Sei sulla pagina 1di 2

.

La ricetta di base per la preparazione dell'impasto della pizza prevede l'utilizzo


di: 1 kg di farina 00 (o anche metà di tipo 00 e metà manitoba o di tipo 0), 600 ml
di acqua tiepida, 50 ml di olio extravergine di oliva, 25 gr di lievito di birra
fresco, 8 gr di sale e 1 cucchiaino di malto d'orzo (o zucchero).

Come lavorare l'impasto: La lavorazione dell'impasto è il primo punto


saliente della preparazione delle pizza napoletana. L'impasto deve infatti essere
lavorato energicamente, se si hanno dubbi sull'efficienza della lavorazione a
mano è preferibile ricorrere all'utilizzo di una impastatrice o planetaria. A fine
lavorazione si deve ottenere un panetto liscio ed elastico, se risulta troppo duro
vuol dire che la farina ha assorbito troppo ed occorre aggiungere un po' di acqua,
se dovesse essere poco elastico occorre aggiungere un po' d'olio, se invece è
troppo appiccicoso è il caso di aggiungere un po' di farina.
Se aggiungete altri ingredienti, procedete con cautela, per evitare di esagerare e
ritrovarvi nel problema opposto.

La lievitazione: Altra fase importantissima è quella della lievitazione: una


volta pronto l'impasto sistematelo in una ciotola di vetro unta e copritelo con un
canovaccio umido (per evitare che si secchi in superficie). L'impasto deve
lievitare al riparo da correnti, in un luogo caldo, ma non troppo, per un tempo
totale di circa 4-5 ore, o fin quando il volume dell'impasto non sarà raddoppiato.
Al termine di questa prima lievitazione riprendete l'impasto, trasferitelo su una
spianatoia infarinata e dividetelo in quattro pagnotte, copritele con un
canovaccio e lasciatele lievitare nuovamente per una mezz'oretta a temperatura
ambiente.

Come cuocere la pizza napoletana: Per una perfetta pizza napoletana


occorrerebbe avere un forno a legna, ben riscaldato, a disposizione per la
cottura della pizza. Ma se non potete beneficiare di una cottura tradizionale come
questa, potrete tranquillamente cuocere la vostra pizza nel forno elettrico di
casa, avendo cura di portarlo al massimo della temperatura, infornando così la
pizza per pochi minuti alla massima temperatura. In realtà la pizza dovrebbe
cuocere una decina di minuti, con una temperatura altissima. Volendo, per
migliorare l'efficienza del vostro forno, potrete utilizzare anche una pietra
refrattaria.
Considerate che la vera pizza napoletana viene cotta nel forno a legna ad una
temperatura di 485 °C per circa 90 secondi!

Settore primario: Il settore primario é quello que lavora tutte le cose come
l’agricoltura, la pesca... . Molti ingredienti che dovrebbero essere aggiunti alla
ricetta provengono da piante, come il grano, pomodoro, origano ... ed è per questo
che la pizza lavora con questo settore.

Settore secondario: il settore secondario elabora i prodotti prodotti dal settore


primario e li prende in vendita. Pertanto, in questo caso di pizza, sono fatti
nell'industria alimentare, che produce la pizza.

Settore terziario: Il settore terziario rende il prodotto - la pizza - da esportare


e vendere.