Sei sulla pagina 1di 26

Normativa e disposizioni sullaccessibilit dei siti Web

Ei-Book EIPASS Web M1del


rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 2 di 26 Pagina 2 di 26


Disclaimer

Certipass ha redatto il presente Programma dEsame in base agli standard vigenti in materia di
Information Technology e/o Office Automation. Il presente documento riporta le informazioni
riguardanti il programma di Certificazione Informatica EIPASS. Certipass, pertanto, non si assume
alcuna responsabilit derivante dallapplicazione in ambito diverso dal suddetto Programma, ne da
informazioni elaborate da terzi in base allo stesso.

Nel rispetto delle indicazioni comunitarie in ordine ai criteri di riconoscimento e validazione delle
competenze digitali di base a carattere Front Office, Certipass dichiara la propria indipendenza e
neutralit rispetto ai Vendor e produttori di risorse hardware e software; purtuttavia, per obiettive
esigenze legate al carattere di ampia diffusione rivestito da alcuni ambienti operativi, possibile che,
allinterno dei test desame, al Candidato vengano proposte domande e simulazioni riconducibili a
questi ultimi. Si ribadisce il valore esemplificativo di tali riferimenti.

Premessa

Questa pubblicazione, riservata ai Candidati agli esami per il conseguimento del titolo EIPASS nel
profilo di riferimento, intende essere un supporto al superamento dei test previsti allinterno di
ciascun modulo desame, ma anche unoccasione di analisi e approfondimento dei contenuti oggetto
di verifica in sede desame.

Per ciascun argomento sono trattati i temi su cui il Candidato dovr confrontarsi nellambito dei vari
moduli, in relazione sia agli ambiti concettuali di riferimento, sia alle specifiche prestazioni richieste
a convalida delle competenze acquisite o possedute. La presenza in appendice del Programma
Analitico dEsame consente dal canto suo al Candidato il costante controllo della propria
preparazione in vista della convalida finale.

Il documento, per la sua impostazione, rappresenta quindi un utile ed efficace riferimento sia per il
Candidato che intendesse sviluppare in forma autonoma, i requisiti utili al superamento ai previsti
esami, sia per quanti necessitino di adeguate linee guida per la corretta impostazione di un percorso
di formazione funzionale al conseguimento della certificazione EIPASS.

Unitamente alle previste simulazioni, il presente lavoro rappresenta la modalit pi efficace per
sostenere la preparazione di quanti hanno inteso accordare la preferenza ai nostri profili di
certificazione, testimoniando in tal senso lapprezzamento per il costante lavoro del nostro CTS a
sostegno della Mission di Certipass nel settore dello sviluppo e del consolidamento delle competenze
digitali nei vari contesti produttivi e di studio, esortandoci in tal modo a proseguire sulla strada
intrapresa.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 3 di 26 Pagina 3 di 26

Presentazione

Nel quadro delle competenze digitali, annoverate dalla Raccomandazione del Parlamento Europeo e
del Consiglio del 18 febbraio 2006 fra le cosiddette competenze chiave in grado di garantire il
corretto approccio con le diverse forme di apprendimento (formale, non formale e informale),
particolare importanza rivestono le competenze a carattere Front Office: quelle, per intenderci,
che consentono unefficace interazione fra lUtente e il Computer nei diversi contesti produttivi e
cognitivi. Tali competenze, peraltro, sono rintracciabili e definite come fondanti, fatte salve le
contestualizzazioni delle stesse nei diversi settori dimpiego, rispetto alle possibilit di interazione e
comunicazione proprie delle differenti funzioni affidate: un Docente, per citare un esempio, far del
computer un uso ben diverso rispetto ad un bancario o una segretaria aziendale.

In tale prospettiva, il presente Programma stato elaborato e strutturato in modo da garantire al


Candidato ampia coerenza con le prestazioni richieste dai diversi ruoli che possono caratterizzare il
contesto in cui si chiamati ad operare; altres, garantita allIstituzione che richiede lattestazione
di tali competenze la puntuale attenzione a prestazioni informatiche efficienti ed efficaci, non
disgiunte da una conoscenza teorico-disciplinare legata al mondo dei Computer.

Coerentemente con le indicazioni espresse in materia di certificazioni ICT dagli organi legislativi
nazionali, il Programma rispecchia appieno i criteri di interoperabilit e neutralit richiesti dalla PA
nellintento di garantirne la piena fruibilit; altres, esso caratterizzato da procedure tali da
assicurarne la trasparenza e lobiettivit, oltre a fornire, attraverso i cosiddetti testing di
competenza, indicazioni univoche e verificabili circa i criteri di verifica delle competenze sollecitate,
senza lasciare adito a interpretazioni diverse.

Tali caratteristiche permeano tutti i Programmi elaborati da Certipass per i propri profili di
certificazione: esse costituiscono per lInterlocutore Istituzionale lo strumento pi efficace ai fini
della valutazione del percorso proposto e la sua possibile adozione.

Il Comitato Tecnico Scientifico


Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 4 di 26 Pagina 4 di 26

Copyright

Tutti i diritti sono riservati a norma di legge e in osservanza delle convenzioni internazionali.

Nessuna parte di questo Ei-Book pu essere riprodotta con sistemi elettronici, meccanici o altri,
senza lautorizzazione scritta da Certipass.

Nomi e marchi citati nel testo sono depositati o registrati dalle rispettive case produttrici.

Certipass si riserva di effettuare ogni modifica o correzione che a propria discrezione riterr sia
necessaria, in qualsiasi momento e senza dovere nessuna notifica.

