Sei sulla pagina 1di 9

'ln Siciliacanali e aria padana'll piano anti smog copiato male

Repubblica 22 novembre 2007 pagina2 sezione: PALERMO Se co n d ofu n zionari i dellaRegionecomu n is ic ilia nd e v o n o t t iv a rsp e r p re v e n ire' in q u in a m e n t o i i a i I padano>. far questooccorre pisteciclabili nel <bacino aerologico Per realizzare sfruttando tanti i <argini fiumi e canalipresenti territorio> di sul siciliano mettere atto,visto il climamolto e in per r i gid o ,<a zio ni ridurreI' utilizzodei ri s c a ld a me n t i>re s c riz io c h ei f u n z io n a ri a n n omes s o P. ni h per nerosu bianconel pianodi Coordinamento la tuteladellaqualitdell'aria in Sicilia, varatodall' assessorato regionale Territorio Ambiente inviato Bruxelles. documento e e a molto dettagliato Un che si awalsodellacollaborazione docentidellafacoltd' ingegneria di dell' Universit di <<Peccato sia statocopiatointeramente quellodellaregione Palermo. che da Veneto, non a casosi fa riferimento bacinopadano, canalie ai fiumi, dimenticando in Sicilia al ai non ci sono che pianure partequelladi Catania>, quelloche ritiene a attacca Legambiente ieri ha denunciato che e s ser e pla gio. pianosullaqualit un ll dell' a ria u n d o c u me n t o f f ic ia le e llaRe g io n e h e u d c d escr ive azionichedevono le intraprend e re t t i ic o mu n i p e r < rid u rre' in q u in a me n t d e ll' a r i a >lrl . tu I o p ian oad e sso al vagliodell'Unione europ e a il ris c h io c h es u l t a v o loi t e c n ic d i B ru x e lles i e s i qualche trovinolo stesso documento dellaregione Veneto, tra I' altro hannogi bocciato che mese perch <<privo rilevazioni gli addietro di realidell'inquinamento)).insospettire ambientalisti, A che per tre mesihannoletto rigo per rigo il pianosiciliano, statoun link a pagina26 che rinviava a <Maandando una pagina sito internet del dellaRegione Veneto: avantiun' altrasorpresa: pagina a p i 2 05 si pr e scr ive g I'obbligodi "realizzaree rc o rsc ic la b ili c e n t ris t o ric i, t iliz z a n d o li a rg inid i in u - diceIno Genchi, f i um i e can a li" dipende n t d e ll'a s s e s s o ra t oa mb ie n t a lis t-A q u e s t op u n to e e a presoil pianodel Venetoper confrontarlo. risultato? identico>. somiglianze abbiamo ll Era Le non qui. A pagina206 c' lo stesso quandosi scrive finiscono erroredi battitura pianoveneto, del <<incenti>> di incentivi. pagina207 vienecitatoil <bacino padano> nellapagna invece A aerologico e ( pianeggiantd e llare g io n e > . p a g in a 1 7 in o lt res i f a rif e rime n t o l e s egu e n te< l 'i ntero territorio A 2 a <consiglio regionale>, tenendo non contoche la Sicilia una Regione statutospeciale ha un a che parlamento, I'Ars. <ll pianova ritirato,occorre accertare responsabilitse per casosianostati le e pubblici la suaredazi o n e > , o n oMimmoF o n t a n a G iu s e p p e s s in a , per u ti l i zzati n d i fo d ic e Me responsabili Legambiente. certoc' che la Regione, virt del pianostesso, attivato di Di in ha due . |3 0 p c o n ve n zio n i le Universit Messina P a le rmo e r u n ac if rac h es i a g g irain t o rn o i con di e a mila euro.<<Queste convenzioni devono essere ritirate>r, concludono Legambiente. da L'assessore al << T er r i to r ioR ossana , Interlandi, annuncia l' a wio i u n ' in d a g in e t e rn a >ma d if e n d e p ia n o : d in , il <<Non statoalcunplagio- ribattela Interlandi ll pianodel Veneto statopresocomepuntodi c' per il ritardoin cui versava Sicilia riferimento la nellaconsegna documento>. Pd siciliano del ll < l ei m mediate p re s id e n td e llac o mmis s io nA mb ie nt e l e c hie d e dimissioni dellaInte rla n d i> .e ril P e a questa una storiaincredibile, vedela Regione << prendere giro i Senato, Tommaso Sodano, che in suoicittadini>. a.fras.

