )na dolce triste88a a +aria, :c-e ;io ()ol to*lier.i fino il .erito di ci3 c-e c-ia.ate .ia de(o8ione per (oi. Vi -o pro.esso di restare eterna.ente con (oi, ed ora non sono pi@ libero di non .antenere la .ia parola. 0on a(r3 pi@ di (oi il tesoro e noi non )scire.o di 6)i n5 l )no n5 l altro. ;el resto, il .io (ero tesoro siete (oi, a.ico .io, 6)ello c-e .i attende(a sotto le tetre (olte di 6)es ta pri*ione siete (oi, 1 la (ostra presen8a, il nostro con(i(ere cin6)e o sei ore del *iorno assie.e el)dendo la (i*ilan8a dei nostri carcerieri. "ono 6)esti ra**i d intelli*en8a c-e (oi a(ete (ersato nel .io intelletto, 6)este lin*)e c-e a(ete confitto nella .ia .e.oria, con t)tte le loro ra.ifica8ioni filosofic-e. D)este scien8e di(erse c-e .i a(ete rese s2 facili con la profondit7 della conoscen8a c-e .e ne a(ete data, e con la c-iare88a dei principi a c)i le rid)ceste. Ecco il .io tesoro, a.ico, ecco in c-e .odo .i a(ete fatto ricco e felice. Credete.i e consolate(i> ci3 per .e (al .olto pi@ delle (er*-e d oro e delle casse di dia.anti, 6)and anc-e non fossero cos2 proble.atic-e,

co.e le n)bi c-e si (edono la .attina *alle**iare s)l .are, c-e si prendono per terra fer.a e c-e s(aporano, (olati88ano, s(aniscono a .is)ra c-e )no si a((icina. Veder(i (icino a .e per il pi@ l)n*o te.po possibile, ascoltare la (ostra (oce elo6)ente, ornare il .io spirito, rite.prare l ani.a .ia, rendere t)tto .e stesso capace di *randi e terribili cose, se .ai )n *iorno sar3 libero, dar.i ai)to cos2 bene c-e la dispera8ione alla 6)ale ero s)l p)nto di abbandonar.i 6)ando (i conobbi, non ritro(a pi@ posto4 ecco t)tta la .ia fort)na> 6)esta non 1 c-i.erica, io la debbo real.ente a (oi, e t)tti i so(rani della terra, fossero essi anc-e tanti Cesari Bor*ia, non ri)scirebbero a to*lier.ela.: Cos2 i *iorni se*)enti, se non f)rono *iorni felici per i d)e pri*ionieri, passarono per3 .olto in fretta. +aria c-e a(e(a c)stodito il se*reto del s)o tesoro per tanto te.po, ora ne parla(a a o*ni circostan8a. Co.e a(e(a pre(isto, rest3 parali88ato dal lato destro ed e*li stesso perse o*ni speran8a di potersene ser(ire. Ma pensa(a se.pre al s)o co.pa*no, ad )na libera8ione o ad )na e(asione, e ne *ode(a per l)i. Per ti.ore c-e la lettera potesse )n *iorno perdersi o cancellarsi a(e(a obbli*ato ;ant1s ad i.pararla a .e.oria, e ;ant1s la sape(a dalla pri.a all )lti.a parola. !llora distr)sse la seconda parte, certo c-e pote(a essere ritro(ata la pri .a, sen8a c-e ne fosse indo(inato il (ero senso. D)alc-e (olta passa(a delle ore intere nel dare istr)8ioni a ;ant1s, istr)8ioni c-e do(e(ano ser(ir*li nei *iorni della s)a libert7. Una (olta libero, dal *iorno, dall ora, dal .o.ento in c)i sarebbe stato libero, non do(e(a pi@ a(ere c-e )n solo ed )nico pensiero, 6)ello di arri(are a Montecristo in 6)al)n6)e .odo, restar(i solo con )n pretesto c-e non desse sospetto, e )na (olta l7, )na (olta solo, cercare di ritro(are le *rotte .era(i*liose, sca(are nel l)o*o indicato, nell interno della seconda *rotta. !spettando in tal .odo, le ore passa(ano, se non rapide, al.eno sopportabili. +aria, co.e dice..o, sen8a a(er rec)perato l )so della .ano e del piede, a(e(a rec)perata t)tta la c-iare88a della s)a intelli*en8a e a(e(a inse*nato al s)o *io(ane co.pa*no )n poco alla (olta, oltre le co*ni8ioni .orali, di c)i si disse in detta*lio, 6)ell arte sapiente e s)bli.e del pri*ioniero c-e dal niente sa trarre 6)alsiasi cosa. +aria per ti.ore di (edersi in(ecc-iare, ;ant1s per il ti.ore di ricordarsi il s)o passato 6)asi estinto, e c-e non era presente pi@ nel fondo della s)a .e.oria, co.e perd)to nella notte> t)tto ca..ina(a co.e in 6)elle esisten8e do(e l infelicit7 non -a n)lla sco.posto, e c-e passano .acc-inal.ente e con cal.a sotto l occ-io della Pro((iden8a. Ma sotto 6)esta cal.a s)perficiale esiste(ano nel c)ore del *io(ane, e fors anc-e del (ecc-io, .olti slanci tratten)ti, .olti sospiri soffocati, c-e +aria face(a 6)ando era solo, Ed.ondo 6)ando rientra(a nel s)o carcere. Una notte Ed.ondo si s(e*li3, co.e scosso, credendo di a(er )dito c-ia.are4 apr2 *li occ-i e tent3 di s6)arciare la spessa osc)rit7. Il s)o no.e, o pi)ttosto )na (oce la.entosa c-e tenta(a di articolare il s)o no.e, *i)nse fino a l)i. "i al83 s)l

letto, il s)dore dell an*oscia *li batte(a la fronte, ed ascolt3. 0on c era alc)n d)bbio> il la.ento (eni(a dalla cella del s)o co.pa*no. :#ran ;io: escla.3 ;ant1s, :sarebbe forse...: "post3 il s)o letto, le(3 la pietra, si lanci3 nella (ia sotterranea, *i)nse all opposta estre.it7, la pietra era al8ata. !lla l)ce incerta e (acillante di 6)ella la.pada di c)i abbia.o altre (olte parlato, Ed.ondo (ide il (ecc-io, c-e pallido e ancor ritto, si a**rappa(a al le*no del letto. I s)oi linea.enti erano scon(olti da 6)e*li orribili sinto.i c-e *i7 conosce(a, e c-e tanto lo spa(entarono la pri.a (olta. :Ebbene, a.ico .io: disse +aria rasse*nato, :co.prendete (oi< Io non -o pi@ biso*no d inse*nar(i altro.: Ed.ondo *ett3 )n *rido doloroso, e del t)tto s.arrito si lanci3 (erso la porta *ridando> :"occorso, soccorso?: +aria ebbe ancora la for8a di fer.arlo per )n braccio. :"ilen8io: disse, :o siete perd)to? 0on pensia.o pi@ c-e a (oi, caro a.ico, a rendere la (ostra pri*ionia sopportabile o la (ostra f)*a possibile. Vi abbiso*nerebbero .olti anni per rifare da solo t)tto ci3 c-e io -o fatto 6)i, e c-e sarebbe distr)tto s)ll istante se i nostri sor(e*lianti sapessero della nostra a.ici8ia. ; altronde state tran6)illo, a.ico .io, il carcere c-e abbandono non rester7 l)n*a.ente ()oto> )n altro dis*ra8iato (err7 a prendere il .io posto. ! 6)est altro (oi co.parirete co.e )n an*elo sal(atore. D)est altro sar7 forse *io(ane, forte, pa8iente co.e (oi. D)est altro potr7 ai)tar(i nella (ostra f)*a, .entre io non ero or.ai altro c-e )n i.paccio. 0on a(rete pi@ )n .e88o cada(ere d ostacolo ai (ostri .o(i.enti. ;ecisa.ente ;io fa final.ente 6)alc-e cosa per (ostro bene> (i d7 pi@ di ci3 c-e (i to*lie, ed 1 ben *i)sto ora c- io .)oia.: Ed.ondo non pot5 far altro c-e )nire le .ani ed escla.are> :O-, a.ico .io, a.ico .io, tacete.: D)indi riprendendo la s)a for8a, )n istante perd)ta dal colpo i.pre(isto, e il s)o cora**io pie*ato dalle parole del (ecc-io> :O-: disse, :(i -o sal(ato )na (olta, (i sal(er3 la seconda.: E solle(ando il piede del letto ne ca(3 la boccettina in c)i c era ancora )n ter8o del li6)ore rosso. :Ecco: disse, :di 6)esta be(anda sal)tare (e ne resta ancora. Presto, presto, dite.i ci3 c-e de(o fare. D)esta (olta (i sono n)o(e istr)8ioni da a**i)n*ere< Parlate, a.ico .io, (i ascolto.: :0on c 1 alc)na speran8a: rispose +aria, sc)otendo la testa, :.a non i.porta. ;io ()ole c-e l )o.o da l)i creato e nel c)ore del 6)ale -a profonda.ente scolpito l a.ore della (ita, faccia t)tto ci3 c-e p)3 per conser(are 6)esta esisten8a, spesse (olte penosa, .a se.pre cara.: :O-, s2, s2: rispose ;ant1s, :(i sal(er3, (e lo dico io.: :Ebbene, d)n6)e, tentate, il freddo .i prende, sento il san*)e affl)ire al cer(ello4 6)est orribile tre.ito c-e fa battere i denti e se.bra dis*i)n*ere le ossa, co.incia ad in(adere il .io corpo. /ra cin6)e .in)ti la crisi scoppier7, fra )n 6)arto d ora non (i sar7 altro di .e c-e )n cada(ere.: :!-?: escla.3 ;ant1s, col c)ore lacerato dal dolore. :Voi farete co.e l altra (olta, soltanto non aspetterete cos2 l)n*o te.po. ! 6)est ora t)tte le .olle della .ia (ita sono cons)nte, e la .orte non a(r7 pi@...: .ostrando il braccio e la *a.ba parali88ata, :...non a(r7 pi@ c-e la

.et7 del s)o la(oro da fare. "e, dopo a(er.i (ersato dodici *occe in bocca, in(ece di dieci, (oi (edete c-e io non rin(en*o, allora (erserete il ri.anente. +rattanto portate.i s)l letto perc-5 non posso pi@ tener.i in piedi.: Ed.ondo prese il (ecc-io nelle s)e braccia e lo stese s)l letto. :Ora, a.ico: disse +aria, :sola consola8ione della .ia .isera (ita, (oi, c-e il cielo .i dette )n po tardi, .a p)re .i dette 6)al dono inappre88abile di c)i lo rin*ra8io, nell istante in c)i sono per separar.i per se.pre da (oi, (i a)*)ro t)tti i beni, t)tte le felicit7 c-e .eritate. +i*lio .io, (i benedico?: ;ant1s si *ett3 in *inocc-io, appo**iando la testa sopra il letto del (ecc-io. :Ma pri.a di o*ni altra cosa, ascoltate bene ci3 c-e (i dico in 6)esto istante s)pre.o> il tesoro di "pada esiste, ;io per.ette c-e non (i sia pi@ per .e n5 distan8a n5 ostacolo. Io lo (edo nel fondo della seconda *rotta, i .iei occ-i penetrano la profondit7 della terra e restano abba*liati da tante ricc-e88e... "e (oi *i)n*ete a f)**ire, ricordate(i c-e il po(ero +aria da t)tti cred)to pa88o, non lo era. Correte a Montecristo, approfittate della fort)na, approfittatene, (oi, c-e a(ete sofferto abbastan8a...: Una scossa (iolenta interr)ppe il (ecc-io, ;ant1s rial83 la testa e (ide c-e i s)oi occ-i s inietta(ano di rosso, co.e se )n onda di san*)e fosse salita dal petto alla fronte. :!ddio, addio?: .or.or3 il (ecc-io, strin*endo con()lsa.ente la .ano al *io(ane, :addio?...: :O-, non ancora, non ancora: escla.3 6)esti. :0on .i abbandonate. O-, .io ;io? "occorretelo... ai)to... ai)to?...: :"ilen8io, silen8io?: .or.or3 il .oribondo, :c-e non ci separino, se (olete sal(ar.i.: :!(ete ra*ione. O-, s2, state tran6)illo, (i sal(er3... D)ant)n6)e soffriate .olto, se.brate soffrir .eno della pri.a (olta...: :O-, disin*annate(i, io soffro .eno perc-5 -o .inor for8a. !lla (ostra et7 si -a fede nella (ita, 1 il pri(ile*io della *io(ent@ di credere e sperare4 .a la (ecc-iaia (ede pi@ c-iara.ente la .orte. O-? eccola... (iene... t)tto 1 finito... la .ia (ista si perde... la .ia ra*ione s(anisce... la (ostra .ano ;ant1s... addio?...: E ri)nendo t)tte le s)e for8e e le s)e facolt7 fece )n )lti.o sfor8o per rial8arsi dicendo> :Montecristo... non di.enticate Montecristo...: E ricadde s)l letto. La crisi f) terribile> .e.bra contorte, p)pille *onfiate, sc-i).a san*)inolenta, )n corpo sen8a .o(i.ento, ecco ci3 c-e rest3 s) 6)el letto di dolore, nel posto do(e )n .o.ento pri.a era stato disteso )n essere intelli*ente. ;ant1s prese la la.pada, la pos3 al cape88ale del letto sopra )na pietra spor*ente, da do(e la s)a l)ce tre.ante risc-iara(a con )no strano e fantastic o riflesso 6)esto (iso sco.posto e 6)esto corpo inerte e ri*ido. L7 co*li occ-i fissi, aspett3 intrepida.ente l istante per a..inistrare il sal)tare ri.edio. D)ando credette *i)nto il .o.ento, prese il coltello, disserr3 i denti c-e offri(ano .eno resisten8a della pri.a (olta, cont3 )na dopo l altra le dodici *occe, e aspett3. La boccettina contene(a ancora il doppio circa di ci3 c-e a(e(a (ersato. !spett3 dieci .in)ti, )n 6)arto d ora, )na .e88 ora, niente. /re.ante, coi capelli irti, la fronte *-iacciata di s)dore, conta(a i secondi coi battiti del c)ore.

!llora pens3 c-e era te.po di tentare l )lti.a pro(a> a((icin3 la boccettina alle labbra paona88e di +aria, e sen8a a(er biso*no di scostare le .ascelle, ri.aste aperte, (ers3 il ri.anente del li6)ore c-e contene(a. Il ri.edio prod)sse )n effetto *al(anico, )n (iolento tre.ore scosse le .e.bra del (ecc-io, i s)oi occ-i si riaprirono, spa(entosi a (edersi, *ett3 )n sospiro c-e se.br3 )n *rido, 6)indi 6)esto corpo tre.ante si cal.3 a poco a poco sino all i..obilit74 i soli occ-i ri.asero aperti. Una .e88 ora )n ora, )n ora e .e88a passarono ;)rante 6)est ora e .e88a d an*oscia, Ed.ondo c)r(o s)ll a.ico, con la .ano s)l s)o petto sent2 s)ccessi(a.ente 6)esto corpo raffreddarsi, e 6)esto c)ore spe*nere il s)o battito se.pre pi@ sordo e profondo. +inal.ente sopra**i)nse l )lti.o fre.ito del c)ore, la faccia di(enne li(ida, *li occ-i ri.asero aperti, lo s*)ardo si fece (itreo. Erano le sei del .attino, il *iorno co.incia(a a sor*ere, il s)o ra**io .alinconico entra(a nella cella e face(a i.pallidire la l)ce della la.pada (icina a spe*nersi. Riflessi strani passa(ano s)l (iso del cada(ere dando*li di te.po in te.po apparen8e di (ita. +ino a c-e d)r3 6)esta lotta, tra il *iorno e la notte, ;ant1s pot5 ancora d)bitare, .a da c-e il *iorno (inse, f) certo d essere in co.pa*nia di )n cada(ere. !llora )n terrore profondo ed in(incibile s i.padron2 di l)i> non os3 pi@ strin*ere 6)ella .ano c-e pende(a f)ori dal letto, non os3 pi@ fissare i s)oi occ-i s) 6)elli i..obili e b ianc-i, c-e tent3 in)til.ente pi@ (olte di c-i)dere, e c-e se.pre si riapri(ano. "pense la la.pada, la nascose con o*ni c)ra, f)**2, ri.ettendo alla .e*lio la pietra al di sopra della s)a testa. Era *i7 te.po, il carceriere pote(a star poco a (enire. D)esta (olta il carceriere co.inci3 la s)a (isita da ;ant1s> )scendo da 6)esta cella, e*li passa(a in 6)ella di +aria al 6)ale porta(a la cola8ione e la bianc-eria. 0iente face(a capire in 6)est )o.o, c-e fosse a conoscen8a dell accad)to. D)ando l)i )sc2, ;ant1s f) preso da )n indicibile i.pa8ien8a di sapere ci3 c-e sarebbe accad)to nella cella del s)o dis*ra8iato a.ico> rientr3 d)n6)e nel passa**io sotterraneo, e *i)nse in te.po per sentire le escla.a8ioni del carceriere c-e c-ia.a(a ai)to. Ben presto entrarono altri carcerieri, poi s intese 6)el passo pesante e re*olare, co.)ne ai soldati anc-e 6)ando sono f)ori del loro ser(i8io. ;ietro i soldati, *i)nse il #o(ernatore. Ed.ondo sent2 il r).ore del letto s)l 6)ale (eni(a s.osso il cada(ere intese la (oce del #o (ernatore c-e ordina(a di *ettar*li ac6)a s)l (iso, e c-e poi, (isto in)tile o*ni tentati(o, .anda(a a c-ia.are il .edico, d )r*en8a. Il #o(ernatore )sc2, e *i)nsero alle orecc-ie di ;ant1s alc)ne parole di co.passione, .iste a risa e face8ie dei carcerieri. :!ndia.o, andia.o: dice(a )no di 6)esti, :il pa88o 1 andato a ra**i)n*ere i s)oi tesori> b)on (ia**io.: :0on a(r7, con t)tti i s)oi .ilioni, di c-e pa*are la s)a coperta da .orto: dice(a l altro. :O-: face(a eco )n ter8o, :le coperte dei .orti del Castello d If non costano .olto.:

:P)3 essere c-e, essendo )na persona e.inente nella scien8a, *li (orranno )sare 6)alc-e ri*)ardo.: :!llora a(r7 l onore del sacco.: Ed.ondo ascolta(a, non perde(a )na parola, .a non capi(a bene il si*nificato delle loro frasi. Ben presto le (oci cessarono e *li se.br3 c-e i carcerieri lasciassero la stan8a. Ciononostante, e*li non os3 entrar(i, pote(ano a(er lasciato 6)alc-e carceriere a *)ardare il .orto. ;opo )n ora circa, il silen8io si ani.3 debol.ente, 6)indi and3 crescendo il r).ore. Era il #o(ernatore c-e torna(a se*)ito da )n .edico e da di(ersi )fficiali. "i rinno(3 per )n .o.ento il silen8io> era e(idente c-e il .edico si accosta(a al letto ed esa.ina(a il cada(ere. Ben presto il dialo*o rico.inci3> il .edico anali883 il .ale di c)i era stato (itti.a il pri*ioniero, e dic-iar3 c-e era .orto. ;o.ande e risposte si face(ano con )na nonc)ran8a c-e indi*n3 ;ant1s. #li se.bra(a c-e t)tti a(rebbero do()to sentire per il po(ero +aria )na parte dell affetto c-e *li porta(a. :"ono dispiaci)to per ci3 c-e .i ann)n8iate: disse il #o(ernatore, alla certe88a dal .edico c-e il (ecc-io fosse real.ente .orto4 :era )n pri*ioniero docile, inoffensi(o, di(ertente con la s)a follia, e sopratt)tto facile a sor(e*liarsi.: :O-: riprese il carceriere, :si sarebbe pot)ta rispar.iare 6)al)n6)e sor(e*lian8a. #arantisco c-e sarebbe pot)to restar 6)i cin6)ant anni, sen8a pro(are il pi@ piccolo tentati(o di e(asione.: :+rattanto: riprese il #o(ernatore, :non c-e io d)biti della (ostra scien8a, .a 1 necessario, per la .ia responsabilit7, assic)rarci c-e il pri*ioniero sia real.ente .orto.: "i fece )n n)o(o silen8io, e ;ant1s se.pre in ascolto s)ppose c-e il .edico esa.inasse e palpasse )na seconda (olta il cada(ere. :Potete restare tran6)illo: disse il .edico, :1 effetti(a.ente .orto, ed io ne prendo la responsabilit7.: :Voi sapete, si*nore: riprese il #o(ernatore insistendo, :c-e noi non ci contentia.o, in casi si.ili a 6)esto, di )n se.plice esa.e. Perci3 .al*rado le apparen8e (i pre*o di ade.piere a t)tte le for.alit7 di le**e.: :C-e si faccia arro(entare )n ferro: disse il .edico, :.a in (erit7, 6)esta 1 )na preca)8ione in)tile.: D)est ordine di arro(entare )n ferro fece fre.ere ;ant1s. " intesero dei passi frettolosi, il ci*olio della porta, l andare e (enire interno, e dopo poc-i istanti )n carceriere rientr3 dicendo> :Ecco )n braciere con )n ferro.: "i rinno(3 il silen8io per )n .o.ento, poi s intese il fri88io delle carni c-e br)cia(ano e il c)i odore na)seabondo penetr3 perfino dietro il nascondi*lio di ;ant1s c-e lo sent2 con orrore. ! 6)est odore di carne carboni88ata, il s)dore scat)r2 dalla fronte del *io(ane c-e per )n istante credette di s(enire. :Voi (edete: disse il .edico, :c-e 1 (era.ente .orto. D)esta br)ciat)ra al tallone 1 decisi(a, il po(ero pa88o 1 *)arito dalla s)a follia e liberato dalla s)a pri*ionia.: :0on si c-ia.a(a +aria<: do.and3 )no de*li )fficiali c-e acco.pa*na(ano il #o(ernatore. :"2: rispose 6)esti, :e pretende(a c-e 6)esto fosse )n no.e antico. Per3 era .olto dotto e .olto ra*ione(ole

s) t)tti i p)nti c-e non a(e(ano rela8ione con il s)o tesoro, .a s) 6)esto, biso*na con(enire, era intrattabile.: :E l affe8ione c-e noi c-ia.ia.o .ono.ania: disse il .edico. :0on a(ete .ai a()to di c-e la.entar(i di l)i<: do.and3 il #o(ernatore a 6)el carceriere incaricato di portar*li il n)tri.ento. :Mai, si*nor #o(ernatore: rispose il carceriere, :.ai, assol)ta.ente. ! (olte an8i .i di(erti(a .olto raccontando.i delle storie, e )n *iorno c-e .ia .o*lie era .alata .i scrisse )na ricetta c-e la *)ar2.: :!-, a-: fece il .edico, :i*nora(o di a(er a c-e fare con )n colle*a. "pero, si*nor #o(ernatore: a**i)nse ridendo, :c-e ri*)ardo a 6)esto, lo tratterete con considera8ione.: :"2, s2, state tran6)illo, sar7 decente.ente sepolto nel sacco pi@ n)o(o c-e si potr7 tro(are> siete contento<: :;obbia.o ade.piere a 6)est )lti.a for.alit7 alla (ostra presen8a, si*nor #o(ernatore<: do.and3 )n carceriere. :"en8a d)bbio, .a sbri*ate(i4 non posso restare in 6)esta stan8a t)tta la *iornata.: "i fece intendere )n n)o(o andare e (enire> )n istante dopo il r).ore di )na tela *i)nse alle orecc-ie di ;ant1s> il letto s inc)r(3 s)lle tra(erse, )n passo co.e di c-i porta )n peso *ra(it3 s)lla pietra sotto c)i sta(a ;ant1s, 6)indi il letto torn3 a pie*arsi sotto il peso. :! 6)esta sera: disse il #o(ernatore. :La .essa (i sar7<: do.and3 )n )fficiale. :I.possibile: disse il #o(ernatore. :Il cappellano del Castello (enne ieri a c-ieder.i )n per.esso di otto *iorni per fare )n piccolo (ia**io a /-iers. #li -o *arantiti i .ie i pri*ionieri d)rante l assen8a4 il po(ero +aria non do(e(a a(er tanta fretta se (ole(a il s)o re6)ie..: Intanto si co.pi(a l opera8ione per la sepolt)ra. :! 6)esta sera: disse il #o(ernatore, 6)ando f) finita. :! c-e ora<: do.and3 il carceriere. :+ra le dieci e le )ndici.: :"i de(e (e*liare il .orto<: :E perc-5< "i c-i)da la cella, co.e se fosse (i(o, e nient altro.: !llora i passi si allontanarono, le (oci *radata.ente cessarono, si fece sentire il ci*olio dei cardini della porta c-e si c-i)de(a e lo stridere della serrat)ra. Un silen8io pi@ tetro di 6)ello della solit)dine, il silen8io della .orte, si sparse dappert)tto, perfino nell ani.a a**-iacciata del *io(ane. !llora solle(3 lenta.ente la pietra s)lla s)a testa, e *ett3 )no s*)ardo in(esti*atore nella stan8a> la stan8a era ()ota. ;ant1s )sc2 dal s)o nascondi*lio. Capitolo $E. IL CIMI/ERO ;EL C!"/ELLO ; I+. ")l letto, steso in t)tta la s)a l)n*-e88a e debol.ente risc-iarato da )n *iorno nebbioso c-e penetra(a attra(erso la finestra, si (ede(a )n sacco di tela *rossissi.a sotto le c)i lar*-e pie*-e si distin*)e(a conf)sa.ente )na for.a l)n*a e irri*idita> 6)esto era l in(olto f)nebre di +aria 6)ell in(olto c-e costa(a cos2 poco al dire de*li stessi carcerieri. Cos2 t)tto era finito. Una .ateriale separa8ione esiste(a di *i7 fra ;ant1s e il (ecc-io a.ico> e*li non pote(a

(edere pi@ i s)oi occ-i ri.asti aperti per *)ardare al di l7 della .orte4 non pote(a pi@ strin*ere 6)ella .ano ind)striosa c-e a(e(a solle(ato il (elo c-e copri(a tante cose nascoste. +aria, l )tile, il b)on co.pa*no al 6)ale si era )nito con tanto interesse, non esiste(a pi@ c-e nella s)a .e.oria? !llora si sedette ai piedi di 6)el letto terribile e s i..erse in )na c)pa ed a.ara .elanconia. "olo, era ri.asto solo? Era ricad)to nel silen8io, si ritro(a(a in faccia al niente? "olo, non pi@ la (ista, non pi@ la (oce dell )nico essere ).ano c-e ancora lo tene(a attaccato alla terra? 0on era .e*lio .orire, anc-e col risc-io di passare per la l)*)bre porta dei pati.enti< L idea di )n s)icidio, scacciata dal s)o a.ico, allontanata dalla s)a presen8a, ritorna(a allora a dri88arsi co.e )n fantas.a (icino al letto di +aria. :"e potessi .orire: disse, :andrei do(e 1 andato l)i. Ma co.e si fa a .orire< = ben facile: riprese ridendo. :Resto 6)i, .i *etto s)l pri.o c-e entra, lo stran*olo e sar3 *-i*liottinato.: Ma sicco.e accade c-e tanto nei *randi dolori, 6)anto nelle *randi te.peste l abisso si tro(a fra le d)e so..it7 dei fl)tti, cos2 ;ant1s indietre**i3 all idea di 6)esta .orte infa.ante e precipitosa.ente discese da 6)esta dispera8ione ad )na sete ardente di (ita e di libert7. :Morire? O-, no?: escla.3. :0on (ale la pena di a(er (iss)to tanto, di a(er tanto sofferto, per .orire cos2. Morire era bene, 6)ando a(e(o preso la risol)8ione l altra (olta, tanti anni fa, .a ora sarebbe (era.ente troppo. 0o, io (o*lio (i(ere, (o*lio lottare fino all )lti.o, (o*lio ricon6)istare 6)ella felicit7 c-e .i f) tolta. Pri.a di .orire, di.entica(o c-e -o i .iei carnefici da p)nire e forse anc-e 6)alc-e a.ico da rico.pensare. Ora sar3 di.enticato 6)i, e non )scir3 dal .io carcere c-e nello stesso .odo di +aria.: ! 6)esta parola Ed.ondo rest3 i..obile, co*li occ-i fissi, co.e col)i c-e (iene colpito da )na repentina idea, da )n idea c-e spa(enta. ; )n tratto si al83, port3 la .ano alla fronte co.e a(esse le (erti*ini, fece d)e o tre *iri intorno alla stan8a, e torn3 a fer.arsi da(anti al letto. :O-, o-, c-i . in(ia 6)esto pensiero< "ei t), o .io ;io< Poic-5 i soli .orti escono libera.ente da 6)i, prendia.o il posto dei .orti.: E sen8a aspettare il te.po di pentirsi di 6)esta decisione, sen8a pensarci oltre per ti.ore di distr)**ere 6)esta disperata risol)8ione, si c-in3 sopra il .acabro sacco, l apr2 col coltello fatto da +aria, le(3 il cada(ere dal sacco, lo trascin3 nella propria cella, lo depose s)l s)o letto, *li pose in capo 6)el pe88o di tela di c)i )sa(a coprirsi, baci3 )n )lti.a (olta 6)ella fronte a**-iacciata, pro(3 n)o(a.ente a c-i)dere 6)e*li occ-i ribelli c-e contin)a(ano a ri.anere aperti, (olt3 la testa dalla parte del .)ro, affinc-5 il carceriere, portando il cibo della sera, potesse credere c-e dor.isse, cosa c-e non di rado accade(a, rientr3 nel sotterraneo, tir3 a s5 il letto contro la .)ra*lia, *i)nse nell altra stan8a, prese dal nascondi*lio l a*o e il filo, si le(3 i s)oi cenci affinc-5 sotto la tela sentissero le carni n)de, si adatt3 dentro al sacco, si pose nella stessa sit)a8ione in c)i era il cada(ere, e ric-i)se il sacco con )na c)cit)ra per di dentro. "i sarebbe pot)to sentire il battito del s)o c)ore, se per dis*ra8ia in 6)el .o.ento fosse entrato 6)alc)no.

;ant1s a(rebbe pot)to aspettare la (isita della sera, .a e*li te.e(a c-e il #o(ernatore a(esse pot)to ca.biare decisione, e c-e a(essero trasportato il cada(ere 6)alc-e te.po pri.a. !llora la s)a )lti.a speran8a si sarebbe perd)ta. Il s)o piano era stabilito, ecco ci3 c-e e*li conta(a di fare> "e d)rante il tra*itto i becc-ini si fossero accorti di portare )n (i(o in(ece di )n .orto. ;ant1s non a(rebbe lasciato loro il te.po di (erificarlo> con )n (i*oroso colpo di coltello a(rebbe aperto il sacco, approfittando del loro terrore, e sarebbe f)**ito. "e a(essero (ol)to fer.arlo si sarebbe batt)to col coltello. "e lo a(essero condotto al ci.itero e depositato in )na fossa, si sarebbe lasciato coprire di terra4 6)indi essendo notte, appena i becc-ini a(essero (oltato le spalle, si sarebbe aperto )n passa**io attra(erso la terra .olle e sarebbe f)**ito. E*li spera(a c-e il peso della terra non sarebbe stato tanto *rande da non poterlo solle(are. "e poi s in*anna(a, se al contrario il peso della terra fosse stato cos2 forte da .orirne soffocato, tanto .e*lio> t)tto sarebbe finito? ;ant1s non a(e(a .an*iato dal *iorno innan8i. Ma nella .attinata non a(e(a pensato alla fa.e, e non (i pensa(a nepp)re allora. La s)a posi8ione era troppo precaria per lasciar*li l a*io di fer.are il s)o pensiero s) altre idee. Il pri.o pericolo c-e corre(a ;ant1s, era c-e il carceriere, portando il (itto delle sette, si fosse accorto della sostit)8ione. +ort)nata.ente, pi@ di (enti (olte, tanto per .isantropia c-e per stanc-e88a, ;ant1s a(e(a rice()to il carceriere addor.entato e in 6)esti casi, d ordinario, 6)est )o.o depone(a il pane e la .inestra s)lla ta(ola e parti(a sen8a dir parola. Ma 6)esta (olta il carceriere pote(a dero*are dalle s)e abit)dini di .)tis.o, interro*are ;ant1s, e (edendo c-e non *li risponde(a, a((icinarsi al letto e scoprir t)tto. !llorc-5 si a((icinarono le sette, co.inciarono le (ere an*osce di ;ant1s. "i sfor8a(a di co.pri.ere colla .ano il petto per .oderare i palpiti del c)ore, .entre coll altra si asci)*a(a il s)dore c-e scorre(a l)n*o le te.pie, dei bri(idi a*ita(ano t)tto il corpo, e di tratto in tratto *li strin*e(ano il c)ore, co.e )na .orsa *-iacciata. !llora crede(a di .orire. Le ore passarono sen8a alc)n .o(i.ento nel Castello e ;ant1s si pers)ase c-e a(e(a e(itato il pri.o pericolo. Ci3 era di b)on a)*)rio. +inal.ente, (erso l ora stabilita dal #o(ernatore, co.inciarono a sentirsi dei passi s) per la scala. Ed.ondo cap2 c-e era *i)nto il .o .ento. "i ar.3 di t)tto il s)o cora**io, trattenne il respiro, e sarebbe stato piena.ente contento se a(esse pot)to trattenere )*)al.ente le p)lsa8ioni delle arterie. Ud2 )n r).ore alla porta, il passo era doppio. ;ant1s sospett3 c-e fossero i d)e becc-ini c-e (eni(ano a prenderlo. D)esto sospetto si ca.bi3 in certe88a 6)ando intese il r).ore c-e fecero nel deporre il cataletto. La porta s apr2, )na l)ce *i)nse fino a*li occ-i di ;ant1s. !ttra(erso la tela c-e lo copri(a, (ide d)e o.bre c-e si a((icina(ano al letto. Una ter8a resta(a alla porta, tenendo in .ano )n lanternone. I d)e )o.ini c-e si erano accostati al letto afferrarono il sacco alle d)e estre.it7.

:Perbacco, per essere )n (ecc-io .a*ro, 1 ben pesante?: disse 6)ello c-e lo solle(a(a dalla testa. :"i dice c-e o*ni anno le ossa di(entino pi@ pesanti di .e88a libra...: disse l altro, c-e lo prende(a per i piedi. :Fai fatto bene il nodo<: do.and3 il pri.o. :"arebbe da bestia il caricarci di )n peso in)tile: rispose il secondo, :lo far3 6)ando sia.o *i@.: :Fai ra*ione4 andia.o, d)n6)e.: :Perc-5 6)esto nodo<: si do.and3 ;ant1s. Il preteso .orto f) trasportato dal letto alla bara. Ed.ondo s irri*idi(a per .e*lio rappresentare la parte di def)nto. +) posto s)l cataletto, e l esi*)o corteo, risc-iarato dall )o.o c-e porta(a il lanternone, e c-e ca..ina(a a(anti, .ont3 la scala. ; )n tratto a((erti l aria fresca ed aperta della notte. ;ant1s riconobbe il .aestrale. D)esta sensa8ione cos2 istantanea f) per l)i di deli8ia ad )n te.po e d an*oscia. I portatori fecero )na (entina di passi, poi si fer.arono e deposero al s)olo la bara. Uno dei portatori si allontan3, e ;ant1s intese *li sti(ali s)lle pietre. :;o(e sono adesso<: si c-iese ;ant1s. :"ai c-e non 1 le**ero affatto<: disse 6)ello c-e era (icino a ;ant1s sedendosi s)ll orlo del cataletto. Il pri.o i.p)lso di ;ant1s f) 6)ello di disfarsi di l)i4 fort)nata.ente si trattenne. :+a..i l).e, ani.ale: disse 6)ello dei portatori c-e si era allontanato, :o non tro(er3 ci3 c-e cerco.: L )o.o col lanternone obbed2, 6)ant)n6)e l in*i)n8ione fosse stata fatta poco con(eniente.ente. :E c-e cosa cerca<: si do.and3 n)o(a.ente ;ant1s. :Una pala sen8a d)bbio.: Un escla.a8ione di soddisfa8ione indic3 c-e il becc-ino a(e(a tro(ato ci3 c-e cerca(a. :+inal.ente?: disse l altro. :Ce n 1 (ol)to...: :"2: rispose il pri.o, :.a non a(r7 perd)to niente ad aspettare.: ! 6)este parole si a((icin3 ad Ed.ondo, c-e sent2 deporre (icino a l)i )n corpo pesante e sonoro> nel .edesi.o istante )na corda circond3 s)oi piedi con )na (i(a e dolorosa co.pressione. :Ebbene, 1 fatto il nodo<: do.and3 6)el becc-ino ri.asto inatti(o. :Ed 1 fatto bene: disse l altro, :ne *arantisco.: :In 6)esto caso, a(anti.: E solle(ato il cataletto, si ri.isero in ca..ino. +ecero )na cin6)antina di passi circa, poi si fer.arono per aprire )na porta, 6)indi ripresero il .oto> il r).ore delle onde c-e s infran*e(ano contro la roccia s)lla 6)ale era fabbricato il Castello *i)n*e(a se.pre pi@ distinta.ente all orecc-io di ;ant1s a .is)ra c-e a(an8a(ano. :Catti(o te.po?: disse )no dei becc-ini, :0on 1 )na bella cosa tro(arsi in .are con 6)esta nottata.: :"2: disse l altro, :il sapiente corre *ran pericolo di ba*narsi.: Ed entra.bi scoppiarono in )na risata. ;ant1s non co.prese bene la for8a dello sc-er8o, ciononostante *li si dri88arono i capelli s)lla testa. :Va bene, eccoci arri(ati...: riprese il pri.o. :Pi@ a(anti, pi@ a(anti: disse l altro, :t) sai bene c-e l )lti.o ri.ase infranto sopra )no sco*lio, e c-e il #o(ernatore ci disse l indo.ani c-e non era(a.o b)oni a niente.: +)rono fatti ancora cin6)e o sei passi se.pre salendo, 6)indi ;ant1s sent2 c-e (eni(a preso per la testa e per i piedi, e c-e t)tto il s)o corpo (eni(a fatto dondolare. :Uno: dissero i becc-ini, :d)e, e tre?...:

E nello stesso te.po si sent2 slanciato in )n enor.e ()oto, tra(ersando lo spa8io co.e )n )ccello ferito, e cadendo, se.pre con )no spa(ento c-e *li a**-iaccia(a il c)ore. D)ant)n6)e tirato in basso da 6)alc-e cosa di pesante c-e precipita(a ancora pi@ il s)o rapido (olo, *li se.br3 c-e 6)esta cad)ta d)rasse )n secolo. +inal.ente con )n tonfo spa(entoso, entr3 co.e )n dardo in )n ac6)a *elida, c-e *li fece *ettare )n *rido, soffocato nel .edesi.o istante dell i..ersione. ;ant1s era stato lanciato in .are e (eni(a affondato da )na *rossa pietra attaccata ai piedi. Il .are 1 il ci.itero del Castello d If. Capitolo $1. L I"OL! ;I /IBOULE0. ;ant1s, stordito, 6)asi soffocato, ebbe la presen8a di spirito di trattenere il respiro, e sicco.e a(e(a la .ano dritta ar.ata di coltello, pronta a 6)al)n6)e e(ento, co.e si disse, cos2 s(entr3 rapida.ente il sacco, ca(3 il braccio, 6)indi la testa. Ma allora, .al*rado t)tti *li sfor8i per solle(are la pietra, contin)3 a sentirsi tirare in basso, si c)r(3, cerc3 la corda c-e le*a(a le s)e *a.be, e con )no sfor8o s)pre.o la tronc3 precisa.ente nell istante c-e sta(a per soffocare. !llora, dando )n (i*oroso colpo di piede, ri.ont3 libero alla s)perficie dell ac6)a, .entre la pietra trascina(a nel pi@ profondo del .are 6)el *rossolano tess)to c-e per poco non era di(en)to il s)o s)dario sepolcrale. ;ant1s non prese c-e il te.po per respirare, e s i..erse )na seconda (olta, perc-5 la pri.a preca)8ione c-e do(e(a prendere, era 6)ella di e(itare l atten8ione delle *)ardie. D)ando rico.par(e )na seconda (olta, era *i7 lontano )na cin6)antina di passi dal l)o*o della s)a cad)ta> (ide al di sopra della s)a testa )n cielo nero e te.pestoso alla s)perficie del 6)ale il (ento face(a scorrere rapida.ente le n)(ole, scoprendo ad inter(alli 6)alc-e piccolo p)nto a88)rro, ill).inato da )na stella. ;a(anti a l)i si presenta(a la tetra e .)**ente pian)ra delle onde c-e co.incia(ano ad acca(allarsi co.e se*no di (icina te.pesta, .entre dietro, pi@ nero del .are, pi@ nero del cielo, si innal8a(a co.e )n fantas.a .inaccioso, il *i*ante di *ranito di c)i la tetra p)nta se.bra(a )n braccio steso per riafferrare la s)a preda. ")llo sco*lio pi@ alto (ide )n lanternone c-e risc-iara(a d)e o.bre. #li se.bra(a c-e 6)este d)e o.bre fossero c-inate s)l .are con in6)iet)dine, Infatti, 6)esti d)e strani becc-ini do(e(ano a(ere inteso il *rido c-e a(e(a e.esso nel tra(ersare lo spa8io. ;ant1s si i..erse di n)o(o e fece )n l)n*o tra*itto sott ac6)a. D)esta .ano(ra *li era fa.iliare, e nel .are del +aro *li attira(a d ordinario .olti a..iratori, c-e lo a(e(ano so(ente procla.ato il pi@ abile n)otatore di Marsi*lia. !llorc-5 ritorn3 alla s)perficie, il lanternone era sco.parso. Occorre(a ori88ontarsi. +ra le isole c-e circondano il Castello d If, le pi@ (icine sono Ratonnea) e Po.1*)e4 .a Ratonnea) e Po.1*)e sono abitate, co.e p)re la piccola isola di ;a).e. L isola pi@ sic)ra era d)n6)e 6)ella di /ibo)len o

6)ella di Le.aire. Le isole di /ibo)len e di Le.aire sono distanti )na le*a dal Castello d If. 0on per 6)esto ;ant1s si astenne dal (oler ra**i)n*ere )na di 6)este d)e. Ma co.e ritro(are 6)este isole in .e88o ad )na notte c-e s i.br)ni(a se.pre pi@ intorno a l)i< In 6)el .o.ento (ide brillare co.e )na stella il faro di Planier. ;iri*endosi in linea retta a 6)esto faro lascia(a l isola di /ibo)len )n poco a sinistra4 tenendosi d)n6)e (erso 6)ella parte do(e(a incontrare ca..in facendo 6)est isola. Ma, lo abbia.o detto, (i era )na le*a al.eno dal Castello d If all isola. +aria, nella s)a pri*ione, a(e(a spesse (olte ripet)to al *io(ane, (edendolo afflitto ed o8ioso> :;ant1s, non (i lasciate andare a 6)esta .olle88a, anne*-erete se tenterete di f)**ire e le (ostre for8e non saranno state esercitate...:. "otto l onda pesante ed a.ara, 6)este parole erano (en)te a ris)onare alle orecc-ie di ;ant1s4 si era affrettato allora a ri.ontare e a fendere le onde per (edere se effetti(a.ente a(e(a perd)to le for8e. "i accorse con *ioia c-e la s)a obbli*ata ina8ione n)lla a(e(a tolto al s)o (i*ore e alla s)a a*ilit7, e si con(inse c-e era ancor padrone di 6)ell ele.ento di c)i si era fatto *ioco fin dall infan8ia. ; altronde, la pa)ra, 6)esta rapida persec)trice, raddoppia(a il (i*ore di ;ant1s. E*li ascolta(a, sospeso s)lla ci.a dei fl)tti, se 6)alc-e r).ore *i)n*e(a al s)o orecc-io. O*ni (olta c-e s innal8a(a s)ll apice di )n onda, il s)o rapido s*)ardo percorre(a il (isibile ori88onte e tenta(a di fendere la spessa osc)rit7. O*ni onda pi@ alta delle altre *li pare(a )na barca c-e lo perse*)itasse4 e allora raddoppia(a i s)oi sfor8i, c-e lo allontana(ano, 1 (ero, .a do(e(ano ben presto esten)are le s)e for8e. Ciononostante n)ota(a, e *i7 il terribile castello si perde(a nel (apore nott)rno. 0on lo distin*)e(a pi@, .a lo senti(a se.pre. Pass3 )n ora nella 6)ale ;ant1s, esaltato dal senti.ento di libert7 c-e padrone**ia(a t)tta la s)a persona, contin)3 a fendere i fl)tti nella dire8ione stabilita. :Vedia.o: dice(a tra s5, :1 )n ora c-e n)oto4 .a sicco.e il (ento 1 contrario, -o do()to perdere rapidit7. +rattanto, a .eno c-e non abbia sba*liato dire8ione non de(o esser .olto lontano da /ibo)len. Ma se .i fossi sba*liato<: Un fre.ito pass3 per t)tto il corpo del n)otatore. /ent3 di fare )n poco il .orto, per riposarsi, .a il .are a).enta(a la s)a for8a, e co.prese ben presto c-e 6)esto sollie(o, s)l 6)ale a(e(a calcolato, di(eni(a i.possibile. :Ebbene: disse, :n)oter3 sino alla fine, sino a c-e le .ie braccia si stanc-ino, sino a c-e le .ie *a.be si irri*idiscano, sino a c-e i cra.pi in(estano t)tto il .io corpo, e poi andr3 a fondo?: "i ri.ise a n)otare colla for8a e l i.p)lso del disperato. ; )n tratto *li se.br3 c-e il cielo, *i7 tetro, si osc)rasse ancor di pi@, c-e )na n)be fitta, pesante, co.patta, si abbassasse (erso di l)i4 nel .edesi.o istante sent2 )n forte dolore al *inocc-io. L i..a*ina8ione, colla s)a incalcolabile pronte88a, *li disse c-e 6)ello era l )rto di )na pallottola e

i..ediata.ente a(rebbe sentito l esplosione del colpo di f)cile, .a l esplosione non rintron3. ;ant1s all)n*o la .ano, e sent2 resisten8a. Ritir3 l altra *a.ba, e tocc3 terra. Vide allora c-e cos era l o**etto cred)to )na n)be. ! (enti passi da l)i s innal8a(a )n a..asso di sco*li a for.a bi88arra, c-e si sarebbero presi per fia..e pietrificate all istante della loro pi@ ardente co.b)stione. Era l isola di /ibo)len. ;ant1s si rial83, fece 6)alc-e passo in a(anti, e si stese, rin*ra8iando ;io, sopra 6)elle p)nte di *ranito c-e *li se.brarono pi@ .orbide del pi@ soffice letto. D)indi, ad onta del (ento, ad onta della te.pesta, ad onta della pio**ia c-e co.incia(a a cadere, stanco e affaticato co.e era , s addor.ent3 di 6)el deli8ioso sonno dell )o.o in c)i l ani.a (e*lia nella coscien8a di )na *ioia inattesa. ;i l2 ad )n ora, Ed.ondo si s(e*li3 all i..enso fra*ore di )n t)ono4 la te.pesta si era scatenata nello spa8io e batte(a l aere col s)o (olo r).ore**iante. ;i tratto in tratto, )n la.po discende(a dal cielo co.e )n serpente di f)oco, e ill).ina(a i fl)tti e le onde, c-e si acca(alla(ano co.e i (ortici di )n i..enso caos. ;ant1s, coll occ-io esperto del .arinaio, non si era in*annato> a(e(a approdato alla pri.a delle d)e isole, c-e effetti(a.ente era 6)ella di /ibo)len4 la sape(a n)da, scoperta e sen8a il pi@ piccolo asilo. Ma 6)ando la te.pesta sarebbe cessata, e*li si sarebbe ri.esso in .are per ra**i)n*ere n)otando l isola di Le.aire, )*)al.ente arida, .a pi@ lar*a e di conse*)en8a pi@ ospitale. Una roccia al6)anto spor*ente offr2 )n .o.entaneo asilo a ;ant1s e*li (i si rif)*i3, e 6)asi nel .edesi.o istante la te.pesta scoppi3 in t)tto il s)o f)rore. Ed.ondo senti(a tre.are la roccia sotto la 6)ale si era .esso al coperto, e i fl)tti, infran*endosi contro la base della *i*antesca pira.ide, arri(a(ano a spr)88arlo. Per 6)anto fosse al sic)ro, in .e88o a 6)el profondo fracasso, ed a 6)ei fol*oranti ba*liori, era preso da )na specie di (erti*ine. #li se.bra(a c-e l isola tre.asse sotto di l)i e da )n .o.ento all altro andasse, co.e )no straordinario (ascello all ancora, a spe88are il fondo o ad essere in*-iottito nella i..ensa (ora*ine. "i ricord3 allora c-e non a(e(a .an*iato da (enti6)att ore, e a(e(a fa.e e sete. "tese le .ani e la testa, e be((e l ac6)a della te.pesta c-e cola(a a ri(oli dallo sco*lio. D)ando si rial83, )n baleno c-e se.bra(a s6)arciasse il cielo fino al trono abba*liante di ;io, ill).in3 lo spa8io. !lla l)ce del la.po, ;ant1s, fra l isola di Le.aire e il capo Croisselle, a )n 6)arto di le*a, (ide, co.e )no spettro, sci(olare dall alto di )n fl)tto al fondo di )n abisso )na barca pesc-ereccia trasportata ad )n te.po dall )ra*ano e dall onda. ;opo )n il fantas.a rico.par(e s)lla ci.a di )n altro fl)tto a((icinandosi con )na celerit7 spa(ente(ole. ;ant1s (olle *ridare, cerc3 6)alc-e straccio di tela da a*itare nell aria per far capire c-e sta(ano per perdersi4 .a lo (ede(ano da se stessi. !l c-iarore di )n altro la.po il *io(ane (ide 6)attro )o.ini a**rappati all albero ed alle f)ni4 )n 6)into si tene(a attaccato al .an)brio del ti.one *i7 rotto.

D)esti )o.ini lo (idero anc- essi poic-5 *rida disperate, e trasportate dalla fisc-iante b)fera *i)nsero al s)o orecc-io. !l di sopra dell albero, troncato co.e )n ra.oscello, si a*ita(ano, a colpi ripet)ti e fre6)enti, *li a(an8i di )na (ela in pe88i. !d )n tratto le f)ni c-e ancora la trattene(ano, si r)ppero e dispar(e, trasportata sotto la c)pa profondit7 del cielo al .odo di 6)ei *randi )ccelli bianc-i sotto le nere n)bi. 0ello stesso te.po )no scroscio orribile, e le *rida di a*onia *i)nsero fino a ;ant1s. !**rappato co.e )na sfin*e al s)o sco*lio di do(e *)arda(a l abisso, )n n)o(o la.po *li .ostr3 il piccolo basti.ento in pe88i, e, fra *li a(an8i, delle teste col (iso disperato, delle braccia stese (erso il cielo. D)indi t)tto ritorn3 nella notte. Il terribile spettacolo d)r3 6)anto )n la.po. ;ant1s si precipit3 s)l pendio sdr)cciole(ole delle rocce col pericolo di rotolare e*li stesso in .are. #)ard3, ascolt3 .a non intese n5 (ide pi@ niente. 0on pi@ *rida, non pi@ sfor8i ).ani, la sola te.pesta, 6)esto *rande spettacolo della nat)ra, contin)a(a a r)**ire coi (enti, a sp).e**iare coi fl)tti. Un poco per (olta il (ento si ac6)iet3, il cielo (oltol3 (erso occidente dei *rossi n)(oloni *ri*i, e, per cos2 dire, staccati dall )ra*ano4 il cielo rico.par(e con le stelle pi@ brillanti c-e .ai4 ben presto (erso l est, )na l)n*a striscia rossastra dise*n3 s)ll ori88onte delle ond)la8ioni di )n a88)rro nero, le onde si co..ossero, )na s)b2ta l)ce corse s)lle loro ci.e, e can*i3 le loro (ette sp).e**ianti in criniere dorate. Era il *iorno. ;ant1s rest3 i..obile e .)to da(anti a cos2 *rande spettacolo, co.e se fosse la pri.a (olta c-e lo (ede(a4 lo a(e(a di.enticato nel l)n*o te.po trascorso nel Castello d If. "i ri(olse alla forte88a, interro*ando con )n l)n*o s*)ardo la terra ed il .are. Il tetro fabbricato )sci(a dal seno delle onde con 6)ella i.ponente .aest7 propria delle cose i..obili c-e se.brano co.andare e sor(e*liare. Pote(ano essere le cin6)e del .attino4 il .are contin)a(a a cal.arsi. :+ra d)e o tre ore: riflette(a Ed.ondo, :il carceriere rientrer7 nella .ia ca.era, .i cerc-er7 in(ano, dar7 l allar.e, allora scopriranno il foro ed il passa**io sotterraneo4 (erranno interro*ati 6)elli c-e .i b)ttarono in .are e c-e de(ono a(er inteso il *rido c-e *ettai. ")bito dopo t)tte le barc-e rie.pite di soldati ar.ati, correranno dietro il dis*ra8iato f)**iti(o c-e sapranno bene non poter essere lontano, il cannone a((ertir7 t)tta la costa c-e 1 proibito dare asilo ad )n )o.o errante, n)do, affa.ato. Le spie e *li sbirri di Marsi*lia saranno a((ertiti e percorreranno la costa, .entre il *o(ernatore del Castello d If far7 percorrere il .are. !llora perse*)itato nell ac6)a, circondato s)lla terra, c-e accadr7 di .e< Fo fa.e, -o freddo, e -o perfino abbandonato il coltello sal(atore d i.paccio per n)otare. "ono all arbitrio del pri.o paesano c-e (orr7 *)ada*nare )na so..a per conse*nar.i4 non -o pi@ n5 for8a, n5 idee, n5 (olont7. O-, .io ;io, (oi sapete se -o sofferto, e (oi potete far pi@ per .e, di 6)ello c-e non -o pot)to fare io stesso?: 0el .o.ento in c)i Ed.ondo, in )na specie di delirio ca*ionato dallo spossa.ento delle for8e, e dal ()oto

del s)o cer(ello, ansiosa.ente ri(olto (erso il Castello d If, pron)ncia(a 6)esta ardente pre*-iera, (ide co.parire s)lla p)nta dell isola di Po.1*)e spie*ando la s)a (ela latina, )n piccolo basti.ento, c-e soltanto l occ-io di )n .arinaio pote(a discernere, )na tartana *eno(ese, s)lla linea ancora .e88o osc)ra del .are. Veni(a dal porto di Marsi*lia e *)ada*na(a il lar*o cacciando innan8i all ac)ta pr)a )na scintillante sc-i).a c-e apri(a )na strada facile ai s)oi rotondi fianc-i. :O-: *rid3 Ed.ondo, :in )na .e88 ora potrei ra**i)n*ere 6)el na(i*lio se non te.essi di essere interro*ato, riconosci)to per )n f)**iti(o e ricondotto a Marsi*lia? C-e fare< c-e dir loro< 6)al fa(ola in(entare da c)i possano ri.anere in*annati< D)ei .arinai sono t)tti contrabbandieri, sono se.ipirati e con la sc)sa di fare cabota**io corse**iano le coste. Preferiranno (ender.i pi)ttosto c-e fare )na sterile e b)ona a8ione. !spettia.o... Ma aspettare 1 cosa i.possibile. Morr3 di fa.e fra 6)alc-e ora la poca for8a c-e .i ri.ane sar7 s(anita4 d altronde l ora della (isita si a((icina... L allar.e non 1 ancora sparso, forse non d)biteranno di niente, posso far.i credere )no dei .arinai di 6)esto piccolo le*no c-e si 1 infranto la scorsa notte4 6)esta fa(ola non .anca di (erosi.i*lian8a, e ness)no torner7 a contraddir.i> sono t)tti anne*ati.: ;icendo 6)este parole, ;ant1s *)ard3 nella dire8ione do(e era na)fra*ato il na(i*lio e rabbri(id2. ")lla cresta di )no sco*lio era ri.asto il berretto fri*io di )no dei na)fra*-i, e (icino a 6)ello fl)tt)a(ano *li a(an8i della carena, frant).i inerti c-e il .are batte(a e ribatte(a contro la base dell isola c-e perc)ote(ano co.e i.ponenti arieti. In )n istante la risol)8ione di ;ant1s f) presa> si ri.ise in .are, n)ot3 (erso il berretto, afferr3 )n pe88o di tra(e, e si diresse per ta*liar la linea c-e do(e(a percorrere il basti.ento. :Ora sono sal(o: .or.or3. D)esta con(in8ione *li rese le for8e. Ben presto s accorse c-e la tartana, a(endo il (ento 6)asi per diritto corre(a di bordo fra il Castello d If e la torre di Planier. ;ant1s te.ette per )n istante c-e in(ece di coste**iare, il piccolo basti.ento non *)ada*nasse il lar*o co.e a(rebbe do()to fare se la s)a destina8ione fosse stata la Corsica o la "arde*na, .a secondo il .odo con c)i .ano(ra(a, il n)otatore riconobbe ben presto c-e il na(i*lio, co.e 1 d )so di c-i fa (ela per l Italia, cerca(a di passare fra l isola di 9aros, e 6)ella di Calaserai*ne. +rattanto il na(i*lio ed il n)otatore si a((icina(ano l )no all altro4 an8i, in )na bordata, il piccolo basti.ento (enne ad )n 6)arto di le*a circa (erso ;ant1s. E*li si solle(3 ancora s)lle onde a*itando il s)o berretto in se*no di dis*ra8ia, .a ness)no del basti.ento lo (ide, c-e an8i *ir3 di bordo e rico.inci3 )na n)o(a bordata> ;ant1s pens3 di c-ia.are. Ma .is)rando coll occ-io la distan8a, cap2 c-e la s)a (oce non pote(a *i)n*ere al na(i*lio, trasportata e coperta co.e era dalla bre88a del .are e dal r).ore delle onde. !llora si consol3 della preca)8ione di a(er preso 6)el tra(e. Indebolito co.e era, forse non a(rebbe pot)to sostenersi s)l .are fino a ra**i)n*ere la tartana, e a colpo

sic)ro, co.e era possibile, se la tartana passa(a sen8a (ederlo, non a(rebbe pot)to ri*)ada*nare la costa. ;ant1s, 6)ant)n6)e 6)asi certo della dire8ione c-e se*)i(a il basti.ento, lo acco.pa*na(a con lo s*)ardo ansioso fino al .o.ento in c)i *li par(e c-e ritornasse a l)i. !llora a(an83 ad incontrarlo4 .a pri.a c-e si fossero ra**i)nti, il basti.ento ritorn3 a *irar di bordo. ")bito ;ant1s, con )n estre.o sfor8o, si al83 6)asi in piedi s)ll ac6)a, a*itando il berretto e .andando )no di 6)ei *ridi la.entosi c-e e.ettono i .arinai a*li estre.i, e c-e se.brano il la.ento di 6)alc-e *enio .aritti.o. D)esta (olta f) (ed)to e inteso. La tartana interr)ppe la s)a .ano(ra, e (olt3 alla s)a parte4 nel .edesi.o te.po (ide c-e si prepara(a a .ettere )na scial)ppa in .are. Un istante dopo la scial)ppa .ontata da d)e )o.ini, si diri*e(a (erso di l)i battendo il .are a 6)attro re.i. ;ant1s allora lasci3 sf)**ire il tra(e di c)i crede(a non a(er pi@ biso*no e n)ot3 (i*orosa.ente per rispar.iare .et7 ca..ino a coloro c-e (eni(ano a l)i. Il n)otatore per3 a(e(a calcolato for8e c-e non possede(a4 allora co.prese di 6)anta )tilit7 *li sarebbe ancora stato 6)el pe88o di le*no c-e *i7 *alle**ia(a a cento passi da l)i. Le braccia co.inciarono a irri*idirsi, le *a.be a(e(ano perd)to la flessibilit7, i .o(i.enti di(eni(ano for8ati e lenti, il petto anelante. #ett3 )n secondo *rido. I d)e re.atori raddoppiarono d ener*ia e )no di essi *li *rid3 in italiano> :Cora**io?:. La parola *li *i)nse al .o.ento in c)i )n onda, c-e non a(e(a a()to la for8a di sor.ontare, passa(a sopra la s)a testa e lo copri(a di sc-i).a. E*li rico.par(e battendo il .are coi .o(i.enti ine*)ali e disperati di )n )o.o c-e sta per anne*are4 .and3 )n ter8o *rido e si sent2 affondare nel .are, co.e se a(esse a()to ancora ai piedi la pietra .ortale. L ac6)a *li pass3 al disopra della testa e attra(erso di 6)ella (ide il cielo li(ido con delle .acc-ie nere. Uno sfor8o (iolento lo ricond)sse alla s)perficie. #li se.br3 allora di esser preso per i capelli, poi non (ide pi@ cosa alc)na, non intese pi@ niente4 era s(en)to. D)ando riapr2 *li occ-i, ;ant1s si ritro(3 s)l ponte della tartana c-e contin)a(a il s)o ca..ino. Il s)o pri.o s*)ardo f) per (edere 6)ale dire8ione tene(a> contin)a(a ad allontanarsi dal Castello d If. ;ant1s era tal.ente spossato, c-e f) preso per )n sospiro di dolore l escla.a8ione di *ioia c-e fece. Co.e si disse, era steso s)l ponte> )n .arinaio *li sfre*a(a le .e.bra con )na coperta di lana, )n altro, c-e riconobbe per 6)ello c-e *li a(e(a fatto cora**io, *li introd)ce(a in bocca il becco di )na 8)cca .arina c-e face(a le (eci di fiasco4 )n ter8o, (ecc-io .arinaio, ad )n te.po pilota e padrone, lo *)arda(a col senti.ento di piet7 e*oista c-e pro(ano *enerale *li )o.ini per )na dis*ra8ia c-e essi -anno sf)**ita, e c-e p)3 all indo.ani colpirli di n)o(o. D)alc-e *occia di r-). della 8)cca riani.3 il c)ore indebolito del *io(ane, .entre le fri8ioni c-e il .arinaio prostrato contin)a(a a fare con la lana, rida(ano elasticit7 alle s)e .e.bra. :C-i siete<: do.and3 in catti(o francese il padrone. :"ono: rispose ;ant1s in pessi.o italiano, :)n .arinaio .altese.

Veni(a.o da "irac)sa caric-i di (ino e di tele. La te.pesta di 6)esta notte ci -a sorpresi al capo Mor*io), e sia.o andati ad infran*erci contro le rocce c-e (edete la**i@.: :;a do(e (enite<: :;a 6)elle rocce, do(e -o a()to la fort)na di a**rappar.i, .entre il nostro po(ero capitano (i batte(a la testa. /re altri co.pa*ni si sono anne*ati. Credo di essere il solo ri.asto (i(o. Fo scoperto il (ostro na(i*lio e te.endo di do(ere aspettare l)n*a.ente s) 6)ell isola deserta, .i sono a88ardato sopra )n fra..ento del nostro basti.ento per tentare di ra**i)n*er(i. #ra8ie: contin)3 ;ant1s , :(oi .i a(ete sal(ato la (ita. Ero perd)to 6)ando )no dei (ostri .arinai .i -a afferrato per i capelli.: :"ono io: disse )n .arinaio dalla fi*)ra franca ed aperta, ed )n (iso con l)n*-e basette nere, :ed era te.po, perc-5 cala(ate a fondo.: :"2: disse ;a nt1s stendendo*li la .ano, :si, a.ico .io, (i rin*ra8io )na seconda (olta.: :In fede .ia: disse il .arinaio, :-o 6)asi esitato... Con 6)ella barba l)n*a sei pollici, e 6)ei capelli l)n*-i )n piede, a(e(ate pi)ttosto l aspetto d )n bri*ante c-e d )n *alant)o.o.: ;ant1s si ricord3 effetti(a.ente c-e dal .o.ento c-e era entrato nel Castello d If non a(e(a pi@ ta*liato i capelli, e non a(e(a fatto pi@ la barba. :"2: disse, :1 )n (oto fatto alla Madonna di Piedi*rotta, in )n .o.ento di pericolo> stare dieci anni sen8a ta*liar.i n5 barba, n5 capelli. O**i si co.pie l espia8ione del .io (oto, e poco 1 .ancato c-e non anne*assi.: :Ma ora c-e fare.o di (oi<: do.and3 il padrone. :!-i.1: rispose ;ant1s, :ci3 c-e (orrete. La fel)ca si 1 perd)ta il capitano 1 .orto. Co.e (edete, sono sf)**ito alla .edesi.a sorte, fort)nata.ente sono abbastan8a b)on .arinaio. Lasciate.i nel pri.o posto in c)i prenderete terra, e ritro(er3 i.pie*o sopra 6)alc-e basti.ento .ercantile.: :Conoscete il Mediterraneo<: :Vi na(i*o fino dalla .ia infan8ia.: :"apete do(e sono i b)oni ancora**i<: :Vi sono poc-i porti, anc-e dei pi@ difficili, nei 6)ali io non possa entrare e )scire ad occ-i bendati.: :Ebbene dite d)n6)e, padrone: do.and3 il .arinaio c-e a(e(a sal(ato ;ant1s, :se il co.pa*no dice il (ero, cosa i.pedisce c-e resti con noi<: :"2 se dice il (ero: rispose il padrone con aria incred)la, :.a nello stato in c)i si tro(a 6)esto po(ero dia(olo si pro.ette .olto, e si .antiene poco.: :Manterr3 pi@ di 6)ello c-e (i -o pro.esso: disse ;ant1s. :O- o-?: fece il padrone ridendo. :Vedre.o.: :D)ando (orrete: riprese ;ant1s al8andosi. :;o(e andate<: :! Li(orno.: :!llora, in(ece di correre delle bordate c-e (i fanno perdere )n pre8ioso, perc-5 non serrate se.plice.ente il (ento da presso<: :Perc-5 andre..o a dar dritto s)ll isola di Rion.: :Vi passerete a pi@ di (enti braccia di distan8a.: :Prendete d)n6)e il ti.one: disse il padrone, :e noi *i)dic-ere.o della (ostra .aestria.: Il *io(ane si .ise al ti.one, si assic)r3, con )na le**era pressione, c-e il basti.ento fosse obbediente, e (edendo c-e, sen8a essere di pri.a fine88a, non si rifi)ta(a, *rid3> :!lle braccia e alle boline.:

I 6)attro .arinai c-e for.a(ano l e6)ipa**io corsero al loro posto, .entre il padrone li *)arda(a fare. :/irate: contin)3 ;ant1s. I .arinai obbedirono con .olta precisione. :Ora annodate bene.: D)est ordine f) ese*)ito co.e i d)e pri.i, e il piccolo basti.ento, in(ece di contin)are a correre delle bordate, co.inci3 a diri*ersi (erso l isola di Rion, presso la 6)ale pass3 co.e a(e(a predetto ;ant1s lasciandola a diritta per )na (entina di braccia. :Bra(o?: disse il padrone. :Bra(o?: ripeterono i .arinai. E t)tti *)ardarono .era(i*liati 6)est )o.o il c)i s*)ardo a(e(a ripreso )n intelli*en8a, e il corpo )n (i*ore, c-e erano ben lontani dal s)pporre in l)i. :Vedete: disse ;ant1s lasciando il ti.one, :c-e io potr3 esser(i di 6)alc-e )tilit7, al.eno d)rante la tra(ersata. "e *i)nti a Li(orno non .i (orrete pi@, ebbene, .i lascerete, e ai pri.i .esi di soldo (i ri.borser3 il n)tri.ento e *li abiti c-e (orrete prestar.i.: :"ta bene, sta bene: disse il padrone, :potre.o acco.odarci se sarete ra*ione(ole.: :Un )o.o (ale )n altr )o.o: disse ;ant1s, :ci3 c-e date ai co.pa*ni lo darete anc-e a .e, e t)tto 1 a posto.: :0on 1 *i)sto: disse il .arinaio c-e a(e(a sal(ato ;ant1s, :perc-5 (oi ne sapete pi@ di noi.: :Ci3 non ri*)arda te, 9acopo: disse il padrone, :ciasc)no 1 libero d i.pe*narsi per 6)ella so..a c-e pi@ *li con(iene.: :#i)sto: disse 9acopo, :non face(o c-e )na se.plice osser(a8ione.: :+arai .e*lio ancora a prestare a 6)esto bra(o *io(ane )n paio di pantaloni e )na *iacc-etta, se li -ai in pi@.: :0o: disse 9acopo, :.a -o )n paio di pantaloni ed )na ca.icia.: :E 6)anto .i abbiso*na: disse ;ant1s, :*ra8ie a.ico .io.: 9acopo si lasci3 sci(olare *i@ dal boccaporto e ri.ont3 )n .o.ento dopo coi d)e capi di (estiario, c-e ;ant1s indoss3 con )na *ioia indicibile. :Vi occorre altro<: c-iese il padrone. :Un to88o di pane ed )n altro sorso di 6)ell eccellente r-). c-e -o assa**iato, essendo *ran te.po c-e non -o preso cibo.: Infatti, erano circa 6)arant ore c-e non a(e(a .an*iato. +) portato a ;ant1s )n pe88o di pane, e 9acopo *li present3 la 8)cca. :/i.one a bassoCbordo: *rid3 il capitano, (ol*endosi (erso il ti.oniere. ;ant1s (olse lo s*)ardo alla stessa parte portandosi la 8)cca alla bocca .a la 8)cca ri.ase a .e88 aria. :Osser(a: do.and3 il padrone, :c-e accade nel Castello d If<: ;i fatto, )na piccola n)be bianca, n)be c-e a(e(a fer.ato l atten8ione di ;ant1s, se.bra(a coronare il ci*lione del bal)ardo a s)d del Castello d If. ;opo )n secondo, il r).ore d )na lontana esplosione (enne ad estin*)ersi a bordo della tartana. I .arinai al8arono la testa *)ardandosi l )n l altro. :E c-e ()ol dire 6)esto<: do.and3 il padrone. :D)esta notte sar7 e(aso 6)alc-e pri*ioniero dal Castello: disse ;ant1s, :ed ora sparano il cannone per dare l allar.e.: Il padrone fiss3 lo s*)ardo s)l *io(ane c-e dicendo 6)este parole si era portata la 8)cca alla bocca4 .a lo (ide

assaporare il li6)ore con tanta cal.a e soddisfa8ione, c-e se p)re ebbe )n 6)alc-e sospetto, 6)esto sospetto non fece c-e attra(ersare il s)o spirito, e s)bito si estinse. :Ecco )n r-). c-e 1 diabolica.ente forte: disse ;ant1s asci)*andosi con la .anica della ca.icia la fronte c-e *ronda(a s)dore. :In o*ni caso: .or.or3 il padrone *)ardandolo, :tanto .e*lio, perc-5 cos2 a(r3 fatto ac6)isto di )n bra( )o.o.: "otto il pretesto di essere stanco, ;ant1s c-iese allora di sedersi al ti.one. Il ti.oniere, ben contento di essere solle(ato dalle s)e f)n8ioni, cons)lt3 coll occ-io il padrone, c-e *li fece se*no colla testa c-e pote(a ri.ettere nelle .ani del s)o n)o(o co.pa*no la barra. ;ant1s pot5 restare co*li occ-i fissa.ente ri(olti dalla parte di Marsi*lia. :O**i 6)anti ne abbia.o del .ese<: do.and3 ;ant1s a 9acopo c-e era (en)to a sedere (icino a l)i dopo a(er perd)to di (ista il Castello d If. :Il $& febbraio: rispose 6)esti. :;i c-e anno<: do.and3 ancora ;ant1s. :Co.e di c-e anno<... Voi do.andate di c-e anno<: :"2: rispose il *io(ane, :(i do.ando di c-e anno.: :!(ete di.enticato in c-e anno sia.o<: :C-e (olete< = stata cos2 *rande la pa)ra di 6)esta notte: disse ridendo ;ant1s, :in c)i poco 1 .ancato c-e non perdessi la (ita, c-e la .ia .e.oria ne 1 ri.asta scon(olta> (i do.ando d)n6)e di 6)ale anno sia.o noi ai $& di febbraio...: :;ell anno 1&$I: disse 9acopo. Erano 1% anni precisi, *iorno dopo *iorno, c-e ;ant1s era stato arrestato. Era entrato nel Castello d If a 1I anni, e ne )sci(a a AA. Un doloroso sorriso pass3 s)lle s)e labbra. "i c-iede(a cosa era a((en)to di Mercedes d)rante 6)esto te.po, in c)i lo a(e(a do()to credere .orto. D)indi )n la.po d ira s accese nei s)oi occ-i pensando a 6)ei tre )o.ini ai 6)ali do(e(a )na l)n*a e penosa carcera8ione, e rinno(3 contro ;an*lars, +ernando e Villefort 6)el *i)ra.ento d i.placabile (endetta c-e a(e(a *i7 pron)nciato nella s)a pri*ione, e 6)esto *i)ra.ento non era pi@ )na (ana .inaccia, poic-5 a 6)ell ora, il pi@ abile (ele**iatore del Mediterraneo non a(rebbe certo pot)to ra**i)n*ere la piccola tartana c-e na(i*a(a a *onfie (ele alla (olta di Li(orno.

Capitolo $$. I CO0/R!BB!0;IERI. ;ant1s non a(e(a passato ancora )n *iorno intero a bordo, c-e *i7 sape(a con c-i a(e(a a c-e fare. "en8a essere stato alla sc)ola del (ecc-io +aria, il de*no padrone della #io(ane !.elia Kil no.e della tartana *eno(eseL sape(a press a poco t)tte le lin*)e c-e si parla(ano intorno a 6)esto *ran la*o, c-ia.ato Mediterraneo, dall arabo fino al pro(en8ale4 perci3 sen8a a(er biso*no d interpreti, persone 6)alc-e (olta noiose, 6)alc-e altra indiscrete, 6)esta conoscen8a delle lin*)e *li offri(a *randi facilita8ioni per conferire, sia con i

basti.enti c-e incontra(a in .are, sia colle piccole barc-e c-e rile(a(a l)n*o le coste, sia final.ente con 6)ella *ente sen8a no.e, sen8a patria, sen8a stato apparente, di c)i c 1 se.pre *ran n).ero s)lle ri(e (icine ai porti di .are, e c-e (i(ono di 6)elle .isteriose e celate risorse, c-e biso*na credere (en*ano dall alto, poic-5 non -anno alc)n .e88o di esisten8a (isibile ad occ-io n)do. " indo(iner7 facil.ente c-e ;ant1s era a bordo di )n basti.ento di contrabbandieri. Per 6)esto il padrone s)lle pri.e a(e(a rice()to a bordo ;ant1s con )na certa diffiden8a. Era .olto conosci)to da t)tti i do*anieri della costa, e sicco.e esiste(a fra l)i e 6)esti si*nori )n perfetto *ioco di f)rberie, cos2 a(e(a per )n .o.ento pensato c-e ;ant1s fosse )n e.issario della *abella, e c-e i.pie*asse 6)est in*e*noso .e88o per scoprire 6)alc)no dei se*reti del .estiere. Ma il .odo brillante con c)i ;ant1s si era tratto d i.p accio nel diri*ere il battello, l a(e(a del t)tto con(into. Poi, 6)ando a(e(a (isto 6)ella n)be bianca c-e onde**ia(a s)l bastione del Castello d If, ed a(e(a )dito la lontana esplosione, ebbe )n istante l idea di a(er rice()to a bordo col)i al 6)ale, co.e per entrata e )scita del re da )na citt7, (iene accordato l onore dello sparo del cannone. Per3 ci3 lo a(rebbe in6)ietato .eno c-e se il n)o(o arri(ato fosse apparten)to alla do*ana4 .a anc-e 6)esta s)pposi8ione si era dissolta co.e la pri.a alla (ista della perfetta tran6)illit7 della s)a recl)ta. Ed.ondo a(e(a d)n6)e il (anta**io di conoscere il s)o padrone, .entre 6)esti non sape(a c-i fosse. ;a c-i)n6)e (enissero le do.ande, dal s)o padrone o dai s)oi co.pa*ni, e*li tenne fer.o, e non fece alc)na ri(ela8ione. ;ando .oltissi.i indi8i s) 0apoli e s) Malta, c-e conosce(a al pari di Marsi*lia, sostenne se.pre con precisione la s)a narra8ione in .odo da fare onore alla s)a .e.oria. I *eno(esi, per 6)anto accorti, si lasciarono *abbare da Ed.ondo, in fa(ore del 6)ale parla(ano la s)a affabilit7, la s)a esperien8a na)tica, e sopratt)tto la s)a sa**ia dissi.)la8ione. +orse anc-e 6)ei *eno(esi erano )*)ali a 6)elle persone di .ondo c-e non sanno .ai altro c-e 6)ello c-e de(ono sapere, e non credono .ai altro c-e 6)ello c-e -anno interesse di credere. +) in 6)esta reciproca fid)cia c-e *i)nsero a Li(orno. Ed.ondo do(e(a tentare )na pri.a pro(a> sapere se si sarebbe riconosci)to dopo 6)attordici anni c-e non (ede(a il proprio (olto. Conser(ata )n idea abbastan8a pre cisa di ci3 c-e era da ra*a88o, (ole(a (edere cosa era di(en)to da )o.o. !(e(a *i7 preso terra pi@ di (enti (olte a Li(orno, e conosce(a )n barbiere nella (ia +erdinanda, entr3 da 6)ello per farsi ta*liare barba e capelli. Il barbiere *)ard3 con .era(i*lia 6)est )o.o dalla barba folta e nera e dai l)n*-i capelli, c-e asso.i*lia(a ad )na delle belle teste del /i8iano. ! 6)ell epoca non era ancora (en)ta la .oda di barba e capelli cos2 l)n*-i4 o**i )n barbiere si .era(i*lierebbe se 6)alc)no dotato di 6)esti (anta**i nat)rali acconsentisse a pri(arsene. Il barbiere li(ornese per3 si .ise all opera sen8a fare osser(a8ioni. !llorc-5 l opera8ione f) co.pi)ta, 6)ando Ed.ondo sent2 il s)o .ento perfetta.ente raso, 6)ando i s)oi

capelli f)rono ridotti alla ordinaria l)n*-e88a, do.and3 )no specc-io e si *)ard3. Co.e si disse, e*li a(e(a allora trentatr5 anni, ed i s)oi 6)attordici anni di pri*ionia a(e(ano apportato, per dir cos2, )n *ran ca.bia.ento .orale nella s)a fisono.ia. ;ant1s era entrato nel Castello d If con 6)el (iso rotondo, ridente, aperto, c-e 1 proprio del *io(ane felice al 6)ale i pri.i anni della (ita sono stati beni*ni e c-e calcola s)ll a((enire co.e s) )na nat)rale prosec)8ione del passato. /)tto ci3 era .olto .)tato. L o(ale del (iso si era all)n*ato di .olto, la bocca ridente a(e(a ass)nto linee decise e serrate c-e indica(ano risol)8ione, le sopracci*lia si erano inarcate, sotto )na r)*a )nica e pesante, *li occ-i si erano abit)ati ad )na profonda triste88a, dal fondo della 6)ale traspari(ano ad inter(alli i c)pi baleni della .isantropia e dell odio> la s)a carna*ione pri(a da l)n*o te.po della l)ce del *iorno e dei ra**i del sole, a(e(a preso 6)el color pallido c-e fa, 6)ando il (iso 1 circondato da capelli e basette nere, la belle88a aristocratica de*li abitanti del 0ord. La scien8a profonda c-e a(e(a ac6)istato lo a(e(a ornato di )n intelli*ente sic)re88a. Inoltre, 6)ant)n6)e di stat)ra .olto alta, a(e(a ac6)istato 6)el (i*ore .e.br)to di )n corpo a((e88o se.pre a concentrare le for8e s) di s5. !ll ele*an8a delle for.e ner(ose e *racili era s)cced)ta la solidit7 delle for.e arrotondate e .)scolari. D)anto alla (oce, le pre*-iere, i sin*-io88i e le i.preca8ioni l a(e(ano ca.biata in .odo tale, c-e ora a(e(a )n s)ono di strana dolce88a, ed ora )n accento ro88o e 6)asi ra)co. Inoltre i s)oi occ-i, .anten)ti costante.ente nell osc)rit7, o in )na debole l)ce, a(e(ano ac6)istato la facolt7 di distin*)ere nella notte *li o**etti co.e la iena e il l)po. Ed.ondo sorrise nel (edersi> era i.possibile c-e il .i*lior a.ico, se p)re *li resta(a )n a.ico, lo a(esse riconosci)to, perc-5 non conosce(a se stesso. Il padrone della #io(ane !.elia, c-e a(e(a .olto interesse a .antenere fra i s)oi )n )o.o del .erito di Ed.ondo, *li a(e(a proposto )n anticipo s)i f)t)ri *)ada*ni. Ed.ondo a(e(a accettato. ")a pri.a c)ra )scendo dal barbiere c-e a(e(a operato 6)esta .eta.orfosi, f) di entrare in )n .a*a88ino e co.prarsi )n (estito co.pleto da .arinaio. D)esto (estito, co.e o*n)no sa, 1 .olto se.plice> si co.pone di cal8oncini bianc-i, ca.icia a ri*-e, e berretto rosso. In 6)esto cost).e, riportando a 9acopo la ca.icia ed i cal8oni, e*li si present3 n)o(a.ente al padrone della #io(ane !.elia al 6)ale f) costretto a ripetere la s)a storia. Il padrone non (ole(a riconoscere in 6)esto .arinaio ele*ante l )o.o dalla folta barba, dai capelli e dal corpo ba*nato d ac6)a di .are c-e a(e(a raccolto n)do e se.i(i(o s)l ponte del s)o battello. "oddisfatto del s)o b)on aspetto, rinno(3 d)n6)e a ;ant1s le proposte d in*a**io4 .a ;ant1s c-e a(e(a i s)oi pro*etti non (olle accettarle c-e per tre .esi. ;el resto l e6)ipa**io della #io(ane !.elia era .olto atti(o, sottoposto a*li ordini di )n capitano c-e a(e(a preso l abit)dine di non perdere il s)o te.po. 0on era da otto *iorni *i)nto a Li(orno, c-e *i7 i capaci fianc-i del na(i*lio erano rie.piti di .)ssoline

colorate, di cotoni proibiti, di pol(ere in*lese e di tabacco, s) c)i la do*ana a(e(a di.enticato di porre il bollo. "i tratta(a di far )scire t)tto ci3 da Li(orno, porto franco e per conse*)en8a esente da (isita, per sbarcarlo s)lle ri(e della Corsica, do(e alc)ni spec)latori s incarica(ano di passare il carico in +rancia. "i part2. Ed.ondo solc3 di n)o(o codesto .are a88)rro, pri.o ori88onte della s)a *io(ent@ c-e a(e(a ri(ed)to tanto spesso nei so*ni della s)a pri*ione. Lasci3 alla s)a destra la #or*ona, alla sinistra Pianosa, e a(an83 (erso la patria di Paoli e di 0apoleone. L indo.ani, .ontando s)l ponte, ci3 c-e face(a se.pre di b)on ora, il padrone ritro(3 ;ant1s appo**iato al parapetto del basti.ento c-e con )na strana espressione *)arda(a )n a..asso di sco*li di *ranito c-e ll sole nascente colori(a di )na tinta rosea> era l isola di Montecristo. La #io(ane !.elia la lasci3 a tre 6)arti di .i*lio s)lla sinistra, contin)3 il s)o (ia**io (erso la Corsica. ;ant1s pensa(a nel passare l)n*o 6)esta isola, c-e per l)i a(e(a )n no.e tanto sonoro> :0on a(rei c-e bal8are in .are, e in .e88 ora sarei s) 6)ella terra pro.essa:. Ma *i)nto l7, c-e a(rebbe fatto sen8a *li )tensili necessari per scoprire il tesoro, sen8a ar.i per difenderlo< ; altronde cosa a(rebbero detto i .arinai< e il padrone< Biso*na(a aspettare. !(e(a aspettato la libert7 6)attordici anni, pote(a bene aspettare ora c-e era libero, sei .esi ed anc-e )n anno, le ricc-e88e. 0on a(rebbe accettato la libert7 sen8a le ricc-e88e, se *li fosse stata proposta< ; altronde 6)esta ricc-e88a non era ancora t)tta c-i.erica< 0ata nel cer(ello .alato del po(ero +aria, non era fors anc-e .orta con l)i< = (ero c-e 6)ella lettera di #)ido "pada era strana.ente precisa, e ;ant1s ripete(a da )n capo all altro la lettera di c)i non a(e(a di.enticato )na parola. #i)nse la sera, Ed.ondo (ide l isola passare per t)tte le tinte e *rada8ioni di colori del crep)scolo e perdersi del t)tto nelle tenebre. Ma non per l)i c-e a(e(a lo s*)ardo abit)ato all osc)rit7 del carcere sen8a d)bbio contin)3 a scor*erla, perc-5 f) l )lti.o a discendere dal ponte. !ll indo.ani si s(e*liarono all alte88a d !leria. Borde**iarono t)tta la *iornata4 nella sera si (idero dei f)oc-i s)lla costa. !lla disposi8ione di 6)esti f)oc-i co.presero c-e sen8a d)bbio si sarebbe sbarcato, perc-5 )n fanale sal2 al posto della bandiera alla ci.a del piccolo basti.ento, c-e si accost3 a tiro di f)cile dalla ri(a. ;ant1s si accorse c-e il padrone della #io(ane !.elia a(e(a portato sopra il ponte, nell ese*)ire la .ano(ra per accostarsi a terra, alc)ne col)brine, si.ili ai f)cili da ca(alletto, c-e sen8a far *ran r).ore pote(ano colpire alla distan8a di )n .i*lio )na palla dalle 6)attro alle dodici once. D)esta preca)8ione per3 f) in)tile> per 6)ella sera si co.p2 t)tta l opera8ione p)lita.ente e tran6)illa.ente. D)attro scial)ppe si accostarono con poco r).ore al piccolo basti.ento, c-e, certa.ente per far loro onore, .ise in .are la propria4 e 6)este cin6)e scial)ppe si portarono tanto bene, c-e allo sp)ntar del *iorno t)tto il carico, dal bordo della tartana *eno(ese, era passato in terra fer.a. Il padrone della #io(ane !.elia era )n )o.o di tale scr)polo nelle s)e cose, c-e nella stessa notte f) fatto il

riparto dei *)ada*ni del pri.o scarico> ciasc)n .arinaio ebbe cento lire toscane, cio1 ottanta6)attro lire di +rancia. Ma la spedi8ione non era finita, (enne (oltata la pr)a (erso la "arde*na> si tratta(a di tornare a caricare il basti.ento appena scaricato. La seconda opera8ione si fece tanto felice.ente 6)anto la pri.a> la #io(ane !.elia era secondata dalla fort)na. Il n)o(o carico f) per il d)cato di L)cca. "i co.pone(a 6)asi escl)si(a.ente di si*ari d !(ana e di (ino Qeres e di Mala*a. L7 per3 ebbero a battersi con la do*ana, l eterna ne.ica del padrone della #io(ane !.elia. Un do*aniere ri.ase s)l terreno, e d)e .arinai f)rono feriti. ;ant1s era )no dei d)e> )na pallottola *li a(e(a trapassato la spalla sinistra. ;ant1s era felice per 6)esta scara.)ccia e 6)asi contento della s)a ferita> 6)esta esperien8a *li a(e(a fatto capire co.e sape(a *)ardare il pericolo, e con 6)al c)ore sape(a tollerare i pati.enti. !(e(a *)ardato il pericolo ridendo, e rice(endo il colpo a(e(a detto co.e il filosofo *reco> :;olore, t) non sei )n .ale:. Inoltre, *)ardando il do*aniere ferito a .orte, fosse calore del san*)e nell a8ione, o fosse fredde88a di ).ani senti.enti, 6)esta (ista non *li a(e(a prodotto c-e )na le**erissi.a i.pressione. ;ant1s era s)lla strada c-e (ole(a percorrere e c-e tende(a alla .eta c)i (ole(a arri(are> cio1 pietrificarsi il c)ore in petto. ;el resto 9acopo, c-e (edendolo cadere lo a(e(a cred)to .orto, si era precipitato s) di l)i, lo a(e(a rial8ato, e *li a(e(a i.partite t)tte 6)elle c)re c-e sono di )n b)on co.pa*no. D)esta *ente non era d)n6)e cos2 b)ona co.e a(rebbe (ol)to il dottore Lan*loss, e non era cos2 catti(a co.e a(rebbe cred)to ;ant1s. D)est )o.o, c-e n)ll altro pote(a aspettarsi dal s)o co.pa*no c-e di ereditare la s)a parte di *)ada*no, pro(a(a )na (i(a affli8ione nel crederlo )cciso. +ort)nata.ente per3, co.e si disse, ;ant1s non era c-e ferito. #ra8ie ad alc)ne erbe, raccolte e (end)te ai contrabbandieri da certe (ecc-ie sarde la ferita si cicatri883 ben presto. Ed.ondo allora (olle tentare 9acopo, offrendo*li in rico.pensa delle s)e c)re )na por8ione della s)a pa*a4 .a 9acopo la rifi)t3 con indi*na8ione. D)esto era il ris)ltato di )na specie di de(o8ione c-e 9acopo a(e(a consacrata ad Ed.ondo fin dal pri.o .o.ento c-e lo a(e(a (ed)to, e di )na certa affe8ione c-e Ed.ondo porta(a a 9acopo. Ma 9acopo non (ole(a di pi@4 a(e(a indo(inato istinti(a.ente in Ed.ondo )na personalit7 s)periore alla s)a ed il bra(o .arinaio era contento di 6)el poco di affe8ione c-e *li concede(a. Cos2 nella l)n*-e *iornate c-e passa(ano a bordo, 6)ando il na(i*lio corre(a con sic)re88a s)ll a88)rro .are, e non a(e(a biso*no, *ra8ie al (ento c-e spira(a, c-e del solo ti.oniere per diri*erlo, Ed.ondo si face(a istr)ttore di 9acopo con )na carta *eo*rafica alla .ano, co.e +aria a(e(a fatto con l)i. #li .ostra(a la spor*en8a delle coste, le (aria8ioni della b)ssola, *li inse*na(a a le**ere in 6)el libro aperto al di sopra delle

nostre teste, c-e si c-ia.a cielo, e do(e ;io -a scritto la s)a onnipoten8a con lettere brillanti. E 6)ando 9acopo *li do.anda(a> :! c-e ser(e i.parare t)tte 6)este cose ad )n po(ero .arinaio co.e sono io<: Ed.ondo risponde(a> :C-i lo sa< +orse )n *iorno potresti essere capitano di )n basti.ento. Il t)o co.patriota Bonaparte non di(enne i.peratore<: ;i.entica..o di dire c-e 9acopo era corso. ;)e .esi e .e88o erano *i7 passati in 6)esti tra*-etti s)ccessi(i. Ed.ondo era bra(o contrabbandiere, co.e era stato ardito .arinaio. !(e(a fatto conoscen8a con t)tti i contrabbandieri della costa, a(e(a i.parato t)tti 6)ei se*ni .assonici, per .e88o dei 6)ali 6)esti se.ipirati si riconoscono fra loro. Era passato e ripassato (enti (olte da(anti alla s)a isola di Montecristo, .a in t)tte 6)este (olte non a(e(a .ai tro(ato l occasione di poter(i sbarcare. !(e(a perci3 preso )na risol)8ione, c-e ter.inato il s)o i.pe*no col padrone della #io(ane !.elia a(rebbe nole**iato )na piccola barca per proprio conto, a(endo *i7 econo.i88ato )n centinaio di piastre nei s)oi (ia**i, e con )n pretesto 6)al)n6)e sarebbe sbarcato all isola di Montecristo. L7 a(rebbe fatto le s)e ricerc-e in t)tta libert7. 0on sarebbe stato in t)tta libert7 perc-5 le s)e a8ioni sarebbero state osser(ate da c-i cond)ce(a con s5, .a in 6)esto .ondo 6)alc-e cosa biso*na arrisc-iare. La pri*ione a(e(a reso Ed.ondo pr)dente, ed a(rebbe (ol)to essere obbli*ato ad arrisc-iare. Ma a(e(a )n bel cercare, nella s)a i..a*ina8ione, per 6)anto fer(ida, non pote(a ritro(are altro .e88o per *i)n*ere all isola di Montecristo c-e facendosi trasportare. ;ant1s rista(a in 6)esta esita8ione, allorc-5 il padrone c-e a(e(a in l)i .olta fid)cia, e c-e a(e(a *ran (olont7 di conser(arselo lo prese )na sera per il braccio e lo cond)sse in )n osteria in (ia dell Olio, nella 6)ale erano soliti rad)narsi contrabbandieri di Li(orno. Era l7 c-e di solito si tratta(ano *li affari della costa. ;ant1s era *i7 entrato altre d)e o tre (olte in 6)esta borsa .aritti.a, e (edendo 6)e*li arditi corsari (en)ti da t)tto il litorale, si c-iede(a di 6)al for8a a(rebbe pot)to disporre 6)ell )o.o c-e fosse *i)nto a dare l i.p)lso della s)a (olont7 a t)tta 6)ella *ente dai di(ersi interessi. D)esta (olta si tratta(a di )n affare di *rande i.portan8a, di )n basti.ento carico di drappi t)rc-i, di stoffe di le(ante, e di cac-e.ire. Biso*na(a tro(are )n terreno ne)tro, do(e si potesse operare il ca.bio, per tentare di introd)rre 6)e*li o**etti s)lle coste di +rancia. Il pre.io era enor.e se (i fossero ri)sciti> fra le cin6)anta e le sessanta piastre per ciasc)no. Il padrone della #io(ane !.elia propose l isola di Montecristo co.e ri(a di sbarco, c-e essendo deserta, e non a(endo n5 soldati, n5 do*anieri, se.bra posta in .e88o al .are, fino dai te.pi dei pa*ani, da Merc)rio, il dio dei co..ercianti e dei ladri, classi c-e noi abbia.o separate se non distinte, .a c-e l antic-it7, a ci3 c-e se.bra, .ette(a nella stessa cate*oria. !l no.e di Montecristo, ;ant1s fre.ette di *ioia. "i al83, per nascondere la propria e.o8ione, e fece )n *iro

in 6)ella aff).icata ta(erna do(e t)tti *li idio.i conosci)ti (eni(ano a fondersi nella lin*)a franca. D)ando ritorn3 ad a((icinarsi ai d)e interloc)tori, era *i7 deciso c-e si sarebbe preso terra all isola di Montecristo, e c-e si sarebbe partiti per 6)esta spedi8ione nella s)ccessi(a notte. Ed.ondo, cons)ltato, f) d a((iso c-e l isola offri(a t)tte le sic)re88e possibili, e c-e le *randi i.prese, per ri)scir bene do(e(ano essere ese*)ite rapida.ente. 0on f) d)n6)e ca.biato n)lla al pro*ra..a. Ri.ase con(en)to c-e si sarebbero fatti i necessari preparati(i per l indo.ani sera, e c-e se il .are era b)ono ed il (ento fa(ore(ole, o*n)no a(rebbe cercato di essere la sera dopo nelle ac6)e dell isola ne)tra. Capitolo $A. L I"OL! ;I MO0/ECRI"/O. +inal.ente, per )na di 6)elle inattese fort)ne, c-e 6)alc-e (olta *i)n*ono a coloro c-e il destino 1 stanco di perse*)itare, ;ant1s sta(a per *i)n*ere alla .eta con )n .e88o se.plice e nat)rale, e .ettere piede s) 6)ell isola sen8a destare sospetto. Una notte lo separa(a ancora dalla parten8a cos2 a l)n*o desiderata ed attesa. D)esta f) )na delle notti pi@ febbrili passate da ;ant1s. "i presentarono al s)o spirito t)tte le possibilit7 b)one e catti(e> se c-i)de(a *li occ-i (ede(a la lettera di #)ido "pada scritta in caratteri sfol*oranti s)l .)ro. "e dor.i(a )n istante i so*ni pi@ strani (eni(ano a t).)lt)are nel s)o cer(ello> discende(a le *rotte c-e a(e(ano il pa(i.ento di s.eraldi, le pareti di r)bini, le stalattiti di dia.anti4 le perle cade(ano co.e 6)elle *occe d ac6)a c-e filtrano nei sotterranei. Ed.ondo rapito, .era(i*liato, rie.pi(a le tasc-e di pietre pre8iose4 poi (eni(a f)ori alla l)ce del *iorno, e 6)esti *ioielli si con(erti(ano in se.plici sassolini. !llora tenta(a di rientrare in 6)elle *rotte .era(i*liose c-e intra(ede(a soltanto, .a il ca..ino si contorce(a in infiniti spira*li4 l in*resso era ritornato in(isibile, e cerca(a in)til.ente di ric-ia.arsi alla stanca .e.oria 6)elle .isteriose e .a*ic-e parole c-e in altri te.pi apri(ano all arabo pescatore le splendide ca(erne di !l2 Bab7. /)tto era in)tile> lo sparso tesoro era tornato in propriet7 dei *eni della terra, ai 6)ali a(e(a a()to per )n istante la speran8a di poterlo to*liere. "e*)2 il *iorno 6)asi con la stessa febbre della notte4 .a ricond)sse la lo*ica in ai)to all i..a*ina8ione di ;ant1s, c-e pot5 stabilire )n piano fino allora incerto e d)bbioso. Venne la sera, e con essa i preparati(i della parten8a. D)esti preparati(i erano per Ed.ondo )n .e88o per nascondere la propria a*ita8ione. Un poco alla (olta a(e(a preso l abit)dine di co.andare i co.pa*ni, co.e fosse stato il padrone del basti.ento4 e sicco.e i s)oi ordini erano se.pre c-iari, precisi e facili da ese*)irsi, i co.pa*ni non solo l obbedi(ano con pronte88a, .a con piacere. Il (ecc-io padrone lo lascia(a fare> a(e(a riconosci)to la s)periorit7 di ;ant1s non solo sopra i s)oi co.pa*ni4 (ede(a nel *io(ane il s)ccessore nat)rale, ed era dolente di non a(ere )na fi*lia per strin*ere 6)esta bella allean8a.

