Sei sulla pagina 1di 16

A.S.

2011 - 2012 Istituto Comprensivo Statale Bucchianico

NOI . . .
SEZIONI INTERNE
Noi e la scuola
2-5

NOI UNIDENTITA RICONOSCIUTA


6-9

Noi e la natura

Noi e la legalit

10 - 13

Noi e gli altri

14

Noi e la poesia

15

Noi e lo sport

16

Settembre 2011 inizio di un anno scolastico denso di impegni, di progetti tutti tesi ad accrescere la motivazione ad apprendere, ad approfondire tanti campi del sapere per ancorarli alla realt. Si riflette, si progetta, si valuta, si sceglie... . Una sfida per gli insegnanti! Il lavoro di ciascun progetto inizia sempre con una carica di entusiasmo, ingrediente vitale per trasformare le ore in momenti di alta produttivit, fatti di ricerche, discussioni, valutazioni ... Arrivano anche momenti di scoraggiamento e di impotenza Allora lo scintillo dello sguardo dei ragazzi, speranzosi di essere condotti nella complessit del reale, rimette in piedi la macchina del progetto, che deve portare a compimento il suo obiettivo. Arrivano tante proposte di concorsi, si valutano e si scelgono quelli attinenti ai progetti che gi stanno in piedi perch, si pensa, un contributo alla scuola in questi momenti di crisi non guasterebbe Abbiamo partecipato in tantia tanti... non c

speranza di vincere, ci diciamo anche che non ci interessa, ma poi cominciano ad arrivare notizie, tante, tantissime buone notizie Innanzitutto il premio con tanto di medaglia e grandi riconoscimenti: Energiochi; concorso Paride Di Federico; concorso sullaccoglienza ed educazione interculturale; concorso regionale Raccontiamo la legalit; concorso di poesia dialettale di Vacri e Romualdo Parente di Scanno; concorso de Il Battello a vapore , tanti successi che rendono felici e orgogliosi i ragazzi, ma che rendono consapevoli e soddisfatti gli insegnanti, perch hanno fatto emergere dai ragazzi tutta la positivit insita in loro. Ai docenti questo non basta ancora, hanno bisogno di altre sfide ed di altre conferme. Loccasione si presenta con il concorso "Fare il giornale nelle scuole" promosso dall' 0rdine dei giornalisti che

invita le scuole ad inviare un prodotto dellistitutore e il pensiero va al giornalino della continuit che racchiude lanima della scuola. E il risultato un trionfo per tutto listituto con premiazione a Benevento. Dopo tutto questo, i docenti sono pronti ad accogliere nuove sfide.

NOI E LA CONTINUITA
CONTINUA ANCHE QUESTANNO NOI, IL GIORNALINO DELLISTITUTO COMPRENSIVO DI BUCCHIANICO DEDICATO
ALLA CONTINUIT.

NOI RACCONTA LE ESPERIENZE DEGLI ALUNNI DELLE SCUOLE DELLINFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DI BUCCHIANICO,

VACRI E VILLAMAGNA. LINTENTO QUELLO DI RACCORDARE I TRE ORDINI DI SCUOLA CONDIVIDENDO E ARMONIZZANDO LE DIVERSIT, I LIN-

GUAGGI, GLI STILI E I VALORI EDUCATIVI ATTRAVERSO LESPLORAZIONE E IL CONFRONTO DEI PERCORSI FORMATIVI ATTIVATI.
COMMISSIONE PROGETTO CONTINUIT

PAGINA 2

NOI E LA SCUOLA

NOI . . .

VIAGGIANDO NEI NOSTRI RICORDI


Il ritorno nelle scuole dellInfanzia
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 27 marzo 2012. Valorizzare il passato per comprendere meglio il presente e porre le migliori basi per il futuro! Quale migliore occasione allora se non il ritorno nelle scuole dellinfanzia per salutare e collaborare, ancora una volta, con ex maestre ed ex compagni di viaggio. I bambini di prima B si sono recati con lo scuolabus a Colle Marcone per far visita alla Scuola dellInfanzia. Grande festa ed accoglienza: saluti, scambio di doni e di battute, condivisione di una dolce merenda, paure svanite e dubbi sciolti, , fotografie di rito e per finire un bellissimo laboratorio di pittura sulla primavera. Che bello lavorare tutti insieme e che capolavori! Il giorno 23 aprile 2012, invece, sono ritornati tutti insieme nella Scuola dellInfanzia di Tella. Anche qui grande accoglienza e grande divertimento! Dopo aver gustato frutta fresca e giocato insieme, tutti al lavoro! I bambini hanno raccontato in rima il nostro primo anno di Scuola Primaria e risposto alle curiosit dei bimbi piccoli. Ma il vero filo conduttore dellincontro stata la Storia della gabbianella e del gatto che le insegn a volare laboratorio di cittadinanza, sulla tematica della diversit , svolto da entrambe le scuole. Dalla narrazione alle riflessioni sulla morale della storia, i bambini sono giunti alla realizzazione di un murales con matita, colori e cartoncini. Che bello condividere anche finalit ed obiettivi comuni! Scuola Primaria Bucchianico

UNA GIORNATA INSIEME


Tra le pieghe del progetto continuit
COLLE MARCONE, 27 marzo 2012 MARCONE Ciao amici, siamo i fantastici 5 (Alessia, Bryan, Clarissa, Giulia, Mattia) di 5 anni della scuola dellInfanzia di Colle Marcone! Insieme ai bambini di 3 e 4 anni, abbiamo accolto nella nostra scuola i compagni della 1B della scuola Primaria di Bucchianico. Tutti noi abbiamo realizzato dei piccoli capolavori sul tema della PRIMAVERA, con luso di diversi materiali: colori a tempera, colori a spirito, contenitori di cartone delle uova, colla vinavil, ecc.. E stato bello rivedere e tornare a giocare con vecchi amici che lanno scorso erano ancora a scuola con noi. Li vogliamo ringraziare perch ci hanno regalato il bellissimo libro La gabbianella e il gatto, completamente fatto da loro. Ora che le vacanze sono alle porte ci meritiamo un lungo riposo prima di intraprendere anche noi lavventura della scuola primaria; il ricordo di questa bellissima esperienza, condivisa con i nostri futuri colleghi, ci accompagner per tutta lestate. Scuola dellInfanzia Colle Marcone

LA SCUOLA PRENDE VITA


Un incontro per orientarsi
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 9 marzo 2012 Gli alunni della scuola secondaria di I grado di Bucchianico hanno invitato nella loro scuola i compagni delle classi 5A e 5B della Scuola Primaria, per illustrare loro gli ambienti che li accoglieranno lanno prossimo. I ragazzi delle medie hanno preparato lordine per lingresso nelle diverse aule, i tutor per lesplorazione della scuola e gli inviti. Quando sono arrivati i bambini delle quinte (accompagnati dalle maestre), alcuni ragazzi delle classi prime e seconde, li hanno accolti con un caloroso: <<Benvenuti! >>. In seguito si sono divisi in gruppi, e i due tutor che andare a illustrare i vari laboratori di lingue e informatica (al piano inferiore), la stanza dei professori, i bagni, la biblioteca e laula S.O.S.. Quando si entrava nelle classi si doveva ascoltare la lezione della materia che si stava svolgendo. A fine esperienza gli alunni delle classi quinte e prime (della Scuola Secondaria), si sono raccolti nellatrio, per sgranocchiare dolci, salati e sorseggiare tante bibite! guidavano i bambini, hanno fatto visitare tutta la scuola; si partiva dalla IIIB (al piano centrale), per arrivare alle classi prime, seconde e allaltra terza (al piano superiore), per poi Scuola Secondaria I grado Bucchianico

