Sei sulla pagina 1di 205

19 Marzo

II DOMENICA DI QUARESIMA
PRIMI VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.

Tu che scruti e conosci


i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.

Grande è il nostro peccato,


ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.

Risplenda la tua lampada


sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.

Ascolta, o Padre altissimo,


tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.

Oppure:
Audi, benígne Cónditor,
nostras preces cum flétibus,
sacráta in abstinéntia
fusas quadragenária.

Scrutátor alme córdium,


infírma tu scis vírium;
ad te revérsis éxhibe
remissiónis grátiam.

Multum quidem peccávimus,


sed parce confiténtibus,
tuíque laude nóminis
confer medélam lánguidis.

Sic corpus extra cónteri


dona per abstinéntiam,
ieiúnet ut mens sóbria
a labe prorsus críminum.

Præsta, beáta Trínitas,


concéde, simplex Unitas,
ut fructuósa sint tuis
hæc parcitátis múnera. Amen.

1^ Antifona
Gesù condusse su un'alta montagna
Pietro, Giacomo e Giovanni,
e si trasfigurò davanti a loro.

SALMO 118, 105-112 XIV (Num)


Promessa di osservare i comandamenti di Dio
Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amati (Gv 15, 12).

Lampada per i miei passi è la tua parola, *


luce sul mio cammino.
Ho giurato, e lo confermo, *
di custodire i tuoi precetti di giustizia.

Sono stanco di soffrire, Signore, *


dammi vita secondo la tua parola.
Signore, gradisci le offerte delle mie labbra, *
insegnami i tuoi giudizi.

La mia vita è sempre in pericolo, *


ma non dimentico la tua legge.
Gli empi mi hanno teso i loro lacci, *
ma non ho deviato dai tuoi precetti.

Mia eredità per sempre sono i tuoi insegnamenti, *


sono essi la gioia del mio cuore.
Ho piegato il mio cuore ai tuoi comandamenti, *
in essi è la mia ricompensa per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Gesù condusse su un'alta montagna
Pietro, Giacomo e Giovanni,
e si trasfigurò davanti a loro.

2^ Antifona
Come il sole era il suo volto,
come la neve le sue vesti.

SALMO 15 Il Signore è mia eredità


Dio ha resuscitato Gesù, sciogliendolo dalle angosce della morte (At 2, 24).

Proteggimi, o Dio: *
in te mi rifugio.
Ho detto a Dio: «Sei tu il mio Signore, *
senza di te non ho alcun bene».

Per i santi, che sono sulla terra, uomini nobili, *


è tutto il mio amore.

Si affrettino altri a costruire idoli: †


io non spanderò le loro libazioni di sangue, *
né pronunzierò con le mie labbra i loro nomi.

Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: *


nelle tue mani è la mia vita.
Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi, *
la mia eredità è magnifica.

Benedico il Signore che mi ha dato consiglio; *


anche di notte il mio cuore mi istruisce.
Io pongo sempre innanzi a me il Signore, *
sta alla mia destra, non posso vacillare.

Di questo gioisce il mio cuore, †


esulta la mia anima; *
anche il mio corpo riposa al sicuro,

perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, *


né lascerai che il tuo santo veda la corruzione.

Mi indicherai il sentiero della vita, †


gioia piena nella tua presenza, *
dolcezza senza fine alla tua destra.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Come il sole era il suo volto,
come la neve le sue vesti.

3^ Antifona
Mosè ed Elia parlavano dell'esodo pasquale
che il Signore doveva compiere in Gerusalemme.

CANTICO Fil 2, 6-11 Cristo servo di Dio


Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, *
non considerò un tesoro geloso
la sua uguaglianza con Dio;

ma spogliò se stesso, †
assumendo la condizione di servo *
e divenendo simile agli uomini;

apparso in forma umana, umiliò se stesso †


facendosi obbediente fino alla morte *
e alla morte di croce.

Per questo Dio l'ha esaltato *


e gli ha dato il nome
che è al di sopra di ogni altro nome;

perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi †


nei cieli, sulla terra *
e sotto terra;

e ogni lingua proclami


che Gesù Cristo è il Signore, *
a gloria di Dio Padre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Mosè ed Elia parlavano dell'esodo pasquale
che il Signore doveva compiere in Gerusalemme.

Lettura Breve 1 Cor 1, 4. 10


Ringrazio continuamente il mio Dio per voi, a motivo della grazia di Dio che vi è stata data in
Gesù Cristo. Vi esorto pertanto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, ad essere
tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di
pensiero e d'intenti.

Responsorio
R. La benedizione del Signore * ai fratelli che si amano.
La benedizione del Signore ai fratelli che si amano.
V. E la vita per sempre
ai fratelli che si amano.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo.
La benedizione del Signore ai fratelli che si amano.

Antifona al Magnificat
Risuona dal cielo una voce:
Questi è il mio figlio prediletto,
in lui mi sono compiaciuto.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *


ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *


ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
Risuona dal cielo una voce:
Questi è il mio figlio prediletto,
in lui mi sono compiaciuto.

Intercessioni
Glorifichiamo la Provvidenza di Dio Padre, che ha cura di tutte le sue creature, e diciamo con
umiltà e fiducia:
Salva, Signore, tutti i tuoi figli.

Datore di ogni bene e fonte di verità, riempi del tuo Spirito il nostro Papa N. e il collegio dei
vescovi,
- custodisci nella vera fede il popolo affidato al loro servizio pastorale.

Unisci nella carità coloro che mangiano lo stesso pane della vita,
- perché la Chiesa, tuo mistico corpo, si edifichi nell'unità e nella pace.

Aiutaci con la tua grazia a spogliarci dell'uomo vecchio corrotto dalle passioni ingannatrici,
- rivestici dell'uomo nuovo, creato secondo Dio nella vera giustizia e santità.

Fa' che i peccatori tornino alla tua casa, per i meriti del Cristo salvatore,
- e partecipino ai benefici della sua redenzione.

Fa' che i nostri fratelli defunti ti lodino senza fine nella gloria del paradiso,
- dove anche noi un giorno speriamo di cantare le tue misericordie.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e
purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il
nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ufficio delle Letture

20 Marzo

II DOMENICA DI QUARESIMA
UFFICIO DELLE LETTURE
INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.

Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.

Venite, applaudiamo al Signore, *


acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).

Ascoltate oggi la sua voce: †


« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
Protesi alla gioia pasquale,
sulle orme di Cristo Signore,
seguiamo l'austero cammino
della santa Quaresima.

La legge e i profeti annunziarono


dei quaranta giorni il mistero;
Gesù consacrò nel deserto
questo tempo di grazia.

Sia parca e frugale la mensa,


sia sobria la lingua ed il cuore;
fratelli, è tempo di ascoltare
la voce dello Spirito.

Forti nella fede vigiliamo


contro le insidie del nemico:
ai servi fedeli è promessa
la corona di gloria.

Sia lode al Padre onnipotente,


al Figlio Gesù redentore,
allo Spirito Santo Amore,
nei secoli dei secoli. Amen.

Oppure:
Ex more docti mýstico
servémus abstinéntiam,
deno diérum círculo
ducto quater notíssimo.

Lex et prophétæ prímitus


hanc prætulérunt, póstmodum
Christus sacrávit, ómnium
rex atque factor témporum.

Utámur ergo párcius


verbis, cibis et pótibus,
somno, iocis et árctius
perstémus in custódia.

Vitémus autem péssima


quæ súbruunt mentes vagas,
nullúmque demus cállido
hosti locum tyránnidis.

Præsta, beáta Trínitas,


concéde, simplex Unitas,
ut fructuósa sint tuis
hæc parcitátis múnera. Amen.

1^ Antifona
Signore mio Dio, vestito di maestà e splendore,
come un manto ti avvolge la luce, alleluia.

SALMO 103, 1-12 (I) Inno a Dio creatore


Se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate; ecco ne sono nate di
nuove (2 Cor 5, 17).

Benedici il Signore, anima mia, *


Signore, mio Dio, quanto sei grande!
Rivestito di maestà e di splendore, *
avvolto di luce come di un manto.

Tu stendi il cielo come una tenda, *


costruisci sulle acque la tua dimora,

fai delle nubi il tuo carro, *


cammini sulle ali del vento;

fai dei venti i tuoi messaggeri, *


delle fiamme guizzanti i tuoi ministri.

Hai fondato la terra sulle sue basi, *


mai potrà vacillare.
L'oceano l'avvolgeva come un manto, *
le acque coprivano le montagne.

Alla tua minaccia sono fuggite, *


al fragore del tuo tuono hanno tremato.

Emergono i monti, scendono le valli †


al luogo che hai loro assegnato.

Hai posto un limite alle acque:


non lo passeranno, *
non torneranno a coprire la terra.

Fai scaturire le sorgenti nelle valli *


e scorrono tra i monti;
ne bevono tutte le bestie selvatiche *
e gli onagri estinguono la loro sete.

Al di sopra dimorano gli uccelli del cielo, *


cantano tra le fronde.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Signore mio Dio, vestito di maestà e splendore,
come un manto ti avvolge la luce, alleluia.

2^ Antifona
Tu fai nascere il pane dalla terra,
e il vino che allieta il cuore dell'uomo, alleluia.

SALMO 103, 13-23 (II) Inno a Dio creatore


Se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate; ecco ne sono nate di
nuove (2 Cor 5, 17).

Dalle tue alte dimore irrighi i monti, *


con il frutto delle tue opere sazi la terra.

Fai crescere il fieno per gli armenti †


e l'erba al servizio dell'uomo, *
perché tragga alimento dalla terra:
il vino che allieta il cuore dell'uomo; †
l'olio che fa brillare il suo volto *
e il pane che sostiene il suo vigore.

Si saziano gli alberi del Signore, *


i cedri del Libano da lui piantati.
Là gli uccelli fanno il loro nido *
e la cicogna sui cipressi ha la sua casa.

Per i camosci sono le alte montagne, *


le rocce sono rifugio per gli iràci.
Per segnare le stagioni hai fatto la luna *
e il sole che conosce il suo tramonto.

Stendi le tenebre e viene la notte *


e vagano tutte le bestie della foresta;
ruggiscono i leoncelli in cerca di preda *
e chiedono a Dio il loro cibo.

Sorge il sole, si ritirano *


e si accovacciano nelle tane.
Allora l'uomo esce al suo lavoro, *
per la sua fatica fino a sera.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Tu fai nascere il pane dalla terra,
e il vino che allieta il cuore dell'uomo, alleluia.

3^ Antifona
Dio guardò la sua creazione:
ed era tutta buona, alleluia.

SALMO 103, 24-35 (III) Inno a Dio creatore


Se uno è in Cristo, è una creatura nuova; le cose vecchie sono passate; ecco ne sono nate di
nuove (2 Cor 5, 17).

Quanto sono grandi, Signore, le tue opere! †


Tutto hai fatto con saggezza, *
la terra è piena delle tue creature.
Ecco il mare spazioso e vasto: †
lì guizzano senza numero *
animali piccoli e grandi.

Lo solcano le navi, *
il Leviatàn che hai plasmato
perché in esso si diverta.

Tutti da te aspettano *
che tu dia loro il cibo in tempo opportuno.
Tu lo provvedi, essi lo raccolgono, *
tu apri la mano, si saziano di beni.

Se nascondi il tuo volto, vengono meno, †


togli loro il respiro, muoiono *
e ritornano nella loro polvere.

Mandi il tuo spirito, sono creati, *


e rinnovi la faccia della terra.

La gloria del Signore sia per sempre; *


gioisca il Signore delle sue opere.
Egli guarda la terra e la fa sussultare, *
tocca i monti ed essi fumano.

Voglio cantare al Signore finché ho vita, *


cantare al mio Dio finché esisto.
A lui sia gradito il mio canto; *
la mia gioia è nel Signore.

Scompaiano i peccatori dalla terra †


e più non esistano gli empi. *
Benedici il Signore, anima mia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Dio guardò la sua creazione:
ed era tutta buona, alleluia.

Versetto
V. Questi è il mio amatissimo figlio:
R. ascoltatelo tutti.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo 13, 17 - 14, 9

Il cammino del popolo fino al Mare Rosso


Quando il faraone lasciò partire il popolo, Dio non lo condusse per la strada del paese dei
Filistei, benché fosse più corta, perché Dio pensava: «Altrimenti il popolo, vedendo imminente
la guerra, potrebbe pentirsi e tornare in Egitto». Dio guidò il popolo per la strada del deserto
verso il Mare Rosso. Gli Israeliti, ben armati uscivano dal paese d'Egitto. Mosè prese con sé le
ossa di Giuseppe, perché questi aveva fatto giurare solennemente gli Israeliti: «Dio, certo, verrà
a visitarvi; voi allora vi porterete via le mie ossa». Partirono da Succot e si accamparono a Etam,
sul limite del deserto. Il Signore marciava alla loro testa di giorno con una colonna di nube, per
guidarli sulla via da percorrere, e di notte con una colonna di fuoco per far loro luce, così che
potessero viaggiare giorno e notte. Di giorno la colonna di nube non si ritirava mai dalla vista del
popolo, né la colonna di fuoco durante la notte.
Il Signore disse a Mosè: «Comanda agli Israeliti che tornino indietro e si accampino davanti a
Pi-Achirot, tra Migdol e il mare, davanti a Baal-Zefon; di fronte ad esso vi accamperete presso il
mare. Il faraone penserà degli Israeliti: Vanno errando per il paese; il deserto li ha bloccati! Io
renderò ostinato il cuore del faraone ed egli li inseguirà; io dimostrerò la mia gloria contro il
faraone e tutto il suo esercito, così gli Egiziani sapranno che io sono il Signore!».
Essi fecero in tal modo. Quando fu riferito al re d'Egitto che il popolo era fuggito, il cuore del
faraone e dei suoi ministri si rivolse contro il popolo. Dissero: «Che abbiamo fatto, lasciando
partire Israele, così che più non ci serva!».
Attaccò allora il cocchio e prese con sé i suoi soldati.
Prese seicento carri scelti e tutti i carri di Egitto con i combattenti sopra ciascuno di essi. Il
Signore rese ostinato il cuore del faraone, re di Egitto, il quale inseguì gli Israeliti mentre gli
Israeliti uscivano a mano alzata. Gli Egiziani li inseguirono e li raggiunsero, mentre essi stavano
accampati presso il mare: tutti i cavalli e i carri del faraone, i suoi cavalieri e il suo esercito si
trovarono presso Pi-Achirot, davanti a Baal-Zefon.

Responsorio Cfr. Sal 113, 1. 2; Es 13, 21

R. Quando Israele uscì dall'Egitto, la casa di Giacobbe da un popolo straniero, * Giuda divenne
il santuario, Israele il dominio del Signore.
V. Il Signore marciava alla loro testa con una colonna di nube, per guidarli sulla via.
R. Giuda divenne il santuario, Israele il dominio del Signore.

Seconda Lettura
Dai «Discorsi» di san Leone Magno, papa
(Disc. 51, 3-4. 8; PL 54, 310-311. 313)

La legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo
Il Signore manifesta la sua gloria alla presenza di molti testimoni e fa risplendere quel corpo, che
gli è comune con tutti gli uomini, di tanto splendore, che la sua faccia diventa simile al fulgore
del sole e le sue vesti uguagliano il candore della neve.
Questa trasfigurazione, senza dubbio, mirava soprattutto a rimuovere dall'animo dei discepoli lo
scandalo della croce, perché l'umiliazione della Passione, volontariamente accettata, non
scuotesse la loro fede, dal momento che era stata rivelata loro la grandezza sublime della dignità
nascosta del Cristo.
Ma, secondo un disegno non meno previdente, egli dava un fondamento solido alla speranza
della santa Chiesa, perché tutto il Corpo di Cristo prendesse coscienza di quale trasformazione
sarebbe stato soggetto, e perché anche le membra si ripromettessero la partecipazione a quella
gloria, che era brillata nel Capo.
Di questa gloria lo stesso Signore, parlando della maestà della sua seconda venuta, aveva detto:
«Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro» (Mt 13, 43). La stessa cosa
affermava anche l'apostolo Paolo dicendo: «Io ritengo che le sofferenze del momento presente
non sono paragonabili alla gloria futura che dovrà essere rivelata in noi» (Rm 8, 18). In un altro
passo dice ancora: «Voi infatti siete morti e la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio!
Quando si manifesterà Cristo, la vostra vita, allora anche voi sarete manifestati con lui nella
gloria» (Col 3, 3. 4).
Ma, per confermare gli apostoli nella fede e per portarli ad una conoscenza perfetta, si ebbe in
quel miracolo un altro insegnamento. Infatti Mosè ed Elia, cioè la legge e i profeti, apparvero a
parlare con il Signore, perché in quella presenza di cinque persone di adempisse esattamente
quanto è detto: «Ogni cosa sia risolta sulla parola di due o tre testimoni» (Mt 18, 16).
Che cosa c'è di più stabile, di più saldo di questa parola, alla cui proclamazione si uniscono in
perfetto accordo le voci dell'Antico e del Nuovo Testamento e, con la dottrina evangelica,
concorrono i documenti delle antiche testimonianze?
Le pagine dell'uno e dell'altro Testamento si trovano vicendevolmente concordi, e colui che gli
antichi simboli avevano promesso sotto il velo viene rivelato dallo splendore della gloria
presente. Perché, come dice san Giovanni: «La Legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la
verità vennero per mezzo di Gesù Cristo» (Gv 1, 17). In lui si sono compiute le promesse delle
figure profetiche e ha trovato attuazione il senso dei precetti legali: la sua presenza dimostra vere
le profezie e la grazia rende possibile l'osservanza dei comandamenti.
All'annunzio del Vangelo si rinvigorisca dunque la fede di voi tutti, e nessuno si vergogni della
croce di Cristo, per mezzo della quale è stato redento il mondo.
Nessuno esiti a soffrire per la giustizia, nessuno dubiti di ricevere la ricompensa promessa,
perché attraverso la fatica si passa al riposo e attraverso la morte si giunge alla vita. Avendo egli
assunto le debolezze della nostra condizione, anche noi, se persevereremo nella confessione e
nell'amore di lui, riporteremo la sua stessa vittoria e conseguiremo il premio promesso.
Quindi, sia per osservare i comandamenti, sia per sopportare le contrarietà, risuoni sempre alle
nostre orecchie la voce del Padre, che dice: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono
compiaciuto. Ascoltatelo» (Mt 17, 5).

Responsorio Cfr. Eb 12, 22. 24.25


R. Vi siete accostati a Gesù, mediatore della nuova alleanza. * Guardatevi dal rifiutare colui che
parla.
V. Gli Ebrei per aver rifiutato colui che promulgava decreti sulla terra non trovarono scampo,
molto meno lo troveremo noi, se volteremo le spalle a colui che parla dai cieli.
R. Guardatevi dal rifiutare colui che parla.

Orazione
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e
purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il
nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

II DOMENICA DI QUARESIMA
LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Nella santa assemblea,
o nel segreto dell'anima,
prostriamoci e imploriamo
la divina clemenza.

Dall'ira del giudizio


liberaci, o Padre buono;
non togliere ai tuoi figli
il segno della tua gloria.

Ricorda che ci plasmasti


col soffio del tuo Spirito:
siam tua vigna, tuo popolo,
e opera delle tue mani.
Perdona i nostri errori,
sana le nostre ferite,
guidaci con la tua grazia
alla vittoria pasquale.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
Precémur omnes cérnui,
clamémus atque sínguli,
plorémus ante iúdicem,
flectámus iram víndicem:

Nostris malis offéndimus


tuam, Deus, cleméntiam;
effúnde nobis désuper,
remíssor, indulgéntiam.

Meménto quod sumus tui,


licet cadúci, plasmatis;
ne des honorem nominis
tui, precámur, álteri.

Laxa malum quod fécimus,


auge bonum quod póscimus,
placére quo tandem tibi
possímus hic et pérpetim.

Præsta, beáta Trínitas,


concéde, simplex Unitas,
ut fructuósa sint tuis
hæc parcitátis múnera. Amen.

1^ Antifona
La destra del Signore ha fatto meraviglie,
la destra del Signore mi ha esaltato.

SALMO 117 Canto di gioia e di vittoria


Gesù è la pietra che, scartata da voi costruttori, è diventata testata d'angolo (At 4, 11).

Celebrate il Signore, perché è buono; *


perché eterna è la sua misericordia.

Dica Israele che egli è buono: *


eterna è la sua misericordia.

Lo dica la casa di Aronne: *


eterna è la sua misericordia.

Lo dica chi teme Dio: *


eterna è la sua misericordia.

Nell'angoscia ho gridato al Signore, *


mi ha risposto, il Signore, e mi ha tratto in salvo.

Il Signore è con me, non ho timore; *


che cosa può farmi l'uomo?

Il Signore è con me, è mio aiuto, *


sfiderò i miei nemici.

E' meglio rifugiarsi nel Signore *


che confidare nell'uomo.

E' meglio rifugiarsi nel Signore *


che confidare nei potenti.

Tutti i popoli mi hanno circondato, *


ma nel nome del Signore li ho sconfitti.
Mi hanno circondato, mi hanno accerchiato, *
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.

Mi hanno circondato come api, †


come fuoco che divampa tra le spine, *
ma nel nome del Signore li ho sconfitti.

Mi avevano spinto con forza per farmi cadere, *


ma il Signore è stato mio aiuto.
Mia forza e mio canto è il Signore, *
egli è stato la mia salvezza.
Grida di giubilo e di vittoria, *
nelle tende dei giusti:

la destra del Signore ha fatto meraviglie, †


la destra del Signore si è alzata, *
la destra del Signore ha fatto meraviglie.

Non morirò, resterò in vita *


e annunzierò le opere del Signore.
Il Signore mi ha provato duramente, *
ma non mi ha consegnato alla morte.

Apritemi le porte della giustizia: *


entrerò a rendere grazie al Signore.
E' questa la porta del Signore, *
per essa entrano i giusti.

Ti rendo grazie, perché mi hai esaudito,


perché sei stato la mia salvezza.

La pietra scartata dai costruttori *


è divenuta testata d'angolo;
ecco l'opera del Signore: *
una meraviglia ai nostri occhi.

Questo è il giorno fatto dal Signore: *


rallegriamoci ed esultiamo in esso.

Dona, Signore, la tua salvezza, *


dona, Signore, la tua vittoria!

Benedetto colui che viene nel nome del Signore. *


Vi benediciamo dalla casa del Signore;

Dio, il Signore è nostra luce. †


Ordinate il corteo con rami frondosi *
fino ai lati dell'altare.

Sei tu il mio Dio e ti rendo grazie, *


sei il mio Dio e ti esalto.

Celebrate il Signore, perché è buono: *


eterna è la sua misericordia.
Gloria al Padre e al Figlio, *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
La destra del Signore ha fatto meraviglie,
la destra del Signore mi ha esaltato.

2^ Antifona
Come i tre fanciulli in mezzo alle fiamme,
cantiamo e diamo gloria al Signore.

CANTICO Dn 3, 52-57 Ogni creatura lodi il Signore


Il Creatore... è benedetto nei secoli (Rm 1, 25).

Benedetto sei tu, Signore, Dio dei padri nostri, *


degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto il tuo nome glorioso e santo, *


degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel tuo tempio santo glorioso, *


degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu sul trono del tuo regno, *


degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu che penetri con lo sguardo gli abissi †


e siedi sui cherubini, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedetto sei tu nel firmamento del cielo, *


degno di lode e di gloria nei secoli.

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore, *


lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Gloria al Padre e al Figlio, *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Come i tre fanciulli in mezzo alle fiamme,
cantiamo e diamo gloria al Signore.

3^ Antifona
Lodate il Signore:
alta nel cielo è la sua potenza.

SALMO 150 Ogni vivente dia lode al Signore


A Dio la gloria, nella Chiesa e in Cristo Gesù (cfr Ef 3,21).

Lodate il Signore nel suo santuario, *


lodatelo nel firmamento della sua potenza.
Lodatelo per i suoi prodigi, *
lodatelo per la sua immensa grandezza.

Lodatelo con squilli di tromba, *


lodatelo con arpa e cetra;
lodatelo con timpani e danze, *
lodatelo sulle corde e sui flauti.

Lodatelo con cembali sonori, †


lodatelo con cembali squillanti; *
ogni vivente
dia lode al Signore.

Gloria al Padre e al Figlio, *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Lodate il Signore:
alta nel cielo è la sua potenza.

Lettura Breve Sap 5, 14-15


La speranza dell'empio è come pula portata dal vento, come schiuma leggera sospinta dalla
tempesta, come fumo dal vento è dispersa, si dilegua come il ricordo dell'ospite di un sol giorno.
I giusti al contrario vivono per sempre, la loro ricompensa è presso il Signore e l'Altissimo ha
cura di loro.

Responsorio Breve
R. Venga su di me la tua misericordia, * e avrò la vita.
Venga su di me la tua misericordia, e avrò la vita.
V. Osserverò le parole della tua bocca,
e avrò la vita.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Venga su di me la tua misericordia, e avrò la vita.

Antifona al Benedictus
Cristo Signore ha vinto la morte:
per mezzo del Vangelo risplende a noi
la luce di una vita immortale.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *


perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Cristo Signore ha vinto la morte:
per mezzo del Vangelo risplende a noi
la luce di una vita immortale.

Invocazioni
Glorifichiamo Dio, nostro Padre, la cui misericordia è senza limiti, e invochiamo la grazia dello
Spirito Santo per mezzo di Gesù Cristo, che è sempre vivo per intercedere a nostro favore:
Accendi in noi, o Padre, il fuoco del tuo amore.

Dio di bontà, fa' che questo nuovo giorno sia pieno di opere di carità fraterna,
- e coloro che incontreremo, ricevano da noi un messaggio del tuo amore.

Tu che nel diluvio hai salvato Noè e la sua famiglia, mediante l'arca,
- conduci alla salvezza i nostri catecumeni nell'acqua battesimale mediante la Chiesa.

Fa' che abbiamo fame non solo del cibo che sostenta il nostro corpo,
- ma di ogni parola che esce dalla tua bocca.

Aiutaci a ricomporre nella carità i dissensi e le contese,


- per godere il bene prezioso della tua pace.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e
purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il
nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ora Media

II DOMENICA DI QUARESIMA

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

Oppure:
Dei fide, qua vívimus,
qua spe perénni crédimus,
per caritátis grátiam
Christi canámus glóriam.

Qui ductus hora tértia


ad passiónis hóstiam,
crucis ferens suspéndia
ovem redúxit pérditam.

Precémur ergo súbditi,


redemptióne líberi,
ut éruat a sæculo
quos solvit a chirógrapho.

Christum rogámus et Patrem,


Christi Patrísque Spíritum;
unum potens per ómnia,
fove precántes, Trínitas.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

Oppure:
Qua Christus hora sítiit
crucem vel in qua súbiit,
quos præstat in hac psállere
ditet siti iustítiæ.
Simul sit his esúries,
quam ipse de se sátiet,
crimen sit ut fastídium
virtúsque desidérium.

Charísma Sancti Spíritus


sic ínfluat psalléntibus,
ut carnis æstus frígeat
et mentis algor férveat.

Christum rogámus et Patrem,


Christi Patrísque Spíritum;
unum potens per ómnia,
fove precántes, Trínitas. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.
Uniamoci agli apostoli
nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

Oppure:
Ternis ter horis númerus
nobis sacrátus pánditur,
sanctóque Iesu nómine
munus precémur veniæ.

Latrónis, en, conféssio


Christi merétur grátiam;
laus nostra vel devótion
mercétur indulgéntiam.