http://ricerca.repubblica.itlrepubblica/archivio/repubblica/200711 1/22lin-sicilia-canali-aria-padanail-piano.html

f1 ? n f;'i"54

b
\i

-,cL E r I ;

v i s \o11

. i 1 2 A,E QtP o ? n .1 R i i l c cLLf t (OVl ru c

\.

l"a denmetx Lsggrubi*nt*: eapiato piancambienrale Vsneto il del di

* Sicili p
Hl"S$mt||Af*
PALERMO-Ipmftnod bm boe the a rmfrc d sa@da Itut c Acr (lI8sftoogni qo fiShnrs hett Gi contro{hodo sli EoE d d{FCI. Xa ktmtt dcgli tudcnti rirchiem di itiffiterf

in n*,Saffs Regiunn
*Hatbfig,:{l&'il& h.:xrdf *ddlsd,' o rim cdca
4nl-rth h-

ffi.llqukprrrnto atuosfdm ffio: d'acaec6ho thl recdthrco (e.$F m t@oscta.cffia


dede4 ta*maO frgg:tvo

ettu r&m*d *rrtt r*ntr&?h;.

dslbnfuRoseBqtubrllffiAffiio Rea

!erhscrs"
I Lgn-

sci.Dm ee (o Ssd) db*ryim$cilir dsee u cryie-incdb hmm ryruracm to pc dara iI Dboodi turslrebdrsak ddVsro. vh AWto, {ubqridob lffclr0h oout t&ush Il ncdtlote d t4nbidr lglwFmn omua$'ghmmrcto ei gtn gld d4d-qs&@ rhlnl lffiionfil tu t Sd bsm sms'gnfibmryffirtnClotlippqlnr{wrtetnfuRomhF. 'bdttaeirdofqkcc!*rftrnrthru*a" <lrub in epr I dccsrlom$rGeetrr

dmddtm{ dorys da.* ;0ry* s@ili ibegnrypiamtrlppdi cw refu


rulb mqpc r{t}ctc tlu $unodr pcr tt gunmo d lbt &ru llor lryorfire mnnta ndlqstcteoodnoo th sn m mcUninq ffio Tohlq ucffiar &a1:s:l1Meso'k!*geW etsld, l**rr*!*r? lx*tbrt.stl &&p a* rrrytx@l r{!rb$dr, r &;ll*t un* mrrrnirriu rl-mtkxr hrrn" C co-

surrti a ffidare b incridi @rdi rdme rhrloaficrn I rinhdeEe Esra trub smorNoonsultatb Eito{h!h art

!.stc{ t fretsr ttnnngb&l* segret ahtcttne*sodryansdpe# rr*{**rt :t ! per:rvrtlrd* fi1


ttlrlo

dtDtrmo ddl'esffiqr@ l'eEi-

frPtr E"ieil#ffi;^-"tgdtr"mlr rhbeati al*m #cry uogho pe ;.,lella lgZbne s mrta d .SiSefia ffilo
Oenmrgailas:ficarnle

lh-.r,-f m bsur trBfn* ffi&tritr rrtch ddrlottfletl a"un ruogftre polsn fra dklgdr grr Fd{nilo Il db soutro En twtrsuio di oloaeo rlmoso clopo @Fohrgffiinerufur.AlhbrldinsaIl etleilMnc'$ltstro.C*rytm$ prn@ ded h&uriaE" h,etrlo B[ol

6*Wrom{*ebl*rqta**t$-

il prcsiateocdm sNti a*ne F@, Si nqat'rt d dmeo rfuth cirlhmnlr. Gff mi cr chiatqlo k trnr 6 u prio

Cemrnidcinb

e o curer rru*tnn-neixffforid @

;W-wffirffiffi#ffi naconmissirp d'ncfrsta ;;

: 0lffib. t n-po nnpo' .qgdiryd+


F|hc.C'tl!