Certipass ha predisposto questo documento per lapprofondimento delle materie relative alla cultura
dellITC e al migliore utilizzo del personal computer; data la complessit e la vastit dellargomento,
peraltro, come editore, Certipass non fornisce garanzie riguardo la completezza delle informazioni
contenute; non potr, inoltre, essere considerata responsabile per eventuali errori, omissioni,
perdite o danni eventualmente arrecati a causa di tali informazioni, ovvero istruzioni ovvero consigli
contenuti nella pubblicazione.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 5 di 26 Pagina 5 di 26


INDICE
Introduzione ....................................................................................................................................... 6
I contenuti del modulo .................................................................................................................................. 6
Definizioni ..................................................................................................................................................... 6
Accessibilit e quadro normativo ................................................................................................................ 7
Standard internazionali e normativa italiana .................................................................................... 8
Introduzione .................................................................................................................................................. 8
Standard internazionali: Il W3C, la WAI e le WCAG 2.0 (Web Content Accessibility Guidelines, version
2.0) ................................................................................................................................................................ 8
Linee guida (WCAG 1.0 e 2.0) ........................................................................................................... 9
Linee guida WCAG 1.0 .................................................................................................................................. 9
Priorit e Livelli di conformit ................................................................................................................... 11
Linee guida WCAG 2.0 ............................................................................................................................... 13
Struttura delle WCAG 2.0 .......................................................................................................................... 14
Documenti di supporto alle WCAG 2.0 ...................................................................................................... 14
Principi WCAG 2.0 e Linee guida..................................................................................................... 17
Principi ........................................................................................................................................................ 17
Linee guida .................................................................................................................................................. 17
Criteri di successo delle WCAG 2.0 .......................................................................................................... 19
Conformit alle linee guida ........................................................................................................................ 19
Verifica dell'accessibilit ............................................................................................................................ 20
Strumenti di authoring ............................................................................................................................... 20
Normativa negli Stati Uniti ............................................................................................................... 21
Introduzione ................................................................................................................................................ 21
Normativa italiana: la Legge 9 gennaio 2004, n.4 (Legge Stanca) ............................................... 22
La normativa di riferimento e le raccomandazioni del W3C ..................................................................... 22
La legge Stanca .......................................................................................................................................... 22
Legge 04/2004: Regolamento attuativo ................................................................................................... 23
Decreto Ministeriale 8 Luglio 2005 Requisiti tecnici e diversi livelli di accessibilit agli strumenti
informatici ................................................................................................................................................... 23
Aggiornamento requisiti Legge Stanca .......................................................................................... 24
Introduzione ................................................................................................................................................ 24
Allegato A ................................................................................................................................................... 26
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 6 di 26 Pagina 6 di 26


Introduzione

I contenuti del In questo modulo si espone il concetto di accessibilit dei siti Web, tema di elevato impatto
modulo sociale in un momento storico ed economico nel quale le tecnologie dell'informazione e della
comunicazione (TIC) rappresentano una delle leve fondamentali per lo sviluppo sociale.

Le TIC hanno assunto un ruolo sempre pi pervasivo per le persone e la loro utilizzazione attiva
comporta un miglioramento delle prospettive di lavoro, delle possibilit di informazione e dei
rapporti sociali del singolo. Sono determinanti anche in ambiti come i servizi sociali, le cure
sanitarie, listruzione, oltre a determinare nuove opportunit commerciali e un incremento della
produttivit.

In una realt cos caratterizzata, lesclusione di alcune categorie pi deboli, come disabili e
anziani, assume laspetto di una discriminazione non accettabile da una societ civile. Senza
adeguati interventi, mirati a promuovere linclusione di questi gruppi, si accentuerebbe
ulteriormente la loro esclusione dalla vita sociale, economica e culturale.

Linsieme delle azioni che mirano a realizzare una societ dellinformazione inclusiva (cio per
tutti), con abbattimento delle barriere che ostacolano l'integrazione di alcune categorie, noto
come e-inclusione. Tali azioni garantiscono, a chiunque lo desideri, di partecipare al patrimonio
tecnologico, culturale e socio-economico della societ moderna, anche nel caso in cui la persona
si trovi in una situazione di svantaggio personale, diventando garanzia di equit nella societ
economica, dellinformazione e della conoscenza.

Questaspetto divenuto uno degli obiettivi principali della Commissione Europea e di tutti i paesi
ad essa appartenenti, tanto che le direttive emanate dalla UE e le indicazioni fornite dal World
Wide Web Consortium (W3C) costituiscono, per i governi dei vari paesi, gli strumenti giuridici per
garantire i diritti di accessibilit a tutti i cittadini in modo uniforme, anche in riferimento alle
tecnologie dellinformazione.

Segue una descrizione del panorama degli standard internazionali e della normativa italiana che
regolano laccessibilit dei siti Web, una indicazione delle modalit di attuazione e dei diversi
livelli di accessibilit.

Definizioni In base alla Legge 9 gennaio 2004, n. 4 (c.d. Legge Stanca), recante Disposizioni per favorire
l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici, e che ha introdotto lobbligo per le
pubbliche amministrazioni di dotarsi di siti web accessibili, si consideri la seguente definizione:

Accessibilit: la capacit dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle
conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni,
anche da parte di coloro che a causa di disabilit necessitano di tecnologie assistive o
configurazioni particolari.

Pagina Web: per lo standard WCAG 2.0, il termine "pagina Web" si riferisce a pagine Web
sempre pi dinamiche presenti nel Web, incluse le "pagine" che rappresentano intere comunit
virtuali interattive.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 7 di 26 Pagina 7 di 26


Determinato programmaticamente. Alcuni criteri di successo richiedono che il contenuto (o
determinati aspetti del contenuto) possano essere "determinati programmaticamente." Questa
espressione significa che il contenuto espresso in modo tale che i programmi utente, incluse le
tecnologie assistive, possono estrarre tali informazioni per fornirle agli utenti in modalit diverse.

Compatibile con l'accessibilit. Utilizzare una tecnologia in modo "compatibile con l'accessibilit"
significa che questa funziona con le tecnologie assistive (AT) e con le caratteristiche di
accessibilit previste da sistemi operativi, browser e altri programmi utente.

