Sei sulla pagina 1di 3

VICENDA PER TEATRO

3 PERSONAGGI

• Guido (marito )

• Laura ( moglie )

• Marco ( amico di guido, amante di Laura )

TRAMA
La storia si ispira ad una rappresentazione di Pirandello , chiamata “la Morsa”, nella quale si parla
del classico triangolo amoroso; questa storia è ambientata ai giorni nostri, ma mentre nell'Epilogo di
Pirandello centrale é la figura della donna, qui si vuole dare importanza alla misera condizione del
marito, il quale dopo essere stato un passivo amante e padre, decide per il più estremo e coraggioso
degli epiloghi.

SVOLGIMENTO
G è fuori, deve tornare dal lavoro. L è a casa , ad un tratto arriva M.

suona il campanello

L- Marco? Che ci fai qui?

M- Ciao! Dobbiamo parlare è urgente!

L- ma che è successo? Qualcosa non và?

M-mi fai entrare?

L- ah si certo, scusa..entra pure..

M si accomoda su una sedia vicino al tavolo; L un po' preuccupata gli siede accanto

L- mi dici che c'è? Non dovevamo vederci più per un po' ricordi?

M- lo so, ma ascolta..si tratta di Guido..credo che sappia tutto di noi due!

L-cosa?? Ma che dici?

M-(agitato e un po' nervoso )..ascolta..in questi giorni era parecchio strano..spesso si fermava a
guardarmi, così con quegli occhi fissi ed inquisitori...e quando gli chiedevo che cosa avesse mi
rispondeva con allusioni sottili alle mie relazioni amorose..oppure iniziava un discorso, noh, ad un
certo punto si interrompeva, e con occhi malinconici da cane bastonato, mi congendava..spesso e
volentieri poi, parlava di te e dei vostri figli, guardandomi con insistenza ..
L- ma forse non niente! Anche se Guido è un bonaccione, non credo che starebbe con le mani in
grembo a non far nulla, se avesse il minimo sospetto.

M-già è quello che credo anch'io..però continuo a pensarci e a non dormirci la notte..ho i nervi a
pezzi!!

L- Fra poco torna a casa, è meglio che tu non ti faccia vedere qui..

M- devo venire dopo..mi ha invitato a prendere un “aperitivo” qui da voi..sono uscito prima
dall'ufficio con una scusa per parlarti di questo..

L- dobbiamo stare attenti...adesso è meglio che tu vada..

M-già..ma i bambini dove sono? Non vorrei che facesse scenate..

L- sono da mia suocera per qualche giorno..( guardando l'orologio )..adesso va che dovrebbe
tornare tra poco..

M- va bene a dopo

M se ne va, L rimane in scena da sola e si siede ad una sedia vicino al tavolo...dopo un po' entra G
con fare stanco, appoggia la borsa del lavoro..L va ad abbracciare e baciare in maniera sfuggente
e priva di passione G, poi torna a sedersi; G la guarda con sguardo naturale e si spoglia..
L-come è andata la giornata amore ?
G-al solito..fare l'impiegato non è molto eccitante..
G và a sedersi al tavolo
L- capisco..
G-dopo viene Marco..devo parlargli di una cosa importante..
L-ah Marco..( mentendo ) è da un po' che non lo vedo..ma, di cosa devi parlargli? ( con tono un po'
preuccupato )
G-devo dargli dei soldi..in fondo è merito suo se adesso ho tutte queste cose: una bella casa, i soldi
per mantenere la mia famiglia..la mia famiglia certo ( con lo sguardo perso )
pausa
L-beh..io credo che basti ringraziarlo normalmente .. non occorre che tu gli dia del denaro..
G-no no..io devo sdebitarmi con lui..
L- sdebitarti?
G- esatto..( guarda l'orologio )..ormai dovrebbe essere qui?
I due stanno in silenzio, poi ad un certo punto suona il campanello
G- ( ad alta voce ) è aperto!!
M-permesso..ciao..( con aria di finta sorpresa ) ciao Laura!!
L-ciao Marco. Tutto bene?
M-si dai abbastanza..( rivolto a G )..di cosa volevi parlarmi?
G-siediti pure..
L-Marco, posso offrirti qualcosa da bere?
M fa per rispondere, ma interviene G
G-non prende niente, tesoro..si offre da bere ad una persona amica..quindi siediti pure..
M- è successo qualcosa Guido? Perchè mi hai invitato se non sono gradito?
G- volevo che tu e questa donna, mia moglie stando a delle carte che ho firmato anni fa, foste
partecipi a questo ultimo atto..
L-ma che stai dicendo?
G-cara Laura, in tutti questi anni io non ho fatto altro che annularmi per te e per i miei figli..e con
che risultato? Avanti rispondimi?
L-non capisco, io..
G-tranquilla, ti rispondo io..assolutamente nulla..i miei figli mi parlano solo per chiedermi i soldi e
mia moglie mi tradisce con il mio “migliore amico”..
Silenzio..guido li guarda entrambi e poi continua..
G-credevate che non mi fossi accorto di nulla?..era da un po' che lo sospettavo, poi un mese fa ne
ho avuto la conferma ..Ho finto di andare al lavoro e mi sono nascosto qui all'angolo..
Improvvisamente chi vedo salire a casa mia?..il mio grande amicone Marco?
M-guarda che ti posso spiegare?
G-non c'è niente da spiegare..vi ho visti che..(pausa).. sul mio letto..(guardando L, ma lei distoglie
lo sguardo)..sul nostro letto..
L-( piangendo )..perchè non hai detto nulla allora?..perchè hai continuiamo a mettere la testa sotto il
cuscino facendo finta di nulla?
G-Prima dovevo sistemare alcune cose..ora sono pronto,ciò che dovevo fare l'ho fatto..ora è tempo
di finire questa ignobile vita che non ha fatto altro che prendermi in giro
si alza e fa per andarsene
L- ma che stai dicendo?
G tira fuori una pistola
M-guido per favore non fare sciocchezze!..
G-Addio!!
si punta la pistola e spara
L- noooo!!!
M e L si gettano per terra vicino al corpo
M-( alzandosi ) lo abbiamo ucciso noi!!
sipario