[^

\r

S l-"Lii! c \ r, )
Scrc*

Lr)

j1a't

(?ir J

lK Drt l 2 ? i l

I t rlHc

(c 'u'fl Lt ctt-tr e \A.o (tt


\ ClL -\
t:-l \J

Pdb+tl :
nr.\:tr1

L{

t'{Lt-

t-l . r '

a del Quru:l rrtr. cUguale qr"rello Venb"

Tasse progetti,la CandidoquerelaTolorneo sui

legambiente nPianocopiaton Eolico, finiscein tribunale [a Regionenlndagheretnon Io scontrofragli alti dirigenti


P^lEnlIO (suo) Conuo l'instinems:e erntirntale h Skilio. tu6 tn bdd.turgoEh drfini d r.miedei 6nali puseffi ti si fiud d cenri mrtd dd Ei enEi @ir ahi conuni nell'isola" Cn&ali rci *nsi rtorg e r l*lrr{ia lrt:o3d!@?Hd|tF. ?sdrrl'lp!e;i*cdnansoc, Hsnsi{nidr&rn,a. !ddh Rcfioil+. I'sri6o{itrldt{$!dinrnte.ro pf la tutelr ddh q!{bl dclf&it tafbifirte,, h 6eumsnio di pmgamfxzione ddl bftrri aa$ | lnguil'lKm rmukriea, lln piano, p Hod.nt$r**orliro toao0decmo dall'me*ctrta*e**cdall* l.,sr&ll

s1@tl0sAm$tntfno.

6rdo kgash*$tf,8att{br <rg* da un rElof a drgr*sis &h Rqion Veneto di rlclrfil nfd h Fenlm boodiro &Brorlhsl. I c.rol gcodandro kdda l*gartkrlr,ieh*flueira&teup losie ra I du! dG.rui. Che hanno gti tleslri epitoli, gli f,es8lDsr{grane coflsi$tend padd: a*rrqrwr(r idsrd. clie. Con rirolat dk:nlb e|licl Si&Al ^ \L)/

latrd*ndi;ilqxlefuil ftuteydt4** ra.o P:w.o*e diri@ir&,a06a uw*!68urH

Pr{.ryl|{l.nnircr h$fltedhqtm Lr ono oll'asnmorm Ndord al clorfoa I dlrctor8ffide | r&L gmf drsl o{d$rflo d sfr;bedca e I di@irdd Sbmi A eraffi feuora Pio <*tsb*o,ewra Sn|al, eounciatr alk Procilra Hs Cort!di Cor$_ ul:' di:*ente soar* di:on; awbm pagm conwfl lc rye* pc I'i*utoria ddh pruiOe aafutii:**olmdirl6mre usr& cecbiduam d, rs- emurh@taddpro,E te ddk dtereo'. ' Lce.g&rt.orta&qded pmffi nm :momd qedbochl6 ri,iti.# idrto da Tetomea., 1rylts -neffJffrh - e iI rwmriigubbrdam nsriti.prc. ccb tmprreehoFgecs'co. deth p.gu m rgffi di istrudair rspcrc|h* psri lb 0,1dj meg!F! Fodotfr, Nd rbssiernnroelb &B .lal Cd|rL frunodialmnein@iniiffic,sihc. tiwrfirewdllncarbotsr*lto * ryco d S& kf, bofta d sbdacae f,&, ts catto ril rd*cr. Tdqco 16, hEcEEto d dsEr. Td@o cewdiz dra dE dryo fl . fslosto0&CEddCirlStnd stcsdhalo 6rr6Et6 d nmc hwaladottouraCddo., c^ 9t,

/').

