Sei sulla pagina 1di 182

STATISTICA ECONOMICA

Appunti ad uso degli studenti


a cura di Giorgio Garau

Gennaio 2004
Indice

1 Contabilità Nazionale 3
1.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2 Gli schemi di contabilità nazionale . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2.1 La rappresentazione schematica a mezzo di matrici e
conti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3 Gli aggregati e la struttura contabile di un sistema chiuso . . 15
1.3.1 La sfera della produzione . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
1.3.2 La sfera dell’impiego finale della produzione:
consumo e formazione del capitale . . . . . . . . . . . . 18
1.4 Lo schema contabile di un sistema economico chiuso . . . . . . 19
1.4.1 Spesa per la formazione del capitale . . . . . . . . . . . 20
1.4.2 Il deprezzamento del capitale fisso, D . . . . . . . . . . 21
1.4.3 Le funzioni, i settori e gli aggregati funzionali settoriali 22
1.4.4 Dalla sfera della produzione a quella del consumo . . . 23
1.4.5 La sfera del consumo - distribuzione secondaria o re-
distribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
1.4.6 Dalla sfera del consumo a quella della formazione del
capitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
1.4.7 La sfera della formazione del capitale . . . . . . . . . . 25
1.4.8 Lo schema contabile consolidato . . . . . . . . . . . . . 26
1.5 Gli aggregati e la struttura contabile di un sistema aperto . . 27
1.5.1 Gli aggregati su base interna (o territoriale) . . . . . . 28
1.5.2 L’economia interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.5.3 Gli aggregati su base nazionale . . . . . . . . . . . . . 30
1.5.4 L’economia nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
1.6 I sistemi di contabilità nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . 31
1.6.1 Lo SNA ‘53 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
1.6.2 Lo SNA ’68 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
1.6.3 Il SEC ’70 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.6.4 Lo SNA ’93 e il SEC ’95 . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.7 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

1
Indice

2 La contabilità nazionale e la tavola Input Output 41


2.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
2.2 La CN e la tavola IO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2.3 I fondamenti teorici del Modello IO . . . . . . . . . . . . . . . 46
2.4 L’impostazione contabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
2.5 La soluzione analitica del modello . . . . . . . . . . . . . . . . 50
2.5.1 Effetto sull’occupazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.5.2 Effetto sull’importazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
2.6 Il problema dell’aggregazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.6.1 Aggregazione di flussi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.6.2 Aggregazione di prezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.7 Alcuni suggerimenti pratici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
2.8 Appendici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.8.1 Moltiplicatore Keynesiano e inversa di Leontief . . . . 62
2.8.2 Coefficienti fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.8.3 Modello costi-prezzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
2.8.4 Derivazione dei coefficienti tecnici nel sistema SNA (Make
and Use) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.8.5 Le tavole IO dell’ISTAT . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

3 I Rapporti Statistici 69
3.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
3.2 I Numeri indice nel tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
3.3 I Numeri indice nello spazio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
3.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93

4 Limiti e potenzialità dell’impiego statistico di dati amminis-


trativi 97
4.1 Funzione amministrativa e funzione statistica . . . . . . . . . 98
4.2 Perche’ utilizzare i dati amministrativi? . . . . . . . . . . . . . 99
4.3 La costruzione di un archivio statistico integrato -
principali problemi da affrontare . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
4.4 La costruzione di un archivio statistico integrato -
individuazione dell’obiettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
4.5 Individuazione dell’obiettivo - astri . . . . . . . . . . . . . . . 101
4.6 Analisi e studio delle fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
4.7 Analisi e studio delle fonti - astri . . . . . . . . . . . . . . . . 104
4.8 Trattamento preliminare degli archivi . . . . . . . . . . . . . . 105
4.9 Studio di una metodologia di linkage . . . . . . . . . . . . . . 105
4.10 Assegnazione degli attributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
4.11 Verifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108

2
Indice

5 La Qualità dei dati 111


5.1 L’importanza della qualità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
5.2 Il concetto di qualità in ambito statistico . . . . . . . . . . . . 112
5.3 Qualità del prodotto (dato statistico) . . . . . . . . . . . . . . 113
5.4 Qualità del processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
5.5 Total Quality Management (TQM) . . . . . . . . . . . . . . . 116
5.6 Qualità e integrazione di archivi . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
5.6.1 Definizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
5.6.2 Oggetto di studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
5.6.3 L’Error Profile di Contabilità Nazionale (EPCN). . . . 121

A Appendice A
Elementi di Algebra Lineare 125
A.1 Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
A.2 Vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
A.2.1 Vettori e loro operazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
A.3 Matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
A.3.1 Definizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
A.3.2 Le operazioni elementari . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
A.3.3 Prodotto tra matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
A.3.4 La Diagonalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
A.3.5 Determinanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
A.3.6 Inversa di una matrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
A.3.7 I sistemi lineari di equazioni . . . . . . . . . . . . . . . 138
A.4 Esercizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
A.5 Alcuni comandi Matlab . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145

B Appendice B
Esami A.A. 2002-2003 149
B.1 Contabilità Nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
B.2 Input Output . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
B.3 Numeri Indice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155

C Appendice C:
La misura dell’inflazione in Italia 159
C.1 Il sistema delle statistiche dei prezzi . . . . . . . . . . . . . . . 159
C.2 Indici relativi alla fase della produzione . . . . . . . . . . . . . 161
C.3 Indici dei prezzi al consumo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
C.4 L’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività 165
C.4.1 Stime di contabilità nazionale . . . . . . . . . . . . . . 168

3
Indice

4
Contabilità Nazionale
1.1 Introduzione
Secondo Richard Stone la Contabilità Nazionale (CN) è: an organized ar-
rangement of all transaction, actual or imputed in an economic system. Pos-
siamo anche affermare che la CN è una tecnica di sintesi statistica che si
propone la descrizione quantitativa dei sistemi economici entro un quadro
contabile coerente, alla luce di una teoria economica. Fondamentalmente la
CN è uno strumento per l’interpretazione e la gestione dei sistemi economici
e quindi alla fine per le decisioni e la programmazione economica. La CN
nasce in seguito ai primi studi sulla ricchezza delle nazioni e del reddito.

Altrove si parla di Contabilità Sociale per sottolineare il carattere di con-


tabilità della società, là dove sociale è usato come accezione più generale di
economico.

Infine altri ancora parlano di Contabilità Economica e Contabilità Macroe-


conomica a sottolineare i fondamenti ed i contenuti macroeconomici della
disciplina.
Si parla sempre di contabilità perché la disciplina si ispira ai principi
dell’economia d’azienda o meglio agli aspetti tecnici della disciplina:

1. nella logica della partita doppia: ogni grandezza è vista come entrata
per un soggetto e come uscita per un altro soggetto.

2. negli strumenti utilizzati cioè i conti.

La CN si fonda su tre aspetti:

- contabile

- economico

- statistico
Contabilità Nazionale

Secondo Stone: I shall look at the problem of social accounting first from an
economic point of view and second from an accounting point of view

Possiamo ora chiederci quali siano i contenuti, gli obiettivi e i metodi che
riguardano la CN. Cominciamo dalla finalità, cioè dalla descrizione sintetica
e quantitativa in forma contabile dei sistemi economici. Affermare quindi che
si vuole dare una descrizione quantitativa di un sistema economico significa
descrivere l’attività che in esso si svolge, cioè l’insieme delle attività eco-
nomiche elementari svolte dai soggetti che compongono il sistema, mediante
adeguati strumenti quantitativi.

Se facessimo riferimento ad una specifica categoria di soggetti, come ad es-


empio le unità produttive, potremo dire che ciascuna di esse svolge una certa
attività della quale si deve conoscere, controllare ed indirizzare le azioni che
sono collegate ad essa. Tale sistema deve chiaramente essere basato su una
teoria economica che nella fattispecie è quella macroeconomica fondata da J.
M. Keynes che in “How to pay for the war” usò le prime tavole del reddito
impostate secondo la logica della partita doppia. La teoria fornisce il mo-
dello interpretativo e offre le categorie economiche di riferimento (consumo,
reddito etc.) che verranno poi espresse in valore grazie agli strumenti statis-
tici (rilevazione ed elaborazione) e troveranno infine sistemazione organica
utilizzando lo strumento dei conti.
Sulla base della teoria vengono quindi impostati gli schemi contabili ge-
nerali che vengono poi tradotti in sistemi contabili a seconda delle esigenze
concrete.

Un po’ di storia
I primi studi si devono a W. Petty che nel 1690 stimò reddito e consumi
globali dell’Inghilterra per cercare di capire quale fosse la potenza economica
(e militare) della stessa. Poi G. King costruı̀ un sistema di conti relativi
a reddito nazionale, spesa e ammontare delle imposte. Questi primi studi
costituiscono dei tentativi di definire e valutare alcune variabili interessanti
per l’economia (soprattutto il reddito).
Nel secolo successivo F. Quesnay, nel suo Tableau Economique descrive il
flusso circolare dell’attività economica, cioè l’insieme di scambi tra operatori.
In Italia i primi studi si collocano nel 1771 e sono opera di P. Verri. Fino al
‘900, il predominio della teoria neoclassica caratterizzata da aggiustamento
automatico dell’economia, neutralità dello stato e microeconomia, determi-
nano scarso rilievo degli studi su reddito e ricchezza. Negli anni ‘30 riprese

6
Contabilità Nazionale

in piena depressione l’interesse per il legame tra settore pubblico e privato,


lo stato diventa il soggetto che può, attraverso le manovre di politica eco-
nomica, ristabilire l’equilibrio del sistema (manovrando il tasso d’interesse, le
imposte e la spesa pubblica). In questo suo ruolo deve però avere i conti del
paese e quindi riprende in questo periodo lo studio sul reddito e la ricchezza
della nazione.
Con la teoria generale di J. M. Keynes si apre la strada alla CN attuale
che fu costruita da J. Meade e R. Stone nel 1941 per il governo inglese.
Allora i vari paesi usavano metodi differenti di costruzione dei sistemi
di CN. Anche l’Italia inizio proprio in quegli anni a lavorare (ISTAT). Si
rese quindi necessario affrontare il problema della standardizzazione dei sis-
temi (attraverso l’adozione di definizioni, classificazioni e metodi di calcolo
comuni) e delle progressiva armonizzazione degli stessi. Il compito fu natu-
ralmente affidato a Stone che nel 1947 formulò un insieme di raccomandazioni
per i paesi membri dell’ONU, sui metodi di misura del reddito nazionale e
sulla costruzione dei conti
Nel 1953 l’ONU pubblica il System of National Accounts and Supporting
Tables (SNA) che costituı̀ per i paesi membri lo schema di riferimento per la
costruzione del sistema dei conti.
I paesi legati all’Unione sovietica adottarono invece un sistema basato sul
concetto di prodotto materiale (e non su quello di reddito nazionale) Material
Product System (MPS).
L’evoluzione delle economie dei vari paesi cosı̀ come dei metodi di rile-
vazione statistica furono all’origine dello SNA 1968, sempre opera di Stone,
che costituisce un sistema integrato di conti reali, conti finanziari e tavola
input-output. Su tale impostazione si fondò anche il Sistema Europeo di
Conti Economici Integrati (SEC) adottato dall’UE.
Nel 1993 ONU, UE, OCSE, FMI, World Bank pubblicano congiuntamente
lo SNA 1993.
Qualche anno più tardi l’UE elabora una nuova versione del SEC (SEC
1995 o ESA – European System of Account). Attualmente i paesi membri
dell’UE stanno lavorando all’adozione del SEC95.
Un ultimo contributo storico fa riferimento al lavoro di Stone del 1960
“A Social Accounting Matrix” in cui si rappresenta il sistema contabile per
l’economia britannica sotto forma di matrice di contabilità sociale. Per Stone
“il quadro di riferimento quantitativo di ogni modello che riguardi un sistema
economico nel suo insieme è sempre un sistema contabile”. Sia che si lavori
con modelli fortemente aggregati come quello sottostante la Teoria generale

7
Contabilità Nazionale

di Keynes, sia con modelli altamente disaggregati come quello di Leontief o


con la più complicata variante costituita dalla SAM.
Oggi il modello SAM di Stone è la base quantitativa e il modello di
riferimento dei modelli di equilibrio economico generale calcolabile. Vedremo
più avanti che l’approccio SAM è una filosofia di costruzione dei sistemi
contabili.

1.2 Gli schemi di contabilità nazionale


1.2.1 La rappresentazione schematica a mezzo di ma-
trici e conti
Le transazioni
I sistemi economici si caratterizzano per una rete di relazioni tra i soggetti
che prendono la forma di transazioni in cui un oggetto economico passa da
un soggetto economico ad un altro per qualche motivo economico.
Partiamo dall’attività di produzione che consente di definire le unità pro-
duttive che impiegano fattori produttivi (lavoro e capitale) che si procurano
da soggetti economici e da altre unità produttive, per produrre beni e servizi
che saranno poi utilizzati dagli stessi soggetti.
Consideriamo a titolo di esempio un caseificio in cui operai e tecnici
trasformano il latte (che si procurano dalle unità produttive-pastori) uti-
lizzando macchine ed altri materiali (caglio, etc.) e servizi (trasporto, elabo-
razione dati – controllo di qualità) provenienti da altre unità produttive, per
produrre il formaggio.
Per svolgere la sua attività il caseificio attua una serie di transazioni
(acquisti) per procurarsi la manodopera, i beni capitali, la materia prima
e i servizi ausiliari. In queste transazioni gli oggetti economici sono le
prestazioni di lavoro, il capitale messo a disposizione etc. I motivi eco-
nomici sono sempre due. Ad esempio nella transazione riguardante il lavoro
si deve considerare sia il motivo del caseificio, che è quello di produrre for-
maggio, sia quello del lavoratore, che è quello di procurarsi i mezzi per poter
soddisfare i propri bisogni.
Vi sono poi le transazioni necessarie alle unità produttive per finanziare
gli acquisti e cioè la vendita dei beni e servizi prodotti.
L’attività delle unità produttive ha quindi un andamento circolare che si
sviluppa attraverso gli scambi (acquisti e vendite). Esse acquistano fattori

8
Contabilità Nazionale

produttivi, beni e servizi e vendono beni e servizi. Parallelamente si osservano


uscite (usi o utilizzi) e entrate (risorse). Si può quindi dire che le unità
produttive svolgono attività di produzione e attività di vendita.
Alcune unità produttive vanno considerate a parte e sono quelle di tipo
finanziario (banche e assicurazioni) la cui attività consiste in un particolare
tipo di produzione l’intermediazione e l’assunzione di rischio. E’ anche questa
un’attività circolare in cui ad esempio la banca acquista denaro da unità
produttive e da persone fisiche e poi lo rivende ad altre unità produttive o
persone fisiche.

Rappresentazione del circuito economico

L’attività produttiva ha un andamento “circolare”, che si esplica attraverso


delle transazioni e scambi (che consistono in vendite ed acquisti). Nello
schema si ha che:
• Le unità produttive producono beni e servizi destinati al consumo o
all’accumulazione.
• La realizzazione del processo produttivo determina:
1. flusso fisico dai produttori ai consumatori
2. flusso finanziario dai consumatori ai produttori (ricavi delle ven-
dite)
• I consumatori sono anche fornitori di un flusso fisico di servizi produt-
tivi (K e L). A questo flusso fisico corrisponde un flusso finanziario
costituito dalla remunerazione di questi servizi (salari, stipendi etc.)

9
Contabilità Nazionale

• In sintesi vi sono due circuiti, uno reale e uno finanziario, e un processo


circolare in cui la produzione si risolve nei redditi corrisposti ai fattori
che però poi ritornano ai produttori sotto forma di spesa.
Nel sistema economico abbiamo visto che oltre alle unità produttive vi sono
le unità fisiche, soggetti che prestano il proprio lavoro ad altri soggetti che lo
utilizzano a fini produttivi. Essi ricevono un compenso che poi utilizzeranno
per acquistare beni e servizi o in parte per risparmiare. Anche in questo caso
si tratta di attività circolari che determinano entrate ed uscite.
Vi sono inoltre transazioni senza contropartita monetaria come ad esem-
pio le donazioni: l’oggetto può essere una somma di denaro ed il motivo
economico è un atto di liberalità. Altro esempio sono le imposte in cui
l’oggetto (somma di denaro) è trasferito per partecipare al finanziamento dei
bisogni della collettività (motivo economico).
Altre transazioni particolari sono quelle che riguardano i soggetti pubblici
(unità produttive, enti, etc. che agiscono in nome e per conto dello stato).
Le unità produttive pubbliche hanno un’attività in tutto simile a quella delle
altre unità produttive che da quindi origine a scambi. Gli altri soggetti
pubblici svolgono un’attività che determina transazioni senza contropartita.
Si tratta ad esempio di pensioni (ai cittadini), contributi alla produzione (ad
unità produttive), imposte etc.
Riassumendo si ha che:

• Unità produttive, persone fisiche e soggetti pubblici sono i soggetti


economici elementari, cioè il livello minimo di operatori che agiscono
in un sistema.

• Le transazioni tra i soggetti possono essere bilaterali o unilaterali (senza


contropartita). Le contro partite sono sempre rappresentate dal denaro.

• Le transazioni possono essere reali (trasferimento di servizi produttivi)


o monetarie (acquisti e vendite).

Le transazioni sono:

• operazioni su beni e servizi;

• operazioni di distribuzione e redistribuzione del reddito;

• operazioni finanziarie.

Per effetto dell’attività svolta da ciascun soggetto si determi-


nano entrate (risorse) ed uscite (utilizzi).

10
Contabilità Nazionale

Le transazioni imputate
In certi casi l’attività economica non determina una corrispondente transazione
di mercato, con conseguente formazione del prezzo. Non si può quindi rile-
vare il corrispondente flusso di valore ma solo il flusso di quantità. Si tratta
dei casi seguenti:

a. consumo da parte degli agricoltori dei beni da loro prodotti

b. uso delle abitazione da parte dei proprietari

c. servizi di intermediazione finanziaria

d. utilizzazione da parte delle unità produttive di lavoro e capitale propri

e. servizi resi dal capitale (deprezzamento)

f. economia sommersa

g. servizi resi dai soggetti pubblici cosı̀ come dalle istituzioni a fini non
lucrativi

h. servizi domestici resi dalle casalinghe

Le attività a. e b. sono gli autoconsumi. In tutti questi casi si ricorre a


valori imputati, valutazioni fittizie in cui sulla base di un qualche criterio si
valutano le quantità trasferite tra i soggetti.

I flussi di transazioni
Le transazioni vanno riferite ad un periodo di tempo, si parla di periodo
contabile che determinerà quindi un flusso di transazioni. Tale flusso potrà
essere espresso:

• in unità fisiche (oggetto della transazione), q

• in unità monetarie (contropartita della transazione), p ∗ q = w

Chiaramente il funzionamento del sistema economico non può essere espresso


in unità non comparabili, per cui noi considereremo sempre i flussi di con-
tropartita cioè i valori delle transazioni. Ciascun soggetto svolge nel periodo
contabile di riferimento un numero n di operazioni che daranno origineP ad
una somma di flussi unitari di contropartita che chiameremo: v = ph qh

11
Contabilità Nazionale

Le matrici di flussi
Ogni flusso è sempre comune a due soggetti, è cioè entrata di uno e uscita di
un altro. Si può allora rappresentare con una matrice quadrata l’insieme dei
flussi:
• ogni riga rappresenta un’entrata del soggetto elementare
• ogni colonna rappresenta un’uscita dello stesso soggetto

Uscite sogg. 1 ... sogg. j ... sogg. m


Entrate
sogg. 1 v11 v1j v1m
...
sogg. i vi1 vij vim
...
sogg. m vm1 vmj vmm

Tale matrice, detta dei flussi elementari, la indichiamo con V e il termine


generico, vij indica l’entrata del soggetto i e l’uscita per il soggetto j. Sulla
diagonale principale sono rappresentate le transazioni tra un soggetto ele-
mentare e se stesso. La dimensione di questi flussi aumenterà chiaramente
con il livello di aggregazione dei soggetti elementari. Taluni rappresentano la
stessa situazione con una diagonale principale fatta di zeri, ma in tal modo
scomparirebbe traccia delle transazioni corrispondenti.
I flussi sono l’aspetto contabile di un’attività che è già avvenuta. Non
rappresentano quindi relazioni di comportamento ma sono relazioni consun-
tive, ex post, che sono vere per definizione. Se un elemento della matrice
è uguale a 0, significa che tra i soggetti non vi sono state transazioni. Se
infine l’economia è chiusa (senza transazioni con altri sistemi economici) la
somma delle entrate sarà uguale alla somma delle uscite. Questo significa
che sugli elementi della matrice vi sono m vincoli, tanti quante sono le righe
(e le colonne).

La settorizzazione dei soggetti


I sistemi di contabilità nazionale hanno una funzione di sintesi. Le innu-
merevoli transazioni devono quindi essere ricondotte ad un numero adeguato

12
Contabilità Nazionale

agli scopi. In altri termini si procederà a raggruppare i flussi in flussi ag-


gregati.
1. si utilizza un operatore di aggregazione G (Grouping), cosı̀ definito:

1 0 0 0
0 1 1 0
0 0 0 1
Utilizzando G si può aggregare un modello a 4 settori in uno a 3 settori
in cui i flussi relativi al secondo settore risultano dalla somma dei flussi
del secondo e del terzo settore.
2. si consideri anche l’operatore di disaggregazione, quella matrice che
consente di passare ad un modello più disaggregato. Se ad esempio si
vuole passare da un modello a tre settori ad uno a quattro in cui si
compone il secondo settore originario in due settori si procederà nel
modo seguente. Definendo un operatore D:

1 0 0
0 0,5 0
0 0,5 0
0 0 1
Tali raggruppamenti sono fatti sulla base di un qualche criterio, operando cioè
una classificazione. Naturalmente il raggruppamento dei soggetti rispetto ad
un criterio determinerà il raggruppamento dei flussi corrispondenti secondo
lo stesso criterio.
Un primo modo per effettuare il raggruppamento dei soggetti è quello di
seguire un’ottica oggettiva, secondo le forme di attività economica e cioè:
produzione, consumo e accumulazione. Questa classificazione si chiama
funzionale, si parla di settorizzazione funzionale e i soggetti saranno
quindi raggruppati per funzioni o sfere di attività economica. I flussi
corrispondenti saranno flussi o aggregati funzionali.

Uscite Produzione Consumo Accumulazione


Entrate
Produzione wpp wpc wpa
Consumo
Accumulazione

13
Contabilità Nazionale

All’interno di ogni settore funzionale si possono formare dei raggruppa-


menti di soggetti secondo caratteristiche soggettive. Si possono cioè uti-
lizzare i seguenti criteri:

• economico: se si fa riferimento a una categoria o classificazione eco-


nomica, come il tipo di reddito percepito (da lavoro o da capitale; redd.
alto, medio o basso). I componenti i gruppi di redditieri costituiscono
delle unità economiche e questo raggruppamento può essere fatto
all’interno delle 3 funzioni.

• tecnico: se si considerano categorie tecniche come il tipo di unità pro-


duttiva o il tipo di bene (classificazioni merceologiche). Il risultato
saranno gruppi di unità produttive (vedi Ateco) o gruppi di prodotti.
Attenzione non è la stessa cosa, perché una unità produttiva può pro-
durre più prodotti. Anche questo raggruppamento può essere fatto
all’interno delle 3 funzioni.

• finanziario: se si fa riferimento a categorie finanziarie e il risultato


saranno dei gruppi finanziari (banche, assicurazioni etc.). Questo rag-
gruppamento può, a differenza degli altri, essere fatto solo per
gli aspetti finanziari dell’attività economica (funzione di Ac-
cumulazione).

• istituzionale: se si considera il ruolo e la posizione istituzionale dei


soggetti. Si avranno i seguenti settori istituzionali: Imprese, Famiglie,
PA e le unità risultanti saranno chiamate unità istituzionali. Questo
raggruppamento potrà essere fatto per ognuna delle tre fun-
zioni (Produzione, Consumo e Accumulazione).

La classificazione con criteri soggettivi si chiama settorizzazione e i flussi


risultanti sono i flussi o aggregati settoriali.

La struttura della matrice di Contabilità Sociale

Consideriamo di seguito i soggetti e quindi i flussi classificandoli contempo-


raneamente secondo funzioni e secondo settori. Si otterrà:

14
Contabilità Nazionale

Uscite Produzione Consumo Accumulazione


Entrate sett 1 ... sett k sett 1 sett s sett k sett 1 ... sett k
Produzione sett 1
...
sett k
Consumo sett 1
sett r w cr cs
sett k
Accumulaz sett 1
...
sett k

In questa matrice il generico elemento wcr cs riguarda il flusso che è contem-


poraneamente entrata per la funzione di consumo svolta dal settore r ed
uscita per la funzione di consumo svolta dal settore s. Naturalmente z rapp-
resenta il numero di flussi elementari che lo formano. Questa matrice è nota
come Matrice di Contabilità Sociale (SAM – Social Accounting Matrix). Il
raggruppamento in funzioni e settori viene effettuato partendo da gruppi di
soggetti elementari e procedendo per aggregazioni sempre più ampie.
Se si considera ogni coppia di riga-colonna come un conto si ha che il
generico elemento della matrice W può essere letto come il flusso che è con-
temporaneamente entrata per il conto intestato alla funzione del consumo
svolta dal settore r ed uscita per il conto intestato alla funzione del consumo
svolta dal settore s. Anche seguendo questa interpretazione l’approccio ma-
triciale consente di impostare degli schemi contabili nei quali gli aggregati si
inseriscono in maniera coerente e da cui si può facilmente pervenire ai Sistemi
di Contabilità Nazionale, SCN.
La filosofia SAM si articola sulla logica della settorizzazione dei soggetti
elementari, delle funzioni e dei settori, dei flussi e degli aggregati funzionali
e settoriali, sulla rappresentazione matriciale dei conti che a tali funzioni e
settori vengono intestati.
E’ un approccio estremamente generale e flessibile che consente una de-
scrizione macro (a livello molto aggregato) e micro (quando si analizza il
circuito dei microdati) dell’attività dei sistemi economici. Se si raggruppano
i flussi della matrice precedente in due sole funzioni (1. produzione e uti-
lizzazione della produzione (cioè consumo), 2. accumulazione) si perviene a
questa matrice:

15
Contabilità Nazionale

Uscite Produzione Impiego finale


Entrate sett 1 sett r sett k sett 1 sett s sett k
Produzione sett 1 wp1 pr
sett r wpr p1 wpr pk wpr f1 wpr fk
sett k
Impiego sett 1 wf1 pr
finale sett r
sett k

wpr fs indica il flusso in entrata per il settore r che svolge la funzione della
produzione, p e in uscita per il settore s che svolge la funzione dell’impiego fi-
nale della produzione, f . Si può anche scrivere il conto intestato alla funzione
della produzione, svolta dal settore r:

Entrate Uscite
wpr p1 +wpr p2 +. . . +wpr pk +wpr f1 + wp1 pr +wp2 pr + . . . . . . + wpk pr + wf1 pr
wprf 2 + . . . . . . . . . + wprf k + . . . . . . . . . wf kpr

I flussi della matrice precedente (con due sole funzioni) possono essere rag-
gruppati sia secondo funzioni che secondo settori, nel primo caso si otterrà
una matrice con un numero di conti uguale al numero di funzioni, wf :
Uscite Produzione Impiego finale
Entrate
Produzione wpp wpf
Impiego finale wf p wf f

La classificazione funzionale e la relativa definizione funzionale degli aggregati


consente di costruire aggregati economicamente significativi sulla base della
teoria macroeconomia di riferimento.
La teoria macroeconomia (quella di origine keynesiana) con il suo
complesso di definizioni, concetti e relazioni consente di individuare aggregati
che abbiano un significato economico, che siano legati da relazioni economi-
camente coerenti e che, inseriti in uno schema matriciale – contabile, diano
una rappresentazione sintetica ed esauriente dell’attività del sistema. Consi-
deriamo a titolo di esempio Y = C+I.
A questo scopo nella prossima sezione inizieremo a considerare l’attività
della produzione. Prima però facciamo riferimento al risultato della classifi-
cazione settoriale:

16
Contabilità Nazionale

Uscite sett a ... sett s ... sett k


Entrate
sett a
...
sett r
...
sett k

Questo tipo di raggruppamento è quello a noi più noto e vedremo che sarà
utile quando analizzeremo la sfera della produzione.

1.3 Gli aggregati e la struttura contabile di


un sistema chiuso
1.3.1 La sfera della produzione
E’ qualunque attività che trasforma determinati beni e servizi in altri beni e
servizi che hanno un’utilità maggiore (incorporano maggior valore). Mentre i
beni materiali sono tutti destinabili alla vendita, per i servizi si distingue tra
vendibili e non vendibili (o servizi collettivi). Per questo motivo si considera
come attività produttiva l’insieme delle attività di mercato e delle attività
non di mercato svolte all’interno di organizzazioni produttive (resteranno
esclusi i servizi domestici).

Il risultato
E’ il prodotto, P . I produttori utilizzano, oltre alle materie prime i fattori
produttivi lavoro (L) e capitale (K), pagando per essi salari e stipendi, e
poi si pagano una remunerazione che prende il nome di profitto. Il flusso di
queste transazioni prende il nome di Reddito, Y .
Il reddito è il valore dei fattori produttivi impiegati nel processo produttivo,
che si aggiunge al valore dei beni e servizi preesistenti, si chiama infatti anche
Valore Aggiunto. Tale reddito viene a sua volta interamente impiegato per
acquistare beni e servizi. Il flusso di queste transazioni costituisce l’aggregato
funzionale che prende il nome di Spesa, X.
Insomma lo stesso flusso è visto dal punto di vista dei produttori (reddito)
e dal punto di vista degli utilizzatori (spesa). Alternativamente si può parlare

17
Contabilità Nazionale

di offerta aggregata e di domanda aggregata. Rappresentiamo il tutto da un


punto di vista contabile a mezzo di matrici e conti:

Uscite Produzione Impiego finale della produzione


Entrate
Produzione w11 Spese per l’acquisto
di beni e servizi, X
Impiego finale Redditi corrisposti ai fattori, Y w22
della produzione

Nell’ambito della teoria economica di riferimento i due aggregati funzionali


w21 e w12 diventano aggregati significativi (cioè redditi ai fattori e spesa per
l’acquisto di beni e servizi) e il legame contabile è esplicitato dalla rappre-
sentazione matriciale.
Attenzione: se consideriamo la sfera della produzione, il reddito rappre-
senta un’uscita relativa all’acquisto dei fattori produttivi. La convenzione è
quindi sempre che nella colonna vi siano i costi o acquisti di fattori, a cui però
corrispondono uscite monetarie. Nella riga del conto della produzione tro-
viamo invece una vendita di prodotti (è un uso) cui questa volta corrisponde
un’entrata monetaria. Con questa precauzione si può rappresentare il conto
corrispondente alla sfera della produzione (i cui intestatari sono naturalmente
le imprese):

Conto della produzione


Entrate Uscite
Spesa Reddito
X Y

Se si considera invece il conto dell’impiego finale della produzione (intestato


questa volta ai settori istituzionali, esempio le famiglie) si ha che le entrate
sono rappresentate dai redditi di questi settori e le uscite dalle spese. Si ha
quindi:

Conto dell’impiego finale della produzione


Entrate Uscite
Reddito Spesa
Y X

Infine rappresentiamo col seguente schema le relazioni tra le due aree fun-
zionali (Produzione e Impiego finale della produzione). Le linee continue
rappresentano gli aggregati mentre quelle tratteggiate rappresentano i flussi
reali corrispondenti agli aggregati

18
Contabilità Nazionale

Relazioni tra Produzione e Impiego finale della produzione

Prodotto intermedio e prodotto finale


I beni e servizi che escono dalla sfera produttiva si chiamano beni e servizi
finali. La spesa relativa è la spesa finale uguale, come abbiamo visto, al
prodotto finale. I beni e servizi che vengono invece utilizzati come materie
prime da unità diverse da quelle che li hanno prodotti sono i beni e servizi
intermedi. I beni e servizi reimpiegati dalle stesse unità produttive che li
hanno prodotti sono i reimpieghi. Il prodotto totale sarà quindi uguale a Xt =
x + X, cioè uguale al prodotto intermedio aumentato del prodotto finale.
Gli scambi di beni e servizi intermedi sono transazioni interne alla sfera
della produzione pertanto l’aggregato x, in posizione w11 rappresenta sia
un’uscita per i produttori che li acquistano che un’entrata per i produttori
che li vendono. Dal punto di vista contabile non vi sono modifiche rispetto
allo schema precedente ma dal punto di vista economico è stata introdotta
un’attività che già conosciamo (flussi intersettoriali) e che tra poco analizzer-
emo meglio.

Uscite Produzione Impiego fin. prod. Totale


Entrate
Produzione x X Xt
Impiego fin. Prod. Y w22
Totale Xt

Siamo cosı̀ passati da una rappresentazione teorica (wij ) ad una rappresen-


tazione in cui i flussi hanno un significato macroeconomico.

19
Contabilità Nazionale

1.3.2 La sfera dell’impiego finale della produzione:


consumo e formazione del capitale
Destinazione della spesa
Qualifichiamo la spesa secondo le finalità per le quali essa viene effettuata.
Il reddito può essere speso per beni e servizi da cui si trae soddisfazione
immediata (consumo) oppure per acquistare macchinari, attrezzature etc.
che costituiscono il presupposto per soddisfare esigenze future (risparmio)
o soddisfare in via indiretta gli stessi bisogni attraverso l’ampliamento della
capacità produttiva. Nel primo caso i beni finali sono beni di consumo mentre
nel secondo caso si parla di beni di investimento o beni capitali. Si può allora
scrivere:

X (Spesa) = C + I, oppure

Xt (Produzione totale) = x + C + I .

Sottolineiamo che il termine investimento non ha in CN lo stesso significato


del linguaggio corrente. In CN è investimento quella parte della produzione
corrente che prende la forma di aggiunta o di sostituzione di beni produt-
tivi. Non è cioè un investimento l’acquisto di azioni o di quote di fondi di
investimento che è invece tale perché fa riferimento a comportamenti microe-
conomici.

Risparmio
I beni di investimento sono caratterizzati dal fatto che sono destinati ad un
processo produttivo futuro. Ciò significa che si ha formazione del capitale
solo se la spesa è effettuata da soggetti il cui fine è la produzione. Poiché la
spesa viene sostenuta dagli utilizzatori finali, la sfera dell’impiego finale della
produzione verrà suddivisa in due parti:

• sfera (o funzione) del consumo,

• sfera (o funzione) della formazione del capitale.

La spesa per il consumo e quella per la formazione del capitale sono alimen-
tate dal reddito anche se non ci sono due flussi separati di reddito che vanno
dalla sfera della produzione alle due sfere del consumo e della formazione del
capitale. Tutto il reddito va alla sfera del consumo dove viene presa poi la
decisione di consumo o non consumo. La prima parte si traduce in consumo,
la seconda in risparmio. Si può allora scrivere: Y = C + S.

20
Contabilità Nazionale

La spesa per la formazione del capitale, I, corrisponde al valore dei beni


prodotti nel periodo ma non utilizzati per il consumo, I = X − C.
Il risparmio corrisponde invece alla parte del reddito corrente che, nel
periodo stesso, non si trasforma in spesa per beni di consumo, S = Y −
C. Questo significa che in un sistema chiuso si deve avere S = I . In
altri termini alla decisione dei soggetti di non trasformare tutto il reddito
ricevuto in beni di consumo deve corrispondere alla fine del periodo contabile
un equivalente valore di beni prodotti che risultano disponibili per impieghi
produttivi futuri.

Valutazione del prodotto finale


Vediamo come può essere valutato il prodotto finale cioè il reddito. Esso
rappresenta l’insieme dei prezzi pagati per i fattori produttivi, si può quindi
dire che esso corrisponde al prezzo dei fattori (o costo dei fattori). Se
invece consideriamo il reddito come spesa si ha che:
• dal punto di vista dei produttori esso è uguale al valore dei beni e
servizi venduti aumentato dalle imposte indirette (IT = indirect taxes),
come ad esempio l’IVA e diminuito dai contributi alla produzione (SU
= subsidies), come ad esempio le misure di defiscalizzazione di alcuni
oneri sociali. Si parla di spesa ai prezzi di mercato;
• dal punto di vista degli utilizzatori finali, la spesa è ulteriormente au-
mentata dai costi di trasporto e dai margini commerciali per cui si parla
di spesa ai prezzi d’acquisto.
Si hanno in definitiva 3 possibili valutazioni dello stesso aggregato.

1.4 Lo schema contabile di un sistema eco-


nomico chiuso
Vediamo come si può rappresentare ora lo schema contabile generale:

Uscite Produzione Consumo Form capitale


Entrate
Produzione x C I
Consumo Y + (IT-SU) w22 -
Form. Capitale w31 S w33

A questo schema corrisponde una leggera complicazione nella rappresenta-


zione circolare del sistema economico.

21
Contabilità Nazionale

Schema sistema economico chiuso

Alcune considerazioni:

• Gli aggregati sotto la diagonale hanno un ruolo di flussi di collega-


mento: il reddito ai prezzi di mercato rappresenta il flusso che scatur-
isce dall’attività produttiva e che va a sostenere l’attività di entrata nel
conto del consumo. L’attività di consumo origina a saldo un flusso, il
risparmio, S, che si traduce interamente in investimenti, I.

• La casella vuota (w23 ) significa che non vi sono transazioni significative


tra le due sfere in quell’ordine.

1.4.1 Spesa per la formazione del capitale


Consideriamo ora la spesa per la formazione del capitale e cioè gli acquisti per
beni destinati a processi produttivi futuri. I beni capitali hanno le seguenti
caratteristiche, sono:

• beni di nuova produzione, altrimenti non sarebbero beni finali;

• beni materiali; i servizi che sono beni immateriali, non sono accumula-
bili e quindi sono esclusi, tranne le spese di trasporto e intermediazione
effettuate al fine di perfezionare l’acquisto di beni di investimento. Per
lo stesso motivo sono escluse anche se le spese correnti relative alla

22
Contabilità Nazionale

R&S, alla formazione ecc. che danno si un reddito futuro ma incerto;


in effetti poi i Sistemi di Contabilità Nazionale (SCN) fanno eccezione
a questo principio;

• beni durevoli (mobili, elettrodomestici, automobili), poiché i beni de-


teriorabili non sono accumulabili;

• beni riproducibili cioè prodotti dall’uomo (es. spese di valorizzazione di


giacimenti minerari, foreste, che rappresentano una creazione di valore
da parte dell’uomo). Non dovrebbero figurarvi terreni e tutte le altre
risorse naturali che l’uomo trova ma non crea ma anche in questo caso
i SCN faranno eccezione.