!lle sette di sera t)tto f) in ordine, alle sette e dieci la tartana *ira(a intorno al faro, proprio nell istante in c)i (eni(a acceso. Il .are era cal.o, con )n fresco (enticello c-e (eni(a da s)dCest. "i na(i*a(a sotto )n cielo c-iaro, in c)i ;io p)re face(a risplendere s)ccessi(a.ente i s)oi fari, ciasc)no dei 6)ali 1 )n .ondo. ;ant1s disse c-e t)tti pote(ano andare a dor.ire, c- e*li si incarica(a del ti.one. D)ando il .altese, cos2 (eni(a c-ia.ato ;ant1s a bordo. face(a )na si.ile proposta, basta(a, e ciasc)no anda(a a riposare tran6)illa.ente. Ci3 era accad)to altre (olte. ;ant1s e(aso dalla solit)dine del .ondo, pro(a(a 6)alc-e (olta l i.perioso biso*no di restar solo. Ora, 6)ale solit)dine pi@ i..ensa ad )n te.po e pi@ poetica, di 6)ella di )n basti.ento c-e nell osc)rit7 della notte onde**ia s)l .are nel silen8io dell i..ensit7 e sotto lo s*)ardo del "i*nore< D)ella notte per3 la solit)dine f) popolata dai s)oi pensieri, la notte ill).inata dalle s)e ill)sioni, il silen8io ani.ato dalle s)e pro.esse. D)ando il padrone si ris(e*li3, la na(icella corre(a a (ele *onfie, non esiste(a )n le.bo di (ela c-e non fosse *onfiato dal (ento> face(ano pi@ di d)e le*-e e .e88o l ora. L isola di Montecristo s in*randi(a all ori88onte. Ed.ondo rese il ti.ore al padrone e and3 a stendersi s)lla s)a branda. Ma non pot5 c-i)dere )n istante *li occ-i. ;)e ore dopo ri.ont3 s)l ponte4 il basti.ento era s)l p)nto di sorpassare l isola d Elba4 si tro(a(a all alte88a di Marciana, e al di sotto dell isola piana e (erde di Pianosa. "i (ede(a fra l a88)rro del cielo la so..it7 ra**iante dell isola di Montecristo. ;ant1s ordin3 al ti.oniere di (oltare il ti.one a sinistra per lasciare Pianosa a destra> a(e(a calcolato c-e 6)esta .ano(ra do(e(a abbre(iare la strada di d)e o tre nodi. !lle cin6)e di sera ebbero la (ista dell isola, se ne scor*e(ano i pi@ piccoli detta*li, *ra8ie alla li.pida at.osfera, alla l)ce co.pleta de*li )lti.i ra**i del sole al tra.onto. Ed.ondo di(or3 con *li occ-i 6)esta .assa di sco*li c-e se.bra(ano tinti di t)tti i colori del crep)scolo, dal rosso (i(o fino al t)rc-ino c)po, di tanto in tanto *li sali(ano al (iso delle (a.pate ardenti> la s)a fronte di(eni(a di porpora, )na n)be rossastra passa(a da(anti ai s)oi occ-i. #ia..ai *iocatore, la c)i fort)na 1 t)tta .essa sopra )na carta, pro(3, al (ol*erne )na, tanta an*oscia 6)anta ne senti(a Ed.ondo nei s)oi parossis.i di speran8a. Ritorn3 la notte. !lle dieci della sera si approd3. La #io(ane !.elia era la pri.a all app)nta.ento. ;ant1s, .al*rado il do.inio s) se stesso, non pot5 contenersi4 per pri.o salt3 s)lla ri(a. "e a(esse osato, a(rebbe, co.e Br)to, baciato la terra. +ace(a notte osc)ra, .a alle )ndici la l)na sorse di .e88o al .are, inar*ent3 o*ni crespa, 6)indi i s)oi ra**i, a .is)ra c-e si al8a(a, co.incia(ano a scre8iarsi in bianc-e cascate di l)ce s)*li sco*li a..assati di 6)est altro Pelione. L isola era fa.iliare all e6)ipa**io della #io(ane !.elia, era )na delle s)e tappe ordinarie. D)anto a ;ant1s, l a(e(a (ed)ta, in ciasc)no dei s)oi (ia**i in le(ante, .a non (i era .ai sbarcato.

E*li interro*3 9acopo. :;o(e passia.o la notte<: :! bordo della tartana: rispose 9acopo. :0on stare..o .e*lio nelle *rotte<: :E in 6)ali *rotte<: :0elle *rotte dell isola.: :Io non conosco *rotte...: disse 9acopo. Un freddo s)dore pass3 s)lla fronte di ;ant1s. :0on (i sono *rotte a Montecristo<: do.and3. :0o.: ;ant1s ri.ase per )n istante stordito, poi pens3 c-e 6)este *rotte pote(ano essersi ricoperte per )n 6)alc-e accidente, o essere state c-i)se per .a**ior preca)8ione dallo stesso "pada. In 6)esto caso t)tto sta(a nel ritro(are la perd)ta apert)ra. Era in)tile cercarla nella notte, ;ant1s ri.ise d)n6)e le s)e ricerc-e al do.ani, d altronde )n se*nale inalberato a .e88a le*a in .are, ed al 6)ale risponde(a con )no si.ile la #io(ane !.elia, indic3 c-e era *i)nto il .o.ento di accin*ersi all opera8ione. Il basti.ento c-e a(e(a ritardato, rassic)rato dal se*nale c-e do(e(a far capire c-e c era sic)re88a attorno all isola, appar(e ben presto bianco e silen8ioso co.e )n fantas.a, e (enne a *ettare l ancora presso la ri(a. Il trasbordo delle .erci co.inci3 nel .edesi.o istante. ;ant1s, .entre la(ora(a, pensa(a all -)rr7? di *ioia c-e con )na sola parola pote(a pro(ocare in t)tti 6)e*li )o.ini, se dice(a ad alta (oce l incessante pensiero c-e r).ore**ia(a al s)o orecc-io, e t)rba(a il s)o c)ore4 .a l)n*i dal ri(elare il s)o .a*nifico se*reto, te.e(a *i7 d a(er detto troppo, e di a(ere ris(e*liato dei sospetti col s)o andare e (enire, con le s)e ripet)te do.ande, con le s)e .in)8iose osser(a8ioni, e la s)a preocc)pa8ione. 0ess)no per3 d)bita(a di niente4 e allorc-5 l indo.ani, prendendo )n f)cile, dei pallini, e della pol(ere, ;ant1s .anifest3 il desiderio di andare a tirare a 6)alc)na di 6)elle n).erose capre sel(a**e c-e si (ede(ano saltare di roccia in roccia, non si attrib)2 6)esta esc)rsione di ;ant1s c-e all a.ore per la caccia, ed al desiderio di solit)dine. 0on (i f) c-e 9acopo c-e insistette per se*)irlo. ;ant1s non (olle opporsi, te.endo d ispirar sospetti se spin*e(a tropp oltre la s)a ritrosia ad essere acco.pa*nato. Ma appena fatto )n 6)arto di le*a, essendosi presentata l occasione di tirare ed )ccidere )n capriolo, in(i3 9acopo a portarlo ai co.pa*ni, in(itandoli a c)ocerlo, e dar*li il se*nale 6)ando fosse cotto, per (enirlo a .an*iare, tirando )n colpo di f)cile. D)alc-e fr)tto secco, ed )n fiasco di (ino di Montep)lciano do(e(ano co.pletare il pran8o. ;ant1s contin)3 il s)o ca..ino (oltandosi o*ni tanto. #i)nto alla so..it7 di )na roccia, (ide a .ille piedi al disotto di l)i i s)oi co.pa*ni c-e ra**i)nti da 9acopo, *i7 si occ)pa(ano atti(a.ente dei preparati(i del pran8o. Ed.ondo li *)ard3 )n istante con 6)el triste e dolce sorriso delle persone s)periori. :+ra d)e ore partiranno ricc-i di cin6)anta piastre, per andare a cercar di *)ada*narne altre cin6)anta col risc-io della loro (ita> poi ritorneranno ricc-i di seicento lire, per andare a dilapidarle in )na citt7 6)alsiasi con l or*o*lio dei s)ltani, e la .a*nificen8a dei nababbi. O**i la speran8a fa c-e io dispre88i la loro ricc-e88a, c-e

.i pare profonda .iseria, do.ani forse il disin*anno .i obbli*-er7 a *)ardare 6)esta profonda .iseria co.e la .a**iore delle fort)ne... O-, no: escla.3 Ed.ondo, :6)esto non sar7. Il sapiente, l infallibile +aria non p)3 essersi in*annato s) 6)esto sol p)nto. ; altronde 1 .e*lio .orire c-e contin)are a cond)rre 6)esta (ita .iserabile e (ile.: Cos2 ;ant1s, c-e tre .esi pri.a non desidera(a c-e la libert7, non era pi@ contento della sola libert7, .a (ole(a anc-e le ricc-e88e. Il difetto non era di ;ant1s, .a della nostra nat)ra c-e crea desideri infiniti. Per )na strada c-e si perde(a fra d)e .)ra*lie di sco*li, l)n*o il ca..ino c-e percorre(a il torrente, e c-e secondo o*ni probabilit7 non era stato .al calcato da piede ).ano, ;ant1s si a((icina(a al l)o*o in c)i s)ppone(a do(essero essere le *rotte. "e*)endo la spia**ia del .are, e esa.inando i pi@ piccoli particolari con seria atten8ione, *li par(e di scor*ere s) alc)ne rocce de*li inca(i operati dalla .ano dell )o.o. Il te.po c-e copre t)tte le cose fisic-e col .anto dell oblio, se.bra(a a(ere rispettato 6)esti se*ni, tracciati con )na certa re*olarit7 e allo scopo probabil.ente di *)ida. ;i tratto in tratto, 6)esti se*ni spari(ano sotto i cesp)*li di .irto c-e si )ni(ano in *rossi .a88i caric-i di fiori, o sotto i lic-eni parassiti. Biso*na(a allora c-e ;ant1s allontanasse i .assi, o solle(asse il .)sco per ritro(are le tracce c-e lo *)ida(ano per 6)esto labirinto. D)esti se*ni a(e(ano dato )na b)ona speran8a ad Ed.ondo. Perc-5 non pote(a essere stato lo "pada a tracciarli affinc-5 potessero, in caso di catastrofe, ser(ir di *)ida al nipote< D)esto l)o*o solitario era 6)ello c-e con(eni(a ad )n )o.o c-e (ole(a seppellire )n tesoro. "oltanto, 6)esti se*ni (isibili a(rebbero pot)to attirare lo s*)ardo di 6)alc-e altro, oltre 6)elli per c)i erano fatti> l isola dalle tetre .)ra*lie a(e(a conser(ato fedel.ente il s)o se*reto< ! cin6)anta passi dal porto se.br3 ad Ed.ondo, se.pre celato a*li s*)ardi dei s)oi co.pa*ni, c-e i se*ni cessassero, sen8a per3 .etter capo a ness)na *rotta. Una *rossa roccia tonda, posta sopra )na solida base era la sola .eta a c)i se.bra(ano *)idare. Ed.ondo pens3 allora c-e in(ece d essere *i)nto al ter.ine pote(a benissi.o non essere arri(ato c-e al principio, di conse*)en8a si *ir3 e ritorn3 indietro calcando la stessa (ia. Intanto i s)oi co.pa*ni prepara(ano il pran8o, anda(ano ad attin*ere ac6)a alla sor*ente, trasporta(ano il pane e la fr)tta a terra e face(ano c)ocere il capriolo. 0el .o.ento in c)i lo to*lie(ano dallo spiedo, scopersero Ed.ondo c-e le**ero e ardito co.e )no scoiattolo, salta(a di roccia in roccia4 tirarono )n colpo per a((ertirlo. Il cacciatore ca.bi3 s)bito dire8ione, e ritorn3 correndo. Mentre t)tti lo se*)i(ano con lo s*)ardo, nella specie di (oli c-e face(a tacciando di te.erit7 la s)a s(elte88a, co.e per dar ra*ione ai loro ti.ori, *li (enne .eno )n piede, f) (isto oscillare s)lla (etta di )no sco*lio, *ettare )n *rido, e sparire. /)tti bal8arono in )n sol slancio, perc-5 t)tti a.a(ano Ed.ondo .al*rado la s)a s)periorit74 9acopo per3 f)

il pri.o a ra**i)n*erlo. E*li tro(3 ;ant1s steso, insan*)inato, e 6)asi pri(o di sensi> era rotolato da )n alte88a di dieci o dodici piedi. #li f) introdotta nella bocca 6)alc-e sorsata di r-). e 6)esto ri.edio c-e altra (olta era stato di tanta efficacia, prod)sse il .edesi.o effetto. Ed.ondo riaperse *li occ-i, e si la*n3 di soffrire )n (i(o dolore al *inocc-io, )n *ran peso alla testa, e )n *ran spasi.o ai reni. Lo (ole(ano trasportare fino a ri(a4 .a 6)ando f) toccato, 6)ant)n6)e fosse 9acopo c-e diri*e(a l opera8ione, disse, la.entandosi, c-e non si senti(a la for8a di sopportare il trasporto. " intende c-e di pran8o per Ed.ondo non si parl3 nepp)re, .a (olle c-e i s)oi co.pa*ni non a(endo le s)e stesse ra*ioni per fare di*i)no, ritornassero al loro posto. D)anto a l)i pretende(a di non a(er biso*no d altro c-e di )n po di riposo, e c-e al loro ritorno essi lo a(rebbero tro(ato assai .e*lio. I .arinai non si fecero .olto pre*are> a(e(ano fa.e, l odore del capriolo *i)n*e(a fino a loro, e fra l)pi di .are non (i sono .olte ceri.onie. Ritornarono )n ora dopo. /)tto ci3 c-e Ed.ondo a(e(a pot)to fare era stato di trascinarsi per )na do88ina di passi per andare ad appo**iarsi sopra )n sasso coperto di .)sco. Ma l)n*i dal cal.arsi, i dolori di ;ant1s se.bra(a c-e fossero a).entati d intensit7. Il (ecc-io padrone c-e era costretto a partire nella .attina per depositare il s)o carico s)lle frontiere del Pie.onte e della +rancia fra 0i88a e +r5R)s, insistette perc-5 ;ant1s si sfor8asse di al8arsi. ;ant1s fece de*li sfor8i so(r).ani per arrendersi a 6)esto in(ito4 .a a ciasc)no sfor8o ricadde la.entandosi ed i.pallidendo. :Fa rotto i reni: disse a bassa (oce il padrone. :0on i.porta, 1 )n b)on co.pa*no, non biso*na abbandonarlo4 cerc-ia.o di trasportarlo fino alla tartana.: Ma ;ant1s dic-iar3 c-e preferi(a .orire do(e si tro(a(a, pi)ttosto c-e sopportare i dolori di )n 6)alsiasi .o(i.ento. :Ebbene: disse il padrone, :a((en*a ci3 c-e ()ole, non sar7 .ai detto c-e noi lascia.o )n bra(o co.pa*no sen8a ai)ti. Partire.o soltanto 6)esta sera.: D)esta proposta fece .olta .era(i*lia ai .arinai 6)ant)n6)e non (i fosse c-i facesse obie8ione. Il padrone era )n )o.o .olto ri*oroso, ed era la pri.a (olta c-e lo si (ede(a rin)nciare ad )n i.presa, o anc-e soltanto ritardarla. ;ant1s non (olle c-e si facesse in s)o fa(ore )na infra8ione alle re*ole di disciplina stabilite a bordo. :0o: disse, :io f)i inca)to ed io debbo portare la pena della .ia poca destre88a. Lasciate.i )na piccola pro((i*ione di biscotti, )n f)cile, della pol(ere e delle pallottole per a..a88are dei capretti ed anc-e per difender.i, ed )na 8appa per costr)ir.i )na specie di casetta, in caso c-e tardaste .olto a ritornare a prender.i.: :Ma t) .orrai di fa.e: disse il padrone. :Me*lio 6)esto: replic3 Ed.ondo, :c-e soffrire *li ina)diti dolori c-e .i fa pro(are il pi@ piccolo .o(i.ento.:

Il padrone *)ard3 il s)o basti.ento c-e dondola(a nel piccolo porto, e s) c)i co.incia(ano i pri.i preparati(i per la parten8a. :C-e ()oi d)n6)e c-e faccia.o<: disse. :0on possia.o abbandonarti cos2, e nepp)re aspettare l)n*a.ente.: :Partite, partite: escla.3 ;ant1s. :0oi stare.o assenti al.eno otto *iorni, e biso*ner7 c-e de(ia.o dalla nostra (ia per (enirti a prendere.: :!scoltate: disse ;ant1s, :se incontrate 6)alc-e barca pesc-ereccia c-e fra d)e o tre *iorni (en*a in 6)esti para**i, racco.andate.i al padrone, io pa*-er3 (enticin6)e piastre per il .io ritorno a Li(orno4 e se non ne tro(erete, tornate.: :!scoltate, padron Baldi, (i 1 )n .e88o per conciliar t)tto: disse 9acopo, :partite4 io rester3 alla c)ra del ferito.: :E t) rin)ncerai alla sparti8ione: disse Ed.ondo, :per restare con .e<: :"2, e sen8a dispiacere: rispose 9acopo. :/) sei )n bra( )o.o: disse Ed.ondo, :e ;io ti rico.penser7 della t)a b)ona (olont7. Ma io non -o biso*no d alc)no, *ra8ie. Un *iorno o d)e di riposo .i ri.etteranno, e spero di tro(are fra 6)esti sco*li alc)ne erbe eccellenti per le cont)sioni...: Uno strano sorriso pass3 s)lle labbra di ;ant1s4 strinse la .ano a 9acopo eff)sione, .a ri.ase irre.o(ibile nella risol)8ione di ri.anere solo. I contrabbandieri lasciarono ad Ed.ondo ci3 c-e a(e(a do.andato, e lo abbandonarono non sen8a (oltarsi .olte (olte, e facendo*li o*ni (olta *ran cenni di sal)to ai 6)ali Ed.ondo risponde(a con )na sola .ano, co.e se non potesse .)o(ere il resto del corpo. Poi 6)ando f)rono spariti> := strano: .or.or3 ;ant1s ridendo, :c-e sia fra )o.ini di tal fatta, c-e si tro(ino e si riscontrino tali pro(e di a.ici8ia e di attacca.ento.: Poco dopo si trascin3 con preca)8ione fino alla so..it7 di )na roccia c-e non *li nasconde(a la (ista del .are, e di l7 (ide la tartana co.piere i s)oi preparati(i, le(ar l ancora, librarsi *ra8iosa.ente co.e )na lodola c-e sta per spiccare il (olo, e partire. In capo ad )n ora era sparita del t)tto, o al.eno era i.possibile (ederla dal l)o*o do(e era ri.asto il ferito. !llora ;ant1s si al83 pi@ lesto e pi@ le**ero di )n capriolo fra i .irti e i lentisc-i di 6)elle rocce sel(a**e, prese il s)o f)cile con )na .ano, con l altra la 8appa e corse a 6)ella roccia presso la 6)ale fini(ano i se*ni c-e a(e(a osser(ato. :Ed ora: escla.3, ricordandosi la storia dell arabo pescatore c-e *li a(e(a raccontato +aria, :ora apriti, o"esa.o?: Capitolo $%. L !BB!#LI!ME0/O. Il sole era per(en)to a circa )n ter8o del s)o corso, i s)oi ra**i di .a**io cade(ano caldi e (i(ificanti s) 6)elle rocce c-e se.bra(ano esse stesse sensibili a 6)esto calore. Mi*liaia di cicale in(isibili fra i cesp)*li face(ano sentire il loro .or.orio .onotono e contin)o. Le fo*lie dei .irti e de*li )li(i si a*ita(ano tre.anti e .anda(ano )n r).ore 6)asi .etallico.

! ciasc)n passo di Ed.ondo dal riscaldato *ranito f)**i(ano .osconi c-e se.bra(ano s.eraldi. "i (ede(ano bal8are, s)l pendio inclinato dell isola, le capre sel(a**e c-e attirano 6)alc-e (olta i cacciatori. In )na parola l isola era abitata, (i(ente, ani.ata, e t)tta(ia Ed.ondo si senti(a solo, sotto la .ano di ;io. E*li pro(a(a )n e.o8ione, .olto so.i*liante alla pa)ra. Era 6)ella diffiden8a del pieno *iorno, c-e fa s)pporre, anc-e nel deserto, c-e (i possono essere de*li occ-i in6)isitori ad osser(arci. D)esto senti.ento f) cos2 forte, c-e al .o.ento di co.inciare il s)o la(oro, Ed.ondo si fer.3, depose la 8appa, riprese il s)o f)cile, .ont3 )n )lti.a (olta s)lla roccia pi@ ele(ata dell isola, e di l7 *ir3 lo s*)ardo attenta.ente s) t)tto ci3 c-e lo circonda(a. Ma, noi dobbia.o dirlo, ci3 c-e attir3 la s)a atten8ione non f) la poetica Corsica di c)i e*li pote(a perfino distin*)ere le case, non f) la "arde*na, a l)i 6)asi sconosci)ta, non f) l isola d Elba dai *i*antesc-i ricordi, e final.ente non f) 6)ella linea i.percettibile c-e si estende all ori88onte, e c-e, all occ-io esercitato del .arinaio, ri(ela il profilo della s)perba #eno(a, e della co..erciale Li(orno> f) il bri*antino c- era partito alla p)nta del *iorno, e la tartana partita da poco. Il pri.o sta(a per sparire nello stretto di Bonifacio4 l altra se*)endo la strada opposta coste**ia(a la Corsica per oltrepassarla. D)esta (ista rassic)r3 Ed.ondo> ricond)sse allora lo s*)ardo s)*li o**etti c-e lo circonda(ano> si (ide s)l p)nto pi@ ele(ato della conica isola, piccola stat)a di 6)esto i..enso piedistallo> intorno a l)i non )n )o.o, non )na barca> niente altro c-e l a88)rro .are c-e (eni(a a perc)otere la base dell isola, e perc)otendola la orna(a di )na eterna fran*ia d ar*ento. !llora discese con passo rapido, .a pr)dente4 te.e(a troppo in )n si.ile .o.ento )n incidente e*)ale a 6)ello c-e a(e(a tanto abil.ente e felice.ente si.)lato. ;ant1s, co.e abbia.o detto, a(e(a ripercorso il ca..ino, *)idato dai se*ni sca(ati s)lle rocce, ed a(e(a (ed)to c-e 6)esta linea cond)ce(a ad )na piccola rada nascosta co.e )n ba*no di antic-e ninfe. D)esta rada era abbastan8a profonda nel s)o centro perc-5 )n piccolo basti.ento del *enere delle speroniere potesse entrar(i, e ri.aner(i nascosto. !llora se*)endo il filo delle ind)8ioni, 6)el filo c-e fra le .ani di +aria a(e(a (ed)to *)idare in )na .aniera cos2 in*e*nosa, pens3 c-e #)ido "pada fosse approdato a 6)esta rada, a(esse nascosto il s)o piccolo na(i*lio, se*)ita la linea indicata dalle intaccat)re, e nella estre.it7 di 6)esta linea sepolto il s)o tesoro. +) 6)esta s)pposi8ione c-e ricond)sse ;ant1s presso la roccia circolare. Una cosa soltanto in6)ieta(a Ed.ondo, e scon(ol*e(a t)tte le s)e idee> co.e si era pot)to, sen8a i.pie*are for8e considere(oli, innal8are 6)esta roccia, c-e pesa(a forse cin6)e o sei .i*liaia di libbre, s)lla base s) c)i era posta< !d )n tratto f) colpito da )n idea. :In(ece di farla salire: disse tra s5, :l a(ranno fatta scendere.: Ed e*li stesso si arra.pic3 al di sopra della roccia, per cercare il posto della pri.iti(a base. Vide ben presto c- era stata praticata )na le**era inclina8ione, la roccia a(e(a strisciato s)lla s)a (ecc-ia base, ed era (en)ta a

fer.arsi a ridosso di )n altra roccia, *rossa co.e )na pietra da ta*lio ordinaria, c-e era ser(ita da n)o(a base. Erano stati i.pie*ati dei sassolini e delle pietre per fare sparire o*ni traccia> 6)esto piccolo la(oro da .)ratore era stato ricoperto di terra e di (e*eta8ione, (i era nata l erba, ed il .)sco si era esteso, alc)ni se.i di .irto e di lentisco erano *er.o*liati, ed il (ecc-io pe88o di roccia se.bra(a attaccato al s)olo. ;ant1s solle(3 con preca)8ione la terra e riconobbe, o credette di scoprire 6)esto in*e*noso artificio. !llora si accinse a distr)**ere colla 8appa 6)esto .)ro inter.ediario, ce.entato dal te.po. ;opo )n la(oro di dieci .in)ti, il .)ro cedette, e rest3 aperto )n foro nel 6)ale si pote(a introd)rre )n braccio. ;ant1s and3 a troncare l oli(o pi@ *rosso, lo spo*li3 dei s)oi ra.i, lo introd)sse nel foro, e ne fece )na le(a. Ma la roccia era troppo pesante e incastrata troppo solida.ente s)lla roccia inferiore4 la for8a ).ana non era bastante a s.)o(erla, fosse p)r stata 6)ella d Ercole. ;ant1s riflett5 allora c-e era la roccia stessa c-e biso*na(a attaccare> .a con 6)al .e88o< #ir3 lo s*)ardo intorno, co.e fanno *li )o.ini i.bara88ati, e (ide il corno di )n b)falo pieno di pol(ere c-e *li a(e(a lasciato 9acopo. "orrise> l in(en8ione infernale a(rebbe co.pi)ta la s)a opera. Con l ai)to della 8appa, ;ant1s sca(3, fra la roccia s)periore e 6)ella s) c)i era posta, )n condotto di .ina, )*)ale a 6)ello c-e fanno i *)astatori 6)ando (o*liono rispar.iare alle braccia dell )o.o )na troppo l)n*a fatica. D)indi lo rie.p2 di pol(ere ben co.pressa, e sfilando il s)o fa88oletto e i..er*endolo nella pol(ere, ne fece )na .iccia. Messo il f)oco a 6)esta .iccia ;ant1s si allontan3. L esplosione non si fece attendere> la roccia s)periore per )n istante f) solle(ata dall incalcolabile for8a, 6)ella inferiore and3 in pe88i. ;alla piccola apert)ra, c-e all ini8io ;ant1s a(e(a praticata, sf)**2 )na folla d insetti fre.enti ed )n enor.e serpente, *)ardiano di 6)esto ca..ino .isterioso, c-e strisciando dispar(e. ;ant1s si a((icin3. La roccia s)periore, ri.asta or.ai sen8a appo**io pende(a s)ll abisso. L intrepido cercatore (i *ir3 attorno, scelse il p)nto pi@ (acillante appo**i3 la s)a le(a fra *li intacc-i e co.e "isifo s inc)r(3 con t)tta la s)a for8a contro la roccia. La roccia *i7 spostata dall esplosione, traball3> ;ant1s raddoppi3 *li sfor8i. "i sarebbe detto c-e era )n n)o(o /itano c-e sradica(a le .onta*ne per far la *)erra al padre de*li ;ei. +inal.ente la roccia cedette, rotol3, bal83, precipit3, e spar2 i..er*endosi nel .are. Cos2 lasci3 scoperto )n (ano circolare c-e .ette(a in (ista )n anello di ferro i.pio.bato nel .e88o di )na pietra 6)adrata. ;ant1s *ett3 )n *rido di *ioia e di st)pore. #ia..ai pi@ .a*nifico ris)ltato a(e(a coronato )n pri.o tentati(o. Volle contin)are, .a le s)e *a.be tre.a(ano cos2 forte.ente, il s)o c)ore batte(a con tanta (iolen8a, )na n)be passa(a tanto br)ciante da(anti ai s)oi occ-i, c-e f) costretto a fer.arsi. D)esto .o.ento di esita8ione per3 d)r3 )n la.po. Ed.ondo pass3 la le(a nell anello, l al83 (i*orosa.ente, e la pietra spostata si apr2, scoprendo il rapido pendio di )na specie di scala c-e anda(a ad infossarsi nell o.bra di )na *rotta osc)ra.

Un altro (i si sarebbe precipitato, a(rebbe *ettato *rida di es)ltan8a e di *ioia> ;ant1s si fer.3, i.pallid2, d)bit3. :Vedia.o: disse, :sia.o )o.ini. !((e88i all a((ersit7, non ci lascia.o abbattere da )n disin*anno. Il c)ore si ro.pe, allorc-5 dopo essere stato dilatato oltre .is)ra dalla speran8a, ritorna s) se stesso e si riadatta alla fredda realt7. +aria non fece c-e )n so*no4 #)ido "pada non -a seppellito niente in 6)esta *rotta, forse anc-e non (i 1 .ai (en)to, o, se (i (enne, Cesare Bor*ia, l intrepido a((ent)riero, l infaticabile capo ladrone, (i sar7 approdato dopo di l)i, a(r7 se*)iti i .edesi.i se*ni c-e -o se*)iti io, a(r7 co.e .e solle(ata 6)esta pietra, e, disceso pri.a di .e, non a(r7 lasciato niente da prendere a c-i (eni(a dopo di l)i.: ;ant1s rest3 )n .o.ento i..obile, pensieroso, co*li occ-i fissi sopra 6)est apert)ra tenebrosa e contin)a. :"2, s2, 6)esta 1 )na a((ent)ra da tro(ar posto nella (ita, .ista di osc)rit7 e di l)ce, di 6)el principe cri.inale. In 6)el tess)to di strani casi c-e co.pose la tra.a torbida della s)a esisten8a, 6)esto fa(oloso a((eni.ento -a do()to incatenarsi in(incibil.ente ad altri fatti. "2, Bor*ia 1 (en)to )na notte 6)i, tenendo in )na .ano )na fiaccola, nell altra )na spada. Mentre a (enti passi da l)i forse ai piedi di 6)ello sco*lio, sta(ano c)pi e .inacciosi d)e s*-erri spiando la terra, l aria ed il .are, il loro padrone entra(a, co.e sto per fare io, in 6)est antro, sc)otendo le tenebre col s)o for.idabile e fia..e**iante braccio. "2, .a di 6)e*li s*-erri ai 6)ali a(r7 do()to co.)nicare il s)o se*reto, c-e ne a(r7 fatto Bor*ia<: si do.and3 ;ant1s. :Ci3 c-e fecero: si rispose sorridendo, :dei becc-ini di !larico, c-e (ennero sotterrati col cada(ere del re. Ora c-e non conto pi@ s) niente, ora c-e .i son detto c-e sarebbe da pa88i conser(are 6)alc-e speran8a, 6)esta a((ent)ra non 1 pi@ per .e c-e )na cosa di .era c)riosit7.: E rest3 ancora per 6)alc-e te.po i..obile e pensieroso. :Per3 se (i fosse (en)to: riprese ;ant1s, :se a(esse ritro(ato o portato il tesoro, Bor*ia, l )o.o c-e para*ona(a l Italia ad )n carciofo e c-e la .an*ia(a fo*lia per fo*lia, Bor*ia sape(a troppo bene far )so del te.po per non perderne a ri.ettere 6)esta roccia s)lla s)a base... "cendia.o.: !llora discese. Il sorriso del d)bbio sfiora(a le s)e labbra c-e .or.ora(ano 6)est )lti.a parola dell ).ana sa**e88a> :P)3 darsi...: Ma in(ece delle tenebre c-e si aspetta(a di tro(are, in(ece di )n at.osfera opaca e triste, ;ant1s non (ide c-e )na l)ce deco.posta in )n c-iarore a88)rro*nolo4 l aria e la l)ce filtra(ano, non solo dall apert)ra c-e era stata da l)i praticata, .a dalle screpolat)re in(isibili fra le rocce, e attra(erso c)i si (ede(a il colore t)rc-ino del cielo, e o(e si con*i)n*e(ano i ra.i tre.olanti dei (erdi cesp)*li o i le*a.enti spinosi e parassiti dei ro(i. ;opo 6)alc-e secondo di sosta in 6)esta *rotta, la c)i at.osfera pi)ttosto tiepida c-e ).ida, pi)ttosto odorosa c-e fetida, sta(a alla te.perat)ra dell isola co.e l o.bra del sole, lo s*)ardo di ;ant1s, abit)ato, co.e si disse, alle tenebre, pot5 esplorare *li an*oli pi@ reconditi della ca(erna> era di *ranito, e le faccette sparse di pa*liole risplende(ano co.e dia.anti.

:!-i.1: escla.3 ;ant1s sorridendo, :ecco sen8a fallo i tesori c-e a(r7 lasciato lo "pada, e il b)on +aria, (edendo in so*no 6)esti .)ri risplendenti, si sar7 ill)so di ricc-e speran8e?: Ma ;ant1s si ricord3 delle precise parole del testa.ento c-e sape(a a .e.oria> :0ell an*olo pi@ lontano della seconda apert)ra: dice(a 6)esto testa.ento. Ora ;ant1s era penetrato solo nella pri.a *rotta, biso*na(a d)n6)e cercare l entrata della seconda. "i ori88ont3. D)esta seconda *rotta do(e(a nat)ral.ente internarsi (erso il centro dell isola. Esa.in3 *li strati delle pietre e and3 a battere contro )na delle pareti, 6)ella do(e do(e(a essere l apert)ra, nascosta sen8a d)bbio per .a**ior preca)8ione. Con la 8appa percosse le pareti ad inter(alli ca(ando dalla roccia )n r).ore cos2 sordo e debole c-e la fronte di ;ant1s si rabb)i3> +inal.ente se.br3 al perse(erante .inatore c-e )na parte del .)ro di *ranito ris)onasse, e rispondesse con )n eco pi@ sorda e pi@ profonda. !((icin3 lo s*)ardo ardente al .)ro e riscontr3, col tatto da pri*ioniero, ci3 c-e ness)n altro a(rebbe forse scoperto, c-e l7 (i do(e(a essere )n apert)ra. Per3, per non fare )n la(oro in)tile, ;ant1s c-e, co.e Cesare Bor*ia, a(e(a i.parato il (alore del te.po, esplor3 le altre pareti con la 8appa, batt5 il s)olo con il calcio del s)o f)cile, s.osse la sabbia nei l)o*-i sospetti e non a(endo tro(ato n5 riconosci)to niente, torn3 alla parte di .)ro c-e da(a 6)el s)ono consolatore. La percosse di n)o(o con .a**ior for8a. !llora (ide )na cosa sin*olare> sotto i colpi dello str).ento, )na specie d intonaco, )*)ale a 6)ello c-e si applica s)i .)ri per dipin*er(i a fresco, si solle(a(a e cade(a in croste, scoprendo )na pietra biancastra *ran)losa co.e le ordinarie pietre da ta*lio. L apert)ra della roccia era stata c-i)sa con pietre d altra nat)ra 6)indi a(e(ano steso sopra 6)este pietre l intonaco, e s)ll intonaco, era stata i.itata la tinta e la cristalli88a8ione del *ranito. ;ant1s percosse allora con la parte ta*liente della 8appa, e 6)esta penetr3 per )n pollice nella porta a .)ro. Era l7 c-e biso*na(a la(orare. Per )no strano .istero dell ).ana psic-e, pi@ si reali88a(ano e si acc).)la(ano le pro(e c-e +aria non s era in*annato, e pi@ il c)ore di ;ant1s indebolito e stanco si lascia(a andare al d)bbio e 6)asi allo scora**ia.ento. D)esta n)o(a esperien8a c-e a(rebbe do()to infonder*li )na for8a no(ella, *li tolse al contrario 6)ella c-e *li ri.ane(a. La 8appa scendendo *li sf)**i(a 6)asi dalle .ani, la depose al s)olo, si asci)*3 la fronte e ri.ont3 la scala, col pretesto di (edere se 6)alc)no lo spia(a, .a in realt7 perc-5 s)l p)nto di s(enire. L isola era deserta, e il sole allo 8enit se.bra(a coprirla col s)o occ-io di f)oco4 lontano alc)ne piccole barc-e pesc-erecce spie*a(ano le loro (ele s) )n .are a88)rro co.e 8affiro. ;ant1s non a(e(a ancora .an*iato n)lla4 .a in 6)el .o.ento era ben lontano dall a(er (olont7 di .an*iare4 tracann3 )n poco di r-). e rientr3 nella *rotta col c)ore serrato. La 8appa, c-e *li era se.brata cos2 pesante, era tornata le**era, la solle(3 co.e a(rebbe fatto con )na pi).a, e si ri.ise (i*orosa.ente al la(oro.

;opo 6)alc-e colpo, si accorse c-e le pietre non erano ce.entate, .a soltanto le )ne s)lle altre, e ricoperte da 6)ell intonaco di c)i abbia.o parlato. Introd)sse in )na fess)ra la p)nta dello str).ento, *ra(it3 col corpo s)l .anico, e (ide con *ioia la pietra *irare co.e sopra i cardini, e cadere ai s)oi piedi. ;ant1s non ebbe pi@ c-e tirare a s5 o*ni pietra col ferro della 8appa, e o*ni pietra rotol3 (icino alla pri.a. ;ant1s sarebbe pot)to entrare, .a ritardando di 6)alc-e .in)to a(e(a prol)n*ato la certe88a, a**rappandosi alla speran8a. +inal.ente, dopo )na n)o(a esita8ione, ;ant1s pass3 nella seconda *rotta. D)esta seconda *rotta era pi@ bassa, pi@ osc)ra, e di aspetto pi@ spa(entoso della pri.a. L aria, c-e non (i era penetrata c-e dall apert)ra appena fatta, conser(a(a 6)ell odore .efitico c-e ;ant1s si era .era(i*liato di non ritro(are nella pri.a. ;ant1s fece entrare l aria esterna per ra((i(are 6)esta .orta at.osfera, 6)indi entr3. ! sinistra dell apert)ra c era )n an*olo profondo e osc)ro4 .a, noi l abbia.o detto, per l occ-io di ;ant1s non esiste(ano tenebre. "canda*li3 con lo s*)ardo la seconda *rotta> era ()ota co.e la pri.a. Il tesoro se esiste(a, era seppellito in 6)ell an*olo osc)ro. L ora dell an*oscia era *i)nta> d)e piedi di terra da sca(are era t)tto ci3 c-e resta(a a ;ant1s fra il so..o della *ioia e il so..o della dispera8ione. !(an83 (erso l an*olo, e, co.e preso da )n istantanea risol)8ione, attacc3 a 8appare ardita.ente. !l 6)into o sesto colpo di 8appa, il ferro ris)on3 sopra altro ferro. Mai tocco f)nebre di ca.pana n5 s)ono a stor.o prod)sse )n si.ile effetto s) col)i c-e l )d2. 0iente a(rebbe pot)to far di(entare pi@ pallido ;ant1s. E*li osser(3 i lati del posto *i7 esplorato, colp2 con la 8appa, e ritro(3 lo stesso s)ono. :E )n ba)le di le*no cerc-iato di ferro: disse. In 6)ell istante )n o.bra rapida pass3, intercettando la l)ce, ;ant1s lasci3 cadere la 8appa, afferr3 il f)cile, ripass3 per l apert)ra, e si lanci3 all aperto. Era )na capra sel(a**ia c-e era saltata al disopra della pri.a entrata della *rotta, e .an*ia(a a 6)alc-e passo di distan8a. "arebbe stata )na bella occasione per assic)rarsi il pran8o4 .a ;ant1s ebbe ti.ore c-e la detona8ione ric-ia.asse 6)alc)no. Riflett5 )n istante, ta*li3 i ra.i di )n albero resinoso, and3 ad accenderli al f)oco ancor f).ante do(e i contrabbandieri a(e(ano cotto il loro pran8o e ritorn3 con 6)esta torcia. 0on (ole(a perdere alc)n detta*lio di ci3 c-e sta(a per (edere. !((icin3 la torcia alla b)ca infor.e e non co.pi)ta, e riconobbe c-e non si era in*annato4 i s)oi colpi a(e(ano alternati(a.ente colpito s)l ferro e s) le*no. Piant3 la s)a torcia in terra e si ri.ise all opera. In )n istante f) sca(ata )na fossa di tre piedi di l)n*-e88a e d)e di lar*-e88a, e ;ant1s pot5 riconoscere )n ba)le di le*no di 6)ercia con cerc-i di ferro cesellato. 0el .e88o del coperc-io risplende(a, sopra )na placca d ar*ento c-e la terra non a(e(a pot)to arr)**inire, l ar.a della fa.i*lia "pada, )na spada .essa di piatto sopra )no sc)do o(ale, co.e sono *li sc)di italiani. ;ant1s la riconobbe facil.ente, perc-5 +aria l a(e(a pi@ (olte dise*nata. ;a 6)el .o.ento non (i era pi@ d)bbio> il tesoro esiste(a real.ente4 non a(rebbero preso tante preca)8ioni

per ri.ettere in 6)el posto )n ba)le ()oto. /)tti i lati del ba)le o for8iere f)rono .essi allo scoperto e ;ant1s (ide, poco alla (olta, co.parire la serrat)ra, posta fra d)e cinte di ferro, e le .ani*lie alle parti laterali> t)tto era cesellato, co.e si )sa(a in 6)ell epoca in c)i l arte rende(a pre8iosi anc-e i pi@ (ili .etalli. ;ant1s prese il ba)le per le .ani*lie e si pro(3 a solle(arlo> era cosa i.possibile. !llora tent3 di aprirlo> la serrat)ra e le cinte lo tene(ano ben c-i)so> 6)esti fedeli c)stodi se.bra(ano non (oler rendere il loro tesoro> ;ant1s introd)sse la parte ta*liente della 8appa tra il fondo ed il coperc-io, *ra(it3 con t)tto il s)o corpo sopra il .anico di 6)ella, ed il coperc-io, dopo a(er prodotto )n forte r).ore, and3 in pe88i. Una lar*a apert)ra dell asse rende(a i ferra.enti in)tili, caddero anc- essi, strin*endo t)tta(ia con le loro )n*-ie tenaci i pe88i del coperc-io cad)ti con essi, ed il ba)le f) aperto. Una febbre (erti*inosa s i.padron2 di ;ant1s4 prese il s)o f)cile, lo .ont3 e se lo pose (icino. ;appri.a c-i)se *li occ-i co.e fanno i ba.bini, per scor*ere nella notte sfa(illante dell i..a*ina8ione pi@ stelle c-e in cielo, 6)indi li riapr2 e ri.ase abba*liato. Il ba)le era di(iso in tre parti> nella pri.a brilla(ano f)l*idi sc)di d oro, dai *ialli riflessi4 nella seconda (er*-e d oro non br)nite .a disposte in b)on ordine4 nella ter8a, piena a .et7, Ed.ondo ri.osse ed al83 a .anciate i dia.anti, le perle ed i r)bini c-e, 6)al cascata sfa(illante, face(ano nel ricadere il r).o re della *randine s)i (etri. ;opo a(er toccato, palpato, i..erse le .ani tre.anti nell oro e nelle pietre, Ed.ondo si rial83 e prese )na corsa attra(erso la ca(erna con la fre.ente esalta8ione di )n )o.o c-e sta per di(entare pa88o. "alt3 sopra )na roccia da c)i pote(a (edere il .are, e non (ide niente era solo, solissi.o con 6)elle ricc-e88e incalcolabili, ina)dite, fa(olose c-e *li appartene(ano. Ma so*na(a o era s(e*lio< +ace(a )n so*no sf)**ente o era alle prese con la realt7< !(e(a biso*no di ri(edere il s)o oro e nello stesso te.po senti(a c-e non a(e(a la for8a di sostenerne la (ista. Per )n .o.ento co.presse le .ani s)lla testa, co.e per i.pedire alla ra*ione di f)**ire4 poi si lanci3 tra le rocce dell isola sen8a se*)ire, non dir3 )n sentiero, perc-5 nell isola di Montecristo non (e ne sono, .a )na dire8ione stabilita, face(a f)**ire le capre sel(a**e e spa(enta(a *li )ccelli .arini con le s)e *rida e i s)oi *esti. D)indi ritorn3, d)bitando ancora4 e precipitandosi dalla pri.a *rotta alla seconda, e tro(andosi al cospetto di 6)esta ca(a d oro e di dia.anti, cadde in *inocc-io, co.pri.endosi con le .ani i .oti con()lsi del c)ore, e .or.orando )na pre*-iera intelli*ibile a ;io soltanto. Poco dopo, si sent2 pi@ cal.o, e perci3 pi@ felice4 poic-5 in 6)ell ora soltanto co.inci3 a credere alla s)a felicit7. "i .ise a contare la s)a fort)na> (i erano circa .ille (er*-e d oro c-e pesa(ano ciasc)na dalle d)e alle tre libbre, 6)indi a..onticc-i3 (enticin6)e.ila sc)di d oro c-e pote(ano a(ere il (alore ciasc)no di ottanta franc-i, .oneta di +rancia, t)tti con l effi*ie del Papa !lessandro VI e dei s)oi predecessori, e si accorse c-e il co.parto

non era ()otato c-e a .et74 final.ente .is)r3 dieci (olte la capacit7 delle s)e .ani in perle, pietre e dia.anti, .olti dei 6)ali, la(orati dai .i*liori *ioiellieri di 6)ell epoca, di )n (alore ri.arc-e(ole, prescindendo dal loro (alore intrinseco. ;ant1s (ide la l)ce abbassarsi ed estin*)ersi a poco a poco. /e.ette di esser sorpreso se resta(a nella *rotta, e ne )sc2 col f)cile alla .ano. Un pe88o di biscotto e 6)alc-e *occia di (ino f)rono la s)a cena. D)indi ri.ise la pietra, (i si sdrai3 sopra e dor.2 appena 6)alc-e ora, coprendo col s)o corpo l in*resso della *rotta. D)ella f) )na di 6)elle notti terribili e deli8iose, co.e 6)est )o.o dalle *randi e.o8ioni ne a(e(a *i7 passate d)e o tre nella s)a (ita. Capitolo $'. LO "CO0O"CIU/O. "i fece *iorno> ;ant1s l aspetta(a da l)n*o te.po ad occ-i aperti. !i pri.i albori si al83, sal2, co.e la sera, s)lla roccia pi@ ele(ata dell isola per esplorarne i dintorni. Co.e la sera innan8i, t)tto era deserto. Ed.ondo le(3 la pietra, discese, rie.p2 le s)e tasc-e di pietre pre8iose, ri.ise .e*lio c-e pot5 le assi ed i ferra.enti al coperc-io del ba)le, lo ricopr2 di terra, (i *ett3 sopra della sabbia, )sc2 dalla *rotta, ri.ise la pietra, a..ass3 s) 6)esta dei sassi di differente *rosse88a, rie.pi *li intersti8i con della terra, piant3 in 6)esti dei .irti e delle eric-e, cosparse di terra 6)este piante no(elle affinc-5 se.brassero (ecc-ie, cancell3 le i.pronte dei s)oi passi intorno a 6)esto l)o*o, e attese con i.pa8ien8a il ritorno dei s)oi co.pa*ni. 0on si tratta(a pi@ ora di passare il te.po a *)ardare 6)est oro e 6)esti dia.anti, e di restare a Montecristo co.e )n dra*o a sor(e*liare il tesoro. Ora biso*na(a ritornare alla (ita, fra *li )o.ini e prendere nella societ7 il ran*o, l infl)en8a ed il potere c-e in 6)esto .ondo danno le ricc-e88e. c-e sono la pri.a e la pi@ *rande delle for8e di c)i possa disporre la creat)ra ).ana. I contrabbandieri ritornarono il sesto *iorno. ;ant1s riconobbe da lontano l anda.ento e il .oto della #io(ane !.elia4 si trascin3 fino al porto co.e il +ilottete ferito, e 6)ando i s)oi co.pa*ni approdarono ann)nci3 loro, la*nandosi ancora, di a(ere a()to )n sensibile .i*liora.ento4 6)indi a s)a (olta ascolt3 il racconto de*li a((ent)rieri. Essi erano )sciti di n)o(o, 1 (ero, .a appena a(e(ano deposto il loro carico, erano stati a((ertiti c-e )n brick di sor(e*lian8a a /olone, )sci(a dal porto e si diri*e(a alla loro (olta> allora erano f)**iti a freccia, ra..aricandosi c-e ;ant1s, c-e sape(a dare )na (elocit7 .a**iore al basti.ento, non fosse stato l7 a diri*erlo. "i erano accorti ben presto del basti.ento cacciatore c-e inse*)i(a .a con l ai)to della notte e passando la p)nta del capo Corso erano ri)sciti a f)**ire. In sostan8a 6)esto (ia**io non era stato catti(o, e t)tti, particolar.ente 9acopo, erano spiacenti c-e ;ant1s non fosse stato con loro per ottenere la propria parte di )tili c-e essi a(e(ano riportati, parte c-e a..onta(a a cin6)anta piastre.

Ed.ondo ri.ase i.passibile e non sorrise ne..eno alla en).era8ione dei (anta**i di c)i a(rebbe pot)to a(er parte se a(esse abbandonata l isola4 e sicco.e la #io(ane !.elia non era (en)ta a Montecristo c-e per prenderlo, e*li s i.barc3 s)bito la stessa sera, e se*)2 il s)o padrone a Li(orno. !ppena *i)nto, and3 da )n ebreo a (endere per (enticin6)e .ila franc-i ciasc)no, 6)attro dei s)oi pi@ piccoli dia.anti. L ebreo a(rebbe pot)to infor.arsi co.e )n pescatore fosse possessore di si.ili o**etti, .a se ne *)ard3 bene, perc-5 *)ada*na(a .ille franc-i sopra ciasc)no. L indo.ani ;ant1s co.pr3 )na barca n)o(a c-e re*al3 a 9acopo, a**i)n*endo a 6)esto dono cento piastre perc-5 potesse pro((edersi dell e6)ipa**io e ci3 a condi8ione c-e 9acopo andasse a Marsi*lia a c-ieder noti8ia di )n (ecc-io c-ia.ato L)i*i ;ant1s, c-e di.ora(a nei (iali di Meillan, e di )na *io(inetta di.orante nel (illa**io dei Catalani c-e si c-ia.a(a Mercedes. !llora f) 9acopo c-e credette di so*nare. Ma Ed.ondo *li raccont3 c-e si era fatto .arinaio per )na bi88arria, e perc-5 la s)a fa.i*lia non *li (ole(a passare il denaro necessario per le s)e spese .in)te, .a *i)n*endo a Li(orno era entrato in possesso della eredit7 di )n s)o 8io, c-e lo a(e(a fatto erede )ni(ersale. L ed)ca8ione di ;ant1s da(a a 6)esta storia )na tale i.pronta di (erit7, c-e 9acopo non d)bit3 )n .o.ento c-e il s)o antico co.pa*no *li dicesse il (ero. ; altra parte, essendo ter.inato l i.pe*no di Ed.ondo col padrone della #io(ane !.elia, prese con*edo dal (ecc-io .arinaio, c-e dappri.a tent3 di trattenerlo, .a, ascoltata da 9acopo la storia dell eredit7, rin)nci3 perfino alla speran8a di opporsi alla decisione del s)o antico co.pa*no. L indo.ani 9acopo .ise la (ela per Marsi*lia4 do(e(a poi ritro(are Ed.ondo a Montecristo. Lo stesso *iorno ;ant1s part2 sen8a dire do(e anda(a, prendendo con*edo dall e6)ipa**io della #io(ane !.elia, donando )na splendida *ratifica, e dal padrone pro.ettendo*li di far*li a(ere )n *iorno o l altro s)e noti8ie. ;ant1s and3 a #eno(a. 0el .o.ento in c)i arri(a(a (eni(a ar.ato )n piccolo Mac-t ordinato da )n in*lese, c-e, a(endo inteso dire i *eno(esi erano i .i*liori costr)ttori del .editerraneo, a(e(a (ol)to a(ere )no Mac-t costr)ito a #eno(a. L in*lese a(e(a offerto il pre88o di 6)aranta.ila franc-i> ;ant1s ne offr2 sessanta.ila, a condi8ione c-e il basti.ento *li sarebbe stato conse*nato nello stesso *iorno. L in*lese era andato a fare )n *iro in "(i88era aspettando c-e il s)o basti.ento fosse ter.inato4 non do(e(a tornare c-e fra tre setti.ane o )n .ese, ed il costr)ttore pens3 c-e a(rebbe a()to il te.po di ri.etterne )n altro in cantiere. ;ant1s cond)sse il costr)ttore da )n ebreo, pass3 con l)i nello stan8ino dietro la botte*a, e l ebreo cont3 sessanta.ila franc-i al costr)ttore4 6)esti offerse a ;ant1s i s)oi ser(i*i per fornir*li )n e6)ipa**io, .a ;ant1s lo rin*ra8i3 dicendo*li c-e a(e(a l abit)dine di na(i*ar solo e c-e la sola cosa c-e desidera(a era c-e nella cabina, a capo del letto, (i fosse )n ar.adio se*reto con tre sco.parti p)re se*reti> dette le .is)re e t)tto f)

ese*)ito all indo.ani. ;)e ore dopo, ;ant1s )sc2 dal porto di #eno(a, scortato da*li s*)ardi di )na folla di c)riosi c-e (ole(ano (edere il si*nore spa*nolo c-e a(e(a l abit)dine di na(i*ar solo. ;ant1s se la ca(3 a .era(i*lia> con l ai)to del ti.one fece fare al s)o basti.ento t)tte le e(ol)8ioni necessarie4 si sarebbe detto )n essere intelli*ente pronto ad obbedire al pi@ piccolo i.p)lso, e ;ant1s con(enne c-e i *eno(esi .erita(ano la rep)ta8ione di pri.i costr)ttori na(ali del .ondo. I c)riosi se*)irono con lo s*)ardo il piccolo basti.ento, fino a c-e l ebbero perd)to di (ista, ed allora co.inciarono le disc)ssioni per sapere do(e era diretto> alc)ni dice(ano in Corsica, altri all isola d Elba, altri ancora propone(ano sco..esse s)lla "pa*na, e altri sostene(ano c-e anda(a in !frica... 0ess)no pens3 all isola di Montecristo. Era all isola di Montecristo c-e anda(a ;ant1s. Vi *i)nse s)lla fine del secondo *iorno. Il na(i*lio era )n eccellente (ele**iatore, e a(e(a percorsa la distan8a in trentacin6)e ore. ;ant1s a(e(a perfetta.ente riconosci)to il profilo della costa> in(ece di approdare al cons)eto porto, *ett3 l ancora nella piccola rada. L isola era deserta4 non se.bra(a c-e 6)alc)no (i fosse approdato dopo la parten8a di ;ant1s. E*li torn3 al tesoro> t)tto era nello stato in c)i lo a(e(a lasciato. L indo.ani sera, l i..ensa fort)na era stata trasportata a bordo dello Mac-t, e racc-i)sa nell ar.adio a co.parti.enti se*reti. ;ant1s aspett3 ancora otto *iorni. In 6)esti otto *iorni fece .ano(rare il s)o Mac-t attorno l isola, scanda*liandola co.e )no sc)diero st)dia )n ca(allo. ;opo 6)esto te.po e*li sape(a t)tte le 6)alit7 e i difetti del s)o basti.ento, e si ripro.ette(a di a).entare le )ne e di ri.ediare a*li altri. 0ell otta(o *iorno (ide )n piccolo basti.ento c-e (eni(a (erso l isola a (ele *onfie e riconobbe la barca di 9acopo. +ece )n se*nale al 6)ale 9acopo rispose, e d)e ore dopo la barca era (icina allo Mac-t. 9acopo a(e(a )na triste risposta a ciasc)na delle d)e do.ande fatte da Ed.ondo> il (ecc-io ;ant1s era .orto4 Mercedes era sparita. Ed.ondo ascolt3 6)este d)e noti8ie con (iso cal.o4 .a discese s)bito a terra proibendo c-e alc)no lo se*)isse. ;)e ore dopo ritorn34 d)e )o.ini della barca di 9acopo passarono s)l s)o Mac-t per ai)tarlo a .ano(rare4 ordin3 di .ettere la rotta s) Marsi*lia. Pre(ede(a la .orte di s)o padre. Ma di Mercedes c-e ne era a((en)to< "en8a di()l*are il s)o se*reto, Ed.ondo non pote(a dare istr)8ioni s)fficienti ad )n a*ente4 d altronde (ole(a prendere altre infor.a8ioni, e non pote(a fidarsi c-e di se stesso. Lo specc-io lo a(e(a rassic)rato a Li(orno> non corre(a alc)n pericolo di essere riconosci)to4 d altronde a(e(a t)tti i .e88i per ca.)ffarsi. Una .attina d)n6)e, lo Mac-t, se*)ito dalla piccola barca, entr3 bra(a.ente nel porto di Marsi*lia e si fer.3 app)nto diri.petto al l)o*o do(e era stato i.barcato ;ant1s, la sera c-e lo a(e(ano portato al Castello d If.

0on f) certa.ente sen8a )na specie di fre.ito c-e (ide, nella lancia della "anit7, (enire )n *endar.e. Ma ;ant1s con la perfetta sic)re88a ac6)istata, *li present3 )n passaporto in*lese, di c)i si era pro((ed)to a Li(orno, e .ediante il lasciapassare straniero, .olto pi@ rispettato in +rancia, discese sen8a difficolt7 a terra. La pri.a persona c-e ;ant1s (ide, .ettendo il piede s)lla piattafor.a dello scalo, f) )no de*li antic-i .arinai del +araone. D)est )o.o a(e(a ser(ito sotto i s)oi ordini, e non c era di .e*lio per assic)rare ;ant1s s)l proprio ca.bia.ento. !nd3 diritto a 6)est )o.o, e *li fece .olte do.ande. D)esti risponde(a sen8a nepp)re lasciar s)pporre, n5 dalle parole n5 dalla fisono.ia c-e ricordasse di a(erlo .ai (ed)to. ;ant1s re*al3 al .arinaio )na .oneta per rin*ra8iarlo delle s)e infor.a8ioni4 )n .o.ento dopo il bra(o )o.o *li corre(a dietro. ;ant1s si (olt3. :"c)si, si*nore: disse il .arinaio, :(i siete certa.ente sba*liato, a(ete cred)to di dar.i )n pe88o da 6)aranta soldi e .i a(ete dato )n napoleone doppio.: :Infatti, a.ico .io: disse ;ant1s, :.i ero sba*liato4 .a sicco.e la (ostra onest7 .erita )na rico.pensa, cos2 ecco(ene )n altro, c-e (i pre*o di accettare per bere alla .ia sal)te coi (ostri co.pa*ni.: D)esti f) tal.ente stordito dal re*alo, c-e non pens3 ne..eno a rin*ra8iare col)i c-e *lielo face(a, lo *)ard3 e si allontan3 dicendo> := )n 6)alc-e nababbo c-e (iene dalle Indie?: ;ant1s contin)3 la s)a strada4 ciasc)n passo oppri.e(a il s)o c)ore con )na n)o(a e.o8ione. /)tti i s)oi ricordi d infan8ia, ricordi indelebili, eterna.ente presenti al s)o pensiero, erano l7 s) o*ni pia88a, ad o*ni an*olo di strada, ad o*ni crocicc-io. #i)n*endo all estre.it7 della r)e 0oailles, nel (edere i (iali di Meillan sent2 le *inocc-ia pie*ar*lisi e poco .anc3 non cadesse sotto le r)ote di )na carro88a. #i)nse alla casa c-e a(e(a abitata s)o padre. I nast)r8i e le cle.atidi erano spariti dalla per*ola, do(e la .ano tre.ante del (ecc-io li trapianta(a con c)ra. ;ant1s si appo**i3 ad )n albero e per 6)alc-e te.po rest3 pensieroso *)ardando l )lti.o piano di 6)ell ).ile e po(era casa4 poi a(an83 (erso la porta, ne s)per3 la so*lia e do.and3 se (i fosse )n allo**io (acante, e tanto insistette per (isitare il 6)into piano, c-e, 6)ant)n6)e fosse occ)pato, il portinaio sal2 e do.and3 il per.esso di (edere le d)e stan8e di c)i si co.pone(a. Occ)pa(ano 6)esto piccolo apparta.ento d)e *io(ani .aritati da otto *iorni soltanto. Vedendo 6)esti sposi, ;ant1s .and3 )n profondo sospiro. 0)lla pi@ ric-ia.a(a alla .e.oria di ;ant1s l apparta.ento di s)o padre> non c era pi@ la stessa carta alle pareti, non c erano pi@ 6)ei (ecc-i .obili, 6)e*li a.ici dell infan8ia di Ed.ondo, (i(i nel s)o pensiero nei loro pi@ piccoli detta*li> t)tto era ca.biato. "olo le .)ra erano le stesse. ;ant1s si (olse dalla parte del letto, c-e era nello stesso posto in c)i lo tene(a l antico pi*ionale. ")o .al*rado, *li occ-i di Ed.ondo si ba*narono di lacri.e> era 6)el l)o*o do(e il (ecc-io a(e(a reso l )lti.o sospiro in(ocando il fi*lio?...

I d)e *io(ani *)ardarono con .era(i*lia 6)est )o.o dalla fronte se(era, s)lle c)i *)ance scorre(ano d)e *rosse lacri.e sen8a c-e il (iso si .o(esse. Ma, sicco.e o*ni dolore porta con s5 la s)a reli*ione, i *io(ani non fecero alc)na do.anda allo sconosci)to4 solo si ritirarono per lasciarlo pian*ere a s)o a*io. D)ando )sc2, lo acco.pa*narono dicendo*li c-e pote(a ritornare 6)ando (ole(a, e c-e la loro po(era casa *li sarebbe stata se.pre aperta. Passando al piano di sotto, Ed.ondo si fer.3 da(anti ad )n altra porta, e do.and3 se abita(a se.pre l2 )n sarto c-ia.ato Cadero)sse, .a il portinaio *li rispose c-e l )o.o di c)i parla(a a(endo fatti catti(i affari, era andato ad abitare s)lla strada da Belle*arde a Bea)caire, o(e cond)ce(a l alber*o del Ponte di #ard. ;ant1s discese, do.and3 l indiri88o del proprietario della casa s)i (iali di Meillan, and3 da l)i, si fece ann)nciare sotto il no.e di lord Nil.ore Kerano il no.e ed il titolo c-e sta(ano scritti s)l passaportoL, e co.pr3 6)ella piccola casa per la so..a di (enticin6)e.ila franc-i, al.eno dieci.ila franc-i pi@ di 6)ello c-e (ale(a, .a ;ant1s, se *li a(essero c-iesto .e88o .ilione, lo a(rebbe pa*ato. 0ello stesso *iorno, i *io(ani c-e abita(ano il 6)into piano f)rono a((ertiti dal notaio c-e a(e(a stip)lato il contratto, c-e il n)o(o proprietario li in(ita(a alla scelta di )n altro apparta.ento della casa, sen8a a).entare in alc)n .odo la pi*ione, a condi8ione c-e cedessero le d)e ca.ere c-e occ)pa(ano. D)esta strana proposta f) .ateria di discorsi per pi@ di otto *iorni a 6)anti erano soliti fre6)entare i (iali di Meillan, e fece fare .ille con*ett)re, di c)i nepp)re )na esatta. Ma ci3 c-e pi@ di t)tto i.bro*li3 i cer(elli, e t)rb3 t)tti *li spiriti, f) (edere 6)ella stessa sera 6)el .edesi.o )o.o, c-e la .attina era stato (ed)to entrare nella casa dei (iali di Meillan, passe**iare nel piccolo (illa**io dei Catalani e entrare in )na po(era casa di pescatori, do(e rest3 pi@ di d)e ore a do.andar noti8ie d indi(id)i c-e parte erano .orti e parte spariti da .olti anni. L indo.ani le persone presso le 6)ali era entrato per fare t)tte 6)elle do.ande, rice(ettero in re*alo )na n)o(issi.a barca catalana, *)arnita di d)e scarticarie e di altre reti da pesca. D)esta bra(a *ente a(rebbe (ol)to rin*ra8iare il *eneroso sconosci)to, .a l a(e(ano (isto dopo a(er dato alc)ni ordini ad )n .arinaio, .ontare a ca(allo e )scire da Marsi*lia per la porta di !iJ. Capitolo $B. L !LBER#O ;EL PO0/E ;I #!R;. Coloro c-e -anno percorso a piedi il .e88o*iorno della +rancia, a(ranno pot)to ri.arcare fra Belle*arde e Bea)caire, circa a .e88a strada dal (illa**io alla citt7, .a )n poco pi@ presso a Bea)caire c-e a Belle*arde, )n piccolo alber*o, s)lla c)i facciata sta appesa )na tabella c-e stride al pi@ piccolo (ento, e s) c)i 1 *rottesca.ente dipinto il Ponte di #ard. D)esto piccolo alber*o, prendendo per il corso del Rodano, 1 sit)ato dalla parte sinistra della strada, (oltando le spalle al fi).e. Fa anc-e ci3 c-e nella Lin*)adoca (iene c-ia.ato *iardino, (ale a dire, c-e il lato opposto a 6)ello c-e tiene aperta la porta ai (ia**iatori d7 s) )n recinto in c)i (e*etano alc)ni )li(i, 6)alc-e fico

sel(a**io, colle fo*lie inar*entate dalla pol(ere della strada, e (i crescono, al posto dei le*).i, il pepe d India, le cipolline, e lo 8afferano4 e infine in )no de*li an*oli, co.e )na sentinella di.enticata, cresce )n *ran *irasole, lanciando in alto il s)o f)sto .alinconico e flessibile, ed aprendo a (enta*lio la s)a ci.a. /)tti 6)esti alberi *randi e piccoli, sono t)tti pie*ati per il .aestrale, )no dei tre fla*elli della Pro(en8a. K#li altri d)e, co.e si sa, o co.e non si sa, erano la ;)rance e il Parla.ento.L D)i e l7 nella circostante pian)ra, c-e rasso.i*lia ad )n *ran la*o di pol(ere, (e*etano alc)ne spi*-e di fr).ento, c-e *li ortolani del paese colti(ano sen8a d)bbio per c)riosit7, e ciasc)na delle 6)ali ser(e di rico(ero ad )na cicala c-e perse*)ita col s)o canto a*ro e .onotono il (ia**iatore perd)tosi in 6)ella /ebaide. ;a sette o otto anni circa, 6)esto piccolo alber*o era condotto da )n )o.o e da )na donna c-e a(e(ano per soli do.estici )na ca.eriera c-ia.ata /rinette ed )no stalliere c-e risponde(a al no.e di Paca)d, doppia coopera8ione, c-e del resto era pi@ c-e s)fficiente ai biso*ni del ser(i8io, poic-5 )n canale sca(ato fra Bea)caire e !i*)es.ortes a(e(a fatto sostit)ire (ittoriosa.ente i battelli ai barrocci e le barc-e alle dili*en8e. D)esto canale, co.e per rendere pi@ (i(i i dispiaceri dei dis*ra8iati alber*atori c-e ro(ina(a, passa fra il Rodano c-e lo ali.enta e la strada c-e lo dissecca, a cento passi circa dall alber*o di c)i abbia .o data )na corta .a fedele descri8ione. 0on di.entic-ia.o )n cane, (ecc-io *)ardiano per la notte, e c-e abbaia(a contro i passanti cos2 di *iorno c-e nelle tenebre, tanto a(e(a perd)to, poco alla (olta, l abit)dine di (edere (ia**iatori. Il cond)ttore di 6)esto piccolo alber*o era )n )o.o s)i 6)arant anni, alto, secco e nerbor)to, (ero tipo .eridionale, co*li occ-i infossati e (i(aci, col naso a becco d a6)ila e i denti bianc-i co.e 6)elli di )n ani.ale carni(oro. I s)oi capelli c-e, .al*rado i pri.i soffi dell et7, non se.bra(ano decidersi a di(entar bianc-i, erano, co.e la barba c-e porta(a l)n*a e ad )so di collare, fitti, crespi e appena sparsi di 6)alc-e pelo *ri*io> il s)o colorito, nat)ral.ente sc)ro, era ricoperto da )na patina nerastra, presa dall abit)dine c-e a(e(a di stare dalla .attina alla sera s)l li.itare della porta, per (edere se a piedi o in carro88a, *i)n*esse 6)alc-e a((entore, aspettati(a c-e 6)asi se.pre anda(a perd)ta. e d)rante la 6)ale non oppone(a riparo all a8ione dei ra**i di(oratori del sole s)l (iso, f)orc-5 )n fa88oletto rosso annodato s)lla testa, secondo il cost).e dei .)lattieri spa*noli. D)est )o.o 1 )na nostra (ecc-ia conoscen8a, #aspare Cadero)sse. ")a .o*lie, c-e da n)bile si c-ia.a(a Maddalena Radelle, era )na donna pallida, .a*ra e .alaticcia. 0ata nei dintorni d !rles, p)r conser(ando t)tte le tracce della belle88a tradi8ionale delle s)e co.patriote, a(e(a il (iso sco.posto da*li accessi 6)asi contin)i di )na di 6)elle febbri sorde, tanto co.)ni alle popola8ioni (icine a*li sta*ni di !i*)es.ortes ed alle pal)di della Ca.ar*o. "e ne sta(a 6)asi se.pre sed)ta e tre.ante nel fondo della s)a ca.era sit)ata al pri.o piano, o stesa sopra )n sof7, o appo**iata contro il letto, .entre s)o .arito .onta(a la *)ardia cons)eta alla porta della casa, fa8ione

c-e e*li prol)n*a(a tanto pi@ (olentieri, in 6)anto o*ni (olta c-e si accosta(a alla s)a e*ra .et7, 6)esta lo perse*)ita(a con eterne la*nan8e contro la sorte, la*nan8e alle 6)ali s)o .arito non risponde(a d ordinario c-e con 6)este filosofic-e parole> :/aci l7, Carconta? = ;io c-e ()ole cos2?: D)esto sopranno.e era dato a Maddalena Radelle perc-5 era nata nel piccolo (illa**io della Carconta, posto fra "alon e La.b1se. "econdo )n cost).e del paese, le persone (en*ono 6)asi se.p re c-ia.ate con )n sopranno.e in(ece c-e per no.e, e s)o .arito a(e(a sostit)ito 6)esto (ocabolo alla parola Maddalena troppo dolce, e forse poco sonora per il s)o ro88o lin*)a**io. Per3, .al*rado 6)esta pretesa rasse*na8ione ai decreti della Pro((iden8a, non si creda c-e il nostro alber*atore non sentisse profonda.ente lo stato deplorabile in c)i lo a(e(a ridotto 6)el .iserabile canale di Bea)caire e c-e fosse in()lnerabile alle incessanti la.entele con c)i lo perse*)ita(a la .o*lie. Era, co.e t)tti i .eridionali, )n )o.o .oderato e sen8a *randi biso*ni, .a pieno di (anit7 per t)tte le cose esteriori. 0ei te.pi della s)a prosperit7, non lascia(a .ai passare n5 )na festa di (illa**io, n5 )na processione sen8a andarci con la s)a Carconta4 l )no col cost).e pittoresco de*li )o.ini del .e88o*iorno, ad )n te.po catalano e andal)so, l altra col *ra8ioso abito delle donne d !rles, c-e se.bra per .et7 *reco e per .et7 arabo. Ma )n poco per (olta, catene da orolo*io, collane, cint)re a .ille colori, *i)bbe *allonate, (esti di (ell)to, cal8e rica.ate, *-ette (ariopinte, scarpe con fibbie d ar*ento erano sparite, e #aspare Cadero)sse, non potendo pi@ .ostrarsi all alte88a del passato splendore, a(e(a rin)nciato per s5 e per la .o*lie a t)tte 6)elle po.pe .ondane di c)i senti(a, rodendosi sorda.ente il c)ore, i feste(oli r).ori fin s)lla so*lia del po(ero alber*o, c-e contin)a(a a conser(are pi@ co.e rico(ero c-e co.e fonte di reddito. Cadero)sse, secondo la s)a abit)dine, a(e(a sostato *ran parte della .attina da(anti alla porta, *irando lo s*)ardo .alinconico da )na piccola 8olla, intorno a c)i ra88ola(ano alc)ne *alline, alle d)e estre.it7 della strada deserta c-e si perde(ano, )na al .e88o*iorno e l altra al nord. /)tto ad )n tratto la (oce acida della .o*lie lo costrinse ad abbandonare il posto. Rientr3 brontolando e sal2 al pri.o piano, lasciando per3 se.pre aperta e spalancata la porta, co.e per in(itare i (ia**iatori a non di.enticarlo, passando. 0el .o.ento c-e Cadero)sse entra(a, la *rande strada di c)i abbia.o parlato, e c-e (eni(a percorsa dai s)oi s*)ardi, era cos2 n)da e cos2 solitaria 6)anto il deserto dalla parte di .e88o*iorno> si stende(a bianca ed infinita fra d)e file d alberi sottili, e si co.prender7 facil.ente c-e ness)n (ia**iatore, libero di sce*liere )n altra ora del *iorno, si sarebbe a((ent)rato in 6)esto spa(ente(ole "a-ara. Per3, contro t)tte le probabilit7 se Cadero)sse fosse ri.asto al s)o posto, a(rebbe pot)to scor*ere dalla parte di Belle*arde )n ca(aliere ed )n ca(allo sopra**i)n*ere con 6)ell andat)ra sciolta ed a.ic-e(ole c-e indica le

.i*liori rela8ioni fra l )o.o e l ani.ale> il ca(allo era di ra88a )n*-erese, e anda(a co.oda.ente al trotto, il ca(aliere era )n prete (estito di nero col s)o cappello a tre an*oli. Mal*rado l eccessi(o calore d )n sole ardente nell ora del .e88o*iorno, non anda(ano t)tti e d)e c-e di )n trotto .olto re*olato. #i)nti dinan8i alla porta si fer.arono. "arebbe stato difficile decidere se f) l )o.o c-e fer.3 il ca(allo, o il ca(allo c-e fer.3 l )o.o. In o*ni .odo, il ca(aliere .ise piede a terra, e tirando l ani.ale per le redini and3 ad attaccarlo all arpione di )no sportello ro(inato c-e non re**e(a pi@ se non sopra )n cardine, 6)indi a(an8andosi (erso la porta, e asci)*andosi la fronte *rondante di s)dore con )n fa88oletto di cotone rosso, batt5 tre colpi s)l li.itare, col p)ntale di ferro della canna c-e tene(a in .ano. ")bito il *ran cane nero si al83 e fece 6)alc-e passo, abbaiando e .ostrando i denti bianc-i ed ac)ti4 doppia di.ostra8ione ostile, c-e pro(a(a la poca abit)dine c-e a(e(a alle (isite. I..ediata.ente dopo, )n passo *ra(e r).ore**i3 s)lla scala di le*no c-e si arra.pica(a l)n*o il .)ro, e ne discese, c)r(andosi all indietro, l oste della .esc-ina ta(erna. :Ecco.i: dice(a Cadero)sse .era(i*liato. :Ecco.i? V)oi star 8itto Mar*otin? 0on abbiate pa)ra, si*nore, abbaia .a non .orde. ;esiderate del (ino, non 1 (ero<, perc-5 c 1 )n sole tre.endo. !-, .i sc)si: interr)ppe Cadero)sse, (edendo con 6)ale specie di (iandante parla(a, :.i sc)si, non sape(o c-i a(e(o l onore di rice(ere... C-e desiderate< c-e do.andate, si*nor abate< "ono ai (ostri ordini.: Il prete *)ard3 6)est )o.o per d)e o tre secondi con )n atten8ione straordinaria, e se.br3 cercasse di attirare sopra di s5 l atten8ione dell alber*atore4 .a (edendo c-e i linea.enti di cost)i non espri.e(ano altro senti.ento c-e la sorpresa di non a(ere )na risposta, *i)dic3 fosse te.po di finirla e disse con )n accento italiano ben pron)n8iato> :0on siete il si*nor Cadero)sse<: :"2, si*nore: disse l oste, forse st)pito pi@ della do.anda c-e non del silen8io, :sono effetti(a.ente #aspare Cadero)sse, per ser(ir(i.: :#aspare Cadero)sse<... "2..., credo siano 6)esti no.e e co*no.e... Voi di.ora(ate in altri te.pi s)i (iali di Meillan, al 6)arto piano, non 1 (ero<: :Precisa.ente.: :Ed esercita(ate la professione di sarto<: :"2, .a la .ia professione and3 .ale, fa tanto caldo in 6)ella .aledetta Marsi*lia, c-e andr7 a finire c-e ness)no si (estir7 pi@. Ma a proposito di calore, non (olete prender 6)alcosa per rinfrescar(i, si*nor abate<: :"ia p)re. ;ate.i )na botti*lia del .i*lior (ino c-e a(ete, e poi riprendere.o la con(ersa8ione, se non (i dispiace, al p)nto in c)i la lascia.o.: :Co.e (i far7 pi@ piacere, si*nor abate: disse Cadero)sse, e, per non perdere l occasio ne di (endere )na delle )lti.e botti*lie di (ino di Ca-ors c-e *li resta(ano, si affrett3 ad al8are )na botola c-e copri(a )n apert)ra fatta nel pa(i.ento della ca.era a pian terreno, c-e ser(i(a ad )n te.po da sala e da c)cina. !llorc-5, in capo a cin6)e .in)ti, rico.par(e, ritro(3 l abate sed)to s) )no s*abello col *o.ito appo**iato a

)na l)n*a ta(ola, .entre Mar*otin, se.brando a(er fatto pace con Cadero)sse, e aspettando c-e, di(ersa.ente dal solito, 6)esto sin*olare (ia**iatore ordinasse 6)alc-e cosa, all)n*a(a il collo scarno e l occ-io lan*)ente. :"iete solo<: do.and3 l abate all oste, .entre 6)esti *li .ette(a da(anti la botti*lia. :O-, .io ;io, s2, solo, o circa, poic-5 -o )na .o*lie c-e non .i p)3 ai)tare in cosa alc)na, essendo la po(era Carconta 6)asi se.pre .alata.: :!-, (oi siete a..o*liato<: disse l abate con )na specie d interesse, *irando intorno )no s*)ardo, c-e se.bra(a sti.are il ten)e (alore delle .esc-ine s)ppellettili della stan8a. :Vi accor*ete c-e non sono ricco, non 1 (ero<: disse sospirando Cadero)sse. :Ma per esser fort)nati in 6)esto .ondo, non basta se.pre essere onest )o.o.: L abate fiss3 )no s*)ardo inda*atore s) di l)i. :"2, )n onesto )o.o, di ci3 posso (antar.i: disse l oste sostenendo lo s*)ardo dell abate, con )na .ano s)l petto e al8ando la testa, :e nella nostra epoca non t)tti possono dire altrettanto.: :/anto .e*lio, se 1 (ero ci3 di c)i (i (antate4 poic-5 -o la fer.a con(in8ione c-e presto o tardi l )o.o onesto (iene rico.pensato ed il per(erso p)nito.: := il (ostro stato c-e (i fa dir cos2, si*nor abate, 1 il (ostro stato c-e (i fa dir cos2: ripet5 Cadero)sse, con )n a.ara espressione. :La realt7 per3 ci .ostra spesso il contrario di ci3 c-e dite.: :!(ete torto di parlar cos2: disse l abate, :perc-5 forse fra 6)alc-e is tante io sar3 per (oi )na pro(a di ci3 c-e asserisco.: :C-e (olete dire<: do.and3 Cadero)sse con .era(i*lia. :Vo*lio dire c-e pri.a di t)tto biso*na c-e .i assic)ri se siete real.ente 6)ello col 6)ale de(o a(ere a c-e fare.: :D)ali pro(e (olete c-e (i dia<: :!(ete conosci)to nel 1&1% o 1&1' )n .arinaio c-e si c-ia.a(a ;ant1s<: :;ant1s< "e -o conosci)to il po(ero Ed.ondo< Lo credo bene? Era )no dei .iei .i*liori a.ici?: escla.3 Cadero)sse, il c)i (olto si era fatto di porpora, .entre l occ-io c-iaro e sic)ro dell abate se.bra(a dilatarsi per scoprire intera.ente col)i c-e interro*a(a. :"2, credo infatti c-e si c-ia.asse Ed.ondo.: :"e si c-ia.a(a Ed.ondo 6)el ra*a88o< Lo credo bene? /anto 1 (ero, 6)anto .i c-ia.o #aspare Cadero)sse? E c-e 1 a((en)to, si*nore, del po(ero Ed.ondo<: contin)3 il ta(erniere. :L a(ete conosci)to< do( 1 adesso< 1 felice<: := .orto pri*ioniero, pi@ disperato e pi@ .iserabile dei for8ati c-e trascinano la loro catena ai la(ori for8ati di /olone.: Un pallore .ortale si sostit)2 al rossore s)l (iso di Cadero)sse. "i (olt3 e l abate lo (ide asci)*arsi )na lacri.a con )n le.bo del fa88oletto c-e *li ser(i(a di berretto. :Po(ero ra*a88o: .or.or3 Cadero)sse. :Ebbene ecco )n altra pro(a di 6)el c-e (i dice(o> il destino, in 6)esta (ita, non 1 fa(ore(ole c-e ai pi@ .al(a*i. !-: contin)3 Cadero)sse, con 6)el lin*)a**io ani.ato delle *enti del .e88o*iorno, :6)esto .ondo (a di .ale in pe**io. C-e pio(a d)n6)e )na (olta dal cielo per d)e *iorni pol(ere da cannone, e poi s)bito dopo )n ora di f)oco, cos2 sar7 t)tto finito?: :"e.bra c-e a.aste di c)ore 6)esto *io(ane<: do.and3 l abate.

