Sei sulla pagina 1di 1

38

Terni

il

GIORNALE dellUMBRIA

Venerd 3 giugno 2011

Al teatro Antoniano protagonisti i giovani dei gruppi parrocchiali della citt

Un mini-kolossal su San Francesco


Cinquanta ragazzi guidati da un regista frate
di ARNALDO CASALI

TERNI - Altro che teatro parrocchiale. Francesco un canto alla vita, lo spettacolo che andr in scena sabato 11 giugno alle 21 al teatro Antoniano, un vero e proprio mini-kolossal che coinvolge ben 50 ragazzi tra i 18 e 40 anni, costumi sontuosi e attori tanto bravi da far dimenticare di essere degli amatoriali, e questo anche grazie a un regista che, pur essendo un frate, un professionista del settore. Padre Claudio Festa, responsabile del progetto, prima della conversione era infatti un attore e un cabarettista: negli anni 70 girava lItalia con i suoi due fratelli (oggi anchessi frati), portando commedie napoletane e sketch comici: ha conosciuto Eduardo De Filippo, ha lavorato in televisione con Gianfranco Funari ed stato ingaggiato nientemeno che dal leggendario Derby, il locale milanese da cui sono usciti, tanto per fare qualche nome, Diego Abatantuono, Giorgio Faletti, Renato Pozzetto e Francesco Salvi. Appesa la maschera al chiodo per seguire le orme del Giullare di Dio, padre Claudio non ha in realt mai smesso di fare teatro. Da molti anni organizzo spettacoli sulla vita di San Francesco in occasione delle missioni popolari francescane. A Terni ce ne sono state due negli ultimi ventanni: una nel 1998 e una nel 2005. Il

progetto, che andr in scena l11 giugno in occasione della festa di SantAntonio, per, molto diverso da quello delle missioni. Lobiettivo di questa iniziativa spiega padre Claudio stato quello di riunire le persone che appartengono ai vari gruppi parrocchiali: da quello dei Dieci comandamenti al Rinnovamento dello spirito, oltre abituali frequentatori della parrocchia. Ci piaceva lidea di farli lavorare insieme: perch recitar anche unoccasione di amicizia. Lo spettacolo (che vede oltre 30 attori in scena e le cui prove sono iniziate lo scorso ottobre) racconta alcuni episodi classici della vita di Francesco, dallo scontro con il padre allabbraccio con il lebbroso, ma anche

In scena i protomartiri La storia narra le vicende dei francescani uccisi in Marocco, le reliquie si trovano nella chiesa di SantAntonio
>> Un momento dello spettacolo
altri del tutto inediti sul palcoscenico. Nel testo abbiamo inserito continua padre Claudio - episodi che riguardano il francescanesimo ternano e che non erano mai stati raccontati in teatro. E la storia dei cinque protomartiri francescani Pietro, Ottone, Berardo, Adiuto e Accursio originari di Calvi, San Gemini e Narni - uccisi in Marocco nel 1220. Le reliquie dei protomartiri (oggetti di un autentico recupero storico sotto lepiscopato di Vincenzo Paglia, che ha promosso libri, convegni e documentari sul tema) riposano da un anno proprio nel neo-santuario di SantAntonio in Terni e per questo padre Claudio ha deciso di raccontare la loro storia, mettendo in scena anche lincontro con lo stesso SantAntonio da Padova, che dal loro esempio fu indotto a lasciare labito francescano per diventare frate minore. Ai protomartiri dedicata anche unaltra iniziativa, in programma venerd 10 giugno alle 17 al museo diocesano dove sar presentato il volume Dai protomartiri francescani ad Antonio da Padova, atti della giornata internazionale di studi (Terni, 11 giugno 2010) pubblicato dal Centro di studi antoniani di Padova. Allincontro interverranno il vescovo Vincenzo Paglia, don Lorenzo Cappelletti, docente del Pontificio Collegio di Anagni e della Pontificia Universit Antonianum di Roma, padre Pietro Messa, preside della Scuola di studi medievali e francescani dellUniversit Antonianum, Luciano Bertazzo, direttore del Centro studi antoniani di Padova e don Claudio Bosi, direttore dellUfficio per i beni culturali della Diocesi di Terni Narni Amelia.

