Sei sulla pagina 1di 44

La gestione dei fanghi di depurazione in

Europa – varie realtà a confronto


Roberto Mazzini – Membro Commissione 2 di
EurEau
EurEau: chi siamo
~ EurEau è la federazione europea
dei servizi idrici

~ Rappresentiamo 32
associazioni nazionali di
operatori di acqua potabile e
acque reflue provenienti da 29
paesi europei

~ Rappresentiamo sia il settore


pubblico che quello privato

~ Con 476.000 posti di lavoro


diretti, apportiamo un
contributo significativo
all'economia europea.

EurEau. Water Matters. eureau.org


Eureau - What we do

• Our experts exchange knowledge


• We establish positions
• We engage with EU policy makers.

EurEau. Water Matters. eureau.org


10 grandi sfide per il settore idrico nei prossimi
10 anni
1. Proteggere una risorsa vulnerabile
2. Promuovere la crescita economica sostenibile e creare
posti di lavoro
3. Il valore dell'acqua nell'economia circolare
4. Approccio basato sul controllo alla fonte dei
microinquinanti
5. Impostare il giusto prezzo per i servizi idrici
6. Impatto crescente dei cambiamenti climatici sull'acqua
7. Efficienza delle risorse nel settore idrico
8. Gestire le risorse a lungo termine in un ambiente in rapida
evoluzione
9. Aumentare la comprensione dei cittadini del settore idrico
10. Rafforzare la resilienza dei servizi idrici ai rischi per la
sicurezza

EurEau. Water Matters. eureau.org


La gestione dei fanghi di depurazione in
Europa – varie realtà a confronto
Roberto Mazzini – Membro Commissione 2 di
EurEau
Questionario sui fanghi di depurazione
e
Risposte

~ Lo scopo di questo questionario è quello di


mappare la situazione attuale del trattamento e
dell'utilizzo dei fanghi di depurazione, nonché di
ottenere informazioni sugli sviluppi futuri in
questo campo.
~ Le risposte sono state ricevute da
the United Kingdom, Germany, Italy, Spain,
Portugal, Romania, Belgium, Flanders, Finland,
Sweden Denmark, Norway, The Netherlands, the
Czech Republic, Slovakia, Slovenia, Hungary,
Luxembourg, Estonia, Greece and Cyprus

EurEau.Water Matters. eureau.org


AMOUNT OF SEWAGE
COUNTRY SLUDGE TON/ DM-Dry note
Matter
belgium 49.000,00 2014 TONNELLATE ANNO DI
belgium-flanders 92.840,00 2015
Cyprus 1.000,00 larnaca SOSTANZA SECCA
Czech Republic 159.162,00
estonia 23.375,00
Finland 150.000,00 1. Name, organisation and country of
participants
France 1.000.000,00
germany 1.809.000,00 2014 Amount of answers: 22
greece 121.800,00 2011
The answers were received from the
Hungary 225.351,00 2016-estimat
x - 179378-2013-
following organisations and will be
x - 237870-2023-estimat sorted
x - 250390-2017-estimat
Italy 963.402,00 15/20 regions I quantitativi utilizzati per l’italia sono
Luxembourg 10.000,00 molto simili a quelli ricavati dall’indagine
Malta 8.442,00 2015
UTILITALIA del 2017-
The Nederlands 320.000,00
Norway 132.055,00 2014
963 mila tonnellata
Portugal 121.000,00 Contro
Romania 250.000,00 estimation 850 mila tonnellate del 2017
Slovakia 57.500,00
Slovenia 28.310,00 2014
Spain 1.500.000,00
Fonte per l’italia
Sweden 200.510,00 1. G. Mininni, G. Sagnotti «La gestione dei fanghi
Raw sludge, at disposal di depurazione nel contesto italiano»
The UK 1.470.000,00 1,09 million
total 8.692.747,00
Indagine utilitalia 2017
• x 1000
850 Ton SS/year

• Mill.ton/y
3,8 • Umido 22%

• Mill.ton/y

3,4 • Umido
25%
9
Kg Per Abitante Equivalente/anno come umido
22% disidratato

- 30%
senza t.
primari
81 57
Kg/anno Kg/anno

Umido
Da 55-a 78 al 22% NOSEDO MI-
milioni AE di ss 46 Kg/anno

1. G. Mininni, G. Sagnotti «La gestione dei fanghi di depurazione nel contesto italiano»
ECOMONDO Rimini-11-11-2016-Mazzini
AMOUNT OF SEWAGE SLUDGE TON/ DM-Dry Matter
2.000.000,00

1.800.000,00

1.600.000,00

1.400.000,00

1.200.000,00

1.000.000,00

Serie1
800.000,00

600.000,00

400.000,00

200.000,00

-
52%
B

75%
26% F
D
76%
I

66%
N

78,5%
S
83%
UK
How are the following methods utilised in
4. your country now and in the future?

