Sei sulla pagina 1di 5

Joseph E.

Stiglitz è University Professor alla Columbia University e chief economist


del Roosevelt Institute. Nel 2001 ha ricevuto il premio Nobel per l’economia,
La scienza delle
ed è stato chief economist e vicepresidente senior della Banca Mondiale dal 1997
al 2000. Ha presieduto la commissione delle Nazioni Unite sulla riforma del sistema disuguaglianze
finanziario internazionale nel 2008-2009.

Un’economia
truccata
E che cosa possiamo fare al riguardo di Joseph E. Stiglitz

Gli statunitensi sono abituati a pensare che la loro nazione sia speciale. E per molti versi è
così: gli Stati Uniti hanno di gran lunga il maggior numero di premi Nobel, la massima spe-
sa militare (pari quasi a quella dei successivi dieci paesi messi insieme) e il massimo nume-
ro di miliardari (il doppio della Cina, il concorrente più vicino). Ma altri aspetti dell’eccezio-
nalismo statunitense, però, non dovrebbero renderci orgogliosi.

Secondo la maggior parte dei resocon- gruppo a discapito di un altro. Il presiden- per cento inferiore hanno a stento il dena-
ti, gli Stati Uniti hanno il più alto livello di te Donald Trump aveva ragione a dire che ro per far fronte alle emergenze. I giornali
disuguaglianza economica tra i paesi svi- il sistema è truccato: è stato truccato da sono pieni di storie di persone per le quali
luppati. Hanno la spesa sanitaria pro capite una plutocrazia ereditaria di cui lui fa par- un’auto rotta o una malattia dà l’avvio a una
più elevata, ma l’aspettativa di vita più bas- te. E che lo sta rendendo ancora peggiore. spirale discendente senza vie d’uscita.
sa tra paesi confrontabili. E sono anche uno Da tempo gli Stati Uniti avevano supe- Anche a causa delle forti disuguaglian-
dei pochi paesi sviluppati che gareggiano rato molti altri paesi nei livelli di disugua- ze (si veda Il divario tra salute e benessere a
per la discutibile distinzione di avere i più glianza, ma negli ultimi 40 anni hanno rag- p. 44) negli Stati Uniti l’aspettativa di vita,
bassi livelli di parità delle opportunità. giunto nuovi vertici. Mentre la quota del già bassa, diminuisce in modo costante; a
L’idea del sogno americano – cioè che, reddito che tocca allo 0,1 per cento più ric- dispetto delle meraviglie della scienza me-
contrariamente alla vecchia Europa, gli co è più che quadruplicata e quella dell’1 dica, che qui realizza molti suoi progressi
Stati Uniti sono la terra delle opportunità per cento quasi raddoppiata, quella del e li mette subito a disposizione dei ricchi.
– è parte della nostra essenza. Ma i nume- 90 per cento inferiore è diminuita. Al li- Gli economisti Anne Case e il premio No-
ri dicono altrimenti. Le prospettive di vita vello più basso, tenuto conto dell’inflazio- bel del 2015 Angus Deaton affermano che
dei giovani dipendono da reddito e livello ne, i salari sono circa uguali a quelli di 60 una delle cause principali dell’incremen-
di istruzione dei genitori più che in quasi anni fa! Nei fatti, negli ultimi decenni so- to di morbilità – crescita di alcolismo, over-
ogni altro paese avanzato. Se i media rac- no diminuiti i redditi di coloro che hanno dose e suicidi – è che ci sono persone che
contano aneddoti di persone che arriva- un diploma di scuola superiore o un titolo «muoiono di disperazione», dopo aver per-
no al successo partendo dal nulla, lo fanno più basso. Con il passaggio degli Stati Uni- so ogni speranza.
proprio perché storie simili sono rare. ti dall’industria manifatturiera a un’econo- I difensori della disuguaglianza hanno
Le cose sembrano peggiorare, in parte mia di servizi, i lavoratori maschi sono stati una spiegazione pronta. Fanno riferimen-
per forze come tecnologia e globalizzazio- colpiti in modo particolarmente duro. to al funzionamento di un mercato com-
ne, che sembrano oltre il nostro controllo, petitivo in cui le leggi di domanda e offerta
ma principalmente, in modo preoccupan- Morire di disperazione determinano salari, prezzi e persino i tas-
te, per forze che dipendono da noi. Non La ricchezza è distribuita in modo anco- si di interesse: un sistema meccanicistico,
sono le leggi di natura ad averci condotto ra più disuguale, con tre statunitensi che da simile a quello che descrive l’universo. Le
a questa situazione terribile: sono le leggi soli possiedono quanto il 50 per cento più persone con beni o abilità di cui c’è scarsi-
umane. I mercati non esistono nel vuoto: in basso: una testimonianza di quanti sol- tà sono ampiamente ricompensate perché
sono plasmati da norme e regolamenti che di ci sono al vertice e quanto pochi alla ba- danno contributi maggiori all’economia.
possono essere progettati per favorire un se della piramide sociale. Le famiglie del 50 Quello che ottengono non è che il corri-

