Sei sulla pagina 1di 24

Trump fa ministro della Giustizia l’ex consulente di una società che truffava

i clienti. Scandalo in America, ma solo fra chi non ha studiato la storia d’Italia y(7HC0D7*KSTKKQ( +{!#!#!"!}

Venerdì 9 novembre 2018 – Anno 10 – n° 309 a 1,50 -Arretrati: a 3,00 e


- a1,50
12,00 con il libro “Salvimaio”
– Arretrati: e 3,00
Redazione: via di Sant’Erasmo n° 2 – 00184 Roma Spedizione abb. postale D.L. 353/03 (conv.in L. 27/02/2004 n. 46)
tel. +39 06 32818.1 – fax +39 06 32818.230 Art. 1 comma 1 Roma Aut. 114/2009

LAVORO La nuova proprietà spagnola non ha obblighi ONDA ANOMALA L’ammucchiata pro Tav e anti Appendino
Né Pane né Bianco

Foodora passa a Glovo: Torino: madamine, Pd » MARCO TRAVAGLIO

2000 rider licenziati e vecchi arnesi forzisti L’


altro giorno il professor
Angelo Panebianco, col
piglio e il cipiglio delle
grandi occasioni, ha conciato
per le feste sul Corriere della Se-
p I fattorini delle consegne MANOVRA p Domani nel capoluogo BANCHE E RISPARMI ra i giuristi (molti), gli intellet-
a domicilio senza garanzie piemontese sfilano i favo- tuali e i giornalisti (pochi) che al
né co.co.co.: non essendo
formalmente dipendenti,
L’Ue: “Il deficit è revoli all’alta velocità.
Esponenti del pd pronti
5S-Lega contro referendum costituzionale del
2016 invitarono gli italiani a vo-
la società acquirente non
ha obbligo di farsene cari-
al 2,9%”. Tria: per le regionali prossime
venture ed ex politici vici-
l’altra manina tare No (come se ce ne fosse bi-
sogno) alla schiforma Ren-
co. “Al massimo potranno
mandarci il curriculum” “Conti sbagliati” ni a Berlusconi, si giocano
la “guida” della piazza del Salva-Visco zi-Boschi-Verdini. “Dove sono
finiti?” e perché non tuonano
contro Grillo e Casaleggio? si
q ROTUNNO q FELTRI q BOFFANO E GIAMBARTOLOMEI q DI FOGGIA domandava con un diavolo per
A PAG. 5 LaPresse A PAG. 5 A PAG. 9 LaPresse A PAG. 6 capello e pelo di barba. Sul Fatto
gli hanno già risposto Tomaso
Montanari e Gianfranco Pa-
squino: noi stiamo bene, grazie,
IL COMPROMESSO Passa il blocco dopo la prima sentenza, ma da gennaio 2020 come speriamo di lei e dei suoi
famigliari; continuiamo a difen-

S’è prescritta la prescrizione


dere la Costituzione ogni qual
volta viene messa in discussione
(per esempio da alcune norme
di molto dubbia legittimità nel
decreto Sicurezza appena ap-
provato dal Senato); e, se non in-
vitiamo di nuovo a votare No a

Di Maio strappa la riforma subito, Salvini il rinvio dell’entrata in vigore un referendum costituzionale, è
perché non è alle viste alcun re-
ferendum costituzionale. La
maggioranza giallo-verde è
Mannelli p Pace fatta nel governo (fortunatamente) in tutt’altre
con lo stop alla prescrizio- L’INCHIESTA Domani su Millennium faccende affaccendata e, visti
ne: sarà inserita nel ddl An- anche gl’infausti precedenti del
ticorruzione, ma slitterà di
un anno. Davigo: ne vedre- I mafio-massoni nigeriani, centrodestra nel 2006 e del cen-
trosinistra nel 2016, non mani-
festa alcuna intenzione di ri-
mo gli effetti quando sarò
morto. Carroccio e 5Stelle criminali a colpi di machete scrivere un terzo della Costitu-
zione. Al momento, quelle di
gridano al successo, ma la Casaleggio e Giorgetti sulla ve-
tregua resta ancora armata tustà del Parlamento come fu
pensato nel 1946-48 dai padri
q DE CAROLIS E PALOMBI costituenti sono soltanto analisi
A PAG 2 - 3 futurologiche. E quello di Grillo
sui poteri del capo dello Stato è
il suo pensiero, non condiviso
CHI DICE BASTA dai parlamentari M5S.
Nel Contratto di governo non
Viareggio, Genova c’è nulla a riguardo. Gli unici ac-
cenni a riforme costituzionali
L’Aquila, Eternit: investono singoli articoli della
Carta: la sacrosanta riduzione
parlano le vittime del numero dei parlamentari e
la sacrosanta abolizione del C-
q GIARELLI E SANSA A PAG. 2 - 3 nel (se Renzi si fosse limitato a
quelle, avrebbe stravinto il refe-
LO STAFF DI SALVINI SCANDALO CONSIP rendum, e col nostro Sì), i giu-
QUEI GARANTISTI stissimi referendum propositi-
Social e alieni: Lotti s’è incastrato “PELOSI” NEMICI vi senza quorum e la sbagliatis-
Palermo Il primo pentito in Italia: il “Buscetta nero” Francesco Bellina sima (almeno per com’è formu-
ecco la “Bestia” con il pass di Chigi DEGLI INNOCENTI lata) introduzione del vincolo di
q PORTANOVA E PIPITONE A PAG. 14 - 15 mandato. Una volta scoperto,
q RODANO E TECCE A PAG. 8 q IURILLO, LILLO E PACELLI A PAG. 11 q MASSIMO FINI A PAG. 4 però, che il prof. Panebianco e la
sua barba coltivano un improv-
viso amore senile per la Costi-
tuzione (il classico coup de fou-
CITTÀ DEL MESSICO La cattiveria dre dei settantenni in calore), ci
saremmo aspettati ieri una pun-
I carabinieri alla proiezione tuta intemerata contro i più re-
del film su Cucchi: “Vogliamo centi violatori della Carta. Che
la lista dei partecipanti”. non sono i gialloverdi. Ma i ren-
Cercano uno che gli spieghi il film zalfaniani che hanno sgoverna-
WWW.FORUM.SPINOZA.IT to fino al 1° giugno. L’altroieri,
nell’indifferenza dei giornaloni
Coe fa i “brocchi” che l’hanno nascosta nelle pagi-
ne interne, la Corte costituzio-
della Brexit, poi nale ha dichiarato illegittima u-
LA LEZIONE na delle tante leggi vergogna del
DI BERLINO ‘89, Pollock e le tracce governo Renzi (agosto 2016),
I migranti nello stadio: I MURI NON SONO dei reduci Usa che agevolava le soffiate istitu-
zionali sull’inchiesta Consip e
“Il nostro sogno? Gli Usa” LA SOLUZIONE su altre indagini riguardanti i
politici (di maggioranza).
q CARIDI A PAG. 17 q JAN ZIELONKA A PAG. 18 DA PAG. 20 A PAG. 23 SEGUE A PAGINA 24
2 » POLITICA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

IL VIDEO DEL 2004 C’È UN VIDEO di ArcadeTv7 del nessuna voglia di aiutarli, poveretti che gli è un video che risale a oltre 10 anni fa, quando

“Vecchi e Down
q 2004, pubblicato da Dagospia, in cui
un giovane Rocco Casalino – attuale porta-
capitata ‘sta cosa”, spiega Casalino. A chi gli
contesta la parola “schifo”, lui spiega: “È co-
frequentavo il ‘Centro Teatro Attivo’ di Mila-
no, come si vede benissimo dalla lavagna alle
voce di Palazzo Chigi e già capo della comu- me a te fa schifo il ragno, a me è così. Mi danno mie spalle. In quel corso si sviluppava lo stu-
mi fanno schifo” nicazione M5S – oltre a parlare di “nazisti ed proprio fastidio. Mi dà imbarazzo”. Casalino dio dei personaggi, li si interpretava, forzan-
ebrei”, sostiene che anziani, bambini e down dice che si trattava di una prova di recitazio- done i caratteri in maniera anche paradossa-
Casalino: “Recitavo” gli “danno fastidio”, lo “irritano” e gli “fanno ne: “La stampa pubblica vere e proprie bufale le e provocatoria. Le mie parole sono inserite
schifo, come fa schifo un ragno”. “Non ho sul mio conto, con il solo obiettivo di colpirmi, in quel contesto e non rappresentano asso-
nessuna voglia di relazionarmi a loro, non ho infangarmi. Questa volta è stato pubblicato lutamente il mio pensiero, né oggi né allora”.

COMPROMESSO
Quasi pace Il M5S ottiene
lo stop dopo il primo grado
e l’applicazione a tutti i reati,
la Lega l’entrata in vigore
nel 2020. Davigo: “Gli effetti? Si
vedranno quando sarò morto”

» LUCA DE CAROLIS Alleati


per forza

L’
accordo c’è. Quindi il I due
contratto, ossia il go- vicepremier
verno, non è saltato, del governo
come minacciava sul Conte, Luigi
Fatto di ieri Luigi Di Maio in Di Maio
caso di frattura. In meno di e Matteo
un’ora, ieri mattina a Palazzo Salvini Ansa
Chigi, lui e Salvini hanno for-
malizzato l’intesa sulla pre-
scrizione, una rogna più o me-
no risolta già in nottata. E al-
lora strette di mano, tra il pre-
mier Giuseppe

Il lodo tra Salvini e Di Maio:


Conte, il ministro
della Giustizia Al-
fonso Bonafede e i
due vicepremier.
Ma se ieri non è sta-

ecco la prescrizione differita


ta guerra, da oggi
non sarà pace. Per-
ché nella maggio-
ranza è caos calmo,
fatto di verità di-
verse ed emenda-
menti che sembra-
no stilettate. Con i Cinque cesso, la Lega proverà a far slit- presenza di Bonafede, che in- tutelarsi. Per esempio Di
Stelle che gridano vittoria, tare ancora la riforma a 5Stel- ALFONSO vece su Facebook celebrava Maio, che al fattoquotidiano.it
perché la riforma della pre- le, con una proroga. O peggio, BONAFEDE l’accordo. Nel frattempo Lega dice: “Prescrizione e riforma
scrizione si farà nelle modali- varerà proposte per smontar- e 5Stelle si sono votati l’allar- del processo penale sono leggi
tà che pretendevano: ovvero la. “I voti si troverebbero”, am- La riforma si fa, era gamento del disegno di legge separate”.
dentro il disegno di legge An- micca un leghista dentro la Ca- nel contratto e questo Anticorruzione alla prescri-
ticorruzione (a cui è stato ab- mera. Attorno a lui, gli echi governo mantiene sempre zione. E sono dovuti interve- MA BONGIORNO lo ripete, o-
binato un ddl presentato dal dell’ira degli altri, delle oppo- la parola. Oggi l’interesse nire i commessi per scongiu- vunque: “Riforma del proces-
grillino Andrea Colletti) e fer- sizioni. Perché in mattinata, dei cittadini è che non rare la rissa. Poi Forza Italia ha so e prescrizione sono inscin-
mando la decorrenza dei ter- nella riunione congiunta delle ci siano più impuniti occupato i banchi del governo dibili”. Intanto si tratta. Per-
mini dopo la sentenza di pri- commissioni Giustizia e Affari in Aula. Fuori, le voci di chi di- ché il Carroccio ha presentato
mo grado per tutti i reati, sen- costituzionali, invocavano la ce di aver vinto ma che deve già una pioggia di emendamenti
za limiti.

PERÒ IL CARROCCIO ha incas- LA STRAGE DI VIAREGGIO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI


sato una contropartita, già
proposta da Bonafede lunedì
alla delegazione leghista che
“Per noi è tardi, ma la battaglia “Per Genova spero nella giustizia
aveva incontrato, ossia lo slit-
tamento dell’entrata in vigore va fatta pensando al futuro” Senza, non esiste più comunità”
della riforma al 2020, a cui si
aggiunge una condizione tut-
ta politica: entro la fine del
2019 il governo dovrà realiz-
“P er noi è tardi, la prescrizione farà cadere alcune accuse per
la strage di Viareggio. Ma non si fa una battaglia pensando
solo al proprio orticello. Bisogna guardare anche al futuro”. Da-
“N on auguro a nessuno, nemmeno ai responsabili del
crollo del ponte, di soffrire quello che stiamo soffrendo
noi. Noi non vogliamo vendetta. Ma giustizia sì”. Egle Pos-
zare una riforma del processo niela Rombi è una delle anime dell’associazione ‘Il mondo che setti nel crollo del Morandi ha perso la sorella Claudia, i due
penale per snellirne i tempi. vorrei’. Quel giorno perse la figlia Emanuela. Era il 29 giugno nipoti, e il cognato. La sua famiglia è stata inghiottita la mat-
Altrimenti il Carroccio farà 2009, morirono 33 persone. Ricorda Daniela Rombi: “Mia figlia tina del 14 agosto nella voragine che si è aperta sotto le ruote
traballare la prescrizione. Un rimase tra la vita e la morte per 42 giorni. Poi si della loro auto. Egle ha la voce piana, lenta
rischio insito nell’emenda- arrese”. Da allora cominciò un’indagine che ha mentre cerca di raccontare cosa sta passando
mento che verrà presentato richiesto anni. Poi il processo, altrettanto com- oggi: “Va a giorni. Ci sono momenti che mi
entro lunedì: “La riforma en- plesso, visto il numero e il peso degli imputati. Il pare di farcela, poi d’improvviso, magari
trerà in vigore un anno esatto 31 gennaio del 2017 è arrivata la sentenza di pri- mentre sto lavorando, mi prende il pensiero e
dopo l’approvazione del ddl mo grado con le condanne. Nei prossimi giorni sento una fitta fortissima. Nei giorni scorsi e-
Anticorruzione”. a Firenze comincerà l’appello. Marco Piagen- ra il compleanno di mia sorella e di mia ni-
E l’avviso all’alleato grillino tini – che rimase gravemente ferito e perse due pote. E poi è arrivato il momento di svuotare
lo scandisce uscendo da Palaz- figli e la moglie – avverte: “Resteranno in piedi la loro casa...”. Egle Possetti racconta di aver
zo Chigi il ministro per la Pub- le accuse di disastro ferroviario. Mentre l’in- smesso di guardare i telegiornali perché ogni
blica amministrazione Giulia cendio e forse le lesioni sono destinate alla pre- immagine del ponte le riaccendeva il dolore.
Bongiorno, già avvocato del In lotta scrizione. Ma l’incognita è l’aggravante di in- Ultimo caso Ma lei è sempre stata impegnata, ha fatto po-
Giulio Andreotti che fu pre- Daniela cidente sul lavoro che è stata riconosciuta in primo grado (e ga- Egle Possetti litica, così oggi segue il dibattito sulla prescrizione: “Ho sem-
scritto: “La delega al governo Rombi ha rantisce termini di prescrizione più lunghi). Se l’appello non ha perso pre creduto in uno stato democratico, ma se chi ha sbagliato
sul processo penale scadrà un perso la figlia dovesse riconoscerla, sarebbe spazzato via anche l’omicidio 4 familiari non paga per le proprie responsabilità non esiste più una co-
mese prima rispetto all’entra- nella strage colposo plurimo”. I familiari delle vittime lo hanno sempre nel crollo munità. Non c’è più la giustizia e non ci sono regole. Ripeto:
ta in vigore della prescrizione. di Viareggio spiegato: “Per noi è un dolore. Non per l’entità della pena, ma del 14 agosto servono pene esemplari anche perché una tragedia come
La riforma del processo va fat- del 2009 perché vogliamo tutta la verità. Senza che parte della tragedia e questa non capiti più e chi deve vigilare lo faccia. Non ho de-
ta entro il 2019, altrimenti ci delle responsabilità siano cancellate”. Aggiunge Rombi: “Du- siderio di vendetta e il desiderio di vedere puniti i colpevoli
sarà un altro tavolo in cui va- rante il processo abbiamo assistito a manfrine e tentativi di al- non può diventare lo scopo della nostra vita. Nessuno ci re-
luteremo correzioni all’altra lungare i tempi. Se io fossi innocente, vorrei un processo rapido. stituirà le persone che abbiamo amato, è un dolore troppo
norma. Così siamo tutti garan- Altrimenti la prescrizione diventa negazione della verità”. grande. Non lo auguro a nessuno”.
titi”. Ergo, senza il nuovo pro- FERRUCCIO SANSA F.SA.
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | POLITICA »3
L’INTERVISTA LA PROPOSTA di legge Pillon prossimi mesi”. Lo stop al ddl Pillon da non è stata sottoposta al giudizio pre-

Ddl Pillon, il leader


q che prevede l’affidamento condi-
viso dei figli nelle coppie separate e l’az-
parte di Di Maio ribadisce i dubbi del
Movimento sul tema, già evidenziati
ventivo del ministro Fontana. Come tut-
te le proposte legislative avrà la possi-
zeramento dell’assegno di manteni- nelle settimane scorse dalle parole di un bilità di essere migliorata e modificata”.
5 Stelle: “Così non va mento “così non va”. Lo ha detto in un’in- altro big dei 5 Stelle, Vincenzo Spadafo- Tradotto: il ddl contro cui domani sono
tervista a Elle settimanale il vicepremier e ra. D’altra parte, lo stesso ministero del- organizzate proteste in 60 piazze, non è
e non è nel contratto” leader del Movimento 5 Stelle Luigi Di la Famiglia fa sapere che si tratta “di una rivendicato dal governo e la sua appro-
Maio, spiegando che “questa legge non iniziativa parlamentare del senatore Pil- vazione, viste le parole dei 5 Stelle, è
è nei programmi di approvazione dei lon”: “Seguirà il suo iter parlamentare e tutt’altro che scontata.

Fatto a mano IL COMMENTO

LA CRISI
È UN’IPOTESI:
IL LAPSUS
DEL MINISTRO
» MARCO PALOMBI

R
aramente una di-
chiarazione politi-
ca è stata più rive-
latrice di quella affidata ie-
ri mattina ai cronisti dal
ministro dei Rapporti col
Parlamento. Riccardo
Fraccaro, tra i 5 Stelle più
vicini a Luigi Di Maio, su-
bito dopo il vertice coi leghi-
sti a Palazzo Chigi, teorica-
mente conclusosi positiva-
mente, ha sentito il bisogno
di dire, tra le altre cose, que-
sta: “Anche se dovesse ca-
dere il governo la prescri-
zione entrerà in vigore co-
munque dal 1° gennaio
2020”. Come tutti possono
notare questa classica e-

fa muro. E spara contro il solito calendario dei lavori sul dise-


nemico, Giancarlo Giorgetti: gno di legge, che dovrà essere
“Il tetto dei 500 euro lo ha vo- in aula lunedì 19. Poi ci sono i
luto lui, per noi poteva essere malumori in casa 5Stelle: re-
di 100 euro”. pressi. Anche
Dal Carroccio rispondono: se cade
“Il Movimento fa un favore al- PERÒ SI PALESA Andrea Col- il governo,
la piattaforma di Casaleggio, letti, avvocato, ex capogruppo la legge
Rousseau, che incassa in gran del M5S in commissione Giu- entrerà
parte donazioni sotto i 500 eu- stizia: “L’entrata in vigore del- in vigore
ro”. Al Fatto, il vicecapogrup- la riforma sulla prescrizione a
po del M5S Francesco Silve- gennaio 2020 è una cagata nel 2020
contro le norme sulla traspa- stri: “Questa polemica è quasi pazzesca”. Lui l’avrebbe volu- RICCARDO
GIULIA renza di fondazioni e partiti, un favore a Rousseau, che ren- ta dal rinvio a giudizio, e subi- FRACCARO
BONGIORNO anche queste nel ddl “spaz- diconta tutto. E noi non faccia- to. E ora pensa di presentare
z a- co rr ot t i”. E per ritirarli mo le norme su misura della un emendamento per cancel-
Entro il dicembre 2019 vuole innanzitutto che il Mo- piattaforma”. E il limite dei lare il rinvio al 2020. Infine, xcusatio non petita testi-
va fatta la riforma vimento ritocchi il limite di 500 euro si può toccare? “Le Piercamillo Davigo, consiglie- monia, plasticamente, lo
del processo penale 500 euro sopra il quale an- cose si cambiano se c’è una re del Csm: “La prescrizione si stato minimale dei rapporti
Sennò in un altro tavolo dranno rese pubbliche tutte le buona ragione. E io questa ra- applica solo ai reati commessi tra i due partiti di maggio-
valuteremo correzioni donazioni. “Noi vorremmo al- gione finora non l’ho sentita. dopo la sua entrata in vigore. ranza: il governo potrebbe
alla prescrizione zarlo un pochino”, conferma La Lega si affidi a noi, in tema Gli effetti della riforma si ve- cadere - eccome - nei pros-
Igor Iezzi, capogruppo in Af- di trasparenza”. Nel frattem- dranno quando sarò morto”. simi mesi, prova ne sia che il
fari costituzionali. Però il M5S po la capigruppo ha stilato il © RIPRODUZIONE RISERVATA pensiero agita la mente di
un ministro importante (e
qui siamo a “la lingua batte
IL TERREMOTO DELL’AQUILA IL PROCESSO ETERNIT dove il dente duole”).
Il lapsus di Fraccaro a-
“La morte di mio figlio resterà “Pensavo di aver trovato pace, pre inaspettati scenari
nella crisi di nervi dei due
per sempre senza un colpevole” poi ecco il pugno nello stomaco” non alleati stretti al sem-
pre più evanescente con-
tratto di governo. I mito-

“L a prescrizione è nemica della civiltà, è stata la ghigliot-


tina delle nostre speranze”. A parlare è Sergio Bianchi,
padre di Nicola, un ragazzo di 22 anni che il 6 aprile del 2009
P aolo Ferraris non aveva mai lavorato per l’Eternit, l’azien-
da che per anni ha riempito i polmoni dei suoi operai di
polvere di amianto. Eppure è morto a soli 49 anni, logorato
grafi (o mitomani) da
Transatlantico nelle ulti-
me settimane fissano l’ap-
perse la vita nel crollo di una palazzina in via D’Annunzio, a dall’aria cancerogena che respirava a Casale Monferrato, il puntamento con la storia,
L’Aquila. Nove anni non sono stati sufficienti a trovare un paese in provincia di Alessandria dove Eternit aveva un gran- per così dire, all’inizio del
colpevole per quel disastro, in cui oltre a Nicola morirono de stabilimento. Oggi, a 22 anni dalla sua scomparsa, sua mo- prossimo anno sotto for-
dodici persone. L’unico imputato arrivato fi- glie Assunta Prato non ha ancora ottenuto ma di scossone finanzia-
no alla Cassazione è stato Fabrizio Cimino, giustizia. Stephan Schmidheiny, ex ammini- rio: l’esecutivo giallover-
ingegnere inizialmente indicato come re- stratore delegato dell’azienda, è stato con- de, fiaccato da mesi di po-
sponsabile dei pessimi lavori di restauro dannato in Appello a 18 anni di carcere per lemiche e sospetti recipro-
sull’edificio crollato, ma poi assolto “perché disastro ambientale, ma nel 2014 la Cassazio- ci, viene disarcionato dallo
il fatto non sussiste”. Ancor prima dell’ultima ne ha annullato tutto, sancendo la prescrizio- spread appena portata a
pronuncia, nel maggio del 2017, il caso era già ne dell’imputato. “Nei primi due gradi di giu- casa la manovra 2019.
caduto nel vuoto, essendo trascorsi i sette an- dizio avevo la sensazione di aver ottenuto A quel punto la via quasi
ni e mezzo necessari alla prescrizione. “Tra le giustizia – dice Assunta Prato – anche perché obbligata sarebbero nuo-
lungaggini delle indagini e quelle per il de- era un processo molto sentito dalla comunità, ve elezioni (a cui, peraltro,
posito delle sentenze, nessuno ha pagato”, si ogni volta partivano pullman per partecipare né Fraccaro né Di Maio
Nove anni fa sfoga Bianchi. “Il nostro ordinamento ha mil- A Casale alle centinaia di udienze a Torino”. Prato am- potrebbero partecipare a
Sergio le tutele per gli imputati, ma non pensa mai alle vittime”. Sen- Assunta mette di aver temuto un rinvio in Corte d’appello, “ma non di regole M5S vigenti) in ac-
Bianchi za un colpevole e senza più speranza di giustizia, alla famiglia Prato, vedova certo la prescrizione”: “Dissero che il reato si era compiuto coppiata con le Europee di
ha perso di Nicola resta un comitato, l’Associazione vittime univer- di Paolo Fer- fino al 1986, anno di chiusura della fabbrica, ma in realtà le fine maggio. Curioso che, a
il figlio Nicola sitarie Sisma 6 aprile 2009, dedicato agli studenti fuori sede raris, morto polveri dello stabilimento hanno continuato a inquinare l’a- stare ai sondaggi, ne ver-
nel sisma che, come Nicola, persero la vita quella notte: “Ormai non è per le polveri ria fino alla bonifica del 2006”. E in effetti, quando Eternit rebbe probabilmente fuori
de L’Aquila più un modo per chiedere giustizia per mio figlio, perché non dell’Eternit chiuse, in paese rimase una bomba cancerogena di 92mila un governo di centrode-
l’avremo mai – spiega Bianchi – ma un tentativo di fare si- metri quadrati a cielo aperto, l’equivalente di sedici campi di stra con tanto di Berlusco-
stema con gli altri familiari delle vittime che hanno vissuto calcio: “Sentire la parola ‘prescrizione’ dai giudici è stata un ni redivivo: sai quanto du-
drammi simili ai nostri, in tutta Italia. Insieme a loro, chie- pugno nello stomaco. Avere fiducia nella giustizia per me è ra la prescrizione?
diamo che non si ripetano più ingiustizie del genere”. veramente difficile”. © RIPRODUZIONE RISERVATA
LORENZO GIARELLI L. GIAR.
4 » POLITICA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