Mors per crucem nunc ínterit


et post tenébras lux redit;
horror dehíscat críminum,
splendor nitéscat méntium.

Christum rogámus et Patrem,


Christi Patrísque Spíritum;
unum potens per ómnia,
fove precántes, Trínitas. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.
NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 22 Il buon Pastore


L'Agnello sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita (Ap 7, 17).

Il Signore è il mio pastore: *


non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi fa riposare, *
ad acque tranquille mi conduce.

Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino, *


per amore del suo nome.

Se dovessi camminare in una valle oscura, †


non temerei alcun male, *
perché tu sei con me, Signore.

Il tuo bastone e il tuo vincastro *


mi danno sicurezza.

Davanti a me tu prepari una mensa *


sotto gli occhi dei miei nemici;
cospargi di olio il mio capo. *
Il mio calice trabocca.

Felicità e grazia mi saranno compagne *


tutti i giorni della mia vita,
e abiterò nella casa del Signore *
per lunghissimi anni.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 75, 2-7 (I) Canto di trionfo dopo la vittoria


Vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria (Mt 24, 30).

Dio è conosciuto in Giuda, *


in Israele è grande il suo nome.
E' in Gerusalemme la sua dimora, *
la sua abitazione, in Sion.
Qui spezzò le saette dell'arco, *
lo scudo, la spada, la guerra.

Splendido tu sei, o Potente, *


sui monti della preda;

furono spogliati i valorosi, †


furono colti dal sonno, *
nessun prode ritrovava la sua mano.

Dio di Giacobbe, alla tua minaccia *


si arrestarono carri e cavalli.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 75, 8-13 (II) Canto di trionfo dopo la vittoria


Vedranno il Figlio dell'uomo venire sulle nubi del cielo con grande potenza e gloria (Mt 24, 30).

Tu sei terribile; chi ti resiste *


quando si scatena la tua ira?
Dal cielo fai udire la sentenza: *
sbigottita la terra tace

quando Dio si alza per giudicare, *


per salvare tutti gli umili della terra.

L'uomo colpito dal tuo furore ti dà gloria, *


gli scampati dall'ira ti fanno festa.

Fate voti al Signore vostro Dio e adempiteli, *


quanti lo circondano portino doni al Terribile,
a lui che toglie il respiro ai potenti; *
è terribile per i re della terra.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve 1 Ts 4, 1. 7


Fratelli, vi preghiamo e supplichiamo nel Signore Gesù: avete appreso da noi come comportarvi
in modo da piacere a Dio, e così già vi comportate; cercate di agire sempre così per distinguervi
ancora di più. Dio infatti non ci ha chiamati all'impurità, ma alla santificazione.

V. Un cuore puro crea in me, o Signore,


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Is 30, 15. 18


Così dice il Signore Dio, il Santo di Israele: «Nella conversione e nella calma sta la vostra
salvezza, nell'abbandono confidente sta la vostra forza». Il Signore aspetta per farvi grazia, per
questo sorge per aver pietà di voi, perché un Dio giusto è il Signore; beati coloro che sperano in
lui!

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Dt 4, 29-31


Cercherai il Signore tuo Dio e lo troverai, se lo cercherai con tutto il cuore e con tutta l'anima.
Tornerai al Signore tuo Dio e ascolterai la sua voce, poiché il Signore Dio tuo è un Dio
misericordioso; non ti abbandonerà e non ti distruggerà, non dimenticherà l'alleanza che ha
giurata ai tuoi padri.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

Orazione
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e
purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il
nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Vespri

II DOMENICA DI QUARESIMA
SECONDI VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.

Tu che scruti e conosci


i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.

Grande è il nostro peccato,


ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.

Risplenda la tua lampada


sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.

Ascolta, o Padre altissimo,


tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.

Oppure:

Audi, benígne Cónditor,


nostras preces cum flétibus,
sacráta in abstinéntia
fusas quadragenária.

Scrutátor alme córdium,


infírma tu scis vírium;
ad te revérsis éxhibe
remissiónis grátiam.

Multum quidem peccávimus,


sed parce confiténtibus,
tuíque laude nóminis
confer medélam lánguidis.

Sic corpus extra cónteri


dona per abstinéntiam,
ieiúnet ut mens sóbria
a labe prorsus críminum.

Præsta, beáta Trínitas,


concéde, simplex Unitas,
ut fructuósa sint tuis
hæc parcitátis múnera. Amen.

1^ Antifona
Manifesta, Signore, il dominio del tuo Cristo
nello splendore della tua gloria.

SALMO 109, 1-5. 7 Il Messia, re e sacerdote


Bisogna che egli regni finché non abbia posto tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi (1 Cor 15,
25).

Oracolo del Signore al mio Signore: *


«Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici *
a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: *


«Domina in mezzo ai tuoi nemici.

A te il principato nel giorno della tua potenza *


tra santi splendori;
dal seno dell'aurora, *
come rugiada, io ti ho generato».

Il Signore ha giurato e non si pente: *


«Tu sei sacerdote per sempre
al modo di Melchisedek».

Il Signore è alla tua destra, *


annienterà i re nel giorno della sua ira.
Lungo il cammino si disseta al torrente *
e solleva alta la testa.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Manifesta, Signore, il dominio del tuo Cristo
nello splendore della tua gloria.

2^ Antifona
Unico è il Dio che noi adoriamo:
egli ha fatto i cieli e la terra.

SALMO 113 B Lode al vero Dio


Vi siete convertiti a Dio, allontanandovi dagli idoli per servire al Dio vivo e vero (1 Ts 1, 9).

Non a noi, Signore, non a noi, †


ma al tuo nome dà gloria, *
per la tua fedeltà, per la tua grazia.

Perché i popoli dovrebbero dire: *


«Dov'è il loro Dio?».
Il nostro Dio è nei cieli, *
egli opera tutto ciò che vuole.

Gli idoli delle genti sono argento e oro, *


opera delle mani dell'uomo.
Hanno bocca e non parlano, *
hanno occhi e non vedono,

hanno orecchi e non odono, *


hanno narici e non odorano.

Hanno mani e non palpano, †


hanno piedi e non camminano; *
dalla gola non emettono suoni.

Sia come loro chi li fabbrica *


e chiunque in essi confida.

Israele confida nel Signore: *


egli è loro aiuto e loro scudo.
Confida nel Signore la casa di Aronne: *
egli è loro aiuto e loro scudo.

Confida nel Signore, chiunque lo teme: *


egli è loro aiuto e loro scudo.

Il Signore si ricorda di noi, ci benedice: †


benedice la casa d'Israele, *
benedice la casa di Aronne.

Il Signore benedice quelli che lo temono, *


benedice i piccoli e i grandi.

Vi renda fecondi il Signore, *


voi e i vostri figli.

Siate benedetti dal Signore *


che ha fatto cielo e terra.
I cieli sono i cieli del Signore, *
ma ha dato la terra ai figli dell'uomo.

Non i morti lodano il Signore, *


né quanti scendono nella tomba.
Ma noi, i viventi, benediciamo il Signore *
ora e sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Unico è il Dio che noi adoriamo:
egli ha fatto i cieli e la terra.

3^ Antifona
Dio non ha risparmiato il suo unico Figlio:
lo ha dato per salvare tutti noi.

CANTICO Cfr. 1 Pt 2, 21-24


La passione volontaria di Cristo, servo di Dio

Cristo patì per voi,


lasciandovi un esempio, *
perché ne seguiate le orme:

egli non commise peccato


e non si trovò inganno *
sulla sua bocca;

oltraggiato non rispondeva con oltraggi, *


e soffrendo
non minacciava vendetta

ma rimetteva
la sua causa *
a colui che giudica con giustizia.

Egli portò i nostri peccati


sul suo corpo *
sul legno della croce,

perché, non vivendo più per il peccato,


vivessimo per la giustizia. *
Dalle sue piaghe siamo stati guariti.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Dio non ha risparmiato il suo unico Figlio:
lo ha dato per salvare tutti noi.
Lettura Breve Ef 4, 29-30
Nessuna parola cattiva esca più dalla vostra bocca; ma piuttosto, parole buone che possano
servire per la necessaria edificazione, giovando a quelli che ascoltano. E non vogliate rattristare
lo Spirito Santo di Dio, col quale foste segnati per il giorno della redenzione.

Responsorio
R. Ti siano gradite le mie parole, * Dio della mia salvezza.
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.
V. Davanti a te i pensieri del mio cuore,
Dio della mia salvezza.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo.
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.

Antifona al Magnificat
Non dite a nessuno
la gloria che avete contemplato,
finché il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *


D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *


ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri, *
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
Non dite a nessuno
la gloria che avete contemplato,
finché il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti.

Intercessioni
Il Cristo, nostro Capo e Maestro, è venuto per servire l'umanità e far del bene a tutti. Uniti nella
lode della sera, chiediamo il suo aiuto:
Visita la tua famiglia, Signore.

Veglia sui vescovi e sui presbiteri, che hai reso partecipi della tua missione di Capo e Pastore,
- fa' che conducano al Padre il popolo, che hai loro affidato.

Il tuo angelo accompagni coloro che viaggiano,


- e li difenda da ogni pericolo.

Insegnaci a servire con umiltà e amore i fratelli,


- imitando te che non sei venuto per essere servito, ma per servire.

Fa' che in ogni comunità il fratello aiuti il fratello,


- per costruire, sotto il tuo sguardo, come una città inespugnabile.

Sii misericordioso verso tutti i defunti,


- ammettili a godere la luce del tuo volto.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che ci hai detto di ascoltare il tuo amato Figlio, nutri la nostra fede con la tua parola e
purifica gli occhi del nostro spirito, perché possiamo godere la visione della tua gloria. Per il
nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

21 Marzo

II SETTIMANA DI QUARESIMA - LUNEDÌ


UFFICIO DELLE LETTURE

INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.

Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.

Venite, applaudiamo al Signore, *


acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).

Ascoltate oggi la sua voce: †


« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
Protesi alla gioia pasquale,
sulle orme di Cristo Signore,
seguiamo l'austero cammino
della santa Quaresima.

La legge e i profeti annunziarono


dei quaranta giorni il mistero;
Gesù consacrò nel deserto
questo tempo di grazia.

Sia parca e frugale la mensa,


sia sobria la lingua ed il cuore;
fratelli, è tempo di ascoltare
la voce dello Spirito.

Forti nella fede vigiliamo


contro le insidie del nemico:
ai servi fedeli è promessa
la corona di gloria.

Sia lode al Padre onnipotente,


al Figlio Gesù redentore,
allo Spirito Santo Amore,
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Porgi a me il tuo orecchio, Signore,
vieni presto a liberarmi.

SALMO 30, 2-9 (I) Supplica fiduciosa nell'afflizione


Padre nelle tue mani consegno il mio spirito (Lc 23, 46).

In te, Signore, mi sono rifugiato, †


mai sarò deluso; *
per la tua giustizia salvami.

Porgi a me l'orecchio, *
vieni presto a liberarmi.
Sii per me la rupe che mi accoglie, *
la cinta di riparo che mi salva.

Tu sei la mia roccia e il mio baluardo, *


per il tuo nome dirigi i miei passi.
Scioglimi dal laccio che mi hanno teso, *
perché sei tu la mia difesa.

Mi affido alle tue mani; *


tu mi riscatti, Signore, Dio fedele.
Tu detesti chi serve idoli falsi, *
ma io ho fede nel Signore.

Esulterò di gioia per la tua grazia, †


perché hai guardato alla mia miseria, *
hai conosciuto le mie angosce;

non mi hai consegnato nelle mani del nemico, *


hai guidato al largo i miei passi.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Porgi a me il tuo orecchio, Signore,
vieni presto a liberarmi.

2^ Antifona
Fa' splendere il tuo volto sul tuo servo,
Signore.

SALMO 30, 10-17 (II) Supplica fiduciosa nell'afflizione


Padre nelle tue mani consegno il mio spirito (Lc 23, 46).

Abbi pietà di me, Signore, sono nell'affanno; †


per il pianto si struggono i miei occhi, *
la mia anima e le mie viscere.

Si consuma nel dolore la mia vita, *


i miei anni passano nel gemito;
inaridisce per la pena il mio vigore, *
si dissolvono tutte le mie ossa.

Sono l'obbrobrio dei miei nemici,


il disgusto dei miei vicini, †
l'orrore dei miei conoscenti; *
chi mi vede per strada mi sfugge.

Sono caduto in oblio come un morto, *


sono divenuto un rifiuto.

Se odo la calunnia di molti, *


il terrore mi circonda;
quando insieme contro di me congiurano, *
tramano di togliermi la vita.

Ma io confido in te, Signore; †


dico: «Tu sei il mio Dio, *
nelle tue mani sono i miei giorni».

Liberami dalla mano dei miei nemici, *


dalla stretta dei miei persecutori:
fa’ splendere il tuo volto sul tuo servo, *
salvami per la tua misericordia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Fa' splendere il tuo volto sul tuo servo,
Signore.

3^ Antifona
Benedetto il Signore:
il suo amore per me ha fatto meraviglie.

SALMO 30, 20-25 (III) Supplica fiduciosa nell'afflizione


Padre nelle tue mani consegno il mio spirito (Lc 23, 46).

Quanto è grande la tua bontà, Signore! *


La riservi per coloro che ti temono,
ne ricolmi chi in te si rifugia *
davanti agli occhi di tutti.

Tu li nascondi al riparo del tuo volto, *


lontano dagli intrighi degli uomini;
li metti al sicuro nella tua tenda, *
lontano dalla rissa delle lingue.

Benedetto il Signore, †
che ha fatto per me meraviglie di grazia *
in una fortezza inaccessibile.

Io dicevo nel mio sgomento: *


«Sono escluso dalla tua presenza».
Tu invece hai ascoltato la voce della mia preghiera *
quando a te gridavo aiuto.

Amate il Signore, voi tutti suoi santi; †


il Signore protegge i suoi fedeli *
e ripaga oltre misura l'orgoglioso.

Siate forti, riprendete coraggio, *


o voi tutti che sperate nel Signore.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.
3^ Antifona
Benedetto il Signore:
il suo amore per me ha fatto meraviglie.

Versetto
V. Convertitevi, e credete al Vangelo:
R. il regno di Dio è vicino.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo 14, 10-31

Il passaggio del Mare Rosso


Un giorno quando il faraone fu vicino, gli Israeliti alzarono gli occhi: ecco, gli Egiziani
muovevano il campo dietro di loro! Allora gli Israeliti ebbero grande paura e gridarono al
Signore. Poi dissero a Mosè: «Forse perché non c'erano sepolcri in Egitto ci hai portati a morire
nel deserto? Che hai fatto, portandoci fuori dall'Egitto? Non ti dicevamo in Egitto: Lasciaci stare
e serviremo gli Egiziani, perché è meglio per noi servire l'Egitto che morire nel deserto?». Mosè
rispose: «Non abbiate paura! Siate forti e vedrete la salvezza che il Signore oggi opera per voi;
perché gli Egiziani che voi oggi vedete, non li rivedrete mai più! Il Signore combatterà per voi, e
voi starete tranquilli».
Il Signore disse a Mosè: «Perché gridi verso di me? Ordina agli Israeliti di riprendere il
cammino. Tu intanto alza il bastone, stendi la mano sul mare e dividilo, perché gli Israeliti
entrino nel mare all'asciutto. Ecco io rendo ostinato il cuore degli Egiziani, così che entrino
dietro di loro e io dimostri la mia gloria sul faraone e tutto il suo esercito, sui suoi carri e sui suoi
cavalieri. Gli Egiziani sapranno che io sono il Signore, quando dimostrerò la mia gloria contro il
faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri».
L'angelo di Dio, che precedeva l'accampamento d'Israele, cambiò posto e passò indietro. Anche
la colonna di nube si mosse e dal davanti passò indietro. Venne così a trovarsi tra
l'accampamento degli Egiziani e quello d'Israele. Ora la nube era tenebrosa per gli uni, mentre
per gli altri illuminava la notte; così gli uni non poterono avvicinarsi agli altri durante tutta la
notte.
Allora Mosè stese la mano sul mare. E il Signore durante tutta la notte, risospinse il mare con un
forte vento d'oriente, rendendolo asciutto; le acque si divisero. Gli Israeliti entrarono nel mare
asciutto, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e a sinistra. Gli Egiziani li
inseguirono con tutti i cavalli del faraone, i suoi carri e i suoi cavalieri, entrando dietro di loro in
mezzo al mare.
Ma alla veglia del mattino il Signore dalla colonna di fuoco e di nube gettò uno sguardo sul
campo degli Egiziani e lo mise in rotta. Frenò le ruote dei loro carri, così che a stento riuscivano
a spingerle. Allora gli Egiziani dissero: «Fuggiamo di fronte a Israele, perché il Signore
combatte per loro contro gli Egiziani!».
Il Signore disse a Mosè: «Stendi la mano sul mare: le acque si riversino sugli Egiziani, sui loro
carri e i loro cavalieri».
Mosè stese la mano sul mare e il mare, sul far del mattino, tornò al suo livello consueto, mentre
gli Egiziani, fuggendo, gli si dirigevano contro. Il Signore li travolse così in mezzo al mare. Le
acque ritornarono e sommersero i carri e i cavalieri di tutto l'esercito del faraone, che erano
entrati nel mare dietro a Israele: non ne scampò neppure uno. Invece gli Israeliti avevano
camminato sull'asciutto in mezzo al mare, mentre le acque erano per loro una muraglia a destra e
a sinistra. In quel giorno il Signore salvò Israele dalla mano degli Egiziani e Israele vide gli
Egiziani morti sulla riva del mare; Israele vide la mano potente con la quale il Signore aveva
agito contro l'Egitto e il popolo temette il Signore e credette in lui e nel suo servo Mosè.

Responsorio Cfr. Es 15, 1. 2. 3.


R. Cantiamo al Signore: ha fatto cose stupende; cavallo e cavaliere li ha gettati nel mare. * Mia
forza e mio canto è il Signore: lui mi ha salvato.
V. Il Signore è prode in guerra, Onnipotente è il suo nome:
R. mia forza e mio canto è il Signore: lui mi ha salvato.

Seconda Lettura
Dalle «Catechesi» di san Giovanni Crisostomo, vescovo
(Catech. 3, 24-27; Sc 50 bis, 165-167)

Mosè e Cristo
I Giudei videro dei miracoli. Anche tu ne vedrai di maggiori e di più famosi di quelli che essi
videro all'uscita dall'Egitto. Tu non hai visto il faraone sommerso con il suo esercito, ma hai
visto il diavolo affondare con le sue schiere. I Giudei attraversarono il mare, tu hai sorpassato la
morte. Essi furono liberati dagli Egiziani, tu dai demoni. Essi lasciarono una schiavitù barbara,
tu la schiavitù molto più triste del peccato.
Osserva come tu sei stato favorito con doni più grandi. I Giudei non poterono allora contemplare
il volto splendente di Mosè, benché fosse ebreo e schiavo come loro. Tu invece hai visto il volto
di Cristo nella sua gloria. Anche Paolo esclama: Noi a viso aperto contempliamo la gloria del
Signore (cfr. 2 Cor 3, 18). I Giudei erano seguiti dal Cristo, ora invece egli segue noi in modo
più vero.
Essi dopo l'Egitto trovarono il deserto, mentre tu dopo la morte troverai il cielo. Essi avevano
come guida e capo Mosè, noi invece un altro Mosè, lo stesso Dio che ci guida e comanda.
Quale fu la caratteristica del primo Mosè? Mosè, dice la Scrittura, era l'uomo più mite della terra
(cfr. Nm 12, 3). Questa caratteristica possiamo senz'altro attribuirla al nostro Mosè, che era
assistito dal dolcissimo e a lui consustanziale Spirito. Mosè levava le mani al cielo facendone
scendere la manna, pane degli angeli. Il nostro Mosè leva le mani al cielo e ci procura un cibo
eterno. Il primo percosse la pietra, facendone scaturire torrenti d'acqua. Questi tocca la mensa,
percuote la mistica tavola fa sgorgare le fonti dello Spirito. Ecco il motivo per il quale la mensa è
posta al centro, come una sorgente, perché i greggi accorrano da tutte le parti ad essa e si
dissetino alle sue acqua salutari.
Possedendo pertanto una simile sorgente, una tale fontana di vita, una mensa così carica di beni e
così ridondante di favori spirituali, accostiamoci con cuore sincero e coscienza pura per ottenere
grazia e perdono nel tempo opportuno.
Per la grazia e la misericordia del Figlio unigenito di Dio, il Signore e Salvatore nostro Gesù
Cristo, per mezzo del quale al Padre e allo Spirito Santo sia gloria, onore, potere ora e sempre, e
nei secoli dei secoli. Amen.
Responsorio Cfr. Eb 11, 24-25. 26. 27
R. Per fede, Mosè non volle appartenere alla famiglia del faraone, preferendo soffrire con il
popolo di Dio che godere per breve tempo del peccato: * guardava alla ricompensa che viene da
Dio.
V. Stimava l'obbrobrio di Cristo ricchezza maggiore dei tesori d'Egitto; e per fede lasciò quella
terra:
R. guardava alla ricompensa che viene da Dio.

Orazione
O Dio, che hai ordinato la penitenza del corpo come medicina dell'anima, fa' che ci asteniamo da
ogni peccato per aver la forza di osservare i comandamenti del tuo amore. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

II SETTIMANA DI QUARESIMA - LUNEDÌ


LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Nella santa assemblea,
o nel segreto dell'anima,
prostriamoci e imploriamo
la divina clemenza.

Dall'ira del giudizio


liberaci, o Padre buono;
non togliere ai tuoi figli
il segno della tua gloria.
Ricorda che ci plasmasti
col soffio del tuo Spirito:
siam tua vigna, tuo popolo,
e opera delle tue mani.

Perdona i nostri errori,


sana le nostre ferite,
guidaci con la tua grazia
alla vittoria pasquale.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

1^ Antifona
L'anima mia ha sete del Dio vivente,
quando vedrò il suo volto?

SALMO 41 Desiderio del Signore e del suo tempio


Chi ha sete venga: chi vuole attinga gratuitamente l'acqua della vita (Ap 22, 17).

Come la cerva anela ai corsi d'acqua, *


così l'anima mia anela a te, o Dio.
L'anima mia ha sete di Dio, del Dio vivente: *
quando verrò e vedrò il volto di Dio?

Le lacrime sono mio pane giorno e notte, *


mentre mi dicono sempre: «Dov'è il tuo Dio?».

Questo io ricordo, e il mio cuore si strugge: †


attraverso la folla avanzavo tra i primi *
fino alla casa di Dio,

in mezzo ai canti di gioia *


di una moltitudine in festa.

Perché ti rattristi, anima mia, *


perché su di me gemi?
Spera in Dio: ancora potrò lodarlo, *
lui, salvezza del mio volto e mio Dio.

In me si abbatte l'anima mia; †


perciò di te mi ricordo *
dal paese del Giordano e dell'Ermon,
dal monte Mizar.

Un abisso chiama l'abisso


al fragore delle tue cascate; *
tutti i tuoi flutti e le tue onde
sopra di me sono passati.

Di giorno il Signore mi dona la sua grazia, †


di notte per lui innalzo il mio canto: *
la mia preghiera al Dio vivente.

Dirò a Dio, mia difesa: †


«Perché mi hai dimenticato? *
Perché triste me ne vado, oppresso dal nemico?».

Per l'insulto dei miei avversari


sono infrante le mie ossa; *
essi dicono a me tutto il giorno:
«Dov'è il tuo Dio?».

Perché ti rattristi, anima mia, *


perché su di me gemi?
Spera in Dio: ancora potrò lodarlo, *
lui, salvezza del mio volto e mio Dio.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
L'anima mia ha sete del Dio vivente,
quando vedrò il suo volto?

2^ Antifona
Manifesta, Signore,
la luce del tuo perdono.

CANTICO Sir 36, 1-5. 10-13 Preghiera per il popolo santo di Dio
Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù
Cristo (Gv 17, 3)

Abbi pietà di noi,


Signore Dio dell’universo e guarda, *
infondi il tuo timore su tutte le nazioni.

Alza la tua mano sulle nazioni straniere, *


perché vedano la tua potenza.

Come ai loro occhi ti sei mostrato santo


in mezzo a noi, *
così ai nostri occhi mostrati grande fra di loro.

Ti riconoscano, come noi abbiamo riconosciuto *


che non c'è un Dio fuori di te, Signore.
Rinnova i segni e compi altri prodigi, *
glorifica la tua mano e il tuo braccio destro.

Raduna tutte le tribù di Giacobbe, *


rendi loro il possesso come era al principio.

Abbi pietà, Signore,


del popolo chiamato con il tuo nome, *
di Israele che hai trattato come un primogenito.

Abbi pietà della città tua santa, *


di Gerusalemme tua dimora.
Riempi Sion del tuo splendore, *
il tuo popolo della tua gloria

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Manifesta, Signore,
la luce del tuo perdono.

3^ Antifona
Benedetto sei tu, Signore,
nell'alto dei cieli.

SALMO 18 A Inno al Dio creatore


Ci ha visitati dall'alto un sole che sorge... a dirigere i nostri passi sulla via della pace (Lc 1,
78.79)

I cieli narrano la gloria di Dio, *


e l'opera delle sue mani annunzia il firmamento.
Il giorno al giorno ne affida il messaggio *
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

Non è linguaggio e non sono parole *


di cui non si oda il suono.
Per tutta la terra si diffonde la loro voce *
e ai confini del mondo la loro parola.

Là pose una tenda per il sole †


che esce come sposo dalla stanza nuziale, *
esulta come prode che percorre la via.

Egli sorge da un estremo del cielo †


e la sua corsa raggiunge l'altro estremo: *
nulla si sottrae al suo calore.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Benedetto sei tu, Signore,
nell'alto dei cieli.

Lettura Breve Pro 19, 17. 20-23


Chi fa la carità al povero fa un prestito al Signore che gli ripagherà la buona azione. Ascolta il
consiglio e accetta la correzione, per essere saggio in avvenire. Molte sono le idee nella mente
dell'uomo, ma solo il disegno del Signore resta saldo. Il pregio dell'uomo è la sua bontà, meglio
un povero che un bugiardo. Il timore di Dio conduce alla vita e chi ne è pieno riposerà non
visitato dalla sventura.

Responsorio Breve
R. Chi soccorre il fratello, lo salva * e soccorre Cristo.
Chi soccorre il fratello, lo salva e soccorre Cristo.
V. Se dà al povero, non soffre indigenza,
e soccorre Cristo.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Chi soccorre il fratello, lo salva e soccorre Cristo.

Antifona al Benedictus
Amate e perdonate
come il Padre vostro, dice il Signore.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *


perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Amate e perdonate
come il Padre vostro, dice il Signore.

Invocazioni
Benediciamo Dio Padre, che ci fa dono di questa giornata perché la dedichiamo alla sua lode e la
santifichiamo con ogni genere di opere buone. Diciamo con fede:
Donaci la tua sapienza, Signore.

Dio grande e misericordioso, donaci lo spirito di orazione e di penitenza,


- suscita in noi un vero amore per te e per il nostro prossimo.

Fa' che collaboriamo a edificare un mondo nuovo,


- perché la giustizia e la pace di Cristo regnino su tutta la terra.

Rivelaci il valore autentico di tutte le realtà create,


- perché le associamo al nostro cantico di lode.