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA SCUOLA

PAGINA 3

IL FUTURO E GIA QUI


Incontri con i compagni della Scuola Secondaria di I grado
VACRI. Quest'anno con il Progetto Continuit abbiamo iniziato degli incontri con la scuola secondaria. Eravamo tutti un po preoccupati perch dovevamo incontrare i nostri futuri professori e questo ci rendeva un po ansiosi. Entrati nella nuova classe ci siamo ricordati del primo giorno di scuola e abbiamo provato un senso di felicit. Man mano che loro ci illustravano i nuovi progetti e le nuove materie, la paura diminuiva facendo spazio alla curiosit. Ci hanno accolto calorosamente, ci siamo sentiti a nostro agio e abbiamo capito che non ci dobbiamo preoccupare per lingresso alla Scuola Secondaria, quindi i dubbi e i timori che avevamo nell'affrontare questa n u o v a esperienza sono spariti. I nuovi professori al primo impatto ci sono sembrati seri, ma dopo averli conosciuti meglio si sono rivelati simpatici e gentili. Quando andremo alle medie ci mancheranno le maestre delle elementari perch abbiamo passato insieme molti anni, imparando molte cose e trascorrendo giornate fantastiche e indimenticabili. Ci hanno trasmesso tanti valori per poter affrontare la vita senza paura. Sono state una parte di noi che non dimenticheremo mai e che terremo nel ricordo della nostra infanzia. Siamo sicuri che questo progetto ci ha aiutato a prepararci per la scuola secondaria, purtroppo un nostro amico si dovr trasferire nella scuola media di Roccamontepiano e quindi non potr frequentare le scuole secondarie con noi. Siamo felici di provare nuove esperienze. Cos tutte le nostre paure iniziano a svanire, il grande momento sta arrivando e la curiosit di vivere cose nuove sta prendendo il sopravvento. Noi siamo sicuri che il prossimo anno saremo pronti per ogni tipo di difficolt che ostacoler il nostro cammino perch siamo pieni di amore e felicit con cui scaleremo ogni tipo di montagna. Scuola Primaria Vacri

IN CONTINUITA TUTOR E TUTORATI


Insieme per accogliere e diventare responsabili
In fila, stringendo la manina sudata BUCCHIANICO, delle candele lasciando la stanza al BUCCHIANICO 13 settembre 2011. dei nostri piccoli tutorati, siamo enQuest anno noi di buio. trati nella sala video: ci quarta A abbiamo visSiamo andati a prendere i nostri ha accolto una musica suto unesperienza in tutorati e li abbiamo accompagnati in melodiosa e per terra pi perch siamo diquesta stanza e quattro di noi hanno abbiamo trovato un ventati tutor. raccontato loro il mito di Crono. I lenzuolo con sopra Il primo giorno di scuopiccoli erano stupiti e ci ascoltavano barattoli di terre colola abbiamo creato dei in assoluto silenzio, poi insieme abrate .... Abbiamo lasciab i g l i e t t i d i biamo disegnato la nostra idea di to le nostre tracce sul BENVENUTO per i BENVENUTO tempo. Quando un bambino finiva il lenzuolo usando le bambini di 1A lasciandisegno veniva appeso su un grande terre colorate. do delle orme su carcartellone bianco e poi chi voleva I bambini di prima e quarta intorno al lenzuolo I disegni erano tutti toncini bianchi con spiegava il proprio lavoro agli altri... belli e si intrecciavano tra loro: c'era delle parti del corpo e abbiamo anche Quante idee di tempo ognuna dichi si piazzato giusto al centro del scritto una frase per loro. versa dall'altra! lenzuolo bianco, chi in un angolino, Il secondo giorno abbiamo sistemato chi ha titolato il suo lavoro "Il viaggio Sono molti i momenti di accoglienza i nostri biglietti su un lenzuolo e cianel deserto" chi "La vita"... Poi abbiache abbiamo vissuto insieme: l'accoscun bambino di Prima ha scelto mo mischiato tutto e glienza nel GIOCO duquello che pi gli piaceva: cos abbiaabbiamo composto rante la ricreazione pomemo formate le accoppiate e i trii di l'opera collettiva "la ridiana abbiamo insegnato tutor e tutorati. vita prende il volo": loro tanti giochi ... Eravamo tutti emozionati, entusiasti che emozione vedere L'accoglienza nel LAVORO: di assumerci delle responsabilit, tutte le terre miabbiamo invitato a scuola anche se il cammino duro e impeschiarsi cambiare una nonna e su tante gnativo. Qualche compagna dice di continuamente forma spianatoie abbiamo impavoler essere un esempio da seguistato acqua, uova, farina, e colori! re...un altro si dice disposto ad ascolzucchero e abbiamo "dato Dopo questa prima tare i loro problemi, a difenderli... esperienza di acco- I bambini dispongono gli oggetti del tempo corpo" a tante pupe e Intanto la musica di sottofondo accavalli seguendo le istruzioni di una glienza ne abbiamo vissute altre per compagna la nascita di nuove amicinonna abbiamo realizzato, "mettendo accogliere i pi piccoli nel lavoro cole mani in pasta" dolci tradizionali zie ... me "a caccia di TEMPO". pasquali ... E' bello prendersi cura di Noi di quarta, uno per volta, abbiamo Noi di quarta da casa abbiamo portaaltri e sentirsi accolti come compaletta la frase che accompagna la to un oggetto che per ognuno di noi gni di viaggio.. nostra "orma" e insieme abbiamo rappresentasse il tempo; li abbiamo consumato la merenda . Scuola Primaria sistemati su un telo, abbiamo acceso Bucchianico

PAGINA 4

NOI E LA SCUOLA

NOI . . .

BASTA GUARDARE IL CIELO


Alla scoperta del pi grande tesoro che ci sia: lamicizia
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 5 dicembre 2011. Noi alunni delle classi 5A e 5B, insieme alle classi prime della Scuola Secondaria, abbiamo assistito alla visione del film Basta guardare il cielo. Questa la storia di due ragazzi che, ispirati dalle avvincenti vicende di Re Art e dei suoi Cavalieri della Tavola Rotonda, danno inizio ad un viaggio alla ricerca della grandezza del bene, per scoprire, alla fine, il pi grande tesoro che ci sia: lamicizia! I due si aiutano vicendevolmente. Tu hai bisogno di un cervello e io di un paio di gambe, insieme formiamo una persona perfetta. Classi V A e B - Scuola Primaria Classi I A e B - Scuola Secondaria I grado Bucchianico VACRI. VACRI Questo film mi ha colpito particolarmente e mi ha commosso perch lamicizia tra i due bambini con diversi problemi andata sempre avanti nonostante molte difficolt. Ad un certo punto il bambino malato muore e in quel momento mi sembrato un film totalmente diverso perch laltro bambino ha considerato il cielo come il suo amico che non cera pi. Secondo me questo film fa riflettere sul vero e grande problema del mondo, cio la diversit. La diversit non esiste, perch siamo tutti uguali. Il film mi ha fatto capire che facendo amicizia con le persone diverse si diventa pi forti e cresce il coraggio dentro di noi. Siamo tutti diversi e tutti uguali e basta guardare il cielo per sognare luguaglianza. Classe V - Scuola Primaria Classe I - Scuola Secondaria I grado Vacri VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 5 dicembre 2011. finito il film abbiamo discusso in classe sui valori dellamicizia vera, sulluguaglianza, sulle problematiche della vita dei due protagonisti e abbiamo capito che pur avendo difficolt e problemi bisogna avere il coraggio di andare avanti, ma soprattutto abbiamo riflettuto sul valore del rispetto dellaltro e sul fatto che ognuno di noi unico e ha molto da donare agli altri. Classe V - Scuola Primaria Secondo noi lamicizia, in particolare, un legame speciale che unisce le persone e le rende migliori. Abbiamo riflettuto molto su questa storia e abbiamo capito che lamicizia un sentimento di fratellanza che ci unisce strettamente, come gli anelli di una catena di acciaio che niente e nessuno riesce a spezzare. Ognuno di noi ha i propri difetti e grazie agli amici pu migliorare senza essere giudicato,ma sostenuto. Avere degli amici la cosa pi bella che si possa desiderare, peccato che a volte riusciamo a capirlo solo quando rimaniamo soli. Classe I Scuola Secondaria I grado Villamagna Nellambito del progetto Continuit, abbiamo approfondito la tematica inerente la DIVERSITA con la classe 5 A. Successivamente abbiamo formato dei gruppi misti di alunni delle due classi per riflettere insieme e abbiamo costruito il nostro: DECALOGO DALLA DIVERSITA ALLINCLUSIONE - Non far sentire nessuno invisibile - Includere nelle conversazioni - Non deridere: si ride con e non di - Ci si aiuta nelle difficolt - Essere uniti - Invitare a feste e momenti ricreativi - Non giudicare solo per sentito dire - Tra amici si tutti uguali: nessuno leader - Creare legami significativi - Si felici solo se nessuno triste Classe I - Scuola Secondaria I grado Bucchianico