b #as rsn$, l* [ rh*do fa$i srftrva h Skitiaa Da $d, la po*Ufrt&i rerruri naterhHr. L'seorcintade* * piers k*e xl9a hmdar, ma,$a .misiomdirchie6td iflsn8 . Uqp po6id tnsE .lnrlafili dsw rs* . gnrre b dml6imi', dice Tonlno Ru*r UPd S[uolcce ,/t

t4{//7-

L'ana padnna plagxatn C,uffaro dn


lrfassisoiunefti
C!y. Sur : l'assessatoall,amb nte or fi y yestatu te fucreto " scorse fuIla stexa amrninistratiwnk Siciliafu resione dellareginne Sicilianonsanemmeno Interlandi..si chiama appunto <piano a satutu spcialeuierle Ma questo il meno,it pryio trasfornnta in ?p.uzry. regionnle coordinanienn di per'ta regrottc -:!tjl titolnredelto stesso ordinariae il pailalnento assessorato,qwlit dtll'ariate nelte decint dt titrJyry in consiglio nrc Hossann egiottate. Interhndi, ieri, appena tpl,egt ta mn go Piche rtdere nrebbeda scoppinto scandalo l lgn:e peraltrodalLb tn piaw ct ln delpiail ueneto boccinto anltia piangere. sclano tn nttetaaeAiarA per {g.a parw lc responmhilin dnll'Unione euroryasicinno, a oggmiw dell'assessore, I'autore chi co ryqldatrgmente piato dall,archiuio I'altro,ttil notosistema acrolosico rnaUriale <ridicolo,npia incolh a.eua dcl regione Veneto, ha auuto non padano dellare neSiciliar,,'tr gio denunciato fu lzgambinntei neanche ieri l'umilt di dichiarare GUle <piste ciclabili lunso sli Iantasiose acc,nt sotrotuttl puntad sul Seruizio inc1mpetenz P,rl?ryi e dunqtrc J argini deifiumi e dei canali del Dipartimento firenti atmenmdall,incaico. ambente del Non'loha neicentristorici comuni'siciliani,>, medesimo dei assessorato, Seruizio qual Iatto e non lofar, nn non ha nonch nnoteysl" l oOrono qryh qltahhemaefa wnne neanchp chiestoscusa, Ha *t all' inquirmmento annb sfertco li.cenz.ianex-diigente se licemente mp l' Goarchinn ammessI'um ore,t o siciliano dqiuantefuIt,ccesiwuso uencn Wrcncontrarioai awmo di mnegserta. Ma dcl rkcaldammtodamestito :f:T:y!rdt'i in mega.inceneritort pru cnedi @noreD tratta preuistinblt isola si e relnzione rigidoctmadell,isolar>. at posto, al cut dell'enrwsitno sempre fureto, uenne per onorein saha Ma non finin, perch nello stesso cuffarinna, in approvato adottato e per ryolninary {rettaefuria un uomodi documenn,,ad eleuato profilo tecnico Jucio di Totcuffaro.

#F$fis

gE? $ EEEEE

ffi
t* g* FI

Htr ,gEffiE

e$ g$EggBglg

ffiag

'r*

- *
t "g*
6

EEgcEEi ;Ete
I
,.trl g?
tsn

tiEEEFEE EE
-tF
r(1 'g $ '.ta

gffi#gfrfiaffigleffi ,f;8A rg EEE He + ffiHitrEHiiiffEEE


,:i

ttr*HHE=eE
qt E F.tr s! .i

'E $ *gEq gt g f;g , *; g E * E . ::E E4 rtP *H: $$*,Eg F-e +,.' 46 , iF F H [* f"E eE *. #l * f,EsE *,9 gH EE' x e; AE ffi rs5eE{ip FsE EEH$?$g a# s = f ; s HeE, > E .e fifl t " -g * E -. EEF E = t ! E'Es"g E*6&H EEE' ;5 *E e$ : 3 tiP !F *EeEE_ EF T ii h L :
H ,t3
I, 4'

g"

1E U

: +"1

5r

::t :5a --4

qa

e.

x tF i tu

H d' q

}I"

9si i t

E$. gE iE?
!l g,

ui ,

l*

&

l| N-q

E4E

tr P

l* !;t ' cI= 3G.g !

