Sei sulla pagina 1di 35

www.altroconsumo.

it
A
n
n
o

X
X
X
V
I
I
I

-

A
l
t
r
o
c
o
n
s
u
m
o
:

v
i
a

V
a
l
a
s
s
i
n
a

2
2
,

2
0
1
5
9

M
i
l
a
n
o

-

P
o
s
t
e

I
t
a
l
i
a
n
e

s
.
p
.
a
.
S
p
e
d
i
z
i
o
n
e

i
n

a
.
p
.
-

D
.
L
.

3
5
3
/
2
0
0
3

(
c
o
n
v
.

i
n

L
.

2
7
/
0
2
/
2
0
0
4

n


4
6
)

a
r
t
.

1
,

c
o
m
m
a

1
,

D
C
B

-

M
I
I
n

c
a
s
o

d
i

m
a
n
c
a
t
o

r
e
c
a
p
i
t
o
,

r
e
s
t
i
t
u
i
r
e

a
l

C
m
p

d
i

M
i
l
a
n
o

R
o
s
e
r
i
o

p
e
r

l
a

r
e
s
t
i
t
u
z
i
o
n
e

a
l

M
i
t
t
e
n
t
e

p
r
e
v
i
o

p
a
g
a
m
e
n
t
o

r
e
s
i
UNA NUOVA LUCE
ELETTRICIT E GAS
Cambia operatore e risparmia:
oggi la convenienza online
E TU, SEI VERDE?
UN|NcH|eS1A cHe vOS1A
cOve Le NOS1e SceL1e
qUO1|D|ANe OSSONO
cAv|Ae |L vONDO
TEST A CASA
A|||DA|L|1A e SODD|S|Az|ONe
De| |ccOL| eLe11ODOveS1|c|,
vAcA e vAcA,
AccON1A1A DA cH| L| USA
264 Novembre 2012
Altroconsumo - mensile - 9,50
Altroconsumo + supplemento Soldi&Diritti - 20
Altroconsumo + supplemento Test Salute - 22
Altroconsumo + supplemento Soldi&Diritti e Test Salute - 32
Pneumatici invernali

Prosecco spumante
Caldaie

Forni a microonde

Hard disk portatili
Videocamere
TEST E INCHIESTE
Novembre 2012
2 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 3
Sommario
VIVA
VOCE
Rosanna Massarenti
Direttore
EFFICACI
Il nostrometododi lavorosi basa
sucriteri di rigorescientifico, ef-
ficienza e competenza. A test e
inchiestelavoranotecnici quali-
ficati e specialisti di settore che
mettono la loro professionalit
al serviziodellinformazione, del-
la consulenza, della risoluzione
concreta dei problemi.
INDIPENDENTI
Ci finanziamoconlequoteasso-
ciativeelabbonamentoalleno-
streriviste, chenoncontengono
pubblicit, ninformazioni paga-
te da produttori o da gruppi di
interesse politico e finanziario.
Lindipendenzatotale, agaran-
zia della obiettivit dei giudizi e
dei consigli.
AL TELEFONO
Tutti i numeri sonoa pag. 51
ATTRAVERSOIL SITO
www.altroconsumo.it/contattaci
Contatti
DALLATUAPARTE
La nostra missione esclusiva-
mente orientata a soddisfare le
necessit dei consumatori e a
tutelare i loro diritti. Per questo
offriamo servizi di consulenza
individuale ai nostri soci e por-
tiamo la voce e le istanze dei
consumatori presso gli interlo-
cutori istituzionali e sociali.
I nostri obiettivi sono linformazione, la difesa
elarappresentanzadei consumatori. Nonab-
biamo pubblicit. Per i test acquistiamo tutti i
prodotti e ci affidiamo solo a laboratori com-
petenti e indipendenti da qualsiasi interesse.
QUANTOCOSTAABBONARSI
Da gennaio nuovi prezzi per labbonamento. La quota associativa, compresa
nellabbonamento, pari a 15,40allanno e 3,85al trimestre
ABBONAMENTI (quota associativa inclusa) Annuale Trimestrale
Altroconsumo 88,00 22,00
Altroconsumo + Soldi&Diritti 129,60 32,40
Altroconsumo + Test Salute 133,00 33,25
Altroconsumo + Soldi&Diritti + Test Salute 174,60 43,65
4
Tia: il rimborso dellIva dovuto,
ma i soldi non ci sono
20
34
Test: a confronto le prestazioni
di 26 pneumatici invernali
Caldaie a condensazione:
quando convengono?
14
Comportamenti ecologici:
pi sei amico dellambiente, pi risparmi
51
Italia-programmi, continuano
le pratiche scorrette
51 CONDIVIDI UNESPERIENZA
Questioni di principio - Italia pro-
grammi ci riprova - La mia odissea
bancaria-Il contodellecampanel-
le - Orata, allevata o pescata?-
Quante critiche al latte
52 IL DUBBIO
Se il lattice dei cuscini comincia
a sfaldarsi
53 FILODIRETTO
Lacqua per i neonati
54 SCELTE SICURE
Tutti i vantaggi per i nostri soci
Persi nella
giungla
di tariffe
Sono roventi i teleIoni del servizio di consulenza: i nostri
avvocati dall`inizio dell`anno hanno risposto a pi di I70
mila richieste di inIormazione e di aiuto. I problemi
maggiori riguardano i settori dove si e aperto il libero
mercato (46 mila chiamate): teleIoni, Iissi e mobili,
assicurazioni, compagnie del gas e dell`elettricit, dove
e tutto un proliIerare di pratiche commerciali aggressive
e scorrette. Ci avete chiamati cos numerosi sia perche
in diIIicolt nel valutare le oIIerte, sia per risolvere una
serie di problemi legati al cambio di operatore (a volte
Iorzato con metodi poco trasparenti), all`invio di
bollette doppie o gonIiate, al pagamento di costi non
dovuti quando si passa alla concorrenza. Insomma,
l`impressione e che siamo soli in una giungla di oIIerte,
disseminata di tranelli. Cosa Ianno le Autorit, che
avrebbero il compito di vigilare sul rispetto delle regole
e di tutelare gli utenti? Nel 20II hanno sanzionato con
multe milionarie, stimate in 50 milioni di euro tra tutti,
molti big (e non) dei servizi, della Iinanza e delle
comunicazioni. Ma non basta. Il mercato e cambiato,
nelle regole e anche nel linguaggio, che spesso usa
vecchie parole con nuovi signiIicati e si presta a
Iraintendimenti, con i quali vanno a nozze gli operatori
poco corretti. L persistono ostacoli e costi per cambiare
compagnia (annullando ogni vantaggio economico),
mentre per l`accaparramento dei clienti si carpiscono
Iirme a tradimento e si attivano servizi non richiesti.
Ben I2 mila chiamate ricevute riguardano l`energia,
ossia le Iorniture di luce e gas. Tempestata anch`essa di
reclami e segnalazioni di disservizi e truIIe, l`Autorit
per l`energia (vedi a pag. II), che ha alzato le sanzioni
per le scorrettezze ai danni dei cittadini e messo a punto
diversi strumenti di tutela, ha aggiunto allo Sportello
dedicato per gestire le controversie la possibilit di non
pagare di pi e di tornare automaticamente al vecchio
contratto, nel caso in cui si sia stati raggirati. Provatela,
vedremo se Iunziona, visto che l`adesione delle aziende
e volontaria. Intanto, continuate a segnalarci i vostri
guai, perche denunciare e importante e perche
possiamo aiutarvi con procedure di conciliazione. Usate
i nostri calcolatori online per conIrontare oIIerte e
scegliere il Iornitore. Con alcuni abbiamo trovato un
accordo per Iacilitarvi in tutta sicurezza il passaggio da
un contratto all`altro.
4 NOTIZIE, INFO, CONSIGLI
I diritti in spazzatura - Come tim-
brodo - Conosci gi Sparkasse? -
Mais: allarme rientrato? - Seggio-
lini alla prova - Password sicure
- Dividi e ricicla
4 OSSERVATORIOEURO
Latte: la lunga catena che lo rende
caro
9 APRIMAVISTA
iPhone5: che caro!
DALLA
TUA PARTE
9 TARIFFE ELETTRICHE
Comerisparmiarefinoal 10%
sulle bollette di luce e gas?
Semplice, bastascegliereun
fornitore sul nostro sito.
14 VIVERE GREEN
Rispettando lambiente si
risparmianorisorseedena-
ro. Molti di voi gi lo fanno.
20 GOMME INVERNALI
Abbiamo testato 26 pneu-
matici invernali su asciutto,
bagnato, neve e ghiaccio.
24 TEST ACASAVOSTRA
In pi di 10mila avete giudi-
cato laffidabilit dei piccoli
apparecchi di casa.
28 APROVADI PROSECCO
Al vagliodei nostri esperti 48
vini, nelle versioni frizzante
e spumante. Per bere bene
nonobbligatoriospendere.
34 TEST CALDAIE
Alla prova 6 diversi modelli
di caldaie a condensazione.
Non convengono a tutti.
37 TEST MICROONDE
Abbiamo testato efficacia,
consumi e sicurezza di 18
modelli di microonde. Due
sono stati bocciati.
TEST
INCHIESTE
40IMPATTOAMBIENTALE
Il puntodi vistadellambien-
te: 30 forni alla prova, per
misurare quanto pesano.
44NOVITINVIDEO
Ripresein3d, modelli congps
e proiettori incorporati: le
videocamere si evolvono.
48TEST HARDDISK
Abbiamoanalizzatolepre-
stazioni di 33modelli diver-
si di hard disk.
Risparmi
280
OSSERVATORIO PREZZI
Il prezzodel lattefrescoinItaliauno
trai pialti inEuropa. Quellochepaga
il consumatorefinalecircaquattro
volteil prezzodellamateriaprima:
cosasuccededallastallaal
supermercato?Cosafaacquisirecos
tantovaloreaquestoprodotto?
Nellacomposizionedel prezzo, soloil
24%rappresentatodal costodel
lattecrudo(allastalla); per il 26%
pesanocosti di trasformazione
(costodel lavoro, imballaggi, processi
di lavorazione, speseamministrative
egenerali). Daqui, il prezzoancora
raddoppia. Comemai?Sicuramente
incidonoi costi di trasporto,
importanti per unprodottofrescoe
cheallascadenzavieneritirato. Ma
anchegli eccessivi ricarichi dei
venditori, dal grossistaal
dettagliante. Inquestacatena, sono
penalizzati i dueestremi: allevatori
(cheguadagnanopoco) e
consumatori (chespendonotanto).
Latte: la lunga catena che lo rende caro
I diritti nella spazzatura
Come timbrodo
D
iffidate degli asterischi. Che
sono poi quelle piccole stelle
appiccicate a una parola, che
invitano a leggere una nota
nascosta da qualche parte. Sulla
confezione dei dadi Star gusto
classico, per esempio, si legge:
Solo 0,4% di grassi*. Che pochi! ,
abbiamo pensato subito, sapendo
bene come i grassi normalmente
costituiscano il secondo ingrediente
dei dadi (il primo il sale). Poi,
aguzzando gli occhi, abbiamo visto
la stella. E, come i re Magi, labbiamo
seguita. Rigirandoci tra le mani la
scatola molte volte, labbiamo infine
trovata: era nella tabella
nutrizionale, sul retro. Le
caratteristiche dei dadi vi sono
infatti descritte in due modi: o su
100 grammi di prodotto - e qui i
grassi rappresentano un corposo
21% - o su 100 ml di brodo. E,
lavrete gi capito, la stellina si era
annidata proprio qui. A indicare
(discretamente) che lo 0,4% non si
riferiva al dado, macch... bens al
brodo preparato con quel dado. Che
idea geniale. Si potrebbe
allorapubblicizzare un burro con
solo il 15%di grasso*. Riferito non
al burro in s, ma a una torta
preparata con quel burro. Basta una
stellina...
Conosci gi Sparkasse?
RISPARMI Grazie a un accordo speciale, ai nostri soci viene
riconosciuto un tasso pi alto sul conto deposito.
F
ino al 31 gennaio 2013 i soci
che apriranno un nuovo Conto
Depo Dolomiti Flex con la
banca Sparkasse riceveranno per
due mesi un tasso di interesse
esclusivo del 4,1% lordo annuo
(3,28% netto).
Ma anche chi ha gi aperto Depo
Dolomiti Flex (o il precedente Conto
Extra Sparkasse) potr usufruire
dello stesso tasso del 4,1% lordo
annuo, per solo sui nuovi soldi
aggiunti, eccedenti il saldo del 22
ottobre 2012, per il periodo dal 1
dicembre 2012 fino al 31 gennaio
2013. Attenzione: limposta di bollo
a carico del sottoscrittore. Trovi
tutte le info su altroconsumo.it/
vantaggi cliccando su I tuoi soldi
Gestione risparmio.
www.altroconsumo.it/vantaggi
IVA SULLA TIA Il rimborso dovuto, ma i soldi non ci sono:
cos il Governo si beffa dei cittadini. Ma noi non ci
stiamo: continuiamo una battaglia che diventa cruciale.
D
opo avere raccolto pi di
31.000 firme (un grazie
anche ai nostri soci che
hanno aderito) a sostegno della
petizione in cui chiedevamo di
risolvere la questione dellIva
ingiustamente pagata dai cittadini
sulla Tassa rifiuti (la Tia, Tariffa di
igiene ambientale, che in molti
comuni ha sostituito la precedente
Tarsu), a ottobre le abbiamo
presentate al Governo, ottenendo
unaudizione alla Direzione
generale delle finanze presso il
ministero dellEconomia.
I risultati sono stati decisamente
deludenti.
Una ragione che non paga
O meglio: paradossalmente, in
realt abbiamo ottenuto la pi
completa ragione.
Gli esponenti dellEsecutivo
concordano totalmente con noi sul
fatto che - dopo che lo ha stabilito
una sentenza definitiva della
Cassazione - assodato che lIva
sulla Tia non doveva e non deve
essere pagata. Si tratta di un tributo
a tutti gli effetti e come tale non pu
essere gravato da unaltra tassa,
come lIva. I cittadini, quindi,
hanno sborsato soldi che - in base
alla legge - non dovevano versare e
che dovrebbero essere loro
restituiti.
E quindi? E quindi: niente.
I soldi - limporto totale sarebbe
intorno ai 2 miliardi di euro - non ci
sono e dal punto di vista
dellEsecutivo prevale linteresse
generale al rispetto del vincolo di
bilancio, piuttosto che il dovere di
osservare la legge, che imporrebbe
il rimborso.
I cittadini - venti milioni, sparsi in
oltre 13.000 comuni - non saranno
rimborsati, dunque, neanche con il
sistema della detrazione dalla
dichiarazione dei redditi, come da
nostra proposta. Dunque, per il
momento, ci siamo trovati di fronte
a un muro.
Ci rimette il pi debole
Parliamoci chiaro: per ciascuno di
noi non sono in ballo somme
enormi, che cambiano la vita. Si
tratta di alcune centinaia di euro.
Tuttavia, sul tavolo anche una
questione di diritti.
I cittadini vengono, giustamente,
obbligati a pagare quanto dovuto
allo Stato: tasse, multe, rette... a
nessuno concesso rispondere allo
Stato non ti d i soldi perch non li
ho. Troviamo quindi ingiusto e
anzi scandaloso che lo Stato si
arroghi il diritto di non fare lo
stesso. Se vero che giusto ed
opportuno tenere sotto controllo i
conti dello Stato, altrettanto
evidente che questo non pu essere
fatto mettendo sostanzialmente in
crisi le basi stesse dello Stato di
diritto, a danno di chi da solo non
ha gli strumenti per potersi
difendere. Se, infatti, in una
situazione di crisi economica, lo
Stato comincia a calpestare la
certezza del diritto, non rispettando
esso stesso consapevolmente e per
scelta le leggi, significa che stiamo
cominciando a scendere una china
pericolosa.
Non si pu accettare
Bisogna opporsi e stiamo
preparandoci a farlo, con tutte le
nostre forze.
Nel momento in cui scriviamo,
stiamo valutando il da farsi. Class
action, diffide, azioni di altro tipo:
stiamo confrontando attentamente i
costi e i rischi di tutte le opzioni. Vi
terremo informati tempestivamente
attraverso il nostro sito: seguiteci.
www.altroconsumo.it/soldi
ETICHETTE INGANNEVOLI
Solo 0,4% di grassi, strilla
lo slogan sulla confezione. Ma c un asterisco.
RISPARMIA
340
In un anno, scegliendo il conto
corrente pi economico
invece del pi caro.
Ti aiutiamo a trovarlo su
www.altroconsumo.it/
conti-correnti
4 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 5
R NOTIZIE R INFORMAZIONI R CONSIGLI R PREZZI R SICUREZZA R AMBIENTE R SALUTE R DAL MONDO R PRODOTTI R ALIMENTAZIONE R INIZIATIVE R TECNOLOGIA R CAMPAGNE R RISPARMIO R TARIFFE
Dalla tua parte
50%
Trasporti ericarichi
26%
Trasformazione
24%
Lattecrudo
COMPOSIZIONE
DEL PREZZO
A PRIMA VISTA IL CASO
SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA
Contrariamente al solito, lo studio
francese che denunciava effetti
concerogeni del mais OgmNk603 sui
topi stato pubblicato sulla stampa
prima di essere sottoposto al vaglio
della comunit scientifica.
CRITICATO LO STUDIO
Dal mondo scientifico sono state
molte le critiche al metodo seguito
nello studio, che stato pubblicato
sulla rivista Food and Chemical
Toxicology: dal tipo di topi scelti, al
trattamento statistico dei risultati,
alla mancanza di trasparenza.
ONLINE Scegliere una combinazione di cifre e lettere facile
da ricordare, ma difficile da indovinare: ecco il punto.
Password sicure
Allarme rientrato?
SICUREZZA Uno studio francese ha sollevato unondata di preoccupazione
sugli effetti cancerogeni degli Ogm. Ma lEfsa ne boccia lattendibilit.
V
e la sentite di spendere tra i 7
e i 14 centesimi al giorno
per garantire la
sicurezza del vostro
bambino? Tanto vi costa se
scegliete uno dei seggiolini
promossi da tutte le nostre
prove, pi severe di quelle
previste dalla legge per
concedere lomologazione. Sul
P
er lAutorit europea per la
sicurezza alimentare (Efsa) il
clamoroso studio francese sul
mais Ogm Nk603 della Monsanto,
che ne ha denunciato effetti
importanti sullaumento di rischio
di tumori nei topi, non attendibile.
Il parere arrivato a pochi giorni
dalla pubblicazione di una ricerca
su 200 topi nutriti con un mais
modificato per resistere allerbicida
Roundup, che si sarebbero
ammalati di patologie gravissime
(tumori delle ghiandole mammarie,
del fegato e dei reni) da due a
cinque volte di pi rispetto a topi
IN SALUTE
50%
Un cachi ci
fornisce met
della vitamina
A necessaria in
un giorno. Ma
anche 100 kcal,
circa il doppio
di unarancia.
SICUREZZA A novembre sul nostro sito
i risultati degli ultimi modelli testati.
iPhone 5: che caro!
Rispetto al gi valido modello
precedente, iPhone 5 ottiene un
giudizio pi alto in quasi tutte le
nostre valutazioni. pi sottile e
leggero, bench lo schermo sia
pi grande e migliore; la batteria
dura un po di pi; e la fotocamera
ulteriormente migliorata.
Qualche passo indietro, per: la
sensibilit alla rete ottiene un
giudizio pi basso (anche se
comunque accettabile). La nuova
connessione, anche se di miglior
qualit, non segue lo standard
europeo e soprattutto non pi
compatibile con le periferiche
pensate per i vecchi iPhone (
necessario acquistare un
adattatore). Il nuovo materiale
con cui fatto il retro sembra
renderlo meno resistente ai
graffi. Inoltre c la questione
delle nuove mappe: lapplicazione
per la navigazione satellitare
(disponibile anche su iPhone 4S
con il nuovo sistema operativo
iOS6) mostra uninferiore
accuratezza dei sistemi di
posizionamento.
L iPhone 5 un telefono
carissimo: il modello base 16 GB
costa 729 euro, con 64GBsi
sfiorano i 1.000. Ed in Italia che
costa di pi. Come si pu rilevare
sui siti Apple dei diversi Paesi:
liPhone 5 16 GBcosta 50euro in
meno in Francia e Germania, 70in
Olanda, addirittura 100euro in
meno in Svizzera. Perch?
nostro sito trovate i risultati di una
nuova serie di modelli passati al
vaglio in laboratorio. Non tutti sono
stati promossi a pieni voti.
La principale differenza tra le
nostre prove e quelle di
omologazione che noi
verifichiamo la sicurezza dei anche
in caso di urto laterale e non
soltanto frontale: alcuni modelli
non garantiscono prestazioni
adeguate in questo caso. Quelli
promossi assicurano una sicurezza
ottimale.
Usare nel modo giusto il seggiolino
riduce dell80% il rischio di lesioni
in caso di incidente.
Da ricordare, una volta scelto il
migliore, che inutile comprare il
modello pi evoluto e sicuro del
mercato, se poi lasciamo il bambino
libero di muoversi in macchina
senza alcun tipo di protezione. Il
seggiolino indispensabile, anche
per tragitti brevi: per i bambini non
bisogna fidarsi della cintura di
sicurezza dellauto.
Del resto obbligatorio finch il
bambino non raggiunge i 150 cm di
statura.
Infine, attenzione allauto: in alcuni
casi le cinture di sicurezza si
rivelano troppo corte per fissare il
seggiolino in modo adeguato.
www.altroconsumo.it/auto-e-moto
nutriti con mais non Ogm. LEfsa
conferma i dubbi di molta parte
della comunit scientifica, che si
detta scettica sulla validit dei
risultati della ricerca, inficiata da
diverse carenze metodologiche.
Lo scalpore suscitato dallo studio ha
alimentato il fronte degli oppositori
agli Ogm. Ora lEfsa rassicura.
Il dibattito, tuttavia, ancora aperto
su molti aspetti: etici, ambientali e
di convenienza per i consumatori.
Un mais resistente a un erbicida
potr essere utile al coltivatore, ma
non d alcun vantaggio al
consumatore, anche se sicuro.
Serve
pi ricerca
pubblica su
questi temi
P
er evitare problemi di memoria, c chi usa sempre la stessa password per qualunque
sito. Non una buona idea: qualora un solositofosse bucato dai malintenzionati, vi
ritrovereste scoperti anche su tutti gli altri.
Siti internet, programmi e browser possonomemorizzare le password al postovostro. Anche
in questocaso, non una buona idea: se qualcunodovesse violare il sitooil programma,
avrebbe accessoa tutte le vostre password. Il nostrosuggerimento non usare questi
programmi e disabilitare le funzioni dei browser relative alla password.
Vi consigliamoquestosistema: usate due tipi di password che potete ricordare facilmente.
Per i siti importanti (banca, ecommerce) usate un codice diversoda sitoa sito, ma basatosu
una sigla base che derivi da qualcosa che conoscete bene, integrata con un codice relativoal
sito. Per esempio: le prime due lettere del nome degli ultimi tre presidenti della Repubblica, pi
la prima e lultima lettera del nome del sito(su www.amazon.comsar sccinaan (SCalfaro,
CIampi, NApolitanoAmazonN), mentre su ebaysar sccinaey. Per i siti non importanti, potete
anche usare sempre la stessa password, ma completamente diversa da quella di cui sopra.
8
il numero minimo
di lettere, cifre e simboli
da usare per avere
una password sicura
Seggiolini alla prova
6 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 7
R NOTIZIE R INFORMAZIONI R CONSIGLI R PREZZI R SICUREZZA R AMBIENTE R SALUTE R DAL MONDO R PRODOTTI R ALIMENTAZIONE R INIZIATIVE R TECNOLOGIA R CAMPAGNE R RISPARMIO R TARIFFE
Dalla tua parte
L
a Settimana Europea per la
Riduzione dei Rifiuti - che
questanno si tiene dal 17 al 25
novembre - unampia campagna di
comunicazione ambientale sostenuta
dalla Commissione europea, con
lobiettivo di sensibilizzare le
istituzioni e i consumatori sulle
strategie di prevenzione dei rifiuti
messe in atto dallUnione Europea,
che gli Stati membri devono
perseguire.
Anche noi abbiamo voluto
partecipare alliniziativa, in
particolare puntando la luce su due
aspetti importanti: riduzione degli
imballaggi e raccolta differenziata.
Se importante scegliere confezioni
che diano luogo alla minore quantit
di rifiuti possibile, infatti, anche
importantissimo, dopo luso,
smaltire i rifiuti nel modo giusto,
vale a dire dividendoli a seconda del
materiale di cui sono fatti e
portandoli nei rispettivi cassonetti.
In questo, anche i produttori devono
fare la loro parte. Come? Rendendo
le confezioni il pi possibile piccole e
facili da differenziare. Sulle nostre
pagine avete pi volte visto esempi
Dividi e ricicla
AMBIENTE
Per controllare i rifiuti fondamentale
differenziarli. Ma le confezioni devono aiutarci.
Si parte con lumido
Dal 26 novembre dovrebbe
finalmente partire anche a
Milano la raccolta differenziata
dei rifiuti umidi (scarti e resti
alimentari, tovaglioli di carta
usati, fondi di t e caff...), a
partire dalle zone 6 (tutta) e
parte delle zone 1, 5 e 7. Entro il
2014 la raccolta dovrebbe
estendersi allintera citt.
Per informazioni www.amsa.it.
A MILANO
negativi e positivi: da bocciare, per
esempio, una confezione che unisce
materiali diversi, come plastica e
carta, difficili da separare. O bustine
di t che non si possono gettare
nellumido. Sul nostro sito trovate
una serie di esempi, buoni e cattivi:
aggiungete anche i vostri.
www.altroconsumo.it/casa-energia
UNA RIVISTA PER APPROFONDIRE I NOSTRI TEMI
Tasse: se ne parlato tantissimo, anche perch la scelta
europea di imporre la correzione immediata degli
squilibri di bilancio provocati dalla crisi si naturalmente
tradotta in un aumento della pressione fiscale.
Proprio al fisco dedicato il focus del terzo numero, in
uscita a dicembre, della nostra rivista Consumatori,
Diritti e Mercato, quadrimestrale di approfondimento
sui temi consumeristici in campo giuridico, economico e
sociale. Per chi stimolato dalla lettura di Altroconsumo
ad andare pi a fondo, anche per capire qualcosa di pi
dei complicati tempi in cui viviamo.
La rivista diretta da Francesco Silva, professore
ordinario di Economia applicata presso lUniversit di
Milano Bicocca, in condirezione con Paolo Martinello,
presidente di Altroconsumo, e Cesare Vacc, avvocato
e professore associato di Diritto privato nellUniversit
degli Studi di Milano Bicocca.
Info e abbonamenti: www.altroconsumo.it/cdm.
8 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
Dalla tua parte
R NOTIZIE R INFORMAZIONI R CONSIGLI R PREZZI R SICUREZZA R AMBIENTE
Inchiesta Inchiesta
Novembre 2012 264 Altroconsumo 9 www.altroconsumo.it
Per risparmiare fino al 10%
sulle bollette di luce e gas bisogna
scegliere un contratto via web.
Energia
online
conviene
LA NOSTRA INCHIESTA
Il mercato dellenergia non
sinonimo di trasparenza: ecco
come scegliere.
TARIFFE A CONFRONTO
Abbiamo confrontato le tariffe di
luce e gas per scoprire quale
conviene di pi.
I profili di consumo si riferiscono a
una famiglia tipo di quattro
persone.
I principali fornitori del mercato
libero sono stati messi a confronto
con la tariffa pi diffusa, la
cosiddetta tariffa tutelata
dellAutorit garante per lenergia
elettrica e il gas (Aeeg).
Lanalisi delle tariffe risale a
ottobre scorso, dopo lultimo
aggiornamento dellAuthority.
Inchiesta
10 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 11 www.altroconsumo.it
RISOLVERE I PROBLEMI
Una conseguenza negativa del libero
mercato il proliferare di pratiche
commerciali scorrette. Difendiamoci.
attivare la domiciliazione bancaria per i
pagamenti: tutte misure che permettono
di ridurre le spese di gestione di qualche
euro a bimestre. Questo alleggerimento
burocratico Iavorisce la convenienza degli
operatori che oIIrono contratti via web.
Nel migliore dei casi si pu risparmiare
circa il I0% rispetto a quanto si
pagherebbe rimanendo nel mercato
tutelato. Per il proIilo considerato, una
coppia di genitori con due Iigli, sono circa
70 euro in meno l`anno. Come potete
vedere in tabella, a parte la tariIIa
proposta da Iren Mercato e le tariIIe in
convenzione per i nostri soci (Ldison),
tutte le altre competitive sono oIIerte solo
via web.
Oltre a internet, il vantaggio, almeno in
questo momento, e prevalentemente
legato alle oIIerte a prezzo bloccato. In
pratica, il gestore si impegna a congelare
una parte del prezzo dell`energia per un
periodo di tempo limitato (di solito I2
mesi). Solo Link, tariIIa proposta da Lni,
blocca il prezzo dell`energia per 24 mesi.
Terminato il periodo di "prezzo bloccato
il nostro Iornitore ci comunicher le
condizioni economiche applicate a partire
dal primo giorno successivo alla scadenza
del contratto. necessario che tale
comunicazione sia Iatta con almeno 90
giorni di anticipo. Il mercato dell`energia,
quindi, e diventato un settore in cui, se si
vuole risparmiare, e necessario seguire la
convenienza delle oIIerte nel tempo. Un
po` quello che e successo in questi anni
nel mondo della teleIonia o dell`Rc auto,
ed e il risultato della libera concorrenza.
COME LEGGERE LATABELLA
Consumo annuo Le caratteristiche che abbiamo
considerato per calcolare le bollette dei diversi
fornitori sono quelle di una famiglia tipo: coppia
con figli a casa nel pomeriggio.
FornitoreecontrattoIndichiamolemigliori tarif-
fe sul mercato libero per la classe di consumo
scelta per linchiesta, in euro, messe a confronto
con la tariffa regolata dellAutorit per lenergia
elettrica e il gas (Aeeg).
Taria di tutela la tariffa pi diffusa tra i consu-
matori che non sono ancora passati al mercato
liberoedpertantoquellausatacometerminedi
paragone per determinare la convenienza delle
tariffe sul mercato libero.
COME LEGGERE LATABELLA
Consumoannuodi 3.180KWh Le caratteristiche
che abbiamo considerato per calcolare le bollet-
te dei diversi fornitori sono quelle di una famiglia
tipo: coppia con figli a casa nel pomeriggio.
FornitoreecontrattoIndichiamolemigliori tarif-
fe sul mercato libero per la classe di consumo
scelta per linchiesta.
Tariadi maggior tutelalatariffapidiffusatra
i consumatori che non sono ancora passati al
mercato libero ed pertanto quella usata come
termine di paragone per determinare la conve-
nienza delle tariffe sul mercato libero.
Gli aggiornamenti sono trimestrali, la tariffa in
tabella quella dellultimo trimestre 2012.
e abbiamo un record in Italia
e certamente quello del caro
bolletta. cronaca degli
scorsi mesi l`ennesimo rialzo
delle tariIIe di gas e luce. L
proprio per questo problema cronico, che
colpisce in massa tutti gli italiani, c`era
molta aspettativa rispetto alla
liberalizzazione del mercato. La situazione
e migliorata dopo circa dieci anni dalla
Iine dei monopoli energetici? Sul mercato
libero le oIIerte si moltiplicano ma, oltre
allo svantaggio di essere spesso diIIicili da
deciIrare, in passato avevano il diIetto di
non garantire risparmi davvero
consistenti: Iattori che certo non
incoraggiavano a lasciare il mercato
tutelato dell`Autorit garante per l`energia
e il gas (Aeeg) per passare a un nuovo
Iornitore. Oggi molto e cambiato e rispetto
a prima ci sono vantaggi, in qualche caso
anche consistenti. Lo rivela questa
inchiesta, che mette a conIronto le
principali oIIerte del mercato energetico.
Il risparmio dipende sia dai beneIici della
concorrenza (Iinalmente ben avviata) sia
dalla disponibilit dei clienti ad accettare
le condizioni di un settore diventato pi
moderno, ovvero pi virtuale.
Le tariffe pi convenienti
Come accade da tempo per i conti
correnti, anche per i contratti della luce e
del gas le oIIerte sottoscritte online sono
diventate le pi convenienti. I Iornitori
richiedono di sottoscrivere il contratto in
rete, di adeguarsi alla bolletta elettronica,
abbandonando quella cartacea, e di
S
TARIFFE ELETTRICIT
FORNITORE e contratto
s
o
lo
o
n
lin
e
SPESA
ANNUA
TOTALE
(in euro)
TRENTA
Family Energia Trenta
per i soci di Altroconsumo
V
608
E.ON
ENERGIALuceClick
V
610
ENI
Link
V
610
TRENTA
Family Energia Trenta
V
612
ENEL ENERGIA
e-light
V
614
EDISON
Luce Sconto Facile
per i soci di Altroconsumo
625
EDISON
Edison Web Luce
V
629
ACEA ENERGIA
Rapida
V
637
IREN MERCATO
20Giorni per Te
662
TARIFFA DI MAGGIOR TUTELA
BIORARIA
679
Famiglia con due figli in et
scolare, a casa nel pomeriggio
Potenza installata 3KW
CONSUMO ANNUO
3.180 KWH
38%
62%
fascia diurna
fascia serale e festivi
Bioraria a rischio
LAutoritper lenergiahapropo-
sto di modificare la struttura del-
latariffabiorariaapplicataal mer-
cato tutelato, quella che di fatto paga la
maggior parte degli italiani. Oggi la biora-
ria ha perso lobiettivo originario, perch
la convenienza tra il giorno e la notte si
molto assottigliata (in pratica siamo qua-
si di fronte a una tariffa monoraria).
LAeeg propone di prolungare la fascia di
consumi pi cara fino alle 23 (oggi invece
terminaalle19): inpraticaresterebbesolo
la notte fonda per risparmiare. In questo
modo ai cittadini viene tolta la possibilit
di usufruire della fascia agevolata.
Per fare in modo che la bioraria del mer-
catotutelatotorni a essere vantaggiosa il
problema va risolto alla fonte, ovvero a
livellodellaproduzionedi energiaelettrica.
Lefonti produttiveoggi sonogestitemale.
Lenergia che deriva dalle rinnovabili, in
particolareil fotovoltaico(cheseusatabene
preziosa per le tasche e per lambiente)
non integrata bene nella rete. Anche gli
incentivi non sono stati gestiti al meglio.
LapropostadellAuthoritydi modificarele
fasce orarie non affronta il problema alla
radice. Anzi, si chiede alle famiglie di pa-
gare il prezzo degli errori compiuti da chi
ha gestito male il mercato.
Cosa succeder, poi, al mercato libero se
cambia la bioraria dellAeeg? Modificarela
strutturadellefasceorariepotrebbeave-
re altre conseguenze negative per i con-
sumatori: contratti ancora pi complicati,
pidifficili da valutareemenovantaggio-
si di quelli attuali.
Attenzione, per, a non cambiare con
troppa Irequenza. Se si cambia pi di un
Iornitore nell`arco di I2 mesi, l`azienda che
gestisce la lettura dei contatori addebiter
in bolletta una somma di 25-30 euro, per
pratiche amministrative legate ai cambi
Irequenti di Iornitura.
Il risparmio e elevato anche sul gas.
Abbiamo considerato le tariIIe di due citt,
Roma e Milano, perche il prezzo del
metano non e identico su tutto il territorio
nazionale, cos come varia il consumo
medio a seconda del clima: al Nord la
spesa e pi alta perche il riscaldamento e
usato di pi. A Milano, grazie alla
convenienza online, si risparmia Iino
all`II% rispetto alla tariIIa di tutela, circa
I40 euro in meno l`anno. A Roma poco pi
del 9%: circa I00 euro annui.
TARIFFE GAS
CONSUMO ANNUO CONSUMO ANNUO
MILANO
1.400 M
3
ROMA
1.000 M
3
FORNITORE e contratto
s
o
lo
o
n
lin
e
SPESA
ANNUA
TOTALE
(in euro)
ROMA
ENEL ENERGIA e-light Gas V
929
E.ON ENERGIA GasClick V
937
EDISON Energia Web Gas V
964
ENI Link V
968
ACEA ENERGIA Rapida Gas V
985
TARIFFA
DI TUTELA
1.025
FORNITORE e contratto
s
o
lo
o
n
lin
e
SPESA
ANNUA
TOTALE
(in euro)
MILANO
ENEL ENERGIA e-light Gas V
1.121
E.ON Energia GasClick V
1.134
EDISON Energia Web Gas V
1.173
ENI Link V
1.178
TRENTA Family Trenta Gas V
1.185
TARIFFA
DI TUTELA
1.260
Rispetto al passato c qualche
tutela in pi. Presso lAutorit
istituito lo sportello del
Consumatore, che gestisce tutte le
controversie con i fornitori. In caso
di contratto non richiesto, dovete
fare subito una raccomandata alla
societ per comunicare che non
siete interessati al contratto.
1
Il fornitore trasmette la
documentazione allo sportello, che
pu stabilire se il contratto attivo.
Solo se il gestore ha aderito alla
procedura volontaria di ripristino
(tutte le principali compagnie lo
hanno fatto), si torna in automatico
al vecchio contratto. Negli altri casi,
si deve recedere dal contratto non
richiesto. La procedura di ripristino
attiva da giugno scorso: nel tempo
verificheremo se efficace.
2
Per ogni controversia potete
rivolgervi al nostro servizio di
consulenza giuridica, attivo da
luned a venerd dalle 9 alle 13 e dalle
14 alle 18 al numero: 026961550.
3
Non firmate mai nulla se un agente
si presenta al vostro domicilio
proponendo offerte di luce e gas.
Non mostrate le bollette e non
comunicate i vostri dati personali,
neppure al telefono. Prendete
tempo per riflettere sullofferta
ricevuta. Se siete convinti della
proposta, fatevi sempre lasciare al
momento una copia del contratto.
4
Inchiesta
12 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 13 www.altroconsumo.it
www.altroconsumo.it/elettricita-gas oppuretelefonaa 02 69 61 561
Vuoi cambiareil contrattodi elettricitperchnon
convienepi, mahai pauradi fareunsaltonel buio.
Seguici: ti aiutiamoa scegliereunnuovooperatore
cheti farrisparmiaresenzarischi.
Imparaausarelenergia: i nostri TESTti
consentonodi compraregli elettrodomestici che
consumanomeno, egrazieai nostri consigli puoi
usarli al meglioevitandosprechi di energiaedi soldi.
Per risparmiareanchelasceltadel fornitore
importante: nel nostrosito, suLUCE, TROVALA
TARIFFAMENOCARA, puoi scoprirenellagiungla
delleoffertequellepiconvenienti per te.
SeTrentaoEdisonsonotraqueste, puoi beneficiare
anchedi sconti etariffeagevolate.
Seper averecondizioni pivantaggiosedevi
cambiarefornitore, ti diamounsupportoper fare
il contrattosubito, intemporealeeintuttasicurezza.
Prendi latuaultimabollettaeseguici sul nostrosito
conpochi esemplici clic.
Un salto nella luce
Il calcolatore ti indicher qual
la tariffa pi conveniente per te
e quanto ti possibile risparmiare
allanno scegliendo il nuovo
fornitore.
SECONDO: IL PREVENTIVO
Se hai scelto Trenta o Edison sarai
accompagnato verso il nuovo
contratto con la possibilit di
risolverlo in pochi clic e con la
sicurezza della nostra assistenza.
TERZO: IL CONTRATTO
Accedi al nostro comparatore di
tariffe energetiche. Ci sono due
opzioni: una, pi rapida, richiede di
indicare solo se sei single, in
coppia o una famiglia con figli;
laltra possibilit rispondere ad
alcune domande sui consumi con
le ultime bollette alla mano.
PRIMO: IL PROFILODI CONSUMI
In poche mosse
Ecco, passo dopo passo, come
cambiare fornitore di luce in pochi
minuti e senza rischi.
Muoversi con cautela
Il settore della luce e del gas e molto pi
dinamico di un tempo. La possibilit di
risparmiare esiste e scegliere un`oIIerta sul
mercato libero pu ridurre la nostra spesa
energetica. Non bisogna per Iare passi
Ialsi. Le oIIerte sono complesse e il
comportamento dei Iornitori di energia
non e sempre trasparente. Il rischio di
sottoscrivere un contratto non adatto al
nostro stile di consumo, che, alla lunga, ci
porta a spendere pi di prima, e un rischio
reale e non e quanto di peggio ci possa
capitare. Molti clienti si ritrovano con
contratti non richiesti, di cui poi e diIIicile
liberarsi. Si tratta di una delle peggiori
conseguenze derivate dalla
liberalizzazione del settore. L`Autorit per
l`energia e dovuta intervenire per tutelare
i consumatori dall`eIIetto giungla che si e
instaurato, oIIrendo uno sportello
dedicato alle controversie. Dunque oggi i
clienti domestici sono pi tutelati rispetto
a prima nel loro rapporto con i Iornitori di
elettricit e gas (vedi il riquadro Risolvere i
problemi a pag. II). Tutto ci baster a
proteggerli? Non e detto del tutto ed e
anche per questo che abbiamo messo a
disposizione dei soci di Altroconsumo un
servizio di assistenza per gestire i contratti
in tutta sicurezza.
INTERVISTA
Il futuro senza incentivi
Quanto il prezzo dellelettricit
condizionato dalla forte crescita produttiva
del fotovoltaico in Italia?
Ci sono due elementi determinanti. Uno il
calo della domanda elettrica dovuto alla
crisi economica, per cui gli impianti
tradizionali lavorano meno ore rispetto al
passato. Poi certamente il parco
fotovoltaico italiano sta riducendo lattivit
dellindustria elettrica durante le ore di
soleggiamento. Nelle fasce serali, quando il
fotovoltaico non pi disponibile e
subentrano gli impianti a gas, lindustria
energetica tradizionale cerca di recuperare
il fermo dellattivit alzando i prezzi.
Dunque colpa delle rinnovabili se
paghiamo cos tanto la corrente?
Il prezzo elevato dellenergia elettrica
solo in parte imputabile alle rinnovabili, in
realt dipende soprattutto dal prezzo
elevato del gas: pi alto del 25-30%
rispetto al resto dEuropa. Questa voce
incide sugli impianti produttivi, quindi sul
prezzo allingrosso e di conseguenza sulla
bolletta elettrica.