TUTTI DIVERSI E TUTTI INSIEME


Lungo la strada della scoperta dellidentit
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 5 dicembre 2011 Il Progetto Orientamento ormai da anni cardine del nostro Istituto poich "l'orientamento" un processo che riguarda ogni ordine e grado di scuola, che fa ricercare agli allievi gli elementi direzionali per la propria esistenza, l'assetto della propria identit e l'identificazione del mondo in cui dipanare la propria storia. Quest'anno, in occasione della Giornata della Diversabilit celebrata il 5 Dicembre, si deciso di dedicare l'intero progetto orientamento alla tematica della diversit. Il giorno 7 Dicembre 2011 le Scuole dell'Infanzia di Bucchianico sono state accolte dalle classi prime delle due sezioni della Scuola Primaria per assistere insieme alla visione del filmcartone animato "Storia della gabbianella e del gatto che le insegn a volare", tratto dal libro di Luis Seplveda. Il film stato scelto dalle insegnanti come paradigma dell'integrazione e dell'amicizia. Nei mesi seguenti, ogni classe ha lavorato su tale tematica sviluppandola attraverso i pi svariati linguaggi: narrativo, grafico-pittorico, mimico, ecc. In occasione del ritorno delle classi prime alle Scuole dell'infanzia sono stati socializzati i diversi p r o dot t o realizzati. I bambini si sono divertiti e, lavorando insieme, hanno iniziato a riconoscere e valorizzare le diversit di ciascuno. Scuola Primaria - Bucchianico Continua a pag. 5

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA SCUOLA

PAGINA 5

SFIDA LETTERARIA
Diventiamo piccoli scrittori per il concorso N. DOnofrio
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 24 marzo 2012. Ogni anno, verso il mese di febbraio, viene proposto il Concorso letterario in onore di Nicolino DOnofrio, promosso dallAssociazione culturale A.C. De Meis in collaborazione con lOrdine dei Ministri degli Infermi. Come tutti gli anni allevento, svoltosi il 24 Marzo 2012, hanno partecipato le classi della 5 elementare e tutte le classi delle scuole secondarie del comprensorio scolastico di Bucchianico, Vacri e Villamagna. Questanno stata proposta questa traccia: Let che stai vivendo ricca di aspettative ed il desiderio di crescere accompagnato da attese e speranze: quali sono i tuoi principali sogni sul domani? Su chi puoi contare per realizzarli? Il Concorso si divide in due categorie: -categoria A dove partecipano le classi 5 elementare e 1 media. -categoria B dove partecipano le classi 2 e 3 medie. Di entrambe le categorie vengono premiati tre ragazzi. I selezionati, ricevono una lettera, consegnata a scuola, in cui si comunica solo il luogo, la data e lora dellevento. Ogni anno i premi cambiano. Ma la cosa pi importante per noi ragazzi sempre stata la travolgente emozione provata nello svolgere i temi ma soprattutto nellattesa dellesito del concorso. Ecco alcune riflessioni: Io oggi ho un solo desiderio: essere felice. Questo infatti raccoglie tutti i miei sogni per il futuro che sono molto semplici e non particolari: sposarmi, avere figli, un buon lavoro e soprattutto vivere felice con la mia famiglia. Secondo me non contano i soldi perch ti possono capitare malattie molto brutte o altro e i soldi non ti salvano dalla morte, mentre io preferirei viverla in pace e armonia con tutti la vita che ho davanti Io per il domani ho diversi desideri, ma quello che mi affascina di pi diventare un ricercatore scientifico. Mi colpisce il fatto che si deve restare chiusi in un laboratorio, per cercare di scoprire qualcosa che non si sa, per migliorare la nostra vita sulla Terra; so che per realizzare qualsiasi specializzazione ci vuole molto studio e impegno ma sapere che potr migliorare lesistenza degli uomini mi d lispirazione. Spero che quando avr un laboratorio tutto mio riuscir a inventare qualcosa che dar benefici allumanit.
Istituto Comprensivo Bucchianico

Continua da pag. 4 VILLAMAGNA. La scelta di parlare di temi importanti come il rispetto per laltro, la diversit, lamicizia agli alunni pi piccoli con un cartone che fosse facilmente fruibile e accattivante stata vincente. I bambini, dopo la visione del film, hanno parlato delle loro esperienze riportando lattenzione sulle sequenze della storia che pi li aveva colpiti.

Ecco i loro pensieri: questi gatti sono speciali di solito non sono amici dei gabbiani come in questo cartone, Che coraggiosa la gabbianella quando volava, a me piaceva il gatto Zorba ... quello nero che ha mantenuto la promessa di far volare Fif; Bello tutti insieme erano amici. Scuola Primaria - Villamagna

PAGINA 6

NOI E LA NATURA

VISITA GUIDATA ALLA DISCARICA DECO


Scopriamo come ricavare energia dai rifiuti non riciclabili
BUCCHIANICO, 2 maggio 2012. Noi alunni della 1^ B, insieme agli alunni di 1^ A, siamo andati a visitare la discarica DECO presso Brecciarola. Lo scopo della visita stato quello di scoprire come vengono trattati i rifiuti non riciclabili e come da questi si pu ricavare energia. Inizialmente abbiamo visto degli spot relativi al riciclaggio intitolati Da cosa nasce cosa e abbiamo scoperto che: da 1 Kg di vetro si ottiene un vaso da fiori; da 1 cassa di legno si ottiene un attaccapanni; da 37 lattine si ottiene una caffettiera; da 3 scatole di cartone si ottiene una cartelletta; da 150 lattine si ottiene una coppa. Con la visione di un cortometraggio sul compostaggio abbiamo scoperto che il 30% dei rifiuti biodegradabile. Ci ha mostrato anche i C.D.R. (combustibili da rifiuto ) ottenuti da carta e plastica non riciclabili ridotti a coriandoli ed inviati ad industrie che li utilizzano come combustibili. Visitando la discarica, ci hanno spiegato che importante la scelta del terreno, che deve essere argilloso e impermeabile; questo va poi ricoperto con un telo particolarmente resistente su cui si gettano i rifiuti. I rifiuti vengono ricoperti dalla terra e il gas che fuoriesce viene aspirato da bocche aspiratrici e trasformato, tramite appositi apparecchi, in energia che viene immessa in rete. Il percolato (acqua sporca che fuoriesce dai rifiuti) viene aspirato e inserito in cisterne e mandato a depurare. Abbiamo scoperto che la DECO tratta

solo gli R.S.U., cio i Rifiuti Solidi Urbani; i rifiuti speciali provenienti da industrie e ospedali vengono inviati in apposite discariche. Infine la guida ci ha parlato delle 5 R indispensabili per risparmiare: RIDUCI, RIUSA, RICICLA, RACCOGLI e RECUPERA ENERGIA. Abbiamo comunque imparato che la vita di un rifiuto non finisce quando viene buttato nel cestino e che anche i rifiuti sono una ricchezza. Scuola Secondaria I grado Bucchianico Stanchi ma ricchi anzi ricchissimi di sapere esperito sul campo, siamo rientrati in serata a Bucchianico. Questa splendida giornata ci ha offerto lo spunto per approfondire in classe, ancora una volta, la tematica dellacqua come risorsa fondamentale di vita. Gli alunni hanno ricercato, analizzato e confrontato dati statistici mondiali sulla presenza e sul consumo dellacqua. Evidenziando la disuguale distribuzione di questa risorsa, hanno realizzato lo slogan: NOSTRO OBIETTIVO COMUNE E UNEQUAZIONE BANALE : ACCESSO ALLACQUA = SALUTE = VITA.