L’INTERVENTO Una legge Per il ministro Bongiorno bloccare la prescrizione


dopo il primo grado è una “bomba atomica”. Ma è una bugia

N
» MASSIMO FINI ditori o altri ‘colletti bianchi’
si arrivò a invocare Amnesty
on si capisce se i berlusconia- International sostenendo
ni e i loro adepti, palesi e oc- che venivano arrestati, e
culti, siano più in malafede o quindi in qualche modo tor-
ignorino la logica più ele- turati, perché confessassero.
mentare. Il ministro della Francesco Saverio Borrelli, il
Giustizia, Alfonso Bonafede, Procuratore capo di Milano
sta preparando un disegno di che guidava quelle inchieste,
legge per il quale la decorren- corresse: “Noi li arrestiamo e
za dei tempi della prescrizio- loro confessano”. Peraltro
ne si arresta dopo il primo questa concezione di un dop-
grado di giudizio. Apriti cie- pio diritto permane: uno per
lo. Il parlamentare di Forza ‘lorsignori’ che commettono,
La scheda Italia Enrico Costa ha parlato a detta dei ‘garantisti’, reati
di “omicidio del processo pe- che non creano “allarme so-
n 11 MARZO nale”. Il suo collega dem Al- ciale”, e uno per i reati da stra-
2013 sotto fredo Bazoli ha dichiarato: da, commessi in genere da
la sede del “È un atto gravissimo che in- gente del popolo per la quale,
Tribunale troduce un allungamento ad ascoltare madama Santan-
di Milano smisurato dei processi” e chè che appartiene all’eserci-
si radunano Giulia Bongiorno, ministro to dei ‘garantisti’ pelosi, è su-
deputati, per la Pubblica amministra- perfluo anche il processo (“In
senatori e zione in quota Lega, avvoca- galera subito e buttare via le
consiglieri del to di grido, ha detto all’ottima chiavi”). Può accadere però
Pdl a difesa Maria Latella: “Bloccare la che sotto la spinta di qualche
di Silvio prescrizione dopo il primo ondata emotiva i termini del-
Berlusconi, grado di giudizio significa la carcerazione preventiva
imputato mettere una bomba atomica vengano abbassati in eccesso
nel processo nel processo penale, non ci e allora escono di galera an-
Ruby. sarebbero più Appello e Cas- che dei sicuri delinquenti,
Angelino sazione perché non sarebbe- pluripregiudicati. Insomma
Alfano, che ro più fissate le udienze”. O- l’aberrante durata dei pro-
sarebbe poi ra, la legge Bonafede non ac- cessi ha l’effetto di far andare
diventato corcia e non allunga i tempi su e giù, come la pelle dei co-
ministro del processo. Non si capisce glioni, i termini della carce-
anche nei perché mai non dovrebbero razione preventiva, che risul-
governi Letta, essere più fissate udienze co- ta iniqua o pericolosa a se-

I garantisti “pelosi”
Renzi me afferma la Bongiorno, il conda dei casi.
e Gentiloni, processo proseguirebbe co-
dichiarò: me sempre e con i lunghi 3. Certezza nei rapporti so-
“Stanno tempi aberranti di sempre, ciali. Il processo non serve so-
però, alla fine, a una sentenza lo per rendere giustizia,

che se la prendono
tentando
di eliminare si arriva e si accerta se un rea- quando ci si riesce, serve an-
Berlusconi to è stato effettivamente che per mettere dei punti fer-
per via commesso. mi nei rapporti sociali. Non si
giudiziaria. Con l’attuale regime della può stare dieci o vent’anni

con gli innocenti


È uno prescrizione il processo non senza sapere se Tizio è un de-
scandalo” viene ucciso, nasce già mor- linquente o invece un inno-
to. Perché sono infiniti i pro- cente che ha vissuto, per lo
cedimenti che cadono sotto stesso periodo, sulla gratico-
la mannaia della prescrizio- la. È il caso di Berlusconi che,
ne (165 mila ogni anno). Col dopo aver usufruito di 8 pre-
risultato di aver fatto lavora- scrizioni, è stato condannato
re a vuoto i magistrati e di a- anni un avviato studio a Fi- tedrale, fatta di pesi e con- quando tutto il male che po-
ver sostenuto costi del tutto renze. Mattia Feltri non è trappesi, di ricorsi e contro- teva fare lo aveva già fatto.
inutili a spese dello Stato, laureato in Giurisprudenza e ricorsi, di appelli e controap- Sono cose che scrivo da
cioè di noi cittadini. peraltro in nessuna altra fa- pelli, di verifiche e controve- quasi cinquant’anni, da
Evidentemente inconsa- coltà. Chi è allora il “bifolco” rifiche, in modo da rendere quando nel 1971 entrai a L’A-
pevole del ridicolo a cui si e- e l’“orango”, almeno in tema impossibile l’errore. Che è vanti! come cronista giudi-
spone, Mattia Feltri ha scrit- di diritto? pura illusione, anzi si risolve ziario. E io, a differenza di
nel suo contrario perché, Mattia Feltri, mi sono laurea-
IN REALTÀ, il disegno di legge passati gli anni, i testimoni to in Giurisprudenza col
LE NORME AD PERSONAM Bonafede andrebbe accom- sono morti, le carte ingiallite massimo dei voti e la lode, con
pagnato da altre misure. La e illeggibili oppure scompar- Gian Domenico Pisapia il pa-
La classe politica di epoca prima è far decorrere i tempi se nel tempo. dre dell’attuale Codice di
della prescrizione dal mo- Oltre a rendere di fatto nul- Procedura penale che, nato
berlusconiana ha inzeppato mento in cui è stato commes- li centinaia di migliaia di pro- con tante buone intenzioni
so il reato e non da quello in cessi decapitati dalla prescri- ma già minato da un connu-
il Codice di leggi che hanno cui viene scoperto. L’altra, zione, la lunghezza dei pro- bio incestuoso fra sistema ac-
fondamentale, è lo snelli- cedimenti incide su tutta una cusatorio e inquisitorio, è di-
allungato (ancora) i processi mento delle nostre procedu- serie di questioni rilevanti. ventato, a causa anche di suc-
re. L’abnorme durata dei cessivi inserimenti che non
processi italiani ha una cau- 1. La certezza della pena. Si hanno tenuto conto che il di-
RAGIONI CONTRAPPOSTE sa recente e un’altra che ha può tranquillamente delin- ritto è un corpus iuris coeso
origine nel passato e radici quere contando di non scon- dove ogni norma deve essere
L’interesse di chi non ha culturali. tarla mai, data l’al t is s im a compatibile con tutte le altre,
Prima causa. Dopo Mani probabilità che i processi di fatto inservibile.
commesso reati è di essere Pulite, quando per la prima non arrivino a una sentenza Ciò toglie senso alla fatica
volta nella storia dell’Italia Mister Otto lo del colpevole? Essere giu- definitiva. dello scrivere, che sarebbe il
giudicato subito, il colpevole repubblicana anche ‘l or si- prescrizioni dicato alle calende greche e, meno, ma anche dell’operare
gnori’ furono chiamati a ri- Silvio Berlu- possibilmente, mai. 2. La custodia cautelare. A perché in Italia i problemi, si
spera nelle calende greche spondere a quelle leggi che sconi nel 2014 Causa remota. Sono stati i processi lunghi corrispondo- tratti della questione meri-
tutti noi siamo tenuti a rispet- al Tribunale Latini a creare il diritto. Il lo- no carcerazioni preventive in dionale o di quella dell’ordi-
tare, la classe politica, berlu- di Napoli ro era un diritto pragmatico, proporzione. Per gli stracci namento giudiziario, restano
sconiana ma non solo, temen- depone sugli contadino, che privilegiava la naturalmente: Pietro Valpre- eternamente gli stessi (in
to su La Stampa che Bonafe- do un replay, ha inzeppato il appalti a velocità delle procedure, da fece quattro anni di galera proposito c’è una divertente
de è un “bifolco” del diritto, Codice penale e di Procedura Panama Ansa scontando la possibilità senza processo, Giuliano Na- filastrocca di Ennio Flaiano
“uno che quanto a cultura penale di leggi fintamente dell’errore. L’intero mondo ria, un presunto terrorista in Solitudine del satiro) e ogni
giuridica dev’essere rimasto ‘garantiste’ che hanno ulte- anglosassone, compreso rosso, nove, finendo poi as- tentativo di cambiamento, si
al codice di Hammurabi e al- riormente allungato la durata quello che ha subìto la colo- solto. Ma i ‘garantisti’ di oggi tratti di Mani Pulite o del pro-
la civiltà degli oranghi”. Bo- di processi già interminabili, nizzazione inglese, ha preso o i loro antenati ideologici di getto di legge Bonafede, vie-
nafede è un avvocato che nel danneggiando gli innocenti e dal diritto romano classico. ieri non fecero una piega. An- ne osteggiato e, se proprio
2006 ha conseguito il dotto- favorendo i colpevoli. Qual è Sciaguratamente noi abbia- dava bene così. Mentre du- non è possibile toglierlo bru-
rato di ricerca presso la fa- infatti l’interesse dell’inno- mo preso dal diritto bizanti- rante Mani Pulite per due set- talmente di mezzo, alla fine
coltà di Giurisprudenza cente? Essere giudicato il più no – le pandette di Giustinia- timane di custodia cautelare implacabilmente aggirato.
all’Università di Pisa e ha da presto possibile. Quale quel- no – che è una stupenda cat- di uomini politici o impren- © RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | POLITICA »5
TECNICO DI AREA LEGHISTA IL NUOVO presidente dell’Istat sarà nome di Blangiardo circolava già da mesi per una polemica con il presidente dell’Inps Tito

Il governo ha scelto:
q Gian Carlo Blangiardo. Lo ha deciso ieri
il Consiglio dei ministri, su proposta del Mi-
la successione di Giorgio Alleva., il cui man-
dato è scaduto lo scorso luglio Il professore,
Boeri, rèo di aver rivendicato l’importanza
dell’immigrazione per la salute dell’ente pen-
nistro per la pubblica amministrazione Giulia demografo docente all’Università Bicocca di sionistico: “I contributi versati dagli immigra-
Blangiardo nuovo Bongiorno, deliberando l’avvio della proce- Milano, è considerato di area leghista. Classe ti sono un prestito, non un regalo – aveva di-
dura per la nomina del professore a Presiden- 1948, Blangiardo ha già fatto parte di com- chiarato Blangiardo a Libero –Non si può mica
presidente Istat te dell’Istituto nazionale di statistica. La de- missioni scientifiche dell’Istat, come ad e- sperare che gli immigrati si dimentichino di
signazione sarà ora sottoposta al parere delle sempio nella task force conosciuta come quanto hanno versato in Italia e se ne tornino
Commissioni parlamentari competenti. Il “Oltre il Pil”. Lo scorso anno fu protagonista di nei paesi d’origine senza reclamarlo“.

L’ANALISI Previsioni d’autunno La Commissione stima un disavanzo 2019


più alto di quello del governo (2,4%) ma anche una crescita all’1,2%

Più che il deficit al 2,9%, l’Ue


teme il contagio alle banche
» STEFANO FELTRI

I
l ministero dell’Economia
liquida tutto come il frutto
di “un’analisi non attenta
e parziale”, combinata
con una “défaillance tecnica”:
la Commissione europea a- lità che possa innescare una le obbligazioni private italia-
vrebbe sbagliato i conti nelle crisi bancaria o addirittura ne”. Tradotto: se lo Stato paga
sue previsioni economiche mettere in pericolo l’euro, co- tassi di interessi più alti perché
d’autunno presentate ieri che me accaduto nel 2011. come debitore ha perso credi- La scheda
vedono il deficit atteso per il Un aumento di 100 punti di bilità, questo determina già un
2019 al 2,9 per cento del Pil in- spread – che è la differenza di aumento del costo di finanzia- n IL LUNGO
vece che al 2,4 annunciato dal costo tra il debito italiano a 10 mento per le imprese che e- NEGOZIATO
governo. I toni di questa nota anni e quello tedesco di pari mettono bond. E solo per quel- La
senza firma, che appare sul si- durata – determina una perdi- le italiane, che si trovano così Commissione
to del ministero dell’Econo- ta del 4 per cento del valore di sfavorite rispetto alla concor- Ue ha chiesto
mia, sono sorprendentemen- titoli di Stato che le banche renza straniera. al governo
te ruvidi. Eppure, i numeri hanno in bilancio (pari al 10 italiano di
presentati da Bruxelles sono per cento del totale). L’effetto SE RIVOLGERSI al mercato è correggere la
meno negativi di quello che il è che il parametro che misura più costoso, sempre più im- manovra di
governo italiano poteva teme- prese sceglieranno di finan- Bilancio
re, anche se diventano la ziarsi chiedendo soldi alle perché non
base per una boccia- L’effetto valanga banche invece che tramite rispetta i
tura ormai certa del- Finora lo spread bond. E quindi anche il costo parametri
la legge di Bilancio del credito bancario è destina- europei e gli
la prossima setti- ha causato soltanto to a salire. Dai calcoli della impegni presi
mana. un rialzo dei tassi sulle Commissione si vede che dopo dall’Italia ad
il 2011 i tassi praticati a fami- aprile. C’è
LA COMMISSIONE obbligazioni private glie e imprese italiane non si tempo fino al
Ue si aspetta, dopo sono ridotti in modo propor- 13 novembre
una crescita del zionale al calo dello spread quando la
Pil dell’1,1 per l’attuale congiuntura, Sbilanciati governo: 2,9 per cento del Pil la solidità del capitale scende (sceso per le politiche della B- Commissione
cento nel 2018, con il Pil italiano che si è Le banche invece che 2,4, 7-8 miliardi in dello 0,4 per cento. Spiacevo- ce), le banche hanno benefi- dovrà
un aumento fermato nel terzo tri- italiane hanno più. I numeri del governo sono le, ma non una catastrofe. ciato quindi di un cuscinetto di presentare
de ll’1,2 nel mestre 2019 e con le più titoli nazio- stati bocciati dall’Upb, l’auto- Però non si può sottovalu- ricavi che permette ora di non un primo
2019. Che è fosche attese sul ral- nali che stra- rità italiana indipendente sui tare la situazione anche se “le alzare subito i prezzi. Ma ora i giudizio.
meno dell’1,5 lentamento del nieri e sono conti pubblici, e anche la Com- tensioni attuali sul debito pub- costi per le banche stanno sa- Il governo
programmato commercio più esposte missione non crede ai calcoli blico italiano e le connessioni lendo (colpa dello spread) e Conte non è
dal governo e mondiale nel allo spread del Tesoro. tra banche nazionali e titoli di quindi presto potrebbero sali- intenzionato
implica un ef- 2019. Tutto questo era abbastan- Stato non hanno spinto le ban- re i costi per i loro clienti. a rivedere
fetto molto li- La stima za atteso, più sorprendente è che ad alzare i tassi di interessi Questo circolo vizioso po- i numeri
mitato delle mi- del deficit del il lungo approfondimento o a restringere i prestiti a fa- trebbe avere conseguenze “sul
sure annunciate, prossimo anno che i tecnici della Commis- miglie e imprese”. Qualche settore bancario di tutta l’eu-
ma sarebbe co- è invece molto sione dedicano all’e ff e tt o conseguenza già c’è, la Com- rozona”, avverte la Commis-
munque un buon diversa da quel- dell’aumento dello spread sul missione segnala “il contagio sione.
risultato vista la ufficiale del debito italiano e alla possibi- dal debito pubblico italiano al- © RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO Gig economy Primo licenziamento collettivo dei fattorini, perderanno co.co.co e garanzie minime

Glovo si prende Foodora, ma non i suoi rider


» ROBERTO ROTUNNO zioni, non a quelle di Foodora collettivo, perché non c’è for- ri condizioni del mercato, con zandosi e andandosene”.
che, per i suoi, aveva comun- male riduzione dell’organico retribuzioni che non variano a Interpellati dal Fatto, han-

Q uando tra qualche mese


Glovo, la multinazionale
spagnola del cibo a domicilio,
que previsto un co.co.co. e re-
tribuzioni fisse. Le piattafor-
me che portano le pizze a casa,
aziendale e questo allontana-
mento non richiederà nem-
meno una trattativa sindacale.
seconda dei voti ottenuti dai no finalmente svelato le inten-
rider (il rating). Glovo, invece, zioni: “Foodora – spiegano da
usa la collabora- Glovo - rispette-
completerà l’acquisto della infatti, hanno sempre negato Le associazioni di fattorini zione occasiona- rà tutti i contratti
tedesca Foodora, in Italia si ai rider lo stato di dipendenti, hanno sempre chiesto di esse- le (praticamente in essere dei ri-
assisterà al primo licenzia- reclutandoli come collabora- re riconosciuti come subordi- la Partita Iva) e der finora in for-
mento collettivo di rider della tori autonomi o al massimo nati, ottenendo il netto rifiuto offre paghe che Giro di consegne ze continuando
storia nazionale. Dopo la fu- co.co.co. I fattorini, pur essen- di Foodora e le altre. La bat- “ d i p e n d o n o La app ha una rete le attività. A se-
sione, infatti, Foodora chiu- do l’anima di questo settore, taglia è finita in Tribunale e dall’esperienza e guito della chiu-
derà bottega nel nostro Paese tecnicamente non sono con- hanno avuto ragione le app. I dai feedback di di 2 mila addetti: sura del servizio
e interromperà il contratto di teggiati nell’organico. Quindi, rider sono liberi di scegliersi i r i s t o r a n t i e tutti a casa. La di Foodora tutti
lavoro con tutti i suoi circa quando un’azienda passa da turni di lavoro quindi è corret- clienti”, si legge gli ex rider Foo-
2mila fattorini. Saranno man- una società a un’altra, quella to inquadrarli come autono- sul sito. Quando replica: “Potranno dora saranno li-
dati a casa e non potranno op- che compra non è obbligata a mi, sostengono i magistrati. è stata diffusa la candidarsi ma alle beri di candidar-
porsi: dovranno restituire lo farsene carico perché la tutela Forti di queste sentenze, le notizia dell’a c- si come glovers,
zaino rosa e cercare un nuovo dell’occupazione è assicurata multinazionali hanno conti- quisizione, le as- nostre condizioni” senza nessuna li-
impiego. solo a chi è formalmente di- Protesta Rider in piazza LaPresse nuato a stipulare collabora- sociazioni dei mi taz ion e”. In-
pendente. zioni occasionali. fattorini hanno somma, perde-
GLOVO, che ingloberà la (ex) L’app tedesca, come mostra visto che i secondi non rien- chiesto chiarimenti sul desti- ranno certamente il posto
concorrente, non è obbligata a uno studio aggiornato al 2016 trano nel perimetro dei subor- FOODORA, però, ha scelto una no dei collaboratori di Foodo- presso Foodora, con le sue tu-
riassorbirli e non intende far- dell’Inapp, centro ricerche dinati. Il 48% dei “licenziati”è formula sì flessibile ma che ri- ra, senza ottenere risposte e- tele minime. Però possono
lo. Al massimo, ha detto al Fat- del ministero del Lavoro, ha formato da studenti che arro- conosce un minimo di tutele splicite. “Mercoledì, durante consolarsi: se vorranno diven-
to Quotidiano, non porrà limi- circa 50 dipendenti e quasi tondano, e magari per loro non previdenziali e assicurative: il il tavolo al ministero dello Svi- tare collaboratori occasionali
tazioni se vorranno candidar- 2mila rider assunti con con- sarà un dramma. Il problema co.co.co. Per quanto spesso luppo economico – racconta- di Glovo, non sarà vietato loro
si per entrare a far parte della tratto di collaborazione coor- sarà per l’altra metà. descritta come cattiva, in real- no da Riders Union Bologna – di provarci. “Come è umano
sua flotta. Ma se saranno “as- dinata e continuativa. Quindi, Sul piano delle norme non si tà la piattaforma tedesca è abbiamo di nuovo posto la do- lei!”, direbbe Fantozzi.
sunti”, avverrà alle sue condi- solo i primi saranno tutelati, tratterà di un licenziamento quella che ha offerto le miglio- manda e hanno risposto al- © RIPRODUZIONE RISERVATA
6 » POLITICA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

GLI EMENDAMENTI ESTENDERE la sanatoria del de- enti stessi e dai concessionari della riscos- della maggioranza. Un’altra richiesta della

Decreto fiscale, Lega


q creto fiscale anche alle entrate co-
munali, dall’Imu alla Tasi, all’imposta sulle
sione, i medesimi enti locali – si legge –
possono stabilire, entro il termine fissato
Lega è quella di introdurre una nuova tas-
sa, che vada a rimpinguare il Fondo infra-
insegne. È la proposta contenuta in un e- per la deliberazione del bilancio annuale di strutture del Mef, da applicare su tutti i tra-
propone un condono mendamento della Lega al decreto fiscale. previsione, l’esclusione delle sanzioni". In sferimenti in denaro nei Paesi extra Ue, un
“Con riferimento alle entrate, anche tribu- tutto i senatori hanno depositato 578 e- prelievo dell’1,5 per cento su tutte le ope-
anche per Imu e Tasi tarie, dei Comuni, non riscosse a seguito di mendamenti, che andranno al voto, pro- razioni sopra i 10 euro, mentre si prospetta
provvedimenti di ingiunzione fiscale, no- babilmente, a partire dalla metà della lo stop alla patente per gli 'evasori seriali’
tificati, negli anni dal 2000 al 2017, dagli prossima settimana. Un centinaio quelli dell’Rc auto.