:"2, lo a.a(o .olto: disse Cadero)sse, :6)ant)n6)e debba ri.pro(erar.i di a(ere per )n istante in(idiata la s)a felicit7. Ma dopo, (e lo *i)ro, parola di Cadero)sse, -o pianto .olto la s)a sorte infelice?: "i fece )n istante di silen8io, d)rante il 6)ale lo s*)ardo fisso dell abate non cess3 )n .o.ento di st)diare la fisono.ia .obile dell alber*atore. :E (oi lo a(ete conosci)to il po(ero *io(ane<: contin)3 allora Cadero)sse. :+)i c-ia.ato al s)o letto di .orte per prestar*li *li )lti.i )ffici: rispose l abate. :E di c-e .ale 1 .orto<: do.and3 Cadero)sse con (oce soffocata. :;i 6)al .ale si .)ore in pri*ione, all et7 di trent anni, se non 1 la pri*ione stessa c-e )ccide<: Cadero)sse asci)*3 il s)dore dalla s)a fronte. :Ci3 c-e c 1 di strano in t)tto 6)esto: rispose l abate, :1 c-e ;ant1s, s)l letto di .orte, .i -a *i)rato di non sapere la (era ca)sa della s)a pri*ionia.: := (ero, 1 (ero: .or.or3 Cadero)sse, :non pote(a saperlo, no, si*nor abate, il po(ero *io(ane non .enti(a.: :Ed 1 perci3 app)nto, c-e .i -a incaricato di porre in c-iaro ci3 c-e non a(e(a .ai pot)to risc-iarare da se stesso, e di riabilitare la s)a .e.oria, se 6)esta .e.oria a(esse rice()ta 6)alc-e .acc-ia.: Lo s*)ardo dell abate, di(enendo se.pre pi@ fisso, di(or3 l espressione 6)asi tetra c-e appar(e s)l (iso di Cadero)sse. :Un ricco in*lese: contin)3 l abate, :c-e f) s)o co.pa*no di pri*ione e c-e (enne liberato alla seconda Resta)ra8ione, era possessore di )n dia.ante di *ran (alore. Uscendo di pri*ione, sicco.e ;ant1s lo a(e(a assistito co.e )n fratello in )na l)n*a .alattia c-e a(e(a sofferto, (olle lasciar*li )na testi.onian8a della s)a riconoscen8a, e *li re*al3 6)esto dia.ante. ;ant1s in(ece di ser(irsene per sed)rre i s)oi carcerieri c-e d altronde pote(ano prenderlo e poi tradirlo, lo c)stod2 se.pre *elosa.ente per il caso )scisse dalla pri*ione4 se fosse )scito la s)a fort)na era assic)rata colla (endita di 6)el dia.ante.: :Era d)n6)e, co.e (oi dice(ate: do.and3 Cadero)sse con occ-i ardenti, :)n dia.ante di so..o (alore<: :/)tto 1 relati(o: rispose l abate, :era di *ran (alore per Ed.ondo4 6)esto dia.ante 1 stato sti.ato cin6)anta.ila franc-i.: :Cin6)anta.ila franc-i?: escla.3 Cadero)sse. :"ar7 stato *rosso co.e )na noce<: :0o, niente affatto: disse l abate. :Ma ne potrete *i)dicare (oi stesso, a(endolo 6)i con .e.: Cadero)sse se.br3 cercare con *li occ-i sotto le (esti dell abate il *ioiello di c)i parla(a. L abate ca(3 dalla s)a tasca )na scatolina di .arrocc-ino nero, l apr2 e fece brillare innan8i a*li occ-i abba*liati di Cadero)sse la sfa(illante .era(i*lia, le*ata sopra )n anello di a..irabile la(ora8ione. :E 6)esto (ale cin6)anta.ila franc-i<: do.and3 a(ida.ente Cadero)sse. :"en8a la le*at)ra, c-e 1 anc-e essa di )n certo (alore.: C-i)se la scatoletta, ri.ise nella s)a tasca il dia.ante, c-e contin)a(a a sfa(illare in fondo all i..a*ina8ione di Cadero)sse. :Ma co.e (i tro(ate possessore di 6)esto dia.ante<: do.and3 Cadero)sse. :Ed.ondo (i -a d)n6)e costit)ito s)o erede<: :0o, .a s)o esec)tore testa.entario. :Io a(e(o tre b)oni a.ici ed )na fidan8ata: .i disse, :e t)tti e 6)attro,

ne son certo, .i co.pian*ono a.ara.ente4 )no di 6)esti .iei b)oni a.ici si c-ia.a Cadero)sse.: Cadero)sse fre.ette. :L altro: contin)3 l abate sen8a .ostrare di essersi accorto dell e.o8ione di Cadero)sse, :l altro si c-ia.a(a ;an*lars4 il ter8o: so**i)nse, :benc-5 .io ri(ale, .i a.a(a )*)al.ente...: Un sorriso diabolico ill).in3 la fisono.ia di Cadero)sse, c-e fece )n .o(i.ento per interro.pere l abate. :!spettate: disse l abate, :lasciate.i finire, e se a(rete 6)alc-e osser(a8ione da far.i, la farete fra bre(e. :L altro, sebbene .io ri(ale .i a.a(a )*)al.ente, e si c-ia.a(a +ernando4 in 6)anto alla .ia fidan8ata, il s)o no.e era...: 0on .i ricordo pi@ il no.e della fidan8ata: disse l abate. :Mercedes: so**i)nse Cadero)sse. :!- s2, 1 6)esto: riprese l abate con )n sorriso soffocato, :Mercedes...: :Ebbene<: do.and3 Cadero)sse. :;ate.i )na botti*lia d ac6)a: disse l abate. Cadero)sse si affrett3 ad obbedire. L abate e.p2 il bicc-iere e ne be(ette 6)alc-e sorsata. :;o(e era(a.o<: do.and3 6)esti deponendo il bicc-iere s)lla ta(ola. :La fidan8ata si c-ia.a(a Mercedes4 s2, 1 6)esta. :Voi andrete da Mercedes:... = ;ant1s c-e parla, capite bene<: :Perfetta.ente.: :Venderete 6)esto dia.ante, ne farete cin6)e parti, e le di(iderete fra 6)esti .iei b)oni a.ici, i soli esseri c-e .i -anno a.ato s) 6)esta terra?: :In c-e .odo cin6)e parti<: disse Cadero)sse. :0on .i a(ete no.inate c-e 6)attro persone.: :Perc-5 la 6)inta 1 .orta, da 6)anto .i 1 stato detto... la 6)inta era il padre di ;ant1s.: :P)rtroppo 1 (ero?: disse Cadero)sse co..osso dalle passioni c-e contrasta(ano nel s)o c)ore, :p)rtroppo s2, il po(er )o.o 1 .orto?: :Fo sap)to 6)es t a((eni.ento a Marsi*lia: rispose l abate sfor8andosi di co.parire indifferente, :.a 1 tanto te.po c-e 1 a((en)ta 6)esta .orte, c-e non -o pot)to racco*liere ness)n particolare... "apreste dir.i 6)alc-e cosa di 6)el (ecc-io<: :E-: disse Cadero)sse, :c-i lo p)3 sapere .e*lio di .e<... !bita(o porta a porta col b)on )o.o... O- .io ;io, s2, )n anno appena dopo la spari8ione di s)o fi*lio il po(ero (ecc-io .or2?: :Ma di c-e .or2<: :I .edici no.inarono la s)a .alattia *astroenterite, credo, 6)elli c-e lo conosce(ano, dice(ano c-e era .orto di dolore... e io, c-e l -o 6)asi (ed)to .orire, dico c-e 1 .orto...: Cadero)sse si fer.3. :Morto di c-e<: riprese con ansiet7 l abate. :Morto di fa.e.: :;i fa.e?: escla.3 l abate sc)otendosi s)llo s*abello, :di fa.e?... Il pi@ (ile de*li ani.ali non .)ore di fa.e4 i cani c-e (anno errando per le contrade tro(ano )na .ano co.passione(ole c-e *etta )n to88o di pane? E )n )o.o, )n cristiano, 1 .orto di fa.e in .e88o ad altri )o.ini c-e si dicono cristiani co.e l)i?... I.possibile? o-, 6)esto 1 i.possibile?: :Vi dico c-e 1 cos2: riprese Cadero)sse. :/) -ai torto: disse )na (oce dalle scale.

:;i c-e t i..isc-i t)<: I d)e )o.ini si (oltarono e (idero tra le sbarre della scala la testa .alaticcia della Carconta. "i era trascinata fin l7 e ascolta(a la con(ersa8ione, assisa s)ll )lti.o scalino, con la testa appo**iata s)lle *inocc-ia. :;i c-e (ieni t) a .isc-iarti, .o*lie: disse Cadero)sse. :D)esto si*nore do.anda delle infor.a8ioni, la cortesia ()ole c-e *li si diano.: :Ma la pr)den8a ()ole, c-e t) taccia. C-i ti dice con 6)ali inten8ioni ti si ()ol far parlare, i.becille?: :Con )na inten8ione eccellente, (e ne rispondo io: disse l abate. :Vostro .arito d)n6)e non -a n)lla da te.ere, p)rc-5 .i risponda franca.ente.: :0)lla da te.ere... "2, s2 co.incia con delle belle pro.esse, )no si contenta di dire c-e non c 1 n)lla da te.ere, 6)indi se ne (a, sen8a tenere per s5 niente di ci3 c-e 1 stato detto, e )n bel .attino cade la dis*ra8ia sopra )na po(era fa.i*lia sen8a sapere da c-e parte (iene.: :"tate tran6)illa b)ona donna: rispose l abate, :la dis*ra8ia non (i (err7 da parte .ia, (e lo *arantisco.: La Carconta brontol3 6)alc-e parola c-e non si pot5 interpretare, lasci3 ricadere s)lle *inocc-ia la testa per )n istante solle(ata, e contin)3 a tre.are per la febbre, lasciando il .arito libero di contin)are la con(ersa8ione, .a in .odo da non perderne )na parola. +rattanto l abate a(e(a be()to 6)alc-e sorso d ac6)a e si era cal.ato. :Ma: riprese, :6)esto dis*ra8iato (ecc-io era d)n6)e tal.ente abbandonato da t)tti c-e do(ette perire di )na tal .orte<: :O-, si*nore: riprese Cadero)sse, :Mercedes la catalana ed il si*nor Morrel non lo a(e(ano abbandonato. Ma il po(ero (ecc-io a(e(a presa )na profonda antipatia per +ernando, 6)ello stesso: contin)3 Cadero)sse con )n sorriso ironico, :c-e ;ant1s (i disse essere )no dei s)oi a.ici.: :;)n6)e non lo era<: do.and3 l abate. :#aspare, #aspare: .or.or3 la donna dall alto della scala, :fa bene atten8ione a ci3 c-e stai per dire.: Cadero)sse fece )n .o(i.ento d i.pa8ien8a e sen8a dare alc)na risposta a 6)ella c-e lo interro.pe(a> :"i p)3 .ai essere a.ico di 6)ello a c)i si ()ol portar (ia la fidan8ata<: rispose all abate. :;ant1s c-e a(e(a il c)ore d oro, c-ia.a(a t)tti s)oi a.ici... Po(ero Ed.ondo... Epp)re 1 .e*lio c-e non abbia sap)to niente4 a(rebbe fatto troppa fatica a perdonar*li in p)nto di .orte..., 6)ant)n6)e, c-ecc-5 se ne dica: contin)3 Cadero)sse col s)o lin*)a**io, c-e non .anca(a di )na specie di ro88a poesia, :io abbia pi@ pa)ra della .aledi8ione dei .orti c-e dell odio dei (i(i.: :I.becille?: disse Carconta. :"apete d)n6)e: contin)3 l abate, :ci3 c-e 6)esto +ernando -a fatto contro ;ant1s<: :"e lo so< Lo credo bene?: :Parlate allora.: :#aspare, fa ci3 c-e ()oi, t) sei il padrone: disse la .o*lie, :.a se .i dai retta, t) non dirai niente.: :D)esta (olta, .o*lie .ia, credo c-e t) abbia ra*ione: disse Cadero)sse. :Cos2 non (olete dir niente<: riprese l abate. :E a c-e ser(e<: disse Cadero)sse. :"e Ed.ondo fosse (i(o, e )na (olta per t)tte (enisse da .e per

conoscere t)tti i s)oi a.ici e ne.ici, parlerei4 .a ora 1 sotto terra, per 6)anto .i a(ete detto, non p)3 pi@ a(ere odi, non p)3 pi@ (endicarsi. ;i.entic-ia.o t)tto 6)esto...: :Volete allora: disse l abate, :c-e dia a 6)esti indi(id)i c-e .i dite inde*ni e falsi a.ici )na rico.pensa destinata alla fedelt7?: := (ero, a(ete ra*ione: disse Cadero)sse. :; altronde ora a c-e ser(irebbe il le*ato del po(ero Ed.ondo< "arebbe )na *occia d ac6)a cad)ta in .are.: :"en8a calcolare c-e 6)ella *ente p)3 sc-iacciarti con )n *esto: disse la .o*lie. :Ed in 6)al .odo< Costoro sono di(en)ti ricc-i e potenti<: :Voi d)n6)e non sapete la loro storia<: :0o, raccontate.ela.: Cadero)sse par(e riflettere )n istante. :0o, in (erit7: disse, :sarebbe troppo l)n*a.: :"iete libero di tacere, a.ico .io: disse l abate con l accento della pi@ *rande indifferen8a, :e rispetto i (ostri scr)poli4 d altronde il (ostro .odo di cond)r(i 1 (era.ente da )o.o dabbene4 non ne parlia.o d)n6)e pi@. ;i c-e cosa ero incaricato< ;i )na se.plice for.alit7. Vender3 d)n6)e 6)esto dia.ante.: E ca(3 il dia.ante dalla tasca e lo fece brillare )na seconda (olta dinan8i a*li occ-i di Cadero)sse. :Vieni d)n6)e a (edere, .o*lie .ia...: disse 6)esti, con (oce ra)ca. :Un dia.ante?: disse la Carconta le(andosi e scendendo con )n passo abbastan8a fer.o la scala. :E c-e cosa 1 6)esto dia.ante<: :!-, d)n6)e non -ai inteso<: disse Cadero)sse. := )n dia.ante c-e il *io(ane ci -a lasciato in le*ato> pri.a a s)o padre, poi ai s)oi tre a.ici +ernando, ;an*lars e .e, e a Mercedes s)a fidan8ata, 6)esto dia.ante costa cin6)anta.ila franc-i.: :O-, il bel *ioiello?: disse lei. :Il 6)into allora di 6)esta so..a appartiene a noi<: disse Cadero)sse. :"2: rispose l abate, :e pi@ la parte del padre c-e .i credo a)tori88ato a ripartire s) (oi 6)attro.: :E perc-5 s) noi 6)attro<: do.and3 la Carconta. :Perc-5 (oi siete i 6)attro a.ici d Ed.ondo.: :0on sono a.ici coloro c-e tradiscono?: .or.or3 sotto(oce la donna. :"2, s2...: disse Cadero)sse, :ed era ci3 c-e dice(o. = 6)asi )na profana8ione4 6)asi )n sacrile*io, dare )na rico.pensa al tradi.ento e fors anc-e al delitto.: :"iete (oi c-e lo (olete: rispose tran6)illa.ente l abate, ri.ettendo il dia.ante nella tasca della s)a sottana. :Ora date.i l indiri88o de*li a.ici di Ed.ondo, affinc-5 possa ese*)ire le s)e )lti.e (olont7.: Il s)dore cola(a a *rosse *occe dalla fronte di Cadero)sse4 (ide l abate al8arsi, e diri*ersi (erso la porta co.e per dare )n occ-iata al s)o ca(allo e tornare. Cadero)sse e s)a .o*lie si *)ardarono con )n espressione indicibile. :Il dia.ante sarebbe t)tto nostro?: disse Cadero)sse. :Lo credi<: disse la donna. :Un )o.o co.e 6)ello non (orr7 in*annarci.: :+a co.e ()oi: disse la donna, :in 6)anto a .e, io non .e ne i..isc-io.: E t)tta tre.ante, riprese la (ia della scala4 i s)oi denti batte(ano, .al*rado facesse )n caldo ardente. ")ll )lti.o scalino si fer.3 )n istante. :Riflettici bene, #aspare...: disse. :"ono deciso: rispose Cadero)sse. La Carconta rientr3 sospirando nella s)a ca.era4 l i.piantito s intese stridere sotto i s)oi passi finc-5 ebbe ra**i)nto il sof7 s)l 6)ale cadde di peso. :Vi siete deciso<: do.and3 l abate. :Vi dir3 t)tto... Credo sia la

cosa .i*liore da farsi.: :0on c-e io abbia interesse a saper cose c-e (orreste nascondere .a, se potete ai)tar.i a distrib)ire i le*ati secondo i (oti del testatore sar7 assai .e*lio.: :Lo spero...: disse Cadero)sse con le *)ance infia..ate di speran8a e di c)pidi*ia. :Vi ascolto...: disse l abate. :!spettate: rispose Cadero)sse, :potre..o essere interrotti nel p)nto pi@ interessante, sarebbe s*rade(ole, d altronde 1 in)tile si sappia c-e siete (en)to 6)i.: !nd3 alla porta del s)o alber*o e la c-i)se, per .a**ior preca)8ione (i .ise la sbarra della notte. L abate scelse il posto per ascoltare con t)tto s)o a*io e si acco.od3 in )n an*olo in .odo da ri.anere nell o.bra, .entre la l)ce sarebbe ricad)ta piena.ente s)l (iso del s)o interloc)tore. In 6)anto a l)i, con la testa inclinata, le .ani *i)nte o pi)ttosto serrate, si prepara(a ad ascoltare attenta.ente. Cadero)sse a((icin3 )no s*abello e si sedette in faccia all abate. :Ricordati c-e io non ti -o spinto a niente...: disse la (oce tre.olante della Carconta, co.e se attra(erso il pa(i.ento a(esse pot)to (edere la scena. :"ta bene, sta bene: disse Cadero)sse, :non ne parlia.o pi@4 prendo t)tto s) di .e.: Ed inco.ici3. Capitolo $H. IL R!CCO0/O. :Pri.a di t)tto: disse Cadero)sse, :debbo pre*ar(i di pro.etter.i )na cosa.: :E 6)ale<: do.and3 l abate. :C-e non si sapr7 .ai c-e io (i -o dato 6)esti particolari, in caso c-e a(este biso*no di farne 6)alc-e )so4 perc-5 6)elli di c)i sto per parlar(i sono ricc-i e potenti, e se a(essero a toccar.i colla sola p)nta di )n dito .i stritolerebbero co.e (etro.: :"tate tran6)illo, .io b)ono a.ico, (i assic)ro s)l .io onore c-e le (ostre parole .oriranno nel .io c)ore. Ricordate(i c-e non abbia.o altro scopo c-e di ese*)ire de*na.ente le )lti.e (olont7 del nostro a.ico. Parlate d)n6)e sen8a ri*)ardi e sen8a pre(en8ione4 dite la (erit7 t)tta intera. Io non conosco, e forse non conoscer3 .ai le persone di c)i state per parlar.i4 d altra parte sono italiano e non francese, e dopo co.pi)te le )lti.e (olont7 di )n .oribondo, ritorner3 dritto in patria.: D)esta positi(a pro.essa par(e rassic)rare del t)tto Cadero)sse. :Ebbene, in 6)esto caso: disse Cadero)sse, :(o*lio dir(i anc-e di pi@, io de(o disin*annar(i s)lle a.ici8ie c-e il po(ero Ed.ondo crede(a sincere e affett)ose.: :Co.incia.o da s)o padre, se (i piace. Ed.ondo .i -a parlato .olto di 6)esto (ecc-io, per il 6)ale n)tri(a )n *randissi.o a.ore.: :La storia 1 triste: disse Cadero)sse, tentennando la testa. :Voi, probabil.ente, ne conoscerete il principio.: :"2, Ed.ondo .i -a raccontato le cose fino al .o.ento in c)i f) arrestato, in )na piccola osteria (icino a Marsi*lia.: :!lla Riser(a... O-, .io ;io, s2, (edo ancora la cosa co.e accadesse ora.: :0on f) al pran8o del s)o fidan8a.ento<: :"2, a 6)el pran8o c-e ebbe )n alle*ro principio e )na triste fine. Un co..issario di poli8ia se*)ito da 6)attro f)cilieri entr3 e ;ant1s f) arrestato.:

:Ecco fin do(e *i)n*e 6)ello c-e so: disse l abate. :;ant1s stesso non sape(a altro, poic-5 non -a pi@ ri(ed)to ness)na delle cin6)e persone c-e -o no.inato, n5 -a pi@ inteso parlare di loro.: :;opo c-e ;ant1s f) arrestato, il si*nor Morrel corse (ia per prendere infor.a8ioni4 esse f)rono tristissi.e. Il (ecc-io ;ant1s ritorn3 solo a casa s)a, pie*3 *li abiti di no88e pian*endo, pass3 t)tta la *iornata ca..inando nella s)a ca.era, e la sera non dor.2. Io, c-e abita(o sotto di l)i, lo sentii in .oto t)tta la notte. Io stesso, debbo dirlo, non dor.ii> il dolore di 6)esto po(ero padre .i face(a .olto .ale e ciasc)no dei s)oi passi .i si riperc)ote(a nel c)ore, co.e a(essi i piedi s)l petto. L indo.ani Mercedes (enne a Marsi*lia per i.plorare la prote8ione del si*nor Villefort4 .a non ottenne n)lla4 dopo and3 s)bito a far (isita al (ecc-io. D)ando lo (ide cos2 triste ed abbatt)to, (ide c-e a(e(a passata t)tta la notte sen8a riposare, e non a(e(a .an*iato dal *iorno innan8i, (olle cond)rlo con s5 per prenderne c)ra4 .a il (ecc-io non -a .ai (ol)to acconsentir(i. :0o: dice(a, :non lascer3 .ai 6)esta casa, perc-5 sono certo c-e il .io po(ero fi*lio .i a.a sopra o*ni altra cosa, e se esce di pri*ione correr7 a (isitare .e per pri.o. C-e direbbe se non fossi 6)i ad aspettarlo<: Io ascolta(o t)tto dal pianerottolo, perc-5 a(rei desiderato c-e Mercedes a(esse pers)aso il (ecc-io a se*)irla4 6)ei passi ripet)ti *iorno e notte s)lla .ia testa, non .i lascia(ano a(ere )n .o.ento di riposo.: :E (oi non sali(ate .ai a consolarlo<: :!-, si*nor abate, non si *i)n*e .ai a consolare c-e coloro c-e (o*liono esser consolati, ed e*li non (ole(a esserlo. ; altra parte, non so perc-5, se.bra(a c-e a(esse rip)*nan8a a (eder.i. Una notte per3, c-e intesi i s)oi sin*-io88i, non potei pi@ resistere e salii> .a 6)ando *i)nsi alla porta non sin*-io88a(a pi@4 pre*a(a. E*li ritro(a(a parole elo6)entissi.e, s)pplic-e pietose c-e ora non saprei ripetere4 era pi@ c-e piet7, era pi@ c-e dolore, ed io, c-e non sono bi*otto dice(o a .e stesso> :"ono ben felice d esser solo e di non a(ere fi*li, perc-5 se fossi padre e soffrissi )n dolore co.e 6)ello di 6)esto po(ero (ecc-io, non potendo ritro(are nella .ia .e.oria, n5 nel .io c)ore t)tto ci3 c-e e*li dice al b)on ;io, .e ne andrei dritto a precipitar.i in .are per non soffrire pi@.: :Po(ero padre?: .or.or3 l abate. :;i *iorno in *iorno e*li (i(e(a pi@ solo e pi@ isolato. "pesso il si*nor Morrel o Mercedes (eni(ano per (ederlo, .a la s)a porta era c-i)sa e 6)ant)n6)e fosse certa.ente in casa non risponde(a ad alc)no. Un *iorno, contro il solito, rice(ette Mercedes e la po(era ra*a88a, 6)ant)n6)e disperata, cerc3 di confortarlo> :Credi.i, fi*lia .ia: disse il (ecc-io, :Ed.ondo 1 .orto, e in(ece di aspettar l)i, e*li aspetta noi... Io sono ben fort)nato, perc-5 essendo pi@ (ecc-io, sar3 il pri.o a ri(ederlo.: Per 6)anto )no sia b)ono, si stanca ben presto di (edere le persone c-e lo attristano> il (ecc-io ;ant1s fin2 per ri.anere affatto solo. Io non (idi pi@ salire da l)i alc)no, se non o*ni tanto certi sconosci)ti c-e discende(ano poi con de*li in(olti .al nascosti. "eppi in se*)ito c-e cosa erano 6)e*l in(olti> e*li (ende(a a poco a poco t)tto ci3 c-e a(e(a, per (i(ere. Infine il b)on )o.o ter.in3 i s)oi po(eri arredi... Era debitore di tre rate di pi*ione> f) .inacciato di esser

cacciato4 do.and3 )na dila8ione di otto *iorni c-e *li (enne accordata. Io so 6)esti particolari perc-5 l esattore entr3 da .e, )scendo da l)i. 0ei pri.i tre *iorni lo intesi ca..inare co.e d ordinario .a nel 6)arto non sentii pi@ n)lla. Mi arrisc-iai a salire, la porta era c-i)sa4 *)ardai attra(erso la serrat)ra, e lo (idi tanto pallido ed esten)ato, c-e, co.prendendo 6)anto fosse .alato, feci a((ertire il si*nor Morrel e corsi da Mercedes. /)tti e d)e si affrettarono a (enire. Morrel cond)sse )n .edico, c-e osser(ando in l)i )na *astroenterite ordin3 la dieta. Io ero presente, si*nore, e non di.entic-er3 .ai il sorriso del (ecc-io a 6)esta racco.anda8ione. ;a 6)el .o.ento a(e(a )na sc)sa per non .an*iar pi@... Il .edico a(e(a ordinato la dieta.: L abate .and3 )na specie di *e.ito. :D)esta storia desta in (oi tanto interesse<: s interr)ppe Cadero)sse. :"2: rispose l abate, :1 co..o(ente.: :Mercedes ritorn3> lo tro(3 cos2 ca.biato c-e, co.e la pri.a (olta, lo (ole(a far trasportare nella s)a baracca. D)esto era p)re il parere di Morrel4 .a il (ecc-io *rid3 tanto, c-e ebbero pa)ra. Mercedes rest3 al cape88ale del letto4 Morrel si allontan3 facendo se*no alla catalana c-e lascia(a )na borsa s)l ca.inetto. Ma, forte dell ordine del .edico, non (olle prender n)lla. +inal.ente, dopo no(e *iorni di dispera8ione e di astinen8a, il (ecc-io spir3, .aledicendo 6)elli c-e erano stati ca)sa della s)a dis*ra8ia, e dicendo a Mercedes. :"e )n *iorno (edrete il .io Ed.ondo, dite*li c-e io .)oio benedicendolo.:S L abate si al83, fece d)e *iri per la stan8a portando la .ano tre.ante all arida *ola. :E (oi credete c-e e*li sia .orto<...: :;i fa.e, si*nore: disse Cadero)sse. :0e rispondo, 6)anto 1 (ero c-e sia.o 6)i.: L abate prese con .ano con()lsa il bicc-iere d ac6)a ancor pieno a .et7, lo ()ot3 d )n fiato, e si ri.ise a sedere con *li occ-i rossi e le *)ance pallide. :Certo f) )na *ran dis*ra8ia...: disse con (oce ra)ca. :E tanto pi@ *rande, perc-5 ca)sata da finta a.ici8ia.: :Passia.o d)n6)e a 6)esti )o.ini: disse l abate. :Ma pensateci bene: contin)3 con )n tono 6)asi .inaccioso, :(i siete i.pe*nato a dir.i t)tto... "entia.o d)n6)e, c-i son 6)elli c-e -anno fatto .orire il fi*lio di dispera8ione, ed il padre di fa.e.: :+ernando e ;an*lars, d)e )o.ini *elosi di Ed.ondo, )no per a.ore, l altro per a.bi8ione.: :E in 6)al .odo si .anifest3 6)esta loro *elosia<: :Essi den)n8iarono Ed.ondo co.e .esso bonapartista.: :Ma c-i dei d)e lo den)n8i3< C-i dei d)e f) il (ero colpe(ole<: :/)tti e d)e> l )no scrisse la lettera, l altro la port3 alla posta.: :D)esta lettera do(e f) scritta<: :!ll osteria stessa della Riser(a, il *iorno pri.a del fidan8a.ento.: :"ta bene...: .or.or3 l abate. :O-, +aria, +aria, co.e conosce(i bene *li )o.ini e le cose?: :C-e dite, si*nore<: do.and3 Cadero)sse. :0iente? Contin)ate...: :;an*lars scrisse la den)ncia con la .ano sinistra, perc-5 non fosse riconosci)to il carattere, e +ernando l in(i3.: :Ma: *rid3 d i.pro((iso l abate, :(oi

era(ate l7<: :Io<: disse Cadero)sse .era(i*liato. :E c-i (i -a detto c-e c ero<: L abate s accorse c-e si era lasciato troppo trasportare. :0ess)no: disse, :.a per essere cos2 ben infor.ato di t)tti 6)esti particolari, biso*na essere stato presente.: := (ero...: disse Cadero)sse con (oce soffocata, :io c ero.: :E non (i siete opposto a 6)esta infa.ia<: disse l abate. :Voi d)n6)e siete loro co.plice.: :"i*nore, essi .i a(e(ano fatto tanto bere, c-e 6)asi a(e(o perd)to la ra*ione> non (ede(o c-e attra(erso )na nebbia. ;issi 6)anto pote(a dire )n )o.o in 6)ello sta to, .a essi .i risposero essere stato )no sc-er8o c-e a(e(ano (ol)to fare, e c-e non a(rebbe a()to alc)na conse*)en8a.: :Va bene: disse l abate, :(oi a(ete parlato con franc-e88a e l acc)sarsi in tal .odo 1 )n .eritare il perdono.: :;is*ra8iata.ente Ed.ondo 1 .orto, e non .i -a perdonato.: :E*li i*nora(a t)tto ci3.: :Ma ora forse lo sapr7... "i dice c-e i .orti sappiano t)tto.: "i fece )n .o.ento di silen8io> l abate si era al8ato e passe**ia(a pensieroso. Ritorn3 al s)o posto e si sedette di n)o(o. :Mi a(ete no.inato d)e o tre (olte )n certo si*nor Morrel: disse. :C-i era 6)est )o.o<: :Era l ar.atore del +araone, il padrone e protettore di ;ant1s.: :E 6)al parte -a sosten)ta in t)tta 6)esta triste faccenda<: :La parte dell )o.o onesto, cora**ioso e affe8ionato. Venti (olte f) ad intercedere per Ed.ondo. D)ando ritorn3 l I.peratore, scrisse, pre*3, .inacci3, e tanto fece c-e, nella seconda Resta)ra8ione, f) *rande.ente perse*)itato co.e bonapartista. ;ieci (olte, co.e (i -o detto, 1 (en)to dal padre di ;ant1s per rico(erarlo in casa s)a, e il *iorno pri.a della s)a .orte a(e(a lasciato s)l ca.inetto )na borsa colla 6)ale f)rono pa*ati i debiti del b)on )o.o e le spese dei f)nerali... Po(ero (ecc-io, pot5 al.eno .orire co.e a(e(a (iss)to sen8a essere di peso a ness)no. Fo ancora 6)ella borsa, )na borsa di cordonetto rosso.: :E 6)esto si*nor Morrel (i(e ancora<: :"2...: disse Cadero)sse. :E in 6)esto caso de( essere )n )o.o benedetto dal cielo, de( essere ricco... felice...: Cadero)sse sorrise a.ara.ente. :"2, felice co.e lo sono io...: disse. :Co.e? Morrel sarebbe ro(inato<: *rid3 l abate. := (icino alla .iseria, e pe**io ancora 1 (icino al disonore.: :E co.e<: :"2: rispose Cadero)sse, :dopo (ent anni di fatic-e, dopo essersi ac6)istato il posto pi@ onore(ole nel co..ercio di Marsi*lia, Morrel 1 ro(inato da ci.a a fondo. In d)e anni -a perd)to cin6)e basti.enti, sofferto tre falli.enti terribili, ed ora non -a pi@ altre speran8e c-e 6)ello stesso +araone, c-e era co.andato dal po(ero ;ant1s, e c-e de(e ritornare dalle Indie con )n carico di coccini*lia e di indaco. "e 6)esto basti.ento si perde co.e *li altri, 1 ro(inato del t)tto.: :E il dis*ra8iato -a .o*lie, fi*li<: :"2, -a )na .o*lie c-e in t)tte 6)este a((ersit7 si 1 condotta co.e )na santa4 -a )na fi*lia c-e sta(a per

sposare l )o.o da lei a.ato, e la fa.i*lia del 6)ale si 1 opposta ad )n .atri.onio colla fi*lia di )n )o.o fallito, -a )n fi*lio sottotenente nell esercito. Ma, (oi lo capirete bene, t)tto ci3 non fa c-e raddoppiare il dolore del po(ero )o.o. "e fosse stato solo, si sarebbe br)ciate le cer(ella, e t)tto sarebbe finito.: :Ci3 1 spa(entoso?: .or.or3 l abate. :Ecco co.e in 6)esta (ita (iene rico.pensata la (irt@: disse Cadero)sse. :Osser(ate, io c-e non -o .ai fatto )na catti(a a8ione a ness)no, .eno 6)ella c-e (i -o raccontato, sono nella .iseria4 dopo c-e a(r3 (ed)to .orire la po(era .ia .o*lie di febbre sen8a poter far n)lla per lei, .orir3 di fa.e co.e 1 .orto il padre di ;ant1s, .entre +ernando e ;an*lars n)otano nell oro.: :E co.e 1 possibile<: :Perc-5 ad essi o*ni cosa *ira bene, .entre ai *alant)o.ini (a t)tto .ale. :C-e 1 di(en)to 6)esto ;an*lars, il pi@ colpe(ole, l isti*atore<: :C-e 1 di(en)to< !bbandon3 Marsi*lia con )na racco.anda8ione di Morrel, c-e i*nora(a il s)o delitto, e pot5 entrare co..esso presso )n banc-iere spa*nolo. !ll epoca della *)erra di "pa*na, s incaric3 di )na parte delle fornit)re dell esercito francese, e fece fort)na. Con 6)esto pri.o denaro spec)l3 s)i fondi p)bblici, e -a triplicato e 6)adr)plicato i s)oi capitali e, (edo(o della fi*lia del s)o banc-iere, spos3 )na (edo(a, la si*nora di 0ar*onne, fi*lia di de "er(ie)J cia.bellano del Re att)ale, e c-e *ode dei pi@ *randi fa(ori a Corte. ;i(en)to .ilionario lo -anno creato Conte, ed ora 1 il conte ;an*lars c-e -a )n pala88o in r)e MontBlanc, dieci ca(alli nelle sc)derie, sei lacc-1 in antica.era, e non so 6)anti .ilioni in cassa.: :!-: disse l abate con )n espressione sin*olare. :Ed 1 felice<: :+elice< C-i p)3 dir 6)esto< La felicit7 e l infelicit7 sono il se*reto delle .)ra, le .)ra -anno orecc-ie .a non lin*)a4 se )no 1 felice con )na *rande fort)na, ;an*lars 1 felice.: :E +ernando<: :+ernando 1 t)tt altra cosa.: :Co.e .ai )n po(ero pescatore catalano sen8a risorse e sen8a ed)ca8ione -a pot)to far fort)na< Ci3 .i sorprende, (e lo confesso.: :E ci3 sorprende t)tti. 0ella s)a (ita ci de(e essere 6)alc-e strano se*reto c-e ness)no sa.: :Ma per 6)ali *radini (isibili -a pot)to salire a 6)est alta fort)na, o a 6)est alta posi8ione<: :!d entra.be, si*nore, ad entra.be4 e*li -a, insie.e, fort)na e posi8ione.: :Ma 1 )na fa(ola c-e .i raccontate<: :0e -a t)tte le se.bian8e, .a 1 )na cosa reale. !scoltate e *i)dicate (oi stesso. Poc-i *iorni pri.a c-e ritornasse ;ant1s, +ernando era stato c-ia.ato co.e coscritto. I Borboni lo lasciarono tran6)illo ai Catalani, .a al ritorno di 0apoleone f) ordinata )na le(a straordinaria, e +ernando f) costretto a partire. Io p)re partii, .a essendo pi@ (ecc-io di +ernando, ed a(endo da poco sposata la .ia po(era .o*lie f)i in(iato soltanto s)lle coste. +ernando, incorporato nelle sc-iere atti(e, (enne .andato col s)o re**i.ento al ponte, e in batta*lia. Era di piantone alla porta di )n *enerale c-e a(e(a se*rete rela8ioni col ne.ico e c-e 6)ella notte stessa do(e(a ri)nirsi a*li in*lesi. Il *enerale *li propose di acco.pa*narlo, +ernando accett3, abbandon3 il posto e se*)2 il

*enerale. Ci3 c-e lo a(rebbe pot)to cond)rre da(anti a )n trib)nale di *)erra, *li ser(2 da racco.anda8ione. Rientr3 in +rancia con la spallina di sottotenente, e sicco.e non *li .anca(a la prote8ione del s)o *enerale, c-e allora *ode(a .olto fa(ore, di(enne capitano nel 1&$A, all epoca della pri.a *)erra di "pa*na, (ale a dire al te.po in c)i ;an*lars arrisc-ia(a le s)e spec)la8ioni. "icco.e +ernando si pote(a considerare 6)as i spa*nolo, f) in(iato a Madrid per esplorar(i le inten8ioni dei s)oi co.patrioti. L7 ritro(3 ;an*lars, discorsero insie.e, pro.ise al s)o *enerale l appo**io dei re*i della capitale, e delle pro(ince, e rice(ette delle pro.esse, ass)nse s)l s)o conto de*li i.pe*ni. #)id3 il re**i.ento francese per sentieri solo a l)i noti fra le *ole *)ardate dai re*i, e final.ente in 6)esta bre(e ca.pa*na rese ser(i*i tali, c-e dopo la presa del /rocadero (enne no.inato colonnello, e rice(ette la croce di )fficiale della Le*ion d Onore )nita.ente al titolo di barone.: :;estino, destino?: .or.or3 l abate. :"2, .a ascoltate, c-e non 1 ancor t)tto. +inita la *)erra di "pa*na, la carriera di +ernando si tro(a(a .essa a risc-io dalla l)n*a pace c-e do(e(a re*nare in E)ropa> la #recia soltanto era solle(ata contro la /)rc-ia, e co.incia(a la *)erra della s)a indipenden8a4 t)tti *li occ-i erano p)ntati s) !tene4 era di .oda co.pian*ere e sostenere i *reci. +ernando do.and3 ed ottenne il per.esso di andare al ser(i8io della #recia contin)ando per3 ad essere iscritto s)i re*istri dell esercito. D)alc-e te.po dopo si seppe c-e il barone di Morcerf, tale era il no.e c-e porta(a, era entrato al ser(i8io di !l2CPasci7, col *rado di *enerale istr)ttore. !l2C Pasci7 f) )cciso co.e sapete4 .a pri.a di .orire rico.pens3 i ser(i*i di +ernando, lasciando*li )na so..a considere(ole, colla 6)ale torn3 in +rancia, do(e *li (enne confer.ato il *rado di l)o*otenente.: :E o**i<: do.and3 l abate. :O**i: prose*)2 Cadero)sse, :1 barone e dep)tato, possiede )n pala88o .a*nifico a Pari*i, in r)e Felder, $H.: L abate apr2 la bocca, ri.ase )n .o.ento co.e )n )o.o c-e esita 6)indi facendo )no sfor8o s) se stesso> :E Mercedes<: disse. :Venni assic)rato c-e sco.par(e.: :;ispar(e: disse Cadero)sse, :co.e sparisce il sole per rial8arsi l indo.ani pi@ splendente.: :Lei p)re -a fatto fort)na<: do.and3 l abate con )n sorriso ironico. :Mercedes a 6)est ora 1 )na delle pi@ *randi da.e di Pari*i: riprese Cadero)sse. :Contin)ate: disse l abate, :.i se.bra di ascoltare il racconto di )n "o*no. Ma io stesso -o (ed)to cose s2 straordinarie c-e .i sorprendono poco 6)elle c-e .i dite.: :Mercedes dappri.a f) disperata per il colpo c-e *li tolse il s)o Ed.ondo. Vi -o detto le s)e istan8e (erso il si*nor Villefort e la s)a de(o8ione per il padre di ;ant1s. In .e88o alla s)a dispera8ione, )n altro dolore (enne a colpirla, e f) la parten8a di +ernando di c)i i*nora(a il delitto, e c-e considera(a co.e fratello. +ernando part2, e Mercedes ri.ase sola. /re .esi passarono in lacri.e4 ness)na noti8ia di +ernando> n)ll altro a(anti a*li occ-i c-e )n (ecc-io .oribondo disperato. Una sera, dopo essere ri.asta t)tto il *iorno, sed)ta co.e s)a abit)dine,

presso l an*olo delle d)e strade c-e dai Catalani cond)cono a Marsi*lia, ritorn3 nella baracca, triste pi@ del cons)eto> n5 l inna.orato, n5 l a.ico ritorna(ano da )na di 6)elle d)e strade e non rice(e(a noti8ie n5 dell )no, n5 dell altro. :; i.pro((iso le se.br3 )dire )n passo conosci)to, si (olse con ansiet7, la porta si apr2, e (ide co.parire +ernando coll )nifor.e di sottotenente. 0on era la .et7 di ci3 c-e pian*e(a, .a era )na parte della s)a (ita passata c-e ritorna(a a lei. Mercedes strinse le .ani di +ernando con trasporto tale, c-e 6)esti credette fosse a.ore per l)i, .entre non era c-e la *ioia di non essere pi@ sola al .ondo, e di (edere )n a.ico dopo 6)elle l)n*-e ore di triste solit)dine. E poi, biso*na p)r dirlo, +ernando non era .ai stato odiato, e*li non era a.ato, ecco t)tto. Un altro occ)pa(a intera.ente il c)ore di Mercedes, 6)est altro era assente... era sparito... forse .orto... :! 6)est )lti.a idea s)**erita da +ernando, Mercedes scoppi3 in sin*-io88i, e si contorse le braccia per il dolore. Ma 6)est idea, c-e a(e(a respinto tante (olte, 6)ando le (eni(a s)**erita da altri, ora le (eni(a spontanea.ente allo spirito. ; altra parte il (ecc-io ;ant1s non cessa(a di dirle> :Il nostro Ed.ondo 1 .orto4 se non fosse .orto ritornerebbe:. Il (ecc-io .or2, co.e (i dissi. "e fosse (iss)to, Mercedes forse non sarebbe di(entata .ai la .o*lie di )n altro, perc-5 il b)on (ecc-io sarebbe se.pre stato l7 a ri.pro(erarle la s)a infedelt7. +ernando lo cap2 e non ritorn3 c-e 6)ando seppe la .orte del (ecc-io. D)esta (olta era tenente. 0el pri.o (ia**io non a(e(a detto )na parola d a.ore a Mercedes4 nel secondo le ricord3 c-e l a.a(a se.pre. Mercedes do.and3 sei .esi ancora per aspettare e pian*ere Ed.ondo.: :#ran cosa?: disse l abate con )n sorriso a.aro. :0on erano c-e diciotto .esi in t)tto. C-e p)3 do.andare di pi@ l a.ante pi@ adorato<: Poi .or.or3 6)este parole del poeta in*lese> :+railtM, t-M na.e is wo.an:, C+ra*ilit7 il t)o no.e 1 donna?:. :"ei .esi dopo: riprese Cadero)sse, :si effett)3 il .atri.onio nella c-iesa de*li !cco)l1s.: :Era la .edesi.a c-iesa o(e do(e(a sposare Ed.ondo: .or.or3 l abate, :il .arito solo era ca.biato, ecco t)tto.: :Mercedes d)n6)e si .arit3: contin)3 Cadero)sse, :e 6)ant)n6)e a*li occ-i di t)tti se.brasse tran6)illa, per3 s(enne passando da(anti alla Riser(a, o(e diciotto .esi pri.a era stato celebrato il fidan8a.ento con col)i c-e a(rebbe capito di a.are t)ttora, se a(esse osato *)ardare nel fondo del c)ore. +ernando pi@ felice, .a non pi@ tran6)illo, perc-5 io l -o allora (ed)to, te.e(a se.pre il ritorno di Ed.ondo, +ernando si occ)p3 s)bito di espatriare con s)a .o*lie, di esiliarsi con lei. Vi erano .olti pericoli da te.ere, e nello stesso te.po troppi ricordi da co.battere, restando ai Catalani. Otto *iorni dopo le no88e, partirono.: :Ri(edeste pi@ Mercedes<: do.and3 l abate. :"2, nel .o.ento della *)erra di "pa*na a Perpi*nano, o(e +ernando l a(e(a lasciata4 si occ)pa(a dell ed)ca8ione di s)o fi*lio.: L abate rabbri(id2.

:;i s)o fi*lio<: disse :"2: rispose Cadero)sse, :del piccolo !lberto.: :Ma per istr)ire 6)esto fi*lio: contin)3 l abate, :a(r7 rice()to anc- essa )n ed)ca8ione< Mi se.bra di a(ere inteso dire da Ed.ondo c-e era fi*lia di )n se.plice pescatore, bella, .a non istr)ita.: :O-?: disse Cadero)sse. :Conosce(a d)n6)e cos2 .ale la s)a fidan8ata? Mercedes a(rebbe pot)to di(enire re*ina, se la corona do(esse essere posata soltanto s)lle teste pi@ belle, pi@ intelli*enti. La s)a fort)na in*randi(a da s5, lei di(eni(a *rande con la s)a fort)na> i.para(a il dise*no, la .)sica, t)tto. ; altra parte io credo, sia detto fra noi, c-e non facesse t)tto ci3 c-e per distrarsi, per di.enticare, e c-e non .ettesse tante cose in testa, c-e per co.battere 6)elle c-e a(e(a in c)ore. Ma, ora c-e t)tto de(e dirsi: contin)3 Cadero)sse, :la fort)na e *li onori l -anno sen8a d)bbio consolata. Ella 1 ricca, 1 baronessa, e t)tta(ia...: Cadero)sse si fer.3. :/)tta(ia, c-e cosa<: do.and3 l abate. :/)tta(ia, sono sic)ro c-e non 1 felice.: :E c-e cosa (e lo fa credere<: :Ebbene, 6)ando io stesso .i sono ritro(ato troppo dis*ra8iato, -o pensato c-e i .iei antic-i a.ici .i a(rebbero ai)tato in 6)alc-e cosa. Mi sono presentato a ;an*lars, c-e non .i -a (ol)to nepp)re rice(ere. "ono stato da +ernando, e .i -a fatto passare cento franc-i per le .ani del ca.eriere.: :Cos2 non li (edeste, n5 l )no n5 l altra.: :0o, .a .i (ide la si*nora di Morcerf.: :E co.e<: :D)ando sono )scito, )na borsa cadde ai .iei piedi, contene(a (enticin6)e l)i*i. !l8ai la testa e (idi Mercedes c-e c-i)de(a il balcone.: :E Villefort<: do.and3 l abate. :O-, e*li non era .io a.ico, non lo conosce(o, non a(e(o n)lla a do.andar*li.: :Ma non sapete c-e ne sia accad)to, e 6)al parte abbia presa alla dis*ra8ia di Ed.ondo<: :0o, so soltanto c-e 6)alc-e te.po dopo a(erlo fatto arrestare, spos3 la si*norina di "aintCM5ran, e ben presto lasci3 Marsi*lia. "en8a d)bbio la fort)na *li a(r7 sorriso co.e a*li altri, sen8a d)bbio sar7 ricco co.e ;an*lars, considerato co.e +ernando. Io solo, sono ri.asto po(ero, .iserabile, e di.enticato da t)tti.: :V in*annate, a.ico .io: disse l abate, :6)alc-e (olta p)3 se.brare c-e ;io di.entic-i 6)alc)no4 .a (iene il *iorno della *i)sti8ia, (iene il *iorno in c)i si ricorda, ed ecco(ene )na pro(a.: ! 6)este parole l abate ca(3 il dia.ante dalla tasca por*endolo a Cadero)sse> :Prendete: *li disse, :prendete 6)esto dia.ante, poic-5 1 t)tto (ostro.: :Co.e , a .e solo<: *rid3 Cadero)sse. :!-? si*nore, (i b)rlate di .e?: :D)esto dia.ante do(e(a essere di(iso fra *li a.ici di Ed.ondo4 .a l)i non a(e(a c-e )n solo a.ico, la di(isione di(enta d)n6)e in)tile. Prendete 6)esto dia.ante, e (endetelo4 (ale cin6)anta.ila franc-i, (e lo ripeto, e spero c-e 6)esta so..a baster7 per to*lier(i dalla .iseria.: :O-, si*nore: disse Cadero)sse, a(an8ando ti.ida.ente )na .ano, .entre con l altra si asci)*a(a il s)dore c-e *li stilla(a dalla fronte. :O-, non (i fate *ioco della felicit7, o della dispera8ione di )n )o.o?: :Io so ci3 c-e 1 la felicit7, e ci3 c-e 1 la dispera8ione, e non .i prenderei .ai *ioco di 6)esti senti.enti: riprese l abate. :Prendete d)n6)e, .a in ca.bio...:

Cadero)sse c-e *i7 tocca(a il dia.ante, ritir3 la .ano. L abate sorrise. :In ca.bio: contin)3, :re*alate.i 6)ella borsa di seta rossa c-e il si*nor Morrel a(e(a lasciata s)l ca.inetto del (ecc-io ;ant1s, e c-e .i a(ete detto essere nelle (ostre .ani.: Cadero)sse, se.pre .era(i*liato, apr2 )n *rand ar.adio di 6)ercia, e dette all abate )na l)n*a borsa di seta di )n rosso scolorato, e intorno alla 6)ale scorre(ano d)e anelli in altro te.po dorati. L abate la prese, e dette il dia.ante a Cadero)sse. :O-, (oi siete )n )o.o di ;io?: *rid3 Cadero)sse. :Perc-5 in (erit7 ness)no sape(a c-e Ed.ondo (i a(esse dato 6)esto dia.ante, ed a(reste pot)to conser(arlo per (oi.: :Bene: pens3 l abate fra s5, :t) l a(resti fatto, .i se.bra.: D)indi si al83, prese il cappello ed i *)anti e do.and3> :"opratt)tto, 6)anto .i a(ete detto 1 del t)tto (ero< posso creder(i s) t)tti i p)nti<: :Vi *i)ro s)l .io onore, e per 6)anto (i 1 di pi@ sacro c-e non (i -o detto )na parola c-e non sia (era.: :Basta cos2: disse l abate con(into, :sta bene4 c-e 6)esto danaro possa esser(i di profitto. !ddio, io ritorno lontano da*li )o.ini c-e fanno tanto .ale ai loro si.ili.: E l abate, liberandosi a *ran fatica dalle ent)siastic-e di.ostra8ioni di Cadero)sse le(3 la sbarra della porta, )sc2, risal2 a ca(allo, sal)t3 )n )lti.a (olta l oste c-e si confonde(a in addii cla.orosi, e part2 se*)endo la stessa dire8ione c-e a(e(a ten)ta nel (enire. D)ando Cadero)sse si (olse, (ide dietro a s5 la Carconta pi@ pallida e pi@ tre.ante c-e .ai> := (ero ci3 c-e -o sentito<: disse. :C-e cosa< C-e ci -a dato il dia.ante per noi soli<: disse Cadero)sse 6)asi pa88o dalla *ioia. :"2.: :0on (i 1 n)lla di pi@ (ero, eccolo 6)a.: La donna lo *)ard3 )n .o.ento, poi riprese con (oce ra)ca> :E se fosse falso<: Cadero)sse i.pallid2 e si scosse> :+also: .or.or3, :falso... E perc-5 6)est )o.o a(rebbe do()to re*alar.i )n dia.ante falso<: :Per a(ere il t)o se*reto sen8a pa*arlo.: Cadero)sse ri.ase )n .o.ento stordito sotto il peso di 6)esta s)pposi8ione. :O-: disse, dopo bre(e silen8io, e prendendo il cappello c-e .ise s)l fa88oletto c-e tene(a annodato intorno alla testa, :lo sapre.o ben presto.: :E in 6)al .odo<: :O**i c 1 la fiera a Bea)caire> (i sono dei *ioiellieri di Pari*i> (ado a farlo (edere. /) *)arda la casa, fra d)e ore sar3 di ritorno.: E Cadero)sse si lanci3 f)ori di casa prendendo a t)tta corsa la strada opposta a 6)ella ten)ta dallo sconosci)to. :Cin6)anta.ila franc-i?: .or.or3 la Carconta ri.asta sola. := .olto danaro s2..., .a non 1 )na *rande fort)na.: Capitolo $&. I RE#I"/RI ;ELLE PRI#IO0I. L indo.ani del *iorno in c)i accadde la scena c-e abbia.o descritta, )n )o.o s)i trentaC trentad)e anni (estito d )n soprabito bl), coi pantaloni di nankin, ed il *i)bbetto bianco, con l andat)ra e l accento britannico, si present3 al "indaco di Marsi*lia.

:"i*nore: *li disse, :io sono il pri.o co..esso della casa /-o.son e +renc- di Ro.a. 0oi sia.o da dieci anni in rela8ione colla casa Morrel e +i*lio di Marsi*lia, abbia.o i.pie*ati circa cento.ila franc-i in 6)esta rela8ione, e non sia.o sen8a in6)iet)dine, poic-5 ci (ien fatto credere c-e 6)esta casa .inacci ro(ina> (en*o d)n6)e espressa.ente da Ro.a per do.andar(i le infor.a8ioni s) 6)esta casa.: :"i*nore: rispose il "indaco, :io so effetti(a.ente c-e da 6)attro cin6)e anni la dis*ra8ia se.bra perse*)itare il si*nor Morrel> e*li -a s)ccessi(a.ente perd)to 6)attro o cin6)e basti.enti, sofferti tre o 6)attro falli.enti. Ma non spetta a .e, 6)ant)n6)e io stesso s)o creditore per )na do88ina di .i*liaia di franc-i, dare infor.a8ioni s)l s)o stato, e s)lla s)a fort)na. ;o.andate.i co.e sindaco ci3 c-e penso del si*nor Morrel, e (i risponder3 c-e 1 )n )o.o ri*orosa.ente probo, e c-e fino ad o**i -a se.pre ade.pito ai s)oi i.pe*ni con esatte88a. Ecco t)tto ci3 c-e posso dir(i4 se (olete saperne di pi@, indiri88ate(i al si*nor de Bo(ille, ispettore delle pri*ioni, r)e 0oailles n).ero 1'... Credo c-e e*li abbia d)ecento.ila franc-i i.pie*ati s)lla casa Morrel, e se (i 1 real.ente cosa a te.ersi, lo ritro(erete .olto pi@ infor.ato di .e, *iacc-5 la s)a so..a 1 .olto pi@ considere(ole della .ia.: L in*lese par(e appre88are 6)esta *rande delicate88a, sal)t3, )sc2 e s inca..in3 col passo proprio dei fi*li di #ran Breta*na (erso la strada indicata. Il si*nor de Bo(ille era nel s)o )fficio. L in*lese (edendolo fece )n .o(i.ento di sorpresa c-e se.bra(a indicare non esser 6)ella la pri.a (olta c-e si tro(a(a al cospetto di col)i al 6)ale face(a (isita. In 6)anto a de Bo(ille, la s)a dispera8ione lascia(a facil.ente scor*ere, c-e t)tte le facolt7 dello spirito, assorte nel pensiero c-e l occ)pa(a in 6)el .o.ento, non lascia(a n5 alla s)a .e.oria, n5 alla s)a i..a*ina8ione il piacere di di(a*arsi nel passato. L in*lese, colla fle..a propria della s)a ra88a, *li present3 la 6)estione, circa nei .edesi.i ter.ini c-e a(e(a )sati col "indaco di Marsi*lia . :O-, si*nore: *rid3 de Bo(ille, :i (ostri ti.ori dis*ra8iata.ente non possono essere pi@ fondati, e (oi a(ete innan8i a*li occ-i )n )o.o disperato. !(e(o in(estiti d)ecento.ila franc-i s)lla casa Morrel> erano la dote di .ia fi*lia c-e conta(o .aritare fra 6)indici *iorni> do(e(ano essere ri.borsati cento.ila il 1' di 6)esto .ese, e cento.ila il 1' del (ent)ro. !(e(o dato a((iso a Morrel del desiderio di essere ri.borsato esatta.ente, ed ecco, non 1 .e88 ora, 1 (en)to da .e Morrel per dir.i c-e se il s)o basti.ento il +araone non rientra in porto pri.a del 1', e*li si tro(a nell i.possibilit7 di fare il pa*a.ento.: :Ma 6)esta: disse l in*lese, :1 )na specie di dila8ione.: :;ite pi)ttosto, si*nore, c-e 6)esto asso.i*lia ad )n falli.ento?: *rid3 de Bo(ille disperato. L in*lese par(e riflettere )n .o.ento, poi disse> :D)esto credito ( ispira dei ti.ori<: :Lo considero co.e perd)to.: :Ebbene, io lo co.pro.: :Voi<: :"2, io.: :Ma con )n enor.e ribasso, sen8a d)bbio<:

:0o, .ediante d)ecento.ila franc-i... La nostra casa: so**i)nse l in*lese ridendo, :non fa si.ili affari.: :E (oi pa*ate<...: :;enaro contante.: E l in*lese ca(3 di tasca )n in(olto di bi*lietti di banca c-e pote(ano for.are il doppio della so..a c-e il si*nor de Bo(ille te.e(a di perdere. Un la.po di *ioia pass3 s)l (iso di de Bo(ille4 ci3 nonostante fece )no sfor8o per contenersi. :"i*nore, debbo pre(enir(i c-e secondo t)tte le probabilit7, non rica(erete il sei per cento di 6)esta so..a.: :Ci3 non .i ri*)arda: rispose l in*lese, :.a ri*)arda la casa /-o.son e +renc-, in no.e della 6)ale io opero. +orse essa p)3 a(ere 6)alc-e interesse a sollecitare la ro(ina di )na Casa ri(ale. Ma so c-e sono pronto a contar(i 6)esta so..a, contro la *irata c-e .i farete dietro le ca.biali> soltanto c-ieder3 )n diritto di senseria.: :"i*nore, 1 *i)stissi.o: *rid3 de Bo(ille. :La co..issione 1 ordinaria.ente il .e88o per cento4 (olete il d)e< Il cin6)e< !ncora di pi@< 0on a(ete c-e a parlare.: :"i*nore?: so**i)nse ridendo l in*lese. :Io sono co.e la .ia Casa, non faccio di 6)esta specie di affari. 0o, la .ia senseria 1 d )n altra nat)ra.: :Parlate d)n6)e, (i ascolto.: :Voi siete ispettore delle pri*ioni<: :;a 6)attordici anni e pi@.: :/errete d)n6)e il re*istro di entrata ed )scita<: :"en8a d)bbio.: :! 6)esti re*istri de(ono essere )nite delle note relati(e ai pri*ionieri.: :Ciasc)n pri*ioniero -a la s)a.: :Ebbene, si*nore, io sono stato alle(ato a Ro.a da )n tale c-e sco.par(e d i.pro((iso. "eppi poi c-e era stato deten)to nel Castello d If, e (orrei a(ere alc)ni particolari s)lla s)a .orte.: :Co.e lo c-ia.a(ate<: :Lo scien8iato +aria.: :O-, .e ne ricordo perfetta.ente: escla.3 de Bo(ille, :e*li era pa88o.: :"i dice(a.: :O-, lo era certa.ente.: := possibile? E 6)ale era il s)o *enere di pa88ia<: :Pretende(a sapere do(e sta(a nascosto )n i..enso tesoro, ed offri(a delle so..e considere(oli se a(essero (ol)to .etterlo in libert7.: :Po(ero dia(olo? Ed 1 .orto<: :"2, son cin6)e, o sei .esi al pi@, nel febbraio scorso.: :!(ete )na felice .e.oria, per ricordar(i cos2 le date.: :Mi ricordo 6)esta, perc-5 la .orte del po(ero dia(olo f) acco.pa*nata da )n sin*olare incidente.: :"i potrebbe conoscere 6)esto accidente<: do.and3 l in*lese con )na espressione di c)riosit7, c-e )n freddo osser(atore si sarebbe .era(i*liato di tro(are s)l s)o (iso fle..atico. :O- sen8a difficolt7. La cella di +aria era lontana 6)arantacin6)eCcin6)anta piedi circa da 6)ella di )n certo bonapartista, )no di 6)elli c-e a(e(ano pi@ di t)tti contrib)ito al ritorno dell I.peratore nel 1&1', )o.o .olto risol)to.: :Vera.ente<: disse l in*lese. :"2: rispose de Bo(ille, :-o a()to occasione di (edere 6)est )o.o nel 1&1B o 1&1H. 0on si scende(a nella s)a

cella sen8a esser scortati da )n picc-etto di soldati. D)est )o.o .i -a fatta )na profonda i.pressione, e non di.entic-er3 .ai il s)o (iso.: L in*lese fece )n i.percettibile sorriso. :;ice(ate d)n6)e c-e le d)e celle...: :Erano separate da )na distan8a di cin6)anta piedi: contin)3 de Bo(ille, :.a se.bra c-e 6)esto...: :D)est )o.o pericoloso si c-ia.a(a<...: :Ed.ondo ;ant1s, s2, si*nore... "e.bra c-e 6)esto Ed.ondo ;ant1s si fosse proc)rato de*li )tensili, o ne a(esse costr)iti... +atto sta c-e f) ritro(ato )n corridoio sotterraneo per .e88o del 6)ale i d)e pri*ionieri co.)nica(ano.: :D)esto corridoio sar7 stato fatto s en8a d)bbio a scopo di e(asione.: :Certa.ente, .a per dis*ra8ia dei pri*ionieri, +aria f) colpito da )na paralisi, e .or2.: :Capisco c-e ci3 do(ette sospendere il piano di e(asione.: :Per il .orto, s2: rispose de Bo(ille, :.a non per il (i(o... D)esto ;ant1s al contrario tro(3 il .e88o di accelerare la f)*a. "en8a d)bbio pensa(a c-e i .orti del Castello d If fossero seppelliti in )n ordinario ci.itero4 trasport3 il def)nto nella s)a cella, prese posto nel sacco entro c)i era stato c)cito il cada(ere, e aspett3 il .o.ento c-e lo a(rebbero seppellito.: :Era )n espediente risc-ioso e c-e esi*e(a non poco cora**io: riprese l in*lese. :O-, (i -o detto c-e era )n )o.o .olto pericoloso4 fort)nata.ente per3 e*li stesso -a liberato il *o(erno dai ti.ori c-e a(e(a della s)a persona...: :E in 6)al .odo<: :Co.e? 0on lo i..a*inate<: :0o.: :Il Castello d If non -a ci.itero, ed i .orti si *ettano se.plice.ente in .are, dopo a(ere attaccato ai loro piedi )na *rossa pietra.: :Ebbene<: disse l in*lese co.e se a(esse difficolt7 a capire. :Ebbene, *li f) attaccata )na pietra ai piedi, e f) *ettato in .are.: :;a((ero<: *rid3 l in*lese. :"2, si*nore: contin)3 l ispettore. :Capirete 6)ale sar7 stata la costerna8ione del f)**iti(o allorc-5 si sent2 precipitare dall alto del Castello. !(rei (ol)to (ederlo in 6)el .o.ento.: :"arebbe stato difficile.: :0on i.porta: disse de Bo(ille, c-e la certe88a di ri.borso dei s)oi d)ecento.ila franc-i .ette(a di b)on ).ore, :.e lo fi*)ro.: E dette in )no scoppio di risa. :Ed io p)re: disse l in*lese, e si .ise a ridere anc-e l)i, .a co.e fanno *li in*lesi, (ale a dire s)lla p)nta dei denti. :In tal .odo: contin)3, :in tal .odo il f)**iti(o f) anne*ato<: :0el .odo pi@ assol)to.: :;i .aniera c-e il #o(ernatore del Castello f) liberato nello stesso te.p o di )n f)rioso e di )n pa88o<: :Precisa.ente?: :Ma sar7 stato le*ali88ato in 6)alc-e atto 6)esto a((eni.ento<: do.and3 l in*lese. :"2, s2, l atto .ort)ario. Capirete bene, i parenti di 6)esto ;ant1s, se e*li ne -a, potrebbero a(er 6)alc-e interesse per assic)rarsi se 1 (i(o, o .orto.: :;i .odo c-e essi possano essere tran6)illi, se -anno ereditato da l)i. E*li 1 .orto. E .orto da((ero<:

:O-, .io ;io, s2, e ne (err7 rilasciato il certificato o*ni 6)al(olta lo (orranno.: :Cos2 sia...: disse l in*lese. :Ma ritornia.o ai re*istri...: := (ero, 6)esta storia ci a(e(a di(a*ati> sc)sate.: :"c)sare c-e< per la storia< !l contrario, .i 1 se.brata .olto c)riosa.: :E lo 1. Ma (oi non desidera(ate conoscere t)tto ci3 c-e 1 relati(o al (ostro po(ero precettore, c-e era dolcissi.o nella s)a pa88ia<: :Ci3 .i far7 )n (ero piacere.: :Passia.o nel .io )fficio, e (i .ostrer3 le carte.: Ed entra.bi passarono nello st)dio del si*nor de Bo(ille. /)tto era effetti(a.ente nell ordine pi@ perfetto> ciasc)n re*istro era al s)o n).ero, ciasc)na nota nella s)a casella. L ispettore fece sedere l in*lese in )na poltrona, e depose da(anti a l)i il re*istro e le note relati(e al Castello d If dando*li t)tto il co.odo di sfo*liarle, .entre e*li, sed)to in )n an*olo, si .ette(a a le**ere )n *iornale. L in*lese tro(3 final.ente la nota relati(a al s)o istit)tore +aria, .a se.br3 c-e la storia raccontata*li da de Bo(ille a(esse in l)i destato *rande interesse, perc-5, dopo a(er preso conoscen8a di 6)este pri.e carte, contin)3 a sfo*liare fino a c-e ritro(3 6)ella c-e ri*)arda(a Ed.ondo ;ant1s. Ritro(3 o*ni cosa> den)ncia, interro*atorio, peti8ione di Morrel, postille di Villefort. Pie*3 c-eta.ente la den)n8ia e se la pose in tasca, lesse l interro*atorio, e (ide c-e non era stato se*nato il no.e di 0oirtier percorse la do.anda in data del 1E aprile 1&1', nella 6)ale Morrel, dietro il consi*lio del sostit)ito, esa*era(a con eccellente inten8ione Kpoic-5 allora re*na(a 0apoleoneL i ser(i*i c-e ;ant1s a(e(a resi alla ca)sa i.periale, ser(i*i c-e il certificato di Villefort rende(a incontestabili. !llora cap2 t)tto. D)esta do.anda a 0apoleone tratten)ta da Villefort, era di(entata sotto la seconda Resta)ra8ione )n ar.a terribile nelle .ani del Proc)ratore del Re. 0on si st)p2 d)n6)e pi@, sfo*liando il re*istro, di ritro(are in nota al s)o no.e 6)anto se*)e> E;MO0;O ;!0/O". Bonapartista arrabbiato4 -a preso parte atti(a al ritorno dall isola d Elba. ;a tenersi in se*reta, e sotto la pi@ stretta sor(e*lian8a. !l di sotto di 6)este linee sta(a scritto in altro carattere> :Vista la nota 6)i sopra, n)lla a farsi.: "oltanto confrontando il carattere del re*istro con 6)ello del certificato posto ai piedi della do.anda di Morrel, e*li ac6)ist3 la certe88a c-e la nota del re*istro era dello stesso carattere del certificato, cio1 scritta dalla .ano di Villefort. In 6)anto alla nota c-e l acco.pa*na(a, l in*lese cap2 c-e do(e(a essere stata scritta da 6)alc-e ispettore c-e a(e(a preso interesse .o.entaneo alla sit)a8ione di ;ant1s, .a c-e i passi citati a(e(ano .esso nell i.possibilit7 di dar(i corso. Co.e si disse, l ispettore, per discre8ione e per non inco.odare nelle s)e ricerc-e l allie(o di +aria, si era allontanato, e le**e(a :Il bianco (essillo:. ;)n6)e non (ide l in*lese pie*are e .ettersi in tasca la den)n8ia scritta da ;an*lars sotto il per*olato della Riser(a, e c-e porta(a il bollo della posta di Marsi*lia, $& febbraio.

Ma biso*na dirlo, anc-e se lo a(esse (ed)to, a(rebbe annesso poca i.portan8a a 6)esta carta, e troppa ai s)oi d)ecento .ila franc-i, per opporsi a ci3 c-e face(a l in*lese, per 6)anto fosse irre*olare. :#ra8ie?: disse 6)esti, c-i)dendo con r).ore il re*istro. :Fo (isto 6)anto .i abbiso*na(a. Ora sta a .e .antenere la .ia pro.essa> fate.i )na se.plice *irata del (ostro credito4 dic-iarate in essa di a(er rice()to il contante, ed io (i pa*o s)bito 6)esta so..a.: Lasci3 il posto al si*nor de Bo(ille c-e si sedette, e sen8a co.pli.enti si affrett3 a fare la *irata, .entre l in*lese conta(a i bi*lietti di banca all an*olo della ta(ola. Capitolo $I. L! C!"! MORREL. Col)i c-e a(esse lasciato Marsi*lia 6)alc-e anno pri.a, conoscendo l interno della casa di Morrel, e (i fosse rientrato all epoca in c)i sia.o arri(ati, (i a(rebbe notato )n *randissi.o ca.bia.ento. In(ece di 6)ell a)ra di (ita, di a*i e di felicit7, c-e per cos2 dire e.ana da )na casa c-e sia benedetta dalla fort)na4 in(ece di 6)elle alle*re fi*)re c-e si fanno (edere dietro le finestre, di 6)ei co..essi affaccendati c-e attra(ersano i corridoi con )na penna cacciata dietro l orecc-io4 in(ece di 6)el cortile in*o.bro di .erci, ri.bo.bante di *rida e risa dei facc-ini, a(rebbe tro(ato fin dal pri.o s*)ardo, )n non so c-e di triste88a e di .orte in corridoi deserti e in )n ()oto cortile. ;ei tanti i.pie*ati c-e in altri te.pi popola(ano *li scrittoi, appena d)e ne ri.ane(ano4 )no era E.an)ele RaM.ond, *io(ane di (entitr5 anni, inna.orato della fi*lia di Morrel, c-e era ri.asto nel banco, 6)ant)n6)e i s)oi parenti a(essero fatto di t)tto per to*lierlo4 l altro era )n (ecc-io cassiere, c-ia.ato Coclite, sopranno.e c-e *li era stato dato dai *io(ani c-e in altro te.po popola(ano 6)esto al(eare fer(ido e *ioioso, o**i 6)asi disabitato, c-e a(e(a cos2 bene e cos2 perfetta.ente di.enticato il s)o (ero no.e, per c)i, secondo o*ni probabilit7, non si sarebbe nepp)re (oltato, se non lo a(essero c-ia.ato con 6)esto sopranno.e. E*li era ri.asto al ser(i8io di Morrel, e nella sit)a8ione di 6)esto bra(o )o.o si era operato )no strano ca.bia.ento> .entre era salito al *rado di cassiere, era conte.poranea.ente disceso al ran*o di do.estico. Ci3 non *l i.pedi(a di essere lo stesso Coclite, b)ono, pa8iente, affe8ionato .a inflessibile nei conti e in arit.etica, solo ar*o.ento s)l 6)ale a(rebbe resistito contro il .ondo intero, co.preso il si*nor Morrel, non a(endo a c)lt)ra c-e la s)a ta(ola pita*orica nota fin s)lla p)nta delle dita, 6)al)n6)e fosse l errore nel 6)ale a(essero tentato di farlo cadere. In .e88o alla triste88a *enerale c-e a(e(a in(aso la casa Morrel, Coclite era il solo c-e fosse ri.asto i.passibile. Ora, c-e ness)no s in*anni, 6)esta i.passibilit7 non pro(eni(a da .ancan8a di affe8ione, .a al contrario da )na inalterabile con(in8ione. Co.e i topi c-e, si dice, abbandonino a poco a poco )n basti.ento da 6)alc-e te.po condannato dal destino a perire in .are, cos2 t)tta 6)ella folla di co..essi e d i.pie*ati c-e trae(ano la

loro s)ssisten8a dalla casa dell ar.atore, a(e(ano )n poco per (olta resi deserti scrittoi e .a*a88ini. Coclite li a(e(a (isti andarsene, sen8a nepp)re rendersi conto della lo ro parten8a. /)tto, co.e abbia.o detto, si rid)ce(a, per Coclite, a )na 6)estione di cifre, e da (enti anni c-e era in casa di Morrel a(e(a se.pre (ed)to effett)arsi i pa*a.enti a cassa aperta con )na tale re*olarit7 da far*li credere c-e 6)esta non a(rebbe .ai pot)to (ariare ed i pa*a.enti sospendersi, pi@ di 6)anto )n .)*naio c-e possiede )n .)lino .esso in .oto da )n canale abbondante di ac6)a, p)3 credere c-e )n *iorno o l altro 6)esta ac6)a possa (enir .eno. Infatti fin allora, n)lla era ancora sopra**i)nto a .)tare la con(in8ione di Coclite. #li )lti.i *iorni dello scorso .ese erano passati con )na ri*orosa p)nt)alit7. Coclite a(e(a notato )n errore di settanta centesi.i co..esso da Morrel in s)o sfa(ore, e lo stesso *iorno a(e(a riportati i 6)attordici soldi di ecceden8a a Morrel, c-e con )n sorriso .alinconico li a(e(a presi e lasciati cadere in )n cassetto 6)asi ()oto, dicendo> :Coclite, (oi siete la perla dei cassieri.: E Coclite si era ritirato soddisfatto in .odo c-e non si sarebbe pot)to esserlo di pi@, perc-5 )n elo*io di Morrel, di 6)esta perla de*li )o.ini onesti di Marsi*lia, l)sin*a(a Coclite .olto pi@ c-e )na *ratifica8ione di cin6)anta sc)di. Ma dopo la fine di 6)el .ese (ittoriosa.ente s)perato, Morrel a(e(a passato ore cr)deli. Per fare fronte a*li i.pe*ni di 6)el .ese a(e(a ri)nite t)tte le s)e risorse e, te.endo c-e l eco delle s)e ristrette88e si spandesse in Marsi*lia, (edendolo ricorrere a si.ili estre.i, era andato a fare )n (ia**io alla fiera di Bea)caire per (endere 6)alc-e *ioiello c-e appartene(a a s)a fi*lia, nonc-5 )na parte della s)a ar*enteria> con tal sacrificio t)tto era ancora s)perato, ad onore della casa Morrel. Per3 la cassa era ri.asta ()ota. I finan8iatori, allar.ati dalle (oci c-e circola(ano, si erano eclissati, co.e s)ccede in 6)esti casi, per e*ois.o ).ano4 e, per far fronte a cento .ila franc-i da pa*arsi il 1' di 6)el .ese al si*nor de Bo(ille, e altri cento .ila c-e scade(ano il 1' del s)ccessi(o .ese, Morrel non a(e(a in realt7 altra speran8a c-e il ritorno del +araone, di c)i )n basti.ento c-e a(e(a le(ata l 7ncora con esso, e *i7 arri(ato in porto, a(e(a ann)nciato la parten8a. Ma 6)esto battello c-e (eni(a da Calc)tta co.e il +araone, era *i7 arri(ato da 6)indici *iorni, .entre del +araone non si a(e(a alc)na noti8ia. In 6)esto stato di cose, l indo.ani del *iorno in c)i a(e(a concl)so l affare con de Bo(ille, da noi raccontato, l incaricato della casa /-o.son e +renc- di Ro.a si present3 al si*nor Morrel. Lo rice(ette E.an)ele. Il *io(ane c-e si spa(enta(a all entrata di o*ni n)o(a persona perc-5 pote(a ann)nciare )n n)o(o creditore c-e (eni(a a i.port)nare il capo della casa, (olle rispar.iare al padrone la noia di 6)esta (isita> interro*3 il n)o(o arri(ato, il 6)ale dic-iar3 c-e non a(e(a cosa alc)na da dire, .a c-e (ole(a parlare a Morrel in persona. E.an)ele sospirando c-ia.3 Coclite4 e 6)esti co.par(e e rice(ette l ordine di cond)rre lo straniero dal si*nor Morrel. Coclite ca..in3 a(anti e lo straniero lo se*)2. ")lla scala incontrarono )na bella ra*a88a di

diciassette anni c-e *)ard3 lo straniero con in6)iet)dine Coclite non not3 6)esta espressione del (iso di lei, c-e per3 non sf)**2 al forestiero. :Il si*nor Morrel 1 nel s)o )fficio, non 1 (ero, si*norina #i)lia<: do.and3 il cassiere. :"2, al.eno credo di s2...: disse la *io(ane con esita8ione. :#)ardate pri.a, Coclite, e se .io padre c 1, ann)nciate il si*nore.: := in)tile ann)nciar.i, si*norina: rispose l in*lese, :il si*nor Morrel non conosce il .io no.e. D)esto bra(o )o.o -a da dir*li soltanto c-e io sono il pri.o co..esso della casa /-o.son e +renc- di Ro.a, colla 6)ale la casa di (ostro padre 1 in rela8ione.: La ra*a88a i.pallid2 e contin)3 a scendere, .entre Coclite e lo straniero riprende(ano a salire. Lei entr3 nella stan8a do(e era lo scrittoio d E.an)ele, Coclite in(ece apr2 )na porta del secondo piano, introd)sse lo straniero in )n antica.era, apr2 )na seconda porta c-e ric-i)se dietro a s5, e dopo a(er lasciato solo per )n .o.ento l in(iato di /-o.son e +renc-, rico.par(e, facendo*li se*no c-e pote(a entrare. L in*lese entrando tro(3 il si*nor Morrel dietro il s)o scrittoio, preocc)pato delle colonne spa(entose dei re*istri s) c)i sta(a scritto il s)o passi(o. Vedendo lo straniero, Morrel c-i)se i re*istri, si al83, offr2 )na sedia, e 6)ando lo (ide a s)o a*io, e*li p)re sedette. D)attordici anni a(e(ano ca.biato assai la fisono.ia del ne*o8iante, il 6)ale, di trentasei anni al principio di 6)esta storia, sta(a per co.piere i cin6)anta. I capelli erano incan)titi, la fronte era solcata da d)e profonde r)*-e, e lo s*)ardo, in altri te.pi cos2 fer.o e sic)ro, era di(entato (a*o ed irresol)to, e se.bra(a do(esse se.pre te.ere di fissarsi sopra )n )o.o o sopra )na idea. L in*lese lo *)ard3 con )n senti.ento di c)riosit7 .isto ad interesse. :"i*nore: disse Morrel, a c)i 6)esto esa.e se.bra(a raddoppiare il .alessere, :desidera(ate parlar.i<: :"2, si*nore... "apete da 6)ale parte (en*o, non 1 (ero<: :! 6)anto .i -a detto il cassiere, da parte della casa /-o.son e +renc-.: :Vi -a detto la (erit7. La casa /-o.son e +renc- -a treC 6)attrocento .ila franc-i da pa*are in +rancia, parte nel .ese corrente e parte nel prossi.o, e conoscendo la (ostra ri*orosa esatte88a -a ri)nito t)tte le ca.biali c-e -a pot)to tro(are con la (ostra fir.a, e .i -a incaricato, a seconda c-e 6)este scadono, di ritirare i fondi da (oi e d i.pie*arli.: Morrel .and3 )n profondo sospiro, e si pass3 la .ano s)lla fronte coperta di s)dore. :Voi d)n6)e, si*nore: do.and3 Morrel, :a(ete delle ca.biali fir.ate da .e<: :"2 si*nore, e per )na so..a abbastan8a considere(ole.: :Per 6)ale so..a<: do.and3 Morrel, con (oce c-e in(ano cerca(a di render sic)ra. :Ecco 6)i: disse l in*lese, le(andosi di tasca )n plico> :per pri.a cosa d)e *irate di d)ecento .ila franc-i del si*nor de Bo(ille, l ispettore delle pri*ioni. Con(enite di do(er*li 6)ella so..a<: :"2, si*nore, 1 )n in(esti.ento c-e e*li -a fatto nel .io banco al 6)attro e .e88o per cento, saranno presto cin6)e anni.: :E c-e (oi do(ete ri.borsare<...: :Met7 al 1' di 6)esto .ese, l altra .et7 al 1' del prossi.o (ent)ro.: :Bene, ora ecco trentad)e.ila e cin6)ecento franc-i per la fine del corrente> 6)este sono ca.biali fir.ate da (oi

e passate al nostro ordine da ter8i *iratari.: :Le riconosco...: disse Morrel, al 6)ale sali(a al (iso il rossore della (er*o*na, pensando c-e per la pri.a (olta in (ita s)a non a(rebbe pot)to far onore alla s)a fir.a. :"ta t)tto 6)i<...: :0o, si*nore, io -o ancora per la fine del .ese (ent)ro 6)este altre ca.biali c-e sono passate dalla casa Pascal alla casa Nild e /)rner di Marsi*lia, cin6)antacin6)e .ila franc-i circa. In t)tto sono d)ecento ottantasette .ila cin6)ecento franc-i.: Ci3 c-e soffri(a lo sfort)nato Morrel in 6)esta en).era8ione, 1 i.possibile poterlo descri(ere. :;)ecento ottantasette .ila cin6)ecento franc-i?: ripet5 .acc-inal.ente. :"2: disse l in*lese, e contin)3 dopo )n .o.ento di silen8io> :0on (i nasconder3, si*nor Morrel, c-e .entre t)tti fanno *li elo*i della (ostra probit7 sen8a .acc-ia fino al presente, corre )na sorda (oce per Marsi*lia, c-e (oi non siate in *rado di far fronte ai (ostri affari:. ! 6)esta introd)8ione, 6)asi br)tale, Morrel i.pallid2 spa(ente(ol.ente. :"i*nore: disse, :fino a 6)esto .o.ento, e sono pi@ di (enti6)attro anni c-e -o rice()to la casa da .io padre, c-e a s)a (olta l a(e(a diretta per trenta6)attro anni, fino a 6)esto .o.ento )na ca.biale fir.ata da Morrel e +i*li, non f) presentata alla cassa sen8a essere pa*ata.: :"2, lo so: rispose l in*lese, :.a, da )o.o d onore, parlate franca.ente> pa*-erete tal so..a con la stessa esatte88a<: Morrel rabbri(id2, e *)ard3 col)i c-e *li parla(a in tal .odo con )na .a**ior atten8ione di 6)ello c-e non a(e(a ancor fatto. :! )na do.anda fatta con tanta franc-e88a: disse, :biso*na dare )na risposta )*)al.ente franca. "2, si*nore, io pa*-er3, se, co.e spero il .io basti.ento *i)n*e a b)on porto, poic-5 il s)o arri(o .i render7 6)el credito c-e .i f) tolto da*li incidenti s)ccessi(i di c)i sono stato (itti.a. Ma se per dis*ra8ia il +araone, )lti.a risorsa s)lla 6)ale io conto, .i .ancasse...: Le lacri.e s*or*arono da*li occ-i del po(ero ar.atore. :Ebbene<: do.and3 l interloc)tore. :"e 6)esta )lti.a risorsa (i .ancasse<: :Ebbene, se 6)esta )lti.a risorsa .i .ancasse: contin)3 Morrel, :6)ant)n6)e sia cosa cr)dele a dire... .a abit)ato or.ai alla s(ent)ra biso*na c-e .i abit)i all onta... Ebbene, allora credo c-e sarei obbli*ato a sospendere i pa*a.enti.: :E non a(ete a.ici c-e possano ai)tar(i in si.ile con*i)nt)ra<: Morrel sorrise triste.ente. :In co..ercio, si*nore, non si -anno c-e corrispondenti.: :O (ero...: .or.or3 l in*lese. :Per tal .odo non a(ete pi@ c-e )na sola speran8a<: :Una sola, ed )lti.a...: :E se 6)esta fallisce...: :"ono perd)to, si*nore, intera.ente perd)to?: :D)ando sono (en)to da (oi, )n basti.ento entra(a nel porto.: :Lo so, si*nore. Un *io(ane c-e 1 ri.asto fedele alla .ia catti(a fort)na passa )na parte del s)o te.po s) )na

terra88a della .ia casa, nella speran8a di (enire per pri.o ad ann)n8iar.i )na b)ona noti8ia. ;a l)i -o sap)to l entrata in porto di 6)esto basti.ento.: :E non 1 il (ostro<: :0o, 1 )n na(i*lio bordolese, la #ironda4 (iene dalle Indie, .a non 1 6)ello c-e aspetto.: :+orse a(r7 noti8ie del +araone.: := necessario c-e (e lo dica< Io te.o tanto di c-iedere noti8ie del .io basti.ento, 6)anto di restare nell incerte88a, la 6)ale 1 p)re )na speran8a.: D)indi Morrel a**i)nse con (oce co..ossa> :D)esto ritardo non 1 nat)rale> il +araone 1 partito da Calc)tta il ' febbraio, e do(rebbe essere in porto *i7 da )n .ese.: :Ma c-e 1 6)esto<: disse l in*lese tendendo l orecc-io. :C-e ()ol dire 6)esto r).ore<: :O-, .io ;io, .io ;io?: *rid3 Morrel i.pallidendo. :C-e (i 1 ancora di n)o(o<: Infatti si fece sentire s)lle scale )n *ran r).ore, )n andare e (enire, e s intese perfino )n *rido di dolore. Morrel si al83 per andare ad aprire la porta, .a le for8e *li (ennero .eno e ricadde s)lla sedia. I d)e )o.ini ri.asero in faccia l )n dell altro. Morrel era scosso da tre.iti4 lo straniero lo *)arda(a con )n espressione di profonda piet7. Il r).ore era cessato, ci3 nonostante si sarebbe detto c-e Morrel aspettasse 6)alc-e cosa4 6)esto r).ore a(e(a do()to a(ere )na ca)sa, e do(e(a a(ere )na concl)sione. "e.br3 allo straniero c-e 6)alc)no salisse pian piano la scala, e .olte persone si fossero fer.ate s)l pianerottolo. Una c-ia(e (enne introdotta nella serrat)ra della pri.a porta, e 6)esta ci*ol3 s)i cardini. :0on (i sono c-e d)e persone c-e -anno la c-ia(e di 6)esta porta: .or.or3 Morrel> :Coclite e #i)lia.: 0ello stesso istante la porta si apr2, e co.par(e la ra*a88a, pallida e colle *)ance ba*nate di lacri.e. Morrel si al83 t)tto tre.ante, e si appo**i3 ai braccioli del se**iolone, perc-5 non a(rebbe a()to la for8a di tenersi in piedi. La s)a (oce (ole(a interro*are, .a non a(e(a pi@ (oce. :O-, padre .io: disse la *io(ane *i)n*endo le .ani, :perdonate.i di essere .essa**era di )na triste noti8ia.: Morrel si ricopr2 di )n pallore .ortale4 #i)lia (enne a *ettarsi fra le s)e braccia. :O-, padre .io: disse, :cora**io?: :E cos2 il +araone 1 perd)to<: do.and3 Morrel con (oce soffocata. La ra*a88a non rispose, .a fece )n se*no affer.ati(o con la testa appo**iata al petto del padre. :E l e6)ipa**io<: do.and3 Morrel. :"al(ato: disse la ra*a88a, :sal(ato da 6)ello della #ironda entrata or ora nel porto.: Morrel al83 le .ani al cielo con )n espressione di s)bli.e rasse*na8ione e riconoscen8a. :#ra8ie, *ra8ie, .io ;io?: disse Morrel. :!l.eno non colpite c-e .e solo.: Per 6)anto fle..atico fosse l in*lese, )na lacri.a *li ba*n3 le palpebre. :Entrate: disse Morrel, :entrate, perc-5 s)ppon*o c-e sarete t)tti alla porta.: Infatti, a(e(a appena pron)nciate 6)este parole, c-e la si*nora Morrel entr3 sin*-io88ando. E.an)ele la se*)i(a4 nel fondo dell antica.era si (ede(ano le ro88e fi*)re di sette o otto .arinai se.in)di. !lla (ista di 6)e*li )o.ini l in*lese rabbri(id2, fece )n passo per andare loro incontro, .a si contenne, ed in(ece si nascose nell an*olo pi@ osc)ro ed appartato dell )fficio. La si*nora Morrel and3 a sedersi presso il .arito, prese fra le s)e le .ani di l)i, .entre #i)lia resta(a in

piedi appo**iata al petto del padre. E.an)ele era ri.asto a .et7 della stan8a e se.bra(a il le*a.e fra il *r)ppo della fa.i*lia Morrel, e i .arinai c-e sta(ano fer.i s)lla porta. :Co.e a((enne 6)esto infort)nio<: do.and3 Morrel. :!((icinate(i Penelon: disse il *io(ane, :e raccontate il caso.: Un (ecc-io .arinaio, abbron8ato dal sole dell e6)atore, si a(an83 ra((ol*endo fra le .ani *li a(an8i di )n cappello. :B)on *iorno, si*nor Morrel: disse, co.e se a(esse lasciato Marsi*lia il *iorno precedente o *i)n*esse da /olone, o da !iJ. :B)on *iorno, a.ico .io: disse l ar.atore, non potendo fare a .eno di sorridere in .e88o alle lacri.e. :Ma do( 1 il capitano<: :Il capitano 1 ri.asto .alato a Pal.a4 .a a ;io piacendo, 1 cosa da n)lla, e (oi lo (edrete *i)n*ere fra 6)alc-e *iorno, tanto bene in sal)te 6)anto (oi e .e.: :"ta bene... ora parlate, Penelon: disse Morrel. Penelon fece passare da )na parte all altra della bocca il tabacco c-e .astica(a, 6)indi ponendo la .ano da(anti, lanci3 nell antica.era )n *etto di sali(a nerastra, a(an83 il piede e si e6)ilibr3 s)lle anc-e narrando 6)anto appresso> :0oi era(a.o circa, 6)alc-e cosa pi@ o .eno, fra il capo Bianco e il capo BoMador ca..inando con )na b)ona bre88a di s)dCo(est, dopo essere stati sen8a .)o(erci otto *iorni per la bonaccia, 6)ando il capitano #a).ard .i si a((icina> biso*na c-e sappiate c-e allora io ero al ti.one, e .i dice> :Pap7 Penelon, c-e pensate di 6)elle n)bi c-e si le(ano la**i@ all ori88onte.: Le *)arda(o proprio in 6)el .o.ento. :C-e ne penso io, capitano< Penso c-e (en*ano s) )n po pi@ presto di 6)ello c-e (orre..o, e c-e sono pi@ nere di 6)ello c-e si con(en*a a n)(ole c-e non abbiano catti(e inten8ioni.: :D)esto 1 p)re il .io parere: disse il capitano, :e (ado s)bito a prendere le necessarie ca)tele. !bbia.o le (ele troppo spie*ate per il (ento c-e far7... Ol7, e-? Preparate(i a serrare le (ele, ed a .andare sotto 6)ella di trinc-etto...: Era te.po4 f) appena ese*)ito l ordine, c-e il (ento inf)ria(a s) noi e il basti.ento da(a di banda. :Bene?: disse il capitano. :!bbia.o ancora troppa tela> acco.oda e serra la *ran (ela.: Cin6)e .in)ti dopo, la *ran (ela era c-i)sa, e noi ca..ina(a.o colla .e88ana, colla (ela di *abbia e i parrocc-etti. :Ebbene? Pap7 Penelon?: disse il capitano. :C-e a(ete< sc)otete la testa<: := perc-5, al (ostro posto, (edete, non resterei in )n cos2 br)tto i.piccio.: :Credo c-e t) abbia ra*ione, (ecc-io: disse, :noi a(re.o fra poco )n colpo di (ento...: :!-, capitano: *li rispondo io, :c-i (olesse riscattare con )n colpo di (ento ci3 c-e si prepara la**i@, *)ada*nerebbe assai4 6)esta 1 )na b)ona e bella te.pesta do(e io non .i (orrei tro(are...: Vale a dire c-e si (ede(a (enire il (ento co.e si (ede la pol(ere a Montredon> fort)nata.ente a(e(a.o a c-e fare con )n )o.o c-e lo conosce(a. :!ttenti a prendere tre ter8ar)oli nelle *abbie?: *rid3. :!llar*a le boline, braccio al (ento, *i@ i pennoni?: :Ci3 non era abbastan8a in 6)ei para**i: interr)ppe l in*lese, :io a(rei preso 6)attro ter8ar)oli, e .i sarei spacciato della .e88ana.: D)esta (oce fer.a, sonora ed inattesa fece sc)otere t)tti.

