Sei sulla pagina 1di 82

inalmente i videogiocatori hanno capito il loro valore e la loro importanza.

Dopo anni di vessazioni ludiche da parte dei publisher il grande pubblico ha capito di poter fare tanto nel momento della progettazione quanto in quella di BRUNO MANZONI realizzazione. Certo questa consapevolezCAPO REDATTORE za non si raggiunta in modo del tutto bruno.manzoni@m3magazine.it spontaneo, ma guidata quasi per mano Commentate dallidea - non certo innovativa - di alcuquesto editoriale su ne persone che nel 2009 hanno deciso di www.m3magazine.it realizzare un sito nato con il solo obbiettivo di raccogliere fondi per sponsorizzare i progetti di una schiera di creativi, che per i pi svariati motivi non sono riusciti ad accedere ai fondi dei grandi gruppi commerciali, la cui egemonia inizia ad essere messa in discussione. Kickstarter, questo il nome del rivoluzionario sito, ha abbracciato le idee che riguardano moltissimi settori, suddivisi in tredici categorie e trentasei sotto-categorie: alimentazione, arte, danza, design, film e video, fotografia, fumetti, giochi, moda, musica, pubblicazione, teatro e tecnologia. Tra tutte le categorie quelle di film e video e musica comprendono oltre la met di tutti progetti di Kickstarter. Il dato per pi interessante che le sopracitate categorie insieme ai videogiochi, hanno raccolto oltre la met del denaro totale. Lintero settore video ludico stato completamente investito da Kickstarter e molti nomi noti del settore hanno deciso di intraprendere questa strada, cavalcando londa generata dallo slogan Grazie a Kickstarter realizzeremo giochi senza la pressione, a volte deleteria, dei grossi publisher. Nonostante la totale assenza di garanzie che i progetti proposti su Kickstarter saranno portati a termine, n che il denaro raccolto per finanziarli sar realmente utilizzato a tale scopo la risposta dellutenza stata davvero incredibile e alcuni giochi hanno fatto registrare raccolte fondi da capogiro. Come per ogni cosa esistente, anche Kickstater presenta i suoi pro e i suoi contro. Questa ritrovata libert creativa degli sviluppatori, adesso in grado di finanziare i propri progetti, rischia di creare uno squilibro che potrebbe portare i grandi publisher ad una politica ulteriormente conservativa, atta a diminuire al massimo i rischi dinvestimento e quindi ridurre maggiormente linnovazione, tasto gi dolente prima dellarrivo di Kickstarter. Fare speculazioni in questo momento risulta per ampiamente prematuro, quindi non resta che aspettare e vedere se il crowdfunding riuscir a rivoluzionare lintero settore video ludico oppure si ritorcer contro gli stessi sviluppatori.

Uniti verso il Futuro

visita m3magazine.it o seguici su twitter @m3magazine

26
kickstarter
Abbiamo deciso di dedicare lo speciale a Kickstarter, il dilagante fenomeno di crowd funding che sta cambiando il volto dellintero panorama video ludico.

B. Manzoni
M3MAGAZINE.IT 4

ANNO 2013 - NUMERO 04 - MAGGIO

IN QUESTO NUMERO

04

16 24 76 54 12 62 16

HIT DETECTION ROMICS DOTA 2

Articolo a cura di Giacomo Conti Articolo a cura di Licia Punzo Articolo a cura di Alessandro Monnizza

FANFEST 2013

Articolo a cura di Francesco Munda

Anteprime FIREFALL

a cura di Marco caldarini

AGE OF WUSHU Recensioni SHOOTMANIA

a cura di Marco Caldarini

a cura di Bruno Manzoni

Rubriche 40 ANGOLO ESPORTS

Rubrica a cura di Alessandro Monniza e Licia Punzo

66 68

EAST SIDE MMO

Rubrica su MMO orientali a cura di Marco Caldarini Rubrica di cinema a cura di Giacomo Pizzillo

QUARTO SPETTACOLO

eSports 37 BIG LAN PARTY 44 INFERNO ESPORTS

48 72 73 75 77

Intervista a cura di Alessandro Monnizza

DREAMLAN

Articolo a cura di Marco Caldarini

Tech THE MOBILE GAME


a cura di Bruno Manzoni

TRITTON PRO+ 5.1

a cura di Lorenzo Avello

RAZER DEATHADDER 2013 CUSTOM PC

a cura di Luigi Savinelli

M A S S I VE M U LT I P L AY E R m u lt i M E D I A M a G A Z I N E

m3magazine.it

MASSIVE MULTIPLAYER MULTIMEDIA

REDAZIONE
Direttore editoriale Cesare Arietti Direttore Responsabile Bruno Manzoni, Marco Caldarini Staff Editoriale Andrea Derpini, Francesco Munda Revisori Sergio Botti Editori Alessandro Monizza, Barbara Giardini, Giacomo Conti, Licia Punzo, Lorenzo Avello, Lorenzo Plini, Luigi Savinelli Editore sezione cinema Giacomo Pizzillo Cover Artist Dario Vianello Layout Designer Valentina Todero Creative Designer Riccardo Munda (M3 Hiring, Logo Font)

CO L L A B O R ATO R I
Santo Furfari

RINGRAZIAMENTI
MiVidaTimes Fisev (Atr3iu) Girls of Damage
esl

C O N TAT T I
Sito ufficiale www.m3magazine.it Ufficio Stampa press@m3magazine.it Informazioni info@m3magazine.it Marketing sales@m3magazine.it

Distributore Ufficiale Gameplayer.it Distributori FISEV , Geemba.net, inFerno eSports, Mividatimes.it , Multiplayer-Italia.com , Nerdnet.it , Xlions.eu

DISTRIBUTORE

CASA EDITRICE

Autorizzazione del Tribunale di Velletri - Nr. 2/13 dell8 febbraio 2013


Tutti i marchi riportati appartengono ai legittimi proprietari; marchi di terzi, nomi di prodotti, nomi commerciali, nomi corporativi e societ citati possono essere marchi di propriet dei rispettivi titolari o marchi registrati daltre societ e sono stati utilizzati a puro scopo esplicativo ed a beneficio del possessore, senza alcun fine di violazione dei diritti di Copyright vigenti. Tutto il materiale contenuto in questa rivista di propriet di M3 Magazine e/o delle aziende rappresentate; ad esso sono applicabili le leggi italiane ed europee in materia di diritto dautore; eventuali testi prelevati da altre fonti sono anchessi protetti dai Diritti di Autore e di propriet dei rispettivi Marchi Proprietari.

M3MAGAZINE.IT

CORREZIONI

m3 n 03

Nessun errore noto nel precedente numero.

M3MAGAZINE.IT

1 EVE ODYSSEY Sviluppatore: Crowd Control Prod. Genere: Sandox spaziale Uscita: 4 Giugno Status: Sviluppo CCP non perde un colpo e si prepare per una nuova espansione che si concentrer sullesplorazione di nuove aree, continuer il ribilanciamento delle navi, e stravolger la distribuzione delle risorse 2 STAR CITIZEN Sviluppatore: Cloud Imperium Games, Behaviour Interactiveepark Genere: Sandox Status: Sviluppo Chirs Roberts, dopo Wing Commander, torna a far parlare di s con il suo nuovo prodotto Star Citizen, un sandbox spaziale con le carte in regola per essere un succeso. 3 WILDSTAR Sviluppatore: Carbine Stud. Genere: Sandbox Data uscita: 2013 Status: Sviluppo Carabine Studios tenta la strada del sandbox, ma lo fa giocando a suo modo, per realizzare un MMO di cui si parler a lungo. Inoltre iniziata la fase di beta sign up. 4 MARVEL HEROES Sviluppatore: Secret Identity Stud. Genere: Action supereroi Data uscita: 4 Giugno Status: Closed Beta Questa volta saranno gli eroi di Marvel i protagonisti assoluti del nuovo action MMO supervisionato da David Brevik. 5 DOTA 2 Sviluppatore: Valve Genere: MOBA

Status: Closed beta Valve ci riprova con questo seguito, dopo la malaugurata sorte accaduta al primo capitolo. Tutto sembra essere pronto e la closed beta sta aiutando a definire gli ultimi dettagli. 6 FIREFALL Sviluppatore: Red 5 Studios Genere: MMOTPS Data uscita: 2013 Status: Closed beta Ancora una volta degli schifosi alieni insettoidi hanno invaso la Terra, ai pochi sopravvisuti non resta che comabattere. Il tutto ambientato nei dintorni di Copacabana. 7 AGE OF WUSHU Sviluppatore: Suzhou Snail Electronic Company Genere: MMORPG Data Uscita: 10 Aprile in Nord America Status: Release Se le arti marziali, i film e la cultura cinese sono di vostro interesse, non dovete perdervi questo MMO che a breve uscir anche in Europa 8 SHOOTMANIA STORM Sviluppatore: Nadeo Genere: FPS Data: 10 Aprile Evento: Release Un ritorno alle origini per il genere degli FPS con tanta adrenalina, armi ed esplosioni nel nuovo titolo di Nadeo. 9 GUNZ: THE DUEL Sviluppatore: Maiet Ent. Genere: FPS Data chiusura: 31 Maggio Evento: Chiusura Arriva la chiusura per questo FPS, comunque non preoccupatevi perch il secondo capitolo di questa serie sta per arrivare tramite Steam.
9
M3MAGAZINE.IT

NEXT

calendario di Tutto ci che accadr nel mondo videoludico online.

NELLA SEZIONE

12 16

FIREFALL SHOOTMANIA

FIREFALL

sviluppatore: Red 5 Studios distributore: Red 5 Studios, Garena genere: Sparatutto in terza persona Piattaforma: PC

firefall

niziamo a dire che niente come una bella invasione aliena pu essere lo sfondo migliore per uno sparatutto, se poi, tutto si svolge negli splendidi paesaggi di Copacabana nellAmerica Latina, tutto diventa ancora pi accattivante. Forse quello che passato per le menti degli sviluppatori di Red 5 Studios quando hanno iniziato la realizzazione del loro sparatutto in terza persona: FireFall.

Classi & Gameplay & PVP Un aspetto che col-

pisce del gioco che il core attorno a cui ruota buona parte del PVE la raccolta delle risorse attraverso il mining; questo aspetto risulta fondamentale nellintera struttura del titolo, perch oltre ad essere alla base del lore stesso, munizioni, med pack, upgrade vari ottenibili dal crafting dipendono dalle risorse che saremo in grado di raccogliere. a questo punto che entra in azione la parte co-op del gioco: anche se tecnicamente potremmo affrontare tutto il gioco in solo, le zone migliori per il mining (come spesso accade negli MMO) si trovano nelle aree disseminate dei mostri pi forti e in numero sempre maggiore rispetto alla potenza di fuoco di un singolo giocatore. A tutto questo bisogna aggiungere che le trivelle usate per il mining sono presenti in vari formati che differiscono oltre che per la capacit di raccolta, soprattutto per quella di attirare alieni di ogni sorta che sono via via pi numerosi

Una pioggia di fuoco

IL NUOVO SPARATUTTO DI RED 5 STUDIOS


e forti in base alle dimensioni della trivella stessa. Questo fa capire come la cooperazione di piccoli gruppi di players possa massimizzare la fase di raccolta delle risorse. Si pu affermare che la fase di mining rispecchia il 50% dellattivit PVE in FireFall; il restante 50% rappresentato dalle solite e immancabili quest che si differenziano in due tipi: la prima legata agli eventi della storia che hanno luogo sulla mappa (quindi potremo essere inviati in diverse zone in base alla necessit), appare chiaro che siamo di fronte a una situazione dinamica che muta in base agli eventi che avvengono in tempo reale nella mappa di gioco; le seconde invece sono legate allesplorazione e si acquisiscono interagendo con vari oggetti presenti nelle regioni esplorate; a differenza delle precedenti sono ripetibili. Abbiamo accennato al crafting, vediamo in dettaglio qualcosa di pi: come prima cosa, come gi detto, bisogna acquisire delle risorse che sono rappresentate da vari tipi di minerali; una volta in possesso degli items necessari, occorre recarsi presso uno dei tanti terminali che permettono di fare crafting. Il procedimento abbastanza facile perch basta selezionare loggetto desiderato, indicarne la quantit e iniziare la produzione; non richiesto nessun livello di abilit. Red 5 Studios per rendere il gameplay pi completo e maggiormente avvincente nelle

A CURA DI Marco Marmorn Caldarini

13

M3MAGAZINE.IT

fasi PVE che PVP ha sviluppato un sistema a cinque classi, scopriamo quali sono: il Dreadnought, armato di una mitragliatrice gatling e grazie alla pesante armatura con certezza il tank in questo gioco; il Recon, che ricopre il ruolo di dps ranged grazie alluso di un fucile da cecchino, se distanza e pochi colpi, ma ben piazzati sono il vostro motto questa la classe che fa per voi; lEngeneer, specializzato nel poter piazzare delle torrette in grado di fornire supporto durante le fasi di gioco: munizioni, riparazioni e potenza di fuoco supplementare sono il suo pane quotidiano; il Medic, che come nella pi classica visione si occupa di curare i propri compagni, impensabile farne a meno in particolare durante le fasi di raccolta dei minerali; infine troviamo lAssault che rappresenta il damage dealer, non ha di certo la stessa resistenza del Dreadnought, ma in grado di fare piovere una pioggia di piombo sui suoi nemici. Bisogna inoltre tenere presente che ogni classe a sua volta si pu specializzare ulteriormente scegliendo tra tre possibili vie che enfatizzano aspetti peculiari diversi di ogni classe. Per quanto riguarda il PVP organizzato in arene dove gli scontri sono abbastanza divertenti, ma
M3MAGAZINE.IT 14

non presentano nessuna novit per quanto riguarda le modalit. Vi si pu accedere grazie a dei terminali presenti nelle varie citt; laspetto che pi cattura la presenza di classifiche per determinare i giocatori migliori secondo la tradizione dettata dagli eSports. Sembra quasi che FireFall sia stato realizzato con questo solo scopo, non a caso gi si parla di tornei con ingenti premi.

Conclusione Si tratta di un

MMO con una grande concorrenza e la lunga fase di sviluppo non fa che aggravare questa situazione; dalla sua parte ha il pregio di essere un free to play, ma evidente che ormai il mercato inizia a essere abbastanza saturo di sparatutto e a prima vista non sembra avere le caratteristiche per farsi notare. Inoltre, la scelta di usare una grafica a cartoon pu rappresentare un altro punto a sfavore perch molti gamer sembrano non apprezzare questa scelta stilistica. Quanto visto finora non ci fa pensare male del titolo che, tutto sommato, ben realizzato, quello che preoccupa come lutenza accoglier questo prodotto che sembra essere nato con il solo scopo di cavalcare londa degli eSports.

GIOCHI-MMO.IT

Giochi-mmo.it

Per tutti gli appassionati di giochi MMO free to play...


Il sito italiano dedicato ai free to play, con recensioni approfondite, valutazioni, news, interviste esclusive, guide, editoriali, liste e classifiche.

MMORPG

MMOFPS

MMORTS

Il mondo dei giochi di ruolo racchiuso in una sezione interamente dedicata agli MMORPG free to play, con notizie sempre aggiornate e le recensioni dei migliori titoli presenti sul mercato.

Una sezione imperdibile dedicata agli appassionati di sparatutto free to play in prima e terza persona, con news, anteprime e recensioni dei migliori giochi di guerra attualmente in circolazione.

Tutte le novit riguardanti i giochi di strategia online e i sempre pi diffusi MOBA allinterno di una sezione curata e completa, con guide approfondite, interviste e recensioni .

BROWSER GAME

novit

Una nuova sezione dedicata interamente ai giochi browser based, con recensioni, consigli, liste e classifiche.

SCOPRI I MIGLIORI GIOCHI MMO FREE TO PLAY SU GIOCHI-MMO.IT!