Un acquisto di un bene con queste caratteristiche non è però una spesa per
la formazione di capitale fisso se chi acquista non è un produttore. Un caso
atipico è quello dei fabbricati che vengono sempre considerati beni capitali
anche se chi acquista non è un produttore.
Un secondo gruppo di beni comprende materie prime, semilavorati, prodotti
in corso di lavorazione e prodotti finiti che non vengono immessi sul mercato
dei beni finali e vanno quindi ad incrementare le scorte di magazzino. Si
parla di variazione delle scorte e si indica con IS.

1.4.2 Il deprezzamento del capitale fisso, D


Consideriamo adesso la perdita di valore dello stock di capitale fisso im-
putabile a logorio fisico, logorio economico e guasti accidentali. Dal mo-
mento che non vi sono transazioni ma piuttosto imputazioni è necessario
valutare questo deprezzamento; si parla di ammortamento e di quota di am-
mortamento. Nonostante alcune similitudini con la pratica aziendale in CN
l’ammortamento non origina da un atto di “prudenza imprenditoriale” ma
corrisponde all’esigenza di mantenere intatto il valore del capitale fisso che il
sistema economico aveva all’inizio del periodo contabile.
Possiamo ulteriormente specificare la matrice dei flussi in un sistema
chiuso:

Uscite Produzione Consumo Form capitale


Entrate
Produzione x C I + IS
Consumo Y + (IT-SU) w22 -
Form. Capitale D S w33

23
Contabilità Nazionale

1.4.3 Le funzioni, i settori e gli aggregati funzionali


settoriali
Introduciamo i settori all’interno delle funzioni, in modo da vedere quali
sono i soggetti che operano all’interno di ogni area funzionale (produzione,
consumo, accumulazione)

Le articolazioni della sfera della produzione


Consideriamo una settorizzazione di tipo tecnico che approfondiremo più
avanti (quando esploreremo la relazione tra SCN e tavola IO). Nella sfera
della produzione vengono prodotti beni destinati sia al mercato intermedio
che a quello finale. I primi non escono dalla sfera produttiva poiché ven-
gono utilizzati come input intermedi dalle u.p. stesse. E’ allora opportuno
suddividere la sfera della produzione in due parti.
La prima contiene il risultato dell’attività produttiva, i beni e servizi
prodotti. La seconda contiene le u.p. che hanno concorso alla loro realiz-
zazione (industrie nel senso di stabilimenti dove avviene il processo produt-
tivo). La cella relativa al prodotto intermedio, x, si suddivide in quattro
sottomatrici.
In una prima matrice (matrice degli usi) in alto a destra si registrano
i prodotti che sono input delle industrie; è una matrice che ha la stessa
funzione della matrice dei flussi che conoscete anche se qui è ben chiara la
distinzione tra industrie e prodotti. Nella seconda matrice (make (o supply)
matrix o matrice di distribuzione) si registrano i prodotti che sono output
delle industrie. Chiaramente l’ipotesi piuttosto realistica dietro a questa
scomposizione della sfera della produzione è che ogni industria produca più
prodotti (lettura di riga) cosi come ogni prodotto possa essere il risultato
dell’output mix di più processi produttivi (lettura di colonna).

Uscite Produzione Consumo Form. Capitale


Entrate Beni e servizi Industrie
Beni e servizi Use matrix Spesa per Spesa per form.
Consumo Capitale
Industrie Make matrix

Consumo Valore aggiunto

Form. capitale Deprezzamento Risparmio

24
Contabilità Nazionale

1.4.4 Dalla sfera della produzione a quella del consumo


Nel passare dalla produzione al consumo il reddito creato viene distribuito,
vediamo i diversi momenti di questo processo.

Processo di formazione del reddito - distribuzione primaria.


Il reddito prodotto è un aggregato a cavallo tra produzione (da cui esce) e
consumo (in cui entra) e per questo può essere visto meglio come VA prodotto
dall’attività produttiva. Rappresenta il flusso che va a remunerare i fattori
primari (lavoro e capitale) e che si ripartisce quindi in redditi da lavoro e in
redditi da capitale e impresa: V A = Y L + Y K.
Successivamente vi è l’allocazione del reddito primario o distribu-
zione ai settori istituzionali. A tal fine abbiamo però la necessità di una
classificazione istituzionale dei soggetti, ad esempio in Imprese, Famiglie e
Istituzioni sociali non lucrative (non profit), PA. In questo processo di allo-
cazione il reddito da capitale e impresa (YK) si scompone in YC (reddito da
capitale) e YG (reddito d’impresa o risultato lordo di gestione). YC viene ora
distribuito ai settori istituzionali e diventa reddito da proprietà (YP) perché
in effetti deriva dalla proprietà del fattore produttivo capitale.
Nello SNA93 si parla di flussi di reddito derivanti da prestito o
affitto di disponibilità finanziarie o reali non prodotte (compresa la
terra) per usi produttivi. Questo processo di redistribuzione, che lascia
inalterato il reddito prodotto dal sistema economico, avviene interamente
all’interno della sfera del consumo e comprende i trasferimenti di reddito tra
settori istituzionali (es. dalle famiglie alle imprese).

1.4.5 La sfera del consumo - distribuzione secondaria


o redistribuzione
Il reddito distribuito ai settori istituzionali non è il reddito disponibile per
l’utilizzazione. Vi sono infatti transazioni unilaterali mediante le quali si
attuano trasferimenti di reddito tra settori istituzionali e si parlerà di di-
stribuzione secondaria (sono trasferimenti di parte corrente, TR). Se
invece si considerano i trasferimenti sotto forma non monetaria (es. servizi
sociali) si parlerà di redistribuzione. Da questo processo emerge il reddito
disponibile, YD. Vediamo alcuni di questi trasferimenti. Dalle imprese e
dalle famiglie alla PA vi sono le imposte. Dalla PA a famiglie e imprese
vi sono i contributi alla produzione e le pensioni. Dalle famiglie alla PA il
pagamento dei contributi sociali.

25
Contabilità Nazionale

1.4.6 Dalla sfera del consumo a quella della formazione


del capitale
Il reddito ora a disposizione dei settori istituzionali viene consumato o risparmi-
ato (utilizzazione del reddito). Con il processo di formazione del risparmio
si collega la sfera del consumo a quella della formazione del capitale. Per
ognuno dei tre settori (Firms = Imprese, Households = famiglie e Govern-
ment = PA) si può ora scrivere l’identità contabile che esprime le forme di
utilizzazione del reddito:

• YDF = SF

• YDH = CH + SH

• YDG = CG + SG

Per le imprese non è ammissibile una spesa per consumi dal momento che
il loro fine è quello di produrre. Se vi sono spese sostenute dalle imprese
non finalizzate alla produzione ma al consumo di chi ci lavora, i relativi
beni vengono interpretati come reddito in natura distribuito dalla imprese.
In conclusione il reddito disponibile delle imprese si traduce interamente in
risparmio, trattenuto all’interno delle stesse per finanziare l’accumulazione
del capitale.

Uscite Produzione Form. Y Alloc. Y Redis Y Util. Y Form. cap.


Entrate Beni, servizi Industrie YL YG F H G F H G F H G
Beni e Use matrix Ch Cg
servizi

Industrie Make matrix

Cons Formaz Y VA
YL
YG
Allocaz Y
F Y Gf Y Pf f . . .
H Y Lh Y Gh Y Phf . . .
G IT - SU Y Gg Y Pgf . . .
Redistr Y
F Yf T Rf f . . .
H Yf T Rhf . . .
G Yg T Rgf . . .
Utiliz Y
F Y Df
H Y Dh
G Y Dg
Form.
Capit F D Sf
F D Sh
PA D Sg

f: firms, h: households, g: government.

26
Contabilità Nazionale

1.4.7 La sfera della formazione del capitale


Redistribuzione e utilizzazione del risparmio
Il saldo tra il reddito disponibile e il consumo definisce il risparmio delle
famiglie e della PA. Per le imprese tutto il reddito disponibile si traduce in
risparmio. Come nel caso del reddito anche a questo punto del processo si può
avere una redistribuzione delle risorse (ora risparmio) cioè un trasferimento
senza contropartita di una quota di risparmio ad altri settori. Si tratta di
trasferimenti in conto capitale al cui termine si ottiene il risparmio
disponibile. Alcuni esempi sono:

• trasferimenti dalla PA alle imprese per sostenere la loro attività di


accumulazione (contributi agli I a fondo perduto, abbattimento degli
interessi su mutui),

• trasferimenti dalla PA alle famiglie (agevolazioni per l’acquisto delle


abitazioni) e da famiglie e imprese alla PA (imposte sul patrimonio).

Tutti questi trasferimenti rappresentano un’uscita per il settore che cede il


risparmio ed un’entrata per il settore che lo riceve. Si svolgono interamente
all’interno della sfera della formazione del capitale e si notano T C. T Cf h è
ad esempio il trasferimento di capitale che va dalle famiglie alle imprese. T C
è in altri termini l’aggregato economicamente significativo corrispondente a
w33 dello schema contabile generale.
Consideriamo adesso l’utilizzazione del risparmio disponibile cioè alla
spesa per acquisto di beni capitali, che sarà effettuata tramite le strutture
creditizie. Le transazioni relative prendono il nome di transazioni finanziarie
e l’aggregato economicamente significativo sarà T F . Si tratta di forme di
redistribuzione del risparmio diverse però dai trasferimenti in conto capitale
perché esiste un impegno del debitore a restituire (ad una data più o meno
lontana) l’ammontare del prestito al creditore, più naturalmente gli interessi.
Attraverso le transazioni finanziarie le decisioni di risparmio diventano de-
cisioni di investimento (queste decisioni riguardano tutti e tre i settori). Si
attua ora una suddivisione di questa sfera di attività in Formazione del
capitale reale e Formazione del capitale finanziario. I due momenti
(reale e finanziario) sono collegati tra loro dal Saldo finanziario, dL, che non
è altro che la differenza tra il risparmio disponibile e la spesa per
investimenti. In altri termini tale differenza può essere utilizzata grazie al
mercato degli intermediari finanziari.
La settorizzazione adottata sinora, utile per capire i meccanismi interni
alle sfere del consumo e della formazione del capitale reale può essere sos-

27
Contabilità Nazionale

tituita da un’altra che tenga conto della specificità dei comportamenti fi-
nanziari. Si distinguerà tra imprese finanziarie che nella formazione del capi-
tale finanziario hanno un ruolo di protagonisti e imprese non finanziarie.

1.4.8 Lo schema contabile consolidato


Torniamo alla settorizzazione funzionale e commentiamo lo schema seguente
in cui sono stati aggiunti diversi aggregati economicamente significativi:

Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale


Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione x C GI
Consumo Y + (IT-SU) YP + TR
Parte reale D S TC
Parte finanziaria dL TF

D=deprezzamento; YP = redditi da proprietà; TR = trasferimenti di parte


corrente; TC = trasferimenti in conto capitale; GI = investimenti lordi; TF =
transazioni finanziarie; dL = saldo finanziario (L=liabilities=disponibilità).
Questo schema può essere sempre considerato come il riassunto dei conti
intestati alle varie sfere di attività, (ricordate vengono riportati i flussi in
contropartita monetaria, quindi di segno inverso):

Conto della produzione


Entrate Uscite
C + GI Y + (IT-SU) + D

Conto del consumo


Entrate Uscite
Reddito netto : Y + (IT-SU) C+S

Conto della formazione del capitale reale


Entrate Uscite
D+S GI + dL

Conto della formazione del capitale finanziario


Entrate Uscite
dL 0

Come si può notare i 4 conti sono collegati dai saldi. Ad esempio il conto del
consumo genera a saldo il risparmio che compare poi in entrata nel conto suc-
cessivo quello della formazione del capitale reale. Inoltre il saldo finanziario
(S = I), essendo il sistema chiuso, è pari a zero. Ciò non è naturalmente
ovvio a livello di singoli settori.

28
Contabilità Nazionale

1.5 Gli aggregati e la struttura contabile di


un sistema aperto

La struttura sinora descritta è chiaramente poco aderente alla realtà. I sis-


temi economici sono in realtà aperti e fortemente interrelati. E’ quindi nec-
essario individuare un criterio per stabilire quando un soggetto appartiene
all’economia del paese o ad uno degli altri sistemi (resto del mondo).

Deve essere chiaramente un criterio con contenuti economici (si esclude


quindi quello della lingua o residenza anagrafica) e potrà essere oggettivo o
territoriale per cui appartengono all’economia del paese tutti i soggetti che
si trovano sul territorio del paese (si dice anche sul territorio interno). Non
ne appartengono quelli che stanno al di fuori dello stesso. Si fa riferimento
ad un territorio politico e non geografico per cui fanno parte dell’economia
interna anche le ambasciate, i consolati, le basi militari e i centri di ricerca.
Questo é un criterio che però non permette di considerare situazioni in cui
le attività di produzione, consumo ed accumulazione avvengono fuori dal
territorio nazionale solo per motivi contingenti (turismo o trasferte di lavoro).

Si può allora considerare un criterio soggettivo secondo cui appartengono


all’economia del paese tutti coloro che nel paese hanno il loro centro di inter-
essi economici. Si definisce di conseguenza il territorio nazionale (in contrap-
posizione al territorio interno del criterio territoriale) e l’economia del paese
individuata secondo questo criterio verrà chiamata economia nazionale.

I due criteri per alcuni soggetti si sovrappongono, forniscono cioè lo stesso


risultato. E’ il caso delle unità produttive e della PA. Per le persone fisiche
(o famiglie) invece non vi è sovrapposizione; il fatto che una persona lavori e
consumi sul territorio di un paese non implica necessariamente che abbia il
suo centro di interessi in quello stesso paese. Si veda ad esempio il caso dei
lavoratori stagionali. E’ quindi necessario avere una convenzione temporale
che consenta di decidere quando il centro di interessi di un soggetto per la
sua permanenza all’estero (es. emigrati) si sposta nel paese di accoglienza:
12 mesi.

La definizione dei confini del sistema economico (presenza sul territorio


o residenza economica) ha influenza sulle operazioni relative ad ogni sfera
di attività e quindi sulla definizione dei corrispondenti aggregati funzionali.
Consideriamo ad esempio C, insieme delle spese per beni e servizi di consumo.
Se si considera il criterio territoriale si ha sicuramente un aggregato diverso
da quello che si ottiene considerando il criterio della residenza economica.

29
Contabilità Nazionale

1.5.1 Gli aggregati su base interna (o territoriale)


Le transazioni possono svolgersi tra due soggetti entrambe interni o un sog-
getto interno ed uno esterno. Dopo avere suddiviso ogni funzione in due
parti, la prima riferita all’attività dei soggetti interni e la seconda all’attività
dei soggetti esterni, si ha il seguente schema:

Uscite Produzione Consumo Formazione Capitale


Entrate interni esterni Parte reale Parte finanz.
Produzione interni xii xie Cij – GIij –
esterni xei – – –
Consumo interni Yii Yie T Rii T Rie – –
esterni Yei T Rei – –
Parte reale interni Di – Si – T Cii T Cie
esterni T Cei
Parte finanz. interni dLi T Fii T Fie
esterni – dLe T Fei

Alcune precisazioni:

1. xii indica l’acquisto di beni e servizi intermedi da parte di u.p. interne


presso u.p. interne. Sono le transazioni che si ritrovano nella tavola dei
flussi di produzione interna.

2. xie indica l’acquisto di beni e servizi intermedi da parte di u.p. esterne


presso u.p. interne.

3. xei indica l’acquisto di beni e servizi intermedi da parte di u.p. interne


presso u.p. esterne. Si tratta delle transazioni che si ritrovano nella
tavola dei flussi di importazione.

4. Yii è il reddito distribuito da u.p. interne a soggetti interni (es. red-


dito da lavoro distribuito da industrie meccaniche interne a famiglie
interne).

5. Yie è il reddito distribuito da u.p. esterne a soggetti interni (è il reddito


degli interni all’esterno)

6. TRie sono i trasferimenti di reddito da soggetti esterni a soggetti interni.

7. dLi è il saldo finanziario (risparmio lordo disponibile dei soggetti interni


e investimenti lordi delle u.p. interne) dell’economia interna.

8. TFie sono le transazioni finanziarie tra soggetti interni ed esterni; sono


crediti concessi da soggetti esterni a soggetti interni (per il trasferi-
mento del risparmio)

30
Contabilità Nazionale

Alcune attività danno luogo solo a transazioni interno-interno (es. consumo e


formazione del capitale (risparmio e accumulazione). Ad esempio il risparmio
come decisione è totalmente interna (vedi schema) ma come utilizzazione può
considerarsi anche la formazione di capitale di soggetti esterni ma questo
riguarda la parte dello schema dei trasferimenti in conto capitale (TC) o
delle transazioni finanziarie (TF).
Nello schema chiaramente non si considerano gli aggregati relativi a transa-
zioni esterno - esterno se non per motivi di quadratura contabile il dLe che
rappresenta il saldo finanziario del RDM.
E’ sempre possibile considerare, con un artifizio, gli acquisti per il con-
sumo di interni all’esterno (es. per posta o internet) registrate in xei , cosı̀
come le spese per consumi di esterni all’interno xie . Lo stesso vale per la
spesa in beni di investimento (effettuata ricordiamo da u.p. e non da soggetti
fisici). Anche il deprezzamento, come il risparmio è un flusso completamente
interno.
Consideriamo ora la distribuzione del reddito. Il lavoro (soprattutto
quello intellettuale) e il capitale può essere acquistato ovunque. Si avrà
allora:

• reddito distribuito da unità produttive interne a soggetti interni ed


esterni, è il prodotto interno: Yi = Yii + Yei

• reddito percepito da soggetti interni presso unità produttive interne ed


esterne: Yi = Yii + Yie

La differenza tra le due configurazioni di reddito è il saldo fra redditi per-


cepiti da esterni all’interno e redditi percepiti da interni all’esterno. Il saldo
finanziario (accreditamento netto nei confronti del RDM) non è ora sempre
uguale a zero. I soggetti interni possono attingere al risparmio esterno (sono
le transazioni finanziarie in TFie cosı̀ come i soggetti esterni possono ricorrere
al risparmio interno TFei .Per avere dLi = 0 bisogna che sia nullo il saldo TFei
- TFie . Visti i rapporti tra i sistemi economici si avrà spesso che il risparmio
interno lordo disponibile potrà essere superiore o inferiore agli investimenti
interni lordi. Il saldo finanziario sarà allora identico in valore assoluto al
saldo finanziario del RDM. In altri termini si avrà dLi = -dLe .

1.5.2 L’economia interna


Manteniamo le 4 sfere per l’economia interna e raggruppiamole per il RDM.
Si ottiene lo schema seguente:

31
Contabilità Nazionale

Uscite Produzione Consumo Formazione Capitale Resto del Mondo


Entrate interni esterni P. reale P. finanz. P. reale P. finanz.
Produzione interni xii Cij GIij xie

Consumo interni Yii + Yie T Rii Yie + T Rie

P. reale Di Si T Cii T Cie


Formaz.
Capitale P. finanz. dLi T Fii T Fie

Resto P. reale xei Yei + T Rei T Cei


del
Mondo P. finanz. T Fei dLe

L’economia interna si articola nelle solite 4 sfere e viene descritta da aggregati


quantificati su base interna. L’attività del RDM si articola invece in due sole
sfere e raccoglie invece gli aggregati che sono frutto delle transazioni oltre
frontiera.
I processi di distribuzione primaria del reddito e redistribuzione tra econo-
mia interna e RDM non vengono considerati.
La spesa di u.p. esterne e di altri soggetti esterni per l’acquisto di beni
e servizi intermedi, beni e servizi di consumo e beni di investimento presso
u.p. interne viene denominata esportazioni interne, Ei (o di beni e servizi).
Simmetricamente si hanno le importazioni, Mi . Il saldo tra le due transazioni
prende il nome di saldo delle transazioni in beni e servizi o saldo della bilancia
commerciale.

1.5.3 Gli aggregati su base nazionale


Se si adotta il criterio soggettivo le transazioni possono ora svolgersi tra
soggetti entrambi nazionali o tra un soggetto nazionale ed uno estero. I
flussi e gli aggregati sono ora su base nazionale.
Abbiamo già visto che per imprese e PA le due classificazioni coincidono
vediamo invece il trattamento dell’attività di consumo di un frontaliero nei
due casi di economia interna e nazionale. Nel primo caso il flusso (esempio
di un pasto in una trattoria svizzera di un frontaliero italiano) farà parte dei
consumi svizzeri mentre nel secondo farà parte dei consumi dell’Italia.
Il reddito interno si definisce come reddito distribuito dalle u.p. interne (o
residenti) a soggetti ovunque residenti. E’ cioè il reddito percepito all’interno
da soggetti nazionali ed esteri.
Il reddito nazionale è invece il reddito percepito dai soggetti nazionali e

32
Contabilità Nazionale

distribuito loro da u.p. interne ed esterne. E’ cioè il reddito che i nazionali


percepiscono sia all’interno che all’esterno.
Questa duplice definizione può essere naturalmente riferita anche ai set-
tori istituzionali o tecnici. La differenza tra le due accezioni di reddito è il
saldo tra redditi che i residenti esteri percepiscono all’interno e redditi che i
residenti nazionali percepiscono all’esterno.
Anche per il consumo si può definire il consumo interno (spesa sostenuta
all’interno da soggetti nazionale ed esteri) e il consumo nazionale (spesa
sostenuta dai soggetti nazionali sia all’interno che all’esterno). Anche qui
la differenza tra le due accezioni è il saldo tra consumi all’interno dei non
residenti e consumi all’esterno dei residenti.

1.5.4 L’economia nazionale


In questo caso lo schema sarà molto simile al precedente. Bisogna però
fare attenzione al significato di importazioni ed esportazioni. Ora il saldo
esportazioni nazionali-importazioni nazionali è uguale al saldo della bilancia
commerciale, più il saldo dei redditi dei nazionali all’estero e di quelli degli
esteri sul territorio nazionale, più il saldo dei consumi degli esteri sul territorio
nazionale e dei consumi dei nazionali all’estero.

1.6 I sistemi di contabilità nazionale


Quelli finora visti erano schemi di contabilità che riproducevano in termini
di valore, in forma contabilmente coerente ed economicamente significativa
i paradigmi della teoria macroeconomia. Tali schemi sono stati tradotti in
pratica diventando sistemi di contabilità.

1.6.1 Lo SNA ‘53


Alla fine della seconda guerra mondiale si manifestò la necessità di misure
comparabili del reddito nazionale per suddividere le spese degli organismi
internazionali. Nel 1947 il Comitato di esperti statistici della Lega delle
Nazioni pubblicò un rapporto con un appendice di Stone “Defini-
tion and measurement of the national income and related totals”,
che può essere considerato il documento da cui origina lo SNA. In esso si
mostrava come ottenere il reddito nazionale e il prodotto nazionale
lordo selezionando a combinando le transazioni elementari di un
sistema economico. E’ un po’ l’approccio che abbiamo seguito noi che

33
Contabilità Nazionale

consiste nel passare dalle transazioni economiche elementari agli aggregati


economicamente significativi. Questo modo di affrontare la questione (poi
chiamato social accounting approach) rappresentava un’evoluzione rispetto
al passato, in cui si costruiva un solo aggregato, il reddito nazionale, e fu la
base per l’evoluzione della CN e la costruzione dei primi SCN. Nel rapporto
nove tabelle mostravano come ottenere stime di aggregati quali il reddito, la
spesa, la formazione del capitale ed il risparmio.
Queste prime stime permisero di analizzare i trend economici, le tendenze
inflazionistiche, i fattori determinanti l’occupazione etc. Nel 1950 l’UNSO
(United Nations Statistical Office) pubblica una raccolta di stime (National
Income Statistics) provenienti da 41 paesi. In Europa i conti nazionali furono
utilizzati come base informativa sulle condizioni economiche e l’amministra-
zione degli aiuti post-bellici. Nel 1950 l’OCSE pubblica un insieme di conti
da proporre ai paesi membri che divengono nel 1952 A Standardised System
of National Account. Si tratta di un insieme di tabelle che organizzano
l’informazione necessaria a descrivere l’attività economica, forniscono una
classificazione dei relativi flussi e mettono in relazione gli stessi in un sistema
articolato di conti.
Nel 1953 vede la luce lo SNA and Supporting Tables. E’ un sistema com-
posto da sei conti standard, basati su una struttura di conti della produzione,
distribuzione del reddito, formazione del capitale e rapporti con l’estero. Il
tutto per tre settori (Imprese, Famiglie e Istituzioni sociali private e PA).
Nello SNA ’53 si esprimono i flussi a prezzi correnti rinviando al futuro
il problema della compilazione delle stime a prezzi costanti. Si riconosce
l’importanza dell’armonizzazione degli standard statistici internazionali al
fine di assicurare la coerenza delle definizioni e delle classificazioni utilizzate
da altri organismi. Non si affronta invece la compilazione e la misura delle
voci contenute nei conti, problema risolto col manuale sui metodi di stima
del reddito nazionale apparso nel 1955.

I Conti generali del paese


Nel ’50 l’ISTAT pubblica un volume degli Annali di Statistica dal titolo Studi
sul reddito nazionale. Nel ’53 l’ISTAT recepisce lo SNA53 ed elabora ogni
anno, fino al ’73, I Conti generali del paese. Il sistema consta di quattro
conti (tre relativi all’Italia: Produzione, Reddito e spesa e Formazione del
capitale ed uno al RDM). La settorizzazione è di tipo funzionale con qualche
elemento di settorizzazione istituzionale. Gli aggregati sono individuati su
base nazionale.
I Conti non consideravano organicamente i trasferimenti in conto capitale

34
Contabilità Nazionale

con l’estero (recuperati come saldo nel conto dell’Italia con il RDM) né le
transazioni finanziarie (registrate a latere del sistema).
Ai Conti generali del paese si affiancavano i flussi di beni e servizi con-
tenuti nelle tre tavole IO (’65, ’67 e ’69) che però non erano integrate con i
sistema dei conti.
Vi erano inoltre una serie di tavole che illustravano aspetti particolari
dell’attività economica (formazione del reddito, distribuzione e redistribuzione
del reddito, destinazione della domanda finale interna, conti economici della
PA). Infine i conti economici erano elaborati per quattro ripartizioni territo-
riali.
Riportiamo di seguito la rappresentazione matriciale dei “Conti generali
del paese” per il 1973 (miliardi di lire correnti). dC rappresenta il disavanzo
dell’economia nazionale (cioè il saldo del conto della formazione del capitale
cambiato di segno).

Uscite Produzione Reddito e spesa Formazione del RDM


Entrate Capitale
Produzione Cp + Cg = 51784 I = 18621 E = 18034
+11772
Reddito e spesa Y + IT − SU T Rnr = 878
= 73380
Formazione capitale D = 7194 Sp + Sg = 13431 - 3463 - dC = 1459

RDM M = 19637 T Rrn = 734 dC

1.6.2 Lo SNA ’68


L’aggiornamento dello SNA fù compiuto con l’apporto dell’OCSE e
dell’IARIW (International Association for Research in Income and Wealth).
Oltre all’aggiornamento degli schemi contabili lo SNA68 divenne una guida
per i paesi nello sviluppo delle loro statistiche di base. Furono inseriti in
modo organico la tavola IO e i conti finanziari. Fu data enfasi alla setto-
rizzazione istituzionale. Fu dedicata attenzione alle stime a prezzi costanti
(aggregati al tempo t espressi ai prezzi del tempo 0). Si ebbe una prima rap-
presentazione dei conti in forma matriciale. Vediamo alcune caratteristiche
dello SNA ’68. Lo SNA è su base mista interna/nazionale e si compone di
20 conti cosı̀ suddivisi:
• Conti intestati ai settori istituzionali (dieci conti)
Due conti (consumo e formazione del capitale) intestati ai settori is-
tituzionali, che sono ora cinque (società e quasi società non fin., isti-
tuzioni fin., PA, Istituzioni sociali private, Famiglie) per cui dieci conti.

35
Contabilità Nazionale

• Conti relativi alla sfera della produzione (sei conti)


Per collegarsi alla tavola IO vi sono due conti (dei beni e servizi) che
mostrano l’offerta e l’utilizzazione dei beni e servizi e quattro conti che
illustrano la produzione di beni e servizi per quattro classi di produttori
(le industrie, i produttori di servizi della PA, i produttori di servizi
privati senza scopo di lucro perle famiglie e i servizi domestici alle
famiglie).

• Quattro conti consolidati per il paese

1. conto del PIL


2. conto della distribuzione del reddito nazionale disponibile
3. conto del capitale reale finanziario
4. conto delle transazioni esterne

• 26 tavole di supporto (contengono ad esempio il PIL per Ateco, la


composizione dei consumi finali dei settori istituzionali etc.)

1.6.3 Il SEC ’70


Preparato da EUROSTAT rappresenta un adattamento dello SNA68 ai paesi
della CEE. L’Italia lo adotta nel ’74. In esso si fondono le due classificazioni
(interna/nazionale) dei soggetti. Inoltre i conti sono intestati ai settori isti-
tuzionali. Si definiscono poi le unità istituzionali come quelle unità residenti
che dispongono di una contabilità completa e godono di un’autonomia di
decisione nell’esercizio della loro funzione principale. Si individuano cosı̀
funzione principale e tipo di risorse che consentono di caratterizzare ciascuno
dei 7 settori (vedi prospetto 4.6 a pag. 208 di Introduzione ai sistemi di con-
tabilità nazionale – Ferrari G.). A ciascun settore il SEC intesta i seguenti sei
conti: 1) conto della produzione, 2) conto della distribuzione del VA, 3) conto
del reddito (e delle operazioni correnti con il RDM), 4) conto di utilizzazione
del reddito, 5) conto della formazione del capitale, 6) conto finanziario.

1.6.4 Lo SNA ’93 e il SEC ’95


Nel 1982, un gruppo di esperti appositamente convocato, raccomandò l’inizio
di una attività di revisione del SNA ’68 che venne accolta dalla Commissione
Statistica dell’ONU.
A seguito del lavoro svolto, vide infine la luce nel 1993 come documento
ufficiale, il cui uso veniva raccomandato dal Consiglio Economico e Sociale

36
Contabilità Nazionale

delle Nazioni Unite a tutti gli stati membri ed alle organizzazioni internazion-
ali. Attualmente i paesi e gli organismi internazionali stanno operando per
adeguare i propri sistemi di CN ad esso. Possiamo distinguere l’azione dei
paesi sviluppati da quelli in via di sviluppo, per i quali sono previsti dal
sistema stesso casi particolari ed adattamenti nella filosofia che caratterizza
tutta la struttura: la flessibilità.

I conti intestati ai settori istituzionali


Lo SNA ’93 accoglie la definizione di unità istituzionale data dal SEC ’70.
Tuttavia, identifica per i settori società e quasi società non finanziarie e Isti-
tuzioni di credito, oltre ai settori delle società pubbliche e delle società private
nazionali (come nello SNA ’68 e SEC ’70), anche quello delle Società con-
trollate all’estero. I settori istituzionali che vengono definiti dai due sistemi
sono i seguenti:

• Società non finanziarie

• Società finanziarie

• Amministrazioni pubbliche

• Famiglie

• ISP

• Resto del Mondo

Naturalmente essi contengono una sottosettorizzazione. Ai primi 5 settori


vengono intestati i seguenti 11 conti:

1. conto della produzione

2. conto della generazione dei redditi primari

3. conto della attribuzione dei redditi primari

4. conto della distribuzione secondaria del reddito

5. conto di utilizzazione del reddito

6. conto del capitale

7. conto finanziario

8. conto delle altre variazioni delle attività e delle passività

37
Contabilità Nazionale

9. conto patrimoniale di apertura

10. conto delle variazioni patrimoniali

11. conto patrimoniale di chiusura.

I conti dal secondo al quinto vengono indicati come “Conti della distribuzione
e di utilizzazione del reddito”, ed il terzo e quarto vengono indicati come
“Conti della distribuzione primaria del reddito”. Questi conti unitamente al
primo conto, quello della produzione, costituiscono il gruppo dei conti delle
operazioni correnti. I conti dal sesto all’ottavo vengono chiamati conti della
accumulazione. I restanti tre conti si chiamano conti patrimoniali.
Lo scopo di questi conti è quello di evidenziare le attività, le passività e
il patrimonio netto delle unità all’inizio e alla fine del periodo contabile.
Il conto della attribuzione dei redditi primari viene a sua volta suddiviso
nel conto del reddito da impresa e nel conto della attribuzione degli altri
redditi primari. Per i settori Amministrazioni pubbliche, Famiglie e ISP, oltre
al conto della distribuzione del reddito, esiste il conto della redistribuzione
del reddito in natura, nel quale si tiene conto dei flussi relativi all’utilizzo dei
beni e dei servizi individuali che le famiglie ricevono gratuitamente. Il saldo
di questo conto è il reddito disponibile corretto.
Il conto di utilizzazione del reddito è, per le Società non finanziarie e per
le Società finanziarie, conto di utilizzazione del reddito disponibile; per le
amministrazioni pubbliche, per le famiglie e per le ISP, esso è suddiviso in
due conti:

• conto di utilizzazione del reddito disponibile

• conto di utilizzazione del reddito disponibile corretto,

con il quale si tiene conto dei consumi finali effettivi, un nuovo concetto
introdotto dal SNA 1993 e fatto proprio dal SEC 1995. Il conto del capitale
viene suddiviso in:
• conto delle variazioni del patrimonio netto dovute al risparmio e ai
trasferimenti in conto capitale

• conto delle acquisizioni di attività non finanziarie.


Il conto delle altre variazioni delle attività e delle passività viene suddiviso
in:
• conto delle variazioni di volume delle attività e delle passività

38
Contabilità Nazionale

• conto della rivalutazione delle attività e delle passività,

questo conto viene a sua volta suddiviso in:

• conto dei guadagni e delle perdite neutrali in conto capitale

• conto dei guadagni e delle perdite in conto capitale.

Al Resto del Mondo vengono intestati i seguenti 8 conti, chiamati “conti delle
operazioni del Resto del Mondo”:

• Conto del RdM dei beni e dei servizi

• Conto del RdM dei redditi primari e dei trasferimenti correnti

• Conto del capitale

• Conto finanziario

• Conto delle altre variazioni delle attività e delle passività

• Conto patrimoniale di apertura

• Conto delle variazioni patrimoniali

• Conto patrimoniale di chiusura.

I primi due conti vengono chiamati conti delle operazioni correnti. I conti
dal terzo al quinto vengono indicati come i conti della accumulazione,
mentre gli ultimi tre vengono chiamati conti delle attività e delle pas-
sività del RdM. Il conto del capitale ed il conto delle altre variazioni delle
attività e delle passività vengono suddivisi negli stessi sottoconti che ab-
biamo per i settori di cui sopra. Tutti i conti sono organizzati in “risorse” e
“impieghi”, tranne quelli riguardanti attività e passività finanziarie.

Conti consolidati per il paese


Le differenze tra la contabilità per settori istituzionali e la contabilità consol-
idata non sono molte. Come accadeva per il SEC ’70, il conto di apertura è il
conto di equilibrio dei beni e servizi. Dal Conto della produzione emergono il
PIL ed il Prodotto Interni Netto (PIN). In uscita del conto delle variazioni
del patrimonio netto dovute al risparmio ed ai trasferimenti in conto capitale
del RdM, appare un saldo chiamato “variazioni del prodotto netto” (VPN),
che va poi in entrata del conto delle acquisizioni di attività non finanziarie,
da cui, in uscita, scaturisce l’accreditamento o indebitamento del RdM.

39
Contabilità Nazionale

Sottolineiamo che questa presentazione non esamina alcuni punti specifici


molto importanti poiché non presentano sostanziali novità rispetto al passato.
Primo fra tutti la Tavola IO che non offre al momento spunti di discussione
particolari. Infine il tema dei “CONTI SATELLITI”, che nel SNA ’93 è
trattato con ampiezza e attenzione, mentre non viene affrontato dal SEC
’95, va assumendo sempre più rilievo nei SCN. I conti satelliti hanno lo scopo
di registrare contabilmente le nuove attività legate alle mutate condizioni
economiche, ambientali, sociali e sanitarie, ecc., che non hanno ancora trovato
collocazione nel corpo dei SCN. Altri aspetti affrontati dai conti satelliti sono
la cultura, l’istruzione, il turismo.

40
Esercizi

1.7 Esercizi
Esercizio 1 del 25.07.02
Considerate un sistema economico che nel corso di un anno fornisce i seguenti
valori (in milioni di Euro):
VA = 1.099.105; Investimenti fissi lordi = 174.630; Ammortamenti =
139.366; Consumi totali = 853.570; Imposte indirette al netto dei contributi
alla produzione = 123.261.

• Sistemare i valori nello schema seguente (sistema economico chiuso)

Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale


Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione 853.570 174.630
Consumo 1.222.366
Parte reale 139.366
Parte finanziaria

• Illustrare il significato di w11 , w22 , w33 , w43 , w44 .


w11 : la sua specificazione è l’aggregato X, rappresenta contemporanea-
mente un’uscita per i produttori che acquistano beni e servizi intermedi
ed un’entrata per i produttori che li vendono; sono transazioni interne
alla sfera della produzione.
w22 :Redditi da proprietà e trasferimenti di parte corrente. Nel processo
di allocazione il reddito da capitale è distribuito ai settori istituzion-
ali e diventa reddito da proprietà. I trasferimenti di parte corrente
sono transazioni unilaterali mediante le quali si attuano trasferimenti
di reddito tra settori istituzionali: si parla di distribuzione secondaria.
w33 : Trasferimenti in conto capitale: un trasferimento senza contropar-
tita di una quota di risparmio ad altri settori; al termine si ottiene il
risparmio disponibile.
w43 :Saldo finanziario. E’ la differenza tra il risparmio disponibile e la
spesa per investimenti. Collega la formazione del capitale reale e la
formazione del capitale finanziario.
w44 : Transazioni finanziarie. Riguarda la spesa per acquisto di beni
capitali che sarà effettuata tramite la struttura creditizia.

• Ricostruire il conto della produzione e il conto della formazione del


capitale reale e spiegare come i due conti sono collegati.

41
Contabilità Nazionale Esercizi

Conto della produzione


Entrate Uscite
C + GI Y + (IT-SU) + D

Conto della formazione del capitale reale


Entrate Uscite
D+S GI + dL

Il conto della produzione è collegato al conto della formazione del capitale


reale mediante il saldo in uscita del conto della produzione che si ritrova in
entrata (cambiato di segno) nel conto della formazione del capitale reale.

