Sei sulla pagina 1di 18

1P,o'rn'etTxa

iolto poli-

loìirìomio

. n.R), gli

csst sono

r'a.rc llulla

'"ì che si

:,io h(z) -

., ll1'l'll,?inLO

ssinro è l

,-i è rrrrico:

:-ic pcr il

' rlrfatt,i sc

'rrrarrcla se:

fiurzioric'

l ll

l

S(:-nSC)

:--c che ha

,Ìi Tavlor

lrrr) rlarc

:rL rlittcirrrio

CAPITOLO 4

APPLIC AZTONI

LINEARI

4.'t, APPLICAZIONI LINEARI: PRIMtr DEFINIZIONI tr PROPRItrTA

definizione,

unr.r spazio vettr.rriale è ttn gruppo

Conre abbiamo visto

'ella

cli composizione esterna con elententi

proprictà; irr questo capitolo.studicrc-

abcliano su cui ò clefrnita rlua legge

cri r.*r ca'rpo. so<rclisfa,ccnte alcrurer

rnopariicolar.iapplicazioriifraspazivettoriali'Studierenopoilostret|<l

legatrre fra tali

opptit'u'J"i

e lc rnatrici Salvo esplicito avvlso ci

Ìirniterento

allostuclioclispazivctl,orialiclitlirrrerrsionefìrrita;rnoltideirisultatipero

valgono atrchc rtcl

cu'o tli spazi vettoriali

cli dirncllsiolre irifinita'

u

V <:'V'tltlc spazi vcttoriali sopra il catLrpu R " V't f si tii|r' oppliro"ione lìt'prtr'p llto'loIrnoziot'e

Definizione

f urr'apDlit

i,iìo

4'1'1 Sialo

a7ir1lc rla i

i,'trl"'l- tr V' sc 'crifica le seguenti c:o.dizloni:

1) V t, ut €V : l('u

'r

tu)

:

2) Vor €R,VueV:/(orl)

/(u)

+

/(tr)'

:n/(r)'

Esernpio 4.1.1 Sia / l'applicazionc di R2 in R tale chc' V (o'b) eR2'

/((o' b)) :

/((n,b)

a, si ha allora che:

+(r:.d)) : f ((o'7c:'bl ct)):orr::

/(o(a' b)) :

/((rro', ob)) :

oio :

Jl@''b)) +/(("d))

V o

e lR

o/((o' b))'

t-rrrtlt' f i' rrrr'applilaziotLc litrt'at c

62

Lezi,on,í, cLi. aLqebra l,i,n.e,o,r'e e qeorrt.etri,o,

osservazione 4.1.1 osserviar.o

che, per rrna tr.asfornrazi,'e rirreare f da

V a.V' risulta: /(0rr) : 01.t,, essendo

./(0v) :.f(r,+ (-t,)) : f @) + (_r)/(u) :0v,.

Proposizione 4.1.1 Il, trt'roclotto ope,ator'í.o cri applzcazio,i Li,ear.i, è

u,,'a,p-

pli'rn'zi'ort,e, l,i,n.eare e l,"i'n,uersa d,i, u'n,'appr,icazi,on,e li,n,eare bi,l,n,i,yoca è linea,re.

Di'rn,ast,r'o'zi'ne - sia,'o / e g drre

c. la scco'cla daV' a V',, c1<_,r,c V,

risulta allora, V 2.,,u, Z e V a ìR,

applicaziorri Ìirreari, la

pr.ir'a cl.av a v,

V, e V, son. tre spazi vcttoriaÌi su lR;

(o o f'1(., -' rir) :

c

q(f (, + ut)) :

s(f(u) + /(,rr.,)) : sUe,D + g(f(-)) :

- (s a l)(r)+ (o o f)(u)

(o o f )(c'ti):

(o(.f (r,ti)): o(*(f (r))): c"ct(f A;)): ^(.s o.f 11r1.

cqrrindi gof è llneare.

se poi consideriamo l'applicazione

/-1, irrversa dclta /, possiamo ve'i

ficare facrilme.te che essa è una applicazione li'care biuriivoca; i'fatti, se

r,y €v" per la biunivocitàdi / esisto.o''ici tr,u I,/ tali crre z:

e ?r :

-

f-t@)