Penelon .ise la .ano s)*li occ-i e *)ard3 col)i c-e corre**e(a con tanta a((ed)te88a la .ano(ra del s)o capitano. :0oi face..o ancor .e*lio, si*nore: disse il (ecc-io con )n certo rispetto, :perc-5 carica..o a or8a la bri*antina, e .ette..o le barre al (ento per correre a(anti alla te.pesta. ;ieci .in)ti dopo carica..o le *abbie e ce ne anda..o sen8a (ele.: L in*lese scosse la testa> :Il basti.ento era troppo (ecc-io per arrisc-iar 6)esto: disse. := (ero? 1 detto *i)sta.ente? D)esto f) 6)ello c-e ci perdette... In capo a dodici ore era(a.o trabal8ati co.e se il dia(olo a(esse preso l ar.i, e si aperse )na falla d ac6)a. :Penelon: .i disse il capitano, :credo c-e colia.o a fondo4 da..i la barra del ti.one, e discendi nella sti(a.: #li do la barra, e scendo4 (i erano *i7 tre piedi di ac6)a. Risal*o *ridando> :!lle po.pe? alle po.pe?: Ebbene s2? Era troppo tardi. /)tti ci .ette..o all opera e io credo c-e 6)anta pi@ ac6)a ca(a(a.o pi@ ne entra(a. :!-, in fede .ia: dissi, dopo 6)attro ore di la(oro, :*iacc-5 affondia.o, lascia.oci affondare4 non si .)ore c-e )na (olta.: := cos2 c-e dai l ese.pio, Penelon<: disse il capitano. :Ebbene aspetta, aspetta?: e and3 in cabina a prendere )n paio di pistole. :Il pri.o c-e lascia la po.pa: disse, :*li br)cio le cer(ella?: :Bra(o?: disse l in*lese. :0on c 1 n)lla c-e infonda tanto cora**io 6)anto le b)one ra*ioni: contin)3 il .arinaio, :tanto pi@ c-e il te.po si era risc-iarato, e il (ento co.incia(a a indebolire. 0on 1 .eno (ero c-e l ac6)a sali(a se.pre4 non .olto .a circa d)e pollici l ora, (edete, se.bra c-e non sia niente, .a in dodici ore non sono .en di (enti6)attro pollici, c-e fan d)e piedi4 e tre c-e ne a(e(a.o *i7, fanno cin6)e4 ci3 ()ol dire c-e 6)ando )n basti.ento -a cin6)e piedi d ac6)a nel (entre, p)3 *i7 passare per idropico. :!ndia.o: disse il capitano, :basta cos2, ed il si*nor Morrel non a(r7 n)lla a ri.pro(erarci> abbia.o fatto t)tto ci3 c-e si 1 pot)to fare per sal(are il basti.ento4 biso*na ora cercare di sal(are *li )o.ini. !lla scial)ppa, *io(anotti, e pi@ presto c-e si p)3? !scoltate si*nor Morrel: contin)3 Penelon, :noi a.a(a.o .olto il +araone4 .a per *rande c-e sia l a.ore c-e i .arinai portano al loro basti.ento, essi per3 a.ano se.pre di pi@ la loro pelle. Cos2 non ce lo face..o ripetere d)e (olte, .entre il basti.ento aprendosi se.bra(a dirci> :!ndate(ene d)n6)e? .a andate(ene d)n6)e?: E non .enti(a il po(ero +araone4 noi lo senti(a.o abbassarsi sotto i nostri piedi. /anto f)> con )n *iro di .ano la scial)ppa era in .are, e in )n batter d occ-io *li otto .arinai erano dentro. Il capitano f) l )lti.o a scendere... o pi)ttosto no, non scese, non (ole(a abbandonare il battello, f)i io c-e lo presi abbracciando*li il corpo e lo *ettai ai co.pa*ni dopo di c-e saltai io p)re. Ed era te.po. !ppena ebbi fatto il salto, il ponte si spacc3 con )n r).ore tale, c-e si sarebbe detta )na bordata di (ascello da 6)arantotto. ;ieci .in)ti dopo affond3 in a(anti, poi indietro, 6)indi si .ise a *irare s) se stesso, co.e )n cane c-e corre dietro la propria coda,

e infine, b)ona sera alla co.pa*nia, brrrr)? t)tto finito, il +araone non c era pi@? In 6)anto a noi, sia.o stati tre *iorni sen8a bere e sen8a .an*iare, ed era tale la nostra fa.e c-e *i7 si co.incia(a a parlare di fare a sorte per sapere c-i sacrificare, co.e cannibali, 6)ando scopri..o la #ironda, le face..o dei se*nali... Ci (ide, (olse la pr)a (erso di noi ci sped2 la s)a scial)ppa e ci raccolse. Ecco co.e 1 andata, si*nor Morrel parola d onore? s)lla fede di .arinaio? 0on 1 (ero, co.pa*ni<: Un .or.orio *enerale indic3 c-e il narratore a(e(a a()to l appro(a8ione di t)tti per la (erit7 del racconto ed il pittoresco dei particolari. :Bene, a.ici .iei: disse Morrel, :siete della bra(a *ente4 *i7 sape(o c-e nella dis*ra8ia c-e .i sarebbe toccata, ness)no a(rebbe a()to colpa f)orc-5 il destino> 6)esta 1 la (olont7 di ;io, e non colpa de*li )o.ini. C-inia.oci alla (olont7 di ;io. Ora dite.i 6)anto (i debbo per il (ostro soldo<: :O-, ba-, non parlia.o di 6)esto, si*nor Morrel...: :!l contrario, parlia.one: disse l ar.atore con )n triste sorriso. :Ebbene, dobbia.o a(ere tre .esi di soldo: disse Penelon. :Coclite, pa*ate d)ecento franc-i a ciasc)no di 6)esti bra(i )o.ini. In altri te.pi, a.ici .iei, a(rei detto> date cento franc-i a ciasc)no di *ratifica8ione, .a i te.pi sono dis*ra8iati, cari a.ici, e il poco denaro c-e .i resta non 1 pi@ .io4 sc)sate.i d)n6)e, e non per 6)esto cessate dall a.ar.i.: Penelon fece )n *estaccio di tenere88a, si (olse ai co.pa*ni, sca.bi3 con loro 6)alc-e parola e replic3> :Per 6)ello c-e ri*)arda ci3, si*nor Morrel: disse .asticando tabacco, e lanciando nell antica.era )n secondo *etto di sali(a c-e and3 a tener co.pa*nia al pri.o, :per 6)ello c-e ri*)arda ci3...: :Ci3, cosa<: :Il denaro...: :Ebbene<: :Ebbene, si*nor Morrel, i co.pa*ni dicono c-e per il .o.ento sono s)fficienti cin6)anta franc-i per ciasc)no, e c-e per il resto aspetteranno.: :#ra8ie, a.ici .iei, *ra8ie?: *rid3 il si*nor Morrel co..osso fino al c)ore. :"iete t)tti bra(a *ente, .a prendete? prendete? e se tro(ate )n b)on ser(i8io, entrateci p)re.: D)esta )lti.a parte della frase prod)sse )n effetto prodi*ioso s) 6)ei de*ni .arinai, si *)ardarono *li )ni e *li altri con la faccia s.arrita. Penelon, a c)i .anca(a il fiato, poco .anc3 non in*-iottisse la boccata di tabacco. :Co.e, si*nor Morrel: disse con (oce soffocata, :co.e, (oi ci licen8iate, siete d)n6)e .alcontento di noi<: :0o fi*li .iei: disse l ar.atore, :no, non sono .alcontento di (oi, t)tto al contrario, no, io non (i licen8io. Ma c-e (olete farci, non -o pi@ biso*no di .arinai.: :Co.e, non a(ete pi@ basti.enti<: disse Penelon. :Ebbene ne farete costr)ire de*li altri? !spettere.o. #ra8ie a ;io noi sappia.o ci3 c-e ()ol dire...: :Io non -o pi@ denari per far costr)ire basti.enti: disse l ar.atore con triste sorriso. :D)indi non posso accettare la (ostra offerta, per 6)anto sia cortese.: :Ebbene, se non a(ete pi@ denari, allora non do(ete pa*arci4 fare.o co.e -a fatto il po(ero +araone, correre.o in secco, ecco t)tto.:

:Basta, basta, a.ici .iei: disse Morrel soffocato dall e.o8ione, :basta, (e ne pre*o, ci ri(edre.o in te.pi .i*liori. E.an)ele, acco.pa*nateli e (i*ilate affinc-5 siano co.pi)ti i .iei desideri.: :!l.eno a ri(ederci non 1 (ero, si*nor Morrel<: disse Penelon. :"2, a.ici .iei, al.eno lo spero. !ndate.: E fece se*no a Coclite c-e ca..in3 a(anti, e i .arinai se*)irono il cassiere. E.an)ele tenne loro dietro. :Ora: disse l ar.atore a s)a .o*lie ed a s)a fi*lia, :lasciate.i solo )n .o.ento, poic-5 debbo parlare con 6)esto si*nore.: E indic3 con *li occ-i il .andatario della casa /-o.son e +renc- c-e era ri.asto in piedi ed i..obile in )n an*olo d)rante t)tta 6)esta scena, alla 6)ale e*li non a(e(a presa altra parte c-e 6)ella delle poc-e parole c-e abbia.o riportate. Le d)e donne al8arono *li occ-i s)llo straniero co.pleta.ente di.enticato, e si ritirarono4 .a nel ritirarsi la *io(ane lanci3 a 6)est )o.o )no s*)ardo di s)bli.e pre*-iera c)i e*li corrispose con )n sorriso, c-e )n freddo osser(atore si sarebbe st)pito di (edere sp)ntare s) 6)el (iso di *-iaccio. I d)e )o.ini ri.asero soli. :Ebbene, si*nore: disse Morrel lasciandosi ricadere s)l s)o se**io, :a(ete t)tto (ed)to ed inteso, non -o pi@ altro da a**i)n*ere.: :Fo (isto: disse l in*lese, :c-e (i 1 sopra**i)nta )na n)o(a dis*ra8ia, i..eritata co.e le altre, e ci3 .i -a confer.ato nel desiderio di esser(i )tile.: :O- si*nore?: disse Morrel. :Vedia.o: contin)3 lo straniero, :sono )no dei (ostri principali creditori, non 1 (ero<: :"iete al.eno 6)ello c-e possiede le ca.biali a pi@ corta scaden8a.: :;esiderate )na dila8ione per pa*ar.i<: :Una dila8ione potrebbe sal(ar.i l onore: disse Morrel, :e per conse*)en8a la (ita.: :D)anto te.po desiderate<: Morrel esit3. :;)e .esi: disse. :Bene: fece lo straniero, :(e ne dar3 tre...: :Ma, credete c-e la casa /-o.son e +renc-<...: :"tate tran6)illo, prendo t)tto sopra di .e. O**i sia.o al ' *i)*no<: :"2.: :Ebbene rinno(ate.i t)tti 6)esti bi*lietti e al ' sette.bre alle )ndici del .attino .i presenter3 a (oi.: L orolo*io in 6)el .o.ento se*na(a app)nto le 11 precise. :Vi aspetter3, si*nore, e sarete pa*ato, o io sar3 .orto.: D)este )lti.e parole f)rono pron)nciate a s2 bassa (oce c-e lo straniero non pot5 intenderle. Le ca.biali f)rono rinno(ate4 (ennero stracciate le antic-e ed il po(ero ar.atore si tro(3 al.eno ad a(ere tre .esi per poter ri)nire le s)e )lti.e risorse. L in*lese rice(ette i s)oi rin*ra8ia.enti colla fle..a particolare alla s)a *ente, e prese con*edo da Morrel, c-e lo ricond)sse benedicendolo fino alla porta. ")lle scale incontr3 #i)lia> la ra*a88a se.bra(a discendere, .a in realt7 lo aspetta(a. :O-, si*nore?: disse *i)n*endo le .ani. :"i*norina: disse lo straniero, :(oi )n *iorno rice(erete )na lettera fir.ata... "indbad il .arinaio. +ate app)ntino ci3 c-e (i d ir7 la lettera per 6)anto strana (i possa se.brare la racco.anda8ione.: :"2, si*nore: rispose

#i)lia. :Mi pro.ettete di farlo<: :Ve lo *i)ro.: :Basta cos2> addio si*norina, siate se.pre b)ona e sa(ia co.e siete ed -o fid)cia c-e Iddio (i rico.penser7, dando(i per .arito E.an)ele.: #i)lia .and3 )n piccolo *rido, di(enne rossa co.e )na cilie*ia, e si tenne al cordone delle scale per non cadere. Lo straniero contin)3 il ca..ino, facendole )n *esto di addio. 0el cortile incontr3 Penelon c-e tene(a )n rotolo di cento franc-i in ciasc)na .ano, e c-e se.bra(a non potersi risol(ere a portarli (ia. :Venite, a.ico .io: *li disse, :-o biso*no di parlar(i.: Capitolo AE. IL ' "E//EMBRE. D)esta dila8ione accordata dal .andatario della casa /-o.son e +renc- al .o.ento in c)i Morrel .eno se lo aspetta(a, par(e al po(ero ar.atore )no di 6)ei ritorni di benessere c-e ann)n8iano all )o.o la sorte essersi alfine stancata di perse*)itarlo. Lo stesso *iorno raccont3 a s)a fi*lia e ad E.an)ele ci3 c-e *li era accad)to4 e )n poco di speran8a, se non di tran6)illit7, rientr3 nella fa.i*lia. ;is*ra8iata.ente per3 Morrel non a(e(a affari soltanto con la casa /-o.son e +renc- c-e si era .ostrata tanto facile ad )n acco.oda.ento4 co. e*li a(e(a detto, nel co..ercio si -anno corrispondenti, e non a.ici. !llorc-5 (i pensa(a profonda.ente, non co.prende(a nepp)re la condotta *enerosa della casa /-o.son e +renc- (erso di l)i, e non la spie*a(a c-e con 6)esta riflessione s)perlati(a.ente e*oista, c-e 6)esta Casa do(e(a a(er detto> (al .e*lio sostenere 6)est )o.o c-e ci de(e 6)asi trecento.ila franc-i, e a(ere 6)esta so..a in capo a tre .esi, c-e sollecitarne la ro(ina, e a(ere il sei o l otto per cento del capitale. ;is*ra8iata.ente, fosse odio, fosse acceca.ento, t)tti i corrispondenti di Morrel non fecero la stessa riflessione. Le ca.biali sottoscritte da Morrel f)rono presentate alla cassa con )no scr)poloso ri*ore, e *ra8ie alla dila8ione accordata dall in*lese f)rono pa*ate pronta cassa da Coclite, c-e contin)3 a ri.anere tran6)illo. Il solo Morrel (ide con terrore, c-e se a(esse do()to ri.borsare al 1' i cento.ila franc-i di de Bo(ille, e al AE i trentad)e.ilacin6)ecento franc-i di ca.biali, per le 6)ali, co.e per 6)elle dell ispettore delle pri*ioni, a(e(a otten)ta )na dila8ione, sarebbe s tato fin da 6)el .ese )n )o.o perd)to. L opinione di t)tti i ne*o8ianti di Marsi*lia era c-e Morrel non a(rebbe pot)to sostenere t)tti i ro(esci s)ccessi(i c-e l oppri.e(ano. +) d)n6)e *rande la .era(i*lia 6)ando lo si (ide co.piere i pa*a.enti di fine .ese coll ordinaria esatte88a. Ma non per 6)esto ritorn3 la fid)cia ne*li ani.i, e in .olti predissero c-e alla fine del .ese se*)ente sarebbe stato depositato il bilancio del dis*ra8iato ar.atore. /)tto il .ese pass3 in sfor8i ina)diti da parte di Morrel per ri)nire t)tte le s)e risorse. In altri te.pi le s)e cedole, a 6)al)n6)e data, erano prese con fid)cia, ed an8i ric-ieste da t)tti. Morrel tent3 di ne*o8iare delle cedole colla scaden8a di no(anta *iorni, e tro(3 t)tti i banc-i c-i)si. +ort)nata.ente, a(e(a 6)alc-e incasso s)l 6)ale contare, e 6)esto f) fatto> cos2 si tro(3 ancora in condi8ione

di far fronte ai s)oi obbli*-i 6)ando *i)nse la fine di l)*lio. ; altra parte, il .andatario della casa /-o.son e +renc- non era pi@ stato (isto a Marsi*lia. L indo.ani della s)a (isita a Morrel era sparito> sicco.e in Marsi*lia non a(e(a a()to a trattare c-e col sindaco, coll ispettore delle pri*ioni, e con Morrel, cos2 il s)o passa**io non a(e(a lasciata altra traccia c-e i ricordi di(ersi c-e ne conser(a(ano 6)este tre persone. In 6)anto ai .arinai del +araone se.bra(a c-e a(essero ritro(ato da i.pie*arsi, poic-5 essi p)re erano spariti. Il capitano #a).ard ri.essosi dalla .alattia c-e lo a(e(a tratten)to a Pal.a ritorn3 e*li p)re> esit3 a presentarsi al si*nor Morrel4 .a 6)esti sap)to il s)o arri(o, and3 in persona a tro(arlo. Il de*no ar.atore sape(a *i7 dal racconto di Penelon della cora**iosa condotta ten)ta dal capitano d)rante t)tto il na)fra*io, e si sfor83 di consolarlo. #li port3 l a..ontare del s)o soldo, c-e il capitano #a).ard non a(rebbe certa.ente osato andare a risc)otere. D)ando Morrel discese la scala incontr3 Penelon c-e sali(a> a(e(a, a 6)anto se.bra(a, fatto )n b)on )so del denaro, poic-5 era (estito t)tto di n)o(o. Riconoscendo il s)o ar.atore, il de*no ti.oniere par(e .olto i.pacciato4 si ritir3 nell an*olo pi@ lontano del pianerottolo, .asticando il tabacco e *irando d)e *rossi occ-i spa(entati, non rispose c-e con )na ti.ida pressione alla stretta di .ano c-e *li offerse Morrel colla s)a ordinaria cordialit7. Morrel attrib)2 l i.paccio di Penelon all ele*an8a del (estito> era e(idente c-e non era entrato di tasca propria in tanto l)sso4 e c-iara.ente do(e(a essere *i7 i.pie*ato a bordo di 6)alc-e altro basti.ento, e la (er*o*na *li (eni(a dal non a(ere, se 1 lecito espri.ersi cos2, portato per )n te.po .a**iore il l)tto del +araone. +orse si reca(a dal capitano #a).ard per .etterlo a parte della s)a fort)na, e per far*li delle offerte da parte del n)o(o padrone. :Bra(a *ente?: disse Morrel allontanandosi. :Possa il (ostro n)o(o padrone a.ar(i co.e (i a.a(o io, ed essere pi@ felici di .e?...: Pass3 il .ese di a*osto in tentati(i, sen8a posa rinno(ati da Morrel, per rial8are il s)o credito, o per aprirsene )no n)o(o. Il $E a*osto si seppe a Marsi*lia c-e Morrel a(e(a prenotato )n posto nella Vali*ia postale4 allora t)tti opinarono c-e alla fine del .ese si sarebbe depositato il bilancio, e c-e Morrel era partito pri.a per non assistere a 6)est atto cr)dele, dele*ando sen8a d)bbio il s)o pri.o co..esso E.an)ele, e il cassiere Coclite. Ma contro o*ni pre(isione allorc-5 *i)nse il A1 a*osto, la cassa si apr2 secondo il solito. Coclite appar(e dietro l inferriata, tran6)illo co.e il *i)sto di Ora8io, esa.in3 colla stessa atten8ione le cedole c-e *li (ennero presentate, e pa*3 le tratte dalla pri.a all )lti.a colla stessa esatte88a. Vennero anc-e presentati d)e ri.borsi pre(isti da Morrel, e Coclite li pa*3 con la p)nt)alit7 propria dell ar.atore. 0ess)no ne capi(a niente, ed i profeti di catti(e noti8ie, con )na particolare ostina8ione, rin(ia(ano il falli.ento alla fine di sette.bre.

#i)nse il pri.o del .ese. Morrel era atteso da t)tta la fa.i*lia colla pi@ *rande ansiet7, .entre conta(ano s)ll esito del s)o (ia**io a Pari*i co.e s)ll )lti.a (ia di sal)te. Morrel a(e(a pensato a ;an*lars, di(en)to .ilionario, ed )n *iorno s)o sottoposto, perc-5 era stata la racco.anda8ione di Morrel a far entrare ;an*lars al ser(i8io del banc-iere spa*nolo, presso il 6)ale a(e(a co.inciata la s)a i..ensa fort)na. "i dice(a c-e ;an*lars era possessore di seiCotto .ilioni, e c-e *ode(a di )n credito illi.itato. ;an*lars sen8a le(arsi )no sc)do di tasca pote(a sal(are Morrel> non a(e(a c-e *arantire )n prestito, e Morrel era sal(o. Morrel da l)n*o te.po a(e(a pensato a ;an*lars4 .a (i sono alc)ne istinti(e rep)lsioni c-e non sappia.o s)perare. !(e(a aspettato fino a c-e *li era stato possibile, pri.a di ricorrere a 6)est )lti.o .e88o. E ne a(e(a a()ta ra*ione, poic-5 ritorna(a oppresso dall ).ilia8ione e dal rifi)to. !l ritorno non .anifest3 alc)n la.ento, non profer2 alc)na recri.ina8ione4 a(e(a stesa la .ano a.ic-e(ol.ente ad E.an)ele, si era c-i)so nel s)o )fficio del secondo piano, ed a(e(a c-iesto di Coclite. Le d)e donne dissero ad E.an)ele> :"ia.o perd)te.: D)indi in )n bre(e conciliabolo ten)to fra loro, con(ennero c-e #i)lia a(rebbe scritto al fratello, in *)arni*ione a 0i.es, di (enire s)l .o.ento. Le po(ere donne senti(ano di a(ere biso*no di t)tte le loro for8e per sostenere il colpo c-e le .inaccia(a4 d altra parte Massi.iliano Morrel, 6)ant)n6)e nell et7 di (entid)e anni, a(e(a *i7 )na *rande infl)en8a s) s)o padre. Era )n *io(ane deciso e abile. !l .o.ento di decidersi per la carriera, s)o padre non a(e(a (ol)to i.por*li )na scelta .a a(e(a cons)ltato il *io(ane Massi.iliano. D)esti a(e(a detto di (oler se*)ire la carriera .ilitare> a(e(a per conse*)en8a fatti de*li eccellenti st)di, era entrato per concorso nella sc)ola politecnica, e n era )scito sottotenente al 'A di linea. ;opo )n anno c-e occ)pa(a 6)esto posto, a(e(a *i7 la pro.essa c-e alla pri.a occasione l a(rebbero no.inato tenente. 0el re**i.ento, Massi.iliano Morrel era citato co.e il pi@ ri*ido osser(atore non solo di t)tti *li obbli*-i i.posti al soldato, .a anc-e di t)tti i do(eri propri all )o.o, e non (eni(a c-ia.ato con altro no.e, c-e con 6)ello di stoico. In)tile dire c-e la .a**ior parte di coloro c-e lo c-ia.a(ano con tal sopranno.e, lo ripete(ano per a(erlo inteso dire, .a non sape(ano c-e cosa (olesse si*nificare. La .adre e la sorella lo c-ia.a(ano in loro soccorso per sostenerle nella *ra(e sit)a8ione c-e presa*i(ano. 0on si erano in*annate s)lla *ra(it7 di 6)esti presenti.enti perc-5 )n .o.ento dopo c-e Morrel era entrato nel s)o )fficio con Coclite, #i)lia (ide )scire 6)est )lti.o pallido, tre.ante e col (iso scon(olto. Volle interro*arlo 6)ando le pass3 accanto, .a il bra( )o.o contin)3 a scendere la scala con )na precipita8ione c-e non *li era solita, e si content3 di *ridare al8ando le braccia al cielo> :O- si*norina, si*norina? D)ale orribile dis*ra8ia, e c-i l a(rebbe .ai cred)to?: Poco dopo, #i)lia lo (ide risalire portando d)e o tre *rossi re*istri, e )n rotolo di .onete.

Morrel cons)lt3 i re*istri, apr2 il portafo*li, cont3 le .onete. /)tte le s)e risorse ascende(ano a sei o otto .ila franc-i4 i s)oi crediti, reali88abili fino al *iorno ', a 6)attro o cin6)e .ila4 ci3 c-e for.a(a in contante, a dir .olto, )n atti(o di 6)attordici.ila franc-i, per far fronte ad )na ca.biale di d)ecentottantasette.ilacin6)ecento franc-i. 0on era nepp)re lecito offrire )na si.ile so..a in acconto. Per3 6)ando Morrel scese per pran8are, se.bra(a assai tran6)illo> il c-e spa(ent3 le d)e donne assai pi@ di )n so..o abbatti.ento. ;opo pran8o Morrel a(e(a l abit)dine di )scire4 anda(a a prendere il caff1 al circolo dei P-oc5ens, o a le**ere il :"5.ap-ore:> 6)el *iorno non )sc2, risal2 nel s)o )fficio. D)anto a Coclite, se.bra(a co.pleta.ente ebete. ;)rante )na parte del *iorno si era tratten)to in cortile, sed)to sopra )na pietra, con la testa n)da sotto )n sole di trenta *radi. E.an)ele cerca(a di tran6)illi88are le donne, .a non a(e(a s)fficiente elo6)en8a. Il *io(ane era troppo al corrente de*li affari per non sapere c-e )na *rande catastrofe era i..inente s)lla fa.i*lia Morrel. Venne la notte4 le d)e donne (e*liarono nella speran8a c-e Morrel scendendo dall )fficio sarebbe passato da loro4 .a lo intesero passare dalla loro porta, ca..inando s)lla p)nta dei piedi, per ti.ore forse di esser c-ia.ato> tesero le orecc-ie, e )dirono c-e entr3 in ca.era s)a, e si c-i)se dal di dentro. La si*nora Morrel .and3 s)a fi*lia a dor.ire4 6)indi, .e88 ora dopo c-e #i)lia si era ritirata, si al83, si tolse le scarpe, entr3 nel corridoio per (edere dalla serrat)ra ci3 c-e face(a s)o .arito4 s accorse allora d )n o.bra c-e si ritira(a. Era #i)lia c-e, in6)ieta anc- essa, a(e(a preced)ta s)a .adre. La ra*a88a le and3 incontro dicendole> :"cri(e.: Le d)e donne a(e(ano a()to lo stesso pensiero sen8a esserselo co.)nicato. La si*nora Morrel *)ard3 per il b)co della serrat)ra. Infatti Morre l scri(e(a> .a ci3 c-e non a(e(a (isto la fi*lia, lo not3 la .adre4 Morrel scri(e(a sopra )na carta bollata. Le (enne la terribile idea c-e facesse il s)o testa.ento4 rabbri(id2 e non ebbe for8a di dire )na parola. Il *iorno dopo Morrel se.bra(a perfetta.ente tran6)illo, si fer.3 allo scrittoio co.e d ordinario e discese a far cola8ione. "olo dopo pran8o fece sedere la fi*lia (icino, cinse la testa della ra*a88a col s)o braccio, e la tenne l)n*a.ente contro il petto. La sera #i)lia disse a s)a .adre c-e per 6)anto in apparen8a se.brasse tran6)illo, a(e(a notato c-e il c)ore di s)o padre batte(a (iolente.ente. 0ello stesso .odo passarono *li altri d)e *iorni. Il % sette.bre (erso sera, Morrel c-iese a s)a fi*lia la c-ia(e del s)o )fficio. #i)lia rabbri(id2 a 6)esta do.anda c-e *li se.br3 di catti(o a)*)rio. Perc-5 d)n6)e s)o padre (ole(a 6)esta c-ia(e c-e lei a(e(a se.pre c)stodito, e c-e non le era .ai stata tolta, .eno nell infan8ia nei *iorni in c)i la si (ole(a casti*are< La ra*a88a *)ard3 Morrel. :C-e -o fatto di .ale, padre .io: disse, :perc-5 .i riprendiate 6)esta c-ia(e<:

:0iente, fi*lia .ia: rispose lo s(ent)rato Morrel a c)i 6)esta se.plice do.anda fece s*or*are da*li occ-i il pianto, :n)lla4 solo ne -o biso*no.: #i)lia finse di cercare la c-ia(e. :L a(r3 lasciata in ca.era .ia: .ent2. Usc2, .a in(ece di andare nella s)a ca.era, discese e corse a consi*liarsi con E.an)ele. :0on restit)ite la c-ia(e a (ostro padre: disse 6)esti, :e do.attina, se 1 possibile, non lo lasciate solo )n .o.ento.: Lei cerc3 in(ano di interro*are E.an)ele, .a 6)esti non sape(a altro, o non (olle dire di pi@. ;)rante t)tta la notte dal % al ' sette.bre la si*nora Morrel rest3 coll orecc-io contro la b)ssola, fino alle tre del .attino4 intese s)o .arito ca..inare con a*ita8ione nella ca.era4 solo dopo le tre si *ett3 s)l letto. Le d)e donne passarono insie.e il resto della notte. +in dalla sera antecedente aspetta(ano Massi.iliano. !lle otto Morrel entr3 nella loro ca.era> e*li era tran6)illo, .a *li si le**e(a s)l (iso pallido e s.)nto l a*ita8ione della notte. Le donne non osarono c-ieder*li se a(e(a riposato bene. Morrel f) affabile con s)a .o*lie, pi@ tenero con s)a fi*lia di 6)el c-e non fosse .ai stato> non si stanca(a di *)ardare ed abbracciare la po(era ra*a88a. #i)lia si ricord3 la racco.anda8ione di E.an)ele, e (olle acco.pa*nare il padre 6)ando )sc2, .a 6)esti la respinse con dolce88a, dicendole> :Resta con t)a .adre.: #i)lia (olle insistere. :Lo (o*lio: disse Morrel. Era la pri.a (olta c-e dice(a a s)a fi*lia> :Lo (o*lio?:. Ma lo disse con tale accento di paterna dolce88a, c-e #i)lia non os3 opporsi. Ri.ase al s)o posto, ritta, .)ta ed i..obile. Poc-i .o.enti dopo la porta si apr2, ed ella sent2 d)e braccia c-e la strin*e(ano ed )n bacio s)lla fronte. !l83 *li occ-i, e .and3 )n escla.a8ione di *ioia. :Massi.iliano, fratello .io?: *rid3. ! 6)este *rida la si*nora Morrel accorse, e si *ett3 fra le braccia del fi*lio. :Madre .ia: disse il *io(ane *)ardando alternati(a.ente la .adre e la sorella, :c-e accade< La (ostra lettera .i -a spa(entato?: :#i)lia: disse la si*nora Morrel facendo )n se*no al fi*lio, :(a a dire a t)o padre c-e 1 *i)nto Massi.iliano.: La ra*a88a si lanci3 f)ori dell apparta.ento4 .a s)l pri.o *radino della scala incontr3 )n )o.o c-e tene(a )na lettera in .ano :0on siete (oi la si*norina #i)lia Morrel<: disse 6)est )o.o con accento italiano. :"2: rispose #i)lia balbettando, :.a c-e (olete< 0on (i conosco.: :Le**ete 6)esta lettera: disse l )o.o presentandole il bi*lietto. #i)lia esita(a. :0e (a della sal)te d i (ostro padre?: disse il .essa**ero. La ra*a88a *li tolse il bi*lietto dalle .ani, poi l apr2 e lesse con ansiet7> :Portate(i in 6)esto .edesi.o p)nto ai (iali di Meillan, entrate nella casa n. 1', do.andate al portinaio la c-ia(e della ca.era del 6)into piano4 entrate4 prendete dall an*olo del ca.inetto )na borsa di cordonetto di seta rossa e recatela s)bito a (ostro padre. = indispensabile c-e l abbia pri.a delle )ndici. Voi .i a(ete pro.esso di obbedir.i cieca.ente4 in(oco la (ostra

pro.essa. "indbad il .arinaio.: La ra*a88a *ett3 )n *rido di *ioia, (olle interro*are l )o.o c-e le a(e(a ri.esso il bi*lietto, .a era *i7 sparito. Riport3 allora *li occ-i s)l bi*lietto per le**erlo )na seconda (olta, si accorse c-e c era )n PostCscript).. e lo lesse. := i.portante c-e ade.piate 6)esta .issione in persona, e sola4 se (errete in co.pa*nia o altri (erranno in (ece (ostra, il portinaio (i risponder7 c-e non sa ci3 c-e (olete dire.: D)esto postCscript). fece )na forte i.pressione alla *io(ane. ;o(e(a te.ere 6)alc-e cosa< Pote(a esser 6)esto )na trappola c-e le si tende(a< La s)a innocen8a non le per.ette(a di sapere 6)ale erano i pericoli c-e pote(a correre )na ra*a88a della s)a et7. Ma non c 1 biso*no di conoscere i pericoli per te.erli4 an8i si te.ono precisa.ente di pi@ i pericoli c-e non si conoscono. #i)lia esit34 risol(ette di do.andar consi*lio, .a per )no strano senti.ento non lo c-iese, n5 a s)a .adre n5 a s)o fratello, ricorse ad E.an)ele. Ridiscese, raccont3 l accad)to nel *iorno in c)i il .andatario della Casa /-o.son e +renc- (enne da s)o padre, la scena della scala, ripet5 la pro.essa c-e a(e(a fatta, e .ostr3 la lettera. :Biso*na andare si*norina: disse E.an)ele. :!ndare<: .or.or3 #i)lia. :"2, (i acco.pa*ner3.: :Ma non a(ete letto c-e debbo andare sola<: :"arete )*)al.ente sola, (i aspetter3 all an*olo della strada del M)seo e se tardate in .odo da far.i nascere 6)alc-e in6)iet)dine (err3 a ra**i)n*er(i, e, (e l assic)ro, dis*ra8iati coloro di c)i a(rete a la.entar(i?: :In tal .odo, E.an)ele: riprese esitando la ra*a88a, :il (ostro consi*lio 1 c-e io accetti 6)esto in(ito<: :"2... Il .essa**ero non (i -a detto c-e si tratta della sal(e88a di (ostro padre<: :Ma c-e pericolo corre .io padre<: do.and3 la ra*a88a. E.an)ele esit3 )n .o.ento, .a il desiderio c-e #i)lia si risol(esse s)l .o.ento e sen8a ritardo la (inse. :!scoltate: disse, :non 1 o**i il ' sette.bre<: :"2.: :O**i alle )ndici (ostro padre de(e pa*are circa trecento.ila franc-i.: :"2, lo sappia.o.: :Ebbene: disse E.an)ele, :e*li non ne -a n epp)re 6)indici.ila in cassa.: :E allora c-e a((err7<: :!((err7 c-e se pri.a delle )ndici non tro(a 6)alc)no c-e *li (en*a in ai)to, (ostro padre sar7 obbli*ato a .e88od2, di dic-iararsi fallito.: :!-, (enite: *rid3 la ra*a88a, trascinando E.an)ele. In 6)el .entre la si*nora Morrel a(e(a detto t)tto a s)o fi*lio. Il *io(ane sape(a bene c-e in conse*)en8a delle s)ccessi(e dis*ra8ie capitate a s)o padre, erano state introdotte .olto .odific-e nelle spese di casa4 .a non sape(a c-e le cose fossero *i)nte a tal p)nto. Ri.ase annic-ilito4 .a s)bito si lanci3 f)ori dall apparta.ento, sal2 rapida.ente le scale, credendo di ritro(are il padre in )fficio4 .a b)ss3 in(ano. Mentre era alla porta, sent2 c-e 6)ella dell apparta.ento si apri(a, si (olse e (ide s)o padre. In(ece di risalire diretta.ente al s)o )fficio, Morrel era rientrato nella s)a ca.era, e ne )sci(a allora soltanto4 e*li .and3 )n *rido di sorpresa scor*endo Massi.iliano, poic-5 ne i*nora(a l arri(o.

Ri.ase i..obile al s)o posto, strinse col braccio sinis tro )n o**etto c-e tene(a nascosto sotto l abito. Massi.iliano scese sollecita.ente la scala e si *ett3 al collo di s)o padre4 .a d i.pro((iso si ritrasse, lasciando soltanto la destra appo**iata al petto di Morrel. :Padre .io: disse, di(entando pallido co.e la .orte, :perc-5 a(ete )n paio di pistole sotto l abito<: :O-, ecco ci3 c-e io te.e(o: disse Morrel. :Padre .io... padre .io? In no.e del cielo: *rid3 il *io(ane, :c-e (olete fare di 6)este ar.i<: :Massi.iliano: rispose Morrel tenendo lo s*)ardo fisso s)l fi*lio, :t) sei )n )o.o, ed )n )o.o d onore, (ieni, te lo dir3.: E Morrel sal2 con passo sic)ro fino al s)o )fficio, .entre Massi.iliano lo se*)i(a barcollando> apr2 la porta, e la rinc-i)se dopo c-e f) passato il fi*lio, 6)indi tra(ers3 l antica.era, s a((icin3 allo scrittoio, depose le pistole s)ll an*olo della ta(ola, e .ostr3 a s)o fi*lio colla p)nta del dito )n re*istro aperto, s) esso era fedel.ente trascritto lo stato esatto della sit)a8ione>Morrel do(e(a pa*are fra .e88 ora d)ecentottantasette.ilacin6)ecento franc-i ed in t)tto ne possede(a 6)indici.ilad)ecentocin6)antasette. :Le**i?: disse Morrel. Il *io(ane lesse e ri.ase )n .o.ento annientato. Morrel non dice(a )na parola> c-e a(rebbe pot)to dire o a**i)n*ere all inesorabile decreto delle cifre< :E (oi padre .io, a(ete fatto t)tto il possibile per pre(enire 6)esta dis*ra8ia<: disse dopo bre(e silen8io il *io(ane. :"2: rispose Morrel. :0on contate s) alc)n ri.borso<: :0o.: :!(ete esa)rite t)tte le risorse<: :/)tte.: :E fra .e88 ora...: a**i)nse con (oce c)pa, :il nostro no.e sar7 disonorato<: :Il san*)e la(a il disonore: disse Morrel. :!(ete ra*ione, padre .io, ora (i co.prendo.: D)indi stese la .ano (erso le pistole. :Ve n 1 )na per (oi e )n altra per .e: disse. :#ra8ie?: Morrel *li fer.3 la .ano. :E t)a .adre... e t)a sorella... c-i le n)trir7<: Un fre.ito corse per t)tte le .e.bra del *io(ane. :Padre: disse, :pensate c-e con ci3 c-e .i dite io possa (i(ere<: :"i, te lo dico: riprese Morrel, :perc-5 6)esto 1 il t)o do(ere4 t) -ai lo spirito tran6)illo e forte, Massi.iliano... t) non se )no dei soliti )o.ini. 0)lla ti co.ando, n)lla ti ordino4 ti dico soltanto> Esa.ina la sit)a8ione co.e se t) (i fossi estraneo, e *i)dicala da te stesso.: Il *io(ane riflett5 )n .o.ento, 6)indi l espressione della pi@ s)bli.e rasse*na8ione pass3 nei s)oi occ-i4 solo si tolse con )n .o(i.ento triste e lento la spallina e la .o88etta, distinti(i del s)o *rado. :"ta bene: disse tenendo la .ano a Morrel, :.orite in pace, padre .io, io (i(r3.: Morrel fece )n .o(i.ento per *ettarsi alle *inocc-ia del fi*lio. Massi.iliano lo accolse fra le braccia, e per )n .o.ento 6)esti d)e nobili c)ori batterono l )n contro l altro. :/) sai c-e non 1 per .ia colpa<: disse Morrel. Massi.iliano sorrise. :"o, padre .io, c-e siete l )o.o pi@ onesto c-e abbia .ai conosci)to.: :"ta bene, 1 detto t)tto> ora ritorna da t)a .adre e da t)a sorella.: :Padre .io: disse il *io(ane pie*ando )n *inocc-io, :benedite.i?:

Morrel prese la testa di s)o fi*lio fra le .ani, l a((icin3 a s5, e ( i.presse .olti baci dicendo> :O-, s2, s2, ti benedico nel .io no.e, nel no.e di tre *enera8ioni di )o.ini irreprensibili. !scolta d)n6)e ci3 c-e essi ti dicono colla .ia (oce> l edificio c-e la s(ent)ra -a distr)tto, p)3 essere riedificato dalla di(ina Pro((iden8a. "apendo.i .orto in 6)esto .odo, i pi@ inesorabili a(ranno piet7 di .e4 a te forse sar7 accordata )na dila8ione c-e a .e sarebbe stata ne*ata. !llora fa c-e la parola infa.e non sia pron)n8iata4 .ettiti all opera, la(ora, ra*a88o? lotta ardente.ente e con cora**io? Vi(ete t), t)a .adre, e t)a sorella del p)ro necessario, affinc-5 *iorno per *iorno i beni di coloro c-e a.o a).entino e fr)ttific-ino fra le t)e .ani. Pensa c-e sar7 )n bel *iorno, )n *ran *iorno, )n *iorno solenne 6)ello della riabilita8ione, il *iorno in c)i, da 6)esto stesso scrittoio t) potrai dire> :Mio padre 1 .orto perc-5 non pote(a fare ci3 c-e -o fatto io, .a 1 .orto tran6)illo, perc-5 .orendo sape(a c-e io lo a(rei fatto.: :O-, padre .io, padre .io: escla.3 il *io(ane, :se p)re poteste (i(ere?...: :"e io (i(o t)tto 1 perd)to4 se io (i(o, la pre.)ra si ca.bia in d)bbio, la piet7 in accani.ento4 se io (i(o, non sono pi@ c-e )n )o.o c-e -a .ancato alla s)a parola, c-e -a fallito i s)oi i.pe*ni, non -o pi@ infine c-e la bancarotta. "e .)oio, al contrario, pensaci bene, Massi.iliano il .io cada(ere 1 6)ello di )n onest )o.o dis*ra8iato. Vi(o, i .iei .i*liori a.ici e(iterebbero la .ia casa4 .orto, Marsi*lia intera .i se*)ir7 pian*endo fino all )lti.a .ia di.ora. Vi(o, t) a(resti onta del .io no.e .o rto, p)oi al8are la testa e dire ad alta (oce> :"ono il fi*lio di col)i c-e si 1 )cciso, perc-5 costretto per la pri.a (olta a .ancare alla s)a parola.: Il *io(ane .and3 )n *e.ito, .a par(e rasse*nato. Era la seconda (olta c-e la necessit7 era accettata dal s)o c)ore, .a non dallo spirito. :Ora: disse Morrel, :lascia.i solo e cerca di allontanare le donne.: :0on (olete ri(edere .ia sorella<: do.and3 Massi.iliano. Un )lti.a e sorda speran8a il *io(ane la ripone(a in 6)esto incontro, ecco perc-5 lo propone(a. Morrel scosse la testa. :L -o (ed)ta 6)esta .attina: disse, :e le -o detto addio.: :0on a(ete alc)na racco.anda8ione particolare da far.i, padre .io<: do.and3 Massi.iliano con (oce alterata. :"2, fi*lio .io, )na racco.anda8ione sacra.: :;ite, padre .io.: :La casa /-o.son e +renc- 1 la sola c-e per ).anit7, o forse per e*ois.o K.a non sta a .e le**ere nel c)ore de*li )o.iniL, 1 la sola c-e abbia a()to piet7 di .e. Il s)o .andatario, 6)ello c-e fra dieci .in)ti si presenter7 per risc)otere )na tratta di d)ecentottantasette.ilacin6)ecento franc-i, non dir3 .i abbia accordata, .a .i -a offerta )na dila8ione di tre .esi4 6)esta Casa sia ri.borsata per pri.a, fi*lio .io, c-e 6)est )o.o ti sia sacro.: :"2, padre .io: disse Massi.iliano. :Ed ora, ancora )na (olta, addio: disse Morrel, :(a , (a 4 -o biso*no di restar solo. /ro(erai il .io testa.ento nello scri*no della ca.era da letto.:

Il *io(ane ri.ase in piedi ed inerte, sen8a a(ere c-e la for8a della (olont7, .a non 6)ella dell a8ione. :!scolta, Massi.iliano: dis se s)o padre, :s)pponi c-e io sia )n soldato co.e te, c-e abbia rice()to l ordine di dar la scalata ad )n bastione, e c-e t) sapessi c-e (ado incontro ad )na certa .orte nell assalirlo, non .i diresti t) co.e .i dice(i poco fa> :!ndate, padre .io, perc-5 (i disonorereste restando, e (al .e*lio la .orte c-e l onta<: :"2, s2: disse il *io(ane, :s2: e strin*endo con()lsi(a.ente tra le braccia il padre, :cora**io padre .io?: disse. E si lanci3 (erso l )fficio. D)ando il fi*lio f) )scito, Morrel ri.ase )n .o.ento in piedi co*li occ-i fissi alla porta, 6)indi tese la .ano, tir3 la corda del ca.panello e s)on3. ;i l2 a poco co.par(e Coclite. 0on era pi@ l )o.o di pri.a, 6)esti *iorni di consape(ole88a lo a(e(ano atterrato. Il pensiero c-e la Casa Morrel sospende(a i pa*a.enti lo c)r(a(a al s)olo pi@ c-e altri (ent anni acc).)lati s)l s)o capo. :Mio b)on Coclite: disse Morrel con )n accento di c)i sarebbe difficile dire l espressione, :t) resterai nell antica.era. D)ando (err7 6)el si*nore c-e (enne *i7 tre .esi fa... lo conosci<... il .andatario della casa /-o.son e +renc-, (errai ad ann)n8iar.elo.: Coclite non rispose4 fece )n se*no affer.ati(o colla testa, and3 a sedersi nell antica.era ed aspett3. Morrel ricadde s)lla sedia, *li occ-i si (olsero (erso l orolo*io> *li ri.ane(ano ancora sette .in)ti in t)tto. La lancetta ca..ina(a con )na rapidit7 incredibile4 *li se.bra(a (ederla andare. Ci3 c-e in 6)el .o.ento pass3 nello spirito di 6)est )o.o c-e, *io(ane ancora, in conse*)en8a di )n ra*iona.ento falso, 6)ant)n6)e tale non se.brasse, sta(a per lasciare t)tto ci3 c-e di pi@ caro a(e(a al .ondo, e per abbandonare )na (ita piena di t)tte le dolce88e della fa.i*lia, 1 i.possibile poterlo spie*are4 sarebbe stato necessario essere presenti per a(erne )n idea. La fronte era ricoperta di s)dore, e ci3 nonostante rasse*nata, *li occ-i ba*nati di lacri.e, .a p)r ri(olti al cielo. La lancetta ca..ina(a se.pre> le pistole erano caric-e4 all)n*3 la .ano, ne prese )na e .or.or3 il no.e di s)a fi*lia> depose l ar.a .ortale, prese la penna e scrisse alc)ne parole. #li se.bra(a di non a(ere ancora detto abbastan8a addio a 6)esta fi*lia prediletta. Ritorn3 a *)ardar l orolo*io> e*li non conta(a pi@ i .in)ti, .a i secondi. Riprese l ar.a colla bocca se.iaperta e *li occ-i fissi all oro lo*io> poi rabbri(id2 al r).ore c-e face(a nel caricare l acciarino. In 6)el .o.ento )n s)dore pi@ freddo *li pass3 s)lla fronte, )n ansia pi@ .ortale *li strinse il c)ore4 intese la porta delle scale ci*olare s)i cardini, aprirsi 6)ella del s)o )fficio> l orolo*io sta(a per battere le )ndici. Morrel non si (olse, aspetta(a c-e Coclite pron)nciasse le fatali parole> :Il .andatario della casa /-o.son e +renc-...:. !((icin3 l ar.a alla bocca... ; i.pro((iso, in(ece della (oce di Coclite intese )n *rido... Era la (oce di s)a fi*lia... "i (olse e riconobbe #i)lia... La pistola *li sf)**2 di .ano.

:Padre .io?: *rid3 la ra*a88a ansante, e 6)asi .orente di *ioia. :"al(o? siete sal(o?: E *li si *ett3 tra le braccia, al8ando in alto colla .ano la borsa di cordonetto di seta rossa. :"al(o< +i*lia .ia, c-e ()oi dire<: :"2, sal(o?... #)ardate, *)ardate...: disse la ra*a88a. Morrel prese la borsa e rabbri(id2, perc-5 )na lontana ri.e.bran8a *li ricorda(a c-e 6)ell o**etto *li era in altro te.po apparten)to. ;a )na parte c era la ca.biale dei d)ecentottantasette .ila cin6)ecento franc-i *i7 6)itan8ata4 dall altra (i era )n dia.ante della *rosse88a di )na nocciola con 6)este tre parole scritte sopra )n pe88o di per*a.ena> :;ote di #i)lia:. Morrel si pass3 la .ano s)lla fronte> crede(a di so*nare. 0el .edesi.o istante l orolo*io batt5 le )ndici. Il .artello batt5 per l)i co.e se ciasc)n colpo (enisse ripercosso s)l s)o c)ore. :Racconta.i, fi*lia .ia: disse, :spie*ati. ;o(e ritro(asti 6)esta borsa<: :0ella casa n).ero 1' dei (iali di Meillan s)ll an*olo del ca.inetto di )na .esc-ina ca.eretta del 6)into piano.: :Ma...: *rid3 Morrel, :6)esta borsa non 1 t)a.: #i)lia present3 allora a s)o padre la lettera c-e a(e(a rice()ta la .attina. :E sei andata sola in 6)ella casa<: disse Morrel dopo a(erla letta. :E.an)ele .i -a acco.pa*nata. ;o(e(a aspettar.i all an*olo della strada del M)seo, .a, cosa strana, al .io ritorno non c era pi@.: :"i*nor Morrel?: *rid3 )na (oce dalle scale. :"i*nor Morrel?: :D)esta 1 la s)a (oce...: disse #i)lia. 0el .edesi.o te.po entr3 E.an)ele col (iso scon(olto dalla *ioia e dall e.o8ione. :Il +araone?: *rid3, :il +araone?: :Ebbene c-e +araone< "iete pa88o, E.an)ele< "apete bene c-e col3 a fondo.: :Il +araone? si*nore, il faro -a dato il se*nale del +araone? Il +araone entra in 6)esto .o.ento nel porto.: Morrel ricadde s)lla sedia4 le for8e *li .ancarono. La s)a intelli*en8a non era capace ad ordinare 6)esta serie di a((eni.enti incredibili, ina)diti e fa(olosi. ")o fi*lio entr3 a s)a (olta. :Padre .io: *rid3 Massi.iliano, :c-e dice(ate d)n6)e c-e il +araone era perd)to< Il faro lo -a se*nalato, ed entra in porto in 6)esto .o.ento.: :!.ici .iei: disse Morrel, :se ci3 fosse, biso*nerebbe credere ad )n .iracolo? Ma 1 i.possibile? i.possibile?: /)tto ci3, 6)ant)n6)e se.brasse incredibile, era (ero> la borsa c-e tene(a in .ano, la ca.biale 6)itan8ata, ed il .a*nifico dia.ante. :!-, si*nore: disse Coclite a s)a (olta, :e c-e ()ol dir 6)esto il +araone? <: :!ndia.o, fi*li .iei: disse Morrel al8andosi, :andia.o a (edere, c-e il cielo abbia piet7 di noi?, se 6)esta non sia )na falsa n)o(a.: "cesero t)tti> a .et7 delle scale li aspetta(a la si*nora Morrel4 la po(eretta non a(e(a a()to cora**io di salire. In )n .o.ento f)rono alla Canebi1re. Una *ran folla era s)l porto. /)tta 6)ella folla si di(ise per lasciar libero il passa**io alla fa.i*lia Morrel. :Il +araone? il +araone?: si dice(a da o*ni lato, da o*ni bocca. Infatti, cosa .era(i*liosa, ina)dita, diri.petto

alla torre di "an #io(anni )n basti.ento porta(a s)lla poppa 6)este parole scritte a *randi lettere bianc-e> +!R!O0E> MORREL E +I#LI ;I M!R"I#LI!. D)esto basti.ento era assol)ta.ente della stessa portata e della stessa for.a dell altro +araone, ed era carico )*)al.ente d indaco e di coccini*lia. #ett3 l 7ncora, a..ain3 le (ele. ")l ponte il capitano #a).ard da(a *li ordini, e Penelon face(a se*nali a Morrel. 0on c era pi@ d)bbio, era la testi.onian8a dei sensi, e 6)ella di dieci.ila e pi@ persone. Mentre Morrel e s)o fi*lio si abbraccia(ano fra *li appla)si di t)tta la citt7, testi.one di 6)esto prodi*io, )n )o.o, il c)i (iso era per .et7 coperto da )na barba nera, nascosto dietro il casotto di )na sentinella, conte.pla(a 6)esta scena, .or.orando 6)este parole> :0obile c)ore, sii felice, sii benedetto per t)tto ci3 c-e ancora farai, e la .ia riconoscen8a resti nell osc)rit7 co.e il t)o beneficio?: E con )n sorriso di *ioia e di felicit7, abbandon3 il l)o*o do(e si era nascosto, e sen8a essere osser(ato da alc)no, tanto erano t)tti occ)pati dall a((eni.ento della *iornata, discese )na di 6)elle piccole *radinate c-e ser(ono di scalo, e c-ia.3> :9acopo? 9acopo? 9acopo?: !llora )n battello (enne, lo rice(ette a bordo, e lo trasport3 ad )no Mac-t ricca.ente addobbato, s)l ponte del 6)ale bal83 colla le**ere88a d )n .arinaio4 di l7 *)ard3 ancora )na (olta Morrel, c-e pian*endo di *ioia distrib)i(a a.ic-e(oli strette di .ano a t)tta 6)ella folla, rin*ra8iando con )no s*)ardo sin*olare l in(isibile benefattore c-e *li se.bra(a do(er cercare in cielo. :Ora: disse l )o.o sconosci)to, :addio bont7, addio ).anit7, addio riconoscen8a... a t)tti 6)ei senti.enti c-e inteneriscono il c)ore?: ! 6)este parole fece )n se*nale, e co.e se non a(esse atteso c-e ci3 per partire, lo Mac-t prese i..ediata.ente il .are. Capitolo A1. L I/!LI! E "I0;B!; IL M!RI0!IO. Verso il principio del 1&A& si tro(a(ano a +iren8e d)e *io(ani c-e appartene(ano alla societ7 pi@ ele*ante di Pari*i> )no era il (isconte !lberto de Morcerf, l altro il barone +ran8 d EpinaM. !(e(ano stabilito fra loro c-e sarebbero andati a passar 6)el carne(ale a Ro.a, o(e +ran8, c-e abita(a l Italia da pi@ di 6)attro anni, a(rebbe fatto da cicerone ad !lberto. Ora, sicco.e non 1 piccola cosa l andare di carne(ale a Ro.a, particolar.ente 6)ando non si ()ole andare a dor.ire in pia88a del Popolo, o al +oro Ro.ano, essi scrissero a Pastrini proprietario dell alber*o Londra in pia88a di "pa*na per pre*arlo di serbar loro )n co.odo apparta.ento. Pastrini rispose c-e non a(e(a pi@ c-e d)e ca.ere ed )n locale al secondo piano, c-e lo offri(a loro .ediante la .odica spesa di )n l)i*i al *iorno. I d)e *io(ani accettarono. D)indi !lberto, (olendo .ettere a profitto il te.po c-e *li ri.ane(a, part2 per 0apoli. +ran8 ri.ase a +iren8e. ;opo a(er *od)to 6)alc-e te.po dei piaceri c-e proc)ra la citt7 dei Medici, dopo a(er l)n*a.ente passe**iato in 6)ell Eden c-e (ien c-ia.ato le Cascine, dopo essere stato rice()to da 6)e*li ospiti .a*nifici c-e si c-ia.ano Corsini, Montfort, Poniatowski, *li prese fantasia, essendo *i7 stato a (isitare la

Corsica, c)lla di Bonaparte, di andare a (edere l isola d Elba, 6)esto l)o*o della for8ata sosta di 0apoleone. Una sera d)n6)e stacc3 )na barc-etta dall anello di ferro c-e l attracca(a al porto di Li(orno, (i si sdrai3 in fondo, a((olto nel s)o .antello, e disse ai .arinai 6)este sole parole> :!ll isola d Elba?: La barca lasci3 il porto co.e )n )ccello lascia il nido, e l indo.ani +ran8 era a Portoferraio. /ra(ers3 l isola i.periale se*)endo t)tte 6)elle tracce c-e (i -anno lasciato i passi del *i*ante, e and3 ad i.barcarsi a Marciana. ;)e ore dopo a(er lasciata la terra, la ri*)ada*n3 di n)o(o per sbarcare alla Pianosa, o(e (eni(a assic)rato c-e a(rebbe tro(ato )na 6)antit7 di pernici rosse. La caccia f) catti(a4 +ran8 a..a883 a stento poc-e pernici .a*re, e co.e fanno t)tti i cacciatori c-e si sono stancati sen8a alc)n pro, risal2 nella barca di assai catti(o ).ore. :"e Vostra Eccellen8a (olesse: *li disse il padrone della barca, :potrebbe fare )na bella caccia.: :E do(e<: :Vedete 6)ell isola<: contin)3 il .arinaio stendendo il dito (erso .e88o*iorno, indicando )na .assa conica c-e )sci(a dal .are tinta di )n bellissi.o color indaco. :Ebbene, c-e cos 1 6)ell isola<: do.and3 +ran8. := l isola di Montecristo: rispose il li(ornese. :Ma io non -o licen8a d andare a caccia in 6)ell isola.: :Vostra Eccellen8a non ne -a biso*no4 l isola 1 deserta.: :O-, per Bacco, )n isola deserta in .e88o al Mediterraneo, 1 )na cosa c)riosa.: :E nat)rale, Eccellen8a. D)est isola 1 )n a..asso di sco*li, ed in t)tta la s)a estensione non (i 1 forse )n pal.o di terreno colti(abile.: :E a c-i appartiene<: :!lla /oscana.: :E 6)al sel(a**ina (i si tro(a<: :Mi*liaia di capre sel(a**e.: :C-e (i(ono leccando delle pietre<: disse +ran8 con )n sorriso d incred)lit7. :0o, .a sfrondando le .acc-ie, i .irti, e *li alti pr)ni c-e nascono tra i .assi.: :Ma do(e dor.ir3<: :O a terra, o nelle *rotte, o a bordo, a((olto nel (ostro .antello. ; altra parte, se Vostra Eccellen8a lo desidera, potre.o partir s)bito dopo la caccia> sa c-e noi na(i*-ia.o tanto di *iorno 6)anto di notte, e c-e 6)ando non la(orano le (ele, la(oria.o coi re.i.: Ri.anendo*li ancora del te.po pri.a di ra**i)n*ere il co.pa*no, e non a(endo pi@ in6)iet)dini per l allo**io in Ro.a, +ran8 accett3 la proposta di rifarsi della s)a pri.a caccia. !lla risposta affer.ati(a, i .arinai si sca.biarono alc)ne parole a (oce bassa. :Ebbene, c-e abbia.o di n)o(o<: do.and3. :"arebbe sopra**i)nta 6)alc-e difficolt7<: :0o: rispose il padrone, :.a dobbia.o a((ertir(i c-e l isola di Montecristo 1 in cont).acia.: :E c-e si*nifica 6)esto<: :V)ol dire, sicco.e Montecristo 1 disabitata, e 6)alc-e (olta ser(e di fer.ata a contrabbandieri e pirati c-e (en*ono dalla Corsica e dall !frica, se 6)alc-e se*no den)ncia il nostro so**iorno nell isola, sare.o costretti al nostro ritorno in Li(orno, a fare )na 6)arantena di sei *iorni.: :;ia(olo? D)esto ca.bia t)tto> sei *iorni? "arebbe troppo.: :Ma c-i dir7 c-e Vostra Eccellen8a 1 stata a Montecristo<: :O-, 6)esto non i.porta.: :O-, .a non sar3 io certa.ente...: *rido #aetano. :E nepp)re noi?: dissero i .arinai.

:In 6)esto caso, andia.o a Montecristo.: Il padrone co.and3 la .ano(ra, (olse la pr)a s)ll isola, e la barca si a((i3 da 6)ella parte. +ran8 lasci3 co.piere l opera8ione, e 6)ando or.ai si era nella n)o(a rotta, 6)ando la (ela f) *onfia dalla bre88a, e i 6)attro .arinai ebbero preso il loro posto, tre da(anti ed )no al ti.one, riannod3 la con(ersa8ione. :Mio caro #aetano: disse al padrone, :(oi .i diceste, credo, c-e l isola di Montecristo ser(e da rif)*io a contrabbandieri e pirati, e ci3 .i pare ben altra sel(a**ina c-e le capre sel(atic-e.: :"2, Eccellen8a, 6)esta 1 la (erit7.: :"ape(o esser(i dei contrabbandieri, .a crede(o c-e dopo la presa di !l*eri, e la distr)8ione della re**en8a, i pirati non esistessero pi@ c-e nei ro.an8i di Cooper e del capitano MarrMat.: :Ebbene, Vostra Eccellen8a sba*lia. !ccade dei pirati co.e de*li assassini, c-e 6)ant)n6)e siano cred)ti ster.inati, p)re a**rediscono t)tti i *iorni i (ia**iatori fin sotto le porte delle citt7. = s)ccesso presso Velletri, saranno appena sei .esi. "e Vostra Eccellen8a abitasse a Li(orno, co.e faccia.o noi, sentirebbe dire, di te.po in te.po, c-e )n piccolo basti.ento carico di .ercan8ie, o )n bel Mac-t in*lese c-e era aspettato a Bastia, a Portoferraio o a Ci(ita(ecc-ia, non 1 pi@ arri(ato, e non si sa c-e ne sia a((en)to4 e c-e sen8a d)bbio si sar7 sfracellato contro 6)alc-e sco*lio. Ma lo sco*lio c-e -a incontrato 1 )na barca bassa e stretta, .ontata da sei o otto )o.ini c-e lo -anno sorpreso e sacc-e**iato in )na notte osc)ra e te.pestosa, nei dintorni di )n 6)alc-e isolotto sel(a**io e disabitato, non di(ersa.ente da*li assassini c-e arrestano e spo*liano )na carro88a di posta all an*olo di )n bosco.: :Ma infine: riprese +ran8 se.pre steso nella barca, :perc-5 6)elli ai 6)ali accadono si.ili dis*ra8ie non fanno le loro den)n8ie< perc-5 non ric-ia.ano s) 6)esti pirati la (i*ilan8a del *o(erno francese, sardo o toscano<: :Perc-5<: disse ridendo #aetano. :"2 perc-5<: :Perc-5 pri.a si trasporta dal basti.ento o dallo Mac-t s)lla barca t)tto ci3 c-e (i 1 di .e*lio da prendersi4 6)indi si le*ano .ani e piedi a t)tto l e6)ipa**io, e si attacca al collo di ciasc)no )na palla da (enti6)attro, poi si fa )n bel foro, co.e 6)ello di )n barile, nella c-i*lia del basti.ento catt)rato, si risale s)l ponte, si c-i)de il boccaporto, e si passa s)lla barca. In capo a dieci .in)ti il basti.ento co.incia a la.entarsi, e *e.ere. Un poco alla (olta affonda. ;appri.a cala )na delle s)e parti poi la rial8a, 6)indi s i..er*e di n)o(o affondando se.pre pi@. ; i.pro((iso scoppia )n r).ore si.ile a 6)ello di )na cannonata> 1 l ac6)a c-e infran*e il ponte. !llora il basti.ento si dibatte co.e c-i sta per anne*arsi, di(enendo se.pre pi@ pesante. Ben presto l ac6)a, troppo co.pressa nelle ca(it7, proro.pe da t)tte le apert)re, si.ile alle colonne li6)ide c-e soffiano dalle narici le *i*antesc-e balene. +inal.ente .anda )n )lti.o strepito, fa )n *iro s) se stesso, ed affonda sca(ando nell abisso )na (asta tro.ba c-e per )n .o.ento si a**ira, si ricol.a a poco a poco, e finisce per cancellarsi del t)tto, tanto bene c-e in capo a cin6)e .in)ti non c 1

c-e l occ-io di ;io c-e possa andare a discernere nel fondo del .are il basti.ento sparito. Co.prenderete ora in 6)al .odo il basti.ento non ritorna in porto, e perc-5 l e6)ipa**io non fa le s)e 6)erele<: "e #aetano a(esse raccontata la cosa pri.a di proporre la spedi8ione, 1 probabile c-e +ran8 (i a(rebbe pensato d)e (olte pri.a d intraprenderla, .a la barca (o*a(a nella dire8ione dell isola, e *li se.br3 c-e sarebbe stata )na (ilt7 ritornare indietro. +ran8 era )no di 6)e*li )o.ini c-e non corrono .ai incontro al pericolo, .a c-e, se il pericolo (iene innan8i a loro, conser(ano )na pronte88a d ani.o inalterabile per co.batterlo4 era )no di 6)e*li )o.ini di (olont7 fredda, c-e *)ardano )n pericolo nella (ita co.e )n a((ersario in )n d)ello, c-e ne calcolano i .o(i.enti, c-e ne st)diano la for8a, c-e indietre**iano spesso per prender fiato, e per non co.parir (ili, infine c-e, conoscendo con )n solo s*)ardo t)tti i loro (anta**i, a..a88ano con )n solo colpo. :Ba-: disse, :-o tra(ersato la "icilia e la Calabria, -o na(i*ato d)e .esi nell arcipela*o, e non -o (ed)to .ai l o.bra di )n bandito o di )n pirata.: :0on -o raccontato t)tto 6)esto a Vostra Eccellen8a: disse #aetano, :per farla rin)nciare al pro*etto4 .i -a fatto delle do.ande, ed io -o risposto.: :"2, .io caro #aetano, la (ostra con(ersa8ione 1 attraente4 e sicco.e (o*lio *oderne il pi@ l)n*a.ente possibile, cos2 andia.o a Montecristo.: +rattanto si accosta(ano rapida.ente al ter.ine del loro (ia**io, il (ento era fa(ore(ole, e la barca face(a sei .i*lia l ora. Man .ano c-e si a((icina(ano, l isola se.bra(a sor*ere *i*antesca dal seno del .are e, attra(erso l at.osfera li.pida de*li )lti.i ra**i del *iorno, si distin*)e(ano co.e le palle a..onticc-iate in )n arsenale, *li sco*li .essi a pira.ide l )n sopra l altro, e ne*li intersti8i di 6)elli si (ede(ano rosse**iare le .acc-ie e (erde**iare *li alberi. In 6)anto ai .arinai, 6)ant)n6)e se.brassero perfetta.ente tran6)illi, era per3 e(idente c-e sta(ano all erta, e c-e i loro s*)ardi scr)ta(ano il (asto specc-io s) c)i na(i*a(ano, e l ori88onte, soltanto popolato da 6)alc-e barca pesc-ereccia, le c)i (ele bianc-e si libra(ano, co.e allodole, s)lla ci.a dei fl)tti. Erano distanti soltanto )na 6)indicina di .i*lia da Montecristo, 6)ando il sole declin3 dietro la Corsica, le c)i .onta*ne co.pari(ano a destra, delineando nel cielo il loro irre*olare profilo, e .ostrando ancora ill).inata l estre.it7 di 6)ella .assa di pietre, c-e pari al *i*ante !da.astor, s innal8a(ano da(anti alla barca. Poco per (olta l o.bra sal2 dal .are, e se.br3 scacciare dinan8i a s5 *li )lti.i riflessi del *iorno c-e sta(a per finire4 poi il ra**io l).inoso f) spinto fino alla ci.a del cono, o(e si fer.3 )n .o.ento, co.e il pennacc-io infia..ato di )n ()lcano4 final.ente l o.bra se.pre crescente in(ase pro*ressi(a.ente la so..it7 co.e a(e(a in(aso la base, e l isola non appar(e pi@ c-e )na .onta*na *ri*ia c-e anda(a se.pre pi@ osc)randosi> .e88 ora dopo era notte perfetta. +ort)nata.ente i .arinai erano nei loro abit)ali para**i, e conosce(ano fin l )lti.o de*li sco*li

dell arcipela*o toscano4 poic-5 in .e88o all osc)rit7 profonda nella 6)ale era in(olta la barca, +ran8 non sarebbe stato del t)tto sen8a in6)iet)dine. La Corsica era intera.ente sparita, e l isola di Montecristo era di(en)ta in(isibile4 .a i .arinai se.bra(ano a(ere, co.e le linci, la facolt7 di (edere fra le tenebre, e il pilota c-e re*ola(a il ti.one non .ostra(a il pi@ piccolo d)bbio. Era passata circa )n ora dopo il tra.onto del sole, 6)ando +ran8 credette scor*ere ad )n 6)arto di .i*lio a sinistra )na .assa nera, .a era tanto i.possibile distin*)ere ci3 c-e fosse, c-e te.endo di .)o(ere a riso i .arinai, sca.biando )na n)be per la terra fer.a, stette 8itto. ; i.pro((iso appar(e )na *ran l)ce, la terra pote(a asso.i*liare ad )na n)be, .a 6)el f)oco non pote(a credersi )na .eteora. :C-e cosa 1 6)ella l)ce<: do.and3 +ran8. :Gitto?: disse #aetano. := )n f)oco.: :Ma non diceste c-e l isola 1 disabitata<: :;issi c-e non a(e(a )na popola8ione fissa, .a dissi p)re c-e 6)esto l)o*o 1 rif)*io dei contrabbandieri.: :E dei pirati<: :E dei pirati: contin)3 #aetano, ripetendo le parole di +ran8, :ed 1 perci3 c-e -o dato ordine di passare oltre, poic-5, co.e (edete, ora il f)oco 1 dietro a noi.: :Ma 6)esto f)oco: contin)3 +ran8, :.i se.bra pi)ttosto )n .oti(o di sic)re88a c-e d in6)iet)dine> *ente c-e te.esse di essere (ed)ta non accenderebbe il f)oco.: :O-, 6)esto non ()ol dir niente: rispose. :"e (oi in .e88o a 6)esta osc)rit7 poteste *i)dicare della posi8ione dell isola, (edreste c-e 6)esto f)oco in 6)el p)nto, non p)3 essere scorto, n5 dalla Corsica, n5 dalla Pianosa, .a soltanto in alto .are.: :Credete c-e ann)nci catti(a co.pa*nia<: :D)esto 1 da stabilire?: rispose #aetano, tenendo se.pre *li occ-i fissi s)ll isola. :E co.e (olete assic)rar(ene<: :"tate a (edere.: ! 6)este parole, #aetano tenne )n bre(e consi*lio coi co.pa*ni, e dopo cin6)e .in)ti (enne ese*)ita nel pi@ *ran silen8io )na (irata di bordo allora si riprese il ca..ino *i7 fatto, e 6)alc-e secondo dopo 6)esto ca.bia.ento di dire8ione il f)oco dispar(e nascosto dietro )n picco roccioso. !llora il pilota dette al piccolo basti.ento, con )na *irata di ti.one, )na n)o(a dire8ione, e si a((icinarono (isibil.ente all isola distante circa cin6)anta passi. #aetano tolse la (ela, e la barca ri.ase 6)ieta s)ll onda. /)tto ci3 f) fatto nel pi@ *ran silen8io4 dopo il ca.bia.ento di rotta non era stata pron)nciata )na parola a bordo. #aetano, c-e a(e(a proposta la spedi8ione, ne a(e(a presa sopra di s5 t)tta la responsabilit7. #li altri tre .arinai .entre prepara(ano i re.i, e sta(ano pronti a f)**ire re.ando, non to*lie(ano lo s*)ardo da l)i per ese*)ire 6)alsiasi .ano(ra c-e lor (enisse ordinata da )n *esto, e c-e per l osc)rit7 si sarebbe pot)ta ese*)ire .olto facil.ente. +ran8 (isita(a le ar.i colla pronte88a d ani.o c-e abbia.o in l)i riconosci)ta. !(e(a d)e f)cili a d)e canne ed )na carabina, li caric3, si assic)r3 de*li acciarini, e aspett3.