Sito Web: www.giochi-mmo.it FanPage: www.facebook.com/GiochiMMO Contatti: redazione@giochi-mmo.it

Giochi-mmo.it

SHOOTMANIA STORM sviluppatore: Nadeo distributore: Ubisoft genere: FPS Arena piattaforma: PC

UN FPS ARENA IGNORANTE


7.5 L
Giocabilit
8.5

A CURA DI BrunoGalazon Manzoni

Grafica/Sonoro
6.5

Ambientazione
7.5

Contenuti PVP
7.5

Contenuti PVE
NA

a decisione degli sviluppatori di inseguire liperrealismo nella realizzazione degli FPS valsa al genere una notevole crescita durante questa generazione video ludica. Come spesso accade per, quando una variante di genere diventa leader, tutte le altre subiscono inevitabilmente un calo di interesse da parte sia degli sviluppatori sia del pubblico. La variante che pi ha risentito del filone sembra vero stata sicuramente quella dell arena-style, ormai ombra di se stessa se paragonata ai tempi doro di Quake e Unreal Tournament. Fortunatamente per gli appassionati di arene, Nadeo, sofcto francese con sede a Parigi, ha deciso di investire tempo e denaro in un progetto chiamato Shootmania Storm, improntato sul ritmo forsennato di un buon FPS tutto armi ed esplosioni, con lobiettivo, tra laltro, di entrare nella cerchia degli E-sports.

Un Uragano di proiettili Shootmania Storm, che ha visto

la durata delle varie fasi di beta protrarsi davvero a lungo, si basa essenzialmente su due idee fondamentali: limmediatezza e la semplicit. Nadeo riuscita a creare unalchimia quasi perfetta tra la particolarit del movimento e della fisica tipiche degli arena-style ed i punti cardine di tutti gli FPS odierni. La scommessa della softco francese di puntare su un ritmo di gioco veloce e ferrato risultata vincente, infatti, nonostante qualche ritardo rispetto alle date annunciate per la release, Shootmania Storm, riuscito ad attirare sempre pi giocatori, ingolositi da uno stile di gioco che fa realmente leva sui riflessi e sulla skill. Se la tattica svolge un ruolo importante, la gestione del proprio arsenale riesce a fare la differenza tra vivere e morire. I giocatori hanno a disposizione una speciale railgun in grado di fornire cicli di quattro colpi a ricarica automatica, un particolare lancia-nuclei particolarmente indicato negli spazi ristretti e, per concludere il ventaglio delle scelte, troviamo uno shock rifle. Linserimento di un ristretto numero di armi da parte di Nadeo dovuto al tentativo di differenziare Shootmania Storm da tutti gli altri FPS-arena; volont ribadita dalla softco proprio con limplementazione di particolari elementi allinterno della mappa che variano alcuni parametri, come ad
Continua

17

M3MAGAZINE.IT

esempio la velocit e la possibilit di rimbalzare, cos da raggiungere determinate posizioni strategiche. Limmediatezza che sta alla base di Shootmania Storm non deve per essere confusa con una mancanza di sfida, anzi, il gioco in grado di accontentare tanto i giocatori pi casuali quanto il bacino di utenza composto dai progamer. Le diverse modalit presenti in gioco spaziano da partite con respawn regolari per giocatori senza troppe pretese fino ad arrivare a livelli di immersivit e tattica tipiche delle competizioni elettroniche. Particolarmente interessante la modalit Royal in cui le squadre avversarie si contendono un particolare pilone, posto su una collina, che, una volta attivato dar vita ad un tornado che restringer il terreno di gioco limitando lo spazio utile agli spostamenti, offrendo cos una sorta di duello allultimo sangue in unarena sempre pi ristretta tra i sopravissuti delle due squadre.

Particolarmente indicata per i giocatori che cercano la vera competizione invece la modalit Elite: appositamente progettata per creare due squadre di tre giocatori; allinterno di una mappa un team dovr difendere una determinata postazione mentre il team avversario dovr cercare di conquistarla. Altre tipologie di match, oltre a quelli appena descritti sono: i classici 1VS1 (denominati Joust) e i tipici CTF (denominati Heroes). La ciliegina sulla torta del titolo sicuramente il potente e ricco Editor messo a disposizione di tutti i creativi da parte di Nadeo.

Audio & Video buoni ma non troppo Il comparto grafico di

Shootmania Storm strizza locchio a tutta quella frangia di giocatori convinta che un gioco deve prima divertire e poi offrire una grafica iperealistica. Certo il lavoro del team grafico pur sempre di pregevole fattura, ma la versione aggiornata del Nadeos Engine presenta alcuni piccoli problemi di rifrazione della luce solare. Lutilizzo delle texture per pi che dignitoso quindi nel complesso la grafica, intesa come somma di tutte le varianti, risulta pi che soddisfacente. Purtroppo non si pu dire lo stesso del sonoro risultante troppo spesso scialbo. Il susseguirsi di musiche elettroniche non riesce a regalare quelleffetto di immersivit che permette il salto di qualit nellimmaginario dei giocatori.

nata una stella Lultima fatica dei francesi di Nadeo

da considerarsi assolutamente positivo. Lo stile di gioco intuitivo e frenetico cattura subito il giocatore. La scelta di dedicare un ampio spazio alla folta schiera di pro-gamer risulta particolarmente azzeccata. Shootmania Storm un gioco in grado di ritagliarsi una proprio spazio nel vibrante universo della competizione videoludica perch supportato da un gameplay dinamico e stimolante tipico degli FPS Arena. Shootmania Storm sicuramente un grande esempio di competitivit videoludica destinato a diventare un vero e proprio standard nellambito degli E-sport, offrendo allo stesso tempo molte ore di divertimento anche ai giocatori pi casual.
M3MAGAZINE.IT 18

A CURA DI Giacomo Ascz Conti

egli ultimi mesi nel panorama online molto ha fatto (e sta facendo) parlare di s Planetside 2, lo sparatutto massivo (MMOFPS) di SOE uscito nel novembre dellanno scorso accompagnato da grande clamore e da grande partecipazione e da grandi code nei server. A distanza di pi di sei mesi, ancora parecchio affollato di giocatori seppur in misura minore di quanti fossero allinizio, tanto che stato necessario un merge tra server per rendere pi affollata lazione. Il titolo viene costantemente aggiornato dai propri sviluppatori e lultima grossa patch, uscita il 2 Maggio, aggiunge la rotazione delle Warpgate (i punti di spawn delle fazioni), una feature estremamente richiesta dalla community. Questa novit va a completare un ciclo di aggiornamenti davvero notevole che risponde alle esigenze dei giocatori e che dovrebbe concludersi con la notevole modifica

del layout dei confini territoriali dei tre continenti giocabili, rendendoli pi stretti, connessi in minori punti e quindi creando meno zone calde ma molto pi affollate, con la conseguenza di un aumento dei combattimenti per cos dire epici, affollatissimi e spettacolari, che vedono coinvolti centinaia di giocatori. Gi, perch molto frequente in Planetside 2 essere testimoni di ingenti scontri tra numeri veramente elevati di players, di unampiezza come non se ne vede in molti altri giochi online. Tralasciando il fatto che queste battaglie, per forza di cose, gravino molto sulle prestazioni dei PC meno allavanguardia (Planetside 2 non si pu certo definire daltro canto un gioco dal motore grafico leggero), lo scopo di queste righe sar quello di concentrarsi sulla

HIT
soluzione che SOE ha pensato per ridurre il carico di lavoro sui servers, in modo da garantire unesperienza pi fluida e priva di lag a coloro che giocano, anche se a fronte di alcune conseguenze. Prima di dire altro, opportuno considerare che per la tipologia di gioco, che garantisce la presenza simultanea di un numero potenzialmente infinito di giocatori sullo schermo, il titolo ha bisogno di una potenza di calcolo dei server davvero smisurata. Dunque, trovare una soluzione per risolvere il problema assolutamente necessario. Come prima soluzione per risparmiare sugli scambi di informazioni da mandare ai client dei giocatori, i server di SOE, allinizio, erano afflitti da un problema molto simile a quello che qualcuno avr gi sperimentato giocando con Guild Wars 2: nel corso di una grande battaglia, non erano visualizzati tutti i giocatori, ma solo alcuni: i pi vicini, di norma; il risultato era che si poteva venire letteralmente uccisi dal nulla, nel senso che il giocatore nemico, pur esistente e correttamente registrato sui server, non veniva visualizzato dal proprio client, perch faceva parte di

DETECTION

LA SCELTA DI SOE
quella schiera di giocatori ignorati e dunque non renderizzati sullo schermo per risparmiare in termini di prestazioni e di latenza. Il problema per la verit oggi praticamente risolto, sia per un lavoro di ottimizzazione costante e positivo, sia per la riduzione del numero di players giocanti. A fronte di questa risoluzione, tuttavia, resta aperto un grande dibattito circa la cosiddetta hit detection, cio su come il gioco registri i colpi andati a segno (o meno). Registrare il fuoco di centinaia di giocatori, con le traiettorie dei proiettili e lentrata dei colpi nella hitbox del nemico, un lavoro estremamente dispendioso in termini di risorse hardware e di utilizzo della banda: non va dimenticato che per ogni azione compiuta, il server non solo la deve registrare e ne deve, per cos dire, prendere atto, ma deve anche rispedirla verso gli altri giocatori, cos che tutti siano sincronizzati e vedano accadere le medesime cose.

In buona sostanza, esistono due modi per registrare lentrata dei colpi o hit detection: serverside e clientside. Nella hit detection serverside, il server a farsi carico di tutto il lavoro: tutto ci che accade allinterno di esso. I giocatori sono sincronizzati in tempistiche leggermente differenti, e vedono pi o meno nel passato a seconda del loro ping, o latenza. Nel momento in cui un colpo viene sparato, chi lo spara dovrebbe tenere conto del tempo impiegato dal server per registrarlo, ed anche del fatto che lobiettivo contro cui sta sparando non sia esattamente l dove viene renderizzato nel suo schermo (cosa che avviene con un ritardo pari alla sua latenza), ma si possa essere gi spostato: il fenomeno della lag. Questo il classico metodo di hit detection, ed anche il pi costoso in termini di prestazioni. Pressoch tutti i giochi competitivi utilizzano questo metodo: da Quake ad Halo fino ad Unreal. Nella hit detection clientside, invece, il client a farla da padrona: nel momento in cui un colpo viene sparato contro un obiettivo visualizzato sullo schermo del client, e lo colpisce, il server non fa altro che accettare quanto il client gli sta dicendo. In questo modo la lag per chi spara azzerata: le conseguenze delle azioni che egli compie sono visualizzate immediatamente sul suo schermo, senza alcun ritardo. Questo il metodo di Planetside 2. Ma, se allapparenza questo meccanismo potrebbe essere considerato come la panacea di tutte le laggate, in realt esso scopre il fianco a numerosi potenziali problemi. Innanzi tutto, bene tenere conto del fatto che ogni giocatore ha un ping diverso, e dunque vede cose leggermente diverse rispetto ad un altro. Per dirla meglio: i vari computer dei giocatori creano mondi in differita nessuno dei quali propriamente uguale. Con lhit detection clientside, un giocatore spara e colpisce in base al suo specifico ping, creando il paradosso che, nel momento in cui il suo obiettivo abbia una latenza molto diversa rispetto alla sua, questultimo si vedr colpire anche dopo che, magari, avr trovato una copertura, o inaspettatamente. Egli viene insomma colpito nei tempi e nei modi determinati dal suo assalitore, cosicch si possa determinare una situazione di ingiustizia anche piuttosto forte. Inoltre, dare la totale priorit al client, e cio al computer di chi sta materialmente giocando, rende estremamente facile lutilizzo di hacks e cheats vari: maphack, aimbot, autofire e cos via. Il server sempre passivo, non compie alcuna verifica, ma accetta e basta quel che accade nel mondo specifico di ciascun client.

Se dunque Planetside 2 offre ai giocatori unesperienza molto fluida in termini di latenza anche sotto grande stress, questo anche da attribuire allutilizzo particolare dellhit detection da parte del client, con tutte le conseguenze del caso. In rete facile trovare discussioni e lamentele circa lutilizzo di questo metodo, per lo pi proprio per via dei problemi detti in precedenza. In fondo, la questione un semplice bilanciamento di interessi: nella scelta tra lavere un gioco pi reattivo od uno pi giusto, SOE ha optato per la prima alternativa. Condividere o meno , in realt, una scelta personale: per ogni lamentela, i forum sono sempre aperti.

21

M3MAGAZINE.IT

al 4 al 7 aprile si tenuto a Roma una delle fiere pi importanti in Italia, il Romics! Dedicata al mondo dei fumetti, videogiochi, anime, cosplays (e molto altro) ogni anno riconferma la sua importanza, ospitando migliaia di persone provenienti da tutta Italia! Esattamente come gli anni precedenti, il luogo di ritrovo, stata la Nuova Fiera di Roma, dove padiglioni e corridoi sono stati allestiti nel migliore dei modi per ospitare tutti i partecipanti alla manifestazione. Di seguito vi rilascer un piccolo riassunto dei giorni trascorsi l, della fiera in generale e del torneo PlayNow! sia nel viaggio che nella permanenza a Roma sono stata in ottima compagnia, pi precisamente in quella degli admin di Lolitalia (Kaledo, David e Veckpreb). Per noi, che abitiamo abbastanza distante dal luogo dellevento, il viaggio per il Romics iniziato alle 6.00 del mattino, con il treno regionale Napoli Roma Termini. Ogni giorno ci aspettavano almeno 30/40 minuti per il tratto hotelfiera, ma per fortuna, dato levento di grande portata, sono state predisposte treni e delle metro straordinari, cos da assicurare viaggi sicuri e veloci a tutti!

bel posto per rifocillarsi al riparo dal cocente sole romano di quei giorni. I due padiglioni rimanenti hanno accolto larea fumetti, fulcro della fiera, e larea games che questanno ha ospitato le fasi finali unimportante torneo italiano, il torneo PlayNow by Telecom Italia. Per me stata la prima esperienza al Romics e devo dire che sono rimasta a dir poco sorpresa, al contrario di molti, dai grandi spazi utilizzati e soprattutto ben sfruttati. Gli stand erano ben posizionati e i corridoi erano abbastanza grandi da far affluire la folla senza difficolt. abbiamo gi accennato prima, lattrattiva pi importante (o almeno per me LoL-dipendente n.d.a.), stata la fase finale del torneo PlayNow by Telecom Italia. Questo importante torneo ha portato sotto il suo marchio diversi titoli importanti, sia per console che per PC: stiamo parlando di titoli del calibro di Starcraft 2, Call of Duty: Black Ops 2, FIFA 13 ed ovviamente League of Legends! Per quanto riguarda LoL, i match sono iniziati a Gennaio, mentre per gli altri giochi erano gi partiti con alcuni piccoli tornei di qualificazione per questo evento e molti giocatori si erano gi battuti e distinti nella corsa al podio del Playnow! I team di League of Legends partecipanti allevento erano ben 40, tuttavia, solamente 4 team sono stati ammessi a questa fase finale. Ad ingolosire tutti questi giocatori stato il montepremi messo in palio: molto alto per un torneo italiano, stiamo parlando di un montepremi complessivo, suddiviso tra i vari giochi, di ben 60.000 . In particolare per League of Legends i premi sono stati: 1 Posto: 5x SAMSUNG TV 40ES6900 2 Posto: 5x SAMSUNG GALAXY S3 GT- I9300

Il Viaggio Parto dal presupposto che, per fortuna, Le finali del torneo PlayNow by Telecom Come

La location e i padiglioni Come gi anticipato la

location del Romics, come ogni anno, stata la Nuova Fiera di Roma. I padiglioni utilizzati questanno - a lamentela di molti - erano solo 3, ognuno dedicato e allestito per differenti attrazioni: Palco, news e games, fumetti e gadget e via dicendo. Il padiglione 8 dotato di placo e maxi schermo, dedicato alla gara cosplay della Domenica ha accolto, durante gli altri giorni, la proiezione di numerose puntate della terza stagione della serie televisiva che ha tenuto migliaia di persone attaccate allo schermo negli ultimi mesi, sto parlando di: The Walking Dead. Insomma, un

Licia Yrothe Punzo

A CURA DI

Continua

23

M3MAGAZINE.IT

M3MAGAZINE.IT

24

3 Posto: 5x SAMSUNG GALAXY TAB 2 10.1 3g+WiFi

Romics Award 2013 (edizione primaverile)! Per pi di 4 ore, davanti agli occhi di I 4 team finalisti del torneo sono almeno 10.000 persone, gli iscritti stati: della gara si sono immedesimati nel personaggio da loro scelto, mostinFerno eSports rando alla giuria non solo il cosTeam MADEinITALY Fire tume da loro realizzato, ma anche Team Double Ace la bravura nellinterpretazione per NexoGaming (ex-CCDominus) proprio personaggio. La maggior parte degli scontri, tutti al meglio delle 3 vittorie, si svolta durante la giornata di Sabato dove un team, NexoGaming, ha dovuto gi ritrovare la via di casa senza portare nulla a casa. Il resto della battaglia si divisa tra sabato e domenica e ha visto come vincitori del primo premio il team inFerno; seguito dal team MADEinITALY Fire e come terzo classificato il Team Double Ace. Le finali dei tornei di Starcraft 2 e di League of Legends sono state commentate e proiettate allinterno del padiglione. Le finali di Starcraft 2 sono state commentate dai noti caster Alessandro Vasa Vasarri e Tommaso Guzzostain Guzzo, che come al solito hanno reso questi ultimi game un vero spettacolo; allo stesso modo legolastef90 e Michele Bertocchi ci hanno accompagnato durante le finali di League of Legends. Di seguito la lista dei vincitori: Cosplay Romics Award: Riccardo Montico Ultimate Ironman Miglior cosplay femminile: Silvia e Sara Lapucci Mad Hatter, Narch Hare Miglior cosplay maschile: Luca Ruscitti Master Chief Miglior interpretazione: Emiliano Pesce e Luca Gismondi Ettore e Achille Miglior gruppo cosplay: Miyazaki I giorni passati l, purtroppo solo due, sono stati fantastici; vuoi per la compagnia, vuoi per levento di per s, di sicuro il divertimento non mancato!