NEL PARCO NAZIONALE DELLA MAJELLA


Una giornata nella Valle dellOrfento
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 10 novembre 2011. Questanno il nostro Istituto Comprensivo ha aderito al programma di educazione ambientale aderente alliniziativa mondiale dellEducazione allo Sviluppo sostenibile. E cos che siamo partiti da Bucchianico noi 37 bambini delle classi IV A IVB e VB, accompagnati dalle nostre insegnanti, per recarci in visita alla Valle dellOrfento a Caramanico e trascorrere una meravigliosa e lunga giornata immersi nella natura. Accompagnati da simpatiche e preparate guide, abbiamo camminato lungo il sentiero che costeggia il fiume Orfento e ammirato da vicino la flora e la fauna fluviale. Osservando da vicino querce, abeti, felci di ogni genere, trote, lontre e le rarissime alghe rosse, abbiamo compreso il significato degli indicatori biologici e scoperto quanto siano ancora pure e limpide le acque del fiume Orfento. Non sono infatti mancati gli esperimenti scientifici con la raccolta di campioni di acqua e losservazione al microscopio in laboratorio.

Scuola Primaria Bucchianico

PROFESSIONE BOTANICO
Laboratorio scientifico presso il Museo di Scienze Biomediche di Chieti
CHIETI, 28 febbraio 2012 Avvicinarci al mondo vegetale stata la scusa per svolgere un interessante Laboratorio Scientifico presso il Museo di Scienze Biomediche di Chieti. Noi bambini di IV B, insieme alla classe III B, abbiamo vissuto questa splendida esperienza: attraverso osservazioni e semplici esperimenti sui vegetali, siamo stati guidati a comprendere la struttura e il funzionamento delle piante e limportante ruolo della fotosintesi nella loro vita. Ci siamo cimentati con provette, cartine tornasole, microscopio ed altri strumenti scientifici per riuscire ad estrarre la clorofilla dalle foglie degli spinaci. Esperimento riuscito! Bello anche lavorare in un nuovo laboratorio e confrontarci con figure educative diverse! Soddisfatti ed arricchiti (di sapere ovviamente), siamo tornati a scuola.

Scuola Primaria Bucchianico

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA NATURA

PAGINA 7

RIPERCORRIAMO IL CICLO DELLA TERRA


Progetto sulla terra cruda in collaborazione con il CEA Cedterra
COMPRENSIVO. ISTITUTO COMPRENSIVO Il progetto stato realizzato in diverse classi della scuola primaria e dell'infanzia del nostro Istituto Comprensivo. Nel plesso di Bucchianico vi hanno aderito, oltre alla sezione dei bambini di cinque anni della scuola dell'infanzia, le classi 1 A e 1 B e la classe 2 B della scuola primaria, con il supporto degli esperti del CEA. Il primo momento stato loccasione per conoscere lelemento terra usando i cinque sensi: annusare, toccare, ascoltare, assaggiare, guardare., impastando acqua e terra ogni bambino costruisce la sua biglia perch la terra plastica, si lascia modellare. E, a seguire, il laboratorio della terracolore: su un foglio di carta bianca i bambini hanno realizzato disegni e rilievi, schiacciando con le loro mani hanno prodotto impronte perch la terra lascia tracce. Negli incontri successivi abbiamo pensato e progettato con le maestre e i nostri esperti diversi oggetti da realizzare impastando la terra con la paglia Abbiamo impastato con mani e piedi, ci siamo sporcati, impiastrati, bagnati, ma alla fine abbiamo costruito mattoncini nonch una panchina di terra e una pista per le biglie che abbelliranno il nostro giardino. A Tella i bambini hanno addirittura realizzato un piccolo forno terra, terra prati fioriti, panorami mozzafiato. A conclusione del percorso gli alunni della scuola primaria hanno ricostruito in una narrazione o con delle riflessioni l'esperienza vissuta. Abbiamo dovuto impastare nello schifo terra,acqua e paglia Abbiamo preso la terra e labbiamo spalmata sulle balle di paglia, e noi queste balle le chiamiamo anche panchine. La terra che abbiamo usato era dura e scura. Loro, i professori della terra, hanno portato la callarella (Noemi, 2B) Mi piace lavorare con la terra perch ci si possono fare tante cose belle. (Alex Maxim, 1 B) Costruire la panchina di terra mi piaciuto perch abbiamo lavorato in gruppo. (Sophia, 1 B) Mi piaciuto lavorare con la terra perch stato divertente.(Rossella, 1 B) Scuola Primaria Bucchianico

accanto alla casa di terra gi esistente. A conclusione, alcuni gruppi hanno visitato antiche case di terra in occasione di una passeggiata percettiva nei luoghi delle case di terra cruda a Casalincontrada. Alunni e docenti hanno cos avuto la possibilit di esplorare tutti insieme antiche case di massoni e mattoni di

LA CASETTA ECOLOGICA
Primo premio al concorso Energiochi
BUCCHIANICO Noi alunni della 1^ A, durante lanno scolastico, per il Progetto Ambiente, seguiti dai professori di Scienze, Geografia, Arte e Tecnologia, abbiamo studiato linquinamento e come si pu risparmiare energia. Poi, in collaborazione con gli alunni della 1^ B, abbiamo realizzato la casetta ecologica per partecipare al Concorso Energiochi. La costruzione della casetta ci servita a capire che si pu facilmente risparmiare energia e ridurre linquinamento e che ognuno pu fare la sua parte, ottenendo un vantaggio economico dal risparmio e dando un contributo per il bene del pianeta. Abbiamo imparato che per costruire una casa ecologica bisogna rispettare tre regole: - la casa deve consumare poca energia (risparmio energetico); - la casa deve produrre energia ecologica; - la casa deve essere poco inquinata al suo interno. Il lavoro svolto per il progetto ci molto piaciuto, perch stato divertente e ci ha insegnato tante cose. Abbiamo imparato che la situazione ambientale del mondo molto grave e che ognuno pu e deve fare la sua parte, perch siamo tutti responsabili, a livelli diversi, di quello che succede alla Natura e dobbiamo, perci, tutti impegnarci a risparmiare energia, risorse e a non inquinare. La Terra una sola, la nostra casa e va protetta; non dobbiamo prosciugarla di tutte le sue risorse, ma dobbiamo pensare anche ai paesi pi poveri che adesso si stanno industrializzando e alle generazioni future, affinch lo sviluppo sia sostenibile. Dobbiamo cambiare comportamenti e mentalit e dobbiamo essere contenti quando riduciamo i consumi. Non ci vuole tanta fatica per salvaguardare il mondo se ognuno fa la sua parte, anche con piccoli gesti, come spegnere la luce quando non serve, ridurre il consumo dellacqua e fare la raccolta differenziata.

Scuola Secondaria I grado Bucchianico

PAGINA 8

NOI E LA NATURA

IN MONTAGNA A CACCIA DI ALGHE


Visita al centro di educazione ambientale Il Grande Faggio
VILLAMAGNA, 5 e 7 marzo 2012. Noi alunni di classe V siamo andati presso il Centro di Educazione Ambientale IL GRANDE FAGGIO a Pretoro dato che abbiamo aderito al progetto ambiente della nostra scuola. Sono stati due giorni molto belli e pieni di attivit e cosa da fare. Il primo giorno Fabrizio e Luca, i due esperti che ci hanno accompagnato alla scoperta della natura, ci hanno accolto con unabbondante colazione poi, nonostante il freddo, abbiamo fatto unescursione lungo il fiume Foro. Durante la passeggiata abbiamo raccolto molti reperti soprattutto rocce e pietre che poi, nel pomeriggio abbiamo analizzato con il microscopio. Interessante stato lesperimento con lacido dovevamo vedere se a contatto con questo liquido i pezzi di roccia friggevano, se si, erano calcaree cosi potevamo fare la loro classificazione. Abbiamo scoperto come, dal fondo del mare, si sono formate le montagne e abbiamo capito perch anche in alta montagna troviamo fossili di animali e piante marine. Il secondo giorno abbiamo ripercorso, insieme a Luca e Fabrizio, la storia di un bosco dai primi esseri e piante fino agli alberi. Siamo rimasti senza parole quando, durante la passeggiata nel bosco, ci hanno chiesto di cercare gli elementi viventi e non scritti su dei sacchetti e perch, su uno, cera la parola ALGHE. Dopo un primo momento di incredulit abbiamo capito cosa cercare e abbiamo potuto costatare che anche in montagna crescono e vivono delle alghe certo diverse da quelle che siamo abituati a vedere al mare. Questesperienza ci piaciuta molto non solo perch abbiamo imparato molte cose ma soprattutto perch abbiamo fatto lezione immersi nella natura. Scuola dellInfanzia Scuola Primaria Villamagna