;)rante 6)esto te.po #aetano s era tolto il cappotto e la ca.icia, a(e(a assic)rati i cal8oni intorno ai fianc-i e sicco.e a(e(a i piedi n)di, si rispar.i3 la pena di le(arsi le cal8e e le scarpe. Cos2 abbi*liato, si .ise l indice della .ano da(anti alle labbra per ordinare il pi@ profondo silen8io, e si lasci3 i..er*ere in .are. 0)ot3 (erso l isola con tale ca)tela c-e ri)sci(a i.possibile discernere il pi@ piccolo r).ore. "i pote(a soltanto se*)ire collo s*)ardo la traccia del s)o n)otare dalla scia fosforescente lasciata dai s)oi .o(i.enti. D)esta scia ben presto dispar(e> era se*no e(idente c-e #aetano a(e(a preso terra. ")l piccolo basti.ento ri.asero t)tti i..obili per )na .e88 ora, trascorsa la 6)ale, si (ide rico.parire dalla ri(a alla barca la scia l).inosa. In poc-i .o.enti #aetano a(e(a ra**i)nta la barca. :Ebbene<: fecero ad )n te.po +ran8 ed i tre .arinai. :Ebbene: disse, :sono contrabbandieri spa*noli4 e -anno con loro d)e banditi corsi.: :E c-e fanno 6)esti contrabbandieri spa*noli<: :E-, .io ;io, Eccellen8a: rispose #aetano con )n accento di (i(o a.ore del prossi.o, :biso*na bene ai)tarsi *li )ni con *li altri. "pesse (olte i banditi (en*ono )n poco troppo in6)ietati s)lla terra4 allora ritro(ano )na barca, ed in essa dei b)oni dia(oli co.e noi4 (en*ono a do.andarci l ospitalit7 nella nostra casa *alle**iante. 0on si p)3 fare a .eno di prestare soccorso ad )n po(ero dia(olo perse*)itato4 noi li rice(ia.o a bordo, e per .a**ior sic)re88a prendia.o il lar*o. Ci3 non costa n)lla, e sal(a per lo .eno la (ita a 6)alc)no dei nostri si.ili, il 6)ale, all occasione, sa essere riconoscente del ser(i8io reso, indicandoci )n b)on l)o*o o(e sbarcare le nostre .ercan8ie sen8a essere inco.odati dai c)riosi.: :Va bene: disse +ran8. :!nc-e (oi, .io caro #aetano, siete d)n6)e )n po contrabbandiere<: :E-, c-e (olete: disse, con )n sorriso i.possibile a descri(ersi, :si fa )n po di t)tto4 biso*na p)r (i(ere.: :!llora (oi siete con a.ici 6)ando (i tro(ate co*li att)ali abitatori dell isola di Montecristo.: :Pressappoco... 0oi .arinai abbia.o alc)ni se*ni per riconoscerci.: :E credete c-e non a(re.o n)lla a te.ere sbarcando anc-e noi<: :!ssol)ta.ente n)lla? I contrabbandieri non sono ladri?: :Ma 6)esti d)e banditi corsi...: riprese +ran8, calcolando pri.a t)tte le e(ent)alit7 del pericolo. :E-, .io ;io: disse #aetano, :non 1 colpa loro se sono banditi, .a colpa altr)i.: :In c-e .odo<: :"en8a d)bbio, essi sono perse*)itati non per altro, c-e per a(er fatta la pelle a 6)alc)no, .ossi da spirito di (endetta Kdel c-e non li lodoL, .a p)re accade cos2.: :C-e intendete col fare la pelle< !(ere assassinato )n )o.o<: disse +ran8. :Intendo a(ere )cciso )n ne.ico?: rispose il pilota. :Il c-e 1 .olto di(erso.: :Ebbene: disse il *io(ane, :andia.o d)n6)e a do.andare ospitalit7 ai contrabbandieri ed ai banditi. Credete c-e ci (err7 accordata<: :"en8a alc)n d)bbio.: :D)anti sono<: :/re contrabbandieri e d)e banditi.:

:Va bene, sono app)nto in n).ero pari al nostro> noi sia.o in for8a )*)ale, nel caso c-e 6)esti si*nori .ostrassero catti(e inten8ioni, e per conse*)en8a in *rado di poter contenerli. Per l )lti.a (olta d)n6)e> andia.o a Montecristo.: :"2, Eccellen8a... Ma ci per.ette ancora di prendere 6)alc-e ca)tela<: :E in 6)al .odo, .io caro< "iete sa**io co.e 0estore, e pr)dente co.e Ulisse. Intanto faccio ancor pi@ c-e per.etter(elo, perc-5 (e ne pre*o.: :Ebbene, silen8io allora?: disse #aetano. /)tti tac6)ero. Per )n )o.o co.e +ran8 c-e osser(a(a t)tte le cose nel loro (ero p)nto di (ista, la sit)a8ione, sen8a essere pericolosa non era per3 pri(a di )na certa *ra(it7. E*li si tro(a(a nella pi@ profonda osc)rit7, isolato in .e88o al .are con .arinai c-e non conosce(a, c-e non a(e(ano alc)na ra*ione d esser*li affe8ionati, e c-e sape(ano c-e a(e(a nella (entriera 6)alc-e .i*liaio di franc-i, e c-e per pi@ (olte, se non in(idiato, a(e(ano al.eno esa.inate con .olta c)riosit7 le s)e ar.i, c-e erano bellissi.e. ; altra parte e*li approda(a con 6)esta sorta di )o.ini in )n isola c-e, sebbene portasse )n no.e .olto reli*ioso, non se.bra(a, dati i tre contrabbandieri e i d)e banditi, pro.ettere )n ospitalit7 .olto caritate(ole poi la storia dei basti.enti .andati a fondo, c-e di *iorno *li era se.brata esa*erata, di notte *li appar(e (erosi.ile. Posto fra 6)esti d)e pericoli, forse i..a*inari, .a fors anc-e reali, non abbandona(a i s)oi )o.ini con *li occ-i, n5 il f)cile con la .ano. I .arinai a(e(ano n)o(a.ente spie*ata la (ela ed a(e(ano preso la scia *i7 percorsa nell andare e (enire. !ttra(erso l osc)rit7, +ran8, )n poco abit)ato alle tenebre, distin*)e(a il *i*ante di *ranito c-e la barca anda(a coste**iando4 poi final.ente, oltrepassando di n)o(o l an*olo di )na roccia, scoperse il f)oco c-e brilla(a pi@ (i(a.ente c-e .ai, e intorno al 6)ale erano sed)te 6)attro, o cin6)e persone. Il ri(erbero del f)oco si estende(a a )n centinaio di passi nel .are. #aetano coste**i3 la l)ce, .antenendo se.pre la barca nella parte .eno ill).inata4 6)indi, 6)ando f) t)tta diri.petto al f)oco, (olse s) 6)ello, ed entr3 nel cerc-io l).inoso, intonando )na can8one da pescatori di c)i canta(a le strofe e*li solo, ed i co.pa*ni ripete(ano in coro il ritornello. !lla pri.a parola della can8one, *li )o.ini intorno al f)oco si erano al8ati4 e si erano a((icinati al .olo, con *li occ-i fissi s)lla barca, sfor8andosi (isibil.ente di *i)dicarne la for8a, e d indo(inarne le inten8ioni. Ben presto par(e c-e a(essero fatto )n esa.e s)fficiente, e ad ecce8ione di )no c-e ri.ase in piedi a fare la sentinella, *li altri andarono a sedersi intorno al f)oco da(anti al 6)ale (eni(a arrostito )n capretto t)tto intero. D)ando il battello f) a (enti passi dalla terra, l )o.o c-e sta(a di sentinella s)lla spia**ia fece .acc-inal.ente colla carabina )n atto si.ile a 6)ello di )n soldato in fa8ione 6)ando aspetta la patt)*lia, e *rid3, :c-i (i(e<:, in dialetto sardo. +ran8 .ont3 fredda.ente i d)e f)cili, #aetano sca.bi3 con 6)est )o.o alc)ne parole c-e il (ia**iatore non cap2, .a c-e do(e(ano necessaria.ente ri*)ardarlo, perc-5 #aetano (ol*endosi *li c-iese> :Vostra Eccellen8a

()ol dire il s)o no.e, o conser(are l inco*nito<: :Il .io no.e de( esser del t)tto sconosci)to a 6)esti si*nori: rispose +ran8, :d)n6)e dite loro soltanto c-e io sono )n francese c-e (ia**ia per diletto.: !llorc-5 #aetano ebbe tras.essa 6)esta risposta, la sentinella dette )n ordine ad )no de*li )o.ini intorno al f)oco c-e s)bito si al83, e dispar(e fra le rocce. "e*)2 )n silen8io di 6)alc-e .in)to. Ciasc)no se.bra(a preocc)pato dei propri affari> +ran8 dello sbarco, i .arinai delle (ele, i contrabbandieri del loro capretto4 .a in .e88o a 6)esta apparente nonc)ran8a t)tti si osser(a(ano attenta.ente. L )o.o c-e si era allontanato rico.par(e presto dal lato opposto a 6)ello da c)i era sparito4 fece )n se*no colla testa alla sentinella, c-e (oltandosi alla barca si li.it3 a dire> :" acco.odi:. Il s acco.odi de*li italiani non 1 trad)cibile in altra lin*)a> si*nifica ad )n te.po> :Venite, entrate, siate il ben(en)to, fate co.e se foste in casa (ostra, (oi siete il padrone:, il s acco.odi 1 6)ella frase t)rca di Moli1re c-e .era(i*lia(a tanto il *entil)o.o bor*-ese per la 6)antit7 di si*nificati c-e contene(a. I .arinai non se lo fecero dire d)e (olte, in d)e colpi di re.i, la barca tocc3 terra. #aetano salt3 a pr)a, sca.bi3 ancora 6)alc-e parola a (oce bassa con la sentinella, i co.pa*ni discesero l )n dopo l altro, 6)indi tocc3 final.ente a +ran8. E*li a(e(a )no dei f)cili a bandoliera, #aetano l altro> )no dei .arinai tene(a la carabina. Il (estito, )n .isto del cost).e di )n artista e di )n dandM, non ispir3 alc)n sospetto ai s)oi ospiti e per conse*)en8a ness)na in6)iet)dine. !ssic)rata la barca alla spia**ia, si a((iarono per cercare )n co.odo spa8io al bi(acco4 .a la dire8ione c-e presero non piace(a al contrabbandiere c-e face(a le f)n8ioni di (i*ilare, perc-5 *rid3 a #aetano> :0on da 6)ella parte?: #aetano balbett3 )na sc)sa, e sen8a a**i)n*ere parola si .osse (erso la parte opposta, .entre i d)e .arinai accesero dei ra.i d albero al f)oco per farne )na torcia e ill).inare il sentiero. +ecero circa trenta passi e si fer.arono sopra )na piccola spianata, t)tta circondata di rocce nelle 6)ali erano stati scolpiti alc)ni sedili, inca(ati in .odo c-e si pote(a stare sed)ti al coperto. Intorno (erde**ia(ano alc)ne 6)erce sel(a**e e dei cesp)*li di .irto. +ran8 prese )no dei ra.i accesi c-e ser(i(ano da torcia, e f) il pri.o a riconoscere dalla co.odit7 del l)o*o, c-e 6)esta do(e(a essere )na delle soste abit)ali dei (isitatori dell isola di Montecristo. D)anto alla s)a aspettati(a di disa((ent)re, era cessata4 )na (olta .esso piede a terra, )na (olta constatata la disponibilit7 se non a.ic-e(ole, al.eno indifferente dei s)oi ospiti, o*ni preocc)pa8ione era sparita, e all odore del capretto c-e arrosti(a nel (icino bi(acco, la preocc)pa8ione era ca.biata in appetito. ;isse d)e parole a #aetano, e 6)esti rispose c-e n)lla era pi@ facile 6)anto l allestire )na cena in poc-i .in)ti, a(endo nella barca del pane, del (ino, le pernici prese alla caccia, e )n b)on f)oco per farle arrostire. :; altra parte: a**i)nse, :se Vostra Eccellen8a 1 tentato dall odore del capretto, posso andare dai nostri (icini con d)e dei (ostri )ccelli ed offrirli in ca.bio di )n pe88o del loro capro.: :+ate: disse +ran8, :fate p)re, #aetano, (oi siete nato (era.ente col *enio di ne*o8iare.: 0el fratte.po i .arinai a(e(ano di(elto dei ra.i

dalle .acc-ie, e fatti dei fasci di .irto e di 6)erce (erdi, a c)i a(e(ano dato f)oco, )n focolare .olto rispettabile. +ran8 aspett3 d)n6)e con i.pa8ien8a Kann)sando se.pre l odore del caprettoL il ritorno del pilota, ed allorc-5 6)esti rico.par(e, a(e(a )n aspetto .olto preocc)pato. :Ebbene: do.and3, :c-e abbia.o di n)o(o< 1 stata rifi)tata la nostra offerta<: :!l contrario: disse #aetano, :il capo, c)i 1 stato detto c-e (oi siete )n *entil)o.o francese, ( in(ita a cena con l)i.: :Va bene: disse +ran8, :1 )n )o.o .olto ci(ile 6)esto capo, e non (edo perc-5 do(rei ric)sare, tanto pi@ c-e porto la .ia parte di cena.: :O-, non 1 6)esto, e*li -a di c-e cenare e al di l7 del biso*no, .a .ette )na sin*olare condi8ione alla (ostra (isita in casa s)a.: :In casa s)a<: disse il *io(ane. :Fa d)n6)e fatto costr)ire )na casa<: :0o, .a possiede )n apparta.ento .olto co.odo, al.eno a 6)anto si assic)ra.: :;)n6)e conoscete 6)esto capo<: :0e -o soltanto sentito parlare.: :In bene o in .ale<: :In t)tti e d)e i .odi.: :C-e dia(olo? E 6)al 1 la condi8ione c-e . i.pone<: :C-e (i lasciate bendare *li occ-i, e c-e non tentiate di to*lier(i la benda c-e 6)ando (e lo dir7 l)i stesso.: +ran8 inda*3 per 6)anto possibile lo s*)ardo di #aetano per sapere ci3 c-e nasconde(a 6)esta proposta. :O-, dia(olo: riprese 6)esti, rispondendo al pensiero di +ran8. :Io so bene, la cosa .erita .olta riflessione.: :C-e fareste (oi al posto .io<: c-iese il *io(ane. :Io, c-e non -o niente da perdere, accetterei.: :!ccettereste<: :0on foss altro c-e per c)riosit7.: :Vi 1 d)n6)e 6)alc-e cosa di c)rioso da (edere presso 6)esto capo<: :!scoltate: disse #aetano abbassando la (oce, :io non so se t)tto ci3 c-e si dice 1 (ero.: D)i si fer.3 *)ardando attorno se 6)alc-e estraneo ascolta(a. :E c-e si dice<: :"i dice c-e 6)esto persona**io abiti )n pala88o sotterraneo, in para*one del 6)ale il pala88o Pitti 1 poca cosa.: :D)esto 1 )n so*no?: disse +ran8. :O-, non 1 )n so*no, 1 )na realt7. Ca.a, il pilota del "an +erdinando, (i entr3 )n *iorno, e ne )sc2 t)tto .era(i*liato, dicendo c-e si.ili tesori non si tro(ano c-e nei racconti delle fate.: :Ma sapete (oi: disse +ran8, :c-e con si.ili parole .i fareste credere di do(er discendere nella ca(erna di !l2 Bab7?: :;ico ci3 c-e .i 1 stato detto, Eccellen8a.: :!llora .i consi*liate di accettare<: :O-, non dico 6)esto, Vostra Eccellen8a faccia ci3 c-e .e*lio crede4 non (orrei dar(i )n consi*lio in )n si.ile fran*ente.: +ran8 riflett5 per 6)alc-e .o.ento, e co.prese c-e 6)est )o.o cos2 ricco non pote(a a(er preso di .ira l)i c-e non porta(a altro c-e 6)alc-e .i*liaio di franc-i> e sicco.e in t)tto 6)esto non intra(ede(a c-e )n eccellente cena, accett3. #aetano and3 a portare la risposta. !bbia.o detto c-e +ran8 era pr)dente4 e per 6)esto (olle racco*liere 6)anti pi@ particolari possibile s) )n ospite cos2 strano e .isterioso. "i ri(olse d)n6)e ad )n .arinaio, c-e d)rante 6)esto te.po a(e(a spennato le pernici con la *ra(it7 di )n )o.o fiero delle s)e f)n8ioni, e *li c-iese con c-e barca 6)esti )o.ini a(e(ano pot)to approdare, non (edendo n5 barc-e, n5 speroniere, n5 tartane.

:O-, non 1 6)esto c-e .i d7 pensiero: disse il .arinaio, :conosco il basti.ento s)l 6)ale .ontano.: := )n bel basti.ento<: :0e a)*)ro a Vostra Eccellen 8a )no si.ile per fare il *iro del .ondo.: :E di c-e sta88a<: :;i circa cento tonnellate. ;el resto 1 )n basti.ento da diporto, )no Mac-t, co.e dicono *li in*lesi, .a costr)ito in .odo da potersi tenere in .are per l)n*o (ia**io.: :E do( 1 stato costr)ito<: :0on so, .a credo a #eno(a.: :E co.e .ai )n capo di contrabbandieri: contin)3 +ran8, :osa far costr)ire )no Mac-t per il s)o co..ercio clandestino in )n porto di #eno(a<: :0on -o detto c-e il proprietario di 6)esto Mac-t sia )n capo di contrabbandieri.: :0o, .a .i se.bra c-e lo abbia detto #aetano.: :#aetano a(e(a (isto *li )o.ini dell e6)ipa**io da lontano, e 6)ando lo disse non a(e(a ancora parlato ad alc)no.: :Ma se 6)est )o.o non 1 )n capo di contrabbandieri, c-i 1 .ai<: := )n ricco si*nore c-e (ia**ia per diletto.: :!ndia.o a(anti: pens3 +ran8, :il persona**io di(enta se.pre pi@ .isterioso, poic-5 i racconti sono di(ersi: e disse> :Co.e si c-ia.a<:. :D)ando *li si do.anda, risponde c-e si c-ia.a "indbad il .arinaio4 .a d)bito c-e 6)esto sia il s)o (ero no.e.: :"indbad il .arinaio<: :"2.: :E do(e abita 6)esto si*nore<: :")l .are.: :;i 6)ale paese 1<: :0on lo so.: :L a(ete .ai (ed)to<: :D)alc-e (olta.: :C-e )o.o 1<: :L Eccellen8a Vostra ne *i)dic-er7 da se stessa.: :E do(e .i rice(er7<: :"en8a d)bbio nel pala88o sotterraneo di c)i (i -a parlato #aetano.: :E non a(ete .ai a()to la c)riosit7 6)ando siete (en)to 6)i ed a(ete tro(ata l isola deserta, di cercare di penetrare in 6)esto pala88o incantato<: :O-, da((ero, Eccellen8a, e pi@ d )na (olta, .a le nostre ricerc-e sono se.pre ri)scite in)tili. 0oi abbia.o cercato la *rotta dappert)tto, e non abbia.o tro(ato il pi@ piccolo passa**io. "i dice per3 c-e la porta non si apra con )na c-ia(e, .a con )na parola .a*ica.: :!ndia.o p)r innan8i: .or.or3 +ran8, :ecco.i capitato in )no dei racconti delle Mille e )na notte.: :")a Eccellen8a (i aspetta: disse )na (oce dietro a l)i, c-e riconobbe per 6)ella della sentinella. Il n)o(o arri(ato era acco.pa*nato da d)e altri )o.ini dell e6)ipa**io dello Mac-t. Per t)tta risposta, +ran8 si ca(3 di tasca il fa88oletto e lo present3 a col)i c-e a(e(a parlato. "en8a dire )na parola, *li f)rono bendati *li occ-i con .olta ca)tela4 *li f) fatto *i)rare c-e non a(rebbe tentato in ness)n .odo di to*liersi la benda pri.a c-e fosse in(itato a farlo. E*li *i)r3. !llora i d)e )o.ini lo presero ciasc)no per )n braccio, e s inca..in3 *)idato da essi e preced)to dalla

sentinella. ;opo )na trentina di passi sent2 dal calore della brace e dall odore se.pre pi@ appetitoso del capretto c-e ripassa(a da(anti al bi(acco, 6)indi *li (enne fatta contin)are la strada per altri cin6)anta passi, inoltrandosi e(idente.ente (erso la parte do(e la sentinella non a(e(a per.esso a #aetano di penetrare, proibi8ione c-e ora si capi(a. Ben presto )n ca.bia.ento di at.osfera a((erti +ran8 c-e entra(a in )n sotterraneo. ;opo alc)ni secondi di ca..ino sent2 aprirsi )na porta, e *li se.br3 c-e l at.osfera .)tasse di nat)ra, di(entasse tiepida e prof).ata, e s accorse allora c-e i piedi posa(ano sopra )n tappeto fitto e .orbido4 in 6)el .o.ento le *)ide lo abbandonarono. "i fece )n bre(e silen8io, ed )na (oce disse in b)on francese, 6)ant)n6)e con )n accento straniero> :"i*nore, siete il ben(en)to in casa .ia, e potete to*lier(i la benda.: Co.e si int)i(a facil.ente, +ran8 non si fece ripetere l in(ito d)e (olte, si le(3 il fa88oletto, e si ritro(3 diri.petto a )n )o.o s)i trentotto 6)aranta anni c-e indossa(a )n cost).e t)nisino, (ale a dire )na calotta rossa con )na l)n*a nappa di seta t)rc-ina, )na (este di panno nero t)tta rica.ata d oro, pantaloni color san*)e di b)e lar*-i e *onfi, le *-ette dello stesso colore orlate d oro co.e la (este, ed i pianelli *ialli, )na .a*nifica sciarpa di cac-e.ire *li cin*e(a la (ita al disopra dei fianc-i, e )n piccolo can*iaro ac)to e ric)r(o passa(a dentro alla cint)ra. D)ant)n6)e di )n pallore 6)asi li(ido, 6)est )o.o a(e(a )na fisono.ia .olto bella> *li occ-i erano (i(i e penetranti, il naso dritto, e 6)asi a li(ello della fronte, tradi(a il tipo *reco in t)tta la s)a p)re88a, e i denti bianc-i co.e perle spicca(ano .irabil.ente sotto i baffi neri. "oltanto 6)esto pallore era strano> si sarebbe detto )n )o.o rinc-i)so da l)n*o te.po in )na to.ba c-e non a(esse pot)to riprendere la carna*ione dei (i(i. "en8a essere di *rande persona, era ben fatto, e co.e *li )o.ini del .e88o*iorno, a(e(a le .ani e i piedi piccoli. Ma ci3 c-e .era(i*li3 +ran8, c-e a(e(a trattato da (isionario #aetano, f) la sont)osit7 de*li arredi. /)tta la ca.era era parata di stoffa t)rca di color cre.isi tess)ta a fiori d oro. In )n (ano c era )na specie di sof7 sor.ontato da )n trofeo di ar.i coi foderi di ar*ento dorato e te.pestate di pietre risplendenti4 dal soffitto pende(a )na la.pada di cristallo di Vene8ia di )n color *ra8ioso, e i piedi posa(ano s) )n tappeto t)rco. Ma*nific-e le portiere per le 6)ali entr3 +ran8, e da(anti ad )n altra porta c-e .ette(a in )na seconda ca.era splendida.ente ill).inata. L ospite lasci3 +ran8 per alc)ni .o.enti t)tto st)pito, intanto non tralascia(a di esa.inarlo da capo a piedi. :"i*nore: disse final.ente, :(i c-iedo perdono delle ca)tele c-e son costretto a prendere con 6)elli c-e (en*ono introdotti 6)i, .a sicco.e la .a**ior parte dell anno, 6)est isola 1 deserta, se il se*reto di 6)esta di.ora fosse conosci)to, al .io ritorno, sen8a d)bbio, tro(erei 6)esto .io rif)*io in catti(o stato4 cosa c-e .i dispiacerebbe i..ensa.ente, non per la perdita c-e .i ca)serebbe, .a perc-5 non a(rei pi@ la certe88a di

poter.i separare dal resto del .ondo 6)ando .e ne (enisse la (olont7. +rattanto cerc-er3 di far(i di.enticare 6)esto piccolo dist)rbo con l offrir(i ci3 c-e non a(reste certa.ente cred)to di ritro(ar .ai in 6)est isola, )na cena passabile ed )n letto abbastan8a b)ono.: :In fede .ia, caro ospite: rispose +ran8, :non (edo perc-5 dobbiate fare sc)se> -o se.pre sap)to c-e si bendano *li occ-i alle persone c-e entrano nei pala88i incantati, (edete Ra)l ne*li U*onotti, e (era.ente non posso la.entar.i, perc-5 ci3 c-e .i .ostrate appartiene alle .era(i*lie delle Mille e )na notte.: :!-, potrei dir(i co.e L)c)llo, se a(essi sap)to di a(ere l onore di )na (ostra (isita, .i sarei preparato. Ma infine .etto a (ostra disposi8ione il .io ere.o co. 14 e (i offro la .ia cena, per 6)anto poca cosa. !l2, 1 pronto<: 0el .edesi.o istante la portiera si solle(3, e )n .oro della 0)bia, nero co.e l ebano, e (estito d )na se.plice tonaca bianca, fece se*no al padrone c-e pote(a passare nella ca.era da pran8o. :Ora: disse lo sconosci)to a +ran8, :non so se siate del .io a((iso, .a tro(o c-e non (i 1 niente di pi@ inco.odo 6)anto restare d)e o tre ore in )na stan8a, sen8a sapere con 6)ale no.e o 6)al titolo c-ia.arsi. Rispetto troppo le le**i dell ospitalit7 per non do.andar(i n5 il no.e n5 il titolo4 (i pre*o soltanto di indicar.i co.e indiri88ar(i la parola. In 6)anto a .e, per le(ar(i o*ni inco.odo, (i dir3 c-e -anno l abit)dine di c-ia.ar.i "indbad il .arinaio.: :Ed io: rispose +ran8, :(i dir3, c-e sicco.e non .i .anca altro, per essere nella sit)a8ione di !ladino, c-e la fa.osa la.pada .era(i*liosa, cos2 non tro(o ness)na difficolt7 c-e per il .o.ento .i c-ia.iate !ladino. Cos2 non andre.o f)ori di Oriente, do(e son tentato di credere di essere stato trasportato dalla poten8a di 6)alc-e b)on *enio.: :Ebbene, si*nor !ladino: disse lo strano anfitrione, :a(ete inteso c-e 1 t)tto preparato< !bbiate d)n6)e il dist)rbo di passare nella sala da pran8o4 il (ostro ).ilissi.o ser(itore andr7 innan8i per indicar(i il ca..ino.: ! 6)este parole (enne solle(ata la portiera, e "indbad pass3 effetti(a.ente da(anti a +ran8. +ran8 passa(a da incanto in incanto> la ta(ola era splendida.ente apparecc-iata. Una (olta con(into di 6)esto p)nto i.portante, *ir3 lo s*)ardo intorno a s5. La sala da pran8o non era .eno splendida dell altra> essa era t)tta in .ar.o con bassorilie(i antic-i del .a**ior pre88o, e ai 6)attro an*oli di 6)esta sala al6)anto bisl)n*a sta(ano 6)attro stat)e con in capo dei cestelli contenenti delle pira.idi di fr)tta .a*nific-e> ananas di "icilia, .ele *ranate di Mala*a, porto*alli delle isole Baleari, pesc-e di +rancia e datteri di /)nisi. La cena si co.pone(a di )n fa*iano arrostito con contorno di .erli di Corsica, )n cosciotto di cin*-iale con la *elatina, )n 6)arto di capretto alla tartara, e )na *i*antesca ara*osta4 tra i piatti, piattini c-e contene(ano antipasti. I piatti erano d ar*ento, i piattini di porcellana del #iappone. +ran8 si strofin3 *li occ-i per assic)rarsi bene c-e non stra(ede(a. !l2 solo era i.pie*ato a fare il ser(i8io e se ne disi.pe*na(a .olto bene. Il con(itato fece i co.pli.enti al s)o ospite.

:"2: disse 6)esti facendo *li onori della cena con .olta disin(olt)ra, :s2, 6)esto po(ero dia(olo .i 1 .olto affe8ionato, e fa il .e*lio c-e p)3. "i ricorda c-e *li -o sal(ato la (ita, e sicco.e a.a .olto la (ita, a 6)anto pare, .i professa della riconoscen8a per a(er*liela conser(ata.: !l2, 6)ant)n6)e non intendesse )na parola in francese, accor*endosi da*li s*)ardi di "indbad c-e parla(a di l)i, si a((icin3 alla ta(ola, prese la .ano del padrone e la baci3. :"arei troppo indiscreto, si*nor "indbad, se (i c-iedessi in 6)ale occasione faceste )n cos2 bell atto<: :O-, .io ;io, 1 )na cosa ben se.plice. "e.bra c-e il f)rbo a(esse ron8ato (icino al serra*lio del BeM di /)nisi, pi@ di 6)el c-e fosse con(eniente ad )no del s)o colore, per c)i (enne condannato dal BeM ad a(ere la lin*)a, la .ano e la testa ta*liate4 la lin*)a il pri.o *iorno la .ano il secondo, e la testa il ter8o. !(e(o se.pre desiderato di a(ere )n .)to al .io ser(i8io> aspettai c-e *li fosse ta*liata la lin*)a e andai a proporre al BeM di dar.elo in ca.bio di )n .a*nifico f)cile a d)e canne c-e il *iorno pri.a .i era se.brato a(esse destato i desideri di ")a !lte88a. E*li stette per )n .o.ento in forse, tanto *li pre.e(a di finirla con 6)esto po(ero dia(olo. Ma io a**i)nsi s)bito al f)cile )n coltello da caccia in*lese, col 6)ale a(e(o spe88ato il *)atan di ")a !lte88a4 il BeM si risol(ette a far*li *ra8ia della .ano destra e della testa, a condi8ione per3 c-e non a(rebbe .ai pi@ .esso piede in /)nisi. La racco.anda8ione era in)tile. D)ando il .iscredente (ede le coste d !frica, per 6)anto siano lontane, corre a sal(arsi nel fondo del basti.ento, e non si p)3 farlo )scire di l7 c-e 6)ando si 1 f)ori (ista della ter8a parte del .ondo.: +ran8 rest3 )n poco .)to e pensieroso cercando ci3 c-e do(e(a pensare della cr)dele bonariet7 con la 6)ale il s)o ospite *li a(e(a fatto 6)esto racconto. :E (oi passate la (ostra (ita: disse, cercando di ca.biare con(ersa8ione, :(ia**iando co.e il de*no .arinaio di c)i a(ete preso il no.e<: :"2, 1 )n (oto c-e feci in te.pi nei 6)ali non crede(o di poterlo co.piere...: disse lo sconosci)to sorridendo. :0e -o fatti p)re alc)ni altri in 6)esto .odo, e spero ben presto poterli co.piere.: D)ant)n6)e "indbad a(esse pron)nciate tali parole con la pi@ *rande pacate88a, p)re i s)oi occ-i a(e(ano lanciato )no s*)ardo di sel(a**ia ferocia. :Voi a(ete .olto sofferto, si*nore<: disse +ran8. :;a c-e lo ar*)ite<: disse. :;a t)tto: rispose +ran8, :dalla (ostra (oce, dal (ostro s*)ardo e dalla (ita stessa c-e cond)cete.: :Io cond)co la (ita pi@ felice c-e si conosca, )na (era (ita da pasci7> .i piace )n l)o*o, (i resto, .e ne annoio, parto> sono libero co.e l )ccello, -o le ali co.e l)i. Le *enti c-e .i circondano .i obbediscono4 e 6)alc-e (olta .i di(erto ad inceppare la *i)sti8ia ).ana o to*liendole )n bandito c-e cerca, o )n *alant)o.o c-e perse*)ita. Poi -o la .ia *i)sti8ia4 *i)sti8ia alta e bassa sen8a dila8ione, sen8a appello, c-e condanna o assol(e ed alla 6)ale ness)no p)3 obiettare. !-, se a(este *)stata la .ia (ita, non ne (orreste altra, e non rientrereste *ia..ai nel .ondo, a .eno c-e non a(este da co.piere )n 6)alc-e *ran co.pito.:

:Una (endetta, per ese.pio?: disse +ran8. Lo sconosci)to fiss3 s)l *io(ane )no di 6)e*li s*)ardi c-e penetrano nel pi@ profondo del c)ore e del pensiero. :E perc-5 )na (endetta<: do.and3. :Perc-5: so**i)nse +ran8, :(oi a(ete l aspetto di )n )o.o c-e, perse*)itato dalla societ7, -a 6)alc-e terribile conto da re*olare.: :Ebbene: disse "indbad, ridendo con 6)ello strano riso c-e .ostra(a i denti bianc-i ed ac)ti, :non a(ete indo(inato. Io sono )na specie di filantropo, e forse )n *iorno andr3 a Pari*i per far conoscen8a col si*nor !ppert, l )o.o dal piccolo .antello bl).: :E sar7 la pri.a (olta c-e farete 6)esto (ia**io<: :O-, .io ;io, s2... Fo l aspetto di essere ben poco c)rioso, non 1 (ero< Ma (i assic)ro c-e non f) colpa .ia se -o ritardato tanto4 ci3 accadr7 da )n *iorno all altro.: :E pensate di farlo presto 6)esto (ia**io<: :0on lo so ancora4 dipende da con*i)nt)re sottoposte ad incerte co.bina8ioni.: :Vorrei esser(i al te.po in c)i (i (errete4 cerc-erei di render(i, per 6)anto .i fosse possibile, l ospitalit7 c-e cos2 lar*a.ente .i prodi*ate a Montecristo.: :!ccetterei la (ostra offerta con *ran piacere: rispose l ospite, :.a dis*ra8iata.ente, se (i (ado, ci3 sar7 forse in inco*nito?: +rattanto la cena si a(an8a(a e se.bra(a essere stata preparata soltanto per +ran8, perc-5 era .olto se lo sconosci)to a(e(a toccato coi denti )no o d)e piatti dello splendido festino c-e a(e(a offerto e al 6)ale il s)o inatteso con(itato a(e(a fatto cos2 lar*a.ente onore. +inal.ente !l2 port3 la fr)tta, o pi)ttosto prese i cestelli dal capo delle stat)e e li pos3 s)lla ta(ola. +ra i 6)attro cestelli pose )na ta88a d ar*ento dorata, c-i)sa da )n coperc-io dello stesso .etallo. Il rispetto col 6)ale !l2 a(e(a portata 6)esta ta88a p)nse la c)riosit7 di +ran8. !l83 il coperc-io e (ide )n specie di pasta (erdastra c-e asso.i*lia(a alle confett)re d !n*elica, .a a l)i del t)tto sconosci)ta. Ri.ise il coperc-io sen8a a(er sap)to c-e cosa contene(a la ta88a, e (ol*endo *li occ-i s)l s)o ospite (ide c-e sorride(a del s)o i.paccio. :Voi non potete indo(inare: disse 6)esti, :6)ale specie di co..estibile conten*a 6)esto piccolo (aso, e ci3 (i d7 a pensare... 0on 1 (ero<: :Lo confesso.: :Ebbene, 6)esta specie di confett)ra (erde 1 l a.brosia c-e Ebe ser(i(a alla ta(ola di #io(e.: :Ma codesta a.brosia: disse +ran8, :passando per le .ani de*li )o.ini, a(r7 certa.ente perd)to il no.e celeste per prenderne )no ).ano. In lin*)a (ol*are, co.e si c-ia.a 6)esto in*rediente per il 6)ale non sento per3 di a(ere *rande si.patia<: :!-, ecco precisa.ente: *rid3 "indbad, :spesse (olte noi passia.o .olto (icini alla fort)na sen8a (ederla, sen8a *)ardarla, sen8a riconoscerla. "iete )n )o.o positi(o, e l oro 1 il (ostro idolo< #)state di 6)esta, e le .iniere del Per@, di #i8erate e di #ol*onda (i saranno aperte. "iete )n )o.o di i..a*ina8ione< "iete poeta<

#)staste di 6)esta, e le barriere del possibile spariranno4 (i si apriranno i ca.pi dell infinito, e passe**erete libero di c)ore, di spirito nei do.ini sen8a confine dell ideale. "iete a.bi8ioso< Correte dietro le *rande88e della terra< #)state di 6)esta, e dopo )n ora sarete ideal.ente, non re di )n piccolo re*no nascosto in )n an*olo d E)ropa, co.e la +rancia, la "pa*na o l In*-ilterra, .a sarete il Re del .ondo. Il (ostro trono sar7 eretto sopra le .onta*ne di "atanasso e sen8a a(er biso*no di far*li o.a**io, sen8a essere costretto a baciarne *li arti*li, sarete il so(rano, padrone di t)tti i re*ni della terra. 0on (i tenta ci3 c-e (i offro, dite< 0on (i se.bra cosa facile< Osser(ate?: ! 6)este parole scopr2 la piccola ta88a di ar*ento dorato c-e contene(a la sostan8a tanto lodata, prese )n c)cc-iaio da caff1 di 6)esta confett)ra .a*ica, la port3 alla bocca, e l assapor3 lenta.ente con *li occ-i se.ic-i)si e la testa ro(esciata all indietro. +ran8 *li lasci3 t)tto il te.po di sorbire il s)o cibo fa(orito4 poi 6)ando (ide c-e ritorna(a )n poco in s5> :Ma final.ente c-e cos 1 6)esta (i(anda pre8iosa<: :!(ete .ai inteso parlare del Vecc-io della Monta*na, 6)ello stesso c-e (olle fare assassinare +ilippo !)*)sto<: :"en8a d)bbio.: :Ebbene, (oi sapete c-e re*na(a in )na ricca (allata do.inata dalla .onta*na di c)i a(e(a preso il no.e pittoresco. In 6)esta (allata c erano .a*nifici *iardini piantati da FassenCBenC"aba-, e in 6)esti *iardini (i erano dei padi*lioni isolati> in 6)esti face(a entrare i s)oi eletti, e l7 face(a loro .an*iare, disse Marco Polo, )na certa erba c-e li trasporta(a nell Eden, in .e88o a piante se.pre fiorite, a fr)tti se.pre .at)ri. Ora ci3 c-e 6)esti *io(ani felici prende(ano per )na realt7 non era c-e )n so*no, .a )n cos2 dolce, inebriante, )n cos2 (ol)tt)oso so*no, c-e si (ende(ano intera.ente a col)i c-e lo elar*i(a, e *li obbedi(ano cieca.ente. Essi anda(ano a colpire in capo al .ondo la (itti.a desi*nata, .ori(ano fra i tor.enti della tort)ra sen8a la.entarsi, nella sola idea c-e 6)ella .orte c-e soffri(ano non era c-e )n passa**io a 6)ella (ita di deli8ie di c)i l erba .isteriosa, ora a(anti a (oi, a(e(a dato )n sa**io.: :!llora: *rid3 +ran8, :1 l -as-is-. "2, la conosco, al.eno di no.e.: :Precisa.ente, (oi a(ete detto il s)o (ero no.e, si*nor !ladino, 6)esto 1 -as-is-, t)tto ci3 c-e si fa di .e*lio e di pi@ p)ro in -as-is- ad !lessandria, l -as-is- d !bo) #or, il *ran confett)riere, l )o.o al 6)ale si do(rebbe fabbricare )n pala88o con 6)esta iscri8ione> !L MERC!0/E ;ELL! +ELICI/!, IL MO0;O RICO0O"CE0/E.: :"apete: disse +ran8, :c-e .i (iene (o*lia di *i)dicare da .e stesso 6)anto ( 1 di (ero nei (ostri sperticati elo*i<: :#i)dicate> .a non siate soddisfatto di )n pri.o esperi.ento. Co.e in t)tte le cose, biso*na abit)are i sensi ad )na cos2 n)o(a i.pressione, sia essa dolce o (iolenta, sia triste o *ioconda. Vi 1 )na lotta della nat)ra contro 6)esta portentosa sostan8a, della nat)ra c-e non 1 fatta per la *ioia e c-e ci a((ince al dolore.

Biso*na c-e la nat)ra (inta socco.ba nel conflitto4 biso*na c-e la realt7 s)cceda al so*no, e allora il so*no re*na co.e padrone, allora 1 il so*no c-e di(enta (ita, e la (ita di(iene so*no. Ma 6)al differen8a in 6)esta trasfi*)ra8ione? Para*onando i dolori dell esisten8a reale ai *odi.enti della fitti8ia, non (orrete pi@ (i(ere, .a (orrete se.pre so*nare. D)ando lascerete il (ostro .ondo per passare al .ondo de*li altri, (i se.brer7 di passare ad )na pri.a(era napoletana da )n in(erno della Lapponia. Vi se.brer7 di lasciare l Eden per la terra, il cielo per l inferno. #)state dell -as-is- .io caro, *)statene?: Per t)tta risposta +ran8 prese )n c)cc-iaio di 6)esta pasta .era(i*liosa, .is)rato s)lla 6)antit7 c-e ne a(e(a presa il s)o anfitrione, e la port3 alla bocca. :;ia(olo?: disse, dopo a(ere in*-iottito 6)esta pasta di(ina. :Io non so se il ris)ltato sar7 *rade(ole 6)anto dite, .a la sostan8a non .i se.bra tanto saporosa 6)anto affer.a(ate.: :Perc-5 le papille del palato non sono ancora adatte alla s)bli.it7 della sostan8a c-e *)stano. ;ite.i, la pri.a (olta c-e *)staste le ostric-e, il t1, il porter, i tart)fi, li assaporaste con tanto piacere 6)anto ne a(este poi in se*)ito< Co.prendereste il piacere c-e pro(a(ano i ro.ani nel condire i fa*iani con l assafetida, ed i cinesi, c-e .an*iano i nidi delle rondinelle< E-, .io ;io, no. Ebbene, 1 lo stesso con l -as-is-> .an*iatene soltanto otto *iorni di se*)ito, e poi, ness)n n)tri.ento al .ondo (i se.brer7 della s6)isite88a di 6)esto, c-e o**i (i se.bra forse fetido e na)seante. Ma ora passia.o alla ca.era (icina, e !l2 ci ser(ir7 il caff1, e ci dar7 le pipe.: /)tti e d)e si al8arono, e .entre col)i c)i si 1 dato il no.e di "indbad, e cos2 c-ia.ato per distin*)erlo dal s)o con(itato, da(a alc)ni ordini al s)o do.estico, +ran8 entr3 nella ca.era atti*)a. D)esta era arredata pi@ se.plice.ente 6)ant)n6)e non .eno ricca.ente4 di for.a rotonda, )n *ran di(ano le *ira(a intorno. Ma il di(ano, i .)ri, il soffitto, e il pa(i.ento erano ricoperti di .a*nific-e pelli lisce e .orbide co.e pi@ .orbido tappeto4 erano pelli di leoni dell !tlante dalle possenti criniere, pelli di ti*ri del Ben*ala dalle calde ri*-e, pelli di pantere del Capo, scre8iate co.e 6)ella c-e appar(e a ;ante4 final.ente pelli d orsi della "iberia, e di (olpi della 0or(e*ia, e t)tte *ettate in prof)sione le )ne s)lle altre, di.odoc-5 si sarebbe cred)to di ca..inare s)i prati pi@ fioriti, e di riposare s)i letti pi@ soffici. /)tti e d)e si stesero sopra i di(ani, )na 6)antit7 di pipe con le canne di *elso.ino e le i.boccat)re d a.bra erano a portata di .ano, e *i7 preparate affinc-5 non si a(esse la noia di f).are d)e (olte nella stessa> ne presero )na per ciasc)no. !l2 le accese, ed )sc2 per andare a prendere il caff1. Vi f) )n po di silen8io, d)rante il 6)ale "indbad si lasci3 trasportare dai pensieri c-e se.bra(a l occ)passero sen8a posa anc-e in .e88o alla con(ersa8ione, e +ran8 si abbandon3 a 6)ella .)ta esalta8ione, alla 6)ale si cede 6)asi se.pre f).ando )n eccellente tabacco, c-e se.bra portar (ia con la f).ata t)tte le pene dello spirito, e rendere al f).atore t)tti i so*ni dell ani.a. !l2 port3 il caff1. :Co.e lo prendete<: disse l inco*nito, :alla francese o alla t)rca, forte o le**ero, con 8)cc-ero o sen8a, filtrato o bollito< "ce*liete4 c 1 preparato in t)tti i .odi.:

:Lo prender3 alla t)rca: disse +ran8. :E a(ete ra*ione> ci3 pro(a c-e a(ete disposi8ione per la (ita orientale. !-, *li orientali, sono i soli c-e sappiano (i(ere. In 6)anto a .e: so**i)nse, con )no di 6)ei sorrisi sin*olari c-e non sf)**ono, :6)ando a(r3 finito i .iei affari a Pari*i, andr3 a .orire in Oriente, e se (orrete ritro(ar.i biso*ner7 c-e .i cerc-iate o al Cairo, o a Ba*dad, o a Ispa-an.: :In fede .ia: disse +ran8, :6)esta sar7 la cosa pi@ facile del .ondo perc-5 se.bra c-e .i sp)ntino le ali d a6)ila, e con 6)este farei il *iro del .ondo in (enti6)attro ore.: :!-, a-, 1 l -as-is- c-e opera? Ebbene, aprite le ali, e (olate nelle re*ioni so(r).ane4 non te.ete, si (e*lia s) (oi, e se, co.e 6)elle d Icaro, le (ostre ali si li6)efanno al sole, noi sia.o 6)i per rice(er(i.: ;isse 6)alc-e parola araba ad !l2, c-e fece )n se*no d obbedien8a, e si ritir3 .a sen8a allontanarsi. In 6)anto a +ran8, )na strana trasfor.a8ione si opera(a in l)i> t)tta la fatica fisica della *iornata, t)tte le preocc)pa8ioni c-e a(e(ano fatto nascere *li a((eni.enti della sera, spari(ano co.e in )n .o.ento di riposo in c)i si 1 s(e*li abbastan8a per sentire c-e il sonno (iene. "e.bra(a c-e il corpo ac6)istasse )na le**ere88a f)ori del .ateriale, lo spirito s ill).inasse in .odo ina)dito4 i sensi se.bra(ano raddoppiare le loro facolt7. L ori88onte si allar*a(a, .a non l ori88onte c)po s)l 6)ale ale**ia )n (a*o terrore, 6)ale l a(e(a osser(ato pri.a del sonno, .a )n ori88onte a88)rro, trasparente, (asto con t)tto ci3 c-e il .are -a di bello, c-e il sole -a di ra**i, c-e la bre88a -a di prof).o> 6)indi, in .e88o al canto dei s)oi .arinai, canto cos2 li.pido e c-iaro, c-e se ne sarebbe fatta )n ar.onia celeste se si fosse pot)to, (ede(a co.parire l isola di Montecristo non pi@ co.e )no sco*lio .inaccioso s)i fl)tti, .a co.e )n oasi perd)ta nel deserto4 poi a seconda c-e la barca s a((icina(a, i canti di(eni(ano pi@ n).erosi, poic-5 )n ar.onia incantatrice e .isteriosa sali(a da 6)est isola al cielo, co.e se 6)alc-e fata co.e LorelaM, o 6)alc-e .a*o co.e !.fione a(esse (ol)to attirar(i 6)alc-e spirito, o fabbricar(i )na citt7. +inal.ente la barca tocc3 la ri(a, .a sen8a scossa, allo stesso .odo c-e le labbra toccano le labbra, e se.br3 a +ran8 di entrare nella *rotta sen8a c-e cessasse 6)esta incante(ole .)sica4 discese, o .e*lio *li se.br3 scendere 6)alc-e scalino respirando )n aria fresca e bals a.ica co.e 6)ella c-e circonda(a l isola di Circe, co.posta di tanti prof).i da far andar in estasi, di ardori tali da far br)ciare i sensi, e ri(ide t)tto ci3 c-e a(e(a (ed)to pri.a del so*no, co.inciando dall ospite fantastico "indbad fino ad !l2 il .)to ser(itore4 poi *li se.br3 c-e t)tto si cancellasse, e si confondesse sotto i s)oi occ-i co.e le )lti.e o.bre di lanterna .a*ica c-e si spen*a, e si ritro(3 nella ca.era delle stat)e, ill).inata soltanto da )na di 6)elle la.pade antic-e e pallide c-e ardono nel .e88o della notte s)l sonno della (ol)tt7. Erano le stesse stat)e belle per le for.e e per la poesia, con *li occ-i .a*netici, con i capelli abbondanti4 erano +rine, Cleopatra, Messalina, le tre donne pi@ celebri per la loro dissol)te88a4 poi nel .e88o di 6)este

s introd)ce(a )na di 6)elle o.bre cal.e, )na di 6)elle (isioni dolci c-e se.brano coprir di )n (elo *li occ-i (er*inali. !llora *li se.br3 c-e 6)este tre stat)e a(essero ri)niti i loro a.ori per )n sol )o.o e c-e 6)esti fosse l)i4 c-e si a((icinassero do(e face(a )n secondo so*no, coi piedi coperti dalle loro l)n*-e e bianc-e tonac-e, coi capelli cadenti ad onde, in )na di 6)elle pose irresistibili, con )no di 6)e*li s*)ardi inflessibili e ardenti, pari a 6)ello c-e (ibra il serpente all )ccello, e c-e l)i si abbandonasse a 6)e*li s*)ardi, dolorosi co.e )n laccio, (ol)tt)osi co.e )n bacio. "e.br3 a +ran8 di c-i)dere *li occ-i e, attra(erso l )lti.o s*)ardo intorno, intra(edere la stat)a p)dica c-e si (ela(a interna.ente4 6)indi, i s)oi occ-i c-i)si alle cose reali, i s)oi sensi si aprirono alle i.pressioni i.possibili. !llora, per +ran8 c-e s)bi(a la pri.a (olta l effetto dell -as-is-, f) )na (ol)tt7, )n a.ore co.e 6)ello c-e pro.ette(a il Vecc-io della Monta*na ai s)oi se*)aci. Capitolo A$. IL RI"VE#LIO. !llorc-5 +ran8 ritorn3 in s5, *li o**etti esteriori *li se.brarono )na seconda parte del s)o so*no4 si credette in )n sepolcro do(e a stento penetra(a appena )n ra**io di sole, si.ile a )n s*)ardo di piet7. "tese la .ano, e sent2 del .ar.o, si .ise a sedere, e si tro(3 a((olto nel .antello sopra )n letto di 8olle, secc-e, .olto .olli ed odorifere. /)tta la (isione era sparita, e, co.e se le stat)e non fossero state c-e o.bre )scite dai sepolcri d)rante il s)o so*no, erano sparite al ris(e*lio. +ece 6)alc-e passo (erso il p)nto da do(e (eni(a la l)ce, ed a t)tta l a*ita8ione del sonno s)ccesse la cal.a della realt7. "i (ide in )na *rotta, si a(an83 (erso l apert)ra, ed attra(erso la porta centinata scopr2 )n bel cielo t)rc-ino, ed )n .are a88)rro. L aria e l ac6)a risplende(ano ai ra**i del sole .att)tino4 i .arinai erano s)lla ri(a, discorrendo e ridendo4 a distan8a di dieci passi la barca onde**ia(a s)l .are tratten)ta dall ancora. !llora *)st3 per 6)alc-e te.po 6)ella fresca bre88a c-e *li passa(a s)lla fronte, ascolt3 il debole r).ore dell onda c-e .ori(a s)lla spia**ia, lasciando s)lle rocce )n contorno di sc-i).a bianca co.e l ar*ento4 si lasci3 andare sen8a riflettere, sen8a pensare a 6)ell incanto celeste, c-e -anno le cose della nat)ra particolar.ente 6)ando si esce da )n so*no fantastico> poi )n poco alla (olta la (ita esterna cos2 pacifica, cos2 *rande *li ri.and3 la in(erosi.i*lian8a del s)o so*no, ed i trascorsi fatti co.inciarono a rientrare nella s)a .e.oria. "i so((enne dell arri(o nell isola, del .odo con c)i f) presentato al capo dei contrabbandieri, del pala88o sotterraneo pieno di splendore dell eccellente cena, e del c)cc-iaio di -as-is-. "olo, in faccia a 6)esta realt7, e in pieno *iorno, *li se.br3 al.eno )n anno c-e tali cose fossero a((en)te, tanto il so*no c-e a(e(a fatto si era i.presso nel s)o pensiero, e a(e(a preso for8a nel s)o spirito.

! tratti la s)a i..a*ina8ione face(a apparire in .e88o ai .arinai, o tra(ersare )no sco*lio o librarsi s)lla barca, )na di 6)elle o.bre c-e a(e(ano ricol.a la notte di s*)ardi e di baci. Peraltro a(e(a la testa del t)tto libera, e il corpo perfetta.ente riposato4 non alc)na pesante88a nel cer(ello, c-e an8i risenti(a )n certo benessere *enerale, )na .a**iore disposi8ione a *odere dell aria e del sole. "i a((icin3 d)n6)e con ilarit7 ai .arinai. Co.e lo (idero, si al8arono, ed il padrone si a((icin3 a l)i. :Il si*nor "indbad: disse, :ci -a incaricato dei s)oi co.pli.enti per la Vostra Eccellen8a e ci -a detto di espri.er(i il dispiacere c-e -a di non poter prendere con*edo di persona, .a spera c-e lo sc)serete 6)ando saprete c-e )n affare i.portantissi.o lo -a c-ia.ato a Mala*a.: := d)n6)e (ero, .io caro #aetano: disse +ran8, :t)tto ci3 c-e .i 1 accad)to< Esiste in realt7 )n )o.o c-e .i -a offerto )n ospitalit7 re*ale e c-e 1 partito d)rante il .io sonno<: := tanto (ero, c-e potete (edere il s)o piccolo Mac-t c-e si allontana a (ele *onfie, e se (olete prendere il cannocc-iale potrete scor*ere probabil.ente il (ostro ospite in .e88o al s)o e6)ipa**io.: ;icendo 6)este parole, #aetano stende(a il braccio nella dire8ione di )n piccolo basti.ento c-e face(a (ela (erso la p)nta .eridionale della Corsica. +ran8 prese )n piccolo cannocc-iale, lo .ise a p)nto e lo diresse (erso il l)o*o indicato. #aetano non s in*anna(a> s)lla poppa del basti.ento (ede(a il .isterioso ospite, c-e ritto, e (oltato dalla s)a parte, tene(a e*li p)re il cannocc-iale p)ntato (erso di l)i. Era (estito con lo stesso cost).e con c)i era apparso la sera pri.a al s)o con(itato e co.e s accorse di essere *)ardato a*it3 il fa88oletto in se*no di addio. +ran8 rese il sal)to, e ca(ando e*li p)re il fa88oletto lo a*it3 a s)a (olta. ;opo )n .in)to, )na piccola n)be di f).o sorse a poppa del basti.ento, si stacc3 *ra8iosa.ente e sal2 lenta.ente in alto, 6)indi )na debole esplosione *i)nse fino a +ran8. :"entite, sentite?: disse #aetano. :Eccolo l7, (i dice addio...: Il *io(ane prese la carabina, e la scaric3 in aria, .a sen8a speran8a c-e il r).ore potesse s)perare la distan8a c-e separa(a lo Mac-t dalla costa. :C-e co.anda Vostra Eccellen8a<: disse #aetano. :C-e proc)riate di accendere s)bito )na torcia.: :!-, s2, capisco: disse #aetano, :per cercare l entrata dell apparta.ento Con piacere, Eccellen8a, se la cosa (i di(erte (i dar3 s)bito la torcia c-e c-iedete. Ma io p)re ebbi la (ostra idea, e per tre o 6)attro (olte -o stancata la .ia c)riosit7, ed -o finito per rin)nciar(i.: :#io(anni: so**i)nse, :accendi )na torcia.: #io(anni obbed2, +ran8 prese la torcia, ed entr3 nel sotterraneo se*)ito da #aetano. E*li riconobbe il posto do(e si era s(e*liato dal letto di 8olle ancora t)tto sco.posto, .a non *li (alse *irare la torcia sopra t)tta la s)perficie della *rotta4 non (ide n)lla, eccetto 6)alc-e traccia di f).o c-e testi.onia(a c-e altri a(e(ano tentata in)til.ente la stessa ricerca. /)tta(ia non lasci3 )n centi.etro di 6)el .)ro di *ranito, i.penetrabile co.e l a((enire, sen8a esa.inarlo, non (ide )na screpolat)ra sen8a c-e ( introd)cesse la la.a del coltello da caccia4 non osser(3 alc)n p)nto spor*ere sen8a co.pri.erlo nella speran8a c-e cedesse4 .a t)tto f) in)tile, e sen8a alc)n ris)ltato perdette d)e

ore in 6)esta ricerca. !lfine rin)nci3 ad o*ni )lteriore inda*ine. #aetano trionfa(a. D)ando +ran8 ritorn3 s)lla spia**ia, lo Mac-t non era c-e )n p)nto bianco all ori88onte4 ricorse al cannocc-iale, .a anc-e con 6)esto str).ento non distinse n)lla. #aetano *li ricord3 c-e era (en)to per cacciare le capre, il c-e se.bra(a a(esse di.enticato> prese il f)cile, si .ise a percorrere l isola co.e )n )o.o c-e co.pie )n do(ere in(ece di prendersi diletto, e in capo ad )n 6)arto d ora a(e(a *i7 )cciso )na capra e d)e capretti. Ma 6)este capre, 6)ant)n6)e sel(a**e e f)**iasc-e co.e i ca.osci, a(e(ano troppa rasso.i*lian8a con le nostre capre do.estic-e, per c)i +ran8 non le consider3 sel(a**ina. Poi idee .olto pi@ possenti occ)pa(ano il s)o spirito. +in dalla scorsa notte si ritene(a )n (ero eroe di )n racconto fa(oloso delle Mille e )na notte, e si senti(a ricondotto (erso la *rotta da )na for8a in(incibile. Mal*rado l in)tilit7 della s)a pri.a per6)isi8ione, ne co.inci3 )na seconda, dopo a(er detto a #aetano di fare arrostire )no dei capretti. D)esta seconda inda*ine d)r3 .olto te.po, poic-5 6)ando ritorn3 il capretto era arrostito e la cola8ione preparata. +ran8 si assise nel l)o*o in c)i la sera innan8i a(e(a rice()to l in(ito a cena dal s)o ospite .isterioso, e ri(ide ancora )na p)nta bianca, il piccolo Mac-t c-e contin)a(a ad inoltrarsi (erso la Corsica. :Ma: disse a #aetano, :non .i a(ete detto c-e "indbad face(a (ela per Mala*a, .entre .i se.bra c-e (ada diretta.ente (erso Porto Vecc-io<: :0on (i ricordate pi@: rispose il .arinaio, :c-e fra la *ente c-e co.pone(a il s)o e6)ipa**io si tro(a(ano d)e banditi corsi<: := (ero? !ndr7 a d epositarli s)lla costa.: :Precisa.ente. !-, 6)esto 1 )n indi(id)o: *rid3 #aetano, :c-e non te.e cosa alc)na, per 6)anto .i (ien detto, e c-e per dare ai)to ad )n po(er )o.o de(ierebbe il s)o (ia**io di cin6)anta le*-e.: :Ma 6)esto *enere di ai)to potrebbe .etterlo nei pasticci col .a*istrato del paese do(e esercita tal *enere di filantropia...: disse +ran8. :Ebbene: so**i)nse #aetano ridendo, :c-e cosa fanno a l)i i .a*istrati< E*li se la ride? 0on -anno c-e tentare di perse*)itarlo. Intanto il s)o Mac-t non 1 )n na(i*lio, .a )n )ccello, e darebbe tre nodi s) dodici ad )na fre*ata, e poi non -a c-e a *ettarsi e*li stesso s)lla costa, e in o*ni l)o*o tro(erebbe a.ici.: Era c-iaro in 6)esta faccenda c-e "indbad, l ospite di +ran8, a(e(a l onore di essere in re la8ione con i contrabbandieri e i banditi di t)tte le coste del Mediterraneo. Il c-e, per3, riconfer.a(a la s)a strana posi8ione. +ran8 non a(e(a pi@ niente c-e lo trattenesse a Montecristo a(e(a perd)to o*ni speran8a di ritro(are il se*reto della *rotta. "i affrett3 d)n6)e a far cola8ione, ordinando ai s)oi )o.ini di tener pronta la barca per il .o.ento c-e a(rebbe finito. Me88 ora dopo era a bordo. #ett3 )n )lti.o s*)ardo s)llo Mac-t c-e sta(a per sparire nel #olfo di Porto Vecc-io.

;ette il se*nale della parten8a. 0ello stesso .o.ento in c)i la barca si .ette(a in .o(i.ento, lo Mac-t spari(a, e con esso si cancella(a l )lti.a realt7 della notte precedente> la cena, "indbad, l -as-is-, e le stat)e, t)tto co.incia(a per +ran8 a confondersi nello stesso so*no. La barca ca..in3 t)tto il *iorno e t)tta la notte> e l indo.ani, 6)ando il sole si al8a(a, l isola di Montecristo era a s)a (olta sparita. Messo piede a terra, +ran8 di.entic3, .o.entanea.ente al.eno *li a((eni.enti passati, per non occ)parsi pi@ c-e dei s)oi affari di piacere o di obbli*o in +iren8e, e di ra**i)n*ere il co.pa*no c-e lo aspetta(a a Ro.a> part2 d)n6)e col corriere e il sabato sera si ritro(a(a s)lla pia88a della ;o*ana. L apparta.ento, co.e si disse, era *i7 stato fissato da 6)alc-e te.po non resta(a d)n6)e c-e recarsi all alber*o di Pastrini. 0on era .olto facile, .entre la folla in*o.bra(a le strade, e Ro.a era *i7 in preda a 6)el r).ore sordo e febbrile c-e precede i *randi a((eni.enti. ! Ro.a non (i sono c-e 6)attro *randi a((eni.enti in )n anno> il carne(ale, la setti.ana santa, il Corp)s ;o.ini, e la festa di "an Pietro /)tto il resto dell anno la citt7 ricade nella solita apatia, stato inter.edio fra la (ita e la .orte, c-e la rende si.ile a )na specie di re*ione fra 6)esto .ondo e l altro4 re*ione s)bli.e, alta, piena di poesia e di carattere, c-e +ran8 a(e(a *i7 (isitata cin6)e o sei (olte, e a(e(a ritro(ata se.pre pi@ .era(i*liosa e pi@ fantastica. +inal.ente tra(ers3 6)ella folla, c-e se.pre pi@ s in*rossa(a, e *i)nse all alber*o. !lla pri.a do.anda, *li f) risposto, con 6)ell i.pertinen8a propria dei cocc-ieri delle carro88e e dei ca.erieri delle *randi locande, c-e non (i era posto per l)i all alber*o Londra. !llora in(i3 il s)o bi*lietto a Pastrini, e si fece ann)nciare ad !lberto de Morcerf. Il .e88o ri)sc2, e Pastrini accorse e*li stesso sc)sandosi di a(er fatto aspettare ")a Eccellen8a, ri.pro(erando i ser(i, prendendo il l).e dalla .ano del ser(itore di pia88a. "i dispone(a a cond)rlo nelle ca.ere di !lberto, 6)ando 6)esti *li (enne incontro. L apparta.ento fissato si co.pone(a di d)e piccole stan8e e di )n so**iorno. Le d)e ca.ere da(ano s)lla strada, particolarit7 c-e Pastrini fece (alere co.e a**i)n*esse )n .erito inappre88abile. Il ri.anente del piano era dato in fitto ad )n ricco persona**io, cred)to .altese o siciliano4 l alber*atore non pot5 dirlo precisa.ente. :/)tto (a bene, si*nor Pastrini: disse +ran8, :.a ci (orrebbe s)bito )na cena per 6)esta sera, ed )na carro88a per do.ani e per i *iorni s)ccessi(i.: :In 6)anto alla cena sarete s)bito ser(ito, .a circa la carro88a...: :Co.e circa la carro88a?: *rid3 !lberto. :Un .o.ento )n .o.ento... non sc-er8ia.o, Pastrini, ci abbiso*na )na carro88a.: :Eccellen8a: disse l alber*atore, :si far7 t)tto 6)ello c-e si potr7 per a(erne )na, ecco ci3 c-e posso dir(i.: :E 6)ando a(re.o la risposta<: do.and3 +ran8. :;o.ani .attina: rispose l alber*atore. :C-e dia(olo?: disse !lberto, :si pa*-er7 pi@ cara, ecco t)tto... "i sa co.e accade> da ;iake e da !aron si pa*a (enti franc-i nei *iorni ordinari e trenta o trentacin6)e franc-i in occasione di feste4 .ettete cin6)e franc-i di *i)nta c-e far7 6)aranta, e non ne parlia.o pi@.:

:Fo pa)ra c-e 6)esti si*nori, 6)and anc-e offrissero il doppio, non possano tro(arla.: :!llora si facciano attaccare i ca(alli alla .ia... E )n poco scrostata per il (ia**io, .a non i.porta.: :0on si tro(eranno ca(alli.: !lberto *)ard3 +ran8 co.e )n )o.o c-e rice(e )na risposta inco.prensibile. :Capite, +ran8< 0on (i saranno ca(alli? Ma si potranno a(ere ca(alli di posta<: :"ono t)tti i.pe*nati da 6)indici *iorni, e non restano c-e 6)elli destinati al necessario ser(i8io.: :C-e ne dite<: do.and3 +ran8. :;ico c-e allor6)ando )na cosa 1 al di sopra della .ia intelli*en8a, -o l abit)dine di non fer.ar.ici, e di passare a(anti. La cena 1 pronta<: :"2, Eccellen8a.: :Ebbene, per ora cenia.o.: :Ma la carro88a e i ca(alli<: do.and3 +ran8. :"tate tran6)illo, a.ico caro, (erranno da s54 non si tratter7 c-e di fissare il pre88o.: Morcerf con 6)ell a..irabile filosofia dell )o.o, c-e n)lla crede i.possibile fino a c-e la borsa 1 piena e il portafo*li *)arnito, cen3, and3 a riposare, e so*n3 di essere al corso in )na carro88a a sei ca(alli. Capitolo AA. I BRI#!0/I. Il *iorno dopo +ran8 si s(e*li3 per pri.o, e appena desto s)on3. Il tintinnio del ca.panello ris)ona(a ancora 6)ando Pastrini entr3 di persona. :Ebbene?: disse l alber*atore trionfante, e sen8a aspettare c-e +ran8 lo interro*asse. :+ace(o bene ieri sera a non pro.ettere niente4 a(ete aspettato troppo, e adesso non c 1 nepp)re )na carro88a da nolo in Ro.a per tre *iorni, s intende.: :"2: rispose +ran8, :(ale a dire per 6)elli in c)i 1 assol)ta.ente necessaria?: :C-e c 1<: do.and3 !lberto entrando. :0on si tro(ano carro88e<: :Precisa.ente .io caro a.ico: rispose +ran8. :!(ete indo(inato al pri.o colpo.: :!-, 1 )na *ran bella citt7 6)esta (ostra citt7 eterna?: :Cio1, Eccellen8a: riprese Pastrini, c-e desidera(a .antenere la capitale del .ondo cristiano in )n certo decoro in faccia ai (ia**iatori, :non (i sono pi@ carro88e da do.enica .attina a .arted2 sera4 .a da o**i a do.enica ne tro(erete cin6)anta, se lo (olete.: :0on 1 poco: disse !lberto. :O**i 1 *io(ed24 c-i sa di 6)i a do.enica 6)ello c-e p)3 accadere.: :!ccadr7 l arri(o di dieci o dodici .ila forestieri: rispose +ran8, ai 6)ali renderanno la difficolt7 se.pre pi@ *rande.: :!.ico .io: disse Morcerf, :*odia.o del presente, non ci prendia.o c)ra dell a((enire.: :!l.eno: do.and3 +ran8, :potre.o a(ere )na finestra<: :") c-e strada<: :")l Corso, per Bacco?: :!- s2, )na finestra: escla.3 Pastrini, :i.possibilissi.o? 0e resta(a )na al 6)into piano del pala88o ;oria, ed 1 stata affittata ad )n principe r)sso per (enti 8ecc-ini al *iorno.: I d)e *io(ani si *)ardarono con aria st)pefatta. :Ebbene, .io caro: disse +ran8 ad !lberto. :"apete ci3 c-e torna .e*lio di fare< !ndare a finire il carne(ale a Vene8ia4 al.eno l7, se non tro(ia.o carro88e, tro(ere.o *ondole?: :!-, in fede .ia: *rid3 !lberto, :-o deciso di (edere il carne(ale di Ro.a, e lo (edr3, fosse anc-e sopra )na panc-etta?:

:Bra(o?: *rid3 +ran8. := )n idea .a*nifica, particolar.ente per spe*nere i .occoletti4 ci .asc-erere.o da P)lcinella e fare.o )n effetto .era(i*lioso.: :Le Loro Eccellen8e desiderano se.pre la carro88a fino a do.enica<: :Per Bacco: disse !lberto, :credete c-e noi sia.o persone da correre le strade di Ro.a a piedi co.e i portieri e i c)rsori<: :Vado ad ese*)ire *li ordini delle Loro Eccellen8e: disse Pastrini, :le pre(en*o soltanto c-e la carro88a coster7 sei sc)di al *iorno.: :Ed io, caro Pastrini: disse +ran8, :c-e non sono il .ilionario nostro (icino, (i pre(en*o per parte .ia c-e essendo la 6)arta (olta c-e (en*o a Ro.a, conosco il pre88o delle carro88e per i *iorni ordinari, le do.enic-e e le feste4 (i dare.o dodici piastre per o**i, do.ani e dopo do.ani, e (oi ci tro(erete anc-e )n non piccolo *)ada*no.: :Ma Eccellen8a...: disse Pastrini, tentando di ribellarsi. :!ndate, andate .io caro: disse +ran8, :o (ado io stesso a fare il pre88o dal padrone delle sc)derie, c-e conosco bene4 1 )n (ecc-io a.ico, .i -a *i7 r)bato non poco denaro, e, nella speran8a di r)bar.ene dell altro, accetter7 anc-e per )n pre88o .inore di 6)ello c-e (i offro4 perdereste la differen8a e per colpa (ostra.: :0on (i prendete 6)esto inco.odo, Eccellen8a: disse Pastrini col sorriso dello spec)latore di locanda c-e si confessa (into, :far3 il .e*lio c-e potr3, e sarete contento.: :! .era(i*lia4 ecco ci3 c-e si c-ia.a parlare.: :D)ando (olete la carro88a<: :+ra )n ora.: :+ra )n ora sar7 alla porta.: Un ora dopo effetti(a.ente la carro88a aspetta(a i d)e *io(ani4 era )n .odesto calesse, c-e per la solennit7 della festa era salito al *rado di carro88a di pia88a. Ma 6)ant)n6)e di .ediocre apparen8a, i d)e *io(ani sarebbero stati ben contenti di a(ere )n tale (eicolo per *li )lti.i tre *iorni del carne(ale. :Eccellen8a: *rid3 il ser(itore di pia88a, (edendo +ran8 .ettere il naso alla finestra, :()ole c-e faccia a((icinare la carro88a al pala88o<: Per 6)anto +ran8 fosse abit)ato all enfasi italiana, il s)o pri.o .o(i.ento f) di *)ardarsi intorno, .a a l)i stesso (eni(ano ri(olte 6)elle parole... +ran8 era l Eccellen8a, il calesse era la carro88a, il pala88o era l alber*o Londra. /)tto il *enio della na8ione era in 6)esta sola frase. +ran8 ed !lberto discesero, la carro88a si a((icin3 al pala88o, le Loro Eccellen8e all)n*arono le *a.be s)i posti da(anti, e il cicerone salt3 s)l sedile di dietro. :;o(e (o*liono andare le Loro Eccellen8e<: :Pri.a a "an Pietro e poi al Colosseo: disse !lberto da (ero pari*ino. Ma non sape(a )na cosa, cio1 c-e ci ()ole )n *iorno per (edere "an Pietro, e )n .ese per st)diarlo. La *iornata f) t)tta i.pie*ata nel (eder "an Pietro. ; i.pro((iso i d)e a.ici si accorsero c-e il *iorno declina(a. +ran8 ca(3 l orolo*io> erano le 6)attro e .e88o. Ritornarono all alber*o. #i)nti alla porta, +ran8 dette ordine di tenersi pronto per le otto4 (ole(a far (edere ad !lberto il Colosseo al c-iaro di l)na, co.e *li a(e(a fatto (edere "an Pietro in pieno *iorno.

!llorc-5 si fa (edere ad )n a.ico )na citt7, c-e si 1 *i7 (ed)ta, ci si .ette 6)ella ci(etteria c-e si )sa 6)ando si indica )na donna della 6)ale si 1 stati l a.ante. In conse*)en8a +ran8 indic3 al cocc-iere il s)o itinerario> do(ete )scire dalla porta del Popolo, andare intorno alle .)ra esterne della citt7, e rientrare dalla porta "an #io(anni. In tal .odo il Colosseo co.pare d i.pro((iso, e sen8a c-e il Ca.pido*lio, il +oro, l !rco di "etti.io "e(ero, il te.pio di !ntonino e +a)stina, e la Via "acra abbiano anticipato *li effetti di 6)elle .aestose ro(ine. "i fer.arono per il pran8o. Pastrini a(e(a pro.esso ai s)oi ospiti )n eccellente desinare, *liene dette )no passabile, non c era n)lla da dire. !lla fine del pran8o entr3 e*li stesso. +ran8 s)lle pri.e credette c-e fosse (en)to per rice(ere i loro co.pli.enti, e si appresta(a a far*lieli allorc-5, alle pri.e parole, e*li lo interr)ppe. :Eccellen8a: disse, :sono l)sin*ato della (ostra appro(a8ione, .a non 1 6)esto il .oti(o c-e .i -a fatto salire da (oi.: := forse per (enirci a dire c-e a(ete tro(ato la carro88a<: do.and3 !lberto, accendendo )n si*aro. :Per niente, ed an8i, Vostra Eccellen8a far7 bene a non pensarci pi@. In Ro.a le cose o si possono o non si possono. D)ando (i si 1 detto c-e non si possono, t)tto 1 finito.: :! Pari*i, 1 .olto pi@ co.odo4 6)ando )na cosa non si p)3 a(ere, la si pa*a il doppio, e si -a s)l .o.ento ci3 c-e si do.anda.: :"ento se.pre dire la stessa cosa da t)tti i francesi: disse Pastrini, )n poco contrariato, :e non so co.prendere co.e con tante .era(i*lie c-e ci sono a Pari*i, i pari*ini (ia**ino.: :Ma 1 cos2: disse !lberto, .andando fle..atica.ente )na f).ata al soffitto e ro(esciando il capo indietro s)lla poltrona, :non (i sono c-e i pa88i, e *li o8iosi co.e noi c-e (ia**ino, la *ente di b)on senso non lascia la casa della r)e Felder, il Bastione di #and, e il Caff1 di Pari*i.: 0on 1 necessario dire c-e abita(a nella strada s)ddetta, c-e t)tti i *iorni face(a la s)a passe**iata ele*ante.ente (estito s)l Bastione di #and, e c-e pran8a(a t)tti i *iorni al Caff1 di Pari*i a(endo confiden8a coi ca.erieri. Pastrini rest3 )n .o.ento silen8ioso, era e(idente c-e .edita(a s)lla risposta c-e *li a(e(a dato !lberto, risposta c-e sen8a d)bbio non *li pare(a .olto c-iara. :Ma infine: disse +ran8 a s)a (olta, interro.pendo le riflessioni *eo*rafic-e del s)o alber*atore, :era(ate (en)to con 6)alc-e scopo> (olete esporci l o**etto della (ostra (isita<: :O- 1 (ero, eccolo> a(ete ordinato la carro88a per le otto.: :"ic)ra.ente.: :!(ete l inten8ione di (isitare il Coliseo?: :Cio1 il Colosseo.: := la stessa cosa.: :"ia.: :!(ete detto al (ostro cocc-iere di )scire dalla porta del Popolo, e fare il *iro delle .)ra per rientrare dalla porta di "an #io(anni?: :D)este sono le .ie precise parole.: :Ebbene, 6)esto itinerario 1 i.possibile, o al.eno .olto pericoloso.: :Pericoloso?< Perc-5<:

:! ca)sa del fa.oso L)i*i Va.pa.: :Per pri.a cosa, .io caro Pastrini, c-i 1 6)esto fa.oso L)i*i Va.pa<: do.and3 !lberto. :P)3 essere fa.osissi.o a Ro.a, .a (i assic)ro c-e 1 perfetta.ente sconosci)to a Pari*i.: :Co.e, non lo conoscete<: :0on -o 6)est onore.: :Ebbene, 1 )n bandito, (icino al 6)ale i ;ecesaris e i #asperoni sono specie di c-ieric-etti.: :!ttenti?: !lberto *rid3. :+ran8, ecco d)n6)e final.ente )n bri*ante? Vi pre(en*o, .io caro Pastrini, c-e non creder3 )na parola di t)tto ci3 c-e state per dirci4 .a parlate 6)anto (olete, (i ascolto.: :C era )na (olta...: :!(anti d)n6)e.: Pastrini si (olse dalla parte di +ran8 se.brando*li il pi@ ra*ione(ole dei d)e *io(ani. Biso*na rendere *i)sti8ia al bra( )o.o> a(e(a allo**iati .olti francesi, .a non a(e(a .ai ben capito ci3 c-e essi c-ia.ano il loro spirito. :Eccellen8a: disse con *ra(it7, (ol*endosi a +ran8, :se .i credete )n cantastorie 1 in)tile c-e (i dica ci3 c-e (ole(o4 posso per3 assic)rar(i c-e lo face(o per la pre.)ra c-e -o per le Loro Eccellen8e.: :!lberto non (i -a detto c-e siete )n cantastorie, .io caro Pastrini, (i -a detto soltanto c-e non (i creder7, .a io (i creder3, state tran6)illo> parlate d)n6)e.: :Per3 con(enite, Eccellen8a, c-e se si .ette in d)bbio la sincerit7 delle .ie parole...: :Mio caro, (oi siete pi@ s)scettibile di Cassandra, c-e p)re era )na indo(ina, e alla 6)ale ness)no crede(a4 .entre (oi siete sic)ro di essere cred)to al.eno dalla .et7 del (ostro )ditorio. "edete(i, diteci c-i 1 6)esto si*nor Va.pa<: :Ve lo dissi, Eccellen8a, 1 )no di 6)ei banditi di c)i non abbia.o .ai a()to l e*)ale dall epoca di Mastrilli.: :Ebbene, c-e rapporto -a 6)esto bandito con l ordine c-e -o dato al cocc-iere di partire da porta del Popolo e di rientrare per porta "an #io(anni.: :C 1: rispose Pastrini, :c-e potreste )scir dall )na .a d)biterei c-e potreste entrare per l altra.: :E perc-5<: do.and3 +ran8. :Perc-5 6)ando 1 notte, non c 1 sic)re88a in 6)elle contrade.: :Parola d onore<: *rid3 !lberto. Pastrini, se.pre p)nto nel fondo dell ani.a per i d)bbi s)lla s)a (eracit7, rispose> :"i*nor conte, ci3 c-e dico non 1 (er (oi, e per il (ostro co.pa*no di (ia**io c-e conosce Ro.a e sa benissi.o c-e s) 6)esti ar*o.enti non si sc-er8a.: :Mio caro: disse !lberto (ol*endosi a +ran8, :ecco )n a..irabile a((ent)ra> e.pia.o il nostro calesse di pistole, tro.boni, e f)cili a d)e canne. L)i*i Va.pa (iene per arrestarci, e noi in(ece arrestia.o l)i> lo portia.o a Ro.a, ne faccia.o )n o.a**io al "enato ro.ano> se il senatore do.anda c-e p)3 fare per di.ostrarci la s)a riconoscen8a, recla.ia.o p)ra.ente e se.plice.ente )na carro88a e d)e ca(alli delle sc)derie del senatore> e ne*li )lti.i *iorni, *odia.o del carne(ale in carro88a, sen8a calcolare c-e il popolo ro.ano riconoscente potrebbe incoronarci in Ca.pido*lio, e procla.arci, co.e C)r8io e Ora8io Coclite, i sal(atori della patria.: :In pri.o l)o*o: do.and3 +ran8 ad !lberto, :do(e prendere 6)este pistole, 6)esti tro.boni, e 6)esti f)cili a d)e canne, coi 6)ali (olete rie.pire la (ostra carro88a<:

:Il fatto sta, c-e certa.ente non potrei prenderli nel .io arsenale: diss e*li, :perc-5 a /erracina .i 1 stato tolto perfino il .io p)*nale. E (oi<: :Mi -anno fatto altrettanto ad !c6)apendente.: :Cos2, .io caro Pastrini: disse !lberto accendendo )n secondo si*aro al resid)o del pri.o, :sapete c-e 6)esta 1 )na fort)na stra.aledetta per 6)ei banditi<: :")a Eccellen8a sa c-e non c 1 l )so di difendersi 6)ando si (iene a**rediti dai banditi: rispose Pastrini, c-e non (ole(a .ettersi a fare osser(a8ioni s)lle le**i d oltralpe. :Co.e<: *rid3 !lberto, il c)i cora**io si ri(olta(a all idea di lasciarsi s(ali*iare sen8a dir niente, :co.e non c 1 l )so<: :0o, perc-5 6)al)n6)e difesa sarebbe in)tile. C-e (olete fare contro )na do88ina di assassini c-e escono da )n fosso, da )n antro o da )n ac6)edotto, e (i .ettono nello stesso te.po le ar.i alla *ola<: :!-, per Bacco? (o*lio far.i a..a88are?: *rid3 !lberto. L alber*atore si (olse (erso +ran8 con )na espressione c-e (ole(a dire> :;a((ero, Eccellen8a, il (ostro ca.erata 1 pa88o:. :Mio caro !lberto: so**i)nse +ran8, :la (ostra risposta 1 s)bli.e, e .erita il :do(ea .orir?: del (ecc-io Cornelio4 soltanto c-e, 6)ando Ora8io risponde(a 6)esto, si tratta(a della sal(e88a di Ro.a, e la cosa era abbastan8a i.portante> .a in 6)anto a noi non si tratterebbe c-e di )n capriccio, e sarebbe ridicolo arrisc-iare la propria (ita per soddisfare )n tal capriccio.: :!-, per Bacco?: *rid3 Pastrini, :alla b)on ora, 6)esto si c-ia.a parlare?: !lberto si (ers3 )n bicc-iere di lacri.acristi, c-e be((e a sorsate fra..ettendo(i )n brontolio di parole conf)se c-e ness)no pot5 intendere. :Ebbene, Pastrini: rispose +ran8, :ora c-e il .io co.pa*no si 1 cal.ato, e (oi a(ete pot)to appre88are le s)e inten8ioni pacific-e, sentia.o> c-i 1 6)esto si*nor L)i*i Va.pa< = *io(ane o (ecc-io< = contadino o patri8io< descri(etecelo affinc-5 se lo a(essi.o per caso da incontrare nella societ7, co.e #io(anni "ba*ar, o Lara, lo possia.o riconoscere.: :0on (i pote(ate ri(ol*ere .e*lio c-e a .e per a(erne esatti particolari, poic-5 -o conosci)to L)i*i Va.pa da ra*a88o, e )n *iorno an8i c-e caddi nelle s)e .ani, andando da +erentino ad !latri, si so((enne, fort)nata.ente per .e, della nostra antica conoscen8a, e non solo .i lasci3 andare libera.ente sen8a esi*ere riscatto, .a (olle far.i il re*alo di )n bell orolo*io, e raccontar.i t)tta la s)a storia.: :Vedia.o l orolo*io: disse !lberto. Pastrini ca(3 dal tasc-ino )n .a*nifico orolo*io a cilindro di Be*)et col no.e dell a)tore, il bollo di Pari*i e )na corona da conte. :Eccolo 6)i: diss e*li. :Poffare?: fece !lberto, :(e ne faccio i .iei co.pli.enti. Io ne -o )no press a poco co.e 6)esto, c-e costa tre.ila franc-i. Eccolo...: e ca(3 l orolo*io dal tasc-ino del *i)bbetto. :"entia.o ora la storia: disse +ran8, tirando )na sedia, e facendo se*no a Pastrini di sedersi. :Le Loro Eccellen8e .i per.ettono...: disse l alber*atore.

