Sei sulla pagina 1di 6

Pro Loco di Antrodoco

Dal Castagno al cesto

‘Mpara L’arte e mittila da parte

“Un intreccio di castagno e di altri vegetali dà vita ad un oggetto che è qualcosa di più
di un semplice contenitore. E’ una sintesi armoniosa in cui l’arte e l’ingegno si
fondono con la natura, la botanica, le tradizioni, il territorio. E’ l’essenza stessa di un
popolo”

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it


Pro Loco di Antrodoco

Premessa
Disperdere l’antico sapere di intrecciare i cesti in castagno è un’ingenuità
che non ci possiamo permettere. E con questo spirito la Pro Loco di
Antrodoco è impegnata ormai da tempo nella valorizzazione e riscoperta
delle tradizioni più profonde e di conseguenza più genuine della nostra
cultura.
Far rivivere, non disperdere e tramandare alle future generazioni l’antico
sapere di intrecciare cesti utilizzando materiali tipici della zona come il
castagno rientra dunque tra i nostri obiettivi ed è lo stimolo che ci ha spinto
a raccogliere le informazioni e le esperienze in questo breve libricino, con
la speranza che possa contribuire a non disperdere l’immenso patrimonio
culturale accumulato dai nostri avi.
E poiché Antrodoco è un territorio particolarmente fecondo di tradizioni e
saperi, il desiderio che ci sostiene è che questo prezioso patrimonio non
vada perso.
Arte di intreccio del Castagno
Quella di intrecciare castagno ed altre fibre vegetali è un’arte tipica della
cultura contadina; molti tra gli anziani, chi con maggiore chi con minore
abilità, sanno confezionare canestri per i normali usi. Questa attività
artigiana è stata sempre complementare al lavoro principale dei contadini,
che, nei ritagli di tempo, soprattutto nel periodo di sosta del lavoro dei
campi, si costruivano i vari contenitori con il materiale che la natura
donava.
Apprendere ed intrecciare un cesto significa scoprire gli antichi saperi,
vivere in simbiosi con la natura, valorizzare le cose semplici che la natura
mette a disposizione di tutti; non occorre alcun investimento, servono solo
le mani; la pazienza un po’ di creatività e tanta voglia di fare.
Per rendersi veramente conto delle possibilità e delle particolarità di questi
materiali, bisogna poterli lavorare personalmente. In un semplice cesto
fatto di canne, vimini o castagno, si nasconde un mondo antico tutto da
riscoprire.

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it


Pro Loco di Antrodoco

Scheda sul castagno


Nome dialettale Castagno
Nome italiano Castagno
Nome Scientifico Castanea sativa
Descrizione Il castagno è una pianta a portamento
arboreo, con chioma espansa,
rotondeggiante e altezza variabile, secondo
le condizioni, dai 10 ai 30 metri. Per
l’intrecciatura dei cesti si usano i giovani
getti che nascono alla base della pianta.
Periodo della raccolta Il periodo della raccolta va da fine
Novembre a metà Febbraio
Modalità di impiego I getti del diametro minore di 1 cm
scortecciati possono essere usati per i
sostegni verticali e orizzontali, la corteccia
dei getti più grandi lavorata in sottili strisce
lamellari usata per il rivestimento delle
pareti laterali.
Per una migliore riuscita della lavorazione
selezionare i getti con poche lenticelle.
Per cosa può essere usato Può essere usato per le trecce, per i sostegni
e per il manico.
Si può confondere con Nulla

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it


Pro Loco di Antrodoco

Fasi lavorazione cestino del castagno


Attrezzatura
Pinze
Roncola
Coltello
Fil di ferro
Bruciatore

Raccolta materiale grezzo


I giovani getti che nascono alla base della
pianta privi di lenticelle sono utilizzati per
ricavare le lamelle per l’intreccio. La
selezione del materiale grezzo è fondamentale
per la corretta riuscita del cestino.

Preparazione struttura cestino


I getti con diametro di 1 cm sono utilizzati
per realizzare il sostegno verticale ed
orizzontale

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it


Pro Loco di Antrodoco

Lavorazione castagno in lamelle


I giovani getti sono lavorati in modo da
ottenere lamelle di corteccia di castagno.

Inizio intreccio
Le lamelle vengono intrecciate con la
struttura portante.

Intreccio
Ulteriori “costole” vengono aggiunte alla
struttura di base in funzione della grandezza
del cestino per aumentare la tenuta del
cestino stesso.

Prodotto Finito
La sintesi di esperienza, manualità e pazienza
permette la corretta realizzazione del cestino.

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it


Pro Loco di Antrodoco

Il cesto di castagno

“Se vo un buon cestinu


fallu de Gennaru”

“Chi sfascia e refà


diventa maestru”

Un ringraziamento a tutti coloro che si sono adoperati affinché la tradizione


sapientemente sviluppata dei nostri avi abbia nuova linfa e in particolare al canestraro
Luciano Blasetti che con sapiente pazienza e passione ha permesso che l’antica
tradizione di intrecciare il castagno, esclusività tipica del nostro territorio, sia
mantenuta e possa essere tramandata.

Sito web : www.prolocoantrodoco.it email : info@prolocoantrodoco.it