Perdonaci, Signore, se non ti abbiamo riconosciuto nei poveri, negli infelici, negli emarginati,
- e se abbiamo oltraggiato il tuo Figlio in questi nostri fratelli.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che hai ordinato la penitenza del corpo come medicina dell'anima, fa' che ci asteniamo da
ogni peccato per aver la forza di osservare i comandamenti del tuo amore. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ora Media


II SETTIMANA DI QUARESIMA - LUNEDÌ

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.
NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 118, 41-48 VI (Vau)


Venga a me, Signore, la tua grazia, *
la tua salvezza secondo la tua promessa;
a chi mi insulta darò una risposta, *
perché ho fiducia nella tua parola.

Non togliere mai dalla mia bocca la parola vera, *


perché confido nei tuoi giudizi.
Custodirò la tua legge per sempre, *
nei secoli, in eterno.

Sarò sicuro nel mio cammino, *


perché ho ricercato i tuoi voleri.
Davanti ai re parlerò della tua alleanza *
senza temere la vergogna.

Gioirò per i tuoi comandi *


che ho amati.
Alzerò le mani ai tuoi precetti che amo, *
mediterò le tue leggi.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 39, 2-9 (I) Ringraziamento e domanda di aiuto


Entrando nel mondo Cristo dice: Tu non hai voluto né sacrificio, né offerta, un corpo invece mi
hai preparato (Eb 10,5).

Ho sperato: ho sperato nel Signore †


ed egli su di me si è chinato, *
ha dato ascolto al mio grido.

Mi ha tratto dalla fossa della morte, *


dal fango della palude;
i miei piedi ha stabilito sulla roccia, *
ha reso sicuri i miei passi.
Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, *
lode al nostro Dio.

Molti vedranno e avranno timore *


e confideranno nel Signore.

Beato l'uomo che spera nel Signore †


e non si mette dalla parte dei superbi, *
né si volge a chi segue la menzogna.

Quanti prodigi tu hai fatto, Signore Dio mio, †


quali disegni in nostro favore! *
Nessuno a te si può paragonare.

Se li voglio annunziare e proclamare *


sono troppi per essere contati.

Sacrificio e offerta non gradisci, *


gli orecchi mi hai aperto.
Non hai chiesto olocausto e vittima per la colpa. *
Allora ho detto: «Ecco, io vengo.

Sul rotolo del libro, di me è scritto *


di compiere il tuo volere.
Mio Dio, questo io desidero, *
la tua legge è nel profondo del mio cuore».

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 39, 10-4. 17-18 (II) Ringraziamento e domanda di aiuto


Entrando nel mondo Cristo dice: Tu non hai voluto né sacrificio, né offerta, un corpo invece mi
hai preparato (Eb 10,5).

Ho annunziato la tua giustizia


nella grande assemblea; *
vedi, non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.

Non ho nascosto la tua giustizia in fondo al cuore, *


la tua fedeltà e la tua salvezza ho proclamato.

Non ho nascosto la tua grazia *


e la tua fedeltà alla grande assemblea.
Non rifiutarmi, Signore, la tua misericordia, *
la tua fedeltà e la tua grazia
mi proteggano sempre,

poiché mi circondano mali senza numero, †


le mie colpe mi opprimono *
e non posso più vedere.

Sono più dei capelli del mio capo, *


il mio cuore viene meno.

Dégnati, Signore, di liberarmi; *


accorri, Signore, in mio aiuto.

Esultino e gioiscano in te quanti ti cercano, †


dicano sempre: «Il Signore è grande» *
quelli che bramano la tua salvezza.

Io sono povero e infelice; *


di me ha cura il Signore.
Tu, mio aiuto e mia liberazione, *
mio Dio, non tardare.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Sap 11, 23-24


Tu hai compassione di tutti, Signore, perché tutto tu puoi, non guardi ai peccati degli uomini, in
vista del pentimento. Poiché tu ami tutte le cose esistenti e nulla disprezzi di quanto hai creato.

V. Un cuore puro crea in me, o Signore,


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Ez 18, 23


Forse che io ho piacere della morte del malvagio, dice il Signore Dio, o non piuttosto che desista
dalla sua condotta e viva?

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Cfr. Is 58, 7


Dividi il pane con l'affamato, introduci in casa i miseri, senza tetto, vesti chi è nudo, senza
distogliere gli occhi da quelli della tua gente.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

Orazione
O Dio, che hai ordinato la penitenza del corpo come medicina dell'anima, fa' che ci asteniamo da
ogni peccato per aver la forza di osservare i comandamenti del tuo amore. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Vespri

II SETTIMANA DI QUARESIMA - LUNEDÌ


VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.

Tu che scruti e conosci


i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.

Grande è il nostro peccato,


ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.

Risplenda la tua lampada


sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.

Ascolta, o Padre altissimo,


tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.

1^ Antifona
Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo,
sulle tue labbra è diffusa la grazia.

SALMO 44, 2-10 (I) Le nozze del Re


A mezzanotte si levò un grido: Ecco lo sposo: andategli incontro (Mt 25, 6).

Effonde il mio cuore liete parole, †


io canto al re il mio poema. *
La mia lingua è stilo di scriba veloce.

Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, †


sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
ti ha benedetto Dio per sempre.

Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †


nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.

La tua destra ti mostri prodigi: †


le tue frecce acute
colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
sotto di te cadono i popoli.

Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *


è scettro giusto lo scettro del tuo regno.

Ami la giustizia e l'empietà detesti: †


Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.

Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, *


dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
alla tua destra la regina in ori di Ofir.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo,
sulle tue labbra è diffusa la grazia.

2^ Antifona
Ecco lo sposo che viene:
andiamo incontro a Cristo Signore.

SALMO 44, 11-18 (II) La Regina e la Sposa


Vidi la nuova Gerusalemme... pronta come una sposa adorna per il suo sposo (Ap 21, 2).

Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, *


dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
Egli è il tuo Signore: pròstrati a lui.

Da Tiro vengono portando doni, *


i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.

La figlia del re è tutta splendore, *


gemme e tessuto d'oro è il suo vestito.
E' presentata al re in preziosi ricami; *
con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
entrano insieme nel palazzo regale.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *


li farai capi di tutta la terra.

Farò ricordare il tuo nome


per tutte le generazioni, *
e i popoli ti loderanno
in eterno, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Ecco lo sposo che viene:
andiamo incontro a Cristo Signore.

3^ Antifona
Ora si compie il disegno del Padre:
fare di Cristo il cuore del mondo.

CANTICO Ef 1, 3-10 Dio salvatore


Benedetto sia Dio,
Padre del Signore nostro Gesù Cristo, *
che ci ha benedetti
con ogni benedizione spirituale nei cieli, in Cristo.

In lui ci ha scelti *
prima della creazione del mondo,
per trovarci, al suo cospetto, *
santi e immacolati nell'amore.

Ci ha predestinati *
a essere suoi figli adottivi
per opera di Gesù Cristo, *
secondo il beneplacito del suo volere,

a lode e gloria
della sua grazia, *
che ci ha dato
nel suo Figlio diletto.

In lui abbiamo la redenzione


mediante il suo sangue, *
la remissione dei peccati
secondo la ricchezza della sua grazia.

Dio l'ha abbondantemente riversata su di noi


con ogni sapienza e intelligenza, *
poiché egli ci ha fatto conoscere
il mistero del suo volere,

il disegno di ricapitolare in Cristo


tutte le cose, *
quelle del cielo
come quelle della terra.

Nella sua benevolenza


lo aveva in lui prestabilito *
per realizzarlo
nella pienezza dei tempi.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Ora si compie il disegno del Padre:
fare di Cristo il cuore del mondo.

Lettura breve Eb 3, 12-14


Guardate, fratelli, che non si trovi in nessuno di voi un cuore perverso e senza fede che si
allontani dal Dio vivente. Esortatevi piuttosto a vicenda ogni giorno, finché dura quest'oggi, (Sal
94, 8), perché nessuno di voi si indurisca sedotto dal peccato. Siamo diventati infatti partecipi di
Cristo, a condizione di mantenere salda sino alla fine la fiducia che abbiamo avuta da principio.

Responsorio Breve
R. Ora è il momento favorevole, * ora è il giorno della salvezza.
Ora è il momento favorevole, ora è il giorno della salvezza.
V. Non vi sia data invano la grazia del Signore:
ora è il giorno della salvezza.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ora è il momento favorevole, ora è il giorno della salvezza.
Antifona al Magnificat
Non condannate,
e non sarete condannati, dice il Signore;
come giudicate, così sarete giudicati.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *


D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *


ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *


ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
Non condannate,
e non sarete condannati, dice il Signore;
come giudicate, così sarete giudicati.

Intercessioni
Dio nostro Padre ha promesso per bocca del suo Figlio di donarci tutto ciò che gli chiediamo
uniti nel suo nome. Confortati da questa parola, innalziamo a lui la nostra preghiera comunitaria:
Ascolta la voce della tua Chiesa, Signore.

O Dio, che hai perfezionato per mezzo del tuo Cristo la legge data da Mosè sul monte Sinai,
- fa' che tutti riconoscano la legge che tu hai scritto nel loro cuore e la custodiscano come un
patto di alleanza.

Ispira alle guide del tuo popolo una profonda sollecitudine pastorale,
- crea in tutta la comunità un vero desiderio d'intesa e di collaborazione.

Ritempra la mente e il cuore dei missionari del Vangelo,


- suscita dovunque collaboratori e ausiliari della loro opera.

Fa' che i fanciulli crescano in età, sapienza e grazia davanti a te e davanti agli uomini,
- e i giovani scoprano la tua carità nella purezza del loro amore e nell'impegno al servizio del
prossimo.

Ricordati dei nostri fratelli che si sono addormentati nella fede,


- rendili partecipi dell'eredità eterna.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che hai ordinato la penitenza del corpo come medicina dell'anima, fa' che ci asteniamo da
ogni peccato per aver la forza di osservare i comandamenti del tuo amore. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.
22 Marzo

Liturgia delle Ore - Ufficio delle Letture

II SETTIMANA DI QUARESIMA - MARTEDÌ


UFFICIO DELLE LETTURE

INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.

Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.

Venite, applaudiamo al Signore, *


acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).
Ascoltate oggi la sua voce: †
« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
Protesi alla gioia pasquale,
sulle orme di Cristo Signore,
seguiamo l'austero cammino
della santa Quaresima.

La legge e i profeti annunziarono


dei quaranta giorni il mistero;
Gesù consacrò nel deserto
questo tempo di grazia.

Sia parca e frugale la mensa,


sia sobria la lingua ed il cuore;
fratelli, è tempo di ascoltare
la voce dello Spirito.

Forti nella fede vigiliamo


contro le insidie del nemico:
ai servi fedeli è promessa
la corona di gloria.

Sia lode al Padre onnipotente,


al Figlio Gesù redentore,
allo Spirito Santo Amore,
nei secoli dei secoli. Amen.
1^ Antifona
Affida al Signore la tua via,
ed egli compirà la sua opera.

SALMO 36, 1-11 (I) Il destino dell'empio e del giusto


Beati i miti perché erediteranno la terra (Mt 5, 5).

Non adirarti contro gli empi, *


non invidiare i malfattori.
Come fieno presto appassiranno, *
cadranno come erba del prato.

Confida nel Signore e fa’ il bene, *


abita la terra e vivi con fede.
Cerca la gioia nel Signore, *
esaudirà i desideri del tuo cuore.

Manifesta al Signore la tua via, *


confida in lui: compirà la sua opera;
farà brillare come luce la tua giustizia, *
come il meriggio il tuo diritto.

Sta’ in silenzio davanti al Signore *


e spera in lui;
non irritarti per chi ha successo, *
per l'uomo che trama insidie.

Desisti dall'ira e deponi lo sdegno, *


non irritarti: faresti del male,
poiché i malvagi saranno sterminati, *
ma chi spera nel Signore possederà la terra.

Ancora un poco e l'empio scompare, *


cerchi il suo posto e più non lo trovi.
I miti invece possederanno la terra *
e godranno di una grande pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Affida al Signore la tua via,
ed egli compirà la sua opera.

2^ Antifona
Allontanati dal male, fa' il bene:
il Signore sostiene i giusti.

SALMO 36, 12-29 (II) Il destino dell'empio e del giusto


Beati i miti perché erediteranno la terra (Mt 5, 5).

L'empio trama contro il giusto, *


contro di lui digrigna i denti.
Ma il Signore ride dell'empio, *
perché vede arrivare il suo giorno.

Gli empi sfoderano la spada


e tendono l'arco †
per abbattere il misero e l'indigente, *
per uccidere chi cammina sulla retta via.

La loro spada raggiungerà il loro cuore *


e i loro archi si spezzeranno.

Il poco del giusto è cosa migliore *


dell'abbondanza degli empi;
le braccia degli empi saranno spezzate, *
ma il Signore è il sostegno dei giusti.

Conosce il Signore la vita dei buoni, *


la loro eredità durerà per sempre.
Non saranno confusi nel tempo della sventura *
e nei giorni della fame saranno saziati.

Poiché gli empi periranno, †


i nemici del Signore appassiranno
come lo splendore dei prati, *
tutti come fumo svaniranno.

L'empio prende in prestito e non restituisce, *


ma il giusto ha compassione e dà in dono.

Chi è benedetto da Dio possederà la terra, *


ma chi è maledetto sarà sterminato.

Il Signore fa sicuri i passi dell'uomo *


e segue con amore il suo cammino.
Se cade, non rimane a terra, *
perché il Signore lo tiene per mano.

Sono stato fanciullo e ora sono vecchio, †


non ho mai visto il giusto abbandonato *
né i suoi figli mendicare il pane.

Egli ha sempre compassione e dà in prestito, *


per questo la sua stirpe è benedetta.

Sta’ lontano dal male e fa’ il bene, *


e avrai sempre una casa.

Perché il Signore ama la giustizia


e non abbandona i suoi fedeli; †
gli empi saranno distrutti per sempre *
e la loro stirpe sarà sterminata.

I giusti possederanno la terra *


e la abiteranno per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Allontànati dal male, fa' il bene:
il Signore sostiene i giusti.

3^ Antifona
Spera nel Signore
e segui la sua via.

SALMO 36, 30-40 (III) Il destino dell'empio e del giusto


Beati i miti perché erediteranno la terra (Mt 5, 5).

La bocca del giusto proclama la sapienza, *


e la sua lingua esprime la giustizia;
la legge del suo Dio è nel suo cuore, *
i suoi passi non vacilleranno.

L'empio spia il giusto *


e cerca di farlo morire.
Il Signore non lo abbandona alla sua mano, *
nel giudizio non lo lascia condannare.

Spera nel Signore e segui la sua via: †


ti esalterà e tu possederai la terra *
e vedrai lo sterminio degli empi.

Ho visto l'empio trionfante *


ergersi come cedro rigoglioso;
sono passato e più non c'era, *
l'ho cercato e più non si è trovato.

Osserva il giusto e vedi l'uomo retto, *


l'uomo di pace avrà una discendenza.
Ma tutti i peccatori saranno distrutti, *
la discendenza degli empi sarà sterminata.

La salvezza dei giusti viene dal Signore, *


nel tempo dell'angoscia è loro difesa;

il Signore viene in loro aiuto e li scampa, †


li libera dagli empi e dà loro salvezza, *
perché in lui si sono rifugiati.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Spera nel Signore
e segui la sua via.

Versetto
V. Ecco il tempo della grazia,
R. ecco i giorni della salvezza.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo 16, 1-18. 35

La pioggia della manna nel deserto


In quei giorni, i figli d'Israele levarono l'accampamento da Elim e tutta la comunità degli Israeliti
arrivò al deserto di Sin, che si trova tra Elim e il Sinai, il quindici del secondo mese dopo la loro
uscita dal paese d'Egitto.
Nel deserto tutta la comunità degli Israeliti mormorò contro Mosè e contro Aronne. Gli Israeliti
dissero loro: «Fossimo morti per mano del Signore nel paese d'Egitto, quando eravamo seduti
presso la pentola della carne, mangiando pane a sazietà! Invece ci avete fatti uscire in questo
deserto per far morire di fame tutta questa moltitudine».
Allora il Signore disse a Mosè: «Ecco, io sto per far piovere pane dal cielo per voi: il popolo
uscirà a raccoglierne ogni giorno la razione di un giorno, perché io lo metta alla prova, per
vedere se cammina secondo la mia legge o no. Ma il sesto giorno, quando prepareranno quello
che dovranno portare a casa, sarà il doppio di ciò che raccoglieranno ogni altro giorno».
Mosè e Aronne dissero a tutti gli Israeliti: «Questa sera saprete che il Signore vi ha fatti uscire
dal paese d'Egitto; domani mattina vedrete la Gloria del Signore; poiché egli ha inteso le vostre
mormorazioni contro di lui. Noi infatti che cosa siamo, perché mormoriate contro di noi?». Mosè
disse: «Quando il Signore vi darà alla sera la carne da mangiare e alla mattina il pane a sazietà,
sarà perché il Signore ha inteso le mormorazioni, con le quali mormorate contro di lui. Noi
infatti che cosa siamo? Non contro di noi vanno le vostre mormorazioni, ma contro il Signore».
Mosè disse ad Aronne: «Dà questo comando a tutta la comunità degli Israeliti: Avvicinatevi alla
presenza del Signore, perché egli ha inteso le vostre mormorazioni!». Ora mentre Aronne parlava
a tutta la comunità degli Israeliti, essi si voltarono verso il deserto: ed ecco la Gloria del Signore
apparve nella nube.
Il Signore disse a Mosè: «Ho inteso la mormorazione degli Israeliti. Parla loro così: Al tramonto
mangerete carne e alla mattina vi sazierete di pane; saprete che io sono il Signore vostro Dio».
Alla sera le quaglie salirono e coprirono l'accampamento; al mattino c'era uno strato di rugiada
intorno all'accampamento. Poi lo strato di rugiada svanì ed ecco sulla superficie del deserto vi
era una cosa minuta e granulosa, minuta come è la brina sulla terra. Gli Israeliti la videro e si
dissero l'un l'altro: «Man hu: che cos'è?», perché non sapevano che cosa fosse. Mosè disse loro:
«E' il pane che il Signore vi ha dato in cibo.
Ecco che cosa comanda il Signore: Raccoglietene quanto ciascuno può mangiarne, un omer a
testa, secondo il numero delle persone con voi. Ne prenderete ciascuno per quelli della propria
tenda».
Così fecero gli Israeliti. Ne raccolsero chi molto chi poco. Si misurò con l'omer: colui che ne
aveva preso di più, non ne aveva di troppo, colui che ne aveva preso di meno non ne mancava:
avevano raccolto secondo quanto ciascuno poteva mangiarne.
Gli Israeliti mangiarono la manna per quarant'anni, fino al loro arrivo in una terra abitata,
mangiarono cioè la manna finché furono arrivati ai confini del paese di Canaan.

Responsorio Cfr. Sap 16, 20; Gv 6, 32


R. Sfamasti il tuo popolo con un cibo di angeli, dal cielo offristi loro un pane già pronto senza
fatica, * che procura ogni delizia e soddisfa ogni gusto.
V. Non Mosè vi ha dato il pane dal cielo, ma il Padre mio vi dà il pane dal cielo, quello vero,
R. che procura ogni delizia e soddisfa ogni gusto.

Seconda Lettura
Dai «Commenti sui salmi» di sant'Agostino, vescovo
(Salmo 140, 4-6; CCL 40, 2028-2029)

La Passione di tutto il Corpo di Cristo


Signore, a te ho gridato, accorri in mio aiuto» (cfr. Sal 140, 1). Questo lo possiamo dire tutti.
Non lo dico io, bensì il Cristo totale. Ma fu detto da Cristo più specialmente in persona del
corpo, perché mentre era quaggiù, pregò portando la nostra umanità, pregò il Padre in persona
del corpo. Mentre infatti pregava, da tutto il suo corpo stillavano gocce di sangue, secondo
quanto troviamo nel vangelo: «Gesù pregò più intensamente, e sudò sangue» (Lc 22, 44). Che
cosa significa questa effusione di sangue da tutto il corpo, se non la passione che tutta la Chiesa
continua a sopportare nei suoi martiri?
«Signore, a te ho gridato, accorri in mio aiuto; ascolta la mia voce quando ti invoco» (cfr. Sal
140, 1). Credevi che fosse già terminata la pena del gridare, quando dicevi: «Ho gridato a te».
Hai gridato, si, ma non crederti ormai la sicuro. Se fosse passata definitivamente la tribolazione,
non occorrerebbe più gridare; ma se la tribolazione della Chiesa, cioè del corpo di Cristo,
continua sino alla fine del mondo, non dire soltanto: «Ho gridato a te, accorri in mio aiuto», ma
aggiungi: «ascolta la mia voce, quando ti invoco».
«Come incenso salga a te la mia preghiera, le mie mani alzate come sacrificio della sera» (Sal
140, 2).
Ogni cristiano sa che questa espressione viene attribuita al capo stesso. Infatti sul finire della
sera il Signore esalò in croce il suo spirito, che poi di nuovo avrebbe ripreso. Non lo esalò infatti
contro la sua volontà. Però siamo stati raffigurati anche in questo caso.
Qual parte di lui, infatti, pendeva dalla croce, se non ciò che aveva assunto da noi? Ed allora,
come potrebbe avvenire che in un dato momento il Padre lasci e abbandoni l'unico suo Figlio,
che è con lui un solo Dio? Tuttavia Cristo, crocifiggendo la nostra debolezza sulla croce, in cui,
come dice l'Apostolo: «Il nostro uomo vecchio è stato crocifisso con Lui» (Rm 6, 6), gridò con
la voce della nostra stessa umanità: «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?» (Sal 21, 1).
Questo, dunque, è il sacrificio vespertino: la passione del Signore, la croce del Signore, l'offerta
della vittima di salvezza, l'olocausto gradito a Dio.
E nella sua risurrezione cambiò quel sacrificio vespertino in offerta mattutina. La preghiera,
dunque, che si eleva incontaminata da un cuore fedele, sale come incenso dal santo altare.
Niente è più gradito del profumo del Signore. Di questo soave profumo olezzino tutti i credenti.
«Il nostro uomo vecchio, sono parole dell'Apostolo, è stato crocifisso con lui, perché fosse
distrutto il corpo del peccato, e noi non fossimo più schiavi del peccato» (Rm 6, 6).

Responsorio Cfr. Gal 2, 20


R. Sono stato crocifisso con Cristo: * non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.
V. Io vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me;
R. non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me.

Orazione
Custodisci, o Padre, la tua Chiesa con la tua continua benevolenza, e poiché, a causa della
debolezza umana, non può sostenersi senza di te, il tuo aiuto la liberi sempre da ogni pericolo e
la guidi alla salvezza eterna. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

II SETTIMANA DI QUARESIMA - MARTEDÌ


LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Nella santa assemblea,
o nel segreto dell'anima,
prostriamoci e imploriamo
la divina clemenza.

Dall'ira del giudizio


liberaci, o Padre buono;
non togliere ai tuoi figli
il segno della tua gloria.

Ricorda che ci plasmasti


col soffio del tuo Spirito:
siam tua vigna, tuo popolo,
e opera delle tue mani.

Perdona i nostri errori,


sana le nostre ferite,
guidaci con la tua grazia
alla vittoria pasquale.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

1^ Antifona
Manda la tua verità e la tua luce:
mi guidino al tuo monte santo.

SALMO 42 Desiderio del tempio di Dio


Io come luce sono venuto nel mondo (Gv 12, 46).

Fammi giustizia, o Dio, †


difendi la mia causa contro gente spietata; *
liberami dall'uomo iniquo e fallace.

Tu sei il Dio della mia difesa; †


perché mi respingi, *
perché triste me ne vado, oppresso dal nemico?

Manda la tua verità e la tua luce; †


siano esse a guidarmi, *
mi portino al tuo monte santo e alle tue dimore.

Verrò all'altare di Dio, †


al Dio della mia gioia, del mio giubilo. *
A te canterò con la cetra, Dio, Dio mio.

Perché ti rattristi, anima mia, *


perché su di me gemi?
Spera in Dio: ancora potrò lodarlo, *
lui, salvezza del mio volto e mio Dio.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Manda la tua verità e la tua luce:
mi guidino al tuo monte santo.

2^ Antifona
Ogni giorno della vita,
salvaci, Signore.

CANTICO Is 38, 10-14. 17-20


Angosce di un moribondo, gioia di un risanato
Io ero morto, ma ora vivo ... e ho potere sopra la morte (Ap 1, 17-18).

Io dicevo: «A metà della mia vita †


me ne vado alle porte degli inferi; *
sono privato del resto dei miei anni».

Dicevo: «Non vedrò più il Signore *


sulla terra dei viventi,
non vedrò più nessuno *
fra gli abitanti di questo mondo.

La mia tenda è stata divelta e gettata lontano, *


come una tenda di pastori.

Come un tessitore hai arrotolato la mia vita, †


mi recidi dall'ordito. *
In un giorno e una notte mi conduci alla fine».

Io ho gridato fino al mattino. *


Come un leone, così egli stritola tutte le mie ossa.
Pigolo come una rondine, *
gemo come una colomba.

Sono stanchi i miei occhi *


di guardare in alto.

Tu hai preservato la mia vita


dalla fossa della distruzione, *
perché ti sei gettato dietro le spalle
tutti i miei peccati.

Poiché non ti lodano gli inferi, *


né la morte ti canta inni;
quanti scendono nella fossa *
nella tua fedeltà non sperano.

Il vivente, il vivente ti rende grazie *


come io faccio quest'oggi.
Il padre farà conoscere ai figli *
la fedeltà del tuo amore.

Il Signore si è degnato di aiutarmi; †


per questo canteremo sulle cetre
tutti i giorni della nostra vita, *
canteremo nel tempio del Signore.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Ogni giorno della vita,
salvaci, Signore.

3^ Antifona
A te si deve lode, o Dio, in Sion! †

SALMO 64 Gioia delle creature di Dio per la sua provvidenza


Il Dio vivente.... non ha cessato di dar prova di sé concedendovi dal cielo piogge e stagioni
ricche di frutti, fornendovi di cibo e riempiendo i vostri cuori di letizia (cfr At 14, 15.17).

A te si deve lode, o Dio, in Sion; *


† a te si sciolga il voto in Gerusalemme.
A te, che ascolti la preghiera, *
viene ogni mortale.

Pesano su di noi le nostre colpe, *


ma tu perdoni i nostri peccati.

Beato chi hai scelto e chiamato vicino, *


abiterà nei tuoi atri.
Ci sazieremo dei beni della tua casa, *
della santità del tuo tempio.

Con i prodigi della tua giustizia, †


tu ci rispondi, o Dio, nostra salvezza, *
speranza dei confini della terra e dei mari lontani.

Tu rendi saldi i monti con la tua forza, *


cinto di potenza.

Tu fai tacere il fragore del mare, †


il fragore dei suoi flutti, *
tu plachi il tumulto dei popoli.

Gli abitanti degli estremi confini *


stupiscono davanti ai tuoi prodigi:
di gioia fai gridare la terra, *
le soglie dell'oriente e dell'occidente.

Tu visiti la terra e la disseti: *


la ricolmi delle sue ricchezze.
Il fiume di Dio è gonfio di acque; *
tu fai crescere il frumento per gli uomini.

Così prepari la terra: †


ne irrighi i solchi, ne spiani le zolle, *
la bagni con le piogge e benedici i suoi germogli.

Coroni l'anno con i tuoi benefici, *


al tuo passaggio stilla l'abbondanza.
Stillano i pascoli del deserto *
e le colline si cingono di esultanza.

I prati si coprono di greggi, †


di frumento si ammantano le valli; *
tutto canta e grida di gioia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
A te si deve lode, o Dio, in Sion!