:Per Bacco: disse !lberto, :non siete )n predicatore, .io caro, per parlare se.pre in piedi.: L alber*atore si acco.od3, dopo a(er fatto )n sal)to rispettoso a ciasc)no dei s)oi )ditori co.e per far intendere c-e era pronto a dar loro 6)ei particolari c- essi a(essero do.andato. :! noi?: disse +ran8 interro.pendo Pastrini al .o.ento c-e sta(a per aprire bocca. :;ice(ate d a(er conosci)to L)i*i Va.pa 6)ando era ra*a88o4 1 d)n6)e .olto *io(ane ancora<: :Lo credo bene? Fa appena (entid)e anni? = )n *aleotto c-e ne far7 di strada, state sic)ri.: :C-e ne dite !lberto< = )na bella cosa a (entid)e anni essersi *i7 fatta )na rep)ta8ione: disse +ran8. :"2 certa.ente, alla s)a et7, !lessandro, Cesare e 0apoleone non erano tanto a(anti, e s2 c-e -anno fatto poi 6)alc-e r).ore nel .ondo.: :E cos2: riprese +ran8, (ol*endosi all alber*atore, :l eroe di c)i ora sentire.o la storia, non -a c-e (entid)e anni<: :!ppena, co.e ebbi l onore di dir(i.: := *rande o piccolo<: :;i .e88a stat)ra, presso a poco co.e (oi, si*nore: disse l alber*atore, desi*nando !lberto. :#ra8ie del para*one: disse 6)e*li, inc-inandosi. :!(anti, Pastrini: riprese +ran8 sorridendo della s)scettibilit7 del s)o a.ico. :E a 6)al classe della societ7 appartiene<: :Era )n se.plice pastore, addetto alla fattoria del conte "an +elice sit)ata fra Palestrina e il la*o di #abri> nac6)e a Pa.pinara e fino dall et7 di cin6)e anni entr3 al ser(i8io del conte. ")o padre, pastore in !*nani, possede(a )n piccolo *re**e e (i(e(a della lana dei .ontoni e del prodotto delle pecore c-e (eni(a a (endere a Ro.a. +in da fanci)llo il piccolo Va.pa a(e(a )n indole strana. Un *iorno all et7 di sette anni, and3 a tro(are il c)rato di Palestrina, e lo pre*3 d inse*nar*li a le**ere. Era )na cosa assai difficile, perc-5 il pastorello non pote(a lasciare le pecore. Ma il b)on c)rato anda(a t)tti i *iorni a dire la .essa in )n piccolo bor*o, troppo po(ero e troppo poco considere(ole per poter .antener(i )n prete, e c-e, non a(endo nepp)re )n no.e, era conosci)to sotto 6)ello di Bor*o. E*li offr2 a L)i*i di tro(arsi s)lla strada c-e percorre(a nell ora del ritorno, e di dar*li cos2 la le8ione, pre(enendolo c-e 6)esta sarebbe stata corta, e c-e per conse*)en8a a(rebbe do()to applicarsi .olto per renderla profitte(ole. Il fanci)llo accett3 con *ioia. L)i*i cond)ce(a t)tti i *iorni il *re**e a pascolare s)lla strada da Palestrina a Bor*o4 e la .attina alle no(e il c)rato passa(a> il prete ed il fanci)llo si sede(ano s)ll orlo di )n fosso e il *io(ane pastorello prende(a le8ione s)l bre(iario del c)rato. Il prete fece fare a Ro.a da )n .aestro di calli*rafia tre ese.plari di alfabeto, )no *rande, )no .e88ano e l altro piccolo, e *li fece (edere c-e i.itando 6)e*li ese.plari sopra )na pietra di la(a*na, con l ai)to di )na p)nta di ferro, pote(a i.parare a scri(ere. La sera stessa, 6)ando ebbe rinc-i)so il *re**e nell o(ile, il piccolo Va.pa corse dal fabbro ferraio di Palestrina, prese )n *rosso c-iodo e lo arro(ent3, lo .artell3, lo arrotond3, e ne for.3 )na specie di stiletto antico> l indo.ani )n2 )na 6)antit7 di pe88i di la(a*na,

e si .ise all opera. ;opo tre .esi e*li sape(a scri(ere. Il c)rato .era(i*liato di 6)esta profonda intelli*en8a, e a..irando 6)esta attit)dine, *li fece re*alo di parecc-i 6)aderni di carta, di alc)ne penne, e di )n te.perino. !llora ebbe a fare )n altro st)dio4 .a )no st)dio c-e era ben poca cosa dopo il pri.o. Otto *iorni dopo .ane**ia(a la penna co.e pri.a lo stiletto. Il c)rato raccont3 6)est aneddoto al conte di "an +elice, c-e (olle (edere il pastorello, lo fece le**ere e scri(ere innan8i a s5, ordin3 al s)o intendente di farlo .an*iare coi do.estici, asse*nando*li d)e sc)di al .ese. Con 6)esto denaro L)i*i co.pr3 dei libri e delle .atite. ;ifatti applica(a a t)tti *li o**etti il s)o spirito di i.ita8ione, e, co.e #iotto fanci)llo, copia(a s)lle la(a*ne le pecore, *li alberi, le case. Poi con la p)nta del te.perino co.inci3 a ta*liare dei pe88i di le*no, e a dar loro t)tte le for.e c-e (ole(a. Pinelli, l artista popolare, a(e(a co.inciato cos2. Una ra*a88ina di sei sette anni, cio1 poco pi@ *io(ane di Va.pa, era p)r essa alla c)stodia delle pecore in )na (icina ten)ta, presso Palestrina> 6)esta ba.bina era orfana, nata a Val.ontone, e si c-ia.a(a /eresa. I d)e fanci)lli s incontra(ano, sede(ano l )n presso all altro, lascia(ano i loro *re**i .isc-iarsi e pascere insie.e, discorre(ano, ride(ano, sc-er8a(ano4 poi la sera separa(ano il *re**e del conte "an +elice da 6)ello del barone Cer(etri e si lascia(ano, pro.ettendosi di ritro(arsi l indo.ani. L indo.ani infatti .antene(ano la parola, e intanto cresce(ano sia l )no c-e l altra. I loro istinti nat)rali si s(il)pparono. !ccanto al *)sto per le arti, c-e L)i*i a(e(a spinto tant oltre 6)anto 1 per.esso nella solit)dine, e*li era a tratti triste, ardente, collerico per capriccio, b)rbero se.pre. 0ess)no dei *io(ani di Pa.pinara, di Palestrina e di Val.ontone a(e(a pot)to, non solo prendere alc)na infl)en8a s) di l)i, .a nepp)re di(enire s)o co.pa*no. Il s)o te.pera.ento e l essere se.pre disposto ad esi*ere, e non .ai a lasciarsi pie*are ad alc)na concessione, *li allontana(a o*ni approccio a.ic-e(ole, ed o*ni di.ostra8ione di si.patia. /eresa sola co.anda(a con )na parola, con )n *esto, con )no s*)ardo 6)esta indole, c-e cede(a sotto la .ano di )na donna, .a c-e sotto 6)ella di )n )o.o si sarebbe irritata all eccesso. /eresa al contrario era (i(ace, (ispa e *aia, .a eccessi(a.ente ci(ett)ola. I d)e sc)di c-e L)i*i rice(e(a dall intendente di "an +elice, il rica(ato di t)tti i la(ori d inta*lio c-e (ende(a ai .ercanti di *iocattoli in Ro.a, si tra.)ta(ano in orecc-ini di perle, in collane di cristallo, in spilli di oro4 per la prodi*alit7 del *io(ane a.ico, /eresa era la pi@ bella e la pi@ ele*ante di t)tte le contadine delle (icinan8e di Ro.a. I d)e *io(ani contin)a(ano a crescere, passando la *iornata insie.e, e si abbandona(ano sen8a opposi8ione a t)tti i .oti della loro nat)ra4 cos2 nelle con(ersa8ioni, nei loro desideri, nei loro castelli in aria, Va.pa si fi*)ra(a se.pre capitano di (ascello, o *o(ernatore di )na pro(incia4 /eresa si (ede(a ricca, (estita delle pi@ belle stoffe, se*)ita da ser(itori in li(rea. D)ando a(e(ano passata )n intera *iornata ad abbellire il loro a((enire di 6)esti folli e brillanti so*ni, si separa(ano per ricond)rre ciasc)no il s)o *re**e alla stalla, ricadendo

dall alte88a dei so*ni alla ).iliante realt7 della loro condi8ione. Il *io(ane pastore disse )n *iorno all intendente del conte, c-e a(e(a (ed)to )n l)po )scir dalle .onta*ne della "abina e ron8are attorno al *re**e. L intendente *li dette )n f)cile4 era ci3 c-e a.bi(a Va.pa. D)esto f)cile a(e(a )n eccellente canna di Brescia c-e spara(a co.e )na carabina in*lese4 l incassat)ra soltanto era stata in 6)alc-e .odo *)astata dal conte, .entre da(a la caccia alle (olpi, e per 6)esto il f)cile .esso fra *li scarti. 0on c era difficolt7 per )n inta*liatore co.e Va.pa. Esa.in3 la for.a pri.iti(a, calcol3 ci3 c-e biso*na(a ca.biare per .etterlo a posto, e fece )n altra incassat)ra 8eppa di orna.enti cos2 .era(i*liosi c-e certa.ente a(rebbe pot)to *)ada*narci )na (entina di sc)di, dal solo incasso, se fosse (en)to a (enderlo in citt7. Ma non lo (endette> )n f)cile era stato da *ran te.po il so*no del *io(ane. In t)tti i paesi il pri.o biso*no c-e pro(a o*ni c)ore forte, o*ni *io(ane (i*oroso, 1 6)ello di )n ar.a, c-e assic)ri nello stesso te.po l assalto e la difesa, e facendo terribile c-i la porta spesso lo fa te.)to. ;a 6)el *iorno Va.pa i.pie*3 nell eserci8io del f)cile t)tt i .o.enti c-e *li ri.ane(ano liberi> co.pr3 della pol(ere e delle pallottole, e t)tto *li ser(i(a di bersa*lio> il tronco di )n )li(o, triste, pallido e cenerino, c-e (e*eta s)l decli(io delle .onta*ne della "abina4 la (olpe, c-e nella sera )sci(a dalla tana per co.inciare la caccia nott)rna4 l a6)ila, c-e s innal8a per l aria. Ben presto di(ent3 cos2 (alente, c-e /eresa, s)perato 6)el pri.o .oto di pa)ra ca)sata dalla detona8ione, si di(erti(a nel (edere il *io(ane co.pa*no colpire do(e a(e(a indicato, cos2 precisa.ente co.e a(esse acco.pa*nato il tiro con la .ano. Una sera, )n l)po )sc2 effetti(a.ente da )n b)co, (icino al 6)ale i d)e *io(ani a(e(ano l abit)dine di stare4 il l)po non a(e(a fatti dieci passi s)lla pian)ra c-e *i7 era .orto. Va.pa, fiero di 6)esto bel colpo, se lo caric3 s)lle spalle e lo port3 alla fattoria. /)tti 6)esti particolari da(ano a L)i*i )na certa rep)ta8ione nei dintorni della fattoria> l )o.o s)periore in 6)al)n6)e l)o*o si tro(i si for.a )na clientela d a..iratori. 0ei l)o*-i circon(icini si parla(a di 6)esto *io(ane pastore co.e del pi@ destro, del pi@ forte, e del pi@ bra(o contadino c-e fosse a dieci le*-e di distan8a, e 6)ant)n6)e /eresa, in )na 8ona pi@ estesa ancora, passasse per la pi@ bella delle ra*a88e della "abina, p)re ness)no si arrisc-ia(a a dirle )na parola d a.ore, perc-5 la si sape(a a.ata da Va.pa. E frattanto i d)e *io(ani non si erano .ai detti c-e si a.a(ano. !(e(ano (iss)to l )no accanto all altro, co.e d)e alberi c-e )niscono le radici nel s)olo c-e intrecciano i ra.i nell aria, il prof).o nel cielo4 soltanto era in loro lo stesso desiderio di (edersi> 6)esto desiderio di(enne biso*no, ed era per loro assai pi@ facile co.prendere la .orte c-e )na separa8ione, anc-e di )n sol *iorno. /eresa a(e(a allora sedici anni e Va.pa diciassette. In 6)el te.po si co.incia(a a parlare .olto di )na banda di bri*anti c-e si rintana(a s)i .onti Lepini. Il bri*anta**io, per 6)anto efficaci f)rono le .is)re prese, non 1 .ai stato co.pleta.ente sconfitto nelle nostre ca.pa*ne. D)alc-e (olta .anca )n capo, .a, 6)ando se ne presenta )no, 1 difficile c-e .anc-i di )na banda. Il

celebre C)c).etto, perse*)itato ne*li !br)88i, cacciato dal re*no di 0apoli o(e sostenne )na (era *)erra, a(e(a tra(ersato il #ari*liano co.e Manfredi, ed era (en)to fra "onnino e #i)perno, a rif)*iarsi s)lle ri(e dell !.asina, e*li si occ)pa(a a riordinare )na banda c-e a(rebbe ca..inato s)lle onde di #asparone e di ;ecesaris, c-e spera(a ben presto di s)perare. Molti *io(ani di Palestrina, di +rascati e di Pa.pinara sco.par(ero da casa. ")lle pri.e, si stette in pena s)l loro conto, .a ben presto si seppe c- erano andati a ra**i)n*ere la banda di C)c).etto. In capo a poco te.po C)c).etto di(ent3 l o**etto dell atten8ione *enera le. Veni(ano o()n6)e citate i.prese di 6)esto capo bandito di estre.a a)dacia, e di ri(oltante br)talit7. Un *iorno rap2 )na ra*a88a, la fi*lia d )n a*ri.ensore di +rosinone. Le le**i dei banditi sono positi(e> )na *io(ane appartiene da pri.a a col)i c-e la rap24 poi *li altri la tirano a sorte fra loro, e l infelice ser(e ai piaceri di t)tta la banda fino a c-e i banditi l abbandonino o .)oia. D)ando i parenti sono ricc-i abbastan8a per riscattarla, si .anda )n .essa**ero c-e tratta la ta*lia4 la testa della pri*ioniera risponde della fede dell e.issario. "e la ta*lia 1 ric)sata, la pri*ioniera 1 irre(ocabil.ente condannata. La *io(ane a(e(a nella banda di C)c).etto il s)o a.ante c-e si c-ia.a(a Carlini. Riconoscendo il *io(ane, *li tese le braccia, e si credette sal(a. Ma il po(ero Carlini riconoscendola sent2 spe88ar*lisi il c)ore, perc-5 non si face(a ill)sioni s)lla triste sorte c-e l aspetta(a. /)tta(ia essendo il fa(orito di C)c).etto, e partecipando da tre anni a t)tti i s)oi pericoli, e a(endo*li sal(ata la (ita, )ccidendo con )n colpo di pistola )n *endar.e c-e a(e(a *i7 le(ata la sciabola, sper3 c-e cost)i a(rebbe a()to )n po di piet7. Lo c-ia.3 a parte, .entre la *io(ane appo**iata contro il tronco di )n pino in )na rad)ra della foresta t)tta n)da e ricoperta soltanto della pittoresca capi*liat)ra delle contadine ro.ane, nasconde(a il (iso ai l)ss)riosi s*)ardi dei banditi. Carlini raccont3 t)tto al s)o capo, i s)oi a.ori con la pri*ioniera, i loro *i)ra.enti di fedelt7, e co.e o*ni notte, 6)ando la banda era in 6)ei dintorni, i d)e a.anti si da(ano con(e*no in )n l)o*o appartato. D)ella sera app)nto C)c).etto a(e(a .andato Carlini in )n (illa**io, e cos2 non a(e(a pot)to tro(arsi al con(e*no4 .a C)c).etto (i era *i)nto per caso ed a(e(a cos2 rapita la ra*a88a. Carlini s)pplic3 il s)o capo di fare )n ecce8ione e rispettar Rita, dicendo*li c-e il padre era ricco, e a(rebbe sborsato )na b)ona so..a per riscattarla. C)c).etto par(e arrendersi alle pre*-iere dell a.ico, e lo incaric3 di tro(are )n contadino da poter .andare dal padre di Rita a +rosinone. Carlini allora si a((icin3 alla ra*a88a, le disse all orecc-io c-e era sal(a, e la in(it3 a scri(ere a s)o padre )na lettera s) 6)anto le era accad)to ann)nciando*li c-e la so..a del riscatto era fissata a trecento piastre. !l padre non si da(a c-e dodici ore, (ale a dire fino alle no(e del .attino del *iorno se*)ente. "critta la lettera, Carlini corse alla pian)ra per cercar(i )n .essa**ero. /ro(3 )n *io(ane c-e face(a pascolare il s)o *re**e. I .essa**eri nat)rali dei bri*anti sono i pastori, c-e (i(ono fra la citt7 e la ca.pa*na, tra

la (ita sel(a**ia e la (ita inci(ilita. Il *io(ane pastore part2 s)bito, pro.ettendo di essere pri.a di )n ora a +rosinone. Carlini torn3 s)bito, *aio e contento, a ra**i)n*ere la s)a a.ante ed ann)nciarle la b)ona no(ella. La banda era al .edesi.o posto e cena(a alle*ra.ente con le pro((i*ioni c-e i bri*anti prende(ano ai contadini co.e trib)to> fra 6)e*li alle*ri con(itati Carlini cerc3 in)til.ente C)c).etto e Rita. ;o.and3 do(e fossero4 i banditi risposero con )no scroscio di risa. Un freddo s)dore *li ba*n3 la fronte, e par(e c-e l an*oscia lo prendesse per i capelli. Rinno(3 la s)a do.anda. Uno dei con(itati rie.p2 )n bicc-iere di (ino di Or(ieto e *lielo tese dicendo> :!lla sal)te del bra(o C)c).etto e della bella Rita?: In 6)el .o.ento Carlini credette di )dire )n *rido di donna> indo(in3 t)tto. Prese il bicc-iere e lo spe883 s)lla faccia di col)i c-e *lielo a(e(a offerto, poi si slanci3 nella dire8ione del *rido. ! cento passi, alla s(olta di )n cesp)*lio, tro(3 Rita s(en)ta nelle braccia di C)c).etto. "cor*endo Carlini, C)c).etto si al83 tenendo in o*n)na delle .ani )na pistola. I d)e banditi si *)ardarono )n istante> l )no, il sorriso della l)ss)ria s)lle labbra4 l alt ro, il pallore della .orte s)lla fronte. "i sarebbe cred)to c-e tra 6)esti d)e )o.ini stesse per s)ccedere 6)alc-e cosa di terribile. Ma a poco a poco i linea.enti di Carlini co.inciarono a cal.arsi> la .ano, c-e a(e(a portato ad )na delle pistole c-e pende(ano dalla cint)ra, si ritrasse di lato. Rita era coricata fra loro d)e. La l)na risc-iara(a la scena. :Ebbene<: disse C)c).etto, :-ai fatto la co..issione di c)i eri incaricato<: :"2, capitano: rispose Carlini, :do.ani, pri.a delle no(e, il padre di Rita sar7 6)i col denaro.: :! .era(i*lia? Intanto, .entre l aspetto, noi (o*lia.o passare )n alle*ra notte. D)esta *io(ane 1 .a*nifica, e t) -ai da((ero b)on *)sto, .astro Carlini. Cos2, non sono e*oista, tornia.o ai nostri ca.erati per tirare a sorte col)i c)i ora de(e appartenere.: :"iete deciso ad abbandonarla alla le**e co.)ne<: c-iese Carlini. :E perc-5 si do(rebbe fare ecce8ione in s)o fa(ore<: :!(e(o cred)to c-e alla .ia pre*-iera...: :E c-e, sei t) pi@ de*li altri<: := *i)sto. :Ma sta tran6)illo: ris pose C)c).etto ridendo, :pri.a o dopo, (err7 la t)a (olta...: I denti di Carlini si serrarono al p)nto c-e pare(ano spe88arsi. :!ndia.o: disse C)c).etto, facendo )n passo (erso i con(itati. :Vieni t)<: :Vi se*)o...: C)c).etto si allontan3, sen8a perdere di (ista Carlini, perc-5 te.e(a c-e (olesse colpirlo di dietro, .a niente nel bri*ante tradi(a )n inten8ione ostile. Era in piedi, le braccia conserte, presso Rita se.pre s(en)ta. C)c).etto pens3 per )n istante c-e il *io(ane la prendesse fra le braccia o f)**isse con lei. Ma ci3 poco *li i.porta(a> da Rita a(e(a a()to 6)el c-e (ole(a4 6)anto al danaro, trecento piastre di(ise fra la banda, face(a )na cos2 po(era so..a c-e ben poco *liene i.porta(a. Contin)3 d)n6)e il s)o ca..ino (erso i bri*anti4 .a, con s)o *ran st)pore, Carlini arri(3 6)asi pri.a di l)i. L estra8ione a sorte? l estra8ione a sorte?: *rida(ano t)tti i banditi, nello scor*ere il loro capo.

E *li occ-i di t)tti 6)e*li )o.ini sfa(illarono di ebbre88a, e di lasci(ia, .entre la fia..a del f)oco acceso *etta(a s) t)tti )na l)ce rossastra c-e li face(a so.i*liare a de.oni. La loro do.anda era *i)sta> e per3 il capo fece )n cenno colla testa, condiscende(a. /)tti i no.i f)rono s)bito .essi in )n cappello, co.preso 6)ello di Carlini, e il pi@ *io(ane della banda tir3 )n b)llettino dall )rna i.pro((isata. D)el b)llettino porta(a il no.e di ;ia(olaccio4 era 6)ello stesso c-e a(e(a proposto a Carlini di bere alla sal)te del capo, e a c)i Carlini a(e(a risposto col spe88ar*li il bicc-iere s)lla faccia. ;ia(olaccio, (edendosi fa(orito dalla fort)na, diede in )no scoppio e risa. :Capitano: disse, :poco fa, Carlini non -a (ol)to bere alla (ostra sal)te4 proponete*li ora di bere alla .ia... !(r7 forse pi@ ri*)ardo per (oi c-e per .e.: O*n)no aspetta(a )na rea8ione (iolenta di Carlini4 .a, con *rande st)pore di t)tti, prese con la .ano )n bicc-iere, con l altra )n fiasco rie.piendo il bicc-iere> :!lla t)a sal)te, ;ia(olaccio?: disse con (oce perfetta.ente cal.a, e tracann3 il conten)to del bicc-iere sen8a c-e per n)lla tre.asse la s)a .ano. Poi, sedendosi accanto al f)oco> :La .ia por8ione di cena?: disse. :La corsa fatta .i -a ridestato l appetito.: :Vi(a Carlini?: *ridarono i bri*anti. :!lla b)on ora, ecco ci3 c-e si dice prender la cosa da b)on co.pa*no.: E t)tti for.arono circolo intorno al f)oco, .entre ;ia(olaccio si allontana(a. Carlini .an*ia(a e be(e(a, co.e n)lla fosse accad)to. I bri*anti lo *)arda(ano st)pefatti4 essi non co.prende(ano 6)ella i.passibilit7, 6)ando intesero dietro di loro )n passo pesante. "i (oltarono, e scorsero ;ia(olaccio, c-e tra le braccia a(e(a la ra*a88a. Lei a(e(a la testa ro(esciata, e i l)n*-i capelli fino a terra. Mentre entra(ano nello spa8io risc-iarato dal f)oco, si accorsero del pallore della donna e del bandito. D)ella appari8ione a(e(a 6)alcosa di cos2 strano e di solenne c-e t)tti si al8arono, eccetto Carlini, c-e rest3 sed)to, e contin)3 a bere e .an*iare co.e n)lla accadesse intorno l)i. ;ia(olaccio contin)a(a ad a(an8arsi in .e88o al pi@ profondo silen8io e depose Rita ai piedi del capitano. !llora t)tti poterono (edere la ca)sa del pallore della donna del bandito. Rita a(e(a )n coltello conficcato sino al .anico sotto la poppa sinistra. /)tti *li s*)ardi si portarono s) Carlini4 la *)aina del coltello pende(a ()ota alla s)a cint)ra. :!-, a-: disse il capo, :ora co.prendo perc-5 Carlini era ri.asto indietro.: O*ni nat)ra sel(a**ia 1 capace di appre88are )na forte a8ione4 6)ant)n6)e forse ness)no di 6)ei banditi a(rebbe fatto ci3 c-e a(e(a fatto Carlini, t)tti per3 co.presero la s)a a8ione. :Ebbene: disse Carlini al8andosi, ed a s)a (olta a((icinandosi al cada(ere, la .ano s)lla i.p)*nat)ra di )na pistola, :c 1 ancora 6)alc)no 6)i c-e .i disp)ta 6)esta donna<: :0o: disse il capo. := t)a.: !llora Carlini la prese fra le braccia, e la port3 al di l7 dello spa8io ill).inato dalla fia..a. ! .e88anotte la sentinella dette la s(e*lia, e in )n istante t)tti f)rono in piedi, il capo e i s)oi co.pa*ni. Era il padre di Rita, c-e anda(a e*li stesso a portar la so..a per il riscatto di s)a fi*lia. :/ieni: disse a C)c).etto, por*endo*li )n sacco di denaro, :ecco trecento piastre, rendi.i la .ia fi*liola.:

Ma il capo, sen8a prendere il denaro, *li fece cenno di se*)irlo. Il (ecc-io obbed24 t)tti e d)e si allontanarono sotto *li alberi, attra(erso i c)i ra.i filtra(ano i ra**i della l)na. +inal.ente C)c).etto si fer.3 .ostrando al (ecc-io )n *r)ppo di d)e persone ai piedi di )n albero. :/ieni: disse, :do.anda a Carlini, e*li te ne render7 conto.: E se ne torn3 (erso i s)oi co.pa*ni. Il (ecc-io rest3 i..obile, *li occ-i fissi. "enti(a c-e 6)alc-e s(ent)ra i*nota, i..ensa, ina)dita *ra(a(a s) di l)i. !l r).ore c-e il (ecc-io face(a a(an8andosi, Carlini al83 la testa, e le for.e delle d)e persone co.inciarono ad apparire pi@ distinte a*li occ-i di l)i. Una donna era coricata per terra, la testa appo**iata s)lle *inocc-ia di )n )o.o sed)to, c-inato s) di lei4 nell al8ar la testa 6)ell )o.o a(e(a scoperto il (olto della donna, c-e tene(a serrato contro il petto. Il (ecc-io riconobbe s)a fi*lia, e Carlini riconobbe il (ecc-io. :Io t aspetta(o...: disse il bandito al padre di Rita. :Miserabile?: disse il (ecc-io. :C-e -ai fatto<: E *)arda(a con terrore Rita, pallida, i..obile, insan*)inata, con )n coltello nel petto. Un ra**io di l)na la risc-iara(a della s)a pallida l)ce. :C)c).etto a(e(a (iolata t)a fi*lia: disse il bandito, :e sicco.e io l a.a(o, l -o )ccisa4 poic-5, dopo di l)i, sarebbe stata lo 8i.bello di t)tta la banda.: Il (ecc-io non pron)n8i3 )na parola4 sola.ente di(enne pallido co.e )no spettro. :Ed ora: disse Carlini, :se -o a()to torto, (endicala?: E strappato il coltello dal seno della fanci)lla, le(andosi in piedi, lo porse al (ecc-io, .entre coll altra .ano slaccia(a la ca.icia s)l petto, offrendolo n)do. :/) -ai ben fatto...: disse il (ecc-io con (oce sorda. :!bbraccia.i, fi*lio .io.: Carlini si *ett3 sin*-io88ando fra le braccia del padre della s)a a.ante> erano le pri.e lacri.e c-e (ersa(a 6)ell )o.o san*)inario. :Ed ora: disse ancora il (ecc-io a Carlini, :ai)ta.i a seppellire .ia fi*lia.: Carlini and3 a cercare d)e 8appe, e il padre e l a.ante si .isero a sca(ar la terra ai piedi di )na 6)ercia, i c)i folti ra.i do(e(ano far o.bra s)lla to.ba della fanci)lla. D)ando la fossa f) sca(ata, il padre abbracci3 Rita per pri.o, dopo abbracci3 l a.ante. D)indi, prendendola l )no per i piedi, l altro per le spalle, la scesero nella fossa. Ci3 fatto, s in*inocc-iarono ai d)e lati della to.ba, e recitarono le pre*-iere dei .orti. D)ando ebbero ter.inato *ettarono terra s)l cada(ere sino a c-e la fossa f) col.a. !llora, stendendo*li la .ano> :Io ti rin*ra8io, fi*liolo...: disse il (ecc-io a Carlini. :Ora lascia.i solo. :Ma intanto...: disse cost)i. :Lascia.i..., te l ordino.: Carlini obbed2> and3 a ra**i)n*ere i s)oi co.pa*ni si a((il)pp3 nel .antello, e ben presto par(e addor.entato profonda.ente co.e *li altri. Il *iorno pri.a era stato deciso c-e la banda a(rebbe ca.biato rif)*io. Un ora pri.a del *iorno, C)c).etto s(e*li3 i s)oi )o.ini e f) dato l ordine di parten8a4 .a Carlini non (olle lasciare la foresta sen8a sapere c-e ne fosse del padre di Rita. "i diresse (erso il l)o*o do(e lo a(e(a lasciato. /ro(3 il (ecc-io appiccato ad )no dei ra.i della 6)ercia s)lla to.ba della fi*lia.

")l cada(ere dell )no e s)lla fossa dell altra, fece allora il *i)ra.ento di (endicarli entra.bi. Ma 6)el *i)ra.ento non lo pot5 .antenere perc-5 d)e *iorni dopo, in )no scontro coi *endar.i ro.ani, Carlini f) )cciso. "ola.ente 6)alc)no si st)p2 c-e a(esse rice()to )na pallottola fra le spalle, .entre s era ten)to se.pre in faccia al ne.ico. Lo st)pore cess3 6)ando )no dei bri*anti fece osser(are ai co.pa*ni c-e C)c).etto era dieci passi dietro Carlini 6)ando cost)i era cad)to colpito. La .attina della parten8a dalla foresta di +rosinone a(e(a se*)ito Carlini nell osc)rit7, a(e(a inteso il *i)ra.ento fatto, e da )o.o ca)to lo a(e(a preced)to. "i racconta(ano ancora s) cotesto terribile capobanda altre storie non .eno strane di 6)esta. Cos2 da +ondi a Per)*ia t)tti tre.a(ano al solo no.e di C)c).etto. Le storie di o*ni *enere s) 6)esto capo bandito for.a(ano spesso l o**etto delle con(ersa8ioni di L)i*i e di /eresa. La pastorella tre.a(a .olto a 6)esti racconti4 .a Va.pa la tran6)illa(a battendo in terra il s)o bel f)cile. Poi, 6)ando non era del t)tto tran6)illa, le face(a (edere )n 6)alc-e cor(o posato sopra )na frasca secca di )n albero, .ette(a il f)cile alla *)ancia, pre.e(a s)l *rilletto, e l ani.ale colpito cade(a ai piedi dell albero. +rattanto il te.po passa(a, i d)e *io(ani a(e(ano stabilito di sposarsi 6)ando Va.pa a(esse a()to (enti anni, /eresa dicianno(e. Erano orfani entra.bi4 entra.bi non a(e(ano altri per.essi da c-iedere c-e 6)ello dei loro pro*etti per l a((enire. Un *iorno c-e parla(ano dei loro proponi.enti intesero d)e o tre colpi di f)cile, 6)indi )n )o.o )sc2 dal bosco presso il 6)ale i d)e *io(ani erano soliti far pascolare *li ar.enti, e corse (erso di loro. #i)nto a portata di (oce, *rid3 t)tto ansante> :"ono inse*)ito, potete nasconder.i<: I d)e *io(ani riconobbero ben presto nel f)**iti(o )n bandito> .a fra il bandito ed il contadino ro.ano (i 1 )na innata si.patia, per c)i il secondo 1 se.pre disposto a rendere )n fa(ore al pri.o. Va.pa, sen8a dire )na parola, corse ad )na pietra, c-e c-i)de(a l in*resso di )na *rotta, scopr2 l entrata tirando a s5 la pietra, fece se*no al f)**iti(o di entrare in 6)esto asilo sconosci)to a t)tti, ri.ise la pietra e ritorn3 a sedersi (icino a /eresa. D)asi s)bito 6)attro *endar.i a ca(allo co.par(ero s)l confine del bosco. /re se.bra(ano essere alla ricerca del f)**iti(o, il 6)arto trascina(a per il collo )n bandito pri*ioniero. Essi esplorarono il l)o*o con )n colpo d occ-io, s accorsero dei d)e *io(ani, corsero di *aloppo alla loro (olta, e li interro*arono4 .a 6)esti risposero c-e n)lla a(e(ano (ed)to. := spiace(ole: disse il bri*adiere, :perc-5 6)ello c-e cerc-ia.o 1 il capo.: :C)c).etto<: non poterono fare a .eno di *ridare insie.e L)i*i e /eresa. :"2: rispose il bri*adiere, :e sicco.e la s)a testa porta la ta*lia di .ille sc)di ro.ani, cos2 (oi ne a(reste *)ada*nati cin6)ecento se ci a(este ai)tati a prenderlo.: I d)e *io(ani si *)ardarono. Il bri*adiere ebbe )n ra**io di speran8a. Cin6)ecento sc)di ro.ani fanno circa tre.ila franc-i e tre.ila franc-i sono )na fort)na per d)e po(eri orfanelli s)l p)nto di .aritarsi. :"2, 1 spiace(ole: disse Va.pa, :.a non abbia.o (isto ness)no.: !llora i *endar.i percorsero il l)o*o in t)tte le dire8ioni, .a in)til.ente> 6)indi dispar(ero. !llora Va.pa

and3 a to*liere la pietra, e C)c).etto )sc2. E*li a(e(a (isto attra(erso )na fess)ra del .aci*no i d)e *io(ani discorrere coi *endar.i. 0on a(e(a alc)n d)bbio s)ll ar*o.ento della con(ersa8ione> a(e(a letto s)l (olto di /eresa e di L)i*i l inalterabile risol)8ione di non conse*narlo. Ca(3 di tasca )na borsa d oro per farne loro dono. Ma Va.pa rial83 la testa con fiere88a> 6)anto a /eresa i s)oi occ-i brillarono pensando a t)tto ci3 c-e a(rebbe pot)to co.prare, ricc-i *ioielli, e be*li abiti, con 6)ella borsa d oro. C)c).etto era )n de.onio .olto abile, solo a(e(a preso la for.a di bandito in(ece di serpente. " accorse di 6)esto s*)ardo, riconobbe in /eresa )na de*na fi*lia d E(a, e rientr3 nella foresta (ol*endosi pi@ (olte, col pretesto di sal)tare i s)oi liberatori. Il te.po di carne(ale si a((icina(a, il conte di "an +elice ann)n8i3 )n *ran ballo .asc-erato al 6)ale f) in(itato 6)anto Ro.a a(e(a di pi@ ele*ante. /eresa a(e(a *ran (o*lia di (edere 6)esto ballo. L)i*i do.and3 al s)o protettore, l intendente, il per.esso di assister(i per l)i e per lei, nascosti in .e88o alla ser(it@ della casa4 per.esso c-e (enne loro accordato. Il ballo (eni(a dato dal conte particolar.ente per fare cosa *rata a s)a fi*lia Car.ela c- e*li adora(a. Car.ela era precisa.ente dell et7 e della fi*)ra di /eresa e tanto bella 6)anto lei. La sera del ballo /eresa si .ise 6)anto a(e(a di pi@ bello, i s)oi spilli di .a**ior (alore, i *ioielli di cristallo pi@ ril)centi. !(e(a il cost).e delle donne di +rascati4 L)i*i a(e(a l abito pittoresco del (illico ro.ano in *iorno di festa. Entra.bi, si .isc-iarono, co.e a(e(ano pro.esso, fra i ser(itori ed i paesani. Il festino era .a*nifico. 0on solo la (illa era t)tta ill).inata, .a .i*liaia di la.pioni a colori erano appesi ai ra.i de*li alberi nel *iardino> ben presto l onda de*li accorsi strarip3 dal pala88o s)lle terra88e, e dalle terra88e nei (iali. !d o*ni crociera (i era )na orc-estra, e rinfresc-i 4coloro c-e passe**ia(ano si fer.a(ano, for.a(ano delle 6)adri*lie e o*n)no balla(a do(e pi@ *li piace(a. Car.ela porta(a il cost).e delle donne di "onnino> a(e(a la pettinat)ra intrecciata di perle, *li spilli dei capelli d oro e di dia.anti, il b)sto era di seta t)rca a *ran fiori di broccato, la *i)bba e le *onnelle di cac-e.ire, i1 re**iseno di .)ssola delle Indie, i bottoni della *i)bba altrettante pietre pre8iose. ;)e delle s)e co.pa*ne porta(ano il cost).e delle donne della Riccia. D)attro *io(ani dei pi@ ricc-i e delle fa.i*lie pi@ nobili di Ro.a l acco.pa*na(ano, (estiti da contadini d !lbano di Velletri di Ci(ita Castellana, e di "ora. D)esti cost).i da contadini, co.e 6)elli da contadini erano risplendenti d oro e di pietre. Venne a Car.ela l idea di fare )na 6)adri*lia4 .anca(a per3 )na donna. Car.ela *)ard3 intorno a s5, e fra le in(itate non tro(3 alc)na c-e portasse )n cost).e analo*o al s)o ed a 6)ello delle co.pa*ne. Il conte di "an +elice le .ostr3 fra le contadine /eresa, c-e sta(a appo**iata al braccio di L)i*i. :Me lo per.ettete, padre .io<: disse Car.ela. :"en8a d)bbio?: rispose il Conte. :0on sia.o a carne(ale<: Car.ela si accost3 ad )n *io(ane c-e l acco.pa*na(a, e *li disse alc)ne parole a bassa (oce, indicando*li col

dito la ra*a88a. Il *io(ane si (olse, se*)2 co*li occ-i la dire8ione della bella .ano, fece )n *esto di obbedien8a, e and3 ad in(itare /eresa perc-5 (enisse a fi*)rare nella 6)adri*lia diretta dalla fi*lia del Conte. /eresa sent2 co.e )na fia..a salirle al (iso. Interro*3 con )no s*)ardo L)i*i> non c era .e88o di rifi)tare. L)i*i lasci3 lenta.ente sdr)cciolare il braccio di /eresa, e /eresa si allontan3 condotta dal s)o ele*ante ca(aliere, e t)tta tre.ante (enne a prendere posto nella 6)adri*lia aristocratica. Certa.ente, per )n artista, l esatto e se(ero cost).e di /eresa a(rebbe a()to t)tt altro carattere c-e 6)ello di Car.ela e delle s)e co.pa*ne4 .a /eresa era )na ra*a88a fri(ola e ci(etta> i rica.i s)lla .)ssola, le pal.e della cint)ra, lo splendore del cac-e.ire l abba*lia(ano, il riflesso de*li 8affiri e dei dia.anti la rende(ano ebbra. ;all altra parte, L)i*i senti(a nascere in s5 )n senti.ento sconosci)to era co.e )n dolore sordo c-e .ordesse s)lle pri.e il c)ore, e di l7 corresse fre.endo nelle s)e (ene e s i.padronisse di t)tto il corpo. E*li non perde(a )n .o.ento d occ-io i piccoli .o(i.enti di /eresa e del s)o ca(aliere4 allorc-5 le loro .ani si tocca(ano, pro(a(a delle (erti*ini, le arterie *li batte(ano con (iolen8a, e si sarebbe detto c-e il s)ono di )na ca.pana riperc)otesse le (ibra8ioni nelle s)e orecc-ie. D)ando parla(ano fra di loro, 6)ant)n6)e /eresa ascoltasse ti.ida.ente e con *li occ-i bassi i discorsi del ca(aliere, sicco.e L)i*i le**e(a ne*li occ-i ardenti del bel *io(ane c-e erano elo*i, *li se.bra(a c-e la terra *irasse sotto di l)i, e c-e t)tte le (oci dell inferno *li soffiassero i.p)lsi di o.icidio. !llora, te.endo di lasciarsi trasportare a 6)alc-e pa88ia si a**rappa(a con )na .ano all albero contro il 6)ale era appo**iato e con l altra strin*e(a con )n .o(i.ento con()lso il p)*nale dal .anico inta*liato, c-e era nella s)a cint)ra, e c-e sen8a accor*ersene 6)alc-e (olta ca(a(a dal fodero 6)asi intera.ente. L) i*i era *eloso> capi(a c-e /eresa pote(a sf)**ir*li, trasportata dalla s)a nat)ra or*o*liosa e a.bi8iosa, e frattanto la contadinella, c-e s)lle pri.e era ti.ida e 6)asi spa(entata, si .ise presto a s)o a*io. "i disse c-e /eresa era bella. D)esto per3 non era t)tto. /eresa era di 6)ella *ra8ia sel(a**ia .olto pi@ possente c-e la nostra *ra8ia st)diata ed affettata. Ebbe 6)asi *li onori della 6)adri*lia, e se f) in(idiosa della fi*lia del conte di "an +elice, non osere.o dire c-e Car.ela non fosse *elosa di lei. Cos2 a for8a di co.pli.enti il s)o bel ca(aliere la ricond)sse do(e l aspetta(a L)i*i. ;)e o tre (olte, nel te.po del ballo, la ra*a88a a(e(a (olto lo s*)ardo s) l)i, e o*ni (olta lo a(e(a (isto pi@ pallido, e con i linea.enti pi@ alterati. Una (olta i s)oi occ-i ri.asero abba*liati da )n la.po di sinistro a)*)rio, nel (edere la la.a del coltello ca(ata per .et7 dal fodero4 6)asi tre.ando riprese il braccio dell a.ante. La 6)adri*lia ebbe .o.enti felici4 se.bra(a e(idente c-e si sarebbe proposto di ripeterla )na seconda (olta. Car.ela sola si oppone(a, .a il conte di "an +elice pre*3 tanto tenera.ente la fi*lia, c-e final.ente acconsent2. ")bito )no dei ca(alieri si lanci3 per in(itare /eresa, sen8a la 6)ale era i.possibile c-e si potesse fare la 6)adri*lia, .a la *io(inetta era *i7 sparita. Infatti L)i*i non a(rebbe sopportato )n secondo ballo, e con la pers)asione e con la for8a, a(e(a trascinato

/eresa da )n altro lato del *iardino. /eresa a(e(a ced)to s)o .al*rado4 .a a(e(a (isto il (olto alterato del *io(ane, e capi(a dal s)o silen8io, interrotto da )n fre.ito ner(oso, c-e in l)i a((eni(a 6)alc-e cosa di strano. Lei p)re non era esente da )n interna a*ita8ione4 e 6)ant)n6)e non a(esse fatto niente di .ale, co.prende(a c-e L)i*i a(rebbe a()to ra*ione di farle dei ri.pro(eri. ") c-e< 0on lo sape(a, .a si accor*e(a c-e sarebbero stati ben .eritati. Con *ran sorpresa di /eresa stette .)to, e d)rante il ri.anente della sera le s)e labbra non dissero pi@ )na parola. "olo, allorc-5 il freddo della notte a(e(a costretti t)tti *li in(itati a lasciare i *iardini, e le porte della (illa f)rono c-i)se per dar l)o*o alla festa interna, ricond)sse a casa /eresa. Poi, 6)ando f) s)lla so*lia, le disse> :/eresa, c-e pensa(i, 6)ando balla(i diri.petto alla contessina di "an +elice<: :Pensa(o: rispose la ra*a88a con t)tta la franc-e88a dell ani.o s)o, :c-e darei la .et7 della .ia (ita per essere (estita co.e lei.: :E c-e ti dice(a il ca(aliere<: :Mi dice(a c-e dipende(a soltanto da .e, e non do(e(o dire c-e )na parola per ottener 6)esto.: :!(e(a ra*ione: rispose L)i*i. :Lo desideri t) cos2 ardente.ente co.e dici<: :"2.: :Ebbene l a(rai.: La ra*a88a al83 la testa per interro*arlo, .a il (iso era cos2 tetro e cos2 terribile, c-e la parola le si *-iacci3 s)lle labbra. ; altra parte dicendo 6)este parole L)i*i si era allontanato. /eresa lo se*)2 con *li s*)ardi fra le tenebre fino a c-e pot5 scor*erlo. Poi 6)ando f) sparito, rientr3 sospirando nella s)a ca.eretta. D)ella .edesi.a notte accadde )n *rande a((eni.ento c-e f) *i)dicato prodotto, sen8a alc)n d)bbio, dall i.pr)den8a nel trafficare coi l).i> la (illa "an +elice prese f)oco, proprio dalla parte dell apparta.ento della bella Car.ela. "(e*liata nel .e88o del sonno dalle fia..e era saltata dal letto, si era a((olta nella (este da ca.era, ed a(e(a tentato di f)**ire dalla porta4 .a il corridoio per il 6)ale biso*na(a passare era *i7 t)tto in preda all incendio. !llora rientr3 nella s)a ca.era, c-ia.ando ad alte *rida soccorso. D)ando la s)a finestra posta a (enti piedi dal s)olo si aperse, )n *io(ane contadino si lanci3 nell apparta.ento, la prese fra le braccia, e con )na for8a e destre88a so(r).ane la trasport3 s)ll erba del prato do(e ri.ase s(en)ta. !llorc-5 riprese l )so dei sensi, il padre le era (icino, t)tti i ser(itori la circonda(ano portando soccorsi. Un lato intero della (illa f) br)ciato .a non i.porta(a, poic-5 Car.ela era sana e sal(a. Venne o()n6)e cercato il s)o liberatore, .a 6)esti non rico.par(e pi@> f) do.andato di l)i a t)tti, .a ness)no lo a(e(a (ed)to. D)anto a Car.ela, era cos2 t)rbata c-e non lo a(e(a riconosci)to. "icco.e il conte era i..ensa.ente ricco, se si eccett)a il pericolo corso da Car.ela, e c-e *li se.br3 dal .odo .iracoloso con c)i era stata sal(ata, pi)ttosto )n no(ello fa(ore della Pro((iden8a c-e )na dis*ra8ia reale, f) ben poca cosa per l)i la perdita di ci3 c-e a(e(ano cons).ato le fia..e. L indo.ani nell ora cons)eta i d)e *io(ani si ritro(arono s)l confine della foresta.

L)i*i era arri(ato per pri.o. E*li (enne incontro alla ra*a88a con .olta alle*ria, e se.bra(a a(er co.pleta.ente di.enticata la scena della sera innan8i. /eresa era .anifesta.ente pensierosa, .a (edendo la disposi8ione d ani.o di L)i*i, si.)l3 )n alle*ra nonc)ran8a c-e era la base della s)a indole, 6)ando 6)alc-e passione non (eni(a a dist)rbarla. L)i*i prese sotto il braccio /eresa, e la cond)sse fino all apert)ra della *rotta. L7 si fer.3. La pastorella conoscendo c-e do(e(a esserci 6)alc-e cosa di straordinario, lo *)ard3 fissa.ente. :/eresa: disse L)i*i, :ieri sera t) .i dicesti c-e a(resti dato .et7 della t)a (ita per a(ere )n cost).e e*)ale a 6)ello della fi*lia del conte.: :Certa.ente: disse /eresa con .era(i*lia, :.a ero ben pa88a 6)ando esterna(o )n si.ile desiderio.: :Ed io ti -o risposto> "ta bene, t) l a(rai.: :"2: so**i)nse la ra*a88a, la c)i .era(i*lia a).enta(a ad o*ni parola di L)i*i, :.a t) certa.ente -ai risposto cos2 solo per far.i piacere.: :0on ti -o .ai pro.esso cosa c-e non ti abbia data, /eresa: disse con or*o*lio L)i*i, :entra nella *rotta, e (estiti.: ! 6)este parole allontan3 la pietra, e fece (edere a /eresa la *rotta ill).inata da d)e candele, c-e arde(ano ai lati di )n .a*nifico specc-io. "opra )na ta(ola r)stica fatta da L)i*i, erano distesi *li spilli di dia.anti e la collana di perle4 sopra )na panca (icina era depositato il ri.anente del (estiario. /eresa .and3 )n *rido di *ioia, e sen8a infor.arsi donde (eni(a 6)esto (estito, sen8a rin*ra8iare L)i*i, si lanci3 nella *rotta trasfor.ata in toilette. L)i*i ric-i)se la pietra dietro di lei, perc-5 s accorse c-e s)lla cresta di )na piccola collina, c-e i.pedi(a di (edere Palestrina dal posto in c)i sta(a, )n (ia**iatore a ca(allo si era fer.ato, incerto s)lla strada da tenere, e co.pari(a nell a88)rro del cielo con 6)ella nette88a di contorno tipica dei paesi .eridionali. Lo straniero, (edendo L)i*i, .ise il ca(allo a *aloppo, e (enne alla s)a (olta. L)i*i non si era in*annato> il (ia**iatore c-e anda(a da Palestrina a /i(oli era incerto s)l ca..ino da prendere. Il *io(ane *lielo indic34 .a sicco.e ad )n 6)arto di .i*lio la strada si di(ide(a in tre, e il (ia**iatore, *i)nto a 6)esto l)o*o pote(a n)o(a.ente sba*liare, pre*3 L)i*i di ser(ir*li da *)ida. D)esti depose a terra il .antello, si pose s)lla spalla la carabina, e liberato cos2 dal pesante (estito, ca..in3 da(anti al (ia**iatore con 6)el passo rapido del .ontanaro, c-e )n ca(allo a stento p)3 se*)ire. In dieci .in)ti L)i*i e il (ia**iatore si tro(arono al crocicc-io indicato dal *io(ane pastore> con )n *esto .aestoso stese la .ano e indic3 al (ia**iatore 6)ella delle tre (ie c-e do(e(a se*)ire. :Ecco la (ostra strada Eccellen8a, ora non potete pi@ sba*liare.: :E t) prendi la t)a rico.pensa...: disse il (ia**iatore offrendo al pastore alc)ne piccole .onete. :#ra8ie: disse L)i*i ritirando la .ano, :.a io rendo )n ser(i8io, non lo (endo.: :Ma: disse il (ia**iatore, abit)ato a 6)ella differen8a c-e passa tra la ser(ilit7 dell )o.o di citt7 e l or*o*lio del ca.pa*nolo, :se t) rifi)ti )na .ercede, accetterai )n re*alo<: :!-? s2, 6)esta 1 )n altra cosa.: :Ebbene: disse il (ia**iatore, :prendi 6)esti d)e 8ecc-ini di Vene8ia, e dalli alla t)a fidan8ata per ac6)istarsi

)n paio di pendenti.: :E (oi allora prendete 6)esto p)*nale: disse il pastore, :non ne ritro(erete )no, la c)i i.p)*nat)ra sia .e*lio inta*liata, da !lbano a Ci(ita Castellana.: :Lo accetto: disse il (ia**iatore, :.a allora sono io c-e ti resto obbli*ato, perc-5 il p)*nale (ale .olto pi@ di d)e 8ecc-ini.: :Per )n .ercante p)3 essere, .a non per .e c-e l -o inta*liato io stesso, e .i costa appena )no sc)do.: :Co.e ti c-ia.i<: do.and3 il (ia**iatore. :L)i*i Va.pa: rispose il pastore collo stesso tono co.e a(esse risposto !lessandro di Macedonia, :e (oi<: :Io: disse il (ia**iatore, :.i c-ia.o "indbad il .arinaio...: +ran8 d EpinaM ebbe )n *rido di sorpresa. :"indbad il .arinaio?: disse. :"2: rispose il narratore, :1 il no.e c-e il (ia**iatore disse a Va.pa.: :Ebbene, c-e a(ete da dire a 6)esto no.e<: interr)ppe !lberto. := )n bellissi.o no.e e le a((ent)re di c-i lo porta(a .i -anno di(ertito assai nella .ia pri.a *io(ent@.: +ran8 non insistette. Il no.e di "indbad il .arinaio, co.e si capir7 bene, a(e(a ris(e*liato in l)i )na 6)antit7 di ricordi, non di(ersa.ente da 6)ello c-e a(e(a fatto la sera innan8i il no.e di conte di Montecristo. :Contin)ate...: disse all alber*atore. :Va.pa .ise sde*nosa.ente i d)e 8ecc-ini in tasca, e riprese lenta.ente il ca..ino per il 6)ale era (en)to. #i)nto a d)e o trecento passi dalla *rotta *li par(e di sentire )n *rido. "i fer.3 ascoltando da 6)al parte (enisse 6)esto *rido. ;opo )n secondo, intese pron)nciare distinta.ente il s)o no.e4 la (oce (eni(a dalla parte della *rotta. Bal83 co.e )n ca.oscio4 e .entre corre(a, carica(a il f)cile, e in .eno di )n .in)to era s)lla so..it7 della piccola collina opposta a 6)ella do(e a(e(a intra(isto il (ia**iatore. L7 si fecero pi@ distinte le *rida> :!i)to, soccorso?:. #ir3 *li occ-i s)llo spa8io c-e do.ina(a> )n )o.o rapi(a /eresa co.e il centa)ro 0esso, ;eianira. D)esto )o.o c-e si diri*e(a (erso il bosco, a(e(a *i7 percorso tre 6)arti del ca..ino dalla *rotta alla foresta. Va.pa .is)r3 la distan8a4 6)est )o.o a(e(a *i7 d)ecento passi di (anta**io s) l)i, non (i era possibilit7 di ra**i)n*erlo pri.a c-e entrasse nel bosco. Il *io(ane si fer.3 co.e se i s)oi piedi a(essero .esso radice> appo**i3 l incasso del f)cile alla spalla, le(3 lenta.ente la canna nella dire8ione del rapitore, lo se*)2 )n secondo nella corsa, e fece f)oco. Il rapitore si fer.3, co.e i..obile nell aria, le *inocc-ia *li si pie*arono, e cadde trascinando nella s)a cad)ta /eresa, la 6)ale si al83 s)bito. L altro rest3 steso dibattendosi nelle )lti.e con()lsioni dell a*onia. Va.pa si slanci3 (erso /eresa, c-e era a dieci passi dal .oribondo, in *inocc-io. !llora al *io(ane (enne il terribile sospetto c-e la pallottola c-e a(e(a colpito l a((ersario a(esse ferita la fidan8ata. +ort)nata.ente per3 non f) cos2, e il solo terrore a(e(a parali88ato le for8e di /eresa. D)ando L)i*i f) ben sic)ro c-e era sana e sal(a si (olse (erso il ferito era *i7 .orto, colle p)*na serrate, la bocca contratta dal dolore, i capelli ritti dal s)dore dell a*onia4 *li occ-i erano ri.asti aperti e .inacciosi.

Va.pa si a((icin3 al cada(ere e riconobbe C)c).etto. ;al *iorno in c)i il bandito f) sal(ato dai d)e *io(ani si era inna.orato di /eresa, ed a(e(a *i)rato c-e la *io(ane sarebbe stata s)a. ;a 6)el *iorno, l a(e(a spiata con assid)it74 e profittando del .o.ento in c)i il s)o a.ante l a(e(a lasciata sola per andare ad indicare la strada al (ia**iatore l a(e(a rapita e *i7 la crede(a s)a, 6)ando la pallottola di Va.pa diretta dal colpo d occ-io infallibile del *io(ane pastore, *li a(e(a tra(ersato il c)ore. Va.pa lo *)ard3 )n .o.ento sen8a la .ini.a e.o8ione s)l (iso .entre /eresa, al contrario, t)tta tre.ante ancora, non osa(a a((icinarsi al bandito .orto c-e a piccoli passi, esitando )no s*)ardo s)l cada(ere al di sotto della spalla del s)o a.ante. ;opo )n .o.ento Va.pa si ri(olse alla s)a inna.orata. :"ta bene, t) sei *i7 (estita. Ora tocca a .e preparar.i.: Infatti /eresa era (estita da capo a piedi col cost).e della fi*lia del conte di "an +elice. Va.pa prese il corpo di C)c).etto fra le braccia, e lo trasport3 nella *rotta, .entre /eresa l aspetta(a f)ori. "e fosse passato )n altro (ia**iatore, a(rebbe (ed)to )na cosa strana, cio1 )na pastorella *)ardare il *re**e, (estita di cac-e.ire coi pendenti alle orecc-ie, )na collana di perle de*li spilli di dia.anti, e dei bottoni di 8affiri, di s.eraldi e di r)bini. "en8a d)bbio a(rebbe cred)to di tornare ai te.pi di +lorian e di ritorno a Pari*i, a(rebbe assic)rato di a(ere incontrata la pastorella delle !lpi ai piedi dei .onti "abini. Un 6)arto d ora dopo, Va.pa )sc2 dalla *rotta. Il s)o cost).e non era .eno ele*ante, nel s)o *enere di 6)ello di /eresa. !(e(a )na (este di (ell)to *ranato coi bottoni d oro cesellati, )n *i)bbetto di seta t)tto ricoperto di *alloni, )na sciarpa annodata intorno al collo, )n portacart)cce t)tto in oro ed in seta rossa e (erde, i pantaloni di (ell)to celeste attaccati al disotto del *inocc-io colle fibbie di dia.anti le *-ette di pelle di daino rica.ate con .ille arabesc-i, ed )n cappello s) c)i s(entola(ano dei nastri di o*ni *enere4 d)e catene da orolo*io pende(ano dalla s)a cint)ra ed )n .a*nifico p)*nale era attaccato al portacart)cce. /eresa *ett3 )n *rido di a..ira8ione> Va.pa sotto 6)est abito asso.i*lia(a ad )na pitt)ra di Leopoldo Robert o di "c-net8. !(e(a indossato il cost).e co.pleto di C)c).etto. Il *io(ane s accorse dell effetto c-e prod)ce(a s)lla s)a fidan8ata, ed )n sorriso di or*o*lio *li sfior3 le labbra. :Ora di..i, /eresa, sei pronta a di(idere la .ia sorte 6)al)n6)e essa possa essere<: :O-? s2: *rid3 la ra*a88a con ent)sias.o. :! se*)ir.i o()n6)e andr3<: :!nc-e in capo al .ondo.: :!llora prendi il .io braccio, e partia.o, poic-5 non abbia.o te.po da perdere.: La pastorella intrecci3 il s)o al braccio dell inna.orato, sen8a nepp)re do.andar*li do(e la cond)ce(a, perc-5 in 6)el .o.ento le se.bra(a bello, s)perbo e potente. E t)tti e d)e si inca..inarono (erso la foresta di c)i in bre(e te.po passarono il confine. 0on fa biso*no dire c-e Va.pa conosce(a t)tti i sentieri della .onta*na. " inoltr3 d)n6)e nella foresta sen8a esitar nepp)re per poco, e 6)ant)n6)e non (i fosse praticata alc)na strada, riconosce(a la dire8ione c-e do(e(a se*)ire dal solo *)ardare *li alberi ed i cesp)*li. Ca..inarono in tal .odo per circa )n ora e )n 6)arto.

;opo *i)nsero nel p)nto pi@ fitto del bosco. Un torrente il c)i letto era secco, cond)ce(a in )na *ola profonda. Va.pa prese 6)esto strano sentiero, c-e, incassato fra le d)e ri(e, e ottenebrato dall o.bra de*li alberi, se.bra(a il sentiero d !(erno di c)i parla Vir*ilio. /eresa, tornata ti.orosa all aspetto di 6)esto l)o*o sel(a**io e deserto si strin*e(a contro la *)ida sen8a dir parola4 .a sicco.e lo (ede(a ca..inare con )n passo se.pre )*)ale, e )na cal.a se.pre profonda era s)l s)o (iso, lei a(e(a la for8a di dissi.)lare la s)a e.o8ione. ")bito, dieci passi lontano da loro, )n )o.o se.br3 staccarsi da )n albero dietro c)i era nascosto, e prendendo col s)o f)cile di .ira Va.pa, *rid3> :0on fare )n passo di pi@ o sei .orto.: :!ndia.o (ia?: disse Va.pa, facendo con la .ano )n *esto di dispre88o, .entre /eresa non dissi.)lando il terrore, si strin*e(a se.pre pi@ contro di l)i. :I l)pi forse si sbranano fra loro<: :C-i sei t)<: do.and3 la sentinella. :"ono L)i*i Va.pa, il pastore della fattoria dei "an +elice. :C-e ()oi<: :Vo*lio parlare ai t)oi co.pa*ni c-e sono s)lla piana di RoccaC Bianca. :!llora se*)i.i: disse la sentinella, :o pi)ttosto, *iacc-5 sai la strada ca..ina a(anti.: Va.pa sorrise con aria di dispre88o alla ca)tela di 6)esto bandito pass3 a(anti con /eresa, e contin)3 il s)o ca..ino collo stesso passo fer.o e tran6)illo c-e lo a(e(a condotto fin l7. ;opo cin6)e .in)ti, il bandito fece loro se*no di fer.arsi. Essi obbedirono. Il bandito i.it3 tre (olte il *rido del cor(o, )n altro *rido e*)ale rispose a 6)esto triplice appello. :Ora p)oi contin)are la strada: disse il bandito. L)i*i e /eresa si ri.isero in ca..ino4 .a, .entre s inoltra(ano /eresa tre.ante si serra(a se.pre pi@ contro il s)o a.ante4 infatti attra(erso *li alberi si (ede(ano co.parire de*li )o.ini e scintillare delle canne di f)cile. L altopiano di RoccaCBianca era s)lla so..it7 di )na piccola .onta*na, c-e do(e(a certa.ente essere stata )n piccolo ()lcano estinto pri.a c-e Ro.olo e Re.o disertassero da !lba per andare a fondare Ro.a. /eresa e L)i*i *i)nsero alla so..it7, e nello stesso te.po si tro(arono circondati da )na (entina di banditi. :Ecco )n *io(ane c-e (i cerca, e desidera parlar(i: disse la sentinella. :C-e ()ole da noi<: c-iese col)i c-e in assen8a del capo ne face(a le pro((isorie f)n8ioni. :Vo*lio dir(i c-e .i sono annoiato di fare il .estiere del pastore: disse Va.pa. :!-, capisco: disse il l)o*otenente, :e t) (ieni a do.andarci di entrare nelle nostre file<: :C-e sia il ben(en)to: *ridarono .olti banditi di +err)sino, di Pa.pinara e d !na*ni, i 6)ali a(e(ano riconosci)to L)i*i Va.pa. :"2, .a (en*o a c-ieder(i )n altra cosa, oltre c-e esser (ostro co.pa*no. :E c-e (ieni a c-iederc i<: dissero con .era(i*lia i banditi. :Ven*o a do.andar(i di essere fatto (ostro capitano: disse il *io(ane. I banditi dettero in )na *ran risata. :E c-e -ai fatto per aspirare a 6)esto onore<: do.and3 il l)o*otenente. :Fo a..a88ato il (ostro capo C)c).etto, di c)i porto le spo*lie: disse L)i*i, :ed -o .esso a f)oco la (illa di "an +elice per dare il corredo di no88e alla .ia fidan8ata.: Un ora dopo, L)i*i Va.pa era eletto capitano al posto di C)c).etto.: :Ebbene, .io caro !lberto: disse +ran8 (ol*endosi all a.ico, :c-e pensate ora di 6)esto cittadino L)i*i Va.pa<: :;ico c-e 6)esto 1 )n .ito: rispose !lberto, :e c-e non 1 .ai esistito.:

:E c-e si*nifica la parola .ito<: do.and3 Pastrini. :"arebbe troppo l)n*o a spie*arsi, .io caro Pastrini: rispose +ran8. :E (oi dite c-e .astro Va.pa esercita in 6)esto .o.ento la s)a professione in 6)este (icinan8e<: :E con )n tale ardire c-e ness)n bandito ne -a .ai dato ese.pio )*)ale.: :E la poli8ia non cerca d i.padronirsene<: :C-e (olete< E*li 1 d accordo ad )n te.po coi pastori della pian)ra, coi pescatori del /e(ere e i contrabbandieri della costa. "e si cerca nelle .onta*ne, 1 s)l fi).e, se si inse*)e s)l fi).e, prende l alto .are4 poi d i.pro((iso 6)ando si crede c-e sia rif)*iato nell isola del #i*lio, di #ian)tri, o di Montecristo, si (ede rico.parire in !lbano, a /i(oli o alla Riccia.: :E 6)al 1 il s)o .odo di fare (erso i (ia**iatori<: :E-, .io ;io, 1 se.plicissi.o> a seconda della distan8a dalla citt7, accorda loro otto ore, dodici ore, )n *iorno, per pa*are il loro riscatto4 6)ando 1 passato il te.po accorda )n ora di *ra8ia. !l sessantesi.o .in)to di 6)est ora se non -a il riscatto, fa saltare le cer(ella del pri*ioniero con )n colpo di pistola, o *li pianta )n p)*nale nel c)ore, e t)tto 1 finito?: :Ebbene, !lberto: do.and3 +ran8 al s)o co.pa*no, :siete ancora disposto ad andare al Colosseo per la strada f)ori delle .)ra<: :Certa.ente: disse !lberto, :se 1 la strada pi@ pittoresca.: In 6)esto .o.ento batterono le no(e, la porta si apr2, e il cocc-iere co.par(e. :Eccellen8a: disse, :la carro88a 1 alla porta.: :Ebbene: disse +ran8, :andia.o al Colosseo.: :Per la porta del Popolo, Eccellen8a, o per le strade esterne<: :Per le strade interne, per Bacco?, per le strade interne: *rid3 +ran8. :!-, .io caro: disse !lberto al8andosi ed accendendo il s)o ter8o si*aro, :in (erit7 (i crede(o pi@ cora**ioso?: ;opo 6)este parole i d)e *io(ani discesero le scale e salirono in carro88a. Capitolo A%. LE !PP!RIGIO0I. +ran8 a(e(a tro(ato )na (ia di .e88o, perc-5 !lberto potesse *i)n*ere al Colosseo sen8a passare da(anti ad alc)na ro(ina antica, e per conse*)en8a sen8a n)lla to*liere alle *i*antesc-e propor8ioni del Colosseo. Proporre di passare per la (ia "abina, (oltare ad an*olo retto da(anti a "anta Maria Ma**iore e *i)n*ere per la (ia )rbana e "an Pietro in Vincoli alla (ia del Colosseo. ; altra parte 6)esto itinerario offri(a anc-e )n altro (anta**io, 6)ello di non distrarre con altre i.pressioni +ran8 da 6)ella prodotta in l)i dalla storia raccontata dal Pastrini, e nella 6)ale (i si tro(a(a .isc-iato il s)o anfitrione di Montecristo. Perci3 si era appo**iato col *o.ito nell an*olo, ed era ricad)to in 6)elle .ille do.ande c-e infinite (olte a(e(a *i7 fatte a se stesso, e alle 6)ali .ai era ri)scito a dare )na risposta soddisfacente. Un altra cosa *li a(e(a ancora fatto so((enire il s)o a.ico "indbad il .arinaio, ed era la rela8ione tra i banditi ed i .arinai. Ci3 c-e a(e(a detto Pastrini s)l rif)*io c-e Va.pa tro(a(a nelle barc-e dei pescatori e dei contrabbandieri, ricorda(a a +ran8 6)ei d)e banditi corsi c- e*li a(e(a (isto cenare insie.e all e6)ipa**io del piccolo Mac-t, c-e de(iando a bella posta dal s)o ca..ino era approdato a Porto Vecc-io col solo scopo di

.etterli a terra. Il no.e c-e il s)o ospite si da(a di Conte di Montecristo, pron)nciato dall alber*atore dell alber*o Londra, pro(a(a c-e era lo stesso c-e sostene(a la parte filantropica s)lle coste di Pio.bino, di Ci(ita(ecc-ia, d Ostia e di #aeta, co.e s) 6)elle di Corsica, di /oscana, di "pa*na, non .eno c-e s) 6)elle di /)nisi e di Paler.o. Era )na pro(a c-e e*li abbraccia(a )na cerc-ia di rela8ioni .olto estesa. Ma per 6)anto 6)este riflessioni fossero presenti allo spirito del *io(ane, esse s(anirono 6)ando co.inci3 a farsi scor*ere il tetro e *i*antesco spettro del Colosseo fra le c)i ro(ine la l)na face(a passare 6)ei l)n*-i e pallidi ra**i, c-e se.bra cadano da*li occ-i dei fantas.i. La carro88a si fer.3 a 6)alc-e passo dalla fontana deno.inata :Meta s)dans:. Il cocc-iere apr2 la portiera, i d)e *io(ani saltarono a terra, e si tro(arono in faccia ad )n cicerone, c-e se.bra(a )scito di sotto terra. D)ello dell alber*o p)re li a(e(a se*)iti, e cos2 ne ebbero d)e. ;el resto 1 i.possibile poter e(itare a Ro.a 6)esto l)sso di *)ide> oltre il cicerone *enerale c-e s i.padronisce di (oi dal .o.ento c-e .ettete il piede s)lla porta di )n alber*o o di )na locanda, e c-e non (i abbandona c-e il *iorno in c)i .ettete il piede f)ori della citt7, (i 1 p)re )n cicerone addetto a ciasc)n .on).ento4 si *i)dic-i d)n6)e se si p)3 restar pri(i di cicerone al Colosseo, (ale a dire al .on).ento per eccellen8a, c-e face(a dire a Mar8iale> :C-e Menfi cessi di (antare i barbari .iracoli delle s)e pira.idi, c-e cessino di essere (antate le .era(i*lie di Babilonia, t)tto de(e annic-ilirsi da(anti all opera i..ensa dell anfiteatro dei Cesari, e t)tte le (oci della celebrit7 de(ono )nirsi per lodare 6)esto .on).ento. +ran8 ed !lberto non tentarono ne..eno di sottrarsi alla tirannide ciceronica, .olto pi@ poi sarebbe stato difficile al Colosseo, perc-5 i(i le sole *)ide -anno il diritto di percorrere i di(ersi p)nti praticabili del .on).ento, colle torce accese. 0on fecero d)n6)e alc)na resisten8a, e si abbandonarono ani.a e corpo ai loro cond)ttori. +ran8 conosce(a *i7 6)esta passe**iata per a(erla fatta dieci altre (olte> .a sicco.e il s)o co.pa*no, pi@ no(i8io, .ette(a per la pri.a (olta il piede nell anfiteatro di +la(io Vespasiano, debbo confessarlo a s)a lode, nonostante il cicalare i*norante delle *)ide, e*li era co..osso da (i(e i.pressioni. 0on 1 possibile, sen8a (ederlo, for.arsi )n idea della .aest7 di )na si.ile ro(ina, le c)i propor8ioni sono t)tte raddoppiate dalla .isteriosa c-iare88a di 6)ella l)na .eridionale, i c)i ra**i se.brano i crep)scoli d occidente. Il riflessi(o +ran8, fatti appena cento passi sotto i portici interni, lasci3 !lberto alle *)ide, c-e non (ole(ano rin)nciare a far*li (edere la fossa dei Leoni, le stan8e dei #ladiatori, il Palco dei Cesari, e sal2 per )na scala .e88o ro(inata, facendo loro contin)are il .etodico *iro, si assise all o.bra di )na colonna, diri.petto ad )na c)r(a c-e *li per.ette(a di potere abbracciare collo s*)ardo il *i*ante di .ar.o in t)tta la s)a estensione. +ran8 era l7 da circa )n 6)arto d ora, nascosto dall o.bra della colonna, ed occ)pato a *)ardare !lberto e coloro c-e *li

porta(ano le torce4 )sci(ano in 6)el .o.ento da )n ro.itorio posto all altra estre.it7 del Colosseo, si.ili ad o.bre c-e se*nano )n f)oco fat)o. ;iscende(ano di scalino in scalino (erso il l)o*o c-e era riser(ato alle Vestali, 6)ando +ran8 se.br3 )dire il r).ore di )na pietra c-e si staccasse e cadesse dalla scala c- e*li p)re a(e(a ascesa. Certo non 1 cosa rara sentir cadere )na pietra c-e sotto i piedi del te.po si stacca e (a a rotolare nell abisso4 .a 6)esta (olta *li se.br3 fosse il piede di )n )o.o, e c-e il r).ore dei passi *i)n*esse fino a l)i, sebbene c-i li ca)sa(a facesse di t)tto per renderli i.percettibili. ;ifatti, dopo )n .o.ento, co.par(e )n )o.o, )scendo *radata.ente dall o.bra .entre sali(a la scala la c)i apert)ra, posta diri.petto a +ran8, era ill).inata dalla l)na. Pote(a essere )n (ia**iatore co.e l)i, c-e preferi(a )na .edita8ione solitaria al ciarlare insi*nificante delle *)ide, e per conse*)en8a la s)a co.parsa n)lla a(e(a di sorprendente4 .a all esita8ione colla 6)ale sal2 *li )lti.i scalini, al .odo con c)i, *i)nto s)l piano, si fer.3 e par(e .ettersi in ascolto, era e(idente essere (en)to l7 con 6)alc-e scopo. Per )n .o(i.ento istinti(o +ran8 si nascose 6)anto pi@ potette dietro la colonna. ! dieci passi dal l)o*o o(e si tro(a(ano la (olta era diroccata, e, da )na apert)ra rotonda co.e 6)ella di )n po88o, lascia(a (edere il cielo t)tto brillante di stelle. !ttorno a 6)esta apert)ra c-e forse da 6)alc-e secolo da(a passa**io ai ra**i della l)na, (e*eta(ano dei cesp)*li il c)i (erde spicca(a con (i*ore s)l pallido a88)rro del fir.a.ento, .entre *randi frasc-e e .a88i di ellera pende(ano da 6)esta terra88a s)periore, e ond)la(ano sotto la (olta a *)isa di corde flottanti. Il persona**io c-e a(e(a attirata l atten8ione di +ran8 era in )na .e88a o.bra c-e non per.ette(a di distin*)erne i tratti, .a non abbastan8a osc)ra per i.pedir*li di (edere i particolari del (estito. Era a((olto in )n *ran .antello sc)ro, )n le.bo, *ettato s)lla spalla sinistra, *li copri(a la parte inferiore del (iso, .entre )n cappello a lar*-e tese copri(a la parte s)periore. L estre.it7 del (estito era ill).inata dai ra**i obli6)i della l)na c-e passa(ano dall apert)ra, e c-e per.ette(ano di distin*)ere i cal8oni neri, c-e ele*ante.ente fini(ano s) )n paio di sti(ali di pelle l)cida. D)est )o.o appartene(a e(idente.ente se non all aristocra8ia, al.eno alla b)ona societ7. Erano *i7 trascorsi alc)ni .in)ti da c-e era l7, e *i7 co.incia(a a dare 6)alc-e se*no d i.pa8ien8a, allorc-5 si )d2 )n piccolo r).ore nella terra88a so(rapposta. 0el .edesi.o p)nto )n o.bra intercett3 la l)ce, )n )o.o appar(e all orlo dell apert)ra, *ett3 )no s*)ardo penetrante nelle tenebre, e (ide l )o.o del .antello, c-e, re**endosi ad )n p)*no di 6)elle frasc-e e di 6)ei ra.i d ellera ond)lante, si lasci3 sci(olare, e, *i)nto a tre o 6)attro piedi dal s)olo, salt3 le**er.ente a terra. D)esti era intera.ente (estito da traste(erino. :"c)sate.i, Eccellen8a, se (i -o fatto aspettare: disse in dialetto ro.ano, :per3 non sono in ritardo c-e di poc-i .in)ti4 le dieci sono s)onate or ora a "an #io(anni in Laterano.:

:"ono stato io c-e sono (en)to pri.a, e non (oi c-e a(ete tardato: rispose lo straniero nel pi@ p)ro toscano, :non faccia.o ceri.onie perc-5 6)and anc-e .i a(es te fatto aspettare, sarei ben certo c-e sarebbe stato per 6)alc-e .oti(o indipendente dalla (ostra (olont7.: :Ed a(ete ra*ione, Eccellen8a, (en*o da Castel "ant !n*elo, ed -o a()to t)tte le difficolt7 possibili per poter parlare a Beppe.: :C-i 1 6)esto Beppe<: :Beppe 1 )n i.pie*ato delle pri*ioni al 6)ale passo )n piccolo co.penso .ensile per sapere ci3 c-e s)ccede in Castello.: :!-, a-, (edo c-e siete )n )o.o pieno di ca)tele, .io caro.: :C-e (olete, Eccellen8a, non si sa ci3 c-e p)3 accadere> forse io p)re sar3 )n *iorno o l altro preso nella rete, co.e 6)el po(ero Peppino, ed a(r3 io p)re biso*no di )n sorcio per rodere 6)alc-e .a*lia della .ia pri*ione.: :!lle corte, c-e a(ete sap)to<: :C-e .arted2 (i saranno d)e esec)8ioni, alle d)e del po.eri**io, co.e 1 solito in certe ricorren8e particolari. Uno dei condannati sar7 i.piccato> 1 )n .iserabile c-e -a )cciso 6)ella stessa persona c-e lo a(e(a alle(ato, e 6)esti non .erita alc)n interesse4 l altro sar7 decapitato, e 6)esti 1 il po(ero Peppino.: :C-e (olete, .io caro, (oi ispirate )n terrore cos2 *rande non solo al *o(erno pontificio, .a a*li "tati (icini, c-e assol)ta.ente si ()ol dare )n ese.pio.: :Ma Peppino non face(a nepp)re parte della .ia banda4 era )n po(ero pastore c-e non -a co..esso altro delitto c-e 6)ello di fornirci (i(eri.: :E ci3 lo fa (ostro co.plice in piena re*ola. !n8i (edete c-e *li )sano dei ri*)ardi. In(ece di i.piccarlo, co.e faranno a (oi se .ai (i .etteranno le .ani addosso, si contentano di *-i*liottinarlo. E (edete bene c-e daranno d)e spettacoli differenti.: :"en8a contare 6)ello c-e *li preparer3 io, e c-e non si aspettano: so**i)nse il traste(erino. :Mio caro, per.ettete.i di dir(i c-e .i se.brate del t)tto disposto a fare 6)alc-e sciocc-e88a.: :"ono disposto a far di t)tto per i.pedire l esec)8ione di 6)el po(ero dia(olo, c-e si tro(a nell i.piccio per a(er.i ser(ito. Mi terrei per )n (ile, se non facessi 6)alc-e cosa per 6)esto bra(o *io(ane.: :E c-e fareste<: :Metter3 )na (entina di )o.ini intorno al patibolo, e 6)ando (i (err7 condotto, ad )n se*nale c-e dar3, ci slancere.o col p)*nale alla .ano s)lla scorta, e lo portere.o (ia.: :D)esta 1 )na cosa troppo incerta, ed io riten*o c-e il .io dise*no sia .i*liore del (ostro.: :E 6)al 1 il dise*no di Vostra Eccellen8a<: :+arei in .odo di parlare ad )no c-e conosco pre*andolo di ottenere c-e l esec)8ione si differisca a 6)est altro anno> 6)indi nel corso dell anno tornerei a parlare con co..o(ente elo6)en8a ad )n altro tale c-e p)re conosco, e lo farei e(adere di pri*ione.: :"iete sic)ro della ri)scita<: :Parble)?: disse in francese l )o.o del .antello. :C-e ()ol dire<: do.and3 il traste(erino. :V)ol dire c-e far3 pi@ colle .ie insin)anti .acc-ina8ioni c-e (oi con t)tta la (ostra *ente, coi loro p)*nali,

le loro pistole, le carabine ed i tro.boni. Lasciate.i d)n6)e fare.: :! .era(i*lia? Ma, ricordate(i bene, se non ci ri)scirete, ci terre.o se.pre preparati.: :/enete(i se.pre preparati, se cos2 (i piace, .a siate certi c-e a(r3 la s)a *ra8ia.: :Ricordate(i c-e .arted2 1 dopo do.ani. Vo i non a(ete pi@ c-e il solo do.ani.: :"ta bene, .a )n *iorno si co.pone di (enti6)attro ore, ciasc)n ora di sessanta .in)ti, ciasc)n .in)to di sessanta secondi, e in ottantasei.ila6)attrocento secondi si fanno .oltissi.e cose.: :Co.e sapre.o se Vostra Eccellen8a 1 ri)scita<: := se.plicissi.o> -o preso in fitto le tre )lti.e finestre del caff1 R)spoli, se -o otten)ta la *ra8ia, le d)e finestre ai lati a(ranno )n tappeto di da.asco *iallo, e 6)ella di .e88o ne a(r7 )no di da.asco bianco con )na croce rossa.: :"ta benissi.o. E da c-i farete presentar la *ra8ia<: :In(iate.i )no dei (ostri )o.ini tra(estito da confratello, e la conse*ner3 a l)i. Mediante 6)esto tra(esti.ento, e*li potr7 *i)n*ere fino ai piedi del patibolo, e ri.etter7 il fo*lio al capo della confraternita c-e lo passer7 al carnefice. +rattanto, fate sapere 6)esta noti8ia a Peppino, c-e e*li non abbia a .orire di pa)ra, o non abbia a di(enir pa88o, c-e sarebbe co.e farci fare )n opera b)ona in)til.ente.: :!scoltate, Eccellen8a: disse il traste(erino, :io (i sono affe8ionato, ne siete con(into<: :Lo spero al.eno.: :Ebbene, se (oi sal(ate Peppino, la .ia non sar7 pi@ affe8ione, .a per l a((enire sar7 cieca obbedien8a.: :Ebbene, fa atten8ione a ci3 c-e dici, .io caro, forse )n *iorno a(r3 a ricordart i 6)esto discorso e c-iss7 c-e )n *iorno io p)re abbia biso*no di te...: :!llora, Eccellen8a, .i tro(erete nel .o.ento del biso*no, co.e io a(r3 tro(ato (oi4 foste anc-e all altra estre.it7 del .ondo, non a(reste c-e a scri(er.i :fate 6)esto: ed io lo fare i s)lla fede di...: :Gitto: disse lo sconosci)to, :sento del r).ore.: :"ono (ia**iatori c-e (isitano il Colosseo.: := in)tile c-e ci tro(ino insie.e. D)este spie di *)ide potrebbero riconoscer(i, e per 6)anto sia onore(ole la nostra rela8ione, p)r non ostante se si sapesse c-e sia.o )niti in a.ici8ia, 6)esto le*a.e .i farebbe perdere non poco il .io credito.: :E cos2, se (oi a(rete la *ra8ia<...: :La finestra di .e88o a(r7 il tappeto bianco ed )na croce rossa.: :"e non la otterrete<...: :/)tte e tre le finestre saranno addobbate coi tappeti *ialli.: :E allora<...: :!llora, .enate il p)*nale a (ostro piacere, (i pro.etto di esser l7 per assister(i.: :!ddio, Eccellen8a4 conto s) di (oi, e (oi contate s) di .e.: ! 6)este parole il traste(erino spar2 per la scala, .entre lo sconosci)to coprendosi pi@ c-e .ai il (iso col .antello, pass3 a d)e passi da +ran8 e discese nell arena per la *radinata esterna. Un .in)to dopo, +ran8 intese il proprio no.e ripetersi sotto le (olte> era !lberto c-e lo c-ia.a(a. !spett3 per rispondere c-e i d)e interloc)tori si fossero allontanati, non (olendo si sapesse esser(i stato )n testi.onio, il 6)ale, se non a(e(a (ed)ti i loro (olti non a(e(a per3 perd)to )na parola della loro con(ersa8ione. ;ieci .in)ti dopo +ran8 percorre(a la strada per andare a pia88a di "pa*na, ascoltando distratto la dotta disserta8ione c-e !lberto face(a, dietro la testi.onian8a di Plinio e Calp)rnio, s)lle reti *)arnite di p)nte di

ferro c-e i.pedi(ano a*li ani.ali feroci di slanciarsi s)*li spettatori. E*li lo lasci3 discorrere sen8a contraddirlo4 a(e(a troppa fretta di tro(arsi solo, per pensare sen8a distra8ione a 6)anto era a((en)to (icino a l)i. ;i 6)esti d)e )o.ini l )no certa.ente era italiano, ed era la pri.a (olta c-e lo (ede(a e lo senti(a, .a non era cos2 dell altro, e 6)ant)n6)e +ran8 non ne a(esse distinte le for.e del (iso, se.pre nascoste nell o.bra o nel .antello, l accento di 6)esta (oce lo a(e(a troppo colpito la pri.a (olta c-e l a(e(a intesa, perc-5 potesse .ai pi@ ris)onare a l)i (icino sen8a riconoscerla. Vi era, particolar.ente nelle intona8ioni ironic-e, 6)alc-e cosa di strid)lo e di .etallico, c-e lo a(e(a fatto rabbri(idire fra le ro(ine del Colosseo, non .eno c-e nella *rotta di Montecristo4 per c)i era ben con(into c-e fosse "indbad il .arinaio. In t)tt altra con*i)nt)ra, la c)riosit7 c-e *li ispira(a 6)est )o.o sarebbe stata cos2 *rande, c-e si sarebbe fatto riconoscere4 .a in 6)esta occasione, la con(ersa8ione c-e a(e(a intesa era troppo inti.a per non essere tratten)to dal ti.ore c-e )na s)a co.parsa non sarebbe stata *radita. Lo a(e(a d)n6)e lasciato allontanare, co.e si 1 (ed)to, .a ripro.ettendosi se lo a(esse incontrato )n altra (olta, di non lasciarsi sf)**ire )na seconda occasione. +ran8 era troppo preocc)pato per potere dor.ire bene. La notte f) i.pie*ata a passare e ripassare t)tte le pi@ .in)te particolarit7 c-e a(e(ano rela8ione con l )o.o della *rotta, e con lo sconosci)to del Colosseo4 e pi@ +ran8 ci pensa(a, pi@ si con(ince(a della s)a opinione. "i addor.ent3 s)l far del *iorno, si s(e*li3 .olto tardi. !lberto, da (ero pari*ino, a(e(a *i7 le s)e .ire per la serata. !(e(a .andato a cercare )n palco al teatro !r*entina. +ran8 a(e(a .olte lettere da scri(ere in +rancia, e lasci3 la carro88a ad !lberto per t)tta la *iornata. !lle cin6)e 6)esti ritorn34 a(e(a *i7 portate le lettere di racco.anda8ione, rice()to in(iti per t)tte le con(ersa8ioni serali, e (ed)to Ro.a. Un *iorno era bastato ad !lberto per far t)tto 6)esto, ed a(e(a anc-e a()to il te.po di infor.arsi dell opera c-e si canta(a, e de*li attori c-e la ese*)i(ano. L opera s intitola(a Parisina4 *li attori erano Cosselli, Moriani e la "pec-. I nostri d)e *io(ani non erano dis*ra8iati, co.e si (ede, a(rebbero sentita la .)sica di )na delle .i*liori opere dell a)tore della L)cia di La..er.oor, cantata dai tre artisti pi@ rino.ati d Italia. !lberto non a(e(a .ai pot)to abit)arsi ai teatri oltra.ontani, nell orc-estra dei 6)ali non 1 per.esso andare e c-e non -anno n5 palc-i, n5 lo**e scoperte4 ci3 era penoso per )n )o.o c-e a(e(a il s)o posto a*li Italiani, e nella lo**ia infernale all Op5ra. Ci3 per3 non *l i.pedi(a di (estirsi con acc)rate88a t)tte le (olte c-e anda(a a teatro con +ran8, toilettes sprecate, perc-5, biso*na confessarlo a (er*o*na di )no dei rappresentanti pi@ de*ni del nostro :bonton:, in 6)attro .esi c-e (ia**ia(a l Italia in t)tti i sensi, non a(e(a a()ta ancora alc)na a((ent)ra. !lberto 6)alc-e (olta cerca(a di sc-er8are s) 6)esto ar*o.ento4 .a nel fondo del c)ore era *rande.ente

.ortificato, e*li, !lberto Morcerf, )no dei *io(ani pi@ intraprendenti, non a(e(a ancora fatta alc)na con6)ista. La cosa era tanto pi@ penosa, perc-5, secondo l abit)ale .odestia dei nostri cari co.patrioti, !lberto era partito da Pari*i con la fer.a con(in8ione di a(ere in Italia il pi@ felice s)ccesso, e di ritornare a for.ar la deli8ia del Bastione di #and col racconto delle s)e a((ent)re. !-i.1? non ne a(e(a a()ta alc)na> le *ra8iose contesse *eno(esi, fiorentine e napoletane si erano conser(ate per i loro .ariti, per i loro a.anti, ed !lberto a(e(a ac6)istata la cr)dele con(in8ione c-e le italiane sanno essere al.eno fedeli. !nc-e se non (o*lio dire c-e in Italia, co.e in o*ni altro l)o*o, non (i siano le loro ecce8ioni. Epp)re !lberto non era solo )n ca(aliere .olto ele*ante, .a a(e(a anc-e dello spirito4 in pi@, era (isconte, e di nobilt7 recente, 1 (ero, .a o**i c-e i.porta, se la propria nobilt7 porta la data del 1AIA o del 1&1'< Oltre t)tto a(e(a cin6)anta.ila lire di rendita4 e 6)esto 1 .olto pi@ di 6)anto biso*na per essere )n *io(ane alla .oda in Pari*i. Era d)n6)e )n poco ).iliante non essere stato ancora seria.ente osser(ato da alc)na si*nora nelle citt7 in c)i a(e(a so**iornato. Ma a(e(a stabilito di (endicarsi nel carne(ale, essendo 6)esto )n te.po di libert7 in t)tti i paesi della terra in c)i 1 introdotta 6)esta istit)8ione, e nella 6)ale anc-e i pi@ stoici cadono in 6)alc-e follia. Ora, sicco.e il carne(ale si apri(a il *iorno appresso, era necessario c-e !lberto facesse conoscere il s)o pro*ra..a pri.a di 6)est apert )ra. !lberto d)n6)e, con 6)esta idea, a(e(a preso in fitto )no dei palc-i pi@ esposti, e pri.a di andarci fece )na toilette irreprensibile. Era al pri.o ordine, e del resto le tre pri.e file di palc-i sono )*)al.ente ed indistinta.ente aristocratic-e, e per 6)esto si c-ia.ano *li ordini nobili. D)esto palco, nel 6)ale si pote(a stare in dodici sen8a pi*iarsi, era costato .olto .eno c-e non sarebbero costati 6)attro posti in )na lo**ia dell :!.bi*):. !lberto a(e(a ancora )n altra speran8a, ed era c-e se *i)n*e(a a prendere )n posto nel c)ore di 6)alc-e bella ro.ana, ci3 lo a(rebbe nat)ral.ente condotto anc-e a con6)istare )n Posto nella carro88a. e per conse*)en8a a (edere il Corso dall alto di )na carro88a aristocratica o da )na finestra principesca. /)tte 6 )este considera8ioni lo tene(ano d)n6)e in contin)o .o(i.ento. E*li (ol*e(a le spalle a*li attori, spor*e(a per .et7 f)ori del palco *)ardando le pi@ belle donne con )n cannocc-iale l)n*o sei pollici, cosa c-e non sollecita(a alc)na si*nora a rico.pensare di )n solo s*)ardo, anc-e di se.plice c)riosit7, t)tti i .o(i.enti di !lberto. ;ifatti ciasc)na parla(a dei s)oi affari, dei s)oi piaceri, del carne(ale c-e co.incia(a l indo.ani, sen8a fare atten8ione n5 a*li attori, n5 alla .)sica, ad ecce8ione dei .o.enti in c)i si (ol*e(a (erso il palcoscenico per sentire )n recitati(o di Cosselli, per appla)dire a 6)alc-e bella nota del Moriani, per *ridare bra(a alla "pec-. Indi le particolari con(ersa8ioni riprende(ano il loro corso abit)ale. Verso la fine del secondo atto si apr2 la porta di )n palco ri.asto ()oto fino allora, e +ran8 (ide entrar(i )na

persona alla 6)ale a(e(a a()to l onore di essere stato presentato a Pari*i e c-e crede(a ancora in +rancia. !lberto (ide il .o(i.ento c-e fece il s)o a.ico a 6)esta co.parsa, e (ol*endosi a l)i> :Conoscete forse 6)ella si*nora<: disse. :"2, c-e (e ne pare<: :#ra8iosa, .io caro4 1 bionda. O-, c-e capelli adorabili? = )na francese<: :0o, 1 (ene8iana.: :Co.e si c-ia.a<: :La contessa #.: :O-, io la conosco di no.e: escla.3 !lberto, :dicono c-e sia tanto spiritosa 6)anto 1 bella. Per Bacco, a(rei pot)to far.i presentare a lei a Pari*i all )lti.o ballo della Villefort, e non l -o a((icinata, sono )n *rande st)pido?: :Volete c-e ripari a 6)esto torto<: do.and3 +ran8. :Co.e? (oi la conoscete con abbastan8a inti.it7 per presentar.i nel s)o palco<: :0on -o a()to l onore c-e di parlarle tre o 6)attro (olte in (ita .ia, .a a t)tto ri*ore ci3 basta per non co..ettere )na scon(enien8a.: In 6)esto .o.ento la contessa riconobbe +ran8, e colla .ano *li fece )n *ra8ioso cenno, al 6)ale e*li rispose con )n rispettoso inc-ino di testa. :Mi se.bra c-e siate .olto nelle s)e *ra8ie?: disse !lberto. :Ecco ci3 c-e in*anna, e a noi francesi far7 fare se.pre .ille sciocc-e88e all estero> sotto.ettere t)tto ai p)nti di (ista pari*ini. 0ella "pa*na, e sopratt)tto in Italia, non *i)dicate .ai della inti.it7 delle persone, dalla libert7 dei rapporti. Io e la contessa ci tro(ia.o si.patici, ed ecco t)tto.: :"i.patici di c)ore<: do.and3 ridendo !lberto. :0o, di spirito...: rispose seria.ente +ran8. :Ed in 6)ale occasione<: :0ell occasione di )na passe**iata al Colosseo, co.e 6)ella c-e abbia.o fatta insie.e.: :!l c-iaro di l)na<: :"2.: :"oli<: :D)asi.: :Ed a(ete parlato<...: :;i .orti.: :!-, do(e(a essere )na cosa assai piace(ole. Ebbene, (i pro.etto c-e se a(r3 la fort)na di essere il ca(aliere della bella contessa in )na si.ile passe**iata, non le parler3 c-e dei (i(i.: :E forse farete .ale.: :+rattanto, presentate.i alla contessa, co.e .i a(ete pro.esso.: :")bito, non appena sar7 calato il sipario.: :D)anto 1 l)n*o 6)esto dia(olo di pri.o atto?: :!scoltate il finale, 1 bellissi.o, e Cosselli lo canta .irabil.ente.: :"2, .a c-e porta.ento?: :0on si p)3 essere per3 pi@ dra..atici della "pec-.: :D)ando si 1 intesa la "ontan* e la Malibran...: :0on tro(ate eccellente il .etodo di Moriani<: :! .e non piacciono i br)ni c-e cantano biondo.: :!-, .io caro: disse +ran8 (ol*endosi, .entre !lberto contin)a(a a p)ntare il s)o cannocc-iale, :in (erit7 siete .olto difficile a contentare.: +inal.ente cal3 il sipario con *rande soddisfa8ione del (isconte di Morcerf, c-e prese il cappello, dette colla .ano )n assestata ai capelli, alla cra(atta, ai polsini, e fece osser(are a +ran8 c- e*li aspetta(a.