NELLA FATTORIA SI FA BUON VINO


Per un giorno i bambini si trasformano in abili agricoltori
VILLAMAGNA. VILLAMAGNA Anche i pi piccoli della scuola dellInfanzia e della scuola Primaria, per un giorno , si trasformano in abili agricoltori presso la Fattoria Licia, lungo la valle del Foro. Gli alunni si avviano verso i filari muniti di cesti, che per gioco si trasformano in cappelli da giullare, per vendemmiare. Il gioco, tra gli elementi naturali della collina, continua quando i bambini con i loro piccoli piedini pigiano nella trocca luva nera appena raccolta. Lodore delluva cambia e per incanto torchio, schiaccia ci che rimasto dei chicchi. I piccoli contadini,ormai stanchi, gustano una colazione tipica che i nonni consumavano nei giorni della vendemmia , dopo aver tanto lavorato. Rifocillati e soddisfatti, tornano a scuola arricchiti dalla nuova esperienza. Scuola dellInfanzia Scuola Primaria Villamagna

dai chicchi fuoriesce un succo che i bimbi assaggiano con il loro indice. Un oggetto strano e prepotente, il

INCONTRO CON LARTISTA


Nel laboratorio di Liberati per diventare piccoli ceramisti
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 7 dicembre 2011. Noi alunni di quinta della Scuola Primaria di Villamagna siamo andati in Via Val di Foro dove si trova il laboratorio di ceramiche LIBERATI. Allingresso ci ha accolti il signor Giuseppe Liberati l artista e proprietario del laboratorio che ci ha spiegato cos largilla e come si lavora. Il signor Giuseppe si bagnato le mani e ha cominciato ad ammorbidire largilla, poi, con il tornio , ha fatto un vaso e poi una ciotola per farci vedere i diversi passaggi della lavorazione artigianale realizzata a mano. Poi ci ha fatto vedere i forni per cuocere largilla e dei macchinari per produrre oggetti in serie. Ma non finita qui, la parte pi bella stata manipolare pezzetti di argilla e provare a lavorarla. Volevamo provare tutti ma non cera tempo cosi, per sorteggio, ci hanno provato Riccardo e Chiara e hanno realizzato un portagessetti e un portamatite. Prima di ripartire abbiamo visitato la mostra- esposizione dove cerano molti oggetti bellissimi e coloratissimi realizzati dal signor Giuseppe Liberati. Scuola Primaria Villamagna

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA NATURA

PAGINA 9

IL LABORATORIO DI TERRACOTTA
Libero sfogo alla creativit
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA dicembre 2011. Pochi giorni prima di Natale, i docenti hanno organizzato un incontro tra noi ragazzi di prima media e gli alunni di quinta elementare per realizzare un lavoro riguardante il progetto continuit. Ci siamo riuniti nell aula magna e, dopo esserci sistemati nei rispettivi banchi, gli insegnanti hanno consegnato ad ognuno di noi un pezzettino di creta da poter modellare a nostro piacimento. Ci siamo divertiti molto a realizzare sagome rappresentanti cuori, stelle, nuvole e piccole tegole. Successivamente le formine sono state cotte in un apposito forno cos da diventare oggettini in terracotta duri e resistenti. Dopo alcuni giorni, muniti di tempere e pennelli ci siamo sbizzarriti a dipingerli e decorarli con motivi natalizi, dato il periodo. E stata per tutti un esperienza fantastica nella quale abbiamo avuto la possibilit di dare libero sfogo alla nostra creativit. VISITA AL LABORATORIO LIBERATI Il giorno 24 gennaio noi alunni della classe prima media, accompagnati da alcuni docenti, ci siamo recati al centro Creazioni Artistiche Liberati per una visita didattica legata al progetto continuit. Arrivati sul posto il titolare, il signor Liberati, ci ha accolto e poi mostrato il suo maestoso laboratorio. Ci ha spiegato con esempi pratici tutte le fasi e i modi di lavorazione della ceramica, iniziando da metodi pi semplici, usando attrezzature manuali come il tornio, per poi passare a quelli pi tecnologici con macchinari pi sofisticati. Successivamente siamo saliti al piano superiore per visitare lampia sala di esposizione. Siamo rimasti meravigliati dagli innumerevoli oggetti: campanelle, salvadanai, vasi e orologi, tutti dipinti con motivi floreali o decorati con disegni astratti. E stata una visita molto interessante in cui abbiamo visto e appreso unarte antica e molto bella.

Scuola Secondaria I grado Villamagna

IN VISITA A CASTELLI
Alla scoperta della tradizione della lavorazione della ceramica
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 27 aprile 2012. Noi ragazzi di quinta aspettavamo con ansia il 27 aprile perch dovevamo andare, insieme con i bambini di quarta, in gita nella provincia di Teramo per visitare la Fortezza di Civitella del Tronto, la Basilica di San Gabriele, e Castelli che come la nostra cittadina Villamagna ha una lunga tradizione per la lavorazione delle ceramiche. Siamo rimasti colpiti dalla Fortezza di Civitella situata su uno strabombo di travertino e da cui si poteva osservare tutta la valle del Tronto e il borgo cos era facile controllare larrivo di nemici e mettere in atto le strategie di difesa come ci ha spiegato la nostra guida. La Fortezza era una vera e propria citt fortificata era munita di 5 cisterne per la raccolta dellacqua piovana che poi veniva filtrata per renderla potabile, una neviera per conservare i cibi,tante piazze darmi per lesercitazione dei soldati, e un palazzo dove viveva il governatore. Poi abbiamo visitato il borgo e siamo passati nella Ruetta pi stretta dItalia. Per pranzo siamo andati a Isola di Gran Sasso dove abbiamo visitato la Basilica di San Gabriele e siamo scesi nella cripta a fare una preghiera visto che San Gabriele protegge gli studenti. Nel pomeriggio siamo andati a Castelli gna e nel pullman abbiamo cantato, scherzato e ci siamo divertiti molto. Che bella giornata.

dove avevamo appuntamento con un ceramista che ci ha portato nel suo laboratorio che molto antico e per questo protetto dalle belle arti. Il laboratorio era molto diverso da quello di Liberati nel nostro paese, cerano stampi antichi, il tornio a pedali, piatti, brocche, mattonelle un presepe e nessun macchinario moderno . Verso sera siamo ripartiti per Villama-

Scuola Primaria Villamagna

PAGINA 10

NOI E LA LEGALITA

INSIEME PER NON DIMENTICARE


27 gennaio: giorno della memoria
BUCCHIANICO, 27 gennaio 2012. Ogni anno, si celebra La giornata della Memoria. La memoria sta qui, Memoria nella testa. La memoria un ricordo, qualcosa che non si dimentica. Siamo in quinta, ormai, ed toccato a noi spiegare ai bambini della nostra scuola che cosa e perch si deve ricordare, e che cosa significa Shoah. E la Shoah che non si dimentica. Shoah significa catastrofe, disastro; ma la catastrofe pi grande stata quella provocata dallazione di un uomo su un altro uomo: Hitler. Hitler era un dittatore, e come tale obblig alcune persone a fare cose orribili, omicidi di uomini, donne e bambini, persone innocenti, persone come noi. Hitler infatti non uccise una sola persona, ma fece un genocidio, perch credeva che certi uomini fossero migliori di altri uomini; credeva che gli uomini che appartenevano alla razza ariana fossero migliori di altri, di coloro che appartenevano alla razza sbagliata. Razza sbagliata? Esiste solo la razza umana, nessuno migliore di altri, questo ci sentiamo di dire. E lo abbiamo detto anche ai bambini della nostra scuola, per fargli capire cosa non si dovr pi fare, n permettere che altri facciano ancora. Hitler non fu solo a commettere questo scempio: ebbe la collaborazione di Mussolini, un altro dittatore che in Italia eman le Leggi razziali, che discriminavano gli ebrei italiani esattamente come Hitler fece con quelli tedeschi ed europei. Per far capire meglio ai bambini pi piccoli che cosa accadde in quel periodo, abbiamo raccontato attraverso la recitazione il libro Misha corre, di Jerry Spinelli, che descrive, con gli occhi ingenui e buoni di un bambino polacco, la vita nel ghetto di Varsavia. Siamo rimasti tutti impressionati nel leggere delle cattiverie che infliggevano a quelle povere persone, ai ragazzi, ai bambini, alle donne. Mai pi. Questo diciamo noi. Siamo tutti daccordo nel promettere che noi non permetteremo che queste situazioni orribili si ripetano, perch noi siamo quelli che domani saranno grandi e finalmente potremo decidere qualcosa anche noi. Qualcosa che sar bello e sar di amicizia, di pace e di tolleranza, di uguaglianza. Tutti saranno uguali, non importa che lingua parleranno o di che religione saranno. Siamo diversi perch siamo diversi, ma siamo esseri umani con uguali diritti, quindi, a prima vista, nemmeno ci distinguiamo.