Esercizio 2 del 06.09.02


Considerate un sistema economico che nel corso di un anno fornisce i seguenti
valori(in migliaia di Euro): Consumi intermedi 1.027.632; Redditi da lavoro
dipendente 449.726; Ammortamenti 139.366; Consumi totali 853.570; Im-
poste sulla produzione 173.900; Contributi alla produzione -19.153; Risul-
tato lordo di gestione 494.632; Redditi da capitale 42.644; Variazione scorte
15.562.
• Sistemare i valori nello schema seguente (sistema economico chiuso)
Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale
Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione 1.027.632 853.570 15.562
Consumo 1.141.749
Parte reale 139.366 288.179
Parte finanziaria

• Determinare il PIL ai prezzi di mercato, il risparmio lordo e gli inves-


timenti fissi lordi.
Y = 449.726 + 494.632 + 42.644 = 987.002 perciò nella casella w21 si avrà:
(Y + IT − SU ) = 987.002 + 173.900 − 19.153 = 1.141.749
Dalla relazione C + GI = Y + (IT − SU ) + D si ha che GI = Y − (IT −
SU ) +D −C. Nel nostro caso, GI = 1.141.749+139.366−853.570 = 427.545
Inoltre dalla relazione Y + (IT − SU ) = C + S, ricaviamo
S = 1.141.749 − 853.570 = 288.179
Il PIL sarà dato dalla somma del prodotto intermedio e del prodotto finale
perciò
P IL = 1.027.632 + 853.570 + 15.562 = 1.896.764

42
La contabilità nazionale e la
tavola Input Output
2.1 Introduzione
La contabilità nazionale, CN, vede gli inizi con W. Petty che nel 1690 stimò
reddito e consumo globali dell’Inghilterra per cercare di capire quale fosse
la potenza economica e militare di questo stato. Questi primi studi costi-
tuiscono dei tentativi di definire e valutare alcune variabili interessanti per
l’economia (soprattutto il reddito).
La CN si è sempre focalizzata sullo studio del reddito e della ricchezza.
Negli anni ’30, dopo la parentesi neoclassica (caratterizzata da neutralità
dello stato e scarso rilievo degli studi su reddito e ricchezza), riprende in
piena depressione l’interesse per il legame tra settore pubblico e privato, lo
stato diventa il soggetto che può, attraverso le manovre di politica economica,
ristabilire l’equilibrio del sistema (manovrando il tasso d’interesse, le imposte
e la spesa pubblica). In questo suo ruolo deve però avere a disposizione i
conti del paese e quindi riprende in questo periodo lo studio sul reddito e la
ricchezza della nazione. Con la teoria generale di J. M. Keynes, che fornisce
una base teorica al sistema dei conti, si apre la strada alla CN attuale il cui
prototipo fu costruito nel 1941 per il governo inglese da due altri premi nobel,
J. Meade e R. Stone.
J. Meade ricevette il nobel per l’economia con R. Ohlin nel ’77 anche se
per i suoi studi sul commercio internazionale e R. Stone lo ricevette nel 1984
proprio per i suoi ”contributi allo sviluppo dei sistemi di CN e per avere cosı̀
migliorato le basi per l’analisi empirica”.
All’epoca, prima della seconda guerra, i vari paesi usavano metodi diffe-
renti di costruzione dei sistemi di CN. Si rese quindi necessario affrontare il
problema della standardizzazione dei sistemi (attraverso l’adozione di defini-
zioni, classificazioni e metodi di calcolo comuni) e delle progressiva armo-
nizzazione degli stessi. Per rispondere a questa esigenza fu affidato a Stone
Input Output

il compito di formulare un insieme di raccomandazioni per i paesi membri


dell’ONU, sui metodi di misura del reddito nazionale e sulla costruzione dei
conti; siamo nel 1947.
Nel 1953 l’ONU pubblica il System of National Accounts and Supporting
Tables (SNA) che costituı̀ per i paesi membri lo schema di riferimento per la
costruzione del sistema dei conti. L’evoluzione delle economie dei vari paesi
cosı̀ come dei metodi di rilevazione statistica furono all’origine della prima
revisione dello SNA 1968, sempre opera di Stone, che costituisce un sistema
integrato di conti reali, conti finanziari e tavola input-output. E’ una revi-
sione importante che sarà il punto di riferimento nella costruzione dei sistemi
di CN per 25 anni. Su tale impostazione si fondò anche il Sistema Europeo di
Conti Economici Integrati (SEC) adottato dall’UE, SEC79. Arriviamo alla
seconda importante revisione dello SNA, nel 1993, cui contribuiscono, oltre
a ONU e UE, OCSE, FMI, World Bank.
Qualche anno più tardi l’UE elabora una nuova versione del SEC (SEC
1995 o ESA - European System of Account), attualmente in fase di adozione
nei paesi membri dell’UE.
Consideriamo ora come si sviluppo l’idea input-output. W. Leontief
ricevette il nobel per l’Economia nel ’73 per aver sviluppato il metodo IO
e per averlo applicato alla soluzione di importanti problemi economici. Vedi-
amo di ritrovare gli elementi di un’idea che Leontief sviluppo negli anni ’30 e
che vide nel 1936 la costruzione delle prime tavole IO per l’economia amer-
icana. A François Quesnay e al suo Tableau economique risale l’idea della
relazione delle diverse parti di un sistema economico (siamo nel 1758). L’idea
dei coefficienti fissi è di L. Walras (1874 - Elements d’economie politique pure)
che costruisce il prototipo dei modelli matematici di E.E.G. Va infine at-
tribuita a Gustav Cassel (1932 - Theory of social economy) l’idea di derivare
i coefficienti dall’analisi empirica anziché deduttivamente dalla risoluzione
del problema del consumatore (massimizzazione del principio d’utilità). Il
modello di Leontief in sintesi rende operativa l’idea di Cassel traducendo lo
schema di Walras in relazioni che possono essere stimate, dopo avere eseguito
le seguenti operazioni:

a. escludendo, nel modello base, le equazioni di offerta dei fattori primari e


quelle di domanda dei beni e servizi finali;

b. riducendo il numero infinito dei mercati ad un numero finito di branche;

c. accettando l’approssimazione walrasiana dei coefficienti fissi e quindi


funzioni di produzione lineare;

44
Input Output

Insomma già all’origine dell’analisi IO vi è questo compromesso tra teoria


e pratica (raccolta dei dati), compromesso che si fonda su una teoria che
interpreta la realtà nei termini della sua struttura (tecnologica, di gusti (stili
di vita), dotazione di risorse primarie) e su una ordinata rilevazione contabile,
organizzata in tavole IO, che consente una descrizione coerente dei fatti.

2.2 La CN e la tavola IO
Vediamo di capire meglio la relazione tra CN e IO. La CN può esistere senza
che esista la tavola input-output ma la tavola è uno strumento di coerenza
della CN. Basti ricordare che in alcuni casi l’introduzione nei sistemi di CN
della tavola IO ha permesso di verificare discrepanze notevoli nella stima del
reddito nazionale ottenute con e senza la tavola. L’esistenza della tavola
assicura infatti la coerenza tra rilevazioni differenti e quindi una maggiore
affidabilità di tutta la base informativa.
Da un altro punto di vista l’impostazione del sistema contabile vincola la
costruzione della tavola IO e ne determina la struttura e le ipotesi teoriche che
consentono di trasformarla da strumento descrittivo in strumento di analisi
economica. Sistemi contabili diversi possono portare a differenze sostanziali
nel modo in cui le tavole descrivono le tecnologie con ovvie ripercussioni
sull’applicazione dei modelli.
La tavola IO può essere vista come la rappresentazione dei tre conti fon-
damentali della CN:

1. produzione: Produzione + Imposte nette = Cons. interm. + Pin +


amm.ti;

2. equilibrio dei beni e servizi : C. inter. + C. finali I fissi + var. scorte


+ esport. = Produzione +Imposte nette +Importazioni;

3. distribuzione del VA : P.i.n. = Redditi da lav. Dip. + Imposte (su


prod e imp.) - Contributi a produz. + RDG;

La tavola può essere vista quindi come rappresentazione, oltre che delle inter-
dipendenze nella sfera della produzione, delle relazioni che legano struttura
produttiva, ripartizione delle risorse disponibili tra le componenti della do-
manda finale e distribuzione del prodotto netto.
Vediamo di capire con un esempio come la tavola descriva la produzione.
Consideriamo il processo produttivo di un caseificio. Il nostro primo pro-
blema è quello di conoscere la ricetta di produzione del formaggio. In che

45
Input Output

modo gli ingredienti che compongono il formaggio si combinano per dare


come risultato il formaggio. Chiamiamo input gli ingredienti o fattori pro-
duttivi intermedi e output il prodotto o risultato del processo produttivo.
Sorgono spontanee alcune domande:

1. Se aumenta il livello dell’output come variano gli input che lo compon-


gono?
Ricordiamo che l’output di un processo produttivo può essere utilizzato
da altri settori produttivi o essere destinato al consumo (o domanda)
finale. Ci si può ancora chiedere:

2. Qual’è il legame tra le variazioni della domanda finale di un bene e la


produzione del bene stesso?

A queste domande risponderemo più avanti per ora andiamo più a fondo
con l’esempio. Chiaramente la produzione di formaggio è legata a tante
altre produzioni del sistema (latte, fermenti, macchine per la lavorazione del
formaggio) per cui un aumento del consumo di formaggio innescherà una
serie di reazioni in tutto il sistema.
Supponiamo che sempre più persone (per moda o precauzione alimentare)
decidano d’ora in avanti di mangiare meno carni e più formaggi. Natural-
mente questa decisione determinerà un aumento della produzione di formag-
gio e di tutte le produzioni ad esso collegate (latte, fermenti, macchine, ener-
gia). Per produrre più latte (più fermenti, macchine etc.) sarà necessario
incrementare l’allevamento di bovini da latte etc. L’attivazione del sistema
produttivo continua in questo modo e riesce a coinvolgere tutto il sistema.
Questi incrementi produttivi generano chiaramente aumenti nella manod-
opera corrispondente
Bisogna però considerare anche una serie di effetti negativi (di questa
modifica della domanda finale) del tutto simili come meccanismo a quelli
positivi. Sono quelli collegati ad una minore produzione di carne. In-
somma una modifica della domanda finale innesca una reazione che interessa
tutto (o quasi) il sistema produttivo e determina anche effetti importanti
sull’occupazione che a loro volta saranno la miccia (ulteriori modifiche della
domanda finale) di nuove reazioni del sistema.
Tutta questa attività e le transazioni corrispondenti non vengono colte dal
sistema di conti della CN cosi come non vengono osservate le relazioni tra
produzione e domanda finale. In effetti la classificazione istituzionale (in Im-
prese, Famiglie e PA), utilizzata per osservare il funzionamento del sistema,
per definire VA e PIL e per analizzare i meccanismi di decisione relativi alla

46
Input Output

distribuzione e utilizzazione del reddito, individua soggetti troppo eterogenei


per consentire di studiare efficacemente anche il mondo della produzione.
Per cogliere la complessità di queste relazioni è necessario adottare una
classificazione che tenga conto degli aspetti tecnici della produzione. A tal
fine Il SEC (diversamente dallo SNA in cui l’unità elementare di indagine è
lo stabilimento) definisce le unità di produzione omogenea; sono unità pro-
duttive caratterizzate:

1. da un’attività unica volta alla produzione di beni e/o servizi;

2. tali beni sono considerati omogenei rispetto alla natura dei costi
ed alla tecnica di produzione impiegata. L’omogeneità fa riferi-
mento alla classificazione adottata dal SEC70, la NACE-CLIO.

Adottando questo criterio di raggruppamento dei soggetti si può impostare


uno schema dei flussi che legano la sfera della produzione alle altre sfere di
attività (consumo, formazione del K e RDM). In questo schema è innanz-
itutto importante la convenzione di rappresentazione dei flussi secondo cui
si considerano lungo ogni colonna gli input di ogni unità produttiva e lungo
la riga gli output corrispondenti (attenti perché le entrate monetarie sono di
segno inverso; ad esempio x21 rappresenta l’entrata per l’u.p. 2 e l’uscita per
l’u.p. 1, dal momento che l’u. p. 1 sta acquistando dall’u. p. 2).

Produzione Consumo Formaz.


Uscite u.p. u.p. u.p. Form. Alloc. Redistr. Utilizz. Cap.
Entrate 1 j k Reddito Reddito Reddito Reddito RDM
u.p. 1
u.p. i xij - - - CI Ii Ei
u.p. k
Form.
Reddito V Aj
Alloc.
Reddito (IT − SU )j
Redistr.
Reddito -
Utilizz.
Reddito -
Form.
Capitale Dj
RDM Mj

In questo schema vengono considerati solamente gli aggregati che sono diret-
tamente collegati con la sfera della produzione. Le celle corrispondenti alla re-
distribuzione del reddito (trasferimenti di reddito) cosı̀ come all’utilizzazione
del reddito (risparmio) sono infatti vuote. Inoltre tutte le transazioni (es.

47
Input Output

salari, RDG, importazioni, consumi etc.) sono relative a produzione e desti-


nazione di beni e/o servizi prodotti da unità di produzione omogenee.
Le unità produttive non hanno in realtà un’unica attività, ma attività
miste. Per passare dalle u.p. alle branche bisogna quindi:

1. scomporre ogni unità produttiva in tante unità di produzione


omogenea;
2. raggruppare le unità di produzione omogenea in branche (cioè
raggruppamenti di unità di produzione omogenee che producono i beni
e servizi descritti nella nomenclatura delle attività economiche NACE
adottata dai paesi dell’UE, Il SEC70 considera 99 branche).

Questa doppia operazione consente di scrivere la tavola IO nel seguente modo:

Uscite Branca 1 . . . Branca n Consumo Form. cap. RDM


Entrate
Branca 1 ci ii ei
... xij
Branca n
Consumo vaj
Form. cap. dj
RDM mj

2.3 I fondamenti teorici del Modello IO


Il modello input-output è un modello statico dal momento che si limita a
considerare le interdipendenze in un solo punto nel tempo e non considera
le interdipendenze temporali legate ai fenomeni dell’accumulazione. E’ inol-
tre un modello aperto (con componenti esogene, offerta di risorse primarie
e componenti della domanda finale, non modellizzate) che si fonda su tre
insiemi di relazioni.

1. equazione di bilancio materiale o del prodotto vendibile secondo cui la


produzione è uguale alla somma delle quantità consumate da tutte le
industrie (impieghi intermedi) e dalle famiglie (impieghi finali):

Mi. + dfi = xi

48
Input Output

2. equazione dei costi per cui (in condizioni d’equilibrio, o ex-post in ter-
mini contabili) il valore della produzione di ogni branca è identicamente
uguale al valore di tutti i beni e servizi impiegati nella sua produzione:
M.j + vaj = xj

Per trasformare i due insiemi di equazioni da puri vincoli contabili


in modelli IO delle quantità e dei prezzi bisogna introdurre un terzo
insieme di equazioni, quello che descrive le funzioni di produzione set-
toriali. Si hanno quindi ...
3. relazioni tecniche tra l’output fisico di una branca e gli input assorbiti
dalla stessa branca. Sono necessarie per utilizzare la tavola a fini di
politica economica, per capire cosa succede ai coefficienti tecnici quando
variano i livelli di produzione. Leontief opta per il tipo più rigido di
funzione, quello in cui ”l’ammontare di ciascun elemento di costo è
ipotizzato essere strettamente proporzionale alla quantità dell’output”.
In altri termini gli input sono funzione lineare dell’output e si può
scrivere:
mij = aij xj
Da questa espressione si può ottenere:
aij = mij /xj

Questa ipotesi riguarda il variare delle tecniche di produzione, non in senso


strettamente temporale, ma tra u.p. diverse. Per alcune considerazioni su
questo punto si veda l’appendice 2.
I tre insiemi di relazioni possono essere riscritti, per tutte le branche, in
forma matriciale:
1. equazione del prodotto vendibile:M ι + df = x

dove ι è un vettore utilizzato per sommare le componenti (righe o


colonne) di vettori o matrici, cosi composto ι = (1, . . . , 1)
0
2. equazione dei costi: M ι + va = x
3. definizione dei coefficienti tecnici:A = M ∗ xˆj −1 e A x = M ι

E’ infine necessaria una quarta ipotesi:


4. ogni branca produce un solo bene.

Vediamo adesso cosa succede quando questa ipotesi viene violata.

49
Input Output

2.4 L’impostazione contabile


Se ogni branca produce un solo bene la tavola dei flussi intermedi è una
tabella di forma quadrata in cui le righe e le colonne sono intestate alle
branche. Se invece questa ipotesi viene violata diventa necessario rilevare i
dati in maniera conseguente. In altri termini bisogna trattare correttamente
le produzioni congiunte. Innanzitutto esistono:

1. u.p. che producono congiuntamente più merci;

2. una stessa merce può far parte della composizione dell’output di pro-
cessi produttivi molto diversi.

Vediamo quali soluzioni sono state adottate per ovviare alla mancata corri-
spondenza tra merci e u.p.
Nel SEC si utilizza uno schema di classificazione quadrato dove righe e
colonne sono intestate alle branche (raggruppamento di tutte le unità di pro-
duzione omogenea che hanno un’attività produttiva della stessa natura) e
prendono nome dal gruppo omogeneo di merci che ne costituiscono le pro-
duzioni prevalenti. Se vi sono delle produzioni secondarie queste sono
redistribuite tra branche quando possono essere attribuite ad una branca
che le produce come suo prodotto prevalente.
Vediamo con un esempio. Le scarpe prodotte da Pirelli, che ha come
branca principale quella della gomma, non sono distinguibili a livello di pro-
duzione congiunta nel senso che non si possono separare i fattori intermedi e
primari utilizzati per ottenerle nell’ambito dell’attività della Pirelli. Vicev-
ersa scarpe e gomma sono ben distinguibili lungo le righe dove sono beni di
natura diversa distribuiti da branche diverse. Per questo motivo le scarpe
prodotte da Pirelli vengono poi trasferite alla branca gomma per essere da
quest’ultima distribuite. Questo trasferimento avviene fuori dalla matrice
X e non modifica quindi i coefficienti tecnici. Esemplificare riprendendo la
matrice e aggiungendo una riga coi trasferimenti.
Nel sistema SNA ogni unità di rilevazione (stabilimento) è caratterizzata
oltre che da una particolare struttura di costi, da un un insieme di
prodotti. Il sistema si basa su due matrici, U e M. Consideriamo un sis-
tema con tre prodotti e due industrie in cui necessariamente alcune industrie
producono più di un prodotto.

50
Input Output

A B C 1 2
A 10 10 80 100
B U 5 8 df 87 q 100
C 7 5 88 100
1 100 60 40 M g 200
2 0 40 60 100
va’ 178 77 255
100 100 100 q’ g’ 200 100 300

La matrice U (degli usi), analogamente alla matrice M, registra gli utilizzi


dei beni da parte delle industrie. Si ha la seguente relazione:
q = U ι + df (2.1)
dove df è un vettore di domanda finale e q è un vettore di produzione com-
plessiva di prodotti. Nel senso delle colonne vale invece la relazione:
0 0 0
g = ι U + va (2.2)
dove va è un vettore di valore aggiunto e g è un vettore di produzione com-
plessiva per industria. Naturalmente si avrà
0 0
qi=gi
Fin qui il sistema segue le stesse regole viste precedentemente. La matrice
M (Make) contiene in modo esplicito le stesse informazioni del vettore dei
trasferimenti del sistema SEC e registra lungo la riga tutti i beni prodotti da
un’industria; lungo le colonne si ritrovano invece le industrie che producono
quel bene. Da questa matrice si vede effettivamente che sia il prodotto B
che il prodotto C sono prodotti nelle due industrie. Anche nella matrice M
si hanno alcune relazioni:

g = Mι (2.3)

0 0
q =ιM (2.4)
Da questo sistema, utilizzando la matrice U (il cui contenuto è simile a quello
della matrice X) e facendo delle ipotesi sull’utilizzo di M si può arrivare
alla costruzione di coefficienti tecnici che incorporino tutta l’informazione
contenuta nelle due matrici M e U. Si devono allora fare delle ipotesi sulla
tecnologia di produzione dei beni secondari e poi sull’utilizzo della matrice
M. Si deve ad esempio ipotizzare:

51
Input Output

1. che un’industria produca più beni in proporzioni fisse (ipotesi di


product-mix costante)

2. che l’obiettivo sia di mantenere costanti le quote di mercato (ipotesi di


market-share costante).

Fermiamoci qui (e rimandiamo per un esempio di costruzione di matrice di


coefficienti tecnici all’appendice 4) perché questo sistema di rilevazione delle
produzioni congiunte, pur essendo raccomandato dal SEC95, perché con-
sente di ottenere dei coefficienti tecnici che rappresentano correttamente le
tecnologie, non è ancora applicato. L’ultima matrice italiana disponibile,
quella del ’92, è ancora costruita secondo il metodo dei trasferimenti di pro-
duzione. Si prevede di costruire la prima matrice col sistema Make and Use
nel 2002. Naturalmente è implicito che la rilevazione più che sui risultati eco-
nomici delle imprese dovrà basarsi sulla contabilità industriale delle stesse e
su specifiche indagini sulla produzione dei diversi beni e servizi.

2.5 La soluzione analitica del modello


Se si utilizza la definizione dei coefficienti tecnici si può riscrivere l’equazione
del prodotto vendibile (M ι + df = x) nel modo seguente:

Ax + df = x (2.5)

Da cui si ottiene:

df = x − Ax = (I − A)x (2.6)

e infine se esiste l’inversa (se cioè il determinante della matrice (I − A) è


diverso da 0):

x = (I − A)−1 df = Zdf (2.7)

Con Z, inversa di Leontief o “input inverse”. E’ la relazione invocata in aper-


tura, che lega produzione e domanda finale. Se non si modifica A (matrice
dei coefficienti tecnici che riassume le tecniche utilizzate in quel periodo di
riferimento dal sistema produttivo) allora ogni modifica della df si ripercuote
sui valori x. Se si scrive in forma estesa per ogni branca la relazione che lega
produzione e domanda finale si ha:

x1 = z11 df1 + z12 df2 + ... + z1n dfn

52
Input Output

Si vede come il livello di produzione di ogni branca sia combinazione lineare


dei livelli di domanda finale di tutte le branche (i coefficienti sono gli elementi
della matrice inversa). Se si deriva parzialmente rispetto a dfj si ottiene:
∆x1 /∆dfj = z1j . Si può allora interpretare l’aumento di prodotto della
branca 1 necessario a soddisfare un aumento unitario della domanda finale
del bene prodotto dalla branca j. Si tratta di fabbisogno diretto e indiretto
in quanto la branca 1 per soddisfare l’aumento di df della branca j ha bisogno
di dosi crescenti di prodotti intermedi delle branche collegate le quali a loro
volta avranno bisogno di dosi crescenti di prodotti intermedi. Per questo
motivo i coefficienti dell’inversa di Leontief sono chiamati coefficienti di
fabbisogno totale o moltiplicatori d’impatto. Si distinguono cioè dai
moltiplicatori Keynesiani che consentono di calcolare l’impatto sul reddito (e
non sulla produzione totale) di una variazione di una componente esogena,
del tipo consumi o investimenti (vedi Appendice 1).
I coefficienti dell’inversa si distinguono anche dai coefficienti di fabbisogno
diretto che sono individuati dalle colonne della matrice A dei coefficienti
tecnici.
Se ora si considera la somma della prima colonna della matrice Z, essa
indica l’aumento di prodotto di tutto il sistema determinato dall’incremento
unitario della domanda finale del bene prodotto dalla branca 1. Si parla di
”potere di dispersione” della branca o con terminologia inglese di backward
linkage ad indicare l’effetto complessivo a monte (sulla produzione) di un
aumento della df. Si parla di effetto a monte perché si tratta delle branche
la cui produzione viene prima di quella della branca considerata. Vediamolo
con una matrice 3 x 3. z11 ci fornisce la variazione del prodotto della branca 1
conseguente ad una variazione della domanda finale della branca 1, z21 ci for-
nisce la variazione del prodotto della branca 2 conseguente ad una variazione
della domanda finale della branca 1 e infine z31 ... . Insomma la somma degli
elementi della prima colonna ci fornisce la variazione del prodotto totale (di
tutte le branche) conseguente ad una variazione della domanda finale della
branca 1. In termini matriciali si può cosı̀ definire il vettore dei legami a
monte:
Lback = Z 0 ι

53
Input Output

Vediamo nella tabella seguente i settori che nel 1996 in Sardegna mostravano
i più alti legami a monte e confrontiamoli con i corrispondenti legami diretti
a monte.

Branche integrate a monte


Legami Totali
1996 1988
W Z W Z W Ita Z Ita
32. Trasp. maritt. e aerei 1.76 2.31 1.32 1.61 1.43 2.03
35. Credito, assicurazioni 2.34 2.21 1.43 1.35 4.15 3.87
33. Attività connesse 2.47 2.18 2.05 1.35 2.44 1.61
17. Lavorazione del latte 1.45 2.14 1.34 1.80 1.45 2.07
9. Chimica e farmaceutica 1.96 2.13 1.73 1.89 2.30 1.97
38. Servizi insegnamento 1.65 2.12 1.51 1.19 1.75 1.39
31. Trasporti interni 2.08 1.96 1.72 1.51 2.02 1.77
39. Servizi sanitari d.v. 1.00 1.90 1.00 1.27 1.01 1.31
7. Minerali e metalli ferr. 2.07 1.89 2.15 1.98 2.73 2.09
34. Comunicazioni 1.94 1.87 1.82 1.25 2.17 1.42
30. Alberghi e pubbl. eserc. 1.64 1.86 1.22 1.72 1.24 1.90
27. Costruzioni 1.39 1.79 1.19 1.71 1.28 1.92
19. Bevande alc. e non 1.88 1.73 1.66 1.51 1.70 1.96
Medie 1.65 1.58 1.62 1.41 1.96 1.77

Consideriamo ad esempio la branca 32 (trasporti). In Sardegna un aumento


unitario della domanda finale di questa branca (ad esempio aumentano i vi-
aggi) determina un effetto moltiplicativo pari a 2.31 − 1, quindi 1.31 euro
in più nelle branche collegate ai trasporti. Se prendiamo la matrice A, da
cui la matrice inversa è derivata, vediamo che questa branca è fortemente
collegata con la branca 15 (altri mezzi di trasporto) e con la branca 33 (at-
tività connesse ai trasporti e cioè agenzie di viaggio, guide e noleggio di mezzi
di trasporto). Nel confronto con la Sardegna nel 1988 si osserva un notev-
ole aumento dell’integrazione produttiva; anche nei confronti dell’Italia in
Sardegna la branca risulta essere maggiormente integrata.
Gli effetti indiretti sono quelli determinati da un incremento della pro-
duzione creato dalle relazioni interindustriali che nel nostro caso sono le pro-
duzioni legate al caseificio. Naturalmente gli effetti indiretti si riducono col
tempo o in altri termini sono minori quanto più sono lontani nel tempo.
In maniera perfettamente simmetrica si può interpretare la somma della
prima riga della matrice Z, facciamo anche qui riferimento ad una matrice 3

54
Input Output

x 3. z11 rappresenta la variazione del prodotto della branca 1 conseguente


ad una variazione della domanda finale della branca 1, z12 ci fornisce la
variazione del prodotto della branca 1 conseguente ad una variazione della
domanda finale della branca 2 e infine z13 ... . Si tratta dell’aumento di
produzione della prima branca conseguente ad un aumento unitario della
domanda finale di tutto il sistema (domanda di beni e servizi prodotti da tutte
le branche). Si parla in questo secondo caso di sensibilità di dispersione della
branca o analogamente al caso precedente di forward linkage per indicare
l’effetto sulla branca di tutto ciò che sta a valle della produzione (cioè la
domanda finale). In termini matriciali si potrà scrivere:

Lf orw = Zι

Tuttavia come si vede nell’esempio (TIO Sardegna per il 1996) le somme


di riga della matrice A possono dare un risultato superiore ad 1. Si può
quindi definire una matrice di coefficienti di output, B, e una ”output inverse”
(definita da Ghosh nel 1958), W, che consente di interpretare in maniera
corretta la somma di riga. Formalmente si definisce una matrice delle quote
di mercato, B:

B = x̂−1 M (2.8)

0
xB = M ι (2.9)

Dalla equazione dei costi e dalle equazioni 8 e 9 si può ottenere:

xB + va = x

va = x − xB = x(I − B)

e infine se esiste l’inversa (se cioè il determinante della matrice (I-B) è diverso
da 0) si ottiene:

x = va(I − B)−1 = vaW (2.10)

Con W, “output inverse”. In questo caso la relazione è tra produzione e


valore aggiunto. Se si scrive in forma estesa questa relazione per ogni branca
si ha:

55
Input Output

 
  w11 w12 w13
x1 x2 x3 = va1 va2 va3 ·  w21 w22 w23 
w31 w32 w33
x1 = va1 w11 + va2 w21 + ... + van wn1

In questo caso il livello della produzione di ogni branca è una combinazione


lineare dei livelli di valore aggiunto di tutte le branche (i coefficienti sono gli
elementi della matrice inversa). Se si deriva parzialmente rispetto a vaj si
ottiene: ∆x1 /∆vaj = wi1 . Si può allora interpretare l’aumento di prodotto
della branca 1 necessario a soddisfare un aumento unitario del valore aggiunto
necessario alla produzione della branca j. Si tratta di fabbisogno diretto
e indiretto in quanto la branca 1 per soddisfare l’aumento di va della
branca j ha bisogno di dosi crescenti di prodotti intermedi delle branche
collegate le quali a loro volta avranno bisogno di dosi crescenti di prodotti
intermedi. Per questo motivo anche i coefficienti dell’output inverse sono
chiamati coefficienti di fabbisogno totale o moltiplicatori d’impatto.
La somma delle righe di W viene quindi utilizzata per definire in maniera
alternativa i legami totali a valle, cioè l’effetto sulle branche la cui produzione
viene dopo quella della branca considerata. La prima riga di W rappresenta
l’incremento complessivo di produzione (di tutte le branche) indotto da un
incremento del valore aggiunto della prima branca. Vediamo nella tabella
seguente i settori che nel 1996 in Sardegna mostravano i più alti legami a
valle e confrontiamoli con i corrispondenti legami diretti a valle.
I prodotti della cokefazione sono riportati solo per una imprecisione nelle
procedure di regionalizzazione; essi infatti non fanno parte del sistema pro-
duttivo regionale. La branca maggiormente integrata a valle è quindi quella
dei servizi alle imprese. Si tratta sicuramente di servizi che costituiscono un
input di molte altre branche, sono cioè strumentali alla creazione di prodotto
nelle altre branche, non sono cioè un servizio destinato alla domanda finale.
Il risultato di questa caratterizzazione è un alto legame a valle cioè la capacità
di mettere in moto tutto ciò che c’è a valle della produzione del servizio. Si
consideri ugualmente una produzione industriale come la gomma che destina
l’82 per cento agli usi intermedi e che costituisce cosı̀ input di altre branche
come la chimica (9), le costruzioni (27) e i trasporti interni (31). Questa
struttura di vendita determina un legame a valle di 2,44 e cioè se il valore
aggiunto della branca “gomma” aumenta di 1 euro la produzione di tutto il
sistema aumenta di 2,44, l’aumento netto sarà, quindi, di 1,44.

56
Input Output

Branche integrate a valle


Legami Totali
1996 1988
W Z W Z W Ita Z Ita
3. Prodotti della cokef. 2.93 1.00 2.84 1.00 3.44 2.27
36. Servizi alle imprese 2.67 1.69 2.10 1.23 2.76 1.34
33. Attività connesse 2.47 2.18 2.04 1.35 2.44 1.61
25. Gomma, mat. plastiche 2.44 1.27 2.10 1.45 2.18 2.13
24. Carta, stampa, editoria 2.35 1.39 2.09 1.26 2.54 2.04
35. Credito, assicurazioni 2.34 2.21 1.43 1.34 4.15 3.87
8. Minerali non metalliferi 2.25 1.47 2.18 1.66 2.26 1.97
31. Trasporti interni 2.08 1.96 1.72 1.51 2.02 1.78
7. Minerali e metalli ferr. 2.07 1.89 2.14 1.97 2.73 2.09
15. Altri mezzi di trasporto 1.97 1.55 1.51 1.24 1.50 1.93
9. Chimica e farmaceutica 1.96 2.13 1.72 1.89 2.30 1.97
34. Comunicazioni 1.94 1.87 1.82 1.25 2.17 1.42
28. Beni di recupero 1.93 1.43 1.76 1.65 2.15 1.85
19. Bevande alc. e non 1.88 1.73 1.81 1.25 2.17 1.41
2. Carbone 1.87 1.53 1.51 1.24 1.49 1.93
Medie 1.65 1.58 1.62 1.41 1.96 1.77

A questo punto abbiamo a disposizione due operatori. Il primo, la matrice


Z consente di calcolare le ripercussioni sulla produzione di variazioni nella
domanda finale. Più propriamente la si utilizza per calcolare l’impatto a
monte sulla struttura produttiva interrelata con i settori d’intervento, per
modellare come le variazioni di domanda finale si ripercuotano sulla struttura
produttiva che sta a monte. Il secondo operatore, matrice W, mette invece in
relazione variazioni di valore aggiunto e variazioni di produzione. In maniera
simile a quanto detto in precedenza si può argomentare che questo operatore
consente di vedere come variazioni del fabbisogno dei fattori primari (lavoro
e capitale) si ripercuotano a valle e cioè sulle branche che vengono dopo e che
non sono coinvolte nel processo produttivo ma che sono invece utilizzatrici
intermedie.

2.5.1 Effetto sull’occupazione


La matrice inversa di Leontief (Z) può essere ulteriormente utilizzata per
valutare il fabbisogno di fattori primari corrispondente ad una data domanda
finale. Utilizzando un vettore di coefficienti di Valore Aggiunto, v, si effettua
la seguente operazione e si trasforma l’impatto sulla produzione totale in
impatto sul reddito, va∗ :

57
Input Output

va∗ = v̂Zdf

dove v̂ è una matrice diagonale contenente i coefficienti di Valore Aggiunto.


Si ottiene un vettore il cui primo elemento rappresenta il fabbisogno totale
di fattori primari della branca 1 necessario affinché la branca 1 soddisfi un
aumento unitario della domanda finale di tutte le altre branche. Vediamo
con un esempio 2 x 2:
 va1    va1 va1 
x1
0 z11 z12 z
x1 11
z
x1 12
va2 = va2 va2
0 x2
z21 z22 z
x2 21
z
x2 22

Si vede cosı̀ l’aumento di va (della branca 1 e 2) conseguente ad un aumento di


produzione (delle due branche) conseguente ad un aumento di domanda finale
(della branca 1). Analogamente può essere stimato l’effetto sull’occupazione
nel modo seguente:

o∗ = ôZdf

dove ô è una matrice diagonale contenente i coefficienti di lavoro, cioè gli


occupati per unità di valore aggiunto1

2.5.2 Effetto sull’importazione


La matrice inversa di Leontief (Z) può essere infine utilizzata per valutare il
fabbisogno di importazione di beni e servizi necessari per produrre una data
domanda finale. Supponendo che rimanga costante al variare della domanda
finale il rapporto tra importazioni e prodotto totale (che sia quindi
sempre valida la matrice dei coefficienti tecnici di importazione)
si moltiplica la matrice degli input di importazione per la matrice Z. La
somma della prima colonna della matrice risultante rappresenta il totale delle
importazioni addizionali della branca 1 necessario affinché ciascuna branca
soddisfi un aumento unitario della domanda finale del bene da essa prodotto.
1
Si tratta dell’inverso della produttività dei fattori primari per cui l’impatto
sull’occupazione può essere calcolato anche nel modo seguente:

ˆ −1 Zdf
o∗ = P rod

dove chiaramente P rod è un vettore di produttività dei fattori primari.

58
Input Output

2.6 Il problema dell’aggregazione


Prima di valutare l’effetto dell’aggregazione chiediamoci perché si aggrega.
Una prima esigenza di ordine pratico è sicuramente quella di rendere i sistemi
informativi più agevoli, in modo da consentire una valutazione aggregata dei
fenomeni. In secondo luogo, e questa è un’esigenza più spiccatamente teorica,
l’aggregazione consente di capire come si passa dai micro dati (informazione
economica di base) ai macro dati. Il problema di fondo delle procedure di
aggregazione è che non sono ininfluenti sul risultato del processo. Vi sono
cioè delle condizioni che consentono di aggregare senza produrre distorsioni
(AB = 0) ma queste condizioni sono molto stringenti, sono solo teoriche,
per cui abbiamo bisogno di conoscerle per considerarle poi come dei punti di
riferimento. Vediamo adesso qual è l’effetto dell’aggregazione.