"icco.e la contessa, c-e +ran8 interro*a(a con lo s*)ardo, *li a(e(a fatto )n se*no i.percettibile co*li occ-i, per far*li capire c-e sarebbe stato il ben(en)to, cos2 non tard3 a soddisfare la pre.)ra di !lberto, e .entre face(a il *iro del corridoio, il co.pa*no ne approfitta(a per acco.odare le false pie*-e s)l colletto della ca.icia, e s)i ro(esci dell abito. Batterono alla porta del n).ero %, c-e era il palco occ)pato dalla contessa. ")bito il *io(ane, c-e sede(a a lato della contessa s)l da(anti del palco, si al83 cedendo il posto, secondo il cost).e italiano, al n)o(o arri(ato, c-e de(e cederlo a s)a (olta 6)ando entra )n altra (isita. +ran8 present3 !lberto alla contessa co.e )no dei *io(ani pari*ini pi@ distinti per la s)a posi8ione sociale, per il s)o spirito, cosa d altra parte (era, perc-5 a Pari*i e nel circolo in c)i (i(e(a !lberto era riten)to )n ca(aliere irreprensibile. !**i)nse c-e afflitto di non a(er pot)to approfittare del so**iorno della contessa a Pari*i per farsi presentare a lei, lo a(e(a incaricato di riparare a 6)esto errore, .issione della 6)ale si disi.pe*na(a, pre*ando la contessa, presso la 6)ale a(e(a biso*no e*li stesso di )n introd)ttore, di perdonare la s)a indiscre8ione. La contessa rispose facendo )n *ra8ioso sal)to ad !lberto e stendendo la .ano a +ran8. In(itato da lei, !lberto prese il posto ri.asto ()oto s)l da(anti, e +ran8 si sedette nella seconda fila presso la contessa. !lberto a(e(a ritro(ato )n eccellente ar*o.ento di con(ersa8ione> Pari*i4 parla(a alla contessa delle loro co.)ni conoscen8e. +ran8 cap2 c-e era s)l terreno c-e *li con(eni(a, lo lasci3 parlare, e c-iesto*li il *i*antesco cannocc-iale, si .ise anc- e*li ad esplorare il teatro. "ola, s)l da(anti di )n palco al ter8 ordine di faccia, c era )na donna .olto bella, con )n cost).e alla *reca, portato con tanta disin(olt)ra, c-e si capi(a essere 6)ello il s)o (estito abit)ale. ;ietro ad essa, nell o.bra, si delinea(a la for.a di )n )o.o di c)i era i.possibile distin*)ere il (iso. +ran8 interr)ppe la con(ersa8ione di !lberto con la contessa per c-iedere a 6)est )lti.a se conosce(a la bella albanese tanto de*na di attirare l atten8ione non solo de*li )o.ini, .a anc-e delle donne. :0o: disse lei, :t)tto ci3 c-e so, 1 c-e si tro(a a Ro.a dal principio della sta*ione4 perc-5 all apert)ra del teatro l -o (ista do(e 1 ora, e da )n .ese non 1 .ancata ad )na rappresenta8ione, ora acco.pa*nata dall )o.o con lei in 6)esto .o.ento, ora se.plice.ente se*)ita da )n do.estico .oro.: :Co.e la tro(ate, contessa<: :Estre.a.ente bella. Medora do(e(a rasso.i*liare a 6)esta donna.: +ran8 e la contessa si sca.biarono )n sorriso, poi 6)esta riprese il dialo*o con !lberto, e +ran8 se*)it3 a fissare la bella albanese. Il sipario si al83 per la rappresenta8ione del ballo. Era )no dei b)oni balli italiani, .esso in scena dal fa.oso FenrM, c-e co.e coreo*rafo, si era fatta in Italia )na rep)ta8ione colossale, c-e poi il dis*ra8iato perse al /eatro 0a)tico, per )no di 6)ei balli o(e dal pri.o persona**io all )lti.a co.parsa t)tti prendono )na parte atti(a all a8ione, e centocin6)anta persone fanno nello stesso te.po lo stesso *esto, ed al8ano o il .edesi.o braccio, o

la .edesi.a *a.ba. D)esto ballo era intitolato ;orliska. +ran8 era troppo preocc)pato della s)a bella *reca per potersi occ)pare del ballo. D)anto a lei, prende(a )n .anifesto piacere a 6)esto spettacolo, piacere c-e for.a(a )na sin*olare opposi8ione con la nonc)ran8a di col)i c-e l acco.pa*na(a, e c-e d)rante t)tta la rappresenta8ione coreo*rafica non fece )n .o(i.ento, se.brando c-e in .e88o al r).ore infernale c-e face(ano le tro.be, i ce.bali e i piatti cinesi in orc-estra, e*li *odesse le celestiali dolce88e di )n sonno pacifico. +inal.ente il ballo ter.in3, ed il sipario cal3 in .e88o a*li appla)si frenetici di )na platea ent)siasta. Per 6)est abit)dine di separare col ballo i d)e atti dell opera, *l inter.e88i fra )n atto e l altro sono cortissi.i in Italia> i cantanti -anno t)tto il te.po di riposarsi e di fare i loro tra(esti.enti .entre i ballerini ese*)ono le loro dan8e. L introd)8ione del secondo atto co.inci3. +ran8 (ide c-e, ai pri.i colpi d arc-etto, il dor.iente anda(a al8andosi lenta.ente, e si a((icina(a alla *reca, c-e si (olse per dir*li 6)alc-e parola, 6)indi torn3 ad appo**iarsi al da(anti del palco. La fi*)ra dell interloc)tore si tene(a se.pre fra l o.bra, e +ran8 non pote(a distin*)ere i tratti del (olto. Rial8ato il sipario, *li attori attirarono necessaria.ente l atten8ione di +ran84 *li occ-i lasciarono per )n .o.ento il palco della bella *reca per andare (erso la scena. Il secondo atto, co.e o*n)no sa, co.incia col d)etto del so*no> Parisina, dor.endo, lascia sf)**ire, da(anti ad !88o, il se*reto del s)o a.ore per U*o. Lo sposo tradito passa per t)tti i f)rori della *elosia, fino a c-e, con(into dell infedelt7 della sposa, la s(e*lia per ann)n8iarle la (icina (endetta. D)esto d)etto 1 )no dei pi@ belli, dei pi@ espressi(i, dei pi@ terribili )sciti dalla penna di ;oni8etti. +ran8 lo senti(a per la ter8a (olta, e 6)ant)n6)e non passasse per )n .elo.aniaco arrabbiato, prod)sse s) di l)i )n effetto profondo. "ta(a per con*i)n*ere i s)oi appla)si a 6)elli del p)bblico, allorc-5 le s)e .ani ri.asero sospese in aria, ed i bra(i c-e sta(ano per )scir*li di bocca, si estinsero s)lle labbra. L )o.o del palco si era al8ato in piedi e la s)a tes ta (eni(a risc-iarata dalla l)ce> +ran8 riconobbe in l)i il .isterioso abitante di Montecristo, 6)ello c-e la sera innan8i *li era se.brato di a(er indi(id)ato fra le ro(ine del Colosseo. 0on c era pi@ d)bbio, lo strano (ia**iatore era a Ro.a. "en8a fallo, la fisono.ia di +ran8 era in ar.onia col t)rba.ento c-e *etta(a nel s)o spirito 6)est appari8ione, poic-5 la contessa lo *)ard3, scoppi3 in )na risata, e *li c-iese ci3 c-e a(esse. :"i*nora contessa: rispose +ran8, :poco fa (i -o do.andato se conosce(ate 6)ella donna albanese> ora (i do.ando se conoscete s)o .arito.: :0iente pi@ di lei?: rispose la contessa. :L a(ete .ai osser(ato<: :Ecco )na do.anda alla francese? "apete bene c-e per noi italiane non c 1 altro )o.o al .ondo se non 6)ello c-e a.ia.o?: := *i)sto?: rispose +ran8.

:In o*ni .odo: disse lei applicando ai s)oi occ-i il cannocc-iale di !lberto, e diri*endolo (erso il palco, :l)i de( essere )n 6)alc-e dissotterrato, 6)alc-e .orto )scito dalla to.ba col per.esso dei becc-ini, poic-5 .i se.bra spa(entosa.ente pallido.: := se.pre cos2...: rispose +ran8. :Voi d)n6)e lo conoscete<: do.and3 la contessa. :!llora sono io c-e (i do.ando c-i 1<: :Credo di a(erlo (ed)to altre (olte, e .i se.bra di riconoscerlo.: :Infatti: disse lei, facendo )n .o(i.ento colle s)e belle spalle co.e se )n bri(ido le percorresse le (ene, :capisco c-e 6)ando )n tal )o.o si 1 (isto )na (olta, non si di.entica pi@.: L effetto c-e +ran8 a(e(a pro(ato non era d)n6)e )n i.pressione particolare, perc-5 )n altro l a(e(a risentita al pari di l)i. :Ebbene?: do.and3 allora alla contessa, dopo c-e l ebbe *)ardato )na seconda (olta, :c-e pensate di 6)ell )o.o<: :! .e se.bra c-e sia lord R)t-wen in carne ed ossa.: Infatti 6)esto n)o(o ricordo di BMron colp2 +ran84 se 6)alc)no pote(a far*li credere l esisten8a dei (a.piri, era 6)est )o.o. :Biso*na c- io sappia c-i 1...: disse +ran8 al8andosi. :O-, no: *rid3 la contessa, :no, non .i lasciate? Fo contato s) (oi per acco.pa*nar.i a casa, ed ora (i tratten*o.: :Co.e, (era.ente: le disse +ran8, accostandosele all orecc-io, :a(ete pa)ra<: :!scoltate: disse lei, :BMron .i -a *i)rato c-e crede(a ai (a.piri, .i -a assic)rato di a(erne (ed)ti, e .e ne -a descritti i loro (isi4 ebbene, asso.i*liano perfetta.ente a 6)ell )o.o l7, con i capelli neri, *randi occ-i brillanti di )na strana fia..a, 6)el pallore .ortale4 poi a**i)n*ete c-e non 1 con )na donna co.e t)tte le altre, 1 con )na straniera... )na *reca... )na scis.atica... sen8a d)bbio con )na .a*a al par di l)i... Ve ne pre*o, non partite. ;o.ani (i .etterete s)lle s)e tracce, se cos2 (i a**rada, .a 6)esta sera (i riten*o i.pe*nato.: +ran8 insistette. :!scoltate: disse lei al8andosi, :io .e ne (ado, non posso fer.ar.i sino alla fine dello spettacolo, perc-5 -o *ente in casa c-e .i aspetta... "arete cos2 poco *alante da ne*ar.i la (ostra co.pa*nia<: +ran8 non a(e(a altra risposta a dare c-e prendere il cappello, aprire la porta, e presentare il braccio alla contessa. E 6)esto fece. La contessa era (era.ente .olto co..ossa> lo stesso +ran8 non pote(a sf)**ire ad )n certo terrore s)persti8ioso, tanto pi@ nat)rale in 6)anto nella contessa era il prodotto di )na sensa8ione distinta, ed in l)i il ris)ltato di strani ricordi. 0el salire in carro88a sent2 c-e la contessa tre.a(a. La ricond)sse fino a casa> non era (ero c-e era attesa, *liene fece perci3 dei ri.pro(eri. :In (erit7: disse lei, :non .i sento bene, ed -o biso*no di esser sola, la (ista di 6)ell )o.o .i -a scon(olta.: +ran8 fece atto di ridere. :0on ridete: *li disse lei, :d altra parte, non ne a(ete la (olont7. Pro.ettete.i )na cosa...: :E 6)ale<: :Pro.ettetela.:

:/)tto 6)el c-e (orrete, eccetto di rin)n8iare a scoprire c-i 1 6)ell )o.o. Fo dei .oti(i c-e non posso dir(i per desiderare di sapere c-i sia, donde (en*a e do(e (ada.: :;onde (en*a non lo so, .a do(e (ada, (e lo posso dire a colpo sic)ro> (a all inferno.: :Ritornia.o alla pro.essa c-e (ole(ate da .e.: :!-, si tratta di tornare diretta.ente all alber*o e cercare di non (eder 6)esta sera 6)ell )o.o. Vi 1 )na certa affinit7 fra le persone c-e si lasciano e 6)elle c-e si ra**i)n*ono4 non (o*liate ser(ire di tra.ite fra 6)ell )o.o e .e. ;o.ani correte*li dietro co.e pi@ (i a**rada, .a non .e lo presentate .ai, se non (olete (eder.i .orire di pa)ra. ;opo ci3, b)ona sera4 cercate di dor.ir bene, 6)anto a .e, sento c-e non dor.ir3?: ! 6)este parole la contessa si allontan3 da +ran8, lasciandolo irresol)to, nel d)bbio se si era di(ertita alle s)e spalle, o se a(e(a (era.ente sentita la pa)ra espressa. Ritornando all alber*o, +ran8 ritro(3 !lberto in (este da ca.era, con lar*-i cal8oni e (ol)tt)osa.ente disteso sopra )na poltrona, f).ando )n si*aro. :!-, siete (oi: disse, :non (i aspetta(o c-e do.attina.: :Mio caro !lberto: rispose +ran8, :col*o l occasione di dir(i, )na (olta per se.pre, c-e a(ete la pi@ falsa idea delle donne italiane4 .i se.bra pertanto c-e le (ostre sconfitte a.orose a(rebbero do()to far(ela perdere.: :C-e (olete, non c 1 niente da capire con 6)esti dia(oli di donne> (i danno la .ano, (e la strin*ono, (i parlano a bassa (oce all orecc-io, si fanno acco.pa*nare a casa4 con la 6)arta parte di tal con*e*no )na pari*ina perderebbe la s)a rep)ta8ione.: :E-, 6)esto accade precisa.ente, perc-5 non -anno n)lla da nascondere, perc-5 (i(ono in pieno *iorno, ecco, perc-5 le donne )sano tanti poc-i ri*)ardi nel bel paese l7 do(e il s2 s)ona, co.e dice ;ante. ; altra parte, (edeste bene, la contessa -a a()to (era.ente pa)ra.: :Pa)ra di c-e< ;i 6)ell onest )o.o di faccia a noi con 6)ella bella *reca< Fo (ol)to (ederci c-iaro 6)ando sono )sciti, e sono andato loro incontro nel corridoio. 0on so do(e dia(olo a(ete prese t)tte le (ostre idee dell altro .ondo? = )n bellissi.o *io(ane .olto ele*ante, e *li abiti -anno l aspetto d esser fatti in +rancia da Blin o da F).ann. = )n po pallido, 1 (ero, .a (oi s apete c-e il pallore 1 )n .arc-io di distin8ione.: +ran8 sorrise, perc-5 !lberto a(e(a la pretesa d esser pallido. :Io p)re: disse +ran8, :sono con(into c-e le idee della contessa s) 6)est )o.o siano pri(e di b)on senso. Fa parlato (icino a (oi ed a(ete )dita 6)alc)na delle s)e parole<: :Fa parlato, .a in dialetto4 -o riconosci)to l idio.a e 6)alc-e parola *reca sfi*)rata. Biso*na c-e sappiate, .io caro, c-e in colle*io ero .olto (alente in *reco.: :Parla(a d)n6)e )n dialetto *reco.: := probabile.: :0on (i 1 d)bbio: .or.or3 +ran8, :1 l)i.: :C-e dite<...: :0iente... Ma c-e face(ate (oi l7<: :Vi prepara(o )na sorpresa.: :D)ale<: :"apete c-e 1 i.possibile ritro(are )na carro88a<: :Per Bacco? dopo c-e abbia.o tentato t)tto ci3 c-e era ).ana.ente possibile fare...: :Ebbene, -o )n idea .era(i*liosa.:

+ran8 *)ard3 !lberto, co.e non a(esse *ran fid)cia nella s)a i..a*ina8ione. :Mio caro: disse !lberto, :.i onorate di )no s*)ardo tale, c-e .eriterebbe (i do.andassi soddisfa8ione.: :"ono disposto a dar(ela, a.ico .io, se la (ostra idea 1 in*e*nosa 6)anto dite.: :!scoltate.: :!scolto.: :0on c 1 .e88o di proc)rarsi )na carro88a<: :0o.: :0eanc-e ca(alli<: :0o, )*)al.ente.: :Ma sar7 facile proc)rarsi )n carretto<: :+orse.: :E )n paio di b)oi<: := probabile.: :Ebbene, .io caro, ecco ci3 c-e ci ser(e. +accio ornare il carretto, ci .asc-eria.o da .ietitori napoletani, e rappresentia.o al (ero il .a*nifico 6)adro di Leopoldo Robert. "e per )na .a**ior so.i*lian8a la contessa (olesse (estirsi alla fo**ia delle donne di Po88)oli o di "orrento, co.pirebbe la .asc-erata, ed 1 tanto bella c-e (errebbe presa per l ori*inale del 6)adro.: :Per Bacco: *rid3 +ran8, :6)esta (olta a(ete ra*ione, ecco )n idea (era.ente felice.: :E t)tta na8ionale, rinno(ata dai re dei poltroni, .io caro. !-, si*nori ro.ani, (oi credete c-e si (o*lia andare a piedi co.e la88aroni, e ci3 perc-5 a(ete pen)ria di carro88e e di ca(alli< Ebbene, ne in(entere.o.: :E a(ete *i7 fatto partecipe 6)alc)no di 6)esta trionfante in(en8ione<: :!l nostro alber*atore. D)ando sono ritornato, l -o fatto salire e *li -o esposti i .iei desideri. Mi -a assic)rato c-e non (i 1 n)lla di pi@ facile. Vole(o far dorare le corna dei b)oi, .a .i -a detto c-e ric-iederebbe al.eno tre *iorni> biso*ner7 d)n6)e c-e tralascia.o 6)esta s)perfl)it7.: :E do( 1 l)i<: :C-i<: :Il nostro alber*atore...: :In cerca del necessario4 do.ani forse sarebbe tardi.: :;i .odo c-e si dar7 la risposta 6)esta sera stessa<: :Io l aspetto.: ! 6)este parole la porta si apr2, e Pastrini sporse la testa> := per.esso<: disse. :Certa.ente: *rid3 +ran8. :Ebbene: disse !lberto, :a(ete tro(ati il carretto ed i b)oi<: :Fo tro(ato di .e*lio: rispose, con )n aria .olto soddisfatta. :!-, .io caro Pastrini, *)ardate(i: disse !lberto> :il .e*lio 1 ne.ico del bene.: :Le Eccellen8e Vostre si fidino di .e: disse Pastrini col tono di persona sic)ra. :Ma infine c-e c 1<: do.and3 +ran8 a s)a (olta. :"apete: disse l alber*atore, :c-e il conte di Montecristo abita s) 6)esto .edesi.o piano<: :Credo bene c-e lo sappia.o: disse !lberto, :poic-5 1 per l)i c-e sia.o allo**iati co.e d)e st)denti della r)e "aintC0icolas d) C-ardonnet.: :Ebbene, e*li sa del (ostro i.bara88o, e (i offre d)e posti nella s)a carro88a, e d)e posti alle s)e finestre del pala88o R)spoli.: !lberto e +ran8 si *)ardarono. :Ma: do.and3 !lberto, :dobbia.o accettare l offerta di 6)esto straniero< ;i )n )o.o c-e non conoscia.o<: :C-e )o.o 1 6)esto conte di Montecristo<: do.and3 +ran8 all alber*atore. :Un ricc-issi.o si*nore siciliano o .altese, non lo so precisa.ente, .a nobile co.e )n Bor*-ese, e ricco

co.e )na .iniera d oro.: :Mi se.bra: disse +ran8, :c-e se 6)esto si*nore a(esse a()to le .aniere c-e decanta il nostro alber*atore, a(rebbe do()to farci *i)n*ere il s)o in(ito in altro .odo, o con )n bi*lietto, o...: In 6)el .o.ento f) batt)to alla porta. :Entrate: disse +ran8. Un do.estico in ele*ante li(rea co.par(e s)lla so*lia della ca.era. :Ven*o da parte del conte di Montecristo a recare 6)esto bi*lietto per il si*nor +ran8 di EpinaM e per il si*nor (isconte !lberto di Morcerf: disse. E conse*n3 all alber*atore il bi*lietto c-e 6)esti pass3 ai *io(ani. :Il si*nor conte di Montecristo: contin)3 il do.estico, :do.anda a 6)esti si*nori il per.esso di potersi presentare a loro, co.e (icino, do.attina4 a(r7 l onore d infor.arsi in c-e ora saranno (isibili.: :In fede .ia: disse !lberto a +ran8, :non c 1 niente da ridire4 c 1 t)tto.: :;ite al conte: rispose +ran8, :c-e sar7 nostro l onore di far*li (isita.: Il do.estico si ritir3. :Ecco ci3 c-e si c-ia.a fare sfo**io di ele*an8a: dis se !lberto. :;a((ero a(ete ra*ione, Pastrini, il (ostro conte di Montecristo 1 )n )o.o c-e conosce perfetta.ente le b)one .aniere.: :!llora accettate la s)a offerta<: disse Pastrini. :In fede .ia s2: rispose !lberto. :!nc-e se, (e lo confesso, .i dispiace per il nostro carretto da .ietitori, e se non (i fosse stata la finestra del pala88o R)spoli per co.pensare ci3 c-e perdia.o, credo c-e ritornerei al .io pri.o dise*no> c-e ne dite +ran8<: :;ico c-e sono precisa.ente le finestre del pala88o R)spoli c-e .i -anno fatto risol(ere ed accettare: rispose +ran8. Infatti 6)est offerta dei d)e posti ad )na finestra del pala88o R)spoli a(e(a ricordato a +ran8 la con(ersa8ione intesa alle ro(ine del Colosseo, fra lo sconosci)to ed il traste(erino, con(ersa8ione nella 6)ale l )o.o del .antello sc)ro si era i.pe*nato ad ottenere la *ra8ia del condannato. "e 6)esti era, co.e t)tto face(a credere a +ran8, lo stesso c-e *li era apparso al teatro !r*entina, lo a(rebbe riconosci)to sen8a d)bbio, ed allora non a(rebbe a()to pi@ alc)n ostacolo a soddisfare la c)riosit7. +ran8 pass3 b)ona parte della notte a pensare alle d)e appari8ioni, e nel desiderare l indo.ani. Infatti, l indo.ani t)tto do(e(a c-iarirsi, e, a .eno c-e il s)o ospite di Montecristo non possedesse l anello di #ips e la facolt7 di rendersi in(isibile, era e(idente c-e 6)esta (olta non *li sarebbe sf)**ito. "i s(e*li3 pri.a delle otto. D)anto ad !lberto, sicco.e non a(e(a *li stessi .oti(i di +ran8 per essere .attiniero, dor.i(a ancora tran6)illa.ente. +ran8 fece c-ia.are l alber*atore, c-e si present3 coi soliti osse6)i. :Pastrini: *li disse, :non ci de(e essere o**i )n esec)8ione<: :"i, Eccellen8a4 .a se lo do.andate per a(ere )na finestra 1 troppo tardi.: :0o: rispose +ran8, :d altra parte se (olessi assol)ta.ente (edere 6)esto spettacolo, credo tro(erei posto s)l Pincio.: :O-, pres).e(o c-e Vostra Eccellen8a non (olesse .ettersi con t)tta 6)ella cana*lia di c)i il Pincio 1 in 6)alc-e

.odo l anfiteatro nat)rale.: := probabile c-e non (i andr3: disse +ran8, :.a desidererei 6)alc-e particolare.: :D)ale<: :Vorrei sapere il n).ero dei condannati, i loro no.i, e il *enere del loro s)ppli8io.: :0on pote(a capitare pi@ a proposito, Eccellen8a, proprio in 6)esto .o.ento .i -anno portato le ta(olette.: :C-e cosa sono 6)es te ta(olette<: :Le ta(olette sono 6)adretti di le*no c-e (en*ono attaccati a*li an*oli delle contrade il *iorno pri.a dell esec)8ione e s)lle 6)ali sono scritti i no.i dei condannati, la ca)sa della loro condanna e il *enere di s)ppli8io. D)esto a((iso -a lo scopo d in(itare i fedeli a pre*ar ;io di concedere ai colpe(oli )n sincero penti.ento.: :E (e le portano perc-5 )niate le (ostre pre*-iere a 6)elle dei fedeli<: do.and3 +ran8. :0o, Eccellen8a, io .e la sono intesa con 6)ello c-e le attacca, e .e ne porta )na copia, co.e )n altro .i porterebbe )n .anifesto dello spettacolo, affinc-5 se 6)alc)no dei .iei forestieri desidera assistere all esec)8ione, sia a((ertito.: :Ma 6)esta 1 proprio )n atten8ione delicata?: :O-: disse Pastrini, :non faccio per (antar.i, .a cerco di fare t)tto il possibile per soddisfare i nobili a((entori c-e .i onorano della loro confiden8a.: :Me ne accor*o, e lo ripeter3 a c-i (orr7 ascoltar.i, siatene p)r sic)ro. +rattanto desidererei )na di 6)este ta(olette.: := presto fatto: disse l alber*atore aprendo la porta, :ne -o fatta .ettere )na 6)i s)l pianerottolo.: Usc2, stacc3 la ta(oletta e la present3 a +ran8. Ecco le parole dell affisso patibolare. :"i rende noto a t)tti c-e .arted2 $$ febbraio, pri.o *iorno di carne(ale saranno per ;ecreto del /rib)nale e della "acra Rota, *i)sti8iati s)lla pia88a del Popolo i no.inati !ndrea Rondolo, reo di assassinio s)lla persona di )n rispettabilissi.o cittadino di Ro.a4 ed il no.inato Peppino detto Rocca Priori, con(into di co.plicit7 col detestabile bandito L)i*i Va.pa e *li )o.ini della s)a banda. Il pri.o sar7 i.piccato, e il secondo decapitato. Le ani.e caritate(oli sono pre*ate di do.andare a ;io )n sincero penti.ento per 6)esti d)e infelici condannati.: D)esto era ci3 c-e +ran8 a(e(a inteso fra le ro(ine del Colosseo, e non era stato ca.biato n)lla al pro*ra..a> i no.i dei condannati, la ca)sa del s)ppli8io e il *enere di esec)8ione erano esatta.ente *li stessi. Cos2, secondo o*ni probabilit7, il traste(erino non era altro c-e il bandito L)i*i Va.pa, e l )o.o dal .antello sc)ro "indbad il .arinaio c-e a Ro.a co.e a Porto Vecc-io e a /)nisi prose*)i(a il corso delle s)e filantropic-e spedi8ioni. +rattanto il te.po passa(a, erano le no(e, e +ran8 si dispone(a ad andare a s(e*liare !lberto, 6)ando con s)a *rande sorpresa lo (ide )scir di ca.era (estito di t)tto p)nto. :Ebbene: disse +ran8 all alber*atore, :ora c-e sia.o pronti t)tti e d)e, credete c-e potre..o presentarci al conte di Montecristo<: :Certa.ente4 -a l abit)dine di al8arsi di b)on .attino, e sono sic)ro c-e 1 al8ato da pi@ di d)e ore.: :E credete c-e non sar7 indiscreto far*li (isita a 6)est ora<: :0o, certa.ente.: :In 6)esto caso, !lberto,

se siete pronto...: :Perfetta.ente pronto.: :!ndia.o a rin*ra8iare il nostro (icino della s)a cortesia.: :!ndia.o.: +ran8 e !lberto non a(e(ano c-e il pianerottolo da attra(ersare. L alber*atore li precede(a, e s)on3 in loro (ece4 )n do.estico (enne ad aprire. :I si*nori francesi: disse l alber*atore. Il do.estico s inc-in3 e fece loro se*no di entrare. Essi attra(ersarono d)e ca.ere a..obiliate con )n l)sso c-e non crede(ano ritro(are nell alber*o di Pastrini, e f)rono introdotti in )n salotto di )na perfetta ele*an8a. Un tappeto di /)rc-ia era steso s)l pa(i.ento, e i .obili pi@ co.odi offri(ano i loro c)scini i.bottiti e presenta(ano *li sc-ienali inclinati indietro. Ma*nifici 6)adri di pennello .aestro fra..e88ati da trofei di splendidissi.e ar.i, erano appesi alle pareti, e ricc-e portiere di trap)nto pende(ano da(anti a t)tte le apert)re. :"e le Loro Eccellen8e (o*liono sedersi: disse il do.estico, :(ado ad a((isare il si*nor conte.: E dispar(e da )na porta. !l .o.ento in c)i 6)esta si apr2, il s)ono di )na :*)8la: *i)nse fino ai d)e a.ici .a si estinse s)bito, la porta, rinc-i)sa 6)asi nello stesso .o.ento, non a(e(a lasciato passare nel salone c-e, per cos2 dire, )n soffio d ar.onia. +ran8 ed !lberto si sca.biarono )no s*)ardo, e tornarono a (ol*ere la loro atten8ione s)i .obili, s)i 6)adri e s)lle ar.i. ! 6)esta seconda ispe8ione t)tto se.br3 ancor pi@ .a*nifico c-e alla pri.a. :Ebbene: do.and3 +ran8 al s)o a.ico, :c-e ne dite<: :In fede .ia, .io caro, dico c-e biso*na c-e il nostro (icino sia )n 6)alc-e a*ente di ca.bio c-e -a *iocato s)i ribassi dei fondi spa*noli, o 6)alc-e principe c-e (ia**ia inco*nito.: :Gitto: *li disse +ran8, :6)esto 1 ci3 c-e sapre.o fra poco, eccolo...: Infatti il r).ore di )na porta c-e *ira(a s)i cardini si fece sentire, e 6)asi s)bito f) al8ata )na portiera c-e lasci3 passare il proprietario di t)tte 6)este ricc-e88e. !lberto *li and3 incontro, .a +ran8 ri.ase al s)o posto. D)e*li c-e entra(a era infatti l )o.o dal .antello sc)ro del Colosseo, lo sconosci)to del palco, l ospite .isterioso di Montecristo. Capitolo A'. IL P!/IBOLO. :"i*nori: disse il conte di Montecristo, :abbiate le .ie sc)se per esser.i lasciato pre(enire4 .a a(rei a()to ti.ore di essere indiscreto (enendo pi@ presto da (oi. ; altra parte .i a(e(ate fatto dire c-e sareste (en)ti, ed io .i sono tratten)to a (ostra disposi8ione.: :+ran8 ed io dobbia.o far(i .ille rin*ra8ia.enti, si*nor conte: disse !lberto, :(oi ci a(ete tolti da )n *rande i.paccio, e sta(a.o per in(entare )n 6)alc-e (eicolo fantastico al .o.ento c-e ci .andaste il (ostro *ra8ioso in(ito.: :E-, .io ;io, si*nori: rispose il conte facendo se*no co*li occ-i ai d)e *io(ani di sedersi sopra )n di(ano, :la colpa 1 di 6)esto i.becille di Pastrini c-e non .i -a detto pri.a il (ostro i.paccio, e (i -a lasciati per cos2 l)n*o te.po nell incerte88a4 solo e isolato co.e sono non cerca(o c-e )n occasione di far conoscen8a coi .iei

(icini. Cosicc-5 appena seppi poter esser(i )tile in 6)alc-e cosa, a(ete (ed)to con 6)ale fretta -o afferrata l occasione di prestar(i i .iei ser(i*i.: I d)e *io(ani s inc-inarono. +ran8 non a(e(a ancora tro(ata )na sola parola da dire, non a(e(a ancora presa alc)na risol)8ione, e poic-5 il conte se.bra(a non a(esse (olont7 di riconoscerlo, o alc)n desiderio di essere riconosci)to da l)i non sape(a se do(e(a fare all)sione al passato con 6)alc-e parola 6)al)n6)e, o lasciare il te.po all a((enire per portar*li n)o(e pro(e. ;el resto, essendo sic)ro c-e era 6)ello stesso della sera innan8i nel palco, non pote(a )*)al.ente assic)rare c-e fosse 6)ello al Colosseo d)e sere pri.a> risolse d)n6)e di lasciar ca..inare le cose sen8a fare alc)na osser(a8ione diretta al conte. ; altra parte, a(e(a )na s)periorit7 s) l)i era padrone del s)o se*reto, .entre al contrario il conte non pote(a a(ere alc)n potere s) +ran8, c-e non a(e(a n)lla da nascondere. Mentre aspetta(a *li a((eni.enti decise di far cadere la con(ersa8ione s) )n p)nto c-e potesse se.pre cond)rre a dei c-iari.enti. :"i*nor conte: disse, :ci a(ete offerto d)e posti nella (ostra carro88a ed altri d)e alle finestre del pala88o R)spoli4 potreste ora indicarci co.e potre..o fare per proc)rarci )n posto 6)al)n6)e s)lla pia88a del Popolo<: :!-, s2, 1 (ero: disse il conte in .odo distratto, .a *)ardando Morcerf con atten8ione, :ci de( essere, se non sba*lio, in pia88a del Popolo 6)alc-e cosa di si.ile ad )na esec)8ione.: :"2: rispose +ran8, (edendo c-e (eni(a da s5 do(e (ole(a cond)rlo. :!spettate, aspettate, credo di a(er detto ieri al .io intendente di occ)parsi di 6)esto, e forse potr3 render(i anc-e 6)esto piccolo fa(ore.: !ll)n*3 )na .ano, e tir3 il cordone del ca.panello. ")bito entr3 )n indi(id)o s)i 6)arantacin6)e cin6)ant anni c-e so.i*lia(a co.e d)e *occe d ac6)a a 6)el contrabbandiere c-e a(e(a introdotto +ran8 nella *rotta, .a c-e non fece .ini.a.ente se*no di conoscerlo. :Bert)ccio: disse il conte, :(i siete incaricato, co.e ordinai ieri, di tro(ar.i )na finestra s)lla pia88a del Popolo<: :"2, Eccellen8a: rispose l intendente, :.a era troppo tardi.: :Co.e: disse il conte, increspando il sopracci*lio, :(i a(e(o p)re ordinato di ritro(arne )na<: :E Vostra Eccellen8a l a(r74 1 )na finestra c-e era stata data in fitto al principe Loba*neff4 .a sono stato costretto a pa*arla cento...: :"ta bene, sta bene, Bert)ccio, rispar.iate a 6)esti si*nori dei particolari in)tili4 (oi a(ete la finestra e 6)esto 1 l i.portante. ;ate l indiri88o della casa al cocc-iere, e trattenete(i s)lla scala per acco.pa*narci. Basta cos2> andate.: L intendente sal)t3, e fece )n passo per ritirarsi. :!spettate?: riprese il conte. :+ate.i il piacere di do.andare a Pastrini se -a rice()ta la ta(oletta, e se ()ole in(iar.i il pro*ra..a dell esec)8ione.: :E in)tile: rispose +ran8 ca(ando il portafo*li di tasca, :-o a()to 6)esta ta(oletta sotto *li occ-i, e l -o copiata, eccola.:

:!llora, Bert)ccio, potete ritirar(i, non -o pi@ biso*no di (oi. C-e ci a((isino soltanto 6)ando sar7 pronta la cola8ione. D)esti si*nori: contin)3 (ol*endosi ai d)e a.ici, :.i faranno l onore di far cola8ione con .e<: :;a((ero, si*nor conte: disse !lberto, :sarebbe )n ab)sare...: :0o, al contrario, .i fate )n (ero piacere... Mi renderete t)tto ci3 a Pari*i, l )no o l altro, e forse anc-e t)tti e d)e... Bert)ccio, ordinate c-e preparino per tre.: E prese il fo*lio dalle .ani di +ran8. :0oi dice(a.o d)n6)e: contin)3 col tono con c)i a(rebbe letto t)tt altro a((iso:, :c-e saranno *i)sti8iati o**i $$ febbraio i no.inati !ndrea Rondolo, reo d assassinio s)lla persona di )n rispettabilissi.o cittadino di Ro.a, e il no.inato Peppino detto Rocca Priori con(into di co.plicit7 col detestabile bandito L)i*i Va.pa, e *li )o.ini della s)a banda:. F).? :Il pri.o sar7 i.piccato, e il secondo decapitato...: "2, infatti precisa.ente cos2 do(e(a andare la faccenda, .a credo c-e da ieri sia sopra**i)nto 6)alc-e ca.bia.ento nell ordine della ceri.onia.: :!-: disse +ran8, :6)ale ca.bia.ento<: :"2, ieri sera dal cardinale R. presso il 6)ale -o passata la serata, si parla(a di 6)alc-e cosa co.e )na dila8ione accordata ad )no dei d)e condannati.: :!d !ndrea Rondolo<: do.and3 +ran8. :0o...: rispose ne*li*ente.ente il conte, :all altro...: e *)ardando il fo*lio per ricordarsi il no.e, :... a Peppino detto Rocca Priori... D)esto (i pri(er7 di (edere in a8ione la *-i*liottina, .a (i resta l altra esec)8ione, c-e 1 )n s)ppli8io .olto i.ponente, 6)ando si (ede per la pri.a (olta, ed anc-e la seconda, .entre l altro, c-e (oi certo do(ete conoscere, 1 troppo se.plice, troppo rapido, e n)lla c 1 di inaspettato. La .annaia non sba*lia, non tre.a non colpisce in falso, non si ripete trenta (olte co.e il soldato c-e ta*lia(a la testa al conte di C-alais, ed al 6)ale forse era stato racco.andato da Ric-elie). !-: a**i)nse il conte con tono spre88ante, :non .i parlate de*li e)ropei per le esec)8ioni capitali, essi non se ne intendono affatto, e sono nella (era infan8ia, o pi)ttosto nella decrepite88a in rapporto al dare la .orte.: :In (erit7, si*nor conte: rispose +ran8, :si direbbe c-e a(ete fatto )no st)dio co.parato dei s)ppli8i presso i di(ersi popoli del .ondo.: :Ve ne sono poc-i c-e io non abbia (ed)ti.: :Ed a(ete tro(ato piacere ad assistere a 6)esti spettacoli<: :Il .io pri.o senti.ento f) la rip)*nan8a, il secondo l indifferen8a, il ter8o la c)riosit7.: :La c)riosit7< La parola 1 (era.ente terribile, sapete<: :Perc-5< 0on c 1 nella (ita )na preocc)pa8ione pi@ *ra(e di 6)ella della .orte... Ebbene non 1 c)rioso st)diare in 6)anti differenti .odi l ani.a p)3 )scir dal corpo, e co.e, secondo i caratteri, i te.pera.enti, ed anc-e i cost).i dei paesi, *l indi(id)i sopportino 6)esto s)pre.o passa**io<: :0on (i capisco bene: disse +ran8, :spie*ate(i, perc-5 non potete credere 6)anto p)n*a la .ia c)riosit7 ci3 c-e .i dite.: :!scoltate d)n6)e: disse il conte, ed il s)o (iso di(ent3 di fiele nello stesso .odo c-e il (iso di )n altro si colora col san*)e.

:"e )n )o.o a(esse fatto .orire fra tort)re ina)dite, in .e88o a tor.enti sen8a fine (ostro padre, (ostra .adre, la (ostra a.ica, )no di 6)e*li esseri infine c-e 6)ando (en*ono sradicati dal nostro c)ore (i lasciano )n ()oto eterno ed )na pia*a se.pre san*)inosa, credete c-e fosse s)fficiente la ripara8ione c-e (i accorda la societ7, perc-5 il ferro della *-i*liottina 1 passato fra la base dell occipite e i .)scoli delle spalle dell )ccisore, e perc-5 col)i c-e (i -a fatto soffrire l)n*-i anni di .orali sofferen8e, -a pro(ato 6)alc-e secondo di dolore fisico<: :"2, lo so: rispose +ran8, :la *i)sti8ia ).ana 1 ins)fficiente, co.e consolatrice delle an*osce sofferte4 p)3 (ersar san*)e per san*)e, e niente pi@... 0on biso*na per3 c-iederle pi@ di 6)ello c-e p)3 dare.: :!desso (i proporr3 )n altro caso .ateriale: riprese il conte, :6)ello in c)i la societ7, attaccata dalla .orte (iolenta di )n indi(id)o nei principi s)i 6)ali si fonda, p)nisce la .orte colla .orte. Ma non (i sono .ilioni di dolori dai 6)ali possono essere stra8iati i (isceri dell )o.o, sen8a c-e la societ7 se ne occ)pi .ini.a.ente, sen8a c- essa *li offra il .e88o ins)fficiente di casti*o di c)i parla(a.o or ora< 0on (i sono delitti per i 6)ali il palo dei t)rc-i, i tro*oli dei persiani, i ner(i attorti*liati de*l indiani sarebbero s)ppli8i troppo *entili, e c-e t)tta(ia la societ7 indifferente lascia sen8a p)ni8ione<... Rispondete.i, non (i sono 6)esti delitti<: :"2, e il d)ello 1 appena tollerato in alc)ni paesi per p)nirli.: :!-, il d)ello?: *rid3 il conte. :#ra8iosa .aniera di *i)n*ere alla .eta, 6)ando 6)esta 1 la (endetta? Un )o.o (i rapisce l a.ica, sed)ce (ostra .o*lie, disonora (ostra fi*lia4 di )na (ita intera, c-e a(e(a il diritto di aspettarsi da ;io, la parte di felicit7 c-e -a pro.esso ad o*ni )o.o nel crearlo, -a for.ato )n esisten8a di dolore, di .iseria, o di infa.ia, e (oi (i credete (endicato perc-5 a 6)est )o.o, c-e (i -a .esso il delirio nell ani.a e la dispera8ione nel c)ore, a(ete passato il petto con la spada o tra(ersata la testa con )na pallottola< "en8a calcolare c-e spesso 1 il reo c-e riporta il (anta**io nel d)ello, e (iene cos2 scolpato a*li occ-i del .ondo. 0o, no: contin)3 il conte, :se a(essi .ai a (endicar.i, non .i (endic-erei cos2.: :Voi disappro(ate d)n6)e il d)ello< ;)n6)e non (i battereste in d)ello<: do.and3 a s)a (olta !lberto, .era(i*liato nel sentire )na tale teoria. :0o certa.ente, non .i batterei: disse il conte. :Ma: disse +ran8 al conte, :con 6)esta teoria c-e (i costit)isce *i)dice ed esec)tore nella (ostra propria ca)sa, sarebbe difficile contener(i nei li.iti per f)**ire *li estre.i, c-e sono se.pre pericolosi, e con(errete sen8a difficolt7, c-e l odio 1 cieco, la collera sorda, e col)i c-e (i .esce la (endetta, corre pericolo di bere )na be(anda a.ara.: :!nc-e 6)esto p)3 essere (ero, e 6)alc-e (olta abbia.o (isto a((erarsi ci3 c-e ora affer.ate4 .a, d altra parte, il pe**io c-e potrebbe accadere ad )n tale c-e a(esse (iolato la le**e, sarebbe d incorrere in 6)est )lti.o

s)ppli8io di c)i parla(a.o or ora, 6)ello cio1 c-e la filantropica ri(ol)8ione francese -a sostit)ito allo s6)arto ed alla r)ota. Ebbene, c-e cosa 1 6)esto s)ppli8io, se si 1 (endicato< In (erit7, sono 6)asi spiaci)to c-e, secondo t)tte le probabilit7, 6)esto .iserabile Peppino non (en*a decapitato co.e si dice, (edreste il te.po c-e (i s i.pie*a, e se .erita la pena di parlarne... Ma, s)l .io onore, faccia.o )na con(ersa8ione sin*olare per essere il pri.o *iorno di carne(ale. Co.e dia(olo 1 a((en)to< !-, .i ricordo> (oi a(ete do.andato )n posto alla .ia finestra... Ebbene, l a(rete? +rattanto andia.o a ta(ola, poic-5 ecco c-e (en*ono ad ann)nciare c-e t)tto 1 pronto.: Infatti )n do.estico apr2 )na delle 6)attro porte del salotto e disse la cons)eta frase> := ser(ito in ta(ola?: I d)e *io(ani si al8arono e passarono nella sala da pran8o. ;)rante la cola8ione, c-e ri)sc2 eccellente, e f) ser(ita con estre.a ricercate88a, +ran8 cerc3 co*li occ-i lo s*)ardo d !lberto, per le**er(i l i.pressione c-e do(e(ano necessaria.ente a(er*li fatto le parole del loro ospite .a sia c-e, nella s)a abit)ale nonc)ran8a, non (i a(esse prestata *rande atten8ione, sia c-e la .assi.a del conte di Montecristo esternata in rapporto al d)ello lo a(esse con l)i riconciliato, sia final.ente c-e *li antecedenti raccontati, conosci)ti particolar.ente da +ran8, a(essero raddoppiato solo l effetto delle teorie del conte, non si accorse c-e il co.pa*no fosse preocc)pato4 an8i !lberto face(a onore alla cola8ione co.e )n )o.o condannato da 6)attro o cin6)e .esi ad )na c)cina ben differente dalla s)a. D)anto al conte era in preda ad )na preocc)pa8ione .olto (i(a, c-e pare(a ispirata dalla persona di !lberto, ed assa**i3 appena ciasc)n piatto4 si sarebbe detto, nel .ettersi a ta(ola con i s)oi con(itati, c-e ade.pisse )n se.plice do(ere di *entile88a, e c-e aspettasse la loro parten8a per farsi portare 6)alc-e cibo strano e particolare. Ci3 ricorda(a s)o .al*rado a +ran8, il terrore c-e il conte a(e(a ispirato alla contessa #. e la con(in8ione in c)i l a(e(a lasciata c-e il conte, l )o.o c-e le a(e(a .ostrato nel palco in faccia a lei, era )n (a.piro. !lla fine della cola8ione, +ran8 ca(3 l orolo*io. :Ebbene: disse il conte, :c-e fate d)n6)e<: :Ci sc)serete si*nor conte: rispose +ran8, :.a noi abbia.o ancora .ille cose da fare.: :E 6)ali<: :0on abbia.o abiti da .asc-era, ed o**i il .asc-erarsi 1 di ri*ore.: :0on (i occ)pate di 6)esto. ! 6)anto se.bra abbia.o s)lla pia88a del Popolo )na stan8a pri(ata4 (i far3 portare *li abiti c-e . indic-erete e ci .asc-erere.o l7.: :;opo l esec)8ione<: *rid3 +ran8. :;opo, nel te.po, o pri.a, co.e (orrete...: :In faccia al patibolo<: :C-e discorso 1 6)esto< 0oi sare.o presenti alla festa, .a stare.o nella nostra stan8a pri(ata.: :"entite, si*nor conte, (i -o riflett)to bene: disse +ran8, :(i rin*ra8io della (ostra *entile88a. Mi contenter3 di accettare )n posto nella (ostra carro88a, ed )no alla finestra del pala88o R)spoli4 (i lascio in libert7 di disporre del .io posto alla finestra di pia88a del Popolo.: :Ma (oi perdete, (e ne pre(en*o, )na cosa .olto c)riosa: disse il conte.

:Me la racconterete: replic3 +ran8, :e sono con(into c-e dalla (ostra bocca il racconto .i far7 6)asi tanta i.pressione, 6)anta ne potrei rice(ere nel (edere il fatto. ; altra parte pi@ di )na (olta -o pro*ettato di assistere ad )na esec)8ione, e non .i sono .ai pot)to risol(ere. E (oi !lberto<: :Io: rispose il (isconte, :-o (ed)to *i)sti8iare Castapin*..., .a credo fossi )n po sbron8o 6)el *iorno, perc-5 era il pri.o c-e )sci(o di colle*io.: :Ma: so**i)nse il conte, :non 1 )na ra*ione, c-e se non a(ete fatta )na cosa a Pari*i non la dobbiate nepp)re fare all estero> 6)ando si (ia**ia 1 per istr)irsi> 6)ando si ca.bia l)o*o, 1 per (edere. Pensate d)n6)e 6)ale .esc-ina fi*)ra fareste, 6)ando si facessero delle do.ande relati(a.ente a 6)este esec)8ioni in Ro.a, e (oi non sapeste rispondere altro c-e :non le (idi:. E poi, si dice c-e il condannato sia )n infa.e .alandrino, )n birbante c-e -a )cciso a colpi di alare )n b)on canonico c-e l a(e(a alle(ato co.e )n fi*lio. "e (ia**iaste in "pa*na, non andreste a (edere i co.batti.enti dei tori< Ebbene fi*)rate(i sia )n co.batti.ento 6)ello c-e andia.o a (edere4 ricordate(i de*li antic-i ro.ani al Circo, do(e (eni(ano )ccisi trecento leoni e )n centinaio di )o.ini4 ra..entate 6)e*li ottanta.ila spettatori c-e batte(ano le .ani, o 6)elle sa**e .atrone c-e (i cond)ce(ano le loro fi*lie per .aritarle, e 6)elle *ra8iose (estali dalle .ani bianc-e c-e col pollice face(ano )n *ra8iosissi.o e piccolo se*no c-e (ole(a dire> :Via, non siate pi*ri, finite di a..a88ar.i 6)ell )o.o, c-e 1 .e88o .orto.: :Vi andrete d)n6)e, !lberto<: :In fede .ia, s24 esita(o co.e (oi, .a l elo6)en8a del conte .i -a deter.inato.: :!ndia.oci d)n6)e, poic-5 lo (olete: disse +ran8, :.a nel recar.i alla pia88a del Popolo desidererei passare per il Corso. = possibile, si*nor conte<: :! piedi s2, in carro88a non 1 per.esso.: :Ebbene, (i andr3 a piedi.: :Ma a(ete tanta necessit7 di passare per il Corso<: :"2, -o 6)alc-e cosa da sbri*are.: :Ebbene, passia.o t)tti per il Corso. Mandere.o la carro88a per la strada del Babb)ino ad aspettarci s)lla pia88a del Popolo. ;el resto anc- io -o piacere di passare per il Corso, onde (edere se sono stati ese*)iti alc)ni ordini c-e -o dati.: :Eccellen8a: disse )n do.estico aprendo la porta, :)n )o.o (estito da confratello della b)ona .orte c-iede di parlar(i.: :!-, s2: disse il conte, :so c-e cos 1. "i*nori, (olete a(ere la co.piacen8a di entrare nel salotto< /ro(erete s)lla ta(ola di .e88o de*li eccellenti si*ari !(ana... Vi ra**i)n*er3 fra poco.: I d)e *io(ani si al8arono e )scirono da )na porta, .entre il conte, dopo a(er rinno(ato loro le sc)se, )sc2 dall altra. !lberto, c-e era )n *ran dilettante di si*ari, e c-e non ritene(a piccolo sacrificio l esser pri(o dei si*ari del Caff1 di Pari*i da c-e era in Italia, si a((icin3 alla ta(ola, e .and3 )n *rido di *ioia nel riconoscere del (eri :p)ros:. :Ebbene: *li do.and3 +ran8, :c-e pensate del conte di Montecristo<:

:C-e ne penso<: disse !lberto, *rande.ente .era(i*liato c-e il co.pa*no *li facesse )na si.ile do.anda. :Penso c-e 1 )n )o.o carissi.o, c-e fa a .era(i*lia *li onori di casa s)a, c-e -a .olto st)diato, c-e -a riflett)to assai, c-e 1 co.e il Br)to della sc)ola stoica, e: a**i)nse, .andando )na (ol)tt)osa f).ata c-e sal2 a spirale (erso il soffitto, :e c-e, oltre t)tto ci3, possiede de*li eccellenti si*ari.: D)esta era l opinione di !lberto s)l conte. "icco.e era noto a +ran8 c-e !lberto a(e(a la pretesa di non farsi .ai )n opinione de*li )o.ini e delle cose c-e dopo .at)re riflessioni, +ran8 non tent3 di ca.biar niente alla s)a. :Ma: disse, :a(ete notato )na cosa sin*olare<: :E 6)ale<: :L atten8ione con c)i (i *)arda(a.: !lberto riflett5 )n poco. :!-: disse con )n sospiro, :n)lla di strano in 6)esto> sono assente da Pari*i da 6)asi )n anno, e debbo a(ere de*li abiti di )n ta*lio dell altro .ondo. Il conte .i a(r7 preso per )n pro(inciale. ;isin*annatelo, caro a.ico, e dite*li, (e ne pre*o, alla pri.a occasione, c-e non 1 (ero.: +ran8 sorrise4 )n .o.ento dopo rientr3 il conte. :Ecco.i, si*nori: disse, :e t)tto per (oi? Fo *i7 dato *li ordini. La carro88a andr7 a pia88a del Popolo per la s)a strada, e noi andre.o per la nostra, se lo desiderate ancora, cio1 per la strada del Corso. ") (ia, prendete d)n6)e 6)alc)no di 6)esti si*ari, si*nor Morcerf...: a**i)nse, strisciando in .odo sin*olare le sillabe di 6)esto no.e c-e pron)n8ia(a per la pri.a (olta. :In fede .ia, con *ran piacere: disse !lberto, :perc-5 i (ostri si*ari italiani sono ancora pe**iori di 6)elli della pri(ati(a re*ia4 6)ando (errete a Pari*i (i render3 t)tto 6)esto.: :Ed io non rifi)to4 conto di andar(i per 6)alc-e *iorno, e poic-5 .e lo per.ettete, (err3 a battere alla (ostra porta. !ndia.o, si*nori, andia.o, non abbia.o te.po da perdere4 1 .e88o*iorno e .e88o, partia.o...: /)tti e tre discesero. !llora il cocc-iere prese *li ordini del padrone, se*)2 la (ia del Babb)ino, .entre i pedoni risali(ano per pia88a di "pa*na, e per (ia +rattina c-e cond)ce diretta.ente fra il pala88o +iano e il pala88o R)spoli. #li s*)ardi di +ran8 f)rono diretti alle finestre di 6)est )lti.o pala88o4 non a(e(a di.enticato il se*nale con(en)to al Colosseo, fra l )o.o del .antello sc)ro e il traste(erino. :D)ali sono le (ostre finestre<: do.and3 al conte col tono pi@ nat)rale c-e potesse. :Le tre )lti.e: rispose il conte con )na ne*li*en8a non affettata, perc-5 non pote(a indo(inare a 6)ale scopo *li (eni(a fatta 6)esta do.anda. #li s*)ardi di +ran8 si portarono rapida.ente alle tre finestre. D)elle laterali erano parate con )n tappeto di da.asco *iallo, e 6)ella di .e88o con )n tappeto di da.asco bianco c-e porta(a )na croce rossa. L )o.o dal .antello sc)ro a(e(a d)n6)e .anten)ta la parola al traste(erino, e non c era pi@ d)bbio, era precisa.ente il conte. Le tre finestre erano ()ote. ;a t)tte le parti si face(ano preparati(i> si .ette(ano a posto le sedie, si er*e(ano palc-i, si para(ano le finestre.

Le .asc-ere non pote(ano co.parire, le carro88e non pote(ano entrare c-e dopo il s)ono della ca.pana del Ca.pido*lio4 .a si fi)ta(ano le .asc-ere dietro a t)tte le finestre, e le carro88e dietro a t)tte le porte. +ran8, !lberto ed il conte contin)arono a discendere l)n*o il Corso> a seconda c-e si a((icina(ano alla pia88a del Popolo, la folla di(eni(a pi@ fitta, e, al di sopra delle teste di 6)esta folla, si (ede(ano d)e cose l obelisco sor.ontato da )na croce, c-e indica il centro della pia88a, e da(anti all obelisco, precisa.ente nel p)nto di corrisponden8a (is)ale delle tre strade del Babb)ino, del Corso e di Ripetta, i d)e tra(i s)pre.i del patibolo, fra i 6)ali brilla(a l acciaio forbito della falce. !ll an*olo della strada, c era l intendente del conte c-e aspetta(a il padrone. La finestra presa in fitto, ad )n pre88o sen8a d)bbio esorbitante c-e il conte non a(e(a (ol)to far conoscere ai con(itati, era al secondo piano del *ran pala88o sit)ato fra la strada del Babb)ino e il Pincio, )na specie di so**iorno c-e co.)nica(a con )na ca.era da letto4 .a c-i)dendo la porta di 6)esta, 6)elli c-e a(e(ano preso in fitto il so**iorno sta(ano co.e in casa loro. ")lle sedie erano disposti dei (estiti da pa*liaccio, di seta bianca e celeste della pi@ *ra nde ele*an8a. :!(endo.i lasciata la scelta dei cost).i: disse il conte ai d)e a.ici, :-o fatto preparare 6)esti. "aranno ci3 c-e di .e*lio (err7 indossato in 6)esto anno, poi sono ci3 c-e (i 1 di pi@ co.odo *iacc-5 la farina c-e *etteranno si adatter7 al cost).e.: +ran8 non intese c-e i.perfetta.ente le parole del conte, e forse non appre883 al *i)sto (alore 6)esta n)o(a *entile88a, poic-5 t)tta la s)a atten8ione era ri(olta allo spettacolo c-e rappresenta(a la pia88a del Popolo ed allo str).ento terribile c-e ne for.a(a in 6)ell ora il principale orna.ento. Era la pri.a (olta c-e +ran8 (ede(a )na *-i*liottina. 0oi dicia.o *-i*liottina, .a la falce ro.ana 1 presso a poco della stessa for.a del nostro str).ento di .orte. La falce -a la for.a di )na .e88a l)na, ta*lia dalla parte con(essa cade da .inore alte88a> ecco t)tta la di(ersit7? ;)e )o.ini, sed)ti s)lla ta(ola ad altalena, do(e (iene steso il condannato, aspetta(ano, e .an*ia(ano, a 6)anto se.br3 a +ran8, del pane e della salsiccia. Uno di essi solle(3 l asse, e ne estrasse )n fiasco di (ino, ne be((e e passo il fiasco al s)o co.pa*no> erano *li ai)tanti del carnefice? ! 6)esta sola (ista, +ran8 a(e(a sentito (enir*li il s)dore fino alla radice dei capelli. I condannati erano stati trasportati, dalla sera innan8i, dalle carceri n)o(e alla c-iesa di "anta Maria del Popolo, ed a(e(ano passata t)tta la notte assistiti ciasc)no da d)e preti in )na cappella c-i)sa da )n cancello, da(anti al 6)ale passe**ia(ano le sentinelle ca.biate d ora in ora. Una doppia fila di *endar.i posti da ciasc)n lato della c-iesa si estende(a fino al patibolo, intorno al 6)ale for.a(a )n circolo di dieci piedi di spa8io fra la *-i*liottina ed il popolo. /)tto il resto della pia88a se.bra(a )n selciato di teste d )o.ini e di donne delle 6)ali .olte a(e(ano i loro ba.bini s)lle spalle, e 6)esti (ede(ano .e*lio di t)tti, perc-5 (eni(ano ad a(er la testa al di sopra delle altre. Il Pincio se.bra(a )n (asto anfiteatro con i *radini caric-i di spettatori, le finestre delle d)e c-iese c-e

for.a(ano l an*olo delle strade del Babb)ino e di Ripetta col Corso, ri*)r*ita(ano di c)riosi pri(ile*iati4 *li scalini dei peristili se.bra(ano )n onda .o(entesi e (ariopinta c-e )na .area incessante spin*esse (erso il portico, ciasc)na spor*en8a o rilie(o di .)ro c-e potesse dare appo**io ad )n )o.o a(e(a la s)a stat)a (i(ente. Ci3 c-e dice(a il conte era d)n6)e (ero> ci3 c-e (i 1 di pi@ c)rioso nella (ita 1 lo spettacolo della .orte. E in(ece del silen8io, co.e do(rebbe essere nella solennit7 di )n tale spettacolo, )n *ran r).ore )sci(a da 6)ella folla, r).ore co.posto di risa, di )rli, di *rida *iocose. Era e(idente, co.e a(e(a detto il conte, c-e a 6)esta esec)8ione era inter(en)ta )na *ran .oltit)dine di popolo, non per la cosa in s5 .a per la coinciden8a col principio del carne(ale. ; i.pro((iso t)tto 6)esto r).ore cess3 co.e per incanto4 la porta della c-iesa era stata aperta. La confraternita detta di "an #io(anni ;ecollato co.par(e. Ciasc)n .e.bro era (estito di )n sacco *ri*io aperto soltanto a*li occ-i, e tene(a in .ano )na torcia accesa4 il capo di 6)esta confraternita apri(a la strada. ;ietro ai confratelli (eni(a )n )o.o di alta persona, n)do, ad ecce8ione dei cal8oni di tela, alla c)i cintola pen8ola(a )n *ran coltello nel fodero, e c-e porta(a s)lla spalla destra )n 6)antit7 di corda n)o(a> era il carnefice. !(e(a i sandali allacciati alla *a.ba con f)nicelle. ;ietro al carnefice ca..ina(ano, nell ordine in c)i do(e(ano esser *i)sti8iati, pri.a Peppino, e poi !ndrea4 ciasc)no acco.pa*nato da d)e preti. 05 l )no n5 l altro a(e(ano *li occ-i bendati. Peppino ca..ina(a con passo .olto sic)ro4 sen8a d)bbio a((isato di ci3 c-e *li si prepara(a. !ndrea era sosten)to sotto le braccia da )n prete. Entra.bi bacia(ano, o*ni decina di passi, il si.bolo della Reden8ione presentato dal confessore. +ran8 sent2 c-e solo 6)esta (ista *li face(a (enir .eno le *a.be4 *)ard3 !lberto. Era pallido co.e la ca.icia e per )n .o(i.ento .eccanico *ett3 il si*aro, 6)ant)n6)e non lo a(esse f).ato c-e a .et7. Il conte solo pare(a i.passibile. !n8i di pi@> )na le**era tinta rosea ado.bra(a il pallore li(ido delle s)e *)ance, il naso si dilata(a co.e )n ani.ale c-e ann)sa il san*)e, e le labbra lascia(ano (edere i denti piccoli, bianc-i ed ac)ti, co.e 6)elli di )n l)po d !frica. /)tta(ia il s)o (iso a(e(a )n espressione di dolce88a sorridente, c-e +ran8 non *li a(e(a .ai (ed)ta4 *li occ-i sopratt)tto erano d )na a..irabile .ans)et)dine. +rattanto i d)e condannati contin)a(ano a ca..inare (erso il patibolo, ed a seconda c-e a(an8a(ano si pote(ano distin*)ere i tratti del loro (iso. Peppino era )n bel *io(ane dai (enti6)attro ai (entisei anni, di colorito sc)ro per il sole, con lo s*)ardo libero e sel(a**io4 porta(a la testa alta, e se.bra(a odorare il (ento per conoscere da c-e parte sarebbe arri(ato il liberatore. !ndrea era *rosso e corto4 il (iso, tri(ial.ente cr)dele, non ri(ela(a la s)a et7, ci3 nonostante pote(a a(ere circa trent anni. 0ella pri*ione si era lasciata crescere la barba. La testa pen8ola(a sopra )na delle spalle, le *a.be *li si

pie*a(ano sotto4 t)tto il s)o essere se.bra(a obbedire ad )n .o(i.ento corporeo, al 6)ale la s)a (olont7 non prende(a parte. :Mi se.bra: disse +ran8 al conte, :abbiate detto c-e (i sar7 )na sola esec)8ione.: :Fo detto la (erit7: rispose e*li fredda.ente. :Per3 l7 ci sono d)e condannati.: :"2, .a di 6)ei d)e, )no 1 s)l p)nto di .orire, l altro (i(r7 ancora .olti anni.: :Ma se de(e (enire la *ra8ia, non c 1 te.po da perdere.: :Ed app)nto eccola c-e (iene, *)ardate...: disse il conte. ;ifatti nel .o.ento in c)i Peppino *i)n*e(a ai piedi del patibolo, )n penitente c-e se.bra(a *i)nto in ritardo, pass3 la fila sen8a c-e i soldati facessero ostacolo al s)o passa**io, e (enendo a(anti present3 al capo della confraternita )n fo*lio pie*ato in 6)attro parti. Lo s*)ardo ardente di Peppino non a(e(a perd)to alc)no di 6)esti particolari4 il capo della confraternita spie*3 la carta, la lesse ed al83 la .ano. :Il "i*nore sia benedetto e ")a "antit7 sia lodata?: disse ad alta ed intelli*ibile (oce. :C 1 la *ra8ia della (ita per )no dei condannati.: :#ra8ia?: *rid3 il popolo con )n sol *rido. :C 1 la *ra8ia?: ! 6)esta parola *ra8ia, !ndrea si scosse e al83 la testa. :#ra8ia, per c-i<: *rid3. Peppino rest3 i..obile, .)to ed anelante. := la *ra8ia della pena di .orte per Peppino detto Rocca Priori: disse il capo della confraternita. E pass3 il fo*lio nelle .ani del co.andante dei *endar.i, c-e dopo a(erlo letto torn3 a renderlo. :#ra8ia per Peppino?: *rid3 !ndrea, tolto dallo stato di torpore in c)i se.bra(a i..erso. :Perc-5 *ra8ia per l)i e non per .e< 0oi do(e(a.o .orire insie.e, .i era stato pro.esso c-e sarebbe .orto pri.a di .e non -a diritto di far.i .orir solo, non (o*lio .orire solo, non lo (o*lio?...: E si attacc3 alle braccia dei d)e preti, torcendosi, )rlando, r)**endo e facendo sfor8i insensati per resistere al carnefice c-e (ole(a, a 6)ell i.peto i.pre(isto, le*ar*li n)o(a.ente le .ani. Il carnefice fece )n se*no ai s)oi ai)tanti i 6)ali saltarono dal patibolo, e (ennero ad i.padronirsi del condannato. :C-e accade d)n6)e<: do.and3 +ran8 al conte, *iacc-5 la distan8a non *li per.ette(a di intendere le parole. :C-e accade<: disse il conte. :0on lo indo(inate< !ccade c-e 6)ella creat)ra ).ana c-e (a alla .orte, 1 di(en)ta f)riosa perc-5 il s)o si.ile non .)ore con lei, e se si lasciasse fare lo sbranerebbe con le )n*-ie e con i denti pi)ttosto di lasciarlo *odere della (ita di c)i sar7 in bre(e pri(ata. O-, )o.ini, )o.ini? ra88a di coccodrilli, co.e disse Tarl Moor: *rid3 il conte stendendo i d)e p)*ni (erso t)tta 6)ella folla, :co.e (i riconosco, in o*ni te.po siete se.pre de*ni di (oi stessi.: !ndrea e i d)e ai)tanti del carnefice si rotola(ano nella pol(ere, ed il condannato *rida(a se.pre> :;e(e .orire, (o*lio c-e .)oia? 0on -anno il diritto di far.i .orir solo?: :#)ardate, *)ardate...: disse il conte afferrando ciasc)no dei d)e *io(ani per la .ano, :*)ardate, perc-5, s)ll ani.a .ia, 1 )na cosa c)riosa> ecco )n )o.o c-e era rasse*nato alla s)a sorte, c-e ca..ina(a al patibolo, c-e anda(a a .orire co.e ) n (ile, 1 (ero, .a p)re anda(a a .orire sen8a resisten8a e sen8a recri.ina8ione.

"apete ci3 c-e *li da(a 6)alc-e for8a< "apete ci3 c-e lo consola(a< "apete ci3 c-e *li face(a prendere il s)ppli8io con pa8ien8a< Era )n altro c-e di(ide(a le an*osce, )n altro c-e .ori(a co.e l)i, )n altro c-e .ori(a pri.a di l)i. Cond)cete d)e .ontoni alla becc-eria o d)e b)oi al .acello e fate intendere, se (i riesce, ad )no di 6)esti c-e il s)o co.pa*no non .orr7> il .ontone cred io, beler7 di *ioia, il b)e .)**ir7 di piacere4 .a l )o.o, a c)i Iddio -a i.posto per pri.a, per )nica, per s)pre.a le**e l a.ore del prossi.o, l )o.o a c)i Iddio -a dato la parola per espri.ere il pensiero, ora (edetelo 6)i con i (ostri propri occ-i, c-e (a s)lle f)rie perc-5 (a a .orir solo, perc-5 sa c-e il co.pa*no 1 sal(o. In (erit7, non .e lo sarei .ai aspettato? Ecco l7, non pi@ terrore, non pi@ rasse*na8ione4 o-, dis*ra8iata creat)ra, 6)anto lacri.e(ole 1 la t)a sorte?: E il conte rise, .a di )n riso terribile c-e face(a co.prendere c- e*li a(e(a orribil.ente sofferto per poter *i)n*ere a ridere in tal .odo. +rattanto la lotta contin)a(a, ed era spettacolo orribile a (edersi. I d)e ai)tanti porta(ano !ndrea s)l patibolo4 t)tto il popolo a(e(a preso partito contro di l)i, e (enti.ila (oci .anda(ano )n sol *rido> :! .orte? a .orte?: +ran8 si ritrae(a> .a il conte riprese il s)o braccio e lo trattenne da(anti alla finestra. :C-e fate?: disse. :!(ete piet7< In fede .ia 1 ben riposta? "e sentiste *ridare il cane arrabbiato, prendereste il (ostro f)cile, (i appostereste s)lla strada, e tirereste sen8a .isericordia, da bre(e distan8a, s)lla po(era bestia, c-e in fin dei conti non sarebbe rea c-e di essere stata .orsa da )n altro cane, e di rendere ci3 c-e *li f) fatto4 ed ecco 6)a c-e a(ete piet7 di )n )o.o c-e non f) .orso da alc)n altro, e c-e ci3 nonostante -a )cciso il s)o benefattore e c-e ora non potendo pi@ )ccidere, perc-5 -a le .ani le*ate, ()ole a t)tta for8a (eder .orire il co.pa*no d infort)nio? 0o, no, *)ardate, *)ardate...: O*ni racco.anda8ione sarebbe stata in)tile, +ran8 era co.e affascinato dall orribile spettacolo. I d)e ai)tanti a(e(ano portato a *rande stento il pa8iente ai piedi della scala fatale. Il .isero si dibatte(a, si contorce(a, e p)nta(a i piedi, *ettandosi con t)tta la persona all indietro. Uno di 6)ei d)e tent3 d ac6)istare 6)alc-e (anta**io col salire alc)ni scalini dalla s)a parte, e tirarlo a s5 .entre l altro lo a(rebbe sospinto all ins@. In 6)ell atti.o il carnefice lo afferr3 per la (ita e lo solle(3 da terra. Il .isero, sen8a p)nto d appo**io e tirato e sospinto, in )n atti.o f) sotto al laccio. ! tal (ista, +ran8 non pot5 trattenersi, si ritir3, e and3 a cadere s) )na sedia, .e88o s(en)to. !lberto, co*li occ-i c-i)si, resta(a in piedi, .a a**rappato al telaio della finestra. Il conte solo era in piedi e trionfante co.e l an*elo del .ale. Capitolo AB. IL C!R0EV!LE ;I ROM!. D)ando +ran8 torn3 in s5, (ide !lberto c-e be(e(a )n bicc-iere d ac6)a, e il pallore ri(ela(a c-e ne a(e(a a()to *ran biso*no. Il conte co.incia(a *i7 ad indossare il (estito da pa*liaccio. ;ette .acc-inal.ente )n occ-iata s)lla pia88a, t)tto era sparito> patibolo, carnefice, (itti.e, non resta(a pi@ c-e il popolo affollato, r).ore**iante, alle*ro. La ca.pana del Ca.pido*lio s)ona(a l apert)ra del carne(ale. :Ebbene: do.and3 al conte, :c-e 1 d)n6)e accad)to<:

:0iente, assol)ta.ente niente: diss e*li, :solo il carne(ale 1 co.inciato, .asc-eria.oci presto.: :Infatti: rispose +ran8, :non resta di t)tta 6)esta scena c-e la traccia di )n so*no.: :E non f) c-e )n so*no, non f) c-e )n inc)bo, 6)ello c-e a(este.: :"2, .a il condannato<: :E )n so*no anc- esso, solo e*li 1 ri.asto addor.entato, e (oi (i siete ris(e*liato. C-i p)3 dire 6)ale di (oi d)e sia il pri(ile*iato<: :Ma di Peppino: do.and3 +ran8, :c-e a((enne<: :Peppino 1 )n *io(ane di senno c-e non -a il pi@ piccolo a.or proprio, e c-e contro l abit)dine de*li )o.ini c-e sono f)riosi 6)ando ness)no si occ)pa di loro, 1 ri.asto soddisfatto di (edere, c-e l atten8ione *enerale era attratta dal s)o co.pa*no4 per conse*)en8a -a profittato di 6)esta distra8ione per sc-i88ar fra la folla, e sparire, sen8a ne..eno rin*ra8iare 6)ei de*ni preti c-e lo a(e(ano acco.pa*nato. In fede .ia, l )o.o 1 )n ani.ale .olto in*rato ed e*oista... Ma (estite(i4 osser(ate, il si*nor de Morcerf (e ne d7 l ese.pio.: Infatti !lberto passa(a .acc-inal.ente i cal8oni di seta bianca al di sopra dei s)oi di panno nero, e *li sti(ali (erniciati. :Ebbene, !lberto: do.and3 +ran8, :a(ete (o*lia di far follie< "), rispondete franca.ente.: :0o: disse, :.a sono contento di a(er (isto )na cosa si.ile, e co.prendo ci3 c-e dice(a il si*nor conte, cio1, c-e 6)ando )no -a pot)to abit)arsi ad )n si.ile spettacolo, sia il solo c-e d7 ancora 6)alc-e e.o8ione.: :"en8a contare c-e in 6)el .o.ento soltanto si possono fare st)di psicolo*ici: disse il conte. :")l pri.o scalino del patibolo la .orte strappa la .asc-era c-e si 1 portata in t)tta la (ita e appare il (ero (iso dell )o.o. Biso*na con(enirne, 6)ello di !ndrea non era bello a (edersi, era )n infa.e r ib)ttante?... Vestia.oci, -o biso*no di (edere delle .asc-ere di cera e di st)cco, per consolar.i delle .asc-ere di carne...: "arebbe stato ridicolo per +ran8 fare la fe..inetta, e non se*)ire l ese.pio c-e *li (eni(a dato dai d)e co.pa*ni. Indoss3 d)n6)e il s)o cost).e, si adatt3 s)l (iso la .asc-era, non certa.ente pi@ pallida del s)o (olto. Co.pi)to il tra(esti.ento, discesero. La carro88a aspetta(a alla porta piena di confetti e di .a88etti di fiori4 si .ise in fila. = difficile farsi )n idea di )n contrasto cos2 e(idente> in(ece dello spettacolo di .orte, tetro e silen8ioso, la pia88a del Popolo presenta(a l aspetto di )na folta e r).orosa festa. Una .oltit)dine di .asc-ere da o*ni parte, )scendo dalle porte, dalle finestre4 le carro88e da t)tti *li an*oli delle strade, piene di pa*liacci, d arlecc-ini, di do.ino, di .arc-esi, di traste(erini, di *rottesc-i, di ca(alieri di contadini, t)tti *ridando, *esticolando, lanciando )o(a piene di farina, confetti e .a88etti di fiori4 a**redendo colle parole, e co*li o**etti, a.ici e stranieri, conoscenti e non conoscenti, sen8a c-e alc)no abbia il diritto di la.entarsi, sen8a c-e alc)no faccia altro c-e ridere. +ran8 e !lberto (ede(ano se.pre, o per .e*lio dire contin)a(ano a sentire *li effetti di ci3 c-e a(e(ano (ed)to. Ma a poco a poco l )briac-e88a *enerale li (ince(a4 se.br3 c-e la (acillante ra*ione stesse per

abbandonarli4 senti(ano )no strano biso*no di prender parte a 6)el r).ore, a 6)el .o(i.ento, a 6)ella (erti*ine. Un p)*no di confetti c-e *ettato da )na carro88a (icina colse Morcerf, e, coprendolo di pol(ere )nita.ente ai d)e co.pa*ni, *li p)nse il collo, e t)tte le parti del (iso non protette dalla .asc-era, co.e *li a(essero *ettato )n p)*no di spilli, fini col coin(ol*erlo nella baraonda *enerale. "i al83 a s)a (olta nella carro88a4 raccolse a piene .ani confetti nei sacc-i, e con t)tto il (i*ore e la destre88a di c)i era capace, lanci3 )o(a e confetti ai (icini. ;a 6)el .o.ento il co.batti.ento era i.pe*nato. La .e.oria di ci3 c-e a(e(ano (ed)to .e88 ora pri.a si cancella(a dallo spirito di 6)esti *io(ani, tanto lo spettacolo .obile, insensato, e (ariopinto era sopra((en)to a distrarli. In 6)anto al conte non era .ai stato, co.e si disse, )n sol .o.ento co..osso. " i..a*ini 6)ella *rande e bella strada del Corso ornata da )n estre.it7 all altra di pala88i a 6)attro o cin6)e piani con t)tte le loro rin*-iere addobbate, con t)tte le finestre coi tappeti. ! 6)este rin*-iere e a 6)este finestre, trecento.ila spettatori, ro.ani, italiani, stranieri, (en)ti da t)tte e 6)attro le parti del .ondo, t)tte le aristocra8ie ri)nite, aristocra8ie di nascita, di denaro, di *enio, donne *ra8iose anc- esse sotto l infl)sso di 6)esto spettacolo, si c)r(ano s)lle rin*-iere, spor*ono f)ori dalle finestre, fanno pio(ere s) lle carro88e c-e passano )na *randine di confetti c-e (iene contracca.biata in .a88i di fiori4 la strada 1 t)tta in*o.bra di confetti c-e scrosciano, e di fiori c-e (olano4 poi s)l selciato della strada )na folla alle*ra, incessante, pa88a, con cost).i insensati> ca(oli *i*antesc-i c-e passe**iano, teste di b)falo c-e .)**iscono sopra il corpo dell )o.o, cani c-e se.brano ca..inare s)i piedi di dietro. "i a(r7 )na piccola idea di ci3 c-e 1 il carne(ale di Ro.a. !l secondo *iro, il conte fece fer.are la carro88a, e do.and3 ai co.pa*ni il per.esso di allontanarsi, lasciando a loro disposi8ione la carro88a. +ran8 al83 *li occ-i> erano diri.petto al pala88o R)spoli, e alla finestra di .e88o, a 6)ella c-e a(e(a il tappeto di da.asco bianco con )na croce rossa, c era )n do.ino t)rc-ino, sotto il 6)ale l i..a*ina8ione di +ran8 si fi*)r3 sen8 altro la bella *reca del teatro !r*entina. :"i*nori: disse il conte saltando a terra, :6)ando sarete stanc-i di essere attori, e (orrete tornare spettatori, sapete c-e a(ete i p osti alle .ie finestre4 frattanto disponete del cocc-iere, della carro88a e dei do.estici.: !bbia.o di.enticato di dire c-e il cocc-iere del conte era (estito con *ra(it7 di )na pelle di orso nero, esatta.ente si.ile a 6)ella d OdrM nell Orso e il Pasci7, e c-e i d)e ser(itori c-e sta(ano in piedi dietro la carro88a a(e(ano il cost).e delle sci..ie (erdi perfetta.ente adattato alla loro corporat)ra, con .asc-era a .olla colle 6)ali face(ano boccacce a coloro c-e passa(ano. +ran8 rin*ra8i3 il conte della *entile offerta. D)anto ad !lberto era in (ia di sc-er8i con )na carro88a piena di contadine ro.ane, fer.a co.e 6)ella del conte in )na di 6)elle soste co.)ni nei cortei di carri, e c-e e*li te.pesta(a di .a88i di fiori.

;is*ra8iata.ente per l)i, la fila riprese il .o(i.ento, e .entre scende(a a pia88a del Popolo, la carro88a c-e a(e(a attirata la s)a atten8ione risali(a (erso pia88a Vene8ia. :!-, .io caro: diss e*li a +ran8, :non a(ete (isto 6)el calesse pieno di contadine ro.ane<: :0o.: :Ebbene, (i assic)ro c-e ci sono delle *ra8iose si*nore.: :D)ale dis*ra8ia c-e siate .asc-erato .io caro !lberto?: disse +ran8. :"arebbe stato il .o.ento di rifar(i di t)tti i (ostri sconcerti a.orosi.: :O-: rispose e*li, .et7 ridendo, .et7 con(into, :spero bene c-e il carne(ale non trascorrer7 sen8a 6)alc-e allettante a((ent)ra.: !d onta della speran8a di !lberto, t)tto il *iorno pass3 sen8 altra a((ent)ra, c-e l incontro d)e o tre (olte rinno(ato del calesse c-e porta(a le contadinelle ro.ane> in )no di 6)esti, fosse caso o st)dio, la .asc-era cadde dal (olto d !lberto, ed e*li approfitt3 di 6)ella con*i)nt)ra per prendere 6)anti fiori pot5, e *ettarli nel calesse. "en8a d)bbio )na delle *ra8iose si*nore c-e !lberto indo(ina(a sotto il cost).e da contadina f) colpita da 6)esta *alanteria, e 6)ando le d)e carro88e tornarono ad incontrarsi, *ett3 )n .a88etto di (iolette nella carro88a dei d)e a.ici. !lberto si precipit3 a racco*lierlo, e sicco.e +ran8 non a(e(a alc)n .oti(o di credere fosse a l)i diretto, lasci3 c-e se ne i.padronisse. !lberto lo app)nt3 (ittoriosa.ente in petto, e la carro88a contin)3 il corso trionfante. :Ebbene: disse +ran8, :ecco il principio di )n a((ent)ra.: :Ridete 6)anto (olete: rispose, :.a credo (era.ente di s24 perci3 non lascio pi@ 6)esto .a88etto.: :Per Bacco, lo credo bene?: confer.3 +ran8 ridendo. := )n se*nale di riconosci.ento.: Lo sc-er8o prese ben presto il carattere della realt7> 6)ando, se.pre condotti dalla fila, +ran8 ed !lberto incontrarono di n)o(o la carro88a delle contadine, 6)ella c-e a(e(a *ettato il .a88etto ad !lberto, batt5 le .ani (edendo c-e lo a(e(a .esso in petto. :Bra(o? .io caro, bra(o?: disse +ran8. :Ecco c-e la cosa si prepara a .era(i*lia. Volete c-e (i lasci< !(ete pi@ piacere di restare solo<: :0o: disse, :non i.bro*lia.o le cose> non (o*lio far.i accalappiare co.e )no st)pido alla pri.a occasione, per )n con(e*no sotto l orolo*io co.e dicia.o al ballo dell Op5ra. "e la bella contadina -a (olont7 di spin*ere la cosa pi@ innan8i, la ritro(ere.o do.ani, o pi)ttosto lei tro(er7 noi4 allora .i dar7 se*no, e (edr3 ci3 c-e .i con(err7 fare.: :In(ero, .io caro !lberto: disse +ran8, :siete sa**io co.e 0estore e pr)dente co.e Ulisse, e se la (ostra Circe *i)n*e a trasfor.ar(i in )na bestia 6)al)n6)e, biso*ner7 c-e sia .olto destra e possente.: !lberto a(e(a ra*ione> la bella sconosci)ta a(e(a deciso sen8a d)bbio di non spin*ere le cose pi@ in l7 6)el *iorno4 perc-5 6)ant)n6)e facessero ancora di(ersi *iri, non ri(idero pi@ la carro88a c-e cerca(ano con atten8ione, e c-e sic)ra.ente era sparita per )na delle (ie tra(erse. !llora ritornarono al pala88o R)spoli. Il conte era sparito col do.ino t)rc-ino4 le d)e finestre parate col da.asco *iallo contin)arono per3 ad essere occ)pate da persone sen8a d)bbio da l)i in(itate.