100

90

80

70

60

% 50

40

30

20

10

0
Other Thermal drying Phosphorus Lime Incineration Digestion Composting Chemical
recovery stabilisation treatment

Not in use Currently in use Might be used in the future (10 years) Will be used in the future (10 years)

EurEau.Water Matters. eureau.org


5. Come pensi che l'utilizzo dei
fanghi di depurazione o
trattamento si svilupperà nei
seguenti campi nel
i prossimi dieci anni?
5. Come pensi che l'utilizzo dei fanghi di depurazione o
trattamento si svilupperà nei seguenti campi nel
i prossimi dieci anni?
Quali sono le forze trainanti per i fanghi di depurazione utilizzo e trattamento al
momento?
Rispondere alle percentuali in base all'utilizzo e al campo di trattamento:
Quali sono le forze trainanti per i fanghi di depurazione utilizzo e trattamento al
momento?
Rispondere alle percentuali in base all'utilizzo e al campo di trattamento:
Destino dei fanghi- dati europei comparati
all’Italia*
Nazione EU % fanghi % fanghi % fanghi
destinati a destinati a inviati a
recupero in incenerimento discarica
agricoltura
Italia 76% 9% 8%
Francia 75% 15% 10%
Germania 26% 60% -
Spagna 79% 7% 10%
Olanda - 100% -
Svezia 25% 1% 2%

Nella presente tabella sono riportate le 3 principali destinazioni dei fanghi.


Non sono state indicate le percentuali per altre vie di recupero, come il co-incenerimento in
cementificio e l’impiego dei fanghi come fertilizzanti per aree verdi e paesaggistiche
destinate a scopi non agricoli. Quest’ultimo tipo di recupero è molto praticato nei paesi del
Nord Europa, come Svezia (53%) e Finlandia (90%).
ECOMONDO Rimini-11-11-2016-Mazzini
* Fonte: Indagine EurEau
Produzione fanghi - alcuni dati europei*

Produzioni più elevate


di SS per abitante
residente:
• Spagna = 87,9 Nazione EU Popolazione Ton di fanghi
g/(ab. x d) residente prodotti (SS/anno)

• Germania = 61,48 Francia 66,03 milioni 1.000.000


g/(ab. x d) Germania 80,62 milioni 1.809.000
• Svezia = 57,28 Spagna 46,77 milioni 1.500.000
g/(ab. x d)
Olanda 16,8 milioni 320.000
E quindi... Svezia 9,59 milioni 200.510
... SE SI DEPURA SI
PRODUCONO
FANGHI!!!!

* Fonte: Indagine EurEau ECOMONDO Rimini-11-11-2016-Mazzini


ALCUNI CASI SPECIFICI

LA GERMANIA
Developement of sludge use in Germany

K.-Georg Schmelz
Emschergenossenschaft/Lippeverband, Jan. 2017
Use of sewage sludge in Germany
Ton.x1000 DS
Mg DS (Thousands)

2.500 2.205 2.195


2.030 2.049 2.056 2.054
1.954 1.950
1.887 1.846 1.795 1.809
2.000

1.500

1.000

500

0
1998 2001 2004 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014
Year
Landfill Agriculture Landscaping Incineration Other
Use of sewage sludge in Germany

Percent

3,0 3,0 6,1 3,3 3,7 2,7 2,9 3,1 3,1 3,1 3,6 2,1
100,0
19,0
37,0
80,0 36,5 47,1
10,0 49,4 52,5 52,5 53,2 54,7 54,6 59,9
57,7

60,0
25,0
25,2
57,0 19,5 17,9 14,4
40,0 16,1 13,7 13,1 12,8
11,4 11,9

32,0
20,0 32,2 29,9 28,8 28,6 30,1 30,0 29,1 29,5 27,4 26,0
11,0
3,0 0,2 0,2 0,1
0,0
1998 2001 2004 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014
Year
Landfill Agriculture Landscaping Incineration Other
New German Sewage Sludge Ordinance

Problems:
• Phosphorous is a limited resource
• Germany and the EU are completely dependent on
P-import from political instable states
• Sewage sludge contents a high level of P
• P from sewage sludge should be used more than
it is now
• Use of sludge in agriculture loses acceptance
• Sludge incineration increases without using P from
the ash

Obligation to recover P from sewage sludge


New German Sewage Sludge Ordinance

P-recovery is obligatory for:


• WWTP > 100.000 PE after 12 years (2029)
• WWTP > 50.000 PE after 15 years (2032)

Until the 31st December 2023 all WWTP-operators


(> 50.000 PE) have to report to the authorities
about the projected and realised steps for P-recovery

WWTP < 50.000 PE are allowed to use sludge in


agriculture according to the rules of the sludge
ordinance (P-recovery not obligatory)
New German Sewage Sludge Ordinance:
Costs and next steps COSTI

Costs:
• 398 Mio. € for installation
• 93,6 Mio € per year
• 4,30 € per year and inhabitant

Next steps:
• The regulation has passed the Cabinet last week
• Agreement of the German Bundestag (House of
Parliament) necessary
• Agreement of the German Bundesrat (Federal
Assembly) also necessary
• The agreement of the Budesrat is not really sure!
Developement of sludge use in Germany

K.-Georg Schmelz
Emschergenossenschaft/Lippeverband, May 2018
German Fertiliser Ordinance