Lettura Breve Sir 4, 1-5


Figlio, non rifiutare il sostentamento al povero, non essere insensibile allo sguardo dei bisognosi.
Non rattristare un affamato, non esasperare un uomo già in difficoltà. Non turbare un cuore
esasperato, non negare un dono al bisognoso. Non respingere la supplica di un povero, non
distogliere lo sguardo dall'indigente. Da chi ti chiede non distogliere lo sguardo, non offrire a
nessuno l'occasione di maledirti.

Responsorio Breve
R. Beato l'uomo che ha cura del debole: * il Signore veglia su di lui.
Beato l'uomo che ha cura del debole: il Signore veglia su di lui.
V. Lo farà vivere beato sulla terra:
il Signore veglia su di lui.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito santo.
Beato l'uomo che ha cura del debole: il Signore veglia su di lui.

Antifona al Benedictus
Uno solo è il vostro maestro,
che è nel cielo: Cristo Signore.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore
Benedetto il Signore Dio d'Israele, *
perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Uno solo è il vostro maestro,
che è nel cielo: Cristo Signore.
Invocazioni
Rendiamo grazie a Dio Padre, che nel suo Verbo fatto uomo ci ha donato il cibo della vita eterna.
Illuminati da questa fede, preghiamo:
La tua parola, Padre, dimori, abbondantemente in noi.

Fa' che viviamo la Quaresima nell'ascolto costante della tua parola,


- per celebrare degnamente il Cristo nostra Pasqua.

Il tuo Spirito sia il nostro maestro,


- perché possiamo aiutare i dubbiosi e gli erranti a seguire la via della verità.

Donaci di penetrare più profondamente il mistero di Cristo,


- e di esprimerlo più chiaramente nella vita.

Purifica e rinnova la tua chiesa in questi giorni di grazia,


- perché la sua testimonianza sia più coerente e incisiva.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
Custodisci, o Padre, la tua Chiesa con la tua continua benevolenza, e poiché, a causa della
debolezza umana, non può sostenersi senza di te, il tuo aiuto la liberi sempre da ogni pericolo e
la guidi alla salvezza eterna. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ora - Ore Media


II SETTIMANA DI QUARESIMA - MARTEDÌ

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.
Sia lode al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 118, 49-56 VII (Zain)


Ricorda la promessa fatta al tuo servo, *
con la quale mi hai dato speranza.
Questo mi consola nella miseria: *
la tua parola mi fa vivere.

I superbi mi insultano aspramente, *


ma non devìo dalla tua legge.
Ricordo i tuoi giudizi di un tempo, Signore, *
e ne sono consolato.

M'ha preso lo sdegno contro gli empi *


che abbandonano la tua legge.
Sono canti per me i tuoi precetti, *
nella terra del mio pellegrinaggio.

Ricordo il tuo nome lungo la notte *


e osservo la tua legge, Signore.
Tutto questo mi accade *
perché ho custodito i tuoi precetti.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 52 Stoltezza degli empi


Tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio, ma sono giustificati gratuitamente per la
sua grazia (Rm 3, 23.24)

Lo stolto pensa: «Dio non esiste». †


Sono corrotti, fanno cose abominevoli, *
nessuno fa il bene.

Dio dal cielo si china sui figli dell'uomo *


per vedere se c'è un uomo saggio che cerca Dio.

Tutti hanno traviato, tutti sono corrotti; *


nessuno fa il bene; neppure uno.

Non comprendono forse i malfattori †


che divorano il mio popolo come il pane *
e non invocano Dio?
Hanno tremato di spavento, *
là dove non c'era da temere.
Dio ha disperso le ossa degli aggressori, *
sono confusi perché Dio li ha respinti.

Chi manderà da Sion la salvezza di Israele? †


Quando Dio farà tornare i deportati
del suo popolo, *
esulterà Giacobbe, gioirà Israele.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 53, 1-6. 8-9 Invocazione d'aiuto


L'anima mia è turbata e che devo dire? Padre, salvami da quest'ora? Ma per questo sono giunto
a quest'ora! Padre glorifica il tuo nome ! (Gv 12, 27-28)

Dio, per il tuo nome, salvami, *


per la tua potenza rendimi giustizia.
Dio, ascolta la mia preghiera, *
porgi l'orecchio alle parole della mia bocca;

poiché sono insorti contro di me gli arroganti †


e i prepotenti insidiano la mia vita, *
davanti a sé non pongono Dio.

Ecco, Dio è il mio aiuto, *


il Signore mi sostiene.

Di tutto cuore ti offrirò un sacrificio, *


Signore, loderò il tuo nome perché è buono;
da ogni angoscia mi hai liberato *
e il mio occhio ha sfidato i miei nemici.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.
SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Gl 2, 17


Tra il vestibolo e l'altare piangano i sacerdoti, ministri del Signore, e dicano: «Perdona, Signore,
al tuo popolo e non esporre la tua eredità al vituperio e alla derisione delle genti».

V. Un cuore puro crea in me, o Signore,


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Ger 3, 25b


Abbiamo peccato contro il Signore nostro Dio, noi e i nostri padri, dalla nostra giovinezza fino
ad oggi; non abbiamo ascoltato la voce del Signore nostro Dio.

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Is 58, 1-2


Grida a squarciagola, non aver riguardo; come una tromba alza la voce; dichiara al mio popolo i
suoi delitti, alla casa di Giacobbe i suoi peccati. Mi ricercano ogni giorno, bramano di conoscere
le mie vie, come un popolo che pratichi la giustizia e non abbia abbandonato il diritto del suo
Dio; mi chiedono giudizi giusti, bramano la vicinanza di Dio.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

Orazione
Custodisci, o Padre, la tua Chiesa con la tua continua benevolenza, e poiché, a causa della
debolezza umana, non può sostenersi senza di te, il tuo aiuto la liberi sempre da ogni pericolo e
la guidi alla salvezza eterna. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
Liturgia delle Ore - Vespri

II SETTIMANA DI QUARESIMA - MARTEDÌ


VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.

Tu che scruti e conosci


i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.

Grande è il nostro peccato,


ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.

Risplenda la tua lampada


sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.

Ascolta, o Padre altissimo,


tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.

1^ Antifona
Non potete servire Dio e il denaro,
dice il Signore.

SALMO 48, 1-13 (I) Vanità delle ricchezze


Difficilmente un ricco entra nel regno dei cieli (Mt 19, 23).

Ascoltate, popoli tutti, *


porgete orecchio abitanti del mondo,
voi nobili e gente del popolo, *
ricchi e poveri insieme.

La mia bocca esprime sapienza, *


il mio cuore medita saggezza;
porgerò l'orecchio a un proverbio, *
spiegherò il mio enigma sulla cetra.

Perché temere nei giorni tristi, *


quando mi circonda la malizia dei perversi?
Essi confidano nella loro forza, *
si vantano della loro grande ricchezza.

Nessuno può riscattare se stesso, *


o dare a Dio il suo prezzo.

Per quanto si paghi il riscatto di una vita, †


non potrà mai bastare *
per vivere senza fine, e non vedere la tomba.

Vedrà morire i sapienti; †


lo stolto e l'insensato periranno insieme *
e lasceranno ad altri le loro ricchezze.

Il sepolcro
sarà loro casa per sempre, †
loro dimora per tutte le generazioni, *
eppure hanno dato il loro nome alla terra.

Ma l'uomo nella prosperità non comprende, *


è come gli animali che periscono.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Non potete servire Dio e il denaro,
dice il Signore.

2^ Antifona
Radunate i vostri tesori in cielo,
dice il Signore.

SALMO 48, 14-21 (II) L'umana ricchezza non salva


Stolto,... quello che hai preparato di chi sarà? Beato chi arricchisce davanti a Dio (cfr Lc 12,
20.21).

Questa è la sorte di chi confida in se stesso, *


l'avvenire di chi si compiace nelle sue parole.
Come pecore sono avviati agli inferi, *
sarà loro pastore la morte;

scenderanno a precipizio nel sepolcro, †


svanirà ogni loro parvenza: *
gli inferi saranno la loro dimora.

Ma Dio potrà riscattarmi, *


mi strapperà dalla mano della morte.

Se vedi un uomo arricchirsi, non temere, *


se aumenta la gloria della sua casa.
Quando muore, con sé non porta nulla, *
né scende con lui la sua gloria.

Nella sua vita si diceva fortunato: *


«Ti loderanno,
perché ti sei procurato del bene».

Andrà con la generazione dei suoi padri *


che non vedranno mai più la luce.

L'uomo nella prosperità non comprende, *


è come gli animali che periscono.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Radunate i vostri tesori in cielo,
dice il Signore.

3^ Antifona
Gloria a te, Agnello immolato,
a te potenza e onore nei secoli!

CANTICO Ap 4, 11; 5, 9. 10. 12 Inno dei salvati


Tu sei degno, o Signore e Dio nostro,
di ricevere la gloria, *
l'onore e la potenza,

perché tu hai creato tutte le cose, †


per la tua volontà furono create, *
per il tuo volere sussistono.

Tu sei degno, o Signore,


di prendere il libro *
e di aprirne i sigilli,

perché sei stato immolato †


e hai riscattato per Dio con il tuo sangue *
uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione

e li hai costituiti per il nostro Dio


un regno di sacerdoti *
e regneranno sopra la terra.

L'Agnello che fu immolato è degno di potenza, †


ricchezza, sapienza e forza, *
onore, gloria e benedizione.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Gloria a te, Agnello immolato,
a te potenza e onore nei secoli!

Lettura breve Eb 4, 12-13


La parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al
punto di divisione dell'anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e
i pensieri del cuore. Non v'è creatura che possa nascondersi davanti a lui, ma tutto è nudo e
scoperto agli occhi suoi e a lui noi dobbiamo rendere conto.
Responsorio Breve
R. Lampada ai miei passi * è la tua parola.
Lampada ai miei passi è la tua parola.
V. Luce sul mio cammino,
è la tua parola.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Lampada ai miei passi è la tua parola.

Antifona al Magnificat
Voi siete tutti fratelli:
uno solo è il vostro Padre, che è nel cielo,
uno solo il vostro maestro, Cristo.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *


D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *


ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *


ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
Voi siete tutti fratelli:
uno solo è il vostro Padre, che è nel cielo,
uno solo il vostro maestro, Cristo.

Intercessioni
Il Signore Gesù Cristo, esaltato sulla croce, attrae tutti a sé. S'innalzi a lui la nostra lode e la
nostra preghiera:
Tutta la terra ti ami e ti adori, Signore.

Gesù, che dall'alto della croce irradi sul mondo la tua luce,
- fa' che tutti gli uomini seguano te, via, verità e vita.

Dona l'acqua viva agli uomini assetati di giustizia,


- perché non abbiano sete in eterno.

Illumina con il tuo spirito gli umanisti, gli scienziati e gli artisti,
- perché collaborino a rendere gli uomini più aperti alla luce del Vangelo.

Metti una salutare inquietudine in coloro che si sono allontanati da te per colpa propria o per gli
scandali altrui,
- perché ritornino a te e rimangano sempre nel tuo amore.

Apri ai nostri morti le braccia della tua misericordia,


- perché si allietino con Maria e tutti i santi nella gioia del Paradiso.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
Custodisci, o Padre, la tua Chiesa con la tua continua benevolenza, e poiché, a causa della
debolezza umana, non può sostenersi senza di te, il tuo aiuto la liberi sempre da ogni pericolo e
la guidi alla salvezza eterna. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

23 Marzo

SAN TURIBIO DI MOGROVEJO, VESCOVO

Memoria facoltativa

LITURGIA DELLE ORE

Dal comune dei Pastori e Dottori della Chiesa

INVITATORIO

Versetto

V. Signore, apri le mie labbra

R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona

Venite, adoriamo il pastore supremo,

Cristo Signore. (T. P. alleluia).

Per un dottore della Chiesa:

Venite, adoriamo Cristo Signore,

fonte di ogni sapienza (T. P. alleluia).

SALMO 94 - Invito a lodare Dio

Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest'oggi» (Eb 3,13)


Venite, applaudiamo al Signore, *

acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.

Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *

a lui acclamiamo con canti di gioia. (Ant.)

Poiché grande Dio è il Signore, *

grande re sopra tutti gli dei.

Nella sua mano sono gli abissi della terra, *

sono sue le vette dei monti.

Suo è il mare, egli l'ha fatto, *

le sue mani hanno plasmato la terra. (Ant.)

Venite, prostràti adoriamo, *

in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.

Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo,*

il gregge che egli conduce. (Ant.)

Ascoltate oggi la sua voce: †

«Non indurite il cuore, *

come a Meriba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: †

mi misero alla prova *

pur avendo visto le mie opere. (Ant.)

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †

e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *

non conoscono le mie vie;


perciò ho giurato nel mio sdegno: *

Non entreranno nel luogo del mio riposo».(Ant.)

Gloria al Padre e al Figlio, *

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio e ora e sempre, *

nei secoli dei secoli. Amen (Ant.)

UFFICIO DELLE LETTURE

Introduzione

V. O Dio, vieni a salvarmi.

R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Inno nei tempi di Quaresima, Pasqua, Avvento e Natale

Gerusalemme nuova,

immagine di pace,

costruita per sempre

nell’amore del Padre.

Tu discendi dal cielo

Come vergine sposa,

per congiungerti a Cristo

nelle nozze eterne.

Dentro le tue mura,


risplendenti di luce,

si radunano in festa

gli amici del Signore:

pietre vive e preziose,

scolpite dallo Spirito

con la croce e il martirio

per la città dei santi.

Sia onore al Padre e al Figlio

E allo Spirito Santo,

al Dio trino ed unico

nei secoli dei secoli. Amen

1^ Antifona
Nell'intimo soffriamo,
aspettando la redenzione del nostro corpo.

SALMO 38, 2-7 (I) Preghiera nella malattia


La creazione è stata sottomessa alla caducità … e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla
schiavitù della corruzione per entrare nella gloria dei figli di Dio … ma anche noi gemiamo
aspettando la redenzione del nostro corpo (cfr. Rm 8, 20-23).

Ho detto: «Veglierò sulla mia condotta *


per non peccare con la mia lingua;
porrò un freno alla mia bocca *
mentre l'empio mi sta dinanzi».

Sono rimasto quieto in silenzio: tacevo privo di bene, *


la sua fortuna ha esasperato il mio dolore.
Ardeva il cuore nel mio petto, *
al ripensarci è divampato il fuoco;

allora ho parlato: *
«Rivelami, Signore, la mia fine;
quale sia la misura dei miei giorni *
e saprò quanto è breve la mia vita».

Vedi, in pochi palmi hai misurato i miei giorni, *


la mia esistenza davanti a te è un nulla.

Solo un soffio è ogni uomo che vive, *


come ombra è l'uomo che passa;
solo un soffio che si agita, *
accumula ricchezze e non sa chi le raccolga.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Nell'intimo soffriamo,
aspettando la redenzione del nostro corpo.

2^ Antifona
Ascolta la mia preghiera, Signore,
non essere sordo al mio pianto.

SALMO 38, 8-14 (II) Preghiera nella malattia


La creazione è stata sottomessa alla caducità … e nutre la speranza di essere lei pure liberata dalla
schiavitù della corruzione per entrare nella gloria dei figli di Dio … ma anche noi gemiamo
aspettando la redenzione del nostro corpo (cfr. Rm 8, 20-23).

Ora, che attendo, Signore? *


In te la mia speranza.
Liberami da tutte le mie colpe, *
non rendermi scherno dello stolto.

Sto in silenzio, non apro bocca, *


perché sei tu che agisci.
Allontana da me i tuoi colpi: *
sono distrutto sotto il peso della tua mano.

Castigando il suo peccato tu correggi l'uomo, †


corrodi come tarlo i suoi tesori. *
Ogni uomo non è che un soffio.

Ascolta la mia preghiera, Signore, *


porgi l'orecchio al mio grido,
non essere sordo alle mie lacrime, †
poiché io sono un forestiero, *
uno straniero come tutti i miei padri.
Distogli il tuo sguardo, che io respiri, *
prima che me ne vada e più non sia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Ascolta la mia preghiera, Signore,
non essere sordo al mio pianto.

3^ Antifona
Fiorente come un olivo
chi si abbandona in Dio.

SALMO 51 Contro un calunniatore


Chi si vanta si vanti nel Signore (1 Cor 1, 31)

Perché ti vanti del male, *


o prepotente nella tua malizia?

Ordisci insidie ogni giorno; †


la tua lingua è come lama affilata, *
artefice di inganni.

Tu preferisci il male al bene, †


la menzogna al parlare sincero. *
Ami ogni parola di rovina, o lingua di impostura.

Perciò Dio ti demolirà per sempre, †


ti spezzerà e ti strapperà dalla tenda *
e ti sradicherà dalla terra dei viventi.

Vedendo, i giusti saran presi da timore *


e di lui rideranno:

«Ecco l'uomo che non ha posto in Dio la sua difesa, †


ma confidava nella sua grande ricchezza *
e si faceva forte dei suoi crimini».

Io invece come olivo verdeggiante nella casa di Dio. †


Mi abbandono alla fedeltà di Dio *
ora e per sempre.

Voglio renderti grazie in eterno *


per quanto hai operato;
spero nel tuo nome, perché è buono, *
davanti ai tuoi fedeli.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Fiorente come un olivo
chi si abbandona in Dio.

Versetto
V. Convertitevi, e fate penitenza,
R. fatevi nuovi nel cuore e nello spirito.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo Es 17, 1-16

L'acqua scaturita dalla roccia.


La battaglia contro Amalek
Un giorno tutta la comunità degli Israeliti levò l'accampamento dal deserto di Sin, secondo l'ordine
che il Signore dava di tappa in tappa, e si accampò a Refidim. Ma non c'era acqua da bere per il
popolo. Il popolo protestò contro Mosè: «Dateci acqua da bere!». Mosè disse loro: «Perché
protestate con me? Perché mettete alla prova il Signore?». In quel luogo dunque il popolo soffriva
la sete per mancanza di acqua; il popolo mormorò contro Mosè e disse: «Perché ci hai fatti uscire
dall'Egitto per far morire di sete noi, i nostri figli e il nostro bestiame?». Allora Mosè invocò l'aiuto
del Signore, dicendo: «Che farò io per questo popolo? Ancora un poco e mi lapideranno!». Il
Signore disse a Mosè: «Passa davanti al popolo e prendi con te alcuni anziani di Israele. Prendi in
mano il bastone con cui hai percosso il Nilo, e va'! Ecco, io starò davanti a te sulla roccia, sull'Oreb;
tu batterai sulla roccia: ne uscirà acqua e il popolo berrà». Mosè così fece sotto gli occhi degli
anziani d'Israele. Si chiamò quel luogo Massa e Meriba, a causa della protesta degli Israeliti e
perché misero alla prova il Signore, dicendo: «Il Signore è in mezzo a noi sì o no?».
Allora Amalek venne a combattere contro Israele a Refidim. Mosè disse a Giosuè: «Scegli per noi
alcuni uomini ed esci in battaglia contro Amalek. Domani io starò ritto sulla cima del colle con in
mano il bastone di Dio». Giosuè eseguì quanto gli aveva ordinato Mosè per combattere contro
Amalek, mentre Mosè, Aronne, e Cur salirono sulla cima del colle. Quando Mosè alzava le mani,
Israele era il più forte, ma quando le lasciava cadere, era più forte Amalek. Poiché Mosè sentiva
pesare le mani dalla stanchezza, presero una pietra, la collocarono sotto di lui ed egli vi sedette,
mentre Aronne e Cur, uno da una parte e l'altro dall'altra, sostenevano le sue mani. Così le sue mani
rimasero ferme fino al tramonto del sole. Giosuè sconfisse Amalek e il suo popolo passandoli poi a
fil di spada. Allora il Signore disse a Mosè: «Scrivi questo per ricordo nel libro e mettilo negli
orecchi di Giosuè: io cancellerò del tutto la memoria di Amalek sotto il cielo!».
Allora Mosè costruì un altare, lo chiamò «Il Signore è il mio vessillo» e disse:
«Una mano s'è levata sul trono del Signore:
vi sarà guerra del Signore contro Amalek
di generazione in generazione!».

Responsorio Cfr. Is 12, 3. 4; Gv 4, 14


R. Attingete acqua con gioia alle sorgenti della salvezza. in quel giorno direte: * Lodate il Signore,
invocate il suo nome.
V. L'acqua che io vi darò diventerà in voi sorgente che zampilla per la vita eterna.
R. Lodate il Signore, invocate il suo nome.

Dal Decreto «Christus Dominus» del Concilio ecumenico Vaticano II sull`ufficio pastorale dei
vescovi nella Chiesa. (Nn. 12-13, 16)

Pronti per ogni opera buona

I vescovi nell`esercizio del loro ministero di insegnare, annunzino agli uomini il Vangelo di Cristo,
essendo questo uno dei principali loro doveri. Li chiamino alla fede in fortezza di Spirito oppure
ravvivino la fede che hanno già. Propongano loro tutto il mistero di Cristo, cioè quelle verità la cui
ignoranza è ignoranza di Cristo stesso, e così pure la via che è stata divinamente rivelata a
glorificazione di Dio e per ciò stesso al raggiungimento della beatitudine eterna.

Dimostrino inoltre che le stesse realtà terrestri e le istituzioni umane, secondo il disegno di Dio
creatore, possono essere anche ordinate alla salvezza degli uomini e perciò concorre non poco alla
edificazione del Corpo di Cristo. Insegnino pertanto, secondo la dottrina della Chiesa, quanto si
debba stimare la persona umana con la sua libertà e la stessa vita del corpo; la famiglia e la sua
unità e stabilità, la procreazione e educazione delle prole; la società civile con le sue leggi e
professioni; il lavoro e il riposo, le arti e la tecnica; la povertà e l`abbondanza dei mezzi materiali;
insegnino infine come si debbano risolvere le gravissime questioni del possesso dei beni materiali,
del loro incremento e della giusta distribuzione, della pace e della guerra e della convivenza fraterna
di tutti i popoli.

Propongono la dottrina cristiana in modo adatto alla necessità dei tempi, cioè che risponda alle
difficoltà e ai problemi da cui gli uomini sono soprattutto assillati ed angustiati; questa dottrina
difendano e insegnino ai fedeli stessi a difenderla e propagarla. Nell`insegnarla dimostrino la
materna sollecitudine della Chiesa verso tutti gli uomini sia fedeli che infedeli ed abbiano cura
particolare dei poveri e dei più umili, alla cui evangelizzazione il Signore li ha destinati.
Nell`esercizio del loro ufficio di padri e di pastori, i vescovi siano in mezzo ai loro fedeli come
quelli che servono, buoni pastori che conoscono le loro pecorelle e sono da esse conosciuti, veri
padri che si distinguono per spirito di amore e di sollecitudine verso tutti, alla cui autorità conferita
da Dio, tutti si sottomettono ben volentieri.

Radunino e formino l`intera famiglia del loro gregge in modo tale che tutti, consapevoli dei loro
doveri, vivano ed operino in comunione di carità. Per potere dar questo con efficacia i vescovi,
«pronti ad ogni opera buona e tutto sopportando per gli eletti» (2 Tm 2, 21. 10), devono ordinare la
loro vita in modo che sia confacente alle necessità dei tempi.

Responsorio breve

(Cfr. 1 Pt 5, 2. 3-4; At 20, 28)

R. Pascete il gregge di Dio, facendovi di buon animo modelli del gregge.

* Quando apparirà il pastore supremo, riceverete la corona della gloria immortale.

V. Vegliate su tutto il gregge, in mezzo al quale lo Spirito Santo vi ha posti come vescovi a pascere
la Chiesa di Dio.

R. Quando apparirà il pastore supremo, riceverete la corona della gloria immortale.

Preghiamo

Orazione

O Dio, che hai fecondato la tua Chiesa con le fatiche apostoliche del santo vescovo Turibio, suscita
nel popolo cristiano lo stesso ardore missionario per l'annunzio del Vangelo, perché cresca e si
rinnovi sempre nella fede e nella santità. Per il nostro Signore.

Benediciamo il Signore.

R. Rendiamo grazie a Dio.

LODI

Introduzione

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Inno nel tempo di Quaresima, Pasqua, Avvento e Natale

O Cristo, Verbo del Padre,

re glorioso fra i santi,

luce e salvezza del mondo

in te crediamo.

Cibo e bevanda di vita,

balsamo, veste , dimora,

forza, rifugio, conforto,

in te speriamo.

Illumina col tuo Spirito

L’oscura notte del male,

orienta il nostro cammino

incontro al Padre. Amen

1^ Antifona
Santa è la tua via:
chi è grande come te, Signore?

SALMO 76 Dio rinnova i prodigi del suo amore


Siamo tribolati da ogni parte, ma non schiacciati: colui che ha risuscitato Gesù risusciterà anche
noi (cfr 2 Cor 4, 8.14).

La mia voce sale a Dio e grido aiuto; *


la mia voce sale a Dio, finché mi ascolti.

Nel giorno dell'angoscia io cerco il Signore, †


tutta la notte la mia mano è tesa
e non si stanca; *
io rifiuto ogni conforto.

Mi ricordo di Dio e gemo, *


medito e viene meno il mio spirito.
Tu trattieni dal sonno i miei occhi, *
sono turbato e senza parole.

Ripenso ai giorni passati, *


ricordo gli anni lontani.
Un canto nella notte mi ritorna nel cuore: *
rifletto e il mio spirito si va interrogando.

Forse Dio ci respingerà per sempre, *


non sarà più benevolo con noi?
E' forse cessato per sempre il suo amore, *
è finita la sua promessa per sempre?

Può Dio aver dimenticato la misericordia, *


aver chiuso nell'ira il suo cuore?
E ho detto: «Questo è il mio tormento: *
è mutata la destra dell'Altissimo».

Ricordo le gesta del Signore, *


ricordo le tue meraviglie di un tempo.
Mi vado ripetendo le tue opere, *
considero tutte le tue gesta.

O Dio, santa è la tua via; *


quale dio è grande come il nostro Dio?
Tu sei il Dio che opera meraviglie, *
manifesti la tua forza fra le genti.

E' il tuo braccio che ha salvato il tuo popolo, *


i figli di Giacobbe e di Giuseppe.

Ti videro le acque, Dio, †


ti videro e ne furono sconvolte; *
sussultarono anche gli abissi.

Le nubi rovesciarono acqua, †


scoppiò il tuono nel cielo; *
le tue saette guizzarono.
Il fragore dei tuoi tuoni nel turbine, †
i tuoi fulmini rischiararono il mondo, *
la terra tremò e fu scossa.

Sul mare passava la tua via, †


i tuoi sentieri sulle grandi acque *
e le tue orme rimasero invisibili.

Guidasti come gregge il tuo popolo *


per mano di Mosè e di Aronne.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Santa è la tua via:
chi è grande come te, Signore?

2^ Antifona
Il mio cuore esulta nel Signore:
è lui che umilia e innalza.

CANTICO 1 Sam 2, 1-10 La gioia e la speranza degli umili è in Dio


Ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; ha ricolmato di beni gli affamati (Lc 1, 52-
53).

Il mio cuore esulta nel Signore, *


la mia fronte s'innalza grazie al mio Dio.
Si apre la mia bocca contro i miei nemici, *
perché io godo del beneficio che mi hai concesso.

Non c'è santo come il Signore, *


non c'è rocca come il nostro Dio.

Non moltiplicate i discorsi superbi, †


dalla vostra bocca non esca arroganza; *
perché il Signore è il Dio che sa tutto
e le sue opere sono rette.