TEJa

.liJJi J t 5 i

l|l

*3 * & -4] FE

EFH F {ar,h
*

FN +=

ts E,8

sfiH E F* E E EEr s?x EEfi frE


Y
g

!tg

&

}( 1 F gui

irl

$ ieEfrE fi Es EEg LEg


HIIiE J g
IiTI N N

F u

tr tr rJltt

!E* r r l

i ,F s

i -frtrsr= ! r.

.s

'I E $ r
ibI.

6l

l'

;i

Piano reglonale di coordlnamento per la tutels della quallt dell'arla ambiente

6.

Fluidjficaziorc del traffrco dei veicoli a motore medianteinterventi di miglioramentodella rete stradale(nuole strade,sova' sotto-pas$i, ...) ?. Ircremento delle pieteciclabili e delle areepedonali 8. Ampliamento delle areeurbanevietate al traffico veicolar,in particolarequello privato ed in genereai veicoli a motorepi inquinanti(nondotatidi marmittacatalitica, omologazione motoremenorecente, di del ...) 9. Incremento della qualitdel servizio(ferrovia,autobus, dell'oftertadi mezzipubblice miglioramento meho/bus cittadini) e detle infrartruthlre (rete fefoviarie, parcheggiscambiatori,arec di sosta,sistemi informativi, ...), sia per il trasporto persone, di beni di sia 10. lncentivazione alla certificazione ambientale(EMAS, ISO 14000)di imprese, enti e comunit di ciuadini con particolareriguardoalle areea rischio di inquinamentoatmosferico. 11. Presenzadiffusa su tutta Ia rete di distribuzione di carblranti di nuova generazione(ad esempio: beazine a bassissimo tenoredi benzenee zofo, biodiesel,gasolio a bassissimotenoredi zolfo, anticipandoi tempi previsti dall'Unioneeu tt Verifica degli obieaivi previsti dalla legge 413197 volta al coalenimentodelle emissionievaporative sistemidi dai produzione,stoccaggio distribuzionedegli idrocarburi. e 13. Organizzaziane capillaredel sistema distributivo di carburantialternativi (eletkicit, gasmetano,CPL) 3. Interventi di mitieazione della domandadi mobilit privata:
i

,- Ampliamenro delle aree pedonalizzateo accessibili ai soli mezzi pubblici, servite da parcheggi scambiatori
(possibilmente coperti al fine di ridurre le emissionievaporativenei periodi estivi) Attivazione di sportelli unici di sspporo cittadini e alle imprese,fruibili ancheda remoto (servizi via internet) ai e/o da sedidecentrate Comuniperferici) (es. per Definizione di accordi con le categorieinteressa0e razionalizzarei flussi delle merci soprattusoda e per i centri storici, favorendoil fasporto delle stessecon mezzipi eco-compatibili(es.metano) Applicazionedi tariffe mnori sui biglietti di ingressoa manifestazioni(mostre,fiere, etc.) ai possessori biglietti di dimezzi pubblici

J.

4.

* * *

alla bigliettazioneintelligenb Applicare un sistematariffario integratoconnesso (es. Diversificaregli orari di aperturadei grandi centri di aggregazione scuole,centi commerciali,. . .) Favorire la riduzione dei tempi di percorrenzadei mezzi pubblici e la fruibilit degli stessida parte dei cittadini, a dscapito dei mezzi privati (ad es. attraversoI'estensionedelle corse anchea Comuni vicini, fori

homuovere il coordinamento tra realt produttive/erogatrici di servizi presenti nella stessa area territoriale, al fine di creare le condizioni per I'attuazione di servizi di trasporto collettivo. Le misure riglardanti i trasporti sono orientati prevalentemente a favorire la riduzione de1 traffico privato su strada in ambito urbano e del traffico merci su gornma in ambiente extraurbano. L'applicazione di una seria politica di anivazione di piste ciclabili sarebbe favorita dal clima mite delta regione.