“Manina” sullo scudo banche Carige, crisi infinita


Dopo l’ispezione Bce
Sotto accusa l’uomo di Tria rischia altre perdite
L’esito della verifica: accantonamenti
per 100 milioni. Titolo a picco. Passato
M5S e Lega accusano il Tesoro per la norma salva istituti e authority in manovra di mano il 38% delle azioni in 1 mese

» CARLO DI FOGGIA previsto all’incontro, ha signi- » FERRUCCIO SANSA


ficativamente disertato per

O N
rmai la cosiddetta impegni urgenti. Il governo ta- on c’è pace per Carige. Da una parte la
“manina”può a buon ce. La partita non è chiusa. Bce, dopo un’ispezione, aveva chiesto
diritto sedersi ai nuovi accantonamenti (eseguiti solo per il 5%
banchi del governo. LA VERSIONE del Tesoro è di- dal vecchio cda). Mentre nell’ultimo mese e
Sarebbe intervenuta anche versa. Nell’interlocuzione con mezzo il 38,65% delle azioni è passato di ma-
sull’ultima norma contestata, Villarosa, Rivera avrebbe no. E ieri a Piazza Affari il titolo è sceso a
quella che alza uno scudo a di- chiesto la norma con una mo- 0,0041 euro (-8,9%), nuovo minimo storico.
fesa delle banche e delle auto- tivazione che riguarda le po- Ma partiamo dall’ispezione sul credito
rità di vigilanza prevista polari venete, liquidate e rega- compiuta tra aprile e agosto da Bankitalia
nell’articolo della manovra late a Intesa con un contributo per conto della Bce. La seconda in un paio
sui rimborsi ai truffati di Etru- pubblico: evitare che gli azio- d’anni. La precedente si era conclusa con
ria & C. Ieri M5S e Lega hanno nisti facessero causa agli isti- l’indicazione di disporre accantonamenti
accusato il Tesoro di aver vo- tuti in liquidazione per poi ve- per 300 milioni. Operazione eseguita. Ad a-
luto inserire all’ultimo il cavil- dersi pagare con i fondi desti- gosto gli ispettori hanno chiesto ulteriori ac-
lo che ha fatto infuriare le as- nati invece a rimborsare il pre- cantonamenti: “Intorno ai
sociazioni dei risparmiatori. stito statale. Costringendo i cento milioni”, riferiscono
Facendo trapelare il nome: “È commissari liquidatori a op- fonti Bankitalia. Carige, in-
stato chiesto dal direttore ge- porsi in sede giudiziale, con il terpellata dal cronista, non
nerale del Tesoro, Alessandro rischio di contenziosi infiniti commenta. L’ultimo cda, ad
Rivera”. (e rimborsi incerti). agosto, ne avrebbe disposto
Il malumore degli alleati, circa il 5%. Ora la patata bol-
BREVE riassunto. Il governo ha lente passa ai nuovi vertici
deciso di stanziare 1,5 miliardi lersi in sede giudizia- a chiederla è stato “il eletti il 21 settembre. Ma da
per rimborsare gli ex azionisti ria del restante 70%. dg del Tesoro Rive- Sotto i riflettori allora i titoli Carige sono
di banca Etruria, Marche, Ca- Norma che non era ra”, disattendendo, a Nel mirino il dg Rivera stati oggetto di scambi vor- Ansa
rife e CariChieti e delle due po- prevista nei ristori quanto pare, la linea ticosi. Ieri nel finale di se-
polari venete nella misura del per gli obbligazioni- politica. Gli alleati: “Sarà tolta” duta si sono registrati ordini di vendita (uno
30% del danno subito e con un sti previsti dal gover- Il pasticcio rischia L’ennesimo scontro singolo da 49,5 milioni di pezzi) che hanno
tetto a 100 mila euro. Nel testo no Renzi. di mettere in serio im- alimentato i timori. Nel complesso sono pas-
dell’articolo della legge di Bi- Ieri le associazioni barazzo il governo. con i tecnici di Tria sate di mano 576 milioni di azioni, poco più
lancio, però - ha rivelato il Fat- dei risparmiatori ne 5Stelle e Lega giurano dell’1% del capitale. Carige ha bruciato più
to - è stato inserito un hanno chiesto conto infuriate La vicenda che sarà cambiata. “Non sarà della metà di quanto raccolto con l’aumento
sub-comma che impedisce, a ai sottosegretari Massimo Bi- Mercoledì il più tollerata la solita manina soprattutto tra i 5Stelle, è an- di capitale del dicembre 2017. La capitaliz-
chi accetta il rimborso, qual- tonci (Lega) e Alessio Villaro- Fatto ha rivela- del Mef, che all’insaputa del che l’ultimo episodio dello zazione è scesa a 226 milioni. Il prossimo cda
siasi azione di rivalsa contro le sa (M5S), che avevano lavora- to che nella governo cambia arbitraria- scontro con i tecnici del mini- - previsto per lunedì - oltre ad approvare i
banche nate sulle ceneri di to al testo, in un convulso in- norma per i mente le carte in tavola. La ste- stero guidato da Giovanni risultati del terzo trimestre, dovrà affronta-
quelle finite in dissesto (Ubi contro al ministero dell’Eco- rimborsi ai sura originaria nella legge di Tria, che ha promosso Rivera, re la questione degli accantonamenti indi-
per le quattro, e Intesa per Po- nomia. I due hanno spiegato truffati in ma- Bilancio, che non contempla- capo della Direzione banche cati dalla Bce. Ma dovranno anche essere re-
polare di Vicenza e Veneto che la norma non doveva es- novra è conte- va l’esonero di responsabilità sotto Padoan, a direttore gene- se note le strategie con cui la banca intende
Banca) e gli organismi di con- sere inserita e verrà tolta. Per- nuto un com- dei banchieri, Consob e Ban- rale contro il parere dei grilli- ripristinare i coefficienti patrimoniali ri-
trollo, cioè Consob e Bankita- ché allora è comparsa? La ma che impe- kitalia, sarà ripristinata”, ha ni. Lo scontro si è acuito du- chiesti dall’Europa. Resta da definire il per-
lia le cui responsabilità nella spiegazione fornita è che il te- disce azioni di attaccato ieri il senatore M5S, rante la manovra, con i tecnici corso verso eventuali fusioni (con il rischio,
mancata vigilanza stanno e- sto iniziale non la prevedeva, rivalsa contro Elio Lannutti. Le associazioni del Tesoro a fare argine alle ri- dal punto di vista dell’economia genovese,
mergendo nei tribunali. Una ma è stata aggiunta all’ultimo le banche non si fidano e hanno chiesto chieste degli alleati. M5s vuole dell’incorporazione da parte di istituti più
sanatoria per chiudere la sta- dal Tesoro che aveva sollevato o Authority che a garantire lo stop siano di- anche le dimissioni del capo di grandi o fondi). Allo studio c’è l’emissione di
gione delle crisi bancarie. Lo dubbi. Diversi presenti dicono rettamente Matteo Salvini e gabinetto Roberto Garofoli. un bond da almeno 200 milioni.
scudo rende impossibile riva- di aver sentito Bitonci dire che Luigi Di Maio. Quest’ultimo, © RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA

STRATEGIE Gialloverdi Lo spread, la guerra con Bruxelles, la Consob e molto altro: serve la tregua con Visco

La pace armata con Bankitalia (e il Quirinale)


» MARCO PALOMBI no pessimi fin dalla scorsa le- sui “crediti deteriorati”, la cui ne farà parte; rassicurazioni su ma non piace affatto a Ignazio
gislatura, quando Palazzo Ko- svalutazione ha ucciso i bilan- una gestione responsabile Visco, che al Colle - come detto

I l codicillo che “condona”


Banca d’Italia e Consob per
le (eventuali) colpe in vigilan-
ch fu (giustamente) messa sul-
la graticola per i suoi peccati in
opere e omissioni nel tracollo
ci degli istituti italiani e il loro dell’indagine sono già arrivate
valore di Borsa
(chi ricorda il bal-
al governatore,
che si fida e non si
- è assai ascoltato. La Lega,
dunque, vorrebbe proporre al
Quirinale un candidato meno
do nelle crisi bancarie e solle- di un pezzo del nostro sistema letto sul “prezzo” fida. indigesto a via Nazionale e più
va Intesa da (eventuali) risar- bancario. folle attribuito In questo ten- in continuità con la passata ge-
cimenti - ora rinnegato e attri- Il “salvacondotto” inserito per decreto alle Le mosse tativo di appease- stione (non proprio commen-
buito alla solita “manina” da nella manovra - e che ora si fin- sofferenze di E- Il “salvacondotto” m e nt rientra il devole, per così dire), propo-
M5S e Lega - pare in realtà il ge di non conoscere - è un pri- truria & C. capi- presidente di sta che peraltro non incontra
piccolo segnale di una strate- mo segnale di questa tregua. sce che tipo di va- è un segnale Consob, l’Autori- l’ostilità dei grillini più sensi-
gia mutata dentro l’esecutivo Al vertice Ignazio Visco Ansa Armata, ovviamente. La com- so di Pandora po- distensivo tà di controllo bili ai giochi di palazzo e alla
e in un pezzo non piccolo della missione d’inchiesta sulle trebbe aprirsi). sulla Borsa, sulla continuità eterna del potere.
maggioranza. La controparte più sospettosa banche, appena approvata dal Una pistola ca- La commissione cui procedura di
e potente nei confronti dei Senato, è ad esempio una bella rica, come si ve- sulle banche, una nomina il Quiri- PROBLEMA: dentro i 5 Stelle
TROPPI FRONTI aperti per un gialloverdi, finora, è stata Ban- pistola appoggiata sul tavolo: i de, ma non tutte nale ha un discre- c’è anche chi (il senatore Elio
Paese debole e sotto attacco. ca d’Italia, il cui governatore suoi campi d’indagine sono va- le pistole cariche pistola sul tavolo to potere. Il can- Lannutti lo ha detto pubblica-
Se la guerra si deve combattere ha dalla sua il non piccolo a- sti come il mondo, ma tra loro sono destinate a didato dei 5 Stel- mente) non ha intenzione di
con Bruxelles, insomma, e tout di essere assai ascoltato ci sono ovviamente anche la sparare: la dire- le, com’è noto, è cedere né su Minenna, né
mentre lo spread si agita a ogni dal capo dello Stato Sergio pessima gestione degli anni zione che prenderà l’inchiesta Marcello Minenna, dirigente sull ’attacco a Bankitalia.
dichiarazione, è consigliabile Mattarella. Tradotto: serve u- recenti e, ad esempio, “le di- parlamentare sarà dettata an- della stessa Consob che ha la Troppi fronti aperti, però, per
almeno una pace, per quanto na pace con Ignazio Visco, i cui sposizioni emanate dalle auto- che e soprattutto da chi presie- benedizione di Luigi Di Maio e un esercito così diviso.
armata, all’interno dei confini. rapporti con Lega e 5 Stelle so- rità di vigilanza” alle banche derà la commissione e da chi la non ostilità di Mattarella, © RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | CRONACA »7
IL “COMING OUT” NEL 1972 È MORTA nei giorni scorsi – in una di Bolzano, sempre alla ricerca di libri e dei manuali per Fabbri e Zanichelli. Nel

Morta Mariasilvia
q casa di riposo di Bolzano all’età di
83 anni – Mariasilvia Spolato. Nel 1972 fu
giornali da leggere. La notizia della morte
è stata appresa dal fotografo Lorenzo
1971 fondò il FLO (Fronte di Liberazione
Omosessuale) e nel 1972 partecipò alla
la prima donna in Italia a dichiararsi omo- Zambello e raccontata sulle pagine del manifestazione dell'8 marzo a Roma do-
Spolato, prima donna sessuale, una scelta che le costò la per- quotidiano Alto Adige. Mariasilvia Spola- ve espresse pubblicamente il suo orien-
dita della compagna, del lavoro (era do- to da giovane laureata in Matematica a- tamento sessuale tramite cartelli. Le fo-
a dichiararsi gay cente universitaria di Matematica) e dei veva tutte le carte in regola per una car- tografie della sua partecipazione alla ma-
legami familiari. Finì per strada come riera accademica. La docente universita- nifestazione vennero pubblicate dal set-
senzatetto e per molti vagò per le strade ria alle fine degli anni Sessanta pubblicò timanale “Panorama”.

Corruzione, “condannate
Marra a 4 anni e mezzo”
I pm chiedono di confiscare la casa comprata con i soldi di Scarpellini

» VINCENZO BISBIGLIA euro con i soldi – è questa l’accusa – di Scar- no su tutti, il quartiere Infer-
pellini quando Marra era direttore del Dipar- netto, in cui il Comune si stava

D
oveva essere la sentenza che avreb- timento partecipazioni e controllo di Roma adoperando affinché le coo-
be potuto dare qualche indicazione Capitale. In cambio, per i pm, Marra avrebbe perative cedessero i terreni
sull’ex braccio destro di Virginia messo a disposizione la propria funzione per realizzare alloggi per i so-
Raggi. Ma per l’accusa di corruzio- pubblica. “Quei soldi erano un prestito che ci. Quello, secondo l’accusa,
ne, il giudizio in primo grado su Raffaele Mar- l’imprenditore aveva concesso a una persona era uno dei progetti fra i più
ra è slittato al 13 dicembre. È invece fissata per alla quale era legata da sinceri rapporti di a- rilevanti in via di definizione
domani la sentenza sul pre- micizia e cordialità”, hanno su cui Marra si stava ritaglian- Campidoglio L’ex capo del Personale, Raffaele Marra Ansa
sunto falso documentale di replicato gli avvocati France- do una serie di competenze.
cui è accusata la sindaca di Il falso contestato sco Scacchi e Fabrizio Mer- “La Procura non è stata in grado di documen- procedura di rinnovo della macrostruttura
Roma per la nomina (poi re- Attesa per domani luzzi, chiedendo l’assoluzio- tare una sola iniziativa concreta che Marra capitolina, che ha visto anche la nomina del
vocata) del fratello dell’ex di- ne di Marra. possa aver messo in atto per aiutare Scarpel- fratello Renato. Secondo il pm Francesco
rigente del Campidoglio. la sentenza Raggi sulla lini mettendo la sua funzione pubblica a di- Dall’Olio, Raggi avrebbe dichiarato il falso in
Intanto ieri nel processo nomina del fratello L’ARRESTO (poi revocato) sposizione dell’imprenditore”, hanno detto i quanto Marra avrebbe partecipato attiva-
per corruzione che vede im- dell’ex dirigente, arrivato il 16 difensori. I fatti risalgono al 2013, periodo in mente alla redazione del “bugiardino” che ha
putati Raffaele Marra e il co- dell’ex dirigente dicembre 2016 mentre era di- cui in Campidoglio si preparava la staffetta fra poi portato all’ordinanza sindacale di fine ot-
struttore Sergio Scarpellini, rettore del Dipartimento Ri- Gianni Alemanno e Ignazio Marino. tobre 2016. Il processo è in dirittura d’arrivo:
la Procura ha chiesto per l’ex sorse Umane del Campido- La figura di Marra è centrale anche nel pro- oggi, prima della requisitoria, verrà esamina-
funzionario del Campidoglio una pena di 4 glio, rientra nell’inchiesta sui presunti finan- cesso alla sindaca. La Raggi è accusata di aver ta come teste Carla Raineri, giudice di Corte
anni e sei mesi di reclusione, oltre che la con- ziamenti di Scarpellini a politici e colletti dichiarato il falso in una lettera alla respon- d’appello e ex capo di gabinetto di Raggi. Do-
fisca del suo appartamento. Quello acquista- bianchi al fine di sbloccare piani immobiliari sabile Anticorruzione del Comune, in cui si mani la sentenza.
to nel 2013 in via dei Prati Fiscali per 367 mila di interesse economico per l’imprenditore. U- parlava di “ruolo compilativo” di Marra nella © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ti consigliamo: MARAPCANA.LIFE,tutti i libri gratis,quotidiani,riviste,fumetti,musica un giorno prima dell'uscita ufficiale in Italia,apps,software,giochi,serie,film e tanto altro!
8 » POLITICA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

COSA RESTA DELLA CASTA Lo staff di Salvini


3

C’
» TOMMASO RODANO
E CARLO TECCE

era una volta la paludata co-


municazione istituzionale
dell’Interno. Poi Matteo Sal-
vini ha cambiato i connotati
del ministero.
Al Viminale il Capitano si è
portato dietro “la bestia”, la
squadra della comunicazione
che gli ha fatto battere i record
sui social network. Hanno tra-
slocato a Roma: il guru Luca
Morisi, il suo socio Andrea
Paganella e i ragazzi che ogni
giorno inondano Facebook,
Twitter e Instagram con la
propaganda verde. Così sono
La serie saltati i confini tra la comuni-

La “Bestia del Capitan


Capitanoo”
cazione di un’istituzione sta-
n OGGI tale e quella di un politico in
raccontiamo campagna elettorale perma-
lo staff nente. Morisi è incasellato co-
di Matteo me “consigliere strategico”

dal Viminale fino a Chigi


Salvini nel con un compenso di 65.000
doppio ruolo euro l’anno. Paganella è capo
di ministro della segreteria particolare e
dell’Interno ha uno stipendio più alto:
e vicepremier 85.979 euro. I due sono dop-
con base a piamente retribuiti per il la-
Chigi. voro che svolgono per Salvini:
Parliamo della oltre agli stipendi del ministe- logna Matteo Piantedosi
“Bestia del ro, c’è il contratto da 170.000 (152.536 euro), con lui c’è il
Capitano”, euro l’anno che la loro società prefetto Elena Garroni (146
in riferimento – Sistema Intranet srl – ha sti- mila euro), mentre a fianco di INUMERI
alla sua pulato con la Lega. Pandini nell’ufficio stampa c’è

120mila
squadra di il vice prefetto Paolo Canapa-
comunicatori, AL VIMINALE si sono portati ro (90.000 euro).
esperti anche i quattro “ragazzi” della
soprattutto squadra social: hanno meno di SALVINI A CHIGI si è portato u- Euro, lo stipendio annuo di Iva
di social. trent’anni, profili e curricula na squadra ridotta, ma con di- Garibaldi, la storica portavoce
Questa intercambiabili. Daniele Ber- verse figure eccentriche. L’ul- di Matteo Salvini sin dai primi
puntata della tana ha iniziato a “smanetta- timo acquisto, arrivato un po’ giorni al vertice del Carroccio
serie “Cosa re” con i computer nell’azien- alla chetichella, è un altro vol-

90mila
resta della da di famiglia a Bruino (Tori- to abbastanza noto dei talk
Casta” no), ha finito il liceo scientifico show politici: Alessandro A-
completa nel 2015 e ha trovato subito po- madori (65.000), il sondaggi-
la serie sui sto nella Lega. Andrea Zanel- sta dell’Istituto Piepoli. Pre- Euro, il compenso di Matteo
vicepremier li, 24 anni, ha fatto un percorso senza fissa su La7, lo si può in- Pandini, ex giornalista di
dopo il quasi identico: subito dopo il crociare anche in questi giorni “Libero”, che cura propaganda
“cerchio diploma scientifico è stato davanti alle telecamere men- e comunicazione di Salvini
vesuviano” cooptato nella comunicazione tre spiega la crescita dei con- dal ministero dell’Interno
di Di Maio salviniana, da principio nella sensi del governo o descrive “il

65mila
segreteria di Matteo e poi se- successo quantico (sic) della
guendo le orme del Capitano Lega di Salvini dal 2013 a oggi”.
prima a Bruxelles e poi al Vi- Della sua nomina pare non es-
minale (intanto ha trovato il sersi accorto nessuno: Ama- Euro, l’ingaggio di Alessandro
tempo per una laurea trienna- con un curriculum accademi- La squadra dori si presenta ancora come Amadori, sondaggista e
le in Economia). Fabio Vi- co un po’ più ricco dei colleghi Sopra, Salvini Arruolato l’“ufologo” sondaggista e vicepresidente vicepresidente dell’Istituto
sconti, classe ’93, è passato di- (trilingue, laurea in Bocconi, con Iva Gari-
Da Garibaldi a Pandini: dell’Istituto Piepoli e non co- Piepoli, consulente a Chigi
rettamente dal diploma di pe- master a Grenoble), arruolato baldi. Sotto, me “consigliere per l’analisi

65mila
rito informatico a Lecco alla Sistema Intranet di Morisi i collaboratori ecco i fedelissimi politica e sociale” del politico
all’impiego nei social del se- e Paganella nel 2017 e poi ca- al governo:
Il russologo D’Amico più potente d’Italia. Il fulcro
gretario leghista. Poi c’è Leo- tapultato al Viminale. Proprio Ceccardi, del team è la storica portavoce
nardo Foa, pure lui 24enne, nei giorni in cui il papà Mar- Amadori, è esperto pure di alieni Iva Garibaldi (120.000), che Euro, lo stipendio di Claudio
cello veniva scelto da Salvini – Pandini, Gaia- ha accompagnato il percorso D’Amico, che cura
e poi imposto, dopo un braccio ni, D’Amico di Salvini dai leghisti al 3 per i rapporti con la Russia
DAL CARROCCIO ALLE ISTITUZIONI di ferro durato settimane – co- e Zanelli Ansa lotti televisivi, articolista un cento al virtuale 33 di oggi. per conto di Salvini
me nuovo presidente della po’ ovunque, feroce sostenito- Nell’ufficio di Chigi ha pre-
Il vicepremier ha introdotto Rai. I quattro ragazzi sono in- re della linea dura sull’immi- so scrivania un’altra donna di
quadrati con lo stesso stipen- grazione (“la grande farsa u- carattere, Susanna Ceccardi
nei palazzi del potere i suoi dio: 41.600 euro all’anno. manitaria”, come da titolo del (65.000). Come il suo capo, internazionale per nasconde-
A guidare l’ufficio stampa suo ultimo libro). Su Libero il- colleziona incarichi: sindaca re la verità sugli alieni.
guru per i social: Paganella, Salvini ha chiamato un gior- lustrò il piano per liberare i di Cascina (Pisa), commissaria Completa l’ufficio il giova-
nalista di L i b er o . M a t te o due marò detenuti in India della Lega in Toscana, proba- nissimo Lorenzo Bernasconi
Morisi e i loro “ragazzi” Pandini (90.000) fino a pochi “con sommergibili, spie e in- bile candidata alla Regione e (classe ’87), da anni tra i più
mesi fa scriveva (anche) in- cursori”. pure “consigliere per il pro- stretti collaboratori di Salvini
chieste sulla Lega. Bergama- gramma di governo” del Capi- (a Chigi gli fa da segretario
DOPPIO RUOLO sco, 38 anni, ha cementato il LA SEGRETERIA del ministro è tano. Per le “attività strategi- particolare, 100.000 euro).
rapporto col Capitano curan- completata da due giornalisti che internazionali” c’è Clau- L’unico “b o i ar d o ” pescato
Per l’analisi politica, scelto do e firmando la sua autobio- al Viminale da diverse legisla- dio D’Amico (65.000). È l’uo- fuori dal bacino leghista e con
grafia Secondo Matteo. È lui ture – Cristina Pascale mo che cura i rapporti con una carriera di alto livello da
Amadori, il sondaggista che guida la macchina della (30.000 euro) e Giuseppe Be- Russia Unita e che ha accom- funzionario della Camera è in-
propaganda a Roma. nevento(41.600 euro) –e dal- pagnato Salvini da Vladimir fine il capo di gabinetto Paolo
dell’Istituto Piepoli, A fine agosto negli uffici del lo storico deputato leghista Putin. È il “russologo” della Visca. Il suo trattamento eco-
ministro Salvini si è aggiunto Luigi Carlo Maria Peruz- Lega, insomma. Curiosamen- nomico risulta ancora “in cor-
che va pure in tv a celebrarlo Gianandrea Gaiani (65.000), zotti (41.600 euro). Il capo di te, ne è anche l’ufologo: è con- so di definizione”.
esperto di Difesa, volto dei sa- gabinetto è l’ex prefetto di Bo- vinto che ci sia un complotto © RIPRODUZIONE RISERVATA

Ti consigliamo: MARAPCANA.LIFE,tutti i libri gratis,quotidiani,riviste,fumetti,musica un giorno prima dell'uscita ufficiale in Italia,apps,software,giochi,serie,film e tanto altro!
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | CRONACA »9
IN CARCERE DAL 19 OTTOBRE TORINO arresta, Milano libera. Al Pa- presidente e ad di Premafin (società di fami- ledì. Quest’ultima domanda si basa sull’asso-

Libera Giulia Ligresti,


q lazzo di Giustizia del capoluogo pie-
montese la decisione della Corte d’appello
glia che controllava Fonsai), aveva patteggia-
to due anni e otto mesi per falso in bilancio ag-
luzione del fratello, Paolo Ligresti, stabilita a
Milano “per gli stessi fatti” contestati a Giulia
lombarda ha suscitato alcuni malumori. Mer- gravato e manipolazione del mercato. Tutta- Ligresti a Torino. Per la difesa le due sentenze
Milano sconfessa coledì Giulia Ligresti ha lasciato il carcere di via i giudici milanesi hanno accolto l'istanza di sarebbero “inconciliabili”e perciò hanno chie-
San Vittore in cui era entrata il 19 ottobre quan- sospensione della carcerazione presentata sto la scarcerazione, subito accolta. A Torino,
la sentenza torinese do il tribunale di sorveglianza piemontese a- dai suoi avvocati, Davide Sangiorgio e Gian però, sua sorella Jonella era stata condannata
veva respinto la sua richiesta di affidamento Luigi Tizzoni, nel quadro di un'istanza di revi- in primo grado a cinque anni e otto mesi.
alla messa in prova. La manager 50enne, ex sione del patteggiamento depositata merco- A. GIAMB.