Per chi non mai stato al Romics lo consiglio vivamente, soprattutto perch non monotono e ogni giorno della fiera si ha la sicurezza di trovare nuove attrattive. Personalmente spero di non perI cosplayer Unaltra attrattiva molto dermi ledizione autunnale la quale, importante per una fiera di questo vi ricordo, si terr dal 3 al 6 ottobre. tipo sono i cosplayer! Come ogni anno, infatti, migliaia di cosplayer sfilano allinterno ed allesterno della fiera e i pi coraggiosi si sono sfidati in un contest appositamente ideato: il Cosplay

25

M3MAGAZINE.IT

K
I

R E T R A T S ICK

R E T O P

O L O P O P L A E

l nobile proverbio lunione fa la forza alla base della societ creata dalluomo, creatura che per istinto portata a vivere in branco. Tutti, almeno una volta, hanno unito i propri sforzi e le proprie finanze con altre persone per cercare di raggiungere, o comprare, un obiettivo comune. Purtroppo, con il passare del tempo questo concetto, tanto semplice quanto potente, si andando sempre pi complicando e nellimmaginario collettivo lidea dimpresa stata associata a fondi provenienti dalla banche o da capitali privati, cosa che ha scoraggiato anche i pi convinti di unidea vincente, almeno sulla carta. Il settore dei videogiochi non certo rimasto fuori da questo modo di pensare quindi con levoluzione di questo segmento e lincremento dei profitti, alcune societ, che si possono tranquillamente considerare dei colossi finanziari, hanno iniziato a inglobare le realt pi piccole fino a diventare non solo leader, ma il vero e proprio mercato. I risultati di questa (lunga) egemonia sono sotto gli occhi di tutti: brand famosi distrutti da pubblicazioni troppo affrettate, nascita di contenuti aggiuntivi a pagamento rilasciati con una cadenza troppo ravvicinata, e cosa ancora peggiore, la trasformazione dellutente video ludico: da appassionato, a mucca da mungere fino allultima goccia.

30 Giorni

$ 2.000 K + 30 Giorni $ 1.900 K +

A CURA DI BrunoGalazon Manzoni

lisher, promettono di realizzare alcuni progetti, richiesti a gran voce dalle comunity e che per i pi svariati motivi non sono mai stati realizzati. Autori del calibro di Garriott, Jacobs, Molineaux, Fargo, Avellone, Misoda hanno deciso di intraprendere la strada del crowdfunding, infondendo anche una particolare aura di importanza, non certo prevista dagli sviluppatori di Kickstarter. Kickstarter, ma anche molti altri siti tra cui litaliano Kapipal, stanno pian piano cambiando le carte in tavola sottraendo il potere dalle mani delle grandi societ, per ridarlo in mano alle comunit di giocatori ormai mature. Queste sono fin troppo spesso svilite dalla totale assenza di voglia di innovare questo settore (tra laltro, figlio proprio dellinnovazione), che non pi in grado di uscire dai soliti binari, fatti di sequel senza fine, figli di una mancanza quasi cronica di coraggio nel proporre nuove sperimentazioni. Lidea di finanziare spontaneamente un progetto, che riesca a catturare limmaginazione in base ai pi svariati motivi, riuscita a far capire alla stragrande magUn altro punto a favore di Kickstarter indub- gioranza degli appassionati che in realt non biamente il ritorno di alcuni dei pi grandi servono centinaia di milioni per realizzare un nomi del panorama video ludico mondiale che, videogioco che riesca a divertire lutenza. liberi dalla catene imposte dei grandi pubQuesta situazione stantia, immobile anche per volere dei grandi nomi che sono riusciti a guadagnare somme di denaro spropositate, stata scossa dallarrivo di Kickstarter: un sito web che si fissato come obiettivo quello di raccogliere fondi (crowdfunding) per aiutare i progetti minori a vedere la luce. Il concetto alla base davvero semplice e si rif allistinto primordiale di unire le forze per superare un ostacolo. Kickstarter ha scelto di dare fiducia ai progetti creativi che spaziano da arte a fumetti, da design a moda, da film a fotografia, da cucina a videogiochi. Proprio il settore game ha risposto in modo pi che positivo a questa novit, spinto soprattutto dalla nuova ondata di giochi sviluppati da software house indipendenti, impossibilitate a competere, in termini di complessit formale con i giochi delle major; sostenuto anche dalla voglia dei puristi che desidererebbero vedere un ritorno alle origini del videogioco, lasciando la strada fatta solo di sequel e contenuti aggiuntivi a pagamento.

31 Giorni 32 Giorni $ 2.000 K +

$ 4.000 K +

27

M3MAGAZINE.IT

CAMELOT UNCHAINED sviluppatore: City State Entert. distributore: City State Entert. genere: RvR piattaforma: PC

B O T C A J O K L AR E M O M D N CA LM SECO SR V M L A E IL R EA

D E N I A H C UN S
La principale differenza rispetto al suo predecessore, tuttavia, la mancanza della componente PVE. Ovviamente saranno presenti degli NPC, ma questi non forniranno n esperienza n oggetti in caso di uccisione. Insomma, gli unici modi per migliorare il proprio alter ego digitale saranno il PVP e il crafting. Un modo questo, per premiare linterazione tra i giocatori, utilizzando gli strumenti messi a disposizione, piuttosto che incoraggiare la fruizione di contenuti PVE preparati dai programmatori; una filosofia tipica del sandbox a cui molti sviluppatori si stanno rivolgendo, vista la difficolt e il costo di preparare sfide PVE soddisfacenti che sono invariabilmente concluse dai giocatori in tempi molto ridotti: insomma, i giocatori finiscono i contenuti PVE pi velocemente di quanto i programmatori non

l nome di Mark Jacobs, per molti di noi, familiare per lo sfortunato Warhammer Online: il gioco di Mythic atteso come un messia nel 2008 che fin con il collassare sotto il peso di una realizzazione incompleta e della delusione dei fan. Lo stesso Mark Jacobs, dopo aver fatto pubblicamente ammenda per gli errori commessi durante lo sviluppo di Warhammer, ha lanciato questanno una campagna Kickstarter per il suo nuovo progetto: Camelot Unchained, un MMORPG basato sul Realm vs Realm, ovvero la guerra tra tre diverse fazioni. Il concetto lo stesso alla base del celebre Dark Age of Camelot, titolo del quale lo stesso Jacobs stato Lead Designer e a cui Camelot Unchained strizza locchio, e non solo per il nome (provvisorio)!

30 Giorni

$ 2.000 K +

D
A CURA DI DarioGenesx Vianello

possano crearne di nuovi, lasciando i primi delusi e a bocca asciutta, o a giocare un endgame fatto di continue iterazioni dello stesso contenuto. In Camelot Unchained, se non si fosse capito, non c un endgame: il Realm vs Realm non lendgame, ma il gioco stesso! E di certo questa non lunica scelta coraggiosa compiuta da Mr Jacobs e dal suo team: ad esempio il sistema Sasso Carta Forbice, piuttosto che bilanciare le classi con il sistema di mirroring alla World of Warcraft, o classi che si occupano del solo crafting, oppure il sistema di fisica che calcola ogni crollo e proiettile/palla di fuoco lanciati in modo che ogni elemento casuale possa interferire attivamente nel mondo di gioco... Ovviamente, il tutto su carta pi che sufficiente ad accendere le speranze dei player! Visti gli ottimi propositi di Mark Jacobs, che per Camelot Unchained ha fatto della comunicazione con gli utenti il suo cavallo di battaglia, c davvero

di che essere fiduciosi... Ma allora, perch ha fatto tanta fatica a raccogliere i due milioni di dollari richiesti per sviluppare il titolo? Che ci sia dietro la sfiducia verso luomo che ha messo il proprio marchio su Warhammer Online? Oppure la nicchia di giocatori interessati a un gioco unicamente PVP, alla Dark Age of Camelot, davvero cos ridotta? O forse la mancanza di qualcosa in pi di un paio di test realizzati con esempi embrionali dellengine e modelli placeholder ha inficiato sulla credibilit del progetto? Fortunatamente, nelle ultime ore, la raccolta fondi ha raggiunto la quota minima con un insperato scatto in avanti, quindi ora dovremo solo aspettare nuove notizie su quello che promette di essere il nuovo punto di riferimento per gli amanti del PVP in salsa massiva!

29

M3MAGAZINE.IT

SHROUD OF THE AVATAR: FORSAKEN VIRTUES sviluppatore: Portalarium distributore: Portalarium genere: GDR piattaforma: PC, Mac, Linux data di uscita: Ottobre 2014

D EL U D I N O I G R I OR E SH L L A O ISH ORN
BRIT IL RIT D R O L ER P O L O U R

R A T A V A E H OF T
mente, di raccontare una storia avvincente come quelle dei migliori Ultima, grazie anche a uno scrittore di successo quale Tracy Hickman (autore, tra gli altri, di Dragonlance) come lead story designer. Oltre a questo, Shroud of the Avatar mira a realizzare un ricco e soddisfacente comparto online. In verit, bisogna dire che le informazioni sul titolo sembrano ancora un po vaghe. Stranamente, il gioco cambiato pi volte nelle parole stesse degli sviluppatori: Shroud of the Avatar difatti ha subito delle variazioni durante la campagna su Kickstarter, evolvendosi da un RPG singleplayer con una spruzzatina di multi a qualcosa di molto pi massivo e persistente, tanto che Garriott disposto a giurare che sar paragonabile a un vero e proprio MMORPG, pur non essendolo tecnicamente, dato che pu essere giocato anche in single e non richiede una connessione permanente a Internet. Se da un lato le parole dei developer lasciano aperte

on meno stuzzicante, almeno sulla carta, il progetto capitanato da Richard Garriott che punta a sviluppare un RPG vecchia scuola e ricreare i fasti della serie Ultima, di cui non detiene pi i diritti. Finanziato per un totale di 2.2 milioni di fondi raccolti tra Kickstarter, Paypal e sito ufficiale, Shroud of the Avatar immerger i giocatori in un nuovo mondo virtuale fantasy concepito dalla fervida mente di Lord British. Il gioco dovrebbe insomma conservare tutto lo spirito che ha reso leggendaria la saga di Ultima, laddove le cosiddette virt dimenticate potrebbero rappresentare un velato riferimento proprio allesperienza ruolistica, che i gamer di oggi sembrano aver abbandonato in favore di approcci pi dazione e immediati. Gli obiettivi principali del team texano Portalarium sono di tratteggiare un mondo interattivo e credibile, di rendere il giocatore libero di scegliere e comportarsi come desidera e, contemporanea-

30 Giorni

$ 1.900 K +

A CURA DI LorenzoPlinious Plini

tutte le porte, dallaltro evidenziano una certa confusione di fondo, che speriamo svanisca completamente nei prossimi mesi a favore di idee chiare e ben implementate.

Il beneficio del dubbio Garriott mette la mano sul

fuoco, affermando che questo sistema multiplayer, definito selettivo, accontenter tanto il giocatore casual quanto quello pi hardcore e dedito al PVP. A conferma di ci, ci saranno safe zone dedicate esclusivamente al PVE e regioni in cui i giocatori potranno rendersi disponibili per il PVP; ad esempio il gioco includer una nuova isola inesplorata al di l del continente principale, dove ogni PG dovr essere pronto a difendersi dai nemici, umani e non. Il sistema di crescita del personaggio ricorder i giochi di ruolo di una volta, con un sistema di skill libero, la mancanza di classi preimpostate e lassenza totale di grind (almeno teoricamente), mentre la main quest dovrebbe offrire quaranta ore abbondanti di gioco. Grazie allo stretch goal degli 1.6 milioni, stata garantita la localizzazione del titolo in diverse lingue, tra cui litaliano. Con lo stretch goal dei 2 milioni, ne stata invece ampliata la natura MMO, con tanto di PVP (anche se non full loot),

Guild versus Guild e persino le case di gilda al lancio; ci non toglie che, per chi volesse, la storyline potr essere giocata interamente in singleplayer. Confermate infine feature come il crafting e lhousing, che avranno un ruolo estremamente importante nelleconomia di gioco: la seconda, in particolare, permetter di possedere e arredare case che possano poi essere viste da tutti i giocatori connessi; gli insediamenti saranno di tre tipi, in base alle dimensioni: village, town e city. Anche Shroud of the Avatar user lUnity Engine, ma gli sviluppatori ci tengono a confermare che le immagini e i video che girano ora costituiscono soltanto un prototipo e graficamente sono ben lontani da come apparir il prodotto finale. Forsaken Virtues solo il primo dei cinque episodi stand-alone che comporranno la saga, ognuno con modello buy to play. Il lancio previsto, se tutto andr liscio, per ottobre 2014 su PC, Mac e Linux.

31

M3MAGAZINE.IT

STAR CITIZEN sviluppatore: Cloud Imperium Games,


Behaviour Interactive distributore: Cloud Imperium Games genere: Sandbox Spaziale piattaforma: PC

O CHRIS R

N E Z I T I LE A C I Z A R P S OX B D STA N A S UO S L I E S ERT
B

hris Roberts, se questo nome non vi fa accendere nessuna lampadina, allora vuol solo dire che siete troppo giovani, e in tal caso ecco alcuni dati per capire di chi stiamo parlando.