www.lescienze.it Le Scienze 39
Il declino del sogno americano
Contrariamente all’opinione comune, negli Stati Uniti la parità delle deve in gran parte al costo elevato dell’istruzione superiore, insieme alla
opportunità è minore che nella maggior parte degli altri paesi avanzati, spirale crescente della disuguaglianza economica. Le statistiche del
e va sempre peggio. Un rapporto del 2017 dell’economista Raj Chetty World Inequality Database mostrano che dal 1970 il reddito dell’1 per
indica che uno statunitense nato nel 1940 era quasi sicuro di diventare cento più ricco, corretto per l’inflazione, è quadruplicato, mentre quello
più ricco dei suoi genitori. Per chi è nato nel 1980 le probabilità di stare del 90 per cento inferiore è rimasto stagnante. I maschi con al massimo
meglio o peggio sono uguali. Il declino della parità di opportunità si un diploma di scuola superiore hanno visto calare il reddito.

Il sogno americano svanisce per molti… …mentre negli Stati Uniti si allarga la forbice dei redditi
100 1.200.000
Percentuale dei figli con redditi
superiori a quelli dei genitori

Reddito medio (dollari 2015)


75
800.000 1%
superiore
50

25 400.000

90% inferiore
0
1940 1950 1960 1970 1980 0
Anno di nascita dei figli 1980 1990 2000 2010

spettivo del loro contributo. Spesso an- anni ottanta. Uno sfruttamento in larga mi- avanzate nello stesso modo. Altri economi-

Vol. 356, 28 aprile 2017 (confronto tra i redditi di genitori e figli); World Inequality Database (dati sulle tendenze della ricchezza del 90% e dell’1%)
zi prendono meno di quanto hanno dato, sura responsabile del grande aumento del- sti accusano la globalizzazione in sé, che ha