@) +

Pertanto si ha che: r

i,U

:

t

J _U -'

f -r (y)) c quindi,. /-

t (r. + y) :

analogarnerite, /-1(az) - af -r(r) e quindi /

:f

(f-t(r))

+

f

f-r(r')

(f-t"(y))':

í (") + f -i (.y)" Risutta poi,

1 ò lineare. r'

Si verifica inoltre facilrnente che:

Proposizione 4.r.2 si,a'n.o v e v' d,ue

,s'i,af:V-V'u,n,'appLi,cazi.ort*,diVi,n,Vt;al,lo,afèli,ear.ese.esal,,se,

spctzi. uettor,iar,i, so[t,a ir, car,po p, e

V rr,ll €R, V t.'. u, e

V, r'i,sulta f (rtu t Bu):

of

(1.) + ,-ìf (tr,)

Definizione 4.1.2 urr'applicazio.e rineare

sttl cartrpo lR si dice í,sont,orfisrrt,o sc f ò sia inicttirra che surlcttiva.

./ fra gri spazi vettori aliv t; v,

Definizione 4.1.3 l/n'applir:aziorre lirrea'e

ttornc dl ert.d,orn,or',físrnn; un isonrorfisrno cli r in se slcsso sl rli<:t cLut,orn,or

f

cli v irr se sless, pre'dc il

t'i,srrt,o.

Definizione 4'L.4 sr. v c

/ urr'applicazione lineare da

i/ cost,ituito dagli elernenti

di

Kerf : fu €V:/(o) :0",Ì.

sier'e di l./ costituit.

v' sorro clue spazi r

ttoriarl

sopra il campo

v a I,/', si cÌcfinisc:c:,n,u,cl,eo di /

i1 sottoinsierrnc

che hanno per irrrmagine lo zelo di v/, o'vcro:

Si clefinisce poií,rrrrn,agin,edi / ilsottoirr_

dagìi clementi di z/ che sorro inrrrragine, tra'rÍtc

{r/ V, :1u e Vlf @): r,,}.

/,

di qualcÌre clemento di Ì,/, ovvero: Irn,f :

Appli,cazto

Pcr i sc

Proposizi

R" e .f rtrt ri

Ker'.f :

{tt

Dilrn.o.stL.a :i

ovvlanlent c

sia /(r,') :

?r-{1t:1.11

Proposizi<

e, J u,n,'appl

Irn.f è utt .:

Dirnostrazí c

: 01:,: inolr

: f (.r,) + .7

t: Ke.rf .,

Kerf <:hc, cit

Pcr qrrai

u1., :

l(01

?r,'u€7.c,

: f(ru: i

V'. t

1

Esempio 4.

seguentc ./ (, ,

/

ò lincare. I

f(rt(o,.h.,

: (((lo _

: ((oa =

((atr -

: (o(a -

: rr(a +.J

: o.f ((u .i

:

citrclc ,/ t) lirrcr

Iìisrrlta p,

(a,. b. r:) I{ e r

tuito da tali (.

norr ò itricttir-;

a P_ qeoTnetr.l,a

: lineare /

da

reari è un'o,p- tr:a è Lineare.

adaV aV'

:toriali su lR.;

g(f (u)):

: f i(u).

rssiamo veri-

a: infatti, se

,u:

f-l(r)

'tf-l(aD:

fusulta poi,

I carnpo R e

e. e soLo se,

>riahV eV'

;o prende il

'e autorn,or

campo lR e ottoinsieme

l''. ovvero:

' il sottoin-

tramite

r') :

u 'Ì.

/,

Applicazi.o'ni li,nearz

63

Per i sottoinsiemi appena definiti valgono le seguenti proposizioni.

Proposizione 4.1.3 Se V e V' so'no du,e spazi, uetto,rial,i

R e f

u,n,'appl,i,cazi,one l,i,'n,eare daV aV', al,lo,ra f

Kerf : {0y}.

sopr.a il c(ffnpo

è irtzettiua se, e solo se,

Dimostraz'ione - Se

ovviamente Kerf :

I'applicazione è iniettiva, essendo f (0à :0v,

{0y}.

Viceversa supponiamo che Kerf :

f(r)

-

f(*)

:

allora risulta 0y, :

risulta

{ov}

"

sia /(tr) :

1.) -'tL)

:

0y

f(-);

f(, - *) e quindi

ovv€ro u : u e pertanto / è iniettiva.