L'arco dei forti s'è spezzato, *


ma i deboli sono rivestiti di vigore.

I sazi sono andati a giornata per un pane, *


mentre gli affamati han cessato di faticare.
La sterile ha partorito sette volte *
e la ricca di figli è sfiorita.

Il Signore fa morire e fa vivere, *


scendere agli inferi e risalire.
Il Signore rende povero e arricchisce, *
abbassa ed esalta.

Solleva dalla polvere il misero, *


innalza il povero dalle immondizie,
per farli sedere con i capi del popolo, *
e assegnare loro un seggio di gloria.

Perché al Signore appartengono i cardini della terra *


e su di essi fa poggiare il mondo.

Sui passi dei giusti egli veglia, †


ma gli empi svaniscono nelle tenebre. *
Certo non prevarrà l'uomo malgrado la sua forza.

Dal Signore saranno abbattuti i suoi avversari! *


L'Altissimo tuonerà dal cielo.

Il Signore giudicherà gli estremi confini della terra; †


al suo re darà la forza *
ed eleverà la potenza del suo Messia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Il mio cuore esulta nel Signore:
è lui che umilia e innalza.

3^ Antifona
Il Signore regna, esulti la terra. †

SALMO 96 La gloria del Signore nel giudizio


Questo salmo si riferisce alla salvezza e alla fede di tutte le genti in Cristo (sant'Atanasio).

Il Signore regna, esulti la terra, *


† gioiscano le isole tutte.
Nubi e tenebre lo avvolgono, *
giustizia e diritto sono la base del suo trono.

Davanti a lui cammina il fuoco *


e brucia tutt'intorno i suoi nemici.
Le sue folgori rischiarano il mondo: *
vede e sussulta la terra.

I monti fondono come cera davanti al Signore, *


davanti al Signore di tutta la terra.
I cieli annunziano la sua giustizia *
e tutti i popoli contemplano la sua gloria.

Siano confusi tutti gli adoratori di statue †


e chi si gloria dei propri idoli. *
Si prostrino a lui tutti gli dei!

Ascolta Sion e ne gioisce, †


esultano le città di Giuda *
per i tuoi giudizi, Signore.

Perché tu sei, Signore, l'Altissimo su tutta la terra, *


tu sei eccelso sopra tutti gli dèi.

Odiate il male, voi che amate il Signore: †


lui che custodisce la vita dei suoi fedeli *
li strapperà dalle mani degli empi.

Una luce si è levata per il giusto, *


gioia per i retti di cuore.
Rallegratevi, giusti, nel Signore, *
rendete grazie al suo santo nome.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Il Signore regna, esulti la terra.

Lettura Breve

Eb 13, 7-9a
Ricordatevi dei vostri capi, i quali vi hanno annunziato la parola di Dio; considerando attentamente
l'esito del loro tenore di vita, imitatene la fede. Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre! Non
lasciatevi sviare da dottrine varie e peregrine.

Responsorio Breve in Quaresima e per gli altri tempi.

R. Li hai posti come sentinelle, * vegliano sulla tua Chiesa.

Li hai posti come sentinelle, vegliano sulla tua Chiesa.

V. Giorno e notte annunziano il tuo nome,

vegliano sulla tua Chiesa.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Li hai posti come sentinelle, vegliano sulla tua Chiesa.

Antifona al Benedictus

Noi siete voi a parlare,

ma parla in voi lo Spirito del Padre (T. P. alleluia).

CANTICO DI ZACCARIA (Lc 1, 68-79)

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *

perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *

nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *

e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *

e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,

di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *

al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *

perché andrai innanzi al Signore

a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *

nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *

per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *

e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *

nei secoli dei secoli. Amen

Antifona al Benedictus

Noi siete voi a parlare,

ma parla in voi lo Spirito del Padre (T. P. alleluia).

Invocazioni
A Cristo, buon pastore, che ha dato la vita per le sue pecorelle, innalziamo con fiducia la nostra
preghiera: O Signore, guida il tuo popolo ai pascoli della vita eterna.

Cristo, che nei santi pastori (in san N.) ci hai dato un'immagine viva del tuo amore misericordioso,
- fa' che sperimentiamo in coloro che ci guidano la dolcezza della tua carità.

Tu, che nei tuoi vicari continui a svolgere la missione di maestro e di pastore,
- non cessare mai di governarci tu stesso nella persona dei tuoi ministri.

Tu, che nei santi pastori, posti al servizio del tuo popolo, ti sei fatto medico delle anime e dei corpi,
- fa' che non venga mai meno la tua presenza mediante ministri santi e santificatori.

Tu, che hai animato i fedeli con la sapienza e la carità dei santi (del santo dottore N.),
- fa' che i predicatori del Vangelo ci aiutino a conoscerti e ad amarti come vuoi tu.

Padre Nostro

Preghiamo

Orazione
O Dio, che hai fecondato la tua Chiesa con le fatiche apostoliche del santo vescovo Turibio, suscita
nel popolo cristiano lo stesso ardore missionario per l'annunzio del Vangelo, perché cresca e si
rinnovi sempre nella fede e nella santità. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

R. Amen

ORA MEDIA

II SETTIMANA DI QUARESIMA - MERCOLEDÌ

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 118, 57-64 VIII (Het)


La mia sorte, ho detto, Signore, *
è custodire le tue parole.
Con tutto il cuore ti ho supplicato, *
fammi grazia secondo la tua promessa.

Ho scrutato le mie vie, *


ho rivolto i miei passi verso i tuoi comandamenti.
Sono pronto e non voglio tardare *
a custodire i tuoi decreti.

I lacci degli empi mi hanno avvinto, *


ma non ho dimenticato la tua legge.
Nel cuore della notte mi alzo a renderti lode *
per i tuoi giusti decreti.

Sono amico di coloro che ti sono fedeli *


e osservano i tuoi precetti.
Del tuo amore, Signore, è piena la terra; *
insegnami il tuo volere.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 54, 2-12 (I) L'amico che tradisce


Giuda, con un bacio tradisci il figlio dell'uomo? (Lc 22,48).
Porgi l'orecchio, Dio, alla mia preghiera, †
non respingere la mia supplica; *
dammi ascolto e rispondimi.

Mi agito nel mio lamento *


e sono sconvolto al grido del nemico,
al clamore dell'empio.

Contro di me riversano sventura, *


mi perseguitano con furore.
Dentro di me freme il mio cuore, *
piombano su di me terrori di morte.

Timore e spavento mi invadono *


e lo sgomento mi opprime.
Dico: «Chi mi darà ali come di colomba, *
per volare e trovare riposo?

Ecco, errando, fuggirei lontano, *


abiterei nel deserto.
Riposerei in un luogo di riparo *
dalla furia del vento e dell'uragano».

Disperdili, Signore, †
confondi le loro lingue: *
ho visto nella città violenza e contese.

Giorno e notte si aggirano sulle sue mura; †


all'interno iniquità, travaglio e insidie *
e non cessano nelle sue piazze
sopruso e inganno.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 54, 13-15. 17-24 L'amico che tradisce


Giuda, con un bacio tradisci il figlio dell'uomo? (Lc 22,48).

Se mi avesse insultato un nemico, *


l'avrei sopportato;
se fosse insorto contro di me un avversario, *
da lui mi sarei nascosto.
Ma sei tu, mio compagno, *
mio amico e confidente;
ci legava una dolce amicizia, *
verso la casa di Dio camminavamo in festa.

Io invoco Dio e il Signore mi salva. †


Di sera, al mattino, a mezzogiorno
mi lamento e sospiro *
ed egli ascolta la mia voce;

mi salva, mi dà pace da coloro che mi combattono: *


sono tanti i miei avversari.
Dio mi ascolta e li umilia, *
egli che domina da sempre.

Per essi non c'è conversione *


e non temono Dio.
Ognuno ha steso la mano contro i suoi amici, *
ha violato la sua alleanza.

Più untuosa del burro è la sua bocca, *


ma nel cuore ha la guerra;
più fluide dell'olio le sue parole, *
ma sono spade sguainate.

Getta sul Signore il tuo affanno †


ed egli ti darà sostegno, *
mai permetterà che il giusto vacilli.

Tu, Dio, li sprofonderai nella tomba *


gli uomini sanguinari e fraudolenti:
essi non giungeranno alla metà dei loro giorni. *
Ma io, Signore, in te confido.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Ez 18, 30b-32


Convertitevi e desistete da tutte le vostre iniquità, e l'iniquità non sarà più causa della vostra
rovina. Liberatevi da tutte le iniquità commesse e formatevi un cuore nuovo e uno spirito nuovo.
Perché volete morire, o Israeliti? Io non godo della morte di chi muore. Parola del Signore Dio.
Convertitevi e vivrete.

V. Un cuore puro crea in me, o Signore,


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Zc 1, 3b-4


Convertitevi a me — oracolo del Signore degli eserciti — e io mi rivolgerò a voi. Non siate
come i vostri padri, ai quali i profeti di un tempo andavan gridando: Dice il Signore degli
eserciti: Tornate indietro dal vostro cammino perverso e dalle vostre opere malvage. Ma essi non
vollero ascoltare e non mi prestarono attenzione, dice il Signore.

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. Cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Cfr. Dn 4, 24b


Sconta i tuoi peccati con l'elemosina e le tue iniquità con atti di misericordia verso gli afflitti, e
Dio perdonerà le tue colpe.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

Orazione
Sostieni sempre, Signore, la tua famiglia nell'impegno delle buone opere; confortala con il tuo
aiuto nel cammino di questa vita e guidala al possesso dei beni eterni. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
Benediciamo il Signore.

R. Rendiamo grazie a Dio.

SECONDI VESPRI

Introduzione

V. O Dio, vieni a salvarmi.

R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Inno

Gesù, premio e corona

dei tuoi servi fedeli,

glorifica il tuo nome.

Concedi alla tua Chiesa,

che venera san N.,

la vittoria sul male.

Seguendo le tue orme

sulla via della croce,

egli piacque a Dio Padre.

Sapiente e vigilante,

testimoniò il Vangelo

in parole e in opere.
Dalla città dei santi,

dove regna glorioso,

ci guidi e ci protegga.

A te Cristo sia lode,

al Padre e allo Spirito

nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Si compia la beata speranza,
si manifesti la gloria del nostro Salvatore.

SALMO 61 Solo in Dio la nostra pace


Il Dio della speranza vi riempia d'ogni gioia e pace nella fede (Rm 15, 13).

Solo in Dio riposa l'anima mia; *


da lui la mia salvezza.
Lui solo è mia rupe e mia salvezza, *
mia roccia di difesa: non potrò vacillare.

Fino a quando vi scaglierete contro un uomo, †


per abbatterlo tutti insieme, *
come muro cadente, come recinto che crolla?

Tramano solo di precipitarlo dall'alto, *


si compiacciono della menzogna.
Con la bocca benedicono, *
nel loro cuore maledicono.

Solo in Dio riposa l'anima mia, *


da lui la mia speranza.
Lui solo è mia rupe e mia salvezza, *
mia roccia di difesa: non potrò vacillare.

In Dio è la mia salvezza e la mia gloria; *


il mio saldo rifugio, la mia difesa è in Dio.

Confida sempre in lui, o popolo, †


davanti a lui effondi il tuo cuore, *
nostro rifugio è Dio.
Sì, sono un soffio i figli di Adamo, †
una menzogna tutti gli uomini, *
insieme, sulla bilancia,
sono meno di un soffio.

Non confidate nella violenza, *


non illudetevi della rapina;
alla ricchezza, anche se abbonda, *
non attaccate il cuore.

Una parola ha detto Dio, due ne ho udite: †


il potere appartiene a Dio, *
tua, Signore, è la grazia;

secondo le sue opere *


tu ripaghi ogni uomo.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Si compia la beata speranza,
si manifesti la gloria del nostro Salvatore.

2^ Antifona
Fa' risplendere su di noi il tuo volto,
donaci, o Dio, la tua benedizione.

SALMO 66 Tutti i popoli glorifichino il Signore


Sia noto a voi che questa salvezza di Dio viene ora rivolta ai pagani (At 28, 28)

Dio abbia pietà di noi e ci benedica, *


su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via, *
fra tutte le genti la tua salvezza.

Ti lodino i popoli, Dio, *


ti lodino i popoli tutti.

Esultino le genti e si rallegrino, †


perché giudichi i popoli con giustizia, *
governi le nazioni sulla terra.
Ti lodino i popoli, Dio, *
ti lodino i popoli tutti.

La terra ha dato il suo frutto. *


Ci benedica Dio, il nostro Dio,
ci benedica Dio *
e lo temano tutti i confini della terra.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Fa' risplendere su di noi il tuo volto,
donaci, o Dio, la tua benedizione.

3^ Antifona
In Cristo l'universo è creato
e tutto sussiste in lui.

CANTICO Col 1, 3. 12-20 Cristo fu generato prima di ogni creatura, è il primogenito di coloro
che risuscitano dai morti.

Ringraziamo con gioia Dio, *


Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
perché ci ha messi in grado di partecipare *
alla sorte dei santi nella luce,

ci ha liberati dal potere delle tenebre, *


ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto,
per opera del quale abbiamo la redenzione, *
la remissione dei peccati.

Cristo è immagine del Dio invisibile, *


generato prima di ogni creatura;
è prima di tutte le cose *
e tutte in lui sussistono.

Tutte le cose sono state create per mezzo di lui *


e in vista di lui:
quelle nei cieli e quelle sulla terra, *
quelle visibili e quelle invisibili.
Egli è il capo del corpo, che è la Chiesa; *
è il principio di tutto,
il primogenito di coloro che risuscitano dai morti, *
per ottenere il primato su tutte le cose.

Piacque a Dio di fare abitare in lui ogni pienezza, *


per mezzo di lui riconciliare a sé tutte le cose,
rappacificare con il sangue della sua croce *
gli esseri della terra e quelli del cielo.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
In Cristo l'universo è creato
e tutto sussiste in lui.

Lettura breve

1 Pt 5, 1-4

Esorto gli anziani che sono tra voi, quale anziano come loro, testimone delle sofferenze di Cristo e
partecipe della gloria che deve manifestarsi: pascete il gregge di Dio che vi è affidato,
sorvegliandolo non per forza ma volentieri, secondo Dio; non per vile interesse, ma di buon animo;
non spadroneggiando sulle persone a voi affidate, ma facendovi modelli del gregge. E quando
apparirà il pastore supremo, riceverete la corona della gloria che non appassisce.

Responsorio in Quaresima e per gli altri tempi.

R. Vero amico dei tuoi fratelli, * prega per il tuo popolo.

Vero amico dei tuoi fratelli, prega per il tuo popolo.

V. Hai dato la vita per i fratelli,

prega per il tuo popolo.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Vero amico dei tuoi fratelli, prega per il tuo popolo.

Responsorio nel Tempo di Pasqua


R. Vero amico dei tuoi fratelli, prega per il tuo popolo. * Alleluia, alleluia.

Vero amico dei tuoi fratelli, prega per il tuo popolo. Alleluia, alleluia.

V. Hai dato la vita per i fratelli.

Alleluia, alleluia.

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.

Vero amico dei tuoi fratelli, prega per il tuo popolo. Alleluia, alleluia.

Antifona al Magnificat

Amministratore fedele e saggio,

messo dal Signore a capo della sua famiglia,

hai distribuito il cibo della vita (T. P. alleluia).

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)

L'anima mia magnifica il Signore *

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *

D'ora in poi tutte le generazioni

mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *

e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *

si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *

ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *

e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *

nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat

Amministratore fedele e saggio,

messo dal Signore a capo della sua famiglia,

hai distribuito il cibo della vita (T. P. alleluia).

Intercessioni

Gloria a Cristo, costituito sommo sacerdote per gli uomini davanti a Dio. Uniti nella preghiera della

sera, invochiamo il suo nome: Salva il tuo popolo, Signore.


Tu, che hai suscitato nella Chiesa pastori (dottori) santi e sapienti,

- fa' che la comunità cristiana sia sempre guidata da uomini saggi e generosi.

Hai perdonato le colpe del tuo popolo per le preghiere di pastori santi, che intercedevano come
Mosè,

- per i loro meriti purifica e rinnova sempre la tua Chiesa.

Hai scelto in mezzo ai fratelli gli animatori del tuo popolo e li hai consacrati con l'unzione dello

Spirito Santo,

- riempi dei suoi doni coloro che hai posto alla guida della santa Chiesa.

Tu, che sei l'eredità degli apostoli e dei loro successori,

- fa' che nessuno si perda di quanti hai redento con il tuo sangue.

Tu, che per mezzo dei pastori della Chiesa assisti i tuoi fedeli, perché nessuno li strappi mai dalla

tua mano,

- fa' che i vescovi, i sacerdoti e i fedeli defunti si riuniscano tutti nella gioia del tuo regno.

Padre nostro.

Preghiamo

Orazione

O Dio, che hai fecondato la tua Chiesa con le fatiche apostoliche del santo vescovo Turibio, suscita
nel popolo cristiano lo stesso ardore missionario per l'annunzio del Vangelo, perché cresca e si
rinnovi sempre nella fede e nella santità. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen

24 Marzo

II SETTIMANA DI QUARESIMA - GIOVEDÌ


UFFICIO DELLE LETTURE

INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.

Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.

Venite, applaudiamo al Signore, *


acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).

Ascoltate oggi la sua voce: †


« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
Protesi alla gioia pasquale,
sulle orme di Cristo Signore,
seguiamo l'austero cammino
della santa Quaresima.

La legge e i profeti annunziarono


dei quaranta giorni il mistero;
Gesù consacrò nel deserto
questo tempo di grazia.

Sia parca e frugale la mensa,


sia sobria la lingua ed il cuore;
fratelli, è tempo di ascoltare
la voce dello Spirito.

Forti nella fede vigiliamo


contro le insidie del nemico:
ai servi fedeli è promessa
la corona di gloria.

Sia lode al Padre onnipotente,


al Figlio Gesù redentore,
allo Spirito Santo Amore,
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Tu ci salvi, Signore:
celebriamo il tuo nome per sempre.

SALMO 43, 2-9 (I) Il popolo di Dio nella sventura


In tutte le tribolazioni noi siamo più che vincitori, per virtù di colui che ci ha amati (Rm 8, 37).

Dio, con i nostri orecchi abbiamo udito, †


i nostri padri ci hanno raccontato
l'opera che hai compiuto ai loro giorni, *
nei tempi antichi.

Tu, per piantarli, con la tua mano


hai sradicato le genti, *
per far loro posto, hai distrutto i popoli.

Poiché non con la spada conquistarono la terra, *


né fu il loro braccio a salvarli;

ma il tuo braccio e la tua destra


e la luce del tuo volto, *
perché tu li amavi.

Sei tu il mio re, Dio mio, *


che decidi vittorie per Giacobbe.

Per te abbiamo respinto i nostri avversari, *


nel tuo nome abbiamo annientato
i nostri aggressori.

Infatti nel mio arco non ho confidato *


e non la mia spada mi ha salvato,
ma tu ci hai salvati dai nostri avversari, *
hai confuso i nostri nemici.

In Dio ci gloriamo ogni giorno, *


celebrando senza fine il tuo nome.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Tu ci salvi, Signore:
celebriamo il tuo nome per sempre.
2^ Antifona
Perdona il tuo popolo, Signore;
non ci esporre alla vergogna.

SALMO 43, 10-17 (II) Il popolo di Dio nella sventura


In tutte le tribolazioni noi siamo più che vincitori, per virtù di colui che ci ha amati (Rm 8, 37).

Ma ora ci hai respinti e coperti di vergogna, *


e più non esci con le nostre schiere.

Ci hai fatti fuggire di fronte agli avversari *


e i nostri nemici ci hanno spogliati.

Ci hai consegnato come pecore da macello, *


ci hai dispersi in mezzo alle nazioni.

Hai venduto il tuo popolo per niente, *


sul loro prezzo non hai guadagnato.

Ci hai resi ludibrio dei nostri vicini, *


scherno e obbrobrio a chi ci sta intorno.

Ci hai resi la favola dei popoli, *


su di noi le nazioni scuotono il capo.

L'infamia mi sta sempre davanti *


e la vergogna copre il mio volto

per la voce di chi insulta e bestemmia, *


davanti al nemico che brama vendetta.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Perdona il tuo popolo, Signore;
non ci esporre alla vergogna.

3^ Antifona
Sorgi, Signore,
salvaci nella tua misericordia.
SALMO 43, 18-27 (III) Il popolo di Dio nella sventura
In tutte le tribolazioni noi siamo più che vincitori, per virtù di colui che ci ha amati (Rm 8, 37).

Tutto questo ci è accaduto †


e non ti avevamo dimenticato, *
non avevamo tradito la tua alleanza.

Non si era volto indietro il nostro cuore, *


i nostri passi non avevano lasciato il tuo sentiero;
ma tu ci hai abbattuti in un luogo di sciacalli *
e ci hai avvolti di ombre tenebrose.

Se avessimo dimenticato il nome del nostro Dio *


e teso le mani verso un dio straniero,
forse che Dio non lo avrebbe scoperto, *
lui che conosce i segreti del cuore?

Per te ogni giorno siamo messi a morte, *


stimati come pecore da macello.

Svegliati, perché dormi, Signore? *


Destati, non ci respingere per sempre.
Perché nascondi il tuo volto, *
dimentichi la nostra miseria e oppressione?

Poiché siamo prostrati nella polvere, *


il nostro corpo è steso a terra.
Sorgi, vieni in nostro aiuto; *
salvaci per la tua misericordia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Sorgi, Signore,
salvaci nella tua misericordia.

Versetto
V. Chi medita la legge del Signore,
R. porta frutto a suo tempo.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo 18, 13-27
Mosè costituì giudici sopra il popolo
In quei giorni: Mosè sedette a render giustizia al popolo e il popolo si trattenne presso Mosè
dalla mattina fino alla sera. Allora Ietro, visto quanto faceva per il popolo, gli disse: «Che cos'è
questo che fai per il popolo? Perché siedi tu solo, mentre il popolo sta presso di te dalla mattina
alla sera?». Mosè rispose al suocero: «Perché il popolo viene da me per consultare Dio. Quando
hanno qualche questione, vengono da me e io giudico le vertenze tra l'uno e l'altro e faccio
conoscere i decreti di Dio e le sue leggi». Il suocero di Mosè gli disse: «Non va bene quello che
fai! Finirai per soccombere, tu e il popolo che è con te, perché il compito è troppo pesante per te;
tu non puoi attendervi da solo. Ora ascoltami: ti voglio dare un consiglio e Dio sia con te! Tu sta'
davanti a Dio in nome del popolo e presenta le questioni a Dio. A loro spiegherai i decreti e le
leggi; indicherai loro la via per la quale devono camminare e le opere che devono compiere.
Invece sceglierai tra tutto il popolo uomini integri che temono Dio, uomini retti che odiano la
venalità e li costituirai sopra di loro come capi di migliaia, capi di centinaia, capi di cinquantine
e capi di decine. Essi dovranno giudicare il popolo in ogni circostanza; quando vi sarà una
questione importante, la sottoporranno a te, mentre essi giudicheranno ogni affare minore. Così
ti alleggerirai il peso ed essi lo porteranno con te. Se tu fai questa cosa e se Dio te la comanda,
potrai resistere e anche questo popolo arriverà in pace alla sua meta».
Mosè ascoltò la voce del suocero e fece quanto gli aveva suggerito. Mosè dunque scelse uomini
capaci in tutto Israele e li costituì alla testa del popolo come capi di migliaia, capi di centinaia,
capi di cinquantine e capi di decine. Essi giudicavano il popolo in ogni circostanza: quando
avevano affari difficili li sottoponevano a Mosè, ma giudicavano essi stessi tutti gli affari minori.
Poi Mosè congedò il suocero, il quale tornò al suo paese.

Responsorio Cfr. Nm 11, 25; Es 18, 25


R. Il Signore scese nella nube e parlò a Mosè: prese lo spirito che era su di lui e lo infuse sui
settanta anziani: * quando lo spirito si posò su di loro, parlarono da profeti.
V. Mosè scelse uomini capaci in tutto Israele e li costituì alla testa del popolo:
R. quando lo spirito si posò su di loro, parlarono da profeti.

Seconda Lettura
Dai «Trattati sui salmi» di sant'Ilario, vescovo
(Sal 127, 1-3; CSEL 22, 628-630)

Il vero timore del Signore


«Beato l'uomo che teme il Signore e cammina nelle sue vie» (Sal 127, 1). Ogni volta che nella
Scrittura si parla del timore del Signore, bisogna tener presente che non si trova mai da solo,
come se per noi bastasse alla completezza della fede, ma gli vengono aggiunti o anteposti molti
altri valori.
Da questi si comprende l'essenza e la perfezione del timor di Dio come sappiamo da quanto è
detto nei Proverbi di Salomone: «Se appunto invocherai l'intelligenza e chiamerai la saggezza, se
la ricercherai come l'argento e per essa scaverai come per i tesori, allora comprenderai il timore
del Signore» (Pro 2, 3-4).
Vediamo da ciò per quanti gradi si arriva al timore di Dio.
Anzitutto, chiesto il dono della sapienza si deve affidare tutto il compito dell'approfondimento al
dono dell'intelletto, con in quale ricercare e investigare la sapienza. Solo allora si potrà
comprendere il timore del Signore. Certamente il modo comune di ragionare degli uomini non
procede così circa il timore.
Infatti il timore è considerato coma la paura che ha l'umana debolezza quando teme di soffrire
ciò che non vorrebbe gli accadesse. Tale genere di timore si desta in noi con il rimorso della
colpa, di fronte al diritto del più potente, o all'attacco del più forte, a causa di una malattia, per
l'incontro con una bestia feroce o, infine, per la sofferenza di qualsiasi male.
Non è questo il timore che qui si insegna, perché esso deriva dalla debolezza naturale.
In questa linea di timore, infatti, ciò che si deve temere non è per nulla oggetto e materia di
apprendimento, poiché le cose temibili si incaricano da se stesse a incutere terrore.
Del timore del Signore invece così sta scritto: «Venite, figli, ascoltatemi; v'insegnerò il timore
del Signore» (Sal 33, 12). Dunque si impara il timore del Signore, perché viene insegnato.
Questo genere di timore non sta nello spavento naturale e spontaneo, ma in una realtà che viene
comunicata come una dottrina. Non promana dalla trepidazione della natura, ma lo si comincia
ad apprendere con l'osservanza dei comandamenti, con le opere di una vita innocente, e con la
conoscenza della verità.
Per conto nostro il timore di Dio è tutto nell'amore, e l'amore perfetto perfeziona questo timore.
Il compito proprio del nostro amore verso Dio è di ascoltarne gli ammonimenti, obbedire ai suoi
comandamenti, fidarsi delle sue promesse. Ascoltiamo dunque la Scrittura che dice: «Ora,
Israele, che cosa ti chiede il Signore tuo Dio, se non che tu tema il Signore tuo Dio, che tu
cammini per tutte le sue vie, che tu l'ami e serva il Signore tuo Dio con tutto il cuore e con tutta
l'anima, che tu osservi i comandi del Signore e le sue leggi, che oggi ti do per il tuo bene?» (Dt
10, 12).
Molte poi sono le vie del Signore, benché egli stesso sia la via. Ma quando parla di se stesso si
chiama via, dando anche la ragione per cui si chiami così: «Nessuno», dice, «viene al Padre se
non per mezzo di me» (Gv 14, 6).
Bisogna dunque porsi il problema delle molte vie possibili e ponderare molti elementi perché,
edotti da molte ragioni, possiamo trovare quell'unica via della vita eterna che fa per noi.
Vi sono infatti vie nella legge, vie nei profeti, vie nei vangeli, vie negli apostoli, vie anche nelle
diverse opere dei maestri.
Beati coloro che camminano in esse col timore di Dio.

