Sei sulla pagina 1di 0

Marco Santucci Architetto

www.architettosantucci.it
ATTESTATO di CERTIFICAZIONE ENERGETICA
Guida di interpretazione per l'utente
1
L'Attestato di Certificazione Energetica (qui di seguito ACE) riguarda quasi tutti i tipi di
edifici. Sono esclusi solo quelli in cui il riscaldamento necessario per la produzione
(industriale, artigianale o agricola), gli edifici isolati con superficie minore di 25 mq e quelli
dichiarati non abitabili. Per tutti gli altri l'ACE pu essere un'opportunit per conoscere meglio
l'edificio e gestirlo con minor spesa, mentre diventa un obbligo nei contratti di vendita o
locazione. A seconda del tipo di edifico (residenziale o non residenziale) l'ACE cambia
leggermente: in particolare per il primo gruppo si prende come riferimento la superficie,
mentre per gli altri il volume.
2
Attenzione: l'ACE vale solo 10 anni dalla data di emissione: poi decade. Ma pu decadere
anche prima nel caso in cui intervengano lavori sostanziali di trasformazione dell'edificio o
dell'impianto, mentre invece resta valido anche se cambia pi volte il proprietario dell'edificio.
3
In Toscana le classi vanno dalla A (migliore) alla G (peggiore). La classe energetica
importante, ma non il fattore pi importante: i valori oscillano in funzione di molte variabili
(zona, forma, dimensione, orientamento, caratteristiche...) perci la classe non pu essere
utilizzata come termine di paragone tra edifici. Per esempio due edifici entrambi in classe F
possono avere consumi nettamente diversi. Altro esempio: una villetta in classe F
probabilmente consuma pi di un appartamento in classe G (guarda anche punto 8).
Via Calamandrei, 33 - 51010 Massa e Cozzile (PT) Telefono 328-3821565 Fax 178-2252770 E.mail info@architettosantucci.it Partita IVA 01447870476
Codice Fiscale SNT MRC 66T22 E715I Iscritto all'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pistoia, matricola n. 525
1
2
4
5
6
3
Marco Santucci Architetto
www.architettosantucci.it
4
Prestazione energetica raggiungibile: guarda la nota 7
5
Prestazione per riscaldamento e per acqua calda sanitaria: guarda la nota 9
6
L'indice per raffrescamento in parte trascurato dalla normativa vigente; addirittura il
cruscotto a sinistra della cornice 5 compare disattivato dalla procedura. Per ora attraverso
un calcolo semplificato si definisce solo un giudizio sulle prestazioni espresso con un numero
romano; con un calcolo pi raffinato si potrebbero stabilire anche altri fattori come lo
sfasamento, per dirla in breve il ritardo che impiega il calore a penetrare nella casa: con
uno sfasamento di 10 ore praticamente il caldo del mezzogiorno penetra la sera quando
magari fa gi pi fresco. Per orientarsi la corrispondenza vale:
7
Le RACCOMANDAZIONI e LE NOTE (alla pagina 3 del certificato) sono importantissime: si
Via Calamandrei, 33 - 51010 Massa e Cozzile (PT) Telefono 328-3821565 Fax 178-2252770 E.mail info@architettosantucci.it Partita IVA 01447870476
Codice Fiscale SNT MRC 66T22 E715I Iscritto all'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pistoia, matricola n. 525
7
8
9
Marco Santucci Architetto
www.architettosantucci.it
tratta di una prima diagnosi. Da essa possibile stabilire quali sono gli interventi consigliati
per migliorare l'edificio ed in quanti anni si riescono a recuperare le spese sostenute: come in
una classifica gli interventi pi economici e pi redditizi saltano all'occhio. Il miglioramento
evidenziato in giallo nella prima pagina del certificato come prestazione energetica
raggiungibile (guarda punto 4).
Per chi vuole esercitarsi un valido esempio si trova su www.rivalue.it un software gratuito
on-line (basta registrarsi) che consente di stimare il fabbisogno energetico di un edificio e
quindi pianificare in maniera virtuale gli interventi di risanamento pi adatti. Un altro software
gratuito www.paea.it/it/echoes.php che consente di valutare i propri consumi energetici e
simulare interventi di riqualificazione energetica.
8
Forse il dato pi importante: l'indice di prestazione energetica (EPi). Rappresenta il consumo
di gas, acqua calda ed elettricit al m
2
di superficie, per 1 anno, ed espresso in kWh (con
un'equivalenza tra grandezze diverse). Edifici con ottime prestazioni hanno un EPi che
scende sotto i 30 kWh/m
2
anno. In Toscana secondo le statistiche della Regione gli edifici
costruiti prima del 1980 hanno in media Epi = 333 kWh/m
2
anno, e dopo il 1980 Epi = 215
kWh/m
2
anno. Consumi altissimi. Perci si dice edifici energivori.
Per sapere quanto consuma e quanto spende 1 edificio in 1 anno basta moltiplicare l'indice
EPi per la sua superficie (m
2
) e per il costo base di 1 kWh (0,12 ). Vediamo alcuni esempi.