Roberts inizi la sua carriera presso Origin Systems dove, dopo aver pubblicato alcuni giochi, la cui interfaccia fu dispirazione per la famosa serie di Ultima, diede origine a una delle serie pi conosciute e apprezzate negli anni 90: stiamo parlando di Wing Commander, la cui fama crebbe cos tanto da riuscire a mettere in ombra la serie di Ultima (in questo caso parliamo della serie single player). Lasciata Origin Systems, Roberts approd a Digital Anvil, dove le cose non andarono per il meglio; i suoi due successivi progetti Starlancer e Freelancer, in particolare questultimo, furono ben lontani da ci che Roberts voleva realizzare; dopo questi fallimenti Roberts lasci Digital Anvil e si dedic ad altri lavori. La causa principale di questi insuccessi, come in molti altri titoli, da ricercarsi nelle pressanti e continue intromissioni da parte dei publisher che spesso non permettono agli sviluppatori di completare il loro lavoro secondo i progetti ideati e determinando spesso fallimenti clamorosi. Per ovviare a questi problemi Roberts nel 2011, vista la sua grande passione per i videogiochi, fonda lo studio di sviluppo Cloud Imperium Games Corporation, unoasi slegata da vincoli con vari distributori in cui elaborare progetti e

A CURA DI MarcoMarmorn Caldarini

idee senza paura di intromissioni non gradite. Roberts decide quindi di lanciare una campagna di crowdfunding sul suo sito (Roberts Space Industries), per realizzare un nuovo progetto: Star Citizen. La risposta da parte dei gamer stata sorprendente e, anche su richiesta dei tanti interessati al progetto, stata iniziata unaltra crowdfunding su Kickstarter. Al termine della raccolta fondi Roberts pu dire di aver raggiunto il suo obiettivo: quasi 6.5 milioni di Dollari, che hanno permesso di iniziare il vero lavoro di sviluppo di Star Citizen.

un universo intero in cui affermare il proprio nome. La grafica sar affidata al collaudato CryEngine 3 che per loccasione sar modificato per meglio adattarsi alle esigenze del gioco; sono gi numerose le immagini delle navi spaziali, i nomi dei pianeti e sistemi stellari per non parlare delle varie razze che incontreremo in gioco. Per ora sono stati annunciati 110 pianeti, 20 sistemi stellari e 6 diverse civilt. Insomma i numeri ci sono tutti, rimane solo da chiedersi se le promesse fatte saranno mantenute. Purtroppo questa la paura dei crowdfunding, ci sentiamo comunque ottimisti di fronte a questo progetto che seguito da a questo punto che non si pu non rimanere qualcuno in grado di dire la sua per quanto sorpresi; la quantit di artwork, video e video riguarda il settore videoludico. log che vengono continuamente pubblicati da quando lidea di Star Citizen stata concepita, sono a dimostrare come si voglia tenere il pi possibile aggiornati i gamer che, oltre a donare i propri soldi, hanno riposto le loro speranze in questo progetto. Ma andiamo a conoscere un po meglio Star Citizen: si tratta di un MMO sandbox che possiede anche una campagna single player e

32 Giorni

$ 2.000 K +

33

M3MAGAZINE.IT

TORMENT: TIDES OF NUMENERA sviluppatore: InXile Entertainment distributore: InXile Entertainment genere: GDR piattaforma: PC, Mac, Linux data di uscita: Inizio 2015

O S S E C C IL SU

T N E M R O T
R O I L G I M RE DEL

PR M E S I D RPG

n chiaro esempio della potenza di Kickstarter costituito da Torment: Tides of Numenera. Inaugurato da InXile Entertainment (softco attualmente al lavoro su Wasteland 2) con la partecipazione di nomi grossi del calibro di Brian Fargo (fondatore di InXile) e Chris Avellone (sviluppatore di Black Isle nonch fondatore di Obsidian), il progetto ha polverizzato qualsiasi precedente record, ottenendo ben quattro milioni e mezzo di dollari grazie al contributo di oltre settantamila investitori (o backer, come vengono chiamati su Kickstarter). Il motivo di tanto entusiasmo presto detto: Tides of Numenera si prefigge come il seguito spirituale di Planescape Torment; titolo pubblicato nel 1999 dagli stessi Fargo ed Avellone, e riconosciuto da fan

ed addetti ai lavori come uno dei giochi di ruolo pi complessi e appaganti di sempre. I developer intendono insomma delineare unintensa esperienza ruolistica, sviluppando un titolo rigorosamente singleplayer, con visuale isometrica e un forte accento sulla componente narrativa. Il gioco promette di avere la stessa impronta di Planescape: Torment nel trattare temi maturi e profondi, ponendo domande sulla vita, la morte e lo scopo della nostra esistenza. Non mancano tuttavia differenze con lo storico titolo Black Isle/Interplay: pur essendo un RPG story-driven di vecchio stampo, Torment sar ambientato nelluniverso di Numenera, GDR da tavolo creato dal designer Monte Cook, e non in

A CURA DI Lorenzo Plinious Plini

quello di Planescape. Chiamato anche il Nono Mondo, quello di Numenera riprender i setting del gioco cartaceo omonimo, mischiando in maniera molto inusuale fantasy e fantascienza, medioevo e steampunk; nel GDR una location fondamentale (probabilmente lequivalente della cittadina di Sigil in Planescape: Torment) sar Bloom, una citt viva, organica e dotata di un proprio imperscrutabile volere.

nientemeno che il compositore originale delle suggestive musiche di Planescape: Torment. Il gioco verr inoltre tradotto in diverse lingue, italiano compreso, e sar privo di qualsivoglia DRM online. Senza ombra di dubbio Planescape: Torment costituisce ancora oggi un capolavoro indiscusso degli RPG per computer, pari per bellezza e profondit ad unopera letteraria. C da sperare che il nuovo Torment: Tides of Numenera sapWhat does one life matter? Il gameplay di Torment: pia coglierne lessenza e proseguire la pesante Tides of Numenera si concentrer su quattro eredit. grossi pilastri: dialoghi, esplorazione, combattimenti e companion. A tal proposito il gioco dovrebbe presentare un mondo dinamico e in evoluzione, in cui le scelte e le azioni del giocatore avranno delle conseguenze tangibili su ci che lo circonda. Avremo dunque a che fare con una trama densa di sfumature morali, dove la parola conta pi della spada, e importantissime saranno le interazioni e le relazioni con i vari NPC. Per il resto i dettagli sulla giocabilit, com prevedibile, sono ancora piuttosto pochi; certo che i ragazzi di InXile stanno cercando di sperimentare soluzioni coraggiose e innovative per rendere unico il loro titolo; ad esempio, alla morte del nostro avatar non dovremo per forza caricare un salvataggio precedente, ma ci troveremo allinterno di un intricato dedalo, il Castoffs Labyrinth, rappresentazione della tortuosa mente del protagonista, di cui dovremo cercare di scoprire i misteri per poterne uscire. Ad inizio mese stato raggiunto anche lultimo degli stretch goal, sbloccato a 4.5 milioni, cosa che implica limplementazione in gioco delle Stronghold, le fortezze in cui ogni player potr riposarsi, interagire con NPC e iniziare speciali quest. A seguito degli straordinari risultati raggiunti, gli sviluppatori hanno ringraziato i fan e dichiarato che il lancio del gioco previsto per linizio del 2015. Come motore viene adoperato lUnity che, se da una parte non fa gridare al miracolo, dallaltra 31 ottimo nel restituire una certa sensazione di tra$ 4.000 K + Giorni dizione e continuit con la grafica dei vecchi GDR degli anni 2000; in questo senso, i primi artwork e screenshot rilasciati paiono gi garantire una qualit artistica eccelsa. Per quanto riguarda la colonna sonora stato assoldato Mark Morgan,
35
M3MAGAZINE.IT

NELLA SEZIONE

39 40 44 48 50

ONLINE TOURNAMENT ANGOLO E-SPORT INTERVISTA INFERNO DREAMLAN DOTA 2

SP 120

ONLINE

TOURNAMENT
Call of Duty 4, League of Legends, Dota 2, Starcraft 2 HotS,Serious Sam HD, Unreal Tournament 2004, Shootmania

BIG LAN PARTY 2013


Iscrizioni aperte organizzatore: Brothers in Games, F.I.S.E.V. Data: 19 -20 -21 Luglio 2013 termine iscrizioni: 10 Maggio
inizio iscrizioni:

ISCRIVITI

41

M3MAGAZINE.IT

ANGOLO eSports

LEAGUE

tempo di alleanze, tempo di scegliere una trib, tempo di combattere! E questo il messaggio che ci lanciano da Freljord, regione del nord ormai contesa da tre grandi potenze! Andiamo a scoprirle!

Averosani Trib capitanata da Ashe, arciera del ghiaccio, la quale

vuole riunire Freljord in ununica nazione. Combatte con riluttanza, ma ha il supporto di un esercito forte e motivato! Tra questi troviamo: Tryndamere, Anivia, Nunu e Gragas.

Artigli DInverno Capitanata da Sejuani, sorella di Ashe, la quale al

contrario della prima molto pi violenta e assetata di sangue. I suoi alleati, Volibear, Olaf e Udyr, sono dei veri e propri predatori e per assicurarsi la sopravvivenza derubano le trib pi deboli.

Guardia del Gelo La trib pi pericolosa e spaventosa, guidata da

una donna senza piet gettata anni or sono nellAbisso Ululante. Lissandra, mentre tutti dormono ignari del pericolo, sta tramando di tornare per mettere Freljord ai suoi piedi. Ricordiamo, inoltre, che fino al 15 maggio possibile scegliere la propria alleanza selezionando lavatar che la rappresenta, e vincendo 10 game con quellicona la si sblocca per sempre! Lissandra, la potente strega dei ghiacci al comando della Guardia del Gelo, il nuovo champion sfornato dalla Riot con questa importante patch. La sua storia, oscura e tormentata, inizi quando, secoli or sono, trad la sua trib a favore di un gruppo di malvagie creature, conosciute come i Guardiani. La sua trib venne maledetta, trasformata, e grazie ai suoi nuovi seguaci Lissandra riusc a sconquassare e conquistare i territori del Nord. Il ghiaccio, oscuro ed eterno, iniz ad avvolgere tutta Runeterra, ma antichi eroi arrivarono e riuscirono a sconfiggere le potenti armate di Lissandra. La strega dei ghiacci non si perse danimo, e grazie ai suoi poteri riusc, col passare delle generazioni, a riscrivere le cronache e gli annali del Freljord, riducendo le storie sui Guardiani

Alessandro Bombetta Monizza & Licia Yrothe Punzo

A CURA DI

OF

LEGENDS
danni, recuperando molto velocemente la vita persa. Rilevante anche la passiva, in grado di rigenerare la sua vita alla morte dei minion nelle vicinanze, e che gli permette di mantenere alti gli hp mentre pulisce la giungla. Ancora pi incisivi i cambiamenti a Sejuani, che grazie a Flail of the Northern Winds e a Permafrost riesce a infliggere danni rilevanti mentre rallenta tutti i nemici nelle vicinanze. La combo Arctic Assault + Glacial Prison le consente invece di forzare i teamfight anche a grandi distanze e con effetti devastanti sul team avversario. La passiva, che aumenta larmor e la resistenza agli slow ogni volta che si colpisce un avversario con un attacco o unabilit, le permette di essere molto resistente e quasi inarrestabile durante gli inseguimenti. Le novit non finiscono qua! La Riot, infatti, ha rilasciato una nuovissima mappa Aram - finalmente selezionabile come pvp e non solo custom - chiamata lAbisso Ululante. LAbisso Ululante, come riporta la descrizione, una voragine senza fondo situata nelle zone pi nascoste, segrete e gelate di Freljord. Leggenda narra che l, su un ponte sospeso, un tempo ci fu una tremenda battaglia; ancora oggi non si sa chi ne fosse stato protagonista ma

a semplice favole per bambini. Non contenta, Lissandra cerc di ricostruire il proprio esercito, e punt gli occhi sulla trib della Guardia del Gelo. Prendendo il posto del loro leader, e cambiando forma di generazione in generazione, essa riusc a corrompere la trib, e dopo lungo tempo ora essi sono completamente assogettati al volere della strega, in paziente e bramosa attesa del ritorno dei Guardiani! Per celebrare questa patch, principalmente incentrata sul Freljord, la Riot ha anche rilasciato due completi rework di una coppia di champion finora poco utilizzati, Trundle e Sejuani, nonch nuove skin: Blackfrost Anivia, Ice Drake Shyvana e Runeguard Volibear, il cui tema in comune , naturalmente, il ghiaccio! Rielaborato anche nellaspetto, il troll dei ghiacci Trundle ha subito varie modifiche e potenziamenti, per renderlo un jungler migliore e maggiormente resistente ai colpi. La sua Chomp, in grado di rubare un p di attack damage al suo avversario resettando lautoattack, la sua principale fonte di danno, mentre grazie a Frozen Domain, in grado di aumentare la sua rigenerazione e la velocit di movimento, e a Subjugate, che ruba vita e difese allavversario, riesce a subire molti

43

M3MAGAZINE.IT

la cosa certa che se si ascolta con attenzione, oltre al soffio del vento, si possono sentire anche le urla delle vittime. Esteticamente la mappa stata completamente rinnovata, nuovi venditori, nuove torri, nuovi effetti e nuovi paesaggi. I primi, infatti, sono diversi a seconda del lato della mappa in cui ci si trova: per il lato viola un simpatico vecchietto accompagnato da uno strano robot di sua invenzione, per il lato blu un inquietante guerriero fantasma. Per le torri invece stato ideato un nuovo metodo di distruzione: pi la torre subisce danni, pi va in frantumi finch non crolla del tutto. I nuovi effetti e paesaggi sono forse il pezzo forte della mappa! Lintero ponte circondato da uno spettacolare paesaggio, colonnati, ponti e montagne ghiacciate, tutte cose che col proseguire della partita crollano e si distruggono. Altra novit sono i Poro, simpatici animaletti pelosi e affamati che girano per il ponte. In molti non hanno ben capito il senso di questi animali, totalmente inutili ai fini del gioco. Fatto sta che nascondo alcuni segreti! Se come maestrie si selezionano quelle da support, e quindi si prende il biscotto curativo, in gioco comparir automaticamente un nuovo item, il Poro snack, che sar attivabile non appena un Poro verr abbastanza vicino per poterlo sfamare. Il Poro, ricono-

scente, inizier a girare su se stesso e in pi compariranno dei cuoricini! E non finisce qui! Se si vuol lasciare con lacquolina in bocca il Poro basta tenere lo snack nellinventario, lui inizier a seguire il campione ovunque e se lo si porta fin dentro la fontana potr addirittura essere ucciso. Se invece si preferisce ripopolare la specie, possibile organizzare un Aram Custom 5vs5, invitando tutti a selezionare le maestrie da support e a sfamare un Poro il quale inizier a crescere snack dopo snack finch, raggiunto il decimo, esploder rilasciando nuovi Poro!

M3MAGAZINE.IT

44

DR
&

BONNY & MAGIXSTER IL LATO PRO DI LEAGUE OF LEGENDS

ALCUNI DETRATTORI DI LOL ACCUSANO QUESTO GIOCO DI AVERE UN METAGAME MOLTO PI STATICO RISPET TO AD ALTRI MOBA, COME DOTA 2, CON RUOLI TROPPO FISSI E ALLA LUNGA TEDIOSI. PENSATE CHE LATTUALE METAGAME DI GIOCO, A LIVELLO DI COMPETIZIONE, SIA TROPPO STATICO? Premettendo che non ho mai giocato a DotA 2, quindi mi difficile paragonare questaspetto nei due giochi, in realt su LoL il metagame allo stesso tempo statico e dinamico. A livello di lane non si pu negare che sia sempre uguale, ma tutto il resto che c dietro cambia da game a game - vedi pick/ ban, strategie di laning phase, strategia early game e cos via; non ci si pu lamentare!

Credo che sia stato fatto tutto questo per rendere il gioco pi divertente e leggero, soprattutto la SoloQ e non avere quel famossimo numero che ti rappresenta e che pensi che non sia mai corretto. Ovviamente la creazione delle leghe decisamente migliore, in quanto risulta tutto pi categorico e semplice, ognuno ha la sua lega e pu vedere i propri progressi rispetto agli altri.

