Sei sulla pagina 1di 1

Due parole, possono cambiare la vita e la percezione della realt In questi ultimi giorni mi sono fortemente profuso in una

serie di scritti, volti a dimostrare la totale assenza di significato nelloperare sui social networks, con la logica di aumentare la visibilit con conseguente aumento, od avvio, dei rapporti di lavoro. In quegli scritti, verificavo quanto assurdo possa essere il mondo dei social networks, dove a fronte di una tangibile visibilit chi scrive solitamente involve sino ad annullare il significato di ci che scrive, sviluppando frasi, concetti solitamente fortemente poveri di contenuto. Questo attiene in maniera molto spiccata agli utenti face book, dove trovare interventi che sviluppino in modo almeno superficiale elementi di carattere contenutistico bisogna impazzire. Cos in questi miei scritti ho cercato di dimostrare che inutile, come peraltro personalmente verificato, spendere del tempo in certi ambiti alla ricerca di un incontro che possa cambiare la situazione. In questo frangente, assai complesso, sia per la precariet della situazione macroeconomica, sia nel mio personale microcosmo fortemente travagliato, cerco sempre un minimo elemento che mi faccia ricredere, che mi faccia convincere che mi stia sbagliando, che questo sia un mio errore di valutazione. Ogni giorno, cos, ti alzi con la speranza che ci sia un segnale, un qualcosa che ti dica che non vero quello che pensi, che qualcosa sta cambiando. Oggi finalmente cos, inaspettatamente, come qualsiasi bella cosa che accade nella vita accade perch non la aspetti, perch cos e basta, leggo tra i vari messaggi due parole, regalate con lo spirito di chi fa un regalo vero, senza la volont di essere ricambiato, leggo Ti Stimo a commento di una delle mie solite frasi scritte allalba di una notte quasi insonne. Ti stimo, due parole che mi fanno aprire gli occhi, mi aprono verso la speranza che tutto non perso, che qualcuno ancora crede in quello che scrivo, che non scrivo solo per me stesso, che c chi legge ed apprezza. Il bello sta nella forza delle parole, nella forza dei sentimenti, nella forza di un sorriso, nella solidariet data e ricevuta. Due parole dette cos allimprovviso aprono verso nuovi spiragli, verso una visione diversa. Non importa ora come andr la giornata, non importano pi le cose che accadranno o quelle che non accadranno, importa che una persona in una mattina di un Gennaio semi addormentato ha sentito il bisogno di comunicare un sentimento. Ritengo che essere stimati da altre persone, sia una delle sensazioni pi belle che si possano provare, per questo voglio lanciare, urlare il mio grazie, il mio sorriso, il mio scrivere. Non importa chi sei, perch non ci conosciamo, non importa perch, importa solo quello che hai scritto; per questo ti ringrazio, per darmi ancora la forza di stringere i denti e andare avanti verso una meta che mi sono prefissato difficilissima si, ma che ora sono sicuro non impossibile. Grazie Monica. Domenico Gioia 12/01/2012