2.6.1 Aggregazione di flussi


Consideriamo ad esempio l’utilizzo della relazione (5) che consente di trovare
i valori di produzione totale compatibili con nuovi valori della domanda finale
(df ∗ ):
x∗ = Zdf ∗
Se si ha la necessita di ragionare su un numero di branche più ristretto
di quello corrispondente alla classificazione ufficiale fornita dall’ISTAT (44
branche per le vecchie tavole e attualmente 92 branche) bisogna impostare
una procedura di aggregazione e si aprono allora due possibilità:

a. si aggregano M, df e x, si calcolano A e Z sul sistema aggregato; si valuta


infine x* nel modo seguente:

x∗G = ZG dfG∗

b. si valuta x* sul sistema originale e si aggregano poi i risultati:

x∗G = Gx∗

Le lettere col pedice G rappresentano i vettori aggregati. Naturalmente i


due procedimenti possono fornire dei risultati diversi e allora si parlerà di
aggregation bias, AB. Il nostro problema è ora quello di capire come si ag-
grega, come si utilizza in altri termini l’operatore di grouping, G. Vediamolo
col seguente esempio in cui si aggrega un sistema a 4 branche in un sistema
a 3 branche in cui la 3◦ branca risulta dalla somma della 3◦ e della 4◦ branca
del sistema originale. Consideriamo il seguente sistema:

59
Input Output

1 2 3 4 totusi df
1 26.5 75 46 53 659.5
2 34 5 68 68 1835
3 41.5 38 52 83 2515.5
4 33.5 6 53 67 1560.5
totinp

Utilizzando la matrice G si possono aggregare tutti gli elementi del sistema


a 4 branche:  
1 0 0 0
G= 0 1 0 0 
0 0 1 1
In particolare MG , xG e dfG sono cosı̀ ottenuti:
0
MG = G ∗ M ∗ G

xG = Gx
dfG = Gdf

   
 26.5 75 46 53
 1 0 0
1 0 0 0  34 5 68 68   0 1 0 
MG =  0 1 0 0  · 
 41.50 38 52 83  ·  0 0
  
1 
0 0 1 1
33.5 6 53 67 0 0 1
 
26.5 75 99
MG =  34 5 136 
75 44 255
 
  860  
1 0 0 0  2010  860
xG =  0 1 0 0 ·   2010 
 2730  =
0 0 1 1 4450
1720
 
  659.5  
1 0 0 0  1835  659.5
dfG =  0 1 0 0 ·   1835 
 2515.5  =
0 0 1 1 4076
1560.5
Calcoliamoci ora AG e ZG :

AG = MG∗ xˆG −1

60
Input Output

ZG = (I − AG )−1
 
0.031 0.037 0.022
AG =  0.040 0.003 0.031 
0.087 0.022 0.057

 
1.036 0.039 0.026
ZG =  0.044 1.005 0.034 
0.097 0.027 1.064
Consideriamo adesso un nuovo vettore di domanda finale di cui si vuole valu-
tare l’impatto sul sistema economico. Procediamo innanzitutto valutandone
l’impatto col modello aggregato.

df ∗ =
 
10 10 10 10

dfG∗ =
 
10 10 20
per cui x∗G = ZG dfG∗ ovvero

x∗G =
 
11.26 11.16 22.52
Se invece si utilizza il modello disaggregato si ottiene innanzitutto una pre-
visione del valore di produzione totale compatibile col nuovo vettore di do-
manda finale:

x∗ = Zdf ∗ =
 
11.30 11.30 11.51 11.13
Questo primo risultato deve ora essere aggregato e si otterrà:

x∗G = Gx∗ =
 
11.30 11.20 22.64
Anche se di poco i due risultati sono differenti. Se avessimo aggregato la 1◦
e la 4◦ branca cosa avremo ottenuto? Basta andare a vedere la matrice A
del modello disaggregato:
 
0.031 0.037 0.017 0.031
 0.040 0.003 0.025 0.040 
A=  0.048 0.019 0.019 0.048 

0.039 0.003 0.019 0.039


Si noti che la prima e la quarta branca hanno la stessa struttura di coefficienti
per cui in questo caso i due risultati sarebbero stati identici. Soffermiamoci

61
Input Output

adesso sulla misura del bias dell’aggregazione, AB. Una misura intuitiva è
quella della differenza tra la stima della produzione ottenuta utilizzando il
modello disaggregato e la stima ottenuta con il modello aggregato. In altri
termini si può scrivere:

AB = Gx − xG = G((I − A)−1 df ) − (I − AG )−1 dfG

AB = G((I − A)−1 df ) − (I − AG )−1 Gdf = (G(I − A)−1 − (I − AG )−1 G)df

Questa espressione si annulla chiaramente quando df = 0 oppure quando si


annulla l’espressione:

(G(I−A)−1 −(I−AG )−1 G) = G(I+A+A2 +A3 +...)−(I+AG +A2G +A3G +...)G

= GI − IG + (GA − AG G) + (GA2 − A2G G) + ... (2.11)

= (GA − AG G) + (GA2 − A2G G) + ... (2.12)

Il primo termine di questa serie si chiama AB di ordine uno. Un primo


teorema dice che l’AB totale si annulla quando AG G = GA . Se infatti si
sostituisce questa condizione nell’espressione (11) si ottiene

GA2 − A2G G = GAA − AG AG G


o invertendo le posizioni AG AG G − GAA per cui alla fine si ottiene:

AG (AG G − GA)A
Se in questa espressione si annulla l’espressione tra parentesi si annulla tutta
l’espressione. Lo stesso ragionamento può essere fatto anche per le potenze
successive. Cosa significa questo teorema? Che se due branche hanno strut-
ture di costi identiche o simili (se cioè sono uguali le corrispondenti colonne di
A) allora l’aggregazione di queste branche non produce AB. E’ chiaro invece
che più sono diverse le strutture dei coefficienti delle branche che si aggregano
più sarà grande AB. Ricordiamo infine un altro teorema che non dimostriamo
e che recita cosı̀ Se alcune branche non sono aggregate e la nuova domanda
finale interessa solo queste branche allora l’AB di ordine uno si annulla.

62
Input Output

E’ infine necessario sottolineare come le condizioni di una corretta ag-


gregazione (con AB = 0 ) dipendano dagli obiettivi di maggiore praticità, di
utilizzare un sistema informativo aggregato. Se cioè si vuole valutare l’effetto
di una variazione della domanda finale sulla produzione bisognerà aggregare
considerando la similarità delle strutture di costi, cosı̀ come suggerisce il
risultato del teorema illustrato in precedenza. Se invece si vuole esplorare
l’effetto di una variazione del valore aggiunto bisogna riproporre una rifles-
sione simile ma in termini della matrice B e quindi verosimilmente si otterrà
una condizione di similarità nelle strutture degli usi.

2.6.2 Aggregazione di prezzi


Nel caso in cui si aggregano dei prezzi l’operatore di aggregazione non sarà
più composto di 0 e di 1 ma conterrà dei pesi. Un prezzo aggregato risulta
infatti da una media dei prezzi disaggregati. Nel caso più semplice si tratterà
di media semplice, in casi più complessi i pesi con cui si aggregano i prezzi
disaggregati possono risultare da indagini e corrispondere all’importanza dei
beni (o branche) corrispondenti. L’operatore di aggregazione che possiamo
chiamare GW (per grouping weight) nel caso precedente supponendo che si
aggreghino i prezzi della 3◦ e della 4◦ branca costruendo una media aritmetica
semplice degli stessi, sarà:
 
1 0 0 0
GW =  0 1 0 0 
0 0 0.5 0.5

2.7 Alcuni suggerimenti pratici


Nell’utilizzare le tavole input - output possono sorgere alcuni problemi:

• se si dispone di una tavola costruita in un periodo distante da quello


di utilizzazione si è obbligati a supporre una certa inerzia nell’adozione
di nuove tecnologie o più semplicemente nella modifica del mix di pro-
duzioni settoriali;

• se si usa una tavola nazionale per valutare gli effetti a livello regionale,
una distorsione può sorgere quando le tecniche disponibili non sono le
stesse ai due livelli o non è lo stesso il mix produttivo (che risulta dalla
compresenza di realtà produttive che utilizzano tecniche diverse);

• se si utilizza una tavola che registra i flussi totali, senza distinguere


tra flussi nazionali e importati, le strutture dei coefficienti (sia tecnici

63
Input Output

che di output) sono una media pesata delle corrispondenti strutture


nazionali e importate;

• se i tassi di utilizzazione degli impianti sono molto bassi o se esistono


delle strozzature produttive i moltiplicatori forniranno una sovrastima
degli effetti perché alcuni dei fabbisogni di input saranno soddisfatti
con un aumento delle importazioni.

• se si vuole considerare l’effetto dell’adozione di nuove tecnologie non de-


scritte dalla matrice a disposizione (come ad esempio quelle messe a dis-
posizione dalla costruzione di Sarlux) è necessario costruire le colonne
e le righe corrispondenti.

2.8 Appendici
2.8.1 Moltiplicatore Keynesiano e inversa di Leontief
Consideriamo un modello Keynesiano semplice:

Y =C +I (2.13)

C = cY (2.14)

Se si ha una variazione degli investimenti ∆I allora per la (11) si avrà ∆Y = I


da cui ∆C = c∆Y1 . Se si considera che ∆C1 costituisce un nuovo aumento
di reddito per chi produce beni di consumo si ottiene:

∆Y2 = ∆C1

∆Y2 = ∆C1 per cui riassumendo si ha:

∆Y1 = ∆I

∆Y2 = ∆C1 = c∆Y1 = c∆I


∆Y3 = c∆Y2 = c2 ∆Y1 = c2 ∆I

∆Yn = cn ∆I
Consideriamo adesso la somma degli effetti moltiplicativi:

∆Y1 + ∆Y2 + ∆Y3 + ... + ∆Yn = ∆Y = (1 + c + c2 + ... + cn−1 )∆I

64
Input Output

= 1/(1 − c)∆I
Affinché la serie sia sommabile deve chiaramente valere la condizione: |c| < 1.
Tale condizione consente di sommare i termini di una serie infinita. Nel
caso dell’inversa di Leontief si può sviluppare il termine (I − A)−1 nel modo
seguente:
(I − A)−1 = I + A + A2 + ... + An
. In questo caso la condizione affinché la serie sia sommabile diventa:

|aij | < 1
Si noti infine che aij > a2ij > a3ij . . .. In altri termini le potenze successive di
A individuano effetti sempre più indiretti e quindi sempre più deboli.

2.8.2 Coefficienti fissi


Torniamo sull’ipotesi di coefficienti fissi che consente di passare dalle identità
contabili ai due sistemi di equazioni lineari (delle quantità e dei prezzi).
La costanza dei coefficienti può essere vista come a) costanza nel tempo,
b) costanza rispetto alla scala di produzione, c) costanza rispetto ai prezzi
relativi (assenza di sostituibilità tra input).
La funzione di produzione a coefficienti fissi implica rendimenti di scala
costanti e assenza di sostituibilità ma non la costanza nel tempo. Mentre
l’ipotesi di rendimenti costanti di scala è condivisa con altre funzioni di pro-
duzione quella di non sostituibilità è tipica delle funzioni alla Leontief. Con-
seguentemente a queste ipotesi, diversamente dalle funzioni di produzione
neoclassiche, i prezzi dei fattori risultano ininfluenti sul mix produttivo e
quindi prezzi e quantità, pur dipendendo dalle interdipendenze produttive
(quindi dalla tecnologia) sono determinati separatamente.
La centralità di questa ipotesi (che Leontief prende da Walras ma che
non è costitutiva del modello visto che Carter e Petri, 1986, dimostrano che
lo stesso è compatibile con l’ipotesi di coefficienti variabili) spiega il perché
dell’accesa discussione al riguardo. Per Leontief l’ipotesi di coefficienti fissi,
giustificata dalla limitatezza dei dati disponibili, non è poi cosı̀ restrittiva
come sembra; egli osserva infatti che la sostituzione tra input messa in rilievo
in certi studi empirici, è dovuta all’elevato livello di aggregazione dei modelli
macroeconomici e delle funzioni di produzione neoclassiche (a due o tre fat-
tori).
Le funzioni a coefficienti fissi sono invece delle buone approssimazioni
della realtà perché: a) molti fenomeni di sostituzione in realtà corrispondono

65
Input Output

ad una variazione del mix produttivo, b) la sostituibilità tra fattori esiste,


ma può avere scarsa importanza quando il grado di complementarietà dei
fattori è elevato per cui anche un’ampia variazione dei prezzi relativi non
può provocare che modifiche irrilevanti nel loro rapporto d’impiego, c) anche
se i due input sono perfettamente sostituibili affinché il rapporto tra i prezzi
determini una sostituzione di uno con l’altro si deve osservare una modifica
tale dei prezzi relativi da capovolgere completamente la convenienza. In-
somma per Leontief vi è necessariamente una distanza tra schema teorico e
realtà produttiva e solo la verifica empirica ci permette di dire quando questa
distanza sia significativa.

2.8.3 Modello costi-prezzi


Se si riscrive l’equazione dei costi (M.j + vaj = xj ) si può rappresentare il
prezzo di un bene come uguale al costo dei beni intermedi utilizzati più il
valore dei fattori primari. Considerando quindi un vettore di prezzi, p, si ha:

0
p = A p + va

da cui si ottiene:
0
p = (I − A )−1 va

La tavola IO può quindi essere utilizzata per misurare gli effetti sui prezzi
dei beni, prodotti da ciascuna branca, in seguito ad un incremento dei costi
avvenuti in una determinata branca. La soluzione del modello aperto cor-
rispondente fornisce utili informazioni in merito alla composizione dei prezzi.
0
Gli elementi della matrice (I − A )−1 permettono infatti di valutare gli effetti
(diretti e indiretti) del prezzo di un settore sugli altri settori. Il significato
di questo modello è di trasferire sui prezzi dei beni e servizi le variazioni
dei costi degli input primari tenendo conto delle tecnologie di produzione
esistenti. Il generico elemento della matrice inversa corrispondente misura la
dipendenza dal prezzo del prodotto del settore j dal va che incide su ogni
unità dell’output del settore i. E’ quindi possibile stimare gli effetti diffusivi
sull’intero sistema dei prezzi connessi con le variazioni dei coefficienti di va
settoriale, determinate da variazioni dei prezzi dei fattori o da variazioni della
loro produttività. E’ infine possibile valutare l’impatto di una variazione dei
prezzi degli input primari sugli indici dei prezzi di settore.

66
Input Output

2.8.4 Derivazione dei coefficienti tecnici nel sistema


SNA (Make and Use)
A questo proposito si possono avere le quattro possibili situazioni:
i) prodotti il cui livello di produzione è indipendente dalla scala di pro-
duzione principale e la cui tecnologia è quella adottata dalle indus-
trie che producono quei beni come principali (commodity technology).
Si tratta di una tecnologia caratteristica del prodotto a prescindere
dall’industria che lo produce.
ii) prodotti il cui livello di produzione è indipendente dalla scala di pro-
duzione principale e la cui tecnologia è la stessa del bene principale
(industry technology). Si tratta di una tecnologia tipica dell’industria
e adottata per tutti i prodotti di quell’industria
iii) Sottoprodotti (by-products), il cui livello di produzione non è indipen-
dente dalla scala di produzione principale ma sono prodotti princi-
pali di un’altra industriacome i mangimi come sottoprodotto della
distillazione dell’alcool.
iv) prodotti congiunti (joint products), il cui livello di produzione non
è indipendente dalla scala di produzione principale ma non sono
prodotti come bene principale da nessuna industria, es. grano
e paglia.
Nei casi iii) e iv) i beni vengono trattati come nel sistema SEC alla stregua
di input negativi, sono cioè trasferiti ad un’altra industria che, nel caso sub
iv), risulta essere un’industria fittizia.
Per i primi due tipi di prodotti (quelli il cui livello di output è indipen-
dente dal livello della produzione principale) è invece necessario fare delle
ulteriori ipotesi sulla composizione dell’output di ogni industria o
sulle quote di mercato possedute per ogni bene. Si può cioè ipotizzare
e in tal caso si ottiene la matrice C che fissa per ogni industria la quota di
output corrispondente ad ogni bene:
0
C = M ĝ −1
0
M = C ĝ
Se invece l’obiettivo è di mantenere costanti le quote di mercato (ipotesi di
market-share costante), si ottiene la matrice D che fissa per ogni bene le
quote di produzione appartenenti ad ogni industria:
D = M q̂ −1

67
Input Output

M = Dq̂
M i = Dq
B = U ĝ −1
U = Bĝ
Affinché B sia considerata una matrice di coefficienti tecnici si deve assumere
una delle due ipotesi:
1. l’ipotesi di industry technology (la tecnologia è d’industria): le
merci che costituiscono l’output di un industria richiedono tutte gli
stessi input per cui i fabbisogni di merci intermedie restano gli stessi
anche se cambia, a parità di output totale, il mix di produzione.

2. ipotesi di product-mix costante : tutte le merci che costituiscono


il mix di output variano nella stessa proporzione dell’output e quindi
anche i fabbisogni di merci intermedie variano in proporzione.
Le due ipotesi sono alternative (nel primo caso i fabbisogni restano gli stessi
perché la tecnologia è d’industria nel secondo variano perché ciò che è costante
è il product-mix). Questo significa che l’ipotesi di industry technology
è compatibile solo con quella di market share (perché l’ipotesi di
market share è alternativa a quella di product-mix).
Abbiamo chiare le ipotesi, vediamo ora come si può collegare la pro-
duzione di beni alla produzione delle industrie. Sostituendo l’espressione (4)
nella (1) si ottiene:

q = U ι + df = Bĝι + df = Bg + df

utilizzando l’ipotesi di market-share, se si considera che g = M ι , quindi


g = Dq , si ottiene:
q = BDq + df
si vede che BD è effettivamente una matrice prodotti/prodotti (verificare le
dimensioni) con sottostante un’ipotesi di market share e quindi di industry
technology. Chiamiamo BD = Aci (indice c perché è una matrice commod-
ity/commodity e indice i perché risulta da un’ipotesi di industry technology)
e scriviamo:
q = Aci q + df q = (I − Aci )−1 df
Il generico elemento della matrice Aci rappresenta la quantità di prodotto i
necessaria per produrre una unità di prodotto j. Dietro questa matrice vi
sono le ipotesi di industry technology e di market share ma con altre
ipotesi possono essere derivate altre matrici di coefficienti tecnici.

68
Input Output

Se l’analisi IO dipende dalla capacità dei coefficienti di rappresentare cor-


rettamente le tecnologie produttive, è evidente che le ipotesi che sottendono
il sistema contabile dal quale i coefficienti sono tratti hanno un’influenza sui
risultati delle analisi. Il SEC rinuncia a priori a raccogliere informazioni sulle
tecnologie di prodotto e trascura le informazioni sul mix di prodotto delle
branche. Inoltre la forte aggregazione delle tavole nasconde il fenomeno delle
produzioni secondarie.

2.8.5 Le tavole IO dell’ISTAT


Nella costruzione per metodo diretto delle tavole, le esperienze sono le più
varie. Si va dal Giappone in cui si rileva un numero limitatissimo di imprese
per ogni processo produttivo, secondo l’idea che una o poche imprese espri-
mono la tecnica usata anche dal resto del sistema. Si tratta di una concezione
ingegneristica secondo cui la matrice della tecnica è il prodotto determinis-
tico del livello raggiunto dalla tecnologia. Chiaramente tale concezione non
è compatibile con un approccio statistico.
In Italia invece si cerca di utilizzare al massimo l’informazione disponibile,
senza però ricorrere ad un preciso piano di campionamento.
L’impostazione probabilistica del modello IO (risale a Gerkin e Ozaki)
è il fondamento logico della derivazione dei coefficienti tecnici da una infor-
mazione campionaria. Si pone allora il problema di come utilizzare questa
informazione campionaria e una possibilità coerente con gli assunti teorici
(Leontief) sarebbe quella di specificare un sistema di equazioni lineari. Seguendo
l’impostazione probabilistica, diventa cruciale il piano di campionamento. La
sua esplicitazione è la condizione essenziale per poter valutare l’affidabilità
delle tavole empiriche. La compilazione della tavola avviene in Italia nel
senso delle colonne. Le fasi della costruzione sono:

- calcolo della produzione totale per branca (indagine diretta)

- calcolo della produzione totale per branca (indagine diretta)

- stima della struttura dei consumi intermedi

- distribuzione per branca delle altre risorse (imposte indirette, contributi


alla prod., IVA gravante, importazioni, trasferimenti di prodotti, spese
di trasporto, margini commerciali.

- bilanciamento e quadratura della tavola, per garantire coerenza a flussi


risultanti da stime indipendenti.

69
Input Output

70
I Rapporti Statistici
3.1 Introduzione
Definizione di rapporto statistico: è un quoziente tra 2 termini di cui almeno
uno di natura statistica. E’ necessario che tra i 2 termini vi sia un legame
logico.

auto prodotte in Italia


Esempio :
reddito degli svedesi
Cosa significa? Qual’è la relazione tra le 2 variabili?

R. Totale
- Reddito pro capite:
N. Abitanti

Nati Nati vivi PersoneTAttive


- Quozienti demografici: ; ;
Popolazione Nati (< 15 > 65)

I Rapporti statistici consentono di effettuare confronti nel tempo e nello spa-


zio.

RAPPORTI DI COMPOSIZIONE
Per confrontare le strutture (secondo una variabile es. sesso) di 2 popolazioni
o di una popolazione a date diverse. In tali rapporti si rapporta una parte
dell’intensità del fenomeno all’intensità totale, es.: MM+F

ni
Le frequenze relative sono particolari rapporti di composizione. fi = N

Ad esempio il rapporto

Spesa delle famiglie per le vacanze


Spesa totale annua delle famiglie
I Rapporti Statistici

esprime qual’è la spesa sostenuta per le vacanze, in media, per ogni euro di
spesa totale.

RAPPORTI DI DERIVAZIONE
Al numeratore si ha l’intensità di un fenomeno e al denominatore l’intensità
del fenomeno che ne costituisce il presupposto.

N ati
Esempio : Qn =
P op
è un quoziente generico di natalità in quanto si possono eliminare dal de-
nominatore tutti gli individui non in grado di riprodursi senza modificare il
significato del rapporto; è invece specifico un rapporto in cui ciò non può
essere fatto.

N ati
Q0n =
P14÷70
Una caratteristica del quoziente di derivazione è quella di essere sempre
costruito come rapporto tra l’intensità di un fenomeno di flusso e quella
di un fenomeno di stato.

RAPPORTI DI COESISTENZA
Sono quelli in cui si rapporta una parte dell’intensità di un fenomeno alla
parte complementare, es. M F
× 100, quoziente di mascolinità che ci informa
sul numero di maschi ogni 100 femmine.

Ad esempio il rapporto

Spesa delle famiglie per le vacanze


Spesa annua delle famiglie per tutte le altre voci
esprime qual’è la spesa sostenuta per le vacanze, in media, per ogni euro
erogato per tutte le altre voci di spesa.

RAPPORTI MEDI
Sono dei rapporti tra fenomeni diversi che però, in forma di rapporto, as-
sumono un significato.

72
I Rapporti Statistici

N. Occupanti Abit.
• indice di affollamento = N. Stanze Abit.

N. Abit.
• densità di popolazione = Superf icie

Sempre sotto forma di Rapporti statistici possiamo avere alcune misure di


incremento e variabilità di una serie storica.

- incremento assoluto medio annuo (o indice di evoluzione)

N −1
1 X yN − y1
E= (yi+1 − yi ) =
N − 1 i=1 N −1

- incremento relativo medio annuo


yN − y1
IR = · 100
Y1 (N − 1)

- indice di oscillazione, misura l’oscillazione media registrata tra ciascun


periodo e il successivo
N −1
1 X
|yi+1 − yi |
N − 1 i=1

Tra i Rapporti Statistici quelli che consentono di studiare l’andamento (nel


tempo e nello spazio) delle variazioni relative dei fenomeni prendono il nome
di NUMERI INDICE, N.I.

TEMPO: Si rapportano tutti i valori ad un anno scelto come base, che si


pone uguale a 1 o a 100.

SPAZIO: Si rapportano i valori ad una area geografica (es. un comune)


scelta come base.

Qual’é l’utilità dei Numeri Indice?

a) risparmio di zeri e di carta;

b) sintesi di informazioni ad esempio sull’evoluzione di un fenomeno;

c) utilità per l’analisi economica esempio deflazione.

73
I Rapporti Statistici

3.2 I Numeri indice nel tempo


PIL ITALIA a prezzi correnti in miliardi di lire:

ANNI prezzi indici


1970 67.178 100
72.994
1971 72.994 67178
× 100 = 108.66
1972 79.810 118.8
1973 96.738 144
74 122.190 181.89
75 138.632 206.37
... ... ...
80 387.669 577.08
... ... ...
85 812.751 1209.85
... ... ...
89 1.187.988 1768.42
Alcune osservazioni
- importanza della base e dei cambiamenti di base.

- le variazioni sono sia di quantità (risorse prodotte) che di prezzo (au-


mento del livello generale dei prezzi).
Gli indici possono essere:
· a base fissa;

· a base mobile;
A seconda delle grandezze che si confrontano, saranno:
· indici semplici o elementari;

· indici sintetici o complessi;


Definizione: Siano x0 , x1 , . . . , xt , . . . ,xT i valori che prende la variabile x nei
periodi t = 0, . . . , T . L’indice elementare di x al tempo t rispetto al tempo
0 è:

xt
It =
x0

74
I Rapporti Statistici

dove xt = è l’anno corrente e x0 = è l’anno base.

Vediamo di seguito alcune proprietà.

P1 : IDENTITA’ I0 = 1, se Xt = X0

P2 : REVERSIBILITA’ DELLE BASI, consente di passare da una serie a


base fissa alla corrispondente serie a base mobile:

B. FISSA B. MOBILE

x0
0 I0 = x0

x1
0 I1 = x0 0 I1 = 0 I1 ÷ 0 I0

x2
0 I2 = x0 1 I2 = 0 I2 ÷ 0 I1

......... ( xx12 = x2
x0
· x0
x1
)

xn
0 In = x0 n−1 In = 0 In ÷ 0 In−1

x0
......... ( xxn−1
n
= xn
x0
· xn−1
)

P3 : CIRCOLARITÀ, consente il passaggio inverso:

x1
0 I1 = x0
( xx20 = x1
x0
· x2
x1
)

x2
1 I2 = x1 0 I2 = 0 I1 · 1 I2

x3
2 I3 = x2
.........
xn
n−1 In = xn−1 0 In = 0 I1 × 1 I2 × . . . × n−1 In

Questa proprietà prende anche il nome di transitività.

75
I Rapporti Statistici

Consideriamo di seguito un’operazione frequente con le serie storiche, il cam-


biamento di base. Supponiamo di avere una serie storica con gli indici del
prezzo del pane:

1950 = 100
1951 = 105
1952 = 108
...
1969 = 189.7
1970 = 193 = 50 I70 ⇒ 70 I70 = 100
1971 = 196 ⇒ 70 I71 = ( 196
193
) × 100 = 101.55
1972 = 198 ⇒ 70 I72 = ( 198
193
) × 100 = 102.6

(Nel 0 70 si riparte con la nuova base 1970 = 100)


70 I73 = 105.39
70 I74 = 106.79

Spesso si ha bisogno di serie storiche lunghe, si ha quindi la necessità di


raccordare serie aventi basi diverse:

1950 = 100 1970 = 100


1951 = 105
1952 = 108
...
1969 = 189.7
1970 = 193 1970 = 100
1971 = 101.55
1972 =102.60
1973 = 105.39
1974 = 106.79

76
I Rapporti Statistici

· Completiamo la serie in base 1950 = 100:

71 71 70
50
= 70
× 50
= (101.55 × 193)/100 = 195.99

72 72 70
50
= 70
× 50
= (102.6 × 193)/100 = 198

73 73 70
50
= 70
× 50
= (105.39 × 193)/100 = 203.4

74
50
= . . . . . . = 206.1
· Completiamo la serie in base 1970 = 100:

51 51 50 51 70 105
70
= 50
× 70
⇔ /
50 50
= 193
= 54.4

52 51 50 52 70 108
70
= 50
× 70
⇔ /
50 50
= 193
= 55.96

69 69 50 69 70 189.7
70
= 50
× 70
⇔ /
50 50
= 193
= 98.29

50
70
= 51.81

Ora che disponiamo di 2 serie complete possiamo calcolare la variazione del


prezzo del pane utilizzando indifferentemente una delle 2 serie.
Esempi :

- Variazione tra il 1972 e il 1950:

- in base 1950 = 100 → 198 ⇒ 98%

- in base 1970 = 100 → ( 102.6


51.81
) × 100 = 198 ⇒ 98%

- Variazione tra il 1971 e il 1952:

196
- in base 1950 = 100 → 108
× 100 = 181.48

101.55
- in base 1970 = 100 → 55.96
× 100 = 181.47

77
I Rapporti Statistici

Consideriamo ora la dinamica di più beni (es. variazione del livello generale
dei prezzi). Supponiamo di rilevare i prezzi di n beni in 2 anni, t = 1, 2.

Pi2
Pi1
è l’indice di prezzo elementare del bene i.
Come possiamo studiare la dinamica dell’insieme degli n beni?

1
P Pi2
Es. In = n Pi1

In che caso la semplice media aritmetica rappresenta adeguatamente tale


dinamica? Solo nel caso in cui tutti gli n beni del paniere hanno la stessa
importanza. Nella realtà ciò non accade mai, la composizione del paniere
rispecchia quella della spesa di una famiglia media (vedi Indagini sui consumi
delle famiglie - ISTAT). L’importanza di ogni bene si esprime cosı̀:
pi1 qi1
wi1 = P
i pi1 qi1
Utilizzando questo sistema di pesi1 calcoliamo una media ponderata, detta
Indice di Laspeyres:

X pi2 X pi2 pi1 qi1


IL = · wi1 = ·P
pi1 pi1 pi1 qi1
e dopo semplificazione si ottiene:

P
pi2 qi1
IL = P
pi1 qi1
Tale indice valuta la variazione del complesso di beni a quantità costanti del
tempo iniziale. Se invece si pondera con wi2 si ottiene l’indice di Paasche:

P
pi2 qi2
IP = P
pi1 qi2
A quest’indice si può anche arrivare facendo la media armonica dei reciproci
degli indici di prezzo elementari:

P
1 1 1 pi2 qi2
P pi1 = P pi1 = =P
· Ppi2pi2qi2qi2
P
pi2
· wi2 pi2 P pi1 qi2 pi1 qi2
pi2 qi2

1
P
In un sistema di pesi si ha: wi ∈ [0, 1] e wi = 1

78
I Rapporti Statistici

Esistono quindi almeno 2 modi per calcolare la variazione del prezzo di un


insieme di beni, qual’è la migliore? In cosa consiste la differenza?

Nella struttura dei pesi, quindi . . .

wi1 + wi2
wiM =
2
In effetti ad ogni struttura di pesi corrisponde una funzione di utilità ben
specifica, caratterizzata in termini di elasticità e sostituibilità tra beni. La
teoria economica dei numeri indice studia la corrispondenza tra indici e fun-
zioni (cfr. Diewert, 1976); ad esempio per una funzione a coefficienti fissi,
l’indice che permette di misurare una reazione del consumatore ad una va-
riazione nel prezzo dei beni (tenendo contanti le quantità in modo da vedere
solo l’influenza della variazione dei prezzi), sarà Ip .
Una soluzione statistica al nostro problema si ottiene calcolando la Media
geometrica tra IL e IP , si tratta dell’indice di Fisher:

p
IF = IL IP

Nello stesso modo si possono derivare gli indici di quantità:

P
pi1 qi2 X qi2
I
Q L = P = · wi1
pi1 qi1 qi1

P
pi2 qi2 1
Q IP = P =P qi1
pI2 qi1 wi2 · qi2
p
Q IF = Q IL ·Q IP
Consideriamo ora l’indice della spesa, un’indice che tiene conto sia delle va-
riazioni di prezzo che delle variazioni di quantità:

P
pi2 qi2
IS = P
pi1 qi1

Come può essere ottenuto tale indice a partire dai 6 indici di prezzo e di
quantità visti? Vediamo i diversi calcoli nel seguente esempio.

79
I Rapporti Statistici

Esempio Considerate prezzi e quantità di quattro beni in due anni:

1982 1984
i pi qi i pi qi
carote 1720 27.93 carote 1850 42.26
cipolle 1050 9.08 cipolle 1220 10.5
cavoli 3260 16.20 cavoli 2970 26.12
pomodori 3040 31.9 pomodori 3980 34.51

Calcolare P IL , P IP , IS , per il 1984 in base 1982 = 100

Correzione:

P
pi84 qi82 237.82
P IL = P = = 1.15
pi82 qi82 207.36

P
pi84 qi84 305.92
P IP = P = = 1.12
pi82 qi84 273.77

p
P IF = P IL ×P IP = 1.13

P
pi82 qi84 273.77
Q IL = P = = 1.32
pi82 qi82 207.36

P
pi84 qi84 305.92
Q IP = P = = 1.29
pi84 qi82 237.82

p
Q IF = Q IL ×Q IP = 1.30

e l’indice della spesa, IS :

P
pi84 qi84 305.92
IS = P = = 1.475 ' 1.48
pi82 qi82 207.36
che può essere cosı̀ ottenuto:

80
I Rapporti Statistici

• incrociando indici di prezzo e quantità . . .


P P
pi84 qi82 pi84 qi84
P IL ×Q IP = P ×P = 1.15 × 1.29 = 1.48
pi82 qi82 pi84 qi82
P P
pi82 qi84 pi84 qi84
Q IL ×P IP = P ×P = 1.32 × 1.12 = 1.48
pi82 qi82 pi82 qi84

• moltiplicando P IF e Q IF :
p p
P IP ×P IL × Q IP ×Q IL =
p p q
P IP ×Q IL ×P IL ×Q IP = IS × IS = IS2 = IS
1.13 × 1.30 = 1.47

Consideriamo adesso la costruzione di un indice sintetico, ad esempio l’indice


dei prezzi al consumo. Si calcolino innanzitutto degli indici di prezzo sintetici
(del tipo Laspeyres o Paasche) per sottogruppi, dove il passaggio da gruppi
a sottogruppi è illustrato nella figura seguente:

I. P. consumo

81
I Rapporti Statistici

Abbiamo già visto che P IL si può calcolare come media aritmetica ponderata
di indici di prezzo elementari. Utilizzando la proprietà che segue si possono
calcolare gli indici di prezzo per sottogruppi via via più aggregati. Tale
proprietà, detta di aggregazione dei costituenti si può cosı̀ enunciare:

J
X
PL (t/0) = wj0 PLj (t/0)
j=1

oppure

1
PP (t/0) = PJ 1
j=1 wJt P J (t/0)
p

Partendo dalla tabella con indici e pesi che segue si calcolino gli indici dei
seguenti sottogruppi:
8.1: Trasporti pubblici e commerciali
8: Trasporti
6: Riscaldamento e illuminazione

Struttura di pesi e indici di prezzo di Laspeyres per settori di


attività economica

Settori Ateco Pesi PLj (86/82)


1. Alimentari 21.00 113.9
2.Bevande 4.50 108.5
3. Tabacco 0.50 118.2
4. Abbigliamento 7.00 117.0
5. Affitto 18.00 121.5
6.1 Gasolio per riscaldamento 3.329 46.3
6.2 Carbone e legna per risc. 0.092 106.6
6.3 Elettricità 1.483 127.1
6.4 Gas 0.096 113.0
7.Arredi e pulizia di appart. 6.00 109.7
8.1.1 Treni 0.821 115.8
8.1.2 Trasporti pubbl. urbani 0.249 119.4
8.1.3 Trasporti turistici 0.212 113.6
8.1.4 Tariffe postali e tel. 1.793 114.7
8.2 Trasporti privati 10.925 102.2
9. Salute 8.00 113.3
10. Istruzione e tempo libero 16.00 116.9
100.00

82
I Rapporti Statistici

Per calcolare l’indice del sottogruppo 8.1 bisogna innanzitutto ricalcolare i


pesi dei 4 componenti del sottogruppo 8.1 (colonna 3). In colonna 4 si calcola
il prodotto di prezzi per pesi e poi si calcola la somma. Insomma tale indice
vale 115.3. Per calcolare gli indici dei gruppi 8 e 6 si procede nella stessa
maniera.

w pjL pesi in 8.1


8.1.1 0.821 115.8 0.27 30.92
8.1.2 0.249 119.4 0.08 9.67
8.1
8.1.3 0.212 113.6 0.07 7.83
8.1.4 1.793 114.7 0.58 66.88
3.075 1.0 115.3

w pjL pesi in 8
8.1 3.075 115.3 0.22 25.32
8
8.2 10.925 102.2 0.78 79.75
14.0 1.0 105.07

w pjL pesi in 6
6.1 3.329 46.3 0.66 30.83
6.2 0.092 106.6 0.02 1.96
6
6.3 1.483 127.1 0.3 37.7
6.4 0.096 113.0 0.02 2.17
5.0 1.0 72.66

Possiamo adesso calcolare l’indice generale dei prezzi:

Settori Ateco Pesi PLj (86/82)


1. Alimentari 21.00 113.9 23.92
2. Bevande 4.50 108.5 4.88
3. Tabacco 0.50 118.2 0.59
4. Abbigliamento 7.00 117.0 8.19
5. Affitto 18.00 121.5 21.87
6.Consumi energetici 5 72.66 3.63
7. Arredi e pulizia di appart. 6.00 109.7 6.58
8. Trasporti 14 105.07 14.71
9. Salute 8.00 113.3 9.06
10. Istruzione e tempo libero 16.00 116.9 18.7
indice generale dei prezzi 100.00 112.13

83
I Rapporti Statistici

Vediamo adesso di provare ad intuire cosa succede nei casi seguenti:

- Soppressione di un indice inferiore alla media:


⇒ aumenta l’i.g.p.

- Modifica di un peso sul valore dell’i.g.p.:

– più peso ad un sottogruppo con indice più elevato della media


⇒ aumenta l’i.g.p.
– più peso ad un sottogruppo con indice più basso della media
⇒ diminuisce l’i.g.p.

- Modifica di un indice sul valore dell’i.g.p.:

– se modifichiamo la composizione di un sottogruppo l’indice cor-


rispondente cambia e cambia l’i.g.p.

Esempio: nel gruppo 6 invertiamo i pesi di 6.1 e 6.3

w pjl pesi in 6
6.1 1.483 46.3 0.66 13.89
6.2 0.092 106.6 0.02 1.96
6
6.3 3.329 127.1 0.30 83.89
6.4 0.096 113.0 0.02 2.17
5.0 1.0 101.91

quindi 72.66 → 101.91

allora 112.13 → 113.60

- altro utilizzo dei numeri indice nel tempo: la deflazione delle serie
storiche, cioè la costruzione delle serie a prezzi costanti. Sono serie
che riportano le variazioni ad es. dei consumi, mantenendo fermi i
prezzi, sono cioè variazioni di quantità. Chiaramente la costruzione
corretta di queste serie deve avvenire utilizzando dei numeri indice ad
hoc. Ad es. per i consumi si può utilizzare l’i.g.p., per il PIL . . .

- i numeri indice ufficiali ISTAT, a cosa servono.

84
I Rapporti Statistici

3.3 I Numeri indice nello spazio


Perché la comparazione nello spazio?

- per confrontare i livelli di benessere: i metodi furono sviluppati per


costruire redditi equivalenti per funzionari ONU dislocati in diverse
parti del mondo.

- per studiare lo sviluppo economico: per capire le reali differenziazioni


spaziali delle variabili economiche (Pil, Consumi) attraverso la creazione
di deflatori che consentano di confrontare ad es. il Capitale aggregato
in Belgio e in Italia.

Naturalmente la validità dei confronti dipende dalle ipotesi su:

- gusti (preferenze);

- tecnologia: che definisce il sistema dei prezzi relativi;

- distribuzione del reddito.

Se cioè nei paesi a confronto vi sono forti differenze nei 3 punti considerati i
confronti diventano estremamente difficili. Il confronto può essere in prima
approssimazione effettuato utilizzando i tassi di cambio:

Kα,β = tasso di cambio tra paese α e β

Ad es. pagando Kα,β unità monetarie del paese β (I) e ricevendo 1 unità
monetaria del paese α (B) si possono acquistare in Belgio le stesse cose ac-
quistate in Italia pagando Kα,β lire.

