Sei sulla pagina 1di 22

Consolidamento degli edifici storici 1. Geometria della costruzione: 2. 3. 4. 5.

4. 5. rilievo della costruzione e dei suoi elementi, caratterizzazione dimensionale delle singole membrature costruttive (fondazioni, pilastri, muri, travi, solette, archi, capriate etc.), rilievo dei dispositivi di collegamento, rilievo fuori piombo, eccentricit etc. caratterizzazione dei materiali di tutte le membrature e dei loro collegamenti, riconoscimento delle tecnologie costruttive e delle concezioni strutturali sottese, accertamento di parti ricostruite, interventi di rinforzo o consolidamento etc. rilievo dei dissesti (quadro fessurativo, lesioni, deformazioni, disgregazioni ) Identificazione del tipo di dissesto Identificazione delle cause valutazione della vulnerabilit delledificio

Rilievo costruttivo:

Analisi delle trasformazioni costruttive: Analisi dei dissesti e diagnosi:

Sintesi sullo stato di dissesto (prognosi):

Indagini 1. Prove in situ 2. Indagini soniche, ultrasoniche e georadar Esame endoscopico Indagini termografiche Prove magnetometriche Prove di rilassamento: martinetti piatti Prove sclerometriche e penetrometriche, prove di carico Prove di laboratorio per individuare il comportamento meccanico (densit, legame costitutivo, valori limite di rottura ) 3. Esame delle carote Prove meccaniche Prove chimico-fisiche

Indagini e prove di laboratorio

Indagini sul terreno di fondazione Stratigrafia del terreno (asportazione campioni, tecniche geofisiche)

Valutazione della sicurezza di una costruzione: Criterio storico-critico Criterio empirico-qualitativo Criterio analitico-quantitativo Criterio sperimentale

Valutazione sicurezza: stato meccanico e vulnerabilit

Le costruzioni nella storia dellarchitettura. Breve nota:


Scelte progettuali basate sullesperienza; lanalisi strutturale si sviluppa a partire dal sec.XIX Evoluzione delle strutture come ricerca per combinare tra loro: Elementi che hanno funzione di supporto Elementi che hanno la funzione di superare una luce Architettura micenea, greca: porta dei leoni (XIII ac), struttura trilitica dei templi

Architettura romana: calcestruzzo, opus cementicium, archi e volte

Architettura gotica: archi rampanti e contrafforti, nervature

Architettura rinascimentale: cupole (costoloni e nervature, doppia calotta )

Architettura neoclassica: triplo ordine di volte (San Paolo a Londra, C.Wren; Pantheon, Soufflot)

I nuovi materiali: cemento Portland, Joseph Aspedine, 1924; Hennebique

Arte del costruire - Scienza delle costruzioni Evoluzione della conoscenza scientifica: Leonardo, Galilei, Cartesio, Hooke, Eulero, Lagrange, Navier, Coulomb ;

Prima applicazione di un metodo di studio per analizzare le costruzioni dissestate 1743, Giovanni Poleni, Memorie istoriche della gran Cupola

(C1) carte, raccomandazione e documenti Circolare Fiorelli (1882): [intervenire] in modo che si garantisca la stabilit senza nulla alterare del monumento () non si tenti di fare meglio degli antichi Carta del restauro italiana (1931): allo scopo di rinforzare una compagine stanca di un monumento () tutti i mezzi costruttivi modernissimi possono recare ausili preziosi quando ladozione di mezzi costruttivi analoghi agli antichi non raggiunga lo scopo Carta di Atene (1931): Gli esperti () approvano limpiego giudizioso di tutte le risorse della tecnica moderna e pi specialmente del cemento armato (); esprimono il parere che questi mezzi di rinforzo debbano essere dissimulati per non alterare laspetto ed il carattere delledificio da restaurare Carta di Venezia (1964): art.10 - quando le tecniche tradizionali si rivelino inadeguate il consolidamento di un monumento pu essere assicurato mediante lutilizzo di tutti i mezzi pi moderni . Carta del restauro (1972): [consentite] modificazioni e nuove inserzioni a scopo statico e conservativo della struttura interna purch allaspetto, dopo compiuta loperazione, non risulti alterazione n cromatica n per la materia in quanto osservabile in superficie; Carta della conservazione , CNR (1987): [sono ammesse] modificazioni e nuove inserzioni a scopo statico e conservativo () purch non risulti alterazione n cromatica n per la materia () diffidare delle inserzioni occulte in materiali speciali () a causa della loro invasivit, irreversibilit ()preferibili provvidenze di consolidamento di tipo tradizionale facilmente controllabili e sostituibili Criteri e metodi , ICOMOS - Comitato di settore (1991): () rispetto della materia antica del monumento () il funzionamento della fabbrica, ivi compresi gli errori e i difetti di origine costituisce unimportante documentazione storico-tecnica, da salvaguardare con il massimo impegno possibile. Carta di Cracovia (2000): dovr essere stimolata la conoscenza dei materiali e delle tecniche tradizionali essendo queste di per s stesse una componente del patrimonio

Roma, Colosseo, sperone settentrionale, Raffaele Stern (1807)

Roma, Colosseo, interventi di cerchiatura, staffatura etc. (inizio 800) Selinunte, Tempio E, completamento fusto e capitello (1960-65)

Treviso, palazzo dei Trecento Ferdinando Forlati (1949)

Venezia, ca Farsetti, consolidamento fronte, Federico Berchet e Giuseppe Bianco (1875)

Concezione strutturale e tecnologia costruttiva come oggetto di conservazione Metodo di approccio allintervento di consolidamento Intervento di consolidamento progetto di restauro

Salvatore Di Pasquale, larte del costruire, Marsilio, Venezia, 1996 Edoardo Benvenuto, La scienza delle costruzioni ed il suo sviluppo storico, Sansoni, Firenze 1981