Grafici di Jen Christensen; fonti: The Fading American Dream: Trends in Absolute Income mobility since 1940, Raj Chetty e altri, in «Science»
e quindi resta qualcosa di più per gli altri. le disuguaglianze negli Stati Uniti. indebolito il potere dei lavoratori. Le azien-
Forse un tempo questa storiella allevia- Dopo il New Deal degli anni trenta, negli de possono spostarsi all’estero, e lo fanno,
va i sensi di colpa di chi era al vertice e con- Stati Uniti la disuguaglianza cominciò a di- quando le richieste di salari più alti non so-
vinceva gli altri ad accettare la situazio- minuire. Negli anni cinquanta era diminui- no limitate. Ma di nuovo la globalizzazione
ne. Ma il momento cruciale che ha rivelato ta a tal punto che un altro premio Nobel per ha coinvolto profondamente tutte le eco-
questa menzogna è stata la crisi finanzia- l’economia, Simon Kuznets, formulò la leg- nomie avanzate. Perché il suo impatto è più
ria del 2008, in cui gli stessi banchieri che ge che ha preso il suo nome. Kuznets ipo- pesante negli Stati Uniti?
hanno portato l’economia globale sull’or- tizzò che negli stadi iniziali dello sviluppo, La colpa è anche del passaggio da un’e-
lo del baratro con prestiti predatori, mani- quando solo alcune parti di un paese colgo- conomia manifatturiera a una basata sui
polazione dei mercati e altre pratiche anti- no nuove opportunità, le disuguaglianze servizi. Nel caso più estremo – quando «l’a-
sociali ne sono usciti con bonus milionari aumentano, e negli stadi successivi dimi- zienda» coincide con una persona – l’eco-
mentre milioni di statunitensi perdevano nuiscono. La teoria è stata a lungo in accor- nomia di servizi è un sistema in cui il vin-
lavoro e casa, e decine di milioni di perso- do con i dati: ma poi, di colpo, verso i primi citore è uno solo e prende tutto. Una stella
ne in tutto il mondo soffrivano per causa anni ottanta la tendenza si è invertita. del cinema, per esempio, guadagna mi-
loro. Nessuno di questi banchieri ha dovu- lioni, mentre la maggior parte degli attori
to rendere conto delle sue malefatte. Spiegare la disuguaglianza prende quattro soldi. Nel complesso i sala-
Che fosse una storiella di fantasia l’ave- Gli economisti hanno avanzato una serie ri saranno probabilmente assai più diffe-
vo capito già da scolaro, pensando alla ric- di spiegazioni del fatto che la disuguaglian- renziati in un’economia di servizi che in
chezza dei proprietari delle grandi pianta- za è cresciuta in molti paesi avanzati. Alcu- un’economia manifatturiera, così la tran-
gioni, costruita sul lavoro degli schiavi. Al ni sostengono che il progresso tecnologico sizione contribuisce a una disuguaglian-
tempo della guerra civile il valore di mer- abbia spinto la domanda di lavoro qualifi- za più grande. Ma questo fatto non spie-
cato degli schiavi del Sud era più o meno la cato rispetto a quello non qualificato, de- ga perché il salario medio non aumenta da
metà della ricchezza totale della regione, primendo i salari di quest’ultimo. Ma que- decenni. Inoltre il passaggio a un’econo-
compreso il valore della terra e del capita- sto non spiega perché gli ultimi vent’anni mia di servizi avviene anche nella maggior
le fisico (edifici e macchinari). La ricchez- siano andati così male anche per il lavoro parte degli altri paesi avanzati; perché le
za in quella parte del paese non era basa- qualificato, perché l’andamento dei sala- cose vanno tanto peggio negli Stati Uniti?
ta su industria, innovazione e commercio, ri medi sia stato così negativo e come mai Ancora, dato che i servizi sono spesso
ma sullo sfruttamento. Oggi abbiamo sosti- i problemi siano molto più gravi negli Sta- offerti su base locale, le aziende hanno un
tuito quello sfruttamento aperto con for- ti Uniti rispetto agli altri paesi sviluppati. I maggior potere sul mercato: cioè possono
me più insidiose, che si sono intensificate cambiamenti nella tecnologia sono globali aumentare i prezzi oltre quelli che si avreb-
dopo la rivoluzione Reagan-Thatcher degli e dovrebbero influire su tutte le economie bero in un mercato competitivo. In una cit-

40 Le Scienze 606 febbraio 2019


quest’ultima fa crescere la disuguaglianza
economica, perché i ricchi usano il potere
politico per cambiare le regole del gioco a
Disuguaglianze nel mondo proprio favore; per esempio ammorbiden-
do leggi antimonopolistiche e indebolen-
Nella maggior parte dei paesi avanzati la disuguaglianza è cresciuta per fattori come do i sindacati. Usando modelli matematici,
globalizzazione, cambiamento tecnologico e passaggio a un’economia di servizi, ma il suo con altri economisti abbiamo dimostrato
aumento negli Stati Uniti è stato il più rapido, secondo il World Inequality Database. Questo che questa duplice retroazione tra denaro
perché sono state riscritte le regole per renderle più favorevoli ai ricchi e svantaggiose per e regole porta ad almeno due punti di sta-
gli altri. Alle grandi aziende è stato permesso di esercitare maggiore potere sul mercato, ma bilità. Se un’economia parte con una disu-
l’influenza dei lavoratori è diminuita. Tassazione e altre scelte politiche hanno favorito i ricchi. guaglianza più bassa, il sistema politico ge-
nera regole che la sostengono, portando a
20 Stati Uniti una situazione di equilibrio. L’altro equili-
Percentuale del reddito nazionale