Responsorio Cfr, Sir 2, 16; Lc 1, 50


R. Quelli che temono il Signore cercano di piacergli; * e coloro che lo amano si saziano della sua
parola.
V. Di generazione in generazione si stende la sua misericordia su quelli che lo temono;
R. e coloro che lo amano si saziano della sua parola.

Orazione
O Dio, che salvi i peccatori e li chiami alla tua amicizia, volgi verso di te i nostri cuori e donaci
il fervore del tuo Spirito perché possiamo esser saldi nella fede e operosi nella carità. Per il
nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

II SETTIMANA DI QUARESIMA - GIOVEDÌ


LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Nella santa assemblea,
o nel segreto dell'anima,
prostriamoci e imploriamo
la divina clemenza.

Dall'ira del giudizio


liberaci, o Padre buono;
non togliere ai tuoi figli
il segno della tua gloria.

Ricorda che ci plasmasti


col soffio del tuo Spirito:
siam tua vigna, tuo popolo,
e opera delle tue mani.

Perdona i nostri errori,


sana le nostre ferite,
guidaci con la tua grazia
alla vittoria pasquale.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

1^ Antifona
Risveglia, o Dio, la tua potenza,
fa' splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

SALMO 79 Visita, o Signore, la tua vigna


Vieni, Signore, Gesù (Ap 22, 20).

Tu, pastore d'Israele, ascolta, *


tu che guidi Giuseppe come un gregge.
Assiso sui cherubini rifulgi *
davanti a Efraim, Beniamino e Manasse.

Risveglia la tua potenza *


e vieni in nostro soccorso.

Rialzaci, Signore, nostro Dio, *


fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

Signore, Dio degli eserciti, †


fino a quando fremerai di sdegno *
contro le preghiere del tuo popolo?

Tu ci nutri con pane di lacrime, *


ci fai bere lacrime in abbondanza.
Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini, *
e i nostri nemici ridono di noi.

Rialzaci, Dio degli eserciti, *


fa’ risplendere il tuo volto e noi saremo salvi.

Hai divelto una vite dall'Egitto, *


per trapiantarla hai espulso i popoli.
Le hai preparato il terreno, *
hai affondato le sue radici e ha riempito la terra.

La sua ombra copriva le montagne *


e i suoi rami i più alti cedri.

Ha esteso i suoi tralci fino al mare *


e arrivavano al fiume i suoi germogli.

Perché hai abbattuto la sua cinta *


e ogni viandante ne fa vendemmia?
La devasta il cinghiale del bosco *
e se ne pasce l'animale selvatico.

Dio degli eserciti, volgiti, *


guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna,
proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato, *
il germoglio che ti sei coltivato.

Quelli che l'arsero col fuoco e la recisero *


periranno alla minaccia del tuo volto.
Sia la tua mano sull'uomo della tua destra, *
sul figlio dell'uomo che per te hai reso forte.

Da te più non ci allontaneremo, *


ci farai vivere e invocheremo il tuo nome.

Rialzaci Signore, Dio degli eserciti, *


fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Risveglia, o Dio, la tua potenza,
fa' splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

2^ Antifona
Grandi cose ha compiuto il Signore,
sappiano i popoli le sue imprese.

CANTICO Is 12, 1-6 Esultanza del popolo redento


Chi ha sete venga a me e beva (Gv 7, 37).

Ti ringrazio, Signore; †
tu eri con me adirato, *
ma la tua collera si è calmata e tu mi hai consolato.

Ecco, Dio è la mia salvezza; *


io confiderò, non avrò mai timore,
perché mia forza e mio canto è il Signore; *
egli è stato la mia salvezza.
Attingerete acqua con gioia *
alle sorgenti della salvezza.

In quel giorno direte: *


«Lodate il Signore, invocate il suo nome;
manifestate tra i popoli le sue meraviglie, *
proclamate che il suo nome è sublime.

Cantate inni al Signore,


perché ha fatto opere grandi, *
ciò sia noto in tutta la terra.

Gridate giulivi ed esultate, abitanti di Sion, *


perché grande in mezzo a voi è il Santo di Israele».

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Grandi cose ha compiuto il Signore,
sappiano i popoli le sue imprese.

3^ Antifona
Esultate in Dio, nostra forza. †

SALMO 80 Solenne rinnovazione dell'alleanza


Guardate, fratelli, che non si trovi in nessuno di voi un cuore perverso e senza fede (Eb 3, 12).

Esultate in Dio, nostra forza, *


† acclamate al Dio di Giacobbe.
Intonate il canto e suonate il timpano, *
la cetra melodiosa con l'arpa.

Suonate la tromba nel plenilunio, *


nostro giorno di festa.
Questa è una legge per Israele, *
un decreto del Dio di Giacobbe.

Lo ha dato come testimonianza a Giuseppe, *


quando usciva dal paese d'Egitto.

Un linguaggio mai inteso io sento: †


«Ho liberato dal peso la sua spalla, *
le sue mani hanno deposto la cesta.

Hai gridato a me nell'angoscia e io ti ho liberato, †


avvolto nella nube ti ho dato risposta, *
ti ho messo alla prova alle acque di Meriba.

Ascolta, popolo mio, ti voglio ammonire; *


Israele, se tu mi ascoltassi!
Non ci sia in mezzo a te un altro dio *
e non prostrarti a un dio straniero.

Sono io il Signore tuo Dio, †


che ti ho fatto uscire dal paese d'Egitto; *
apri la tua bocca, la voglio riempire.

Ma il mio popolo non ha ascoltato la mia voce, *


Israele non mi ha obbedito.
L'ho abbandonato alla durezza del suo cuore, *
che seguisse il proprio consiglio.

Se il mio popolo mi ascoltasse, *


se Israele camminasse per le mie vie!
Subito piegherei i suoi nemici *
e contro i suoi avversari porterei la mia mano.

I nemici del Signore gli sarebbero sottomessi *


e la loro sorte sarebbe segnata per sempre;
li nutrirei con fiore di frumento, *
li sazierei con miele di roccia».

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Esultate in Dio, nostra forza.

Lettura Breve Cfr. 1 Re 8, 51-53a


Siamo il tuo popolo e la tua eredità, Signore. Ci hai fatto uscire dall'Egitto, da una fornace per
fondere il ferro.
Siano attenti i tuoi occhi alla preghiera del tuo servo e del tuo popolo Israele e ascoltali in quanto
ti chiedono, perché tu li hai separati da tutti i popoli del paese come tua proprietà.
Responsorio Breve
R. Ti siano gradite le mie parole, * Dio della mia salvezza.
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.
V. Davanti a te i pensieri del mio cuore,
Dio della mia salvezza.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.

Antifona al Benedictus
Figlio, nella vita godevi i tuoi beni,
mentre Lazzaro soffriva:
ora lui è nella gioia,
e tu nei tormenti.

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *


perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Figlio, nella vita godevi i tuoi beni,
mentre Lazzaro soffriva:
ora lui è nella gioia,
e tu nei tormenti.

Invocazioni
Uniti nella preghiera di lode, celebriamo l'amore di Dio Padre, che si è rivelato nel Cristo suo
Figlio e diciamo con fede:
Ricordati, Signore, di questa tua famiglia.

Donaci di comprendere in modo vivo e profondo il mistero della tua Chiesa,


- perché diventi per noi e per tutti sacramento universale di salvezza.

Padre di tutti gli uomini, aiutaci a promuovere il vero progresso della comunità umana,
- e a cercare in ogni cosa il tuo regno e la tua giustizia.

Suscita in noi la sete del Cristo,


- che si è offerto a noi come sorgente di acqua viva.

Rimetti a noi i nostri debiti,


- guida i nostri passi nella giustizia e nella sincerità.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che salvi i peccatori e li chiami alla tua amicizia, volgi verso di te i nostri cuori e donaci
il fervore del tuo Spirito perché possiamo esser saldi nella fede e operosi nella carità. Per il
nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ora Media

II SETTIMANA DI QUARESIMA - GIOVEDÌ

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.
In quest'ora sul Golgota,
vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 118, 65-72 IX (Tet)


Hai fatto il bene al tuo servo, Signore, *
secondo la tua parola.
Insegnami il senno e la saggezza, *
perché ho fiducia nei tuoi comandamenti.

Prima di essere umiliato andavo errando, *


ma ora osservo la tua parola.
Tu sei buono e fai il bene, *
insegnami i tuoi decreti.

Mi hanno calunniato gli insolenti, *


ma io con tutto il cuore osservo i tuoi precetti.
Torpido come il grasso è il loro cuore, *
ma io mi diletto della tua legge.

Bene per me se sono stato umiliato, *


perché impari ad obbedirti.
La legge della tua bocca mi è preziosa *
più di mille pezzi d'oro e d'argento.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 55, 2-7b. 9-14 Fiducia nella parola di Dio


Si descrive Cristo nella passione (san Girolamo).

Pietà di me, o Dio, perché l'uomo mi calpesta, *


un aggressore sempre mi opprime.
Mi calpestano sempre i miei nemici, *
molti sono quelli che mi combattono.

Nell'ora della paura, io in te confido: *


In Dio, di cui lodo la parola.
In Dio confido, non avrò timore: *
che cosa potrà farmi un uomo?

Travisano sempre le mie parole, *


non pensano che a farmi del male.

Suscitano contese e tendono insidie, †


osservano i miei passi, *
per attentare alla mia vita.

I passi del mio vagare tu li hai contati, †


le mie lacrime nell'otre tuo raccogli; *
non sono forse scritte nel tuo libro?

Allora ripiegheranno i miei nemici, †


quando ti avrò invocato: *
so che Dio è in mio favore.

Lodo la parola di Dio, *


lodo la parola del Signore,
in Dio confido, non avrò timore: *
che cosa potrà farmi un uomo?

Su di me, o Dio, i voti che ti ho fatto: †


ti renderò azioni di grazie, *
perché mi hai liberato dalla morte.

Hai preservato i miei piedi dalla caduta, †


perché io cammini alla tua presenza *
nella luce dei viventi, o Dio.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 56 Preghiera del mattino nella sofferenza


Questo salmo si riferisce alla passione del Signore (sant'Agostino).

Pietà di me, pietà di me, o Dio, *


in te mi rifugio;
mi rifugio all'ombra delle tue ali *
finché sia passato il pericolo.

Invocherò Dio, l'Altissimo, *


Dio che mi fa il bene.

Mandi dal cielo a salvarmi †


dalla mano dei miei persecutori, *
Dio mandi la sua fedeltà e la sua grazia.

Io sono come in mezzo a leoni, *


che divorano gli uomini;
i loro denti sono lance e frecce, *
la loro lingua spada affilata.

Innalzati sopra il cielo, o Dio, *


su tutta la terra la tua gloria.

Hanno teso una rete ai miei piedi, *


mi hanno piegato,
hanno scavato davanti a me una fossa *
e vi sono caduti.

Saldo è il mio cuore, o Dio, *


saldo è il mio cuore.

Voglio cantare, a te voglio inneggiare: *


svegliati, mio cuore,
svegliatevi arpa, cetra, *
voglio svegliare l'aurora.

Ti loderò tra i popoli, Signore, *


a te canterò inni tra le genti,
perché la tua bontà è grande fino ai cieli, *
e la tua fedeltà fino alle nubi.

Innalzati sopra il cielo, o Dio, *


su tutta la terra la tua gloria.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Is 55, 6-7


Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino. L'empio abbandoni la sua via e
l'uomo iniquo i suoi pensieri; ritorni al Signore che avrà misericordia di lui e al nostro Dio che
largamente perdona.

V. Un cuore puro crea in me, o Signore.


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Dt 30, 2-3


Se ti convertirai al Signore tuo Dio e obbedirai alla sua voce, tu e i tuoi figli, con tutto il cuore e con
tutta l'anima, secondo quanto oggi ti comando, allora il Signore tuo Dio farà tornare i tuoi deportati,
avrà pietà di te e ti raccoglierà di nuovo da tutti i popoli, in mezzo ai quali il Signore tuo Dio ti
aveva disperso.

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Eb 10, 35-36


Non abbandonate la vostra fiducia, alla quale è riservata una grande ricompensa. Avete solo bisogno
di costanza, perché dopo aver fatto la volontà di Dio possiate raggiungere la promessa.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.
Orazione
O Dio, che salvi i peccatori e li chiami alla tua amicizia, volgi verso di te i nostri cuori e donaci il
fervore del tuo Spirito perché possiamo esser saldi nella fede e operosi nella carità. Per il nostro
Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

II SETTIMANA DI QUARESIMA - GIOVEDÌ


VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Accogli, o Dio pietoso,
le preghiere e le lacrime
che il tuo popolo effonde
in questo tempo santo.

Tu che scruti e conosci


i segreti dei cuori,
concedi ai penitenti
la grazia del perdono.

Grande è il nostro peccato,


ma più grande è il tuo amore:
cancella i nostri debiti
a gloria del tuo nome.

Risplenda la tua lampada


sopra il nostro cammino,
la tua mano ci guidi
alla meta pasquale.
Ascolta, o Padre altissimo,
tu che regni nei secoli
con il Cristo tuo Figlio
e lo Spirito Santo. Amen.

1^ Antifona
Ti ho voluto come luce delle nazioni:
tu porterai la salvezza ai confini del mondo.

SALMO 71, 1-11 (I) Il potere regale del Messia


Aperti i loro scrigni, gli offrirono in dono oro, incenso e mirra (Mt 2, 11).

Dio, dà al re il tuo giudizio, *


al figlio del re la tua giustizia;
regga con giustizia il tuo popolo *
e i tuoi poveri con rettitudine.

Le montagne portino pace al popolo *


e le colline giustizia.

Ai miseri del suo popolo renderà giustizia, †


salverà i figli dei poveri *
e abbatterà l'oppressore.

Il suo regno durerà quanto il sole, *


quanto la luna, per tutti i secoli.
Scenderà come pioggia sull'erba, *
come acqua che irrora la terra.

Nei suoi giorni fiorirà la giustizia †


e abbonderà la pace, *
finché non si spenga la luna.

E dominerà da mare a mare, *


dal fiume sino ai confini della terra.
A lui si piegheranno gli abitanti del deserto, *
lambiranno la polvere i suoi nemici.

Il re di Tarsis e delle isole porteranno offerte, *


i re degli Arabi e di Saba offriranno tributi.
A lui tutti i re si prostreranno, *
lo serviranno tutte le nazioni.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Ti ho voluto come luce delle nazioni:
tu porterai la salvezza ai confini del mondo.

2^ Antifona
Dio farà giustizia per i poveri:
li salverà dall'oppressione.

SALMO 71, 12-19 (II) Regno di pace e di benedizione


Andate in tutto il mondo a predicare il vangelo (Mc 15, 15).

Egli libererà il povero che invoca *


e il misero che non trova aiuto,
avrà pietà del debole e del povero *
e salverà la vita dei suoi miseri.

Li riscatterà dalla violenza e dal sopruso, *


sarà prezioso ai suoi occhi il loro sangue.

Vivrà e gli sarà dato oro di Arabia; †


si pregherà per lui ogni giorno, *
sarà benedetto per sempre.

Abbonderà il frumento nel paese, *


ondeggerà sulle cime dei monti;
il suo frutto fiorirà come il Libano, *
la sua messe come l'erba della terra.

Il suo nome duri in eterno, *


davanti al sole persista il suo nome.
In lui saranno benedette tutte le stirpi della terra *
e tutti i popoli lo diranno beato.

Benedetto il Signore, Dio di Israele, *


egli solo compie prodigi.

E benedetto il suo nome glorioso per sempre, †


della sua gloria sia piena tutta la terra. *
Amen, amen.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Dio farà giustizia per i poveri:
li salverà dall'oppressione.

3^ Antifona
Ora si è compiuta la salvezza
e il regno del nostro Dio.

CANTICO Ap 11, 17-18; 12, 10b-12a Il giudizio di Dio


Noi ti rendiamo grazie,
Signore Dio onnipotente, *
che sei e che eri,

perché hai messo mano


alla tua grande potenza, *
e hai instaurato il tuo regno.

Le genti ne fremettero, †
ma è giunta l'ora della tua ira, *
il tempo di giudicare i morti,

di dare la ricompensa ai tuoi servi, †


ai profeti e ai santi *
e a quanti temono il tuo nome, piccoli e grandi.

Ora si è compiuta la salvezza,


la forza e il regno del nostro Dio *
e la potenza del suo Cristo,

poiché è stato precipitato l'Accusatore; †


colui che accusava i nostri fratelli, *
davanti al nostro Dio giorno e notte.

Essi lo hanno vinto per il sangue dell'Agnello †


e la testimonianza del loro martirio, *
perché hanno disprezzato la vita fino a morire.

Esultate, dunque, o cieli, *


rallegratevi e gioite,
voi tutti che abitate in essi.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Ora si è compiuta la salvezza
e il regno del nostro Dio.

Lettura Breve Gc 4, 7-8. 10


Sottomettetevi a Dio; resistete al diavolo, ed egli fuggirà da voi. Avvicinatevi a Dio ed egli si
avvicinerà a voi. Purificate le vostre mani, o peccatori, e santificate i vostri cuori, o irresoluti.
Umiliatevi davanti al Signore ed egli vi esalterà.

Responsorio
R. Dammi intelligenza * per osservare la tua legge.
Dammi intelligenza per osservare la tua legge.
V. Insegnami il senno e la saggezza
per osservare la tua legge.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Dammi intelligenza per osservare la tua legge.

Antifona al Magnificat
Una goccia d'acqua chiese quel ricco,
che a Lazzaro negava le briciole di pane.

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *


D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *


ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
Una goccia d'acqua chiese quel ricco,
che a Lazzaro negava le briciole di pane.

Intercessioni
Celebriamo la misericordia del Padre che ci ha illuminati con la grazia dello Spirito Santo,
perché la nostra vita risplenda con la luce della fede e delle opere. Preghiamo insieme e diciamo:
Santifica, Padre, il popolo redento da Cristo.

Fonte e artefice di ogni santità, unisci più intimamente a Cristo, mediante il mistero eucaristico, i
vescovi, i presbiteri e i diaconi,
- perché si ravvivi in loro la grazia, che hanno ricevuto con l'imposizione delle mani.

Insegna ai tuoi fedeli a partecipare in modo attivo e consapevole alla mensa della parola e del
corpo di Cristo,
- perché esprimano nella vita ciò che hanno ricevuto mediante la fede e i sacramenti.

Fa' che riconosciamo la dignità di tutti gli uomini, che Cristo ha redenti a prezzo del suo sangue,
- e rispettiamo la libertà di coscienza dei nostri fratelli.

Fa' che gli uomini imparino a frenare la cupidigia di danaro e di potere,


- e si aprano generosamente alla comprensione e all'aiuto del prossimo.

Abbi pietà dei fedeli, che oggi hai chiamato a te da questa vita,
- concedi loro l'eredità eterna nel tuo regno.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che salvi i peccatori e li chiami alla tua amicizia, volgi verso di te i nostri cuori e donaci
il fervore del tuo Spirito perché possiamo esser saldi nella fede e operosi nella carità. Per il
nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ufficio delle Letture

25 MARZO
ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE (s)
UFFICIO DELLE LETTURE

INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Il Verbo di Dio si è fatto uomo:
venite, adoriamo (T.P. alleluia).

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.


Venite, applaudiamo al Signore, *
acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).

Ascoltate oggi la sua voce: †


« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
«Vergine madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d'eterno consiglio,

tu se' colei che l'umana natura


nobilitasti sì, che 'l suo fattore
non disdegnò di farsi sua fattura.
Nel ventre tuo si raccese l'amore
per lo cui caldo ne l'eterna pace
così è germinato questo fiore.

Qui se' a noi meridiana face


di caritate, e giuso, intra i mortali,
se' di speranza fontana vivace.

Donna, se' tanto grande e tanto vali,


che qual vuol grazia ed a te non ricorre,
sua disïanza vuol volar sanz'ali.

La tua benignità non pur soccorre


a chi domanda, ma molte fiate
liberamente al dimandar precorre.

In te misericordia, in te pietate,
in te magnificenza, in te s'aduna
quantunque in creatura è di bontate».

Oppure:

Quem terra, pontus, æthera


colunt, adórant, prædicant
trinam regéntem máchinam,
claustrum Maríæ báiulat.

Cui luna, sol et ómnia


desérviunt per témpora,
perfúsa cæli grátia
gestant puéllæ víscera.

Beáta mater múnere,


cuius, supérnus ártifex,
mundum pugíllo cóntinens,
ventris sub arca clausus est.

Beáta cæli núntio,


fecúnda Sancto Spíritu,
desiderátus géntibus
cuius per alvum fusus est.
Iesu, tibi sit glória,
qui natus es de Vírgine,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula. Amen.

1^ Antifona
Nella pienezza dei tempi,
Dio mandò suo Figlio, nato da donna,
perché fossimo adottati come figli (T.P. alleluia).

SALMO 2
Perché le genti congiurano *
perché invano cospirano i popoli?

Insorgono i re della terra †


e i principi congiurano insieme *
contro il Signore e contro il suo Messia:

«Spezziamo le loro catene, *


gettiamo via i loro legami».

Se ne ride chi abita i cieli, *


li schernisce dall'alto il Signore.

Egli parla loro con ira, *


li spaventa nel suo sdegno:
«Io l'ho costituito mio sovrano *
sul Sion mio santo monte».

Annunzierò il decreto del Signore. †


Egli mi ha detto: «Tu sei mio figlio, *
io oggi ti ho generato.

Chiedi a me, ti darò in possesso le genti *


e in dominio i confini della terra.
Le spezzerai con scettro di ferro, *
come vasi di argilla le frantumerai».

E ora, sovrani, siate saggi *


istruitevi, giudici della terra;
servite Dio con timore *
e con tremore esultate;

che non si sdegni *


e voi perdiate la via.
Improvvisa divampa la sua ira. *
Beato chi in lui si rifugia.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Nella pienezza dei tempi,
Dio mandò suo Figlio, nato da donna,
perché fossimo adottati come figli (T.P. alleluia).

2^ Antifona
Entrando nel mondo, Cristo dice:
Un corpo mi hai preparato;
io vengo, Dio, per fare la tua volontà (T.P. alleluia).

SALMO 18 A
I cieli narrano la gloria di Dio, *
e l'opera delle sue mani annunzia il firmamento.
Il giorno al giorno ne affida il messaggio *
e la notte alla notte ne trasmette notizia.

Non è linguaggio e non sono parole *


di cui non si oda il suono.
Per tutta la terra si diffonde la loro voce *
e ai confini del mondo la loro parola.

Là pose una tenda per il sole †


che esce come sposo dalla stanza nuziale, *
esulta come prode che percorre la via.

Egli sorge da un estremo del cielo †


e la sua corsa raggiunge l'altro estremo: *
nulla si sottrae al suo calore.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Entrando nel mondo, Cristo dice:
Un corpo mi hai preparato;
io vengo, Dio, per fare la tua volontà (T.P. alleluia).

3^ Antifona
Questo è l'amore di Dio per noi:
ha mandato il suo unico Figlio,
perché in lui avessimo la vita (T.P. alleluia).

SALMO 44
Effonde il mio cuore liete parole, †
io canto al re il mio poema. *
La mia lingua è stilo di scriba veloce.

Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, †


sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
ti ha benedetto Dio per sempre.

Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †


nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.

La tua destra ti mostri prodigi: †


le tue frecce acute
colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
sotto di te cadono i popoli.

Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *


è scettro giusto lo scettro del tuo regno.

Ami la giustizia e l'empietà detesti: †


Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.

Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, *


dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.
Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
alla tua destra la regina in ori di Ofir.

Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, *


dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
al re piacerà la tua bellezza. *
Egli è il tuo Signore: prostrati a lui.

Da Tiro vengono portando doni, *


i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
La figlia del re è tutta splendore, *
gemme e tessuto d'oro è il suo vestito.

E' presentata al re in preziosi ricami; *


con lei le vergini compagne a te sono condotte;
guidate in gioia ed esultanza, *
entrano insieme nel palazzo regale.

Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *


li farai capi di tutta la terra.

Farò ricordare il tuo nome *


per tutte le generazioni,
e i popoli ti loderanno *
in eterno, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Questo è l'amore di Dio per noi:
ha mandato il suo unico Figlio,
perché in lui avessimo la vita (T.P. alleluia).

Versetto
V. Il Verbo di Dio si è fatto carne (T.P. alleluia).
R. E' venuto ad abitare con noi (T.P. alleluia).

Prima Lettura
Dal primo libro delle Cronache 17, 1-15

Profezia riguardante il Figlio di Davide


Quando si fu stabilito in casa, Davide disse al profeta Natan: «Ecco, io abito una casa di cedro
mentre l'arca dell'alleanza del Signore sta sotto una tenda». Natan rispose a Davide: «Fa' quanto
desideri in cuor tuo, perché Dio è con te».
Ora in quella medesima notte questa parola di Dio fu rivolta a Natan: «Va' a riferire a Davide
mio servo: Dice il Signore: Tu non mi costruirai la casa per la mia dimora. Difatti io non ho mai
abitato in una casa da quando feci uscire Israele dall'Egitto fino ad oggi. Io passai da una tenda
all'altra e da una dimora all'altra. Durante tutto il tempo in cui ho camminato insieme con tutto
Israele non ho mai detto a qualcuno dei Giudici, ai quali avevo ordinato di pascere il mio
popolo: Perché non mi avete costruito una casa di cedro? Ora, riferirai al mio servo Davide:
Dice il Signore degli eserciti: Io ti ho preso dal pascolo, mentre seguivi il gregge, per costituirti
principe sul mio popolo Israele. Sono stato con te in tutte le tue imprese; ho distrutto tutti i tuoi
nemici davanti a te; renderò il tuo nome come quello dei più grandi personaggi sulla terra.
Destinerò un posto per il mio popolo Israele; ivi lo pianterò perché vi si stabilisca e non debba
vivere ancora nell'instabilità e i malvagi non continuino ad angariarlo come una volta, come
quando misi i Giudici a capo di Israele. Umilierò tutti i tuoi nemici, mentre ingrandirò te. Il
Signore ha intenzione di costruire a te una casa. Quando i tuoi giorni saranno finiti e te ne
andrai con i tuoi padri, susciterò un discendente dopo di te, uno dei tuoi figli, e gli renderò saldo
il regno. Costui mi costruirà una casa e io gli assicurerò il trono per sempre. Io sarò per lui un
padre e lui sarà per me un figlio; non ritirerò da lui il mio favore come l'ho ritirato dal tuo
predecessore. Io lo farò star saldo nella mia casa, nel mio regno; il suo trono sarà sempre
stabile».
Natan riferì a Davide tutte queste parole e tutta la presente visione.

Responsorio Cfr. Lc 1, 26-32


R. L'angelo Gabriele fu mandato alla Vergine Maria, sposa di Giuseppe. A lei, turbata per il
mistero di luce, egli dà l'annunzio: Non temere, Maria, hai trovato grazia presso Dio. * Il figlio
che tu concepirai sarà chiamato Figlio dell'Altissimo (T.P. alleluia).
V. Ave, o Maria, piena di grazia, il Signore è con te.
R. Il figlio che tu concepirai sarà chiamato Figlio dell'Altissimo (T.P. alleluia).