Ci sono anche altri problemi, come gli
incentivi o lammodernamento della rete...
Ci sono dei problemi in alcune zone, come
tra la Sicilia e il resto di Italia. Nellisola c un
vero e proprio collo di bottiglia, e ci
provoca un innalzamento del prezzo
dellenergia. Questo problema poi si
ripercuote a livello nazionale.
In pi sicuramente gli incentivi sono stati
troppo alti e a questo dovuta la nascita di
un numero elevatissimo di impianti
fotovoltaici. La cosa positiva, per, che
nel prossimo futuro ci attende un
fotovoltaico senza incentivi. Quindi le
rinnovabili graveranno meno dal punto di
vista economico sui consumatori e
aumenter la platea dei fruitori del solare.
Vorrei sottolineare, per, che il nostro
parco fotovoltaico include 430 mila
impianti: chi ha investito ci sta
guadagnando.
In futuro la maggioranza di energia
elettrica sar prodotta dal sole?
Sta cambiando totalmente il modo di
produrre energia. Nel 2020 previsto che il
38%della domanda elettrica sia coperto
dalle rinnovabili. Fino a qualche anno fa si
parlava del 25%di rinnovabili e del 25%di
nucleare. Lunione europea stima che in
futuro le rinnovabili avranno un ruolo
sempre pi determinante.
MEZZOGIORNODI FUOCO
Nelle ore di maggiore luce del
sole gli impianti fotovoltaici
arrivano a soddisfare fino al 25%
della domanda di energia.
LASERACAMBIA
Quando subentrano gli
impianti a gas, i
produttori vendono
lenergia a prezzi pi alti
per recuperare le ore di
inattivit diurna.
LACRESCITA
DEL FOTOVOLTAICO
Allinizio del 2011 il parco
fotovoltaico italiano
offriva una potenza
complessiva pari a 4
gigawatt. Oggi, una stima
del Gestore dei servizi
elettrici valuta una
potenza installata di circa
15 GW. A incidere sulla
capacit produttiva sono
stati i grandi impianti.
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12 13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
Tipologia di energia prodotta
nellarco della giornata
centrale elettrica
fotovoltaico
IL SOLE DETTALE REGOLE
Lenergia fotovoltaica legata al ritmo
del sole e quindi la prima a essere
immessa in rete nelle ore diurne, in
sostituzione dellenergia prodotta
dalle centrali termiche.
22:00
103/MWh
14:00
73/MWh
ORA DI NOTTE LELETTRICIT COSTA DI PI
Nel giro di poco tempo il sistema produttivo dellenergia si rivoluzionato.
Il fotovoltaico si fatto strada e lindustria tradizionale ha reagito.
Gli incentivi elevati e concentrati nel breve periodo hanno portato allo
sviluppo rapidissimo di un ampio parco produttivo fotovoltaico. Il sistema
non funziona ancora al meglio e le fonti produttive tradizionali faticano ad
adeguarsi ai nuovi cicli produttivi, meno remunerativi. Di conseguenza il
prezzo dellenergia subisce forti oscillazioni tra il giorno e la notte.
CENTRALE
ELETTRICA
PANNELLI
FOTOVOLTAICI
25%
24h
2011
4 GW
2012
15 GW
prezzi rilevati
il 23giugno 2012
fonte: GSE
Gianni Silvestrini, direttore
scientifico di Kyoto Club
Un buon uso
di acqua
ed energia
abbatte
di un terzo
il bilancio
domestico
Vivere rispettando lambiente permette di
risparmiare risorse e denaro. E molti di voi lo fanno.
i fidano pi dei documentari
televisivi, che trattano temi
ecologici, che delle loro
amministrazioni comunali.
A confidarlo sono i cittadini
che abbiamo intervistato su un tema oggi
fondamentale (almeno a parole), ovvero
lambiente, e che invece appare ancora
trascurato da chi dovrebbe dare le regole
per un corretto stile di vita. Sui grandi
temi che ci toccano tutti i giorni, come
acqua, consumi elettrici, trasporti,
raccolta differenziata e abitudini
alimentari, i cittadini si sentono poco
informati e poco coinvolti dalle giunte
locali. La questione importante non per
inseguire mode frivole e vane, ma anche
per farsi concretamente i conti in tasca.
Risparmiare energia, acqua, benzina, cibo
significa ridurre le proprie spese di tutti i
LANOSTRAINCHIESTA
Quanto sei rispettoso dellambiente
attraverso i comportamenti di tutti i
giorni, dentro e fuori casa?
ECOLOGIA DOMESTICA
Sono 3.282 i cittadini che hanno
raccontato attraverso un questionario
quanto e come mettono in pratica
azioni ecologiche. Hanno descritto le
loro abitudini rispetto al cibo, ai rifiuti,
al risparmio di acqua e di energia,
alluso dei mezzi di trasporto.
I cittadini hanno anche raccontato gli
ostacoli che incontrano con i servizi
comunali. Le risposte sono state
raccolte nella primavera 2012.
S
e meno al verde
Pi verdi
DIECI CITT GIUDICATE IN TEMA DI AMBIENTE
Ecco la classifica, secondo gli intervistati, di come le amministrazioni sostengono e promuovono
politiche ambientali. Al Nord le amministrazioni pi apprezzate.
Le lamentele dei cittadini
Ai cittadini intervistati abbiamo chiesto di
indicare il loro grado di soddisfazione rispetto alla
gestione della raccolta differenziata cittadina, al
trasporto pubblico, alla tutela dei pedoni e pi in
generale alle tematiche ambientali. Le lamentele
pi diffuse riguardano la distribuzione di
sacchetti per i rifiuti, le piste ciclabili e
linformazione insufficiente sui temi ecologici.
Ottengono giudizi positivi, partendo dal migliore:
Bologna, Torino, Milano, Venezia e Firenze.
Raccolta dei rifiuti: ne siete soddisfatti?
Il tema dei rifiuti colpisce particolarmente da vicino la
cittadinanza. Nella tabella a fianco trovate la
classifica per citt basata sulle risposte degli
intervistati in tema di raccolta differenziata. Nel
complesso la soddisfazione superiore alla media e
in particolare Venezia la citt pi apprezzata in
tema di rifiuti. Molto negativo, invece,
il giudizio espresso dai palermitani.
GESTIONE RIFIUTI
CITT
g
iu
d
iz
io
s
u
lla

