Sei sulla pagina 1di 2

ASCI Red

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

ASCI Red o ASCI Option Red, era un supercomputer installato ai Sandia National Laboratories a
Albuquerque Nuovo Messico. Il computer divenne operativo nel 1997, venne dismesso nel settembre del
2005 e nel 2006 fu demolito. Fu il più potente computer della TOP500 tra il giugno 1997 e il giugno 2000.

Il progetto nasce da una collaborazione tra Intel e i laboratori Sandia, ed era parte la fase uno del progetto
governativo statunitense Accelerated Strategic Computing Initiative (ASCI) del United States Department
of Energy e del National Nuclear Security Administration per sviluppare un simulatore in grado di
rimpiazzare i test nucleari sotterranei che una moratoria firmata dal presidente statunitense George H. W.
Bush nel 1992 e estesa da Bill Clinton nel 1993 aveva reso non praticabili.

Il sistema era formato da una rete a maglia (38 × 32 × 2) MIMD massively-parallel processing consistente
in 4.510 nodi di calcolo, 1212 gigabyte di memoria distribuita e 12.5 gigabyte di memoria su disco.
Inizialmente la macchina utilizzava processori Pentium Pro alla frequenza di 200 MHz ma in seguito venne
aggiornata con l'utilizzo di processori Pentium II Overdrive. Il sistema era formato da un totale di 9298
Pentium II Overdrive a 333 MHz stipati all'interno di 104 armadi che occupavano una superficie di 230
metri quadrati. Il sistema era stato progettato prevedendo l'utilizzo di componenti non dedicati e prevedendo
un'architettura molto scalabile.

L'ASCI Red è stato il primo supercomputer del pianeta a superare la soglia di 1 TeraFLOPS secondo il test
LINPACK-MP (1996) e quindi è diventato il più potente computer del pianeta secondo la TOP500. Dopo
l'aggiornamento ai Pentium II Overdrive il sistema ha raggiunto la potenza di calcolo di 2 TeraFLOPS.[1]

Differenti parti del sistema utilizzano differenti sistemi operativi. Per il programmatore la macchina si
comportava come una normale macchina Unix che eseguiva Teraflops OS, una versione distribuita del
sistema operativo OSF/1 AD creata da Intel originariamente per il Paragon XP/S Supercomputer. La
gestione dei nodi di calcolo era affidata a una versione molto leggera del sistema operativo Cougar, un
sistema operativo che univa alcune componenti del precedente SUNMOS e Puma il kernel che era stato
sviluppato per i nodi di calcolo del supercomputer Paragon.

Una parte dell'ASCI Red è conservata al museo The Computer History Museum a Mountain View
California.

Note
1. ^ Timothy G. Mattson and Greg Henry, The ASCI Option Red Supercomputer, su sandia.gov,
Intel. URL consultato il 3 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2010).

Collegamenti esterni
(EN) ASCI Red Facts, su sandia.gov. URL consultato il 6 gennaio 2006 (archiviato dall'url originale il 30
agosto 2008).
(EN) Top500 Supercomputer Sites, su top500.org.
Estratto da "https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=ASCI_Red&oldid=104292133"

Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 25 apr 2019 alle 18:21.

Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo; possono
applicarsi condizioni ulteriori. Vedi le condizioni d'uso per i dettagli.