Scuola Primaria Bucchianico

LIMPORTANZA DELLA MEMORIA


I ragazzi ricordano la tragedia dei campi di concentramento e delle foibe
VILLAMAGNA In occasione del Giorno della Memoria e del Giorno del Ricordo, noi alunni di prima media insieme con le professoresse abbiamo analizzato a fondo due argomenti molto tristi, ma fondamentali per la storia: la Shoah e le foibe. Il Giorno della Memoria, che si celebra il 27 gennaio, rievoca il ricordo della Shoa, cio lo sterminio fatto dai nazisti contro gli Ebrei, e la liberazione di questi ultimi da parte dei Russi nel campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz. Questi campi erano luoghi dove furono deportati e uccisi sei milioni di Ebrei insieme a rom, slavi, omosessuali e comunisti. Abbiamo fatto delle letture riguardanti largomento. La prima, intitolata Basta poco per apprezzare la vita, parla di una ragazza ebrea tedesca di nome Trudi che venne deportata insieme a sua madre in Lituania, nel campo di concentramento di Stutthof. Laltro brano, invece, Dove c la guerra, descrive tutte le cose belle della vita e i valori delluomo che la guerra cancella. Il Giorno Del Ricordo, invece, si celebra il 10 febbraio per ricordare tutte le vittime italiane fasciste che vennero gettate dai comunisti jugoslavi, durante e subito dopo la seconda guerra mondiale, nelle foibe. Esse sono delle voragini rocciose tipiche del Carso, tra Friuli Venezia-Giulia e Slovenia. Su questo argomento ci siamo soffermati con delle schede e delle ricerche di approfondimento. Per concludere le attivit su queste due giornate cos importanti abbiamo realizzato due cartelloni di sintesi e socializzato il nostro lavoro con quello della quinta elementare. Questa esperienza stata molto significativa perch ci ha fatto conoscere meglio il terribile vissuto di tutte quelle persone che sono state vittime dei nazisti e dei comunisti e ci pu essere utile affinch non si ripetano mai pi questi eventi. Per ricordare illustriamo i nostri lavori ai nostri compagni: cartelloni su cui sono rappresentate le foibe e alcune scene di guerra; alcuni narrano storie sulla persecuzione nazista; altri illustrano lavori accuratamente mescolati e sintetizzati in cartelloni su cui erano dipinte delle piccole mani bianche che rappresentavano le mani dei bambini sterminati nei campi di concentramento; si leggono dei racconti, delle poesie e alcune pagine del Diario di Anna Frank. Abbiamo scelto il diario perch Anna era una ragazza come noi e aveva il diritto di vivere la sua vita in pace. Leggendo quelle pagine pensavamo che la guerra stata dura, pi dura di come limmaginavamo, soprattutto con i bambini, e questo ci ha fatto riflettere sullimportanza della pace e di un mondo sereno. Scuola Secondaria I grado Villamagna

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA LEGALITA

PAGINA 11

A SCUOLA NEL TERRITORIO


Visita alla mostra intitolata a G. Scalarini
LUSCITA Lundici Novembre 2011 noi della classe 2B insieme ai compagni di 2A ci siamo avviati verso la piazza di Bucchianico per assistere ad una mostra sulle opere del vignettista Giuseppe Scalarini. Ad accoglierci sono stati il presidente e un assistente della Pro Loco. CHIE ERA SCALARINI? considerato il creatore della vignetta satirica politica in Italia. Disegnatore satirico per il quotidiano del Partito Socialista Italiano, l'Avanti! E poi duramente perseguitato dal Fascismo E solito firmare le proprie vignette e disegni con un rebus formato sul suo cognome. LA VITA Nasce a Mantova il 29 gennaio 1873. Scalarini non ha una vita facile. Gi nel 1920 viene aggredito da una squadraccia fascista. Dopo l'aggressione, Scalarini si rifugia a Savona. Individuato dagli squadristi a Savona, si mette in salvo. Gli ultimi anni di vita non risparmiano a Scalarini violenze di ogni tipo.Viene trasferito nel campo internato di Bucchianico, ma poco dopo liberato per let e per le condizioni di salute. Finita la guerra Scalarini torna a lavorare per LAvanti! Fino al giorno della sua morte.

Scuola Secondaria I grado Bucchianico

PAGINA 12

NOI E LA LEGALITA

REGOLE PER MIGLIORARE IL NOSTRO PAESE


La scuola ospita il consiglio comunale
VILLAMAGNA, 21 dicembre 2011 Noi alunni della Scuola Primaria di Villamagna insieme ai ragazzi della Scuola Secondaria di Primo Grado abbiamo partecipato ad un vero e proprio Consiglio Comunale che si tenuto a scuola nellaula magna. Noi ragazzi di quinta abbiamo avuto lopportunit di proporre al Sindaco e alle altre autorit presenti un decalogo di regole per migliorare la vita della nostra bellissima cittadina Villamagna. Nei giorni precedenti eravamo un po preoccupati e agitati, abbiamo curato tutto nei minimi dettagli fino a quando, finalmente, non arrivato il giorno dellassemblea. Erano presenti tutti: il sindaco, gli assessori, i consiglieri i nostri genitori Allinizio alcuni bambini hanno sfilato con la bandiera tricolore sulla quale era raffigurato un logo con due mani che si stringevano in segno di saluto realizzato da noi bambini, poi, dopo aver cantato linno dItalia, alcuni alunni hanno rivolto al sindaco le richieste riguardanti lambiente e la citt di Villamagna ed altri hanno consegnato agli assessori un decalogo di regole, studiate da noi ragazzi di quinta, per la fruizione del parco giochi comunale. Il sindaco rimasto colpito dalle nostre iniziative ed ha promesso che far realizzare la cartellonistica per gli spazi pubblici sulla base della nostre riflessioni. Successivamente c stato lintervento della scuola Secondaria che ha parlato dellimportanza della pace . Rientrati in aula abbiamo festeggiato entusiasti del lavoro svolto Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Villamagna

ALLA SCOPERTA DEGLI ENTI LOCALI


Le classi quarte visitano la Provincia di Chieti
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 24 gennaio 2012. Consapevoli che per essere dei bravi cittadini necessario conoscere e rispettare regole sociali e civili, da anni ormai la nostra scuola ci conduce per mano alla scoperta degli Enti locali. Questanno noi alunni delle classi IV A e IV B abbiamo visitato lEnte intermedio tra il Comune e la Regione, cio la Provincia. La Provincia, oltre ad essere un territorio che comprende pi Comuni (104 nel caso di Chieti), anche un Ente. Cos, gli alunni accompagnati dalle loro insegnanti ed accolti da segretari ed assessori sorridenti e competenti, hanno cercato di capire di pi circa lorganizzazione e la funzione dellEnte Provincia. Alla luce della Riforma della Provincia (L. 22/12/11 n. 214), infatti, ci sono parecchie novit: le funzioni della Provincia cambieranno e passeranno ai Comuni, non ci saranno pi le elezioni provinciali, non esister pi la Giunta Provinciale, ci saranno solo dieci Consiglieri anzich trenta e saranno scelti dai Comuni, il Presidente sar eletto dal Consiglio. Insomma tantissime novit in conclusione gli alunni hanno capito che bene risparmiare se ci sono meno fondi ma non a scapito del popolo che, in questo modo, sar meno rappresentato! Scuola Primaria Bucchianico