TORINO Protesta Domani in piazza Castello una manifestazione molto


eterogenea e senza insegne di partito contro la giunta Appendino

L’onda SìTav delle “madamine”


e del braccio destro di Lunardi
» ETTORE BOFFANO
Torino

N
ella contorta infor-
mazione della Tori-
no di questi giorni,
può accadere che si
intervistino due star della di- mia...” di Alberto Arbasino, si- pri che, qualche anno fa (men- I PROTAGONISTI
vulgazione tv, lo storico Ales- nonimo di “signore bene”. tre anche il sindaco di Firenze
sandro Barbero e il meteoro- Presidente del Rotary, narra- Renzi manifestava forti per-
logo Luca Mercalli, facendoli trice di una decisione presa tra plessità sulla Torino-Lione),
parlare di tutto, da Garibaldi al “Gauloises, cioccolato, bignè, impedirono l’espulsione dal
maltempo, ma evitando inve- computer portatili e telefoni- partito di Sandro Plano, eletto
ce di ricordare ciò che li acco- ni”, sogna di coinvolgere an- sindaco di Susa (città strategi-
muna: la battaglia contro l’Al- che le “madamin” proletarie ca, per il cantiere del tunnel,
ta velocità in Valsusa. E anche delle Vallette (uno dei quartie- ben più di Torino) per soli otto
che qualcuno rispolveri persi- ri popolari ed ex operai che, voti al posto della candidata GIOVANNA
no le memorie della “marcia due anni e mezzo fa, voltarono ufficiale del centrosinistra, e G. PERETTI
dei 40 mila” e quel Carlo Cal- le spalle a Fassino) e consiglia diventato un primo cittadino Presidente
lieri (uno dei principali colla- loro, come metafora per l’im- No Tav benvoluto dai Cinque- del Rotary,
boratori di Cesare Romiti) pegno, uno stelle valsusi- animatrice
che, quando schiacciava i di- sport: “Quan- ni. Mancherà della pagina
ritti dei lavoratori, era sopran- do parti con Attesi in 5-10 mila invece Stefa- “Sì, Torino
nominato “John Wayne”, ai gli sci, poi de- Sarà probabilmente un no Esposito, va avanti”
tempi in cui sulle scrivanie vi sciare...”. ex senatore
de ll’ufficio personale della Seduto allo successo. L’incognita dem, sotto
Fiat qualche volta compariva stesso tavolo, è chi ne raccoglierà scorta da
il simbolo della X Mas. anche se un tempo dopo
po’ meno ele- politicamente i frutti le minacce
SONO l’esagerazione non do- gante e raffi- degli antago-
vuta, il fiancheggiamento me- nato, ecco in- nisti che ap-
diatico per una manifestazio- La pagina “Il rischio – spiegano – è che vece l’altro grande sponsor di poggiano la protesta della val-
ne che, domani mattina, avrà Facebook anche questa volta a guada- domani: Mino Giachino, 73 le, raggiunto da 55 querele per MINO
comunque successo. Contro Il primo gnarci siano i leghisti”. anni, ex dc della sinistra di le sue battaglie e per 17 anni, GIACHINO
Chiara Appendino e la sua raduno del 3 Ieri, nell’ultima conferenza Carlo Donat-Cattin, poi lobbi- animatore di un fronte poco a- Ex sinistra dc,
giunta a Cinquestelle: per un Sì novembre. A stampa di presentazione, da- sta delle associazioni dell’au- mato in molti ambienti della sottosegre-
al Tav tra Torino e Lione, per fianco, le ani- vanti anche ai portavoce di totrasporto legato ai signori cultura e dello spettacolo tori- tario ai
una rivincita anche dopo il no matrici di “Sì Telt (la società franco-italiana delle autostrade, infine uomo nesi, oggi convertiti al vento Trasporti
al bis delle Olimpiadi inverna- Torino va a- che sovrintende alla costru- di fiducia di Gianni Letta e sot- anti-Appendino: “Sarò a Du- nell’ultimo
li, per esorcizzare le sconfitte vanti” LaPresse zione del tunnel ferroviario) a tosegretario ai Trasporti nel- blino, per il concerto degli U2. governo B.
alle Comunali del 2016 e alle fare gli onori di casa c'erano la l'ultimo governo Berlusconi. Ma non è un problema: tanto
Politiche del 4 marzo, per ri- promotrice della pagina Face- del Sì Tav so tutto – dice – e so
darsi una “verginità” dopo a- book “Sì, Torino va avanti”, ASSENTI invece, ma non do- anche che, nel mio partito, gli
ver appoggiato più o meno alla Giovanna Giordano Peretti, 61 mani in piazza Castello, i par- unici politici nazionali che
luce del sole la sindaca M5S anni, e le sue “madamin”, il ter- lamentari e i dirigenti del Pd non devono rimproverarsi
contro Piero Fassino. Chi di mine del dialetto torinese che subalpino, a cominciare da nulla siamo Chiamparino,
queste cose se ne intende, nel ricorda un po' il “Signora Davide Gariglio e Stefano Le- Mercedes Bresso e io”.
sindacato e nella politica di si-
nistra, fa previsioni prudenti
ma che oscillano tra le 5 mila e VALSUSA Barricate Ferrero, consigliera 5S, insulta gli avversari, la sindaca costretta a dissociarsi
le 10 mila persone; qualcuno
addirittura si sbilancia sino a
preventivarne 20 mila.
La partita, così, si è già spo-
stata al giorno dopo e, soprat-
Il fronte del No si ritrova l’8 dicembre
tutto, al che cosa resterà nei
prossimi mesi dei grandi amo- » ANDREA GIAMBARTOLOMEI Svizzera o la Francia. Colpa l’Italia a pagarli – spiega –. Il
ri per l’Alta velocità. Sul fronte Torino della vecchia linea esistente governo che vuole fare?”. Il
politico, soprattutto, che si in Val di Susa? Secondo lui no: ministro dei Trasporti Danilo
prepara allo scontro primave-
rile per le Europee, ma in par-
ticolare per le Regionali nelle
S e domani a Torino scendo-
no in piazza i Sì Tav (col
dress code: indossare capi a-
tra 1997 e 2007, prima delle
nuove infrastrutture in Sviz-
zera, nella valle si registrava
Toninelli potrebbe chiarire
presto la questione. Lunedì
incontrerà la collega francese
quali Sergio Chiamparino rancioni), tra un mese torne- un calo del 43,6%, mentre nel- Elisabeth Borne: “Se ha do-
(Pd) cercherà di tenersi la ranno in città i No Tav. L’8 di- la Confederazione è aumen- mande sull’impegno della
giunta, contro un centrodestra cembre manifesteranno “per tato del 43,7%. Francia, questa è l’occasione
a guida Lega di Salvini, oggi la tutela dei territori e contro di rassicurarlo”, ha detto lune-
molto in difficoltà sotto la Mo- lo spreco di risorse pubbli- IN SOSTANZA gli studiosi ri- dì all’Assemblea nazionale.
le per quel no al Tav (senza ef- che”. In quel periodo il gover- tengono che migliorare la li-
fetti giuridici) votato in Comu- no M5s-Lega dovrebbe otte- nea già esistente sia più eco- INTANTO, sempre sul fronte
ne dagli alleati pentastellati nere l’analisi costi/benefici. nomico e utile alle esigenze No Tav, non fa una bella figura
nel governo nazionale. In attesa dello studio, merco- del trasporto merci. E il con- la consigliera comunale 5 Stel-
Chi incasserà, dunque, il ledì gli esperti della Commis- tratto di governo prevede Il tunnel Lo scavo delle gallerie di servizio Ansa le torinese Viviana Ferrero,
grisbì dei consensi e della sim- sione tecnica della Tori- l’impegno a “ridiscutere inte- che prevede che molti mani-
bologia della manifestazione no-Lione hanno voluto pren- gralmente il progetto nell'ap- te sovrastimate”. Secondo lui Se qualcuno ritiene che sia pe- festanti saranno “disperati,
di domani? È questo il vero, dere la parola: “È nata una re- plicazione dell'accordo tra I- l’attuale linea può portare dal- ricoloso ne chieda la chiusu- anziani disinformati, mada-
grande enigma delle prossime ligione per la quale il Tav è un talia e Francia”. “Il tunnel e la le 7 alle 11 volte quelle che pas- ra”. Ma non possono passare min salottiere”portati coi pul-
ore, nello spontaneismo con- atto di fede che non necessita linea hanno alcuni limiti risol- sano attualmente in Val di Su- due convogli alla volta: “Non lman. “Non rappresenta quel-
fuso e ufficiale (ma non trop- di verifiche”, afferma Angelo vibili con molti interventi che sa. Gli esperti favorevoli all’o- c’è l’esigenza”, dice Tartaglia. lo di questa amministrazione,
po, visto l’appoggio dei media) Tartaglia che invita i manife- hanno un costo inferiore”, ri- pera ricordano che il tunnel e- Poggio lancia infine un dubbio che ribadisce il rispetto e l'a-
dei promotori e l’agitarsi più stanti di domani a “guardare badisce Alberto Poggio che ri- sistente e la pendenza del finanziario: l’Italia dal 2012 ha scolto di quanti parteciperan-
soft (ma famelico) dei due meglio i dati”. Lui, dati alla corda come lo stesso osserva- tracciato non sono adeguati, stanziato quasi 5 miliardi di no alla manifestazione di sa-
fronti perdenti delle ultime mano, mostra come tra il 2001 torio del governo sulla Tori- anzi la galleria storica del Fre- euro per i lavori e la Francia bato e delle loro istanze”, ha
urne: Pd e Forza Italia. Già con e il 2017 il traffico delle merci no-Lione abbia dovuto am- jus è per il commissario Paolo non lo ha ancora fatto. “Se pa- replicato la sindaca Chiara
qualche perplessità tra gli os- tra Italia e Francia sia sceso a mettere di aver fatto delle pre- Foietta pericolosa: “È omolo- radossalmente domani Telt Appendino.
servatori politici più attenti: differenza degli scambi con la visioni di traffico “ampiamen- gata da Rfi – replica Poggio –. facesse partire i cantieri, sarà © RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | CRONACA » 11
RICERCHE NELLE FARMACIE CONTINUANO le indagini dei magi- gazza. Le attività investigative, dirette dai pm bre. Per oggi è attesa la decisione del Tribu-

Desirée, i primi
q strati romani sulla morte di Desirée
Mariottini. Dall’esame tossicologico è emer-
Maria Monteleone e Stefano Pizza, si stanno
intanto concentrando sulle farmacie della zo-
nale del Riesame sulle istanze di scarcerazio-
ne presentate dai legali del senegalese Gara
so che la ragazza ha assunto il mix di sostanze na, con l'obiettivo di tracciare l'acquisto del Mamadou, del connazionale Brian Minteh e
test tossicologici: stupefacenti la sera stessa della morte. Cir- Quentiax 300, psicofarmaco usato per la del nigeriano Chima Alinno. Sono accusati di
costanza, questa, che di fatto aggrava la po- schizofrenia e il disturbo bipolare, e risalire violenza sessuale di gruppo e omicidio volon-
“Drogata quella sera” sizione di chi si trovava con lei nello stabile di così all’italiano Marco, che secondo alcune tario aggravato. Reato che il Tribunale di Fog-
via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo, e che testimonianze lo avrebbe venduto nello sta- gia ha invece fatto decadere nei confronti di
ora è accusato di aver ceduto sostanze alla ra- bile abbandonato nel pomeriggio del 18 otto- un quarto fermato, il ghanese Yusuf Salia.

FUGA DI NOTIZIE È accusato di favoreggiamento L’inchiesta


» VINCENZO IURILLO,
MARCO LILLO E VALERIA PACELLI
LE CARTE

L’
accusa contro Luca I filoni dell’indagine
Lotti e le altre pre-
sunte “gole profonde n TRAFFICO DI INFLUENZE È il reato contestato

istituzionali”è parti- a Tiziano Renzi, padre dell’ex premier, all’ex


ta a Napoli ma è decollata a parlamentare Italo Bocchino e all’imprenditore
Roma. Ora che si possono campano Alfredo Romeo. Per tutti la Procura
consultare le carte depositate ha chiesto l’archiviazione. A Carlo Russo
dai pm romani per la chiusura invece i pm contestano il millantato
indagine nei confronti dell’ex credito.
ministro dello Sport si può
vedere il gran lavoro che è sta- FAVOREGGIAMENTO L’ex ministro
n

to fatto sulla fuga di notizie “i- Luca Lotti, il generale Emanuele


stituzionale” che ha bruciato Saltalamacchia e il presidente della
l’inchiesta Consip. fiorentina Publiacqua Filippo Vannoni
Basta leggere gli atti per sono accusati di favoreggiamento per la
capire che gli elementi più fuga di notizie verso i vertici della Consip.
forti per una, a questo punto L’ex comandante generale dell’Arma, Tullio
probabile, richiesta di rinvio Del Sette, è invece accusato anche di
a giudizio sono stati acquisiti rivelazione di segreto.
dai pm di Roma Mario Palaz-
zi, Paolo Ielo e Giuseppe Pi- n LE INFORMATIVE FALSE Il maggiore dei

gnatone. I magistrati di Na- Protagonisti carabinieri del Noe Gianpaolo Scafarto è accusato
poli avevano in mano il ver- Luca Lotti e di falso, depistaggio e rivelazione di segreto. Si
bale di Luigi Marroni, l’ex Luigi Marroni sospetta che abbia manipolato atti.
amministratore di Consip Ansa
che ha puntato il dito contro

Consip, gli ingressi a Palazzo Chigi


Lotti il 20 dicembre del 2016.
Però, senza gli accertamenti
dei magistrati di Piazzale
Clodio, il reato di favoreggia-

che hanno incastrato Luca Lotti


mento ipotizzato per la prima
volta a Napoli, sarebbe stato
ben più difficile da sorregge-
re in un eventuale processo.

GLI ELEMENTI di riscontro


nuovi e più importanti, scova-
ti dai carabinieri del Nucleo
Gli accertamenti dei pm per dimostrare che Marroni dice la verità: “Mi disse dell’indagine”
Investigativo di Roma guida-
to dal maggiore Lorenzo D’A-
loia, sono due: le richieste tario, sempre renzianissimo, spiegare dall’avvocato Danie- è avvenuto l’incontro del 3 a- della Presidenza del Consi-
presentate da Luigi Marroni è tra coloro che mise in guar- le Ripamonti, che per una de- gosto 2016, quello nel quale, glio del ministri è stata utiliz-
proprio a Napoli in tempi “so- dia il manager sull’esistenza cina d’anni è stato consulente secondo Marroni, Lotti gli a- zata, durante il mese di agosto
spetti”, cioè quando l’inchie- di un’inchiesta sui vertici e di legale della Consip e che tra- vrebbe svelato l’es i st e nz a 2016, la tessera Vip consegna-
sta sarebbe dovuta essere se- intercettazioni in corso. Lotti A mite il suo studio fa le richie- dell’inchiesta. ta a Marroni per l’accesso del
greta, per conoscere la pro- adesso è accusato di favoreg- novembre ste per conto di Marroni. 3 agosto 2016”. Il 23 marzo Pa-
pria posizione, guarda caso, giamento insieme al generale 2016 “La questione venne tratta- DI QUESTO si parla anche in lazzo Chigi risponde: “È stata
proprio davanti ai magistrati Emanuele Saltalamacchia, al il manager ta da Marroni, davanti all’av- un confronto all’americana utilizzata esclusivamente per
partenopei. Non solo di Roma presidente della fiorentina mi parlò vocato Beneventi in Consip”, tra Marroni e Lotti del 29 a- l’accesso presso la sede di
e Firenze. Publiacqua Filippo Vannoni e di inter- spiega ai magistrati che lo prile 2018. L’incontro, secon- Largo Chigi”.
E poi gli ingressi a Palazzo all’ex comandante generale sentono come persona infor- do quanto racconto ai pm dal Proprio come diceva Mar-
Chigi dell’ex manager che di- Tullio Del Sette, accusato an- cettazioni mata sui fatti il 23 gennaio manager, “non era a Palazzo roni, che resta così testimone
mostrano come le accuse a che di rivelazione di segreto. Verificammo 2018. Aggiunge un dettaglio: Chigi, era a Largo Colonna, mentre Lotti resta indagato.
Lotti non si basano solo su di- Innanzitutto i magistrati a Napoli “Stranamente l’incontro av- negli uffici che ha la presiden- © RIPRODUZIONE RISERVATA
chiarazioni. capitolini non hanno dubbi IL LEGALE venne non negli uffici del- za del Consiglio sopra la gal-
che Marroni sapesse dell’in- l’amministratore delegato o
chiesta. della Beneventi, cosa che tro-
Carabinieri di Roma Non lo prova solo la boni- vai abbastanza strana in con- I controlli Direttore responsabile Marco Travaglio
Vicedirettore vicario Stefano Feltri
Gli atti dimostrano fica del proprio ufficio ordi- siderazione del fatto che ero Verifiche anche Vicedirettore e responsabile libri Paper First Marco Lillo
nata da Marroni a metà di- loro consulente da circa 10 an- Vicedirettori Salvatore Cannavò, Maddalena Oliva
Caporedattore centrale Edoardo Novella
che le accuse all’ex cembre 2016, quando poi i ni, ma nella sala di attesa al IV sulla tessera Vip con Caporedattore Eduardo Di Blasi
carabinieri del Noe (che A Largo piano”. Per i pm la richiesta e Vicecaporedattore Stefano Citati
sottosegretario non si all’epoca avevano la delega a Colonna, le sue modalità dimostrano
la quale il manager Art director Fabio Corsi

basano solo su parole indagare) entrano su ordine negli uffici che Marroni conosceva l’esi- andava dall’ex ministro mail: segreteria@ilfattoquotidiano.it
Editoriale il Fatto S.p.A.
dei pm di Napoli per chiede- della stenza delle indagini e delle sede legale: 00184 Roma, Via di Sant’Erasmo n° 2
re a Marroni chi lo avesse av- Presidenza intercettazioni su Consip a Cinzia Monteverdi
Consapevoli di dovere gio- vertito ottenendo in risposta del Napoli. l er ia ”. Marroni aggiunge: (Presidente e amministratore delegato)
Luca D’Aprile (Consigliere delegato all'innovazione)
care una partita ostica con i quattro nomi che ora ri- “Poi siamo scesi e l’ho accom- Antonio Padellaro (Consigliere)
all’attivo le parole di un testi- schiano di finire a processo: Consiglio PER QUESTO spediva il suo le- pagnato a piedi quei cento Layla Pavone (Consigliere indipendente)
mone solo, Luigi Marroni, Del Sette, Saltalamacchia, arrivò gale sotto al Vesuvio e gli dava metri che separano quegli uf- Lucia Calvosa (Consigliere indipendente)

contro quelle di quattro inda- Vannoni e Lotti. la soffiata l’incarico in un luogo dove fici dagli uffici di Palazzo Chi-
Centri stampa: Litosud, 00156 Roma, via Carlo Pesenti n°130;
gati autorevoli come due ge- La dimostrazione che L’EX AD sperava non ci fossero cimici. gi veri e propri”. Litosud, 20060 Milano, Pessano con Bornago, via Aldo Moro n° 4;
neralissimi dell’Arma, Tullio Marroni sapesse sta nelle ri- “Marroni – continua Ripa- Il 14 luglio, Lotti ai pm dice: Centro Stampa Unione Sarda S. p. A., 09034 Elmas (Ca), via Omodeo;
Società Tipografica Siciliana S. p. A., 95030 Catania, strada 5ª n° 35
Del Sette e Emanuele Saltala- chieste dei suoi avvocati: a monti – disse di aver appreso “Avevo la disponibilità di due Pubblicità: Concessionaria esclusiva per l’Italia e per l’estero
macchia, un ex ministro come Firenze, Roma e Napoli nel di essere sotto indagini, non diversi uffici, a Palazzo Chigi SPORT NETWORK S.r.l., Uffici: Milano 20134, via Messina 38
Tel 02/349621– Fax 02/34962450.
Lotti, più un presidente di 2016 – quindi prima che l’in- ricordo bene se menzionò an- e a Largo Chigi. Normalmen- Roma 00185 – P.zza Indipendenza, 11/B.
municipalizzata come Filip- dagine finisse sui giornali – i che il fatto di essere intercet- te, anche se non esclusiva- mail: segreteria@sportnetwork.it, sito: www.sportnetwork.it
Distribuzione: m-dis Distribuzione Media S.p.A. - Via Cazzaniga, 19
po Vannoni, i Carabinieri di legali fanno una richiesta ex tato, e concordammo l’oppor- mente, utilizzavo il primo per 20132 Milano - Tel. 02.25821 - Fax 02.25825306
Roma, su delega dei magistra- articolo 335 del codice di tunità di una richiesta di ac- gli incontri istituzionali: non Resp.le del trattamento dei dati (d. Les. 196/2003): Antonio Padellaro
ti romani, hanno svolto un la- procedura penale, che serve cesso ex articolo 335. Alla fine ricordo se l’incontro del 3 a- Chiusura in redazione: ore 22.00 - Certificato ADS n° 8429 del 21/12/2017
Iscr. al Registro degli Operatori di Comunicazione al numero 18599
voro all’antica. Così i pm Pao- per sapere dalle procure se si della discussione io proposi di gosto 2016 sia avvenuto a Lar-
lo Ielo e Mario Palazzi hanno è sotto inchiesta. Firenze è la fare la richiesta di 335 a Firen- go Chigi o a Palazzo Chigi, an-
verificato le affermazioni di città di Marroni e Roma è il ze e Roma, ed egli disse: ‘Ag- che se è più probabile in que- COME ABBONARSI
Marroni, arrivando a una suo luogo di lavora, ma per- giunge anche Napoli’”. sta’ultima sede”. È possibile sottoscrivere l’abbonamento su:
https://shop.ilfattoquotidiano.it/abbonamenti/
conclusione: anche Luca Lot- ché a Napoli? I pm romani hanno trovato La procura delega i carabi- • Servizio clienti abbonamenti@ilfattoquotidiano.it • Tel. 0521 1 687 687
ti, ex ministro, ex sottosegre- I pm pensano di farselo anche riscontri sul luogo dove nieri a chiarire “quali varchi
P G
12 » | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

iazza rande Inviate le vostre lettere (massimo 1.200 caratteri) a: il Fatto Quotidiano
00184 Roma, via di Sant’Erasmo n°2 - lettere@ilfattoquotidiano.it

La politica torni credibile: tivi del delitto ed ha disposto l’as-


è in gioco il nostro futuro LO DICO AL FATTO soluzione perché il fatto non sus-
E se, tra comici in pensione dalla siste per i fatti successivi al dicem-
ragione, senatori aspiranti condut-
tori del nulla verso un improbabile
Scuola Regionalizzarla? Gli studenti bre 2010; per i fatti antecedenti tale
periodo, il Tribunale ha disposto
ritorno al futuro, ministri evocato-
ri di lupi cattivi provenienti da fuo- potrebbero non avere gli stessi diritti non doversi procedere per interve-
nuta prescrizione senza accertare
ri, e altri imbonitori dei tre campa- in concreto la sussistenza del reato.
nelli che si propongono come eco- La regola di giudizio utilizzata per
nomisti/illusionisti, decidessimo REGIONALIZZARE i professori è un’altra trovata geniale del mi- dichiarare la assoluzione di tutti gli
che è tempo che la politica rientri nistro Bussetti, dopo l'eliminazione del tema storico dall'e- imputati perché il fatto non sussi-
in un minimo sindacale di serietà e same di Maturità, per dare il colpo mortale alla nostra scuola ste è quella di cui al primo comma
di capacità minime di proporre so- che, pur con le non poche criticità, rimane decisiva per la for- dell’art. 530 c.p.p. (e non quella di
luzioni credibili e praticabili? Sa- mazione unitaria degli studenti dalle Alpi alla Sicilia. Il pro- cui al secondo comma della c.d. in-
rebbe troppo? Governare un Paese getto va bloccato, perché regionalizzare l'insegnamento com- sufficienza di prove: “Il giudice pro-
non è un gioco da affrontare a cuor porta programmi, status economico e giuridico diversi tra chi nuncia sentenza di assoluzione anche
leggero. In gioco è il nostro futuro. svolge funzioni uguali sullo stesso territorio, scuole di serie A e quando manca, è insufficiente o è con-
Magari di gente che ha risparmiato di serie B, demolizione della scuola pubblica. L’operazione di- traddittoria la prova che...”). Alla luce
tutta la vita per immaginarsi una ce chiaramente che la Lega, benché abbia tolto per convenien- della chiara formulazione del di-
vecchiaia sicura. Hanno lavorato za elettorale il termine Nord, non ha mai smesso di perseguire, spositivo della sentenza, è falso
tutta la vita. Non si sono mai con- come confermano i due referendum in Veneto e in Lombardia, quello che viene scritto da Marco
cessi una vacanza, mettendo da il diritto di gestire autonomamente le risorse delle due Regio- Travaglio nell’articolo nella parte
parte lira su lira, euro su euro. Ora ni. Dopo la Sanità è la volta della scuola per arrivare all'au- in cui afferma che “la prescrizione
stanno magari sostenendo figli e tonomia economica contro i principi di solidarietà e di ugua- ha cancellato i ‘reati scopo’, cioè il
nipoti in lotta con la crisi che arric- glianza a fondamento della nostra Costituzione. traffico illecito di rifiuti e la frode in
chisce chi è ricco e impoverisce chi DOMENICO MATTIA TESTA pubbliche forniture”.
non riesce a mettere insieme sera e Uguale per tutti Il Veneto è per l’autonomia gestionale Ansa BRUNO ASSUMMA SONIA D’ANGIULLI
mattino. Formiche risparmiatrici. GENTILE TESTA, prendo in prestito le parole del leader ALESSANDRO DIDDI ROBERTO FIORE
Che rischiano di essere beffate dal- della Cgil, Susanna Camusso, per rispondere all’idea di in cui nascono. Di sicuro, quello della regionalizzazione è FRANCO GIAMPIETRO
la scelta governativa di stare dalla scuola che dovrebbe essere dominante: “Ogni ragazza o un progetto del quale, al momento, si stanno interessan- DOMENICO OROPALLO
parte delle cicale cui, magari, do- ragazzo, ogni giovane che frequenti il sistema di istru- do poche Regioni e di cui è capofila il Veneto, che prevede LUIGI PANELLA GILDO URSINI
vranno rimettere la patrimoniale zione pubblico del nostro Paese, ha diritto ad avere do- la possibilità di gestire autonomamente i concorsi, ban-
su risparmi già tassati. Fare ulte- centi e personale qualificato e selezionato a livello na- dendoli solo a livello regionale nel momento in cui ci sarà Prendo atto della precisazione. Ma dal
riore debito dello Stato, potrebbe zionale, titolare di uguali diritti e doveri. È un principio carenza di docenti e personale. Lo stesso varrà anche per dispositivo della sentenza del Tribunale
significare anche questo. fondamentale in ogni buon sistema di istruzione pubbli- i possibili trasferimenti in altre Regioni. Se si dovesse li- si evince esattamente ciò che ho scritto
MELQUIADES co. Così come è fondamentale avere trasferimenti in rap- mitare a questo, potrebbe essere anche ragionevole e con (peraltro in buona compagnia dell’intera
porto ai costi e ai fabbisogni standard da fissare ed e- una sua coerenza interna, per porre un freno ai trasfe- stampa italiana che se n’è occupata). E
La Lega ha studiato la storia: rogare in maniera uguale su tutto il territorio naziona- rimenti strumentali dei docenti da una parte all’altra cioè che Manlio Cerroni ha beneficiato
a Roma comanda uno solo le”. Il rischio, inutile dirlo, è che a questa maggiore au- d’Italia. Se invece dovesse estendersi anche alla gestione della prescrizione per due reati: quello
Salvini ha tratto dalla storia roma- tonomia organizzativa a livello scolastico corrisponda economica e dei contenuti, allora bisognerebbe iniziare a previsto dall’art. 256 comma IV del de-
na preziosi insegnamenti: Mario e una disuguaglianza territoriale che penalizza i ragazzi, preoccuparsi davvero. creto 152/2006 (“Attività di gestione di
Silla, Cesare e Pompeo, Ottaviano e ma anche i docenti, solo in base alla posizione geografica VIRGINIA DELLA SALA rifiuti non autorizzata”, “nelle ipotesi di
Antonio. A Roma, uno solo coman- inosservanza delle prescrizioni contenu-
da. Oggetto del desiderio di caste e te o richiamate nelle autorizzazioni,
lobby, gli basta bocciare i provve- nonché nelle ipotesi di carenza dei requi-
dimenti anticorruzione dei 5Stelle bre 2018) precisiamo che il Tribu- riferimento ai reati scopo: – per il le ha disposto non doversi proce- siti e delle condizioni richiesti per le iscri-
per eliminare lo scomodo alleato. Il nale di Roma ha prosciolto tutti gli traffico illecito di rifiuti (delitto dere senza accertare in concreto la zioni o comunicazioni”) e la frode in
trionfo del “restauratore travestito imputati nel processo cosiddetto punito con la reclusione da uno a sussistenza del reato; - per la truffa pubbliche forniture (fino al 22.12.2010).
da rivoluzionario” (così lo defini- “Cerroni” da tutti i capi di imputa- sei anni), il Tribunale non ha rite- ai danni dell’ente pubblico, non ha Se davvero, come sostengono gli avvo-
sce Travaglio) si svolgerà ai Parioli, zione contestati. Per evitare delle nuto sussistenti gli elementi costi- ritenuto sussistenti gli elementi cati, il Tribunale non ha accertato la sus-
su invito del Pd che, riconoscente, strumentalizzazioni – in buona o tutivi del delitto; al contempo, ha costitutivi del delitto ed ha dispo- sistenza dei due reati, lo scopriremo –
accoglierà con una standing ova- mala fede – del contenuto del di- diversamente qualificato i fatti in- sto l’assoluzione perché il fatto non come ho scritto – dalle motivazioni della
tion il novello Augustolo. spositivo letto in udienza, è neces- quadrandoli nella ben più lieve sussiste; - per i falsi in atto pubbli- sentenza. Fermo restando che, quando il
MAURIZIO BURATTINI sario puntualizzare quanto segue: contravvenzione della mancata os- co, non ha ritenuto sussistenti gli e- giudice ritiene innocente un imputato,
– con riferimento al reato di asso- servanza delle prescrizioni auto- lementi costitutivi del delitto ed ha deve assolverlo, non dichiarare prescritti
DIRITTO DI REPLICA ciazione per delinquere ha dichia- rizzative. Visto il differente termi- disposto l’assoluzione perché il i suoi reati. E che “la prescrizione è sem-
In riferimento all’articolo di Mar- rato la insussistenza del fatto (cioè ne prescrizionale (ridotto per la fatto non sussiste; - per la frode in pre espressamente rinunciabile dall’im-
co Travaglio “Populisti contro po- non ha ritenuto sussistenti gli ele- contravvenzione rispetto al delitto pubbliche forniture non ha ritenu- putato” (articolo 157 del Codice penale).
polo” (il Fatto Quotidiano, 7 novem- menti costitutivi del delitto); con contestato dall’accusa), il Tribuna- to sussistenti gli elementi costitu- M.TRAV.