6.1,2Misure da applicare per la rduzione degli inquinanti PMro e IPA fldrrocarburi Policiclici Aromatici)
La zonizzaonepreliminare,effecuata ai sensi del D. Lgs. 351/99, presuppone azioni mirate al contenimento dell'inquinartePM10 e del Benzo(a)pirene essocontenuto, attuarsi: da in

+ +
**

in modo programmato e strutturale sui principali assi viari di attraversamento del teritorio regionale, in modo programmato e obbligatorio nei Comuni di fascia A, in base ad accordi locali, nei Comuni di fascia B, per i rimanenti Comuni di fascia Q si consiglia di adottare comunque accordi o provvedimenti di natura volontaria, volti a prevenire I'acuirsi del fenomeno a livello locale e regionaie.

Serrizio3"Tutela dall'inounament anosferic.r" -

Tel.091-7077585- e-mail:sanza@a:ras'icilia.it

2Q5

Plano reglonale dl coordhamento per la tutela della qualfta dell'arla amblente

Azioni n zoneA:
Nelle zone A individuate nel Capitolo 3, devono essere predisposti plani di azione costituiti da provved.imen da porre in essere in modo strutturale e programinatico ("Azioni iategrate"), in combinaeione con inteventi da effettuare in fase di del problama di durata tempoale limitata e per porzioni efirergenza (",{zioni dirette"), volti alla mitigazione/risoluzione definite del territorio. L'applicazione di efficaci "azioni integrate" deve portare, alla data limite del 01/01/20 lQ al superamentodella necessitdi dette azioni dirette, di carattere estemporaneo.

Azioni inlesmle:
l. 2. Presenzanella rete di distribuzione solo di gasolio a basso tenore di zolfo (< 50 mg/kg) metanizzazione degli impianti di riscaldamento e di centrali termiche industriali e disincentivazione Incentivi a1ira all'uso di combustibili fossili a medio-alto tenore di zolfo (es. oli pesanti, nafte), se non dotati di idonei sistemi di abbattimento delle polveri Intensificazione delle verifiche in strada dei livelli di opacit dei veicoli diesel con particolare riguardo ai mezz)

3,

4. 5,

pesantiecommerciali delle verifiche in s$adadelle prestazionidei ciclomotori a due tempi. Intensificazione Trasformaziqne veicoli di enti o aziendepubblichealimentati a gasolio verso combustibili pi eco+ompatibili dei (me:ano-CPl elettrci) 6. Alimentazionecon biodieselo gasolio a bassotenore di zolfo dei veicoli di enti o aziendepubbliche alimentati a gasolio(auiobus,veicoli trasportorifiuti, autovetture, tc.) '1 Incentivialla trasformazione taxi versocombustibiligassosi, primis il metano in . dei 8. Alimentazione biodiesel gasolioa basso con o tenoredi zolfo dei taxi alimentati gasolio a g. rasformazionedei tezzi comnrercialia prevalenteazionelocale, versocombustibili gassosi,in primis ffitfa il metano 10. Riduziole dei livelli di emissionedi polveri e IPA delle attivit produttive esistentinel territorio anchemediante accordi volontari (es. EMAS e ISO 14000) e regolamentazionedel sistema delle autorizzazioni di nuovi insediamenti fine di migliorarecomplessivamentebilanciodi area al il partendo e dalle scuolefino a raggiungere 11. Anivazionedi campagne sensibili di zzazione, educazione informazione il singolocittadino 12. Realizzazione barreresempreverdi elevataramificazionelungo le principali direttrici di raffico di ad 13. Esecuzione duiante i periodi di stabilit atmosferica delle operazionidi lavaggio frequenti delle stradesopratrutto delle stagioniautunnali, invernalie primaverili di al'aperto ramaglie altri residuivegetali(al fine di favorirneil e 14. Verifica del rispeuodel divieto di combustione conferimentoa cenlri di riutilizzo)