IN VISITA A PALAZZO MADAMA


Il palazzo del Senato accoglie gli alunni di Villamagna
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 22 ottobre 2011. Noi ragazzi di quinta della Scuola Primaria insieme agli alunni della terza della Scuola Secondaria Di Primo Grado ci siamo ritrovati per partire alla volta di ROMA . Eravamo molto agitati e contenti perch avremmo visitato uno dei palazzi pi importanti dItalia Palazzo Madama sede del Senato Italiano. Siamo arrivati a Roma insieme al nostro sindaco Paolo Nicol, alcuni assessori e il senatore Mascitelli che ci ha raggiunto per accompagnarci a visitare il Senato. Entrare nel palazzo stata unesperienza nuova cerano guardie, telecamere di sorveglianza, guide, tappeti rossi e noi abbiamo capito che dovevamo comportarci bene, essere educati perch era un luogo importante. La nostra guida ci ha spiegato la storia del palazzo e poi ci ha accompagnato nelle diverse sale: cortile dellAccoccolata, sala Dello Struzzo, Aula del Senato Dopo la visita al Palazzo Madama abbiamo fatto una passeggiata per le vie di Roma e abbiamo visto il Pantheon e Piazza Navona e scattato milioni di foto. Nel pomeriggio c stata la visita al Museo delle Armi dedicato a Giuseppe Garibaldi e per finire la giornata ci siamo fermati davanti al Colosseo, il monumento che rappresenta Roma. Abbiamo scoperto che anche in Abruzzo c un Palazzo Madama, a LAquila, noto anche come Palazzo Margherita fatto costruire da Margherita De Medici a cui dedicato anche il Palazzo Madama di Roma. Scuola Primaria Scuola Secondaria I grado Villamagna

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA LEGALITA

PAGINA 13

PINOCCHIO IN BICICLETTA: INIZIA LAVVENTURA


Lezioni di educazione stradale per diventare esperti ciclisti
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 19 maggio 2012 Questanno noi ragazzi di quanta e quinta della Scuola primaria di Villamagna abbiamo seguito delle lezioni educazione stradale ed in particolare abbiamo imparato le regole stradali ed i corretti comportamenti da tenere quando usiamo la bicicletta in strada. Il progetto di educazione stradale si chiamava Pinocchio in bicicletta dato che a darci i giusti suggerimenti e regole stradali erano i personaggi della favola di Pinocchio. A scuola sono venuti degli esperti chiamati dal nostro comune che ha sponsorizzato le iniziative e gli incontri. La prima lezione stata fatta da uno dei Vigili Urbani del nostro paese che ci ha spiegato il codice stradale e i principali segnali oltre a parlarci del comportamento da tenere quando si usa la bicicletta in strada e delle protezioni, come il casco, da indossare. Nelle lezioni successive un medico ci ha parlato dellalimentazione dello sportivo e alcuni esperti e ciclisti hanno spiegato come mantenere efficienti gli ingranaggi della bici , come scegliere la bicicletta pi adatta a n o i e guidare in sicurezza. La giornata pi bella stata il 19 maggio in corsi con le bici c h e avevano portato per tutti gli alunni. E stato bellissimo fare il tifo per i nostri amici, fare gimcane, salti, superare ostacoli. Alla fine, stanchi ma entusiasti, abbiamo aspettato le premiazioni Il sindaco, gli assessori i consiglieri si sono congratulati con noi, gli esperti ci hanno fatto i complimenti e noi.. gongolavamo.

cui c stata la manifestazione finale. La mattina esperti, ciclisti e responsabili del comune, hanno transennato lo spazio antistante la scuola e creato un percorso da fare con la bici. Noi eravamo elettrizzati e non vedevamo lora di indossare casco e protezioni per eseguire i per-

Scuola Primaria Villamagna

POCHE REGOLE PER UNA GUIDA SICURA


Rispetto, attenzione, concentrazione e VIA!
VACRI. Salve ragazzi, oggi in diretta per voi la vostra amica Giulia con le sue prezioselezioni di vita. Che cos per voi la vita? Unoccasione, una responsabilitun grande dono; e allora perch rovinarla???! La vita preziosa e non possiamo spezzarla n a noi e tantomeno agli altri. Lo sapevate che in Italia la maggior parte delle morti dovuta agli incidenti stradali? un fatto risaputo che alla guida non bisogna usare il telefono, bisogna tenere gli occhi sulla stradacosa dimenticoma certo! Bisogna essere SOBRI!!! Perch bere tre bicchieri di vino al ristorante se poi sappiamo che dovremmo guidare una macchina? Perch drogarsi? Perch bere alcohol? Cosa ci guadagniamo sapendo che, senza accorgercene, con la nostra macchina abbiamo investito qualche pedone innocente? Cosa dovrebbe fare un povero ragazzo di 15 anni, in moto, che sta tornando a casa e ha solo 3 secondi per salvarsi da una macchina che a tutta velocit gli sta venendo incontro? Provate a porvi anche voi domande del genereriuscite a trovare una risposta? No? Beh, allora siete come me e come tutti quelli che pensano che bere e drogarsi sia sbagliato, a maggior ragione quando ci si mette alla guida. Ora spetta a voi decidere. Io vi ho parlato di questi problemi ma ce ne sono anche altri: la noncuranza in strada, davanti ai semafori Adesso, ragazzi in ascolto, io dico a voi: rispetto, attenzione e concentrazione sono le parole dordine alla guida. Avevo tre minuti e tre minuti ho usato. Io vi lascio e spero che le mie parole vi siano entrate nella mente!

Scuola Secondaria I grado Vacri

PAGINA 14

NOI E GLI ALTRI

IL NOSTRO CONTRIBUTO ALLA RICERCA


Gli alunni delle scuole dellIstituto acquistano le arance della salute
COMPRENSIVO. ISTITUTO COMPRENSIVO C ancora bisogno di parlare di alimentazione quando i massmedia ci propongono continuamente articoli e programmi su cosa mangiare e cosa no? Certamente! E a scuola che i bambini imparano una giusta ed equilibrata alimentazione, l che comprendono i diversi valori nutrizionali degli snack, della pizza, di un dolce casereccio, di un panino e della frutta. E stata proprio la frutta la regina della merenda scolastica degli alunni dellIstituto. In particolare le arance, che hanno dato un significato particolare al loro consumo. La somma ricavata con il loro acquisto stata devoluta allassociazione AIRC come contributo alla ricerca contro il cancro. Bravi piccoli uomini del domani! Avete dato il vostro contributo alla costruzione di un mondo, auguriamoci, pi sano!

LA MAGA DELLA SALUTE Vuoi le gambe cicciottine? Faccia e pancia cicciottelle? Mangia tante caramelle! Con pane e olio presto detto Ci guadagna anche laspetto! Con la maga della salute Lucente anche la cute E se aggiungi le spremute Ti farai delle sane bevute Scuola Primaria Villamagna

IN MARCIA PER LA PACE


Un ricordo per i bambini di Beslan
VILLAMAGNA, VILLAMAGNA 14 settembre 2011. Gli alunni del polo didattico Nicolino Donofrio iniziano lanno scolastico con la marcia della pace. Si ritrovano tutti in piazza: alunni, insegnanti, genitori, nonni, sindaco, amministratori, parroco per effettuare una marcia per le vie del paese in ricordo dei bambini uccisi a Beslan. Aprono il corteo le bandiere della pace, seguono in assoluto silenzio tutti i partecipanti. Durante la sosta presso il monumento dedicato alla strage delle Torri Gemelle, le considerazioni del Sindaco hanno ricordato lattentato di dieci anni fa. La marcia si conclusa nel piazzale della scuola con un minuto di silenzio e alcuni interventi, da parte delle autorit e di pochi alunni, sulla necessit di costruire la pace giorno per giorno, partendo da piccoli gesti. Polo didattico Villamagna