LA RIOT PRODUCE COSTANTEMENTE NUOVI CHAMPION E LA VARIET DI GIOCO IN CONTINUO AUMENTO; MA MENTRE NUOVE MECCANICHE VENGONO AGGIUNTE E NUOVI EROI ENTRANO IN CAMPO, ALCUNI DI QUELLI PI DATATI FINISCONO NEL DIMENTICATOIO, IN LISTA PER QUALCHE REWORK LENTO AD ARRIVARE. CREDETE CHE LA SOFTCO AMERICANA DOVREBBE DEDICARE PI ATTENZIOIL VECCHIO RANKED SYSTEM HA RICEVUTO NE AGLI AT TUALI CHAMPION RISPETTO AL UN ALTO NUMERO DI LAMENTELE, SOPRATUT- RILASCIO DEI NUOVI? TO DA PARTE DEI SOSTENITORI DEL TANTO DISCUSSO ELO HELL. CREDETE CHE IL NUOVO La frequenza di uscita dei champion calata SISTEMA DI DIVISIONI ABBIA MIGLIORATO IL ultimamente, infatti hanno deciso di rilasciarne MATCHMAKING E IL BILANCIAMENTO DELLE circa uno ogni mese, mentre precedentemente ne LEGHE? usciva uno ogni due settimane; di conseguenza si stanno focalizzando sui vari rework, vedi Sejuani,

Trundle, Karma, e ora sono al lavoro con Heimerdinger, Sion e sicuramente altri. PRIMA SI PASSATI DALLA LEAGUE OF BOTRK, POI DALLA LEAGUE OF WARMOG, INFINE A UN RIPOTENZIAMENTO DELLA BOTRK. IL BILANCIAMENTO TRA AD CARRY E OFFTANK SEMPRE SUL FILO DEL RASOIO, E IL RISCHIO DI RENDERE INUTILI GLI UNI O GLI ALTRI SEMPRE IN AGGUATO. COSA PENSATE DEL BILANCIAMENTO AT TUALE TRA QUESTI DUE IMPORTANTI RUOLI? Quando fu ricostruita la Warmog era troppo sbilanciata per il costo relativamente basso e le stats che dava: quando litem che avrebbe dovuto counterarla era la BoTRK ed era ancora inefficace. Successivamente arrivato il nerf alla Warmog, ma hanno potenziato troppo la BoTRK, che veniva usata su ogni ADC come primo item ancora prima delle scarpe. Adesso questi due item sono abbastanza bilanciati, la blade non diventata un must su ogni carry - come ad esempio Miss Fortune - anche se la skill attiva di questultimo item rimane comunque ottima, dando movement speed e possibilit di kiting nei confroti dei bruisers avversarsi. LITALIA NON CERTO LAMBIENTE PI FERTILE PER LA CARRIERA DI UN PROGAMER, E IL MONDO DEGLI E - SPORT ANCORA RELATIVAMENTE GIOVANE NEL NOSTRO PAESE. QUALI SONO LE PRINCIPALI DIFFICOLT DA AFFRONTARE PER VIVERE IN QUESTAMBIENTE? Il blocco generale sicuramente per via della mentalit italiana: questo mondo ancora nuovo, sia per i giocatori, sia per i genitori che non comprendono leSports in generale e quello che pu offrire, vedendo il gioco per computer come il solito passatempo. Ultimamente, grazie allevento della Riot in Italia e con il torneo organizzato dalla Telecom, si sono visti alcuni cambiamenti; sperando che questi eventi

Andrea Bonny Bonifazio


Avvicinato al mondo dellonline gaming osservando il fratello maggiore alle prese con un WoW appena uscito, dopo un paio danni approda al genere MOBA con League of Legends. Giocando prima negli Xpl e poi nei Tri, ora capitano e AD Carry sotto i colori del Team inFerno eSports.

Awards:
1 Place WCG national final 2011 5 Place Insomnia i43

Alessandro Bombetta Monizza


47
M3MAGAZINE.IT

A CURA DI

possano essere linizio dellera dello sport elettronico anche in Italia. Di certo bisogna arrivare il prima possibile a linee internet pi veloci, come la fibra ottica, anche se questo problema potrebbe richiedere ancora diversi anni prima di essere risolto.

dica qualcosa e con tutto il team si accetta o decide cosaltro fare, fermo restando che le cose dette da quelluno non siano oro colato: tutti possono sbagliare, quindi sempre meglio decidere insieme. QUALI SONO, SECONDO VOI, I RUOLI PI COUNTERPICKABILI E QUINDI PI DELICATI IN FASE DI CHAMPION SELECT?

NONOSTANTE I TOPIC SU QUESTARGOMENTO SI SPRECHINO, MOLTI UTENTI ANCORA SI CHIEDONO QUALI SIANO GLI ASPETTI SUI QUALI FOCALIZZARSI PER TENTARE DI SCALARE LA Mid e Top sono i ruoli pi delicati da pickare, mentre LADDER. CHI PRENDE CI CHE SERVE AL TEAM, il jungler solitamente il pi sicuro di tutti: tant che CHI INVECE SI IMPUNTA IN UN SOLO RUOLO, si first-picka la maggior parte delle volte. CHI OPTA PER I COSIDET TI PUBSTOMPER, CHI PUNTA AL DIALOGO CON LA PROPRIA SQUADRA E CHI INVECE CERCA LA LEADERSHIP; I METODI SONO TANTI E OGNUNO HA I SUOI PRO E CONTRO. PER ESPERIENZA, QUALE CREDETE CHE SIA LAPPROCCIO MIGLIORE PER CERCARE DI VINCERE PI PARTITE POSSIBILI? In primis, giocare champion e ruoli dove ci si sente a proprio agio; secondo, non usare champ che counterano il champ nemico per sentito dire, se non li si sa usare (finireste per counterare voi stessi); poi, cercare di flammare il meno possibile e dare dei little tip e incoraggiamenti mentre giocate e vedrete che, se partite bene e/o state vincendo la partita quasi da soli, i vostri alleati vi ascolteranno di pi e seguiranno i vostri call. E come chiedono tutti: qual leroe che carrya di pi in SoloQ? Non esiste! I migliori sono quelli che sapete usare meglio. LA FASE DEI PICK/BAN UNA PARTE DELICATA DEL PRE - PARTITA, MA QUANTO DETERMINANTE? QUANTO IMPORTANTE UN PICK CORRETTO E DEI BAN BEN PIAZZATI AI FINI DELLA VITTORIA? Onestamente credo che i picks/ban siano ALMENO il 50% della vittoria/partita. DURANTE I VOSTRI MATCH, AVETE QUALCUNO CHE FUNGA DA LEADER E CHE GESTISCA LINTERA SQUADRA, ALMENO NEI MOMENTI PI DELICATI DELLA PARTITA? SE S, SOLITAMENTE QUAL IL RUOLO PI ADAT TO A FUNGERE DA LEADER? Credo che i migliori ruoli per fare da caller early game siano in primis il jungler che ha visione di tutta la mappa e pu chiamare gli oggetti pi facilmente e razionalmente, e come seconda scelta il support. Per noi Bonny gestisce il team e ci d indicazioni su come muoverci, ma andando avanti nel game, credo sia indifferente. Limportante che ci sia UNO che
M3MAGAZINE.IT 48

Luca Magixter Montevecchi


Dapprima giocatore di Gunz, ha cominciato a giocare a LoL poco tempo dopo la release; sempre stato conosciuto per la quantit di game giocati in ogni season e per i suoi continui cambi di nick. Il suo incontro con Bonny risale a quasi 3 anni fa, quando crearono il Team Dugongs. Tra passaggi in vari team da parte di entrambi, hanno ricominciato a giocare sotto la stessa bandiera da qualche mese, proprio per gli inFerno. Fu lui a stringere per primo i contatti con lorganizzazione che ora li ospita e a convincere gli altri a creare questo team. A primo impatto pu sembrare un tipo piuttosto burbero, ma alla fine un pezzo di pane. Divide la propria giornata tra lavoro, fidanzata e soprattutto, SoloQ.

Continua

A CURA DI MarcoMarmorn Caldarini

nternet e il gioco online hanno messo in comunicazione molte persone, permettendo loro di conoscersi e divertirsi al tempo stesso; purtroppo, spesso manca la possibilit di vedersi e parlarsi a meno di opportuni strumenti multimediali. Forse da questa mancanza nata lidea della lan party: la possibilit di collegare pi computer in rete e permettere ai giocatori di essere, almeno per una volta, fisicamente vicini tra loro durante le fasi di gioco. Il bello delle lan party che possono essere organizzate anche con poche persone, ma quando i numeri crescono e superano le migliaia, improvvisamente un semplice raduno di giocatori assume tutto un altro valore. La massima espressione di quanto stiamo descrivendo rappresentato dal Dreamhack: la pi importante lan party a livello mondiale, che si tiene due volte allanno in Svezia e a cui ogni gamer aspira a partecipare, almeno come spettatore.

so di organizzare un evento lan party. Una volta avviato il progetto, i fondi per realizzarla sono diventati laspetto cruciale, sebbene anche la competenza tecnica e la capacita organizzativa siano assolutamente dobbligo, in eventi del genere. Si sa, il mercato italiano ancora molto giovane in questo settore e non invoglia ancora i grandi sponsor a investire i propri soldi; fortunatamente i gamer non mancano mai, e sono accorsi a questo evento pi numerosi di quanto gli organizzatori stessi avessero previsto. Ovviamente necessario un luogo adatto per ospitare tutto questo, e nel caso della DreamLan si concretizzato nei locali di Nerd Industry, che si trova ad Arezzo ed dotato di ampi spazi e di una rete in fibra ottica: entrambi elementi ideali per qualsiasi lan party.

giusto ricordare gli sponsor che hanno preso parte allevento: Max Faller di Termaltake, Salvatore Vento di Corsair con questa idea in mente che la F.I.S.E.V., Italia e Max Donghi di Kobrapc, che per rappresentata da Michele Valecce, ha deci- loccasione stato accompagnato dal team

Sicut Nox Silent. Non vanno dimenticati i ragazzi di Geemba Network che si sono alternati nelle due giornate del torneo per offrire a chi non ha potuto essere presente, il commento via streaming delle varie sfide che hanno avuto luogo durante levento. La DreamLan si svolta nei giorni 26 e 27 Aprile, ma gi dal 25 gli organizzatori e alcuni gamer erano allopera per preparare le varie postazioni, dalle quali i vari team si sarebbero dati battaglia nei due giorni successivi. Grazie allesperienza, a validi collaboratori e a un po di fortuna (che in queste occasioni non guasta mai) il 26 mattina i tornei hanno avuto modo di iniziare senza alcun ritardo. I vari team presenti si sono potuti dare battaglia a colpi di click di mouse nei vari video giochi presenti alla lan; parliamo di Call of Duty, League of Legends, Starcraft 2, Serious Sam e tanti altri. Ci che ha sorpreso di pi della prima edizione di questo evento stata la risposta dai gamer, ben 150, arrivati un po da tutto lo stivale. Ai quali vanno aggiunti i non pochi spettatori e alcuni addetti al settore e rivenditori di hardware, che hanno messo a disposizione dei gamer i loro prodotti a prezzi vantaggiosi; eravamo presenti anche noi e abbiamo potuto respirare la passione da parte degli organizzatori nel preparare questo evento, e condividere la gioia dei giocatori che hanno preso pare alla competizione. Uno sguardo va rivolto anche ai gamer che, una volta messi da parte i convenevoli, hanno saputo dar vita a partite dav-

vero intense oltre, che divertenti per chi vi assisteva; tra urla di gioia e di rabbia i vari team si sono affrontati per decidere chi fosse il migliore. Certamente laspetto pi bello divertirsi e conoscere altri appassionati, ma allo stesso tempo vincere non poi cos poco importante. Abbiamo avuto la possibilit di parlare con vari team presenti e non possiamo non nominare le Girls of Damage, un team di sole ragazze che giocano a League of Legend, che hanno saputo dimostrare le loro capacit e iniziare a farsi conoscere allinterno del mondo delle lan party, dimostrando che sono sempre pi numerose le ragazze che giocano ai videogiochi. Concludiamo affermando che siamo stati protagonisti di un evento sicuramente positivo, che ha saputo farsi notare allinterno di una realt ancora molto sottovalutata in Italia. In un periodo di crisi come quello attuale, lindustria videoludica potrebbe essere una terra promessa che aspetta solo di essere sfruttata, e sono proprio eventi come la DreamLan che dovrebbe far capire il potenziale di manifestazioni del genere. Non resta che rimanere in attesa della prossima lan party organizzata da F.IS.E.V, alla quale saremo di sicuro presenti! E voi?...

51

M3MAGAZINE.IT

A CURA DI Alessandro Bombetta Monnizza

o scorso numero abbiamo parlato dei MOBA, della storia che parte dalla Blizzard e conduce alla Riot, e di uno dei pi famosi giochi del momento. Questa volta, restando in tema, parleremo di quella che considerata la risposta Valve ai MOBA, DotA 2. Come si intuisce dal nome, DotA 2 riprende la tradizione e le meccaniche del suo predecessore, riproponendo quindi tutte le idee gi contenute nel primo capitolo. Gli eroi, gli oggetti, la mappa, il gameplay sono in sostanza gli stessi, supportati per da un client dedicato, dallintegrazione con Steam e dalla cura dei dettagli quasi maniacale tipica della softco statunitense. Le meccaniche sono quelle tipiche dei MOBA; due squadre, ognuna composta da 5 giocatori, si affrontano con lo scopo di distruggere la base avversaria. La mappa suddivisa in diverse parti; tre lanes collegano le basi delle due squadre, e adiacente a tali vie la jungle, luogo natio dei mostri neutrali, grazie al quale possibile effettuare delle imboscate nelle lanes. Dalle basi partiranno regolarmente ondate di minion dirette alla base avversaria che, gestite dal IA, attaccheranno qualunque unit nemica sul proprio cammino. Lobbiettivo di ogni squadra sar quello di distruggere le torri nemiche lungo le lanes fino a giungere alla base nemica, distruggerne le caserme e infine il nexus avversario, concludendo cos la partita. Importante il Pick, cio la scelta delleroe da utilizzare. Durante la fase di picking, i giocatori sono chiamati a sceglierne uno tra i tanti disponibili, suddivisi sulla base di alcuni tag che ne definiscono il ruolo.

TRADIZIONE E CURA MANIACALE

Le categorie sono molteplici, e comprendono eroi adibiti principalmente a infliggere grosse quantit di danni, eroi da supporto, fino ad eroi ottimi per tendere imboscate o per resistere ai danni. Essenziale, soprattutto rispetto ad altri MOBA, il counterpicking, cio la capacit di reagire al pick avversario optando per eroi particolarmente adatti. In DotA questultima caratteristica riveste una particolare importanza, poich gran parte degli eroi hanno degli specifici counter e allo stesso tempo sono molto efficaci contro determinati nemici. La mappa vasta e offre diverse opportunit strategiche ai giocatori pi esperti. Si possono abbattere alberi per creare passaggi improvvisati, attaccare da punti pi alti per avere vantaggi tattici, utilizzare le rune sparse lungo il fiume per guadagnare diversi tipi di bonus, da un boost al damage fino alla possibilit di creare delle illusioni con le quali ingannare i nemici o esplorare la mappa. La jungle, molto vasta e articolata, consente di organizzare imboscate o semplicemente di guadagnare ulteriori soldi grazie alla presenza dei mostri neutrali. Non da meno sono i negozi, uno situato al punto di spawn e laltro nella jungle, che offrono molte tipologie di oggetti diverse, con tante abilit attive differenti e uno spettro di usi tattici molto ampio. Questi ultimi rivestono una parte centrale in DotA 2, e bench siano in generale pi difficili da ottenere rispetto ad altri MOBA, il corretto uso delle loro abilit pu ribaltare completamente una battaglia. La parte strategica del primo DotA rimasta immutata e sono presenti anche le meccaniche pi ostiche del primo capitolo, come quella del deny o del pet system. Il primo vi permetter di uccidere i vostri stessi minion per negare il farm allavversario, mentre il secondo comprender tutta una serie di minion evocabili sul campo di battaglia, ognuno di essi dotato di proprie skill e hotkey. Degno di nota anche il corriere, simpatico animale che potr portare ai giocatori gli oggetti acquistati allo shop, con il rischio per dessere eliminato dai nemici, offrendo loro un lauto bottino. Lalto numero di combinazioni rende il gioco molto vario, ed proprio questo il suo maggiore punto di forza. A differenza di altri titoli dello stesso genere, pi statici, il metagame di DotA in continua evoluzione e offre tantissime possibilit ai giocatori, allo scotto per di una notevole difficolt, soprattutto per i nuovi arrivati. Meno user friendly rispetto a molti dei suoi colleghi, DotA non un gioco facile e non regala nulla, ma promette grosse soddisfazioni una volta imparate le complesse meccaniche di gioco. La cura per i particolari della Valve si riflessa anche

sul client, molto curato sin dalla beta e provvisto di numerosissime funzioni. Oltre alle molteplici modalit di gioco, ognuna dotata del relativo sistema di matchmaking, presente anche un sistema di replay completamente integrato, una sezione nella quale avere tutte le informazioni e i dettagli su ogni singolo eroe, un sistema di spectate che vi permetter di assistere alle partite dei pi importanti tornei e tanto altro. presente, come in ogni gioco free to play, lo shop interno, nel quale potrete trovare numerosi costumi, dal valore puramente estetico, con i quali vestire i vostri eroi preferiti. Peculiarit importante la possibilit di ottenere questi costumi anche semplicemente vincendo le partite; il gioco infatti dotato di un rewards system che premia, in maniera pi o meno casuale, i giocatori facendo trovare loro costumi o speciali forzieri alla fine di ogni match. La rarit dei costumi variabile e possono essere scambiati tramite Steam. Ogni giocatore ha anche la possibilit di costruire i proprio costumi che, una volta passato il controllo, potranno essere venduti come custom skin nello shop, dando la possibilit agli utenti di acquistarli e usarli in gioco. In conclusione, DotA 2 un gioco ben curato sotto ogni dettaglio, totalmente fedele al suo predecessore, e dotato di una community molto ampia e disponibile. Le possibilit, dal punto di vista strategico, sono tante e raramente ci si stanca, tuttavia il prezzo da pagare una notevole difficolt, accentuata per tutti coloro che non hanno giocato al primo DotA. Se cercate un gioco completo, vario, competitivo e molto ampio, e non avete paura del duro allenamento, allora sicuramente il gioco che fa per voi.