PROGRAMMITV

09:35 Unomattina 07:50 Ugly Betty 08:00 Agorà 07:00 Ieri e Oggi in Tv 07:59 Tg5 07:11 Cartoni animati 07:00 Omnibus News 17:25 L'incredibile vita
09:55 Tg1 09:55 Gli imperdibili 10:00 Mi manda Rai3 07:15 Super Car 08:45 Mattino Cinque 08:35 Dr. House 07:30 Tg La7 di Norman
10:00 Storie italiane 10:00 Tg2 Frankenstein alle 10 10:45 Tutta Salute 08:20 Monk 11:00 Forum 10:26 Law & Order 07:55 Omnibus - Meteo 19:25 Il vegetale
11:30 La prova del cuoco 10:55 Tg2 Flash 11:30 Chi l'ha visto? 09:15 Detective in Corsia 13:00 Tg5 12:25 Studio Aperto 21:00 Cinepop
11:00 I Fatti Vostri 12:00 Tg3 13:00 Grande Fratello Vip 08:00 Omnibus
13:30 Tg1 11:20 Ricette all'italiana 13:41 Beautiful 21:15 Proud Mary
13:00 Tg2 GIORNO 12:25 Fuori Tg 13:20 Sport Mediaset 09:40 Coffee Break
14:00 Vieni da Me 12:00 Tg4 14:10 Una Vita 22:50 Adorabile nemica
13:30 Tg2 Eat Parade 12:45 Quante storie 13:55 I Simpson 11:00 L'Aria Che Tira 00:50 Viking Destiny
15:25 Il Paradiso delle Signore 13:50 Tg2 Sì, Viaggiare 13:15 Passato e Presente 12:30 Ricette all'italiana 14:45 Uomini e Donne 14:45 Big Bang Theory
16:15 Tg1 13:00 La Signora in Giallo 13:30 Tg La7 02:30 Hemingway & Gellhorn
14:00 Detto Fatto 14:20 Tg3 16:10 Grande Fratello Vip 15:15 Young Sheldon
16:25 Tg1 Economia 14:00 Lo Sportello di Forum 14:15 Tagadà 05:05 Tavolo n. 19
16:30 Squadra Speciale Colonia 15:15 Gli imperdibili 16:20 Il Segreto 15:45 Black-ish
16:35 La vita in diretta 18:15 Tg2 15:20 Dottori in corsia 15:30 I Viaggi di Donnavventura 16:15 The Goldbergs 16:15 Il Commissario Cordier
17:10 Pomeriggio Cinque
18:45 L'Eredità 18:30 Tg Sport 16:15 Siti italiani Unesco Prei- 15:52 Airport 16:45 Baby Daddy 18:00 Josephine, Ange Gardien
18:50 N.C.I.S. storici dell'Arco Alpino 18:45 Caduta Libera 17:35 Friends
20:00 Tg1 18:55 Tg4 19:55 Il meteo della sera 13:00 Il Trono di Spade
20:30 Soliti Ignoti - Il Ritorno 20:30 Tg2 20.30 16:20 Geo 19:30 Fuori Dal Coro 20:00 Tg5 18:00 Grande Fratello Vip 20:00 Tg La7 15:00 Merlin
21:25 Tale e quale Show 21:05 Quelli che dopo il Tg 19:00 Tg3 19:50 Tempesta D'amore 20:40 Striscia La Notizia 18:20 Mai Dire Gf Vip Polpette
21:20 NEMO Nessuno escluso 20:00 Blob 18:30 Studio Aperto 20:35 Otto e Mezzo 16:40 The Fall - Caccia
23:53 Tg1 60 Secondi 20:30 Stasera Italia 21:20 Scherzi A Parte
23:35 Tg2 Punto di Vista 20:25 Non ho l'età 19:00 Sport Mediaset 21:15 Propaganda Live al Serial Killer
23:55 Tv7 21:25 Quarto Grado 00:20 Tg5
00:00 Calcio & Mercato 20:45 Un posto al sole 19:41 C.s.i. 00:50 Tg La7 Notte 18:50 Gomorra - La serie
01:00 Tg1 NOTTE 00:30 Confessione Reporter 00:56 Striscia La Notizia
01:05 Appuntamento al cinema 21:15 Nemiche per la pelle 21:28 Bus 657 01:00 Otto e Mezzo (R) 20:20 Band of Brothers
01:35 Cinematografo 01:10 Giovani guerrieri 23:00 Rabona il colpo 01:30 Modamania 04:30 Centovetrine 23:24 Daylight - Trappola nel
05:00 Media Shopping 01:45 L'Aria che tira (R) 23:25 Damages
02:30 Sottovoce 02:35 S.W.A.T. - Squadra a sorpresa 02:12 Tg4 - Night News tunnel
03:00 Rai News24 02:34 Stasera Italia 05:15 Tg5 04:10 Tagadà (R) 01:15 Gomorra - La serie
Speciale Anticrimine 2 00:00 Tg3 Linea notte 02:10 Speciale Eicma
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | PIAZZA GRANDE » 13
LORSIGNORI

PICCOLE OPERE Anas, Armani jr.

CONTRO L’USA E GETTA figlio e non vittima


della partitocrazia

P
» GIORGIO MELETTI
raticamente impossi- » UGO MATTEI storica). Gli stessi giornali pub-

I
bile incontrare un blicano in prima pagina editoria- l ministro delle Infrastrutture Danilo
commentatore del no- li incredibili sperando di ripro- Toninelli ha messo alla porta il capo
stro presente che dis- 12.000) segna il ritorno in campo durre sabato i “fasti”di quella ca- dell’Anas Gianni Armani in modo bru-
senta rispetto alla na- della stessa alleanza fra piccola tastrofe. Gli stessi interessi fi- tale. I cerimonieri del potere all’italiana
tura “ecologica” delle difficoltà borghesia e autoritarismo padro- nanziari e padronali guadagne- hanno visto calpestata la loro prima regola:
drammatiche che la civiltà uma- nale che aveva già domato rebbero dal nuovo saccheggio sii come Gianni Letta, delizio-
na sta attraversando in questo cent’anni fa il biennio rosso por- del territorio; gli stessi picco- so quando ti vedono, spieta-
tardo capitalismo. tando alla marcia di Roma. lo-borghesi strumentalizzati ci to a porte chiuse. Ma non è
Fu Enrico Cuccia (grande perderebbero. stata offesa solo la forma,
LA GRANDE CRISI esplosa nel banchiere di sistema) a “sugge- Se fosse vero che la tragedia anche la sostanza: pare
2008 non è solo economica ma rire” ad Agnelli la nomina ad Ad storica si ripresenta in farsa po- che il governo gialloverde
anche sociale e ideologica. La di un suo uomo rozzo e di estre- tremmo stare sereni. Ma intorno sia affamato di poltrone, in
crisi è stata infatti l’esito di una ma destra come Cesare Romiti a noi, proprio in questi giorni si preda a raptus lottizzatori,
ideologia politica nota come per fare il “lavoro sporco”, licen- manifestano brutali gli esiti della uno spettacolo orrendo dopo
neoliberismo, divenuta prassi ziando e ponendo in cassa a zero politica estrattiva e antiecologica decenni sereni in cui i potenti nominavano
dominante dei paesi industria- ore oltre 20.000 operai, per con- divenuta dominante da quel solo i bravi e alla Rai si entrava solo per con-
lizzati nella penultima decade cludere con il pugno di ferro uno 1980. Crollano ponti e infrastrut- corso (truccato tutt’al più). “Le mani sugli
del secolo scorso. Prassi poten- scontro ideologico iniziato mesi ture; il territorio devastato non appalti al Sud”, titolava ieri in prima pagina
tissima, capace di travolgere nel prima col licenziamento di una regge all’impatto del clima, a sua un grande giornale che – quando Renzi ac-
decennio successivo l’equilibrio con la famosa marcia dei quadri sessantina di operai (falsamen- volta devastato dallo sviluppo celerò il golpe contro Enrico Letta in tempo
bipolare della Guerra Fredda e le intermedi Fiat dell’ottobre 1980. te) accusati di contiguità con la neoliberale. Mentre si riprende per scegliere lui i nuovi vertici di Eni, Enel,
stesse barriere politiche della Quell’episodio, noto come mar- lotta armata. una riflessione seria su come tu- Fs – inneggiava allo statista effimero.
statualità inaugurando la cosid- cia dei 40.000 (pare la stima sia Arisio, il “regista” della mar- telare i beni pubblici e quelli co- Sia chiaro: ci vorrebbe l’aiuto di buone
detta globalizzazione. stata una specie di autogol com- cia non fu che l’utile idiota di una muni (Commissione Rodotà, Ac- droghe per credere che un governo come
La stagione neoliberale affida putazionale di Luciano Lama: in strategia architettata altrove per cademia Lincei 30 novembre questo possa risolvere il problema dram-
al capitale svincolato da obblighi realtà la questura ne stimò interessi del tutto altri rispetto a prossimo) e si quantificano i mi- matico delle infrastrutture nazionali. Ed è
nei confronti del lavo- quelli dichiarati di tu- liardi necessari per rigenerare il vero che girano per Roma mitomani a cin-
ro e della politica la telare il lavoro... (iro- nostro territorio (forse ne servo- que stelle che promettono poltrone a colpi
guida del cammino u- nicamente gli stessi no 70) sufficienti per un grande di “Luigi mi ha dato carta bianca”. Ma l’i-
mano. In ogni Paese figli di Arisio, pre- piano di piccole opere capaci di nadeguatezza dell’attuale litigiosa com-
essa viene inaugurata, miati con l’assunzio- rilanciare lavoro e speranza per pagine non può essere il salvacondotto per
grossomodo nello ne, furono poi vittime le future generazioni, gli interes- chi l’ha preceduta. E soprattutto non aiuta
stesso momento, da dello smantellamen- si rapaci ed estrattivi aggredisco- a capire perché siamo ridotti così. A molti
un conflitto divenuto to della Fiat oggi emi- no il consiglio comunale torinese osservatori manca il senso del ridicolo e ad
altamente simbolico grata baracche e bu- per convincere tutti che serve an- alcuni tra essi la buona fede. Renato Maz-
che vede trionfare il rattini per non pagare cor più della stessa catastrofica zoncini è stato mandato via dalle Fs perché
capitale. le tasse in Italia). medicina. lo imponeva la legge a seguito di un rinvio
In Inghilterra la La logica usa e getta che ha reso a giudizio per truffa ai danni dello Stato.
Thatcher piega i mi- COME SI RIPETE la sto- il mondo una discarica viene ap- Roberto Battiston è stato silurato dall’A-
natori; negli Stati Uni- ria! Il capitale punta plicata anche al territorio. Per- genzia spaziale perché la sua nomina è gra-
ti Reagan piega i con- sulla grande opera ché non considerare seriamente vata da irregolarità rilevate dal suo colle-
trollori di volo. Tav promossa a ideo- la ristrutturazione della vecchia gio sindacale, non dal MeetUp #Sciechimi-
In Italia l’epicentro logia con dati campati linea, un progetto coerente con che. Armani stava al vertice dell’Anas per-
del terremoto non po- per aria e rifiuta ogni quella logica del riuso e dell’eco- ché sponsorizzato dall’avvocato Alberto
teva che essere Torino dialogo su alternative nomia circolare che sola può dar- Bianchi, uomo delle istituzioni in quanto
dove il cosiddetto “au- più sostenibili (ri- ci speranza? presidente della Fondazione Open, stori-
tunno caldo” si chiude strutturazione linea © RIPRODUZIONE RISERVATA ca cassaforte renziana.

ARMANI È IL PIÙ TIPICO FIGLIO della Prima


Repubblica, cioè di quel regime che ha av-

MATTEO, ELISA,
velenato alle radici l’economia italiana la-
sciandoci in eredità un impoverimento
drammatico e una classe dirigente ridicola.

D
Armani non ha mai lavorato in un’azienda
alle Pantere Nere alla
Bestia Nera. Il faro
che guida il cammino
di Matteo Salvini
LE PANTERE NERE quanto indispettita o ferita, deci-
derebbe di sfidare a duello uno
degli uomini più potenti del Paese
sul terreno a lui più caro e di farlo
privata e si è insediato all’Anas descriven-
dolo (giustamente) come una fogna del ma-
laffare, con stile da troll renziano più che da
uomo dello Stato. Per lui l’azienda delle
sembra essere pian-
tato proprio al centro del salotto
di casa Bernstein, lì dove lo scrit-
E LA BESTIA NERA in tempi di nomine Rai?
A meno che la Isoardi non soffra
di pulsioni autodistruttive e abbia
strade era il tabernacolo del familismo: “Il
bisnonno aveva lasciato il posto al nonno e
il nonno al padre e il padre al figlio. In certi
tore americano Tom Wolfe coniò optato per un harakiri professio- uffici ci sono ancora moglie e marito, figli e
l’immortale definizione “r ad i- nale a mezzo social, l’ipotesi più nuore e cugini”. Parlava con cognizione di
cal-chic”. L’espressione più abu- » VERONICA GENTILI probabile è che la conduttrice de causa: suo padre Pietro è stato nel cda dell’I-
sata della Terza Repubblica na- La prova del cuoco abbia deciso di ri per soli 22 anni, in quota Partito repub-
sce infatti per descrivere quello offrire i particolari della sua (ex) blicano italiano, corrente La Malfa. Ecco
spicchio di élite che nel 1970 si bappaltato la gestione della sua im- namente, sulla pagina di Matteo. E, storia d’amore col Capitano non al perché adesso è non solo ridicolo ma anche
riunì a casa di Leonard e Felicia magine di ministro della porta ac- dall’altro, occorre anche sapersi pubblico ludibrio, ma alla pubblica scandaloso il tentativo di far passare Arma-
Bernstein per sostenere la causa canto. Sì, perché la Bestia non può mostrare umani, gioiosi, bisognosi prurigine, contribuendo ad ag- ni junior come vittima della nuova partito-
delle Pantere Nere, l’organizza- ringhiare e basta, ma deve anche d’affetto e amanti delle cose sem- giungere sfumature all’immagine crazia, mentre è il simbolo di una genera-
zione rivoluzionaria nata per giocare da brava cucciola, lasciarsi plici. Dunque bando alla privacy e a tutto tondo che il buon Morisi sta zione di manager che alla partitocrazia de-
combattere la discriminazione giù a condividere costruendo per Matteo suo. ve tutto. Anche la capacità di dire cose as-
degli afroamericani. ravioli, paste al ra- surde senza arrossire. Per dire, la fusione
L’UOMO QUALUNQUE gù e panini al sala- E LA RISPOSTA indiretta che Salvi- tra Anas e Ferrovie era così assurda che non
ECCO, PER IL “CAPITANO” Matteo me alternati a “ba- ni ha rivolto –sempre in Rete, ça va è mai stata messa in pratica ma Armani la
tutto ciò che può allontanare la sua Difficile credere che Isoardi cioni”sparsi, sera- sans dire – alla sua ex morosa (“Ho descriveva con tono sognante: “L’integra-
nave dal solidarismo annoiato e
lievemente ipocrita di quella cate- abbia postato la foto intima teci aoguardare Ami-
Temptation I-
amato, ho perdonato, sicuramen-
te avrò anche commesso degli er-
zione ci ha già portato benefici enormi. Il
primo su cui abbiamo lavorato è stato quello
goria umana, tra i posteri dei quali
annovererebbe senz’altro gli “am-
con annuncio della rottura sland e giù “Vi vo-
glio bene amici”
rori ma ci ho creduto fino in fondo.
Peccato, qualcuno aveva altre
di mettere insieme le best practice di ognu-
no”. Minchia signor tenente! Le best prac-
bientalisti da salotto” di cui parla- con Salvini all’insaputa come se piovesse. priorità”) non fa che rafforzare la tice! E qual è la best practice dell’Anas? Lo
va proprio qualche giorno fa per Tutta roba da far supposizione che Elisa abbia fatto sventurato descrisse: “Inchieste. Arresti.
spiegare i danni del maltempo, va del social manager dell’ex venire un colpo ai soltanto il gioco di un uomo che ha Una quindicina di lettere anonime sul ta-
fatto senza pensarci due volte. Così seguaci di Tom scelto di barattare la propria pri- volo a settimana. Una giungla A ogni passo,
dalle Pantere siamo passati alla più Wolfe. vacy con il potere. una possibile coltellata”.
generica “Be st ia”, presumibil- accarezzare e fare le fusa, ché la fe- In questo Truman showassolu- Insomma, per dimostrare che la Il governo gialloverde fa dunque bene a
mente nera anche quella: cioè il rocia da sola dopo un po’ stanca. tamente volontario, viene diffici- sua non è sofisticata biancheria da mandare a casa un po’ di gente, e a stare
software che ha permesso al capo Così, da un lato, bisogna far leva le credere che la scelta di Elisa I- salotto buono, anzi radical chic, i tranquillo: chi si straccia le vesti in pubblico
leghista di diventare il signore in- sulle emozioni negative per attira- soardi di rendere pubblica la fine panni sporchi è meglio lavarli da- spesso applaude in privato. Adesso non re-
contrastato della Rete. re l’attenzione e per galvanizzare della relazione con Salvini, con vanti a tutti. “Chi sono io per tenere sta che augurarsi un governo in grado di se-
Il domatore della Bestia, la cui frotte di utenti rancorosi e insod- tanto di intimità d’alcova fotogra- per me la mia intimità?”. Ecco un lezionare nuovi manager in grazia di Dio.
missione è quella di attuare una disfatti, possibilmente creando u- ficamente documentata, sia avve- motto da suggerire a Morisi e alla Questo, avrebbe detto Funari, gnaa fà.
“propaganda empatica”, si chiama na forte aggregazione attorno alla nuta all’insaputa dell’interessato sua Bestia per impreziosire il pro- Twitter@giorgiomeletti
Luca Morisi ed è il social media figura di un nemico da debellare e soprattutto del suo bestiale de- filo del Leader Qualunque. © RIPRODUZIONE RISERVATA
manager a cui il vicepremier ha su- riunendosi tutti insieme, quotidia- miurgo social. Quale donna, per © RIPRODUZIONE RISERVATA
14 » ITALIA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

L’INCHIESTA • Nuove Cosa Nostra

CRIMINI E RITI DELLA I


Da Torino a Brescia e Palermo Un’organizzazione “massonica ma anche
mafiosa” diventata, seguendo i flussi delle migrazioni, globale. Controlla a colpi di
machete traffico di droga, prostituzione e mercato delle truffe. Dalla Nigeria
all’Italia, la guerra tra i “culti” – come Black Axe ed Eiye – è arrivata tra noi

L
» MARIO PORTANOVA

a rete criminale arriva in Piemonte, Lombardia, Vene-


to, Campania (area domiziana), Sicilia (Palermo, in par-
ticolare). Regola i conti con pestaggi e aggressioni a col-
pi di machete, asce, coltelli, bottiglie rotte. Sembrano
volgari risse da strade, ma dietro si nasconde una mafia
globale, che dalla Nigeria si è sparsa in ottanta Paesi,
secondo l’Fbi, conquistando spesso il primato nel traf-
fico di droga – dall’eroina alla cocaina al crack –, nello
sfruttamento della prostituzione e nelle truffe econo-
miche, anche ai danni di grandi aziende. E se le gang
originarie del Paese più popolato dell’Africa (oltre 190
La vicenda milioni di abitanti) sono ormai da decenni all’attenzio-
ne delle polizie di mezzo mondo – inclusa la nostra Di-
La vicenda rezione investigativa antimafia che ne ha tracciato la
Black Axe ed Eiye, mappa – fino a questo momento la criminalità organiz-
tra i “culti” più vio- zata nigeriana ha avuto vita abbastanza facile in patria.
lenti dell’organiz- Forte, come ogni mafia che si rispetti, di salde prote-
zazione che da Be- zioni politiche.
nin City sta con- “Hanno persone ai massimi livelli governativi che li
quistando il mon- sostengono sistematicamente, così riescono a sfuggire
do, si fanno la alle indagini e alle pene più severe quando vengono ar-
guerra in Italia fin restati”, spiega al FattoEric Dumo, reporter di The Pun-
dal 2000. Da Tori- ch, uno dei più importanti quotidiani della Nigeria. An-
no al Casertano zi, “molti politici assoldano questi gruppi per attaccare
tanti gli scontri, gli oppositori, specie nelle competizioni elettorali per
grandi gli affari le cariche più importanti”, continua. “E anche i crimi-
(traffico di droga, nali trasferiti in altri Paesi hanno appoggi che rendono
tratta e frodi in più difficile un contrasto efficace alla reale minaccia
prevalenza): ecco che rappresentano”.
come la mafia La criminalità nigeriana è reputata la più potente di
nigeriana è scesa tutto il Continente nero, favorita da livelli di corruzione
a patti con le storicamente elevatissimi (nel 2006 la Nigeria’s Eco-
mafie nostrane nomic and Financial Crime Commission stimò che dal
1960 i governi avevano rubato o sprecato 380 miliardi di
dollari) e da un boom petrolifero che ha finito per sti-

l
molare il crimine più che il benessere della popolazio-
ne, come spiega nei suoi scritti Stephen Ellis, scompar-
80 so africanista della Vrije Universiteit di Amsterdam.
Sull’onda della forte emigrazione dal Paese depredato,
dagli anni Ottanta in avanti, il crimine organizzato ni-
I Paesi “attivi” geriano si è globalizzato, un po’ come era accaduto in
Questa per l’Fbi passato alle italiche Cosa Nostra e ’ndrangheta.
la ramificazione, Nel mare magnum dei gruppi svettano i “culti”, eredi
su scala globale, delle confraternite universitarie nate negli anni Settan-
della più potente ta, spesso su base religiosa, in particolare evangeli-
organizzazione co-pentecostale, ma con istanze marxiste e anticolo-
criminale nialiste. Ispirati dall’incolpevole poeta premio Nobel
africana. Le Wole Soyinka, i culti si sono man mano convertiti al
origini negli anni crimine, trasformandosi in scontri sanguinosi fuori e
70, come culti dentro gli atenei. Molti giovani laureati, senza alcuna
di confraternite speranza di trovare un impiego adeguato, sono passati
universitarie direttamente dalle aule ai reati da colletti bianchi: per
questa via la criminalità nigeriana ha acquisito un’in-
discussa leadership mondiale nelle truffe economiche,

l
le famose 419 scam, dall’articolo del codice penale ni-
geriano, il 419, che le punisce. Prima con lettere car-
148° tacee, poi con l’avvento di Internet attraverso email con
promesse di guadagni milionari che a tutti è capitato di
ricevere, e che generano profitti milionari sulla pelle di
Nigeria chi ci casca.
La posizione I culti più potenti sono “i Black Axe – conosciuto an-
del Paese nella che come Neo-Black Movement of Africa – e gli Eiye,
classifica di insieme ai Buccaneers e i Pirates”, afferma ancora Eric
Transparency Dumo (il poeta Soyinka era affascinato da L’Isola del
International tesoro di Robert Stevenson, da qui i tanti nomi pirate-
degli Stati più schi). “Poi dozzine a livello locale. Anche nel Delta del
corrotti. Questo, Niger (dove opera l’Eni, ndr) ci sono gruppi spietati co-
più il boom me Dey Bam, Dey Well, Highlanders...”. Uno dei culti, a
pretrolifero, scanso di equivoci, si è battezzato semplicemente “Ma-
tra le cause alla fia”. Proprio i Black Axe–fondati all’Università di Benin
radice del crimine City nel 1977 e diffusi in tutta la Nigeria – e gli Eiye –
originari del Sud-Ovest del Paese e presenti anche nella
capitale Lagos – sono i gruppi attivi in Italia, e non da
oggi.
Le prime condanne per associazione mafiosa risal-
gono al 2009, a opera del Tribunale di Brescia. A farne
le spese furono gli Eiye, accusati soprattutto di tratta di
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | ITALIA » 15