NON SOLO NATALE


Unopportunit per recuperare il vero senso del Natale
VACRI. 13 dicembre 2011. La rappresentazione di Natale non solo un occasione per recitare davanti ad un pubblico e far capire se si bravi nel farlo oppure no, ma lopportunit per stare tutti insieme e far capire qual il vero senso del Natale. Il Natale non quello dei regali, ma quello dell amicizia, dello stare uniti, non solo con i parenti ma anche con i professori e con i compagni di scuola, grandi e piccoli. E festeggiare lamore e la solidariet. A questo momento ludico e di significative riflessioni si affianca da anni la pesca di beneficienza a cui teniamo in modo particolare perch il ricavato viene devoluto per l'appunto in beneficenza ai bambini meno fortunati. Noi tutti speriamo che il Natale possa aprire nel loro cuore la speranza per la realizzazione dei loro sogni. Unaltra attivit che svolgiamo, alcufelici di farlo perch innanzitutto impariamo sempre cose nuove e per di pi con Il ricavato possiamo acquistare materiali per uso scolastico. Unendo tutte le forze delle scuola dellInfanzia, Primaria e Secondaria riusciamo a fornire alla scuola strumenti indispensabili a rendere la scuola pi funzionale e al passo con i tempi. Quindi Natale non solo una circostanza per ricevere regali o per farli, ma soprattutto unoccasione per volersi bene l uno con l altro e aprirsi alla fattiva collaborazione. Scuola Secondaria I grado Vacri

ne settimane prima della recita, il Mercatino che questanno si svolto il 13 dicembre nel centro storico di Vacri. Questo ci impegna diverse settimane per la preparazione dei manufatti da vendere. Ma noi siamo

A.S. 2 011 - 2 012

NOI E LA POESIA

PAGINA 15

DI VERSO IN VERSO
LA CONCHE DE LA NONNE Sopre a lu scaffale de la cantine, arrete a lu panare, so truvate na cose curiose e strane. So chiamate la nonne e je so dette :Che queste? E la conche me, guaije a chi me le tocche! Quanda ran ci so purtate e quand acqua ha carijate da lu pozze a mezze allare. Tu, mo le vedi accusci vrette empruvelate, ma a lu tempe me ere tutte lucende. A le feste de na vote le giovinette aggiustavene le conche nghe le fiure e le spighe de lu ran e quande se facjave la prucessione se purtave sopra a la cocce. La nonne me vulesse arcunt ancore nu sacche de cose ma sa stracche... Per ij , ancore na riesce a capi, quande mpurtante sta conche pe la nonna me. I premio Concorso di poesia dialettale Romualdo Parente Scuola Primaria PE NU MUMENDE Sarvede na fiammelle mmezze a lu scure sarpicce lu passate pe la mende, sende pinzire triste pe le mure da na voce ch stracche de lamende. I premio Concorso poesia dialettale Romualdo Parente Scuola Secondaria I grado Vacri

VACRE, LU PAESE ME Aremposte sopre na culline tra la majielle e la marine ce sta Vacre lu paese me lu cchi belle che se po ved. Pe ce arriv nen ce vo niente 1 classificata Concorso di poesia dialettale Vacri Scuola Secondaria I grado Vacri

LA NEVE Quando la notte nevica tanto, la mattina mi sveglio ed tutto bianco. In montagna tutto imbiancato, sembra uno spettacolo incantato. E guardo in alto e guardo in basso, seguo la neve passo per passo. I premio Concorso di poesia Paride di Federico Chiara Di Mascio - Classe III Scuola Primaria Vacri

LA NOTTE Notte che sei lass, misteriosa dama oscura che a volte incuti paura a volte tranquillit. Con i tuoi lunghi capelli neri avvolgi il creato di buio e con i tuoi occhi che sembrano stelle illumini il mondo che tace. 1^ premio ex aequo Concorso di poesia Paride Di Federico Scuola Secondaria I grado Villamagna

PER I MONTI

Di monte in monte, io viaggio sereno di passo in passo, risalgo i versanti il vento mi asciuga una lacrima almeno e dei boschi silenti io odo i canti. I premio ex aequo Concorso di poesia Paride Di Federico Scuola Secondaria I grado Villamagna

PAGINA 16

NOI E LO SPORT

SIAMO DEI VERI SPORTIVI!


Il gioco del rugby finalmente anche a Bucchianico
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 5 marzo 2012. E iniziato il corso di rugby a Bucchianico, fautore del progetto il professore Marco Trivellone che sviluppando un progetto del locale istituto comprensivo ha coinvolto i ragazzi della scuola secondaria di primo grado e li ha avvicinati al gioco del rugby. Il rugby una disciplina sportiva molto dura, ma aiuta a comunicare, socializzare e soprattutto a rispettare il compagno di gioco. Il primo appuntamento per giocare stato dato al campo sportivo di Bucchianico messo gentilmente a disposizione dallamministrazione comunale, che ha subito appoggiato il progetto. La giornata nuvolosa con una leggera pioggerellina, non ha spento il fervore e la determinazione dei partecipanti che si sono dati lappuntamento alla volta dopo. Rinnoviamo linvito al prossimo allenamento che si terra luned 12 marzo dalle ore 16;30 alle ore 18;00 presso il campo sportivo di Bucchianico.
Scuola Secondaria I grado Bucchianico

1a PASSEGGIATA DI PRIMAVERA
Alunni, insegnanti e genitori insieme lungo il cammino dellapostolo Tommaso
BUCCHIANICO, BUCCHIANICO 21 aprile 2012. Le scuole primarie dellIstituto Comprensivo di Bucchianico hanno organizzato la 1 passeggiata di primavera lungo il cammino dellApostolo Tommaso a cui hanno partecipato alunni, docenti e genitori delle scuole primarie di Bucchianico, Vacri e Villamagna La partenza, prevista per le ore 9,00 circa, e avvenuta dalla piazza di Colle S. Antonio. La numerosa comitiva si poi avviata lungo Via Chiaramilla, dove hanno potuto godere di una meravigliosa giornata di sole e di uno scenario naturale mozzafiato: prati fioriti, vegetazione lussureggiante e, sopratAlla fine della prima tappa del percorso stata prevista una breve sosta per la merenda e per dissetarsi e riprendere subito dopo il cammino fino allincrocio successivo. Qui li attendevano autobus e scuolabus messi a disposizione dal comune di Bucchianico per raggiungere lincrocio di via S. Chiara e recarsi poi a piedi fino a piazza Roma. Nel chiostro del palazzo sede del comune hanno condiviso una squisita merenda a base di pane e olio e per tutti gli alunni una medagliaricordo della partecipazione allevento.
Scuole Primarie Bucchianico, Vacri, Villamagna

tutto lo spettacolo unico dei calanchi, vere e proprie sculture naturali, ricami, merletti di terra che non smettono mai di stupire.

UNITI SIAMO PIU FORTI


Lintero Istituto festeggia la giornata dedicata allo sport
VACRI, VACRI 17 maggio 2012. Gli alunni della scuola primaria dei tre plessi che costituiscono lIstituto Comprensivo di Bucchianico hanno vissuto tutti insieme una intensa giornata presso il campo sportivo del comune di Vacri. Lapertura della manifestazione stata dedicata allEuropa, infatti i bambini hanno intonato, dopo linno d Italia, linno europeo. Con grande entusiasmo iniziata questa giornata tanto attesa: i pi piccoli eseguivano con abilit il loro percorso, i grandi si cimentavano nei tiri al canestro, tra lanimato tifo dei genitori presenti. La mattinata si conclusa con la premiazione degli alunni della classi prime e seconde da parte del Dirigente scolastico e delle autorit dei tre Comuni dellIstituto. Gli alunni delle classi terze, quarte e quinte, dopo aver consumato un gustoso pranzo offerto dal comune di Vacri e aver socializzato tra loro con giochi ricreativi, hanno dato inizio alle attivit sportive previste per il pomeriggio. Gli spalti erano pieni e i ragazzi nella staffetta, nella corsa campestre e nella partita di pallavolo hanno dato dimostrazione delle abilit acquisite con la preparazione avvenuta nelle ore di motoria durante lintero anno scolastico. Stanchi, ma soddisfatti, i ragazzi hanno ritirato i premi conquistati. Anche questanno la manifestazione ha raggiunto il suo obiettivo: avvicinare i ragazzi allo sport con serenit e gioia.
Scuole Primarie Bucchianico, Vacri, Villamagna

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE BUCCHIANICO : Via Santa Chiara, 70 - Tel: 0871 - 381125 Fax: 0871 - 382909; www.istitutobucchianico.it

DIRIGENTE SCOLASTICO: Alba Del Rosario COMMISSIONE CONTINUIT: Camplone Stefania, Cianci Cristina, Di Federico Anna Maria, Di Menna Stefania, Di Paolo Antonietta, Di Rito, Fragale Anna, Giampietro Silvia, Liberati Fiorella, Mancini Margherita, Paolini Sandra, Paolone Barbara, Rapposelli Lilliana, Salvatore Piera, Sulpizio Manuela