Continua

53

M3MAGAZINE.IT

NELLA SEZIONE

54

EVE ONLINE

PER IL DECIMO ANNIVERSARIO DEL LORO PRODOTTO DI PUNTA, CCP GAMES HA ORGANIZZATO UNA FESTA MEMORABILE

FANFEST
Il tetto del mondo

2013

eykjavik, sede di CCP Games e la capitale pi a nord del pianeta, a soli due gradi di latitudine dal circolo polare artico ma, nella tre giorni del FanFest 2013 (25-27 aprile), il clima si e decisamente arroventato. Che si trattasse di qualcosa di particolarmente spettacolare, era stato subito evidente: per la prima volta nella decennale storia di questa manifestazione, i biglietti sono andati esauriti appena dopo la fine delle prevendite, alla fine dellanno scorso. Erano nellaria alcuni annunci di un certo rilievo, nessuno dei quali e stato deludente e, loccasione di un compleanno tanto importante era ghiotta sia per lazienda e il suo marketing, sia per i giocatori pi affezionati. Trascuriamo di riferire la pur corposa quantit di appunti di viaggio, di note turistiche sullIslanda e sulle sue meraviglie, su un popolo vitale e incredibile, e sul clima insolito, ma molto meno brutto di come lo si dipinge. Non possiamo per tralasciare di dire che questa terra inospitale e lontana da tutto probabilmente lunico posto al mondo in cui possa essere

stato concepito e sviluppato EVE Online. Visitando i luoghi intorno al quartier generale di CCP, e immediato capire perch il gioco da loro creato sia oscuro, freddo, brutale: e lambiente naturale dove gli islandesi crescono e vivono, dove la lotta contro gli elementi parte integrante della vita quotidiana. Eppure, questo popolo ruvido e allegro non si perde mai danimo, sia di fronte a una colossale crisi economica, sia di fronte ai ghiacciai perenni e ai vulcani attivi. Come i piloti del loro spietato gioco, caricano a testa bassa le avversit, schierando tecnologia e ambizione come strumenti per la sopravvivenza. Cos, proprio al centro della baia cittadina, tre anni fa e stato costruito un centro congressi/teatro/opera avveniristico e iperfunzionale: lHarpa. Da due anni e sede del Fanfest, e ricorda guarda caso - una gigantesca astronave poggiata sul terreno conquistato al mare artico.

LE SESSIONI TECNICHE E SOCIALI Tre

giorni intensissimi, un programma fittissimo di presentazioni, demo, keynote,

UNA FESTA MEMORABILE


A CURA DI Francesco Munda

tornei, panel e tavole rotonde di discussione tra giocatori e sviluppatori. Pi di una volta, ci siamo trovati in serio imbarazzo nel decidere quale sessione seguire, di quale riportare in prima persona, e quali invece andarsi a vedere/leggere in rete nei giorni successivi. Nei momenti pi concitati, si arrivati ad avere fino a otto sessioni contemporaneamente! Per evidenti ragioni di spazio, riporteremo solo le informazioni pi succulente. Citiamo brevemente il concerto tenuto la sera prima dellinizio del Fanfest, nel quale lorchestra filarmonica della capitale ha eseguito una selezione dei brani del gioco, mentre sullo schermo del teatro scorrevano video dei classici scenari sci-fi del gioco. Durante la prima giornata, e stato celebrato allHarpa un matrimonio (reale!) tra due appassionati del gioco, e di sera si sono tenuti la cena sociale e un torneo di poker - i cui ricavati sono andati totalmente in beneficenza. La seconda sera, divisi per gruppi, i partecipanti sono stati portati in giro per i pub di Reykjavik dai vari sviluppatori, che distribuivano gratuitamente beveraggi variamente alcolici ai loro affiliati, fino a notte fonda. Lultimo giorno ha visto il party sul tetto del mondo, tradizionale appuntamento del sabato, con tanta musica, animazione, drink, chiacchiere e socializzazione. Per smaltire la sbornia, la domenica i nostri ospiti hanno organizzato un tour alla Laguna Blu, straordinaria piscina naturale di acqua di mare riscaldata geotermicamente a 38 gradi.

LA NOTTE, LA TERRA, LO SPAZIO I tre giochi a cui CCP lavora sono ovviamente a stadi di sviluppo molto diversi, e sono stati annunciati (e raggiunti) diversi traguardi importanti per tutti e tre. Per ragioni di puro marketing, EVE Online, il MMORPG consolidato che riempie le casse della software house, e Dust 514, lMMOFPS per PS3 giunto finalmente al termine di una lunghissima fase di beta test, hanno rubato la scena a World Of Darkness, attesissima trasposizione online, massiva e persistente del gioco da tavolo Vampiri, nella sua variante The Masquerade. Tutto ci comprensibile, e lunica presentazione riservata ai Signori della Notte di White Wolf stata quasi sussurrata, a confronto del clamore riservato agli altri due prodotti. Nondimeno, anche le notizie provenienti dal team di Atalanta, creatore di WoD, sono state molte ed emozionanti. Le premesse ci
Continua

57

M3MAGAZINE.IT

sono tutte, e per un articolo pi approfondito su questo interessantissimo titolo, vi rimandiamo al nostro sito, allindirizzo: http://www.m3magazine.it/archives/4037 Il lavoro procede spedito, i risultati sono in linea con le attese, e la visione di lungo termine di CCP permetter agli americani di rilasciare il gioco quando sar effettivamente pronto, e non solo per soddisfare a qualche irrealistica scadenza dettata dal marketing.

MOLTO DI NUOVO SOTTO IL SOLE Come

detto, il gioco stato radicalmente sovvertito, e la lista delle novit davvero imponente. Per la profondit e la vastit dei cambiamenti, in molti hanno considerato questa versione Dust 2, per rimarcare lincisivit degli interventi migliorativi.

Tra Uprising e lupdate del 14/5, segnaliamo: Nuove dropsuit a integrazione di LA DURA VITA IN TRINCEA A conti fatti, quelle presenti, per averne almeno un Dust 514 stato il vero protagonista di tipo standard (leggera, media, pesante) questo Fanfest: anche se EVE il prodotto per ognuna delle quattro razze; di punta, lFPS persistente del team di Shanghai era alla fine della beta pubblica, Nuove armi: pistola flaylock, cannone al plasma, fucile scrambler; e proprio durante il keynote della prima sera, e stato annunciato il suo definitivo Nuovi veicoli: veicoli terrestri medi, rilascio. veicoli hover pesanti; Rilascio che avvenuto (quando leggerete queste righe!), in due tronconi: ricor- Nuovo motore grafico: nuovi shader, nuovi effetti di luce, nuove architetdiamo sempre lintegrazione tra lo sparatture, mappe pi ampie e pi chiare, tutto planetario e il suo fratello maggiore effetti di vegetazione, texture di gran spaziale, e i rilasci pertanto devono essere lunga pi dettagliate, e soprattutcoordinati tra il gruppo statunitense e il to un sensibile miglioramento delle gruppo europeo. prestazioni! Il primo lancio, con luscita dellespansione gratuita Uprising (nota anche come Dust Nuova modalit di gioco, Domination, 1.0), avvenuto il 6 maggio 2013, esatche affianca Skirmish e Ambush; tamente il giorno del compleanno di Eccezionale riduzione dei tempi di EVE Online: la fine della fase di test caricamento e accesso al gioco: si e chiaramente sottolineata da una compassati da 4m30s a 1m30s per poter pleta ristrutturazione dellinterfaccia, del sparare il primo colpo dalla schermata motore grafico, delle interazioni pianeti/ di avvio del gioco; spazio, oltre a un reset totale di tutte le abilit e gli inventari di tutti i giocatori Rimozione della necessit di pagare per lUVT - il sistema integrato di voice partecipanti alla beta. Un nuovo inizio, in chat del client. Ora gli UVT sono grapoche parole. tuiti per chiunque, e in comune con la Il secondo avvenuto il 14 maggio; pi voice chat di EVE Online; per un vezzo di marketing - secondo chi scrive: la curiosa scelta di una data tanto Conquiste planetarie: con un monte vicina a Uprising da ricercare nel fatto cloni limitati, strategie di attacco che 14 maggio in formato standard e difesa e trasporto, e distretti che americano si scrive 5/14, e il richiamo al potenziano i pianeti e le POS del nome del gioco quindi evidente. sistema, inizia lera del vero impatto di Dust sulla galassia di gioco. La regione
M3MAGAZINE.IT 58

di Molden Heath gi in febbrile attivit campale, e le corporazioni e alleanze di EVE allopera per supportare le conquiste sul terreno. Come chiaro, Dust esce dalla beta col botto, in particolare abbiamo gi apprezzato lo sforzo enorme per rendere linterfaccia di gioco meno ostica, soprattutto per i moltissimi che non usano il Sixaxis. Probabilmente non finir mai la diatriba tra fanatici del gamepad e cultori della combinazione mouse/tastiera, ma e certo che da sempre FPS fa rima con WASD.

dedicher alle nascenti strategie per il mercato mobile, oggi EVE sicuramente pi solido di due anni fa, e la fiducia di gran lunga maggiore, complici il ri-bilanciamento delle navi e le novit annunciate per lestate: la nuova esplorazione e la ridistribuzione delle risorse minerarie lunari e di ghiaccio, che avranno un impatto profondissimo sugli equilibri geopolitici del cluster.

ORIGINI E DESTINAZIONI Le novit che

SIAMO FIGLI DELLE STELLE EVE Online

ormai una realt decisamente consolidata: dieci anni di apertura, festeggiati online e offline il 6 maggio 2013, con decine di eventi organizzati da CCP e dai giocatori; 500000 abbonati, sempre in crescita dal 2003; diciotto espansioni gratuite, in attesa della diciannovesima a giugno; quaranta milioni di navi e quindici milioni di pod distrutti; picchi di 65000 giocatori online contemporaneamente, e medie serali intorno ai 40000 - ricordiamo, senza nessuno sharding! Non senza orgoglio, Hilmar Ptursson ricorda che nessun altro gioco online ha avuto altrettanto successo per un tempo cos lungo, rinnovandosi senza mai stravolgersi, e soprattutto senza i capitali dei giganti dellindustria. Sebbene le ferite mediatiche e commerciali del 2011 ancora brucino (il flop di Incarna, la Summer of Rage, i Jita Riots, il 20% di licenziamenti), nelle abili mani di Jon Lander si assistiti a una sorta di rinascimento, assolutamente stupefacente come numeri e risultati. Anche se il produttore esecutivo inglese si

questo Fanfest ha riservato ai circa duemila partecipanti non si sono limitate agli annunci della prossima espansione, Odyssey. Gli speaker che si sono alternati sul palco della sala principale hanno anche mostrato la volont dei manager di continuare lallargamento del mondo di gioco oltre i confini di una sola piattaforma - obiettivo raggiunto con Dust 514 - e addirittura fuori dallo mondo virtuale. Guardandosi indietro, la lunga strada percorsa con successo incoraggia i nostri progettisti vichinghi a espandere la loro visione di un universo integrato. Sono quindi state annunciate diverse iniziative, che raccolgono lentusiasmo cauto ma convinto del pubblico: Una Collectors Edition Hub USB 4 porte a forma di Rifter, leggendaria fregata Minmatar CD con la registrazione del concerto del decennale riportato sopra Danger Game, traduzione inglese del primo gioco da tavolo prodotto da CCP Games, in scatola di metallo Libro di immagini Into the second decade, che in 190 pagine racconta storia ed evoluzione di EVE e Dust

59

M3MAGAZINE.IT

Il pod doro, oggetto ingame che d alla capsula una skin dorata BPC 5x dellincrociatore da battaglia Gnosis Oggetti vari di lore ingame collezionabili Fregata Magnate in skin speciale Tash-Murkon 60 giorni di gioco per un nuovo account Dropsuit inesauribili Assault, Logistic e Heavy in colori Templar Pistola scrambler, fucile scrambler e fucile laser inesauribili in colori Templar Un mystery code che verr descritto in seguito per iniziative e promozioni Per chi preordina: cacciatorpediniere Thrasher in skin speciale Nefantar, e uno speciale Drop Uplink inesauribile in colori Templar In collaborazione con Dark Horse Comics, noto editore nord americano, una serie a fumetti ambientata nelluniverso di EVE/ Dust; In collaborazione con il regista islandese Baltasar Kormakur (sua la regia di 2 Guns, con Denzel Washington), una serie televisiva basata su eventi realmente accaduti ingame - alla maniera di Defiance; Levoluzione di EVE Offline, un arcade sparatutto a scorrimento orizzontale, sulla falsariga del classico R-Type; La prosecuzione dei lavori su EVR, un progetto di realt virtuale indossabile, sviluppato nel tempo libero da un gruppetto di programmatori islandesi e dimostrato con un successo clamoroso proprio al Fanfest; Lannuncio della strategia per il mercato mobile, con a capo CCP Unifex, come detto, in modo che si possa accedere dal gioco non solo da client completi. Si immagina

gi la manipolazione delle skill, del mercato, delle chat, e di tutti gli aspetti che non richiedono un intero motore 3D per funzionare. I piani dei prossimi sviluppi post-Odyssey, che si concentreranno su un nuovo concetto di colonizzazione e rimodellazione della mappa stellare a carico dei giocatori stessi, illustrato da CCP Seagull; stato presentato il nuovo CSM (vedi n.3 della nostra rivista), con alcune sorprese per i mega-blocchi delle coalizioni del nullsec, e introdotto il CPM (Council of Planetary Management - lequivalente per Dust), i cui membri in questo primo mandato sono stati scelti direttamente da CCP, e verranno successivamente eletti dai giocatori.

SULLAEREO PER CASA In conclusio-

ne, il Fanfest stato un evento davvero epico, con tante novit, tanti spunti, tante meraviglie tecniche, ma anche con loccasione di dare volto e voce a tanti compagni di gioco (amici o nemici che siano!) sparsi per il mondo e che si danno appuntamento ogni anno in unisoletta semighiacciata nel nord dellAtlantico. Le tre direttrici di sviluppo, per i tre giochi, sembrano essere in questo momento pi in salute di quanto non lo siano mai state, e la prima decade di EVE Online si chiusa sicuramente con un crescendo molto positivo. La seconda decade appena iniziata, e lentusiasmo palpabile in cielo e in terra, in ogni sistema solare.