IMAFIA NIGERIANA
Il “pizzino” Verti-
ci e struttura della
Black Axe: dal “Ca-
po dei Capi” agli
affiliati (in un bi-
glietto inviato da
Johnbull ai pm)

ESCLUSIVO I verbali del primo pentito

Iniziazione segreta
e violenza: a Palermo INEDICOLA

parla il “Buscetta nero” Esce domani


il nuovo numero
del nostro
mensile “Fq
MillenniuM”
» GIUSEPPE PIPITONE sa di diverso da semplici risse finite dedicato
male. Ha svelato che dalla Nigeria si al fenomeno

S
ette candele a terra, per dise- sta espandendo in tutto il mondo u- globale delle
gnare una bara. Un tempio con na nuova mafia. Anzi più di una: c’è migrazioni.
al centro un’ascia e una coppa l’odiata Supreme Eiye , l’organizza- Troverete dai
colma di liquido –una bevanda a base zione più antica e più numerosa. Ci verbali esclusivi
di droghe come erba, noce di cola, fo- sono i Vikings. E poi c’è quella a cui del primo pentito
glia di zobo, pepe di alligatore, pana- apparteneva Johnbull: Black Axe, della
dol – che sarà bevuto, al cospetto del l’ascia nera, la più potente e perico- confraternita nera
Priest, dai cosiddetti ignoranti. “So- losa. “Per ognuno dei nostri che am- che come Cosa
no quelli che aspirano a essere affi- mazzano, ci vendichiamo ucciden- Nostra si è diffusa
liati. Vengono picchiati da quattro done 10-15 degli altri. Se ne assas- seguendo i flussi
saggi che li frustano con il keboko, sinano uno in Nigeria, poi, è guerra migratori (e che
mentre percorrono in ginocchio un totale”.
tragitto chiamato Slave Trade”, la Per gli investigatori, si tratta di
tratta degli schiavi. Non è l’iniziazio- un’organizzazione “di tipo masso-
ne a una loggia massonica. È il rito di nico e anche mafioso”, strutturata
affiliazione della mafia nigeriana. Un come “uno Stato confederato con
rituale antico ma che si ripete con- ramificazioni in tutto il mondo”. Se
tinuamente, in gran segreto. E non agli inizi del Novecento Cosa Nostra
solo in Africa. A raccontare questo, e ’ndrangheta sono sbarcate negli
come tanto altro, è Austine Johnbull: Stati Uniti seguendo l’espansione di
ed è il primo pentito della mafia ni- siciliani e calabresi, oggi anche la
geriana, in Italia. mafia nigeriana ha esteso i suoi ten-
Ha iniziato a collaborare con il pm tacoli negli altri continenti paralle- qui anticipiamo
di Palermo Gaspare Spedale alla fine lamente ai flussi migratori. con l’articolo
del 2016: da allora ha riempito cen- In Italia la Black Axeè presente da di Giuseppe
tinaia di pagine di verbali, che il nuo- prima che Johnbull – nome in co- Pipitone, che
vo Fq MillenniuM pubbli- dice Ewosa, 34 anni – ar- ha firmato
ca in esclusiva. Ha fatto rivasse da Benin City nel lo scoop su
nomi e cognomi. Ha indi- 2009. Ma in quegli anni MillenniuM)
cato gli infami. Ha detto dalla Nigeria era arrivato alle storie
chi sono i capi e i sottocapi. l’ordine di mettere “in son- da un’Africa
Ha ricostruito riti d’affi- JOHNBULL no” l’organizzazione. Do- depredata
liazione quasi mistici e più Per ognuno po le prime condanne e- da multinazionali
concreti affari di droga. messe nel capoluogo pie- e governi corrotti
giovanissime connazionali da impiegare nella prostituzione di strada. L’I- Alla conquista Ha confessato di aver giu- dei nostri montese a seguito di una
talia è stato il primo Paese al mondo in cui la mafia nigeriana, già dagli anni di Ballarò rato sul suo stesso sangue, ammazzato, serie di regolamenti di
Ottanta, ha sperimentato questo business. Un business sulla pelle di ra- Gli scatti che pub- quello delle mani, che gli conti tra Black Axe ed Eye,
gazzine delle famiglie più povere, generalmente originarie dell’area di Be- blichiamo in que- hanno inciso da palmo a uccidiamo “il presidente internazio-
nin City. Le indagini dimostrarono un ferreo controllo sulla locale comu- ste pagine sono palmo. “Se qualcuno nega 15 degli altri nale di Black Axe ha detto –
nità di immigrati e svelarono la guerra in corso tra i due principali “culti”. parte di un repor- le mie affermazioni, io ‘culti’. racconta Johnbull – che
Una guerra che sulle strade di Torino andava in scena già dal 2003. Tirando tage fotografico posso guardargli le mani: quello che è successo al
i fili di diversi episodi, i carabinieri capirono che la posta in gioco era il di Francesco Bel- se ha una linea, come la Violenza Nord, a Torino, a Padova,
controllo dello spaccio, della prostituzione e degli affari della comunità lina, che per Mil- mia, sta mentendo”. per negli anni 2005-2006, non
nella città sabauda. Anche in questo caso, nel 2010 arrivarono le condanne lenniuM ha rac- “Non voglio più essere deve più esistere”. Questo
per 416 bis per ben 36 imputati, per lo più Eiye: “mafiosità” confermata in contato la mappa contro lo Stato ed è meglio violenza: almeno fino al 2010, quan-
Cassazione. E non fa differenza – scrissero i giudici – se quei gruppi “non e lo scontro tra i collaborare”: sono le pri- è il motto do entra in scena Sixco, no-
intendevano estendere le loro influenze ai cittadini italiani, ma sempli- “culti” a Palermo me parole pronunciate da me di battaglia di Osalu-
cemente nell’ambito della comunità nigeriana”. quello che è diventato a maghal Uwagboe. Per
Sono proprio i connazionali le prime vittime dei “culti”. Già dai primi tutti gli effetti il Tommaso Buscetta Johnbull è lui il “Capo dei capi”della
anni 2000, le indagini sulla tratta a Castel Volturno (Caserta) svelarono nero. Per spiegare l’i mp o rt a nz a mafia nigeriana. Ed è lui che riorga-
l’accordo con la camorra, che riceveva un fitto, detto joint, per ogni por- delle sue dichiarazioni – che hanno nizza Black Axe in Italia. È il 7 luglio
zione di marciapiede occupata dalle ragazze. Più recente è invece l’alleanza portato alle prime condanne emes- 2013: a Verona, Sixco convoca la fe-
a Palermo tra Cosa Nostra e Black Axe, come racconta l’articolo nella pagina se a Palermo per una mafia stranie- sta nazionale dell’organizzazione.
che segue, e che ilfattoquotidiano.it svelò per primo nel 2015. ra – i giudici citano la descrizione “Lì c’era gente che arrivava da tutte
Eiye e Black Axe, scrive la Dia nell’ultima relazione, sono caratterizzati che Giovanni Falcone fece del boss le città”, dice il pentito. E a quel pun-
“da una rigida struttura verticistica”, con “capi internazionali, nazionali e dei due mondi: “Un professore di to inizia la liturgia. Gli aspiranti
locali”che gestiscono autonomamente le attività illecite sui propri territori lingue che ti permette di andare dai Black Axe vengono picchiati, feriti,
mantenendo però “contatti operativi con le strutture madri presenti in turchi senza parlare con i gesti”. Bu- umiliati con uno sputo in faccia pri-
Nigeria”. scetta ha confermato l’esistenza di ma di presentarsi al cospetto del
A livello globale, la mafia nigeriana sta diventando una vera protagonista Cosa nostra, la sua composizione e “Capo dei capi”. Ora non sono più
del traffico di droga, forte di una rete che va dal Sudafrica al Brasile, all’In- il suo coinvolgimento dietro a mat- uomini come gli altri: sono mafiosi,
dia, agli Stati Uniti. Passando per l’Europa. Proprio l’Italia, insieme a Spa- tanze e omicidi eccellenti. Johnbull mafiosi nigeriani. Nel Paese inven-
gna e Regno Unito, è fra i nodi più importanti. ha spiegato che pestaggi e assassinii tore delle mafie.
© RIPRODUZIONE RISERVATA tra i suoi connazionali sono qualco- © RIPRODUZIONE RISERVATA
16 » ESTERI | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

LONDRA PREZZI PAZZI PER MICHELLE USA NIENTE ABBRACCI PER EL CHAPO
Speculazione sui biglietti per ascoltare l'ex first lady L’ex re del narcotraffico messicano Joaquin El Cha-
americana Michelle Obama che a dicembre sarà po Guzman non potrà abbracciare la moglie marte-
nella capitale per presentare il suo libro di memorie. dì prossimo, quando si avvierà il processo, a New
Dietro la prevendita c’è Viagogo, specializzato nella York. El Chapo, 61 anni, aveva chiesto di salutare la
rivendita online di biglietti per grandi avvenimenti: consorte, ex reginetta di bellezza Emma Coronel,
il posto migliore costa 72.000 sterline (85.000 eu- prima delle dichiarazioni di apertura del procedi-
ro). L’incontro sarà ospitato nel Southbank Centre, mento. Il giudice Brian Cogan ha spiegato di non po-
sala a sud del Tamigi con 2.700 posti. Ansa ter accogliere la richiesta per motivi di sicurezza.

Era stato cacciato dal bar,


marine si vendica: 13 morti
Stati Uniti, David Long dopo la missione in Afghanistan aveva sofferto
di stress post traumatico. Ha ucciso anche un agente e si è suicidato

» VALERIO CATTANO strage ha usato una pistola Glock 21 calibro 45 confermato che Long aveva in-
con un caricatore maggiorato. A un solo giorno dossato la divisa dal 2008 al

C’ è l'ex marine veterano dell'Afghanistan dal voto di Midterm gli Stati Uniti sbattono il
con disturbi da stress post traumatico, che muso sul problema irrisolto del mass shooting,
in passato era stato sbattuto fuori dal bar in ma- la sparatoria indiscriminata sulla folla. Lo sce-
2013: dal novembre 2010 al
giugno 2011 era stato schierato
in Afghanistan come caporale
lo modo. C'è lo sceriffo che, riffo della contea di Ventura, mitragliere. Prima di togliersi
sentiti gli spari, chiama la mo- Geoff Dean, ammette: “Abbia- la vita, Long ha abbattuto tre-
glie, le dice “Ti amo”, e poi cor- La guerra in casa mo avuto diversi contatti con dici persone fra cui il sergente
re pistola in pugno. Ci sono La polizia conosceva Long nel corso degli anni, per Ron Helus che aveva in pro- Scene già viste Il sopralluogo della Scientifica nel bar Ansa
duecento ragazzi californiani piccoli incidenti”. gramma di andare in pensione
che si stanno godendo la serata il veterano: aveva il prossimo anno, dopo 29 anni di servizio. Ha oltre 12 mila persone, di cui 3.000 sotto i 18 anni,
in quello stesso bar, il Border- comportamenti LO SCORSO APRILE gli agenti si lasciato la moglie e un figlio. Lui, l'ex marine, ha sono state uccise fino a questa parte del 2018
line Bar and Grill di Thousand erano recati a casa sua; aveva replicato un'irruzione; qualcuno dei testimoni con armi da fuoco, secondo i dati del Gun Vio-
Oaks con il mercoledì a tema: “irrazionali” comportamenti poco raziona- parla di granate fumogene: “L'ho visto entrare lence Archive. Il numero non include una stima
“College Country”. Si ride, si li. L'ufficio dello sceriffo avvi- dalla porta principale, aveva un cappello nero, di 22 mila suicidi. Il presidente Trump parla di
scherza, si beve: e tutto d'un sò esperti di Ptsd (disturbo da guanti e camicia neri, con la barba. Poi ha preso “terribile sparatoria”: resta da capire come un
tratto gli spari. C'è tutto per una sceneggiatura stress post-traumatico) ma il team concluse che una pistola e ha sparato a una mia amica che ex marine con disturbi fosse in possesso di una
senza sbavature, tranne che per un particolare: non era necessario sottoporre il veterano ad al- lavorava al front desk ed è iniziata la strage”, ha pistola. La guerra in Afghanistan è entrata nel
non è fiction, è l'America, quella vera. Tredici cun trattamento, né tenerlo sotto osservazione. raccontato Holden Harrah, 21 anni. “Sparava diciassettesimo anno, l'Università di Washin-
morti per l'ennesimo attacco del nemico in ca- Long l'ultimo colpo lo ha riservato a se stesso: più proiettili che poteva, e quando ricaricava la gton ha calcolato che fino al 20% dei veterani ha
sa: stavolta non c'entrano gli estremisti islami- “Pensiamo che si sia sparato”, hanno concluso gente provava a fuggire”, ha detto Matt Wen- disordini da stress: non tutti ricevono aiuto.
ci, l'autore è David Ian Long, 29 anni: per la gli investigatori. Il Comando dei Marines ha nerstron, 20 anni, studente. Negli Stati Uniti, © RIPRODUZIONE RISERVATA

IL PERSONAGGIO Matthew Whitaker Trump lo ha scelto per sostituire Jeff Sessions e disinnescare il Russiagate

Il ministro alla Giustizia


in pectore dava consigli
» GIAMPIERO GRAMAGLIA

È
messo lì per tappare
un buco, perché Ja-
mes Sessions, il segre-
tario alla Giustizia più
bistrattato dal suo presidente
nella storia dell’Unione, mer-
coledì sera s’è dimesso su ri-
chiesta, o meglio ingiunzione
a una società-truffa
di Donald Trump, che non ve- tutti i posti dell’Amministra- ‘ad interim’ aveva già lavorato mai perdonato -. Per il mo- indagini”, le dimissioni di
deva l’ora di cacciarlo con il zione Trump, senza riuscire per il Dipartimento dal 2004 mento, Rosenstein, un altro Sessions indurrebbero
suo iconico You’re fired!. Ma ad acchiapparne nessuno - e il al 2009, quand’era presidente che il presidente non può sof- Mueller a stringere i tempi,
Matthew G. Whitaker, 49 an- ministro della Giustizia della George W. Bush, come procu- frire, resta al suo posto, ma prima d’essere a sua volta
ni, potrebbe pure restarci, su L’inchiesta Florida Pamela Bondi. ratore federale nel Southern ‘depotenziato’. I democratici “vittima” del magnate. Men-
una delle poltrone più scomo- è un Ma Christie e la Bondi ri- District dello Iowa, il suo Sta- hanno già chiesto che Whita- tre a Washington è tempesta
de dell’Amministr azione linciaggio schiano d’incontrare ostacoli to, e aveva poi esercitato la ker si ricusi dal ruolo, segna- sul Russiagate, Mosca insiste
Trump, se farà e la scelta per la conferma della nomina professione di avvocato e fatto lando conflitti d’interesse po- a tenersene fuori e a sostene-
bene il ‘lavoro di un in Senato, a partire dalla vici- l’uomo d’affari. tenziali. Nancy re che la storia non la tocca:
sporco’ che il pre- procuratore nanza troppo stretta con il The Guardian ri- Pelosi, leader “Questa indagine è un mal di
sidente potrebbe presidente. Christie, 56 anni, corda che Whi- dell’opposizione testa delle nostre controparti
chiedergli. Whita- indipendente guidò il transition team dopo taker era fra i alla Camera, de- americane e non ha assoluta-
ker sovrintende ora è un l’elezione di Trump; ed è stato consulenti della La stangata nuncia “un tenta- mente nulla a che vedere con
all’inchiesta sul Russiaga- codardo coinvolto in diversi scandali W o r l d P a t e n t Il legale era fra tivo d’insabbiare no i”, dice il portavoce del
te, l’intreccio di contatti tra tentativo nell'ultima fase del suo man- Marketing, una il Russiagate”. Cremlino Dmitri Peskov.
la ‘campagna Trump’ del di segnare dato di governatore del New società accusata i consulenti della © RIPRODUZIONE RISERVATA
2016 ed esponenti del Cre- punti Jersey. Bondi, 52 anni, acqui- d’avere truffato World Patent M. NEL 2017, poco
mlino: l’indagine, condotta politici con sì notorietà per i soldi, almeno milioni di dollari prima di tornare
dal procuratore speciale Ro- 25 mila dollari, ricevuti in re- agli aspiranti in- che raggirava a lavorare per il
bert Mueller, rischia di con- poco sforzo galo dalla Fondazione Trump v e n t o r i s u o i gli aspiranti Dipartimento
durre il presidente all’ ‘im- MATTHEW G. durante la campagna 2016 clienti e che, a della Giustizia,
peac hment’, specie adesso WHITAKER per la sua rielezione. maggio, è stata inventori Whitaker scris-
che i democratici controllano (2017) condannata a pa- se un articolo in
la Camera. È infatti, la Came- WHITAKER INVECE, non ha gare indennizzi cui sosteneva
ra che decide se mettere sotto scheletri nell’armadio o – al- per 26 milioni di dollari. che l’inchiesta di Mueller
accusa il presidente, mentre è meno – nessuno glieli ha an- Il neo-ministro non è estra- stava andando “troppo lonta-
il Senato che pronuncia il ver- cora cercati e scoperti: 49 an- neo alla politica: nel 2014, cor- no”, definendola “un linciag-
detto. Scomodo, ma ambito il ni, è laureato in legge ed era il se alle primarie repubblicane gio”. Per Whitaker, la nomi-
posto che fu di Sessions e che capo di gabinetto di Sessions: per un seggio di senatore dello na di un procuratore indi-
ora è di Whitaker. Infatti, già è quindi aggiornato su tutte le Iowa, ma fu sconfitto. A Whi- pendente è “un codardo ten-
circolano nomi di aspi- pratiche che il ministero sta taker deve ora riferire il pro- tativo di segnare punti poli-
ranti a occuparlo in gestendo. In un articolo di set- curatore Mueller, che fino a tici con poco sforzo”.
pianta stabile: l'ex go- tembre, quando il destino di ieri faceva capo al vice di Ses- Fiutando l’aria, il team di
vernatore del New Sessions era già segnato, il sions, Rod Rosenstein, perché Mueller avrebbe già iniziato
Fedelissimo Jersey Chris Christie, candi- New York Times lo descrive il segretario s’era ‘chiamato a stilare il rapporto finale
Matthew G. dato di professione – alla no- come “leale” a Trump. fuori’ dal Russiagate – una dell’inchiesta. Secondo una
Whitaker AP mination repubblicana e poi a Il segretario alla Giustizia mossa che Trump non gli ha fonte della Cnn “vicina alle
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | ESTERI » 17
PAKISTAN BIBI, CHIESTO ASILO IN OLANDA LIBIA MERKEL NON SARÀ A PALERMO
L’avvocato di Asia Bibi, Saif ul-Malook, ha detto Alla conferenza di Palermo sulla Libia, in program-
alla Cnn che una domanda di asilo è stata presen- ma lunedì e martedì la Germania sarà rappresen-
tata in Olanda per la donna cattolica, suo marito e tata dal sottosegretario agli Esteri Niels Annen. Il
le figlie. La donna si trova in una località protetta a portavoce del governo, Steffen Seibert, ha confer-
Islamabad: colpita dall’accusa di blasfemia e per mato che non ci sarà la cancelliera Angela Merkel.
questo condannata in primo grado a morte e as- Sul fronte interno, Annegret Kramp-Karrenbauer
solta dalla Corte Suprema, Asia è minacciata di si candida alla presidenza della Cdu e si dice dispo-
morte dagli estremisti islamici. Ansa nibile a sostituire Merkel alla cancelleria. LaPresse

MIGRANTI IN MARCIA Dentro lo stadio della Capitale Messico


» COSIMO CARIDI
Città del Messico

“È
la quinta volta
che tento di en-
trare negli Stati
Uniti”, confessa
José Wilmer, 30 anni, hon-
duregno. “Un paio di mesi fa
– continua – sono riuscito ad
attraversare il deserto fino in
Texas. Mi hanno arrestato e
deportato. Ho perso i miei
soldi e sono tornato al punto
di partenza. Questa volta non
ho pagato nessuno, forse mi
andrà bene”.
José racconta le sue spe-
ranze sugli spalti dello sta-
dio El Palillo Martinez, nel
centro della Capitale messi-
cana. I migranti, più di
7.000, sono arrivati a Città
del Messico a ondate, in mo-
do disordinato e rumoroso.
Prima gli uomini, poi le fa-
miglie, cariche di coperte e
vestiti pesanti. La carovana
ha scalato le colline del sud
del Messico fino ai 2200 me-

La quinta volta di José: “Io,


tri della megalopoli, casa di
20 milioni di persone.
L’odissea di due sorelle
e una nonna
“Il viaggio è stato lungo –
conferma Jennifer Yamileth
Padilla Avila, 14 anni, hon-
duregna – sono stanca, qui
possiamo riposare qualche
desperado che sogna gli Usa”
giorno”: è partita da casa con
la sorella Katerine, 15 anni, e
La carovana dorme nell’impianto sportivo, alla ripresa del viaggio resta l’incubo dei trafficanti
la nonna materna Maria

auto rallentano: “Regálame si trasformano in un parruc-


JUAN un peso (5 centesimi di eu- chiere. Uno scalino con cin-
SALCEDO ro)”. Dai finestrini sbucano que pacchetti di sigarette di-
mani con spiccioli, bibite, bi- ventano un tabaccaio. Per
Se ci offrono un lavoro scotti, vestiti. La popolazio- arrivare a Tijuana ci sono al-
ne sa del passaggio della ca- tri 2.000 chilometri. Poi c’è il
qui possiamo fermarci: rovana e ha predisposto infi- confine, il muro, i soldati
negli ultimi anni niti atti di carità. “Oggi i miei mandati da Donald Trump e
figli hanno fatto quasi 500 i paramilitari che pattuglia-
non ho avuto tante pesos (20 euro) – Idania, ni- no il deserto. “Se ci offrono
opportunità. Faccio caraguense, parla seduta sul un lavoro qui in Messico pos-
materasso che è salotto, cu- siamo fermarci – Juan Salce-
il camionista, ma sono cina e camera letto per quat- do, 35 anni viaggia con la mo-
pronto a cambiare tro persone – ne abbiamo glie e due figli – negli ultimi
spesi 150 per mangiare, gli anni non ho lavorato molto.
Campo altri li mettiamo da parte”. Faccio il camionista, ma so-
profughi Alexia, la figlia più piccola, no pronto a cambiare”.
ADALBERTO I migranti ha lo sguardo vispo. Per lei il © RIPRODUZIONE RISERVATA
GONZALES centroameri- viaggio è un’avventura. La
cani accam- coda per il cibo diventa la
In tanti sono spariti pati dentro lo possibilità di chiacchierare,
stadio di Città la distribuzione dei vestiti
tentando di arrivare del Messico invece una gara ad accapar-
a Tijuana: se cadi Ansa rarsi quelli più sgargianti,
chiedere l’elemosina una sfi-
nelle mani dei ‘coyote’ morchi dei Tir. Sempre in scardinato il sistema migra- mercato nero”. Ma per Adal- da con il fratello a chi racco-
chiedono un riscatto o pericolo, ma sempre parte di torio, gestito dai cartelli del- berto la paura è solo una del- glie di più. “È passata un’au-
una comunità che ci proteg- la droga. Gli 8.000 in marcia le componenti di questa tra- to – racconta la bambina – un
ti asportano gli organi g e va ”. Sanno che la loro sono passati da Veracruz, a- versata. Suo fratello vive in signore mi ha mostrato un
senza anestesia marcia è ben lontana dal rea sotto il controllo degli Texas da dieci anni. “È en- portafoglio pieno di soldi. Mi
concludersi. “Andiamo ne- Zeta, senza pagare – così di- trato illegalmente, ora è re- ha detto che si sarebbe fer-
gli Usa – racconta la sorella cono – per farlo. “Abbiamo golare. Sono sicuro di poter mato dietro l’angolo e che, se
Maura. La loro storia è scrit- più grande – studieremo e i paura, in tanti sono spariti fare altrettanto. Mi hanno fossi andata lì, me li avrebbe
ta con gli stessi sogni e le fru- nostri genitori ci potranno tentando di arrivare a Tijua- già messo in contatto con un dati tutti”. Idania la guarda, è
strazioni che alimentano mi- raggiungere”. na”. Viaggia solo Adalberto trafficante, mi assicura che pietrificata: di paura o forse
lioni di vite in Centro Ame- Ogni anno, 200 mila mi- Gonzales, 23 anni e una lau- per 3 mila dollari mi porta di rabbia. “Non possiamo
rica. Corruzione dilagante, granti attraversano il Messi- rea in Medicina in tasca. Co- dall’altra parte del confine”. stare fermi qui in città per
un tasso di disoccupazione co, un viaggio lungo tre volte me la maggioranza della ca- molto tempo, c’è chi parla di
altissimo. “Le ragazze han- l’Italia. Finora questo picco- rovana è honduregno. L’esercito un mese finché non verrà or-
no una forza incredibile – di- lo popolo si è sempre affida- “Se finisci nelle mani dei degli accattoni ganizzato il viaggio a nord.
ce la nonna – abbiamo cam- to ai coyotes, i trafficanti di trafficanti nella migliore Fuori dallo stadio, decine di Noi tra massimo due giorni
minato per così tanti chilo- persone. Costa due anni di delle ipotesi chiedono un ri- ragazzini hanno invaso le partiamo”.
metri che non posso contar- salario minimo guatemalte- scatto. Capita anche che ti a- strade con il cappello in ma- Lo stadio ha preso le sem-
li. Siamo state chiuse per ore co arrivare oltre il muro sta- sportino gli organi senza a- no. Si posizionano sui dossi, bianze di un campo profu-
in furgoni e aggrappate a ri- tunitense. La carovana ha nestesia, per rivenderli al accanto alle buche, dove le ghi. Una sedia e una forbice
18 » ESTERI | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