brio è il sistema statunitense, e continuerà


percepita dall’1% più ricco

a esserlo finché non ci sarà un risveglio po-


15 Regno
Unito litico democratico.
Canada Un resoconto di come sono state orien-
Germania Giappone
tate le regole deve partire dalle leggi anti-
10 Italia
monopolistiche, promulgate per la prima
volta negli Stati Uniti 129 anni fa per pre-
Francia
5 venire l’accumulo del potere di mercato.
La loro applicazione è stata indebolita, in
un momento in cui, semmai, le leggi stesse
0 avrebbero dovuto essere rafforzate. I cam-
1980 1990 2000 2010 biamenti tecnologici hanno concentrato il
potere di mercato nelle mani di un mode-
sto numero di attori globali, in parte a cau-
tadina rurale, per esempio, ci sarà forse che in altri paesi sviluppati, malgrado le re- sa dell’effetto rete, per cui è molto più pro-
un’unica officina autorizzata Toyota, e chi gole, negli Stati Uniti, fossero già da prima babile aderire a un certo social network o
ha una Toyota sarà praticamente obbligato meno favorevoli ai lavoratori. In quest’otti- usare un certo word processor se lo hanno
a servirsene. Chi fornisce servizi locali può ca, aumentare le disuguaglianze è questio- già fatto tutti i nostri conoscenti.
aumentare i prezzi sui costi, aumentando i ne di scelte: una conseguenza di politiche, Una volta arrivata in posizione dominan-
propri profitti e la quota dei redditi che va a leggi e norme che ci diamo. te, un’azienda come Facebook o Microsoft
proprietari e alti dirigenti. E anche questo Negli Stati Uniti il potere di mercato del- è difficile da scalzare. Per di più i costi fissi,
fa crescere le disuguaglianze. Però, di nuo- le grandi aziende, già inizialmente più for- come quelli dello sviluppo di un program-
vo, perché negli Stati Uniti la situazione è te che nella maggior parte degli altri pae- ma, sono aumentati rispetto ai costi margi-
di fatto senza confronti? si avanzati, è cresciuto più che altrove. Il nali, quelli della sua duplicazione. Un nuo-
Nel suo trattato del 2013 Il capitale nel potere di mercato dei lavoratori, invece, vo operatore deve sostenere da subito tutti i
XXI secolo, l’economista francese Tomas già più debole rispetto alla maggior par- costi fissi, e se pure riesce a entrare sul mer-
Piketty sposta lo sguardo sui capitalisti. te degli altri paesi avanzati, è diminuito di cato l’azienda dominante, con la sua ric-
Piketty suggerisce che i pochi che hanno più. Non solo per il passaggio a un’econo- chezza, può rispondere abbassando i prez-
molto del capitale di un paese risparmiano mia centrata sul settore dei servizi, ma per- zi. Il costo di produzione di un’altra copia di
Fonti: Economic Report of the President, World Inequality Database, gennaio 2017

così tanto che, poiché il ritorno sul capitale ché le regole del gioco sono truccate. So- un libro elettronico o di un programma di
è stabile ed elevato (rispetto al tasso di cre- no stabilite in un sistema politico anch’esso ritocco fotografico è sostanzialmente zero.
scita dell’economia), la loro quota del red- truccato tramite manipolazione della defi- In breve, entrare sul mercato è diffici-
dito nazionale è in aumento. Ma la sua teo- nizione dei distretti elettorali, difficoltà op- le e rischioso, e ciò dà alle aziende già forti
ria è stata contestata per molte ragioni. Per poste all’esercizio del diritto di voto di mol- sul mercato e con forzieri di guerra ben for-
esempio, il tasso di risparmio dei ricchi ne- ti gruppi della popolazione e influenza del niti un enorme potere con cui schiacciare i
gli Stati Uniti è così basso, a confronto con i denaro. Si è creata una spirale viziosa: la di- concorrenti e alla fine alzare i prezzi. A peg-
ricchi di altri paesi, che l’aumento della di- suguaglianza economica si traduce in di- giorare le cose c’è il fatto che le aziende sta-
suguaglianza dovrebbe essere più piccolo suguaglianza politica, che produce rego- tunitensi sono state innovative non solo nei
che altrove, non più grande. le che favoriscono i ricchi, che a loro volta loro prodotti ma anche nei nuovi modi per
C’è una teoria alternativa che si accor- rafforzano la disuguaglianza economica. estendere e amplificare il proprio potere di
da molto meglio con i fatti. A partire dalla mercato. La Commissione Europea ha mul-
metà degli anni settanta le regole del gio- Un circolo che si autoalimenta tato per miliardi di dollari Microsoft e Goo-
co economico sono state riscritte, a livel- Le scienze politiche hanno documen- gle, ordinando di cessare pratiche anticon-
lo nazionale e internazionale, in modi che tato come il denaro influenza la politica in correnziali (come Google, che privilegia i
vanno a vantaggio dei ricchi e a svantaggio certi sistemi politici, convertendo una di- propri servizi di confronto per gli acquisti).
degli altri. E negli Stati Uniti sono state mo- suguaglianza economica più alta in una di- Negli Stati Uniti abbiamo fatto troppo poco
dificate in questa perversa direzione più suguaglianza politica più alta. A sua volta, per controllare le concentrazioni di potere