dei Adonl dlrette; questeazioni vengonomesseir atto al fire di impedire il superamento 35 giorni all'anao in cui le PM ro risultino eccederel'indicatore di effetto aculo espresso dalla media giomaliera (dai 2005 pari a -50Fglnf). Lo scopo quello di disincentivarela circolazion dei mezziprivati, soprattuttoquelli maggiormente inquinanti e di impedire I'accesso e a specificheareee in determinatiperiodi a veicoli ccn scarsaecocompatibilita(es. non alimentati a GPl/metano, oppure con omologazione non recentedel motore). 1. Blocco del traffico per i veicoli commerciali pesantie autoarticolatiad alimentazionediesel immatricolati prima det 01/10/1997o comunquenon lispondenti alla normativa 9tt542lEEC StageII, all'interno di areeprestabilite goir:cidere (possono a con la totalita del rcrritorio o con porzioni dello stesso) meno che non sianodotati di FAP o 2. Blocco del :raffico per le auiovetturead alimontazionedieselimmatricolateprima del 0110111997comunqueno:r a ti alla normativ 941 Z|EC 1 gassosi, all'intemo di areestabilite menoche non sianodotati di FAP Blocco de1traffico per le autovetturealimentate berizinaimmatricolateprima del 0l/01/1993 o comunquenon rispondentialla normativa9ll44llEEC (Euro I) Blocco dei motoveicolilciclomotori non catalzzati Biocco di atrivit produttivecomportantiI'emissionesignificativa(> l0 kg/die) di polveri, ali'interno di aree stabilite (possonocoinciderecon la totalit del territorio o con porzioni dello stesso) Attuazione di piani di trasporto alternativi, previa opportuna campagnainformativa capillare, cos come predispostidai mobliry nranager della frequenzadi lavaggiodelle strade Intensificazione

a.

f.

6.

8.

SewizioJ"'l'utela dall'int1unamenlo otmos.lric.r" Tel.091-7077585- e-mail:saaza@artasicllia.it -

)(\(\

Piano regionale dl coordl:ramento per la tutela della qualit delltara ambienfe

La riduzione delle emissioni sar assritta alle categorie di sorgenti maggiormente significative e susceribili di riduzione, tenendo contodellanecessit escludere provvedimenri insedimenti, impiantied i serviziindividuati gti gli di dai come ess'eziali. I provvedimentidevonoriferirsi almenoal territorio delimitato comeappartenente Dna A. alla Al petduraredella sihrazionecritica, a meno che le previsioni meteorologichefacciano prevedereun suo signifcalivo miglioramento,i Comuni interessati adottanoi provvedimentistabiliti dal Piano d'azione, o dai Provvedimentiregionali in applicazione Pianodi azione,chedevonoessere del messiin attodal giornosuccessivo. Sonoprevisb misure che possonoarrivarea: terri.torio e di durata:

I provvedimenti assunti cessano i lorc effetri qualora, al termine del ciclo di monitoraggio giornaliero, non sussisLano pi tali condizioni. I provvedimenti di limitazione della circolazione non si applicano ai veicoli elettrici, a quelli alimentate a 8as metano e CPL, ai veicoli con alrneno 3 persone a bordo (car pooling) e ai veicoli condivisi (car sharing).

6.3

IDENTIFICAZIONE DEI RISI.JLTATI CONCBNTRA,ZIONIDEL PIANO

DI

RIDUZIONE

DELLE

Le riduzod previste/attese delle concentrazioli degli inquinanti sono state indicate nel Piano sia in linea per le zone A e B e specifiche e saranno meglio dettagliari a seguito dei piani di azione adottati.

6.4

STRA.TEGIEPER LA PARTECIPAZIONE DEL


prrrna re,vrsione del Piano Regionale di C il sesuenteiter di aoorovazione: per Ia Tut-eladell'Aria Amhiente

ernlono,ma qutsi che va adottato Giunta!


definitiva)

Regione Sicilia e delle Provincee pressoi Dipartimenti ARPA SICLIA Provinciali della

procedendo quindi ad una riadozione e

opportuno, introdotte nel Piano, a tutta la documentaziole

relativa alle osservazioni, la definitiva approvazione. per Dopo l'approvazione,il CD coltenente il Piano delnitivo pu esserei tuti gli Enti Locali (Corauni e Province). Perquantoattienealla comunicazionecon il pubblico, si :itiene opportunoagire su due fronti, athTeisl + + la stesura pubblicazione allegatoai principaliquotidianiregionali,di una breve sintesnon tecnicadel Piano e in (max l0 pagine),da presentarsi corso di una conferenza stam?a; nel l'otganizzazionedi un seminariopubblico di presentazione contenuti del Piano, con la presenzadella stampa dei locale.