L’INTERVENTO 9 novembre 1989 Il problema non è stata la fine delle barriere


ma le politiche neoliberiste e la miopia dei partiti europei

La lezione di Berlino: i muri


T non sono mai la soluzione
» JAN ZIELONKA

re decenni fa celebravamo la
caduta del muro di Berlino, la
madre di tutte le barriere. Era
il simbolo della divisione
dell’Europa e del mondo in
due campi ostili. Il muro crol- un’aspirina a chi ha una gam-
lò e la Guerra fredda finì. Il ba rotta. Davvero qualcuno
futuro ci sembrava radioso. pensa che una soluzione pre-
“Niente ci fermerà, tutto è sa dal Diciannovesimo secolo
possibile, Berlino è libera”, possa produrre meraviglie
Chi è dichiarò Bill Clinton alla Por- nel Ventunesimo?
Jan Zielonka ta di Brandeburgo.
è professore ANZICHÉ ALZARE muri do-
di Politica OGGI I MURI sono tornati di vremmo rendere le nostre i-
europea moda, dall’Ungheria alla Spa- stituzioni più capaci di gesti-
a Oxford. gna agli Stati Uniti a Israele e re operazioni finanziarie
Ha appena all’Australia. E una parte globali, minacce ambientali
pubblicato sempre maggiore dell’eletto- o a quel sistema di comuni-
per Laterza rato sostiene quei politici che cazioni che per noi è vitale.
“Contro- chiedono di tornare a Stati Queste istituzioni dovrebbe-
rivoluzione, nazione pienamente sovrani. ro essere davvero transna-
la sfida La politica della paura è san- zionali e non monopolizzate
all'Europa cita dal leader del “mondo li- dagli Stati nazionali. Molte di
liberale” bero”, il presidente degli Stati queste sono invece piccole e
Uniti Donald Trump, che co- poco efficaci. Città, regioni,
struisce il suo muro al confine Ong si occupano ormai di
con il Messico e invita altri compiti vitali per tutti noi ma
Paesi di fare lo stesso. non hanno diritto di sedere ai
Ci dicono che la politica tavoli dove si prendono deci-
Le date delle frontiere aperte ha ge- sioni nell’Ue, all’Onu o al
nerato disuguaglianze astro- Fondo monetario.
9 nomiche. Ci fanno credere Dobbiamo anche rico-
novembre che i confini senza barriere struire un equilibrio tra setto-
Il giorno hanno attirato migranti che re privato e sfera pubblica. Il
della caduta vogliono i nostri posti di lavo- pubblico è stato sotto assedio
del muro di ro e diffondere le loro usanze negli ultimi anni ed è stato u-
Berlino che “aliene” nei nostri Paesi. Ci sato per aiutare il settore pri-
divideva la dicono anche che queste li che li distruggono: nomadi stre scelte sbagliate. Abbiamo vato a prosperare. Questo ha
città in due frontiere aperte rendono la contro coloni, allevatori con- tagliato gli aiuti allo sviluppo lasciato molti di noi senza al-
(e anche democrazia impossibile. E tro cacciatori. I confini diven- e non siamo riusciti a stimo- cuna forma di protezione o di
il mondo che decisioni fondamentali tano fonte di contenziosi con lare gli investimenti nel Nord capacità decisionale. Infine
occidentale che riguardano le nostre vite l’ascesa degli Stati nazionali Africa e nel Medio Oriente. dobbiamo ricostruire un rap-
da quello sono prese dai mercati finan- che pretendono di far coinci- Abbiamo sostenuto dittatori porto di fiducia tra i cittadini
sotto ziari internazionali e da lon- dere le frontiere amministra- come Gheddafi in Libia o Ben e coloro che gestiscono istitu-
l’influenza tani burocrati europei. tive con i confini militari con Ali in Tunisia nella speranza zioni transnazionali. Queste
dell’Unione Il conflitto intorno ai muri i perimetri dei mercati e quel- che tenessero i migranti lon- istituzioni dovrebbero essere
sovietica). è vecchio quanto l’umanità li della comunità culturale. tani dalle nostre coste. Abbia- al nostro servizio, di noi per-
Un anno quindi non dovrebbe stupirci mo bombardato Iraq, Siria e sone che viviamo in un luogo
dopo le due questa situazione. C’è sempre IL VERO DIBATTITO oggi non è Libia e abbiamo lasciato la specifico e teniamo alla no-
Germanie si stato chi ha cercato di supe- sui muri e sui confini quanto gente di questi Paesi ai signori stra identità. E difendere
riunifiche- rare i limiti e chi ha cercato di s ul l ’interpretazione della della guerra locali. E poi ci un’identità non significa pre-
ranno ripristinare barriere. Quelli storia post-1989. I sovranisti stupiamo se aumenta il flusso La notte sen- hanno trasformato la demo- dicare l’autarchia o odiare chi
che costruiscono muri e quel- stanno abbaiando all’albero di rifugiati? I confini aperti za barriere crazia in una farsa, ma la colpa appartiene a un’altra etnia o
sbagliato: le disuguaglianze non c’entrano. Anche perché Festeggia- è anche di chi avrebbe dovuto cultura o che vogliamo con-
sono state generate da politi- non sono mai stati davvero a- menti nella regolarli, come la Commis- quistare il territorio dei nostri
LA DIAGNOSI SBAGLIATA che neoliberiste che hanno perti per questi disperati. notte del 9 sione europea, che ha prefe- vicini. Tutte cose che erano
affidato al mercato il compito Se la democrazia è in crisi novembre rito ascoltare i 30.000 lobbisti considerate normali un seco-
La caduta dei confini c’entra di redistribuire la ricchezza. dobbiamo prendercela con i 1989 dopo la attivi a Bruxelles invece che le lo fa. Ma poi il mondo è cam-
E sono il risultato di un siste- nostri partiti, non con l’assen- fine dei con- persone normali. Come si biato, o almeno questa è la no-
assai poco con l’arrivo ma di valori in cui la compe- za di muri. I partiti politici trolli tra Est e spiegano altrimenti il trattato stra speranza. Una speranza
titività è stata considerata più non hanno più radici nelle no- Ovest Ansa sul rigore Fiscal Compact o che è particolarmente impor-
dei migranti e l’aumento apprezzabile della solidarie- stre società, trattano i cittadi- quello sul copyright Acta? tante per una nuova genera-
tà. I confini c’entrano poco. ni come consumatori e discu- Diagnosi sbagliate portano zione che non vuole vivere in
delle disuguaglianze Anche la crescita delle mi- tono con i sondaggisti invece a cure sbagliate. Costruire un mondo pieno di muri.
grazioni è stata causata da no- che con gli elettori. E i mercati muri è come prescrivere © RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | SECONDO TEMPO » 19
Cultura | Spettacoli | Società | Sport

Secondo Tempo
Addio al regista Max Croci Portogallo, CR7 ancora fuori Smashing Pumpkins, il bis
Ha diretto commedie come Ronaldo resta escluso dalla Nazionale Mentre esce “Knights of Malta”, brano
“Poli opposti” e “La verità vi spiego per le ultime partite in Nations League d’apertura di “Shiny and Oh So
sull’amore”. Il regista e sceneggiatore contro Italia e Polonia: una ripicca, Bright”, la band annuncia che tornerà
è scomparso all’età di 50 anni parrebbe, nei confronti della Uefa in studio a gennaio per un altro album

L
» FRANCESCO MUSOLINO Umiliati
e offesi
a fredda verità è che il lusso e Una scena di
la privacy difficilmente van- “Grand Buda-
no d’accordo. Chiunque usu- pest Hotel”,
fruisca dei servigi di un auti- film di Wes
sta o di un assistente, sa bene Anderson del
che nelle loro mani sono ripo- 2014 con Ral-
sti segreti spesso inconfessa- ph Fiennes e
bili. Da qui è partito Marc Le- Tony Revolo-
vy per tessere la trama del suo ri. Sotto, lo
nuovo romanzo – Una ragaz- scrittore Marc
za come lei, pubblicato da Riz- Levy Ansa
Il libro zoli –ambientato a New York,
al civico 12 sulla prestigiosa
Fifth Avenue. I suoi protago-
nisti sono Deepak e Lali –
l’addetto all’ascensore instal-
lato nel palazzo e sua moglie –
che decenni prima hanno in-
franto le rigidissime regole
delle caste indiane, costretti a
fuggire in America solo per
potersi amare. E poi il giovane
lUna Sanji, nipote di Lali, alla ricer-
ragazza ca di capitali per finanziare la
come lei sua app; e ancora Chloé, una
Marc Levy delle inquiline, talentuosa ar-
Pagine: 310 tista costretta sulla sedia a ro-
Prezzo: 19 e telle. Un micromondo di pia-

“Le caste sono ovunque


Editore: nerottoli e pettegolezzi che
Rizzoli ruota attorno all’ascensore.
Libro dopo libro, Marc Levy è
diventato uno fra gli autori
francesi più letti e amati in

pure negli ascensori”


tutto il mondo – ha venduto
più di quaranta milioni di co-
pie, tradotto in 44 lingue – e
Pillola anche qui non rinuncia a me-
scolare i generi, in una com-
media che unisce i sentimenti
e l’analisi pungente della so-
cietà, sottolineando il razzi-
smo e la discriminazione raz-
Marc Levy Lo scrittore francese da dieci anni a New York
ziale. Levy da dieci anni vive a
New York e, su Trump, affer- in “Una ragazza come lei” narra il micromondo condominiale
ma: “Le elezioni di Midterm
hanno respinto l’avanzata del
n “CRITERI populismo più aggressivo. E-
ETNICI” ra il segnale di cui avevamo miei dieci anni a New York, Vede, in India le caste sono
AL PSG bisogno”. sempre a caccia di storie, con un sistema millenario, in-
Dal 2013 Monsieur Levy, in Una ra- l’orecchio in ascolto. scalfibile, brutale. Ma le ca-
al 2018 i re- gazza come lei racconta un La storia è inframmezzata Chi è ste si trovano ovunque, più o
clutatori del- micromondo condominiale dai corsivi di Chloé, dal rac- MARC LEVY meno nascoste. Le caste ser-
la squadra fra voglia di riscatto e amo- conto in prima persona del È l’autore vono agli autocrati per con-
avrebbero re. Come è nato? suo incidente. Anche New francese gelare il mondo e mantenere
annotato nel- Una sera mi so- York discri- contempo- intatti i propri privilegi. A o-
le schede la no ritrovato in mina? raneo più gni costo.
provenienza un vecchio a- Abbiamo una letto al Deepak descrive la genera-
etnica A sve- scensore. I pia- nostra idea del- mondo: i suoi zione trenta-quarantenni o-
larlo “Media- ni si sussegui- la Grande Mela romanzi, dierna senza fronzoli. Sia-
part” in base vano ma i miei Abbiamo un’idea che purtroppo tradotti in 49 mo buoni solo a usare il tou-
ai documenti occhi erano in- non coincide lingue, hanno chscreen?
di “Football c h i o d a t i s u l non reale della con la realtà. La venduto oltre Per Deepak l’idea di un mon-
Leaks”. Se- m an ov ra to re . Grande Mela: non è verità è che le quaranta do in cui tutti hanno gli occhi
condo l’ex os- La sua discre- grandi metro- milioni di inchiodati agli schermi, è in-
servatore per zione mi affa- costruita per chi ha poli non sono copie. Tra i tollerabile. Bisogna capirlo.
la Normandia scinava, immo- un handicap e il costruite per suoi successi, Da dieci anni vive in Ameri-
Serge Four- bile mentre tut- chi ha un han- “I figli della ca. Come se la passa?
nier “non vo- ti gli altri pas- razzismo è diffuso dicap come libertà”, “La Vuol sapere se cammino an- mericano, ha portato rabbia, network hanno dato loro i
levano gioca- seggeri conti- Chloé, costret- chimica cora per strada con la mia ba- frustrazione e tanta soffe- mezzi per mettere all’angolo
tori africani, nuavano a par- ta sulla sedia a segreta degli guette sotto il braccio e il ba- renza, solo per il proprio be- la stampa e manipolare l’opi-
perché non lare come se lui non ci fosse. rotelle senza perdere il sorri- incontri”, “Più sco francese in testa? neficio e delle persone intor- nione pubblica, coltivando la
si è mai sicuri Quanti segreti aveva ascolta- so. Raccontare le sue mille forte della Forse. no a lui. paura e la frustrazione. Ma le
della data to, quanta discrezione era peripezie quotidiane per sa- paura”, tutti Beh, li ho abbandonati dopo Raccontando la storia di elezioni di Midterm hanno
di nascita” necessaria per tenere tutto lire sulla metro o prendere editi in Italia cinque anni a New York. Deepak e Sanji, enfatizza la respinto l’avanzata del trum-
per sé? Il personaggio di Dee- l’ascensore mi ha aperto la da Rizzoli Scherzo, quando vivi da mol- componente razzista, il pre- pismo, un segnale di riscatto
pak è nato così, portandosi mente e spero possa accadere to tempo in una cultura stra- giudizio, in Francia come in di cui avevamo bisogno.
dietro le storie degli inquilini lo stesso al lettore. niera, diventi parte di lei. Non America? Non vorrei essere melenso,
del numero 12 sulla Fifth A- Il racconto dell’amore di perdi la tua identità, piuttosto Sì, anche in Italia. Il populi- ma lei crede che l'amore sia
venue. Ho fatto molta ricerca Deepak e Lali evidenzia la inizi ad abbracciarne un’al- smo è un affare politico gesti- la forza più potente?
bibliografica per capire co- brutalità del sistema delle tra. E questa diversità è un to da un piccolo numero di Sì, lo penso. Credo che l’amo-
me funzionassero gli ascen- caste in India. Un anacroni- meraviglioso viaggio. persone estremamente facol- re doni significato a tutta la
sori manuali ma le storie sulla smo in uno dei Paesi più tec- E politicamente? tose che vogliono acquistare nostra vita.
pagina sono il risultato dei nologicamente avanzati? Trump ha diviso il popolo a- le nostre democrazie. I social © RIPRODUZIONE RISERVATA
20 » | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

CINEMA
IL FILM
DA VEDERE
Senza lasciare SEGNALAZIONI
traccia
Debra Granik

» FEDERICO PONTIGGIA

È
di certo il titolo
più incongruen-
te, diciamo pure, Menocchio
più menzognero Alberto Fasulo
dell’anno, perché La saggezza dell’eretico
Senza lasciare traccia (Leave ,,,,,
No Trace) rimane, altroché.
Dietro la macchina da presa
c’è l’americana, indie e classe
1963, Debra Granik, che ave-
va incantato con Un gelido in-

Quel che resta


verno (Winter’s Bone), quat-
tro nomination agli Oscar e la
consacrazione di Jennifer
Lawrence nel 2010. Qui fa an-
che meglio: prende una sto-
ria-leggenda dell’area di Por-

dei dimenticati
tland, già romanzata da Peter Tutti lo sanno
Rock in My Abandonement, e Asghar Farhadi
inquadra il passo a due di pa- Psicodramma spagnolo
dre, Will (Ben Foster), e fi- ,,,,,
glia, Tom (Thomasin M-

e dei reduci Usa


cKenzie), in fuga dal mondo
tra i boschi dell’Oregon.

LA PROFESSIONE di fede
poetico-stilistica è nel mini-
malismo: non c’è alcun cla-
more, nessuna scena madre,
zero enfasi, il montaggio è pa-
ratattico, la regia piana senza
essere sciatta, i dialoghi po-
chi, essenziali, mai didascali- Notti magiche
ci. Will è un reduce, con un di- le, che sa di pena del contrap- sopravvivenza, il survivali- kespeare) né del corpus cine- Paolo Virzì
sturbo da stress post trauma- passo, viceversa, Tom non smo individuale e l’esclusio- matografico di riferimento Tentativi d’Amarcord
tico diagnosticato (rivende le soffre la cattività, fa amicizia ne sociale, senza discettare di (le foreste verso cui muovono ,,,,,
benzodiazepine per poter fa- con un ragazzo che alleva co- massimi sistemi, ma delegan- sono le stesse del veterano
re la spesa al supermercato): nigli, trova motivo di soddi- do all’umanità dei suoi Will e Tom: Rambo, 1982…), ma Senza la-
in fondo, tra quei boschi fa an- sfazione perfino nel sermone straordinari interpreti e alla l’esclusione sciare traccia ha l’intelligen-
cora la guerra, più che trovare domenicale: che fare? natura che li protegge: l’op- za emotiva, e l’exemplum di LASTRONCATURA
pace, ma senza dare in escan- posizione tra i funghi raccolti sociale Will e Tom, per fare di testa e
descenze; l’adolescente Tom SOPRA TUTTO, esiste anco- e quelli incellofanati dice tut- e l’istinto immagini proprie: dialettico
è sveglissima, mansueta ep- ra una risposta in prima per- to quel che ci serve sapere, l’a- senza azzuffarsi, tosto senza
pure assertiva: ignoriamo, sona plurale? Continuando a nelito centrifugo di Tom e la di sopravvi- vantarsi, è l’elogio della liber-
immaginiamo da parecchio, privilegiare, come pure necessità d’isolamento di venza tà più compreso, motivato e
quando abbiano iniziato a vi- nell’esordio Down to the Bone Will non abbisognano di spie- radicale visto al cinema negli
vere in tenda a Forest Park, (2004) e il documentario gazioni, giacché Debra ha ultimi tempi. Forse è troppo
sappiamo però quando ven- Stray Dog (2015), la margina- l’empatia e la giusta distanza sottile, pacato e retto per ir-
gono sorpresi e affidati ai ser- lità bianca, quello che solo e- nel copione, scritto con l’abi- retire, ma ha un valore indi-
vizi sociali, ovvero a una vita quivocando oggi potremmo tuale Anne Rosellini. Non è scutibile: non perdetelo.
civile. Will trova impiego in definire il popolo di Trump, film immemore, né degli ar- @fpontiggia1 Il ragazzo più felice
un’azienda di alberi di Nata- Granik fotografa l’istinto di chetipi (La tempesta di Sha- © RIPRODUZIONE RISERVATA del mondo
GiPi
Genuino, tenero, ossessivo.
Gianni “GiPi” Pacinotti non si
CIAKSIGIRA L’attore napoletano, diretto da Mario Martone, veste i panni del maestro stronca mai, lo si riprende
con calma da parte

TONI SERVILLO T
ONI SERVILLO reciterà per comico e umorista Guy Bedos e già SI GIRA da qualche giorno tra Mi- sussurrandogli: “Che film
la sesta volta in un film diret- autore e interprete con la sua com- lano, New York e Marocco Made volevi fare?”. Perché ben
to da Mario Martone grazie pagna Doria Tiller della commedia in Italy, serie tv coprodotta da non si comprende a quale
FA SCARPETTA a Qui rido io, una produzione Indi-
go Film, Publispei e Rai Cinema sul
sentimentale di culto Mr & Mme
Adelman (Un amore sopra le ri-
Taodue Film e The Family per Me-
diaset, diretta da Luca Lucini e Ago
tipo di cinema il virtuoso
fumettista aspiri, ancorché

M.ME ARDANT set nei prossimi mesi incentrata


sulla figura del grande attore e
commediografo napoletano E-
ghe). Nel nuovo film riflettori an-
cora puntati su umorismo e ro-
manticismo.
Panini e interpretata da Greta Fer-
ro e da Margherita Buy oltre che da
Valentina Carnelutti, Sergio Al-
decisamente “personale”.
Ma forse è la perpetua
“quest” il suo obiettivo, la
LA ROMANTICA duardo Scarpetta, padre naturale
di Eduardo, Peppino e Titina De Fi-
È la storia di Victor (Auteuil),
un sessantenne disilluso in crisi
belli, Giuseppe Cederna e Marco
Bocci. In scena la storia di Irene
domanda senza risposte... e
in tal caso accettiamo che
lippo e autore tra l'altro di Miseria e con sua moglie (Ardant) che (Ferro), figlia di immigrati del Sud “il ragazzo più felice del
nobiltà. vedrà la sua vita sconvolta che a metà degli anni 70 risponde mondo” siamo noi, beati
» FABRIZIO CORALLO quando il brillante imprendito- L’attrice Fanny all’annuncio di una rivista di moda ignari davanti al mistero.
DANIEL AUTEUIL, Fanny Ardant, re Antoine (Canet) gli proporrà Ardant recita ne e vi conquista un ruolo di prestigio.
Guillaume Canet, Doria Tiller e un rivoluzionario esperimento “La belle epoque” La sua esistenza cambierà radical- a cura di AM PAS
Pierre Arditi recitano sino a fine grazie a cui potrà rivivere la set- mente tra exploit internazionale di
novembre in La belle epoque, il se- timana memorabile di 40 anni grandi stilisti, conflitti e contraddi-
condo lungometraggio di Nicolas prima in cui aveva incontrato il zioni, palpiti e fermenti, proteste
Bedos, figlio 38enne del celebre suo grande amore. giovanili e battaglie sociali.
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | » 21

12 NOVEMBRE
CONCERTO PAOLO CONTE
MILANO, TEATRO ARCIMBOLDI 17 milioni COPIE VENDUTE
“RED DEAD REDEMPTION 2 ”

TEATRO

La commedia dark INSCENA ILPERSONAGGIO

di Dante (Emma) » Interruzioni


Renzo
Alessandri
Dal 16 al 18
novembre
Calvani, dall’Italia
al palco di Broadway
Ma il biglietto
Linguaggi
Creativi (Milano)
è di sola andata
PIÈCE di Gianna
Coletti e Camilla
Ghedini

T
sul testamento ra i tanti teatranti che hanno a-
biologico, vuto fortuna all’estero prima
patrocinata ancora che in Italia (e chissà poi
dall’Associazione se tornerà, in Italia) c’è Marco Calvani,
Luca Coscioni classe 1980, attore, autore e regista, già
Premio Siae nel 2011, membro dell’Ac-
tors Studio e artista residente a La Ma-
» Cappuccetto Ma di New York.
Rosso Story In questi giorni Calvani è in scena al
Mitzi Amoroso West End Theatre di Off-Broadway
Dal 10 al 25 (fino al 25 novembre) con Beautiful
novembre (ore 16) Day Without You, la sua ultima “dark
Teatro Wagner comedy” diretta da Erwin Maas: “U-
(Milano) na storia ambientata alla periferia di
Chicago ai giorni nostri, una riflessio-
ne sull’America di oggi, diversa e di-
visa, dove il razzismo è una malattia
radicata e l’ingiustizia sociale è ai
massimi livelli”.