Esempio:
Pagando 30 lire si riceve (riceveva) 1 Fr belga e si può acquistare in Belgio
ciò che si acquista con 30 lire in Italia. Se cosı̀ fosse il cambio sarebbe un
“cambio economico” e corrisponderebbe al rapporto dei poteri d’acquisto in-
terni delle due monete.

• Cosa cambia con l’Euro?


Che si è in un regime di cambi fissi ma si pone sempre il problema della
differenza di potere d’acquisto interno di un Euro in Belgio e in Italia.

85
I Rapporti Statistici

• Continuiamo il ragionamento come se esistessero ancora lire e Fr belgi.


In effetti i tassi di cambio non esprimono il rapporto fra i livelli dei
prezzi interni dei paesi che si confrontano perché:

- essi si riferiscono ai soli beni e servizi che entrano nel commercio


internazionale,
- non tengono conto delle strutture dei dazi, dei costi di trasporto,
dei costi di distribuzione e delle imposte indirette interne,
- i cambi ufficiali possono essere condizionati “politicamente”, ma
questo è un tema di un altro corso.

• Torniamo al nostro problema: come si può confrontare il reddito reale


tra paesi.
Definiamo innanzitutto le parità economiche elementari, P.E.E.:

– Pα e Pβ sono i prezzi di un bene in 2 paesi, α e β, espressi in monete


locali (oggi nella stessa moneta), ma possono essere diversi e cioè
uno stesso kg di pane può costare 2 euro in Italia e ad es. 1.9 euro
in Francia.
– Pβ /Pα = P.E.E., ci dice quante unità monetarie del paese β equiv-
algono ad una unità monetaria del paese α.

Esempio:
Pα = 37 FB è il prezzo di 1 Kg di pane in Belgio
Pβ = 1110 lire è il prezzo di 1 Kg di pane in Italia

Pβ /Pα = 1110/37 = 30, ci dice che, in riferimento al pane 1 FB è equivalente


a 30 lire.

Pα /Pβ = 0.033 significa invece che, sempre in riferimento al pane 1 lira è


equivalente a 0.033 FB.

Se consideriamo un terzo paese, γ = USA, in cui 1 Kg di pane costa 0.8 $, si


possono calcolare 3 P.E.E.

1) PI /PB = 1100/37 1 FB = 30 lire

86
I Rapporti Statistici

2) PI /PU SA = 1110/0.8 = 1387 ⇒ 1 $ = 1387 lire

3) PB /PU SA = 37/0.8 = 46.25 ⇒ 1 $ = 46.25 FB

Nel caso di un solo bene le P.E.E. hanno la proprietà di transitività (o circo-


larità) per cui si può ottenere ad es. la P.E.E. tra dollari e lire passando per
il FB (e in teoria per tanti paesi “intermedi”):

1 $ = 46.25 FB ma 1 FB = 30 lire,
quindi 1 $ = 46.25 × 30 = 1387.5 lire (come prima)

Se invece si considerano più beni occorre sintetizzare le diverse P.E.E. in


un’unica PE in grado di esprimere, ad esempio per il complesso dei consumi,
quante unità monetarie del paese β sono equivalenti ad una unità monetaria
del paese α.
Nel caso di 2 PAESI: si costruiscono degli indici, come nei confronti tem-
porali, assumendo come sistema di pesi la struttura di consumi del paese α
o del paese β.

Indici di Laspeyres, utilizzano come pesi la struttura di consumi del paese


rispetto a cui si confronta e cioè:

a) parità di β rispetto ad α ( unità monetarie di β corrispondenti ad


una unità monetaria di α), con struttura di consumi del paese α
(cioè del paese rispetto a cui si confronta):
X pβ P
L p α qα p β qα
Iα,β = ·P =P
pα p α qα p α qα

b) parità di α rispetto a β, con struttura di consumi del paese β:


X pα P
L p β qβ p α qβ
Iβ,α = ×P =P
pβ p β qβ p β qβ

Indici di Paasche, utilizzano come pesi la struttura di consumi del paese


che si confronta:

87
I Rapporti Statistici

a) parità di β rispetto ad α, con struttura di consumi di β (paese che


si confronta):

P Σpβ qβ
Iα,β =
Σpα qβ
b) parità di α rispetto a β, con struttura di consumi di α:

P Σpα qα
Iβ,α =
Σpβ qα
L
Si può ora notare che : Iα,β = I P1 ; cosı̀ come Iβ,α
L
= I P1 per cui è sufficiente
β,α α,β
calcolare un tipo di indice per ottenere indirettamente gli altri.
Si osservi però che:

L L Σpβ qα Σpα qβ
Iα,β · Iβ,α = · 6= 1
Σpα qα Σpβ qβ
Questo significa che questi indici, cosı̀ come quelli di Paasche, non verificano
la proprietà di reversibilità delle basi. Insomma tra 2 paesi il confronto può
essere fatto utilizzando la struttura di consumi (sistema di pesi) del paese
rispetto a cui si confronta (Laspeyres), ad esempio B rispetto ad I o, del
paese che si confronta (Paasche).
In questo modo si ottengono però 2 PE (parità economiche) e per superare
questo dualismo, per evitare di privilegiare una delle due strutture di con-
sumi, si può costruire una media delle 2 PE.
Si costruisce cioé un indice di tipo Fisher cosı̀ calcolato:
s
L
F
q
L P
Iα,β
Iα,β = Iα,β · Iα,β = L
Iβ,α
Questo indice viene utilizzato come deflatore dei consumi, per ottenere cioè
un aggregato di consumi del paese β (B) direttamente confrontabile con
quello del paese α (I), assunto come base.
Nel calcolo di queste PE vi sono però alcuni punti critici:

a) necessità di osservazioni sui prezzi di beni e servizi identici o con-


frontabili nei 2 paesi.

b) i beni e i servizi devono essere non solo identici o confrontabili ma anche


di pari peso; deve cioè essere non troppo diversa la loro incidenza sulla
spesa totale nei singoli paesi.

88
I Rapporti Statistici

c) se non vi sono beni identici o confrontabili allora la spesa corrispondente


deve essere trasferita su beni simili, appartenenti allo stesso gruppo
merceologico.

Ognuno di questi 3 punti, ma anche la loro compresenza, introduce una di-


storsione nel calcolo degli indici e quindi l’indice di Fisher non rappresenterà
al meglio il deflatore dei consumi.
Tra più di 2 paesi, invece si parla di confronti multilaterali. Supponiamo di
avere n paesi; se si confrontano 2 a 2 si ottengono n · n = n2 indici binari (di
Laspeyres, Paasche e poi Fisher).

1 2 ... n

Σp1 q1 Σp1 q2
1 Σp1 q1 Σp2 q2
Σp2 q1 Σp2 q2
2 Σp1 q1 Σp2 q2
... ...
..
.
n

dove: Σp1 q2
Σp2 q2
⇒ parità del paese 1 rispetto al paese 2 con struttura di consumi
L
del paese 2: I2,1

e Σp2 q1
Σp1 q1
⇒parità del paese 2 rispetto al paese 1 con struttura di consumi del
L
paese 1: I1,2

Vediamo quanti indici è necessario calcolare. Consideriamo che:

- sulla diagonale vi sono degli 1

- i dati simmetrici rispetto alla diagonale sono uno il reciproco dell’altro


solo se gli indici sono di tipo Fisher, altrimenti no, infatti:

Σp1 q2 1
6= Σp2 q1
Σp2 q2 Σp1 q1

(sappiamo infatti che gli indici di Laspeyres e Paasche non verificano la re-
versibilità)

89
I Rapporti Statistici

Con gli indici di Fisher si ha invece la reversibilità:


s
L
F
q
L P
I1,2
I1,2 = I1,2 · I1,2 = L
I2,1
F 1
e quindi I1,2 = F .
I2,1

n2 −n n(n−1)
In conclusione tra n paesi si devono calcolare 2
= 2
indici.

Poiché Fisher non verifica la transitività, cioè: F2,1 6= F2,3 · F3,1 come si può
procedere?
Se non si risolve il problema, i risultati dipenderanno dal paese scelto come
base (rispetto a cui si confronta) pur non essendoci motivi validi per scegliere
un paese piuttosto che un altro.
Come si può ottenere la transitività?

a) con una lista unica di prodotti (beni e servizi) e un unico sistema di pesi,
corrispondente ad una struttura di consumi media o convenzionale. In
tal caso gli indici di Paasche, Laspeyres e Fisher sono uguali. Questa
soluzione sconta naturalmente tutte le differenze tra paesi e quando
queste sono grandi il risultato sarà fortemente distorto.

b) imponendo delle condizioni sugli indici bilaterali (metodo Elteto - Köves,


Szulc, da cui EKS che vedremo tra poco).

c) confrontando simultaneamente tutti i paesi e imponendo dei vincoli in


modo da avere esistenza ed unicità di soluzione (cioè un sistema unico
di tassi di equivalenza che verifichi la circolarità).

Prima di vedere in dettaglio il metodo EKS è necessario sottolineare che:


mentre in b) si possono usare liste di prodotti diverse per ogni coppia di
paesi da confrontare; in c) si deve usare una lista unica per tutti i paesi. Il
metodo EKS parte dal non rispetto della transitività:

Fij 6= Fis · Fsj (passando per il paese S)

Si calcolano allora degli indici circolari EKSij

n
X
M in φ = (log(EKSis )(EKSsj ) − logFis Fsj )2
s=1

90
I Rapporti Statistici

Si minimizza cioè la distanza dal risultato che si otterrebbe usando gli indici
di Fisher.

Poichè gli EKS devono essere circolari (o transitivi) si ha:

EKSis · EKSsj = EKSij

e quindi si può scrivere:

n
X
M inφ = (logEKSij − logFis Fsj )2
s=1

per minimizzare è necessario calcolare le derivate parziali ed uguagliare a


zero:

∂φ X
=2 (. . .) = 0
∂logEKSij

n
X X X
⇒ logEKSij = logFis Fsj ⇒ n logEKSij = logFis Fsj
s=1 s s
P
perché non dipende da i e j

n
1X Y 1
Y 1
logEKSij = logFis Fsj = log( Fis Fsj ) n ⇒ EKSij = ( Fis Fsj ) n
n s s=1 s

esempio con 3 paesi:

parità del paese 2 rispetto al paese 1:

1 1
2
EKS1,2 = (F11 F12 ×F12 F22 ×F13 F32 ) 3 = F12 ·F12 ·F13 F32 = (F12 F13 F32 ) 3

parità del paese 3 rispetto al paese 1:

1
2
EKS1,3 = (F13 F12 F23 ) 3

parità del paese 3 rispetto al paese 2:

91
I Rapporti Statistici

1
2
EKS2,3 = (F23 F21 F13 ) 3

Vediamo un esempio con 3 paesi e 2 prodotti

PAESI Prod 1 Prod 2 TOTALE


L1 p p11 = 10 p12 = 10
q q11 = 10 q12 = 8
v v11 = 100 v12 = 80 180
L2 p p21 = 6 p22 = 8
q q21 = 2 q22 = 1
v v21 = 12 v22 = 8 20
L3 p p31 = 40 p32 = 20
q q31 = 1 q32 = 10
v v31 = 40 v32 = 200 240

P2
L p2i q1i p21 q11 + p22 q12 6 · 10 + 8 · 8 124
I1,2 = Pi=1
2 = = = = 0.689
i=1 p1i q1i
p11 q11 + p12 q12 10 · 10 + 10 · 8 180

P2
L p3i q1i 40 · 10 + 20 · 8 560
I1,3 = Pi=1
2 = = = 3.11
i=1 p1i q1i
10 · 10 + 10 · 8 180

P
L p1i q2i 10 · 2 + 10 · 1 30
I2,1 =P = = = 1.5
p2i q2i 6·2+8·1 20

P
L p1i q3i 10 · 1 + 10 · 10 110
I3,1 =P = = = 0.458
p3i q3i 40 · 1 + 20 · 10 240

P
L p3i q2i 40 · 2 + 20 · 1 100
I2,3 =P = = =5
p2i q2i 6·2+8·1 20

P
L p2i q3i 6 · 1 + 8 · 10 86
I3,2 =P = = = 0.358
p3i q3i 40 · 1 + 20 · 10 240

L 1
Ora se ricordiamo che Iα,β = P
Iβ,α
si possono ottenere i sei indici di Paasche

92
I Rapporti Statistici

P 1 P 1
I1,2 = 1.5
= 0.667; I1,3 = 0.458
= 2.183

P 1 P 1
I2,1 = 0.689
= 1.451; I3,1 = 3.11
= 0.321

P 1 P 1
I2,3 = 0.358
= 2.793; I3,2 = 5
= 0.2

Vediamo alcune proprietà, innanzitutto la non reversibilità delle basi:

L 1 1
I1,2 = 0.689 6= L
= = 0.667
I2,1 1.5

. . . e ora la non transitività:


L L ? L
I1,2 · I2,3 = I1,3 ma: 0.689 · 5 = 3.445 6= 3.11

Se invece si calcolano gli indici di Fisher si ottiene la reversibilità:


s r
L
F
I1,2 0.689 F
I1,2 = L
= = 0.678 e I2,1 = 1/0.678 = 1.475
I2,1 1.5
Verifichiamolo:
r
L
q
F I2,1 1.5
I2,1 = I L = 0.689 = 1.475 ⇒ Fisher verifica la reversibilità delle basi
1,2

Calcoliamo tutti gli altri indici di Fisher:

L1 L2 L3
L1 1 0.678 2.604
L2 1.475 1 3.731
L3 0.384 0.268 1
Possiamo infine calcolare gli indici EKS:

q √
3
3 2
EKS1,2 = F12 F13 F32 = 0.6782 · 2.604 · 0.268 = 0.6846

Se cioè questi 2 beni esaurissero le capacità di spesa delle famiglie allora per
tradurre un reddito dal paese 2 al paese 1 bisognerebbe moltiplicarlo per un
“coefficiente di aggiustamento” pari a 0.6846.

93
I Rapporti Statistici

In altri termini un reddito di 1.106 nel paese 2 vale un reddito 684.600 nel
paese 1.

q √
3
2
EKS2,1 = 3 F21 F23 F31 = 1.4752 · 3.731 · 0.384 = 1.4607

notare che: 1/0.6846 = 1.4607

. . . e cosı̀ un reddito di 1.106 nel paese 1 vale un reddito di 1.460.700 nel paese
2.

EKS1,3 = 2.579 EKS3,1 = 0.3877

EKS2,3 = 3.767 EKS3,2 = 0.2654

Si noti che: 1/2.579 = 0.3877 e 1/3.767 = 0.2654. In altri termini questi


indici verificano la proprietà di reversibilità.

94
Esercizi I Rapporti Statistici

3.4 Esercizi
1. In un certo anno di attività, un’azienda artigiana si approvvigiona mensil-
mente delle materie prime A, B, C, nelle seguenti quantità e ai prezzi indicati
(in unità standard):

A B C
Quantità in Kg 5 1 0.1
Prezzi al Kg 20 40 250

Sapendo che nell’anno precedente (a.p.) e nell’anno successivo (a.s.) le quan-


tità sono rimaste invariate mentre i prezzi al Kg sono stati rispettivamente
pari a:

A B C
Prezzi al Kg (a.p.) 18 35 250
Prezzi al Kg (a.s.) 25 40 200

e volendo calcolare la variazione globale dei prezzi delle tre materie prime
nei diversi anni, si scelga il numero indice (Laspeyres, Paasche o Fisher) che
si ritiene più appropriato, motivandone l’eventuale preferenza e si determini
inoltre la successione dei valori dell’indice.
2. Si considerino i seguenti valori (prezzi e quantità) riferiti ad un insieme
di beni componenti il paniere di beni utilizzato per il calcolo del tasso di
inflazione:

P 95 P 90 Q 95 Q 90
1. 1500 1300 3.5 3
2. 2100 2000 2 1.8
3.1 1300 1000 5.1 5.1
3.2 300 310 4 4.8

a) Calcolare gli indici elementari di prezzo e di quantità;

b) Calcolare l’indice dei prezzi di Laspeyres per il 1995 in base 1990 = 100;

c) Se il prezzo del bene 3.1 nel 1995 fosse pari a 1100 quale sarebbe l’effetto
sul valore dell’indice dei prezzi del settore 3. e di conseguenza sul valore
dell’indice generale dei prezzi(i.g.p.)?

d) Se la quantità del bene 3.2 nel 1995 fosse pari a 10 quale sarebbe l’effetto
sull’i.g.p.?

95
Esercizi

3. Si considerino i seguenti valori (prezzi e quantità) riferiti ad un insieme


di beni componenti il paniere di beni utilizzato per il calcolo del tasso di
inflazione:

P 95 P 90 Q 95 Q 90
1. 1500 1300 3.5 3
2. 2100 2000 2 1.8
3.1 1300 1000 5.1 5.1
3.2 310 300 4 4.8

a) Calcolare gli indici elementari di prezzo e quantità;

b) Calcolare l’indice dei prezzi di Paasche per il 1995 in base 1990 = 100;

c) Se il prezzo del bene 3.1 nel 1995 fosse pari a 1100 quale sarebbe l’effetto
sul valore dell’indice dei prezzi del settore 3. e di conseguenza sul valore
dell’i.g.p.?

d) Se la quantità del bene 3.2 nel 1995 fosse pari a 10 quale sarebbe l’effetto
sull’i.g.p.?

e) Calcolare l’indice della spesa.

4. Per i tre prodotti X, Y, e Z i prezzi (in lire per Kg) e le quantità consumate,
nel 1980 e nel 1987, sono stati i seguenti:

P 80 P 87 Q 80 Q 87
X 3 6 10 10
Y 5 10 8 4
Z 1 3 16 10

a) Calcolare gli indici di Laspeyres e di Paasche;

b) Calcolare i coefficienti di spesa, wi , nel 1980;

c) Utilizzando wi,80 verificare che:

87/80
X
IL = wi,80 (pi,87 /pi,80 )

96
Esercizi I Rapporti Statistici

Struttura di pesi e indici di prezzo di Laspeyres per settori di


attività economica

Settori Ateco Pesi PLj (86/82)


1. Alimentari 21.00 113.9
2.Bevande 4.50 108.5
3. Tabacco 0.50 118.2
4. Abbigliamento 7.00 117.0
5. Affitto 18.00 121.5
6.1 Gasolio per riscaldamento 3.329 46.3
6.2 Carbone e legna per risc. 0.092 106.6
6.3 Elettricità 1.483 127.1
6.4 Gas 0.096 113.0
7.Arredi e pulizia di appart. 6.00 109.7
8.1.1 Treni 0.821 115.8
8.1.2 Trasporti pubbl. urbani 0.249 119.4
8.1.3 Trasporti turistici 0.212 113.6
8.1.4 Tariffe postali e tel. 1.793 114.7
8.2 Trasporti privati 10.925 102.2
9. Salute 8.00 113.3
10. Istruzione e tempo libero 16.00 116.9
100.00

97
Esercizi

98
Limiti e potenzialità
dell’impiego statistico di dati
amministrativi
Nuove strategie di raccolta e formazione dei dati
Funzione amministrativa e funzione statistica
Perché utilizzare i dati amministrativi
La costruzione di un archivio statistico integrato (ASTRI)

? Principali problemi da affrontare:

? Individuazione dell’obiettivo

? Analisi e studio delle fonti

? Trattamento preliminare degli archivi

? Studio di una metodologia di linkage

? Assegnazione degli attributi

? Verifica
Limiti e potenzialità

Le tecnologie informatiche e le fonti amministrative rappresentano attual-


mente le nuove strategie di raccolta e formazione dei dati.

4.1 Funzione amministrativa e funzione sta-


tistica

Ogni ente amministrativo svolge una propria funzione di raccolta dati e la


mette in pratica seguendo norme e regole tipiche delle ente, tanto che ogni
fonte utilizza definizioni, classificazioni, regole di iscrizione e cancellazione
propri. In questo senso le informazioni contenute in una fonte amminis-
trativa non assumono una valenza statistica, anche se su di esse è possi-
bile elaborare delle statistiche. In linea generale noi sappiamo che obiettivo
della statistica è quello di interpretare i fenomeni reali utilizzando concetti
e definizioni propri. Il mondo reale dal canto suo può essere sottoposto
però al rispetto anche di leggi e norme che fanno riferimento ad altre cat-
egorie concettuali. Si può perciò dire che le norme giuridiche e i concetti
statistici producono due immagini distinte dello stesso universo delle entità
reali che possiamo definire rispettivamente universo legale e universo stati-
stico. Nell’universo reale, quindi, esistono e si muovono soggetti reali che
possono essere identificati come soggetti giuridici nell’universo legale e che
possono essere definiti come unità statistiche in quello statistico. I due am-
biti sono e restano separati. Capita però che l’analisi statistica non possa o
non voglia per motivi di costi investigare direttamente l’universo dei soggetti
reali attraverso le classiche indagini statistiche e decida perciò di utilizzare
le informazioni desumibili dall’universo dei soggetti giuridici. Cosa accade
perciò: l’universo statistico in questo caso risulta composto da unità statis-
tiche individuate utilizzando un’immagine mediata dai soggetti giuridici che
compongono l’universo legale. Il problema principale che si pone nell’utilizzo
delle informazioni amministrative per fini statistici è quello di individuare
una corrispondenza fra i concetti statistici utilizzati e le leggi o le norme
amministrative con le quali è osservato l’universo di riferimento. Si pone
perciò il problema di trattare le informazioni per poterle utilizzare in modo
da avvicinarle ai concetti e alle definizioni statistiche. Di fondamentale im-
portanza diventa perciò poter disporre di un quadro completo e rigoroso di
concetti, definizioni e classificazioni sulla base del quale è possibile ricondurre
un’informazione amministrativa ad un’informazione statistica.

100
Limiti e potenzialità

4.2 Perche’ utilizzare i dati amministrativi?


Le risposte a questo interrogativo sono molteplici. Il tema dell’integrazione
degli archivi è stato approfondito con la creazione del mercato unico dell’UE.
Infatti, la maggiore libertà e concorrenzialità derivanti dalla sua creazione,
hanno posto l’esigenza di ottenere delle informazioni di tipo economico più
aggiornate ed attendibili. In particolare, si è posta l’esigenza di costruire
in Europa, nuove statistiche, relative ad operatori e prodotti e sulla dinam-
ica strutturale delle imprese e dei servizi. Per far fronte a tali necessità,
lo studioso deve poter disporre di sistemi informativi costruiti sulla base di
registri ed archivi attendibili, da cui poter attingere le singole informazioni
elementari. Fino a non molto tempo fa gli strumenti utilizzati dall’Istat per
la costruzione delle statistiche e delle informazioni di tipo economico erano
le indagini dirette e i censimenti. Strumenti particolarmente complessi e
onerosi, in termini di tempo e di costi. Si è perciò cercato di utilizzare la
fonte amministrativa, anche per ridurre il fastidio delle molteplici rilevazioni
a carico delle imprese rispondenti, che finisce per incidere negativamente
sulla qualità dell’informazione raccolta. Le potenzialità del dato amminis-
trativo sono molteplici, tramite questo è possibile arrivare alla creazione di
un vero e proprio sistema statistico delle imprese, articolato e integrato, ma
anche all’utilizzo di informazioni di origine fiscale ai fini della contabilità
nazionale. I principali vantaggi derivanti dalla costruzione di un registro
statistico delle imprese sono, innanzitutto un maggior dettaglio territoriale
nell’aggiornamento delle informazioni sulle unità produttive. Inoltre, tali reg-
istri hanno una frequenza temporale (annuale, trimestrale) che i censimenti,
per il loro costo, non possono avere. In secondo luogo sarà possibile disporre
di liste esaustive ed aggiornate di imprese e di unità locali che permetteranno
la realizzazione di indagini campionarie stratificate secondo il territorio, la
dimensione, la forma giuridica, l’attività economica e la classe di anzianità
dell’impresa. Infine, la maggiore disaggregazione territoriale consentirà il
raggiungimento di una certa omogeneità in ambito internazionale che renda
più semplici ed efficaci i confronti. Inoltre, il registro statistico metterà a dis-
posizione dell’Unione Europea e delle autonomie territoriali uno strumento
utile per il controllo delle politiche economiche e per la conseguente pianifi-
cazione territoriale.

Un’ultima risposta al perché è importante costruire un archivio integrato


utilizzando dati amministrativi viene data dall’UE che è intervenuta con
un regolamento, il 2186/93, relativo al “coordinamento comunitario dello
sviluppo dei registri di imprese utilizzati a fini statistici”, che ha impegnato
gli Istituti nazionali di statistica a procedere alla realizzazione del registro,

101
Limiti e potenzialità

autorizzandoli alla raccolta di informazioni dagli archivi amministrativi o


giuridici, secondo le condizioni previste dalla legislazione nazionale.

4.3 La costruzione di un archivio statistico


integrato -
principali problemi da affrontare

La realizzazione di un archivio integrato comporta il superamento di alcuni


problemi che sono di carattere politico e tecnico-metodologico. Per quanto
riguarda il primo aspetto è necessario razionalizzare e semplificare il rapporto
tra le imprese e l’amministrazione che nel nostro paese risulta particolarmente
complesso. Diventa perciò fondamentale accelerare il processo di integrazione
dei grandi archivi amministrativi che sono gestiti dalle Camere di Commer-
cio, dal Ministero delle finanze, dall’Istituto della previdenza sociale, dai
tribunali, dalle istituzioni finanziarie e da altri enti. Passando all’analisi dei
problemi di ordine tecnico, uno degli ostacoli da superare deriva dal fatto che
i dati amministrativi vengono raccolti con uno scopo, che è quello della cer-
tificazione giuridica, diventa perciò importante mettere a punto opportune
metodologie che consentano di integrare i dati amministrativi con altre fonti
statistiche in modo tale da ricostruire un archivio di imprese e di unità locali
per l’analisi economica. Un altro ostacolo è dato dal fatto che gli archivi am-
ministrativi presentano delle lacune informative. Innanzitutto gli schedari
tenuti dai vari enti, che sono costituiti per specifici compiti istituzionali,
danno la priorità alle esigenze giuridicoamministrative e necessitano perciò di
opportune manipolazioni e correttivi se si vogliono utilizzare le potenzialità
statistiche intrinseche. In secondo luogo, proprio le esigenze istituzionali,
condizionano le metodologie, la cadenza e l’accuratezza con le quali vengono
acquisiti, registrati e aggiornati i diversi caratteri. Inoltre, la memorizzazione
dei dati e delle informazioni che identificano i singoli soggetti economici non
avviene sempre sulla base di regole uniformi. E’ per questo motivo che, in
molti casi, diventa estremamente difficoltosa l’individuazione del medesimo
soggetto residente nei diversi archivi. Ancora, il campo di osservazione spesso
è disomogeneo cosı̀ come è diverso il tipo di unità elementare archiviata (im-
prese, unità locali, utenti, posizioni contributive, ecc.). Infine, vi sono delle
differenze nei sistemi di classificazione e delle forti discrepanze temporali sul
grado di aggiornamento dei singoli archivi.

102
Limiti e potenzialità

4.4 La costruzione di un archivio statistico


integrato -
individuazione dell’obiettivo
Costruire un archivio integrato significa innanzitutto capire a cosa e a chi
servirà l’archivio che vogliamo creare. Infatti l’utilizzazione dell’archivio de-
terminerà quali saranno le fonti da utilizzare e la metodologia da studiare.
Esistono ormai numerosi esempi di archivi integrati, cui si può fare riferi-
mento, sia in Italia che all’estero. Si può citare il caso della Danimarca
che già nell’80 non fece il censimento della popolazione perché utilizzò 21
archivi amministrativi contenenti ciascuno informazioni sulle persone, che
un codice identificatore individuale permetteva di integrare tra loro. In quel
caso l’obiettivo era il censimento della popolazione anche se poi la Danimarca
grazie all’accuratezza delle informazioni ottenute è riuscita a rispondere ad
ulteriori esigenze che esulavano dall’obiettivo primario. O ancora il progetto
Excelsior, nato con l’obiettivo di colmare le esigenze di informazioni sulla
domanda di lavoro e di fornire uno strumento per l’attuazione delle politiche
occupazionali. E’ stato realizzato dall’Unioncamere attraverso l’integrazione
dei quattro archivi amministrativi per eccellenza: Registro Imprese, Archivio
Inps, Archivio Inail e Anagrafe IVA. Nel caso di Excelsior, dato l’obiettivo,
alcune informazioni e variabili sono state trascurate per dare maggior risalto
e perciò maggior cura ad altri elementi, in particolare al dato sugli occupati.
Aver chiaro l’obiettivo consente innanzitutto di razionalizzare le risorse da
utilizzare, consente di utilizzare le fonti che in termini di contenuti sono le più
appropriate per quell’archivio e infine permette di evitare sprechi di risorse
nello studio della metodologia.

4.5 Individuazione dell’obiettivo - astri


Al fine di migliorare la qualità delle informazioni attualmente a sua dispo-
sizione l’Osservatorio Industriale ha realizzato attraverso una procedura di
integrazione delle fonti amministrative, un Archivio Statistico Regionale delle
Imprese (ASTRI). Di seguito sono indicate le fasi descritte precedentemente.
Individuazione dell’obiettivo ASTRI si pone come obiettivo la creazione di un
repertorio anagrafico ed una banca dati territoriale delle imprese e delle unità
locali della Sardegna, compatibilmente a 6 quanto previsto dal regolamento
dell’UE 2186/93 sui repertori di impresa, di cui si è già detto. L’archivio AS-
TRI assume quale campo di osservazione l’insieme delle imprese appartenenti

103
Limiti e potenzialità

ai settori di attività economica dell’industria in senso stretto cioè le attività


estrattive e quelle manifatturiere, il settore delle costruzioni e i servizi. Il
periodo di riferimento dell’archivio è stato condizionato dall’aggiornamento
degli elementi informativi presenti nelle fonti che sono state utilizzate come
dati di input ed è il dicembre 2000.

4.6 Analisi e studio delle fonti


Il secondo passaggio, fondamentale dopo aver individuato l’obiettivo è quello
di analizzare gli archivi che verranno utilizzati per l’integrazione. E’ una fase
particolarmente delicata in quanto la finalità degli archivi amministrativi è
diversa, non solo tra i diversi archivi amministrativi utilizzati, ma anche e so-
prattutto dall’archivio che intendiamo costruire. Lo studio delle fonti consiste
in un’analisi puntuale della finalità dell’ente che gestisce l’archivio, del campo
di osservazione oggetto dell’archivio e delle procedure di costruzione del dato.
Entra in gioco a questo punto la valutazione della cosiddetta affidabilità del
dato amministrativo. Scopo di un archivio certificativo/amministrativo è
quello di dichiarare in modo certo l’esistenza e le caratteristiche formali di
un’impresa in vista dei rapporti amministrativi e contrattuali che essa in-
trattiene con altri soggetti pubblici e privati. Perciò l’archivio certificativo
considera l’impresa in quanto soggetto di diritti e di doveri: essa esiste se
sono state rispettate le condizioni formali della sua costituzione e l’obbligo
di iscrizione all’archivio stesso. Il concetto di affidabilità nel contesto dei
dati amministrativi è direttamente collegato alla relazione tra i principi ispi-
ratori dell’archivio certificativo e la qualità del dato. Il termine qualità ha
in quest’ambito un’accezione particolare. E’ riferita infatti alla cura nella
raccolta e verifica del dato amministrativo. Ogni ente che gestisce archivi
amministrativi o giuridici svolge la propria attività nel rispetto dei vincoli
che derivano dalla funzione tipica ad esso attribuita dalla legge. Perciò ad
esempio il Registro Imprese delle Camere di commercio ha lo scopo di ac-
quisire e quindi mettere a disposizione informazioni riguardo l’esercizio delle
attività economiche prescindendo dalla qualificazione giuridica del soggetto
che le esercita. Tutte le imprese che svolgono un’attività economica hanno per
legge l’obbligo di iscriversi alla Camera di Commercio. L’Istituto Nazionale
per la Previdenza Sociale (Inps), è il più importante ente previdenziale ital-
iano. Sono assicurati obbligatoriamente tutti i lavoratori dipendenti. Le
imprese instaurano un rapporto assicurativo con l’Istituto Nazionale per
l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (Inail), che, tutela le per-
sone che in modo permanente o avventizio prestano manodopera retribuita.

104
Limiti e potenzialità

Esistono tre diversi momenti in cui l’impresa ha l’obbligo di comunicare con


gli archivi amministrativi: in occasione della nascita o dell’inizio dell’attività
l’impresa deve iscriversi ad uno o più archivi, fornendo al momento dell’iscri-
zione, notizie dettagliate sulle sue caratteristiche come denominazione, ind-
irizzo, forma giuridica, attività, numero di addetti; nel corso della sua vita
essa è tenuta a comunicare ogni cambiamento delle caratteristiche suddette
come la temporanea cessazione dell’attività, il trasferimento, la modificazione
del tipo di produzione svolta e cosı̀ via; in occasione del pagamento period-
ico a date prefissate di tasse, imposte, canoni, contributi e premi assicurativi,
l’impresa è chiamata a fornire ulteriori notizie aggiornate. L’adempimento di
tali obblighi è garantito più che dalle sanzioni amministrative eventualmente
imposte per mancata comunicazione, dall’interesse concreto delle imprese
affinché le notizie fornite all’ente corrispondano alla realtà. Nessuno degli
archivi citati è in grado di cogliere con precisione e completezza tutti i cam-
biamenti che riguardano le imprese a causa delle difficoltà nell’individuazione
degli inadempimenti. Neppure gli uffici incaricati della raccolta e del con-
trollo delle dichiarazioni sono e possono essere sempre accurati e precisi.
Inoltre sia le imprese sia gli uffici tendono a concentrare l’attenzione sulle
informazioni strettamente connesse con l’attività amministrativa di certifi-
cazione o di riscossione di pagamenti ed a trascurare, o a non controllare
attentamente, le notizie secondarie.

Pertanto gli errori delle anagrafi amministrative possono dipendere da varie


cause:

? evasione dall’obbligo di iscrizione e di comunicazione delle variazioni;

? incompletezza nella compilazione dei moduli di iscrizione o di paga-


mento;

? errori nella compilazione dei moduli stessi;

? errori nella codificazione o nella registrazione;

? ritardi nella verifica e nel controllo.

Va poi segnalato un grave inconveniente: qualora un operatore di un archivio


amministrativo fosse in grado di individuare un errore non potrebbe ap-
portare correzioni senza seguire procedure di verifica lunghe e minuziosa-
mente regolate. Ad esempio, se un funzionario del Registro Imprese avesse
il fondato sospetto che una 8 impresa ancora iscritta sia in realtà cessata,
non potrebbe cancellarla d’ufficio dall’archivio: la correzione richiede infatti

105
Limiti e potenzialità

il rispetto di precise norme burocratiche stabilite per tutelare i diritti delle


imprese. Inoltre, nessun ente amministrativo che decida di realizzare rile-
vazioni totali sul campo per effettuare dei controlli, può mettere in atto un
vero e proprio censimento perché non ne può sostenere i pesantissimi oneri,
né può garantire la segretezza e l’uso esclusivo dei dati a scopi statistici. Ul-
teriori limiti sono riscontrabili nell’ottica di una eventuale integrazione tra
gli archivi amministrativi. Abbiamo già visto che esistono delle differenze
nella memorizzazio ne, nel campo di osservazione e nei sistemi di classifi-
cazione. Nell’Osservatorio delle Imprese Inps e nell’archivio Inail ad esem-
pio sono registrate rispettivamente le posizioni contributive e le posizioni
assicurative riferite alle imprese con dipendenti. L’attività economica nei
due archivi inoltre, viene codificata in modo differente. L’Inps utilizza un
codice statistico contributivo (CSC) ed opera successivamente una decodi-
fica utilizzando l’Ateco911 . L’Inail invece non classifica l’impresa secondo
la logica dell’attività economica prevalente e secondaria, bensı̀ secondo la
logica volta ad evidenziare il tipo di mansioni e compiti attribuiti ai lavora-
tori dell’impresa. Non avremo perciò Codici di Attività economica, ma Voci
Tariffa, cui sono abbinati, secondo una tabella prevista dalla legge, tassi di
rischio di incorrere in infortunio sul lavoro, associati ad indici di determi-
nazione del premio assicurativo. Questo potrà provocare delle incongruenze
tra gli archivi perché imprese definite manifatturiere per esempio nel Reg-
istro Imprese, risultano poi essere imprese di servizi nell’Archivio Inail a
causa dell’attività prevalente.

4.7 Analisi e studio delle fonti - astri

Le basi dati considerate nella costruzione di ASTRI sono state il Registro


Imprese delle Camere di Commercio che ha una natura giuridica e ammin-
istrativa e che rileva contemporaneamente l’impresa e le unità locali che la
compongono. L’archivio gestionale dell’Inps relativo alle imprese con dipen-
denti, la cui unità di rilevazione non è l’impresa considerata dal punto di vista
economico, ma la posizione contributiva. L’archivio Inail delle aziende con
addetti tenuti all’assicurazione obbligatoria contro il rischio infortuni. Anche
in questo caso l’unità di rilevazione non è l’impresa in senso economico, bensı̀
la posizione assicurativa.

1
Classificazione delle attività economiche Istat

106
Limiti e potenzialità

4.8 Trattamento preliminare degli archivi


Dopo aver individuato l’obiettivo, scelto e studiato le fonti amministrative è
necessario sottoporre gli archivi ad un trattamento preliminare che si arti-
cola in quattro passaggi. ordinare e standardizzare le informazioni presenti
in tracciati record simili per quanto riguarda l’ordine ed il contenuto dei
campi. Verificare attraverso la produzione di opportune tavole di check la
coerenza e la copertura dei caratteri rilevati per ogni impresa ed ogni unità
locale. Queste tavole hanno permesso di avere un quadro dettagliato delle
caratteristiche degli archivi tale da consentire di rilevare eventuali anoma-
lie nelle forniture dei dati e di disporre di informazioni utili all’analisi delle
diverse problematiche affrontate dalle procedure successive. Normalizzare i
campi principali di ciascuna fonte, cioè trasformare i dati determinanti per la
predisposizione del repertorio anagrafico e dei quadri statistici territoriali in
classificazioni comuni. Preclassificare le posizioni registrate nelle fonti sulla
base di opportuni criteri legati alla:

? localizzazione delle posizioni (all’interno e all’esterno dell’unità territo-


riale, in questo caso la regione, oggetto dell’elaborazione);

? individuazione delle posizioni non attive alla data di aggiornamento,


cessate prima della data di aggiornamento, o in stato particolare2 in
relazione alla fonte analizzata;

? ricerca di posizioni che non hanno rilevanza economica (immobiliari,


finanziarie);

? assegnazione di un codice di macrosettore che permette di classificare


le posizioni di ciascun archivio rispetto al campo di osservazione.