IL MEMORIAL

In ricordo di Franco Delli Guanti


TERNI Parteciperanno in 250 domani al primo memorial Franco Delli Guanti (nella foto), presidente della sezione arbitri di Terni venuto a mancare a dicembre del 2009. Oltre ai ragazzi di Terni, che hanno organizzato levento per commemorare il loro affezionato presidente, hanno aderito anche le sezioni di Perugia, Citt di Castello, Gubbio, Foligno, Orvieto, Rieti e Viterbo. Lidea del memorial nata spontaneamente - raccontano gli organizzatori -, abbiamo pensato che il modo migliore per ricordare Franco era quello di organizzare un torneo di calcio a 5, visto che proprio con il calcio a 5 che cominci ad arbitrare a livello regionale. Cos in ununica giornata, le 8

L NIZIATIVA

Giornata dellintegrazione con la comunit filippina Riflessioni e rinfresco multietnico a palazzo Primavera
TERNI - Viene celebrata domenica prossima a palazzo Primavera La giornata dellamicizia e dellintegrazione a cura dellassociazione Anziani e immigrati per lintegrazione e della comunit filippina presente in citt. La manifestazione avr inizio alle ore 16 con un incontro sul tema Il ruolo della comunit filippina nel processo di integrazione tra i popoli a Terni e in Umbria. Interverranno, tra gli altri, lonorevole Mario Andrea Bartolini, presidente dellassociazione Anziani e immigrati per lintegrazione e lambasciatore delle Filippine in Italia Romeo Manalo. Il programma proseguir poi con uno spettacolo musicale e di arte varia dal parte della comunit filippina e con un rinfresco multietnico per tutti i partecipanti.

>> Mario Andrea Bartolini

E ternano il padre della calcolatrice che ricava la cassa integrazione


Lingegnere Massimiliano Brasile ha ideato un sistema oggi utilizzato pi di centomila volte
TERNI Tutto cominciato con la cassa integrazione. Due anni fa era arrivata anche per lui, e cos Massimiliano Brasile, 36enne ingegnere ternano, per capire quanto sarebbe stato tagliato il suo stipendio, si fatto due conti come tutti. A differenza dei comuni cassaintegrati, per, Massimiliano, per fare i conti si costruito unapposita calcolatrice che ha deciso di condividere con gli altri cassaintegrati pubblicandola sul suo blog Piccolorisparmio. Da l partita unavventura informatica che lo ha portato a realizzare un programma di help desk usato oggi da oltre mille aziende italiane e da due universit. Nel gennaio del 2009 ho pubblicato sul sito questo programma: una calcolatrice che inserendo i vari dati calcolava la cassa integrazione. Uno strumento unico che ha avuto un successo inaspettato: ad oggi stata utilizzata pi di 100 mila volte e di conseguenza in molti hanno iniziato a farmi ogni tipo di domande sullargomento. Io ho una rete di collaboratori a cui mi appoggio per le richieste specifiche, e cos ho pensato che sarebbe stato interessante utilizzare sul sito un sistema di hard-ticket. Lhard-ticket, per intenderci, una forma di help desk automatizzato: Ormai nelle aziende quando hai un problema tecnico non fai pi la classica telefonata, ma mandi la richiesta per e-mail. Per rendere la risposta pi veloce, per, sono nati questi form: in pratica compili una sorta di modulo on line e la richiesta arriva subito al tecnico competente. Inizia cos una ricerca in rete del software migliore tra i programmi disponibili in open source, quelli cio, che possono essere scaricati, modificati e distribuiti gratuitamente. Il problema che tutti i software che ho trovato erano in inglese. Cos ho deciso di tradurre il migliore: essendo open source ho potuto accedere al codice ed integrarlo. Ne ho realizzate al momento tre versioni che ho pubblinegozi on line e unenorme quantit di aziende. Difficile calcolarne lesatto numero: dalle statistiche del sito e dal numero di risultati trovati su Google se ne possono calcolare almeno un migliaio. Io ho chiesto solo che venisse lasciata la firma, anche se in realt mi sono accorto che in molti lo hanno ripreso senza citarmi. Al momento sono state pubblicate tre versioni e la seconda quella che ha avuto pi successo con oltre mille download. Tra questi anche il Cnr e ben due atenei: luniversit di Trieste e La Sapienza. Mi ha chiamato il responsabile informatico dellUniversit di Roma dicendomi che stava effettuando una serie di test del software per vedere se poteva andare bene per le loro necessit. I test hanno avuto esito positivo e ora OsTicket (questo il nome del programma) viene utilizzato da tutto lateneo, per ora per uso interno. L'idea, per, quella di aprirlo agli studenti. Mi hanno chiesto di integrare il programma inserendo anche il numero di matricola dello studente. Entrer quindi nei servizi offerti agli studenti. Intanto Massimiliano non pi in cassa integrazione. Ho cambiato lavoro e per ora sono con unazienda di Viterbo. Ma in futuro, chiss?.

