Sei sulla pagina 1di 15

EQUAZIONE DI SCHRODINGER DIPENDENTE DAL

TEMPO E OPERATORI QUANTISTICI Equazione di Schrodinger; Argomenti di plausibilit dellequazione di Schrodinger; Equazione di Schrodinger dipendente dal tempo per una particella soggetta a forze conservative o per n particelle; Informazioni fisiche contenute nella funzione donda; Valor medio dei vettori posizione e impulso; Valor medio di una grandezza fisica; Operatori quantistici e loro propriet;

EQUAZIONE DI SCHRODINGER
Vediamo adesso di scrivere, noto il sistema quantistico, lequazione differenziale di cui la funzione donda soluzione. E da notare che di tale equazione differenziale non si pu dare alcuna dimostrazione in quanto essa costituisce la legge fondamentale della meccanica quantistica. La sua validit verificata a posteriori mediante il confronto tra previsioni teoriche e dati sperimentali. Data una particella quantistica di massa m sottoposta a forze conservative di potenziale classico V, lequazione di Schrodinger
dove

h r ih = + V (r ) t 2m
2

r r =

il prodotto scalare tra due operatori gradiente.

Argomenti di plausibilit dellequazione di Schrodinger


Lequazione di Schrodinger non pu essere dimostrata ma si possono eseguire alcune verifiche che permettono di giustificarne la forma e capirne il contenuto fisico. Consideriamo una funzione donda piana uni-dimensionale della forma i ( kx t )

( x, t ) = Ae

e supponiamo che essa descriva una particella quantistica libera, sostituendola nella eq. Di Schrodinger si ottiene

h 2k 2 h = 2m p2 E= 2m

p2 E = 2m

che la relazione dellenergia di una particella libera di massa m.

Un ragionamento analogo pu essere fatto per le onde e.m. che soddisfano allequazione delle onde. Prendiamo il campo elettrico di unonda e.m. piana monodimensionale nella forma complessa

E ( x, t ) = Ae i (kx t )
Sostituiamo nellequazione delle onde

2 2 2 E=c 2 E 2 t x

=c k

(Energia ) =
c2

Cio come nel caso dellequazione di Schrodinger, la sostituzione di una soluzione d la relazione energia impulso.

Se quindi pensiamo di fare la seguente analogia operatoriale:

Energia E impulso p

ih t i h

Dalla relazione energia-impulso con la sostituzione di grandezze fisiche con operatori possibile ottenere sia lequazione delle onde e.m. sia lequazione di Schrodinger.

EQUAZIONE DI SCHRODINGER DIPENDENTE DAL TEMPO


per una particella di massa m e soggetta a forze conservative di potenziale V(r).

La particella, da un punto di vista classico, pu essere descritta con lhamiltoniana:

H = energia cinetica + energia potenziale r p2 H = T +V = + V (r ) 2m


Lequazione di Schrodinger pu essere vista come lequazione operatoriale:

r r (r , t ) = H (r , t ) E
Dove E e H sono due operatori lineari agenti sulle funzioni che r descrivono il sistema (r , t )

Quindi lequazione differenziale che descrive lo stato del sistema quantistico costituito da una particella di massa m soggetta ad un potenziale V(r), pu essere desunta dallhamiltoniana e dallenergia classica viste come operatori (in accordo con il principio di corrispondenza):

Energia E

Hamiltoniana H

ih t r h2 + V (r ) 2m

Se il sistema composto da n particelle di vettore posizione ri i=1,2,n

rr r pi H = + V (r1, r2 ,...rn ) i =1 2 mi rr r con = (r1, r2 ,...rn , t )

Informazioni fisiche contenute nella funzione donda r Se ( r , t ) descrive un sistema fisico quantistico deve contenere tutte le informazioni di tale sistema. Abbiamo visto che
la funzione statistica r 2 densit di probabilit (r , t ) = di trovare il sistema in r r all' istante t

VALOR MEDIO DEL VETTORE POSIZIONE Allistante t la posizione media della particella r quantistica

r 2r r r = ( r , t ) r dr

r r r r r r = * ( r , t ) r ( r , t ) dr r = r

Descrizione probabilistica e funzione donda


Definiamo la funzione donda come unampiezza di probabilit e il suo modulo quadro come densit di probabilit. Lintegrale della densit di probabilit calcolato rispetto al volume si pu interpretare come la probabilit di trovare la particella allinterno di quel volume. Se il volume tutto lo spazio, la probabilit deve essere del 100%. Rivediamo alcuni concetti di base sulla probabilit: siano E(1), E(2), un insieme di eventi con probabilit P(1), P(2),.. (ad esempio testa o croce per una moneta). Esempio: se si verifica levento E(1) la variabile casuale x(1)=1 e se si verifica E(2), x(2)=3. Possiamo introdurre un valore aspettazione corrispondente ad una somma pesata Nel caso specifico:

x(k )P(k )
x = 1 0.5 + 3 0.5 = 2
N (k ) N

Consideriamo poi un elevato numero di tentativi N (tali che N(1) determini levento E(1), N(2) levento E(2)). La probabilit per levento k :

P(k ) =

Descrizione probabilistica e funzione donda


In questo caso abbiamo che il valor medio di x uguale al valore di aspettazione di x

x(k )N (k ) x = x(k )P(k ) = N


Definiamo la varianza di x

(x )

(x x

= [x(k ) x ] P (k ) = x x
2 2

Se la distribuzione continua

x = x ( x )dx

( x ) probability density
r 2 (r , t )

In meccanica quantistica (x) semplicente Ed in definitiva

x =

* xd 3 r *d 3 r

VALOR MEDIO DEL VETTORE IMPULSO

Si pu dimostrare che il valor medio dellimpulso p di una particella quantistica di funzione donda vale:

r r r r r r = * ( r , t ) p ( r , t ) dr p = p

r r r * r p = (r , t )[( ih ) (r , t )]dr

VALOR MEDIO DI UNA QUALSIASI GRANDEZZA FISICA r Se ( r , t ) la funzione donda di un qualsiasi sistema fisico quantistico,
dopo quanto visto i) sul significato di r r ii) sul valor medio del vettore posizione r iii) sul valor medio del vettore impulso p viene naturale associare ad ogni grandezza fisica classica un operatore quantistico

r 2 (r , t )

F F

La costruzione delloperatore associato alla grandezza fisica avviene attraverso la sostituzione nella F classica (funzione della posizione, dellimpulso e del tempo)degli operatori posizione

r r r r

e impulso

r r p ih

Quindi per ogni sistema quantistico alla grandezza fisica F, funzione dei vettori posizione e impulso e del tempo, che lo descrive corrisponde un operatore

r r F = F ( r ,ih, t )
che opera sulle funzioni donda del sistema. Il valor medio della grandezza fisica diventa:

r r r = * ( r , t ) F ( r , t ) dr F = F

PROPRIETA DEGLI OPERATORI QUANTISTICI


Nella meccanica quantistica sono importanti solo gli operatori lineari. un operatore lineare che agisce sulle funzioni di stato del sistema quantistico. sono funzioni a valori complessi e a quadrato sommabile nel loro dominio di definizione R 3

L2 ( )
cio

F (a1 + b2 ) = a F1 + b F2 L2 ( ) 1 , 2 L2 ( ) a, b C

( ) ( )

Gli operatori lineari associabili a grandezze fisiche sono autoaggiunti o hermitiani.

F autoaggiunto o hermitiano se

F = F r r dr = F *dr F
*

( )

( )

Se

F autoaggiunto

r = * F dr R F

( )

condizione necessaria visto che fisica.

F la media di una grandezza