4.9 Studio di una metodologia di linkage


Il linkage, dall’inglese “collegamento”, è l’operazione con cui si mettono in
relazione dati memorizzati su file diversi o su record diversi dello stesso file.
Scopo del linkage è di ricondurre alla stessa impresa i caratteri delle unità
giuridiche che ne dispongono o delle unità locali che ne dipendono, registrati
in diversi archivi (files). Il linkage viene eseguito intrafile o interfiles: il primo
serve ad eliminare le duplicazioni di unità giuridiche responsabili della stessa
impresa nello stesso registro; il secondo viene utilizzato per riportare ad un
2
Una posizione in stato particolare è ad esempio quella contrassegnata da un’indicazione
di fallimento o liquidazione.

107
Limiti e potenzialità

unico record tutte le modalità riferite alla stessa unità statistica nei diversi
registri considerati. L’integrazione delle fonti presenta delle difficoltà a pre-
scindere dall’utilizzo in chiave statistica dei dati in esse contenuti a causa
delle disomogeneità e delle differenze tra le fonti.

Lo studio di una metodologia di linkage è fondamentale per diversi motivi:

1) la mancanza di chiavi di raccordo univoche nelle diverse fonti: anche


nelle fonti dove è presente il codice fiscale, che è attualmente il codice
identificativo di impresa più affidabile e diffuso, non è possibile basarsi
unicamente su di esso a causa dell’incompletezza del dato e degli errori
di rilevazione e di registrazione.

2) le diverse unità economiche a cui i record delle fonti si riferiscono: le


procedure di linkage devono tener presente i diversi criteri che gli archivi
amministrativi utilizzano per definire le loro unità di rilevazione (im-
prese, unità locali, posizioni contributive Inps, posizioni assicurative
Inail).

3) l’opportunità di disporre di strumenti che consentano l’aggancio di ulte-


riori fonti: la disponibilità di procedure di linkage testate e funzionanti
consente l’integrazione dell’archivio con altre fonti minori che possono
fornire informazioni molto più interessanti se raccordate al repertorio
complessivo contenente le caratteristiche di ciascuna unità rilevata.

Nell’ambito di un sistema statistico delle imprese è possibile distinguere quat-


tro principali approcci di integrazione di archivi distinti in funzione delle fonti
coinvolte, vale a dire:

1) integrazione tra archivi amministrativi finalizzata alla costruzione di


un archivio statistico delle imprese. Questa integrazione serve a creare
una fonte unica e coerente con il resto del sistema, che assolve al duplice
ruolo della messa a punto delle statistiche di base sulle imprese e della
identificazione del campo di osservazione e del campo di rilevazione
delle diverse indagini campionarie;

2) integrazione tra archivio statistico delle imprese e dati di indagine.


Questo tipo di integrazione consente una verifica sul campo della qualità
dell’archivio statistico delle imprese;

3) integrazione tra archivio statistico delle imprese e altri archivi amminis-


trativi contenenti specifiche variabili economiche (ad esempio, archivio

108
Limiti e potenzialità

IVA). Questa operazione consente una verifica reciproca della coper-


tura e qualità sia dell’archivio statistico delle imprese che della fonte
amministrativa;

4) integrazione tra specifici archivi amministrativi (non inclusi nel registro


statistico delle imprese) contenenti variabili economiche (IVA, bilanci,)
e dati di indagine al fine di pervenire a maggiori elementi di controllo
della copertura e della qualità dei dati sia di indagine che degli archivi
amministrativi. La creazione di un registro statistico delle imprese me-
diante l’integrazione di più archivi amministrativi, richiede lo sviluppo
di articolati modelli di linkage fra le fonti che possono contribuire alla
definizione delle informazioni relative alle unità economiche.

Il linkage può assumere due diverse caratterizzazioni. Si parla perciò di


Exact Linkage (abbinamento esatto) e di Statistical Linkage (abbinamento
statistico o probabilistico). Sebbene possano apparire molto simili, in realtà
esistono profonde differenze tra il primo e il secondo tipo di abbinamento
in termini di tecniche applicabili, di attendibilità dei risultati e di possi-
bilità di utilizzo dei dati. Infatti, mentre la prima tecnica fa riferimento
a records rappresentanti le stesse unità (almeno in gran parte), la seconda
si applica a records relativi ad unità “simili”, in base a determinati criteri.
Non necessariamente l’abbinamento esatto risulta tecnicamente più semplice
dell’abbinamento statistico, anzi può risultare più complesso. Sicuramente,
se esiste il codice di identificazione delle unità, l’abbinamento esatto è più
semplice e meno costoso da realizzare. Esistono tuttavia molte applicazioni
per le quali l’abbinamento esatto non è fattibile, cosicché l’abbinamento sta-
tistico può essere usato come alternativa, ad esempio quando quest’ultimo
risultasse troppo costoso; oppure, indipendentemente dal costo, nel caso si
vogliano associare records simili senza fare alcun riferimento agli individui
cui i records in questione si riferiscono (fai degli esempi). Quando al termine
delle procedure di linkage ci si trova in presenza di dati mancanti e/o errati, si
cerca una procedura che permetta di stimarli o di correggerli. La procedura
utilizzata a questo scopo è il Missing Data Estimation (Stima dei dati 12
mancanti). L’obiettivo di riconoscere e abbinare i record che corrispondono
alle stesse persone o imprese (o altri oggetti od eventi) impone la ricerca di
modelli matematici su cui fondare i programmi e le procedure che dovranno
risolvere il problema. L’abbinamento di una pluralità di archivi presenta as-
petti particolari rispetto al più comune problema dell’abbinamento di due
archivi o di diversi record appartenenti allo stesso archivio.

109
Limiti e potenzialità

4.10 Assegnazione degli attributi


Assegnazione degli attributi La fase successiva, quella dell’assegnazione dei
caratteri è stata particolarmente delicata, non tanto per quel che riguarda i
caratteri di tipo anagrafico, per i quali dopo un attento studio delle fonti è
stato fissato un criterio di priorità per stabilire quale di esse avrebbe dovuto
fornire l’attributo all’archivio ASTRI. Si è proceduto ad assegnare lo stato di
attività sulla base dei flags attribuiti in fase di analisi di ogni singolo archivio.
Questa assegnazione risponde all’esigenza di considerare nell’archivio solo le
posizioni economicamente attive, escludendo quindi quelle imprese che non
hanno mai iniziato l’attività e quelle che non hanno dichiarato le modifiche
avvenute. Più problematica è stata invece l’attribuzione dell’attività eco-
nomica e degli addetti. Relativamente all’attività economica, a causa delle
profonde differenze esistenti nei sistemi di classificazione dovute ai diversi
principi ispiratori degli archivi, è stato necessario innanzitutto tradurre at-
traverso l’applicazione di opportune tabelle di conversione, i codici di attività
originari di ciascuna fonte in una rosa di possibili codici AtEco91 che è la clas-
sificazione delle attività economiche fissata dall’Istat. A questo punto sono
state messe insieme le informazioni fornite dalle diverse fonti ed è stato se-
lezionato il codice di attività AtEco91 che presentava la maggiore frequenza,
cioè quello più probabile. L’assegnazione degli addetti ricopre un ruolo fon-
damentale in quanto definisce l’elemento dimensionale delle imprese. Tutte
le fonti hanno contribuito alla corretta assegnazione degli addetti anche se
l’archivio Inps ha avuto una priorità in quanto è basato sulla dichiarazione
dell’impresa per la contribuzione obbligatoria per ciascun dipendente. Pre-
liminarmente alla fase di assegnazione è stato calcolato il totale dei dipendenti
per fonte, sommando all’interno della stessa impresa, i dati relativi a tutte le
posizioni attive della fonte. L’assegnazione degli addetti è stata suddivisa in
tre fasi. E’ stato innanzitutto confermato il dato dei dipendenti e sono stati
azzerati i dati non attendibili. La conferma è stata ottenuta quando il dato
risultava compatibile per almeno due fonti. Il dato è stato cioè confrontato
tra coppie 13 di archivi ed esso risultava compatibile se la differenza tra i
rispettivi dati era inferiore al 10% del maggiore dei due. Si è poi proceduto
alla verifica puntuale dei casi dubbi ed infine sono stati ripartiti gli addetti
di impresa alle unità locali.

4.11 Verifica
Nella fase successiva sono state verificate le imprese incerte e di grandi dimen-
sioni attraverso il contatto diretto delle aziende che ha comportato non pochi

110
Limiti e potenzialità

problemi a causa della reticenza delle imprese a fornire informazioni. Al ter-


mine della verifica e delle correzioni sono stati creati il repertorio anagrafico,
cioè una lista di imprese e di unità locali e una banca dati territoriale, sulla
quale sono stati effettuati dei controlli di qualità confrontando l’archivio AS-
TRI con altre fonti in particolare il Censimento del ’91, l’archivio Excelsior,
Sistema informativo per la programmazione della formazione professionale,
costruito dall’Unione Italiana delle Camere di Commercio e infine Movimp-
rese, la pubblicazione periodica della Camera di commercio che registra le
variazioni nell’anagrafe delle imprese italiane.

111
Limiti e potenzialità

112
La Qualità dei dati
• L’importanza della qualità;

• Concetto di qualità in ambito statistico;

• Qualità del prodotto (dato statistico);

• Qualità del processo;

• Qualità e integrazione di archivi;

• Qualità e Contabilità Nazionale;


Qualità dei dati

5.1 L’importanza della qualità


L’informazione è diventata un bene primario e largamente disponibile. E’ im-
portante perciò assicurarne l’indipendenza, la correttezza e la trasparenza.
E’ aumentato il fabbisogno di informazione della società e quindi di dati
statistici e di indicatori affidabili per orientare il comportamento dei sin-
goli agenti e dei soggetti istituzionali. Un esempio in tal senso è dato dai
parametri di Maastricht nel processo di unificazione europea e quindi nella
formulazione delle politiche economiche degli stati. Gli utilizzatori sono sem-
pre più attenti, preparati ed esigenti perché è migliorata la loro formazione.
Per questo motivo le informazioni devono essere più raffinate ed affidabili.

Non c’è più il monopolio nella produzione di dati, al contrario, grazie


alle nuove tecnologie, si manifesta una certa concorrenza nella misura di vari
fenomeni. Esempi sono le indagini di mercato, di opinione, sulle condizioni di
vita e cosı̀ via). Oltre a questi cambiamenti sono particolarmente importanti
gli effetti che la sempre maggior diffusione delle tecniche informatiche in-
duce sul processo di produzione dei dati. Le prime modificazioni in tal senso
si manifestano nella fase di osservazione e rilevazione dei dati sul campo.
Basti pensare alle indagini telefoniche con apposite tecniche informatico-
statistiche. O ancora per esempio la classica intervista diretta che avviene
solitamente con un questionario cartaceo può essere effettuata tramite mo-
delli informatici. Ancora, la diffusione dell’informatica sta rendendo sempre
più semplice il trasferimento di informazioni tra banche dati, rendendo più
facile l’accesso ad una grande quantità di fonti amministrative.

5.2 Il concetto di qualità in ambito statistico


Il concetto di qualità può assumere diverse accezioni a causa della molteplicità
delle caratteristiche dell’oggetto al quale viene riferito. Esiste infatti, una
stretta correlazione tra la qualità e la finalità d’uso dell’oggetto stesso. Ciò
è valido per la produzione di un bene, di un servizio o di informazione stati-
stica.
In ambito statistico, è opportuno distinguere tra dato statistico, informazione
statistica e sistema di informazioni statistiche.
Parlare di qualità del dato statistico, significa prendere in considerazione
il punto di vista del produttore. Da ciò ne consegue che i requisiti di qualità
vengono riferiti essenzialmente al processo di produzione del dato e si esp-
rimono sostanzialmente nelle caratteristiche di attendibilità e accuratezza.
L’attendibilità è il termine che viene comunemente utilizzato per esprimere

114
Qualità dei dati

un livello di qualità valutabile statisticamente. Può perciò essere misurata


e lo si fa generalmente con l’errore medio di stima. Molto spesso il termine
attendibilità viene sostituito con il termine affidabilità. Il senso è lo stesso.
L’accuratezza esprime la vicinanza di un valore rilevato al corrispondente va-
lore vero. L’accuratezza viene misurata con l’errore quadratico medio. Tanto
maggiore è l’errore quadratico medio, tanto minore è l’accuratezza.

Per quanto concerne l’informazione statistica il concetto di qualità si


riferisce alle esigenze espresse dagli utilizzatori (soggetti pubblici, cittadini,
imprese e altri), cosicché i requisiti di qualità si riferiscono al servizio reso
ad essi. Le caratteristiche divengono la pertinenza e la tempestività. La per-
tinenza è l’aspetto della qualità dei dati relativo agli obiettivi dell’indagine.
La tempestività è l’aspetto della qualità relativo al lasso di tempo che inter-
corre tra la loro rilevazione e la loro disponibilità. Una statistica può essere
considerata tempestiva se, in rapporto a determinati obiettivi, è diffusa in
tempi congrui al loro raggiungimento.

La qualità riferita ad un sistema di informazioni statistiche risiede


nella capacità del corpo di dati che formano il sistema, di soddisfare molteplici
esigenze informative. Il requisito fondamentale della qualità diventa l’inte-
grabilità, che viene fortemente condizionata dal processo di raccolta ed elab-
orazione dei dati che fanno parte del sistema. Ed è l’aspetto della qualità
riferito alla possibilità di mettere in relazione altre informazioni del sistema.

Esistono poi ulteriori elementi che definiscono la qualità dei dati e delle
informazioni statistiche, come la regolarità che riguarda la diffusione dei dati
e indica la frequenza con cui l’indagine è ripetuta e i dati sono resi disponi-
bili; l’accessibilità che riguarda la possibilità per gli utilizzatori di entrare
in possesso o di utilizzare i dati; la chiarezza che riguarda la disponibilità
di documentazione appropriata relativa alle varie caratteristiche e alle fasi
dell’indagine; la comparabilità che riguarda la possibilità di effettuare con-
fronti omogenei nel tempo e nello spazio relativamente alla stessa fonte; la
coerenza che riguarda l’utilizzo di più fonti statistiche anche con diversa fre-
quenza ottenendo informazioni non contraddittorie dall’insieme di tali fonti.
E queste sono solo le più importanti.

5.3 Qualità del prodotto (dato statistico)


Si è cominciato a parlare di qualità nell’ambito della statistica intorno agli
anni ’40. La spinta veniva dalla profonda diffidenza che esisteva nei confronti

115
Qualità dei dati

della statistica e degli statistici. Diffidenza alimentata dalla frequenza degli


errori nelle indagini al punto che gli statistici venivano considerati unicamente
come fabbricanti di dati e si diceva che la loro conoscenza dei fenomeni anal-
izzati si fermava lı̀. Per diversi anni perciò, la misura della qualità è stata
ricondotta unicamente alla misura totale dell’errore. Veniva cioè effettuata
una valutazione a posteriori e ci si fermava al concetto di qualità riferito
unicamente al prodotto. Veniva perciò presa in considerazione l’accuratezza
e cioè la vicinanza del valore rilevato al corrispondente valore vero. L’errore
totale, che misura l’accuratezza, può essere generato da numerose cause che
possiamo definire fonti dell’errore. Una prima distinzione viene fatta tra
l’errore campionario e l’errore non campionario.

Errore campionario. Con il primo si indica l’influenza che l’operazione


di campionamento può avere sulla varianza e sulla distorsione delle stime.
Infatti se noi facciamo un campionamento stiamo misurando solo una parte
della popolazione ed è probabile che le misure effettuate sul campione pre-
sentino delle differenze in termini di accuratezza, cioè rispetto alle grandezze
reali che si vogliono studiare. Questo tipo di errore dipende da diverse cause:
1) variabilità del fenomeno oggetto di studio; 2) dal disegno di campiona-
mento e perciò dai criteri di selezione delle unità campionarie; 3) dagli sti-
matori utilizzati.

Errore non campionario. Il secondo tipo di errore è provocato da tutte


le possibili imprecisioni e inaccuratezze commesse o subite durante un’inda-
gine, statistica o amministrativa. Questo tipo di errore è imputabile alle di-
verse operazioni necessarie per l’effettuazione dell’indagine (aspetti organiz-
zativi della rilevazione, comportamento di una pluralità di soggetti e contesto
socio-culturale in cui si colloca l’indagine). L’errore non campionario può
presentarsi in ogni fase di un’indagine statistica (progettazione, rilevazione,
registrazione, ecc.) condizionando, in tutto o in parte, la validità dei risul-
tati. La sua determinazione è indispensabile per conoscere la reale precisione
delle stime fornite da un’indagine; questa può avvenire attraverso l’utilizzo
di modelli statistici o di indicatori di qualità. I primi consentono di conoscere
l’influenza dell’errore non campionario sulle stime, i secondi si riferiscono ad
aspetti particolari dell’indagine. Gli errori non campionari possono essere
errori di copertura: non c’è corrispondenza tra la lista utilizzata per se-
lezionare e contattare le unità statistiche e la popolazione oggetto di indagine.
Possono essere di due tipi: sovracopertura (più gravi) quando vengono incluse
nell’indagine unità non appartenenti alla popolazione oggetto di interesse;
sottocopertura quando è impossibile coinvolgere nell’indagine unità apparte-
nenti alla popolazione oggetto. Possono essere ancora errori di mancata

116
Qualità dei dati

risposta dovuti al rifiuto o all’impossibilità a rispondere da parte delle unità


statistiche contattate. Sono suddivisi in totali se l’unità non partecipa affatto
all’indagine, e parziali quando l’unità si rifiuta di fornire solo alcune risposte.
Infine possono essere errori di misurazione costituiti dalla differenza tra
il vero valore della caratteristica da misurare su una data unità statistica e
il valore effettivamente osservato all’indagine. Tali differenze possono essere
introdotte dal rispondente stesso (per dimenticanza, imprecisione, dolo) op-
pure dallo svolgimento delle fasi di elaborazione successive alla raccolta del
dato. Esempi di questo secondo caso sono tutti gli errori introdotti dalle
operazioni di registrazione su supporto informatico o di codifica dei quesiti
aperti.

5.4 Qualità del processo


Dalla premessa fatta all’inizio è evidente che la nozione di qualità oggi richiede
che ci si riferisca non solo al prodotto ma anche al processo. Infatti un pro-
cesso produttivo sotto controllo dà più garanzie che la produzione mantenga
nel tempo una certa qualità. Molti studiosi ed in particolare Bailar, hanno
iniziato a parlare di qualità di processo con la proposta di tracciare per ogni
indagine statistica il profilo dell’errore, cioè la descrizione completa e ordinata
delle operazioni e delle potenziali fonti di errore, nonché dell’effetto dell’errore
di ciascuna operazione su quello complessivo presente nell’indagine, consen-
tendo cosı̀ una migliore valutazione della qualità dell’indagine stessa. Il pro-
filo dell’errore viene costruito attraverso:

a) documentazione dettagliata di ogni operazione;

b) discussione delle potenziali fonti di errore, specialmente non campio-


nario, associate all’operazione;

c) valutazione, quando possibile, dell’entità di tali errori;

d) presentazione dell’impatto degli errori sulle stime tratte dall’indagine.

I risultati dell’EP possono essere immaginati sotto forma di un archivio di


qualità. L’EP è un vero e proprio sistema statistico di controllo sul processo
di produzione dei dati che, oltre a ridurre l’errore complessivo delle stime,
costituisce una base informativa per una migliore allocazione delle risorse,
idonea anche ad attivare interventi mirati sulle fasi più delicate, documen-
tando i passi dell’indagine in maniera puntuale e approfondita; rappresenta

117
Qualità dei dati

un aiuto alla standardizzazione delle procedure nelle varie rilevazioni, ren-


dendo disponibili all’utente informazioni per una migliore valutazione dei
risultati.
Esiste una duplicità negli obiettivi dell’EP. Da un lato esso, può servire
alla quantificazione degli errori nelle singole fasi del processo produttivo
dell’informazione (allo scopo di prendere le adeguate misure correttive),
dall’altro, le singole quantificazioni possono essere utilizzate per un calcolo
della qualità dei risultati finali.

5.5 Total Quality Management (TQM)


L’Error Profile ha indicato una possibile via per il controllo di qualità del
processo. E’ attualmente lo strumento maggiormente utilizzato, in partico-
lare nella CN. L’impostazione definita con l’Error Profile è stata ulterior-
mente approfondita sulla base di una considerazione: Il miglioramento di
un prodotto scaturisce dal continuo miglioramento del suo processo di pro-
duzione. Emerge cosı̀ l’idea fondamentale che l’utilizzatore non sia soltanto
quello che ricorre al dato finale ma un soggetto multiplo, composto cioè da
tutti coloro che si trovano a partecipare a qualche fase del processo produttivo
dei dati. Se si condivide l’idea che la produzione di un dato sia il risultato di
una serie concatenata di applicazioni di norme e strumenti specifici, allora si
comprende che la sua qualità dipende dal controllo che si ha del suo processo
di produzione e che lo strumento principale di cui si dispone per migliorare
la qualità della misura è l’analisi ed il controllo del processo di produzione
per individuare i punti critici del processo e per migliorarli. Questo punto di
vista porta verso gli strumenti propri del TQM, alla base del quale troviamo
che la qualità non è più assicurata da processi che potremmo definire ispettivi
o di verifica a posteriori, bensı̀ dal controllo del processo. Si tratta cioè di
passare da un modello in cui ciascuna fase è nettamente distinta, sul piano
temporale oltre che organizzativo ed operativo, ad un modello in cui tutte
le fasi sono connesse e contestuali, in modello in cui si realizza la qualità
mediante il controllo-prevenzione. Perciò è durante il suo svolgimento che
si deve operare per individuare i problemi e contestualmente superarli senza
aspettare che sia concluso. Se il processo è sotto controllo si dispone anche
di una strategia che assicura la qualità nel tempo, cioè per ripetizioni della
stessa indagine. Il controllo del processo si articola in fasi. Vediamo le prin-
cipali:

Identificazione delle caratteristiche fondamentali del dato e del processo: le


prime sono definite guardando alle utilizzazioni dei dati, le seconde sono

118
Qualità dei dati

volte ad esplicitare gli aspetti più importanti del processo di formazione dei
dati.

Sviluppo analitico del processo: deve portare ad identificare e distinguere i


momenti decisionali da quelli operativi, ad individuare gli utilizzatori del
prodotto di ogni fase del processo, a definire la documentazione da produrre.

Identificazione degli aspetti (variabili) che hanno l’effetto più rilevante sulla

formazione dei dati.

Valutazione dell’adeguatezza e dell’affidabilità dei dati relativi al processo.

Determinazione del grado di stabilità dei processi: in sostanza si tratta di


analizzare le variabili principali per valutarne le cause non ordinarie di variabi-
lità e quindi che risulti ragionevolmente prevedibile la capacità del processo
di rispettare le specifiche.

Formulazione di un sistema di monitoraggio continuo del processo: l’obiettivo


è quello di mantenere gli standard raggiunti, occorre quindi approntare un
sistema di indicatori che consenta il controllo, l’interazione tra le varie fasi e
gruppi e il miglioramento continuo.

5.6 Qualità e integrazione di archivi


La creazione di un registro statistico delle imprese è strumentale alla creazione
del sistema statistico e costituisce un rilevante supporto informativo e una
infrastruttura essenziale, in quanto consente di:

• aggiornare le informazioni sulla mutevole struttura delle unità produt-


tive con un dettaglio territoriale (provinciale, comunale, sezionale) che
non può essere raggiunto mediante le indagini campionarie e con fre-
quenza temporale (annuale, trimestrale) che i censimenti, a motivo del
loro costo, non possono avere;

• disporre di liste aggiornate di imprese e di unità locali per la realiz-


zazione di indagini campionarie stratificate secondo il territorio, la di-
mensione, la forma giuridica, l’attività economica;

• valorizzare dal punto di vista statistico dati amministrativi sulla di-


stribuzione e sulla produzione del reddito, sulle retribuzioni, sulla oc-

119
Qualità dei dati

cupazione, fino ad oggi non utilizzabili a scopi statistici a causa della


mancanza di un universo di riferimento aggiornato;

• ridurre al minimo la frequenza e quindi i costi delle indagini dirette, sia


per le imprese che per gli istituti statistici;

• seguire la rapida dinamica demografica delle imprese.

L’integrazione di archivi amministrativi, tuttavia, presenta alcune difficoltà


dovute:

a) alla diversa definizione delle unità produttive;

b) ai ritardi ed evasioni delle dichiarazioni rese dalle imprese agli archivi


amministrativi;

c) agli errori ed incompletezze degli archivi.

Il miglioramento della qualità dell’informazione statistico economica può es-


sere intesa principalmente secondo due diverse accezioni:

• nel senso generale di uno sforzo organizzativo e coordinato per il miglio-


ramento delle statistiche economiche, vale a dire della loro compara-
bilità, della loro attendibilità, dell’aumento del numero di informazioni;

• nel senso più specifico di attendibilità e precisione delle singole proce-


dure di costruzione del dato.

Diviene quindi rilevante, da un lato, affinare le metodologie statistiche per la


soluzione dei singoli problemi di attendibilità del dato, dall’altro, procedere
ad un’impostazione globale di miglioramento delle statistiche economiche. Il
termine qualità ha in quest’ambito un’accezione particolare. E’ riferita in-
fatti alla cura nella raccolta e verifica del dato amministrativo. Ogni ente
che gestisce archivi amministrativi o giuridici svolge la propria attività nel
rispetto dei vincoli che derivano dalla funzione tipica ad esso attribuita dalla
legge. L’obbligo di comunicare agli archivi amministrativi gestiti dagli enti
sopra menzionati le notizie riguardanti l’impresa si riferisce a tre diversi mo-
menti:

1. in occasione della nascita o dell’inizio dell’attività;

2. nel corso della sua vita essa è tenuta a comunicare ogni cambiamento
delle caratteristiche come la temporanea cessazione dell’attività, il tras-
ferimento, la modificazione del tipo di produzione svolta e cosı̀ via;

120
Qualità dei dati

3. in occasione del pagamento periodico a date prefissate di tasse, imposte,


canoni, contributi e premi assicurativi, l’impresa è chiamata a fornire
ulteriori notizie aggiornate.

L’adempimento di tali obblighi è garantito più che dalle sanzioni amminis-


trative eventualmente imposte per mancata comunicazione, dall’interesse
concreto delle imprese affinché le notizie fornite all’ente corrispondano alla
realtà. Nessuno degli archivi citati è in grado di cogliere con precisione
e completezza tutti i cambiamenti che riguardano le imprese a causa delle
difficoltà nell’individuazione degli inadempimenti. Pertanto gli errori delle
anagrafi amministrative possono dipendere da varie cause:

- evasione dall’obbligo di iscrizione e di comunicazione delle variazioni;

- incompletezza nella compilazione dei moduli di iscrizione o di paga-


mento;

- errori nella compilazione dei moduli stessi;

- errori nella codificazione o nella registrazione;

- ritardi nella verifica e nel controllo.

Va poi segnalato un grave inconveniente: qualora un operatore di un archi-


vio amministrativo fosse in grado di individuare un errore non potrebbe ap-
portare correzioni senza seguire procedure di verifica lunghe e minuziosa-
mente regolate. Ad esempio, se un funzionario del Registro Imprese avesse
il fondato sospetto che una impresa ancora iscritta sia in realtà cessata, non
potrebbe cancellarla d’ufficio dall’archivio: la correzione richiede infatti il
rispetto di precise norme burocratiche stabilite per tutelare i diritti delle im-
prese. Inoltre, nessun ente amministrativo che decida di realizzare rilevazioni
totali sul campo per effettuare dei controlli, può mettere in atto un vero e
proprio censimento perché non ne può sostenere i pesantissimi oneri, né può
garantire la segretezza e l’uso esclusivo dei dati a scopi statistici. I dati am-
ministrativi possono perciò essere affetti da errori sistematici o casuali. Il
problema si pone nel miglioramento della qualità dei dati desumibili da fonti
amministrative prima dell’integrazione, cioè quando ancora non hanno una
valenza statistica. Posto che non è possibile intervenire nella produzione del
dato, compito questo degli enti che gestiscono gli archivi i quali dovrebbero
intervenire attraverso una migliore informatizzazione, un maggior controllo e
una maggiore standardizzazione delle tecniche di acquisizione dei dati; ciò che
il ricercatore che si trova ad utilizzare i dati amministrativi a fini statistici può
fare è studiare le fonti. Questo significa conoscere il campo di osservazione,

121
Qualità dei dati

le unità registrate, il sistema di rilevazione, le finalità della fonte e classificare


poi tutti i possibili errori sistematici e/o casuali cercando di capire l’incidenza
dell’errore nell’archivio e la distorsione che esso determina. In altre parole
si introduce anche in ambito amministrativo una teoria che è propria della
costruzione dei dati statistici e che viene utilizzata per l’individuazione degli
errori non campionari. Si parla cioè della costruzione del cosiddetto profilo
dell’errore (error profile) dell’indagine.

5.6.1 Definizione
La Contabilità Nazionale è un sistema di informazioni statistiche attraverso
cui è descritta, in termini quantitativi e sotto forma contabile, l’attività eco-
nomica e finanziaria di uno stato.

5.6.2 Oggetto di studio


Suo oggetto di studio è il sistema economico costituito da un insieme di
operatori che interagiscono nello svolgimento di alcune funzioni fondamen-
tali: produrre, consumare, accumulare, distribuire e redistribuire il reddito.
Lo svolgimento di tali funzioni genera un complesso di flussi economici e
finanziari che comportano la modificazione finale delle consistenze patrimo-
niali degli operatori stessi. In definitiva lo studio della contabilità nazionale
verte fondamentalmente attorno al concetto di reddito e si basa sull’analisi di
tre fenomeni (prodotto, reddito e spesa) aventi natura diversa e uguale valore
monetario, i quali racchiudono una sintesi dell’attività economica complessiva
del paese e la descrivono esaurientemente. Le fonti della CN sono:

• il censimento dell’industria, eseguito a cadenza decennale, che rileva, in


ciascun comune, la consistenza numerica delle imprese e delle unità lo-
cali, la loro forma giuridica, le attività economiche esercitate, il numero
degli addetti, la posizione nella professione di questi;
• l’indagine ufficiale realizzata dall’ISTAT su fatturato e prodotto lordo
delle imprese industriali e di servizi con venti addetti e oltre.

La Contabilità nazionale (CN) rappresenta la descrizione schematica dell’eco-


nomia di un paese. Lo schema è costituito da un sistema di identità, che nel
complesso descrive l’attività economica nazionale nel corso di un anno. Tale
sistema fa riferimento ad un modello economico, che viene calato nella re-
altà attraverso una serie di schemi classificatori e di metodologie, indicate
dal Sistema europeo dei conti economici integrati (SEC). Sono proprio questi
schemi e queste metodologie che consentono di individuare in modo univoco

122
Qualità dei dati

gli aggregati. Gli aggregati economici che costituiscono la CN vengono val-


utati utilizzando le informazioni che provengono da diverse fonti: rilevazioni
censuarie, indagini campionarie, dati amministrativi. Inevitabilmente perciò,
l’attendibilità delle stime è inficiata oltre che dalla natura e dalla qualità dei
dati, anche dagli errori tipici del processo di raccolta delle informazioni di
base. Le prime stime degli aggregati, ottenute dai contabili nazionali in modo
indipendente l’una dall’altra, non sono coerenti rispetto al sistema di iden-
tità che definisce i conti, a causa della natura delle informazioni disponibili,
caratterizzate da un diverso livello di completezza, coerenza ed affidabilità.
E’ perciò complicato darne una valutazione dell’accuratezza in termini statis-
tici, sia per l’utilizzo di fonti non statistiche sia per la complessità dei metodi
di costruzione degli aggregati di CN. Infatti, la principale difficoltà nella mis-
urazione della accuratezza delle stime di CN deriva dalla dipendenza tra gli
errori relativi alle singole fasi dei processi produttivi parziali e dalla ignoranza
circa il modo in cui detti errori interagiscono.

5.6.3 L’Error Profile di Contabilità Nazionale (EPCN).


Analogamente all’EP di un’indagine, l’EPCN consiste nella descrizione delle
potenziali componenti di errore e nella quantificazione del loro impatto su
ciascun aggregato di CN. L’EPCN risulta determinato dalle seguenti compo-
nenti:

EP dei dati di base: descrizione delle fonti di errore che gravano su ogni
fonte e quantificazione dell’errore totale eEP ottenuto come funzione
degli errori totali di ciascuna fonte. Non è semplice dare una misura
dell’errore totale; mentre è quasi sempre possibile valutare l’errore cam-
pionario, è invece difficoltoso dare una valutazione dell’errore non cam-
pionario.

Popolazione di riferimento: errore eP nella stima dell’aggregato dovuto


alle differenze esistenti tra il risultato ottenuto dall’integrazione delle
fonti e l’universo di riferimento, richiesto dallo schema SNA/SEC; una
delle principali componenti che ricadono in questa componente di errore
è quella legata all’economia non osservata e, più in generale, all’esausti-
vità delle stime di CN;

Definizioni e classificazioni: errore eDC nella stima dell’aggregato dovuto


alle differenze esistenti tra le definizioni e classificazioni delle fonti
e le definizioni e classificazioni SNA/SEC; un esempio è dato dalla
definizione di residenza di CN: mentre per l’indagine sulla forza la-
voro si fa riferimento alla residenza del lavoratore, in CN si considera

123
Qualità dei dati

la residenza legata al processo produttivo e quindi alla localizzazione


dell’impresa; un’altra rilevante problematica legata a questa compo-
nente è quella legata alla definizione delle unità di analisi delle fonti
dal lato delle imprese: ad esempio, <<l’unità di attività economica
locale>> richiesta dal SEC non è facilmente ricavabile dalle attuali
fonti.

Provvisorietà dei dati disponibili: errore ePr nella stima dell’aggregato


dovuto al fatto che il dato fornito da una o più delle fonti utilizzate è
provvisorio, indipendentemente dalla volontà di chi fornisce il dato; si
pensi, ad esempio, ai dati provvisori di un bilancio di impresa, che ven-
gono rilevati dall’indagine Stima provvisoria del prodotto lordo, in re-
lazione all’esercizio dell’anno t−1 delle imprese con almeno 100 addetti;
il confronto e l’analisi tra quello che è il dato a suo tempo provvisorio
e quello definitivo, rilasciato successivamente, permette di avere indi-
cazioni sull’entità dell’errore commesso e di apportare eventualmente
fattori correttivi per i dati disponibili solo in forma provvisoria.

124
Bibliografia

[1] E. Ballatori e G. Vaccaro, 1992, Elementi di statistica per il turismo,


FrancoAngeli, Milano.

[2] A. C. Chiang 1978, Introduzione all’economia matematica, Boringieri,


Torino.

[3] P. Costa e G. Marangoni, Economia delle interdipendenze produttive: una


introduzione all’analisi input-output CEDAM, Padova

[4] W.E. Diewert e A.O. Nakamura, 1993, Essays in Index Number Theory,
vol 1, North-Holland.

[5] G. Ferrari, 1998, Introduzione ai sistemi di Contabilità Nazionale, Centro


2P, Firenze.

[6] G. Ferrari e L. Biggeri, 1991, Il confronto dei valori nel tempo in Statistica
Economica a cura di G. Marbach, UTET, Torino.

[7] R. Guarini e F. Tassinari, 2000, Statistica Economica, Il Mulino, Bologna

[8] A. Predetti, 1999, I numeri indici: Teoria e pratica, Giuffré, Milano.

[9] D. Royer, 1991, Mathématiques de base, Economica, Paris.


Qualità dei dati

126
Algebra lineare

Appendice A
Elementi di Algebra Lineare
A.1 Introduzione
Perché studiare l’algebra lineare, AL ?

• E’ uno strumento che consente di rappresentare e risolvere i sistemi di


equazioni lineari, fondamentali in Economia, Statistica ed Econometria.

• Permette di rappresentare “oggetti” a più dimensioni, tipicamente i


risultati di un’indagine volta a caratterizzare gli individui in termini
multidimensionali.

• Si presta alla rappresentazione di sistemi contabili in partita doppia,


cioè sistemi in cui ogni flusso è registrato come uscita di un conto ed
entrata di un altro.

L’algebra lineare è lo studio delle proprietà di matrici e vettori nonché delle


equazioni che le riguardano.

A.2 Vettori
A.2.1 Vettori e loro operazioni
Si definisce vettore un insieme di n numeri reali:
 
a1
 a2 
a=
 
.. 
 . 
an

127
Algebra lineare

I numeri reali ai (i = 1, . . . , n) sono detti componenti del vettore a. I vettori


del tipo a sono detti vettori colonna. Accanto ad essi, è possibile considerare
dei vettori riga, del tipo:

b = [b1 , b2 , . . . , bn ]
Un vettore colonna può essere sempre trasformato in un vettore riga (e vicev-
ersa) tramite la trasposizione, operazione che inverte righe e colonne e che si
definisce cosı̀:

a0 = [a1 , a2 , . . . , an ]
Si definisce vettore nullo, e si indica con 0, il vettore i cui elementi sono tutti
uguali a 0:
 
a1
 a2 
0 =  .. 
 
 . 
an
Il vettore unitario, che si indica con i, è quello i cui elementi sono tutti uguali
a 1. Sarà utile poi per l’operazione di somma degli elementi di un vettore.
Sui vettori si definiscono due operazioni: l’addizione e la la moltiplicazione
per uno scalare (cioè per un numero reale).
Dati due vettori a e b (tutti e due a n componenti), la loro somma sarà il
vettore c pari a:
 
a1 + b 1
 a2 + b 2 
c=a+b=
 
.. 
 . 
an + b n
Dato un qualsiasi numero reale α, si definisce il prodotto del vettore a per lo
scalare α come il vettore b pari a:
 
αa1
 αa2 
b = αa =  .. 
 
 . 
αan
Proprietà della somma:

1. commutativa: a + b = b + a

128
Algebra lineare

2. associativa: (a + b) + c = a + (b + c)

Proprietà della moltiplicazione per uno scalare:

1. associativa: α(ba) = (αb)a


2. distributiva rispetto alla somma dei vettori: α(a + b) = αa + αb

Prodotto scalare
Finora sono state considerate soltanto operazioni che, a partire da vettori,
producono altri vettori. L’operazione di prodotto scalare, invece, applicata
a due vettori fornisce uno scalare. Dati due vettori a e b a n componenti, si
dice prodotto scalare di a per b, e si indica con a0 b, lo scalare:
n
X
0
ab= aj b j
j=1

avendo indicato con

a0 = [a1 a2 . . . an ]

il vettore riga trasposto del vettore colonna


 
a1
 a2 
a =  .. 
 