Seconda Lettura
Dalle «Lettere» di san Leone Magno, papa
(Lett. 28 a Flaviano, 3-4; PL 54, 763-767)

Il mistero della nostra riconciliazione


Dalla Maestà divina fu assunta l'umiltà della nostra natura, dalla forza la debolezza, da colui che
è eterno, la nostra mortalità; e per pagare il debito che gravava sulla nostra condizione, la natura
impassibile fu unita alla nostra natura passibile. Tutto questo avvenne perché, come era
conveniente per la nostra salvezza, il solo e unico mediatore tra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo
Gesù, immune dalla morte per un verso, fosse, per l'altro, ad essa soggetto.
Vera integra e perfetta fu la natura nella quale è nato da Dio, ma nel medesimo tempo vera e
perfetta la natura divina nella quale rimane immutabilmente. In lui c'è tutto della sua divinità e
tutto della nostra umanità.
Per nostra natura intendiamo quella creata da Dio al principio e assunta, per essere redenta, dal
Verbo. Nessuna traccia invece vi fu nel Salvatore di quelle malvagità che il seduttore portò nel
mondo e che furono accolte dall'uomo sedotto. Volle addossarsi certo la nostra debolezza, ma
non essere partecipe delle nostre colpe.
Assunse la condizione di schiavo, ma senza la contaminazione del peccato. Sublimò l'umanità,
ma non sminuì la divinità. Il suo annientamento rese visibile l'invisibile e mortale il creatore e il
Signore di tutte le cose. Ma il suo fu piuttosto un abbassarsi misericordioso verso la nostra
miseria, che una perdita della sua potestà e del suo dominio. Fu creatore dell'uomo nella
condizione divina e uomo nella condizione di schiavo. Questo fu l'unico e medesimo Salvatore.
Il Figlio di Dio fa dunque il suo ingresso in mezzo alle miserie di questo mondo, scendendo dal
suo trono celeste, senza lasciare la gloria del Padre. Entra in una condizione nuova, nasce in un
modo nuovo. Entra in una condizione nuova: infatti invisibile in se stesso si rende visibile nella
nostra natura; infinito, si lascia circoscrivere; esistente prima di tutti i tempi, comincia a vivere
nel tempo; padrone e Signore dell'universo, nasconde la sua infinita maestà, prende la forma di
servo; impassibile e immortale, in quanto Dio, non sdegna di farsi uomo passibile e soggetto
alle leggi della morte.
Colui infatti che è vero Dio, è anche vero uomo. Non vi è nulla di fittizio in questa unità, perché
sussistono e l'umiltà della natura umana, e la sublimità della natura divina.
Dio non subisce mutazione per la sua misericordia, così l'uomo non viene alterato per la dignità
ricevuta. Ognuna delle nature opera in comunione con l'altra tutto ciò che le è proprio. Il Verbo
opera ciò che spetta al Verbo, e l'umanità esegue ciò che è proprio della umanità. La prima di
queste nature risplende per i miracoli che compie, l'altra soggiace agli oltraggi che subisce. E,
come il Verbo non rinunzia a quella gloria che possiede in tutto uguale al Padre, così l'umanità
non abbandona la natura propria della specie.
Non ci stancheremo di ripeterlo: L'unico e il medesimo è veramente Figlio di Dio e veramente
figlio dell'uomo. E' Dio, perché «In principio era il Verbo e il Verbo era presso Dio e il Verbo
era Dio» (Gv 1, 1). E' uomo, perché: «il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi»
(Gv 1, 14).

Responsorio Cfr. Lc 1, 31. 42


R. Accogli la parola, Vergine Maria, l'annunzio dell'angelo del Signore: Concepirai nel tuo
grembo l'uomo-Dio. * Diranno di te: Benedetta fra le donne! (T.P. alleluia).

V. Partorirai un figlio, e sarai madre sempre vergine.


R. Diranno di te: Benedetta fra le donne! (T.P. alleluia).

Inno TE DEUM
Noi ti lodiamo, Dio *
ti proclamiamo Signore.
O eterno Padre, *
tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli *


e tutte le potenze dei cieli:
Santo, Santo, Santo *
il Signore Dio dell'universo.

I cieli e la terra *
sono pieni della tua gloria.
Ti acclama il coro degli apostoli *
e la candida schiera dei martiri;

le voci dei profeti si uniscono nella tua lode; *


la santa Chiesa proclama la tua gloria,
adora il tuo unico Figlio, *
e lo Spirito Santo Paraclito.
O Cristo, re della gloria, *
eterno Figlio del Padre,
tu nascesti dalla Vergine Madre *
per la salvezza dell'uomo.

Vincitore della morte, *


hai aperto ai credenti il regno dei cieli.
Tu siedi alla destra di Dio, nella gloria del Padre. *
Verrai a giudicare il mondo alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore, *


che hai redento col tuo sangue prezioso.
Accoglici nella tua gloria *
nell'assemblea dei santi.

[*] Salva il tuo popolo, Signore, *


guida e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo, *
lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore, *


di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia: *
in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, *


pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza, *
non saremo confusi in eterno.

[*] Quest'ultima parte dell'inno si può omettere.

Orazione
O Dio, tu hai voluto che il tuo Verbo si facesse uomo nel grembo della Vergine Maria: concedi a
noi, che adoriamo il mistero del nostro Redentore, vero Dio e vero uomo, di essere partecipi
della sua vita immortale. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

25 MARZO
ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE (s)
LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. (T.P. Alleluia).

Inno
Dal sorgere del sole
s'irradi sulla terra
il canto della lode.

Il Creatore dei secoli


prende forma mortale
per redimere gli uomini.

Maria vergine madre


porta un segreto arcano
nell'ombra dello Spirito.

Dimora pura e santa,


tempio del Dio vivente,
concepisce il Figlio.

A te sia lode, o Cristo,


al Padre e al Santo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

Oppure:
O lux, salútis núntia,
qua Vírgini fert Angelus
complénda mox orácula
et cara terris gáudia.
Qui Patris ætérno sinu
ætérna Proles náscitur,
obnoxius fit témpori
matrémque in orbe séligit.

Nobis piándis víctima


nostros se in artus cólligit,
ut innocénti sánguine
scelus nocéntum díluat.

Concépta carne Véritas,


umbráta velo Víirginis,
puris vidénda méntibus,
imple tuo nos lúmine.

Et quæ modésto péctore


te dicis ancíllam Dei,
regína nunc cæléstium,
patróna sis fidélium.

Iesu, tibi sit glória,


qui natus es de Vírgine,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula. Amen.

1^ Antifona
L'angelo Gabriele fu inviato
alla sposa di Giuseppe, la Vergine Maria (T.P. alleluia).

SALMO 62, 2-9 L'anima assetata del Signore


La Chiesa ha sete del suo Salvatore, bramando di dissetarsi alla fonte dell'acqua viva che
zampilla per la vita eterna (cfr. Cassiodoro).

O Dio, tu sei il mio Dio, all'aurora ti cerco, *


di te ha sete l'anima mia,
a te anela la mia carne, *
come terra deserta, arida, senz'acqua.

Così nel santuario ti ho cercato, *


per contemplare la tua potenza e la tua gloria.
Poiché la tua grazia vale più della vita, *
le mie labbra diranno la tua lode.

Così ti benedirò finché io viva, *


nel tuo nome alzerò le mie mani.
Mi sazierò come a lauto convito, *
e con voci di gioia ti loderà la mia bocca.

Nel mio giaciglio di te mi ricordo, *


penso a te nelle veglie notturne,
tu sei stato il mio aiuto; *
esulto di gioia all'ombra delle tue ali.

A te si stringe *
l'anima mia.
La forza della tua destra *
mi sostiene.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
L'angelo Gabriele fu inviato
alla sposa di Giuseppe, la Vergine Maria (T.P. alleluia).

2^ Antifona
Benedetta sei tu fra le donne,
e benedetto il frutto del tuo seno (T.P. alleluia).

CANTICO Dn 3, 57-88.56 Ogni creatura lodi il Signore


Lodate il nostro Dio, voi tutti, suoi servi (Ap 19, 5).

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore, *


lodatelo ed esaltatelo nei secoli.
Benedite, angeli del Signore, il Signore, *
benedite, cieli, il Signore.

Benedite, acque tutte, che siete sopra i cieli, il Signore, *


benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.
Benedite, sole e luna, il Signore, *
benedite, stelle del cielo, il Signore.
Benedite, piogge e rugiade, il Signore. *
benedite, o venti tutti, il Signore.
Benedite, fuoco e calore, il Signore, *
benedite, freddo e caldo, il Signore.

Benedite, rugiada e brina, il Signore, *


benedite, gelo e freddo, il Signore.
Benedite, ghiacci e nevi, il Signore, *
benedite, notti e giorni, il Signore.

Benedite, luce e tenebre, il Signore, *


benedite, folgori e nubi, il Signore.
Benedica la terra il Signore, *
lo lodi e lo esalti nei secoli.

Benedite, monti e colline, il Signore, *


benedite, creature tutte che germinate sulla terra, il Signore.
Benedite, sorgenti, il Signore, *
benedite, mari e fiumi, il Signore.

Benedite, mostri marini


e quanto si muove nell'acqua, il Signore, *
benedite, uccelli tutti dell'aria, il Signore.
Benedite, animali tutti, selvaggi e domestici, il Signore, *
benedite, figli dell'uomo, il Signore.

Benedica Israele il Signore, *


lo lodi e lo esalti nei secoli.
Benedite, sacerdoti del Signore, il Signore, *
benedite, o servi del Signore, il Signore.

Benedite, spiriti e anime dei giusti, il Signore, *


benedite, pii e umili di cuore, il Signore.
Benedite, Anania, Azaria e Misaele, il Signore, *
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benediciamo il Padre e il Figlio con lo Spirito Santo, *


lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli.
Benedetto sei tu, Signore, nel firmamento del cielo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

2^ Antifona
Benedetta sei tu fra le donne,
e benedetto il frutto del tuo seno (T.P. alleluia).
3^ Antifona
In virtù della parola,
vergine, Maria concepisce,
e, intatta, genera il Salvatore (T.P. alleluia).

SALMO 149 Festa degli amici di Dio


I figli della Chiesa, i figli del nuovo popolo esultino nel loro re, Cristo (Esichio).

Cantate al Signore un canto nuovo; *


la sua lode nell'assemblea dei fedeli.
Gioisca Israele nel suo Creatore, *
esultino nel loro Re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze, *


con timpani e cetre gli cantino inni.
Il Signore ama il suo popolo, *
incorona gli umili di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria, *


sorgano lieti dai loro giacigli.
Le lodi di Dio sulla loro bocca *
e la spada a due tagli nelle loro mani,

per compiere la vendetta tra i popoli *


e punire le genti;
per stringere in catene i loro capi, *
i loro nobili in ceppi di ferro;

per eseguire su di essi *


il giudizio già scritto:
questa è la gloria *
per tutti i suoi fedeli.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
In virtù della parola,
vergine, Maria concepisce,
e, intatta, genera il Salvatore (T.P. alleluia).

Lettura Breve Fil 2, 6-8


Cristo Gesù, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza
con Dio; ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli
uomini; apparso in forma umana, umiliò se stesso.

Responsorio Breve
In Quaresima:
R. Ave, Maria, piena di grazia, * il Signore è con te.
Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te.
V. Benedetta tu fra le donne, benedetto il frutto del tuo seno:
il Signore è con te.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te.

Nel Tempo di Pasqua:


R. Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te. * Alleluia, alleluia.
Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Alleluia, alleluia.
V. Benedetta tu fra le donne, benedetto il frutto del tuo seno.
Alleluia, alleluia.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Ave, Maria, piena di grazia, il Signore è con te.
Alleluia, alleluia.

Antifona al Benedictus
Nel suo immenso amore per noi,
Dio ha mandato il suo Figlio,
fatto uomo come noi peccatori (T.P. alleluia).

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *


perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Nel suo immenso amore per noi,
Dio ha mandato il suo Figlio,
fatto uomo come noi peccatori (T.P. alleluia).

Invocazioni
Celebrando gli inizi della nostra redenzione nel giorno dell'Annunciazione a Maria, preghiamo
con fiducia Dio nostro Padre:
Interceda per noi la santa Madre di Dio.

Come Maria accolse con fede l'annunzio dell'angelo,


- donaci, o Padre, di accogliere con gioia la parola del nostro Salvatore.

Tu che hai guardato l'umiltà della tua serva,


- abbi pietà di noi e di tutti gli uomini del nostro tempo.

Come Maria, nuova Eva, aderì pienamente alla tua parola,


- fa' che accettiamo con amore la tua volontà.
La santa madre di Dio soccorra i miseri, conforti i deboli e gli oppressi,
- preghi per il popolo, protegga il clero, interceda per le vergini consacrate.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, tu hai voluto che il tuo Verbo si facesse uomo nel grembo della Vergine Maria: concedi a
noi, che adoriamo il mistero del nostro Redentore, vero Dio e vero uomo, di essere partecipi
della sua vita immortale. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ore Media

25 MARZO
ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE (s)
ORA MEDIA

Salmodia complementare

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. (T. P. Alleluia).
TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.

Sia gloria al Padre ed al Figlio,


sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.
Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Dal ceppo di Iesse è fiorita la Vergine Maria,
resa madre dallo Spirito di Dio (T. P. alleluia).

SESTA Antifona
La Vergine concepirà un figlio
e lo darà alla luce:
Emmanuele è il suo nome (T. P. alleluia).

NONA Antifona
Estenderà il suo dominio
sino ai confini della terra:
egli sarà la pace (T. P. alleluia).

SALMO 119 Desiderio della pace minacciata dai malvagi


Egli è la nostra pace … venuto ad annunziare la pace ai lontani e ai vicini
(cfr. Ef 2, 14. 17. 16).

Nella mia angoscia ho gridato al Signore *


ed egli mi ha risposto.

Signore, libera la mia vita dalle labbra di menzogna, *


dalla lingua ingannatrice.
Che ti posso dare, come ripagarti, *
lingua ingannatrice?
Frecce acute di un prode, *
con carboni di ginepro.

Me infelice: abito straniero in Mosoch, *


dimoro fra le tende di Kedar!
Troppo io ho dimorato *
con chi detesta la pace.

Io sono per la pace, *


ma quando ne parlo, essi vogliono la guerra.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 120 Il custode di Israele


Non avranno più fame, né avranno più sete, né li colpirà il sole, né arsura di sorta (Ap 7, 16).

Alzo gli occhi verso i monti: *


da dove mi verrà l'aiuto?
Il mio aiuto viene dal Signore, *
che ha fatto cielo e terra.

Non lascerà vacillare il tuo piede, *


non si addormenterà il tuo custode.
Non si addormenta, non prende sonno, *
il custode d'Israele.

Il Signore è il tuo custode, †


il Signore è come ombra che ti copre, *
e sta alla tua destra.

Di giorno non ti colpirà il sole, *


né la luna di notte.
Il Signore ti proteggerà da ogni male, *
egli proteggerà la tua vita.

Il Signore veglierà su di te,


quando esci e quando entri, *
da ora e per sempre.
Gloria al Padre e al Figlio *
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 121 Saluto alla città santa di Gerusalemme


Voi vi siete accostati al monte Sion e alla città del Dio vivente, alla Gerusalemme celeste (Eb
12, 22).

Quale gioia, quando mi dissero: *


«Andremo alla casa del Signore».
E ora i nostri piedi si fermano *
alle tue porte, Gerusalemme!

Gerusalemme è costruita *
come città salda e compatta.

Là salgono insieme le tribù, le tribù del Signore, †


secondo la legge di Israele, *
per lodare il nome del Signore.

Là sono posti i seggi del giudizio, *


i seggi della casa di Davide.

Domandate pace per Gerusalemme: *


sia pace a coloro che ti amano,
sia pace sulle tue mura, *
sicurezza nei tuoi baluardi.

Per i miei fratelli e i miei amici *


io dirò: «Su di te sia pace!».
Per la casa del Signore nostro Dio, *
chiederò per te il bene.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Dal ceppo di Iesse è fiorita la Vergine Maria,
resa madre dallo Spirito di Dio (T. P. alleluia).

SESTA Antifona
La Vergine concepirà un figlio
e lo darà alla luce:
Emmanuele è il suo nome (T. P. alleluia).

NONA Antifona
Estenderà il suo dominio
sino ai confini della terra:
egli sarà la pace (T. P. alleluia).

Alle altre Ore della salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Ef 1, 9-10


Dio ci ha fatto conoscere il mistero della sua volontà, secondo quanto nella sua benevolenza,
aveva in lui prestabilito per realizzarlo nella pienezza dei tempi: il disegno cioè di ricapitolare in
Cristo tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra.

V. L'angelo del Signore portò l'annunzio a Maria (T. P. alleluia).


R. E concepì dallo Spirito Santo (T. P. alleluia).

SESTA Lettura Breve 1 Gv 4, 10


In questo sta l'amore: non siamo stati noi ad amare Dio, ma è lui che ha amato noi e ha mandato
il suo Figlio come vittima di espiazione per i nostri peccati.

V. Io sono la serva del Signore (T. P. alleluia).


R. Si compia in me la tua parola (T. P. alleluia).

NONA Lettura Breve 1 Tm 2, 5


Uno solo è Dio e uno solo il mediatore fra Dio e gli uomini, l'uomo Cristo Gesù, che ha dato se
stesso in riscatto per tutti.

V. Il Verbo di Dio si è fatto carne (T. P. alleluia).


R. E' venuto ad abitare in mezzo a noi (T. P. alleluia).

Orazione
O Dio, tu hai voluto che il tuo Verbo si facesse uomo nel grembo della Vergine Maria: concedi a
noi, che adoriamo il mistero del nostro Redentore, vero Dio e vero uomo, di essere partecipi
della sua vita immortale. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
Liturgia delle Ore - Vespri

25 MARZO
ANNUNCIAZIONE DEL SIGNORE (s)
SECONDI VESPRI

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. (T. P. Alleluia).

Inno
Ave, stella del mare,
madre gloriosa di Dio,
vergine sempre, Maria,
porta felice del cielo.

L'«Ave» del messo celeste


reca l'annunzio di Dio,
muta la sorte di Eva,
dona al mondo la pace.

Spezza i legami agli oppressi,


rendi la luce ai ciechi,
scaccia da noi ogni male,
chiedi per noi ogni bene.

Móstrati Madre per tutti,


offri la nostra preghiera,
Cristo l'accolga benigno,
lui che si è fatto tuo Figlio.

Vergine santa fra tutte,


dolce regina del cielo,
rendi innocenti i tuoi figli,
umili e puri di cuore.

Dónaci giorni di pace,


veglia sul nostro cammino,
fa' che vediamo il tuo Figlio,
pieni di gioia nel cielo.

Lode all'altissimo Padre,


gloria al Cristo Signore,
salga allo Spirito Santo,
l'inno di fede e di amore. Amen.

Oppure:
Ave, maris stella,
Dei Mater alma,
atque semper Virgo,
felix cæli porta.

Sumens illud «Ave»


Gabriélis ore,
funda nos in pace,
mutans Evæ nomen.

Solve vincula reis,


profer lumen cæcis
mala nostra pelle,
bona cuncta posce.

Monstra te esse matrem:


sumat per te preces,
qui pro nobis natus,
tulit esse tuus.

Virgo singuláris,
inter omnes mitis,
nos culpis solútos,
mites fac et castos.

Vitam præsta puram,


iter para tutum:
ut vidéntes Iesum
semper collætémur.

Sit laus Deo Patri,


summo Christo decus,
Spirítui Sancto,
honor, tribus unus. Amen.

1^ Antifona
L'angelo del Signore portò l'annuncio a Maria:
e concepì dallo Spirito Santo (T. P. alleluia).

SALMO 109, 1-5. 7


Oracolo del Signore al mio Signore: *
«Siedi alla mia destra,
finché io ponga i tuoi nemici *
a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion: *


«Domina in mezzo ai tuoi nemici.

A te il principato nel giorno della tua potenza *


tra santi splendori;
dal seno dell'aurora, *
come rugiada, io ti ho generato».

Il Signore ha giurato e non si pente: *


«Tu sei sacerdote per sempre
al modo di Melchisedek».

Il Signore è alla tua destra, *


annienterà i re nel giorno della sua ira.
Lungo il cammino si disseta al torrente *
e solleva alta la testa.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
L'angelo del Signore portò l'annuncio a Maria:
e concepì dallo Spirito Santo (T. P. alleluia).

2^ Antifona
Maria, non temere:
Dio ti ha guardata con amore:
concepirai un figlio e lo darai alla luce;
sarà chiamato figlio dell'Altissimo (T. P. alleluia).

SALMO 129
Dal profondo a te grido, o Signore; *
Signore, ascolta la mia voce.
Siano i tuoi orecchi attenti *
alla voce della mia preghiera.

Se consideri le colpe, Signore, *


Signore, chi potrà sussistere?
Ma presso di te è il perdono, *
perciò avremo il tuo timore.

Io spero nel Signore, *


l'anima mia spera nella sua parola.
L'anima mia attende il Signore *
più che le sentinelle l'aurora.

Israele attenda il Signore, *


perché presso il Signore è la misericordia,
grande è presso di lui la redenzione; *
egli redimerà Israele da tutte le sue colpe.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Maria, non temere:
Dio ti ha guardata con amore:
concepirai un figlio e lo darai alla luce;
sarà chiamato figlio dell'Altissimo (T. P. alleluia).

3^ Antifona
Io sono la serva del Signore:
si compia in me la tua parola (T. P. alleluia).

CANTICO Cfr. Col 1, 3. 12-20


Ringraziamo con gioia Dio, *
Padre del Signore nostro Gesù Cristo,
perché ci ha messi in grado di partecipare *
alla sorte dei santi nella luce,

ci ha liberati dal potere delle tenebre, *


e ci ha trasferiti nel regno del suo Figlio diletto,
per opera del quale abbiamo la redenzione, *
la remissione dei peccati.

Cristo é immagine del Dio invisibile, *


generato prima di ogni creatura;
é prima di tutte le cose *
e tutte in lui sussistono.

Tutte le cose sono state create per mezzo di lui *


e in vista di lui:
quelle nei cieli e quelle sulla terra, *
quelle visibili e quelle invisibili.

Egli è anche il capo del corpo, che é la Chiesa; *


é il principio di tutto,
il primogenito di coloro che risuscitano dai morti, *
per ottenere il primato su tutte le cose.

Piacque a Dio di fare abitare in lui ogni pienezza, *


per mezzo di lui riconciliare a sé tutte le cose,
rappacificare con il sangue della sua croce *
gli esseri della terra e quelli del cielo.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre, *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Io sono la serva del Signore:
si compia in me la tua parola (T. P. alleluia).

Lettura breve 1 Gv 1, 1-3a


Vi annunziamo ciò che era fin da principio, ciò che noi abbiamo udito, ciò che noi abbiamo
veduto con i nostri occhi, ciò che noi abbiamo contemplato e ciò che le nostre mani hanno
toccato, ossia il Verbo della vita. Poiché la vita si è fatta visibile, noi l'abbiamo veduta e di ciò
rendiamo testimonianza e vi annunziamo la vita eterna, che era presso il Padre e si è resa
visibile a noi. Quello che abbiamo veduto e udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché anche
voi siate in comunione con noi.

Responsorio Breve
In Quaresima:
R. Il Verbo di Dio, fatto uomo, * è venuto ad abitare in mezzo a noi.
Il Verbo di Dio, fatto uomo, è venuto ad abitare in mezzo a noi.
V. Egli era in principio presso Dio:
è venuto ad abitare in mezzo a noi.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Il Verbo di Dio, fatto uomo, è venuto ad abitare in mezzo a noi.

Nel Tempo di Pasqua:


R. Il Verbo di Dio, fatto uomo, * è venuto ad abitare in mezzo a noi.* Alleluia, alleluia.
Il Verbo di Dio, fatto uomo, è venuto ad abitare in mezzo a noi. Alleluia, alleluia.
V. Egli era in principio presso Dio:
Alleluia, alleluia.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Il Verbo di Dio, fatto uomo, è venuto ad abitare in mezzo a noi. Alleluia, alleluia.

Antifona al Magnificat
L'angelo Gabriele disse a Maria:
Ave, piena di grazia, il Signore è con te.
Tu sei benedetta fra le donne (T. P. alleluia).

CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55)


Esultanza dell'anima nel Signore

L'anima mia magnifica il Signore *


e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *


D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *


e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia *


si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *


ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *


ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *


ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *


ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri, *


ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Magnificat
L'angelo Gabriele disse a Maria:
Ave, piena di grazia, il Signore è con te.
Tu sei benedetta fra le donne (T. P. alleluia).

Intercessioni
Con animo fiducioso invochiamo Dio Padre che oggi per mezzo dell'angelo ha annunziato a
Maria il messaggio della salvezza:
Signore, donaci la tua grazia.

Hai eletto la Vergine Maria, perché divenisse madre del tuo Figlio,
- guarda con bontà a tutti coloro che attendono la redenzione.

Per bocca dell'angelo hai annunziato a Maria la gioia e la pace,


- dona al mondo la gioia e la pace del tuo regno.

Per opera dello Spirito Santo e con l'assenso di Maria Vergine hai fatto abitare fra noi il tuo
Verbo eterno,
- disponici ad accogliere il Cristo come lo accolse la Vergine Maria.

Tu che innalzi gli umili e colmi di beni gli affamati,


- aiuta i deboli, solleva gli sfiduciati, conforta i morenti.

Dio grande e misericordioso, a cui nulla è impossibile,


- salvaci dal peccato e dalla morte e dona ai nostri defunti l'eredità eterna.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, tu hai voluto che il tuo Verbo si facesse uomo nel grembo della Vergine Maria: concedi a
noi, che adoriamo il mistero del nostro Redentore, vero Dio e vero uomo, di essere partecipi
della sua vita immortale. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

II SETTIMANA DI QUARESIMA - SABATO


UFFICIO DELLE LETTURE

INVITATORIO
V. Signore, apri le mie labbra
R. e la mia bocca proclami la tua lode.

Antifona
Venite, adoriamo Cristo Signore:
per noi ha sofferto tentazione e morte.

Oppure:
Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
non indurite il vostro cuore.

SALMO 94 Invito a lodare Dio


( Il Salmo 94 può essere sostituito dal salmo 99 o 66 o 23 )
Esortandovi a vicenda ogni giorno, finché dura « quest'oggi » (Eb 3,13).

Si enunzia e si ripete l'antifona.

Venite, applaudiamo al Signore, *


acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

Poiché grande Dio è il Signore, *


grande re sopra tutti gli dèi.
Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.
Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

Venite, prostràti adoriamo, *


in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce (Ant.).

Ascoltate oggi la sua voce: †


« Non indurite il cuore, *
come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *


mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †


e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie;

perciò ho giurato nel mio sdegno: *


Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen (Ant.).

Inno
Protesi alla gioia pasquale,
sulle orme di Cristo Signore,
seguiamo l'austero cammino
della santa Quaresima.

La legge e i profeti annunziarono


dei quaranta giorni il mistero;
Gesù consacrò nel deserto
questo tempo di grazia.

Sia parca e frugale la mensa,


sia sobria la lingua ed il cuore;
fratelli, è tempo di ascoltare
la voce dello Spirito.

Forti nella fede vigiliamo


contro le insidie del nemico:
ai servi fedeli è promessa
la corona di gloria.

Sia lode al Padre onnipotente,


al Figlio Gesù redentore,
allo Spirito Santo Amore,
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Ricordati di noi, Signore,
salvaci con la tua visita.