r
a
c
c
o
lt
a

(
s
u
1
0
0
)
VENEZIA 75
MILANO 72
TORINO 71
BOLOGNA 71
FIRENZE 71
GENOVA 61
BARI 61
ROMA 48
NAPOLI 44
PALERMO 25
Bologna
Torino
Milano
Venezia
Firenze
Bari
Genova
Roma
Napoli
Palermo superiore alla media
nella media
inferiore alla media
Inchiesta
14 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 15 www.altroconsumo.it
FARE BENE LA SPESA
NON SPRECARE ACQUA
Comprare frutta e verdura biologica considerato
troppo costoso dal 57%degli intervistati. Il motivo
per rinunciare anche la diffidenza.
Il 46%degli intervistati non sa come ridurre
i consumi idrici. E cos la famiglia italiana spende
in media 247 euro lanno per lacqua di casa.
Il cibo una delle prime voci del bilancio familiare.
Ci nonostante ci curiamo poco di non sprecarlo. Il
46%del campione ha dichiarato di buttare gli
alimenti perch arrivano a scadenza. Questo
significa non saper fare bene la spesa, spendere
soldi inutili e produrre rifiuti non necessari.
Non siamo consapevoli di quanta acqua
sprechiamo inutilmente ogni giorno. Non solo
consumiamo una risorsa preziosa e ridotta, ma ci
troviamo a pagarla in bolletta inutilmente. Per
rendervene conto, provate a chiudere il rubinetto
tutte le volte che potete e usate i riduttori di flusso.
RIDURRE GLI IMBALLAGGI
Per salvaguardare lambiente
utile acquistare prodotti sfusi
(come frutta e verdura) o quelli a
imballaggio ridotto.
IGIENE ECOLOGICA
Preferire la doccia alla
vasca da bagno
consente di risparmiare
fino a 70 litri dacqua.
Inoltre una doccia di 5
minuti, invece che di 10,
riduce di 292 Kg le
emissioni di CO2.
BUSTE INTESSUTO
Al super porta
una borsa in tessuto. Potrai
rinunciare al sacchetto in
plastica, anche se ormai
per buona parte
biodegradabile e
compostabile, costa ed
comunque un rifiuto in pi.
CURARE LE PIANTE
Per innaffiare terrazzi e balconi non
lasciare scorrere a lungo lacqua:
meglio usare un innaffiatoio o un
sistema di irrigazione a goccia.
Non so come ridurne
il consumo
Cosa impedisce di risparmiare acqua? (%)
46
Lacqua costa poco 1
Ridurrebbe le comodit 10
troppo complicato 16
Risparmier quando lo faranno
le grandi aziende
5
MEGLIOIL CIBODI STAGIONE
Preferire frutta e verdura locale
alla merce proveniente da
lontano un altro modo per
ridurre il proprio impatto
ambientale.
DAL RUBINETTO
Bere lacqua del
rubinetto riduce gli
imballaggi in plastica e
abbatte la spesa
familiare di oltre 200
euro lanno. Per
consumarne meno,
chiudi il rubinetto
mentre lavi i denti.
Cosa trattiene dal comprare biologico? (%)
troppo costoso 57
Il cibo biologico
scade pi in fretta
5
difficile da trovare
negli scaffali
22
Non credo che siano
tutti davvero biologici
50
C poca diversit
di prodotti biologici
9
RISPARMIARE ENERGIA
La cultura del contenimento dei consumi si fa
strada: letichetta energetica il primo criterio
di scelta degli apparecchi elettrici.
Ridurre gli sprechi energetici il modo pi efficace
per essere ecologici e risparmiare. Il 65%degli
italiani intervistati dichiara di avere la coscienza a
posto a questo proposito. Il campione preparato,
visto che letichetta energetica considerata il
primo criterio di scelta di un prodotto, mentre in
pochi sono condizionati dalla pubblicit.
LACLASSE ENERGETICA
Quando dobbiamo
acquistare un nuovo
elettrodomestico
scegliamo tra quelli
energeticamente pi
efficienti, cio almeno
di classe A+. Risparmierai
almeno 20 euro lanno.
Come si scelgono gli elettrodomestici? (%)
Letichetta energetica 55
La facilit di utilizzo 27
Il prezzo e le modalit di pagamento 45
La qualit del prodotto 54
La reputazione della marca 27
MUOVERSI IN CITT
In media il campione dellinchiesta dichiara
di spendere 188 euro al mese di carburante
per lauto, ma un quarto arriva a pagare 250 euro.
Muoversi in modo eco garantisce un risparmio
immediato. Cambiando le nostre abitudini,
possiamo coprire molti percorsi in bicicletta o con i
mezzi pubblici, eliminando i costi dellauto. Solo un
quarto degli intervistati copre almeno 500 metri a
piedi al giorno, e in pochissimi usano la bicicletta.
quasi mai
tutti i giorni
43
84
25
24
5
47
LAUTOINCONDIVISIONE
Condividere il percorso in auto con
altri (si dice car pooling) ecologico
ed economico. Esiste anche il car
sharing, il noleggio dellauto a ore.
I MEZZI PUBBLICI, SE SI PU
Usare i mezzi pubblici lideale,
purtroppo l89%del campione
snobba lautobus perch non
soddisfa i propri bisogni.
I VANTAGGI DELLABICICLETTA
Per la salute, per lambiente e per
ridurre a zero i costi ci si pu
muovere in bicicletta: soprattutto
sulle brevi distanze lideale.
LAMPADINE VERDI
Rispetto alle vecchie lampadine,
ormai fuori mercato, quelle a
risparmio energetico fanno
risparmiare l80%di corrente.
TEMPERATURAEQUILIBRATA
Regola la temperatura degli
impianti di riscaldamento e di
climatizzazione: mai troppo freddo
destate n troppo caldo dinverno.
Come ci si muove in citt? (%)
Inchiesta
16 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 17 www.altroconsumo.it
giorni. La logica da comprendere che per
far quadrare il bilancio non basta scegliere
il contratto pi economico o il
supermercato meno caro; possiamo anche
alleggerire le bollette della luce con
comportamenti nuovi, spendere meno per
mangiare sprecando meno cibo. Insomma,
bisogna uscire dalla logica abituale e
acquisire la consapevolezza che
lambiente, se lo rispettiamo, nostro
amico proprio e soprattutto in questi
tempi di crisi economica.
Economia verde
Cosa significa in pratica avere un
comportamento ecosostenibile? Molti di
voi gi lo sanno: basta leggere le risposte
che avete dato al questionario di questa
inchiesta. Non si tratta tanto di shopping
verde, che molti di voi evitano (al
momento dellacquisto il prezzo a fare la
differenza e non limpatto ambientale
legato al prodotto), ma di vere abitudini.
Senza dover affrontare sforzi titanici n
fare dellambiente il primo pensiero, tutti
in qualche modo date un importante
contributo. Emerge chiaramente, per,
che c poca consapevolezza di quanto
uno stile ecologico ripaghi in moneta. In
ognuna delle schede che trovate in queste
pagine abbiamo riassunto qualche
consiglio pratico da seguire per aiutare
lambiente a far quadrare il bilancio.
Cittadini poco informati
Di fondo manca linformazione ed
proprio in questo che peccano le
amministrazioni locali. Un esempio tipico
lacqua potabile: quasi la met degli
intervistati non sa cosa si pu fare per
consumarne meno e quindi alleggerire la
bolletta. Lo stesso si pu dire per i rifiuti,
tema molto delicato nel nostro Paese, a
volte trascurato dalle amministrazioni
secondo lopinione del campione.
C molta pi consapevolezza sul fronte
energia: gli intervistati sembrano
conoscere limportanza di ridurre gli
sprechi (per esempio leggendo letichetta
energetica dei prodotti). Gli sprechi in
campo alimentare, invece, sono vistosi: il
46% degli intervistati costretto a buttare
in pattumiera il cibo perch arriva a
scadenza. Unaltra voce di spesa poco
ecologica e molto pesante sul bilancio
familiare la benzina, che un quarto del
campione si trova a pagare cara, visto che
utilizza lauto abitualmente per muoversi
in citt. In pochissimi si muovono a piedi e
altrettanti usano la bicicletta: e forse non
solo pigrizia, ma mancanza di piste
ciclabili comode e sicure.
Altroconsumo ti permette di fare i conti
con lambiente nel modo pi fruttuoso.
Grazie a pratici calcolatori online, scopri
come e dove agire tra le mura di casa per
spendere meno.
Vai su altroconsumo.it/casa-energia/
elettricita-e-gas per imparare le mosse
giuste che fanno risparmiare energia e
ridurre i consumi.
Su altroconsumo.it/alimentazione/
acqua tutte le regole per non sprecare la
preziosa risorsa idrica.
Le buone maniere
www.altroconsumo.it/casa-energia
RIFIUTI, RIDURRE E RICICLARE
Le amministrazioni a volte scoraggiano le buone
intenzioni dei cittadini: fare la raccolta
differenziata non sempre semplice.
Nove intervistati su dieci considerano molto
importante fare la raccolta differenziata a casa e si
dichiarano pronti a farla, anche se comporta
qualche piccolo sforzo. Quando i raccoglitori, per,
non sono a portata di mano le buone intenzioni
decadono nel 20% dei casi.
PREVENIRE
Bisogna ridurre la quantit di rifiuti.
Bastano alcuni accorgimenti: evitare i
prodotti con imballaggi eccessivi,
usare borse della spesa riutilizzabili,
non comprare cibo in eccesso.
LIMPORTANZA DELLUMIDO
Con oltre 4,2 milioni di tonnellate
raccolte nel 2010, la frazione organica
dei rifiuti pari al 36% della raccolta
differenziata. Quindi, attenzione a
come gestisci la pattumiera.
RIFIUTI PERICOLOSI
Alcuni rifiuti sono particolarmente
dannosi. Pile, farmaci scaduti,
batterie delle auto e vecchi
elettrodomestici vanno consegnati
in appositi punti di raccolta.
Farmaci
Cosa finisce in pattumiera e non dovrebbe? (%)
32
Elettrodomestici 4
Pile 8
Prodotti hi-tech 3
Inchiesta
18 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
Il miglior vino
al miglior prezzo
vai su vino.altroconsumo.it
e acquista al prezzo pi basso i vini dei test
I suggerimenti e i giudizi di Altroconsumo sono come sempre
indipendenti. Tutti i prodotti e i servizi che proponiamo sono stati
sottoposti alle nostre analisi e ai nostri test comparativi.
Bere poco, ma bene. Sul nostro sito, trovi
tutte le informazioni sul mondo del vino
e i nostri TEST per scegliere i vini migliori
e con il miglior rapporto qualit/prezzo.
Nella nostra GUIDA VINI 2013 scoprirai
i migliori tra gli oltre 300 vini italiani,
analizzati in laboratorio e degustati
da assaggiatori indipendenti, con un
approfondimento sui prosecchi italiani.
In pi, indicazioni preziose sui prezzi.
SENZA MUOVERTI DI CASA, puoi
ricevere tutti i vini che ti consigliamo,
senza spese di spedizione per acquisti
superiori a 100 euro (e inferiori ai 50 kg)
e con lo sconto del 10% su tutti i prodotti
dellenoteca online. E, solo a novembre, no
a esaurimento scorte, 6 bottiglie di uno dei
prosecchi Migliore del Test, senza spese.
Per gustare un buon vino non serve spendere
una fortuna. O girare tutta la citt per trovarlo.
Scelte sicure
Comodo. Il vino
lo portiamo noi.
IL NOSTROTEST
La sostituzione dei pneumatici estivi con
quelli invernali non come un cambio
dabito. Ne va di mezzo la nostra sicurezza.
Quando il termometro scende sotto i 7C, la
strada bagnata, ghiacciata o innevata,
quelli invernali possono salvare la vita. Ecco
cosa succede nei due casi quando freniamo.
ESTIVO E INVERNALE: COME CAMBIA LA FRENATA
STRADABAGNATA
Quando piove e la temperatura comincia
scendere, la situazione si ribalta: il
pneumatico invernale ad avere la meglio.
STRADAINNEVATA
Con la neve, il pneumatico invernale una
necessit: le sue prestazioni sono di gran
lunga superiori, anche a bassa velocit.
STRADAASCIUTTA
Quando la temperatura sale e la strada
asciutta, i pneumatici estivi garantiscono
uno spazio di frenata inferiore di 18 metri.
Pneumatico
Estivo
Pneumatico
Invernale
Per mettere alla prova i 26 pneumatici
del test, li abbiamo montati sui modelli
di auto per cui sono indicati, con la
pressione indicata dal costruttore.
Quindi le autovetture sono state
affidate a piloti professionisti, che
hanno effettuato prove (per circa 500
km) in diverse condizioni: su strade
asciutte e bagnate, su neve e ghiaccio.
Tra i parametri da noi valutati: durata,
rumore e consumo di carburante.
SULLA PISTA GHIACCIATA
In particolare, per assegnare un giudizio
sui pneumatici in situazioni di strada
ghiacciata, i piloti hanno effettuato
prove di guida e tenuta su un circuito
ghiacciato, a una velocit di 20 km/h.
Per valutare specificamente la tenuta
in curva, hanno percorso con velocit
crescente una rotatoria (come quella
nella foto), del diametro di circa 18
metri, intorno ad alcuni birilli.
A confronto le prestazioni
di 26 gomme invernali.
Diventa obbligatoria la nuova
etichetta per i pneumatici.
n Italia i pnemautici invernali sono ob-
bligatori solo su alcune strade: quelle
di competenza di enti (Anas, province,
comuni...) che hanno emesso ordinan-
ze ad hoc, in genere valide per i mesi
che vanno da novembre a marzo. Su questi percorsi,
i conducenti che si fanno cogliere a guidare vetture
su cui non sono montate le gomme invernali (o, in
alternativa, con a bordo le catene da neve) vanno in-
contro a multe in alcuni casi molto salate , perdita
di punti della patente e perfino al ritiro del mezzo.
Ma al di l degli obblighi legislativi, continuare a uti-
lizzare pneumatici estivi durante la stagione fredda
pu essere molto pericoloso, visto che quando la tem-
peratura scende sotto i 7C si riduce il cosiddetto
grip (aderenza del battistrada), e lo spazio di frena-
ta si allunga (vedi la grafica nella pagina a fianco).
In montagna le catene da neve
Se poi raggiungete zone innevate e trovate il cartello
che segnala lobbligo di catene da neve, vero che
avere le gomme invernali vi basta per essere in rego-
la con le norme del codice della strada, tuttavia per
la vostra sicurezza sarebbe meglio seguire alla lettera
lindicazione. In alcuni circostanze, per esempio una
nevicata improvvisa su una strada in pendenza, le
catene si rivelano indispensabili. Per non farsi coglie-
re impreparati sempre meglio averle a bordo, alme-
no nei mesi invernali. Ci sono auto non catenabili,
Su strade gelide
come quelle sportive, che, a causa di un ridotto spazio
tra pneumatico e vano ruota, non sono in grado di
accogliere le catene classiche. Il problema si risolve
con le catene ragno: dispositivi ad ancoraggio fron-
tale, che non entrano in contatto con la parete inter-
na del pneumatico. Sconsigliamo invece le cosiddette
calze da neve, reti in materiale sintetico che si cal-
zano sui pneumatici: non sono omologate.
Centrare il modello giusto
Nel nostro test sono stati messi a confronto 26 pneu-
matici invernali divisi in due misure: 13 gomme 165/70
R 14 T, che si adattano alle utilitarie (Citron C3, Fiat
Panda e Punto, Toyota Yaris...) e 13 modelli del tipo
205/55 R 16 H, utilizzati sulle berline (Fiat Bravo, Audi
A3, Ford Focus, Renault Scnic...). Il palmars questa
I
Test
20 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 21
+20
+10
-2
38 m
Arresto a
56 m
Arresto a
+ 18 m
+ 32 m
+ 3 m
40 m
Arresto a
29 m
Arresto a
43 m
Arresto a
61 m
Arresto a
Inizio frenata
velocit 100 km/h
Inizio frenata
velocit 80 km/h
Inizio frenata
velocit 40 km/h
COME LEGGERE LATABELLA
Migliore del Test:
ottiene i migliori risultati
nelle nostre prove
Miglior Acquisto:
buona qualit e il miglior
rapporto con il prezzo
Scelta Conveniente:
qualit accettabile, prezzo
molto vantaggioso
Ottimo
Buono
Accettabile
Mediocre
Pessimo
Non comprare
Qualit buona
volta pi ristretto, perch per ciascuna misura un
solo modello a guadagnarsi i nostri trofei: Migliore
del Test e Migliore Acquisto. Scegliere uno dei model-
li premiati dal nostro test o uno di quelli che si posi-
ziona ai primi posti della nostra classifica fonda-
mentale, dal momento che si riscontrano notevoli
differenze in termini di tenuta su strada e spazi di
frenata tra i prodotti migliori e quelli peggiori. Tra
questi ultimi, ne sconsigliamo uno in particolare,
GTRadial ChampiroWinterPro, per le cattive perfor-
mance sulla neve e quelle piuttosto limitate sul ghiac-
cio e sul bagnato.
Quanto durano e cosa fare destate
Attenti alle condizioni e allet dei pneumatici. A par-
tire dai cinque anni (ma dipende molto da quanto si
usa lauto), le gomme cominciano a manifestare segni
di deterioramento, il battistrada tende ad assottigliar-
si e a non garantire pi le stesse prestazioni. La pro-
fondit dei solchi non dovrebbe mai scendere sotto i
3 millimetri, anche se la legge indica come limite uno
spessore di 1,6. Ricordatevi di controllare la pressione
una volta al mese a pneumatici freddi, perch quando
troppo bassa (il riferimento quello solitamente
indicato dal produttore) si allunga la frenata e peg-
giora il controllo del veicolo.
Che fare dei pneumatici invernali durante lestate? Se
avete un garage, prima di stoccarli lideale sarebbe
lavarli, per togliere il sale. Meglio segnare con un ges-
setto (o con un adesivo) la loro posizione nellauto,
per poterli rimontare al posto giusto. Impilateli in
orizzontale sui cerchi, o le gomme si ovalizzeranno.
La pila deve essere sollevata da terra di qualche cen-
timetro, per favorirne laerazione. Per lo stesso moti-
vo meglio non coprirli con teli di plastica. In alterna-
tiva, potete affidarvi al servizio di custodia di un
gommista: per sei mesi il costo di circa 30 euro.
LETICHETTA EUROPEA DIVENTA OBBLIGATORIA
Da questo mese i pneumatici prodotti dopo il luglio 2012 dovranno
per legge riportare la nuova etichetta europea, che contiene
elementi in pi per valutarne la qualit. Basta non fidarsi troppo.
Laspetto simile a quello
delletichetta energetica degli
elettrodomestici. Contiene tre
importanti caratteristiche del
pneumatico: consumi
(resistenza al rotolamento),
frenata sul bagnato e rumore
esterno da rotolamento. Per le
prime due, sono previste sette
classi di merito, in ordine
decrescente dalla lettera Aalla
G, mentre nel caso del rumore
le categorie si riducono a tre. Il
livello di rumorosit con tre
barre nere quello peggiore,
dal momento che supera il
futuro valore limite europeo
obbligatorio. C da fidarsi di
questa etichetta? La risposta
ni. Primo: perch le
valutazioni riportate sono
espresse dai produttori in
autocertificazione e non si sa
bene chi ne controller la
veridicit. Secondo: perch ci
sono molte altre
caratteristiche che
determinano le prestazioni
globali di un pneumatico.
Meglio affidarsi ai nostri test.
www.altroconsumo.it/pneumatici
Enonti scomodi. Per i soci gommeeaccessori
aprezzi scontati sul sito
www.pneumatici-pneus-online.it.
Sul sitodi PneusOnline(www.pneumatici-
pneus-online.it) comesociodi Altroconsumohai
dirittoaprezzi vantaggiosi: per tenientespese
di spedizionesupneumatici eaccessori auto, n
alcunimportominimodi spesa.
Inoltre, ti aspettaunoscontoaggiuntivodel
3,5%sututtoil catalogo(loscontosi attivasul
nostrosito).
PneusOnlinepuconsegnarti i pneumatici
acasaoinunodegli oltre1.900centri di
montaggioinconvenzioneinItalia.
Il montaggiononcompresonel prezzo.
Online risparmi
La nostra scelta
Pneumatici
165 70 R 14 T 205 55 R 16 H
69 70
MICHELIN Alpin A4
69 - 100 euro
il pneumatico che si comporta meglio sulla
strada asciutta. Spicca per essere il pi durevole.
CONTINENTAL WinterContact TS 850
110 - 150 euro
Oltre a essere il migliore sulla neve, il modello
che garantisce il maggior risparmio di carburante.
PNEUMATICI
INVERNALI
PREZZO RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E