 . 
an

A.3 Matrici
A.3.1 Definizione
Cosa sono le matrici ?
Sono un modo per ordinare i numeri in righe e colonne. Possono anche essere
considerate come una “collezione” di vettori riga o colonna.
 
1 4 3
La matrice A = è una matrice 2x3, cioè una matrice a due righe
0 2 5
e tre colonne.

129
Algebra lineare

RICORDA: Uno scalare può essere anche considerato come una matrice
1x1.

Matrici particolari
• Una matrice nulla, indicata con 0, è una matrice nella quale tutti gli
elementi sono nulli.

• Una matrice diagonale è una matrice quadrata nella quale tutti gli el-
ementi sono nulli eccetto quelli della diagonale principale:
 
2 0 0
Esempio: A =  0 3 0 
0 0 6

• La matrice identità di ordine n è una matrice quadrata d’ordine n nella


quale tutti gli elementi sono nulli eccetto gli elementi della diagonale
principale che sono uguali a 1. La indichiamo con In :
 
1 0 0
Esempio: A =  0 1 0 
0 0 1

A.3.2 Le operazioni elementari


ADDIZIONE
L’addizione tra matrici è possibile soltanto tra matrici aventi le stesse dimen-
sioni. Siano A eB due matrici m x n. La somma delle matrici A e B è una
nuova matrice nella quale l’elemento generico (i, j) è uguale a aij + bij .

Esempio:
 
2 3 3
A= 4 5 5 
1 2 2
 
2 0 1
B= 4 3 2 
1 8 6

130
Algebra lineare

 
4 3 4
A+B = 8 8 7 
2 10 8

MOLTIPLICAZIONE PER UNO SCALARE


La moltiplicazione di una matrice per uno scalare si effettua moltiplicando
lo scalare per ciascun elemento della matrice. Sia c un numero qualsiasi, la
matrice c · A ha per generico elemento caij .
Esempio: data la matrice A e lo scalare k = 2
   
2 3 3 4 6 6
A= 4 5 5  A · k =  8 10 10 
1 2 2 2 4 4

TRASPOSIZIONE DI UNA MATRICE


Sia A = (aij ) una matrice mxn. La trasposta di A, che indichiamo con A0 è
una matrice nxm tale che le righe di A diventano le colonne A0 .
 
5 3  
0 5 1 4
Esempio: A =  1 −2  A =
3 −2 8
4 8

A.3.3 Prodotto tra matrici


Sia A = (aij ) una matrice m x n e B = (bjk ) una matrice n x r. Il prodotto
tra A e B che indichiamo con AB è la matrice m x r i cui elementi i, k sono
dati da
n
X
aij bjk = a11 b1k + a12 b2k + . . . + a1n bnk
j=1

Due matrici per essere moltiplicabili, devono rispettare la seguente regola:


il numero di colonne della prima deve coincidere al numero di righe della
seconda (cioè devono essere uguali le dimensioni interne)

Come si moltiplicano le matrici A e B?

 
  b11 b12
a11 a12 a13  b21 b22 
a21 a22 a23
b31 b32

131
Algebra lineare

 
a11 b11 + a12 b21 + a13 b31 a11 b12 + a12 b22 + a13 b32
AB =
a21 b11 + a22 b21 + a23 b31 a21 b12 + a22 b22 + a23 b32
Esempio:
 
0 1  
1 2 4
A=  −1 2  B=
3 0 1
5 10
 
3 0 1
AB =  5 −2 −2 
35 10 30
La moltiplicazione di matrici non gode della proprietà commutativa, cioè
AB 6= BA. Non è detto, infatti, che se è possibile moltiplicare AB sia
anche possibile il prodotto BA e comunque anche nel caso in cui questo fosse
possibile in genere i risultati sono diversi.
   
1 2 0 −1
A= B=
3 4 6 7
 
12 13
AB =
24 25
mentre
 
−3 −4
BA =
27 40
Esistono però eccezioni interessanti alla regola AB 6= BA; una di queste si
ha quando la matrice A è quadrata e B è una matrice identità. Infatti si
dimostra facilmente che IA = AI = A. In questo caso la matrice identità
gioca un ruolo analogo al numero 1 nell’algebra dei numeri, cioè per qualsiasi
numero a sarà sempre vera l’uguaglianza 1 · a = a · 1 = a. Per questo motivo
I è anche chiamata matrice unità.

Proprietà delle matrici


1. Proprietà associativa: (AB)C = A(BC) = ABC ovviamente devono
essere soddisfatte le condizioni di moltiplicabilità fra matrici per cui se
A è una matrice (m x n) e C è (p x q) allora la regola vuole che B sia
(n x p).
2. Proprietà distributiva: A(B + C) = AB + AC e (B + C)A = BA + CA

132
Algebra lineare

A.3.4 La Diagonalizzazione
La diagonalizzazione è quell’operazione che permette, dato il vettore a di
costruire la matrice B avente per diagonale principale gli elementi del vet-
tore a.

Esempio: dato il vettore



3
a= 1 
5
questa sarà la matrice diagonalizzata B:
 
3 0 0
B= 0 1 0 
0 0 5

A.3.5 Determinanti
Il concetto di determinante è utile per studiare l’indipendenza lineare di un
insieme di vettori e per calcolare l’inversa di una matrice. Si calcola solo per
le matrici quadrate ed è uguale ad uno scalare. Vediamo nel dettaglio come
si calcola il determinante nei diversi casi.

Determinanti di ordine 2
 
a11 a12
A=
a21 a22

det(A) = a11 a22 − a12 a21

Proprietà:
1. se 2 colonne sono uguali allora det(A) = 0

2. se si aggiunge ad una colonna un multiplo dell’altra, il determinante


non si modifica

3. se si permutano le 2 colonne allora il determinante cambia di segno

4. det(A)=det(A’)

5. siano a1 e a2 i vettori di cui si compone A; a1 e a2 sono linearmente


dipendenti se e solo se det(a1 , a2 ) = 0

133
Algebra lineare

Determinanti di ordine 3
 
a11 a12 a13
sia A =  a21 a22 a23  ⇒
a31 a32 a33


a a
⇒ det(A) = a11 22 23 − a12 a21 a23 + a13 a21 a22


a32 a33 a31 a33 a31 a32

se chiamiamo Aij la matrice ottenuta da A eliminando la i.ma riga e la j.ma


colonna, si può scrivere: det(A) = a11 det(A11 ) − a12 det(A12 ) + a13 det(A13 ).
Questo è lo sviluppo del determinante secondo gli elementi della prima riga
ma in effetti il determinante di una matrice si puo’ calcolare sviluppando
secondo una qualsiasi delle righe o delle colonne. Bisogna però tenere conto
del segno secondo lo schema:
 
+ − +
 − + − 
+ − +
In generale il segno del termine corrispondente all’elemento i, j si calcola se-
condo la regola (−1)i+j per cui se volessimo calcolare il determinante rispetto
alla seconda colonna di una matrice generica
 
a12
 a22 
a32
allora questo sarà: = −a12 det(A12 ) + a22 det(A22 ) − a32 det(A32 ). Sarà quindi
meglio scegliere di sviluppare il determinante secondo una riga o colonna che
contiene quanti più zeri possibile.

Esempio:
 
1 5 3
A= 0 4 1 
2 8 6

• secondo la 1a riga:

4 1 0 1
· (−1)4 · 3 · 0 4
2 3

(−1) · 1 ·
· (−1) · 5 · =
8 6 2 6 2 8

= 1 · 16 − 5 · (−2) + 3 · (−8) = 16 + 10 − 24 = 2

134
Algebra lineare

• secondo la 1a colonna:

4 1 5 3
+ (−1)4 · 2 · 5 3
2 3

(−1) · 1 ·
+ (−1) · 0 · =
8 6 8 6 4 1

= 1 · 16 + 0 + 2 · (−7) = 16 − 14 = 2

Determinanti di ordine n
Il minore |Aij | dell’elemento generico aij della matrice A è il determinante
della matrice Aij ottenuta eliminando la riga i.ma e la colonna j.ma.
Se moltiplichiamo (−1)i+j · |Aij | otteniamo il cofattore o complemento
algebrico di aij , che indichiamo con Aij . Il cofattore in sintesi è un minore
con segno. Il segno è definito dalla regola secondo la quale se la somma degli
indici ij del minore |Aij | è pari il cofattore ho lo stesso segno del minore,
cioè Aij = |Aij |, se invece quella somma è dispari allora il cofattore ha segno
opposto al minore Aij = −|Aij |. Si può ora cosı̀ calcolare il determinante di
A:
n
X n
X
det(A) = aij Aij = (−1)i+j aij |Aij |
j=1 j=1

Esempio:
 
1 3 2 1
 4 0 5 0 
A=
 2

7 1 6 
0 1 4 10
scegliamo di sviluppare il calcolo seconda la riga 2 poiché questa ha due zeri:

det(A) = 4A21 + 5A23 = 4(−1)2+1 A21 + 5(−1)2+3 A23


oppure

3 2 1 1 3 1
3

det(A) = (−1) · 4 · 7 1 6 + (−1)5 · 5 · 2 7 6 =

1 4 10 0 1 10

Il determinante della prima matrice può essere cosı̀ calcolato:


1 6
+ (−1)3 · 2 · 7 6 + (−1)4 · 1 · 7 1

(−1)2 · 3 · =
4 10 1 10 1 4

135
Algebra lineare

−42 − 128 + 27 = −143


Il determinante della seconda matrice sarà:

7 6
+ (−1) · 2 · 3 1
2 3

(−1) · 1 · =
1 10 1 10

64 − 58 = 6
In definitiva il determinante di A sarà uguale a:

−4 · (−143) − 5 · (6) = 572 − 30 = 542


Proprietà del determinante di ordine n:

1. Se A contiene una riga o una colonna uguale a 0 allora il determinante


di A è uguale a 0;

2. se una riga (o una colonna) di A è moltiplicata per c allora il determi-


nante è moltiplicato per c;

3. la permutazione di 2 righe o 2 colonne cambia il segno al determinante;

4. una matrice con 2 righe (o 2 colonne) uguali ha il det = 0;

5. se si aggiunge ad una colonna (o ad una riga) un multiplo di un’altra


colonna (o riga) il valore del determinante non cambia.

Utilizzando queste proprietà si può modificare la matrice originaria per


facilitare il calcolo del determinante.

Esempio:


1 3 1 1


2 1 5 2


1 −1 2 3

4 1 −3 7

Sommiamo la 3a riga alla 2a e alla 4a . Si ha:

136
Algebra lineare



1 3 1 1


3 0 7 5


1 −1 2 3

5 0 −1 10

Aggiungiamo alla 1a riga, la 3a riga moltiplicata per 3. Si ha:




4 0 7 10

3 0 7 5

1 −1 2 3
5 0 −1 10

Adesso possiamo sviluppare il determinante secondo la 2a colonna. Si


ha:

4 7 10

(−1)5 · (−1) · 3 7 5
5 −1 10

Il determinante di questa matrice 3x3 è uguale a:

(−1)2 · 4 · 75 + (−1)3 · 3 · 80 + (−1)4 · 5 · (−35) = −115

6. i vettori riga o colonna di cui si compone A sono linearmente dipendenti


se e solo se il determinante di A = 0;

7. det(A) = det(A0 )

8. det(A · B) = det(A) · det(B).

A.3.6 Inversa di una matrice


L’inversa di una matrice A, indicata con A−1 , esiste soltanto se la matrice A
è quadrata ed in questo caso soddisfa la condizione per cui:

AA−1 = A−1 A = I
.
Questa è un’altra eccezione alla regola che la moltiplicazione fra matrici non
gode della proprietà commutativa. Infine se esiste l’inversa della matrice A
questa è unica. Definiamo, ora, A∗ la matrice aggiunta di A, cioè la matrice
trasposta dei cofattori di A:

137
Algebra lineare

 
A11 A21 . . . An1
 A12 A22 . . . An2 
A∗ = 
 
.. .. .. .. 
 . . . . 
A1n . . . . . . Ann

Th. 1 A · A∗ = |A| · I

Se |A| =
6 0 allora possiamo dividere ambo i membri per |A|:

AA∗ |A|
= ·I
|A| |A|

AA∗
=I
|A|

A∗
A =I
|A|
Poiché A−1 A = I allora premoltiplicando entrambi i membri per A−1 otte-
niamo:

A∗
A−1 A = A−1 I
|A|

A∗
I = A−1 I
|A|
Quindi si può enunciare il seguente risultato:

1
A−1 = · A∗
|A|
Questo è il modo di trovare l’inversa di una matrice.

Calcoliamo il determinante e la matrice aggiunta di

 
1 2 4
A= 1 3 7  (A.1)
1 −1 −2

138
Algebra lineare

det(A) = (−1)2 · 1 · (−6 + 7) + (−1)3 · 1 · (−4 + 4) + (−1)4 · 1 · (14 − 12) =

=1+0+2=3
I cofattori:

3 7 2 4
A11 = = −6 + 7 = 1 A21 =−
−1 −2 = 0

−1 −2

2 4 1 7
A31 = = 14 − 12 = 2 A12 =−
1 −2 = 9

3 7

1 4 1 4
A22 = = −6 A32 =− = −3
1 −2 1 7

1 3 1 2
A13 = = −1 − 3 = −4 A23 =− =3
1 −1 1 −1

1 2
A33 = =3−2=1
1 3
Possiamo ora scrivere la matrice inversa:
 
1 0 2
1 1
· A∗ = ·  9 −6 −3 
|A| 3
−4 3 1
E’ lasciata a cura dello studente la verifica del risultato del prodotto A · A−1

Corollario: Una matrice quadrata A è invertibile (esiste A−1 ) se e solo


se det(A) 6= 0.

Esempio:
 
1 2 3
A= 2 3 1 
2 4 7

det(A) = 1(21 − 4) − 2(14 − 12) + 2(2 − 9) = 17 − 4 − 14 = −1



3 1 2 3
= 21 − 4 = 17 A21 =−
A11 = 4 7 = −(14 − 12) = −2

4 7

139
Algebra lineare


2 3 2 1
A31 = = 2 − 9 = −7 A12 =− = −(14 − 2) = −12
3 1 2 7

1 3 1 2
A22 = = 7 − 6 = 1 A23 =− =0
2 7 2 4

2 3 1 3
A13 = = 8 − 6 = 2 A32 =− = −(1 − 6) = 5
2 4 2 1

1 2
A33 = = 3 − 4 = −1
2 3

   
17 −2 −7 −17 2 7
1 
A−1 = · −12 1 5  =  12 −1 −5 
−1
2 0 −1 −2 0 1

E’ lasciata a cura dello studente la verifica di: A · A−1 = I3

RICORDA: L’inversa di una matrice diagonale è ancora una matrice diag-


onale che ha sulla diagonale principale i reciproci della matrice originaria.

Esempio:
 
2 0 0
A =  0 10 0 
0 0 1

1
   
2
0 0 0.5 0 0
A−1 =  0 1
10
0  =  0 0.1 0 
1
0 0 1
0 0 1
A conclusione di questo paragrafo sull’inversione delle matrici è opportuno
sottolineare che non tutte le matrici quadrate hanno un’inversa, infatti l’essere
quadrata è una condizione necessaria, ma non sufficiente per l’esistenza di
una inversa. Comunque se la matrice quadrata A ha una inversa si dice che
è non singolare; se A non possiede un’inversa allora si dice che è una matrice
singolare.

A.3.7 I sistemi lineari di equazioni


Iniziamo con un semplice esempio:

Dato il seguente sistema di equazioni

140
Algebra lineare


4x-3y=14
7x+5y=45
trovare la soluzione del sistema in x e in y.

Prima di passare alla risoluzione del sistema, abbiamo bisogno di qualche


richiamo teorico.

Si dice equazione lineare ogni equazione algebrica di primo grado in n variabili


x1 , . . . xn a coefficienti reali; scriveremo in generale:

a1 x 1 + a2 x 2 + . . . + an x n = b
Si dice sistema lineare ogni insieme formato da m equazioni lineari che si
intende debbano essere verificate simultaneamente; scriveremo in generale:


 a11 x1 + a12 x2 + . . . + a1n xn = b1
a21 x1 + a22 x2 + . . . + a2n xn = b2


 ..................
am1 x1 + am2 x2 + . . . + amn xn = bm

Ponendo:
 
a11 . . . a1n
A =  ... ... ... 
am1 . . . amn
   
x1 b1
x =  ... , b =  ... 
xn bm
il sistema lineare ammetterà la seguente scrittura matriciale:

Ax = b
in cui la matrice A di tipo (m x n) si dice matrice dei coefficienti, il vettore
x ∈ Rn vettore delle variabili, il vettore b ∈ Rm vettore dei termini noti.

Se m = n, si dirà che il sistema lineare è quadrato.

Se b = 0, si dirà che il sistema lineare è omogeneo.

Se un sistema lineare ha soluzioni, si dice che è possibile, se non ne ha, si


dice che è impossibile. In particolare se ha una e una sola soluzione si dice

141
Algebra lineare

determinato, se ha più di una soluzione, il sistema si dice indeterminato.

La soluzione del sistema precedente si calcola cosı̀:

x = A−1 b
La scrittura matriciale del sistema è la seguente:
     
4 −3 x 14
A= x= b=
7 5 y 45
La soluzione del sistema è quindi data da:

x = A−1 b
Il determinante di A è pari a 20 + 21 = 41. A−1 è uguale a:
 
1 5 3
·
41 −7 4
La soluzione sarà quindi:
   5 3
  
x −1 14
=A b= 41
7
41
4 · =
y − 41 41
45
 205   
41
5
82 =
41
2

Rango
Il rango di una matrice è uguale al numero di vettori linearmente indipendenti
di cui la matrice stessa è composta. Sappiamo che se e solo se il determi-
nante della matrice è uguale a 0 due o più vettori al suo interno sono tra loro
linearmente dipendenti.

RICORDA:

1. Il rango di una matrice (m x n) è uguale o inferiore al più piccolo tra m


o ad n, cioè al numero delle righe o delle colonne della matrice stessa.
Esempio:
 
1 2 3
la matrice A = ha due righe e tre colonne.
4 0 5

Il suo rango non può essere superiore a 2.

142
Algebra lineare

2. Si dice che una matrice (m x n) ha rango completo se il rango della


matrice stessa è uguale al più piccolo tra m ed n.

Come si calcola il rango di una matrice ?

Si dice che il rango di una matrice è uguale all’ordine massimo dei minori
non nulli che si possono estrarre dalla matrice stessa. Ma dire che il rango
è uguale all’ordine massimo dei minori non nulli della matrice, significa dire
che il rango è uguale all’ordine della matrice quadrata più grande, avente
determinante diverso da 0, che si può estrarre dalla matrice originaria.

Esempio:
 
3 1 2 5
Data la matrice: A =  1 2 −1 2  ,
4 3 1 1
sappiamo dalla regola precedente che il suo rango può al massimo essere
uguale a 3. Ma dobbiamo vedere esattamente quanti sono i vettori linear-
mente indipendenti presenti all’interno della matrice. Estraiamo i primi 3
vettori colonna dalla matrice A e calcoliamo il suo determinante:

3 1 2

1 2 −1 = 0

4 3 1
Consideriamo adesso gli ultimi 3 vettori colonna e calcoliamo il determinante:

1 2 5

2 −1 2 6= 0

3 1 1
Il rango è dunque uguale a 3.

Ancora sui sistemi lineari


Adesso che sappiamo cosa è il rango di una matrice e come si calcola, pos-
siamo trovare la soluzione dei sistemi lineari un po’ più complicati.

La matrice A ha rango completo


Il sistema di equazioni lineari Ax = b ha una soluzione unica se e solo se
la matrice A è di rango completo, in altri termini se il suo determinante è

143
Algebra lineare

diverso da 0. La soluzione si scrive x = A−1 b

Esempio:

Troviamo la soluzione del seguente sistema di equazioni:



 2x-y+z=5
x+y-z=-2
4x-2y+3z=12

In forma matriciale si scrive:


    
2 −1 1 x 5
 1 1 −1   y  =  −2 
4 −2 3 z 12
Possiamo verificare che il determinante di A uguale a 3, quindi è diverso da
0. Quindi il sistema ha una sola soluzione data da:
   −1    
x 2 −1 1 5 1
 y  =  1 1 −1  ·  −2  =  −1 
z 4 −2 3 12 2

Caso in cui la matrice A non ha rango completo


Se la matrice A non ha rango completo, significa che il suo determinante è
uguale a 0 e cioè gli n vettori che la compongono non sono tra loro tutti
linearmente indipendenti. Definiamo matrice aumentata di A la matrice
composta da A con affiancato il vettore colonna b, A|b.

• Se il rango di A è minore di n si hanno due casi possibili:

1. Il sistema è indeterminato (il rango di A|b è maggiore del rango


di A).
2. Il sistema è determinato ma ha soluzioni infinite (il rango di A|b
è uguale al rango di A).

• Se il rango di A è uguale ad n il sistema ha una e una sola soluzione


(vedi esempi precedenti).

Esercizio:

Consideriamo il seguente sistema (in forma matriciale):

144
Algebra lineare

    
1 2 7 x1 4
 3 3 6   x2  =  3 
2 2 4 x3 2
Essendo il determinante di A uguale a 0, la matrice A non ha rango completo
ma al massimo uguale a 2. Verifichiamo che:

1 2
3 3 = −3 6= 0, quindi il rango è uguale a 2.

Il rango di A|b, cioè della matrice completa è ancora uguale a 2, pertanto il


sistema è compatibile e ha soluzioni infinite. Poiché la terza equazione è una
combinazione lineare della seconda (se moltiplichiamo il terzo vettore riga
della matrice completa per 2/3 otteniamo il secondo vettore riga), possiamo
eliminarla dal sistema. La soluzione sarà:
   −1  
x1 1 2 4 − 7x3
= · =
x2 3 3 3 − 6x3

     
1 3 −2 4 − 7x3 −2 + 3x3
=− · =
3 3 1 3 − 6x3 3 − 5x3
Le soluzioni dipendono quindi dal valore che si dà ad x3 .

Sistema Omogeneo
Un sistema lineare si dice omogeneo quando b = 0. In questo caso Ax = 0
e se A è non singolare (esiste cioè A−1 ) allora questo sistema ha una sola
soluzione, quella triviale o banale x = 0.

A.4 Esercizi
• Date le seguenti matrici:
   
1 0 3 2 1 6
A =  2 −1 1  ; B =  −3 0 1 
0 2 3 5 −1 2

1. calcolare A + B, A − B, 2A, −B, 2A − B;

145
Algebra lineare

2. verificare (A + B)0 = A0 + B 0 ;
3. verificare che A + A0 è simmetrica;
4. verificare che (AB)0 = B 0 A0

• In ognuno dei casi seguenti calcolare (AB)C e A(BC)


     
1 3 2 −1 −1 0
1. A = ,B= ,C=
2 1 1 3 4 1
 
  2 0  
2 1 −1 2
2. A = ,B=  3 −1 , C =

3 1 2 5
1 0
• Calcolare la matrice inversa di A.
 
1 2 3
A= 1 5 5 
3 5 6

• Risolvere i seguenti sistemi lineari:



 x1 +x2 +x3 = 2
1. −2x2 +x3 = 3
5x1 +3x2 = −1


 x1 +x2 = 2
2. x1 −x2 = 3
−x1 +2x2 = 1


 −x1 +2x2 +x3 +4x4 = 1
3. 2x1 −x2 +2x3 +x4 = 3
x1 +x2 −x3 +2x4 = 2

• Fornire una soluzione non triviale (banale) ai seguenti sistemi lineari:



1. 3x1 +x2 +x3 = 0

x1 +2x2 +x3 = 0
2.
2x1 −3x2 +4x3 = 0

 2x1 +x2 +4x3 +x4 = 0
3. −3x1 +2x2 −3x3 +x4 = 0
x1 +x2 +x3 = 0

146
Algebra lineare

A.5 Alcuni comandi Matlab


Per iniziare
Per attivare MATLAB su un PC o Mac, basta un duplice scatto sull’icona di
MATLAB. Per attivare MATLAB su un sistema UNIX, digitare matlab al
prompt del sistema operativo. Per uscire da MATLAB in qualsiasi istante,
digitare QUIT al prompt di MATLAB. Se si necessita di più assistenza,
digitare HELP al prompt di MATLAB, o cliccare sul menu dell’HELP su un
PC o Mac.

Gli ambienti
Matlab è un software matematico molto potente, che adotta due modalità:
quella denominata batch, che consiste nell’inserire le istruzioni in un file di
testo *.m e successivamente lanciare il programma cosı̀ ottenuto nel foglio di
lavoro (o workspace); quella denominata interfaccia utente dove si inseriscono
le istruzioni volta per volta ed il pc risponde con il risultato.

Inserire una matrice


 
1 2 3
Data la seguente matrice: A =  2 3 1 
2 4 7
Per imputarla dobbiamo digitare la seguente istruzione:

A = [1 2 3; 2 3 1; 2 4 7]

Quindi:

• Separare gli elementi di una riga con spazi vuoti o virgole.

• Usare un punto e virgola ; per indicare la fine di ciascuna fila.

• Racchiudere l’elenco intero di elementi con parentesi quadrate, [ ].

Somma e moltiplicazione di matrici


Per sommare tra loro le matrici A e B bisogna digitare: A + B

mentre per moltiplicare le matrici A e B è necessario inserire: A ∗ B

147
Algebra lineare

Calcolare il determinante di una matrice


Dopo aver inserito la matrice come spiegato sopra digitando il comando
det(A) si ottiene il determinante della matrice.

Calcolare la matrice inversa


Data A la matrice che abbiamo precedentemente inputato per calcolare l’inversa
della matrice A dobbiamo inserire: inv(A)

Calcolare la matrice diagonale


Data A la matrice che abbiamo precedentemente inputato per calcolare la
matrice diagonale di A dobbiamo inserire: diag(A)

Calcolare il rango della matrice


Data la matrice A per calcolare il suo rango bisogna inserire la seguente
istruzione: rank(A)

Esempio:

Nel seguente esempio vediamo come con un file batch (Coeff.m) si possono
costruire delle matrici di coefficienti.

clear all
A = [10 20; 30 40]
sum2=[1 1]
% calcoliamo la somma delle righe
totr=A*sum2’
% calcoliamo la somma delle colonne
totc=sum2*A
% calcoliamo una matrice di quote di mercato
Quote=inv(diag(totr))*A
% calcoliamo una matrice di coefficienti
Coeff=A*(inv(diag(totc))

148
Il risultato dell’esecuzione del file Coeff.m sarà:

A=

10 20
30 40

sum2 =

11

totr =

30
70

totc =

40 60

Quote =

0.3333 0.6667
0.4286 0.5714

Coeff =

0.2500 0.3333
0.7500 0.6667
Algebra lineare

150
Esami 2002-2003

Appendice B
Esami A.A. 2002-2003
B.1 Contabilità Nazionale
Esercizio 2 del 12/02/03
Il sistema economico del Paese X, caratterizzato da una economia chiusa,
presenta i seguenti valori (espressi in milioni di euro):
Produzione totale 10.500.000; Imposte indirette 500.000; Contributi alla pro-
duzione 25.000; Spesa per consumi 4.500.000; Il capitale fisso subisce una
diminuzione di euro 300.000 rispetto all’inizio del periodo contabile; Redditi
derivanti dal fattore produttivo capitale 3.000.000; Trasferimenti unilaterali
tra settori istituzionali 1.000.000; Investimenti 3.200.000; Variazione delle
scorte 300.000; Risultato lordo di gestione 1.000.000.

Sistemare i valori nello schema seguente:

Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale


Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione
Consumo
Parte reale
Parte finanziaria

Determinare inoltre il Va ai prezzi di mercato e l’ammontare del reddito da


lavoro dipendente. Spiegare la differenza tra risparmio disponibile e am-
montare degli investimenti.

Esercizio 3 del 24/02/03


Il sistema economico del Paese X, caratterizzato da una economia chiusa,
presenta i seguenti valori (espressi in miliardi di euro):

151
Esami 2002-2003

Consumi intermedi = 1.028; Consumi totali = 854; Imposte sulla produzione


= 174; Contributi alla produzione = −19; Risultato lordo di gestione = 495;
Redditi da capitale = 43; Variazione Scorte = −16; Trasferimenti di risorse
tra settori istituzionali = 131; Produzione totale = 2100.
Sistemare i valori nello schema seguente:

Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale


Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione
Consumo
Parte reale
Parte finanziaria

a. Determinare GI.

b. Determinare D applicando una % di deprezzamento del Capitale fisso


pari al 10%.

c. Determinare il Pil ai prezzi di mercato e i redditi da lavoro dipendente.

d. Determinare l’ammontare dei flussi corrispondenti alla cella w22 e il


valore di S.

152
Esercizio 2 del 25/06/03
Il sistema economico del Paese X, caratterizzato da una economia chiusa,
presenta i seguenti valori (espressi in miliardi di euro):

Consumi intermedi = 1.028; Consumi totali = 854; Imposte sulla produzione


= 174; Contributi alla produzione = −19; Risultato lordo di gestione = 495;
Redditi da capitale = 43; Variazione Scorte = −16; Trasferimenti correnti di
risorse tra settori istituzionali = 131; Produzione totale = 2100.
Sistemare i valori nello schema seguente:

Uscite Produzione Consumo Formazione del capitale


Entrate Parte reale Parte finanziaria
Produzione
Consumo
Parte reale
Parte finanziaria

a. Determinare GI.

b. Determinare D applicando una % di deprezzamento del Capitale fisso


pari al 10%.

c. Determinare il Pil ai prezzi di mercato e i redditi da lavoro dipendente.

d. Determinare l’ammontare dei flussi corrispondenti alla cella w22 e il


valore di S.

Esercizio 3 del 23/09/03


Descrivere i flussi della matrice di contabilità sociale e spiegare dettagliata-
mente cosa succede quando il reddito passa dalla sfera del consumo a quella
della formazione del capitale.
Esami 2002-2003

B.2 Input Output


Esercizio 3 del 12/02/03
Considerate la seguente tabella che riporta i legami a monte della struttura
produttiva sarda:

branche Legame a monte Legame a valle VA (mil. Euro)


1 1.69 1.15 23
2 2.00 1.32 122
3 2.21 1.31 35
4 1.35 2.02 110
5 1.00 1.89 175
6 1.43 2.17 73

a. Trasformate i valori dei legami in termini relativi (ad esempio facen-


done il rapporto rispetto ad un indicatore medio);

b. spiegate il significato del legame a monte delle branche 3 e 5;

c. interpretate i legami a valle che hanno un valore superiore al 15% del


valore medio.

Esercizio 4 del 24/02/03


Considerate il seguente sistema input-output:

Agri. Ind. Serv. d. f.


Agri. 6320 14474 1269 11379
Ind. 3890 102271 23985 147716
Serv. 1410 21247 32438 118743

a. Calcolate qva (coefficienti di valore aggiunto).

b. Dati Z e W, calcolate i legami a monte e a valle.

c. Modificate la domanda finale del 15% e calcolate la produzione totale


compatibile con questa variazione della domanda finale.

154
Esami 2002-2003

 
1.25 0.11 0.03
Z =  0.25 1.64 0.28 
0.09 0.16 1.26

 
1.25 0.89 0.15
W =  0.03 1.64 0.18 
0.02 0.25 1.26

Esercizio 3 del 25/06/03


Legami a monte e legami a valle: come si calcolano e a che cosa servono (se
lo ritenete opportuno aiutatevi con un esempio).

Esercizio 2 del 23/09/03


Considerate la seguente tabella che riporta i legami a monte della struttura
produttiva sarda:

branche Legame a monte Legame a valle VA (mil. Euro)


1 1.69 1.15 23
2 2.00 1.32 122
3 2.21 1.31 35
4 1.35 2.02 110
5 1.00 1.89 175
6 1.43 2.17 73

a. Trasformate i valori dei legami in termini relativi (ad esempio facen-


done il rapporto rispetto ad un indicatore medio);

b. spiegate il significato del legame a monte delle branche 3 e 5;

c. interpretate i legami a valle che hanno un valore superiore al 15% del


valore medio.

155
Esami 2002-2003

Esercizio 1 del 19/01/04


1 Considerate il seguente sistema input-output:

Agri. Ind. Serv. d. f.


300 20 81 70
10 150 70 200
120 5 93 30

Dire quale delle seguenti matrici è quella dei coefficienti tecnici (A);

a.  
0.6369 0.0465 0.3266
 0.0212 0.3488 0.2823 
0.2548 0.0116 0.3750

b.  
0.6369 0.0425 0.1720
 0.0233 0.3488 0.1628 
0.4839 0.0202 0.3750

2 Calcolare (I − A);

3 Quale delle seguenti matrici è la matrice Z?

a.  
4.5700 0.3397 1.3459
 1.0562 1.6267 0.7143 
3.5721 0.3155 2.6651

b.  
4.5700 0.3721 2.5562
 0.9643 1.6267 1.2386 
1.8809 0.1819 2.6651

4 Dopo aver modificato la domanda finale aumentandola del 10% calco-


lare il vettore di produzione totale compatibile con questa modifica.

156
Esami 2002-2003

B.3 Numeri Indice


Esercizio del 28/06/2002
Si considerino i seguenti dati relativi a prezzi e quantità di 3 aggregati di
beni per Francia e Italia:

Italia (B) Francia (A)


PB1 = 100 QB1 = 20 PA1 = 95 QA1 = 18
PB2 = 110 QB2 = 20 PA2 = 112 QA2 = 7
PB3 = 105 QB3 = 8 PA3 = 103 QA3 = 4

a) Si calcoli la parità di tipo Paasche dell’Italia rispetto alla Francia.

b) Si deduca la parità di tipo Laspeyres della Francia rispetto all’Italia.

c) Si interpreti con un esempio le due parità (spiegare perché si utilizzano


i numeri indice nello spazio).

Esercizio del 25/07/2002


Considerate le seguenti due serie di numeri indici dei prezzi di Laspeyres

anni Base 1970 = 100 Base 1990 = 100


1980 123.8
1981 125.6
1982 132
1983 134.7
...
1990 156.2 100.0
1991 107.8
1992 110.1
1993 113.2

a) completate le due serie;

b) quale proprietà si utilizza per completare la serie in base 1990 = 100?

c) Calcolate, nelle due basi, il tasso di inflazione tra il 1993 e il 1981 e


commentate

157
Esami 2002-2003

Esercizio del 06/09/2002


Considerate 3 paesi nei quali sono scambiati 2 prodotti aventi i seguenti
prezzi e quantità.

Paesi Prod 1 Prod 2


L1 P11 = 10 P12 = 15
Q11 = 10 Q12 = 8
L2 P21 = 5 P22 = 20
Q21 = 2 Q22 = 1
L3 P31 = 20 P32 = 10
Q31 = 1 Q32 = 10
Calcolate gli indici EKS

Esercizio del 12/02/2003


La tabella seguente riporta i prezzi e le quantità di due beni scambiati in
Italia, Stati Uniti e Gran Bretagna:

Prod Italia (I) Stati Uniti (S) Gran Bretagna (G)


Prezzi Quantità Valori Prezzi Quantità Valori Prezzi Quantità Valori
in lire in Kg in lire in $ in Kg in $ in £ in Kg in £
Prod 1 5 10 50 3 2 6 20 1 20
Prod 2 20 6 120 10 1 10 30 8 240
Totale - - 170 - - 16 - - 260

Calcolare gli indici EKS

Esercizio del 24/02/2003


1. La tabella seguente riporta la retribuzione annua, dal 1994 al 1999, di un
individuo:
Anni Retribuzione annua (euro)
1994 17.166
1995 17.853
1996 18.818
1997 19.552
1998 19.884
1999 20.242

a. Costruire la serie dei numeri indice a base mobile e commentarla.

158
Esami 2002-2003

b. Trasformare la serie di numeri indice a base mobile della corrispondente


serie di numeri indice a base fissa (1997 = 100).

2. La tabella seguente riporta i prezzi (in euro) di quattro prodotti venduti


in un supermercato nei mesi di gennaio e dicembre 2000:

Tipo di Gennaio Dicembre


prodotto Prezzo in euro Quantità vendute Prezzo in euro Quantità vendute
al Kg (in Kg) al Kg (in Kg)
A 1.45 413 1.5 405
B 2.1 640 2.11 590
C 3 520 3.1 580
D 12 150 13 120

a. Calcolare l’indice dei prezzi di Paasche.

b. Quale indice di quantità bisogna calcolare per ottenere l’indice della


Spesa?

c. Calcolare l’indice della Spesa.