In riferimentoagli eventualisuperamenri livelli di allarme e dei valori limite degli inquinanatmosferici,la dei comunicazione pubblico attuata quantorichiamato paragrafo al secondo al 1.8. In fasedi gestione, suggerisce si I'attivazione un forum di consultazione, snl1a tipologiadi Agenda21. di

6.5

MONITORAGGIO DEL PIANO

Le procedure e le modalit di monitoraggio, delle singole fasi di attuazione e dei relativi risultati sono indicati nelle varie sezioni del Piano. Nel documento "Moniioraggio del Piano Regionale di Coordinameato per la Tu:ela dell'Arla Ambiente", elaborato ogni tre arni entro ii 31 maggio, I'Assessore Regionale all'Ambiente indicher eveltualnente alle strutture tecniche competelt, le integrazioni alle procedure e modalit di monitoraggio sfabilite nel Piano.

Servizio 3"Tutela dall'inquinameno ottnoslbrico"-

Tel.091-707758J- e-mail:sanza@artasicila.it

21'7

SALVO FLERES marted

o 2011.sedutan.

Atto Senato FLERES- Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territoro e del mare - Premesso che: in Siciliada ben sei anni i livelli di smog concentratinell'ariasarebberonotevolmentesuperioriai limiti consentitidalla legge; la Sicilia,a causa del superamentodi detti limiti, sotto osservazione parte dell'Unione da europea, per gli alti livellidi particolatopresentinell'aria,soprattuttonelle vicinanzedelle zone segnatamente industriali; la Regione,a causa di detto tasso di inquinamento,rischia di essere sanzionatacon multe che potrebberoarrivarea 700.000 euro al giorno; consideratoche: per il controllo delle emissioni inquinanti e per il piano dell'aria uno strumento indispensabile monitorare gli agenti inquinanti e applicare i conseguenti prowedimenti a tutela della salute pubblica; fa Regione Sicilianaavrebbe pronta, da mesi, una bozza relativa a detto piano ma, pur in presenza dei fondi necessari per finanziare l'Arpa (Agenzia ambientale della Regione) e la rete di monitoraggio, detta bozza non potrebbe essere resa esecutiva poich inadeguata rispetto a nuove disposizionie nuovi parametri di riferimento recentemente introdotti; considerato, inoltre, che in tutte le aree a rischio inquinamentodella Siciliasi registra un aumento dei ricoveri per malattie cardiovascolari respiratorieacute, e I'interrogante chiededi saperese, stante il completo immobilismodella RegioneSiciliana,il Ministro in indirizzointenda intervenire,per quanto di competenza,nei modi e con i mezzi che riterr pi opportuni al fine di riportare i livelli di inquinamento dell'aria che si registrano nell'isola nei parametristabilitidalla legislazione vigente - evitando cos le probabilisanzionidell'Unione europea - e garantire,al contempo,la salute dei cittadini. (4-053e1)

INTERROGAZIONERISPOSTA A SCRITTA 4/05391


Datidi presentazione Legislatura: l6 Seduta di annuncio: 566 del 1410612011 dell'ano Firmatari Primo firmatario: FLERES SALVO Gruppo:lL POPOLO DELLA LIBERTA' Data firma: 1410612011 Destinatari Ministero destinatario: o MINISTERODELL'AMBIENTE DELLA TUTELA DEL TERRITORIOE DEL MARE E

Attuale delegato rispondere:MINISTERO a DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE delesato data14106120llStatoiter: lN coRso in http://isoladellefemmineitalcementieambiente.blogspot.com/2011/06/blog-post.html