Proposizione 4.1.4 se v e vt

e f

un,'appl,icaz'io,n,e Li'n,ea,e

sono d,u,'e spazz uettor.,iarz

sopra il ca,mpo )R"

daV aV,, al,l,o,ra Kerf è u,, sottospaz,io d"íV e

Irnf è u'n. sottospazr,o diVI .

Dimostraz,ion,e - InnanzitnLto

:0v,1inoltre, V u,w Kerf

Kerf * 0poiché0y

KerJ essendo yev):

, r.isulta f (r): f (*):0y,, onde f (u+w):

0v, e quindi u +w

a\v, :0v,ì

Kerf. Se poi a lR e

pertanto au appartiene a

:

f(") + f(-)

:

0v, I0v, :

u € Kerf , si ha /(ou) :

Kerf chc quindi

af (r) :

risuìta essere un sottospazio di V.

Per quanto riguar.da Irrt,f

/(0v);

,

esso è non vuoto

poiché 0v, Im.f esscrrdo

f(u)

e

ut,

:

f(w)

c:on

([]w):

0v, :

inoltre, Y t/,tu' Irn,f, ovvero t/ :

o,p €R, risulta ou'!{3u, :

ts,tu €V,eY

:

af (u)+13f (w): f (cLu)+f

f (au + llu), onde au'* [Jw' Im,f e quindi lrnf

è un sottospazio cli

v'. t

Esernpio 4.1.2 Siano I/

seguente f ((o,b,c)): (a+3b+ 4c,2al6c) ; innanzitutto

:1R3, V, :1R.2 e f

: V +

V, definita ai modo

dimostriamo che

/

è lineare. Infatti, Y (o,,b,c),(d,e,-f) Rr,V a,p ìR, si ha:

f (.(o,,b,c) + p(d,e,

f)) :

f (*" *

l3d.,ab I

Be,ac + 13f) :

: ((oo, + l3d) + 3(oó+ {)e) +4(ac+ pf),2(aal

Bd,) +6(ac+ tjf)):

: ((ao* 3aó+ 4ac:) i (pd+Zpe+ 4[jf),(2ao,_r6ac) + (213d+613f)):

:

:

((aa * 3ob + 4ac), (2aa+ 6ac)) + (U3d + 3pe -r 413

(o(a + 3ó +

f),

(2t|d + 613f)) :

4c'),a(2a+ 6c)) + (/j(d* 3e + 4f), lj(2cl+ 6/)) :

!

6c)

+

p(rt,* 3e * 4f ,2d + 6f) :

- a(a+ 3b + 4c,2o,

:0f ((a,b,cl + pf ((d,,e, f)) ,

orrdc / ò lineare.

Risulta pot Kerf :

{

(a,,ó,r:)

€lR3

,

f((a,b,c:)) :

(0,0)

}

e quindi

(a.h,c)

Kerf <+ o.+ 3h+4c,:0 e2a*6c:0;

risolvendo il sisíema cost.

cquazioni si ha Kgr f : {(-3", -c:13. c) lR3/c ìR} e quincli /

tuito da tali

non ò iniettiva.

64

Lezi'ort'i di' al'clebra li"n'ea're e qectrn'e't'rt'a

e lrn'f

(a' b' c') e R3

Pe'r quanto ngrlarcla

lrrt'f st' ha che (o''

<+.-

t'a1c

,.t-e rntht\: f(( o.b"c))

:"(a*ilb+4c:,2ct.i6c);

'b')

poiché, contc si vcritica

elR3'v r'R' talc

i",ìtt"r",.t", p", og,'i ,oi'6'; 5[t2 esiste (!e

,4]4À'c)

che:

lat . b' 1 -

f

(.(ry , 2a' -!' -2c ' ''1'1 '

risrrlt:r lrrrl :nq2 e quirrcii ,/ ìr suriettiva'

4.2 APPLICAZIONI LINtrARI E DIPENDENZA LINEARtr

Str.rdiamoorallconrportailentodiun'appìicaziorrelinearerispettoalla

di I'cttori'

dipentìerrza c indipendenza lineare

Proposizio ne 4.2,|

Si.a,no V e V, r]'u,e spazi, tlettor.i,al,i, su,L carn,po R. f

,,rr.'cippl,i,cazi'orteli,n,eu,ed'i,Vin'V'et:7''u2,"',t:n'eVn'ttel'tor"í'I'i'rt'eo'trn'e'n'l'e'

rl,l,pe:n,,1er,,tl,:

v'.