(
s
u
1
0
0
)
MARCA e modello
I
n
e
u
r
o
m
in
-
m
a
x
(
s
e
t
t
e
m
b
r
e
2
0
1
2
)
C
o
m
p
o
r
t
a
m
e
n
t
o

s
u
s
t
r
a
d
a
b
a
g
n
a
t
a
C
o
m
p
o
r
t
a
m
e
n
t
o

s
u
s
t
r
a
d
a
a
s
c
iu
t
t
a
C
o
m
p
o
r
t
a
m
e
n
t
o

s
u
lla
n
e
v
e
C
o
m
p
o
r
t
a
m
e
n
t
o
s
u
l g
h
ia
c
c
io
D
u
r
a
t
a
R
u
m
o
r
e
e
s
t
e
r
n
o
C
o
n
s
u
m
i
SIZE 165 70 R14 T
MICHELIN
Alpin A4
69- 100 B B B B A C B 69
CONTINENTAL
WinterContact TS800
75- 95 B B B B B D B 67
PIRELLI Winter 190
Snowcontrol Serie 3
65- 90 B B B B B D B 64
SAVA
EskimoS3+
46- 80 B C B B B C B 60
BARUM
Polaris 3
50- 75 B C B B B C B 59
MARSHAL
IzenMW15
60- 75 B C B B B C B 56
GOODYEAR
UltraGrip 8
65- 90 B B C B B C B 55
VREDESTEIN
Snowtrac 3
50- 60 B C B B B C B 55
SEMPERIT
Master-Grip
65 - 97 B B B B C C B 54
FIRESTONE
Winterhawk 2 Evo
66- 85 C B C C B C B 52
DUNLOP
SPWinterresponse
65- 90 B C C B C C B 50
HANKOOK Winter
i*cept RSW442
60- 80 C B C B B C B 48
GTRADIAL
ChampiroWinterPro
50- 70 C B D C B C A 39
SIZE205 55 R16 H
CONTINENTAL
WinterContact TS850
110- 150 B B B B A C A 70
MICHELIN
Alpin A4
120- 155 B B B B A D B 68
GOODYEAR
UltraGrip 8
100- 150 B B B B B D B 65
DUNLOP
SPWintersport 4D
110- 160 B B B B B C B 64
NOKIAN
WRD3
85- 140 B B B B B D B 61
BRIDGESTONE
LM-32
105- 145 C B B B B D B 60
VREDESTEIN
Snowtrac 3
85- 135 C C C B B C B 58
SEMPERIT
Speed-Grip 2
105- 137 B C B C B B B 56
YOKOHAMA
W.drive2(V903)
105- 125 C B C B A C B 53
PIRELLI Winter 210
Snowcontrol Serie 3
105- 160 C C C B B D B 51
FULDAKristall Control
HP
108- 120 C C B C B C B 50
UNIROYAL
MSplus 66
95- 100 B B C B B C B 45
HANKOOK Winter
i*cept RSW442
90- 130 C B C B B D B 44
Pneumatici La sigla (per
esempio 165/70 R 14 T)
espri me: l arghezza del
pneumatico in millimetri; il
rapportoinpercentualetra
larghezza e altezza della
gomma; la R (che sta per
radiale)precedeil diametro
esternodellaruota; lultima
lettera indica la velocit
massima omologata con il
pneumatico: per esempio
T equivale a 190km/h, Ha
210.
Comportamentosustrada
bagnata Abbiamo testato
diverseprestazioni: tenuta
in curva e accelerazione,
frenata, maneggevolezza,
aquaplaning.
Comportamentosullaneve
La prova ha verificato, su
strada innevata, la tenuta
delle gomme in curva, du-
rante laccelerazione, la
frenata e con un cambio di
pavimentazione.
Durata Sonostati percorsi
migliaiadi chilometri, misu-
rando man mano lo spes-
sore del battistrada.
Rumore esterno Il giudizio
riguarda linquinamento
acusticocausatodallattri-
todellagommasullasfalto.
Il rumore esterno viene
registratoconunmicrofo-
no, dopo di che viene fatta
unavalutazionesoggettiva
da tre persone che ascol-
tano la registrazione del
passaggio dellauto.
Consumi Aparit di stile di
guida, emergonodifferen-
ze di consumi tra un mo-
dellodi pneumaticoelaltro.
Il test viene svolto pren-
dendocomeriferimentoun
modello di pneumatico di
pari misura non compreso
tra quelli testati. Nel con-
fronto con questultimo
vengonoparametrati i con-
sumi di carburante degli
altri. I test vengono svolti
allevelocitdi 80, 100e130
km/h.
Test
22 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 23
DUE PARTITI ALLA PARI
Inchiesta
24 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 25 www.altroconsumo.it
In pi di 10 mila avete
giudicato laffidabilit dei
piccoli apparecchi di casa.
Ecco le vostre pagelle.
on c`e miglior giudizio di
quello Irutto dell`esperienza
diretta, soprattutto per
prodotti come i piccoli
elettrodomestici, che Ianno
parte integrante del nostro vissuto
quotidiano. In particolare se di questi
apparecchi si vuole valutare l`aIIidabilit e
la soddisIazione dell`utilizzatore nel
tempo, la via pi eIIicace e chiedervi
direttamentel`opinione. Noi lo abbiamo
Iatto, spedendo un questionario a migliaia
di voi e di altri soci stranieri nei paesi
Il test
a casa vostra
europei in cui siamo presenti (Belgio,
Spagna, Portogallo). Avete risposto in
tantissimi, solo in Italia siete pi di
diecimila, esprimendo il vostro
apprezzamento o la vostra scarsa
soddisIazione nei conIronti di
aspirapolveri, Iorni a microonde, Ierri da
stiro, robot da cucina, macchine del pane
e macchinette del caIIe presenti tra le
vostre mura domestiche.
Le vostre esperienze sono un aiuto
prezioso in pi, oltre ai nostri test
comparativi, per Iacilitare la scelta di
LANOSTRAINCHIESTA
I vostri piccoli elettrodomestici sono
affidabili? Ne siete soddisfatti?
IL QUESTIONARIO
Le classifiche di affidabilit (quanti
guasti, in quanti anni) e soddisfazione
che trovate in queste pagine sono
frutto delle vostre risposte a un
questionario spedito ai soci in tutti i
Paesi in cui presente unassociazione
di consumatori del nostro gruppo
(Belgio, Spagna e Portogallo). In tutto,
abbiamo raccolto 24.404
testimonianze, di cui 10.347 in Italia.
N
COME LEGGERE LATABELLA
Adabilitesoddisfa-
zione Sono espresse
in indici, che riflettono
le risposte date dagli
intervistati. Il massimo
che si pu ottenere
100. Aparitdi punteg-
gio, abbiamo ordinato
le marche in base ai
decimali arrotondati.
Sotto la media
Nella media
Sopra la media
acquisto di chi deve comprarne uno, in
particolare per quanto riguarda
l`aIIidabilit di una marca rispetto a
un`altra.
Domande e risposte
Siete soddisIatti dei vostri elettrodomestici?
Acquistereste nuovamente lo stesso appa-
recchio? Quanti e quali guasti avete dovuto
aIIrontare? L`assistenza e stata all`altezza del
problema che si e presentato? Sono alcune
delle domande che vi abbiamo rivolto per
mettere in evidenza pregi e diIetti degli ap-
parecchi in questione.
Le migliori marche secondo voi
Nelle pagine che seguono trovate le classiIi-
che delle marche pi aIIidabili, stilate sulla
base delle risposte ricevute. Segnaliamo an-
che i problemi pi Irequenti avuti da ciascun
tipo di elettrodomestico, cone le rispettive
marche, quando avevamo dati suIIicienti per
indicarle. Per la classiIica di aIIidabilit ab-
biamo tenuto conto anche dell`et dell`ap-
parecchio, della Irequenza dei guasti e del-
la loro gravit. In generale, i marchi pi
aIIidabili sono Siemens, Bosch, Philips e
Panasonic. Agli ultimi posti, invece, trovia-
mo Ariete, TeIal e Polti. Tenete presente che
questa inchiesta ha preso in considerazione
elettrodomestici molto diversi tra loro e che
alcune marche che eccellono in alcuni cam-
pi possono non essere presenti o essere poco
apprezzate in altri.
I problemi pi frequenti
Agli italiani e alle italiane, i ferri da stiro piacciono in egual
misura sia classici sia con caldaia separata. Ma i secondi sono
pi delicati e sono a maggiore rischio di guasti e rotture. Le
marche pi diffuse sono Rowenta e Polti, sebbene
questultima risulti in fondo alla nostra classifica. Jura ottiene
il miglior giudizio di soddisfazione, ma ha qualche problema
col cavo di alimentazione. Il top Hoover.
FERRI DASTIRO
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

SILVER CREST 74 93
PHILIPS 82 92
BRAUN 81 91
BOSCH 79 90
MOULINEX 76 89
TEFAL 80 89
HOOVER 84 88
ROWENTA 79 87
SIMAC 77 87
COOP 77 86
JURA 86 85
DELONGHI 75 84
IMETEC 76 83
ARIETE 75 83
TERMOZETA 73 82
CARREFOUR
HOME
75 78
POLTI 77 78
www.altroconsumo.it/elettrodomestici
Perdita di acqua dai fori
del vapore della piastra
9,5%
Piastra danneggiata
o macchiata
8,1%
Particelle bianche
di calcare sui vestiti
9,4%
Perdita dacqua
dal serbatoio
ECONOMICA E MOLTO IN VOGA
I problemi pi frequenti
La macchina per il pane un elettrodomestico grande
quanto un piccolo forno elettrico, che riunisce al suo interno
le funzioni di impasto, lievitazione e cottura. I marchi pi
diffusi tra i nostri soci sono Kenwood e Moulinex. Secondo le
risposte pervenute Silvercrest Lidl il prodotto pi affidabile
mentre Panasonic quello che d maggiore soddisfazione
(ed anche molto affidabile). Poco apprezzata la marca
Princess, che ha dato parecchi problemi anche durante il
periodo di garanzia.
MACCHINE
PERIL PANE
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

SILVERCREST 80 95
ARIETE 78 92
PANASONIC 89 92
PHILIPS 76 91
DELONGHI 79 91
SEVERIN 77 90
DPE 77 90
KENWOOD 80 89
CLATRONIC 81 88
MOULINEX 79 87
TEFAL 76 87
BIFINETT 76 87
PRINCESS 75 81
Il pane non
viene bene
7,4%
Rottura del motore
dellimpastatrice
5,4%
Scarsa qualit
del rivestimento
antiaderente
7,3%
Rumore eccessivo
4,1%
8,1%
Se hai lesigenza di acquistare un piccolo
elettrodomestico, puoi farlo comodamente
da casa collegandoti al nostro sito
centracquisti. Avrai uno sconto del 4%su
tutto il catalogo di un grande negozio
online di elettrodomestici, con in pi le
migliori garanzie negoziate da noi.
Scegli con lo sconto
www.centracquisti.it
oppuretelefonaa 02 99 76 28 29
www.altroconsumo.it/forni-a-microonde
FA TUTTO DA SOLO
Piace laspirapolvere intelligente, che
pulisce da solo, in completa autonomia.
Ma ha un punto debole: le spazzole.
La robotica fa ormai parte del nostro
quotidiano. Tra allarmi che ci avvisano,
caldaie che si accendono a distanza e
altri congegni dotati di intelligenza
artificiale ci sono anche apparecchi
dedicati a svolgere le incombenze
domestiche al posto nostro. il caso,
per esempio, dei pubblicizzatissimi
robot aspirapolvere. Non ancora molto
diffusi, solo un intervistato su cento lo
possiede, riscontrano il favore di chi li
usa, con un indice di apprezzamento
piuttosto elevato. Accettabile anche la
loro affidabilit, sebbene abbiano nelle
spazzole il loro punto debole.
MICROONDE
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

LG 82 93
CARREFOUR
HOME
80 93
SAMSUNG 85 92
IGNIS 81 91
WHIRLPOOL 86 91
DAEWOO 83 90
PANASONIC 87 90
BIFINETT 81 88
BOSCH 86 88
SHARP 84 88
CANDY 80 87
SIEMENS 86 87
DELONGHI 81 87
AEG 85 86
SEVERIN 76 85
MOULINEX 84 84
MIELE 88 83
Perdite dal serbatoio
dellacqua
3,1%
Rottura della
ciotola
7,7%
Rottura della
ciotola
3,9%
Pulsantecomandi
nonfunzionante 2,2%
Chiusura difettosa
del contenitore
2,8%
Problemi con i
ganci miscelatori
1,6%
Tefal
Funzionamento limitato
ai piccoli carichi
2,3%
Pulsanti difettosi
1,6%
Sistemadi capsule
nonfunzionante 2,7%
Malfunzionamento
delle lame
3,1%
Non mescola pi
bene
2,3%
LESPRESSO DI CASA
SCOPA ELETTRICA O TRAINO?
I problemi pi frequenti
I problemi pi frequenti
Quattro intervistati su dieci hanno una macchina
per il caff espresso, di cui la maggior parte di
marchi italiani come Saeco, De Longhi, Gaggia e
Bialetti. Ma il marchio pi apprezzato il tedesco
Krups, seguito a stretto giro di posta da De Longhi.
Ultimo in classifica, invece, Bialetti, che risultato
poco affidabile per la pi alta incidenza di rottura
degli elementi in plastica.
Quasi tutti gli intervistati possiedono un
aspirapolvere. Il preferito il tipo scopa elettrica, pi
soddisfacente e affidabile di un aspirapolvere a traino.
La marca pi diffusa Vorwerk, seguita da Hoover e
Mele. Nel complesso, le aziende italiane non brillano:
Ariete, Necchi e Polti sono agli ultimi posti della
classifica. Punteggi alti per Mele, Dyson, Philips,
Vorwerk. Problemi di filtri per Black &Decker.
Bialetti
Perdite dal serbatoio
dellacqua
6,3%
Hoover
Panasonic
Malfunzionamento del sistema
di avvolgimento del cavo
10,2%
Gaggia
PhilipsSaeco
Pompa non funzionante
4,9%
Gaggia
Ariete
Problemi di
calcificazione frequenti
5,7%
Ariete
Polti
Necchi
Rottura del tubo flessibile
8,6%
Panasonic
Polti
Vorwek
Malfunzionamento
dei comandi
7,4%
Rottura giunture
dei tubi
6,4%
Necchi
Polti
Inchiesta
26 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 27 www.altroconsumo.it
TRITA E IMPASTA DOTAZIONE DA CHEF IL BOOM DELLE CAPSULE
I problemi pi frequenti
I problemi pi frequenti I problemi pi frequenti
Le marche pi diffuse in Italia sono
Moulinex e Braun. Ma Siemens e
Philips ottengono un punteggio pi
alto della media per entrambi i
parametri considerati nella nostra
indagine (soddisfazione e
affidabilit). I problemi alle lame, alla
ciotola del cibo e al contenitore sono
molto pi frquenti in questi robot
semplici che non nelle planetarie.
La planetaria unimpastatrice
professionale, in grado di impastare
grandi quantitativi di ingredienti.
Kenwood la marca pi gettonata
tra i nostri soci. Una buona scelta,
visto che compare tra le pi
soddisfacenti e non ci sono
differenze apprezzabili per marca in
termini di affidabilit. Le impastatrici
hanno pi problemi con i ganci
miscelatori rispetto ai robot semplici.
Si fanno sempre pi largo i sistemi
macchina + capsula. Il pi diffuso il
marchio italiano Lavazza, seguito a
brevissima distanza dallo svizzero
Nespresso. Ancora molto di nicchia,
invece, il sistema Illy, che per gode
di fama di eccellenza per la qualit del
caff, che risulta infatti molto
apprezzato dai nostri intervistati.
Nespresso per risultato pi
affidabile.
MACCHINE PER
ESPRESSO
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

KRUPS 86 92
DELONGHI 82 89
PHILIPS SAECO 80 85
ARIETE 75 79
BIALETTI 74 78
GAGGIA 76 78
SISTEMI ACAPSULE
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

NESPRESSO 89 95
ILLY 87 88
LAVAZZA 80 83
ROBOT DACUCINA
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

SIEMENS 86 95
PHILIPS 84 93
GIRMI 85 91
BRAUN 84 90
KRUPS 82 89
MOULINEX 81 89
IMETEC 79 88
BOSCH 82 88
KENWOOD 80 88
AEG 80 88
TEFAL 77 85
ARIETE 78 84
PLANETARIE
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

KITCHENAID 89 96
KENWOOD 89 93
BOSCH 85 91
MOULINEX 80 88
I VOSTRI DIRITTI
Cosa fare se lelettrodomestico si
guasta nel periodo della garanzia?
Achi chiedere assistenza?
Non raro che durante il periodo di
garanzia si debba ricorrere
allassistenza. Succede, per esempio, al
4%di chi ha unaspirapolvere e al 10%di
chi acquista una nuova macchina del
caff.In questi casi, il responsabile cui
rivolgersi il venditore, per due anni
dallacquisto. Ecco cosa fare per
esercitare il vostro diritto alla garanzia:
- conservate lo scontrino o la fattura
per tutto il tempo della garanzia legale
(due anni), anche se la garanzia del
produttore dura meno;
- rivolgetevi al venditore: non siete
obbligati a contattare il produttore;
- avete due mesi di tempo per fare
reclamo dal momento in cui vi
accorgete del difetto;
- se il problema non si risolve per via
amichevole, potete chiedere la
conciliazione presso la Camera di
Commercio o laiuto del Giudice di Pace.
Come ultima istanza, infine, si pu
sempre ricorrere alla giustizia civile.
www.altroconsumo.it/aspirapolvere
ASPIRAPOLVERE
MARCA
S
o
d
d
is
f
a
z
io
n
e
A
f
f
id
a
b
ilit

MELE 89 92
DYSON 87 91
PHILIPS 85 89
VORWERK 88 89
SIEMENS 83 88
BOSCH 81 87
AEG 82 86
IROBOT 86 86
ZANUSSI 79 86
SAMSUNG 81 86
ELECTROLUX 83 86
PANASONIC 88 85
DELONGHI 75 84
IMETEC 78 83
BLACK &
DECKER
81 83
LG 80 82
ROWENTA 79 82
CARREFOUR
HOME
78 79
HOOVER 75 77
ARIETE 74 77
NECCHI 76 75
POLTI 74 70
CUCINARE IN FRETTA
I problemi pi frequenti
Il forno a microonde ormai entrato in sette case su dieci.
Ed anche una dotazione piuttosto recente, visto che la
maggior parte degli intervistati lo possiede da meno di sei
anni. I modelli pi diffusi sono quelli che hanno anche la
funzione grill. La marca pi diffusa Whirlpool, seguita da
Samsung e De Longhi. I prodotti preferiti sono risultati
Panasonic, Whirlpool e Samsung. I microonde con grill e i
multifunzione (quelli che cuociono anche in modo
tradizionale) sono pi delicati rispetto ai prodotti base.
Perdite dallo sportello
del caff
3,5%
Ariete
Rottura della
luce interna
4,8%
Rottura
del piatto
2,9%
Rottura
meccanismo
di rotazione
del piatto
2,9%
Miele
Severin
Malfunzionamento
microonde
4,3%
www.altroconsumo.it/reclamare
Test
28 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 29
Gli spumanti piacciono di pi
agli esperti. Ma anche i
frizzanti offrono una buona
qualit. A meno di 7 euro.
Prova Prosecco
ioiose e remunerative. Sono le bollicine
del prosecco che nonostante i tempi
duri non conoscono la parola crisi.
In eIIetti I50 milioni di bottiglie vendu
te nel 20I0 (che probabilmente diven
teranno il doppio nel 20I3) danno proprio l`idea di un
Ienomeno commerciale in controtendenza rispetto
al periodo.
Saranno le vendite all`estero, sar il Iatto che questo
vino incontra sempre pi i gusti dei giovani durante
l`aperitivo, resta il Iatto che i bilanci positivi non sono
roba da tutti. Neanche Ira i vini.
Il merito di tanto successo? In parte va anche al prez
zo: sul mercato il prosecco si trova, inIatti, a diIIeren
ti Iasce di costo. Il che lo rende accessibile a tasche
diverse.
Certo, non tutte le bottiglie sono uguali: il nostro test
lo dimostra, regalandoci qualche bella sorpresa. Per
bere bene, per esempio, non bisogna orientarsi esclu
sivamente verso vini costosi. La qualit si trova anche
a buon prezzo. In queste pagine vi diciamo dove.
Uguali, ma diverse
Scorrendo velocemente le nostre tabelle noterete bot
tiglie piuttosto care accanto ad alcune molto pi eco
nomiche, oppure etichette conosciute e pubblicizza
te in tv vicino ad altre meno note. Ci sono poi bottiglie
reperibili solo in enoteca insieme ad altre che si tro
G
vano Iacilmente in qualsiasi supermercato. In realt
tutti i vini inseriti nel nostro test Ianno parte della
stessa categoria, quella del "prosecco: questo nome,
inIatti, viene usato per indicare il vitigno che d un
vino a denominazione di origine, che pu essere pro
dotto Iermo (in realt piuttosto raro), Irizzante e spu
mante. Questo spiega anzitutto perche abbiamo sud
diviso i prodotti in due gruppi, prosecco Irizzante e
prosecco spumante.
Si tratta di due metodi diIIerenti di produzione, che
danno vita a vini dal carattere diverso. Che vanno
valutati diversamente. Tra i due cambia, per esempio,
il quantitativo di anidride carbonica che si sviluppa:
questo gas e il principale responsabile dell`eIIerve
scenza e, dunque, della quantit di bollicine, che ne
gli spumanti e superiore.
Ma non solo, la tecnica di produzione dei Irizzanti e
molto pi veloce e snella: questo spiega in linea te
orica perche il costo e inIeriore rispetto a quello
degli spumanti.
Le bottiglie del nostro test appartengono a due deno
minazioni (le uniche che dal 2009 possono essere
accostate al nome prosecco): la prima e Conegliano
Valdobbiadene Prosecco Docg , la seconda e Prosec
co Doc. Lntrambe possono essere prodotte sia nella
Al vaglio dei nostri esperti 48 vini
appartenenti alle denominazioni
Conegliano Valdobbiadene Prosecco
Docg e Prosecco Doc, nelle versioni
frizzante e spumante.
LANALISI SENSORIALE
Oltre ai test di laboratorio e alla
valutazione delletichetta, i vini sono
stati sottoposti allanalisi sensoriale:
si tratta di una prova professionale
effettuata da 27 giudici (tra cui
enologi, periti agrari ed enotecnici)
che definisce la differenza tra diversi
vini, delineando il loro profilo
organolettico. Per la massima
affidabilit e per il controllo delle
prestazioni dei giudici (di et
compresa tra i 27 e 75 anni), durante
lanalisi sono stati serviti vini
presentati in modo anonimo e con
alcuni campioni replicati.
IL NOSTROTEST
LAPERITIVO AL BAR: A MILANO PI CARO
A Padova costa 3 euro, a Milano il doppio. E quando
spunta lhappy hour un bicchiere di prosecco pu
arrivare a costare anche 9 euro.
State attenti a prendere laperitivo a Milano, potrebbe
anche andarvi di traverso.Succede se per un
prosecco vi fanno pagare 9 euro. La nostra inchiesta
sul costo dellaperitivo ha svelato che il prezzo delle
bollicine cambia da citt a citt. APadova, per
esempio, di rado il prosecco al bar supera i 3 euro. Una
cifra impensabile a Milano, dove un calice in media
costa il doppio, ma spesso anche di pi (8 euro) con
punte di 9 euro, se lo si beve seduti. ARoma i prezzi
sono pi ragionevoli: in media si spendono 3,15 euro al
banco. La media a Torino invece sui 4 euro: ma
qualcuno in centro lo fa pagare 9 euro. Se poi
laperitivo lo si prende allhappy hour, i prezzi
simpennano, anche del 70%. Il buffet, dunque, non
gratis. Fa eccezione Padova: qui il prosecco non
aumenta. Ma non c nulla da mangiare.
versione Irizzante, sia in quella spumante.
Un`ultima precisazione. All`interno della produ
zione Conegliano Valdobbiadene Prosecco Docg,
rientra la produzione limitata del Cartizze: si pos
sono Iregiare di questa dicitura solo i vini spuman
ti provenienti da una zona minuscola del comune
di Valdobbiadene. Questi I06 ettari di terreno han
no una resa pi bassa: ecco il motivo per cui un
Cartizze ha un costo, in generale, pi alto rispetto
alle altre tipologie di prosecco del test.
Ma come emerge dalle prove non e detto che sia
sempre anche migliore.
Etichette complete cercasi
Lo sappiamo: un vino non si giudica solo dall`eti
chetta, ma se questa e Iatta bene non pu che es
sere un punto a suo Iavore. Tutti i vini che abbiamo
analizzato sono in regola dal punto di vista delle
inIormazioni obbligatorie.
I produttori per si potrebbero sIorzare di pi
quando si tratta di inIormazioni Iacoltative, come
ad esempio, Iornire qualche consiglio sulle moda
lit di conservazione o di servizio. Un`etichetta
completa e un passo piccolo, ma eIIicace per
rendere il consumatore pi consapevole.
Al bar costa di
pi. Meglio una
buona bottiglia
a casa
AL BANCO
3.15
ROMA
4.05
TORINO
2.88
PADOVA
HAPPY HOUR
6.10
MILANO
7.30
MILANO 7.21
ROMA
6.80
TORINO
2.88
PADOVA
Guarda il video online sul prosecco: troverai
curiosit e informazioni sul nostro test. E i
consigli dellesperto per gustarlo al meglio.
www.altroconsumo.it/vini
Test
30 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 31
La nostra scelta
Prosecco spumante
La nostra scelta
Prosecco frizzante
73
73
LA GIOIOSA
Valdobbiadene DOCG
Cartizze Dry
13 euro al supermercato
BORTOLIN Valdobbiadene
Superiore Cartizze DOCG Dry
16 euro in enoteca
PROSECCOFRIZZANTI PREZZI RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E
(
s
u
1
0
0
)
MARCA e modello
E
n
o
t
e
c
h
e
S
u
p
e
r
m
e
r
c
a
t
i
E
t
ic
h
e
t
t
a
A
n
a
lis
i d
i la
b
o
r
a
t
o
r
io
A
s
s
a
g
g
io
SOLIGO Valdobbiadene DOCG
Solighetto Prosecco
5,60 n.d. D C B 67
LA GIOIOSA Valdobbiadene Prosecco DOCG n.d. 6,30 D C B 67
TORRI DELLA MARCA Prosecco DOCTreviso n.d. 3,80 C C B 62
CANTINA PRODUTTORI VALDOBBIADENE
Valdobbiadene Prosecco DOCG
6,80 4,80 C C B 60
GOTO Prosecco DOCTreviso n.d. 5 D C C 58
PISANI Prosecco DOC n.d. 4,20 D D C 57
TENIMENTI DI VEGLIA Prosecco DOC n.d. 3 C C C 54
MIONETTO Valdobbiadene Prosecco DOCG 7,60 7,60 B D C 54
LE TENDE Prosecco DOCTreviso 9 8,50 D C C 54
BORTOMIOL Prosecco DOCTreviso 10 n.d. D C C 52
VITICOLTORI PONTE Prosecco DOC 5 4,40 C C C 51
ALLINI Prosecco DOC2011 n.d. 3 C C C 49
BORGO FRARE Prosecco DOC n.d. 6,50 D C C 49
TOSO Prosecco DOC n.d. 4,30 C D C 48
VALDO Prosecco Treviso DOCEdizione Oro 7,20 6,90 D B C 48
MASCHIO Prosecco DOCTreviso n.d. 4,40 C A C 46
PROSECCOSPUMANTI PREZZI RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E