Ci si pu appoggiare alle funzionalit della tecnologia in modo conforme ai criteri di successo


delle WCAG 2.0 solo se queste vengono utilizzate in modo compatibile con l'accessibilit.

Le funzionalit della tecnologia possono essere utilizzate in modo non compatibile (ovvero,
possono non funzionare con le tecnologie assistive, ecc.) fino a quando non entrano in contatto
con la necessit di essere conformi a un qualsiasi criterio di successo (per esempio, quando la
stessa informazione o funzionalit disponibile anche in un altro modo accessibile).

Accessibilit e Un ambiente tecnologico accessibile fondamentale per una societ che ha come cardine la
quadro parit dei diritti e che vuole garantire ai cittadini una vita autonoma e attiva per laspetto socio-
normativo economico. Per garantire a ciascuno il godimento dei propri diritti, necessario intraprendere
azioni strategiche che consentano allindividuo di accedere agli strumenti e alle tecnologie
disponibili, anche in presenza di deficit personali.

Laccessibilit consente alle persone di affacciarsi sul mondo, ossia ricevere unistruzione e
una formazione, avere pi opportunit di lavoro, oltre a una partecipazione attiva e a una
maggiore integrazione nei vari contesti sociali, culturali ed economici.

Per limportanza del suo impatto sociale, necessario che i governi siano supportati da un
quadro normativo di riferimento che garantisca laccessibilit per tutti. Tale esigenza implica un
coinvolgimento politico di molti attori, la definizione di un quadro legislativo e la disponibilit di
un sostegno finanziario, con limpegno delle autorit pubbliche e del settore privato.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 8 di 26 Pagina 8 di 26


Standard internazionali e normativa italiana

Introduzione In questo paragrafo si presenta il panorama internazionale in tema di standard per laccessibilit,
con riferimento allattivit realizzata dalle istituzioni europee e dagli Stati membri dell'Unione
mediante l'applicazione delle linee guida dell'iniziativa WAI (Web Accessibility Initiative) ai siti
Internet delle pubbliche amministrazioni.

Standard Liniziativa WAI uno dei cinque settori del Consorzio Mondiale del Web (World Wide Web
internazionali: Il Consortium o W3C) e ha elaborato un elenco di linee guida in unione con il mondo dell'industria,
W3C, la WAI e le della ricerca, delle pubbliche autorit e delle associazioni di disabili.
WCAG 2.0 (Web
Content Le linee guida sull'accessibilit della Rete o semplicemente linee guida, la cui esatta
Accessibility denominazione Consorzio Mondiale del Web/Web Accessibility Initiative (W3C/WAI), Web
Guidelines, Content Accessibility Guidelines, version 2.0 (WCAG 2.0) (o WAI/W3C WCAG 2.0), sono
version 2.0) riconosciute come la norma mondiale de facto per la progettazione di siti Web accessibili e
devono essere distinte dalle altre linee guida elaborate anche dalla WAI, come le Authoring Tool
Accessibility Guidelines (ATAG) e le User Agent Accessibility Guidelines.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 9 di 26 Pagina 9 di 26


Linee guida (WCAG 1.0 e 2.0)

Linee guida Uno degli obiettivi principali della Commissione europea l'abbattimento delle barriere che
WCAG 1.0 ostacolano l'integrazione delle categorie pi deboli. Un passo fondamentale in tal senso stata
la definizione delle linee guida WCAG (1.0 e 2.0 - WAI) e le direttive della UE, che hanno
consentito ai governi dei paesi europei di realizzare e rendere disponibili alcuni strumenti
giuridici che garantiscono i diritti di accessibilit a tutti i cittadini, anche se in presenza di deficit e
in relazione alle tecnologie dellinformazione.

Le raccomandazioni WCAG 1.0 sono costituite da 14 linee guida che descrivono le modalit da
seguire per realizzare contenuti Web che siano accessibili a persone con disabilit, e sono le
seguenti:

1. Fornire alternative equivalenti per il contenuto visivo e audio.

Fornire un contenuto che, una volta presentato all' utente, svolga essenzialmente la stessa
funzione o raggiunga lo stesso scopo del contenuto visivo o acustico.

2. Non fare affidamento unicamente sul colore.

Assicurarsi che il testo e la parte grafica siano comprensibili se consultati senza il colore

3. Usare marcatori e fogli di stile e farlo in maniera appropriata.

Marcare i documenti con gli appositi elementi strutturali. Controllare la presentazione con i fogli
di stile piuttosto che con gli elementi e gli attributi di presentazione.

4. Rendere chiaro mediante il markup l'uso del linguaggio naturale.

Utilizzare marcatori che agevolino la pronuncia o l' interpretazione di testi in lingua straniera o
con abbreviazioni e acronimi.

5. Creare tabelle che si trasformino in maniera elegante.

Assicurarsi che le tabelle abbiano la marcatura necessaria per essere trasformate dai browser e
da altri user agent.

6. Garantire che le pagine che utilizzano le tecnologie pi recenti si trasformino in maniera


elegante.

Assicurarsi che le pagine rimangano accessibili anche quando le tecnologie pi recenti non sono
supportate o sono disattivate.

7. Garantire all'utente il controllo dei mutamenti di contenuto dipendenti dal tempo.

Assicurarsi che il movimento, il lampeggiare, lo scorrere e l' autoaggiornamento degli oggetti


possa essere messo in pausa o arrestato.

8. Garantire l'accessibilit diretta delle Interfacce Utente Incorporate.

Assicurarsi che l' interfaccia utente sia conforme ai principi di progettazione accessibile:
accesso alle funzionalit indipendente dal dispositivo, possibilit di operare da tastiera, comandi
vocali, etc.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 10 di 26 Pagina 10 di 26


9. Progettare per garantire l'indipendenza dal dispositivo.

Usare funzioni che permettano di attivare gli elementi della pagina mediante una variet di
dispositivi.