al,lora J(uv), f 0,2),'

,

"f

(t',)

sort'o I'i'n'earrt'en'te diyte'n'den'ti'

i'rt'

Dilnnstrazinrle - Poiché i vettori 'tt:,'t)2," ' ) un sollo lirlcarlnente dipcriclenti

'turt.

lR. non tutti nrrlli tali che o1?r1 +02u2+ " ':_Lr"'ttn :

1(0r')

:./(o1i''r ! ct2t;2 +

"+

esrstono

:0r,:

clalia linerarità ili / seguc che 01"' :

o2.f

12) +

1rÌ,,i.'") : 01l(?rl) i

" + rt'f (t;"1' ottcle I'asserto r

corollario 4.2.! si,cunov

p|1caz|11e. l,i"n,eaye d,i, V i'rt, V'

son,o li,n,ea'rnte,n,te

ev'

clue spazi. ttettorial,i' 'stt'Ì,

carn'poR" f u'n''ap-

' /(r'

)

e tt1.^1)2; " 1tt,, V; se f (lt)'/(rr2)"'

z,n,d1i1tgrt,clen,t'i i,rt v' , allora 1)I.'t)21 '.'.un so'rLo li'n'earrrt'ertt'e'

i,rtdtpe'n,den,ti,

in, V .

proposizio ne 4.2.2 ,li,a'rt,o V e v'

tLu,e spazi ue,ttorial,i stL'l ut'rn,po R", f

"')'t)n V n' uetl'oti

son,o !,irt'e'ar"rn'en'le i'ri'-

tut'appl,lcazinne li:neare i,ni'etti'ua d'i' V i'rt' V' e t'7"r2\

l,,,r,eorrr,er,t" i,ndlpen,drcn,ti,; cr.l,lora /(o1),,/(rr2),

cli,p ert, d e' n't.i, i,'n' V'

,

"f (tr')

Di.'m,ostrazi,on.e'Sia r,r.1/(r.'1) 'ta2f (t:2)+"

lirrearità cii /, /(a111

l.ctzttt +

+ ().,.,N11,

K";f

:

{01r},

lirrcalc {ci

+rrr,,t+

'+o"./(r''")

; da

:0l"

' onde' pelìa

" + ct,ttn):0r"'

ciò segue che o1't'1-|-

02:

"':

(r" -

tiR

Kerf e' essendo /

a2t'2

,1rr

+

urr'appiicazione lirrcarc iniettiva'

Dall'irirlipelrdcnza

ortdc a1r.'1 I

+ (}n't)It :0tt

vettori't-rl.?r2

sl dccllrce clte r.r1 -

1(,'')

Pc,rtatrto i rrcltori /(11),./(r'2)

sotro lineartrtcnl'c ittdiptrntlcnti r

Appl,i,cazio'ni ltr ,

Proposizione .

u,rt,'appli,cazi,o r L e,

allora 'i uettori .f

per lrn,f .

Dirn,ostrazzon e -

di V, esistono cr

t/:f(t):frt

e quiridi Irrt.J ì'

Proposizione

fi,srno

B'

:

di, V

in '

{f ?,t).1

Dirrtostrazi,ctne -

gencratori pcr -l

di B' che qrrirtd

Eserrpio 4.2.1

:

(r,l/,0); cor',

liricarmente irrci

I vcttori /

indiperrdcnti pc

c pertanto fi

insietne di genc ò una basc pe'r'

Vccliarno or

spensabilc.

Esempio 4.2,

: (r,r1), Y (r. I

di, R:t . oyuero

essi, so'n,o oyuítL u,n,a base di I ri

Osservazione

l'applicazione r

'qP,otn.e,tr1,a

'

:l("

1iìle

,- r'crifrca

. r'=R. tale

r':spetto alla

,.: utpo P\, f

rta0trn,erlt,e

t !.ttden,t,'i iu.

-, rlipcrrdcrrt,i

I

'],LD

-

.f u'n.'ap-

J'(.u,,)

-: r, ea tlrt e,nte

?,.

:

,: r,po R". f

11 I'etlAl?

\

., :'

| | t P,lI t,?.

1.t1,-

.:rrclc.

.

pcl

la

'.r r'lrc o1?rr-l-

' .r'i' irriettir.a.