ESEMPIO 1
Il proprietario di un immobile con Epi = 136,2 kWh/m
2
anno, di superficie 94 m
2
, spende:
136,2 x 94 x 0,12 = 1536 all'anno di bollette per acqua, gas e luce.
Va ricordato che la spesa risultante solo rappresentativa delle prestazioni energetiche
dell'immobile perch il prezzo realmente pagato per le bollette soggetto ad oscillazioni per
le abitudini di consumo del proprietario (virtuose o irresponsabili), per la tassazione (in
aumento) e per il clima (con annate pi calde o pi fredde).

ESEMPIO 2
Due appartamenti con la stessa superficie (65 m
2
) ubicati in province diverse. Entrambi
certificati in classe F, ma con indici nettamente diversi. Notare che anche la divisione tra
classi diversa. L'appartamento a sinistra consuma e spende quasi il doppio.
Via Calamandrei, 33 - 51010 Massa e Cozzile (PT) Telefono 328-3821565 Fax 178-2252770 E.mail info@architettosantucci.it Partita IVA 01447870476
Codice Fiscale SNT MRC 66T22 E715I Iscritto all'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pistoia, matricola n. 525
Marco Santucci Architetto
www.architettosantucci.it
ESEMPIO 3
Due immobili ubicati nello stesso comune. Entrambi certificati in classe F con indice quasi
uguale. Ma quello a sinistra un appartamento di 57 m
2
, mentre quello a destra una villetta
di 108 m
2
e quindi consuma e spende quasi il doppio.

9
La lettura dei consumi distinti per voce (riscaldamento, acqua calda sanitaria e
raffrescamento) serve per individuare i punti deboli. In genere il consumo e la spesa per
acqua calda sanitaria corrispondono a circa di quello per riscaldamento. Ma guardate
cosa succede nell'esempio sotto, dove un mini-appartamento servito da uno scaldabagno
elettrico con accumulo 50 litri (boiler): consuma e spende in ugual misura per entrambi!

I valori della tabella sono riportati in maniera grafica anche nella prima pagina del certificato,
con le tre forme a cruscotto (guarda la nota 5).
10
Per certificare un edificio gi esistente da tempo bisogna usare tutti i mezzi a disposizione:
rilievo, consultazione dei vecchi documenti del cantiere, delle schede tecniche dei produttori
di materiali e impianti, delle tabelle di manuali, ecc. Anche il contatto con il progettista, il
costruttore ed il proprietario od utilizzatore dell'edificio sono importantissimi.

ESEMPIO 4
Via Calamandrei, 33 - 51010 Massa e Cozzile (PT) Telefono 328-3821565 Fax 178-2252770 E.mail info@architettosantucci.it Partita IVA 01447870476
Codice Fiscale SNT MRC 66T22 E715I Iscritto all'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pistoia, matricola n. 525
Marco Santucci Architetto
www.architettosantucci.it
Le immagini sopra si riferiscono alla parete esterna di un appartamento. L'immagine a destra
ripresa con una termocamera (uno strumento che individua il calore emesso dalle
superfici): si vede chiaramente la composizione a mattoni della parete e la struttura in
cemento armato (trave del solaio e pilastro d'angolo). Incrociando queste osservazioni con i
rilievi metrici e con l'ausilio di calcoli possibile risalire al comportamento dell'edificio.
11
Per certificare un edificio ci vogliono circa 3 giorni di lavoro ed a volte pi di un sopralluogo.
Sebbene il cliente sia spesso motivato soltanto da un obbligo di legge e dalla necessit di
spendere il meno possibile, il certificatore redige un documento pubblico del quale
responsabile e che rimane depositato presso il Comune e la Regione.
12
Per certificare un edificio occorre utilizzare un software conforme alla legge, che costa
alcune centinaia di euro ed soggetto a continui aggiornamenti perch la stessa normativa
in evoluzione. L'elenco dei software conformi pubblicato sul sito del Comitato Termotecnico
Italiano, ente delegato per legge alla verifica (www.cti2000.it).
Via Calamandrei, 33 - 51010 Massa e Cozzile (PT) Telefono 328-3821565 Fax 178-2252770 E.mail info@architettosantucci.it Partita IVA 01447870476
Codice Fiscale SNT MRC 66T22 E715I Iscritto all'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Pistoia, matricola n. 525
10
12
11