www.lescienze.it Le Scienze 41
La distribuzione disuguale della crescita globale
250
La globalizzazione ha dato benefici a milioni

Crescita totale del reddito del lavoratore


medio di ciascun gruppo (percentuale)
di poveri nelle economie emergenti, in Il 50% inferiore ha catturato L’1% superiore ha catturato
particolare in Cina. Ma i dati dell’economista 200 il 12% della crescita totale il 27% della crescita totale
Branko Milanovic nel World Inequality Report
2018 mostrano che tra il 1980 e il 2016 i Boom della
guadagni più ingenti sono andati all’1 per 150 élite globale
cento della popolazione mondiale ai vertici,
che ha catturato più di un quarto della 100 Declino della classe media
crescita globale. All’inizio del 2018 Oxfam in Stati Uniti
ed Europa occidentale
International ha riferito che appena 42
individui posseggono tanta ricchezza quanto 50
il 50 per cento inferiore messo insieme.
Le classi medie di Stati Uniti ed Europa 0
occidentale sono state quelle che hanno 10 20 30 40 50 60 70 80 90 99 99,999
beneficiato meno della crescita globale, Poveri Ricchi
come i più poveri dei poveri del mondo. Gruppo di reddito (percentili)

di mercato, dunque non sorprende che sia- si compensi 361 volte più alti di quelli di un vati) sono altre forme di estrazione di ren-
no cresciute in molti settori. lavoratore medio, superiori a quelli di al- dite. A esasperare ancora la disuguaglianza
Il fatto che le regole sono truccate spie- tri paesi sviluppati. La liberalizzazione del- è il benevolo trattamento fiscale riservato
ga anche perché l’impatto della globaliz- la finanza – l’abolizione delle regole conce- ai ricchi. Negli Stati Uniti chi sta in cima pa-
zazione potrebbe essere stato peggiore ne- pite per impedire al sistema finanziario di ga una frazione più piccola del proprio red-
gli Stati Uniti. Un attacco concertato contro fare danni al resto della società, come è ac- dito in tasse rispetto a chi è molto più po-
i sindacati ha quasi dimezzato la frazione caduto nella crisi economica del 2008 – ha vero; una generosità che l’amministrazione
dei lavoratori sindacalizzati, fino all’11 per permesso al settore finanziario di crescere Trump ha da poco peggiorato con la legge
cento (nei paesi scandinavi è il 70 per cen- in dimensioni e profitti e ne ha accresciu- fiscale del 2017.
to). Se i sindacati sono più deboli, proteggo- to le opportunità di sfruttare tutti gli altri. Alcuni economisti hanno affermato che
no meno i lavoratori contro i tentativi delle Le banche si permettono pratiche che so- è possibile ridurre le disuguaglianze so-
aziende di abbassare i salari o peggiorare le no legali ma non dovrebbero esserlo, come lo rinunciando a crescita ed efficienza. Ma
condizioni di lavoro. Inoltre i trattati sugli imporre tassi di interesse da usurai ai debi- studi recenti, come il lavoro di Jonathan
investimenti a cui aderiscono gli Stati Uni- tori o tariffe esorbitanti agli esercenti per Ostry al Fondo monetario internazionale,
ti, come il NAFTA – venduti come utili a im- carte di credito e debito, emettere titoli fat- fanno pensare che le economie in cui c’è
pedire discriminazioni contro le aziende ti per andare in default. Fanno anche cose più eguaglianza vanno meglio, con crescita
statunitensi da parte di altri paesi – proteg- illegali, come manipolare il mercato o insi- più alta, migliori standard di vita e maggio-
gono gli investitori contro l’inasprimento der trading. In tutto ciò, il settore finanzia- re stabilità. La disuguaglianza spinta all’e-
delle normative ambientali e sanitarie este- rio ha tolto denaro alle persone comuni per stremo negli Stati Uniti, e il modo in cui si
re. Per esempio permettono alle multina- darlo a ricchi, banchieri e azionisti bancari. genera, danneggia l’economia. Lo sfrutta-
Fonti: Branko Milanovic. «World Inequality Report 2018». World Inequality Lab
zionali di fare causa a paesi in un arbitrato Questa ridistribuzione della ricchezza è un mento del potere di mercato e le forme di
privato internazionale per leggi che pro- contributo importante alla disuguaglianza. distorsione che ho descritto, per esempio,
teggono cittadini e ambiente ma minaccia- Abbondano anche altre forme dell’estra- rendono i mercati meno efficienti, con sot-
no i loro profitti. Alle aziende queste clau- zione di rendite, cioè il ritiro di reddito dal- toproduzione di beni di valore, come la ri-
sole piacciono anche perché aumentano la la torta nazionale che non è commensura- cerca di base, e sovrapproduzione di altri,
credibilità delle loro minacce di trasferir- to al contributo della società. Per esempio, come prodotti finanziari da sfruttare.
si all’estero se i lavoratori non moderano le una norma in vigore dal 2003 ha vietato al Inoltre, dato che i ricchi spendono una
richieste. In breve, questi accordi sugli in- governo di negoziare i prezzi dei farmaci frazione minore del proprio reddito per be-
vestimenti riducono ancora il potere con- per l’assistenza sanitaria pubblica Medica- ni di consumo, la domanda totale, o «aggre-
trattuale dei lavoratori degli Stati Uniti. re: un regalo di almeno 50 miliardi di dolla- gata» è più debole nei paesi con alta disu-
ri all’anno all’industria farmaceutica. Trat- guaglianza. La società potrebbe colmare
Finanza senza vincoli tamenti di favore, per esempio le industrie questo divario aumentando la spesa pub-
Molti altri cambiamenti di politiche, estrattive che ottengono risorse pubbliche blica per infrastrutture, istruzione e salute,
leggi e regolamenti hanno contribuito al- come il petrolio pagandole meno del valore per esempio: investimenti necessari per la
la disuguaglianza. Negli Stati Uniti, norme di mercato, o le banche che ricevono fondi crescita a lungo termine. Ma la politica del-
deboli sul governo d’impresa hanno per- dalla banca centrale a tassi prossimi allo ze- le società disuguali carica il peso sulla po-
messo agli amministratori delegati di dar- ro (e poi li prestano a tassi di interesse ele- litica monetaria: si abbassano i tassi di in-