La .edesi.a ca.pana c-e a(e(a s)onato l apert)ra della .asc-erata, s)on3 il ritiro> la fila del Corso si r)ppe al .o.ento, e in )n atti.o t)tte le carro88e dispar(ero per le strade tra(erse. +ran8 ed !lberto erano in 6)el .o.ento diri.petto alla (ia delle M)ratte4 il cocc-iere sfil3 sen8a dir niente, *i)nto alla pia88a di "pa*na si fer.3 da(anti all alber*o. La pri.a c)ra di +ran8 f) d infor.arsi del conte, per espri.er*li il dispiacere di non essere andato in te.po a riprenderlo4 .a Pastrini lo tran6)ill3 dicendo*li c-e il conte di Montecristo a(e(a ordinata )n altra carro88a per l)i, e c-e 6)esta era andata a prenderlo alle 6)attro al pala88o R)spoli. Era inoltre incaricato da parte s)a di offrire ai d)e a.ici la c-ia(e del s)o palco al teatro !r*entina. +ran8 interro*3 !lberto s)lla s)a disponibilit74 .a 6)esti a(e(a *randi dise*ni da .ettere in esec)8ione pri.a di pensare ad andare a teatro> per c)i, in(ece di risponder*li, s infor.3 se Pastrini a(esse pot)to proc)rar*li )n sarto. :Un sarto? E per c-e farne<: do.and3 l alber*atore. :Per farci da o**i a do.ani de*li abiti da contadini ro.ani pi@ ele*anti c-e sia possibile.: Pastrini scosse la testa. :+ar(i da o**i a do.ani d)e abiti<: *rid3. :D)esta 1, do.ando perdono a Vostra Eccellen8a, )na (era do.anda alla francese. ;)e abiti 6)ando da o**i a otto *iorni non tro(ereste certa.ente )n sarto c-e (orrebbe attaccar(i sei bottoni ad )n *il1, 6)and anc-e li pa*aste )no sc)do l )no.: :Biso*na d)n6)e rin)nciare a proc)rarsi *li abiti c-e desidera(o<: :0o, perc-5 li tro(ere.o belli e fatti. Lasciate a .e la c)ra, e do.ani 6)ando (i s(e*lierete, tro(erete )na colle8ione di cappelli, di (estiti e di cal8oni di c)i ri.arrete soddisfatto.: :Mio caro: disse +ran8 ad !lberto, :ri.ettia.oci al nostro alber*atore4 e*li ci -a di *i7 pro(ato c-e 1 )n )o.o pieno di risorse, pran8ia.o d)n6)e tran6)illa.ente e dopo il pran8o andia.o a (edere l Italiana in !l*eri.: :"i, .a pensate Pastrini c-e il si*nore ed io annettia.o la pi@ alta i.portan8a ad a(ere *li abiti c-e (i abbia.o do.andati.: Pastrini assic)r3 )n )lti.a (olta i s)oi ospiti c-e non a(e(ano ad in6)ietarsi di niente, e c-e sarebbero stati ser(iti a seconda dei loro desideri. !lberto e +ran8 dopo ci3 risalirono per le(arsi *li abiti da pa*liacci. !lberto nello spo*liarsi c)stod2 con .olta c)ra il .a88etto di (iole, 6)esto era il se*no di riconosci.ento per l indo.ani. I d)e a.ici si .isero a ta(ola4 .a, pran8ando, !lberto non pot5 fare a .eno di osser(are la netta differen8a fra i .eriti rispetti(i del c)oco di Pastrini, e di 6)ello del conte di Montecristo. La (erit7 costrinse +ran8 a confessare ad onta delle pre(en8ioni c-e se.bra(a a(ere contro il conte, c-e il para*one non era (anta**ioso per il c)oco di Pastrini. !lla fr)tta )n do.estico (enne ad infor.arsi a 6)ale ora desidera(ano la carro88a. !lberto e +ran8 si *)ardarono, te.endo real.ente di essere indiscreti. Il do.estico li cap2> :")a Eccellen8a il conte di Montecristo fa sapere loro di a(ere disposto perc-5 la carro88a restasse se.pre a*li ordini delle Loro "i*norie4 potranno perci3 )sarne libera.ente, sen8a essere indiscreti.:

I *io(ani decisero di approfittare fino alla fine della cortesia del conte ed ordinarono di .ettere in ordine .entre si ca.bia(ano *li abiti *)alciti e sporc-i per i *ioc-i a c)i a(e(ano preso parte nella *iornata. ;opo 6)esta ca)tela, passarono al teatro !r*entina, do(e presero posto nel palco del conte. ;)rante il pri.o atto la contessa #. entr3 nel s)o palco. Il pri.o s*)ardo lo diresse dalla parte do(e la sera pri.a a(e(a (isto il sin*olare sconosci)to4 (ide s)bito +ran8 ed !lberto nel palco di col)i s)l conto del 6)ale a(e(a espresso a +ran8, appena (enti6)attro ore pri.a, )na strana opinione. ;iresse il s)o occ-ialino s) di l)i con tanta assid)it7, c-e +ran8 cap2 sarebbe stata )na cr)delt7 ritardare di soddisfare la c)riosit7 di lei. Cos2 profittando del pri(ile*io accordato a*li spettatori dei teatri italiani, c-e consiste nel con(ertire il teatro in )na sala da rice(i.ento, i d)e a.ici lasciarono il palco per presentare i loro o.a**i alla contessa. !ppena entrati nel palco la da.a fece )n se*no a +ran8 di .ettersi al posto d onore, ed !lberto 6)esta (olta si pose accanto a lei. :Ebbene: disse, accordando appena a +ran8 il te.po di sedersi, :se.bra c-e non abbiate a()to niente di pi@ )r*ente c-e fare conoscen8a col n)o(o lord R)t-wen... Ecco(i i .i*liori a.ici del .ondo?: :"en8a essere inoltrati, 6)anto dite, in )na reciproca a.ici8ia: rispose +ran8, :non posso ne*are di a(er ab)sato t)tto il *iorno della s)a *entile88a.: :Co.e, t)tto il *iorno<: :In fede .ia, 6)esta 1 la (era parola c-e con(iene. D)esta .attina abbia.o accettata da l)i )na cola8ione4 d)rante t)tto il te.po delle .asc-ere abbia.o *irato il Corso nella s)a carro88a4 e final.ente 6)esta sera (enia.o allo spettacolo nel s)o palco.: :Voi d)n6)e lo conoscete<: :"2 e no?: :Co.e .ai<: :D)esta 1 )na l)n*a storia.: :C-e (oi .i racconterete<: :Essa (i far7 pa)ra.: :Ra*ione di pi@...: :!spettate al.eno c-e abbia )no s(il)ppo.: :"ia cos2> a.o le storie co.plete. Intanto co. 1 c-e (i siete tro(ati a contatto< C-i (i -a presentato a l)i<: :0ess)no4 al contrario, si 1 fatto presentare a noi ieri sera, dopo c-e (i -o lasciata.: :Per .e88o di c-i<: :O-, .io ;io, con )n .e88o .olto tri(iale, con 6)ello del nostro alber*atore.: := d)n6)e allo**iato all alber* o Londra<: :0on solo nel .edesi.o alber*o, .a nello stesso piano.: :E co.e si c-ia.a< ;o(ete certo conoscerlo di no.e.: :Perfetta.ente> il conte di Montecristo.: :0on 1 )n no.e di fa.i*lia antica.: :0o, 1 il no.e dell isola c-e -a co.prato.: :Ed e*li 1 conte<: :Conte toscano.: :Ci adattere.o a 6)esto co.e a*li altri: riprese la contessa c-e era di )na delle pi@ *randi ed antic-e fa.i*lie delle (icinan8e di Vene8ia. :E c-e )o.o 1<: :;o.andatene al (isconte de Morcerf.: :Voi sentite, si*nore, (en*o ri.essa al (ostro *i)di8io...:

:"are..o incontentabili, se non lo tro(assi.o *entile: rispose !lberto. :Un (ecc-io a.ico non a(rebbe fatto pi@ di 6)ello c-e -a fatto, e ci3 con tanta *ra8ia, delicate88a e cortesia, c-e fanno conoscere in l)i )n (ero )o.o di .ondo.: :!ttento?: disse la contessa ridendo. :Vedrete c-e il .io bel (a.piro non sar7 c-e )n 6)alc-e n)o(o arricc-ito c-e ()ol farsi perdonare i s)oi .ilioni. E lei. l a(ete (ed)ta<: :C-i, lei<: do.and3 +ran8 ridendo. :La bella *reca di ieri sera.: :0o, credo di a(er inteso il s)ono della s)a :*)8la:, .a 1 ri.asta perfetta.ente in(isibile.: :Vale a dire, 6)ando (oi dite in(isibile, .io caro +ran8: disse !lberto, :1 soltanto per fare il .isterioso. Per c-i a(ete d)n6)e preso 6)el do.ino t)rc-ino alla finestra parata di da.asco bianco del pala88o R)spoli<: :Il conte d)n6)e a(e(a )na finestra al pala88o R)spoli<: :"2, siete passata per il Corso<: :"2, e c-i non 1 passato per il Corso 6)est o**i<: :!(ete osser(ate d)e finestre parate di da.asco *iallo, ed )na di da.asco bianco con )na croce rossa< D)este tre finestre erano del conte.: :;a((ero?< ;)n6)e, 1 )n nababbo< "apete 6)anto costano tre finestre co.e 6)elle per *li otto *iorni del carne(ale< ed a**i)n*ete nel pala88o R)spoli c-e 1 nella pi@ bella posi8ione del Corso<:. :;)e o trecento sc)di ro.ani.: :;ite pi)ttosto d)e o tre.ila.: :O-, dia(olo.: := forse dalla s)a isola c-e ritrae 6)este rendite<: :La s)a isola non *li fr)tta )n baiocco.: :Perc-5 d)n6)e l -a co.prata<: :Per fantasia.: :;)n6)e 1 )n ori*inale<: :Il fatto 1: disse !lberto, :c-e .i 1 se.brato .olto eccentrico. "e abitasse Pari*i, se fre6)entasse i nostri teatri, (i direi, 1 )n triste dicitore c-e fa il dandM, o 1 )n po(ero dia(olo c-e si 1 perd)to nella .oderna letterat)ra. In (erit7 6)esta .attina 1 (en)to f)ori con d)e o tre )scite de*ne di ;idier o d !ntonM.: In 6)el .o.ento entr3 )na (isita, e secondo l )so !lberto do(ette cedere il posto all )lti.o arri(ato4 6)esto decise non solo il ca.bia.ento del l)o*o, .a anc-e dell ar*o.ento. Un ora dopo i d)e a.ici torna(ano all alber*o. Pastrini si era *i7 occ)pato dei loro abiti da .asc-era per l indo.ani, e pro.ise loro c-e sarebbero stati soddisfatti della s)a intelli*ente alacrit7. L indo.ani alle no(e entr3 nella ca.era di +ran8 con )n sarto carico di otto o dieci cost).i da contadini ro.ani. I d)e a.ici ne scelsero d)e si.ili, e c-e anda(ano bene alla loro corporat)ra, incaricarono l alber*atore di far c)cire dei nastri a ciasc)no dei cappelli, e di proc)rar loro d)e di 6)elle belle sciarpe di seta a ri*-e tra(erse con colori (i(i, di c)i *li )o.ini del popolo sono soliti cin*ersi la (ita nei *iorni di festa. !lberto a(e(a fretta di (edere 6)al fi*)ra a(rebbe fatta col n)o(o abito c-e si co.pone(a di )na *iacca e )n pantalone di (ell)to t)rc-ino, di cal8e ad an*oli rica.ati, di scarpe con le fibbie e di *il1 di seta. Il *io(ane, del

resto, non pote(a c-e *)ada*narci con 6)esto abito pittoresco e 6)ando la sciarpa ebbe cinto *li ele*anti fianc-i, 6)ando il cappello le**er.ente pie*ato sopra )n orecc-io, lasci3 cadere )n *ran .a88o di nastri, +ran8 f) costretto a confessare c-e i cost).i -anno so(ente )na *ran parte nella s)periorit7 fisica c-e si accorda ad alc)ni popoli. I t)rc-i nei te.pi addietro, tanto pittoresc-i con le loro 8i.arre l)n*-e, di colori (i(i, non sono ora rib)ttanti coi soprabiti t)rc-ini abbottonati, e la calotta *reca c-e d7 l aspetto di )na botti*lia di (ino con t)racciolo rosso< +ran8 si con*rat)l3 con !lberto, c-e ri.asto in piedi da(anti allo specc-io, sorride(a a se stesso con )n aria di soddisfa8ione, per n)lla e6)i(oca. In 6)el .entre entr3 il conte di Montecristo. :"i*nori: disse loro, :per 6)anto sia *rade(ole )n co.pa*no di piacere, la libert7 1 ancora pi@ *rade(ole. Ven*o ad ann)n8iar(i c-e per o**i ed i *iorni s)ccessi(i lascio a (ostra disposi8ione la carro88a di c)i (i siete ser(iti ieri. Il nostro alber*atore (i a(r7 detto c-e ne -o prese in fitto tre o 6)attro4 (oi d)n6)e non .e ne pri(ate> )satene libera.ente, sia per andare ai di(erti.enti, sia per i (ostri affari. Il nostro l)o*o di con(e*no, se a(re.o 6)alc-e cosa a dirci, sar7 il pala88o R)spoli...: I d)e *io(ani (ole(ano fare 6)alc-e osser(a8ione, .a non a(e(ano alc)na b)ona ra*ione per rifi)tare )n offerta c-e, d altra parte, *radi(ano assai, e finirono con l accettare. Il conte di Montecristo rest3 circa )n 6)arto d ora con loro parlando di t)tto con .olta facilit7. Era, co.e si 1 pot)to osser(are, .olto al corrente della letterat)ra di t)tti i paesi4 inoltre le pareti delle s)e ca.ere pro(a(ano a +ran8 e ad !lberto c-e era a.atore di 6)adri. D)alc-e parola sen8a pretesa, lasciata cadere di passa**io, pro(3 loro c-e non era estraneo alle scien8e, e se.bra(a sopratt)tto c-e si fosse particolar.ente occ)pato di c-i.ica. I d)e a.ici non a(e(ano la pretesa di restit)ire al conte la cola8ione4 sarebbe stata )na catti(a b)rla offrir*li in ca.bio della s)a eccellente ta(ola, la c)cina .olto .ediocre di Pastrini. #lielo dissero franca.ente, ed e*li rice(ette le loro sc)se co.e )n )o.o c-e appre88a(a la loro delicate88a. !lberto era tanto rapito dalle .aniere del conte, c-e, se non fosse stato cos2 fornito di scien8a, lo a(rebbe cred)to )n (ero *entil)o.o. La libert7 di disporre intera.ente della carro88a lo ricol.a(a di *ioia, a(e(a le s)e .ire s)lle *ra8iose contadinelle, e sicco.e erano apparse il *iorno innan8i in )na ele*antissi.a carro88a, era ben contento di contin)are a co.parire alla pari con loro. !ll )na e .e88a i d)e *io(ani discesero4 il cocc-iere e i d)e ser(itori a(e(ano a()to l idea di so(rapporre alle loro pelli di bestia le li(ree, cosa c-e da(a loro )n aspetto anc-e pi@ *rottesco del *iorno innan8i, e c-e proc)r3 loro i ralle*ra.enti di +ran8 e di !lberto, il 6)ale a(e(a attaccato senti.ental.ente all occ-iello della *iacca il .a88etto di (iole appassite. !l pri.o s)ono della ca.pana partirono, e si precipitarono nella *rande strada del Corso per la (ia Vittoria. !l secondo *iro )n .a88etto di (iole fresc-e part2 da )n calesse carico di pa*liaccine, e (enne a cadere in 6)ello del conte, e ci3 indico ad !lberto ed al s)o a.ico, c-e le contadinelle del *iorno innan8i a(e(ano

ca.biato cost).e4 e fosse caso, o )n senti.ento )*)ale a 6)ello c-e a(e(a fatto .)tare abiti ai d)e a.ici, c-e con t)tta *alanteria a(e(ano preso il loro cost).e, esse a(e(ano preso 6)ello dei d)e co.pa*ni. !lberto adatt3 il .a88etto di (iole fresc-e al posto dell altro4 .a conser(3 il .a88etto appassito in .ano, e 6)ando incontr3 di n)o(o il calesse, lo port3 a.orosa.ente alle labbra, atto c-e dest3 l alle*ria non solo di 6)ella c-e lo a(e(a *ettato, .a anc-e di t)tte le s)e pa88e co.pa*ne. La *iornata non f) .eno ani.ata della precedente. !n8i 1 probabile c-e )n profondo osser(atore (i a(rebbe pot)to riconoscere )n crescere di r).ore e di alle*ria. Un .o.ento (idero il conte alla finestra, .a 6)ando la carro88a ripass3 era *i7 sparito. = in)tile dire c-e lo sca.bio di ci(etterie tra !lberto e la pa*liaccina dei .a88etti di (iole d)r3 t)tta la *iornata. La sera 6)ando rientrarono, +ran8 ritro(3 )na lettera dell a.basciata> *li (eni(a ann)n8iato c-e il *iorno dopo a(rebbe a()to l onore di esser rice()to da ")a "antit7. In t)tti i s)oi (ia**i precedenti a Ro.a a(e(a c-iesto ed otten)to lo stesso fa(ore4 e tanto per reli*ione c-e per riconoscen8a, non a(e(a (ol)to .ettere il piede nella capitale del .o ndo cristiano, sen8a *en)flettersi in rispettoso o.a**io ai piedi di )no dei s)ccessori di "an Pietro, raro ese.pio di t)tte le (irt@> e*li non pote(a d)n6)e in 6)el *iorno pensare al carne(ale. Mal*rado la bont7 di c)i circonda la s)a *rande88a 1 se.pre con )n rispetto pieno di profonda e.o8ione c-e )no si appresta ad inc-inarsi da(anti a 6)esto nobile e santo (ecc-io. Uscendo dal Vaticano, +ran8 ritorn3 diretta.ente all alber*o, e(itando ancora di passare per la strada del Corso. Porta(a con s5 )n tesoro di pietosi pensieri ai 6)ali sarebbe stata profana8ione il contatto delle folli alle*re88e delle .asc-ere. !lle cin6)e e dieci .in)ti !lberto rientr3. Era al col.o della *ioia. La pa*liaccina a(e(a ripreso il cost).e da contadinella, e nell incontrare la carro88a d !lberto si era le(ata per )n .o.ento la .asc-era... Era *ra8iosissi.a. +ran8 fece i s)oi co.pli.enti ad !lberto c-e li rice(ette co.e persona c-e li riconosca do()ti. !(e(a osser(ato, dice(a, da alc)ni se*ni d ele*an8a ini.itabile c-e la s)a bella sconosci)ta do(e(a appartenere alla pi@ alta aristocra8ia. D)indi risol(ette di scri(erle l indo.ani. +ran8 .entre rice(e(a 6)esta confiden8a, osser(3 c-e !lberto (ole(a c-ieder*li 6)alc-e cosa e t)tta(ia esita(a a do.andare. "i disse pronto a fare per la s)a felicit7 t)tti i sacrifici c-e fossero in s)o potere. !lberto si fece pre*are 6)anto esi*e )n a.ic-e(ole cortesia e 6)indi confess3 a +ran8 c-e *li a(rebbe reso )n so..o ser(i*io abbandonando per l indo.ani la carro88a a l)i solo. !lberto attrib)i(a all assen8a dell a.ico l estre.a bont7 c-e a(e(a a()ta la bella contadina nell al8are la .asc-era. "i capir7 c-e +ran8 non era tanto e*oista per trattenere !lberto nel bel .e88o di )n a((ent)ra c-e pro.ette(a di ri)scire ad )n te.po *radita alla s)a c)riosit7, e l)sin*-iera per il s)o a.or proprio.

Conosce(a abbastan8a la poca se*rete88a del s)o de*no a.ico, per esser sic)ro c-e lo a(rebbe ten)to al corrente di t)tti i pi@ piccoli particolari della s)a b)ona fort)na4 e sicco.e, da tre o 6)attro anni c-e percorre(a l Italia in t)tti i sensi, non a(e(a .ai a()ta l occasione di co.inciare nepp)re )n si.ile intri*o per conto s)o, +ran8 non era dispiaci)to d i.parare co.e (anno le cose in si.ili affari. Pro.ise d)n6)e ad !lberto c-e l indo.ani si sarebbe accontentato di *)ardare lo spettacolo dalle finestre del pala88o R)spoli. Infatti il *iorno dopo (ide passare e ripassare !lberto. !(e(a )n enor.e .a88o di fiori, sen8a d)bbio portatore del bi*lietto a.oroso. D)esta probabilit7 si ca.bi3 in certe88a, 6)ando +ran8 (ide il .edesi.o .a88o, note(ole per )n *iro di ca.elie bianc-e, fra le .ani della *ra8iosa pa*liaccina (estita di seta color rosa. Cos2 la sera non era pi@ *ioia, .a delirio. !lberto non d)bita(a c-e la bella inco*nita non *li a(esse risposto con lo stesso .a88etto. +ran8 ne pre(enne i desideri dicendo*li c-e t)tto 6)el r).ore lo stanca(a, e c-e era risol)to ad i.pie*are la *iornata se*)ente a ri(edere il s)o alb). e a prendere annota8ioni. ;el resto, !lberto non si era in*annato nelle s)e pre(isioni> il *iorno dopo +ran8 lo (ide entrare di slancio nella ca.era sc)otendo con trionfo )n rettan*olo di carta c-e tene(a per )no de*li an*oli. :Ebbene, .i sono sba*liato<: :Fa d)n6)e risposto<: *rid3 +ran8. :Le**ete.: D)esta parola f) pron)n8iata con )n tono di (oce i.possibile a descri(ersi. +ran8 prese il bi*lietto e lesse> :Marted2 sera, alle sette, discendete dalla carro88a diri.petto alla (ia dei Pontefici, e se*)ite la contadina ro.ana c-e (i strapper7 il (ostro .occoletto 6)ando arri(erete al pri.o *radino della c-iesa di "an #aetano. !bbiate c)ra perc-5 lei possa riconoscer(i, di .ettere )n nastro color rosa s)lle spalla del (ostro cost).e da pa*liaccio. ;a o**i sino a tale .o.ento (oi non .i ri(edrete pi@. Costan8a e discre8ione.: :Ebbene?: disse a +ran8, 6)ando ebbe finita 6)esta lett)ra, :c-e ne pensate, .io caro<: :Penso: rispose +ran8, :c-e la cosa prende la pie*a di )n a((ent)ra .olto piace(ole.: :D)esto 1 p)re il .io parere, ed -o *ran ti.ore c-e andrete solo al ballo del principe /.: +ran8 ed !lberto a(e(ano rice()to 6)ella stessa .attina l in(ito del celebre banc-iere ro.ano. :"tate in *)ardia: disse +ran8, :t)tta l aristocra8ia sar7 dal principe e se la (ostra bella sconosci)ta appartiene real.ente alla nobilt7, non potr7 fare a .eno d inter(enir(i.: :C-e ( inter(en*a o no, io conser(o l opinione c-e -o di lei: contin)3 !lberto. :Voi a(ete il bi*lietto4 sapete c-e .esc-ina ed)ca8ione rice(ono in Italia le donne del .e88o ceto4 ebbene, rile**ete il bi*lietto, osser(ate il carattere e tro(ate.i )no s ba*lio di lin*)a o di orto*rafia.: :Voi siete dei predestinati...: disse +ran8, nel rendere ad !lberto per la seconda (olta il bi*lietto. :Ridete 6)anto (i piace, sc-er8ate a (ostro a*io: rispose !lberto, :io sono inna.orato.: :O-, .io ;io, (oi .i spa(entate?: *rid3 +ran8. :Vedo bene c-e non sola.ente andr3 solo al ballo del principe, .a anc-e ritorner3 solo a +iren8e.: :Il fatto 1 c-e, se la .ia sconosci)ta 1 a.abile 6)anto 1 bella, (i a((erto c-e .i stabilisco a Ro.a per sei

setti.ane al.eno. Io adoro Ro.a, e poi -o se.pre a()to )n trasporto straordinario per l arc-eolo*ia.: :!ncora )n altro o d)e di 6)esti incontri, e non dispero di (eder(i .e.bro dell !ccade.ia di belle lettere.: "en8a d)bbio !lberto si accin*e(a a disc)tere seria.ente s)i diritti c-e pote(a a(ere ad )n se**io nell !ccade.ia, .a (ennero in 6)el .o.ento ad ann)n8iare c-e il pran8o era ser(ito> l a.ore in !lberto non era contrario all appetito4 si affrett3 d)n6)e col s)o a.ico a .ettersi a ta(ola, risol)to a riprendere la disc)ssione dopo il pran8o. ;opo il pran8o f) ann)n8iato il conte di Montecristo. ;a d)e *iorni i d)e a.ici non lo a(e(ano (ed)to. Un affare lo a(e(a c-ia.ato a Ci(ita(ecc-ia, al.eno a 6)anto disse Pastrini. Era partito la sera del *iorno pri.a, e *i7 era di ritorno da )n ora. Il conte f) s6)isito. "ia c-e stesse all erta, sia c-e l occasione non s(e*liasse in l)i le fibre ar.oniose, c-e a(e(a *i7 fatto ris)onare d)e o tre (olte nelle s)e parole si co.port3 da t)tt altro )o.o. Era per +ran8 )n (ero eni*.a. Il conte non pote(a d)bitare c-e il *io(ane (ia**iatore non lo a(esse riconosci)to, e t)tta(ia non a(e(a detto )na sola parola dopo il loro n)o(o incontro, c-e potesse tradire di a(erlo (ed)to altro(e. Per s)a parte +ran8, 6)al)n6)e fosse la (olont7 di all)dere al loro pri.o incontro, il ti.ore di far cosa s*rade(ole ad )n )o.o c-e a(e(a ricol.ato l)i e l a.ico di *entile88e, lo trattenne> contin)3 d)n6)e a .antenersi riser(ato co.e il conte. Il conte a(e(a sap)to c-e i d)e a.ici a(e(ano prenotato )n palco al teatro !r*entina e si era risposto c-e non ce n erano. Perci3 porta(a loro la c-ia(e del s)o4 al.eno 6)esto era l apparente .oti(o della s)a (isita. +ran8 ed !lberto fecero 6)alc-e difficolt7, alle*ando il ti.ore di pri(arne l)i4 .a il conte rispose c-e andando 6)ella sera al teatro Valle, il s)o palco al teatro !r*entina sarebbe ri.asto ()oto. D)esta assic)ra8ione risol(ette i d)e a.ici ad accettare. +ran8 si era )n poco per (olta abit)ato a 6)el pallore del conte, c-e lo a(e(a tanto colpito la pri.a (olta c-e l a(e(a (isto. 0on pote(a fare a .eno di render *i)sti8ia alla belle88a della s)a fronte se(era, della 6)ale 6)esto pallore era il solo difetto o la principale belle88a. Vero eroe di BMron, +ran8 non pote(a non solo (ederlo, .a nepp)re e pensare a l)i, sen8a i..a*in arsi 6)el (iso tetro s)lle spalle di Manfredi, o sotto la cotta d ar.i di Lara. E*li a(e(a s)lla fronte 6)ella pie*a c-e indica la presen8a incessante di )n a.aro pensiero, a(e(a 6)e*li occ-i ardenti c-e le**ono nel pi@ profondo delle ani.e, 6)el labbro s)perbo spre88ante c-e d7 alle parole 6)ell incisi(it7 c-e le fa i.pri.ere profonda.ente nella .e.oria di c-i ascolta. Il conte non era pi@ *io(ane, a(e(a 6)arant anni al.eno, .a ci3 nonostante si capi(a c-e era fatto per do.inare i *io(ani. In realt7, per )n )lti.a so.i*lian8a con *li eroi fantastici del poeta in*lese, il conte se.bra(a a(ere il dono dell affascina8ione. !lberto era incantato della fort)na condi(isa con +ran8, d incontrare )n )o.o si.ile. +ran8 era .eno ent)siasta, t)tta(ia s)bi(a l infl)sso c-e esercita )n )o.o s)periore s)*li spiriti di coloro c-e

lo a((icinano. E*li pensa(a al pro*etto, c-e il conte a(e(a *i7 .anifestato d)e o tre (olte, di andare a Pari*i, e non d)bita(a c-e con le s)e doti personali, con 6)el (olto .a*netico e con la s)a fort)na colossale, a(rebbe otten)to )n *rande s)ccesso. Per3 non desidera(a tro(arsi a Pari*i 6)ando e*li (i fosse andato. La serata f) passata co.e si passano ordinaria.ente a teatro in Italia> non ad ascoltare i cantanti, .a a fare delle (isite ed a dis correre. La contessa #. (ole(a ricond)rre la con(ersa8ione s)l conte, .a +ran8 le ann)n8i3 c-e a(e(a 6)alcosa di pi@ n)o(o da narrarle, e .al*rado le di.ostra8ioni di falsa .odestia alle 6)ali si lasci3 andare !lberto, raccont3 alla contessa l a((eni.ento c-e da tre *iorni interessa(a i d)e a.ici. "icco.e 6)este tresc-e non sono rare n5 in Italia, n5 altro(e, al.eno se si de(e credere ai (ia**iatori, la contessa non fece .ini.a.ente l incred)la, e felicit3 !lberto per )n a((ent)ra c-e pro.ette(a di ter.inare in .odo assai soddisfacente. "i lasciarono, pro.ettendosi di ritro(arsi al ballo del principe /. a c)i era stata in(itata t)tta Ro.a. La da.a .antenne la parola> n5 il *iorno dopo, n5 l altro dette se*no ad !lberto di esistere. +inal.ente *i)nse il .arted2, l )lti.o ed il pi@ r).oroso *iorno del carne(ale. Il .arted2 i teatri si aprono alle dieci del .attino, perc-5 dopo le otto della sera si entra in 6)aresi.a. Il .arted2 t)tti 6)elli c-e per .ancan8a di te.po, di ent)sias.o, di danaro non -anno preso parte alle precedenti feste si .isc-iano all )lti.o baccanale, si lasciano trascinare dall or*ia, e trib)tano la loro parte di r).ore e di .o(i.ento al r).ore ed al .o(i.ento *enerale. ;alle d)e alle cin6)e +ran8 ed !lberto stettero alla finestra del Corso batta*liando a p)*ni di confetti con le carro88e della fila opposta, con le finestre, e coi pedoni c-e circolano fra i piedi dei ca(alli, fra le r)ote delle carro88e, sen8a c-e accada .ai in .e88o a 6)esta spa(entosa .isc-ia )n solo incidente, )na sola disp)ta, )na sola rissa. "otto 6)esto rapporto *li italiani sono il popolo per eccellen8a. Le feste per essi sono (ere feste. L a)tore di 6)esta storia, c-e -a abitato l Italia cin6)e o sei anni, non si ricorda .ai di a(ere (ed)ta )na sola solennit7 t)rbata da )no di 6)e*li incidenti c-e son corollario alle nostre. !lberto trionfa(a col s)o cost).e da pa*liaccio. !(e(a sopra )na spalla )n nastro color rosa, le c)i estre.it7 cade(ano al *arretto, per distin*)ersi da +ran8, c-e a(e(a conser(ato il (estito da contadino ro.ano. Pi@ il *iorno a(an8a(a, e pi@ il t).)lto di(eni(a *rande> non c era s) t)tto 6)el selciato, in t)tte 6)elle carro88e, a t)tte 6)elle finestre, )na bocca .)ta, )n braccio o8ioso4 era )n (ero )ra*ano ).ano, co.posto di )n t)ono di *rida, e di )na te.pesta di confetti, di .a88etti d aranci e di fiori. !lle tre l esplosione dei .ortaretti tirati ad )n te.po s) pia88a del Popolo e s) pia88a Vene8ia, ro.pendo a *rande stento 6)est orribile t).)lto, ann)nci3 c-e sta(ano per co.inciare le corse. Le corse ed i .occoli sono *li episodi particolari de*li )lti.i *iorni di carne(ale.

!llo sparo dei .ortaretti le carro88e ro.pono nello stesso p)nto le file e (oltano ciasc)na nella strada tra(ersa pi@ (icina al l)o*o do(e si tro(ano. /)tte 6)este e(ol)8ioni si fanno con )na .era(i*liosa rapidit7, e sen8a c-e la poli8ia si occ)pi di asse*nare a ciasc)na il s)o posto, o di tracciare a ciasc)na la s)a strada. I pedoni si ritirano contro il .)ro dei pala88i, 6)indi si sente )n r).ore di ca(alli e )no s*)ainar di s ciabole. Un plotone di *endar.i, c-e ne presenta 6)indici di fronte, percorre al *aloppo in t)tta la l)n*-e88a il Corso, c-e fa s*o.brare per dar posto alla corsa dei berberi. D)ando il plotone arri(a a pala88o Vene8ia, il r).ore di )n altra batteria di .o rtaretti a((isa c-e la strada 1 libera. D)asi s)bito, in .e88o ad )n cla.ore i..enso )ni(ersale, ina)dito, si (edono passare co.e o.bre sette o otto ca(alli eccitati dalle *rida di trecento.ila persone e dalle casta*nette di ferro app)ntate c-e loro bal8ano s)l dorso, poi il cannone di "ant !n*elo tira tre colpi, per ann)n8iare c-e il n).ero tre -a (into. ")bito sen8 altro se*nale c-e 6)ello, le carro88e si ri.ettono in .o(i.ento, rifl)endo (erso il Corso, )scendo da t)tte le strade co.e torrenti conten)ti per )n .o.ento, c-e si *ettano t)tti insie.e nel letto del fi).e c-e ali.entano, e l onda i..ensa riprende pi@ rapida c-e .ai il s)o corso fra le d)e ri(e di *ranito. "oltanto )n n)o(o ele.ento di r).ore e di .o(i.ento si era .isc-iato a 6)esta folla> entrarono in scena i .ercanti di .occoli. I .occoli o .occoletti sono ceri c-e (ariano dalla *rosse88a del cero pas6)ale fino alla coda di )n sorcio, e ris(e*liano ne*li attori della *rande scena, con c)i ter.ina il carne(ale ro.ano, d)e opposte preocc)pa8ioni> 1. Conser(are acceso il proprio .occoletto4 $. "pe*nere il .occoletto de*li altri. !((iene del .occoletto ci3 c-e accade della (ita de*li )o.ini. Per 6)anto 1 in potere loro, si adoperano a conser(arla, e sebbene certi c-e presto o tardi debba a(ere fine, t)tta(ia -anno inda*ato e scoperto .ille .odi per reciderla e to*lierla innan8i te.po> 1 (ero c-e per 6)esta s)pre.a opera8ione il dia(olo non -a .ai .ancato di (enir loro in ai)to. Il .occoletto si accende a((icinandolo ad )n l).e 6)al)n6)e. Ma c-i potr7 descri(ere i .ille .e88i in(entati per spe*nere il .occoletto, i soffietti *i*antesc-i, *li spe*nitoi .ostri, i (enta*li so(r).ani< Ciasc)no si sollecit3 a co.prare i .occoletti, e +ran8 ed !lberto fecero co.e t)tti *li altri. La notte si a((icina(a rapida.ente, e *i7 al *rido> Moccoli?, ripet)to dalle (oci strid)le de*l ind)striosi, d)e o tre stelle co.inciarono a brillare al di sopra della folla. +) co.e )n se*nale. In dieci .in)ti, 6)aranta.ila l).i scintillarono, discendenti da pia88a Vene8ia a pia88a del Popolo, e risalenti da 6)ella del Popolo a 6)ella di Vene8ia. "i sarebbe detta la festa dei f)oc-i fat)i. C-i non -a (ed)to 6)esta festa, 1 i.possibile c-e se ne possa for.are )n idea. ")pponete c-e t)tte le stelle si stacc-ino dal cielo, e (en*ano a for.are s)lla terra )na dan8a insensata, il t)tto acco.pa*nato da *rida c-e orecc-io ).ano non -a .ai pot)to sentire s)lla s)perficie del *lobo. = particolar.ente in 6)esto .o.ento c-e non c 1 pi@ distin8ione

sociale. Il facc-ino attacca il principe, 6)esti il traste(erino, il traste(erino il bor*-ese, ciasc)no soffiando, spe*nendo, riaccendendo. "e il (ecc-io Eolo co.parisse in 6)el .o.ento sarebbe procla.ato re dei .occoletti, ed !6)ilone l erede alla corona. D)esta corsa folle e fia..e**iante d)r3 circa d)e ore. La strada del Corso era risc-iarata co.e in pieno *iorno, si distin*)e(ano i linea.enti de*li spettatori fino al ter8o o 6)arto piano. ;i cin6)e .in)ti in cin6)e .in)ti !lberto *)arda(a l orolo*io> final.ente se*n3 le sette. I d)e a.ici si ritro(a(ano a poca distan8a dalla (ia dei Pontefici4 !lberto salt3 f)ori dalla carro88a col s)o .occoletto in .ano. ;)e o tre .asc-ere (ollero a((icinarsi per spe*nerlo o per to*lierlo4 .a da bra(o lottatore, !lberto li respinse dieci passi distanti da l)i, contin)ando la s)a corsa (erso la c-iesa di "an #iaco.o. I *radini erano caric-i di c)riosi e di .asc-ere c-e lotta(ano per strapparsi il .occoletto dalle .ani. +ran8 se*)i(a con *li occ-i !lberto, e lo (ide .ettere il piede s)l pri.o scalino, poi 6)asi s)bito )na .asc-era c-e porta(a il ben conosci)to cost).e della contadina dal .a88etto, all)n*3 il braccio, e *li tolse il .occoletto sen8a c- e*li facesse la pi@ piccola resisten8a. +ran8 era troppo lontano per sentire le parole c-e si sca.bia(ano, .a sen8a d)bbio non f)rono ostili, poic-5 (ide allontanarsi !lberto tenendo sotto braccio la contadinella. Per 6)alc-e te.po li se*)2 in .e88o alla folla, .a alla (ia del Macello li perse di (ista. ; i.pro((iso, il s)ono della ca.pana c-e d7 il se*nale della fine del carne(ale si fece sentire, e nel .edesi.o istante t)tti i .occoli si spensero co.e per incanto. "i sarebbe detto c-e )n solo ed i..enso colpo di (ento li a(e(a t)tti annientati. +ran8 si tro(3 nell osc)rit7 pi@ profonda. !llora t)tte le *rida cessarono co.e se il soffio possente c-e a(e(a spento i l).i, a(esse portato (ia nel .edesi.o te.po il r).ore. 0on s intese pi@ c-e il rotolar delle carro88e c-e ricond)ce(ano le .asc-ere alle loro case4 non si (idero pi@ c-e poc-i l).i brillare dietro le finestre. Il carne(ale era finito?... Capitolo AH. LE C!/!COMBE ;I "!0 "EB!"/I!0O. +orse +ran8 non a(e(a .ai pro(ato in (ita s)a )n i.pressione cos2 rapida, )n passa**io cos2 i.pro((iso dall alle*ria alla triste88a, 6)anto in 6)el .o.ento4 si sarebbe detto c-e per opera del soffio di 6)alc-e de.one della notte, Ro.a era stata ca.biata in )na (asta sepolt)ra. Un caso a).enta(a ancora l intensit7 delle tenebre> la l)na .ancante non sor*e(a c-e dopo le )ndici4 e le strade per le 6)ali passa(a il *io(ane erano i..erse nella pi@ profonda osc)rit7. Per3 il tra*itto era corto, e in capo a dieci .in)ti la s)a carro88a, o per .e*lio dire 6)ella del conte, era da(anti all alber*o Londra. Il pran8o era pronto4 .a sicco.e !lberto a(e(a a((ertito c-e non conta(a di tornare presto, cos2 +ran8 si .ise a ta(ola sen8a di l)i. Pastrini, c-e era abit)ato a (ederli pran8are insie.e, s infor.3 della ra*ione dell assen8a di !lberto4 .a +ran8 si li.it3 a risponder*li c-e !lberto a(e(a do()to recarsi ad )n in(ito rice()to

il *iorno innan8i. Il s)bitaneo spe*nersi dei .occoletti, l osc)rit7 s)cced)ta alla l)ce, il silen8io c-e a(e(a sostit)ito l i..enso r).ore, a(e(ano i.presso nello spirito di +ran8 )na certa .alinconia non esente da in6)iet)dine. Pran83 tacit)rno, ad onta delle officiose pre.)re dell alber*atore, c-e entr3 d)e o tre (olte per sentire se *li biso*nasse cosa alc)na. +ran8 a(e(a stabilito di aspettare !lberto il pi@ a l)n*o possibile. Ordin3 d)n6)e la carro88a per le )ndici, pre*ando Pastrini di .andarlo ad a((isare appena fosse tornato !lberto all alber*o, 6)al)n6)e potesse essere l ora. !lle )ndici !lberto non era ancora ritornato. +ran8 si (est2, e partendo a((is3 l alber*atore c-e a(rebbe passata la notte dal principe /orlonia. La casa del principe /orlonia 1 )na delle pi@ belle case di Ro.a4 s)a .o*lie 1 )na delle discendenti della fa.i*lia Colonna, e disi.pe*na *li onori di fa.i*lia in .odo perfetto> le feste del principe banc-iere -anno celebrit7 e)ropea. +ran8 ed !lberto erano *i)nti in Ro.a con lettere di racco.anda8ione per l)i, perci3 la pri.a do.anda c-e il principe *li fece f) c-e fosse a((en)to del co.pa*no di (ia**io. +ran8 rispose c-e lo a(e(a lasciato poc-i .o.enti pri.a c-e si spe*nessero i .occoletti, e lo a(e(a perd)to di (ista nella (ia del Macello. :;)n6)e non 1 tornato a casa<: do.and3 il principe. :L -o aspettato fino adesso: rispose +ran8. :E sapete do(e sia andato<: :Precisa.ente, no4 .a credo si tratti di 6)alc-e cosa di si.ile ad )n con(e*no.: :;ia(olo?: disse il principe. := )n br)tto *iorno, o per .e*lio dire )na catti(a sera per far tardi... 0on 1 (ero, contessa<: D)este )lti.e parole erano dirette alla contessa #., c-e *i)n*e(a allora, e c-e passe**ia(a appo**iandosi al braccio del fratello del principe, il d)ca di Bracciano. :Io tro(o al contrario c-e 6)esta 1 )na bellissi.a notte, e 6)elli c-e sono 6)i non a(ranno a la.entarsi d altro se non c-e passi troppo presto.: :Ma io: riprese sorridendo il principe, :non parlo di 6)elli c-e sono 6)i, essi non corrono altro pericolo c-e *li )o.ini d inna.orarsi di (oi, e le donne a..alarsi di *elosia (edendo(i cos2 bella4 parlo di coloro c-e corrono le strade di Ro.a.: :E-, .io ;io, e c-i (olete c-e corra le strade di Ro.a a 6)est ora, se non 6)elli c-e (en*ono dal ballo<: :Il nostro a.ico !lberto de Morcerf, si*nora contessa, c-e -o lasciato .entre se*)i(a la s)a bella inco*nita (erso le sette di sera: rispose +ran8, :e c-e dopo non -o pi@ ri(isto.: :Co.e, non sapete do(e sia<: :0iente affatto.: :Fa con s5 le ar.i<: := (estito da pa*liaccio...: :0on a(reste do()to lasciarlo andare: disse il principe a +ran8, :(oi c-e conoscete Ro.a .e*lio di l)i.: :"2, da((ero? "arebbe stato lo stesso c-e a(er (ol)to fer.are il n).ero tre dei berberi c-e o**i -a (into il pre.io della corsa: rispose +ran8. :E poi c-e (olete c-e *li accada<: :C-i lo sa< La notte 1 osc)ra, e il /e(ere 1 .olto (icino alla (ia del Macello?...:

+ran8 sent2 )n fre.ito scorrer*li per le (ene, sentendo le idee del principe e della contessa in accordo coi s)oi ti.ori personali. :Per 6)esto -o a((isato l alber*atore c-e a(e(o l onore di passare 6)i la notte: disse +ran8, :e debbono (enire ad a((ertir.i 6)i, appena ritorna.: :Osser(ate: disse il principe a +ran8, :ecco app)nto )n .io do.estico, c-e credo cerc-i di (oi.: Il principe non s in*anna(a> appena il do.estico ebbe scoperto +ran8 si a((icin3 a l)i, e *li disse> :Eccellen8a, l alber*atore dell -otel Londra (i fa a((ertire c-e alla locanda c 1 )n )o.o c-e (i aspetta con )na lettera del conte di Morcerf.: :Con )na lettera del conte?: *rid3 +ran8. :"2.: :E c-i 1 6)est )o.o<: :0on lo so.: :E perc-5 non 1 (en)to a portar.ela 6)i<: :Il .essa**ero non .i -a data alc)na spie*a8ione.: :E do( 1 il .essa**ero<: := partito appena .i -a (isto entrare nella sala per cercar(i.: :O-, .io ;io: disse la contessa a +ran8, :andate presto. Po(ero *io(ane> forse *li 1 accad)ta 6)alc-e dis*ra8ia.: :Vado s)bito...: disse +ran8. :Vi ri(edre.o per sapere le noti8ie<: c-iese la contessa. :"2, se la cosa non 1 *ra(e4 altri.enti non posso pre(edere ci3 c-e far3 io stesso.: :In o*ni e(ento, siate pr)dente: disse la contessa. :O-, state tran6)illa.: +ran8 prese il cappello e part2 in t)tta fretta. !(e(a licen8iata la carro88a, ordinandola per le d)e. Ma per fort)na la casa del principe, c-e corrisponde da )na parte s)l Corso, e dall altra s)lla pia88a dei "antissi.i !postoli, 1 a dieci .in)ti di ca..ino dall alber*o Londra. !((icinandosi all alber*o +ran8 (ide )n )o.o ritto in .e88o alla strada a((olto in )n *ran .antello> non d)bit3 c-e 6)esti fosse il .essa**ero d !lberto4 rest3 per3 .era(i*liato c-e *li ri(ol*esse per pri.o la parola. :C-e (olete, Eccellen8a<: disse facendo )n passo indietro co.e )no c-e (o*lia tenersi in *)ardia. :0on siete (oi: c-iese +ran8, :c-e .i a(ete portato )na lettera del conte di Morcerf<: :Vostra Eccellen8a abita all alber*o di Pastrini<: :"2.: :Vostra Eccellen8a 1 il co.pa*no di (ia**io del conte<: :"2.: :Co.e si c-ia.a<: :Il barone +ran8 d EpinaM.: := precisa.ente a Vostra Eccellen8a c-e 1 diretta 6)esta lettera.: :Vi abbiso*na risposta<: do.and3 +ran8 nel prendere la lettera dalle s)e .ani. :"2, o al.eno il (ostro a.ico lo spera.: :!llora salite da .e, c-e (e la dar3.: :"ar7 .e*lio c-e l aspetti 6)i...: disse ridendo il .essa**ero. :E perc-5<: :Vostra Eccellen8a lo capir7 .e*lio 6)ando a(r7 letta la lettera.: :!llora (i ritro(er3 6)i<: :"en8a d)bbio.: +ran8 entr3 e per le scale s i.batt5 in Pastrini. :Ebbene<: *li do.and3 6)esti.

:Ebbene, c-e<: rispose +ran8. :!(ete (isto l )o.o c-e desidera(a parlar(i per parte del (ostro a.ico<: :"2, l -o (ed)to: rispose +ran8, :e .i -a conse*nata 6)esta lettera. Vi pre*o di fare accendere )n l).e nella .ia ca.era.: L alber*atore dette ordine ad )n do.estico di precedere +ran8 col l).e. Il *io(ane a(e(a osser(ata )n aria spa(entata s)l (iso di Pastrini, il c-e non a(e(a fatto c-e raddoppiar*li la c)riosit7 di le**ere la lettera d !lberto> si accost3 al candeliere, appena f) accesa la candela, e pie*3 il fo*lio. La lettera era scritta e fir.ata dalla .ano d !lberto. +ran8 la lesse d)e (olte, tanto era lontano dal fi*)rarsi il conten)to. Eccola riportata letteral.ente> :Mio caro a.ico, appena a(rete rice()ta la presente, abbiate la co.piacen8a di prendere nel .io portafo*li c-e tro(erete nel cassettino del .io scri*no la creden8iale> )niteci la (ostra, se non basta. Correte da /orlonia, e ritirate da l)i s)l .o.ento 6)attro .ila sc)di, c-e conse*nerete al latore della presente. Pre.e *rande.ente c-e 6)esta so..a .i *i)n*a sen8a alc)n ritardo. 0on insisto di pi@, contando s) (oi, co.e (oi potreste contare s) di .e. (ostro a.ico, !lberto de Morcerf. Post script).. !desso credo ai banditi italiani. "otto 6)este ri*-e erano scritte da .ano sconosci)ta le se*)enti parole> :"e alle sei di .attina i 6)attro .ila sc)di non sono nelle .ie .ani, alle sette il conte !lberto a(r7 cessato di (i(ere. L)i*i Va.pa.: D)esta fir.a spie*3 o*ni cosa a +ran8, c-e cap2 l a((ersione .ostrata dal .essa**ero a salire in ca.era> la strada *li se.bra(a pi@ sic)ra. !lberto era cad)to nelle .ani di 6)el fa.oso capo di banditi, alla c)i esisten8a non (ole(a credere. 0on c era te.po da perdere> corse allo scri*no, l apr2 e nel cassettino indicato ritro(3 il portafo*li, ed in esso la creden8iale di sei.ila sc)di in t)tto> .a !lberto ne a(e(a *i7 presi tre.ila. +ran8 non a(e(a alc)na creden8iale4 do.iciliando a +iren8e, ed essendo (en)to a Ro.a per passar(i *li otto *iorni del carne(ale, non a(e(a preso c-e )n centinaio di l)i*i, e non *liene ri.ane(ano c-e appena cin6)anta. #li .anca(ano d)n6)e sette o ottocento sc)di per poter ri)nire, fra l)i ed !lberto, la so..a ric-iesta. = (ero c-e in si.ile con*i)nt)ra +ran8 pote(a calcolare s)lla *entile88a di /orlonia. E*li si dispone(a d)n6)e a ritornare al pala88o del principe sen8a perdere )n .o.ento, 6)ando d i.pro((iso *li (enne alla .ente )na felice idea... Pens3 al conte di Montecristo. "ta(a per far c-ia.are Pastrini, 6)ando 6)esti si present3 alla porta. :Mio caro Pastrini, credete c-e il conte sia in casa<: :"2, Eccellen8a, 1 entrato or ora.: :!(r7 a()to te.po d andare a letto<: :0on credo.: :!llora s)onate alla s)a porta, (e ne pre*o, e do.andate in no.e .io il per.esso di poter.i presentare a l)i.: Pastrini si affrett3 ad ese*)ire la co..issione> cin6)e .in)ti dopo rientr3. :Il conte aspetta Vostra Eccellen8a: disse. +ran8 tra(ers3 il pianerottolo4 )n do.estico lo introd)sse dal conte. Era in )n piccolo salotto c-e +ran8 non a(e(a .ai (isto, t)tto circondato da )n di(ano4 il conte *li (enne

incontro. :O-, 6)al b)on (ento (i cond)ce da .e a 6)est ora<: *li disse. :Venite forse a c-ieder.i la cena< Per Bacco, sarebbe da((ero )na bella *entile88a per parte (ostra.: :0o, (en*o a parlar(i di )n affare .olto *ra(e.: :;i )n affare?: disse il conte fissandolo con 6)ello s*)ardo scr)tatore c-e *li era proprio. :E di 6)ale affare<: :"ia.o soli<: Il conte and3 alla porta, poi ritorn3. :!ssol)ta.ente soli...: disse. +ran8 *li present3 la lettera d !lberto. :Le**ete?: disse. Il conte lesse la lettera. :!-, a-: fece e*li. :!(ete (ed)to il postCscript).<: :"2, lo (edo bene... :"e alle sei di .attina i 6)attro .ila sc)di non sono nelle .ie .ani, alle sette il conte !lberto a(r7 cessato di (i(ere. L)i*i Va.pa.: :C-e ne dite<: do.and3 +ran8. :!(ete la so..a c-e (i (iene ric-iesta<: :"i, .eno ottocento sc)di.: Il conte si accost3 allo scri*no e ne trasse )n cassettino pieno d oro. :Io spero: disse a +ran8, :c-e non (orrete far.i l in*i)ria di ri(ol*er(i ad altri.: :Vedete c-e sono (en)to diretta.ente da (oi...: disse +ran8. :Ed io (e ne rin*ra8io> prendete.: E fece se*no a +ran8 di prendere nel cassettino. :Ma 1 poi assol)ta.ente necessario .andare 6)esta so..a a L)i*i Va.pa<: c-iese il *io(ane fissando a s)a (olta lo s*)ardo s)l conte. :;ia(olo, *i)dicatene (oi stesso> il postCscript). 1 preciso.: :Mi se.bra c-e, se (olete prender(i l inco.odo di pensar(i, forse tro(ereste )n .e88o per se.plificare .olto la faccenda...: disse +ran8. :E 6)ale<: c-iese il conte .era(i*liato. :Per ese.pio, se andassi.o insie.e a tro(are L)i*i Va.pa, sono sic)ro c-e non (i ne*-erebbe la libert7 di !lberto.: :! .e< D)ale infl)en8a (olete c-e io abbia s) 6)esto bandito<: :0on *li a(ete appena reso )no di 6)ei fa(ori c-e non si di.enticano pi@<: :E 6)ale<: :0on a(ete sal(ato la (ita a Peppino<: :!-, a-: fece il conte, :e c-i (e lo -a detto<: :E c-e i.porta a (oi 6)esto< Io lo so.: Il conte ri.ase per )n .o.ento .)to col sopracci*lio a**rottato. :E se io andassi a tro(are Va.pa, .i acco.pa*nereste (oi<: :"e la .ia co.pa*nia non (i 1 s*rade(ole...: :Ebbene, sia> la notte 1 bella4 )na passe**iata nella ca.pa*na ro.ana non p)3 farci c-e bene.: :Biso*ner7 prendere ar.i<: :Per far c-e cosa<: :;enaro<: := in)tile. ;o(e si tro(a l )o.o c-e -a portato 6)esto bi*lietto<: :0ella strada.: :!spetta la risposta<: :"2.: :Biso*na sapere do(e andre.o> ora lo c-ia.er3.: := in)tile, non -a (ol)to salire.: :;a (oi forse, .a da .e non far7 ness)na difficolt7.: Il conte apr2 la finestra del salotto c-e corrisponde(a s)lla strada, e fisc-i3 in )n .odo particolare. L )o.o dal .antello si stacc3 dal .)ro c)i era appo**iato e si a(an83 fino al .e88o della strada. :"alite?: disse il conte col tono con c)i si darebbe )n ordine al ser(itore. Il .essa**ero obbed2 sen8a ind)*io, sen8a esita8ione, an8i con sollecit)dine. "aliti i 6)attro scalini dell andito, entr3 nell alber*o, ed in cin6)e secondi era *i7 alla porta del salotto. :!-, sei t), Peppino<: disse il conte. Ma Peppino in(ece di risponder*li, *li si *ett3 alle *inocc-ia, prese le .ani del conte, e ( i.presse a pi@ riprese le labbra. :!-, a-: disse il conte, :t) non -ai ancora di.enticato c-e ti -o sal(ata la (ita< = sin*olare? Epp)re sono *i7

otto *iorni.: :0o, Eccellen8a, non lo di.entic-er3 .ai...: rispose Peppino, coll accento della pi@ (i(a riconoscen8a. :0on .ai< = troppo l)n*o4 per3 1 ancora .olto c-e t) lo creda. !l8ati e rispondi.i.: Peppino *ett3 )no s*)ardo in6)ieto s) +ran8. :O-, o-, t) p)oi parlare da(anti a ")a Eccellen8a: disse il conte, :poic-5 1 )n .io a.ico. Voi per.ettete c-e (i dia 6)esto titolo<: disse in francese (ol*endosi a +ran8. := necessario per accatti(arsi la fid)cia di cost)i.: :Potete parlare in .ia presen8a, essendo )n a.ico del conte.: :!lla b)on ora?: disse Peppino (ol*endosi al conte. :Vostra Eccellen8a . interro*-i, ed io risponder3.: :In c-e .odo il conte !lberto 1 cad)to nelle .ani di L)i*i<: :Eccellen8a, la carro88a del francese -a incrociata pi@ di )na (olta 6)ella di /eresa.: :L a.ica del capo<: :"2, il francese le -a fatto *li occ-i dolci. /eresa si 1 di(ertita a risponder*li4 il francese le -a *ettato dei .a88etti, lei *liene -a rica.biati4 e t)tto ci3, s intende, col consenso del capo c-e era nella stessa carro88a.: :Co.e?: *rid3 +ran8, :L)i*i Va.pa era nella carro88a delle contadine ro.ane<: :Era 6)ello c-e *)ida(a, .asc-erato da cocc-iere...: rispose Peppino. :E poi<: c-iese il conte. :Ebbene, in se*)ito il francese si le(3 la .asc-era4 /eresa, se.pre col per.esso del capo, fece altrettanto4 il francese do.and3 )n con(e*no, /eresa l accord34 soltanto f) Beppe c-e si tro(3 s)*li scalini della c-iesa di "an #iaco.o.: :Co.e?: interr)ppe n)o(a.ente +ran8, :6)ella persona c-e *li strapp3 il .occoletto<...: :Era )n *io(ane di 6)indici anni: rispose Peppino, :.a il (ostro a.ico non de(e (er*o*narsi d essere stato in*annato da l)i, ne -a in*annati .olti altri.: :E Beppe lo -a condotto f)ori le .)ra<: do.and3 il conte. :Precisa.ente. Una carro88a li aspetta(a alla fine della strada del Macello4 Beppe (i sal2, in(itando il francese a se*)irlo> non se lo fece dire d)e (olte. Offerse con t)tta *alanteria la destra a Beppe, e *li si sedette (icino4 6)esti ann)n8i3 allora c-e lo a(rebbe condotto in )na (illa a tre .i*lia da Ro.a4 il francese lo assic)r3 di essere pronto a se*)irlo in capo al .ondo. Il cocc-iere si a((i3 s)bito per la strada di Ripetta, *i)nse alla porta "an Paolo, e a d)ecento passi nella ca.pa*na, sicco.e il francese di(enta(a )n po troppo intraprendente, in fede .ia, Beppe *li p)nt3 )n paio di pistole alla *ola, il cocc-iere fer.3 s)bito i ca(alli, e (ol*endosi s)l sedile, fece altrettanto. 0ello stesso te.po 6)attro dei nostri, c-e erano nascosti dietro le ri(e dell !l.o, si sono lanciati a*li sportelli. Il francese a(e(a b)ona (olont7 di difendersi, e per poco non -a stran*olato Beppe, a 6)anto -o inteso dire4 .a non c era n)lla da fare contro cin6)e )o.ini ar.ati, ed 1 stato costretto ad arrendersi. !llora f) fatto scendere di carro88a, e se*)endo l ar*ine della piccola ri(iera, f) condotto da /eresa e L)i*i c-e lo aspetta(ano nelle cataco.be di "an "ebastiano.: :Bene?: disse il conte (ol*endosi a +ran8. :Mi pare c-e 6)esta storia ne (al*a bene )n altra... C-e ne dite (oi c-e (e ne intendete<: :;ico c-e la tro(erei ridicola, se fosse a((en)ta a t)tt altri c-e al .io a.ico.:

:Il fatto 1: disse il conte, :c-e se non .i a(este ritro(ato in casa, 6)esta era )n a((ent)ra c-e sarebbe costata )n po cara al (ostro a.ico4 .a tran6)illi88ate(i, ne sar7 riscattato solo con )n poco di pa)ra.: :E noi andia.o a tro(arlo<: do.and3 +ran8. :Per Bacco, tanto pi@ perc-5 si tro(a in )na localit7 .olto pittoresca. Conoscete le cataco.be di "an "ebastiano<: :0o, non (i sono .ai disceso> a(e(o per3 stabilito c-e )n 6)alc-e *iorno (i sarei andato.: :Ebbene, ecco tro(ata l occasione, e sar7 difficile ritro(arne )na .i*liore. !(ete pronta la (ostra carro88a<: :0o.: :0on i.porta> io -o l )so di farne stare )na se.pre pronta notte e *iorno.: :In ordine<...: :"2, sono .o lto capriccioso> (i confesso c-e 6)alc-e (olta, al8ando.i alla fine del pran8o, o nel .e88o della notte, .i prende la (olont7 di portar.i in )n p)nto 6)al)n6)e del .ondo, e parto.: Il conte dette )n tocco al ca.panello, il ca.eriere co.par(e. :+ate )scire la carro88a dalla ri.essa: disse, :e le(ate le pistole c-e stanno nelle tasc-e> 1 in)tile s(e*liare il cocc-iere, !l2 *)ider7.: ;opo )n .o.ento s intese il r).ore della carro88a, c-e si fer.3 da(anti alla porta. Il conte *)ard3 l orolo*io. :Me88 ora dopo .e88anotte: disse. :!(re..o pot)to partire tra cin6)e ore, e *i)n*ere ancora in te.po4 .a 6)esto ritardo forse a(rebbe fatto passare )na catti(a notte al (ostro co.pa*no. E d)n6)e .e*lio andare di corsa a to*lierlo dalle .ani dei barbari. "iete se.pre risol)to ad acco.pa*nar.i<: :Pi@ c-e .ai.: :Ebbene, andia.o d)n6)e.: +ran8 ed il conte )scirono se*)iti da Peppino. !lla porta tro(arono la carro88a. !l2 era a cassetta> +ran8 riconobbe lo sc-ia(o .)to della *rotta di Montecristo. "alirono in carro88a aperta4 Peppino si pose (icino ad !l2 e partirono al *aloppo. !l2 a(e(a *i7 rice()to *li ordini, poic-5 prese la strada del Corso, e tra(ers3 Ca.po Vaccino, percorse 6)ella di "an #re*orio, e *i)nse alla porta di "an "ebastiano> il portinaio (olle fare 6)alc-e difficolt7, .a il conte di Montecristo present3 )n per.esso del *o(ernatore di Ro.a di potere entrare ed )scire dalla citt7 in 6)al)n6)e ora del *iorno e della notte4 f) d)n6)e aperta la porta, il portinaio rice(ette )n l)i*i per il s)o inco.odo e passarono. La strada c-e percorre(a la carro88a era l antica (ia !ppia, t)tta coste**iata da antic-i sepolcri. ! 6)ando a 6)ando, al c-iarore della l)na c-e sor*e(a, se.bra(a a +ran8 di (edere )na specie di sentinella staccarsi da )n r)dere4 .a ad )n se*nale di Peppino spari(a i..ediata.ente fra le o.bre. Poco pri.a del circo di Caracalla la carro88a si fer.3, Peppino (enne ad aprire lo sportello, e +ran8 ed il conte discesero. :+ra dieci .in)ti: disse il conte al co.pa*no, :sare.o arri(ati.: Indi prese Peppino a parte, *li dette )n ordine a bassa (oce, e 6)esti part2 dopo essersi .)nito di )na torcia presa nella cassetta della carro88a. "corsero ancora cin6)e .in)ti, nei 6)ali +ran8 (ide il pastore inoltrarsi fra le d)ne del terreno ine*)ale della

ca.pa*na ro.ana, e perdersi fra l alta erba rossastra c-e se.bra l irta criniera di 6)alc-e *i*antesco leone. :Ora: disse il conte, :se*)ia.olo.: Entra.bi s inoltrarono nello stesso sentiero, c-e dopo cento passi li cond)sse per )n piano inclinato in )na piccola (allata. Ben presto (idero d)e )o.ini parlarsi fra le o.bre. :;obbia.o contin)are ad inoltrarci<: do.and3 +ran8 al conte, :o aspettare<: :!(anti... Peppino de(e a(ere a((isata la sentinella del nostro arri(o.: Infatti )no di 6)ei d)e )o.ini era Peppino, l altro )n bandito posto a (edetta. +ran8 e il conte si a((icinarono, il bandito li sal)t3. :Eccellen8a: disse Peppino, (ol*endosi al conte, :se ()ole se*)ir.i, l in*resso alle cataco.be 1 6)i a d)e passi.: :"ta bene: disse il conte, :ca..ina a(anti.: Infatti dietro ad )n folto cesp)*lio, ed in .e88o a di(erse rocce, si presenta(a )n apert)ra per la 6)ale )n )o.o pote(a appena passare. Peppino f) il pri.o a sci(olare entro 6)esta fendit)ra4 .a appena ebbe fatto 6)alc-e passo il passa**io si allar*3. !llora si fer.3, accese la torcia, e si (olse a (edere se era se*)ito. Il conte si era introdotto per pri.o per 6)esta specie di spira*lio, e +ran8 dopo di l)i. Il terreno si abbassa(a con )na inclina8ione dolce, e si allar*a(a .an .ano c-e s inoltra(ano4 ci3 nonostante +ran8 ed il conte erano obbli*ati a ca..inare ric)r(i, ed a(rebbero fatto fatica a passare t)tti e d)e di fianco. In tal .odo fecero circa cin6)anta passi, 6)indi si fer.arono al *rido :c-i (i(e<: e nello stesso te.po (idero brillare la canna di )n f)cile al c-iarore della torcia. :!.ici?: rispose Peppino. E si a(an83 solo, disse alc)ne parole a bassa (oce a 6)esta seconda sentinella, c-e co.e la pri.a li sal)t3 facendo se*no ai nott)rni (isitatori c-e pote(ano passare. ;ietro la sentinella c era )na scala di circa (enti *radini. +ran8 ed il conte li discesero e si ritro(arono in )na specie di croce(ia .ort)ario. ;a 6)esto p)nto di(er*e(ano cin6)e (ie co.e i ra**i di )na stella, e le pareti delle .)ra, sca(ate a nicc-ie so(rapposte a for.a di sepolcri, indica(ano c-e final.ente erano penetrati nelle cataco.be. In )na di 6)este ca(it7, di c)i era i.possibile calcolare l estensione, si (ede(ano alc)ni riflessi di l)ce. Il conte .ise la .ano s)lla spalla di +ran8, e disse> :Volete (edere )n acca.pa.ento di banditi i..ersi nel sonno<: :"2: rispose +ran8. :Ebbene, (enite con .e... Peppino, s.or8a la torcia.: Peppino obbed2, e +ran8 ed il conte si tro(arono nella pi@ profonda osc)rit74 soltanto a circa cin6)anta passi da(anti a loro, si (ede(ano l)n*o i .)ri alc)ni ra**i rossastri di l)ce, di(en)ti ancora pi@ (isibili dopo c-e Peppino ebbe spenta la torcia. !(an8arono silen8iosa.ente4 il conte *)ida(a +ran8 co.e se a(esse a()ta la sin*olare facolt7 di (ederci fra le tenebre. Lo stesso +ran8 ac6)ista(a .a**ior pratica del l)o*o .an .ano c-e s inoltra(a (erso 6)el c-iaro di l)ce c-e ser(i(a di *)ida. /re arcate, delle 6)ali )na di .e88o ser(i(a di porta, dettero loro passa**io. ;a )na parte .ette(ano nel corridoio do( erano +ran8 ed il conte, e dall altra in )na sala 6)adrata, t)tta circondata da nicc-ie co.e 6)elle di

c)i abbia.o parlato. In .e88o s er*e(ano 6)attro pietre c-e )n te.po erano adibite ad altare co.e indica(a la croce so(rapposta. Una sola la.pada, posta sopra )n f)sto di colonna, ill).ina(a con )na l)ce pallida e (acillante la strana scena c-e si presenta(a a*li occ-i dei d)e nott)rni (isitatori nascosti nell o.bra. Un )o.o era sed)to, col *o.ito appo**iato a 6)esta colonna, e le**e(a, (oltando le spalle alle arcate. Era il capo della banda, L)i*i Va.pa. Intorno a l)i, sta(ano stesi e a((olti nei loro .antelli, o addossati ad )na specie di banco di pietra c-e *ira(a t)tt intorno alle pareti di 6)esto colo.bario, )na (entina circa di bri*anti4 ciasc)no tene(a la carabina a portata di .ano. 0el fondo, silen8iosa, e appena (isibile si scor*e(a )na sentinella c-e co.e )n o.bra passe**ia(a s) e *i@, da(anti ad )na specie di apert)ra, c-e non da altro si distin*)e(a, se non perc-5 erano pi@ fitte le tenebre in 6)ella dire8ione. !ppena il conte s accorse c-e +ran8 a(e(a abit)ati abbastan8a *li occ-i a 6)esto 6)adro pittoresco port3 l indice alle labbra per racco.andare il silen8io, e salendo i tre scalini c-e dal corridoio .ette(ano nel colo.bario, entr3 nella sala dell arcata di .e88o, e si a(an83 (erso Va.pa tanto profonda.ente i..erso nella lett)ra, c-e non ne intese i passi. :C-i 1 l7<: *rid3 la sentinella .eno occ)pata di l)i, e c-e (ide al c-iarore della la.pada d)e specie d o.bre in*randirsi dietro il capo. ! 6)esto *rido, Va.pa si al83 rapido, to*liendo nello stesso te.po dalla cint)ra le pistole4 in )n .o.ento i banditi f)rono in piedi, e (enti canne di carabine erano dirette sopra il conte. :Ebbene: disse tran6)illa.ente 6)esti, con (oce del t)tto placida, e sen8a c-e )no solo dei .)scoli del s)o (iso si contraesse, :ebbene, .io caro Va.pa, .i se.bra di (edere troppi preparati(i per rice(ere )n a.ico.: :!bbasso le ar.i?: *rid3 il capo facendo )n se*no i.perati(o con )na .ano, .entre coll altra si le(a(a rispettosa.ente il cappello. D)indi (ol*endosi (erso il sin*olare persona**io c-e do.ina(a t)tta 6)esta scena> :Perdono, si*nor conte: disse, :.a ero cos2 lontano dall aspettar.i l onore di )na (ostra (isita, c-e non (i a(e(o riconosci)to.: :"e.bra c-e (oi abbiate poca .e.oria in t)tte le cose, Va.pa: disse il conte, :e c-e non solo (i scordiate della fisono.ia delle persone, .a anc-e delle condi8ioni patt)ite.: :E 6)ali condi8ioni -o pot)to di.enticare, si*nor conte<: do.and3 il bandito, co.e )n )o.o c-e se -a co..esso )n fallo non desidera c-e di ripararlo. :0on 1 stato fra noi con(en)to: disse il conte, :c-e (i sarebbe stata sacra non solo la .ia persona, .a anc-e 6)ella di t)tti i .iei a.ici<: :E in c-e -o .ancato al trattato, Eccellen8a<: :D)esta sera a(ete rapito e trasportato il (isconte !lberto di Morcerf> ebbene: contin)3 il conte con )n accento c-e fece rabbri(idire +ran8, :6)esto *io(ane 1 )no dei .iei a.ici, e*li abita nello stesso alber*o do(e sto io, per otto *iorni 1 stato al Corso nella .ia carro88a, e inoltre, (e lo ripeto, lo a(ete rapito, lo a(ete

trasportato 6)i: a**i)nse il conte ca(ando di tasca la lettera, :*li a(ete i.posto )n riscatto co.e se fosse stato )n ne.ico.: :E perc-5 non .i a(ete a((isato di t)tto 6)esto<: disse il capo (ol*endosi ai s)oi )o.ini, c-e indietre**ia(ano t)tti al s)o s*)ardo. :Perc-5 .i a(ete esposto a .ancare alla .ia parola con )n )o.o, il si*nor conte, c-e tiene t)tte le nostre (ite nelle s)e .ani< Per...? "e potessi credere c-e )no di (oi sape(a c-e il *io(ane era a.ico di ")a Eccellen8a, *li br)cerei le cer(ella colle .ie .ani?: :Ebbene: disse il conte (ol*endosi a +ran8, :non (i a(e(o detto c-e do(e(a esserci )n 6)alc-e e6)i(oco?: :Co.e, non siete solo<: do.and3 Va.pa con in6)iet)dine. :"ono con col)i c)i era diretta 6)esta lettera ed al 6)ale -o (ol)to pro(are c-e L)i*i Va.pa era )n )o.o di parola. Venite a(anti, Eccellen8a: disse a +ran8, :ecco 6)i il si*nor L)i*i Va.pa, c-e si dir7 dolente dello sba*lio co..esso.: +ran8 si a(an83, ed il capo dei banditi *li and3 incontro di 6)alc-e passo> :"iate il ben(en)to in .e88o a noi, Eccellen8a: *li disse. :!(ete sentito ci3 c-e -a detto il si*nor conte, e ci3 c-e *li -o risposto4 a**i)n*er3 c-e non (orrei, per i 6)attro.ila sc)di c-e a(e(o fissato di riscatto, c-e ci3 fosse accad)to.: :Ma: disse +ran8 *)ardando con in6)iet)dine intorno, :do( 1 il pri*ioniero< 0on lo (edo...: :"pero non *li sar7 accad)ta cosa alc)na<: do.and3 il conte, a**rottando il sopracci*lio. :Il pri*ioniero 1 l7: disse Va.pa, .ostrando colla .ano il l)o*o osc)ro da(anti al 6)ale passe**ia(a il bandito in fa8ione. :Vado io stesso ad ann)nciar*li la libert7.: Il capo si a(an83 (erso il l)o*o indicato co.e pri*ione d !lberto, il conte e +ran8 lo se*)irono. :C-e fa il pri*ioniero<: do.and3 Va.pa alla sentinella. :")lla .ia parola: rispose 6)esti, :l i*noro> da pi@ di )n ora non l -o sentito .)o(ersi.: :Venite, Eccellen8a: disse Va.pa. Il conte e +ran8 salirono sette o otto scalini se.pre preced)ti dal capo, c-e tir3 )n catenaccio e spinse a(anti )na porta. !llora, al c-iarore di )na la.pada si.ile a 6)ella c-e ill).ina(a il colo.bario, si pot5 (edere !lberto, a((olto in )n .antello prestato da )n bandito, steso in )n an*olo, dor.ire nel sonno pi@ profondo. :!ndia.o: disse il conte con 6)el s)o sorriso particolare, :non c 1 .ale per )n )o.o c-e do(e(a essere f)cilato do.attina alle sette.: Va.pa *)ard3 con )na certa a..ira8ione !lberto c-e dor.i(a, e si (ide c-e non era insensibile a 6)esta pro(a di cora**io. :!(ete ra*ione, si*nor conte: disse, :6)est )o.o de( essere )no dei (ostri a.ici.: E, accostandosi ad !lberto e toccando*li la spalla> :Eccellen8a: disse, :si s(e*li, se le fa piacere.: !lberto stese le braccia, si strofin3 le palpebre, e si s(e*li3> :!-: disse, :siete (oi, capitano< Per Bacco, a(reste ben pot)to lasciar.i dor.ire> io face(o )n *ra8ioso so*no, so*na(o di ballare )n *alop da /orlonia con la contessa #.: #)ard3 l orolo*io c-e a(e(a conser(ato, per poter controllare il te.po trascorso> :Un ora e .e88o dopo .e88anotte4 e perc-5 dia(olo .i s(e*liate a 6)est ora<: :Per dir(i c-e siete libero, Eccellen8a.:

:Caro .io: so**i)nse !lberto con )na perfetta pronte88a d ani.o, :ricordate(i bene, in a((enire, di 6)esta .assi.a di 0apoleone il *rande> :0on .i s(e*liate c-e per le catti(e noti8ie:. "e .i a(este lasciato dor.ire, a(rei ter.inato il .io *alop, e (e ne sarei stato riconoscente per t)tta la (ita... Il .io riscatto 1 d)n6)e stato pa*ato<: :0o, Eccellen8a.: :In 6)al .odo d)n6)e son libero<: :D)alc)no, a c)i non posso n)lla ne*are, 1 (en)to a recla.ar(i.: :+in 6)i<: :+in 6)i.: :O- per Bacco, 6)esto 6)alc)no 1 )na persona .olto a.abile.: !lberto *)ard3 intorno a s5 e s a((ide di +ran8. :Co.e<: disse. :"iete (oi .io caro +ran8, c-e spin*ete tant oltre la (ostra a.ici8ia<: :0on sono io: rispose +ran8, :.a il nostro conte di Montecristo.: :!-, per Bacco? il si*nor conte?: disse !lberto acco.odandosi la cra(atta ed i polsini. :"iete )n )o.o (era.ente pre8ioso, e spero (orrete considerar.i riconoscente per t)tta la (ita, pri.a per l affare della carro88a, e poi per 6)esto.: E in cos2 dire stese la .ano al conte, c-e fre.ette al .o.ento di dar*li la s)a4 per3 *liela diede. Il bandito osser(a(a t)tta 6)esta scena con (olto st)pefatto> era e(idente.ente a((e88o a (edere i s)oi pri*ionieri tre.are da(anti a l)i, ed ora ne a(e(a innan8i a s5 )no, la c)i b)rle(ole indole non a(e(a sofferta alc)na altera8ione4 6)anto a +ran8, era contentissi.o c-e !lberto, anc-e in faccia ad )n bandito, a(esse sap)to sostenere l onore na8ionale. :Mio caro !lberto: *li disse, :se (olete spicciar(i, a(re.o ancora il te.po di andare a finire la notte da /orlonia. Riprenderete il (ostro *alop al p)nto in c)i l a(ete interrotto, per c)i non serberete alc)n rancore col si*nor L)i*i Va.pa, c-e in t)tto 6)esto affare, si 1 condotto da (ero *alant)o.o.: :!-, s2 da((ero: disse, :a(ete ra*ione, e noi potre.o *i)n*er(i alle d)e... "i*nor L)i*i: contin)3 !lberto, :(i 1 altra for.alit7 da co.piersi pri.a di prendere co..iato da Vostra Eccellen8a<: :0ess)na, si*nore: rispose il bandito, :e (oi siete libero co.e l aria.: :In 6)esto caso, b)ona ed alle*ra (ita... Venite, si*nori, (enite.: Ed !lberto, se*)ito da +ran8 e dal conte, discese la scala, e tra(ers3 la sala 6)adrata. /)tti i banditi erano in piedi col cappello in .ano. :Peppino: disse il capo, :da..i la torcia.: :Ebbene c-e (olete fare<: do.and3 il conte. :Vi acco.pa*no, 6)esto 1 il pi@ piccolo onore c-e io possa trib)tare a Vostra Eccellen8a.: E to*liendo la torcia accesa dalle .ani del pastore, ca..in3 a(anti ai s)oi ospiti, non co.e )n ca.eriere c-e co.pie )n atto di ser(it@, .a co.e )n re c-e preceda de*li a.basciatori. #i)nto alla porta, s inc-in3. :Ora, si*nor conte: disse, :(i rinno(o le .ie sc)se, e spero non conser(erete alc)n risenti.ento per l accad)to.: :0o, .io caro Va.pa: disse il conte. :E.endate i (ostri errori in )n .odo cos2 co.pito, c-e si 1 6)asi costretti ad esser(i obbli*ati per a(erli co..essi.: :"i*nori: riprese il capo (ol*endosi ai d)e *io(ani, :forse l in(ito non (i se.brer7 .olto attraente, .a se .ai (i (enisse la (olont7 di far.i )na seconda (isita, 6)i ed in 6)al)n6)e altro l)o*o potessi essere, sarete se.pre i

ben(en)ti.: +ran8 ed !lberto lo sal)tarono. Il conte )sc2 per pri.o, !lberto lo se*)2, +ran8 f) l )lti.o. :Vostra Eccellen8a, -a forse 6)alc-e cosa da c-ieder.i<: disse Va.pa. :"2, lo confesso: rispose +ran8, :sarei c)rioso di sapere 6)al era l opera c-e le**e(ate con tanta atten8ione 6)ando noi sia.o arri(ati.: :I Co..entari di #i)lio Cesare, il .io libro prediletto.: :Ebbene, non (enite<: do.and3 !lberto. :")bito: rispose +ran8, :ecco.i.: Ed )sc2 a s)a (olta dalla b)ca. +atto 6)alc-e passo nella pian)ra> :!-, perdonate.i: disse !lberto, tornando indietro. :Volete per.etter.i, capitano<: Ed accese il si*aro alla torcia di Va.pa. :Ora si*nor conte: disse !lberto, :-o *randissi.a pre.)ra di finire la notte dal principe /orlonia.: La carro88a f) ritro(ata nel l)o*o do(e era stata lasciata. Il conte disse )na sola parola araba ad !l2, ed i ca(alli partirono a t)tta carriera. Erano le d)e precise all orolo*io d !lberto, 6)ando i d)e a.ici entrarono nella sala da ballo. Il loro ritorno f) )n a((eni.ento, .a sicco.e rientrarono insie.e, t)tti i ti.ori s)l conto d !lberto cessarono s)l .o.ento. :"i*nora: disse il (isconte de Morcerf a(an8andosi (erso la contessa, :ieri (oi a(este la bont7 di pro.etter.i )n *alop, (en*o )n po tardi a recla.are 6)esta *ra8iosa pro.essa4 .a il .io a.ico, c-e (oi sapete 6)ant 1 sincero, potr7 dir(i c-e non f) colpa .ia.: E sicco.e in 6)el .o.ento l orc-estra da(a il se*nale di )n (al8er, !lberto pass3 il braccio attorno alla (ita della contessa e dispar(e con lei fra il ne.bo dei ballerini. Intanto +ran8 ripensa(a al sin*olare fre.ito del conte di Montecristo, nel .o.ento in c)i era stato costretto a strin*ere la .ano ad !lberto. Capitolo A&. IL CO0VE#0O. L indo.ani nel le(arsi, la pri.a parola di ! lberto f) di proporre a +ran8 di fare )na (isita al conte. Lo a(e(a *i7 rin*ra8iato la sera pri.a, .a capi(a benissi.o c-e )n fa(ore co.e 6)ello reso*li dal conte, .erita(a d)e rin*ra8ia.enti. +ran8 c-e pro(a(a )n attratti(a, .ista a terrore, (erso il conte di Montecristo, non (olle lasciarlo andar solo da 6)est )o.o, e lo acco.pa*n3. Entra.bi f)rono introdotti> cin6)e .in)ti dopo co.par(e il conte. :"i*nor conte: disse !lberto andando*li incontro, :per.ettete.i di ripeter(i 6)esta .attina ci3 c-e .ala.ente (i -o detto la scorsa notte4 c-e non di.entic-er3 .ai in 6)al fran*ente .i siate (en)to in ai)to4 e .i ricorder3 se.pre c-e (i de(o la (ita, o poco .eno.: :Mio caro (icino: rispose il conte ridendo, :(oi esa*erate i (ostri obbli*-i (erso di .e4 non .i do(ete c-e )na (entina di .i*liaia di franc-i s)l (ostro pre(enti(o di (ia**io, ed ecco t)tto... Vedete bene c-e non biso*na parlarne. Per (ostra parte: a**i)nse, :rice(ete le .ie con*rat)la8ioni4 a(ete di.ostrato )n a..irabile pronte88a d ani.o, e *ran disin(olt)ra.: :C-e ser(e, conte: disse !lberto, :.i sono i..a*inato di a(ere a()to )na sfa(ore(ole contesa, ed esser corsa

)na sfida. Volli far co.prendere )na cosa a 6)esti banditi, c-e in t)tti i paesi del .ondo *li )o.ini si battono, .a c-e non (i sono c-e i francesi c-e si battono ridendo. Ma non essendo .eno *rande l obbli*o, (en*o a c-ieder(i se per .e88o delle .ie conoscen8e potessi esser(i )tile in 6)alc-e cosa. Mio padre, il conte de Morcerf d ori*ine spa*nola, *ode di )n alta posi8ione in +rancia ed in "pa*na, (en*o a .ettere .e e t)tte le persone c-e .i a.ano a (ostra disposi8ione.: :Ebbene: disse il conte, :(i confesso, si*nor de Morcerf, c-e .i aspetta(o da (oi )na si.ile offerta, e c-e l accetto con t)tto il c)ore. !(e(o *i7 fissati i .iei pensieri s) di (oi per c-ieder(i )n *ran fa(ore.: :D)ale<: :0on sono .ai stato a Pari*i, e non conosco Pari*i.: :;a((ero: *rid3 !lberto, :a(ete pot)to (i(ere fino ad ora sen8a (edere Pari*i< Pare incredibile...: :Epp)re 1 cos2. Ma sento c-e )na pi@ l)n*a i*noran8a della capitale del .ondo intellett)ale 1 i.possibile. Vi 1 di pi@4 forse a(rei fatto da l)n*o te.po 6)esto (ia**io indispensabile, se a(essi conosci)to 6)alc)no c-e .i a(esse pot)to introd)rre in 6)el .ondo do(e non -o alc)na rela8ione. :O-, )n )o.o co.e (oi?: *rid3 !lberto. :"iete .olto b)ono. Ma sicco.e non riconosco in .e stesso altro .erito c-e 6)ello di poter fare concorso, co.e .ilionario, ai (ostri pi@ ricc-i banc-ieri, e non (ado a Pari*i per spec)lare in borsa, 6)esta .odestia .i -a tratten)to. Ora la (ostra offerta .i risol(e. Vedia.o ( i.pe*nate, .io caro de Morcerf: il conte strisci3 6)esta parola con )n sin*olare sorriso, :6)ando sar3 in +rancia, ad aprir.i le porte di 6)el .ondo, do(e sar3 )no straniero al pari di )n F)ron, o di )n cinese<: :D)anto a ci3, .io caro conte, a .era(i*lia e con t)tto il c)ore: rispose !lberto, :e tanto pi@ (olentieri K.io caro +ran8, non (i b)rlate tanto di .eL, c-e sono ric-ia.ato a Pari*i da )na lettera c-e rice(o 6)esta .attina stessa, ed in c)i si parla di )na trattati(a con )na casa .olto rispettabile e c-e -a le .i*liori rela8ioni col bel .ondo pari*ino.: :/rattati(a di .atri.onio<: disse ridendo +ran8. :D)al .era(i*lia< "2> perci3 6)ando ritornerete a Pari*i .i tro(erete )o.o sposato, e forse padre di fa.i*lia. Ci3 star7 bene colla .ia seriet7 nat)rale, non 1 (ero< In o*ni .odo, conte, (e lo ripeto, io ed i .iei, sia.o t)tti, corpo ed ani.a, a (ostra disposi8ione.: :Ed io accetto: disse il conte, :perc-5 (i assic)ro c-e non .i .anca(a c-e 6)esta occasione per effett)are )n dise*no c-e r).ino da l)n*o te.po.: +ran8 non d)bit3 )n .o.ento c-e non fosse 6)ello di c)i si era lasciato sf)**ire 6)alc-e parola nella *rotta di Montecristo, e *)ard3 il conte .entre dice(a 6)este parole, per tentare di sorprendere s)lla s)a fisono.ia 6)alc-e ri(ela8ione s)i pro*etti c-e lo cond)ce(ano a Pari*i, .a era .olto difficile penetrare nell ani.o di 6)est )o.o, particolar.ente 6)ando lo (ede(a con )n sorriso. :Ma .i sc)si, conte: so**i)nse !lberto, contento di poter presentare a Pari*i )n )o.o co.e il conte di Montecristo, :non sar7 )n 6)alc-e castello in aria, co.e se ne fanno .ille in (ia**io, e c-e, fabbricati s)lla sabbia, (en*ono poi distr)tti al pri.o soffio di (ento<:

:0o, s)l .io onore: disse il conte, :(o*lio andare a Pari*i, -o biso*no d andar(i.: :E 6)ando sar7<: :D)ando (i sarete (oi stesso<: :Io<: disse !lberto. :O-, .io ;io, fra 6)indici *iorni, o al pi@ fra tre setti.ane4 il te.po necessario per il ritorno, e n)ll altro.: :Ebbene, (i accordo tre .esi... Vedete c-e (i do )na lar*a .is)ra.: :E fra tre .esi: *rid3 !lberto con *ioia, :(errete a battere alla .ia porta<: :Volete )n app)nta.ento anc-e per il *iorno e per l ora<: disse il conte. :Vi pre(en*o per3 c-e sono di )na esatte88a da far disperare.: :Il *iorno e l ora precisa?: disse !lberto. :Ci3 andr7 a .era(i*lia.: :Ebbene, sia cos2.: E*li stese la .ano (erso )n calendario attaccato presso lo specc-io. :O**i sia.o al $1 febbraio: ca(3 l orolo*io, :e sono le dieci e .e88o del .attino> (olete aspettar.i il $1 .a**io prossi.o alle dieci e .e88o del .attino<: :! .era(i*lia?: disse !lberto. :La cola8ione sar7 preparata.: :;o(e abitate<: :R)e Felder n).ero $H.: :"iete nella (ostra casa di scapolo, ed io non (i sar3 d inco.odo<: :!bito in casa di .io padre, .a in )n padi*lione in fondo al cortile, intera.ente separato.: :Va bene: il conte apr2 il tacc)ino e scrisse> :R)e Felder, n).ero $H, $1 .a**io, alle dieci e .e88o del .attino:. :Ed ora: disse il conte, ri.ettendosi il tacc)ino in tasca, :state tran6)illo, la sfera del (ostro pendolo non sar7 pi@ esatta di .e. Vi ri(edr3 pri.a della (ostra parten8a<: do.and3 ad !lberto. :;ipende...: :D)ando partirete<: :Parto do.ani sera alle cin6)e.: :In 6)esto caso (i do il .io addio. Fo alc)ni affari a 0apoli, e non sar3 di ritorno 6)i c-e sabato sera o do.enica .attina. E (oi: so**i)nse (ol*endosi a +ran8, :partite (oi p)re, si*nor barone<: :"2.: :Per la +rancia<: :0o, per Vene8ia. Resto ancora )n anno o d)e in Italia.: :0oi d)n6)e non ci ri(edre.o a Pari*i<: :/e.o di non a(ere 6)est onore.: :!ni.o d)n6)e, si*nori, b)on (ia**io: disse il conte ai d)e a.ici, stendendo ad essi la .ano. Era la pri.a (olta c-e +ran8 tocca(a la .ano di 6)est )o.o, e rabbri(id2, perc-5 era di *-iaccio co.e 6)ella di )n .orto. :Per l )lti.a (olta: disse !lberto, :resta stabilito s)lla parola d onore, 1 (ero< R)e Felder n).ero $H, il $1 .a**io alle dieci e .e88o del .attino<: :Il $1 .a**io, alle dieci e .e88o del .attino, R)e Felder n).ero $H: ripet5 il conte. ;opo di c-e i d)e *io(ani a.ici lo sal)tarono. :C-e a(ete<: disse !lberto a +ran8 nel rientrare nelle loro stan8e. :Mi se.brate .olto afflitto.: :"2: disse +ran8, :(e lo confesso, il conte 1 )n )o.o sin*olare, e (edo con in6)iet)dine 6)esto app)nta.ento a Pari*i.: :D)esto app)nta.ento... con in6)iet)dine< E perc-5< Ma siete pa88o, .io caro +ran8?: *rid3 !lberto.

:C-e (olete< Pa88o o no, la cosa (a cos2.: :!scoltate: ripet5 !lberto, :sono ben