Sei sulla pagina 1di 2

Qualità fondamentali per un grinder

Per chi vuole intraprendere la via del grinder professionista le qualità FONDAMENTALI saranno
"gestione del bankroll" e "mindset".
Ebbene si le qualità tecniche, le abilità matematiche, il talento, ecc...diventano quasi elementi
secondari a meno di eccezioni paranormali tipo Durr o Sahamies tanto per fare due nomi.
Mesi fa lessi alcune righe scritte da uno che considero fra i top grinder mondiali di sit&go 9max (se
non proprio il migliore al mondo) ed esse recitavano:
"Io non mi reputo il giocatore piu preparato tecnicamente del mio livello, ho ancora molti leak e
sto lavorando per cercare di limarli. Ma una qualità che mi sento è che quando comincio a
grindare non mi fermo fino a quando non mi ero prefissato e molto raramente mi capita di tiltare,
riuscendo a tenere il mio gioco al suo apice per tutta la sessione"
Questo dovete prendervelo come primo comandamento da leggervi tutte le mattine appena svegli se
decidete di intraprendere questa carriera.
C'è chi nasce con un carattere forte e questa cosa gli viene spontanea, c'è chi è troppo naturalmente
incline al tilt e non sarà mai un grinder professionista...ma la maggior parte delle persone sta nel
mezzo e quindi è FONDAMENTALE lavorare su questo aspetto fin dall'inizio.
Io stesso agli inizi della mia carriera tiltavo e meditavo di lasciare il poker nei momenti di varianza
nera, ma fortunatamente con l'aiuto di persone con piu esperienza di me e con l'esperienza mi sono
costruito un mindset in grado di superare con relativa tranquillità i momenti bui.
Nei sit&go e soprattuto nei sit&go multitable la varianza a livelli medio-alti è veramente assassina e
quindi la differenza fra un grinder vincente ed uno perdente spesso sarà come viene affrontata essa.
Alcuni consigli generici per combatterla sono questi:
>NON guardate MAI la cassa durante la sessione!!! (soprattutto nei multitable dove il payout è
estremamente verticale, può capitare di essere sotto di 30-40buyin a metà sessione, e con qualche
ITM si fa tranquillamente profitto)
>Cercate oltretutto di guardare la cassa il meno possibile, il top sarebbe farlo ogni 3-4 giorni. Cosi
abituerete la vostra testa a non essere result oriented, ma i vostri pensieri dovranno essere solo
indirizzati a come avete giocato i vari spot.
>Non fate influenzare il vostro gioco dal numero degli scoppi subiti, se vedete che state missando
spot per evitare di essere scoppiati o coolerati, o se state allargando i vostri range a causa di raptus
di allin staccate la spina e riposatevi. Con il tempo dovrete riuscire a tenere i vostri range
completamente indipendenti dall'andamento della sessione.
Questi sono solo piccoli consigli, poi voi stessi con l'esperienza dovrete imparare a migliorare il
vostro mindset e l'aiuto di un coach o di un giocatore con più esperienza non farà altro che
accelerare il vostro processo di miglioramento.
Ovviamente condizione necessaria e sufficiente per avere un giusto mindset è una PERFETTA
gestione del bankroll.
Piu si sale di livello e più diventa importante fino a diventare fondamentale per chi fa del grinding il
proprio lavoro.
Il concetto è arrivare ad avere una cifra da parte che ci porti completamente insensibili alle sessioni
in cui perdiamo 10-30-50 buyin.
Ai sit&go multitable fare down di 100 buy-in è una cosa purtroppo normale e quindi il bankroll
necessario per giocare tranquilli deve essere grande di conseguenza.
Per chi grinda tanto, senza però farlo come fonte unica di guadagno, direi che una cifra di 300 buy-
in è il minimo dai 20€ in su...
Per chi vuole vivere con i sit&go multitable un 500x-600x è indispensabile per non tiltare e
continuare a macinare infinito quando non si vince uno showdown che sia uno.
Quindi ragazzi ricordatevi:
"Per essere un grinder vincente nel tempo le qualità fondamentali sono un mindset di ferro che ci
permetta di giocare il nostro miglior poker in ogni circostanza ed una gestione del bankroll che ci
permetta di essere tranquilli in swing di qualsiasi entità"