M3MAGAZINE.IT

60

il piccolo, grande, ok, pi o meno medio blog dedicato al vostro intrattenimento

NELLA SEZIONE

62

AGE OF WUSHU

AGE OF WUSHU sviluppatore: Suzhou Snail Elec.Comp. distributore: Snail Games genere: MMORPG piattaforma: PC data uscita: 10/4/2013

WUSHU

AGE

OF

S
S

e torniamo indietro agli anni 90, quasi tutti i picchiaduro che si potevano trovare nelle varie sale gioco, avevano come comune denominatore le arti marziali; a ventanni di distanza le cose non sono cambiate, ma lentamente e in maniera inesorabile anche il mondo degli MMO ha subito questa influenza. Oggi siamo qui per presentarvi lultima fatica di Suzhou, un MMORPG totalmente dedicato al mondo delle arti marziali orientali: Age of Wushu. Questo titolo si propone di farvi provare lesperienza di un giovane talentuoso che inizia la sua strada verso il titolo di maestro, tutto questo con una profonda immersione nelle filosofie nella vita orientale. Il primo step per iniziare le nostre avventure, come spesso accade, la creazione del nostro personaggio; leditor che avremo a nostra disposizione non molto completo rispetto a quello presente in altri MMO, la scelta pi interessante che possiamo fare quella relativa alle nostre origini. Fatto ci verremo catapultati in un mondo dove le arti marziali sono il perno attorno a cui ruota tutto; le prime missioni che affronteremo ci aiuteranno a capire le meccaniche di gioco. A guidarci nelle varie parti della mappa, in cui di articoleranno le quest del gioco, ci penser un comodo sistema di auto path: una volta selezionata la destinazione, ci arriveremo in automatico (e vi posso anticipare che la mappa di gioco risulta essere molto ampia); anche per questo che avremo fin da subito la possibilit di usare una cavalcatura. Dopo aver appreso

TUTTO IL MONDO DELLE ARTI MARZIALI CINESI IN UN MMO


A CURA DI Marco Marmorn Caldarini

come muoverci, verremo introdotti al sistema di combattimento: questo risulta essere dinamico in quanto non rimarremo mai fermi durante il combattimento; potremo spostarci per disorientare lavversario, inoltre possibile bloccare gli attacchi premendo il tasto destro del mouse. Il sistema di skill basato sulla cultivation: in pratica una volta appreso il livello 1 di una skill, tramite la lettura di libri ottenuti come reward, per migliorarla sar necessario meditare. Fortunatamente non dovremo stare fermi per delle ore per migliorare le nostre skill, ma sar sufficiente selezionare una skill e metterla in cultivation; a questo punto lesperienza che otterremo dagli avversari che uccideremo e dalle quest che completeremo sar convertita in punti cultivation, che aumenteranno il livello dellabilit selezionata, inoltre, si otterranno ulteriori punti anche

VERSIONE
La nostra prova stata fatta sulla versione america, quella europea che prende il nome di Age of Wulin in fase di closed beta e sar distribuita da Gala Networks Europe. Le due versioni non dovrebbero presentare differenze fondamentali per quanto riguarda il gameplay.

Continua

65

M3MAGAZINE.IT

con il semplice passare del tempo. Non vi sono livelli in questo MMO, la differenza tra un giocatore e laltro la fa lequipaggiamento e il livello delle skill. Dato che il gioco verte sulle arti marziali verr richiesto di scegliere una delle 8 scuole presenti in gioco entrare a far parte. Ognuna di esse presenta 3 classi con abilit diverse che vanno dal supporto, al dps, al tanking arrivando allaoe; c da tenere presente che alcune di esse hanno delle limitazioni che possono dipendere o dal genere del vostro personaggio o dalla professione che deciderete di praticare in gioco. Se state pensando che si tratti di un sistema di gender lock, la realt molto diversa perch si tratta di un aspetto legato al lore di ogni scuola. Abbiamo accennato al sistema delle professioni che sono davvero molte e oltre alla classiche quali armaiolo, farmacista, sarto piuttosto che

cuoco ne troveremo altre come il venditore, lo studioso fino ad arrivare allelemosinatore. Non a caso avrete la possibilit di vedere dei giocatori che vi si avvicineranno per chiedere lelemosina. Un aspetto interessante riguarda il PVP; Age of Wushu un open PVP, saremo quindi in grado quindi di attaccare chiunque vogliamo, anche se, in seguito a un tale atto, le guardie ci daranno la caccia ogni volta che entreremo nel loro raggio dazione. Per quanto riguarda le quest non siamo di fronte a niente di nuovo, tutto molto lineare e semplice; oltre alle quest story che ci aiuteranno a capire chi siamo e cosa il destino ci riserva, potremo svolgere anche quest secondarie. Age of Wushu non risulta farmoso, almeno per ora, e questo ci rincuora considerato anche che lo shop non risulta essere particolarmente invadente, visto che parliamo di un F2P. Per ora i 3 server americani che sono andati live da pochi giorni sono stracolmi, il che fa ben sperare ora non resta che aspettare quelli europei.

M3MAGAZINE.IT

66

Marco Marmorn Caldarini

A CURA DI

EAST M
S I D E

n altro mese passato ed eccomi qui a darvi un quadro generale di quello che successo in oriente; come al solito diamo unocchiata molto veloce alla classifica degli MMO pi giocati in Corea. Non ci sono sostanziali cambiamenti, ma due aspetti sono molto chiari: se ArcheAge continua a navigare in cattive acque e perde posizioni, la old school rappresentata da Lineage sembra dettare legge: non a caso con la terza posizione in classifica risulta il MMORPG pi giocato. Nonostante ci XLgames continua a lavorare sul suo sandbox, ArcheAge, cercando di migliorarne i contenuti e aggiungerne di nuovi che possano convincere nuovi giocatori delle effettive potenzialit del loro prodotto; per ammissione degli stessi sviluppatori, sono concentrati su quello che bisogna fare senza prestare attenzione ai commenti dei gamer, a volte eccessivi e poco costruttivi. Tale scelta mi lascia perplesso: sebbene sia difficile avere un buon rapporto tra devs e community, pur vero che questo legame ci deve essere. Forse sarebbe il caso di capire perch Lineage continui a fare i comodi suoi e magari si potrebbe ottenere qualche consiglio per aumentare i propri giocatori. Comunque, sono sempre pi convinto che la fortuna di Lineage derivi dallincapacit degli attuali MMO di creare quello che noi in redazione definiamo uno zoccolo duro di giocatori, che continui a frequentarlo anche dopo i primi mesi dalluscita del gioco: una forma di fidelizzazione del gamer. Questo stato di sicuro il mese di Tencent Games che, anche grazie alla sua annuale convention ha presentato i nuovi titoli per lanno a venire, cos facendo ha messo in chiaro una cosa: il mercato cinese una sua propriet. Per far questo ha preparato una serie davvero completa di MMO che andranno a coprire un po tutti i generi; MMORPG, MOBA, FPS, sono solo alcuni dei generi in cui Tencent si appresta, non solo a far iniziare o proseguire la fase di sviluppo, ma addirittura le fasi di beta e quando leggerete questa rubrica saranno in pieno svolgimento. Due aspetti mi hanno davvero colpito di come Tencent Games abbia deciso di imporre la propria presenza sul mercato orientale: la prima riguarda il

MMO
rilasciare un gioco come Mystic Fighter che andrebbe quasi sicuramente a rivaleggiare con Dungeon Fight, sempre di Tencent. La seconda riguarda Naruto Online (un browser game): ancora prima di accennare a una qualsiasi fase di test, ha acquisito i diritti da Shueisha e con questa mossa ha impedito ad altri giochi senza licenza di poter sfruttare i personaggi della serie. Il primo gioco a pagarne le conseguenze Pockie Ninja. Si pu affermare che FPS e MOBA sono diventati dei generi molto giocati e che rappresentano una realt alternativa a quella dei MMORPG; se gli FPS lo sono stati da sempre, innegabile che negli anni hanno comunque saputo mantenere la loro posizione nei confronti dei MMORPG. pur vero per che questo discorso non pu essere fatto per i MOBA che sono molto pi recenti, ma al tempo stesso sono riusciti a togliere sempre pi utenza ai MMORPG. Basti pensare che in un mercato come quello coreano - che da solo rappresenta l80% del mercato mondiale - League of Legend ha saputo riscrivere completamente le regole, portandolo fino in cima; c chi lo apostrofa come il killer di un altro MMORPG, ma quello che davvero conta : quanto durer? Chi scrive non convinto che questo successo durer ancora per molto e che il suo successore non tarder a mostrarsi. Chiudiamo parlando dei temi/lore presenti negli MMO: nellultimo anno gli zombie hanno spopolato e anche un po stancato, come tutte le cose che sono troppo sfruttate, alla fine la novit si esaurisce e con essa anche la notoriet. Nel mercato orientale sembra essere presente la risposta a questa ricerca di un nuovo filo conduttore: si tratta delle arti marziali. Il primo di questi MMORPG ha fatto gi il suo debutto: parliamo di Age of Wushu, di cui potete trovare unanteprima in questo stesso numero. Come sempre lo spazio tiranno e siccome se sforo la bellissima e letale amazzone che si occupa dellimpaginazione non avr piet di me concludo qui, ricordandovi di scrivermi a marco.caldarini@m3magazine.it per qualsiasi approfondimento. Valentina ho sforato di sole 11 parole, sono salvo per questo mese?
69
M3MAGAZINE.IT

QUARTO SPETTACOLO

DC COMICS
A CURA DI Giacomo Pizzillo

VS MARVEL
per la conquista del primato editoriale, un tempo, e cinematografico, ai giorni nostri (il che ovviamente una speculazione di terzi, perch il vero eroe non guarda ai profitti e neppure alla gloria personale!). Se il conflitto tra Bene e Male dura fin dalla notte dei tempi, quello tra i due schieramenti di superuomini (e superdonne) ha inizio nel giugno del 1938, quando, sulle pagine di Action Comics, fa la sua comparsa il primo supereroe della storia del fumetto: SUPERMAN. Nato su Krypton e inviato sulla Terra dai genitori prima del collasso del pianeta natale, viene adottato non tanto dai signori Kent, quanto dalla National Allied Publications, che poi diventer lodierna DC COMICS. E linizio della Golden Age dei fumetti (1938-1951), e della supremazia di questo primo colosso del settore! Se lUomo dAcciaio il primo a cominciare la (super) eroica battaglia contro le ingiustizie e i soprusi, la sfida per il primato dei comics inizia solo un anno dopo il suo arrivo sul nostro pianeta. E nellagosto del 1939 che Martin Goodman, fondando la Timely Comics (che prese il nome di MARVEL COMICS 22 anni dopo), d il via a questa

Che volino pi veloce della luce o si arrampichino sui muri; che diventino invisibili o viaggino nel tempo; che abbiano gadget incredibili o solo qualche piccolo problema nella gestione della rabbia, per la maggior parte di noi, i supereroi sono individui straordinari che ci difendono e proteggono dal Male, in tutte le sue forme: dal gattino impaurito che non riesce pi a scendere da un albero, allinvasione aliena con tanto di vermoni volanti grandi quanto grattacieli. Esiste per una (non troppo) piccola cerchia di persone per le quali non applicare unulteriore discriminante ritenuta del tutto blasfemia, meritevole di insulti (per nulla velati). Per fans accaniti, veri credenti, produttori cinematografici e Jeff Albertson dei Simpsons vari, questi eccezionali individui sono di due, distintissime, categorie: quelli MARVEL e quelli DC COMICS, punto e basta!

SUPERMAN vs. LUOMO RAGNO Seppur

schierati dalla stessa parte, in lotta continua contro i vari villain decisi a conquistare il mondo o a gettarlo nel caos, questi supereroi sono in competizione gli uni con gli altri

DC COMICS JUSTICE LEAGUE TEAM : Superman, Batman, Wonder Woman, Aquaman, Lanterna Verde, Catwoman, Flash, Freccia Verde, Robin, Batgirl, Supergirl, Martian Manhunter, i Watchmen, Steel, Jonah Hex, Lo Spettro, per citare i pi famosi.

I DUE SCHIERAMENTI
Cerchiamo di fare un minimo dordine, per capire meglio i due super schieramenti:

epica sfida, che recentemente passata dalle pagine disegnate alle sale cinematografiche.

THE MARVELOUS SMILIN STAN LEE Gi leggendo lelenco

delle due (super) formazioni si nota subito come i pi amati (a parte Superman e Batman) siano tutti schierati sotto leffige rossa della MARVEL. Personaggi spettacolari come Iron Man, internamente combattuti come Hulk, rivoluzionari come I Fantastici 4 o gli X-Men, divini come Thor, hanno letteralmente con-

MARVEL AVENGERS SUPERTEAM: LUomo Ragno, Iron Man, Capitan America, Thor, Hulk, Black Widow, Hawkeye, Nick Fury e lo S.H.I.E.L.D., Daredevil, gli X-Men, I Fantastici 4, Silver Surfer, Ant-Man, Ghost Rider, Elektra, The Punisher, Blade, Rocket Raccoon e gli altri Guardiani della Galassia a formare la squadra titolare - completa di riserve, la lista diventerebbe infinita! 71
M3MAGAZINE.IT

quistato la Silver Age dei fumetti (1956-1971), hanno sbancato i botteghini di tutte le sale cinematografiche del Pianeta, e sono, oltre che tutti con la stessa sottotutina marchiata M maiuscola, figli dello stesso padre: The Man, The Smilin, Stanley Martin Lieber! Nipote acquisito di quel Goodman fondatore, inizia la sua gavetta come galoppino per i vari cartoonist della Timely, per poi diventare scrittore di storie e, nel giro di poco tempo, Redattore Capo a soli 19 anni! E dalla sua brillante mente, associata alle strabilianti matite di Jack Kirby e Steve Ditko, che nasce lUNIVERSO MARVEL, quellidea rivoluzionaria di far coesistere tutti i supereroi della casa produttrice in ununica timeline, facendoli interagire gli uni con gli altri, creando crossover di storie iniziate in un albo e continuate in altri, regalando, cos, alle menti dei lettori, una continuit narrativa mai vista e nemmeno sperata, e che ha reso pi tangibile il fantastico.

LA GUERRA CONTINUA: DAL FUMETTO AL CINEMA! Money, money,

money! E questo non un inno che smuova solo gli USA. Cos c voluto ben poco perch i supereroi si spostassero dalla carta alla pellicola. La DC COMICS del gruppo WARNER da un lato, e la MARVEL, con produzioni da lei non seguite dapprima e poi sotto lala (grande e grondante danaro) della DISNEY, dallaltro. Due politiche di investimento e linee di pensiero ben diverse: la casa madre di Superman che parte alla grande con Batman nel 1966 e sfrutta Kal-El e lUomo Pipistrello fino allosso, proponendo boot e reboot senza continuit di avvenimenti come suo solito anche nei comics (il concetto di Universo stile Marvel non mai stato applicato dalla DC Comics, che non si mai fatta troppi scrupoli a riscrivere da zero origini e storie dei propri personaggi); e quella dellUomo Ragno che prima vende i diritti di alcuni dei suoi characters pi famosi (tra cui lo stesso Spider-Man e gli X-Men) ad altre major del cinema, e poi decide di ricreare lUniverso Marvel anche sul grande schermo, e lincredibile successo planetario di The Avengers la dice lunga sulla validit di questa idea!