DOPO AVER debuttato giovanissimo,


“d’istinto”, a 15 anni, sul palco della Li-
monia con Barbara Nativi,
l’artista in Italia è rimasto
UNA COMMEDIA p o c o , f o r-
musicale per bimbi, mandosi
interpretata da soprattutto
bimbi. Offerta libera in America:
e ricavato devoluto è il classico
La regista dirige ché – con uno stratagemma – riescono a intor-
tarlo, mostrandogli solo il mignolo “sucato” (è
in beneficenza cervello in
fuga? “No.
volgare, sì) e allisciato come quello di una giovi- Non mi sento né
“La scortecata”, netta. Basterà, però, una notte d’amore per sma-
scherare il triviale trucco...
» Va Pensiero
Marco
un fuggitivo, né un
cervellone. Sono
favola nera di Basile: Questa è la storia – così Dante – “di due vec-
chierelle che si arrabattano insieme e che si dan-
Martinelli
ed Ermanna
sempre andato dove
mi portava il lavoro
no aiuto nella sopravvivenza”; una storia di “vec- Montanari stesso... Lavoravo
pièce riuscita, chiezza, solitudine, bruttezza e inettitudine”, da
cui riscattarsi è impossibile, se non al prezzo del-
Dal 13 al 18.11
Teatro Argentina
negli Stati Uniti sin
dal 2009, quando
volgarità a parte la menomazione, proprio come le sorellastre di
Cenerentola (by Grimm) che si amputano i piedi
(Roma) per la prima volta fu
rappresentato un
per calzare la famigerata scarpetta: “Fa un po’ mio testo oltreocea-
maluccio, ma che importa, poi passerà, e una di no. Ma solo nel 2014,
voi sarà regina”. quando volai a New
York per seguire una
QUEL CHE RENDE ancor più interessante questa produzione, decisi di restarci. Avevo
» CAMILLA TAGLIABUE favola nera è, però, la chiave metateatrale, per cui bisogno di un cambiamento, di una

T
le due zitelle recitano se stesse (e il re e la fata) nella scossa non soltanto professionale ma
ruci, tragiche, orrorifiche, sangui- tragicommedia di Basile. Gli strappi all’originale soprattutto personale. In fin dei conti
nolente, violente come solo sanno sono sostanzialmente due: il dialetto siciliano an- LA SPERANZA ho da sempre lavorato più all’estero.
esserlo le favole per bambini: non si ziché il napoletano e il finale adultizzato, se non risorgimentale Tuttora, ho progetti di creazione in tut-
sottrae al gioco al massacro nemme- moralizzato, in cui ci si ribella alla favola perché di Verdi contro to il mondo e nemmeno uno in Italia”.
no La scortecata di Giambattista Ba- “non ci si crede cchiù alla favola”. le mafie e i corrotti Visto ora da lontano, come le sembra
sile, tratta dalla raccolta Lo cunto de li cunti, da- È proprio verso il finale che la messinscena de- il sistema teatrale italiano? “Onesta-
tata 1634-1636. colla, letteralmente alzandosi dalla mente non lo capisco e adesso, con la
A questo “trattenimiento decemo de la iornata » La scortecata volgarità diffusa e dalla carnalità » Amore, distanza regalatami dal tempo, riesco a
primma” si ispira, liberamente, uno degli ultimi Da “Lo cunto spinta: lirica, splendida è la scena ingenuità... riconoscere che quella smania e
spettacoli di Emma Dante, prodotto dal Festival de li cunti” di Basile della metamorfosi di una delle vec- Lorenzo Loris quell’insofferenza non erano altro che i
di Spoleto (dove ha debuttato nell’estate del Emma Dante chie megere in avvenente prima- Dal 22.11 al 23.12 sintomi di una depressione artistica
2017), dal Biondo di Palermo e da Sud Costa Oc- donna, giovane, bella e forte, come Teatro Out Off che dal Paese intero si era poi estesa fino
cidentale, la compagnia palermitana fondata sempre aveva sognato d’essere. E dal (Milano) alla mia scrivania”.
dalla stessa regista, che qui – in un certo senso – decollo poetico si riprecipita poi nel finale tragico, E proprio sulla scrivania – ma quella
torna a casa, alle radici, all’estetica degli “esor- cupo, macabro. Come disse uno: giovinezza, bel- DAI “Sillabari” nuova, a 7.000 chilometri di distanza –
di”, ed è questo, forse, il maggior limite della lezza e forza sono i criteri del nazismo. di Goffredo Parise giace l’ultimo progetto di Calvani: un
Scortecata, in tour per mezza Italia fino alla pros- Roma, India, fino all’11 novembre; Torino, lungometraggio con il premio Oscar
sima primavera. Gobetti, 11-23 dicembre; Napoli, Bellini, 29 Marisa Tomei.
Nei panni delle due vecchie protagoniste sono gennaio-3 febbraio; Vicenza, Astra, 15-16 a cura di a cura di
Salvatore D’Onofrio e Carmine Maringola, eccel- febbraio; Modena, Teatro delle Passioni, CAM TA. CAM TA.
si nelle caratterizzazioni grottesche, mostruose e 19-22 febbraio; Bari, Kismet, 9-10 marzo; Ca-
volgari: entrambe ambiscono a sposare il re, inac- tania, Piccolo, 26-31 marzo; Milano, Piccolo,
cessibile e chiuso nel suo castello dorato (un ge- 2-14 aprile
niale, agghiacciante plastico di Disneyland), fin- © RIPRODUZIONE RISERVATA
22 » | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

LIBRI

Il canto del cigno D.C. (DOPO CHRISTIE)

dell’impero britannico Omicidio qualunque


nella nera periferia
di Torino: torna
l’ironia di Oggero

» FABRIZIO D’ESPOSITO

O
micidi di periferia, dove gli operai
non esistono più (o quasi) e “afri-
cani” e baby-gang autoctone spa-
droneggiano senza limiti. Degrado, mise-
ria, precarietà, criminalità, droga. Il giallo
italiano è zeppo di periferie e una delle più
raccontate è quella di Torino. Qui, in un
bar di Corso Vercelli, alla famigerata Bar-
riera di Milano, il giovane Massimo trova
un cadavere alle sei del mattino. Massimo
è laureato in Lettere antiche ma si arran-
gia come barista. Meglio, come prepara-
tore di panini e cornetti surgelati da in-
fornare dalle sei alle sette ante meridiem.
Scarti di prosciutto cotto, mozzarelle te-
» Middle desche, maionese polacca.
England
Jonathan Coe IL MORTO ammazzato non lo conosce
Pagine: 352 nessuno, anche perché la testa è devastata
Prezzo: 19 e da una pallottola. Il bar è gestito da Gerry,
Editore: diminutivo di Gervaso, tamarro d’impor-
Feltrinelli tazione veneta con papà dispotico e ma-
nesco. A indagare è il commissario Gian-
marco Martinetto, poliziotto che soffre di
saudade da separazione, l’ex Giuliana vi-

» FRANCESCO MUSOLINO xit e pro Trump) che spinge Benjamin lussi rifiutati dalla figlia adolescente, a » La vita

P
Trotter, divenuto un romanziere di suc- sua volta affamata di una giustizia sociale è un cicles
ochi giorni fa, Jonathan Coe cesso a cinquant’anni, a chiedersi se deb- radicale. Coe si muove deliziosamente in Margherita
ha dichiarato che il celeber- ba schierarsi oppure no. Coe ha rotto de- punta di penna, con una prosa leggera ri- Oggero
rimo sense of humour dei bri- cisamente gli indugi con Middle En- vela il peso che la politica esercita su tutti Pagine: 243
tannici, a lungo andare, si è gland, cogliendo la rabbia pronta ad e- noi, volenti o nolenti, raccontando le vite Prezzo: 18,50 e
rivelato un’arma a doppio ta- splodere, puntando l’attenzione “sul cli- di questi personaggi a noi già familiari, Editore:
glio. A furia di sogghignare su tutto, han- ma di isteria che ha contagiato il popolo seguendoli nell’arco di otto anni – dalla Mondadori
no permesso a Boris Johnson di decide- britannico”. Anziché pontificare, l’auto- primavera del 2010 sino all’estate del
re le sorti del loro destino. Una catastro- re de La casa del sonnoeLa famiglia Win- 2018 – cogliendone la trasformazione,
fe politica da cui ha tratto ispirazione shaw–una satira pungente sull’era That- fotografando la storia dell’Inghilterra o-
per ambientare il suo nuovo romanzo, cher –, lascia spazio ai suoi personaggi: dierna, fatta di nostalgia e delusione, in- ve a Roma e invade i suoi pensieri not-
Middle England–pubblicato da Penguin mette in scena le tensioni di Ian e Sophie, trisa di rabbia per i bei tempi andati, me- turni. La vita è un cicles, cioè un che-
– che possiamo considerare a tutti gli ef- freschi sposini in disaccordo su tutto, do- scolando la fiction con i discorsi di Oba- wing-gum, è il nuovo giallo di Margherita
fetti, il primo, ambizioso romanzo della na voce all’ipocrisia Doug, che parla di ma e i tweetdi Robert Harris. Forse il mo- Oggero, ex insegnante dall’ironia crudele
Brexit, il canto del cigno dell’impero bri- austerity dalla sua residenza nel quartie- mento più intenso è un confronto fra e fulminante. Talvolta amaramente rea-
tannico (in Italia uscirà il 15 novembre re di Chelsea, immerso fra quegli agi e Benjamin e suo padre che lamenta la per- lista, come quando descrive la differenza
per Feltrinelli e l’autore sarà ospite a dita della grandezza nazionale. È il 2016, abissale tra omicidi “di basso profilo” e
BookCity Milano lo stesso giorno, rice- si trovano vicino all’ex area industriale di delitti che invece diventano casi media-
vendo il Sigillo cittadino). Con dodici ro-
manzi alle spalle, Coe riparte dai perso- Coe trasferisce Birmingham, quando l’anziano padre af-
ferma: “il resto del mondo sta ridendo di
tici, con tanto di “giornaliste tuttologhe
possibilmente bionde e di coscia lunga”.A
naggi de La Banda dei Brocchi (pubbli- noi”e poi prega il figlio di permettergli di mano a mano che si procede nelle inda-
cato nel 2001) calandoli in un contesto
post-referendum in cui sono tutti in di-
i personaggi de “La votare via posta. E ovviamente lui vuole
votare Leave. Lasciare la UE per tornare
gini, la trama si arricchisce di personaggi
che legano la periferia torinese al centro
saccordo e il clima generale si è fatto de-
cisamente più greve. banda dei brocchi” grandi. Se La Banda dei Brocchi è stato il
romanzo degli anni ’70 e Circolo Chiuso
della città, come l’affascinante e misterio-
sa Gilda che fa innamorare Massimo. A
quello del New Labour, Middle England prevalere, sullo sfondo, l’insofferenza
JONATHAN COE muove il suo sguardo
fra le rivolte nella City e la periferia po-
nell’Inghilterra è il primo grande romanzo della Brexit. E
in attesa che giunga fra le mani dei lettori
per una società dalla lingua ormai povera
e sgrammaticata, senza congiuntivi.
stindustriale di Birmingham, con la con-
vinzione che proprio nelle aree subur- della Brexit italiani, è lecito chiedersi: gli scrittori i-
taliani avranno voglia di schierarsi po-
© RIPRODUZIONE RISERVATA

bane si debba cercare il vero polso della liticamente e raccontare il nostro tempo
nazione. Un ragionamento azzeccato oppure no?
(soprattutto all’analisi del voto sulla Bre- © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASTRONCATURA
SEGNALAZIONI » Andiamo a vedere
il giorno
Sara Rattaro
Tutte le famiglie felici si
somigliano, eccetera, ma
chissà perché di loro mai
nessuno ne scrive. Anche il
» Crooner » Giustizia » La misura » Club ménage di Alice – l’ultima
Kazuo Ishiguro divina dell’uomo confidential protagonista di Sara Rattaro – mezzo, una serie di massime
Einaudi Emanuela Provera Marco Malvaldi Lele Sacchi è pessimo: un padre scappato sulla vita, cui si tenta di dare
Una chicca e Federico Trulli Giunti Utet anzitempo, un marito legittimità con l’aritmetica,
“musicale” Chiarelettere Il genio di La vita e la gioia scappato anzitempo, una tal tipo: “Il tradimento è come
illustrata da Un’inchiesta sui Leonardo in un (fuori dalla disco) Camilla scappata anzitempo, una formula matematica”.
Bianca Bagnarelli preti “peccatori” thriller storico scritte da un dj ma lei, poverina (anzi, no: è Diamo i numeri?
,,,,, ,,,,, ,,,,, ,,,,, l’amante), perché morta. In (Camilla Tagliabue)
Venerdì 9 Novembre 2018 | IL FATTO QUOTIDIANO | » 23

ARTE

SEGNALAZIONI ILFUMETTO

Più che la blasfemia


quello che desta
scandalo ormai
è solo la banalità
» Paolo Pellegrin
Un’antologia » STEFANO FELTRI
Fino al 10.3. Maxxi, Roma

L
Più di 150 immagini – dal a satira sulla religione, almeno in
1998 al 2017 – del grande Occidente, ha smesso di indi-
fotoreporter che raccontano gnare o far ridere ai tempi di Pep-
uomini, guerre e emergenze pone e don Camillo. Viviamo in una so-

Pollock & C.
cietà così secolarizzata se non ci fosse
Rai1 con le fiction sulle vite dei santi o
qualche rigurgito di religiosità popo-
lare intorno a padre Pio e al Papa, il
grosso degli italiani non saprebbe
neanche spiegare cosa si festeggia il

Generazione
giorno di Pasqua. Il fumetto di Stefano
Antonucci, Daniele Fabbri e Maurizio
Boscarol – Il timido Anticristo (Feltri-
nelli) – risulta quindi completamente
incomprensibile e fuori tempo. Chissà
» Aztechi, Maya, Inca

di “irascibili”
se esiste qualcuno che si può ancora
e le culture dell’antica immedesimare nel protagonista, che
America pare lo stereotipo del ragazzo da ora-
Dall’11.11 al 28.4. Mic, Faenza torio immaginato da qualcuno che in
Una mostra “controcorrente”, una parrocchia non ha mai messo pie-
che presenta una visione de. Dovrebbe far ridere la scenetta di
dell’America precolombiana Dio che racconta ai genitori i peccati di
immaginazione dell’adolescente vitti-
ma dei suoi ormoni? E davvero negli
anni Ottanta c’erano famiglie in cui ap-

» ANGELO MOLICA FRANCO ne di una mostra sull’a rt e Insieme a lui i corpulenti » Il timido

S
contemporanea. tratti neri quasi labirintici di Anticristo
fortunata è ogni Tali pittori, riuniti attor- Mahoning (1956) e Composi- Antonucci &
generazione che no alla Scuola di New York – tion (1955) di Franz Kline; il Fabbri e Boscarol
diventa adulta do- che in realtà comprendeva gesto pittorico violento con Pagine: 128
po una guerra. La al suo interno anche poeti e cui Willem de Kooning de- Prezzo:16 e
scrittrice Gertru- musicisti sperimentali co- forma la realtà in Door to the Editore: Feltrinelli
» Auto che Passione! de Stein, vedendone cresce- me Franck O’Hara e John river (1960); e poi la pienezza Comics
Fino al 27.1. m.a.x. museo, re una subito dopo il Primo Cage – guardano all’astratto inquietante e ipnotica delle
Chiasso conflitto mondiale, la definì come il punto di mira del larghe campiture di colore di
In mostra l’evoluzione dello “perduta”, stando almeno a nuovo tempo. L’importante Mark Rothko che annichili-
stile nella storia dell’auto, quanto racconta in Festa mo- mostra romana “Pollock e la scono la realtà in Untitiled
attraverso le grafiche bileHemingway, che di quel- Scuola di New York” (fino al (Blue, Yellow, Green on Red)
pubblicitarie e il design la generazione in lotta con il 24 febbraio all’Ala Brasini (1954) e in Number 4. Unti-
romanzo ottocentesco fa del Vittoriano, a cura di Da- tled (1953).
parte insieme a Steinbeck e vid Breslin e Carrie Springer Completano questo pre-
Fitzgerald, tra gli altri. U- con Luca Beatrice) prova a stito di uno dei nuclei più pre-
gualmente, dopo la Seconda restituire il fervore di quella ziosi della collezione del
Guerra mondiale, una stirpe rivoluzione. Ad accoglierci, Whitney Museum di New
di giovani pittori americani l’action painting di Pollock: York, Arshile Gorky, in bilico
(d’origine o d’adozi one) Number 17 (1950), una festa tra pittura astratta e Surrea-
vuole chiudere con il passato di fuochi d’ar- l i s m o , R i c h a r d P o u s e t-
e con la tradizione europea, » Pollock e la scuola tificio di colo- te-Dart che in The Magnifi-
allontanarsi dal realismo e di New York re gocciolano cient (1951) sperimenta me-
» Max Beckmann dalla figurazione. Vittoriano, Roma su sfondo ne- scolate di colori e segni gra-
Fino al 27.1. Museo d’arte, Fino al 24 febbraio ro, e ancora il fici primitivisti; e ancora
Mendrisio NON A CASO, allora, vengo- popolarissimo William Baziotes, Robert pendere un poster di Michael Jackson
Antologica con 30 dipinti, 17 no definiti “Gli irascibili” in Number 27 Motherwell, Clyfford Still, veniva considerato blasfemo? Ciò che
acquerelli, 80 grafiche e 2 un celebre scatto di Nina (1950), la tela lunga tre metri Helen Frankenthaler e Bra- scandalizza in questo fumetto non è il
sculture. A cura di Siegfried Leen del 1950, quando pro- di Pollock, iconica per l’e- dley Walker Tomlin che, di tema trattato o lo humour da Vernaco-
Gohr, tra i massimi studiosi testano contro il direttore quilibrio magnetico fra le tutti, è il precursore sin dai liere, quanto la superficialità. Ma da un
del Metropolitan Museum pennellate di nero, l’impa- primi anni 40 del neonato E- paio di indizi si capisce lo scopo di que-
of Art, che rifiuta di consi- sto dei colori più chiari e spressionismo astratto. sto graphic novel altrimenti inclassi-
a cura di CLA. COL. derarne i lavori in occasio- l’armonia delle forme. © RIPRODUZIONE RISERVATA ficabile: Antonucci e Fabbri hanno fat-
to una serie su Mussolini redivivo (i-
dea non originalissima) che ha ottenu-
LIBROBAMBINI Il giornalista Luca Attanasio racconta l’inferno dei minori non accompagnati to il lancio migliore e forse l’unico cui
poteva aspirare: la reazione di Casa-
Pound. E così, come precisa una postil-
KEITA E GLI ALTRI: I
MIGRANTI minorenni che decide, dopo il bombardamento sano il confine con la Guinea. la finale, Il timido Anticristo dovrebbe
partono dai loro paesi d’origi- che uccide i suoi genitori, di Vengono portati dalle guardie a essere parte di una battaglia contro le
ne per arrivare in Europa rap- scappare in Europa. È novembre Nzérékorè, dove Keita e la sua leggi che puniscono la blasfemia, vedi
I RAGAZZI presentano una parte del tema
immigrazione che non tutti co-
e lui ha solo 13 anni quando inizia
il suo viaggio infernale. Parte in-
nuova famiglia rimangono per
quattro mesi, guadagnando
mai che il Vaticano metta all’indice il
fumetto e così lo faccia vendere... Gli

AFRICANI noscono. Se ne occupa Luca At-


tanasio nel libro “Il bagaglio”(Al-
beggi edizioni), nel quale il gior-
sieme ad altri migranti: tra loro la
solidarietà e il senso di famiglia si
formano subito. Keita viene “ac-
qualcosa da piccoli lavori. L’8
febbraio, il giorno del suo com-
pleanno, lascia gli altri per anda-
atei militanti sono rimasti gli ultimi a
prendere la religione sul serio in un’e-
poca oscurantista che avrebbe biso-
IN CERCA DI PACE nalista racconta cosa succede a
questi ragazzi durante i loro viag-
colto” da una donna con un figlio
poco più grande di lui. Lei li aiuta
re a Bamako, in Mali. Al confine
tra il Mali e l’Algeria incontra Su-
gno di laicità intellettuale, non di nuo-
ve crociate, sia pure contro Dio.
gi e anche dopo il loro arrivo in I- » Il bagaglio entrambi e la sera apparecchia maila, un ragazzo di 18 anni. Sono © RIPRODUZIONE RISERVATA
talia. Ci sono anche le statistiche Luca Attanasio per tre. Keita si sente molto storie che tutti gli italiani dovreb-
» FLAVIA C, 12 ANNI che mostrano le condizioni dei Pagine: 270 gioioso, gli andrebbe di piangere, bero conoscere, per imparare ad
paesi da cui fuggono. Prezzo: 15 e ma si trattiene e inizia a parlare. accettare chi ha la pelle diversa.
Keita vive in Costa D’Avorio, ma Editore: Albeggi All’una del giorno dopo attraver- © RIPRODUZIONE RISERVATA
24 » ULTIMA PAGINA | IL FATTO QUOTIDIANO | Venerdì 9 Novembre 2018

Dalla Prima
I
palinsesti del martedì sera illumi- IL PEGGIO DELLA DIRETTA messo che un servizio pubblico ne e Borsellino; dall’altra il mez-
nano a meraviglia il rapporto del dovrebbe fare l’esatto contra- zobusto Rai finalmente a figura
» MARCO TRAVAGLIO servizio pubblico con la storia. Su rio, Maxi è un tentativo riuscito intera che prende appunti, fu-
Rai1 va in onda il fumeggiato sui Me- Rai-Freud, scissa a metà, esito forse inevitabile ma come un turco. beve un caffè

Q uella che imponeva alla po-


lizia giudiziaria di violare il
segreto delle indagini per infor-
dici e Lorenzo il Magnifico, dove l'u-
nica cosa vagamente vera sono i titoli
di coda; mentre su Rai Storia è arri-
tra fotoromanzo
per un esperimento che assembla le
immagini originali del processo a Co-
sa Nostra con la narrazione di un im-
dietro l’altro e passeggia con aria sof-
ferta sotto il cielo di Palermo come
fosse il tenente Sheridan. Capiamo
marne in tempo reale i diretti
superiori, cioè i vertici di Poli-
vata Maxi, il grande processo alla ma-
fia, docufiction che ricostruisce una dei Medici e maginario cronista televisivo (ormai
lo storytelling è diventato un obbligo
l’ansia di riscatto (anche noi giorna-
listi Rai sappiamo cos’è una notizia),
zia, Carabinieri e Guardia di Fi-
nanza, dipendenti ai ministri
delle pagine più drammatiche del no-
stro passato recente. Come dire: la ri- storia della mafia mediamente al limite, come il porto
d’armi di Verdone). Da una parte si ri-
tuttavia il confronto tra archivio e ri-
costruzione è inevitabilmente impa-
dell’Interno, della Difesa e delle flessione sul presente riservata a po- vedono Michele Greco, Tommaso ri. Ma se l’alternativa è Lorenzo il Ma-
Finanze. Il Fatto, insieme a ma- chi eletti, per la gran massa il Rina- Buscetta, Pippo Calò e Totuccio Con- gnifico che fa concorrenza a Ridge di
gistrati come Spataro e Scarpi- scimento formato fotoromanzo. Pre- » NANNI DELBECCHI torno sfilare davanti al Pool di Falco- Beautiful, viva il tenente Sheridan.
nato, l’aveva denunciata per
tempo (Panebianco no). Ora è
calata la mannaia della Consul-
ta: legge incostituzionale per-
ché lede le prerogative del pm,
cui la polizia giudiziaria deve ri-
spondere in esclusiva, senza in-
terferenze governative. Dun-
que viene cancellata, anche se in
questi due anni ha già fatto dan-
ni all’inchiesta Consip e a chissà
quante altre (lo scopriremo solo
vivendo). E Panebianco e la sua
barba? Zitti e mosca. Eppure
negli ultimi 15 anni le leggi in-
costituzionali, regolarmente
firmate da Napolitano e Matta-
rella senza fare un plissé (l’u-
sanza di inviare letterine mal-
mostose ai premier è un’i m-
provvisa novità per il governo
Conte), non erano un’eccezio-
ne: ma un’abitudine. Trala-
sciando, per motivi di spazio,
quelle di B., ricordiamo quelle
del Pd e dei suoi alleati che oggi
riscoprono quell’Ufo chiamato
Costituzione per pura tattica
politica. A fine settembre la
Consulta ha raso al suolo un ca-
posaldo del Jobs Act, orgoglio e
vanto del renzismo: cioè la ra-
pina “che determina in modo ri-
gido l’indennità spettante al la-
voratore ingiustificatamente li-
cenziato”. Sempre a tutela dei
lavoratori calpestati dal pre-
sunto governo di “sinistra”, ad
aprile la Consulta ha bocciato le
modifiche al Codice civile, che
impedivano al magistrato di
compensare le spese di giudizio
tra le parti, esponendo i dipen-
denti costretti a denunciare le
aziende per rivendicare i propri
diritti al rischio di perdere la
causa e dover pure pagare le
spese alla controparte.
Incostituzionali anche il
progetto di costituire enti unici
regionali per il diritto allo stu-
dio e il raddoppio surrettizio
della durata di una manovra di
finanza pubblica a carico delle
Regioni a Statuto ordinario
(norme contenute nella mano-
vra Gentiloni del 2017). A gen-
naio la Corte aveva travolto il
decreto salva-Ilva, sempre tar-
gato Renzi, che consentiva allo
stabilimento sequestrato dai
giudici di continuare a operare
e a inquinare come se nulla fos-
se, con buona pace dell’incolu-
mità e della salute dei lavorato-
ri e dei cittadini di Taranto. Nel
2017 aveva polverizzato l’Itali-
cum, la legge elettorale incosti-
tuzionale che sostituiva quella
incostituzionale di B. e Calde-
roli, detta anche Porcellum
(presto sapremo qualcosa del
Rosatellum). E nel 2016 aveva
semidistrutto la presunta rifor-
ma Madia, che calpestava l’au-
tonomia delle Regioni, e mas-
sacrato la cosiddetta Buona
Scuola (incostituzionali i due
punti riguardanti l’edilizia sco-
lastica e gli asili). Un’ecatombe.
E Panebianco sempre zitto. La
sua ultima filippica sul Corriere
si chiudeva così: “In Italia, di-
ceva Giovanni Giolitti, le leggi
si applicano ai nemici e si inter-
pretano per gli amici. Vale an-
che per la Costituzione”. Giu-
sto: e vale anche per le leggi in-
costituzionali dei suoi benia-
mini. Forza, prof, non ci deluda:
siamo qui tutt’orecchi (e niente
barba).