10. Usare soluzioni temporanee.

Usare soluzioni provvisorie per l' accessibilit, affinch le tecnologie assistive e i browser pi
vecchi possano operare correttamente.

11. Usare le tecnologie e le linee guida del W3C.

Usare le tecnologie W3C (in conformit con le specifiche) e seguire le linee guida per l'
accessibilit. Nei casi in cui non sia possibile usare una tecnologia W3C, oppure nell' utilizzarla si
ottenesse materiale che non si trasforma in maniera elegante, fornire una versione alternativa,
che sia accessibile, del contenuto.

12. Fornire informazioni di contesto e orientamento.

Fornire informazioni di contesto e orientamento per aiutare gli utenti a comprendere pagine o
elementi complessi.

13. Fornire meccanismi di navigazione chiari.

Fornire meccanismi di navigazione chiari e consistenti - informazioni di orientamento, barre di


navigazione, una mappa del sito, etc. - per aumentare la probabilit che una persona possa
trovare sul sito ci che sta cercando.

14. Garantire che i documenti siano chiari e semplici.

Garantire che i documenti siano chiari e semplici, affinch possano essere pi facilmente
comprensibili.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 11 di 26 Pagina 11 di 26


Priorit e Livelli In riferimento ai problemi relativi all'accessibilit, la tecnica proposta dal WAI si basa sulla
di conformit definizione di tre livelli di gravit e, quindi, di tre livelli di adesione alle norme, in particolare:

Priorit 1. Comprende le norme che devono essere rispettate da tutti, altrimenti alcuni gruppi
di utenti potrebbero essere impossibilitati ad accedere alle informazioni.

Lo sviluppatore di contenuti Web deve conformarsi a questo punto di controllo, altrimenti a una o
pi categorie di utenti precluso l'accesso alle informazioni presenti nel documento.

La conformit a questo punto di controllo costituisce un requisito base affinch alcune categorie
di utenti siano in grado di utilizzare documenti Web.

Priorit 2. Comprende le norme che dovrebbero essere soddisfatte, altrimenti uno o pi gruppi
di utenti potrebbero avere una difficolt di accesso ad alcune informazioni.

Lo sviluppatore di contenuti Web dovrebbe conformarsi a questo punto di controllo, altrimenti


per una o pi categorie di utenti potrebbe risultare difficile laccesso alle informazioni nel
documento.

La conformit a questo punto consente di rimuovere barriere significative per l'accesso a


documenti Web .

Priorit 3. Comprende le norme che potrebbero essere soddisfatte, con l'obiettivo di migliorare
ulteriormente l'accesso a uno o pi gruppi di utenti.

Lo sviluppatore di contenuti Web pu tenere in considerazione questo punto di controllo,


altrimenti una o pi categorie di utenti potrebbe essere in qualche modo ostacolata nell'accesso
alle informazioni presenti nel documento.

La conformit a questo punto migliora l'accesso ai documenti Web.

Il rispetto dei diversi livelli di priorit determina altrettanti livelli di conformit alle linee guida del
WCAG 1.0:

1. Livello di Conformit "A": conforme a tutti i punti di controllo di Priorit 1.


2. Livello di Conformit "Doppia-A": conforme a tutti i punti di controllo di Priorit 1
e 2.
3. Livello di Conformit "Tripla-A": conforme a tutti i punti di controllo di Priorit 1, 2
e 3.

I siti che raggiungono uno di questi livelli di conformit possono fregiarsi dei marchi:

Indicativi dei vari livelli di conformit, cio:


Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 12 di 26 Pagina 12 di 26


Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 13 di 26 Pagina 13 di 26


Linee guida Sulla base dellutilizzo delle WCAG 1.0 in questi anni e dei problemi emersi in relazione al loro
WCAG 2.0 contenuto e allobsolescenza degli strumenti e delle tecnologie informatiche, il W3C ha ritenuto
opportuno aggiornare le WCAG 1.0 in modo che esse possano risultare pi chiare
nell'applicazione pratica, anche in considerazione della diffusione e dellutilizzo di nuove
tecnologie proprietarie. La versione aggiornata nota come WCAG 2.0, acronimo di Web
Content Accessibility Guidelines, version 2.0 (o anche WAI/W3C WCAG 2.0), identificata dai
marchi seguenti:

Oppure:

Le Web Content Accessibility Guidelines(WCAG) 2.0 contengono una ampia gamma di direttive
(recommendation) mirate a rendere i contenuti del Web pi accessibili; rispettando queste linee
guida, possibile creare contenuti web pi accessibili anche alle persone affette dalle varie
disabilit, tra cui la cecit e l'ipovisione, la sordit e la perdita di udito, limitazioni cognitive e
dell'apprendimento, ridotte capacit di movimento, disabilit della parola, fotosensibilit e
combinazioni di queste, rendendo pi usabili i contenuti Web, per tutti gli utenti in generale.

importante comprendere che, bench coprano una vasta gamma di necessit, tali linee guida
non sono in grado di soddisfare le esigenze delle persone con tutti i tipi, i gradi, e le
combinazioni di disabilit. Le nuove direttive, inoltre, rendono i contenuti Web utilizzabili pi
facilmente anche da persone in et avanzata, con capacit mutevoli a causa dell'invecchiamento.

L'accessibilit di un sito Web dipende anche dall'accessibilit dei browser Web e degli altri
programmi utente, e non solo dal contenuto, pi o meno accessibile.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 14 di 26 Pagina 14 di 26


Struttura delle Gli utenti che utilizzano le WCAG sono molto diversi e con esigenze diversificate (Web designer,
WCAG 2.0 sviluppatori, legislatori, aziende, insegnanti e studenti), per tale ragione stata ideata una
strutturazione dei contenuti che comprende principi globali, linee guida generali, criteri di
successo verificabili e una ricca raccolta di tecniche sufficienti e tecniche consigliate, oltre che
documentazione sugli errori pi comuni con esempi, collegamenti a risorse e codice.

