Sei sulla pagina 1di 32

LASCIATE CHE I BAMBINI VENGANO A ME

Genitori, in forza del sacramento del Matrimonio, voi siete i primi autorevoli e gioiosi annunciatori del Mistero di Cristo ai vostri figli!

IL CATECHISMO DEI BAMBINI


da 0 a 6 anni di vita
transizione manuale

Un catechismo pu essere scritto per bambini che non sanno leggere?




La mamma mangia il cibo solido per dare il latte al suo bambino I genitori leggono un libro per comunicare ai figli il messaggio che nel libro. I bambini guardano con curiosit la realt che li circonda e pongono delle domande e attendono delle risposte

I bambini sono capaci di Dio?


 

S, sono pronti a credere in Dio che Padre Sono capaci di affidarsi completamente a chi li ha chiamati allesistenza Sanno invocare il Padre buono che nei cieli Chi conduce i bambini al Padre Ges attraverso il dono dello Spirito Santo.

Ma Dio chiama noi a collaborare




Il compito dei genitori e degli educatori quello di lasciare che i bambini vadano da Ges (Lasciate che i bambini ) La tenera et non giustifica la rinuncia a rispondere alle loro domande Le difficolt di fede negli adulti non debbono scoraggiare chi ha il dovere di provvedere alla loro educazione.

Basta uno sguardo




Per comunicare con i bambini basta uno sguardo, una voce Il sorriso della mamma e il sorriso del bambino si richiamano lun laltro, prima delle parole che potranno essere dette. Adulti e bambini sono chiamati a camminare insieme.

Un dono reciproco


I bambini chiedono agli adulti attenzione, cura e impegno costante A loro volta favoriscono la crescita degli adulti nella fede: fra adulti e bambini c uno scambio di doni Aiutando i bambini a crescere nella fede, di fatto crescono nella fede anche gli adulti.

I BAMBINI NELLA PAROLA DI DIO


I bambini sono di Dio, non propriet degli adulti. Sono una presenza di gioia e di speranza

Dalla Bibbia
Ho acquistato un uomo al Signore! (Gen 4,1) Cos esclama Eva, la madre dei viventi Ecco, dono del Signore sono i figli, sua grazia il frutto del grembo (Salmo 126,3) Nellintimit della tua casa, i tuoi figli come virgulti dulivo intorno alla tua mensa (Salmo 127,3) Corona dei vecchi sono i figli dei figli, onore dei figli i loro padri (Proverbi 17,6)

Lattesa messianica di Israele


Il popolo dIsraele attende con fiducia il futuro: verr il Messia. In questorizzonte generare i figli assume una particolare importanza religiosa Esemplare la storia di Abramo e Sara e del loro figlio Isacco. La mancanza del figlio era vissuta come una menomazione, una vergogna, un castigo.

LAntico Testamento richiama il fatto che


I bambini sono delicati: buon padre e buona madre chi ha di loro la massima cura

Dio stesso fa giustizia


I bambini indifesi e sena tutela, come gli orfani, hanno diritto a ricevere da tutti, nella comunit, sostegno e protezione. Quando gli uomini vengono meno a questo dovere, Dio stesso fa giustizia allinfanzia.

La Bibbia tuttavia non fa dellinfanzia un idolo!


Secondo i Libri sapienziali, i genitori sanno che leducazione unarte difficile ma fondamentale. Sanno bene infatti che un figlio lasciato a se stesso diventa sventato (Siracide 30,8)

I Libri Sapienziali affermano che


Un segno tangibile del prendersi cura del figlio non prendere alla leggera i suoi difetti (Siracide 30,11) E educarlo con energia, pi che coccolarlo: Chi ama il figlio pronto a correggerlo (Proverbi 13,24)

Il primo educatore Dio: Egli educa il suo popolo


Come un genitore Dio interviene in modo esigente, e non esita a correggere, ma si mostra capace della cura pi attenta e piena di struggente tenerezza. A Efraim io insegnavo a camminare, tenendolo per mano, ma essi non compresero che avevo cura di loro.

Io li traevo con legami di bont, con vincoli damore; ero per loro come chi solleva un bimbo alla sua guancia; mi chinavo su di lui per dargli da mangiare. Come potrei abbandonarti, Efraim, come consegnarti ad altri, Israele? Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio intimo freme di compasione (Osea 11,3-4.8)

Dio non dimentica nessuno: Egli un rifugio per i suoi figli


Sion ha detto: il Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato. Si dimentica forse una donna del suo bambino, cos da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se queste donne si dimenticassero, io invece non ti dimenticher mai (Isaia 49,14-15).