Nitrate-Concentration in
Groundwater in Germany

Need to reduce nitrogen


application on land

New fertiliser regulation

(Quelle: Dr. Oswald, BMELV, DWA Klärschlammtage


2013)
German Fertiliser Ordinance

o In force since 1st June 2017


o Maximum 170 kg/ha Ntot from organic Fertiliser
o No N-fertiliser after harvesting the main fruit until
31st of January- Nessun fertilizzante N dopo la raccolta del frutto
principale fino al 31 gennaio

Exception:
• To following fruits (e.g. winter barley orzo invernale) it is possible
to give until the 1st October
- 30 kg/ha ammonia-nitrogen
- 60 kg/ha total nitrogen
Dewatered Sewage sludge per ton DS:
60 kg Ntot, 10 kg ammonia

o
German Fertiliser Ordinance

o In the past:
o Maximum 5 tons DS sludge /ha in 3 years possible
o Main time for fertilising: after harvesting in the summer
o 5 tons/ha every 3 years (after calculating plant needs for fertilising)
o Now (new fertiliser ordinance)
o Maximum 1 ton DS sludge/ha and year (60 kg Ntot,
but only 10 kg NH4-N) )
o Farmer wants 30 kg Ammonia before October
(fast plant available in autumn)
no need for sewage sludge
German Fertiliser Ordinance

Sewage sludge disposal in Niedersachsen (north west part of Germany, in


the last years about 70 % sludge use in agriculture)
o state of emergency for 250 000 t dewatered sludge in 2017 and 2018
Reasons:
o Reduced amount going to land
o Bad weather conditions
o No available incineration plants (all full)-

now looking for storage capacities


ALCUNI CASI SPECIFICI

LA
SVEZIA
SVEZIA

Un esempio virtuoso di come


possa essere «certificata» la
filiera dei fanghi: il sistema di
certificazione svedese REVAQ.

Tale sistema è gestito da: Swedish


Water & Waste Water Association
(associazione svedese delle acque),
Federation of Swedish Farmers (gli
agricoltori svedesi),
Swedish Food Federation e la
Swedish Food Retailers Federation
(le federazioni dei produttori e dei
dettaglianti di cibo), in stretta
collaborazione con l'Agenzia
svedese per la protezione
dell'ambiente.
SVEZIA

Questo consorzio di autorità nazionali in


diversi settori dà fiducia e genera un ottimo
prodotto finale.
Ciò è reso possibile attraverso l'attuazione di
diverse misure di controllo alla fonte,
impedendo ai metalli pesanti e ad altri
contaminanti di entrare nelle fogne,
garantendo il riciclo sicuro di sostanze
nutritive per i terreni agricoli.
Uno dei fattori principali che stanno dietro
REVAQ è quello di aumentare il recupero dei
nutrienti. Particolare attenzione viene data a
micronutrienti, fosforo, azoto, e alla
sostanza organica, che sono componenti
importanti dei fertilizzanti e che
contribuiscono al miglioramento della
qualità del suolo.
ALCUNI CASI SPECIFICI

L’IRLANDA
Irish National Wastewater Sludge Management
Plan,

234 pg BROSHURE
IRISH WATER OVER THE NEXT 25
YEARS
ALTRI CASI DA NON
SOTTOVALUTARE
- Accordi quadro di filiera
- industrie del food and beverage che
dettano le proprie regole
Saijariina TOIVIKKO-VVY - Finnish Water Utilities
Association
FINLANDIA

Tre importanti industrie casearie che proibiscono l’uso del fango sui prati dove
pascolano le mucche il cui latte è utilizzato per produrre formaggio
CONSENTITEMI DUE BATTUTE
Bisogna fare chiarezza-1

• Deve passare il concetto che il fango è una risorsa e non


un semplice rifiuto
• Vista l’importanza dell’argomento sul tema devono
convergere tre ministeri: Ambiente, Agricoltura e
Sanità
• Certamente si è consapevoli che il fango non è una
sostanza definibile perfetta ma è una risorsa, che in
via prioritaria sia dedicata al recupero di nutrienti per
dei terreni che si vanno sempre più inaridendo o in via
subordinata al recupero energetico.

42
Bisogna fare chiarezza-2

Nell’ottica della prossima revisione del D. Lgs. 99/92, il legislatore


dovrebbe tenere ben presente questi aspetti e bisognerebbe operare non
solo sulla restrittività dei limiti di tipo chimico e microbiologico, ma anche
e soprattutto su un piano a medio-lungo termine di gestione fanghi
a livello nazionale, che contempli diverse opzioni tecnologiche, affinché
queste possano essere messe in atto correttamente e senza incorrere in
costi esageratamente elevati, frutto di situazioni di continua «emergenza»
e che vanno a gravare su un servizio pubblico di fondamentale
importanza ambientale.

L’assenza di un tale approccio rischia di far COLLASSARE l’intero sistema di


trattamento delle acque reflue nazionale e di creare una NUOVA
EMERGENZA RIFIUTI tutta legata al settore idrico.
43
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Roberto Mazzini