(
s
u
1
0
0
) MARCA e modello
E
n
o
t
e
c
h
e
S
u
p
e
r
m
e
r
c
a
t
i
E
t
ic
h
e
t
t
a
A
n
a
lis
i d
i
la
b
o
r
a
t
o
r
io
A
s
s
a
g
g
io
LA GIOIOSA Valdobbiadene DOCGCartizze Dry n.d. 13 D B B 73
BORTOLIN Valdobbiadene
Superiore Cartizze DOCGDry
16 n.d. D B B 73
COL VETORAZ Valdobbiadene DOCG
Superiore di Cartizze Dry 2011
20 20 D B B 69
MASCHIO Prosecco DOCTreviso Extra Dry n.d. 4,50 B C B 63
CANELLA Conegliano Valdobbiadene
Prosecco Superiore DOCGExtra Dry
n.d. 6 D C B 63
CARPEN MALVOLTI Conegliano Valdobbiadene
Prosecco Superiore DOCGExtra Dry
8,50 6,90 B C B 63
VALDO Valdobbiadene
Superiore di Cartizze DOCGDry
19 13 B C B 63
ROCCAT Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGCol Biancheta Extra Dry
12 11 D B B 62
ROCCA DEI FORTI Prosecco DOCBrut n.d. 3,70 C C B 60
SANTA MARGHERITA Prosecco DOCExtra Dry 6,60 4,80 C C B 59
GANCIA Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGCuve PlatinumExtra Dry
n.d. 7,20 D C B 59
LE FADE Conegliano Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGExtra Dry
n.d. 7,90 D C B 59
ANTICO DOGADO Conegliano Valdobbiadene
Prosecco Superiore DOCGExtra Dry
n.d. 7 C C B 58
NINO FRANCO Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGBrut
10,50 8,50 C C B 58
COL DEL SOL Valdobbiadene
Superiore di Cartizze DOCGDry
n.d. 16 D C B 58
VALDO Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGMarca Oro Extra Dry
n.d. 6,10 C C B 57
RUGGERI Valdobbiadene DOCG
Superiore di Cartizze Dry
21 13 D C B 57
LA CASTELLA Prosecco DOCTreviso Extra Dry n.d. 3,50 D D B 56
ZONIN Prosecco DOCBrut n.d. 4,80 C C B 56
CINZANO Prosecco DOCDry n.d. 4,90 B C B 56
CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE
Valdobbiadene Superiore di Cartizze DOCGDry
16 14 D C B 56
CORTE VIOLA Prosecco DOCExtra Dry n.d. 2,50 D C B 55
TOSTI Prosecco DOCExtra Dry 5,50 4,10 C C C 55
CASA SANTORSOLA Prosecco DOCExtra Dry n.d. 6 D D B 54
MARTINI Prosecco DOCSigillo Blu Extra Dry n.d. 6,90 B D B 54
VALDO Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGOro Puro Brut
9,50 7,90 D C B 54
LA GIOIOSA Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGExtra Dry
n.d. 6,30 D D B 53
MIONETTO Valdobbiadene DOCGProsecco
Superiore Extra Dry
9 7,80 B D B 53
CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE
Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCGExtra
Dry 2011
n.d. 7 C D B 52
ANERI Valdobbiadene Prosecco
Superiore DOCGBrut
n.d. 9 C C C 51
PISANI Valdobbiadene
Superiore di Cartizze DOCGDry
n.d. 11 D D C 45
VILLA JOLANDA Prosecco DOCExtra Dry 6,60 4,70 B D C 41
ASSAGGIO
Vista: colore piuttosto intenso,
alquanto frizzante. Olfatto: intensit
olfattiva piuttosto elevata con note
floreali e fruttate. Gusto/tatto:
abbastanza corposo, equilibrato,
frizzante. Percezioni retrolfattive:
ricchezza aromatica elevata,
persistente.
ASSAGGIO
Vista: colore di media intensit,
frizzante. Olfatto: intensit olfattiva
discreta con note floreali. Gusto/
tatto: corposo, abbastanza
equilibrato, frizzante. Percezioni
retrolfattive: ricchezza aromatica
alquanto elevata, persistente.
CONSUMO
entro 2013
CONSUMO
entro 2013
ANALISI
Grado alcolico (%vol.)
Zuccheri riduttori (g/l)
Acidit totale (g/l)
Acidit volatile (g/l)
SO2totale (mg/l)
11 /10,66
28,6
5,86
0,10
86
dry
A
A
B
+
+
+
+
+
+
dry
A
A
B
C
secco
A
A
C

secco
A
A
C
67
SOLIGO Valdobbiadene
DOCG
Solighetto Prosecco
5,60 euro in enoteca
ASSAGGIO
Vista: colore di media intensit,
frizzante. Olfatto: intensit olfattiva
discreta con note floreali e fruttate.
Gusto/tatto: piuttosto corposo,
abbastanza equilibrato, di media
acidit, frizzante. Percezioni
retrolfattive: ricchezza aromatica
discreta, piuttosto persistente.
CONSUMO
entro 2013
ANALISI
Grado alcolico (%vol.)
Zuccheri riduttori (g/l)
Acidit totale (g/l)
Acidit volatile (g/l)
SO2totale (mg/l)
11 /10,91
10.40
6.17
0.15
123
11/10.93
11.80
5.55
0.12
128
67
LA GIOIOSA
Valdobbiadene Prosecco
DOCG
6,30 euro al supermercato
ASSAGGIO
Vista: colore alquanto intenso con
riflessi oro, frizzante. Olfatto:
intensit olfattiva piuttosto elevata
con note fruttate. Gusto/tatto:
alquanto corposo, abbastanza
equilibrato, di media acidit,
piuttosto frizzante. Percezioni
retrolfattive: ricchezza aromatica
discreta, persistente.
CONSUMO
entro 2013
ANALISI
Grado alcolico (%vol.)
Zuccheri riduttori (g/l)
Acidit totale (g/l)
Acidit volatile (g/l)
SO2totale (mg/l)
ANALISI
Grado alcolico (%vol.)
Zuccheri riduttori (g/l)
Acidit totale (g/l)
Acidit volatile (g/l)
SO2totale (mg/l)
11/10,87
23,1
6,11
0,16
83
COME LEGGERE LATABELLA
Prezzi In euro a bottiglia;
n.d.: nondisponibileinque-
sto canale di vendita.
Etichetta Tutti i vini ripor-
tano le informazioni obbli-
gatorie. I voti negativi sono
stati dati a vini con scarse
osenzainformazioni facol-
tative, utili perunconsumo
pi consapevole.
Analisi laboratorio Sono
molte le analisi che hanno
concorsoaformarequesto
giudizio.
In laboratorio stata ve-
rificata la presenza di sol-
fiti e che il grado alcolico
fosse quello dichiarato.
stato accertato che il
tenore di zuccheri corri-
spondesseaquantoripor-
tato in etichetta.
Inoltre, nei frizzanti, sta-
toanalizzatoil rapportotra
anidride solforosa libera e
totale, cheoffreindicazio-
ni sullaqualitdellatecno-
logia usata.
AssaggioIl giudiziostato
datoda27giudici chehan-
novalutatoi vini inunasala
adatta (temperatura tra i
22ei 24C; umidittrail 50
e il 70%) e in bicchieri da
degustazione a norma Iso
della capacit di 230 ml. I
giudici non erano a cono-
scenzandellaprovenien-
za n del vitigno dei vini
proposti in assaggio. I vini
diannatepivecchieequel-
li di grado alcolico pi ele-
vatosonostati fatti assag-
giare per ultimi.
Migliore del Test:
ottiene i migliori risultati
nelle nostre prove
Miglior Acquisto:
buona qualit e il miglior
rapporto con il prezzo
Scelta Conveniente:
qualit accettabile, prezzo
molto vantaggioso
Ottimo
Buono
Accettabile
Mediocre
Pessimo
Qualit buona
Test
32 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
Dalla provetta al calice
In laboratorio abbiamo controllato anzitutto che la
gradazione alcolica corrispondesse a quella dichiara
ta dai produttori: promossi tutti i vini.
Idem, per l`analisi degli zuccheri: le deIinizioni pre
senti in etichetta (brut, extra dry, dry per gli spuman
ti, secco per i Irizzanti) corrispondono al quantitativo
di zuccheri rilevato in laboratorio.
Altro discorso si deve Iare per la presenza di anidride
solIorosa (un additivo usato nella produzione del
vino): tutti i campioni rispettano i limiti imposti dal
la legge, ma qualche sIorzo per ridurla potrebbe es
sere ancora utile in questo campo. Alcune bottiglie
del test hanno livelli di solIorosa davvero contenuti:
e la prova che e possibile produrre buoni vini con
quantitativi ben al di sotto dei valori ammessi dalla
legge.
L che dire della degustazione? Apprezzate dai giudici,
le bottiglie escono tutte a testa alta dall`analisi senso
riale. Segno, dunque, di una certa qualit, soprattut
to per gli spumanti.
Sorprendono per positivamente anche i vini Irizzan
ti: le prime sette bottiglie nella nostra graduatoria non
superano i 6,30 euro. Un prezzo decisamente acces
sibile per concedersi, anche in tempo di crisi, un pic
colo lusso in bottiglia.
Le bottiglie da comprare, i prezzi migliori, i
consigli per scegliere, Altronconsumo ti
guida nel mondo del vino. E ti facilita la vita.
Non hai tempo di cercare nei negozi i vini
promossi dal test? Vai su www.vino.
altroconsumo.it e potrai ordinare una cassa
da 6 bottiglie di spumante Bortolin
Valdobbiadene Superiore Cartizze Docg,
risultato Migliore del Test: la riceverai a casa
a 69 euro (anzich 96 euro), spedizione
inclusa.Solo a novembre e fino a
esaurimento.

Non solo prosecco. Sul nostro sito puoi
confrontare anche i vini bianchi e i vini rossi.
Cos sar pi facile scegliere. E risparmiare.
Vuoi saperne di pi? La Guida Vini 2013
mette alla prova 302 bottiglie, con schede
tecniche, informazioni e curiosit.
Vino, il meglio per te
www.altroconsumo.it/vini
COME, DOVE E QUANDO: I CONSIGLI PER BERLO BENE
Coppa o calice? Con laperitivo o con il dessert? Ecco un piccolo vademecum per gustare il prosecco nel migliore dei modi: dal
bicchiere adatto, alla temperatura giusta per servirlo, fino allabbinamento ideale a tavola.
CONSERVALI BENE
Al buio e in un luogo fresco (tra i 10 e
i 15C) e asciutto (umidit al 70%):
ecco come si devono conservare i
prosecchi. Perch il gusto non ne
risenta, una volta stappati, beveteli
in tempi brevi (uno/due giorni).
LEGGETE LETICHETTA
Leggete sempre letichetta. Oltre
alle informazioni obbligatorie, potete
trovare indicazioni sul produttore o
su come servire il vino al meglio e
con quale cibo accostarlo.
SEMPRE FRESCHI
Questi vini vanno serviti freschi:
meglio tra i 5 e i 10C. A tavola potete
anche riporli nel classico secchiello
con il ghiaccio. Non sono adatti
allinvecchiamento, quindi, meglio
berli giovani.
OCCHIO AL TAPPO
Quando stappate un prosecco o uno
spumante, non dirigete mai la
bottiglia verso gli altri. Fate
attenzione poi a non scuoterla prima
di aprirla: lalta pressione
aumenterebbe notevolmente.
ABBINARLI CON GUSTO
Mai con il dolce, questa
la regola principale. Per
apprezzarli in pieno vanno
bevuti come aperitivo o
accostati a cibi leggeri,
come antipasti e primi
piatti a base di pesce e
crostacei.
IL BICCHIERE GIUSTO
Gli spumanti secchi vanno serviti in
un calice a tulipano piuttosto ampio
oppure nella classica flute: la sua
forma allungata permette alle
bollicine di risalire verso lalto in
modo uniforme e continuo.
T
r
o
v
i

l
e

c
o
n
d
i
z
i
o
n
i

d
e
l
l


e
r
t
a

a

p
a
g
i
n
a

5
5
.

CON LA GUIDA GIUSTA
TUTTO PI FACILE.
Anche questo mese presentiamo tre delle nostre Guide Pratiche.
Trovi tutti i dettagli a pagina 43 insieme alle indicazioni per ricevere quella che preferisci.
Richiedila subito, un regalo di Altroconsumo.
Vai a pagina 43 e scegli
quella che preferisci.
VOLUME 2

SCEGLI LA
GUIDA PER TE!
COME LEGGERE
LATABELLA
Migliore del Test:
ottiene i migliori risultati
nelle nostre prove
Miglior Acquisto:
buona qualit e il miglior
rapporto con il prezzo
Scelta Conveniente:
qualit accettabile, prezzo
molto vantaggioso
Ottimo
Buono
Accettabile
Mediocre
Pessimo
Qualit buona
IL NOSTROTEST
Le caldaie a condensazione sfruttano di pi
il calore, ma non sempre sono pi convenienti.
a stagione fredda alle porte e il riscal-
damento torna a essere una delle prin-
cipali preoccupazioni domestiche.
Ogni casa ha le sue caratteristiche, ogni
famiglia i suoi bisogni, a cui pu adat-
tarsi un tipo di caldaia, con funzionamento, prezzo e
consumi specifici.
E allora, qual il modo migliore di scaldare ambien-
ti e acqua? Quello che ci assicura la minore dispersio-
ne di energia, ma che rappresenta anche la soluzione
pi adatta alle nostre esigenze?
Guadagna calore con la condensazione
Le caldaie a condensazione sono il prodotto pi evo-
luto, che consente di ottimizzare al meglio i consumi:
al contrario delle tradizionali, infatti, permettono di
recuperare e sfruttare anche il calore dei fumi pro-
dotti dalla combustione (di metano, gpl o gasolio) e
del vapore acqueo che i fumi contengono (leggete in
che modo nel box I modelli che ci aiutano a rispar-
miare calore a pagina 36). Questo consente dunque
di sfruttare una risorsa di calore in pi, che nelle cal-
daie tradizionali invece va dispersa e, di conseguen-
za, risparmiare sui consumi di combustibile. Dal pun-
to di vista dellefficienza le caldaie a condensazione
ottengono ottimi risultati in gran parte dei casi e in
tutte le differenti condizioni di utilizzo. La abbiamo
promosse anche per i consumi elettrici, bench siano
superiori a quelli delle caldaie tradizionali.
Per quanto riguarda le emissioni tutti gli apparecchi
si mantengono sotto i limiti stabiliti dalla legge: il giu-
dizio solo sufficiente di Junkers legato a risultati
inferiori agli altri nelle emissioni di CO. Siamo stati
pi severi della legge, perch si tratta di uno dei gas
pi pericolosi per la salute umana, sintomo, inoltre,
di una combustione non eccellente.
Costa, ma fa risparmiare
Il fatto di recuperare una quantit di calore superio-
re permette a chi ha una caldaia a condensazione un
risparmio nella bolletta del metano di circa 100 euro
allanno rispetto ai migliori modelli delle caldaie tra-
L
Caldo
su misura
Abbiamo messo alla prova sei caldaie a
condensazione, valutandone lefficienza
in ambienti dotati di soli termosifoni e in
diverse situazioni: per riscaldare una casa
fredda, per riscaldare una casa gi tiepida,
in condizioni invernali (quindi sia per il
riscaldamento della casa sia per lacqua
calda) e, infine, nel caso dellutilizzo estivo
(solo per lacqua calda).
EMISSIONI PERICOLOSE
Per verificare bont della combustione e
sicurezza, ci siamo concentrati anche
sulle emissioni di alcuni gas: CO
2
(anidride
carbonica), CO(monossido di carbonio),
molto pericoloso perch pu portare
rapidamente alla morte senza essere
percepito e NO
x
(ossidi di azoto).
74
73
RIELLO
Residence
Condens
3.000-3.630 euro
Il prezzo alto, ma il
consumo di energia
tra i pi bassi.
BAXI
Luna Duo-Tec
2.000-2.900 euro
Efficienza ottima,
con un prezzo
pi abbordabile.
La nostra scelta
Caldaie a condensazione Consumo annuale Costo
del solometanoedener-
gia elettrica, ipotizzando
di doverriscaldarecasae
acquainunappartamen-
todi 90m2 nel NordItalia.
Con ammortamento (15
anni) Includesiail consu-
mosia il prezzodi acqui-
sto spalmato su 15 anni
(durata medi a di una
caldaia).
Al massimocaricoIpotiz-
zandosoloil riscaldamen-
to di una casa con tutti i
termosifoni freddi.
Al 30%del carico Ipotiz-
zandosoloil riscaldamen-
to di una casa gi in te-
pore.
Consumo elettrico Ab-
bi amo consi derato l e
pompedi circolazioneeil
ventilatoreperi fumi, che
incidono molto sui con-
sumi globali.
dizionali, come la Beretta di cui vi parliamo a pagina
36. Non male, soprattutto se si tiene conto del fatto
che il prezzo di acquisto delle caldaie a condensazio-
ne un po sceso negli ultimi tempi (in cinque anni
calato di circa 500 euro).
Certo, rispetto alle tradizionali continuano a costare
molto di pi, spesso oltre il doppio, un costo che solo
in alcuni casi possibile ammortizzare bene nel tem-
po grazie, appunto, ai risparmi sui consumi energe-
tici. In altri casi, probabilmente, ci si pu acconten-
tare di una caldaia vecchio stile (vedi anche larticolo
pubblicato su AC 263, ottobre 2012).
Adatta a case grandi e ben isolate
In quali casi una caldaia a condensazione conviene
pi di una tradizionale?
Questi apparecchi hanno le prestazioni migliori a tem-
perature basse, quindi quando i termosifoni sono re-
golati in modo da non essere troppo caldi; compor-
tamento possibile se, ad esempio, la vostra casa
adeguatamente isolata per non disperdere calore. Uno
dei metodi quello dei pannelli radianti, che si tro-
vano dietro le pareti o il pavimento e sfruttano il ca-
lore attraverso un apposito reticolo di tubi. Una casa
cos attrezzata, ad esempio, sarebbe la situazione ot-
timale per questo tipo di caldaie, ma sicuramente non
questa la situazione pi diffusa (per questo, nel no-
stro test, abbiamo misurato le caldaie in ambienti
dotati soltanto dei comuni radiatori).
I risparmi di metano, rispetto alluso di caldaie tradi-
zionali, ci sono sempre, ma, se la casa piccola e ha
solo i radiatori, va bene anche usarne una tradizio-
nale, che costa molto meno.
Una caldaia tradizionale pu essere preferibile anche
in abitazioni spesso vuote durante il giorno, in cui la
caldaia spenta per molte ore: tra laltro il pavimen-
to radiante ha bisogno di un po di tempo per entrare
in temperatura.
In conclusione: una caldaia a condensazione lide-
ale per una casa grande, con pavimento radiante, in
clima freddo e ben isolata. In questo caso il risparmio
durante luso ripagher ampiamente il prezzo.
CALDAIE ACONDENSAZIONE PREZZI E CARATTERISTICHE RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E
(
s
u
1
0
0
)
MARCA e modello
Costo in euro
C
o
m
f
o
r
t
c
o
n
a
c
q
u
a
c
a
ld
a
I
n
e
u
r
o
m
in
-
m
a
x

(
lu
g
lio
2
0
1
2
)
C
o
n
s
u
m
o
a
n
n
u
a
le
C
o
n
a
m
m
o
r
t
a
m
e
n
t
o

(
1
5
a
n
n
i)
D
im
e
n
s
io
n
i in
c
m

h
x
l x
p
P
o
t
e
n
z
a
n
o
m
in
a
le

d
ic
h
ia
r
a
t
a
(
k
W
)


A
l m
a
s
s
im
o
c
a
r
ic
o


A
l 3
0
%
d
e
l c
a
r
ic
o


R
is
c
a
ld
a
m
e
n
t
o
e
a
c
q
u
a
c
a
ld
a


S
o
lo
a
c
q
u
a
c
a
ld
a
T
o
t
a
le
e
f
f
ic
ie
n
z
a
C
o
n
s
u
m
o
e
le
t
t
r
ic
o
E
m
is
s
io
n
i
R
u
m
o
r
e
RIELLO Residence Condens 3.000-3.630 917 1.138 78x40x36 25 B A B A A B C B B 74
BAXI Luna Duo-Tec 2.000-2.900 908 1.071 76x45x36 24,7 C A B A A B C B B 73
FERROLI Econcept Tech 25C 1.800-2.178 945 1.078 70x40x33 24,6 A A C A A B C B B 71
IMMERGAS Victrix 26KW 1.700-2.130 1.038 1.166 80x44x25 26 A A C A B C C B C 67
BERETTA Eclusive Green he 25CSI 2.500-3.073 1.020 1.206 78x45x37 25 B B C A B B C B C 65
JUNKERS Cerapur Smart 1.700-2.093 974 1.101 84x40x38 24 B C B C C B C C C 61
Test
34 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 35
ECCO COME CI AIUTANO A RISPARMIARE CALORE
MA TRADIZIONALE COSTA MENO
Le caldaie tradizionali hanno prezzi inferiori
rispetto a quelle a condensazione, ma si
spende di pi per lenergia.
Abbiamo provato anche una caldaia
tradizionale: la Beretta (Mynute J 24 C.S.I.) che
vedete qui a fianco. Superate tutte le prove:
lefficienza totale, calcolata come per le
caldaie a condensazione, per il tipo di modello
ottima. Da notare il prezzo, che va dai 720 ai
780 euro, meno della met del nostro Miglior
Acquisto a condensazione.
Ma attenzione: sempre rispetto a
questultimo, si arriva a spendere 119 euro in
pi allanno di metano (calcolato
sullappartamento di 90 m2 nel Nord Italia).
Ogni caldaia, nel suo funzionamento, disperde calore. Come e quanto?
Per facilitare la comprensione del disegno, in questo esempio abbiamo considerato come 100 tutto il
calore prodotto da un metro cubo di gas metano. Durante tutte le fasi di combustione le perdite di
calore sono sempre minori nelle caldaie a condensazione. In particolare, la condensazione dei fumi di
scarico realizzata dallo scambiatore di calore permette di recuperare lenergia altrimenti perduta.
Spese di installazione e manutenzione
Anche i costi di manutenzione per le caldaie a con-
densazione potrebbero essere pi alti. Per legge un
controllo si fa ogni due anni (salvo indicazioni locali
diverse). Il primo collaudo nella maggior parte dei
casi incluso nel prezzo. Alcuni produttori propon-
gono lestensione della garanzia e lassistenza pro-
grammata: un costo una tantum che varia tra 50 e 80
euro, pi un canone annuale intorno ai 100. Con ga-
ranzia fino ai cinque anni della caldaia, viene a co-
stare dai 500 ai 700 euro circa. A noi sembra un costo
troppo elevato: in cinque anni i controlli obbligatori
per legge sono soltanto uno o al massimo due e in
cinque anni di vita e in condizioni normali questo tipo
di caldaia non dovrebbe avere grossi problemi.
E non finita qui: servono canne fumarie adeguate
e tubazioni per scaricare la condensa; linstallazione
comporter inoltre lavori in casa e, se vivete in un
condominio, dovrete verificare lesistenza di possibi-
li limiti legati al tipo di canna fumaria.
Test
36 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
82%
Calore realmente
sfruttato
93%
Calore realmente
sfruttato
10%
Perdita sotto forma
di vapore acqueo
3,5%
Perdita sotto forma
di vapore acqueo
5%
Perdita sotto
forma di fumi
2%
Perdita sotto
forma di fumi
3%
Perdita
durante la
combustione
1,5%
Perdita
durante la
combustione
Caldaia tradizionale Caldaia a condensazione
Recupero
calore
Fumi a 85C
Fumi a 85C
Fumi a 40C
www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 37
Test
Con i modelli del test una teglia di lasagne congelate arriva ben
cotta in tavola in poco tempo. Due bocciati per la sicurezza.
un prezioso alleato di chi torna a casa
tardi, e vuole mangiare nel giro di pochi
minuti, grazie anche a un Ireezer colmo
di surgelati. Non solo per: e anche un
elettrodomestico in grado di soddisIare
raIIinate esigenze culinarie, grazie al Iatto che alcuni
modelli recenti oIIrono tecniche di cottura combina
te (non solo microonde, ma anche grill o con aria cal
da ventilata), che li rendono molto simili a un Iorno
tradizionale. Il nostro Miglior Acquisto e un modello
base, che costa 280 euro in meno del modello arriva
to ultimo, da non comprare per problemi di sicurezza.
Se volete un Iorno con grill, potete scegliere il Miglio
re del Test.
Qualit e sicurezza
Un trancio di salmone si cuoce in dieci minuti, un
pesce da un chilo in I520 minuti: la velocit e il van
taggio principale del Iorno a microonde. Ma questo
non basta, la qualit delle pietanze cucinate e altret