Vi dar un segno Lattesa del Figlio


La storia del popolo dIsraele trova nellattesa di un figlio la speranza di un futuro migliore. Il Signore stesso vi dar un segno. Ecco la Vergine concepir e partorir un figlio, che chiamer Emmanuele (Isaia 7,14)

Nei Libri del Nuovo Testamento


DIO HA MANDATO SUO FIGLIO

Perch Dio ha mandato suo Figlio tra di noi?


Dio ha mandato il suo Figlio sulla terra per salvare gli uomini. Lo manifesta nascendo e vivendo bambino tra i bambini Poi, da adulto, con i gesti e gli atteggiamenti della sua vita. Lo insegna con le sue parole, lo proclama con la sua morte e risurrezione.

Ges vissuto come ogni bambino


Ges nasce in una famiglia ebrea, e viene cresciuto nellobbedienza della Legge di Mos. Ges bambino e vive da bambino fra i bambini nella casa di Nazareth. Sotto gli occhi di Maria e Giuseppe e loro sottomesso, cresce in et, sapienza e grazia davanti a Dio e agli uomini. (cfr. Luca 2,52)

In Ges convivono la natura umana e quella divina


A dodici anni sale con i suoi genitori a Gerusalemme per la Pasqua, e si ferma nel tempio a loro insaputa. Interrogato sul perch risponde: Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio? (Luca 2,49)

I bambini sono indicati da Ges come privilegiati


Ges inizia la vita pubblica manifestandosi come linviato di Dio, il Cristo, e dice alla gente: Convertitevi e credete al Vangelo (Marco 1,15). E per far capire cosa significa, indica i bambini: In verit vi dico: se non vi convertirete e non diventerete come i bambini, non entrerete nel regno dei cieli (Matteo 18,3)

Accogliere i bambini accogliere Ges stesso


I bambini stanno molto a cuore a Ges: Gli presentavano dei bambini perch li accarezzasse, ma i discepoli li sgridavano. Ges, al vedere questo, si indigno e disse loro: Lasciate che i bambini vengano a me e non glielo impedite, perch a chi come loro appartiene il regno di Dio e prendendoli fra le braccia e imponendo loro le mani li benediceva (Marco 10,13-14.16)

Chi accoglie
Ges solidale con i piccoli, soprattutto con quelli che hanno pi bisogno di essere accolti, amati, nutriti, fino ad affermare: Chi accoglie anche uno solo di questi bambini in nome mio, accoglie me (Matteo 18,5)

Ges patisce, muore e risorge


Tutti siamo sottoposti al peccato e alla morte: una triste eredit che riguarda anche i bambini. Ma in Ges, vincitore del peccato e della morte, tutto luniverso risorge e si rinnova, e luomo, fin da bambino, pu tornare alle sorgenti della vita.

Nessuno rimane solo


Ges risorto e re delluniverso accanto al Padre, e manda agli uomini lo Spirito Santo, Spirito dellamore. Cos nessuno rimane solo e tutti ricevono forza, consolazione e difesa, a cominciare dai bambini sui quali maggiormente pu gravare il peso dellabbandono, della malattia, della fame, della violenza.

Ges giudice
A volte i bambini sono ritenuti poveri di significato e di valore, gli ultimi arrivati al banchetto della vita: molti di loro sono emarginati ed esclusi dalla convivenza umana. Ges giudica severamente persone, comunit, istituzioni,culture, che opprimono i bambini e non rispettano linfanzia.

Un inno di fede
Quanto fin qui stato annunciato sui bambini alla luce della Parola di Dio, ha bisogno di diventare persuasione interiore di ogni padre e di ogni madre perch lo possano a loro volta trasmettere ai figli e tutti insieme proclamare un inno di fede:

Noi crediamo in un solo Dio Padre onnipotente che continua e compie in ogni bambino la sua creazione.

Noi crediamo in un solo Signore Ges Cristo che per opera dello Spirito Santo si incarnato nel seno della Vergine Maria e si fatto uomo.

Per la salvezza di tutti e di ogni bambino ha patito, morto e risuscitato secondo le scritture, e vuole compiere in ogni bambino la sua redenzione.

Noi crediamo nello Spirito Santo che offre ad ogni bambino la vita nuova, la vita divina.
www.micromedia.unisal.it