42 Le Scienze 606 febbraio 2019


250
Aumento
200
della forbice
dei salari
Crescita percentuale cumulativa dal 1948

Produttività
150 A partire dal 1980 circa la produttività dei lavoratori
statunitensi è raddoppiata, secondo Josh Bivers e altri,
dell’Economic Policy Institute.
Ma i salari degli addetti alla produzione e ai lavori non
100
direttivi sono rimasti stagnanti, e praticamente tutti i
guadagni dovuti all’aumento della produttività sono
andati a investitori e proprietari. I compensi dell’1 per
50 Compensi orari
cento delle persone ai vertici, compresi gli alti dirigenti
d’azienda e i professionisti della finanza, sono tuttavia
saliti di oltre il 150 per cento tra il 1979 e il 2012. La
0 crescita del divario salariale ha un ruolo significativo
1950 1970 1990 2010 nell’alimentare la disuguaglianza.

teresse per stimolare la domanda. Tassi di di è difficile immaginare un cambiamento rantire l’accesso alle cure sanitarie, raffor-
interesse artificialmente bassi, soprattutto significativo senza uno sforzo concerta- zare e riformare i programmi pensionistici,
se accoppiati a un’inadeguata regolamen- to per togliere il denaro dalla politica, per che mettono sempre di più la gestione dei
tazione dei mercati finanziari, spesso dan- esempio attraverso una riforma delle mo- rischi a carico dei lavoratori (che si preten-
no origine a bolle speculative, come è acca- dalità di finanziamento delle campagne de debbano gestire portafogli di titoli di-
duto con la crisi immobiliare del 2008. elettorali. Altrettanto essenziale è bloccare fendendosi contemporaneamente dal pe-
Fonti: Raising America’s Pay: Why It’s our Central Economic Policy Challenge, di Josh Bivens e altri, in «Economic Policy Institute», 4 giugno