Principi Il livello superiore, comprende i quattro principi che costituiscono i pilastri


dell'accessibilit al Web: percepibile, utilizzabile, comprensibile e robusto.
Linee guida - I quattro principi consentono di definire 12 le linee guida, che forniscono
gli obiettivi di base su cui gli autori dovrebbero lavorare per rendere il contenuto pi
accessibile agli utenti con diverse disabilit.
Le linee guida non sono verificabili, ma forniscono agli autori il quadro di riferimento e
gli obiettivi generali per comprendere i criteri di successo e applicare al meglio le
tecniche.
Criteri di successo - Per ciascuna linea guida sono forniti dei criteri di successo
verificabili (per poter utilizzare le WCAG2.0), in cui i test dei requisiti di conformit sono
necessari, per esempio nelle specifiche di progettazione, acquisti, normativa e accordi
contrattuali.
Per poter soddisfare le differenti esigenze di utenti e situazioni, sono definiti tre livelli di
conformit: A (minimo), AA e AAA (massimo).
Tecniche sufficienti e consigliate - Per ciascuna linea guida e criterio di successo
previsto dalle WCAG 2.0, stata documentata una serie di tecniche (di tipo
informativo), che possono essere classificate nel modo seguente:
sufficienti per soddisfare il criterio di successo;
consigliate, cio vanno oltre ci che viene richiesto da ciascun singolo criterio di
successo e consentono agli autori di rispettare le linee guida ad un livello pi
elevato (per esempio, si rivolgono a problemi di accessibilit non coperti dai criteri
di successo verificabili).

Questi livelli di riferimento (principi, linee guida, criteri di successo, tecniche sufficienti e
consigliate) costituiscono uno strumento efficace per rendere i contenuti web pi accessibili e le
direttive invitano gli autori a conoscere ed applicare tutti i livelli che sono in grado di gestire
(incluse le tecniche consigliate), per poter affrontare al meglio le esigenze del maggior numero
possibile di utenti.

Documenti di Il documento WCAG 2.0 progettato per soddisfare le esigenze di chi ha bisogno dellausilio di
supporto alle uno standard tecnico stabile a cui poter fare riferimento, ma esistono altri documenti basati su di
WCAG 2.0 esso, detti documenti di supporto, che hanno altri obiettivi (per esempio, la possibilit di essere
aggiornati per descrivere come le WCAG possono essere applicate con nuove tecnologie). Tali
documenti sono:

1. How to Meet WCAG 2.0 (Come soddisfare le WCAG 2.0) - Un riferimento rapido
personalizzabile per le WCAG2.0 che include tutte le linee guida, criteri di successo e
tecniche per gli sviluppatori per utilizzarle durante la fase di sviluppo e di valutazione di
contenuto Web.

2. Understanding WCAG 2.0 (Comprendere le WCAG 2.0) - Una guida per


Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 15 di 26 Pagina 15 di 26


comprendere ed applicare le WCAG 2.0. Nelle WCAG2.0 disponibile un breve
documento di "Comprensione" per ogni linea guida e criterio di successo, cos come
per gli argomenti chiave.
3. Techniques for WCAG 2.0 (Tecniche per le WCAG 2.0) - Una raccolta di tecniche
ed errori comuni, ciascuno in un documento separato che include una descrizione, gli
esempi, il codice e le verifiche.
4. The WCAG 2.0 Documents (Documenti delle WCAG 2.0) - Un diagramma e la
descrizione di come i documenti tecnici sono in relazione tra di loro.

I criteri di successo per le WCAG2.0 sono proposti in forma di dichiarazioni testabili, non
specifiche della tecnologia utilizzata.

Le indicazioni riguardo il soddisfacimento del criterio di successo per specifiche tecnologie,


nonch informazioni generali sull'interpretazione del criterio stesso vengono fornite in
documenti distinti.

Per maggiori dettagli si rimanda il lettore al documento Web Content Accessibility Guidelines
(WCAG) Overview.

Come gi premesso, le WCAG 2.0 sono la versione aggiornata delle Web Content Accessibility
Guidelines 1.0 [WCAG10], pubblicate come W3C Recommendation nel maggio 1999. possibile
conformarsi alle WCAG 1.0 o alle WCAG 2.0 (o entrambe), ma il W3C raccomanda che:

i contenuti nuovi e quelli da aggiornare facciano riferimento alle WCAG 2.0


le normative e le leggi che riguardano l'accessibilit del web facciano riferimento alle
WCAG2.0.

Per le WCAG 2.0, il W3C ha definito quattro principi globali , dodici linee guida generali, dei criteri
di successo verificabili e una raccolta di tecniche sufficienti e tecniche consigliate, oltre una
documentazione sugli errori pi comuni (con esempi), collegamenti a risorse e codice:
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 16 di 26 Pagina 16 di 26


I quattro principi cardine che costituiscono le basi delle dodici linee guida sono i seguenti:

percepibile
operabile
comprensibile
robusto

Nelle WCAG 2.0 sono state eliminate le priorit per i punti di controllo, ma sono stati definiti dei
criteri di successo (o test di verifica), detti Success Criteria, articolati su tre livelli di conformit:
A (minimo), AA e AAA(massimo).
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 17 di 26 Pagina 17 di 26


Principi WCAG 2.0 e Linee guida

Principi Percepibile. Le informazioni e i componenti dellinterfaccia utente devono essere


presentati agli utenti in modo da poter essere percepiti. Questo significa che lutente,
deve essere in grado di percepire le indicazioni indipendentemente dalla propria
disabilit.
Operabile. I componenti dellinterfaccia utente devono essere navigabili ed operabili.
Questo significa che lutente deve essere in grado di interagire con i componenti
dellinterfaccia, ovvero linterfaccia non pu richiedere azioni per le quali un utente non
in grado di agire.
Comprensibile. Le informazioni ed il funzionamento dei componenti dellinterfaccia
utente devono essere comprensibili. Questo significa che gli utenti devono essere in
grado di capire le informazioni, nonch il funzionamento dellinterfaccia utente.
Robusto. Il contenuto deve essere sufficientemente robusto per essere interpretato in
modo affidabile dalla maggior parte dei programmi utente, comprese le tecnologie
assistive. Questo significa che gli utenti devono essere in grado di accedere al
contenuto anche con levoluzione delle tecnologie, ovvero il contenuto deve risultare
accessibile nel presente come nel futuro.