IL LIBRO

Il Risorgimento a Terni
TERNI - Zefferino Cerquaglia, presidente del comitato provinciale dellistituto per la storia del Risorgimento italiano, segnala una pubblicazione dedicata ai 150 anni dellunit nazionale: si tratta di una ricostruzione effettuata da Andrea Giardi sul Risorgimento in Umbria nel triennio 1859-1861, con una specifica attenzione al contributo di Terni e del territorio umbro-sabino al processo di unificazione nazionale. Il volume, afferma Cerquaglia, offre un quadro ampio e ricco per successivi approfondimenti. Dalla lettura del testo - dice Cerquaglia - Giardi offre stimolanti spunti e invita a guardare oltre la realt di tutti i giorni, a guardare dunque un ideale, a seguirlo e a impegnarsi per esso. Si tratta quindi - aggiunge - di una ricerca storica locale che ha il valore di sollecitare, con esempi di fatti e personaggi concreti, riscontrabili nel proprio territorio, tutte le persone e in particolare i giovani, un invito, quindi, a impegnare la propria vita per obiettivi di grande qualit e in direzione di mete superiori per s stessi e per la propria comunit. Il volume regala anche numerose informazioni, la ricostruzione del rapporto della sintonia con altre iniziative dello stesso periodo e una ricca biografia su vari personaggi.

>> Alcuni operai che lavorano

in fabbrica spesso soggetti a cassa integrazione per mancanza di lavoro

cato gratuitamente e la cosa interessante che ha avuto cos tanto successo che hanno iniziato ad usarlo anche molti

sezioni si sfideranno in due gironi che verranno svolti nei campetti del Clt e Angel Soccer. Tra gli ospiti, Silvia Spinelli, arbitro internazionale del calcio femminile e della Lega Pro, Daniele Ceccarelli, arbitro della Lega Pro, Paolo Tagliavento, arbitro internazionale serie A e il presidente del Comitato regionale umbro della lega nazionale dilettanti Luigi Repace. Le designazioni saranno curate da Luca Marconi, arbitro della serie A di calcio a 5 che ha da pochi giorni arbitrato la sua ultima partita dopo 10 anni di carriera. Dopo il torneo, patrocinato dal Comune, dalla Provincia, dal Coni e dalla Federcalcio, ci sar una cena dove saranno presenti, oltre ai partecipanti e alla famiglia di Franco Delli Guanti, le istituzioni rappresentate da Marcello Nicchi, presidente dellAia, da Umberto Carbonari, componente del Comitato nazionale e da Francesco Amelia, presidente del Comitato regionale arbitri.