Onde in cucina
I 18 modelli di forno a microonde (con e senza
grill e combinati con aria calda ventilata) sono
stati sottoposti a una serie di prove per
valutarne efficacia di scongelamento,
riscaldamento e cottura.
Senza dimenticare il rumore, i consumi e la
sicurezza.
NON SEMPRE SICURI
La prova di sicurezza termica molto
importante: abbiamo verificato la temperatura di
manopole e maniglie, dello sportello frontale e
delle pareti esterne, dopo aver fatto funzionare,
alla massima temperatura, il grill per 30 minuti e
laria calda per 60 minuti. Due modelli sono stati
bocciati.
IL NOSTRO TEST
RISPARM
I
2
8
0

La nostra scelta Forni a microonde


70
68
CANDY CMG 25 DCS
129 - 189 euro
Buone prestazioni nella funzione grill. C il piatto crisp, utile
per una cottura uniforme. Punto a sfavore: consumi elevati.
CANDY CMW20 DS
79 - 109 euro
La scelta migliore per chi si accontenta delle funzioni base,
senza grill. Cuoce bene, in modo uniforme, e consuma poco.
diIettose o sporche e che il dispositivo di chiusura e
le cerniere dello sportello non siano danneggiati.
Non usate contenitori di metallo ne piatti di cerami
ca con decorazioni in metallo, via libera a pyreV, por
cellana, vetro. Il metallo riIlette quasi interamente le
microonde, non lasciandole penetrare nei cibi, e pu
provocare scintille che danneggiano l`apparecchio.
Non usate la carta di alluminio, o stagnola, perche
pu provocare problemi sia al Iorno sia alle pietanze.
Utilizzate i recipienti di carta e di plastica per riscal
dare i cibi o per cotture brevi solo a basse tempera
ture.
Non cuocete in contenitori a chiusura ermetica, per
che possono scoppiare. Vale anche per cibi con il gu
scio: ad esempio l'uovo sodo va cucinato solo in modo
convenzionale. Gli alimenti con la pelle o la buccia
(tipo salsiccia, pomodoro) vanno prima punzecchiati
o pelati per evitare che scoppino.
FORNI AMICROONDE PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E
(
s
u
1
0
0
)
MARCA e modello
I
n
e
u
r
o
m
in
-
m
a
V
(
s
e
t
t
e
m
b
r
e
2
0
1
2
)
D
im
e
n
s
io
n
i in
m
m
(
h
V
l V
p
)
D
ia
m
e
t
r
o
m
a
s
s
im
o

s
f
r
u
t
t
a
b
ile
(
m
m
)
G
r
ill
C
o
t
t
u
r
a
a
d
a
r
ia
v
e
n
t
ila
t
a
(
t
ip
o

f
o
r
n
o
t
r
a
d
iz
io
n
a
le
)
P
ia
t
t
o
c
r
is
p
S
is
t
e
m
a
s
ic
u
r
e
z
z
a
b
a
m
b
in
i
U
n
if
o
r
m
it

d
i r
is
c
a
ld
a
m
e
n
t
o
S
c
o
n
g
e
la
m
e
n
t
o
e
c
o
t
t
u
r
a
C
o
t
t
u
r
a
c
o
n
g
r
ill
F
a
c
ilit

d
i u
t
iliz
z
o

L
ib
r
e
t
t
o
d
i is
t
r
u
z
io
n
i
R
u
m
o
r
e
S
ic
u
r
e
z
z
a
t
e
r
m
ic
a
C
o
n
s
u
m
o
e
n
e
r
g
ia
CANDY CMG25DCS 129-189 292V513V368 327 V V V A B B B B B A C 70
WHIRLPOOL
MaV36SL
109- 199 361V392V354 285 V V V A B C B C C A B 69
CANDY CMW20DS 79- 109 290V465V335 280 V B B B B C A B 68
WHIRLPOOL
MaV30WH
109- 200 360V392V354 285 B B C B C A A 66
WHIRLPOOL
MWD 240 WH
169- 199 284V457V331 285 V B B B C C A C 66
PANASONIC
NN-E201WMEPG
80 258V444V329 276 B B C B B A B 63
SEE YOUCU035 47 262V459V318 294 A A D C C A B 63
CAT CU035 89- 99 262V459V318 294 A A D C C A B 63
WHIRLPOOL
VT 265SL
179- 240 300V520V437 325 V V V A B C C B C A B 63
SAMSUNG E107FT-S 189 - 269 310V522V436 333 V V V V D B B B B C A B 62
SAMSUNG CE107F-S 159- 239 310V522V436 333 V V V D B B B B C A B 62
SEVERIN MW7858 95- 99 259V442V329 276 B B C C C A B 60
DPE 0284Urano 51 - 75 262V457V345 294 B C C C B A B 60
SELECLINE
MMW50P
45 261V458V330 295 A C D B C A B 60
CARREFOUR
HOME HMG-23
79- 90 292V485V377 305 V V C B C C C B A B 58
CLATRONIC
MWG771
79 257V441V316 276 B B C B C A B 57
DE' LONGHI MW200 69- 100 261V458V335 295 V B B B C B C D B x
PANASONIC
NN-CD560MEPG
259-359 305V520V391 352 V V V V B B C B B D D B x
COME LEGGERE LATABELLA
Piatto crisp un piatto che si
scalda allinterno del forno e
in questo modo cuoce il cibo
anche da sotto, rendendolo
pi croccante.
Sistema sicurezza bambini
Serve a evitare che i bambini
aprano il forno a microonde,
magari inserendooggetti che
lo danneggiano. Purtroppo
presente in pochi modelli.
Uniformit di riscaldamento
Abbiamovalutatosialacapa-
citdi ogni fornodi riscaldare
in modo uniforme una consi-
stente quantit di cibo, sia di
riscaldare cibi diversi inseriti
contemporaneamente. Ab-
biamo seguito le indicazioni
dei produttori sui tempi e le
temperature; se assenti, il
settaggio stato impostato
dai nostri tecnici. Nellenostre
prove, due modelli Samsung
non riescono a riscaldare in
modo uniforme.
ScongelamentoecotturaAb-
biamo tolto dal congelatore
unategliadi lasagneel'abbia-
mo scongelata e cotta nel
forno a microonde. La tem-
peratura stata misurata in
nove punti diversi.
Facilit duso Una giuria di
esperti valutalafacilitdi uti-
lizzare il forno a microonde ,
inserire i piatti, selezionare i
programmi, controllarelacot-
tura e pulire il forno.
Rumore Un gruppo di nostri
tecnici ha misurato il rumore
dei forni durante il funziona-
mento. Un gruppo di esperti
havalutatoquantofastidio-
so. In funzione, in effetti, si
sentono.
Sicurezza termica Abbiamo
misurato le temperature su-
perficiali allesternodel forno
dopo lutilizzo, secondo la
norma sulla sicurezza termi-
caEN60335eISO13732-1per
verificare se alcune parti si
scaldanoal puntodadiventa-
repericolose. Duemodelli non
superanolaprova: losportel-
lo frontale e la parete supe-
riore si scaldano troppo.
Migliore del Test:
ottiene i migliori risultati
nelle nostre prove
Miglior Acquisto:
buona qualit e il miglior
rapporto con il prezzo
Scelta Conveniente:
qualit accettabile, prezzo
molto vantaggioso
Ottimo
Buono
Accettabile
Mediocre
Pessimo
Bocciato
Qualit buona
Modelli pericolosi
Problemi di sicurezza termica per le parti
esternedi De' Longhi MW200ePanasonic
NN-CD560MEPG: si surriscaldano, diven-
tandopericolose. Lanormativasullasicurezzater-
mica ISO13732-1 non vincolante per i produttori.
Addirittura in alcuni casi (ad esempio per i modelli
combinati), la legge oggi permette ai produttori di
raddoppiare i limiti di temperatura, limitandosi a
informare il consumatore del pericolo di alte tem-
perature nelle parti esterne. Anche se due model-
li sonoquindi anormadi legge, per noi sonoda non
comprare.
BOCCIATI
DE'LONGHI MW 200
PANASONIC NN-CD560MEPG
tanto importante: e necessario quindi che il cibo sia
cotto, riscaldato o scongelato in modo uniIorme. Tra
i Iorni del test solo due modelli non hanno cotto in
maniera omogenea, un diIetto importante non sol
tanto perche la pietanza un po' calda e un po' Iredda
e sgradita al palato, ma anche perche l'alta tempera
tura consente di distruggere i batteri. In Iatto di sicu
rezza elettrica, rispetto al test di un anno Ia, le cose
sono migliorate, mentre non possiamo dire la stessa
cosa per la sicurezza termica: due modelli si riscalda
no troppo nelle superIici esterne e per questo sono
stati bocciati, pur essendo a norma di legge.
Importanti consigli per luso
I risultati e la sicurezza dipendono anche da come
utilizzate i Iorni.
Per la sicurezza, eviterete la Iuga di radiazioni, con
trollando che le guarnizioni delle sportello non siano
Test
38 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 39
Inchiesta
40 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 41 www.altroconsumo.it
Realizzati con minor materiale, i forni avrebbero il 40%
in meno di impatto ambientale. Una scelta pi verde.
Forni
li vogliamo pi ecologici
LANOSTRAINCHIESTA
Lo scopo della nostra inchiesta
verificare limpatto ambientale dei forni
a microonde di tre diverse tipologie:
base, con grill e combinati. Abbiamo
portato in laboratorio i 30 modelli dei
marchi pi diffusi.
RADIOGRAFIA DI UN FENOMENO
Non si tratta di una guida allacquisto
verde, quindi non troverete valutazioni
sui singoli produttori. Diamo un quadro
generale della situazione.
DALLA PRODUZIONE ALLO
SMALTIMENTO
Produzione, consumi e smaltimento:
abbiamo valutato la compatibilit
ambientale di diverse fasi del ciclo
di vita del forno a microonde.
Guarda il video con le prove di laboratorio
che abbiamo fatto per verificare limpatto
ambientale dei forni a microonde.
www.altroconsumo.it/forni-a-
microonde
Q
uantit minima di materiali,
soprattutto di quelli pi
pesanti, che nel caso dei
Iorni a microonde sono il
magnetron (che genera le
microonde), il trasIormatore e il vetro.
questa la strada che i produttori devono
percorrere se vogliono costruire
apparecchi in sintonia con l`ambiente,
perche la produzione provoca il 90%
dell`impatto ambientale, come si vede
bene nel riquadro qui a Iianco.
Buone notizie dalla chimica
Cucinare con il Iorno a microonde e una
scelta ecosostenibile: si consuma meno
rispetto ad altre Ionti energetiche e
l`apparecchio si pu riciclare quasi in ogni
sua parte.
Nella nostra inchiesta, le notizie migliori
arrivano dalle analisi chimiche: non
abbiamo trovato quantit eccessive di
sostanze pericolose come ritardanti di
Iiamma bromurati o metalli pesanti.
Questo signiIica che i Iorni a microonde da
noi analizzati non sono eccessivamente
inquinanti e si possono Iacilmente
riciclare perche poco contaminati.
Lo smaltimento e il riciclo non creano
particolari problemi. Un nostro tecnico ci
ha messo in media 20 minuti a smontare
un Iorno a microonde, ci signiIica che e
un`operazione abbastanza semplice. Una
volta smontato, l`apparecchio si pu
riciclare: metalli, plastica, vetro e
componenti elettronici possono trovare
nuova vita. Tutto questo pu succedere
La produzione la fase pi inquinante
Per i forni a microonde come per i telefonini la fase di produzione quella che incide
di pi sullimpatto ambientale. Il forno meno pesa, pi verde.
%fine vita
I forni a microonde sono tutti pi o meno
uguali per quantit e qualit dei materiali
utilizzati per la produzione. Il magnetron
e il trasformatore (la parte pi
inquinante) rappresentano da soli l80%
del peso dei componenti elettronici ed
elettrici. ll metallo, ben presente,
facile da riciclare. Il piatto e lo sportello
sono in vetro: solo un forno ha lo
sportello in plastica, pi leggera del
vetro. ll consumo di energia elettrica,
ipotizzando un uso quotidiano di circa
20 minuti, incide poco sullambiente.
Molto ecologico risultato lo
smaltimento dei forni a microonde: si
pu davvero smontare e riciclare quasi
tutto (ecco perch la percentuale
negativa).
%consumo elettrico %trasporto %produzione
FATTI A PEZZI
Abbiamo preso in considerazione diversi aspetti: i materiali usati nella produzione, il
consumo di energia, la produzione di rifiuti e il loro smaltimento e riciclaggio.
Imballaggio
Gli esperti del laboratorio
hanno aperto tutte le
confezioni valutando il peso
dellimballaggio rispetto al
volume dellapparecchio;
hanno pesato anche i manuali.
Consumi
Esistono due tipi di resistenze:
tradizionali e a tubi alternativi.
Il secondo tipo pi nuovo e
permette una migliore
efficienza energetica, quindi
minori consumi.
Smontaggio dei componenti
Abbiamo smontato i forni a
microonde, evitando di rompere
le singole parti (se possibile).
Pi sono facili da separare,
maggiore la possibilit di
riciclare.
Analisi delle sostanze chimiche
Abbiamo sciolto il materiale,
dopo averlo triturato, in un
apposito solvente e abbiamo
analizzato la composizione
chimica per rilevare la presenza
di sostanze nocive.
solo se porterete il Iorno a Iine vita in una
piazzola ecologica o in un negozio, dove
hanno l`obbligo di ritirare quello vecchio
se ne acquistate uno nuovo.
Il consumo di energia si potrebbe
ridurre. Ad esempio alcuni modelli
restano sempre accesi in standby a causa
del display o dell`orologio. Meglio i Iorni
che si possono spegnere completamente.
Per quanto riguarda l`imballaggio, non
abbiamo da segnalare sprechi di
materiale. Tuttavia si pu Iare di pi, ad
esempio evitando i numerosi sacchetti,
sostituendo il polistirolo che avvolge il
piatto in vetro con la carta, pi Iacile da
riciclare. I microonde combinati superano
tutti per la quantit di materiali da
imballaggio a causa dei numerosi accessori
presenti. I produttori potrebbero
intervenire anche sul peso dei manuali: ne
abbiamo trovato uno che, rispetto al pi
leggero, pesa 37 volte di pi. La carta si
pu riciclare, ma per produrla ci vanno di
mezzo alberi, acqua ed energia.
-10
0
20 90
4%
Vetro
6%
Plastica
43%
Metallo
47%
Componenti
elettronici e circuiti
Scegli la tua guida gratuita fra:
APPROFONDIAMO
OGNI MESE
LE NECESSIT DI
OGNI GIORNO.

> Prezzo al pubblico 14,45
per te in regalo
> cod. G387
> 16x 23,5cm
> 192 pagine
IL MANUALE DELLE PULIZIE
Soluzioni pratiche, insolite ed e caci
per ottenere brillanti risultati.
Esistono macchie impossibili?
Quali sono i detersivi davvero
indispensabili? Sono utili gli spray
antipolvere? C un modo giusto
per pulire casa senza nuocere
allambiente?
> cod. G404
> 16x 23,5cm
> 192 pagine
> Prezzo al pubblico 14,45
per te in regalo
GUIDA ALLEREDIT
Come prendere le decisioni giuste
e organizzare le pratiche della
successione ereditaria.
Che cosa si intende per successione?
Si pu rinunciare a uneredit?
Il testamento ha contenuti
obbligatori? Come avviene
la divisione dei beni?
Scegli la guida che preferisci. un regalo di Altroconsumo.
Codice Socio
Cognome
Nome
La tua scelta
CODICE
I
N

R
E
G
A
L
O
Trovi le condizioni delloerta a pagina 55.
VA12110
OFFERTA VALIDA SINOAL 30 NOVEMBRE 2012.
Esami medici -Volume2 -G405 18,45Euro inregaloper te
Guidaalleredit-G404 14,45Euro inregaloper te
Il manualedellepulizie - G387 14,45Euro inregaloper te
18 45Euro
14 45Euro
14 45Euro
> cod. G405
> 16x 23,5cm
> 160pagine
> Prezzo al pubblico 18,45
per te in regalo
ESAMI MEDICI - VOLUME 2
Esami strumentali
Conoscere le procedure da seguire,
le precauzioni da prendere prima
e dopo gli esami.
Come si eettuano gli esami in
endoscopia? Come funziona la
diagnostica per immagini?
Come comportarsi durante
lelettrocardiogramma delle 24 ore?
VOLUME 2

Oppure:
Chiama lo 02 6961506e comunica il tuo codice
Socio, la tua scelta e i codici di riferimento che trovi
sul tagliando qui di anco
Compila e rispedisci il tagliando qui di anco ad
Altroconsumo - Guide Pratiche - U cio Milano Isola
Casella Postale 10608- 20110Milano
OOp Op Op Oppu pu pu pure re re re:::
RICHIEDI ONLINE
LE TUE GUIDE IN REGALO.
LE RICEVERAI PRIMA.
altroconsumo.it/guidepratiche
Condizioni delloerta a pagina 55.
Ogni mese Altroconsumo
ti propone 3 delle sue Guide
Pratiche e ti invita a sceglierne
una in regalo.
Ricevere la guida che preferisci facile
e veloce. E con solo un piccolo contributo
di 1,95 ci consentirai di continuare a darti
tutta lesperienza di Altroconsumo per facilitarti
la vita di tutti i giorni.
SCEGLI
E RICHIEDI
VOLUME 2

www.altroconsumo.it/videocamere
STABILIZZATORE: UN SALTO DI QUALIT
Lo stabilizzatore di immagine non una vera novit nel mondo delle videocamere, tuttavia negli ultimi tempi questa
tecnologia, che fino a ieri stata utilizzata solo su modelli semi professionali, montata anche in alcuni modelli dal
prezzo pi contenuto (anche se non proprio a buon mercato).
Ci sono fondamentalmente due tipi di
stabilizzatori: ottici ed elettronici. Con il
primo tipo sono le lenti a spostarsi per
compensare i movimenti della mano; con il
secondo alcuni pixel vengono utilizzati per
seguire il soggetto in movimento (per
essere pi precisi, non il soggetto che si
muove, ma la videocamera che scuote
limmagine).
La stabilizzazione ottica dellimmagine
(OIS) si trova solo sui modelli di fascia alta
(in genere pi costosi e poco compatti) in
quanto richiede parti aggiuntive nel
gruppo ottico. Spesso possibile capire
chiaramente se un modello dotato di uno
stabilizzatore ottico perch possibile
sentire il movimento della lente scuotendo
la videocamera quando spenta. I nostri
test hanno dimostrato che lo
stabilizzatore ottico funziona bene in tutti i
modelli che lo hanno: di fatto lo
stabilizzatore ottico consente di non
degradare la qualit del girato n di ridurre
langolo di immagine (che risulta solo
leggermente ingrandita), a differenza
dellaltro tipo di stabilizzatore, quello
elettronico.
Lo stabilizzatore elettronico (o digitale)
dellimmagine (EIS) decisamente meno
costoso, tanto che si pu trovare anche su
modelli di videocamere base. Lo
stabilizzatore elettronico funziona grazie a
un accelerometro, un sensore ad alto
numero di pixel e un processore di
immagini digitali.
Ognuno di questi tre componenti ha ormai
costi contenuti e si pu trovare anche su
altri dispositivi (ad esempio gli
accelerometri si trovano anche su
smartphone, tablet e console di gioco);
ecco perch, combinando insieme tutte
queste parti, lEIS ha costi molto contenuti,
tanto che ne sono dotate anche
videocamere da meno di 150 euro.
Tuttavia i nostri test dimostrano che ci
sono grosse differenze da modello a
modello nelle prestazioni di questo tipo di
stabilizzatore.
Gi da tempo produttori come Sony, Panasonic, Canon e JVChanno
adottato sulle loro videocamere di alta gamma (professionali e non)
stabilizzatori ottici di grande qualit. Di fatto la lente in grado di
galleggiare allinterno del dispositivo mentre la videocamera si muove.
Un sistema ingegnoso che consente di registrare immagini pi stabili.
Il passo avanti stato quello di rendere lo stabilizzatore ottico pi
economico, tanto da poterlo montare anche su modelli destinati al
consumo. I modelli pi recenti, come ad esempio (vedi immagina a fianco)
la Sony HDR-PJ740 (1.400 - 1.500 euro), sono dotate addirittura di un
doppio sistema di stabilizzazione, quello ottico e quello elettronico;
utilizzando la combinazione di entrambi i sistemi (OIS+ EIS) possibile
ottenere immagini straordinariamente stabili.
Un risultato davvero sorprendente
Stabilizzatore ottico
La videocamera
Mentre la videocamera
si muove, lobiettivo
resta bilanciato.
Lobiettivo
Lintero obiettivo galleggia
allinterno della struttura della
videocamera.
Stabilizzatore elettronico
Limmagine
Per seguire meglio le vibrazioni
e compensarle viene catturata
solo una parte dellimmagine.
I pixel
Una parte dei pixel a
disposizione per la cattura delle
immagini viene sacrificata.
Riprese tridimensionali, modelli con gps e proiettori incorporati, o in grado di
connettersi via wifi alla tv. Queste le novit dal mondo delle videocamere.
vero: moltissima gente utilizza ormai il
proprio smartphone per fare riprese
video. Alcuni modelli hanno fotocame-
re e videocamere incorporate di tutto
rispetto e spesso la possibilit di ripren-
dere una scena e in pochi clic vederla pubblicata su
Facebook o su Youtube davvero una grande como-
dit. Tuttavia c chi preferisce dotarsi di una vera e
propria videocamera per immortalare i momenti im-
portanti della propria vita. Ed proprio per offrire le
stesse comodit di uno smartphone (ma con una qua-
lit dimmagine ben pi elevata) che i produttori di
videocamere da qualche anno stanno introducendo
una serie di novit tecnologiche su molti dei modelli
che si trovano sugli scaffali dei negozi.
Novit sotto la lente
Se si escludono sensori e ottiche, i produttori hanno
innanzi tutto puntato a rendere pi efficienti i sistemi
di stabilizzazione dellimmagine, abbassando i costi
delle dotazioni presenti solo sui modelli di alta gam-
ma e combinando assieme le diverse tecnologie pre-
senti sul mercato (vedi riquadro alla pagina a lato).