Linee guida In questo paragrafo si descrivono le linee guida relative ai quattro principi su esposti.

1. Percepibile

1.1 Fornire alternative testuali per qualsiasi contenuto non di testo in modo che possa
essere trasformato in altre modalit fruibili secondo le necessit degli utenti come
stampa a grandi caratteri, Braille, sintesi vocale, simboli o linguaggio pi semplice.

1.2 Fornire alternative per i media temporizzati.

1.3 Creare contenuti che possano essere rappresentati in modalit differenti (ad
esempio, con layout pi semplici), senza perdere informazioni o la struttura.

1.4 Rendere pi semplice agli utenti la visualizzazione e il sonoro dei contenuti,


separando i contenuti in primo piano dallo sfondo.

2. Operabile

2.1 Rendere disponibili tutte le funzionalit tramite tastiera.

2.2 Fornire agli utenti unadeguata disponibilit di tempo per leggere ed utilizzare i
contenuti.

2.3 Non sviluppare contenuti che possano causare attacchi epilettici.

2.4 Fornire delle funzionalit di supporto allutente per navigare, trovare contenuti e
determinare la propria posizione.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 18 di 26 Pagina 18 di 26


3. Comprensibile

3.1 Rendere il testo leggibile e comprensibile.

3.2 Creare pagine Web che appaiano e che siano prevedibili.

3.3 Aiutare gli utenti ad evitare gli errori ed agevolarli nella loro correzione.

4. Robusto

4.1 Incrementare la compatibilit con i programmi utente attuali e futuri, includendo le


tecnologie assistive.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 19 di 26 Pagina 19 di 26


Criteri di Ciascuna delle linee guida prevede dei criteri di successo che danno indicazioni specifiche sul
successo delle cosa sia necessario implementare per essere conformi ad ognuna di esse.
WCAG 2.0
I criteri di successo, ispirati ai punti di controllo (checkpoint) presenti nelle WCAG 1.0 e ad essi
molto simili, sono:

conformit: un contenuto Web pu essere conforme o meno;


verificabilit: un contenuto Web pu essere verificato in modalit automatizzata, con
il parziale o totale ausilio di un utente;
indipendenza: applicabili indipendentemente dalla tipologia di contenuto Web.

Come accadeva per le WCAG 1.0, ciascun criterio di successo contiene un livello di conformit,
ossia:

A
Doppia A
Tripla A

Sono presenti anche dei link a supporto, ovvero:

un collegamento alle tecniche sufficienti (a raggiungere la conformit al criterio di


successo) e consigliate (per incrementare laccessibilit rispetto al criterio di successo)
collegamenti alla descrizione delle motivazioni di implementazione del criterio di
successo, inclusi benefici ed esempi.

Conformit alle Un sito Web progettato nel rispetto delle linee guida contiene, allinterno delle sue pagine, la
linee guida dichiarazione di conformit.

Tale dichiarazione pu essere redatta in forma di "etichetta" ed essere apposta sulle pagine Web
per indicare il livello di conformit raggiunto.

Le linee guida specificano che

"Le dichiarazioni di conformit riferite alle linee guida WAI devono essere rese con una delle
seguenti formule:

Formula 1.

Specificare:

Il titolo delle linee guida : "Web Content Accessibility Guidelines 1.0


L'indirizzo delle linee guida URL: http://www.w3.org/TR/1999/WAI-WEBCONTENT-
19990505
Il livello di conformit raggiunto: "A", "Doppia-A", o "Tripla-A".
L'oggetto della dichiarazione (es. pagina, sito o porzione definita di sito).

Esempio.

Questa pagina conforme alle linee guida del "Web Content Accessibility Guidelines 1.0"
del Consorzio Mondiale del Web,
disponibili all'indirizzo http://www.w3.org/TR/1999/WAI-WEBCONTENT-19990505,
al livello "Doppia A".
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 20 di 26 Pagina 20 di 26


Formula 2.

Includere, su ciascuna pagina dichiarata conforme, una delle tre icone fornite dal W3C e mettere
un link dall'icona all'apposita spiegazione della dichiarazione del W3C. Informazioni sulle icone e
come inserirle nelle pagine Web sono disponibili sulle pagine intitolate "WCAG-ICONS" [12]

[12] WAI ICONS: http://www.w3.org/TR/WAI-WEBCONTENT/ - ref-WCAG-ICONS

Verifica Le caratteristiche di accessibilit dei siti Web gi esistenti devono essere verificate con lausilio
dell'accessibilit di vari strumenti software; una lista di strumenti di controllo semiautomatico dell'accessibilit di
siti Web disponibile nel sito della WAI (Web site evaluation, repair and transformation tools:
http://www.w3.org/WAI/ER/existingtools.html).

Le verifiche dell'accessibilit possono essere svolte con strumenti automatici, ma deve sempre
essere supportata dalla verifica umana, che pu facilitare la chiarezza del linguaggio e la facilit
di navigazione. Il motivo da imputare al fatto che, pur essendo rapidi e convenienti, i metodi
automatici non possono individuare tutte le questioni legate all'accessibilit.

consigliabile svolgere la verifica nelle prime fasi di progettazione, poich allinizio pi facile
correggere e/o evitare eventuali questioni di accessibilit.