:-'ripe'rdcrrza

/ìÌr

- -

uR

- Ì,r'llClCiltt. I

App li,cazion i, l,i,neari

65

Proposizione

4.2.3 Si,ano V e V' due spazi, uettori,al,i, su,l, ca,rn,po RJ f

{ts1,1)2,

,1)n.}

un,a base diV;

u,n,'appl'icazzorte l'i'neare diV i,n,Vl e B :

allora'i uettori f (ur), f (rr), per Im,f .

D'irnostrazi,one - Se ut Im,f allora'u' :

di V, esistorìoc-r1,f-r2

,er,

d

:

f (u) : f (a1tt1|_a2t:2*

].anun):

e

qrrirr<li Irn,f ò gcrrcrato rìa /(o1), Í@z),

,

f (u") cost'itu,'iscon,o u,n, i,n,si,erne, d'i generatori,

f(1,

u V; essendo B una base

f

a,,.r,', , orrtle

-Fa,/(i.'")

lR tali cheo: a.1ur+az'u2f

cttf Att')-lo2f (u2)*

,

f (un'). t

Proposizione 4.2.4 Sian,o V eV' due spazi uettorialí sz IR, f u,rt rrLo'n,orn,or'-

t'i,srno dz V i,n, Vl

B' -

{f (ur), f (.u2),

e B :

{u1,u2

,1r,}

u"rt,a base di, V: allora l't'n,s'ierne

,

f (r".)}

è u,na base per I'rn f

D'irno.stro,zi,rlne - Dalla proposizione preccdentc scgue che B' è un insicrne di

gencratori per I n,f

;

la proposiziolne 4.2.2 implica poi l'irrdipendcnza liriearc

di B/ che quindi risr-rlta csserc una base per Irn,f . t

Esempio 4.2.1 Sia "f , lR' -

1R.3 tale che, Y(r,a) R.2, /((n, y)) :

11: -, + O.

: (r,U,0); corrsirlerati ad esempio i vettori (-1,1) c (0,2) di IR2, essi sono

linearrncrrtc indipcudeuti "r."rtau I l1

I vettori ,f ((

1, l)) :

/ -'

(-1,1,0) e /((0,1)) :

u'

1

;

o \

ì't )

(0,2,0) sono linearmente

irrdip,'nd.rrt i pt-,i, hc ,r

'(

: 2 Inoltre' v ("' s' il) 1rnl' rlsulta

@,u,0) - -z(-1,1,0) + 1lliO, z, O;

2

c pcrtanto /((-1,1)) :

(-1,1,0) c /((0,1))

: (0,2,0) costituiscono Lrn

r:heB': {(-1,1,0),(0,2.0) }

irrsicrnc-'digencratorrpar Irn,f .; rlsultaquirrdi

ò Lrrra basc pt-,r lrn f .

Vediarrio oral corr un altro esernpic.r, corne l'ipotesi di irriettivita sia indi-

spensabilc.

Esempio 4.2.2 Si,ct.

/:lR3

* R2 det'i,ni,ta al, rn,odo segu,ente: f (@,a,r)):

(.r,'!,/),Y (r,y,z) e R.3; se conside,r'iarn,o i trasforrn,a,ti, della base canort,trca

-

di.|R":3, ouue'ro f ((L,0,0)) :

(1,0), /((0,1,0)) : (0,1), /((0,0,1)) : (0.0),

essi, sort,o ouui,arn,ert,te

l,i,rt,eartn,e'n,te

drpen,de'nti, e qu,i:ndi, n,o'n possorLo costitu,ire

u,n,a base di, Irrtf :F<2.

Osservazione 4.2.1 Osserviarno che nel primo dei due cscmpi precedenti

l'applicaziorre ò iriiettiva mentrc nel secondo I'appìicazione non è inicttiva;

Lezi,onî d,i aigebra li,'n,eare e qeom,etri,a

questa diflerenza ò fondamentaie infatti dalle proposizioni precedenti segue

che, tramite un'appiicazioire lineare iniettiva

una base costituiscono una base di I'm.f . Inoltre si può dimostrare una

condizione ancorà più forte.

/,

i tlasformati dei vettori di

Proposizione 4.2.5 S'ia'n,oV eV' due spazi uettoriaftl sz 1R.; s'iano inoltre

B:

{ut,u2,

,u,.}

un,abasediV eul,uL,

ul, f (uz) :

uL,

,

l'irteare tale che f (ut) :

,u'.e

f (".) :

V'. Allorall f :V -Vt

uL .