Esercizio del 09/07/2003


La tabella seguente riporta i prezzi e le quantità di due beni scambiati in
Italia, Stati Uniti e Gran Bretagna:

Prod Italia (I) Stati Uniti (S) Gran Bretagna (G)


Prezzi Quantità Valori Prezzi Quantità Valori Prezzi Quantità Valori
lire in Kg lire $ in Kg $ £ in Kg £
Prod 1 6 15 90 4 2 8 22 3 66
Prod 2 21 8 168 11 3 33 30 12 360
Totale - - 258 - - 41 - - 426

Calcolare gli indici EKS

159
Esami 2002-2003

160
Appendice C:
La misura dell’inflazione in
Italia
estratto da: Euro e inflazione: dove sta la verità1

C.1 Il sistema delle statistiche dei prezzi


Il sistema delle statistiche dei prezzi è rivolto a creare degli indicatori idonei
ad esprimere la dinamica temporale media dei prezzi praticati nelle diverse
operazioni di mercato e nelle diverse fasi della commercializzazione dei pro-
dotti scambiati nel sistema economico (1B).
I primi tentativi di creare degli indicatori per misurare i prezzi dei beni e
dei servizi scambiati sul mercato risalgono a tempi remoti. Il primo esempio
che può essere citato è quello contenuto nell’editto di Diocleziano nel 301 d.C.
che conteneva i prezzi minimi e massimi di una grande varietà di beni, servizi
e prestazioni allo scopo di frenare un aumento dei prezzi diffuso in tutto
l’Impero. Ancora si possono ricordare i controlli dei prezzi dei panni di lana,
della Firenze del XIII secolo; o i rilevamenti svolti a Milano, nella seconda
metà del XV secolo, da Francesco Sforza, e svolti da ufficiali appositamente
preposti al controllo dei prezzi.
Successivamente alcuni Comuni dell’Italia settentrionale e centrale avvi-
arono rilevazioni sempre più estese sui prezzi delle derrate alimentari. In-
tanto, nel diciannovesimo secolo, avanzavano gli studi statistici e si comin-
ciavano a trattare i dati rilevati con la metodologia dei numeri indici: essi
consentono infatti di esprimere le variazioni nel tempo dei prezzi di un cam-
pione di prodotti riferito ad un determinato periodo che viene assunto come
periodo base.
Cosicché, dopo l’unità d’Italia, le autorità governative del Regno si posero
1
tesi di Laurea di Cristina Angius, Economia e Commercio, Cagliari
Approfondimenti

il problema di costruire i primi indicatori statistici sull’andamento dei prezzi


in Italia, non si trovò soluzione migliore che attingere ai rilevamenti già es-
istenti in molti Comuni ed applicare ad essi il metodo di calcolo dei numeri
indice. Anche quando nel 1972 tale compito venne affidato all’ISTAT (cos-
tituito l’anno precedente) la legislazione in materia, sancı̀ una stretta col-
laborazione tra Istituto di Statistica e Comuni. All’ISTAT fu assegnata la
determinazione dei metodi per la rilevazione ed il calcolo degli indici mensili
dei prezzi al consumo, il controllo e la convalida dei dati rilevati sul territorio
e la sintesi degli indici locali e nazionali. Ed ai Comuni vennero attribuite,
sulla base di regole stabilite dall’ISTAT, ma in piena autonomia le funzioni di
selezione dei campioni dei punti vendita dei prodotti oggetto di rilevazione,
la raccolta mensile dei dati sul territorio, il primo controllo e la prima elab-
orazione dei dati comunali di propria competenza.
Il sistema degli indici dei prezzi per l’Italia attualmente è articolato come
segue (1B):

1. Indici relativi alla fase della produzione, che misurano l’andamento dei
prezzi dei prodotti nel primo stadio della loro commercializzazione sul
mercato interno. Gli indici di questo gruppo riguardano solo i beni e
si dividono in:

- indici dei prezzi della produzione agricola, distinti a loro volta in


indici dei prodotti e dei servizi acquistati dagli agricoltori ed indici
dei prezzi alla produzione dei prodotti venduti dagli agricoltori;
- indici dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali;
- indici del costo di costruzione di alcuni manufatti dell’edilizia (fab-
bricato residenziale, capannone industriale e tronco stradale).

2. Indici dei prezzi al consumo, che si riferiscono alla fase di scambio in


cui l’acquirente è un consumatore finale; gli indici elaborati sono:

- indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC);


- indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati
(FOI);
- indice armonizzato dei prezzi al consumo per i Paesi dell’Unione
Europea (IPCA).

162
Approfondimenti

C.2 Indici relativi alla fase della produzione


Indice dei prezzi dei prodotti acquistati dagli agricoltori
L’indice ha per oggetto le variazioni medie di prezzo dei principali 199 mezzi
di produzione correnti e strumentali acquistati dagli agricoltori. Per questi
prodotti vengono raccolti e trasmessi dagli Uffici Statistici delle Camere di
Commercio 1590 quotazioni, che danno luogo mensilmente ad altrettanti in-
dici di prodotto con pesi che sono proporzionali alla media dei tre anni 1987-
89 degli aggregati “costi intermedi” e “investimenti fissi lordi” del settore
agricolo della contabilità nazionale.

Indice dei prezzi dei prodotti venduti dagli agricoltori


L’indice misura le variazioni medie nel tempo dei prezzi percepiti dagli agri-
coltori per la vendita dei prodotti agricoli. Esso è calcolato sulla base di
una rilevazione, svolta dalle Camere di Commercio, che ha per oggetto 132
prodotti, per i quali sono rilevate mensilmente circa 2045 quotazioni, e per
i quali vengono calcolati gli indici elementari di prodotto con pesi utilizzati
che sono proporzionali alla media della produzione lorda vendibile del trien-
nio 1987-1989 e variano mensilmente a causa della marcata stagionalità della
produzione agricola.
Dagli indici elementari si passa poi, per entrambi gli indici, all’indice
generale attraverso medie aritmetiche e ponderate utilizzando Laspeyres. Gli
indici mensili sono anzitutto calcolati come provvisori e poi, al momento della
revisione e del calcolo della media annuale, sono ricalcolati come definitivi.

Indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali


L’indice dei prezzi alla produzione riguarda le vendite effettuate da imprese
residenti in Italia sul mercato interno di prodotti industriali, con esclusione
dei minerali e prodotti della trasformazione di materie fissili e fertili, dei
mezzi di trasporto aerei, marittimi e ferroviari, dei manufatti dell’edilizia e
degli armamenti. La disponibilità di questo indice consente di misurare le
variazioni nel tempo dei prezzi che si formano nel primo stadio di commer-
cializzazione, di deflazionare gli indici, calcolati utilizzando i valori monetari
correnti, del fatturato e degli ordinativi.
La rilevazione dei dati necessari al calcolo dell’indice è svolta direttamente
dall’ISTAT, mediante l’invio di moduli per posta a 3680 imprese (scelte tra
quelle con i più elevati fatturati per la vendita dei beni oggetto dell’indagine),
e comporta circa 12.000 osservazioni per ciascun mese. Il calcolo dell’indice

163
Approfondimenti

generale e degli indici per i diversi raggruppamenti di prodotto è effettuato


soltanto a livello nazionale utilizzando la formula di Laspeyres.

Indici dei costi di costruzione di alcuni manufatti dell’edi-


lizia
Gli indici, elaborati con periodicità trimestrale, misurano le variazioni dei
costi diretti di realizzazione di alcune opere tipo rappresentative del settore
delle costruzioni. In particolare vengono rilevati i costi per la mano d’opera,
per i materiali, per i trasporti e i noli necessari alla realizzazione di tre
manufatti caratteristici di altrettanti settori dell’industria edile:

- Un fabbricato residenziale. L’indice del costo di costruzione di un fab-


bricato residenziale misura la variazione del costo diretto di un fabbri-
cato tipo ad uso abitativo e viene calcolato mensilmente sia a livello
nazionale che a livello di 20 capoluoghi di provincia (uno per ogni re-
gione con l’esclusione di Aosta e l’inclusione di Trento e Bolzano). Il
fabbricato tipo per il quale vengono rilevati i costi, è costituito da tre
corpi di fabbrica comprendenti 15 unità abitative e il cui volume com-
plessivo è di mc. 5585.

- Un capannone ad uso industriale. L’indice del costo di costruzione di


un capannone per uso industriale misura le variazioni nel tempo dei
costi diretti che occorre sostenere per la costruzione di un capannone
ad uso industriale e viene elaborato con periodicità trimestrale. Tra le
tipologie del capannone industriale, l’ISTAT ha considerato quello più
comunemente costruito nel nostro Paese, secondo quanto stabilito da
esperti del Ministero dell’Industria, delle C.C.I.A.A. e dell’Associazione
Nazionale Costruttori Edili; tale capannone tipo misura m.40x50 ed
ha tra le altre caratteristiche, una chiusura perimetrale realizzata in
cemento con interposto isolamento termico.

- Due tronchi stradali. L’indice del costo di costruzione di tronchi stradali


misura le variazioni dei costi per la costruzione di 100 metri di strada,
in relazione a due tronchi stradali a percorso misto: il primo senza
galleria; il secondo con galleria.

Tutti gli indici sono a base fissa. Gli indici elementari di ciascuna voce di
costo, per ciascun capoluogo di provincia, sono sintetizzati mediante media
aritmetica ponderata e formula di Laspeyres (10A,1B).

164
Approfondimenti

C.3 Indici dei prezzi al consumo


Gli indici dei prezzi al consumo misurano le variazioni medie dei prezzi che si
formano durante un determinato arco di tempo nelle transazioni di un insieme
di beni e servizi, chiamato paniere, scambiati tra gli operatori economici e i
consumatori privati finali. Vengono considerate solo le transazioni monetarie
e sono quindi escluse quelle a titolo gratuito, gli autoconsumi, ecc (2B).
Attualmente, per i prezzi al consumo, l’Istituto nazionale di statistica
produce tre distinti indici, a livello nazionale, con finalità differenti:

- l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collet-


tività (NIC), che è l’indice principale dal quale discendono gli altri
due. Si riferisce all’intera popolazione presente sul territorio nazionale
e all’insieme di tutti i beni e servizi venduti dalle imprese e acquistati
dalle famiglie ed aventi un effettivo prezzo di mercato. L’indice NIC
viene utilizzato dagli organi di governo come parametro di riferimento
per la realizzazione delle politiche economiche, ad esempio, per indicare
nel Documento di programmazione economica e finanziaria (DPEF) il
tasso d’inflazione programmata, a cui sono collegati i rinnovi dei con-
tratti collettivi di lavoro (3B);

- l’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed imp-


iegati (FOI), che si differenzia dal NIC perché ha come riferimento
solo la popolazione formata da famiglie il cui capofamiglia è un lavora-
tore dipendente (operaio o impiegato), dei settori extragricoli ed i beni
e servizi da essi acquistati. È l’indice al quale la legislazione italiana
assegna gli effetti amministrativi più importanti: viene infatti utiliz-
zato per adeguare periodicamente i valori degli affitti o degli assegni
dovuti al coniuge separato;

- l’indice armonizzato dei prezzi al consumo per i paesi


dell’Unione Europea (IPCA), che è stato sviluppato per assicurare
una misura dell’inflazione comparabile a livello europeo. Esso viene cal-
colato sulla quota parte di consumi di beni e servizi che hanno regimi
di prezzo comparabili nei diversi paesi dell’Unione europea ed è, perciò,
utilizzato per misurare la dinamica dei prezzi in tale area. Tale indice
viene poi inviato all’Eurostat e l’Istituto europeo di statistica, a sua
volta, elabora e diffonde, mensilmente, un indice sintetico europeo, cal-
colato sulla base degli indici inviati dagli istituti di statistica dei diversi
Paesi europei.

I tre indici hanno in comune i seguenti elementi (2B):

165
Approfondimenti

- la rilevazione dei dati riguardanti i prezzi svolta in prevalenza dagli


Uffici Comunali di Statistica (UCS) e per la restante parte dall’ISTAT;

- la base territoriale;

- la metodologia di calcolo;

- la classificazione del paniere.

I tre indici differiscono, invece, per i sistemi di ponderazione. NIC e FOI


, ad esempio, si basano sullo stesso paniere, ma il peso attribuito a ogni
bene o servizio è diverso, a seconda dell’importanza che questi rivestono per
la popolazione di riferimento. Per il NIC la popolazione di riferimento è
l’intera popolazione italiana, ovvero una grande famiglia di oltre 58 milioni
di persone; per il FOI è l’insieme di famiglie che fanno capo a un operaio
o un impiegato. L’IPCA ha in comune con il NIC la popolazione di riferi-
mento, ma si differenzia dagli altri due indici perché il paniere esclude, sulla
base di un accordo comunitario, le lotterie, il lotto, i concorsi pronostici e i
servizi relativi alle assicurazioni sulla vita. Un’ulteriore differenziazione fra i
tre indici riguarda il concetto di prezzo considerato: il NIC e il FOI consid-
erano sempre il prezzo pieno di vendita. L’IPCA si riferisce invece al prezzo
effettivamente pagato dal consumatore. Ad esempio, nel caso dei medicinali,
mentre per gli indici nazionali viene considerato il prezzo pieno del prodotto,
per quello armonizzato europeo il prezzo di riferimento è rappresentato dalla
quota effettivamente a carico del consumatore (il ticket). Inoltre, l’IPCA,
a partire dal gennaio 2002, tiene conto anche delle riduzioni temporanee di
prezzo dei beni oggetto di indagine (saldi e promozioni), come previsto dal
Regolamento della Commissione europea, n.2602/2000 del 17 novembre 2000.
Le riduzioni di prezzo sono prese in considerazione quando:

- sono applicate al prezzo in caso di acquisti di singola unità di bene o


servizio;

- tutti i potenziali acquirenti ne possono beneficiare senza ulteriori con-


dizioni;

- l’informazione relativa alla riduzione è conosciuta all’acquirente nel mo-


mento in cui si accorda con il venditore per l’acquisto;

- possono essere richieste al momento dell’acquisto o entro un successivo


periodo di tempo definito, in modo tale che si possa prevedere che esse
abbiano influenza significativa sulle quantità che l’acquirente è disposto
a comprare.

166
Approfondimenti

Le riduzioni vengono prese in considerazione quando sono applicate per


un periodo non inferiore a 15 giorni (4B).

C.4 L’indice nazionale dei prezzi al consumo


per l’intera collettività
L’indice NIC può essere considerato l’indice più importante, sia perché da
questo derivano gli altri due indici, sia perché esso interessa in particolar
modo le famiglie, dal momento che misura l’andamento del potere d’acquisto
dei loro redditi. L’aggregato macroeconomico al quale fa riferimento il NIC
sono i consumi finali individuali delle famiglie residenti, originati da transazioni
monetarie effettuate sul territorio economico italiano.
Secondo quanto stabilito dalle definizioni dell’ESA95 (European System
of Integrated National Account) sono considerate famiglie residenti le famiglie
propriamente dette, le persone che vivono nella comunità e i turisti stranieri.
Vengono inoltre incluse anche le spese sostenute dalla Pubblica Amminis-
trazione e dalle istituzioni senza fine di lucro per consumi finali riferibili alle
famiglie (es. servizi medici, prestazioni sociali). Come già detto, restano es-
cluse tutte le spese per le quali non viene pagato un corrispettivo monetario
e per le quali viene stimato un valore figurativo nei Conti Nazionali. Essendo
inoltre l’indice riferito ai beni e servizi acquistabili sul mercato sono escluse
dal calcolo tasse, contributi e imposte (5B).

Base territoriale e grado di copertura dell’indagine


La rilevazione dei prezzi può essere centralizzata oppure decentralizzata. Sarà
centralizzata per i beni e servizi che hanno prezzi uguali in tutto il Paese
(tabacchi, periodici, medicinali), per quelli soggetti a continui cambiamenti
tecnologici (computer, telefoni cellulari) e per i servizi il cui godimento non
riguarda soltanto la popolazione del comune interessato (camping, stabili-
menti balneari); in questo caso la rilevazione può essere eseguita direttamente
dall’ISTAT, previa fissazione della referenza2 dei beni e servizi. Per gli al-
tri beni, che comunque sono la maggioranza, la rilevazione dei prezzi dovrà
invece avvenire localmente. Ed in questo secondo caso, occorre stabilire i
campioni dei collettivi coinvolti. Degli oltre 8000 comuni italiani si dovrà
necessariamente procedere alla formazione di un campione che dovrebbe es-
sere formato in maniera casuale per garantire la rappresentatività dell’intero
2
Con il termine referenza si intende un bene specificato in tutte le sue caratteristiche
di varietà, marca, qualità, tipo, modello, confezione, peso, ecc.

167
Approfondimenti

collettivo dei comuni italiani.


La rilevazione dei prezzi unitari, pur nell’ambito di regole generali sta-
bilite dall’ISTAT, è affidata alla responsabilità dei comuni. Per assolvere
questo compito, i comuni devono essere dotati di un ufficio di statistica pre-
posto allo svolgimento della rilevazione. Poiché attualmente soltanto i co-
muni capoluogo di provincia dispongono di una struttura di questo tipo, il
campione non comprende tutti i comuni italiani, ma è limitato solamente
ai comuni capoluogo di provincia. Dal gennaio 2003, infatti, la base terri-
toriale è costituita da 81 comuni, 20 capoluoghi di regione e 61 capoluoghi
di provincia. Per otto regioni (Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige, Veneto,
Liguria, Emilia Romagna, Marche, Umbria e Abruzzo), la partecipazione dei
comuni capoluogo di provincia è totale; sono, invece, ancora poco rappre-
sentate le regioni del sud e delle isole dove, escludendo l’Abruzzo, la metà
dei comuni capoluogo di provincia non partecipa all’indagine. Da gennaio
rientrano nell’indagine Vicenza, Imperia, Rieti e Benevento, uscite negli ul-
timi anni, ed entra ex novo il comune di Rimini (capoluogo dal 1992) (2B).
È ovvio che un simile campione non è rappresentativo dell’intero collettivo
dei comuni italiani, anche se vi risiede la maggioranza delle famiglie (86,9%
della popolazione italiana residente). Inoltre la delega della rilevazione ai co-
muni, anziché essere eseguita sotto la diretta responsabilità dell’ISTAT, non
garantisce un comportamento territorialmente uniforme.

Composizione del paniere e ponderazione


3

La gamma dei beni e servizi per i quali si rilevano i prezzi (paniere dei
prodotti) comprende quelli che più frequentemente ricorrono nelle spese della
maggior parte dei consumatori, e le cui variazioni medie di prezzo possono
considerarsi rappresentative dell’intero fenomeno. La determinazione del
paniere dei prodotti e la metodologia di costruzione dei pesi ad essi associati
sono due aspetti, strettamente connessi, della stessa procedura di definizione
della struttura dell’indice dei prezzi al consumo.
All’inizio del 1999, l’Istituto nazionale di statistica, in accordo con le
indicazioni comunitarie, ha rivisto la metodologia di calcolo degli indici dei
prezzi al consumo. Coerentemente con la metodologia di concatenamento
annuale degli indici di tipo Laspeyres, l’ISTAT provvede, all’inizio di ogni
anno:
3
Il coefficiente di ponderazione o peso di un prodotto, negli indici dei prezzi al consumo,
rappresenta l’importanza relativa di ciascun gruppo di beni e servizi inclusi nel paniere,
rispetto al totale della spesa per i consumi dell’universo di riferimento.

168
Approfondimenti

- all’aggiornamento del paniere dei prodotti che è alla base della rile-
vazione

- all’aggiornamento del sistema di ponderazione utilizzato per sintetiz-


zare gli indici elementari

- all’aggiornamento dei piani di campionamento comunali delle unità di


rilevazione.

La prima operazione ha l’obiettivo di mantenere elevata nel tempo la ca-


pacità del paniere di rappresentare, attraverso un numero ampio ma limitato
di prodotti, i comportamenti e le preferenze dei consumatori, riflettendone
allo stesso tempo i mutamenti più rilevanti. A sua volta, l’aggiornamento
della struttura di ponderazione ha la funzione di adeguare i pesi assegnati a
ciascun prodotto componente il paniere ai cambiamenti intercorsi nella com-
posizione dei consumi delle famiglie italiane. In tal modo, l’indice dei prezzi
al consumo può recepire i mutamenti che intervengono nei gusti e nelle abi-
tudini di acquisto dei consumatori e garantire una migliore rappresentazione
della dinamica inflazionistica (1B).
La definizione del nuovo paniere si svolge nei mesi di ottobre e novembre.
Il tempo a disposizione per lo sviluppo di tale operazione è limitato, ma essa
non può essere anticipata in quanto occorre dare la possibilità ai comuni
di segnalare tutti i problemi e le difficoltà incontrate durante l’anno nella
fase di raccolta dati. Ciò riguarda, in particolare, fenomeni di irreperibilità
prolungata o la caduta in disuso di specifici prodotti indicati dall’ISTAT.
D’altra parte, l’operazione deve essere completata entro un preciso limite
temporale, in quanto i comuni debbono avere a disposizione il nuovo paniere
in tempo utile per procedere alla rilevazione del mese di dicembre inerente
la nuova base.
L’identificazione del paniere è curata dall’ISTAT fino al livello di prodotto:
la scelta delle referenze specifiche che sono indispensabili per la rilevazione dei
prezzi unitari e per il calcolo degli indici elementari, è compiuta dall’Istituto
di statistica utilizzando diverse fonti.
La fonte principale è l’indagine ISTAT sui consumi che coinvolge circa
27mila famiglie italiane. Sono però utilizzate anche altre fonti, interne ed
esterne all’ISTAT, per assicurare un più accurato controllo della qualità delle
rilevazioni.
Per quanto riguarda le fonti interne all’ISTAT vanno menzionate:

- stime di contabilità nazionale;

- indagini sul commercio estero;

169
Approfondimenti

- indagini sulla produzione industriale;


mentre per quanto riguarda quelle esterne si possono citare:
- dati ACNielsen;
- Banca d’Italia
- ricerche su Internet (3B).

C.4.1 Stime di contabilità nazionale


L’operazione di inserimento dei prodotti nel paniere deriva dall’analisi dei
dati della spesa dei consumi finali delle famiglie. Tali dati derivano da una
elaborazione effettuata dalla Contabilità Nazionale appositamente per le esi-
genze degli indici dei prezzi al consumo.

Indagini sul commercio con l’estero


Sono stati esaminati dati sulle importazioni italiane che, integrati con dati
provenienti da altre fonti, permettono di calcolare indicatori relativi alla do-
manda di prodotti di largo consumo per i quali una quota rilevante dell’offerta
è di provenienza estera (come ad esempio strumenti musicali e prodotti high-
tech).

Indagini sulla produzione industriale


I dati provenienti da questa indagine sono stati impiegati ad integrazione di
quelli sulle importazioni per le elaborazioni indicate al punto precedente.

Dati ACNielsen sul fatturato effettivo delle vendite


Sono stati trattati i dati forniti dalla ACNielsen relativi al mercato tessile,
abbigliamento e calzature e quelli riguardanti i prodotti grocery (alimentari
e igiene casa). I dati comprendono la quantità venduta, la spesa complessiva
e il prezzo medio di ogni singolo prodotto previsto dalle indagini Nielsen su
tali settori.

Dati di fonte Banca d’Italia - A.B.I.


I dati aggiornati sul nuovo assetto degli Istituti bancari hanno consentito una
revisione completa del campione delle banche. Inoltre, l’evoluzione riscon-
trata nella struttura del sistema bancario ha reso necessario un cambiamento

170
Approfondimenti

delle modalità di formulazione del campione territoriale degli Istituti di cred-


ito.

Ricerca su Internet
Informazioni raccolte tramite siti web sono stati utilizzate sia per appro-
fondire specifici aspetti qualitativi e quantitativi dei prodotti, sia per verifi-
care, attraverso confronti incrociati, dati provenienti dalle fonti tradizional-
mente utilizzate. (6B)
Tutte le informazioni raccolte vengono integrate in un quadro unitario,
all’interno del quale viene effettuata la scelta dei prodotti da inserire nel
paniere. La selezione si basa su valutazioni quantitative e qualitative.

Valutazioni quantitative
Tali valutazioni sono state ottenute seguendo i criteri di seguito riportati:

• Criterio della prevalenza. La formazione di graduatorie sulla base dei


dati ricavati dalle fonti indicate ha consentito di individuare i prodotti
con maggiore diffusione all’interno dei consumi delle famiglie. Le grad-
uatorie sono state stilate in modo distinto per capitoli di spesa.

• Criterio del peso medio. E’ stata analizzata la rappresentatività dei


prodotti del paniere mediante la valutazione del rapporto tra il peso di
un aggregato (capitoli e voci di prodotto) ed il numero delle posizioni
rappresentative che compongono l’aggregato stesso. Il lavoro è stato
condotto a “cascata”, procedendo con:

1. il calcolo del peso medio di ogni capitolo di spesa del paniere, in


modo tale da individuare i capitoli sui quali intervenire in maniera
prioritaria;
2. il calcolo del peso medio, all’interno di ciascun capitolo, di tutte le
voci di prodotto (equivalenti ad un totale di 209 per tutti i capi-
toli); con tale operazione si è verificato anche se le posizioni rapp-
resentative componenti le singole voci di prodotto sono adeguate
in termini quantitativi.

Ai vari livelli citati, l’analisi per peso medio si fonda sul principio secondo
il quale maggiore è il peso di una voce di prodotto sul totale dei consumi delle
famiglie, maggiore deve essere il numero di posizioni rappresentative che
contribuiscono a misurarne l’evoluzione dei prezzi. D’altro canto, si tratta di
un principio che non può essere utilizzato in modo automatico, in quanto va

171
Approfondimenti

contemperato con considerazioni riguardanti la diversificazione dei prodotti


inclusi in ciascuna voce: ad esempio, nel caso di energia elettrica, acqua, gas,
carburanti da autotrazione, il criterio del peso medio perde di significato.

Valutazioni qualitative
A supporto ed integrazione delle precedenti valutazioni quantitative sono
stati presi in considerazione e verificati empiricamente i suggerimenti prove-
nienti, da un lato, dagli Uffici Comunali di Statistica che sono direttamente
coinvolti nella rilevazione e, dall’altro, dal tavolo tecnico aperto con le asso-
ciazioni dei consumatori.

Classificazione dei prodotti rilevati


La classificazione dei prodotti utilizzati per la rilevazione degli indici dei
prezzi al consumo è la COICOP95 (Classification of Individual Consumption
by Purpose) nella versione Rev.1, che suddivide i suddetti prodotti in cinque
livelli. I primi tre livelli coincidono con la classificazione COICOP adottata
anche per l’indice armonizzato dei prezzi al consumo.
Il primo livello di disaggregazione dell’indice complessivo considera 12
capitoli di spesa, il secondo livello è quello costituito da 38 categorie e il terzo
è formato da 107 gruppi di prodotto. Nella classificazione nazionale i 107
gruppi di prodotto si suddividono, poi, in voci di prodotto che costituiscono il
livello standard di pubblicazione degli indici e descrivono in maniera esaustiva
l’insieme dei consumi considerati; esse rappresentano il massimo dettaglio di
classi di consumo omogeneo. Per il 2003 le voci di prodotto considerate sono
state 207, mentre nel 2002 erano 209.
La suddivisione dell’indice in voci di prodotto consente anche la suddi-
visione tra beni e servizi e per i beni l’ulteriore ripartizione tra alimentari,
non durevoli, semidurevoli, durevoli ed energetici. Un ulteriore vantaggio
delle voci di prodotto è che esse sono sostanzialmente stabili nel tempo e
consentono, quindi, un’analisi delle serie storiche su un arco temporale pluri-
ennale.
Le voci di prodotto sono a loro volta rappresentate da un insieme definito
e limitato di beni e servizi denominati “posizioni rappresentative” e scelti
sulla base di una pluralità di fonti e tra le tipologie maggiormente consumate
attraverso un’operazione campionaria non probabilistica. Nel 2003 tali po-
sizioni rappresentative diventano 577, a fronte delle 568 considerate nel 2002.
Le posizioni rappresentative, costituiscono il livello minimo per il quale è at-
tribuibile un peso. In altre parole, l’indice complessivo si ottiene come media
aritmetica ponderata degli indici delle posizioni rappresentative. Alcune di

172
Approfondimenti

esse sono di natura composita, cioè formate da più prodotti (ad esempio per
i servizi di telefonia si rilevano diverse tariffe): il livello più elementare della
struttura di aggregazione, il cosiddetto paniere, è formato da circa beni e
servizi (nel 2003 i prodotti sono stati 960, 930 nel 2002). I numeri indici
vengono diffusi con un livello di dettaglio che giunge alle voci di prodotto.

Periodicità delle rilevazioni


Entro il giorno 15 del mese considerato, i rilevatori degli uffici di statistica
degli 81 comuni coinvolti (capoluoghi di provincia) provvedono a monitorare i
prezzi elementari della maggior parte dei prodotti inclusi nel paniere, secondo
le procedure definite dall’ISTAT. All’inizio di ogni anno, infatti, l’ISTAT in-
via agli uffici comunali di statistica un elenco di prodotti da rilevare mensil-
mente in cui ogni bene e servizio è corredato da una serie di informazioni che
lo specificano (ad esempio, il peso, la confezione ecc) cosı̀ che si possa indi-
viduare i prodotti in modo omogeneo in tutta Italia. E’ cura del rilevatore
individuare per ciascun prodotto, all’interno di ogni punto di rilevazione, il
più venduto fra quelli che hanno le caratteristiche definite dall’ISTAT. Quello
stesso prodotto, mese dopo mese, viene monitorato per un anno intero.
In complesso, per il calcolo dell’indice nazionale dei prezzi al consumo per
l’intera collettività, vengono elaborati mensilmente oltre 300.000 quotazioni
di prezzo rilevate in 25.000 punti di vendita e 12.000 abitazioni in affitto.
Per quei beni e servizi non soggetti a variazioni ricorrenti nei prezzi nel
corso del mese si può effettuare una sola rilevazione nel mese di riferimento,
mentre per quelli che possono subire modifiche nel corso del mese (esem-
pio i prodotti ortofrutticoli a causa delle vicende climatiche) è opportuno
effettuare più rilevazioni nel mese considerato. In particolare abbiamo che:
- la rilevazione dei prezzi dei prodotti “freschi” (pesce fresco, ortaggi e
frutta) avviene due volte nel mese, precisamente nei giorni 1 e 12 del
mese cui si riferiscono gli indici;
- la rilevazione dei prezzi degli altri generi alimentari, degli articoli di
abbigliamento e di alcuni servizi personali è mensile e viene effettuata
dal 16 del mese precedente al 15 del mese cui si riferiscono gli indici;
- la rilevazione delle tariffe è mensile e, per i prodotti aventi prezzo unico
su tutto il territorio nazionale, avviene il giorno 15 del mese di rife-
rimento degli indici o, se il giorno 15 cade di sabato o domenica, il
venerdı̀ precedente;
- la rilevazione dei beni durevoli per la casa (elettrodomestici, mobili,
ecc.), dei canoni di affitto delle abitazioni e quella concernente alcuni

173
Approfondimenti

servizi professionali viene effettuata ogni tre mesi; la cadenza trimes-


trale è differenziata per i tre gruppi di prodotti.

Elaborazione e diffusione dei dati

Una volta che i singoli prezzi sono stati rilevati, gli 81 comuni coinvolti pro-
cedono ad effettuare l’elaborazione dell’indice per il proprio comune.
Il calcolo dell’indice per ciascun capoluogo viene effettuato in tre fasi
fondamentali:

a. si determina l’indice elementare per ciascun prodotto-referenza e per


ciascun luogo di spesa, dato dal rapporto tra il prezzo al mese corrente
dell’anno e quello al tempo base;

b. si effettua il passaggio all’indice di prodotti, sintetizzando gli indici


elementari rilevati tramite la loro media geometrica semplice. Si utilizza
la media geometrica semplice perché si ammette che le referenze di uno
stesso prodotto siano equamente rappresentative del prodotto stesso;

c. si ha il passaggio agli indici sintetici di vario ordine (per voce di prodotto,


per capitolo di spesa fino all’indice generale).

Dopo aver calcolato gli indici per ciascun capoluogo si passa a deter-
minare l’indice nazionale. L’ISTAT, a tal fine, elabora un indice elementare
per ogni singolo prodotto. Per aggregazioni successive, che riguardano sia i
prodotti sia il territorio, si arriva all’indice generale. Le regioni, infatti, parte-
cipano alla costruzione dell’indice con pesi diversi, sulla base dell’ampiezza
demografica.

174
Approfondimenti

Fonte: (2B)

Fonte: (7B)
Con riferimento alla diffusione dell’indice, occorre distinguere fra l’indice
elaborato dall’ISTAT e quelli diffusi autonomamente dai comuni. Infatti, 25
comuni sugli 81 che partecipano alla rilevazione provvedono all’elaborazione
dell’indice generale NIC per il proprio territorio di riferimento, una volta
acquisite le informazioni sui prezzi rilevati centralmente dall’ISTAT. Ognuno
di loro diffonde autonomamente il proprio indice generale e per capitolo di

175
Approfondimenti

spesa in un giorno compreso fra il 20 e il 22 del mese di riferimento, secondo


le indicazioni impartite dall’ISTAT che effettua anche una supervisione.
Le agenzie di stampa effettuano lo stesso giorno una prima elaborazione
dell’indice generale nazionale, sulla base degli indici calcolati da 12 capolu-
oghi di regione compresi fra i 25 comuni che diffondono autonomamente il
proprio indice: Torino, Milano, Venezia, Trieste, Genova, Bologna, Firenze,
Ancona, Perugia, Bari, Napoli e Palermo.
Intorno alla fine del mese di riferimento, l’ISTAT rilascia la propria stima
provvisoria degli indici NIC e IPCA. La diffusione degli indici definitivi (NIC,
FOI e IPCA) avviene intorno alla metà del mese successivo a quello di rife-
rimento.
I dati vengono poi controllati sia a livello locale sia a livello centrale.
Infatti, presso i comuni che partecipano alla rilevazione è istituita per legge
una Commissione Comunale di Controllo, presieduta dal sindaco o da un
suo delegato, che ha il compito di verificare i prezzi rilevati e le modalità di
elaborazione dei dati secondo le disposizioni dettate dall’ISTAT. L’ISTAT,
a sua volta, effettua verifiche e controlli di coerenza sulle informazioni che
riceve dagli 81 comuni.

Focus
Ci sono alcune voci per le quali si ha l’impressione che l’incidenza effettiva
sui bilanci delle famiglie sia più alta del peso loro attribuito nel paniere. È il
caso, ad esempio, degli affitti e dell’assicurazione auto utilizzati da chi vuole
scalzare la credibilità dell’Istituto di Statistica, facendo leva sulla demagogia.
Ciò che viene contestato è il peso che queste voci hanno nel paniere.
Gli affitti pesano sul paniere per il 3,1% poiché nel 2002 soltanto il 18,7%
delle famiglie italiane vive in un’abitazione in affitto (3B). L’indice generale,
che considera l’Italia come un’unica famiglia, viene ovviamente condizionato
da questa evidenza. In pratica, una spesa sostenuta da meno del 20% della
“famiglia Italia” viene ripartita sull’intera popolazione. Se oltre che di degli
affitti davvero pagati si tenesse conto anche di quelli imputati, cioè del valore
dell’uso della casa di abitazione, il peso salirebbe notevolmente. Non ven-
gono considerati i mutui per l’acquisto dalla casa perché essi sono in parte
restituzione del capitale e in parte l’interesse sul prestito, cioè remunerazione
del capitale di altri e del servizio reso dalla banca (4C).
Il prezzo dell’assicurazione auto, che incide nel paniere per lo 0,4%, è
considerato valutando al netto i premi pagati nell’anno dalle famiglie. Vale
a dire, si tiene conto dei rimborsi che le famiglie ottengono in caso di sin-
istro. E’ evidente che il suo peso nel paniere risente di questa modalità di
calcolo che penalizza le famiglie che non hanno subito sinistri, poiché pagano

176
Approfondimenti

il premio ma non incassano rimborsi. Si tratta di una delicata questione


statistica. Anche in questo caso, il complesso delle famiglie italiane viene
considerato come una sola famiglia che sostiene un’unica spesa (il premio
dell’assicurazione) e riceve un unico rimborso. Questa metodologia di valu-
tazione viene peraltro adottata nella maggior parte dei paesi europei, in virtù
di un regolamento comunitario.
Inoltre non viene considerata nel calcolo dell’inflazione la spesa per l’acquisto
della casa perché essa rappresenta un investimento e non una spesa di con-
sumo. I fitti figurativi per le abitazioni utilizzate dagli stessi proprietari,
non vengono inclusi in quanto non generano alcun trasferimento di moneta
da un operatore economico ad un altro, come controprestazione del bene
fornito o del servizio reso. Questo criterio, da sempre adottato in Italia, è
stato fatto proprio anche dal Regolamento CE n. 1687/98 riguardante la
copertura dei beni e servizi dell’indice armonizzato dei prezzi al consumo.
Tuttavia, nel calcolo degli indici dei prezzi al consumo vengono considerate
le spese legate all’abitazione: nel peso del capitolo rientrano tutte le spese rel-
ative alla “Riparazione e manutenzione della casa” effettuate da proprietari
e da affittuari: acqua, elettricità, combustibile, spese di manutenzione (elet-
tricista, idraulico) e ristrutturazione (compenso per operaio edile, piastrelle,
rubinetteria).

177
Approfondimenti

178
Bibliografia

[1] (1A) GARBERO P., MAGGIORA F. (1980), Inflazione teorie e politiche


economiche alternative, Loescher Ed. Torino

[2] (2A) TREVITHICK J. A., MULVEY C. (1975) , Economia


dell’inflazione, Società Ed. Il Mulino Bologna

[3] (3A) ACOCELLA N. (2001), Elementi di politica economica, Carocci


Roma

[4] (4A) GRAZIANI A. (1981), Teoria economica:macroeconomia, Edizioni


scientifiche italiane Napoli

[5] (5A) PALMERIO G. (1993), Politica economica, G. Giappicchelli Editore


Torino

[6] (6A) LOMBARDINI S. (1990), Elementi di politica economica, Utet

[7] (7A) PEDERZOLI V. (1983), Approcci teorici al processo inflazionistico


interno ed internazionale, Cedam Padova

[8] (8A) BOSI P. (1981), Teoria della Politica Fiscale, Il Mulino Bologna

[9] (9A) LA REPUBBLICA, Ecco il peso dell’inflazione percepita


(16/10/2003)

[10] (10A) PREDETTI A. (1999), I numeri indici, Giuffrè Ed. Milano

[11] (11A) DI VICO D. (2003) Prezzi, stress da euro e nostalgia per la lira,
dossier Corriere della Sera.

[12] (12A) nome articolo, La repubblica, (10/10/2003).

[13] (13A) CARRA A. Le otto proposte dell’Ires, Rassegna sindacale, n. 2,


21/01/2003.
Approfondimenti

[14] (14A) CARRA A. Cosa non va nel metodo ISTAT, Rassegna sindacale,
n. 38, 22/10/2002.

[15] (15A) nome articolo, sole 24 ore, (25/01/2004)

Fonti Statistiche Ufficiali - ISTAT


(1B) Il sistema delle statistiche dei prezzi (2003)

(2B ) Gli indici dei prezzi al consumo per l’anno 2003: aggiornamenti del
paniere e della ponderazione, Statistiche in breve (2003)

(3B) A proposito di prezzi (2003)

(4B) Note informative (2002)

(5B) ISTAT - Servizio prezzi (2002)

(6B) Indice dei Prezzi al consumo per l’intera collettività nazionale (IPC).
Definizione del paniere 2003 (2002)

(7B) I prezzi al consumo per l’anno 2001: aggiornamenti della ponderazione


e del paniere di riferimento, Statistiche in breve (2001)

Bibliografia su Internet
(1C) Simmetria per combattere la deflazione, www.lavoce.info.

(2C) Definizione dell’inflazione, www.inflazione.it

(3C) Inflazione, www.faz.it

(4C) Questioni di ”peso”, www.lavoce.info

(5C) L’introduzione delle banconote e delle monete in euro: un anno dopo,


europa.eu.int

180
Approfondimenti

(6C) Inflazione: dopo tante polemiche si impone una riorganizzazione degli


indicatori di impatto dell’inflazione, www.rassegnaonline.it

(7C) L’euro e l’inflazione: dove sta la verità?, www.lavoce.info

(7C) Inflazione percepita e rilevata, www.lavoce.info

(8C) Come si misura l’inflazione?, www.lavoce.info

181