Il sito Web della WAI, inoltre, sempre aggiornato con una ricca serie di strumenti di rimedio e
di trasformazione in formati accessibili (per esempio, per cambiare un testo in un formato che
sia poi leggibile da uno screen reader standard.

Strumenti di La WAI ha sviluppato linee guida anche per gli strumenti di authoring, note come Authoring Tool
authoring Accessibility Guidelines (ATAG), oltre una serie di tecniche complementari.

Gli strumenti di authoring sono ideati per la creazione automatica di siti Web accessibili e
possono assistere i progettisti a creare siti Web accessibili sin dal momento della progettazione.

Tra gli strumenti di Authoring vi sono:

editor WYSIWYG,
strumenti di conversione save-as-HTML,
strumenti database generator
strumenti di gestione dei siti
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 21 di 26 Pagina 21 di 26


Normativa negli Stati Uniti

Introduzione Nel 1973 fu promulgata una legge per eliminare o ridurre barriere di varia natura, che
risultassero ostative per un disabile nella fruibilit dei servizi e delle informazioni forniti dalle
agenzie federali (sia in veste di impiegato pubblico che di comune cittadino), la Workforce
Rehabilitation Act.

In particolare, larticolo 508 presentava una serie di direttive per l'eliminazione di barriere nel
campo dellInformation Technology; inoltre, nellagosto 1998, entr in vigore l emendamento,
noto come Workforce Investment Act, che rese vincolante la Section 508 in materia di requisiti
di accessibilit, per ciascuna agenzia federale degli Stati Uniti.

In tale emendamento prevista listituzione di un organismo tecnico (The Access Board) che ha
il compito di determinare operativamente gli standard di accessibilit necessari.

The Access Board istituisce poi un comitato tecnico (noto come Electronic and Information
Technology Access Advisory Committee (EITAAC)), per redigere le regole per l'accessibilit e le
sue proposte divengono legge, con obbligo per le agenzie federali USA di essere conformi ad
esse.

Le linee guida emanate dall'EITAAC, incluse nellarticolo 508, riguardano unampia variet di
apparati tecnologici hardware e software e non solo Internet ed il Web, ossia:

Programmi applicativi e sistemi operativi


Informazioni ed applicazioni Intranet ed Internet basate sul Web
Prodotti per telecomunicazioni (telefoni e telescriventi)
Prodotti video e multimediali (apparecchi televisivi, riproduttori di videocassette e DVD)
Prodotti autosufficienti con software incorporato (chioschi multimediali, bancomat,
fotocopiatrici, fax, stampanti, macchine calcolatrici)
Computer da tavolo e portatili

Aspetto di interesse il fatto che la Section 508 differisce dalle WCAG 1.0, in particolare la
conformit alle linee guida della 508 non equivale alla conformit alle raccomandazioni WCAG, in
quanto il rispetto di una esclude l'altra.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 22 di 26 Pagina 22 di 26


Normativa italiana: la Legge 9 gennaio 2004, n.4 (Legge Stanca)

La normativa di La normativa vigente in materia di accessibilit dei siti Web la seguente:


riferimento e le
1. Legge 9 gennaio 2004, n. 4 - Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli
raccomandazioni
strumenti informatici - Pubblicata in G.U. n. 13 del 17 gennaio 2004 (cosiddetta Legge
del W3C
Stanca)
2. DPR 1 marzo 2005, n. 75 - Regolamento di attuazione della legge 9 gennaio 2004, n. 4
3. DM 8 luglio 2005 - Requisiti tecnici e livelli di accessibilit a cui attenersi - Pubblicato
nella G.U. 8 agosto 2005 n. 183

La legge Stanca Nel rispetto delle direttive dell'Unione europea, il 9 gennaio 2004 stata emanata la legge
sullaccessibilit, nota come "Legge Stanca sull'accessibilit.

Lo scopo della legge quello di abbattere le "barriere virtuali" che limitano l'accesso dei disabili
alla Societ della Informazione e li escludono dal mondo del lavoro, dalla partecipazione
democratica e da una migliore qualit della vita.

La Legge Stanca reca obblighi nei confronti della pubblica amministrazione, e prevede sanzioni
in caso di mancato rispetto della stessa.

La Legge 04/2004 nasce dalla fusione di una serie di disegni di legge in materia di accessibilit,
tra cui il pdl 3486 (Campa-Palmieri) e il disegno di legge predisposto dal Governo e dal Ministro
per l'Innovazione e le Tecnologie, on. Lucio Stanca (pdl 3978).

I punti qualificanti della legge 04/2004, formata da 12 articoli, sono i seguenti:

tutti i siti internet che saranno realizzati, o rinnovati, in futuro dalle pubbliche
amministrazioni dovranno rispettare i requisiti di accessibilit;
negli acquisti di i prodotti informatici (hardware e software) da parte delle pubbliche
amministrazioni l'accessibilit diventa titolo preferenziale;
per i privati il provvedimento non genera un obbligo di accessibilit per i siti internet,
ma fattore di stimolo a promuovere l'accessibilit dei loro siti;
tutti i libri di testo delle scuole, ove possibile, saranno resi disponibili in formati leggibili
al computer da non vedenti o ipovedenti o con altre disabilit.

Tale documentazione stata prodotta da gruppi di lavoro che hanno coinvolto sia associazioni di
categoria che rappresentanti di associazioni di disabili.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 23 di 26 Pagina 23 di 26


Legge 04/2004: Il Regolamento di attuazione della Legge n. 4 del 2004 (DPR 75/2005) detta i criteri ed i principi
Regolamento operativi ed organizzativi generali per laccessibilit, ovvero le modalit con cui pu essere
attuativo richiesta la valutazione, i criteri per leventuale partecipazione del richiedente ai costi
delloperazione, il logo con cui reso manifesto il possesso del requisito dellaccessibilit, le
modalit con cui pu essere verificato il permanere del requisito stesso.