Di,'m,ostrazi.on,e - Sia f I'appbcazione di V tnV'definita ponendo, V u V,

ctnu'n ; faccíamo

vedere che / soddisfa le condizioni dell'enunciato. Innanzitutto ./ è lineare

u :

o(t)r * a2u2+

+ (tn,un, f (r) :

a1u', + a2u'2 I

.

.

.

I

poiché, se ?, :

pp1 * ]zuz*

I ]nun., allora f(u +w) : /((ryt pt)uì-

+

+ l3-r'-) :

jdnun.):1a1u'r+

lf

(u), V 1

*(tz+ 1z)uz+

-|(.r". + {J.)r'- :

-

-l1ct2u|+

t (rl, + lJ.)u".): (or + [Jt)u\ * (tr + {32)u'r+

I

a".ut ) + (|tu\ +

+

(a1u', + a2u', +

f(r)+ f(-) e f(lu):

+ ^la,.u'n :

f(latqI1a2u2 +

1@1u'1 -t a2u\+

. + a.ut ) :

Irroltre ovviamente f ("0) : oj ; l'unicità segue dall'aver imposto le immagirri

del vettori di urra base. r

,Applico,zioni

D'im,ostraz'ior.

una base di r

di l/.

Lo stu<

una base di l

Esempio 4.1

del paragrafc

di Kerf , B

:

{l((0, 1.0)

Esempio 4.1

base canonic

(3,_2,2.4

:

lineare tale c

colando / sul

J

:ctf:

Esernpio 4.2.3 Sí considerino i vettori (-1,2),(0, 1) lR2 e i vettori

(1,0, 1),(0,-1,3) e R3; allora

verifica, una base di JR2

(-1,2),(0, 1) costituiscono, come subito si

e, Y (*,ù JR.2, risuita:

@,a) :

-"(-r,2) + (2x + v)(0, 1).

Gli elenrer

Possiamo allora <lonsiclerare I'applicazione / : ìR.2 -r lR.3 tale che,

f((r,y)) : -r(I,0,1) + i2r+y)(0,-1,3) : (-r,-2r

y,5r -r3y);

si verifica facilmente che .f è lineare ed è tale che:

/((

1,2)) :

(1,0, l),

/((0, 1) :

(0, -1,3).

La proposizione che segue dimostra 1'esistenza di un importante legamc tra la dimerrsione del nuclco e quella delf immagine di una applicazione linearc; ne daremo cenni di dimostrazione, lasciando allo studentc il passo

conclusivo.

Proposizione 4.2.6 Si,ano V e V'

due spazi uettor"iali sul carnpo JR ed /

un'appl'icazio'ne l'ineare diV inVt; r'isulta allora:

(1) dimT: dim Kerf * dir.rrlm.f .

ovvero le terr

cssendo B -

segue allora <

/((1,0,0)) :

{u'r, u'r, u! } dc

vettori linean

rango de1la m

sono linearme

Per quant può rappresel come anche il

colari matrir:i

Teaf'e e qeornetria

precedenti segue

rati dei vettori di

r dimostrare una

r È": s'iano in,ol,t,re

vall

f

:V +i/l

rnendo, V u V,

c\^L'; ; facciamo tutto / è iineare

' .f ((ar + P1)u1+

-

-

Jz)"1 +

+ 0."'.)

+

:

nl'n) :

la{)1I

^,f (.u1, V 7 lR .

osto le immagini

_<- e 1 vettori . come subito si

: che:

- !J.5.r + 3y);

Appl'ícaz'io'ni, l'ineari

67

Dimostraz'ione - Supponendo

unabase dí Kerf ;

che dimKerf : h, sia B:

{ur,u2,

{u,uz,

,ur}

un}

base

estendiamo B a B:

,uh,I)h+r,

{f (rn+t),

di V. Lo studente può faciimente verificare che B' :

una base dr Im,f , onde l'asserto. r

/(u")}

è

Esernpio 4.2.4 Applicando i risultatl appena dimostrati all'esempio 4.1.2

del paragrafo precedente, si ottiene che B :

Kerf ,

É

: {(-:.-

: {/((0, 1,0)), /((0,0,

à,r),(0,1,0),(0,0,1)}

1))} : {(3,0), (4,6)}

{t-:,-à,tt}

è una base

è una base di lR3 e B' -

è una base di Im,f .

