Sei sulla pagina 1di 6

Dipartimento di Matematica e

Informatica

Palermo Scienza 2010


La Matematica Applicata

La matematica applicata ha come


obiettivo quello di costruire modelli
della realtà

Prevedere la loro evoluzione e la loro


risposta alle sollecitazioni

Usare il computer come un


apparato sperimentale per
confrontare modello e realtà
La matematica applicata
Biomatematica: modelli per
l'ecologia (riserve, diffusione degli
inquinanti) e la medicina (diffusione
delle epidemie, diffusione del
tumore; terapie per l’AIDS)
Fluidodinamica: climatologia
(previsioni del tempo; analisi dei
cambiamenti globali), aerodinamica
(studio di profili alari), idrodinamica
(moti di condotti petrolchimici)
Economia, Finanza e Industria: studio
dei mercati finanziari, ottimizzazione del
rendimento dei motori; robotica.
La fluidodinamica
Le equazioni di Navier-Stokes sono un sistema di equazioni
differenziali alle derivate parziali che descrive il comportamento
di un fluido dal punto di vista macroscopico:

Sono dette equazioni di bilancio: formalizzano il principio di


conservazione della massa, il secondo principio della dinamica
e la conservazione dell'energia.

La ricerca di una loro soluzione


analitica (esatta) è un problema
aperto.

Si cerca, dunque, una soluzione


approssimata con metodi numerici
La fluidodinamica
Un problema aperto nella fluidodinamica riguarda il
comportamento dei fluidi in presenza di una frontiera quando la
viscosità diventa piccolissima

Se la viscosità è nulla tali


equazioni sono dette
equazioni di Eulero, e sono
usate per il calcolo delle forze
aerodinamiche (portanza e
resistenza) agenti su un
profilo alare, se accoppiate
con una trattazione dello
strato limite nelle regioni in
prossimità del corpo.
Teoria dello Strato Limite
Lo strato limite è una zona ideale di un flusso nelle immediate
vicinanze di una superficie solida, dove gli effetti viscosi sono più
marcati rispetto ad una zona esterna.

Gli effetti della viscosità sono


confinati all'interno di una
zona limitata adiacente alla
parete; il flusso nella
zona esterna si considera non
viscoso.