Il Regolamento approvato definisce i seguenti aspetti:

la distinzione tra verifica tecnica dell'accessibilit, operata da esperti, e verifica


soggettiva, condotta sui singoli servizi tramite l'intervento del soggetto destinatario,
anche disabile, sulla scorta di valutazioni empiriche.
il rilascio del logo che qualifica l'accessibilit dei siti e del materiale informatico. Detta
verifica viene effettuata in maniera autonoma dalle P.A. ed attraverso l'intervento di
valutatori per gli altri soggetti;
i controlli che lente autorizzato svolge nei confronti dei soggetti pubblici e privati ai fini
della verifica del mantenimento dei requisiti di accessibilit dei siti e dei servizi.

Decreto La prima versione del decreto stata inviata all'esame della Comunit Europea il 29 aprile 2005.
Ministeriale 8 Il 6 luglio la Commissione Europea ha dato il via libera all'adozione del provvedimento ed il testo
Luglio 2005 firmato dal Ministro Stanca il giorno 11 luglio 2005 stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.
Requisiti tecnici 183 dell'8 agosto 2005, in vigore dal 23 agosto 2005.
e diversi livelli di
accessibilit agli Il documento composto da una parte generale formata da otto articoli in cui sono contenuti
strumenti riferimenti a termini tecnici e ambito di applicazione, uso del logo, modalit di verifica e da
informatici cinque allegati tecnici:

Allegato A: Verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilit delle applicazioni basate


su tecnologie internet.
Allegato B: Metodologia e criteri di valutazione per la verifica soggettiva
dell'accessibilit delle applicazioni basate su tecnologie internet.
Allegato C: Requisiti tecnici di accessibilit per i personal computer di tipo desktop e
portatili.
Allegato D: Requisiti tecnici di accessibilit per l'ambiente operativo, le applicazioni e i
prodotti a scaffale.
Allegato E: Logo di accessibilit dei siti Web e delle applicazioni realizzate con
tecnologie internet.
Allegato F: Importi massimi dovuti dai soggetti privati come corrispettivo per l'attivit
svolta dai valutatori.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 24 di 26 Pagina 24 di 26


Aggiornamento requisiti Legge Stanca

Introduzione In considerazione delle nuove direttive dellUnione europea, stato pubblicato un documento
contenente le linee guida per laggiornamento dei requisiti tecnici previsti dalla legge 4/2004,.

Laggiornamento della legge prevede 12 requisiti (prima erano 22) , con ladozione delle
WCAG 2.0 anche nella normativa italiana sullaccessibilit del Web.

Dopo una fase di consultazione pubblica stata attivata, sulla base della direttiva europea
98/34/CE una procedura di notifica dei nuovi requisiti tecnici alla Commissione e agli altri Stati
membri. Questa Direttiva riguarda tutti i progetti di regolamentazioni tecniche relative ai prodotti
e ai servizi della societ dellinformazione e si propone di garantire trasparenza e controllo su
queste regolamentazioni. Poich queste ultime potrebbero dare origine a barriere ingiustificate
tra i diversi Stati membri, la loro notifica in fase di progetto e il successivo esame con
conseguente valutazione del contenuto contribuiscono a diminuire tale rischio.

La notifica, inoltrata a fine giugno 2011, ha visto la fine del periodo di statu quo il 22 settembre
2011, con una nuova versione dei requisiti.

I nuovi requisiti tecnici fanno esplico riferimento:

alle WCAG 2.0 ed ai relativi quattro principi fondamentali (percepibile, utilizzabile,


comprensibile, robusto)
alle 12 linee guida (che vengono esplicitamente richiamate).

A differenza delle WCAG, i requisiti tecnici non definiscono livelli di accessibilit (A, AA, AAA),
come gi fatto dagli attuali requisiti tecnici. Ci permette di semplificare la valutazione di un sito
web, dando un esito di conformit di tipo "si/no".

I nuovi 12 requisiti tecnici sono il risultato di un'operazione di "mediazione" fra i diversi punti di
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 25 di 26 Pagina 25 di 26


controllo delle WCAG 2.0, mirando ad un livello medio di accessibilit. Infatti i 12 nuovi requisiti
tecnici fanno riferimento esplicito a 25 su 27 requisiti di tipo A, 13 su 13 di tipo AA e 1 su 23 di
tipo AAA.
Ei-Book EIPASS Web M1del
rev. 3.0 - ver. 3.0
05/08/2015
Pagina 26 di 26 Pagina 26 di 26


Allegato A Si riporta un estratto del documento cos come pubblicato in Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana:

IL MINISTRO PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LINNOVAZIONE

Art. 1

1. Lallegato A del decreto del Ministro per linnovazione e le tecnologie 8 luglio 2005, recante
requisiti tecnici e i diversi livelli di accessibilit agli strumenti informatici, sostituito
dallallegato al presente decreto.

Allegato A

Criteri e metodi per la verifica tecnica e requisiti tecnici di accessibilit previsti dalla legge
4/2004

In questo documento sono definiti:

a) i requisiti tecnici di accessibilit di cui allarticolo 11, comma 1, lettera a) della legge
4/2004 e gli elementi da considerare per la verifica di conformit ai requisiti.
b) i criteri ed i metodi con i quali va effettuata la verifica tecnica di cui allarticolo 11,
comma 1, lettera b) della legge 4/2004;

I requisiti tecnici si applicano a tutti i casi in cui i soggetti di cui allarticolo 3, comma 1, della
legge 4/2004 forniscono informazioni o servizi su reti Internet, Intranet o Extranet, su supporti
informatici removibili (quali ad esempio CD-ROM, DVD) che possono essere utilizzati anche in
stazioni di lavoro non collegate ad una rete telematica.

Le informazioni ed i servizi erogati possono essere resi fruibili mediante:

siti Web;
applicazioni realizzate con tecnologie Web;
documenti resi disponibili sui siti Web;
documenti di cui al requisito 11 dellallegato D del DM 8 luglio 2005.