Esempio 4.2.5 Siano tr/:lRr, lz'

base canonica di V e u',

: (3,-2,2,4) tre vettori dt V';

per la proposizione 4.2.5 1l f

llneare tale che

colando / sul generico vettore di

"f

((1, 0, il)) :

,

((0,1,0)) : "'r, "f ((0,0,1)) :

"f

V risulta:

: V + V'

,6 .

Cal-

f((o,b,c)) : f(a(I,O,0) + b(0, 1,0) + c(0,0, 1)) :

: a,f ((1,0, 0)) + b/((0, 1, 0)) + c((0, 0, 1)) :

au', + bu', 1- cu', :

: (a, -2a,3a,0) f (2b,0, -b,4b) + (3c, -2c,2c,4c) :

: (a * 2b -l3c, ,2o,-

2c,3a -

b + 2c,4h -t 4c).

Gli elenrenti Kerf sono le soluzioni del sistema seguente:

a+2b+3c

3a-b*2c -

-2a

2c

4bi4c

n

n

n

n

ovvero le terne (-c,-c:,c) al variare di c in IR.; pertanto dtmKerf :1

)ortante legame

na applicaziorre

rudente il passo

I campo R ed

f

essendo B:

"f ((1,0,0)) :

{u'r,rL,ol}

vettori

una base Kerf . Dalla proposízione 4.2.6

segue allora che dim I'm,f : dim7 - dim Kerf : 2 e, poiché i vettori

: u5 generano 1m./, l'insieme

{(-1,-1,i)}

,i, "f ((0, 1, 0)) -

,L, "f ((0,0, t))

deve contenere una base Imf costituita, ovviarrente, da due

linearmente indipendenti. Come subito si vede, determinando il

rango delÌa matrice avente per righe i vettori u'r,u', e,u! , i vettori u', e u', sono linearmente indipendenti e pertanto costituiscono una base dt Imf .

Per quanto visto nel capitolo precedente il campo dei numeri reali si

può rappresentare tramite le matrici scalari a coefficienti reali; vediamo ora

come anche il can-rpo c:ornqlesso

colari matrir:i a ctrcffit:icnr-i lcali.

possa cssere rappresentato tramite parti-

:

:

68

Lez,iort,i iLi al,gebra li,nea,re e geornetri,a

Proposizione 4.2.7 I,'aytpLi,cazi,on,e tf.t : C. -

o-+ ih eC.

u'lrt t

ib1 :

(

\-o :^

NlIfZ.R, d,efí,ni,ta po,rten,d.o, y

h,\ à lir,"o* e ini.pilit a. ot,d.e I'applìcozlotte ;

a/

did,orri,ioCecod,or,,irtinl'irnrn,aqi,n,ed,il,t,t,r,

defi,'n,i,ta ponen,d,o 9@ + ib) -

,l,:{(

o,

O ) ,o.Ae ml.

)'

Et(a + i,b), è, u,r, iro^of,ì,r-oo n '

Di,rn,ostra,zi,one - L'lniettività. di /r è ovvia;

lirreare. lìisLrlta infatti. Y o, i

dinrostriamo quincìi che ,r,f è

i,b. r: -l i,d eC e r'l R:

qr((r, + i,b) + Q: + i,d)) -

t!((r,t + c:) + i,(.h+ d)) :

-\-r-a

( o,+c, b+d\

a+,):\-n

|

a

,/, ((" +

b\

/

"

"/*1,_a

d\

,,)-

tb))

+ 4; (.(r: +

i,d,)) ;

qf ((o, + i,h) (c: + i,d)) :

{((ar: -

bd) + i(ad. + òc)) :

_( ac:-bcl, ad,+bc\

-

\-(rzd+òc) clc bd )-

/ rz b\

\-b

")

( ,,

\-a

{r((a + i,b)') 1!((c + i,d))

d\

,):

Pertarrto d ò rrn'applicazionc liirear.e. Da quanto dir'ostrato scgue che il

campo c, che ò uno spazio vetto.ialc di dirrrensione clue sui reali, si può

rap-

prescntarc trarnrtc un partic:olare sottospazio vettoriale, I,rrnl.t, dello spazio

N[(2,tR). r

vediarno ora che, allo scopo di st.diare

quarsiasi spazio vettoriale

'rr

studiarc lo spazio vettoriaÌe

di dimensiorie assegrrata n sul carnpo R, basta

iR".