Non è sorprendente che in media le per- le porte girevoli per cui i membri delle au- ricolo dell’inflazione e da quello del crollo
2014; The State of Working America, Lawrence Mishel, Josh Bivens, Elise Gould e Heidi Shierholz, dodicesima edizione, ILR Press, 2012

sone che vivono in società disuguali han- torità di regolazione e altri funzionari pub- dei mercati) esponendoli allo sfruttamen-
no meno parità di opportunità: chi sta in blici vanno e vengono dai settori privati to da parte del settore finanziario (che ven-
basso non arriva ai livelli di istruzione che che regolamentano e con cui lavorano. de loro prodotti fatti per massimizzare le
permetterebbero di realizzare il proprio Oltre questo, c’è bisogno di una tassazio- commissioni bancarie, non la sicurezza
potenziale. Questo fatto, a sua volta, esa- ne più progressiva e di un’istruzione pub- delle pensioni). Il sistema dei mutui immo-
spera la disuguaglianza e spreca la princi- blica di alto livello finanziata dal governo, biliari era un tallone d’Achille, e non lo ab-
pale risorsa del paese: le persone. con l’università accessibile a tutti, senza ri- biamo corretto. Buona parte degli statu-
chiedere prestiti rovinosi. Abbiamo biso- nitensi abita in città, dobbiamo avere una
Ripristinare la giustizia gno di leggi antimonopolistiche moderne politica abitativa per i centri urbani che as-
Nelle società disuguali il morale è bas- per affrontare i problemi posti dal potere di sicuri una casa accessibile a tutti.
so, soprattutto quando la disuguaglianza mercato del XXI secolo e di applicare con Le cose da fare sono tante, ma si posso-
è vista come ingiusta, e sentirsi usati o in- più forza quelle che abbiamo. Abbiamo bi- no fare. Quando qualcuno replica che sa-
gannati riduce la produttività. Quando chi sogno di leggi che difendano i lavoratori e rebbe bello ma non possiamo permet-
gestisce il gioco d’azzardo o banchieri che i diritti sindacali. E di leggi sul governo so- tercelo, io rispondo che non possiamo
fanno cose davvero turpi guadagnano in- cietario che taglino gli esorbitanti compen- permetterci di non fare queste cose. Stia-
finite volte di più di scienziati e inventori si assegnati agli amministratori delegati e mo già pagando un prezzo alto per la disu-
che ci hanno dato il laser, i transistor e la normative finanziarie che impediscano alle guaglianza, ma questo non è che l’anticipo
comprensione del DNA, è chiaro che c’è banche di darsi alle pratiche predatorie che di quello che dovremo pagare se non fac-
qualcosa di sbagliato. E ancora, i figli dei ormai le caratterizzano. Bisogna applica- ciamo qualcosa, e in fretta. In gioco non c’è
ricchi arrivano a considerarsi una classe a re meglio le leggi contro le discriminazio- solo la nostra economia: stiamo mettendo
sé, privilegiata di diritto, quindi è più faci- ni: è inammissibile che le paghe di donne e a rischio la nostra democrazia.
le che infrangano le regole necessarie af- minoranze siano solo una frazione di quelle Con l’aumento del numero dei cittadini
finché una società possa funzionare. Tutto dei loro colleghi maschi e bianchi. E c’è bi- che capiscono perché i frutti del progres-
questo contribuisce a far crollare la fidu- sogno di leggi sulle successioni più sensa- so economico sono stati divisi in modo così
cia, con il relativo impatto sulla coesione te, che riducano la trasmissione intergene- disuguale, c’è il pericolo che ascoltino un
economica e l’andamento dell’economia. razionale di vantaggi e svantaggi. demagogo che dà la colpa dei problemi del
Non ci sono bacchette magiche per ri- I requisiti di base per essere classe me- paese ad altri e promette falsamente di ret-
mediare a un problema radicato come la dia, compresa la tranquillità economica da tificare «un sistema truccato». Abbiamo già
disuguaglianza negli Stati Uniti. Le sue ori- anziani, sono ormai inaccessibili alla mag- un assaggio di quel che può accadere. E po-
gini sono in larga misura politiche, quin- gior parte degli statunitensi. Dobbiamo ga- trebbe peggiorare di molto. Q

www.lescienze.it Le Scienze 43