SALMO 105, 1-18 (I) Bontà del Signore e infedeltà del popolo
Tutte queste cose accaddero a loro come esempio e sono state scritte per ammonimento nostro,
di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (1 Cor 10,11).

Celebrate il Signore, perché è buono, *


eterna è la sua misericordia.

Chi può narrare i prodigi del Signore, *


far risuonare tutta la sua lode?

Beati coloro che agiscono con giustizia *


e praticano il diritto in ogni tempo.

Ricordati di noi, Signore, per amore del tuo popolo, *


visitaci con la tua salvezza,

perché vediamo la felicità dei tuoi eletti, †


godiamo della gioia del tuo popolo *
con la tua eredità ci gloriamo.

Abbiamo peccato come i nostri padri, *


abbiamo fatto il male, siamo stati empi.

I nostri padri in Egitto


non compresero i tuoi prodigi, †
non ricordarono tanti tuoi benefici *
e si ribellarono presso il mare, presso il mar Rosso.

Ma Dio li salvò per il suo nome, *


per manifestare la sua potenza.

Minacciò il mar Rosso e fu disseccato, *


li condusse tra i flutti come per un deserto;
li salvò dalla mano di chi li odiava, *
li riscattò dalla mano del nemico.

L'acqua sommerse i loro avversari; *


nessuno di essi sopravvisse.
Allora credettero alle sue parole *
e cantarono la sua lode.

Ma presto dimenticarono le sue opere, *


non ebbero fiducia nel suo disegno,
arsero di brame nel deserto, *
e tentarono Dio nella steppa.

Concesse loro quanto domandavano *


e saziò la loro ingordigia.

Divennero gelosi di Mosè negli accampamenti, *


e di Aronne, il consacrato del Signore.
Allora si aprì la terra *
e inghiottì Datan, e seppellì l'assemblea di Abiron.

Divampò il fuoco nella loro fazione *


e la fiamma divorò i ribelli.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

1^ Antifona
Ricordati di noi, Signore,
salvaci con la tua visita.

2^ Antifona
Siamo la comunità dell'alleanza,
non dimentichiamo l'amore del nostro Dio.

SALMO 105, 19-33 (II) Bontà del Signore e infedeltà del popolo
Tutte queste cose accaddero a loro come esempio e sono state scritte per ammonimento nostro,
di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (1 Cor 10,11).

Si fabbricarono un vitello sull'Oreb, *


si prostrarono a un'immagine di metallo fuso;
scambiarono la loro gloria *
con la figura di un toro che mangia fieno.

Dimenticarono Dio che li aveva salvati, *


che aveva operato in Egitto cose grandi,
prodigi nel paese di Cam, *
cose terribili presso il mar Rosso.
E aveva già deciso di sterminarli, †
se Mosè suo eletto
non fosse stato sulla breccia di fronte a lui, *
per stornare la sua collera dallo sterminio.

Rifiutarono un paese di delizie, *


non credettero alla sua parola.
Mormorarono nelle loro tende, *
non ascoltarono la voce del Signore.

Egli alzò la mano su di loro *


giurando di abbatterli nel deserto,
di disperdere i loro discendenti tra le genti *
e disseminarli per il paese.

Si asservirono a Baal di Peor *


e mangiarono i sacrifici dei morti,
provocarono Dio con tali azioni *
e tra essi scoppiò una pestilenza.

Ma Finees si alzò e si fece giudice, *


allora cessò la peste
e gli fu computato a giustizia *
presso ogni generazione, sempre.

Lo irritarono anche alle acque di Meriba *


e Mosè fu punito per causa loro,
perché avevano inasprito l'animo suo *
ed egli disse parole insipienti

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

2^ Antifona
Siamo la comunità dell'alleanza,
non dimentichiamo l'amore del nostro Dio.

3^ Antifona
Salvaci, Signore,
radunaci da tutte le nazioni.

SALMO 105, 34-48 (III) Bontà del Signore e infedeltà del popolo
Tutte queste cose accaddero a loro come esempio e sono state scritte per ammonimento nostro,
di noi per i quali è arrivata la fine dei tempi (1 Cor 10,11).

Non sterminarono i popoli *


come aveva ordinato il Signore,
ma si mescolarono con le nazioni *
e impararono le opere loro.

Servirono i loro idoli *


e questi furono per loro un tranello.
Immolarono i loro figli *
e le loro figlie agli dèi falsi.

Versarono sangue innocente, †


il sangue dei figli e delle figlie *
sacrificati agli idoli di Canaan;

la terra fu profanata dal sangue, †


si contaminarono con le opere loro,
si macchiarono con i loro misfatti.

L'ira del Signore si accese contro il suo popolo, *


ebbe in orrore il suo possesso;
e li diede in balìa dei popoli, *
li dominarono i loro avversari,

li oppressero i loro nemici *


e dovettero piegarsi sotto la loro mano.

Molte volte li aveva liberati; †


ma essi si ostinarono nei loro disegni *
e per le loro iniquità furono abbattuti.

Pure, egli guardò alla loro angoscia *


quando udì il loro grido.

Si ricordò della sua alleanza con loro, *


si mosse a pietà per il suo grande amore.
Fece loro trovare grazia *
presso quanti li avevano deportati.

Salvaci, Signore Dio nostro, *


e raccoglici di mezzo ai popoli,
perché proclamiamo il tuo santo nome *
e ci gloriamo della tua lode.
Benedetto il Signore, Dio d'Israele †
da sempre, per sempre. *
Tutto il popolo dica: Amen.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

3^ Antifona
Salvaci, Signore,
radunaci da tutte le nazioni.

Versetto
V. Chi fa la verità, viene alla luce:
R. le sue opere si riveleranno a tutti.

Prima Lettura
Dal libro dell'Esodo 20, 1-17

Promulgazione della Legge sul monte Sinai


In quei giorni: Dio pronunciò tutte queste parole: «Io sono il Signore, tuo Dio, che ti ho fatto
uscire dal paese d'Egitto, dalla condizione di schiavitù: non avrai altri dei di fronte a me. Non ti
farai idolo né immagine alcuna di ciò che è lassù nel cielo né di ciò che è quaggiù sulla terra, né
di ciò che è nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non li servirai. Perché io,
il Signore, sono il tuo Dio, un Dio geloso, che punisce la colpa dei padri nei figli fino alla terza e
alla quarta generazione, per coloro che mi odiano, ma che dimostra il suo favore fino a mille
generazioni, per quelli che mi amano e osservano i miei comandi.
Non pronunzierai invano il nome del Signore, tuo Dio, perché il Signore non lascerà impunito
chi pronuncia il suo nome invano.
Ricordati del giorno di sabato per santificarlo: sei giorni faticherai e farai ogni tuo lavoro; ma il
settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: tu non farai alcun lavoro, né tu, né tuo
figlio, né tua figlia, né il tuo schiavo, né la tua schiava, né il tuo bestiame, né il forestiero che
dimora presso di te. Perché in sei giorni il Signore ha fatto il cielo e la terra e il mare e quanto è
in essi, ma si è riposato il giorno settimo. Perciò il Signore ha benedetto il giorno di sabato e lo
ha dichiarato sacro.
Onora tuo padre e tua madre, perché si prolunghino i tuoi giorni nel paese che ti da' il Signore,
tuo Dio.
Non uccidere.
Non commettere adulterio.
Non rubare.
Non pronunciare falsa testimonianza contro il tuo prossimo.
Non desiderare la casa del tuo prossimo.
Non desiderare la moglie del tuo prossimo, né il suo schiavo, né la sua schiava, né il suo bue, né
il suo asino, né alcuna cosa che appartenga al tuo prossimo».

Responsorio Sal 18, 8. 9; Rm 13, 8. 10


R. La legge del Signore è perfetta, rinfranca l'anima; la testimonianza del Signore è verace, rende
saggio il semplice; * i comandi del Signore sono limpidi, danno luce agli occhi.
V. Chi ama il suo simile ha adempiuto la legge: pieno compimento della legge è l'amore.
R. I comandi del Signore sono limpidi, danno luce agli occhi.

Seconda Lettura
Dal trattato «Sulla fuga dal mondo» di sant'Ambrogio, vescovo
(Cap. 6, 36; 7, 44; 8, 45; 9, 52; CSEL 32, 192. 198-199. 204)

Aderiamo a Dio, unico vero bene


Dov'è il cuore dell'uomo ivi è anche il suo tesoro. Infatti il Signore non suole negare il buon
dono a quanti lo pregano.
Pertanto, poiché il Signore è buono e lo è soprattutto per quelli che lo aspettano pazientemente,
aderiamo a lui, stiamo con lui con tutta la nostra anima, con tutto il cuore, con tutta la forza, per
restare nella sua luce, vedere la sua gloria e godere della grazia della felicità suprema. Eleviamo
dunque l'anima a quel Bene, restiamo in esso, aderiamo ad esso; a quel Bene, che è al di sopra di
ogni nostro pensiero e di ogni considerazione e che elargisce pace e tranquillità senza fine, una
pace che supera ogni nostra comprensione e sentimento.
Questo è il Bene che pervade tutto, e tutti viviamo in esso e da esso dipendiamo, mentre esso
non ha nulla al di sopra di sé, ma è divino. Nessuno infatti è buono se non Dio solo: perciò tutto
quello che è buono è divino e tutto quello che è divino è buono, per cui è detto: «Tu apri la
mano, si saziano di beni» (Sal 103, 28); a ragione, infatti, per la bontà di Dio ci vengono date
tutte le cose buone perché a esse non è mischiato alcun male.
Questi beni la Scrittura li promette ai fedeli dicendo: «Mangiate i frutti della terra» (Is 1, 19).
Siamo morti con Cristo; portiamo sempre e in ogni luogo nel nostro corpo la morte di Cristo
perché anche la vita di Cristo si manifesti in noi. Dunque, ormai non viviamo più la nostra vita,
ma la vita di Cristo, vita di castità, di semplicità e di tutte le virtù. Siamo risorti con Cristo,
viviamo dunque in lui, ascendiamo in lui perché il serpente non possa trovare sulla terra il nostro
calcagno da mordere.
Fuggiamo di qui. Anche se sei trattenuto dal corpo, puoi fuggire con l'anima, puoi essere qui e
rimanere presso il Signore se la tua anima aderisce a lui, se cammini dietro a lui con i tuoi
pensieri, se segui le sue vie nella fede, non nella visione, se ti rifugi in lui; perché è rifugio e
fortezza colui al quale Davide dice: In te mi sono rifugiato e non mi sono ingannato (Sal 76, 3).
Pertanto siccome Dio è rifugio, e Dio è in cielo e sopra i cieli, allora dobbiamo fuggire di qui
verso lassù dove regna la pace, il riposo dalla fatiche, dove festeggeremo il grande sabato, come
disse Mosè: «Ciò che la terra produrrà durante il suo riposo servirà di nutrimento a te» (Lv 25,
6). Infatti riposare in Dio e vedere le sue delizie è come sedere a mensa ed essere pieni di felicità
e di tranquillità.
Fuggiamo dunque come cervi alle fonti d'acqua, anche la nostra anima abbia sete di quello di cui
era assetato Davide. Qual è quella sorgente? Ascolta colui che dice: «E' in te la sorgente della
vita» (Sal 35, 10): dice la mia anima a questa fonte: Quando verrò e vedrò il tuo volto? (Sal 41,
3). La sorgente infatti è Dio.
Responsorio Mt 22, 37-38; cfr. Dt 10, 12
R. Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta l'anima e con tutta la mente. * Questo è
il più grande, il primo dei comandamenti.
V. Questo ti chiede il Signore: di temere, amare e servire il Signore tuo Dio con tutto il cuore e
con tutta l'anima.
R. Questo è il più grande, il primo dei comandamenti.

Orazione
O Dio, che per mezzo dei sacramenti ci rendi partecipi del tuo mistero di gloria, guidaci
attraverso le esperienze della vita, perché possiamo giungere alla splendida luce in cui è la tua
dimora. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

Liturgia delle Ore - Lodi Mattutine

II SETTIMANA DI QUARESIMA - SABATO


LODI MATTUTINE

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Inno
Nella santa assemblea,
o nel segreto dell'anima,
prostriamoci e imploriamo
la divina clemenza.

Dall'ira del giudizio


liberaci, o Padre buono;
non togliere ai tuoi figli
il segno della tua gloria.

Ricorda che ci plasmasti


col soffio del tuo Spirito:
siam tua vigna, tuo popolo,
e opera delle tue mani.

Perdona i nostri errori,


sana le nostre ferite,
guidaci con la tua grazia
alla vittoria pasquale.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

1^ Antifona
Al mattino annunziamo il tuo amore,
la tua verità nella notte profonda.

SALMO 91 Lode al Signore creatore


Chi rimane in me ed io in lui, fa molto frutto: perché senza di me non potete far nulla (Gv 15, 5).

E' bello dar lode al Signore *


e cantare al tuo nome, o Altissimo,

annunziare al mattino il tuo amore, *


la tua fedeltà lungo la notte,
sull'arpa a dieci corde e sulla lira, *
con canti sulla cetra.

Poiché mi rallegri, Signore, con le tue meraviglie, *


esulto per l'opera delle tue mani.

Come sono grandi le tue opere, Signore, *


quanto profondi i tuoi pensieri!
L'uomo insensato non intende *
e lo stolto non capisce:

se i peccatori germogliano come l'erba *


e fioriscono tutti i malfattori,
li attende una rovina eterna: *
ma tu sei l'eccelso per sempre, o Signore.
Ecco, i tuoi nemici, o Signore, †
ecco, i tuoi nemici periranno, *
saranno dispersi tutti i malfattori.

Tu mi doni la forza di un bufalo, *


mi cospargi di olio splendente.

I miei occhi disprezzeranno i miei nemici, †


e contro gli iniqui che mi assalgono *
i miei orecchi udranno cose infauste.

Il giusto fiorirà come palma, *


crescerà come cedro del Libano;
piantati nella casa del Signore, *
fioriranno negli atri del nostro Dio.

Nella vecchiaia daranno ancora frutti, *


saranno vegeti e rigogliosi,
per annunziare quanto è retto il Signore: *
mia roccia, in lui non c'è ingiustizia.

Gloria al Padre e al Figlio, *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen .

1^ Antifona
Al mattino annunziamo il tuo amore,
la tua verità nella notte profonda.

2^ Antifona
Voglio proclamare il nome del Signore:
date gloria al nostro Dio.

CANTICO Dt 32, 1-12 I benefici di Dio in favore del popolo


Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come una gallina raccoglie i pulcini sotto le ali!
(Mt 23, 37).

Ascoltate, o cieli: io voglio parlare: *


oda la terra le parole della mia bocca!

Stilli come pioggia la mia dottrina, *


scenda come rugiada il mio dire;
come scroscio sull'erba del prato, *
come spruzzo sugli steli di grano.

Voglio proclamare il nome del Signore: *


date gloria al nostro Dio!

Egli è la Roccia; perfetta è l'opera sua; *


tutte le sue vie sono giustizia;
è un Dio verace e senza malizia; *
Egli è giusto e retto.

Peccarono contro di lui i figli degeneri, *


generazione tortuosa e perversa.

Così ripaghi il Signore, *


o popolo stolto e insipiente?
Non è lui il padre che ti ha creato, *
che ti ha fatto e ti ha costituito?

Ricorda i giorni del tempo antico, *


medita gli anni lontani.
Interroga tuo padre e te lo farà sapere, *
i tuoi vecchi e te lo diranno.

Quando l'Altissimo divideva i popoli, *


quando disperdeva i figli dell'uomo,
egli stabilì i confini delle genti *
secondo il numero degli Israeliti.

Porzione del Signore è il suo popolo, *


sua eredità è Giacobbe.

Egli lo trovò in terra deserta, *


in una landa di ululati solitari.
Lo educò, ne ebbe cura, *
lo custodì come pupilla del suo occhio.

Come un'aquila che veglia la sua nidiata, *


che vola sopra i suoi nati,
egli spiegò le ali e lo prese, *
lo sollevò sulle sue ali.

Il Signore lo guidò da solo, *


non c'era con lui alcun dio straniero.

Gloria al Padre e al Figlio, *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen .

2^ Antifona
Voglio proclamare il nome del Signore:
date gloria al nostro Dio.

3^ Antifona
O Signore, nostro Dio,
quanto è grande il tuo nome su tutta la terra! †

SALMO 8 Grandezza del Signore e dignità dell'uomo


Tutto ha sottomesso ai suoi piedi, e lo ha costituito su tutte le cose a capo della Chiesa (Ef 1,
22).

O Signore, nostro Dio, †


quanto è grande il tuo nome
su tutta la terra: *
† sopra i cieli si innalza la tua magnificenza.

Con la bocca dei bimbi e dei lattanti †


affermi la tua potenza contro i tuoi avversari, *
per ridurre al silenzio nemici e ribelli.

Se guardo il tuo cielo, opera delle tue dita, *


la luna e le stelle che tu hai fissate,
che cosa è l'uomo perché te ne ricordi, *
il figlio dell'uomo perché te ne curi?

Eppure l'hai fatto poco meno degli angeli, *


di gloria e di onore lo hai coronato:
gli hai dato potere sulle opere delle tue mani, *
tutto hai posto sotto i suoi piedi;

tutti i greggi e gli armenti, *


tutte le bestie della campagna;
gli uccelli del cielo e i pesci del mare, *
che percorrono le vie del mare.

O Signore, nostro Dio, *


quanto è grande il tuo nome su tutta la terra!

Gloria al Padre e al Figlio, *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen .

3^ Antifona
O Signore, nostro Dio,
quanto è grande il tuo nome su tutta la terra!

Lettura Breve Is 1, 16-18


Lavatevi, purificatevi, togliete dalla mia vista il male delle vostre azioni. Cessate di fare il male,
imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano,
difendete la causa della vedova. Su, venite e discutiamo, dice il Signore. Anche se i vostri
peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora,
diventeranno come lana.

Responsorio Breve
R. Rinnovaci nel cuore, * e saremo tuo popolo.
Rinnovaci nel cuore, e saremo tuo popolo.
V. Metti in noi, Signore, uno spirito nuovo,
e saremo tuo popolo.
Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
Rinnovaci nel cuore e saremo tuo popolo.

Antifona al Benedictus
Padre, ho peccato contro di te:
non merito di chiamarmi tuo figlio!

CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79


Il Messia e il suo Precursore

Benedetto il Signore Dio d'Israele, *


perché ha visitato e redento il suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente *


nella casa di Davide, suo servo,

come aveva promesso *


per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *


e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *


e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *


di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore, in santità e giustizia *


al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *


perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *


nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *


per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *


e nell'ombra della morte

e dirigere i nostri passi *


sulla via della pace.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.

Come era nel principio, e ora e sempre *


nei secoli dei secoli. Amen.

Antifona al Benedictus
Padre, ho peccato contro di te:
non merito di chiamarmi tuo figlio!

Invocazioni
Rendiamo grazie sempre e in ogni luogo al Cristo salvatore, e rivolgiamo a lui la nostra comune
preghiera:
Soccorrici con la forza del tuo Spirito, Signore.

Custodisci la castità del nostro corpo e del nostro cuore,


- perché siamo tempio vivo dello Spirito Santo.

Rendici fin d'ora disponibili all'aiuto fraterno,


- fa' che tutto il giorno trascorra nell'adesione piena alla tua volontà.

Rendici solleciti non del cibo che perisce,


- ma di quello che dura per la vita eterna e che tu ci dai.

La Madre tua, rifugio dei peccatori, interceda per la nostra salvezza,


- e ci ottenga il perdono dei peccati.

Padre nostro.
Padre nostro, che sei nei cieli,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno,
sia fatta la tua volontà,
come in cielo così in terra.

Dacci oggi il nostro pane quotidiano,


e rimetti a noi i nostri debiti
come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
e non ci indurre in tentazione,
ma liberaci dal male.

Orazione
O Dio, che per mezzo dei sacramenti ci rendi partecipi del tuo mistero di gloria, guidaci
attraverso le esperienze della vita, perché possiamo giungere alla splendida luce in cui è la tua
dimora. Per il nostro Signore.

Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.


R. Amen.

Liturgia delle Ore - Ora Media

II SETTIMANA DI QUARESIMA - SABATO

ORA MEDIA

V. O Dio, vieni a salvarmi.


R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Inno
O Spirito Paraclito,
uno col Padre e il Figlio,
discendi a noi benigno
nell'intimo dei cuori.

Voce e mente si accordino


nel ritmo della lode,
il tuo fuoco ci unisca
in un'anima sola.

O luce di sapienza,
rivelaci il mistero
del Dio trino ed unico,
fonte d'eterno amore. Amen.

Oppure:
L'ora terza risuona
nel servizio di lode:
con cuore puro e ardente
preghiamo il Dio glorioso.

Venga su noi, Signore,


il dono dello Spirito,
che in quest'ora discese
sulla Chiesa nascente.

Si rinnovi il prodigio
di quella Pentecoste,
che rivelò alle genti
la luce del tuo regno.

Sia lode al Padre e al Figlio


e allo Spirito Santo,
al Dio trino e unico,
nei secoli sia gloria. Amen.

SESTA Inno
Glorioso e potente Signore,
che alterni i ritmi del tempo,
irradi di luce il mattino
e accendi di fuochi il meriggio,

tu placa le tristi contese,


estingui la fiamma dell'ira,
infondi vigore alle membra,
ai cuori concedi la pace.
Sia gloria al Padre ed al Figlio,
sia onore al Santo Spirito,
all'unico e trino Signore
sia lode nei secoli eterni. Amen

Oppure:
L'ora sesta c'invita
al servizio divino:
inneggiamo al Signore
con fervore di spirito.

In quest'ora sul Golgota,


vero agnello pasquale,
Cristo paga il riscatto
per la nostra salvezza.

Dinanzi alla sua gloria


anche il sole si oscura:
risplenda la sua grazia
nell'intimo dei cuori.

Sia lode al Padre e al Figlio,


e allo Spirito Santo,
al Dio trino ed unico
nei secoli sia gloria. Amen.

NONA Inno
Signore, forza degli esseri,
Dio immutabile, eterno,
tu segni i ritmi del mondo:
i giorni, i secoli, il tempo.

Irradia di luce la sera,


fa' sorgere oltre la morte,
nello splendore dei cieli,
il giorno senza tramonto.

Sia lode al Padre altissimo,


al Figlio e al Santo Spirito,
com'era nel principio,
ora e nei secoli eterni. Amen.

Oppure:
L'ora nona ci chiama
alla lode di Dio:
adoriamo cantando
l'uno e trino Signore.

San Pietro che in quest'ora


salì al tempio a pregare,
rafforzi i nostri passi
sulla via della fede.

Uniamoci agli apostoli


nella lode perenne
e camminiamo insieme
sulle orme di Cristo.

Ascolta, Padre altissimo,


tu che regni in eterno,
con il Figlio e lo Spirito
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

SALMO 118, 81-88 XI (Caf)


Mi consumo nell'attesa della tua salvezza, *
spero nella tua parola.
Si consumano i miei occhi dietro la tua promessa, *
mentre dico: «Quando mi darai conforto?».

Io sono come un otre esposto al fumo, *


ma non dimentico i tuoi insegnamenti.
Quanti saranno i giorni del tuo servo? *
Quando farai giustizia dei miei persecutori?

Mi hanno scavato fosse gli insolenti *


che non seguono la tua legge.
Verità sono tutti i tuoi comandi; *
a torto mi perseguitano: vieni in mio aiuto.

Per poco non mi hanno bandito dalla terra, *


ma io non ho abbandonato i tuoi precetti.
Secondo il tuo amore fammi vivere *
e osserverò le parole della tua bocca.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 60 Preghiera di un esule


Quando verrà disfatto questo corpo, nostra abitazione sulla terra, riceveremo un'abitazione da
Dio, una dimora eterna ... nei cieli (2 Cor 5, 1).

Ascolta, o Dio, il mio grido, *


sii attento alla mia preghiera.

Dai confini della terra io t'invoco; †


mentre il mio cuore viene meno, *
guidami su rupe inaccessibile.

Tu sei per me rifugio, *


torre salda davanti all'avversario.
Dimorerò nella tua tenda per sempre, *
all'ombra delle tue ali troverò riparo;

perché tu, Dio, hai ascoltato i miei voti, *


mi hai dato l'eredità di chi teme il tuo nome.

Ai giorni del re aggiungi altri giorni, *


per molte generazioni siano i suoi anni.
Regni per sempre sotto gli occhi di Dio; *
grazia e fedeltà lo custodiscano.

Allora canterò inni al tuo nome, sempre, *


sciogliendo i miei voti giorno per giorno.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.
SALMO 63 Preghiera contro il terrore del nemico
Tennero consiglio per arrestare con un inganno Gesù e farlo morire (Mt 26, 4).

Ascolta, Dio, la voce, del mio lamento, *


dal terrore del nemico preserva la mia vita.
Proteggimi dalla congiura degli empi, *
dal tumulto dei malvagi.

Affilano la loro lingua come spada, †


scagliano come frecce parole amare *
per colpire di nascosto l'innocente;

lo colpiscono di sorpresa *
e non hanno timore.

Si ostinano nel fare il male, †


si accordano per nascondere tranelli; *
dicono: «Chi li potrà vedere?».

Meditano iniquità, attuano le loro trame: *


un baratro è l'uomo e il suo cuore un abisso.

Ma Dio li colpisce con le sue frecce: *


all'improvviso essi sono feriti,
la loro stessa lingua li farà cadere; *
chiunque, al vederli, scuoterà il capo.

Allora tutti saranno presi da timore, †


annunzieranno le opere di Dio *
e capiranno ciò che egli ha fatto.

Il giusto gioirà nel Signore †


e riporrà in lui la sua speranza, *
i retti di cuore ne trarranno gloria.

Gloria al Padre e al Figlio *


e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre *
nei secoli dei secoli. Amen.

TERZA Antifona
Ecco i giorni della penitenza,
tempo di perdono e di salvezza.

SESTA Antifona
Io sono il Vivente, dice il Signore:
non voglio la morte del peccatore,
ma che si converta e viva.

NONA Antifona
Siamo saldi nella prova:
nostra forza è la giustizia di Dio.

Alle altre Ore salmodia complementare

TERZA Lettura Breve Ap 3, 19-20


Io tutti quelli che amo li rimprovero e li castigo. Mostrati dunque zelante e ravvediti. Ecco, sto
alla porta e busso. Se qualcuno ascolta la mia voce e mi apre la porta, io verrò da lui, cenerò con
lui ed egli con me.

V. Un cuore puro crea in me, o Signore,


R. rinnova in me uno spirito saldo.

SESTA Lettura Breve Cfr. Is 44, 21-22


Ricorda che tu sei mio servo. Io ti ho formato, mio servo sei tu; Israele, non sarai dimenticato da
me. Ho dissipato come nube le tue iniquità e i tuoi peccati come una nuvola. Ritorna a me,
poiché io ti ho redento.

V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,


R. cancella tutte le mie colpe.

NONA Lettura Breve Gal 6, 7b-8


Non ci si può prendere gioco di Dio. Ciascuno raccoglierà quello che avrà seminato. Chi semina
nella sua carne, dalla carne raccoglierà corruzione; chi semina nello Spirito, dallo Spirito
raccoglierà vita eterna.

V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,


R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

Orazione
O Dio, che per mezzo dei sacramenti ci rendi partecipi del tuo mistero di gloria, guidaci
attraverso le esperienze della vita, perché possiamo giungere alla splendida luce in cui è la tua
dimora. Per il nostro Signore.

R. Amen.
Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.