Proposizione 4,2.8 se v è

u,rt,o spazi.o t.,ettori,ale r.ear,e d.i. cli.rrt,e,lstoz,e ,n

:V -F."

cl,efi,rti,ta

,ctr,)

è

e, B

-

{ur,

,

u,.l u,n,ct s,n base. al,lo,a l,'ct,pytli,cazi,ort,e f

+ar,z:,,.,

porLe'n,do,Yu€V, rr:o1?r1 la2t.te+

uln, i,s o rn or'ft,srn,o di, sp azi, u ettor',iali.

f(ti) :(oi,.a2,

Dilnnstrrtzi,one -Dalla,proposizione 4.2.5 seguc chc / è lirreare in quanto cssa

è dcfinita ponendo f (u1) :

(0,0,

Kerf - :

J(u) : (a1,o2,

( 1, 0,

,0') , f (rz) :

(0,

1, 0,

.

, 0)

f (u,.) :

,0, 1) Faccriarrro ora vedc.e che / ò inlcttiva climostrando cric

,

{0rr}; ort.ria'rente, se u -

,n,)

:

(0,0,

,0)

r.v1?.r1 f

I

{t,r,Ltrr., t; Kerf, si ha

Esscnclo cviclcntc la,

, onrle , - 0r,

srrricttività di /, l'asscrto ò t:orrrpletarrrerrtc cìirrrostrato. r

corollario 4.2.2 Dtte

spazi, uetto,i.ar,iv ev'

lR sono tro, l,oro isorn,ot.fí,.

d.í, cl,i,rrte,si,on,e

n, su,l car,pr.t

AXtpl,i,cazzo rtr '

D'irn,ostrrL,zio r, t

di cui alla pror-.

opcratorio di l.

Proposizione

ca'm,po ìR, 1," '.

spazi, uettort aÌ; ,

Di,'nLostrazi,o ri e

siziorre r1.2.4. I

l'asserto. r

4.3 API

MA:

Ncl capitolo

IÌtafrltit

lrl

x

Tt i

cliato le applic a

rrno spazio vetr:, ora cotne. clata

lineare di I/ irr

Sia

,4 e [r4r ,,

c siano ,B :

di L/ e di I/'.

{'

Jt tB.B',

contc colnpolìt,t,

proposizioric 1.?

\t',)

-

tt

?'t

y.

?, :

rli,

,,ulonrra cost it, ril

per colonnr:. rìc, rrettore r.' r'ispct

(1)

/^\l Io\ì

|

\;)

\ atm /

|

e geometr"ia

App lzcazzo n,i, li'n' eari'

ponendo, v

tlicazione g

,o.aeRÌ,

)

D,irrtostrazione - Denotate con / : V --+lR.' e cotr g: V' -lR'

di cui alla proposizione precedente, I'appiicazione

operatorio di isomorfi.smi, è un isomorfismo

g-1 o

diV ínV''

/,

t

gli isomorfismi

essendo prodotto

Proposizione

4.2.9 s,iano v

uno spazio uettoriale di d'imensi,on'e n sul

u'n'isomor'fismo d'í

ca'nLpo R, V' uno spazio uettoriale su R e ,f :V 'V'

spazi

uettoriali; r'zsulta allo'ra ch,e dimV' : n,'

di che ry' è

Di,mostrazione

sizione 4.2.4,

I'asserto, r

- Se B:

B' :

{ut,

{/(rr),

,un}

',f

è unabase di V, alìora, per lapropo-

Imf , onde

("")} è una base V' :

che il

'egue si può rap-

lello spazio

r r-ettoriale

> r-ettoriaie

nensiorLe n,

a" defintta

io.n)

è

ìuanto essa

-.-f(u-):

trando che

'erl.

si ha

er-idente la

;ul carnpo.

4.3 APPLICAZIONI LINEARI E MATRICI

Nel capitolo IV abbiamo studiato lo spazio vettoriale Ml(rn x n,ÌR) delle

matrici rrL x rL a coefficienti nel campo R; in questo capitolo abbiamo stu-

diato le applicazioni

lineari fra uno spazio vettoriale V di dimensione n ed

vettoriale y'