Aria nuova ai video


Tuttavia le vere novit introdotte in questi ultimi anni
riguardano principalmente la possibilit di registrare
immagini in 3D, geotaggare una ripresa, usare la
videocamera stessa come un videoproiettore e la pos-
sibilit di connetterla via wifi ad altri dispositivi come
ad esempio televisori, smartphone e tablet.
Nelle schede che seguono vi mostriamo una a una
queste novit, nel tentativo di aiutarvi a scoprire se
possono fare al caso vostro o se potete farne tranquil-
lamente a meno. Nel caso poi foste interessati a qual-
cuna di queste dotazioni, abbiamo deciso di facilitar-
vi la scelta per un eventuale acquisto, segnalandovi
il modello (con quella caratteristica) che meglio si
comportato nei nostri test comparativi.
Nessun modello
possiede tutte
le nuove opzioni
Se volete sapere tutto sul mondo delle videocamere
e vedere i risultati dei nostri test su decine di modelli,
potete visitate il nostro sito.
Guida
44 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 45
Alcuni nuovi modelli Sony possiedono un ricevitore Gps
incorporato. Di fatto funziona come il Gps montato sugli
smartphone e sui navigatori per auto: il ricevitore ricava le
informazioni dai vari satelliti in orbita intorno alla terra, calcola la
posizione della videocamera e la indica su una mappa.
COME VIENE MEMORIZZATALAPOSIZIONE
Se la ricezione avviene in maniera corretta, le coordinate della
posizione della videocamera vengono memorizzate
direttamente allinterno del file jpeg (se con la videocamera
avete soltanto scattato una foto) oppure sotto forma di
estensione del file video. Ovviamente per funzionare
correttamente il gps della videocamera deve essere messo
nelle stesse condizioni di uno smartphone o un navigatore,
ovvero occorre che vengano agganciati almeno tre satelliti. Al
chiuso o sotto gli alberi di un fitto bosco, ad esempio, davvero
difficile che ci avvenga.
UTILIZZARE LE FUNZIONI GPS
Per prima cosa il ricevitore gps deve essere abilitato (fate
attenzione che ad esempio il suo utilizzo in aereo proibito).
Ricordatevi che dopo essere stato disabilitato per un po di
tempo la videocamera richiede qualche minuto per riprendere la
posizione. Durante questo tempo s possibile fare riprese e
scattare foto, ma tenete conto che non verr abbinata una
geolocalizzazione, se prima non terminata con successo la
ricerca dei satelliti.
MEGLIOEVITARE RIPRESE BREVI
Lunico modo che ha lutente per essere sicuro di registrare
anche i dati gps quello (non molto comodo) di attivare il
ricevitore qualche minuto prima di fare le riprese e attendere
che la ricezione dei satelliti sia terminata. Anche spegnendo la
videocamera si perde il posizionamento gps; ecco perch
conviene tenerla accesa il pi possibile e soprattutto evitare di
filmare solo brevi scene: il rischio di terminare la registrazione
prima che il gps abbia acquisito informazioni dai satelliti e quindi
abbia geotaggato le vostre riprese.
Gi da un po hanno preso piede i televisori in grado di mostrare
immagini stereoscopiche, ovvero filmati tridimensionali da
vedere con gli appositi occhiali. Ecco perch alcuni produttori di
videocamere hanno pensato di mettere sul mercato modelli in
grado di registrare immagini direttamente in 3D.
DUE OBIETTIVI
Se fino a qualche me se fa erano in commercio modelli in cui
leffetto 3Dera artificiale, ovvero dato dalla rielaborazione delle
immagini registrate in 2Dda parte di un software interno, oggi
sono sopravvissuti solo modelli che ne hanno uno vero: si tratta
di dispositivi che riprendono due immagini distinte da due
differenti obiettivi messi luno accanto allaltro. Queste due lenti
possono essere integrate direttamente nella videocamera o
montabili separatamente su un modello 2Dpredisposto.
CONLENTI 3DINTEGRATE
Sul mercato ci sono alcuni modelli Jvc, Toshiba e Sony che
hanno lenti 3Dincorporate. Montano di fatto nello stesso
obiettivo due lenti separate: entrambe le lenti registrano allo
stesso momento, e leffetto 3Dviene creato combinando le due
registrazioni. In genere con questi modelli leffetto 3D molto
buono: la registrazione, la riproduzione in tre dimensioni, o il
passaggio da 2Da 3D molto semplice. Questo di gran lunga il
miglior sistema per registrare vere immagini video in 3D.
CONLENTI 3DSEPARATE
Panasonic ha optato, invece, per una soluzione diversa: svariati
suoi modelli sono predisposti al 3D: si tratta di modelli in 2Dsu
cui possibile montare le lenti 3DPanasonic VW-CLT 1 3Do le
pi nuove Panasonic VW-CLT2 3D(un corpo lenti formato
anche in questo caso da due obiettivi affiancati). La qualit 3Ddi
questi modelli dipende solo da quella della lente. Leffetto nel
complesso piatto, inferiore a quello dei modelli di cui abbiamo
parlato sopra. Ci sono anche problemi di maneggevolezza:
passare dal 2Dal 3Dnon agevole e ci vogliono diversi
passaggi per montare, calibrare e allineare le lenti 3Dsul corpo
della videocamera.
GEOLOCALIZZARE LE IMMAGINI LA REALT CATTURATA IN 3D
SONY HDR-TD20
1.600 - 1.700 euro
SONY HDR-TD20
1.600 - 1.700 euro
Qualit globale Qualit globale 76 76
Guida
46 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 47
Alcuni modelli di videocamere sono dotati della possibilit di
connettersi via wifi alla rete di casa o direttamente ad altri
dispositivi attraverso una connessione DLNA.
ACOSASERVE?
Una videocamera con il wifi consente svariate operazioni, come
vedere direttamente le immagini su una tv, mettere i filmati su
Facebook, scaricare i video sul pc o usare lo smartphone come
telecomando; tuttavia ogni famiglia di videocamere di una certa
marca consente di fare solo alcune di queste operazioni.
VIDEOCAMERE JVC
Le videocamere Jvc dotate di wifi sono nate per essere
collegate per lo pi a smartphone e tablet; in questo modo:
- lo smartphone pu comandare la videocamera (diventando
una sorta di telecomando);
- possibile vedere sullo schermo dello smartphone ci che
avviene davanti alla videocamera (videosorveglianza);
- possibile visualizzare sullo smartphone filmati presenti
allinterno della videocamera e trasferirli sullo smartphone;
- possibile aggiungere le coordinate gps rilevate dallo
smartphone ai filmati registrati dalla videocamera;
- possibile infine collegarle via wifi a un pc per trasferire i
filmati senza bisogno di cavi. Allo stesso modo si possono
inviare immagini e filmati al proprio indirizzo email.
VIDEOCAMERE CANONE SAMSUNG
Con i modelli Canon e Samsung, oltre che trasferire i filmati al
pc, possibile collegarsi a tutti gli altri dispositivi DLNApresenti
in casa. Questo particolare tipo di collegamento wifi molto
utile nel caso in cui il dispositivo ricevente (che deve essere
anchesso compatibile con il sistema DLNA) sia un televisore: in
questo modo possibile visualizzare tutto quello che abbiamo
registrato con la videocamera direttamente sullo schermo tv,
senza bisogno di utilizzare i cavi. Infine, con le videocamere
Samsung possibile inviare i filmati direttamente ai vari social
network, senza bisogno di collegare la videocamera ad altri
dispositivi come smartphone o computer.
I MILLE USI DEL WIFI
CANON Legria HF M52
700 - 760 euro
Qualit globale 67
Stufi di dover riguardare le immagini sul piccoloschermolcd della
videocamera? Alcuni modelli (tutti Sony) hannoun proiettore di
luce sul retrodelloschermolcd, che consente alla videocamera di
proiettare le immagini registrate su una parete osu un telo.
OSCURATE LASTANZA
Diciamo subito che purtroppo, in tutti questi modelli, la luce del
proiettore piuttosto limitata: per poter sfruttare questa
funzione bisognerebbe posizionare la videocamera non troppo
distante dalla parete: se la distanza superiore al metro
difficile godersi le immagini, a meno di oscurare la stanza.
IMMAGINE TROPPOPICCOLA
Non possibile, poi, ingrandire a piacere limmagine, a causa
della mancanza di uno zoom; limmagine proiettata quindi
piuttosto piccola (alla distanza di un metro sarebbe come
guardare una tv da 21 pollici). Allontanando la videocamera dal
muro le cose migliorano: a due metri i pollici della diagonale
salgono a 42, ma come dicevamo sopra, pi distante la
videocamera, minore la luminosit dellimmagine.
Per questa ragione, la funzione di videoproiezione rimane solo
unalternativa al piccolo schermo lcd della videocamera per dare
una rapida occhiata alle riprese; insomma, una visione piuttosto
ravvicinata (a causa della scarsa potenza della luce), destinata a
pochi spettatori (a causa delle ridotte dimensioni dello schermo)
e da vedersi esclusivamente in un luogo buio.
SCORDATEVI I DETTAGLI
Limmagine proiettata ha dettagli molto scarsi, paragonabili a
quelli di un televisore a tubo catodico: la definizione del filmato
HDviene infatti ridotta a un modesto 640x360. Pu aiutare la
messa a fuoco regolabile del proiettore (facile da gestire, ma
dalla scarsa precisione). Aconti fatti, rispetto ai precedenti
microproiettori (anche quelli montati sulle fotocamere digitali)
c stato sicuramente un progresso, ma decisamente troppo
piccolo per fare davvero la differenza. Questa funzione,
comunque, ci sembra molto interessante, per cui auspichiamo
venga migliorata, in particolare la luminosit e il dettaglio.
RIPRENDI E PROIETTA
SONY HDR-PJ740
1.400 - 1.500 euro
Qualit globale 75
COME LEGGERE
LATABELLA
Migliore del Test:
ottiene i migliori risultati
nelle nostre prove
Miglior Acquisto:
buona qualit e il miglior
rapporto con il prezzo
Scelta Conveniente:
qualit accettabile, prezzo
molto vantaggioso
Ottimo
Buono
Accettabile
Mediocre
Pessimo
Qualit buona
IL NOSTRO
TEST
utti gli hard disk testati hanno avuto
prestazioni soddisfacenti nelle nostre
prove e si somigliano per caratteristiche
e funzioni. Scegliete quindi il disco ri-
gido che pi vi piace. Noi vi suggeriamo
di acquistare quello che ha il miglior rapporto quali-
t/prezzo: il Touro mobile MX3 di Hitachi da 1.000
GB la nostra Scelta Conveniente.
Quale scegliere: 500 o 1.000 GB?
In questo test abbiamo analizzato le prestazioni di 33
modelli di hard disk. In generale, sono abbastanza
semplici da usare e piuttosto facili da trasportare,
anche grazie alle loro dimensioni ridotte.
Come si pu vedere dalla tabella, abbiamo scelto di
testarne 19 con una capienza di 1.000 GB (cio 1 Te-
rabyte) e 14 con una capienza da 500 GB. Questo per-
ch il mercato cambia rapidamente e i produttori oggi
puntano tutto sui modelli da 1.000 GB. Infatti, anche
se la capacit di raccolta dei dischi da 500 GB co-
munque enorme per la maggior parte degli utilizzi
comuni, e anche se gli hard disk da 1.000 GB sono in
generale pi costosi, se si archiviano moltissimi dati
T
conviene (esclusivamente per quel che riguarda il
prezzo, ma non per lutilizzo) acquistare un disco fis-
so da 1.000 GB invece che due da 500 GB. Per aiutar-
vi nella scelta, vi indichiamo il Migliore del Test e il
Miglior Acquisto per entrambe le categorie.
Tutti gli hard disk analizzati sono compatibili sia con
il Pc che con il Mac e sono gi formattati (cio pronti
alluso). Alcuni, per, al primo avvio danno la possi-
bilit di cambiare il tipo di formattazione. Perch la-
vorino al massimo delle loro prestazioni, infatti, sa-
rebbe meglio formattarli in modo differente a
seconda del sistema operativo. Se utilizzate Windows
scegliete la formattazione NTFS; per OSX preferite
quella HFS+. Se volete che il disco fisso funzioni bene
con entrambi i sistemi, vi consigliamo di dividere in
pi parti la memoria (in gergo tecnico fare una parti-
zione) con formattazioni diverse: FAT32 e NTFS per
il Pc; FAT32 e HFS+ per Mac.
Usb 3.0: porta di ultima generazione
Tutti gli hard disk testati si alimentano senza bisogno
della presa di corrente (per farli funzionare basta col-
legarli al pc) e sono dotati di porta usb 3.0, cio della
generazione successiva a quelli tradizionali (con por-
ta usb 2.0). Le prestazioni sono migliori, ma bisogna
fare attenzione: i dischi fissi con porta usb 3.0 fun-
zionano al massimo delle loro capacit solo se colle-
gati a un computer con lo stesso tipo di porta. Quindi,
se si sta per acquistare un pc con porta usb 3.0 con-
viene puntare sugli hard disk di ultima generazione;
se invece conserviamo il nostro vecchio computer
pu essere pi conveniente continuare a utilizzare il
vecchio disco fisso con porta usb 2.0.
Non sostituiscono il pc
Gli hard disk costituiscono una sorta di magazzino
esterno che pu contenere grandi quantit di file. La
loro funzione principale quella di liberare la memo-
ria del pc e salvare periodicamente i dati. Non devono
per mai essere lunico luogo in cui si memorizzano
le informazioni importanti. Un ultimo consiglio: per
lavorare, conviene copiare il file sul pc locale e, una
volta finito, trasferire di nuovo il documento sul disco
fisso esterno.
HARDDISK PREZZI CARATTERISTICHE RISULTATI
Q
U
A
L
I
T

G
L
O
B
A
L
E

(
s
u
1
0
0
)
MARCA e modello
I
n
e
u
r
o
m
in
-
m
a
x

(
s
e
t
t
e
m
b
r
e
2
0
1
2
)
D
im
e
n
s
io
n
i
in
m
m
(
l x
h
x
p
)

P
e
s
o
(
g
)
V
e
r
s
a
t
ilit

S
o
f
t
w
a
r
e
I
s
t
r
u
z
io
n
i
P
r
im
o
u
t
iliz
z
o
F
a
c
ilit

d
u
s
o
T
r
a
s
p
o
r
t
a
b
ilit

P
r
e
s
t
a
z
io
n
i
1.000GB
TOSHIBA Stor.e Canvio 100- 121 118x17x80 159 D C A B B B B 66
TOSHIBA Stor.e Edition 133- 158 117x14x80 175 D B A B A B B 66
FREECOM Mobile Drive XXS 112 - 125 110x14x80 154 D B A D B B B 66
BUFFALO MiniStation Plus 122 - 138 116x15x82 178 C E A C A B B 65
WD My Passport 106 - 140 112x15x83 155 D C A B B B B 65
LACIE Rikiki 123- 145 118x12x75 191 D D A D A B B 65
SEAGATE Backup Plus 97 - 138 125x12x82 171 D D A C A B B 64
VERBATIM StorenGo 53036 125- 155 128x20x80 168 D B A D A B C 60
BUFFALO MiniStation 120- 158 115x15x77 184 D E A C A B B 60
HITACHI Touro Mobile MX3 89- 92 127x16x81 159 D E A B B B B 60
VERBATIM StorenGo 53018 94- 136 128x20x80 168 D B A D A B C 60
TOSHIBA Stor.e Basics 80- 137 120x17x78 157 D E A B A B B 59
NILOX U3External SATAHDD 118- 124 128x16x83 187 D E A B A B B 59
PLATINUM MyDrive CP 81 - 117 128x15x82 164 D E E B A B B 59
WD Elements Portable 93- 130 112x19x77 207 D E A B B B B 58
IOMEGA eGo Portable Hard
Drive
161 - 193 124x21x87 194 D E A E A C B 55
LACIE P9220Porsche Design 125- 179 131x15x77 245 D D C D A D B 54
SEAGATE Expansion Portable 106- 139 150x24x80 291 D D A C B D B 51
TRANSCEND StoreJet 25H3 111 - 157 130x20x82 261 C D C D C B C 49
500GB
TOSHIBA Stor.e Edition 64- 94 117x15x80 171 D B A B B B B 67
FREECOM Mobile Drive XXS 65- 99 110x14x80 144 D B A D B B B 67
WD My Passport 68- 90 112x14x83 143 D C A B B B B 66
TOSHIBA Stor.e Canvio 63- 92 118x14x80 145 D C A B B B B 63
VERBATIM StorenGo for Macs 56- 76 131x20x80 175 D E A C A B B 61
TOSHIBA Stor.e Partner 62 - 101 119x12x83 148 D B A B B B C 61
WD Elements Portable 64- 90 112x20x77 155 D E A B B B B 59
SEAGATE FreeAgent GoFlex 60- 106 126x12x83 163 D D A C A B B 58
LACIE Rikiki 79- 115 118x12x75 179 D D A D A B B 58
HITACHI Touro Mobile MX3 67 - 76 127x16x81 158 D E A B B B B 57
LG HXD5 70- 106 125x13x85 161 D E A B B B B 57
SONY HD-EG5 73- 91 125x16x79 206 D D C C A B B 57
SEAGATE Expansion Portable 60- 104 145x15x76 180 D D A C B C B 53
ADATA CH11 64- 90 120x20x83 159 D E A C B B C 49
E uno per tutti.
Detto con altre parole:
scegliete pure lhard disk
che pi vi piace.
Tutti per uno
Tra tutti i test che
abbiamo eseguito,
abbiamo ripetuto
pi volte le tre prove
dedicate alla
valutazione della
velocit con cui
vengono trasferiti i
dati dallhard disk al
computer e dal pc ai
dispositivi portatili.
VELOCIT DI
TRASFERIMENTO
Per testare la
velocit di
trasferimento dei
dati abbiamo
utilizzato un
computer
estremamente
veloce. Questo ci ha
permesso di
ricondurre ogni
punto debole
eventualmente
riscontrato nelle
prove alla memoria
esterna e non alla
macchina con cui
abbiamo effettuato
i test. Abbiamo
quindi preso i tempi
di trasferimento dei
vari dati: file di
piccole e grandi
dimensioni.
SoftwareValutazionedel
programma in dotazione
per effettuare il backup
dei propri file. comunque
semprepossibile(espes-
so consigliabile) utilizza-
reunprogrammadiverso
daquelloindotazionecon
lharddisk. Vengonopre-
si inconsiderazioneanche
eventuali software for-
niti con lapparecchio.
Istruzioni Abbiano preso
in considerazione la pre-
senzaelaqualitdel ma-
nuale distruzione.
Primo utilizzo Si analiz-
zano le eventuali parti-
zioni (divisioneinpipar-
ti dellamemoria), il tipodi
formattazione(ciocome
stato preparato alluso
allapparecchio) elaqua-
lit del programma (se
presente)persvolgeretali
operazioni.
Facilit duso La valuta-
zionegeneraledellutiliz-
zo, invece, tiene conto
della lunghezza dei cavi,
del l a presenza di l ed,
dellaposizionedi utilizzo.
Trasportabilit Abbiamo
preso in considerazione
le dimensioni, il peso e la
forma del dispositivo.
Test
48 Altroconsumo 264 Novembe 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembe 2012 264 Altroconsumo 49
RISPARMI
93
67
TOSHIBA Stor.e Edition
64-94 euro
Buono il software di backup.
formattato NTFS.
COME RECUPERARE I DATI
C chi fruga nel cestino e chi, preso dallo sconforto, si rassegna alla perdita dei
file cancellati. Ma recuperarli possibile: con laiuto di un programma gratuito.
Anche se elimini un documento in
maniera permanente, tracce del file
rimangono nella parte di memoria
liberata, almeno fino a quando non
viene occupata di nuovo. Recuva un
programma gratuito (per Windows)
che permette di recuperare file
cancellati da dischi fissi, schede di
memoria, hard disk. Purch ancora
presenti nella sua memoria storica.
Si scarica dal sito di Piriform (piriform.
com/recuva/download), ma, per la
versione gratuita, scarica dal link
Download from Piriform.com. Avvia
quindi il file .exe e installa il software.
Attendi fino al completamento
delloperazione e poi procedi al
recupero dei dati. Per i dettagli consulta
i numeri di gennaio 2011 e luglio 2012 di
Hi Test, la nostra rivista di tecnologie.
La nostra scelta Hard disk
500 GB 1.000 GB
TOSHIBA Stor.e Canvio
100-121 euro
Buone prestazioni. Ha una
formattazione NTFS.
TOSHIBA Stor.e Edition
133-158 euro
Buon software di backup. Ha una
formattazione NTFS.
66 66
HITACHI Touro Mobile MX3
89-92 euro
Buone prestazioni a un prezzo
decisamente conveniente.
60
FREECOM Mobile Drive XXS
65-99 euro
Fornisce un buon software di
backup. formattato FAT32.
67
FREECOM Mobile Drive XXS
112-125 euro
formattato FAT32 e ha
un buon software di backup.
66
Test
50 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
Condividi le tue esperienze. Le tue domande, i nostri consigli
Viva voce
www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 51
l mio medico, anche ora che e
obbligatorio indicare sulla ricet-
ta il principio attivo invece del nome
del Iarmaco griIIato, continua a pre-
scrivermi Iarmaci di marca.
Il Iarmacista, in questo caso, e tenuto
comunque a suggerire il Iarmaco equi-
valente pi economico?
Dario M., Latina
Quando un obbligo di legge
S, il Iarmacista ha sempre l`obbligo di
Iarlo, a meno che il medico non abbia
speciIicato sulla ricetta che quel Iar-
maco non e sostituibile, motivando
sinteticamente la sua scelta, per esem-
pio per via di un`accertata intolleran-
za del paziente a un eccipiente.
Quanto al comportamento del medico,
senza conoscere ulteriori dettagli del
caso, non possiamo dire se abbia agi-
to correttamente o meno. InIatti, l`ob-
bligo di indicare il principio attivo
scatta solo se si veriIicano tutte insie-
me le seguenti condizioni: il Iarmaco
da prescrivere e mutuabile (ricetta
rossa), non e per una malattia cronica
oppure, se e per una malattia cronica,
I
Questioni di principio
RICETTA MEDICA
Il mio medico continua a prescrivermi farmaci di marca.
Posso in farmacia ritirare un medicinale equivalente meno caro?
e la prima volta che viene prescritto
al paziente, il principio attivo del Iar-
maco ha il brevetto scaduto (quindi
esiste sul mercato almeno un Iarmaco
equivalente). Chi per esempio ha il
diabete e segue gi una terapia, con-
tinuer a vedere sulla ricetta il nome
degli stessi Iarmaci di prima.
S, a meno
che non ci
sia scritto
che non
sostituibile
FANNO ECCEZIONE...
Lobbligo di indicare il principio
attivo viene meno se si tratta
di farmaci per terapie gi in
corso oppure per i farmaci su
ricetta bianca (pagati
interamente del cittadino) o
per quelli che non hanno un
corrispettivo generico.
bene ricordare che tutte le
volte che sulla ricetta manca
la clausola di non
sostituibilit, il cittadino
libero di scegliere lequivalente
meno caro (se esiste).
ABBONAMENTI
SEDE ASSOCIAZIONE
Telefono
02 69 61 520
Fax
02 66 89 02 88
Altroconsumo
via Valassina 22
20159 Milano
Giuridica
02 69 61 550
dal luned al venerd
h. 9/13 -14/18
Fiscale
02 69 61 570
dal luned al venerd
h. 14/17
Economica
02 69 61 580
dal marted al gioved
h. 9/12
Farmaci
02 69 61 555
dal luned al venerd
h. 9/13 -14/18
Miglior Acquisto
02 69 61 560
dal luned al venerd
h. 9/13 -14/18
Tarie Rc auto e moto
02 69 61 566
dal luned al venerd
h. 9/13 - 14/18
Tarie telefoniche
02 69 61 590
dal luned al venerd
h. 9/13 -14/18
www.altroconsumo.it/
contattaci
il canale attraverso il
quale chiedere informazioni
e consulenze online.
Se preferite chiamarci,
ecco quali numeri utilizzare.
Consulenze
52 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 53
FILO DIRETTO
Lacqua per i neonati
Nel test sulle acque minerali (AC
261, luglio-agosto 2012), lacqua
SantAnna (di entrambe le
sorgenti: Rebruant e Vinadio) si
posiziona agli ultimi posti della
classifica. Eppure tra quelle
consigliate dai pediatri per
lalimentazione dei neonati.
Sarebbe meglio di no?
A.T. - email