LA FASE 2 DELLA MARVEL Con luscita di Iron Man 3 ini-

ziata la Fase 2 del piano Marvel. E questi saranno gli unici numeri monocifra di questa operazione, perch si prevedono gi incassi a 8 (e non solo) zeri per la prossima ondata di cinecomics: dopo il capitolo (finale?) delle avventure del genio Tony Stark/Robert Downey Jr. arriveranno il sequel di Thor il 7 novembre 2013 e quello di Captain America il 4 aprile del prossimo anno (ancora interpretati dal biondo Chris Hemsworth il primo, e dal massiccio Chris Evans il secondo), I Guardiani della Galassia (pare il 22 ottobre 2014) e The Avengers 2 (maggio 2015), sempre affidato alla sapiente visione di Joss Whedon.
72

M3MAGAZINE.IT

SPAZIO A CURA DI

E LA DC COMICS CHE FA !? Pur sembrando addormentata, salvata solo dalla (mera-

vigliosa) trilogia di Christopher Nolan del Cavaliere Oscuro, dopo i deludenti Green Lantern e lorrido Superman Returns, si sta muovendo (lentamente) verso il progettone Justice League: rinviato, messo in forse, chi ci capisce bravo! A giugno uscir con lennesimo reboot delle avventure del suo personaggio simbolo: Luomo dacciaio - ed gi uno dei film pi attesi della stagione, visti i nomi coinvolti: lo stesso Christopher Nolan di per s gi garanzia di assoluta affidabilit - suo fratello Jonathan e David S. Goyer allo script e Zack Snyder alla regia!

IROS WEB
Avete presente i GEM BOY di Colorado, la trasmissione comica di Italia Uno? Quelli che creano fantastiche parodie musicali delle hit del momento, tipo Potter Fesso? Se anche voi vi ritrovate (spesso) a canticchiare i loro ritornelli con il sorriso mal celato in bocca, allora non dovete perdervi questa web serie che li ha come protagonisti! E avete presente la serie TV Heroes, quella in cui persone normali scoprono di avere capacit del tutto sovrumane?... Tutti i (comici) episodi di IROS:

QUI

RALPH SUPERMAXIEROE
Serie assolutamente cult datata 1981. Di certo sconosciuta ai pi giovani, racconta le (dis)avventure del mite insegnate Ralph Hinkley (il biondo e riccioluto William Katt, Un mercoled da leoni), tra sgargianti tutine rosse regalate da alieni nel deserto, il cui unico manuale distruzioni andato perduto, e carriera da eroe del tutto da improvvisare, perch SEMBRA cos facile volare quando si ha un mantello, ma se nessuno ti spiega come fare... buona fortuna a non sbattere contro i palazzi!

TV

CINEMA

HANCOCK
Tra la vastissima scelta di supereroi del mondo del cinema come non ricordarsi di Will(y) Smith?! Ok, un film straconosciuto, ma la bellezza rimane, e la poesia della vicinanza che rende vulnerabili (se lo avete visto avete capito di cosa stia parlando, in caso contrario guardatelo e capirete) una vera perla rara in blockbuster di questo genere: si vede la mano del geniale Vince Gilligan alla sceneggiatura. 73
M3MAGAZINE.IT

IRON MAN 3
A CURA DI Bruno Galazon Manzoni

M OG BA IM L E
THE
mente avanzata, e tuffarsi in un mobile game pieno zeppo di sequenze ad alto tasso di spettacolarit. I comandi tattili rispondono egregiamente alle diverse sollecitazioni offerte da questo gioco sotto forma di serrate sparatorei e voli al cardiopalma tra i palazzi. Iron Man 3 per mobile sicuramente un ottimo passatempo per tutti quei fan che sono in attesa dei prossimi capitoli cinematografici dei super eroi Marvel.

attenzione del mondo dellintrattenimento stata catalizzata dallultima fatica cinematografica di Marvel Studios, Iron Man 3. Cos tanto clamore non poteva di certo passare inosservato nel settore dei videogiochi, specialmente di quelli per dispositivi mobili, che sono la vera forza trainante dellentertainment video ludico di questultimo periodo. Grazie a Gameloft tutti gli appassionati delluomo di ferro potranno vestire i panni di Tony Stark e la sua incredibile armatura tecnologica-

CUFFIE TRITTON PRO+ 5.1


La confezione si presenta molto bene, dalle dimensioni possenti, dal peso abbastanza consistente e dal classico layout dominato dai colori arancione e bianco (uno standard del marchio); senza dubbio il primo impatto pi che buono. Procedendo con lapertura della scatola al suo interno si trovano oltre alle ovvie cuffie, il mini decoder, il microfono (separato), i vari cavi di collegamento/adattamento e un rapido manuale dinstallazione per le piattaforme supportate che ricordiamo sono Pc, Ps3, Xbox e Mac. Linstallazione risulta molto semplice e intuitiva, eseguita senza difficolt grazie alla consultazione del breve manuale dinstallazione (in inglese); noi le abbiamo provate su Ps3 (ma questo vale anche per gli altri dispositivi). Passando al design, in questo modello prevale il bianco con il tipico logo di colore arancione sui due pad. Si nota sin da subito il layout accattivante tipico del modello e la placcatura lucida sul rivestimento in plastica esterno che rende le cuffie un piacere solo a guardarle. Risultano completamente flessibili e regolabili per qualsiasi esigenza, i cuscinetti in pelle (di colore nero) situati dove poggia lorecchio sono ben imbottiti e garantiscono morbidezza e comodit senza eguali, rendendo sopportabili anche lunghe sessioni di gioco con un isolamento dallesterno veramente efficace. Il microfono, che ricordiamo possibile smontare/montare velocemente sulle cuffie, flessibile e adattabile alla posizione che si reputa migliore e comoda. Sul filo che collega le cuffie al decoder troviamo il controller audio costituito da 4 tasti (uno per ogni canale: Front, Center, Rear e Sub) che vi permetter di regolare gli effetti sonori a vostro piacimento ed un regolatore di volume; i quattro tasti in base al valore in cui saranno

BIANCO E NERO PER UN LAYOUT ACATTIVANTE


SPECIFICHE TECNICHE
INPUT/OUTPUT AUDIO: Ottico LUNGHEZZA CAVO: 3.7 metri NUMERO ALTOPARLANTI: 8 COMPATIBILIT: Pc/Ps3/xBox/ Mac AUDIO: True Dolby Surround 5.1 Neodimio FREQUENZA: 25Hz 22kHz TOTAL HARMONIC DISTORTION: <1% DIAMETRO ALTOPARLANTI: 30mm fronte&retro, 23mm centro, 40mm sub MICROFONO ANTI RUMORE DI FONDO: S MICROFONO CON SUPPORTO MINIATURA: S COMANDI SUL CAVO: S INTERFACCIA: USB

Lorenzo Avello

A CURA DI

75

M3MAGAZINE.IT

posizionati cambieranno colore, passando dal bianco, celeste, blu, verde fino al rosso, il controller sar cos visibile e degno di nota anche per chi gioca al buio. Passiamo al vero cardine di questo prodotto, la caratteristica che lo fa valere il suo prezzo: il True Dolby Surround 5.1; questo sistema rende la qualit audio incredibilmente realistica tanto da farci sembrare allinterno del gioco nel vero senso della parola. Tutto ci possibile grazie ai 4 altoparlanti al neodimio situati su entrambi i pad (ne abbiamo un totale di 8). Passando agli altri componenti, abbiamo laudio controller ovvero una piccola scatoletta che fa da centralina di tutto il dispositivo, le cuffie saranno collegate ad essa e essa sar collegata alla console/pc. Dalla centralina oltre ad accendere e spegnere limpianto possibile regolare il volume, regolare il ritardo tra il canale anteriore e quello posteriore (Time Delay Zone), attivare o disattivare il Dynamic Range Control (ovvero un opzione che permette di regolare i rumori troppo elevati che possono in alcuni casi urtare il giocatore) e inoltre anche possibile regolare il Dolby Digital Pro Logic II.

IL 5.1 CHE FA LA DIFFERENZA

in conclusione si pu certamente dire che le Tritton

Pro Plus 5.1 nonostante il prezzo di 180 sono un gran prodotto che vale ogni singolo euro speso; predisposte per il gaming, garantiranno al giocatore delle prestazioni eccezionali e un esperienza indimenticabile offrendo unimmersione realistica allinterno del gioco. Possono considerarsi un vero vantaggio per chi gioca in multiplayer, ma anche un utilizzo in solo non affatto trascurabile. E in conclusione un prodotto sicuramente consigliato a chi cerca un prodotto con un buon rapporto qualit/ prezzo; sono acquistabili tranquillamente da rivenditori autorizzati, il recapito nel nostro paese veloce e sicuro.

M3MAGAZINE.IT

76

RAZER DEATHADDER 2013


Se vuoi pescare, ti servir una canna da pesca. Se vuoi fare rafting, ti servir un gommone. Allo stesso modo se vuoi essere un PC gamer, ti servir un mouse. Ma se ambissi a essere un PRO PC gamer, ti servir un mouse allaltezza del compito. Se appartieni a questultima categoria, il DeathAdder 2013 (anche conosciuto come DeathAdder 4G) della Razer, potrebbe fare al caso tuo. . Approfondiamo la questione: osservando il prodotto, notiamo subito che la Razer non si discostata dai modelli precedenti per quanto riguarda il design. Il che ritengo sia una buona scelta in quanto il DeathAdder 3.5 si era distinto per essere uno dei mouse pi confortevoli sul mercato. Inoltre sono state aggiunte ai lati del mouse, due strisce di gomma zigrinate, alla maniera del Razer Taipan. Una manna dal cielo per il controllo e la scorrevolezza. Rimanendo sul ramo estetica, la casa produttrice ha deciso di tenersi su un approccio decisamente pi minimal per quanto riguarda le luci. Il mouse illuminato solo in due punti: allaltezza del logo e sotto la rotellina. Entrambi questi LED sono verdi e n il colore n la luminosit sono modificabili. Si possono solo accendere e spegnere: non sar il pi vistoso dispositivo sul mercato, ma basta che faccia il suo lavoro. Abbiamo cinque bottoni: i canonici tasti destro e sinistro, la rotellina e due tasti laterali sul lato sinistro. Questi hanno un ottimo tempo di risposta e un ottimo feedback, sia tattile che uditivo. Cinque bottoni non sono tantissimi, anzi, sono il minimo sindacale per un mouse da gaming. Perci se volete un mouse da cliccatore folle (magari per un MMORPG), questo non fa per voi: potreste voler ripiegare su un Naga. Il tempo di vita dei sensori dei tasti grandi valutato sui 10 milioni di click e dovrebbero bastare per un bel po di partite. Purtroppo la Razer non ha ritenuto opportuno aggiungere un tasto per la modifica della sensibilit. Questa funzione completamente affidata al software Razer Synapse 2.0, cos come la riprogrammazione delle funzioni dei tasti e tutte le altre configurazioni. Brutte notizie, quindi per gli amanti dei LAN Party che saranno costretti a dover installare il

CLICCATORI FOLLI ALLA LARGA


SPECIFICHE TECNICHE
SENSORE OTTICO 4G che raggiunge i 6400dpi DESIGN ERGONOMICO con impugnature di gomma laterali zigrinate CINQUE BOTTONI con elevatissima velocit di risposta (1 ms) riprogrammabili RAZER SYNAPSE 2.0 Possibilit di regolare la sensitivit in tempo reale ELEVATE PRESTAZIONI fino a 200 pollici per secondo di velocit e 50g di accelerazione CONNETTORE USB placcato in oro CAVO ULTRALEGGERO rinforzato da 2,15m DIMENSIONE APPROSSIMATIVA: 127mm(lunghezza) x 70mm(larghezza) x 44mm(altezza) PESO APPROSSIMATIVO: 105g

Luigi TheCultist Savinelli

A CURA DI

software ovunque per poter utilizzare le proprie impostazioni, visto che, tra laltro, il DeathAdder 2013 non fornito di una memoria interna per salvare le configurazioni. Guardando sotto il mouse, ci gustiamo il piatto forte: il sensore ottico 4G. Un sensore capace di una sensibilit che raggiunge i 6400 dpi. Un incremento non male rispetto ai 3500 dpi del modello precedente. Come i pi smaliziati conoscitori della materia sapranno, un mouse con una sensibilit di 1200-2600 dpi considerato sopra la media mentre una volta superati i 4000 dpi si inizia a parlare di mouse da pro gaming. Con i suoi 6400 dpi, il Razer DeathAdder 2013 rivaleggia dignitosamente con qualsiasi concorrente nella sua fascia di prezzo. Ovviamente la sensibilit modificabile tramite il solito software Razer Synapse 2.0 per adattarsi alle esigenze del singolo giocatore. A questo punto, per, molti di voi si staranno chiedendo: S, ok, ma come si impugna? un mouse da Claw Grip o da Palm Grip? In realt non semplice rispondere a questa domanda in quanto ci troviamo in una zona grigia. Da un lato, la posizione delle fasce di gomma antiscivolo ai fianchi del DeathAdder lo renderebbero un mouse ideale per limpugnatura Claw Grip. Allo stesso tempo, per, il mouse abbastanza voluminoso, rendendo difficile questo tipo di impugnatura per periodi lunghi di tempo. Allo stesso tempo, unimpugnatura Palm Grip, per quanto si presti bene alla forma ergonomica del prodotto, non sfrutta appieno le suddette bande laterali. Ma questo non necessariamente un lato negativo. Se da un lato vero che il mouse non ottimizzato per una delle due impugnature, va anche detto che si comporta egregiamente con entrambe. Ci rende il DeathAdder 2013 un mouse adatto a qualsiasi stile di gioco.

6400 DPI DI SENSIBILIT

conclusioni

Il Ra ze r DeathAdder 2013 non manca di difetti: lassenza di tasti dedicati alla gestione dei dpi e la mancanza di una memoria interna per i settaggi, si fanno sentire. Soprattutto dato che questi elementi sono ormai uno standard in qualsiasi mouse da gaming. Ma un piccolo prezzo da pagare per un mouse di alta qualit e di alte prestazioni. Se siete gi in possesso del precedente modello di DeathAdder, non credo ci sia motivo per passare al 2013, a meno che i 6400 dpi non siano per voi qualcosa di irrinunciabile (effettivamente fanno gola). Se invece state valutando di comprare un nuovo mouse, dovreste prenderlo in considerazione. Il Razer DeathAdder 2013 in vendita su amazon e sul sito ufficiale Razer per un prezzo che si aggira sui 70. Un po pi caro della media, ma senza essere proibitivo.

M3MAGAZINE.IT

78

Case : Thermaltake MS COMMANDER II Alimentatore: Corsair VS 550 W Processore : Intel I3-3220 Main Board : MSI B75MA-P45 Ram : 4 GB Corsair DDRIII 1333 Valueselct

ENTRY LEVEL

HDD : 500GB Western Digital Scheda Video : ZOTAC Geforce GTX 650 2GB Sistema Operativo : Windows 7 Home 64Bit Oppure Windows 8 Home 64 Masterizzatore DVD +/-

680.00

Case : Thermaltake Leve 10 GST Alimentatore : Thermaltake Smart Modular 750W 80 + Bronz Processore : Intel I5-3570 Dissipatore : Thermaltake Contact 39 Main Board : MSI Z77A-G43 Ram : 8 GB Corsair DDRIII 1600

PC MIDDLE

Vengeance Black SSD : Corsair Force GS 128GB Scheda Video : MSI GTX 650 BOOST Gaming Edition Sistema Operativo : Windows 7 Home 64Bit Oppure Windows 8 Home 64 Masterizzatore DVD +/-

1135.00

I prezzi sono IVA inclusa.

Case : Corsair C70 Alimentatore : Corsair Modular Power Supply 860 W Series Professional Platinum AX860 - 80 PLUS Platinum Processore : Intel I7-3770 Dissipatore : Corsair H100i Liquido Main Board : MSI Z77A-G45 Gaming Ram : 8 GB Corsair DDRIII 1600

PC BIG

Vengeance Black SSD : Raid 0 2 x Corsair Force GS 128GB Scheda Video : MSI GTX 670 Power Edition Sistema Operativo : Windows 7 Home 64Bit Oppure Windows 8 Home 64 Masterizzatore DVD +/-

1840.00

M3MAGAZINE.IT

80

N5 26.06.2013