Alla luce dei risultati delle analisi,
noi non ci sentiamo di
consigliarla per i neonati. Nelle
acque minerali naturali
SantAnna, cos come nelle altre
che si trovano nella parte bassa
della nostra classifica, stata
riscontrata la presenza di metalli
pesanti. Tra questi stata
soprattutto quella di arsenico a
penalizzarle, anche se, si badi
bene, i valori riscontrati non
superavano i limiti massimi
ammessi dalla legge. I nostri
giudizi sono stati particolarmente
severi, proprio perch le acque
minerali naturali sono spesso
utilizzate nellalimentazione dei
bambini. Ai pi piccoli si adattano
acque con un contenuto di sali
minerali molto basso (residuo
fisso inferiore ai 50 mg/l) e di
nitrati inferiore a 10mg/l.
Caratteristiche, queste,
possedute da altre acque
minerali presenti nel nostro test.
ACQUISTO ONLINE
Il conto delle campanelle
pproIittando di una promozio
ne, ho acquistato sul sito animal
zoo.it sette conIezioni di campanelle
decorative per Natale, ciascuna con
tenente sei pezzi. Nel pacco che mi e
stato recapitato, se la matematica non
e un`opinione, ne avrei dovuto trova
re quarantadue (sei campanelle per
sette conIezioni), invece con mia gran
de sorpresa ne trovo soltanto sette.
stato inutile chiedere al sito di e
commerce di correggere l`errore: non
ho mai ricevuto alcuna risposta. Qua
le migliore occasione per chiedere ad
Altroconsumo di intervenire? L cos
ho Iatto. Solo grazie al vostro solleci
to, i responsabili del sito ci Ianno re
capitare le campanelle mancanti.
Grazie mille. Sono sicuro che senza
la vostra azione le cose sarebbero an
date diversamente. Continueremo a
raccomandarvi come i migliori. A vol
te si sente dire che le associazioni di
consumatori non Iunzionano. Noi
diciamo sempre: Altroconsumo e di
verso! L continueremo a dirlo con
maggior convincimento.
Marco Pratelli, Prato
A
S
BACHECA
facebook.com/altroconsumo
Elisa
Tommasi
Quando cerco di prenotare un
posto sul sito di Trenitalia, se
scelgo la tariffa smart o
smart2 non risultano posti
disponibili. Basta per
scegliere la tariffa piena per
moltiplicare i posti disponibili.
Ho fatto diverse prove, anche
a settimane di distanza luna
dallaltra, e la solfa sempre
la stessa: con le tariffe smart
niente posti, a prezzo pieno
invece s. Trenitalia
bravissima a promettere, ma
puntualmente delude i suoi
clienti.
Claudio
Trocchi
Sono socio di Altroconsumo
da molti anni. Vorrei
segnalare la pubblicit del
medicinale Moment: due
amiche si fermano davanti a
una farmacia e una entra ad
acquistare una confezione da
36 perch in famiglia la
usiamo tutti. Al che laltra
entra a sua volta e oltre alla
confezione da 36 acquista
anche quella da 6 che
pratica da portare . A parte il
fatto che un farmaco va
usato il meno possibile ed
inutile e dispendioso fare
delle scorte, anche illogico
acquistare oltre alla
confezione da 36 anche
quella da 6 per la comodit,
quando sufficiente (e
sicuramente anche pi
economico) utilizzare un
blister della confezione
grande.
IL DUBBIO
PERCH NON PAGARE
Anche questa volta abbiamo
segnalato la cosa allAntitrust,
vi terremo aggiornati. Nel
frattempo il nostro consiglio
sempre lo stesso: non pagare.
Achi riceve le intimazioni da
italia-programmi.org
consigliamo anche di mandare
una contestazione per iscritto
(anche via email), ignorando
ulteriori solleciti. Pagando, ci
sarebbe il pericolo di non
riuscire pi a recuperare il
proprio denaro per via della
dislocazione allestero della
societ coinvolta.
I SOPRUSI DI BARCLAYS
La mia odissea bancaria
PRATICHE SCORRETTE
Italia-programmi ci riprova
Cambia
dominio
e sede, dalle
Seychelles
a Cipro
he odissea spostare il mutuo da
Barclays in un`altra banca! Il
gruppo inglese mi ha ostacolato in tut
ti i modi. Prima ritardando i conteggi
che servono per la portabilit del mu
tuo, poi chiedendomi rate del mutuo
quando ormai il passaggio ad Ing Di
rect e gi stato Iormalizzato da un no
taio. Barclays mi Ia contattare da una
societ di recupero crediti, la Intrum
}ustizia di Milano, per chiedermi il
pagamento di un`ultima rata, che in
realt doveva essere la mia prima rata
con Ing Direct. Penso a una svista e
invio subito tutta la documentazione
sia alla Intrum sia alla Barclays. Bar
clays allora scopre le sue carte, dicen
do di non aver ricevuto da Ing Direct
il saldo del debito residuo e che l`estin
zione del mutuo concordata poteva
ritenersi nulla. Tutte cose non vere,
come la documentazione del notaio
poteva conIermare. Mi chiede intanto
altre tre rate scadute. Ricorro all`Ar
bitro bancario Iinanziario, che mi d
ragione, condannando Barclays a un
risarcimento di 925 euro.
Francesco Valentino, Ostuni (BR)
i moltiplicano le segnalazioni dei
soci sulle pratiche scorrette di
Italiaprogrammi, che e tornata in
azione. Fino a qualche mese Ia il suo
nome era Italiaprogrammi.net, oggi
e bastato cambiare dominio - in Italia
programmi.org - per tornare a Iare
quello che Iaceva prima. Ne avevamo
parlato gi altre volte su queste pagine,
segnalando la questione all`Antitrust,
che ha riconosciuto la scorrettezza
delle sue pratiche commerciali e ha
sanzionato con una multa di I,5 milio
ni di euro la societ titolare del sito
Lstesa Limited. Il giochino e semplice:
l`utente e portato a credere di poter
C
Anche tu hai problemi con
la banca? Contatta il nostro servizio
di consulenza giuridica.
02 69 61 550
luned -venerd h. 9-13 14-18
liberamente scaricare dal sito un pro
gramma gratuito, in realt sottoscrive
un abbonamento di durata biennale e
dell`importo annuale di 96 euro. L`Au
torit garante della concorrenza aveva
intimato alla societ la sospensione di
ogni attivit, in particolare quella dei
solleciti di pagamento nei conIronti di
migliaia di utenti. Tutti ignari di aver
sottoscritto un abbonamento: la gra
Iica del sito era studiata per raggiun
gere questo Iine. Oltre a cambiare do
minio, per continuare a ingannare i
consumatori in un modo del tutto si
mile al precedente, ha spostato la sede
legale dalle Seychelles a Cipro.
Se il lattice dei cuscini comincia a sfaldarsi
MAUROCANONACO, di Crema, ci scrive
perchhaundubbiosui cuscini di lattice:
Li stoutilizzandodaalcuni anni eho
notatochelasuperficieesternasi come
indurita. Quandocambiolefedereescono
scagliedi lattice. Hosentitodirechequesti
frammenti sonocancerogeni: vero?.
Niente paura. Il lattice un materiale
inerte e non considerato pericoloso. Al
lattice del cuscino potrebbero essere
state aggiunte, per, altre sostanze
chimiche, come i ritardanti di fiamma.
Tuttavia queste sostanze non fuoriescono
dal cuscino sotto forma di scaglie.
& Le scaglie che ha notato possono
dipendere dal fatto che il materiale ha
perso al sua consistenza e si stia sfaldando.
& Il cuscino da cambiare ogni due-tre
anni, massimo ogni cinque. Per evitare che
si trasformi in un ricettacolo di sporcizia e
di germi, consigliabile fargli prendere aria
ogni giorno e lavarlo regolarmente. Meglio
usare fodere in cotone.
CONTRO I RITARDI DELLA SURROGA
La legge prevede tempi certi per la surroga del
mutuo. E quando la banca ritarda, il cliente ha diritto
a un risarcimento (articolo 120 quater comma 7 del
dlgs 385 del 1993 - TUB). Fino a gennaio 2012
questo ritardo doveva essere superiore ai 30 giorni
lavorativi (a partire dalla data presente sul modulo
compilato nella nuova banca per avviare la surroga).
Oggi basta un ritardo superiore ai 10 giorni. Il
risarcimento va chiesto alla banca iniziale, la quale
potr rivalersi sulla nuova banca se la causa del
ritardo dovuta a questultima. Il risarcimento
pari all1%del capitale residuo del mutuo per
ciascun mese o frazione di mese di ritardo.
Viva voce
54 Altroconsumo 264 Novembre 2012 www.altroconsumo.it
COME RICONOSCERLA
Orata, allevata o pescata?
A
Per farti risparmiare sugli acquisti e offrirti un
trattamento vantaggioso su utenze domestiche e
assicurazioni, contrattiamo condizioni di favore
con i migliori operatori del mercato, rimanendo
totalmente indipendenti.
LA TUA ASSICURAZIONE
Rc Auto e Rc Moto
Tariffe personalizzate sulle polizze Rc auto,
Rc moto e Rischi diversi auto e moto.
GENIALLOYD Info: 800-999.999
ZURICH CONNECT Info: 848-585.032
Viaggi
Polizza Viaggi Nostop Vacanza, con uno sconto del
20% per viaggi in Italia e allestero, vacanze e stage.
EUROP ASSISTANCE Info:
www.europassistance.it o 800-443.322
I TUOI SOLDI
Carta di credito Altroconsumo
Canone annuo dimezzato rispetto alle principali
carte, restituzione dello 0,2% dei soldi spesi; non devi
cambiare banca n aprire un nuovo conto.
Info: 800-663.399 (da telefono fisso)
o 015-2434.614 (da estero e cellulare)
Conti deposito
ING DIRECT Conto Arancio: + 0,2% lordo sul tasso
dinteresse base. Info: www.ingdirect.it/altroconsumo
o 800-337.337 (nuovi clienti); 800-717.273 (gi clienti)
SPARKASSE Conto Dolomiti Flex: + 0,2% lordo sul
tasso dinteresse base. Info: www.dolomitidirekt.it/
altroconsumo.html o 800-378.378
I TUOI ACQUISTI
I prodotti dei nostri test a prezzi vantaggiosi
CENTRACQUISTI I migliori prodotti dei nostri test a
un prezzo conveniente.
Info: www.centracquisti.it o 02-9976.2829
I pneumatici dei nostri test a prezzi speciali
PNEUS ONLINE Per acquistare on line i migliori
pneumatici dei nostri test a un prezzo vantaggioso e
con uno sconto del 3,5%.
Info: www.pneumatici-pneus-online.it
I vini dei nostri test a prezzi vantaggiosi
I migliori vini dei nostri test a un prezzo esclusivo,
sconto del 10% sul catalogo del negozio virtuale
R2m. Info: www.vino.altroconsumo.it
LA TUA CASA
Analisi dellacqua e rilevazione del radon
Per far analizzare lacqua o laria di casa.
Info: 02-6961.560
NOVIT Fornitura di elettricit
TRENTA Family Energia Trenta con tariffazione
riservata ai Soci Altroconsumo. Info: www.trenta.it
(vai su Famiglia e poi Convenzioni con Associazio-
ni) o 02-6961.561
EDISON Luce Sconto Facile con sconto del 15% sulla
componente energia del prezzo dellelettricit. Info:
convenzioni.edisoncasa.it o 800-066.850
IL TUO TELEFONO
Tariffe di telefonia mobile
POSTEMOBILE Piano ricaricabile 9xTutti: prevede 9
cent al minuto per le chiamate verso tutti e 9 cent per
gli sms. Senza scatto alla risposta, n costi fissi. In pi
opzioni tariffarie a prezzi vantaggiosi. Info: www.po-
stemobile.it (vai su Privati e poi su Convenzioni).
Scelte sicure
www.altroconsumo.it/vantaggi
l mercato del pesce trovo sullo
stesso banco l`orata di mare e a
Iianco l`orata di allevamento. Da cosa
capisco che sia davvero cos? A parte
il prezzo, minore nel secondo caso,
non mi sembra ci siano diIIerenze.
Eugenio Carta, Roma
Osservare taglia e colore
La taglia e gi un buon indizio: se le
dimensioni dei pesci sul bancone
sono piuttosto uniIormi, e probabile
che si tratti di pesce allevato, mentre
la taglia del pesce pescato e in genere
pi variabile. Poi ci sono gli aspetti
cromatici: i colori della livrea risulta-
no pi scuri nel pesce allevato, in par-
ticolare, l`orata selvaggia ha una ca-
ratteristica macchia rossaarancio ai
lati della testa. I denti risultano pi
sviluppati e appuntiti nell`animale
selvaggio rispetto a quello allevato.
Una volta acquistato il pesce, si pu
appurare che l`orata di allevamento
ha una pelle pi spessa di quella
dell`orata pescata, e una maggior
quantit di grasso attorno alle viscere,
NUTRIZIONE
Quante critiche al latte
ito testualmente da un articolo:
Anche se il latte contiene calcio
e viene consigliato per l`osteoporosi,
contiene altres proteine animali aci-
de, che per essere smaltite consuma-
no calcio. Il latte e come un usuraio:
C
data dal Iatto che il pesce in gabbia e
alimentato in maniera costante e ab-
bondante. Purtroppo, nei mangimi
utilizzati ci sono oli vegetali, di con-
seguenza gli omega 3 nel pesce alle-
vato sono presenti in quantit inIerio-
re rispetto a quello pescato. Inoltre,
le carni dei pesci selvaggi sono gene-
ralmente pi consistenti.
presta un po` di calcio, ma, alla Iine,
ne consuma pi di quello che d, de-
pauperando quello che gi c`e nelle
ossa. Che ne pensa Altroconsumo?
Paula Miglietta, Roma
Non toglie calcio alle ossa
Sul valore nutrizionale del latte si di-
batte da tempo. Gli studi scientiIici al
momento non hanno trovato una re-
lazione causaeIIetto tra consumo di
latte e insorgenza di osteoporosi. Tan-
ti, per vari motivi, sono contrari al
consumo di latte. Accanto a critici, c`e
invece una pi consistente maggioran-
za che, Iorte di tanti studi scientiIici,
ne sostiene i beneIici. Su queste posi-
zioni e l`Istituto nazionale di ricerca
per gli alimenti e la nutrizione (Inran),
che si schiera a Iavore di un consumo
equilibrato di latte e derivati nella die-
ta quotidiana. Anche noi siamo di
quest`avviso. Un dossier di approndi-
mento sul latte vi aspetta sul nostro
sito (sezione "Alimentazione).
Viva voce Viva voce
www.altroconsumo.it Novembre 2012 264 Altroconsumo 55
ASSOCIAZIONE
Altroconsumo unassociazione senza fini
di lucro fondata a Milano nel 1973.
Altroconsumo, in piena autonomia e
indipendenza, si pone come scopo
linformazione, la difesa e la
rappresentanza dei consumatori.
membro della CI (Consumers
International), di ICRT (International
Consumers Research and Testing) e del
BEUC (Ufficio europeo delle associazioni di
consumatori).
Altroconsumo si finanzia esclusivamente
attraverso le quote associative.
Presidente: Paolo Martinello
Vicepresidente: Marino Melissano
Direttore: Luisa Crisigiovanni
Tesoriere: Enzo Passaro
Consiglio: ValentinaApruzzi, FrancaBraga,
Giulia Candiani, Raffaele Cauzzi, Liliana
Cantone, SilviaCastronovi, LuisaCrisigiovanni,
Graziella De Faveri, Andrea Doneda, Letizia
Ghizzi Panizza, Paolo Martinello, Rosanna
Massarenti, Francesco Mattana, Marino
Melissano, NataliaMilazzo, Giovanni Pessina,
Marco Pierani, Daniela Nocchieri, Valeria
Riccardi, VincenzoSomma, LorenaValdicelli.
Sede nazionale
via Valassina 22 - 20159 Milano.
Tel 02/66.89.01 - Fax 02/66.89.02.88
ALTROCONSUMO
NUOVE EDIZIONI S.R.L.
Il mensile Altroconsumo, i bimestrali Soldi
& Diritti, Test Salute e HiTest, cos come le
guide pratiche hanno come unico obiettivo
linformazione e la difesa dei consumatori.
Le riviste non contengono una sola riga di
pubblicit, n informazioni pagate o
ispirate da produttori e venditori o da
gruppi di interesse politico e finanziario, a
garanzia della trasparenze e dellobiettivit
dei giudizi.
I test comparativi su beni di consumo e
servizi finanziari e assicurativi sono
lelemento che contraddistingue le riviste.
Per la realizzazione di test comparativi e
inchieste Altroconsumo si avvale di
Euroconsumers Servizi srl. Le informazioni
di carattere finanziario sono fornite da
Altroconsumo Edizioni Finanziarie.
I laboratori e gli esperti incaricati di
svolgere le prove sono indipendenti dai
produttori e da qualsiasi tipo di interesse
commerciale.
Tutti i campioni utilizzati per la
realizzazione dei test vengono acquistati
anonimamente e inviati direttamente ai
laboratori per lesame. I campioni gratuiti
vengono rifiutati.
I risultati delle prove condotte da
Altroconsumo, Soldi & Diritti, Test Salute e
HiTest riguardano esclusivamente i
prodotti presi in esame, anche se
possibile trarne valutazioni di carattere
generale e consigli utili per gli acquisti.
Direttore editoriale: Andrea Doneda
Direttore responsabile: Rosanna
Massarenti
Redazione: Natalia Milazzo, Alessandro
Sessa (caporedattori), Marzio Tosi
(vicecaporedattore), Luca Cartapatti,
Manuela Cervilli, Michela Di Mario, Matteo
Metta, Beba Minna, Simona Ovadia, Adelia
Piva, Sonia Sartori, Roberto Usai.
ABBONAMENTO E QUOTA ASSOCIATIVA
Altroconsumo, Soldi & Diritti e Test Salute sono diffusi solo in abbonamento.
Limporto dellabbonamento comprende anche la quota di associazione. Sono soci solo le
persone fisiche. Le persone giuridiche possono abbonarsi e accedere ai servizi individuali
forniti dallassociazione.
Per abbonarsi sufficiente inviare una lettera indirizzata a Altroconsumo Nuove Edizioni
srl - Casella postale 10608 - 20110 Milano oppure collegarsi al sito altroconsumo.it
cliccando alla sezione contattaci.
Pagamento a mezzo domiciliazione bancaria o carta di credito: questa forma di pagamento
indispensabile quando si sceglie la rata trimestrale. In ogni caso, la durata
dellabbonamento a tempo indeterminato e le future variazioni di costo verranno
comunicate anticipatamente sulla rivista.
Garanzia di soddisfazione: se entro 15 giorni dal ricevimento del primo numero della rivista
si cambia idea e non si vuole pi essere abbonati alle riviste e Soci Altroconsumo, si ha
diritto di recedere e nulla sar dovuto. Per esercitare il diritto di recesso basta scrivere una
lettera a: Altroconsumo - Ufficio Abbonamenti - Via Valassina, 22 - 20159 Milano o
collegarsi al sito www.altroconsumo.it (cliccando sulla voce contattaci). Inoltre, in
qualsiasi momento si pu recedere dallabbonamento e dallassociazione con una lettera
allufficio Abbonamenti sar restituito quanto eventualmente gi pagato per il periodo
successivo al recesso.
Guide Pratiche gratuite: per ricevere in regalo la Guida Pratica necessario essere in regola
con la quota di adesione. Limporto di 1,95 per le spese amministrative verr addebitato con
le stesse modalit con cui si paga ladesione ad Altroconsumo. Le Guide possono essere
vendute al prezzo indicato in quarta di copertina e/o inviate in omaggio ai Soci.
Per ricevere i numeri arretrati sufficiente telefonare o scrivere allUfficio Abbonamenti
Altroconsumo. Il costo pari al doppio del prezzo di copertina. Non possibile richiedere
pi di due esemplari dello stesso numero. I suoi dati personali saranno utilizzati da
Altroconsumo e/o da terzi da esso incaricati per la gestione dellabbonamento, nonch per
gli scopi associativi. Essi verranno trattati con mezzi informatici e potranno essere, a
termini di legge, da lei consultati, modificati, integrati o cancellati.
QUANTO COSTA Annuale Trimestrale
Altroconsumo 84,00 21,00
Altroconsumo + Soldi&Diritti 122,40 30,60
Altroconsumo + Test Salute 128,40 32,10
Altroconsumo + Soldi&Diritti + Test Salute 166,80 41,70
la quota associativa, compresa nellabbonamento,
pari a 15,40 allanno e 3,85 al trimestre
INDICE
Test e inchieste degli ultimi mesi
ALTROCONSUMO NUOVE EDIZIONI SRL
Sede legale, direzione, redazione e amministrazione: via Valassina 22 - 20159 Milano
Tel. 02/66.89.01 - Fax 02/66.89.02.88 - Reg. Trib. Milano n. 116 del 8/3/1985
Copyright Altroconsumo - n. 291252 del 30/6/1987
Stampa: Amilcare Pizzi - via Pizzi 14, Cinisello Balsamo
DIRETTORE RESPONSABILE: Rosanna Massarenti
ARCHIVIO ONLINE
Trovi larchivio completo di tutti
gli articoli di Altroconsumo degli anni
passati, oltre a quelli delle riviste
Test Salute, Soldi&Diritti e HiTest, su
www.altroconsumo.it
TUTTI I DIRITTI SONO RISERVATI
Altroconsumo Nuove Edizioni vieta espressamente la riproduzione anche parziale degli
articoli e dei risultati dei test per fini commerciali e pubblicitari.
Anche la riproduzione degli articoli per fini non pubblicitari deve essere autorizzata per
iscritto dal direttore. Qualsiasi uso e/o riproduzione delle illustrazioni vietato senza
laccordo scritto delleditore.
ARGOMENTO NUM. ANNO
A
Acqua minerale 261 7-8/2012
Acqua potabile 261 7-8/2012
Aerei, biglietti online 259 5/2012
Amministrazione pubblica 259 5/2012
Aspirapolvere 260 6/2012
Audio streaming 263 10/2012
Automobile
modelli per risparmiare 261 7-8/2012
test city car 263 10/2012
B
Bastoncini di pesce 256 10/2012
Banane 262 9/2012
Bullismo 262 9/2012
C
Caldaie a condensazione 264 11/2012
Caschi da bici per bambini 259 5/2012
Catene commerciali, prezzi 261 7-8/2012
Cellulari
onde elettromagnetiche 258 4/2012
smartphone 259 5/2012
Colle multiuso 263 10/2012
Comportamenti ecologici 264 11/2012
Computer
tablet 261 7-8/2012
ultrabook 261 7-8/2012
Condizionatori 259 5/2012
Costi riscaldamento 263 10/2012
E
Edifici
certificazione energetica 258 4/2012
Elettricit, tariffe 264 11/2012
Elettrodomestici (piccoli),
affidabilit 264 11/2012
Epilatori a luce pulsata 263 10/2012
Etichette ecologiche 259 5/2012
F
Ferri da stiro 261 7-8/2012
Forni a microonde 264 11/2012
Fotografie, siti di stampa 260 6/2012
Frigoriferi da incasso 261 7-8/2012
G
Gelato artigianale 260 6/2012
Gruppi acquisto solidale (Gas) 259 5/2012
H
Hard disk portatili 264 11/2012
I
Impatto ambientale prodotti 259 5/2012
Internet
antivirus 258 4/2012
privacy 262 9/2012
L
Lampadine a risp. energetico 260 6/2012
Latte fresco 262 9/2012
Lavastoviglie
a libera installazione 258 4/2012
Lavatrici 262 9/2012
M
Macchine fotografiche
reflex e milc 261 7-8/2012
Navigatori 260 6/2012
Netbook 257 3/2012
P
Pane, guida allacquisto 258 4/2012
Pneumatici
estivi e impatto ambientale 258 4/2012
invernali 264 11/2012
Pulitori per schermi 262 9/2012
Q
Qualit della vita nelle citt 261 7-8/2012
R
Radon 262 9/2012
Ricambi auto 260 6/2012
Risparmia con noi 263 10/2012
S
Seggiolini per automobile 260 6/2012
Smaltimento rifiuti Raee 260 6/2012
Stampanti 263 10/2012
Supermercati
prezzi 262 9/2012
soddisfazione clienti 263 10/2012
T
Telefonino, tariffe 259 5/2012
Terriccio 258 4/2012
Treni 262 9/2012
Trolley 260 6/2012
V
Vino 264 11/2012
Videocamere,
novit tecnologiche 264 11/2012
OGNI NOSTRO SOCIO
HA 80 AVVOCATI
DALLA SUA PARTE.
Uningiustizia? Una truffa? Una multa o una bolletta telefonica
ingiusticata? Oggi non sei pi solo contro i soprusi.
Basta una telefonata e 80 avvocati saranno subito a tua disposizione
completamente gratis. Approttane.
E un servizio di Altroconsumo dedicato in esclusiva ai suoi soci.
CONSULENZA GIURIDICA SOCI
02 6961550